Sei sulla pagina 1di 9

Versione N 1.

0b

LaurTec

Il Protocollo
I2C

Autore : Mauro Laurenti

email: info.laurtec@gmail.com

ID: AN4005-IT

Copyright 2006 Mauro Laurenti 1/9


INFORMATIVA

Come prescritto dall'art. 1, comma 1, della legge 21 maggio 2004 n.128, l'autore avvisa di aver
assolto, per la seguente opera dell'ingegno, a tutti gli obblighi della legge 22 Aprile del 1941 n. 633,
sulla tutela del diritto d'autore.
Tutti i diritti di questa opera sono riservati. Ogni riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al
pubblico dell'opera, o parte di essa, senza un'autorizzazione scritta dell'autore, rappresenta una
violazione della legge che tutela il diritto d'autore, in particolare non ne consentito un utilizzo per
trarne profitto.
La mancata osservanza della legge 22 Aprile del 1941 n. 633 perseguibile con la reclusione o
sanzione pecuniaria, come descritto al Titolo III, Capo III, Sezione II.
A norma dell'art. 70 comunque consentito, per scopi di critica o discussione, il riassunto e la
citazione, accompagnati dalla menzione del titolo dell'opera e dal nome dell'autore.

AVVERTENZE

I progetti presentati non hanno la certificazione CE, quindi non possono essere utilizzati per scopi
commerciali nella Comunit Economica Europea.

Chiunque decida di far uso delle nozioni riportate nella seguente opera o decida di realizzare i circuiti
proposti, tenuto pertanto a prestare la massima attenzione in osservanza alle normative in vigore sulla
sicurezza.
L'autore declina ogni responsabilit per eventuali danni causati a persone, animali o cose derivante
dall'utilizzo diretto o indiretto del materiale, dei dispositivi o del software presentati nella seguente
opera.
Si fa inoltre presente che quanto riportato viene fornito cosi com', a solo scopo didattico e formativo,
senza garanzia alcuna della sua correttezza.

L'autore ringrazia anticipatamente per la segnalazione di ogni errore.

Tutti i marchi citati in quest'opera sono dei rispettivi proprietari.

Copyright 2006 Mauro Laurenti 2/9


LaurTec AN4005-IT Il Protocollo I2C

Introduzione differenza del protocollo RS2323, che permette


Scopo di questo Tutorial quello di un collegamento punto punto tra due sole
introdurre le caratteristiche del protocollo I2C al periferiche, permette di collegare sullo stesso
fine di permetterne un corretto utilizzo. bus un numero elevato di periferiche, ognuna
Verranno illustrate le potenzialit di questo individuata da un proprio indirizzo.
standard che sta divenendo ormai una linea La possibilit di poter collegare pi
guida per molte tipologie di progetti. La sua periferiche sullo stesso bus permesso anche
semplicit d'uso e le innumerevoli applicazioni dal bus CAN. Quest'ultimo protocollo stato
in cui si presta, lo rendono degno di nota e di ideato per operare in ambienti particolarmente
apprezzamento. rumorosi e in cui si debba raggiungere un grado
di sicurezza nella trasmissione dati
particolarmente elevata. Per tali ragioni il bus
Uno sguardo d'insieme CAN ormai accettato come standard in ambito
Il protocollo I2C uno standard ideato dalla automobilistico, per mettere in comunicazione i
Philips (ora NXP) che ne possiede per altro la vari dispositivi elettronici che sempre pi
propriet. frequentemente vengono installati a bordo.
Venne ideato nel 1980 per superare le Un notevole vantaggio dei dispositivi che
difficolt inerenti all'utilizzo di bus paralleli per fanno uso del bus I2C quello della loro
la comunicazione tra un'unit di controllo e le semplicit d'uso. Infatti tutte le regole del
varie periferiche. protocollo che bisogna rispettare per una
Le soluzioni che vengono adottate per corretta comunicazione vengono gestite a livello
permettere la comunicazione tra un hardware, dunque il progettista non si deve
microcontrollore e le periferiche esterne fanno preoccupare di nulla.
generalmente uso di una comunicazione Da quando nato, tale protocollo stato
parallela. Per tale ragione il bus1 su cui deve aggiornato al fine di adeguarlo alle diverse
viaggiare l'informazione costituito da molti esigenze che il mondo dell'elettronica andava
fili. Fin quando bisogna collegare una sola mostrando.
periferica al microcontrollore i problemi legati Tutte le modifiche apportate sono sempre
alla presenza di molte linee possono essere state compatibili dall'alto verso il basso, ovvero
tenuti sotto controllo. Qualora le periferiche gli integrati che soddisfano gli ultimi standard
dovessero essere pi di una, far giungere il bus possono comunicare sempre con gli integrati
ad ogni periferica pu diventare un problema. della generazione precedente.
Un semplice bus ad otto linee comporta La prima versione del bus I2C permette di
comunque la presenza ad ogni integrato di trasmettere fino a 100Kbit/s (modalit
almeno altrettanti pin necessari per la standard4). Questa velocit stata portata a
comunicazione. Questo significa che le 400Kbit/s nelle modifiche apportate nel 1992
dimensioni dell'integrato vengono ad essere (modalit veloce5). Nel 1998 la velocit stata
dipendenti dalla dimensione del bus stesso. Ci portata fino a 3.4Mbit/s ( modalit ad alta
comporta che lo stesso PCB (Print Circuit velocit6).
Board) sul quale andr montato l'integrato sar Non necessariamente gli integrati di ultima
pi grande e quindi pi costoso. generazione devono rispettare la modalit ad
Questi problemi vengono interamente alta velocit.
superati dal bus I2C, che permette una Le periferiche che fanno uso del bus I2C per
comunicazione tra periferiche con due sole comunicare con un'unit di controllo sono :
linee2; questa la ragione per cui non raro memorie, real time clock calendar, LCD,
avere integrati con bus I2C a soli otto pins . potenziometri digitali, convertitori A/D,
I2C bus uno standard seriale che a
3
Si veda il Tutorial Il protocollo RS232 per maggior
1
Per bus si intende semplicemente un insieme di linee chiarimenti sull'argomento.
4
sui cui viaggia un segnale elettrico. Standard mode.
2 5
Alle due linee bisogna comunque aggiungere la linea Fast speed mode.
6
di massa comune. High speed mode.

3/9
LaurTec AN4005-IT Il Protocollo I2C

sintonizzatori radio, controller per toni DTMF, per il mantenimento dei dati non sar un Master
periferiche generiche per estendere il numero del bus, mentre ragionevole supporre che un
degli ingressi o delle uscite (PCF8574), sensori microcontrollore lo possa essere9.
per la temperatura, controllori audio e molto Su uno stesso bus inoltre possibile la
altro. Si capisce dunque che le possibilit di presenza di pi Master, ma solo uno alla volta
scelta da parte del progettista sono notevoli. ricoprir questo ruolo. Se per esempio due
Un altro vantaggio che permette di microcontrollori iniziano una comunicazione,
raggiungere il bus I2C quello di poter anche se potenzialmente potrebbero essere
aggiungere o togliere delle periferiche dal bus ambedue dei Master, solo uno lo sar, in
senza influenzare il resto del circuito. Questo si particolare il Master sar quello che ha iniziato
traduce in una facile scalabilit verso l'alto del la comunicazione, mentre l'altro sar uno slave.
sistema, ovvero si pu migliorare un sistema Ogni periferica inserita nel bus I2C possiede
aggiungendo nuove caratteristiche senza dover un indirizzo che sul bus la individua in modo
toccare l'hardware7. univoco. Questo indirizzo pu essere fissato dal
produttore in sede di fabbricazione o
parzialmente fissato dal progettista. L'indirizzo
Specifiche elettriche del bus I2C costituito da 7 bit nelle versioni standard o da
Il bus I2C un bus seriale che necessita di 10 bit nelle versioni estese.
sole due linee nominate SDA (Serial Data) e Nel caso di indirizzamento a 7 bit si avrebbe
SCL (Serial Clock) pi la linea di massa. potenzialmente la possibilit di indirizzare 128
Ambedue le linee sono bidirezionali8. La prima periferiche mentre nel caso di 10 bit si avrebbe
utilizzata per il transito dei dati che sono in la possibilit di indirizzare fino a 1024
formato ad 8 bit, mentre la seconda utilizzata periferiche.
per trasmettere il segnale di clock necessario per Il numero di periferiche ora citate non sono
la sincronizzazione della trasmissione. Il bus I2C comunque raggiungibili dal momento che alcuni
permette la connessione di pi periferiche su indirizzi, come si vedr, sono riservati a
uno stesso bus ma permette la comunicazione funzioni speciali.
tra due soli dispositivi alla volta. Nel caso in cui l'indirizzo che l'integrato ha
Chi trasmette le informazioni chiamato all'interno del bus I2C venga fissato
trasmettitore mentre chi le riceve chiamato dall'industria, conduce al fatto che su un bus non
ricevitore. L'essere il trasmettitore o il ricevitore potranno essere presenti due integrati dello
non una posizione fissa, ovvero, un stesso tipo.
trasmettitore pu anche divenire ricevitore in Questa soluzione viene generalmente scelta
una differente fase della trasmissione dati. per per i real time clock calendar, ovvero per
In ogni comunicazione invece fissa la gli orologi. E' ragionevole infatti presumere che
posizione del cosiddetto Master (Padrone) e del in un circuito, e in particolare sullo stesso bus,
cosiddetto Slave (Schiavo). Il Master il sia presente un solo orologio che mantenga ora
dispositivo che inizia la comunicazione ed lui e data.
a terminarla, lo slave pu solo ricevere o Tale scelta porta il vantaggio che l'integrato
trasmettere informazioni su richiesta del Master. potr avere meno pin. Se proprio si dovesse
Non tutti i dispositivi possono essere dei avere la necessit di inserire due orologi10, o
Master del bus I2C. Per esempio una memoria comunque due periferiche con stesso indirizzo
necessario dividere il bus in due, questo pu per
7
Naturalmente il software dell'unit di controllo dovr esempio essere ottenuto con l'integrato
essere cambiato affinch possa riconoscere la nuova PCA9544 della Philips.
periferica.
9
Quanto detto non vale se il software predisposto per Molti microcontrollori integrano al loro interno
accettare la nuova periferica, la quale pu esser l'hardware necessario per la gestione del bus I2C sia in
dunque inserita senza alcuna modifica n hardware n modalit Master che Salve.
10
software. Il PCF8583 possiede un pin, nominato A0, per
8
Dal momento che la linea dati bidirezionale si ha che impostare il bit meno significativo dell'indirizzo.
il sistema half-duplex (si veda Il protocollo RS232 Dunque sar possibile inserire due clock calendar di
per maggior chiarimenti) questo stipo sullo stesso bus.

4/9
LaurTec AN4005-IT Il Protocollo I2C

Qualora si debba far uso di memorie, un avere anche nel caso in cui siano presenti
eventuale limite come per l'orologio potrebbe dispositivi con diversi standard di velocit.
essere notevole. Per tale ragione in questo caso La divisione del bus necessaria solo nel
sia ha la possibilit di impostare l'indirizzo caso in cui si voglia far comunicare le
dell'integrato intervenendo su alcuni bit. Ad periferiche a pi alta velocit al loro massimo.
esempio la memoria 24LC25611 della Microchip Nel caso ci si adeguasse alla periferica pi lenta
possiede tre pin in uscita nominati A0, A1, A2, non necessario dividere il bus. Gli integrati
per mezzo dei quali possibile impostare i tre che sfruttano I2C possono lavorare a diverse
bit meno significativi dell'indirizzo che tensioni, dai tipici 5V a 3.3V ed anche 2.5V12
caratterizza la memoria. Questo significa che permettendo consumi cosi ridotti da poter essere
sar possibile mettere fino ad otto memorie montati anche sui dispositivi portatili alimentati
dello stesso tipo sullo stesso bus (si veda Figura a batteria. Nel caso si debba far comunicare
1). Il numero di pin disponibili al progettista, periferiche, che certamente staranno in due
per modificare l'indirizzo, varia a seconda distinti bus, che lavorano a tensioni differenti,
dell'applicazione dell'integrato. necessario porre un ponte tra i due bus al fine di
Un limite sul numero massimo di periferiche permettere un corretta comunicazione.
che possibile connettere sul bus dunque Ultima nota, prima di vedere come avviene
imposto dall'indirizzo. Un vincolo molto pi una comunicazione sul bus I2C, riguarda le linee
stringente imposto dalla capacit totale della SDA e SCL. Queste linee devono essere
linea che deve essere limitata a non pi di 400 implementate per mezzo di uscite open drain o
pF. Il valore di questa capacit viene a open collector. Questa nota particolarmente
dipendere dal numero di dispositivi e dalla importante qualora si voglia implementare il
lunghezza del bus stesso. Potenzialmente, protocollo I2C interamente per via software.
dal momento che una linea tipicamente Tale caratteristica rende necessaria una
introduce una capacit parassita di circa 80 resistenza di pull up per ogni linea, ovvero di
pF/m, potr essere lunga fino a 5m. una resistenza collegata tra la linea e Vcc, come
Il limite imposto dalla capacit viene a riportato in Figura 1. Questo significa che
dipendere dalla velocit con cui devono quando le linee SDA e SCL non sono utilizzate,
avvenire le transizioni dei bit dal livello basso al sono a livello alto.
livello alto (rise time). Valori tipici per le resistenze di pull up sono
Qualora si debbano raggiungere distanze compresi tra 2K e 10K. Il primo valore
maggiori, o il numero dei dispositivi cosi utilizzato per un bus fino a 400Kbit/s mentre il
elevato da superare tale capacit, possibile secondo per velocit fino a 100Kbit.
spezzare il bus, in due o pi parti, per mezzo di Il valore corretto viene comunque a
ripetitori (Repeater) quali il PCA9515, dipendere, oltre che dalla frequenza di
PCA9516 e il PCA9518 della Philips. Per trasmissione, anche dalla capacit totale di linea.
mezzo di questi integrati sar possibile avere Quanto segue, fino a Figura 2, un appunto
400 pF per ogni semi parte del bus. generalmente non utile per applicazioni comuni.
Per mezzo del P82B96, si ha invece la Nel caso di trasmissioni a 100Kbit/s la
possibilit di raggiungere distanze di 100m alla resistenza pull up sufficiente fino a capacit
frequenza di 71Kbit/s e di ben 1Km alla totali di linea pari a 400 pF. Nel caso di velocit
frequenza di 31Kbit/s. a 400 Kbit/s la resistenza di pull up
Da quanto appena esposto si comprende che sufficiente fino a capacit totali di linea non
un bus che possa funzionare a 100Kbit/s non superiori a 200 pF, mentre per velocit a 3.4
necessariamente deve lavorare a tale frequenza. Mbits/s la resistenza idonea fino a capacit
Sar il Master, opportunamente impostato, a non superiori a 100 pF.
scandire il sincronismo e dunque la velocit di Cosa significa questo limite? Il problema
trasmissione. della capacit di linea legato al tempo di salita
La necessit di dividere il bus in due la si pu con cui si riesce ad ottenere una variazione dal
11 12
La Microchip produce una vasta gamma di memorie Il livello di tensione di lavoro tende ormai a spostarsi
con interfacciamento I2C. a 1.8V.

5/9
LaurTec AN4005-IT Il Protocollo I2C

livello logico basso a livello logico alto. Nel Master possono avviare una comunicazione.
caso in cui si faccia uso di una resistenza, i Supponiamo che un microcontrollore voglia
fronti di salita hanno un andamento leggere da una memoria esterna collegata al bus
esponenziale tipico, della carica e scarica di un I2C dei dati precedentemente memorizzati.
condensatore. [V]

T [s]
Generatore di corrente Resistenza di pull up

Figura 2: Differenza tra i fronti d'onda nel caso di


una resistenza di pull up e di un generatore di corrente

Le fasi che devono essere seguite sono le


seguenti:

Figura 1: Collegamento dei resistori di pull up e 1. Il Master controlla se le linee SDA e


dettaglio dell'indirizzamento di dispositivi dello stesso SCL non siano attive, ovvero siano poste
tipo ambedue a livello alto14.
2. Se il bus libero invia il messaggio che
All'aumentare della capacit, il tempo di fa capire alle altre periferiche che il bus
salita tende a degradarsi a tal punto da non ora occupato. Le altre periferiche si
rispettare pi le specifiche elettriche I2C. Per metteranno allora in ascolto per
porre rimedio a questo limite bisogna porre, in comprendere con chi il Master ha
sostituzione della resistenza di pull up, un intenzione di comunicare.
generatore di corrente costante. 3. Il Master provvede all'invio del segnale
Tale generatore, avendo una corrente di sincronizzazione sulla linea SCL, che
indipendente dal livello di carica della capacit sar rappresentato da un onda quadra,
di linea, provveder a far ottenere dei fronti di non necessariamente periodica.
salita la cui pendenza rimane costante13. La 4. Il Master invia l'indirizzo della periferica
differenza dei fronti di salita ottenuti nel caso di con la quale vuole parlare.
resistenza di pull up e di generatore costante 5. Il Master segnala poi se la
sono riportati in Figura 2. comunicazione che vuole intraprendere
verso la periferica di lettura o scrittura.
6. Il Master attende la risposta da parte
Comunicazioni sul bus I2C della periferica che nella chiamata ha
Vediamo ora come avviene una riconosciuto il suo indirizzo. Se nessuna
comunicazione su di un bus I2C. Come detto
solo le periferiche che possono essere dei 14
Il livello alto, in termini di tensione, viene a dipendere
dagli integrati che si sta utilizzando. Se Vcc=3.3V, i
13
Questo pu essere un modo per ottenere un segnale a resistori di pull up porteranno le linee SDA e SCL al
forma triangolare. Normalmente si preferisce per livello pari a 3.3.
generare un segnale ad onda quadra e poi provvedere Diversamente se l'alimentazione ottenuta con 5V il
all'integrazione di quest'ultima. livello alto sar di 5V.

6/9
LaurTec AN4005-IT Il Protocollo I2C

periferica risponde il Master libera il linea SCL a livello basso.


bus. Questo vuol dire che non sono ammesse
7. Dopo l'avvenuto riconoscimento della transizioni di livello della linea SDA durante il
periferica, il Master inizia lo scambio dei livello alto della linea SCL, se non da parte del
dati. Lo scambio avviene inviando Master per inviare un nuovo Start o uno Stop.
pacchetti di 8 bit. Ad ogni pacchetto si
deve attendere il segnale che avvisa fase 4-5
dell'avvenuta ricezione. Come detto il formato dell'indirizzo pu
8. Quando la trasmissione terminata il essere sia a 7 bit che a 10 bit, per semplicit si
Master libera il bus inviando un segnale considera prima il formato a 7 bit.
di stop. I 7 bit dell'indirizzo vengono inviati dal bit
pi significativo al bit meno significativo. In
Vediamo in dettaglio come vengono coda a questo indirizzo viene aggiunto un bit
realmente ottenute le varie fasi. per segnalare se il Master vuole intraprendere,
con la periferica individuata da tale indirizzo,
fase 1-2 una comunicazione di scrittura o di lettura. In
L'hardware del microcontrollore, dedicato particolare se tale bit 0 vuol dire che il Master
alla gestione dell'interfaccia I2C, controlla le vuole scrivere sulla periferica, se il bit 1 vuol
linee SDA e SCL per un tempo superiore al dire che il Master vuole leggere della periferica.
massimo periodo di trasmissione consentito Il formato del byte (8 bit) che vengono cosi
dall'hardware. inviati riportato in Figura 4 a.
Se il bus risulta libero, il Master invia la Nel caso in cui l'indirizzo della periferica
sequenza di Start, che consiste nel portare la individuato da 10 bit, si capisce che sar
linea SDA a livello basso quando SCL a necessario inviare un secondo byte.
livello alto. L'andamento delle due linee SDA e Per mantenere la compatibilit con il formato
SCL, per segnalare lo Start, riportata in Figura a 7 bit per necessario qualcosa che permetta
3. alle periferiche in ricezione di capire che il
primo byte non rappresenta in realt il formato
d'indirizzo a 7 bit. Questo lo si ottenuto
SDA proibendo alcuni indirizzi nel formato a 7 bit.

Byte 1/1

A6 A5 A4 A3 A2 A1 A0 R/W
SCL

a)

Byte 1/2
Figura 3: Sequenza di Start
1 1 1 1 0 A9 A8 R/W
Dopo l'invio della sequenza di Start, il bus
considerato occupato.
Byte 2/2
fase 3
Dopo la transizione della linea SDA da alto a
A7 A6 A5 A4 A3 A2 A1 A0
basso, il Master invia il segnale di
sincronizzazione per le altre periferiche. A
differenza della sequenza di Start e di Stop la b)
linea SDA assume un valore valido solo se la
Figura 4: Formato dell'indirizzo a 7 bit (a) e a 10 bit
(b)
7/9
LaurTec AN4005-IT Il Protocollo I2C

Se gli indirizzi proibiti15 dovessero essere esempio una fase di lettura da memoria. In
utilizzati vorrebbe dire che il primo byte serve primo luogo bisogner scrivere dei byte per
per indirizzare una periferica con indirizzo a 10 impostare l'indirizzo che si vuole leggere, poi si
bit. potr effettivamente leggere il byte17.
Gli indirizzi proibiti che individuano il formato Ad ogni invio di un byte sar necessario
d'indirizzamento a 10 bit sono rappresentati l'Acknowledge del byte inviato o ricevuto. In
dalle combinazioni 1111xxx, dove x pu valere particolare se il Master invia un byte allo Slave
sia 0 che 1. si aspetta, dopo l'ottavo bit, un bit basso sulla
In particolare la prima x vicino all'1 viene posta linea SDA. Se lo Slave sta inviando uno byte al
a 0 cosi con il primo byte si inviano solo i due Master si aspetta che quest'ultimo invii un bit
bit pi significativi dell'indirizzo a 10 bit. alto dopo, aver ricevuto il byte. La mancanza
L'ottavo bit rappresenta come nel caso ad dell'Acknowledge determina un errore di
indirizzamento a 7 bit la condizione di lettura o comunicazione.
scrittura. Gli altri 8 bit, dell'indirizzo a 10 bit,
vengono inviati con un secondo byte. Il formato fase 8
dell'indirizzamento a 10 bit riportato in Quando la comunicazione terminata, il
Figura 4 b. Master libera il bus, inviando la sequenza di
Stop.
fase 6 Questa consiste nella transizione dal livello
L'invio dell'indirizzo a 7 bit e della modalit basso ad alto della linea SDA, quando la linea
del colloquio (lettura/scrittura), avviene grazie SDL alta.
ad otto transizioni, da livello alto basso, della In Figura 5 riportata la sequenza di Stop
linea SCL. Al nono impulso della linea SCL il generata dal Master.
Master si aspetta una risposta di un bit da parte Se il Master deve effettuare un'altra
della periferica che ha chiamato16. La risposta comunicazione con un altro Slave, piuttosto che
della periferica chiamata consiste nel mantenere liberare il bus e rischiare di perdere il diritto del
a livello basso la linea SDA, per la durata di un controllo, pu inviare una nuova sequenza di
ciclo SCL. In gergo si dice che il Master attende Start.
l'Acknowledge da parte della periferica Il vecchio slave comprender che la
chiamata. Una sola periferica risponder alla comunicazione con lui terminata.
chiamata del Master.
Nel caso di indirizzamento a 10 bit si pu
anche avere che pi periferiche rispondano al SDA
primo byte, ma solo una risponder anche al
secondo.
Qualora la periferica non sia presente il
Master libera il bus permettendo ad eventuali
altri Master di prenderne il controllo.
SCL
fase 7
Dopo l'avvenuto riconoscimento, avviene lo
scambio dei dati verso la periferica, nel caso di
scrittura, o dalla periferica al Master, in caso di
lettura. In una comunicazione si possono avere Figura 5: Sequenza di Stop
sia fasi di scrittura che di lettura. Si prenda ad

15
Le potenzialit dell'interfaccia I2C consistono
In realt sono presenti altri gruppi d'indirizzi proibiti nel fatto di poter disporre di una larga variet di
che individuano altre funzioni speciali o sono stati
lasciati per future estensioni dello standard I2C. 17
Le memorie permettono istruzioni speciali per saltare
16
Si capisce che colui che fa il software deve conoscere la fase d'indirizzamento qualora si debbano leggere
a priori gli indirizzi delle periferiche montate o che pi indirizzi consecutivi. Comunque l'indirizzo
possono essere montate. d'inizio dovr essere inviato.

8/9
LaurTec AN4005-IT Il Protocollo I2C

dispositivi che possiedono al loro interno


l'hardware necessario per la gestione automatica
del protocollo.
Unica complicazione potrebbe essere la
gestione dell'hardware da parte del
microcontrollore. Infatti, per poter utilizzare
l'hardware I2C interno al microcontrollore,
comunque necessaria una fase di
inizializzazione. Le procedure che si realizzano,
possono poi essere riutilizzate in altre
applicazioni, passando per questo problema una
sola volta.
Se si fa uso dei microcontrollori della
Microchip, presente il tool gratuito Maestro,
che mette a disposizione un gran numero di
funzioni, belle e pronte, da utilizzare per il I2C e
molto altro.
Nel caso si programmi i microcontrollori con
linguaggi ad alto livello, si hanno generalmente
gi disponibili le funzioni per la gestione del
bus I2C.

Bibliografia

www.LaurTec.com : sito di elettronica dove


poter scaricare gli altri articoli menzionati,
aggiornamenti e progetti.

www.philips.com : da questo sito possibile


scaricare le specifiche tecniche ufficiali sul bus
I2C (AN10216-01 I2C Manual; The I2C-Bus
Specification, Version 2.1).

www.microchip.com : da questo sito possibile


scaricare il tool Maestro.

9/9