Sei sulla pagina 1di 60

PIATRA NEAMŢ

Ubicazione geografica

La Romania
Transilvania Moldavia

Valacchia Dobrogea
La religione Forma
politica
La moneta

ortodossa Repubblica
Leu romeno presidenziale

La lingua
La
ufficiale
Capitale

1Leu = 0,22 €
romena
Bucarest
La Romania L’Europa

Piatra Neamţ
108 000 abitanti

La provincia
di Neamţ Piatra Neamţ
108 000 abitanti
Piatra Neamţ
Il Fiume Bistrita
Il Monte Cozla
650 m
Il Colle Carloman
617m
Il Monte
Pietricica
532m
Il Monte Cernegura
850m
Il Lago Batca Doamnei
La Primavera
L’estate
L’autunno
L’inverno
Gli scavi archeologici

PETRODAVA = città dacica La civiltà


II sec a.Cr CUCUTENI
5500 a. Cr. – 275a.Cr

Nel 1387 si sente per la prima volta della città


PIATRA NEAMŢ in un elenco fatto da russi.
La Chiesa di Corte
1497
La Torre di
Stefan cel
Mare
Il Museo di Belle Arti
Il Museo Storico e Archeologico Cucuteni
Il Museo di Scienze Naturali
Il Teatro
della
Gioventù
Il settore industriale

Piattaforma di Săvinești - si trova nell'attuale comune di


Săvineşti, circa 11 km a sud della città: nata come uno dei
più grandi impianti chimici del Paese, oggi opera a ritmo
ridotto ed è parte del gruppo italiano Radici
Il Turismo

 un impianto di sci con


una pista lunga 965 metri
su 260 metri di dislivello.
La pista è collocata su
una delle montagne che
circondano la città, nota
come Dealul Cozla.

 L'accesso alla pista è


consentito da una
modernissima funivia con
punto di partenza la
stazione ferroviaria.
Il Folclore
La musica e
la danza
tradizionali
Hora
Data Nome

24 febbraio Dragobete =Festa degli innamorati

1˚ marzo Martisor=Festa dell'arrivo della primavera

8 marzo Ziua femeii= Festa delle donne

1˚novembre Iluminarea= Festa dei morti


 Il popolo romeno ancestralmente ha sempre vissuto in simbiosi
con la natura. Il 1 Marzo è un giorno che testimonia questo.
 “Martisor”, diminutivo di martie – marzo, è una festa tradizionale
romena che celebra l’arrivo della primavera . E’ il simbolo della
primavera, il ritorno alla vita. Lui ci porta ottimismo e fede.
 Il “martisor” un piccolo
oggetto legato ad un filo
bianco rosso è il simbolo
di rinascita della natura
con l’arrivo della
primavera e della
speranza, essendo regalato
ai propri cari affinché
porti fortuna.
 Generalmente si regala
alle donne.
Data Nome italiano Nome locale Commenti
31 dicembre/1º Capodanno/Primo Revelion/Anul
gennaio dell'anno nou

La maggioranza dei romeni


aprile/maggio Pasqua Paşti festeggia la Pasqua ortodossa.
La festività dura 3 giorni.

1º maggio Festa del lavoro Ziua muncii Festa internazionale del lavoro

Festa nazionale Si festeggia l'unificazione della


1º dicembre (Giorno Ziua Unirii Transilvania con la Romania 1º
dell'Unificazione) dicembre, 1918

24dicembre I romeni festeggiano la vigilia il


Natale Crăciun 24 ed il Natale il 25 e 26
25dicembre dicembre.
 Sono involtini di foglie di verza o di vite farciti con
macinato di carne di maiale, riso, più altre verdure e
sapori.
 Si mangia con polenta.
 Sono polpette di forma cilindrica di carne di manzo (talvolta mescolata
con maiale o pecora) condite con aglio e pepe nero (a volte peperoncino) e
una spezia chiamata Cimbru (il timo). Sono cucinati sulla griglia e possono
essere serviti con senape, o con altre salse locali.
carne di maiale, formaggio di pecora, uova, aglio, polenta
dolce tipico pasquale dalla forma parallelepipeda
ripieno di canditi, noci o cacao
Fine

Interessi correlati