Sei sulla pagina 1di 55

Messico Anno XIII

Testi: Davide "Coockhob" Alberici, Rosso Fiotentino, Orochi, Fedor "pigk" Getman.
Illustrazioni: Luigi Castellani e Daniel Comerci
Impaginazione e grafica: Susanna Ruffato
Si ringraziano: XIII, DrLambrate666, Metal Slug Panzer e goblin13 per il prezioso aiuto sui burattini.
per gentile concessione dell'Asterion Press Forum, Inquisitore per i preziosi consigli nella fase finale.
Copertina: Fedor "pigk" Getman.
Progettazione della Mappa: progettazione Orochi e Rosso Fiorentino.
Realizzazione della Mappa: Andrea Alemanno.

Sine Requie Anno XII: l’Unico Mondo è una pubblicazione amatoriale, intesa al solo scopo
d’intrattenimento. Sine Requie è un marchio registrato, non si intende infrangere alcun diritto.
Illustrazione copyright di Luigi Castellani e Daniel Comerci, usate su licenza. Vietata ogni riproduzione.

Il Messico qui esposto è una versione alternativa rispetto a quella del canone ufficiale non c’è alcun
pericolo spoiler nel leggere questo manuale.

1
Nel Giorno del Giudizio il Messico precipitò toccando il baratro del caos: l’ordine sociale svanì nel nulla. Il
governo, insieme alle famiglie e ai più stretti collaboratori, finì assediato dai non morti e i suoi esponenti
cercarono di fuggire da una capitale trasformata in un mattatoio. Oppure scamparono alla morte per alcuni
mesi rifugiandosi in bunker da cui cercarono di liberare la capitale e riportare l’ordine. I rifugi erano stati
progettati e costruiti per resistere ai disordini civili finché le porte non furono strappate come se fossero di
carta da braccia ingioiellate e traboccanti di una violenza innaturale.
Le forze dell’ordine e i corpi militari, che si preparavano a combattere sul fronte del Pacifico, disertarono in
massa nel tentativo di salvare le proprie famiglie, o si trasformarono a loro volta in banditi. Nei giorni
successivi il Messico fu sconvolto dal tracollo delle comunicazioni e dei trasporti. Le città isolate
diventarono campi di aperta battaglia, dove gruppi di cittadini barricati in alcune zone trincerate lottavano
per difendersi da aggressori vivi e morti. Le macchine, gli impianti e i dispositivi, lasciati d’un tratto
incustoditi, si ruppero, esplosero o saltarono in aria aggiungendo caos al caos. Seguirono incendi e
numerosi incidenti che portarono alla morte decine di persone che andarono a ingrossare le fila dei Morti
affamati. Le campagne pullulavano di Morti. Con le città ormai svuotate di ogni vita umana, i cadavres
migravano in ogni direzione in cerca di prede. Le case di campagna e i quartieri di periferia furono spianati,
mentre i cittadini fuggivano, tentavano di combattere o aspettavano solo che la moltitudine strisciante li
inghiottisse. Con il passare del tempo si spensero i fuochi, cessarono le esplosioni, svanirono le urla.
I Morti si rialzarono dalle loro fredde tombe e Topiltzin, secondo re di Tollan, e Huemac, mago e profeta,
comparvero al cospetto degli sciamani dello Yucatan.
Poco dopo gli indios uscirono dalle foreste del sud per raccontare la loro verità, informare tutti del ritorno
del dio serpente piumato Quetzalcóatl e della sua grande ira verso l’uomo che aveva portato questi
sconvolgimenti.
Le mummie dei sacerdoti maya e toltechi, o almeno quelle che conservavano il dono della ragione, presero
il loro posto fra i Veri Credenti.
Mentre il governo messicano cadeva e la società precipitava nel caos, le tribù formate da coloro che
credevano in Quetzalcóatl catturarono e convinsero centinaia di famiglie ad andare con loro nelle foreste.
Poi tornarono nelle città e portarono nella giungla altre migliaia di cittadini e sulla cima di antichi ruderi di
piramidi maya e tolteche nascoste nella giungla o in templi creati in quei pochi giorni, cominciarono a
sacrificare uomini, donne e bambini.
Quetzalcóatl si sarebbe fermato in cambio di sangue, dissero Topiltzin e Huemac. E un fiume di sangue fu
riversato sulla terra fino a rendere il suolo rosso e madido d’orrore.
Quetzalcóatl voleva sangue ma stavolta non si sarebbe accontentato di sangue animale, chiedeva sangue
umano, chiedeva un’ecatombe. Ce Acatl Topiltzin Quetzalcóatl e Huemac, insieme ai loro seguaci, vivi e
morti, poiché alcune mummie di sacerdoti toltechi si erano unite a loro, occuparono le rovine di Tollan.
Mentre i sacerdoti assistiti da servi indios immolavano vittime umane in continuazione, gruppi di Morti
inferiori sotto il controllo dei sacerdoti riparavano murature, intonacavano edifici e dipingevano pareti,
rialzavano statue cadute… In breve Tollan stava rinascendo mentre le sue fauci calcinate vomitavano i
cadaveri senza cuore dei sacrificati al Serpente Piumato. I cultisti di Tollan credevano di essere al sicuro; i
poteri dei loro re e i Morti controllati dai Tlatholli di Tollan li proteggevano da ogni pericolo… Finché un
giorno la città non venne travolta da uno spettrale esercito di Morti agghindati e ingioiellati come idoli. I
Tlatholli non riuscirono a piegarli al loro volere e la volontà, anzi la mente che li comandava, era così astuta
ed esperta in fatto di strategia da farsi beffe delle illusioni e delle folgori richiamate, troppo tardi, da Ce
Acatl Topiltzin Quetzalcóatl e da Huemac. Era quella l’apparizione dell’esercito dei Guerrieri Divini del
Signore della Luce del Giorno: i seguaci vivi di Quetzalcóatl andarono a placare la fame del branco di
Huitzilopochtli, i Morti furono fatti a brandelli e bruciati. Topiltzin, Huemac e il drappello di soldati che li
inseguirono fin dentro una delle piramidi di Tollan sparirono attraverso una porta che scomparve
misteriosamente lasciando soltanto un muro. Dopo che fu abbattuto si scoprì che celava la mummia di un
sacerdote tolteco sul punto di crollare in un mucchio farfugliante di stracci ammuffiti e schegge d’ossa.
Tollan da allora è un posto sinistro evitato perfino dai Morti privi d’intelletto che per qualche ragione non
s’addentrano tra gli edifici ancora macchiati del sangue versato da Huitzilopochtli.
Nel resto del paese il governo e la società si erano dissolti ma, siccome la natura non tollera il vuoto, nuovi
poteri stavano cominciando a sorgere sulle macerie di quelli appena abbattuti

2
I messicani superstiti abitano oggi in insediamenti fortificati: tutti gli altri gruppi sono stati divorati e non
soltanto dai Morti Affamati. Solo pochissime bande di razziatori arroccati in covi sulle montagne sono
sopravvissute superando lotte intestine, scontri con gli zombi e con le forze armate delle tre fazioni che si
contendono il controllo del Paese. Nel corso di tredici anni accampamenti dei superstiti sono dovuti
soccombere a scontri armati, malattie, conflitti interni o al semplice tedium vitae. La maggior parte dei Vivi
è ammassata in sette grandi città Guadalajara, Mexicali, Monterrey, Chiuaua, Tenochtitlán, Texcoco e
Tlacopan oppure in rifugi pesantemente fortificati. Lontano dalle città il Messico è un luogo silenzioso, privo
dell'attività umana vivente e no. Le città sono ridotte a rovine affollate da morti affamati scossi dalle
convulsioni. Eccetti il vento che agita le foglie, le onde che s’infrangono sulle coste, e i suoni e i versi della
poca fauna rimasta, il paese sembra aver ritrovato una pace spettrale, preumana. Eppure di tanto in tanto
agguati silenziosi, urla, spari, rumori di lotta, esplosioni e dita umane che frugano ruderi cadenti rompono
con violenza questa strana pace.

3
I Morti del Messico
Il Giorno dei Morti pericolosità. Nel codice mexica è riportata in
Il Giorno dei Morti è uno strano fenomeno che modo dettagliato la legislazione relativa a tutte le
interessa solo il territorio messicano. categorie di Morti conosciute e, a differenza di
Durante il primo e il secondo giorno di novembre molti altri stati post Giorno del Giudizio, non vi è
Tezcatlipoca e il suo caballo scompaiono nessun segreto; dopotutto non è male che i
misteriosamente (all’improvviso e senza lasciare cittadini sappiano da cosa il loro dio li sta
alcuna traccia), e i morti quel giorni non si difendendo e di quanto debbano quindi essergli
Risvegliano né quel giorno né in quelli successivi grati. I termini usati per definire la casta sono in
rimangono per sempre comuni cadaveri; tuttavia, Nahuatl, la lingua ufficiale dell’Unico Mondo. I
dal terzo giorno di novembre a quelli successivi i Morti accettati nella società devono
morti ricominciano a risvegliarsi normalmente. obbligatoriamente portare il marchio dell’Unico
Mondo, un occhio rosso sulla fronte; ciò ha dato
La Visione dei Morti nell’Unico adito a numerose dicerie fantasiose a proposito
del marchio, peraltro mai smentite.
Mondo Curiosamente, alcuni Morti sembrano veramente
I Morti, chiamati in nahuatl Occeppa Tlacatl (di in contatto con qualcuno che li controlla, perché
nuovo uomini), sono visti in maniera spesso quando viene commesso un illecito di
ambivalente, anche se già il nome indica che fronte a loro l’intervento delle guardie è quasi
godono di un rispetto più profondo che in altri immediato.
luoghi. Il Giorno del Giudizio è visto come parte
integrante del ciclo delle ere, ma da qui a dire che
Fuori Casta
i Morti piacciano il passo è lungo. Ovviamente lo
I Morti non presenti nelle categorie sono
stravolgimento culturale messicano non è ancora
considerati fuori casta, quindi inutili alla società.
completo, quindi almeno in parte la visione
Comunque ogni morto indesiderato è
azteca del mondo è accettata dalla popolazione
considerato fuori casta a prescindere dalle sue
più per convenienza che per convinzione. Avere
abilità.
la prova tangibile dei poteri dei Sovrani dell’Unico
Mondo ha comunque avvicinato molto la
Casta dei Tlitic
popolazione a questa visione, in quanto è
La casta degli “schiavi” raggruppa quei Morti che
innegabile che questi riescano a confermare con i
sono privi, in parte o del tutto, di facoltà di
fatti, controllando e instaurando un rapporto
pensiero e che sono completamente assoggettati
semipacifico Vivi-Morti, le loro altrimenti bizzarre
ai poteri di uno Sciamano Coyote. Vengono
affermazioni.
utilizzati in svariati modi, ma soprattutto nei
Nelle città azteche, infatti, e nella capitale in
lavori pesanti per sostituire i più lamentosi esseri
primo luogo, molti sono i Morti, dotati o meno
umani. Non hanno diritto all’esistenza e quindi
d’intelletto, integrati nella società azteca. Ciò non
non devono essere nutriti e questo non succede
significa comunque che il pericolo derivante dai
mai a parte rari casi; finiscono quindi per deperire
Morti sia sventato; se il controllo nei territori
fino a decomporsi al punto di non essere più
limitrofi alle città è piuttosto rigido fuori da questi
utilizzabili. Devono portare il marchio sulla fronte
non c’è nessuna garanzia e gli uomini devono
per avere almeno il diritto di non essere uccisi
assicurarsi di viaggiare ben armati. Per ovviare al
subito.
problema dell’identificazione del Morto, facente
In questa categoria si possono inserire (seguendo
parte o meno della società azteca, viene usato un
la catalogazione del Pelagattii) i Lavarvalis, i
marchio che identifica la “proprietà” dei tre
Simplex e i Maior.
sovrani.
Casta dei Mali
Le caste La casta dei “malvagi” raggruppa quei Morti che,
Nel sistema azteco i Morti sono divisi in caste, seppur incapaci di interagire socialmente come
come d’altronde la società, in base alle loro altri uomini, si sono dimostrati intelligenti nella
capacità cognitive, al loro status sociale e alla loro
4
caccia e combattenti temibili. Vengono usati antichi Mexica.
dall’esercito e dai sacerdoti come guardie dei
templi più importanti. Hanno diritto all’esistenza Guerrieri Aquila
e quindi devono essere nutriti, ma quel giusto Sono cadaveri incartapecoriti con penne e piume
che basta per non farli decomporre. Non tutti i d’aquila innestate nella schiena, pur essendo dei
Morti che rientrano in questa casta vengono usati Morti si muovono con grande fluidità e
e a volte si preferisce ucciderli; rimangono precisione.
comunque delle pericolose macchine mortali e,
nonostante i poteri di Motecuhzoma II e Guerrieri Giaguaro
Huitzilopochtli, si preferisce non averne troppi. Sono cadaveri mummificati, ma in un certo senso
In questa categoria si possono inserire (seguendo ancora nerboruti; sulle loro schiene sono state
la catalogazione del dottor Pelagattii) i Ferox, i applicate delle pelli di giaguaro sotto cui guizza a
Ferus e gli Atrox. ritmo diseguale la muscolatura dell’animale.

Casta dei Tlatholli Guerrieri Divini Sperimentali


La casta dei “liberi” raggruppa quei Morti che Sono il risultato di esperimenti nuovi e aberranti
sono in grado di vivere nella società senza che Motecuhzoma ha fatto nel corso del tempo
particolari restrizioni e sono quindi considerati utilizzando parti di rettili e di uomini.
superiori agli uomini comuni vivi o morti che
siano; ovviamente dopo aver accettato di servire Guerrieri Caimano e Guerrieri Coccodrillo
fedelmente i sovrani aztechi. Sono comunque, in Sono cadaveri freschi e pastosi, in un certo qual
linea di massima, sotto il controllo di qualcuno, modo imponenti; sulle loro schiene sono state
ma sono liberi di scegliere come servire la applicate pelli di coccodrillo o di caimano. Le loro
società. I Tlatholli spesso occupano alte cariche pelli, anche quella umana, sono poco segnate da
fra i Sacerdoti e i Guerrieri. graffi e abrasioni, come se fossero molto più
In questa categoria si possono inserire (seguendo coriacei e impermeabili.
la catalogazione del dottor Pelagattii) gli Obnoxi,
gli Insci e i Diabolici. Guerrieri Serpente
Dopo i Guerrieri Giaguaro, Aquila, Coccodrillo e
Casta dei Teotl Caimano, necessari per proteggere l’impero,
Questo rango è occupato solo da due Morti, Motecuhzoma decise di creare dei guerrieri per
Tezcatlipoca (lo Specchio Fumante) e proteggere se stesso. Nacquero così i Guerrieri
Huitzilopochtli (il Colibrì del Sud). Effettivamente Serpente. Il procedimento di creazione è simile a
la categoria chiamata Casta di Dio è stata creata quello degli altri Guerrieri Divini. I giovani sono
per giustificare il titolo divino di due dei tre completamente scorticati. Viene eliminato ogni
sovrani aztechi, non vi è infatti nessuna organo interno non necessario a muoversi e a
congruenza nell’arbitraria scelta di classificazione; combattere. Ogni traccia di grasso è asportata. È
basti pensare che Tezcatlipoca è una presenza cucito con la carcassa di un boa constrictor,
incorporea ben lontana dalla concezione normale anch’esso scorticato e sviscerato. La testa del boa
di morto che invece è calzante per viene eliminata, parte del corpo fissato con dei
Huitzilopochtli. Non c’è mai stato un confronto chiodi alla nuca del sacrificato e le colonne
fra un Pharao (classificati dal dottor Pelagatti) e vertebrali di entrambi unite per essere più forti. Il
un Teotl ma si suppone che i poteri siano simili. resto del corpo è lasciato libero per essere usato
come arma. Infatti, la punta della coda è fusa con
I Guerrieri Divini una lama. Le falangi sono sostituite con dei
chiodi.
Ha lo status di Guerriero Divino qualunque
Dopo questo procedimento il corpo del futuro
Morto, senziente o no, che combatte per il
serpente viene immerso in una miscela di
Tribunale dalle Tre Sedi.
petrolio e formalina. Questo composto inventato
da Motecuhzoma sostituisce il sangue della
Guerrieri Divini di Motecuhzoma
vittima, permeando il suo corpo, rendendolo
Si tratta di Guerrieri Divini rianimati dai poteri di
molto tossico per ogni tipo di batterio e
Motecuhzoma che s’ispira agli usi militari degli
5
impedendone la putrefazione. I Guerrieri Serpenti Sacrificati
così creati possono sopravvivere per secoli senza Sono il risultato dei sacrifici a Quetzalcóatl o ad
mangiare, almeno secondo Motecuhzoma. altre divinità e il Signore della Luce del Giorno li fa
Queste creature sono abili nuotatori e oltre a cacciare e uccidere. Motecuhzoma considera la
sorvegliare la Piramide di Motecuhzoma caccia ai Sacrificati uno spreco di risorse. In
perlustrano i territori acquatici di Tenochtitlán in apparenza sono Morti normali, ma tra loro ci
cerca di Morti e Vivi troppo curiosi. sono parecchi Major.
Devono immergersi ogni due-tre mesi nella I Sacrificati che infestano i dintorni di Acapulco
miscela di Motecuhzoma che ricopre i loro corpi sono orrendi cadaveri scorticati.
(formati unicamente da ossa e muscoli) di una
sottile e oleosa membrana nera. Ciuateteo (stesse caratteristiche delle Scannatrici)
Fino a ora sono stati prodotti solo tre serpenti: il sono tutte femmine, non si sa chi o cosa le crei;
Serpente Nudo, il Serpente Liquido e il Serpente Huitzilopochtli amerebbe vedere il loro creatore
Solido. bruciare al rogo, Motecuhzoma II invece sarebbe
curioso di fare la sua conoscenza.
Guerrieri Divini di Huitzilopochtli
Si tratta di Morti sotto il controllo del Colibrì del Visione dei Morti in Messico fuori dai
Sud. confini dell'Unico Mondo
Cuahchiqueh (Ferus, Feri e Maior)
I Morti, chiamati Muertos, sono il pericolo, la
Si tratta di un’orda di Morti inferiori che segue il
minaccia da debellare e perché tali non merita
Signore della Luce del Giorno e gli Sciamani del
molta considerazione se non quella utile alla loro
Coyote. Alcuni Cuahchiqueh camminano eretti o
eliminazione. Non sono quindi particolarmente
semieretti, altri strisciano, si trascinano o corrono
classificati e distinti fra loro ma è di pubblico
a quattro sulle nocche. Tutti i Cuahchiqueh sono
dominio il fatto che esistano delle differenze
truccati e ingioiellati come idoli e sono bardati
sostanziali fra loro; sarebbe ridicolo, anche fra i
con armature ichcauipilli dai colori chiassosi,
cattolici, dire che i Morti sono solo belve prive del
alcuni tra loro portano scudi e maquahuitli
ben dell'intelletto quando il governo più forte,
affilati, altri combattono con zanne e artigli.
stabile ed espanso è guidato da un triumvirato di
I Cuahchiqueh avanzano in una cacofonia di grida
appartenenti a questa categoria.
e latrati spalancando bocche dai denti limati e
Raramente vi sono rapporti fra vivi e Morti che
spezzati per essere appuntiti.
vadano oltre il reciproco odio, almeno alla luce
del sole, ma si riconosce loro la precedente vita e
Sciamani del Coyote (Inscii e Diabolici di sangue
proprio per questo c'è il santo diritto di dar pace
indio al servizio del Colibrì del Sud)
definitiva a queste anime in pena.
Gli Sciamani hanno collane con grossi grani di
pietra verde (giada, diaspro o marmo serpentino),
Il sistema di classificazione dei non aztechi deriva
portano un cappuccio e una mantellina di pelle di
soprattutto dall'esperienza in campo di chi più di
coyote. Gli Sciamani sono armati di maquahuitli e
tutti ha combattuto i morti; i Luchadores; infatti,
armi da fuoco. Tra loro ci sono sia Morti recenti di
la divisione molto spartana segue la logica della
sangue amerindo sia antiche mummie. Gli
pericolosità dei Morti e non tiene conto delle
Sciamani sono alti ufficiali dell’esercito del Colibrì
caratteristiche insite che rendono pericolosi
del Sud e molti di loro hanno poteri di controllo
alcuni più di altri. Non esistono o almeno non si
sui Morti inferiori che militano nelle file dei
conoscono studi locali più scientificamente
Cuahchiqueh.
accettabili sul fenomeno del risveglio e perché i
Luchadores sono coloro che più si muovono nel
Morti peculiari del Messico territorio, il loro modo di distinguerli è quello più
comunemente usato in tutto il Messico.
Civateo (stesse caratteristiche dei Moti di Uelzen)
sono Morti pallidi, emaciati, vestiti di stracci, non
Cadàver
mangiano carne e si nutrono di sangue.
I Cadàver, i Cadaveri, sono i Morti poco
pericolosi, coloro che per natura non hanno le
6
capacità o l'indole aggressiva o che non usano tattiche da branco. Con carnicero si identificano i
una qualsiasi sorta di logica nel loro modo di Ferox, i Ferus e gli Atrox del sistema Pelagatti.
comportarsi. Sono quindi la maggior parte dei
Muertos che si possono incontrare. Brujo
Comprendono i Larvalis, i Simplex, i Maior e gli Brujo in spagnolo significa stregone ed è subito
Obnoxius definiti nel sistema Pelagatti. chiaro che in questa categoria rientrano solo i
morti più pericolosi non solo per doti fisiche ma
Carnicero anche e soprattutto per intelligenza e doti
I Carniceros, i Macellai, sono quei Morti che sovrannaturali. Se ne parla spesso come del
hanno capacità e aggressività superiori alla diavolo o di leggende.
maggior parte dei morti e sono coloro che Il Brujo è un Inscius o un Diabolicus secondo il
seguono la logica delle belve e cacciano con sistema Pelagatti.

7
Il 9 agosto 1944, un mese e tre giorni dopo il Giorno del Giudizio, un messaggio radio partito dalle rovine
allagate di Mexico City rimbalza su tutte le emittenti che ancora possono ricevere. L’annuncio è prima
pronunciato in nahuatl, l’antica lingua azteca, poi in spagnolo e infine in inglese. Il comunicato è ripetuto
continuamente per diversi giorni una volta all’ora.
“Buona giornata, sono la Voce dell’Unico Mondo e vi porto questo messaggio in vece di Tezcatlipoca;
ascoltate attentamente quanto segue.
Oggi Testa di Morto, Sesto Giorno del Terzo Mese dopo l’Era dei Terremoti ricomincia l’Era dei Giaguari e
Tezcatlipoca, lo Specchio Fumante, si presenta al suo popolo tramite il Uey Tlatoani (Riverito Oratore) Cem
Anahuàc (dell’Unico Mondo) Motecuhzoma II. Il malvagio governo di Quetzalcoatl, il Serpente Piumato, è
finito e la sua progenie, infedele e impura, subisce l’ira divina sotto il sole Nauioceloli.

Uomini che vi definite Messicani, che professate il Bianco mascherandolo con il termine Cristianesimo, voi
che avete abbandonato la purezza dei vostri avi e vi siete lasciati abbindolare dal Serpente, voi, guardatevi
intorno e ammettete che la vostra era è finita; che la menzogna ha accecato i vostri cuori distrutti.
La salvezza però esiste ancora! Abbandonate i vostri falsi idoli e riabbracciate il Credo dei Padri, tornate
Mexico, fieri di farvi chiamare Mexica, assoggettatevi al volere di Tezcatlipoca ed eleggete a vostri campioni
i suoi Richiamati, placate la sete del sole con il vostro sangue e ringraziate gli Dei donando loro la vostra
anima; così e solo così sarete risparmiati sotto la benevola ala della Capitale Tenochtitlán.

Altrimenti perite!

Da oggi rinasce l’Unico Mondo erede di quello estinto dal traditore bianco ed è bandito qualunque
atteggiamento anti-azteco o che vada contro la vera cultura. Viene per tanto privato di ogni potere il
governo messicano e dev’essere considerata illegale qualunque organizzazione o associazione al di fuori di
quelle accettate dall’Uey Tlatoani (Riverito Oratore), comprese ma non limitate a: organismi militari, partiti
politici, organizzazioni religiose, sistemi burocratici. È invece richiesto a qualunque uomo voglia giustamente
aderire alla rifondazione dell’Unico Mondo di recarsi a Tenochtitlán per la sua ricostruzione e
l’organizzazione dello Stato.

Un primo codice di tredici articoli diviene da ora legge sostituendo tutte le precedenti:

I – Ogni essere facente parte dell’Unico Mondo dichiara implicitamente di sottostare al Riverito Oratore
dell’Unico Mondo, ai suoi emissari e a chiunque abbia un riconoscimento da parte sua; dichiara inoltre di
abbracciare in toto la cultura Mexico (definita anche azteca), le sue leggi e la sua religione.

II – Professarsi di religioni e/o credo politici differenti da quelli dell’Unico Mondo equivale a dichiararsi
traditore ed essere processati di conseguenza.

III – Organizzarsi senza una precedente richiesta agli emissari dell’Unico Mondo o in maniera diversa da
quanto stabilito da questi è considerata una dichiarazione di guerra.

IV – Non presentarsi senza valida motivazione ai centri di registrazione dell’Unico Mondo è considerato
tradimento.

V – Non svolgere mansioni affidate nei Campi di Lavoro per la Ricostruzione dell’Unico Mondo, a meno
d’impedimenti plausibili, è considerato tradimento.

VI – In genere, contravvenire a qualunque volere di un Sacerdote, un Guerriero o di un emissario


riconosciuto dall’Unico Mondo è considerato tradimento.

VII – Usare senza regolare permesso mezzi di trasporto a motore, telefoni e invenzioni tecnologiche ritenute
strategiche è considerato tradimento.

8
VIII – Violare il coprifuoco stabilito è considerato tradimento.

IX – Attaccare un Richiamato (morto) marchiato con il simbolo di Tezcatlipoca è considerata un’aggressione


in piena regola verso un qualunque cittadino dell’Unico Mondo.

X – Qualunque creatura non appartenente all’Unico Mondo non ha riconosciuto alcun diritto.

XI – Qualunque cosa rispetti le regole dell’Unico Mondo, vivente o no, è considerata proprietà del Riverito
Oratore. Danneggiare una proprietà del Riverito Oratore senza permesso è considerato tradimento.

XII – Nascondere o omettere informazioni richieste da emissari dell’Unico Mondo è considerato tradimento.

XIII – Fino a nuovo avviso chi contravviene a una delle regole elencate verrà punito con lavori forzati o
morte, commutabile in sacrificio in onore di un dio scelto secondo le circostanze.

Chiunque sia all’ascolto è pregato di informare del contenuto di questo messaggio tutte le persone di sua
conoscenza e di eseguire da questo momento tutte le istruzioni alla lettera.
Che la parola di Tezcatlipoca possa guidare la vostra anima.”
Fine delle comunicazioni.

9
Fazione Azteca
Il redivivo Excan Tlatoloyan è la fazione più catene montuose formano il massiccio del
stabile e potente del Messico. Basato Messico centrale (Mesa Central). La Valle di
culturalmente sulle tradizioni mesoamericane, è Puebla, di un’altezza di poco inferiore al bacino
guidata da un trio di defunti dai poteri fuori dal del Messico, si estende dai vulcani Popocatepetl
comune. Il rapporto fra Morti e Vivi è ondivago; e Iztaccihuatl, che chiudono la valle del Messico a
la società è soprattutto composta da vivi, ma est, per oltre centotrenta chilometri km fino alla
sono svariati i Morti rituali che svolgono ruoli cordigliera orientale (Sierra Madre Orientale), che
fondamentali per l’impero. La cultura moderna con i suoi vulcani si eleva invece oltre i
messicana è stata quasi totalmente ripudiata a cinquemila metri. Da lì il territorio scende
favore di quell’azteca; la rigida struttura ripidamente verso le pianure leggermente
gerarchica inquadra la popolazione in ruoli ben inclinate della costa del Golfo del Messico. A
definiti e la religione particolarmente “colorita” – ovest si trova la valle di Toluca, che a occidente è
insieme con una tradizione atletica violenta – è a sua volta confinante con un'altra zona
mirata all’asservimento totale. vulcanica, dalla quale si succedono zone di bacini
e di montagne fino alla cordigliera occidentale
Capi Fazione: Tezcatlipoca (“Lo Specchio (Sierra Madre Occidentale). A sud la Mesa Central
Fumante”, il Dio), Huitzilopochtli (Tlamacazqui di è chiusa dalla zona vulcanica del Messico centrale
Tenochtitlán), Motecuhzoma II (il Uey Tlatoani). e dal versante parallelo al sistema fluviale del Rio
Balsas, a nord termina nei paesaggi stepposi dei
Struttura Sociale: piramidale, rigida. plateau.
Governo: Motecuhzoma II è lo Cem Anahuac Uey
Religione/Cultura: azteca, comprende svariati Tlatoani, ovvero il Riverito Oratore dell’Unico
sacrifici e rituali di morte. Mondo. Motecuhzoma II in vita aveva già
ricoperto questo ruolo ed è colui che ha più
Rapporto Vivi/Morti: presente. diritto al titolo, essendo proprio lui ad aggiungere
oltre a Uey Tlatoani (Riverito Oratore) anche Cem
Territorio: la maggior parte del Centro-Sud del Anahuac (dell’Unico Mondo). Motecuhzoma II
Messico, con capitale Tenochtitlán (Mexico City). vuole sottolineare con i suoi titoli come
Tenochtitlán, è stata costruita sulle rovine di Città l’imperatore azteco sia il padrone di tutto il
del Messico, a oltre duemila metri di altitudine, in mondo conosciuto, superiore a tutti gli altri
un bacino, delimitato a nord da alte catene Riveriti Oratori; diverse altepetl (città nazione)
montuose vulcaniche, alcune delle quali superano hanno il proprio Riverito Oratore, anche se
i cinquemila metri. La maggior parte del bacino è politicamente è sottomesso ad altri.
occupata da un lago poco profondo che ha una Motecuhzoma II ha il carattere e le capacità
lunghezza massima di settanta chilometri. Il lago giuste per guidare strategicamente il popolo, non
è alimentato da copiose sorgenti e da piccoli è il folle campione sanguinario Huitzilopochtli, ma
fiumi a sud, mentre a nord, dove è meno non è nemmeno il dio Tezcatlipoca.
profondo, esistono pochi affluenti, questo spiega Huitzilopochtli è il Tlamacazqui di Tenochtitlán, il
perché il lago, a causa della forte evaporazione, Sacerdote della Capitale, ovvero il Primo
abbia acqua dolce solo al sud, mentre a nord c’è Sacerdote. L’unico ad avere veramente il titolo di
acqua salata. La città di Tenochtitlan e altre più Tlaotl (dio) è Tezcatlipoca perché, oltre
piccole località sorgono su alcune delle numerose all’evidente mistero della figura, rappresenta la
isole, ma anche le coste sono fitte d’insediamenti negazione dei bianchi e di Cristo rispecchiabili nel
di ogni dimensioni. Le sponde del lago vere sono gemello Quetzalcoatl. Tutto ciò mette
paludose fangose occupate da canneti. Il clima Huitzilopochtli in secondo piano, ma lo fa sentire
diventava sensibilmente più arido verso nord e la migliore di Motecuhzoma II che vede come il suo
regione circostante si trasforma in un paesaggio semplice sacerdote. Huitzilopochtli è sanguinario,
parzialmente stepposo. A est e a ovest del bacino bellicoso e ieratico.
del Messico, oltre le catene montuose, si trovano Tezcatlipoca, lo Specchio Fumante, è il Mexica
ampie vallate simili a bacini, che insieme alle Tlaotl, il dio degli Aztechi. Tezcatlipoca è

10
l’architetto dell’alleanza tra Motecuhzoma II e Tezcatlipoca è un tiranno e la sua vanità è
Huitzilopochtli. seconda solo alla superbia, ma è ben conscio dei
suoi limiti. Il suo potere è tale finché c’è chi è
Tezcatlipoca, lo Specchio Fumante disposto a sottomettersi; non si permetterebbe
Tlaotl dei Mexica mai di sprecare il suo ascendente con i neo
Aztechi per puro sadismo. Tezcatlipoca può
“Amico, fratello, non guardare nel suo specchio, possedere qualunque persona, ma di solito non si
anzi non lo guardare proprio. Qualunque cosa ma abbassa mai a cavalcare “caballi” che non siano
non guardare nel suo specchio, anzi non lo bellissimi e di pura razza azteca. Quando i suoi
guardare proprio! caballi sono sfigurati o mutilati lo Specchio
Una volta l’ho fatto e ho visto delle cose, cose Fumante li abbandona al loro destino, non si cura
terribili, ho visto la mia morte, mi sono visto arso affatto delle conseguenze della sua possessione
vivo come una torcia, ho visto te e tutti gli uomini sui loro corpi.
ancora vivi bruciare, ho visto il Serpente, il
Serpente! Lo capisci adesso? No tu non puoi Storia
capire finché non guardi nello specchio, perciò Tezcatlipoca era, è e sempre sarà. Sembra che il
guardaci e vedrai ciò che ho visto io: era suo passato sia vecchio più del mondo e quel che
meraviglioso, tutto era perfetto e i Morti non si sa è quanto è successo dopo la rinascita
esistevano più, il Serpente era morto, Morto! dell’impero azteco. Salito al potere grazie alle sue
Guarda nel suo specchio. Guarda. virtù divine è divenuto l’idolo della maggior parte
Guarda nel suo specchio, guarda Tezcatlipoca. dei superstiti messicani; lo temono e lo venerano
Guarda nel suo specchio, guarda lo Specchio con regolari sacrifici dei suoi nemici.
Fumante!” Quello che i più non sanno è che l’equilibrio
politico dell’Unico Mondo regge soprattutto
Aspetto grazie a lui. I suoi due colleghi, Motecuhzoma II e
Tezcatlipoca è un essere evanescente, uno spirito Huitzilopochtli, sono infatti infastiditi
così potente da dover essere relegato dall’esistenza dell’altro e solo grazie all’enorme
all’immaterialità, un dio in terra e come tale si influenza di Tezcatlipoca sui vivi accettano di
presenta. collaborare. Il dio invece dipende dai due perché
Il mantello istoriato e la maschera lasciano è totalmente incapace di interagire fisicamente
intravedere una figura scarna e slanciata, il suo con il mondo reale e necessita di qualcuno che lo
volto è una maschera d’orrore con svariate file di faccia per lui.
denti, due fessure scavate nell’osso ricordano Poteri:
degli occhi. È truccato e ingioiellato come un Immaterialità: Tezcatlipoca è completamente
idolo, tra i suoi gioielli d’oro bianco spiccano immateriale, fatto di fumo, niente di fisico lo
monili tondi appariscenti agganciati al suo cranio potrebbe scalfire o lo ha mai scalfito. In qualche
e un’enorme collana. Tutti i suoi gioielli sono modo però si tratta di una maledizione per lui
decorati con incisioni e rilievi spigolosi difficili da perché non può interagire fisicamente con gli
focalizzare. Potrebbero essere Aztechi, preaztechi oggetti.
o addirittura alieni. Guardare Fuori: Questo potere permette di
Un sontuoso mantello trapuntato con un mosaico convertire la natura dei soggetti nelle vicinanze. Il
di piume lascia intravedere un enigmatico risultato sul soggetto che subisce è semplice ma
labirinto di usurate ossa e le scarne mani sono incredibile, un morto diventa vivo mentre un vivo
sempre avvinghiate su un grosso specchio diventa morto. Va detto però che l’inversione è
rotondo, nero come l’ossidiana. Si muove temporanea e permane solo in presenza di
lentamente, a passi claudicanti. Tezcatlipoca. Nonostante ciò non influenzi molto
le capacità del soggetto, se non per la dieta, per
Carattere esempio, la maggior parte dei Morti o dei Vivi che
Probabilmente una delle presenze più potenti al sperimenta quest’inversione di ruoli rimane
mondo ne è pienamente consapevole e sfrutta scioccata e avrà in futuro una visione molto
tutte le sue doti perché questo messaggio sia diversa della controparte.
accolto da tutti. Guardare Dentro: Lo specchio in ossidiana che

11
Tezcatlipoca possiede permette alla divinità di C’è chi li vede come dei burattini impossessati e
comprendere ogni aspetto di chi vi si specchia. chi li bolla come fanatici religiosi, fatto sta che
Chi vi si riflette vedrà segreti così oscuri e tutti ne parlano con reverenziale timore.
profondi da non comprenderne il significato ma Tarocco dominante: il Diavolo.
da rimanerne sconvolto; ciò può facilmente
portare alla pazzia. Non funziona con i Morti, i Huitzilopochtli, Colibrì del Sud,
quali non si vedranno nemmeno riflessi.
Entrare Dentro: Chi viene esposto per un tempo
Signore della Luce del Giorno
Tlamacazqui di Tenochtitlán
mediamente lungo alla vista dello specchio è
Homo Mortus Pharao
soggetto alla possessione di Tezcatlipoca. Questa
Per quanto Huitzilopochtli sia una mummia con la
possessione è totale; lo spirito può comandare il
pelle scura e incartapecorita ha ancora la taglia di
corpo come fosse il suo. Non funziona con i
un uomo di altezza e corporatura media, da vivo
Morti, i quali non si vedranno nemmeno riflessi.
doveva svettare come un titano tra gli uomini.
La possessione di Tezcatlipoca ha una macabra
Indossa un diadema di penne e un mantello con
conseguenza: il piede sinistro della vittima
un mosaico di piume colorate copre le sue spalle
comincia a necrotizzarsi e l’individuo finisce per
e molti gioielli, gioielli d’oro luccicante con rilievi
morire di setticemia o per altre complicazioni.
e incisioni in spigoloso stile azteco; ha il volto
Ascendente Divino: Tezcatlipoca ha un carisma
dipinto come quello del dio Huitzilopochtli.
fuori dall’umana concezione; i vivi riconoscono in
lui un potenziale cui è necessario sottomettersi
Carattere
con devozione e onestà. Non funziona comunque
Questo folle è convinto di essere il dio
come una possessione; infatti i soggetti
Huitzilopochtli, disceso una terza volta fra gli
all’ascendente non saranno esattamente
uomini per guidare il suo popolo, e che tutti, Vivi
burattini e potranno pensare
e Morti, gli debbano obbedienza; chiunque, vivo
indipendentemente, ma saranno propensi ad
o morto, si sia permesso di mettere in dubbio le
accettare Tezcatlipoca come proprio leader.
sue pretese è stato giustiziato in modo
Note:
esemplare. È spaventosamente forte ed è sempre
Lo Specchio: Lo Specchio di Tezcatlipoca è un
circondato da orde di guerrieri assetati di sangue,
oggetto fuori dal comune, c’è chi dice che
tuttavia non è affatto imprudente, anzi, è astuto
conferisca immensi poteri e chi sospetta che
e privo di scrupoli. Huitzilopochtli è un ottimo
invece sia un canalizzatore. La superficie
stratega e si è dimostrato abile ad adattarsi a
riflettente è in ossidiana ed emana sempre un
questo nuovo e strano mondo e, nell’ambito della
velo leggero di fumo.
politica azteca, è un ottimo leader. Huitzilopochtli
Quello che incuriosisce particolarmente è che, a
è scaltro e crudele e non esita a sfruttare tutti gli
differenza del suo possessore, sembra un oggetto
utili idioti in cui s’imbatte: ha finto confusione e
materiale e la cura maniacale con cui è custodito
perplessità di fronte ai Cultisti del Serpente
fa supporre un collegamento particolare fra
Piumato di Tollan affinché essi costruissero le
specchio e divinità.
fondamenta della sua reggia e allestissero il suo
esercito. Mostra la sua forza in modo calcolato
Servi di Tezcatlipoca: Non si sa molto su queste
per creare timore e soggezione e per aumentare
stranissime figure ma tutti sanno che svolgono
l’aura di venerazione religiosa di cui si ammanta.
incarichi per il dio azteco. Sono vivi di ambosessi
Huitzilopochtli è un dio geloso e vendicativo,
completamente glabri i cui bulbi oculari sono stati
desidera il meglio per il suo popolo, i Mexica, e
estratti e successivamente le cavità sono state
come ha fatto in passato desidera mondarlo ed
coperte con una benda, ma sembrano vederci
elevare il suo nome fino alle nuvole. Il modo in
benissimo. Vanno in giro indossando lo stretto
cui intende farlo è quasi sempre il solito:
necessario, sono ricoperti di tatuaggi e monili e
scacciare gli indegni, strappare il cuore ai ribelli,
armati di Macuahuitl in ossidiana. Non parlano
come aveva fatto quando guidò il suo popolo
mai, né fra loro né con nessun altro ma mangiano
verso le ricche terre del sud; in quei giorni poté
e dormono come tutti i vivi. I sacrificati a
essere clemente con le streghe e gli eretici e
Tezcatlipoca sono personalmente selezionati e
abbandonarli nel deserto, oggi non può più
uccisi da loro.
permettersi queste premure e così, streghe,
12
eretici, indegni e ribelli non saranno abbandonati forze armate che cercarono di difendere la
ma giustiziati. capitale e organizzare una difesa, poi dopo aver
Huitzilopochtli sta ammassando a Città del radunato un esercito di belve purificarono Tollan.
Messico un colossale esercito con cui intende Huitzilopochtli favorì l’ascesa di Nezahualcoyotl a
radere al suolo il settentrione e l’Oriente; il suo riverito oratore di Texcoco, benché in vita fosse
obiettivo finale è giustiziare il Serpente Piumato a stato un guerriero Aquila e benché non avesse
cui attribuisce la colpa per quello che è successo alcun potere proprio (essendo sciamano del
al suo popolo. Coyote per grazia del Colibrì del Sud), il prediletto
Nella sua mente malata Huitzilopochtli è convinto del Signore della Luce del Giorno passò avanti
di essere un dio e quindi del tutto capace di persino alla mummia del necromante
spegnere una forza cosmica come il Serpente. Nezahualpilli che in vita era stato signore di
È certo che la donna che si fa chiamare Texcoco.
Malinalxochitl non sia sua sorella, ma che stia Huitzilopochtli era compiaciuto della devozione di
portando avanti una farsa blasfema. Nezahualcoyotl alla Vera Religione e grazie al suo
Huitzilopochtli odia Motecuhzoma che considera prediletto Texcoco era, insieme a Tlacopan, una
un inetto e un vigliacco, anzi l’Inetto e il Vigliacco delle gemme della sua corona. Huitzilopochtli
che ha consegnato al Serpente il popolo che ha s’adirò per la scomparsa di Nezahualcoyotl nella
forgiato con così tanto amore e pazienza. spedizione contro i cattolici dell’estate 1956 e fu
Huitzilopochtli però non sottovaluta il suo quasi offeso dall’elezione a Tlatoani di Texcoco di
avversario, sa benissimo che quella miserabile quel mago da baraccone di Nezahualpilli.
caricatura di re potrebbe distruggere il suo Da quando ha avuto notizia della definitiva
involucro attuale se assaltasse frontalmente la distruzione del suo accolito Huitzilopochtli ha
fortezza in cui quel cane è asserragliato, perciò usato ogni mezzo a sua disposizione: ha mandato
collabora lealmente con Motecuhzoma, ma lo fa spie, ha preso prigionieri e ha fatto corrompere
in modo freddo e distaccato senza fingere uomini del nord per cercare di capire cosa possa
amicizia ed è pronto a sopprimerlo al momento aver annientato uno Sciamano dello Sciacallo alla
opportuno. testa di un drappello di Cuahchiqueh. Dalle
informazioni che ha raccolto fino ad ora pare che
Storia Nezahualcoyotl sia caduto vittima del Dio venuto
L’essere che si fa chiamare Huitzilopochtli dall’Oriente ma Huitzilopochtli è convinto che si
dev’essere stato un abile ufficiale mexica, ma il tratti di una nuova arma inventata dai bianchi.
risveglio (o quello che ha visto prima del risveglio)
lo ha distrutto e trasformato in un essere ottuso e Poteri:
maligno. Alcune delle mummie più antiche però Forza Fisica: il Colibrì del Sud si è risvegliato con
fanno notare che un tempo vi fu un uomo una forza inumana molto superiore a quella
mortale, un grande capo chiamato posseduta dal più forte degli uomini; è capace di
Huitzilopochtli, che guidò i Mexica durante le loro strappare una porta blindata con una sola mano e
peregrinazioni dalle terre del nord all’altopiano. di spezzare colonne di pietra con un calcio.
Huitzilopochtli ha una forza fisica spaventosa Controllare Ferus: i Ferus riconoscono
anche per le mummie dell’Unico Mondo e Huitzilopochtli come loro capo branco e si
un’atleticità incredibile. riuniscono attorno a lui creando un’orda efferata
È convinto di non potersi privare di Tezcatlipoca e implacabile; come Ramesse III sembra in grado
nella sua guerra contro il Serpente Piumato, e lo di concedere questo dono ai suoi sottoposti
Specchio Fumante è stato molto astuto nel Sciamani del Coyote.
rafforzare questa sua convinzione. Atleticità: Huitzilopochtli non risente della sua
Huitzilopochtli è al pari di Motecuhzoma la condizione di morto, non ha malus fisici di nessun
mummia con le migliori competenze militari e tipo; si muove e percepisce il mondo come se il
riesce a guidare senza problemi un esercito suo corpo fosse vivo, nel pieno del vigore della
composto da Vivi e Morti. giovinezza, al massimo della forma fisica e in
Huitzilopochtli e il suo accolito Nezahualcoyotl, la piena salute.
mummia di un altro guerriero Mexica divorarono Tarocco dominante: la Torre.
i membri delle altre sfere della politica e delle

13
Motecuhzoma II aberranti ad ogni visita a quei luoghi maledetti. In
Cem Anahuac Uey Tlatoani, ovvero il Riverito vita era un eccellente guerriero, aveva rivelato
Oratore dell’Unico Mondo oltre che acume tattico e ottime capacità
Homo Mortus Diabolicus strategiche una volontà ferrea e un gran sangue
Motecuhzoma è una mummia snella e sottile, freddo. Adesso è una mummia semiparalizzata e
indossa il diadema piumato, la veste bianca e il per combattere e nutrirsi è costretto ad affidarsi
mantello azzurro del Cem Anahuac Uey Tlatoani. ai suoi Guerrieri Divini. Motecuhzoma II era tanto
Il suo volto è coperto da una maschera di giada. eloquente e assennato che gli anziani si stupivano
Sopra le labbra sono incollati dei baffetti scuri e a sentirlo parlare e quando faceva un discorso al
ben curati. Il volto riprodotto dalle tessere Consiglio Supremo, perciò era già rispettato
smeraldine è allungato ma gradevole, mentre i prima di essere eletto Riverito Oratore di
suoi occhi di quarzo e ossidiana aggiungono un Tenochtitlán . Nei giorni della sua vita mortale
non so che di malvagio. Motecuhzoma ha sempre Motecuhzoma era devoto alla religione fino al
un contegno estremamente altero e sembra bigottismo, prono alle profezie e alle
sempre pulito e ordinato; quando appare in superstizioni: eseguiva puntigliosamente le
pubblico delle schiave scacciano le mosche, altre prescrizioni rituali, si prendeva grande cura di
bruciano quipal e olii aromatici per coprire il tutti i templi, e in special modo del Grande
tanfo di putrefazione che emana dal suo corpo. Tempio, assicurandosi che fossero ben serviti,
Motecuhzoma II ha cura di farsi lavare e cambiare puliti e spazzati; era terrorizzato dai presagi di
regolarmente; la sua vita è regolata e sventura fino a rimanerne ottenebrato. Dopo la
abitudinaria. Motecuhzoma si sposta su una morte il Riverito Oratore è rimasto un uomo
lettiga di canne e giunchi intrecciati sostenuta da devoto… Ma solo in superficie, in realtà è
quattro Guerrieri Divini; nel suo palazzo riceve diventato estremamente cinico e distaccato nei
seduto su un antico trono di pietra. confronti delle credenze del suo popolo, ma è
Motecuhzoma si mostra sempre cortese e interessato a capire cosa sia e secondo quali leggi
pacato, anche mentre dà gli ordini più spietati: funzioni il sovrannaturale, il vero sovrannaturale.
come catturare tutti i servitori di una certa Secondo Motecuhzoma, il Colibrì del Sud è un
residenza e farseli servire come pasto perché povero folle e crede che un giorno la sua
sospettati di tradimento. Motecuhzoma è presunzione sarà punita. Motecuhzoma è
semiparalizzato: si muove lentamente ma con incuriosito da Finestre Scarlatte, nonché da
una precisione più che chirurgica, meccanica, che oggetti e individui (vivi o morti che siano) dotati
gli permette di cucire muscoli e tendini animali di poteri sovrannaturali. Non prova riverenza,
sui corpi agonizzanti dei prescelti. I suoi organi di timore o superstizione ma osserva, analizza e
senso sono andati completamente distrutti a studia in modo estremamente freddo e
causa della morte violenta e del sommario distaccato.
processo di mummificazione, il suo unico Il progetto di Motecuhzoma per l’Unico Mondo è
contatto con la realtà è il Fiuto e gli altri Guerrieri accentrare il potere nelle sue mani grazie a
Divini attraverso cui riesce a estendere un’efficiente burocrazia tratta dalla nobiltà di
misticamente i suoi sensi. Motecuhzoma è muto sangue… Sangue azteco. Motecuhzoma desidera
e comunica parlando per bocca di uno dei fortificare le frontiere e isolarsi dal resto del
Guerrieri Divini della sua scorta. mondo: grazie ad alcuni prigionieri presi dalle
missioni esplorative statunitensi e a un lungo
Carattere: Ha un carattere distaccato, per quanto lavoro di raccolta informazioni sa che i propositi
affetti cortesia e gentilezza nei suoi atti, appare di vendetta del Colibrì del Sud sono irrealistici e
severo fino alla crudeltà ma giusto. Col tempo sta che attaccare il Nord equivarrebbe a condannare
diventando sempre più freddo e disinteressato alla rovina l’Unico Mondo.
nei confronti della religione e della cultura del Modus operandi: Motecuhzoma II non è più il
suo popolo, non è ostile alla scienza occidentale guerriero vigoroso di una volta ed è conscio che il
come dimostra l’elettricità e i confort moderni suo corpo è fragile e ogni ferita rimarrà per
diffusi nel suo quartiere e studi esoterici come sempre, perciò preferisce governare dalla sua
dimostrano i suoi soggiorni a Tollan e Chicxulub al fortezza-capitale attraverso i suoi Guerrieri Divini,
ritorno dai quali compie esperimenti sempre più imponendo ai sudditi la sua volontà di ferro. Il

14
suo modo di affrontare le questioni di Stato è importanti, fece sgozzare molti prigionieri. Dal
autoritario quanto quello di Tezcatlipoca e giorno della sua incoronazione la sua modestia si
Huitzilopochtli, ma Motecuhzoma rispetto al mutò in alterigia: divenne un Riverito Oratore
Colibrì del Sud è più freddo e calcolatore. superbo e spietato, fece epurare i funzionari
È abile nel far tesoro degli errori: ha capito fin scelti dal suo predecessore e cercò di creare una
troppo bene di essere stato sconfitto non tanto vera e propria nobiltà di sangue a cui affidare gli
dagli spagnoli quanto dalla loro tecnologia incarichi più importanti vietando e limitando ai
avanzata. Il Riverito Oratore cerca di appropriarsi popolani l’accesso alle più importanti cariche
il più possibile delle tecnologie moderne e di dello Stato. Le poche volte che si mostrava sui
avvantaggiarsi sugli avversari usandole. Non tarda meravigliosi terrazzi di Tenochtitlán appariva
a dar prova del suo polso di sovrano e della sua splendente, sempre con abiti sfarzosi ed eleganti,
scaltrezza sfruttando radio e stampa per puliti e in perfetto ordine. Viveva in una enorme
ostentare la sua grandezza e diffondere messaggi reggia, dove le sue due mogli e le numerose
tra la popolazione. concubine vivevano circondate da ogni lusso mai
Motecuhzoma ha mantenuto un grande acume visto prima.
tattico e strategico di cui si avvale muovendo i Motecuhzoma II per quanto orgoglioso dalla sua
suoi Guerrieri Divini come parte di un carica rimase scrupoloso e zelante nel far
meccanismo ben oliato. Il suo esercito di guerrieri eseguire puntualmente i suoi ordini e nel
divini è meno numeroso rispetto a quello del costringere all’osservanza delle sue leggi, era
Signore della Luce del Giorno, ma può muoverlo inesorabile nel punire trasgressori e
senza essere disturbato dalle distanze o dal inadempienti. Immerse la popolazione in un
numero. Motecuhzoma perciò è imbattibile sui bagno di rigore militare: era solito mettere alla
terreni accidentati o impervi dove la sua prova l’onestà dei suoi giudici con l’offerta
superiorità strategica si fa sentire, è a capo della indiretta di doni; chiunque fosse stato scoperto
forza militare più potente dell’Unico Mondo, colpevole pagava, senza speranza di remissione,
uguagliata solo da quella del possessore del la pena corrispondente. Era acerrimo nemico
Serpente di Fuoco e anche in quel caso ha la dell’ozio; per bandire questo vizio dai suoi domini
certezza di essere sconfitto da Huizlopochatli solo teneva sempre occupati tutti i suoi vassalli.
e soltanto in uno scontro aperto dove il Teotl dei Motecuhzoma era determinato a fare piazza
Mexica potrebbe far valere la superiorità pulita di tutti i funzionari di umili origini
numerica del suo efferato esercito. considerando indegno che i re dessero impiego a
simili persone. Il Riverito Oratore desiderava
Storia: Motecuhzoma salì al potere a nominare nobili dal sangue blu. Motecuhzoma
trentaquattro anni; era un nobile e valoroso stabilì che la qualifica principale per accedere alle
guerriero che rimase sempre modesto più alte cariche fosse di essere nobile e di nascita
nonostante i suoi successi. Poco prima della sua legittima: non dovevano essere ammessi i figli
incoronazione guidò una spedizione contro naturali, nemmeno i suoi stessi fratellastri. Il
Nopallan, sulla costa di Oaxaca. Motecuhzoma modo in cui Motecuhzoma opprimeva tutti i
prese la guida delle operazioni conducendo sudditi, le tasse eccessive e le leggi severe lo
l’assalto di persona, in pieno assetto di battaglia e rendevano inviso alla popolazione, specialmente
ornato di piume tanto splendenti che sembrava ai mercanti; d'altro canto era stimato per la
volasse mentre si scagliava contro il nemico. generosità che mostrava tanto nel provvedere
Siccome le città erano ben fortificate, fece alle necessità del popolo quanto nel
costruire scale d’assedio e le espugnò in breve ricompensare i servigi dei condottieri e ministri
tempo. Assicuratosi la vittoria, Motecuhzoma più capaci. Rafforzò il Tribunale delle Tre Sedi, lo
ammonì severamente i sovrani locali, dicendo che centralizzò e conquistò un gran numero di
ogni ribellione sarebbe stata punita con la loro territori conducendo guerre lampo; sotto di lui
vita e inviò inviti a tutti i capi dell’impero azteco raggiunse la massima espansione. Gli anni del suo
per la cerimonia d’incoronazione. Le danze regno però furono però funestati da molti presagi
durarono quattro giorni, i doni furono più di sventura che atterrirono e costrinsero a dure
splendidi che mai. Il giorno della sua penitenze il Riverito Oratore:
incoronazione e in molte altre cerimonie una cometa apparve in cielo in pieno giorno;

15
una colonna di fuoco si manifestò nel cielo della Hernán Cortés, che lui credeva essere il dio, il
notte; Serpente Piumato. Quando Cortés arrivò a
il tempio di Huitzilopochtli venne distrutto dal Tenochtitlán, Motecuhzoma II lo onorò con fiori
fuoco; del suo stesso giardino, ciò per lui rappresentava
un fulmine colpì il tempio di Tzonmolco; il più grande onore. Cortés ordinò di porre fine a
Tenochtitlán subì un’inondazione; tutti i sacrifici umani. Motecuhzoma II acconsentì;
individui strani con molte teste su un corpo solo il sangue del tempio sarebbe stato lavato via e le
furono visti camminare su quattro o sei gambe immagini degli dei aztechi sarebbero state
per le città; rimpiazzate da icone cristiane. Motecuhzoma II
si sentì la voce di una donna innalzare un canto accettò anche di essere battezzato e si dichiarò
funebre per gli Aztechi nella notte; e infine suddito del re Carlo V di Spagna. Ricevette Cortés
venne catturato uno strano uccello. Quando nel palazzo di Axayacatl con tutti i suoi uomini e
Motecuhzoma II guardò nei suoi occhi, che erano 3000 alleati indios.
come specchi, vide il cielo notturno e uomini Durante un’assenza di Cortés, il comandante
dalle strane sembianze che sbarcavano sulla lasciato in città, Pedro de Alvarado detto
costa. Tonatiuh, interruppe la celebrazione azteca di
Nella primavera del 1519 Motecuhzoma II Toxcatl e uccise i personaggi più in vista delle
ricevette le prime notizie di stranieri che erano classi nobili azteche, durante quello che fu
sbarcati sulla costa orientale del suo impero: si chiamato “Il Massacro del Grande Tempio”. Si è
parlò di montagne galleggianti. Motecuhzoma II calcolato che il numero dei morti sia stato fra i
inviò un ambasciatore presso gli stranieri. 350 e i 1000. Il popolo insorse e gli spagnoli
Poiché l’invasione proveniva da est, gli fecero prigioniero Motecuhzoma II. Il 29 giugno
ambasciatori aztechi supposero che si trattasse 1520, nel tentativo di calmare la folla inferocita,
del dio Motecuhzoma II apparve sul balcone del suo
Quetzalcoatl, il Serpente Piumato; sulla via del palazzo, chiedendo alla sua gente di ritirarsi. Il
ritorno, secondo la leggenda, il Serpente aveva popolo rimase esterrefatto davanti alla complicità
abbandonato l’Unico Mondo facendo vela verso del loro imperatore con gli spagnoli e lo bersagliò
oriente dopo la caduta di Tollan e dell’impero di pietre e frecce. Gli spagnoli lo portarono via, lo
tolteco. Siccome Hernán Cortés era barbuto e di imprigionarono, lo torturarono per costringerlo a
carnagione chiara, come si supponeva dovesse rivelare l’ubicazione delle sue ricchezze e alla fine
essere il dio Quetzalcóatl informò Motecuhzoma lo assassinarono facendogli ingerire oro fuso.
II del ritorno del Serpente Piumato. Alcuni fedelissimi del Riverito Oratore corruppero
Motecuhzoma II cercò di impedire l’avanzata gli avidi spagnoli per farsi consegnare a caro
corrompendolo con doni. Motecuhzoma II inviò prezzo il corpo del sovrano; nel caos della
anche dei maghi, dei sacerdoti e perfino un suo Conquista il corpo di Motecuhzoma fu
ambasciatore, Tzihuacpopoca, che impersonava ricomposto, imbalsamato e tumulato in un
l’imperatore stesso, per fermare l’avanzata dei sepolcro nascosto in una plaga deserta
misteriosi stranieri. dell’altopiano del Messico.
Motecuhzoma II inviò degli emissari a cercare il Il Giorno del Giudizio Motecuhzoma si svegliò
leggendario profeta immortale Huemac, nato perfettamente lucido in un corpo mummificato,
quattrocento anni prima, per chiedere protezione riuscì a costringere il suo corpo a muoversi; tutto
ed essere suo servo. Tre volte inviò gli emissari e diceva che la sua coscienza sarebbe finita in pezzi
tre volte Huemac rifiutò d’incontrarlo. insieme al corpo, ma non fu così.
Raccomandò, invece, che Motecuhzoma II Grazie alle sue facoltà superiori di Diabolicus
abbandonasse i lussi, i fiori e i profumi, che riuscì ad avvantaggiarsi del caos per cacciare e
facesse penitenza e mangiasse lo stesso cibo dei nutrirsi di persone inermi e debilitate. In un
poveri, bevesse solo acqua bollita e, questo, primo tempo Motecuhzoma collaborò con i
forse, l’avrebbe aiutato a vincere. sacerdoti che stavano cercando di riorganizzare
Motecuhzoma II fece tutto quello che Huemac gli l’Unico Mondo, ma presto si accorse che erano
aveva suggerito di fare, ma senza ottenere alcun troppo ottusi e anacronistici per poter ottenere
risultato. qualche risultato. In un primo tempo mise i suoi
L’otto novembre 1519, Motecuhzoma II incontrò Guerrieri Divini al loro servizio, scoprì che era in

16
grado di crearli, perché in quei giorni caotici basket ma senza l’uso delle braccia e gambe, solo
insieme ai suoi defunti compagni di cospirazione anche, gomiti e ginocchia. A fine partita la
compì diversi esperimenti su cavie inermi, poi squadra perdente viene data in pasto ai Morti.
prese il controllo del gruppo sfruttando il suo Per aver diritto a partecipare al rituale per la
intelletto, la sua volontà e le sue forze superiori. creazione dei Guerrieri Divini bisogna vincere tre
Proprio quando aveva finito di sottomettere un partite.
consistente gruppo di sacerdoti ed era sul punto Non tutti lo sanno, ma questo gioco è connessa
di lanciare il suo messaggio via radio alla nazione, rituale di creazione. Abitua i giovani a lottare per
si avvide che una mummia si spacciava per il la propria vita come elemento di una squadra.
Divino Protettore del popolo mexica. Questo Inoltre, in base allo stile del gioco, i sacerdoti
essere, che si faceva chiamare Huitzilopochtli, decidono se far risvegliare il giovane come un
aveva assaltato Tollan e bruciato al rogo gli Guerriero Giaguaro, Aquila, Coccodrillo, Caimano
adoratori, vivi e morti, del Serpente Piumato, e si o Serpente.
preparava a scagliare un’offensiva verso All’ora propizia del giorno propizio i sacerdoti
settentrione… Non era ciò di cui l’Unico Mondo prelevano i giovani selezionati e li conducono
aveva bisogno, perciò il Riverito Oratore si nelle viscere della Reggia di Motecuhzoma II che
preparò ad affrontare il folle e la moltitudine officia su di loro il terribile rituale. I sacerdoti
d’invasati vivi e morti che lo accompagnava. somministrano all’aspirante guerriero una droga
Proprio mentre era impegnato nei preparativi, che lo manda in coma vigile in modo che non
Motecuhzoma fu raggiunto da un uomo muoia a causa del dolore, ma che rimanga
affascinante dai lineamenti indio, vestito con un cosciente durante tutto il rituale. Il candidato
completo elegante che camminava viene fatto sdraiare su un tavolo di pietra. Poi la
appoggiandosi a una stampella. L’uomo si schiena della vittima viene completamente
presentò come il ricettacolo del dio Tezcalipoca e scuoiata e sopra i muscoli viene cucita la pelliccia
spiegò al Riverito Oratore che il Serpente non era di un giaguaro, o la corazza di un coccodrillo o
solo frutto dei deliri della mente del Colibrì del penne e piume d’aquila. Le parti animali sono
Sud, ma un pericolo reale da cui si era difeso fresche e ancora pulsanti e alcuni dei muscoli
usando la forza di quel “nume incarnato” vengono collegati alle terminazioni nervose del
Tezcalipoca; offrì a Motecuhzoma di sedere sul ragazzo moribondo. A volte, Motecuhzoma II
trono del Riverito Oratore sino alla consunzione ordina alcune varianti nel rituale, come l’aggiunta
dei secoli in cambio della sua partecipazione chirurgica di artigli di ossidiana o denti d’acciaio.
all’alleanza. Motecuhzoma accettò. Col passare del tempo però i suoi esperimenti
Poteri: Motecuhzoma è un morto unico nel suo sono diventati sempre più aberranti e prevedono
genere trovandosi a metà fra un Diabolicus e il infusione di petrolio e strani fluidi e l’inserzione di
Morto Centrale di una Fossa Comune. chiodi e perni. I primi Morti creati dal Riverito
Creare Guerrieri Divini: Motecuhzoma II è capace Oratore erano molto rozzi; impiegò mesi per
di creare dei Morti particolari, chiamati Guerrieri imparare a creare i primi Guerrieri Giaguaro.
Divini, attraverso un rituali specifici di sua Sembra che la creazione dei Guerrieri Divini non
ideazione. sia esente da errori e si mormora anche di
Per gli abitanti dell’Unico Mondo è considerato esperimenti falliti o “in prova” che si aggirano per
un grande onore entrare a far parte della schiera l’altopiano del Messico. Dopo la cucitura della
dei Guerrieri Divini così molti giovani si offrono pelle al ragazzo viene somministrato da
volontari. Chi si offre volontario lo fa perché Motecuhzoma II un filtro che lo uccide tra atroci
crede veramente che risvegliandosi avrà una vita sofferenze e lo fa risvegliare come Guerriero
migliore per sé e la sua famiglia, infatti l’ex Divino.
famiglia di un Guerriero Divino viene trattata con Motecuhzoma II ha un controllo perfetto e
grande rispetto e vede aumentare il proprio illimitato sui suoi Guerrieri Divini, a prescindere
status sociale. dal numero delle sue creazioni e dalla distanza cui
Ma per diventare dei Guerrieri i giovani devono si trovano. Il suo controllo è così sofisticato che
dimostrarsi degni e affrontare una prova. Le può parlare attraverso le loro bocche;
reclute vengono divise in squadre e fatte giocare Motecuhzoma II è in grado di estendere i suoi
alla palla centroamericana: è un gioco simile al

17
sensi, fiuto compreso, attraverso di loro La Nuova Aztlan
condividendo le percezioni: vede, ascolta, fiuta e Quando Tezcatlipoca, Motechuzoma II e
tocca attraverso le sue creature. Huitzilopochtli conquistarono il potere e
Un’altra fase fondamentale durante la creazione ristabilirono l’ordine, sorse il problema di trovare
dei Guerrieri Divini è l’asportazione del cuore. una sede adeguata per le loro auguste persone;
Questo sacro organo viene estratto e consegnato decisero di ricostruire le antiche città azteche,
a Motecuhzoma. prima tra tutte Tenochtitlán, rasa al suolo secoli
La servitù del palazzo di Montezuma mormora addietro per lasciar spazio a Città del Messico.
che da qualche recesso della reggia sotterranea Gli antichi rimasero disgustati da come gli
provenga uno strano rumore indefinito simile orientali avevano ridotto la loro città: dei
all’eco leggero di tamburi lontani. Non si sa chi bellissimi laghi rimanevano solo poche
abbia messo in giro questa leggenda ma si dice pozzanghere e la sporcizia permeava la città. Così
che quel rumore misterioso sia il battito di per purificare la terra furono distrutte dighe e
migliaia di cuori umani, questa diceria è dirottati fiumi, tutto per permettere all’acqua di
considerata una fandonia: è risaputo che il cuore lavare l’impronta dell’uomo bianco.
di un morto smette di battere, certo è che ogni Il processo durò pochi anni, ma fu così profondo
anno aumenta il numero di prigionieri consumati e veloce che pare si sia fatto ricorso alla magia e
dai sotterranei della reggia del Riverito Oratore. oggi i dintorni della città sono, a detta delle
Controllare Guerrieri Divini: Motecuhzoma II non antiche mummie, identici a cinque secoli fa. Il
è in grado di controllare altri Morti che non siano fatto che furono impiegati anni per riempire il
i Guerrieri Divini assemblati da lui, ma su di essi bacino permise agli abitanti di adattarsi senza
ha un controllo assoluto, finissimo; può persino fretta ai cambiamenti. Molti edifici furono
usarli per parlare attraverso le loro labbra. Inoltre distrutti e ricostruiti per sistemare i nuovi padroni
il potere di Motecuhzoma II sembra imbattibile; e i canali cominciarono a essere nuovamente
nessuno, vivo o morto, è mai riuscito a strappargli percorsi da imbarcazioni. Dai musei furono
il controllo di una sola delle sue creazioni. riportati alla luce oggetti delle epoche passate.
Tarocco dominante: la Morte. Gli antichi calendari incisi su stele di pietra furono
ricollocati da dov’erano stati tolti e nuovamente
Organizzazione politica: l’antico Stato azteco era utilizzati per misurare lo scorrere del tempo.
una federazione di Stati indipendenti tributari Dopo il ripristino dell’antico bacino solo poche
dello Stato azteco e della sua capitale zone di Città del Messico, corrispondenti
Tenochtitlán. La denominazione di “impero all’antica Tenochtitlán, sono rimaste sopra il
azteco” usata ancora oggi da Cattolici e Ribelli livello dell’acqua. Queste zone sono collegate alla
deriva dal fatto che gli spagnoli per designare il terraferma tramite ponti e terrapieni. Sono
sovrano di Tenochtitlán, che nella sua lingua presenti numerose imbarcazioni per il trasporto
portava il titolo di Huey Tlatoani (Riverito dentro e fuori dalla città.
Oratore), utilizzarono tra i titoli a loro familiari Tenochtitlán, difesa da schiere di guardiani
quello che sembrò a essi più adatto, cioè quello di insonni, non ha bisogno di mura urbane: le isole
“imperatore”. Quando gli spagnoli arrivarono, sono circondate da ponti e ogni isolato (proprio
inoltre, Motecuhzoma stava cercando di come cinque secoli fa) è ora cinto da mura; e poi
accentrare il potere sulla sua persona. La naturalmente ci sono i Tomanti e si dice che
federazione azteca aveva come cardine l’alleanza qualcosa di potente infesti le acque. Un Tomanti
tra i regnanti di Tenochtitlán, Texcoco e Tlacopán. era nell’antichità un’intelaiatura di legno usata
Paradossalmente Motecuhzoma è riuscito a per esporre pubblicamente i teschi umani. Non
coronare da morto il sogno di tutta una vita: servivano per proteggersi dal nemico, ma per
unificare il territorio, accentrare il potere politico intimorirlo. Oggi queste strutture con centinaia di
nelle sue mani e domare lo Yopitzingo e le altre teste umane che battono e stridono i denti in
regioni che non riuscì a piegare nei giorni della cerca di carne sono uno spettacolo agghiacciante
sua vita mortale… Ma purtroppo gestisce il in grado di dissuadere molti attaccanti.
potere che bramava come gerente dello Specchio La città è attraversata da un gran numero di
Fumante. ampie strade e da innumerevoli piccoli canali e
percorsi tracciati sulle dighe più basse che
18
formano uno scacchiere rettangolare. Lungo la coprono d’intonaco bianco le pareti di edifici in
strada si trovano edifici circondati da mura, case costruzione.
e altri edifici sono costruiti attorno a un cortile La città è stata costruita sulle numerose isole e
quadrato. All’interno di ogni area recintata, come isolette del lago del Messico che in seguito sono
nell’antichità, risiedono i capulli: cioè clan formati state collegate fra loro. Tutte le costruzioni sono
da gruppi di famiglie allargate imparentati fra in muratura con vari piani, tetto piatto, giardini,
loro. Dietro i capulli ci sono le chinampas acqua corrente e servizi. I muri candidi della città
coltivate dalla famiglia, che sono irrigate da uno si specchiano nei canali e nella laguna insieme ai
dei canali pubblici. Capulli privi di chinampas si giardini rigogliosi. Tutti gli edifici, vecchi e nuovi,
trovano solo nei centri delle città gemelle e nel a eccezione di alcuni grattaceli, sono intonacati e
quartiere dei templi. Le chinampas sono isole imbiancati, questo dà loro un aspetto
artificiali nel lago di Texcoco; spesso sono insolitamente uniforme.
modellate a forma di strisce larghe meno di dieci Le zone delimitate dai canali sono separate da
metri ma lunghe decine o centinaia di metri, al ponti levatoi che possono essere alzati
cui lato scorrono stretti canali riparati da argini velocemente, permettendo di isolare diverse
rinforzati da filari d’alberi. I campi, dal fondo aree della città, bloccando così le avanzate del
basso del lago o della zona paludosa, vengono nemico, sia esso morto o vivo. Infatti, i Morti
rialzati artificialmente da squadre di forzati Inferiori (e parti di essi) sono gettati nelle acque
viventi o da gruppi di lavoro composti di Morti. I del lago o dei canali rendendo mortale ogni
canali regolano l’umidità del terreno, che è così tentativo di attraversare il lago senza
fertile da garantire abbondanti raccolti due volte un’imbarcazione. Certo i Morti dovrebbero
l’anno, inoltre facilitano il trasporto dei prodotti. essere legati al fondale, ma non si è mai troppo
Per quanto i raccolti delle chinampas siano molto sicuri (e qualcuno si spinge a dire che sia qualcosa
ricchi, la produzione cittadina basta appena a di ben diverso dalle corde a trattenerli lì). I canali
sfamare la popolazione, perché la ristretta sono recintati da muretti per impedire ai Morti di
superficie della città sorge su un’isola e solo una arrampicarsi fuori dall’acqua.
parte relativamente piccola della popolazione è Altre isole ancora si ergono attorno alla città
dedita all’agricoltura, alla caccia e alla pesca nelle doppia. Le località più vicine a nord, ovest e sud
zone lacustri. Il numero degli appartenenti alla sono raggiungibili tramite strade su grandi dighe
nobiltà, alla classe dei commercianti e degli continuamente interrotte da ponti. La
artigiani, ma anche a quella dei guerrieri, è comunicazione con la sponda orientale del lago,
sproporzionatamente alto. Per il sostentamento dove sorge la città di Texcoco, è garantita da
di tutti c’è bisogno di entrate fisse dalla imbarcazioni che possono attraccare nel porto
terraferma che arrivavano soprattutto in forma di costruito al limite orientale della città. La città è
tributi. La terra sulle rive del lago è circondata, suddivisa al suo interno da più nuclei: a nord la
anche nei punti più lontani, da una larga striscia città più piccola, Tlatelolco, e a sud Tenochtitlán,
di chinampas che oggi occupa la parte estrema a più grande e popolosa. Tenochtitlán è divisa a sua
sud. Più oltre, nell’entroterra e nelle zone al volta in quattro quartieri circa della stessa
confine, l’irrigazione è ottenuta artificialmente grandezza; infine, all’interno di questi ultimi,
tramite ruscelli deviati da canali. Ciò rende numerosi isolati o gruppi d’isolati suddivisi tra i
possibile l’agricoltura intensiva negli aridi vari capulli. Nel centro di Tenochtitlán e di
altopiani. Tlatelolco svettano su tutte le altre costruzioni
grandi recinti templari, di fianco ai quali a
Tenochtitlán Tlatelolco si trova il mercato e a Tenochtitlán gli
Le città gemelle di Tenochtitlán e Tlatelolco ultimi grandi palazzi fatti costruire dal tlatoaml. Il
costituiscono il più grande e popoloso più recente tra questi palazzi, quello di
insediamento del Messico dopo il Giorno del Motechuzoma II, è il più grande e maestoso.
Giudizio: vi abitano poco meno di cinquantamila Anche i quattro quartieri principali di
viventi. Vivi e Morti camminano tranquillamente Tenochtitlán sono disposti attorno a una zona
insieme per le strade della città: colonne di templare centrale. I templi centrali di
Guerrieri Divini guidati da uno Sciamano Coyote Tenochtitlán e Tlatelolco, le piramidi, sono
marciano per le strade; squadre di operai morti ricoperti periodicamente, secondo precisi

19
intervalli stabiliti dal calendario azteco, da un l’incarnazione di Tezcatlipoca. Sono ampi,
nuovo strato di pietre, perciò hanno continuato a quadrati, a un solo piano con tetto piatto e
crescere negli ultimi tredici anni. soltanto un’unica porta: si presume che siano
Il tempo in città non è scandito dal suono di rischiarati da un lucernario. I due edifici sono
campane come nel nord ma dallo squillo di costituiti da due sale dedicate a due aspetti di
trombe suonate dall’alto delle piramidi. Tezcatlipoca, “colui che dà la vita” e “tutto gli è
Tre quartieri sono dedicati a ciascuno dei tre vicino”. Durante la notte vicino agli edifici si sente
sovrani aztechi, mentre il quarto è dedicato ai una cantilena cacofonica incomprensibile, ma di
templi. I primi tre quartieri sono gestiti dai una malvagità indicibile, mentre il terreno
rispettivi dei e nelle loro strade è facile vedere sembra esalare strani vapori fosforescenti. Le
Vivi e Morti convivere pacificamente. In ogni abitazioni attorno alle due sale si sono
quartiere sono presenti edifici amministrativi, lentamente trasformate in magazzini e negozi
templi, e stadi per quella che persone di un’altra abbandonati durante la notte.
epoca definirebbero una manifestazione di Il quartiere ha per la maggior parte del tempo
estrema violenza, ma nell’Unico Mondo è un’aria distesa: Vivi e Morti camminano fianco a
considerato un semplice sport. fianco per le vie e viaggiano sugli stessi battelli.
Sulla terraferma ci sono enormi piantagioni Per le vie di questo quartiere si aggirano spesso
coltivate o da squadre di operai morti che si uomini e donne glabri col corpo istoriato di
coordinano perfettamente o da prigionieri e pittogrammi e gli occhi coperti da una benda
criminali umani sorvegliati e “protetti” da bianca che però non sembra impedire la loro
Guerrieri Divini. I forzati imprigionati qui, oltre vista. Le donne hanno il seno fasciato da una
alla fatica, alla malnutrizione e al disagio di vivere sciarpa bianca e indossano un gonnellino, gli
in stalle umane, sono esposti agli attacchi dei uomini portano una sorta di perizoma. Questi
Morti di passaggio e hanno ben poche individui, noti come Servi di Tezcatlipoca, fanno
prospettive di essere liberati se non per essere rispettare la legge e mantengono l’ordine nel
sacrificati o divorati. I cittadini di Tenochtitlán, quartiere insieme ai Guerrieri Giaguaro e a
invece, coltivano la terra su isole molto più squadre di Cuahchiqueh guidate da uno Sciamano
riparate e all’ombra dei poteri dei Tlatholli, ciò del Coyote.
annulla il rischio di essere assassinati da un Mali o
da un Fuori Casta. Quartiere di Huitzilopochtli
Le vie della città sono dotate di luce elettrica, Il quartiere di Huitzilopochtli ha un’aria, se
viene mantenuta questa rete nel caso in cui Morti possibile, ancora più anacronistica rispetto a
ostili (e non individuabili col fiuto) entrino in città quello di Tezcatlipoca: porte e finestre sono
(in realtà è un mezzo per scoraggiare piccole, strette, rettangolari e chiuse con tende di
ulteriormente le mummie che pensassero di tessuto o di perline, mai con porte o con finestre
ordire qualche tradimento), ma finora non c’è di sorta. In questo quartiere si aggirano più Morti
mai stato bisogno d’accenderla per dare il via a che Vivi, i servi del Colibrì del Sud sono trattati
una caccia e l’unico che ne fa uso è con gran deferenza dai Vivi che hanno un’aria
Motechuzoma nel suo quartiere. arcigna e selvatica: non si dipingono il volto,
indossano abiti semplici e si assiepano attorno
Quartiere di Tezcatlipoca alla terrazza del palazzo di Huitzilopochtli quando
Questo quartiere ha un’aria arcaica, sembra di il dio si degna di parlare con loro.
essere tornati nel Messico di cinque secoli fa: Gran parte di questo quartiere è in realtà una
tutti indossano abiti aztechi, gli artigiani usano caserma che alloggia i Cuahchiqueh e gli Sciamani
strumenti in pietra, legno o fibra utilizzando del Coyote; ci sono anche delle caserme in cui i
tecniche desuete. Le persone sono molto viventi sono addestrati nelle arti marziali. I
silenziose e smunte. Di giorno spesso sembra di cacciatori di Morti e i gruppi di soldati viventi che
scorgere strane ombre fluttuare tra i canali e i affiancano i Guerrieri Divini sono addestrati
vicoli oppure l’aria sembra vibrare come duramente qui: chi non si dimostra adatto alla
attraverso i vapori di benzina. carriera militare diventa cibo per i Guerrieri
Qui inoltre sorgono due edifici perennemente Divini.
sbarrati in cui si ritira di tanto in tanto in tanto

20
Quartiere di Motechuzoma lettiga, intrattenendosi con nani e gobbi, la cui
Il quartiere di Motechuzoma ha un’aria rilassata e deformità sembra divertirlo come quando era in
libertina, è l’unico quartiere dove camminano vita, e guardando gli ospiti viventi mangiare con
anche persone in abiti moderni. Vengono anche soddisfazione cibi prelibati. Motechuzoma non
tollerati schiavi non amerindi cui è permesso di può più mangiare, ma guardare i mortali
vivere come schiavi ben più dell’anno di servizio banchettare lo soddisfa, a volte invita le persone
che per legge sarebbe consentito loro; alcuni di cui deve liberarsi a gozzovigliare da lui e dopo
tecnici e uomini di scienza stranieri hanno avergli fatto gustare i cibi più saporiti li fa
ottenuto da Motechuzoma il permesso di vivere trattenere dai Guerrieri Divini, li divora e li
con lo status di liberi in virtù di benemerenze smembra. Motechuzoma crede di sentire diverse
speciali. Il quartiere è dotato di luce elettrica e sfumature nel sapore della carne, a seconda di
Motechuzoma permette ad alcuni abitanti di quello che hanno mangiato i suoi ospiti. A
usarla, insieme con elettrodomestici e altri Motechuzoma piace ancora l’odore del cibo
confort; qui ci sono biblioteche e altre strutture umano per quanto non lo possa mangiare.
aperte al pubblico, persino un museo. La legge e
l’ordine sono difesi dai Guerrieri Giaguaro, ma Le camere segrete di Motechuzoma
anche da alcuni ausiliari di polizia appositamente Nel pian terreno del palazzo, ben difesi al centro
addestrati per far risparmiare tempo prezioso ai dell’abitazione, si trovano i laboratori in cui
Guerrieri Divini. Motecuhzoma assembla i Guerrieri Divini e
L’università si trova vicino al palazzo di compie gli altri esperimenti. Col tempo gli
Motechuzoma che di tanto in tanto assiste alla esperimenti del Riverito Oratore e la procedura
lezione come auditore o tiene brevi conferenze. con cui crea i Guerrieri Divini diventano sempre
Ci sono persino alcuni locali dall’aria moderna, più sadici, grotteschi e nefandi, come anche i suoi
quasi occidentale, bei giardini fioriti con molte test su cavie inermi.
voliere simili a gabbie di legno. Sotto il palazzo di Motecuhzoma ci sono decine di
umide camere con solide pareti di pietra; il
Il Palazzo di Motechuzoma sotterraneo è buio, freddo e bagnato e l’aria è
È una cittadella bianca a pianta quadrata a cui si riempita da una cacofonia di battiti leggeri che
può accedere sia a piedi camminando per strada, s’intrecciano generando un suono indefinito e
sia in barca scivolando lungo i canali. Ѐ l’edificio inquietante. Ogni stanza è piena di scaffali di
più bello della città, decorato con sculture, pietra su cui sono disposti vasi dall’odore
affreschi, ornamenti lavorati con piume e tendoni pungente di sangue e alcol in cui galleggia un
ricamati che ombreggiano i cortili. Nel centro del cuore vivo. È risaputo che il cuore di un Morto
palazzo si aprivano i giardini, con piante smette di battere, ma per motivi ignoti i cuori che
provenienti da tutto il Messico e dal resto del si trovano qui continuano a battere. In alcune
mondo. I giardini della reggia ospitano un vero e stanze si trovano grotteschi manufatti, blocchi di
proprio zoo: ci sono gabbie di legno con giaguari pietra e acciaio a metà fra altari e tavoli
e ocelot, voliere per uccelli e dieci grandi voliere operatori, coltelli d’ossidiana, bisturi moderni,
speciali con vasche di pietra, in parte piene modellini anatomici, carrelli carichi di bizzarri
d’acqua, appositamente allestite per uccelli contenitori pieni di strani fluidi. Al centro di
acquatici d’ogni sorta, quelle dedicate agli uccelli alcune stanze sono appese con sottili cavi
marini contengono acqua salata. d’acciaio, come per esporle, grottesche protesi
Ogni tipo di volatile segue la sua dieta, che con lame innestate.
include vermi e pesci; oggi le uccelliere sono Sotto le camere dei cuori pulsanti del palazzo di
accudite da trenta persone. C’è persino una Motecuhzoma si trova una strana sala a metà fra
moderna clinica veterinaria con attrezzature il laboratorio chimico e la sala operatoria, lì
moderne. vicino, oltre a una porta blindata, si trovano due
Un’ala del palazzo ospita nani e gobbi con un stanze e un corridoio tappezzati di pelle e carne
certo numero di servi che si dedicano umana. Le due stanze sembrano l’interno di
esclusivamente al loro servizio. un’enorme bestia mentre il corridoio sembra una
Motechuzoma trascorre il suo tempo libero sorta di un palato o di un esofago: le pareti
facendosi trasportare per i giardini del palazzo in tappezzate di carne morta sono mosaicate con

21
organi pulsanti da cui si protendono bocche limite più alto della parete pendente, cosa che
fameliche. Tutta la stanza è ricoperta da una presuppone una grandissima abilità.
strana sostanza oleosa. L’odore di putrefazione e
d’indefinite sostanze chimiche è tale che solo i I Templi
Morti riescono a sopportarlo. Nessuno sa a cosa Nelle camere più esterne dei templi ci sono
serva tutto questo orrore, ma Motecuhzoma può arche, forzieri di pietra finemente decorati, che
estendere i suoi sensi attraverso gli occhi e le contengono collane, pettorali, maschere a
orecchie, i nasi, il resto della materia necrotica mosaico, statuette di pietra verde (marmo,
che tappezzano la sala che per il resto sembra diaspro o giada) e di legno, conchiglie, lische di
una sorta di enorme creatura larvale, peraltro pesce miste agli oggetti più disparati; appesi alle
ancora in costruzione, perché di tanto in tanto il pareti ci sono pelli e pellicce, mantelli di piume e
Riverito Oratore scende insieme ai Guerrieri maschere decorate con piume e conchiglie di
Divini e a un prigioniero per nutrirla e aggiungere fattura india, quadri e arazzi di fattura europea
nuove parti. trafugati dai musei, preziosi oggetti liturgici
trafugati dalle chiese. I templi della capitale
Quartiere dei Templi contengono pezzi razziati ai musei, alle collezioni
Al centro della città, attorno a quella che un private, alle chiese e perfino agli sventurati
tempo era la piazza della Costituzione, si trova il esploratori statunitensi, tutti portati a
cuore pulsante di Tenochtitlán. Dove svettava la Tenochtitlán dai fedeli.
cattedrale della città ora sorgono due massicce
piramidi a gradoni; la chiesa è stata usata come Tempio dei Crani
nucleo della nuova costruzione finendo ricoperta Infine, nel quartiere dei templi si trova anche il
da blocchi di pietra, carichi di terra e cemento, Tempio dei Crani, un padiglione con le pareti
ma le sale interne della cattedrale sono ancora coperte di Tomanti su cui però sono inchiodati i
raggiungibili e usate dai Tlatholli per conservare teschi delle vittime sacrificali, ripuliti delle parti
gli oggetti più preziosi e celebrare i rituali più molli; nonostante il Tribunale abbia meno di
segreti. Tutti gli edifici dell’arcidiocesi sono tredici anni d’età, ce ne sono già molte migliaia
scomparsi, o perché coperti o perché demoliti. che tappezzano quasi completamente l’interno
Il Tempio Maggiore è formato da due piramidi della costruzione. Nei diversi templi, nei santuari
gemelle, poste una di fianco all’altra – divise l’una e negli altri edifici all’interno del quartiere dei
dall’altra solo da una stretta fessura – templi si svolgono regolarmente dei rituali
sormontate da due tempietti separati. I due previsti da cerimonie fissate dal calendario
templi sulla sommità sono dedicati azteco.
rispettivamente a Huitzilopochtli e Tezcatlipoca.
A differenza dell’antichità non ci sono, però, più Mercato di Tlatelolco
immagini di serpenti in nessun tempio; sono state Qui arrivano quotidianamente migliaia di persone
sostitute con quelle di aquile, giaguari, colibrì e a mercanteggiare. Ci sono tutti i generi di merce
altri animali. che si possono trovare nel territorio: stoffe,
I templi principali svettano sulle mura e si gioielli, ornamenti di piume, ogni sorta di oggetto
specchiano nelle acque dei canali e della laguna, in ceramica. Ci sono venditori di cacciagione con
assieme ad altre innumerevoli costruzioni di varia gabbie di vimini piene di quaglie, pernici, anatre
grandezza, dedicate a diverse divinità. I fedeli vivi selvatiche, piccioni, tortore, pappagalli, gazze e
o morti si riuniscono in grandi saloni colonnati, tacchini.
lungo le cui pareti si trovano delle panche in Ci sono banchi di macelleria dove sono esposte
muratura decorate a rilievo. Nel quartiere dei carni di daini, caprioli, lepri, conigli, ghiri, cani. Ci
templi di Tenochtitlán c’è anche il campo sono banchi di fruttivendoli su cui sono esposte:
sportivo, un rettangolo allargato alle due cipolle e agli, cardi, cesti pieni ciliegie rosse e
estremità. Il campo da gioco è circondato da prugne. Ci sono banchetti che vendono miele
pareti pendenti, sulle quali i partecipanti, divisi in d'api, cera di favo, miele di canna di granturco,
due squadre, possono colpire la pesante palla di miele di agave, vino di agave, candele e
gomma solo con i fianchi. Lo scopo è di centrare saponette. Spostate vicino ai canali ci sono
con la palla uno dei due cerchi di pietra posti al pescherie che espongono pesci, crostacei e rane.

22
Nelle pescherie si vende anche uno strano caviale Molto importanti sono anche i riferimenti alla
di uova di rane. Sulla piazza si affacciano divinità Coyohauhqui, rappresentata in grandi
botteghe di erboristi dove però si vendono anche sculture e che, secondo il mito, è stata fatta a
farmaci moderni, lì radici e le piante medicinali pezzi in duello dal proprio fratello Huitzilopochtli
sono esposte insieme a vasi di prodotti chimici, sulla montagna Coatpetl: il tempio è considerato
botteghe dei barbieri, piccoli alberghi; ristoranti il luogo della seconda incarnazione del Colibrì del
all'aperto, dove le donne servono zuppe, verdure, Sud.
piatti di carne, tazze di xochoalo (una bevanda a
base di cacao e farina di mais sciolti in acqua Sala di Mailnalco
calda), liquore d’agave e sciroppo di mais. I Guerrieri Divini della città talvolta si riuniscono
nella sala di Mailnalco, un tempio unico nel suo
Segreti genere perché in parte scavato nella roccia; lì non
Le camere segrete, il fondo dei canali e del lago si sa cosa avvenga: si parla di riunioni segrete o di
nascondono segreti aberranti e mostruosi. strane cerimonie, ma nessun vivente sa cosa
Il lento innalzarsi del livello dell’acqua e succeda realmente in quell’antica costruzione.
l’interramento di molti edifici hanno permesso la
costruzione di numerosi luoghi segreti. Ci sono Texcoco
chiese coperte dalle acque del lago o interrate Il territorio governato da Texcoco, denominato
sotto tumuli, terrapieni e piramidi. Questi luoghi Colhuacan, occupa la parte nord-orientale del
nascosti adesso accolgono riunioni di culti segreti bacino ed è per grandezza la seconda porzione
o laboratori, dove sono compiuti aberranti della pianura coltivabile, nonostante i disastri del
esperimenti e nefandi rituali esoterici. Alcuni di giorno del giudizio in città abitano ancora migliaia
questi posti sono raggiungibili da cunicoli di persone impiegate per lo più nelle industrie
sotterranei che partono dalla città. Per arrivare tessili e nell’agricoltura. Attorno alla città ci sono
ad altri bisogna camminare lungo ispidi sentieri campi di il mais, i fagioli e la zucche; in città ci
su un fondale infestato da Morti. sono stabilimenti per la lavorazione della lana,
Effettivamente la quantità di Morti e Vivi gettati della pelle e delle piume d’uccelli. La città fino al
nelle acque della città, dopo essere stati trattati 1956 era governata dal Riverito Oratore
dal Riverito Oratore, sta aumentato Nezahualcoyotl, membro della casta dei Tlatholli
vertiginosamente negli ultimi anni. Alcuni e valoroso guerriero. Nezahualcoyotl è stato
Sciamani del Coyote hanno provato a concentrare distrutto durante un’incursione fallita in
la propria attenzione sui Morti inferiori, sempre Territorio Cattolico nell’estate 1956.
più numerosi, che negli ultimi mesi hanno Nezahualcoyotl è stato prontamente sostituito da
cominciato a gettarsi spontaneamente nel lago e Nezahualpilli, Riverito Oratore di Texcoco
sulle sparizioni di abitanti viventi della città. nell’antichità e contemporaneo di Motecuhzoma
Tuttavia sono stati zittiti con un gesto della mano al tempo della loro vita mortale.
incartapecorita del Riverito Oratore. In verità sul Nezahualpilli in vita è stato un politico scaltro e
capo di Tenochtitlán pende una vera e propria cinico e un grande uomo di teatro, era riuscito a
Spada di Damocle. Se Motecuhzoma dovesse crearsi una fama di necromante e profeta ed era
perdere il controllo di ciò che sta plasmando sul riuscito a sottomettere Motecuhzoma fingendosi
fondale della città, neanche i poteri congiunti dei sottomesso e sfruttando il timore superstizioso
tre reggenti potrebbero salvare quel luogo. che quest’ultimo provava per i presagi di
Molti sanno che secoli fa il sito in cui costruire sventura. Dopo il Giorno del Giudizio
Tenochtitlán è stato indicato agli aztechi da Nezahualpilli trovò Motecuhzoma molto
un’aquila che divorava il serpente, ma alcuni cambiato ed ebbe la prontezza di capire che il suo
pensano che si tratti di una profezia che deve vecchio discepolo era meno ingenuo in fatto di
ancora essere compiuta e che la città stessa sarà magia di quanto ricordasse, perciò decise di
l’arma finale contro il Serpente Piumato. defilarsi senza però mostrarsi irrimediabilmente e
definitamente ostile a Motecuhzoma.
I Dintorni di Tenochtitlán Huitzilopochtli era venuto in qualche modo a
sapere che Nezahualpilli in vita fosse un
Coatpetl ciarlatano che si dava arie di dominare vivi e
23
morti e di spingere il suo sguardo nel passato e che lo portò sul trono della sua città natale:
nel futuro perciò lo sdegnò apertamente fin da Tlacopan. Chichimecatzin: ha uno strano potere,
subito. Nezahualpilli evitò accuratamente di dare una bizzarra forma di onniscienza: quando lui
altri motivi di biasimo al Signore della Luce del parla chi lo ascolta lo capisce immediatamente,
Giorno ma si mise al servizio di Tezcatlipoca per capisce il significato, perciò lo sente parlare non
ottenere protezione. Nezahualpilli dopo il solo con la lingua che gli è più congeniale ma
risveglio ha infatti ottenuto un dono anche col frasario e l’accento più adatto a
indispensabile allo Specchio Fumante ed esso uno rendere l’idea. A sua volta Chichimecatzin
dei motivi per cui tutti gli attacchi dei Ribelli e dei quando sente parlare qualcuno a prescindere
Cattolici sono sempre falliti. Nezahualpilli è in dalla lingua percepisce le parole come se fossero
grado di maledire vaste aree in modo che pronunciate in nahuatl della sua epoca col
qualunque congegno più complicato di una dialetto di Tlacopan e col gergo tipico dei
balestra o di una carrucola smetta di funzionare: mercanti, inoltre Chichimecatzin capisce alla
le trasmissioni s’interrompono, i veicoli si perfezione il significato di qualunque segno o
bloccano, le armi da fuoco non sparano. È stato forma di comunicazione umana: capisce
grazie a Nezahualpilli se lo squadrone dei Falchi istintivamente a cosa serve un utensile o un
Rossi è stato dimezzato nel 1946. oggetto anche se non è capace di ripararlo o di
Nezahualpilli ha manipolato il consiglio di usarlo alla perfezione, capisce il significato di
Texcoco per farsi eleggere Tlatoani sfruttando la un’opera d’arte come l’ha inteso il suo creatore e
confusione e l’incertezza seguita alla scomparsa sa interpretare tutte le scritture umane e tutti i
di Nezahualcoyotl, e riuscì persino a guadagnare codici gestuali, anche se in realtà capisce sempre
l’appoggio di Motecuhzoma facendogli notare e solo il significato che ha voluto dare il mittente.
che necessitava di un alleato influente almeno Chichimecatzin adora ammucchiare richezze e
quanto Chichimecatzin, Riverito Oratore di godere della venerazione dei viventi più di
Tlacopan. quanto ami banchettare con carne umana.
Chichimecatzin non è affatto popolare tra i
Tlacopan sacerdoti ed è disprezzato apertamente da
Tlacopan (“pianta florida su una terra piana”), Motecuhzoma per le sue origini e i suoi modi
chiamata anche Tacuba, era una città tepaneca plebei ma d’altra parte il Riverito Oratore di
situata sulla sponda occidentale del Lago Tlacopan è uno dei più preziosi e fidati
Texcoco, nell’attuale Messico. collaboratori dello Specchio Fumante ed è
Fu fondata da Tlacomatzin nei pressi della riuscito ad accattivarsi le simpatie del Signore
capitale dell’impero tepaneco, Azcapotzalco, e a della Luce del Giorno con una politica tesa a
essa fu economicamente subordinata. Perciò, pur “rieducare i cittadini”.
avendo vissuto periodi di grande splendore, il suo
sviluppo fu fortemente limitato da tale Gerarchia
vassallaggio. Il Tlatoani, che in lingua nahuatl significa riverito
Nel 1434, perciò, Tlacopan si legò in una triplice oratore, è il titolo con il quale veniva designato il
alleanza con le città di Tenochtitlán e Texcoco per sovrano di alcuni particolari e importanti
lanciare l’assedio ad Atzcapotzalco e altepeme (plur. di alepetl), l’entità politica
conquistarne il dominio. L’Alleanza ebbe fine solo territoriale delle genti nahua, basata sull’identità
quando, nel 1521, i conquistadores di Hernán etnica. L’altepetl comprende la città e il territorio
Cortés fecero irruzione in America centrale e da essa governato.
misero fine alle civiltà nahua. All’interno dell’altepetl la popolazione è suddivisa
Oggi Tlacopan è governata da Chichimecatzin, in in calpulli, gruppi di famiglie unite da legami di
vita era un semplice mercante ma nel giorno del sangue.
Giudizio ebbe la fortuna di risvegliarsi con il suo Il titolo di Tlatoani è attribuito ai regnanti delle
intelletto nella collezione d’arte privata di un altepeme di Tenochtitlán, Tlatelolco, Tlacopan e
ricco criminale in una villa non lontano da Città Texcoco.
del Messico. Chichimecatzin divorò il suo ospite e Attorno al 1420 Tenochtitlán, Tlacopan e Texcoco
prese possesso della villa e si mise alla testa dei costituirono una lega chiamata in nahuatl Ēxcān
sopravvissuti, di lì cominciò l’irresistibile ascesa Tlahtōlōyān, ovvero Tribunale dalle Tre Sedi, lega

24
che all’inizio era paritetica, ma in poco tempo sacerdotale, i quali la suddividono assegnando a
vide emergere la supremazia di Tenochtitlán, al ciascun calpulli l’estensione necessaria a
cui sovrano, e solo a quello, venne riconosciuto il sostenere i suoi membri: a ciascun capofamiglia
titolo di Huey Tlatoani, cioè Riverito Oratore. viene concesso l’uso di una porzione di terreno
Il Tlatoani è il sommo sacerdote e il capo militare sufficiente alla sopravvivenza della sua famiglia
della propria altepetl, è inoltre considerato il loro nonché a produrre i beni per sostenere i
comandante in capo delle forze armate. Il sacerdoti e lo Stato.
Tlatoani può prendere ogni sorta di decisione, Ai calpulli della città di Tenochtitlán sono
dalle tasse alla guerra, riguardante la propria assegnati appezzamenti posti sulle chinampas,
altepetl. Nei giorni dell’antico Ēxcān Tlahtōlōyān isole galleggianti nel lago Texcoco.
il Tlatoani veniva eletto fra i membri della Queste isole artificiali sono state ricostruite
famiglia reale da un Consiglio degli Anziani che secondo l’indicazione dei Tlatholli puntellando
comprendeva nobili e sacerdoti; la durata della con pali piantati sul fondo del lago, che ha un
carica di Tlatoani era a vita: dal momento livello molto basso, fasci di canne sulle quali viene
dell’elezione sino alla morte. Dopo il Giorno del poi depositato fango fertile prelevato dal fondo.
Giudizio sono i Morti della casta dei Tlatholli del Dagli anni Cinquanta il Tribunale dalle Tre Sedi è
loro altepetl natale a eleggere tra loro un una federazione di Stati indipendenti tributari
Tlatoani, questo almeno in teoria: Motecuhzoma dello Stato azteco e della sua capitale
ha preso il potere con la forza e lo ha consolidato Tenochtitlán.
in seguito appoggiando lo Specchio Fumante. Ironicamente Motecuhzoma è riuscito a coronare
Il Tlatoani in tempo di guerra è responsabile della il suo sogno di accentrare tutto il potere sulla sua
direzione diplomatica, strategica e tattica della persona solo dopo la sconfitta e la morte e
guerra. Il Tlatolani gestisce anche l’intelligence; ci purtroppo ancora oggi deve lavorare di concerto
si aspetta da lui che elabori strategie e piani di con due suoi pari.
battaglia dopo aver ricevuto e vagliato le I popoli sottomessi alla Ēxcān Tlahtōlōyānoyan,
informazioni dai vari esploratori, messaggeri, ridisegnata da Motecuhzoma II, non entrano a far
spie, che sono stati infiltrati in territorio nemico. parte del Tribunale con tutti i diritti, ma
Il potere centrale è detenuto dal Riverito Oratore, nemmeno rimangono indipendenti come
che è affiancato da un consiglio composto da nell’antichità, diventano meri tributari della
quattro membri della sua stessa famiglia, triplice alleanza, soprattutto nei confronti della
ciascuno dei quali è anche un’alta autorità predominante Tenochtitlán: il Tribunale esige
militare. pesanti tributi dagli sconfitti. I tributi più pesanti
Il consiglio ha anche potere amministrativo e e odiosi sono quelli in esseri umani da destinare
giudiziario; il membro più importante del alla schiavitù, ai sacrifici e soprattutto
consiglio porta anche il titolo di Cihuacoatl, cioè all’alimentazione dei Morti, atto per il quale la
Donna-Serpente, nome di una divinità scelta cade irrimediabilmente su elementi di
appartenente alla mitologia religiosa degli spicco delle città sottomesse.
Aztechi, la dea della fertilità che impastando la A parte le catture effettuate durante le
cenere con il suo sangue dette origine alla stirpe periodiche Guerre dei Fiori, la cui cadenza è
umana del quinto sole, l’era in cui vivevano gli prefissata e in qualche modo accettata, possono
Aztechi del XV secolo. essere comunque organizzate spedizioni belliche
Tranne che per Tenochtitlán (dove Motecuhzoma nei confronti dei tributari in caso di necessità. Dal
domina col pugno di ferro, forte dei suoi Guerrieri 1948 il Tribunale ha avuto bisogno di ricorrere a
Divini) per ogni decisione ci si aspetta che il questo metodo essendo impegnato in una
Tlatoani consulti il Cihuacoatl e il suo parere è interminabile guerriglia contro Cattolici, Ribelli e
considerato vincolante. Desperados.
A parte alcune eccezioni, a ogni calpulli viene Quando nel 1950 Motecuhzoma II fece
assegnata una porzione di terra coltivabile da inaugurare la nuova “riedificazione” del Templo
suddividere tra i suoi membri. Mayor di Tenochtitlán, occasione assolutamente
Per i membri più antichi e rispettati della casta straordinaria, molte furono le vittime sacrificate e
dei Tlatholli, la terra coltivabile non è un bene di queste la maggior parte pare fossero cattoliche
personale, ma proprietà dello Stato e della casta di etnia ispanica.

25
Non solo, per diminuire l’onerosità del carico insieme a legni aromatici e quipal.
tributario che gravava sui cittadini, una parte di Il sacerdote Xipetótec indossa la veste di carne
esso fu spostato sui nemici esterni: Cattolici e umana fremente per la fame finché non si
Ribelli. dissolve per effetto della putrefazione.

Yopitzingo Il Dio Scorticato nella Realtà


Uno dei territori di recente sottomissione è la Il Dio Scorticato è un Morto, probabilmente della
provincia tributaria dello Yopitzingo; casta dei Mali che risiede ad Acapulco: la sua
immediatamente a est del porto di Acapulco si unica occupazione è catturare umani e scorticarli,
trova il territorio degli Yopi. Questi uomini vivono possiede la capacità di assumere l’aspetto delle
allo stato tribale e si distinguono più che altro per sue vittime indossando la loro pelle, grazie a
la loro particolare devozione al culto di Nostro questo potere è imprendibile.
Signore Scorticato. A differenza dei sacerdoti non si preoccupa di
distruggere gli scorticati, per questo nei dintorni
Xipetótec, il “Dio Scorticato” di Acapulco è possibile imbattersi in cadaveri privi
Questa divinità, come dimostrano i resoconti di pelle e coperti di sangue rappreso.
delle cerimonie che si tenevano in suo onore, era Il Dio Scorticato difficilmente attacca gli uomini di
venerata quasi allo stesso modo dai Mexica, sangue Yopi e non attacca mai i devoti a
tanto che i sovrani mexica andavano perfino in Xipetótec; questo suo modo di fare sta
battaglia rivestiti delle sue insegne. Ma i trasformando Acapulco e la sua popolazione in
sentimenti di deferenza per il Dio Scorticato non qualcosa di grottesco e maligno: i maggiorenti
impedirono agli Aztechi di conquistare il territorio come atto di devozione al dio indossano pelli di
dei suoi fedeli. Le loro terre, al momento della gringos frementi come accessori del loro
Conquista, si erano ridotte a tal punto da non abbigliamento e ogni volta che possono i cittadini
costituire più una seria minaccia militare e placano il nume scorticando un prigioniero.
tuttavia non furono mai assoggettati da
Motecuhzoma; oggi Motecuhzoma è riuscito a Guerre dei Fiori
piegare, almeno in apparenza, gli abitanti di I guerrieri assaltano un obiettivo e cercano di
questa regione e a stringerli tra le sue mani prendere quanti più prigionieri possono tra le
ossute. persone più belle e di rango più elevato: i
Dopo la Conquista la popolazione della città è guerrieri, vivi o morti, che partecipano alle
tornata spontaneamente al culto di Xipetótec Guerre dei Fiori pensano da una parte che morire
(“nostro signore scorticato” in lingua nuhalli). sacrificati sia un onore da non concedere a tutti,
Viene venerato come uno degli aspetti del dall’altra ritengono che gli dei meritino soltanto
Texcatlipoca rosso, dio dell’est, la parte maschile le vittime migliori.
dell’universo, la regione della giovinezza e della I prigionieri vengono storditi, legati e portati a
rinascita, dell’abbondanza, del mais tenero, forza nella città più vicina, condotti sulla cima
dell’amore e degli orafi. della piramide; il loro cuore palpitante viene
Dopo il Giorno del Giudizio all’equinozio di estratto e i loro corpi smembrati prima del
primavera, un giovane, scelto per la sua bellezza, risveglio, i tranci di carne viva vengono sbranati
veniva scuoiato vivo in olocausto a Nostro dai Morti appollaiati sui gradoni delle piramide
Signore Scuoiato. mentre altri tagli vengono arrostiti e distribuiti ai
Il cerimoniale eseguito oggi prevede che il devoti assiepati alla base della piramide.
giovane sia trattato con tutti gli onori per un Le Guerre dei Fiori sono viste dalla popolazione
anno, come un principe di sangue reale. In urbana come un momento per farsi un’abbuffata
occasione della festa di Xipe il giovane viene di carne così finisce che Vivi e Morti sono uniti in
condotto alle rovine fuori Acapulco e scuoiato e questo blasfemo rituale.
la sua pelle ancora fremente viene dipinta color Il Giorno del Fuoco
giallo oro e indossata dal sacerdote del culto del Nezahualcoyotl, riverito oratore di Texcoco per
dio, a significare che la natura si veste della sua oltre dieci anni e Flagello delle Terre Cattoliche
nuova giovane e bella veste primaverile. Il corpo partì, nel giorno dei morti per l’ennesima Guerra
scuoiato invece viene bruciato in olocausto al dio dei Fiori in territorio Cattolico ma non tornò né
26
lui, né nessuno tra quanti, Vivi e Morti, lo interrogati dal nuovo Il Tlatoani , risposero tutti
avessero seguito oltre i confini. I Sacerdoti di che il Signore Venuto dall’Est aveva sommerso
Texcoco cominciarono a mormorare che avesse Nezahualcoyotl con una pioggia di fuoco e
offeso il dio Xiuhtecuhtli del quale non era stato polvere.
né devoto né rispettoso vista la sua ossessione
per Huitzilopochtli e in effetti prigionieri cattolici

27
“… Chiunque sia all’ascolto è pregato di informare del contenuto di questo messaggio tutte le persone di sua
conoscenza e di eseguire da questo momento tutte le istruzioni alla lettera.
Che la parola di Tezcatlipoca possa guidare la vostra anima.”

Solo qualche mese prima, un simile comunicato sarebbe stato niente più che uno scherzo. Di pessimo
gusto, ma solo uno scherzo. Il Governo avrebbe stanato i responsabili e li avrebbe puniti.

Ma il 9 agosto del 1944, in Messico non esisteva più un Governo. Naturalmente a Lazaro Reymundo Muñoz,
arcivescovo di Monterrey, la cosa non dispiaceva affatto. Del resto, non è forse scritto nell’Apocalisse di
Giovanni che i re della Terra, prostituitisi con Babilonia, alla fine dei tempi cadranno tutti? Anche questo
nuovo “re”, l’ultimo, avrebbe seguito gli altri, però fino allora occorreva che il popolo di Dio rimanesse
saldo nella Fede e unito negli intenti. Doveva essere così, altrimenti non sarebbero stati pronti. Dovevano
essere illuminati e lui era l’unica persona in tutto il Messico che avrebbe potuto farlo. Era suo preciso
dovere.

Qualche ora dopo, in una chiesa gremita di rifugiati cattolici, l’arcivescovo officiò personalmente la Messa.
In molti ne furono stupiti, ma non dovettero attendere molto prima di scoprirne il motivo. A fine funzione
Lazaro parlò a quello che, a breve, sarebbe stato il suo gregge:

“Cari fratelli e sorelle, cari figli di Dio, i tempi che stiamo vivendo sono per noi una prova. È Dio che ci mette
alla prova, che saggia la nostra Fede. Lo so fratelli e sorelle, abbiamo già sofferto tanto. Chi di noi non ha
perso un proprio caro, o un proprio amico, sotto lo scellerato dominio del PNR? Ma gioite, Dio ha punito
quei miscredenti! Il PNR e tutti i suoi funzionari sono stati spediti all’Inferno! Perché i Giorni stanno per finire
e a breve Gesù Cristo ritornerà tra noi, per condurre i Giusti nell’Alto dei Cieli a ricevere la Benedizione
Eterna!
Tutto ciò, fratelli e sorelle, è chiaro a chi sa leggere i segni, a chi è puro di Cuore. Lasciate che vi spieghi: nel
libro di Giovanni è scritto che prima della fine dei Giorni cinque re saranno già caduti. E non è forse vero che
il Messico ha avuto cinque dominatori caduti nel corso della sua storia? Pensateci fratelli e sorelle!
I primi furono i pagani che abitavano questa terra. Ai loro re furono offerti la Redenzione e il Battesimo, ma
li rifiutarono. Furono distrutti.
I secondi furono i re di Spagna. A lungo oppressero i poveri e gli innocenti solo per il loro bene. Furono
scacciati.
I terzi furono i primi presidenti della Repubblica. Incapaci di difendere il proprio popolo dalla malattia e
dall’avidità delle altre nazioni. Furono sconfitti.
Il quarto fu Massimiliano d’Asburgo, il cui indegno Impero Messicano non durò che pochi anni. Fu ucciso.
Il quinto fu il Presidente Diaz. La sua ricerca della modernità divise in due il popolo, portando più dolori che
benefici. Fu esiliato.
Capite? I cinque re sono già caduti! È scritto che all’inizio dell’Apocalisse il sesto re sia in carica. E chi altri
può essere il sesto re, se non il Partito Nazionale Rivoluzionario? Quando iniziarono gli Ultimi Giorni, ormai
più di un mese fa, loro ancora dominavano questo Paese. E ora? Distrutti, spariti come se non fossero mai
esistiti! Anche il sesto re è caduto. Ma egli non è l’ultimo, poiché è scritto che ve ne sarà un settimo.
Non fidatevi del demone che governa su Città del Messico, non seguite le sue leggi e non chiamate “fratelli”
i suoi servi. Poiché egli non è altri che l’Anticristo, il nemico di Dio, il settimo e ultimo re e il tentatore di noi
mortali. Ed è scritto che il suo regno sarà breve.
Che la vostra Fede sia salda, perché per corrompervi, vi farà promesse suadenti. Che la vostra Fede sia
salda, perché per corrompervi, vi scatenerà addosso gli orrori del Tartaro. Pregate per le anime dei vostri
cari morti di recente, poiché Satana se n’è impadronito e le sta usando per i suoi scopi malefici. Solo
scacciandolo da questa Terra potrete liberarli e donargli l’eterno riposo. Solo scacciandolo da questa Terra
farete il volere di Dio e vi guadagnerete il diritto di godere in eterno della Beatitudine del Signore.
Dimostrategli che non saranno delle vecchie superstizioni pagane a sconfiggere l’unica Verità. La Chiesa ha
già battuto in passato queste stregonerie e, sotto il Segno della Croce, le batteremo ancora, non una ma
cento, mille volte se necessario! Chi crede in Dio, chi invoca la benedizione della Madonna, ha già tutte le

28
armi che gli servono per battere il Male. Chi ha Fede nel nostro Signor Gesù Cristo non teme nemici e non
teme la morte, poiché sa che con essa giungerà la Felicità Eterna!
Ora andate, fratelli e sorelle, salvate il Messico e il suo popolo. Salvate il popolo di Dio. Nel nome del Padre,
del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.”

29
in guai troppo grossi per loro. La gente tornò ad
Fazione Cattolica aiutarsi e le comunità che erano riuscite a
sopravvivere si fortificarono, spesso isolandosi
Capo Fazione: Lazaro Reymundo Muñoz. dal mondo attorno a loro.
Struttura Sociale: teocratica, dominata dalla Quando pochi mesi dopo l’arcivescovo di
gerarchia ecclesiastica messicana. Monterrey tenne il suo discorso ai profughi che
Religione/Cultura: cattolica. invadevano la città, mettendosi al loro servizio in
Rapporto Vivi/Morti: ostile, i Morti sono qualità di pastore, si accese un lumino di
considerati abomini. speranza per molti. Partendo da Monterrey e
Territorio: occupa buona parte del Messico viaggiando rigorosamente a piedi e di bocca in
settentrionale. bocca, la volontà dell’arcivescovo di guidare il
Il Giorno del Giudizio colse impreparato il Popolo di Dio verso la Salvezza incominciò pian
Governo messicano, che non riuscì a contenere il piano a riunificare i superstiti e a ricollegare le
fenomeno del Risveglio. Nel giro di qualche comunità. Per molti, i mesi di terrore non
settimana, Città del Messico fu invasa da orde di divennero altro che una sanguinosa parentesi
Morti e ben presto sulle labbra dei sopravvissuti nella sempre turbolenta storia del Messico. Per
iniziò a circolare un nome antico: Tezcatlipoca. tutte queste persone il Messico non era mai
Dal Presidente ai ministri, passando per scomparso.
funzionari, generali di armate e semplici
segretari, la struttura politica messicana fu Monterrey
fagocitata da un’antica Nazione. L’avanzata delle
Monterrey fu una delle pochissime grandi città
armate di Tezcatlipoca e dei suoi servi però non
messicane a sopravvivere alla furia dei Morti. Ciò
proseguì molto più a nord della rifondata
fu possibile soprattutto grazie ad alcune unità
Tenochtitlán, si diresse a sud, verso le terre che
dell’Esercito messicano rimaste in città. A
un tempo formavano l’antico impero dei Mexica.
differenza delle piccole comunità fortificate, che
Fu solo per questo motivo che il Messico del nord
ormai costituivano i centri abitati di tutto il
fu temporaneamente risparmiato dalla furia degli
Messico (paesini, missioni francescane,
antichi abitanti dell’Unico Mondo.
haciendas…), Monterrey vantava migliaia di
Senza più un Governo centrale i messicani, come
abitanti, edifici in ottimo stato di conservazione,
tanti altri popoli nello stesso periodo, persero
ospedali funzionanti e persino l’energia elettrica.
gran parte delle inibizioni che regolano e di fatto
Una sorta di Paradiso in mezzo a terre così
permettono una società civile. Il concetto di
devastate. Inizialmente in città il comando delle
“bene comune”, che fino a qualche giorno prima
forze armate era assegnato ai singoli comandanti
dominava pienamente le loro vite grazie alla
delle varie unità, ma a partire dal 1949 il
continua propaganda del Partito Nazionale
comando generale passò a Caino de Chapas.
Rivoluzionario, divenne alieno e ognuno pensava
Benché malvisto dall’arcivescovo, Chapas era un
alla sopravvivenza propria e dei propri cari. Un
eroe agli occhi del popolo e sicuramente ne aveva
turbine di violenza si scatenò sugli inermi e su
a cuore il destino, ciò lo rendeva l’unica persona
coloro che non furono abbastanza lesti a reagire.
in grado di mantenere un ordine di ferro senza
Le risse e gli omicidi non facevano che aumentare
apparire come un despota.
le fila dei Morti e piuttosto che risolvere i
problemi, li aumentavano. In poche settimane,
L’unificazione
sembrava che il mondo stesse per finire.
Dal momento che la stragrande maggioranza dei
Paradossalmente, furono gli stessi Morti a
messicani era cattolica, moltissime comunità
impedire ai vivi di autodistruggersi.
tornarono rapidamente in seno all’arcivescovo.
Migliaia di cadaveri divorarono centinaia di
Entro il Natale del 1944, quasi tutti i gruppi di
paesini e città, aumentando di fatto le distanze
sopravvissuti dello Stato di Nuevo Leòn e metà di
tra singoli centri abitati e l’affollamento delle
quelli degli Stati di Tamaulipas e Coahuila si
persone. I sopravvissuti si accorsero che il
sottomisero all’autorità dell’arcivescovo.
numero dei Morti stava pericolosamente
I problemi vennero in seguito. La maggior parte
raggiungendo quello dei Vivi e i più facinorosi
dei rifugi più isolati erano definitivamente
finirono vittime della propria violenza, ficcandosi
scivolati nell’anarchia e non avevano nessuna
30
intenzione di sottostare a chicchessia. Altri gruppi Unificazione. Contrariamene allo scetticismo di
di sopravvissuti, e addirittura intere città, erano molti, furono tante le Sorelle che decisero di
formati da persone che sostenevano imbarcarsi in questo compito. Naturalmente
ferocemente il vecchio Governo, ora di fatto anche loro erano armate, pronte a difendere la
dichiarato illegale dall’arcivescovo e osteggiato in propria vita e il Popolo di Dio.
qualunque modo. Per finire, molte comunità
erano veri e propri nidi di banditi abitati per lo La purificazione di Chihuahua
più da delinquenti che non avevano alcun Quando i missionari dell’arcivescovo giunsero a
interesse a far parte di uno Stato dotato di leggi e Chihuahua nel 1950, si trovarono di fronte a un
forze dell’ordine. All’arcivescovo fu subito chiaro incubo: la città era l’antitesi di Monterrey,
che non tutti gli uomini potevano apprezzare la mentre la sede dell’arcivescovato era ordinata e
Parola di Dio, ma forse alcuni di loro ne pacifica, a Chihuahua mancava ogni forma di
avrebbero potuto temere l’Ira. La necessità di governo. Si potrebbe dire che la città era la
espandersi e riconvertire questi infedeli spinse quintessenza del vizio, del crimine e del degrado.
quindi la Chiesa a dotarsi di soldati. Alcuni di essi La gente periva in stupide liti, o moriva di stenti
erano veri e propri militari, altri erano semplici sfruttata in modo inumano dai malfattori al
bruti in vena di menare le mani. Costoro furono il potere, molte donne erano maltrattate e
nucleo attorno al quale venne rifondato l’Esercito costrette a vendersi per sperare di sopravvivere
Messicano. ancora un giorno in quell’inferno maleodorante.
L’Esercito iniziò ad assaltare banditi, facinorosi ed Chihuahua non era stata spazzata via dalla fame
eversori e, data la grande disparità di forze, dei Morti grazie all’intervento occasionale di
prevalse sin da subito. Chi non avesse abbracciato alcune bande di luchadores e ai biechi
il nuovo Messico, sarebbe stato giustiziato, divertimenti di ribaldi e biscazzieri, che
perché colpevole di voler trascinare il Popolo di organizzavano incontri clandestini tra umani e
Dio nella perdizione. L’effetto di questi assalti fu Morti usando qualunque cadavere gli capitasse a
persino maggiore rispetto a quanto sperato. tiro. Dei vari gruppetti di missionari che giunsero
Quanti si opponevano all’arcivescovo iniziarono a in città, solo uno riuscì a tornare a Monterrey per
spostarsi verso ovest e verso sud, poiché era riferire ciò che aveva visto. L’arcivescovo
chiaro che non avrebbero potuto resistere sia comprese di aver trovato l’incarnazione di
all’Esercito che ai Morti. Lungo il loro cammino, Babilonia e inviò l’Esercito a purificare
trovarono altre comunità in cui insediarsi, altri Chihuahua.
“compagni” con cui organizzare una ribellione o L’Esercito dell’arcivescovo arrivò in città e, non
semplicemente altri innocenti da vessare. essendovi nessuno che rappresentasse
Il processo di unificazione proseguì, anche se più Chihuahua e i suoi abitanti, dichiarò
lentamente. Man mano che i missionari semplicemente che ora faceva di nuovo parte del
portavano la parola dell’arcivescovo a gruppi di Messico. Naturalmente, una buona fetta della
sopravvissuti più o meno organizzati, popolazione vide l’arrivo dell’Esercito come una
incontravano sempre più resistenza e maggiori benedizione, non tutti però ne erano così
pericoli. entusiasti… Poteva sembrare che la città fosse
stata conquistata ma non era così. L’Esercito
Gli ordini militari faticò molto nel tentativo di portare l’ordine e la
A causa dei moltissimi pericoli a cui si andava legge in quella cloaca di vizi e corruzione e, anche
incontro, molti missionari chiesero di essere dopo anni di tentativi, il controllo dell’arcivescovo
accompagnati da uomini armati, per evitare la sulla città rimase flebile.
Fame dei Morti o di essere derubati dai
Desperados. La soluzione dell’arcivescovo fu Sette eretiche
forse eccessiva: oltre a rifondare l’Esercito, diede Come se i problemi in cui si incappava durante
il permesso agli uomini di Chiesa di portare con l’Unificazione non fossero sufficienti, sorsero
sé delle armi, a patto che le usassero unicamente nuovi ostacoli sul cammino dei Cattolici.
per legittima difesa. Inoltre, decise che non solo Soprattutto nelle zone confinanti con le terre non
preti, gesuiti e domenicani, ma anche le suore ancora unificate germogliarono strane eresie.
avrebbero potuto partecipare alle missioni di Lungo il confine occidentale si diffuse il culto
31
legato alla Santa Muerte, propagato da un strane storie, storie di esseri in parte uomo e in
prelato chiamato Padre Gustav. Lungo il confine parte animale, dalla forza impareggiabile e
meridionale, invece, prese largamente piede una dall’aspetto terribile. Talvolta capitava che vicino
confessione nota come “Martiri del Nuovo ai cancelli delle mura di queste comunità venisse
Cristo”. Costoro erano convinti che il morto ritrovato un simbolo a forma di croce, tracciata
chiamato Huitzilopochtli, figura di rilievo del col sangue degli scomparsi.
regime azteco, fosse l’incarnazione di Cristo e Era chiaro che i Signori dell’Unico Mondo
quindi lo veneravano, fondendo la religione avevano posato i loro occhi sulle terre cattoliche.
cattolica con quella degli Aztechi. L’arcivescovo vide in questi attacchi un modo per
fiaccare il morale del popolo e decise di
La Santa Muerte rimandare temporaneamente l’Unificazione per
Il culto della Santa Muerte è un’eresia nata spostare l’Esercito in quelle terre, a proteggere i
all’interno della Chiesa cattolica messicana pochi suoi fedeli. Purtroppo, non poteva colpire
anni dopo il Giorno del Giudizio. I membri di d’anticipo i suoi nemici, visto che ignorava come
questo culto venerano, oltre ai santi normali, fossero organizzati, quindi decise che prima di
anche la Santa Muerte, spesso chiamata la scendere in guerra avrebbe dovuto colmare
Madonna della Morte. La Santa Muerte è questa lacuna. Furono organizzati dei piccoli
rappresentata come una Madonna ma con mani gruppi d’azione da infiltrare nel territorio
e viso scheletrici. I fedeli credono che abbia il occupato dagli Aztechi, in modo da effettuare
potere sulla vita e la morte e che sia in grado di sopralluoghi e indagini.
esaudire desideri. Il miracolo del non risveglio
durante il giorno dei Morti è attribuito a lei ma se Lazaro Reymundo Muñoz
qualcuno la invoca a cuor leggero la Madonna Arcivescovo di Monterrey
potrebbe offendersi. Il castigo per una simile
offesa è la morte, non propria, ma di una persona Storia
cara. Lazaro nacque nel 1883 a Las Nieves, una
Il vescovo di Monterrey disapprova questo culto cittadina dello Stato di Durango, in una pia e
e ha cercato di sopprimerlo in tutti i modi, ma la devota famiglia. I suoi genitori erano contadini,
venerazione per la Santa Muerte è sopravvissuta così come i suoi nonni e i suoi bisnonni e per tutti
grazie al passaparola, aumentando il numero dei i suoi primi quindici anni di vita si ritenne
fedeli di anno in anno. Oggi, persino ecclesiastici destinato alla loro stessa vita. Coltivare la terra,
come padre Gustav sostengono questo credo. vendere i suoi frutti al mercato, andare a Messa
Padre Gustav è un prete che da qualche anno ha la domenica. Non che gli dispiacesse, ma
cominciato a professare e predicare il culto della nemmeno infuocava il suo animo. Non avrebbe
Santa Muerte. Tiene delle Messe in cui si dipinge fatto altro per tutta la durata della sua presenza
un teschio sul volto, e racconta della Madonna in questo mondo.
che gli sarebbe apparsa nelle visioni. Il vescovo di La sua vita cambiò per sempre nel 1898, quando
Monterrey si sarebbe già sbarazzato di questo gli capitò di assistere a una festa in onore di un
Gustav se non fosse per la paura di perdere la giovane che era appena diventato prete. Costui
propria popolarità. era in partenza, per dove non lo seppe mai, però
se ne stava andando. Cambiava vita. Fu in quel
I rapporti con l’Unico Mondo preciso momento che il giovane Lazaro decise di
Il Messico cattolico e l’Unico Mondo degli Aztechi diventare prete anche lui. Suo padre,
condividono la medesima linea politica l’uno estremamente cattolico, gli avrebbe permesso di
verso l’altro: distruzione e oblio. A partire dal lasciare la casa solo in questo caso, perché il
1953, le armate di Tenochtitlán iniziarono a richiamo del Signore aveva sempre avuto la
compiere razzie nel nord del Messico, precedenza sulla terra. E la vocazione? Lazaro
attraversando le terre dei Desperados e decise che scegliere di condurre sulla retta via il
giungendo fino alle terre sotto il dominio Popolo di Dio era una motivazione sufficiente per
dell’arcivescovo. A seguito di queste razzie, intere smettere di zappare la terra. Credeva in Dio e a
comunità scomparivano nel nulla, non importava un vero fedele questo basta. Cinque anni dopo,
quanto fossero ben difese. Iniziarono a circolare ebbe anche lui la sua festa per essere diventato
32
prete. Se ne stava andando a Monterrey. Era una notte fredda. Stavo nella mia stanza a
Per anni Lazaro si occupò della salvezza delle rimescolare il mazzo di carte con il quale poche
anime, al punto da essere amato e benvoluto da ore prima avevo vinto una bottiglia di tequila a un
tutti i fedeli della sua parrocchia. Non era che un capoccia dei francescani. La bottiglia stava sul
semplice prete, però il modo con cui svolgeva il tavolo, mezza vuota. Credo che sia stupido
suo compito incantava chiunque avesse a che conservare per anni questo bendidio, quando la
fare con lui. Lazaro era sempre felice di aiutare il morte è dietro ogni angolo.
prossimo, perché era stata una sua scelta. Con il Io e il mio plotone arrivammo in questa missione
tempo, capì che invece era quello il suo destino. francescana sette mesi fa. Stanchi e affamati da
Nel 1926 scoppiò la rivolta dei Cristeros contro continui vagabondaggi decidemmo che questa
l’oppressivo Governo messicano e nonostante la missione protetta da solide mura in una valle
Chiesa si dichiarasse neutrale, molti suoi membri rocciosa fosse il posto ideale per fermarci. I frati
parteciparono alla rivolta per difendere la Parola che gestivano la baracca accettarono la nostra
del Signore. Naturalmente Lazaro era tra questi. presenza e ci permisero di vivere con loro a tempo
Imbracciò un fucile. Uccise perfino qualche uomo. indeterminato. Anche perché non è saggio dire di
Quando la rivolta terminò, la coscienza di Lazaro no a una trentina di persone affamate e armate
piangeva di dolore. Era giusto quello che aveva fino ai denti.
fatto? E che cosa avevano ottenuto, in fin dei Cominciammo a vivere con loro, coltivando l’orto
conti? Delle migliaia di preti che vivevano in e garantendo una buona difesa contro banditos e
Messico prima della ribellione, ora ne Muertos. Certo la compagnia femminile era
rimanevano solo poche centinaia. Avevano piuttosto scarsa ma i frati avevano un’enorme
riacquistato un briciolo di libertà in cambio di litri cantina piena di alcolici, roba buona, messa lì
e litri di sangue. Ma lui era sopravvissuto. Iniziò a prima del Giorno del Giudizio.
pensare che il Signore avesse dei piani per lui. Come stavo dicendo ero in camera mia a
Anzitutto, avrebbe dovuto espiare i suoi peccati, mescolare le carte quando la porta si aprì ed
di conseguenza ciò che una volta per lui era solo entrò un frate. “Mi dispiace disturbarla signor
piacere, divenne la sua precisa missione. Si Chapas, ma è successo un imprevisto che
dedicò ai suoi fedeli con uno zelo rinnovato, richiederebbe la sua presenza.”
facendo il possibile e l’impossibile per loro. Non ci Ho sorriso, il tiepido sorriso pieno di confidenza
volle molto, a questo punto, perché diventasse dell’eroe che la gente mi credeva: “Dimmi pure.”
vescovo. “Vede ci sono tanti Morti che stanno venendo
Quando giunse il 6 giugno del 1944 e i Morti dalla valle e cercano di…”
iniziarono a risvegliarsi, uno dei primi a perdere la Lo spinsi di lato mentre mi precipitavo fuori dalla
vita fu il suo superiore, l’arcivescovo di stanza. Alla parola “Morti” avevo già afferrato la
Monterrey. Sebbene in maniera un po’ irregolare, mia fidata pistola. Maledetti frati e la loro
Lazaro si appropriò del suo posto e del suo lentezza nel comunicare informazioni vitali, come
potere, al solo fine di guidare meglio il Popolo di hanno fatto a sopravvivere per tutti questi anni?
Dio, ora così spaventato e disorientato. Arrivai alle mura per accertarmi della situazione.
Carattere: Lazaro è un devoto credente e rispetta Una marea di Morti veniva dal fondo della valle. Il
in toto il credo religioso. Tuttavia, dentro di sé è buio della notte nascondeva il loro numero
molto più fragile di quello che potrebbe sembrare esatto, ma avevano già percorso parecchia
all’esterno. Il ricordo degli uomini che ha ucciso strada. Maledetti frati. Ordinai di svegliare tutto il
lo tormenta ogni notte e il suo estremo prodigarsi fortino e mettere tutti quanti a sparare contro i
per gli altri ormai funge solo da palliativo per la Morti. Non era certo questo il momento per fare
sua anima lacerata. Non sorride più, non conosce economia di proiettili. Anche con tutte le nostre
più la felicità di un tempo. Emotivamente è come forze schierate non ero sicuro dell’esito della
se fosse morto. battaglia; i Morti erano lenti ma anche ostinati e
Tarocco dominante: La Giustizia. soprattutto non conoscevo il loro numero.
Così ebbi una brillante idea: abbandonare la
Caino de Chapas, “El Comandante del Chapas”, fortezza spacciando la mia dipartita come una
“El Chà” missione di ricognizione. Se solo avessi saputo in
cosa mi sarei imbattuto mi sarei lanciato contro i

33
Morti sotto le mura, armato solo di un coltello difendendo i rifugi di sopravvissuti dai Morti.
arrugginito. Qualcuno racconta che Chapas si sia perfino
Presi l’ultima moto integra rimasta al mio plotone scontrato contro Huitzilopochtli.
e uscii dal portone posteriore del fortino. Il vescovo di Monterrey crede che Chapas sia solo
Raccontai a tutti che con i Morti non si sa mai e un opportunista e un fanfarone che approfitta
che andavo a controllare la seconda e ultima della propria fama immeritata. Lazaro è convinto
entrata della valle. che molte, se non tutte, le leggendarie imprese
Feci appena in tempo ad arrivare alla bocca della del Cha appartengano ad altre persone e Caino si
valle e vidi di fronte a me una massa scura che sia solo preso il merito. Lo tollera solo a causa
avanzava. Velocemente. Mi fermai e un istante della sua enorme popolarità fra gli abitanti di
dopo, appena riuscii a capire cosa fossero, tornai Monterrey.
indietro a tutto gas. Un'orda di Morti usciva dalla Caino è ateo e non ama il vescovo di Monterrey,
valle correndo. Correva come se non ci fosse un ma riconosce che la sua autorità è necessaria per
domani, incurante degli ostacoli. Li chiamano tener unita la popolazione, è convinto che i ribelli
Carniceros perché fare a pezzi i viventi è quello siano idealisti fuori dalla realtà. Ama bere e
che quelle carcasse sanno fare meglio. Io ero in giocare a carte, ma nonostante ciò Chapas riesce
moto, ma i Morti correvano senza darmi tregua, sempre a valutare la situazione con lucidità e a
so che è impossibile ma più di una volta mi prendere la decisione giusta: quella che gli
sembrò di sentire il loro freddo alito fetente sul permette di salvarsi la pelle.
collo. È chiamato comandante “Chapas” per il suo forte
Arrivai sotto il fortino. I miei compagni accecati accento del Chapas e per la sua tendenza a
dai fari della moto spalancarono il portone. Cercai ricompensare e promuovere sottoposti nati in
di gridare e agitai le mani ma loro non mi quella regione, è anche noto come “Caino el
capivano. Agitare le mani si è rivelata una Listo” (Caino il furbo) per quanto non ami affatto
cazzata. Dieci metri prima del portone presi una che si usi questo nomignolo, soprattutto in sua
buca e percorsi quella distanza volando, presenza.
disarcionato dalla mia moto.
Precipitato dentro il portone, gridai “Chiudete El milagro de San Djago, 24 luglio
quel cazzo di cancello!”, ma sapevo che non
avrebbero fatto in tempo. Vedevo già i carniceros
1956
“Uomini e donne di poca fede! Non è forse
scavalcare la moto e correre verso di noi.
scritto, in Esodo quattordici ventiquattro
Impugnai la pistola e svuotai il caricatore contro
Iamque advenerat vigilia mautina, et ecce
la mia moto. Era inutile sparare ai Morti e la
respiciens Dominus super castra Aegipiorum per
nostra ultima possibilità di salvezza era far
columnam ignis et nubis, interfixit exercitum
esplodere la moto. Per miracolo riuscii a colpire il
eorum?
serbatoio, provocando un’esplosione che spazzò i
Non è forse scritto in Apocalisse quattordici dieci
carniceros della prima linea e ci permise di
Et hic bibet de vino irae Dei, quod mixtum est
chiudere il portone in tempo.
mero in calice irae ipsius, et cruciabitur igne et
Attirate dall’esplosione, numerose persone
sulphure in cospectum Agni?”
accorsero oltre le mura per respingere la nuova
-Padre Gustav
minaccia. Combattemmo fino all’alba e
riuscimmo finalmente a ridurre in pezzi inoffensivi
Nel giorno di San Giacomo del 1956 una grossa
anche l’ultima di quelle bestie.
spedizione proveniente dall’Unico Mondo e
(Tratto da Le Mie Memorie, di Caìno de Chapas)
guidata da un Brujo è stata respinta da tempeste
Caino de Chapas è un personaggio peculiare nel
di fuoco celeste e polvere che hanno lasciato solo
Messico del 1957. Tenente colonnello
cenere dell’abominio che comandava lo spettrale
dell’esercito messicano, ex ufficiale dei ribelli,
esercito permettendo così a Caino di abbattere le
adesso Chapas è il comandante delle forze
disordinate fila dei morti a colpi di artiglieria
armate di Monterrey. La popolazione lo reputa
leggera prima e di machete poi. Da quel giorno
un vero eroe, sempre pronto a difendere i deboli
nella popolazione la devozione a Dio, San
e a combattere i Morti in prima linea. Si dice che
Giacomo e all’Arcivescovo è aumentata a
il suo plotone abbia viaggiato per il Messico
dismisura.
34
Poi arrivò il 6 giugno del 1944 e i Morti si
risvegliarono.
Desperados Il sistema collassò e il mondo divenne l’incubo
che è oggi… E il Messico non fece eccezione! Le
I luchadores città furono invase da ondate di Morti, cadaveri
“I Morti? Che cazzo vuoi che ne sappia io da dove ambulanti affamati di carne umana, e il numero
arrivano… Ti sembro un sapientone di merda? di vittime fu tremendamente elevato.
Come hai detto? Devi farti un’opinione? No Ma in questa nuova realtà di caos e morte non
amigo, non me ne frega niente se devi farti tutti si arresero; qualcuno oppose resistenza.
un’opinione, è successo e basta, cazzo! Per me Alcuni uomini, infatti, militari e non, presero le
può essere stato chiunque, forse Dio che s’è armi e si opposero all’assalto delle orde di
incazzato e ha deciso che questo mondo tanto cadaveri. Il caso volle che tra loro ci fosse anche
bello non è, o forse qualche stregone cacato fuori un gruppo di giovani luchadores comandato da El
dal deserto… A me queste cose non interessano. E Santo; indossavano ancora la maschera, ma
poi, dopo che sai perché sono arrivati cambia stavolta non per salire sul ring, bensì per
qualcosa? Che è, spariscono per magia? No combattere davvero. Per il loro aspetto
amigo… Ѐ inutile farsi delle domande. Con quei pittoresco e per il loro coraggio, che a tratti
cabrones c’è una sola cosa da fare: indossare la rasentava la follia, furono notati e ben presto il
maschera e farli a pezzi! E io, modestamente, nel termine “luchadores” fu esteso a tutti coloro che
farlo sono un professionista! Del resto non mi in Messico si dedicavano a cacciare i Morti come
chiamano Mutilador Negro per niente, no? Ora mestiere. Visto quanto stava prendendo piede la
basta però, dicci dove avete avvistato quei Morti, fama dei cacciatori mascherati, in molti iniziarono
che io e i miei andiamo a prenderli! Se ti va puoi a portare la maschera. Oggi quasi tutti i
venire con noi, così puoi chiedergli tu come mai luchadores, quando combattono i Morti, lo fanno
adesso non se ne stanno nelle loro tombe e ‘farti indossandone una; in alcune bande ricevere la
un’opinione’. No, eh? Che mezza sega che sei!” maschera è diventato un vero e proprio rito
d’iniziazione.
Col termine “luchadores” (lottatori) s’intendono In molti casi questi combattenti improvvisati
quegli individui, uomini e donne, che si dedicano venivano semplicemente fatti a pezzi e divorati,
a dar la caccia ai Morti in Messico. Il loro nome ma nel corso degli anni e dopo una naturale
deriva dai vecchi luchadores, star della Lucha “selezione” a oggi sono quasi tutti esperti e
Libre. coraggiosi cacciatori. I luchadores vagano per il
La Lucha Libre (lotta libera) è stato uno sport Messico in gruppi composti di solito da 3-4
molto popolare in tutto il Messico a partire dagli persone, ma esistono anche bande più numerose,
anni Trenta: si tratta, in sostanza, di un composte da 10-15 individui. I luchadores aiutano
particolare stile di wrestling molto acrobatico, la gente nella lotta per la sopravvivenza contro i
caratterizzato da complesse coreografie ed Morti, accontentandosi di quel poco che hanno
evoluzioni spettacolari, che vedeva impegnati i da offrire. Certo, alcuni non sono molto diversi da
luchadores, cioè i lottatori, combattenti che comuni mercenari e sono disposti ad aiutare solo
andavano in scena sul ring indossando sempre se il prezzo è conveniente, mentre altri sono solo
una maschera, spesso dai colori sgargianti. In predoni che vessano la popolazione, del resto
realtà si trattava di uno stile di lotta che poco non c’è alcun potere costituito cui fare
aveva di “combattivo” o di realistico, perché tutto riferimento, ma nella maggior parte dei casi chi
era incentrato sulla teatralità dei movimenti. diventa un luchador lo fa per “missione”; si tratta
L’ideatore della Lucha Libre fu Rodolfo Guzmán infatti di una vita dura, fatta di lunghe
Huerta, noto anche come “El Santo”: attore e peregrinazioni, stenti e rischi costanti.
lottatore, fu colui che pose le basi di questo Si spostano su ogni mezzo che riescono a trovare:
sport, divenendo uno dei personaggi più amati di dalle moto ai camioncini, oppure cavalli. I
tutto il Messico. luchadores prediligono il combattimento corpo a
Nel giro di poco tempo la lucha libre divenne uno corpo, assaltando i Morti con asce, machete o
sport seguitissimo in tutto lo Stato e i luchadores mazze, oppure addirittura a mani nude,
delle star di primissimo piano. indossando pesanti guanti (ma non disdegnano di

35
certo le armi da fuoco). sentimmo degli schiamazzi provenire dal cortile.
Apparentemente non esiste alcun ordine Non erano grida di terrore ma di battaglia. Presto
costituito a cui facciano riferimento, sembra che sentii dei rumori oltre la porta. Dopo un po’
non abbiano gerarchie né che rispettino alcuna cessarono e sentimmo bussare: ‘Togliete la
catena di comando. Tuttavia in questi tredici anni barricata e unitevi al combattimento’. Aprimmo e
tra i luchadores si è creato un forte spirito di ci trovammo di fronte due enormi uomini.
gruppo e hanno dimostrato di portare a termine Indossavano maschere simili a quelle dei
azioni coordinate, perciò sempre più spesso si luchadores, ma più?... Non so? Strane? Avevano
parla di loro come di una sorta di “confraternita lineamenti quasi umani dipinte con colori vivaci
autogestita”. una era color giallo... Giallo oro e verde, come
Salvo rari casi, questi uomini e donne vagano per l’erba. Per un attimo mi era sembrato che le
il territorio messicano, inseguendo e cacciando maschere si muovessero per conto proprio.
Morti su Morti, nel disperato tentativo di liberare Avevano inoltre enormi stivali rinforzati e i loro
il Messico da questa piaga che affligge il mondo. guanti, che arrivavano fino ai gomiti, erano un
Vengono considerati in molti modi: per alcuni insieme di cuoio, bende e placche di ferro, ma la
sono eroi del popolo, per altri solo dei crudeli cosa che mi colpì di più fu il fatto che fossero a
vessatori o volgari mercenari, ma di certo di torso nudo. Hanno massacrato una decina di
tratta di persone fuori dal comune, imbarcatesi Morti che stavano fuori dalla nostra porta senza
per qualsivoglia ragione in questa disperata e indossare alcuna armatura e utilizzando solo
folle impresa. machete.
Li seguimmo fino al cortile, dove vedemmo molti
El Santo come loro che affrontavano i Morti con solo asce,
Uno dei fondatori della Lucha Libre, nonché uno machete e coltelli. Alzai lo sguardo e vidi il sole
dei più formidabili Cacciatori di Morti in oscurato da un enorme dirigibile. Da esso
circolazione, El Santo è una delle icone scendevano altri luchadores e si lanciavano nella
caratteristiche del Messico nell’anno XIII. mischia.
Poi lo vidi, era facile da riconoscere, perché la sua
“Ero disperato. Dopo aver vagato con la mia maschera d’oro era dipinta sul lato del dirigibile.
famiglia, quello che restava della mia famiglia, Stava sulla prua della nave volante e osservava la
finalmente pensavo d’aver trovato pace in questa battaglia. Tante storie che io credevo fossero
missione francescana. Non mi dimenticherò mai frutto di una immaginazione tropo vivace
la faccia di mio padre mentre veniva divorato tornarono alla mente. Un solo nome girava nella
davanti ai miei occhi a pochi chilometri dalle mia testa. E gridai, più forte che potevo, seguito
mura della missione. dai miei compagni…
Per fortuna siamo stati accolti dai frati e per un
paio d’anni siamo riusciti a sopravvivere con loro. I Cacciatori di El Santo!
Non era una vita facile ma molto meglio di quello Questo è il gruppo di cacciatori di Morti di El
che c’è là fuori. Pensavo di aver trovato stabilità e Santo. Per diventare membro del gruppo bisogna
una scappatoia da questo incubo ma mi essere forte fisicamente e affrontare una prova,
sbagliavo, non fu altro che una piccola pausa in che consiste nell’andare a catturare un morto a
mezzo a una pioggia di orrore. mani nude. La faccia del morto così catturato
Quel giorno una folla di Morti comparì viene utilizzata da El Santo per fare la maschera
sull’orizzonte e venne verso la missione. Erano del futuro luchador. Le maschere fatte in questo
diverse centinaia e passarono senza sforzo tutte modo forniscono una scarsa protezione al viso,
le nostre difese. Finimmo barricati dentro ma se indossate per un mese il luchador si abitua
l’edificio centrale, consapevoli che per noi non agli spasmi dei muscoli della maschera ed è in
c’era più alcuna speranza. Sentii mio fratello grado di interpretarli per percepire la presenza e
minore, rimasto sul tetto, gridare: ‘Una nave la posizione dei vivi nelle vicinanze.
volante!’. Purtroppo questo fu il suo ultimo grido I luchadores indossano un’armatura solo sugli
perché i Morti arrivarono su di lui. avambracci e i piedi. Questo perché secondo El
Passammo ore chiusi in quella stanza, alcuni Santo una corazza che difendesse veramente
stavano già parlando di suicidio, quando dagli muertos peserebbe troppo e rallenterebbe
36
enormemente il luchador. persistenti scoprirà che Alice non sa niente di
Per combattere con i Morti i luchadores usano teologia. È pronta a vendere il suo corpo se vede
armi bianche. Le armi da fuoco sono rare e poco un guadagno nel farlo.
efficaci contro i Morti, quindi si è scelto di Si aggrega a gruppi di altri desperados o vive per
affrontarli in corpo a corpo, rischiando di più ma poco tempo nei rifugi dei sopravvissuti. In caso di
allo stesso tempo diventando più efficaci. È pericolo è sempre la prima ad abbandonare e a
necessaria una enorme forza fisica per tagliare il tradire i suoi compagni. Spesso abbandona o
collo o amputare un braccio a un morto con un uccide il gruppo con cui sta viaggiando se
colpo solo, e quando hai a che fare con i Morti, qualcuno di loro ha qualcosa che vale la pena
raramente hai il la possibilità di colpire una rubare.
seconda volta. Quindi i luchadores sono molto Porta sempre con sé una pistola e diverse
muscolosi. ampolle di veleno, il tutto celato sotto i vestiti da
El Santo viaggia su un dirigibile e aiuta le persone suora.
attaccate dai Morti. Indossa una rutilante Tarocco dominante: la Ruota della Fortuna.
maschera dorata che circonda il suo capo come
un’aureola. Grillo Banderas, “El Mariachi”
Molti locali considerano El Santo come un Homo Mortuus Inscius
salvatore e neppure i membri della Chiesa hanno “La borsa o la vita? Sul serio? Mi dispiace, ma non
il coraggio di contraddire queste credenze ho dell’oro con me, né ho una vita da offrirvi. Però
popolari per quanto alcuni ecclesiastici versati in posso darvi tanto piombo e tanta morte. Non vi
archeologia e in occultismo bisbiglino che l’uso di preoccupate, stavolta offre la casa.”
fabbricare maschere dorate con la pelle umana Storia
faccia parte dei rituali blasfemi offerti al Dio Grillo era un povero musicista che ebbe la
Scorticato. sfortuna di innamorarsi di Esmeralda, una
bellissima ragazza proveniente da una famiglia
Daniel “Dan” Tremo, “Il padre del nobile e ricca. Le dedicò canzoni e dipinse la
machete” propria chitarra di un verde smeraldo, come
Un tempo semplice operaio, nel Giorno del tributo a colei che gli aveva rubato il cuore. La
Giudizio vide morire davanti a sé sua moglie e il ragazza ricambiava i sentimenti del giovane e la
piccolo Danny, nato pochi giorni prima. Giurò che loro passione era una delle più bollenti di tutto il
non avrebbe avuto pace finché non avesse ucciso Messico. Essendo un povero musicista, Grillo non
tutti i Morti. Da quel giorno vaga per il deserto poteva regalare a Esmeralda un anello degno di
messicano alla ricerca di vendetta. Utilizza lei. Così, come pegno del loro amore, le regalò la
machete e coltelli da lancio, definendo le pistole cosa più cara che aveva, una corda della sua
“poco affidabili”. La sua maestria con il machete è chitarra. La ragazza portò sempre questa corda
ormai leggendaria. Si prende molta cura ed è avvolta intorno al polso come se fosse un
molto geloso delle sue armi bianche, tenendole braccialetto. Grillo non ha mai rimpiazzato quella
strette a sé e non permettendo a nessuno di corda, dicendo che altrimenti avrebbe spezzato il
toccarle. Molti pensano che sia impazzito dopo la legame con la propria amata. Ha invece imparato
morte della famiglia e che creda che il machete a suonare la chitarra con sole cinque corde.
sia suo figlio. Questo gli è valso il nome di “Il Purtroppo entrambi si rendevano conto che il
padre del machete”. padre di lei non avrebbe mai approvato il loro
Tarocco dominante: la Torre. matrimonio. Durante il finimondo scoppiato il
Giorno del Giudizio decisero di fuggire insieme. I
due innamorati scapparono per giorni, ma furono
Alice Rivera, “La Suora” raggiunti dagli scagnozzi assoldati dal padre di
Era una prostituta prima del Giorno del Giudizio,
Esmeralda. Grillo non ricorda nulla di quello che è
ma negli anni Alice ha scoperto che un abito da
successo dopo l’assalto. I suoi ricordi riprendono
suora e un paio di tette ti portano a percorrere
da quando si è risvegliato con una corda al collo,
più strada che un paio di tette e basta. Indossa
appeso a un albero, morto. Si mise alla ricerca
abiti presi da una suora morta e si spaccia per
degli scagnozzi ma non riuscì a trovarli. Grillo dà
una consorella, ma se qualcuno fa delle domande
la colpa a se stesso per quello che è successo alla
37
sua amata e non riesce a perdonarsi il vuoto di paio di sandali, si copre con una mantella per
memoria, il non ricordarsi gli ultimi momenti resistere al freddo, è sempre circondata da bestie
passati insieme a Esmeralda. ben pasciute.
Da anni cerca la sua amata ma non è ancora
riuscito a trovare le sue tracce. Carattere
Malinalxochitl è pazza. Il Giorno del Giudizio e il
Aspetto risveglio, col suo carico d’orrori, sono stati troppo
Grillo Banderas è un chitarrista vagabondo. traumatici e non ha resistito. La brava bambina
Viaggia tra fortini e missioni suonando in cambio che andava a scuola la mattina, aiutava la
di un rifugio. Suona una chitarra verde smeraldo mamma il pomeriggio e andava a messa la
alla quale manca una corda. Spesso viene domenica non poteva reggere alla morte del
chiamato “Verde Cinque” come il colore e il Vecchio Mondo e al sorgere dell’Unico Mondo ed
numero di corde della sua chitarra. Porta con sé è scomparsa come se non fosse mai esistita
due identiche custodie per la chitarra, una sulla rimpiazzata da una capricciosa divinità.
schiena e l’altra in braccio. In una c’è la sua Malinalxochitl prova un forte rancore verso
chitarra verde, Esmeralda, chiamata così in onore Huitzilopochtli perché, dice lei, l’avrebbe
della sua amata. Nell’altra invece trasporta le sue abbandonata nel deserto insieme ai suoi seguaci
armi: una doppietta, due pistole, una durante la migrazione dei Mexica e avrebbe poi
mitraglietta, una Derringer e molte munizioni. ucciso suo figlio.
Ogni volta decide se il pubblico che ha di fronte Malinalxochitl raccoglie attorno a sé cultisti, non
merita la canzone della vida o la canzone della si accontenta di semplici sopravvissuti, vuole
muerte e apre la custodia appropriata. adoratori, veri credenti, gli opportunisti e i
Più di una volta ha salvato la vita dei malcapitati, credenti tiepidi finiscono a vagare per il deserto
buttandosi tra orde di Morti inconsapevole del col cuore strappato.
pericolo e riempiendoli di piombo. Ma la sua Malinalxochitl è interessata alle persone, vive o
fama non deriva dalle sue gesta contro i Morti ma morte, con doti sovrannaturali.
bensì dalle sue gesta contro i Vivi. Cerca e Malinalxochitl cova il proposito di vendicarsi su
giustizia con una ferocia inaudita i banditos che Huitzilopochtli.
hanno fatto dei torti a degli innocenti, Storia
soprattutto se hanno fatto del male a donne. Malinche era una bambina precoce e intelligente,
Il segreto del Mariachi che gli permette di molto buona e studiosa, saggia. È riuscita a
sopravvivere così a lungo è la sua natura di sopravvivere nel deserto grazie alla fortuna, al
Morto. Per placare la fame si nutre di banditos e buon senso e all’aiuto di alcuni sopravvissuti.
di persone che ritiene meritino la morte. Da quasi Rimasta sola al mondo, i suoi poteri si
un decennio vaga per il Messico alla ricerca della risvegliarono e lei impazzì credendo di essere una
sua amata. Crede che la corda di chitarra che dea dell’antico Messico. In questi tredici anni i
Esmeralda porta al polso lo aiuterà a ritrovarla. È suoi poteri sono cresciuti di pari passo con la sua
impossibile che la sua amata sia ancora viva dopo alienazione: tanto più diventava potente tanto
tutti questi anni, ma lui continua a crederci, più si allontanava dalla realtà perdendosi nelle
anche perché questa speranza è l’unica cosa che sue fantasie.
gli dà la forza per andare avanti. Poteri:
Tarocco Dominante: l’Innamorato. Controllare Animali: Malinalxochitl porta in se un
potere immenso e antico: è una signora delle
Malinche o Malinalxochitl bestie. Malinalxochitl può comandare gli animali
Maga come burattini e può ordinare a queste
Malinche è una donna bassa e minuta, è atletica sfortunate bestie di compiere qualunque azione:
e giovanile ma nel frattempo così anonima che attaccare uomini armati, divorare morti,
potrebbe avere una qualunque età fra i quindici e abbandonare i propri cuccioli, lasciare il proprio
trentacinque anni. Ha la carnagione color bronzo, branco, attaccare un predatore.
i capelli corvini e occhi neri luccicanti come Dominio del Veleno: Malinalxochitl è immune a
quarzo e ossidiana. qualunque veleno e può curare qualunque forma
Indossa una fascia per il seno, una gonnella, un di avvelenamento su ogni sorta di creatura

38
vivente. vicino a un rifugio, giusto fuori dalla portata dei
Tarocco Dominante: La Luna. fucili. E comincia a costruire le bare. Senza sosta,
non fermandosi nemmeno la notte, anche per
“Ti prego, lasciami. Che cazzo stai facendo?!” diversi giorni. E ogni volta qualcosa di brutto
“Non vedi? Ti sto seppellendo.” avviene: un attacco da parte dei Morti, una lotta
“Ma io sono ancora vivo!” interna al rifugio o una malattia. I superstiti
“E io non ho ancora finito di seppellirti.” abbandonano il posto, l’Enterrador entra,
comincia a mettere i Morti nelle bare e a
L’Enterrador (il Becchino) seppellirli. Oh i Morti si dimenano, ma a lui non
Molte storie circolano in Messico, si parla di importa, li mette nelle bare, li inchioda per bene
Morti che si trasformano in Giaguari, di sacrifici e li mette sotto terra. Dicono che persino le
agli dei antichi come il mondo, ma quella persone vive finiscano nelle sue bare, poiché egli
dell’Enterrador gela il sangue anche dei più non vede la differenza tra i Vivi e i Morti.
coraggiosi. Nessuno si occupa più delle pompe Tarocco dominante: il Matto.
funebri, di costruire bare e seppellire persone,
nessuno tranne lui. Si racconta di questo
individuo, magrissimo e vestito di nero, che arriva
con la sua bici arrugginita e porta con sé la
malasorte. Indossa un vecchio cilindro, un paio
d’occhiali tondi e una vanga. Di solito si ferma

39
Stranezze
Toltechi soprattutto l’origine della sua leggendaria
Parlare dei Toltechi non è facile, per svariate comparsa nell’aspetto umano del suo gran
ragioni; sicuramente, si può dire che fu uno dei sacerdote Ce Acatl Topiltzin Quetzalcóatl,
popoli di lingua nahuatl che da una zona situata a secondo sovrano dei Toltechi dopo la fondazione
nord dell’attuale Messico a ondate successive di Tollan.
migrò verso sud fino a raggiungere la Valle Questi, sconfitto nel corso di lotte intestine, se ne
Centrale del Messico. sarebbe andato in esilio verso sud-est,
La prima ondata è datata attorno alla prima metà annunciando che “un giorno” avrebbe fatto
del IX secolo ed era forse costituita proprio dai ritorno provenendo dalla stessa direzione.
Toltechi; l’ultima ondata raggiunse l’Anáhuac, Tra i Toltechi pare che il culto di Quetzalcóatl
come veniva chiamata la Valle Centrale in prevedesse solo sacrifici di animali, in
nahuatl, nel 1325 ed era costituita dai Tenocha- contrapposizione al culto delle massime divinità
Mexica. azteche: Huitzilopochtli, il sanguinario Colibrì
Prima del Giorno del Giudizio le poche Azzurro e il suo altrettanto sanguinario duale
informazioni sui figli del Serpente Piumato Tezcatlipoca.
derivavano dagli scavi condotti dagli archeologi. Quetzalcóatl non ha mai avuto un culto vero e
Quasi tutto ciò che si credeva di sapere sui proprio tra gli Aztechi; il nome era solo uno dei
Toltechi proveniva dai racconti scritti nei codici titoli portati dal più importante tra i sacerdoti che
superstiti redatti dagli Aztechi e dai racconti officiavano nel tempio di Huitzilopochtli, uno dei
mitici raccolti fra gli ultimi “saggi” aztechi a opera due templi posti sulla sommità della grande
dei cronisti spagnoli sopraggiunti subito dopo i piramide di Tenochtitlán; oggi il culto di
conquistatori. Quetzalcóatl è vietato in tutto il territorio del
Per quanto riguarda ciò che è scritto nei libri Tribunale.
sfuggiti alle offese del tempo e dell’uomo, la
maggior parte sono stati commissionati da Tollan
ecclesiastici a scrittori indigeni, quindi sono stati Nel 1944 gli indios delle foreste, soprattutto
redatti dopo la Conquista. Maya, guidati dai sacerdoti non tornati dopo la
Ma si trattava di informazioni già manipolate da morte ma da un qualche altro luogo, Ce Acatl
Tlacaelel, il più grande condottiero azteco, colui Topiltzin Quetzalcóatl e Huemac, cercarono di
che non divenne mai Tlatoani ma fu invece capo placare Quetzalcóatl; il nume era adirato con
dell’esercito dal 1420 al 1487, servendo sotto ben l’umanità e aveva scatenato il risveglio.
quattro Tlatoque e rivestendo alla fine un ruolo Dopo il passaggio dell'esercito del Colibrì del Sud
più importante dei Tlatoque stessi. rimangono solo rovine, calcinate dal sole. La
Diego Durán, primo e più attendibile cronista piazza che domina il centro della città in rovina
spagnolo, riferisce che Tlacaelel fece bruciare può ancora accogliere decine di migliaia di
tutti i codici scritti in precedenza, per fondare una persone. Tra i muri diroccati sono sparpagliati
nuova mitica tradizione circa la provenienza e la pezzi di statue infrante e mozziconi di colonne
“natura” di Aztechi, Cicimechi e Toltechi. spezzate. A volte con la coda dell'occhio si
Chi fossero veramente i Toltechi, quale fosse la scorgono strani miraggi: edifici ancora interi e,
loro religione e che ruolo abbiano giocato nella quando spira il vento, sembra di veder
colonizzazione del Messico è oggi noto solo ai serpeggiare nell'erba una smisurata serpe. Si dice
pochi Tlatholli Toltechi sfuggiti agli artigli che alcuni stregoni siano entrati negli edifici
vendicatori del Signore della Luce del Giorno. fantasma guidati da qualcosa e non abbiano mai
Gli Aztechi attribuirono miticamente a questo più fatto ritorno, alcuni si spingono a dire che è
popolo l’origine del culto di Quetzalcóatl, attraverso alcuni di quegli edifici che Huemac e
letteralmente “quetzal-serpente” o come si Topizin siano riusciti a fuggire alla furia
preferisce tradurre “serpente piumato”, e vendicatrice del Colibrì del Sud e dello Specchio
fumante.

Huemac
40
Huemac regnò su Tollan dopo l’autoesilio del dato saperlo, certo è che se si tratta dell’antico re
mitico Ce Acatl Topiltzin Quetzalcóatl, mago dal di Tollan deve aver trovato un modo per sfuggire
potere quasi divino misteriosamente scomparso e al tempo e… allo spazio, perché ci sono voci di
riapparso di tanto in tanto per calcare le vie suoi avvistamenti in località distanti del Messico
dell’Unico Mondo. nello stesso giorno e il Signore della Luce
Subito dopo lo sbarco degli spagnoli, dell’Alba non è riuscito a catturarlo quando ha
Motecuhzoma ebbe notizie di apparizioni di fatto irruzione a Tollan.
Huemac e inviò degli emissari a cercare il Tarocco dominante: La Morte.
leggendario mago e profeta (le cronache azteche
narravano che questi avrebbe predetto il ritorno Chicxulub
di Quetzalcóatl quattrocento anni prima) per Il meteorite che estinse i dinosauri cadde proprio
chiedere protezione ed essere suo servo. Tre in Messico, a Chicxulub, che in lingua maya
volte il Riverito Oratore inviò gli emissari e significa “demone delle pulci”.
altrettante volte Huemac rifiutò la sua offerta, Fra le altre cose non è lontano da Cozumel, il
raccomandando, invece, che Motecuhzoma primo contatto di Cortés con le civiltà americane.
abbandonasse i suoi lussuosi costumi, che facesse È un luogo sinistro e dopo il Giorno del Giudizio
penitenza e mangiasse lo stesso cibo dei poveri, sembra essersi ulteriormente incupito: sono stati
bevesse solo semplice acqua bollita. avvistati animali deformi, vivi e morti, sono stati
visti banchi di nebbia sanguigna dai tentacoli
Aspetto spiraleggianti e inquietanti bagliori innaturali, qui
Huemac appare come un vecchio indios con folti si è verificato anche un discreto numero di
capelli canuti, radi baffetti, indossa abiti semplici scomparse e sono stati visti uomini con quattro
e robusti di foggia moderna; sarebbe un bel gambe e altre cose spaventose.
vecchio dall’aria patriarcale se non avesse la
mano sinistra enorme e deforme e se il suo
sguardo non avesse una folle intensità. Se si tratti
veramente di Huemac o di un impostore non è

41
“Concittadini,
compagni e compagne,
combattenti del nostro esercito
L’aggressione contro la nostra Patria, iniziata il 6 giugno, continua nonostante la nostra eroica resistenza.
Sulla nostra Patria pesa un grave pericolo. Come è potuto accadere che il nostro glorioso esercito messicano
cedesse alle carcasse? Innanzi tutto siamo stati attaccati d’improvviso da decine di milioni di Morti
Affamati. Chi mai avrebbe potuto immaginare un pericolo del genere? Figuriamoci combatterlo!
Tutti i possibili avversari prima del Giorno del Giudizio avevano bisogno di essere arruolati, essere
mantenuti, essere guidati. Tutti gli eserciti umani avevano bisogno di forniture: cibo, medicinali, munizioni. I
Morti Affamati al contrario non hanno bisogno di nulla: nemmeno di respirare. Non ci sono rifornimenti da
tagliare, o catene di comando da interrompere, a ben guardare, come avete visto, non c’è nessuno da
uccidere trattandosi di defunti: c’erano, e ci sono soltanto… Esseri spinti ininterrottamente dalla fame di
carne umana, da fare a pezzi, sono privi di organi vitali da colpire, mutilarli non li arresta, li rallenta e basta,
nemmeno decapitarli serve a qualcosa perché non usano vista, udito e olfatto per continuare la loro insonne
caccia.
Nessun esercito nella storia ha mai dichiarato guerra totale: prima d’oggi non era fisicamente possibile,
quando mai si sono visti una nazione, una classe, o un gruppo religioso essere totalmente impegnati in ogni
istante nella guerra? Innanzitutto noi umani abbiamo bisogno di riposare, i Morti Affamati no; noi umani
abbiamo bisogno di cure, i Morti Affamati no; non vengono indeboliti da nessuna malattia o infortunio, che
li rallentano soltanto o li rendono più letali, chi di voi ha affrontato un Muerto mutilato che striscia nascosto
nell’erba alta sa di cosa sto parlando. Quelli troppo vecchi o troppo giovani non possono essere impegnati,
com’è giusto, nelle battaglie, non se sono umani. I Muertos non hanno questo genere di problemi, ci sono
carcasse di tutte le età che subito dopo il trapasso sono animate da forze che durante la vita non avevano
nemmeno nel loro giorno migliore. Tra gli umani ci sono imboscati, traditori, disfattisti; tra i Morti no, ogni
singolo Morto vuole la stessa cosa e impegna costantemente tutte le sue energie in quest’unico obiettivo:
divorare carne umana vivente.
Tutti i caduti fra i Viventi entrano a far parte di questo esercito ma nessun Morto può essere reclutato o
impiegato utilmente dai Viventi; dico dai Viventi perché i mostri cannibali che opprimono il sud del paese
non sono Viventi ma Morti di genere “superiore” dotati d’astuzia micidiale e di lingue velenose, oltre che
biforcute.
Per la prima volta nella storia, l’umanità ha dovuto affrontare un nemico che ha iniziato e sta portando
avanti una vera guerra totale: non si arrenderanno mai, non negozieranno mai, nessuno di loro diserterà
mai.
Abbiamo combattuto e lo abbiamo fatto bene, abbiamo imparato in fretta come affrontarli e distruggerli,
non ce ne siamo rimasti in casa, li abbiamo battuti sul campo annientandoli con armi di calibro militare e
ordigni incendiari, abbiamo ridotto a innocui pezzi di carne fremente le carcasse fameliche che infestavano
la città di Guadalajara e abbiamo rapidamente individuato e giustiziato due Morti capaci di farsi passare
per Viventi perché dotati di memoria e raziocinio, ma altrettanto pericolosi, come dimostrano le bambine
che hanno divorato vive per nutrirsi.
Per la verità il nostro valoroso esercito, tutta la nostra eroica marina militare, tutti i nostri intrepidi aviatori
hanno imparato molto in fretta a fronteggiare i Morti e hanno difeso efficacemente la nostra Patria e le
nostre vite.
Ma allora, vi chiederete voi, com’è potuto accadere che il nostro glorioso esercito messicano abbia dovuto
ripiegare verso ovest? La spiegazione la sapete tutti: siamo stati pugnalati alle spalle dai traditori della
patria e del popolo che non si sono limitati a lasciarvi in balia dei Morti Affamati, no, vi hanno venduto chi
all’Imperialismo azteco o chi a quello papalino per il proprio bieco tornaconto.
Dobbiamo tener presente che i servi della reazione, siano essi pagani o cattolici, siano essi vivi o morti, sono
scaltri, pronti a qualunque imbroglio, così bravi a mentire che per loro la menzogna è diventata una seconda
natura, che sono bravissimi nell’abbindolare gli altri con false promesse. Ricordate il messaggio radiofonico
diffuso dalla “Voce dell’Unico Mondo? Chi tra noi è fuggito dall’Unico Mondo sa cosa succede a chi non è di
puro retaggio azteco, vero? Una fine misera: sarà smembrato e divorato sulle piramidi da questi selvaggi
mentre i frutti avvelenati della perfidia clericale sono davanti agli occhi di tutti; fanatici a mano armata,

42
pazzi che cadono in deliquio, roghi di libri, processi a streghe ed eretici. Dobbiamo tener conto di questo
mentre loro biascicano le loro spregevoli menzogne, perciò tutti coloro che diffonderanno il panico o
daranno voce alla propaganda reazionaria, aiutando direttamente o indirettamente questi nemici del
popolo messicano, saranno subito deferiti alla corte marziale con l’accusa di tradimento.
Cosa occorre per eliminare il pericolo che pende su di noi e quali misure devono esser prese per schiacciare il
nemico?
Occorre, innanzitutto, che i nostri uomini comprendano la gravità del pericolo che minaccia il nostro paese. I
cadaveri che dobbiamo affrontare sono feroci, implacabili e instancabili. E le carcasse non sono nemmeno i
nostri peggiori nemici: vogliono solo annientarci. Papalini e Cannibal, per quanto diversi in apparenza,
vogliono da noi la stessa identica cosa: schiavizzarci e divorarci.
Occorre, inoltre, che nelle nostre file non vi sia posto per i piagnucolosi e i codardi, per gli allarmisti e i
disertori, che i nostri uomini non conoscano la paura nella lotta e vadano con abnegazione alla nostra
guerra liberatrice per la difesa della Patria, contro avvoltoi e sfruttatori, vivi o morti che siano.
Dobbiamo riorganizzare subito tutto il nostro lavoro, subordinando ogni cosa agli interessi del fronte e al
compito di preparare il totale annientamento del nemico.
Dobbiamo organizzare il massimo aiuto per l’Esercito Messicano, ripianando le perdite, assicurare ai soldati
il rifornimento di tutto il necessario, predisporre rapidi trasporti delle truppe e dei materiali bellici, dare
assistenza ai feriti, mettere in sicurezza i vivi, dando una fine degna ai moribondi.
Dobbiamo rafforzare le retrovie dell’Esercito Messicano, subordinando a questo compito tutto il nostro
lavoro; dobbiamo assicurarci che tutte le industrie producano più veicoli, armi, medicinali e derrate
alimentari; dobbiamo organizzare la protezione e la sicurezza degli stabilimenti, delle centrali elettriche,
delle comunicazioni telefoniche e telegrafiche; dobbiamo preparare la difesa antiaerea locale.
I Morti Affamati dovranno diventare un aspetto della vita quotidiana: tutti noi, io stesso, finché non sarà
eliminata questa piaga, siamo destinati a risvegliarci come macchine assassine assettate di sangue, perciò
la popolazione deve ricevere informazioni utili per la sua sicurezza, per una fattiva collaborazione, volta ad
arginare un pericolo con cui dovremo convivere.
Noi Viventi abbiamo alcuni vantaggi su questa marea opprimente di carcasse: innanzitutto possiamo
guarire; una ferita su un morto rimane, invece, per sempre fino alla sua consunzione; loro non possono che
diventare sempre più deboli mentre è proprio dei Viventi potersi rafforzare e migliorare, ma il nostro più
grande vantaggio sulla maggior parte dei cadaveri è il nostro intelletto. Le facoltà mentali di quasi tutti i
cadaveri sono nulle, infatti essi si limitano a seguire la carne vivente per divorarla, ignari di tutto; alcuni
sono predatori astuti e veloci ma la maggior parte è costituita da mostri privi di senno. Come abbiamo visto
è possibile e facile sconfiggerli e arginarli e il vero pericolo non sono loro ma gli imperialismi papalino e
azteco.
Durante la ritirata forzata delle unità dell’Esercito Messicano sarà necessario recuperare o rendere
inservibile per il nemico ogni risorsa utile.
Bisognerà difendere il suolo messicano ancora libero e incalzare i nemici sul terreno che occupano
ingiustamente commettendo ogni sorta di abominio, frutto della loro perfidia oscurantista.
Tutte le nostre forze per sostenere il nostro eroico esercito!
Tutte le forze del popolo per schiacciare il nemico! Avanti, per la nostra vittoria!”
Discorso radiofonico del generale Miguel Garcia 7 agosto 1946

43
Ribelli madre. Sua madre venne “convinta” ad andare in
I Ribelli sono gli ultimi superstiti del socialismo convento, dove passò il resto dei suoi giorni; lui
messicano. Controllano le città di Guadalajara e fu chiuso in un collegio e quando fu abbastanza
Mexicali che sono pesantemente fortificate con grande gli vennero proposte la carriera
fossati, mura di cemento, e ogni possibile ecclesiastica o quella militare: scelse la seconda
precauzione. Mantengono imponenti presidi ed entrò in una scuola militare. Non appena ne
militari attorno alla Necropoli di Tijuana e una uscì fu assegnato alla polizia e lì cominciò subito a
rete d’insediamenti lungo tutta la costa fare uno scaltro doppio gioco: ufficialmente era
occidentale del Messico divisa in comuni e campi un pubblico ufficiale schierato coi conservatori,
di lavoro per i forzati. Sono organizzati in squadre ma in realtà passava informazioni e favoriva in
militari e occupano un paio di città e comuni. ogni modo qualunque leader o attivista politico
Oltre all’esercito regolare si avvalgono di bande lottasse efficacemente contro le due cose che
di guerriglieri che cercano di contenere e logorare odiava di più, proprietari terrieri e religiosi. Per
Cattolici e Aztechi con banditismo, sabotaggi e quanto andasse in chiesa tutte le domeniche e
attentati. Spesso i guerriglieri accantonano ostentasse devozione, era di fatto il più velenoso
l'ideologia comunista in favore della mera anticlericale nei commissariati in cui veniva
sopravvivenza. I guerriglieri per mantenere assegnato. Nel 1921 conobbe Mario Fernandez,
l’affiliazione ai ribelli devono comunque seguire che sembrava il più maldestro membro di un
le direttive di un commissario ottenendo in inconcludente gruppo di attivisti di Tijuana.
cambio cure mediche e rifornimenti. Mentre lo interrogava fu stupito, né in senso
negativo, né positivo, solo stupito, dal senso di
Capo Fazione: Generale Miguel Garcia. giustizia e dal candore di quel ragazzino scialbo e
Struttura Sociale: militocrazia (di fatto il territorio impacciato che si guadagnava da vivere facendo
controllato dai Ribelli è sotto legge marziale da ridere i gringos. Miguel, senza saper bene perché,
tredici anni). lo fece rilasciare; rimase sorpreso quando trovò
Religione/Cultura: Ateismo/Comunismo. sulla sua scrivania una “lettera anonima” con la
Rapporto Vivi/Morti: Assente. grafia di Mario che lo avvisava di un attentato
Territori: Costa occidentale del Messico, contro la sua stazione di polizia: da allora Miguel
controllano saldamente le città fortificate di ha sempre tenuto stretti rapporti con Mario, non
Guadalajara e Mexicali. lo ha mai perso di vista, nemmeno nel Giorno del
Giudizio e ha continuato a proteggerlo, ricavando
in cambio informazioni preziosissime e altri aiuti.
Miguel Garcia Negli anni Mario, oltre a diventare molto più
Aspetto: è un uomo anziano ma ancora possente,
scaltro, si dimostrò abilissimo nell’organizzare
ha la carnagione scura, un occhio d’onice
incidenti quasi mortali.
screziata, barba e baffi grigi. L’occhio sinistro è
Garcia è stato amante di Guadalupe Martinez, ma
coperto da una benda di cuoio. Ha le braccia
da una parte la relazione con la sua sottoposta
tatuate da cicatrici, mani grosse e callose, gli
stava rischiando di diventare una pecca di cui i
mancano alcune dita in entrambe le mani.
suoi avversari avrebbero potuto approfittare,
Lineamenti vigorosi a cui le rughe aggiungono
dall’altra non riusciva a darle un figlio, così fece
un’aria decisa. Miguel si rade completamente i
accettare per gradi a Loppe (così veniva
capelli per nascondere la calvizie simile a una
chiamata) l’idea di una separazione e fece in
tonsura da frate, ha baffetti e barba ben curati
modo che si sposasse col suo fido Colonnello
color ferro. Indossa una sobria divisa da generale
Gomez.
dell’esercito messicano. Ѐ ancora molto abile in
Carattere: Miguel è un uomo carismatico,
combattimento ma, prima di perdere dita e
sanguigno e autoritario che ha più il piglio del
occhio, negli ultimi anni era probabilmente il
padre padrone che non del leader politico, cosa
miglior cacciatore di Morti di tutto il Messico,
che ironicamente lo rende simile al Signore della
almeno tra i Viventi.
Luce del Giorno. È freddo ma non cinico: l’ideale
Storia: è nato a Guadalajara nel 1897, figlio di un
della giustizia terrena e dell’uguaglianza infiamma
ricco latifondista e della governante di famiglia,
ancora la sua anima ma per la sopravvivenza dei
visse all’ombra dei fratellastri e quando aveva
suoi uomini, dei sopravvissuti sotto la sua
sette anni il suo patrigno si stancò di lui e di sua
44
autorità e per il trionfo della rivoluzione è collaborare con Garcia come informatore
disposto a fare qualunque sacrificio e a farlo denunciando i crimini commessi dai gringos. Da
senza rimorsi. Non è ottuso e nemmeno sadico, allora Mario lavora come spia per Garcia. Nelle
se è necessario freddare una sospetta spia o dare prime ore del Giorno del Giudizio, Tijuana era
fuoco a un ospedale pieno di malati moribondi lo diventata un inferno: Mario riuscì a salvare se
ordinerà e non proverà rimorso per averlo fatto. I stesso e la famiglia di suo fratello, perché ebbe la
Morti non lo spaventano: sono solo un problema prontezza di caricarli sul suo furgone e di lasciare
che affronta con freddezza. Il generale Garcia è la città praticamente un istante prima che le
ben più di un predone che sventola una bandiera strade diventassero impraticabili. Due anni dopo
rossa ed è il motivo per cui né il suo corpo né la il Giorno del Giudizio si è ritrovato solo al mondo
sua mente sono stati distrutti o intaccati dagli con la responsabilità di due bambine: una di sette
orrori che ha dovuto sopportare. anni, l’altra poco più che lattante, cui badare
Miguel ha solo due debolezze. L’anticlericalismo: mentre il caos infuriava attorno a lui: era riuscito
ha un’avversione irrazionale e irragionevole verso a salvare a stento se stesso e le nipotine e
il clero cattolico che gli ha fatto commettere soltanto perché poteva contare sulle sue doti di
errori strategici; se fosse stato meno burattinaio e sull’amicizia di Miguel Garcia che
intransigente, si sarebbe potuto alleare con nel frattempo era diventato el leader maximo.
Lazaro Reymundo Muñoz e forse avrebbe potuto Mario usa i suoi burattini per ottenere
impedire il nascere e il consolidarsi del Tribunale informazioni su tutto ciò che succede
delle Tre Sedi. La seconda debolezza di Miguel è nell’altopiano del Messico. Uno dei suoi burattini,
l’amicizia: prova amicizia, quasi amore, per Mario Re Teschio, è stato portato come offerta al
Fernandez, è l’unica persona di cui si fida, rispetta Tempio di Tenochtitlán e da lì ottiene
i suoi segreti e la sua privacy ed esige che preziosissime informazioni sugli Aztechi.
altrettanto facciano gli altri, non come dice lui Carattere: Fernandez si reputa una persona
“per permettergli di svolgere il suo lavoro fondamentalmente buona che spesso, troppo
d’intelligence” ma perché, anche se in cuor suo è spesso, è costretta a fare cose cattive: appiccare
convinto di credere il contrario, non riesce a dirgli il fuoco a quartieri abitati da malati di colera;
di no; è l’unica persona per cui prova stima sorvegliare persone inconsapevoli, manipolarle,
perché gli è stato fedele, perché gli ha salvato la ordire vere e proprie trappole mortali. È
vita, perché non lo ha mai tradito e, anche senz’altro spiacevole, ma questo permette ai
quando ha fallito in qualche compito, non l’ha bambini di sopravvivere ed è quella la cosa più
mai deluso. Miguel non sa da dove Mario ricavi importante, inoltre se morisse senza aver istruito
tutte le sue informazioni e nessuno sospetta che bene la nipote maggiore, e magari un orfano di
Mario faccia davvero parte dell’intelligence e cui fare il suo successore, i burattini messicani
passi informazioni utili al generale. sarebbero condannati a una morte lenta e
Tarocco dominante: il Diavolo. dolorosa.
Tarocco dominante: la Papessa.
Mario Fernandez (burattinaio)
Aspetto: è un ometto tarchiato e untuoso con Angelita Fernandez
folti capelli e un gran paio di baffi a manubrio, Aspetto: è una bella ragazza di vent’anni, con la
capelli neri striati di grigio ancora folti. Indossa pelle olivastra, i capelli corvini come suo zio,
una divisa da colonnello dell’esercito messicano. acconciati a crocchia, ha grandi occhi neri che
Storia: Mario è nato a Tijuana nel 1900, è stato s’illuminano quando sorride, il che succede di
istruito da un’anziana zia che era un’abile rado, è più facile che mento e labbra
maestra burattinaia e ha lavorato negli anni Venti s’imbroncino leggermente o che il suo volto esali
come marionettista e ventriloquo in un cabaret di un filo di contentezza. Ha sempre gli abiti in
Tijuana per divertire i gringos che venivano in ordine; quando crede che nessuno la stia
città per sfuggire al proibizionismo. Mario col guardando, se li aggiusta e si ravvia i capelli.
tempo ha trovato umiliante per sé e per il suo Indossa la divisa da educatrice e piccoli occhiali
paese il fatto di non essere altro che il trastullo pince-nez per correggere una leggera miopia.
per la borghesia oziosa e parassita degli Stati Storia: è figlia di José, il fratello maggiore di
Uniti. Perciò dagli anni Venti ha iniziato a Mario, è rimasta orfana a sette anni, ha iniziato
45
l’apprendistato di burattinaia subito dopo essere mezzi di fortuna. Emilia non fa caso alla
scappata con lo zio da Tijuana per raggiungere G. mancanza della mano e dice di far soltanto un po’
All’inizio aveva dimostrato un evidente talento fatica a muoverla, non parla mai dell’aggressione,
per la costruzione dei burattini, era praticamente dei Morti veloci, astuti e potenti che li hanno
una bambina prodigio, ma con l’avvicinarsi della assaltati di giorno e hanno portato via la faccia
fine dell’apprendistato si è bloccata; il suo primo alla mamma e la sua mano prima che lo zio li
burattino, realizzato l’anno scorso, la Fata Verde, facesse a pezzi.
ha delle evidenti pecche e Angelita non si sente Tarocco dominante: il Mondo.
ancora pronta ad animarne un altro.
Carattere: anche se Angelita sembra silenziosa e L’Ombre Lobo Capitano Javier Gomez
remissiva è tutt’altro che docile e compiacente, Aspetto: è un uomo imponente alto e massiccio,
non le interessa mettersi in mostra, non perché ha un’ossatura forte da vichingo, il volto
sia umile ma perché è al contrario egoista e le leggermente allungato con mascella squadrata,
interessa solo realizzare i propri obiettivi. Spende lineamenti da falco un’espressione determinata
molto tempo a mantenere un aspetto dignitoso, resa più intensa dalle cicatrici sul volto. Ha la
lavora come educatrice e maestra in un pelle olivastra, occhi neri, capelli corvini con ciuffi
orfanotrofio dove è temuta ma rispettata anche di capelli bianchi (fin dalla nascita: è una leggera
dai bambini più facinorosi che ammutoliscono e forma di albinismo), baffetti appuntiti e una corta
abbassano lo sguardo quando pensano si stia barbetta attaccata alle basette. Ѐ molto peloso e
avvicinando. Angelita è bravissima a scovare i ha unghie lunghe e forti che gli danno un’aria
segreti dei bambini. Molti pensano che, se non selvaggia: da licantropo.
proprio una strega, sia comunque la persona più Storia: figlio primogenito di un ricco proprietario
sbagliata da provocare all’orfanotrofio; per terriero era così ostinatamente deciso a farsi un
quanto temuta, siccome è brava a riparare i nome tra i suoi scapestrati e facinorosi amici da
giocattoli, ogni settimana un bambino o una costringere il padre, prima a inviarlo da una zia a
bambina si avvicinano a lei porgendole un Città del Messico (ottenendo solo di vederlo
giocattolo, evitando in tutti modi di guardarla in diventare il braccio destro di un giovane
faccia. Angelita non è brava nella costruzione dei capobanda), e poi in un collegio militare. Qui
burattini, è più brava nelle riparazioni e riparare Javier sviluppò un forte cameratismo con i suoi
burattini le piace più che crearli. condiscepoli e nel contempo un forte
Tarocco dominante: l’Imperatore. risentimento verso il padre. Visto il suo talento e
(alcune facilitazioni amicali) riuscì ad entrare in
Emilia Fernandez aviazione dove però dimostrò un talento
Aspetto: è una graziosa bambina di tredici anni, naturale, purtroppo il suo caratteraccio e le sue
con la pelle olivastra, i capelli castani acconciati in simpatie politiche lo fecero cacciare
treccine, delicate lentiggini sul naso a patata, al dall’aviazione, così si il Giorno del Giudizio lo
posto della mano sinistra ha una protesi di legno colse mentre cercava lavoro; riuscì a salvarsi
così ben fatta da sembrare una vera mano… Da insieme ai suoi compagni e, seguendo il gruppo,
una certa distanza. Esce sempre pulita e ordinata si trovò al servizio di Garcia.
come una scolaretta il primo giorno di scuola e Dopo il risveglio si è dimostrato un ottimo
torna sempre a casa tutta arruffata, finendo ufficiale ed è diventato il collaboratore più fidato,
puntualmente per essere sgridata dalla sorella. quasi un figlio, di Garcia.
Storia: è figlia di José, il fratello maggiore di Nel 1946 è diventato capitano dell’aviazione,
Mario, è rimasta presto orfana; da che ricorda c’è compito che grazie alla sua prudenza e alla sua
sempre e solo stato lo zio Mario e ci sono sempre astuzia riesce a svolgere molto bene e
stati i Morti. conservando al meglio gli apparecchi rimasti.
Carattere: vorrebbe diventare medico, oppure Carattere: Gomez è fedele al senior Garcia come
tecnico (elettricista o meccanico, basta rendersi solo un cane potrebbe esserlo, è devoto alla
utile), per aiutare le altre persone, oltre che moglie perché Garcia gli ha ordinato di avere cura
burattinaia. Ha il cruccio di non essere bella di lei, ma anche perché col tempo ha trovato
quanto vorrebbe, ma cerca di migliorarsi piacevole l’idea di averla attorno. Gomez è una
modificando un po’ gli abiti e truccandosi con persona semplice, quando ha fame mangia,
46
quando pensa una cosa la dice ed è candido, spie sì. Cuca divenne il miglior agente del
nonostante la sua ferocia da cane da guardia, per generale Garcia, grazie alla sua formazione
questo è soprannominato l’hombre lobo e sua d’attrice per lei era facile fingere e dimostrò un
moglie è diventata Lobita. vero e proprio talento nelle lingue e nelle
Tarocco dominante: il Carro. tecniche di spionaggio.
Ha svolto con successo missioni d’infiltrazione tra
“Lobita” (Guadalupe Martinez in Garcia) bande di desperados, nei territori controllati
Aspetto: ha un fisico atletico, seni alti e sodi, ha dall’Arcivescovo e persino nei territori dell’Unico
la carnagione chiara ma abbronzata, lunghi Mondo.
capelli castani mossi, occhi castani grandi molto Carattere: dopo essere stata attaccata dalla figlia
espressivi. neonata morta nella culla Refugia ha paura dei
Indossa abiti semplici e attillati privi di tasche, bambini, specialmente dei neonati, odia gli
passanti e altri impicci. Ha le mani callose e le uomini dopo essere stata ridotta in schiavitù da
braccia segnate di cicatrici. Ha delle tracce d’arma una banda di predoni. Cuca è un camaleonte
da fuoco sulla vita e sulla schiena. sociale: è abilissima ad assimilare accenti e
Storia: Lobita è stata salvata da Miguel Garcia il abitudini dei luoghi dove si deve infiltrare.
Giorno del Giudizio, aveva quattordici anni. Oggi Refugia è anche abile a truccarsi e, in apparenza,
ne ha ventisette e ha sempre seguito e servito a cambiare carattere e atteggiamento; se non
fedelmente “il generale”, ha alle spalle una storia fosse per la sua fobia, sarebbe la spia perfetta.
miserabile di abbandono e sfruttamento. Ѐ una Refugia è molto portata per le lingue e parla
donna taciturna, parla poco ma sa quello che fluentemente tutti i dialetti e le lingue oggi usati
dice, è forte e decisa e ha un gran sangue freddo. in Messico, oltre a inglese e francese.
Probabilmente è sterile perché non è mai rimasta Cuca è fredda e distaccata, non prova alcun
incinta nonostante i numerosi rapporti sessuali trasporto nei confronti degli ideali rivoluzionari,
prima col generale, di cui è stata amante, poi con ma sa benissimo che è preferibile il regime di
Gomez, con cui è sposata. Garcia a quello dei Muertos o alla dittatura
Psicologia: il suo carattere inflessibile e la ferrea medioevale del vescovo.
disciplina che esercita sui sottoposti le hanno Cuca non è né sadica né profittatrice, ma quando
accattivato ben poche simpatie e ha pochi veri si tratta della sua incolumità e della sua
amici. Lobita gode però del rispetto di tutti i sopravvivenza è spietata, priva di scrupoli e
Ribelli e della gratitudine dei molti cui ha rimorsi.
contribuito a salvare le vite e dell’amore del Tarocco dominante: le Stelle.
marito. Lobita vuole bene a Javier come si può
amare un cane o un gattino e nell’intimità lo Storia del Messico
coccola e lo vezzeggia in modo imbarazzante, lo Il presidente Cardenia nel 1934 iniziò una politica
chiama “perrito” (cagnolino). riformista: distribuì le terre, diede lavoro agli
Tarocco dominante: la Forza. indigeni. Per proteggere i lavoratori indigeni
limitò l’immigrazione, pur continuando ad
“Cuca” (Refugia Jimenez) accogliere rifugiati politici (come Trotskij),
Aspetto: è una quarantenne bassa e paffutella, soprattutto spagnoli; nel 1937 nazionalizzò le
con la carnagione bronzea, i capelli neri e gli occhi ferrovie.
scuri, lineamenti leggermente da rapace. Dopo l’attacco a Pearl Harbor, il 9 dicembre 1941
Storia: nata in una famiglia agiata, era un’attrice il Messico ruppe le relazioni con il Giappone; il 12
di teatro a Città del Messico. È riuscita a fuggire dicembre con la Germania e l’Italia; il 13
con il marito e la figlia dalla città trasformata in dicembre con la Bulgaria e l’Ungheria; e nella
un mattatoio. Poche settimane dopo il Giorno del conferenza di Rio de Janeiro esercitò grande
Giudizio era già vedova e anche sua figlia era influenza. Poi, l’affondamento della nave cisterna
morta e lei aveva soltanto quindici anni. Riuscì Porterò de Lano e di un’altra, il 20 maggio 1942,
miracolosamente a raggiungere un campo dei due giorni innanzi allo scadere dell’ultimatum a
Ribelli e a unirsi a loro. Nonostante la sua origine Germania, Italia e Giappone, portò alla
borghese, Cuca riuscì a rendersi utile alla causa: dichiarazione di guerra del primo giugno, cui
la Repubblica non aveva bisogno di attori, ma di seguirono l’adesione alle Dichiarazioni
47
dell’Atlantico e delle Nazioni Unite e misure lo sviluppo o di essere quinte colonne di Morti,
contro i nemici. Il governo ristabilì la concordia Cattolici o Aztechi, furono puniti con lunghi
nazionale: Cardenia ebbe il comando delle forze periodi di lavoro forzato e rieducazione; sorte
sul Pacifico, Rodríguez di quelle operanti sul Golfo analoga toccò a molti contadini accusati di avere
del Messico; sei ex presidenti si aggiunsero a simpatie papaline. Il periodo delle grandi purghe
Cardenia il 16 settembre, festa nazionale. Per la (eliminazione fisica degli avversari) ebbe inizio nel
propaganda tra gli operai, V. Lombardo Toledano 1945. Il rapimento del colonnello Manuel Huerta
si valse della sua “Confederación de Trabajadores (forse organizzato dallo stesso Garcia), fedele
de América Latina”, che acquistò a sua volta collaboratore di Garcia e ministro dell’interno,
maggiore consistenza; gli stessi sinarchisti rapito dagli Aztechi durante una Guerra dei Fiori,
raccomandarono che si aumentasse la fornì a Garcia il pretesto per un’ondata d’arresti,
produzione agricola, mentre si autorizzava incarcerazioni, cremazioni e soprattutto una
l’insegnamento religioso nelle scuole private e si martellante campagna stampa contro le “spie
revocavano confische di beni ecclesiastici. L’11 azteche” e i “sabotatori cattolici”. Le purghe si
giugno 1942 il Messico dichiarava guerra alle susseguirono e furono giustificate dalla necessità
forze dell’Asse e faceva piani per organizzare il di proteggere la popolazione dai Morti e dai
201° squadrone da caccia. Nemici.
Molti avevano già ricevuto un addestramento La repressione diede vita a un universo formato
iniziale di volo in Messico o negli USA. da campi di lavoro e rieducazione disseminati
Comunque, indistintamente, tutti i 35 ufficiali e i nelle zone più remote sotto il controllo dei Ribelli
300 uomini furono inviati per un addestramento o segregato in quartieri prigione di Maxila. Molti
di volo a Pocatello, una base dell’US Air Force, prigionieri furono prelevati e deportati sotto la
nell’Idaho, e addestrati con gli aerei da caccia P- minaccia delle armi nei campi di concentramento
47 americani. senza saperne la ragione.
Miguel Garcia, alto ufficiale dell’esercito Ancora oggi Garcia non ama ricorrere a processi
messicano, all’indomani del risveglio riuscì a farsa, non gli sono mai piaciuti, ma in passato ne
riunire attorno a sé un apparato burocratico e ha fatto buon uso per screditare quelli che
poliziesco, diventando, di fatto, un dittatore. Era giudicava essere i più pericolosi avversari interni.
l’autorità politica assoluta, l’unico depositario Ha celebrato processi formalmente regolari, ma si
della teoria marxista-leninista e il garante della è avvalso di confessioni false estorte con la
sua applicazione (chi criticava era giudicato un tortura, per far condannare come colpevoli di
traditore). Applicò subito la legge marziale su complotti Papalini o Aztechi. Molti oppositori
tutti i territori in cui riuscì a imporre la sua interni e compagni di Garcia caddero vittime
autorità, vale a dire Guadalajara e dintorni. macchina di terrore e morte che loro stessi
Oltre a imporre un governo autoritario, Garcia avevano contribuito a costruire e mettere in
introdusse un surplus di spietatezza: fece, e lo fa moto.
tuttora, cremare i moribondi e non si limitò a La cultura del Nuovo Messico nelle intenzioni di
emarginare i suoi avversari, ma li mandò ai lavori Garcia dev’essere solida, concreta, realista e
forzati se di qualche utilità alla Rivoluzione soprattutto deve celebrare il Proletariato
oppure li fece gettare nei forni crematori. messicano e le sue conquiste.
Garcia, almeno formalmente, non si arrogò alcun Musica, letteratura, cinema e arti figurative sono
potere o alcuna autorità dittatoriale finché non fu sottoposte a censura e svolgono funzioni
certo che i membri del governo fossero defunti propagandistico-pedagogiche entro i canoni del
ma, non appena seppe del governo di Lazaro realismo socialista elaborati dal ministro per la
Reymundo Muñoz, non solo non lo riconobbe, cultura. La storia è stata “revisionata” in modo da
ma intimò ai Cattolici di sottomettersi alla sua esaltare la visione marxista-leninista elaborata da
autorità… Questo fu un passo avventato, ma Garcia.
Garcia era stressato e provava una forte Quel poco di ricerca e d’istruzione che ancora
avversione per il clero e il cattolicesimo. esiste è rigidamente controllato da uomini fedeli
Già nei primi cinque anni, la macchina del terrore a Garcia.
garciliana era in piena corsa. Commercianti, La popolazione vede Miguel Garcia come un
tecnici e dirigenti di partito, accusati di sabotare salvatore. Alcuni oppositori interni ravvisano però

48
nel garcilismo una deviazione verso “destra” del comunque cibo con l’allevamento integrato a
Partito Rivoluzionario Istituzionale. pesca, caccia e raccolta; il luogo dev’essere
Aeronautica facilmente difendibile e il terreno dev’essere in
Il 201° squadrone da caccia fu la prima unità grado di mantenere una recinzione; ogni risorsa
militare a volare fuori dai cieli messicani. Lo del luogo dev’essere stimata e registrata, in
squadrone concluse tutte le varie fasi particolare: metalli, combustibili e possibili
dell’addestramento all’inizio di marzo del 1945. materiali da costruzione.
Era aggregato al 58° gruppo caccia dell’US Air Le comuni possono sorgere lontano da fonti di
Force, equipaggiato con i caccia P-47. Le risorse, ma non da riserve d’acqua e di cibo e non
operazioni di combattimento iniziarono nel in posizioni indifendibili.
giugno del 1945. I campi di lavoro invece sorgono dove ci sono
Lo squadrone nel 1945 contava 6 ufficiali e 24 risorse. Proprio come gli Aztechi e i Cattolici, i
uomini. Ribelli non si preoccupano troppo dell’incolumità
Parteciparono a missioni di bombardamento dei prigionieri, in più i condannati a morte sono
delle Fosse Comuni che asseddiavano Mexicali e usati per radunare i branchi di Morti da
affiancarono la 25a divisione. bombardare con aerei e da bersagliare con
Le missioni compiute fra l’1 giugno e il 10 luglio l’artiglieria.
1945 sono state le seguenti: I membri di ogni comune sono addestrati per
53 voli in missione e 293 sortite, contro sopravvivere ai pericoli del luogo e sono istruiti
assembramenti di Morti e fosse comuni, dal 4 circa i Morti : in questo campo sono informati di
giugno al 4 luglio 1945; furono sganciate 181 quel che il governo ritiene necessario sappiano
tonnellate di bombe; furono sparati ben 104.000 ma tutti conoscono la divisione dei Morti in ma
colpi; 7 piloti furono uccisi in azione. tutti conoscono la divisione dei Morti in Cadàver,
In totale i voli in missioni di combattimento Carnicero e Brujo. Le comunicazioni tra il Partito
furono 96; le sortite offensive furono 785; le e comuni avvengono via radio e tramite
sortite difensive furono 6. L’unità perse fino al pubblicazioni a stampa distribuite dai convogli
dicembre 1945 solo 9 uomini. Le unità che riforniscono queste piccole fortezze; tutti i
danneggiate in combattimento furono 5. Un membri delle comuni sono tenuti aggiornati su
veterano del 201° squadrone caccia messicano, ogni pericolo: movimenti di morti, di avversari, di
Carlos Faustino, fu decorato con “La Cruz de predoni, anche sul maltempo.
Honor” dal Generale Garcia. Aveva partecipato a Per la difesa e la produzione di cibo ogni comune
25 missioni nel Sud Pacifico, abbattendo 6 aerei dev’essere quanto più possibile autonoma. Il
delle Aquile Azteche, un corpo di piloti al servizio governo ridistribuisce le risorse alimentari,
dell’Excan Tlatoloyan. militari, scientifiche e tecniche secondo il criterio
Questa “Fuerza Aerea Expedicionaria Medicina” del bene comune che, negli anni precedenti, era
*FAEM+ è rimasta imbattuta fino all’aprile 1946 per la verità piegato a esigenze strategiche: le
quando fu tentato un bombardamento di di comuni militarmente utili sono state difese fino
Tenochtitlán, in quell’occasione le comunicazioni all’ultimo, quelle meno utili per rifornimenti e
cessarono e i tre aerei inviati a bombardare la difesa sono state abbandonate a se stesse. Tale
città nemica si schiantarono al suolo, in quella strategia però sul lungo periodo si è rivelata
missione perì anche il primo capitano Radames efficace, visto che ha permesso di difendere la
Gaiola Andare, in carica dal primo marzo 1945 e sicurezza del maggior numero di persone e di
gli subentrò Javier Gomez. respingere attacchi di predoni, dell’esercito
cattolico e delle Guerre dei Fiori azteche. Certo,
Le comuni questo ha significato dare cinicamente in pasto
Le comuni sono insediamenti fortificati per alcuni forzati agli Aztechi o usare
resistere a lunghi assedi e per essere autarchiche. deliberatamente come specchietti per le allodole
Ogni Comune ha obbligatoriamente una alcune comuni, o allestire dall’alto comuni
postazione radio e, almeno, una persona formate da “elementi borghesi, clericali o
addestrata alla manutenzione. reazionari” per creare punti di raccolta dei Morti
Il terreno dev’essere coltivabile oppure da bombardare, ma la strategia machiavellica del
dev’esserci la possibilità di approvvigionare generale Garcia ha senza dubbio funzionato fino

49
al punto che in Messico grossi assembramenti di Cinque coltelli baionetta compatibili col fucile o
Morti e fosse comuni sono rare. utilizzabili singolarmente.
Cure Mediche Un machete.
Nelle terre dei desperados solo i Ribelli hanno Due asce.
una politica sanitaria e vere e proprie strutture Un mazzuolo da fabbro.
ospedaliere.
Ogni comune deve possedere almeno Equipaggiamento
un’infermeria con spazi per la degenza, forniti di Vestiario.
sale chirurgiche improvvisate; questi piccoli centri Sapone.
medici sono gestiti dal comitato ed è qui che Acqua: vengono utilizzati i sistemi di raccolta e
infermieri (e occasionalmente medici e chirurghi) depurazione tradizionale.
svolgono le loro mansioni. Il personale medico In ogni comune però ci sono delle pastiglie di
cerca di mantenere alti standard d’igiene, ma iodio per purificare l’acqua da usare in caso di
l’unico disinfettante disponibile è l’alcol; gli necessità.
antiquati strumenti clinici sono sterilizzati in Scorte d’emergenza: in ogni comune c’è cibo in
acqua bollente, mentre la tequila e l’ipnosi sono scatola a lunga conservazione per ogni persona
gli unici anestetici disponibili. Nonostante tutto la per trenta giorni.
mortalità negli ospedali è contenuta, ma le Settantacinque litri di benzina.
operazioni chirurgiche hanno come conseguenza Radio a onde corte ricaricabile (a batterie).
postumi più o meno gravi, lunghi tempi di Due torce elettriche a batterie.
recupero e grandi cicatrici e in alcuni casi non Due lampade elettriche ricaricabili (a batterie).
risolvono il problema in maniera definitiva. Non è Due radio ricaricabili (a batterie) e mattoni di
pericoloso sottoporsi a interventi di pronto adobe.
soccorso, come farsi suturare delle ferite, curare Legna o altri combustibili.
avvelenamenti e intossicazioni, complicazioni Blocchi di cemento.
post parto. Sacchetti di sabbia per creare fortificazioni
I medicinali veri e propri fanno parte delle temporanee o per barricare porte e finestre.
forniture mediche conservate per l’Esercito del Calce (usata anche per depurare il terreno).
Popolo, sono in sostanza impossibili da trovare Kit completo di utensili, comprendente mazza da
perché tutti i farmacisti superstiti lavorano alla fabbro, ascia, sega e moltissimi chiodi.
produzione di scorte o alla formazione del Binocolo militare con lenti di ricambio e kit di
personale medico. Il mercato nero dei medicinali pulizia.
è quasi inesistente vista l’efficienza della polizia e Tre razzi di segnalazione.
la certezza delle pene: nelle comuni più isolate, Trentacinque bastoncini chimici luminosi.
però, i comitati trafficano con i desperados Cinque estintori.
barattando a caro prezzo medicinali o prodotti Pezzi di ricambio e manuali d’uso per tutti i
chimici con derrate alimentari e altre merci di macchinari presenti nella comune.
scambio. Memorandum sui Morti.
La popolazione civile e i militari in tempo di pace Un manuale d’uso e manutenzione per ogni
non usano medicinali, ma rimedi erboristici e strumento presente nella comune.
l’ipnosi, usata per indurre effetti placebo.
Equipaggiamenti disponibili in una comune Armi in dotazione ai Ribelli
Armamenti I Ribelli continuano a costruire, ma soprattutto a
Le truppe repubblicane sono armate alla leggera riparare e mantenere funzionanti le armi in
per favorire rapidità e mobilità, le comuni però dotazione all’esercito messicano nel 1944,
sono piene d’armi. possiedono anche alcuni veicoli, anche questi in
Ogni comune ha un arsenale che comprende per dotazione all’esercito messicano: soprattutto
ogni persona abile alle armi: aerei che avevano ricevuto dagli USA per
Una pistola (Obregón pistol Colt M1911). combattere sul Fronte del Pacifico.
Un fucile (Mauser 1898 FMM
1902/07/10/12/24/36 Mondragón rifle). Pistole: Obregón pistol, Colt M1911

50
Fucile: Mauser 1898 FMM 1902/07/10/12/24/36, anche fatto prelevare, imballare e stoccare in
Mondragón rifle città quanto più materiale didattico potesse. Ha
Pistola mitragliatrice: M1A1 Thompson dato priorità all’aspetto tecnico-scientifico e ha
Mitragliatrice: Mendoza Model 45, Mendoza C- tralasciato il resto.
1934 Garcia baratta il surplus di produzione delle
Fucile di precisione: Mondragón rifle (con mirino) comuni coi desperados o manda soccorsi alle
popolazioni delle “terre perdute”; in realtà è un
Economia modo per giustificare il fatto che sta aiutando
Nei territori dei desperados non c’è alcuna gruppi di sopravvissuti e predoni che a vario titolo
moneta corrente: senza monete né banconote disturbano Aztechi e Cattolici.
non rimane che il baratto, i negozi non esistono Le comuni e i campi di lavoro producono e
più ma i Ribelli riescono ancora a produrre vestiti, faticano per le città di Guadalajara e Maxila sotto
bevande, cibo e medicinali. Non sono più in il controllo dei Ribelli in cambio di protezione e
commercio macchine industriali e ricambi che generi di prima necessità, primi tra tutti i
sono monopolio dei Ribelli. medicinali.
Per ottenere qualcosa, un acquirente deve avere
qualcosa che attiri il venditore il che rende difficili Tecnologia
le transazioni. Anche se i Ribelli hanno fatto enormi sforzi per
Le uniche industrie esistenti sono gli stabilimenti procurarsi risorse scientifiche, tecnologiche,
controllati dai Ribelli. Negli ultimi tredici anni materie prime, energia, infrastrutture, la
sono svanite le professioni specializzate. Le popolazione e di conseguenza la forza lavoro
banche sono scomparse e l’unico risparmiatore è sono esigue e la produzione è lenta e scarsa
lo Stato. Non ci sono però tensioni tra i Ribelli anche se di buon livello. Visto il pericolo del
perché lo Stato da una parte distribuisce risveglio, fabbriche e stabilimenti non sono mai
equamente le risorse, dall’altra reprime stati così sicuri, gli infortuni sono pochi e ancora
efficacemente ogni dissenso. meno i decessi sul lavoro e i Morti vengono fatti a
Non c’è una vera e propria valuta ma nelle terre pezzi prima del risveglio dagli addetti alla
dei desperados oro, sale e sigarette sono ancora sicurezza. Gli oggetti fabbricati negli stabilimenti
usati come riferimento per gli scambi. dei Ribelli necessitano di molto tempo per essere
Le comuni sono aggregati di famiglie che almeno prodotti ma tendono a essere resistenti e
riescono a produrre i generi di prima necessità. affidabili.
Formare tecnici specializzati e personale medico
è difficilissimo e solo i Ribelli ci riescono in Legge e Ordine
maniera limitata. Nei giorni feriali i colpevoli di reati minori
Nelle “terre perdute” le persone lavorano molto vengono fatti sfilare fino in piazza con
di più e il lavoro minorile è la norma. I Ribelli l’accompagnamento musicale di una banda,
formano i cittadini quando sono ancora bambini fustigati e messi alla gogna per un certo numero
per avviarli, quanto più possibile, verso di giorni, poi tornano al lavoro; i recivivi e i
l’autosufficienza. responsabili di reati più gravi sono condannati a
I Ribelli cercano di dotarsi, sia pur a costi altissimi, scontare periodi di detenzione nei campi di
di tecnici, infrastrutture e stabilimenti in modo da lavoro. Per il tradimento, la sedizione e il
produrre armi, munizioni, cibo ed sabotaggio c’è solo un interrogatorio pesante alla
equipaggiamento per poter così abbattere le fine del quale il condannato viene cremato vivo.
forze della reazione: Papalini e Aztechi. La certezza della pena scoraggia la maggior parte
Miguel Garcia ha ordinato di prelevare quanto dei cittadini dal commettere reati.
più personale medico, quanto più personale
tecnico possibile e soprattutto esperti di
sopravvivenza non solo della zona, ma di tutte le
Gli Eroi del Popolo
Gli Eroi del Popolo sono una congrega di burattini
aree del Messico. È disposto perfino a comprare,
che nel Mondo di Mezzanotte lavorano per
di nascosto, dalle altre fazioni schiavi con
rendere il Messico un posto sicuro per i bambini,
competenze tecniche, ma li marchia e li tiene a
aiutando Mario Fernandez a reperire
lavorare nei campi non fidandosi di loro. Ha
51
informazioni su Cattolici, Ribelli e possibili Cuore: il Bagatto.
traditori del Popolo Messicano. Molti Eroi del Oggetto del Cuore: un vecchio cipollone rotto.
Popolo sono figli di Mario ma non tutti, il Forma: Peluche.
Bianconiglio è un vecchio burattino di oltre Status: Solo.
cinquant’anni, creato dalla zia e maestra di Mario Casata: Myriam.
ormai defunta da decenni. Nel Paese dei Balocchi Stirpe: Fernandez.
gli Eroi del Popolo abitano in un grazioso villaggio Congrega: gli Eroi del Popolo.
di casette dalle mura bianche costruito attorno a
uno spiazzo quadrato con una fontana di marmo Pancho
venato che mormora in mezzo alla piazza. Qui si Profilo: è un bel ragazzo che indossa una divisa
affacciano la chiesa barocca dove officia don dell’esercito messicano, lineamenti e taglio di
Cabezon, il negozio di orologi del Bianconiglio, la capelli sono gli stessi che aveva Miguel Garcia da
cantina di Bella, dove re Teschio affoga i cattivi giovane. Pancho, chiamato così in onore di
ricordi nella tequila e nel vino, il commissariato Pancho Villa, è un burattino solare, carismatico,
dove lavora Poncho. Di tanto in tanto passano da dalla battuta pronta ma animato da un gran
queste parti anche il Gatto con gli stivali, un senso di giustizia, è astemio ma adora le donne.
ocelot vestito da moschettiere, e Mordred, un Quando non è al lavoro è sempre intento a
cavaliere errante dalla nera armatura. Il villaggio rincorrere gonnelle, è incuriosito soprattutto
è abitato solo da membri della congrega ma, dalle bambole di passaggio e questo potrebbe
avendo una cantina dove si può giocare a carte, è diventare un problema.
insolitamente ospitale con gli stranieri e alcuni, Cuore: la Giustizia.
come il Gatto, paladino dei bambini, sono Oggetto del Cuore: una medaglia al valor civile.
davvero ottimi amici. Forma: Marionetta.
Status: Comune.
Il Bianconiglio Casata: Mario.
Profilo: ha l’aspetto di un coniglio bianco di Stirpe: Fernandez.
peluche vestito con un completo a tre pezzi di Congrega: gli Eroi del Popolo.
tweed verde, camicia bianca a righe sottili,
cravattino nero, indossa un paio d’occhiali a Re Teschio
stringinaso. Nel Paese dei Balocchi appare come Profilo: è una marionetta che rappresenta un
un coniglio antropomorfo dal vello candido e uomo con un enorme sombrero, completo di
immacolato vestito come un gentiluomo inglese velluto nero, camicia bianca e cravattino di raso
di campagna. Funge da guida e mentore degli Eroi rosso, scarpe di vernice, impugna due pistole in
del Popolo, di tanto in tanto si reca da Mario per miniatura. Ha la testa a forma di teschio con un
farsi riparare, di tanto in tanto si reca da lui per paio di baffoni a manubrio. Nel Paese dei
farsi riparare, funge da guida e mentore degli Eroi Balocchi appare come un messicano allampanato
del Popolo. Il Bianconiglio è un Solo di con un volto ossuto e glabro, fatta eccezione per i
cinquant’anni con alle spalle un’onorata carriera, baffetti arricciati.
infatti è uno dei più venerabili e rispettati Re Teschio era stato costruito quindici anni prima
burattini del Paese dei Balocchi e spesso gli altri per Agustin Torres, un ragazzino che come Mario
Soli si rivolgono a lui per chiedergli pareri e lavorava nel mondo dello spettacolo come
consigli. Nei decenni ha fatto parte di almeno tre marionettista e ventriloquo. Agustin amava le
congreghe, tutte sciolte per un motivo o per storie di banditi ed era bravo a organizzare
l’altro, ma tutte con obiettivi riguardanti il Mondo spettacoli su quel tema. Poiché Agustin viveva in
di Mezzanotte. Il Bianconiglio diffida di congreghe un quartiere turbolento, quando rimase orfano
con scopi esoterici o con scopi troppo astratti e del padre (morto in una stupida lite) Mario
utopici; quella degli Eroi del Popolo è forse la costruì re Teschio e gli diede il compito di
congrega più idealistica e politicizzata che abbia difendere il ragazzino. Nel tempo Agustin crebbe
mai abbracciato. Il Bianconiglio è un vero e e liquidò le sue scorribande notturne con re
proprio genio dell’organizzazione e della logistica Teschio come semplici fantasticherie, ma
e la sua direzione è indispensabile per la continuò a portare con sé la marionetta
congrega. nonostante i Morti avessero cominciato ad
52
aggirarsi famelici tra i Vivi. Re Teschio fece del che si divertono a fare dispetti alle bambine più
suo meglio per difendere Agustin, sua madre timide e sono convinte di ottenere qualunque
Rosario e le sue sorelline, riuscendoci per ben cosa facendo la voce grossa con il padre
dieci anni. Una sera di tre anni prima re Teschio (convinzione non del tutto peregrina, essendo la
riprese coscienza su una mensola di un tempio a loro madre una virago tirannica e il padre un
Tenochtitlán, scoprì che la comune in cui viveva ometto che sembra fatto apposta per trasalire
Agustin era stata assaltata dai Guerrieri Divini, dolorosamente durante ogni litigio). Così Bella è
che Agustin e sua madre erano stati sacrificati, divisa tra la voglia di dargli una bella lezione e
smembrati e divorati da Vivi e Morti e che le l’intento di non bruciare la sua copertura.
sorelle Torres erano schiave di un farabutto che Cuore: l’innamorato.
gestiva un locale nel quartiere di Motecuhzoma. Oggetto del Cuore: uno specchietto giocattolo
Da allora re Teschio lavora come spia nel cuore per bambola.
del territorio nemico e veglia sulle sorelle del suo Forma: Marionetta.
amato padroncino. Re Teschio sta anche Status: Comune.
cercando di capire quale sia lo sciamano del Casata: Mario.
Coyote che ha guidato l’assalto alla comune dove Stirpe: Fernandez.
viveva Agustin per dargli fuoco. Congrega: gli Eroi del Popolo.
Cuore: la Morte.
Oggetto del Cuore: un proiettile di revolver Don Cabezon
sporco di sangue (quello che uccise Cesar il padre Profilo: è una marionetta obesa in abito talare,
di Agustin). ha un faccione bonario con il naso e le guance
Forma: Marionetta. rosse, è semplicemente ridicolo. Nel Paese dei
Status: Comune. Balocchi è, in effetti, un grasso e gioviale prete di
Casata: Mario. campagna. Nel Paese dei Balocchi passa sei giorni
Stirpe: Fernandez. su sette giocando a carte con gli altri burattini,
Congrega: gli Eroi del Popolo. improvvisando sermoni oppure gironzolando con
Fata Verdina, che gli va particolarmente a genio.
La Bella La domenica però celebra una messa in una
Profilo: è una graziosa marionetta femminile, ha piccola chiesa solitamente vuota, quando celebra
un viso con lineamenti delicati, occhi neri è piuttosto buffo perché usa un latino
socchiusi, un dolce sorriso, capelli neri a crocchia maccheronico ed è piuttosto maldestro con gli
che possono però essere acconciati, abito nero oggetti liturgici.
guarnito con trine e merletti bianchi, Cuore: la ruota della fortuna.
elegantissimi. Nel Paese dei Balocchi è una Oggetto del Cuore: pagina di messale chiazzata di
bellissima ragazza ispanica. unto e di vino.
Bella era la marionetta con cui giocava Angelita Forma: Marionetta.
da bambina. Quando Angelita crescendo si è Status: Comune.
allontanata sempre più dalla frivola marionetta, Casata: Mario.
così Bella ha chiesto di essere mandata in Stirpe: Fernandez.
missione nelle terre dei Cattolici. Ci è arrivata Congrega: nessuna.
attraverso il contrabbando e ora è il giocattolo
preferito delle sorelle Lopez di Monterey, figlie di Il Gatto con gli Stivali
un ragioniere che tiene in ordine i conti di molti Profilo: appare come un gatto antropomorfo
borghesi. Da un certo punto di vista Bella non ha maculato come un ocelot con un paio d’occhi di
accesso a informazioni sulla curia, ma ha le mani vetro verde, cappello piumato da moschettiere e
sul polso della città e grazie a lei Mario è ben stivali col tacco alti fino alle ginocchia, ha con sé
informato sull’economia della fazione cattolica, un piccolo stocco. Ha un sorriso sornione e
cosa che permette al generale Garcia di fare un’aria perennemente divertita. Nel Paese dei
sempre scambi vantaggiosi al mercato nero. Balocchi appare come un ocelot antropomorfo
Bella non è molto contenta della sua vestito da moschettiere. Si presenta a Mario
sistemazione perché le sue padroncine, Clelia e Fernandez di tanto in tanto per farsi riparare;
Virginia Lopez, sono due piccole smorfiose viziate quando ha a che fare con Mario, si presenta
53
come un burattino innocuo, appena un po’ pigro dubbio per lui è utile rimanere in buoni rapporti e
e dispettoso ma nulla più. Per quanto abbia quasi difendere le vite degli unici burattinai che
un secolo, è in perfette condizioni perché è stato conosce, ma prova anche un sincero affetto per
molto scaltro nel trovare abili burattinai e loro e troverebbe, prima che poco pratico, molto
nell’accattivarsi le loro simpatie per ottenere triste se i suoi cari amici scoprissero i suoi piccoli
riparazioni di altissimo livello. segreti e la loro amicizia finisse. Certo, potrebbe
Novant’anni prima, sua madre Esmeralda un costringerli a ubbidirgli, ma si perderebbe le
giorno trovò sulle rive fangose di un fiume un serate in compagnia della famiglia Fernandez.
pezzo di statuetta di giada, la testa di un ocelot, e Il Gatto è uno dei fiancheggiatori dei Servitori del
decise di usarlo come cuore di un burattino che Potere, e lo è da decenni e con convinzione, in
difendesse i bambini, il Gatto con gli Stivali… parte perché non riesce a comunicare veramente
Quello che non poteva sapere è che la statuetta con gli altri burattini, ma soprattutto perché è
di giada era un oggetto magico che era stato convinto che le azioni delle otto antiche
distrutto da un antico sacerdote, che l’aveva marionette porteranno il mondo alla fine, una
ricevuto in eredità dai suoi avi, perché troppo fine opportuna, visto che il mondo di Mezzanotte
potente e difficilmente controllabile per le sue era già un posto mostruoso per i cuccioli di uomo
deboli forze: l’aveva spezzato e gettato nelle ben prima del Giorno del Giudizio. In realtà
gelide sorgenti di un fiume sperando che il suo l’unico burattino della congrega per il quale prova
calore se non si spegnesse almeno si smorzasse. un briciolo di rispetto è Uno, tutti gli altri per lui
Secoli dopo Esmeralda ne fece il cuore di quello sono stupidi o malvagi oppure entrambe le cose,
che all’inizio sembrava un piccolo capolavoro, un ma nasconde il suo disprezzo dietro sorrisi
ocelot vestito da moschettiere e armato da una sornioni, parole flautate e un’impeccabile
piccola sciabola, ma che si rivelò la sua rovina. efficienza nello svolgere le missioni assegnategli.
Il Gatto prese da subito molto sul serio il suo Il Gatto con gli Stivali è stato fabbricato con i resti
compito di protettore dei bambini. Infatti, pur di di un artefatto magico carico di magia antica, è
portare a termine il suo incarico, diede fuoco alla molto più forte di un comune Sbaglio, anzi è
casa dei genitori che vessavano la bambina a cui molto più potente di quanto sarebbe ragionevole
era stato donato e, causando un incidente quasi per un comune burattino ma è bravo a misurare
mortale, tolse l’uso delle gambe a un bullo che le sue forze.
l’aveva picchiata, infine tagliò nel sonno la gola a Cuore: la Forza.
un medico pedofilo che aveva tentato di abusare Oggetto del Cuore: frammento di antica statuetta
della sua Francisca. Esmeralda tentò di di giada verde spezzata (la testa di un ocelot).
distruggere la sua creazione ma il Gatto la fece Forma: Pezza.
assassinare da un folle psicotico a cui parlava ogni Status: Sbaglio.
notte nascosto nell’ombra. Il Gatto con gli Stivali Casata: Esmeralda.
continua a difendere la sua protetta e a Stirpe: Rodríguez.
proteggere i bambini a modo suo: minacciando, Congrega: Nessuna ( ma fiancheggia i Servitori
causando incidenti mortali, torturando e, quando del Potere).
è il caso, uccidendo. Il Gatto adora coltivare
amicizie con umani folli che “sentono le voci”, Mordred
plagiarli e impiegarli come alleati. Il Gatto è Profilo: è un pupo con una splendida corazza
interessato soltanto ai bambini e al suo compito perfettamente articolata di colore nero, sul
ed è capace di fare di tutto pur di portarlo a pettorale è stata sbalzata l’araldica di un corvo.
termine; prova un briciolo di rispetto (e forse un Nel Paese dei Balocchi appare come un possente
po’ di ammirazione) solo per Fernandez e le sue guerriero catafratto in un’armatura d’acciaio
nipoti, si fa riparare da loro, si mostra amichevole scuro con l’araldica del corvo sbalzata sul
e gli dà una mano fornendo informazioni e pettorale. È un ragazzo con bei lineamenti
facendo a pezzi le carcasse (che lo ignorano non leonini, la pelle bruna, i capelli rossi e occhi grigi
essendo vivente) con qualunque mezzo riesca a simili all’acciaio troppo temprato, dallo sguardo
procurarsi. Dal punto di vista del Gatto la sua spento ma che s’accende di grande calore umano
amicizia con i Fernandez è sincera, ma tiene per nelle rare volte in cui sorride o di profonda
se stesso i suoi segreti professionali. Senza compassione quando ascolta una richiesta

54
d’aiuto. Non è molto alto ma è imponente e Ogni notte quando si sveglia nell’orfanotrofio
regale. secondo le sue due inclinazioni vaga per i dintorni
Mordred è una creatura solitaria e amareggiata: è cercando animaletti da aiutare (perfino altri
sopravvissuto a suo padre, Pippo il Pazzo, il suo burattini se hanno quella forma) oppure fa da
piccolo protetto ormai è diventato adulto da un mamma ai bambini, rammendando loro i calzini e
pezzo ormai, in tutta la sua congrega solo lui ha facendo piccoli gesti d’amore.
trovato la forza di resistere alla morte del padre e
al suo risveglio e ha trovato il coraggio di Cuore: l’Appeso.
sopportare le sue disgrazie nel desiderio di Oggetto del Cuore: etichetta di alcolico con una
dimostrare di non essere solo un menagramo, un fata verde stampata.
portatore di disgrazie, un distruttore ma di poter Forma: bambola.
essere anche lui un buono, un eroe, un salvatore. Status: Sbaglio.
Mordred sta cercando suo padre per porre fine Casata: Angelita.
alla sua esistenza: oltre a essere un abominio, il Stirpe: Fernandez.
suo dono di burattinaio è stato rimpiazzato dal Congrega: nessuna ma è in buoni rapporti con gli
dono di controllare il fuoco, per questo motivo è Eroi del Popolo.
diventato un nemico dei burattini e della
profezia. Mordred si ferisce spesso, così va da L’Arma Segreta M.
Mario Fernandez per farsi riparare, per sdebitarsi “Ho sentito gli uomini del vescovo riferirsi
scambia informazioni o porta a termine piccoli all’oggetto nascosto nella base vicino alla spiagga
compiti. col nome di “Arma Segreta M.” ho motivo di
Cuore: la Torre. credere che l’Arma Segreta M. sia un qualche
Oggetto del Cuore: una piuma di corvo incerata. dispositivo militare: probabilmente una piccola
Forma: pupo. corazzata con cui le forze della reazione hanno
Status: Solo. armato la mano della perfidia clericale.
Casata: Giuseppe. Comunque semmai ci fossero ancora dei dubbi il
Stirpe: Previtera. “miracolo” di San Djago è opera di missili sparati
Congrega: i Cercatori di Fiamma. da una postazione di tiro che si trova esattamente
in quella base, sembra incredibile vista l’enorme
La Fata Verde distanza e la potenza delle deflagrazioni eppure,
Profilo: Angelita era indecisa se farne una fata come potrete vedere dai reperti allegati nella
oppure una regina, voleva fare una fata ma ha missiva è davvero così.
ottenuto un abito verde da gran dama da cui Cordialmente
però sbuca un viso tondo con zigomi arrotondati, Cuca”
guanciotte rosse e un’espressione maliziosa da
fatina, sui capelli è però appoggiato un piccolo
diadema di fili di rame estremamente grazioso.
Qua e là nelle articolazioni ci sono piccole pecche
che rendono la bambola fin troppo snodata,
anche nel vestito ci sono alcune sviste ed errori
da principiante: le cuciture cadono in modo
diverso dando al vestito un che di asimmetrico, il
corsetto trapuntato è scollato e semplice mentre
la gonna a campana è decisamente barocca.
Nel Paese dei Balocchi appare a volte come
Verdina, una fata senz’ali che vaga per boschi e
radure scacciando gli intrusi a male parole
(sembra spiritata nelle sue peregrinazioni),
oppure come Verdiana, nobile principessa dalle
vesti sgualcite in cerca d’aiuto perché una “fata
malvagia” l’ha rapita.

55