Sei sulla pagina 1di 509

Fabrizio De Andre'

SCRIVIMI

(banners by CSassi)

Omaggio a Fabrizio De André: la discografia, i testi, le immagini, le copertine, il tema del desktop, le skins, la
classifica, la bibliografia e tutto quello che serve agli appassionati di Fabrizio De André.

Sono Walter(pi) e mantengo questo sito con la collaborazione di Pierpaolo Tremolanti, Oreste Borri, Elena
Pala, Claudio Sassi, Lucio Mura, Alessandro Ghiotto, G. Giorgetti, Marco Blasi, Paola Gulminelli e gli
"scrittori" su NG (Ric e Franco in modo particolare) ed ML dedicate a Fabrizio De Andrè

clicca x ingrandire

http://www.viadelcampo.com/ (1 of 7)23/05/2005 18.35.34


Fabrizio De Andre'

www.writeup.it
Rivista on-line, primo numero dedicato a Faber

E' stato pubblicato il bando del 4° Reggio Film Festival, quest'anno dedicato a
Fabrizio De André (www.reggiofilmfestival.it) - cliccca sull'immagine per piu'
info.

COSI' SPLENDIDO E VERO - Mostra itinerante usabile...

http://www.viadelcampo.com/ (2 of 7)23/05/2005 18.35.34


Fabrizio De Andre'

EVENTI VERIFICATE ANCHE SUL SITO DELLA FONDAZIONE

NOTA: LE INFORMAZIONI QUI CONTENUTE SONO AL MEGLIO DELLE MIE POSSIBILITA - SONO SEMPRE POSSIBILI
INESATTEZZE

MAGGIO
Umbre de muri, con Napo e Corsi
GENOVA - Teatro della Gioventù di
26 http://www.lemusenovae.it/
Genova umbredemuri/date.htm
Commemorazione di Fabrizio al
Liceo Classico Colombo, scuola
da lui frequentata. Verrà posta una
27 16:30 Genova - Liceo Classico Colombo
targa ed interverranno Dori
Ghezzi, Max Manfredi, Piero
Milesi e altri.
Giornata Nazionale Lotta contro l'Ictus
27 21:00 Napoli ..Teatro Trianon cerebrale - Renato Franchi &
Orchestrina del Suonatore Jones
Urago Mella (Bs) - Apertura Festa
27 21:30 Corrente di Ali
dell'Oltremella
27 21:30 Campo Canneto (Parma) i Kinnara in concerto
Circolo M.C.L. "Villa Maria" - Medicina Concerto in memoria di Fabrizio De
27 21:00
(BO) - locandina André
Volta la carta 2005 - "Lunfardia ed
altre storie" recital di Roberto
Ferri. Spettacolo su brani di Brel,
27 21:00 Sasso Marconi, Teatro Comunale G. Marconi Brassens,De Andrè. Cantautore
italo/francese,grande amico di
Dori e Fabrizio,
Danilo 3392309012
28/05 Padova, Ex Fornace Carotta, Omaggio a Fabrizio De André
06/06 Via Siracusa 61 Discografia, bibliografia e altro
"Faber e Frances", spettacolo scritto
Bordighera, Centro culturale polivalente ex
e diretto da Virginia Consoli e
28 21:00 chiesa anglicana, Via Regina Vittoria - Via
dedicato a Fabrizio De André e allo
Primo Maggio - locandina
scrittore Francesco Biamonti
Volta la carta 2005. " Il disordine
dei sogni" Kinnara in concerto.
28 21:00 Sasso Marconi, Teatro Comunale G. Marconi Cover-band tra le piu' seguite ,in
uno splendido tributo a Fabrizio
De Andrè.
Volta la carta 2005: "... Figli
dell'uomo, fratello anche mio" -
dibattito/concerto partecipano
Romano Giuffrida-saggista,
29 21:00 Sasso Marconi, Teatro Comunale G. Marconi
Brunetto Salvarani-teologo e Don
Alessandro Santoro della
Comunità Le Piagge di Firenze.
Brani eseguiti da Alessio Blve.
29 21:00 La Loggia (TO) - Festival Musica Etnica Khorakhané

http://www.viadelcampo.com/ (3 of 7)23/05/2005 18.35.34


Fabrizio De Andre'

29 Dolcè (piazza Roma) Mercantinfiera


Revignano d'Asti (AT), Cascina dell'Orto Ho visto Nina Volare: Concerto dei
29 15:30
(davanti alla casa di Bicio...) Khorakhané
Renato Franchi & Orchestrina del
29 Saronno ..inaugurazione sede Cgil
Suonatore Jones
Fabensemble - Info e programma
Palco Principale - al TAM TAM di Mira
29 21:00 completo: http://www.srazz.com/
(VE) - (Parco Valmarana)
tamtam2005.htm
22-23 ottobre Novegro Vinilmania

27
Lettere Caffè di Roma, via di san "Chi guarda Genova", dedicata a
Francesco a Ripa, 100 canzoni di De Andrè e Fossati

GIUGNO
01 21:00 Teatro Antonianum - Padova La cattiva strada

Monza(Mi) area ex Macello Via Renato Franchi & Orchestrina del


01
Mentana…Festa De L'unità Suonatore Jones
Renato Franchi & Orchestrina del
02 16:00 S.Vittoreolona (Mi) Campo sportivo
Suonatore Jones
Milano Piazza Greco, Festa del quartiere
02 21:00 The Spoon River band
omonimo (Greco)
Renato Franchi & Orchestrina del
02 21:00 Circolo Arci Foppenico Calolziocorte (Lc)
Suonatore Jones
04 Badi (BO) - "Signora Libertà" 2 ed. La cattiva strada
Renato Franchi & Orchestrina del
10 Varese, Piazza Garibaldi
Suonatore Jones
Concerto a sostegno di Emergency
10 21:30 Pavia, Spaziomusica (via Faruffini),
The Spoon River band
Concerto a sostegno di Radio Sol
11 21:00 Parabiago (MI), Villa Corvini, Mansi-Guinea Bissau The Spoon
River band
12 21:00 Racconigi - Piazza Vittorio Veneto (CN) Khorakhané
12 21:00 Passirano (BS) Corrente di Ali
17 Varese Corrente di Ali
Belgioioso (PV), Parco del Castello,
17 21:00 Concerto nell'ambito del Belgioioso The Spoon River band
Festival
Casalbuttano ricorda De André.
Mostra su De André.
16:00 CASALBUTTANO (CR) ore 21. "IL VANGELO SECONDO DE
Sala d'oro Biblioteca comunale. Piazza Turina ANDRE' ". Incontro con Paolo Ghezzi,
17
ore 16 Inaugurazione mostra tematica . La direttore del quotidiano "L'ADIGE".
21:00 mostra è aperta anche sabato 18.6
Ingresso gratuito Informazioni e
prenotazioni 348/7321723
18 Varese Corrente di Ali

http://www.viadelcampo.com/ (4 of 7)23/05/2005 18.35.34


Fabrizio De Andre'

Renato Franchi & Orchestrina del


18 21:00 Valdarno ( Va ) Corte dei Massari
Suonatore Jones
Casalbuttano ricorda De André. "A
FORZA DI ESSERE VENTO":
spettacolo in due tempi tra De Andre',
Montale e Vangeli Apocrifi con
Ensemble Franziska - For Steps
Choir - Scuola di Samba
18 21:00 piazza Libertà a Casalbuttano(CR): Batebalengo. Voci recitanti: Mara
Baronti e Roberto Alinghieri. Canto:
Pietro Sinigaglia. Direzione,
arrangiamenti e progetto: Gloria
Clemente.
Ingresso euro 8,00. Informazioni e
prenotazioni 348/7321723
18 Varese Umbre de muri.
7°- edizione Rassegna nazionale
della canzone d'autore Renato
23 Milano ..Teatro LittA..Chanssonier
Franchi & Orchestrina del
Suonatore Jones
"Tra terra e mare, un viaggio
nel 'viaggio' della canzone
24 21:30 Montechiaro D'Asti (AT)
d'autore." Khorakhané - Tributo a
Fabrizio De André
Festa de l'Unità..campo sportivo..Solaro Renato Franchi & Orchestrina del
24
(Mi) Suonatore Jones
Montalbano Vecchia Osteria ( Lc) - Renato Franchi & Orchestrina del
25 15:00
Sposalizio popolare - a invito Suonatore Jones
(da confermare): Zibido S. Giacomo (MI),
25 in occasione dell'inaugurazione del nuovo The Spoon River band
Centro Civico in frazione S. Pietro Cusico
26 Campogalliano (MO) Umbre de muri
"Tra terra e mare, un viaggio
nel 'viaggio' della canzone
26 21:30 Montechiaro d'Asti (AT)
d'autore." Massimo Bubola in
concerto
29 21:30 Montramito (Lucca) Kinnara
LUGLIO
2 21:30 GARLENDA (SV) Raduno Fiat 500 - Khorakhané
8 21:00 Mongrando (BI) - Festa in piazza Khorakhané
Cenate Sotto (BG) ore 21, manifestazione
9 organizzata da Emergency sezione di The Spoon River band
Bergamo
16 21:00 Brusson (AO) - Festa in piazza Khorakhané
16 21:30 MONTEPRANDONE (AP) PIAZZA Carodeandré
20 21:30 CASTEL DI LAMA (AP) PIAZZA Carodeandré
21 Bezzecca (TN) Mercantinfiera
24 Trieste Corrente di Ali

http://www.viadelcampo.com/ (5 of 7)23/05/2005 18.35.34


Fabrizio De Andre'

Albaredo d'Adige (VR) presso Campo


29 Mercantinfiera
della Fiera
30 21:00 Torre Pellice (TO) Khorakhané - Festa dell'Unità
31 21:00 Rivergaro (PC) Festa in piazza Khorakhané
15/8 21:30 Grottammare (AP) Piazza FAZZINI Carodeandré

SETTEMBRE
L'Orchestrina del Suonatore Jones e l'associazione "Amici della corte" di Castellanza(Va)
informaNO che Domenica 4 settembre 2005 si terrà la seconda edizione della RASSEGNA-
TRIBUTO a FABER .."Mille anni al mondo e mille ancora" aperta a musicisti , band e
4
altre forme espressive.
Chi fosse interessato a partecipare o ad avere ulteriori informazioni è pregato di telefonare
al 335 7185266 o inviare un mail a martafra@libero.it

Se avete voglia di
scrivere un
commento o firmare
il libro degli ospiti,
eccolo

Uno dei pochi posti dove trovare i vinili di De André


Se pensate di iscrivervi fatelo da questo link... :-))

Ultimo aggiornamento: Maggio 2005

http://www.viadelcampo.com/ (6 of 7)23/05/2005 18.35.34


Fabrizio De Andre'

http://www.viadelcampo.com/ (7 of 7)23/05/2005 18.35.34


Collaborazioni

COLLABORAZIONI

Come tutti sanno le canzoni di De Andrè sono state cantate da moltissimi interpreti (qui ne
listeremo alcuni). Ma forse non tutti conoscono la vastità delle collaborazioni sui dischi
altrui.
Fabrizio De Andrè ha scritto canzoni specificatamente per altri ed ha prestato la sua voce a
canzoni scritte da altri. Se non ci credete eccoveli..

Collaborazioni sui testi o le musiche senza cantare

1965: Stringendomi le mani (F.De André) - KARIM, su 45 giri di Giuliana Milan


1969 Le strade del mondo / Cammino .. e piango - Miura su 45 giri di Laura Olivari e dell'orchestra di
G.P.Reverberi (U.Simonetta - E.Vaime - F.De André - G.P.Reverberi)
1968 I VIAGGI DI GULLIVER - Musiche di F. De Andrè e G.P. Reverberi, testi di Umberto Simonetta
ed Enrico Vaime per l'omonima trasmissione TV - registrato a Milano nell'aprile 1968. Cantano Arturo
Corso, Anna Nogara, Giancarlo Dettori, Sandro Massimini, Il Grandissimo Coro dei Piccolissimi, .
1968: album "Senza orario senza bandiera" dei New Trolls. De Andrè ha partecipato (come autore) a
quasi tutte le canzoni dell'album.
1970 Le strade del mondo/ Junior su 45 giri di Leda (U.Simonetta - E.Vaime - F.De André - G.P.
Reverberi)
1972: A famiggia di Lippe (Campodonico - De André) e Ballata triste [A canson do balilla] (Petrucci -
De André) nell'album di Pietro Parodi "Pietro Parodi canta Zena".
1980: Canzone "La famosa volpe azzurra", di De Andrè-Bardotti-Cohen, nell'album "Ricetta di donna"
di Ornella Vanoni (De André non canta).
1987: Film "Topo Galileo", di Beppe Grillo. Fabrizio De Andrè firma la colonna sonora, insieme a
Mauro Pagani. Non pubblicata su LP/CD. Da verificare. Ho visto recentemente questo film e non ho
colto questa collaborazione.
1995: Canzone "Cose che dimentico" (C. De Andrè - F. De Andrè- Facchini), nell'album Sul confine di
Cristiano De Andrè. Fabrizio partecipa come autore (non canta).
1995: Canti Randagi, le canzoni di Fabrizio De ANdrè in napoletano, occitano, nizzardo, romagnolo,
toscano, friulano, lombardo, sardo, piemontese, calabrese, genovese, inglese
1999: "Aia de respia' - Genova canta De Andrè". Doppio cd, costo lire 29000. Lista titoli e due
commenti.

Collaborazioni dove Fabrizio presta la sua voce

1981: "Tre rose" di Massimo Bubola (canta nei cori). E' un pò difficile sentire Fabrizio nei cori. Ad un
attento ascolto, a mio parere si può sentire il timbro della voce di Fabrizio De Andrè nella parte finale
della canzone Hoa-Io'-Io'. Fuori catalogo.
1985: "Volare", "MusicaItalia per l'Etiopia" è il nome di una formazione musicale di 22 artisti (tra i
quali Fabrizio De Andrè. Il ricavato di questo disco era destinato alla popolazione dell'Etiopia. Fuori
catalogo.

http://www.viadelcampo.com/html/collaborazioni.html (1 of 3)23/05/2005 18.36.16


Collaborazioni

1988: Canzone "Questi posti davanti al mare" di Ivano Fossati, cantata con Fossati e De Gregori -
bellissima, sul CD "La pianta del té", di Ivano Fossati. Credo sia una delle canzoni più belle disponibili
sul mercato.
1990: Canzone "Genova Blues" (di Baccini-De Andrè), nell'album Il pianoforte non è il mio forte, di
Baccini. Ripresa nella raccolta "Baccini and "Best Friends" (ed. CGD). Qui De Andrè canta con
Baccini.
1991: Canzone "Davvero davvero" (di M. Pagani - M. Bubola - M. Pagani) nell'album di Mauro Pagani
"Passa la bellezza" (ed. Philips). Mauro Pagani è un musicista bravissimo, ma quando nella sua
canzone "entra" Fabrizio succede qualcosa di magico.Fuori catalogo.
1991: Club Tenco "La guerra di Piero", incisa sul CD Roba di Amilcare.
1992: Canzone "Pitzinnos in sa gherra" (come autore, di Marielli-De André), e "'Etta abba, Chelu", di
L. Marielli (come voce nel coro sardo) nell'album dei Tazenda Limba (ed. Visa Record). Fuori catalogo.
1992: Canzone "Navigare" (G. Manfredi - F. De André - R. Gianco) nell'album di Ricky Gianco
Piccolo é bello. Ripresa nell'album "Tandem". De André canta come seconda voce.
1992: Canzone "Don Raffaé" (di De André - Pagani - Bubola), cantata insieme a Roberto Murolo,
nell'album "Ottantavogliadicantare", di R. Murolo (ed. CGD). Fuori catalogo.
1994: Canzone "La fiera della Maddalena" (di M. Manfredi), nell'album MAX di Max Manfredi della
BMG Ariola. Qui canta insieme a Max, e quando "entra" Faber è di nuovo magia. Fuori catalogo.
1995: Canzone "Mis amour" sul CD de Li Troubaires De Coumboscuro intitolato "A toun
soulei" (etichetta Target). De André canta con Dori Ghezzi. Vedere la sezione (menù a lato) dedicata a
questo CD. Fuori catalogo. (qualche ditta la sta ristampando)
1995: Canzone "Un libero cercare" (T. De Sio), sull'album dallo stesso titolo (Ed. CGD). Fabrizio canta
con la De Sio... una frase (molto bella, ma UNA frase!)
1995: Canzone "Una storia sbagliata", sull'album "LUNA DI GIORNO" (Micocci Dischitalia Editori s.r.l.
- it -). Le canzoni di Pier Paolo Pasolini. Fuori catalogo.
1996: Canzone "Sidun" nell'album "Fatto per un mondo migliore". Un disco di beneficenza per i
rifugiati. L'interpretazione di Sidun è molto bella. Fuori catalogo.
1996: Anime Salve, con Ivano Fossati e Piero Milesi
1996: "Smisurata preghiera", in spagnolo (intitolata Desmedida plegaria), compare nei titoli di coda del
film "Illona arriva con la pioggia" di Sergio Cabrera. Mai pubblicato su CD..

http://www.viadelcampo.com/html/collaborazioni.html (2 of 3)23/05/2005 18.36.16


Collaborazioni

Avvertenza!
Legge 633/41 art. 70 comma 1: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di
parti di opera, per scopi di critica, di discussione ed anche di insegnamento,
sono liberi nei limiti giustificati da tali finalità e purchè non costituiscano concorrenza alla
utilizzazione economica dell'opera."
In altre parole: i testi delle canzoni che trovate su questo sito possono essere utilizzati solo
ed esclusivamente per uso personale o di discussione.

http://www.viadelcampo.com/html/collaborazioni.html (3 of 3)23/05/2005 18.36.16


Fabrizio De Andre'

SCRIVIMI

(banners by CSassi)

Omaggio a Fabrizio De André: la discografia, i testi, le immagini, le copertine, il tema del desktop, le skins, la
classifica, la bibliografia e tutto quello che serve agli appassionati di Fabrizio De André.

Sono Walter(pi) e mantengo questo sito con la collaborazione di Pierpaolo Tremolanti, Oreste Borri, Elena
Pala, Claudio Sassi, Lucio Mura, Alessandro Ghiotto, G. Giorgetti, Marco Blasi, Paola Gulminelli e gli
"scrittori" su NG (Ric e Franco in modo particolare) ed ML dedicate a Fabrizio De Andrè

clicca x ingrandire

http://www.viadelcampo.com/index.html (1 of 7)23/05/2005 18.36.48


Fabrizio De Andre'

http://www.viadelcampo.com/index.html (2 of 7)23/05/2005 18.36.48


Fabrizio De Andre'

www.writeup.it
Rivista on-line, primo numero dedicato a Faber

E' stato pubblicato il bando del 4° Reggio Film Festival, quest'anno dedicato a
Fabrizio De André (www.reggiofilmfestival.it) - cliccca sull'immagine per piu'
info.

COSI' SPLENDIDO E VERO - Mostra itinerante usabile...

http://www.viadelcampo.com/index.html (3 of 7)23/05/2005 18.36.48


Fabrizio De Andre'

EVENTI VERIFICATE ANCHE SUL SITO DELLA FONDAZIONE

NOTA: LE INFORMAZIONI QUI CONTENUTE SONO AL MEGLIO DELLE MIE POSSIBILITA - SONO SEMPRE POSSIBILI
INESATTEZZE

MAGGIO

Umbre de muri, con Napo e Corsi http://


GENOVA - Teatro della Gioventù di
26 www.lemusenovae.it/umbredemuri/date.
Genova htm

Commemorazione di Fabrizio al Liceo


Classico Colombo, scuola da lui
27 16:30 Genova - Liceo Classico Colombo frequentata. Verrà posta una targa ed
interverranno Dori Ghezzi, Max
Manfredi, Piero Milesi e altri.

Giornata Nazionale Lotta contro l'Ictus cerebrale -


27 21:00 Napoli ..Teatro Trianon Renato Franchi & Orchestrina del
Suonatore Jones

Urago Mella (Bs) - Apertura Festa


27 21:30 Corrente di Ali
dell'Oltremella

27 21:30 Campo Canneto (Parma) i Kinnara in concerto

Circolo M.C.L. "Villa Maria" - Medicina Concerto in memoria di Fabrizio De


27 21:00
(BO) - locandina André

Volta la carta 2005 - "Lunfardia ed


altre storie" recital di Roberto Ferri.
Sasso Marconi, Teatro Comunale G. Spettacolo su brani di Brel,Brassens,
27 21:00
Marconi De Andrè. Cantautore italo/francese,
grande amico di Dori e Fabrizio,
Danilo 3392309012

28/05 Padova, Ex Fornace Carotta, Omaggio a Fabrizio De André


06/06 Via Siracusa 61 Discografia, bibliografia e altro

"Faber e Frances", spettacolo scritto e


Bordighera, Centro culturale polivalente
diretto da Virginia Consoli e dedicato a
28 21:00 ex chiesa anglicana, Via Regina Vittoria -
Fabrizio De André e allo scrittore
Via Primo Maggio - locandina
Francesco Biamonti

Volta la carta 2005. " Il disordine dei


Sasso Marconi, Teatro Comunale G. sogni" Kinnara in concerto. Cover-
28 21:00
Marconi band tra le piu' seguite ,in uno
splendido tributo a Fabrizio De Andrè.

http://www.viadelcampo.com/index.html (4 of 7)23/05/2005 18.36.48


Fabrizio De Andre'

Volta la carta 2005: "... Figli dell'uomo,


fratello anche mio" - dibattito/concerto
partecipano Romano Giuffrida-
Sasso Marconi, Teatro Comunale G.
29 21:00 saggista, Brunetto Salvarani-teologo e
Marconi
Don Alessandro Santoro della
Comunità Le Piagge di Firenze. Brani
eseguiti da Alessio Blve.

29 21:00 La Loggia (TO) - Festival Musica Etnica Khorakhané

29 Dolcè (piazza Roma) Mercantinfiera

Revignano d'Asti (AT), Cascina dell'Orto Ho visto Nina Volare: Concerto dei
29 15:30
(davanti alla casa di Bicio...) Khorakhané

Renato Franchi & Orchestrina del


29 Saronno ..inaugurazione sede Cgil
Suonatore Jones

Fabensemble - Info e programma


Palco Principale - al TAM TAM di
29 21:00 completo: http://www.srazz.com/
Mira (VE) - (Parco Valmarana)
tamtam2005.htm

22-23 ottobre Novegro Vinilmania

27
Lettere Caffè di Roma, via di san "Chi guarda Genova", dedicata a
Francesco a Ripa, 100 canzoni di De Andrè e Fossati

GIUGNO

01 21:00 Teatro Antonianum - Padova La cattiva strada

Monza(Mi) area ex Macello Via Renato Franchi & Orchestrina del


01
Mentana…Festa De L'unità Suonatore Jones

Renato Franchi & Orchestrina del


02 16:00 S.Vittoreolona (Mi) Campo sportivo
Suonatore Jones

Milano Piazza Greco, Festa del


02 21:00 The Spoon River band
quartiere omonimo (Greco)

Circolo Arci Foppenico Calolziocorte Renato Franchi & Orchestrina del


02 21:00
(Lc) Suonatore Jones

04 Badi (BO) - "Signora Libertà" 2 ed. La cattiva strada

http://www.viadelcampo.com/index.html (5 of 7)23/05/2005 18.36.48


Fabrizio De Andre'

Renato Franchi & Orchestrina del


10 Varese, Piazza Garibaldi
Suonatore Jones

Concerto a sostegno di Emergency The


10 21:30 Pavia, Spaziomusica (via Faruffini),
Spoon River band

Concerto a sostegno di Radio Sol


11 21:00 Parabiago (MI), Villa Corvini, Mansi-Guinea Bissau The Spoon River
band

12 21:00 Racconigi - Piazza Vittorio Veneto (CN) Khorakhané

12 21:00 Passirano (BS) Corrente di Ali

17 Varese Corrente di Ali

Belgioioso (PV), Parco del Castello,


17 21:00 Concerto nell'ambito del Belgioioso The Spoon River band
Festival

Casalbuttano ricorda De André. Mostra su


CASALBUTTANO (CR) De André.
16:00 Sala d'oro Biblioteca comunale. Piazza ore 21. "IL VANGELO SECONDO DE
17 Turina ore 16 Inaugurazione mostra ANDRE' ". Incontro con Paolo Ghezzi,
21:00 tematica . La mostra è aperta anche direttore del quotidiano "L'ADIGE".
sabato 18.6 Ingresso gratuito Informazioni e
prenotazioni 348/7321723

18 Varese Corrente di Ali

Renato Franchi & Orchestrina del


18 21:00 Valdarno ( Va ) Corte dei Massari
Suonatore Jones

Casalbuttano ricorda De André. "A


FORZA DI ESSERE VENTO": spettacolo
in due tempi tra De Andre', Montale e
Vangeli Apocrifi con Ensemble Franziska -
For Steps Choir - Scuola di Samba
18 21:00 piazza Libertà a Casalbuttano(CR): Batebalengo. Voci recitanti: Mara Baronti
e Roberto Alinghieri. Canto: Pietro
Sinigaglia. Direzione, arrangiamenti e
progetto: Gloria Clemente.
Ingresso euro 8,00. Informazioni e
prenotazioni 348/7321723

18 Varese Umbre de muri.

7°- edizione Rassegna nazionale della


23 Milano ..Teatro LittA..Chanssonier canzone d'autore Renato Franchi &
Orchestrina del Suonatore Jones

http://www.viadelcampo.com/index.html (6 of 7)23/05/2005 18.36.48


Fabrizio De Andre'

"Tra terra e mare, un viaggio nel


24 21:30 Montechiaro D'Asti (AT) 'viaggio' della canzone d'autore."
Khorakhané - Tributo a Fabrizio De André

Festa de l'Unità..campo sportivo.. Renato Franchi & Orchestrina del


24
Solaro (Mi) Suonatore Jones

Montalbano Vecchia Osteria ( Lc) - Renato Franchi & Orchestrina del


25 15:00
Sposalizio popolare - a invito Suonatore Jones

(da confermare): Zibido S. Giacomo


(MI), in occasione dell'inaugurazione
25 The Spoon River band
del nuovo Centro Civico in frazione S.
Pietro Cusico

26 Campogalliano (MO) Umbre de muri

"Tra terra e mare, un viaggio nel


26 21:30 Montechiaro d'Asti (AT) 'viaggio' della canzone d'autore."
Massimo Bubola in concerto

29 21:30 Montramito (Lucca) Kinnara

LUGLIO

2 21:30 GARLENDA (SV) Raduno Fiat 500 - Khorakhané

8 21:00 Mongrando (BI) - Festa in piazza Khorakhané

http://www.viadelcampo.com/index.html (7 of 7)23/05/2005 18.36.48


Discografia Fabrizio De Andrè

DISCOGRAFIA

Fare la discografia di Fabrizio De Andrè è complesso, in quanto all'inizio della sua carriera ha
cambiato diverse case discografiche. Certe sue canzoni sono quindi state incise da Fabrizio diverse
volte e pubblicate più volte in "combinazioni" diverse. Altre, come "Titti" solo su 45 giri e mai riprese
su LP o CD.

Inoltre Fabrizio De André ha lavorato con molti artisti, lasciando sempre una traccia inconfondibile.
Non perdetevi la sezione interamente dedicata alle collaborazioni.

Poi ci sono le canzoni "accreditate" e cioè quelle che ufficialmente non risultato scritte da lui ma che
diversi "sintomi" o voci fanno pensare ad un suo contributo.

In ultimo sto cercando anche di identificare tutti quegli artisti (tanti!) che cantano canzoni di Fabrizio
De André.
Qualunque suggerimento (o correzione) è benvenuta!

Nota: la discografia quasi completa in formato Excel nella sezione download.

http://www.viadelcampo.com/html/discografia.html (1 of 8)23/05/2005 18.37.08


Discografia Fabrizio De Andrè

1966 Tutto Fabrizio De Andrè (scheda) (testi)

La ballata dell'amore cieco - Amore che vieni amore che vai -La ballata dell'eroe - La canzone di
Marinella -Fila la lana -La città vecchia -La ballata del Michè - Canzone dell'amore perduto - La
guerra di Piero -Il testamento

1967 Volume I (scheda) (testi)

Preghiera in gennaio - Marcia nuziale - Spiritual - Si chiamava Gesù - La canzone di Barbara - Via
del Campo - La stagione del tuo amore (sostituì "Caro amore" dei primi dischi) - Bocca di Rosa - La
morte - Carlo Martello ritorna dalla battaglia di Poitiers (nuova esecuzione)

1968 La canzone di Marinella

1968 Tutti morimmo a stento (scheda) (testi)

Cantico dei drogati - Primo intermezzo - Leggenda di Natale - Secondo intermezzo - Ballata degli
impiccati - Inverno - Girotondo - Terzo intermezzo - Recitativo - Corale

1968 Volume III (scheda) (testi)

La canzone di Marinella - Il gorilla - La ballata dell'eroe - S'i fossi foco (da un sonetto di Cecco
Angiolieri) - Amore che vieni amore che vai - La guerra di Piero - Il testamento - Nell'acqua della
chiara fontana - La ballata del Michè - Il re fa rullare i tamburi (da una canzone popolare francese del
XIV secolo, traduzione di De Andrè).

1969 Nuvole Barocche (scheda) (testi)

Nuvole Barocche - E fu la notte - Delitto di paese - Valzer per un amore - Per i tuoi larghi occhi -
Carlo Martello ritorna dalla battaglia di Poitiers - Il fannullone - Canzone dell'amore perduto -
Geordie

1970 Il pescatore (45 giri) (Incluso poi nella raccolta del 1976)

1970 La buona novella (scheda) (testi)

Laudate Dominum - L'infanzia di Maria - Il ritorno di Giuseppe - Il sogno di Maria - Ave Maria -
Maria nella bottega d'un falegname - Via della croce - Tre madri - Il testamento di Tito - Laudate
Hominem

1971 Non al denaro non all'amore nè al cielo (scheda) (testi)

http://www.viadelcampo.com/html/discografia.html (2 of 8)23/05/2005 18.37.08


Discografia Fabrizio De Andrè

Dormono sulla collina - Un matto - Un giudice - Un blasfemo - Un malato di cuore - Un medico - Un


chimico - Un ottico - Il suonatore Jones

1972-73 Fabrizio De Andrè (scheda) (Ed. Idea, Ristampa in album doppio di Tutto FdA e Nuvole Barocche)

1973Storia di un impiegato (scheda) (testi)

Introduzione - Canzone del Maggio - La bomba in testa - Al ballo mascherato - Sogno numero due -
La canzone del padre - Il bombarolo -Verranno a chiederti del nostro amore - Nella mia ora di libertà

1973 Fabrizio De André (scheda) (Ed. Fontana, poi Philips - ristampa di Tutto Fabrizio De Andrè)
1973 Fabrizio De Andrè (scheda) (Ed. Fontana, poi Philips - ristampa di Nuvole Barocche)

1974 Canzoni (scheda)

Via della povertà - Le passanti (Les Passantes) - Fila la lana - Ballata dell'amore cieco - Suzanne -
Morire per delle idee (Mourir pour des ides) - Canzone dell'amore perduto - La città vecchia -
Giovanna d'Arco - Delitto di paese - Valzer per un amore

1975 Volume 8 (scheda) (testi)

La cattiva strada - Oceano - Nancy - Le storie di ieri - Giugno '73 - Dolce Luna - Canzone per
l'estate - Amico fragile

1976 Fabrizio De André (raccolta + Il pescatore) (scheda) (testi)

Il pescatore - Bocca di Rosa - Le passanti - Canzone dell'amore perduto - La cattiva strada - Un


giudice - Il testamento - Verranno a chiederti del nostro amore

1978 Rimini (scheda) (testi)

Rimini - Volta la carta - Coda di lupo - Andrea - Tema di Rimini (strumentale) - Avventura a
Durango - Sally - Zirichiltaggia - Parlando del naufragio della "London Valour" - Folaghe

1978 Fabrizio De André 1 & 2 (scheda)

(Ed. Fontana, poi Philips - ristampa di Tutto Fabrizio De Andrè e Nuvole Barocche)

http://www.viadelcampo.com/html/discografia.html (3 of 8)23/05/2005 18.37.08


Discografia Fabrizio De Andrè

1979 In concerto (con la PFM) (scheda)

Bocca di rosa - Andrea - Giugno '73 - Un giudice - La guerra di Piero - Il pescatore - Zirichiltaggia -
La canzone di Marinella - Volta la carta - Amico fragile.

1978 Fabrizio De André 1 & 2 (scheda)

(Ed. Fontana, poi Philips - ristampa di Tutto Fabrizio De Andrè e Nuvole Barocche)

1980 In concerto (con la PFM - (volume 2) (scheda)

Avventura a Durango - Presentazione (parlato) - Sally - Verranno a chiederti del nostro amore -
Rimini - Via del Campo - Maria nella bottega del falegname - Il testamento di Tito.

1980 Una storia sbagliata/Titti (scheda/testi) (45 giri) (entrambe di De Andrè - Bubola, ed. Ricordi) Non sono
reperibili su CD. Una storia sbagliata è nel cofanetto di 14CD pubblicato nel 1999.

1981 Fabrizio De André (Indiano) (scheda) (testi)

Quello che non ho - Canto del servo pastore - Fiume Sand Creek - Ave Maria (canto tradizionale
sardo, adatt. A. Puddu) - Hotel Supramonte - Franziska - Se ti tagliassero a pezzetti - Verdi pascoli.

1982 Fabrizio De André 1 (scheda)

La canzone di Marinella - Valzer per un amore - La guerra di Piero - Delitto di paese - Per i tuoi
larghi occhi - Carlo Martello ritorna dalla battaglia di Poitiers - La città vecchia - Canzone
dell'amore perduto - Il fannullon

1982 Fabrizio De André 2 (scheda)

Bocca di rosa - Il pescatore - La canzone di Marinella - Andrea - La città vecchia - Canzone


dell'amore perduto - La guerra di Piero - La cattiva strada

1984Creuza de mä (scheda) (testi)

Creuza de mä - Jamin-a - Sidun - Sinan capudàn pascià - 'A pittima - A dumenega - Da a me riva

1986 Fabrizio De André (scheda)

La canzone di Marinella - Andrea - La guerra di Piero - Carlo Martello ritorna dalla battaglia di

http://www.viadelcampo.com/html/discografia.html (4 of 8)23/05/2005 18.37.08


Discografia Fabrizio De Andrè

Poitiers - Bocca di Rosa - Il pescatore(live) - Creuza de mä - Fiume Sand Creek - Il testamento di


Tito - Via del Campo - Quello che non ho - Amico fragile

1987 Fabrizio De André (raccolta-cofanetto con Vol. I, Vol. III, Vol. 8 e Rimini)

1989 In concerto con la PFM (ristampa in cofanetto doppio)

1989 Fabrizio De André 1 & 2 (scheda)

(Ed. Fontana, poi Philips - ristampa di Tutto Fabrizio De Andrè e Nuvole Barocche)

1990 Le nuvole (scheda) (testi)

Le nuvole - Ottocento - Don Raffaè - La domenica delle salme - Megu Megun - La nova gelosia
(ignoto) - 'A cimma - Monti di Mola

1991 Il viaggio (scheda)

La canzone di Marinella - La ballata dell'amore cieco (o della vanità) - La guerra di Piero - (Valzer
per un amore) Valzer campestre - La città vecchia - Il fannullone - La canzone dell'amore perduto -
Fila la lana - E fu la notte - Amore che vieni, amore che vai - La ballata dell'eroe - Geordie - Il
testamento - Nuvole Barocche - La ballata del Michè - Per i tuoi larghi occhi - Delitto di paese
(l'assasinat) - Carlo Martello (ritorna dalla battaglia di Poitiers)

1991 Concerti (scheda)

Don Raffaè - La domenica delle salme - Fiume Sand Creek - Hotel Supramonte - Se ti tagliassero a
pezzetti - Il gorilla - La canzone dell'amore perduto - Il testamento di Tito - La canzone di Marinella
- Creuza de ma - Jamin-a - Sidùn - Mègu Megùn - 'A pittima - 'A dumenega - 'A Cimma - Sinà n
Capudàn Pascià - Le nuvole (mus.).

1995 La canzone di Marinella

La canzone di Marinella - La ballata dell'amore cieco (o della vanità ) - La guerra di Piero - (Valzer
per un amore) Valzer campestre - La città vecchia - Il fannullone - La canzone dell'amore perduto -
Fila la lana - E fu la notte - Amore che vieni, amore che vai - La ballata dell'eroe - Il testamento -
Nuvole Barocche - La ballata del Michè - Per i tuoi larghi occhi - Carlo Martello (ritorna dalla
battaglia di Poitiers)

1996 Anime Salve (scheda) (testi)

http://www.viadelcampo.com/html/discografia.html (5 of 8)23/05/2005 18.37.08


Discografia Fabrizio De Andrè

Princesa - Khorakhamè (a forza di esser vento) - Anime Salve - Dolcenera - Le acciughe fanno il
pallone - Disamistade - A cumba - Ho visto Nina volare - Smisurata Preghiera

1997 Mi innamoravo di tutto (scheda) (testi)

Coda di lupo - La canzone di Marinella (con Mina) - Sally - La cattiva strada - Canto del servo
pastore - Bocca di Rosa - Se ti tagliassero a pezzetti - Jamin-a - La canzone dell'amore perduto (live)
- Il bombarolo - Ave Maria

1999 De André in concerto (scheda)

Creuza de ma - Princesa - Khorakhamè (a forza di esser vento) - Dolcenera - L'infanzia di Maria -


Il ritorno di Giuseppe - Il sogno di Maria - Tre madri - Il testamento di Tito - La città vecchia -
Amico fragile - Il pescatore - Geordie - Via del campo - Volta la carta

1999 La paura dura più dell'amore (bozza)

1999 Fabrizio De André - Opere complete - (box di 14CD) (scheda).


Raccolta di tutti i CD pubblicati da Ricordi e "Una storia sbagliata"

2000 da genova (scheda)

Il suonatore Jones - Ottocento - Andrea - Verranno a chiederti del nostro amore - Canzone per l'estate
- Hotel Supramonte - Don Raffaè - Amore che vieni amore che vai - Suzanne - La ballate del Michè -
Canzone del Maggio - La guerra di Piero - Girotondo - Anime Salve

2000 Mediterraneo (scheda)

Creuza de mà - Via del Campo - Don Raffaè - Sidun - Monti di Mola - Parlando del naufragio della
London Valour - Rimini - A Dumenega - Da a me riva - Zirichiltaggia

2000 Peccati di gioventù (scheda)

La canzone dell'amore perduto - La ballata dell'amore cieco - La canzone di Marinella - Delitto di


paese - Fila la lana - Il fannullone - La ballata del Miche' - Il testamento - Amore che vieni, amore che
vai - La guerra di Piero - Valzer per un amore - Carlo Martello torna dalla battaglia di Poitiers -
Geordie - La ballata dell'eroe - Per i tuoi larghi occhi - La citta' vecchia

2001 ed avevamo gli occhi troppo belli (scheda)

Elogio della solitudine (discorso) - Princesa e i Rom (discorso) - A fianco degli indiani (discorso) - Se
ti tagliassero a pezzetti (canzone) - Ai figli della luna (discorso) - Le maggioranze (discorso) - Un
discorso sulla libertà (discorso) - I carbonari (canzone)

http://www.viadelcampo.com/html/discografia.html (6 of 8)23/05/2005 18.37.08


Discografia Fabrizio De Andrè

2001 Fabrizio De Andrè in concerto Vol. 2 (scheda)

Jamin-a, Le acciughe fanno il pallone, La domenica delle salme, Disamistade, Fiume Sand Creek,
Sidun, Anime salve, Don Raffaè, Ho visto Nina volare, A cùmba, Bocca di rosa, Smisurata preghiera

http://www.viadelcampo.com/html/discografia.html (7 of 8)23/05/2005 18.37.08


Discografia Fabrizio De Andrè

COLLABORAZIONI

Come tutti sanno le canzoni di De Andrè sono state cantate da moltissimi interpreti (qui ne listeremo
alcuni). Ma forse non tutti conoscono la vastità delle collaborazioni sui dischi altrui.
Fabrizio De Andrè ha scritto canzoni specificatamente per altri ed ha prestato la sua voce a canzoni
scritte da altri. Se non ci credete andate nella sezione apposita...

Avvertenza!
Legge 633/41 art. 70 comma 1: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di
parti di opera, per scopi di critica, di discussione ed anche di insegnamento,
sono liberi nei limiti giustificati da tali finalità e purchè non costituiscano concorrenza alla
utilizzazione economica dell'opera."
In altre parole: i testi delle canzoni che trovate su questo sito possono essere utilizzati solo
ed esclusivamente per uso personale o di discussione.

http://www.viadelcampo.com/html/discografia.html (8 of 8)23/05/2005 18.37.08


Tutto Fabrizio De André

(testi)

1966 Tutto Fabrizio De Andrè


1966 Karim - KLP 13
1966 Karim 34232 su cassetta stereo 7

(clicca x ingrandire)
(clicca x ingrandire)

per chi si è masterizzato il vinile


(clicca x ingrandire)

risvolto interno con lista brani


(clicca x ingrandire)

http://www.viadelcampo.com/html/tutto_fda.html (1 of 4)23/05/2005 18.37.30


Tutto Fabrizio De André

● 1 - La ballata dell'amore cieco (o della vanità) (Testo e Musica di Fabrizio De André)... 2'50"
● 2 - Amore che vieni amore che vai (Testo e Musica di Fabrizio De André).... . . . . . . . 2'40"
● 3 - La ballata dell'eroe(1)(Testo e Musica di Fabrizio De André)...... .. . . . . . . . . . . . . .2'40"
● 4 - La canzone di Marinella(2)(Testo e Musica di Fabrizio De André)...... . . . . . . . . . .. 3'11"
● 5 - Fila la lana(3)(Testo e Musica di Fabrizio De André)................ . . . . . . . . . . . . ...... 2'22"
● 6 - La città vecchia (Testo e Musica di Fabrizio De André).............. . . . . . . . . . . ........ 3'21"
● 7 - La ballata del Michè(4)(Testo e Musica di Fabrizio De André)..... . . . . . . . . . . . . .. 2'44"
● 8 - La canzone dell'amore perduto(5)(Testo e Musica di Fabrizio De André)........ . . ... 3'40"
● 9 - La guerra di Piero(6)(Testo e Musica di Fabrizio De André).... . . . . . . . . . . . . . . ... 3'25"
● 10 - Il testamento (Testo e Musica di Fabrizio De André) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4'06"

Antologia dei primi dieci 45 giri

(1) Registrata tra il 18 ed il 25 Luglio 1964 a Roma negli Studi Dirmaphon in via Pola (RCA)
tecnico del suono: Carlo Nistri
chitarra acustica: Fabrizio De André
chitarra solista: Vittorio Centanaro
basso: Pierazzoli
armonica a bocca: De Gemini
organo: Tarantino
(2) Arrangiamento e direzione orchestra di Giampiero Reverberi
(3) Da una canzone popolare francese del XV secolo
(4) Collabora al testo Clelia Petracchi
(5) Musica tratta da "Concerto in Re maggiore per tromba, archi e continuo" - Adagio - di
Georg Philipp Telemann
(6) Registrato tra il 18 ed il 25 Luglio 1964 negli studi "Dirmatron" di Roma
tecnico del suono: Carlo Nistri
chitarra acustica: Fabrizio De André
chitarra solista: Vittorio Centanaro
basso: Pierazzoli
arrangiamento di Vittorio Centanaro

TESTO INSERITO NEL DISCO


Fabrizio De Andrè e le sue canzoni

La presentazione di un Personaggio o di un'opera d'Arte non è cosa da poco. L'uno o l'altra possono
spesso valere meno della sottile arte del Presentatore ed allora è quest'ultimo il vero Artista, capace di
creare un Personaggio o un'opera d'Arte là dove questa o quello mancano. In questo caso sarebbe
doveroso fare la presentazione del Presentatore e così facendo si correrebbe il rischio di dover fare la
presentazione del Presentatore del Presentatore...
Ma noi siamo Industriali, non Artisti, come dire il contrario di Presentatori: e non vi è alcun pericolo
quindi che la nostra presentazione possa essere sospettata Opera d'Arte a sostegno del Personaggio e
delle sue creazioni artistiche: tanto per intenderci, avendo qui un Personaggio autentico ed autentiche
opere d'Arte possiamo permetterci di fare a meno di un abile Presentatore.
Per la verità, un illustre Signore aveva promesso di scrivere per noi la pagina che avete sotto gli occhi:
ma accintosi all'opera e considerata da vicino la difficoltà di presentare Fabrizio e le sue Canzoni, ha
rinunciato. La cosa ci ha addolorato, ma dobbiamo convenire che è molto più facile creare Fabrizio che
descriverlo, essendo il costruirlo più facile che lo smontarlo, al contrario di quanto avviene con gli
orologi.
Infatti Fabrizio è un Artista, non un orologio. E con questa prima messa a punto riteniamo sia l'ora di

http://www.viadelcampo.com/html/tutto_fda.html (2 of 4)23/05/2005 18.37.30


Tutto Fabrizio De André

presentarVelo veridicamente, non con le solite lodi zuccherine, i panegirici, i dati storici ed anagrafici:
lasciamo questa epigrafica letteratura ad altra occasione e diciamo la nuda, la vera verità. Com'è
Fabrizio?
E qui la cosa diventa difficilissima. Egli infatti non è solo un Personaggio, è tre personaggi in uno ed ha
almeno cinque caratteri; noi non vogliamo, non sappiamo rattrappirlo in una posa convenzionale, lo
dobbiamo consegnare vivo ed umano alla Vostra considerazione. Non ci resta che fare un elenco delle
sue qualità e presentarvelo perché Voi stessi le scegliate secondo una Vostra intima convinzione.
Queste qualità possono apparire in conflitto tra loro, ma quale uomo veramente vivo non ha purtroppo
conflitti interiori? Per facilitare le cose, nell'elencare tutte le possibili qualità di Fabrizio lasceremo a
fianco di ciascuna di esse un quadratino nel quale potrete segnare una crocetta: la linea che congiunge
tutte le crocette sarà il vero profilo di Fabrizio e si denomina scientificamente.

IL FABRIZIOGRAMMA:

[ ] Aitante [ ] Medio [ ] Rachitico


[ ] Affascinante [ ] Così così [ ] Ripugnante
[ ] Generoso [ ] Pratico [ ] Egoista
[ ] Astinente [ ] Parco [ ] Intemperante
[ ] Virtuoso [ ] Ipocrita [ ] Vizioso
[ ] Romantico [ ] Obbiettivo [ ] Cinico
[ ] Estroverso [ ] Equilibrato [ ] Introverso
[ ] Timido [ ] Discreto [ ] Impudente
[ ] Musicista [ ] Musicista [ ] Musicista

Di questo Fabriziogramma noi abbiamo brevettato una curva, quella autentica, e la teniamo a
disposizione coloro che vorranno confrontarla con il Fabriziogramma redatto intuitivamente da loro.
A disposizione di tutti, Fabrizio escluso, beninteso
Ma - sentiamo chiedere - se non lo conosciamo, come possiamo tracciare il corretto
Fabriziogramma?... No, Amici, non è vero: innanzitutto lo possiamo vedere su questa copertina, e a
colori. In secondo luogo non abbiamo che da ascoltare (come già state facendo ora) le sue canzoni
che, nel loro insieme, ben definiscono il Personaggio. In terzo luogo, tutta la Stampa...
Ma - sentiamo ribattere - in questo disco mancano alcune canzoni, quelle più significative, quelle di
cui si dice siano state proibite: "Carlo Martello ritorna dalla Battaglia di Poitiers", ad esempio. Avete
sottratto alla nostra valutazione elementi preziosi. Questo è vero, Amici, ma vi siamo stati costretti
da forza maggiore. E ce ne dispiace molto, tanto più che "Carlo Martello" è, tra l'altro, una pagina di
veridica storia e veridico costume, ben trattata letterariamente e musicalmente.
E se anche è vero - come taluno sussurra - che qualche ragazzino, da Carlo Martello, avrebbe potuto
imparare qualche parolaccia (anziché insegnarla, come usano i ragazzini), è anche vero che in
compenso saprebbe meglio la Storia se i Grandi Uomini di essa fossero ricordati con la rustica
vitalità di "Carlo Martello" e non sterilizzati come usa nei buoni testi scolastici.
Non lo credete? Ebbene, chiediamolo ad un autorevole testimonio, ad un Personaggio storico di
larga e meritata notorietà, insospettabile per lealtà, e che rappresenta un simbolo di virtù militari e
civili: - "Che ne pensa, Lei, della fedeltà storica, Generale Cambronne?".
Grazie, Generale. Come vedete, avevamo ragione.

Gli Editori

http://www.viadelcampo.com/html/tutto_fda.html (3 of 4)23/05/2005 18.37.30


Tutto Fabrizio De André

Questo disco è stato ristampato diverse volte:

Ristampa: LA CANZONE DI MARINELLA - 1968 - ROMAN RECORD COMPANY - RRC RCP


703

Ristampa: FABRIZIO DE ANDRÉ - 1972 - Album doppio di "Tutto Fabrizio De André" e "Nuvole
barocche" - IDEA

Ristampa: FABRIZIO DE ANDRÉ 1 - 1973 - FONTANA – 6492019

Ristampa: IL VIAGGIO - 1991 - Antologia di tutto il materiale pubblicato con etichetta Karim -
PHILIPS - 848 288-1

Ristampa: LA CANZONE DI MARINELLA - 1995 - Antologia del materiale pubblicato con


etichetta Karim - XXXX - XXXX

Ristampa su "PECCATI DI GIOVENTU"

http://www.viadelcampo.com/html/tutto_fda.html (4 of 4)23/05/2005 18.37.30


Fabrizio De André - Volume I

testi

1967 Volume I (testi) ( Note inserite nel disco, sia nel 1967 sia nel 1970)

01 - Preghiera in Gennaio (Testo e Musica di Fabrizio De André)................................................3'28"


02 - Marcia Nuziale
[La marche nuptiale] (Testo italiano Fabrizio De André - Testo e Musica di Georges Brassens).........3'10"
03 - Spiritual (Testo e Musica di Fabrizio De André) .......................................................2'34"
04 - Si chiamava Gesù (Testo e Musica di Fabrizio De André) .........................................3'09"
05 - Barbara (Testo e Musica di Fabrizio De André) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... . . . . 2'17"
06 - Via del Campo(1) (Testo di Fabrizio De André - Musica di Enzo Jannacci) . . . . . . . 2'31"
07 - Caro amore/ La stagione del tuo amore (2) (Testo di Fabrizio De André - Musica di Joaquin
Rodrigo) . . . . . . . .3'57"
08 - Bocca di rosa(1) (Testo e Musica di Fabrizio De André) . . . . . . . . . . . . . . . . . ... . . .3'05"
09 - La morte [Le verger du roi Louis] (Testo Fabrizio De André - Musica di Georges Brassens) . ... . 2'22"
10 - Carlo Martello ritorna dalla battaglia di Poitiers
(Testo di Fabrizio De André e Paolo Villaggio - Musica di Fabrizio De André) . . . . . . . ... . . . .5'21"

Prodotto da Giampiero Reverberi e A. Malcotti


(1) Arrangiamenti e direzione orchestra di Giampiero Reverberi
(2) Musica tratta da "Concerto di Aranjuez" di Joaquin Rodrigo

Nelle tarde edizione del 1967 al posto di "Caro amore" venne messa "La stagione del tuo amore"
Via del campo: musica del XVI secolo, tratta da una ricerca di Dario Fo e Enzo Jannacci
Carlo Martello: nuova esecuzione rispetto al 45 giri KARIM

EDIZIONI:
1967 Bluebell Records BBLP 39 - copertina marrone apribile, con "Caro amore" -
due edizioni diverse di Bocca di Rosa ("il cuore tenero" e "spesso gli sbirri")
1970 Produttori Associati PA-LPS 39 (LP, con "La stagione del tuo amore" al posto di "Caro amore")
1970 Tonycassette 3 TC 1008 - cassetta stereo 7
1970 Produttori Associati PA 1008 - cassetta stereo 7
1970 Produttori Associati PA 9003 stereo 8
1970 Ricordi SMRL 6236 (Bocca di rosa con "spesso gli sbirri...")
1983 Ricordi Orizzonte ORL 8898 (copertina diversa)
1983 Ricordi Orizzonte ORK 78898 cassetta stereo 7
1987 Ricordi CDMRL 6236 (CD),
1991 Ricordi Orizzonte CDOR 8898 (CD),
1995 BMG-Ricordi RIK 76493 cassetta stereo 7
1995 BMG-Ricordi CDMRL 6493 (CD)
2002 BMG-Ricordi 74321974572 (CD) 24 bit remastering
.

http://www.viadelcampo.com/html/volume_i.html (1 of 6)23/05/2005 18.37.49


Fabrizio De André - Volume I

(BB LP 39
clicca x ingrandire) (BB LP 39 (BB LP 39
clicca x ingrandire) clicca x ingrandire)

BB LP39 Edizione senza "Caro Amore"


(BB LP 39
con copertina "corretta"
Edizione con "Caro Amore (clicca x
(clicca x ingrandire)
ingrandire - by Lucio)

(ORL8898 RICORDI (ORL8898 RICORDI


clicca x ingrandire) clicca x ingrandire)

http://www.viadelcampo.com/html/volume_i.html (2 of 6)23/05/2005 18.37.49


Fabrizio De André - Volume I

(CDOR8898
clicca x ingrandire)
(CDOR8898
clicca x ingrandire)

(CDMRL 6493
clicca x ingrandire)

(BMG RICORDI 743219745729


clicca x ingrandire)

Il commento di Walter(pi)

Il Volume I di De André contiene la canzone che inizialmente mi avvicinò al grande Fabrizio: Via
del Campo. E' una bella ballata, nello stile tipico del primo De
André (molto testo, un filo di arrangiamenti). E poi "Via del campo c'é una puttana...", una parolaccia
che non poteva che attirare l'attenzione di un giovincello come
me (e molti altri ancora, in effetti).

http://www.viadelcampo.com/html/volume_i.html (3 of 6)23/05/2005 18.37.49


Fabrizio De André - Volume I

Acquistato (diversi anni dopo aver sentito Via del Campo) l'LP, mi sono stupito della bellezza
dell'insieme. La Preghiera in Gennaio è struggente e bellissima (solo da
poco ho saputo che era dedicata a Luigi Tenco). La Marcia Nuziale (derivata da Brassens) è una bella
storia, affascinante e toccante. La diversità qui sta nel fidanzamento di 25 anni e del figlio che "suona
l'armonica come un'organo da chiesa".
Spiritual è un vero spiritual, a mio parere molto ben riuscito (peccato che De André non ne ha scritti
altri).
La stagione del tuo amore è dolcissima, come poche canzoni del repertorio di Fabrizio. Bocca di
Rosa è un'altra canzone famosissima, ma che non mi ha mai "toccato veramente" (bestemmia!
bestemmia!), come pure Carlo Martello.
Ma quelle citate valgono ampiamente il disco.

Note inserire nel disco

NOTE NELL'EDIZIONE DEL 1967


Definire un cantante è sempre qualcosa di molto difficile ma lo diventa ancora di più quando questo
cantante è Fabrizio De Andrè, un personaggio schivo, al quale male si addicono gli echi mondani, i
clamori della prima pagina. Introverso, anche, proprio come ogni ligure che si rispetti, forse diffidente del
primo contatto umano e tutto dedito sempre al suo "particulare". (che è, poi, scriversi delle canzoni e
cantarle, non importa se in una sala di incisione, o fra le mura di casa sua, per un grande pubblico o per
quattro amici.

Quello che interessa è cantare, per esprimersi, per conoscere, per trasmettere delle proprie impressioni.
Tutto qui. Ogni altra definizione sarebbe aleatoria e arbitraria. E' vero che Fabrizio è stato classificato - e
con qualche giustificazione reale - come "cantante intellettuale", come "il cantante che fa rivivere il
menestrello medioevale, il troubador provenzale". Ed è sicuramente altrettanto vero che dietro a Fabrizio
esistono una solida cultura, delle buone letture, un dialogo coi poeti del passato.

Tanto per divertirci in un gioco di elencazioni potremmo fare alcuni nomi: un Villion, certi "poeti di
piazza" della Francia prima di Montaigne, oppure i più vicini e più nostri Boudelaire, Verlaine, Rimbaud.
Ma tutto ciò è marginale, anche se gioca il suo ruolo nella formazione del mondo creativo di Fabrizio De
Andrè. Si prenda, per spiegarci meglio, la canzone "Preghiera in Gennaio" (forse l'esempio limite della
gamma di toni di questo cantautore): basterebbe l'inizio, "Lascia che sia fiorito / Signore il suo sentiero",
oppure certe immagini come "fate che giunga a Voi con le sue ossa stanche" , per capire subito un clima,
un entroterra culturale. Per capire che anche il De Andrè - e sia detto senza voler far comparazioni
impossibili - si è lasciato tentare dalla "rima fiore / amore / la più antica, difficile del mondo".
Ma poi c'è la musica, così popolare, cosi melodicamente cantabile, così da romanza. E questa musica di
colto, di intellettuale, di "commercio coi poeti" non ha proprio nulla. E allora si evidenzia l'altro aspetto
del De Andrè, un aspetto fatto di attaccamento alle più pure ragioni popolari, veramente, autenticamente
popolari della canzone italiana. Di modo che questo ligure introverso, chiuso, schivo, riesce ad aprirsi ad
un lirismo immediato, mediterraneo, che può anche essere imparentato (e l'accostamento non sorprenda)
da un lato con la canzone francese d'oggi - un Brassens - e dall'altro con quella napoletana dell'Ottocento.

Ma l'ascolto attento delle canzoni contenute in questo L.P., così diverse fra loro e pure così simili, potrà
indicarci altre inclinazioni di gusto e di atteggiamento proprie di De Andrè. Inclinazioni decadenti, senza
dubbio, ma anche di deformazione e di satira, di umori boccacceschi e picareschi ("Via del Campo",

http://www.viadelcampo.com/html/volume_i.html (4 of 6)23/05/2005 18.37.49


Fabrizio De André - Volume I

"Carlo Martello", "Bocca di rosa") che balenano qua e là improvvisi e nei versi e nelle inflessioni della
voce. Voce che si muta e si plasma ad ogni diversa situazione che via via va cantando e raccontando.
Voce che diventa uno strumento, un mezzo non per giustificare il "bel canto", ma per dare colori e toni
alla storia, alla favola che in quel momento si racconta.

Perché, se è vero che Fabrizio De Andrè nelle sue canzoni si ispira sempre alla realtà, a fatti veri o che
potrebbero essere veri, è altrettanto vero che questo non è che il punto di partenza. Quello di arrivo è la
favola, il fatto che diventa simbolo. Certo, la cosa ha i suoi rischi, i suoi limiti, che sono poi quelli del
bozzetto. Ma quando l'operazione riesce, allora si ottengono bellissime canzoni, come la celeberrima
"Carlo Martello", o la recentissima "Bocca di Rosa" che "metteva l'amore sopra ogni cosa", canzone che
ha il sapore di una ballata popolare con quel suo andamento, allegro e gioioso, a saltarello.

Di quando in quando l'inchiostro del De Andrè diventa triste e amaro, quasi cattivo. E' il caso di "Marcia
Nuziale", una canzone che ha il sapore di una disperata malinconia, come di una rivincita andata a vuoto,
di una sfida persa, con il ragazzo già grande che assiste alle nozze dei suoi genitori, accompagnandole
suonando "con la gola tesa l'armonica come un organo da chiesa". Oppure la ballata sulla morte, vista
come "l'estrema nemica", una nemica che "non serve colpirla nel cuore / perché la morte mai non muore".
Gli esempi potrebbero continuare, ma questi possono bastare. E poiché la chiacchierata rischia di
diventare troppo lunga bisognerà cercare una plausibile conclusione, come questa che tentiamo: in fondo
ad ogni canzone del De Andrè c'è sempre l'uomo. L'uomo con le sue miserie e le sue gioie, le sue poche
vittorie e le sue molte sconfitte e, soprattutto, col suo inesauribile bisogno di amore e di speranza.

Giuseppe Tarozzi

NOTE INSERITE NELL'EDIZIONE DEL 1970


Via dei Campo è una straducola stretta e tortuosa nel cuore di Genova vecchia. Appartiene a quella rete di
vicoli che, collocate a ridosso dell'angiporto fa storcere il naso ai Catoni della società bene, ma piace al
poeti. Piace, dunque, a Fabrizio, che già in altra occasione ne ha cantato « l'aria spessa », carica di sale e
gonfia di odori », che si sposa al tanto della spazzatura accumulate lungo i marciapiedi, all'odor di vino e
di turno che esce dalle bettole (poco distante, all'imbocco della via, l'ombra austera di una chiesa e la sede
della « Protezìone della qìovane » sembrano messe lì a bella posta da un folletto in vena di sfottò).

Qui viene spesso Fabrizio, che è - a suo modo un poeta e come tale ama scoprire il fondo delle cose, il
colore autentico della realtà umana che è fatta anche di miseria, di tristezza, di inutili attese e di disattese
promesse.

E' sempre stato un tema caro a Fabrizio, quello dell'uomo scrutato - e amato - nei capitoli più amari, nei
risvolti fallimentari della sua storia. Che è essenzialmente, per lui, storia di agognati ma tanto spesso
irraggiunti traguardi, di fronte alla cui evidenzà diventa inutile la speranza illusoria e la ribellione
pigmeiforme di chi vorrebbe opporre la propria fragile volontà alla violenza gigantesca del destino
Sempre pronto, quest'ultimo, a dissolvere con un colpo di spugna i poveri fantasmi che colorano i sogni
dell'uomo con le luci di un impossibile paradiso.

Ecco perché non mi ha affatto stupito - alla luce di quanto avevo intuito dalla affettuosa consuetudine con
lui uomo e con lui artista - che Fabrizio abbia composto, giunto ad un certo stadio della sua parabola
creativa, «Via dei Campo». Che non è soltanto una pagina di amarissima poesia, ma, soprattutto, il ritratto
embiematico di una condizione umana, la dimostrazione di quanto possa essere disagevole - oltre che
improduttivo - il mesistere di vivere.

In questa cornice vivono i personaggi di Fabrizio e si consuma la loro attesa, che ha già in sé i germi del
proprio nulla. Così la « graziosa » Via dei Campo, la bambina ai cui piedi nascono i fiori, ma che « vende
a tutti la stessa rosa , la puttana che non potrà mai offrire altro che un parad i so provvisorio e, tutto
sommato, inutile l'incan. tesimo di un quarto d'ora. Così il povero « illuso » che viene a cercare fra il
letame, i fiori di un impossibile, assurdo amore. Così, in fondo, tutti noi. E allora?

Si vorrebbe credere, si vorrebbe sperare. Ma in che cosa, e in chi? Può accadere che nasca nel buio dei
cuore la tentazione di una preghiera. Ma Dio dov'è?

http://www.viadelcampo.com/html/volume_i.html (5 of 6)23/05/2005 18.37.49


Fabrizio De André - Volume I

« Dio dei cielo, se mi vorrai amare scendi dalle stelle e vienimi a cercare... ». Noi non sappiamo
individuare il confine che separa il sorriso dal pianto indìcacelo Tu: « le chiavi dei cielo non ti voglio
rubare / ma un attimo di gioia me lo puoi regalare... ».

Ecco allora, finalmente, profilarsi l'ombra di una speranza.

Fiducia, se non altro, in una giustizia finale che arriverà ad invertire le posizioni, castigando chi troppo ha
goduto (« chi bene condusse sua vita male sopporterà sua morte .), affrancando chi troppo ha sofferto: «
partirvene non fu fatica / perché la morte vi fu amica ». E' l'epilogo che il suicida di « Preghiera in
gennaio » sceglie come unica alternativa « all'odio e all'ignoranza» che avvelenano la terra: «Lascia che
sia fiorito, Signore, il suo sentiero...» . Non c'è altra certezza, non altro rimedio è lecito supporre al nostro
male di vivere: «Dio di miserìcordia il tuo bel paradiso / l'hai fatto soprattutto /per chi non ha sorriso,/ per
quelli che han vissuto/ con la coscienza pura: l'inferno esiste solo per chi ne ha paura ».

E prima? Diceva Ungaretti: «La morte si sconta vivendo». Nessuno si salva da questa legge, neppure
coloro che Fabrizio chiama semidei, i fortunati. Come quel Carlo Martello il cui rango regale non vieta ad
una qualsiasi sgualdrinella di sottoporlo ad una atroce turlupinatura; neppure coloro che, avendo raggiunto
alle spalle degli altri una aleatoria felicità, troveranno il loro castigo quando la morte, «estrema nemica»,
verrà a rammentare loro «l'infinita vanità dei tutto».

Lungo queste costantì la meditazione di Fabrizio nasce e procede con frutti di una concretezza tanto più
tangibile quanto più diretto - e sofferto - è il suo approccio con la realtà. E se e taluni troppo ampio potrà
sembrare lo spazio che Fabrizio concede ad un pessimismo apparentemente distruttivo, non va
dimenticato come esso trovi le proprie radici in un atto d'amore per l'Uomo, di ansia per la sua salvezza.

Cesare G. Romana

http://www.viadelcampo.com/html/volume_i.html (6 of 6)23/05/2005 18.37.49


La canzone di Marinella 68

(testi)

1968 La canzone di Marinella (Ed. Roman Record Company RCP 703)

(clicca x ingrandire

● La ballata dell'amore cieco (o della vanità)


● Amore che vieni amore che vai
● La ballata dell'eroe
● La canzone di Marinella
● Fila la lana (da una canzone popolare francese del XV sec.)
● La città vecchia
● La ballata del Michè (testo di Clelia Petracchi)
● Canzone dell'amore perduto
● La guerra di Piero
● Il testamento

Ristampa di Tutto Fabrizio De Andrè, con copertina diversa e su diversa


etichetta.

http://www.viadelcampo.com/html/la_canzone_di_marinella_68.html (1 of 4)23/05/2005 18.38.19


La canzone di Marinella 68

http://www.viadelcampo.com/html/la_canzone_di_marinella_68.html (2 of 4)23/05/2005 18.38.19


La canzone di Marinella 68

http://www.viadelcampo.com/html/la_canzone_di_marinella_68.html (3 of 4)23/05/2005 18.38.19


La canzone di Marinella 68

http://www.viadelcampo.com/html/la_canzone_di_marinella_68.html (4 of 4)23/05/2005 18.38.19


Fabrizio De André - Tutti morimmo...

testi

1968 Tutti morimmo a stento (testi) ( Note inserite nel disco)


(Cantata in Si minore per coro e orchestra)
1968 Bluebell records BBLP 32 (vinile numerato)
1968 Produttori Associati PA 1006 - cassetta stereo 7
1971 Produttori Associati PL/LPS 32
1971 Ricordi SMRL 6229
1971 Ricordi RIK 76496 cassetta stereo 7
1983 Ricordi Orizzonte ORL 8901 - copertina diversa (sfondo scuro)
1983 Ricordi Orizzonte ORK 78901 cassetta stereo 7
1987 Ricordi CDMRL 6229 CD
1991 Ricordi Orizzonte CDOR 8901 CD
1995 BMG - Ricordi CDMRL6496 CD
2002 BMG - Ricordi 7432197562 CD 24bit remastering

BBLP 32 (cover by Lucio) PA/LPS 32


retro identico retro identico
(clicca x ingrandire) (clicca x ingrandire)

http://www.viadelcampo.com/html/tutti_morimmo___.html (1 of 6)23/05/2005 18.39.38


Fabrizio De André - Tutti morimmo...

ORL8901 e CDOR8901 Ricordi,


CDOR8901 Ricordi,
versione Cd ed LP
(clicca x ingrandire)
(clicca x ingrandire)

ORL8901 e CDOR8901 Ricordi, versione TC1006 Prod. Ass. versione ST7


LP (clicca x ingrandire)
(clicca x ingrandire) (grazie a Barbara)

CDMRL6496 Ricordi, CD
(clicca x ingrandire)

http://www.viadelcampo.com/html/tutti_morimmo___.html (2 of 6)23/05/2005 18.39.38


Fabrizio De André - Tutti morimmo...

(7432197562 clicca x ingrandire)

NOTA: A volte questo disco viene considerato il "Volume 2" esistono però sotto questo
nome, anche riedizioni di altri dischi di De Andrè del periodo Karim. Vedere su FDA 72-
73

Cantico dei drogati (Testo di Fabrizio De André e Riccardo Mannerini - Musica di Fabrizio De
André)...... 7'06"

1. Primo intermezzo (Testo e Musica di Fabrizio De André)...... 1'57"


2. Leggenda di Natale (Testo e Musica di Fabrizio De André)...... 3'14"
3. Secondo intermezzo (Testo e Musica di Fabrizio De André)...... 1'56"
4. Ballata degli impiccati (Testo di Fabrizio De André e Giuseppe Bentivoglio - Musica di
Fabrizio De André)...... 4'22"
5. Inverno (Testo e Musica di Fabrizio De André)...... 4'10"
6. Girotondo (Testo e Musica di Fabrizio De André)...... 3'06"
7. Terzo intermezzo (Testo e Musica di Fabrizio De André)...... 2'12"
8. Recitativo e Corale (leggenda del re infelice) (Testo e Musica di Fabrizio De André)......
5'45"

Per la Leggenda di Natale: testo ispirato a Le Père Noël e la petite fille di Georges Brassens.

Orchestra Philarmonia di Roma e coro P. Carapellucci diretti da Giampiero Reverberi


Collaborazione alle musiche e orchestrazione di Giampiero Reverberi
Assistenza tecnico-artistica Gianfranco Reverberi
Tecnico di registrazione Giorgio Agazzi
Registrato negli studi RCA di via Tiburtina a Roma nell'agosto 1968

http://www.viadelcampo.com/html/tutti_morimmo___.html (3 of 6)23/05/2005 18.39.38


Fabrizio De André - Tutti morimmo...

From: cleopatra <cleo.patra@tiscalinet.it>


Reply-To: fabrizio@yahoogroups.com

Subject: [fabrizio] Ballata degli Impiccati

Date: Mon, 06 May 2002 21:21:35 +0200

é una delle poche canzoni rabbiose di Faber, questa. Forse l'unica. Di


solito Faber è spietato ma con distacco, mai con rancore. I suoi
personaggi, morti - perché son quasi sempre morti, o fermi, o comunque
lontani dalla realtà - sono in genere rassegnati, e ci raccontano la loro
vita, le loro piccole passioni, e con una feroce ironia anche il momento
della loro morte.
Gli impiccati, anonimi, muoiono nel momento in cui cantano, e cantando non
riescono a perdonare, ma soltanto a lanciare invettive, contro il mondo
intero.
è una canzone che ho sempre ascoltato con disagio - e cantato sottovoce.
Possibilmente leggevo le parole, ma non avevo il coraggio di pronunciarle.
Stasera l'ho cantata. E ho pensato che ognuno di noi in qualche momento
nella sua vita ha bisogno di dire parole come queste. Non perché si senta
pendere da un ramo. Ma perché ognuno degli impiccati che dondola ha più
vita di tante persone vive, e cerca di rimanerci attaccato con l'ultimo
fiato, con l'ultimo respiro. A volte l'unica cosa che ci spinge ad andare
avanti è la rabbia, il rancore sospeso, che non ha l'odore del sangue
rappreso ma magari di un dolore lontano, che non si è mai cicatrizzato.
Nessuno di noi ha paura delle proprie ferite, di quelle più profonde, che
non mostra, e che lo spingono ad andare avanti, a scalciare, a combattere,
a riprendere fiato.

ciao Franco,
Lilia

La mia pagina!
http://web.tiscalinet.it/cleoo

Tutti morimmo a stento - Note inseritre nel disco -


Nel primo dopoguerra sorse a Genova, nel quartiere della Foce, una singolare istituzione.
Alcuni ragazzi del rione decisero di creare un'opera assistenziale a favore dei gatti randagi. Li
raccoglievano per le strade e li ricoveravano, volenti o nolenti fra le macerie di una casa
bombardata. Mettendo a saccheggio le dispense materne: rifornivano i foro ospiti di ogni-ben di
Dio, e ben presto, fra le macerie dell'improvvisato asilo, sorse la più florida comunità di gatti
che mai sia esistita.

Capo dell'istituzione era Fabrizio, che a quell'epoca ottenne presso i gatti genovesi la stessa
incondizionata ammirazione che oggi gli viene tributata dai « patiti » delle sue canzoni.

L'accostamento è legittimo, anche perché enucleando un aspetto della personalità di Fabrizio


uomo, chiarisce molte cose sul Fabrizio poeta. 1 gatti randagi di ieri cantano ancora nelle sue
canzoni, popolate di creature sconfitte, lasciate ai margini della società ed alle quali egli vuoi
riconoscere, anche polemicamente, come agli animali affamati della sua-infanzia, quella dignità
umana negata loro dalla gente per bene.

http://www.viadelcampo.com/html/tutti_morimmo___.html (4 of 6)23/05/2005 18.39.38


Fabrizio De André - Tutti morimmo...

E' affollato, il suo mondo_poetico, di gatti che hanno fame (di pane, di pietà, di amore): da «
Miché » a « Bocca di rosa », alla fauna notturna de « La città vecchia » o di

Via dei campo,», ai negri di « Spiritual » che continuano ad attendere che Dio si accorga di loro,
al suicida di « Preghiera in gennaio », ai protagonisti de « La ballata dell'eroe », « La guerra di
Piero », < La ballata dell'amore, cieco ».

C'è bisogno di tanta pietà, per i gatti randagi come per gli uomini, vuoi dirci Fabrizio. E per
dircelo ha raccolto tutte le folgorazioni le, angosce, i tremori delle sue canzoni precedenti, per
scrivere questa cantata che è anche - e soprattutto - una galleria di personaggi, un vasto mosaico
sulla solitudine e sull'infelicità dell'uomo. Ancora una volta Fabrizio ha dato la parola ai gatti
randagi, perché la gente capisca e tragga le debite conseguenze. Ecco perché « Tutti morirono a
stento » è un messaggio di disperato amore, per tutti i diseredati cui una specie di morte morale
impedisce di recuperare il perduto gusto della vita.

E proprio la morte (come negazione della vita, ossia della dignità, della felicità, di tutto quanto
gli antichi comprendevano nel termine « humanitas »), fornisce il fondale inquietante di questa
cantata, un polittico che allinea tutto il triste campionario di un'umanità derelitta: tossicomani,
impiccati, bimbi impazziti negli agghiaccianti « jeux interdits » di uria guerra apocalittica,
adolescenti traviate, falsi babbi Natale che cercano nell'amore di fanciulle ancora pure il brivido
dimenticato della gioventù. Su tutti alleggia, nel dolente racconto dell'autore, la consapevolezza
dei proprio peccato e dell'impossibilità a riscattarsene, l'avidità di luce e di quiete cui fa
riscontro la condanna all'ombra e al tormento.

Così nel canto dei drogato (chi / e perché mi ha messo ai mondo / dove vivo la mia morte / con
un anticipo tremendo?) che nell'euforia illusoria dell'allucinogeno cerca
invano l'antidoto al proprio vuoto interiore: « Ho licenziato Dio / gettato via un amore / per-
costruirmi il vuoto / nell'anima e nel ' cuore... » e poi: « Gli arcobaleni d'altri mondi / hanno
colori che non so / lungo i ruscelli d'altri mondi / nascono fiori che non ho », impossibile
speranza in una felicità che stia « oltre il confine stabilito >, oltre la coscienza umana, oltre « i
bordi dell'infinito ».

Così ancora nella amara « Leggenda di Natale », la storia dei vecchio riccone che abusa
dell'innocenza di una fanciulla per allontanare da sé lo spettro incombente della vecchiaia: « E
venne l'inverno che uccide il colore e un babbo Natale che parlava d'amore / e d'oro e d'argento
splendevano i doni ma gli occhi eran freddi, e non erano buoni... E mentre incantata io stavi a
guardare/ dai piedi ai capelli li volle baciare ».

Un mondo, insomma, che ripugna alla fredda e asettica morale di chi giudica prima di
comprendere e di compatire (ed è la morale dei più) ma sul quale si china pietoso Fabrizio. E a
differenza della morale dei più, la sua morale è sempre giustificatrice, mai giustiziera. Per lui
tutti hanno diritto a salvarsi, « perché non c'è l'inferno / nel mondo dei buon Dio ».

Ma come salvarsi, se ogni rivalsa sulia naturale caducità delle cose e dei sentimenti finisce per
rivelarsi impossibile? E' vero che alla solitudine può anche seguire l'amore, che all'inverno
finisce per sostituirsi la primavera. (« Ma tu che vai, ma tu rimani / anche la neve morirà
domani / l'amore ancora ci passerà vicino / nella stagione dei biancospino »); ma altri inverni
sopraggiungeranno, anche l'amore finirà: « Ma tu che stai, perché rimani? / Un altro inverno
tornerà domani / cadrà altra neve a consolare i campi / cadrà altra neve sui camposanti ».

Insomma, è la mancanza di pietà che trasforma la nostra vita in un lungo cammino di morte. Il
tema affiora nella , Ballata degli impiccati », ai quali non è stata concessa possibilità di
redimersi, per i quali « il prezzo fu la vita / per il male fatto in un'ora »; o nel «
Marcondiro'ndero >> una delle pagine più intense e drammatiche dell'intera cantata. Vi si narra

http://www.viadelcampo.com/html/tutti_morimmo___.html (5 of 6)23/05/2005 18.39.38


Fabrizio De André - Tutti morimmo...

come la spietata (appunto) follia dell'uomo abbia scatenato la guerra atomica, e di come la terra
ne si andata distrutta. Solo i bimbi sono rimasti vivi, a continuare un assurdo girotondo che li
trascina, gradualmente, alla pazzia. E su tutto aleggia un terribile monito, « chi ci salverà? ».

Dunque, vuole dirci l'autore, non c'è speranza nell'uomo, se non nell'amore che uccide l'odio,
nella carità che uccide cupidigie, e rancori, e ingiustizia. Abbiano pietà coloro che stanno in
alto, che hanno gloria, potenza e ricchezza. Abbiano pietà di chi conosce dolore e di chi conosce
l'errore, affinché per tutti - se lo vorranno - si apra la strada dei riscatto. I potenti, rammentìno
che la felicità non nasce dalla ricchezza né dal potere, ma dal piacere di donare. E che la morte è
rimorso, per chi non ha saputo aprirsi, in vita, alla compassione. Per chi non ha saputo amare i
gatti randagi.

http://www.viadelcampo.com/html/tutti_morimmo___.html (6 of 6)23/05/2005 18.39.38


Fabrizio De André - Volume III

testi

1968 Volume 3 (testi) (note inserite nel disco)


1968 Bluebell Records BBLPS 33
1970 Produttori Associati PA/LPS 33 (versione rara con "Il pescatore" al posto de "Il gorilla")
1970 Tonycassette 2 TC 1007 cassetta stereo 7 (contiene "Il pescatore")
1970 Produttori Associati PA 1007 cassetta stereo 7 (contiene "Il pescatore")
1970 Produttori Associati PA 9015, cassetta Stereo8 - Titolo diverso: "La canzone di Marinella"
con "Il pescatore" ma mancante di 2 canzoni
1971 Produttori Associati PA/LPS 33 (LP con "Il gorilla")
1971 Ricordi SMRL 6237
1983 Ricordi RIK 76494 cassetta stereo 7
1983 Ricordi Orizzonte ORL 8899 (LP)
1983 Ricordi Orizzonte ORK 78899 cassetta stereo 7
1987 Ricordi CDMRL 6237 CD
1991 Ricordi Orizzonte CDOR 8899 (CD)
1995 BMG - Ricordi CDMRL 6494 (CD)
2000 BMG - Ricordi 74321 795862 (CD) ristampa serie oro
2002 BMG - Ricordi 74321974582 (CD) 24 bit remastering

(BBLPS33 clicca x ingrandire (BBLPS33 clicca x ingrandire


images by Luca Bassanese) images by Luca Bassanese)

Copertine della rara


versione di Volume 3
contenente "Il
pescatore" al posto de
"Il gorilla"

http://www.viadelcampo.com/html/volume_iii.html (1 of 5)23/05/2005 18.40.06


Fabrizio De André - Volume III

(clicca x ingrandire
images by Luca Bassanese)

(PALPS33 con il pescatore clicca x ingrandire)


(PALPS33 con Il pescatore!
clicca x ingrandire)

(PALPS33 clicca x ingrandire) (PALPS33 clicca x ingrandire)

(SMRL 6237 clicca x ingrandire (SMRL 6237 clicca x ingrandire


images by Lucio) images by Lucio)

http://www.viadelcampo.com/html/volume_iii.html (2 of 5)23/05/2005 18.40.06


Fabrizio De André - Volume III

ORL 8899 clikka x ingrandire ORL 8899 clikka x ingrandire

(CDOR8899 clicca x ingrandire


(CDOR8899 clicca x ingrandire)
images by Lucio)

(CDMRL6494 clicca x ingrandire)

(CDMRL6494 clicca x ingrandire)

http://www.viadelcampo.com/html/volume_iii.html (3 of 5)23/05/2005 18.40.06


Fabrizio De André - Volume III

Ricordi 74321974582 (CD) 24 bit remastering - clikka x ingrandire

1 - La canzone di Marinella (Testo e Musica di Fabrizio De André)... . . . . . . . . . . . . . .. 3'20"


2 - Il gorilla [Le gorille](Testo italiano Fabrizio De André - Testo e Musica di Georges Brassens) . 2'59"
3 - La ballata dell'eroe (Testo e Musica di Fabrizio De André)....... . . . . . . . . . . . . . . . . . 2'35"
4 - S'i fossi foco (Da un sonetto di Cecco Angiolieri - Adattamento musicale di Fabrizio De André) 1'14"
5 - Amore che vieni amore che vai (Testo e Musica di Fabrizio De André)......... . . . . . . . 2'50"
6 - La guerra di Piero (Testo e Musica di Fabrizio De André).............. . . . . . . . . . . ........ 3'04"
7 - Il testamento (Testo e Musica di Fabrizio De André)............. . . . . . . . . . . . . . . ........ 3'47"
8 - Nell'acqua della chiara fontana [Dans l'eau de la claire fontaine]
(Testo italiano Fabrizio De André - Testo e Musica di Georges Brassens) ........ . . . . . .............. 2'20"
9 - La ballata del Michè(1)(Testo e Musica di Fabrizio De André)..... . . . . . . . . . . . . . . .. 2'55"
10 - Il re fa rullare i tamburi(2)(Traduzione e adattamento di Fabrizio De André).. . . . ..... 3'14"

Nuove esecuzioni di canzoni già edite nei 45 giri ed 4 canzoni inedite


Collaborazione alle musiche e orchestrazione di Giampiero Reverberi
Assistenza tecnico-artistica Gianfranco Reverberi
(1) Collabora al testo Clelia Petracchi
(2) Da una canzone popolare francese del XIV secolo

Note inserite nel disco


«S'io fossi foco, arderei lo mondo, / s'io fossi vento, io 'l tempesterei». Cecco Angiolieri, il
primo «young angry man» della letteratura europea, iniziava cosi, sette secoli or sono, il
suo sonetto più «terribile».
Nell'èra dei mistici, fra le fioriture leggiadre dei «dolce stil novo», il poeta senese scopriva il
gusto acre dell'imprecazione come contravveleno al male di vivere; il lessico della rabbia
come suggello alla disperazione; il ghigno dilatato fino alla volgarità come verifica dei tragico
quotidiano.

Fabrizio De André, uno degli autentici «young angry men» della canzone contemporanea, ha
recuperato la lezione di messer Cecco nella sua allucinante attualità. Andando bene al di là di
certe definizioni di comodo, che fanno di Angiolieri un acido velleitario e un bestemmiatore da
trivio, ha compreso a fondo la sconcertante «verità» dei poeta medievale, si è calato entro la
drammatica accoratezza della sua «protesta», oggi più che mai viva, parlante più che mai.

Ecco perché l'ipotesi di un incontro in ispirito fra il cantore dugentesco e il cantastorie


novecentesco non è soltanto suggestiva, è anche credibile. Ovvero il fatto che De André abbia
rivestito di musica (un'ironica giava) i versi dei senese, non è casuale ma muove da
motivazioni precise. E, quella fra Cecco e Fabrizio, un'occhiata d'intesa fra due autori distanti
sette secoli l'uno dall'altro, eppure vicinissimi, quasi parenti.
Chi conosce Fabrizio attraverso le sue canzoni - la lunga storia di una ribellione - non faticherà
ad accertarsene.

http://www.viadelcampo.com/html/volume_iii.html (4 of 5)23/05/2005 18.40.06


Fabrizio De André - Volume III

Basterà, a scoprire la natura e la consistenza di tale legame, ascoltare questo disco in cui De
André ripropone, accanto al sonetto di Angiolieri, alcune fra le pagine più significative della
sua produzione di ieri e di oggi. Fra queste ultime è importante rilevare due traduzioni da
Brassens, un altro poet a cui il cantautore genovese è legato da particolari affinità di gusto, di
scelte, di inclinazioni.

A ben guardare, direi che la protesta anzi la ribellione di Fabrizio nasce da un assoluto bisogno
di fede, dalla ricerca di un qualcosa in cui credere che è testimonianza d'amore per, l'Uomo,
fiducia nel suo divenire. E questa tensione costante a salvare il mondo poetico di Fabrizio dalle
sabbie mobili dei nihilismo, a trattenerlo sull'orlo della negazione totale per impedirgli di
precipitare. Per sconfortata che sia la sua visione del mondo, vi è sempre l'impulso ad andare
avanti, a cercare ancora. Per distaccata e rinunciataria che possa sembrare la sua cronaca, è
facile leggervi fra le righe un invito alla lotta, un ammonimento a prendere coscienza della
realtà per imboccare altre strade.

Questo mi pare vogliano insegnarci i poveri eroi di Fabrizio, solitari campioni di un'umanità
che brancola nel buio e cerca la luce, e troppo spesso, vittima dei proprio cammino, inciampa
fra i sassi che costellano le vie dell'esistenza. Perché, a guardare in alto, si rischia di
incespicare: come Marinella, che muore nel momento stesso in cui scopre l'amore; come
Miché, omicida per il timore di perdere la sua ragazza, suicida per la disperazione di averla
perduta; come il soldato de «La ballata dell'eroe», che «troppo lontano / si spinse a cercare / la
verità»; come Piero, ucciso fra i papaveri dalla furia feroce della guerra, proprio mentre scopre
nel grembo di quest'ultima il sapore di un'impensata fraternità: «E mentre andavi con l'anima
in spalle / vedesti un uomo in fondo alla valle / che aveva il tuo stesso identico umore / ma la
divisa di un altro colore » Eccoci così al tema dell'«homo homini lupus», l'aspetto più
inquietante dei dissenso di Fabrizio Da André nei confronti della società. L'uomo non è
soltanto vittima dei propri errori o del proprio destino.
E soprattutto vittima degli altri, dell'ipocrisia, dell'odio, della malafede dei prossimo. Così la
cortigiana sfiorita, di stecchettiana memoria, dei «Testamento», costretta a vendere immagini
sacre all'angolo di una chiesa perché il consorzio sociale non le lascia altra possibilità di
sussistenza; così quel personaggio di cui si racconta ne «Il gorilla», ucciso dalla corriva
«giustizia» degli uomini: «Gridava mamma come quel tale / cui il giorno prima come ad un
pollo / con una sentenza un po' originale / aveva fatto tagliare il collo, La morte (dei sogni,
dell'amore, della dignità). La guerra, l'odio, il marciume che è dentro e intorno a noi.
Sono questi, dunque, i sassi che Fabrizio semina lungo l'itinerario dei propri personaggi, per
insegnare a noi a camminare. Sono i capisaldi della sua tristezza - e deHa sua speranza - di
artista profondamente partecipe della realtà. Di uomo che vive la vita degli altri uomini, vi si
cala fino in fondo e la soffre senza alternative, totalmente. Il fatto che, per esprimerla, egli non
di rado ricorra all'umorismo non significa nulla. E, il suo, un humour sempre disponibile ai
richiami dei tragico, quotidiano o no. Nessuna voglia di ridere: semmai il sarcasmo «cattivo»
di Cecco Angiolieri. Un sarcasmo che è l'alibi dell'amarezza, che ha l'infinita tensione di un
pianto rattenuto.

http://www.viadelcampo.com/html/volume_iii.html (5 of 5)23/05/2005 18.40.06


Fabrizio De André - Nuvole Barocche

1969 Nuvole Barocche


(Ed. Roman Record Company RCP 704).
3 edizioni, con e senza i titoli delle canzoni sulla copertina TESTI!
titoli scritti in nero e titoli in rosso

1 - Nuvole barocche (Testo e Musica di Fabrizio De André, Gianni Lario, Carlo Stanisci)2'26"
2 - E fu la notte (Testo e Musica di Fabrizio De André, Franco Franchi, Carlo Stanisci). 2'03"
3 - Valzer per un amore(1)(Testo di Fabrizio De André - Musica di Gino Marinuzzi jr).. .. 3'40"
4 - Per i tuoi larghi occhi (Testo e Musica di Fabrizio De André)................ . . . . . . . . ....... 2'33"
5 - La canzone dell'amore perduto(2)(Testo e Musica di Fabrizio De André)...................... 3'40"
6 - Carlo Martello ritorna dalla battaglia di Poitiers(3)
(Testo di Fabrizio De André e Paolo Villaggio - Musica di Fabrizio De André)............ 5'19"
7 - Il fannullone(3)
(Testo di Fabrizio De André e Paolo Villaggio - Musica di Fabrizio De André)............ 3'37"
8 - Geordie(4)(Testo e Musica di Fabrizio De André)............ x'xx"
9 - Delitto di paese [L'assassinat]
(Testo italiano Fabrizio De André - Testo e Musica di Georges Brassens) x'xx"

(1) Musica tratta dal "Valzer campestre" della "Suite siciliana" di Gino Marinuzzi jr.
(2) Musica tratta da "Concerto in Re maggiore per tromba, archi e continuo" - Adagio - di Georg Philipp
Telemann
(3) Arrangiamenti e direzione orchestra di Giampiero Boneschi
(4) Da una musica tradizionale inglese è cantata con Maureen Rix

http://www.viadelcampo.com/html/nuvole_barocche.html (1 of 3)23/05/2005 18.41.15


Fabrizio De André - Nuvole Barocche

Raccolta di canzoni del periodo in cui De Andrè incideva per la Karim, comprensiva di
canzoni apparse nei primi singoli e non inserite nel primo album (Tutto FDA)

http://www.viadelcampo.com/html/nuvole_barocche.html (2 of 3)23/05/2005 18.41.15


Fabrizio De André - Nuvole Barocche

http://www.viadelcampo.com/html/nuvole_barocche.html (3 of 3)23/05/2005 18.41.15


Fabrizio De André - Il pescatore

1970 Il pescatore / Marcia Nuziale (testi)


(ed. Liberty LIB 9065 ma anche Bluebell Records BD 8032)

(clicca x ingrandire) (versione ricordi)

(Incluso poi nella raccolta del 1976)


Pubblicato con tre diverse copertine, di cui 2 apribili

IL PESCATORE

All'ombra dell'ultimo sole


s'era assopito un pescatore
e aveva un solco lungo il viso
come una specie di sorriso.

Venne alla spiaggia un assassino


due occhi grandi da bambino
due occhi enormi di paura
eran gli specchi di un'avventura.

E chiese al vecchio dammi il pane


ho poco tempo e troppa fame
e chiese al vecchio dammi il vino
ho sete e sono un assassino.

Gli occhi dischiuse il vecchio al giorno


non si guardò neppure intorno

http://www.viadelcampo.com/html/il_pescatore.html (1 of 3)23/05/2005 18.41.27


Fabrizio De André - Il pescatore

ma versò il vino e spezzò il pane


per chi diceva ho sete e ho fame.

E fu il calore di un momento
poi via di nuovo verso il vento
davanti agli occhi ancora il sole
dietro alle spalle un pescatore.

Dietro alle spalle un pescatore


e la memoria è già dolore
è già il rimpianto di un aprile
giocato all'ombra di un cortile.

Vennero in sella due gendarmi


vennero in sella con le armi
chiesero al vecchio se lì vicino
fosse passato un assassino.

Ma all'ombra dell'ultimo sole


s'era assopito il pescatore
e aveva un solco lungo il viso
come una specie di sorriso
e aveva un solco lungo il viso
come una specie di sorriso.

http://www.viadelcampo.com/html/il_pescatore.html (2 of 3)23/05/2005 18.41.27


Fabrizio De André - Il pescatore

http://www.viadelcampo.com/html/il_pescatore.html (3 of 3)23/05/2005 18.41.27


Fabrizio De André - La Buona Novella

(testi)

1970 La buona novella (testi) (note inserite nel disco)


1970 Produttori Associati PA/LPS 34 (copertina ocra)
1970 Produttori Associati PA/LPS 34 (copertina bianca)
1970 Produttori Associati PA 1009 cassetta stereo 7
1970 Produttori Associati PA 9004 cassetta stereo8
1970 Ricordi SMRL 6230 (copertina bianca)
1970 Ricordi RIK 76498 cassetta stereo 7
1973 Ricordi Orizzonte ORL 8918 (LP) copertina trittico chiesa
1970 Ricordi Orizzonte ORK 78918 cassetta stereo 7
1987 Ricordi CDRML 6230 CD
1991 Ricordi Orizzonte CDOR 8918 CD
1995 BMG - Ricordi CDMRL 6498 CD
2002 BMG - Ricordi 74321974452 CD - 24 bit remastering - cop. ocra

(PALPS34 clicca x ingrandire) (PALPS34 clicca x ingrandire)


Cover by Lucio Cover by Lucio

(PALPS34 clicca x ingrandire) (PALPS34 clicca x ingrandire)

http://www.viadelcampo.com/html/la_buona_novella.html (1 of 7)23/05/2005 18.42.00


Fabrizio De André - La Buona Novella

(PALPS34 clicca x ingrandire) (PA1009 clicca x ingrandire)


grazie a Barbara

SMRL 6230 clicca x ingrandire)


SMRL6230 clicca x ingrandire)
cover by Lucio

(Ricordi Orizzonte ORL 8918 - clicca (Ricordi Orizzonte ORL 8918 - clicca
x ingrandire) x ingrandire)

http://www.viadelcampo.com/html/la_buona_novella.html (2 of 7)23/05/2005 18.42.00


Fabrizio De André - La Buona Novella

(CDOR8918 clicca x ingrandire)


cover by Lucio

CDMRL6498 clicca x ingrandire

(743219744524 clicca x ingrandire)

● 1 - Laudate Dominum (Testo e Musica di Fabrizio De André)...... . . . . . . . . . .. 0'21"


● 2 - L'infanzia di Maria (Testo e Musica di Fabrizio De André).................... . . .. 5'01"
● 3 - Il ritorno di Giuseppe (Testo e Musica di Fabrizio De André)....... . . . . . . . . 4'07"
● 4 - Il sogno di Maria (Testo e Musica di Fabrizio De André)..................... . . . . 4'07"
● 5 - Ave Maria (Testo e Musica di Fabrizio De André).... . . . . . . . . . . . . . . . .... 1'53"
● 6 - Maria nella bottega di un falegname (Testo e Musica di Fabrizio De André). 3'14"
● 7 - Via della Croce (Testo e Musica di Fabrizio De André).................... . . . . ... 4'33"
● 8 - Tre madri (Testo e Musica di Fabrizio De André)..... . . . . . . . . . . ... . . . . . . 2'55"
● 9 - Il testamento di Tito (Testo e Musica di Fabrizio De André)...................... . 5'51"
● 10 - Laudate hominem (Testo e Musica di Fabrizio De André) . . . . . . . . . . . . . 3'29"

http://www.viadelcampo.com/html/la_buona_novella.html (3 of 7)23/05/2005 18.42.00


Fabrizio De André - La Buona Novella

Novembre 1970
A cura di Roberto Dané
Arrangiamenti di Giampiero Reverberi
Orchestra e coro "I musical" diretti da Giampiero Reverberi
Tecnici del suono: Walter Patergnani (Ricordi) - Mario Carulli (Fonorama) - Plinio Chiesa
(Fonit-Cetra)
Grafico: Greguoli

Da qualche parte troverete scritto "a cura di", "arrangiamenti di" e qualche altra doverosa e
professionale gratitudine stampata da una macchina disperata, senza amici. Io ho degli amici:
Roberto Dané, che ha usato l'intelligenza per censurare e suggerire, l'affetto per stimolare e
convincere e infine il forcipe, perché questo lavoro diventasse un lavoro finito, perché nascesse;
Giampiero Reverberi, che ancora una volta ha saputo vestire di musica la mia consueta balbuzie
melodica; Corrado Castellari e Michele ai quali devo un'idea per la musica del testamento di
Tito; Franco Mussida - chitarra, Franz Di Cioccio - batteria, Giorgio Piazza - basso, Flavio
Premoli - organo, Mauro Pagani - flauto del complesso "I Quelli" ed il chitarrista Andrea Sacchi
che dopo due giorni di distaccata collaborazione hanno dimenticato gli spartiti sui leggii e sono
venuti a chiedermi "perché hai fatto questo disco, perché hai scritto queste parole". Anche con
loro la fatica comune si è trasformata in amicizia: da quel momento

Fabrizio De André

Non fatevi abbagliare dalla fama de "Il testamento di Tito", una delle canzoni più famose
di Fabrizio De Andrè¨.
Questo è uno dei dischi più belli di De Andrè, una unica bellissima poesia. testi incantevoli
su una musica unica. Da ascoltare dall'inizio alla fine.

Un buon commento a questo CD sul sito di Lilia Boeri (http://www.freeweb.org/varie/cleo/


faberind.htm)

Corrado Castellani (citato da Faber nei ringraziamenti) mi ha scritto qualche dettaglio in più:

Caro Walter

ecco come è andata: Fabrizio aveva scritto , musica e testo del TESTAMENTO DI TITO,
però aveva confidato a MICHELE (vedi Susan dei Marinai) suo grande amico, che non
era soddisfatto della musica che lui stesso aveva scritto, e qui intervenne la fortuna e
debbo dire un grazie grande come una casa a MICHELE il quale gli disse: " ho un amico
compositore( ero io) che ha delle belle idee musicali, perchè non lo fai provare a
musicarti il TESTAMENTO DI TITO?......" Fabrizio acconsentì a farmi provare- la mia
musica gli piacque tantissimo tanto che scelse la mia . Quindi IL TESTAMENTO DI
TITO è : testo :Fabrizio de Andrè musica:Corrado Castellari

A proposito, sai di chi è l'idea di SUSAN DEI MARINAI? E' di Fabrizio che ascoltando il
mio provino suonato e cantato in un inglese maccheronico, disse: "Questa è SUSAN DEI
MARINAI........"

Pubblica pure, mi farebbe molto piacere.

http://www.viadelcampo.com/html/la_buona_novella.html (4 of 7)23/05/2005 18.42.00


Fabrizio De André - La Buona Novella

Ciao Corrado

Note inserite nel disco:


L'aggettivo « apocrifo ,, in greco, significa segreto, nascosto. Sembra che stesse ad indicare, fino
al IV secolo d.C., alcuni scritti che qualche setta cristiana metteva a disposizione solo degli
iniziati, non ritenendo che gli scritti fossero di facile comprensione per le masse.

Quando la Chiesa cominciò a distinguere in « ispirata e no » la letteratura su Cristo escluse quei


testi apocrifi dal codice « canonico ».

Per estensione vennero chiamati apocrifi tutti gli scritti esclusi dal codice, appartenessero o
meno a quelle sette. Così apocrifo divenne sinonimo di « non veritiero ,, « falso ,, « non corretto
».

Ci sono vangeli, bibbia, atti e lettere, sentenze e apocalissi apocrifi.


I vangeli apocrifi, in genere, vengono datati tra il I e il IV secolo d.C.

Convenzionalmente portano il nome di apostoli o testimoni della vita di Cristo: Pietro,


Nicodemo, Filippo, Giacomo, Tommaso, i quali parlano in prima persona o sono citati dal
redattore dei testo come fonte dei racconto.

Gli apocrifi sembrano colmare il vuoto dei quattro canonici (Marco, Matteo, Luca, Giovanni)
sull'infanzia di Maria, la storia di Giuseppe, l'infanzia di Gesù e la storia di Erode e Pilato. Ma la
differenza più affascinante è l'attenzione che gli autori mettono anche sulla natura « comunque »
umana dei foro protagonisti; costoro, e il popolo che vive con loro, sembrano semidei di vario
grado immersi in una meravigliosa e a volte anche troppo fantastica leggenda, costretti a viverla
come umili e martoriati esseri umani in balia di questa unica commedia umana.

Pur essendo fuori della Chiesa gli apocrifi hanno lasciato una traccia ben profonda: dalle più
piccole e radicate tradizioni: la grotta, l'asino e il bue, i nomi dei Magi e dei genitori di Maria,
fino alle basi sulle quali poggia il dogma dell'Assunzione e la definizione « Madre di Dio ».
Queste e altre notizie hanno ricchezza di particolari e spesso unica citazione nei vangeli apocrifi.
La loro storia è sotterranea. I « fedeli » cristiani non li conoscono, la Chiesa non li divulga, per
secoli sono stati ignorati eppure Dante, Carpaccio, Tiziano, Michelangelo, Raffaello, Hugo,
Buigakov devono averli letti se hanno raccontato o dipinto scene che solo gli apocrifi
contengono.

li lavoro di questo disco nasce da una ricerca sugli apocrifi e sull'animo umano che li ha
informati; nasce dalla necessità di divulgare e *comunicare e dalla convinzione che l'argomento
è lungi dall'essere superato: semmai, oggi, l'interesse si sposta, finalmente, dallo studioso alla
gente, attraverso l'unico tramite ancora possibile, l'artista.

Fabrizio De André comincia il suo mestiere di autore con le canzoni di protesta, La guerra di
Piero, La ballata dell'eroe (vai la pena di chiamarle di protesta visto che nove anni fa la protesta
non era di moda) e con stupende canzoni d'amore, Bocca di rosa, Via dei Campo, Marinella.

La storia spesso fa da supporto, da pretesto per la polemica, per la satira, per l'umorismo su
questo nostro « scostumato » mondo. Tra un verso e l'altro filtra l'ironia dell'uomo che ha
bisogno di fede e fede non ha trovato. Il problema più che-religioso è mistico e, fattosi primo tra
gli altri, comincia a cadenzare una

sfiducia in tutto ciò che è mito ma non risolve, che è autorità ma non opera, che è volontà ma

http://www.viadelcampo.com/html/la_buona_novella.html (5 of 7)23/05/2005 18.42.00


Fabrizio De André - La Buona Novella

non vuole altri che se stessa. L'ironia, qualche volta, prende la piega acre dei sarcasmo, la
sfiducia scende di classe, corrode anche gli oppressi fino alla passività che è suicidio e De André
scrive Tutti morimmo a stento, cantata sulla morte ma anche per la morte, certa, sicura, e tanto
più amara se i] vivere non è stato. Tutti morimmo a stento è un quieto dolore che finisce male,
della rivolta non ci sono più neppure le radici, rimangono due invocazioni e un atto di accusa
che sembrà una preghiera. Solo la morte ha ragioni per vivere: ha la coscienza di essere stata
chiamata.

La buona novella è il grado più alto di questa illusione-disillusìone-sfiducìa. Ne è l'emblema,


addirittura. Comincia con una favola, una leggenda: un « c'era una volta » che fa presagire lieto
fine e felicità. Contiene l'identico carattere di anomalia delle favole: cominciano con momenti
tristi e penosi, con angosce e fatiche, lo svolgimento rasenta il tragico, l'irreparabile, poi
sfociano brutalmente (come quando arrivano i nostri) in un lieto fine liberatorio. Sono forse i
timori, le paure dell'adolescenza che svaniscono nel l'accettazione, con la maturità, di affetti
concreti, reali e semplici.

Il raro e lo straordìnario sono sempre di passaggio.

E De André segue questo itinerario: alla favola sembra crederci, la porta avanti come se dovesse
concludersi con il lieto fine, termina persino il primo tempo con l'odore della felicità. E poi
distrugge con forza e decisione tutto ciò che ha costruito e lo distrugge senza giustificazioni di
destini o di predestinazioni: con la convinzione che l'ineluttabile morte deve accadere,
comunque, anche per errore. Sembra allora che la costruzione della prima parte sia stata fatta
apposta per essere abbattuta: più dolce, femmina e leggenda, per frustrare definitivamente con la
realtà dura e maschile ogni capacità di speranza. Non importa che la storia dei vangeli gli fosse
ovviamente nota. Alla sua storia « evangelica » manca il riferimento biblico « affinché si
compisse quei che è stato predetto ». De André usa perciò della stessa meraviglia dei narratore
originale, l'incredibile lo allarga, lo riempie di possibile, lo umanizza come fosse credibile, fino
al tentativo di corruzione dell'ascoltatore perché gioisca con lui: questa volta ce l'abbiamo fatta, i
fatti cambiano il mondo! E poi lo dileggia perché ha creduto, ancora una volta, alla favola
illusoria.

Resta. a consolare, quell'amore dell'ultimo verso

dei testamento di Tito: unico comandamento, ama il prossimo tuo, che comandamento non è.
Parallelamente a questa sfiducia esistenziale (anche l'unico che poteva essere Dio è morto) c'è,
ben chiara, quella propriamente politica. Ed è ancora la stessa strada della frustrazione.

Così una bambina, prima ancora di capire, prima ancora di volere, è già strumento della fede dei
genitori e, naturalmente, dei potere che quella fede esercita. E viene allevata nel seno dei potere
per servire-il potere. E proprio dalla vergine per vocazione (sterile, perciò) , nasce la rivolta. La
gioia è breve, il potere riprende le redini in mano, la rivolta è soffocata, il potere uccide.
L'altalena vichiana dei finale toglie, senza molte cortesie, e senza tanto favoleggiare, le illusioni
a diciannove secoli di storia.

La storia finisce con la morte perché la morte è la fine della realtà. La resurrezione sarebbe
ancora leggenda e ancora una volta toglierebbe forza alla possibilità di imitare quest'uomo che
De André considera,il più importante rivoluzionario della storia.

Il legame con i vangeli apocrifi è allo stesso tempo profondo e tenue. Direi che De André li usa
fin che gli sono utili, ne adopera alcuni strumenti, sono la fonte necessaria per un lavoro così
complesso.

L'infanzia di Maria ha dei precisi riferimenti « storici » e così il viaggio di Giuseppe e


l'annunciazione dell'angelo e la parte nota della passione ma al personaggio Giuseppe, per
esempio, De André ha dato un'anima che negli apocrifi non ha. Gli autori di duemila anni fa lo
dicono servitore di un'idea ma non dicono che cosa lui ne pensasse. E così i turbamenti di Maria,
le parole delle tre madri, i gruppi della via crucis (che, come fonte è apocrifa e non esiste nei

http://www.viadelcampo.com/html/la_buona_novella.html (6 of 7)23/05/2005 18.42.00


Fabrizio De André - La Buona Novella

canonici) il sogno della concezione e soprattutto il testamento di Tito nascono dalla fantasia di
De André per costruire una storia che termini, fisicamente e nel contenuto, con « lodate l'uomo
».

Dei versi di Fabrizio, ormai giunto alla maturità espressiva, c'è da segnare l'uso della metrica e
della rima. Ne è divenuto così padrone da non perdere occasione per proporre un'immagine. E
qui le immagini si rincorrono, si sovrappongono, si ammucchiano una contro l'altra dal primo
verso all'ultimo.

Apparentemente senza fatica. E invece è stata fatica, di un anno di lavoro, molti giorni e molte
serate e troppe notti.

Credo che con questo disco De André entri a far parte, volente o nolente, sia bene o sia male, del
costume italiano.
-

http://www.viadelcampo.com/html/la_buona_novella.html (7 of 7)23/05/2005 18.42.00


Fabrizio De André - Non al denaro non all'amore nè al cielo

testi

1971 Non al denaro non all'amore nè al cielo (testi) (Note inserite nel disco)
1971 Produttori Associati PA/LPS 40 (LP)
1973 Ricordi SMRL 6231 (LP)
1983 Ricordi Orizzonte ORL 8920 (LP) - copertina diversa -
1983 Ricordi RIK 76499 cassetta stereo 7
1983 Ricordi Orizzonte ORK cassetta stereo 7
1991 Ricordi Orizzonte CDOR 8920 (CD) - Un malato di cuore è più lungo di 24" -
1995 BMG - Ricordi CDMRL6499 (CD) - Un malato di cuore è più lungo di 24"
2002 BMG - Ricordi 74321974442 (CD) 24 bit remastering

PALP40 (clicca x ingrandire) (clicca x ingrandire)


cover by Lucio cover by Lucio

SMRL 6231 (clicca x ingrandire) SMRL 6231 (clicca x ingrandire)


cover by Lucio cover by Lucio

http://www.viadelcampo.com/html/non_al_denaro___.html (1 of 14)23/05/2005 18.43.12


Fabrizio De André - Non al denaro non all'amore nè al cielo

ORL8920 Copertina LP ORL8920 Copertina LP


clicca x ingrandire) clicca x ingrandire)

(CDOR8920 Copertina CD
(CDOR8920 Copertina CD clicca x ingrandire)
clicca x ingrandire)

CDMRL6499 Copertina CD clicca x ingrandire)

http://www.viadelcampo.com/html/non_al_denaro___.html (2 of 14)23/05/2005 18.43.12


Fabrizio De André - Non al denaro non all'amore nè al cielo

744252 Copertina CD clicca x ingrandire)

● 1 - Dormono sulla collina .............. 4'03"


● 2 - Un matto ................................. 2'35"
● 3 - Un giudice .............................. 2'55"
● 4 - Un blasfemo ............................2'59"
● 5 - Un malato di cuore ................. 4'18"
● 6 - Un medico ............................. 2'39"
● 7 - Un chimico ..............................3'00"
● 8 - Un ottico ................................ 4'35"
● 9 - Il suonatore Jones ...................4'25"

Tutti i testi sono di Fabrizio De André e Giuseppe Bentivoglio


Tutte le musiche sono di Fabrizio De André e Nicola Piovani
Arrangiamenti e direzione d'orchestra di Nicola Piovani
Prodotto da Roberto Dané e Sergio Bardotti
Sala di registrazione: Ortophonic - Roma
Tecnico del suono: Sergio Marcotulli

Liberamente tratto dall'Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters


Un buon commento a questo CD sul sito di Lilia Boeri (http://www.freeweb.org/varie/cleo/faberind.htm)

Una notizia che ti do per certa ma che non ho mai ritrovato riportata è che nel 1972 (dell'anno non sono
sicuro al 100%), l'Università di Losanna insignì Fabrizio De Andrè della Laurea "Honoris Causa" in
Letteratura Straniera per la traduzione ed il libero adattamento di alcune poesie dell'Antologia di Spoon
River di Edgar Lee Master che Fabrizio fece per mezzo del suo Album "non al denaro, non all'amore nè al
cielo".
"Pietro G. POLIGNANO" <mc8617@mclink.it>

In questa pagina:
Testi originali di Lee Masters (in italiano)
Note inserite nel disco
Intervista virtuale con Lee Masters
Commenti a "Un blasfemo", di Enrica

http://www.viadelcampo.com/html/non_al_denaro___.html (3 of 14)23/05/2005 18.43.12


Fabrizio De André - Non al denaro non all'amore nè al cielo

Da: paolo <sugolini@info-net.it>


Oggetto: De André e Spoon River
Data: martedì 13 luglio 1999 0.01
Vorrei entrare per la prima volta nel NG con un piccolo contributo. Mi è capitato di leggere delle
lettere in cui si chiedevano informazioni circa le poesie di Lee Masters riprese da De André in "Non
al denaro non all'amore nè al cielo". L'unica poesia rimasta esattamente con lo stesso titiolo è "Il
suonatore Jones" (mi riferisco naturalmente alla traduzione italiana di Fernanda Pivano - Editore
Einaudi). Le altre poesie sono le seguenti:

La collina (Dormono sulla collina)


Trainor, il farmacista (Un chimico)
Frank Drummer (Un matto)
Il dottor Siegfried Iseman (Un medico)
Wendell P. Bloyd (Un blasfemo)
Francis Turner (Un malato di cuore)
Il giudice Selah Lively (Un giudice)
Dippold, l'ottico (Un ottico)

Ciao a tutti
Paolo

--------------------------------------------------------------------------------
Testi originali (in italiano)
Grazie al contributo di Stefano, eccovi la traduzione ufficiale delle poesie a cui si è ispirato Fabrizio
De Andrè.
Da Antologia di Spoon River, a cura di Fernanda Pivano, Torino, Einaudi, 1968:

La collina

Dove sono Elmer, Herman, Bert, Tom e Charley,


l'abulico, l'atletico, il buffone, l'ubriacone, il rissoso?
Tutti, tutti, dormono sulla collina.

Uno trapassò in una febbre,


uno fu arso nella miniera,
uno fu ucciso in rissa,
uno morì in prigione,
uno cadde da un ponte lavorando per i suoi cari-
tutti, tutti dormono, dormono, dormono sulla collina.

Dove sono Ella, Kate, Mag, Edith e Lizzie,


la tenera, la semplice, la vociona, l'orgogliosa, la felice?
Tutte, tutte, dormono sulla collina.

Una morì di un parto illecito,


una di amore contrastato,
una sotto le mani di un bruto in un bordello,
una di orgoglio spezzato, mentre anelava al suo ideale,
una inseguendo la vita, lontano, in Londra e Parigi,
ma fu riportata nel piccolo spazio con Ella, con Kate, con Mag-
tutte, tutte dormono, dormono, dormono sulla collina.

Dove sono lo zio Isaac e la zia Emily,


e il vecchio Towny Kincaid e Sevigne Houghton,
e il maggiore Walker che aveva conosciuto
uomini venerabili della rivoluzione?

http://www.viadelcampo.com/html/non_al_denaro___.html (4 of 14)23/05/2005 18.43.12


Fabrizio De André - Non al denaro non all'amore nè al cielo

Tutti, tutti, dormono sulla collina.

Li riportarono, figlioli morti, dalla guerra,


e figlie infrante dalla vita,
e i loro bimbi orfani, piangenti-
tutti, tutti dormono, dormono, dormono sulla collina.

Dov'è quel vecchio suonatore Jones


Che giocò con la vita per tutti i novant'anni,
fronteggiando il nevischio a petto nudo,
bevendo, facendo chiasso, non pensando né a moglie né a parenti,
né al denaro, né all'amore, né al cielo?
Eccolo! Ciancia delle fritture di tanti anni fa,
delle corse di tanti anni fa nel boschetto di Clary,
di ciò che Abe Lincoln
disse una volta a Springfield.

Frank Drummer (Un matto)

Da una cella a questo luogo oscuro-


la morte a venticinque anni!
La mia lingua non poteva esprimere ciò che mi si agitava dentro,
e il villaggio mi prese per scemo.
Eppure all'inzio c'era una visione chiara,
un proposito alto e pressante, nella mia anima,
che mi spinse a cercar di imparare a memoria
l'Enciclopedia Britannica!

Il giudice Selah Lively (Un giudice)

Immaginate di essere alto cinque piedi e due pollici


e di aver cominciato come garzone droghiere
finché, studiando legge di notte,
siete riuscito a diventar procuratore.
E immaginate che, a forza di zelo
e di frequenza in chiesa,
siate diventato l'uomo di Thomas Rhodes,
quello che raccoglieva obbligazioni e ipoteche
e rappresentava le vedove
davanti alla Corte. E che nessuno smettesse
di burlarsi della vostra statura, e deridervi per gli abiti
e gli stivali lucidi. Infine
voi diventate il Giudice.
Ora Jefferson Howard e Kinsey Keene
e Harmon Whitney e tutti i pezzi grossi
che vi avevano schernito, sono costretti a stare in piedi
davanti alla sbarra e pronunciare «Vostro Onore»-
Be' non vi par naturale
Che gliel'abbia fatta pagare?

http://www.viadelcampo.com/html/non_al_denaro___.html (5 of 14)23/05/2005 18.43.12


Fabrizio De André - Non al denaro non all'amore nè al cielo

Wendell P. Bloyd (Un blasfemo)

Cominciarono ad accusarmi di libertinaggio,


non essendoci leggi antiblasfeme.
Poi mi rinchiusero per pazzo,
e qui un infermiere cattolico mi uccise di botte.
La mia colpa fu questa:
dissi che Dio mentì ad Adamo, e gli assegnò
di condurre una vita da scemo,
d'ignorare che al mondo c'è il bene e c'è il male.
E quando Adamo imbrogliò Dio mangiando la mela
e si rese conto della menzogna,
Dio lo scacciò dall'Eden per impedirgli di cogliere
Il frutto della vita immortale.
Santo cielo, voi gente assennata,
ecco ciò che Dio stesso ne dice nel Genesi:
«E il Signore Iddio disse: Ecco che l'uomo
è diventato come uno di noi» (un po' d'invidia, vedete)
«a conoscere il bene e il male» (la menzogna che tutto sia bene!);
«e allora, perché non allungasse la mano a prendere
anche dell'albero della vita e mangiarne, e non vivesse eterno;
per questo il Signore Iddio lo scacciò dal giardino dell'Eden».
(La ragione per cui io credo che Dio crocifiggesse suo figlio,
per uscire da quel brutto pasticcio, è che ciò è proprio degno di Lui).

Francis Turner (Un malato di cuore)

Io non potevo correre né giocare


quand'ero ragazzo.
Quando fui uomo, potei solo sorseggiare alla coppa,
non bere-
perché la scarlattina mi aveva lasciato il cuore malato.
Eppure giaccio qui
blandito da un segreto che solo Mary conosce:
c'è un giardino di acacie,
di catalpe e di pergole addolcite da viti-
là, in quel pomeriggio di giugno
al fianco di Mary-
mentre la baciavo con l'anima sulle labbra,
l'anima d'improvviso mi fuggì.

Il dottor Siegfried Iseman (Un medico)

Dissi, quando mi consegnarono il diploma,


dissi a me stesso che sarei stato buono
e saggio e coraggioso e caritatevole col prossimo;
dissi che avrei trasportato il Credo cristiano
nella pratica della medicina!
Ma, non so come, il mondo e gli altri dottori
Subodorano ciò che si ha in cuore non appena si prende
Questa magnanima risoluzione.
E il sistema è pigliarvi per fame.

http://www.viadelcampo.com/html/non_al_denaro___.html (6 of 14)23/05/2005 18.43.12


Fabrizio De André - Non al denaro non all'amore nè al cielo

Da voi non verranno che i poveri.


Voi vi accorgerete troppo tardi che fare il dottore
non è che un modo di guadagnarsi la vita.
E quando siete povero e dovete reggere
Il Credo cristiano e la moglie e i figli
tutto sulla vostra schiena, è troppo!
Ecco perché fabbricai l'Elisir di Giovinezza,
che mi portò alla prigione di Peoria
bollato come truffatore e imbroglione
dall'integerrimo Giudice federale!

Trainor, il farmacista (Un chimico)

Soltanto un chimico può dire, e non sempre,


che cosa uscirà dalla combinazione
di fluidi o di solidi.
E chi può dire
come uomini e donne reagiranno
fra loro, e quali bambini nasceranno?
C'erano Benjamin Pantier e sua moglie,
buoni in se stessi, ma cattivi l'un l'altro:
ossigeno lui, lei idrogeno,
il figlio un fuoco devastatore.
Io, Trainor, il farmacista, mescolatore di elementi chimici,
morto mentre facevo un esperimento,
vissi senza sposarmi.

Dippold, l'ottico (Un ottico)

Che cosa vedete adesso?


Globi di rosso, giallo, porpora.
Un momento! E adesso?
Mio padre e mia madre e le mie sorelle.
Sì. E adesso?
Cavalieri in armi. belle donne, visi gentili.
Provate questa.
Un campo di grano - una città.
Benissimo! E adesso?
Una donna giovane e angeli chini su di lei.
Una lente più forte! E adesso?
Molte donne dagli occhi vivi e labbra schiuse.
Provate queste.
Soltanto un bicchiere su un tavolo.
Oh, capisco! Provate questa lente!
Soltanto uno spazio vuoto - non vedo nulla in particolare.
Bene, adesso!
Pini, un lago, un cielo d'estate.
Questa va meglio. E adesso?
Un libro.
Leggetemi una pagina.
Non posso. Gli occhi mi sfuggono di là dalla pagina.
Provate questa lente.
Abissi d'aria.

http://www.viadelcampo.com/html/non_al_denaro___.html (7 of 14)23/05/2005 18.43.12


Fabrizio De André - Non al denaro non all'amore nè al cielo

Ottima! E adesso?
Luce, soltanto luce che trasforma tutto il mondo in giocattolo.
Benissimo, faremo gli occhiali così.

Il suonatore Jones

La terra ti suscita
Vibrazioni nel cuore: sei tu.
E se la gente sa che sai suonare,
suonare ti tocca, per tutta la vita.
Che cosa vedi, una messe di trifoglio?
O un largo prato tra te e il fiume?
Nella meliga è il vento; ti freghi le mani
perché i buoi saran pronti al mercato;
o ti accade di udire un fruscio di gonnelle
come al Boschetto quando ballano le ragazze.
Per Cooney Potter una pila di polvere
o un vortice di foglie volevan dire siccità;
a me pareva fosse Sammy Testa-rossa
quando fa il passo sul motivo di Toor-a-Loor.
Come potevo coltivare le mie terre,
-non parliamo di ingrandirle-
con la ridda di corni, fagotti e ottavini
che cornacchie e pettirossi mi muovevano in testa,
e il cigolio di un molino a vento - solo questo?
Mai una volta diedi mano all'aratro,
che qualcuno non si fermasse nella strada
e mi chiamasse per un ballo o una merenda.
Finii con le stesse terre,
finii con un violino spaccato -
e un ridere rauco e ricordi,
e nemmeno un rimpianto.

http://www.viadelcampo.com/html/non_al_denaro___.html (8 of 14)23/05/2005 18.43.12


Fabrizio De André - Non al denaro non all'amore nè al cielo

Note inserite nel disco

Pivano:
Hai voglia di raccontarci come ti è Venuto in mente di fare questo disco?

Fabrizio:
Spoon River l'ho letto da ragazzo, avrò avuto 18 anni. Mi era piaciuto, e non so perché mi fosse
piaciuto, forse perché in questi personaggi ci trovavo qualcosa di me. Poi mi è capitato di
rileggerlo, due anni la, e mi sono reso conto che non era invecchiato per niente, Soprattutto mi ha
colpito un fatto: nella vita, si è costretti alla competizione, magari si è costretti a pensare il falso o
a non essere sinceri, nella morte invece, i personaggi di Spoon River si esprimono con estrema
sincerità, perché non hanno più da aspettarsi niente, non hanno più niente da pensare. Così parlano
come da vivi non sono mai stati capaci di fare.

P.Cioè, tu hai sentito in queste poesie che nella vita non si riesce a «comunicare»? Quella che a me
pare la denuncia più precorritrice di Masters, la ragione per la quale queste poesie sono ancora
attuali, specialmente tra i giovani?

F.Sì, decisamente sì. A questo punto ho pensato che valesse la pena ricavarne temi che si
adattassero ai tempi nostri, e siccome nei dischi racconto sempre le cose che faccio, racconto la
mia vita, cerco di esprimere i miei malumori, le mie magagne (perché penso di essere un individuo
normale e dunque penso che queste cose possano interessare anche gli altri, perché gli altri sono
abbastanza simili a me), ho cercato di adattare questo Spoon River alla realtà in cui vivo io. Perché
ho scelto Spoon River e non le ho addirittura inventate io, queste storie? Dal punto di vista
creativo, visto che c'era stato questo Signor Edgar Lee Masters che era riuscito a penetrare così
bene nell'animo umano, non vedo perché avrei dovuto riprovarmici io.

P.Sicché le grosse manipolazioni che hai fatto sui testi sono state come delle
operazioni chirurgiche per rendere il libro attuale, contemporaneo?.

F.Sì. Addirittura per rendere più attuali i personaggi, per strapparli dalla piccola borghesia della
piccola America 1919 ed inserirli nel nostro tipo di vita sociale. Quando dico borghesia non dico
babau, dico la classe che detiene il potere e ha bisogno di conservarselo, no? il suo potere. Ma
anche nel nostro tipo di vita sociale abbiamo dei giudici che fanno i giudici per un senso di rivalsa,
abbiamo uno scemo di turno di cui la gente si serve per scaricare le sue frustrazioni (è tanto
comodo a tutti, uno scemo ... ).

P.Dal libro hai preso nove poesie, scegliendole tra le più adatte a spiegare due temi che
sembravano le più insistenti costanti della vita di provincia: l'invidia (come molla del potere
esercitata sugli individui e come ignoranza nei confronti degli altri) e la scienza (come contrasto

http://www.viadelcampo.com/html/non_al_denaro___.html (9 of 14)23/05/2005 18.43.12


Fabrizio De André - Non al denaro non all'amore nè al cielo

tra l'aspirazione del ricercatore e la repressione del sistema). Perché proprio questi due temi?

F.Per quanto riguarda l'invidia perché direi che è il sentimento umano in cui si rispecchia
maggiormente il clima di competitività, il tentativo dell'uomo di misurarsi continuamente con gli
altri, di imitarli o addirittura superarli per possedere quello che lui non possiede e crede che gli
altri posseggano. Per quanto riguarda la scienza, perché la scienza è un classico prodotto del
progresso, che purtroppo è ancora nelle mani di quel potere che crea l'invidia, e, secondo me, la
scienza non è ancora riuscita a risolvere problemi esistenziali.

P.Chi ha fatto questa scelta dei temi e delle poesie?

F.Dopo aver fatto la scelta ne ho parlanto con Bentivoglio al quale ho proposto di aiutarmi in
questo lavoro. Tra noi ci sono state molte discussioni, come è ovvio e come è giusto. Bentivoglio
tendeva a fare un discorso politico ed io volevo fare un discorso essenzialmente umano. Alla fine
la fatica più dura è stata, mai rinunciando ad esprimere dei contenuti, quella di accostarsi il più
possibile alla poesia. Fatica a parte devo dire che vorrei incontrare un centinaio di Bentivoglio
nella vita: se vivessi cent'anni, un disco. all'anno, sarei l'autore di canzoni più prolifico del mondo.

Puoi spiegarmi meglio l'idea del malato di cuore come alternativa all'invidia?

Se ci riuscissi. Gli altri personaggi si sono lasciati prendere dall'invidia e in qualche maniera
l'hanno risolta, positivamente o negativamente (lo scemo che per invidia studia l'enciclopedia
britannica a memoria e finisce in manicomio, il giudice che per invidia raggiunge abbastanza
potere da umiliare chi l'ha umiliato, il blasfemo che è un esegeta dell'invidia e per salirne alle
origini la va a cercare in Dio); invece il malato di cuore pur essendo nelle condizioni ideali per
essere invidioso compie un gesto di coraggio e...

P. Possiamo dire che ha scavalcato l'invidia perché a spingerlo non è stata la molla del calcolo ma
è stata la molla dell'amore?

F. Ma sì, lo avrei detto io se non lo avessi detto tu.

P. E allora possiamo concludere con la -vecchia proposta di Masters, che a trionfare sulla vita è
soltanto chi è capace di amore?

F.Sì, a trionfare sono i « disponibili ».

P.Anche per il gruppo della scienza hai trovato un'alternativa, vero? Bentivoglio mi diceva che per
rappresentare il tema della scienza hai scelto il medico che ha cercato di curare i malati gratis ma
non c'è riuscito perché il sistema non glielo ha permesso, il chimico che per paura si rifugia nella
legge e nell'ordine come fatto repressivo e l'ottico che vorrebbe trasformare la realtà in luce e nel
quale hai visto una specie di spacciatore di hashish, una specie di Timothy Leary, di Aldous
Huxley. In che modo il suonatore di violino è una alternativa?

F.Il suonatore di violino (che è diventato per ragioni . oni metriche di flauto) è uno Che i problemi
esistenziali se li risolve, e se li risolve perché, ancora, è un « disponibile ». E' disponibile perché il
suo clima non è quello del tentativo di arricchirsi ma del tentativo di fare quello che gli piace: è
uno che sceglie sempre il gioco, e per questo muore senza rimpianti. Non ti pare che sia perché ha
fatto una scelta? La scelta di non seppellire la libertà?

P.Allora si può dire che questo è il messaggio che hai voluto trasmettere con questo disco? Perché
siamo abituati 'a pensare che tutti i tuoi dischi hanno proposto un messaggio: quello libertario e
non violento delle tue prime ballate ' come nella Guerra di Piero, quello liberatorio della paura
della morte, come in Tutti morimmo a stento, quello demistificante dei personaggi del Vangelo,
come nel Testamento di Títo. Qual è il messaggio di questo Spoon River?

Direi, tutto sommato, che siamo usciti dall'atmosfera della morte per tentare un'indagìne sulla

http://www.viadelcampo.com/html/non_al_denaro___.html (10 of 14)23/05/2005 18.43.12


Fabrizio De André - Non al denaro non all'amore nè al cielo

natura umana, attraverso personaggi che esistono nella nostra realtà, anche se sono i personaggi di
Masters.

E' chiaro che le poesie le hai tutte rifatte. Ma per esempio, nella poesia del blasfemo tu hai
aggiunto un'ídea che non era in Masters, quella della « mela proibita », cioè della possibilità di
conoscenza, non più detenuta da Dio ma detenuta dal potere poliziesco del sistema.

Non mi bastava il fatto traumatico che il blasfemo venisse ammazzato a

botte: volevo anche dire che forse è stato il blasfemo a sbagliare, perché nel tentativo di contestare
un determinato sistema, un determinato modo di vivere, forse doveva indirizzare il suo tipo di
ribellione verso qualcosa di più consistente che non contro un'immagine così metafisica.

P.Mi diceva Bentivoglio che se la « mela proibita » non è in mano a un Dio ma al potere
poliziesco, è il potere poliziesco che ci costringe a sognare in un giardino incantato. Cioè ' il
giardino incantato non è più quello divino dove secondo Masters l'uomo non avrebbe dovuto
sapere che oltre al bene esiste il male.

F.Sì. In realtà per il blasfemo il giardino incantato non è stato creato da Dio ma è stato addirittura
inventato dall'uomo e comunque « la mela proibita » è ancora sulla terra e noi non l'abbiamo
ancora rubata. A questo punto hai capito che cosa voglio dire io per sognare: voglio dire pensare
nel modo in cui si è costretti a pensare dopo che il sistema è intervenuto a staccarci decisamente
dalla realtà.

Mi pare che la tua aggiunta non sia una forzatura, perché anche nella denuncia della
manipolazione del pensiero ' del lavaggio mentale esercitato dal sistema, Masters è un precorritore
dei nostri problemi. Cerca di dirmi in che modo, quando eri ragazzo, a un ragazzo della tua
generazione Masters è sembrato un contestatore.

F.Perché denuncia i difetti di gente attaccata alle piccole cose, che non vede al
di là del proprio naso, che non ha alcun interesse umano al di fuori delle
necessità pratiche.

P.Cioè più che la sua contestazione Politica ti ha interessato la sua contesta


zione umana?

F.Sì, secondo me il difetto sostanziale sta nella natura umana.

P.Ritornando alle tue manipolazioni del testo, possiamo dire che l'aggiunta di questo concetto
della « mela proibita » non detenuta da Dio ma dal potere del sistema è la manipolazione più
grossa. D'altronde è passato mezzo secolo da quando Masters ha scritto queste poesie, sicché se
questa galleria di ritratti la potesse riscrivere adesso non c'è dubbio che la sua vena libertaria gli
farebbe inserire elementi che si è limitato a sfiorare come precorritore. Questo vale anche per
l'altra grossa manipolazione che hai fatto, quella dell'ottico visto come proposta di un'espansione
della coscienza. Ma proprio dal punto di vista stilistico, perché hai sentito la necessità di cambiare
la forma poetica di Masters? Bentivoglio mi diceva che il verso libero di queste poesie non ti
serviva, avevi bisogno di ritmo e di rima, questo è chiaro. Ma sembra quasi che tu abbia voluto
divulgare, spiegare questi testi.

F.Sì. Mi pareva necessario spiegare queste poesie; poi c'era la necessità di farle diventare delle
canzoni. Cioè delle storie e una storia non è un pretesto per esprimere un'idea, dev'essere proprio
la storia a comprendere in sé l'idea.

P.Ma come spieghi per esempio il fatto di aver usato parole di un linguaggio contemporaneo quasi
brutale, per esempio nel verso della poesia del giudice « un nano è una carogna di sicuro perché ha
il cuore troppo vicino al buco del c... » e di avere per esempio inserito immagini come « le cosce
color madreperla » in poesie che pur essendo piene di sesso sono espresse per lo più in forma

http://www.viadelcampo.com/html/non_al_denaro___.html (11 of 14)23/05/2005 18.43.12


Fabrizio De André - Non al denaro non all'amore nè al cielo

asettica, quasi asessuata?

F.Perché anche il vocabolario al giorno d'oggi è un po' cambiato, e io ero spinto soprattutto dallo
sforzo di spiegare il vero significato di queste cose. Ouanto alla definizione del giudice, questo è
un personaggio che diventa una carogna perché la gente carogna lo fa diventare carogna: è un
parto della carogneria generale. Questa definizione è una specie di emblema della cattiveria della
gente.

Tutto sommato mi pare che queste siano state le manipolazioni più pesanti che hai fatto ai concetti
e al testo di Masters; e d'altra parte quando il libro è uscito, ai suoi contemporanei è sembrato
tutt'altro che asettico e asessuato: il gruppo dei NeoUmanisti lo aggredì come « iniziatore di una
nuova scuola di pornografia e sordido realismo ».

F.Capirai.

P.Comunque sono certa che non deluderai i tuoi ammiratori, perché le poesie le hai proprio scritte
tu, con quella tua imprevedibile, patetica inventiva nelle rime e nelle assonanze, proprio come
nelle poesie dell'antica tradizione popolare. Ma fino a che punto, per esempio, ti si identificato col
suonatore di violino (Jones, che nel '71 suona il flauto) che conclude il disco? E non voglio
alludere al fatto che da ragazzo ti sei accostato alla musica studiando il violino.

F.Non c'è dubbio che per me questa è stata la poesia più difficile. Calarsi nella
realtà degli altri personaggi pieni di difetti e di complessi è stato relativa
mente facile, ma calarsi in questo personaggio così sereno da suonare per
puro divertimento, senza farsi pagare, per me che sono un professionista
della musica è stato tutt'altro che facile. Capisci? Per Jones la musica è un
mestiere, è un'alternativa: ridurla a un mestiere sarebbe come seppellire la
libertà. E in questo momento non so dirti se non finirò prima o poi per
seguire il suo esempio.

Intervista registrata a Roma il 25 ottobre 1971.

Fernanda PIVANO

Ti sei dimenticata di rivolgermi una domanda: chi è Fernanda Pivano? Fernanda Pivano per tutti è
una scrittrice. Per me è una ragazza di venti anni che inizia la sua professione traducendo il libro
di un libertario mentre la società italiana ha tutt'altra tendenza. E' successo tra il '37 e il '41:
quando questo ha significato coraggio.

Fabrizio DE ANDRE'

Intervista (immaginaria) a Lee Masters


Rosario Campo <fedor_70_fedor@yahoo.it>
To : walterpi@hotmail.com
Subject : intervista
Date : Thu, 4 Jul 2002 08:58:50 +0200 (CEST)

Pivano - Come ti è venuto in mente di scrivere l'antologia di Spoon River?

Masters - Mentre facevo l'avvocato a Chicago e mi aggiravo nei tribunali e frequentavo la


cosidetta società...giunsi alla conclusione che il banchiere, l'avvocato, il predicatore, le antitesi del
bene e del male non erano diverse nella città e nel villaggio...Cominciai a sognare di scrivere un

http://www.viadelcampo.com/html/non_al_denaro___.html (12 of 14)23/05/2005 18.43.12


Fabrizio De André - Non al denaro non all'amore nè al cielo

libro su una città di campagna che avesse tanti fili e tanti tessuti connettivi da diventare la storia
del mondo intero.

Pivano - Qual'è il villaggio che hai ritratto, Lewistown o Petersburg?

Masters - Ho trascorso più o meno lo stesso numero di anni nei due villaggi. Ma a Lewistown ho
visto la gente con occhi maturi e in circostanze che avevano acuito la mia osservazione.
Petersburg era soltanto una fiera di campagna con molta gente; Lewistown era un microcosmo
organizzato...E' stato il fiume Sangamon, non lo Spoon, a fornirmi lo spunto per l'antologia. Però
53 poesie sono ispirate a nomi delle regioni di Petersburg, 66 a nomi della regione del fiume
Spoon...Le tombe che ho descritto sono di Petersburg, ma la collina è di Lewistown.

Pivano - Quanti personaggi hai descritto nel libro?

Masters - 244. Ci sono 19 storie sviluppate in ritratti intrecciati. Ho trattato tutte le occupazioni
umane consuete, tranne quelle del barbiere, del mugnaio, dello stradino, del sarto e del garagista
(che sarebbe stato un anacronismo).

Pivano - Quando hai cominciato a scriverlo, questo Spoon River?

Masters - Il 10 Maggio 1914 mia madre venne a trovarmi a Chicago. Chiaccherando riandammo
al passato di Lewistown e Petersburg, rievocando personaggi e avvenimenti che mi erano sfuggiti
di mente...Una domenica, dopo averla accompagnata al treno, mentre suonava la campana della
chiesa e la primavera era nell'aria, scrissi la Collina e i ritratti di Fletcher McGee e Hod Putt...Mi
venne quasi subito l'idea: perché non fare così il libro che mi ero immaginato nel 1906, in cui
volevo rappresentare il macrocosmo descrivendo il microcosmo?

Pivano - Quando e dove uscirono queste prime poesie?

Masters - Sulla rivista di William Marion Reedy, il <<Mirror>> Di St. Louis. Uscirono il 29
Maggio 1914, sotto lo pseudonimo di Webster Ford.

Pivano - E le poesie successive?

Masters - Dal 20 Maggio 1914 al 5 Gennaio 1915 inondai di epitafi il <<Mirror>>...nell'estate


erano già citati e parodiati in tutta l'America ed erano già arrivati in Inghilterra. Scrivevo quando
potevo, il sabato pomeriggio e la domenica. Gli argomenti, i personaggi, i drammi mi venivano in
mente più in fretta di quanto li potessi scrivere. Così presi l'abitudine di annotarmi le idee, o
magari scrivere le poesie, sui rovesci delle buste, sui margini dei giornali, quando ero in tram o in
tribunale o al ristorante.

Pivano - Fino a quando hai conservato l'incognito?

Masters - Reedy pubblicò il mio vero nome nel numero del <<Mirror>> del 20 Novembre.

Pivano - E quando è uscito il volume?

Masters - Nell'Aprile 1915.

Pivano - Come l'hanno preso quelli che hanno ispirato le poesie?

Masters - Come un rozzo attacco di un figlio sleale della comunità e cominciarono subito a
identificare nei vari epitafi persone viventi o che avevano vissuto lì attorno...A mia madre non
piacque, a mio padre piacque moltissimo...John Cowper Powys fece una conferenza a Chicago e
ciò che disse mi atterrì e mi attribuì una responsabilità che non potevo sopportare.

Pivano - In realtà qual'era la sua intenzione?

http://www.viadelcampo.com/html/non_al_denaro___.html (13 of 14)23/05/2005 18.43.12


Fabrizio De André - Non al denaro non all'amore nè al cielo

Masters - Di ridestare quella visione americana, quell'amore della libertà che gli uomini migliori
della Repubblica si sono sforzati di conquistare per noi e di tramandare nel tempo

Fernanda Pivano ottobre 1971

Ro

http://www.viadelcampo.com/html/non_al_denaro___.html (14 of 14)23/05/2005 18.43.12


FDA 72-73

PERIODO KARIM

1972-1973 Fabrizio De Andrè


(1972, Ed. IDEA Phonogram IS 5305004 e poi nel 1973 Ed. Fontana 66441933).

Ristampa su album doppio di Tutto Fabrizio De Andrè (il suo primo LP) e Nuvole Barocche
con altro codice. Copertina di M. Convertino. Grazie a Stefano per la cover e la segnalazione.

Immagini copertine gentilmente inviate da Danilo Malferrari

http://www.viadelcampo.com/html/fda_72-73.html (1 of 3)23/05/2005 18.43.48


FDA 72-73

1973 Fabrizio De Andrè 1 e Fabrizio De Andrè 2


(Ed. Fontana 6492019 e Fontana 6492020

Ristampa su due album e con copertine diverse di Tutto Fabrizio De Andrè (il suo primo
LP) e Nuvole Barocche.

http://www.viadelcampo.com/html/fda_72-73.html (2 of 3)23/05/2005 18.43.48


FDA 72-73

http://www.viadelcampo.com/html/fda_72-73.html (3 of 3)23/05/2005 18.43.48


Storia di un impiegato

testi

1973 Storia di un impiegato (testi) (Note inserite nel disco)


1973 Produttori Associati PA/LP 49 (LP)
1973 Produttori Associati PA 9002 cassetta stereo 8
1973 Ricordi RIK 76232 cassetta stereo 7
1973 Ricordi SMRL 6232 (LP)
1983 Ricordi Orizzonte ORL 8919 (LP)
1983 Ricordi RIK 76497 cassetta stereo 7
1983 Ricordi Orizzonte ORK 78919 cassetta stereo 7
1991 Ricordi Orizzonte CDOR 8919 (CD)
1995 BMG - Ricordi CDMRL6497 (CD)
2002 BMG - Ricordi 74321974242 (CD) 24 bit remastering

(PALP49 clicca x ingrandire) (PALP49 clicca x ingrandire)

(PA9002 clicca x ingrandire) (ORK 78919 x ingrandire)

http://www.viadelcampo.com/html/storia_di_un_impiegato.html (1 of 7)23/05/2005 18.44.05


Storia di un impiegato

(ORL8919 clicca x ingrandire) (ORL8919 clicca x ingrandire)

(CDOR8919 clicca x ingrandire)


(CDOR8919 clicca x ingrandire)

(CDMRL6497 clicca x ingrandire)

http://www.viadelcampo.com/html/storia_di_un_impiegato.html (2 of 7)23/05/2005 18.44.05


Storia di un impiegato

Ricordi 74321974242 clikka x ingrandire

● 1 - Introduzione .........................................................................................1'42"
● 2 - Canzone del Maggio(1)........................................................................ 2'24"
● 3 - La bomba in testa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .......... 4'01"
● 4 - Al ballo mascherato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .......... 5'12"
● 5 - Sogno numero due . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . .3'13"
● 6 - La canzone del padre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. .......... 5'14"
● 7 - Il bombarolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4'20"
● 8 - Verranno a chiederti del nostro amore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .......... 4'19"
● 9 - Nella mia ora di libertà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5'09"

testi
Tutti i sono di Fabrizio De André e Giuseppe Bentivoglio, ad eccezione della Nr. 5, che è di Fabrizio De ANdré e Roberto
Dané.
musiche
Tutte le sono di Fabrizio De André e Nicola Piovani.

(1) Liberamente tratta da un canto del maggio francese 1968


Arrangiamenti e direzione d'orchestra di Nicola Piovani
Edizioni Musicali Editori Associati a cura di Roberto Dané
Chitarre: Fabrizio De André, Silvano Chimenti, Bruno Battisti Damario
Basso elettrico: Daniele Patucchi
Batteria: Enzo Restuccia
Contrabbasso: Antonio Ferrelli
Pianoforte: Nicola Piovani
Synthesizer: Giorgio Carnini

Finito di registrare il 10 luglio 1973 nella sala di registrazione Ortophonic di Roma


Tecnico del suono: Sergio Marcotulli
Assistente: Giancarlo Iannucci

From: Franco Senia <seniaf@dada.it> Save Address - Block Sender


Reply-To: fabrizio@yahoogroups.com
To: fabrizio@yahoogroups.com Save Address
Subject: [fabrizio] Chacun de vous est concerné
Date: Tue, 17 Apr 2001 19:03:16 +0200
ReplyReply AllForwardDeletePreviousNextClose

Questo il testo della canzone del maggio francese che fabrizio tradusse ne "la canzone del maggio".

*************************************+

Chacun de vous est concerné.

Même si le mois de mai


Ne vous a guère touché ;
Même s'il n'y a pas eu
de manif dans votre rue ;
Même si votre voiture
N'a pas été incendiée ;

http://www.viadelcampo.com/html/storia_di_un_impiegato.html (3 of 7)23/05/2005 18.44.05


Storia di un impiegato

Même si vous vous en foutez !


Chacun de vous est concerné.

Même si vous avez feint


De croire qu'il ne se passait rien,
Quand dans le pays entier
Les usines s'arrêtaient ;
Même si vous n'avez rien fait
Pour aider ceux qui luttaient ;
Même si vous vous en foutez !
Chacun de vous est concerné.

Même si vous avez fermé


Votre porte à notre nez,
Une nuit que nous avions
Les Céhèresses aux talons ;
Si vous nous avez laissés
Matraquer sur le palier ;
Même si vous vous en foutez !
Chacun de vous est concerné.

Même si dans votre ville,


Tout est resté bien tranquille,
Sans pavés, sans barricades,
Sans blessés et sans grenades,
Même si vous avez gobé
Ce que disait la télé ;
Même si vous vous en foutez !
Chacun de vous est concerné.

Même si vous croyez maint'nant


Que tout est bien comm' avant,
Parce que vous avez voté
L'Ordre et la sécurité,
Même si vous ne voulez pas
Que bientôt on remett' ça ;
Même si vous vous en foutez !
Chacun de vous est concerné.

********************************************

salud

--Franco Senia--

Note inserite nel disco

STORIA DI UN IMPIEGATO E DI UNA BOMBA

Un impiegato ascolta, 5 anni dopo, una delle canzoni del maggio francese 1968. E' una canzone di
lotta: ricorda gli avvenimenti accaduti durante la rivolta nata dagli studenti e, rivolgendosi a quelli
che alla lotta non hanno partecipato, li accusa e ricorda loro che chiunque, anche chi, in quelle
giornate, si è chiuso in casa per paura, è ugualmente coinvolto negli avvenimenti. La canzone
contiene l'affermazione che la rivolta non è finita ma ci sarà nuovamente, in futuro, più forte.
L'impiegato paragona la sua vita fatta di buonsenso, individualismo e paure, a quella dei ragazzi che
hanno avuto il coraggio di ribellarsi al sistema che li opprimeva.
Si rende conto, o così presume di sé. di non poter unirsi a loro, di non poterli seguire né affiancarsi in

http://www.viadelcampo.com/html/storia_di_un_impiegato.html (4 of 7)23/05/2005 18.44.05


Storia di un impiegato

nessun modo. La realtà nella quale vive lo ha condizionato, lo ha segnato irrimediabilmente.


C'è solo posto per la vendetta e la presunzione di potercela fare da solo di risolvere con un gesto
solitario tutti i problemi che lo incatenano al posto di lavoro. Decide così di gettare una bomba ad un
ballo mascherato al quale partecipano tutti i miti, i valori della cultura e del potere borghese. E
comincia a sognare.
-Sogna di autoinvitarsi al ballo mascherato e di portare con sé la bomba, gettarla ed assistere agli
effetti dello scoppio su coloro che per anni ha rispettato, gli hanno fatto paura, gli hanno imposto un
comportamento. La sua liberazione è totale, alla fine; dopo aver assistito all'agonia di tutti, e dei
padre e della madre, si libera anche dell'amico che gli ha insegnato il modo di ribellarsi rendendo
così all'individualismo di cui è vittima, il tributo definitivo.
Il sogno prosegue: la voce di un giudice lo informa che il potere borghese era al corrente dei suoi atti,
addirittura lo stava seguendo dalla nascita così come segue tutti i suoi sudditi.
L'accusa di omicidio, di strage, si trasforma in ringraziamento per aver eliminato vecchi residui che
davano fastidio al potere stesso, che ormai ha trovato altri modi per governare. li giudice lo informa
che ha usato correttamente gli strumenti della legge e che il suo gesto non è altro che la ricerca di
potere personale. Così lo accoglie tra coloro che contano, tra coloro che decidono, tra coloro che
governano e dispongono della altrui e della propria libertà.
Un nuovo sogno, o una nuova puntata dei sogni precedenti, e l'impiegato prende il posto del padre da
lui stesso sacrificato alla ricerca di spazio personale. Rivive una vita lancinante, fatta di illusioni e
relative delusioni, di difese disperate della propria integrità, del proprio denaro, delle proprietà. Non
è più un sogno, ma un incubo'e l'impiegato si sveglia.
Ha capito che in qualunque modo è un uomo finito, senza nessuna possibilità di ricupero, che i suoi
gesti saranno sempre individualisti, tesi al proprio bisogno personale e che salendo la scala del potere
non si sfugge comunque alla propria condizione di isolamento, d'angoscia. La bomba che nel sogno
era stata gettata con forza, con rabbia, per vendetta, ora, nella realtà, diventa un momento di ebbrezza
e, ovviamente, di lucidità.

L'impiegato sa cosa fare, sa dove andare, sa chi deve colpire e perché. Va dritto al parlamento a
gettare una bomba vera per ammazzare gente vera, ma la sua abilità era soltanto un sogno: la bomba
rotola giù verso un'edicola di giornali e l'unica cosa che lo colpisce è, come una previsione, la faccia
della sua fidanzata che sta su tutte le prime pagine dei giornali.

E alla fidanzata dei mostro, l'impiegato scrive una lettera di addio dal carcere nel quale è rinchiuso.
Nel carcere, in una realtà non più individualista, ma forse il massimo dell'essere uguali, l'impiegato
non più impiegato scopre un nuovo modo di capire la vita e le cose che lo circondano. Scopre la
realtà della parola "Collettivo" e della parola "potere".

Per la prima volta in bocca al personaggio e per la seconda nel disco, l'io passa al noi mentre si
prepara una nuova rivolta o sta continuando la stessa della canzone del maggio.

La nota più interessante che se ne ricava è la contrapposizione fra due diverse realtà: quella nella
quale si muove l'impiegato preso a simbolo della classe borghese media che, in cambio del rispetto
delle regole imposte da chi ha in mano le leve del comando, gode dei suoi stessi privilegi e la realtà
del carcere, diventata qui, saltandone a pie' pari le implicazioni di degradazione di cui tutti siamo a
conoscenza, il simbolo della oppressione e anche della uguaglianza".

La scelta del carcere (da parte di De André e Bentivoglio) è ovviamente formale, ai fini del racconto,
e viene usata come pretesto per indicare una situazione di collettività.

Queste due situazioni hanno un punto in comune: sono due condizioni esistenziali di costrizione ma
la prima necessita, per la liberazione, della legge della jungla, l'individualismo, la lotta personale, la
necessità di imparare delle regole non scritte, dei codici di comportamento che sono appannaggio di
coloro che si dividono la torta del potere.

Ed il risultato, questa liberazione, può essere soltanto una posizione personale più prestigiosa, un
salto di piano, una crescita obbligata all'interno di quelle regole: perciò da oppresso a oppressore.

Poiché è contenuta nella stessa logica del potere la possibilità che qualcuno ne possa avere altrettanto

http://www.viadelcampo.com/html/storia_di_un_impiegato.html (5 of 7)23/05/2005 18.44.05


Storia di un impiegato

o di più, non c'è vero conflitto, sempre che le regole siano rispettate.

Per grandi gruppi economici non importa il nome di chi governa se il nome è il prestanome di un
sistema di governare.

Così non importa se l'impiegato prende il posto di uno che ha in mano qualche piccola leva di
comando, basta che rispetti le regole del gioco. (Nel disco è il posto del padre, usato da De Andrè e
Bentivoglio come esempio della conservazione di classe.)

Anzi, ben venga un rinnovamento, sangue giovane e vitale, per consolidare quella realtà che servirà
ad istruire, condizionare, preparare altra gente e altro sangue a sostituirsi ai vecchi migliorando ma
non cambiando il decalogo della classe dominante.

In carcere la realtà concede invece due alternative. Ovvero, in condizioni di sfruttamento sopra una
intera collettività ci sono due modi di liberarsi: uno individuale, ma bisogna abbandonare la classe
alla quale si appartiene per entrare nell'altra, quella già descritta, l'altra possibilità è quella di farIo
collettivamente.

Ed è proprio in una realtà collettiva che si impara un altro modo di agire, di pensare, di gestire la
propria persona tenendo conto della presenza degli altri, facendosi un tutto con gli altri fino a
cambiare l'io col noi, ripetendo la stessa posizione di lotta ma questa volta con la coscienza di
appartenere alla stessa classe di sfruttati.

Un'altra nota sul disco è la scelta dei linguaggio che gli autori hanno usato per esprimersi.

Un linguaggio moderno, staccato decisamente dalla forma di racconto per approdare a delle
immagini di tipo psicologico fino a delle immagini oniriche di stampo reichiano, espresse
mescolando elementi reali e irreali sulla stessa costruzione del verbo.

De André e Bentivoglio hanno differenziato con particolare cura il linguaggio della canzone del
carcere e della traduzione della canzone del maggio in rapporto a quelle delle altre canzoni del disco.

De André e Piovani hanno composto le musiche riuscendo a fondere lo spirito della ballata
tradizionale con momenti di musica rappresentativa, dando al disco varie espressioni mimiche, dalla
rabbia alla nostalgia, dalla tenerezza alla smorfia sadica.

Gli arrangiamenti dello stesso Piovani accentuano ancora di più le sezioni del disco portando ad
ognuna il contributo di comunicazione e legandole una ad una in una storia essenziale.

L'interpretazione di Fabrizio De André passa dalla canzone di piazza del maggio alla forma recitata
del sogno numero due, dal tenero cinismo della canzone d'amore alla rabbia della canzone del
carcere, con disinvoltura, in un disco in cui De André cantante è sempre meno cantante e sempre più
interprete abile e misurato e con la consueta aggressività e presenza si impone al suo e al nuovo
pubblico mantenendo
intatta la coerenza dal primo lontano disco del 1960.

Roberto Dané

DISCHI RICORDI S.p.A.

http://www.viadelcampo.com/html/storia_di_un_impiegato.html (6 of 7)23/05/2005 18.44.05


Storia di un impiegato

http://www.viadelcampo.com/html/storia_di_un_impiegato.html (7 of 7)23/05/2005 18.44.05


Fabrizio De André - Canzoni

testi

1974 Canzoni (testi) (testi originali) (testi con originali a fronte)

1974 Produttori Associati PA/LP 52 (LP, copertina rosa bordi tondi, scritte nere)
1974 Produttori Associati PA/LP 52 (LP, copertina rosa bordi tondi, scritte blu)
1974 Produttori Associati PA 1042 cassetta stereo 7
1974 Produttori Associati PA 90033 cassetta stereo 8
1974 Ricordi SMRL 6233, (LP, copertina rosa, boardi squadrati)
1983 Ricordi Orizzonte ORL 8629 (LP, copertina con foto e sfondo scuro)
1991 Ricordi Orizzonte CDOR 8629 (CD)
1995 BMG-Ricordi CDMRL 6491 (CD)
1995 BMG - Ricordi RIK 76491 cassetta stereo 7
2001 GR. Editoriale L'Espresso BME 22 (CD)
2001 BMG-Ricordi 74321 860012 (CD)
2002 BMG - Ricordi 74321974152 (CD) 24 bit remastering

(1974 LP Produttori Associati PA/LP 52)

Produttori Associati
PA 90033 cassetta stereo 8

http://www.viadelcampo.com/html/canzoni.html (1 of 14)23/05/2005 18.44.22


Fabrizio De André - Canzoni

(LP Ricordi SMRL 8233) clicca x ingrandire cover by Lucio)

ORL 8629 (LP, copertina con foto e sfondo scuro click to enlarge)

(CDOR8629 clicca x ingrandire


cover by Lucio) (CDOR8629 clicca x ingrandire
cover by Lucio)

http://www.viadelcampo.com/html/canzoni.html (2 of 14)23/05/2005 18.44.22


Fabrizio De André - Canzoni

(1995 CD Ricordi CMRL 6491 click to enlarge)

BME L'Espresso (clicca x ingrandire)

2002 BMG - Ricordi 74321974152 (CD) 24 bit remastering

1 - Via della povertà [Desolation row]


(Testo italiano Fabrizio De André e Francesco De Gregori - Testo e Musica di Bob Dylan) 9'37"
2 - Le passanti [Les Passantes](1) (Testo italiano Fabrizio De André - Testo e Musica di Georges Brassens)3'51"
3 - Fila la lana(2) (Testo e Musica di Fabrizio De André)2'40"
4 - La ballata dell'amore cieco (o della vanità) (Testo e Musica di Fabrizio De André)3'05"
5 – Suzanne (Testo italiano Fabrizio De André - Testo e Musica di Leonard Cohen)3'26"
6 - Morire per delle idee [Mourir pour des idees]
(Testo italiano Fabrizio De André - Testo e Musica di Georges Brassens)4'26"
7 - La canzone dell'amore perduto(3) (Testo e Musica di Fabrizio De André)3'21"
8 - La città vecchia (Testo e Musica di Fabrizio De André)3'23"
-commenti di Giuliano Bettella e commenti di Marco Sopegno e Lisa
9 - Giovanna d'Arco [Joan of Arc] (Testo italiano Fabrizio De André - Testo e Musica di Leonard Cohen)4'50"
10 - Delitto di paese [L'assassinat] (Testo italiano Fabrizio De André - Testo e Musica di Georges Brassens)3'55"

http://www.viadelcampo.com/html/canzoni.html (3 of 14)23/05/2005 18.44.22


Fabrizio De André - Canzoni

accordi
11 - Valzer per un amore (Testo di Fabrizio De André - Musica di Gino Marinuzzi jr.)3'37"

Prodotto da Roberto Danè


Arrangiamenti e direzione d'orchestra: Giampiero Reverberi

(1) Tratta da una poesia di Antoine Paul


(2) Da una canzone popolare francese del XV secolo
(3) Musica tratta da "Concerto in Re maggiore per tromba, archi e continuo" – Adagio - di Georg Philipp
Telemann

Suzanne: Nei testi originali c'è un piccolo brano cantato da Cohen.

Via della
povertà svelata

From: "Riccardo Venturi" <venturi@email.is>


Newsgroups: it.fan.musica.de-andre
Sent: Sunday, December 23, 2001 2:18 PM
Subject: Una versione poco nota di "Via della Poverta' "

Alla fine del 1974, in preparazione della sua primissima tournée di concerti (che lo avrebbe poi
visto esordire alla "Bussola" di Viareggio"), Fabrizio de Andre' si diverti', ad Asti, a cantare
questa versione di "Via della Poverta' " sostituendo ai personaggi della canzone i nomi di
politici italiani e altri personaggi di allora. Oltre a questo, vi sono anche delle variazioni
testuali non di poco conto, e alquanto "dure".
Le diverse "rielaborazioni" di "Via della Poverta' " apparse anche sul NG e sulla mailing list
hanno quindi una sorta di "precedente storico" elaborato direttamente da Fabrizio.
Riprendo il testo dal sito di Luigi Galati, integrandolo con alcune note piu' o meno ovvie e ad
uso piu' che altro di chi ha meno di una certa
eta'.

http://fabriziodeandre.supereva.it/
___________________________________________________

VIA DELLA POVERTA'


(Versione "Prove astigiane 1974")
NB: Le strofe il cui verso iniziale e seguito da tre puntini sono
identiche a quelle della versione "ufficiale".

Il salone di bellezza in fondo al vicolo


e' affollatissimo di marinai
prova a chiedere a uno che ore sono
e ti rispondera' "non l'ho saputo mai".
Le cartoline dell'impiccagione
sono in vendita a cento lire l'una
il commissario cieco dietro la stazione

http://www.viadelcampo.com/html/canzoni.html (4 of 14)23/05/2005 18.44.22


Fabrizio De André - Canzoni

per un indizio ti legge la sfortuna


e le forze dell'ordine irrequiete
cercano qualcosa che non va
mentre io e la mia signora ci affacciamo stasera
su via della Poverta'.

Almirante [1] sembra cosi' facile


ogni volta che sorride ti cattura
ricorda proprio Bette Davis
con le mani appoggiate alla cintura.
Arriva Fra' John trafelato
e gli grida "il mio amore sei tu"
ma qualcuno gli dice di andar via
e di non riprovarci piu'
e l'unico suono che rimane
quando l'ambulanza se ne va
e' Almirante che spazza via il sangue
in Via della Poverta'.

Mentre l'alba sta uccidendo la luna...

I Tre Re Magi sono disperati...

Covelli [2] travestito da ubriacone


ha nascosto i suoi appunti in un baule
e' passato di qui un'ora fa
diretto verso l'ultima Thule,
sembrava cosi' timido e impaurito
quando ha chiesto di fermarsi un po' qui
ma poi ha cominciato a fumare
e a recitare l'A B C.
Ed a vederlo tu non lo diresti mai
ma era famoso qualche tempo fa
per suonare il violino elettronico
alla corte di Sua Maesta'.

Ci si prepara per il 15 di giugno [3],


c'e' qualcuno che continua ad aver sete
Paolo VI [4] ha gettato via la tiara
si è camuffato in abiti da prete,
sta ingozzando a viva forza Berlinguer[5]
per punirlo della sua frugalita'
lo uccidera' parlandogli d'amore
dopo averlo avvelenato di pieta'
e mentre Paolo grida
quattro suore si son spogliate gia'
Berlinguer sta per essere violentato
in Via della Poverta'.

E bravo Leone [6] mattacchione,


il paese sta affondando nella merda
nelle scialuppe i posti letto sono tutti occupati
e gli anarchici tutti annegati,
e Agnelli [7] e Indro Montanelli [8]
fanno a pugni nella torre di comando
i suonatori di calipso ridono di loro
mentre il cielo si sta allontanando
e affacciati alle loro finestre nel mare
tutti han pescato voti qua e la'

http://www.viadelcampo.com/html/canzoni.html (5 of 14)23/05/2005 18.44.22


Fabrizio De André - Canzoni

e nessuno deve più preoccuparsi


di Via della Poverta'.

A mezzanotte in punto i poliziotti


fanno il loro solito lavoro
metton le manette intorno ai polsi
a quelli che ne sanno più di loro,
i prigionieri vengon trascinati
su un calvario improvvisato li vicino
e il caporale Adolfo li ha avvisati
che passeranno dal solito camino
e il vento da solo ride
e nessuno riuscira'
a ingannare il suo fottuto destino
in Via della Poverta'.

La tua lettera l'ho avuta proprio ieri...

_____________________________________________
[1] Giorgio Almirante (Salsomaggiore /PR/ 1914 - Roma 1988). Leader del MSI e suo
segretario per lunghi anni. Ex repubblichino e vicedirettore della rivista "La difesa della razza".

[2] Alfredo Covelli (Bonito /AV/ 1914 - Roma 1998). Esponente di primo piano del MSI, in
cui rappresentava l'ala monarchica. Nel 1946 fondo' il PNM (Partito Nazionale Monarchico);
conflui' nel 1970 nel MSI-Destra Nazionale. Fece poi parte di Democrazia Nazionale, il partito
nato nel 1977 da una scissione del MSI e scomparso poco tempo dopo.
Dal suo monarchismo il riferimento di De Andre' nell'ultimo verso della strofa.

[3] Il 15 giugno 1975 si svolsero le elezioni amministrative che videro uno storico "balzo in
avanti" del PCI (circa il 34% dei voti).

[4] Il papa, ovviamente.

[5] Accostamento di Berlinguer al Papa nel 1974, l'anno del referendum sul divorzio...

[6] Giovanni Leone, allora presidente della repubblica (eletto coi voti decisivi della destra ).
Avvocato napoletano e parlamentare, e' scomparso poco piu' di un mese fa in tardissima eta'.
Di lui si ricordano certi celebri gesti scaramantici e le sue dimissioni, nel 1978, in conseguenza
dello scandalo Lockheed.

[7] Altro avvocato. Torinese, pero'.

[8] Ricordiamo che Indro Montanelli (scomparso il 18 luglio 2001) proprio nel 1974 aveva
fondato "Il Giornale".
--
* Riccardo Venturi*
* Er muoz gelîchesame die leiter abewerfen
* So er an îr ûfgestigen ist *
* _________________________________________
* Via Garibaldi 41, 57122 Livorno
* 05 86 88 58 75 / 34 02 46 18 74
* venturi(*)email.is / venturi(*)despammed.com
* http://utenti.tripod.it/Guctrad/alamanno.html
* http://utenti.tripod.it/Balladven/index.html

From: "Giuliano Bettella" <onlybox@hotmail.com> Save Address Block Sender


Reply-To: fabrizio@onelist.com

http://www.viadelcampo.com/html/canzoni.html (6 of 14)23/05/2005 18.44.22


Fabrizio De André - Canzoni

To: fabrizio@onelist.com Save Address


Subject: [fabrizio] gara di poeti
Date: Tue, 07 Dec 1999 07:42:19 PST

Salve a tutti,
sono un "lettore" (o lurker?) della lista, che eccezionalmente prende la parola, e poi molto
probabilmente ritornera' al silenzio.
Tempo fa uno o piu' di voi aveva scritto che De Andre' spesso supera in poesia, con i suoi
rifacimenti, i testi originali a cui si era ispirato. Erano stati portati, a titolo di esempio, testi di
Bob Dylan e di Lee Masters.

Non so se tutti sapete che anche il celebre e bellissimo testo "Citta' vecchia" e' frutto di una
ispirazione.
Però non direi che anche in questa occasione l'"allievo" ha superato il maestro ... credo che al
massimo Fabrizio ha pareggiato! :-)

Seguono i due testi:

Città vecchia

Spesso, per ritornare alla mia casa


prendo un'oscura va di città vecchia.
Giallo in qualche pozzanghera si specchia
un fanale, e affollata è la strada.

Qui tra la gente che viene che va


dall'osteria alla casa o al lupanare,
dove son merci ed uomini il detrito
di un gran porto di mare,
io ritrovo, passando, l'infinito nell'umiltà.
Qui prostituta e marinaio, il vecchio
che bestemmia, la femmina che bega,
il dragone che siede alla bottega del friggitore,
la tumultuante giovane impazzita d'amore,
sono tutte creature della vita e del dolore;
s'agita in esse, come in me, il Signore.

Qui degli umili sento in compagnia


il mio pensiero farsi
più puro dove più turpe è la via.

e, per chi non ricordasse

LA CITTÀ VECCHIA

Nei quartieri dove il sole del buon Dio non dà i suoi raggi
ha già troppi impegni per scaldar la gente d'altri paraggi
una bimba canta la canzone antica della donnaccia
quel che ancor non sai tu lo imparerai solo qui fra le mie braccia
e se alla sua età le difetterà la competenza
presto affinerà le capacità con l'esperienza
dove sono andati i tempi d'una volta per Giunone
quando ci voleva per fare il mestiere anche un po' di vocazione?

Una gamba qua una gamba là gonfi di vino


quattro pensionati mezzo avvelenati al tavolino
li troverai là col tempo che fa estate e inverno
a stratracannare a stramaledir le donne il tempo ed il governo

http://www.viadelcampo.com/html/canzoni.html (7 of 14)23/05/2005 18.44.22


Fabrizio De André - Canzoni

loro cercan là la felicità dentro a un bicchiere


per dimenticare d'esser stati presi per il sedere
ci sarà allegria anche in agonia col vino forte
porteran sul viso l'ombra d'un sorriso fra le braccia della morte.

Vecchio professore cosa vai cercando in quel portone


forse quella che sola ti può dare una lezione
quella che di giorno chiami con disprezzo "pubblica moglie"
quella che di notte stabilisce il prezzo alle tue voglie
tu la cercherai tu la invocherai più d'una notte
ti alzerai disfatto rimandando tutto al ventisette
quando incasserai dilapiderai mezza pensione
diecimila lire per sentirti dire "Micio bello e bamboccione".

Se t'inoltrerai lungo le calate dei vecchi moli


in quell'aria spessa carica di sale gonfia di odori
lì ci troverai i ladri gli assassini e il tipo strano
quello che ha venduto per tremila lire sua madre a un nano
se tu penserai se giudicherai da buon borghese
li condannerai a cinquemila anni più le spese
ma se capirai se li cercherai fino in fondo
se non sono gigli son pur sempre figli vittime di questo mondo.

Anno di pubblicazione: 1965

***

A questo punto qualcuno si chiedera': ma chi e' il "maestro" a cui Fabrizio si e' ispirato?
Si tratta del poeta triestino Umberto Saba, 1883-1957.
E la città vecchia di Genova, probabilmente, assomiglia a quella di Trieste (quella di Genova
pero' non l'ho mai vista).

Bene, e con cio', sperando di aver fatto cosa gradita (dare spazio alla poesia in un gruppo di
estimatori di De André dovrebbe essere Obbligatorio!), vi saluto
Giuliano

--------------------------------------------------------------------------------

Commenti a "La città vecchia"


From: Marco Sopegno <MG5993@mclink.it> Save Address Block Sender
Reply-To: fabrizio@onelist.com
To: fabrizio@onelist.com Save Address
Subject: [fabrizio] vecchio professore e affini
Date: Fri, 17 Dec 1999 19:10:55 +0100

Io non conosco un gran che di brassens, anche perché il francese lo mastico poco.
Un amico (ah, gli amici!) ha spedito il testo di "le bistrot" di brassens e poi sono stato aiutato
a trovare un pezzettino di mp3.
Tempo fa qui si parlo' delle accuse di furto (o perlomeno di appropriazione indebita) mosse
specialmente da bubola contro de andré. Che abbia rubacchiato anche un caposaldo come la
città vecchia? E proprio a brassens, di cui ha tradotto (da par suo) molti brani, specie nella
prima fase della sua carriera?

Dei punti in comune, tra le bistrot e la città vecchia, non mancano di sicuro: l'atmosfera
generale di marciume incombente, una medesima umanità avvinazzata ed arrapata, il lezzo del
vinaccio da quattro soldi...

Parigi contro genova. Città vecchie entrambe.. Entrambe ricche di angoli marci e poveri,
grandi intrugli di genti diverse.

http://www.viadelcampo.com/html/canzoni.html (8 of 14)23/05/2005 18.44.22


Fabrizio De André - Canzoni

Però... I due personaggi maschili sono nettamente diversi. Il gran porco di brassens,
proprietario del bistrot, il marito della bella ostessa, non gioca lo stesso ruolo del vecchio
professore. L'ostessa, splendida donna che solo esistendo fa di un tugurio un palazzo non
canta certo la canzone antica della donaccia, anzi, tiene pure le mani pesanti con chi esagera.
Eppure...
Eppure l'odore ed i colori che mi vengono suggeriti dalle diverse sceneggiature di de andré e
di brassens non li avverto come
differenti.

Forse tutto il mondo è paese, lungo la cattiva strada.

Le bistrot
(la piola)

Dans un coin pourri


Du pauvre Paris,
Sur un' place,
L'est un vieux bistrot
Tenu par un gros
Dégueulasse.
Si t'as le bec fin,
S'il te faut du vin
D' premièr' classe,
Va boire à Passy,
Le nectar d'ici
Te dépasse.
Mais si t'as l' gosier
Qu'une armur' d'acier
Matelasse,
Goûte à ce velours,
Ce petit bleu lourd
De menaces.
Tu trouveras là
La fin' fleur de la
Populace,
Tous les marmiteux,
Les calamiteux,
De la place.
Qui viennent en rang,
Comme les harengs,
Voir en face
La bell' du bistrot,
La femme à ce gros
Dégueulasse.
Que je boive à fond
L'eau de tout's les fon-
tain's Wallace,
Si, dès aujourd'hui,
Tu n'es pas séduit
Par la grâce.
De cett' joli' fé'
Qui, d'un bouge, a fait
Un palace.
Avec ses appas,
Du haut jusqu'en bas,
Bien en place.
Ces trésors exquis,
Qui les embrass', qui
Les enlace ?

http://www.viadelcampo.com/html/canzoni.html (9 of 14)23/05/2005 18.44.22


Fabrizio De André - Canzoni

Vraiment, c'en est trop !


Tout ça pour ce gros
Dégueulasse !
C'est injuste et fou,
Mais que voulez-vous
Qu'on y fasse ?
L'amour se fait vieux,
Il a plus les yeux
Bien en face.
Si tu fais ta cour,
Tâch' que tes discours
Ne l'agacent.
Sois poli, mon gars,
Pas de geste ou ga-
re à la casse.
Car sa main qui claqu',
Punit d'un flic-flac
Les audaces.
Certes, il n'est pas né
Qui mettra le nez
Dans sa tasse.
Pas né, le chanceux
Qui dégèl'ra ce
Bloc de glace.
Qui fera dans l' dos
Les corne' à ce gros
Dégueulasse.
Dans un coin pourri
Du pauvre Paris,
Sur un' place,
Une espèc' de fé',
D'un vieux bouge, a fait
Un palace.

G. Brassens

Non la traduco, per carità di patria. Lascio solo la traduzione del titolo (by slowina...) che
forse c'entra qualche cosa con le vicende passate e future prossime di questa lista. ;- ))) Spero
solo che gli accenti reggano.
Non posto nemmeno la città vecchia, sarebbe offensivo per la deandreaggine di tutti, vero?

Resta da spiegare il perché della musica della citta vecchia che, per quel poco che ne capisco
di musica, sembra proprio quella di brassens. Perché qui lo scippo c'è! Come mai?
Provo a immaginare che fabrizio sia stato fulminato da le bistrot (ovvio, sennò mica se la
filava) e sia partito per tradursela con una certa fedeltà. Poi ha iniziato a tradurre come sapeva
fare solo lui, che sacrificando la lettera del testo alla fine salvava l'anima del brano. E avrà
visto che ancora la musica originale reggeva, sulla sua trasposizione. E poi lima di qua,
aggiungi di là, sposta questo e togli quello, metti quella frase e quella scenetta che ti è venuta
in mente, quando te ne stavi delle ore appoggiato ad un portone a studiare la strada che ti
viveva davanti e... hoplà. Scene del tutto nuove, nella stessa atmosfera che qualche anno
prima incantò brassens.

E poi, in fondo alla città vecchia, il predicozzo finale, tanto per togliere tutti dubbi, uno di
quei predicozzi che all'inizio della carriera fabrizio declamava in chiaro, e che poi,
nell'ermetismo dell'ultima produzione, riuscirà a nascondere con tanta bravura.

E la musica di brassens ancora ci stava. A testimoniare che all'inizio, lo spirito dello studente
cantautore genovese era proprio quello del mariuolo!

http://www.viadelcampo.com/html/canzoni.html (10 of 14)23/05/2005 18.44.22


Fabrizio De André - Canzoni

Dunque un ladruncolo, il nostro fabrizio, ma un ladruncolo che, durante il tentativo di furto, si


è accorto che in fondo si divertiva (e guadagnava) di più a lavorare, che a rubare agli altri.
Anche se poi un pochino di refurtiva gli restava sempre attaccata alle dita. Oppure un raro
esempio di ladro che ama rubare arnesi da lavoro, per poi faticarci lui.

O no?
slow
(che spera di non aver fatto di un palazzo un tugurio)

------------------------------------------------------------------------
Fabrizio De André Mailing List [http://DeAndre.freeweb.org]

--------------------------------------------------------------------------------

From: Lisa Maccari <lisa@arcetri.astro.it> Save Address Block Sender


Reply-To: fabrizio@onelist.com
To: fabrizio@onelist.com Save Address
Subject: Re: [fabrizio] vecchio professore e affini
Date: Fri, 17 Dec 1999 19:28:21 +0100 (MET)
> Io non conosco un gran che di brassens, anche perché il francese lo mastico poco.
> Un amico (ah, gli amici!) ha spedito il testo di "le bistrot" di brassens e poi sono stato
aiutato a trovare un pezzettino di mp3.

rega', ma cosi' mi invitate a sguazzare proprio... :)

> Dei punti in comune, tra le bistrot e la città vecchia, non mancano di sicuro: l'atmosfera
generale di marciume incombente, una medesima > umanità avvinazzata ed arrapata, il lezzo
del vinaccio da quattro soldi...

eh no, cavolo, l'ho detto prima io, sul newsgroup!!! :)))

> Parigi contro genova. Città vecchie entrambe.. Entrambe ricche di angoli marci e poveri,
grandi intrugli di genti diverse.

beh', sottoscrivo quasi tutto... comunque, non mi pare che De Andre' abbia mai fatto mistero di
essersi pesantemente ispirato a Brassens, ANCHE in altre canzoni oltre a quelle tradotte pari
pari! La "Leggenda di Natale", per esempio, da dove viene?... C'e' una canzone di Brassens
intitolara "Le pere Noel et la petite fille", il babbo Natale e la ragazzina, e scusatemi se tutti gli
accenti sono andati, che su questa tastiera non posso fare altro.

Anzi, mi sembra che lui l'abbia anche ingentilita, quella francese e' proprio cruda: l'uomo
maturo e affascinante che soggioga la ragazzina ANCHE perche' le parla d'amore,
nell'originale e' semplicemente un ricco sporcaccione che riesce a irretirla solo perche' lei e'
povera e non dispone di nulla e lui la riempie di regali, non si parla per niente di sentimenti o
di fascino, ma solo di qualcuno che "ti ha vestita a festa, ha rovesciato valanghe di perle e
rubini dentro le tue scarpe, e ti ha messo le mani addosso..." Fa l'altro, mi pare che proprio quel
verso, "il a' mis le mains sur tes hanches", il compianto Fabrizio se lo sia fregato per metterlo
in TUTT'ALTRA canzone... :)

ciao
Lisa

--------------------------------------------------------------------------------

Accordi di Delitto di Paese


Da: Sasuke <zaran@primopiano.it>
Oggetto: CRD: Delitto di paese (F. De Andre')
Data: mercoledì 25 agosto 1999 11.12
Per la grande gioia di FCh, 'sta canzone la posto io, con tanto di accordi. Non l'ho trascritta io,
ne' testo ne' accordi, ma l'ho copiata da IAMS. Questa e molte altre (messaggio promozionale)

http://www.viadelcampo.com/html/canzoni.html (11 of 14)23/05/2005 18.44.22


Fabrizio De André - Canzoni

le potete trovare in Amosfree, il sito ufficiale di IAMS:

amosfree.cjb.net
buona canzone.
Sasuke

***********************************************

Delitto di paese

Introduzione:

LA- MI- LA-


|-0--5--0--------0-|-0----0----0-|
|---------3-1-3----|-1----0----1-|
|--------------------|-2----0----2-|
|--------------------|-2----2----2-|
|--------------------|-0----2----0-|
|--------------------|---------------|

SOL DO
Non tutti nella capitale
FA DO
sbocciano i fiori del male
MI- DO RE-
qualche assassinio senza pretese
LA- MI
abbiamo anche noi in paese
MI- DO RE-
qualche assassinio senza pretese
FA SOL LA-
abbiamo anche noi qui in paese

Aveva il capo tutto bianco


ma il cuore non ancor stanco
gli ritornò a battere in fretta
per una giovinetta
gli ritornò a battere in fretta
per una giovinetta

Ma la sua voglia troppo viva


subito gli esauriva
in un sol bacio e una carezza
l'ultima giovinezza
in un sol bacio e una carezza
l'ultima giovinezza

Quando la mano lei gli tese


e triste lui le rispose
d'essere povero in bolletta
lei si rivestì in fretta
d'essere povero in bolletta
lei si rivestì in fretta

E andò a cercare il suo compagno


partecipe del guadagno
e ritornò col protettore
dal vecchio truffatore
e ritornò col protettore

http://www.viadelcampo.com/html/canzoni.html (12 of 14)23/05/2005 18.44.22


Fabrizio De André - Canzoni

dal vecchio truffatore

Mentre lui fermo lo teneva


sei volte lo accoltellava
dicon che quando lui spirò
la lingua lei gli mostrò
dicon che quando lui spirò
la lingua lei gli mostrò

Misero tutto sottosopra


senza trovare un soldo
ma solo un mucchio di cambiali
e di atti giudiziali
ma solo un mucchio di cambiali
e di atti giudiziali

Allora presi dallo sconforto


e dal rimpianto del morto
si inginocchiaron sul pover uomo
chiedendogli perdono
si inginocchiaron sul pover uomo
chiedendogli perdono

Quando i gendarmi sono entrati


piangenti li han trovati
fu qualche lacrima sul viso
a dargli il paradiso
fu qualche lacrima sul viso
a dargli il paradiso

E quando furono impiccati


volarono tra i beati
qualche beghino di questo fatto
fu poco soddisfatto
qualche beghino di questo fatto
fu poco soddisfatto

Non tutti nalla capitale


sbocciano i fiori del male
qualche assassinio senza pretese
abbiamo anche noi in paese
qualche assassinio senza pretese
LA- MI LA
abbiamo anche noi qui in paese

********************************************************

--------------------------------------------------------------------------------

Joan of Arc (Leonhard Cohen)

Now the flames they followed Joan of Arc


as she came riding through the dark;
no moon to keep her armour bright,
no man to get her through this very smoky night.
She said, "I'm tired of the war,
I want the kind of work I had before,
a wedding dress or something white
to wear upon my swollen appetite."

http://www.viadelcampo.com/html/canzoni.html (13 of 14)23/05/2005 18.44.22


Fabrizio De André - Canzoni

Well, I'm glad to hear you talk this way,


you know I've watched you riding every day
and something in me yearns to win
such a cold and lonesome heroine.
"And who are you?" she sternly spoke
to the one beneath the smoke.
"Why, I'm fire," he replied,
"And I love your solitude, I love your pride."

"Then fire, make your body cold,


I'm going to give you mine to hold,"
saying this she climbed inside
to be his one, to be his only bride.
And deep into his fiery heart
he took the dust of Joan of Arc,
and high above the wedding guests
he hung the ashes of her wedding dress.

It was deep into his fiery heart


he took the dust of Joan of Arc,
and then she clearly understood
if he was fire, oh then she must be wood.
I saw her wince, I saw her cry,
I saw the glory in her eye.
Myself I long for love and light,
but must it come so cruel, and oh so bright?

http://www.viadelcampo.com/html/canzoni.html (14 of 14)23/05/2005 18.44.22


Fabrizio De André - Volume 8

testi

1975 Volume 8 (testi)


1975 Produttori Associati PA/LP54
1975 Ricordi SMRL 6238,
1983 Ricordi Orizzonte ORL 8900
1983 Ricordi CDOR8900
1995 Ricordi CDMRL6495
BMG Allegato a TV Sorrisi e Canzoni
2002 Ricordi 24 bit remastering 745927

(PA/LP54 clicca x ingrandire) (SMRL6238 clicca x ingrandire


cover by Lucio)

(Ricordi CDOR8900 clicca x ingrandire)

http://www.viadelcampo.com/html/volume_8.html (1 of 10)23/05/2005 18.44.44


Fabrizio De André - Volume 8

(Ricordi CDRML6495 clicca x ingrandire)

(BMG Ricordi allegata a TV Sorrisi clicca x ingrandire)

(BMG Ricordi 745927 clicca x ingrandire)

1 - La cattiva strada (Testo e Musica di Fabrizio De André e Francesco De Gregori) .. 4'33"


2 - Oceano (Testo e Musica di Fabrizio De André e Francesco De Gregori).... . . . . . . 3'11"
3 - Nancy (Testo italiano Fabrizio De André - Testo e Musica di Leonard Cohen)..... 3'57"
4 - Le storie di ieri (Testo e Musica di Francesco De Gregori)....... . . . . . . . . ........... ... 3'15"
5 - Giugno '73 (Testo e Musica di Fabrizio De André)... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 3'31"
6 - Dolce Luna (Testo e Musica di Fabrizio De André e Francesco De Gregori)... ...... 3'25"
7 - Canzone per l'estate (Testo e Musica di Fabrizio De André e Francesco De Gregori).5'21"
8 - Amico fragile (Testo e Musica di Fabrizio De André)5'29"

Prodotto da Roberto Danè


Arrangiamenti e direzione d'orchestra: Tony Mimms
Registrato negli studi Ricordi di Milano

http://www.viadelcampo.com/html/volume_8.html (2 of 10)23/05/2005 18.44.44


Fabrizio De André - Volume 8

red <antonio@globalnet.it wrote in message


374E8256.231C2B35@globalnet.it...

L'astemio ha scritto:
Dovete sciogliermi un bel pacchetto di dubbi 'interpretativi'......

La domanda è.....

CHI MI SPIEGA VOLUME 8 ?

Della serie "domande facili".:-) ....visto che ho sempre pensato che Volume 8 potesse essere l'argomento
di un libro di 1000 pagine, non scritto da me, ovviamente. Azzardo un improbabile quanto insufficente
riassuntino.

Volume 8 e' il disco sicuramente piu' complesso di tutti, realizzato da Fabrizio a 4 mani con De Gregori,
quando De Gregori ancora era lui...i tempi del disco della pecora, insomma. Le storie di ieri, addirittura, e'
tutta di De Gregori, che la canta anche in Rimmel, mi sembra. E Nancy e' una traduzione di Cohen.
E' un disco di sogni, di illusoni spezzate, di amara consapevolezza della nostra (intesa come degli
uomini) incapacita' di ritagliarci una condizione che ci aggradi in questo mondo. La scelta provocatoria
della cattiva strada come inizio non e' casuale: la strada cattiva, le scelte all'apparenza errate, sono una
sorta di "ultima spiaggia", che spesso molti intraprendono, magari inconsciamente, per cercare di
contrastare il tempo che passa.

C'e' l'uomo che sceglie di condividere delle idee con altri (Le storie di ieri) e si riscopre uomo grazie ad
esse (nel dettaglio quelle fasciste), senza chiedersi se siano sbagliate, ma interessato solo del risultato
concreto del suo benessere.
C'e' il benestante di "Canzone per l'estate" che, dopo aver cercato di cambiare, di lottare, di dire la sua, si
ritrova nella malinconica realta' di un mondo quotidiano fatto di famigliola, chiesa e felicita' dettata da
regali materiali e non piu' da sentimenti.E "non riesce piu' a volare", ha smesso di sognare, di sperare, ha
perso l'anima.
Oppure l'amarezza del marinaio (Dolce luna) che ricorda le settimane passate in mare, fra storie di pirati
e corsari e balene fantastiche, ora che la realta' lo incatena a terra e lo costringe a regolarsi con una
famiglia, e lui, che sogna ancora quelle onde, spera che suo figlio possa nascere, come per sogno, per
incanto, dal rapporto con una balena (il terzo occhio inconfondibile e speciale), e vivere in quel mare che
tanto ha segnato la sua vita. Grande canzone, dolce luna, molto arcana.
Personale ma sullo stesso tema dei sogni svaniti e' Giugno '73 che, l'ho letto da qualche parte, e' il
racconto della storia fra De Andre' e la sua prima moglie, Enrica. Lui non era ben visto dalla famiglia,
molto benestante e borghese, e cercava di ingraziarsi i suoi genitori pur sapendo che i
"musicisti" non erano molto ben visti in quei tempi dai ceti elevati. Ma, nonostante tutto, l'ultima frase,
"e' stato meglio lasciarci che non esserci mai incontrati", lascia trasparire una volonta' finale (presente
anche in Dolce luna grazie al figlioletto in arrivo) di ottimismo.
In fondo, pensandoci, il disco non e' pessimista, tutti i brani hanno in fondo una scintilla di lieto fine, o,
almeno, di speranza per il futuro, al contrario, per esempio, di Tutti morimmo a stento, emblema della
disperazione cosmica verso tutto.

"Ma c'e' amore un po' per tutti e tutti quanti hanno un amore sulla cattiva strada"; una strada c'e' sempre,
quell'amore, quei sogni tanto voluti da qualche parte si possono sempre trovare. Anche in "canzone per
l'estate", quanto meno, non c'e' "piu' niente per potersi vergognare", come a dire il peggio e' alle spalle,
ora sei libero di fare cio' che vuoi.

Di Oceano, sono onesto, qualsiasi cosa la direi senza un minimo di convinzione.


E' tanto bella quanto arcana, forse anzi proprio per questo e' bella.
Forse e' la paura per il futuro di due innamorati, che pensano a quando l'amore li lascera', e guardano al
domani con paura sempre crescente, con l'impossibile speranza che il domani non arrivi mai.....forse ma
forse......:-)) Miarrendo, su Oceano mi arrendo.

http://www.viadelcampo.com/html/volume_8.html (3 of 10)23/05/2005 18.44.44


Fabrizio De André - Volume 8

Amico fragile, per me, e' la piu' bella canzone di Fabrizio. E' la storia di un uomo, lui, che si rende conto
grazie ad un episodio (una cena con degli amici borghesi, borghesi non nel senso politico dell'accezione,
ma nel senso culturale, cioe' di persone che, diciamo hanno come unico scopo il materiale, il concreto, e
raramente sognano e fantasticano), di come il destino di alcuni uomini, dei fragili, dei sognatori, di quelli
che danno ancora un valore alle emozioni, sia destinato al macero, di come ormai questo mondo non lasci
piu' spazio al valore di un pensiero, di un ragionamento che non sia banale, frivolo, dei "Come stai" detti
non perche' ce ne freghi qualcosa, ma perche' l'educazione imponga di chiederlo.
Il vuoto che circonda i fragili.
Questa canzone Fabrizio la scrisse una notte, di ritorno da quella cena, in uno sgabuzzino per non essere
disturbato.
Ma forse questa amarezza era dovuta solo al fatto che era molto, ma molto piu' ubriaco di noi.
E, visto come la penso, credo di esserlo anch'io.

red

Nota di De Gregori riguardo la canzone e De Andrè:

"Abbiamo scritto questa canzone, Fabrizio ed io, nel '74 o forse addirittura nel '73. Lui stava preparando il
disco che poi si sarebbe chiamato Volume VIII e mi aveva proposto di lavorare insieme dopo avermi
conosciuto in un locale di Roma, il Folkstudio.
Passammo quasi un mese da soli nella sua bellissima casa in Gallura, davanti ad una spiaggia
meravigliosa dove peraltro credo che non mettemmo mai piede: in quel periodo avevamo tutti e due delle
storie sentimentali assai burrascose ed era più o meno inverno. Fabrizio beveva e fumava tantissimo e io
gli stavo dietro con un certo successo. Giocavamo a scacchi, a poker in
due: ogni tanto prendevo il suo motorino e me ne andavo in giro per chilometri. Al mio ritorno spesso lo
trovavo appena alzato che girava per casa con la sigaretta e il bicchiere e la chitarra in mano e che aveva
buttato giù degli appunti, degli accordi. Era uno strano modo di lavorare il nostro: non ci siamo mai messi
seduti a dire "Adesso scriviamo questa canzone". Semplicemente integravamo e correggevamo l'uno gli
appunti dell'altro, certe volte senza nemmeno parlarne, senza nemmeno incontrarci magari, perché lui
dormiva di giorno e lavorava di notte e io viceversa.

Le musiche ci venivano abbastanza facilmente - Fabrizio era un eccezionale musicista - e le registravamo


su un piccolo registratore a pile.
Così vennero fuori "La cattiva strada", "Canzone per l'estate", "Oceano".
Lui aveva scritto da solo "Amico fragile" e poi aveva voluto inserire nel suo disco "Le storie di ieri" che
la RCA (la mia casa discografica di allora) si era rifiutata di farmi incidere sulla "Pecora".
E' difficile pensare a Fabrizio come uno che non c'è più: quando se n'è andato non ci vedevamo da
parecchio tempo. Credo di averlo sentito al telefono circa un anno prima che morisse ed aveva la sua
solita bella voce, l'intelligenza correva sul filo.

Fabrizio era un uomo generoso e bellicoso, facile da amare e difficilissimo da andarci d'accordo. Uno dei
ricordi più belli che conservo di lui è quando andammo all'Idroscalo di Milano sulle montagne russe del
Luna Park, insieme a Dori: scendemmo felici e ubriachi con lo stomaco in bocca e andammo a finire la
serata chissà dove.
Ho messo la nostra canzone in questo disco non per fargli un omaggio (Non ne ha bisogno e non so se gli
piacerebbe). E' solo una buona canzone che oggi, dopo tutti questi anni, sento un po' più mia.

GIUGNO '73
Da: matteo biagi <matteobi@infol.it>
Oggetto: Re: Giugno 73
Data: martedì 24 agosto 1999 1.11

per quel che ne so,parla di una storia d'amore vissuta dal nostro tra il primo matrimonio e la storia con
dori ghezzi. Evidentemente la storia con questa ragazza deve aver incontrato ostacoli legati alla differenza

http://www.viadelcampo.com/html/volume_8.html (4 of 10)23/05/2005 18.44.44


Fabrizio De André - Volume 8

di stile di vita; la ragazza in questione,di estrazione borghese, rimproverava a Faber atteggiamenti e/o
addirittura le amicizie... credo comunque di aver letto anni fa in una intervista che Fabrizio fosse piuttosto
legato a questa ragazza.

"io ti dico è stato meglio lasciarci


che non esserci mai incontrati"
matteo

DOLCE LUNA
From: Riccardo Venturi <rventuri@sysnet.it>
Mailing-List: list fabrizio@egroups.com; contact fabrizio-owner@egroups.com
Delivered-To: mailing list fabrizio@egroups.com
List-Unsubscribe: <mailto:fabrizio-unsubscribe@egroups.com>
Date: Fri, 26 May 2000 23:25:11 +0200
Reply-To: fabrizio@egroups.com
Subject: [fabrizio] Dolceluna

Sperando d'incontrare qualcuna come lei, si mosse dalla sua casa davant'alla Fortezza per andare al Porto.
Vestito d'una maglietta bianca e d'un paio di vecchi pantaloni, non è dato sapere di quale vino fosse
ubriaco; e non è dato, forse, neanche sapere chi fosse, anche se io lo conoscevo abbastanza bene per
quanto conoscer si possa un'ombra. 20 luglio 1969, televisioni che gracchiano da ogni finestra.
Ruggero Orlando e Tito Stagno, triste sera.
Eppure, la Luna è lassù.
Non si vede niente, dalla Piazza.
È lassù, e ben altri sono i fili dell'ignoto.
Da un altro porto, ma non da un altro mare, qualcuno lo vide camminare e s'immaginò un vecchio
marinaio. "It is an ancyent marinere, and he stoppeth one of the three"...? Che non avesse un posto dove
andare, questo lo si sapeva; a parte una casa in via Pelletier, una stradaccia piena di vento, e un'osteria.
E che gliene importava se la terra non lo aspettava sotto i piedi?
Sognava sempre di ballare!
Di mogli ne aveva avute addirittura due; alte, snelle. Ma per lui non esistevano più, che avessero pure un
altro uomo e un altra donna. Adius!
E mentre, dall'altro porto, il Poeta gli mandava a dire che era un uomo da buttare tendendogli una canna
da pesca con incoccata un'esca dalle lunghe gambe (ah, Dylan! Storie di ubriachi, anche se preferivi
quell'orrida cervogia!), lui passava davanti alla Statua di Piazza Garibaldi frugandosi nelle tasche. C'era
solo un po' di polvere di mare.
Sabbia d'una spiaggia popolare. I Tre Ponti o il Calambrone, più lontano c'era la curva dove Vittorio
Gassmann e Jean Louis Trintignant s'eran volati di sotto dopo l'ultimo Sorpasso.
"Qui Pasadena..."
Ma quale Pasadena. C'era solo la Luna.
They came in peace for all mankind.
Lui camminava. Non poté testimoniare.
E non gliene sarebbe fregato poi molto.
All'altezza di Via Borra passò davanti al Monte di Pietà, e la Luna si specchiava nel Fosso, davanti alle
vecchie carceri.
Anarchico e comunista, diceva di cantare per non ammazzare.
Per ore ed ore poteva parlarti di tutte le sue guerre mondiali, e il
Poeta dell'altro porto lo sapeva.
Ogni giorno, una guerra mondiale; lui, come si sa, comandava un
Sottomarino e glielo faceva vedere chi era lui!
Un foglio del "Telegrafo" di due mesi prima; due patate lesse e una scatoletta di tonno. Un bicchiere, due
bicchieri, una bottiglia si rimedia sempre. Basta chiedere!
In questi posti davanti al mare, un po' di vino lo trovi dovunque.
E ripensava sempre alle lunghe gambe. Facevano l'amore?
E chi lo può testimoniare?
E intanto la notte passava.

http://www.viadelcampo.com/html/volume_8.html (5 of 10)23/05/2005 18.44.44


Fabrizio De André - Volume 8

Una notte sveglia.


Ma erano tutti quanti svegli. Solo per quella notte, però.
Lui, sempre.
Barcollando arrivò al Varco Galvani.
Triste, triste; lampare e luci.
Vino e cazzotti.
Erano scene viste da sempre, quando arrivano i carghi da chissà dove. Li fanno stare magari per giorni
alla fonda, e quegli uomini s'accumulano l'adrenalina melassata, salsa dell'andar per mare. E sbarcano,
sbarcano continuamente per chissà che cosa; gli svantaggiati. E il marinaio indiano barcollava con una
specie di coltello nella schiena, in quella notte dove la Stella Polare aveva ceduto il passo all'astro
calpestato, bucato da una bandiera, violato dalla voce umana. Il timoniere di Shangay non lo sapeva che
questo è pure il nome d'un quartiere di questa città, e gli anelli brillavano, brillavano. Lampare e luci.
Lì per lì non se ne rese conto, e non era il primo che vedeva morire.
E non poté testimoniare.
Qui Pasadena, qui Apollo, qui...
La mattina, o forse nella notte stessa, i Carabinieri lo avrebbero
trovato. Meglio scappare via.
Meglio ballare, perché, poi, il Maestro ci fa su una bella canzone, chissà. Come la chiamerà? La Tango-
Notte? E il Poeta dell'Altro Porto gli dovrà spiegare della paralisi, di luci del mare capovolto, d'una balena
che lo aspetta al largo come il Colombre di Buzzati? E la Balena sono due donne alte, snelle, amore,
amore, amore! Con chi ci vuoi dimenticare? Come fai a dire che non puoi testimoniare? Bevi, bevi, Piero
Litaliano! Hai passato la vita a bere e a sognar di bere!
Qui Pasadena, qui Apollo, qui...
Fu così che il Poeta dell'altro Porto volle dargli una mano. Un minuto, ed era da lui.
Le quattro e ventisette del ventuno luglio millenovecentosessantanove.
A quei due non importava niente di non riuscire a nuotare, e la voglia di mare ce l'avevano su tutte le
guance del mondo, destre, sinistre, sinistre, destre, destre, sinistre...
Si trattava di dare dei nomi a quel che era successo.
Uno parlò d'una città, d'una statua, d'un porto delle illusioni, d'una chimera.
L'altro, che aveva visto ogni cosa, parlò d'una Dolce Luna. Una storia, dicono, assai strampalata.
Si misero persino, e per gioco, a parlare in una lingua sconosciuta, che forse intendevano solo loro.
Ne spraken dünne fragen küer, ne skoargen dünne flachert, ne skoargen
dünne bünne skräer, en dünne ne spraken gulakt. En argen bucht, en
hiregus skwäer, ne spraken dünne flachert, ne spraken dier, ne spraken
küer, ne spraken dünnen dachchrt.
Né parlar tanto e chiedere un capriccio, né qualcosa fa vacillar tanto;
né allestire una scena tanto scarna, e neanche parlare preziosamente. E
una grande baia....né parlar tanto fa vacillare, né parlarti, né dir
capricci, né parlar tanto... [...??...]
Ora, forse, capisco meglio.
(R.Vent.)

DOLCE LUNA.... come finisce?


"L'ultima strofa di "Dolce Luna" è una delle "vexatæ quæstiones" deandreiane più annose; di solito, a
quanto mi risulta, viene chiamata la "strofa in tedesco", ed in effetti certi fonemi, l'andamento fonetico
generale ed anche alcune parole ricordano abbastanza da vicino questa lingua. Come tutti sanno, Fabrizio
è ricorso un'altra volta ad un "simil-tedesco" nella famosa strofa del "pinzimonien" di "Ottocento"; ma lì
si tratta veramente di tedesco maccheronico chiaramente identificabile ed interpretabile.
L'ultima strofa di "Dolce Luna", invece, rimane una specie di mistero.
In che lingua è? Si tratta di parole inventate di sana pianta, oppure interpretabili col tedesco e/o altre
lingue esistenti? La strofa potrebbe avere un significato ben preciso?
Domande difficili, ma forze meno impossibili di quel che sembra. Azzardo qui qualche ipotesi,
avvertendo che quel che dico è esclusivamente frutto del mio ascolto e, magari, anche della segreta voglia
di recuperare qualche parola in più di Fabrizio. La prima cosa che ho fatto è una trascrizione fonetica del
brano, che riporto in allegato sia in API (versione non semplificata), negli esempi durante la trattazione

http://www.viadelcampo.com/html/volume_8.html (6 of 10)23/05/2005 18.44.44


Fabrizio De André - Volume 8

delle ipotesi uso invece una sorta di "trascrizione grafemica" basata, in mancanza di meglio, sul tedesco
letterario e sull'olandese.
È stata condotta ad orecchio e, quindi, avverto che le mie sensazioni uditive potrebbero essere differenti
da quelle di altre persone. Ho ovviamente un orecchio piuttosto "allenato" a queste cose, ma questo non
significa necessariamente che le mie impressioni, percepite da una registrazione, siano rigorosamente
esatte.
Cercherò adesso di azzardare qualche ipotesi.
Innanzitutto, come detto, la "lingua" ha delle decise assonanze col tedesco. Parole tedesche pienamente
plausibili potrebbero essere le seguenti:

- dünne "sottili, esili, magre; scarse, poche"


- fragen "chiedere, domandare"
- Bühne "scena, scenario"
- argen "forti, gravi; (dial.) "molto, tanto; grande"
- Bucht "baia, insenatura"
- dir "a te, ti"

Partendo da questa specie di "base" ed ipotizzando che la "lingua" abbia qualcosa a che fare col tedesco,
mi sono accorto di due cose di differente natura, ma ugualmente importanti:
a) Che la strofa presenta una struttura lessicale regolare, con ripetizione di parole ed intere espressioni che
potrebbero far pensare ad un "significato";
b) Che è totalmente assente una delle caratteristiche fonetiche storiche che identificano il tedesco
letterario, ovvero la cosiddetta "seconda mutazione consonantica".
Quest'ultima cosa mi ha fatto pensare ad un dialetto basso-tedesco.
I dialetti basso-tedeschi (che, malgrado il nome, sono parlati nella Germania settentrionale; la
denominazione riprende quella originale, "Plattdeutsch", nel senso che il territorio di tali dialetti è in
generale pianeggiante) hanno una tradizione letteraria molto importante; nel medioevo il basso tedesco
letterario era, ad esempio, la lingua ufficiale della Lega Anseatica; uno dei loro caratteri distintivi rispetto
al tedesco letterario e ai dialetti alto-tedeschi è l'assenza della "seconda mutazione consonantica" (per cui,
ad esempio, si ha la contrapposizione [ ik / ich ] "io", [spreken / sprechen ] "parlare", [ to / zu ]
"a" (preposizione) ecc. I dialetti basso-tedeschi sono molto simili alla lingua olandese (di per se stessa,
storicamente, un dialetto basso-tedesco assurto a dignità di lingua nazionale).
Questo permetterebbe di "interpretare" altre parole, sia mediante il "Plattdeutsch" che mediante
l'olandese:

- spraken "parlare, dire" [ted. lett.: sprechen]


- flakkeren "guizzare; far vacillare"
- skorgen "allestire, approntare, fare"
- schraal "magro, scarno"
- guldacht "prezioso, degno d'esser paragonato all'oro"
- nê (dial.) "né"
- kuur "capriccio, ghiribizzo"

Ammettendo (e non concedendo) l'esattezza di tale ipotesi, si potrebbe azzardare già qualcosa:

"Né parlare tanto (e) chiedere un capriccio,


Né [..?..] tanto fa vacillare;
Né allestire una scena tanto scarna
E neanche parlare preziosamente.
E una grande baia,
E [....... ??........]
Né parlare tanto fa vacillare,
Né parlarti,
Né dir capricci,
Né parlar tanto [....??....]"

Tutto questo ha un senso? Forse no, anche se cercare il senso di "Dolce Luna" potrebbe autorizzare le
"agudezas" più vertiginose. Ma non so se qualcuno ci aveva mai tentato prima, e quindi questa cosa sia

http://www.viadelcampo.com/html/volume_8.html (7 of 10)23/05/2005 18.44.44


Fabrizio De André - Volume 8

presa, appunto, per quella che è.


Magari il buon Walter Pi sapeva già tutto ed ha taciuto, il testo è in hindi del nord o in antico gallese, si
tratta di una preghiera a Santa Cunegonda [...] Magari Fabrizio de André si è inventato ogni cosa e quindi
il risultato è esattamente lo stesso. Chiedo quindi perdono qualora vi avessi annoiato con queste
elucubrazioni, e W Fabrizio de André.

________________________________________________________________

R.Vent.

Riccardo Venturi
e-mail: venturi@couriermail.de"

OCEANO
Ciao, sono un grande fan di Fabrizio da non molto tempo, e documentandomi su internet, non
potevo non cadere nel tuo sito (che definirei "divino").
Essendo comunque più fan di De Gregori, una delle pagine più interessanti per me è quella che
riguarda VOLUME 8. Ho apprezzato la ricchezza di informazioni e tutto l'ipegno messo per dare
spiegazioni. Posso venirti in aiuto riguardo alla mitica canzone Oceano (scritta a 4 mani). Durante
San Remo del 2003, Cristiano (figlio di Fabrizio) raccontò un piccolo aneddoto su di lui e
De Gregori, che spiega un po' tutta la motivazione della canzone. Ti allego le informazioni che ho
raccolto, ormai da più di un anno. Aspetto una tua risposta.
Ciao
Claudio.

Ecco il testo allegato:


Ha raccontato il suo incontro con De Gregori negli anni 70 ai tempi di Volume VIII, ha cantato alcune strofe
della bellissima "Oceano" scritta a quattro mani da Ciccio e da Fabrizio De Andrè, ed ha chiaramente detto
che De Gregori è stato ed è ancora uno dei suoi punti di riferimento. E' stato bello sentire queste cose ed è
stato ancora più bello guardare la faccia ipocritamente ammirata di Pippo, il quale ha pessimi rapporti
(puntualmente documentati sui giornali) col Nostro

"Siamo in un sito dedicato a De Gregori e quindi mi sembra doveroso ricordare l'intervento di Cristiano De
Andrè al Festival di Sanremo proprio perché riguarda Francesco.
Penso che in pochissimi erano a conoscenza del vero destinatario di Oceano, di Cristiano che, a otto anni,
chiedeva continuamente a Francesco "Ma perché Alice guarda i gatti e i gatti, invece, guardano nel sole?".
Ha raccontato poi che un giorno i due cantautori si chiusero in una stanza e tirarono fuori quel capolavoro
per dargli tutte le risposte. Io, per esempio, ero convinto che fosse dedicata a una donna.
Nel suo forum, Fegiz risponde così a qualcuno che era contrario all'intervento di Cristiano: "A me è
sembrato un intervento carino e lui sincero. Ha raccontato un aneddoto che molti non sanno. Anche la
memoria storica fa cultura... ".
Vedete che avendo la giusta chiave di lettura, le canzoni di Ciccio sono di una chiarezza cristallina?
Ora che tutti sappiamo la storia di questa canzone, rileggetene il testo e scoprite quanta poesia c'è dentro:

OCEANO
(De Gregori-De Andrè)

Quanti cavalli hai tu ceduto alla porta


tu che sfiori il cielo col tuo dito più corto
la notte non ha bisogno
la notte fa benissimo a meno del tuo concerto
ti offenderesti se qualcuno ti chiamasse un tentativo.

Ed arrivò un bambino con le mani in tasca


ed un oceano verde dietro le spalle
disse "Vorrei sapere, quanto è grande il verde
come è bello il mare, quanto dura una stanza
è troppo tempo che guardo il sole, mi ha fatto male "

http://www.viadelcampo.com/html/volume_8.html (8 of 10)23/05/2005 18.44.44


Fabrizio De André - Volume 8

Prova a lasciare le campane al loro cerchio di rondini


e non ficcare il naso negli affari miei
e non venirmi a dire "Preferisco un poeta,
preferisco un poeta ad un poeta sconfitto"
Ma se ci tieni tanto poi baciarmi ogni volta che vuoi.

...Una volta avevo ascoltato in una discoteca una canzone che mi era rimasta in testa, mi era
piaciuta tantissimo, ed era "Alice" di Francesco De Gregori. Nello stesso tempo mi era rimasta in
testa una domanda: ma perché Alice guarda i gatti e non può guardare quel lampione là o non può
guardare qualsiasi altra cosa, un sasso piuttosto che un cespuglio, un albero? E volevo
chiederglielo, però non sapevo come, non lo conoscevo e avevo questa domanda da fargli...
L'estate successiva scopro che sta iniziando a lavorare con mio padre ad un album che era
"Volume ottavo". Figurati, impazzisco, vado in Sardegna e me lo trovo lì, a casa. In pigiama. Che
lavora con mio padre, seduto sul mio divano, con la chitarra, giovane, con la barba rossa, un po'
fricchettone, era un grande e lo è tuttora, è una persona che stimo moltissimo, non soltanto a
livello artistico, ma anche umano... E allora io prendo coraggio e vado da lui. Questo è il figlio di
Fabrizio, Cristiano; piacere Francesco. Comincio alla larga, poi piano piano mi convinco e un
giorno: Francesco, perché Alice guarda i gatti? Lui mi guarda con un occhio aperto e l'altro
chiuso... Non mi risponde. E non mi ha mai risposto. Anzi mi ha risposto, però in un modo
abbastanza inconsueto: cioè scrivendo una canzone, con mio padre. Si chiama "Oceano", e devo
dire che io sono orgoglioso di questa canzone perché è stata dedicata a me. E' la risposta di perché
Alice guarda i gatti. Al che non mi sono più sognato di fargli domande di questo genere.

Cristiano De André (1995)"

Claudio

http://www.viadelcampo.com/html/volume_8.html (9 of 10)23/05/2005 18.44.44


Fabrizio De André - Volume 8

http://www.viadelcampo.com/html/volume_8.html (10 of 10)23/05/2005 18.44.44


Fabrizio De Andrè 76

testi

1976 Fabrizio De Andrè (il pescatore)


1976 Ricordi ORL 8064 label e costa Produttori Associati - Distrib. Ricordi
1975 Produttori associati PROD. ASS. ORK 78064 Stereosette
1976 Ricordi Orizzonte ORL 8064, Label Ricordi e costa Ricordi
1976 Ricordi Orizzonte CDOR8064
1976 BMG-Ricordi CDMRL 6488
2002 BMG-Ricordi 74321974222 24 bit remastering

Cover Produttori Associati Cover Produttori Associati


Grazie a Fabio Bianchi - click per Grazie a Fabio Bianchi - click per
ingrandire) ingrandire)

(clicca x ingrandire)
(clicca x ingrandire)

http://www.viadelcampo.com/html/fabrizio_de_andre_76.html (1 of 3)23/05/2005 18.44.52


Fabrizio De Andrè 76

clicca x ingrandire (clicca x ingrandire)


copertine grazie a Lucio

1 – Il pescatore (Testo e Musica di Fabrizio De André)..................... 2'20"


2 - Bocca di rosa (Testo e Musica di Fabrizio De André)..................... 3'08"
3 - Le passanti [Les Passantes](1)(Testo italiano Fabrizio De André - Testo e Musica di Georges Brassens) . 3'52"
4 - La canzone dell'amore perduto(2)(Testo e Musica di Fabrizio De André).... 3'22"
5 - La cattiva strada (Testo e Musica di Fabrizio De André e Francesco De Gregori). . 4'36"
6 - Un giudice (Testo di Fabrizio De André e Giuseppe Bentivoglio - Musica di Fabrizio De André e Nicola Piovani) .
2'57"
7 - Il testamento (Testo e Musica di Fabrizio De André)..................... 3'47"
8 - Verranno a chiederti del nostro amore (Testo di Fabrizio De André e Giuseppe Bentivoglio -
Musica di Fabrizio De André e Nicola Piovani) 4'22"

E' l'unico CD in cui si possa sentire la versione originale de "Il pescatore", oltre che nelle "Opere
complete" (in seguito troverete solo la versione arrangiata con la PFM)

1) Tratta da una poesia di Antoine Paul


(2)Musica tratta da "Concerto in Re maggiore per tromba, archi e continuo" – Adagio - di
Georg Philipp Telemann

1 - Dal 45 giri LATO A: Il pescatore LATO B: Marcia nuziale - 1970


2 - Dall'album VOLUME I - 1967
3 e 4 - Dall'album CANZONI - 1974
5 - Dall'album VOLUME VIII - 1975
6 - Dall'album NON AL DENARO NON ALL'AMORE NÉ AL CIELO - 1971
7 - Dall'album VOLUME III - 1969
8 - Dall'album STORIA DI UN IMPIEGATO - 1973

http://www.viadelcampo.com/html/fabrizio_de_andre_76.html (2 of 3)23/05/2005 18.44.52


Fabrizio De Andrè 76

Nel panorama della musica leggera italiana, De André è l'unico cantante verso il quale il rispetto
nasce naturale anche da quelle frange che vedono nel pop le loro uniche possibilità espressive.

Chi segue De André da una decina d'anni, può solo dire che è l'interprete più fedele di un modo
pulito e fresco di fare musica. Non per questo portando bende sugli occhi o mistificando la realtà,
tutt'altro, se è vero che di De André anche i critici sottolineano il graffio dell'ironia, pur inferto col
sorriso sulle labbra, e la condanna del compromesso eletto a sistema nella vita e nei rapporti
interpersonali. Magari cantando l'amore, il cantautore genovese stigmatizza la brutalità delle leggi
che regolano la società moderna, attraverso codici magari non scritti ma ugualmente validi nella
vita di ogni giorno.

Fabrizio De André, è uno dei pochi, pochissimi autori e cantanti di rilievo espressi dall'avaro
mondo della musica leggera italiana degli ultimi anni. Una canzone "controcorrente", una canzone
"per adulti o per diventare adulti", una canzone "alla rovescia", nel senso che vi si esprimono le
convinzioni più intime, le esortazioni per niente retoriche (qualcuno ha detto, esagerando un po'
"l'ideologia") di "uno" che malgrado le apparenze, crede nell'uomo e nel suo futuro.

Come alti poeti (ieri Villon, oggi, Dylan e Brassens di cui è stato eccellente traduttore) De André
ha esplorato tutte le pieghe della vita, anche le più scabrose; come tanti poeti, il cantante-autore
genovese si è scagliato e si scaglia contro l'ipocrisia, contro la malafede, contro l'odio fatto sistema
di vita, contro la pigrizia di chi non vuol vedere oltre la punta del proprio naso.

Il merito di De André, al pari di ogni artista vero, è proprio questo: farci cogliere le sgradevoli
verità della vita che non abbiamo la forza ed il coraggio di affrontare da soli. In questo senso
abbiamo parlato di "canzoni da leggere alla rovescia"; in questo senso si può dire che ogni album
del cantante è il capitolo di una realtà sconcertante, la nostra, dove rigo per rigo, ciascuno di noi
può ritrovare parte di se stesso.

La voce di De André è libera, amara ed ironica, una voce che non esita a descrivere il mondo così
com'è, sconvolto da grandi tragedie e piccoli drammi quotidiani che i versi delle canzoni cercano
di alleviare con umorismo a volte beffardo. Il rischio di De André è insomma quello di avere
troppo successo proprio per aver evitato a lungo il successo.

http://www.viadelcampo.com/html/fabrizio_de_andre_76.html (3 of 3)23/05/2005 18.44.52


Fabrizio De André - Rimini

testi

1978 Rimini
1978 Ricordi SMRL 6221
1983 Ricordi Orizzonte ORL 8897
1991 Ricordi CDOR 8897
1978 Ricordi Stereosette RIK 76221
1983 Ricordi Stereosette RIK 76492
1995 BMG-Ricordi CDMRL 6492
2002 BMG-Ricordi 74321974472 24 bit remastering

SMRL 6221 Ricordi, Fronte LP e SMRL6221 Ricordi, retro LP


CD (clicca x ingrandire) (clicca x ingrandire)

(CDOR8897 clicca x ingrandire)

http://www.viadelcampo.com/html/rimini.html (1 of 9)23/05/2005 18.45.06


Fabrizio De André - Rimini

1 – Rimini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .......... 4'08"


2 - Volta la carta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ....3'49"
3 - Coda di lupo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... 5'24"
4 – Andrea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........ 5'31"
5 - Tema di Rimini (Musica di Fabrizio De André e Massimo Bubola).......... 1'52"
6 - Avventura a Durango (Testo italiano di Fabrizio De André e Massimo Bubola - Testo e Musica
di Bob Dylan e Jacques Levy)4'51"
7 – Sally . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........... 4'49"
8 – Zirichiltaggia (Baddu tundu)(1). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .......... 2'18"
9 - Parlando del naufragio della London Valour . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 4'41"
10 – Folaghe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2'58"

Testi e musiche di Fabrizio De André e Massimo Bubola (se non diversamente specificato)

(1) Dedicata all'amico Salvatore Pinna. Grazie a Paolo Paggiolu per l'aiuto nella traduzione in
gallurese.

Archi arrangiati e diretti da Giampiero Reverberi


Avventura a Durango di Bob Dylan e J. Levy è stata tradotta e adattata da Fabrizio De Andrè e
Massimo Bubola
La voce femminile in "Volta la carta" e "Andrea" è di Dori Ghezzi per gentile concessione
della Durium

Violino solista: Riccardo Pellegrino


Chitarra elettrica solista: Marco Zoccheddu
Chitarre acustiche: Sergio Farina, Gilberto Zilioli, Fabrizio De Andrè
Tastiere: Giampiero Reverberi
Basso elettrico e acustico: Bruno Crovetto
Batteria: Tullio De Piscopo
Voci: Vanda Radicchi, Lella Esposito
Tenore lirico: Vincenzo La Puma
Fisarmonica: Mario Battaini
Tromba: Giuliano Bernicchi
Mandolini: Luigi Bernardi, Attilio Casiero
Ocarine e fagotti: Virginio Bianchi, Marino Pomarico

Registrato e mixato negli Studi Fonorama di Milano

http://www.viadelcampo.com/html/rimini.html (2 of 9)23/05/2005 18.45.06


Fabrizio De André - Rimini

Il commento di Pierpaolo
Rimini a posteriori può essere considerato un album
"di transizione"; ci sono infatti bellissimi brani e altri
meno ispirati, inoltre risente pesantemente del clima politico degli anni 77-78 con le stragi
brigatiste e il sequestro "Moro".

E' difficile trovare un nesso che leghi i vari brani anche se scovando tra le pieghe delle
canzoni si può notare forse la paura che le spinte ideologiche di quegli anni abbiano solo
indirizzato la società verso una reazione conservatrice tout-cour compreso ovviamente anche
il più grande partito (e unico rappresentante) dell'opposizione di quegli anni : il PCI…
Tralasciando le disquisizioni politiche che ci porterebbero su altri argomenti torniamo al disco:

"Rimini" apre l'album, il pezzo parla di una donna, Teresa affascinata più dai miti
rivoluzionari diffusi da certa sinistra che della sua "banale" vita reale.

"Volta la carta" è una ballata molto ritmata con un testo che potrebbe essere la sceneggiatura
di un film con i suoi repentini cambiamenti di scena, tutta giocata sullo scorrere del tempo e
della vita .

"Coda di lupo" viene ricordata soprattutto per l'accusa nei confonti del sindacalismo di
sinistra di avere oramai "seppellito le asce…" a proposito della visita di Lama allora segretario
della CGIL (capelli corti generale) all'università di Roma quando fu contestato dagli studenti
(non fumammo con lui,non era venuto in pace…)

"Andrea" è un altro grande inno contro la guerra sullo sfondo di una grande storia d'amore.

"Avventura a Durango" è la traduzione di un brano di Dylan "Romance in Durango"


contenuto nel suo album "Desire".La traduzione è molto simile all'originale anche se Fabrizio
disse di aver faticato molto per mettere le parole italiane più adatte alla musica.

"Sally" è probabilmente un brano autobiografico in cui Fabrizio parla della sua vita giovanile
in cui il desiderio di lasciare la madre (e quindi i legami familiari) era molto forte ma forse
non sarebbe ancora stato il momento giusto.

"Zirichiltaggia"(Baddu tundu) è una velocissima ballata in dialetto gallurese in cui


"Parlando del naufragio della London Valour" rispecchia i procellosi tempi in cui si trovava il paese dove
la violenza si esprimeva anche da parte degli uomini più distanti da essa (macellai,pasticcieri) e nammeno i
poeti sapevano indicare la giusta direzione da seguire.

"Folaghe"è un brano strumentale che chiude l'album.

postato da red sul ng il 12/5/99 alle 19:40) su tutto l'LP RIMINI

*******************************************************

Brevemente, per quanto sia difficile, parlando di un disco-capolavoro...

Parlando del naufragio.... non credo abbia riferimenti socio-politici. Il naufragio avvenne
davvero al porto di Genova, la London Valour era una nave che trasformava mercanzie e

http://www.viadelcampo.com/html/rimini.html (3 of 9)23/05/2005 18.45.06


Fabrizio De André - Rimini

sbaglio' manovra andandosi a schiantare contro un molo. De Andre' cerco' di immaginare che
cosa facevano o pensavano nel momento dell'impatto i marinai di quella nave. Secondo me e'
una canzone molto innovativa per quel periodo.

Coda di lupo, invece, si riferisce al fenomeno degli Indiani Metropolitani, molto in voga negli
anni sessanta. Persone che prendevano spunto dalla cultura dei Native Americans. Molti
riferimenti della canzone si riferiscono a quel povero popolo massacrato dagli yankees. Per
esempio, gli Indiani consideravano come prova di maturita' il rubare un cavallo a qualcuno
(rubai il mio primo cavallo e mi fecero uomo), e usavano dire dei minorenni che "puzzavano
di serpente".

E la situazione viene catapultata agli anni 70, le proteste antiborghesi alla scala (uccisi uno
smoking e glielo rubai) e i movimenti studenteschi con tentativi sindacali di fermarli (capelli
corti generale - Lama - ci parlo' all'universita', ma non fumammo con lui, non era venuto in
pace). E via di seguito, con quel ritornello su un Dio sicuramente non troppo.. .come dire?...
comprensivo (e a un dio a lieto fine non credere mai...). In fondo gli Indiani rappresentano un
po' tutti i "perdenti" della storia, movimenti di sinistra - ahime'
- compresi.

Rimini propone una contrapposizione fra la scoperta dell'America di Colombo e la tristezza di


un animo malinconico come quello di Teresa. Colombo si pentira' presto della sua
"creatura" (per un triste re cattolico ho inventato un regno e lui lo ha macellato), resa un
orribile mostro dalla cattiveria ed ignoranza degli uomini, cosi' come Teresa, fra gelati e
bandiere dell'estate riminese, scoprira' l'amara realta' di un aborto e di una cittadina che
"scommette sulla figlia del droghiere". Aborto come scoperta e aborto reale, il tema di fondo
e' questo, credo.

Sally e' una favola, un viaggio, un'avventura cominciata in prati verdi con quella liberta' che
forse solo gli zingari comprendono appieno, e terminata amaramente fra copertoni di una vita
da prostituta (il re dei topi sotto il ponte, le sue bambole bruciavano copertoni). In mezzo tanti
sogni (pesciolini d'oro) e l'ombra di un omicidio (mi guardavo nello stagno, l'assassino si era
gia' lavato).
E' a mio avviso una delle canzoni piu tristi di De Andre', anche se "mascherata" da Fiaba. Ho
come l'impressione che la protagonista (che non e' Sally, attenzione!, Sally e' una zingara) sia
la rappresentazione dello stesso Fabrizio che sognava sicuramente una vita diversa.
Ma di Sally ne parlo un'altra volta, che' ci vuole piu' spazio.

ciao
red

****************************************************************** **
--Franco Senia--

Da: Franco Senia <franco.senia@nonrompetetin.it>


Oggetto: Re: Richiesta di interpretazione brani
Data: sabato 11 marzo 2000 18.01

On Sat, 11 Mar 2000 16:45:48 +0100, "ZoSo" <j.zoso@tiscalinet.it> ha


scritto:

>Allora vi chiedo di commentarmi in maniera dettagliata le seguenti canzoni:


> CODA DI LUPO
> &
>PARLANDO DEL NAUFRAGIO DELLA LONDON VALOUR

http://www.viadelcampo.com/html/rimini.html (4 of 9)23/05/2005 18.45.06


Fabrizio De André - Rimini

Cominciando dalla seconda che hai detto, poco da dire sull'interpretazione. La canzone parla
davvero di un naufragio, avvenuto nel '70, di una nave filippina nel porto di genova.
Nel mare in tempesta perirono molti marinai: il tentativo di salvarli con una sorta di teleferica
fallì. Il capintao della nave si suicidò per il dolore dovuto alla perdita della moglie.
Purtuttavia, si può anche leggere (secondo il parere di Romana) una metafora della
normalizzazione che si avvia alla fine del decennio (parliamo degli anni settanta) e che prende
a pretesto il sequestro moro.

Il pasticciere, il poeta e il paralitico dell'ultima strofa si alleano al macellaio, con le sue


mascelle anti-guerriglia, "contro ogni sorta di naufragi o di altre rivoluzioni ".

E, sicuramente, il discorso torna se andiamo a leggere "Coda di Lupo" e le sue chiara lettura
dei "10 anni che sconvolsero il mondo", dal 1968 al 1977.

Si vedono scorrere tutti gli avvenimenti che hanno segnato quell'epoca, dalle prime
contestazioni (alla scala di milano), alle battaglie contro il "numero chiuso", al moderatismo
becero di certa sinistra, fino alla cacciata di lama, nel 1977, dall'università di roma, a cura
degli autonomi.
Poi la sconfitta a cui seguira la deriva della lotta armata che darà luogo agli anni di piombo.

saluti

--Franco Senia--

postato il 27/11/2000 alle ore 19:14)

Coda di Lupo è, insieme a la domenica dele salme, la sola canzone di fabrizio ad avere un
respiro, per così dire, storico.
Mentre la domenica delle salme si "limita" a scattare una fotografia impietosa di quegli anni
di "merda" che culminano nella caduta del muro di berlino; inchiodando quell'avvenimento in
una "fissità" che sortisce l'effetto di lasciarci sgomenti. I pochi riferimenti al passato di alcuni
dei protagonisti non inficiano l'inferno di un eterno presente.
Diversamente accade per "coda di lupo"!
Qualche anno dopo, la storia di un impiegato, fabrizio torna a parlare di politica. Tenta un
bilancio e, per farlo, parte da lontano. Prova a tracciare una storia dell'antagonismo, usando un
artificio: muove dagli indiani d'america e dal loro impatto colla civiltà occidentale per arrivare
agli "indiani metropolitani" e al movimento del '77, che chiude il decennio cominciato nel
1968.

De André ci parla, in questa canzone scritta nel 1978, dell'ultimo vero conflitto che ha segnato
la società italiana: quello fra l'estrema sinistra e il più grande partito comunista d'europa,
incapace nella sua totale cecità di sfruttare la vittoria elettorale del 1975, impegnato com'era a
fare professione di moralismo e di austerità!

Il dio degli inglesi "sono" i valori della borghesia che vengono usati per far presa sull'animo di
una classe che esce fuori dalla resistenza e dalla liberazione! Questi ultimi impersonati dal
nonno.

Il dio perdente è lo spauracchio agitato, negli anni cinquanta, contro i primi sprazzi di

http://www.viadelcampo.com/html/rimini.html (5 of 9)23/05/2005 18.45.06


Fabrizio De André - Rimini

ribellione giovanile, che assumono anche i connotati tipici delle bande giovanile e dei "teddy
boys"!
L'alternativa? Un impiego da ragioniere!

Il dio goloso è quello capace di eliminare, fagocitandoli, i partigiani che non avevano smesso
di credere che la liberazione avrebbe dovuto portare a ben altri risultati!

Il dio della scala ci parla della prima contestazione che, in italia, ebbe l'eco della stampa. Ci
parla delle uove marce scagliate contro gli invitati alla prima della scala, in un'italia già e
ancora divisa in due. Ci parla della prima "violenza" collettiva fatta e subita da parte di una
generazione che si affacciava, allora, alla storia.

Il dio a lieto fine, che manca, è quello che ad un decennio di lotte e di contestazione risponde
con il numero chiuso nelle università, incapace di recepire le istanze che scaturivano dalla
società di allora. La strada viene, in qualche modo tracciata!

Ed arriviamo a generale capelli corti (Luciano Lama) che incarna l'deologia più becera
fondata sui valori assurdi del lavoro (il dio fatti il culo) che davanti al più imponente
movimento che anima l'italia del dopo guerra non trova niente di meglio da fare che attuare la
sua squallida provocazione alla sapienza di roma (il little big horn). E' la più grande vittoria
del movimento, ma anche l'inizio della sconfitta!

L'ultima strofa ci parla della lotta senza sbocco alcuno, la lotta armata da una parte e i
sommovimenti culturali dall'altra(i teatri di posa dove scaricare la propria rabbia, quasi una
sorta di feroce autocritica!). E la loro tragica separazione (ne riparlerà ne ladomenica delle
salme a proposito dei cantautori e delle loro voci potenti per il "vaffanculo"). La risposta
individuale ai problemi della sopravvivenza (la pesca con le bombe a mano), gli atti di
eroismo inutili da parte di chi continuava a lottare nelle piazze e nelle fabbriche.
Rimangono solo pochi disperati, sparuti, che hanno perso la memoria e sparano anche a chi,
tutto sommato, non meriterebbe una tale sorte!
Il cerchio si chiude: la risposta che rimane ai loro falsi dei è un povero dio senza fiato e senza
speranza che si gloria di questo suo tragico modo d'essere!

--Franco Senia--

http://www.viadelcampo.com/html/rimini.html (6 of 9)23/05/2005 18.45.06


Fabrizio De André - Rimini

SALLY

(postato da red il 20/5/99 alle 18:00)

Allora, si diceva di Sally, ho un delirio in sospeso....

Credo che questa canzone rappresenti un po' la fine meschina che troppo spesso fanno i
sogni e i tentativi di cambiamento.
Politicamente si puo' legare al fenomeno delle Brigate rosse e simili, ma non
necessariamente.

"Mia madre mi disse non devi giocare con gli zingari nel bosco"...Disobbedire alla figura
materna, cioe' all'ordine costituito, a quei comandamenti scritti proprio da chi puo'
permettersi di non rispettarli.
Ma l'animo giovane e ancora fertile del protagonista decide di andare lo stesso perche' "il
bosco era scuro e l'erba gia' verde", cioe' praticamente perche' la sua natura lo spinge ad
andare e basta, senza ragione (avete mai visto boschi chiari ed erba blu?). Troppo forte il
richiamo ad un incontro proibito: arriva Sally col suo tamburello, donna o bambina non
conta, comunque utopia solo sognata ed adesso reale. "Dite a mia madre che non
tornero'." Dite, voi generico, rivolto ad una societa' ben attraccata a terra con piedi e mani
ed incapace di sognare.

"Andai verso il mare...spesi cento lire per un pesciolino cieco...sparii in un baleno".


Quindi l'obiettivo della fuga diventa il mare immenso, il bosco non basta piu', "andate a
dire a Sally che non tornero'", dopo la madre, adesso e' la donna che ti aveva accolto
all'ingresso del bosco che viene abbandonata, lasciata per intraprendere una nuova
avventura, un nuovo viaggio, a cavallo di un pesciolino cieco, cioe' senza sicurezze ma
nel rischio piu' completo e totale, solo per tentare di arrivare, o la va o la spacca per dirla
come i detti popolari. Povera Sally, originaria meta finale del peregrinare, dell' agire,
infatti il titolo del brano si riferisce a lei, che pure e' un personaggio marginale.

Entrano poi in scena Pilar del mare e Pilar dei meli, che dubito siano la stessa persona, o
idea o cosa. La citta', luogo dove Pilar o chi per lei si "addormenta il cuore con due gocce
d'eroina", quindi viaggio artificiale che spesso porta alla morte come unica via di fuga fra

http://www.viadelcampo.com/html/rimini.html (7 of 9)23/05/2005 18.45.06


Fabrizio De André - Rimini

le mura di una citta', al contrario di pilar dei meli, idea selvaggia e zingara che si trova
nell'eterno viaggiare (vicino alle roulottes), niente droga ma una bocca sporca di mirtilli,
frutti selvatici, ed un coltello che la uccide, forse per rabbia, forse per negarle la liberta'.
E che l'assassino sia il protagonista? "Mi guardai nello stagno, l'assassino si era gia'
lavato"...nello stagno si riflette la propria immagine, magari capita di essere colpevoli
senza rendersene conto, presi irrefrenabilmente da una cultura di negazione della liberta'
che credevamo lontana da noi e che invece ci ha assorbito completamente.
Dite a mia madre che non tornero', il viaggio mi ha provato, ho fallito, sono stanco, la
voglia di giocare libero nel bosco mi ha portato ad uccidere, la voglia di cercare
onestamente la liberta' mi ha portato ad usare mezzi che credevo fossero le armi solo di
chi combattevo.

Ho fallito, sono stanco e povero, resta l'ultima e amara soluzione: i bassifondi, il pappone
re dei topi che vive fra puttane e gomme che bruciano, il commercio della persona umana
come atto estremo di umiliazione dell'uomo. E un bracciale come un marchio, un marchio
che ti segna e segna la fine del tuo viaggio verso i sogni, lasciandoti ancora piu' avvilito
di quando dovevi partire. Chissa', forse dovevi dar retta alla madre....

Ma il bosco e' ancora scuro e l'erba ancora verde, e Sally e' sempre li, col suo tamburello.

red

--Franco Senia--

========================================================

Commento di Alessandro

Salve, vorrei aggiungere un commento alla canzone "Sally" contenuta nell'album


"Rimini".
Red, tentando di dare una spiegazione alla canzone, sorvola sul "pesciolino d'oro",
soffermandosi solo su quello "cieco".
Inoltre considera "Pilar del mare" e "Pilar dei meli" come due semplici personaggi.
In realtà penso dietro ci sia un preciso e voluto riferimento al romanzo "Cent'anni di
solitudine" di G.G. Marquez.
Chi l'ha letto si ricorderà infatti come il vecchio colonnello su cui il romanzo si apre (non
ne ricordo il nome, cmq dovrebbe essere Aureliano Buendia), una volta ritirato passa la
sua vecchiaia a fabbricare e poi fondere pesciolini d'oro.
Inoltre una delle matriarche della dinastia si chiama Pilar.
Penso che non possano essere considerate delle semplici coincidenze, se si considera,
inoltre, che il paese di Macondo, dove il romanzo si svolge, veniva ogni anno visitato
dagli zingari, e che uno di essi, Melquiades, addirittura vi si stabilisce.
E, per finire, ad un certo punto alcuni abitanti del villaggio partono alla ricerca del mare
(proprio come il protagonista della canzone).
Infine uno dei temi di fondo della canzone potrebbe essere proprio la solitudine.
Insomma, penso che esista un forte legame tra il romanzo che fece vincere all'autore il
Nobel,e una delle canzoni solo apparentemente + "facili" del Faber.
Come questo legame possa poi aiutare nell'interpretazione della canzone, beh, purtroppo
non lo so, ma rileggendo il testo alla luce di questa considerazione forse potrà emergere
qualcosa che prima era sfuggito.

Gradirei sapere cosa ne pensate voi, che di sicuro avete una cultura maggiore della mia
per quanto concerne l'opera e la vita di De Andrè.

http://www.viadelcampo.com/html/rimini.html (8 of 9)23/05/2005 18.45.06


Fabrizio De André - Rimini

Grazie

Alessandro Pistonesi

http://www.viadelcampo.com/html/rimini.html (9 of 9)23/05/2005 18.45.06


FDA 78

RISTAMPE PERIODO KARIM


vedere Nuvole Barocche e Tutto FDA per i testi

1978 Fabrizio De Andrè Vol.1 e Vol.2


(Ed. Philips Successi 6389 012 e 6389 015).

Clicca x ingrandire
Clicca x ingrandire
cover by Lucio
cover by Lucio

Vol. 1
La ballata dell'amore cieco
Amore che vieni - amore che vai
La ballata dell'eroe
La canzone di Marinella
Fila la lana
La città vecchia
La ballata del Michè
La guerra di Piero
Il testamento

http://www.viadelcampo.com/html/fda_78.html (1 of 4)23/05/2005 18.45.14


FDA 78

Philips 6389 015

Questo disco ha il contenuto di Nuvole Barocche (vedere per i testi). E' pubblicato dalla
Philips (che rilevò la Roman Record Company che pubblicò Nuvole Barocche nel 1969)
ma è datato 1968. In questa data non figura nei testi a mia disposizione.

Grazie a Michele Urbano per la segnalazione e le immagini.

Vol. 2
Nuvole Barocche (De André - Stanisci - Lario)
E fu la notte (De André - Stanisci - Franchi)
Delitto di paese (L'Assassinat) (De André - Brassens)
(Valzer per un amore) Valzer Campestre (De André - Marinuzzi jr.)
Per i tuoi larghi occhi
Carlo Martello (ritorna dalla battaglia di Poitiers)
Il fannullone (De André - Paolo Villaggio - De André)
Geordie (tradizionale - adattamento F. De André)
Canzone dell'amore perduto

http://www.viadelcampo.com/html/fda_78.html (2 of 4)23/05/2005 18.45.14


FDA 78

http://www.viadelcampo.com/html/fda_78.html (3 of 4)23/05/2005 18.45.14


FDA 78

http://www.viadelcampo.com/html/fda_78.html (4 of 4)23/05/2005 18.45.14


Fabrizio De André - PFM 1

1979 In concerto con i PFM


1979 Ricordi SMRL 6244
1983 Ricordi Orizzonte ORL 8921 e 1991 CDOR8921
1995 BMG-Ricordi CDMRL 6489
2000 BMG-Ricordi 74321 766092 ristampa serie oro
2001 Ricordi MS 06247 (allegato a TV Sorrisi e canzoni)
2002 BMG Ricordi 5 - Allegato a "Panorama"
2002 BMG-Ricordi 74321974172 24 bit remastering

(Ricordi SMRL 6244 - clicca x ingrandire) (Ricordi SMRL 6244 - clicca x ingrandire)

(Ricordi Orizzonte ORL 8921 - (Ricordi Orizzonte ORL 8921 -


clicca x ingrandire) clicca x ingrandire)

http://www.viadelcampo.com/html/pfm_1.html (1 of 4)23/05/2005 18.45.29


Fabrizio De André - PFM 1

BMG-Ricordi CDMRL 6489 - clicca x ingrandire

BMG Ricordi 5 - Allegato a "Panorama" - Clicca x ingrandire

1 – Bocca di rosa (Testo e Musica di Fabrizio De André)..................... 4'39"


2 - Andrea (Testo e Musica di Fabrizio De André e Massimo Bubola).......... 5'29"
3 – Giugno '73 (Testo e Musica di Fabrizio De André)..................... 4'31"
4 – Un giudice (Testo di Fabrizio De André e Giuseppe Bentivoglio - Musica di Fabrizio De
André e Nicola Piovani)3'36"
5 – La guerra di Piero (Testo e Musica di Fabrizio De André)............... . . ....... 3'30"
6 – Il pescatore (Testo e Musica di Fabrizio De André)...................... . . . . . . . 4'16"
7 – Zirichiltaggia (Testo e Musica di Fabrizio De André e Massimo Bubola).... 2'36"
8 – La canzone di Marinella (Testo e Musica di Fabrizio De André)..... . . . . . .. 4'03"
9 - Volta la carta (Testo e Musica di Fabrizio De André e Massimo Bubola).... 4'02"
10 – Amico fragile (Testo e Musica di Fabrizio De André) . . . . . . . . . . . . . . . . 9'27"

Arrangiamenti PFM
Realizzazione a cura di Fabrizio De André e della PFM

Franz Di Cioccio, Patrick Djivas, Franco Mussida, Flavio Premoli appaiono per gentile
concessione della Zoo Records
Lucio "Violino" Fabbri appare per gentile concessione della Cramps Records

Art direction, design e fotografie Guido Harari

Rigistrato dal vivo al Teatro Tenda di Firenze e al Palasport di Bologna 13-14-15-16 gennaio
1979 col "Manor Mobile" Recording Studio della Virgin Records, Londra
Tecnici di registrazione Peter Greenslade
Assistenti alla registrazione Chris Blake, Ken Capper

http://www.viadelcampo.com/html/pfm_1.html (2 of 4)23/05/2005 18.45.29


Fabrizio De André - PFM 1

Mixaggi effettuati durante il mese di febbraio 1979 presso lo studio di registrazione "Il mulino"
Milano
Mixaggi: Franco Mussida
Assistente ai mixaggi Pietro Pellegrini
Fonico Pietro Bravin

Un ringraziamento particolare a Sergio, Patrizia e tutto lo staff tecnico Mike Henley, Gino
Lazzaroni, Fernando Scarpa, Patrick Germanini, Bruno Russo, Mario Lavecchia e alla Zoo
Records

Batteria, percussioni, marimba, crotali: Franz Di Cioccio


Basso: Patrick Djivas
Chitarra elettrica, chitarre acustiche 6 & 12 corde, voce: Franco Mussida
Violino, percussioni: Lucio "Violino" Fabbri
Tastiere, sintetizzatori, chitarra 12 corde, voce, fisarmonica: Flavio Premoli
Tastiere, sintetizzatori, chitarra acustica, voce, percussioni: Roberto Colombo

Blues di altra data


Noi siamo qui che aspettiamo che cominci, ragazza
Noi siamo qui che aspettiamo che cominci
Le vedi tutte queste teste ragazza
Le vedi tutte quelle palle da bigliardo
Loro sono qui ad aspettare qualcosa ragazza
Loro sono qui ad aspettare che qualsiasi cosa cominci
Ma tu chiudi il tuo balcone ragazza
Questa sera voleranno bombe molotov
Mi hai capito ragazza
Questa sera voleranno bombe molotov e lacrimogeni
Chiuditi, ragazza, dentro aglmi occhi e al balcone
Se non vuoi pingere senza disperazione
Noi siamo qui stasera, ragazza
Noi siamo qui che aspettiamo che qualcosa cominci

A Patrick 28-01-1979

Fabrizio

1 - Dall'album VOLUME I - 1967/1970


2, 7 e 9 - Dall'album RIMINI - 1978
3 e 10 - Dall'album VOLUME VIII - 1975
4 - Dall'album NON AL DENARO NON ALL'AMORE NÉ AL CIELO - 1971
5 e 8 - Dall'album VOLUME III - 1969
6 - Dal 45 giri LATO A: Il pescatore LATO B: Marcia nuziale - 1970

http://www.viadelcampo.com/html/pfm_1.html (3 of 4)23/05/2005 18.45.29


Fabrizio De André - PFM 1

http://www.viadelcampo.com/html/pfm_1.html (4 of 4)23/05/2005 18.45.29


Fabrizio De André - PFM 2

1980 In concerto (con la PFM) Vol. 2

1980 Ricordi ORL 8431


1980 Ricordi Orizzonte ORL8431
1980 Ricordi RICORDI RIK 76490 stereosette
1991 Ricordi Orizzonte CDOR8431
1995 BMG-Ricordi CDMRL 6490
2001 BMG-Ricordi 74321 766112 24 bit remastering
2002 BMG Ricordi - allegato a TV Sorrisi e Canzoni
2002 BMG Ricordi 74321974182 24 bit remastering

ORL8431 - LP - fronte e retro - click to enlarge - grazie a Lele

(Ricordi Orizzonte CDOR8431 clicca x


ingrandire- cover by Lucio)

(clicca x ingrandire)

http://www.viadelcampo.com/html/pfm_2.html (1 of 4)23/05/2005 18.45.43


Fabrizio De André - PFM 2

(CDMRL6490 clicca x ingrandire) (CDMRL6490 clicca x ingrandire)

BMG-Ricordi 74321 766112 24 bit remastering - clicca x ingrandire

1 - Avventura a Durango (Testo italiano di Fabrizio De André e Massimo Bubola - Testo e


Musica di Bob Dylan e Jacques Levy)5'30"
2 - Presentazione3'33"
3 – Sally (Testo e Musica di Fabrizio De André e Massimo Bubola)5'06"
4 - Verranno a chiederti del nostro amore (Testo di Fabrizio De André e Giuseppe Bentivoglio -
Musica di Fabrizio De André e Nicola Piovani)5'06"
5 – Rimini (Testo e Musica di Fabrizio De André e Massimo Bubola)5'14"
6 - Via del Campo (Testo di Fabrizio De André - Musica di Enzo Jannacci)2'46"
7 - Maria nella bottega di un falegname (Testo e Musica di Fabrizio De André)4'09"
8 - Il testamento di Tito (Testo e Musica di Fabrizio De André)7'01"

http://www.viadelcampo.com/html/pfm_2.html (2 of 4)23/05/2005 18.45.43


Fabrizio De André - PFM 2

Chitarra acustica e voce: Fabrizio De André


Batteria, percussioni: Franz Di Cioccio
Basso elettrico, basso acustico in "Via del campo": Patrick Djivas
Chitarra elettrica, chitarra acustica, voce: Franco Mussida
Piano Yamaha, micro e mini moog, Elka strings, chitarra 12 corde in "Avventura a Durango":
Flavio Premoli
Piano Fender Rhodes, Polymoog, Minimoog, percussioni e voce in "Avventura a Durango":
Roberto Colombo
Violino, chitarra 12 corde in " Il testamento di Tito ", voce: Lucio "Violino" Fabbri

Lucio "Violino" Fabbri appare per gentile concessione della Cramps Records

Rigistrato dal vivo al Teatro Tenda di Firenze e al Palasport di Bologna 13-14-15-16 gennaio 1979
col "Manor Mobile" Recording Studio della Virgin Records, Londra

Tecnici di registrazione Peter Greenslade


Assistenti alla registrazione Chris Blake, Ken Capper
Mixaggi effettuati durante il mese di settembre 1980 presso lo studio di registrazione "Il mulino"
Milano
Mixaggi curati da: Franco Mussida e Pietro Pellegrini
Fonico Pietro Bravin
Assistente di studio: Mauro Cauchi
Arrangiamenti PFM
"Sally" e "Via del campo" arrangiamenti di Roberto Colombo
Realizzazione a cura di Fabrizio De André e della PFM
Fotografie: Guido Harari

1, 3, 5 - Dall'album RIMINI - 1978


4 - Dall'album STORIA DI UN IMPIEGATO - 1973
6 - Dall'album VOLUME I - 1967/1970
7 e 8 - Dall'album LA BUONA NOVELLA – 1970

http://www.viadelcampo.com/html/pfm_2.html (3 of 4)23/05/2005 18.45.43


Fabrizio De André - PFM 2

http://www.viadelcampo.com/html/pfm_2.html (4 of 4)23/05/2005 18.45.43


Fabrizio De André - Una storia sbagliata

1980 Una storia sbagliata / Titti (Ricordi SRL 10926)

(clicca x ingrandire) (clicca x ingrandire)

(45 giri) (entrambe di De André - Bubola, ed. Ricordi) Non sono reperibili su CD.
"Una storia sbagliata" è stato ripreso ed è disponibile unicamente nella raccolta di
14CD. "opere complete"

UNA STORIA SBAGLIATA

E' una storia da dimenticare


e' una storia da non raccontare
e' una storia un po' complicata
e' una storia sbagliata.

Comincio' con la luna sul posto


e fini' con un fiume d'inchiostro
e' una storia un poco scontata
e' una storia sbagliata.

Storia diversa per gente normale


storia comune per gente speciale
cos'altro vi serve da queste vite
ora che il cielo al centro le ha colpite
ora che il cielo ai bordi le ha scolpite.

E' una storia di periferia

http://www.viadelcampo.com/html/una_storia_sbagliata.html (1 of 5)23/05/2005 18.45.54


Fabrizio De André - Una storia sbagliata

e' una storia da una botta e via


e' una storia sconclusionata
una storia sbagliata.

Una spiaggia ai piedi del letto


stazione Termini ai piedi del cuore
una notte un po' concitata
una notte sbagliata.

Notte diversa per gente normale


notte comune per gente speciale
cos'altro ti serve da queste vite
ora che il cielo al centro le ha colpite
ora che il cielo ai bordi le ha scolpite.

E' una storia vestita di nero


e' una storia da basso impero
e' una storia mica male insabbiata
e' una storia sbagliata.

E' una storia da carabinieri


e' una storia per parrucchieri
e' una storia un po' sputtanata
o e' una storia sbagliata.

Storia diversa per gente normale


storia comune per gente speciale
cos'altro vi serve da queste vite
ora che il cielo al centro le ha colpite
ora che il cielo ai bordi le ha scolpite.

Per il segno che c'e' rimasto


non ripeterci quanto ti spiace
non ci chiedere piu' come e' andata
tanto lo sai che e' una storia sbagliata
tanto lo sai che e' una storia sbagliata.

http://www.viadelcampo.com/html/una_storia_sbagliata.html (2 of 5)23/05/2005 18.45.54


Fabrizio De André - Una storia sbagliata

TITTI

Come due canne sul calcio del fucile


come due promesse nello stesso aprile
come due serenate alla stessa finestra
come due cappelli sulla stessa testa
come due soldini sul palmo della mano
come due usignoli pioggia e piume sullo stesso ramo.

Titti aveva due amori uno di cielo uno di terra


di segno contrario uno in pace uno in guerra
Titti aveva due amori uno in terra uno in cielo
insomma di segno contrario uno buono uno vero.

Come le lancette dello stesso orologio


come due cavalieri dentro il sortilegio
e furono i due legni che fecero la croce
e intorno due banditi con la stessa voce
come due risposte con una parola
come due desideri per una stella sola.

Titti aveva due amori uno di cielo uno di terra


di segno contrario uno in pace uno in guerra
Titti aveva due amori uno in terra uno in cielo
insomma di segno contrario uno buono uno vero.

----- Original Message -----


From: "Riccardo Venturi" <venturi@spl.at>
Newsgroups: it.fan.musica.de-andre
Sent: Saturday, November 30, 2002 1:32 PM
Subject: Una storia sbagliata

>
> Una storia da dimenticare? Da non raccontare? Forse non e' neanche
> cosi' complicata, almeno se si ha ancora la capacita' di usare della
> propria memoria. E, forse, neanche "sbagliata". E' solo una storia, e
> le storie non sono mai "sbagliate" o "giuste"; bisogna semplicemente
> pigliarle da ogni angolazione possibile, perche' ogni storia e' una
> serie di domande alle quali tocca rispondere. Domande a volte espresse
> per affermazione o come racconto, come una serie di immagini; domande
> che ne ingenerano altre, dalla piu' semplice ("che vuol dire...?")
> alla piu' complessa. Domande che non si fanno piu'. Ricordo quando, su
> questo NG, dalla domanda piu' semplice magari espressa da qualcuno che
> entrava e si volatilizzava, scaturivano discussioni nelle quali ci si
> sforzava di rispondere, a quelle cazzo di domande. E neppure quelle
> risposte erano "giuste" o "sbagliate"; erano solo risposte.
>

http://www.viadelcampo.com/html/una_storia_sbagliata.html (3 of 5)23/05/2005 18.45.54


Fabrizio De André - Una storia sbagliata

> Una storia politica o una storiaccia "da basso impero"? Perche' c'e'
> di mezzo la morte di uomo, Pier Paolo Pasolini, che ha fatto politica
> e che ha dato il suo contributo a segnarla, in questo famoso
> "dopoguerra" che e' sempre di piu', oramai, un "anteguerra" o forse
> addirittura un tempo di guerra; il cannone nel cortile lo lucidiamo
> sempre, dev'essere pronto in ogni momento. Fabrizio de Andre' sa
> esprimersi per contrari. Una storia da dimenticare quando, con le sue
> parole, la fissa per sempre nella memoria; una storia da non
> raccontare quando, con le sue parole, la racconta come forse nessun
> altro ha saputo fare. Domande.
>
> Non sono e non sono mai stato un "pasoliniano".
> Ammetto onestamente che su tale cosa pesa, e pesera' sempre, la storia
> di Valle Giulia e dei celerini "figli del popolo". Che vada
> definitivamente a fare in culo, il "popolo". La poesia di Pasolini la
> butterei nel cesso in blocco, se non fosse per quelle prime,
> bellissime, poesie in friulano. Dalla passione di Pasolini per il
> "Lumpenproletariat" sono nati dei romanzi e dei film perfettamente
> definiti da De Andre': "storie diverse per gente normale", "storie
> comuni per gente speciale". Come la morte stessa di Pasolini. Lo
> scorso due novembre sono stati ventisette anni. Ventisette, lunghi,
> anni fa.
>
> Una storia un poco scontata, come dicono anche le cronache
> giudiziarie; talmente scontata che la reazione generale fu quasi di
> logicita'. Pasolini non poteva che finire cosi'. Un ragazzino adescato
> in qualche borgata o bidonville di Roma. Un "terrain vague" di
> periferia. Delle cose chieste (domande) e rifiutate (risposte). Una
> botta e via. Una pietra sulla testa; fu quella la botta. E il "via" di
> pneumatici che sgommano, che passano sopra un cadavere, che lo
> sconciano. Processi, giudici, giurati, condanne, galere. Una panoplia
> di cose gia' "deandreiane" di per se'; una storia scontata (sbagliata,
> normale, diversa) e, al tempo stesso, un destino ridicolo. Una storia
> sconclusionata. Ma di quale natura?
>
> Se fosse solo una storiaccia di cronaca nera, perche' dovrebbe essere
> "insabbiata"? E quella "spiaggia ai piedi del letto" che riporta ad
> un'altra, antica storiaccia: il caso di Wilma Montesi. C'era di mezzo
> un politico democristiano. Flash che arrivano, flash contemporanei,
> flash di una Roma dove si moriva male, per mano poliziotta, per mano
> fascista, per mano ben protetta. Come quella degli stupratori del
> Circeo. Quelle facce di merda da "bravi ragazzi", Angelo Izzo, Andrea
> Ghira e compagnia. La faccia insanguinata di Donatella Colasanti. Fu
> lo stesso anno della morte di Pasolini, il 1975; solo qualche mese
> prima. Storie sbagliate? Storie ordinarie? Diverse? Storie che si
> intrecciano, perche' tutto questo riesce a riportare alla mente una
> canzone. In questi casi, spesso, si tira in ballo l' "affresco".
>
> Notti concitate che hanno valicato gli anni; e tante altre che non lo
> hanno fatto. Che non sono state "risapute". Forse De Andre' ci ha
> voluto parlare anche di quelle, o soprattutto di quelle. Questa
> vorrebbe essere una specie di risposta, anche se non so se lo puo'
> veramente essere.
>

http://www.viadelcampo.com/html/una_storia_sbagliata.html (4 of 5)23/05/2005 18.45.54


Fabrizio De André - Una storia sbagliata

> Ora che il cielo ha colpito al centro quelle vite, ora che quelle vite
> pian piano si spengono definitivamente nella dimenticanza, ora che
> tornano i tamburi battenti dell' "arte per l'arte" e' bene far vedere
> che De Andre', con la sua "arte", poneva e causava soprattutto domande
> di varia natura. Era lui che scolpiva ai bordi, non il cielo. I
> carabinieri ci hanno lavorato sopra quanto dovevano farlo, e avranno
> fatto il loro solito lavoro. I rotocalchi dai parrucchieri sono da
> secoli finiti al macero; qualcuno sara' stato persino "riciclato". Per
> altre storie; perche' mica sono finite quella notte di novembre. Non
> ci sono purtroppo piu' molte persone capaci di raccontarle, queste
> storie "sputtanate" di tutti i giorni, di tutti i minuti.
>
> Ma noi ci chiediamo sempre, e su tutto, come e' andata. In quel "non
> ci chiedere piu' " finale e' contenuto il suo contrario: chiedici
> sempre. Chiediamocelo sempre, per ogni storia. Lo sappiamo che tutto
> sara' sempre sbagliato, come no; ma quando non ce lo chiederemo piu',
> uscendo di casa, saremo morti. E io voglio essere vivo. Vivo come
> Fabrizio de Andre'.
>
> Salut,
>
> --
> *Riccardo Venturi*, venturi@spl.at
> *Er muoz gelîchesame die leiter abewerfen
> *So er an îr ûfgestigen ist (Vogelweide)
> *59860 Bruay sur l'Escaut [France, Nord]
> *http://utenti.lycos.it/Guctrad/alamanno.html

http://www.viadelcampo.com/html/una_storia_sbagliata.html (5 of 5)23/05/2005 18.45.54


Fabrizio De André - (Indiano)

testi

1981 Fabrizio De Andrè (Indiano) (Ricordi SMRL 6281)


21/07/1981 Ricordi SMRL 6281: edizione speciale "MERANO 81"
- vinile blu
1981 Ricordi SMRL 6281 (edizione standard)
1987 Ricordi CDMRL 6281 (su CD)

(clicca x ingrandire)

CDMRL 6281
(clicca x ingrandire)

La rarissima versione Merano 1981 -


Courtesy museo G. Tassio

http://www.viadelcampo.com/html/indiano.html (1 of 3)23/05/2005 18.46.07


Fabrizio De André - (Indiano)

click to enlarge

1 - Quello che non ho ............................................................................................5'48"


2 - Canto del servo pastore ...................................................................................3'11"
3 - Fiume Sand Creek ...........................................................................................5'16"
4 - Ave Maria(1) (Canto tradizionale sardo rielaborato da un adattam. di Albino Puddu)5'42"
5 - Hotel Supramonte ........................................................................................... 4'31"
6 – Franziska ........................................................................................... 5'28"
7 - Se ti tagliassero a pezzetti ................................................................................4'58"
8 - Verdi pascoli .......................................................................................... 5'12"

Testi e musiche di Fabrizio De André e Massimo Bubola (ove non diversamente esposto)

(1) Le voci sono di Mark Harris e Fabrizio De Andrè

Arrangiamenti: Mark Harris - Oscar Prudente


Art Director: Fabrizio De Andrè
Assistente artistico: Pietro Pellegrini

Batteria: Gabriele Melotti


Basso Elettrico: Pier Michelatti
Chitarra acustica ed elettrica:Tony Soranno
Tastiere: Mark Harris
Programmazione sintetizzatori: Aldo Banfi
Programmazione Oberheim: Pietro Pellegrini
Percussioni: Maurizio Preti
Armonica in "Quello che non ho": Handy Forrest
Basso acustico in "Franziska" e "Hotel Supramonte": Bruno Crovetto

http://www.viadelcampo.com/html/indiano.html (2 of 3)23/05/2005 18.46.07


Fabrizio De André - (Indiano)

Basso elettrico in "Canto del servo pastore": Paolo Donnarumma


Chitarra acustica in "Franziska": Massimo Luca
Chitarra elettrica in "Se ti tagliassero a pezzetti" e "Canto del servo pastore":Claudio Bazzari
Chitarra acustica in "Franziska" e "Hotel Supramonte": Fabrizio De Andrè
Violino in "Hotel Supramonte": Sergio Almangano
Violino Pizzicato in "Fiume Sand Creek": Cristiano De Andrè
Cori:Dori Ghezzi, Mara Pacini, Massimo Bubola, Mark Harris, Oscar Prudente e Fabrizio De Andrè

Registrato e mixato nei mesi di giugno a luglio 1981 agli "Stone Castle Studios" di Carimate da
Ezio De Rosa. Assistente di studio: Daniele Falconi.

La caccia al cinghiale è stata registrata in Gallura nel mese di gennaio 1981 grazie alla Compagnia
di caccia di Marco Lattuneddu. Grazie e Sandro Colombini che a rischio di fucilate e fratture
multiple, sprezzando il pericolo di un'indigestione ci ha aiutati nella registrazione della caccia.

Copertina di Frederic Remington

http://www.viadelcampo.com/html/indiano.html (3 of 3)23/05/2005 18.46.07


Superstar

RISTAMPE (2) PERIODO KARIM


vedere Tutto FDA e Nuvole Barocche per i testi

1982 Fabrizio De Andrè (Ed. Superstar SU 1003) e (Ed. Ricordi Prof ili Musicali SRIC 005)

(clicca x ingrandire
immagini by Lucio)

La canzone di Marinella
Valzer per un amore
La guerra di Piero
Delitto di paese
Per i tuoi larghi occhi
Carlo Martello ritorna dalla battaglia di Poitiers
La città vecchia
Canzone dell'amore perduto
Il fannullone

Raccolta del periodo Karim.

http://www.viadelcampo.com/html/superstar.html (1 of 4)23/05/2005 18.46.20


Superstar

http://www.viadelcampo.com/html/superstar.html (2 of 4)23/05/2005 18.46.20


Superstar

http://www.viadelcampo.com/html/superstar.html (3 of 4)23/05/2005 18.46.20


Superstar

http://www.viadelcampo.com/html/superstar.html (4 of 4)23/05/2005 18.46.20


Profili

1982 Fabrizio De Andrè (Ed. Ricordi Prof ili Musicali SRIC 005)

(clicca x ingrandire (clicca x ingrandire


immagini by Lucio) immagini by Lucio)

Bocca di rosa
Il pescatore
La canzone di Marinella
Andrea
La città vecchia
Canzone dell'amore perduto
La guerra di Piero
La cattiva strada

Raccolta canzoni dei periodi Bluebell, Produttori Associati e Ricordi

http://www.viadelcampo.com/html/profili.html (1 of 4)23/05/2005 18.46.30


Profili

http://www.viadelcampo.com/html/profili.html (2 of 4)23/05/2005 18.46.30


Profili

http://www.viadelcampo.com/html/profili.html (3 of 4)23/05/2005 18.46.30


Profili

http://www.viadelcampo.com/html/profili.html (4 of 4)23/05/2005 18.46.30


Fabrizio De André - Creuza de mä

testi

1984. Creuza de mä (testi)


1984 Ricordi SMRL 6308
1987 Ricordi CDMRL 6308, su CD
2002 BMG-Ricordi '74321974202 24 bit remastering

(clicca x ingrandire) (clicca x ingrandire)

Creuza de mä
Jamin-a
Sidun
Sinan capudàn pascià
'A pittima
A dumenega
Da a me riva

Copertina autografa
mandatami da Lucio.

http://www.viadelcampo.com/html/creuza_de_ma_.html (1 of 8)23/05/2005 18.46.49


Fabrizio De André - Creuza de mä

Testi e musica di Fabrizio De Andrè e Mauro Pagani

CREUZA DE MA ('84)

Il commento di Pierpaolo
Questo album, senza alcuna enfasi, ha rappresentato la chiave di volta dell'intero panorama
musicale italiano.

Il disco è cantato tutto in dialetto genovese e la musica è quasi interamente suonata con
strumenti "etnici"; una scommessa controcorrente e decisamente contro ogni regola di mercato.

Per le musiche Fabrizio si è fatto accompagnare da Mauro Pagani, ex PFM, grande cultore di
musica e strumenti provenienti da mondi minori e dimenticati, e in questo caso i nostri due
artisti hanno soprattutto fatto riferimento a sonorità del bacino mediterraneo, dato che l'idea di
fondo del disco è il viaggio, che nel caso di un genovese come Fabrizio non poteva non legarsi
al concetto di mare e di navigazione.

L'album si apre con "Creuza de mà", brano che apre l'intero disco che descrive non solo
verbalmente ma anche musicalmente (per es. le voci del mercato) personaggi e ambienti legati
al mondo ligure sia marinaro che dell'entroterra.

"Jamin-a" è un ritratto a tutto tondo di una prostituta di origine araba che ogni marinaio
vorrebbe incontrate in ogni porto.

Il terzo brano è "Sidun" un canto straziante di un padre che ha visto la cosa più atroce che può
capitare ad un genitore: la morte violenta di suo figlio.

"Sinan Capudan Pascià" è la storia di un marinaio genovese del XV secolo che salvando la
vita di un sultano arabo fu nominato "gran vizir", rigettando l'accusa di "rinnegato" per essersi
convertito all'islam perché in fondo cosa ha fatto di male ha soltanto vissuto "bestemmiando
Maometto al posto del Signore".

"A pittima" era l'esattore che veniva mandato dai privati cittadini a esigere i debiti nella
Genova dei tempi andati.

"A dumenega" ricorda la passeggiata delle prostitute che venivano portate a spasso dalla
"madama" con tutti i lazzi e le ironie anche da parte di coloro che non si peritano di sapere da
dove vengano certi finanziamenti…

"D'a me riva" è decisamente un pezzo autobiografico visto che probabilmente nella stesura del
disco Fabrizio trovandosi in Sardegna si trovava dalla sua riva dirimpetto alla altra "sua riva"
cioè la Liguria in generale e Genova in particolare.

Voglio ricordare inoltre che il disco è risultato disco del decennio 1980-89 dal referendum
indetto dalla rivista "Musica e Dischi" e premiato anche per la bellissima copertina.

http://www.viadelcampo.com/html/creuza_de_ma_.html (2 of 8)23/05/2005 18.46.49


Fabrizio De André - Creuza de mä

From : "Enrico Gori" <firemagmar@tiscalinet.it>


Nota: le correzioni suggerite sono state "incluse" nei testi.
Subject : Creuza De Ma: sguarùin zeneixi. (errori genovesi)
Date : Mon, 21 Jan 2002 19:44:16 +0100

Gentile Webmaster del sito www.viadelcampo.com,


A parte farle i complimenti per il Suo bellissimo sito, decisamente più che degno del più grande
poeta anarchico dell'ormai scorso secolo, volevo segnalarvi alcuni errori (il titolo della missiva
significa infatti:errori genovesi) nei testi di Creuza De Ma, album stupendo, e questo è aggettivo
ancora banale..Non ci sono parole per descriverlo... Ma passiamo al dunque:

1) 'A Dumennega (titolo genovesizzato):

Nel verso "bruttu galusciu de 'n purtò (e accidenti, niente accento circonflesso)..." c'è un
imprecisione dell'autore dei testi contenuti nella bustina dietro il disco. Vado a spiegare:

La vocale "o" con l'accento circonflesso ha il significato di "------ore" (imperatore, portatore), e


quindi sarebbe corretto. Ma l'incaricato ai testi ha scritto "purtou", dove il dittongo (che si
pronuncia comunque ou e non u) ha il significato di "ato" (rinnegato, portato, peccato).
Personalmente opterei per la prima possibilità. Sicuramente era quella l'intenzione di Faber.

1bis) "A Dumennega":

"Mancu ciù u nazu (sì, la "z" è una "s" impura in genovese) gh'avei..."

E qui, caro Faber, hai fatto un errore grosso, spero incidentale....

Perchè "avei" è l'infinito presente del verbo "avere", il medesimo, appunto^_^

Mentre la forma corretta è "aviei", avete, appunto.

2) Xaminn-a (Jamin-a, puro genovese):

A) l'erronea traduzione di "mussa pinn-a" (quella mussa non è


decisamente sazia... ma piena....)

La ringrazio del Suo tempo,


Un giovane ammiratore di Faber (15 anni)

D'ä mæ riva

http://www.viadelcampo.com/html/creuza_de_ma_.html (3 of 8)23/05/2005 18.46.49


Fabrizio De André - Creuza de mä

Ed ecco una bella e libere interpretazione di Riccardo Venturi, come solo lui sa fare:

D'ä mæ riva
Sulu u teu mandillu ciaèu
D'ä mæ riva

(Souvent, pour s'amuser...no, insomma, non è poi tanto per divertirmi.


Sovente siedo su una spiaggia che dev'essere ghiaiosa, con dei bei
ciottoli di ogni dimensione, perché mi diverto a lanciarli in mare. Non
m'importa che rimbalzino, mi basta sentire il rumore che fa un sasso che
cade nel mare. Me lo devo fissare continuamente dentro.
E qui mi viene a mente che nessuno potrà mai riprodurre esattamente un
rumore, se non con una registrazione meccanica o, meglio, con cosa
gliene resta nel cervello, nella memoria lunga. Lo stesso vale per un
odore. Le descrizioni non servono a niente. Che cosa sarà stato quel
"mandillu ciaèu", quel fazzoletto chiaro? Quale rumore, quale odore vi
sarà stato associato?)

'Nta mæ vitta
u teu fatturisu amàu,
'Nta mæ vitta

(Aspetta, Fabrizio. Qui ci dici qualcosa di grande e di ambiguo. Il


sorriso amaro di chi? Di chi ti stava sventolando quel fazzoletto
chiaro?
O della Città intera?
Si pensa sempre al sorriso di una persona, finanche di un animale. Certo
è che anche le città possono sorridere, e amaramente. A me capita quasi
sempre con Firenze, o forse sono io che le dirigo sorrisi amari. Non so
perché. Firenze è una smorfia che ad alcuni potrà sembrare un sorriso,
ad altri chissà che cosa. Un'espressione di dolore. Uno sberleffo. Un
inizio di pianto da parte di uno che non piange quasi mai.
Di converso, m'immagino che Firenze usi verso di me lo stesso
trattamento.
Nella mia vita il suo sorriso amaro, sempre che ne sia capace. Sempre
che ne siamo capaci. Mi chiedo quali espressioni abbiano le città degli
altri, i luoghi di tutti. Come sghignazzi Roma. Come tossisca Torino.
Come rida Bologna. Ci sarà una città che piange?)

Ti me perdunié u magún
Ma te pensu cuntru su
E u so ben, t'ammìi u mä
'n po' ciû au largu du dulú

(Un po' più al largo del dolore, c'è un'isola. Appare sempre nella
nebbia, tra i fuochi di porti lontani; nel gelo o nella calura, le onde
si spezzano su delle secche o su degli incagli prossimi alle rive
frastagliate, rotte, scoscese. Non c'è nessuno, pur sapendo che l'isola
vive e ed è vissuta. Al vederla, si gronda sudore per abitudine.
Nella piattitudine dell'arrivo, si staglia la forma d'un monte ripido e
crestato in lontananza; nel cielo latteo si risentono le voci del
passato, algidi tromboni che parrebbero non avere alcun senso. Al di là
delle voci, sono i ricordi, distillati goccia a goccia, che rimangono
incatenati come Prometeo; le tue vanità sono oramai sepolte nel midollo;

http://www.viadelcampo.com/html/creuza_de_ma_.html (4 of 8)23/05/2005 18.46.49


Fabrizio De André - Creuza de mä

la nebbia quasi s'incastra nella salsedine.


Ci si ammassa negli angoli della nave, le facce sono tetramente
inespressive. Le luci del porto. Ci si nutre per un attimo della
speranza o dell'abbaglio che tutto ciò torni ad essere una forma. Ma è
solo, e lo si sa, qualcosa più al largo, e più largo, del dolore.)

E sun chi affaciòu


A 'stu bàule da mainä
E sun chi a miä

(Nella foto, spedita dal Taller Fotográfico Mounier & Hijos di Buenos
Aires, si vedono due signori di mezz'età. Se non fosse che li riconosci
come i tuoi zii, Sebastiana e Dino, si direbbero due corpulenti coniugi
argentini; eppure passavi al Vapelo, su per la Salita del Salandro, e
sapevi che abitavano li'. Scale che si perdono negli oleandri.
Tornarono, e il baule era nella stanza principale, e quasi unica, della
vecchia casa. Il gabinetto era ancora di quelli pensili, bisognava
uscire fuori nel corridoio. La televisione gracchiava in bianco e nero,
Pippo Baudo giovanissimo, Nino Ferrer, Febo Conti. L'uomo era quasi
infermo nelle gambe, ma aveva una straordinaria forza nelle mani. La
donna tirava il mulino e la croce. Il baule. Non ho mai saputo che cosa
ci fosse dentro, ma non ho mai chiesto d'aprirlo. Ma forse c'erano

Tréi camixe de vellûu


Dui cuverte u mandurlín
E 'n camä de legnu dûu)

E non ho più nessuna foto, se non quelle immagini che ho dentro come
fossero un rumore o un odore. Il sasso che tiro nell'acqua, il pomodoro
che bolle nel pentolone, il primo morto in purtrefazione, il sangue, lo
sparo che uccise Rodolfo Boschi, l'odore del primo sesso femminile che
ho visto, il rumore della prima porta che ho sbattuto in faccia a
qualcuno o che qualcuno mi ha sbattuto in faccia.
E' tutto cosi'; eppure la canzone dura pochissimo. E' una breve
interazione di una voce e di due accordi. C'era tutto, e forse non lo
sapevo. Ma arrivano le cinque del mattino, è ora d'andare.

E 'nte 'na berretta nèigra


A teu foto da fantinn-a
Pe puèi baxâ ancún Zena
'Nscià teu bucca in naftalinn-a.

*Riccardo Venturi*
*Er muoz gelîchesame die leiter abewerfen
*So er an îr ûfgestigen ist (Vogelweide)
*_____________________________________
*Via Garibaldi 41, 57122 Livorno
*05 86 88 58 75 / 34 02 46 18 74
*venturi@couriermail.de / venturi@concordanze.net
*http://utenti.tripod.it/Guctrad/alamanno.html
*http://utenti.tripod.it/Balladven/index.html

http://www.viadelcampo.com/html/creuza_de_ma_.html (5 of 8)23/05/2005 18.46.49


Fabrizio De André - Creuza de mä

From : Riccardo Venturi <venturi@spl.at>


To : fabrizio@yahoogroups.com

Subject : [fabrizio] Sinàn Capudàn pascià

Date : Mon, 15 Oct 2001 11:27:13 -0700 (PDT)

...e questa l'è a memöia,


a memöia do Çigä,
ma 'nsci libbri de stöia
Sinàn Capudàn Pascià...

(Fabrizio de André, "Sinàn Capudàn Pascià")


___________________________________________________

Scipione Cicala era nato a Genova da una nobile ed antica famiglia viscomitale, nel 1552. La
notizia pare assolutamente certa, malgrado alcuni lo abbiano voluto originario della Calabria o
della Sicilia.
Vedremo comunque in seguito che la Calabria lo vide comunque protagonista di una delle sue
imprese.

All'eta' di 19 anni, nel 1561, il giovane Cicala s'imbarco' assieme al padre, diretto in Spagna; ma,
nei pressi di Messina, la loro nave venne abbordata da dei pirati barbareschi ed il giovane venne
fatto prigioniero condotto a Costantinopoli. Ai giovani rapiti veniva
usualmente posta l'alternativa di abiurare la propria religione ed entrare nel corpo dei
Giannizzeri (turco < yeni ceri > "nuovo soldato"), oppure d'essere messi a morte. Scipione
Cicala non ebbe naturalmente dubbi; abiuro' il cristianesimo, abbraccio' l'Islam ed entro' nel
famoso corpo militare ottomano.

Scipione Cicala, sembra, era un giovane di rara bellezza. La cosa, oltre ad interessare le fanciulle
turche, piacque soprattutto al sultano Suleyman (ovvero Solimano II), che aveva certe
"tendenze". Non si sa esattamente che cosa avvenne, ma da quel momento la fortuna del Cicala
ha un'impennata verso l'alto: giunge ai piu' alti gradi del corpo dei Giannizzeri, e' rispettato e
temuto a corte ed ottiene il titolo di Pascia'.

Nel frattempo, abbracciando la nuova religione, Scipione Cicala ha cambiato nome. Si chiama
prima Hassan Çigala-zade (pronunciato alla turca, con l'accento in fondo: çigalà), aggiungendo
pero' al nuovo nome, in ricordo della sua citta' natia, la denominazione di "Sinan" (= genovese,
da "Sina" la denominazione ottomana di Genova derivata direttamente da "Zena"). All'apice
della sua fortuna, a Sinan Hassan Çigala-zade Pascià viene addirittura permesso di aggiungere al
suo gia' complicatissimo nome la denominazione di "Kapudan", alla lettera "facente parte della
Sublime Porta" (Kapu).

Il Cicala (continueremo a chiamarlo cosi' per comodita') rivela doti militari non comuni; dal
corpo dei Giannizzeri viene posto a capo di una flotta corsara che, nel 1594-95, compie
numerose e violente incursioni nell'Italia meridionale, particolarmente in Calabria; Soverato,
Cirò Marina e la stessa Reggio vengono messe a ferro e fuoco, e ancora adesso e' nota questa
strofa popolare:

Arrivaru li turchi, a la marina


Cu Scipioni Cicala e novanta galeri.
Na matina di maggiu, Ciro' vozzi coraggiu
Mentre poi a settembri, tocco' a Riggiu.
Genti fujiti, jiti a la muntagna,
Accussì di li turchi nessuno vi pigghia!

http://www.viadelcampo.com/html/creuza_de_ma_.html (6 of 8)23/05/2005 18.46.49


Fabrizio De André - Creuza de mä

Arrivarono i turchi alla marina,


Con Scipione Cicala e 90 galee.
Una mattina di maggio Ciro' ebbe coraggio,
Mentre poi a settembre toccò a Reggio.
Gente correte, fuggite alla montagna,
Cosi' dei turchi nessuno vi piglia!

Nel 1596 il Cicala torna al servizio di fanteria e conduce i suoi Giannizzeri alla vittoria contro
gli Austriaci nella battaglia di Mezõ-Kerésztes, in Ungheria; lo stesso successo gli arride
nell'assedio della citta' di Erlau.

Nel 1602 il Cicala e' di nuovo a capo di una flotta corsara, e la sua mèta e' di nuovo la Calabria.
La citta' di Reggio e' in preda alle ostilita' intestine tra i Melissari e i Monsolini, con morti e
feriti; il capitano turco-genovese intende approfittarne per impadronirsene.
Al momento dell'incursione, pero', la flotta turca viene fatta oggetto di un fitto ed inaspettato
cannoneggiamento, e il Cicala viene costretto a recedere nella rada di Motta, dove sbarca ed
attende tempi migliori per marciare su Reggio. Ad un certo punto, tenta la conquista attraverso
uno stratagemma: prende uno dei suoi soldati, un sardo nano anch'esso a suo tempo catturato in
una scorreria, e lo traveste da soldato spagnolo. Il sardo viene, per la sua minuscola statura,
introdotto nei cunicoli che conducono alla rocca, per aprirne le porte; ma vi rimane incastrato.

Visto l'insuccesso dello stratagemma, il Cicala tenta l'azione di forza con 3000 uomini che
vengono fronteggiati da 1000 reggini, tra cui 400 uomini condotti da Gerolamo Musitano, che lo
sconfiggono a Sant'Agata.

Tornato sconfitto a Costantinopoli, Scipione Cicala, o Hassan Sinan Çigala-zade Kapudan


Pascià, cade in disgrazia. C'e' chi lo vuole morto pochi mesi dopo, chi nel 1605 in una battaglia
in Podolia. Non aveva mai piu' rivisto Genova.

E chissa' che non sventolasse per lui quel fazzoletto di cui si parla in "D'a mæ riva", in quel
lontano giorno del 1561.
_______________________________________________________

(R.Vent.)

http://www.viadelcampo.com/html/creuza_de_ma_.html (7 of 8)23/05/2005 18.46.49


Fabrizio De André - Creuza de mä

http://www.viadelcampo.com/html/creuza_de_ma_.html (8 of 8)23/05/2005 18.46.49


Fabrizio De André - Anime Salve

testi

1996. Anime Salve (BMG Ricordi TCDMRL 74321-392352)

(clicca x ingrandire)
(clicca x ingrandire)

(clicca x ingrandire
image by Lucio)

grazie a Piero Milesi un contributo eccezionale:


una versione "in lavorazione" di dolcenera
- cliccare per ingrandire - disponibile anche la
pagina2

http://www.viadelcampo.com/html/anime_salve.html (1 of 17)23/05/2005 18.47.16


Fabrizio De André - Anime Salve

versione "in cofanetto" di "Anime Salve"


courtesy Claudio Sassi

1 – Prinçesa (Testo e Musica di Fabrizio De André e Ivano Fossati)4'52"


2 – Khorakhanè (a forza di essere vento) (Testo e Musica di De André e Ivano Fossati)5'32"
3 - Anime salve(1) (Testo e Musica di Fabrizio De André e Ivano Fossati)5'52"
4 – Dolcenera (Testo e Musica di Fabrizio De André e Ivano Fossati)4'59"
5 - Le acciughe fanno il pallone (Testo e Musica di Fabrizio De André e Ivano Fossati)4'47"
6 – Disamistade (Testo e Musica di Fabrizio De André e Ivano Fossati)5'13"
7 - A cùmba(1) (Testo e Musica di Fabrizio De André e Ivano Fossati)4'03"
8 - Ho visto Nina volare (Testo e Musica di Fabrizio De André e Ivano Fossati)3'58"
9 - Smisurata preghiera (Testo e Musica di Fabrizio De André e Ivano Fossati)7'08"

(1) Ivano Fossati canta con Fabrizio De André


Prodotto da Fabrizio De André e Piero Milesi
Arrangiamenti e direzione d'orchestra di Piero Milesi

"Le acciughe fanno il pallone" arrangiamento di Cristiano De André


Registrato da Maurizio Camagna e Carlo Sala negli Studi Metropolis - Milano
Assistente di studio Andrea Marchi
Archi registrati allo studio Regson-Milano da Paolo Bocchi e Maurizio Camagna
Mixato da Paolo Iafelice
"A cùmba" mixato da Maurizio Camagna e Paolo Iafelice
Masterizzato da Tim Young al Metropolis Mastering - Londra

Foto di copertina di Isabel Lima


Coordinamento artistico e fotografico di Emilia Pignatelli
Progetto - Coordinamento e realizzazione grafica di Emanuela Scarpulla
Foto di gruppo di Maurizio Viola
Management Adele Di Palma per "Cose di musica"
Coordinamento di Fabio Boldi
Publishing - Management Ediz. "Nuvole" di Gianni Bertolli
Campionamento Kodò da "Ryogen-No Hi" per concessione Sony Music Entertainment (Japan) Inc.
Naco suona per concessione "Sole Luna"
Grazie a: Beppe Quirici, Sterfano Melone, Floriana Ferraris

A Naco, splendido musicista e grande caro indimenticabile amico.

1 - Batteria: Ellade Bandini


Wood block, zabumba, shaker, doppio triangolo, molla, dejmbé, bongo e conga: Naco
Basso: Pier Michelatti
Chitarra classica: Michele Ascolese
Mandolino e mandola: Massimo Gatti
Cymbalom: Sàndor Kuti
Bajàn: Vladimir Denissénkov
Clarinetto: Giancarlo Porro

http://www.viadelcampo.com/html/anime_salve.html (2 of 17)23/05/2005 18.47.16


Fabrizio De André - Anime Salve

Violoncello: Piero Milesi


Voci: Dori Ghezzi, Luvi De André, Silvia Paggi, Beppe Gemelli, Robson R. Primo - Agata, Roberto
Esteráo - Roberta
Voci recitanti: Neuzinha Escorel, Patricia Figueredo, Rosa Emilia
Sonoro in esterni: Tiziano Crotti e Paolo Iafelice

2 - Chitarra elettrica: Michele Ascolese


Cymbalom: Sàndor Kuti
Organetto: Riccardo Tesi
Tastiere: Piero Milesi
Orchesta d'archi: "Il Quartettone"
Voci: Dori Ghezzi

3 - Batteria: Ellade Bandini


Darbuka, molla, conga e shaker: Naco
Basso fretless: Pier Michelatti
Pianoforte e tastiere:Alberto Tafuri
Mankoseddas e corno inglese: Mario Arcari
Editing: Massimo Spinosa
Sonoro in esterni: Tiziano Crotti e Paolo Iafelice

4 - Batteria: Ellade Bandini


Udu, urucungu e shaker: Naco
Basso: Pier Michelatti
Chitarre classiche: Fabrizio De André
Fisarmonica: Gianni Coscia
Arpa paraguaiana:Cecilia Chailly
Corno inglese: Mario Arcari
Flauto: Michela Calabrese D'Agostino
Clarinetto: Giancarlo Porro
Violoncello: Silvio Righini
Voci: Dori Ghezzi, Luvi De André

5 - Darbuka, conga, udu, talking drum, caxixi e wood block: Naco


Basso: Pier Michelatti
Chitarre classiche, tastiere, violino e shaker: Cristiano De André
Flauto: Michela Calabrese D'Agostino
Shanay: Mario Arcari

6 - Berimbau e tamburello: Naco


Damigiana: Elio Rivagli
Chitarre classiche: Fabrizio De André
Violoncello: Silvio Righini
Tastiere: Piero Milesi
Tlapitzalli e bansuri: Alberto Morelli
Orchesta d'archi: "Il Quartettone"

7 - Batteria: Ellade Bandini


Rastrello, caxixi, djembè, guarnizione di filo elettrico, gong, conga e shaker: Naco
Basso fretless: Pier Michelatti
Chitarre classiche: Fabrizio De André, Michele Ascolese
Voci: Dori Ghezzi, Luvi De André, Silvia Paggi

8 - Tom: Ellase Bandini


Nacchere e couscous: Fabrizio De André
Bubboli: Naco
Basso fretless: Pier Michelatti

http://www.viadelcampo.com/html/anime_salve.html (3 of 17)23/05/2005 18.47.16


Fabrizio De André - Anime Salve

Chitarra classica: Francesco Savé Porciello


Pianoforte e tastiere:Piero Milesi
Bansuri: Alberto Morelli
Editing: Massimo Spinosa

9 - Batteria: Elio Rivagli


Djembé, talking tablim e shaker: Naco
Pianoforte e tastiere: Alberto Tafuri
Basso a cinque corde: Pier Michelatti
Chitarra classica: Franco Mussida
Mankoseddas: Mario Arcari
Organetto: Riccardo Tesi
Orchesta d'archi: "Il Quartettone"

"Noi simme cori aridi


nimici de la pace
quando due cori s'ammano
noi tutti ci dispiace"

Anonimo campano del XX secolo

http://www.viadelcampo.com/html/anime_salve.html (4 of 17)23/05/2005 18.47.16


Fabrizio De André - Anime Salve

Il commento di Pierpaolo
ANIME SALVE ('96)

"Anime Salve" può essere considerato il testamento musicale definitivo di Fabrizio anche se si deve
ricordare il contributo di Ivano Fossati alla musica e ai testi più per il concepimento dell'album che
all'effettiva realizzazione perché in studio risultò determinante la presenza di Piero Milesi.

L'album è di eccezionale intensità e i brani sono sia per il contenuto che per la qualità musicale tra i più
belli di quelli incisi da Fabrizio.

Il disco si apre con un brano che su ritmi bahiani (una fusione di jazz, pop e bossanova ) ci porta dentro
l'anima di "Princesa", un transessuale brasiliano che vive a Milano con i rischi di una vita vissuta
sempre al limite.

"Khorakhanè" risente delle influenze musicali provenienti dall'est europeo con un epico finale cantato
in lingua rom dalla toccante voce di Dori Ghezzi (Da segnalare che sul cd "Fabrizio De Andrè in
teatro" questa parte è stata cantata da Luvi De Andrè).

In "Anime salve" si riconosce l'impronta "fossatiana" del pezzo anche se la voce di Fabrizio raggiunge
dei livelli di ecellenza assoluta.

"Dolcenera" è una ballata allegra e melanconica allo stesso tempo che parla di un tradimento amoroso
durante il quale si scatena una tremenda ondata di piena.

"Le acciughe fanno il pallone" e "A cumba" sono entrambi brani che avrebbero potuto essere tratti da
"Creuza de mà", risentono infatti dell'ambientazione ligure anche se le tematiche dal particolare si
trasformano in universale.

"Disamistade" è uno dei miei pezzi favoriti ,la musica del brano ha un andamento dolente riflettendosi
nel contenuto del testo che parla dello scontro tra due famiglie.

"Ho visto Nina volare" è un brano legato alla memoria giovanile e contadina di Fabrizio ,anche se
l'ispirazione originaria del brano come ha raccontato Fossati viene da una vecchia contadina lucana che
separava il miele dalla cera masticando.

"Smisurata preghiera" è l'elegia finale dell'album da cui si evince la tematica fondante di tutta l'opera :
la difesa e la dignità delle minoranze in questo nostro mondo opulento e brutale che tende a omologare
tutto e tutti.

Il brano è ispirato alla "Saga di Maqroll-Il gabbiere" di Alvaro Mutis un marinaio che continua il suo
viaggio errando senza arrivare mai alla meta prefissata ma il suo andare è solo un pretesto per capire le
cose importanti della vita il senso dell'avventura ,gli affetti .

Pierpaolo

http://www.viadelcampo.com/html/anime_salve.html (5 of 17)23/05/2005 18.47.16


Fabrizio De André - Anime Salve

Io mio commento
Ci metti un pò ad "entrare" nello spirito di questo CD. A me c'é voluto il concerto trasmesso in TV.
Inizialmente mi piaceva in modo particolare "Ho visto Nina
volare", per quella musica molto particolare che ha. Altra canzone con una musica che affascina è "Le
acciughe fanno il pallone".
Princesa è la storia (vera) di un transessuale, raccontata con una violenza che dà quasi fastidio, ma fa
toccare con mano una realtà di emarginati, un'ottima apertura
per un CD dedicato agli emarginati.
Su Dolcenera suggerisco di leggere la lunga ed interessante discussione che è andata in onda sul
Newsgroup dedicato a Fabrizio De André.

Un altro commento a questo disco lo potete trovare sul sito di Alberto Mingardi.

Su Dolcenera:

"Questo del protagonista di Dolcenera è un curioso tipo di solitudine. È la solitudine dell'innamorato,


soprattutto se non corrisposto. Gli piglia una sorta di sogno paranoico, per cui cancella qualsiasi cosa
possa frapporsi fra se stesso e l'oggetto del desiderio. È una storia
parallela: da una parte c'è l'alluvione che ha sommerso Genova nel '72 (70, ndw), dall'altra c'è questo
matto innamorato che aspetta una donna. Ed è talmente avventato in questo suo sogno che ne rimuove
addirittura l'assenza, perché lei, in effetti, non arriva. Lui è convinto di farci
l'amore, ma lei è con l'acqua alla gola. Questo tipo di sogno, purtroppo, è molto simile a quello del
tiranno, che cerca di rimuovere ogni ostacolo che si oppone all'esercizio del proprio potere assoluto.

Può anche esistere uno stato di isolamento, di autoemarginazione involontariamente vissuti o


volontariamente desiderati a seconda della lettura che si vuol fare di Dolcenera: in ognuno dei due casi
l'innamorato e il tiranno (quando Dolcenera voglia essere intesa come metafora del potere) escludono
ogni cosa che non si accordi alla loro passione, vivono in un sogno paranoico che elimina l'"altro", lo
fanno apparire o scomparire secondo i misteriosi percorsi della propria
follia, chiunque o qualunque cosa sia (la moglie di Anselmo o l'alluvione di Genova nel 1972). Quando
l'"altro" è considerato come possibile ostacolo al conseguimento del proprio fine, viene rimosso.
Perfino il "tumulto del cielo" o lo straripare di un torrente "sbagliano momento", e l'amore, che non
può arrivare all'appuntamento perché coinvolto nello spettacolo dei vivi che si aiutano nella difficoltà
del momento, viene vissuto come presenza reale, rimuovendone l'assenza. La solitudine o meglio
l'autoemarginazione del protagonista di Dolcenera è in apparenza la più difficile da sostenere come
sinonimo di libertà, eppure è opinione, non solo di chi scrive, che l'apice della libertà stessa sia
raggiungibile proprio attraverso la follia e ciò al di là di ogni valutazione di natura etica.

De André. Concerto al Palasport di Treviglio (24 marzo 1997)


[In Doriano Fasoli, Fabrizio De André. Passaggi di tempo, p. 75]"

Da: The Gynius <thegynius@hotmail.com>


Oggetto: De Dolcenera
Data: martedì 29 giugno 1999 13.16

Ecco una delle piu' belle canzoni di Fabrizio di cui non riesco a capire il messaggio.

Parla di acqua, pioggia, forse un allagamento. E' l'acqua Dolcenera? Parla di un amore incasinato, in
cui il protagonista sembra conteso fra la moglie di Anselmo (ma chi e' Anselmo) e questa Dolcenera.

Ora mi viene naturale pensare ad una citazione di cui non ho idea. Poi il simbolismo ha sicuramente
una funzione fondamentale per capire questa bellissima canzone, ma non so da dove cominciare.

http://www.viadelcampo.com/html/anime_salve.html (6 of 17)23/05/2005 18.47.16


Fabrizio De André - Anime Salve

Qualcuno mi aiuta? ^__^;;


--
Giovanni "Gyo" Perdicaro E-Mail: thegynius@hotmail.com

***********************

Da: red <antonio@globalnet.it>


Oggetto: Re: R: De Dolcenera
Data: venerdì 2 luglio 1999 20.28

LEONMATHILDA ha scritto:

> Scusate se mi intrometto, avete cazziato il povero The gynius che non capisce dolcenera e poi non gli
avete spiegato un cavolo, ma almeno voi l'avete capita? No??? E allora non fate gli sputa sentenze...
(Ernesto) Io non l'ho capita, ma amo tutto di Fabrizio, anzi vi dirò di + io non l'ho mai condiviso o
quasi mai eppure l'ho sempre amato molto come cantautore e allora????

Assolutamente non per fare polemica, ma solo perche' me ne sfugge il significato: cosa vuol dire "non
l'ho mai condiviso?" Su qualche argomento? Politica? Religione? O non hai mai badato ai testi?

Comunque sul contesto sono d'accordo. Credo che "capire" una canzone sia un termine molto
soggettivo... io in un brano posso leggerci una cosa, altri un'altra cosa, e' il bello dell'arte, altrimenti
sarebbe tutta matematica.

Li' 2+2 fa per forza e insindacabilmente 4, mentre Dolcenera puo' rappresentare un'amplesso,
un'alluvione con la morte dell'amante.... per me, ad esempio e' il racconto di un rapporto sessuale
immaginato guardando dalla finestra un'alluvione. Immaginato perche' appunto, la donna che il
protagonista aspettava, la moglie di Anselmo, non riuscira' mai ad arrivare, perche' uccisa
dall'alluvione (realmente avvenuta a Genova, non mi ricordo l'anno).

Ma la narrazione fino all'ultima strofa sembra raccontare il contrario, sembra descrivere un incontro
effettivamente avvenuto e in cui lo sviluppo e' sincronizzato allo sfacelo dell'alluvione. Solo l'ultima
strofa "quell'amore dal mancato finale, cosi' splendido e vero da potervi ingannare" rivela l'inganno.

Questo, per me, ovvio


red

**********************************
E a un dio a lieto fine non credere mai
(F.De Andre')
**********************************
Da: Lisa <lisa@bastaconglispam.arcetri.astro.it>
Oggetto: Re: De Dolcenera
Data: martedì 29 giugno 1999 19.03

The Gynius wrote:


>
> Ecco una delle piu' belle canzoni di Fabrizio di cui non riesco a capire il messaggio.
>
> Parla di acqua, pioggia, forse un allagamento. E' l'acqua Dolcenera? Parla di un amore incasinato, in
cui il protagonista sembra conteso fra la moglie di Anselmo (ma chi e' Anselmo) e questa Dolcenera.

Mah, secondo me Dolcenera E' la moglie di Anselmo stessa. Un quartiere di mare e di pescatori, una
volta paesino alle porte di Genova e adesso inglobato nella continuita' della citta', che corre lungo la
costa, lineare, unidimensionale, sottile. Un marinaio che da uno dei tanti viaggi si e' portato in patria
una sposa esotica che fa girare la testa a tutti, e che stenta ad adattarsi alla nuova vita di quartiere, di
convenzioni e di civilta', perche' non conosce altra legge che la natura e l'istinto, puliti, senza malizia,

http://www.viadelcampo.com/html/anime_salve.html (7 of 17)23/05/2005 18.47.16


Fabrizio De André - Anime Salve

ma che nel nuovo mondo in cui e' capitata vengono visti come peccato e tentazione. Per chi ha letto
Jorge Amado, una sorta di "Gabriella Garofano e Cannella" in salsa ligure, che nemmeno riesce a
capire perche' quelle passioni e quella sincerita' che a lei sembrano tanto naturali vengano visti come
temibili e devastanti.

E poi una tempesta di pioggia torrenziale, che inonda, spacca, travolge la citta' intera, come da quelle
parti e' successo tante volte. E la Dolcenera che e' l'acqua stessa, nella testa e sulla pelle dell'uomo che
la desidera, acqua inebriante che fluttua e culla, che ingorga gli anfratti con scroscio affatturato, che
gonfia le lenzuola e le voglie agitandosi in una sorta di magico dormiveglia, e che poi dilaga, invade e
porta via, sollevando bufere di emozioni, di incredulita' e di ferite insanabili, mentre alla fine se ne
rimane tranquilla e limpida come prima, incurante dei disastri che ha provocato, non per cinismo o per
disprezzo, ma perche' e' fatta cosi', come all'acqua vera dell'alluvione non si possono certo
rimproverare i danni combinati in citta'...

Il passaggio che crea confusione e' quel "la moglie di Anselmo non lo deve sapere, che e' venuta per
me...", che a una prima orecchiata distratta fa pensare che la moglie di Anselmo e la donna che e'
arrivata siano due persone diverse. Io, piuttosto, l'ho sempre interpretata nel senso che la dolce, nera,
travolgente, che e' appena venuta, sia proprio questa fatale moglie di Anselmo, e che "non lo deve
sapere" non si debba intendere "non deve sapere che e' arrivata quest'altra", ma semmai "la moglie di
Anselmo, che e' appena arrivata per me, e che mi spalanca davanti i sogni e le speranze di un momento
d'amore appassionato, non deve sapere..." che sta per scatenarsi l'ira di Dio dai nuvoloni gonfi che
aspettano fuori!

La vita che si risveglia oltre il muro dei vetri a battaglia finita e' SIA quella della citta' che si riprende
dalla tempesta, SIA quella dei due amanti che riprendono fiato e tornano alla realta' di tutti i giorni...

ok, ditemi che ve ne pare, io ci ho provato! saluti a tutti


Lisa
=================================
Da: Lisa <lisa@bastaconglispam.arcetri.astro.it>
Oggetto: Re: De Dolcenera
Data: giovedì 1 luglio 1999 15.56

The Gynius wrote:


>
> L'angolo in basso a destra di Win98 segnalava che era Tue, 29 Jun 1999 19:03:15 +0200. Alle parole
di Lisa <lisa@bastaconglispam.arcetri.astro.it> non ho saputo resistere, dovevo rispondere...
>
> [WOW-CUT]
> >ok, ditemi che ve ne pare, io ci ho provato!
>
> Bellissima interpretazione. Gia' la storia comincia a girare...piu' tardi la riascoltero' tutta secondo
questa chiave di lettura ^___^

Comunque, mi hanno appena dato una dritta secondo cui la "Nera" sarebbe anche il nome di un fiume
che scorre presso Genova e che e' a costante rischio di alluvioni da panico... se e' vero, il doppio senso
e' ancora piu' trasparente! C'e' qualche ligure che puo' confermare o smentire questa cosa?...
ciao
Lisa
===========================
Da: Alessandro Longo <Falsepartenze@hotmail.com>
Oggetto: Re: De Dolcenera
Data: domenica 4 luglio 1999 23.48

La mia interpretazione di dolcenera molti la conoscono. Del resto è anche nel sito di tozzi. Cmq,

http://www.viadelcampo.com/html/anime_salve.html (8 of 17)23/05/2005 18.47.16


Fabrizio De André - Anime Salve

rieccovela:

COMMENTO A DOLCENERA, IN ANIME SALVE

Penso che questa sia una delle più complesse e ricche di significato,tra le canzoni del Nostro, così ho
pensato opportuno sviluppare un'analisi quanto possibile approfondita, considerata l'esigenza di sintesi.
Mi sembra che, per comodità, si possano riscontrare almeno tre livelli metaforici:

1) L'alluvione per lo straripare di un fiume(dolce-nera) vista come fatto reale, che sconvolge quello che
è probabilmente un paesino poco sviluppato (il dialetto, le tematiche dell'albo, il rit-mo che ricorda
quello della tarantella, ecc., sono elementi indicativi) prendendo di sorpresa e uccidendo "la moglie
d'Anselmo" (anche questo epiteto rimanda a locuzioni popolari). A questo livello l'amore è utilizzato
come metafora; la "moglie d'Anselmo" sogna il mare-amante-immaginario, ma l'acqua di altra natura
sconvolge tutto, come teme la persona-amante-immeginaria da cui la moglie d'Anselmo si è recata ("e
l'amore ha l'amore come solo argo-mento, e il
tumulto del cielo ha sbagliato momento").

2) Ma la vita, la morte e l'amore si confondono: tutte le descrizioni del massacro sono anche figu-rative
di un amplesso (ed anche dolce-nera, sembrano caratteri di una donna). Non c'è rottura reale tra il
sogno di vita-mare e la morte-alluvione, quasi che il secondo fosse lo svelamento del primo, che
all'improvviso getta la maschera e violenta. Così alla fine, "oltre il muro dei vetri si risveglia la vita,
che si prende per mano a battaglia finita" : i superstiti, coloro che hanno com-battuto contro la morte,
si riprendono per mano come amanti dopo l'atto, ma, poiché questo simboleggia la lotta, avvenuta
prima, con la morte, c'è un filo continuo tra scampare e ripren-dersi; i personaggi sono gli stessi, i
compagni cui ridiamo la mano dopo la sventura sono insepa-rabili dall'acque mortali. E infatti continua
"...come fa questo amore, che dall'ansia di perdersi ha avuto in un giorno la certezza d'aversi".

E' l'amore-morte della "moglie d'Anselmo", che è proprio il punto massimo d'incontro tra la lotta per la
vita e l'amore per la morte: la morte, da questo punto di vista, è la raggiunta completezza. Amore
"vero" ma immaginario, "da potervi ingannare", della moglie d'Anselmo, personaggio anch'esso
indistinto, senza nome. Si
chiarisce meglio questa vicinanza vita-morte se si comprende come metafora generale di un vivere in
pe-ricolo e in bilico, da parte della povera gente: ciò che è vita (l'acqua-mare) può diventare mor-te
(acqua-fiume), e viceversa: a questo punto le distinzioni vacillano, l'amore feticizzato per la morte (è
inutile ricordare qui i miti pagani) si associa alla diffidenza per il compagno. Così è an-che più chiara
l'immagine del prendersi per mano dei superstiti-morte: in una situazione di peri-colo i vicini possono
aiutare, ma possono essere anche d'ostacolo: si lotta contro la morte ( che viene da fuori) ed anche (per
la sopravvivenza) con chi ci è affianco. Nella penuria il nemico è ovunque: poi si ricostruirà insieme
sulle macerie, ma intanto tutto si è incrinato perché l'altro è apparso come avversario, il mostro
potrebbe ricomparire. Ed insieme, nell'impotenza verso il pericolo (di prevederlo, evitarlo, perfino
comprenderlo), si giunge ad amarlo, ad ipostatizzarlo; ché l'amore per la morte è conseguenza del
pericolo incombente nella vita, fino all'indistinzione. Il pericolo, il mostro, all'origine è esterno
(alluvione), ma è portato all'interno della comunità.

Così è per Desamistate: la miseria in un ambiente è causata dalla società, ma la violenza subita
costringe, nella scarsezza, a rivolgersi contro il compagno. Di più: la causa pri-ma della propria miseria
(la natura distruttiva-la società "civile" dei ricchi) è lontana, ineffabile, la si può quindi amare poiché la
si teme troppo per fronteggiarla: l'unico odio antagonistico vi-sibile, impotente, è quello intra-
comunitario, che (anch'esso) comunque si unisce alla solidarietà organica presente in certe società,
chiuse e organiche, crudeli e soccorrevoli per la mutua assi-stenza, sempre per la stessa condizione
disagiata.

3) Ancora, più sottilmente, l'alluvione potrebbe essere una metafora per un avvenimento d'amore. Due
si amano, in un'idealità immaginaria, senza toccarsi: poi succede qualcosa, la realtà è sve-lata, ciò che
voleva contenersi piatto nella finzione, straripa, uccidendo metaforicamente.

Dol-ce-nera è la realtà dell'amore, che sconvolge il sogno e si fa amare nella sua forza dirompente.

http://www.viadelcampo.com/html/anime_salve.html (9 of 17)23/05/2005 18.47.16


Fabrizio De André - Anime Salve

Sconvolge e abbandona, "fredda come un dolore, dolce nera senza cuore": così la morte è le-gata alla
rivelazione-abbandono.
L'acqua-amante distruttivo ma amato (amato nonostante, amato per questo) sembra anche una donna
che attraversa il paese divorandolo, rompendo gli schemi, e la moglie d'Anselmo sognatrice non deve
sapere che è arrivata anche dal "suo" uomo. I due sensi si uniscono, il sogno è sconvolto in tutti i sensi:
l'amante ideale si svela alluvione /l'amante ideale si svela abitato anche lui dall'alluvione, (è lui stesso
alluvione) donna fatale che conquista, sconvolge, contamina l'idealità nella sua reale carnalità-morte.

Così si può tornare ai versi forse più ambigui della canzone, a prescindere da un livello metaforico
preciso: <<Ma la moglie d'Anselmo non lo deve sapere, ché[ si noti bene, non "che"] è arrivata per me,
è arrivata da un'ora, e l'amore ha l'amore come solo argomento, il tumulto del cielo ha sbagliato
momento>>. Qui l'ambiguità è massima: chi è che arriva? Insieme, ambiguità voluta, dolcenera o La
moglie d'Anselmo. In entrambi i casi l'idealità-amore (a seconda del livello metaforico, può es-sere
intesa in vari sensi) è spezzata dal "tumulto" del cielo; se ad arrivare è La moglie d'Anselmo la rottura
è successiva, temporalmente e logicamente, ma se è dolcenera, allora immediatamente l'amore è rottura
(morte-vita-amore per la morte-per la vita), poiché in questo caso l'io narrante è immediatamente
coinvolto dal "tumulto" : i due sensi si uniscono, e questo accresce il fluire vita-morte, amore-rottura.
E così, ugualmente, l'io (rappresentato da quel "me") è sia il portatore di un'idealità delusa, all'arrivo
(prima o dopo) di dolcenera, sia "'incarnazione di questa rottura, diven-tano indistinguibile da
dolcenera stessa. Come prima, i sensi si intrecciano.

L'arrivo di dolcenera (amore-morte) impedisce l'arrivo dell'amore qual si sognerebbe e vorrebbe:


meglio ancora, si so-vrappone ad esso. Il tram scollegato da ogni distanza(riferito alla Moglie d'A.) è la
morte rea-le/interiore (a seconda dei livelli interpretativi): è chiaro solo una cosa, che la causa è
dolcenera, causa non solo negativa, distruttiva, ma anche, creatrice, animatrice. Emerge il senso del
tradimento (come lo si voglia intendere): già l'epiteto di moglie d'Anselmo presuppone un tradimento a-
priori, in corpore, pregresso, antesignano di tutto il tradire che verrà, quindi, ancora una volta, come
pre-sentito, indissolubile dall'illusione-vita-amore.

Ancora un verso di difficile interpretazione: narrando dell'effetto di dolcenera sul paese, si dice:
"Acqua per fotografia per cercare i complici da maledire". Penso che bisogni far riferimento, anco-ra,
al senso molteplice che si vuole assegnare all'acqua(=dolcenera): distruttrice, creatrice, acqua, donna.
Non è ragionevolmente necessario preferirne uno, la poesia non è scienza, si serve di signifi-cati
plurivoci. L'acqua-done affascina, suscita fotografie (curiosità, per il disastro, ma anche amma-
liamento, come se si mettesse in posa), scatena sentimenti di solidarità tra le "vittime" (dell'alluvione),
ma anche lotta per la sopravvivenza. I questo caso il vicicno diventa complice dell'acqua, non ci aiuta,
è avversario. Non pensiamo solo all'alluvione come disastro, ma anche come sconvolgimento
passionale, in ogni caso succede qualcosa in quel paesino che ne romnpe la normalità (anche a S.Ilario
con Bocca di Rosa…).
Così, la lotta è per dolcenera: a causa e per con-quistarla.

Alessandro Longo, Taranto. Falsepartenze@hotmail.com

=================
Da: Paolo <paolo.maledetto@tiscalinet.it>
Oggetto: Re: De Dolcenera
Data: giovedì 1 luglio 1999 12.17
The Gynius ha scritto:

> Ecco una delle piu' belle canzoni di Fabrizio di cui non riesco a
> capire il messaggio.
>
> Parla di acqua, pioggia, forse un allagamento. E' l'acqua Dolcenera? Parla di un amore incasinato, in
cui il protagonista sembra conteso fra la moglie di Anselmo (ma chi e' Anselmo) e questa Dolcenera.
>
> Ora mi viene naturale pensare ad una citazione di cui non ho idea. Poi il simbolismo ha sicuramente

http://www.viadelcampo.com/html/anime_salve.html (10 of 17)23/05/2005 18.47.16


Fabrizio De André - Anime Salve

una funzione fondamentale per capire questa bellissima canzone, ma non so da dove cominciare.
>
> Qualcuno mi aiuta? ^__^;;
> --
> Giovanni "Gyo" Perdicaro
> E-Mail: thegynius@hotmail.com

Eccomi qua!
Premetto che se non avessi sentito la spiegazione di Faber al concerto non l'avrei mai capita per conto
mio. Comunque, veniamo a noi:

L'acqua di cui si parla altro non è che l'alluvione di Genova. Il protagonista della canzone che narra
l'episodio è a casa che aspetta la moglie di Anselmo, ma si scatena d'improvviso la violenza della
natura.

Qui la narrazione diventa visionaria e confusa, mentre il narratore s'illude che la sua donna sia arrivata,
e ci fa l'amore (" Ma la moglie di Anselmo non lo deve sapere, che è venuta per me, è arrivata da
un'ora, e l'amore ha l'amore come solo argomento, e il tumulto del cielo ha sbagliato momento").

Naturalmente lei è bloccata da qualche parte a causa della tempesta ("nel suo tram scollegato da ogni
distanza" ) e non può arrivare da lui.

Dolcenera è contemporaneamente la donna e la tempesta, insieme e inscindibilmente, dolore e


passione.

Poi la tempesta finisce, "oltre il muro dei vetri si risveglia la vita".

Il loro amore è diventato eterno, perchè a lei, adesso, il tempo avanza: quel tram è diventato la sua
tomba, sigillo di un amore "così splendido e vero da potervi ingannare".

Spero di essere stato esauriente, ma se hai altre domande, ben vengano!

Ciao

Paolo

PRINCESA

Te la faccio spiegare dallo stesso De André ....


Ecco le sue parole a commento della canzone :
" Il meglio della cultura viene sollecitato da persone che si trovano in minoranza e che proprio per i
loro doni vengono emarginate e all'occorrenza perseguitate . Un esempio classico sono gli individui
che nascono con caratteristiche esteriori appartenenti a un sesso che non corrisponde alla loro identità
più profonda .

Ne parlo nella canzone Prinçesa, che ho tratto da uno splendido, breve romanzo di Maurizio Janelli e
Fernanda Farias, in effetti una biografia . Nella musica ci sono improvvise variazioni : è il riepilogo dei
passaggi fondamentali della vita della protagonista, un elenco di gioie e sfortune incontrate nelle tappe
delle sue varie metamorfosi .

Da bambino si trova ad assumere comportamenti femminili, poi da femmina malriuscita corre


all'incanto dei desideri, tentando prima con mezzi chimici e in seguito attraverso una vertigine di
anestesia chirurgica di assomigliarsi, di corrispondere a un profondo desiderio che la vuole donna .

http://www.viadelcampo.com/html/anime_salve.html (11 of 17)23/05/2005 18.47.16


Fabrizio De André - Anime Salve

Per mantenersi esercita la professione più antica del mondo, finché per volere del destino si trasforma
ancora, e per l'ultima volta, da prostituta nell'amante ufficiale di un avvocato . Questa è l'ultima
metamorfosi; la musica, grazie anche e soprattutto a Ivano Fossati, accompagna questa evoluzione
passando da tonalità maggiori a minori e sottolineando in quel martellare di cembali il miraggio della
felicità, fino a ritornare all'infanzia brasiliana " .

Ho visto Nina volare

Da: wildo <pcsr1cl@pointest.com>


Oggetto: Mastica e sputa...
Data: martedì 15 febbraio 2000 19.55

Ieri sera a Perugia c'è stata la "prima" della nuova tournée di Fossati . In
questa occasione Ivano ha trovato il tempo per un breve ricordo che riguarda
la sua collaborazione con Faber per l'album Anime salve :
"Con De André giravamo il Sud in cerca di idee, presso Matera c'erano dei
vecchi che separavano la cera dal miele masticandola : ci colpi' molto
vedere usi secolari proiettarsi nel Duemila . E fu cosi' che , in 40 minuti,
nacque Ho visto Nina volare ".

Ciao

"Paolo Micheli"
Reply-To : fabrizio@yahoogroups.com
To : <fabrizio@yahoogroups.com>

Subject : [fabrizio] Da La Repubblica di lunedì.

Date : Wed, 23 Jan 2002 21:03:38 +0100

Dori Ghezzi "Una canzone del mio Faber per Zucchero"

Byrne vorrebbe pubblicare negli Usa "Creuza de mâ"


Leonard Cohen inciderà dieci canzoni di Fabrizio
Esce l'8 febbraio la versione di "Ho visto Nina
volare" incisa dal rocker Il
ricavato andrà a Emergency
Dori ci parla dell'impegno della Fondazione De André
per la rivalutazione di
Via del Campo a Genova

DAL NOSTRO INVIATO


GIUSPPE VIDETTI

-----------------------------------------------------

PONTREMOLI (MS) - «Non vedo l'ora di riascoltarla» dice Dori Ghezzi mentre Zucchero l'aiuta a
sfilarsi il soprabito. E' appena arrivata da Milano per un sabato nella fattoria di Fornaciari , casupole
basse e un vecchio mulino di pietra su un fazzoletto di terra cucito tra Toscana e Liguria che solo un
fanatico di blues e soul poteva battezzare Lunisiana Soul (un'ardita associazione tra Louisiana e
Lunigiana, un incrocio bastardo tra Pontremoli e New Orleans, un impossibile mix tra le acque del
Magra e quelle del Mississippi). Bionda, minuta, elegante, gli occhi azzurri mobilissimi, è venuta ad
ascoltare la versione finale di Ho visto Nina Volare, la canzone del De André di Anime Salve che

http://www.viadelcampo.com/html/anime_salve.html (12 of 17)23/05/2005 18.47.16


Fabrizio De André - Anime Salve

Zucchero pubblicherà l'8 febbraio in un singolo e il cui ricavato sarà devoluto a Emergency. È un
pomeriggio gelido, grigio. Gli alberi sono scheletri, le zolle ammuffite di brina. Accanto al camino si
parla della scena musicale, che sembra non aver trovato la marcia giusta in questo inizio millennio.
Dell'incontro di Dori con Leonard Cohen a Luglio. «Mi aveva mandato un biglietto quando Fabrizio
morì. Abbiamo parlato due ore. Mi ha detto: "Mandami la traduzione delle dieci canzoni che tu reputi
più in sintonia con il mio spirito. Vorrei
inciderle"». Di David Byrne che non ha mai abbandonato l'idea di pubblicare sulla sua etichetta Luaka
Bop una versione internazionale di Creuza de ma.
«Sarebbe l'occasione per rimissarlo, perché lì c'è un mondo sommerso da scoprire. È un desiderio che
ho sempre avuto: quel che sentii in studio in quel
lontano 1984 è una cosa che mi è rimasta nel cuore». «È uno dei dischi italiani più belli di sempre.
Quella è world music!» esclama Zucchero. «Fu
premiato come album del decennio» conferma Dori «e inserito fra i 2000 dischi più importanti di tutti i
tempi. Nella lista, di italiani, ci sono solo
De Andrè e Morricone».
Insieme agli antipasti, tutti insaccati prodotti nella fattoria, Zucchero sposta il discorso sul suo tour
mondiale che partirà l'11 febbraio da Zurigo
(le date italiane: 13 Montichiari, 14 Torino, 16 Bologna, 17 Ancona, 19 Bari, 21 Palermo, 23 Acireale,
25 perugia, 26 esaro, 27 Verona, 1 e 2 marzo
Treviso, 3 Bolzano, 5 Genova, 6 e 9 Firenze). «Sarà un concerto più rock degli altri, con una
scenografia semplice che ricorda quello dei vecchi show
televisivi della Motown. Tutti i vecchi brani sono stati riarrangiati, liberati da quel "funkettino" che
sentivo un po' vecchio».
«Sono curiosa. Non vado via senza aver ascoltato la canzone» insiste Dori quando fuori comincia a
imbrunire. Nella House of Blues, il nastro è già
montato sul registratore. Arrivano gli applausi (il brano è stato registrato nel corso del tributo a De
André, al Carlo Felice di Genova il 12 marzo
2000). Poi, su un tamburo che scandisce il tempo della memoria, la voce di Zucchero entra assorta,
malinconica, dolente, prima di sciogliersi in un
ruggito sulle parole: Stanotte è venuta l'ombra / l'ombra che mi fa il verso. Il silenzio alla fine
dell'ascolto è irreale.
C'è commozione nell'aria.
Di chi è stata l'idea? Come scelse la canzone da cantare?
ZUCCHERO: «Fu Dori a farmi ascoltare "Ho visto Nina volare". "Tu la puoi rifare, puoi renderla tua"
mi disse.
DORI: «Pensavo all'atmosfera di "Dune mosse". In quella canzone tu e Fabrizio siete sulla stessa
lunghezza d'onda».
Z: «Non è facile cantare una canzone di De André. Per niente».
D: «Infatti ti avevo visto disorientato. Il piacere era tanto, ma anche la paura, il pudore, la
preoccupazione di fare un passo falso. Ma io pensavo a
certi tuoi testi, ai frequenti riferimenti all'infanzia. Ti ci vedevo tutto dentro Nina. Ricordo quando
arrivasti alle prove: mia figlia Luvi ed io
rimanemmo calamitate dalla tua interpretazione. E conquistate dalla tua dolcezza, dall'umiltà».
Z: «Non volevo rovinare qualcosa di bello. Si fa presto a dire: incido una cover. Ma che senso ha se
non riesci a fare tua la canzone, senza disturbare né l'essenza né il feeling dell'originale?»
D: «Non bisogna dimenticare il contesto in cui la canzone fu incisa. Un evento estraneo al business,
dal quale tenemmo lontane anche le telecamere per paura che i tempi televisivi guastassero l'atmosfera.
Come mai avete aspettato due anni per pubblicarla?
Z: «È il tempo che svela la grandezza di una canzone. Solo col tempo ho capito che Dune mosse e
Diamante erano due brani nati bene. Ho visto Nina
volare mi ha fatto lo stesso effetto. Allora perché lasciarla lì nel cassetto?».
Fabrizio si era mai reso conto della devozione che lo circondava?
D. «Non credo fino a questo punto. Anche perché, come tutti i grandi uomini, Fabrizio non credeva di
aver detto queste cose straordinarie, di essere diventato quel punto di riferimento che ora è per molti di
noi. Lui non cercava mai la parola più dotta, per dimostrare che ne sapeva più degli altri, ma quella più
giusta, più immediata, alla portata di tutti».

http://www.viadelcampo.com/html/anime_salve.html (13 of 17)23/05/2005 18.47.16


Fabrizio De André - Anime Salve

Era geloso delle sue canzoni?


D: «No. Lo hanno cantato poco, ma non perché a lui non piacesse essere cantato. Forse perché gli altri
non hanno ritenuto giusto farlo».
Per pudore certo, per un eccesso di riverenza, non per mancanza d'amore.
Z: «Per cantare le canzoni di Fabrizio ci vuole un interprete: un vocalist troppo dotato rischierebbe di
distruggerle. Vasco Rossi, che non è un cantante tecnicamente superdotato, è riuscito a entrare
perfettamente nello spirito di Amico fragile».
D: «Certo, perché anche lui è un amico fragile. Con i travagli che ha passato, quella canzone potrebbe
benissimo averla scritta lui».
Qual è la storia dietro la canzone?
D: «Fabrizio è sempre rimasto molto legato a quel periodo della sua infanzia in cui viveva nell'agro di
Asti, una campagna nella quale i suoi genitori si
erano rifugiati durante la guerra e dove rimase fino all'età di otto, nove anni, prima di tornare a
Genova. E ogni tanto quei ricordi riaffioravano.»
La Fondazione sta ora lavorando ad altre iniziative?
D: «Ce ne sono diverse, ma una in particolare prenderà il via proprio nei prossimi giorni. Con il
comune di Genova ci occuperemo della rivalutazione
del centro storico, in particolare di quella zona degradata in cui si trova Via del Campo. Potrebbe
diventare una specie di Brera genovese, un centro
artistico e culturale per i giovani. Le proposte che riceviamo sono talmente tante che l'azione della
Fondazione a questo punto è diventata quella di
frenare gli entusiasmi, di convogliare le energie in modo creativo».
D'altronde la famiglia era poco incline alla sovresposizione.
D: «Infatti, lui ci metteva sette anni a partorire un disco, qui invece si sta parlando di Fabrizio ogni
giorno».
Z: «Avrei voluto frequentarlo d più, da lui c'era solo da imparare. Aveva un senso dell'umorismo
pazzesco. Ricordo le sue battute fulminanti a una cena organizzata da "Sorrisi e canzoni"».
D: «Molti non riescono a crederci, ma Fabrizio era davvero molto spiritoso.
Aveva un'ironia. beh sapete che vi dico? Non so cosa non avesse.».

Juri Camisasca: http://www.juricamisasca.it


Giusto Pio: http://digilander.iol.it/giustopio
L'isola che non c'era: http://www.lisolachenoncera.it

Su SMISURATA PREGHIERA
(postato sul NG da "un ottico" <ppp@ppp.ge>

DESMEDIDA PLEGARÍA
Smisurata Preghiera

Questa versione spagnola di "Smisurata Preghiera" è stata


cantata da Fabrizio de André stesso. La traduzione
potrebbe essere addirittura di Álvaro Mutis, lo scrittore
sudamericano della "Saga di Maqroll il Gabbiere" alla quale
si è ispirato De André per il testo.

Sobre los naufragios, desde el Mirador de las Torres,


Lejana y sobre los elementos del desastre
De las cosas que suceden por encima de la palabras
Celebrantes de la nada
En un viento tán fácil
De saciedad, de impunidad

http://www.viadelcampo.com/html/anime_salve.html (14 of 17)23/05/2005 18.47.16


Fabrizio De André - Anime Salve

Bajo el escándalo metálico


De armas bluntas o en desuso
Conduciendo la columna
De dolor y de humareda
Que deja las batallas infinitas al caer de la tarde,
La mayoría está, la mayoría está

Recitando un rosario
De mezquinas ambiciones,
De temores milenarios,
De inagotables astucias
Cultivando tranquila
La horrible variedad
De su propia soberbia
La mayoría está

Como una enfermedad


Como un infortunio
Como una anestesia
Como una costumbre

Para quien viaja con obstinada y contraria dirección,


Con su estigma especial de especial desesperanza
Y entre vómitos de rechazados sus últimos pasos va dando
Para entregar a la muerte una gota de esplendor,
De humanidad, de verdad

Por quien en Aqaba curó la lepra con un cetro ficticio


Y sembró su travesía de celos devastadores y de hijos
Con improbables nombres de cantantes de tango
En un vasto programa de eternidad

Recuerda, Señor, a estos siervos desobedientes


A las leyes de la manada,
No olvides sus rostros
Que al cabo de la alternancia
Es apenas justo que la fortuna los toque

Como un descuido,
Como una anomalía,
Como una distracción,
Como un deber

FONTE: Riccardo Venturi: http://utenti.lycos.it/Guctrad/alloglot.html

SMISURATA PREGHIERA (ispirata dal "Gabbiere" di Alvaro Mutis) è invece


secondo me non solo la somma dei percorsi del disco, ma anche di quelli
della vita poetica di De Andrè. Fortissima la presenza di Mutis qui ripreso
sia per la "Preghiera" di Maqroll, che al contrario recita "Ricorda Signore
che il tuo servo ha osservato pazientemente le leggi del branco. Non
dimenticare il suo volto", sia in più punti, a partire da quel "gli elementi
del disastro" che ricorda appunto una delle raccolte più note del poeta. Ma
De Andrè attraverso la poesia stavolta ci offre un vero, grande affresco a
tinte forte della solitudine libera e scelta, presupposto necessario per
"consegnare alla morte una goccia di splendore, di umanità", perché l'uomo è
individuo non esaltato dalla massa, dalla folla, dalla maggioranza, ma da

http://www.viadelcampo.com/html/anime_salve.html (15 of 17)23/05/2005 18.47.16


Fabrizio De André - Anime Salve

essa annullato, appiattito, reso schiavo e complice di naufragi, scandali,


disastri. Una condizione questa che necessita forza, tenacia ("direzione
ostinata e contraria")ma sembra garantire soltanto una vita disagevole ed
emarginata ("nel vomito dei respinti", "marchio speciale di speciale
disperazione"). Quand'ecco, almeno alla fine, la speranza che la fortuna
faccia il suo dovere ed aiuti i figli (di Dio) disobbedienti alle leggi del
branco, restando comunque questa un'anomalia. È secondo me LA canzone di De
Andrè, nella quale possiamo leggere il punto di vista dell'autore maturato
in tanti anni, apparsoci frammentato in tante canzoni non soltanto in questo
album, e qui riunito in un ideale "manifesto" comunque molto bello e poetico
malgrado questa sua natura, se si vuole libertario o anarchico, la
definizione non è forzata, ma soprattutto inno alla libertà e alla
solitudine come scelta in una società statalista e massificata. Pareri
scomodi di un cantautore scomodo.

fonte: http://utenti.lycos.it/rock3000/album/animesalve.html

Nel 1997, ad Aulla, per questa canzone Fabrizio De André ha ricevuto il


"Premio Lunezia", consegnatogli da Fernanda Pivano.

*****
Smisurata preghiera è l'epitome del disco, la summa dei tracciati che lo
percorrono. Ed è ancora un affresco sulle minoranze, sulla necessità di
difendersi da parte di chi non accetta "le leggi del branco", su coloro
insomma che devono pagare per difendere la propria dignità: gli unici che
attraversando l'emarginazione e la solitudine riescono ancora a "consegnare
alla morte una goccia di splendore". La musica
[In Doriano Fasoli, Fabrizio De André. Passaggi di tempo, p. 77]

*****

Smisurata preghiera [...] è una specie di salmo di invocazione e di


imprecazione sulle minoranze. Ed è costruita a partire da testi di Alvaro
Mutis, che in un'intervista televisiva ha dichiarato che occorre un talento
straordinario per sintetizzare un'intera opera in una sola canzone.
[Alessandro Gennari, in Le mie note a margine (intervista a F. De André]

*****

La canzone è tratta da un romanzo di Alvaro Mutis, che io purtroppo non


conosco, ma so per esperienza come Fabrizio riesce a "migliorare", a
elaborare i testi scelti come riesce a caricarli di significati un po'
misteriosi, sempre legati alla sua antica polemica sociale, al suo problema
morale.
Qui la polemica è tra il suo eterno nemico, "la maggioranza", e i
"disobbedienti alle leggi del branco", per i quali invoca l'attenzione del
Signore.
Il dolce menestrello della nostra adolescenza, che ci ha insegnato a

http://www.viadelcampo.com/html/anime_salve.html (16 of 17)23/05/2005 18.47.16


Fabrizio De André - Anime Salve

scoprire la differenza tra la vita e la morte, e ora a respingere "lo


scandalo metallico" delle armi, nella forza della sua maturità di offre un
blueprint di saggezza nell'indipendenza, nella "direzione contraria".
Dicono che Fabrizio sia il Bob Dylan italiano; io nel dargli questo premio
d'amore più che di potere, vorrei che Bob Dylan venisse chiamato il Fabrizio
americano.
[Fernanda Pivano, in occasione del "Premio Lunezia" 1997]

FONTE: http://www.giuseppecirigliano.it/Smisurata%20preghiera.htm

http://www.viadelcampo.com/html/anime_salve.html (17 of 17)23/05/2005 18.47.16


http://www.viadelcampo.com/indiano24_8.jpg

http://www.viadelcampo.com/indiano24_8.jpg24/05/2005 11.49.42
http://www.viadelcampo.com/caro_amore_v1_lm_LPf5.jpg

http://www.viadelcampo.com/caro_amore_v1_lm_LPf5.jpg24/05/2005 11.51.04
Testi 1976 FDA

Avvertenza!
Legge 633/41 art. 70 comma 1: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera,
per scopi di critica, di discussione ed anche di insegnamento,
sono liberi nei limiti giustificati da tali finalità e purchè non costituiscano concorrenza alla
utilizzazione economica dell'opera."
In altre parole: i testi delle canzoni che trovate su questo sito possono essere utilizzati solo ed
esclusivamente per uso personale o di discussione.

IL PESCATORE

All'ombra dell'ultimo sole


s'era assopito un pescatore
e aveva un solco lungo il viso
come una specie di sorriso.

Venne alla spiaggia un assassino


due occhi grandi da bambino
due occhi enormi di paura
eran gli specchi di un'avventura.

E chiese al vecchio dammi il pane


ho poco tempo e troppa fame
e chiese al vecchio dammi il vino
ho sete e sono un assassino.

Gli occhi dischiuse il vecchio al giorno


non si guardò neppure intorno
ma versò il vino e spezzò il pane
per chi diceva ho sete e ho fame.

E fu il calore di un momento
poi via di nuovo verso il vento
davanti agli occhi ancora il sole
dietro alle spalle un pescatore.

Dietro alle spalle un pescatore


e la memoria è già dolore
è già il rimpianto di un aprile
giocato all'ombra di un cortile.

Vennero in sella due gendarmi

http://www.viadelcampo.com/html/testi_1976_fda.html (1 of 11)24/05/2005 11.56.52


Testi 1976 FDA

vennero in sella con le armi


chiesero al vecchio se lì vicino
fosse passato un assassino.

Ma all'ombra dell'ultimo sole


s'era assopito il pescatore
e aveva un solco lungo il viso
come una specie di sorriso
e aveva un solco lungo il viso
come una specie di sorriso.

BOCCA DI ROSA

La chiamavano bocca di rosa


metteva l'amore, metteva l'amore,
la chiamavano bocca di rosa
metteva l'amore sopra ogni cosa.

Appena scese alla stazione


nel paesino di San Vicario
tutti si accorsero con uno sguardo
che non si trattava di un missionario.

C'è chi l'amore lo fa per noia


chi se lo sceglie per professione
bocca di rosa né l'uno né l'altro
lei lo faceva per passione.

Ma la passione spesso conduce


a soddisfare le proprie voglie
senza indagare se il concupito
ha il cuore libero oppure ha moglie.

E fu così che da un giorno all'altro


bocca di rosa si tirò addosso
l'ira funesta delle cagnette
a cui aveva sottratto l'osso.

Ma le comari di un paesino
non brillano certo in iniziativa
le contromisure fino a quel punto
si limitavano all'invettiva.

Si sa che la gente dà buoni consigli


sentendosi come Gesù nel tempio,
si sa che la gente dà buoni consigli
se non può più dare cattivo esempio.

Così una vecchia mai stata moglie


senza mai figli, senza più voglie,
si prese la briga e di certo il gusto
di dare a tutte il consiglio giusto.

http://www.viadelcampo.com/html/testi_1976_fda.html (2 of 11)24/05/2005 11.56.52


Testi 1976 FDA

E rivolgendosi alle cornute


le apostrofò con parole argute:
"il furto d'amore sarà punito-
disse- dall'ordine costituito".

E quelle andarono dal commissario


e dissero senza parafrasare:
"quella schifosa ha già troppi clienti
più di un consorzio alimentare".

E arrivarono quattro gendarmi


con i pennacchi con i pennacchi
e arrivarono quattro gendarmi
con i pennacchi e con le armi.

Spesso gli sbirri e i carabinieri


al proprio dovere vengono meno
ma non quando sono in alta uniforme
e l'accompagnarono al primo treno.
(nota: qui Fabrizio usa la versione censurata)

Alla stazione c'erano tutti


dal commissario al sagrestano
alla stazione c'erano tutti
con gli occhi rossi e il cappello in mano,

a salutare chi per un poco


senza pretese, senza pretese,
a salutare chi per un poco
portò l'amore nel paese.

C'era un cartello giallo


con una scritta nera
diceva "Addio bocca di rosa
con te se ne parte la primavera".

Ma una notizia un po' originale


non ha bisogno di alcun giornale
come una freccia dall'arco scocca
vola veloce di bocca in bocca.

E alla stazione successiva


molta più gente di quando partiva
chi mandò un bacio, chi gettò un fiore
chi si prenota per due ore.

Persino il parroco che non disprezza


fra un miserere e un'estrema unzione
il bene effimero della bellezza
la vuole accanto in processione.

E con la Vergine in prima fila


e bocca di rosa poco lontano
si porta a spasso per il paese

http://www.viadelcampo.com/html/testi_1976_fda.html (3 of 11)24/05/2005 11.56.52


Testi 1976 FDA

l'amore sacro e l'amor profano.

LE PASSANTI

Io dedico questa canzone


ad ogni donna pensata come amore
in un attimo di libertà
a quella conosciuta appena
non c'era tempo e valeva la pena
di perderci un secolo in più.

A quella quasi da immaginare


tanto di fretta l'hai vista passare
dal balcone a un segreto più in là
e ti piace ricordarne il sorriso
che non ti ha fatto e che tu le hai deciso
in un vuoto di felicità.

Alla compagna di viaggio


i suoi occhi il più bel paesaggio
fan sembrare più corto il cammino
e magari sei l'unico a capirla
e la fai scendere senza seguirla
senza averle sfiorato la mano.

A quelle che sono già prese


e che vivendo delle ore deluse
con un uomo ormai troppo cambiato
ti hanno lasciato, inutile pazzia,
vedere il fondo della malinconia
di un avvenire disperato.

Immagini care per qualche istante


sarete presto una folla distante
scavalcate da un ricordo più vicino
per poco che la felicità ritorni
è molto raro che ci si ricordi
degli episodi del cammino.

Ma se la vita smette di aiutarti


è più difficile dimenticarti
di quelle felicità intraviste
dei baci che non si è osato dare
delle occasioni lasciate ad aspettare
degli occhi mai più rivisti.

Allora nei momenti di solitudine


quando il rimpianto diventa abitudine,
una maniera di viversi insieme,
si piangono le labbra assenti
di tutte le belle passanti
che non siamo riusciti a trattenere.

http://www.viadelcampo.com/html/testi_1976_fda.html (4 of 11)24/05/2005 11.56.52


Testi 1976 FDA

CANZONE DELL'AMORE PERDUTO

Ricordi sbocciavan le viole


con le nostre parole
"Non ci lasceremo mai, mai e poi mai",

vorrei dirti ora le stesse cose


ma come fan presto, amore, ad appassire le rose
così per noi

l'amore che strappa i capelli è perduto ormai,


non resta che qualche svogliata carezza
e un po' di tenerezza.

E quando ti troverai in mano


quei fiori appassiti al sole
di un aprile ormai lontano,
li rimpiangerai

ma sarà la prima che incontri per strada


che tu coprirai d'oro per un bacio mai dato,
per un amore nuovo.

E sarà la prima che incontri per strada


che tu coprirai d'oro per un bacio mai dato,
per un amore nuovo.

LA CATTIVA STRADA

Alla parata militare


sputò negli occhi a un innocente
e quando lui chiese "perché"
lui gli rispose questo è niente

e adesso è ora che io vada


e l'innocente lo seguì
senza le armi lo seguì
sulla sua cattiva strada.

Nei viali dietro la stazione


rubò l'incasso a una regina
e quando lei gli disse "come"
lui le rispose "forse è meglio è come prima
forse è ora che io vada"

e la regina lo seguì
col suo dolore lo seguì
sulla sua cattiva strada.

E in una notte senza luna


truccò le stelle ad un pilota
quando l'aeroplano cadde

http://www.viadelcampo.com/html/testi_1976_fda.html (5 of 11)24/05/2005 11.56.52


Testi 1976 FDA

lui disse "è colpa di chi muore


comunque è meglio che io vada"

ed il pilota lo seguì
senza le stelle lo seguì
sulla sua cattiva strada.

A un diciottenne alcolizzato
versò da bere ancora un poco
e mentre quello lo guardava
lui disse "Amico ci scommetto stai per dirmi
adesso è ora che io vada"

l'alcolizzato lo capì
non disse niente e lo seguì
sulla sua cattiva strada.

Ad un processo per amore


baciò le bocche dei giurati
e ai loro sguardi imbarazzati
rispose "Adesso è più normale
adesso è meglio, adesso è giusto, giusto,
è giusto che io vada

ed i giurati lo seguirono
a bocca aperta lo seguirono
sulla sua cattiva strada
sulla sua cattiva strada.

E quando poi sparì del tutto


a chi diceva "è stato un male"
a chi diceva "è stato un bene"
raccomandò "non vi conviene
venir con me dovunque vada,
ma c'è amore un po' per tutti
e tutti quanti hanno un amore
sulla cattiva strada

UN GIUDICE

Cosa vuol dire avere


un metro e mezzo di statura,
ve lo rivelan gli occhi
e le battute della gente,
o la curiosità
di una ragazza irriverente
che si avvicina solo
per un suo dubbio impertinente:

vuole scoprir se è vero


quanto si dice intorno ai nani,
che siano i più forniti
della virtù meno apparente,

http://www.viadelcampo.com/html/testi_1976_fda.html (6 of 11)24/05/2005 11.56.52


Testi 1976 FDA

fra tutte le virtù


la più indecente.

Passano gli anni, i mesi,


e se li conti anche i minuti,
è triste trovarsi adulti
senza essere cresciuti;
la maldicenza insiste,
batte la lingua sul tamburo
fino a dire che un nano
è una carogna di sicuro
perché ha il cuore toppo,
troppo vicino al buco del culo.

Fu nelle notti insonni


vegliate al lume del rancore
che preparai gli esami.
diventai procuratore
per imboccar la strada
che dalle panche d'una cattedrale
porta alla sacrestia
quindi alla cattedra d'un tribunale,
giudice finalmente,
arbitro in terra del bene e del male.

E allora la mia statura


non dispensò più buonumore
a chi alla sbarra in piedi
mi diceva Vostro Onore,
e di affidarli al boia
fu un piacere del tutto mio,
prima di genuflettermi
nell'ora dell'addio
non conoscendo affatto
la statura di Dio.

IL TESTAMENTO

Quando la morte mi chiamerà


forse qualcuno protesterà
dopo aver letto nel testamento
quel che gli lascio in eredità
non maleditemi non serve a niente
tanto all'inferno ci sarò già

ai protettori delle battone


lascio un impiego da ragioniere
perché provetti nel loro mestiere
rendano edotta la popolazione

ad ogni fine di settimana


sopra la rendita di una puttana
ad ogni fine di settimana
sopra la rendita di una puttana

http://www.viadelcampo.com/html/testi_1976_fda.html (7 of 11)24/05/2005 11.56.52


Testi 1976 FDA

voglio lasciare a Bianca Maria


che se ne frega della decenza
un attestato di benemerenza
che al matrimonio le spiani la via

con tanti auguri per chi c'è caduto


di conservarsi felice e cornuto
con tanti auguri per chi c'è caduto
di conservarsi felice e cornuto

sorella morte lasciami il tempo


di terminare il mio testamento
lasciami il tempo di salutare
di riverire di ringraziare
tutti gli artefici del girotondo
intorno al letto di un moribondo

signor becchino mi ascolti un poco


il suo lavoro a tutti non piace
non lo consideran tanto un bel gioco
coprir di terra chi riposa in pace

ed è per questo che io mi onoro


nel consegnarle la vanga d'oro
ed è per questo che io mi onoro
nel consegnarle la vanga d'oro

per quella candida vecchia contessa


che non si muove più dal mio letto
per estirparmi l'insana promessa
di riservarle i miei numeri al lotto

non vedo l'ora di andar fra i dannati


per rivelarglieli tutti sbagliati
non vedo l'ora di andar fra i dannati
per rivelarglieli tutti sbagliati

quando la morte mi chiederà


di restituirle la libertà
forse una lacrima forse una sola
sulla mia tomba si spenderà
forse un sorriso forse uno solo
dal mio ricordo germoglierà

se dalla carne mia già corrosa


dove il mio cuore ha battuto un tempo
dovesse nascere un giorno una rosa
la do alla donna che mi offrì il suo pianto

per ogni palpito del suo cuore


le rendo un petalo rosso d'amore
per ogni palpito del suo cuore
le rendo un petalo rosso d'amore

http://www.viadelcampo.com/html/testi_1976_fda.html (8 of 11)24/05/2005 11.56.52


Testi 1976 FDA

a te che fosti la più contesa


la cortigiana che non si dà a tutti
ed ora all'angolo di quella chiesa
offri le immagini ai belli ed ai brutti

lascio le note di questa canzone


canto il dolore della tua illusione
a te che sei costretta per tirare avanti
costretta a vendere Cristo e i santi

quando la morte mi chiamerà


nessuno al mondo si accorgerà
che un uomo è morto senza parlare
senza sapere la verità
che un uomo è morto senza pregare
fuggendo il peso della pietà

cari fratelli dell'altra sponda


cantammo in coro già sulla terra
amammo tutti l'identica donna
partimmo in mille per la stessa guerra
questo ricordo non vi consoli
quando si muore si muore si muore soli
questo ricordo non vi consoli
quando si muore si muore soli.

VERRANNO A CHIEDERTI DEL NOSTRO AMORE

Quando in anticipo sul tuo stupore


verranno a crederti del nostro amore
a quella gente consumata nel farsi dar retta
un amore così lungo
tu non darglielo in fretta

non spalancare le labbra ad un ingorgo di parole


le tue labbra così frenate nelle fantasie dell'amore
dopo l'amore così sicure a rifugiarsi nei "sempre"
nell'ipocrisia dei "mai"

non sono riuscito a cambiarti


non mi hai cambiato lo sai.

E dietro ai microfoni porteranno uno specchio


per farti più bella e pesarmi già vecchio
tu regalagli un trucco che con me non portavi
e loro si stupiranno
che tu non mi bastavi,

digli pure che il potere io l'ho scagliato dalle mani


dove l'amore non era adulto e ti lasciavo graffi sui seni
per ritornare dopo l'amore
alle carenze dell'amore
era facile ormai

http://www.viadelcampo.com/html/testi_1976_fda.html (9 of 11)24/05/2005 11.56.52


Testi 1976 FDA

non sei riuscita a cambiarmi


non ti ho cambiata lo sai.

Digli che i tuoi occhi me li han ridati sempre


come fiori regalati a maggio e restituiti in novembre
i tuoi occhi come vuoti a rendere per chi ti ha dato lavoro
i tuoi occhi assunti da tre anni
i tuoi occhi per loro,

ormai buoni per setacciare spiagge con la scusa del corallo


o per buttarsi in un cinema con una pietra al collo
e troppo stanchi per non vergognarsi
di confessarlo nei miei
proprio identici ai tuoi

sono riusciti a cambiarci


ci son riusciti lo sai.

Ma senza che gli altri non ne sappiano niente


dirmi senza un programma dimmi come ci si sente
continuerai ad ammirarti tanto da volerti portare al dito
farai l'amore per amore
o per avercelo garantito,

andrai a vivere con Alice che si fa il whisky distillando fiori


o con un Casanova che ti promette di presentarti ai genitori
o resterai più semplicemente
dove un attimo vale un altro
senza chiederti come mai,

continuerai a farti scegliere


o finalmente sceglierai.

http://www.viadelcampo.com/html/testi_1976_fda.html (10 of 11)24/05/2005 11.56.52


Testi 1976 FDA

http://www.viadelcampo.com/html/testi_1976_fda.html (11 of 11)24/05/2005 11.56.52


Testi storia

Avvertenza!
Legge 633/41 art. 70 comma 1: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera,
per scopi di critica, di discussione ed anche di insegnamento,
sono liberi nei limiti giustificati da tali finalità e purchè non costituiscano concorrenza alla
utilizzazione economica dell'opera."
In altre parole: i testi delle canzoni che trovate su questo sito possono essere utilizzati solo ed
esclusivamente per uso personale o di discussione.

STORIA DI UN IMPIEGATO
Canzoni di De Andrè e Bentivoglio.

INTRODUZIONE

Lottavano così come si gioca


i cuccioli del maggio era normale
loro avevano il tempo anche per la galera
ad aspettarli fuori rimaneva
la stessa rabbia la stessa primavera...

VERSIONE INEDITA

CANZONE DEL MAGGIO


CANZONE DEL MAGGIO
Anche se il nostro maggio
ha fatto a meno del vostro coraggio Anche se il nostro maggio
se la paura di guardare ha fatto a meno del vostro coraggio
vi ha fatto chinare il mento se la paura di guardare
se il fuoco ha risparmiato vi ha fatto guardare in terra
le vostre Millecento se avete deciso in fretta
anche se voi vi credete assolti che non era la vostra guerra
siete lo stesso coinvolti. voi non avete fermato il tempo
gli avete fatto perdere tempo.
E se vi siete detti
non sta succedendo niente, E se vi siete detti
le fabbriche riapriranno, non sta succedendo niente,
arresteranno qualche studente le fabbriche riapriranno,
convinti che fosse un gioco arresteranno qualche studente
a cui avremmo giocato poco convinti che fosse un gioco
provate pure a credervi assolti a cui avremmo giocato poco
siete lo stesso coinvolti. voi siete stato lo strumento
per farci perdere un sacco di tempo.
Anche se avete chiuso

http://www.viadelcampo.com/html/testi_storia.html (1 of 12)24/05/2005 11.57.15


Testi storia

le vostre porte sul nostro muso Se avete lasciato fare


la notte che le "pantere" ai professionisti dei manganelli
ci mordevano il sedere per liberarvi di noi canaglie
lasciandoci in buonafede di noi teppisti di noi ribelli
massacrare sui marciapiedi lasciandoci in buonafede
anche se ora ve ne fregate, sanguinare sui marciapiedi
voi quella notte voi c'eravate. anche se ora ve ne fregate,
voi quella notte voi c'eravate.
E se nei vostri quartieri
tutto è rimasto come ieri, E se nei vostri quartieri
senza le barricate tutto è rimasto come ieri,
senza feriti, senza granate, se sono rimasti a posto
se avete preso per buone perfino i sassi nei vostri viali
le "verità" della televisione se avete preso per buone
anche se allora vi siete assolti le "verità" dei vostri giornali
siete lo stesso coinvolti. non vi è rimasto nessun argomento
per farci ancora perdere tempo.
E se credete ora
che tutto sia come prima Lo conosciamo bene
perché avete votato ancora il vostro finto progresso
la sicurezza, la disciplina, il vostro comandamento
convinti di allontanare "Ama il consumo come te stesso"
la paura di cambiare e se voi lo avete osservato
verremo ancora alle vostre porte fino ad assolvere chi ci ha sparato
e grideremo ancora più forte verremo ancora alle vostre porte
per quanto voi vi crediate assolti e grideremo ancora più forte
siete per sempre coinvolti, voi non potete fermare il tempo
per quanto voi vi crediate assolti gli fate solo perdere tempo.
siete per sempre coinvolti.

LA BOMBA IN TESTA

....e io contavo i denti ai francobolli


dicevo "grazie a Dio" "buon Natale"
mi sentivo normale
eppure i miei trent'anni
erano pochi più dei loro
ma non importa adesso torno al lavoro.

Cantavano il disordine dei sogni


gli ingrati del benessere francese
e non davan l'idea
di denunciare uomini al balcone
di un solo maggio, di un unico paese,

e io la faccia usata dal buonsenso


ripeto "Non vogliamoci del male"
e non mi sento normale
e mi sorprendo ancora
a misurarmi su di loro
e adesso è tardi, adesso torno al lavoro.

Rischiavano la strada e per un uomo


ci vuole pure un senso a sopportare

http://www.viadelcampo.com/html/testi_storia.html (2 of 12)24/05/2005 11.57.15


Testi storia

di poter sanguinare
e il senso non dev'essere rischiare
ma forse non voler più sopportare.

Chissà cosa si prova a liberare


la fiducia nelle proprie tentazioni,
allontanare gli intrusi
dalle nostre emozioni,
allontanarli in tempo
e prima di trovarti solo
con la paura di non tornare al lavoro.

Rischiare libertà strada per strada,


scordarsi le rotaie verso casa,
io ne valgo la pena,
per arrivare ad incontrar la gente
senza dovermi fingere innocente.

Mi sforzo di ripetermi con loro


e più l'idea va di là del vetro
più mi lasciano indietro,
per il coraggio insieme
non so le regole del gioco
senza la mia paura mi fido poco.

Ormai sono in ritardo per gli amici


per l'odio potrei farcela da solo
illuminando al tritolo
chi ha la faccia e mostra solo il viso
sempre gradevole, sempre più impreciso.

E l'esplosivo spacca, taglia, fruga


tra gli ospiti di un ballo mascherato,
io mi sono invitato
a rilevar l'impronta
dietro ogni maschera che salta
e a non aver pietà per la mia prima volta.

AL BALLO MASCHERATO

Cristo drogato da troppe sconfitte


cede alla complicità
di Nobel che gli espone la praticità
di un'eventuale premio della bontà.
Maria ignorata da un Edipo ormai scaltro
mima una sua nostalgia di natività,
io con la mia bomba porto la novità,
la bomba che debutta in società,
al ballo mascherato della celebrità.

Dante alla porta di Paolo e Francesca


spia chi fa meglio di lui:
lì dietro si racconta un amore normale

http://www.viadelcampo.com/html/testi_storia.html (3 of 12)24/05/2005 11.57.15


Testi storia

ma lui saprà poi renderlo tanto geniale.


E il viaggio all'inferno ora fallo da solo
con l'ultima invidia lasciata là sotto un lenzuolo,
sorpresa sulla porta d'una felicità
la bomba ha risparmiato la normalità,
al ballo mascherato della celebrità.

La bomba non ha una natura gentile


ma spinta da imparzialità
sconvolge l'improbabile intimità
di un'apparente statua della Pietà.
Grimilde di Manhattan, statua della libertà,
adesso non ha più rivali la tua vanità
e il gioco dello specchio non si ripeterà
"Sono più bella io o la statua della Pietà"
dopo il ballo mascherato del celebrità.

Nelson strappato al suo carnevale


rincorre la sua identità
e cerca la sua maschera, l'orgoglio, lo stile,
impegnati sempre a vincere e mai a morire.
Poi dalla feluca ormai a brandelli
tenta di estrarre il coniglio della sua Trafalgar
e nella sua agonia, sparsa di qua, di là,
implora una Sant'Elena anche in comproprietà,
al ballo mascherato della celebrità.

Mio padre pretende aspirina ed affetto


e inciampa nella sua autorità,
affida a una vestaglia il suo ultimo ruolo
ma lui esplode dopo, prima il suo decoro.
Mia madre si approva in frantumi di specchio,
dovrebbe accettare la bomba con serenità,
il martirio è il suo mestiere, la sua vanità,
ma ora accetta di morire soltanto a metà
la sua parte ancora viva le fa tanta pietà,
al ballo mascherato della celebrità.

Qualcuno ha lasciato la luna nel bagno


accesa soltanto a metà
quel poco che mi basta per contare i caduti,
stupirmi della loro fragilità,
e adesso puoi togliermi i piedi dal collo
amico che m'hai insegnato il "come si fa"
se no ti porto indietro di qualche minuto
ti metto a conversare, ti ci metto seduto
tra Nelson e la statua della Pietà,
al ballo mascherato della celebrità.

SOGNO NUMERO DUE

Imputato ascolta,
noi ti abbiamo ascoltato.
Tu non sapevi di avere una coscienza al fosforo

http://www.viadelcampo.com/html/testi_storia.html (4 of 12)24/05/2005 11.57.15


Testi storia

piantata tra l'aorta e l'intenzione,


noi ti abbiamo osservato
dal primo battere del cuore
fino ai ritmi più brevi
dell'ultima emozione
quando uccidevi,
favorendo il potere
i soci vitalizi del potere
ammucchiati in discesa
a difesa
della loro celebrazione.

E se tu la credevi vendetta
il fosforo di guardia
segnalava la tua urgenza di potere
mentre ti emozionavi nel ruolo più eccitante della
legge
quello che non protegge
la parte del boia.

Imputato,
il dito più lungo della tua mano
è il medio
quello della mia
è l'indice,
eppure anche tu hai giudicato.
Hai assolto e hai condannato
al di sopra di me,
ma al di sopra di me,
per quello che hai fatto,
per come lo hai rinnovato
il potere ti è grato.

Ascolta
una volta un giudice come me
giudicò chi gli aveva dettato la legge:
prima cambiarono il giudice
e subito dopo
la legge.

Oggi, un giudice come me,


lo chiede al potere se può giudicare.
Tu sei il potere.
Vuoi essere giudicato?
Vuoi essere assolto o condannato?

CANZONE DEL PADRE

- "Vuoi davvero lasciare ai tuoi occhi


solo i sogni che non fanno svegliare".
- "Sì, Vostro Onore, ma li voglio più grandi."
- "C'è lì un posto, lo ha lasciato tuo padre.
Non dovrai che restare sul ponte

http://www.viadelcampo.com/html/testi_storia.html (5 of 12)24/05/2005 11.57.15


Testi storia

e guardare le altre navi passare


le più piccole dirigile al fiume
le più grandi sanno già dove andare."
Così son diventato mio padre
ucciso in un sogno precedente
il tribunale mi ha dato fiducia
assoluzione e delitto lo stesso movente.

E ora Berto, figlio della Lavandaia,


compagno di scuola, preferisce imparare
a contare sulle antenne dei grilli
non usa mai bolle di sapone per giocare;
seppelliva sua madre in un cimitero di lavatrici
avvolta in un lenzuolo quasi come gli eroi;
si fermò un attimo per suggerire a Dio
di continuare a farsi i fatti suoi
e scappò via con la paura di arrugginire
il giornale di ieri lo dà morto arrugginito,
i becchini ne raccolgono spesso
fra la gente che si lascia piovere addosso.

Ho investito il denaro e gli affetti


banca e famiglia danno rendite sicure,
con mia moglie si discute l'amore
ci sono distanze, non ci sono paure,
ma ogni notte lei mi si arrende più tardi
vengono uomini, ce n'è uno più magro,
ha una valigia e due passaporti,
lei ha gli occhi di una donna che pago.
Commissario io ti pago per questo,
lei ha gli occhi di una donna che è mia,
l'uomo magro ha le mani occupate,
una valigia di ciondoli, un foglio di via.

Non ha più la faccia del suo primo hashish


è il mio ultimo figlio, il meno voluto,
ha pochi stracci dove inciampare
non gli importa d'alzarsi, neppure quando è caduto:
e i miei alibi prendono fuoco
il Guttuso ancora da autenticare
adesso le fiamme mi avvolgono il letto
questi i sogni che non fanno svegliare.
Vostro Onore, sei un figlio di troia,
mi sveglio ancora e mi sveglio sudato,
ora aspettami fuori dal sogno
ci vedremo davvero,
io ricomincio da capo.

IL BOMBAROLO

Chi va dicendo in giro


che odio il mio lavoro

http://www.viadelcampo.com/html/testi_storia.html (6 of 12)24/05/2005 11.57.15


Testi storia

non sa con quanto amore


mi dedico al tritolo,
è quasi indipendente
ancora poche ore
poi gli darò la voce
il detonatore.

Il mio Pinocchio fragile


parente artigianale
di ordigni costruiti
su scala industriale
di me non farà mai
un cavaliere del lavoro,
io son d'un'altra razza,
son bombarolo.

Nello scendere le scale


ci metto più attenzione,
sarebbe imperdonabile
giustiziarmi sul portone
proprio nel giorno in cui
la decisione è mia
sulla condanna a morte
o l'amnistia.

Per strada tante facce


non hanno un bel colore,
qui chi non terrorizza
si ammala di terrore,
c'è chi aspetta la pioggia
per non piangere da solo,
io son d'un altro avviso,
son bombarolo.

Intellettuali d'oggi
idioti di domani
ridatemi il cervello
che basta alle mie mani,
profeti molto acrobati
della rivoluzione
oggi farò da me
senza lezione.

Vi scoverò i nemici
per voi così distanti
e dopo averli uccisi
sarò fra i latitanti
ma finché li cerco io
i latitanti sono loro,
ho scelto un'altra scuola,
son bombarolo.

Potere troppe volte


delegato ad altre mani,
sganciato e restituitoci
dai tuoi aeroplani,

http://www.viadelcampo.com/html/testi_storia.html (7 of 12)24/05/2005 11.57.15


Testi storia

io vengo a restituirti
un po' del tuo terrore
del tuo disordine
del tuo rumore.

Così pensava forte


un trentenne disperato
se non del tutto giusto
quasi niente sbagliato,
cercando il luogo idoneo
adatto al suo tritolo,
insomma il posto degno
d'un bombarolo.

C'è chi lo vide ridere


davanti al Parlamento
aspettando l'esplosione
che provasse il suo talento,
c'è chi lo vide piangere
un torrente di vocali
vedendo esplodere
un chiosco di giornali.

Ma ciò che lo ferì


profondamente nell'orgoglio
fu l'immagine di lei
che si sporgeva da ogni foglio
lontana dal ridicolo
in cui lo lasciò solo,
ma in prima pagina
col bombarolo.

VERRANNO A CHIEDERTI
DEL NOSTRO AMORE

Quando in anticipo sul tuo stupore


verranno a chiederti del nostro amore
a quella gente consumata nel farsi dar retta
un amore così lungo
tu non darglielo in fretta,
non spalancare le labbra a un ingorgo di parole
le tue labbra così frenate nelle fantasie dell'amore
dopo l'amore così sicure a rifugiarsi nei "sempre"
nell'ipocrisia dei "mai"
non son riuscito a cambiarti
non mi hai cambiato lo sai.

E dietro ai microfoni porteranno uno specchio


per farti più bella e pensarmi già vecchio
tu regalagli un trucco che con me non portavi
e loro si stupiranno
che tu non mi bastavi,
digli pure che il potere io l'ho scagliato dalle mani

http://www.viadelcampo.com/html/testi_storia.html (8 of 12)24/05/2005 11.57.15


Testi storia

dove l'amore non era adulto e ti lasciavo graffi sui seni


per ritornare dopo l'amore
alle carezze dell'amore
era facile ormai
non sei riuscita a cambiarmi
non ti ho cambiata lo sai.

Digli che i tuoi occhi me li han ridati sempre


come fiori regalati a maggio e restituiti in novembre
i tuoi occhi come vuoti a rendere per chi ti ha dato
lavoro
i tuoi occhi assunti da tre anni
i tuoi occhi per loro,
ormai buoni per setacciare spiagge con la scusa del
corallo
o per buttarsi in un cinema con una pietra al collo
e troppo stanchi per non vergognarsi
di confessarlo nei miei
proprio identici ai tuoi
sono riusciti a cambiarci
ci son riusciti lo sai.

Ma senza che gli altri ne sappiano niente


dimmi senza un programma dimmi come ci si sente
continuerai ad ammirarti tanto da volerti portare al
dito
farai l'amore per amore
o per avercelo garantito,
andrai a vivere con Alice che si fa il whisky
distillando fiori
o con un Casanova che ti promette di presentarti ai
genitori
o resterai più semplicemente
dove un attimo vale un altro
senza chiederti come mai,
continuerai a farti scegliere
o finalmente sceglierai.

NELLA MIA ORA DI LIBERTÀ

Di respirare la stessa aria


di un secondino non mi va
perciò ho deciso di rinunciare
alla mia ora di libertà
se c'è qualcosa da spartire
tra un prigioniero e il suo piantone
che non sia l'aria di quel cortile
voglio soltanto che sia prigione
che non sia l'aria di quel cortile
voglio soltanto che sia prigione.

È cominciata un'ora prima


e un'ora dopo era già finita

http://www.viadelcampo.com/html/testi_storia.html (9 of 12)24/05/2005 11.57.15


Testi storia

ho visto gente venire sola


e poi insieme verso l'uscita
non mi aspettavo un vostro errore
uomini e donne di tribunale
se fossi stato al vostro posto...
ma al vostro posto non ci so stare
se fossi stato al vostro posto...
ma al vostro posto non ci sono stare.

Fuori dell'aula sulla strada


ma in mezzo al fuori anche fuori di là
ho chiesto al meglio della mia faccia
una polemica di dignità
tante le grinte, le ghigne, i musi,
vagli a spiegare che è primavera
e poi lo sanno ma preferiscono
vederla togliere a chi va in galera
e poi lo sanno ma preferiscono
vederla togliere a chi va in galera.

Tante le grinte, le ghigne, i musi,


poche le facce, tra loro lei,
si sta chiedendo tutto in un giorno
si suggerisce, ci giurerei
quel che dirà di me alla gente
quel che dirà ve lo dico io
da un po' di tempo era un po' cambiato
ma non nel dirmi amore mio
da un po' di tempo era un po' cambiato
ma non nel dirmi amore mio.

Certo bisogna farne di strada


da una ginnastica d'obbedienza
fino ad un gesto molto più umano
che ti dia il senso della violenza
però bisogna farne altrettanta
per diventare così coglioni
da non riuscire più a capire
che non ci sono poteri buoni
da non riuscire più a capire
che non ci sono poteri buoni.

E adesso imparo un sacco di cose


in mezzo agli altri vestiti uguali
tranne qual'è il crimine giusto
per non passare da criminali.
Ci hanno insegnato la meraviglia
verso la gente che ruba il pane
ora sappiamo che è un delitto
il non rubare quando si ha fame
ora sappiamo che è un delitto
il non rubare quando si ha fame.

Di respirare la stessa aria


dei secondini non ci va

http://www.viadelcampo.com/html/testi_storia.html (10 of 12)24/05/2005 11.57.15


Testi storia

abbiamo deciso di imprigionarli


durante l'ora di libertà
venite adesso alla prigione
state a sentire sulla porta
la nostra ultima canzone
che vi ripete un'altra volta
per quanto voi vi crediate assolti
siete lo stesso coinvolti.
Per quanto voi vi crediate assolti
siete lo stesso coinvolti.

http://www.viadelcampo.com/html/testi_storia.html (11 of 12)24/05/2005 11.57.15


Testi storia

http://www.viadelcampo.com/html/testi_storia.html (12 of 12)24/05/2005 11.57.15


Testi Tutto FDA

Avvertenza!
Legge 633/41 art. 70 comma 1: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di
parti di opera, per scopi di critica, di discussione ed anche di insegnamento,
sono liberi nei limiti giustificati da tali finalità e purchè non costituiscano concorrenza alla
utilizzazione economica dell'opera."
In altre parole: i testi delle canzoni che trovate su questo sito possono essere utilizzati solo
ed esclusivamente per uso personale o di discussione.
Maggiori info (e la legge completa) sul sito della SIAE (Diroitto d'autore e Web / Ufficio
Multimedialità / Domande e risposte- (artt. 72 e segg. Legge 633/41))

LA CITTA' VECCHIA

Nei quartieri dove il sole del buon Dio non dà i suoi raggi
ha già troppi impegni per scaldar la gente d'altri paraggi,
una bimba canta la canzone antica della donnaccia
quello che ancor non sai tu lo imparerai solo qui tra le mie braccia.

E se alla sua età le difetterà la competenza


presto affinerà le capacità con l'esperienza
dove sono andati i tempi di una volta per Giunone
quando ci voleva per fare il mestiere anche un po' di vocazione.

Una gamba qua, una gamba là, gonfi di vino


quattro pensionati mezzo avvelenati al tavolino
li troverai là, col tempo che fa, estate e inverno
a stratracannare a stramaledire le donne, il tempo ed il governo.

Loro cercan là, la felicità dentro a un bicchiere


per dimenticare d'esser stati presi per il sedere
ci sarà allegria anche in agonia col vino forte
porteran sul viso l'ombra di un sorriso tra le braccia della morte.

Vecchio professore cosa vai cercando in quel portone


forse quella che sola ti può dare una lezione
quella che di giorno chiami con disprezzo pubblica moglie.
Quella che di notte stabilisce il prezzo alle tue voglie.

Tu la cercherai, tu la invocherai più di una notte

http://www.viadelcampo.com/html/testi_tutto_fda.html (1 of 10)24/05/2005 11.57.26


Testi Tutto FDA

ti alzerai disfatto rimandando tutto al ventisette


quando incasserai delapiderai mezza pensione
diecimila lire per sentirti dire "micio bello e bamboccione".

Se ti inoltrerai lungo le calate dei vecchi moli


In quell'aria spessa carica di sale, gonfia di odori
lì ci troverai i ladri gli assassini e il tipo strano
quello che ha venduto per tremila lire sua madre a un nano.

Se tu penserai, se giudicherai
da buon borghese
li condannerai a cinquemila anni più le spese
ma se capirai, se li cercherai fino in fondo
se non sono gigli son pur sempre figli
vittime di questo mondo.

LA BALLATA DEL MICHE'

Quando hanno aperto la cella


era già tardi perché
con una corda al collo
freddo pendeva Michè

tutte le volte che un gallo


sento cantar penserò
a quella notte in prigione
quando Michè s'impiccò

stanotte Michè
s'è impiccato a un chiodo perché
non voleva restare vent'anni in prigione
lontano da te

nel buio Michè se n'è andato sapendo che a te


non poteva mai dire che aveva ammazzato
soltanto per te

io so che Michè
ha voluto morire perché
ti restasse il ricordo del bene profondo
che aveva per te

vent'anni gli avevano dato


la corte decise così
perché un giorno aveva ammazzato
chi voleva rubargli Marì

l'avevan perciò condannato


vent'anni in prigione a marcir
però adesso che lui s'è impiccato

http://www.viadelcampo.com/html/testi_tutto_fda.html (2 of 10)24/05/2005 11.57.26


Testi Tutto FDA

la porta gli devono aprir

se pure Michè
non ti ha scritto spiegando perché
se n'è andato dal mondo tu sai che l'ha fatto
soltanto per te

domani alle tre


nella fossa comune sarà
senza il prete e la messa perché d'un suicida
non hanno pietà

domani Michè
nella terra bagnata sarà
e qualcuno una croce col nome la data
su lui pianterà
e qualcuno una croce col nome e la data
su lui pianterà.

LA GUERRA DI PIERO

Dormi sepolto in un campo di grano


non è la rosa non è il tulipano
che ti fan veglia dall'ombra dei fossi
ma son mille papaveri rossi

lungo le sponde del mio torrente


voglio che scendano i lucci argentati
non più i cadaveri dei soldati
portati in braccio dalla corrente

così dicevi ed era inverno


e come gli altri verso l'inferno
te ne vai triste come chi deve
il vento ti sputa in faccia la neve

fermati Piero , fermati adesso


lascia che il vento ti passi un po' addosso
dei morti in battaglia ti porti la voce
chi diede la vita ebbe in cambio una croce

ma tu no lo udisti e il tempo passava


con le stagioni a passo di giava
ed arrivasti a varcar la frontiera
in un bel giorno di primavera

e mentre marciavi con l'anima in spalle


vedesti un uomo in fondo alla valle
che aveva il tuo stesso identico umore
ma la divisa di un altro colore

sparagli Piero , sparagli ora

http://www.viadelcampo.com/html/testi_tutto_fda.html (3 of 10)24/05/2005 11.57.26


Testi Tutto FDA

e dopo un colpo sparagli ancora


fino a che tu non lo vedrai esangue
cadere in terra a coprire il suo sangue

e se gli sparo in fronte o nel cuore


soltanto il tempo avrà per morire
ma il tempo a me resterà per vedere
vedere gli occhi di un uomo che muore

e mentre gli usi questa premura


quello si volta , ti vede e ha paura
ed imbraccia l'artiglieria
non ti ricambia la cortesia

cadesti in terra senza un lamento


e ti accorgesti in un solo momento
che il tempo non ti sarebbe bastato
a chiedere perdono per ogni peccato

cadesti interra senza un lamento


e ti accorgesti in un solo momento
che la tua vita finiva quel giorno
e non ci sarebbe stato un ritorno

Ninetta mia crepare di maggio


ci vuole tanto troppo coraggio
Ninetta bella dritto all'inferno
avrei preferito andarci in inverno

e mentre il grano ti stava a sentire


dentro alle mani stringevi un fucile
dentro alla bocca stringevi parole
troppo gelate per sciogliersi al sole

dormi sepolto in un campo di grano


non è la rosa non è il tulipano
che ti fan veglia dall'ombra dei fossi
ma sono mille papaveri rossi.

IL TESTAMENTO

Quando la morte mi chiamerà


forse qualcuno protesterà
dopo aver letto nel testamento
quel che gli lascio in eredità

non maleditemi non serve a niente


tanto all'inferno ci sarò già

ai protettori delle battone


lascio un impiego da ragioniere

http://www.viadelcampo.com/html/testi_tutto_fda.html (4 of 10)24/05/2005 11.57.26


Testi Tutto FDA

perché provetti nel loro mestiere


rendano edotta la popolazione

ad ogni fine di settimana


sopra la rendita di una puttana
ad ogni fine di settimana
sopra la rendita di una puttana

voglio lasciare a Bianca Maria


che se ne frega della decenza
un attestato di benemerenza
che al matrimonio le spiani la via
con tanti auguri per chi c'è caduto
di conservarsi felice e cornuto
con tanti auguri per chi c'è caduto
di conservarsi felice e cornuto

sorella morte lasciami il tempo


di terminare il mio testamento
lasciami il tempo di salutare
di riverire di ringraziare
tutti gli artefici del girotondo
intorno al letto di un moribondo

signor becchino mi ascolti un poco


il suo lavoro a tutti non piace
non lo consideran tanto un bel gioco
coprir di terra chi riposa in pace
ed è per questo che io mi onoro
nel consegnarle la vanga d'oro
ed è per questo che io mi onoro
nel consegnarle la vanga d'oro

per quella candida vecchia contessa


che non si muove più dal mio letto
per estirparmi l'insana promessa
di riservarle i miei numeri al lotto
non vedo l'ora di andar fra i dannati
per rivelarglieli tutti sbagliati
non vedo l'ora di andar fra i dannati
per rivelarglieli tutti sbagliati

quando la morte mi chiederà


di restituirle la libertà
forse una lacrima forse una sola
sulla mia tomba si spenderà
forse un sorriso forse uno solo
dal mio ricordo germoglierà

se dalla carne mia già corrosa


dove il mio cuore ha battuto un tempo
dovesse nascere un giorno una rosa
la do alla donna che mi offrì il suo pianto

http://www.viadelcampo.com/html/testi_tutto_fda.html (5 of 10)24/05/2005 11.57.26


Testi Tutto FDA

per ogni palpito del suo cuore


le rendo un petalo rosso d'amore
per ogni palpito del suo cuore
le rendo un petalo rosso d'amore

a te che fosti la più contesa


la cortigiana che non si dà a tutti
ed ora all'angolo di quella chiesa
offri le immagini ai belli ed ai brutti
lascio le note di questa canzone
canto il dolore della tua illusione
a te che sei costretta per tirare avanti
costretta a vendere Cristo e i santi

quando la morte mi chiamerà


nessuno al mondo si accorgerà
che un uomo è morto senza parlare
senza sapere la verità
che un uomo è morto senza pregare
fuggendo il peso della pietà

cari fratelli dell'altra sponda


cantammo in coro già sulla terra
amammo tutti l'identica donna
partimmo in mille per la stessa guerra
questo ricordo non vi consoli
quando si muore si muore si muore soli
questo ricordo non vi consoli
quando si muore si muore soli.

BALLATA DELL'AMORE CIECO

Un uomo onesto, un uomo probo,


tralalalalla tralallaleru
s'innamorò perdutamente
d'una che non lo amava niente.

Gli disse portami domani,


tralalalalla tralallaleru
gli disse portami domani
il cuore di tua madre per i miei cani.

Lui dalla madre andò e l'uccise,


tralalalalla tralallaleru
dal petto il cuore le strappò
e dal suo amore ritornò.

Non era il cuore, non era il cuore,


tralalalalla tralallaleru
non le bastava quell'orrore,
voleva un'altra prova del suo cieco amore.

http://www.viadelcampo.com/html/testi_tutto_fda.html (6 of 10)24/05/2005 11.57.26


Testi Tutto FDA

Gli disse amor se mi vuoi bene,


tralalalalla tralallaleru
gli disse amor se mi vuoi bene,
tagliati dei polsi le quattro vene.

Le vene ai polsi lui si tagliò,


tralalalalla tralallaleru
e come il sangue ne sgorgò,
correndo come un pazzo da lei tornò.

Gli disse lei ridendo forte,


tralalalalla tralallaleru
gli disse lei ridendo forte,
l'ultima tua prova sarà la morte.

E mentre il sangue lento usciva,


e ormai cambiava il suo colore,
la vanità fredda gioiva,
un uomo s'era ucciso per il suo amore.

Fuori soffiava dolce il vento


tralalalalla tralallaleru
ma lei fu presa da sgomento,
quando lo vide morir contento.
Morir contento e innamorato,
quando a lei niente era restato,
non il suo amore, non il suo bene,
ma solo il sangue secco delle sue vene.

AMORE CHE VIENI, AMORE CHE VAI

Quei giorni perduti a rincorrere il vento


a chiederci un bacio e volerne altri cento
un giorno qualunque li ricorderai
amore che fuggi da me tornerai
un giorno qualunque ti ricorderai
amore che fuggi da me tornerai

e tu che con gli occhi di un altro colore


mi dici le stesse parole d'amore
fra un mese fra un anno scordate le avrai
amore che vieni da me fuggirai
fra un mese fra un anno scordate le avrai
amore che vieni da me fuggirai

venuto dal sole o da spiagge gelate


venuto in novembre o col vento d'estate
io t'ho amato sempre , non t'ho amato mai
amore che vieni , amore che vai
io t'ho amato sempre , non t'ho amato mai
amore che vieni , amore che vai.

http://www.viadelcampo.com/html/testi_tutto_fda.html (7 of 10)24/05/2005 11.57.26


Testi Tutto FDA

LA BALLATA DELL'EROE

Era partito per fare la guerra


per dare il suo aiuto alla sua terra
gli avevano dato le mostrine e le stelle
e il consiglio di vender cara la pelle

e quando gli dissero di andare avanti


troppo lontano si spinsero a cercare la verità
ora che è morto la patria si gloria
d'un altro eroe alla memoria

era partito per fare la guerra


per dare il suo aiuto alla sua terra
gli avevano dato le mostrine e le stelle
e il consiglio di vender cara la pelle

ma lei che lo amava aspettava il ritorno


d'un soldato vivo , d'un eroe morto che ne farà
se accanto nel letto le è rimasta la gloria
d'una medaglia alla memoria.

LA CANZONE DI MARINELLA

Questa di Marinella è la storia vera


che scivolò nel fiume a primavera
ma il vento che la vide così bella
dal fiume la portò sopra a una stella

sola senza il ricordo di un dolore


vivevi senza il sogno di un amore

ma un re senza corona e senza scorta


bussò tre volte un giorno alla sua porta

bianco come la luna il suo cappello


come l'amore rosso il suo mantello
tu lo seguisti senza una ragione
come un ragazzo segue un aquilone

e c'era il sole e avevi gli occhi belli


lui ti baciò le labbra ed i capelli
c'era la luna e avevi gli occhi stanchi
lui pose la mano sui tuoi fianchi

furono baci furono sorrisi


poi furono soltanto i fiordalisi
che videro con gli occhi delle stelle

http://www.viadelcampo.com/html/testi_tutto_fda.html (8 of 10)24/05/2005 11.57.26


Testi Tutto FDA

fremere al vento e ai baci la tua pelle

dicono poi che mentre ritornavi


nel fiume chissà come scivolavi

e lui che non ti volle creder morta


bussò cent'anni ancora alla tua porta

questa è la tua canzone Marinella


che sei volata in cielo su una stella
e come tutte le più belle cose
vivesti solo un giorno, come le rose

e come tutte le più belle cose


vivesti solo un giorno come le rose.

http://www.viadelcampo.com/html/testi_tutto_fda.html (9 of 10)24/05/2005 11.57.26


Testi Tutto FDA

http://www.viadelcampo.com/html/testi_tutto_fda.html (10 of 10)24/05/2005 11.57.26


Testi V1

Avvertenza!
Legge 633/41 art. 70 comma 1: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera,
per scopi di critica, di discussione ed anche di insegnamento,
sono liberi nei limiti giustificati da tali finalità e purchè non costituiscano concorrenza alla
utilizzazione economica dell'opera."
In altre parole: i testi delle canzoni che trovate su questo sito possono essere utilizzati solo ed
esclusivamente per uso personale o di discussione.

PREGHIERA IN GENNAIO

Lascia che sia fiorito


Signore, il suo sentiero
quando a te la sua anima
e al mondo la sua pelle
dovrà riconsegnare
quando verrà al tuo cielo
là dove in pieno giorno
risplendono le stelle.

Quando attraverserà
l'ultimo vecchio ponte
ai suicidi dirà
baciandoli alla fronte
venite in Paradiso
là dove vado anch'io
perché non c'è l'inferno
nel mondo del buon Dio.

Fate che giunga a Voi


con le sue ossa stanche
seguito da migliaia
di quelle facce bianche
fate che a voi ritorni
fra i morti per oltraggio
che al cielo ed alla terra
mostrarono il coraggio.

Signori benpensanti
spero non vi dispiaccia
se in cielo, in mezzo ai Santi
Dio, fra le sue braccia

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v1.html (1 of 13)24/05/2005 11.57.43


Testi V1

soffocherà il singhiozzo
di quelle labbra smorte
che all'odio e all'ignoranza
preferirono la morte.

Dio di misericordia
il tuo bel Paradiso
lo hai fatto soprattutto
per chi non ha sorriso
per quelli che han vissuto
con la coscienza pura
l'inferno esiste solo
per chi ne ha paura.

Meglio di lui nessuno


mai ti potrà indicare
gli errori di noi tutti
che puoi e vuoi salvare.

Ascolta la sua voce


che ormai canta nel vento
Dio di misericordia
vedrai, sarai contento.

Dio di misericordia
vedrai, sarai contento.

MARCIA NUZIALE

Matrimoni per amore, matrimoni per forza


ne ho visti di ogni tipo, di gente d'ogni sorta
di poveri straccioni e di grandi signori
di pretesi notai e di falsi professori
ma pure se vivrò fino alla fine del tempo
io sempre serberò il ricordo contento
delle povere nozze di mio padre e mia madre
decisi a regolare il loro amore sull'altare.

Fu su un carro da buoi se si vuole essere franchi


tirato dagli amici e spinto dai parenti
che andarono a sposarsi dopo un fidanzamento
durato tanti anni da chiamarsi ormai d'argento.

Cerimonia originale, strano tipo di festa,


la folla ci guardava gli occhi fuori dalla testa
eravamo osservati dalla gente civile
che mai aveva visto matrimoni in quello stile.

Ed ecco soffia il vento e si porta lontano


il cappello che mio padre tormentava in una mano
ecco cade la pioggia da un cielo mal disposto
deciso ad impedire le nozze ad ogni costo.

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v1.html (2 of 13)24/05/2005 11.57.43


Testi V1

Ed io non scorderò mai la sposa in pianto


cullava come un bimbo i suoi fiori di campo
ed io per consolarla, io con la gola tesa
suonavo la mia armonica come un organo da chiesa.

Mostrando i pugni nudi gli amici tutti quanti


gridarono "per Giove, le nozze vanno avanti"
per la gente bagnata, per gli dei dispettosi
le nozze vanno avanti, viva viva gli sposi.

SPIRITUAL

Dio del cielo se mi vorrai


in mezzo agli altri uomini mi cercherai
e Dio se mi cercherai
nei campi di granturco mi troverai.

Dio del cielo se, mi vorrai amare


scendi dalle stelle e vienimi a cercare

Dio del cielo se, mi vorrai amare


scendi dalle stelle e vienimi a cercare.

La chiave del cielo non ti voglio rubare


ma un attimo di gioia me lo puoi regalare
la chiave del cielo non ti voglio rubare
ma un attimo di gioia me lo puoi regalare.

Dio del cielo se, mi vorrai amare


scendi dalle stelle e vienimi a cercare

Dio del cielo se, mi vorrai amare


scendi dalle stelle e vienimi a cercare.

Senza di te non so più dove andare


come una mosca cieca che non può più volare
senza di te non so più dove andare
come una mosca cieca che non può più volare.

e se ci hai regalato il pianto ed il riso


noi qui sulla terra non lo abbiamo diviso
e se ci hai regalato il pianto ed il riso
noi qui sulla terra non lo abbiamo diviso.

Dio del cielo se, mi vorrai amare


scendi dalle stelle e vienimi a salvare
Dio del cielo se, mi vorrai amare
scendi dalle stelle e vienimi a salvare.
Dio del cielo se mi vorrai
in mezzo agli altri uomini mi cercherai
e Dio del cielo se mi cercherai
nei campi di granturco mi troverai.

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v1.html (3 of 13)24/05/2005 11.57.43


Testi V1

Dio del cielo se, mi vorrai amare


scendi dalle stelle e vienimi a cercare

Dio del cielo se, mi vorrai amare


scendi dalle stelle e vienimi a cercare.

Dio del cielo io ti aspetterò


nel cielo e sulla terra io ti cercherò.

SI CHIAMAVA GESU'

Venuto da molto lontano


a convertire bestie e gente
non si può dire non sia servito a niente
perché prese la terra per mano
vestito di sabbia e di bianco
alcuni lo dissero santo
per altri ebbe meno virtù
si faceva chiamare Gesù.

Non intendo cantare la gloria


né invocare la grazia e il perdono
di chi penso non fu altri che un uomo
come Dio passato alla storia
ma inumano è pur sempre l'amore
di chi rantola senza rancore
perdonando con l'ultima voce
chi lo uccide fra le braccia di una croce.

E per quelli che l'ebbero odiato


nel getzemani pianse l'addio
come per chi l'adorò come Dio
che gli disse sia sempre lodato,
per chi gli portò in dono alla fine
una lacrima o una treccia di spine,
accettando ad estremo saluto
la preghiera l'insulto e lo sputo.

E morì come tutti si muore


come tutti cambiando colore
non si può dire non sia servito a molto
perché il male dalla terra non fu tolto

Ebbe forse un pò troppe virtù,


ebbe un nome ed un volto: Gesù.
Di Maria dicono fosse il figlio
sulla croce sbiancò come un giglio.

BARBARA

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v1.html (4 of 13)24/05/2005 11.57.43


Testi V1

Chi cerca una bocca infedele


che sappia di fragola e miele
in lei la troverà
Barbara
in lei la bacerà
Barbara.

Lei sa che ogni letto di sposa


è fatto di ortiche e mimosa
per questo ad un'alta età
Barbara
l'amore vero rimanderà
Barbara.

E intanto lei gioca all'amore


scherzando con gli occhi ed il cuore
di chi forse la odierà
Barbara
ma poi la perdonerà
Barbara.

E il vento di sera la invita


a sfogliare la sua margherita
per ogni amore che se ne va
lei lo sa
un altro petalo fiorirà
per Barbara.

VIA DEL CAMPO

Via del Campo c'è una graziosa


gli occhi grandi color di foglia
tutta notte sta sulla soglia
vende a tutti la stessa rosa.

Via del Campo c'è una bambina


con le labbra color rugiada
gli occhi grigi come la strada
nascon fiori dove cammina.

Via del Campo c'è una puttana


gli occhi grandi color di foglia
se di amarla ti vien la voglia
basta prenderla per la mano

e ti sembra di andar lontano


lei ti guarda con un sorriso
non credevi che il paradiso
fosse solo lì al primo piano.

Via del Campo ci va un illuso


a pregarla di maritare
a vederla salir le scale

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v1.html (5 of 13)24/05/2005 11.57.43


Testi V1

fino a quando il balcone ha chiuso.

Ama e ridi se amor risponde


piangi forte se non ti sente
dai diamanti non nasce niente
dal letame nascono i fior
dai diamanti non nasce niente
dal letame nascono i fior.

CARO AMORE
(sostituita in seguito da "La stagione del tuo amore")

Caro amore
nei tramonti d'aprile
caro amore
quando il sole si uccide
oltre le onde
puoi sentire piangere e gioire
anche il vento ed il mare.

Caro amore
così un uomo piange
caro amore
al sole, al vento e ai verdi anni
che cantando se ne vanno
dopo il mattino di maggio
quando sono venuti
e quando scalzi
e con gli occhi ridenti
sulla sabbia scrivevamo contenti
le più ingenue parole.

Caro amore
i fiori dell'altr'anno
caro amore
sono sfioriti e mai più
rifioriranno
e nei giardini ad ogni inverno
ben più tristi sono le foglie.

Caro amore
così un uomo vive
caro amore
e il sole e il vento e i verdi anni
si rincorrono cantando
verso il novembre a cui
ci vanno portando
e dove un giorno con un triste sorriso
ci diremo tra le labbra ormai stanche
"eri il mio caro amore".

LA STAGIONE DEL TUO AMORE

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v1.html (6 of 13)24/05/2005 11.57.43


Testi V1

La stagione del tuo amore


non è più la primavera
ma nei giorni del tuo autunno
hai la dolcezza della sera
se un mattino fra i capelli
troverai un po' di neve
nel giardino del tuo amore
verrò a raccogliere il bucaneve

passa il tempo sopra il tempo


ma non devi aver paura
sembra correre come il vento
però il tempo non ha premura
piangi e ridi come allora
ridi e piangi e ridi ancora
ogni gioia ogni dolore
poi ritrovarli nella luce di un'ora

passa il tempo sopra il tempo


ma non devi aver paura
sembra correre come il vento
però il tempo non ha premura
piangi e ridi come allora
ridi e piangi e ridi ancora
ogni gioia ogni dolore
puoi ritrovarli nella luce di un'ora

LA MORTE

La morte verrà all'improvviso


avrà le tue labbra e i tuoi occhi
ti coprirà di un velo bianco
addormentandosi al tuo fianco
nell'ozio, nel sonno, in battaglia
verrà senza darti avvisaglia
la morte va a colpo sicuro
non suona il corno né il tamburo.

Madonna che in limpida fonte


ristori le membra stupende
la morte no ti vedrà in faccia
avrà il tuo seno e le tue braccia.

Prelati, notabili e conti


sull'uscio piangeste ben forte
chi ben condusse sua vita
male sopporterà sua morte.

Straccioni che senza vergogna


portaste il cilicio o la gogna
partirvene non fu fatica
perché la morte vi fu amica.

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v1.html (7 of 13)24/05/2005 11.57.43


Testi V1

Guerrieri che in punto di lancia


dal suol d'Oriente alla Francia
di strage menaste gran vanto
e fra i nemici il lutto e il pianto

davanti all'estrema nemica


non serve coraggio o fatica
non serve colpirla nel cuore
perché la morte mai non muore.

BOCCA DI ROSA

La chiamavano bocca di rosa


metteva l'amore, metteva l'amore,
la chiamavano bocca di rosa
metteva l'amore sopra ogni cosa.

Appena scese alla stazione


nel paesino di Sant'Ilario
tutti si accorsero con uno sguardo
che non si trattava di un missionario.

C'è chi l'amore lo fa per noia


chi se lo sceglie per professione
bocca di rosa né l'uno né l'altro
lei lo faceva per passione.

Ma la passione spesso conduce


a soddisfare le proprie voglie
senza indagare se il concupito
ha il cuore libero oppure ha moglie.

E fu così che da un giorno all'altro


bocca di rosa si tirò addosso
l'ira funesta delle cagnette
a cui aveva sottratto l'osso.

Ma le comari di un paesino
non brillano certo in iniziativa
le contromisure fino a quel punto
si limitavano all'invettiva.

Si sa che la gente dà buoni consigli


sentendosi come Gesù nel tempio,
si sa che la gente dà buoni consigli
se non può più dare cattivo esempio.

Così una vecchia mai stata moglie


senza mai figli, senza più voglie,
si prese la briga e di certo il gusto
di dare a tutte il consiglio giusto.

E rivolgendosi alle cornute

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v1.html (8 of 13)24/05/2005 11.57.43


Testi V1

le apostrofò con parole argute:


"il furto d'amore sarà punito-
disse- dall'ordine costituito".

E quelle andarono dal commissario


e dissero senza parafrasare:
"quella schifosa ha già troppi clienti
più di un consorzio alimentare".

E arrivarono quattro gendarmi


con i pennacchi con i pennacchi
e arrivarono quattro gendarmi
con i pennacchi e con le armi.

Il cuore tenero non è una dote


di cui sian colmi i carabinieri
ma quella volta a prendere il treno
l'accompagnarono malvolentieri.

Alla stazione c'erano tutti


dal commissario al sagrestano
alla stazione c'erano tutti
con gli occhi rossi e il cappello in mano,

a salutare chi per un poco


senza pretese, senza pretese,
a salutare chi per un poco
portò l'amore nel paese.

C'era un cartello giallo


con una scritta nera
diceva "Addio bocca di rosa
con te se ne parte la primavera".

Ma una notizia un po' originale


non ha bisogno di alcun giornale
come una freccia dall'arco scocca
vola veloce di bocca in bocca.

E alla stazione successiva


molta più gente di quando partiva
chi mandò un bacio, chi gettò un fiore
chi si prenota per due ore.

Persino il parroco che non disprezza


fra un miserere e un'estrema unzione
il bene effimero della bellezza
la vuole accanto in processione.

E con la Vergine in prima fila


e bocca di rosa poco lontano
si porta a spasso per il paese
l'amore sacro e l'amor profano.

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v1.html (9 of 13)24/05/2005 11.57.43


Testi V1

CARLO MARTELLO RITORNA DALLA BATTAGLIA DI POITIERS

Re Carlo tornava dalla guerra


lo accoglie la sua terra
cingendolo d'allor

al sol della calda primavera


lampeggia l'armatura
del sire vincitor

il sangue del principe del Moro


arrossano il ciniero
d'identico color

ma più che del corpo le ferite


da Carlo son sentite
le bramosie d'amor

"se ansia di gloria e sete d'onore


spegne la guerra al vincitore
non ti concede un momento per fare all'amore

chi poi impone alla sposa soave di castità


la cintura in me grave
in battaglia può correre il rischio di perder la chiave"

così si lamenta il Re cristiano


s'inchina intorno il grano
gli son corona i fior

lo specchi di chiara fontanella


riflette fiero in sella
dei Mori il vincitor

Quand'ecco nell'acqua si compone


mirabile visione
il simbolo d'amor

nel folto di lunghe trecce bionde


il seno si confonde
ignudo in pieno sol

"Mai non fu vista cosa più bella


mai io non colsi siffatta pulzella"
disse Re Carlo scendendo veloce di sella

"De' cavaliere non v'accostate


già d'altri è gaudio quel che cercate
ad altra più facile fonte la sete calmate"

Sorpreso da un dire sì deciso


sentendosi deriso
Re Carlo s'arrestò

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v1.html (10 of 13)24/05/2005 11.57.43


Testi V1

ma più dell'onor potè il digiuno


fremente l'elmo bruno
il sire si levò

codesta era l'arma sua segreta


da Carlo spesso usata
in gran difficoltà

alla donna apparve un gran nasone


e un volto da caprone
ma era sua maestà

"Se voi non foste il mio sovrano"


Carlo si sfila il pesante spadone
"non celerei il disio di fuggirvi lontano,

ma poiché siete il mio signore"


Carlo si toglie l'intero gabbione
"debbo concedermi spoglia ad ogni pudore"

Cavaliere egli era assai valente


ed anche in quel frangente
d'onor si ricoprì

e giunto alla fin della tenzone


incerto sull'arcione
tentò di risalir

veloce lo arpiona la pulzella


repente la parcella
presenta al suo signor

"Beh proprio perché voi siete il sire


fan cinquemila lire
è un prezzo di favor"

"E' mai possibile o porco di un cane


che le avventure in codesto reame
debban risolversi tutte con grandi puttane,

anche sul prezzo c'è poi da ridire


ben mi ricordo che pria di partire
v'eran tariffe inferiori alle tremila lire"

Ciò detto agì da gran cialtrone


con balzo da leone
in sella si lanciò

frustando il cavallo come un ciuco


fra i glicini e il sambuco
il Re si dileguò

Re Carlo tornava dalla guerra


lo accoglie la sua terra

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v1.html (11 of 13)24/05/2005 11.57.43


Testi V1

cingendolo d'allor

al sol della calda primavera


lampeggia l'armatura
del sire vincitor

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v1.html (12 of 13)24/05/2005 11.57.43


Testi V1

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v1.html (13 of 13)24/05/2005 11.57.43


Testi V2

Avvertenza!
Legge 633/41 art. 70 comma 1: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di
parti di opera, per scopi di critica, di discussione ed anche di insegnamento,
sono liberi nei limiti giustificati da tali finalità e purchè non costituiscano concorrenza alla
utilizzazione economica dell'opera."
In altre parole: i testi delle canzoni che trovate su questo sito possono essere utilizzati solo
ed esclusivamente per uso personale o di discussione.

CANTICO DEI DROGATI

Ho licenziato Dio
gettato via un amore
per costruirmi il vuoto
nell'anima e nel cuore.

Le parole che dico


non han più forma né accento
si trasformano i suoni
in un sordo lamento.

Mentre fra gli altri nudi


io striscio verso un fuoco
che illumina i fantasmi
di questo osceno giuoco.

Come potrò dire a mia madre che ho paura?

Chi mi riparlerà
di domani luminosi
dove i muti canteranno
e taceranno i noiosi

quando riascolterò
il vento tra le foglie
sussurrare i silenzi
che la sera raccoglie.

Io che non vedo più


che folletti di vetro
che mi spiano davanti

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v2.html (1 of 9)24/05/2005 11.57.46


Testi V2

che mi ridono dietro.

Come potrò dire la mia madre che ho paura?

Perché non hanno fatto


delle grandi pattumiere
per i giorni già usati
per queste ed altre sere.

E chi, chi sarà mai


il buttafuori del sole
chi lo spinge ogni giorno
sulla scena alle prime ore.

E soprattutto chi
e perché mi ha messo al mondo
dove vivo la mia morte
con un anticipo tremendo?

Come potrò dire a mia madre che ho paura?

Quando scadrà l'affitto


di questo corpo idiota
allora avrò il mio premio
come una buona nota.

Mi citeran di monito
a chi crede sia bello
giocherellare a palla
con il proprio cervello.

Cercando di lanciarlo
oltre il confine stabilito
che qualcuno ha tracciato
ai bordi dell'infinito.

Come potrò dire a mia madre che ho paura?

Tu che m'ascolti insegnami


un alfabeto che sia
differente da quello
della mia vigliaccheria.

PRIMO INTERMEZZO

Gli arcobaleni d'altri mondi hanno colori che non so


lungo i ruscelli d'altri mondi nascono fiori che non ho.

Gli arcobaleni d'altri mondi hanno colori che non so


lungo i ruscelli d'altri mondi nascono fiori che non ho.

LEGGENDA DI NATALE

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v2.html (2 of 9)24/05/2005 11.57.46


Testi V2

Parlavi alla luna giocavi coi fiori


avevi l'età che non porta dolori
e il vento era un mago, la rugiada una dea,
nel bosco incantato di ogni tua idea
nel bosco incantato di ogni tua idea.

E venne l'inverno che uccide il colore


e un babbo Natale che parlava d'amore
e d'oro e d'argento splendevano i doni
ma gli occhi eran freddi e non erano buoni
ma gli occhi eran freddi e non erano buoni.

Coprì le tue spalle d'argento e di lana


di pelle e smeraldi intrecciò una collana
e mentre incantata lo stavi a guardare
dai piedi ai capelli ti volle baciare
dai piedi ai capelli ti volle baciare.

E adesso che gli altri ti chiamano dea


l'incanto è svanito da ogni tua idea
ma ancora alla luna vorresti narrare
la storia d'un fiore appassito a Natale
la storia d'un fiore appassito a Natale.

SECONDO INTERMEZZO

Sopra le tombe d'altri mondi


nascono fiori che non so

Ma tra i capelli d'altri amori


muoiono fiori che non ho

BALLATA DEGLI IMPICCATI

Tutti morimmo a stento


ingoiando l'ultima voce
tirando calci al vento
vedemmo sfumare la luce.

L'urlo travolse il sole


l'aria divenne stretta
cristalli di parole
l'ultima bestemmia detta.

Prima che fosse finita


ricordammo a chi vive ancora
che il prezzo fu la vita
per il male fatto in un'ora.

Poi scivolammo nel gelo

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v2.html (3 of 9)24/05/2005 11.57.46


Testi V2

di una morte senza abbandono


recitando l'antico credo
di chi muore senza perdono.

Chi derise la nostra sconfitta


e l'estrema vergogna ed il modo
soffocato da identica stretta
impari a conoscere il nodo.

Chi la terra ci sparse sull'ossa


e riprese tranquillo il cammino
giunga anch'egli stravolto alla fossa
con la nebbia del primo mattino.

La donna che celò in un sorriso


il disagio di darci memoria
ritrovi ogni notte sul viso
un insulto del tempo e una scoria.

Coltiviamo per tutti un rancore


che ha l'odore del sangue rappreso
ciò che allora chiamammo dolore
è soltanto un discorso sospeso.

INVERNO

Sale la nebbia sui prati bianchi


come un cipresso nei camposanti
un campanile che non sembra vero
segna il confine fra la terra e il cielo.

Ma tu che vai, ma tu rimani


vedrai la neve se ne andrà domani
rifioriranno le gioie passate
col vento caldo di un'altra estate.

Anche la luce sembra morire


nell'ombra incerta di un divenire
dove anche l'alba diventa sera
e i volti sembrano teschi di cera.

Ma tu che vai, ma tu rimani


anche la neve morirà domani
l'amore ancora ci passerà vicino
nella stagione del biancospino.

La terra stanca sotto la neve


dorme il silenzio di un sonno greve
l'inverno raccoglie la sua fatica
di mille secoli, da un'alba antica.

Ma tu che stai, perché rimani?


Un altro inverno tornerà domani
cadrà altra neve a consolare i campi

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v2.html (4 of 9)24/05/2005 11.57.46


Testi V2

cadrà altra neve sui camposanti.

GIROTONDO

Se verrà la guerra, Marcondiro'ndero


se verrà la guerra, Marcondiro'ndà
sul mare e sulla terra, Marcondiro'ndera
sul mare e sulla terra chi ci salverà?

Ci salverà il soldato che non la vorrà


ci salverà il soldato che la guerra rifiuterà.

La guerra è già scoppiata, Marcondiro'ndero


la guerra è già scoppiata, chi ci aiuterà.

Ci aiuterà il buon Dio, Marcondiro'ndera


ci aiuterà il buon Dio, lui ci salverà.

Buon Dio è già scappato, dove non si sa


buon Dio se n'è andato, chissà quando ritornerà.

L'aeroplano vola, Marcondiro'ndera


l'aeroplano vola, Marcondiro'ndà.

Se getterà la bomba, Marcondiro'ndero


se getterà la bomba chi ci salverà?

Ci salva l'aviatore che non lo farà


ci salva l'aviatore che la bomba non getterà.

La bomba è già caduta, Marcondiro'ndero


la bomba è già caduta, chi la prenderà?

La prenderanno tutti, Marcondiro'ndera


sian belli o siano brutti, Marcondiro'ndà

Siam grandi o siam piccini li distruggerà


sian furbi o siano cretini li fulminerà.

Ci sono troppe buche, Marcondiro'ndera


ci sono troppe buche, chi le riempirà?

Non potremo più giocare al Marcondiro'ndera


non potremo più giocare al Marcondiro'ndà.

E voi a divertirvi andate un po' più in là


andate a divertirvi dove la guerra non ci sarà.

La guerra è dappertutto, Marcondiro'ndera


la terra è tutta un lutto, chi la consolerà?

Ci penseranno gli uomini, le bestie i fiori


i boschi e le stagioni con i mille colori.

Di gente, bestie e fiori no, non ce n'è più

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v2.html (5 of 9)24/05/2005 11.57.46


Testi V2

viventi siam rimasti noi e nulla più.

La terra è tutta nostra, Marcondiro'ndera


ne faremo una gran giostra, Marcondiro'ndà.

Abbiam tutta la terra Marcondiro'ndera


giocheremo a far la guerra, Marcondiro'ndà...

TERZO INTERMEZZO

La polvere il sangue le mosche e l'odore


per strada fra i campi la gente che muore
e tu, tu la chiami guerra e non sai che cos'è
e tu, tu la chiami guerra e non ti spieghi il perché.

L'autunno negli occhi l'estate nel cuore


la voglia di dare l'istinto di avere
e tu, tu lo chiami amore e non sai che cos'è
e tu, tu lo chiami amore e non ti spieghi il perché.

RECITATIVO
(Due invocazioni e un atto d'accusa)

Uomini senza fallo, semidei


che vivete in castelli inargentati
che di gloria toccaste gli apogei
noi che invochiam pietà siamo i drogati.

Dell'inumano varcando il confine


conoscemmo anzitempo la carogna
che ad ogni ambito sogno mette fine:
che la pietà non vi sia di vergogna.

Banchieri, pizzicagnoli, notai,


coi ventri obesi e le mani sudate
coi cuori a forma di salvadanai
noi che invochiam pietà fummo traviate.

Navigammo su fragili vascelli


per affrontar del mondo la burrasca
ed avevamo gli occhi troppo belli:
che la pietà non vi rimanga in tasca.

Giudici eletti, uomini di legge


noi che danziam nei vostri sogni ancora
siamo l'umano desolato gregge
di chi morì con il nodo alla gola.

Quanti innocenti all'orrenda agonia


votaste decidendone la sorte
e quanto giusta pensate che sia
una sentenza che decreta morte?

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v2.html (6 of 9)24/05/2005 11.57.46


Testi V2

Uomini cui pietà non convien sempre


male accettando il destino comune,
andate, nelle sere di novembre,
a spiar delle stelle al fioco lume,
la morte e il vento, in mezzo ai camposanti,
muover le tombe e metterle vicine
come fossero tessere giganti
di un domino che non avrà mai fine.

Uomini, poiché all'ultimo minuto


non vi assalga il rimorso ormai tardivo
per non aver pietà giammai avuto
e non diventi rantolo il respiro:
sappiate che la morte vi sorveglia
gioir nei prati o fra i muri di calce,
come crescere il gran guarda il villano
finché non sia maturo per la falce.

CORALE
(Leggenda del Re infelice)
C'era un re
che aveva
due castelli
uno d'argento
uno d'oro
ma per lui
non il cuore
di un amico
mai un amore né felicità.

Un castello
lo donò
e cento e cento amici trovò
l'altro poi
gli portò
mille amori
ma non trovo
la felicità.

Non cercare la felicità


in tutti quelli a cui tu
hai donato
per avere un compenso
ma solo in te
nel tuo cuore
se tu avrai donato
solo per pietà
per pietà
per pietà...

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v2.html (7 of 9)24/05/2005 11.57.46


Testi V2

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v2.html (8 of 9)24/05/2005 11.57.46


Testi V2

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v2.html (9 of 9)24/05/2005 11.57.46


Testi v3

Avvertenza!
Legge 633/41 art. 70 comma 1: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di
parti di opera, per scopi di critica, di discussione ed anche di insegnamento,
sono liberi nei limiti giustificati da tali finalità e purchè non costituiscano concorrenza alla
utilizzazione economica dell'opera."
In altre parole: i testi delle canzoni che trovate su questo sito possono essere utilizzati solo
ed esclusivamente per uso personale o di discussione.

LA CANZONE DI MARINELLA

Questa di Marinella è la storia vera


che scivolò nel fiume a primavera
ma il vento che la vide così bella
dal fiume la portò sopra a una stella

sola senza il ricordo di un dolore


vivevi senza il sogno di un amore
ma un re senza corona e senza scorta
bussò tre volte un giorno alla sua porta

bianco come la luna il suo cappello


come l'amore rosso il suo mantello
tu lo seguisti senza una ragione
come un ragazzo segue un aquilone

e c'era il sole e avevi gli occhi belli


lui ti baciò le labbra ed i capelli
c'era la luna e avevi gli occhi stanchi
lui pose la mano sui tuoi fianchi

furono baci furono sorrisi


poi furono soltanto i fiordalisi
che videro con gli occhi delle stelle
fremere al vento e ai baci la tua pelle

dicono poi che mentre ritornavi


nel fiume chissà come scivolavi
e lui che non ti volle creder morta
bussò cent'anni ancora alla tua porta

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v3.html (1 of 14)24/05/2005 11.57.50


Testi v3

questa è la tua canzone Marinella


che sei volata in cielo su una stella
e come tutte le più belle cose
vivesti solo un giorno , come le rose

e come tutte le più belle cose


vivesti solo un giorno come le rose.

IL GORILLA (spartito in fondo alla canzone)

Sulla piazza d'una città


la gente guardava con ammirazione
un gorilla portato là
dagli zingari di un baraccone

con poco senso del pudore


le comari di quel rione
contemplavano lo scimmione
non dico dove non dico come

attenti al gorilla !

d'improvviso la grossa gabbia


dove viveva l'animale
s'aprì di schianto non so perché
forse l'avevano chiusa male

la bestia uscendo fuori di là


disse: "quest'oggi me la levo"
parlava della verginità
di cui ancora viveva schiavo

attenti al gorilla !

il padrone si mise a urlare


" il mio gorilla , fate attenzione"
non ha veduto mai una scimmia
potrebbe fare confusione

tutti i presenti a questo punto


fuggirono in ogni direzione
anche le donne dimostrando
la differenza fra idea e azione

attenti al gorilla !

tutta la gente corre di fretta


di qui e di là con grande foga
si attardano solo una vecchietta
e un giovane giudice con la toga

visto che gli altri avevan squagliato


il quadrumane accellerò

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v3.html (2 of 14)24/05/2005 11.57.50


Testi v3

e sulla vecchia e sul magistrato


con quattro salti si portò

attenti al gorilla !

bah , sospirò pensando la vecchia


ch'io fossi ancora desiderata
sarebbe cosa alquanto strana
e più che altro non sperata

che mi si prenda per una scimmia


pensava il giudice col fiato corto
non è possibile, questo è sicuro
il seguito prova che aveva torto

attenti al gorilla !

se qualcuno di voi dovesse


costretto con le spalle al muro ,
violare un giudice od una vecchia
della sua scelta sarei sicuro

ma si dà il caso che il gorilla


considerato un grandioso fusto
da chi l'ha provato però non brilla
né per lo spirito né per il gusto

attenti al gorilla !

infatti lui, sdegnando la vecchia


si dirige sul magistrato
lo acchiappa forte per un'orecchia
e lo trascina in mezzo ad un prato
quello che avvenne fra l'erba alta

non posso dirlo per intero


ma lo spettacolo fu avvincente
e lo "suspence" ci fu davvero

attenti al gorilla !

dirò soltanto che sul più bello


dello spiacevole e cupo dramma
piangeva il giudice come un vitello
negli intervalli gridava mamma

gridava mamma come quel tale


cui il giorno prima come ad un pollo
con una sentenza un po' originale
aveva fatto tagliare il collo.

attenti al gorilla !

IL GORILLA

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v3.html (3 of 14)24/05/2005 11.57.50


Testi v3

(F.De André - G.Brassens)

RE
Sulla piazza di una città
LA7
la gente guardava con ammirazione

un gorilla portato là
RE
dagli zingari di un baraccone

con poco senso del pudore


LA7
le comari di quel rione

contemplavano l'animale
RE
non dico come non dico dove
RE LA7 RE LA7 RE
attenti al gor - i -lla !

d'improvviso la grossa gabbia


dove viveva l'animale
s'aprì di schianto non so perché
forse l'avevano chiusa male
la bestia uscendo fuori di là
disse: "quest'oggi me la levo"
parlava della verginità
di cui ancora viveva schiavo
attenti al gorilla !

il padrone si mise a urlare


"il mio gorilla fate attenzione
non ha veduto mai una scimmia,
potrebbe fare confusione"
tutti i presenti a questo punto
fuggirono in ogni direzione
anche le donne dimostrando
la differenza fra idea e azione
attenti al gorilla !

tutta la gente corre di fretta


di qua e di là con grande foga
si attardano solo una vecchietta
e un giovane giudice con la toga
visto che gli altri avevan squagliato
il quadrumane accelerò
e sulla vecchia e sul magistrato
con quattro salti si portò
attenti al gorilla !

bah, sospirò pensando la vecchia


ch'io fossi ancora desiderata
sarebbe cosa alquanto strana
e più che altro non sperata
che mi si prenda per una scimmia

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v3.html (4 of 14)24/05/2005 11.57.50


Testi v3

pensava il giudice col fiato corto


non è possibile questo è sicuro
il seguito prova che aveva torto
attenti al gorilla !

se qualcuno di voi dovesse


costretto con le spalle al muro,
violare un giudice od una vecchia
della sua scelta sarei sicuro
ma si dà il caso che il gorilla
considerato un grandioso fusto
per chi l'ha provato però non brilla
né per lo spirito né per il gusto
attenti al gorilla !

infatti lui, sdegnata la vecchia


si dirige sul magistrato
la acchiappa forte per un'orecchia
e lo trascina in mezzo a un prato
quello che avvenne tra l'erba alta
non posso dirlo per intero
ma lo spettacolo fu avvincente
e la "suspance" ci fu davvero
attenti al gorilla !

dirò soltanto che sul più bello


dell'incredibile e cupo dramma
piangeva il giudice come un vitello
negli intervalli gridava mamma
gridava mamma come quel tale
cui il giorno prima come ad un pollo
con una sentenza un po' originale
aveva fatto tagliare il collo.
RE LA7 SOL LA7 RE
attenti al gor - i -lla !

LA BALLATA DELL'EROE

Era partito per fare la guerra


per dare il suo aiuto alla sua terra
gli avevano dato le mostrine e le stelle
e il consiglio di vender cara la pelle

e quando gli dissero di andare avanti


troppo lontano si spinsero a cercare la verità
ora che è morto la patria si gloria
d'un altro eroe alla memoria

era partito per fare la guerra


per dare il suo aiuto alla sua terra
gli avevano dato le mostrine e le stelle
e il consiglio di vender cara la pelle

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v3.html (5 of 14)24/05/2005 11.57.50


Testi v3

ma lei che lo amava aspettava il ritorno


d'un soldato vivo, d'un eroe morto che ne farà
se accanto nel letto le è rimasta la gloria
d'una medaglia alla memoria.

S'I' FOSSE FOCO


(da un sonetto di Cecco Angiolieri)

S'ì fosse foco, arderei 'l mondo;


s'ì fosse vento, lo tempesterei;
s'ì fosse acqua; ì' l'annegherei;
s'ì fosse Dio, mandereil'en profondo
s'ì fosse papa, sarè allor giocondo,
che tutt'i cristiani imbrigherei;
s'ì fosse 'mperator, sa che farei?
a tutti mozzerei lo capo a tondo

s'ì fosse morte, andarei da mio padre;


s'ì fosse vita, fuggirei da lui:
similmente faria da mi'madre
s'ì fosse Cecco, come sono e fui,
torrei le donne giovani e leggiadre :
e vecchie e laide lassarei altrui.

AMORE CHE VIENI, AMORE CHE VAI

Quei giorni perduti a rincorrere il vento


a chiederci un bacio e volerne altri cento

un giorno qualunque li ricorderai


amore che fuggi da me tornerai
un giorno qualunque ti ricorderai
amore che fuggi da me tornerai

e tu che con gli occhi di un altro colore


mi dici le stesse parole d'amore

fra un mese fra un anno scordate le avrai


amore che vieni da me fuggirai
fra un mese fra un anno scordate le avrai
amore che vieni da me fuggirai

venuto dal sole o da spiagge gelate


venuto in novembre o col vento d'estate

io t'ho amato sempre, non t'ho amato mai


amore che vieni, amore che vai

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v3.html (6 of 14)24/05/2005 11.57.50


Testi v3

io t'ho amato sempre, non t'ho amato mai


amore che vieni, amore che vai

LA GUERRA DI PIERO

Dormi sepolto in un campo di grano


non è la rosa non è il tulipano
che ti fan veglia dall'ombra dei fossi
ma son mille papaveri rossi

lungo le sponde del mio torrente


voglio che scendano i lucci argentati
non più i cadaveri dei soldati
portati in braccio dalla corrente

così dicevi ed era inverno


e come gli altri verso l'inferno
te ne vai triste come chi deve
il vento ti sputa in faccia la neve

fermati Piero, fermati adesso


lascia che il vento ti passi un po' addosso
dei morti in battaglia ti porti la voce
chi diede la vita ebbe in cambio una croce

ma tu non lo udisti e il tempo passava


con le stagioni a passo di giava
ed arrivasti a varcar la frontiera
in un bel giorno di primavera

e mentre marciavi con l'anima in spalle


vedesti un uomo in fondo alla valle
che aveva il tuo stesso identico umore
ma la divisa di un altro colore

sparagli Piero, sparagli ora


e dopo un colpo sparagli ancora
fino a che tu non lo vedrai esangue
cadere in terra a coprire il suo sangue

e se gli sparo in fronte o nel cuore


soltanto il tempo avrà per morire
ma il tempo a me resterà per vedere
vedere gli occhi di un uomo che muore

e mentre gli usi questa premura


quello si volta, ti vede e ha paura
ed imbraccia l'artiglieria
non ti ricambia la cortesia

cadesti in terra senza un lamento


e ti accorgesti in un solo momento

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v3.html (7 of 14)24/05/2005 11.57.50


Testi v3

che il tempo non ti sarebbe bastato


a chiedere perdono per ogni peccato

cadesti interra senza un lamento


e ti accorgesti in un solo momento
che la tua vita finiva quel giorno
e non ci sarebbe stato un ritorno

Ninetta mia crepare di maggio


ci vuole tanto troppo coraggio
Ninetta bella dritto all'inferno
avrei preferito andarci in inverno

e mentre il grano ti stava a sentire


dentro alle mani stringevi un fucile
dentro alla bocca stringevi parole
troppo gelate per sciogliersi al sole

dormi sepolto in un campo di grano


non è la rosa non è il tulipano
che ti fan veglia dall'ombra dei fossi
ma sono mille papaveri rossi.

IL TESTAMENTO

Quando la morte mi chiamerà


forse qualcuno protesterà
dopo aver letto nel testamento
quel che gli lascio in eredità
non maleditemi non serve a niente
tanto all'inferno ci sarò già

ai protettori delle battone


lascio un impiego da ragioniere
perché provetti nel loro mestiere
rendano edotta la popolazione

ad ogni fine di settimana


sopra la rendita di una puttana
ad ogni fine di settimana
sopra la rendita di una puttana

voglio lasciare a Bianca Maria


che se ne frega della decenza
un attestato di benemerenza
che al matrimonio le spiani la via

con tanti auguri per chi c'è caduto


di conservarsi felice e cornuto
con tanti auguri per chi c'è caduto
di conservarsi felice e cornuto

sorella morte lasciami il tempo

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v3.html (8 of 14)24/05/2005 11.57.50


Testi v3

di terminare il mio testamento


lasciami il tempo di salutare
di riverire di ringraziare
tutti gli artefici del girotondo
intorno al letto di un moribondo

signor becchino mi ascolti un poco


il suo lavoro a tutti non piace
non lo consideran tanto un bel gioco
coprir di terra chi riposa in pace

ed è per questo che io mi onoro


nel consegnarle la vanga d'oro
ed è per questo che io mi onoro
nel consegnarle la vanga d'oro

per quella candida vecchia contessa


che non si muove più dal mio letto
per estirparmi l'insana promessa
di riservarle i miei numeri al lotto

non vedo l'ora di andar fra i dannati


per rivelarglieli tutti sbagliati
non vedo l'ora di andar fra i dannati
per rivelarglieli tutti sbagliati

quando la morte mi chiederà


di restituirle la libertà
forse una lacrima forse una sola
sulla mia tomba si spenderà
forse un sorriso forse uno solo
dal mio ricordo germoglierà

se dalla carne mia già corrosa


dove il mio cuore ha battuto un tempo
dovesse nascere un giorno una rosa
la do alla donna che mi offrì il suo pianto

per ogni palpito del suo cuore


le rendo un petalo rosso d'amore
per ogni palpito del suo cuore
le rendo un petalo rosso d'amore

a te che fosti la più contesa


la cortigiana che non si dà a tutti
ed ora all'angolo di quella chiesa
offri le immagini ai belli ed ai brutti

lascio le note di questa canzone


canto il dolore della tua illusione
a te che sei costretta per tirare avanti
costretta a vendere Cristo e i santi

quando la morte mi chiamerà


nessuno al mondo si accorgerà
che un uomo è morto senza parlare

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v3.html (9 of 14)24/05/2005 11.57.50


Testi v3

senza sapere la verità


che un uomo è morto senza pregare
fuggendo il peso della pietà

cari fratelli dell'altra sponda


cantammo in coro già sulla terra
amammo tutti l'identica donna
partimmo in mille per la stessa guerra
questo ricordo non vi consoli
quando si muore si muore si muore soli
questo ricordo non vi consoli
quando si muore si muore soli.

NELL'ACQUA DELLA CHIARA FONTANA


(grazie a E. Noseda x il testo completo)

Nell'acqua della chiara fontana


lei tutta nuda si bagnava
quando un soffio di tramontana
le sue vesti in cielo portava

Dal folto dei capelli mi chiese


per rivestirla di cercare
i rami di cento mimose
e ramo con ramo intrecciare

Volli coprire le sue spalle


tutte di petali di rosa
ma il suo seno era così minuto
che fu sufficiente una rosa

Cercai ancora nella vigna


perché a metà non fosse spoglia
ma i suoi fianchi eran così minuti
che fu sufficiente una foglia

le braccia lei mi tese allora


per ringraziarmi un po' stupita
io la presi con tanto ardore
che fu nuovamente svestita

Il gioco divertì la graziosa


che molto spesso alla fontana
ritornò pregando Dio
in un soffio di tramontana

LA BALLATA DEL MICHE'

Quando hanno aperto la cella


era già tardi perché
con una corda al collo

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v3.html (10 of 14)24/05/2005 11.57.50


Testi v3

freddo pendeva Michè

tutte le volte che un gallo


sento cantar penserò
a quella notte in prigione
quando Michè s'impiccò

stanotte Michè
s'è impiccato a un chiodo perché
non voleva restare vent'anni in prigione
lontano da te

nel buio Michè se n'è andato sapendo che a te


non poteva mai dire che aveva ammazzato
soltanto per te

io so che Michè
ha voluto morire perché
ti restasse il ricordo del bene profondo
che aveva per te

vent'anni gli avevano dato


la corte decise così
perché un giorno aveva ammazzato
chi voleva rubargli Marì

l'avevan perciò condannato


vent'anni in prigione a marcir
però adesso che lui s'è impiccato
la porta gli devono aprir

se pure Michè
non ti ha scritto spiegando perché
se n'è andato dal mondo tu sai che l'ha fatto
soltanto per te

domani alle tre


nella fossa comune sarà
senza il prete e la messa perché d'un suicida
non hanno pietà

domani Michè
nella terra bagnata sarà
e qualcuno una croce col nome la data
su lui pianterà
e qualcuno una croce col nome e la data
su lui pianterà

IL RE FA RULLARE I TAMBURI
(canzone popolare francese del XIV° secolo)

Il re fa rullare i tamburi
Il re fa rullare i tamburi

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v3.html (11 of 14)24/05/2005 11.57.50


Testi v3

vuol sceglier fra le dame


un nuovo e fresco amore

ed è la prima che ha veduto


che gli ha rapito il cuore
marchese la conosci tu
marchese la conosci tu
chi è quella graziosa ?

ed il marchese disse al re
" maestà è la mia sposa "

tu sei più felice di me


tu sei più felice di me
d'aver dama si bella
signora si compita

se tu vorrai cederla a me
sarà la favorita
signore se non foste il re
signore se non foste il re

v'intimerei prudenza
ma siete il sire siete il re
vi devo l'obbedienza
marchese vedrai passerà
marchese vedrai passerà

d'amor la sofferenza
io ti farò nelle mie armate
maresciallo di Francia"

"addio per sempre mia gioia "


"addio per sempre mia bella "
"addio dolce amore"
"devi lasciarmi per il re"
"ed io ti lascio il cuore"

la regina ha raccolto dei fiori


la regina ha raccolto dei fiori
celando la sua offesa
ed il profumo di quei fiori
uccise la marchesa.

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v3.html (12 of 14)24/05/2005 11.57.50


Testi v3

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v3.html (13 of 14)24/05/2005 11.57.50


Testi v3

http://www.viadelcampo.com/html/testi_v3.html (14 of 14)24/05/2005 11.57.50


Testi N Barocche

Avvertenza!
Legge 633/41 art. 70 comma 1: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di
parti di opera, per scopi di critica, di discussione ed anche di insegnamento,
sono liberi nei limiti giustificati da tali finalità e purchè non costituiscano concorrenza alla
utilizzazione economica dell'opera."
In altre parole: i testi delle canzoni che trovate su questo sito possono essere utilizzati solo
ed esclusivamente per uso personale o di discussione.

NUVOLE BAROCCHE

Poi un'altra giornata di luce


poi un altro di questi tramonti
e portali colonne fontane.

Tu mi hai insegnato a vivere


insegnami a partir.

Ma il cielo è tutto rosso


di nuvole barocche
sul fiume che si sciacqua
sotto l'ultimo sole.

E mentre soffio a soffio


le spinge lo scirocco
sussurra un altro invito
che dice di restare.

Poi carezze lusinghe abbandoni


poi quegli occhi di verde dolcezza
mille e una di queste promesse.

Tu mi hai insegnato il sogno


io voglio la realtà.

E mentre soffio a soffio


le spinge lo scirocco
sussurra un altro invito
che dice devi amare
che dice devi amare.

http://www.viadelcampo.com/html/testi_n_barocche.html (1 of 11)24/05/2005 11.57.52


Testi N Barocche

E FU LA NOTTE

E fu la notte
la notte per noi
notte profonda
sul nostro amore.

E fu la fine
di tutto per noi
resta il passato
e niente di più.

Ma se ti dico:
"non t'amo più"
sono sicuro
di non dire il vero.

E fu la notte
la notte per noi
buio e silenzio
son scesi su noi.

E fu la notte
la notte per noi
buio e silenzio
son scesi su noi..

DELITTO DI PAESE

Non tutti nella capitale


sbocciano i fiori del male,
qualche assassinio senza pretese
lo abbiamo anche noi in paese.

Qualche assassinio senza pretese


lo abbiamo anche noi qui in paese.

Aveva il capo tutto bianco


ma il cuore non ancor stanco
gli ritornò a battere in fretta
per una giovinetta.

Gli ritornò a battere in fretta


per una giovinetta.

Ma la sua voglia troppo viva


subito gli esauriva,
in quattro baci e una carezza
l'ultima giovinezza.

In quattro baci e una carezza


l'ultima giovinezza.

http://www.viadelcampo.com/html/testi_n_barocche.html (2 of 11)24/05/2005 11.57.52


Testi N Barocche

Quando la mano lei gli tese


triste lui le rispose,
d'essere povero in bolletta
lei si rivestì in fretta.

D'essere povero in bolletta


lei si rivestì in fretta.

E andò a cercare il suo compagno


partecipe del guadagno
e ritornò col protettore
dal vecchio truffatore.

E ritornò col protettore


dal vecchio truffatore.

Mentre lui fermo lo teneva


sei volte lo accoltellava
dicon che quando lui spirò
la lingua lei gli mostrò.

Dicon che quando lui spirò


la lingua lei gli mostrò.

Misero tutto sotto sopra


senza trovare un soldo
ma solo un mucchio di cambiali
e di atti giudiziari.

Ma solo un mucchio di cambiali


e di atti giudiziari.

Allora presi dallo sconforto


e dal rimpianto del morto,
si inginocchiaron sul poveruomo
chiedendogli perdono.

Si inginocchiaron sul poveruomo


chiedendogli perdono.

Quando i gendarmi sono entrati


piangenti li han trovati
fu qualche lacrima sul viso
a dargli il paradiso.

Fu qualche lacrima sul viso


a dargli il paradiso.

E quando furono impiccati


volarono fra i beati
qualche beghino di questo fatto
fu poco soddisfatto.

Qualche beghino di questo fatto


fu poco soddisfatto.
Non tutti nella capitale
sbocciano i fiori del male,

http://www.viadelcampo.com/html/testi_n_barocche.html (3 of 11)24/05/2005 11.57.52


Testi N Barocche

qualche assassinio senza pretese


lo abbiamo anche noi in paese.

Qualche assassinio senza pretese


lo abbiamo anche noi qui in paese.

VALZER PER UN AMORE

Quando carica d'anni e di castità


tra i ricordi e le illusioni
del bel tempo che non ritornerà,
troverai le mie canzoni,
nel sentirle ti meraviglierai
che qualcuno abbia lodato

le bellezze che allor più non avrai


e che avesti nel tempo passato

ma non ti servirà il ricordo,


non ti servirà
che per piangere il tuo rifiuto
del mio amore che non tornerà.

Ma non ti servirà più a niente,


non ti servirà
che per piangere sui tuoi occhi
che nessuno più canterà.

Ma non ti servirà più a niente,


non ti servirà
che per piangere sui tuoi occhi
che nessuno più canterà.

Vola il tempo lo sai che vola e va,


forse non ce ne accorgiamo
ma più ancora del tempo che non ha età,
siamo noi che ce ne andiamo

e per questo ti dico amore, amor


io t'attenderò ogni sera,
ma tu vieni non aspettare ancor,
vieni adesso finché è primavera.

PER I TUOI LARGHI OCCHI

Per i tuoi larghi occhi,


per i tuoi larghi occhi chiari
che non piangono mai,
che non piangono mai.

E perché non mi hai dato


che un addio tanto breve,
perché dietro a quegli occhi

http://www.viadelcampo.com/html/testi_n_barocche.html (4 of 11)24/05/2005 11.57.52


Testi N Barocche

batte un cuore di neve.

Io ti dico che mai


il ricordo che in me lascerai
sarà stretto al mio cuore
da un motivo d'amore.

Non pensarlo perché


tutto quel che ricordo di te,
di quegli attimi amari,
sono i tuoi occhi chiari.

I tuoi larghi occhi


che restavan lontani
anche quando io sognavo,
anche mentre ti amavo.

.................................

E se tu tornerai
t'amero come sempre ti amai,
come un bel sogno inutile
che si scorda al mattino.

Ma i tuoi larghi occhi,


i tuoi larghi occhi chiari
anche se non verrai
non li scorderò mai.

CARLO MARTELLO RITORNA DALLA BATTAGLIA DI POITIERS

Re Carlo tornava dalla guerra


lo accoglie la sua terra
cingendolo d'allor

al sol della calda primavera


lampeggia l'armatura
del sire vincitor

il sangue del principe del Moro


arrossano il ciniero
d'identico color

ma più che del corpo le ferite


da Carlo son sentite
le bramosie d'amor

"se ansia di gloria e sete d'onore


spegne la guerra al vincitore
non ti concede un momento per fare all'amore

chi poi impone alla sposa soave di castità


la cintura in me grave
in battaglia può correre il rischio di perder la chiave"

http://www.viadelcampo.com/html/testi_n_barocche.html (5 of 11)24/05/2005 11.57.52


Testi N Barocche

così si lamenta il Re cristiano


s'inchina intorno il grano
gli son corona i fior

lo specchi di chiara fontanella


riflette fiero in sella
dei Mori il vincitor

Quand'ecco nell'acqua si compone


mirabile visione
il simbolo d'amor

nel folto di lunghe trecce bionde


il seno si confonde
ignudo in pieno sol

"Mai non fu vista cosa più bella


mai io non colsi siffatta pulzella"
disse Re Carlo scendendo veloce di sella

"De' cavaliere non v'accostate


già d'altri è gaudio quel che cercate
ad altra più facile fonte la sete calmate"

Sorpreso da un dire sì deciso


sentendosi deriso
Re Carlo s'arrestò

ma più dell'onor potè il digiuno


fremente l'elmo bruno
il sire si levò

codesta era l'arma sua segreta


da Carlo spesso usata
in gran difficoltà

alla donna apparve un gran nasone


e un volto da caprone
ma era sua maestà

"Se voi non foste il mio sovrano"


Carlo si sfila il pesante spadone
"non celerei il disio di fuggirvi lontano,

ma poiché siete il mio signore"


Carlo si toglie l'intero gabbione
"debbo concedermi spoglia ad ogni pudore"

Cavaliere egli era assai valente


ed anche in quel frangente
d'onor si ricoprì

e giunto alla fin della tenzone


incerto sull'arcione
tentò di risalir

veloce lo arpiona la pulzella

http://www.viadelcampo.com/html/testi_n_barocche.html (6 of 11)24/05/2005 11.57.52


Testi N Barocche

repente la parcella
presenta al suo signor

"Beh proprio perché voi siete il sire


fan cinquemila lire
è un prezzo di favor"

"E' mai possibile o porco di un cane


che le avventure in codesto reame
debban risolversi tutte con grandi puttane,

anche sul prezzo c'è poi da ridire


ben mi ricordo che pria di partire
v'eran tariffe inferiori alle tremila lire"

Ciò detto agì da gran cialtrone


con balzo da leone
in sella si lanciò

frustando il cavallo come un ciuco


fra i glicini e il sambuco
il Re si dileguò

Re Carlo tornava dalla guerra


lo accoglie la sua terra
cingendolo d'allor

al sol della calda primavera


lampeggia l'armatura
del sire vincitor

IL FANNULLONE

-Senza pretesa di voler strafare


io dormo al giorno quattordici ore
anche per questo nel mio rione
godo la fama di fannullone

ma non si sdegni la brava gente


se nella vita non riesco a far niente.-

Tu vaghi per le strade quasi tutta la notte


sognando mille favole di gloria e di vendette
racconti le tue storie a pochi uomini ormai stanchi
che ridono fissandoti con vuoti sguardi bianchi

tu reciti una parte fastidiosa alla gente


facendo della vita una commedia divertente.

-Ho anche provato a lavorare


senza risparmio mi diedi da fare
ma il sol risultato dell'esperimento
fu della fame un tragico aumento

non si risenta la gente per bene

http://www.viadelcampo.com/html/testi_n_barocche.html (7 of 11)24/05/2005 11.57.52


Testi N Barocche

se non mi adatto a portar le catene.-

Ti diedero lavoro in un grande ristorante


a lavare gli avanzi della gente elegante
ma tu dicevi -il cielo è la mia unica fortuna
e l'acqua dei piatti non rispecchia la luna-

tornasti a cantar storie lungo strade di notte


sfidando il buon umore delle tue scarpe rotte.

-Non sono poi quel cagnaccio malvagio


senza morale straccione e randagio
che si accontenta di un osso bucato
con affettuoso disprezzo gettato

al fannullone sa battere il cuore


il cane randagio ha trovato il suo amore.-

Pensasti al matrimonio come al giro di una danza


amasti la tua donna come un giorno di vacanza
hai preso la tua casa per rifugio alla tua fiacca
per un attaccapanni a cui appendere la giacca

e la tua dolce sposa consolò la sua tristezza


cercando tra la gente chi le offrisse tenerezza.

-È andata via senza fare rumore


forse cantando una storia d'amore
la raccontava ad un mondo ormai stanco
che camminava distratto al suo fianco

lei tornerà in una notte d'estate


l'applaudiranno le stelle incantate

rischiareranno dall'alto i lampioni


la strana danza di due fannulloni
la luna avrà dell'argento il colore
sopra la schiena dei gatti in amore.-

CANZONE DELL'AMORE PERDUTO

Ricordi sbocciavan le viole


con le nostre parole
"Non ci lasceremo mai, mai e poi mai",

vorrei dirti ora le stesse cose


ma come fan presto, amore, ad appassire le rose
così per noi

l'amore che strappa i capelli è perduto ormai,


non resta che qualche svogliata carezza
e un po' di tenerezza.

E quando ti troverai in mano


quei fiori appassiti al sole

http://www.viadelcampo.com/html/testi_n_barocche.html (8 of 11)24/05/2005 11.57.52


Testi N Barocche

di un aprile ormai lontano,


li rimpiangerai

ma sarà la prima che incontri per strada


che tu coprirai d'oro per un bacio mai dato,
per un amore nuovo.

E sarà la prima che incontri per strada


che tu coprirai d'oro per un bacio mai dato,
per un amore nuovo.

GEORDIE

Uomo
Mentre attraversavo London Bridge
un giorno senza sole
vidi una donna pianger d'amore,
piangeva per il suo Geordie.

Donna
Impiccheranno Geordie con una corda d'oro,
è un privilegio raro.
Rubò sei cervi nel parco del re
vendendoli per denaro.

Uomo
Sellate il suo cavallo dalla bianca criniera
sellatele il suo pony
cavalcherà fino a Londra stasera
ad implorare per Geordie

Donna
Geordie non rubò mai neppure per me
un frutto o un fiore raro.
Rubò sei cervi nel parco del re
vendendoli per denaro.

Insieme
Salvate le sue labbra, salvate il suo sorriso,
non ha vent'anni ancora
cadrà l'inverno anche sopra il suo viso,
potrete impiccarlo allora

Uomo
Nè il cuore degli inglesi nè lo scettro del re
Geordie potran salvare,
anche se piangeran con te
la legge non può cambiare.

Insieme
Così lo impiccheranno con una corda d'oro,
è un privilegio raro.

Uomo
Rubò sei cervi nel parco del re

http://www.viadelcampo.com/html/testi_n_barocche.html (9 of 11)24/05/2005 11.57.52


Testi N Barocche

vendendoli per denaro.

http://www.viadelcampo.com/html/testi_n_barocche.html (10 of 11)24/05/2005 11.57.52


Testi N Barocche

http://www.viadelcampo.com/html/testi_n_barocche.html (11 of 11)24/05/2005 11.57.52


Testi Pescatore

Avvertenza!
Legge 633/41 art. 70 comma 1: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di
parti di opera, per scopi di critica, di discussione ed anche di insegnamento,
sono liberi nei limiti giustificati da tali finalità e purchè non costituiscano concorrenza alla
utilizzazione economica dell'opera."
In altre parole: i testi delle canzoni che trovate su questo sito possono essere utilizzati solo
ed esclusivamente per uso personale o di discussione.

IL PESCATORE

All'ombra dell'ultimo sole


s'era assopito un pescatore
e aveva un solco lungo il viso
come una specie di sorriso.

Venne alla spiaggia un assassino


due occhi grandi da bambino
due occhi enormi di paura
eran gli specchi di un'avventura.

E chiese al vecchio dammi il pane


ho poco tempo e troppa fame
e chiese al vecchio dammi il vino
ho sete e sono un assassino.

Gli occhi dischiuse il vecchio al giorno


non si guardò neppure intorno
ma versò il vino e spezzò il pane
per chi diceva ho sete e ho fame.

E fu il calore di un momento
poi via di nuovo verso il vento
davanti agli occhi ancora il sole
dietro alle spalle un pescatore.

Dietro alle spalle un pescatore


e la memoria è già dolore
è già il rimpianto di un aprile
giocato all'ombra di un cortile.

http://www.viadelcampo.com/html/testi_pescatore.html (1 of 2)24/05/2005 11.57.54


Testi Pescatore

Vennero in sella due gendarmi


vennero in sella con le armi
chiesero al vecchio se lì vicino
fosse passato un assassino.

Ma all'ombra dell'ultimo sole


s'era assopito il pescatore
e aveva un solco lungo il viso
come una specie di sorriso
e aveva un solco lungo il viso
come una specie di sorriso.

http://www.viadelcampo.com/html/testi_pescatore.html (2 of 2)24/05/2005 11.57.54


Testi B Novella

Avvertenza!
Legge 633/41 art. 70 comma 1: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera, per scopi di
critica, di discussione ed anche di insegnamento,
sono liberi nei limiti giustificati da tali finalità e purchè non costituiscano concorrenza alla utilizzazione economica
dell'opera."
In altre parole: i testi delle canzoni che trovate su questo sito possono essere utilizzati solo ed esclusivamente per uso
personale o di discussione.

LA BUONA NOVELLA

L'INFANZIA DI MARIA

Coro:
Laudate dominum
Laudate dominum
Laudate dominum

Voce:
Forse fu all'ora terza forse alla nona
cucito qualche giglio sul vestitino alla buona
forse fu per bisogno o peggio per buon esempio
presero i tuoi tre anni e li portarono al tempio
presero i tuoi tre anni e li portarono al tempio.

Non fu più il seno di Anna fra le mura discrete


a consolare il pianto a calmarti la sete
dicono fosse un angelo a raccontarti le ore
a misurarti il tempo fra cibo e Signore
a misurarti il tempo fra cibo e Signore.

Coro:
Scioglie la neve al sole ritorna l'acqua al mare
il vento e la stagione ritornano a giocare
ma non per te bambina che nel tempio resti china
ma non per te bambina che nel tempio resti china.

Voce:
E quando i sacerdoti ti rifiutarono alloggio
avevi dodici anni e nessuna colpa addosso
ma per i sacerdoti fu colpa il tuo maggio
la tua verginità che si tingeva di rosso
la tua verginità che si tingeva di rosso.

E si vuol dar marito a chi non lo voleva

http://www.viadelcampo.com/html/testi_b_novella.html (1 of 14)24/05/2005 11.57.58


Testi B Novella

si batte la campagna si fruga la via


popolo senza moglie uomini d'ogni leva
del corpo d'una vergine si fa lotteria
del corpo d'una vergine si fa lotteria.

Coro:
Sciogli i capelli e guarda già vengono...
Guardala guardala scioglie i capelli
sono più lunghi dei nostri mantelli
guarda la pelle viene la nebbia
risplende il sole come la neve
guarda le mani guardale il viso
sembra venuta dal paradiso
guarda le forme la proporzione
sembra venuta per tentazione.
Guardala guardala scioglie i capelli
sono più lunghi dei nostri mantelli
guarda le mani guardale il viso
sembra venuta dal paradiso
guardale gli occhi guarda i capelli
guarda le mani guardale il collo
guarda la carne guarda il suo viso
guarda i capelli del paradiso
guarda la carne guardale il collo
sembra venuta dal suo sorriso
guardale gli occhi guarda la neve guarda la carne del paradiso.

Voce:
E fosti tu Giuseppe un reduce del passato
falegname per forza padre per professione
a vederti assegnata da un destino sgarbato
una figlia di più senza alcuna ragione
una bimba su cui non avevi intenzione.

E mentre te ne vai stanco d'essere stanco


la bambina per mano la tristezza di fianco
pensi "Quei sacerdoti la diedero in sposa
a dita troppo secche per chiudersi su una rosa
a un cuore troppo vecchio che ormai si riposa".

Secondo l'ordine ricevuto Giuseppe portò la bambina nella propria casa


e subito se ne partì per dei lavori che lo attendevano fuori dalla Giudea.
Rimase lontano quattro anni.

IL RITORNO DI GIUSEPPE

Stelle, già dal tramonto,


si contendono il cielo a frotte,
luci meticolose
nell'insegnarti la notte.

Un asino dai passi uguali,


compagno del tuo ritorno,
scandisce la distanza

http://www.viadelcampo.com/html/testi_b_novella.html (2 of 14)24/05/2005 11.57.58


Testi B Novella

lungo il morire del giorno.

Ai tuoi occhi, il deserto,


una distesa di segatura,
minuscoli frammenti
della fatica della natura.

Gli uomini della sabbia


hanno profili da assassini,
rinchiusi nei silenzi
d'una prigione senza confini.

Odore di Gerusalemme,
la tua mano accarezza il disegno
d'una bambola magra,
intagliata del legno.

"La vestirai, Maria,


ritornerai a quei giochi
lasciati quando i tuoi anni
erano così pochi."

E lei volò fra le tue braccia


come una rondine,
e le sue dita come lacrime,
dal tuo ciglio alla gola,
suggerivano al viso,
una volta ignorato,
la tenerezza d'un sorriso,
un affetto quasi implortato.

E lo stupore nei tuoi occhi


salì dalle tue mani
che vuote intorno alle sue spalle,
si colmarono ai fianchi
della forma precisa
d'una vita recente,
di quel segreto che si svela
quando lievita il ventre.

E a te, che cercavi il motivo


d'un inganno inespresso dal volto,
lei propose l'inquieto ricordo
fra i resti d'un sogno raccolto.

IL SOGNO DI MARIA

"Nel Grembo umido, scuro del tempio,


l'ombra era fredda, gonfia d'incenso;
l'angelo scese, come ogni sera,
ad insegnarmi una nuova preghiera:
poi, d'improvviso, mi sciolse le mani
e le mie braccia divennero ali,

http://www.viadelcampo.com/html/testi_b_novella.html (3 of 14)24/05/2005 11.57.58


Testi B Novella

quando mi chiese - Conosci l'estate -


io, per un giorno, per un momento,
corsi a vedere il colore del vento.

Volammo davvero sopra le case,


oltre i cancelli, gli orti, le strade,
poi scivolammo tra valli fiorite
dove all'ulivo si abbraccia la vite.

Scendemmo là, dove il giorno si perde


a cercarsi da solo nascosto tra il verde,
e lui parlò come quando si prega,
ed alla fine d'ogni preghiera
contava una vertebra della mia schiena.

(... e l' angelo disse: "Non


temere, Maria, infatti hai
trovato grazia presso il
Signore e per opera Sua
concepirai un figlio...)

Le ombre lunghe dei sacerdoti


costrinsero il sogno in un cerchio di voci.
Con le ali di prima pensai di scappare
ma il braccio era nudo e non seppe volare:
poi vidi l'angelo mutarsi in cometa
e i volti severi divennero pietra,
le loro braccia profili di rami,
nei gesti immobili d'un altra vita,
foglie le mani, spine le dita.

Voci di strada, rumori di gente,


mi rubarono al sogno per ridarmi al presente.
Sbiadì l'immagine, stinse il colore,
ma l'eco lontana di brevi parole
ripeteva d'un angelo la strana preghiera
dove forse era sogno ma sonno non era

- Lo chiameranno figlio di Dio -


Parole confuse nella mia mente,
svanite in un sogno, ma impresse nel ventre."

E la parola ormai sfinita


si sciolse in pianto,
ma la paura dalle labbra
si raccolse negli occhi
semichiusi nel gesto
d'una quiete apparente
che si consuma nell'attesa
d'uno sguardo indulgente.

E tu, piano, posati le dita


all'orlo della sua fronte:
i vecchi quando accarezzano
hanno il timore di far troppo forte.

http://www.viadelcampo.com/html/testi_b_novella.html (4 of 14)24/05/2005 11.57.58


Testi B Novella

AVE MARIA

E te ne vai, Maria, fra l'altra gente


che si raccoglie intorno al tuo passare,
siepe di sguardi che non fanno male
nella stagione di essere madre.

Sai che fra un'ora forse piangerai


poi la tua mano nasconderà un sorriso:
gioia e dolore hanno il confine incerto
nella stagione che illumina il viso.

Ave Maria, adesso che sei donna,


ave alle donne come te, Maria,
femmine un giorno per un nuovo amore
povero o ricco, umile o Messia.

Femmine un giorno e poi madri per sempre


nella stagione che stagioni non sente.

MARIA NELLA BOTTEGA D'UN FALEGNAME

Maria:
"Falegname col martello
perché fai den den?
Con la pialla su quel legno
perché fai fren fren?
Costruisci le stampelle
per chi in guerra andò?
Dalla Nubia sulle mani
a casa ritornò?"

Il falegname:
"Mio martello non colpisce,
pialla mia non taglia
per foggiare gambe nuove
a chi le offrì in battaglia,
ma tre croci, due per chi
disertò per rubare,
la più grande per chi guerra
insegnò a disertare".

La gente:
"Alle tempie addormentate
di questa città
pulsa il cuore di un martello,
quando smetterà?
Falegname, su quel legno,
quanti corpi ormai,
quanto ancora con la pialla
lo assottiglierai?"

http://www.viadelcampo.com/html/testi_b_novella.html (5 of 14)24/05/2005 11.57.58


Testi B Novella

Maria:
"Alle piaghe, alle ferite
che sul legno fai,
falegname su quei tagli
manca il sangue, ormai,
perché spieghino da soli,
con le loro voci,
quali volti sbiancheranno
sopra le tue croci".

Il falegname:
"Questi ceppi che han portato
perché il mio sudore
li trasformi nell'immagine
di tre dolori,
vedran lacrime di Dimaco
e di Tito al ciglio
il più grande che tu guardi
abbraccerà tuo figlio".

La gente:
"Dalla strada alla montagna
sale il tuo den den
ogni valle di Giordania
impara il tuo fren fren;
qualche gruppo di dolore
muove il passo inquieto,
altri aspettan di far bere
a quelle seti aceto".

VIA DELLA CROCE

"Poterti smembrare coi denti e le mani,


sapere i tuoi occhi bevuti dai cani,
di morire in croce puoi essere grato
a un brav'uomo di nome Pilato."

Ben più della morte che oggi ti vuole,


t'uccide il veleno di queste parole:
le voci dei padri di quei neonati,
da Erode per te trucidati.

Nel lugubre scherno degli abiti nuovi


misurano a gocce il dolore che provi;
trent'anni hanno atteso col fegato in mano,
i rantoli d'un ciarlatano.

Si muovono curve le vedove in testa,


per loro non è un pomeriggio di festa;
si serran le vesti sugli occhi e sul cuore
ma filtra dai veli il dolore:

fedeli umiliate da un credo inumano

http://www.viadelcampo.com/html/testi_b_novella.html (6 of 14)24/05/2005 11.57.58


Testi B Novella

che le volle schiave già prima di Abramo,


con riconoscenza ora soffron la pena
di chi perdonò a Maddalena,

di chi con un gesto soltanto fraterno


una nuova indulgenza insegnò al Padreterno,
e guardano in alto, trafitti dal sole,
gli spasimi d'un redentore.

Confusi alla folla ti seguono muti,


sgomenti al pensiero che tu li saluti:
"A redimere il mondo" gli serve pensare,
il tuo sangue può certo bastare.

La semineranno per mare e per terra


tra boschi e città la tua buona novella,
ma questo domani, con fede migliore,
stasera è più forte il terrore.

Nessuno di loro ti grida un addio


per esser scoperto cugino di Dio:
gli apostoli han chiuso le gole alla voce,
fratello che sanguini in croce.

Han volti distesi, già inclini al perdono,


ormai che han veduto il tuo sangue di uomo
fregiarti le membra di rivoli viola,
incapace di nuocere ancora.

Il potere vestito d'umana sembianza,


ormai ti considera morto abbastanza
e già volge lo sguardo a spiar le intenzioni
degli umili, degli straccioni.

Ma gli occhi dei poveri piangono altrove,


non sono venuti a esibire un dolore
che alla via della croce ha proibito l'ingresso
a chi ti ama come se stesso.

Sono pallidi al volto, scavati al torace,


non hanno la faccia di chi si compiace
dei gesti che ormai ti propone il dolore,
eppure hanno un posto d'onore.

Non hanno negli occhi scintille di pena.


Non sono stupiti a vederti la schiena
piegata dal legno che a stento trascini,
eppure ti stanno vicini.

Perdonali se non ti lasciano solo,


se sanno morir sulla croce anche loro,
a piangerli sotto non han che le madri,
in fondo, son solo due ladri.

http://www.viadelcampo.com/html/testi_b_novella.html (7 of 14)24/05/2005 11.57.58


Testi B Novella

TRE MADRI

Madre di Tito:
"Tito, non sei figlio di Dio,
ma c'è chi muore nel dirti addio".

Madre di Dimaco:
"Dimaco, ignori chi fu tuo padre,
ma più di te muore tua madre".

Le due madri:
"Con troppe lacrime piangi, Maria,
solo l'immagine d'un'agonia:
sai che alla vita, nel terzo giorno,
il figlio tuo farà ritorno:
lascia noi piangere, un po' più forte,
chi non risorgerà più dalla morte".

Madre di Gesù:
"Piango di lui ciò che mi è tolto,
le braccia magre, la fronte, il volto,
ogni sua vita che vive ancora,
che vedo spegnersi ora per ora.

Figlio nel sangue, figlio nel cuore,


e chi ti chiama - Nostro Signore -,
nella fatica del tuo sorriso
cerca un ritaglio di Paradiso.

Per me sei figlio, vita morente,


ti portò cieco questo mio ventre,
come nel grembo, e adesso in croce,
ti chiama amore questa mia voce.

Non fossi stato figlio di Dio


t'avrei ancora per figlio mio".

IL TESTAMENTO DI TITO

Tito:
"Non avrai altro Dio all'infuori di me,
spesso mi ha fatto pensare:
genti diverse venute dall'est
dicevan che in fondo era uguale.

Credevano a un altro diverso da te


e non mi hanno fatto del male.
Credevano a un altro diverso da te
e non mi hanno fatto del male.

Non nominare il nome di Dio,


non nominarlo invano.
Con un coltello piantato nel fianco

http://www.viadelcampo.com/html/testi_b_novella.html (8 of 14)24/05/2005 11.57.58


Testi B Novella

gridai la mia pena e il suo nome:

ma forse era stanco, forse troppo occupato,


e non ascoltò il mio dolore.
Ma forse era stanco, forse troppo lontano,
davvero lo nominai invano.

Onora il padre, onora la madre


e onora anche il loro bastone,
bacia la mano che ruppe il tuo naso
perché le chiedevi un boccone:

quando a mio padre si fermò il cuore


non ho provato dolore.
Quanto a mio padre si fermò il cuore
non ho provato dolore.

Ricorda di santificare le feste.


Facile per noi ladroni
entrare nei templi che riguargitan salmi
di schiavi e dei loro padroni

senza finire legati agli altari


sgozzati come animali.
Senza finire legati agli altari
sgozzati come animali.

Il quinto dice non devi rubare


e forse io l'ho rispettato
vuotando, in silenzio, le tasche già gonfie
di quelli che avevan rubato:

ma io, senza legge, rubai in nome mio,


quegli altri nel nome di Dio.
Ma io, senza legge, rubai in nome mio,
quegli altri nel nome di Dio.

Non commettere atti che non siano puri


cioè non disperdere il seme.
Feconda una donna ogni volta che l'ami
così sarai uomo di fede:

Poi la voglia svanisce e il figlio rimane


e tanti ne uccide la fame.
Io, forse, ho confuso il piacere e l'amore:
ma non ho creato dolore.

Il settimo dice non ammazzare


se del cielo vuoi essere degno.
Guardatela oggi, questa legge di Dio,
tre volte inchiodata nel legno:

guardate la fine di quel nazzareno


e un ladro non muore di meno.
Guardate la fine di quel nazzareno
e un ladro non muore di meno.

http://www.viadelcampo.com/html/testi_b_novella.html (9 of 14)24/05/2005 11.57.58


Testi B Novella

Non dire falsa testimonianza


e aiutali a uccidere un uomo.
Lo sanno a memoria il diritto divino,
e scordano sempre il perdono:

ho spergiurato su Dio e sul mio onore


e no, non ne provo dolore.
Ho spergiurato su Dio e sul mio onore
e no, non ne provo dolore.

Non desiderare la roba degli altri


non desiderarne la sposa.
Ditelo a quelli, chiedetelo ai pochi
che hanno una donna e qualcosa:

nei letti degli altri già caldi d'amore


non ho provato dolore.
L'invidia di ieri non è già finita:
stasera vi invidio la vita.

Ma adesso che viene la sera ed il buio


mi toglie il dolore dagli occhi
e scivola il sole al di là delle dune
a violentare altre notti:

io nel vedere quest'uomo che muore,


madre, io provo dolore.
Nella pietà che non cede al rancore,
madre, ho imparato l'amore".

LAUDATE HOMINEM (spartito in fondo alla canzone)

Laudate dominum
Laudate dominum

Gli umili, gli straccioni:


"Il potere che cercava
il nostro umore
mentre uccideva
nel nome d'un dio,
nel nome d'un dio
uccideva un uomo:
nel nome di quel dio
si assolse.

Poi, poi chiamò dio


poi chiamo dio
poi chiamò dio quell'uomo
e nel suo nome
nuovo nome
altri uomini,
altri, altri uomini

http://www.viadelcampo.com/html/testi_b_novella.html (10 of 14)24/05/2005 11.57.58


Testi B Novella

uccise ".

Non voglio pensarti figlio di Dio


ma figlio dell'uomo, fratello anche mio.

Laudate dominum
Laudate dominum

Ancora una volta


abbracciamo
la fede
che insegna ad avere
ad avere il diritto
al perdono, perdono
sul male commesso
nel nome d'un dio
che il male non volle, il male non volle,
finché
restò uomo
uomo.

Non posso pensarti figlio di Dio


ma figlio dell'uomo, fratello anche mio.

Qualcuno
qualcuno
tentò di imitarlo
se non ci riuscì
fu scusato
anche lui
perdonato
perché non s'imita
imita un dio,
un dio va temuto e lodato
lodato...

Laudate hominem
No, non devo pensarti figlio di Dio
ma figlio dell'uomo, fratello anche mio.
Ma figlio dell'uomo, fratello anche mio.
Laudate hominem.

LAUDATE HOMINEM - spartito


Mi- Mi-7 Do7maj Si7 La Mi Mi- Mi-7 Do7maj Si7 La Mi
Laudate Dominum Laudate Dominum

Mi- Mi-7 Do7maj


Gli umili, gli straccioni: Il potere che cercava il nostro umore

Si Mi- Mi-7 Do7maj


mentre uccideva nel nome d'un dio, nel nome d'un dio uccideva un uomo:

Si La Mi- Mi-7 Do7maj Si


nel nome di quel dio si assolse poi, poi chiamo' dio, poi chiamo' dio, poi chiamo dio
quell'uomo

http://www.viadelcampo.com/html/testi_b_novella.html (11 of 14)24/05/2005 11.57.58


Testi B Novella

La Mi- Mi-7 Do7maj Si5 Si


e nel suo nome, nuovo nome, altri uomini, altri uomini uccise.

Mi- Mi-7 Do7maj Si7 Mi- Mi-7 Do7maj Si7 Mi-


Non voglio pensarti figlio Dio ma figlio dell'Uomo, fratello anche mio.

Laudate Dominum Laudate Dominum


Ancora una volta abbracciammo la fede che insegna ad avere, ad avere il diritto
al perdono sul male commesso nel nome d'un dio che il male non volle, il male non volle,
finche' restò uomo.
Non posso pensarti figlio di Dio ma figlio dell'Uomo, fratello anche mio.

Laudate Dominum Laudate Dominum


Qualcuno, qualcuno tentò di imitarlo; se non ci riuscì fu scusato,
anche lui perdonato perché non si imita, non si imita un dio,
un dio va temuto e lodato, lodato...
No, non devo pensarti figlio di Dio ma figlio dell'Uomo, fratello anche mio.

Laudate Hominem

http://www.viadelcampo.com/html/testi_b_novella.html (12 of 14)24/05/2005 11.57.58


Testi B Novella

http://www.viadelcampo.com/html/testi_b_novella.html (13 of 14)24/05/2005 11.57.58


Testi B Novella

http://www.viadelcampo.com/html/testi_b_novella.html (14 of 14)24/05/2005 11.57.58


Testi Non al

Avvertenza!
Legge 633/41 art. 70 comma 1: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera, per scopi di critica,
di discussione ed anche di insegnamento,
sono liberi nei limiti giustificati da tali finalità e purchè non costituiscano concorrenza alla utilizzazione economica
dell'opera."
In altre parole: i testi delle canzoni che trovate su questo sito possono essere utilizzati solo ed esclusivamente per uso
personale o di discussione.

NON AL DENARO NON ALL'AMORE NE' AL CIELO

DORMONO SULLA COLLINA

Dove se n'è andato Elmer


che di febbre si lasciò morire
Dov'è Herman bruciato in miniera.

Dove sono Bert e Tom


il primo ucciso in una rissa
e l'altro che uscì già morto di galera.

E cosa ne sarà di Charley


che cadde mentre lavorava
dal ponte volò e volò sulla strada.

Dormono, dormono sulla collina


dormono, dormono sulla collina.

Dove sono Ella e Kate


morte entrambe per errore
una di aborto, l'altra d'amore.

E Maggie uccisa in un bordello


dalle carezze di un animale
e Edith consumata da uno strano male.

E Lizzie che inseguì la vita


lontano, e dall'Inghilterra
fu riportata in questo palmo di terra.

Dormono, dormono sulla collina


dormono, dormono sulla collina.

Dove sono i generali

http://www.viadelcampo.com/html/testi_non_al.html (1 of 9)24/05/2005 11.58.01


Testi Non al

che si fregiarono nelle battaglie


con cimiteri di croci sul petto

dove i figli della guerra


partiti per un ideale
per una truffa, per un amore finito male

hanno rimandato a casa


le loro spoglie nelle barriere
legate strette perché sembrassero intere.

Dormono, dormono sulla collina


dormono, dormono sulla collina.

Dov'è Jones il suonatore


che fu sorpreso dai suoi novant'anni
e con la vita avrebbe ancora giocato.

Lui che offrì la faccia al vento


la gola al vino e mai un pensiero
non al denaro, non all'amore né al cielo.

Lui sì sembra di sentirlo


cianciare ancora delle porca