Sei sulla pagina 1di 168

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO

Facoltà di Ingegneria

Tesi di Dottorato di Ricerca


in Ingegneria Meccanica

Problematiche di Applicazione della


Direttiva MID sugli Strumenti di Misura.
Riferibilità Metrologica e Prove di Laboratorio

Tutor:
Prof. Paolo Vigo

Coordinatore:
Prof. Domenico Falcone

Candidato
Ing. Giorgio Ficco

Anno Accademico 2006-2007


0.Indice

0. Indice

0. Indice
1. Introduzione
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura
3. Le Tecnologie ICT per la Metrologia Legale
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas
5. L’allegato MI-003: Contatori di Energia Elettrica Attiva
6. L’allegato MI-004: Contatori di Calore
7. L’allegato MI-005: Sistemi di Misura per la Misurazione Continua
e Dinamica dei Liquidi diversi dall’Acqua
8. L’allegato MI-007: Tassametri
9. Conclusioni
10. Bibliografia

I
1. Introduzione

1. Introduzione

La Direttiva 2004/22/EC sugli Strumenti di Misura (Direttiva MID), pubblicata


nel 2004 e definitivamente recepita in Italia agli inizi del 2007, rappresenta un
epocale passo in avanti che l’Europa realizza nel settore della metrologia, secondo
solo all’adozione del Sistema Internazionale delle Unità di Misura, SI, avvenuta
nel 1969 (con recepimento in Italia solo nel 1982).
L’adozione a livello internazionale del SI ha infatti rappresentato il naturale
completamento di un lungo e vincente processo che dal Sistema Metrico
Decimale della Rivoluzione Francese (1793) ha portato, tramite la Convenzione
del Metro e la definizione dei campioni Internazionali delle Unità di Misura (1875
e 1921), allo sviluppo dei vari sistemi nazionali di taratura (in Italia con la Legge
273 del 1991) e agli accordi vigenti di mutuo riconoscimento, fino alla uniformità
e universalità di metodi di misura e prova in Europa e nel mondo intero, che è la
testimonianza più eclatante della forza delle idee illuministe.
La Direttiva MID fa parte di un gruppo di Direttive cosiddette del “nuovo
approccio” e regola gli strumenti di misura utilizzati per scopi commerciali e con
usi metrico-legali, specificando regole tecniche certe e condivise (prove e limiti di
accettabilità) per 10 tipologie di strumenti “legali”, scelti in settori tipici della
moderna società quali: contatori dell’acqua, contatori del gas e dispositivi di city
utilities di conversione del volume, contatori di energia elettrica attiva, contatori
di calore, sistemi di misura per liquidi diversi dall’acqua, sistemi per pesare a
funzionamento automatico, tassametri, misure materializzate di lunghezza e
capacità, strumenti di misura della dimensione, analizzatori di gas di scarico.
Come si può notare, quelli descritti nella MID sono tutti strumenti che
accompagnano il cittadino europeo nella sua giornaliera interazione con i
fornitori, pubblici e privati, di beni e servizi e con la pubblica amministrazione.
La MID può quindi rappresentare per le differenti tipologie di strumenti
riconosciuti “legali”, seppure con diversi risvolti applicativi e temporali,

1
1. Introduzione

un’occasione unica per il mondo della strumentazione e della metrologia italiana


ed europea e può influenzare positivamente la spinta per la realizzazione delle
catene di riferibilità in settori nuovi e oggi non ancora pienamente codificati
(metrologia chimica, dell’ambiente e dell’energia), adottando per questi regole e
metodologie uniformi.
Nello specifico, il nuovo approccio per la dichiarazione di conformità, (i.e.
l’immissione sul mercato) impone infatti per le suddette 10 categorie di strumenti,
requisiti essenziali definiti e legati alla tipologia della misura piuttosto che alle
caratteristiche costruttive e tecnologiche degli strumenti. Questi ultimi infatti sono
soggetti a continua evoluzione di componenti e principi, il che ha spesso
determinato, specie negli ultimi anni, un progressivo e continuo potenziale
disallineamento tra norme e tecnologie, specie quando i limiti imposti dalle regole
metriche legali erano basati principalmente sulle caratteristiche costruttive e non
sulle prestazioni metrologiche dello strumento.
La MID, nell’imporre regole metriche uniformi nel mercato globale, con il fine
ultimo di fornire al cittadino europeo una uniformità di “garanzie transattive”
nella sua interazione con i fornitori, introduce quindi un metodo “prestazionale”
nelle verifiche metrologiche degli strumenti ad uso legale. Questo metodo, nella
sua praticità, senza dubbio influenzerà positivamente il superamento delle
consolidate e farraginose norme metriche attualmente vigenti nei diversi Stati
Membri. Tutto ciò consentirà di ridurre nel futuro le modifiche alla direttiva per
adeguarla al progresso tecnico degli strumenti.
Le attuali normative metrico-legali, come detto, sono oggi spesso impostate sulle
caratteristiche costruttive degli strumenti piuttosto che sulle prestazioni, con una
continua necessità di “inseguire” le modifiche e le evoluzioni tecnologiche nei
decreti autorizzativi, per evitare che variazioni costruttive, anche non influenti dal
punto di vista metrologico, fossero spunto per “illegalità” talvolta
pretestuosamente contestate dai verificatori.
In aggiunta a questo, una ulteriore innovazione contenuta nella MID è quella di
codificare numerosi possibili scenari operativi per la dichiarazione di conformità

2
1. Introduzione

da parte dei Fabbricanti Metrici, così da consentire ad essi di scegliere quello più
adatto alle proprie dimensioni ed alla propria capacità e struttura organizzativa,
con la possibilità di impiegare sistemi di garanzia della qualità che rafforzano il
ruolo e la responsabilità del fabbricante.
Tutto questo fa sì, come detto, che le nuove procedure di approvazione di modello
e verifica prima possano adattarsi, sia alla piccola industria artigianale, che alla
grande multinazionale, consentendo a ciascuna impresa di scegliere il percorso da
essa ritenuto più idoneo alle proprie specificità.
La MID rappresenta quindi una rivoluzione, non solo perché come già evidenziato
non ci si lega al principio fisico dello strumento, lasciando ampio spazio
all’evoluzione scientifica e tecnologica, ma anche perché questo consente alle
diverse “filiere” interessate, più o meno consolidate dal punto di vista strettamente
metrologico, di adeguarsi e costruire le proprie catene di riferibilità metrologica
necessarie alle verifiche “legali” con principi e tecniche moderne, agili ed
adeguate al continuo sviluppo dei mercati e della tecnica.
Tra gli Stati Membri è inoltre previsto il reciproco riconoscimento e la
condivisione delle informazioni relative alle procedure seguite ed ai risultati della
valutazione della conformità, e l’adozione di opportuni strumenti di controllo e
salvaguardia dei mercati.
Va evidenziato, infine, che la MID non impone nessuna regola sulle verifiche
periodiche degli strumenti metrico-legali, lasciando a ciascuno Stato Membro la
libertà di stabilire le proprie, al fine di garantire la continuità con le norme
nazionali vigenti in materia. D’altra parte non c’è dubbio che la MID vada
rapidamente completata ed integrata con simmetriche regole di verifica periodica
in campo, ispirate anch’esse a metodi prestazionali, stabilendo per esempio, errori
massimi permessi doppi rispetto a quelli della verifica prima, come spesso
stabilito dalle attuali norme specifiche di alcuni settori metrico-legali.
Lo scenario applicativo che potrebbe concretizzarsi nella metrologia legale
italiana, fatti salvi i settori consolidati, quali quelli della metrologia della massa e
dei volumi che possono con poco sforzo adeguarsi, è quello di un’occasione

3
1. Introduzione

irripetibile per attuare uno sforzo sinergico di organizzazione e confronto tra le


diverse anime della metrologia (scientifica, industriale e legale). Tutto questo
deve essere garantito in uno scenario di profonda armonizzazione e di garanzia
della riferibilità metrologica soprattutto per le contabilizzazioni dei consumi di
acqua, gas, energia elettrica e calore (utility meters) dove sono in gioco numeri
importanti sia in termini di contatori installati che di entità economica delle
transazioni; ma questo vale ancor più per settori fino ad oggi mai ben regolati
dalla metrologia legale quali tassametri ed analizzatori di gas di scarico.
Tutti questi eventi si sposano con la recente nascita dell’Istituto Nazionale per la
Ricerca Metrologica, INRIM che diventa finalmente attore (quasi) unico per la
riferibilità e che, grazie anche alla MID, può assumere un ruolo centrale per un
attento ed armonico sviluppo di tutto il settore della metrologia e della
strumentazione italiana.
Nel prosieguo del presente lavoro di tesi per alcune delle categorie di strumenti
MID verranno illustrati e dettagliati gli aspetti metodologici di laboratorio da
adottare per garantire la correttezza delle operazioni di verifica ai fini della
dichiarazione della conformità (definizione della corretta riferibilità metrologica,
descrizione degli impianti di verifica e delle relative procedure, scelta dei
campioni, tecniche di elaborazione sperimentale dei dati).
Le categorie di strumenti analizzate sono la MI-002 (gas), MI-003 (energia
elettrica), MI-004 (calore), MI-005 (volumi di carburanti) e MI-007 (tassametri), e
rappresentano il risultato della partecipazione del candidato a numerosi progetti di
ricerca nel settore della metrologia legale (tra cui il programma di ricerca
interuniversitario PRIN 2004 “Metodologia di attuazione della direttiva MID
strumenti di misura”, in collaborazione con le Università di Genova, Padova,
Napoli Federico II, Politecnico di Milano, Ancona, Perugia e L’Aquila).
Verrà data inoltre attenzione agli aspetti trasversali collegati all’applicazione della
MID ed in particolare alle opportunità di ottimizzazione dei processi metrico-
legali offerte dalle tecnologie informatiche (progetto di ricerca “Antenna
Metrologica” finanziato dal MIUR al Palmer, Parco Scientifico e Tecnologico del

4
1. Introduzione

Lazio Meridionale, e sviluppato in collaborazione con Università di Cassino,


l’Istituto Metrologico IMGC di Torino - oggi INRIM – il SIT Servizio Italiano di
Taratura e la società Themis Srl di Torino).

5
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

Capitolo 2

La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

La Direttiva 2004/22/CE del 31/03/2004 sugli Strumenti di Misura


(universalmente nota come Direttiva MID) [1] è stata approvata in via preliminare
dal Consiglio dei Ministri italiano il 27.10.06, e recepita in Italia con il DL n. 22
del 2 febbraio 2007 “Attuazione della direttiva 2004/22/CE relativa agli strumenti
di misura” (pubblicato sulla GU n. 64 del 17-3-2007- Suppl. Ordinario n. 73) [2].
Essa rappresenta il primo importante sforzo di armonizzazione e di
modernizzazione del settore della Metrologia Legale.
La Metrologia Legale, infatti, ha regolato per un lungo periodo principalmente le
transazioni commerciali basate sulle misure di lunghezza, massa e volume, tipiche
dei contesti agricoli e delle società borghesi degli scorsi secoli. Oggi, consolidate
ed aggiornate le norme in questi settori classici (ad esempio introducendo i sistemi
automatici di pesatura, i misuratori dinamici di liquidi diversi dall’acqua), si
aprono nuovi ed importanti orizzonti metrologici quali la metrologia chimica, la
metrologia ambientale e quella dell’energia (sia elettrica che termica).
L’attuale sistema della Metrologia Legale, per le dichiarazioni di conformità e per
le verifiche (sia prime che periodiche) opera con procedure non sempre
armonizzate (in alcuni casi diverse anche a livello nazionale) e con strumenti
operativi spesso non proporzionati alla delicatezza delle operazioni ed alla mole di
lavoro. Ciò è parzialmente vero anche per quegli strumenti già disciplinati dalle
raccomandazioni tecniche OIML [3], Organizzazione Internazionale per la
Metrologia Legale, e per i quali risultano disponibili procedure tecniche
standardizzate.
In aggiunta a ciò, il naturale decadimento nel tempo delle caratteristiche
metrologiche, differente per ciascun tipo di strumento e modello, deve essere
accettato e condiviso come regola generale e non può essere trascurato.

6
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

La Direttiva MID si inserisce nel contesto delle Direttive comunitarie cosiddette


del “Nuovo Approccio” e regolamenta la produzione, la diffusione ed il controllo
degli strumenti metrici, a tutela della fede pubblica e della correttezza nelle
determinazioni quantitative alla base di un numero assai elevato di scambi
commerciali (stimato circa pari al 10% del PIL nazionale).
Obiettivo principale della MID è garantire pari opportunità ai costruttori di
strumenti metrici attraverso l’abbattimento di ogni tipo di barriera commerciale
alla diffusione dei loro prodotti in ambito comunitario, pur stabilendo requisiti
essenziali sia per la libera circolazione sia per l’adeguatezza dell’utilizzo previsto,
secondo principi di flessibilità e neutralità tecnologica.
Nel contesto sopra descritto, la MID introduce un nuovo approccio per la
dichiarazione di conformità. imponendo requisiti essenziali definiti e legati al tipo
di misura piuttosto che alle caratteristiche degli strumenti. Questi, infatti, sono
soggetti alla continua evoluzione di componenti e principi di misura,
determinando così un potenziale disallineamento tra norme e tecnologia, qualora i
limiti imposti fossero basati solo sulle caratteristiche costruttive.
Il recepimento dei principi della MID consente infatti di limitare, sia a livello
nazionale che internazionale, la proliferazione di leggi, norme e decreti, di
procedure e raccomandazioni tecniche, che oggi rallenta i processi della
Metrologia Legale e che determina oggettive difficoltà per tutti gli attori del
sistema.
La MID, infine, non impone nessuna regola sulle verifiche periodiche degli
strumenti durante il servizio, lasciando a ciascuno Stato Membro la libertà di
stabilire le proprie, anche al fine di garantire la continuità con le norme nazionali
in materia.
Nell’allegato I la MID descrive il nuovo approccio per tutti gli strumenti di misura
utilizzati per scopi commerciali e aventi carattere metrico-legale specificando al
contempo regole tecniche certe e condivise (inclusi i limiti di accettabilità) per 10
tipologie più diffuse, scelte in settori tipici della nostra società:
- contatori dell'acqua (MI 001),
- contatori del gas e i dispositivi di conversione del volume (MI 002),

7
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

- contatori di energia elettrica attiva e trasformatori di misura (MI 003)


- contatori di calore (MI 004),
- sistemi di misura per la misurazione continua e dinamica di quantità di
liquidi diversi dall'acqua (MI 005),
- strumenti per pesare a funzionamento automatico (MI 006)
- tassametri (MI 007)
- misure materializzate (MI 008)
- strumenti di misura della dimensione (MI 009)
- analizzatori dei gas di scarico (MI 010).

L’Allegato I: Requisiti Essenziali

La Direttiva MID stabilisce che “lo strumento di misura deve garantire un elevato
livello di tutela metrologica affinché le parti possano reputare affidabile il
risultato della misurazione; la progettazione e la fabbricazione dello strumento di
misura debbono essere di elevata qualità per quanto riguarda le tecnologie di
misurazione e la sicurezza dei dati da misurare”.
Nell’allegato I sono definiti i requisiti cui gli strumenti di misura debbono
conformarsi per conseguire tali obiettivi, completati, se del caso, dai requisiti
specifici dello strumento riportati negli allegati da MI-001 a MI-010, in cui si
illustrano in modo più dettagliato alcuni aspetti tecnici specifici.
I requisiti essenziali descritti dalla Direttiva sono rappresentati da errori tollerati,
riproducibilità, ripetibilità, discriminazione e sensibilità, durabilità, affidabilità,
idoneità, protezione dall’alterazione, iscrizioni ed informazioni, indicazioni del
risultato, ulteriore elaborazione dei dati. Ciascun requisito essenziale viene
descritto nella Direttiva ed il Fabbricante deve dichiarare come il proprio
strumento soddisfa i suddetti requisiti, ove applicabili: “…il rispetto dei requisiti
essenziali (e di quelli tecnici di ciascun allegato) consente l’immissione sul
mercato e la messa in servizio”.

8
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

Il Fabbricante può decidere di utilizzare qualsiasi soluzione tecnica conforme ai


requisiti essenziali di cui all'allegato I e nelle pertinenti norme (da MI-001 a MI-
010). Inoltre, per beneficiare della presunzione di conformità, deve applicare
correttamente le soluzioni menzionate nelle pertinenti norme armonizzate europee
o alle parti corrispondenti dei documenti normativi e degli elenchi di cui ai par. 1
e 2 (che descrivono il campo di applicazione della Direttiva MID).
Le soluzioni adottate dal Fabbricante al fine di rispondere ai requisiti devono
tenere conto dell’impiego cui lo strumento è destinato, nonché di prevedibili
impieghi scorretti dello strumento medesimo. Tra i requisiti essenziali si citano
espressamente oltre agli errori massimi tollerati anche le "grandezze d’influenza",
riconoscendo che in presenza di un loro contributo la misura metrico-legale deve
comunque garantire adeguate prestazioni metrologiche.
In particolare il Fabbricante deve specificare gli ambienti climatici, meccanici ed
elettromagnetici in cui lo strumento è destinato ad essere impiegato.
Questo significa che lo strumento dovrà dimostrare di resistere a particolari
condizioni estreme di funzionamento (dichiarate dal fabbricante in funzione
dell’ambiente di destinazione), non solo dal punto di vista dell’integrità esteriore e
di funzionamento, ma anche dal punto di vista delle prestazioni metrologiche che
non dovranno mostrare un decadimento superiore ai massimi errori permessi o a
valori critici opportunamente definiti negli allegati specifici.
In questo ambito, durante il presente lavoro di tesi, è stato progettato,
sperimentato e validato un metodo di prova ufficiale, sottoposto recentemente a
verifica di accreditamento SINAL [4], Sistema Nazionale per l’Accreditamento
dei Laboratori,, per la dimostrazione della conformità degli strumenti di misura
agli ambienti climatici severi in termini di caldo, freddo e caldo umido.

Tabella 2.1. - Classi climatiche della Direttiva MID

9
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

In riferimento alle classi di cui alla tabella 1 par. 1.3.1 allegato I della direttiva
MID, presso il laboratorio LAMI dell’Università di Cassino, già centro SIT [5]
Servizio Italiano di Taratura, con il n.105 per umidità e temperatura di rugiada, e
presso il Palmer, Parco Scientifico e tecnologico del Lazio Meridionale,
nell’ambito di un programma quadro di gestione congiunta di attività di
laboratorio, è stata sottoposta a verifica di accreditamento SINAL secondo la ISO
17025:2005 la prova descritta nella tabella che segue:

Misurando /
Campo di
Materiale / Prodotto / Proprietà misurata / Metodo di prova ed Rev. Cat.
n° misura e/o di Tecnica di prova (2)
Matrice Denominazione della anno di emissione (3) (4) (5)
prova (1)
prova

–40 // +180 °C
umidità rel. 20 //
80 %UR (nel Direttiva MID
campo 5÷85 °C) Strumenti di Misura
Ambienti climatici e
campioni in 2004/22/CE del
Umidità ambiente (calore
12 Strumenti di Misura prova contenuti 31/03/2004 par. 1.3.1 0 0
umido stabile e calore
nel volume di e 1.4.2 +
umido ciclico)
misura 2 m3 Metodo Interno
(1000 L x 1000 PT.02/Unilab Rev. B
H x 2000 P)

Tabella 2.2. - Prova SINAL per “ambienti climatici” descritta nella Direttiva MID

Entro breve, quindi, presso i laboratori del LAMI e del Palmer potranno essere
emessi rapporti di prova accreditati SINAL per la determinazione della resistenza
degli strumenti di misura agli ambienti climatici descritti nella MID.
Il requisito di accreditamento SINAL della prova è oggi l’unico applicabile in
Italia per qualificare il processo di dichiarazione della conformità di uno
strumento di misura in ambito MID, e, nell’ambito degli accordi di mutuo
riconoscimento in ambito EA (European Accreditation for Laboratory) [6], il
certificato emesso ha validità sull’intero territorio comunitario.
Nella immagine che segue si riporta il layout di prova per la verifica della
resistenza agli ambienti climatici severi ed ai cicli di caldo-umido (con umidità
condensante o non condensante), con in primo piano la camera climatica per la

10
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

riproduzione degli ambienti climatici (stazionari e ciclici) e la strumentazione


ausiliaria di controllo utilizzata (misuratori di temperatura ed umidità).

Figura 2.1. - Layout di prova per gli ambienti climatici del Laboratorio LAMI Unilab
c/o l’Università di Cassino

In funzione dell’ambiente climatico di funzionamento in cui lo strumento è


destinato ad essere impiegato, possono essere appropriate sia la prova di calore
umido stabile (in assenza di condensazione) sia la prova di calore umido ciclico
(con condensazione). La prova di calore umido ciclico è invece appropriata nei
casi in cui vi sia un’elevata condensazione o in cui la penetrazione di vapore
acqueo sia accelerata per effetto della respirazione. Qualora l’umidità non
condensata costituisca un fattore, è appropriata la prova di calore umido stabile.
I requisiti essenziali specificati sono oggetto di verifica per ciascuna grandezza
d’influenza pertinente e, salvo disposizioni diverse contenute negli allegati tecnici

11
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

specifici, si applicano quando ciascuna grandezza d’influenza è applicata


separatamente e il suo effetto è valutato separatamente, mantenendo tutte le altre
grandezze d’influenza relativamente costanti, al valore di riferimento.
Le prove metrologiche devono essere effettuate durante o successivamente
all’applicazione della grandezza d’influenza, indipendentemente dalla condizione
che corrisponde alla situazione normale di funzionamento dello strumento nel
momento in cui è probabile che si manifesti la grandezza d’influenza.

La Dichiarazione della Conformità

Prima della entrata in vigore della Direttiva MID, un Fabbricante che intendeva
mettere in servizio uno strumento di misura doveva attuare i passi descritti nel
diagramma di flusso di cui alla tabella successiva [7]:

Figura 2.2. - Messa in Servizio di uno Strumento Metrico Legale prima della MID

I momenti principali erano quindi rappresentati dall’esame ufficiale del modello


(progetto) e dalla verifica iniziale (normalmente per ciascuna unità prodotta) da

12
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

effettuarsi prima della messa in servizio. A valle della messa in servizio lo Stato
Membro stabiliva anche le regole per la verifica periodica in servizio.
La vera innovazione della MID è stata quella di codificare vari possibili scenari
operativi per la dichiarazione di conformità da parte dei Fabbricanti Metrici,
consentendo loro di scegliere lo schema più adatto (in funzione di classe e tipo di
strumento, della dimensione dell’azienda e della tipologia del sistema di gestione
per la qualità adottato). Il Fabbricante, prima di immettere uno strumento sul
mercato comunitario per gli utilizzi previsti dalla Metrologia Legale, deve
sottoporlo ad una delle procedure di valutazione della conformità previste dalla
direttiva per quella categoria di strumenti. Le procedure di valutazione della
conformità sono strutturate per “moduli” (approccio globale):
1. esame del tipo (B), da applicarsi insieme ad uno degli schemi seguenti
- garanzia della qualità del processo di produzione (D)
- garanzia qualità ispezione e delle prove effettuate sul prodotto finale (E)
- verifica del prodotto (F)
2. in alternativa uno schema tra:
- controllo di produzione interno e prove realizzate da un organismo
notificato (A1),
- garanzia della qualità del processo di produzione (D1),
- garanzia della qualità dell’ispezione e delle prove effettuate sul prodotto
finale (E1),
- verifica del prodotto (F1),
- verifica di un unico prodotto (G),
- garanzia di qualità totale (H),
- garanzia di qualità totale ed esame del progetto (H1).
In aggiunta a quanto sopra la MID descrive anche la procedura di dichiarazione di
conformità con solo controllo di produzione interno (A) e con controllo di
produzione interno e prove realizzate da un organismo notificato (C/C1).
Nelle pagine che seguono si riporta una tabella con l’indicazione degli schemi di
dichiarazione di conformità applicabili secondo la Direttiva MID e delle 10
categorie di strumenti MID a cui essi possono applicarsi.

13
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

Procedura di Dichiarazione della Conformità secondo la Direttiva MID

Documentazione Tecnica del Fabbricante

A A1 B+ C1 D1 E1 F1 G H H1

Esame del Tipo da parte di un ON

Controllo di Ispezione e Esame del


produzione
C D E F Controllo di
Ispezione e
Sorveglianza Certificazione Tipo +
Controllo di Sorveglianza Verifica del Verifica
Interno + produzione del Sistema e Sorveglianza Certificazione
produzione del SGQ in prodotto da all'unità da
Controllo del interno e prove Qualità in del SGQ da e Sorveglianza
Interno Certificazione Certificazione Produzione da parte di un ON parte di un ON
Prodotto da sul prodotto collaudo da parte di un ON del SGQ da
Controllo di e Sorveglianza e Sorveglianza verifica del parte di un ON
parte di un ON parte di un ON parte di un ON
Produzione del SGQ in del SGQ in prodotto da
Interno Produzione da collaudo da parte di un ON
parte di un ON parte di un ON

Tabella 2.3. - Schemi di Dichiarazione di Conformità secondo la Direttiva MID

14
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

B+
A A1 D1 E1 F1 G H H1
C C1 D E F
MI-001 Contatori dell'acqua
MI-002 Contatori del gas e i dispositivi di conversione del volume
MI-003 Contatori di energia elettrica attiva e trasformatori di misura
MI-004 Contatori di calore
MI-005 Sistemi di misura per la mis. continua e dinamica di liquidi diversi da acqua
Strumenti per pesare a funzionamento automatico meccanici
MI-006 Strumenti per pesare a funzionamento automatico elettromeccanici
Strumenti per pesare a funzionamento automatico elettronici o con SW
MI-007 Tassametri
Misure materializzate di lunghezza
MI-008 Misure materializzate di capacità
Strumenti di misura della dimensione meccanici o elettromeccanici
MI-009 Strumenti di misura della dimensione elettronici o con SW
MI-010 Analizzatori dei gas di scarico

Coinvolgimento di un Organismo Notificato?

Tabella 2.4. - Schemi di Dichiarazione di Conformità applicabili alle 10 categorie di strumenti regolati dalla Direttiva MID

15
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

In questo modo le nuove procedure di approvazione di modello e verifica prima


possono adattarsi sia alla piccola industria artigianale che alla grande
multinazionale, consentendo a ciascuna di scegliere il percorso per essa più adatto.
Nella figura che segue, si riportano, i moduli applicabili a scelta del Fabbricante
nelle fasi di Progettazione e Produzione

Progettazione Produzione

Modulo “A”

Modulo “C”

Modulo “D”
Fabbricante Modulo “B”
Modulo “E”

Modulo “F”

Modulo “G”

Modulo “H”

Figura 2.3. Le fasi di Progettazione e Produzione ed i relativi schemi di


dichiarazione della conformità secondo la Direttiva MID

L’impiego dei sistemi di garanzia della qualità per le procedure di conformità


riguarda i moduli D, E e H e le loro varianti. La certificazione del Sistema di
Gestione per la Qualità (SGQ) del Fabbricante in conformità della norma UNI EN
ISO 9001:2000 conferisce la presunzione di conformità, ma non ne è condizione
sufficiente. La conformità ai moduli D, E ed H e alle rispettive varianti non
richiede, invece, un SGQ certificato

16
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

Nel seguito si riportano gli schemi di dichiarazione di conformità in allegato da A


a H1, descritti nella forma di schema a blocchi, con indicazione schematica delle
responsabilità del Fabbricante e del ruolo dell’Organismo Notificato, e con la
specificazione dei principali adempimenti in fase di progetto e produzione.

Modulo A: controllo di produzione interno


Modulo A1 controllo di produzione interno e prove
realizzate da un organismo notificato

Fase di Progetto
Il Fabbricante
Sviluppa la documentazione tecnica e la tiene a disposizione delle autorità nazionali (la documentazione
deve consentire la valutazione della conformità)

Fase di Produzione
Il Fabbricante

Adotta tutte le misure necessarie a garantire la conformità


Dichiara per iscritto la conformità ai requisiti essenziali (a disposizione delle autorità nazionali per 10 anni)
Appone la marcatura CE

L’Organismo Notificato
Esegue o fa eseguire controlli sul prodotto per verificare la qualità dei controlli interni
Il campione di prodotti è esaminato effettuando le prove previste da norme tecniche adeguate (se esistenti)

Figura 2.4. - Dichiarazione di conformità, moduli A e A1

17
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

Modulo B: Esame del tipo +

Fase di Progetto
La documentazione tecnica
Il Fabbricante trasmette all’ O.N. Un esemplare dello strumento
Verifica la conformità con i requisiti essenziali
L’Organismo Notificato Emette il certificato di esame del tipo CE

Fase di Produzione
Modulo C Modulo D Modulo E Modulo F
Conformità al tipo Garanzia Qualità Garanzia Qualità Verificazione del
(controllo prod. int.) della produzione del prodotto prodotto
Il Fabbricante
Dichiara la conformità Opera con un sistema Opera con un sistema di Dichiara la conformità con
con il tipo approvato di qualità approvato qualità approvato (S.Q.) il tipo approvato o ai
Appone la marcatura CE (S.Q.) per la per l’ispezione e le prove requisiti essenziali
produzione e le prove Dichiara la conformità Appone la marcatura CE
Dichiara la conformità con il tipo approvato o ai
con il tipo approvato requisiti essenziali
Appone la marcatura Appone la marcatura CE
CE

L’Organismo Notificato
Esegue o fa eseguire Approva il S.Q. Approva il S.Q. Verifica la conformità
controlli sul prodotto per Effettua la sorveglianza Effettua la sorveglianza mediante esame e prova di
verificare la qualità dei sul buon sul buon funzionamento ogni singolo prodotto o
controlli interni funzionamento del S.Q. del S.Q. mediante verifica statistica
Il campione di prodotti è Emette un certificato di
esaminato effettuando le conformità
prove previste da norme Appone o fa apporre il
tecniche adeguate (se proprio numero di
esistenti) identificazione

18
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

Figura 2.5. - Dichiarazione di conformità, moduli B+C, B+D, B+E, B+F

Modulo E1:
Modulo D1: Modulo F1:
Garanzia di Qualità delle
Garanzia di Qualità del Verificazione del
ispezioni e delle prove
processo di produzione prodotto
effettuate sul prodotto

Il Fabbricante
Elabora la documentazione tecnica e Elabora la documentazione tecnica e Elabora la documentazione
la tiene a disposizione delle autorità la tiene a disposizione delle autorità tecnica e la tiene a disposizione
Nazionali (10 anni) Nazionali (10 anni) delle autorità Nazionali (10 anni)
Opera con un sistema di qualità Opera con un sistema di qualità Adotta le misure necessarie a
approvato (S.Q.) per la produzione e approvato (S.Q.) per l’ispezione e le garantire la conformità ai
le prove prove requisiti essenziali
Appone la marcatura CE e la Appone la marcatura CE e la Appone la marcatura CE e la
marcatura metrologica marcatura metrologica marcatura metrologica
supplementare e, sotto la supplementare e, sotto la supplementare
responsabilità dell’O.N. il numero di responsabilità dell’O.N. il numero di Redige una Dichiarazione di
identificazione di quest’ultimo identificazione di quest’ultimo Conformità
Redige una Dichiarazione di Redige una Dichiarazione di
Conformità Conformità

L’Organismo Notificato
Approva il S.Q. Approva il S.Q. Verifica la conformità mediante
Effettua la sorveglianza sul buon Effettua la sorveglianza sul buon esame e prova di ogni singolo
funzionamento del S.Q. funzionamento del S.Q. prodotto o mediante una verifica
statistica
Emette un certificato di
conformità
Appone o fa apporre il numero
di identificazione dell’O.N.

Figura 2.6. - Dichiarazione di conformità, moduli D1, E1, F1

19
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

Modulo G: Verificazione di un unico prodotto

Fase di Progetto

Il fabbricante elabora la documentazione tecnica e la mette a disposizione dell’Organismo Notificato, la


documentazione comprenderà il Progetto, le modalità di fabbricazione e il funzionamento del prodotto

Fase di Produzione
Il Fabbricante
Dichiara la conformità
Appone la marcatura CE
Sottopone il prodotto all’O.N.

L’Organismo Notificato

Verifica la conformità con i requisiti essenziali


Emette un certificato di conformità

Figura 2.7. - Dichiarazione di conformità, modulo G

20
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

Modulo H: Garanzia di Qualità Totale


Modulo H1 Garanzia di Qualità Totale e esame del progetto

Fase di Progetto
Il Fabbricante
Opera con un Sistema di Qualità approvato (S.Q.) per la progettazione

L’Organismo Notificato

Effettua la sorveglianza sul S.Q.


Se Modulo H1
Verifica la conformità del progetto (modulo H1)
Emette un certificato di esame del progetto CE (modulo H1)

Fase di Produzione
Il Fabbricante

Opera con un Sistema di Qualità approvato (S.Q.) per la produzione e prova


Dichiara la conformità
Appone la marcatura CE

L’Organismo Notificato
Effettua la sorveglianza sul S.Q.

Figura 2.8. - Dichiarazione di conformità, moduli H e H1

21
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

La Documentazione Tecnica

La Documentazione Tecnica prodotta dal Fabbricante e relativa allo Strumento di


Misura deve descrivere in modo intelligibile la progettazione, la fabbricazione e il
funzionamento dello strumento di misura e deve consentire di valutare la
conformità dello stesso ai requisiti pertinenti della direttiva.
Il Fabbricante specifica la posizione dei sigilli e delle marcature, ed indica i
requisiti di compatibilità con interfacce e sottounità, dettagliando adeguatamente:
– le caratteristiche metrologiche;
– la riproducibilità dei risultati delle misure degli strumenti prodotti quando
essi sono correttamente tarati avvalendosi degli opportuni mezzi previsti;
– la azioni adottate per garantire l'integrità dello strumento.
La documentazione tecnica che il Fabbricante predispone e, ove applicabile in
funzione del modulo di dichiarazione della conformità prescelto, mette a
disposizione dell’Organismo Notificato, deve comprendere:
a) descrizione generale dello strumento;
b) schemi di progettazione e di fabbricazione, nonché piani relativi a
componenti, sottounità, circuiti, ecc.;
c) procedure di fabbricazione per garantire una produzione omogenea;
d) descrizione dei dispositivi elettronici con schemi, diagrammi, diagrammi
di flusso dell'informazione del software logico e generale che ne illustrino
le caratteristiche e il funzionamento;
e) descrizioni e spiegazioni necessarie per comprendere i punti b), c), d),
compreso il funzionamento dello strumento;
f) elenco delle norme e/o dei documenti normativi (art.13), applicati in tutto
o in parte;
g) descrizioni delle soluzioni adottate per soddisfare i requisiti essenziali
qualora non siano state applicate le norme e/o i documenti normativi
previsti all'articolo 13;
h) risultati dei calcoli di progetto, di esami, ecc.;

22
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

i) risultati delle prove appropriate se necessario per dimostrare che il tipo e/o
lo strumento sono conformi a:
- i requisiti della MID in base alle condizioni di funzionamento nominali
dichiarate e ai disturbi ambientali specifici,
- le specifiche di durabilità dei contatori del gas, dell'acqua, di calore
nonché dei contatori di liquidi diversi dall'acqua;
j) attestati di esame CE del tipo o attestati di esame CE del progetto per
quanto concerne gli strumenti che contengono parti identiche a quelle del
progetto.
La MID, inoltre, riconosce le Raccomandazioni Tecniche dell’OIML [3],
Organisation Internationale de Métrologie Légale, come “documenti normativi”
equivalenti alle norme armonizzate ai fini della presunzione di conformità da parte
del costruttore (art. 4 – i).
Un importante lavoro di armonizzazione ai fini della applicazione della Direttiva
MID è svolto in questi tempi dal WELMEC [8], Western European Legal
Metrology Cooperation, organismo europeo per la cooperazione in Metrologia
Legale in cui partecipano ad oggi i 25 stati membri EU con 3 stati EFTA e
Turchia e Croatia come membri associati.
Nell’ottica del nuovo approccio, infatti, sono disponibili importanti aggiornamenti
di Guide Welmec relative all’utilizzo delle raccomandazioni OIML come
documentazione di riferimento tecnica in ambito MID.
Complessivamente sono disponibili 28 guide per l’applicazione della MID
(direttamente o indirettamente) e facenti riferimento ai gruppi di lavoro:
- WG 2, aspetti tecnici sul nuovo approccio, guida AWI;
- WG 4, decisioni in metrologia legale (incertezza);
- WG 5, sorveglianza del mercato;
- WG 7, software;
- WG 8, direttiva strumenti di misura MID;
- WG 10, esame del tipo per famiglie di strumenti, sistemi di conversione,
marcatura di distributori di carburante

23
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

- WG 11, utility meters


In particolare il WG8 è coordinatore di una ampia serie di guide sulle
problematiche di applicazione della Direttiva MID, tra cui
8.0 Requisiti generali per la verifica e la conduzione degli Organismi
Notificati (normativa applicabile e link con le altre guide)
8.1 Vocabolario: link tra Direttiva MID e altri documenti per la
Metrologia Legale
8.2 Applicazione modulo H1
8.3 Applicazione modulo B
8.4 Applicazione modulo D
8.5 Valutazione di un Organismo Notificato per l’esame del tipo
(basato sulla EN 45011 [9])
8.6 Presunzione della conformità di un sistema di gestione per la qualità
di un fabbricante per i moduli D e H1, quando è applicata la ISO
9001 [10]
Sono inoltre disponibili, sempre a cura del WG8, una serie di guide con utili
tabelle di cross-reference tra requisiti MID e le corrispondenti raccomandazioni
tecniche OIML:
- 8.11 (contatori di acqua OIML R 49)
- 8.14 (contatori di calore OIML R 75)
- 8.15 (sistemi di misura per liquidi diversi dall’acqua OIML R 117)
- 8.16 -1 ÷ 8.16-5 (AWI OIML R 51, R 61, R 107, R 50 e R 106)
- 8.19 -1 (strumenti per la misura della dimensione OIML R 66)
- 8.19 -2 (strumenti per la misura della superficie OIML R 136)
- 8.19 -3 (strumenti di misura multidimensionali OIML R 129)
- 8.20 (analizzatori di gas OIML R 99)
In particolare questa ultima serie di guide fornisce agli Enti ed Organizzazioni
interessate utilissime tabelle di corrispondenza tra i requisiti della Direttiva MID
(allegato I e allegati specifici) ed i corrispondenti punti delle Raccomandazioni

24
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

Tecniche OIML applicabili, con indicazione di un campo di commenti per le


interpretazioni dei risultati e la verifica della conformità.
La Direttiva MID e la necessità di aggiornare le normative esistenti in funzione
delle evoluzioni tecnologiche subite dagli strumenti negli ultimi anni, hanno
determinato una diffusa necessità di aggiornamento dei suddetti documenti con un
grande numero di revisioni in corso e di comitati tecnici al lavoro. Il risultato
atteso è che entro breve saranno disponibili per le 10 categorie di strumenti MID
normative aggiornate, al passo con la tecnologia e, soprattutto, allineate ai
requisiti della Direttiva MID.
Nella tabella che segue, per le 10 categorie di strumenti MID, si riporta uno
schema delle raccomandazioni OIML applicabili e delle corrispondenti normative
europee esistenti (spesso facenti esplicito riferimento alle stesse OIML).

Raccomandazione
Stato / Guida WELMEC di Norma Europea
Strumento di Misura Tecnica OIML
corrispondenza tra MID e OIML Applicabile
applicabile

R49-1:2006 (a. fredda)


UNI EN 14154-1:2007
MI-001 Contatori di R49-2:2006 (prove) In corso revisione.
UNI EN 14154-2:2007
acqua R49-3:2006 (rapporto) Welmec 8.11:2006
UNI EN 14154-3:2007
R72 (a.calda)
− In corso revisione di R6, R31 e
R32. DR4 07/2007
R6:1989 (generale) − NMi doc: Test Procedures for UNI EN 12261:2006 (turbina)
Diaphragm Gas Meters” e EN 12480:2006 (pist. rot.)
MI-002 Contatori del gas R31(diaframma)
“Proposal for standard format EN 1359:2006 (diafr.)
R32 (pistone rot.)
of test procedures for rotary UNI EN 14236:2007 (ultras.)
piston and turbine gas meters”
[53]
Proposal for standard format of
MI-002 Dispositivi di UNI EN 12405:2007
test procedures for electronic gas
conversione del volume UNI EN 437:2005
volume conversion devices [53]
CEI EN 62052-11:2003
MI-003 Contatori di In corso di pubblicazione.
R46 CEI EN 62053-21:2003
energia elettrica attiva DR CD3 mar 2006
CEI EN 62053-23
EN 1434-1:2007
EN 1434-2:2007
R75-1:2002 gen.
MI-004 Contatori di EN 1434-3:2007
R75-2:2002 prove Welmec 8.14:2006
calore EN 1434-4:2007
R75-3:2006 report
EN 1434-5:2007
EN 1434-6:2007

25
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

Raccomandazione
Stato / Guida WELMEC di Norma Europea
Strumento di Misura Tecnica OIML
corrispondenza tra MID e OIML Applicabile
applicabile

− DR 117-1TC 8 / SC 3 per
R117-1 R117-2 (revisione
combinata per R105, R117 e
R117-1:2007 R118), feb 2007
MI-005 Sistemi di misura
R118:1995 − Welmec 8.15:2006
per la misurazione
continua e dinamica dei
R105 − NMi doc “Test procedures for
R81 A,B,C:1998 electronic meters” e “Test
liquidi diversi dall’acqua
R81 D:2006 procedures for electronic
calculators with conversion
function and electronic
conversion devices” [53]
MI-006 – II Selezionatrici R51-1:2006 Revisione in corso
Ponderali R51-2:2006 (prove) Welmec 8.16.1:2006
MI-006 – III Riempitrici
R61-1:2004
Gravimetriche Welmec 8.16.2:2006
R61-2:2004 (prove)
Automatiche
MI-006 –IV Totalizzatori
R107-1:1997
a funzionamento Welmec 8.16.3:2006
R107-2:1997 (prove)
discontinuo

MI-006 – V Totalizzatori R50-1:1997


Welmec 8.16.4:2006
a funzionamento continuo R50-2:1997 (prove)

MI-006 – VI Pese a Ponte


R106-1:1997 Welmec 8.16.5:2006
per Veicoli Ferroviari
NMi doc “Test and examination
MI-007 Tassametri R21:2007 procedures for electronic EN 50148:1995
taximeters” [53]
MI-008 – I Misure
materializzate di R35:1985
lunghezza

MI-008 – II Misure
R29:1973
materializzate di capacità

MI-009 – I Strumenti per


la misura della R66:1985 Welmec 8.19-1:2006
dimensione (lunghezza)
MI-009 – II Strumenti per
la misura della R136:2005 Welmec 8.19-2:2006
dimensione (superficie)
MI-009 – III Strumenti
per la misura della
R129:2000 Welmec 8.19-3:2006
dimensione
(multidimensionali)
MI-010 Analizzatori di
R99:2000 Welmec 8.20:2006 ISO 3930:2000
gas di scarico

Tabella 2.5. Racc. OIML e Normative Europee applicabili per gli strumenti MID

26
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

Il ruolo degli Organismi Notificati

Ciascuno Stato Membro designa gli Organismi rientranti nella propria


competenza giurisdizionale per espletare i compiti relativi ai moduli di
valutazione della conformità. La notificazione è specifica per tipologia di
strumento (se del caso per classe di precisione dello strumento e intervallo di
misura) e per modulo/i di valutazione della conformità.
Uno Stato Membro mantiene il diritto a notificare un Organismo anche per quegli
strumenti per i quali non prescrive i controlli metrologici legali. Gli Organismi
Notificati (ON) intervengono nelle procedure di valutazione della conformità e
devono essere tecnicamente competenti e capaci di svolgere le procedure di
valutazione della conformità per cui hanno ottenuto la notifica. Essi devono essere
terze parti indipendenti dai loro clienti e da altre parti interessate
La valutazione della conformità deve essere effettuata da parte dell’ON con il più
elevato grado di integrità professionale e competenza tecnica in campo
metrologico.
L'Organismo Notificato svolge periodicamente verifiche ispettive per assicurarsi
che il fabbricante mantenga e applichi il sistema di qualità, e trasmette al
Fabbricante un rapporto sulle verifiche ispettive effettuate. Inoltre, l'Organismo
Notificato può effettuare visite senza preavviso presso il Fabbricante e può
effettuare, o far effettuare, prove sul prodotto per verificare il corretto
funzionamento del sistema di qualità (questo aspetto normalmente non è previsto
nei normali schemi di certificazione della qualità ISO 9001 [10]).
Se l'Organismo subappalta compiti specifici (tra cui, ad esempio, le attività di
prova), deve prima assicurarsi che il subcontraente soddisfi i requisiti della
direttiva MID. L'ON deve mantenere a disposizione dell'autorità notificante (in
Italia il Ministero dello Sviluppo Economico, attraverso l’Ufficio D3) i documenti
pertinenti che valutano le qualifiche del subcontraente e le attività svolte da
quest'ultimo ai sensi della direttiva MID.

27
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

La possibilità di subappaltare in parte le attività necessarie per la valutazione della


conformità, incluse quelle di prova, consente di operare con strutture accreditate
dedicate e competenti dal punto di vista normativo, legale e, soprattutto,
metrologico, e delegare le attività operative di prova e caratterizzazione
metrologica a laboratori accreditati secondo la ISO 17025:2005 [11], mantenendo
comunque il coordinamento e la supervisione delle attività di prova .
Ad oggi in Italia non esistono Organismi Notificati, e questo rappresenta un forte
limite per l’industria italiana. In questo panorama, vista anche l’esperienza di altri
importanti Stati Membri (Francia, Germania) in cui operano come Organismi
Notificati le strutture di accreditamento e/o i Laboratori Primari (LNE, PTB), è
auspicabile un impegno diretto degli organismi ed Enti omologhi italiani (INRIM,
SIT, SINAL, ENEA), per la massima garanzia del sistema della Metrologia
Legale nel nostro paese.
In questo lavoro si segnala una criticità riscontrata sia nella traduzione della
Direttiva MID in lingua italiana che nel DL n. 22 del 2 febbraio 2007 di
recepimento. Negli schemi di dichiarazione della conformità che prevedono la
valutazione del SGQ da parte dell’Organismo Notificato si legge che …oltre a
fornire consulenza sui sistemi di gestione della qualità, il gruppo incaricato
dell'accertamento deve… La corrispondente versione originale in lingua inglese
della Direttiva riporta invece …in addition to experience in quality management
systems, the auditing team shall possess…
D’altra parte tutte le norme della qualità stabiliscono (vedi ISO 19011:2003), che
il requisito più volte sancito dell’imparzialità dell’Organismo Notificato, del suo
Direttore e del gruppo di Verifica è assolutamente incompatibile con l’attività di
consulenza. E’ auspicabile che tale aspetto venga adeguatamente regolamentato
dall’Ufficio D3 all’atto della notifica dei primi Organismi.
Ai sensi dell’Art. 18 Vigilanza sul mercato e cooperazione amministrativa è
messo a disposizione un sistema di condivisione delle informazioni relative sia
agli organismi notificati che alle certificazioni di SGQ da essi effettuate ed agli
strumenti “certificati MID”. A questa banca dati disponibile in rete si accede

28
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

attraverso il portale “Nando” della Comunità Europea [12] che pubblica i


riferimenti a tutti gli ON operanti secondo gli schemi delle varie direttive
comunitarie o tramite il sito web del Welmec [8] alle categorie “Notified Bodies”
e “MID Certificates”.

Figura 2.9 – Portale “Nando” della CE degli Organismi Notificati per la Direttiva MID

Attualmente in Europa sono operativi 101 Organismi Notificati sulla Direttiva


MID [12], di questi, la stragrande maggioranza è stata notificata dal NWML
(National Weight and Measures Laboratory) inglese (49 ON). Nella tabella che
segue si riporta il numero di ON per Stato Membro.

Stato Membro EU Numero di ON

Austria 1
Belgium 1
Czech Republic 1
Denmark 3
Finland 1

29
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

Stato Membro EU Numero di ON

France 3
Germany 14
Ireland 1
Netherlands 3
Norway 1
Poland 8
Portugal 2
Slovakia 2
Slovenia 2
Spain 7
Sweden 1
Switzerland (MRA) 1
United Kingdom 49

Tabella 2.6. Organismi Notificati Europei per gli strumenti MID

La Direttiva MID e gli Utility Meters

Si definisce “Utility Meter” un misuratore utilizzato dalle aziende erogatrici di


servizi di utilità per la contabilizzazione dei consumi di acqua, gas, elettricità o
calore. La Direttiva MID regola i suddetti strumenti nei primi 4 allegati tecnici:
- contatori dell'acqua (MI 001);
- contatori del gas e i dispositivi di conversione del volume (MI 002);
- contatori di energia elettrica attiva e trasformatori di misura (MI 003);
- contatori di calore (MI 004).
Tra questi, in particolare, i contatori di energia elettrica e termica fino ad ora non
erano regolati in Italia da alcuna normativa di Metrologia Legale
Quello della misura di energia e della definizione delle problematiche di taratura e
verifica ad essa connesse è senza dubbio tra gli aspetti più complessi della
metrologia, sia per l’impossibilità di effettuare misure dirette, sia per le diverse
forme assunte da questa grandezza e che abbracciano gli ambiti della metrologia
meccanica, termica, elettrica e chimica.

30
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

Questo si traduce in una seria difficoltà nel garantire nelle forme tradizionali la
più corretta riferibilità metrologica e determina inevitabili carenze procedurali
nella gestione della strumentazione e delle misure inficiando aspetti metrologici
fondamentali quali la scelta e la conferma metrologica della strumentazione,
nonché la misura stessa e la relativa stima dell’incertezza e verifica degli errori
massimi permessi.
Accanto a ciò occorre evidenziare che la misura e la contabilizzazione
dell’energia assume nelle normali transazioni una delicata valenza commerciale e
che gli attuali scenari di politica internazionale impongono da un lato misure di
risparmio energetico e dall’altro una notevole attenzione alla ricerca e sviluppo di
fonti alternative di energia. Nonostante ciò la difficile misurabilità della grandezza
energia rende ancora oggi complesso lo scambio e la contabilizzazione dei
prodotti e dei servizi energetici. Si pensi alla contabilizzazione di combustibili
fossili (benzina, greggio, GPL, gas naturale, ecc.) effettuata quasi esclusivamente
in volume e non direttamente in energia.
A rendere ancora più complessa e critica questa situazione contribuisce la
liberalizzazione del mercato italiano ed europeo dell’energia elettrica e del gas.
Un ulteriore aspetto, spesso trascurato, riguarda la “qualità” dell’energia per la
valutazione, oltre che del rendimento energetico di un impianto/sistema, anche del
suo rendimento “exergetico”, del suo impatto ambientale, della qualità dei servizi
resi (continuità, disturbi, ecc). Pertanto la misura ed il controllo dell’energia sono
di eccezionale importanza sia nelle attività industriali che domestiche.
La misura dell’energia elettrica ha un’importanza rilevante nelle transazioni
commerciali di energia elettrica, ma anche nella stima dei bilanci energetici
aziendali e nella valutazione delle prestazioni di macchine e sistemi energetici
tradizionali e innovativi. La deregolamentazione dell'industria elettrica e
l'espansione del mercato mondiale del commercio dell'energia elettrica ha fatto
nascere da un lato l'esigenza di eseguire misure in maniera diffusa e continua,
dall’altro il bisogno di una maggiore precisione ed accuratezza nella sua
misurazione. Inoltre, fenomeni legati alla power quality, quali la distorsione

31
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

armonica, il rumore ed i transitori, oltre ai buchi ed alle sovratensioni generate


dalle nuove, sofisticate apparecchiature elettroniche hanno aumentato il grado di
difficoltà nella realizzazione di misure precise. Queste tendenze stanno
stravolgendo le attuali tecnologie di misura dell’energia elettrica, con l’ulteriore
difficoltà rappresentata dalla mancanza di standard efficaci e precisi in base ai
quali tarare e verificare gli strumenti di misura.
Per quanto riguarda la misura dell’energia termica lo scenario attuale mostra una
scarsa diffusione sul territorio nazionale di misuratori per la contabilizzazione dei
consumi energetici, anche per la scarsa diffusione di sistemi di teleriscaldamento
centralizzati per condomini o quartieri. Inoltre, oggi la misura dell’energia termica
viene effettuata con strumenti (contatori di energia termica) che in Italia non sono
ancora oggetto dei controlli della Metrologia Legale, e la direttiva MID
rappresenta quindi per essi l’unico attuale obbligo legislativo.
Infine, aver elevato al rango di strumento legale il contatore dell’acqua, se da un
lato è la ovvia conseguenza della gestione in ottica aziendale della risorsa acqua,
non più bene sociale ma servizio, dall’altro attribuisce al contatore, strumento
povero in tecnologie e a basso costo di produzione, un ruolo troppo delicato. Con
un parco contatori installati di 28-30 Milioni di pezzi, la maggior parte obsoleti ed
usurati, e con la quasi certezza che per gli attuali modelli sul mercato la vita media
stimata (numero di anni in cui le fasce prestazionali MID sono garantite) è di soli
6 anni, deve essere assolutamente fatto uno sforzo di innovazione delle
tecnologie, che da un lato garantisca un allungamento della vita tecnologica dei
contatori e dall’altro consenta una maggiore certezza dei dati di misura che,
peraltro, sono oggi spesso digitalizzati per scopi di telelettura e controllo dei
consumi.
Quanto detto per i contatori di acqua vale anche per i contatori di Energia Termica
e i contatori di acqua ad uso sanitario. Strumenti che nell’adottare componenti di
derivazione acquedottistica ad applicazioni quali la fornitura di fluidi caldi,
rischiano di risultare inadeguati e di operare in condizioni incompatibili con i

32
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

limiti MID e con vite medie accettabili per la garanzia dei consumatori-utenti
viste le ben note capacità prestazionali dei misuratori contatori di norma adottati.
Recentemente il Laboratorio della CCIAA di Asti (primo Laboratorio accreditato
SIT in Italia per la taratura dei contatori di acqua) ha pubblicato i risultati di una
serie di misure su 100 contatori obsoleti (di età superiore a 15 anni) regolarmente
installati sulla rete. Lo studio ha dimostrato la presenza di errori molto consistenti,
soprattutto alle basse portate, peraltro di segno negativo e che si traducono in un
mancato guadagno da parte dell’Ente gestore e, in generale, in uno spreco della
risorsa erogata.
La media dei risultati è riportata nel grafico seguente:

Figura 2.10- Curve metrologiche medie per contatori obsoleti (età superiorie a 15 anni)

La consapevolezza della necessità di sottoporre a controlli periodici gli strumenti


di contabilizzazione dei consumi di energia è dimostrata anche dallo studio in atto

33
2. La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura

da parte del TC 3/SC 4, che ha emesso nel 2005 un Committee Draft per un
Documento OIML sulla sorveglianza degli utility meters in servizio [13]. Il
documento, in iter di approvazione, stabilisce la necessità di un controllo del
decadimento delle caratteristiche metrologiche degli utility meters, introducendo a
riguardo i principi e le regole del controllo statistico e della individuazione di
opportuni livelli minimi di qualità (QL). Il controllo viene effettuato su un certo
numero di misuratori prelevati dalla rete ed appartenenti allo stesso lotto di
produzione (tracciabilità dei misuratori) e subordinandone la permanenza in
servizio dell’intero lotto ai risultati delle prove metrologiche effettuate, con le
regole ed i limiti indicati dai singoli Stati Membri.

34
3. Le tecnologie ICT per la Metrologia Legale

Capitolo 3

Le Tecnologie ICT per la Metrologia Legale

La Information and Communication Technology (ICT) offre oggi numerose


opportunità di progresso per l’intero Sistema della Metrologia Legale e potrà
consentire la semplificazione dei processi ed il miglioramento dell’efficacia e
della qualità del servizio, garantendo allo stesso tempo protezione e sicurezza dei
dati, accessibilità delle informazioni e trasparenza delle procedure.
L’ICT può facilmente migliorare ed armonizzare le interazioni dei principali
processi della Metrologia Legale a vantaggio degli attori del Sistema (Autorità
Nazionale, Uffici Metrici Provinciali, Ispettori ed Assistenti, Utenti e Fabbricanti
Metrici, Consumatori, Laboratori Riconosciuti), armonizzando i campi di
intervento di ciascuno, in conformità con i rispettivi ruoli istituzionali.
E’ naturalmente necessario che qualsiasi strumento ICT al servizio della
Metrologia Legale vada ad interfacciarsi con i sistemi in uso e ne garantisca la
continuità delle informazioni e delle procedure (in Italia il sistema Eureka delle
CCIAA).
L’ICT può efficacemente rispondere alle esigenze di rafforzamento,
modernizzazione e semplificazione dei processi della Metrologia Legale. Essa
rappresenta, infatti, un potente strumento per aumentare l’efficacia e l’efficienza
nelle verifiche (iniziali e periodiche) e per migliorare la capacità di gestione,
controllo e supervisione da parte dell’Autorità Nazionale (in Italia l’Ufficio D3
del MAP) e delle Autorità Locali (gli Uffici Provinciali Metrici delle CCIAA) su
Utenti e Fabbricanti e sui Laboratori riconosciuti ai sensi dei recenti D.Lgs. 179 e
182/2000 [14, 15].
L’ICT può infine rappresentare il presupposto per la trasparenza dell’intero
Sistema della Metrologia Legale.

35
3. Le tecnologie ICT per la Metrologia Legale

Con strumenti relativamente semplici e abbondantemente sperimentati in termini


di efficienza ed efficacia, l’ICT può infatti supportare ciascun attore del sistema
nel seguire l’intero ciclo di vita di uno strumento metrico-legale (Figura 2.1.)
garantendo un efficiente supporto ed interazione con tutte le entità coinvolte
(Uffici Metrici Provinciali ed Autorità Nazionale, Fabbricanti ed Utenti metrici,
Organizzazioni dei Consumatori, Ispettori ed Assistenti, Laboratori Riconosciuti)
al fine di aumentare e migliorare la tutela del mercato e la protezione della fede
pubblica e per assicurare la leale concorrenza tra le organizzazioni.

Norme, Leggi e Racc.Tecniche


Progettazione Armonizzazione
Limiti Tecnici ed Economici

Controllo della Qualità


Dichiarazione di Conformità
Tutela della Fede Pubblica
Approvazione di tipo Produzione
Concorrenza Leale
Verifica Prima
Gestione per la Qualità

Manutenzione Protezione del Mercato


Uso Giornaliero
Verifiche Periodiche Tutela dei Consumatori

Figura 3.1. - Ciclo di vita di uno Strumento di Misura Metrico-Legale

In funzione della fase di vita dello strumento (progettazione, produzione e uso


giornaliero) cambiano sia le esigenze (armonizzazione, tutela della fede pubblica,
concorrenza leale tra organizzazioni, protezione del mercato e tutela dei
consumatori) che i vincoli esterni (norme, leggi, raccomandazioni tecniche,
controllo della qualità, ….). In ciascuna delle sopradescritte fasi l’ICT può
intervenire con un supporto organico ed efficace.

36
3. Le tecnologie ICT per la Metrologia Legale

Infatti, le opportunità offerte dall’ICT partono dal semplice supporto


documentale, già parzialmente disponibile in alcuni portali dedicati alla
Metrologia Legale in Italia, fino alla disponibilità di strumenti operativi per il
calcolo, l’elaborazione e per la determinazione degli esiti delle operazioni di
verifica. L’accesso al servizio attraverso il web può soddisfare anche la diffusa
esigenza di accedere, ovunque e facilmente, alle informazioni di interesse metrico
legale (principalmente norme, leggi, decreti, modelli, raccomandazioni tecniche) e
di accompagnare gli Ispettori e gli Utenti Metrici nelle rispettive interazioni in un
percorso validato e certificato.
L’esito delle operazioni on situ ed il confronto con i massimi errori permessi potrà
essere immediatamente effettuato e contestualmente si potrà procedere anche
all’aggiornamento delle informazioni sulle relative banche dati. Infatti, attraverso
specifici fogli di calcolo con accesso protetto in termini di integrità e validazione
delle formule e delle elaborazioni dei risultati, l’Ispettore Metrico potrà essere
accompagnato nella corretta applicazione della procedura legale (inclusi i requisiti
della MID ove applicabili) in termini di sequenza delle operazioni e di immediata
elaborazione dei dati, compresi errori ed incertezze.
Di seguito si illustrano brevemente alcuni processi della Metrologia Legale
ottimizzabili attraverso una gestione con moderni strumenti ICT:
a) archivio documenti (modelli di registrazione, norme e raccomandazioni):
risoluzioni, procedure tecniche, iter burocratici, norme e leggi di
riferimento, raccomandazioni tecniche;
b) archivio dei riferimenti: informazioni e riferimenti dell’Autorità Nazionale e
delle Organizzazioni e Strutture responsabili della gestione del sistema
(Ufficio D3 del Ministero dello Sviluppo Economico, Uffici Provinciali
delle CCIAA, Fabbricanti Metrici e Laboratori Riconosciuti ai sensi dei DL
179 e 182/2000, , Utenti Metrici);
c) archivio degli strumenti: dati essenziali dei modelli approvati e di uso
metrico legale con la documentazione tecnica rilevante (test effettuati,
decreti di approvazione, disegni tecnici);

37
3. Le tecnologie ICT per la Metrologia Legale

d) librerie di software validati: modelli di librerie e di fogli di calcolo, studiati


per tradurre in pratica le norme, i decreti e le raccomandazioni tecniche
OIML applicabili, in modo da eseguire e documentare le azioni effettuate,
con la garanzia sulla corretta elaborazione dei dati sperimentali (aspetto
critico nelle verifiche prime e periodiche);
e) anagrafica degli strumenti: parco strumenti installato correlato alle
informazioni necessarie alla loro gestione (identificazione, ubicazione, stato
di servizio, ecc.);
f) cronologico degli interventi: informazioni anagrafiche e tecniche derivanti
dai processi di gestione del parco strumenti come, ad esempio, la verifica
iniziale, le verifiche periodiche, eventuali procedure di richiamo per la
manutenzione, azioni di messa fuori servizio o di rilegalizzazione, attività di
supervisione al corretto uso e manutenzione, azioni dopo manutenzione e
sostituzione.
Inoltre, oggi un moderno Ufficio Metrico gestisce le verifiche prime e periodiche
di molte categorie di strumenti metrico legali (alcune delle quali descritte nella
MID) e deve garantire per essi la riferibilità metrologica. Questo significa che
l’Ufficio deve operare con un proprio sistema di gestione per la qualità conforme
alla norma ISO 17025:2005 [11].
Allo stesso tempo, i Fabbricanti ed i Laboratori riconosciuti devono dare
dimostrazione di adottare un sistema adeguato per la gestione della qualità in
progettazione, produzione e collaudo, nella garanzia della conformità alle norme
per la qualità.
Anche in questo ambito l’ICT offre utili strumenti per:
i. la gestione dei campioni di riferimento e della strumentazione ausiliaria,
in termini di verifica della taratura, conferma metrologica e
manutenzione
ii. la gestione della documentazione interna (manuale e procedure, modelli
di registrazione) ed esterna (norme, raccomandazioni, decreti e leggi)
iii. la gestione della formazione, qualifica ed addestramento del personale).

38
3. Le tecnologie ICT per la Metrologia Legale

iv. il riconoscimento e la sorveglianza dei Laboratori esterni e dei


Fabbricanti.
L’architettura che ne deriva per realizzare un sistema idoneo alla modernizzazione
del settore della Metrologia Legale, non potrà prescindere , quindi, da una
struttura basata su:
1. database di Documenti, Riferimenti, Norme, Leggi e Raccomandazioni;
2. database dei Modelli Approvati (fabbricanti metrici) e degli Strumenti
installati (utenti metrici);
3. database per la registrazione degli interventi tecnici (verifica prima,
periodica e manutenzione) e amministrativi (sequestro, sanzioni,
rilegalizzazione);
4. collegamento al database Eureka delle CCIAA che già oggi contiene le
informazioni relative alle anagrafiche degli strumenti ed al loro stato di
esercizio;
5. una libreria di software validati, corredata degli opportuni strumenti
(interfaccia utente, linee guida, procedure guidate) per l’emissione dei
rapporti d’intervento e l’estrazione delle informazioni di valutazione
sulle attività (di dettaglio e statistica);
6. un sito WEB per l’accesso al sistema da parte dei diversi attori coinvolti
(Funzionari Responsabili, Ispettori Metrici, Laboratori Riconosciuti).

Gestione da Remoto delle Operazioni di Verifica e Sicurezza e


Protezione dei Dati e dell’accesso alle Informazioni

In aggiunta agli strumenti SW, l’ICT fornisce importanti opportunità anche in


termini di hardware. Si può considerare la possibilità di attivare direttamente sul
campo (ad esempio durante le verifiche periodiche): i) acquisizione automatica
dei dati, ii) verifica automatica degli strumenti via SW, iii) elaborazione dei

39
3. Le tecnologie ICT per la Metrologia Legale

risultati e l’esito della verifica, iv) trasmissione ed aggiornamento delle


informazioni.
L’utilizzo di PC palmari, protetti in termini di accesso e di gestione delle informa-
zioni, può infatti semplificare ulteriormente il lavoro degli Ispettori sul campo,
alleggerendoli allo stesso tempo delle operazioni derivanti dalla necessità di
aggiornare le informazioni al ritorno in ufficio, attività che spesso richiede molto
tempo. Molto interessante è la possibilità di gestire da remoto alcuni processi
della Metrologia Legale. Le opportunità offerte dall’ICT in questa direzione sono
molteplici, ma devono confrontarsi con le particolarità e con le esigenze del
settore. Oggi sono disponibili alcune architetture di internet calibration (i-cal),
con le quali è possibile effettuare tarature on-line da remoto in alcuni settori
metrologici particolari, quali ad esempio, misuratori di frequenza per microonde
(vector network analysers – VNA [16]) o per le radiazioni ionizzanti [17].
L’applicazione in altri settori metrologici delle tecniche di i-cal è sicura-mente più
difficoltosa e meno praticabile (si pensi ad esempio alla metrologia della massa,
per la quale il campione di riferimento SI è tuttora un prototipo materiale), a meno
di non sfruttare la rete solo per alcuni processi (trasmissione ed elaborazione dei
dati, assistenza all’operatore che effettua la taratura, validazione ed integrità del
SW di gestione dello strumento).
In aggiunta a questo, il settore della Metrologia Legale non può, per la natura
delle operazioni effettuate e per la maggior parte delle categorie di strumenti,
prescindere dalla presenza sul posto di un Ispettore (o del personale del
laboratorio riconosciuto), limitando di fatto le potenzialità del servizio. Molto
delicato è infine il problema della sicurezza dei dati, che coinvolge diversi livelli
di attività, dal terminale utilizzato in campo dall’Ispettore con trasmissione
wireless dei dati, al monitoraggio dello stato di taratura del campione di
riferimento.
Di seguito sono riportati alcune soluzioni ICT applicabili alla Metrologia Legale
[19b] con i relativi aspetti critici che coinvolgono la sicurezza dei dati e la tutela
del consumatore:

40
3. Le tecnologie ICT per la Metrologia Legale

1. bollo metrico elettronico, mediante supporti RF-ID:


- sullo strumento, per il controllo continuo da remoto dell’integrità
fisica del bollo metrico e del mantenimento dei corretti parametri
di taratura SW (sono anche utilizzabili come codice di avvio della
procedura di verifica sul PC portatile utilizzato dall’Ispettore,
come modalità di trasmissione di immagini);
- sul campione di riferimento dell’Ufficio utilizzato per la verifica
con caricamento automatico dei dati del certificato;
2. lettori biometrici di impronta digitale per l’identificazione certa
dell’esecutore della verifica per evitare frodi attuate attraverso il furto
d’identità;
3. trasmissione (e controllo) dati da remoto (client) a server centrale che
può avvenire: i) via cavo telefonico, ii) via onde radio raccolte da
apposito mezzo mobile, iii) via onde radio convogliate su appositi
concentratori, e da qui via cavo telefonico; iii) via telefono GSM
mediante invio di SMS. Il livello fisico utilizzabile è ethernet con
protocollo https attraverso wap o GPRS a cui sono aggiunti algoritmi
di crittografia proprietari sui dati per la protezione delle informazioni
(elaborazioni, misure, esito delle verifiche) durante la trasmissione

Il Progetto e-verific@tion

Un valido esempio di applicazione di alcuni strumenti ICT nel settore della


Metrologia Legale è il portale “E-verific@tion”, sviluppato nell’ambito del
progetto di ricerca “Qualità: L1 Antenna Metrologica” [18, 19] finanziato dal
MIUR al Palmer, Parco Scientifico e Tecnologico del Lazio Meridionale, in data
26/01/1998 ref 405/ric. e disponibile in versione demo all’indirizzo
http://www.antennametrologica.it nella sezione servizi_metrologici
/software_metrologici.

41
3. Le tecnologie ICT per la Metrologia Legale

Il progetto e-verific@tion risponde all’esigenza di standardizzare ed


informatizzare le principali attività metrico legali.
Esso consiste in un servizio telematico (portale web) che segue l’intero ciclo di
vita della strumentazione metrico-legale allo scopo di fornire un adeguato ed
efficiente supporto informatico agli addetti ai lavori, di accrescere la qualità del
servizio metrico legale e di migliorare la tutela della “fede pubblica”.
Esso potrà quindi rappresentare un utile strumento per la crescita di competitività
del Sistema Italiano della Metrologia Legale favorendo le imprese coinvolte nei
processi metrico legali (es. utenti e fabbricanti metrici, laboratori riconosciuti),
attraverso l’aumento di efficacia ed efficienza nelle verifiche (prime e periodiche)
dei laboratori metrici provinciali delle CCIAA, ed aumentando la capacità di
controllo e supervisione dell’Ufficio Centrale Metrico.
Nella Tabella che segue si riporta in forma schematica per ciascuno degli elementi
caratteristici una descrizione degli aspetti connessi, delle criticità affrontate e delle
relative soluzioni adottate o pianificate.

Elemento Descrizione Criticità Soluzione

- numero, dimensione e tipo


Struttura di dati (moduli, documenti,
La struttura HW può
organizzata di dati puntuali);
prevedere un server inserito
dati e documenti - distribuzione delle
in una server Farm dotata di
di riferimento, di competenze (diversi attori
garanzie di protezione
registrazioni in diversi luoghi con
Database ambientale ed informatica.
cronologiche di diverse responsabilità);
(archivio e Sistemi e software utilizzati
varie attività con - garanzia di mantenimento
cronologico) sono strutture commerciali
collegamenti a dati;
impiegati in ambienti di pari
documenti - accessi controllati;
criticità (Istituzioni
originali (modelli - registrazione degli
Pubbliche, Banche, Grosse
di riferimento e accessi;
Aziende).
moduli compilati) - garanzia di servizio
sempre in linea.
Struttura per lo
Collegamento Numerose soluzioni
scambio di dati - accessi controllati;
al SW commerciali disponibili per
con le - garanzia di servizio
EUREKA delle realizzare accessi sicuri
Anagrafiche sempre in linea.
CCIAA punto-punto.
Strumenti

42
3. Le tecnologie ICT per la Metrologia Legale

Elemento Descrizione Criticità Soluzione

Ogni accesso in lettura o


- accessi controllati;
scrittura di informazioni
- garanzia di servizio
protette, sarà associato
sempre in linea;
Portale per all’autenticazione
- adeguata interfaccia
Sito WEB l’accesso dell’utente con smart card e,
utente;
INTERNET. quindi, saranno impiegati
- manomissione, copia
software di crittografia
illegale e/o intrusione di
legati alle chiavi personali
dati.
degli utenti autorizzati.
Il SW di calcolo potrà essere
utilizzato per la valutazione La garanzia sul calcolo sotto
sulla conformità di strumenti l’aspetto legislativo,
alla verifica prima o normativo e scientifico
periodica. deriva da uno specifico
Deve esistere la garanzia ‘a comitato di esperti del
priori’ della inalienabilità comitato tecnico.
Sistema e sofware delle strutture di calcolo, Queste librerie di calcolo
validato per una volta che le stesse sono sono validate sul server e
l’elaborazione di state verificate sotto sono gestite attraverso una
Librerie e SW
riferimento. l’aspetto legislativo, distribuzione controllata di
di Calcolo
Oggetti di normativo e scientifico da un modelli con un software
Microsoft Office comitato tecnico di esperti. validato.
(es. MS Excel). Il SW deve essere utilizzato Il mantenimento di questo
come una ‘scatola nera’ che stato di validazione del
garantsce: server è fatto attraverso il
- il controllo sui dati di controllo automatico di
ingresso; chiavi di sicurezza codificate
- l’affidabilità del risultato; dai registri di
- - un tempo noto di configurazione del server.
elaborazione.
Potranno essere previsti
meccanismi automatici di
Supporto raccolta delle segnalazioni
Help Desk Aiuto in linea agli utenti.
all’utilizzo. di problemi e soluzioni, per
costruire la base di dati
dell’area FAQ.

Tabella 3.1. – Criticità affrontate nella definizione della struttura del Portale Metrologico

L’architettura che ne deriva copre in vario modo i principali processi della


Metrologia Legale, determinando di conseguenza ulteriori interrelazioni e
dipendenze, come descritto nell’architettura del sistema descritto nella figura che
segue:

43
3. Le tecnologie ICT per la Metrologia Legale

SW

INTERV. VERIFICHE VERIFICA


MANUTENZ. PERIODICHE PRIMA

ARCHIVIO
GESTIONE
DOCUMENTI
QUALITA’

DEFINIZIONE ATTIVITA’

ARCHIVIO
RIFERIMENTI

VALUTAZIONE ATTIVITA’

ARCHIVIO
STRUMENTI SW Eureka
PIANIFICAZIONE delle CCIAA
& ORGANIZZAZIONE
delle Verifiche

ANAGRAFICA
STRUMENTI

CRONOLOGICO:
ESECUZIONE ANAGRAFICA
delle Verifiche

CRONOLOGICO:
DATI TECNICI
STATISTICHE

Esito delle Verifiche


LIBRERIE
Aggiornamento
SOFTWARE
Data Base
&
MODELLI

Figura 3.2. - Architettura di un Portale Metrologico per la Metrologia Legale

La struttura del servizio telematico prevede:


- un tool per gli uffici del Ministero dello Sviluppo Economico ed i
Fabbricanti metrici nella formulazione/valutazione della domanda di
approvazione di modello degli strumenti di misura (i.e fornendo la
necessaria modulistica on-line e la possibilità di consultare le specifiche
di legge), la domanda potrà seguire anche un iter documentale via SW, in
modo da velocizzare alcune fasi e costituire un utile base dati per gli

44
3. Le tecnologie ICT per la Metrologia Legale

ispettori metrici (suppletiva a quella cartacea di più complesso


reperimento)
- un tool per gli Ispettori delle CCIAA ed i Fabbricanti metrici per la
verifica prima, sia per fornire un modello ed iter validato dal punto di
vista procedurale della verifica stessa (ciò consentirà anche una maggiore
uniformità di giudizio, trasparenza e rapidità di valutazione), sia per
fornire un ausilio nella documentazione e nei calcoli e nelle stime
associate alla verifica
- un tool per gli Ispettori (CCIAA) e/o i Laboratori di Prova riconosciuti
per la verifica periodica dove, accanto alle stesse facility fornite per la
verifica prima, l’Utente potrà ricostruire, anche via remoto attraverso PC
palmari, l’intera documentazione relativa alle azioni svolte ed alla storia
dello strumento, con possibilità di effettuare statistiche
- un help desk a carattere esclusivamente metrico-legale per il supporto
agli “Utenti Metrici” interessati (es. costruttori, ispettori metrici ed
assistenti al servizio) per il coordinamento di domande/risposte, con
relativa gestione di un archivio FAQ, di un FORUM per la consultazione
di esperti ed infine di un WEB-link per l’accesso facile ai siti di interesse
metrico-legale.
La struttura modulare del servizio consentirà lo svolgimento e l’interazione delle
varie attività metrico-legali, individuando le unità responsabili (MAP, CCIAA,
Uffici Metrici, Comitato Centrale, Fabbricanti Metrici) e definendone le aree ed i
limiti di intervento, in funzione dei rispettivi ruoli istituzionali, in particolare per
le attività di tipo:
- infrastruttura gestionale (Comitato Centrale Metrico, Unioncamere,
Infocamere)
- operativo (Utenti Metrici, Costruttori di strumenti, Ispettori Metrici delle
CCIAA, Laboratori riconosciuti
- consultivo (Utenti Metrici, Associazioni di Consumatori e Costruttori)

45
3. Le tecnologie ICT per la Metrologia Legale

Le funzioni implementate nel servizio telematico potranno consentire quindi di


strutturare, organizzare e rendere disponibile anche da remoto sia la
documentazione metrico legale (norme, leggi, modulistica, procedure, … ), sia i
dati delle verifiche sugli strumenti di misura metrico-legali. Inoltre il software di
gestione e tecnico implementato consentirà di standardizzare i principali processi
della metrologia legale (e.g. approvazione di modello, gestione
dell’accreditamento/riconoscimento, gestione dell’autocertificazione, ricerca delle
informazioni di tipo legislativo e/o normativo, verifiche prime e periodiche, …) e
quindi di migliorare i servizi metrologici degli uffici preposti mediante la messa a
disposizione di SW di calcolo e gestionale. In particolare, l’interattività del
software e la sperimentazione e l’uso della tecnologia palmare potrà consentire di
guidare l’ufficiale metrico nelle operazioni di verifica prima e periodica nel pieno
rispetto di tutte le procedure, sia tecniche che amministrative, e nella conformità
con i regolamenti e le norme applicabili.

Figura 3.3. - La Homepage del portale e-verification

46
3. Le tecnologie ICT per la Metrologia Legale

Il Portale e-verification (Figura 3.3.) è strutturato nel modo seguente:


i) menu gestione utente;
ii) menu gestione pratiche e corrispondenze;
iii) menu gestione modello di strumento e sistemi
iv) menu gestione degli strumenti installati;
v) menu modelli, norme e raccomandazioni;
vi) menu gestione del servizio

Menu Gestione Utente


Per la gestione ed il reperimento delle informazioni e riferimenti degli Organi
Istituzionali e delle Organizzazioni responsabili a vario titolo della gestione degli
aspetti di Metrologia Legale, quali ad esempio l’Autorità Nazionale (Ufficio D3
del Ministero dello Sviluppo Economico) e le Autorità Locali (Uffici provinciali
delle Camere di Commercio), dei numerosi Laboratori riconosciuti ai sensi del
DM 182/2000 [15], dei Fabbricanti Metrici, dei responsabili della manutenzione
e, infine, degli utenti metrici finali presso i quali gli strumenti a valenza metrico-
legale sono installati:

47
3. Le tecnologie ICT per la Metrologia Legale

Figura 3.4. – Il Menu “Gestione Utente”

Menu Gestione Pratiche e Corrispondenze


Per la gestione delle richieste di legalizzazione metrico-legale di nuovi strumenti,
di omologazione e di verificazione; per verificare la rispondenza dei decreti di
approvazione per poter procedere alla verifica dello stato di avanzamento e dei
risultati delle prove presso gli Organismi Notificati:

48
3. Le tecnologie ICT per la Metrologia Legale

Figura 3.5. – Il Menu “Gestione Pratiche e Corrispondenze”

Menu Gestione dei modelli di strumenti e dei sistemi


Per la gestione dei modelli approvati, con la possibilità di accesso ad un data-base
completo per le informazioni utili per gli Utenti Metrici registrati. L’area è
organizzata nelle 10 sottocategorie degli allegati tecnici della MID. L’accesso alle
informazioni è regolato da rigorose e sicure autorizzazioni informatiche ed è
strutturato in maniera semplice attraverso una prima maschera di informazioni
generali con ipertesti per il rapido download in forma protetta del documento di
interesse (es. decreto di approvazione, prove effettuate, disegni progettuali).

49
3. Le tecnologie ICT per la Metrologia Legale

Figura 3.6. –Menu “Gestione dei Modelli di Strumenti e dei Sistemi”

Menu Gestione degli Strumenti installati


Anche questa parte del menu è divisa nelle 10 categorie degli strumenti MID e
tramite essa si può accedere ad un data-base completo, nel quale per ciascun item
sono riportate informazioni in merito all’Utente Metrico, alle istruzioni di corretta
installazione e manutenzione, alle informazioni sulle fasi metrico legali superate
(legalizzazione iniziale, verificazione prima e periodica, procedure di
rilegalizzazione eventuali, manutenzioni effettuate, conseguenze di guasti o
malfunzionamenti, statistiche relative a consumi e contabilizzazioni).

Figura 3.7. –Menu “Gestione Strumenti Installati”

50
3. Le tecnologie ICT per la Metrologia Legale

Menu Modelli, Norme e Raccomandazioni


In quest’area sono messi a disposizione dell’Utente Metrico una serie di
documenti, risoluzioni, procedure e raccomandazioni tecniche, norme e leggi di
riferimento; è consentito anche il download dei documenti di interesse e l’accesso
a fogli di calcolo valicati per la conduzioni delle corrette operazioni sul campo
(verifica prima e periodica) e per la gestione delle elaborazioni, fino alla
dichiarazione dell’esito finale dell’operazione, eventualmente il tutto anche
direttamente sul posto mediante l’uso di PC Palmari.

Figura 3.8. –Menu “Modelli, Norme e Raccomandazioni”

In conclusione, la struttura modulare del portale e-verification può rappresentare


un utile strumento per l’armonizzazione delle interazioni dei principali processi di
metrologia legale, nell’interesse dei diversi Utenti ed Operatori Metrici (Autorità
Locali e Nazionale, Fabbricanti ed Utenti Metrici, Manutentori, Consumatori
Laboratori riconosciuti), ciascuno secondo le proprie aree di intervento e nel
rispetto dei propri ruoli istituzionali.
Con il portale e-verification, o con analoghi strumenti informatici, potrà essere
possibile:
a) fornire un data base completo delle informazioni e documenti, con
modalità di accesso rapide, sicure ed efficaci

51
3. Le tecnologie ICT per la Metrologia Legale

b) garantire la compatibilità e l’integrazione con gli analoghi sistemi


informatici di gestione in uso (es. EUREKA per la rete delle Camere di
Commercio)
c) collegare in tempo reale Uffici e persone lontane fisicamente per la
condivisione delle informazioni
d) seguire l’intero ciclo di vita di ciascuno strumento metrico-legale,
consentendo un semplice ed efficace aggiornamento delle informazioni e
della documentazione ad esso relativa
e) fornire agli Ispettori metrici strumenti utili per la elaborazioni dei dati
delle verifiche prime e periodiche, quali fogli di calcolo validati
f) consentire in tempo reale efficaci statistiche sulla decadenza delle
caratteristiche metrologiche di ciascun modello (ad esempio dall’analisi
degli ordini di aggiustaggio)
g) fornire un data base per l’analisi dei comportamenti anomali sul campo da
parte di particolari modelli di strumento, allo scopo di garantire l’utente
metrico, tutelare la fede del consumatore e di consentire al fabbricante
attraverso l’analisi dei guasti di adottare le conseguenti azioni correttive
per il miglioramento del progetto e della costruzione
h) consentire un rapido confronto dei dati metrologici direttamente sul
campo, specialmente per gli strumenti a carattere innovativo e ad alto
contenuto tecnologico.

52
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

Capitolo 4
L’allegato MI-002: Contatori del Gas

I modelli di contatori per gas combustibile, attualmente disponibili ed in uso, sono


sostanzialmente riconducibili a tre principali famiglie:
- a membrane o pareti deformabili;
- a pistoni rotanti o rotoidi;
- a turbina.
Essi possono anche essere suddivisi in funzione della loro destinazione d’uso: il
contatore a membrane o pareti deformabili è destinato alla misurazione di portate
piccole e medie, con andamento variabile, mentre l’utilizzo degli altri due principi è
rivolto a misure di portate medie e grandi, caratterizzate da andamenti più costanti
nel tempo. Questi ultimi normalmente sono indicati per utilizzi industriali o impianti
di riscaldamento centralizzati dove i bruciatori hanno consumi abbastanza costanti.
I contatori a membrana e i contatori a rotoidi sono misuratori di tipo volumetrico, in
quanto effettuano la misura isolando fisicamente un volume costante e noto di gas ad
ogni rotazione (volume ciclico), mentre, il contatore a turbina è un contatore di tipo
non volumetrico.
Il campo di portata di un contatore di gas rappresenta l’intervallo entro il quale lo
stesso deve poter funzionare, in regime continuo, nel completo rispetto delle
prescrizioni metrologiche vigenti e senza che intervengano modifiche qualitative
della misura tali da superare i limiti stabiliti.
Tale campo di portata viene delimitato, in basso, dalla portata minima Qmin ed, in
alto, dalla portata massima Qmax. La portata nominale Qnom indica,
approssimativamente, la metà del campo di portata della classe in esame, fornendo la
portata ideale di utilizzo del contatore (vedi Figura 4.1).

53
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

Figura 4.1 – Portate minima, nominale e massima di un contatore del gas

La classe del contatore, secondo la norma CEE 71/318 [20] – abrogata dalla MID,
art. 22 - veniva indicata con la lettera G, seguita da un numero indicante la portata
nominale Qnom del contatore, espressa in m3/h. Questa classificazione, effettuata in
base ai valori della portata massima, di quella minima e del volume ciclico, è
riportata nella tabella 4.1:

Volume
Qnom Qmax Qmin Fondo Scala Risoluzione
Classe Ciclico
[m3/h] [m3/h] [m3/h] m3 dm3
[dm3]
G 1,6 1,6 2,5 0,016 0,7
G 2,5 2,5 4 0,025 1,2
99˙999,999 1
G4 4 6 0,04 2
G6 6 10 0,06 3,5
G 10 10 16 0,1 6
G 16 16 25 0,16 10
G 25 25 40 0,25 18 999˙999,99 10
G 40 40 65 0,4 30
G 65 65 100 0,65 55
G 100 100 160 1 100
G 160 160 250 1,6 200
G 250 250 400 2,5 400 9˙999˙999,9 100
G 400 400 650 4 900
G 650 650 1000 6,5 2000

Tabella 4.1 - Classificazione dei contatori di gas secondo la CEE 71/318

La classificazione della MID introduce una sostanziale semplificazione con


l’individuazione di due sole classi, come riportato in tabella 4.2:

54
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

Classe Qmax/ Qmin Qmax/ Qt Qr/Qmax


1,5 ≥ 150 ≥ 10 ≥ 1,2
1 ≥ 20 ≥5 ≥ 1,2

Tabella 4.2: Classificazione dei contatori di gas secondo la MID

Nella MID si adottano le seguenti definizioni:


- Portata minima – Qmin - è il minimo valore per cui il contatore del gas
fornisce indicazioni che soddisfano i requisiti in materia di errore massimo
permesso.
- Portata massima – Qmax – è il massimo valore per cui in cui il contatore del
gas fornisce indicazioni che soddisfano i requisiti in materia di errore
massimo permesso.
- Portata di transizione – Qt - è il valore della portata che si situa tra la portata
massima e la portata minima, e in cui il campo di portata è diviso in due
zone, la "zona superiore" e la "zona inferiore". A ciascuna zona corrisponde
un errore massimo permesso caratteristico.
- Portata di sovraccarico – Qr - è la portata più elevata in presenza della quale
il contatore può funzionare per un breve periodo di tempo senza deteriorarsi
Nella successiva figura 4.3. si riporta l’immagine e la scheda tecnica di un tipico
contatore gas utilizzato per la contabilizzazione dei consumi domestici, prodotto
dalla società Actaris nello stabilimento di Napoli (la classificazione si riferisce alla
norma CEE 71/318 [20] abrogata dalla MID).

55
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

Figura 4.3 - Contatore Gas a Membrana e relative caratteristiche tecniche , Actaris, Gallus 2000

56
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

Il contatore Gallus 2000 di Actaris è del tipo volumetrico a membrana con un'unità
di misurazione autonoma a due camere. Ognuna delle due camere è fornita di una
membrana flessibile e a tenuta di gas, che viene messa in movimento dal
differenziale tra la pressione di ingresso e di uscita. Il gas entra da una parte delle
camere di misura, ed esce dall'altra parte trasferendo un volume, definito "volume
ciclico" (pari a 1,2 dm3). Quando una parte è piena, il cassetto rotante si muove verso
la posizione successiva, permettendo al gas di riempire la parte vuota. Un
meccanismo di trasmissione e un accoppiamento meccanico trasferiscono il moto
alternativo al totalizzatore meccanico aggiornabile.

I Requisiti MID per i Contatori del Gas

Il fabbricante deve specificare l'intervallo di temperatura del gas, con un intervallo


minimo di 40 °C. Lo strumento deve essere progettato per la gamma di gas e per
l’intervallo di pressioni di erogazione in uso nel paese di destinazione.
Il fabbricante deve considerare un intervallo termico minimo di 50 °C per quanto
concerne l’ambiente climatico e, inoltre, deve specificare:
- la famiglia o gruppo cui appartiene il gas;
- la pressione massima di funzionamento;
- il valore nominale della tensione di alimentazione in corrente alternata e/o i
limiti dell’alimentazione in corrente continua, ove applicabile.
Nella Tabella 4.3. si riportano gli errori massimi tollerati per i contatori del gas,
come definiti dalla Direttiva MID (allegato MI-002):

Classe 1,5 1,0


Qmin <Q < Qt 3% 2%
Qt < Q <Qmax 1,5 % 1%

Tabella 4.3. – Errori massimi tollerati per contatori del gas MID

57
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

Quando gli errori tra Qt e Qmax hanno tutti lo stesso segno, essi non debbono superare
l’1 % per la classe 1,5 e lo 0,5 % per la classe 1.0

3
2
1 0.1 Qmax
Qmax
0
Errore 0 1000 2000 3000 4000 5000 6000
(%) -1
-2
Qmin
-3
Portata (dm3/h)

Pressure loss at Qmax < 200 Pa (2 mbar)

Figura 4.4 – Tipica Curva di Errore per un Contatore Gas (rif. Norma EN 1359:1998)

In presenza di Disturbi Elettromagnetici:


- la variazione della misurazione non deve superare il valore di variazione
critico, pari al più piccolo tra i) la quantità corrispondente alla metà della
grandezza dell’errore massimo permesso nella zona superiore del volume
misurato e ii) la quantità corrispondente all’errore massimo permesso sulla
quantità corrispondente ad un minuto alla portata massima
- l’indicazione del risultato della misurazione sia tale da non poter essere
interpretato come risultato valido, quale una variazione momentanea che non
può essere interpretata, memorizzata o trasmessa come un risultato della
misurazione
Dopo aver subito un’interferenza elettromagnetica, il contatore del gas deve:
- riprendere il funzionamento entro l’errore massimo permesso,
- conservare l’integrità di tutte le funzioni di misurazione,
- recuperare i dati di misurazione presenti immediatamente prima del disturbo.

58
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

L’effetto di disturbi a monte e a valle del misuratore, nel quadro delle condizioni di
installazione specificate dal Fabbricante, non dovrà superare un terzo dell’errore
massimo permesso.
Per quanto riguarda invece la durabilità, la variazione del risultato della misurazione
dopo la prova rispetto al risultato della misurazione iniziale per le portate nei campi
di funzionamento da Qt a Qmax non deve superare per i contatori di classe 1,5 di più
del 2% il risultato della misurazione (1/3 di EMT per la classe 1,0). L'errore di
indicazione dopo la prova di durabilità non deve superare per la classe 1,5 il doppio
dell'errore massimo tollerabile (un EMT per la classe 1,0).
Nella tabella che segue si riporta la nuova scheda tecnica del contatore del gas Gallus
2000 di Actaris, come modificata nell’ambito del processo di ottenimento della
conformità alla Direttiva MID.

Classe 1,5
Portata massima Qmax [m3/h] 6 4 2,5
Portata di transizione Qt [m3/h] 0,6 0,4 0,25
Portata minima Qmin [m3/h] 0,040 0,025 0,016
Portata di sovraccarico Qr [m3/h] 7,2 4,8 3,0
- 0,5 bar per contatori in lamiera
Pressione nom. di funzionamento
- 1,5 bar per contatori in alluminio
Volume ciclico [dm3] 1,2
Entità dell'impulso [dm3] 10
Minima lettura apprezzabile [dm3] 1
3
Minima divisione [dm ] 0,2
Temperatura ambiente e del gas [°C] da - 25°C a + 55
Temperatura di stoccaggio [°C] da - 40°C a + 70°C
Classificazione elettromagnetica E2
Classificazione meccanica M1
Classificazione ambientale “H3”

Tabella 4.4. – Classificazione MID per il contatore Gallus 2000 di Actaris

59
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

La Verifica dei Contatori del Gas

Un impianto per la taratura e verifica di contatori del gas di varia taglia, industriali e
domestici, è normalmente costituito da i) una campana gasometrica, ii) una prima
rampa per la verifica contemporanea di contatori domestici, iii) una seconda rampa
per la verifica di contatori industriali (G10 – G25) e iv) una clèssidra campione.
La riferibilità metrologica è garantita attraverso lo schema seguente:

INRIM
Centro SIT

Clèssidra Campione
Temperatura Pressione Umidità
di Prima Linea

Campana
Gasometrica

Rampa Taratura Rampa Taratura


Contatori Domestici Contatori Industriali

Contatori Contatori
Domestici Industriali

Figura 4.5. - Catena di riferibilità per un contatore del gas

Nell’ambito del presente lavoro di tesi è stata definita una procedura completa di
caratterizzazione di un impianto per la taratura e verifica dei contatori del gas,

60
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

successivamente sperimentata nell’ambito di una Convenzione di Ricerca con la


Società Sacofgas 1927 Spa di Città di Castello (PG), avente per obiettivo, tra gli altri,
l’aggiornamento dell’impianto in dotazione al LAMI, Laboratorio di Misure
Industriali dell’Università di Cassino, sezione volumi e portate, installato nel 2000 e
costruito da Sacofgas.

Caratterizzazione Sperimentale di un Impianto per la Verifica dei


Contatori del Gas Domestici ed Industriali

L’impianto per la verifica e caratterizzazione metrologica dei contatori del gas, come
detto, è costituito da tre elementi fondamentali:
1. una clèssidra campione di riferimento ad acqua (campione primario),
2. un sistema a campana gasometrica (campione secondario) della capacità
nominale di 550 L, del tipo Kromshroder [21, 22], per la realizzazione dei
volumi di riferimento
3. un banco di collaudo con sette postazioni, di cui sei in serie per contatori
domestici ed una per contatori industriali completa di un sistema di
automazione e comando, acquisizione, elaborazione e gestione dell’intero
impianto (valvole, modulanti, sensori, PC e PLC) e delle operazioni di
verifica
Nella successiva Figura 4.6. si riporta uno schema complessivo dell’impianto. Come
si può notare una valvola elettropneumatica a tre vie posta tra CG e banco di
collaudo indirizza il flusso d’aria di prova in due linee: i) contatori industriali
(interasse 280 mm), ii) contatori domestici (interasse 110 o 250 mm).
:

61
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

Figura 4.6. - Rappresentazione schematica dell’impianto di taratura e verifica contatori gas

I contatori verificabili sono di tipo volumetrico con totalizzatore generalmente


meccanico a tamburelle, (otto cifre con separazione tramite una virgola fra interi e tre
cifre decimali [3]). L’ambiente di lavoro [23] in cui il banco opera deve essere dotato
di un impianto di condizionamento opportunamente dimensionato per garantire uno
scarto massimo di temperatura durante la prova pari a ±2 °C in un campo di
temperature compreso tra 20 e 24 °C. L’umidità relativa ambiente deve invece essere
compresa nell’intervallo 50÷60 %UR.
Nel seguito viene riportata una descrizione dei 3 elementi costitutivi dell’impianto.
1. Clèssidra Campione (CC) - La CC realizzata utilizzata è in acciaio inossidabile
con capacità nominale di 50 L. La riferibilità metrologica viene garantita mediante
taratura presso l’Istituto Primario di Metrologia INRIM di Torino, reparto Volumi.
La parte mediana della CC ha forma cilindrica, delimitata inferiormente e
superiormente da due tronchi di cono inclinati di circa 60° rispetto alla verticale; tale
geometria facilita il drenaggio del liquido e ne riduce la possibilità d’ingresso di aria,
che perturberebbe l’effettivo valore del volume. La CC è dotata di:

62
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

- sistema di calibrazione, costituito da due tamponi per la regolazione fine e


grossolana, (da bollare in fase di taratura e verifica prima della CC);
- indicatori di livello a bolla per un preciso livellamento dello strumento,
- valvole di comando per la realizzazione delle fasi di carico e scarico
dell’acqua (concorrono alla realizzazione del volume “certificato”);
- termometro per la misura della temperatura dell’acqua nella CC (tCC);
- vetro trasparente, in corrispondenza del collo della sezione di misura, per la
determinazione del livello di colonna d’acqua residua nella CC.
Nella successiva Figura 4.7. si riporta una rappresentazione schematica della CC.

Figura 4.7. - Rappresentazione schematica e foto della clèssidra campione (CC)

La CC opera dunque per riempimenti successivi (bottling) di acqua distillata


(tacqua=tCC), preventivamente condizionata per un tempo minimo di 24 ore alla
temperatura ambiente del laboratorio, determinando per confronto e in maniera
discreta (secondo multipli interi del volume certificato della CC) il volume effettivo
erogato dalla campana gasometrica..

63
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

2. Campana Gasometrica (CG) - La CG è il campione di volume di seconda linea


dell’impianto ed è di tipo Kromshroder [21, 22]. Strumenti analoghi sono utilizzati
da oltre un secolo per la verifica e la taratura di contatori del gas, grazie
essenzialmente alla semplice concezione, alla non particolare complessità costruttiva
e d’uso, alla tenuta perfetta ed alla capacità di erogare un flusso di gas a pressione
pressoché costante. Nell’impianto oggetto della sperimentazione, il volume nominale
della CG è pari a 550 L, e pertanto sono stati necessari 11 cicli successivi per la
caratterizzazione nell’intero campo di misura.

Figura 4.8. - Rappresentazione schematica e foto del Gasometro a Campana

La CG è mantenuta in sospensione attraverso un sistema di pulegge e, sotto il proprio


peso, s’immerge in un contenitore (tino) pieno d’olio a bassa viscosità [23, 24],
scorrendo lungo due barre verticali per mezzo di manicotti a ricircolo di sfere, che
garantiscono minimo attrito ed un perfetto allineamento (< 0,1 mm tra il punto morto
superiore e quello inferiore).

64
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

La parte centrale del sistema è occupata dal duomo, da cui emerge un tubo attraverso
il quale effluisce l’aria contenuta sotto la CG, successivamente spinta verso il banco
di collaudo durante la sua discesa in virtù della sovrapressione rispetto all’ambiente.
La CG è parzialmente contrappesata da una serie di masse variando le quali è
possibile ottenere il valore di sovrapressione interna nominale di progetto (circa 10
mbar). A tal fine è possibile agire anche su masse aggiuntive, applicabili sul fondello
superiore della CG. La tenuta rispetto all’esterno è garantita dal bagno d’olio.
La CG è corredata da diversi strumenti di misura:
- riga ottica assoluta, corsa utile circa 1,280 m, risoluzione 1 µm, per le
variazioni di quota della CG durante le traslazioni verticali,
- asta d’ottone a valore Metrico Legale, da punzonare a cura dell’Ufficio
Metrico locale in corrispondenza delle quote coincidenti ai 50 L nominali
determinati per mezzo del confronto con i volumi d’acqua spillati dalla CC
(tra due punzonature l’asta è graduata; la serigrafia tra esse presente è
ottenuta per interpolazione geometrica);
- termometro (normalmente a resistenza), risoluzione 0.1 °C per la rilevazione
della temperatura dell’aria nella CG (taria,CG);
- termometro digitale (anche a liquido), risoluzione 0,1 °C per la rilevazione
della temperatura dell’olio nella CG (tolio=tCG);
- trasduttore di pressione relativa, risoluzione 0,01 mbar, per la rilevazione
della pressione relativa dell’aria all’interno della CG (Paria,CG);
- trasduttore di pressione assoluta, risoluzione 0,1 mbar, per la rilevazione della
pressione assoluta dell’aria all’interno della CG (Paria,CG).
3. Banco di Collaudo per Contatori Domestici ed Industriali - L’impianto
caratterizzato prevede una valvola elettropneumatica a tre vie posta tra CG e banco,
in grado d’indirizzare il flusso d’aria di prova nei due rami distinti del sistema: i)
contatori industriali (1 postazione, interasse 280 mm) e ii) contatori domestici (6
postazioni, interassi 110 o 250 mm) [25, 26, 27, 28].
Una rappresentazione schematica del banco di collaudo è riportata in Figura 4.9:

65
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

Figura 4.9. - Schema e foto banco di collaudo, con rampa contatori domestici e industriali

Il banco è corredato dalla seguente strumentazione di misura:


− n.2 sensori di temperatura, risoluzione 0.1 °C, disposti a monte dei rami
dell’impianto che alimentano le sezioni di prova dei contatori domestici ed
industriali
− n. 2 misuratori di pressione relativa (manometro ad “U”), campo di misura -
150÷150 mmH2O, risoluzione 1 mmH2O disposti a valle di ognuno di dei due
rami, per misurare la caduta di pressione complessiva indotta dalla serie di sei
contatori domestici e del contatore industriale;
− n.2 trasduttori di pressione differenziale per ciascuna postazione, di cui uno
analogico a colonna inclinata di liquido, risoluzione 1 mmH2O, valido per il
controllo metrico-legale ed uno digitale, risoluzione 0,1 mbar, necessario per
il sistema di acquisizione automatica delle letture
Il banco è governato da un PLC e da un PC in cui sono installati un supervisore per il
PLC per la gestione e controllo dell’intero impianto. Nell’immagine che segue si
riporta il quadro sinottico attraverso il quale è possibile governare l’impianto ed
ottenere i dati di misura in tempo reale.

66
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

Figura 4.10 - Quadro Sinottico dell’impianto

Nella Tabella 4.5 che segue si riporta la simbologia utilizzata durante la raccolta dati
e l’elaborazione dei risultati della caratterizzazione sperimentale dell’impianto.

Descrizione Simbolo um.

Aumento della pressione parziale del vapore ∆Pvap. Pa


Baricentro volume di prova all'interno CG dal pavimento hmedio,CG m
Baricentro volume di prova all'interno CC dal pavimento hmedio,CC m
Differenza del fattore di compressibilità tra CG e CC ∆Z adim.
Differenza di Pressione dell'aria tra fine ed inizio in CG ∆P'' Pa
Differenza di Pressione dell'aria tra inizio e fine in CC ∆PCC Pa
Differenza di Pressione dell'aria tra la CC e la CG ∆P' Pa
Differenza di Temperatura della CG dai 20°C ∆tCG K
Differenza di Temperatura della CC dai 20°C ∆tCC K
Differenza di Temperatura della scala dai 20°C ∆tSC K
Differenza di Temperatura dell'aria tra la CG e la CC ∆t K
Errore complessivo commesso dal gasometro ECG dm3
Errore differenza di quota aria nella CC e il pavimento E∆q'' dm3
Errore differenza di quota dell'aria nella CG e il pavimento E∆q' dm3
Errore variazione di pressione dell'aria tra la CG e la CC E∆P' dm3
Errore variazione di pressione in CG iniziale e finale E∆P'' dm3
Errore variazione di pressione in CC iniziale e finale ESif. dm3
Errore variazione di temperatura dell'aria tra la CG e la CC E∆ t dm3
Errore variazione di temperatura pareti della CG dai 20°C Et,CG dm3

67
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

Descrizione Simbolo um.

Errore variazione di temperatura pareti della CC dai 20°C Et,CC dm3


Errore variazione fattore compressibilità Z tra la CG e la CC E∆ Z dm3
Errore variazione umidità relativa dell'aria tra la CG e la CC E∆Ur dm3
Fattore di compressibilità in CG ZCG adim.
Fattore di compressibilità in CC ZCC adim.
Incertezza k=2 UCG dm3
Pressione Atmosferica Pamb Pa
Posizione assoluta finale della CG HCG,f dm
Posizione assoluta iniziale della CG HCG,i dm
Pressione di saturazione del vapore in CG Psat.vap.CG Pa
Pressione di saturazione del vapore in CC Psat.vap.CC Pa
Pressione finale dell'aria all'interno della CG Paria,CG.f Pa
Pressione finale dell'aria all'interno della CC Paria,CC,f= Patm Pa
Pressione iniziale dell'aria all'interno della CG Paria,CG,i Pa
Pressione iniziale dell'aria all'interno della CC Paria,CC,i= Patm Pa
Pressione media dell'aria all'interno della CG Paria,CG,m Pa
Pressione media dell'aria all'interno della CC Paria,CC,m Pa
Pressione parziale del vapore in CG Pvap.CG Pa
Pressione parziale del vapore in CC Pvap.CC Pa
Spostamento CG ∆h dm
Temperatura Ambiente tamb °C
Temperatura della scala tSC °C
Temperatura media dell'aria all'interno della CG taria,CG °C
Temperatura media dell'aria all'interno della CC taria,CC °C
Temperatura media delle pareti della CG tolio=tpareti,CG °C
Temperatura media delle pareti della CC tacqua=tCC °C
Umidità relativa dell'aria all'interno della CG URCG %
Umidità relativa dell'aria all'interno della CC URCC %
Volume complessivo iniziale nell'impianto VSIST,i dm3
Volume complessivo finale nell'impianto VSIST,f dm3
Volume CG corretto VCG,corr dm3
Volume nominale CG VCG dm3
Volume CC corretto VCC,corr dm3

Tabella 4.5. – Simbologia utilizzata

Per le misure oggetto della caratterizzazione sperimentale è stata utilizzata la


seguente strumentazione:

68
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

- n. 1 TRP a 3 fili, campo di misura -50÷400 °C, Classe B (EN 60751),


risoluzione 0.1 °C per la rilevazione della temperatura dell’aria all’interno
della campana gasometrica (taria,CG);
- n. 1 Termometro digitale, Classe B (EN 60751 [29]), risoluzione 0,1 °C per la
rilevazione della temperatura dell’olio nella campana gasometrica (tolio=tCG);
- n. 1 Trasduttore di pressione relativa, risoluzione 0,01 mbar, per la
rilevazione della pressione relativa dell’aria all’interno della campana
gasometrica (Paria,CG);
- n. 1 Trasduttore di pressione assoluta, risoluzione 0,1 mbar, per la rilevazione
della pressione relativa dell’aria all’interno della campana gasometrica
(Paria,CG).
- Lettore multicanale di temperatura, costruttore Keithley, modello 2700,
matricola 1113406, certificato di taratura n. 07TS/03/09 emesso in data
05/03/07da TERSID (SIT 169), completo di:
· termoresistenza Pt100 a 4 fili costruttore MINCO, matricola SOL-07, sul
canale 110, (verificato nel LAMI prima di ciascuna campagna di misure
con determinazione dell’errore a 20°C), per la rilevazione della
temperatura ambiente (tamb);
· termoresistenza Pt100 a 4 fili costruttore MINCO matricola SOL-09, sul
canale 109 (verificato nel LAMI prima di ciascuna campagna di misure
con determinazione dell’errore a 20°C) per la rilevazione della
temperatura dell’olio della campana gasometrica (tolio = tCG);
· termoresistenza Pt100 a 4 fili costruttore MINCO matricola SOL-12, sul
canale 108 (verificato nel LAMI prima di ciascuna campagna di misure
con determinazione dell’errore a 20°C) per la rilevazione della
temperatura dell’acqua nella clèssidra campione (tacqua = tCC);
- Barometro costruttore RUSKA, matricola 53738,certificato di taratura n.
271/04 emesso da IMGC/INRIM in data 13/05/2004 per la rilevazione della
pressione atmosferica all’interno del laboratorio (Patm );

69
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

- Igrometro costruttore Delta Ohm matricola 02008275, certificato di taratura


n. 005/07 emesso da LAMI (SIT 105) in data 30/03/07 per la rilevazione
della umidità relativa dell’aria all’interno del laboratorio (UR);
- Igrometro, costruttore Protimiter, matricola 410199, certificato di taratura n.
009/07 emesso da LAMI in data 05/02/07 per la rilevazione della umidità
relativa dell’aria nella Clèssidra (URCC).
- Clessidra campione (CC), costruttore SACOFGAS, matricola C1 di volume
nominale pari a 50 L, proprietà SACOFGAS, con certificato di taratura n.
354/2002 emesso in data 18-06-2002 dall’ IMGC di Torino (oggi INRIM);
- Termometro a mercurio, risoluzione 0,1 °C per la rilevazione della
temperatura nella clèssidra campione di riferimento (tacqua = tCC).
La CG è costituita da un cilindro cavo; l’aria racchiusa sotto il cilindro e sopra il
bagno d’olio, costituisce un volume noto di gas, certificato dalla taratura della CG.
Il volume d’aria spazzato dalla CG ed erogato verso il banco di prova viene indicato
tramite un regolo solidale con la CG.
I tratti del regolo che fanno fede, ai fini dell’utilizzazione della CG in applicazioni di
Metrologia Legale, sono quelli corrispondenti ai volumi del campione primario di
riferimento (clèssidra, CC). Lo spostamento del regolo viene rilevato, oltre che
tramite un indice solidale con il contenitore esterno della CG, anche attraverso un
encoder assoluto solidale con la CG.
La procedura di caratterizzazione metrologica adottata per la sperimentazione si basa
sulla metodologia descritta nella norma UNI CIG 7988 (paragrafo 2.5) [26], in
riferimento al caso di CG utilizzante olio come guardia idraulica e CC ad acqua. La
verifica metrologica della CG consiste, quindi, nell’accertarsi che due tratti
consecutivi del regolo traguardati corrispondano al volume del campione primario
utilizzato CC.
L’errore massimo permesso per la CC è pari allo 0,2% [30]; tuttavia, in
considerazione del fatto che la Direttiva MID prevede un errore massimo permesso
(EMT) per i contatori in prova pari almeno a 1,5% della quantità erogata e che in
sede di approvazione di modello e verifica metrico legale, i campioni di riferimento
devono avere una incertezza massima pari a 1/5 dell’errore massimo permesso per lo

70
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

strumento in prova, si può adottare, al fine di stabilire il criterio di valutazione della


conformità della CG, la seguente relazione:
E +U
× 100 ≤ 0,3
Q
avendo indicato con:
- E, l’errore sistematico medio rispetto al valore nominale del volume
rilevato,
- U, l’incertezza estesa al livello di fiducia del 95%,
- Q, quantità in volume di gas erogato.
Per la verifica della CG è necessario assicurare una temperatura costante ed uniforme
nell’ambiente di lavoro; tale condizione può ritenersi soddisfatta se non è maggiore
di 0,5°C lo scarto mutuo fra:
- la temperatura interna alla CC (tcc)
- la temperatura dell’olio nella CG (tolio)
- la temperatura dell’ambiente (tamb), misurata a 1,5 m di altezza al di sopra
del pavimento
Inoltre, tra le tre temperature, quella dell’acqua nella CC deve essere sempre la più
elevata. Nel seguito si riporta la sequenza delle operazioni eseguite per la
caratterizzazione della CG:
- riempimento della CC con acqua distillata (climatizzata per almeno 48 ore
continuative all’interno del laboratorio) fino al valore nominale di 50 L,
- rilevazione della temperatura interna alla CC ad inizio prova (tcc,in),
- rilevazione della temperatura dell’olio nel tino della CG (tolio,in) ad inizio
prova,
- rilevazione della temperatura ambiente (tamb,in) ad inizio prova,
- rilevazione pressione assoluta dell’aria nella CG ad inizio prova (Paria,cg,in),
- rilevazione dell’umidità relativa dell’aria all’interno della CG (URcg),
- lettura della quota iniziale della CG (hin,cg) dell’encoder;
- apertura/chiusura delle valvole della CC e della CG, in modo da consentire
l’efflusso dell’aria dalla CG alla CC; durante questa fase, in virtù della
sovrapressione all’interno della CC, l’aria proveniente dalla CG fa defluire

71
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

l’acqua della CC, finché non viene raggiunto l’equilibrio tra la


sovrapressione dell’aria nella campana (rispetto all’ambiente) e pressione
della colonna d’acqua residua, all’interno della sezione di misura della CC;
- riempimento della CC con acqua distillata per la verifica del tratto
successivo della CC.
Nella Figura 4.11 si riporta lo schema della CG con l’indicazione di alcuni aspetti
critici inseriti nella procedura di caratterizzazione.

Figura 4.11. – Aspetti critici per la verifica di un contatore del gas

Non appena l’acqua finisce di defluire dalla CC, si procede con le seguenti
misurazioni (Figura 4.12):
- rilevazione della temperatura interna alla CC a fine prova (tcc,fin),
- rilevazione della temperatura dell’olio nel tino della CG (tolio,fin) a fine
erogazione,
- rilevazione della temperatura ambiente (tamb,fin) a fine prova,

72
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

- rilevazione della pressione assoluta dell’aria all’interno della CG a fine


prova (Paria,cg,fin),
- rilevazione dell’umidità relativa dell’aria interna alla CG (URcg),
- rilevazione della quota finale della CG (hfin,cg);

Figura 4.12. – Misure Sperimentali per la Caratterizzazione della Campana Gasometrica

Elaborazione dei Dati Sperimentali

Per il calcolo delle correzioni è stato applicato il principio di sovrapposizione degli


effetti all’equazione di stato per l’aria umida. Un’ulteriore ipotesi effettuata è che
sono nulle le fughe nel circuito durante l’attraversamento; con tale ipotesi è stato
possibile, nel calcolo di alcuni termini correttivi, uguagliare perfettamente la massa
d’aria trasferita dalla CC alla CG.
Si considerano i seguenti contributi:
- E∆t variazione temperatura aria tra CG e CC;
- E∆P’ variazione pressione aria tra CG e CC;

73
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

- E∆q’ differenza di quota tra pavimento e baricentro aria in CG;


- Et,CG variazione temperatura CG da 20°C;
- E∆Z variazione fattore di compressibilità Z tra CG e CC.
- EV,olio variazione del livello dell’olio nella CG
- E∆φ variazione umidità relativa aria tra CG e CC;
- Et,CC variazione temperatura CC da 20°C;
- Esif variazione del livello del sifone nella CC
- E∆q’’ differenza di quota tra pavimento e baricentro aria in CC

Stima delle Correzioni relative alla Campana Gasometrica (CG)

Variazione della temperatura dell’aria tra CG e CC(E∆t)


Nel passaggio dalla CG alla CC si determina una variazione della temperatura
termodinamica dell’aria, a causa sia del gradiente di temperatura tra le pareti della
CG e della CC, sia per il flusso in modo calore dovuto all’evaporazione dell’acqua
nella CC. Indicando con VCG il valore del volume nominale erogato dalla CG (VCG =
∆h⋅SCG,int) e con VCG,∆T il volume corretto della CG, l’errore E∆t della CG (variazione
volumetrica subita dall’aria nel trasferimento) è indicato come E∆t = VCG − VCG ,∆t ; in

questa formula, applicando l’equazione di stato dei gas reali VCG ,∆t ⋅ tCG = VCG ⋅ tCC e

indicando con ∆t=tCG-tCC, con tCC la temperatura termodinamica media dell’aria


nella CC e con tCG la temperatura media dell’aria nella CG, si può scrivere:
⎛ V ⎞ ⎛ t ⎞ ∆t ⋅ VCG
E∆t = VCG ⋅ ⎜1 − CC ⎟ = VCG ⋅ ⎜1 − CC ⎟ =
⎝ VCG ⎠ ⎝ tCG ⎠ tCG

Variazioni della pressione dell’aria tra CG e CC


L’aria nell’attraversamento del circuito che collega la CG con la CC subisce perdite
di carico concentrate e distribuite; inoltre, nell’esecuzione della prova si registrano
variazioni della pressione interna del sistema, tra istante iniziale e finale, a causa del
non perfetto funzionamento dell’organo di compensazione, attriti irregolari,
variazioni della sezione della campana lungo la sua altezza e per la variazione della

74
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

quantità d’olio presente sulle pareti della campana (lo sgocciolamento infatti
prosegue nello svolgimento delle prove). Questi due fattori causano due differenti
errori di cui il primo è calcolato con la relazione:
⎛ P ⎞ VCG ⋅ ∆P '
E∆P ' = VCG − VCG , ∆P ' = VCG ⋅ ⎜1 − CG ⎟=
⎝ PCC ⎠ PCC

dove E∆P’ è l’errore dovuto alle perdite di carico (anche questo termine rappresenta
una variazione volumetrica), VCG,∆P’ è il volume erogato della CG e ∆P’=PCC–PCG,
con PCG=pressione in uscita della CG e PCC=pressione in ingresso della CC.
Per calcolare il secondo contributo è necessario considerare:
- Vsist,f, Vsist,i: volume d’aria complessivamente presente all’interno
dell’impianto agli istanti finale ed iniziale della prova (volumi comprensivi di
quello morto): questi volumi variano a seconda della porzione di scala che si
sta caratterizzando;
- PCG,fin, PCG,in: pressione dell’aria interna CG a fine ed inizio prova;
- PCC,fin, PCC,in: pressione dell’aria interna CC a fine ed inizio prova.
Si determina quindi il volume nominale erogato dalla CG e quello corretto VCG,∆P’’
che raggiunge la CC, attraverso le seguenti elaborazioni:
VCG = VSIST ,i − VSIST , f
VSIST ,i ⋅ PCG ,i − VSIST , f ⋅ PCG , f
VCG , ∆P '' =
PCC , f
⎛ P ⎞ VSIST ,i ⋅ ∆P ''
E∆P '' = VCG − VCG ,∆P '' = VSIST ,i ⋅ ⎜1 − CG , I ⎟⎟ =
⎜ PCG , f PCG , f
⎝ ⎠
Infatti, nell’ipotesi di perdite di carico nulle (pressione costante in ogni punto del
sistema, P funzione del tempo ma non dello spazio), vale PCC,f = PCG,f, e quindi E∆P’’
è pari alla differenza di VCG e VCG, P’. Il termine ∆P’’=PCG,f -PCG,i. pressione interna
del gasometro PCG, è misurato da una sonda posizionata esternamente al gasometro
nel tubo di adduzione/scarico anziché al suo interno: questo non determina correzioni
errori, perché i valori sono rilevati ad inizio e fine prova, ossia in condizione statiche.

Differenza di quota tra pavimento e baricentro aria in CG

75
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

Indicando con VCG,q il volume erogato dalla CG attraverso una generica sezione al
livello del pavimento, Ppavim. la pressione dell’aria nella CG al livello del pavimento
( Ppavim. = PCG − d '⋅∆Pq ), d’ la distanza in metri tra pavimento e il baricentro del

volume erogato nella CG (variabile in funzione della porzione di scala in verifica) e


ponendo ∆Pq = 11 Pa/m variazione della pressione dell’aria in funzione della quota
(al livello del mare), questo contributo diviene:
⎛ P ⎞
E∆q ' = VCG − VCG ,q = VCG ⋅ ⎜ 1 − pavim. ⎟
⎝ PCG ⎠
⎛ P − d '⋅ ∆Pq ⎞ VCG ⋅ d '⋅ ∆Pq
E∆q ' = VCG ⋅ ⎜1 − CG ⎟=
⎝ PCG ⎠ PCG

Variazione temperatura CG da 20°C


Indicando con VCG l’indicazione della scala alla temperatura generica, con VCG,20
l’indicazione della scala a t=20°C, e con tSC la temperatura della scala (in prima
approssimazione tSC=tolio) si avrà VCG ,20 = VCG ⋅ (1 + α SC ⋅ ∆tSC ) avendo posto ∆TSC =

TSC - 20°C. Introducendo αCG , coefficiente di dilatazione termica lineare della CG,
∆tCG=tCG -20°C, la correzione per gli effetti della dilatazione termica della CG è:
Et ,CG = VCG ,20 − VCG ( tCG )

VCG ( tCG ) = VCG ,20 ⋅ (1 + α CG ⋅ ∆tCG )


3

( 3
) (
Et ,CG = VCG ,20 ⋅ 1 − (1 + α CG ⋅ ∆tCG ) = VCG ⋅ (1 + α SC ⋅ ∆tSC ) ⋅ 1 − (1 + α CG ⋅ ∆tCG )
3
)
Variazione del fattore di compressibilità Z tra CG e CC
Dati i differenti stati termodinamici dell’aria nella CG e nella CC, esiste una diversità
anche nei fattori di compressibilità, l’errore E∆Z può essere calcolato nel modo
seguente:
Z CC
VCG ,∆Z = VCG ⋅
Z CG
⎛ V ⎞ ⎛ Z CC ⎞ ∆Z ⋅ VCG
E∆Z = VCG − VCG ,∆Z = VCG ⋅ ⎜1 − CG ,∆Z ⎟ = VCG ⋅ ⎜ 1 − ⎟=
⎝ VCG ⎠ ⎝ Z CG ⎠ Z CG

76
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

Avendo indicato con VCG,∆Z il valore del volume corretto che effettivamente
raggiunge la CC, con ∆Z = ZCG – ZCC , e con ZCG e ZCC fattori di compressibilità
dell’aria nella CG e nella CC.

Variazione del livello dell’olio nella CG


L’innalzamento del livello dell’olio causa una riduzione del volume interno della CG
e la erogazione di un volume maggiore di quello indicato dai dispositivi di lettura.
Il conseguente errore EV,olio è ricavabile come frazione del volume d’olio che
complessivamente si innalza internamente alla CG dopo la sua completa immersione;
da stime di progetto, Volio,int.,=0.54 dm3, pertanto, considerando una erogazione di 50
L (1/12 della corsa totale):
EV ,olio = −0, 045 dm3

Bisogna osservare però, che nel calcolo dell’innalzamento del livello dell’olio è stato
considerato il solo effetto del volume della CG che si immerge, trascurando eventuali
ulteriori contributi dovuti a supporti di trasduttori, scale graduate, o altri dispositivi
che si immergono.

Stima del volume corretto erogato dalla campana gasometrica (VCG,corr)


Alla luce di quanto sopra riportato il volume nominale effettivamente erogato dalla
campana gasometrica (CC) è dato dalla relazione seguente:
VCG,corr =VCG -E Dt -E DP' - E DP'' -E Dq' -E t,CG -E ∆Z
V = ∆h ⋅ SCG ,int

con ∆h spostamento della CG rilevato dall’encoder (o dall’asta graduata) e Scg,int


superficie interna della sezione retta della CG.

77
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

Stima delle Correzioni relative alla Clèssidra Campione (CC)

Variazione umidità relativa aria tra CG e CC


Nel passaggio da CG a CC si determina una variazione del numero di moli di aria
dovuto all’innalzamento di UR(φ) conseguente al contatto durante lo svuotamento tra
l’aria nella CG e l’acqua distillata nella CC. Pertanto, nella CC aumenta la frazione
volumetrica occupata dal vapore acqueo e ciò si traduce in una corrispondente
diminuzione della capacità interna della CC, ovvero del volume effettivamente
occupabile dall’aria in uscita dalla CG.
Indicando ancora una volta con VCC il volume nominale della CC e con VCC,∆φ quello
invece effettivamente disponibile cioè quello corretto per l’effetto dell’aumento della
frazione volumetrica del vapore, l’errore sul valore misurato dalla CC può essere
indicato come E∆φ = VCC − VCL ,∆φ ; nella differenza a destra dell’equazione il secondo

termine scritto sarà sempre minore del primo e, inoltre, il loro rapporto può essere
considerato pari a quello tra le pressioni totali dell’aria in CG e CC (il processo di
umidificazione che avviene in CC causa un aumento della pressione parziale del
vapore e di quella totale, essendo quella parziale dell’aria costante). Indicando con
Paria la pressione parziale dell’aria, con Pv,cg e Pv,cl i valori della pressione parziale del
vapore nella CG e nella CC, si può porre:
Paria + Pv ,CG
VCC ,∆φ = VCC ⋅
Paria + Pv ,CC
⎛ P +P ⎞ ∆Pv ⋅VCC
E∆φ = VCC ⋅ ⎜1 − aria v ,CG ⎟⎟ =
⎜ P +P PCC
⎝ aria v ,CC ⎠
Con ∆Pv, differenza tra le pressioni parziali del vapore valutate all’uscita della CC e
all’interno della CG e PCC pressione totale nella CC (misurata all’ingresso).
I Valori nell’equazione precedente si ricavano attraverso le misure di temperatura ed
umidità relativa in CG e in CC:
⎛ 2 D ⎞ ⎛ 2 D ⎞
⎜ A⋅tCC + B ⋅tCC + C + ⎟ ⎜ A⋅tCG + B ⋅tCG + C + ⎟
∆Pv = Pv ,CC − Pv ,CG ≅ φCC ⋅ Psv (tCC ) − φCG ⋅ Psv (tCG ) = φCC ⋅ e − φCG ⋅ e
⎝ tCC ⎠ ⎝ tCG ⎠

78
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

in cui, φCG e φCC sono l’umidità relativa all’interno della CG e all’uscita della CC,
Psv(tCG) e Psv(tCC) sono le pressioni di saturazione del vapore alla temperatura
dell’aria nei medesimi punti, e A, B, C e D sono dei coefficienti per la
determinazione della massa volumica dell’aria umida [31, 32].

Variazione temperatura CC da 20°C


Indicando con VCC il volume effettivo della CC a 20°C (si ricava dal certificato di
taratura), con VCC(tCC) il volume reale della CC alla temperatura tCC., con αCC il
coefficiente di dilatazione lineare della CC (dal certificato di taratura) e ∆tCC=tCC-
20°C, l’errore Et,CC è determinato nel modo seguente:
Et ,CC = VCC − VCC ( tCC )

VCC ( tCC ) = VCC ⋅ (1 + α CC ⋅ ∆tCC )


3

(
Et ,CC = VCC − VCC ( tCC ) = VCC ⋅ 1 − (1 + α CC ⋅ ∆tCC )
3
)
Variazione del livello del sifone nella CC
Indicando con Ssif l’area della sezione interna del tratto trasparente del sifone, ρ la
densità dell’acqua, g l’accelerazione di gravità e ∆PCC=PCC,f–PCC,i, questo contributo
è stimato mediante l’equazione:
S sif ⋅ ( PCC ,i − PCC , f ) S sif ⋅ ∆PCC
Esif = =
ρ⋅g ρ⋅g

Differenza di quota tra pavimento e baricentro aria nella CC


Indicando con VCC,q il valore del volume della CC riferito alla quota del pavimento,
Ppavim. la pressione dell’aria calcolata ad un livello pari a quello del pavimento, d’’ la
distanza in metri tra il centro della sezione del condotto d’adduzione posto al livello
più basso (del pavimento) e il baricentro della CC, si può scrivere:

79
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

Ppavim. = PCC − d ''⋅ ∆Pq


⎛ Ppavim. ⎞
E∆q '' = VCC − VCC , q = VCC ⋅ ⎜1 − ⎟
⎝ PCC ⎠
⎛ P − d ''⋅ ∆Pq ⎞ VCC ⋅ d ''⋅ ∆Pq
E∆q '' = VCC ⋅ ⎜1 − CC ⎟=
⎝ PCC ⎠ PCC

Stima del Volume Corretto nella Clèssidra Campione (VCC,corr.)


Alla luce di quanto sopra riportato il volume nominale effettivamente erogato dalla
clèssidra campione (CC) è dato dalla relazione seguente:
VCC,corr =VCC - E∆φ - E∆q’ - ETcl - Esif

Stima dell’errore complessivo della Campana Gasometrica (ECG)

L’errore complessivo della CG può quindi essere determinato mediante la formula:


ECG = Xm - Xrv = VCG,corr. - VCC,corr.
Esplicitando tutti i contributi come sopra esposto l’equazione precedente diventa:
∆T ⋅ VCG ∆P '⋅ VCG VSIST , I ⋅ ∆P '' ∆Pq ⋅ d '⋅ VCG ∆Z ⋅ VCG
ECG = ∆h ⋅ Scg ,int − − − − − +
TCG PCC PCG , F PCG Z CG
−α CG
3
( ) (
⋅ VCG ⋅ (1 + α SC ⋅ ∆TSC ) ⋅ 1 − (1 + α CG ⋅ ∆TCG ) − VCC + VCC 1 − (1 + α CC ⋅ ∆TCC ) +
2 3
)
S sif ⋅ ∆PCC ∆Pv ⋅ VCC VCL ⋅ d ''⋅ ∆Pq
+ + +
ρ⋅ g PCC PCC

Stima del Volume Morto della Campana Gasometrica

Il volume morto, VM, rappresenta il volume complessivamente racchiuso all’interno


del circuito di prova che collega la CG alla CC. Esso può essere stimato a partire dal
progetto della CG, o, in alternativa, mediante la procedura di seguito descritta:
- posizionamento sulla CG di una (piccola) massa aggiuntiva di valore tale da
non causare traboccamento dell’olio ma allo stesso tempo sufficiente a
determinare una variazione di volume sensibile;

80
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

- spillamento dell’aria dalla CG fino alla posizione tutta immersa


' '
- misura di Pdown ,CG e Vdown ,CG

'' ''
- rimozione della massa aggiuntiva dalla CG e misura di Pdown ,CG e Vdown ,CG

- calcolo del volume indotto ∆Vdown = Vdown


''
, CG − Vdown , CG
'

- riempimento di aria nella CG fino alla posizione tutta emersa


- misura di Pup'' ,CG e Vup'' ,CG

- riposizionamento della massa aggiuntiva e misura di Pup' ,CG e Vup' ,CG

- calcolo del volume indotto ∆Vup = Vup'' ,CG − Vup' ,CG

- nell’ipotesi di pressione atmosferica circa costante (misure in istanti


ravvicinati) e di costante aumento della pressione in CG dovuto alla massa
aggiuntiva, VM è fornito dalla relazione approssimata:

∆Vdown ⋅ VCG , max


VM ≅
∆Vup − ∆Vdown

Risultati delle Misure

Nel presente paragrafo si riportano i risultati delle elaborazioni effettuate a valle


della campagna di misure sperimentali effettuata.
Le operazioni di caratterizzazione dell’impianto sono avvenute in ambiente
controllato con le impostazioni nominali di Tamb=(22±1) °C e URamb=(55±5) %.
Nella foto che segue si riporta un’immagine complessiva dell’impianto, e della CC
strumentata durante le misure sperimentali (Figura 4.13).

81
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

Figura 4.13. – Vista dell’impianto per la verifica dei Contatori del Gas e Clèssidra
Campione strumentata per le prove

Nella tabella che segue si riportano i dati salienti relativi al gasometro a campana
oggetto della verifica metrologica:

Denominazione: Gasometro a Campana


Costruttore: Sacofgas 1927 Spa
Modello: Kromshroder
Materiale: Acciaio AISI 304
Capacità massima: 550 Litri
Volume Morto: 53,25 Litri
Risoluzione: 0,1 Litri

Tabella 4.6. - Dati caratteristici della Campana Gasometrica oggetto della sperimentazione

Come detto, il Volume Morto rappresenta il volume racchiuso all’interno del circuito
di prova che collega la CG alla CC. Il valore riportato è ottenuto dagli elaborati
progettuali ed è stato comunicato dal costruttore.

82
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

L’andamento della Tamb e di URamb durante i due giorni di misure è mostrato nel
grafico che segue (Figura 4.14):

T/°C UR/%
24 80
T / °C UR / %
75
23
70
22 65

60
21
55
20
50

19 45

40
18
25 lug 07 26 lug 07 35

17 30

Figura 4.14. – Andamento della della Tamb e di URamb durante la campagna di misure

Si può notare che le misure di Tamb e di URamb hanno mostrato valori fuori controllo e
lontani da quelli di riferimento descritti nelle normative.
Nella tabella che segue si riportano in forma schematica le misure sperimentali, le
elaborazioni effettuate ed i risultati finali.

83
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

Dati di prova 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11
0-50 50-100 100-150 150-200 200-250 250-300 300-350 350-400 400-450 450-500 500-550
Temperatura media dell'aria all'interno della campana t aria,cg °C 19,50 19,50 19,50 19,43 19,43 20,07 20,10 20,10 20,10 20,07 20,07
Temperatura media dell'aria all'interno della clessidra t aria,cl =t aria,cg °C 19,50 19,50 19,50 19,43 19,43 20,07 20,10 20,10 20,10 20,07 20,07
Temperatura media delle pareti della campana t olio =t cg °C 19,66 19,66 19,65 19,64 19,64 20,02 19,67 19,71 19,74 19,77 19,78
Temperatura media delle pareti della clessidra t acqua =t cl °C 19,70 19,60 19,60 19,60 19,60 20,15 20,40 20,40 20,40 20,40 20,30
Temperatura della scala t sc = t olio °C 19,66 19,66 19,65 19,64 19,64 20,02 19,67 19,71 19,74 19,77 19,78
Pressione media dell'aria all'interno della campana P aria,cg,m Pa 101620 101610 101615 101600 101570 101790 101590 101615 101650 101680 101735
Pressione iniziale dell'aria all'interno della campana P aria,cg,in Pa 101620 101610 101620 101600 101590 101790 101590 101610 101650 101670 101720
Pressione finale dell'aria all'interno della campana P aria,cg.fin Pa 101620 101610 101610 101600 101550 101790 101590 101620 101650 101690 101750
Pressione media dell'aria all'interno della clessidra P aria,cl,m Pa 101589 101590 101576 101567 101534 101758,5 101543 101591 101613 101647,5 101685
Pressione iniziale dell'aria all'interno della clessidra P aria,cl,in = P atm + ∆ P Pa 101588 101593 101583 101569 101546 101762 101536 101578 101612 101640 101672
Pressione finale dell'aria all'interno della clessidra P aria,cl,fin = P atm + ∆ P Pa 101590 101587 101569 101565 101522 101755 101550 101604 101614 101655 101698
Umidità relativa dell'aria all'interno della campana UR CG % 66,6 66,6 66,6 66,6 66,6 66,6 66,6 66,6 66,6 66,6 66,6
Umidità relativa dell'aria all'interno della clessidra UR CL % 97 97 97 97 97 97 97 97 97 97 97
Spostamento della campana mobile ∆h dm 0,99 0,98 0,98 0,98 0,97 0,98 0,98 0,98 0,97 0,98 0,98
Posizione assoluta iniziale della campana mobile h in,cg dm 0,12 1,10 2,09 3,07 4,05 5,02 6,00 6,97 7,95 8,93 9,91
Posizione assoluta finale della campana mobile h fin,cg dm 1,10 2,08 3,07 4,05 5,02 6,00 6,97 7,95 8,93 9,91 10,89
Baricentro volume di prova all'interno CG dal pavimento h medio,cg m 0,06 0,16 0,26 0,36 0,45 0,55 0,65 0,75 0,84 0,94 1,04
Baricentro volume di prova all'interno CC dal pavimento h medio,cl m 0,60 0,60 0,60 0,60 0,60 0,60 0,60 0,60 0,60 0,60 0,60

Correzioni 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11
0-50 50-100 100-150 150-200 200-250 250-300 300-350 350-400 400-450 450-500 500-550
3
Errore variazione di temperatura dell'aria tra la CG e la CC E∆T dm 0,0000 0,0000 0,0000 0,0000 0,0000 0,0000 0,0000 0,0000 0,0000 0,0000 0,0000
3
Errore variazione di pressione dell'aria tra la CG e la CC E ∆ P' dm -0,0152 -0,0098 -0,0191 -0,0161 -0,0175 -0,0153 -0,0229 -0,0117 -0,0180 -0,0159 -0,0244
3
Errore variazione di pressione in CG iniziale e finale E ∆ P'' dm 0,0000 0,0000 -0,0163 0,0000 -0,1041 0,0000 0,0000 0,0406 0,0000 0,1007 0,1656
3
Errore differenza di quota dell'aria nella CG e il pavimento E ∆ q' dm -0,0029 -0,0024 -0,0018 -0,0013 -0,0008 -0,0003 0,0003 0,0008 0,0013 0,0018 0,0024
3
Errore variazione di temperatura pareti della CG dai 20°C E Tcg dm 8,14E-04 8,13E-04 8,35E-04 8,49E-04 8,52E-04 -4,76E-05 7,75E-04 6,90E-04 6,08E-04 5,56E-04 5,16E-04
3
Errore variazione fattore compressibilità Z tra la CG e la CC E∆Z dm 0,0009 0,0009 0,0009 0,0009 0,0009 0,0009 0,0009 0,0009 0,0009 0,0009 0,0009
3
Errore variazione umidità relativa dell'aria tra la CG e la CC E ∆ Ur dm 0,339 0,339 0,339 0,339 0,339 0,339 0,339 0,339 0,339 0,339 0,339
3
Errore differenza di quota aria nella CC e il pavimento E ∆ q'' dm 0,003 0,003 0,003 0,003 0,003 0,003 0,003 0,003 0,003 0,003 0,003
3
Errore variazione di temperatura pareti della CC dai 20°C E Tcl dm 0,0007 0,0010 0,0010 0,0010 0,0010 -0,0004 -0,0010 -0,0010 -0,0010 -0,0010 -0,0007
3
Errore variazione di pressione in CC iniziale e finale E Sif. dm -0,001 0,002 0,005 0,001 0,009 0,003 -0,005 -0,010 -0,001 -0,006 -0,010

84
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

Risultati 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11
0-50 50-100 100-150 150-200 200-250 250-300 300-350 350-400 400-450 450-500 500-550
3
Volume erogato dal gasometro corretto V cg,cor. dm 49,9192 49,8068 49,7174 49,5882 49,4070 49,5762 49,4735 49,5225 49,3542 49,5386 49,4432
3
Volume raccolto nella clessidra corretto V cl,cor. dm 49,6563 49,6531 49,6501 49,6537 49,6462 49,6546 49,6623 49,6669 49,6580 49,6630 49,6669
3
Errore complessivo commesso dal gasometro E cg dm 0,263 0,154 0,067 -0,066 -0,239 -0,078 -0,189 -0,144 -0,304 -0,124 -0,224
errore % % 0,53% 0,31% 0,14% -0,13% -0,48% -0,16% -0,38% -0,29% -0,61% -0,25% -0,45%
errore max tollerato dalla UNI CIG 7988 % 0,30% 0,30% 0,30% 0,30% 0,30% 0,30% 0,30% 0,30% 0,30% 0,30% 0,30%
3
Incertezza k=2 U cg dm 0,142 0,141 0,141 0,141 0,140 0,141 0,140 0,141 0,140 0,141 0,140
Incertezza k=2 %V.L. % 0,28% 0,28% 0,28% 0,28% 0,28% 0,28% 0,28% 0,28% 0,28% 0,28% 0,28%

Tabella 4.7. - Dati di Prova, Correzioni e Risultati finali della sperimentazione

1,000 2,00%

0,800 2
1,50% y = 6E-08x - 6E-05x + 0,0078

0,600
1,00%
0,400
y = 3E-06x2 - 0,0028x + 0,3895
0,50%
0,200

Errore CG / %
Errore CG / L

0,000 0,00%
0 50 100 150 200 250 300 350 400 450 500 550 0 50 100 150 200 250 300 350 400 450 500 550
-0,200
-0,50%

-0,400
-1,00%
-0,600

-1,50%
-0,800

Volume erogato / L Volume erogato / L


-1,000 -2,00%

Figura 4.15. – Curve di Errore Assoluto e Percentuale della Campana Gasometrica

85
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

Nelle curva di errore assoluto della campana gasometrica si riporta tratteggiata


anche la curva interpolante di grado 2 che meglio approssima la curva di errore reale
e la cui equazione è data da y = 3 ⋅10-6 x 2 - 0,0028 ⋅ x + 0,3895
Nelle curva di errore percentuale della campana gasometrica si riporta tratteggiata
anche la curva interpolante di grado 2 che meglio approssima la curva di errore
percentuale reale e la cui equazione è data da y = 6 ⋅10-8 x 2 - 6 ⋅10-5 x + 0,0078

Stima delle Incertezze

Nel presente paragrafo viene descritto il procedimento adottato per la stima delle
incertezze delle misure oggetto della campagna sperimentale.
L’incertezza è determinata in riferimento al documento EA-4/02 [33] e UNI CEI
ENV 13005 [34], secondo lo schema rappresentato nella tabella seguente:

Misurando y=f(x1,x2,….,xn)
Incertezza tipo associata alla grandezza
u(xi)
d’ingresso xi
∂f
ci Coefficiente di sensibilità Ci=
∂xi
Incertezza tipo
della misura Contributo all’incertezza tipo (composta)
ui(y) associata al risultato, dovuta all’incertezza uj(y) = cj u(xj)
tipo u(xi)della grandezza d’ingresso xi
N
u(y)
Incertezza tipo (composta) associata al
u 2 ( y )∑ ui2 ( y )
risultato della misura i =1
Incertezza
U(y) Incertezza estesa di misura U(y) = k u(y)
estesa di
k Fattore di copertura =2
misura

Tabella 4.8. – Stima dell’incertezza

Nell’analisi del bilancio di incertezza del misurando si assume che non esista
correlazione tra le grandezze d’ingresso. L’incertezza estesa della misura U(y) = k
u(y) è stimata con un fattore di copertura k=2, corrispondente ad un intervallo di
confidenza di circa il 95 %. I contributi di incertezza stimati sono i seguenti:

86
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

- uE∆t variazione temperatura aria tra CG e CC;


- uE∆P’ variazione pressione aria tra CG e CC;
- uE∆P’’ variazione pressione aria CG tra istante iniziale e finale;
- uE∆P,CC variazione pressione aria CC tra istante iniziale e finale della prova;
- u∆Pv differenza pressione parziale di vapore aria tra CG e CC
- uE∆q’ differenza di quota tra pavimento e baricentro aria in CG;
- uE∆q’’ differenza di quota tra pavimento e baricentro aria in CC
- uEt,CG variazione temperatura CG da 20°C;
- uEt,CC variazione temperatura CC da 20°C;
- uE,∆Z variazione fattore di compressibilità Z tra CG e CC.
- uV,CG lettura del volume erogato dalla CG
- uV,CC volume di riferimento della CC
Nel seguito si riporta un approfondimento in merito alla stima dei sopraindicati
contributi.

Variazione temperatura aria tra CG e CC


Partendo dalla relazione che descrive l’errore per la variazione di temperatura
dell’aria tra CG e CC, applicando la legge di propagazione e considerando che
tCC/tCG ≅ 1, si ottiene:

⎛t −t ⎞
E∆t = VCG ⋅ ⎜ CG CC ⎟
⎝ tCC ⎠
2 2
⎛ ∂E ⎞ ⎛ ∂E ⎞
u E ,∆t = ⎜ ∆t ⎟ ⋅ ut2,CG + ⎜ ∆t ⎟ ⋅ ut2,CC
⎝ ∂tCG ⎠ ⎝ ∂tCC ⎠
2 2
⎛ u ⎞ ⎛ u ⋅t ⎞
u E ,∆t = VCG ⋅ ⎜ − t ,CC ⎟ + ⎜ t ,CC2 CC ⎟
⎝ tCG ⎠ ⎝ tCG ⎠
V
u E ,∆t = CG ⋅ ut2,CC + ut2,CG
tCG

87
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

Variazione pressione aria tra CG e CC


Partendo dalla relazione che descrive l’errore per la variazione di pressione dell’aria
tra CG e CC, applicando la legge di propagazione e considerando che PCC/PCG ≅ 1, si
ottiene:

⎛ P − PCG ⎞
E∆P ' = VCG ⋅ ⎜⎜ CC ⎟

⎝ PCC ⎠
2 2
⎛ ∂E ⎞ ⎛ ∂E ⎞
u E , ∆P ' = ⎜⎜ ∆P ' ⎟⎟ ⋅ u P2 ,CG + ⎜⎜ ∆P ' ⎟⎟ ⋅ u P2 ,CC
⎝ ∂PCG ⎠ ⎝ ∂PCC ⎠
2 2
⎛ u ⎞ ⎛ u P ,CC ⋅ PCG ⎞
u E , ∆P ' = VCG ⋅ ⎜⎜ − P ,CG ⎟ +⎜ ⎟
⎟ ⎜ 2 ⎟
⎝ PCC ⎠ ⎝ PCC ⎠
VCG
u E , ∆P ' = ⋅ u P2 ,CC + u P2 ,CG
PCC

Variazione pressione aria CG tra istante iniziale e finale della prova


Partendo dalla relazione che descrive l’errore per la variazione di pressione dell’aria
in CG tra inizio e fine prova, applicando la legge di propagazione e considerando che
PCG,i/PCG,f ≅ 1 e che uP,CG,i = uP,CG,f = uP (misure effettuate con stesso sensore), si
ottiene:
2 2
⎛ ∂E ⎞ ⎛ ⎞
u E , ∆P '' = ⎜ ∆P '' ⎟ ⋅ u P2 , CG , i + ⎜ ∂E∆P '' ⎟ ⋅ u P2 , CG , f
⎜ ∂PCG , i ⎟ ⎜ ∂PCG , f ⎟
⎝ ⎠ ⎝ ⎠
2 2
⎛ u ⎞ ⎛ u P , CG , f ⋅ PCG , i ⎞
u E , ∆P '' = VSIST , i ⋅ ⎜ − P , CG , i ⎟ +⎜ ⎟
⎜ PCG , f ⎟ ⎜ PCG2 ⎟
⎝ ⎠ ⎝ ,f ⎠
VSIST , I
u E , ∆P '' = ⋅ u P2 , CG , f + u P2 , CG , i
PCG , f
VSIST , i
u E , ∆P '' = ⋅ 2 ⋅ uP
PCG , f

88
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

Differenza di pressione nella clessidra tra istante iniziale e finale della prova
Si considera:

S int .sif . ⋅ u P2 , CC , f + u P2 , CC , i
u ∆P , CC = u sif =
ρ⋅g
Sint .sif . ⋅ 2 ⋅ u P, CC
u ∆P , CC = u sif =
ρ⋅g

dove con uP,CC,i e uP,CC,f si indicano le incertezze associate alla misura di pressione
nella CC (si usa lo stesso sensore, per cui uP,CC,i = uP,CC,f = uP,CC.

Differenza pressione parziale di vapore aria tra CG e CC


Questo contributo è associato alla misura di ∆Pv, errore della CC dovuto
all’umidificazione dell’aria; si può scrivere:
2 2
⎛ ∂E∆φ ⎞ 2 ⎛ ∂E∆φ ⎞ 2 ⎛ ∂E∆φ ⎞ VCC
uE ,∆V φ = ⎜ ⎟ ⋅ uPv ,CG + ⎜ ⎟ ⋅ uPv ,CC = ⎜ ⎟ ⋅ u∆Pv = ⋅ u∆Pv
⎝ ∂PvCG ⎠ ⎝ ∂PvCC ⎠ ⎝ ∂∆Pv ⎠ PCC
2 2 2 2
⎡⎛ ∂∆Pv ⎞ ⎤ ⎡⎛ ∂∆Pv ⎞ ⎤ ⎡⎛ ∂∆Pv ⎞ ⎤ ⎡⎛ ∂∆Pv ⎞ ⎤
u∆Pv = ⎢⎜ ⎟ ⋅ uφ,CG ⎥ + ⎢⎜ ⎟ ⋅ ut ,CG ⎥ + ⎢⎜ ⎟ ⋅ uφ,CC ⎥ + ⎢⎜ ⎟ ⋅ ut ,CC ⎥
⎣⎝ ∂φCG ⎠ ⎦ ⎣⎝ ∂tCG ⎠ ⎦ ⎣⎝ ∂φCC ⎠ ⎦ ⎣⎝ ∂tCC ⎠ ⎦

∂∆Pv ∂Pv ∂∆Pv ∂Pv ∂Pv


= ≅− = ≅
∂φCG ∂φ CG
∂φCC ∂φ CC
∂φ m

∂∆Pv ∂Pv ∂∆Pv ∂Pv ∂Pv


= ≅− = ≅
∂tCG ∂t CG ∂tCC ∂t CL ∂t m

Avendo considerato le rispettive variazioni rispetto a φ e t, e dove con m si sono


indicate le condizioni di temperatura e umidità relativa medie assunte dall’aria nella
CG e nella CC.
Quindi, indicando con u∆φ e u∆T le incertezze associate alle misure delle differenze di
umidità relativa e di temperatura:

89
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

2 2 2 2
⎛ ∂P ⎞ ⎛ ∂Pv ⎞ ⎡⎛ ∂Pv ⎞ ⎤ ⎡⎛ ∂Pv ⎞ ⎤
u∆Pv = ⎜⎜ v ⎟⎟ ⋅ ( uφ,CG + uφ,CC ) + ⎜ ⎟ ⋅ ( ut ,CG + ut ,CC ) = ⎢⎜⎜ ⎟⎟ ⋅ u∆φ ⎥ + ⎢⎜ ⎟ ⋅ u∆t ⎥
2 2 2 2

⎝ ∂φ m⎠ ⎝ ∂t m ⎠ ⎢⎣⎝ ∂φ m⎠ ⎦⎥ ⎣⎝ ∂t m ⎠ ⎦
2 2
⎛ Uφk,CG ⎞ ⎛ Uφk,CC ⎞
u∆φ = ⎜ +
⎜ k ⎟⎟ ⎜⎜ k ⎟⎟
⎝ ⎠ ⎝ ⎠
⎛ D⎞
∂Pv 2
⎜ A⋅tm +B⋅tm+C+ ⎟
= e⎝ tm ⎠

∂φ m
⎛ D⎞
∂Pv ⎜ A⋅tm + B⋅tm +C + ⎟ ⎛ D⎞
2
tm ⎠
= φm ⋅ e⎝ ⋅ ⎜ 2A⋅ tm + B − 2 ⎟
∂t m ⎝ tm ⎠
2 2 2 2
⎡⎛ ∂P ⎞ ⎤ ⎡⎛ ∂P ⎞ ⎤ ⎡⎛ ∂Pv ⎞ ⎤ ⎡⎛ ∂Pv ⎞ ⎤
u∆Pv = ⎢⎜⎜ v ⎟⎟ ⋅ uφ,CG ⎥ + ⎢⎜ v ⎟ ⋅ uT ,CG ⎥ + ⎢⎜⎜ ⎟⎟ ⋅ uφ,CC ⎥ + ⎢⎜ ⎟ ⋅ uT ,CC ⎥
⎢⎣⎝ ∂φ CG ⎠ ⎥⎦ ⎣⎝ ∂T CG ⎠ ⎦ ⎢⎣⎝ ∂φ CC ⎠ ⎥⎦ ⎣⎝ ∂T CC ⎠ ⎦

Differenza di quota tra pavimento e baricentro aria in CG;


Questo contributo è calcolato nel modo seguente:

⎛ ∂E ∆q ' ⎞ V ⋅ ∆Pq
u E∆q ' = ⎜⎜ ⎟⎟ ⋅ u d ' = CG ⋅ ud '
⎝ ∂d ' ⎠ PCG

Differenza di quota tra pavimento e baricentro aria in CC


Questo contributo è calcolato nel modo seguente:

⎛ ∂E ∆q '' ⎞ V ⋅ ∆Pq
u E∆q '' = ⎜⎜ ⎟ ⋅ u d '' = CG
⎟ ⋅ u d ''
⎝ ∂d ' ' ⎠ P CG

Variazione temperatura CG da 20°C


Questo contributo è calcolato nel modo seguente:

∂EtCG
u Et ,CG = ⋅ uTcg = −2α CG ⋅ VCG ⋅ (1 + α SC ⋅ ∆t SC ) ⋅ (1 + α CG ⋅ ∆ tCG ) ⋅ ut ,CG
∂tCG

dove con ut,CG si è indicata l’incertezza della misura della temperatura delle pareti
della campana (assunta coincidente con quella dell’olio di tenuta).

90
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

Variazione temperatura CC da 20°C


Questo contributo è calcolato nel modo seguente:

u Et ,CC =
∂Et ,CC
∂tCC
(
⋅ ut ,CC = − 3α CC ⋅ VCC ⋅ 1 + α CC ⋅ ∆t CC ) 2
⋅ ut ,CC

dove con ut,CC si è indicata l’incertezza della misura della temperatura delle pareti
della clessidra (assunta coincidente con quella dell’acqua).

Variazione fattore di compressibilità Z tra CG e CC


Z è funzione di P,t e xv, tramite la relazione:
P P2
Z = 1− ⋅ ⎡⎣ a0 + a1 ⋅ t + a2 ⋅ t 2 + ( b0 + b1 ⋅ t ) ⋅ xv + ( c0 + c1 ⋅ t ) ⋅ xv2 ⎤⎦ + 2 ⋅ ( d + e ⋅ xv2 )
T T
⎛ D⎞
φ 2

xv = ⋅ ( α + β ⋅ P + γ ⋅ t ) ⋅ e
2 ⎜ A⋅T + B⋅T + C + ⎟
⎝ T⎠

dove con T si indica la temperatura termodinamica dell’aria [K], t la temperatura in


°C, e i coefficienti a0, a1, a2, b0, b1, c0, c1, d, e, α, β e γ sono forniti nel doc. BIPM-
“Formula per la determinazione della massa volumica dell’aria umida” [31, 32].
Per l’incertezza di questo contribuito si considera:
⎛ ∂E ⎞ ⎛ ∂E ⎞ V
u E∆Z = ⎜ CG ⎟ ⋅ u∆Z = ⎜ ∆Z ⎟ ⋅ u∆Z = CG ⋅ u∆Z
⎝ ∂∆Z ⎠ ⎝ ∂∆Z ⎠ Z CG
Z = Z (TCG , PCG , xV ,CG ) − Z (TCC , PCC , xV ,CC )
2 2 2
⎡⎛ ∂x ⎞ ⎤ ⎡⎛ ∂x ⎞ ⎤ ⎡⎛ ∂x ⎞ ⎤
u xv (CG ,CC ) = ⎢⎜ v
⎜ ⎟⎟ ⋅ u P ( CG ,CC ) ⎥ + ⎢⎜⎜ v ⎟⎟ ⋅ uT ( CG ,CC ) ⎥ + ⎢⎜ v ⎟ ⋅ uφ (CG ,CC ) ⎥
⎜ ⎟
⎣⎢⎝ ∂P ( CG ,CC ) ⎠ ⎦⎥ ⎢⎣⎝ ∂T ( CG ,CC ) ⎠ ⎦⎥ ⎢⎣⎝ ∂φ ( CG ,CC ) ⎠ ⎥⎦
2 2 2 2 2 2
⎡⎛ ∂Z ⎞ ⎤ ⎡⎛ ∂Z ⎞ ⎤ ⎡⎛ ∂Z ⎞ ⎤ ⎡⎛ ∂Z ⎞ ⎤ ⎡⎛ ∂Z ⎞ ⎤ ⎡⎛ ∂Z ⎞ ⎤
u∆Z = ⎢⎜ ⎟ ⋅ u P ,CG ⎥ + ⎢⎜ ⎟ ⋅ ut ,CG ⎥ + ⎢⎜⎜ ⎟⎟ ⋅ u xv ,CG ⎥ + ⎢⎜ ⎟ ⋅ u P ,CC ⎥ + ⎢⎜ ⎟ ⋅ ut ,CC ⎥ + ⎢⎜⎜ ⎟⎟ ⋅ u xv ,CC ⎥
⎣⎝ ∂P CG ⎠ ⎦ ⎣⎝ ∂T CG ⎠ ⎦ ⎢⎣⎝ ∂xv CG ⎠ ⎦⎥ ⎣⎝ ∂P CC ⎠ ⎦ ⎣⎝ ∂T CC ⎠ ⎦ ⎢⎣⎝ ∂xv CC ⎠ ⎦⎥

Lettura del volume erogato dalla CG


Questa componente è determinata dal sistema di lettura della scala e dalla
determinazione della sezione interna della CG:
2 2 2 2
uV ,CG = S CG ,int ⋅ u ∆h + ∆h ⋅ u S ,CG ,int

91
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

dove uScg,int è l’incertezza associata alla determinazione della sezione interna e u∆h è
l’incertezza relativa alla lettura dello spostamento. I suddetti contributi si
determinano nel modo seguente:
t
u S ,CG ,int = 2π ⋅ r ⋅ u r ; u r =
3
2 2
u ∆h = u ris + u acc

avendo indicato con r il raggio interno della CG, con ur la sua incertezza (ipotizzata
con distribuzione rettangolare intorno al valore nominale r con semiampiezza pari a
t, tolleranza dimensionale), uris è la componente relativa alla risoluzione e uacc quella
relativa all’accuratezza del sistema di lettura. Si potrebbe anche determinare questo
contributo a partire della risoluzione del sistema direttamente sul Volume erogato
(taratura della CG); considerando una distribuzione rettangolare e ponendo Vris.
risoluzione della scala in dm3, questa incertezza è esprimibile come:
Vris.
uV ,CG = u risol . =
2 3

Il coefficiente di sensibilità di questo contributo è pari a:

∂ECG
∂VCG
= 1−
∆t ∆P' ∆Pq ⋅ d ' ∆Z

t CG PCC

PCG

Z CG
( )(
− 1 + α SC ⋅ ∆t SC ⋅ 1 − (1 + α CG ⋅ ∆t SC )2 )

Volume di riferimento della CC


Questa componente si ricava direttamente dal certificato di taratura della CC:

U CC (k )
uV ,CC =
k
dove UCC(k) è l’incertezza estesa di taratura dichiarata dal certificato della CC e k è il
fattore di copertura dichiarato nel certificato. Il coefficiente di sensibilità è pari a:

∂ECG
∂VCC ⎝
( 3
)
∆P d ' '⋅∆Pq
= − 1 + ⎛⎜1 − 1 + α CC ⋅ ∆tCC ⎞⎟ + v +
⎠ PCC PCC

92
4. L’allegato MI-002: Contatori del Gas

Considerazioni sull’Ambiente di Prova

Le condizioni ambientali del laboratorio che ospita una rampa di taratura per
contatori del gas devono essere idonee dal punto di vista termoigrometrico. I valori
di riferimento normalmente sono posti a (20±2) °C e (55±10) %UR, ma numerosi
sono gli ulteriori aspetti da prevedre e/o da tenere sotto controllo:
- spazi ampi e assenza di finestrature
- doppia porta di accesso tra area climatizzata ed area con aria a temperatura
ambiente o climatizzazione dell’area di ingresso nel laboratorio per garantire
un’adeguata compensazione
- prese di ventilazione e di ripresa aria non troppo vicine alla CG
- area adeguata per la climatizzazione dei contatori all’interno del laboratorio
prima della prova
Condizioni lontane da quelle di riferimento e carenze strutturali del laboratorio
potrebbero determinare, di conseguenza, una forte instabilità e disuniformità delle
condizioni termiche e sensibili gradienti di temperatura nelle varie posizioni assunte
dalla CG, con effetti non trascurabili (e difficilmente stimabili) sulla stabilità e
ripetibilità del posizionamento della CG.

Considerazioni Finali

La sperimentazione effettuata ed i risultati ottenuti consentono al laboratorio di


operare adeguatamente nella verifica dei contatori del gas. Infatti, applicando alle
letture le correzioni determinate sperimentalmente (tabella 4.6) si può
tranquillamente riscontrare che l’incertezza della caratterizzazione (circa 0,3%)
rispetta la condizione di essere inferiore ad 1/5 dell’EMT (superiore a 1,5%).

93
5. L’Allegato MI-003: Contatori di Energia Elettrica Attiva

Capitolo 5

L’allegato MI-003:
Contatori di Energia Elettrica Attiva

La caratteristica che contraddistingue l’energia elettrica è la sua capacità di essere


vettoriata con estrema facilità rispetto ad altre forme di energia.
La sua misura ha un’importanza pratica di enorme rilevanza dato che costituisce la
base dei rapporti commerciali tra produttore ed utente. La misura dell’energia
elettrica può essere compiuta mediante numerosi strumenti ed apparati classificabili
in analogici (elettrostatici di tipo volt-amperometrici, elettrodinamici di tipo ad
induzione magnetica, etc...) e digitali.
Fino a qualche anno fa lo strumento in assoluto più utilizzato nelle misure di energia
elettrica domestica ed industriale era il contatore ad induzione. Oggi tale strumento è
stato superato da quello digitale grazie alle migliori performances di quest’ultimo.
A questo vantaggio si unisce la maggiore flessibilità dello strumento e la possibilità
tipica della strumentazione digitale di effettuare tariffe multiorarie, telelettura e
diagnostica. I contatori digitali permettono di effettuare una misura contemporanea di
tensione e corrente per una valutazione più corretta della potenza assorbita [35, 36].
La taratura dei contatori di energia elettrica può avvenire secondo due modalità:
1. confronto con strumenti di verifica certificati (solitamente wattmetri e
alimentatori)
2. applicazione di un carico fittizio con caratteristiche note
Nel primo caso bisogna garantire la costanza delle condizioni di prova per tutta la
durata della misura [37]. Le modalità di taratura di un contatore di energia elettrica
costituiscono un bagaglio di conoscenza oggi piuttosto consolidato. La letteratura
tecnica e scientifica ha in passato dedicato buona attenzione allo sviluppo ed alla

94
5. L’Allegato MI-003: Contatori di Energia Elettrica Attiva

ottimizzazione di tali metodologie. Sono oggi disponibili sul mercato numerosi


generatori campione di energia elettrica così come anche carichi campioni.
La MID definisce contatore di energia elettrica attiva un dispositivo che misura
l'energia elettrica attiva consumata in un circuito; definendo:
I intensità della corrente elettrica che circola nel contatore;
In corrente di riferimento specificata per cui è stato progettato il
trasformatore in funzione;
Ist valore minimo dichiarato di I in corrispondenza del quale il contatore
registra energia elettrica attiva a fattore di potenza unitario (contatori
polifase a carico equilibrato);
Imin valore di I al di sopra del quale l'errore si mantiene entro i limiti massimi
tollerabili (contatori polifase a carico equilibrato);
Itr valore di I al di sopra del quale l'errore si mantiene entro i limiti minori
tollerabili corrispondenti all'indice della classe del contatore;
Imax valore massimo di I per cui l'errore rimane entro i limiti massimi
tollerabili;
U tensione dell'energia elettrica fornita al contatore;
Un tensione dell'energia elettrica di riferimento specificata;
f frequenza della tensione elettrica fornita al contatore;
fn frequenza di riferimento specificata;
PF fattore di potenza = cosφ = coseno dello sfasamento φ tra I e U.
La MID definisce per i contatori della energia elettrica attiva inizialmente tre classi
di precisione dei contatori (A, B, e C) e per ognuno di essi il costruttore definisce le
condizioni nominali di funzionamento, come riportato nella successiva tabella.

95
5. L’Allegato MI-003: Contatori di Energia Elettrica Attiva

Tabella 5.1. - Classificazione dei contatori di energia elettrica

I contatori devono rispettare le condizioni operative di funzionamento nominale. Si


passa quindi alla tensione ed alla frequenza di funzionamento.
In particolare si definiscono le seguenti regole:

0,9 Un < U < 1,1 Un


0,98 fn < f < 1,02 fn,

dove:
U tensione dell'energia elettrica fornita al contatore,
Un tensione dell'energia elettrica di riferimento specificata;
f frequenza della tensione elettrica fornita al contatore con
fn frequenza di riferimento specificata.
Gli intervalli riportati tengono conto delle caratteristiche tipiche della corrente
elettrica erogata dalle società di distribuzione.
In ultimo, l'intervallo del fattore di potenza (PF) deve essere almeno da cosφ = 0,5
induttivo a cosφ = 0,8 capacitivo, dove cosφ è il coseno dello sfasamento φ tra I e U.

96
5. L’Allegato MI-003: Contatori di Energia Elettrica Attiva

Per ogni condizione di funzionamento la direttiva fornisce anche gli errori massimi
tollerati, dove gli effetti dei vari misurandi e delle grandezze d'influenza (a, b, c, ...)
sono valutati separatamente, mentre tutti gli altri misurandi e grandezze d'influenza
devono essere mantenuti possibilmente costanti ai loro valori di riferimento.
L'errore di misurazione, che non deve superare il limite massimo tollerabile di cui
alla Tab. 1, è calcolato come segue:

E= a 2 + b 2 + c 2 ...

Allorché il contatore funziona a corrente di carico variabile gli errori in percentuale


non devono superare i limiti indicati in percentuale nella successiva Tabella :

Tabella 5.2. - Errori massimi Permessi per i contatori di energia elettrica

Particolare attenzione è poi data alla tolleranza ai disturbi elettromagnetici (Tabella


5.3). Poiché i contatori elettrici sono direttamente collegati al cavo principale di
erogazione che rappresenta anche uno dei misurandi, per i contatori elettrici si

97
5. L’Allegato MI-003: Contatori di Energia Elettrica Attiva

utilizza un ambiente elettromagnetico speciale. Il contatore deve essere quindi


conforme all'ambiente elettromagnetico industriale (classe E2) ed ai requisiti
complementari. Come espresso dalla direttiva, l'ambiente elettromagnetico e gli
effetti tollerati rispecchiano una situazione in cui si possono registrare disturbi di
lunga durata che non devono influenzare l'accuratezza oltre i valori critici di
variazione espressi nella successiva tabella 3

Tabella 5.3. - Errori massimi Permessi in presenza di grandezze di influenza

Inoltre, qualora vi sia un alto rischio di effetti passeggeri (es. fulmini) o vi sia una
prevalenza di reti aeree di fornitura, si provvede alla protezione delle caratteristiche
metrologiche del contatore. Gli effetti di un disturbo elettromagnetico passeggero su
un contatore di energia elettrica dovranno essere tali che durante o subito dopo il
disturbo, ogni uscita destinata a testare l'accuratezza del contatore:
a) non deve produrre segnali o impulsi corrispondenti a un'energia oltre il
valore di variazione critico,

98
5. L’Allegato MI-003: Contatori di Energia Elettrica Attiva

b) in un lasso di tempo ragionevole deve recuperare la capacità di


funzionamento entro i limiti dell'errore massimo permesso, e deve
conservare l'integrità di tutte le funzioni di misurazione,
c) deve consentire il recupero di tutti i dati di misurazione presenti
immediatamente prima del verificarsi del disturbo,
d) non deve indicare nell'energia registrata una variazione superiore ai
valori critici.
Il valore critico di variazione in kWh è pari a m·Un·Imax·10-6 (dove m è il numero
degli elementi di misura del contatore, Un è misurato in Volt e Imax in Ampere).
Per la sovracorrente il valore critico di variazione è 1,5 %.
Le indicazioni riportate nella MID, nello scenario attuale di deregolamentazione del
mercato delle energia elettrica promettono di avere notevoli ricadute tecniche e
commerciali che coinvolgeranno il mondo della produzione e verifica dei contatori di
energia elettrica attiva.
Le ricadute tecniche sono da ricercarsi soprattutto nelle necessità di cambiare gli
attuali metodi di taratura che fanno riferimento a segnali puramente sinusoidali. Tali
segnali però, non riflettono né le proprietà dell'energia elettrica presente sul mercato,
né le nuove indicazioni previste dalla MID. Questa ricaduta porta da un lato la
necessità di dotarsi di strumentazione di misura capace di generare i disturbi
transitori e di lunga durata previsti dalla MID, e dall’altro la necessità di rivedere le
procedure di taratura tutte basate su segnali esclusivamente sinusoidali.
La deregolamentazione del mercato porta un aumento consistente del numero di
fornitori che utilizzano i sistemi di trasmissione e di distribuzione, di conseguenza si
è assiste all'incremento delle transazioni e delle misurazioni ad esse connesse. Tutto
ciò si somma al crescente uso di sofisticate apparecchiature elettriche ed elettroniche,
che tra gli effetti indesiderati hanno alcuni fenomeni quali la distorsione armonica,
rumore e transitori, così come i buchi e le sovratensioni sulla rete di fornitura.
L'entità di tali fenomeni è destinata a crescere, dal momento che il carico
complessivo aumenta e diviene sempre più non lineare.

99
5. L’Allegato MI-003: Contatori di Energia Elettrica Attiva

Di conseguenza le apparecchiature devono essere testate o controllate per poter


provare che le prestazioni rispondano alle specifiche pubblicate dal fornitore e
richieste dalle varie autorità normative. Ciò è valido per il collaudo nella fase di
sviluppo, per le singole unità durante il processo produttivo e per la manutenzione
ordinaria nel corso della sua durata di esercizio. Fino ad oggi, non vi sono state fonti
di energia precise, accurate e tracciabili, né disturbi della qualità di alimentazione
sono stati definiti con certezza per poter determinare la precisione di misura di tali
strumenti.
Questo comporta: i) l'esigenza di misurare i fenomeni sopra descritti in modo sempre
più coerente ed affidabile (l'attuale mancanza di tracciabilità può portare ad un
conflitto tra le misure eseguite con strumenti diversi senza possibilità di porvi
rimedio); ii) la necessità di garantire che le misure "convenzionali" vengano eseguite
in modo preciso ed affidabile anche in base ad un nuovo gruppo di condizioni di
lavoro e misura.
Diverse sono gli Enti, le Organizzazioni ed i Fabbricanti coinvolti e che quindi hanno
bisogno di adeguare i loro sistemi di misura della potenza e qualità della rete:
(i) i costruttori di strumenti per la misura della potenza e dell’energia che
devono verificare le prestazioni sia in fase di progettazione che di
produzione;
(ii) gli utilizzatori di strumenti di misura della potenza che devono verificare
le prestazioni degli strumenti che utilizzano (fornitori di servizi,
consumatori, grandi impianti di produzione che impiegano notevoli
quantità di energia elettrica);
(iii) uffici metrici e laboratori riconosciuti secondo il DL 182/2000 che
offrono sul mercato servizi per la taratura e verifica e la tracciabilità.
Come prima conseguenza della direttiva MID tutti i contatori installati
successivamente alla entrata in vigore della MID (feb_2007) dovranno essere messi
in commercio con prove di tipo e di modello che tengano conto anche degli ambienti
elettrici, meccanici, termici, ed elettromagnetici.
Dati gli alti costi che queste prove imporranno diversi scenari sono possibili:

100
5. L’Allegato MI-003: Contatori di Energia Elettrica Attiva

- realizzare contatori di energia elettrica attiva che abbiano al loro


interno anche strumentazione per la misura della qualità dell’energia:
tali strumenti al verificarsi di alcune condizioni previste dalla direttiva,
potrebbero mediante tecniche di carico fittizio, provvedere anche ad
opportune tarature.
- non dotare i contatori di tale strumentazione e prevedere la realizzazione
di particolari generatori calibrati capaci anche di realizzare i disturbi
- prevedere dopo un numero di anni da definire il distacco di un contatore
per l’esecuzione di prove di verifica in laboratorio.

101
6. L’allegato MI-004: Contatori di Calore

Capitolo 6

L’allegato MI-004: Contatori di Calore

La Misura dell’Energia Termica

La misura dell’energia termica può essere ricondotta alle tre modalità di scambio
termico (conduzione, convezione ed irraggiamento) e alla direzione ed entità dello
scambio (energia fornita/assorbita/dispersa), in particolare:
- conduzione attraverso superfici di controllo (mediante la misura dei gradienti
termici e note le caratteristiche conduttive di un materiale di riferimento);
- trasmissione per mezzo di un fluido termovettore (mediante la misura
dell’entalpia del fluido termovettore e delle portate di massa effluenti);
- la misura della radiazione termica (mediante la misura diretta del flusso
radiativo o indirettamente mediante la misura della temperatura della superficie
emittente con tecniche termografiche).
Le misure di temperatura possono senz’altro essere considerate oggi affidabili ed
adeguatamente riferibili (in Italia operano nel settore della temperatura più di 30
centri SIT), altrettanto non è possibile affermare per le misure di energia termica in
quanto i) raramente i dispositivi di misura dell’energia (heat meter) possono essere
caratterizzati nel loro complesso (spesso vengono tarati i soli sensori di temperatura);
ii) la conoscenza dei parametri termofisici dei materiali su cui viene effettuata la
misura risulta spesso solo qualitativa; iii) i sensori di misura alterano profondamente
i meccanismi di scambio termico determinando errori di inserzione; iv) raramente il
problema di scambio termico può essere isolato alle sole componenti trasmissive
(conduttive, convettive e radiative).
Il Contatore di Energia Termica (CET) rappresenta il caso più comune di misura di
energia termica Qt fornita all’utenza mediante un fluido termovettore.

102
6. L’allegato MI-004: Contatori di Calore

Il valore dell’energia erogata ad una generica utenza è misurato attraverso una


misura della differenza di entalpia (valutata attraverso la misura della temperatura ed
ipotizzando nota e costante la pressione) e della portata del fluido termovettore
(ipotizzando note le proprietà termofisiche del fluido).
L’equazione caratteristica per la misura dell’energia termica si ricava da un bilancio
di energia per i sistemi aperti con le seguenti ipotesi (Figura 6.1.):
− moto stazionario e flusso monodimensionale
− 1 solo ingresso ed 1 sola uscita
− assenza di scambi di energia in modo lavoro
− variazioni di quota trascurabili tra ingresso ed uscita
− variazione di velocità trascurabili tra ingresso ed uscita

SET

Qin

V.C.

Q out
UTENZA

Figura 6.1. – Schema a blocchi per la misura dell’Energia Termica

Generalmente il fluido termovettore è acqua nelle condizioni di liquido


sottoraffreddato o di vapore surriscaldato. L’equazione per il modello considerato è:
Q& = m& ∆h = m& (hi − hu )

con m& portata massica [kg/s] e hi e hu entalpia del fluido termovettore in ingresso ed
in uscita [kJ/kg], rispettivamente. Per i liquidi vale la seguente relazione:

103
6. L’allegato MI-004: Contatori di Calore

dh = c p dT + vdp

con cp [kJ/kgK] calore specifico a pressione costante e v [m3/kg] volume specifico


del fluido termovettore. Ritenendo le perdite di carico nei condotti trascurabili e
considerando che, per effetto dell’esiguità di v, il termine vdp è di almeno un ordine
di grandezza inferiore a cpdT, possiamo ritenere che per i liquidi vale:
dh = c p dT

Per realizzare quindi un sistema efficace per la misura dell’energia termica si


dovranno utilizzare:
1. due sensori di temperatura del fluido, di cui uno in ingresso ed uno in uscita
2. un misuratore di portata, generalmente volumetrico, montato sulla tubazione
di ritorno in modo da evitare gli stress termici
3. un modulo di calcolo per l’acquisizione dei segnali provenienti dai sensori e
di elaborare il valore dell’energia termica scambiata.

Modulo
di calcolo

Tm

U
T
E
N
Tr Z
A

V&

Figura 6.2. – Schema di un Contatore di Energia Termica

104
6. L’allegato MI-004: Contatori di Calore

L’energia termica ceduta in un impianto del tipo schematizzato in Figura 6.2. è


quindi esprimibile mediante:
θ2 n
& ∆Tdθ = ∑ ρ V& c ∆T ∆θ
Q = ∫ ρVc p i i p i i
θ1 i =1

dove n è il numero di periodi di funzionamento, ciascuno di durata ∆θ e ρi è la

densità media del fluido termovettore valutata nell’intervallo iesimo ∆θi


TR , f
1
ρ=
TR , f − TR ,i ∫
TR ,i
ρ (T )dT

− TR,f e TR,i sono le temperature misurate nel tratto di ritorno dell’impianto


(rispettivamente negli istanti iniziale e finale dell’intervallo di tempo ∆θi ),
perché, in genere, lungo questa viene montato il sensore di portata;
− V& è la portata volumetrica dell’impianto, misurata nell’intervallo ∆θi

− c p è il calore specifico medio valutato tra le temperature di mandata Tm e

di ritorno Tr, ed è calcolato attraverso la relazione:


Tr
1
cp =
Tm − Tr ∫c
Tm
p (T )dT

− ∆T è la differenza di temperatura Tm-Tr nell’intervallo ∆θi


Generalmente, dalla misura della temperatura di mandata Tm e di ritorno Tr il modulo
di calcolo provvede alla determinazione del coefficiente termico volumico, Ki,
nell’intervallo di tempo ∆θi :

K i = K i (Tm , Tr ) = ρ (Tr )c p (Tm , Tr )

Concludendo, l’energia termica misurata è espressa dalla relazione:


n
Q = ∑ K iV&i (Tm − Tr )∆θi
i =1

ossia dal prodotto della portata volumetrica e della differenza di temperatura tra
mandata e ritorno, integrato nel tempo e moltiplicato per il coefficiente termico
volumico. A queste due ultime operazioni provvede la centralina elettronica di
elaborazione.

105
6. L’allegato MI-004: Contatori di Calore

Nella figura che segue si riporta l’immagine di un Contatore di Energia Termica; si


nota la centralina di elaborazione e i sensori di temperatura di mandata (etichetta
rossa) e di ritorno (etichetta blu).

Figura 6.3. –Contatore di Energia Termica

I Requisiti della MID

La direttiva MID all’allegato MI-004: Contatori di Calore, adotta le seguenti


simbologie:
- ϑ temperatura del liquido di trasmissione di calore;
- ϑin temperatura all’ingresso del circuito di scambio termico;
- ϑout temperatura di ϑ all’uscita del circuito di scambio termico;
- ∆θ differenza di temperatura ϑin - ϑout; con ∆ϑ ≥ 0
- ϑmax limite superiore di temperatura;
- ϑmin limite inferiore di temperatura;
- ∆ϑmax limite superiore della differenza di temperatura;
- ∆ϑmin limite inferiore della differenza di temperatura;
- q portata del liquido di trasmissione di calore;

106
6. L’allegato MI-004: Contatori di Calore

- qs valore massimo di portata consentito per brevi periodi;


- qp valore massimo di portata consentito in permanenza;
- qi valore minimo di portata consentito;
- P potenza termica dello scambio termico;
- Ps limite superiore di P consentito;
La MID impone al Fabbricante di specificare:
- temperatura del liquido(mandata e ritorno): ϑmax, ϑmin,
- differenze di temperatura : ∆ϑmax, ∆ϑmin, nel rispetto delle condizioni
∆ϑmax/∆ϑmin ≥ 10 e ∆ϑmin = 3, 5 o 10 K;
- pressione del liquido, ossia la massima pressione interna positiva che il
contatore di calore può tollerare in regime permanente al limite superiore
dell'intervallo di temperature;
- portate del liquido (qs, qp, qi, con qp/qi ≥ 10);
- potenza termica Ps
L’Accertamento di Conformità prevede, come per tutti gli “utility meters” la scelta di
una delle tre opzioni:
- (B) Esame del tipo + (D) Garanzia qualità della produzione
- (B) Esame del tipo + (F) Verifica su prodotto
- (H1) Garanzia qualità totale con controllo della progettazione
La direttiva MID per questa classe di strumenti definisce l’errore massimo permesso
in funzione delle caratteristiche dei sensori utilizzati per la misura del flusso e delle
temperature e della centralina di elaborazione.
Per quanto riguarda i Disturbi Elettromagnetici, lo strumento non deve essere
influenzato da campi magnetici statici e da campi elettromagnetici a frequenza di
rete. L’influenza di un’interferenza elettromagnetica deve essere tale che la
variazione del risultato della misurazione non sia superiore al valore di variazione
critico, oppure il risultato della misurazione sia indicato in modo tale da non poter
essere interpretato come valido.
La prova di Durabilità prevede che dopo l'esecuzione di una prova appropriata che
tenga conto del periodo di tempo stimato dal fabbricante, devono essere soddisfatti i
seguenti criteri:

107
6. L’allegato MI-004: Contatori di Calore

- sensori di flusso: la variazione del risultato della misurazione dopo la


prova di durabilità rispetto al risultato della misurazione iniziale non deve
superare il valore di variazione critico;
- sensori di temperatura: la variazione del risultato della misurazione dopo
la prova di durabilità rispetto al risultato della misurazioni iniziale non
deve superare 0,1 °C.
La Direttiva MID definisce come valore di variazione critico per un contatore di
Energia Termica completo è pari al valore assoluto dell’EMT applicabile.
La classificazione degli errori massimi è riportata di seguito:
i) sensore di flusso, espresso in % per le classi di accuratezza:
- Classe 1: Ef=(1+0,01·qp/q), ma non superiore a 5 %
- Classe 2: Ef=(2+0,02·qp/q), ma non superiore a 5 %
- Classe 3: Ef=(3+0,05·qp/q), ma non superiore a 5 %
dove l'errore Ef si riferisce al valore indicato come valore reale della
relazione tra il segnale di uscita del sensore di flusso e la massa o
volume, qp è la portata di permanenza.
ii) per i sensori di temperatura, Et=(0,5+3·∆ϑmin/∆ϑ), dove l'errore
percentuale Et si riferisce al valore indicato come valore reale della
relazione tra segnale di uscita della coppia di sensori di temperatura e
differenza delle temperature.
iii) sistema di elaborazione (calcolatore), Ec= (0,5+∆ϑmin/∆ϑ) dove l'errore
Ec percentuale si riferisce al valore indicato come valore reale del calore.
Le relazioni sopra riportate si possono quindi riscrivere per ciascuna delle classi di
accuratezza come segue:

MPE1 = ± ⎡⎣(1 + 0, 01⋅ q p / q ) + ( 0,5 + 3 ⋅ ∆ϑmin / ∆ϑ ) + ( 0,5 + ∆ϑmin / ∆ϑ ) ⎤⎦

MPE2 = ± ⎡⎣( 2 + 0, 02 ⋅ q p / q ) + ( 0,5 + 3 ⋅ ∆ϑmin / ∆ϑ ) + ( 0,5 + ∆ϑmin / ∆ϑ ) ⎤⎦

MPE3 = ± ⎡⎣( 3 + 0, 03 ⋅ q p / q ) + ( 0,5 + 3 ⋅ ∆ϑmin / ∆ϑ ) + ( 0,5 + ∆ϑmin / ∆ϑ ) ⎤⎦

Da questo scaturisce che i massimi errori permessi per le 3 classi di contatore di


energia termica sono forniti da:

108
6. L’allegato MI-004: Contatori di Calore

MPE1 = ± ⎡⎣ 2 + 0, 01⋅ q p / q + 4 ⋅ ∆ϑmin / ∆ϑ⎤⎦


MPE2 = ± ⎡⎣3 + 0, 02 ⋅ q p / q + 4 ⋅ ∆ϑmin / ∆ϑ⎤⎦
MPE3 = ± ⎡⎣ 4 + 0, 03 ⋅ q p / q + 4 ⋅ ∆ϑmin / ∆ϑ⎤⎦

Ad esempio, per la classe 2 si può rappresentare la situazione in figura 6.4.

Figura 6.4. –Errori Massimi Permessi per un Contatore di Energia Termica, classe 2

La raccomandazione OIML R75-2:2002 riporta una tabella di prove da effettuarsi per


la qualifica dello strumento secondo la Direttiva MID (lo norma OIML è a tutti gli
effetti il riferimento normativo da adottare):

109
6. L’allegato MI-004: Contatori di Calore

Tabella 6.1. – OIML R75-2:2002 piano di prova per qualifica MID di un Contatore di
Energia Termica

Di seguito si riportano le normative applicabili ai contatori di calore:


- OIML R75-1:2002 Heat meters. Part 1: General requirements
- OIML R75-2:2002 Heat meters. Type approval tests
- OIML R75-3:2006 Heat meters. Test Report Format
- WELMEC 8.14:2006 Measuring Instruments Directive 2004/22/EC Heat
Meters Corresponding Tables OIML R 75-1 and R 75-2 2002 – MID-004
- UNI EN 1434-1:2007 Contatori di calore - Parte 1: Requisiti generali
- UNI EN 1434-2:2007 Contatori di calore: Requisiti costruttivi
- UNI EN 1434-3:2007 Contatori di calore:Scambio di dati e interfacce
- UNI EN 1434-4:2007 Contatori di calore: Prove per l'approvazione del
modello

110
6. L’allegato MI-004: Contatori di Calore

- UNI EN 1434-5:2007 Contatori di calore: Prove per la verifica prima


- UNI EN 1434-6:2007 Contatori di calore - Parte 6: Installazione, messa in
servizio, controllo e manutenzione

La Verifica dei Contatori di Energia Termica

La verifica dei Contatori di Energia Termica avviene garantendo la riferibilità


metrologica a ciascuno degli elementi costitutivi, in particolare al sensore di flusso
ed alla coppia di sensori di temperatura (vedi Figura 6.5.).

INRIM

Centro SIT

Temperatura Volume Massa

Contatore di Energia Termica

Figura 6.5. – Catena di Riferibilità per la verifica dei Contatori di Energia Termica

Volendo stimare l’incertezza totale di un Contatore di Calore vanno fatte alcune


osservazioni. Il contributo di incertezza della variazione della densità del fluido
termovettore al variare della temperatura e della pressione, applicando la legge di
propagazione delle incertezze [33, 34], può essere scritto:

111
6. L’allegato MI-004: Contatori di Calore

2 2
⎛ ∂ρ ⎞ 2 ⎛ ∂ρ ⎞ 2
Iρ 2
=⎜ ⎟ Ip +⎜ ⎟ Iϑ
⎝ ∂p ⎠ ⎝ ∂ϑ ⎠
con i coefficienti di sensibilità, rispettivamente uguali a:
∂ρ 1 ⎛ ∂v ⎞ 1
= − 2 ⎜ ⎟ = kϑ
∂p v ⎝ ∂p ⎠ϑ v

∂ρ 1 ⎛ ∂v ⎞ 1
=− 2⎜ ⎟ =− β
∂ϑ v ⎝ ∂ϑ ⎠ p v

La valutazione dei coefficienti elastici (kϑ e β) del fluido termovettore è, pertanto


un’utile indicazione dell’errore commesso nel ritenere costante la densità del fluido
termovettore, ρ. Valori tipici di variazione di questi coefficienti per l’acqua, nei due
possibili stati termodinamici di utilizzo nell’applicazione, sono rioportati nella
tabella 6.2., da cui si evince che, solo nel caso di vapore surriscaldato, la variazione
della densità al variare della pressione non è trascurabile:

β kϑ
[%/°C] [%/bar]
Liquido 0,05 ≅0
Vapore Surriscaldato 0,2 5

Tabella 6.2. – Valori tipici di variazione dei coefficienti β e kϑ per l’acqua

La variazione del calore specifico, cp, anche nel caso di vapore surriscaldato non
supera mai lo 0,1 %/°C, per cui nelle equazioni precedenti è lecito utilizzare i valori
medi nell’intervallo delle temperature di esercizio.
Trascurando quindi l’incertezza associata alla determinazione di Ki e del tempo di
integrazione, l’incertezza associata alla misura dell’energia termica è funzione del
solo prodotto tra la portata volumetrica q e la differenza di temperatura ∆ϑ.
Applicando al prodotto Q=q·∆ϑ la legge di propagazione delle incertezze [33, 34] si

ottiene iQ = iq + i∆ϑ , dove:


2 2 2

- iQ 2 incertezza relativa associata alla misura di energia Q

112
6. L’allegato MI-004: Contatori di Calore

- iq 2 incertezza relativa associata alla misura di portata volumetrica q

- i∆ϑ 2 incertezza relativa associata alla misura della temperatura ϑ

Inoltre, sempre per la legge di propagazione delle incertezze applicata ad una misura
per differenza, si ottiene:

Iϑin 2 + Iϑout 2
i∆ϑ =
2

∆ϑ 2
Utilizzando valori tipici di incertezza nel caso di misura della temperatura con
termocoppia o termoresistenza si possono utilizzare i seguenti valori:
- Iϑ=±(0.15+0,002⋅ϑ) per una termoresistenza Pt100 al Platino, [29];
- Iϑ=±0,5 °C per una termocoppia tipo “T” grado speciale, [29].
La Direttiva MID all’allegato MI-004 fissa tra le grandezze caratteristiche il rapporto
∆ϑmax / ∆ϑmin > 10 , tra la massima e la minima differenza di temperatura del fluido
termovettore, nel rispetto delle incertezze massime previste.
Per quanto riguarda la misura della portata, teoricamente essa può essere effettuata
con qualunque tecnica, ma nella pratica la scelta si riduce ai misuratori volumetrici,
del tipo a turbina o elettromagnetici. L’incertezza tipica dei suddetti misuratori
volumetrici è variabile con la portata, ed è compresa, nel campo di applicazione dei
Contatori di Calore, tra il 2÷3% V.L., per crescere esponenzialmente alle portate più
basse.
Per questo motivo la MID fissa tra le grandezze caratteristiche anche la qi, intesa
come la portata in volume più piccola che transita attraverso il sensore di portata e
alla quale il Contatore di Calore deve rispettare l’incertezza prescritta.
Volendo stimare un ipotetico bilancio di incertezza in condizioni di funzionamento
normali, ipotizzando l’uso di 2 termoresistenze al platino Pt500 per la misura del ∆ϑ
e assumendo un’incertezza sulla misura della portata volumetrica pari a iq = 3% V.L.
possiamo determinare l’incertezza totale di un Contatore di Calore come di seguito
riportato, considerando una temperatura di mandata, ϑin = 90°C e una temperatura di
ritorno, ϑout= 60°C, tramite la [14] si ottiene:

113
6. L’allegato MI-004: Contatori di Calore

Iϑin = ± ( 0,15 + 0, 002 ⋅ ϑ ) = ±0,33 °C


Iϑout = ± ( 0,15 + 0, 002 ⋅ ϑ ) = ±0, 27 °C

Iϑin 2 + Iϑout 2 0,332 + 0, 27 2


i∆ϑ = =± ⋅100 = ±1, 4%
∆ϑ 2 302
iQ = ± iq 2 + i∆ϑ 2 = ± 0, 032 + 0, 0142 = ±0, 033 = ±3,3%

Tenendo anche conto dell’incertezza dovuta all’integrazione temporale e di


moltiplicazione per il coefficiente volumico Ki, si comprende che l’incertezza totale
di un Contatore di Calore, per una differenza di temperatura del fluido termovettore
maggiore di 20°C, può essere compresa tra il 3÷4%. Questo valore risulta di
conseguenza comparabile con il EMP definito dalla Direttiva MID per questa
categoria di strumenti.
Per la realizzazione di una verifica metrico legale di un contatore di calore occorre
quindi realizzare un impianto capace di realizzare l’intero processo metrologico
descritto, ossia:
- flusso di fluido termovettore “caldo” a temperatura elevata (circa 80-90 °C),
con un pozzetto per la misura per confronto della temperatura di mandata con
una termoresistenza campione di riferimento;
- realizzazione di una utenza termica, o di un sistema adeguato di dispersione
del calore (ad esempio per radiazione);
- flusso del fluido termovettore “freddo” e punto di inserzione del misuratore di
portata del contatore di calore (su un tratto rettilineo adeguatamente
sviluppato a monte e a valle del misuratore);
- pozzetto termometrico per la realizzazione del confronto tra la temperatura di
ritorno misurata dal contatore in verifica con una termoresistenza campione
di riferimento;
- misura della portata di riferimento, eventualmente per metodo gravimetrico o
per confronto con un misuratore campione di portata.
La difficoltà di realizzazione di un impianto con le sopradescritte caratteristiche
risiede nelle dimensioni dello stesso, dovendosi garantire per la verifica le condizioni
in ingresso ed uscita stazionarie con flusso monodimensionale.

114
6. L’allegato MI-004: Contatori di Calore

Le quantità di fluido termovettore per garantire le suddette condizioni risultano di


conseguenza elevate e, altrettanto elevata è la portata della bilancia da utilizzarsi per
il metodo gravimetrico per la misura della portata.
Le condizioni di riferimento possono essere garantite più semplicemente con un
impianto di sola acqua “fredda”, e con una coppia di bagni termostatati per la
verifica dei misuratori della temperatura di mandata e di ritorno, con l’indubbio
vantaggio di realizzare le condizioni stazionarie del flusso in maniera più semplice
sul solo ramo “freddo”, sul quale viene anche installato il misuratore di portata.
Nella Figura 6.6. che segue si riporta lo schema di un banco per la taratura di
misuratori di portata di acqua in corso di caratterizzazione nell’ambito di una
convenzione di ricerca con la Società IPL sas di Napoli.

Figura 6.6. - Impianto di caratterizzazione per misuratori di portata. Società IPL Sas di Napoli

L’impianto in questione garantisce la riferibilità metrologica per metodo


gravimetrico attraverso l’utilizzo di 5 misuratori massici tipo Coriolis e l’obiettivo

115
6. L’allegato MI-004: Contatori di Calore

finale della convenzione di ricerca è il raggiungimento dell’accreditamento SIT per


la taratura di misuratori di portata massica e volumetrica (attraverso sistemi riferibili
per la misura della massa volumica).
Le potenziali prestazioni metrologiche dell’impianto (in corso di verifica e
sperimentazione) sono dettagliate nella tabella che segue:

Incertezza
Strumenti in
Grandezza Campo di misura relativa Note
taratura
(*)

109 ÷ 1088 (kg/h)


Trasduttori di 1361 ÷ 13607 (kg/h)
Portata portata in mezzo 4355 ÷ 43548 (kg/h) 0,5 %
liquido 27216 ÷ 272160 (kg/h)
272160 ÷ 544320 (kg/h)

(*) Le incertezze di misura sono espresse come due volte lo scarto tipo (corrispondente, nel caso
di distribuzione normale, ad un livello di confidenza di circa il 95%)

Tabella 6.3 – Convenzione di Ricerca con la Società IPL sas di Napoli.


Tabella delle prestazioni metrologiche dell’impianto per la taratura di
misuratori di portata di liquidi in corso di sperimentazione e verifica.

L’utilizzo del metodo gravimetrico potrà consentire anche il raggiungimento di


livelli di incertezza più bassi di quelli indicati in tabella (fino anche allo 0,2-0,3%).
Nelle condizioni di riferimento sopra descritte si riesce pertanto ad operare con
sistemi che potenzialmente garantiscono le seguenti prestazioni in termini di
incertezza:
- incertezza sulla temperatura di mandata, circa ± 0,15 °C
- incertezza sulla temperatura di ritorno, circa ± 0,15 °C
- incertezza sulla misura di portata (metodo gravimetrico), circa ± 0,5%
Il bilancio di incertezza complessiva sulla misura del calore, se si esclude il
contributo di incertezza della centralina di elaborazione (determinazione di Ki e del
tempo di integrazione) diviene quindi pari a:

116
6. L’allegato MI-004: Contatori di Calore

Iϑin = ±0,15 °C
Iϑout = ±0,15 °C

Iϑin 2 + Iϑout 2 0,152 + 0,152


i∆ϑ = =± ⋅100 = ±0, 7%
∆ϑ 2 302
iQ = ± iq 2 + i∆ϑ 2 = ± 0, 0052 + 0, 007 2 = ±0, 033 = ±0,8%

Di conseguenza risulta rispettata la condizione di cui al rif. OIML R75-2:2002 par.


6.3., in cui si richiede di effettuare la verifica con un sistema di prova capace di
garantire un incertezza estesa, calcolata secondo la norma ENV 13005, con un fattore
di copertura k=2, corrispondente ad un intervallo di confidenza di circa il 95%, pari
al massimo ad 1/5 del EMP, che per questa categoria di strumenti, come detto, può
essere assunto variabile tra il 3ed il 5%.

117
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

Capitolo 8

L’allegato MI-005:
Sistemi di misura per la misurazione continua e
dinamica di quantità di liquidi diversi
dall'acqua

I misuratori volumetrici rappresentano storicamente una delle categorie più utilizzate


nelle misure legali di liquidi diversi dall’acqua e, per questo motivo, sono oggetto di
una diffusa standardizzazione nazionale ed internazionale [43, 44, 45, 46, 47, 48].
La verifica periodica di carattere metrico legale dei contatori di volume per
carburanti è generalmente più complessa della taratura in laboratorio a causa della
necessità di operare direttamente in campo senza talvolta poter disconnettere lo
strumento dalla rete. Tutto ciò rende spesso difficile garantire un'incertezza inferiore
ai limiti di tolleranza prescritti dalla normativa [1].
In questo capitolo sono descritte:
− le principali metodologie di taratura e verifica (gravimetrica e volumetrica
per confronto) dei serbatoi campione di volume utilizzati sul campo per il
controllo legale dei misuratori volumetrici di liquidi diversi dall’acqua,
particolarmente diffusi nel campo della contabilizzazione dei volumi nelle
transazioni commerciali e nell’accertamento fiscale dei prodotti petroliferi;
− la metodologia (volumetrica per confronto) per la verifica periodica dei
misuratori di volume installati sugli erogatori di carburante.

118
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

La verifica dei misuratori di carburanti

La normativa nazionale vigente prima della MID prevedeva che tutti i misuratori di
carburante usati nelle transazioni commerciali fossero soggetti a due tipi di
verificazioni: la verifica prima (in fabbrica e/o sul campo), da effettuarsi prima
dell'immissione sul mercato, e la verifica periodica, da effettuarsi successivamente
alla messa in servizio per accertare il mantenimento nel tempo delle caratteristiche
metrologiche.
La Direttiva MID stabilisce le regole per la sola verifica prima (esame del tipo).
La verificazione prima risulta essere un atto obbligatorio per gli strumenti nuovi da
effettuarsi, prima della loro vendita o messa in uso in commercio. Le operazioni ad
essa connesse si considerano completate e formalizzate con l'apposizione dei bolli
metrici (un primo bollo a stemma riportante il numero dell'ufficio verificatore ed un
secondo contenente il numero identificativo dell’ispettore verificatore che ha
eseguito l’operazione).
In Italia, l’obbligo di verificare e di legalizzare gli strumenti è stato introdotto con il
Testo Unico delle leggi sui pesi e sulle misure [46], integrato successivamente nel
1902 dal Regolamento per la Fabbricazione dei Pesi e delle Misure per Pesare e per
Misurare [47] e solo negli ultimi 30 anni., modificato dalle Direttive Europee
recepite mediante appositi D.P.R. La legge 236/91, che modifica il Testo Unico,
prevede la possibilità per i Fabbricanti Metrici di verificare e legalizzare i propri
strumenti in maniera autonoma. Questa possibilità si è concretamente realizzata con
1'emanazione del DL 179/2000 [14], che disciplina la verifica prima degli strumenti
direttamente a cura e responsabilità del fabbricante, secondo i principi di garanzia
della qualità della produzione e secondo la procedura di conformità metrologica.
Relativamente alla verifica periodica, la Direttiva MID come noto lascia agli Stati
Membri la facoltà di provvedere ai controlli finalizzati ad accertare il mantenimento
nel tempo delle caratteristiche metrologiche e, inoltre, di fissare criteri e periodicità
degli interventi per l'esecuzione di tali verifiche.

119
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

In alcuni Stati Europei tali accertamenti vengono effettuati con periodicità non
prefissata, per altri vengono fissate di anno in anno le categorie di utenti i cui
strumenti saranno sottoposti a verifica. In Italia la verificazione periodica è stata
modificata ed integrata con il DL 182/2000 [15]. Quest'ultimo decreto ha apportato
innovazioni sostanziali rispetto alla normativa precedente, stabilendo una periodicità
biennale di verifica per i complessi di misura per carburante. Un ulteriore elemento
innovativo riguarda la possibilità. di delegare con condizioni e modalità prestabilite,
la verificazione periodica a laboratori accreditati dalle Camere di Commercio ed
operanti in conformità alla ISO 17025 [11]. Tale delega costituisce sicuramente
un'importante novità nel campo della metrologia legale in Italia, in quanto i controlli
sugli strumenti in servizio sono sempre stati di esclusiva competenza degli Uffici
Metrici Provinciali delle Camere di Commercio.
Gli EMP in verifica periodica, sono uguali a quelli previsti in verifica prima a
differenza di quanto accade per le altre tipologie di strumenti dove viene
generalmente fissato un EMP pari al doppio di quello previsto in verifica prima.

I requisiti MID per i Misuratori di Carburante

Il fabbricante deve specificare le condizioni di funzionamento nominale dello


strumento, in particolare:
- deve rispettare la condizione sul rapporto tra Qmax e Qmin 10:1 per gas non
liquefatti e 5:1 per gas liquefatti;
- deve indicare le proprietà del liquido che lo strumento deve misurare
precisando il nome o il tipo del liquido o le sue caratteristiche peculiari, vale
a dire: i) intervallo di temperature, ii) intervallo di pressioni, iii) intervallo di
densità, iv) intervallo di viscosità.
In tabella 7.1 sono riportati gli errori massimi permessi (all. MI-005) per la
verificazione dei misuratori di liquidi diversi dall' acqua per volumi non inferiori a
due litri. Gli errori massimi permessi (EMP) in Italia e nell'Unione Europea per gli

120
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

strumenti di misura dei carburanti (sono in classe 0,5 – rif. Tabella 5 allegato MI-005
MID, Messa in Servizio) sono dello 0.3% V.L. per quanto riguarda il misuratore, e
dello 0.5% V.L per quanto riguarda l'intero sistema di misura.

Classi di precisione
0,3 0,5 1 1,5 2,5
Sistemi di Misurazione (A) 0,30% 0,50% 1,00% 1,50% 2,50%
Misuratori (B) 0,20% 0,30% 0,60% 1,00% 1,50%

Tabella 7.1- Errori massimi tollerati nella verificazione dei misuratori di liquidi diversi
dall' acqua per volumi non inferiori a due litri

Tuttavia, indipendentemente dalla quantità misurata, l'errore massimo permesso è


pari al maggiore dei seguenti due valori:
- il valore assoluto dell'errore massimo permesso riportato nella tabella 7.1;
- il valore assoluto dell'errore massimo permesso per la quantità minima
misurata (Emin).
Per le quantità minime misurate superiori od eguali a due litri, si applicano ambo le
condizioni seguenti:
- Emin deve soddisfare la condizione: Emin≥2 R, dove R è il più piccolo
intervallo di scala del dispositivo indicatore.
- Emin è dato dalla formula: Emin=(2MMQ)×(A/100), dove MMQ è la quantità
minima misurata e A è il valore numerico specificato nella riga A della
tabella 7.1.
In caso di conversione delle indicazioni gli errori massimi tollerati sono quelli
riportati alla riga A della tabella 7.1.
Per quanto riguarda i disturbi, l'effetto di un'interferenza elettromagnetica in un
sistema di misurazione deve rispettare una delle condizioni di seguito elencate:
- la variazione del risultato della misurazione non supera il valore di variazione
critico;

121
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

- l'indicazione del risultato della misurazione mostra una variazione


momentanea che non può essere interpretata, memorizzata o trasmessa come
un risultato della misurazione; inoltre, nel caso di sistemi interrompibili, ciò
può significare anche l'impossibilità di effettuare misurazioni;
- la variazione del risultato della misurazione è superiore al valore di
variazione critico, nel qual caso il sistema di misurazione deve consentire di
recuperare il risultato della misurazione immediatamente antecedente al
verificarsi del valore di variazione critico e di interrompere il flusso.
Il valore di variazione critico equivale al maggiore tra 1/5 dell’EMT per una
specifica quantità misurata, e Emin.
Il Fabbricante deve effettuare una una prova adeguata di durabilità, tenendo conto
del periodo di tempo stimato, e deve risultare che la variazione del risultato della
misurazione successiva alla prova di durabilità se raffrontata al risultato iniziale di
misurazione non deve superare l’EMT per i misuratori nella riga B della tabella 7.1.
L’Accertamento di Conformità prevede, la scelta di una delle quattro opzioni:
- (B) Esame del tipo + (D) Garanzia qualità della produzione;
- (B) Esame del tipo + (F) Verifica su prodotto;
- (H1) Garanzia qualità totale con controllo della progettazione;
- (G) verifica di un unico prodotto.

Problematiche di taratura dei Misuratori di Carburante

Nella figura 7.1. che segue si riporta la tipica catena di riferibilità per un misuratore
di carburante. La verifica dei suddetti strumenti viene effettuata per confronto con
serbatoi campione di volume, con l’effettuazione di alcune misure ausiliarie
(temperatura, massa/volume, pressione, umidità relativa), non sempre semplici e
fattibili in sede di verifica, e con l’adozione di un’opportuna tecnica, in funzione
delle finalità della verifica e del relativo livello di incertezza per essa richiesto.

122
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

INRIM

Centro SIT

Umidità
Temperatura Volume Massa Pressione
Relativa

Serbatoio Campione di Volume I Linea

Serbatoio Campione di Volume di Lavoro

Distributori di Carburante

Figura 7.1. – Catena di riferibilità per i misuratori di carburante

La taratura di un serbatoio campione di volume (Figura 7.2.) [45], a sua volta,


consiste sostanzialmente nel determinare il volume o la correzione al volume
nominale della cavità interna del serbatoio nonché nel valutare l'incertezza associata
al volume.

123
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

Figura 7.2. – Serbatoio campione di volume e relativa scala graduata di lettura

Affinché i dati ricavati dall'operazione di taratura abbiano la massima corrispondenza


con l'utilizzo cui lo strumento è effettivamente destinato, la stessa taratura dovrebbe
essere eseguita nelle effettive condizioni di esercizio, vale a dire entro il campo dei
valori previsti di temperatura ed utilizzando lo stesso fluido di esercizio. Nella
pratica, a causa della variabilità dei carburanti utilizzati e della complessità
procedurale nella taratura con fluidi tossici e/o infiammabili, si utilizza acqua come
fluido di prova.
Il massimo errore permesso per i misuratori di carburante in verifica risulta, come
detto, inferiore allo 0,3%; di conseguenza la verificazione di tali strumenti può essere
effettuata solo con campioni aventi un’ incertezza di misura non superiore ad 1/5
dell'EMP (pari a 0,3%), e quindi inferiori allo 0.06 % VL. Tali caratteristiche
possono essere ottenute eseguendo la verifica con misure campione di capacità. La

124
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

legislazione nazionale relativamente alle misure campione di capacità prevede un


EMP non superiore allo 0,04%VL contro l'errore previsto dalla OIML R120 non
superiore allo 0,05%VL [43]. Un fattore vincolante, pertanto, è l'incertezza di misura
associata alla taratura della misura campione di riferimento utilizzata.
In Italia, a meno di non riferirsi direttamente all'Istituto Primario INRIM di Torino, è
possibile tarare serbatoi campione di volume da 1 e 5 L con un’incertezza (k=2) pari
a ±0,12%, da 10 L con un’incertezza pari a ±0,06%, oltre 10 e fino a 2000 L con
un’incertezza pari a ±0,03% e oltre 2000 e fino a 25000 L con un’incertezza pari a
±0,035% [5].
Queste incertezze sono solo di poco inferiori all’errore massimo permesso, il che
rende assolutamente critica la costruzione di una gerarchia di campioni interni, per
l'inevitabile propagazione dell'incertezza dovuta alle operazioni di taratura e
confronto. I metodi attualmente usati per la taratura dei serbatoi campione sono:
- metodo geometrico: per i grandi recipienti di forma regolare (e.g. gasometri)
e si basa sulla misura geometrica delle dimensioni interne del recipiente;
- metodo gravimetrico, utilizzato in laboratorio per misure di piccole o medie
capacità: si basa sulla misura gravimetrica della massa apparente di acqua
pura (con densità nota) necessaria a riempire (svuotare) il serbatoio campione
incognito fino a un livello di riferimento;
- metodo volumetrico (o comparativo): viene utilizzato per cisterne, serbatoi e
capacità e si basa sul confronto del volume del recipiente in prova con quello
dì una capacità campione precedentemente tarata: la misura viene effettuata
travasando il volume di un fluido (generalmente acqua deionizzata) dal
campione al serbatoio in prova, o viceversa.
Nel seguito si riporta una breve descrizione dei tre metodi sopra descritti.

125
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

Metodo gravimetrico

Il metodo gravimetrico consiste nella determinazione della massa del liquido di


riempimento; a tale scopo è sufficiente utilizzare acqua per uso di laboratorio (tipo
III o IV) con conducibilità non superiore a 10-4 S/m, libera da gas disciolti e metalli
pesanti. La determinazione della massa avviene in aria e viene corretta tenendo conto
sia della spinta archimedea sia degli effetti derivanti dalle variazioni della
temperatura di riferimento. Le condizioni ambientali di riferimento sono:
- temperatura ambiente (20±2) °C;
- umidità relativa (50±10)% UR.
Si noti però che le condizioni di riferimento per la temperatura sono diverse per
ciascun liquido di prova: in particolare per i prodotti petroliferi ed a base di alcool la
temperatura di riferimento è fissata pari a 15°C [49].
In figura 7.3. si riporta un’immagine della stazione sperimentale di prova allestita e
presso il laboratorio LAMI dell’Università di Cassino per la caratterizzazione e
validazione del metodo gravimetrico.

Figura 7.3. – Configurazione sperimentale di prova metodo gravimetrico

126
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

La misura della massa in aria viene generalmente eseguita mediante il metodo della
doppia sostituzione semplice [50, 52]., allo scopo di minimizzare gli effetti di non
linearità e di deriva della bilancia elettronica utilizzata. Sono utilizzati allo scopo una
serie adeguata di campioni di massa in classe F1 [51].
La misura della massa netta di acqua in aria (con la correzione dovuta alla spinta
archimedea ed alle dilatazioni termiche) è data dall’equazione [49]:

⎛ ρa ⎞ ⎛ ρ ⎞
ρ wVT 0 [1 + β T (tT − t 0 )]⋅ ⎜⎜1 − ⎟⎟ = (m F − m E ) ⋅ ⎜⎜1 − a ⎟⎟
⎝ ρw ⎠ ⎝ ρm ⎠
Dove:
- βT, coefficiente di dilatazione cubica del serbatoio in taratura [°C-1];
- ρa, massa volumica dell’aria alla temperatura t, [Kg/m3];
- ρw : massa volumica dell’acqua, [Kg/m3];
- ρm : massa volumica dei campioni di massa utilizzati, [Kg/m3];
- mFC : massa convenzionale serbatoio in prova pieno, [Kg];
- mEC : massa convenzionale relativa alla misura vuota, [Kg];
- ∆m: misura della massa netta convenzionale mFC - mEC , [Kg];
- tT : temperatura dell’acqua utilizzata come liquido di prova al momento della
determinazione, [°C];
- t0 : temperatura di riferimento, [°C];
- VT0: volume della misura in prova alla temperatura di riferimento t0, [L].
Da cui tenendo conto della relazione intercorrente tra i valori di massa reale e
convenzionale (ossia il corrispondente valore di una massa equivalente con massa
volumica ρm = 8000 kg/m3 alle condizioni di riferimento T=20°C e con ρa = 1,2
kg/m3, massa volumica di riferimento dell’aria normale) si ha [49]:
⎡⎛ 1,2 ⎞ ⎤
⎢ ⎜1 − 8000 ⎟ ⎥
(mF − mE ) = (mFC − mEC )⎢ ⎝ ⎠ ⎥ = 0.99985 ⋅ (mFC − mEC )
⎢ 1 − 1,2 ⎥ ⎛ 1,2 ⎞
⎢ ⎥ ⎜⎜1 − ⎟⎟
⎣ ρ m ⎦ ⎝ ρ m ⎠

Pertanto, combinando le equazioni si può determinare il volume VT0 come:

127
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

⎛ ρ ⎞
⎜⎜1 − a ⎟⎟
0.99985 (m FC − mEC ) ⎝ ρ m ⎠
VT 0 = ⋅ ⋅
(ρW − ρ a ) [1 + β T (tT − t 0 )] ⎛ ρ as ⎞
⎜⎜1 − ⎟⎟
⎝ ρ m ⎠

L’equazione precedente, nel caso particolare ρ a = ρ as , si semplifica nella equazione:

0.99985 (mFC − mEC )


VT 0 = ⋅
ρ w − ρ aS [1 + β T (tT − t0 )]
Ai fini dello studio della propagazione dell’incertezza l’ultima equazione può essere
approssimata nel modo seguente:

(mFC − m EC ) ⎡ ρ a − ρ aS ⎤
VT 0 = 0.99985 ⋅ 1− − β T (t T − t 0 )⎥
(ρ w − ρ a ) ⎢⎣ ρm ⎦
che rappresenta la relazione funzionale utilizzata per la valutazione del volume del
serbatoio campione.
Definita l’equazione della misura si passa alla stima dell’incertezza ad essa associata.
I contributi considerati sono:
- u(∆m), incertezza sulla massa netta convenzionale;
- u(ρw) u(ρa) u(ρm), incertezza sulla massa volumica dell'acqua, dell’aria e dei
campioni di massa utilizzati;
- u(βτ), incertezza sul coefficiente di dilatazione cubica del serbatoio;
- u(t), incertezza sulla misura di temperatura;
- incertezza sulla procedura utilizzata (questo contributo si può ritenere
trascurabile nel caso di una buona pratica di laboratorio);
Nel seguito si riportano i risultati della sperimentazione del metodo gravimetrico
effettuata presso il Laboratorio LAMI dell’Università di Cassino.

128
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

Riepilogo
Numero del Bollettino: 01
Cliente: LAMI
Sede di: Università di Cassino
Richiesta: 000/06
in data 21/03/06
Data della taratura: 07/04/06
Data di elaborazione: 14/04/06
Metodo di Taratura (gravimetrico/volumetrico): GRAVIMETRICO
Presso il Laboratorio Pa.L.Mer
Indirizzo del Laboratorio Via Casilina Nord, Km 68 Ferentino(Fr)
Esecutore della Taratura: Mattia del Mastro

Condizioni Ambientali
Temperatura all'inizio delle prove 20 °C
Pressione atmosferica 10100 Pa
umidità relativa dell'aria 45 %

Serbatoio in Taratura
Denominazione: Serbatoio Campione 20 litri
Capacità nominale 20 L EMP: 10 mL
Costruttore: Gibertini
Modello: 20 litri
N° matricola: 47008
Codice Interno: LAMI/001/vol
Classe di Precisione: 0,5
incertezza certificato taratura 0,024 L
estensione della scala di misura 71,4 mm con risoluzione 2 mm CONFORME
graduazioni della scala da 19,84 a 20,16 L CONFORME
passo della graduazione della scala 0,0025 L CONFORME
materiale di costruzione acciaio dolce
Coefficiente di dilatazione termica β T 0,0000336 1/°C
temperatura di riferimento 15 °C
incertezza di lettura relativa ad una capacità di discriminazione pari a 1 mm della scala
trattata come distribuzione rettangolare 0,002588 L

Tabella 7.2. – Metodo Gravimetrico: Bollettino di Taratura del Serbatoio Campione

129
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

Termometro utilizzato
tipo digitale
costruttore DELTA OHM
modello HD8901
matricola 070996B036
scala da -20 a 150 °C
risoluzione 0,1 °C
certificato di taratura del
incertezza estesa di tartura 0,1 °C
incertezza del termometro da
considerare nella propagazione
2
u 0,05 °C

Bilancia utilizzata
tipo elettronica
Classe di precisione II
costruttore Mettler Toledo
modello Mettler ID5
matricola 1999059
scala da 0 a 65000 g
risoluzione 0,001 Kg
certificato di taratura del
incertezza relativa di tartura 3,80E-06 % da 1Kg a 19,99Kg
9,20E-07 % da 20 Kg a 60 Kg

Campioni di massa utilizzati equivalenti al serbatoio vuoto


Valore
Valore
effettivo U [%] U[g] Classe matricola Certificato del
nominale [g]
[g]
50 50,000098 9,20E-07 4,60E-07
200 200,0002 6,50E-07 1,30E-06
200 200,0002 6,50E-07 1,30E-06
500 500,001 5,40E-07 2,70E-06
5000 5000,002 9,20E-07 4,60E-05
5 5,000023 3,80E-06 1,90E-07
1 1,000004 1,10E-05 1,10E-07
0,00E+00
Valori complessivi 5,956 5,956004 Kg
incertezza della massa campione da considerare nella propagazione in [g]
u 2,31E-08 Kg

Campioni di massa utilizzati equivalenti al serbatoio pieno


20000 19999,96 1,7E-06 3,40E-04
200 200,0002 6,50E-07 1,30E-06
200 200,0002 6,50E-07 1,30E-06
500 500,001 5,40E-07 2,70E-06
5 5,000023 3,80E-06 1,90E-07
5000 5000,002 9,20E-07 4,60E-05
0,00E+00
Valori complessivi 25,905 25,90497 Kg
incertezza della massa campione da considerare nella propagazione in [g]
u 1,72E-07 Kg

Tabella 7.3. – Metodo Gravimetrico: Strumentazione Utilizzata

130
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

Dati Sperimentali ed Elaborazioni

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 valori medi
Temperatura ambiente °C 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20,00 °C
Pressione atmosferica Pa 101300 101100 101100 101100 101100 101100 101100 101100 101100 101100 101100 101100 101116,67 Pa
umidità relativa dell'aria % 45 45 45 45 45 45 45 45 45 45 45 45 45,00 %
densità aria Kg/m^3 1,1996 1,1972 1,1972 1,1972 1,1972 1,1972 1,1972 1,1972 1,1972 1,1972 1,1972 1,1972 1,197 Kg/m^3
lettura massa tara Kg 5,956 5,956 5,956 5,956 5,956 5,956 5,956 5,956 5,956 5,956 5,956 5,956
coeff correttivo a 1,0000 1,0000 1,0000 1,0000 1,0000 1,0000 1,0000 1,0000 1,0000 1,0000 1,0000 1,0000
lettura massa lorda Kg 25,905 25,895 25,895 25,895 25,895 25,895 25,895 25,895 25,895 25,895 25,895 25,895
coeff correttivo b 1,0000 1,0004 1,0004 1,0004 1,0004 1,0004 1,0004 1,0004 1,0004 1,0004 1,0004 1,0004
lettura m' campione vuoto Kg 5,956 5,953 5,956 5,956 5,955 5,957 5,954 5,958 5,956 5,955 5,955 5,956
lettura m'' campione pieno Kg 25,904 25,896 25,895 25,892 25,893 25,896 25,891 25,894 25,895 25,893 25,891 25,889
Temp. Misura in prova °C 20 20,5 19,5 19,8 19,5 20,5 20 19,7 19,5 20,5 20,4 20,2 20,01 °C
densità H2O prova Kg/m^3 998,2067 998,1022 998,3087 998,2478 998,3087 998,1022 998,2067 998,2682 998,3087 998,1022 998,1233 998,1652 998,2050 Kg/m^3
massa apparente H2O g 19,9480 19,9530 19,9490 19,9460 19,9480 19,9490 19,9470 19,9460 19,9490 19,9480 19,9460 19,9430 19,9477 Kg
Volume L 20,0015 20,0083 20,0008 19,9988 19,9998 20,0043 20,0005 19,9985 20,0008 20,0033 20,0009 19,9972 20,0012 L

(m FC − m EC ) ⎡ ρ a − ρ aS ⎤
V T 0 = 0 . 99985 ⋅ 1− − β T (t T − t 0 )⎥
(ρ w − ρ a ) ⎢⎣ ρm ⎦
Il valore effettivo da associare alla misura in prova è 20,001 L
La correzione da applicare sulle letture effettuate è 1,2 mL
L'incertezza dovuta alla procedura seguita u= 0,00296 L
L'incertezza quadratica da propagare u2= 0,00001 L

Tabella 7.4. – Metodo Gravimetrico: Dati Sperimentali ed Elaborazioni

131
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

L’incertezza di taratura è determinata conformemente al documento EA-4/02 [33,


34], secondo lo schema rappresentato nella tabella seguente:

Misurando y=f(x1,x2,….,xn)

Incertezza tipo associata alla grandezza


u(xi)
d’ingresso xi
∂f
ci Coefficiente di sensibilità Ci=
∂xi
Contributo all’incertezza tipo
Incertezza tipo (composta) associata al risultato,
ui(y) uj(y) = cj u(xj)
della misura dovuta all’incertezza tipo u(xi)della
grandezza d’ingresso xi
N
u2(y)= ∑u 2
i ( y)
Incertezza tipo (composta) associata al i =1
u(y)
risultato della misura N
u(y)= ∑u
i =1
2
i ( y)

Incertezza estesa U(y) Incertezza estesa della misura U(y) = k u(y)


della misura k Fattore di copertura k

Tabella 7.5 – Procedimento per la Stima dell’incertezza

Nell’analisi del bilancio di incertezza del misurando si assume che non esista
correlazione tra le grandezze d’ingresso. L’incertezza estesa della misura U(y) = k
u(y) è stimata con un fattore di copertura k=2, corrispondente ad un intervallo
di confidenza di circa il 95 %.
Nella tabella che segue si riporta la descrizione analitica dei coefficienti di sensibilità
(ricavabili per derivazione dall’equazione della misura) e l’elaborazione puntuale
della stima dell’incertezza di misura per il metodo gravimetrico.

132
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

xi ci = ∂VT 0 / ∂xi ci (valori approssimati)

0.99985 ⎡ ρ a − ρ aS ⎤ I
∆m ⎢1 − − β T (tT − t 0 )⎥
(ρ w − ρ a ) ⎣ ρm ⎦ ρ w − ρ as
(mFC − mEC ) ⎡ ρ a − ρ aS ⎤ (mFC − mEC )
ρw − 0.99985 ⋅ 2 ⎢
1− − β T (tT − t 0 )⎥ −
(ρ w − ρ a ) ⎣ ρm ⎦ ( ρ w − ρ a )2
(m − mEC ) ⎡ ρ a − ρ aS ⎤ (mFC − mEC )
ρa 0.99985 ⋅ FC 2 ⎢
1− − β T (tT − t 0 )⎥
(ρ w − ρ a ) ⎣ ρm ⎦ (ρ w − ρ a )2
(m − m EC ) (m − m EC )
βT − 0.99985 ⋅ FC (t − t ) − FC (t − t )
(ρ w − ρ a ) T 0 (ρ w − ρ a ) T 0
(m − mEC ) (mFC − m EC )
tT − 0.99985 ⋅ βτ FC − βτ
(ρ w − ρ a ) (ρ w − ρ a )
(m − mEC ) ⎡ ρ a − ρ aS ⎤
ρm 0.99985 ⋅ FC ≅0
(ρ w − ρ a ) ⎢⎣ ρ 2 m ⎥⎦

Coefficiente di
Grandezza (xi) u ciui ci2ui2
sensibilità ci

∆m H2O 0,00100 4,17E-07 Kg 4,18E-10 1,75E-19

ρw -2,00677E-05 4,20E-02 Kg/m3 -8,43E-07 7,10E-13

ρa 2,00677E-05 4,80E-03 Kg/m3 9,63E-08 9,28E-15

βT -0,100204655 1,94E-06 1/°C -1,94E-07 3,78E-14

tT -6,72255E-07 5,00E-02 °C -3,36E-08 1,13E-15

Incertezza di lettura della scala 1 2,59E+00 mL 2,59E+00 6,70E+00

Incertezza di tipo A 1 2,96E+00 mL 2,96E+00 8,73E+00

Incertezza composta mL 3,92797


Incertezza estesa mL 7,85593
Incertezza relativa 0,04%

Tabella 7.6. – Metodo Gravimetrico: Coefficienti di sensibilità e stima dell’incertezza

133
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

Metodo “volumetrico fine”

Il metodo volumetrico consiste essenzialmente nel trasferimento di un volume noto


di liquido di prova (tipicamente acqua deionizzata) da una misura campione ad una
da tarare (o viceversa). Si può distinguere:
- metodo volumetrico fine in laboratorio, che presuppone lo svolgimento delle
attività di taratura in ambiente chiuso (climatizzato), e l'utilizzo di tabelle [53]
o relazioni per la determinazione della densità dell’acqua o di altri fluidi in
funzione della temperatura
- metodo volumetrico ordinario direttamente sul campo per i campioni in uso
su grandi impianti e prevede 1’utilizzo di valori medi sia del coefficiente di
dilatazione dei materiali utilizzati che della densità del liquido di prova.
Ai fini della valutazione dell’incertezza di taratura connessa al metodo comparativo,
si prenderà in esame il caso del metodo “volumetrico comparativo fine”.
L’ipotesi fondamentale è che la massa di liquido trasferita al serbatoio in taratura da
tarare, mT, sia uguale alla somma delle masse di liquido contenute nel campione di
riferimento, mc, a meno di altre trascurabili sostanze disciolte, mi, ossia:
mT + mi = ∑ mC i + mi

La differenza tra la temperatura di prova t e quella t0 alla quale il serbatoio campione


è stato tarato determina una correzione del volume del serbatoio in taratura VT0 e di
quello campione VC0 oltre che della massa volumica ρw dell' acqua.
Si può scrivere:
mT = ρ wT VT 0 [1 + β T (t T − t 0 )] = ∑ mCi = ∑ ρ wiVC 0 [1 + β C (t Ci − t 0 )]

Dove:
- β T , β C , coefficiente di dilatazione cubica del serbatoio in taratura e di
quello campione [°C-1];
- ρw, massa volumica dell’acqua [Kg/m3];
- mT , massa di liquido trasferita al serbatoio misurando [Kg];
- mC , massa di liquido nel serbatoio campione di riferimento [Kg];

134
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

- tT, temperatura dell’acqua utilizzata come liquido di prova al momento


della determinazione [°C];
- VC0, volume del serbatoio campione alla temperatura di riferimento t0
(metodo comparativo) [L].
Trascurando le variazioni temporali di temperatura e quindi della densità dell’acqua
di riempimento del campione ( ∑i ∆ρ Ci = 0 ), si può assumere, trascurando gli

infinitesimi di ordine superiore, che:

ρ wT VT 0 [1 + β T (tT − t 0 )] = VC 0 ρ wT ∑i [1 + β C (t Ci − t 0 )] =

= NVC 0 ρ wC
[N + ∑ β i C (tCi − t0 )]
[ (
= NVC 0 ρ wC 1 + β C t C − t 0 )]
N

dove si è indicato con t C =


∑t i Ci
, e con N il numero di travasi necessari che
N
scaturisce dal rapporto tra la capacità nominale del serbatoio in taratura e la capacità
nominale del serbatoio campione. Sviluppando l’equazione precedente si può quindi
scrivere:
[
ρ wT VT 0 [1 + β T (t T − t 0 )] = NVC 0 ρ wC 1 + β C t C − t 0 ( )]
da cui possiamo ricavare il valore del Volume del serbatoio in taratura, VT0, alla
temperatura di riferimento t0:

VT 0 = NVC 0
[ (
ρ wc 1 + β C t C − t 0 )]
ρ wT [1 + β T (t T − t 0 )]
Dove:
- β T , β C , sono i coefficienti di dilatazione termica del serbatoio in
taratura e di quello campione;

- ρ wc è la massa volumica media dell’acqua nel campione;

- ρ wT : massa volumica dell’acqua alla temperatura della prova;


- N: numero di travasi; rapporto tra il volume nominale del serbatoio in
prova ed il volume nominale del serbatoio campione;
- tT : temperatura dell’acqua utilizzata come liquido di prova al momento
della determinazione;

135
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

- t C : temperatura media dell’acqua nel serbatoio campione utilizzato;


- VC0 : volume del serbatoio campione alla temperatura di riferimento t0
(metodo comparativo).
L'errore della misura del serbatoio misurando è quindi [49]:

E = VTL − VT 0 = VTL − NVC 0


[ (
ρ wc 1 + β C t C − t 0 )]
ρ wT [1 + β T (tT − t 0 )]
dove con VTL si è indicato il volume letto sulla scala graduata del serbatoio
misurando.
Ai fini della valutazione dell'incertezza associata alla determinazione dell'errore E,
sviluppando in serie di Taylor e trascurando i termini di ordine superiore al primo
( )
(nell'ipotesi che β C t C − t0 << 1 e β T (tT − t 0 ) << 1 ), si può scrivere:

E ≅ VTL − NVC 0
ρ wc
ρ wT
[ ( )
1 + β C t C − t 0 − βτ (tT − t 0 ) ]
Per eliminare le correlazioni tra le diverse temperature misurate, nonché tra i
coefficienti di dilatazione termica, è possibile utilizzare le variabili
( )
δt = tT − t C = (t T − t 0 ) − t C − t 0 e δβ = βτ − β C :

ρ wc
E = VTL − NVC 0
ρ wT
[1 − β C δt − δβ (tT − t 0 )]
La equazione precedente è la relazione funzionale utilizzata per la valutazione
dell'errore nel caso di una taratura per comparazione fine.
Per la stima dell’incertezza associata alla misura si considerano i contributi di:
- u(VTL), incertezza di lettura che dipende dalla gradazione della scala;
- u(VC0 ), incertezza di taratura del campione;

- u(ρT), u( ρ C ) incertezza sulla massa volumica dell'acqua;

- u( δβ), u(βC) incertezza sui coefficienti di dilatazione cubica dei serbatoi


campione e misurando;
- u( δt), u(tT), incertezza sulle misure di temperatura
- incertezza sulla procedura (trascurabile nel caso di una buona pratica di
laboratorio).

136
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

Di seguito si riportano i risultati della sperimentazione effettuata presso il


Laboratorio LAMI dell’Università di Cassino.

Riepilogo

Numero del Bollettino: 01


Cliente: LAMI
Sede di: Università di Cassino
Richiesta: 000/06
in data 21/03/06
Data della taratura: 07/04/06
Data di elaborazione: 14/04/06
Metodo di Taratura volumetrico
Presso il Laboratorio Pa.L.Mer
Indirizzo del Laboratorio Via Casilina Nord, Km 68 Ferentino(Fr)
Esecutore della Taratura: Mattia del Mastro

Condizioni Ambientali
Temperatura all'inizio delle prove 20 °C
Pressione atmosferica 10100 Pa
umidità relativa dell'aria 45 %

Serbatoio in Taratura
Denominazione: Serbatoio Campione 20 litri
Capacità nominale 20 L EMP: 10 mL
Costruttore: Gibertini
Modello: 20 litri
N° matricola:
Codice Interno:
Classe di Precisione: 0,5
estensione della scala di misura 71,4 mm CONFORME
graduazioni della scala da 19,84 a 20,16 L CONFORME
passo della graduazione della scala 0,0025 L CONFORME
materiale di costruzione acciaio dolce
Coefficiente di dilatazione termica β T 0,0000336 °C
temperatura di riferimento 15 °C
incertezza di lettura relativa ad una capacità di discriminazione pari a 1 mm della scala
trattata come distribuzione rettangolare 0,002588 L

Tabella 7.7. – Metodo Volumetrico Fine: Bollettino di Taratura

137
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

Serbatoio Campione Utilizzato


Denominazione:
Capacità nominale 20 L
Travasi necessari (Vi/Vrif) 1
Costruttore: Gibertini
Modello: 20 litri
N° matricola: 47008
Codice Interno: LAMI/001/vol
Classe di Precisione: 0,5
Cert. di Taratura / Centro SIT: in data
capacità effettiva del campione V CO 20,001 L
incertezza estesa del campione U (VCO) 0,00805 L
estensione della scala di misura 71,4 mm
graduazioni della scala da 19,84 a 20,16 L
passo della graduazione della scala 0,005 L
materiale di costruzione acciaio dolce
coefficiente di dilatazione cubica β C 0,0000336 °C
temperatura di riferimento 15 °C
incertezza di lettura relativa ad una capacità di discriminazione pari a 1 mm della scala
trattata come distribuzione rettangolare 0,002588 L
incertezza d'uso del campione
da considerare per la propagazione 0,004784988 L

Termometro
tipo digitale
costruttore DELTA OHM
modello HD8901
matricola 070996B036
scala da -20 a 150 °C
risoluzione 0,2 °C
certificato di taratura del
incertezza estesa di tartura 0,15 °C
incertezza del termometro 0,08 °C

Tabella 7.8. – Metodo Volumetrico Fine: Apparecchiature Utilizzate

138
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

Dati Sperimentali

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12
t campione t campione t campione t campione t campione t campione t campione t campione t campione t campione t campione t campione valori medi
1 °C 20 20,5 19,5 19,8 19,5 20,5 20 19,7 19,5 20,5 20,4 20,2
2 °C
3 °C
Travasi effettuati
4 °C
5 °C
6 °C
7 °C
tmedio °C 20 20,5 19,5 19,8 19,5 20,5 20 19,7 19,5 20,5 20,4 20,2 18,47
densità H2O campione Kg/m^3 998,207 998,102 998,309 998,248 998,309 998,102 998,207 998,268 998,309 998,102 998,123 998,165 998,510
lettura misura in prova L 20,002 20,003 20,004 20,002 20,003 19,995 19,999 20,003 20,008 19,998 19,998 19,999
Temp. Misura in prova °C 20 20,5 19,5 19,8 19,5 20,5 20 19,7 19,5 20,5 20,4 20,2 20,01
densità H2O prova Kg/m^3 998,2067 998,102 998,309 998,248 998,309 998,102 998,207 998,268 998,309 998,102 998,123 998,165 998,205
errore L 0,001 0,002 0,003 0,001 0,002 -0,006 -0,002 0,002 0,007 -0,003 -0,003 -0,002

ρ wC
E = V TL − V To ≅ V TL − NV (1 + β C δ t − δβ (t T − t 0 ))
ρ wT
C0

L'errore medio da associare alla misura in prova è 0,00017 L


Il valore da associare alla misura in prova è 19,99983 L
La correzione da applicare sulle letture effettuate è -0,17 mL
Incertezza tipo A 0,00101 L

Tabella 7.9. – Metodo Volumetrico Fine: Dati Sperimentali ed Elaborazioni

139
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

Nelle tabella 7.10. e 7.11. sono riportati i coefficienti di sensibilità ci associati alla
generica grandezza xi e le relative stime dei contributi di incertezza, ottenuti
applicando la legge di propagazione delle incertezze [33, 34].

xi ci = ∂VT 0 / ∂xi
VTL 1
ρ wc
V0 −N
ρ wT
[1 − β C δt − δβ (tT − t 0 )] ≅ − N
ρ wC −
NVC 0
ρ wT
[1 − β C δt − δβ (tT − t 0 )] ≅ −
NVC 0
ρ wC
ρ wc
ρ wT − NVC 0
ρ wT
[
1 − β C δt − δβ (t T − t 0 )] ≅
NVC 0
ρ wT
ρ wc
βC NVC 0 δt ≅ NVC 0δt
ρ wT
ρ wc
tT NVC 0 δβ ≅ NVC 0δβ
ρ wT
ρ wc
δt NVC 0 β C ≅ NVC 0 β C
ρ wT
ρ wc
δβ NVC 0 (tT − t 0 ) ≅ NVC 0 (tT − t 0 )
ρ wT
α -----

Tabella 7.10 - Coefficienti di sensibilità nella stima dell’incertezza del metodo volumetrico fine

140
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

Grandezza
Coefficiente di sensibilità ci u ciui ci2ui2
(xi)

VTL 1 1 0,00258756 L 0,00258756 0,00258756

ρ wC
VCO −N (1 + β C δt − δβ (tT − t 0 )) ≅ − N -1 0,00478499 L -0,00478499 -0,00478499
ρ wT
1 NV
ρwC − NVC 0 (1+ β C δt − δβ(tT − t 0 )) ≅ − C0 -0,02003084 0,042 Kg/m3 -0,0008413 -3,3756E-07
ρ wT ρ wC
ρ wC NVC 0
ρwT − NVC 0 2 (1 + β C δt − δβ (tT − t 0 )) ≅ -0,02003697 0,042 Kg/m3 -0,00084155 -3,3787E-07
ρ wT ρ wT
ρ wC
βC NVC 0 δt ≅ NVC 0δt -30,7835904 1,9399E-06 1/°C -5,9717E-05 -0,05658958
ρ wT
ρ wC
δβ NVC 0 ≅ (tT − t 0 ) ≅ NVC 0 (tT − t 0 ) 100,171675 2,7434E-06 1/°C 0,00027481 2,75758213
ρ wT
ρ wC
δt NV β C ≅ NV βC 6,72E-04 0,11 °C 7,128E-05 3,2192E-11
ρ wT
C0 C0

ρ wC
tT NV δβ ≅ NV C 0 δβ 0,00E+00 0,08 °C 0 0
ρ wT
C0

incertezza di tipo A riscontrata durante le prove 1 0,00100629 0,00100629 0,00100629

u Incertezza composta mL 1643,107


U L'incertezza estesa da associare alla misura in prova mL 3286,214
Incertezza relativa 16,43%

Tabella 7.11. – Metodo Volumetrico Fine: Stima dell’Incertezza

Metodo comparativo ordinario

Il metodo per trasferimento di volumi viene utilizzato per la verificazione di grandi


capacità inserite in impianti di prova utilizzando come campione di riferimento una
misura riferibile con valore nominale dalle 5 alle 10 volte minore.
L'errore E è dato dall’equazione:
[ ] [
E = VTL ⋅ [1 + β T (t T − t 0 )] ⋅ 1 + α (t 0 − t T ) − ∑i VC 0 [1 + β C (t i − t 0 )] ⋅ 1 + α (t 0 − t i ) ]
in cui sì indicato con α il coefficiente di dilatazione cubica medio dell’acqua. Si può
semplificare sviluppando i prodotti e trascurando gli infinitesimi di ordine superiore:
[( ) (
E = (VTL − NVC 0 ) + N ⋅ VC 0 ⋅ βT − α (tT − t0 ) − β C − α tC − t0 )( )]

141
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

Anche in questo caso è possibile considerare come non correlate le differenze di


(
temperatura utilizzando δt = tT − t C = (tT − t 0 ) − t C − t 0 ) e δβ = β T β C ; di qui
sostituendo si ricava l’equazione semplificata della misura:
[ (
E = (VTL − NVC 0 ) + N ⋅ VC 0 ⋅ (tT − t 0 )δβ + β C − α δt)]
Per la stima dell’incertezza associata alla misura si considerano i contributi di:
- u(VTL), incertezza di lettura che dipende dalla gradazione della scala;
- u(VC0 ), incertezza di taratura del campione;
- u(δβ), u(βC) incertezza sui coefficienti di dilatazione cubica dei serbatoi
campione e misurando;
- u(δt), u(tT), incertezza sulle misure di temperatura;
- u(a), incertezza sul coefficiente di dilatazione cubica dell’acqua.
Applicando la legge di propagazione delle incertezze [33, 34], i coefficienti di peso ci
associati alla generica grandezza xi nella (2.17), sono riportati nella tab. 7.12.

xi ci = ∂VT 0 / ∂xi
VTL 1
V0 [ (
− N 1 − (tT − t 0 )δβ − β C − α δt )]
βC NVC 0δt
tT NVC 0δβ
δt (
NVC 0 β C − α )
δβ NVC 0 (tT − t 0 )

α NVC 0δt

Tabella 7.12 - Coefficienti di sensibilità nella stima dell’incertezza del metodo


volumetrico ordinario

142
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

La verifica dei misuratori di volume per carburante

I misuratori di volume installati sui distributori stradali di carburante sono


generalmente muniti di una pompa di aspirazione del prodotto; in alcuni casi tale
dispositivo è assente, in quanto nel sistema è presente una pompa sommersa inserita
nel serbatoio, che alimenta il circuito idraulico degli erogatori ad esso collegati.
L'elemento preposto alla misurazione del carburante è quindi il misuratore di tipo
volumetrico (vedi Figura 7.4) composto da una o più camere misuratrici, che può
essere munito di un dispositivo meccanico per la calibrazione. L'organo misuratore è
essenzialmente un motore idraulico mosso dal carburante, che viene fornito sotto
pressione dalla pompa. Il suo fine è quello di comandare il dispositivo indicatore, in
modo tale da ottenere una corrispondenza tra l'indicazione della testata indicatrice e
il volume erogato.

Figura 7.4 – Elementi di misura più diffusi per contatori di liquidi diversi dall’acqua:
a) ad anello rotante, b) a lamelle striscianti, c) a lobi (ruote ovali), d) a
tri-rotore, e) a bi-rotore, f) a disco nutante.

143
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

Nei complessi di misurazione muniti di testata di tipo meccanico, la trasmissione del


dato di misura avviene tramite un alberino di trasmissione. Per quelli muniti di
testata elettronica la trasmissione avviene tramite un generatore di impulsi (o pulser)
collegato al misuratore, da cui sono trasmessi meccanicamente i dati che vengono poi
trasformati in impulsi di tipo elettromagnetico, successivamente inviati alla CPU
della testata contometrica, che elabora gli impulsi e li trasforma in indicazione
volumetrica.
I complessi di misurazione più recenti sono muniti di dispositivi elettronici di
taratura/calibrazione. Essi consentono di correggere elettronicamente i misuratori,
evitando di agire meccanicamente sugli stessi. La correzione elettronica viene
effettuata introducendo un coefficiente di taratura, cioè il valore in centilitri da
attribuire ad ogni impulso generato (questa operazione non ha fini metrico-legali).
La verifica metrico legale di un misuratore di volume per carburanti consiste
sostanzialmente nell’accertare, con serbatoi campione “a collo stretto” descritti
precedentemente e tarati con garanzia della riferibilità ai campioni nazionali, che i
volumi indicati dalla testata corrispondano, entro i limiti del massimo errore
permesso (tabella 7.1) al volume effettivamente erogato.
Il metodo normalmente utilizzato per la verifica dei contatori di volume per
carburanti è il metodo volumetrico ordinario, con l’utilizzo dello stesso prodotto
erogato come liquido di prova (figura 7.5.).
L’errore del misuratore volumetrico in verifica è dato da E= Vm(t) - Vp(t), dove :
- Vm: indicazione testata;
- tm: temperatura del carburante erogato;
- t0: temperatura di riferimento;
- Vp: lettura del serbatoio campione;
- tp: temperatura del serbatoio campione;

144
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

Figura 7.5. – Procedura di verifica su un impianto di distribuzione carburante

Per la legge dell’espansione dei materiali, il volume della misura campione riferito
alla tamperatura di riferimento tp è pari a Vp(tp) = Vp [1 + β (tp-t0)], dove con β si
indica il coefficiente di espansione dei materiali. Il volume letto risulta quindi dato
da Vp(t) =Vp(tp) [1+α (tm -tp)], dove con α è il coefficiente di dilatazione del liquido
misurato (per la benzina pari a è circa 0,00121 °C-1 e per il gasolio 0,0008 °C-1).
Sostituendo si ricava Vp(tm) = Vp(tp) [1 + β (tp-t0) +α (tm-tp)] e, infine, l’errore del
misuratore, con la equazione della misura:
E(t) = Vm(tm) - Vp(tp) [1 + β (tp-t0) +α (t0-tp)]
Per la stima dell’incertezza di misura si considerano i seguenti contributi:
- u(Vp ), incertezza sul campione di riferimento
- u(β) e u(α), incertezza sui coefficienti di dilatazione cubica del serbatoio
campione e del liquido erogato, rispettivamente;
- u(tm), u(tp) incertezza sulle misure di temperatura;
Di seguito si riportano i risultati di una sperimentazione effettuata dal Laboratorio
LAMI dell’Università di Cassino su un impianto di distribuzione carburante.

145
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

Riepilogo
Numero del Bollettino: 01
Cliente: LAMI
Sede di: Università di Cassino
Indirizzo della ditta 000/06
Richiesta: 21/03/06
in data 07/04/06
Data della verifica: 14/04/06
Metodo di Taratura (gravimetrico/volumetrico): volumetrico
Presso la ditta Pa.L.Mer
Indirizzo della ditta Via Casilina Nord, Km 68 Ferentino(Fr)
Esecutore della verifica: Mattia del Mastro

Misuratore di volume

Marca
Tipo(meccanico/elettronico) elettronico
modello
Ragione sociale del fabbricante
N° Matricola
portata Max
omologato con
Anno di Fabbricazione
incertezza estesa da certificato 0,12%
Prodotto misurando benzina
coefficiente α [1/°C] 0,00121

Serbatoio Campione Utilizzato


Denominazione:
Capacità nominale 20 L
Costruttore:
Modello:
N° matricola:
Codice Interno:
Classe di Precisione:
Cert. di Taratura / Centro SIT: in data
capacità effettiva del campione V CO 19,9998 L
incertezza estesa del campione U (VCO) 0,00113 L
estensione della scala di misura 71,4 mm
graduazioni della scala da L
19,84 a 20,16
passo della graduazione della scala 0,005 L
materiale di costruzione acciaio dolce
coefficiente di dilatazione cubica β C 0,0000336 1/°C
incertezza di lettura relativa ad una capacità di discriminazione pari a 1 mm della scala
trattata come distribuzione rettangolare 0,002588 L
incertezza d'uso del campione
da considerare per la propagazione 0,00264853 L
temperatura di riferimento 15 °C

Termometro
tipo in vetro
costruttore
modello
matricola
scala da -20 a 102
risoluzione 0,2 °C
certificato di taratura del
incertezza estesa di tartura 0,15 °C
incertezza del termometro 0,0946 °C

Tabella 7.13 - Verifica Misuratore di carburante: Bollettino di Taratura

146
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

Raccolta Dati

Prove effettuate #1 #2 Dati medi


Lettura alla misura campione L C L 20,005 20,006 20,0055
Temp carburante nel campione t C °C 20 20,2 20,1
Lettura testata L t L 20 20 20
Temp carburante in cisterna t 18 18 18
Vol compensato del campione V C L 19,96 19,96 19,96
errore L 0,04 0,04
Esito della Verifica del Volume Erogato Conforme Conforme
Lettura iniziale totalizzatore L 123456769 123456789
Lettura finale totalizzatore L 123456789 123456809
Esito della Verifica dell'Erogazione Conforme Conforme

L'incertezza dovuta alla procedura seguita u= 0,001855 L


2
L'incertezza quadratica da propagare u = 0,000003 L

Tabella 7.14 - Verifica Misuratore di carburante: Dati Sperimentali ed Elaborazioni

Applicando la legge di propagazione delle incertezze [33, 34] i coefficienti di


sensibilità ci associati alla generica grandezza xi sono riportati nella Tabella 7.15.

xi ci = δET 0 / δxi
Vp − 1 − β (t p − t 0 ) − α (t t − t p )

β − V p (t p − t 0 )
α − V p (tT − tp )
tm − αV m t m
tp αV p − β V p

Tabella 7.15 - Coefficienti di sensibilità nella stima dell’incertezza per la verifica di


contatori di volume per carburanti, metodo volumetrico ordinario

147
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

Nella successiva tabella 7.16 si riporta la stima puntuale delle incertezze per la
verifica di un misuratore di carburante installato su un distributore.

Grandezza
Coefficiente di sensibilità ci u ciui ci2ui2
(xi)
Lt 1 1 0,012 L 0,012 0,000144
LC − 1 − β (t c − t 0 ) − α (t t − t C )] -0,997630 0,00264853 L -0,002642254 6,98151E-06

β − V c (t c − t 0 ) -101,786280 1,9399E-06 1/°C -0,000197455 3,89884E-08

α − V C (t T − tC ) -41,911998 6,9859E-05 1/°C -0,002927946 8,57287E-06


t − α L T
-0,024207 0,04732424 °C -0,001145561 1,31231E-06

tc α L C − β L C
0,02353447 0,04732424 °C 0,001113751 1,24044E-06
incertezza di tipo A 1 0,00185463 0,001854632 3,43966E-06
u Incertezza composta mL 12,86801373
U Incertezza estesa mL 25,73602746
Incertezza relativa 0,13%

Tabella 7.16 - Verifica Misuratore di carburante: Stima delle Incertezze

Nella tabella che segue si riporta il riepilogo delle prove effettuate, con indicazione
dei livelli di incertezza stimati con i metodi descritti.

Strumento in
Campo di
Grandezza taratura / Metodo Incertezze
misura
verifica
Serbatoio
Volume campione di 20 L Gravimetrico 0,04%
volume

Serbatoio
Volumetrico
Volume campione di 20 L 0,06%
fine
volume

Misuratori di
Volumetrico
Volume carburante 20 L 0,13%
ordinario
volumetrici

Tabella 7.18 - Campi di misura e incertezze di taratura per i metodi gravimetrico, volumetrico
fine ed ordinario

148
7. L’allegato MI-005 -Sistemi di misura per la misurazione continua
e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua

I valori in tabella relativi ai serbatoi campione di volume sono stati ottenuti in


laboratorio climatizzato e con l’applicazione di procedure rigorose e da parte di
personale molto qualificato (il laboratorio Palmer è accreditato SIT [5] con il n.85
nel settore della massa, il LAMI è accreditato SIT [5] per pressione, temperatura di
rugiada ed umidità). Essi rappresentano quindi un livello di elevata qualità della
misura e non facilmente riproducibile in altre realtà (es. laboratori riconosciuti
secondo il DL 182/2000 [15]). Si può notare che con il metodo volumetrico fine sui
serbatoi campione di volume si raggiunge un’incertezza compatibile solo sul
campione da 20 L. Infatti il valore riscontrato 0,06% risulta essere proprio pari ad 1/5
del EMP in verifica per i misuratori di carburante (0,3%).
Questo rapporto può essere migliorato utilizzando campioni di volume di taglia più
grande, in modo da abbassare il livello di incertezza percentuale propria del serbatoio
campione a livelli di maggiore sicurezza.

149
8. L’Allegato MI-007: Tassametri

Capitolo 8
MI-007: Tassametri

L’allegato MI-007 della MID definisce i requisiti cui debbono conformarsi i


tassametri ai fini della loro commercializzazione e/o messa in servizio.

Figura 8.1. –Tassametro

In vista dell’attuazione della Direttiva è già stata proposta [53] una procedura di
prova finalizzata alla verifica separata dei due strumenti di base costituenti un
tassametro: il cronometro e l’odometro.
Nel presente capitolo verrà illustrata una procedura concepita in sintonia con il
“nuovo approccio” introdotto dalla MID, finalizzata, alla verifica metrologica del
tassametro nel suo complesso, oltre che dei suoi singoli componenti. In particolare
verrà illustrata la metodologia di prova per l’analisi di conformità agli errori massimi
ammissibili per la misura [54]:
- del tempo trascorso;
- dello spazio percorso;
- del prezzo della corsa;
- del comportamento sotto l’effetto di alcune delle grandezze di influenza.

150
8. L’Allegato MI-007: Tassametri

I Requisiti della MID

I principali parametri di funzionamento di un tassametro sono [53, 54, 55]:


- Modalità di tariffazione:
- modo di calcolo normale S (applicazione singola della tariffa)
Calcolo del prezzo della corsa basato sull'applicazione della tariffa in
base alla durata al di sotto della velocità di cambio tariffa e
sull'applicazione della tariffa in base alla distanza al di sopra della
velocità di cambio tariffa.
- modo di calcolo normale D (applicazione doppia della tariffa)
Calcolo del prezzo della corsa basato sull'applicazione simultanea della
tariffa in base alla durata e della tariffa in base alla distanza per tutto il
percorso.
- Valore monetario dello scatto Vscatto (€)
- Costo iniziale Ci (€)
- Costante di costo del tempo kt (s/scatti)
- Costante di costo dello spazio ks (m/scatti)
- Costante del generatore del segnale odometrico K (impulsi/km).
Il valore della velocità di cambio tariffa è dato dal rapporto fra la costante di costo
dello spazio e la costante di costo del tempo. Per tutelare gli interessi del cliente, del
tassista, del datore di lavoro e delle autorità fiscali (in questo caso i Comuni), i
parametri di funzionamento dello strumento sono modificabili solo da installatori
autorizzati mediante l’accesso a memorie protette da opportune chiavi hardware.
La classe di ambiente meccanico applicabile è la M3.
La classe elettromagnetica applicabile è la E3.
Gli errori massimi tollerati debbono essere rispettati anche in presenza di
un'interferenza elettromagnetica. Il fabbricante deve specificare le condizioni di
funzionamento nominali dello strumento, e in particolare:
- un intervallo minimo di temperatura di 80 °C per l'ambiente climatico,

151
8. L’Allegato MI-007: Tassametri

- i limiti dell'alimentazione in corrente continua per cui lo strumento è stato


progettato.
Gli errori massimi tollerati, esclusi gli errori dovuti all'applicazione del tassametro in
un taxi, sono i seguenti:
- per il tempo trascorso: ± 0,1 %, valore minimo dell'EMT 0,2s;
- per la distanza percorsa: ± 0,2 %, valore minimo dell'EMT 4 m;
- per il calcolo del prezzo della corsa: ± 0,1 %, valore minimo, compreso
l'arrotondamento: corrispondente alla cifra meno significativa del prezzo
della corsa indicato.
Infine la Direttiva impone che al fine di evitare malintesi, lo strumento durante il
viaggio visualizzi il solo costo istantaneo della corsa e, al più, i minuti trascorsi.
Informazioni più dettagliate possono essere visualizzate o stampate in un secondo
momento.
L’Accertamento di Conformità prevede, la scelta di una delle tre opzioni:
- (B) Esame del tipo + (D) Garanzia qualità della produzione
- (B) Esame del tipo + (F) Verifica su prodotto
- (H1) Garanzia qualità totale con controllo della progettazione
In tutti i casi, quindi, gli Organismi Notificati ed i Fabbricanti devono essere in grado
di valutare attraverso prove di laboratorio l’aderenza del prodotto alle specifiche
richieste dalla Direttiva in termini di errori massimi ammissibili e di insensibilità alle
grandezze di influenza.

La Verifica del Tassametro

Per verificare quindi la conformità di un tassametro occorre disporre di uno


strumento di riferimento sul quale sia possibile impostare tutti i parametri descritti in
precedenza ai valori dell’apparecchio sotto test. Tale strumento di riferimento è stato
realizzato in forma “virtuale” mediante l’uso di un Personal Computer sul quale sono

152
8. L’Allegato MI-007: Tassametri

installate due schede Counter/Timer della National Instruments gestite in ambiente


MS Visual Basic.net mediante le librerie N.I. Measurement Studio.
La prima delle due schede genera due segnali di tipo TTL: il primo a frequenza
costante, il secondo a frequenza variabile secondo leggi preimpostate. La seconda
scheda conta il tempo, attraverso la lettura del segnale a frequenza costante, e lo
spazio attraverso la lettura del segnale a frequenza variabile. Infine un opportuno
codice di calcolo computa il costo e aggiorna il monitor del tassametro virtuale. Lo
strumento realizzato rappresenta soltanto un prototipo di strumento campione, non
essendo, allo stato, il personal computer e il suo sistema operativo inseribili in una
Catena di Riferibilità.

Figura 8.2. – Catena di Riferibilità per un Tassametro (stazione di verifica in


allestimento presso il laboratorio LAMI dell’Università di Cassino)

Il generatore di funzione consente la realizzazione di un “viaggio tipo” inviato in


ingresso al tassametro e all’analizzatore di stati logici per la registrazione. Il
confronto fra il costo esibito e quello atteso è realizzato off-line in corrispondenza di
opportuni istanti di tempo.

153
8. L’Allegato MI-007: Tassametri

Le prove sono condotte riprendendo con una telecamera il display del tassametro e il
monitor del computer e confrontando i valori monetari esibiti a intervalli di tempo
prefissati. La procedura prevede prove mirate a caratterizzare lo strumento con
riferimento alla bontà della misura del tempo, dello spazio e del funzionamento
complessivo durante una corsa tipo.
Tutte le prove sono eseguite sia in condizioni di funzionamento normale che in
condizioni perturbate. In particolare per quanto riguarda l’alimentazione elettrica le
prove oltre che al valore normale di 12 V sono ripetute anche a 9 e 16 V. Per quanto
riguarda l’ambiente meccanico le prove oltre che in condizioni statiche, vengono
ripetute anche dopo aver montato lo strumento su di uno shaker che impone una
vibrazione sinusoidale a frequenza costante lungo le tre direzioni principali.
Tutte le prove consistono nell’avviare simultaneamente il tassametro e lo strumento
di riferimento e nel filmare in opportuni istanti di tempo il costo esibito dai due
strumenti. A tal fine lo strumento virtuale esibisce anche i valori istantanei di tempo
e di spazio. La simultaneità dell’avvio è ottenuta mediante un dispositivo di trigger
per lo strumento virtuale asservito al segnale in tensione che esce dal tassametro in
prova e che è destinato all’illuminazione della luce di testa del taxi. Tale segnale non
appena il tassametro passa in modalità “occupato” passa dal suo valore tipico di 12 V
a un valore più basso, minore di 8 V, per spegnere la luce.
Di seguito sono descritte le prove effettuate durante la campagna di sperimentazione
presso L’Università di Napoli Federico II, nell’ambito del progetto PRIN 2004
Metodologie di attuazione della Direttiva MID sugli Strumenti di Misura.
1. Prova Tempo: in questo tipo di prova, nessun segnale odometrico viene inviato ai
due strumenti pertanto entrambi aggiornano il costo in base al solo tempo trascorso.
C (t ) = Ci + int(t / kt )Vscatto
A intervalli di tempo regolari lo scarto fra i valori esibiti dai due strumenti viene
confrontato con quello massimo ammesso dalla MID:
⎡ ⎛ 1 ⎞1⎤
∆C max (t ) = ± int ⎢max⎜ 0.2, t ⎟ ⎥Vscatto
⎣ ⎝ 1000 ⎠ kt ⎦

154
8. L’Allegato MI-007: Tassametri

2. Prova Spazio: questa prova viene eseguita generando mediante una delle schede
Counter/Timer un segnale a frequenza costante e inviandolo ai due tassametri. La
prova viene ripetuta adottando tre diversi valori di frequenza, tutti superiori al doppio
di quella corrispondente alla velocità di cambio tariffa, di modo che entrambi gli
strumenti aggiornino il costo in base al solo spazio percorso:
N impulsi
C ( s ) = Ci + int( S / k s )Vscatto , S= 1000
K
A intervalli di spazio regolari lo scarto fra i valori esibiti dai due strumenti viene
confrontato con quello massimo ammesso dalla Direttiva:
⎡ ⎛ 2 ⎞1⎤
∆C max ( s ) = ± int ⎢max ⎜ 4, s ⎟ ⎥Vscatto
⎣ ⎝ 1000 ⎠ k s ⎦

3. Prova Viaggio: questa prova consiste nell’inviare ai due tassametri una prefissata
sequenza temporale di frequenze in modo da simulare una corsa caratterizzata da
periodi di sosta e rapidi transitori di velocità. E’ stata assunta come sequenza delle
frequenze quella desunta applicando la costante odometrica al “ciclo urbano” di
velocità adottato dalle case automobilistiche per la stima dei consumi.

Figura 8.3. - Il ciclo utilizzato per la prova “viaggio”

155
8. L’Allegato MI-007: Tassametri

La prova viene ripetuta in entrambe le modalità di tariffazione previste dalla


Direttiva. Ad intervalli di costo regolari lo scarto fra i valori esibiti dai due strumenti
viene confrontato con quello massimo ammesso dalla Direttiva:
⎧ ⎡ 1 ⎤⎫
∆Cmax (t , s) = ± max⎨Vscatto , int ⎢C (t , s ) ⎬
⎩ ⎣ 1000 ⎥⎦ ⎭

La Sperimentazione Effettuata

Si riportano a titolo di esempio i risultati relativi alle prove descritte, condotte in


condizioni di funzionamento nominale (12 V, assenza di vibrazioni). La tabella 8.1.
riassume i valori impostati sullo strumento in prova, essi sono stati scelti in maniera
tale da aumentare la risoluzione dello strumento conservando, tuttavia, un valore
realistico della velocità di cambio tariffa che, nel caso in esame, è di 4 m/s (14.4
km/h).

Vscatto 0.01 €
Ci 0.00 €
kt (s/scatti) 1s
ks (m/scatti) 4m
K (impulsi/km) 4000
Modalità di tariffazione “singola”

Tabella 8.1. - Valori delle costanti del Tassametro

Naturalmente, lo strumento virtuale realizzato rappresenta solo un prototipo di


campione di riferimento; dalla analisi dei risultati (Figure 8.4, 8.5, 8.6) che seguono è
possibile trarre alcune interessanti conclusioni.
Il caso particolare riportato evidenzia il ruolo della prova “viaggio”; infatti, lo
strumento sottoposto a verifica:

156
8. L’Allegato MI-007: Tassametri

1. non è conforme con i requisiti della Direttiva MID per la misura “spazio” se
non per percorrenze superiori ai 4 km (Figura 8.4);

Figura 8.4. – Risultati della Prova “Spazio”

2. è conforme per la misura “tempo” accusando, nei primi minuti un lieve


ritardo iniziale e poi un anticipo (Figura 8.5);

Figura 8.5. – Risultati della Prova “Tempo”

3. la prova “viaggio”, della durata di appena 20 minuti a fronte delle due ore
della prova “tempo” e dei circa 50 minuti per la prova “spazio”, fornisce un
risultato di non conformità rispetto ai requisiti MID (Figura 8.6);

157
8. L’Allegato MI-007: Tassametri

Figura 8.6. – Risultati della Prova “Viaggio”

La metodologia proposta, e in particolare la prova “viaggio”, presenta due importanti


pregi:
- concorda con lo spirito della Direttiva MID che non entra nel dettaglio
tecnico costruttivo degli strumenti, ma piuttosto impone vincoli precisi in
termini di prestazioni globali (requisiti essenziali);
- consente la verifica di conformità in tempi più contenuti rispetto alle prove
tradizionali.
Lo sviluppo di una più ampia campagna sperimentale, da condurre su diversi
strumenti e con diversi valori dei parametri di funzionamento, permetterà la stima
puntuale dell’incertezza di misura e del rischio per lo strumento di operare fuori
specifica, attraverso l’impiego di opportuni codici di calcolo.

158
9. Conclusioni

9. Conclusioni

La Direttiva MID sugli Strumenti di Misura, approvata dal Consiglio di Europa nel
marzo del 2004 e definitivamente recepita in Italia nello scorso mese di marzo, ha
profondamente modificato il mondo della Metrologia Legale.
L’introduzione dei requisiti essenziali legati al tipo di misura piuttosto che ai singoli
modelli di strumento offre oggi ai Fabbricanti del settore una reale spinta per
l’innovazione dei prodotti e dei relativi processi produttivi.
Nelle categorie di strumenti analizzate nel presente lavoro di tesi sono state definite e
approfondite le rispettive catene di riferibilità metrologica, descritte le principali
procedure di verifica e taratura applicabili con le tecniche attualmente in uso e
riscontrate alcune criticità per una corretta applicazione dei requisiti della Direttiva
MID. Questi aspetti sono riassunti nella tabella 9.1. che segue.

Normative e Riferibilità Note / Criticità


Strumento
raccomandazioni tecniche Metrologica riscontrate

− normativa molto ben


sviluppata ed in
− garantita a livello di IMP
evoluzione;
e Centri SIT / EA;
MI-002 Contatori del gas − buona integrazione e
− EMP in verifica MID
reciprocità EN/OIML;
congruenti ed adeguati
− non esiste guida Welmec di
cross reference OIML/MID
− normativa CEI disponibile − garantita a livello di IMP;
Misura delle componenti
in maniera diffusa; − non esistono Centri SIT /
MI-003 Contatori di reattive.
− OIML R49 in revisione; EA;
energia elettrica attiva Aspetti relativi alla power
− non esiste guida Welmec di − EMP in verifica MID quality
cross reference OIML/MID congruenti ed adeguati
− normativa molto ben − garantita solo in maniera
sviluppata e di recente indiretta (volume e
Impianti costosi per la
MI-004 Contatori di revisione; temperatura);
verifica delle portate
calore − ottima integrazione e − incertezza di verifica al
volumetriche e massiche
reciprocità EN/OIML; limite della congruenza
− guida Welmec 8.14 con EMP in verifica MID

159
9. Conclusioni

Normative e Riferibilità Note / Criticità


Strumento
raccomandazioni tecniche Metrologica riscontrate

− normativa molto diffusa e


MI-005 Sistemi di misura spesso poco congruente
− garantita a livello di IMP
per la misurazione − in corso una
e Centri SIT / EA;
continua e dinamica dei razionalizzazione e
liquidi diversi dall’acqua − incertezza di verifica al
semplificazione dei
(distributori di limite della congruenza
documenti applicabili
con EMP in verifica MID
carburante) (OIML);
− guida Welmec 8.15
− mancanza di specifici
− garantita solo in maniera
banchi di verifica
In corso di pubblicazione la indiretta;
MI-007 Tassametri − automazione e
revisione della OIML R21. − EMP in verifica MID
sperimentazione della
congruenti ed adeguati
procedura di verifica

Tabella 9.1. – Norme, Riferibilità Metrologica e Criticità riscontrate per le categorie di


strumenti analizzate

Tra le criticità maggiori sicuramente, ad oggi, si riscontra la mancanza di Organismi


Notificati nazionali. Si può facilmente constatare [12] che numerosi Istituti ed
Organizzazioni a vario titolo in Europa hanno ottenuto la notificazione da parte dei
rispettivi Organismi Governativi ed Autorità Nazionali di Metrologia Legale, che
hanno in questo modo offerto alle proprie industrie nazionali l’opportunità di
cogliere la reale opportunità di crescita di competitività rappresentata dalla Direttiva.
Tra questi organismi compaiono numerosi Istituti Primari Nazionali (CMI della
Repubblica Ceca, NMI olandese, LNE francese, PTB tedesco) ed Autorità Nazionali
in Metrologia Legale (Belgio, Norvegia, Polonia, Slovenia, Slovacchia, Gran
Bretagna), oltre che il METAS Svizzero che, nell’ambito di un trattato di mutuo
riconoscimento, con un inusuale slancio di europeismo ha voluto non mancare al
tavolo dei principali attori della Metrologia Legale Europea.
In questo panorama l’assenza di Organismi Notificati italiani rappresenta, oltre che
un pericoloso segnale di debolezza del sistema metrico legale nazionale, un reale
ostacolo per l’industria nazionale degli strumenti di misura alla crescita ed alla libera
concorrenza sul mercato globale. E questo avviene proprio nel momento in cui si

160
9. Conclusioni

elevano con forza al rango di strumenti metrico-legali i cosiddetti utility meters


(contatori di acqua, gas, luce e calore), che rappresentano da soli sul territorio
comunitario un mercato potenzialmente enorme e per il quale le regole della
sorveglianza in esercizio dovrebbero garantire un ricambio continuo.
La riferibilità metrologica, aspetto fondamentale per garantire la conformità ai
requisiti essenziali della Direttiva, è garantita in Italia da parte della rete dei Centri
SIT in maniera solo parziale sulle 10 categorie di strumenti, come descritto nella
successiva tabella 9.2:

Strumento di Misura Centri SIT

MI-001 Contatori di acqua 1 – settore Volume


MI-002 Contatori del gas Nessuno
MI-002 Dispositivi di conversione del volume Nessuno
MI-003 Contatori di energia elettrica attiva Nessuno
MI-004 Contatori di calore Nessuno
MI-005 Sistemi di misura per la mis. continua e din.di liquidi diversi dall’acqua 4 – settore Volume
MI-006 – II Selezionatrici Ponderali
MI-006 – III Riempitrici Gravimetriche Automatiche 19 - settore Massa,
MI-006 –IV Totalizzatori a funzionamento discontinuo di cui 4 sulle bilance di elevata
MI-006 – V Totalizzatori a funzionamento continuo portata (fino a 100.000 kg)
MI-006 – VI Pese a Ponte per Veicoli Ferroviari
MI-007 Tassametri Nessuno
MI-008 – I Misure materializzate di lunghezza 39 - settore Lunghezza
MI-008 – II Misure materializzate di capacità 2 – settore Volume
MI-009 – I Strumenti per la misura della dimensione (lunghezza)
MI-009 – II Strumenti per la misura della dimensione (superficie) 39 - settore Lunghezza
MI-009 – III Strumenti per la misura della dimensione (multidimensionali)
MI-010 Analizzatori di gas di scarico 4 – settore Quantità di Sostanza

Tabella 9.2. – Centri SIT operanti nei settori di riferimento (o affini) delle 10 categorie di
strumenti MID

La situazione descritta in tabella da un lato evidenzia alcune aree metrologiche in cui


oggi a livello nazionale non è strettamente garantita la riferibilità ai campioni SI,
dall’altro ha comunque un immediato riscontro nella presenza di elevata competenza

161
9. Conclusioni

tecnica sul territorio (laboratori SINAL e SIT, Enti di Ricerca, Università e Parchi
Scientifici) e presso gli Istituti Primari (INRIM e ENEA), anche se non sempre in
maniera diretta sulla categoria di strumento MID ma in settori affini (es. metrologia
della temperatura e del volume per i contatori di calore).
In questo ambito un possibile miglioramento potrà essere garantito anche attraverso
l’applicazione più snella degli schemi dell’accreditamento flessibile già oggi previsto
dal SIT [5] e nella progressiva estensione degli accreditamenti SINAL [4] dei
laboratori coinvolti nei processi di dichiarazione della conformità. In nessun caso,
comunque, si potrà prescindere dall’effettuare le prove richieste dal piano di
qualifica presso laboratori accreditati secondo la ISO 17025 [11].
A tale proposito un segnale di positiva vitalità del sistema è dato dal recente
accreditamento SIT dei due Uffici Provinciali Metrici delle CCIAA di Asti (contatori
di acqua) e Catanzaro (masse e bilance).
E’ infine opportuno esporre qualche spunto di riflessione su alcune prospettive aperte
dal nuovo scenario determinato dalla Direttiva MID:
- è sempre più urgente attuare la regolamentazione introdotta dalle legge
236/91 sulla validità temporale dei bolli metrici,
- l’applicazione delle regole MID a tassametri ed ad analizzatori di gas
inquinanti può e deve essere fatta lasciando le competenze di verifica e
controllo agli Enti Locali, supportando però le validazioni e le riferibilità
necessarie con un sistema di laboratori terzi accreditati o universitari e/o di
ricerca che realizzino e disseminino le rispettive catene di riferibilità.
- aver elevato al rango di strumento legale il contatore dell’acqua, se da un lato
è la ovvia conseguenza della gestione aziendale della risorsa acqua, non più
bene sociale ma servizio, dall’altro delega ad uno strumento molto povero in
contenuti tecnologici, quale l’attuale contatore, un ruolo troppo delicato.
A tale riguardo, infatti, con un parco contatori di acqua installati di 28-30 milioni di
pezzi, la maggior parte obsoleti ed usurati, e con la quasi certezza che per gli attuali
modelli sul mercato la vita media stimata (numero di anni in cui le fasce
prestazionali MID sono garantite) è di soli 6 anni (così come ampiamente dimostrato

162
9. Conclusioni

dalle prove realizzate nel Centro SIT della CCIAA di Asti), va assolutamente fatto
uno sforzo di innovazione delle tecnologie, che da un lato garantisca un
allungamento dei tempi di funzionamento dei contatori e dall’altro consenta una
maggiore certezza ed affidabilità dei dati di misura nel tempo,.
Quanto detto vale per la contabilizzazione dell’acqua, ma può essere esteso, con le
relative proporzioni anche alla contabilizzazione di gas, all’elettricità ed al calore,
definendo opportunamente regole chiare per la sorveglianza in servizio [13].
In questo panorama, le tecnologie informatiche possono facilmente migliorare ed
armonizzare le interazioni dei principali processi della Metrologia Legale a
vantaggio degli attori del Sistema (Autorità Nazionale, Uffici Metrici Provinciali,
Ispettori ed Assistenti, Utenti e Fabbricanti Metrici, Consumatori, Laboratori
Riconosciuti), armonizzando i campi di intervento di ciascuno, in conformità con i
rispettivi ruoli istituzionali e con l’obiettivo di aumentare efficienza ed efficacia dei
processi della metrologia legale.

163
10. Bibliografia

10. Bibliografia

[1] Direttiva 2004/22/EC del parlamento Europeo e del Consiglio del 31 Marzo
2004 sugli Strumenti di Misura (Direttiva MID)
[2] DL n. 22 del 2 febbraio 2007 “Attuazione della direttiva 2004/22/CE relativa
agli strumenti di misura” (pubblicato sulla GU n. 64 del 17-3-2007- Suppl.
Ordinario n. 73
[3] http://www.oiml.org
[4] http://www.sinal.it
[5] http://www.sit-italia.it
[6] http://www.european-accreditation.org
[7] H.Stolz “PTB Procedure QM – MID Approval” 08/2007
[8] http://www.welmec.org
[9] UNI CEI EN 45011:1999 Requisiti generali relativi agli organismi che
gestiscono sistemi di certificazione di prodotti
[10] UNI EN ISO 9001:2000 Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti
[11] UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005, Requisiti generali per la competenza dei
laboratori di prova e di taratura
[12] http://ec.europa.eu/enterprise/newapproach/nando/
[13] Committee Draft (CD 2) OIML TC 3/SC 4, 2005 “Surveillance of utility
meters in service on the basis of sampling inspections”
[14] DL 28 marzo 2000, n.179 Regolamento recante norme di attuazione della
legge 29 luglio 1991, n. 236, in materia di pesi e misure. (GU n. 153 del 3-7-
2000)
[15] DL 28 marzo 2000, n.182 Regolamento recante modifica ed integrazione della
disciplina della verificazione periodica degli strumenti metrici in materia di
commercio e di camere di commercio. (GU n. 154 del 4-7-2000)
[16] R.A.Dudley “Internet Calibration” Handbook of Measuring System Design,
2005 (NPL – UK)
[17] M.Desrosiers et a. “e-Calibrations: using the internet to deliver calibration
services in real time at lower cost” Radiation Physics and Chemistry 63, 2002
759-763
[18] http://www.antennametrologica.it
[19] M.Dell’Isola, M. Diritti, G.Ficco, M. Mosca “Il progetto Antenna
Metrologica”, SINERGY 2003, Rimini, 5-8 novembre 2003, EIDOS,
num.01/04, pp. 67-70, 2004
[19b] G.Bongiovanni, G.Ficco, G.Molinar, P. Vigo Il nuovo approccio della
Direttiva MID sugli Strumenti di Misura e l’ICT al servizio della Metrologia
Legale” in Atti del Convegno Metrologia & Qualità, 2007, Torino, 14-16
marzo 2007

164
10. Bibliografia

[20] Direttiva del Consiglio CEE n. 71/318 del 26 luglio 1971 concernente il
ravvicinamento delle legislazioni degli stati membri relativa ai contatori di
volume di gas.
[21] D.M. 31 Luglio 1952, n. 324138 Campana Gasometrica tipo Kromshroder
[22] D.M. 13 Agosto 1956, n. 207834 Campana Gasometrica tipo Kromshroder
[23] Legge 29 luglio 1991, n.236 Modifica alle disposizioni del testo unico delle
leggi sui pesi e sulle misure, approvato con regio decreto 23 agosto 1890, n.
7088, e successive modificazioni
[24] F. Vulovic, Etalonnage et vèrification des compteurs de volume de gaz,
Techniques de l’Ingénieur, R 2000
[25] UNI CIG 7987:1979 Contatori di gas: Termini e definizioni,
[26] UNI-CIG 7988:1986 Contatori di gas: Prescrizioni di sicurezza e
metrologiche),
[27] Norma UNI-CIG 7988:1990 Errata Corrige,
[28] UNI-EN 1359:1998 / A1:2006 Misuratori di gas a membrana
[29] EN 60751:1996 Industrial platinum resistance thermometer sensors
[30] Regio Decreto 12 Giugno 1902, n. 226, art. n. 41 Apparecchi per la
verificazione dei misuratori del gas
[31] P. Giacomo, 1982 Metrologia 18 33-40 - Equation for the Determination of the
Density of Moist Air
[32] S. Davis, Documento BIPM - Updating the Formula for the Equation of state
of moist air, 1981/91, Metrologia Vol 29 pp. 67-70, 1992
[33] EA-4/02:1999 Expressions of the Uncertainty of Measurements in Calibration
[34] UNI CEI ENV 13005:2000 Guida all’espressione dell’incertezza di misura
[35] G. Bucci, C. Liguori: “Energy and power measurement”, Wiley & Son.
Enciclopedia Interattiva MeasureMentor Giugno 2004
[37] G.N.Stenbakken, T.L. Nelson, T.L. Waltrip, D.I. Bergman ”NIST program for
traceable power and energy measurements under non-sinusoidal waveform
conditions” Power Engineering Society General Meeting, 2003, IEEE ,
Volume: 1 , 13-17 July 2003 pp 96-97 Vol. 1
[36] P.N. Miljanic “Power and energy meters and their calibration” Precision
Electromagnetic Measurements, 1994. Digest., 1994 Conference on , 27 June-1
July 1994 pp 235-237
[37] G.Betta, M.Dell’Isola, A.Frattolillo, “Experimental design techniques for
optimising measurement chain calibration”, Measurement(2001)
[38] M.Dentice d’Accadia, M.Sasso, S.Sibillio, R.Vanoli, “Applicazioni di
energetica”(1999)
[39] UNI EN 1434-1:2007 “Contatori di calore”
[40] OIML R75-1:2002 “Heat meters”
[41] ISO 5167:2000 “Misurazione della portata dei fluidi per mezzo di dispositivi a
pressione differenziale. Diaframmi, boccagli e venturimetri inseriti in condotti
chiusi a sezione circolare”
[42] ISO 9951:1993 “Measurement of gas flow in closed conduits - Turbine meters”
[43] OIML R120:1996, Standard capacity measures for testing measuring systems
for liquids other than water,

165
10. Bibliografia

[44] OIML R 117:1995, Measuring systems for liquids other than water,
[45] AAVV, Measurement Canada, Calibration and Certification of Volumetric
Standards, 2005
[46] Regio decreto n. 7088, Approvazione del testo unico delle leggi sui pesi e sulle
misure nel Regno d'Italia n. 6991, 23 agosto 1890.
[47] Regio decreto n. 226, Regolamento per la fabbricazione di strumenti metrici,
1902
[48] D.P.R. 12 novembre 1958 n. 1215, Modificazioni e aggiunte al regolamento
per la fabbricazione dei pesi e delle misure e degli strumenti per pesare e per
misurare,
[49] M.Dell’Isola, A.Frattolillo, P.Vigo, G.Ardimento, R. Gaudiosi, Problematiche
di verifica dei contatori di volume per liquidi diversi dall’acqua, in 56°
Congresso Nazionale ATI, 2001
[50] SIT/Tec-004/03:2004 Linea guida per la taratura del valore convenzionale di
massa dei corpi fisici,
[51] OIML R111-1:2004 Weights of classes E1, E2, F1, F2, M1, M1–2, M2, M2–3
and M3 Part 1: Metrological and technical requirements,
[52] C. Lachance, Gravimetric Calibration of Volumetric Standards, Measurement
Canada Vol.T.P. 003, 1999
[53] www.mid-procedures.org;
[54] F.Angrilli, S.Debei, R.Brancati, F.Crenna, G.Ficco, M. Panero, R. Russo Verso
l’Attuazione della Direttiva Strumenti di Misura della Comunità Europea: una
Procedura di Prova per la Verifica di Conformità dei Tassametri, in Atti del
Convegno Metrologia & Qualità, 2007, Torino, 14-16 marzo 2007
[55] OIML R 21: 1973 – Taximeters

166