Sei sulla pagina 1di 33

Interventi estrapolati dal forum Salusmaster.com riguardo la Dermatite Seborroica e malattie autoimmuni in genere.

Nuovi approcci terapeutici e possibili soluzioni, la voce agli utenti ...

Pinghi Inviato 30 June 2008 - 01:09 PM | Dieta e Vitamine


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 97
• Iscritto: 15-March 06

Ciao a tutti,
tempo fà scrissi il mo rimedio per la DS ... Devo ammettere che è stato risolutivo per almeno 5 anni ma che ora purtroppo
riclassifico come palliativo. Causa un lutto familiare e dei problemi personali la DS è tornata più forte che mai.

Ho deciso di cambiare approccio e cercare di risolvere il problema alla radice. Ho sempre notato una relazione tra sistema
nervoso,sistema endocrino,alimentazione,stress e dermatite. Ho scelto di partire dall'alimentazione:
ho eliminato i latticini senza patire alcunchè, quindi sono passato ai dolci, ai cibi troppo grassi, alle bevande
gassate,zuccherate,alcoliche ecc.. Niente fritti e schifezze varie. Già dopo i primi tempi ho asistito ad un LIEVE miglioramento.
In seguito ho tentato il grande salto: via la pasta e il pane. E' stato un trauma:
sono dimagito tantissimo, avevo i crampi allo stomaco nonnostante mangiassi in abbondanza tutto il resto. Una sera divorai
una fiorentina al sangue con contorno di verdure mista, frutta in abbondanza e prosciutto crudo. A mezzanotte morivo di
fame...Ero uno straccio.

Proprio questi segnali mi hanno fatto capire che qualcosa non andava e dovevo porre rimedio. Noto che qui scrive Salvio 1978,
spesso criticato, ma ricordo che questo ragazzo è un portavoce di strategie terapeutiche di altissimo livello, studiate da
professionisti di livello mondiale.
Tornando a noi, ho dovuto per forza reintrodurre i carboidrati per poi scalarli gradualmente. Oggi riesco a mangiare solo il riso
e la pasta integrale due volte a settimana. La ma dieta si avvicina moltissimo alla "Dieta Ormonale". I miglioramenti cominciano
ad essere NOTEVOLI.

Da quando poi ho aggiunto vitamine in GRANDI QUANTITA' le cose sono andate ancora meglio...
Non mi riferisco certo al Supradyn o ad altri integratori RIDICOLI venduti nelle farmacie a peso d'oro. Sarebbe un discorso
troppo lungo e complesso...Vi rimando a Linus Pauling la vitamina C, cercate su Google tutti i retroscena sulle vitamina, NON
SONO LLEGGENDE. Per la cronaca assumo ascorbato di calcio fino a tolleranza intestinale e tocoferolo.
Non ho mai avuto tanta energia in vita mia e i segni della dermatite sono scomparsi tutti, resta un leggerissimo prurito di tanto
in tanto che conto di eliminare proseguendo la terapia.
Vi terrò aggiornati sugli sviluppi.

_____________________________________________________________________________________

Homer81 Inviato 01 April 2009 - 07:58 PM | Dermatite Seborroica, il vero rimedio esiste
• Gruppo: Salusmaster Newbie
• Messaggi: 1
• Iscritto: 01-April 09

Salve a tutti, soffro di una forma non grave di dermatite seborroica da circa 5 anni..non so se la genetica può essere chiamata
in causa ma sta di fatto che anche mio padre ne è affetto..ho usato una miriade di prodotti ma il risultato è sempre stato
insoddisfacente,soprattutto sul cuoi capelluto,dove è maggiormente concentrato..ho utilizzato di tutto credetemi..ma c'è uno
spiraglio che mi fa ben sperare..nessun tipo di idea stramba nè diete stregonesche,ma semplicementte riequilibrio del regime
alimentare e attività fisica:da un mesetto ho scelto la strada del veganesimo riducendo al minimo il consumo di derivati di
animali e, da un punto di vista esterno,eliminare del tutto i cosmetici convenzionali..mi lavo il viso e i capelli con farina d'avena
e olio ex d'oliva e mangio tantissima frutta e verdura e soprattuto cereali(miglio,germe di grano)..metto una crema con olio e
latte e per la doccia utilizzo una normale saponetta biologica..un solo risultato:sta scomparendo del tutto.
Tutte ste cremine e sti shampoo,oltre a dilapidare i patrimoni e arricchire i signori medici(i dermatologi sono il peggio),non
servono ad un cxxxx perchè sono zeppi di conservanti e non penetrano mai nella pelle..fidatevi e datemi credito.
Volevo condividere questa mia esperienza.

_____________________________________________________________________________________

Elguerriero Inviato 02 April 2009 - 01:34 AM

• Gruppo: Salusmaster User


• Messaggi: 75
• Iscritto: 21-January 09

Vedo quindi tu le guarigioni non le puoi mettere per motivi di privacy, a me invece scrivono testimonianze spontanee delle loro
guarigioni. Eternauta tu sei come me, sappi che sono una piccola percentuale di noi manifesta problemi intestinali, in molti con
la ds hanno ereditato una capacità infiammatoria molto bassa (di risposta infiammatoria) quindi pur avendo problemi
intestinali non se ne acorgono neppure.

Ah, a proposito dell'essenzialità dei carboidrati per la vita:

http://www.medicital...sp?idpost=55494

Mi preme specificare che riporto il link solo per mostrare che si vive benissimo anche senza carboidrati.
Ma, a me personalmente, mi pare una cazzata bruciare proteine per ottenerli, quindi una minima quota meglio assumerla e
meglio da frutta e verdura.
Tra l'altro usare i legumi al posto dei cereali non mi sembra un crimine, visto che i legumi hanno molti pregi rispetto ai cereali.
Lascia perdere il veganesimo è una cazzata colossale.

Ah i trigliceridi si chiamano così perchè c'è anche il glicerolo all'interno, il quale in carenza di carboidrati viene trasformato con
gli amminoacidi e l'acido lattico in glucosio, quindi se mangiate carboidrati in eccesso li trasfromate in grassi, se mangiate
grassi all'occorrenza potete trasfromarli anche in carboidrati (il glicerolo).
Non so se rendo l'idea.

Se i carbo scendono troppo non è un problema, i grassi verrano trasformati in corpi chetonici, che non creano problemi e di cui
anche il cervello si nutre. Vi ricordo che l'evoluzione ci ha forgiati per resistere alla fame non all'abbondanza, questo qualche
cosa pur deve significare. Ma vediamo questi famosi carboidrati in natura come si trovano. Il caro run dimentica che a parte il
miele vi dovreste pippare un sacco di fibra per mangiarli, visto che si trovano per lo più nei vegetali. Il che porterebbe a non
potervi abbuffarvi e a dovervi muovere tantissimo, pena la fibra crerebbe dei tappi.

Oggi invece con procedimenti industriali mangiate i carboidrati che trovereste forse in giorni, e ve li pippate in una giornata.
No giusto per la precisione.

---

Eternauta te loripeto non la mettere così, anche a me accade che la DS si manifesti in concomitanza di disturbi intestinali, ma
solo una piccola percentuale della popolazione infiamma molto le mucose intestinali, molti che hanno al DS non avvertono
neppure questo fenomeno a livello intestinale.

Ma sai, qua alcuni sono convinti che è naturale avere carie...


E' naturale svegliarsi con la lingua bianca...
E' naturale essere stitici...
E' naturale per una donna diventare simile a un'invalida durante il ciclo...
Ma se tutte queste cose ed altro sono naturali, perchè in natura nessun animale tranne l'uomo, per l'appunto, ne soffre?
Mah...
_____________________________________________________________________________________

Elguerriero Inviato 07 April 2009 - 01:34 AM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 75
• Iscritto: 21-January 09

La verità è che i carboidrati sono ESSENZIALI e FONDAMENTALI, l'unica cosa che può portare a dei danni è l'eccesso, come
tutte le cose daltronde. I carboidrati a prescidendere da quale è il cibo da cui vengono assunti sono sempre carboidrati, non
ha nessun senso dire che se vengono assunti con la frutta sono diversi da quelli contenuti nella pasta.

Mi chiedo come facciano interi popoli senza. Certo sono proprio uguali, peccato che seguono destini digestivi e metabolici
diversi. Secondo me non hai neppure a mente la differenza tra fruttosio e glucosio, tra amilosio e amilopectina.
Continua a nutrirti di farine raffinate, vedrai quanto vivrai a lungo...

I corpi chetonici sono scorie acide che in eccesso possono essere anche molto dannosi perchè abbassano il il ph nel sangue e
quindi creano Acidosi Metabolica, se ne deduce che non è possibile andare avanti troppo senza carboidrati facendo
produrre energia all'organismo dalla riserva di grassi alimentari.

Si certo, come no, peccato che animali digiunano per necessità molto a lungo ma sono vivi e vegeti e guariscono da patologie,
mai notato che se un animale o un bambino stanno male digiunano?
Lo stesso Ciampolini che non è un fesso ma è stato un medico dell'istituto Meyer di Firenze mostra chiaramente come in
presenza di infiammazioni il tratto gastrointestinale si paralizza : http://regolazione.formez.it/node/313
Chissa come mai se dice un cumulo di stupidaggini, la regione Toscana gli ha dato retta, mah, chissà.

È pertanto sconsigliato a chiunque di seguire certe indicazioni prive di ogni senso e fondamento e che possono essere
estremamente dannose, meglio affidarsi a medici consapevoli o quanto meno adattarsi a cure che se non guardiscono
quanto meno non provocano danni.

Ah ma io mi chiedo se fa più male una dieta di due settimane, o anche un digiuno di una settimana, oppure l'assunzione
continua di cortisonici e altre belle cosette che fanno malissimo.
Ah se non lo sapessi i trigliceridi contegono glicerolo, e per questo che li si chiama così, ora il glicerolo se le riserve epatiche di
glucosio sono vuote o parzialmente svuotate può essere convertito indovina in cosa? Glucosio, stessa cosa con l'acido lattico,
stessa cosa con gli amminoacidi.

Anzi gli studi mostrano che gli amminoacidi vengono tartassati in mancanza di energia solo all'inizio, poi il corpo impara a usare
i corpi chetonici, che per inciso non portano acidosi, visto che vengono espulsi con urina e respirazione, nonchè traspirazione
della pelle, la chetoacitosi che è diversa dalla chetosi, capita solo ai diabeti e a chi ha un pessimo controllo glicemico nonchè
insulinico, che non potendo far entrare il glucosio nelle cellule, non possono bruciare i grassi nel ciclo di krebs, il che li porta a
usare corpi chetonici in maniera spropositata.
Anzi dirò di più, alla lunga il corpo impara tanto che se uno mangia carboidrati e poi scarseggiano, in poche ore risparmia le
proteine usando grassi per produrre principalmente energia.

Nature, forse sarebbe meglio che ti informassi tu prima perchè noto che ne hai un gran bisogno, in particolare sarebbe
meglio che evitassi i tuoi interventi totalmente inutili.

SI ma lui è guarito, come lui altri, tu cosa mi porti, che te ne sei dimenticato non che sei guarito, che dipendi da farmaci, ma
per piacere sei patetico.

Fai interventi che non portano niente, sai cosa mi pare di vedere, la stroria del terremoto, Giuliani a momenti lo
arrestavano, e invece aveva ragione, perchè per quanto possiamo discutere, ci sono dati e testimonianze che lui ha previsto
il terremoto, il resto è accademia

Io porto guarigione e miglioramenti senza farmaci e chi sta seguendo questi consigli, constaterà che migliora anche da altre
patologie, dichiarate incurabili. Questi sono fatti.
Poi pensa quello che vuoi, ciao...
Ah per finire vi linko un sito dove si parla di digiuno, ma non vi linko quello che dice il medico, bensì le ricerche del medico
trovate su pubmed, in merito al fatto che il corpo usa meglio i chetoni che il glucosio (ricordo che di grassi c'è ne sono sempre
in abbondanza, di glucosio anche se ne mangiate, no) : http://www.digiuno.i...icolo.php?id=10

Quando lessi del digiuno ero scettico, ma quando Ciampolini ha dimostrato che è l'unica via in presenza di infiammazioni visto
che il canale alimentare blocca l'assorbimento, ho capito che la vera strada non è nei farmaci, ma nella natura umana che è
stata plasmata in milioni d'anni di evoluzione e che i bambini portano magistralmente in risalto quando stanno male: NON
MANGIANO finchè non stanno bene.

Ciao a tutti.

_____________________________________________________________________________________

Pinghi Inviato 07 April 2009 - 11:22 PM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 97
• Iscritto: 15-March 06

Ragazzi ma perchè non cerchiamo di collaborare anzichè chiuderci in queste polemiche sterili?

x Rundll: ho cercato di leggere tutta la discussione ma è veramente lunga...Volevo chiederti alcune cose che mi sfuggono:
all'inizio sembravate tutti entusiasti , poi trapela che tu non abbia tratto grandi benefici, quindi viene pubblicata una pagina in
cui si avverte della possibile pericolosità di alte dosi di Immugen con una sottolineatura finale sul fatto che Passi non tenga
conto di tutti gli aspetti della dermatite...Ecco qui mi sono perso: hai forse continuato la cura e finalmente hai raggiunto i
rusultati sperati? Ti capisco benissimo qualora tu non voglia scrivere la cura perchè sei andato di persona, hai pagato ed è
giusto che le informazioni PERSONALI le tenga per te, ma vorrei sapere com'è nel dettaglio la "terapia Passi". Sarebbe molto
importsante per tutti tenendo sempre presente la soggettività.

x Elguerriero: mi capita di sentire spesso e di vedere direttamente coloro i quali si avvicinano ad una very low carb (anche alta
in grassi e pro): vanno giù di peso alla grande e non recuperano, ad alcuni gira anche la testa probabilmente per cali
glicemici...A me successe la sessa cosa ma adeesso sto recuperando. E' possibile che queste persone che faticano molto a
"shiftare" il metabolismo sui grassi abbiano una sorta di "diabete latente"? Oppure un'insulino resistenza in fase già avanzata?
Ho letto infatti che i diabetici perdono la capacità di virare il metabolismo sul grasso. Sarebbe quindi opportuno un controllo
del sangue poichè, qualora ci fosse qualcosa che non quadri nella glicemia, una tale dieta potrebbe essere inutile....

Ho letto l'accostamento di Passi tra DS e HIV e in un certo senso sono d'accordo anche se contesto alcuni punti...Ad ogni modo
questo mi ha stimolato ad una breve ricerchina: il nandrolone è usato dai sieropositivi per contenere la perdita di peso
eccessiva, ci sono studi che ne attestano l'efficacia nel Lupus Erimatoso Sistemico, nell'Artrite Reumatoide, nela Sindrome di
Sjorgen, nell'eczema, nell'anemia emolitica, nella Mstenia Gravis, nella SLE..Tutte queste sono patologia AUTOIIMUNI. Io
un'idea me la sono fatta vediamo voi che ne pensate.

_____________________________________________________________________________________

Nature Inviato 08 April 2009 - 01:36 PM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 51
• Iscritto: 29-November 08

Ciao pinghi,pur non avendomi chiamato in causa vorredarti il mio parere per aiutarti.
Se scrivo su questo forum è solo perchè mi ero ripromesso che anzhe qualora avessi risolto il mio problema avrei cercato di
aiutare il più possibile gli altri proprio perchè so quanto questo problema sia pesante da sostenere(sempre ammesso che la
gente voglia farsi aiutare...): secondo me hai fatto osservazioni corrette,probabilmente tutti coloro affetti da dermatite hanno
sia insulino reistenza molto avanzata,sia un possibile diabete latente,la cui eventuale comparsa dipende proprio
dall'insulinaresistenza(cerca su internet qualcosasulla sindrome X).

Come combattere l'insulinoresistenza?Semplice: nessun carboidrato ad alto indice glicemico,pochi carboidrati in


generale,molto esercizio fisico,grassi come carburante principale,occhio però a nn inserirne troppi nella dieta perchè rischi di
sforare le calorie(con 9 cal per grammo è facile che ciò avvenga).

NESSUNO dice di non mangiare carboidrati,ovviamente sono necessari,ma come precisava elguerriero in un altro post si
possono trasformare in carbo le proteine e all'evenienza i grassi,ovviamente se uno ha la dematite da tanto starà da tempo
sfozando il fisico e sottoponendolo a stress pesantissimi,quindi avrà tutti i meccanismi fisiologici sballati,ecco perchè per
riadattarsi fa fatica.

Cmq se fai un dieta tipo metabolica per un mese, il tuo corpo sarà obbligato a usare i grassi come substrato energetico,e vedrai
che lo farà,anche perchè il corpo nn alienato da un alimentazione scorretta come quella moderna,tende a prediligere i grassi
come fonte energetica,nn i carbo(che usa solo in condizioni anaerobiche,ovvero senza ossigeno)quindi quando tu mangi
carbo,a meno che nn fai sforzi anaerobici,prima di usarli li trasformi in grassi,se poi nn li usi li immagazzini,se nn hai spazio
dove immagazzinarli(poche cellule adipose)ecco salta fuori la dermatite,l'insulinoresistenza e quant'altro.

_____________________________________________________________________________________

Elguerriero Inviato 08 April 2009 - 01:34 AM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 75
• Iscritto: 21-January 09
x Elguerriero: mi capita di sentire spesso e di vedere direttamente coloro i quali si avvicinano ad una very low carb (anche alta
in grassi e pro): vanno giù di peso alla grande e non recuperano, ad alcuni gira anche la testa probabilmente per cali
glicemici...A me successe la sessa cosa ma adeesso sto recuperando. E' possibile che queste persone che faticano molto a
"shiftare" il metabolismo sui grassi abbiano una sorta di "diabete latente"? Oppure un'insulino resistenza in fase già avanzata?
Ho letto infatti che i diabetici perdono la capacità di virare il metabolismo sul grasso. Sarebbe quindi opportuno un controllo
del sangue poichè, qualora ci fosse qualcosa che non quadri nella glicemia, una tale dieta potrebbe essere inutile....

Esatto, purtroppo una iperinsulinemia avanzata è dura da stradicare, e le tentazioni di ricaduta sono sempre dietro l'angolo.
Talvolta basta assaggiare anche qualcosa di dolce per generare un rilascio spropositato di insulina.
Esatto i diabetici perdono questa capacità, e tendono ad andare in quella che si dice chetoacidosi, che non è la chetosi, ma è
una cosa differente. Praticamente un diabetico spesso è volentieri ingrassa, un iperinsulinico non è detto che lo faccia anzi può
anche dimagrire, comunque in entrambi i casi i grassi non possono essere ossidati, per mancanza di glucosio nella cellula e
quindi di ossacetalato, il corpo cerca di compensare con gli amminoacidi che sono in grado di produrre l'ossacetalato, ma lo fa
entro limiti accettabili, visto che gli amminoacidi sono molto importanti per farci altre cose, come ben sapete, allora si va con il
tempo con il paradosso di avere moltissima energia come grasso, quindi tanta legna, ma mancano i fiammiferi (il glucosio).

Ci sono due modi solo per far rientrare l'iperinsulinemi, minimizzare la produzione di insulina e far si che le cellule siano in
grado di recepirla. La prima la si risolve con l'alimentazione e con un attento controllo dell'introito calorico, spesso
spropositato, la seconda con l'esercizio fisico.

Vorrei chiedere in quanti in questo periodo di transizione specialmente al sud, si stanno svegliando sudati, visto che le
temperature aumentano, ma le coperte sono ancora invernali, ebbene sappiate che se avete sudato, nelle ore di sonno avete
speso pochissima energia, quetso per tornare a Ciampolini.
Il quale riporta chiaramente che una media Calorica di 2000-2400 kcal per un uomo è sovrastimato più o meno del 30%, il che
vuol dire che i basali dovrebbero essere considerati come 1400 - 1680, con variazioni dipendendi da massa magra effettiva,
temperatura, vento e umidità esterna.
Se siete magri come un chiodo, dotati di scarsa capacità di aumentare l'insulina circolante, di poche cellule adipose (il classico
magrolino per fare un esempio), vivete a Napoli o a Roma o Firenze o Milano dove c'è molta umidità, già in questo periodo
avete subito un abbattimento dei consumi metabolici notevoli, se siete sedentari probabilmente 1700 kcal già sono troppe,
quindi vi sopralimentate il che richiede più insulina, ma è un fattore dipendente dalla condotta alimentare degli ultimi mesi,
settimane e giorni.

_____________________________________________________________________________________

Syncster Inviato 13 September 2009 - 05:51 PM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 104
• Iscritto: 31-October 05

E' molto che non scrivo qui su questo forum non perche non ne abbia voglia o abbia perso la speranza, ma perche non ne ho
piu il motivo, se non per dare una testimonianza di quanto un cambio di dieta e alcuni accorgimenti nello stile di vita possono
fare per restare in salute e debellare alcune patologie che i medici consigliano incurabili come la ds. insomma che dire, avete la
fortuna di leggere gli interventi di elguerriero che sono frutto di studi e ricerche scientifiche di dottori ed endocrinologi di fama
mondiale, non del medico di base che avete sotto casa e del nutrizionista di rai uno che vi dice che dovete mangiare la pasta e
il pane per pararsi il cxxo e per non far andare in fallimento la piu grande azienda italiana dopo la fiat, la barilla. elguerriero non
vi sta vendendo nulla, quello che vi dice di provare ha costo ZERO, a differenza delle cremine che i dermatologi vi dicono di
comprare. Io seguendo una low carb come la paleodieta ho risolto questa fastidiosissima dermatite che mi ricordo mi ha
portato al tempo grandissimi disagi, ma il bello è che non solo non ho piu problemi di dermatite ma tutto il fisico ne ha
guadagnato, per non parlare della forza e dello stato di benessere che si ha seguendo questo approccio.
quindi non so fate un po voi, io al tempo avrei fatto di tutto per uscire da quella condizione.

_____________________________________________________________________________________

Nature Inviato 14 September 2009 - 08:38 PM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 51
• Iscritto: 29-November 08

Il problema Rundll, non è il carboidrato in sè, ma la quantità necessaria, che credimi è minima per un sedentario.
Inoltre vanno assunti i carboidrati giusti,quelli a basso indice glicemico,se si vuole evitare di stimolare troppo l'insulina,che nel
caso in cui uno non abbia possibilità di accumulo(di grasso o di zuccheri)nel corpo creerà insulinoresistenza.
Queste cose ormai le dicono tutti,pane e pasta sono messi al bando un po' in tutte le diete,qui sono riportate testimonianze di
gente che è migliorata,e tu continui ad affidarti al dottor Passi il cui compito è curare i sieropositivi(che per inciso hanno una
dermatite del tutto diversa dalla tua).
Certo ti attenuerà i sintomi,ma probabilmente il tuo fisico sta andando al collasso,e credimi questa non è una critica ma un
suggerimento sullo stile di vita che ti converrebbe adottare,poi fai tu,ciao.

_____________________________________________________________________________________

Mattioni Inviato 24 February 2009 - 10:38 PM

• Gruppo: Salusmaster User


• Messaggi: 17
• Iscritto: 10-February 09
Da qualche anno soffrivo di dermatite seborroica del cuoio capelluto, e l'inverno scorso dopo una forte influenza con febbra ai
40° sono comparse anche macchie rosse sul viso.
Per il cuoio capelluto ho risolto con shampoo Sebiprox, con lavaggio ogni 2/3 giorni, mentre finalmente dopo tempo sembra al
momento risolto il rossore assumendo Diatynil compresse, integratore di Biotina.

_____________________________________________________________________________________

Dany8 Inviato 28 December 2008 – 01:21 PM

• Gruppo: Salusmaster User


• Messaggi: 3
• Iscritto: 01-November 08

Ciao a tutti!!!! volevo ringraziare tutte le persone che all'inizio del forum hanno fatto una ricerca enorme per risolvere questo
problema e per tirarci fuori in qualche modo dalle "grinfie" di dermatologi incompetenti. (senza nulla togliere a quelli che
fanno con serieta' questo lavoro). Volevo informarvi sui progressi che ho ottenuto dopo 1 mese esatto di assunzione di
IMMUGEN (IDI) e la crema PHYSIOGEL( STIEFEL). NON HO PIU' NESSUNA MACCHIA SUL VISO!!!! NON HO NESSUN TIPO DI
MANIFESTAZIONE DI DS IN NESSUNA PARTE DEL CORPO.

Devo dire che le prime 3 settimane sono state deludenti perche' non avevo nessun tipo di risultato, mentre dall'ultima ho
cominciato a migliorare e non ho piu' avuto attacchi. Premetto che prima di iniziare la cura avevo tutti i giorni macchie rosse
che squamavano ,ai lati del viso, intorno alla bocca ,sul mento e ai lati del naso. Non ho cambiato di molto la mia
alimentazione, se non inserendo la frutta tutti i giorni.(cosa che prima non facevo). Mangio abbastanza variato, alternando
magari un giorno la pasta e un giorno la carne. verdura assulutamente tutti i giorni.
Adesso sono 2 settimane che non prendo piu' Immugen, ma continuo a darmi la crema Physiogel tutti i giorni e le macchie non
sono ricomparse. CHE DIRE??? SPERO CHE LA COSA CONTINUI, se avro' degli sviluppi negativi, vi terro' informati.!!!
saluti e grazie ancora a tutti!

_____________________________________________________________________________________

Nature Inviato 27 January 2009 - 11:18 AM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 51
• Iscritto: 29-November 08

Io consiglio a tutti una bella paleodieta e l'eliminazione dei cereali(raffinati in primis)provate a eliminare completamente i
cerali raffinati dalla vostra dieta per 3-4giorni e a sostituirli con moltissima verdura,un po' di frutta,pochissimi cereali
integrali(mai dopo mezzogiorno ,l'una) e aumentate i grassi animali,stando ben attenti che nn contengano conservanti,non
siano idrogenati o trans e siano di buona qualità(ghee,burro chiarificato(senza lattosio o caseina),sego di bue,sugna,con le
seguenti proporzioni giornaliere: 20%proteine,alla sera(nn dei legumi che sono comunque carboidrati e nn va bene assumerli
di sera,pena insulina attiva)30% grassi(10%saturi 10%monosaturi 10%polinsauri) e 50%carboidrati perlopiù da frutta e
verdura,pochi da cereali integrali,niente zucchero nè cereali raffinati nè ovviamente pane(nè caffè che contrasta l'eq
insulinico). Fatelo per 4 giorni fidatevi,non vi costa nulla,io ve lo consiglio perchè su di me ha funzionato.
Elguerriero Inviato 27 January 2009 - 03:42 PM
• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 75
• Iscritto: 21-January 09

Veramente in qualche giorno il tuo coprpo si è liberato dei residui e tutti quei bastardi che risiedevano nel tuo intestino stano
morendo. Run mi spiace essermi riscritto, ma è doveroso fare qualche precisazione e dare qualche cosiglio.

Leggete il libro della Gottschall, breaking the viciosus cycle - the specific carboidrate diet capirete perchè l'amido è da evitare
nelle dermatiti. Da premettere che la Gottschall è stata una dottoressa che ha coadiuvato molti gastroenterologi.

Cercate la paleozona di Aronne Romano, leggerete che chi si attiene a un tale regime alimentare, smette di soffrire di parecchi
disturbi e diventa più elastico (se il connettivo è pieno di muco e così il linfatico per mezzo dei batteri morti perde elasticità).
Dimenticavo Aronne Romano è un medico.

Leggete la dieta ormonale di Hertoghe Thierry, anche lui un endocrinologo di fama mondiale, che sconsiglia caldamente cereali
a meno che non siano germogliati (amido predigerito e ricchi di enzimi) e i latticini, dato che il latte e per i bambini.
Tutti concordano e vi dirò di più Romano porta delle casistiche.
Probabilmente il metodo pagano funziona per questo, le crisi inziali che riferisce sono dovute al cambio di flora intestinale e
alla morte di questi parassiti.

Vi ricordo che anche Ciampolini era giunto alle medesime conclusioni della Gottschall e di un microbiologo americano tale
Norm Robillard. http://www.heartburncured.com/about.html

Nature una precisazione leggilo tutto il libro di perufini sui grassi, vedrai che i saturi non solo non fanno male, ma fanno pure
bene, inoltre foriniscono energia senza rischio che qualche bastardetto lo intercetti e lo frmenti come accade ai carboidrati.
Inoltre attenti con la frutta, il fruttosio deve passare per il fegato e se siete molto intossicati dai batteri, può essere una brutta
idea, la soluzione ottenere le calorie dai grassi, entro qualche settimana switcherete verso la beta ossidazione, e non
accuserete più il bisogno di mangaire carboidrati ad alta densità ovvero ad alto indice glicemico.

La dieta gift è un altro tentativo di limitare gli effetti nefasti degli sbalzi insulinici.
Ricordate i carbo specialmente se raffinati, provocano aumento dell'insulina se digeriti bene, se digeriti male creano un
ambiente sfavorevole nel corpo che secerne muco dove i microorganismi si riparano per attaccare la mucosa.

I latticni sono ricchi di fattori di crescita, e il lattosio è difficile da idroilizzare per un adulto, inoltre le proteine del latte hanno
un alto indice insulinico, ovvero vi fanno secernere insulina anche senza un reale carico glicemico.
Cercate in rete, cercate vedrete quanto è profonda la tana del bianco coniglio.

Ah la dieta dovrebbe essere almeno un 40% in grassi meglio se si va sui 50-60% altrimenti sentirete semrpe la voglia di
mangiare carboidrati, inoltre la ripartizione ottimale sarebbe 45% da grassi saturi, il 50% da monoinsaturi e il 5% in polinsaturi.
http://www.dottorperuginibilli.it/index.php?option=com_content&task=view&id=93&Itemid=125

_____________________________________________________________________________________

Dsds Inviato 22 February 2009 - 09:30 PM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 4
• Iscritto: 14-February 09

RunDLL, su 22/02/2009, 01:55, detto:


Io seguo la cura di antiossidanti in particolare molta frutta e verdura ma integro anche qualche mese all'anno con Efamarine.
Shampoo tutti i giorni, uso "Revita". Posso dire di essermi quasi dimenticato di avere la dermatite.

Salve a tutti, sono un nuovo utente del forum. Non sono un medico. Soffro di ds dai 25 anni circa e adesso ne ho 39. Ho
attraversato, in passato, periodi davvero molto brutti nei quali mi vergognavo a uscire di casa. Nel tempo ho imparato un pò a
gestire la malattia e attualmente va discretamente.
Scusate se dirò delle stupidaggini, sono solo delle considerazioni da incompetente.
Devo dire che ho trovato utilissimi i consigli di questo forum.
Per controllare la ds, la svolta per me è stata l' utilizzo della keto mousse, che in pratica mi ha quasi eliminato il problema nella
testa, nel torace e nella zona infrascapolare. Naturalmente gli effetti non sono definitivi. Quando il rossore e il prurito tendono
a ripresentersi uso per un pò di volte la mousse, e tutto scompare per un certo numero di giorni.
Per la detersione della testa alterno all'uso della sola acqua lo shampoo keto oil. Per la pulizia del viso alterno la sola acqua a (e
non so veramente se faccio bene) un qualsiasi disinfettante per la pelle del supermercato. Ancora, per il viso alterno la crema
flogangel con la crema seboskin e l'emulsione fluida kouriles.
Credo che per molto tempo il mio maggior errore sia stato usare detergenti per pelli grasse. Chi ha seborrea e quindi la pelle
untuosa, è portato a credere che i detergenti adatti siano appunto quelli che sgrassano, quindi quelli per pelli grasse. Così
facendo si elimina a fondo quello strato lipidico (protettivo) che, in chi soffre di ds è molto fragile, e che già la sola acqua
elimina. Quindi credo sia invece utile, in generale, utilizzare prodotti per pelli secche, idratanti.
Comunque,concludendo, da quando ho trovato questo forum ho scoperto nuovi prodotti molto buoni che adesso uso( e ho
intenzione di provarne anche altri), e devo dire con buoni risultati: il tonico Pure Zone; la crema Physiogel.
Anch'io però mi sono convinto che sia fondamentale un approccio sistemico e non solo topico.

Domande per RunDLL: Efamarine si deve necessariamente comprare su internet? Non ci sono prodotti alternativi da acquistare
in farmacia? Lo shampoo Revita, lo usi perchè hai problemi di caduta dei capelli, o ha effeti propio sulla ds?
Grazie a tutti per i consigli dati sul forum.

_____________________________________________________________________________________

Mantice Inviato 07 March 2009 - 03:11 PM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 11
• Iscritto: 15-May 07

RunDLL, su 28/02/2009, 00:58, detto: La Dermatite Seborroica non fa perdere i capelli.

Invece ti sbagli...
Se i lavaggi del cuoio capelluto non sono abbastanza frequenti, le unità follicari, vengono praticamente "affogate" dall'eccesso
di sebo e di conseguenza, è come se il follicolo non riuscisse a respirare bene, provocando nel corso degli anni una scarsa
ossigenazione e di conseguenza la morte del follicolo stesso.

Un esempio, può essere quello di guardare una qualsiasi persona affetta da dermatite seborroica e notare che il diradamento
non è presente nelle zone tipo la corona, dove il numero delle ghiandole sebacee è nettamente inferiore e di conseguenze i
follicoli sono sopravvissuti, perchè sono riusciti a "respirare" meglio.

_____________________________________________________________________________________

Elguerriero Inviato 13 March 2009 - 08:31 PM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 75
• Iscritto: 21-January 09

Senti io so solo una cosa che diminunedo l'insulina in corso sto benissimo non bene.

Poi le ricerche che non concludono niente le lascio a chi ci crede, vengo qua solo per cercare di aiutare gli sventurati che come
me hanno questa scigura nella vita.

La dermatite è qualcosa che va a cazz e comicia con un blocco del linfatico che per inciso trasporta sia i microorganismi morti
che i grassi, se quello che viene trasportato divienta stagnante c'è una stasi linfatica e le zone dove la stasi si manifesta più
spesso sono i nodi alla base del collo e i mesenterici ecco perchè si forma prevalentemente in zona dorsale e facciale.
Ed ecco perchè quando si suda la cosa migliroa a vista d'occhio e sembra peggiorare se si mangiano molti grassi che per inciso
non c'entrano niente, perchè s il linfatico non impegnato a pulire il corpo da microrganismi morti, trasforta i lipidi per far si che
il corpo li utilizzi come substrato energetico.

Ecco perchè se si mangia di meno si notano miglioramenti ed ecco perchè se si mangiano cibi ad alto indicie glicemico come i
carbopidrati e/o cibi ad alto indice insulinico che sono i latticini peggiora di brutto.

Anche se si mangia al dì sopra delle prorpie capacità il fenomeno peggiora, probabilmente in una giornata primaverile con un
umidità del 60% e una temperatura di 15 gradi, uno con 2000 kcal è a posto, invece sicuro continua a straforare riempendosi
per lo più di zuccheri raffinati e di ogni schifezza possibile, aumentando la quota di androgeni liberi e totale che sicuro
peggiorano il fenomeno.

La desaturasi funziona male se si è in iperinsulinemia, anzi non funziona affatto ecco perchè c'è lo squilibrio degli acidi grassi,
ma sono stanco di dire sempre le stesse cose.

Tenetevi le parole degli scienziati che su di voi si fanno la barchetta al mare, io me ne vado con il viso integro, felice e contento,
visto che altri disturbi considerati minori stanno sparendo, problemi intestinali compresi.

Peter quello che ragiona per luoghi comuni sei tu, che ci porti solo sintomi ma nessuna causa, veramente ti sei convinto che è
normale che tipi come noi abbiano livelli di ossidanti da far invecchaire anch un bambino in pochi anni? Oppure realmente sei
convinto che siamo tutti carenti di acidi grassi polinsaturi?
Ma per piacere, per inciso io non prendo alcun integratore...

_____________________________________________________________________________________

elguerriero Inviato 14 March 2009 - 12:49 AM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 75
• Iscritto: 21-January 09

RunDLL, su 13/03/2009, 19:48, detto:

Ritengo che certi trattati di medicina non si possano nemmeno accostare minimamente alla Dermatite Seborroica.
Qualunque malato di Dermatite Seborroica può testimoniare che sudare non migliora assolutamente ma al contrario peggiora
lo stato di irritazione.
La Dermatite Seborroica comporta un alto stato ossidativo delle cellule, gli integratori o meglio una dieta sana con molti
antiossidanti facilita notevolmente l'eliminazione dei sintomi, ho visto io stesso e sentito le testimonianze in diretta di malati
guariti grazie alle cure antiossidanti del dott. Passi, di cui stiamo trattando in questa discussione le teorie totalmente
scientifiche. Ritengo sì che in tutti i malati di Dermatite Seborroica vi sia una carenza di acidi grassi polinsaturi.

Qualunque tranne io che in estate sto benissimo e non è il mare, perchè un anno non ci sono proprio andato e comunque
stavo benissimo, mi dici di qualche pubblicazione dove leggere di queste miracolose guarigioni?
Sai usare la parola scientifico a sproposito serve a poco e comunque anche se Passi li avesse guarito ha agito sui sintomi non
sulla causa, come detto non è previsto in natura che un essere vivente soffra di tale patologia e di sicuro non si fermenrà alla
pelle, voglio vedere quando finira di essere un problema dermatologico per essere un altro tipo di problema più grave cosa
dirà il dottor Passi, ma già che per lui non sarà un problema, visto che a lui interessa solo curare la pelle non tuto il corpo,
quindi nisba... E non ti chiedi come mai c'è una carenza di tali acidi polinsaturi. E curiamo un altro sintomo...

Tu ritieni troppo ma preenti poche prove a quelle che sono tue supposizioni, comunque felice tu, dato che so che sei anche tu
malato di questa cosa, i miei auguri, giacchè per quello che mi interessa io ho risolto del tutto.

Sai qual'è la cosa ironica, che ero partito per curare la pelle e sto guarendo disturbi incredibili, potavo gli occhiali per
l'astigmatismo, pure quello considerato incurabile sta sparendo, giacchè ora ti sto scrivendo senza usare gli occhiali, la
spiegazione ci sarebbe, ma sono sicuro che te ne uscirai con la scienza e cose varie...Lascia che ti delucidi che il metodo
scientifico è usato solo dagli ingegneri alla lettera, i medici non sanno neppure cosa sia, quindi buona dermatite.

Ah un altro utente si sta attenendo a questo tipo di dieta, qua è registrato con il nick di Nature, che dichiara di essere guarito
anche lui, guarda caso.
Buona fortuna.

_____________________________________________________________________________________

elguerriero Inviato 14 March 2009 - 01:52 PM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 75
• Iscritto: 21-January 09

Nature, su 14/03/2009, 10:57, detto:

confermo tutto! Mi dispiace che nn vogliate capirlo,so cosa si prova ad essere in quella brutta situazione,anche se il mio era un
problema lieve. Non voglio intimorirvi ma pensate a quali patologie state andando incontro e modificate la vostra dieta di
conseguenza,è così facile...auguri

Tu sei stato fortunato... Io molto di meno, l'acne mi ha perseguitato appena compiuti i 12 anni, già all'epoca mia mamma
notava che la mia barba cresceva a una velocità assurda, aver saputo che c'era un eccesso di testosterone libero nel sangue e
di questo maledetto fenomeno, che infatti è iniziato con la pubertà, a 14 anni iniziai a perdere i capelli nelle tempie, man mano
compariva il fenomeno della forfora, verso i 19 anni comparivero le prime macchiline che poi sono andate peggiorando con gli
anni, e in 4 giorni è tutto scomparso.

Adesso ho voluto fare una prova, me le sono fatto rivenire a botta di carboidrati raffinati e di amido e lattosio, da lunedì
riprovo ad eliminarle, vistoc he il caro Run sa bene che il metodo scientifico prevede ripetibilità del metodo.
Inoltre è bene tenere presente le scoperte di Ciampolini in merito alal connessione dell'aumento microbico intestinale
connesso alla perdita di sensibilità insulinica.

Detto in soldoni se si mangia oltre i bisogni metabolici il cibo rallenta nel tenue e inizia a fermentare e a putrefare. I vegetariani
hanno eliminato un grilletto delle putrefazioni aliminando le proteine o ridimensionandole di parechio nella dieta, ma non è
questa la soluzione per bloccare i microbi e quindi lo stato proinfiammatorio che poi si ripercuote con un intasamento linfatico
e quindi un ristagno di linfa che porta alla dermatite.

La soluzione è regolare i bisogni metabolici eliminando i carboidrati che inducono da soli la produzione di insulina, i latticini
che inducono aumento insulinico e limitare le calorie, non perchè il concetto di caloria conti qualche cosa, ma è un modo di
quantificare quanto si mangia e se si è in iperinsulinemia si deve mangiare meno, appena il corpo shifta verso la beta
ossidazione, il più è fatto.

Posso a tal proposito fare un esempio, immaginiamo due gemelli di uguale metabolismo, uno vive in un clima caldo umido e
uno dove c'è un clima caldo ma secco.
I consumi metabolici dei due saranno diversi, dato che per esempio uno si trova in un clima umido produrrà intoro a corpo uno
strato di umidità che gli permetterà di consumare meno, mentre quello in clima secco no e continuera a disperdere calore dato
che non ha una cappa a temperare la perdita di energia.
In Inverno poi c'è una differenza abissale tra chi si trova al vento magari freddo magari a a fare sport e chi se ne sta molte ore al
giorno seduto con il sedere in ufficio, al caldo e in un luogo poco ventoso.
Il primo consumerà in maniera spaventosamente maggiore, ironia della sorte però chi ha vita attiva spesso consuma poche
schifezze proprio perchè non ha tempo materiale di farlo.
Risultato il primo a una sensibilità insulinica ottima, mangiando molto di meno si sente sazio e riesce a usare bene
quell'energia, il secondo no e quello che non assimila viene usato dai batteri e dai lieviti per prolificare e creare stato
infiammatorio.
Ecco perchè lieviti come quello della candida e della dermatite seborroica stanno spopolando.

La dermatite seborroica niente di più niente di meno, della sindrome metabolica, nella psoriasi stessa è stato riconsociuto che
chi è malato è iperinsulinico.
Ah probabilmente in piena estate quando vi sedete comodamente al sole sulel sdraio al mare facendo pochissimo, avete
consumi metabolici minimi, probabilmente senza iperinsulinemia potreste andare avanti con una quota calorica minore delle
1000 kcal. Questo è quanto...

_____________________________________________________________________________________

Mantice Inviato 14 March 2009 - 04:35 PM

• Gruppo: Salusmaster User


• Messaggi: 11
• Iscritto: 15-May 07

RunDLL, su 12/03/2009, 11:49, detto:

Se sei un dermatologo allora dovresti sapere che:


1) prima cosa fondamentale la Dermatite Seborroica non comporta una secrezione di sebo ma al contrario la malattia tratta
una carenza di grassi, di conseguenza:
2) un malato di Dermatite Seborroica non necessariamente ha i capelli grassi;
3) avviene in alcuni malati che prima aveva i capelli grassi un'invertenza ovvero quando si ammalano di Dermatite Seborroica
gli sparisce la seborrea;
4) i dermatologi sono concordi nel ritenere che la Dermatite Seborroica non comporta perdita di capelli.

Ti rispondo subito:
1)Non è vero che non comporta una secrezione di sebo in tutti i casi. Ovviamente ci sono le eccezioni, ma ciò dipende da
fattori individuali...

Affermi che le ricerche scientifiche e i dermatologi sono concordi nel ritenere determinate cose, ma voglio ricordarti che
scientificamente (come affermi), "la causa di questa patologia non risulta essere ancora chiara". In maniera più specifica, va
detto che il fungo "Pityrosporum ovale" è presente in notevole quantità nelle zone colpite ed è la secrezione sebacea
particolare che favorisce lo sviluppo di questo fungo e anche l'incremento della moltiplicazione cellulare. A seconda dei casi, la
produzione si sebo può aumentare o meno, ma fondamentalmente cambia di composizione. Ciò causa l'irritazione del cuoio
capelluto o di altre zone interessate.

Per quanto riguarda la carenza di grassi, anche qui devo correggerti, visto che la carenza degli acidi grassi polinsaturi (quelli per
così dire benefici), è presente pratiacamente nella maggior parte della popolazione, causa la cattiva alimentazione che prevede
il massiccio consumo di grassi animali, i quali scompensano l'equilibrio degli omega-3, a favore degli omega-6. Ritornando a
noi, essendo presente questa carenza, praticamente nella maggior parte della popolazione, allora dovrebbero essere affetti
tutti dalla dermatite, ma così non è, visto che entrano in gioco tantissimi altri fattori, E non solo "la carenza di grassi" come
affermi tu. Infatti, altri fattori sospettati di contribuire all'insorgere di tale patologia sono: una predisposizione genetica ,
anomalie del sistema immunitario a livello della cute, fattori ambientali esterni (umidità, temperatura), esposizione a
detergenti o agenti irritanti, condizioni ormonali, morbo di Parkinson, alterazioni dell'umore, alcolismo, stress, malnutrizione,
scarsa igiene, infezione da HIV.

Gli squilibri ormonali, sono determinanti in % altissime, così come problemi al sistema immunitario. Ma va detto, che
entrambe le cose, in tantissimi casi sono provocate dallo stress a cui è sottoposto l'individuo in questo mondo sempre più
caotico. L'alimentazione sbagliata, poi, completa il quadro della situazione.
Tutti quelli che ne sono affetti, ben sanno che colpisce soprattutto le zone ricche di "ghiandole sebacee" ovvero attorno al
naso, il cuoio capelluto, il dorso e di solito la regione infrascapolare. Quindi, se il sebo non c'entra assolutamente nulla secondo
il tuo parere, perchè frequentemente compare nelle zone che sono ricche di ghiandole sebacee???

Per quanto riguarda l'affermazione "i dermatologi sono concordi nel ritenere che la Dermatite Seborroica non comporta
perdita di capelli", mai affermazione, fu più sbagliata. I dermatologi stessi, per "curare", o meglio tenere a bada l'alopecia,
somministrano ai pazienti la "finasteride"... ma stiamo scherzando??? Un farmaco utilizzato per la cura del tumore alla
prostata???!!! Ma tutti affermano che la posologia è inferiore di diversi grammi... poi, sono tantissime le persone che accusano
sintomi quali il calo della libido, la disfunzione erettile, ecc...

Ora, voglio far capire a tutti: i dermatologi affermano con ricerche scientifiche alla mano che la dermatite seborroica non
provoca anche la caduta dei capelli... ma quando si tratta di somministrare finasteride, a quel punto i dermatologi stessi, non
fanno riferimento alle ricerche scientifiche che invece dimostrano che fa male, e questo perchè oguno afferma soltanto ciò che
gli fa più comodo!!! GLI INTERESSI ECONOMICI, SONO QUELLI CHE PIU' CONTANO PER LORO, E NON LE SODDISFAZIONI DI
VEDERE UN PAZIENTE IN CONDIZIONI MIGLIORI... VERGOGNA!!!

_____________________________________________________________________________________

Syncster Inviato 14 March 2009 - 09:47 PM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 104
• Iscritto: 31-October 05

Oddio! saranno 3 anni che non scrivo piu su questo forum..e vedo che le cos enon sono ancora cambiate..io modificando
l'alimentazione ho praticamente risolto. Ascoltate elguerriero và ...

_____________________________________________________________________________________

elguerriero Inviato 15 March 2009 - 01:13 AM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 75
• Iscritto: 21-January 09

Valentina80, su 14/03/2009, 22:48, detto:


salve...risultando intollerante al lievito di birra e chimico...e soffrendo da 1 annetto di DS....le 2 cose sono collegate????

Le intolleranze non esistono, semmai esistono le allergie ... comunque :


Iperinsulinemia => rallentamento intestinale => prolificazione microbica => infiammazione => il corpo viene a contatto con
peptidi troppo grandi che passano la barriera intestinale => sviluppo di intolleranza veso quella proteina che viene riconosciuta
come un antigene.
Stessa cosa per i carboidrati indigeriti che formano muco come l'amido, il lattosio, lo zucchero.
_____________________________________________________________________________________

Nature Inviato 17 March 2009 - 02:14 PM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 51
• Iscritto: 29-November 08

Syncster, su 15/03/2009, 12:50, detto:


salvio ma eliminando i carboidrati e i latticini non si è piu in uno stato iperisulinico? ci sono casi che anche eliminando questi
l'iperinsulinemia resti?
nel caso non si facesse sport magari..ah e quale sport è migliore? sollevamento pesi mi pare di no eh...e per carboidrati si
intende anche la frutta?

Sollevamento pesi è ottimo per migliorare la sensibilità insulinica.


La mia giornata tipo è : colazione: 3 uova una banana(ma tu all'inizio è melio che eviti frutta con alto ig quindi magnate una
pera). Pranzo: 200g agnello,300g biete cotte con 50g di lardo,200g insalata mista con abbondante olio d'oliva,4 noci
Spuntino: 100g prosciutto crudo,mezza pera. Cena: 300-400g di sgombro cotto al vapore, 300g di broccoli cotti al vapore,2
zucchine meie cotte al vapore,mezza pera(avanzata dal pome),il tutto condito con abbondantissimo olio evo e ghee
Tieni conto che se vuoi assumere meno carbo devi sostituirli con i grassi,la mia dieta è ripartita : 30%proteine 30%carboidrati
40%grassi. Se in alcuni giorni nn faccio assolutamente attività e sto magari in casa a studiare aumentano i grassi in sfavore dei
carboidrati. Quando mi alleno(faccio sport a livello agonistico)aumentano spropositatamente i carboidrati,anche ad altissimo
ig(maltodestrine,miele)dopo l'allenamento,ma lo faccio solo perchè in un singolo allenamento potrei consumare anche 2000-
3000 calorie,molte delle quali da zuccheri.

_____________________________________________________________________________________

Bordo Inviato 03 January 2008 - 07:31 PM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 105
• Iscritto: 25-December 05

Bicarbonato a digiuno con acqua e limone, capelli + forti da quasi subito, che cadono molto meno (nel lavandino non resta
quasi nulla) e meno sassolini sulla cute, direi che ora è tornata quasi normale anche senza prendere sempre il bds.

_____________________________________________________________________________________

Salvio1978 Inviato 28 September 2007 - 12:20 PM

• Gruppo: Salusmaster User


• Messaggi: 87
• Iscritto: 23-November 03

Avevo promesso di non scrivere più su questo forum, ebbene dopo 9 mesi sono forse alal causa finale che provoca questa
patologia. Il nome è carenza enzimatica.
Vi consiglio di fare un giro del mio sito e del mio forum:
http://www.psichesoma.net
http://www.psichesoma.net/forum

Dato che solo così potrete avere vaga idea di quello che vi esporrò.
Nella dermatite seborroica si è dato spesso colpa un patogeno di nome Pirtirosporum ovaris, niente di più sbagliato!
Potete combatterlo come altri combattono con la candida, ma il risultato sarà sempre lo stesso.
Lacosa da chiedersi è perchè questi parassiti riescono a proliferare sulla pelle, la risposta è di una semplicità spaventosa,
perchè quello che mangiate ha depletato negli anni le vostre riserve enzimatiche, ivi compresi improvvisi stress, compreso
lavare la pelle con saponi spacciati per buoni quando contenenti delle vere e proprie tossine per la stessa.

Ci siamo chiesti se i fermenti potevano aiutare, la risposta è stat ni, ma tutavia la domanda era cosa scausava ilo squilibrio della
flora intestinale? Semplice il cibi indigerito per la carenza di enzimi.

Scommetto che tutti quelli colpiti da dermatite hanno altri disturbi di tipo infiammatorio che non collegano neppure
minimamente ad essa.

Posso dirvi che negli ultimi mesi io non sono guarito ma molto molto migliorato e c'è speranza che la remissione con il tempo
sia completa, tuttavia posso garantirvi che appena ho dolori di stomaco indice di pessima digestione, si ripresenta di nuovo,
non appena risolvo, entro poco si leva. Stessa cosa per l'insonnia, se ho digerito perfettamente, dormo bene e la mattina mi
risveglio migliorato, se invece ho avuti problemi di digestione la mattina mi risveglio peggio. Ecco tra l'altro spiegato l'arcano
misterioso che collegava lo stato al risveglio con questa patologia. Tra l'altro il materiale indigerito viene recuperato previa
digestione da parte del sistema immunitario tramite il linfatico, spiegato quindi perchè in fase infiammatoria si possono sentire
i linfonodi gonfi.

I fermenti probiotici producono enzimi decomponendo il cibo indigerito ecco del perchè apportano miglioramento e inoltre
combattono con i parassiti intestinali.

Tra l'altro è una balla colossale che i latticini la peggiorano, la peggiorano i lattici cotti perchè non vengono digeriti, già il latte
crudo apportando gli enzimi necessari alla demolizione cpompleta dello stesso non lascerà traccia, tra l'altro vi ricordo che gli
enzimi sono gli antistaminici migliori in natura perchè proteolizzano quelloc he infiamam un tessuto, non a caso in america si
sono fatte sperimentazioni sugli enzimi e sul fenomeno della leucocitosi post-prandiale, proprio perchè se qualche cosa non
viene digerito naturalmente il sistema immunitario a livello intestinale tenta di farlo fuori rilasciando enzimi, alla lunga se
questo si potrae il sistema immunitario può lasciare altri compiti periferici per digerire questo materiale indigerito.

QUindi dagli studi di Pottenger, del dottor Howell e di altri scienziato non calcolati si può capire che le patologie che l'uomo si
trascina dietro sono tutte derivanti da stato carenziale enzimatico.

Cercate in rete vedrete che è così.


I miei saluti.

_____________________________________________________________________________________

Salvio1978 Inviato 28 September 2007 - 12:48 PM

• Gruppo: Salusmaster User


• Messaggi: 87
• Iscritto: 23-November 03

QUOTE : gundam, su 28/09/2007, 12:40, ha detto:

Ok ..quindi yougurt a manetta ..e poi hai qualche integratore da consigliare che contenga fermenti probiotici?? ...ho
letto da prendere lontano dai pasti, grazie.
No! Non è così semplice, la cosa.

Prima di tutto se le sostanze che vengono introdotte sono considerate anomale, perchè il corpo è in crisi di enzimi, pur avendo
gli alimenti ingeriti degli enzimi sarà riconosciuto come sostanza irritante, ve ne potete accorgere dal lieve muco che sentite in
gola subito dopo aver consumato un tale alimento.

Inoltre gli yogurt commerciali fanno pena e sono ricchi di una sostanza velenosissima, lo zucchero bianco!
Posso affermare con certezza che il vero yogurt in commercio di fatto non esiste quasi più.
Inoltre i soli probiotici non bastano ci vogliono enzimi e una alimentazione abbastanza crudista.
Inoltre il tutto dipende da come sta l'organismo in questione, probabile che necessiti anche di un lungo digiuno per riprendersi
del tutto.

Non a caso qua potete leggere di persone che avendo seguito un lungo digiuno miracolosamente guariscono dalle lotro
patologie compresa la psoriasi: http://www.digiuno.i...ticolo.php?id=5

Semplicemente perchè il corpo oramai libero da un impegno pressante che è la digestione specialmente del materiale
indigerito che impegan come detto incendi risorse immunitarie, inizia a ripristinarsi da solo.
Ricordate che nessuno può guarirvi, l'evoluzione ha pensato a questo a meno di fattori contingenti che la ostacolano.

_____________________________________________________________________________________

Salvio1978 Inviato 11 October 2007 - 01:01 AM

• Gruppo: Salusmaster User


• Messaggi: 87
• Iscritto: 23-November 03

Vi cito l'articolo di questo signore, questo signore mi ha espulso a febbraio dal suo forum, perchè io proposi una teoria sulle
mucoproteine, ma sicc0ome questo tizio vuole semplicemente avere riscontri economici, non ammise la validità di teorie che
io avevo preso dalal scienza ufficiale che lui dichiara, demoniaca e asservita.

Vi posto lo scritto: http://www.arnoldehr...e...r=0&thold=0

Allora se guardate il disegnino del connettivo capirete cosa succede.


In una prima fase sei punti più irrorati il vostro connettivo si presenta nello stato che lui definisce bagnato.
E la parte il dramma,, il pitirosporum che in condizioni normali non farebbe una cippa, in quelle condizioni di blocco linfatico fa
un casino, fermentando le mucoproteine addensate che il linfatico non è iin grado di recuperare.

Odio questo tizio, se non facesse quello che fa per soldi, sarebbe anche brillante.
Comunque questo è quello che accade, con qualche imprecisione al vostro connettivo.

La vostra dermatite altro non è che una banale (mica tanto) statsi linfatica che con il tempo coinvolge un fungo e altri
microorganismi che per condizioni favorevoli ci vanno a nozze, inoltre il corpo per cercare di distruggere le mucoproteine
prodotte inizia a secernere ogni tossina possibile di tipo enzimatico, tramite il sistema immunitario (quando lo stress non lo
butta sotto i piedi).

Se non si riporta il tessuto alla condizione di asciutto come semplicisticamente questo tizio la definisce, scordatevi di levarvi la
dermatite. Quello che fanno i cortisonici e dire semplicemente al sistema immunitario di non intervenire, ma funghi e
microorganismi restano là.

Non mi stancherò mai di ripetere, la dermatite è ben più di un fatto inestetico. E' semplicemente l'inizio di una condizione
degenerativa globale del corpo che ha come capolinea una morte lenta e dolorosa.
A voi la scelta di come combatterla, i miei saluti...

_____________________________________________________________________________________

stefo70 Inviato 24 January 2008 - 11:56 PM

• Gruppo: Salusmaster User


• Messaggi: 349
• Iscritto: 27-March 07

La dermatite seborroica è una dermatite che affligge il cuoio capelluto, la faccia, il torace e il condotto uditivo. In particolare
colpisce le zone ricche di ghiandole sebacee della pelle.

Le cause: La causa di questa patologia non risulta essere ancora chiara: il microrganismo Pityrosporum ovale è in notevole
quantità nelle zone colpite, si riscontra un incremento della moltiplicazione cellulare, la produzione di sebo non è aumentata
ma esso cambia di composizione, così da irritare il cuoio capelluto.

La causa più popolare tra i ricercatori è una elevata sensibilità del soggetto al Pityrosporum ovale, un lievito che è
normalmente presente tra i moltissimi microorganismi residente sulla pelle.

Fattori sospettati di contribuire all'insorgere di tale patologia sono: una predisposizione genetica
anomalie del sistema immunutario a livello della cute
fattori ambientali esterni (umidità, temperatura...)
esposizione a detergenti o agenti irritanti
condizioni ormonali
morbo di Parkinson
infezione da HIV
alterazioni dell'umore
alcolismo
stress
malnutrizione
scarsa igiene

_____________________________________________________________________________________

mototopo Inviato 29 May 2008 - 12:48 PM

• Gruppo: Salusmaster User


• Messaggi: 10
• Iscritto: 21-July 07

QUOTE : bordo, su 27/05/2008, 19:53, detto:

Si tutto a posto grazie, anche dal fronte capelli, attendiamo tue buone. Riesci a misurare anche una goccia di
sangue? Tanto per completezza...

il ph del sangue è fisso a circa 7,4...altrimenti tiriamo le quoia...è proprio questo il punto infatti sembra che per mantenere
questo valore il nostro corpo usi vitamine-minerali e che questi vengano presi anche dalla cute e dai capelli,dai denti...il ph
delle urine ci dice quante sostanze acide vengono espulse per mantenere il sangue a 7,4...quindi:

ph-urina acido = + minerali-vitamine sottratte al nostro corpo


ph-urina basico= - minerali-vitamine sottratte al nostro corpo

Ma tu a capelli come sei messo...hai particolari problemi(Stempia,Vertex...) ? Hai visto un miglioramento ? Hai notato una
fermata della caduta ? Hai notato una ricrescita ?

_____________________________________________________________________________________

androide3 Inviato 25 June 2008 - 04:34 PM

• Gruppo: Salusmaster User


• Messaggi: 3
• Iscritto: 19-June 08

Ciao a tutti , ho appena letto quasi tutta la discussione e vorrei raccontarvi la mia esperienza .
L' unica volta che sono riuscito a ridurre a zero la manifestazione della psoriasi ( l' effetto è durato per più di un anno ) e a
ridurre sensibilmente la dermatite seborroica che ho in testa è stato quando ho fatto per 6 mesi una dieta in cui escludevo tutti
i latticini e le uova e riducevo sensibilmente i carboidrati , stando molto attento ad assumere meno conservanti e coloranti
possibili . Secondo me il nocciolo della questione è quello , i conservanti e i latticini (per non parlare della totale astensione
dagli alcolici) sono una delle maggiori cause della cronicità . L' unico problema è che ho serie difficoltà a mantenere quel
regime di dieta , comunque dopo i primi sei mesi la dieta radicale l' avevo interotta e le prime rimanifestazioni le ho avute un
anno dopo .

Ora proverò ad andare da un dietologo più competente di me e riproverò a mettermi seriamente e definitivamente a dieta .
In conclusione secondo me la D.S. e la psoriasi me la sono presa mangiando la rumenta che mi vendono nei supermercati (i
latticini e le uova li mettono ovunque è incredibile) come anche i conservanti e coloranti .
è difficilissimo curarsi da queste dermatiti ma ovviamente non è impossibile , solo che farlo ci cambia radicalmente la vita ,
limitandoci enormemente ( non posso mangiare se non a casa mia ) quindi in sostanza mi sento di avere un grosso handicap
che incide su tutta la mia vita compresa la carriera ( non posso fare trasferte ) e il tempo libero (mi vergogno di andare al mare)

Quindi come i colossi del tabacco devono ripagare chi si è ammalato fumando forse un domani i supermeracti dovranno
ripagare noi per questo . Ciao a tutti, Andrea

_____________________________________________________________________________________

Stefo70 Inviato 25 June 2008 - 06:24 PM

• Gruppo: Salusmaster User


• Messaggi: 349
• Iscritto: 27-March 07

Il bicarbonato funziona a meraviglia!!!!


io ci mischio l'amido puro e mescolo con acqua e ci faccio la maschera...
non mi ricordo neanche piu' dei rossori sul viso....

Salvio1978 Inviato 26 June 2008 - 12:42 AM

• Gruppo: Salusmaster User


• Messaggi: 87
• Iscritto: 23-November 03

Ma perchè non riuscite a fare 1+1 = 2


Il bicarbonato uccide i lieviti e la DS si attenua; mangiare pochi carbo ne sfarisce un guadagno a livello intestinale e la DS si
arresta. Il digerire male amidi e caseine e il glutine, favorisce i liviti e la Ds aumenta.
L'iperinsulinemia, riempie i tessuti di glucosio e i liveiti abbondano.

Azz ma siete più duri del cemento.


Stefo, come fai tu fermi i lieviti sul viso, ma dentro non li disturbi affatto, anzi stai peggiorando la situazione metabolica.
Tra l'altro stefo adesso puoi capire perchè chi ha la Ds quasi sicuramente ha anche la candida.

Candida e lieviti secerno molte neurotossine che inducono a consumare una quota smisutrata di carboidrati a chi li ospita, ma
credimi il fatto non è rendere l'intestino alcalino, bensì digerire e metabolizzare perfettamente ciò che si mangia, e i batteri
torneranno ad essere nostri servi in simbiosi e controllati dal sistema immunitario, altrimenti sai cosa pensano di noi? Che
siamo la loro insalatiera preferita, visto che in natura così fanno le cose, se trovi una fonte infinita di nutrimento la usi e basta.

La stessa alopecia androgenetica è immuno-mediata da una conversione anomala di testosterone in DHT, ma chi provoca la
forte produzione di testosterone? I carboidrati con reiterati picchi insulinici, infatti se riducete i carbo, vedrete senza aver fatto
adeguata transizione, crollare la vostra libido.

L'errore che fa il Dott.Pagano è far mangiare verdura cruda ai suoi pazienti irritando l'intestino e facendogli letetralmente
soffrire le pene dell'0'inferno all'inizio, e in alcuni non funziona perchè hanno bisogno di eliminare più residui di muco, che si
comporta come una nicchia ecologica per microbi dal corpo. Inoltre vengono fatti altri errori, come la mancata eliminazione
dei latticni e dei cereali e combinazioni pessime, ad esempio la verdura cruda e i cereali integrali sono una cosa difficile da
digerire e quindi andrannoa d aumentare la flora batterica ed a irritare l'intestino, risultato? le pene dell'inferno.
Ciao a tutti.

_____________________________________________________________________________________

Salvio1978 Inviato 06 June 2008 - 04:47 PM

• Gruppo: Salusmaster User


• Messaggi: 87
• Iscritto: 23-November 03

Potrei ribattere su molte cose che avete detto, ma non ho nè il tempo nè la voglia, inoltre basta levare l'intollernza principale
per essere tolleranti di nuovo a molti cibi, inoltre il disinsulismo tende a creare intolleranze random, ma il concetto è
complesso e i test non servono a niente.

Eliminare il latte da solo senza eliminare i latticni e ogni, ripeto ogni derivato non basta. Così per i cereali se non si fa
movimento, visto che sicuramente con le vostre pessime abitudini alimentari avete sicuramento messo in ginocchio il corpo.

Ah se per questo non ti preoccupare che tuo fratello pagherà lo scotto in un'altra maniera, fidati non è detto che un
intolleranza si debba mostrare solo come dermatite.

Ah un altro segno di un intolleranza è il voler mangiare per forza i cibi che la creano, provate a metetrvi della verdura e della
carne e a mangiare sempre quella quando avete fame, vedrete che se non mangiate cereali e latticini vi sentite morire lo
stesso. Io quello che avevo da dire l'ho detto, adesso fatti vostri, ciauz e scusate il disturbo.
Salvio1978 Inviato 08 June 2008 - 01:03 AM | Dieta senza glutine e caseina

• Gruppo: Salusmaster User


• Messaggi: 87
• Iscritto: 23-November 03
Quote : Il mio medico di base, neonaturopata con tanto di diploma attaccato nello studio, un giorno mi dice: Facciamo il test
per le intolleranze alimentari, 80 euro, pensando che fosse una cosa seria gli ho detto: ok, facciamolo!

Soldi buttati, i test non servono a niente.


Si ma perchèmi continui a ripenmire questo post con le tue frustazioni? E poi non puoi denunciare nessuno, visto che nessuno
ti ha messo una pistola alla schiena e ti ha costretto ad andarci.
Io non sono un naturopata, sono solo uno che ha fatto delle ricerche, controllandone la validità e i risultati e a me non risulta
che in questo forum qualcuno abbia dato del denaro, se qualcuno mi ha dato dei soldi lo può dire anche qua.

Se non levi zuccheri e amidi dalal dieta per un pò il tempo di tornare sensibile all'insulina ed elimini tutto ciò che ti crea
fastidio, sta sicura che lo stato infiammatorio che tra l'altro porta l'alopecia non lo guarisci.
Dieta e rilassamento.

_____________________________________________________________________________________

Salvio1978 Inviato 09 June 2008 - 12:38 PM

• Gruppo: Salusmaster User


• Messaggi: 87
• Iscritto: 23-November 03

Guarda, si sono accorti anche su questo post che il disinsulinismo provoca la DS: http://forum.salusma...o...&start=1335
prendendo spunto da questo: http://www.eurosalus...uo-aiutare.html

Ora cosa può provocare la sensibilizzazione ai lieviti e uno stato didisinsulinismo? Il glutine !

Come già ho citato dalla ricerca dell'università di Trieste anche animali non celiaci mostrano il diabete alla lunga se alimentati
con glutine (e si pensa che anche la caseina), riporto qua per comodità: http://www.pediatria.../CD_diabete.htm

Tra l'altro il glutine incollandosi alle pareti intetsinali con l'amido crea delle sacche dove batteri e liviti possono prolificare e
infiammare tutta la zona circostante, questo i nostri luminari non loo dicono ma se ne accrogono in chirurgia quando notano
che il colon e gli intestini in generale sono spesso in uno stato pietoso.

Passiamo alla prima causa, lo stress emotivo. Un eccesso di carboidrati tende a far iper lavorare come da me già detto l'asse
ipotalamo-ipofisi-surrene facendogli produrre un eccesso di adrenalina e cortisolo, che aumentano a dismisura la reazione del
sistema immunitario che inizia a martoriare zone intestinale già martorizzate da lieviti e batteri, inoltre come da me già detto e
avallato dal Dottor Ciampolini un gastroeneterologo dell'Università di Firenze, lo stato di ridotta sensibilità insulinica rallenta il
flusso del cibo negli intestini, aumentando l'attacco di microorganismi ostili, peggiorando l'intolleranza ai lieviti e peggiorando
la gestione del glucosio, che resta nel circolo ematico ergo le surreni saranno sollecitate a produrre altra adrenalina e cortisolo
e il pancreas ridurrà la produzione di enzimi per privilegiare quella dell'insulina.

Come vedete le tre cause, stress, disinsilinemia e lieviti sono strettamente connesse.

Ah se assumente semi di lino per i preziosi omega-3, perdete tempo il corpo in stato disinsulinemico non può allungare le
catene degli acidi grassi omega 3, che va solo a inibire il vostro sistema immunitario lasciando ccampo libero a batteri e lieviti.
Questo e quanto, dede sei ancora sicura che io stia dicendo un mare di cazzate?
Salvio1978 Inviato 09 June 2008 - 01:22 PM

• Gruppo: Salusmaster User


• Messaggi: 87
• Iscritto: 23-November 03

Non è vero, una dieta del genere, la si può seguire facilmente; certo se il cervello non è pieno di gluteomorfine e caseomorfine
e la glicemia non è fuori controllo, non si riuscirà mai, purtroppo almeno agli inizi, la sofferenza sarà abbastanza dura. Logico
che se hai sempre fame penserai che devi mangiare per forza pane e pasta per sentirti la pancia piena, mentre la verdura è
piena di cellulosa che come l'amido riempie lo stomaco, senza generare un carico glicemico eccessivo.
Anche un drogato pensa che non può vivere senza droga, ma invece lo può fare benissimo.

Tra l'altro lo stato di ipersinlinemia provoca alla lunga il cancro c'è poco da fare, l'insulina è un potente ormone anabolico
deputato alla crescita e il latte e i suoi derivato di fattori di crescita sono ricchissimi, questi se in una genetica medio normale,
alla lunga uccidono. http://www.eurosalus...-il-cancro.html

Come vedi niente controllo glicemico = niente salute.

_____________________________________________________________________________________

Dede Inviato 09 June 2008 - 04:22 PM

• Gruppo: Salusmaster User


• Messaggi: 499
• Iscritto: 14-December 07
OK, mi hai convinto.... mi scrivi una dieta senza tutte le sostanze che secondo te dovrei eliminare e che tenga conto della mia
celiachia? Giusto per capire di cosa stiamo parlando.

_____________________________________________________________________________________

Salvio1978 Inviato 10 June 2008 - 09:53 PM

• Gruppo: Salusmaster User


• Messaggi: 87
• Iscritto: 23-November 03

Ecco qua puoi leggere di cosa parliamo: http://www.thepaleod...om/paleo_books/ - http://www.dietaryacnecure.com/

_____________________________________________________________________________________

StesaAlSoleAliceAspetta Inviato 11 June 2008 - 01:47 PM

• Gruppo: Salusmaster User


• Messaggi: 13
• Iscritto: 11-June 08

L'ho già scritto ma lo ripeto anche qua.. Considerate che io ho scoperto da poco di essere intollerante a lattosio, glutine, lievito,
cioccolato e allergica ai funghi, sono 3 mesi che non tocco nessuno di questi alimenti eppure la mia dermatite seborroica non è
cambiata di una virgola.
Salvio1978 Inviato 11 June 2008 - 02:11 PM
• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 87
• Iscritto: 23-November 03

E tu dopo anni di dermatite pretendi che in 3 mesi si regolarizzi tutto?


Sai che gli anticorpi talvolta impiegano un anno per sparire? Sempre ammesso che il tuo intestino possa tornare normale.
Ho letto il tuo intervento sei ormai in preda a funghi e chissà quali altri microbi da anni, considererei se fossi in te la possibilità
di non riprendermi mai più... ma credo che ci voglia solo più tempo.

_____________________________________________________________________________________

Salvio1978 Inviato 14 June 2008 - 12:33 AM

• Gruppo: Salusmaster User


• Messaggi: 87
• Iscritto: 23-November 03

Vi propongo un libro che con la dermatite non c'entra niente ma che concentra tutti i pcincipi che noi del forum, intendo il mio
forum, abbiamo raggiunto in mesi e sperimentazioni, vi consiglio di spendere qualche euro e leggere un pochetto in merito a
qual'è l'unica vera alimentazione che vi farà uscire dalle infiammazioni e dai picchi insulinici che vi rendono disumanamente
suscettibili a cereali e latticini che comunque restano alimenti innaturali per l'uomo e di cui voi, anzi noi siamo il risultato.

Vi preciso che io non becco neppure un euro da questi qua, ma vedrete che cos'è l'alopecia androgenetica e che vuol dire
psoriasi o dermatite o anche atrite, o l'aterosclerosi o patologia autoimmune, che sono tute lo stesso fenomeno solo che si
esprime in zone diverse.

Si chiama la dieta ormonale, vi posso garantire che una sola settimana di questa dieta limiterà fortemente la DS, ma dovete
rinunciare alle pessime abitudini prese, come andare a dormire tardi tutte le sere, visto che il cortisolo gioca un ruolo centrale
nella DS e con lui l'insulina. http://www.ibs.it/co...a-ormonale.html

Voglio citarvi un ultimo esempio. i cereali sono ricchi di amidi ad alto indice glicemico, anzi carico glicemico e i latticni
contengono molti fattori di crescita insulino simili, ebbene sapete che la psoriasi e la Ds sono patologie legate a un veloce turn-
over epidermico giusto? Ora non si deve essere una cima per capire che fornire fattori di crescita a qualche cosa che è già in
crescita patologica fa male, purtroppo già lo so che qualcuno di voi stigmatizzerà e sicuro già state creando una scusa stile
matrixiana per non accettare la realtà, ma per convincervi che il mio discorso non regge.
Ciao a tutti.

_____________________________________________________________________________________

stefo70 Inviato 14 June 2008 - 09:26 AM

• Gruppo: Salusmaster User


• Messaggi: 349
• Iscritto: 27-March 07

Le abitudini di vita contano molto nello sviluppo della DS,infatti da quando ho smesso con il fumo(9 anni fa')ho ricominciato
una vita piu' sana e sonno regolare la mia DS praticamente non si vede quasi piu',lo anche notato dal fatto che la mia ragazza
non mi dice piu' niente al riguardo,quindi anche lei si e' abituata alla normalita.
Cmq prendero' qualche suggerimento del tuo post,e cmq meriti anche un ringraziamento per la tua tenacia e
perseveranza,visto che non ti abbiamo reso la vita facile in questo blog....

Salvio1978 Inviato 14 June 2008 - 10:27 AM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 87
• Iscritto: 23-November 03
Stefo a me non scoccia che abbiate dubbi, che è pure sacrosanto; ma mi dà un fastidio enorme che persone senza aver provato
criticano in maniera così aspra quello che dico, vedi quella che arriva a dire che la lattuga contiene lattosio per massimizzare
l'effetto del suo intervento...

Ripeto la DS non vi è venuta in un mese e non se ne andrà in un mese (salvo casi particolarissimi che diventano resistenti
facilmente all'insulina ma che la perdono facilmente)

Comunque il consiglio di leggere quel libro resta validissimo per capire un pò di cose sulla genetica umana, che non è il solito
inutile conceto a mo di condanna a morte che la medicina moderna usa come scusa quando non sa che pesci pigliare, ma
esprime il vero concetto di epigenetica ovvero di adattamento e compensazione a comportamenti slettivi dell'ambiente di cui
la DS è manifestazione, e che indica un disastro ormonale in corso ch epuò portare solo guai maggiori di qualche macchia.

---

Stefo adesso dovrei essere molto tenico allora proverò a metetrlo in poche e puerili parole.

Madre natura aveva concesso tramite il genoma ampi margini di movimento, ma stress prolungato a starato i meccanismi di
guardia ivi compreso sostanze eccitanti, ergo avete le surreni a pezzi e siete carichi di adrenalina e per compensare questo
siete costretti ad abboffarvi di ddolci che vi fanno schizzare l'insulina a mille e di riflesso produrre androgeni.

Se passate di botto alla paleo, eliminando i cereai e i laticni soffrirete come cani, il vostro sistema immunitario si abbaterà su di
voi per eliminare tutti gli ospiti, lievito della della dermatite compreso che vi protate appresso da anni, e il sistema immunitario
è uno che non conosce mezze misure, stermina a costo di uccidere il tessuto.

Provate a digiunare un giorno, vi acorgerete di cosa parlo, specialmente con questo caldo che favorisce la sua azione, il top è
metetrvi al sole dopo u digiuno, cosa che sarebbe salutare visto che vi aiuterebbe in quanto mammiferi a risparmiare energia;
se lo fate voi ci restate secchi, avrete difficoltà con la luce e sicuro starnutite pure.

Ripeto la Ds è un sintomo di una condizione gravissima all'interno del corpo, lo stress non la provoca nè l'aggrava, ma rende
deboli e quindi terreno di conquista per i lieviti, poi fate come vi pare.

PS: non tentate la dieta ormonale senza transizione adeguata, vi indebolirete di brutto.

_____________________________________________________________________________________

Nature Inviato 29 November 2008 - 08:54 PM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 51
• Iscritto: 29-November 08

stefo70, su 24/06/2008, 19:29, detto:

Grazie della fiducia grecia...


Cmq la terapia e' molto semplice. Prendo le scaglie dell'amido puro e le mescolo con un pizzico di bicarbonato,fino a che
diventa pastosa(non troppo)e la applico sul viso come se lo stessi lavando. Attendo circa 5 minuti e risciacquo il tutto.
Se lo fai le prime volte ti bruciera' un po il viso specialmente se la dermatite e' in stato recidivo(ovvero ricomparsa di rossore).
Il bicarbonato pero' non lo applicare tutti i giorni perche' potresti avere l'effetto contrario.
Gli altri giorni io uso semplicemente amido e acqua rifacendo la mescola(senza bicarbonato) e la applico a mo' di maschera e
lascio agire per circa 10-15 minuti. subito dopo applico sebuline notte (crema allo zinco) e la mattina prendo 3 pastiglie di
biotina. i risultati su me stesso sono stati veramenti incredibili..provare per credere.

il bicarbonato"digerisce"la roba che il tuo intestino ha passato direttamente alla tua faccia tramite il sistema linfatico...

stefo70, su 29/06/2008, 11:03, detto:

i rimedi della nonna funzionavano benissimo quando non esisteva tutta questa tecnologia di oggi che a portato ulteriori
problemi!!!
a tua differenza non credo nella scienza al 100%,proprio perche' la scienza(come gli illuministi del 700 che predicavano
l'assoluta fiducia nella ragione, in grado di illuminare le menti)e' in continua evoluzione e quello che oggni e' considerato ok va
bene,dopo anni non resta piu' valido,quindi non considero la scienza Dio!

I rimedi della nonna funzionavano perchè nn ci si abbuffava come porci,anzi,spesso si pativa la fame,ma lo sapete che sarebbe
bastato assumere meno glutine & co per nn avere alcun effetto dannoso per l'organismo poter continuare a mangiarli?adesso
l'abuso vi ha portato a questo.
Cmq che salvio abbia ragione è lampante,e sotto sotto lo sapete,ma nn volete ammetterlo,ecco perchè a volte vi innervosite e
gli date contro;la realtà dei fatti purtroppo è evidente, studi postati da salvo alla mano!

_____________________________________________________________________________________

Nature Inviato 01 December 2008 - 10:16 AM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 51
• Iscritto: 29-November 08

Ti dico qual'è stata la mia esperienza. Premetto che il libro nn l'ho letto ma ho letto molti testi sull'alimentazione.
Ho cominciato a interessarmi a questo ambito da quando ho iniziato a soffrire di dermatite seborroica(o almeno questa è stata
la diagnosi del dermatologo,anzi dei dermatologi)fortunatamente sempre in modo lieve.
Ho iniziato a seguire un dieta nn paleo,ma poco ci manca,almeno nel primo periodo,per cercare di eliminare tutte le tossine
accumulate in anni di cattiva alimentazione.
Ora sono perfettamente guarito,senza dermatite e devo dire che anche fisicamente sto molto meglio.Se mi capita di cenare
fuori nn rinuncio a nulla(sebbene magari nei giorni successivi mi si possa ripresentare un po' di dermatite,segno di un
impermeabilità gastrica nn ancora ripristinata al 100%) e mangio abitualmente(sebbene non spesso)carne e pesce.
Le uniche cose che mangio davvero molto raramente sono la pasta(glutine in generale)[sig]e i prodotti caseari[sig sig].
Cmq sono sicuro che appena ristabilita la perfetta permeabilità intestinale potrò ricominciare a mangiare anche questi
ultimi(sebbene con moooolta moderazione).Penso che l'autismo di un bambino si strettamente legato all'alimentazione e
l'elevata permeabilità intestinale sia una concausa(nn l'unica però)
Io ti consiglierei(anche se ogni persona è un caso a se,quindi sarebbe meglio tu parlassi con un dietologo) una dieta ricca di
frutta e verdura(almeno nel primo periodo in quantità maggiore rispetto a tutto il resto),pesce e interiora(fegato cuore
ecc..)una volta asettimana,di tanto in tanto,sempre una volta a settimana, pollo o tacchino,the verde in abbondanza e miele al
posto dello zucchero.
A seconda dello stato del tuo intestino(o di quello del tuo bimbo)però nel primo periodo potresti nn assimilare alla perfezione
la carne quindi agisci di conseguenza.

Niente pasta,glutine,prodotti caseari e lattosio,se proprio devi mangia(tu o tuo figlio) farina integrale,ma la vera farina
integrale(o cereali integrali)quelli del supermercato nn differiscono di molto da quelli normali,devi andare a prenderli in negozi
specializzati,cmq all'inizio io li eviterei,per poi introdurli gradualmente una volta migliorata la situazione.
Abbonda con frutta secca(noci noccioline mandorle) e se possibile yogurt rigorosamente fatto in casa(non da
supermercato,quello fatto in casa sicuramente nn contiene lattosio e sicuramente è pieno di fermenti lattici).
Se nn l'hai gia fatto ti consiglio di fare il test per vedere se sei affetto(tu o tuo figlio) da morbo celiaco,e quelli per le
intolleranze(anche se nn sempre sono attendibili).
Nature Inviato 01 December 2008 - 04:57 PM
• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 51
• Iscritto: 29-November 08

Pinghi, su 1/12/2008, 15:07, detto:

Grazie Nture per la risposta.


La mia dermatite è in forma lieve ma sono sicuro che se non intervengo alla radice la cosa nonn può che peggiorare...Ho il
sentore che il mio ntestino sia in condizioni pessime. Ho per anni mangiato chili di pasta (anche mezzo chilo al giorni), pane e
pizza a volontà restando per altro sempre magro, brutto segno a mio avviso. Mio padre soffre di una patologia autoiimune
all'intestin (morbo di Chron) quindi per quel che mi riguarda i conti tornano...
I test hanno dato esiti negativi ma io non ci credo.
Ti spiego il mio problema: se provo a staccare con i cabo complessi vado giù di peso alla grande e mi indebolisco tantissimo, ti
basti pensare che con questo giochetto mi sono beccato una mononucleosi prima dell'estate...Pertanto sono ancora in fase di
transizione, ho tolto per prima cosa il pane, poi la pizza adesso mangio la paste ma solo ogni tanto. I latticini li ho eliminati da
subito e non ne ho mai sentito la mancanza. Piano piano il peso sta recuperando e inizio a digerire la verdura cruda, alcuni
frutti come le mele mi gonfiano molto lo stomaco. Avrei intenzione di aumentare i grassi "buoni" però, da quanto ho letto, non
si sposano bene con i carbo (anche quelli della frutta) pertanto snon indeciso.
Dovrei forse mangiare essenzialmente proteine della carne e del pesce e grassi e ridure anche il consumo di frutta?
SAono alla ricerca della dieta ideale e al momento seguo molto il mio istinto.

Ti rispondo volentieri perchè ero in una situazione simile alla tua,sebbene solo ad uno stadio iniziale.
Innanzitutto il morbo di chron e moltissime malattie autoimmuni(lupus ecc..) sono collegate a una cattiva
alimentazione;attenzione,per cattiva non intendo con prodotti scadenti,ma basta che uno assimili tutti i giorni carboidrati
glutine e zuccheri in maniera spropositata perchè l'alimentazione si possa definire nn ottimale.
Penso ci siano persone geneticamente predisposte ad accusare di piu determinati fattori ambientali(quali una dieta
sbagliata)nn è detto che questo sia un male perchè intervenendo da subito si puo giungere a una felice guarigione.
Per grassi buoni intendi acidi grassi polinsaturi immagino,ovvero omega 3 e 6,necessari per la pelle(e cmq per tutto il
corpo);devi per forza di cose assumerli ma questo non significa che tu debba rinunciare alla verdura o alla frutta.
innanzitutto la frutta andrebbe mangiata sempre lontano dai pasti in quanto potrebbe provocare fermento,quindi o un ora
prima del pasto base(pranzo o cena) o 3-4 ore dopo,quindi regolati di conseguenza.
Gli acidi grassi,dal momento che sono soggetti a ossidazione andrebbero sempre assunti con antiossidanti(altrimenti
potrebbero risultare adirittura dannosi)quindi abbonda con: olio d'oliva,curcuma,the verde(una tazza a fine pasto) e vitamina
C(che è un vettore importante per gli antiossidanti).
Si anche ad interiora(cuore e fegato)sempre insieme a verdure a foglia verde,mai insieme alla frutta(come gia detto la frutta da
sola). Limita,almeno all'inizio,il consumo di carne e pesce,piu avanti penso che tu possa reinserirli tranquillamente in dieta con
le dovute attenzioni. Il punto è che devi aspettare che la tua flora intestinale ritorni capace di assimilare e filtrare
correttamente certi cibi,quindi si a yogurt caserecci,il cui lattosio è stato ormai scisso dai fermenti lattici presenti quindi è
digeribilissimo(ricchi di fermenti lattici) e anche fermenti lattici da soli(tipo enterogermina)quando nn stai molto bene,evita gli
yogurt industriali.Evita anche assolutamente la pasta,il glutine,i prodotti caseari e i formaggi.
Quando ti sarai ripreso completamente potrai iniziare a pensare di reinserirli,intanto i carboidrati integrali con
legumi,noci,mandorle e nocciole(che sono anche alimenti proteici),mi raccomando noci nocciole e mandorle lontano dai
pasti,e visto che sono ricche di acidi grassi sempre accompagnate da una tazza di the verde che evita la loro ossidazione.
Intanto prova a fare così,se per caso hai dei problemi scrivi pure sul foro che tento di aiutarti,mi fa piacere perchè vengo da
una situazione analoga.

_____________________________________________________________________________________
Nature Inviato 01 December 2008 - 08:40 PM
• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 51
• Iscritto: 29-November 08

Pinghi, su 1/12/2008, 19:13, detto:

Ti ringrazio moltissimo, proverò a seguire questi consigli.


La carne e il pesce non mi danno affatto problemi digestivi e, se tolgo la pasta, devo necessariamente aumentare le quantità
altrimenti vado troppo giù...
Avevo pensato anche a grassi tipo lardo e pancetta proprio per placare il senso di fame e dare "sostanza".
Prendo parecchi antiossidanti quindi dovrei stare tranquilo per l'ossidazione.
Con il tè verde non esagero poichè favorisce la deplezione di folati e per un intestino che non assimila e meglio non rischiare...
Uso comunque VitE da tocoferoli.
Cosa pensi del latte crudo in sostituzione della yogurt?
E del metodo di ingerire del bicarbonato di sodio per lo meno agli inizi per aiutare l'intestino contro lfunghi e batteri?
Ciao e grazie ancora!

Allora,è una cosa ottima che tu digerisca bene la carne;per quanto riguarda la pasta c'è una teoria(nn garantisco sulla sua
veridicità però te la voglio esporre)che sostiene che il fungo della candida trovi ambiente vitale proprio nei residui della pasta
sedimentati lungo il colon e l'intestino,e nel muco che si incolla allo stomaco se si consumano troppi carboidrati.
Ora,la teoria dice,se tu smetti di assumere pasta per un qualsiasi motivo,questo fungo è in grado di emettere neurotossine o
cmq agenti infiammatori che inducono il consumo della medesima,ecco spiegati gli spuntini improvvisi ai quali nn si puo
resistere o quelli di mezzanotte.
La teoria vuole anche che una volta che il fungo dela candida si è saziato esso smette di produrre le tossine esi ha un senso
generale di benessere. Ora nn so quanto tutto cio sia fondato,ma ti consiglio di smettere almeno una settimana con pasta e
glutine e vedere come stai,sostituiscila con frutta secca(noci mandorle ecc )e legumi.I primi 2-3 giorni potresti stare molto male
ma dovresti resistere almeno una settimana,ti consiglio cmq di consultare un dietologo prima di intraprendere qualsiasi tipo di
dieta. Se tu in quella settimana riuscissi anche a eliminare i latticini e notassi un netto miglioramento sapresti che sei
sicuramente intollerante o ai latticini o alla pasta(e quindi glutine e varie).
Per quanto riguarda la sostituzione dello yogurt con il latte te la sconsiglio in quanto nello yogurt il lattosio è gia scisso dai
fermenti che ci vivono,e quindi è molto ben digeribile,inoltre quegli stessi fermenti vanno a rafforzare la tua flora batterica
intestinale. Il latte è di difficile digestione,di solito ne sconsigliano l'assunzione in quantità elevate ai malati di psoriasi e
dermatite,io personalmente nn lo assumo quasi piu ma mi faccio lo yogurt in casa(trovi tutto il necessario in farmacia
spendendo una 30ina di euro,fermenti lattici compresi).
A ultima cosa,di vitamina E ce ne sono piu tipi,il tipo meglio assimilabile è quello che si trova nell'olio d'oliva.
Fammi sapere come procedi! ciao

_____________________________________________________________________________________

Luck Inviato 14 December 2008 - 07:53 PM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 45
• Iscritto: 04-December 06

Porto la mia esperienza e chiedo cortesemente un riscontro da parte di Pinghi e Nature.

La scorsa estate leggendo l'intervento di Pinghi che diceva di essere guarito dalla DS eliminando pasta e latticini ho deciso che
forse era il caso di provare (premetto che il mio problema è la dermatite atopica e non seborroica). Successivamente qualcuno
mi ha fatto leggere le teorie di Arnold Ehret contenute nel libro "Il sistema di guarigione della dieta senza muco" e così ho
deciso di applicare qualcuno dei consigli contenuti in quel libro.

Per farla breve:


La mia situazione è alquanto critica. Diciamo che ero costretto a mettere cortisone o protopic sulle macchie della faccia
una/due volte a settimana (e le applicazioni duravano anche 3 giorni, per cui sostanzialmente ogni sera era un applicazione).
Dopo un lungo periodo estivo nel quale sono stato molto attento ad andare al mare quasi tutte le settimane, ho iniziato questa
nuova dieta (in sostanza ho semplicemente ridotto a 2 volte la settimana la pasta, ed ho fatto qualche piccolo digiuno secondo
i principi di Ehret. La frutta e la verdura la mangiavo anche prima).
Risultato: Tre mesi di fila senza cortisone e pomate. Sembrava che la DA fosse sparita. Nessun prurito, niente forfora,
addirittura niente allergia. I disturbi sono ripresi moderatamente a Novembre e si sono rimaterializzati in pieno ora a Dicembre
(a parte la forfora che ringraziando Dio ancora non ha fatto la sua comparsa).
Volevo pertanto innanzitutto ringraziare Pinghi per il suo contributo ma con la preghiera di tornare su quel suo topic per
aggiornare la situazione in quanto mi sembra di capire che i problemi con la pelle non sono stati risolti al 100%. Questo servirà
a tutti per aggiustare il tiro al suo prezioso intervento.
E volevo chiedere a Nature se conosce il metodo di Ehret e se alla luce della mia esperienza è in grado di dirmi se conviene
perseguirlo.
Il mio scetticismo nasce dal fatto che dopo questa eperienza ho perso parecchi chili e pertanto prima di andare avanti (ora
sono anche demoralizzato perchè la DA è tornata) stavo valutando la possibilità di ricorrere all'aiuto di un naturopata (anzi
chiunque ne conosca uno su Roma, mi farebbe cosa utile se me lo facesse sapere)
Grazie.

_____________________________________________________________________________________

Nature Inviato 14 December 2008 - 08:44 PM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 51
• Iscritto: 29-November 08
Ciao, inizio col dirti che conosco la dieta senza muco,ma nn in modo approfondito,è cmq un ottima dieta che però deve variare
da persona a persona in quanto alcuni possono essere piu sensibili a certi alimenti rispetto ad altri.
In secondo luogo ti consiglio di assumere sempre cibi acidi e basici in pasti differenti con il rapporto di 20%acidi(che producono
ceneri acide tipo carne ecc) 80%basici(l'arancia per es produce ceneri basiche).
L'organismo di una persona sana e non affaticata, è normalmente in grado di trasformare gli acidi naturali di molti alimenti
crudi (ad es. limoni, pompelmi, pomodori, acetosa, frutti aciduli) in carbonati alcalini, che sono basici ed utili all'economia
dell'organismo. Quando, invece, la persona è stanca o stressata, l'energia nervosa necessaria per una completa digestione e
assimilazione non è sufficiente, pertanto l'organismo non è in grado di operare le dovute trasformazioni e gli acidi degli
alimenti entrano nella circolazione sanguigna. Regolati di conseguenza
Bevande. Quasi tutte le bevande gassate, acqua esclusa, tendono ad essere molto acide. I vari tipi di Cola, ad es. hanno un pH
che si aggira intorno al 2,4, mentre limonate e aranciate vanno da 2,9 a 3,2 (1).
Cereali. Tutti i cereali, ad eccezione del miglio, lasciano delle ceneri acide. Grano ed avena sono i più acidi di tutti.
Latticini. I latticini di vacca, sono generatori di molta acidità ed andrebbero sostituiti con quelli di capra o di pecora (2).
Prodotti carnei. La digestione dei prodotti carnei crea una notevole quantità di acido urico, il fegato di un animale carnivoro
(ma non l'uomo) è in grado di trasformare l'acido urico causato dall'alimentazione in una sostanza più semplice: l'allantoina
che viene espulsa con l'urina.
Prodotti conservati. Tra i prodotti conservati risultano molto acidi tutti i succhi di frutta ed i vari tipi di "latte" derivato dai
cereali: latte di soia, avena, riso, ecc.

Terzo fai uso di integratori di fermenti lattici per reintegrare la flora batterica intestinale,the verde dopo i pasti per evitare
l'ossidazione dei nutrienti,bardana in tisane per depurarti,un bicchiere d'acqua con un po di bicarbonato la sera prima di
andare a letto e il succo di un limone alla mattina mezz'ora prima di colazione diluito in acqua tiepida.
se lo digerisci ti fa molto bene anche lo yogurt(meglio se fatto in casa) con un po di miele.
Ultimo consiglio,se nn l'hai ancora fatto fai il test per le allergie.
Spero che migliorerai,saluti
Nature Inviato 15 December 2008 - 10:02 PM
• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 51
• Iscritto: 29-November 08
Luck, su 14/12/2008, 21:25, detto:
Nature, grazie per la pronta risposta. Ti chiedo qualche piccola delucidazione:
1) Conosci un sito dove andarmi a reperire la lista dei cibi acidi e basici? Io ho trovato questo:
http://www.medicinae...0Dissociata.htm,
ma non torna la cosa che dici sull'arancia per cui voglio essere sicuro di partire da una fonte certa.
2) Il thè verde va assunto subito dopo cena o dopo un pò? Ho imparato tramite Ehret che queste cose sono importanti, ad
esempio lui suggerisce di mangiare la frutta 20 minuti prima dei pasti, mai durante. Ed inoltre come alterno il consumo di thè
verde con la bardana? Ho letto che quest'ultima è molto utile per le dermatiti, per cui sono particolarmente interessato. Hai dei
suggerimenti al riguardo, o mi limito a comprare la tisana di bardana in una semplice erboristeria?
3) Secondo te, alla luce della mia esperienza, cosa pensi che abbia determinato un nuovo peggioramento dopo 3 mesi di ottimi
risultati? Io credo che anche il clima invernale abbia giocato la sua carta, ma vorrei capire cosa sta succedendo all'interno del
mio organismo e perchè i buoni risultati ottenuti all'improvviso sono andati all'aria.

allora io di siti ti consiglierei questi 2 :


http://www.procaduce...msalu/acidi.htm
http://www.viveremeg...ne_organica.htm
sono piu semplici e precisi di quello da te citato.
Per il punto 2 ti posso dire che gli antiossidanti presenti nel the verde agiscono(unicamente)direttamente sul cibo,quindi se lo
assumi a stomaco vuoto è inutile.
Sul fatto di aspettare un po' dopo il pasto non saprei,non credo che possa provocare fastidi(al contrario della frutta che va
assunta o 20min-mezzora prima o 3 ore dopo un pasto abbondante),per esperienza personale ti posso dire che a me facilita la
digestione.
Lo puoi tranquillamente alternare alla bardana basta che lasci trascorrere il giusto lasso di tempo tra uno e l'altro,fossi in te
farei bardana e succo di limone alla mattina mezzora prima di colazione,the verde dopo pranzo,e the verde dopo merenda(o
dopo cena se la teina nn ti crea fastidi)cerca magari di berlo dopo che hai mangiato acidi grassi polinsaturi,ne eviterà
l'ossidazione.
Per il punto 3 sicuramente il clima è fondamentale,ma diversamente da come si crede nn è l'inverno che peggiora la
situazione,o meglio,è l'estate che la nasconde,quindi il tutto deriva da altri fattori,che possono essere
molteplici(allergia,difficoltà di assorbimento a livello intestinale,intolleranza,accumulo di tossine in qualche organo).
Una dieta ben bilanciata,con la dovuta attenzione a che cibi unire in un pasto(acidi con acidi o neutri e basici con basici o
neutri,mai mischiare,per quanto possibile,acidi e basici),l'esclusione di potenziali alimenti ai quali si è intolleranti,un maggiore
importo nella dieta di cibi vegetali piuttosto che animali,poca o niente glutine e caseina,poco e niente lattosio,molti
antiossidanti,sicuramente aiuta ad uscire da tutte queste situazioni.

_____________________________________________________________________________________

elguerriero Inviato 17 February 2009 - 12:52 AM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 75
• Iscritto: 21-January 09
La cosa che mi frena è che sono magrolino (ho 21 anni, peso 75kg e sono alto 1.88m) nonostante la mia dieta sia
principalmente basata su pane,pasta,pizza, qualche volta carne e raramente frutta e verdura. Finisco di mangiare ma dopo
neanche un paio di ore ho di nuovo fame (mangio durante tutta la giornata praticamente). Nonostante sia molto magro noto
che nella zona addominale ci sia concentrato un filino in più di grasso (se non sbaglio lessi che c'era un collegamento con
l'insulina). I valori della tiroide sono normali.

E' logico che sei magrolino, e che hai sempre fame, tipi come me e te dovrebebro nutrirsi di molto grasso non di molti
carboidrati.
1) Tendenzialmente siamo inclini a produrre poca insulina
2) Tendenaialmente siamo inclini a mettere su poco grasso
3) Non farti fregare dalla 1, non vuol dire che per questo non possa esere iperinsulinico, infatti si riferisce al caso in cui mangi
molte calorie, il tuo corpo non fa fronte eproducendo afeguate quantità di insulina.
4) Peggiora con l'età...

Sicuro sei il classico fenomeno da baraccone che mangia tantissime calorie in carbo e non ingrassa affatto, prova con i grassi a
scapito dei carbo poi mi dai una voce.

Ah se sei stato in palestra e ti hanno detto che sei il classico ectomorfo sfxxxto, ti dò una notizia, gli ectomorfi e gli endomorfi,
non esitono nelle tribù primitive, esistono solo i mesomorfi, guarda coaso proprio dove le diete non sono iperglucidiche come
la dieta mediterranea, che per inciso non è mai esistita nemmeno.

E si, il grasso viscerale è una brutta cosa, visto è una delle sedi principali dell'infiammazione, ben altra il grasso sottocutaneo,
che si deposita nei glutei, sotto la pelle e nello scalpo, aumentando i valori dell'aromatasi e quindi mitigando ulteriolmente la
presenza di testosterone in favore dell'estrone.

1 mese è poco e se non riduci le calorie peggiorerai anche la situazione, visto che se non aumenta SHBG, aumentare i grassi a
scapico dei carbo può essere micidiale, visto che si avrà una botta di testosterone libero terribile.

Inizia a mnagiare più grassi e meno carbo, vedrai che la fame non ti verrà più così spesso, e per inciso prima che quello che ho
prospettato dia i suoi frutti si dovrà seguire sta cosa per almeno 6 mesi.

Ricordati quando il meccanismo dell'insulina è andato a farsi friggere è facile credere di aver fame, quando la glicemia è
apposto, ecco perchè ci vuole esercizio fisico per far si di diventare sensibili a essa. E facile anche mangiare più del necessario.

Per farti un esempio, in una calda giornata di Giugno, se si sta al sole, il bisogno calorico è quello di un rettile, ovvero
bassissimo, ingurgitare 3000 kcal non è solo inutile, ma anche dannoso.

Ecco perchè le malattie autoimmuni sono in costante aumento, ivi compreso il cancro, si mangia oltre il dovuto e non si
consuma niente.

Una seduta di palestra con i pesi consuma si e no 50 Kcal, una camminata di mezz'ora a passo sostenuto di mezz'oretta 180
kcal e se fa molto freddo il consumo aumenta. Perfino una casalinga spende più energia di un culturista in un giorno.

E il fatto che i valori della tioride siano normali non vuol dire nulla.
Ciao.

_____________________________________________________________________________________

elguerriero Inviato 19 February 2009 - 02:45 AM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 75
• Iscritto: 21-January 09

Allora rispondiamo un pò ai vari interrogativi.


Ti avviso quello che ti sto per dire, non ha valore medico, perchè io non sono un dottore nè uno che ha studiato medicina,
quindi non ti darò mai consigli medici, ma solo suggerimenti dettati da quello che sono riuscito a metetre insisme in questi
anni.

Detto questo, procediamo con ordine.


La genetica c'entra, ma non come la intendiamo noi, ovvero come una condanna a essere o bello e brutto. Supponi che
geneticamente, sei nato con pochi recettori insulinici. Con una dieta alta in fibre e bassa in carbo, non te ne saresti mai accorto,
ma con una dieta ricca di carbo raffinati la cosa viene subito fuori.

La genetica c'entra, ma senza un grilletto ambientale, spesso non entra in gioco, se non per produrre un nuovo adattamento.

L'ectomorfo è semplicemente una persona che sta sviluppando resistenza all'insulina e ha anche scarsa capacità di rispondere
agli stimoli glicemici, oltre che essere dotato di poche cellule adipose, la presenza o meno di tutti questi vincoli determina il
tipo preciso.

L'endomorfo riesce a rispondere a livello insulinico agli stimoli glicemici, e finchè può ingrassa poi corre gli stessi rischi
dell'ectomorfo, solo che potendo ingrassare ci mette più tempo a diventare resistente a l'insulina, il che gli rpovoca meno
infiammazioni silenti o non silenti.

Mai notato che i magrolini sembrano avere tutti i disturbi di questo mondo che vengono considertai minori?
Il mesomorfo è quello che ha avuto cxxx, si è adattato a forti carichi glicemici, a livello genetico.

A questo punto secondo la mia logica, l'ectomorfo e il mesomorfo sono persone con genetica non adattata ai carichi glicemici
alti, poichè probabilmente l'essere umano non è adatto aconsumare forti dosi di carboidrati, visto che neppure 10000 anni fa
era un cacciatore arccoglitore, e con la verdura e la frutta non modificata dell'epoca e tutto il movimento che faceva era duro
diventare resistenti all'insulina, ergo erano tutto mesomorfi.

Cerca Paleodieta è vedrai di cosa parlo.


L'attività fisica la puoi fare, ma inizia con una aerobica, se ti dicono che dimagrisci fregatene è una balla colossale, non dipende
da quello il tuo stato, ma dal fatto che il metabolismo degli ectomorfi per compensare la mancanza di nutrimento brucia
energia a manetta, in teoria i grassi dovrebbero by-passare il meccanismo dell'insulina e ho una ricerca che mostra che se i
garssi superano una certa quota nella dieta, l'effetto insulino-resistente dei saturi scompare.

QUindi i Saturi fanno male solo se si mangia paradossalmente motli carboidrati ad alto indice glicemico come pane, pasta ecc..

PS: il primo che ti dice che hai cxxx ad essere asciutto dagli un pugno anche da parte mia, probabilemnte se non si mette un
freno, questa cosa ci condurrà prima alla tomba. Altro che cxxx.

_____________________________________________________________________________________

peter Inviato 17 December 2008 - 06:26 PM | ESAMI DERMATITE SEBORROICA finalmente ci siamo
• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 185
• Iscritto: 24-September 04
CIAO A TUTTI.
SONO SEMPRE IO E VI PORTO DELLE BUONE NOTIZIE.
RICORDATE IL POST SULLA DERMATITE SEBORROICA ASSOCIATA ALLO STRESS OSSIDATIVO?
BENE, A QUANTO PARE E' NATO QUEL FAMOSO CENTRO CHE SI OCCUPERA' DI ESAMI PER VALUTARE
IL LIVELLO DI OSSIDANTI NEL SANGUE. PROPRIO QUELLO CHE SERVE PER RIEQUILIBRARE GLI ANTIOSSIDANTI NEL SANGUE
CHE NEL GIRO DI QUALCHE SETTIMANA RISTABILISCONO IL QUADRO CLINICO E PORTA ALLA RISOLUZIONE DEL PROBLEMA.
VI SEGNALO ALCUNI LINK DOVE SI PARLA DU QUESTA NOVITA':

http://www.regione.l.../...d=419&vms=4
http://www.agoramaga...php?article4405
http://italiasalute....pag.asp?ID=9391

TUTTO QUESTO CONFERMA ANCORA UNA VOLTA CHE IL PERCORSO INTRAPRESO E' QUELLO VINCENTE!!!

_____________________________________________________________________________________

Nature Inviato 17 December 2008 - 09:39 PM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 51
• Iscritto: 29-November 08
Peter,quale onore,da lettore del forum a posteriori(l'ho letto tuto accuratamente in 6giorni circa un mese fa)ti considero quasi
una leggenda insieme a salvio, silversnow e pochi altri.
Mi compiaccio,avete raggiunto ottimi risultati,linee orientative azzeccate,intuizioni ottime.
Grazie a voi ho eliminato paraticamente del tutto il mio problema(avevo la fortuna che gia prima era molto lieve),sopratutto
seguendo i consigli di salvio.
Anche le intuizioni tue e di silversnow sono state utilissime e di grande interesse.
Bhè oltre a ringraziarvi nn saprei che altro dire,se non : continuiamo a ricercare,perchè io sono andato oltre la dermatite e ho
iniziato a interessarmi di metabolismo,alimentazione,intolleranze,allergie,malassorbimento,flora intestinale,antiossidanti
ossidanti(naturali e non),alimenti acidi e basici;e devo dire che ho rivisto la mia dieta da cima a fondo con ottimi risultati.
Pensa che alcuni giorni mi alimento solo da "crudista" mangiando solo yogurt(fatto in casa) a colazione, frutta tutto il
giorno(molta frutta,anche secca per proteine e carboidrati) e legumi alla sera.
Non negandomi il piacere di pesce e bistecche,o piu spesso interiora succose(prova il fegato bovino cotto con cipolline e poco
vino,è ottimo). Cmq grazie ancora,insistiamo nelle indagni

_____________________________________________________________________________________

Nature Inviato 19 December 2008 - 06:58 PM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 51
• Iscritto: 29-November 08
Cmq t posso dire,sulla base delle mie esperienze,che si tratta di un problema legato all'alimentazione,e secondo me salvio nn
è andato tanto lontano alla gista conclusione.
Certo ha sopravvalutato alcuni aspetti e ne ha sottovalutati altri,ma la sua strada mi ha convinto un bel po',tant'è che
cambiando dieta,ho praticamente risolto il problema.
Non assumo piu glutine o caseina,si a yogurt fatto in casa,carne 2 volte a settimana(una volta rossa,una altra o bianca o
interiora),2 volte a sett pesce,per il resto frutta,frutta secca,semi(nocciole,mandorle ecc),legumi,the verde.
penso sia la strategia vincente.
Cmq non vanno tralaciati aspetti genetici e della tendenza della pelle a restare secca nonostante una dieta perfetta,ma io come
ti dicevo,ho totalmente risolto il problema,devo solo darmi un po di crema alla mattina,a volte nn ce n'è nemmeno bisogno.
inoltre uso il dopobarba tranquillamente,quello alcolico,senza problemi.
Prima nn ero messo benissimo,avevo comunque una dermatite lieve,ma mi creava disagi mooolto maggiori.

_____________________________________________________________________________________

Nature Inviato 31 December 2008 - 09:34 PM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 51
• Iscritto: 29-November 08
Ciao peter,scusa se rispondo solo ora ma ero via per le vacanze.
Allora,per quanto riguarda l'articolo sul centro del san gallicano sono molto felice.Finalmente una struttura sanitaria in grado di
esaminare con serietà e chiarezza un problema sottovalutato e che potrebbe avere risvolti(piu o meno gravi a livello
organico)inaspettati.
Riguardo all'acne ero a conoscenza delle teorie riportate in quell'articolo,e penso che abbiano colto nel segno.
Secondo me moltissimi problemi della pelle(se non tutti) sono legati a problemi metabolici tiroidei o cmq riguardanti
l'assimilazione e il trasporto nel corpo dei nutrienti.
A livello maggiore questo potrebbe dipendere dall'incapacità di prelevare le sostanze in maniera corretta da certi cibi.
Per uno che ha la dermatite da molto tempo,e sono anni che reitera un processo dannoso per il suo apparato digerente
sottovalutandone cause ed effetti,l'incapacità di digerire potrebbe essersi estesa a moltissimi alimenti a causa della continua
distruzione e debilitazione della flora batterica intestinale,del continuo assorbimento di tossine da parte del corpo e dei
tessuti(sopratutto quelli dell'apparato digernte).
Nel mio caso una dieta perfetta(senza glutine,latticini,pochissima carne,molta verdura frutta semi oleosi(noci noccioline
arachidi) pesce verdura e antiossidanti quali the verdi e curcuma)protratta per 4 mesi ha portato alla risoluzione completa del
problema.
se sgarro la dermatite ricompare ma vedo che con il tempo posso permettermi cibi sempre piu"pesanti" e credo che con un
po' di pazienza potrò reinserire tutti gli alimenti.
Confido in una risposta costruttiva a questo post, ancora meglio se critica,per avere un punto di vista differente,almeno spero
che la mia esperienza vi possa tornare utile.
un paio di consigli per i prodotti: per la dermatite che si presenta sul cuoio capelluto io sto usando con risultati ottimali l'olio di
jojoba(ricco in vit E e altri antiossidanti),l'odore nn è sgradevole ma è cmq simile all'olio di oliva io ho risolto aggiungendo 3
goccie di olio di bergamotto concentrato.
come crema physiogel è ottima sebbene nn la stia quasi piu usando,a quanto pare noagen non la producono piu,sapete
qualcosa a riguardo??
un altra crema molto buona è aquapower della biotherm,sebbene nei componenti ci sia qualche
elemento"aggressivo"(lievemente esfoliante)ce ne sono anche tanti altri molto validi,ma forse ha un prezzo un po' elevato.
auguri a tutti e buon capodanno,andiamo a delirare
_____________________________________________________________________________________

marvin Inviato 14 January 2008 - 11:02 AM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 62
• Iscritto: 17-December 07
La DS ha due "fasi" principali:

1) fase "essudativa", per capirci compaiono zone arrossate, unte, che fanno prurito e che "bruciano"
2) fase "secca", che non è altro che la fase (1) che si è seccata

volevo chiedervi:
1) in percentuale, a voi qual è la fase presente per la maggior parte del tempo ?
2) agite in diverso modo per curare le due fasi ?
per quanto mi riguarda, direi 80% fase 1, 20% fase 2

PS: cerchiamo di capirla noi questa malattia, studiando su noi stessi, se aspettiamo i dermatologi....che delusione, non ne
conosco uno che è contento del proprio dermatologo, tranne che a breve termine per poi ricredersi....
Un altra differenza significatia la noto relativamente alla caffeina.

Se non bevo caffè, la DS si riduce di MOOOLTI punti percentuale


non so quantificare, ma sicuramente ha un effetto
purtroppo il caffè mi piace eccome
sarebbe interessante sapere se c'è qualcuno che non beve caffè e cmq ha la DS (con caffè si intende caffeina, e quindi anche
coca-cola, the, redbull, etc)

Ho fatto delle ricerche, in inglese, su vari "journals" medici online


vi riassumo e non vi faccio perdere tempo

1)il 99% degli articoli piu recenti è d'accordo nel linkare la DS a una deficienza di Biotina - vari test hanno dimostrato il
diminuire o lo scomparire addirittura della DS con i supplementi di biotina - anche alcuni pot del forum confermano -
andiamoci a scaricare le fonti di Biotina. Io vi do l'alimento che ne contiene di più, in proporzio e alla quantità: BIETOLE
BIETOLE BIETOLE

2) si è parlato molto di bicarbonato di sodio - per molti in effetti funziona - ho scoperto perchè: non è tanto il bicarbonato, ma
il fatto che tale minerale crea uno stato, temporaneo , di alcalinità nel nostro organsmo. La DS, come tante altre malattie +
+gravi (anche il cancro ad esempio) sono SEMPRE associate a livelli di acidosità dell'organimo (ph>7) molto alte.
Il modo migliore per portare l'organismo perennemente in uno stato di alcalinità e non sono temporaneamete, è la dieta, i cibi
"alcalinici" li potete scaricare da internetm, cercateli, vi riassuimo che trattasi di tutte le verdure e frutta, di contro gli acidi
sono tutte le proteine, e tutte le bevande con caffeina e gasate.

____________________________________________________________________________________

isolano Inviato 25 February 2008 - 11:37 AM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 18
• Iscritto: 18-July 07
moreno, su 20/02/2008, 21:40, detto:
Ciao Isolano! Sei stato più dal dermatologo ? Se si, che cosa ti ha detto e che cura ti ha dato ?

Buongiorno a tutti, non ho piu' postato perchè volevo lasciar passare un po di tempo per verificare la cura datami dall'ultimo
dermatologo consultato . Premetto che la visita è stata abbastanza accurata e la diagnosi finale è stata una patologia a cavallo
tra dermatite seborroica e psoriasi inversa ?!?!? - mia personale opinione è che al di la di tutte le tassonomie/classificazioni i
problemi della pelle siano difficilmente catalogabili- comunque, preso atto che la malattia era presente ininterrottamente da
un anno e visti tutti i vari prodotti gia' provati mi è stata data una cura d'urto composta oltra che dai soliti prodotti cosmetici
che conosciamo tutti da qualche medicinale specifico , in particolare: Elidel crema sul viso due volte al giorno, Bettamousse sul
cuoio capelluto e dietro le orecchie due sere la settimana, sandimmun neoral per via orale per tre settimane.
Vi dico subito che d'accordo col mio medico di base ho deciso di lasciare un attimo da parte le cps di sandimmun neoral
ritenute da me stesso troppo potenti come immunosoppressore e ho iniziato solo la cura topica. Conosco tutti i dubbi, le
perplessità ed i rischi associati ad Elidel, ma qui vi voglio solo raccontare i miei risultati: dopo due settimane di cura solo con
Elidel e Bettamousse la pelle mi è tornata completamente NORMALE; ho ancora qualche problemino al cuoio capelluto, ma
rispetto a prima è ORO. DI Elidel ne ho messo pochissima (credo un decimo del tubetto da 15 gr) e appena sono scomparsi il
rossore e le squame ho smesso subito. Le cps di Sandimmun non le ho nemmeno prese, è bastata la cura topica-
Ora sono due settimane uso i seguenti prodotti COSMETICI di mia iniziativa e la pelle è normale (che bello!):
mattina: lavaggio con batuffolino imbevuto di tonico l'oreal (acido salicilico) + crema idratante (sto usando dquella
nutriente/protettiva della nivea con omega6 naturali - costo 4 eurini circa)
sera: lavaggio con detergente micovit al tea tree + crema idratante

Avevo una visita di controllo che ho dovuto saltare , ma finalmente la mia pelle è NORMALE. Questa è la mia eperienza.

_____________________________________________________________________________________

moreno Inviato 25 February 2008 - 12:38 PM


• Gruppo: Salusmaster User
• Messaggi: 88
• Iscritto: 06-February 06
Ciao Isolano!
Almeno tu alla fine della fiera sei riuscito a ritrovare la pelle pulita e normale. Beato te.
E' interessante la cura che ti ha dato il dermatologo... Io Elidel l'ho provato (sotto controllo dermatologico) ma su di me non ha
funzionato, anzi dopo averlo usato mi aggravò ancora di più la DS.
Quindi lo escludo dalla mia personale terapia. L'unica crema che ha un effetto ottimo sulla dequamazione è per me la Kelual
emulsione ma sul rossore è acqua fresca o quasi.

Potrebbero piacerti anche