Sei sulla pagina 1di 2

Dott.

Francesco GEDDA
Medico Chirurgo - Specialista in Otorinolaringoiatria
Div. di Otorinolaringoiatria - Osp. Molinette - Torino
Studio: via dei Mille, 9 - Torino
tel.: 011-8127821
e-mail: francescogedda@gmail.com

DIETA PER PAZIENTI CON REFLUSSO LARINGO-FARINGEO

CIBI DA EVITARE il più possibile:


– caffè
– the
– brodo di carne
– menta
– Coca Cola
– bevande gassate
– aceto (preferire aceto balsamico)
– cibi fritti

CIBI SCONSIGLIATI:
– formaggi molto grassi o piccanti (fontina, gorgonzola, pecorino, emmental)
– pane integrale o di segale, cracker e grissini integrali
– minestre confezionate con brodo di carne
– maiale grasso, carni affumicate o conservate sott'olio, sughi di carne, sughi confezionati, carni
grasse, selvaggina, fritture, pesce in scatola o affumicato, pesce grasso (anguilla, sardine,
sgombro, salmone)
– tutti i salumi e gli insaccati, esclusi prosciutto e bresaola
– uova fritte o sode
– cavoli, rape, crauti, peperoni
– pomodori e altre verdure, tranne casi particolari (tollerati individualmente)
– dolciumi di pasticceria con creme e liquori
– cioccolato, gelati, dolciumi industriali in genere, gomme americane
– liquori, vino, succhi di frutta in genere
– strutto, dado, pepe, spezie, margarina, burro, lardo, fecole, mostarda
– pesca, frutta secca, prugne
– agrumi, se non tollerati individualmente

CIBI PERMESSI:
– latte intero o scremato, formaggi freschi (ricotta, mozzarella, crescenza, robiola, fiocchi di latte),
parmigiano o grana
– pane bianco, grissini, fette biscottate, cracker, pane tostato o raffermo (preferire pane senza
mollica)
– pasta, riso, semolino, minestre di brodo vegetale, riso al latte, zuppe di verdura (da consumarsi
preferibilmente a pranzo, perché occorre evitare i cibi liquidi la sera)
– condire pasta o riso preferibilmente con olio extravergine e pomodoro fresco o pelati ed erbe
aromatiche
– vitello, manzo, coniglio, pollame, tacchino (scegliere le parti più magre delle carni; scartare la
pelle del pollo dopo la cottura
– pesce fresco o congelato
– prosciutto crudo e cotto (magri), bresaola
– uova in camicia o cotte alla coque
– tutte le verdure (preferire le verdure cotte a quelle crude); in genere, sono meglio tollerate:
patate, carote, zucchine, fagiolini, asparagi

Scaricato da http://francesco-gedda.docvadis.it/
– budini al latte, biscotti secchi, miele, marmellate, gelatine di frutta
– acqua minerale non gasata, tisane, succhi di frutta al gusto mela
– olio d'oliva extravergine e aromi
– tutta la frutta ben matura
– frutta cotta o sciroppata, macedonie; preferire la frutta cotta o passata

ABITUDINI DI VITA CONSIGLIATE:


– sollevare di circa 30° la parte prossima alla testiera del materasso
– non usare body o cinture troppo strette
– evitare di bere dopo cena e la sera consumare cibi densi, evitando le minestrine
– coricarsi dopo almeno 3 ore dalla fine del pasto
– evitare gli sforzi violenti o l'attività sportiva troppo faticosa
– masticare bene il cibo, lentamente e a bocca chiusa; evitare di parlare mentre si mangia, fare
almeno 5 pasti al giorno, poco abbondanti
– evitare le bevande molto fredde e molto calde
– preparare le pietanze utilizzando semplici sistemi di cottura: al forno, al vapore, ai ferri,
lessando. Sono permessi anche cotture in umido o arrosti, purché con poco condimento
– evitare soffritti e fritture
– camminare per almeno 2 km al giorno o andare in bicicletta per almeno 12 km al giorno

ESEMPIO DI DIETA GIORNALIERA:


Colazione:
latte scremato, parzialmente scremato o intero con caffè d'orzo (una scodella), fette
biscottate o biscotti secchi o cornflakes a volontà, zucchero e marmellata a volontà
Spuntino di metà mattinata:
cracker non salati o grissini o frutta secca
Pranzo:
pasta o riso al pomodoro o all'olio con parmigiano
verdura cotta o patate bollite o al forno o in umido (al pomodoro) con poco condimento
pane senza mollica
frutta ben matura o cotta o passata

oppure

pastina o semolino di brodo di verdura (patate, carote) o zuppa di verdura


parmigiano
carne magra ai ferri o arrosto (senza sugo) o cotta al forno o a vapore o bollita
pane senza mollica
frutta ben matura o cotta o passata
Merenda:
come a colazione e/o nello spuntino di metà mattino
Cena
come il pranzo, evitando di consumare due volte al giorno la pasta + la verdura da sola

ULTERIORI CONSIGLI IN CASO DI INSUCCESSO CON LE PRECEDENTI


RACCOMANDAZIONI
Due volte la settimana sostituire alla carne e al pesce il prosciutto crudo o cotto magro + formaggio
fresco
Non consumare il formaggio più di due volte la settimana
A cena consumare la frutta all'inizio del pasto

Scaricato da http://francesco-gedda.docvadis.it/