Sei sulla pagina 1di 2

Questa è la copia cache di Google di https://it.saxopedia.com/2011/10/18/introducing-chordpulse/.

È un'istantanea
della pagina visualizzata il 11 ott 2020 22:19:04 GMT. Nel frattempo la pagina corrente potrebbe essere stata
modificata. Ulteriori informazioni.

Versione completa Versione solo testo Visualizza sorgente


Suggerimento. Per trovare rapidamente il termine di ricerca su questa pagina, digita Ctrl+F o ⌘-F (Mac) e utilizza la
barra di ricerca.

« Wireless MIDI a 6 euro e 99 centesimi 200 nuove trascrizioni

ChordPulse… davvero vi serve Band-in-


a-Box?
Ho comprato la mia prima licenza di Band-in-a-Box nel 2009 e l’ho aggiornata di recente alla versione 2011. Nel complesso
sono abbastanza soddisfatto, anche se ho qualche perplessità su questo programma.

BIAB è sicuramente un ottimo software, ma a volte ci si sente oppressi da tutte le sue feature. Dopo tutto, io l’ho comprato
soprattutto per fare pratica con le più comuni (e meno comuni) progressioni di accordi, o per improvvisare su brani jazz e rock
che non erano disponibili nei vari Aebersold, o per migliorare i miei assoli in tutte le tonalità e qualsiasi tempo di metronomo.
Non ero affatto interessato al 90% delle caratteristiche rimanenti, che sono più che altro utili a compositori e song writers. Per
esempio, non ho mai utilizzato la possibilità di generare un assolo su una sequenza di accordi, aggiungere i test, registrare gli
strumenti MIDI, ecc. E’ vero che BIAB permette di definire ogni minimo dettaglio della musica che produce, ma molte di queste
feature avanzate richiedono uno sforzo non indifferente per essere padroneggiate. A dire il vero, preferisco passare il mio
tempo suonando, non imparando ad usare un ennesimo programma. A peggiorare il tutto c’è il fatto che l’interfaccia utente di
BIAB non si può proprio definire moderna e intuitiva.

Recentemente mi trovo molto più a mio agio con programmi più semplice, ad esempio il fantastico iRealB (noto in precedenza
come iRealBook), disponibile per iPhone, iPad, iPod Touch, Android, e Mac. Se possedete un iPhone è probabile che
conosciate già questa app. Se non lo conoscete, è sufficiente dire che si tratta di una specie di Real Book – ma solo con le
sequenze di accordi, senza temi – che è stato migliorato con degli style packs aggiuntivi (jazz, pop, latin, fusion, ecc.) che
permettono di suonare sopra più di un migliaio di brani noti, oppure di crearne di nuovi (i fan di iRealB contribuiscono
continuamente con nuovi brani sul forum del programma). Gli arrangiamenti sono generati automaticamente e la loro qualità è
buona: non raggiungono quella di BIAB, soprattutto se si usano le Real Track, ma è più che sufficiente per fare pratica di
improvvisazione. Per meno di 20 euro – tra applicazione principale e tutti gli style pack – posso avere sul mio iPhone tutte le
feature di BIAB che mi interessano davvero, e non mi devo portare dietro 2-3 kg di libri alle jam session.

L’unico difetto è che iRealB non è disponibile per Windows, quindi sembra che non esista alcuna alternativa plausibile a BIAB
per quei milioni di musicisti che non hanno né un Mac né un iPhone. Poi ho trovato questo gioiellino chiamato ChordPulse. La
sua lista di feature è abbastanza piccola da essere riassunta in poche righe:

è facile inserire sequenze di accordi anche complesse; supporta 16 tipi comuni di accordi, più le inversioni e gli accordi
con le note al basso
le sequenze di accordi possono essere molto lunghe, e sono suddivise in “pagine” lunghe fino a 16 misure; la lunghezza
dei singoli accordi può essere modificata anche col mouse
è possibile suonare all’infinito l’intera sequenza o solo la pagina corrente, oppure suonare la sequenza una volta soltanto
sono forniti oltre 100 stili di accompagnamento, e nuovi stili sono aggiunti ad ogni nuova release – gli stili vano dal jazz,
blues, rock, pop, e fusion fino a stili più tradizionali come il valzer, lo shuffle, e il bluegrass
le sequenze possono essere trasportate in qualsiasi tonalità e si può cambiare la velocità del brano molto velocemente,
usando il mouse o la pressione di un solo tasto
è fornitata la (limitata) possibilità di personalizzare l’accompagnamento in specifici punti del brano
mixer per i 4 strumenti, esportazione su file MIDI, dissolvenze, accordatura, precount, …
Non richiede troppe risorse: solo 5M su disco e 64M in memoria, si scarica e si installa in pochi secondi, funziona su
tutte le versioni di Windows a partire da XP, funziona con la risoluzione 1024×768 … insomma va benissimo anche su un
netbook di 2-300 euro

ma soprattutto

interfaccia utente semplice e intuitiva, non richiede neanche di studiare il manuale.


solo 20 euro

1
Ripeto: la cosa migliore di ChordPulse è di essere talmente semplice, facile da usare e intuitivo che serve meno di un minuto
per cominciare a usarlo, e meno di cinque minuti per padroneggiare tutte le sue caratteristiche. Per maggiori informazioni
guardate questi video.

Secondo il suo autoreLaszlo Oroszi, il


software va anche bene per comporre
canzoni, ma non sono d’accordo perché
mancano troppe feature fondamentali. Per
dirne una, non è possibile modificare lo stile,
il tempo, o la velocità di esecuzione nel
mezzo del brano. Ma anche con queste
limitazioni, ChordPulse è un ottimo strumento
per fare pratica e per imparare a
improvvisare.

Potete scaricare ChordPulse e usarlo


gratuitamente per 14 giorni. Dopo questo
periodo di prova è necessario acquistare, ma
durante tale periodo tutti i comandi sono
completamente funzionanti, incluso la
possiblità di salvare le sequenze di accordi.

Molto generosamente, l’autore mette a


disposizione una versione Lite
completamente gratuita. La versione Lite
dispone di soli 5 tipi di accordi e 24 stili, e
meno opzioni per personalizzare
l’accompagnamento, ma a parte questo è potente quanto la versione completa. Se state cercando un metronomo più musicale,
è un vero affare. Ma se avete bisogno di maggiore ispirazione quando suonate, date una occhiata alla versione a pagamento.

18 October 2011 | Categorie: iOS, MIDI, Software, Windows

2 comments to ChordPulse… davvero vi serve Band-in-a-Box?

Giuseppe Massenti
26/10/2014 at 17:47 · Rispondi
Ciao
di recente ho avuto la necessità di trasformare brani musicali recenti rendendoli ballabili per gli allenamenti di
ballo latino americano e per questo mi è stato consigliato “ban in a box”.
Partendo da un brano .wave vorrei poter aggiungere una base “marcata” (di samba o chacha o rumba o pasodoble o jive),
magari riducendo o aumentando la velocità di esecuzione, che
renda il brano ballabile in uno dei cinque stili latino-americani: quale programma per PC (ho un i5) farebbe al mio caso?
Grazie
Giuseppe Massenti

Marco
23/07/2016 at 20:50 · Rispondi
Ciao,
é proprio quello che cercavo
ti ringrazio
Marco