Sei sulla pagina 1di 32

34567

15 GIUGNO 2013

ARTICOLI DI STUDIO

5-11 AGOSTO

Apprezziamo
pienamente
`
le qualita di Geova
PAGINA 7 ˙ CANTICI: 69, 89

12-18 AGOSTO

Apprezziamo`
la generosita
e la ragionevolezza
di Geova
PAGINA 12 ˙ CANTICI: 22, 110

19-25 AGOSTO
`
Apprezziamo la lealta
e la prontezza a
perdonare di Geova
PAGINA 17 ˙ CANTICI: 63, 77

26 AGOSTO – 1° SETTEMBRE

Lasciamoci modellare
dalla disciplina
di Geova
PAGINA 24 ˙ CANTICI: 120, 64
ARTICOLI DI STUDIO

`
ˇ Apprezziamo pienamente le qualita di Geova
`
ˇ Apprezziamo la generosita e la ragionevolezza
di Geova
`
ˇ Apprezziamo la lealta e la prontezza
a perdonare di Geova
GERMANIA `
Quando si parla della personalita di Geova, molti cristiani
IN COPERTINA: Predicazione in una
piazza di Francoforte, in Germania pensano subito ai suoi quattro attributi principali. Questi tre
articoli accresceranno il nostro apprezzamento per altre sue
 `
qualita che si studiano meno spesso. Per ognuna di esse ci
POPOLAZIONE chiederemo in cosa consiste, in che modo la manifesta
81.751.600 Geova e come possiamo manifestarla anche noi.

TESTIMONI
ˇ Lasciamoci modellare dalla disciplina di Geova
162.705 `
Descrivendo con una metafora la sua autorita sugli esseri
STUDI BIBLICI
umani, le Scritture parlano di Geova come del “nostro Vasaio”
74.466 (Isa. 64:8). Questo articolo mostra cosa possiamo imparare
PRESENTI ALLA COMMEMORAZIONE DEL 2012 sul grande Vasaio dal modo in cui ha modellato singoli indivi-
dui e nazioni intere nel passato. Spiega anche come oggi
265.407 possiamo trarre beneficio dal fatto che ci modella.

LIBRI PRODOTTI DALLA FILIALE TEDESCA


NEGLI ULTIMI 25 ANNI IN QUESTO STESSO NUMERO

20 mln
3 Ubbidire a Geova mi ha recato molte benedizioni

15 mln
22 Domande dai lettori

10 mln
29 Anziani, ristorerete “l’anima stanca”?

5 mln
32 Ricordate?
0
1985

1995

2000
1990

2005

2010

34567 Vol. 134, No. 12 Semimonthly ITALIAN


June 15, 2013

` `
Questa pubblicazione non e in vendita. Viene distribui- La Torre di Guardia e un periodico quindicinale Jehovas, e. V., Selters/Taunus. Druck und Verlag:
ta nell’ambito di un’opera mondiale di istruzione bibli- edito in Italia dalla Congregazione Cristiana dei Testi- Wachtturm Bibel- und Traktat-Gesellschaft der Zeugen
ca sostenuta mediante contribuzioni volontarie. Salvo moni di Geova, Via della Bufalotta 1281, Roma. Diret- Jehovas, e. V., Selters/Taunus. Verantwortliche Redak-
`
diversa indicazione, la versione biblica usata e la tore responsabile: Romolo Dell’Elice. Reg. Trib. Roma tion: Ramon Templeton, Selters/Taunus. 5 2013
Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture con n. 14289 - 10/1/1972. Stampata in Germania da: Watch Tower Bible and Tract Society of Pennsylvania.
riferimenti. Wachtturm Bibel- und Traktat-Gesellschaft der Zeugen Tutti i diritti sono riservati. Printed in Germany.
BIOGRAFIA

`
“Che bella lezione impariamo da Noe”, spiegava
` `
mio padre. “Ubbidı a Geova e mostro di voler Ubbidire
bene ai suoi familiari, che sopravvissero
´ ` ´
al Diluvio perche li porto con se nell’arca”.
a Geova
`
mi ha recato
QUESTO e uno dei primi ricordi che ho di mio padre, un
uomo semplice e un gran lavoratore. Avendo un forte sen- molte
so di giustizia, fu subito affascinato dal messaggio biblico,
`
che udı per la prima volta nel 1953. Da allora cerco di
`
benedizioni
insegnarlo a noi figli. Col tempo anche mia madre, che
NARRATO DA
dapprima non voleva lasciare le tradizioni cattoliche, co-
` ELISA PICCIOLI
mincio a studiare la Bibbia.
Per i nostri genitori era difficile studiare con noi: mam-
`
ma era quasi analfabeta e papa lavorava sodo nei campi.
` `
A volte papa era cosı stanco che durante lo studio si ad-
`
dormentava. Ma i risultati arrivarono. Io ero la figlia piu
` `
grande e percio davo una mano a insegnare le verita del-
la Bibbia a mia sorella e ai miei due fratelli. C’era una cosa
` `
che papa menzionava spesso: l’amore che Noe provava
`
per la sua famiglia, amore che dimostro ubbidendo a Dio.
Quanto mi piaceva questo racconto biblico! Nel giro di
poco, frequentavamo tutti le adunanze nella Sala del Re-
gno di Roseto degli Abruzzi, sulla costa adriatica dell’Ita-
lia.
Avevo 11 anni quando nel 1955 andai con la mamma a
Roma, dall’altra parte dell’Appennino, per assistere alla
nostra prima assemblea. Da allora ho sempre considera-
`
to questi grandi raduni tra le cose piu belle della vita cri-
stiana.
L’anno seguente mi battezzai, e poco dopo intrapresi il
servizio a tempo pieno. Diciassettenne, fui inviata come
pioniera speciale a Latina, a sud di Roma e a circa 300 chi-
`
lometri da casa. Era una citta nata da pochi decenni, per-
`
cio nessuno si sentiva condizionato dall’opinione dei vici-
ni. Io e la mia compagna di servizio eravamo entusiaste
per le numerose pubblicazioni bibliche che riuscivamo a
`
distribuire. Essendo cosı giovane, avevo molta nostalgia di
casa, ma volevo ubbidire alle direttive ricevute.
Successivamente fui mandata a Milano per i prepara-
tivi dell’assemblea internazionale del 1963, “Eterna buo-
na notizia”. Durante l’assemblea lavorai come volontaria

15 GIUGNO 2013 3
Il giorno del nostro matrimonio Ci piaceva stare con i giovani, il che per Paolo voleva spesso dire giocare a calcio

`
insieme a molti altri, tra cui Paolo Piccioli, un gio- ri insegnamenti biblici. Il confronto si rivelo de-
vane fratello di Firenze che il secondo giorno pro- cisivo: almeno 15 componenti di quelle famiglie
`
nuncio un vigoroso discorso sul celibato. “Quel sono diventati Testimoni.
`
fratello non si sposera mai”, ricordo di aver pen- Naturalmente oggi si predica in modo diverso,
sato. E invece cominciammo a scriverci e capim- `
ma all’epoca quei confronti erano piu frequen-
mo subito di avere molto in comune: mete, amo- `
ti; Paolo, che ne affronto parecchi, divenne uno
re per Geova e desiderio di ubbidirgli. Nel 1965 “specialista”. Ricordo che una volta se ne ten-
ci sposammo. ne uno davanti a tanti non Testimoni. Capimmo
subito che qualche oppositore aveva disposto in
CONFRONTI CON GLI ECCLESIASTICI
anticipo che diversi presenti facessero delle do-
Per 10 anni feci la pioniera regolare a Firenze. mande a loro parere imbarazzanti per noi. La
Per me e Paolo era emozionante vedere la cresci- `
conversazione prese pero un’altra piega: qualcu-
ta delle congregazioni e in particolare il progres- ` `
no domando se era giusto che le chiese, come e
so dei giovani. Con loro facevamo belle conversa- accaduto per secoli, si mischiassero con la politi-
zioni spirituali e ci svagavamo, il che per Paolo ca. A quel punto furono i sacerdoti a trovarsi in
voleva spesso dire giocare a calcio. Per quanto `
difficolta. All’improvviso tutte le luci si spensero
amassi stare insieme a mio marito, capivo che e l’incontro fu sospeso. Anni dopo apprendem-
quei giovani e le famiglie della congregazione mo che la mossa era stata preventivata nel caso
avevano bisogno di essere seguiti. la conversazione non fosse andata come voleva-
Ripensare ai tanti studi biblici che riusciva- no quei religiosi.
mo a condurre mi rende ancora molto felice. Ad
` NUOVE FORME DI SERVIZIO
esempio studiavo con Adriana, la quale parlo ad
altre due famiglie di quello che imparava. Insie- Dopo 10 anni di matrimonio venimmo invitati
me vollero fissare un incontro con un sacerdote a prestare servizio nella circoscrizione. Non fu
` ` ´
per parlare di dottrine come Trinita e immortalita facile accettare, perche Paolo aveva un buon im-
dell’anima. All’incontro si presentarono tre pre- piego; ma dopo averne fatto oggetto di preghiera
`
lati. Le loro spiegazioni pero apparvero ai nostri intraprendemmo questa nuova forma di servizio.
studenti contorte e incongruenti rispetto ai chia- Ci piaceva stare in compagnia delle famiglie che

4 LA TORRE DI GUARDIA
ci ospitavano. Alla sera di solito studiavamo tut- sangue a trasmissione ereditaria diffusa nel baci-
ti insieme, e poi Paolo aiutava i bambini a fare i no del Mediterraneo. I fratelli e le sorelle della fa-
compiti, soprattutto se erano di matematica. Pao- miglia Betel si impegnarono per coadiuvare gli
lo era anche un avido lettore e parlava con entu- avvocati che difendevano la coppia. Furono stam-
siasmo delle cose interessanti ed edificanti che pati anche un volantino e un’edizione speciale di
`
leggeva. Spesso il lunedı andavamo a predicare Svegliatevi! per aiutare l’opinione pubblica a capi-
in paesi dove non c’erano Testimoni e invitavamo `
re cio che la Parola di Dio dice riguardo al sangue.
le persone ad ascoltare un discorso programma- In quei mesi Paolo lavorava spesso anche 16 ore
to per la sera. di seguito. Da parte mia, facevo tutto il possibile
Dopo appena due anni fummo invitati a pre- per sostenerlo in quel delicato frangente.
stare servizio alla Betel di Roma. Paolo avrebbe
LA VITA CAMBIA ANCORA
seguito alcune questioni legali, mentre io avrei la-
vorato nel Reparto Riviste. Per quanto non fosse Dopo 20 anni di matrimonio la nostra vita co-
facile cambiare, io e Paolo eravamo decisi a ub- nobbe un’altra svolta. Avevo 41 anni, e mio ma-
`
bidire. E stato entusiasmante vedere negli anni rito ne aveva 49, quando gli dissi che pensavo di
l’espansione della filiale e l’enorme crescita del essere incinta. In una pagina del suo diario ho
popolo di Geova in Italia. In quel periodo la con- trovato una sua annotazione di quei giorni: pre-
fessione religiosa dei Testimoni di Geova ottenne gava Geova, se fosse stato vero, di aiutarci a rima-
importanti riconoscimenti legali. Eravamo asso- nere nel servizio a tempo pieno, a non rilassarci
lutamente contenti di quel servizio. spiritualmente e ad essere buoni genitori con l’e-
Durante quegli anni alla Betel, in Italia si fece sempio. Poi aggiungeva: “Che possa mettere in
un gran parlare della nostra posizione sul sangue pratica l’1% di quanto ho detto in 30 anni dal po-
basata sulla Bibbia. All’inizio degli anni ’80, in- dio”. A giudicare dai risultati, credo che Geova
fatti, ci fu un caso legale che fece clamore: due abbia ascoltato le sue preghiere, e anche le mie.
Testimoni vennero processati con la falsa accusa La nascita di Ilaria richiese grandi adattamen-
di aver fatto morire la figlia. La bambina in real- ti da parte nostra. A dirla tutta, ci sono stati mo-
`
ta era morta a motivo di una grave malattia del menti di scoraggiamento come quelli descritti in

Paolo amava il lavoro che faceva alla Betel


`
“In papa ho avuto il mio migliore amico”, dice sempre Ilaria
Proverbi 24:10: “Ti sei mostrato scoraggiato nel to sia importante ubbidire a Geova e seguire la
`
giorno dell’angustia? La tua potenza sara scarsa”. sua guida.
Ma ci siamo aiutati l’un l’altro, consapevoli del
UBBIDIENTI ANCHE IN TEMPI TRISTI
valore del reciproco sostegno. `
` Nel 2008 Paolo scoprı di avere un tumore.
Ilaria dice sempre che e bello essere stata la
figlia di due Testimoni impegnati nel servizio a Inizialmente sembrava che fosse possibile scon-
` figgere il male, e Paolo stesso mi incoraggiava
tempo pieno. Non si e mai sentita trascurata e ri-
molto. Oltre a informarci sulle migliori terapie
tiene di essere cresciuta in una famiglia del tutto
disponibili, insieme a Ilaria rivolgevamo a Geo-
normale. Durante la giornata io la seguivo da vi-
va lunghe preghiere per
` chiedergli di aiutarci ad
cino; e la sera, anche se spesso rientrava a casa `
affrontare il futuro. E stato cosı triste vedere un
con del lavoro da finire, Paolo era sempre pronto
uomo tanto forte e dinamico spegnersi a poco a
a giocare con lei e aiutarla a fare i compiti, anche `
poco. La sua morte, nel 2010, e stata un duro
se questo significava che avrebbe fatto le due o le
` colpo, ma ripensare ai nostri 45 anni insieme
tre del mattino per terminare il lavoro. “In papa `
mi e di grande conforto: abbiamo dato a Geova
ho avuto il mio migliore amico”, dice sempre Ila- il meglio, e so che quello che abbiamo fatto ha
ria. un valore duraturo. Non vedo l’ora che venga il
` ` `
Come si puo immaginare c’e voluta coeren- tempo in cui si adempiranno le parole di Gesu
za per instradare nostra figlia nella via cristia- `
` riportate in Giovanni 5:28, 29 e Paolo sara risu-
na. A volte c’e voluta anche fermezza. Ricordo scitato.
ad esempio che in un’occasione Ilaria, da pic- In fondo, io sono ancora la stessa bambina che
` ` `
cola, giocando con un’amica, si comporto male; era cosı colpita dal racconto di Noe. La mia de-
´ `
le spiegammo con la Bibbia perche era sbagliato terminazione non e cambiata: voglio ubbidire a
`
comportarsi cosı, e le facemmo chiedere scusa al- Geova, costi quel che costi. Sono certa che non
l’amica in nostra presenza. ci sono ostacoli, sacrifici o perdite paragonabili
Ilaria dice anche di apprezzare l’esempio di alle meravigliose benedizioni elargite dal nostro
amore per il ministero che ha visto in noi genito- amorevole Dio. L’ho provato in prima persona, e
` `
ri. Oggi che e sposata capisce ancora di piu quan- vi assicuro che ne vale davvero la pena.

“In fondo, io sono ancora


la stessa bambina che
`
era cosı colpita
`
dal racconto di Noe.
La mia determinazione
`
non e cambiata”
APPREZZIAMO
PIENAMENTE`
LE QUALITA DI GEOVA
`
QUANDO riflettiamo sulla personalita di Geova, che
`
qualita ci vengono in mente? Molti di noi penseran-
Divenite imitatori di no ad amore, giustizia, sapienza e potenza. Sappia-
Dio, come figli diletti mo bene, comunque, che Geova possiede tante altre
`
qualita stupende. Infatti, nel corso del tempo, nel-
(EFES. 5:1) le nostre pubblicazioni ne sono state prese in esa-
`
me piu di 40. Che incredibile tesoro di informazioni
`
sulla personalita di Geova attende di essere scoper-
COSA RISPONDERESTE? to tramite lo studio personale o familiare! Quali be-
` ` `
nefıci ne traiamo? Tale studio rendera piu profon-
do l’apprezzamento che proviamo per il nostro Padre
`
Come possiamo apprezzare celeste; e di pari passo crescera anche il nostro desi-
` derio di avvicinarci a lui e di imitarlo (Gios. 23:8; Sal.
maggiormente le qualita
di Geova? 73:28).
2 Ma cosa significa “apprezzare”? In questo artico-

lo useremo il verbo con il significato di riconoscere il


`
giusto valore di qualcosa.
` L’apprezzamento puo cre-
scere col tempo. E come quando scopriamo una nuo-
va pietanza: all’inizio ci stuzzica il profumo, poi ci
conquista il suo sapore, e infine la apprezziamo anco-
`
ra di piu quando la prepariamo con le nostre mani. In
Cosa significa essere maniera analoga, il nostro apprezzamento per le qua-
avvicinabili? `
lita di Geova aumenta man mano che lo conosciamo
`
meglio, che riflettiamo sulla sua personalita e che lo
imitiamo (Efes. 5:1). Questo articolo e i due che se-
guono hanno l’obiettivo di farci apprezzare maggior-
`
mente alcune qualita di Dio a cui forse non pensiamo
`
cosı spesso rispetto ai suoi principali attributi. Per

ciascuna di esse cercheremo di capire in cosa consi-
ste, come la manifesta Geova e in che modo possia-
Come possiamo imitare
` mo manifestarla anche noi.
l’imparzialita di Geova?
`
1. (a) Su che qualita di Geova potremmo riflettere? (b) Che
` `
benefıci possiamo trarre dallo studio delle qualita di Dio?
2. (a) Fate un esempio che illustri come possiamo apprezza-
`
re maggiormente le qualita di Geova. (b) Cosa prenderemo in
esame in questo e nei prossimi due articoli?

7
“Geova vostro Dio [...] non tratta
`
nessuno con parzialita” (Deut. 10:17)
(Vedi il paragrafo 17)

`
“Geova e vicino a tutti quelli
che lo invocano”
(Sal. 145:18)
(Vedi il paragrafo 9)

` `
GEOVA E AVVICINABILE ra’ mai per questo (Giac. 1:5; Sal. 65:2).
3Esaminiamo innanzi tutto l’avvicina- Il modo in cui la Bibbia descrive Geo-
` va ci fa capire che egli desidera che ci ri-
bilita. Come descriveremmo una perso-
na avvicinabile? Probabilmente direm- volgiamo a lui. Per esempio, il salmista
mo che si tratta di una persona gentile, Davide scrisse che “gli occhi di Geova
` sono verso [di noi]” e che la sua “destra
molto disponibile, con cui e facile par-
` [ci] tiene saldamente” (Sal. 34:15; 63:8).
lare. Spesso capiamo se qualcuno e av- `
` Il profeta Isaia paragono Geova a un pa-
vicinabile o meno da ci o che dice e
` store, dicendo: “Col suo braccio radune-
dal linguaggio del corpo, cioe da gesti, ` `
ra gli agnelli; e li portera nel suo seno”
espressioni facciali e altri segnali non
(Isa. 40:11). Pensate: Geova ci vuole vi-
verbali.
cini come un agnellino accoccolato tra
4 In che modo Geova si dimostra av-
le braccia di un pastore amorevole. Che
vicinabile? Pur essendo l’onnipotente `
Padre avvicinabile e il nostro! Come pos-
Creatore dell’immenso universo, Geova siamo imitarlo?
`
ci assicura non solo che e disposto ad `
ascoltare ed esaudire le nostre preghie- UNA QUALITA PREZIOSA
`
re, ma che e desideroso di farlo. (Leggi 5 Di recente a un certo numero di ze-

Salmo 145:18; Isaia 30:18, 19.) Possiamo lanti fratelli e sorelle che vivono in diver-
`
accostarci liberamente a lui parlandogli se parti del mondo e stata fatta questa
`
a lungo e in qualsiasi momento o luo- domanda: “Qual e la cosa che apprezzi di
`
go, con la certezza che non ci ‘biasime- piu in un anziano?” La stragrande mag-
`
gioranza ha risposto: “L’avvicinabilita”.
3, 4. (a) Come descrivereste una persona avvi-
cinabile? (b) In che modo Geova ci assicura di ´ `
5. Perche e importante che gli anziani siano av-
essere avvicinabile? vicinabili?

8 LA TORRE DI GUARDIA
Anche se tutti i cristiani devono sforzarsi ni vorranno lanciare segnali che dicano
`
di essere avvicinabili, e particolarmente ai fratelli: “Vieni pure, sono a tua dispo-
importante che lo siano gli anziani (Isa. sizione”. Quali sono alcuni di questi se-
32:1, 2). Una sorella ha spiegato in questi gnali?
´
termini perche lo riteneva fondamenta- 8 Sebbene le usanze varino da paese a
`
le: “Solo se un anziano e avvicinabile si paese, in genere quando ci rivolgiamo ai
`
riuscira a beneficiare delle altre sue bel- fratelli con un sorriso caloroso, un’affet-
`
le qualita”. Il ragionamento non fa una tuosa stretta di mano e un saluto diste-
grinza. Ma cosa rende una persona avvi- so lanciamo dei segnali che dimostrano il
cinabile? nostro sincero interesse. Ma chi dovreb-
6 Il segreto per essere avvicinabili e`
be prendere l’iniziativa a questo riguar-
quello di nutrire sincero interesse per gli `
do? Notiamo l’esempio dato da Gesu.
altri. Se un anziano si preoccupa per i Matteo riferisce che in un’occasione in
fratelli e le sorelle, compresi i giovani, ` `
` cui si incontro con i discepoli “Gesu si
ed e disposto a spendersi per loro, que- ` `
avvicino e parlo loro” (Matt. 28:18, La
sti probabilmente lo percepiranno (Mar. Nuova Diodati). Allo stesso modo, oggi
10:13-16). Carlos, che ha 12 anni, dice: sono gli anziani a prendere l’iniziativa di
“In sala vedo che gli anziani sorridono e avvicinarsi ai compagni di fede e parla-
sono gentili, e questo mi piace molto”. `
re con loro. Che effetto puo avere questo
Ovviamente non basta che un anziano sulla congregazione? Una pioniera ottan-
dica di essere avvicinabile: deve manife- tottenne ha osservato: “Con i sorrisi ca-
`
stare questa qualita (1 Giov. 3:18). Vedia- lorosi e i commenti incoraggianti che mi
`
mo come puo riuscirci. rivolgono quando entro in sala, gli anzia-
7 Facciamo un esempio. Non molto
ni si fanno davvero voler bene”. Un’altra
tempo fa un fratello era di ritorno da `
fedele sorella ha aggiunto: “Potra sem-
un’assemblea di distretto all’estero. Du- brare una sciocchezza, ma per me signifi-
rante il volo indossava il distintivo con la ca molto arrivare in sala ed essere accolta
scritta “Venga il tuo Regno!” Notandolo, da un anziano sorridente”.
un assistente` di volo disse: “Ci vorreb-
be davvero! E una cosa di cui potremmo AVVICINABILI E DISPONIBILI
`
parlare”. Piu tardi il fratello ebbe modo 9 Ovviamente perche´ i fratelli si avvi-
di conversare con l’assistente di volo, il cinino bisogna essere disponibili. Geo-
` `
quale accetto con piacere le nostre rivi- va da un eccellente esempio in meri-
ste. Molti di noi hanno avuto esperien- `
to: “Non [e] lontano da ciascuno di noi”
ze simili. Ma come mai da un distinti- (Atti 17:27). Un modo in cui gli anziani
vo spesso scaturisce una conversazione? `
´ ` possono dimostrare la loro disponibilita
Perche e come se chi lo porta dicesse: `
e quello di riservare un po’ di tempo pri-
“Chiedetemi di che si tratta”. Il distinti- ma e dopo le adunanze per conversare
vo lancia un segnale: fa capire agli altri con i fratelli, giovani e meno giovani. Un
che siamo disposti a parlare della nostra
fede. In modo simile, gli anziani cristia- 8. In quali modi gli anziani manifestano il loro
sincero interesse per gli altri, e che effetto ha
` questo sulla congregazione?
6. Qual e il segreto per essere avvicinabili?
´ `
7. Perche indossare il distintivo dell’assemblea 9, 10. (a) Che eccellente esempio da Geova?
spesso permette di intavolare conversazioni, e (b) Come possono gli anziani rendersi disponi-
cosa impariamo da questo? bili?

15 GIUGNO 2013 9
´
Perche solo se siamo convinti che tutti
meritano di essere trattati con imparzia-
`
lita agiremo di conseguenza. Nelle Scrit-
ture Greche Cristiane la parola “parzia-
le” significa, alla lettera, “accettatore di
facce”; il termine si riferisce a una per-
sona che privilegia una faccia rispetto a
un’altra (Atti 10:34; Kingdom Interlinear).
` `
Chi e imparziale, invece, trattera gli altri
non in funzione del loro aspetto o di al-
`
tri fattori superficiali ma di cio che sono
realmente.
12 Geova e` il piu` grande esempio di
`
imparzialita. La sua Parola dichiara che
`
“non e parziale” e che “non tratta nessu-
`
no con parzialita”. (Leggi Atti 10:34, 35;
Deuteronomio 10:17.) Lo dimostra un
` `
Le figlie di Zelofead furono grate a Dio episodio che si verifico ai giorni di Mose.
` 13 Poco prima che gli israeliti entras-
per la sua imparzialita
(Vedi i paragrafi 13 e 14)
sero nella Terra Promessa, cinque sorel-
le non sposate si trovarono di fronte a
un problema. Di cosa si trattava? Come a
pioniere ha osservato: “Mi sento apprez-
tutte le altre famiglie israelite, anche alla
zato quando un anziano mi chiede come
loro spettava un pezzo di terra, che sa-
va e poi ascolta la mia risposta”. Una so-
rebbe stato assegnato al loro padre Zelo-
rella che serve Geova da quasi 50 anni ha `
fead, della tribu di Manasse (Num. 26:
detto: “Quando un anziano si prende un `
52-55). Zelofead, pero, era morto. Nor-
po’ di tempo per parlare con me dopo l’a-
dunanza mi sento apprezzata”. malmente il diritto ad avere una proprie-
` `
10 E vero che i pastori cristiani devo-
ta terriera sarebbe passato ai figli ma-
` schi, ma in questo caso c’erano solo figlie
no assolvere molte responsabilita, ma
femmine (Num. 26:33). Significava que-
alle adunanze il loro principale obietti-
sto che la terra sarebbe andata ai paren-
vo dovrebbe essere quello di dedicarsi al
ti e che le figlie sarebbero rimaste senza
gregge. `
` eredita?
GEOVA E IMPARZIALE 14 Le cinque sorelle si rivolsero a Mose`
11 L’imparzialita` e` un’altra meraviglio-
´
con queste parole: “Perche il nome di no-
` stro padre dev’essere tolto di mezzo alla
sa qualita di Geova. Cosa vuol dire es-
sere imparziali? Significa essere equi, sua famiglia per non aver avuto un figlio?
obiettivi e scevri da favoritismi. La vera Oh dacci un possedimento in mezzo ai
` `
imparzialita chiama in causa due ele- fratelli di nostro padre”. Mose disse for-
menti: il nostro modo di pensare e le se che non erano previste eccezioni? No,
´ `
nostre azioni. Perche servono entrambi? “presento la loro causa dinanzi a Geo-

11, 12. (a) Che significa essere imparziali? 13, 14. (a) Quale problema si trovarono ad af-
`
(b) In che modo Geova e per noi un esempio di frontare le cinque figlie di Zelofead? (b) In che
` ` `
imparzialita? modo Geova agı con imparzialita?

10 LA TORRE DI GUARDIA
va” (Num. 27:2-5). Quale fu la risposta? sione, per sapere quello che le persone
` `
Geova disse a Mose: “Le figlie di Zelo- dicevano di lui, Gesu si rivolse a degli
fead parlano rettamente. Ad ogni costo amici fidati e chiese: “Chi dicono gli uo-
devi dare loro il possedimento di un’e- mini che sia il Figlio dell’uomo?” (Matt.
` `
redita in mezzo ai fratelli del loro pa- 16:13, 14). Potremmo fare come Gesu e
` chiedere a un amico che sappiamo es-
dre, e devi fare in modo che l’eredita
del loro padre passi a loro”. Ma Geova sere onesto se siamo conosciuti come
` ` persone imparziali, e cosa ne pensa lui.
ando oltre. Trasformo l’eccezione in nor-
ma: “Nel caso che un uomo muoia senza Se ci dice che talvolta ci facciamo anco-
avere un figlio, dovete fare in modo che ra condizionare da differenze razziali, so-
` ciali o economiche, cosa dovremmo fare?
la sua eredita passi a sua figlia” (Num. 27:
6-8; Gios. 17:1-6). Da allora in poi tutte le Dovremmo pregare fervidamente Geova
donne israelite che si fossero trovate nel- supplicandolo di aiutarci a correggerci in
la stessa situazione sarebbero state tute- modo da rispecchiare maggiormente la
`
late. sua imparzialita (Matt. 7:7; Col. 3:10, 11).
15 Fu davvero una decisione benigna 17 Nella congregazione possiamo imi-
` tare Geova trattando tutti con rispetto e
e imparziale! Geova tratto quelle donne, `
che erano in una posizione di svantag- amorevole benignita. Per esempio, sare-
` mo ospitali con tutti i compagni di fede,
gio, con dignita e rispetto, proprio come
trattava gli israeliti che godevano di cir- compresi quelli che sono di cultura ed
` estrazione diverse dalle nostre, chi ver-
costanze piu favorevoli (Sal. 68:5). Que- ` `
` sa in difficolta economiche, chi e rimasto
sto e solo uno dei molti episodi biblici
` senza coniuge e i giovani che sono soli
che dimostrano una rincuorante verita: `
Geova tratta tutti i suoi servitori con im- nella verita. (Leggi Galati 2:10; Giacomo
`
parzialita (1 Sam. 16:1-13; Atti 10:30-35, 1:27.) Nel ministero saremo imparziali
44-48). portando la buona notizia del Regno a
persone di ogni sorta, inclusi coloro che
POSSIAMO IMITARE GEOVA provengono da altri paesi. Come siamo
16 Come possiamo imitare l’imparzia- felici che le nostre pubblicazioni bibliche
` `
lita di Geova? E bene ricordare che l’im- siano disponibili in circa 600 lingue! An-
` `
parzialita si compone di due elementi: che questa e una chiara prova di impar-
`
solo se siamo convinti che tutti merita- zialita.
` 18 Piu` rifletteremo sull’avvicinabilita` e
no di essere trattati con imparzialita agi-
` ` `
remo di conseguenza. Forse riteniamo di sull’imparzialita di Geova, piu crescera il
essere di mente aperta e imparziali, ma nostro apprezzamento nei suoi confron-
` ti. Tale apprezzamento, a sua volta, ci
dobbiamo ammettere che non e sempre `
facile valutare obiettivamente se stessi. spingera a fare tutto il possibile per imi-
`
Cosa possiamo fare, quindi, per sapere tare le qualita di Geova, manifestando-
se siamo davvero imparziali? In un’occa- le nei nostri rapporti con i compagni di
fede e con coloro ai quali predichiamo.
15. (a) Come tratta Geova tutti i suoi servitori,
inclusi quelli svantaggiati? (b) Menzionate altri 17. In quali modi possiamo trattare gli altri con
` `
episodi biblici che dimostrano l’imparzialita di imparzialita?
Geova. `
18. Come puo ognuno di noi dimostrare che
` `
16. Come possiamo imitare sempre meglio apprezza l’avvicinabilit a e l’imparzialit a di
`
l’imparzialita di Geova? Geova?

15 GIUGNO 2013 11
APPREZZIAMO `
LA GENEROSITA
E LA RAGIONEVOLEZZA
DI GEOVA
`
“Geova e buono verso “MIO marito e io siamo sposati da quasi 35 anni”,
tutti, e le sue miseri- dice una cristiana di nome Monika. “Ci conosciamo
molto bene, eppure dopo tutti questi anni ci sono
cordie sono su tutte ancora cose che continuiamo a scoprire l’uno del-
le sue opere” (SAL. 145:9) l’altra”. Quanto descritto da Monika accade in tanti
matrimoni e amicizie.
`
2 E bello poter conoscere sempre meglio le per-

sone a cui si vuole bene. Fra tutte le amicizie che


SAPRESTE SPIEGARE? ` `
possiamo stringere, nessuna e piu importante di

quella con Geova. Ma non arriveremo mai a cono-
` scerlo completamente (Rom. 11:33). Per tutta l’eter-
Quali sono due qualita di Geova ` `
che possiamo imparare ad nita avremo l’opportunita e la gioia di continuare a
`
apprezzare maggiormente? scoprirne e apprezzarne le qualita (Eccl. 3:11).
3 Il precedente articolo ci ha aiutato ad apprezza-
` `
re maggiormente l’avvicinabilita e l’imparzialita di
`
Geova. Ora vedremo piu da vicino altre due meravi-
` `
gliose qualita del nostro Dio: la generosita e la ragio-
` `
nevolezza. Questo esame ci convincera ancora di piu
`
che “Geova e buono verso tutti, e le sue misericor-
Come possiamo imitare die sono su tutte le sue opere” (Sal. 145:9).
`
la generosita di Geova? `
GEOVA E GENEROSO
` `
4 Cosa significa essere generosi? E Gesu stesso a
darci la risposta con le parole riportate in Atti 20:35:
` ` `
“C’e piu felicita nel dare che nel ricevere”. In questa
` `
semplice frase Gesu colse il senso piu autentico del-

` `
la generosita. Chi e generoso offre in ampia misu-
In quali modi possiamo imitare
ra tempo, energie e risorse per aiutare gli altri, e lo
la ragionevolezza di Geova? `
fa volentieri. La generosita si misura non in base a
` `
quanto e prezioso cio che si dona, ma in base a quan-
`
1, 2. Quale opportunita hanno gli amici di Geova?
3. Cosa vedremo in questo articolo?
` ` `
4. Qual e il senso piu autentico della generosita?

12 LA TORRE DI GUARDIA
to sono sinceri i motivi di chi lo fa. (Leg-
` `
gi 2 Corinti 9:7.) Nessuno e piu genero-
so del nostro “felice Dio”, Geova (1 Tim.
1:11).
5 In che modo Geova mostra la sua ge-
`
nerosita? Egli provvede ai bisogni di tut-
ti gli esseri umani, compresi coloro che
`
non lo servono ancora. Geova e davve-
ro “buono verso tutti”, infatti “fa sorgere
il suo sole sui malvagi e sui buoni e fa
piovere sui giusti e sugli ingiusti” (Matt.
´
5:45). Ecco perche l’apostolo Paolo, par-
´
lando a persone non credenti, pote dire
di Geova: “Ha fatto del bene, dando-
vi piogge dal cielo e stagioni fruttifere,
riempiendo i vostri cuori di cibo e alle-
grezza” (Atti 14:17). Senza alcun dubbio
` Gli israeliti erano incoraggiati a imitare
Geova e generoso verso tutti gli esseri `
la generosita di Geova
umani (Luca 6:35). (Vedi il paragrafo 9)
6 Geova e` particolarmente felice di

provvedere il necessario ai suoi fede-


`
li adoratori. Il re Davide osservo: “Ero chi clienti, e quando finii il mio turno e
giovane, sono anche invecchiato, eppu- contai le mance che avevo ricevuto, beh,
re non ho visto nessun giusto lasciato `
erano proprio 66 dollari”. Nancy e sicura
´
interamente, ne la sua progenie cerca- che sia stato Geova a provvederle esat-
re il pane” (Sal. 37:25). Molti cristiani fe- tamente la somma di cui aveva bisogno
deli hanno sperimentato in prima perso- (Matt. 6:33).
na tale cura da parte di Geova. Vediamo 8 Il dono piu` generoso che Geova ab-
` `
cosa e accaduto a una di loro. bia elargito e disponibile a tutti. Di cosa
7 Alcuni anni fa Nancy, una pionie-
` si tratta? Del sacrificio di riscatto di suo
ra, si ritrovo in una situazione difficile. `
Figlio. Gesu stesso infatti disse: “Dio ha
“Avevo bisogno di 66 dollari per pagare tanto amato il mondo che ha dato il suo
l’affitto l’indomani”, racconta, “e non sa- ´
unigenito Figlio, affinche chiunque eser-
pevo proprio dove trovarli. Menzionai il cita fede in lui non sia distrutto ma abbia
problema in preghiera, e poi andai al la- vita eterna” (Giov. 3:16). In questo con-
voro. Facevo la cameriera in un ristoran- testo la parola “mondo” si riferisce al ge-
te. Dato che quella era una sera in cui nere umano. Quindi Geova offre il suo
di solito non veniva tanta gente, non mi `
dono piu generoso a chiunque voglia
aspettavo di ricevere molte mance. Ma accettarlo, e tutti coloro che esercitano
con mia grande sorpresa vennero parec- `
fede in Gesu riceveranno vita “in ab-
5. In che modo Geova mostra la sua genero-
bondanza”: la vita eterna! (Giov. 10:10).
` `
sita? Potrebbe esserci una dimostrazione piu
` `
6, 7. (a) Con chi in particolare Geova e feli- grande della generosita di Geova?
ce di essere generoso? (b) Fate un esempio di
` `
come Dio provvede ai suoi fedeli adoratori. 8. Qual e il dono piu grande elargito da Geova?

15 GIUGNO 2013 13
“Qualunque cosa facciate, fatela
con tutta l’anima” (Col. 3:23)
(Vedi il paragrafo 17)

“Onora Geova con le tue cose


di valore” (Prov. 3:9)
(Vedi il paragrafo 11)

IMITIAMO
`
10 Uno dei modi migliori per essere
`
LA GENEROSITA DI GEOVA generosi e “donare” se stessi, con i gesti
9 Come possiamo imitare la genero- e le parole. Come possiamo farlo? Usan-
` do il nostro tempo e le nostre energie per
sita di Geova? La Bibbia dice che egli
` ´ aiutare e incoraggiare altri (Gal. 6:10).
“ci da tutto con abbondanza, perche noi `
` Per capire se lo stiamo gia facendo, po-
possiamo esserne contenti”, percio an-
che noi dovremmo essere “pronti a con- tremmo chiederci: “Chi mi conosce si
dividere” con altri, contribuendo alla sente libero di venire da me? Mi reputa
` una persona pronta ad ascoltare i suoi
loro gioia. (Il corsivo e nostro; 1 Tim. 6:
problemi? Se qualcuno ha bisogno di un
17-19; Parola del Signore.) Siamo felici di `
piacere o di una commissione, dico di sı
usare le nostre risorse per fare doni ai ` `
` ogni volta che mi e possibile? Quand’e
nostri cari e per assistere chi e nel bi-
stata l’ultima volta che ho lodato since-
sogno. (Leggi Deuteronomio 15:7.) Cosa ramente un mio familiare o un fratello?”
` ` `
puo aiutarci a ricordare di mostrare ge- ‘Praticare il dare’ ci avvicinera di piu a
`
nerosita? Alcuni cristiani hanno preso Geova e ai nostri cari (Luca 6:38; Prov.
questa abitudine: ogni volta che ricevo- 19:17).
no un regalo, pensano a chi potrebbero 11 Abbiamo anche la possibilita` di es-
fare un dono a loro volta. La congrega- sere generosi donando a Geova. Le
`
zione cristiana e piena di fratelli e sorel-
` `
le dalla generosita esemplare. 10. Qual e uno dei modi migliori per essere ge-
nerosi?
`
9. Come possiamo imitare la generosit a di 11. Quali sono alcune cose che possiamo do-
Geova? nare a Geova?

14 LA TORRE DI GUARDIA
`
Scritture esortano: “Onora Geova con le Per qualche ragione, pero, Lot chiese il
tue cose di valore” (Prov. 3:9). Tali “cose permesso di fuggire da un’altra parte.
di valore” includono appunto il tem- Sembra incredibile: Lot chiese a Geova
po, le energie e le risorse che abbia- di cambiare le Sue istruzioni! (Leggi Ge-
mo, cose che possiamo usare per servir- nesi 19:17-20.)
`
lo. Anche i piu piccoli possono imparare 14 Sarebbe facile concludere che Lot
`
a essere generosi verso Geova. “Quan- manco di fede, o che fu disubbidien-
do la nostra famiglia vuole fare una te. Dopotutto, Geova era senz’altro in
contribuzione nella Sala del Regno, la- grado di proteggerlo ovunque si trovas-
sciamo che siano i bambini a mettere i se, per cui i suoi timori erano infondati.
soldi nella cassetta”, racconta un padre Eppure Lot quei timori li nutriva vera-
`
di nome Jason. “E loro sono felici, per- mente, e Geova non li ignoro. Infatti gli
´ `
che con quel gesto stanno dando qualco- permise di fuggire in una citta che ini-
sa a Geova”. I bambini che imparano da zialmente intendeva distruggere. (Leggi
`
piccoli la gioia di donare a Geova con- Genesi 19:21, 22.) Geova non e dunque
`
tinueranno probabilmente a farlo anche rigido o intransigente. Anzi, e accondi-
da adulti (Prov. 22:6). scendente e ragionevole.
` 15 Un altro esempio della ragionevo-
GEOVA E RAGIONEVOLE lezza di Geova si trova nella Legge mosai-
` `
12 Un’altra splendida qualita di Geova ca. Se un israelita non aveva la possibilita
`
e la ragionevolezza. In cosa consiste? La di offrire in sacrificio un’agnella o una ca-
parola greca che nella Traduzione del Nuo- pretta, poteva sostituirle con due tortore
` `
vo Mondo e di solito resa “ragionevole” si- o due piccioni. E se era cosı povero da
gnifica letteralmente “arrendevole” (Tito non potersi permettere neppure due pic-
3:1, 2, nt.). La persona ragionevole non cioni? In tal caso Geova gli consentiva di
`
pretende che le regole siano sempre se- offrire un po’ di farina. Va notato, pero,
guite in modo rigido, inflessibile e seve- un particolare importante: non doveva
ro. Si sforza piuttosto di essere concilian- essere farina qualsiasi, ma “fior di fari-
te con gli altri,
` tenendo conto delle loro` na”, come quella che si usava per gli ospi-
´
circostanze. E pronta ad ascoltare e, se e ti di riguardo (Gen. 18:6). Perche questo
` `
il caso, e disposta ad accondiscendere ai e rilevante? (Leggi Levitico 5:7, 11.)
desideri altrui e a rivedere i suoi criteri. 16 Mettiamoci nei panni di un israeli-
13 Geova dimostra la sua ragionevo- ta povero. Arriviamo al tabernacolo con
lezza tenendo conto dei sentimenti dei la nostra farina e vediamo gli animali
suoi servitori e, spesso, acconsentendo portati da altri israeliti che dispongono
`
alle loro richieste. Notiamo per esem- di piu mezzi. Forse ci imbarazziamo per-
` ´
pio come si comporto con il giusto Lot. che il nostro sacrificio ci sembra insigni-
`
Quando decise che avrebbe distrutto le ficante; poi, pero, ci viene in mente che
` `
citta di Sodoma e Gomorra, Geova gli Geova non la vede cosı. La farina, infat-
`
disse chiaramente di fuggire ai monti. ti, doveva essere della migliore qualita.
Era come se Geova dicesse agli israeliti
12. Cosa significa essere ragionevoli? meno abbienti: “So che non puoi dare
13, 14. (a) In che modo Geova dimostra la sua
ragionevolezza? (b) Cosa impariamo in fatto di 15, 16. In che modo la Legge mosaica riflette-
`
ragionevolezza dal modo in cui Geova tratto va la ragionevolezza di Geova? (Vedi l’illustra-
Lot? zione iniziale.)

15 GIUGNO 2013 15
quanto gli altri, ma so anche che mi stai riscontreranno che, quando prendono in
dando il meglio che hai”. Nel tener con- considerazione il parere dei figli sulle re-
to dei limiti e delle circostanze dei suoi gole da seguire in casa, questi ultimi le
`
servitori Geova si dimostra davvero ra- capiscono meglio e sono piu disposti a ri-
gionevole (Sal. 103:14). spettarle.
`
17 E confortante sapere che nella sua 19 Gli anziani della congregazione

ragionevolezza Geova accetta il servizio cercano di imitare la ragionevolezza di


che gli rendiamo di cuore (Col. 3:23). Geova tenendo conto delle circostanze
Constance, un’anziana sorella di origine dei compagni di fede. Non dimentichia-
italiana, ebbe a dire: “Parlare agli altri mo che egli apprezzava anche i sacrifici
` `
del mio Creatore e sempre la cosa che offerti dagli israeliti piu poveri. In modo
` simile, oggi alcuni fratelli e sorelle sono
amo di piu; per questo continuo a predi-
care e a condurre studi biblici. A volte mi molto limitati in quello che riescono a
´ fare nel ministero, forse a causa di pro-
rammarico perche a causa della salute
` ` `
non riesco a fare di piu. Ma so che Geo- blemi di salute o legati all’eta. Se pero
va conosce i miei limiti, mi vuole bene e dovessero scoraggiarsi per via di queste
`
apprezza quello che riesco a fare”. difficolta, gli anziani possono rassicu-
rarli benignamente ricordando loro che
IMITIAMO LA RAGIONEVOLEZZA DI GEOVA ´
Geova li ama perche danno il loro me-
18 Come possiamo imitare la ragione- glio (Mar. 12:41-44).
volezza di Geova? Ripensiamo al modo 20 Naturalmente la ragionevolezza
`
in cui egli tratto Lot. Era lui che dove- non va confusa con l’atteggiamento di
va decidere dove dovesse andare Lot, ep- chi, per ‘essere benigno con se stesso’,
`
pure ascolto benignamente mentre que- non serve Dio al massimo delle proprie
` `
sti gli esponeva i suoi timori, e acconsentı possibilita (Matt. 16:22). Non vogliamo
alle sue richieste. Genitori, potete imita- prendercela comoda e poi giustificarci
re la ragionevolezza di Geova? Ad esem- dicendo che siamo semplicemente ra-
pio, potreste ascoltare le richieste dei vo- gionevoli. Al contrario, dobbiamo tut-
`
stri figli e soddisfarle quando e il caso. ti ‘sforzarci con vigore’ di sostenere il
A questo proposito La Torre di Guardia del Regno (Luca 13:24). Dovremmo trovare
1° settembre 2007 suggeriva che, prima `
l’equilibrio fra due princıpi, da un lato
di stabilire delle regole in casa, i genitori non risparmiandoci nel nostro servizio,
potrebbero parlarne con i figli. Supponia- dall’altro ricordando che in nessuna cir-
`
mo ad esempio che i genitori decidano di costanza Geova ci chiede piu di quan-
stabilire un orario di rientro. Senza dub- to possiamo dargli. Quando gli diamo il
` `
bio ne hanno l’autorita, ma cio non toglie meglio possiamo essere certi che egli se
che possano comunque sentire il pare- ne compiace. Non siamo felici di servire
`
re dei figli. In alcuni casi, se non vengo- un Signore cosı comprensivo e ragione-
`
no violati princıpi biblici, potrebbero de- vole? Nel prossimo articolo prenderemo
cidere di andare incontro ai loro desideri in esame altri due aspetti della meravi-
`
e modificare l’orario di rientro. I genitori gliosa personalita di Geova (Sal. 73:28).

17. Di cosa possiamo essere sicuri riguardo al 19. In che modo gli anziani possono imitare la
servizio che Geova gradisce? ragionevolezza di Geova?
`
18. Qual e un modo in cui i genitori possono 20. Essere ragionevoli significa forse rispar-
imitare l’esempio di Geova? miarsi nel servizio che si rende a Dio? Spiegate.

16 LA TORRE DI GUARDIA
APPREZZIAMO
`
LA LEALTA
E LA PRONTEZZA
A PERDONARE
DI GEOVA
`
“Tu, o Geova, sei buono COS’E per voi un vero amico? “Per me un vero ami-
` `
co e qualcuno che c’e sempre quando ne hai bisogno,
e pronto a perdonare; e se fai uno sbaglio ti perdona”, dice una sorella di
`
e l’amorevole benignita nome Ashley. A tutti piace avere amici leali e com-
prensivi. Ci fanno sentire benvoluti e ci infondono
verso tutti quelli che ti sicurezza (Prov. 17:17).
` 2 Geova e` l’Amico piu` leale e comprensivo che pos-
invocano e abbondan-
te” (SAL. 86:5) siamo desiderare. Il salmista espresse questo concet-
`
to cosı: “Tu, o Geova, sei buono e pronto a perdo-
`
nare; e l’amorevole benignita [o “amore leale”] verso
`
tutti quelli che ti invocano e abbondante” (Sal. 86:5).
SAPRESTE SPIEGARE? Cosa significa essere leali e pronti a perdonare? In che
`
modo Geova manifesta tali belle qualita? E come pos-

siamo manifestarle anche noi? La risposta a queste
In quali modi possiamo imitare ` `
` domande ci fara amare ancora di piu il nostro miglio-
la lealta di Geova? `
re Amico e ci aiutera a rafforzare l’amicizia che ci lega
ai nostri fratelli (1 Giov. 4:7, 8).
`
GEOVA E LEALE
` `
3 La lealta e un sentimento forte che include l’idea
` `
di devozione, fedelta e tenace attaccamento. Chi e
` `
Come possiamo imitare la pron- leale e tutt’altro che volubile; e piuttosto una persona
tezza di Geova a perdonare? che mostra attaccamento a qualcuno (o qualcosa) in
modo durevole e costante, anche nei momenti diffici-
li. A buon diritto, dunque, possiamo definire Geova
come “il Leale” per antonomasia (Riv. 16:5).
4 In che modo Geova manifesta lealta? `
Non abban-
`
donando mai i suoi fedeli adoratori, come attesto uno
´
Perche desideriamo conoscere e di loro, il re Davide. (Leggi 2 Samuele 22:26.) Durante
` `
apprezzare sempre piu le qualita ´
1, 2. (a) Perche ci piace avere amici leali e pronti a perdona-
di Geova? re? (b) A quali domande risponderemo?
3. Cosa significa essere leali?
` ´ `
4, 5. (a) In che modo Geova manifesta lealta? (b) Perche e in-
`
coraggiante riflettere su come Geova e stato leale in passato?

17
`
i suoi momenti piu bui, Geova gli fu leale (Prov. 3:27). Forse conosciamo un compa-
`
guidandolo, proteggendolo e liberandolo gno di fede che e scoraggiato per un pro-
` ´
(2 Sam. 22:1). Davide constato di perso- blema di salute, oppure perche subisce
`
na che Geova non e leale solo a parole. opposizione dalla sua famiglia o per una
´ ` ` ´
Ma perche Geova gli mostro lealta? Per- sua debolezza. Perche non prendiamo l’i-
´
che Davide stesso era leale. Dal momen- niziativa di incoraggiarlo “con buone pa-
`
to che considera preziosa la lealta dei role, parole di conforto”? (Zacc. 1:13).1
suoi adoratori, Geova la ripaga essendo Chi lo fa si rivela un amico vero e leale,
leale con loro (Prov. 2:6-8). `
“un amico che si tiene piu stretto di un
5 Sapere che Geova si mostra leale con fratello” (Prov. 18:24).
`
i suoi adoratori e incoraggiante. Un fede- 8 Un altro modo in cui possiamo imita-
le fratello di nome Reed spiega: “Leggere ` `
` re la lealta di Geova e quello di rimane-
il racconto di come Geova tratto Davide re leali a coloro che amiamo. Se siamo
`
nei momenti difficili della sua vita mi e di sposati, ad esempio, sappiamo che dob-
aiuto. Anche quando Davide visse come biamo rimanere fedeli al nostro coniu-
un fuggiasco, nascondendosi in caverne, ge (Prov. 5:15-18). Per tale motivo non
gli fu sempre vicino. Questo mi incorag- solo eviteremo di commettere adulterio,
gia molto! Mi ricorda che, per quanto la ma ci guarderemo bene dal fare qualun-
situazione possa sembrare disperata, se que cosa possa portare in quella direzio-
` `
rimarro leale Geova sara al mio fianco”. ne (Matt. 5:28). Inoltre mostriamo leal-
` `
Sicuramente questo e un sentimento che ta ai nostri compagni di fede evitando
conosciamo bene (Rom. 8:38, 39). di pettegolare sul loro conto o di calun-
6 In quali altri modi Geova si mostra
niarli; ci rifiuteremo di diffondere simi-
leale? Essendo coerente con i suoi prin- li discorsi malevoli e persino di ascoltarli
`
cıpi. “Pure fino alla vostra vecchiaia Io (Prov. 12:18).
sono lo stesso”, ci assicura (Isa. 46:4). Le 9 Soprattutto, vogliamo rimanere leali
decisioni che prende sono sempre basate a Geova. Per riuscirci, dobbiamo cercare
`
sulle sue immutabili norme relative a cio di vedere le cose come le vede lui, aman-
` ` ` ` `
che e giusto e cio che e sbagliato (Mal. do cio che egli ama e odiando cio che egli
`
3:6). Inoltre Geova mostra lealta tenendo odia; poi dobbiamo comportarci di con-
fede alle sue promesse (Isa. 55:11). La sua `
` ` seguenza. (Leggi Salmo 97:10.) Piu mette-
lealta, percio, torna a vantaggio di tutti i remo in armonia i nostri pensieri e senti-
suoi fedeli servitori. Se facciamo del no- ` `
menti con quelli di Geova, piu ci verra
stro meglio per rispettare le sue norme, naturale ubbidire ai suoi comandi (Sal.
infatti, possiamo essere sicuri che ci be- 119:104).
`
nedira come ha promesso (Isa. 48:17, 18).
` 1 Utili suggerimenti al riguardo si trovano negli
IMITIAMO LA LEALTA DI GEOVA articoli “Avete incoraggiato qualcuno ultimamente?”,
` nella Torre di Guardia del 15 gennaio 1995, e “Incitia-
7 Come possiamo imitare la lealta di
moci all’amore e alle opere eccellenti: In che modo?”,
Geova? Ad esempio, essendo soccorrevo- nel numero del 1° aprile dello stesso anno.
`
li nei confronti di chi si trova in difficolta
`
8. Come possiamo imitare la lealta di Geova
6. In quali altri modi Geova si mostra leale, e nel matrimonio?
come ne beneficiano i suoi servitori? 9, 10. (a) A chi vogliamo rimanere leali in pri-
´ `
7. Menzionate un modo in cui possiamo imita- mo luogo? (b) Perche non e sempre facile ubbi-
`
re la lealta di Geova. dire a Geova?

18 LA TORRE DI GUARDIA
“Esiste un amico che si tiene
`
piu stretto di un fratello”
(Prov. 18:24)
(Vedi il paragrafo 7)

“[Perdonatevi] liberalmente
gli uni gli altri” (Efes. 4:32)
(Vedi il paragrafo 16)

` `
10Naturalmente non sara sempre faci- motivi per farlo. Questo, pero, non signi-
`
le ubbidire ai comandi di Geova. A vol- fica che chi e pronto a perdonare giustifi-
te essere leali richiede notevoli sforzi. Ci chi l’offesa subita o faccia finta che non
sono fratelli e sorelle, ad esempio, che sia successo nulla. Significa piuttosto che
`
vorrebbero tanto sposarsi ma non hanno decidera di buttarsi alle spalle ogni risen-
ancora trovato un coniuge adatto tra gli timento. Le Scritture insegnano che Geo-
`
adoratori di Geova (1 Cor. 7:39). Mettia- va e “pronto a perdonare” coloro che si
mo il caso di una sorella single, che ma- pentono sinceramente (Sal. 86:5).
gari soffre di solitudine, alla quale i colle- 12 In che modo Geova si mostra pron-
ghi continuano a presentare dei possibili to a perdonare? Quando perdona lo fa
` `
corteggiatori. Lei pero e determinata a “in larga misura”: completamente e defini-
` `
mantenere la sua integrita. Non e uno tivamente (Isa. 55:7). Come facciamo a sa-
`
splendido esempio di lealta? Senza alcun pere che Geova perdona completamente?
`
dubbio Geova ricompensera tutti coloro Vediamo quale assicurazione viene fat-
che gli rimangono fedeli a dispetto delle ta in Atti 3:19. (Leggi.) L’apostolo Pie-
circostanze (Ebr. 11:6). `
tro esorto i suoi ascoltatori a ‘pentirsi e
` convertirsi’. Quando un peccatore si pen-
GEOVA E PRONTO A PERDONARE
` te davvero, si rammarica profondamente
Una delle piu belle caratteristiche di
11 `
` ed e deciso a non ripetere lo stesso erro-
Geova in assoluto e la prontezza a per- `
` re (2 Cor. 7:10, 11). Chi e sinceramente
donare. In cosa consiste tale qualita? In pentito, poi, si converte, abbandonando
pratica si tratta di essere disposti a per-
donare l’offensore quando ci sono validi 12. (a) In che modo Geova si mostra pronto a
perdonare? (b) In che senso i nostri peccati ven-
11. Cosa significa essere pronti a perdonare? gono “cancellati”?

15 GIUGNO 2013 19
la condotta errata e intraprendendo un fronti in un modo che non avevo mai pro-
modo di vivere che piace a Dio. Pietro vato prima”, dice. Fu in particolare que-
disse ai suoi ascoltatori che, se avesse- sto pensiero a colpirla: “Quando Geova
ro mostrato questo tipo di pentimen- perdona i nostri peccati, non dobbiamo
to, i loro peccati sarebbero stati “cancel- pensare che ne saremo macchiati per il
lati”. Questo termine traduce un verbo resto della vita”.1 Elena racconta: “Mi resi
greco che significava tra l’altro “cassare”, conto che fino a quel momento non ave-
`
“sopprimere”. Percio, quando ci perdo- vo creduto veramente che Geova potesse
na, Geova cancella completamente i no- perdonarmi del tutto, e pensavo che mi
stri errori (Ebr. 10:22; 1 Giov. 1:7). sarei portata dentro quel peso per il resto
`
13 Come sappiamo che Geova perdo- della vita. Ora so che ci vorra ancora del
na definitivamente? Esaminiamo la pro- tempo, ma comincio a sentire che posso
fezia di Geremia relativa al nuovo pat- davvero avvicinarmi a Geova, e mi sen-
´
to, stipulato con i cristiani unti, il quale to sollevata perche mi sono liberata di un
rende possibile il perdono completo per peso”. Che Dio amorevole e pronto a per-
coloro che esercitano fede nel sacrificio donare serviamo! (Sal. 103:9).
di riscatto. (Leggi Geremia 31:34.) Geova
` IMITIAMO LA PRONTEZZA DI GEOVA
dice: “Perdonero il loro errore, e non ri-
` ` A PERDONARE
cordero piu il loro peccato”. Geova, per-
` 15 Possiamo imitare la prontezza di
cio, ci assicura che, una volta che ci ha
` ` Geova a perdonare decidendo di perdo-
perdonato, non ci imputera piu quegli `
stessi peccati. Non rimugina i nostri er- narci gli uni gli altri ogni volta che c’e una
rori per continuare ad accusarci o punir- base per farlo. (Leggi Luca 17:3, 4.) Non
ci. Anzi, dopo averli perdonati, se li but- dimentichiamo che, quando perdona,
ta alle spalle per sempre (Rom. 4:7, 8). Geova dimentica i nostri peccati, nel sen-
` `
14 Meditare sulla prontezza di Geova a so che non ce li rinfaccia piu. Percio an-
` ` che noi, quando perdoniamo, dobbiamo
perdonare e di grande conforto. E stato
` mettere una pietra sopra alla faccenda,
cosı nel caso di una sorella che chiamere-
mo Elena. Molti anni fa Elena fu disas- evitando di tornarci su in futuro.
16 Essere pronti a perdonare, comun-
sociata, e trascorsero diversi anni prima
che venisse riassociata. “Anche se dicevo que, non significa scusare un torto mi-
a me stessa e agli altri che sapevo di esse- nimizzandolo o lasciare che gli altri si
re stata perdonata”, ammette, “in qualche approfittino di noi. Significa piuttosto`
modo mi sembrava che Geova fosse di- che scegliamo di non portare rancore. E
stante, o che comunque per gli altri fosse degno di nota il fatto che, se vogliamo es-
` ` sere perdonati da Dio, nei nostri rappor-
piu vicino e reale”. Elena trovo conforto
meditando su alcune immagini con cui la ti con gli altri dobbiamo imitare la sua
`
Bibbia descrive la disponibilita di Geova
1 Vedi il paragrafo 10 del capitolo 26 del libro Acco-
a perdonare. “Cominciai a sentire l’amo- stiamoci a Geova.
re e la tenerezza di Geova nei miei con-
15. Come possiamo imitare la prontezza di
`
13. Cosa ci assicurano le parole “non ricordero Geova a perdonare?
`
piu il loro peccato”? 16. (a) Perdonare significa forse scusare un
14. Come possiamo trarre conforto dal medi- torto o lasciare che gli altri si approfittino di
`
tare sulla disponibilita di Geova a perdonare? noi? Spiegate. (b) Cosa dobbiamo fare se voglia-
Menzionate un esempio. mo che Dio ci perdoni?

20 LA TORRE DI GUARDIA
fondamente ferito dalle accuse infondate
mossegli dai suoi “amici”, Elifaz, Bildad
e Zofar (Giob. 10:1; 19:2). Alla fine Geo-
`
va impartı una riprensione a quegli accu-
satori e disse loro di andare da Giobbe
e presentare un’offerta per i loro peccati
(Giob. 42:7-9). Ma Geova chiese anche a
Giobbe di fare qualcosa: gli disse di prega-
re a favore dei suoi ex accusatori. Giobbe
fece quello che Geova gli aveva chiesto,
e Geova lo benedisse per la sua disponi-
`
bilita a perdonare. (Leggi Giobbe 42:10,
12, 16, 17.) Cosa impariamo noi? Una pre-
ghiera sincera a favore di chi ci ha offeso
`
puo aiutarci a non covare risentimento.
`
APPREZZIAMO SEMPRE PIU
`
LE QUALITA DI GEOVA
18 Questa disamina della bella perso-
`
nalita di Geova ci ha senz’altro edifica-
`
to. Abbiamo visto che egli e avvicinabile,
imparziale, generoso, ragionevole, leale e
pronto a perdonare. Ovviamente non ab-
biamo esaurito tutti gli argomenti al ri-
`
guardo: c’e ancora tanto da scoprire, ma
` `
Preghiamo con sincerita per chi ci ha offeso avremo tutta l’eternita per farlo (Eccl.
(Vedi il paragrafo 17) 3:11). Non possiamo che dirci d’accordo
con l’apostolo Paolo, che scrisse: “O pro-
`
fondita della ricchezza e della sapienza e
prontezza a perdonare (Matt. 6:14, 15). della conoscenza di Dio!” (Rom. 11:33).
` `
Riflettiamo: in virtu della sua empatia Lo stesso puo dirsi dell’amore e delle al-
Geova ricorda che “siamo polvere” (Sal. `
tre sei qualita che abbiamo considerato.
103:14). Allo stesso modo, dunque, l’em- 19 Continuiamo ad accrescere il nostro
patia dovrebbe spingere noi a passare so- apprezzamento per la meravigliosa per-
pra alle mancanze altrui, perdonando in `
sonalita di Geova cercando di conosce-
larga misura e con tutto il cuore (Efes. `
re meglio le sue qualita, meditando su
4:32; Col. 3:13). di esse e manifestandole nella nostra vita
17 Ovviamente non e` sempre facile
(Efes. 5:1). Se lo faremo, ci riconoscere-
perdonare. Pare che anche alcuni cristiani mo sicuramente nei sentimenti espressi
unti del I secolo trovassero difficile risol- `
dal salmista che canto: “In quanto a me,
vere i contrasti (Filip. 4:2). Se un fratello ci `
` avvicinarmi a Dio e bene per me” (Sal.
ha offeso, cosa puo esserci di aiuto? Pren- 73:28).
diamo il caso di Giobbe, il quale fu pro-
18, 19. Come possiamo continuare ad accre-
`
17. Cosa puo esserci di aiuto se un fratello ci ha scere il nostro apprezzamento per la meravi-
`
offeso? gliosa personalita di Geova?

15 GIUGNO 2013 21
DOMANDE DAI LETTORI

Chi erano “i figli del vero Dio” che secondo Genesi 6:2, 4
vissero prima del Diluvio?
´
ˇ Questa espressione si riferisce evidentemente a che gli esseri umani non erano stati ancora creati.
figli spirituali di Dio. Da cosa lo si capisce? “I figli di Dio” di cui si parla in Salmo 89:6 sono sen-
Nel primo di questi versetti si legge: “I figli del z’altro creature spirituali che si trovano in cielo con
vero Dio notavano che le figlie degli uomini erano Dio, e non esseri umani.
`
di bell’aspetto; e si prendevano delle mogli, cioe Chi sono, allora, “i figli del vero Dio” di cui si par-
tutte quelle che scelsero” (Gen. 6:2). la in Genesi 6:2, 4? In armonia con i fatti menzio-
`
Nelle Scritture Ebraiche le espressioni “i figli del nati sopra, e logico concludere che si tratti dei figli
vero Dio” e “i figli di Dio” ricorrono in Genesi 6: spirituali di Dio che vennero sulla terra.
2, 4, Giobbe 1:6; 2:1; 38:7 e Salmo 89:6. Cosa indi- Ad alcuni risulta difficile accettare che gli angeli
cano tali versetti riguardo a questi “figli di Dio”? possano desiderare di avere rapporti sessuali. Le
`
“I figli del vero Dio” di cui si parla in Giobbe 1:6 parole di Gesu riportate in Matteo 22:30 mostra-
erano chiaramente creature spirituali riunite alla no che matrimonio e rapporti sessuali non fanno
presenza di Dio. Tra di loro c’era Satana, che veni- parte della vita celeste. Eppure ci furono occasio-
va “dal percorrere la terra” (Giob. 1:7; 2:1, 2). Allo ni in cui degli angeli si materializzarono assumen-
stesso modo, in Giobbe 38:4-7 leggiamo che, quan- do corpi umani, e mangiarono e bevvero `in com-
do Dio “pose la pietra angolare” della terra, “i figli pagnia degli uomini (Gen. 18:1-8; 19:1-3). E quindi
di Dio emettevano urla di applauso”. Anche in que- ragionevole concludere che, materializzati in for-
sto caso deve essersi trattato dei figli angelici, per- ma umana, potessero avere rapporti sessuali con le
donne.
La Bibbia fornisce valide ragioni per credere che
` `
questo e proprio cio che fecero alcuni angeli. In
Giuda 6, 7 il peccato degli uomini di Sodoma, che
diedero sfogo a desideri carnali innaturali, viene
paragonato a quello degli “angeli che non manten-
nero la loro posizione originale ma abbandonarono
il proprio luogo di dimora”. Un elemento comune a
`
quegli angeli e agli abitanti di Sodoma e che aveva-
no “commesso fornicazione in eccesso” ed erano
andati “dietro alla carne per uso non naturale”. Un
passo simile, quello di 1 Pietro 3:19, 20, mette gli
`
angeli disubbidienti in relazione ai “giorni di Noe”
(2 Piet. 2:4, 5). Di conseguenza il comportamento
` `
degli angeli disubbidienti ai giorni di Noe puo es-
sere paragonato al peccato di Sodoma e Gomorra.
`
Questa conclusione e logica nel momento in cui
si riconosce che “i figli del vero Dio” menzionati in
Genesi 6:2, 4 erano angeli che si materializzarono
`
e commisero immoralita con le donne.

LA TORRE DI GUARDIA
` `
Cosa intende la Bibbia quando dice che Gesu “ando [...]
a predicare agli spiriti in prigione”? (1 Piet. 3:19)
ˇ L’apostolo Pietro dice che questi spiriti “una volta erano sta-
ti disubbidienti quando la pazienza di Dio aspettava ai giorni
`
di Noe” (1 Piet. 3:20). Ovviamente Pietro si riferiva a creature
spirituali che avevano scelto di unirsi a Satana nella sua ribel-
lione. Giuda menziona “gli angeli che non mantennero la loro
posizione originale ma abbandonarono il proprio luogo di di-
mora”, e dice che Dio “li ha riservati al giudizio del gran gior-
no con legami sempiterni, sotto dense tenebre” (Giuda 6).
In che modo alcune creature spirituali si erano dimostrate
`
disubbidienti ai giorni di Noe? Prima del Diluvio questi spiri-
ti malvagi si erano materializzati in corpi umani, cosa che non
rientrava nel proposito di Dio per loro (Gen. 6:2, 4). Inoltre,
avendo rapporti sessuali con le donne, quegli angeli avevano
praticato una perversione: Dio non aveva creato gli esseri spi-
´
rituali perche avessero rapporti sessuali con le donne (Gen.
5:2). Al tempo stabilito da Dio questi angeli malvagi e disub-
bidienti saranno distrutti. Per ora, come fa notare Giuda, sono
“sotto dense tenebre”, una condizione di prigionia spirituale.
` ` `
Quand’e che Gesu predico a questi “spiriti in prigione”, e
cosa disse loro? Come scrive Pietro, questo avvenne dopo ` che
`
Gesu fu “reso vivente nello spirito” (1 Piet. 3:18, 19). E anche
` `
degno di nota che Pietro dica che Gesu “ando [...] a predica-
re”. Il fatto che Pietro parli al passato fa pensare che questa
predicazione sia avvenuta prima della stesura della sua prima
lettera. A quanto pare fu qualche tempo dopo la sua risurre-
` `
zione che Gesu proclamo agli spiriti malvagi un messaggio
sulla giusta punizione che avrebbero ricevuto. Non si tratta-
va della proclamazione di un messaggio di speranza. Era un
messaggio di giudizio (Giona 1:1, 2). Dato che aveva dimostra-
`
to la sua fede e la sua lealta fino alla morte ed era stato risu-
`
scitato, provando cosı che il Diavolo non aveva presa su di lui,
` `
Gesu aveva l’autorita di dichiarare quel messaggio di condan-
na (Giov. 14:30; 16:8-11).
` ` `
In futuro Gesu leghera Satana e quegli angeli e li scagliera
nell’abisso (Luca 8:30, 31; Riv. 20:1-3). Fino ad allora, quegli
spiriti disubbidienti rimarranno in una condizione di fitte te-
`
nebre spirituali; la loro distruzione definitiva e sicura (Riv. 20:
7-10).

15 GIUGNO 2013 23
L ASCIAMOCI
MODELLARE
DALLA DISCIPLINA
DI GEOVA
`
“IN QUANTO a me, avvicinarmi a Dio e bene per
me. Nel Sovrano Signore Geova ho posto il mio ri-
“Col tuo consiglio mi fugio” (Sal. 73:28). Con queste parole, il salmista
guiderai, e poi mi espresse la sua fiducia in Dio. Quali circostanze lo
avevano portato a trarre questa conclusione? Ve-
porterai fino alla gloria” dendo la “pace dei malvagi”, il salmista si era ` sen-
(SAL. 73:24) tito amareggiato. Aveva detto sconfortato: “E inva-
no che ho mondato il mio cuore e che lavo le mie
mani nella stessa innocenza” (Sal. 73:2, 3, 13, 21).
`
Recandosi “nel grande santuario di Dio”, pero, si
COME RISPONDERESTE? era trovato in un ambiente che lo aveva aiutato a cor-
reggere il suo modo di pensare e a tenere caro il pro-

fondo legame che aveva con Dio (Sal. 73:16-18). Tale
Cosa dimostra che il grande
` ´ esperienza aveva insegnato a quell’uomo timorato
Vasaio non e ne arbitrario
´ di Dio un’importante lezione: per mantenere una
ne parziale nell’impartire `
stretta relazione con Geova e essenziale rimanere
disciplina?
nel suo popolo, accettare i consigli e applicarli (Sal.
73:24).
2 Anche noi desideriamo avere un’intima relazio-

ne con il vero Dio, il Dio vivente. Per raggiungere


`
questo obiettivo e necessario che ci lasciamo model-
´ lare dai suoi consigli e dalla sua disciplina in modo
Perche possiamo essere conten-
ti che il nostro Vasaio a volte da ottenere la sua approvazione. In passato Dio ha
‘provi rammarico’? manifestato misericordia dando a singoli individui
`
e a nazioni intere la possibilita di accettare la sua di-
sciplina. Le loro vicende sono state messe per iscrit-
to “per nostra istruzione” e “per avvertimento a noi
sui quali sono arrivati i termini dei sistemi di cose”

(Rom. 15:4; 1 Cor. 10:11). Un attento esame di quelle
Come dovremmo reagire ai con- ` `
vicende ci permettera di capire piu a fondo la perso-
sigli e alla disciplina di Geova? ` `
nalita di Geova e ci spieghera come possiamo trar-
re beneficio dal fatto che egli ci modella.
`
1, 2. (a) Cosa e essenziale fare per mantenere una buona re-
´ `
lazione con Geova? (b) Perche ci sara utile esaminare nella
Bibbia come alcuni in passato reagirono alla disciplina di Dio?

24 LA TORRE DI GUARDIA
`
L’AUTORITA DEL VASAIO un altro tipo di vaso o semplicemente di-
3 Descrivendo con una metafora l’auto- sfarsene. Se l’argilla diventa inutilizzabi-
` `
rita di Geova su individui e nazioni, Isaia le, generalmente e colpa del vasaio. Que-
` `
64:8 afferma: “O Geova, tu sei nostro Pa- sto, pero, non puo mai dirsi nel caso del
dre. Noi siamo l’argilla, e tu sei il nostro nostro Vasaio, Geova (Deut. 32:4). Quan-
Vasaio; e noi tutti siamo opera della tua do una persona non si lascia plasmare da
` Geova, la colpa ricade su di lei. Geova
mano”. Un vasaio ha autorita assoluta sul- `
l’argilla per modellarla nel modo in cui ri- esercita la sua autorita sugli uomini rego-
tiene opportuno. L’argilla non ha voce in landosi nei suoi rapporti con loro a secon-
capitolo. Lo stesso vale nel rapporto tra da di come reagiscono alla sua disciplina.
l’uomo e Dio. L’uomo non ha il diritto Quelli che si lasciano plasmare ne traggo-
di mettersi a discutere con Dio, proprio no vantaggio. Per esempio i cristiani unti
` sono “vasi di misericordia” che sono stati
come l’argilla non puo farlo con il vasaio.
(Leggi Geremia 18:1-6.) modellati per essere ‘vasi per uso onore-
4 Nel caso dell’antico Israele, Geova di-
vole’. D’altro canto, quelli che continua-
` ` no a opporsi a Dio finiscono con l’esse-
mostro la sua capacita di modellare pro-
re “vasi d’ira resi adatti alla distruzione”
prio come un vasaio modella l’argilla. Ma
` (Rom. 9:19-23).
c’e una notevole differenza tra i due. Un 6 Un modo in cui Geova modella le per-
`
vasaio puo produrre da una massa d’ar- `
sone e per mezzo di consigli o discipli-
gilla qualsiasi sorta di vaso voglia realiz-
na. Possiamo capire come Geova esercita
zare. E Geova? Modella le persone o le `
l’autorita su coloro che modella consi-
nazioni arbitrariamente, rendendo alcuni
derando l’esempio dei primi due re d’I-
buoni e altri cattivi? La Bibbia risponde
sraele, Saul e Davide. Quando il re Da-
di no. Geova ha dotato gli esseri umani
vide commise adulterio con Betsabea, le
di un dono meraviglioso: il libero arbitrio.
` sue azioni si ripercossero negativamen-
Non esercita la sua autorita in modo da
te su di lui e su altri. Anche se Davide
neutralizzare questo dono. Sta agli uomi- era il re, Geova non si trattenne dal disci-
ni scegliere se lasciarsi modellare dal loro `
plinarlo con fermezza. Incarico il profeta
Creatore, Geova, oppure no. (Leggi Gere- Natan di trasmettergli un severo messag-
mia 18:7-10.) `
gio (2 Sam. 12:1-12). Come reagı Davide?
5 E se gli esseri umani rifiutano ostina- ` `
Si addoloro profondamente e si pentı. Di-
tamente di farsi modellare dal grande Va- `
` venne cosı oggetto della misericordia di
saio? Come esercita Geova la sua autorita Dio. (Leggi 2 Samuele 12:13.)
in questi casi? Pensate a cosa succede 7 Viceversa il re Saul, il predecessore di
quando l’argilla diviene inutilizzabile per `
Davide, non reagı positivamente ai consi-
il prodotto che il vasaio intendeva realiz- gli. Per mezzo del profeta Samuele, Geo-
`
zare. A quel punto egli puo utilizzarla per va aveva dato a Saul un chiaro comando,
quello di votare alla distruzione tutti gli
3. In che modo Isaia 64:8 e Geremia 18:1-6 de-
` amalechiti e i loro animali. Saul disubbi-
scrivono l’autorit a di Geova sulle persone? `
(Vedi l’illustrazione iniziale.) dı, risparmiando Agag, il re, e i migliori
´
4. Dio modella le persone o le nazioni arbitra- capi di bestiame. Perche lo fece? Almeno
riamente? Spiegate. ´
in parte perche voleva conservare il suo
5. Quando gli esseri umani rifiutano di farsi
modellare da lui, come esercita Geova la sua 6, 7. Come reagirono il re Davide e il re Saul ai
`
autorita? consigli di Geova?

15 GIUGNO 2013 25
` `
Saul sminuı Davide si addoloro
i consigli e li profondamente e
`
respinse. Non volle accetto i consigli.
essere modellato Permise a Dio di
da Geova modellarlo. E voi?
(Vedi il paragrafo 7) (Vedi il paragrafo 6)

`
prestigio (1 Sam. 15:1-3, 7-9, 12). Quando tu dell’Egitto, strinse un patto con Dio e
venne ripreso, Saul avrebbe dovuto inte- divenne la sua nazione eletta. Gli israeli-
`
nerire il suo cuore e permettere al gran- ti ebbero cosı il privilegio di essere mo-
de Vasaio di plasmarlo. Saul, invece, non `
dellati dal grande Vasaio. Nonostante cio,
` ` `
si lascio modellare. Accampo delle scuse. continuarono a fare cio che era male agli
`
Si giustifico dicendo che quanto aveva fat- occhi di Geova, cominciando addirittura
to non era sbagliato, dato che il bestiame `
ad adorare gli dei delle nazioni circostan-
poteva essere offerto in sacrificio, e smi- `
ti. In molte occasioni Geova invio profeti
` ´
nuı l’importanza del consiglio di Samuele. per farli tornare in se, ma loro non vollero
`
Geova rigetto Saul come re e Saul non ri- ascoltare (Ger. 35:12-15). La nazione do-
` `
stabilı mai piu la sua relazione con il vero vette essere severamente disciplinata per
Dio. (Leggi 1 Samuele 15:13-15, 20-23.) la sua ostinazione. Come un vaso adat-
` to alla distruzione, il regno settentrionale
DIO NON E PARZIALE `
delle dieci tribu venne conquistato dagli
8 Geova da` la possibilita` di farsi mo-
assiri e il regno meridionale delle due tri-
dellare da lui non solo a singoli individui ` `
bu subı la stessa sorte ad opera dei babilo-
ma anche a nazioni intere. Nel 1513 a.E.V. nesi. Questo dovrebbe insegnarci un’im-
il popolo d’Israele, liberato dalla schiavi- portante lezione: la disciplina di Geova
`
8. Cosa possiamo imparare dal modo in cui la produrra un effetto positivo su di noi solo
` se reagiamo dovutamente.
nazione d’Israele reagı alla disciplina di Geova?

26 LA TORRE DI GUARDIA
9 Anche gli abitanti di Ninive, capita- Scritture affermano che Geova ‘si ramma-
` `
le dell’Assiria, ebbero l’opportunita di ac- rico di aver fatto re Saul’ (1 Sam. 15:11).
cettare l’avvertimento divino. Geova dis- Quando gli abitanti di Ninive si penti-
se a Giona: “Levati, va a Ninive la gran rono e abbandonarono il loro compor-
`
citta, e proclama contro di lei che la loro tamento malvagio, la Bibbia dice che “il
` `
malizia e salita dinanzi a me”. Ninive era vero Dio provo dunque rammarico del-
`
stata ritenuta meritevole di distruzione la calamita che aveva proferito di causare
`
(Giona 1:1, 2; 3:1-4). loro; e non la causo” (Giona 3:10).
10 Quando Giona dichiaro` loro il mes- 13 Il termine ebraico tradotto ‘provare
` rammarico’ si riferisce a un cambiamen-
saggio di giudizio, pero, “gli uomini di Ni-
`
nive riponevano fede in Dio, e proclama- to di idea o di intenzione. Geova cambio
vano un digiuno e si vestivano di sacco, idea su Saul e, dopo averlo scelto come
` ` `
dal piu grande di loro fino al piu piccolo re, lo rigetto. Questo cambiamento si ve-
` ` ´
di loro”. Il loro re “si levo dal suo trono e rifico non perche Geova avesse sbagliato
` ´
si tolse di dosso la veste ufficiale e si coprı a scegliere Saul, ma perche quest’ultimo
di sacco e sedette sulla cenere”. I niniviti aveva dimostrato mancanza di fede ed era
si lasciarono modellare da Geova e si pen- diventato disubbidiente. Il vero Dio pro-
`
tirono. Di conseguenza Geova non fece vo rammarico nel caso dei niniviti, nel
` `
abbattere su di loro la calamita (Giona 3: senso che cambio le sue intenzioni nei
`
5-10). loro confronti. Com’e confortante sapere
`
11 Il fatto di essere una nazione elet- che Geova, il nostro Vasaio, e ragionevole
` e flessibile, clemente e misericordioso, e
ta non risparmio Israele dalla disciplina. `
I niniviti, d’altra parte, pur non avendo che e disposto a cambiare il suo modo di
stretto un patto con Dio, beneficiarono agire quando vede una reazione positiva
´ da parte di chi sbaglia.
della sua misericordia perche, quando fu
annunciato loro il suo messaggio di giu- NON RIFIUTIAMO LA DISCIPLINA DI GEOVA
dizio, si lasciarono modellare come ar-
gilla malleabile. Questi due esempi dimo-
14 Oggi Geova ci modella principal-
strano chiaramente che Geova “non tratta mente mediante la sua Parola, la Bibbia,
` e la sua organizzazione (2 Tim. 3:16, 17).
nessuno con parzialita” (Deut. 10:17).
` Non dovremmo accettare qualunque con-
GEOVA E RAGIONEVOLE E FLESSIBILE siglio o disciplina arrivi attraverso que-
12 Il modo in cui Dio ci modella di- sti mezzi? Indipendentemente dagli anni
` ` trascorsi dal nostro battesimo o dai privi-
mostra che e ragionevole e flessibile. Cio
` legi di servizio che abbiamo, dovremmo
e evidente quando cambia modo di agi-
re nei confronti delle persone sulla base continuare ad accettare i consigli di Geo-
del loro comportamento. Per esempio le va, lasciandoci plasmare in ‘vasi per uso
onorevole’.
9, 10. Come reagirono i niniviti all’avverti- 15 Geova pu o` impartirci disciplina
mento divino?
`
11. Che qualita di Geova emerge dai suoi rap- 14. (a) Come ci modella oggi Geova? (b) Come
porti con Israele e Ninive? dovremmo reagire quando Geova ci modella?
´
12, 13. (a) Perche Dio cambia il suo modo di 15, 16. (a) Quali sentimenti negativi si posso-
agire con le persone sulla base del loro com- no provare quando la disciplina comporta la
portamento? (b) Cosa significa che Geova pro- perdita di privilegi? Fate un esempio. (b) Cosa
` `
vo rammarico nel caso di Saul? E nel caso di Ni- puo aiutarci a superare i sentimenti negativi
nive? che possono derivare dalla disciplina?

15 GIUGNO 2013 27
istruendoci o correggendo il nostro pen- va mi ha benedetto di nuovo con il pri-
`
siero. A volte, pero, potremmo aver bi- vilegio di prestare servizio come servi-
sogno di disciplina per non aver fatto tore di ministero”.
` `
cio che e giusto. Questo tipo di discipli- 17 Un’altra forma di disciplina che
` `
na puo comportare la perdita di privile- Geova impartisce e la disassociazione,
gi. Considerate il caso di Dennis,1 che che protegge la congregazione da cat-
un tempo serviva come anziano. Com- `
tive influenze e puo aiutare il pecca-
mise una trasgressione per aver mo- tore a ristabilirsi (1 Cor. 5:6, 7, 11). Ro-
strato scarso giudizio in questioni d’af- `
` bert e rimasto disassociato per quasi
fari e fu ripreso in privato. Cosa provo 16 anni, durante i quali i suoi genitori
Dennis la sera in cui venne annunciato e i suoi fratelli hanno seguito con fer-
` `
alla congregazione che non era piu an- mezza e lealta il comando della Parola di
ziano? “Mi sentii un completo fallimen- Dio di evitare la compagnia di chi prati-
to”, dice. “Negli ultimi 30 anni avevo ca il peccato e di non rivolgergli nemme-
avuto molti privilegi. Ero diventato pio- no un saluto. Ora sono alcuni anni che
niere regolare, avevo servito alla Betel, `
Robert e stato riassociato, e sta facen-
ero stato nominato servitore di mini- do un buon progresso spirituale. Quan-
stero e poi anziano. Inoltre avevo appe- `
do gli e stato chiesto cosa lo ha spinto a
na pronunciato il mio primo discorso tornare a Geova e al Suo popolo dopo
all’assemblea di distretto. All’improvvi- `
` tanto tempo, ha risposto che e stato an-
so non c’era piu niente. Oltre a provare che grazie alla presa di posizione della
vergogna e imbarazzo, pensavo che nel- sua famiglia. “Se la mia famiglia aves-
`
l’organizzazione non ci fosse piu posto se cercato la mia compagnia anche solo
per me”. per poco tempo, ad esempio per sapere
16 Dennis dovette fare dei cambia-
come stavo, quei brevi momenti insie-
menti, abbandonando la condotta er- me sarebbero stati sufficienti per me, e
rata per cui era stato disciplinato. Ma probabilmente il desiderio di stare con
`
cosa lo aiuto a superare i sentimenti ne- loro non sarebbe stato una forza moti-
gativi? Dennis spiega: “Ero determinato vante per tornare a Dio”.
a mantenere buone abitudini spirituali. 18 Anche se forse non abbiamo biso-
Altrettanto importanti furono il soste- gno di questo genere di disciplina, che
gno della fratellanza cristiana e l’inco- tipo di argilla siamo nelle mani del gran-
raggiamento che ricevetti dalle pubbli- de Vasaio? Come reagiamo quando ve-
cazioni. L’articolo ‘Avevi un privilegio di niamo disciplinati? Siamo come Davide
servizio? Puoi tornare a prestare servi- `
o come Saul? Il grande Vasaio e no-
zio?’, pubblicato nella Torre di Guardia stro Padre. Non dimentichiamo mai che
del 15 agosto 2009, fu come una lettera “Geova riprende colui che ama, come fa
di risposta alle mie preghiere. Feci teso- anche il padre col figlio di cui si compia-
ro soprattutto di questo consiglio: ‘Fin- ce”. Quindi ‘non rigettiamo la disciplina
´ `
che non hai ulteriori responsabilita nel- di Geova e non aborriamo la sua ripren-
la congregazione, impegnati a rafforzare sione’ (Prov. 3:11, 12).
`
la tua spiritualita’ ”. In che modo Dennis
`
ha tratto vantaggio dalla disciplina? Ora 17. In che modo la disassociazione puo aiutare
che sono passati alcuni anni dice: “Geo- un peccatore a ristabilirsi? Fate un esempio.
18. Che tipo di argilla dovremmo essere nelle
1 I nomi sono stati cambiati. mani del grande Vasaio?

28 LA TORRE DI GUARDIA
ANZIANI, ristorerete
“l’anima stanca”?
Angela,1 una sorella single che ha su- cratiche. Anche il profeta Daniele ‘si sen-
` `
perato la trentina, e un po’ nervosa. Sta tı esaurito’ quando ricevette una visione
aspettando che arrivino gli `
` anziani e si che non riuscı a comprendere (Dan. 8:27).
`
chiede: “Cosa mi diranno? E vero che sono Una volta, Dio gli mando un suo messag-
mancata a qualche adunanza, ma dopo `
gero, l’angelo Gabriele, che gli impartı in-
un’intera giornata di lavoro in cui assisto `
tendimento e lo rassicuro dicendogli che
persone avanti negli anni sono esausta!” le sue preghiere erano state udite e che
` `
Oltre a cio, Angela e molto preoccupata Geova lo considerava ancora “molto desi-
per la salute di sua madre. derabile” (Dan. 9:21-23). In un’occasione
Se fossimo noi a farle visita, come po- successiva fu un altro angelo a rafforzare
tremmo ristorare quest’“anima stanca”? l’esausto profeta usando parole scelte con
(Ger. 31:25). E come potremmo prepararci cura (Dan. 10:19).
´
perche risulti una visita pastorale incorag- Allo stesso modo, prima di visitare un
giante? `
compagno di fede che forse e stanco o
scoraggiato, prendiamoci il tempo di pen- Prima di fare
PENSIAMO ALLA SITUAZIONE SPECIFICA una visita pastorale
Tutti a volte ci sentiamo stanchi a cau- sare alla sua situazione specifica. Qua-
pensiamo alla
` li problemi sta affrontando? In che modo situazione specifica
sa del lavoro o delle responsabilita teo-
questi problemi lo stanno logorando? Che dei nostri compagni
`
1 I nomi sono stati cambiati. belle qualita manifesta? “Mi concentro sui di fede
In genere ai punti di forza dei fratelli”, dice Richard, an- Potremmo decidere di pronunciare una
fratelli piace ziano da oltre 20 anni. “Esaminando at- sentita preghiera subito, all’inizio della vi-
esprimere le
tentamente il caso specifico prima della sita. Nelle sue preghiere, l’apostolo Paolo
loro riflessioni `
sulle Scritture visita”, aggiunge, “diventa piu facile trova- metteva giustamente in evidenza la fede,
re il modo di dare incoraggiamento adatto l’amore e la perseveranza dei fratelli
alle circostanze”. Se saremo accompagna- (1 Tess. 1:2, 3). Se noi, in modo analo-
ti da un altro anziano, potrebbe essere uti- go, nella preghiera menzioniamo le belle
`
le esaminare insieme la situazione del fra- qualita del fratello, prepariamo sia il nostro
tello. cuore che il suo per una conversazione in-
`
coraggiante. La nostra preghiera puo an-
METTIAMO IL FRATELLO A SUO AGIO che essere di conforto per il fratello. “A vol-
Saremo tutti d’accordo che parlare ad te ci dimentichiamo delle cose buone che
`
altri di problemi personali puo essere im- facciamo”, osserva Ray, un anziano esper-
` ` `
barazzante. Se un fratello ha difficolta ad to. “Percio e molto bello quando qualcuno
aprirsi con gli anziani che gli fanno visita, ce le ricorda”.
come si potrebbe rompere il ghiaccio? Di
solito un sorriso sincero e qualche paro- IMPARTIAMO DONI SPIRITUALI
la rassicurante sortiscono un buon effetto. Come Paolo, possiamo impartire un
` `
Michael, che e anziano da piu di 40 anni, “dono spirituale” ricorrendo a un pensie-
spesso inizia una visita pastorale dicendo ro biblico, magari anche un unico verset-
qualcosa come: “Sai, non vedevo l’ora di to (Rom. 1:11). Per esempio, un fratello
venirti a trovare; quello di visitare i fratelli depresso potrebbe sentirsi inutile, come il
` `
a casa loro e conoscerli meglio e uno dei salmista che si paragono a “un otre nel
`
piu bei privilegi di un anziano”. fumo”, un otre raggrinzito (Sal. 119:

30 LA TORRE DI GUARDIA
`
83, 176). Dopo aver spiegato brevemen- suggerimento pratico puo essere quello di
te il senso di tale espressione, potremmo fissare, al termine della visita, un appun-
dire al fratello che siamo sicuri che “non tamento per uscire insieme nel ministe-
[ha] dimenticato” i comandamenti di Dio. ro. Quando Bernard, un anziano con molta
In maniera simile, la parabola della esperienza, incontra nuovamente un fra-
dramma smarrita potrebbe toccare una tello o una sorella che ha visitato di recen-
` te, di solito allude in modo discreto a un
sorella che si e allontanata dalla congre-
` consiglio dato, chiedendo: “A proposito, ha
gazione o che ha rallentato nelle attivita
cristiane (Luca 15:8-10). La moneta smar- poi funzionato?” Mostrando questo tipo di
rita poteva far parte di una pregevole col- interesse saremo in grado di determinare
lana composta di molte monete d’argen- se serve ulteriore aiuto.
`
to. Spiegando questa parabola potremmo Oggi piu che mai i fratelli hanno bisogno
` di percepire la nostra cura, di sentirsi com-
aiutare la sorella a capire che lei e un ele-
mento prezioso della congregazione cri- presi e amati (1 Tess. 5:11). Quindi, prima
stiana. Poi potremmo evidenziare quanta di fare una visita pastorale, prendiamoci il
cura Geova ha nei suoi confronti proprio tempo per riflettere sulla situazione della
´ persona, preghiamo e scegliamo dei passi Continuiamo
perche la considera una delle sue peco-
biblici appropriati. In questo modo trovere- a interessarci
relle. sinceramente
mo le parole giuste per ristorare un’“ani-
In genere ai fratelli piace esprimere le dei fratelli
` ma stanca”.
loro riflessioni sulle Scritture. Percio, evitia-
mo di parlare sempre noi. Dopo aver letto
un passo biblico che si applica alla loro si-
tuazione, potremmo isolare una parola
chiave o una frase e chiedere di commen-
tarla. Per esempio, dopo aver letto 2 Co-
rinti 4:16, un anziano potrebbe domanda-
re: “Ti vengono in mente dei modi in cui
`
Geova ti ha rinnovato?” Questo puo porta-
re a un vero “scambio d’incoraggiamento”
(Rom. 1:12).
Potremmo anche incoraggiare un com-
pagno di fede parlando di un personaggio
biblico che ha qualcosa in comune con lui.
`
Chi e depresso probabilmente si immede-
`
simera in personaggi come Anna o Epafro-
dito, i quali a volte si sentirono abbattuti
ma non per questo persero il loro valore
agli occhi di Dio (1 Sam. 1:9-11, 20; Filip.
`
2:25-30). Se e appropriato, dunque, per-
´
che non menzioniamo uno di questi eccel-
lenti esempi biblici?
MOSTRIAMO INTERESSE ANCHE DOPO
Continuando a interessarci dei fratelli
anche dopo la visita, dimostriamo di aver-
li sinceramente a cuore (Atti 15:36). Un
RICORDATE?

Avete letto attentamente gli ultimi numeri della Torre di Guardia?


Provate a vedere se sapete rispondere alle seguenti domande:
` `
Cos’e la bibliomanzia, e qual e Cosa possiamo imparare dall’umil- Cosa comprende la parte terrena
` `
il punto di vista cristiano ta di Mose? dell’organizzazione di Geova?
al riguardo? ` ` Comprende il Corpo Direttivo, i Co-
Mose non si monto la testa a cau-
` `
La bibliomanzia e la pratica di sa dell’autorita conferitagli; fece af- mitati di Filiale, i sorveglianti viag-
aprire la Bibbia e leggere un ver- fidamento su Dio, e non su se stes- gianti, i corpi degli anziani, le con-
setto a caso nella convinzione che so. Non permettiamo mai che gregazioni e i singoli proclamatori.
` `
quel passo fornira la giusta guida. potere, autorita o doti naturali ci [15/4, pagina 29]
I veri cristiani non traggono presa- diano alla testa; al contrario, confi- ´ `
Perche si puo dire che Dio non fu
gi. Studiano invece la Bibbia per diamo in Geova (Prov. 3:5, 6). [1/2, crudele nell’eseguire i suoi giudizi?
acquistare accurata conoscenza e pagina 5]
avere la guida divina. [15/12, pa- Geova non prova piacere nella
gina 3] Dove vivranno i risuscitati? morte dei malvagi (Ezec. 33:11). Il
` `
` ` Alcuni di loro, cioe 144.000, vivran- modo in cui si e comportato in pas-
Cos’e il “mondo” che passera? ` sato dimostra che egli, amorevol-
` ` no in cielo. La maggioranza, pero,
Il “mondo” che passera e l’insieme ` mente, avverte le persone prima di
sara riportata in vita sulla terra con `
degli esseri umani che non vivono la prospettiva di viverci per sem- eseguire i suoi giudizi. Questo ci da
`
secondo la volonta di Dio (1 Giov. la speranza di sopravvivere ai giu-
pre. [1/3, pagina 6]
2:17). La terra e coloro che si dimo- dizi futuri. [1/5, pagine 5-6]
strano fedeli sopravvivranno. [1/1, In che senso gli israeliti erano
Gli israeliti giustiziavano i criminali
pagine 5-7] ‘incirconcisi di cuore’? (Ger. 9:26).
mettendoli al palo?
´ Nel senso che il loro cuore era osti-
In che modo Abele, benche morto, ` No. Alcuni popoli lo facevano, ma
continua a parlarci? (Ebr. 11:4). nato e ribelle; percio dovevano eli-
` presso gli israeliti, almeno all’epoca
Lo fa per mezzo della sua fede. Noi minare tutto cio che lo rendeva in- delle Scritture Ebraiche, il condan-
possiamo imparare da lui e sforzar- sensibile: i pensieri, i desideri o i nato veniva prima messo a morte,
ci di imitare tale fede. Il suo esem- motivi che erano in conflitto con ad esempio tramite lapidazione
` quelli di Dio (Ger. 5:23, 24). [15/3,
pio e ancora vivo e incisivo. [1/1, (Lev. 20:2, 27). Poi il corpo poteva
pagina 12] pagine 9-10] essere appeso a un palo come mo-
Cosa rese significativa la vita nito per gli altri. [15/5, pagina 13]
In quali campi non dobbiamo `
di Gesu? ´ ` `
permettere a nulla di allontanarci Perche la pace mondiale e cosı
`
da Dio? Gesu aveva uno scopo nella vita: difficile da conseguire?
`
Eccone alcuni: lavoro e carriera, fare la volonta di Dio. Amava inten- Anche se hanno fatto cose straor-
tempo libero e divertimenti, rappor- samente il Padre e le persone. Di dinarie, gli uomini non hanno la ca-
conseguenza sapeva di avere l’a- `
ti con parenti disassociati, uso del- pacita di ‘dirigere i propri passi’
more e l’approvazione del Padre. `
la tecnologia, cura della salute, (Ger. 10:23). Il mondo e controllato
concetto del denaro, opinione di Queste sono condizioni essenziali da Satana, per cui gli esseri umani
noi stessi e delle nostre idee. per avere una vita significativa. non possono portarvi la pace
[15/1, pagine 12-21] [1/4, pagine 4-5] (1 Giov. 5:19). [1/6, pagina 16]

s
n Puoi scaricare
p Puoi anche leggere la Visita www.jw.org

o
gratuitamente questa Traduzione del Nuovo o scansiona
w13 06/15-I

rivista e altre Mondo online il codice


pubblicazioni da
www.jw.org