Sei sulla pagina 1di 27

ISTRUZIONI D’USO

CZ 858 Tactical
Prima di iniziare ad operare con l’arma, prendere conoscenza delle presenti istruzioni, e soprattutto delle seguenti
disposizioni di sicurezza.
Una manovra non corretta o incuria dell’arma potrebbero causare un colpo non voluto con successive lesioni, morte di
persone o danni alle cose. Gli stessi effetti si potrebbero avere con modifiche abusive, corrosioni o l’uso di cartucce non
originali o danneggiate. In tal caso il costruttore non sarà responsabile per i danni verificatisi.
Prima di immettere l’arma sul mercato, quest’ultima è stata verificata, accuratamente collaudata ed imballata. La CZ non ha
la possibilità di controllare l’uso dell’arma dopo che quest’ultima è uscita dallo stabilimento. Per tanto prima del primo utilizzo,
verificare che l’arma non sia carica e non sia danneggiata. Il presente manuale contenente le istruzioni dovrebbe
accompagnare sempre l’arma, anche nei casi di un prestito o successiva vendita dell’arma a terzi.

CONTENUTO
DISPOSIZIONI DI SICUREZZA 3 Impostazione degli organi di mira 9
TERMINOLOGIA E DESCRIZIONE DELL’ARMA 5 ISTRUZIONI PER LA MANUTENZIONE 10
ISTRUZIONI DI USO 6 Smontaggio per la pulizia 10
Munizioni 6 Montaggio del fucile 11
Ribaltamento - apertura dell’appoggio Supervisione del fucile montato 12
della spalla 6 Pulizia del fucile 12
Ribaltamento - chiusura dell’appoggio Pulizia dell’alesatura e camera delle cartucce 13
della spalla 6 Pulizia delle restanti parti del fucile 14
Estrazione del caricatore 6 Protezione con conservanti 15
Caricamento del caricatore 7 Trattamento dei rifiuti 15
Caricamento del fucile 7 ELIMINAZIONE DEI GUASTI FUNZIONALI 16
Tiro 7 FIGURE ED ELENCO DEI COMPONENTI 19
Ricaricamento durante il tiro 7 DATI TECNICI 21
Bloccaggio del fucile 8 ELENCO FIGURE 23
Scaricamento del fucile 8

2
DISPOSIZIONI DI SICUREZZA

Per garantire la sicurezza vostra e delle altre persone, attenersi scrupolosamente alle disposizioni di sicurezza.
1. In ogni caso maneggiare l’arma come se fosse carica.
2. Non puntare mai l’arma contro oggetti contro i quali potrebbe essere pericoloso sparare.
3. Non fidarsi mai delle dichiarazioni da parte di terzi che le pistole non sono cariche.
4. Prima di riporre l’arma o consegnare quest’ultima ad altra persona, verificare sempre che non sia carica.
5. Depositare l‘arma non carica con meccanismo di percussione nella posizione non tesa.
6. Non utilizzare mai l’arma per scopi diversi che non siano il tiro.
7. Non lasciare mai l’arma carica incustodita.
8. Prima di caricare l’arma, verificare che l’alesatura della canna, camera e carrello-otturatore siano puliti e senza
ostruzioni. Dopo i tiri pulire quanto prima l’arma sporca.
9. Utilizzare esclusivamente munizioni di alta qualità, pulite, asciutte, originali, nello stato soddisfacente, adatte al calibro
della vostra arma.
10. Prima e durante il tiro non consumare bibite alcoliche e non fare uso di droghe.
11. Durante il tiro utilizzare la protezione delle orecchie ed occhiali da tiro di protezione.
12. Nel momento in cui l’arma è caricata e armata, mantenere la sicura nella posizione bloccata fino al vostro
approntamento per il tiro.
13. Non bloccare lo sportello d’espulsione e assicurarsi che non ci siano persone nel lato di espulsione della cartuccia .
14. Non premere mai il grilletto e non mettere le dita nel paragrilletto prima di aver eseguito il puntamento del bersaglio e
di essere pronti per il tiro.

3
15. Prima di premere il grilletto, verificare nuovamente il proprio bersaglio e lo spazio posteriore di quest’ultimo. La
traiettoria della pallottola, una volta attraversato o passata a fianco del bersaglio, può proseguire ancora alcune
centinaia di metri dopo il bersaglio.
16. Non sparare mai contro superfici d’acqua oppure contro superfici dure, per esempio contro un sasso.
17. Non sparare con l’arma in presenza di animali che non siano stati esplicitamente addestrati al rumore specifico.
18. Non “scherzare mai impropriamente” con l’arma in mano.
19. Mancato colpo: Nel caso di un colpo mancato, mantenere l’arma indirizzata contro il bersaglio oppure nello spazio
sicuro ed attendere trenta secondi. Nel caso si fosse verificata una percussione ritardata, la cartuccia viene lanciata.
Nel caso del colpo mancato, estrarre il caricatore, togliere la cartuccia dalla canna e visionare la capsula fulminante.
In caso che l’impronta della punta del percussore sulla capsula fulminante sia leggera oppure nulla, prima di eseguire
un altro tiro far verificare l’arma da un riparatore di armi qualificato.
20. Prima della pulizia, stoccaggio o trasporto verificare sempre che l’arma non sia carica.
21. Stoccare l’arma e le munizioni in un luogo separato e chiuso a chiave, fuori dalla portata dei bambini e dalle persone
non autorizzate.
22. Non modificare mai i componenti dell’arma. Potrebbe verificarsi una violazione grave del corretto funzionamento
dell’arma o della sicurezza di quest’ultima.
23. Ricordarsi che la corrosione, l’utilizzo di cartucce difettose, caduta accidentale dell’arma su una superficie dura oppure
altre “manipolazioni improprie” potrebbero causare un danno a prima vista non rilevabile. Nel caso si verifichi una di
queste situazioni, far verificare l’arma da uno specialista.

4
TERMINOLOGIA E DESCRIZIONE DELL’ARMA

La denominazione di tutti i componenti del fucile sono indicati nel capitolo “Figure ed elenco dei componenti”. Nel
leggere il manuale aprire i fogli piegati della copertina per poter seguire le figure illustrative stampate nel retro.

I fucili automatici della serie CZ 858 TACTICAL del calibro 7,62x39 mm sono le armi manuali automatiche destinate
allo sport e caccia. Sono costruite per la cartuccia 43.
Per azionare il carrello-otturatore viene usufruita la pressione del gas proveniente dalla combustione della polvere nella
canna al pistone. Una parte del gas riportato attraverso la canaletta del gas nella zona del pistone causa, con propria
pressione, nella fase del tiro, un movimento automatico del carrello-otturatore verso la posizione posteriore. Nella
posizione anteriore il carrello-otturatore viene ritornato tramite la pressione della molla di ritorno.
I fucili vengono costruiti nella versione con il calcio in legno sotto la denominazione Fucile automatico CZ 858
TACTICAL P, CZ 858 TACTICAL 2 P oppure CZ 858 TACTICAL 4 P e nella versione con appoggio della spalla ribaltabile
sotto la denominazione Fucile automatico CZ 858 TACTICAL V, CZ 858 TACTICAL 2 V oppure CZ 858 TACTICAL 4 V.
E’ possibile sparare dal fucile dalla qualsiasi posizione, con appoggio o senza. Per il tiro sono destinati i caricatori della
capacità di 5, 10 oppure 30 cartucce. Dopo aver sparato l’ultima cartuccia dal caricatore, il carrello-otturatore rimane
aperto. Il tiro è efficace fino a 800 metri.
A condizione di corretta manutenzione ed uso, l’arma è affidabile e sicura anche in caso del tiro nelle condizioni
aggravate. Per lo smontaggio dell’arma a fine della pulizia e conservazione non necessitano alcuni utensili.

5
ISTRUZIONI DI USO

Munizioni
Utilizzare esclusivamente le cartucce standard di produzione controllata nel calibro previsto e rispondenti alle
normative CIP (Commissione internazionale permanente per la prova delle armi da fuoco portatili) oppure alle normative
SAAMI (norma dell’Istituto americano per la standardizzazione delle armi e munizioni). L‘utilizzo di cartucce diverse
potrebbe causare i guasti funzionali, il danneggiamento dell’arma oppure rischio per il tiratore.

Ribaltamento - apertura dell’appoggio della spalla


Impugnare da sotto il fucile con la mano sinistra nel punto della astina davanti. Appoggiare il police della mano destra
da sopra sulla copertura del castello e con l’indice della mano destra premere il pulsante dello scatto dell’appoggio della
spalla fino la fine di corsa. Ribaltare la spalla dell’appoggio verso destra inclinando l’arma, liberare il pulsante dello scatto
dell’appoggio della spalla e proseguire nel ribaltamento verso destra finché il dente dello scatto dell’appoggio della spalla
non si inserisca nell’apertura della testa anteriore dell’appoggio della spalla.

Ribaltamento - chiusura dell’appoggio della spalla


Impugnare da sotto l'astina davanti del fucile con la mano sinistra ed appoggiare la mano destra sul lato sinistro della
spalla dell’appoggio. Appoggiare il police della mano destra sulla copertura del castello e con l’indice della mano destra
premere il pulsante dello scatto dell’appoggio della spalla fino la fine di corsa. Ribaltare la spalla dell’appoggio con la
mano destra verso lato destro del castello finché il dente dello scatto dell'appoggio non entri nell'apertura sulla testa
anteriore della spalla dell'appoggio.

Estrazione del caricatore


Impugnare con la mano destra il guance del fucile e con la mano sinistra la parete anteriore del caricatore. Appoggiare
il police della mano sinistra sullo scatto del caricatore e premere quest’ultimo verso avanti (fig. 2). Contemporaneamente
ribaltare il caricatore verso davanti, nel senso della canna ed estrarre quest’ultimo dalla finestrina del castello.

6
Caricamento del caricatore
Prendere il caricatore in mano tenendo la bocca verso l’alto. Appoggiare la cartuccia sull’elevatore – il fondo della
cartuccia girato verso la parete del caricatore – e premere quest’ultima verso basso, affinché entri sotto carrello del
caricatore (fig. 3). Posizionare l’altra cartuccia al posto della precedente ed inserirla nell’identico modo. Il fondo del
bossolo deve essere in contatto con la parete posteriore del caricatore. Le cartucce devono essere posizionate nel
caricatore in modo regolare, a biscia una dietro altra.
Caricamento del fucile
NELLA FASE DEL CARICAMENTO TENERE SEMPRE IL FUCILE INDIRIZZATO VERSO UNO SPAZIO SICURO.
Impugnare con la mano destra il guance del fucile e con la mano sinistra inserire il caricatore pieno nel castello. Nella
fase dell’inserimento del caricatore introdurre prima le parti sporgenti sul bordo anteriore della bocca del caricatore nelle
aperture nella parete anteriore del finestrino del castello. Successivamente, introdurre la bocca, ribaltando verso indietro,
fino la fine di corsa nel finestrino destinato per il caricatore, finché lo scatto del caricatore non venga inserito nella parte
sporgente sul bordo posteriore della bocca del caricatore. Successivamente impugnare da sotto con la mano sinistra
l'astina davanti del fucile ed appoggiare la mano destra sulla leva di tensione del supporto del blocco di culatta. Con la
leva tirare il carrello-otturatore fino la fine di corsa nella posizione posteriore, successivamente liberare la leva (fig. 4). Ora
l’arma è pronta per il tiro. Nel caso che non abbiate intenzione di sparare immediatamente, bloccare il fucile proseguendo
secondo le istruzioni riportate nel successivo capitolo Bloccaggio del fucile.

Tiro
Il tiro è possibile dopo aver spostato la sicura nella posizione “1“, quindi verso dietro. Una volta premuto il grilletto,
viene sparata una cartuccia. Dopo aver liberato e nuovamente premuto il grilletto si verifica un altro colpo.

Ricaricamento durante il tiro


Dopo aver sparato l’ultima cartuccia dal caricatore, il carrello-otturatore rimane bloccato nella posizione posteriore.
Estrarre il caricatore vuoto ed introdurre uno carico. Tirare parzialmente il carrello-otturatore verso dietro e liberare
quest’ultimo. Ora il fucile è nuovamente carico e pronto per il tiro.

7
Bloccaggio del fucile
Spostare la sicura nella posizione verticale, ruotata verso basso. In questo modo viene impedito lo sparo della
cartuccia, in quanto non è possibile liberare il percussore. In questa condizione non viene, però, impedita la funzionalità
delle restanti parti del carrello-otturatore, tranne percussore, quindi è possibile caricare e scaricare la cartuccia dal
serbatoio.

Scaricamento del fucile


INDIRIZZARE VERSO LO SPAZIO SICURO!
Nel caso che non sia stata sparata l’ultima cartuccia dal caricatore, procedere come segue:
- bloccare il fucile
- estrarre il caricatore
- tendere manualmente il carrello-otturatore nella posizione posteriore e far uscire la cartuccia dalla camera
- spostare la sicura nella posizione “1”
- con la leva di tensione del supporto del blocco di culatta tirare il carrello-otturatore fino alla posizione di fine corsa
posteriore
- a grilletto premuto liberare il carrello-otturatore verso avanti, in questo modo avviene la liberazione del percussore
e della relativa molla
- ribloccare il fucile
In caso che è stata sparata l’ultima cartuccia dal caricatore e che il carrello-otturatore rimasto bloccato nella
posizione posteriore, procedere come segue:
- estrarre il caricatore
- spostare la sicura nella posizione “1”
- con la leva di tensione del supporto del blocco di culatta tirare il carrello-otturatore fino alla posizione di fine corsa
posteriore

8
- a grilletto premuto liberare il carrello-otturatore verso avanti, in questo modo avviene la liberazione del percussore
e della relativa molla
- bloccare il fucile

Impostazione degli organi di mira


E’ possibile modificare la regolazione dell’alzo premendo il pulsante dell’alzo stesso e spostando il cursore nella
posizione richiesta definita con la tacca controindicata dai numeri da 1 a 8 che identificano la distanza del tiro in centinaia
di metri (fig. 5). Sul lato sinistro del cassetto dell’alzo è posizionata una tacca controindicata dalla lettera “U” (universale)
destinata per il tiro al bersaglio in movimento e per la battaglia notturna a distanza entro i 300 metri.
Il mirino può essere regolato sia lateralmente che in altezza tramite l'avvitamento del perno del mirino stesso. Il
supporto del mirino è nella parete frontale dotato di una scanalatura semi rotonda che scopre la parte centrale del perno
del mirino. Sul perno del mirino e nella parete della scanalatura del supporto si trovano due tacche posizionate una contro
altra, destinate per indicare la posizione corretta del mirino. La posizione corretta del mirino in altezza viene garantita da
una goccia della micro lacca sul bordo anteriore del mirino e supporto del mirino. Avvitando (allentando) il mirino
modificando l'altezza di quest'ultimo di 1 filetto (0,5 mm) oppure lo spostamento del perno del mirino verso un lato di 0,5
mm modifica la posizione del punto centrale del colpo di 14 cm su 100 m.

9
ISTRUZIONI PER LA MANUTENZIONE

Smontaggio per la pulizia


1. INDIRIZZARE VERSO LO SPAZIO SICURO!
2. Estrarre il caricatore.
3. Impugnare da sotto con la mano sinistra la bussola del fucile e con police della mano destra premere dal lato sinistro
sull’estremità sporgente del piolo della copertura del castello. Prendere con police ed indice della mano destra la testa
zigrinata del piolo ed estrarre quest’ultimo verso destra finché non si senta un clic.
4. Appoggiare il police della mano destra sulla parete posteriore della copertura del castello. Premendo il police verso
davanti e sopra estrarre il meccanismo di ricupero del castello (fig. 6). Prendere la copertura del castello e tirando
verso dietro estrarre il completo meccanismo di recupero.
5. Con la leva di tensione estrarre il carrello-otturatore indietro fino la fine di corsa ed alzare leggermente quest’ultimo.
Nel momento in cui la parte anteriore del carrello-otturatore sia sufficientemente alzata sopra il castello, infilare sotto il
carrello-otturatore le dita della mano destra, impugnare il carrello-otturatore ed estrarre quest’ultimo dal castello.
6. Impugnare il carrello-otturatore con la mano sinistra e con la mano destra impugnare la testa del percussore. Far
ruotare il percussore verso sinistra e contemporaneamente estrarre quest’ultimo dal supporto del blocco di culatta (fig.
7). Il dente nel supporto del blocco di culatta deve passare la scanalatura trasversale per entrare nella scanalatura
passante vicina posizionata nel percussore.
7. Tirare il blocco di culatta verso dietro ed estrarre quest’ultimo dal supporto tirando verso basso (fig. 8).
8. Ribaltare il chiavistello di chiusura dal blocco di culatta verso alto ed estrarre quest’ultimo (fig. 9).
9. Premere con police della mano destra verso sinistra sull’estremità sporgente del piolo sopra la guardamano. Prendere
con police ed indice della mano destra la testa zigrinata del piolo ed estrarre quest’ultimo verso destra finché non si
senta un clic.
10. Alzare con la mano destra la parte posteriore della guardamano, ribaltare in alto e tirando verso dietro estrarre
guardamano stessa.

10
11. Con la mano sinistra impugnare il fucile da sotto tramite il sottocanna. Impugnare con la mano destra il pistone e
premere quest’ultimo verso dietro spingendo contro la molla del pistone stesso. Successivamente ribaltare il pistone
dalla camicia del pistone verso alto ed estrarre quest'ultimo, tirando verso alto in pendenza, dalla scanalatura nella
base dell'alzo (fig. 10). In caso che la molla del pistone non sia fuoriuscita assieme al pistone, estrarre quest’ultima
attraverso l’estremità del pistone.

AVVERTENZE:
Tale smontaggio è sufficiente per la pulizia e conservazione. Non smontare altri particolari del fucile. Se a vostro
parere il fucile necessita di una regolazione o riparazione, affidare quest’ultimo all’officina autorizzata.

Montaggio del fucile


1. Con la mano sinistra impugnare il fucile da sotto tramite il sottocanna. Con la mano destra impugnare il pistone con la
molla inserita e far entrare la parte cilindrica nell’apertura nella base dell’alzo indirizzando in pendenza verso basso
fino la fine di corsa. Ribaltare la testata del pistone sul letto cilindrico della camicia del pistone e liberare il pistone.
Grazie all'azione della molla il pistone verrà spostato nella posizione anteriore.
2. Inserire il nasello della bussola anteriore della guardamano nelle scanalatura sull'allunga a gas e chiudere la
guardamano. Inserire il piolo della guardamano completamente a sinistra per consentire il bloccaggio della
guardamano contro allentamento.
3. Posizionare attraverso le relative cerniere il chiavistello di chiusura nei cuscinetti del blocco di culatta. Inserire il blocco
di culatta nelle scanalatura nel supporto del blocco stesso, vicino al ponte e successivamente spostare avanti nelle
scanalature nel supporto. Inserire parzialmente il percussore nel supporto del blocco di culatta in modo che le tacche
sul percussore e sulla parete posteriore del supporto siano orientate una contro l’altra (fig. 11). Successivamente
ruotare il percussore di una tacca completa verso destra ed inserire quest’ultimo nel supporto del blocco di culatta fino
la fine di corsa.
4. Con la mano destra impugnare il carrello-otturatore montato in modo che il police sia appoggiato sulla fronte
posteriore del supporto del blocco di culatta e dito intermedio su fronte anteriore. Impugnare il fucile da sotto con la
mano sinistra, prendendolo nel punto del castello e inclinare leggermente il fucile con bocca della canna verso terra.

11
Inserire il carrello-otturatore da sopra nella parte posteriore del castello. Inserire il carrello-otturatore nella posizione
anteriore limite, il percussore rimane fermo premuto dall’arresto del percussore stesso (fig. 12).
5. Introdurre parzialmente la molla del percussore nella cavità del percussore e successivamente la molla di recupero
nell'apertura nel supporto del blocco di culatta (fig. 13). Impostare la sicura nella posizione “1” e premere il grilletto; in
questo modo il percussore viene liberato dall’arresto sinistro. Di conseguenza sarà facile spostare il meccanismo di
recupero verso avanti. Inserire la parte anteriore della copertura nelle scanalature del supporto e premendo verso
avanti e in basso inserire il nasello nell’apertura nella parte posteriore della base del castello (fig. 14).
Successivamente bloccare il meccanismo di recupero inserendo il piolo della copertura del castello verso sinistra,
verrà accompagnato da un clic. In caso che a grilletto premuto il percussore non verrà liberato, il supporto del blocco
di culatta non si trova nella posizione di fine corsa anteriore e il percussore è bloccato dall’arresto destro.

Supervisione del fucile montato


Nella fase della supervisione del fucile montato è necessario verificare le seguenti funzionalità:
- funzionalità del carrello-otturatore
- funzionalità del meccanismo di scatto
- corretta impostazione dell’alzo e del mirino
- funzionalità dell’appoggio della spalla

Pulizia del fucile


Provvedere alla pulizia del fucile
- dopo ogni uso
- in tutti i casi di umidità
- quanto prima dopo il tiro
- in condizioni climatiche miti almeno una volta all’anno
- in condizioni climatiche sfavorevoli almeno una volta al mese

12
Per la pulizia del fucile utilizzare
- pani fini puliti adatti per la pulizia e lubrificazione dei singoli componenti
- stoppe pettinate prive di capecchi (solo per la pulizia della canna)
- oli conservanti WD 40
- spazzolino in crine (in dotazione)

Pulizia dell’alesatura e camera delle cartucce


L’alesatura della canna viene pulita dalla parte della bocca. Quindi è necessario avvitare insieme ambedue i
componenti della bacchetta e stoppino (fig. 15). Sulla bacchetta introdurre la protezione della bocca. Inserire l’estremità
del bacchetta con scanalatura rotonda nell’apertura ovale nel tappo svitato dell’oliatore e bloccare con la chiave del mirino
passando quest'ultimo attraverso l'apertura trasversale nel tappo dell'oliatore. Avvolgere lo stoppino con uno strato della
stoppa in modo che nella fase della pulizia passi l’alesatura della canna con leggere difficoltà riempendo bene le
scanalature. Successivamente bagnare lo stoppino nell’olio conservante ed inserire lo stoppino nell’alesatura della canna
verso la bocca. Far passare la protezione della bocca attraverso la protezione del filetto e ruotare in modo che la sicura
del filetto della protezione del filetto venga inserita nella scanalatura del protezione della bocca.
Prendere la bacchetta attraverso la chiave del mirino e attraverso il tappo e in modo fluido, senza utilizzare la forza,
passare per sette, dieci volte lungo la lunghezza di tutta l’alesatura. Successivamente estrarre la protezione della bocca,
far uscire la bacchetta e cambiare la stoppa; bagnare nuovamente nel detersivo e far passare più volte la bacchetta
l’alesatura della canna. Successivamente pulire la bacchetta e lo stoppino dall’olio conservante residuo, nell’apertura nello
stoppino far passare lo straccio pulito asciutto. La pulizia con lo straccio ripetere finché sullo straccio stesso si dimostrano
le tracce della ruggine oppure dei prodotti della combustione. Nel caso che le tracce rimangono anche dopo aver passato
più volte la canna con lo straccio, è necessario ripetere la pulizia con la stoppa ed olio conservante e poi ripassare
l’alesatura della canna con lo straccio pulito asciutto. Nel momento in qui lo straccio passato nell'alesatura della canna sia
privo delle tracce dei prodotti di combustione, polvere o ruggine, passare alla pulizia della camera delle cartucce.

13
Per la pulizia della camera delle cartucce e camicia del pistone avvitare lo stoppino nell’apertura trasversale nel tappo
dell’oliatore dalla parte del foro privo di filettatura. Nella fase della pulizia della camera delle cartucce procedere come nel
caso della pulizia dell'alesatura della canna, l'oliatore nella posizione verticale ha, in questo caso, la funzione
dell’impugnatura dello stoppino.

Pulizia delle restanti parti del fucile


Con stoppino imbevuto nell’olio conservante pulire la camicia del pistone e successivamente asciugare quest’ultima.
Provvedere alla pulizia finché non vengano eliminate tutte le tracce della polvere da gas. Proteggere la camicia del pistone
asciutta con uno strato fine dell’olio conservante.
Nella fase della pulizia del pistone porre massima attenzione all’eliminazione delle sedimentazioni dalla scanalatura
circonferenza sulla testa di quest’ultimo. Una volta lavato nel detersivo, passare il pistone con lo stoppino. Una volta
eliminate le sporcizie, pulire il pistone con uno straccio asciutto e proteggere con uno strato fine dell’olio conservante.
Il castello, carrello-otturatore, meccanismo di scatto completamente montato, alzo e meccanismo di recupero vengono
puliti con dei bastoncini avvolti nello straccio imbevuto nell'olio conservante. Le aperture, scanalature e fori vengono puliti
con bastoncini appuntiti. Una volta puliti, i singoli componenti devono essere asciugati con uno straccio pulito e protetti
con l’olio conservante. Inoltre è necessario verificare che la posizione dei singoli particolari del meccanismo di scatto sia,
dopo la pulizia, corretta, ponendo particolare attenzione ai bracci della molla del meccanismo di scatto.
I componenti fortemente inquinati dai prodotti di combustione e polvere possono essere sommersi nell’olio
conservante per un tempo massimo di 30 minuti. I residui dell’olio conservante devono essere eliminati con accuratezza.
Passare i componenti in legno del fucile, ovvero calcio, guance ed astina davanti con uno straccio grasso e
successivamente asciugare con uno straccio pulito. Ogni tanto trattare con olio per legno (olio di lino).
I particolari del fucile protetti con lacca, ovvero la superficie esterna della canna, castello, paragrilletto, copertura del
meccanismo di recupero e calciolo non vengono protetti con olio conservante, ma trattati con uno straccio ingrassato e
successivamente asciugati con uno straccio pulito.

14
Protezione con conservanti
Per la conservazione del fucile utilizzare i seguenti prodotti:
- oli conservanti WD 40
- olio di legno o di lino per trattamento delle parti in legno dell’arma
Prima di iniziare la conservazione dell’alesatura della canna e della camera delle cartucce, inserire uno straccio
imbevuto nell’olio conservante nell’apertura dello stoppino. Lo straccio deve essere delle dimensioni tali per passare
leggermente l’alesatura. Far passare due o tre volte, in modo regolare, la bacchetta lungo l’alesatura in modo che il
conservante aderisca bene sulle scanalature, sul campo dell’alesatura della canna e sulla camera delle cartucce e crei
uno strato fine continuo. I componenti con un forte strato di lubrificante sono soggetti ad un inquinamento più rapido,
quindi è necessario applicare soltanto uno strato fine del conservante attraverso lo straccio. Nella fase della lubrificazione
delle aperture, scanalature e fessure lo straccio deve essere avvolto su un bastoncino.

Trattamento dei rifiuti


I materiali utilizzati per la costruzione del prodotto ed imballo di quest’ultimo, in caso di utilizzo corretto, non influenzano
in modo negativo ne la salute dell’uomo, ne l’ambiente. In caso di necessità di eliminare il prodotto oppure l’imballo di
quest’ultimo, depositare i singoli particolari metallici (in acciaio o metalli non ferrosi), plastica, legno, carta e cartone negli
specifici contenitori della raccolta differenziata.

15
ELIMINAZIONE DEI GUASTI FUNZIONALI

In condizione di uso e manutenzione appropriati la probabilità di guasto è minima. In caso si verifichi tale situazione,
seguire le seguenti istruzioni.
ATTENZIONE - in caso si verifichi un guasto funzionale nella fase di tiro, la probabilità di un colpo accidentale aumenta
notevolmente. Per tanto, nella fase di eliminazione del guasto, attenersi alle istruzioni di sicurezza indicate nel precedente
capitolo. Indirizzare sempre arma verso lo spazio sicuro, non rivolgere il fucile contro il proprio corpo, nemmeno contro
altre persone, non posizionare le mani davanti la bocca della canna!
Con così dette “cartucce scolastiche” imparare ad eliminare rapidamente i guasti descritti di seguito

Guasto Probabile causa Modalità di eliminazione


1. Parte interna del caricatore inquinata 1. Smontare e pulire il caricatore
dallo sporco
2. Pareti della bussola o della camicia 2. Estrarre il caricatore danneggiato e consegnare alla
Mancato passaggio del caricatore deformate riparazione
della cartuccia 3. Affaticamento o rottura della molla 3. Sostituire la molla dell’elevatore
dell’elevatore
4. Corsa corta del carrello-otturatore a 4. Smontare e pulire il fucile
causa dell’inquinamento dallo sporco
1. Punta del percussore danneggiata 1. Sostituire la punta del percussore
(mancanza della traccia del punta del
percussore sulla capsula fulminante)
Mancato colpo 2. Affaticamento o rottura della molla del 2. Sostituire la molla del percussore
percussore (traccia debole del punta del
percussore sulla capsula fulminante)

16
3. Cartuccia danneggiata 3. Attendere circa 30 secondi (rischio del fulmine
ritardato), dopo tendere manualmente il carrello-
otturatore e far uscire la cartuccia dalla camera
Verificare la cartuccia fuoriuscita. Nel caso che la
traccia dal colpo del punta del percussore sulla
capsula fulminante sia adeguata, sostituire la cartuccia
Mancato recupero
della posizione Affaticamento o rottura della molla del
Sostituire la molla del pistone
anteriore del pistone
pistone
1. Carrello-otturatore inquinato dalla 1. Smontare, pulire ed oliare il carrello-otturatore
sporcizia
Chiusura del 2. Cartuccia danneggiata (deformata) 2. Tendere manualmente il carrello-otturatore e far
carrello-otturatore
uscire la cartuccia dalla camera
insufficiente
3. Camera delle cartucce inquinata dalle 3. Pulire la camera delle cartucce
sporcizie
Mancata estrazione 1. Molla del estrattore danneggiata 1. Estrarre la molla dell’estrattore
del bossolo dalla
camera cartucce 2. Dente dell’estrattore rotto 2. Sostituire l’estrattore
1. Corsa corta del carrello-otturatore 1. Smontare e pulire il fucile
Mancata uscita del verso dietro a causa
bossolo dell’inquinamento dallo sporco 2. Sostituire il pistone
2. Pistone rotto
Fuoriuscita a colpo La molla dell’elevatore troppo forte
Estrarre il caricatore danneggiato e consegnare alla
della cartuccia dal oppure la camicia del caricatore
riparazione
caricatore aperta

17
Mancato 1. Caricatore danneggiato 1. Estrarre il caricatore danneggiato e consegnare alla
bloccaggio del riparazione
carrello-otturatore 2. Dente d'arresto dell'otturatore 2. Riparare, pulire il dente d'arresto dell'otturatore
da parte del dente danneggiato o consumato oppure sostituire quest’ultimo
d'arresto
dell'otturatore

Nel caso che il guasto non possa essere eliminato in nessuno dei modi sopra indicati, affidare il fucile per la revisione e
riparazione all’officina specializzata.

18
FIGURE ED ELENCO DEI COMPONENTI

19
1 Canna 29 Interruttore
2 Supporto del mirino 30 -
3 Mirino 31 -
4 Protezione del filetto 32 Arresto del percussore sinistro
5 Sicura della protezione del filetto dotata della molla 33 Sicura
6 Allunga a gas 34 Chiavetta del meccanismo di scatto
7 Pistone 35 Sicura
8 Molla del pistone 36 Paragrilletto con letto per la guance
9 Cassetto dell’alzo 37 Calcio
10 Pulsante dell’alzo 38 Calciolo
11 Castello 39 Vite del calciolo
12 Espulsore 40 Vite del calcio
13 Supporto del blocco di culatta 41 Guardamano
14 Blocco di culatta 42 Sottocanna
15 Punta del percussore 43 Guance
16 Estrattore 44 Vite della guance
17 Appoggio dell’estrattore 45 Bussola del caricatore
18 Molla del estrattore 46 Elevatore
19 Chiavistello di chiusura 47 Molla dell’elevatore
20 Percussore 48 Fondello di caricatore
21 Copertura del castello
22 Astina di guida della molla di percussione
23 Molla di percussione
24 Astina di guida della molla di recupero
Il costruttore si riserva il diritto di eseguire le modifiche da lui
25 Molla di recupero ritenute necessarie per il miglioramento dei propri modelli
26 Guida della molla di recupero oppure per la soddisfazione delle richiesti di carattere
27 Parte posteriore della molla di recupero produttivo o commerciale.
28 Grilletto

20
DATI TECNICI

CZ 858 CZ 858 CZ 858


Modello
Tactical Tactical 2 Tactical 4
Calibro 7,62 x 39 7,62 x 39 7,62 x 39
Lunghezza totale del fucile con calcio [mm] 845 932 845
Lunghezza totale del fucile con appoggio ribaltato verso alto [mm] 845 932 845
Lunghezza totale del fucile con appoggio ribaltato verso basso [mm] 636 724 636
Altezza totale del fucile con caricatore (lungo) [mm] 255 255 255
Larghezza totale del fucile con calcio [mm] 57 57 57
Larghezza totale del fucile con appoggio della spalla ribaltato [mm] 72 72 72
Lunghezza canna [mm] 390 477 390
Lunghezza linea di mira [mm] 353 440 353
Peso del fucile con caricatore pieno (corto / lungo) [kg] 3,18 / 3,58 3,08 / 3,17 - / 3,58
Peso del fucile senza caricatore [kg] 2,9 2,9 2,9
Capacità caricatore [cartucce] 10 / 30 5 30
Peso del fucile con caricatore vuoto (corto / lungo) [g] 120 / 190 97 / 189 - / 190
Peso del caricatore pieno (corto / lungo) * [g] 280 / 680 178 / 271 - / 680

21
Velocità del proiettile [colpi/min] 40 40 40
Portata massima [m] 2800 2800 2800
Effetto mortale di balla [m] fino a 2800 fino a 2800 fino a 2800
Gamma delle distanze dell’alzo [m] 100 - 800 100 - 800 100 - 800
Numero di rigature nell’alesatura 4 4 4
Passo di rigature dell’alesatura (destro) [mm/giro] 240 240 240
Velocità iniziale del proiettile [m/s] 705 705 705
Resistenza del grilletto [N] ~ 37 ~ 37 ~ 37

* dipende dal tipo delle munizioni utilizzate

22
ELENCO FIGURE

1. Fucile parzialmente smontato 15. Accessori


A) Caricatore A) Parte superiore della bacchetta
B) Meccanismo di recupero B) Parte inferiore della bacchetta
C) Carrello-otturatore C) Stoppino
D) Guardamano D) Spazzolino in crine
E) Pistone E) Protezione della bocca
2. Estrazione del caricatore F) Oliatore
3. Caricamento del caricatore G) Chiave del mirino
4. Caricamento del fucile
5. Impostazione dell’alzo
6. Estrazione del meccanismo di recupero
7. Estrazione del percussore
8. Estrazione del blocco di culatta
9. Estrazione del chiavistello di chiusura
10. Estrazione del pistone
11. Inserimento del percussore
12. Inserimento del carrello-otturatore nella bussola
13. Montaggio delle molle
14. Montaggio del meccanismo di recupero

23