Sei sulla pagina 1di 137

INTRODUZIONE A RFID

di

Demis Castagna

Tesi presentata per la


discussione del diploma di
laurea in

Informatica

Università degli Studi di Tor


Vergata

2007

Relatore: Demis Castagna


Controre latore:

__________________________________________
__________________________________________
__________________________________________

Università degli Studi di Tor Vergata

Data ________________________________________________
Università di Tor Vergata

Estratto

RFID E SUE POSSIBILI


APPLICAZIONI

di Demis Castagna

Professore Giorgio Gambosi


Dipartimento di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali

[Digitare qui l'estratto]


SOMMARIO

Rif.t Descrizione Argomento Pagin


o a

01 Introduzione a Rfid

A Rfid Flessibili

B Micro o Nano Rfid

C Rfid Tradizionali

D Trasponder

E Esempi di scenari

F Vantaggi dei tag rispetto ai codici a


barre

G Fig Tag e Rfid Trasponder

H Modalità Read – Only

I Esempi di Applicazioni Rfid

L Rfid e Privacy

M Architettura di un Sistema RFID

N Realizzazione di una struttura Rfid

O
ii
INDICE DELLE FIGURE

Numero Pagina
[Inserire qui l'indice delle figure]

iii
RINGRAZIAMENTI

Si desidera ringraziare per la preziosa collaborazione

iv
GLOSSARIO

Rif.t Descrizione Termine Pagin


o a

01 Rfid: Radio Frequency Identification.

v
Capitolo 1

Introduzione a Rfid
La sigla RFID significa “Radio-Frequency IDentifier”. Si
tratta sostanzialmente di piccolissime radio
rice/trasmittenti molto simili ai transponder
(Transmitter/Responder) usati in molte applicazioni
militari. Sia gli RFID che i transponder svolgono un solo
compito, molto semplice: quando vengono interrogati (via
radio), rispondono inviando un codice di identificazione e,
se del caso, alcune altre informazioni (solitamente
statiche e immodificabili).

Le origini della tecnologia RFID risalgono alla seconda


guerra mondiale. Gli eserciti tedesco, giapponese,
americano e britannico utilizzavano un radar per rilevare i
velivoli in avvicinamento. Tuttavia, non c'era modo di
identificare quali aerei appartenessero al nemico e quali
invece fossero piloti connazionali di ritorno da una
missione. I tedeschi scoprirono che se i piloti effettuavano
un rollio durante il rientro alla base, veniva riflesso un
segnale radio diverso. Questa semplice manovra avvertiva
il personale radar di terra che gli aerei in avvicinamento
erano tedeschi e non degli Alleati. In pratica, questo è il
primo sistema RFID passivo.

Naturalmente, i sistemi radar e di comunicazione RF


hanno continuato a progredire nel corso degli anni
Cinquanta e Sessanta. La tecnologia RFID più recente è
stata inventata nel 1969 e da allora è stata utilizzata in
tutti gli ambiti della vita quotidiana. I sistemi RFID
vengono utilizzati in applicazioni quali controllo
dell'accesso, sistemi di pagamento e smart card senza
contatto, oppure anche come dispositivi antifurto nelle
auto.
Esistono diversi tipi di RFID che si differenziano l’uno
dall’altro sostanzialmente per due caratteristiche: la
presenza o meno di una fonte di alimentazione e le
dimensioni.

I tipi più piccoli di RFID sono solitamente privi di una loro


fonte di alimentazione (batteria o rete) e quindi devono
essere alimentati inviando loro un segnale radio ad un
frequenza particolare. L’RFID cattura il segnale radio, ne
ricava una certa dose di energia e la usa per inviare il suo
segnale di risposta. Negli altri casi si usa una normale
batteria, di solito al litio o qualcosa di simile. Le batterie
usate in quasi tutti gli RFID hanno una durata (di reale
funzionamento) di 5 o 10 anni.

Le dimensioni degli RFID possono andare da qualche


frazione di millimetro (come un grando di sale) a quelle
tipiche di un grosso telefono cellulare. La “portata radio”
di questi aggeggi può andare da qualche millimetro, per
gli RFID più piccoli e privi di alimentazione, a qualche
metro, per gli RFID “tradizionali” dotati di batteria interna,
sino a migliaia di km per i transponder satellitari usati per
tracciare i veicoli.

Qui di seguito riportiamo una descrizione dei modelli


esistenti.

RFID flessibili

2
Gli RFID flessibili sono l’ultima moda. Si tratta di piccoli
apparecchi radio rice/trasmittenti, privi di una propria
alimentazione (batteria), e realizzati stampando
direttamente la circuiteria su un substrato flessibile (una
lamina di plastica, un tessuto, etc.). La circuiteria può
essere realizzata in metallo (rame o argento) e/o in
polimero (semi)conduttore. Questi dispositivi di solito
possono memorizzare solo poche centinaia di Kb e devono
essere letti avvicinando il lettore (transceiver) a 2 o 3 cm
di distanza. Sono considerati ideali per sostituire le
targhette con i codici a barre nei vestiti.

Micro o nano RFID

Gli RFID di dimensioni micro (circa come un chicco di riso)


o nano (come un grano di sale) sono quasi sempre
dispositivi passivi, privi di una loro fonte di alimentazione
interna, e devono essere letti avvicinando il lettore a pochi
millimetri dal RFID. Possono contenere qualche decina o
qualche centinaio di Kb e di solito vengono usati solo per
contenere un codice di identificazione univoco, come un
numero a 64, 128 o 256 cifre. Tra le altre applicazioni,
possono usati per identificare in modo univoco le
pasticche di certi farmaci ed i proiettili delle armi da fuoco.

RFID tradizionali

Gli RFID tradizionali sono i classici “chip” che vengono


impiantati sotto la pelle di cani e gatti per “marcarli” e
renderli identificabili. Questi dispositivi hanno dimensioni
paragonabili a quelle di un chicco di mais o, nei casi più
estremi, a quelle di un chicco di riso, e possono contenere

3
qualche centinaio di Kb di dati. Oltre al solito codice di
identificazione, possono contenere, ad esempio, la data di
nascita dell’animale e qualche informazione anagrafica sul
padrone, come il numero di telefono da contattare. In
alcuni casi dispongono di una loro batteria di
alimentazione interna ma più spesso dipendono da una
sorgente radio esterna per il loro funzionamento. Nel
primo caso possono essere “letti” mantenendo il lettore
ad una distanza di 1 o 2 metri dall’animale, nel secondo
caso bisogna avvicinare il lettore ad 1 o 2 centimetri.

Transponder

I Transponder sono molto più complessi, costosi,


ingombranti e pesanti degli RFID ma svolgono lo stesso
mestiere. Di solito hanno dimensioni e pesi che vanno da
quelle di un normale accendino a quelle di un grosso
telefono cellulare. Sono sempre dotati di una propria
alimentazione interna e/o vengono alimentati dalle
batterie del veicolo che li ospita. In alcuni casi, sono dotati
di un sistema GPS interno che fornisce loro, in ogni
istante, gli estremi della loro posizione geografica.
Possono contenere grandi quantità di dati e vengono usati
soprattutto per tracciare veicoli o parti di veicoli (come la
scatola nera di un aeroplano). Un particolare tipo di
transponder è il diffusissimo TelePass della società
autostrade.

Perchè ne sto parlando qui, insieme al Trusted Computing


ed ai DRM? Perchè nel prossimo futuro le versioni più
piccole di questi oggetti verranno utilizzate un po’
dappertutto e permetteranno ad aziende e governi di
tracciare ogni nostro movimento.

4
A questo verrebbe da chiedersi perché c’è tutto questo
interesse per i Tag RFID e quali sono i vantaggi rispetto ai
tradizionali codici a barra. Le riportiamo qui di seguito:

1. La tecnologia RFID ha alcuni vantaggi semplici


rispetto alle tradizionali tecnologie di Codici a Barre
e Bande magnetiche;

2. Non deve essere vicino per essere letto come le


bande magnetiche;

3. Non deve essere visibile per essere letto come per i


codici a barre;

4. Si può anche aggiungere informazioni sui chip in


funzione della tipologia del Chip (Read Only, Read
Once, Read and Write);

5. L'identificazione e la verifica avviene in 10/100 di


secondo;

6. La comunicazione può essere in chiaro o criptata;

7. RFID utilizzato su un'automobile per il pagamento


automatico dei pedaggi.

FID TAG e RFID Transponder

L'elemento che caratterizza un RFID è il transponder o


tag. Il Tag è un componente elettronico composto da un
Chip ed una antenna. Il Chip (grande pochi millimetri) e' la
parte "intelligente" costituita da una memoria non volatile
contenente un codice unico, il quale viene trasmesso
tramite l'antenna (circuito di trasmissione del segnale)
all'apparato lettore che controllerà i dati ricevuti.

Funzionamento di un tag passivo: il Lettore emette un


campo elettromagnetico/elettrico che tramite il processo

5
della induzione genera nell'antenna del tag una corrente
che alimenta il Chip. Il Chip alimentato comunica tutte le
sue informazioni che vengono irradiate tramite l'antenna
verso il Lettore.

Un Tag può essere alimentato da una piccola batteria


interna (RFID attivi).
Transponder e antenna sono inseriti in un supporto, che
caratterizza l'uso specifico di ognuno di questi oggetti. É
possibile realizzare RFID in infiniti formati: inseriti in
etichette del tutto simili a quelle normalmente utilizzate
nei capi di abbigliamento, oppure sotto forma di adesivi da
applicare sulle confezioni di cartone dei prodotti, o
all'interno di tessere formato carta di credito.

Per accedere alle informazioni contenute nell'etichetta è


necessario un lettore fisso o portatile. Il vantaggio offerto
da questo tipo di tecnologia rispetto ai sistemi di
identificazione attualmente più utilizzati (codici a barre e
lettori a banda magnetica), è che il lettore non ha bisogno
di avere la visibilità ottica rispetto all'etichetta e funziona
in tempi estremamente ridotti (c.a. 10 centesimi di
secondo).

Modalità read-only

La modalità Read Only hanno i seguenti pregi:

1. L’RFID aperto si utilizza come tecnologia sostitutiva


del codice a barre sfruttando i seguenti vantaggi;

2. Affidabilità della lettura;

3. Eliminazione della necessità di "vedere" l'etichetta


(le etichette radio possono essere contenute
all'interno dei prodotti ed essere lette anche in più
esemplari contemporaneamente);

6
4. Capacità di lavorare in ambienti contaminati, e
sporchi;

5. Capacità di resistere, con opportuni package,


all'aggressione di agenti chimici, ambientali, di poter
operare immerso in un fluido, dentro l'oggetto che si
vuole identificare oppure all'interno di un altro
contenitore (fatti salvi quelli completamente
metallici);

6. Possibilità di leggere, nello stesso contenitore, il


codice di decine o centinaia di etichette in un lasso
temporale di pochi secondi, e di trasmetterlo al
sistema informativo di gestione;

7. I tag dotati di memorie non volatili (qualche


kilobyte) possono contenere informazioni molto
articolate sull'oggetto cui sono associate. La
modalità Read/Write permette non solo una
trasmissione di informazioni ma un loro
aggiornamento sul chip. il Tag diventa un sistema di
identificazione che può tenere traccia della storia di
un prodotto fin dalla fase di lavorazione ed essere
poi utilizzata in modo interattivo lungo tutta la filiera
fino alla distribuzione al dettaglio e in alcuni casi
sino al consumatore;

Alcuni vantaggi di questa modalità sono costituiti dalla


possibilità di memorizzare dati relativi agli indici di qualità,
ai problemi riscontrati e successivamente, dalla semplice
lettura del tag, valutare le caratteristiche positive e
negative dei prodotti o dei lotti; per esempio applicati alle
confezioni di prodotti deperibili alle alte temperature sono
in grado di informare il consumatore che il livello di
guardia di queste è stato superato (es: camion guasto
fermo ore sotto il sole). Nei sistemi industriali
particolarmente complessi e operanti in ambienti ostili, la

7
presenza di un tag con queste modalità può sostituire sia
il network sia la necessità di avere sempre attivo il
controllo di un sistema di gestione e in questo modo
automatizzare alcuni processi amministrativi o industriali,
localizzare in magazzino i differenti modelli, smistare in
distribuzione modelli e prodotti in funzione di alcune
caratteristiche (prezzo, dimensioni, packaging ecc.).
Questi tag si rivelano utili anche per generazione
automatica di bolle e fatture, grazie alla possibilità di
leggere contemporaneamente più codici. Anche la fase di
vendita trova vantaggi dall'uso dei tag, sia per realizzare
inventari real time all'ingresso e alla vendita del prodotto,
sia perché i tag possono essere utilizzati come dispositivi
antitaccheggio.

RFID e Privacy

L'annuncio dell'utilizzo della tecnologia RFID ha generato


diverse domande da parte dei consumatori. Negli Stati
Uniti ad esempio è stata effettuata una campagna di
boicottaggio su Benetton che aveva annunciato
semplicemente l'introduzione dei tag nei capi per finalita'
di logistica.

Alcuni Stati USA hanno approvato legislazioni per regolare


l'utilizzo delle etichette elettroniche. Dal punto di vista
della logistica non sussistono problemi di Privacy (EPC
Gen2 prevede che i tag contengono solamente un codice
univoco (un numero di serie)). Le preoccupazioni principali
riguardano la possibilità che la tecnologia possa essere
utilizzata per violare la privacy del possessore degli
oggetti taggati. Al momento le principali obiezioni sono
articolate sui seguenti elementi:

8
1. la consapevolezza o meno dell'utente che un
prodotto contenga un RFID;

2. le informazioni contenute nell'RFID;

3. la associazione possessore/TAG.

Il primo punto e' al momento allo studio delle diverse


legislature ma emerge un quadro univoco sulla necessita'
che i clienti siano informati dell'esistenza del tag, che i tag
possano essere disattivati (tramite il comando /KILL), e
che sia data la possibilita' agli utenti di verificare la
disattivazione o più semplicemente rimossi.

Il secondo punto riguarda la informativa contenuta nei tag.


Nel caso di prodotti di largo consumo le informazioni nei
tag sono codificate secondo EPC Gen2, ovvero il tag sui
prodotti contiene solo un indicativo seriale. La pubblica
opinione richiede che tali dispositivi siano "oscurabili" o
semplicemente rimossi una volta varcate le casse del
supermercato e/o negozio. La disattivazione avviene
tramite il flagging di una cella nel chip che lo rende
disattivo e non riattivabile. Il problema è che una non
riattivazione non è mai garantita al 100%, se non con la
definitiva rimozione del tag stesso.

Il terzo punto riguarda la possibilita' di associare una


persona ad un prodotto. E' possibile che una persona male
intenzionata possa leggere i codici dei tag dei prodotti che
uno acquista a distanza e possa sapere le abitudini di
consumo di ciascuna famiglia. Teoricamente questo
sarebbe possibile se una persona raccogliesse la
"spazzatura" di casa nostra e l'analizzasse leggendo
ciascun codice RFID. Oppure se creasse dei portali in giro
per la citta' che leggessero tutto quello che passa sotto.
Nei tag non si identifica il proprietario, ma ha comunque
un numero univoco con cui è possibile risalirne. E i tag

9
hanno distanze di lettura limitate, anche se sono state
smentite da varie prove sul campo:

1. nel caso dei tag 13.56Mhz la distanza di lettura


prevista é cm 30 -cm 60, al di sopra si crea una
nuvola elettromagnetica fuori normativa e

2. nel caso di tag UHF, usati per la logistica, e' 6 metri -


10 metri

I tag UHF non funzionano in presenza di liquidi (il corpo


umano e' composto al 95% da liquidi) e quindi male si
prestano per pedinare una persona. Inoltre e' meno
costoso seguire gli spostamenti tramite la triangolazione
del GSM che disseminare il territorio di antenne (che
costano Euro 3,000 ) ogni 10 metri... È possibile leggere
oltre i 10 metri alimentando le antenne oltre i 2 Watt, ma
in tale caso si sta commettendo un crimine (ovvero
occorre una licenza da parte del Ministero delle
Telecomunicazioni oppure possono farlo agenti ed
investigatori in quanto molto costoso e rischioso e non
scalabile su una intera popolazione).

Il problema della privacy sussite ed è aggravato da fattori


come la localizzazione dei dati (nei sistemi centrali o sui
CHIP RFID), a quali dati siano scritti sui CHIP RFID oltre al
numero univoco del chip stesso, e a quale finalita' tali dati
sono scritti. E' chiaro che il semplice fatto che ogni RFID
abbia un numero univoco lo renda nei fatti un
"braccialetto elettronico" con il quale è possibile tracciare
gli spostamenti e le abitudini di una persona, nonché un
pericolo per la sicurezza per la persona stessa, potendo
essere seguita da malintenzionati dotati di lettore RFID.

10
Capitolo 2

Realizzazione di una Struttura Rfid


Quanto tempo può servire per la realizzazione di una
infrastruttura RFID? Sicuramente molto dipende dal tipo di
applicazione che stiamo per andare a creare. Riportiamo
qui di seguito un esempio di grafico che rappresenta le
fasi di cui necessità la realizzazione di una applicazione
RFID.

Lo schema risulta essere il seguente:

Nel caso di utilizzo di una applicazione già esistente, i


tempi e lo sforzo necessario per lo sviluppo del prototipo e
della soluzione software saranno più brevi.

11
I tempi necessari alla implementazione di una fase
prototipale di un progetto in grado di dimostrare il
corretto funzionamento della tecnologia RFId, sono
riassunti nel seguente diagramma di GANTT:

12
L'Architettura di un sistema RFID:

Quella riportata qui di seguito risulta essere l’architettura


di un sistema RFID.

13
Capitolo 3

Esempi di applicazioni Rfid


Andiamo qui di seguito a spiegare in quali ambiti siamo
andati a operare per la realizzazione di una applicazione
Rfid.

E’ stato possibile realizzare una applicazione Rfid


mediante i software, l’infrastruttura e le persone presenti
in Bea Systems e in k-Tech.

Spiegheremo più avanti gli ambiti in cui operano le due


aziende e soprattutto i software messi a disposizione.

La maggior parte delle prove che siamo andati a realizzare


sono state studiate e organizzate all’interno del
laboratorio Rfid creato presso la sede di Bea Systems Italia
a Roma. La parte invece di realizzazione del software è
stata implementata presso la sede di K-tech di Roma.

L’applicazione Rfid sviluppata doveva mettere in risalto le


seguenti caratteristiche di Rfid:

1. La sicurezza;

2. La stabilità dei software realizzati medianti i prodotti


Bea;

3. La funzionalità di un sistema di controllo per una


ipotetica azienda;

14
Qui di seguito riportiamo una serie di esempi in cui è
possibile applicare i tag Rfid.

Scenario 1: realizzazione di jeans

Si sa, la moda cambia. Qualche anno fa erano di moda i


jeans a vita bassa lanciati da Madonna, l’anno prossimo
saranno di moda i jeans chissà di quale tipologia lanciati
dal solito personaggio famosa della prossima edizione del
Grande Fratello. Ammettiamo per un istante che decidiate
di comprarne un paio in un centro commerciale. Il
personale del centro commerciale ha impiantato nei
passanti della cintura dei vostri jeans un tag RFID per
tenere traccia delle scorte e per determinare il prezzo di
vendita. Sarebbe più logico ed economico usare un
normale RFID flessibile, ma questo tipo di RFID ha una
portata radio limitata, per cui il centro commerciale decide
di usare un RFID “micro” dotato di batteria interna, che
può essere letto da qualche metro di distanza. Voi passate
alla cassa (senza cassiera) ed il costo dei jeans vi viene
addebitato automaticamente sul conto corrente (o viene
chiamata la polizia, se questo non risulta possibile). Poi
fate un giro per città e improvvisamente vi accorgete che i
televisori piazzati nelle vetrine e dentro i negozi vi
mostrano offerte imperdibili che sembrano fatte apposta
per voi. Per quanto possa sembrare incredibile, vi
chiamano addirittura per nome per attirare la vostra
attenzione! Niente paura: si tratta semplicemente di un
effetto collaterale del vostro RFID. Il sistema informatico
del centro commerciale ha registrato la vostra identità (dal

15
conto corrente) e l’ha associata al vostro nuovo RFID.
Mentre vi muovete per città, i lettori RFID dei negozi
associati alla stessa catena del centro commerciale
leggono l’RFID, vi riconoscono, “pescano” i vostri dati dal
database e vi fanno offerte “ritagliate su misura per voi”.
Ovviamente, ogni vostro passo viene registrato, per cui
diventa facile stabilire le vostre abitudini commerciali. Nel
caso ci fosse qualche dubbio, tenete presente che gli RFID
verranno infilati un po’ dovunque, per cui per il centro
commerciale diventa un gioco da ragazzi sapere cosa c’è
nel vostro guardaroba o nel vostro frigorifero. Se poi
comprate riviste o libri di carattere politico o religioso,
oppure “giocattoli” o qualunque altro prodotto possa
venirvi in mente.

Scenario 2: l’auto aziendale

A questo punto dovreste già essere in grado di


immaginare cosa può succedere se vi azzardate a usare
l’auto aziendale per scopi non aziendali o se vi permettete
di prendervi più di un’ora per il pranzo mentre siete in
trasferta. Dispositivi RFID (transponder) dotati di GPS e
leggibili via satellite sono già in uso da tempo per
tracciare i camion.

Ah, naturalmente gli RFID nano, micro e flessibili sono


destinati a sostituire i codici a barre. La loro lettura può
essere effettuata automaticamente da apposite stazioni
automatiche di lettura poste all’uscita dei negozi e dei
supermercati. Il sistema informatico del centro
commerciale può provvedere automaticamente ad
addebitare sul vostro conto corrente la spesa (od a
chiamare la polizia, nel caso non si riuscisse ad effettuare
l’addebito) nello stesso tempo che impiega per
memorizzare in un apposito database tutti le preziose
informazioni statistiche che riguardano i vostri acquisti. Le

16
cassiere, ovviamente, dovranno trovarsi un’altra
occupazione.

Queste sono le ragioni che hanno spinto il Garante della


Privacy (al tempo, Stefano Rodotà) ad intervenire. Presso il
sito del garante, potete trovare le linee guida che devono
essere rispettate nell’uso degli RFID. La legge italiana
prevede, tra le altre cose, che l’utente abbia il diritto di
rimuovere o distruggere l’RFID al momento del
pagamento. Purtroppo però molti dispositivi RFID non
possono essere rimossi (per esempio perchè sono
“annegati” o nascosti nel prodotto) e, in genere, non
esiste una procedura irreversibile per distruggerli che non
sia, allo stesso tempo, dannosa per il prodotto. Ad
esempio, si può distruggere alcuni tipi di RFID infilandoli in
un forno a microonde ma questo trattamento può
danneggiare molti prodotti (alimentari, ad esempio) ed
essere incompatibile con altri (oggetti metallici, ad
esempio).

Applicazioni RFID

Diversi i campi di applicazione della tecnologia. In


particolare i campi di adozione principali esistenti sono:

Monetica: Visa, Mastercard e American Express stanno


lanciando nuove carte di credito che per sicurezza,
velocità e flessibilità superano le tradizionali Chip Card.
Oltre 10 milioni di Americani, Giapponesi ed Inglesi stanno
usando, su base regionale, tali soluzioni. A New York è

17
possibile pagare il biglietto della metropolitana con tali
soluzioni.

In Italia si stanno avviando diversi test tra cui: San Paolo di


Torino e ATA Hotel (che già gestisce due dei piu' importanti
villaggi (Tanka Village ed i Giardini di Naxos) con tale
tecnologia) La tecnologia utilizzata è un taqg 13.56 MHz
ISO 14443

Biglietteria Elettronica: forse l'ambito di maggiore


applicazione planetaria delle soluzioni contactless RFID. I
sistemi di transito per gli abbonati a Parigi, Londra, Milano
e Brescia utilizzano carte RFID Contactless per permettere
l'accesso ai mezzi di superficie e metropolitana.

La tecnologia utilizzata è un taqg 13.56 MHz ISO 14443 o


ISO 15693

Logistica Magazzini: identificare ogni contenitore e ogni


scaffale di magazzino con tag riduce gli errori nei prelievi
e fornisce una identificazione certa dell'item (in funzione
del entità controllate si parla di Item Tagging (oggetto
unico) o Box Tagging). Non è necessario aprire gli
imballaggi per verificare il contenuto cercando il codice a
barre, così come non è più necessario effettuare il
conteggio manuale per la verifica dell'inventario fisico.
Con una serie di scansioni a distanza è possibile
identificare e verificare la presenza di specifici oggetti in
magazzino. Infatti la tecnologia permette di leggere
contemporaneamente più etichette (tag) in generale fino
a 100 in contemporanea. La tecnologia permette di
conoscere in tempo reale le giacenze di magazzino,
riordinare i capi esauriti (in tempo reale).

18
Trasporti: in questo caso i tag vengono applicati sia sugli
oggetti (scatole, pallet, ecc.) da trasportare, sia sui mezzi
di trasporto (vagoni, automobili, ecc.) In Italia, Francia e in
Giappone sono già funzionanti milioni di tessere RFID che
permettono ai pendolari di utilizzare diversi tipi di
trasporto con le diverse forme di abbonamento. Un'altra
applicazione della tecnologia RFID e' in sostituzione del
codice a barre come identificativo sui bagagli in aeroporto
permettendo un maggiore "tasso di lettura" ed errore
lungo gli scivoli di smistamento (35% di miglioramento
dell'efficienza presso l'aeroporto di Dallas)

I sistemi RFID migliorano gli attuali sistemi di


identificazione del mezzo di trasporto (l'esempio più
comune è il telepass) sia in termini di efficienza sia di
sicurezza della società erogatrice, a spese della sicurezza
(privacy) dell'utente.

Controllo di carico e scarico: è possibile


l'identificazione del carico di un mezzo di trasporto anche
con il mezzo in movimento. Non è necessario che i
prodotti siano visibili rispetto al sistema di identificazione
usato.

Controllo presenze ed accessi: RFID è una valida


alternativa sia alle tecnologie di personal identification
tradizionali (badge, tesserini, ecc.), sia alle tecnologie di
strong authentication basate sul riconoscimento degli
attributi biometrici di un individuo. A differenza di tali
tecnologie non richiede contatto visivo per l'identificazione
e permette il riconoscimento anche "a distanza".
L'identificazione tramite RFID oltre a rendere più agile
l'impiego di varchi motorizzati, distinguere gli ingressi

19
dalle uscite e verificare automaticamente l'elenco delle
presenze all'interno di una determinata zona, permette
l'avvio o l'arresto di un PC a seconda che il proprietario si
trovi o meno nelle vicinanze. I tag possono essere
stampati o inseriti in oggetti di forma diversa, come ad
esempio un badge identificativo e, quindi, personalizzati
con stampe di immagini, scritte, loghi, fotografie e codici a
barre. Possono essere registrate informazioni come: dati
anagrafici, foto di riconoscimento, data e ora di transito,
verso di transito, altro.

Sicurezza sul lavoro: sicurezza degli operatori di


macchina (es. una pressa) Una macchina che richiede la
protezione dell'operatore può essere controllata in base
alla presenza dell'operatore autorizzato o arrestare il suo
funzionamento se nell'area si avvicina un operatore
estraneo o non autorizzato.

Tracciamento pratiche: l’applicazione di una etichetta


RFID a ogni pratica consente di automatizzare la loro
ricerca negli archivi cartacei, di effettuare
automaticamente la registrazione del prelievo/restituzione
e di mantenere traccia dei vari spostamenti tra uffici e
depositi.

Assistenza e manutenzione: interessante è


l'applicazione di sistemi RFID nella manutenzione degli
impianti. Un esempio è quello delle aziende
petrolchimiche dove si devono effettuare manutenzione
sulle valvole. Con una semplice lettura del tag applicato
direttamente sulle valvole sarà possibile ottenere la storia
delle manutenzioni e riparazioni della specifica valvola.

20
Identificazione degli animali: rispetto agli altri metodi
utilizzati per l'identificazione degli animali (marca
auricolare, tatuaggio, passaporto cartaceo), con
l'applicazione dei tag tutte le informazioni necessarie sono
residenti anche sui capi di bestiame e, grazie all'emissione
di onde elettromagnetiche a bassa frequenza del tutto
innocue, risultano accessibili ovunque si trovi l'animale. Le
etichette possono contenere le informazioni indispensabili
a garantire la qualità del capo come ad esempio:

• Codice dell'animale;

• Dati anagrafici (passaporto) proprietario;

• Aziende presso le quali il capo è transitato;

• Controlli veterinari a cui l'animale è stato sottoposto

• Trattamenti subiti.

Biblioteche - rilevazione patrimonio librario e


movimento libri: Applicando i tag sui beni delle
biblioteche (libri, video, CD audio, ecc.) è possibile rilevare
a distanza le informazioni in esso contenute (tipo di bene,
descrizione, numero inventario, rappresentazioni
fotografica, ecc.), consentendo di amministrare i libri in
dotazione con estrema facilità ed efficacia. La tecnologia
RFID presenta vantaggi anche nelle operazioni di
attivazione di un prestito e restituzione dei libri alla
biblioteca, grazie alla presenza di stazioni self service
estremamente facili da usare. Dopo aver prelevato dagli
scaffali i libri da prendere in prestito, l'utente deve
avvicinarsi alla postazione e appoggiare i libri sul piano di
rilevazione assieme alla tessera della biblioteca. Gli
oggetti vengono rilevati e la transazione viene

21
automaticamente registrata. Alla restituzione dei libri,
l'utente dispone i volumi in un apposito cestello,
appoggiato su una stazione di lettura. Il sistema rileva il
rientro dei libri nella biblioteca e registra tale transazione,
quindi legge dal tag il codice dello scaffale e del ripiano su
cui ogni libro deve essere depositato.

Antitaccheggio: il primo aiuto tecnologico, oggi


largamente utilizzato su scala mondiale, è arrivato dalla
EAS (Electronic Article Surveillance). Mediante
l'applicazione di un piccolo tag chipless (senza chip) agli
oggetti in vendita, un negozio può rilevare un eventuale
transito non autorizzato di un articolo attraverso un varco.
Il varco (composta da antenna) e' collegato ad un
dispositivo di segnalazione acustica e visiva.

L'EAS tuttavia non permette di rilevare né la tipologia né il


numero degli oggetti rilevati

Rilevazione dei parametri ambientali: l'ultima


frontiera tecnologica in ambito RFID riguarda
l'introduzione di tag attivi equipaggiati con sensori in
grado di rilevare i parametri climatici (temperatura,
pressione, umidità, ecc.) dell'ambiente in cui sono
immersi. Le grandezze rilevate dai sensori vengono
memorizzate in una apposita memoria interna, e lì
permangono fino a quando un operatore, dotato di
apposito lettore, non ne esegue lo scarico su un PC
palmare. Queste caratteristiche si rivelano strategiche per
il monitoraggio dei parametri operativi dei macchinari in
particolari realtà industriali, dove è necessario garantire
regimi operativi controllati. I tag, grazie alle ridottissime

22
dimensioni, possono essere collocati in punti "scomodi",
dove sarebbe difficile portare il cavo necessario ad
alimentare un apparecchio di misura, ed offrono, a costi
decisamente contenuti, una soluzione affidabile e di facile
implementazione.

Esempio nella catena del Catena del freddo Una


applicazione specifica è volta a controllare e mantenere la
temperatura adeguata dei prodotti lungo tutte le fasi della
loro distribuzione (trasporto, immagazzinamento,
allocazione presso i punti vendita), fino al momento della
loro consegna, al fine di garantirne la integrità e "qualità".
Questi tag (13.56 Mhz attivi) incorporano un sensore di
temperatura (sia in picco, ovvero se esce dai parametri
predefiniti, oppure continuo, monitorando continuamente
la temperatura). In questo secondo caso è possibile
programmare gli intervalli di misurazione della
temperatura e memorizzarne i valori, in modo da ottenere
un grafico nel tempo oppure identificare il momento (time
stamp) in cui il collo ha subito condizioni limite rispetto ai
parametri prefissati. La differenza di monitoraggio ha
impatto sul costo del tag che può variare da Euro 3.00 a
euro 5.00 in funzione della memoria necessaria. Essendo
tag ad alto costo, non sono "a perdere", quindi occorre
valutare il costo della logistica di rientro degli stessi.
Grazie all'utilizzo di tali soluzioni si può monitorare lo stato
di conservazione di una sostanza, oppure segnalare
eventuali allarmi quando il parametro temperatura non
fosse nei range voluti, senza aprire le confezioni che
proteggono la sostanza conservata in temperatura e
gestendo il dato in via informatica, magari da un sito
centrale, dove poter prendere le decisioni del caso:

eliminare il prodotto oppure accelerare il trattamento di un


processo.

23
Capitolo 4

Rfid e sua capacità di


memorizzazione
Rfid non è una tecnologia nuova ma veniva già impiegata
durante la seconda guerra mondiale per distinguere gli
aerei nemici da quella amici.

Un sistema Rfid è composto principalmente da due parti


fondamentali:

1. Trasponder (Tag): contiene i dati;

2. Reader: richiede i dati

3.

Rfid system si occupa di collezionare le informazioni


contenute nella memoria dei tag utilizzando onde radio.

Le informazioni contenuto all’interno di un tag possono


essere:

1. Un numero identificativo;

2. Altre informazioni scelte in base alle esigenze (ad


esempio il codice di un prodotto).

Verrebbe da domandarsi a questo punto: quale è il


vantaggio dell’uso di un sistema Rfid rispetto ai normali
codici a barre? Li ricapitoliamo qui di seguito:

1. Non ha bisogno di un line of sight (normale codice a


barre) per essere letto;

2. I tag possono inizializzare procedura di sicurezza nel


caso fossero rimosse;

24
3. Tag e reader non sono sensibili all’orientamento;

4. Scanning automatico senza bisogno di un operatore;

5. Ogni tag può gestire altre informazioni oltre ad un


product number;

6. Ogni tag può essere individualmente etichettato;

7. Possono essere letti più tag contemporaneamente;

8. I tag non possono essere solo read only. O meglio le


informazioni possono essere aggiornate;

9. I tag sono difficili da contraffare;

10.Rfid possono essere utilizzati anche in condizioni


metereologiche estreme.

Gli svantaggi dell’Rfid invece sono i seguenti:

1. Un alto costo per il controllo della produzione


utlizzando questa tecnologia;

2. Interferenze radio, ossia alcune onde radio non


riescono a passare alcuni materiali;

3. Alto costo di implementazione delle infrastrutture di


sistema;

4. Non ci sono interferenze internazionali per l’uso di


Rfid.

Precedentemente abbiamo parlato di Tag e Reader.


Andiamo a spiegare brevemente cosa sono. Spieghiamolo
qui di seguito:

25
Tag: vengono divisi in due grandi categorie. Passivi e
attivi e semi-passivi. La differenza sostanziale è che i tag
passivi non possono memorizzare informazioni a
differenza di quelli attivi. Spieghiamo un pò meglio i tag
appena citati fornendo qualche piccola informazioni:

1. Passivi: antenna + chip. Non hanno batteria. Per


rispondere sfruttano la potenza del campo
magnetico creata da reader;

2. Semi-Passivi: molto simili ai tag passivi. Hanno al


proprio interno una piccola batteria. Sono utilizzati
per per beni di alto valore;

3. Attivi: permettono un lungo raggio di trasmissione


(circa 50 mt). Hanno una più grande memoria
rispetto ai tag passivi e le batterie durano dai 5 ai
10 anni.

Le memorie dei tag possono essere classificate in questo


modo:

1. Read only memory;

2. Read/Write;

La capacità di memorizzazione va da 16 bytes a 256 kb.


Possiamo memorizzare il codice del prodotto o anche altre
informazioni (ad esempio la temperatura di un oggetto).

Riportiamo qui di seguito una tabella riepilogativa che


mette a confronto le varie bande di frequenze utilizzate
per RFID:

26
Rfid è il futuro della tecnologia e pare sostituirà i codici a
barra. Per questo motivo si è cercato di creare uno
standard, chiamato EPC global Network. L’EPC è un
insieme di tecnologie che gestiscono:

1. Condivisione delle informazioni tra compagnie


diverse;

2. Identificazione automatica di oggetti univocamente


individuati.

Questo network è composto da 5 elementi. Prima di


spiegarli riportiamo qui di seguito lo schema che
rappresenta gli elementi:

27
Andiamo a spiegare brevemente gli elementi che la
compongono:

Elettronic Product Code (EPC): come il Universal


Product Number nei codici a barre rappresenta il
fondamentale identificatore per un oggetto fisico in un
EPC network;

ID System (EPC tag e reader): i tag comunicano il


proprio EPC agli EPC reader usando Radio Frequency
Identification. Le comunicazioni avvengono tramite onde
radio. I reader comunicano le informazioni raccolte
all’information system della compagnia per mezzo del Epc
middleware;

EPC middleware: detto anche Savant, permette lo


scambio dei dati fra il sistema fisico degli RFID e le
applicazioni;

Object Name Service (ONS): fornisce la possibilità di


localizzare un server che contiene ulteriori informazioni su
un particolare EPC in qualsiasi posto del mondo. È un
servizio simile al DNS del Web;

Physical Markup Language: il linguaggio comune in


EPCglobal network per definire i dati negli oggetti fisici.

28
I dati RFID possono contenere grandi flussi di dati e
contenere delle ripetizioni. Andiamo ora a vedere come è
possibile osservarli:

1. Compressione dei dati: molti oggetti si muovono


contemporaneamente lungo le stesse locazioni, possono
essere memorizzati anche solo come record;

2. Ogni volta che si esegue una interrogazione non


vengono memorizzati dati ma vengono prese in
considerazioni solamente le informazioni temporanea che
sono EPC, location, time_in; time_out. In questo modo
riusciamo a evitare le ridondanze.

29
30
Capitolo 5

Come avviene l’acquisizione


L’acquisizione avviene in modalità automatica per mezzo
degli RFID reader. Le modalità possono essere due:

1. Sequential Mode: le onde radio del reader


switchano rapidamente, il tag riconosce il gap e
risponde al reader;

2. Inventory mode: se il campo magnetico di un


reader è presente i tag rispondono in broadcast
(interrogazione di più tag alla volta).

I dati devono poi essere trasformati per dar loro un alto


livello semantico.

Dopo l’acquisizione si possono avere tre situazioni:

1. Data filtering: le informazioni ottenute dal reader


possono contenere errori e le informazioni possono
essere duplicate;

2. Location Trasformation: le osservazioni possono


implicare un cambiamento di locazione, queste
devono essere interpretate e rappresentate;

3. Data aggregation: ci possono essere relazioni


semantiche fra gli oggetti e queste devono essere
interpretate in accordo ai pattern utilizzati.

31
Fino ad ora abbiamo parlato sempre di Rfid Middleware,
andiamo ora a vedere come è composto:

1. Rfid Reader;

2. Event Manager:

3. Reader: componente software che comunica con i


reader e li può interrogare;

4. Filter: implementa le funzioni di filtro;

5. Writer: scrivi i dati in PML e inoltra i dati verso Web


services, JMS, pacchetti TCP/IP (più avanti faremo
vedere la web application da noi creata).

6. Rfid Data Server:

7. Data managment: ci sono tre differenti livelli:

8. Semantic data processing: filtro dei dati,


trasformazione automatica dei dati;

9. Query: definisce i metodi per il tracking e il


monitoring degli oggetti;

10.Decision making: business intelligence.

11.Data store: implementa lo schema di modellazione


degli oggetti;

12.Data archive: i dati non attivi sono memorizzati


nella partizione storica del data archive;

13.Product data store: informazioni statiche relative


agli oggetti;

32
14.Integration interface: integrare il sistema con le
altre applicazioni.

Quando vengono interrogate, ad esempio in una catena di


montaggio, più oggetti sui quali ci sono più tag possono
verificarsi le seguente problematiche:

1. Collisioni dei segnali in arrivo del reader;

2. Protocolli di collision avoidance (che non aumentino


eccessivamente i costi);

E’ possibile interrogare un oggetto da più reader?


Sicuramente si e questo genera una duplicazione delle
informazioni.

Infine definiamo i vantaggi portati dagli Rfid.

I benefici portati da Rfid sono i seguenti:

1. Privacy: associazione Id oggetto – Il cliente può


permettersi di monitorare i comportamenti di tutti
gli oggetti che contengono un tag su di essi;

2. Sicurezza: un sistema basato su RFID è esposto ai


medesimi rischi di sicurezza di qualsiasi rete, inoltre
ci sono rischi di cloning dei tag e di raccolta di
informazioni sensibili.

33
Andiamo a parlare prima di tutto di sicurezza. Al centro
della sicurezza troviamo le comunicazioni fra tag e reader
che sono sottoposte a possibili ascolti nascosti e ad analisi
del traffico. Durante la fase di rilevazione non è previsto
un protocollo di autenticazione reader – to – tag o tag – to
–reader.

I possibili attacchi che può ricevere un sistema RFID sono i


seguenti:

1. Denial of Service: creare numerosi fake tag che


effettuano numerose richieste ad un reader
rendendolo inutilizzabile;

2. Man in the middle: una terza parte può ascoltare


le comunicazioni fra reader e tag per ottenere
informazioni sensibili;

3. Attacchi fisici ai tag o ai reader: azioni riverse


enginering al fine di creare falsi tag per effettuare
spoofing (Lo spoofing di dati consiste nell'inserire,
modificare o cancellare i dati presenti in un
pacchetto che viaggia sulla rete).

Infine parliamo anche di privacy. L’utilizzo di un unico Id fa


aumentare i rischi di minaccia alla privacy permettendo
una facile associazione ID oggetto – identità della persona.

Le situazioni che possono verificarsi vengono qui di


seguito elencate:

34
1. Action threat: il comportamento di un individuo
può essere inferito monitorando le azioni di gruppi di
tag;

2. Association threat: al momento dell’acquisto di un


prodotto equipaggiato con un RFID tag, il cliente può
essere associato al numero elettronico seriale del
prodotto;

3. Location threat: l’associazione individuo – id tag


permette di rilevare la posizione dell’individuo se si
monitora quel tag;

4. La posizione di un oggetto con tag è


suscettibile a rilevamenti non autorizzati;

5. Preference threat: il tag in un oggetto identifica


univocamente:

6. Produttore;

7. Tipo di prodotto;

8. Codice identificativo unico;

9. Constellation threat: i tag vicini ad una persona


formano una costellazione e questo rende possibile
tenere traccia di una persona senza conoscerne
l’identità;

10.Transaction threat: quando un oggetto taggato


passa da una costellazione ad un’altra è facile
inferire una transazione fra gli individui associati a
queste costellazioni.

35
36
Capitolo 6

Presentazione del progetto Rfid


realizzato

L’idea di Rfid è nata in Bea System insieme a K-Tech.


Queste sono le due società nelle quali ho potuto effettuare
studi e ricerche su questa tecnologia che come già detto,
non risulta essere nuova (perché utilizzata anche nella
seconda guerra mondiale) ma che sicuramente cambierà il
modo di gestire, acquistare merci e di effettuare
transazioni economiche.

Il progetto è durato all’incirca 12 mesi. Per la realizazione si


sono dovuti utilizzare tre software:

37
1. Bea Portal per la realizzazione di un portale dove era
possibile, mediante interrogazione ad un database,
conoscere lo stato delle spedizioni.

2. Bea Rfid Edge Server per l’interfacciamento tra il


software e la parte Hardware;

3. Bea WebLogic 8.1 con il quale creare l’ambiente di


sviluppo in java.

Abbiamo parlato fino adesso della parte software e dei


software utilizzati.
K-Tech nell’utilizzo di questi software ha il miglior staff
presente in Italia proprio perché attraverso lei in Bea
vengono eseguiti corsi sui vari prodotti. K-Tech è
riconosciuto da Bea come patner.

Analizziamo ora la parte hardware utilizzata. Come


spiegato precedentemente nell’introduzione di questa tesi
un sistema Rfid è un sistema piuttosto complesso formato
da Hardware e Software. L’hardware ha un ruolo
importantissimo per il fatto che senza antenne e Tag i
prodotti non possono essere rilevati. Il software invece
permette all’utente di interrogare, caso mai con una
rinnovata e carina interfaccia grafica i dati rilevati dalle
antenne.

L’idea è partita dall’introduzione nel 2006 di un nuovo


prodotto in casa Bea: Bea Rfid Edge Server. Tale applicativo
è stato introdotto per riuscire ad avere un nuovo sbocco nel

38
mercato italiano ma soprattutto perché esso si presenta
come un filtro tra applicazioni realizzate in java e la parte
hardware. Spiegheremo nel prossimo capitolo i software
utilizzati riportando le caratteristiche di ognuno di essi.

Per la realizzazione di questo progetto come si è


proceduto? Prima di tutto, dopo più incontri con il personale
che mi seguiva all’interno delle due aziende abbiamo steso
un roadmap per l’esecuzione del progetto, utilizzando un
progetto pilota che era nato all’interno di Bea. Proprio in
questo periodo infatti all’interno di Bea System era stato
istituito un personaggio che si occupa solo di Rfid. E proprio
grazie alla collaborazione con il dott. Grabriele Provinciali
sono venuto a conoscenza di nuove tecnologie che
riguardavano la materia, ma soprattutto ho potuto ricevere
un minimo di conoscenza per quello che riguarda lo
sviluppo di un progetto Rfid.

A questo punto sono stato inserito all’interno di un progetto


piuttosto ambito: la presentazione del nuovo prodotto di
Bea per L’RFID ai clienti italiani. Le caratteristiche
fondamentali di questa presentazione dovevano essere le
seguenti:

Parte 1:

1. Presentazione del prodotto Rfid Edge Server e di


tutta la famiglia RFID;

2. Cos’è RFID;

3. Quali sono le sue caratteristiche più importanti;

39
4. Perché utilizzare Rfid;

5. Cenni storici su Rfid;

6. Perché cambiare la propria organizzazione e passare


ad un sistema di gestione controllato da Rfid;

Parte 2:

Sicurezza: dimostrazione pratica che Rfid è sicuro e che in


fase di spedizione, se si vuole parlare di anti sabotaggio in
aziende che fanno logistica, nulla sfugge alle antenne che
compongono il sistema. Questa parte è formata più dai
componenti hardware che da componenti software. Ma
soprattutto è la parte fondamentale per il fatto che
dovevano lavorare insieme hardware e software realizzato
precedentemente.

Fino ad ora abbiamo spiegato come era composta la


dimostrazione che dovevamo presentare. Come abbiamo
proceduto per arrivare al nostro obiettivo? Spieghiamo
tutto brevemente qui di seguito.

Abbiamo prima di tutto modificato un ufficio rendendolo un


laboratorio Rfid. Il laboratorio era composto dalle seguenti
componenti:

1. Server Hp con processore Xeon gentilmente offerto


da Hp. Su questo server dovevamo far girare prima
di tutto Edge Server e simulare, insieme
all’applicativo di CAEN, le rilevazioni. Forse verrebbe
da domandarsi per quale motivo dovevamo

40
effettuare le rilevazioni. In fase di presentazione
dovevamo far vedere come avvenivano le rilevazioni
dei pacchi contenenti delle scatole utilizzate per la
dimostrazione. Come già detto nei precedenti capitoli
la parte fondamentale di Rfid è che se alcuni beni di
una società sono all’interno di una scatola con dei
Tag, le antenne Rfid riescono a rilevare quali beni
sono contenuti all’interno della scatola. Nella parte
relativa alle rilevazioni in questa stessa tesi
spiegheremo poi quali sono stati i risultati delle
rilevazioni e in che modo era meglio posizionare le
scatole;

2. N° 04 antenne con caratteristiche differenti. Le


antenne erano presenti in un N° 02 in ogni portale e
servivano per effettuare le rilevazioni;

3. N° 02 portali in legno realizzati appositamente per


questa presentazione. Le caratteristiche dei portali
verrano portate nella sezione apposita di questa tesi;

4. Varie scatole sui quali erano attaccati dei tag per


effettuare delle rilevazioni;

5. Tag di vario genere in modo da poterli attaccare sui


prodotti che volevamo rilevare.

La realizzazione di questa presentazione mi ha permesso di


avere conoscenze in merito a Rfid ma soprattutto ho potuto
conoscere e integrare le funzionalità dei vari prodotti

41
software che Bea vende in Italia. Basti che pensare che Bea
WebLogic detiene la percentuale più alta di usabilità da
parte amministratori di sistema che lo usano e lo
raccomandano.

Un’ ultima frase va detta per Hp. Prima, non a caso, nella
presentazione dei materiali utilizzati nel laboratorio ho
riportato il server Hp. Bea insieme ad Hp Italia hanno
lavorato, nella sede staccata di Milano, ad un altro progetto
pilota. E Hp ha un proprio laboratorio Rfid dove vengono
effettuare rilevazioni, prove e studi.

42
Capitolo7

Creazione ambiente di sviluppo

Introduciamo ora l’ambiente di lavoro che è stato


realizzato. Prima di tutto spieghiamo cosa è un tag e poi
analizziamo quello che abbiamo realizzato.

Un tag non è altro che un etichetta che può essere


rilevata da un lettore RFID. Il funzionamento è
semplice, lo spieghiamo brevemente qui di seguito: un
qualunque oggetto (o scatola) con un tag attaccato su di
esso può essere rilevato da un lettore RFID se è passato
vicino ad esso. Il tag, attraverso le onde elettromagnetiche
si alimenta e risponde fornendo un ID che viene rilevato da
un elemento (configurato precedentemente, normalmente
un server con un software di rilevazione apposito – più
avanti spiegheremo il software di rilevazione utilizzato)
capace di fornire caratteristiche e informazioni
sull’elemento rilevato.
La rilevazione può riguardare ogni cosa, o meglio, ogni
cosa su cui è possibile applicare un tag che possa essere
riconosciuto.

43
Per dare al lettore una idea di come avviene una
rilevazione RFID facciamo un esempio. Questo stesso
esempio è stato preso in esame nel nostro laboratorio.

2
2

1
1

Figura1

44
La Figura1 rappresenta una catena di montaggio. Nel
nostro laboratorio, per problemi di spazio e per mancanza
di alcune strutture non abbiamo potuto avere a
disposizione un ambiente di sviluppo cosi completo,
l’abbiamo quindi simulato.
La prima parte indica la sezione della catena di montaggio
nella quale viene preparato l’ordine (indicata con un
numero 1 contenuto in un cerchietto). La seconda parte
invece (indicato con il numero (2)) indica l’ordine finito che
viene messo in una scatola e sulla quale viene applicato
poi un tag per essere rilevato.
Nel laboratorio avevamo due miniportali. Il primo serviva
per la preparazione degli ordini, mentre il secondo per la
spedizione.

45
L’esempio di studio che vi presentiamo è il seguente:
abbiamo una catena di montaggio come quella riportata
nella figura 1. Nella parte (1) prepariamo il materiale che
andrà a formare un ordine. Nella parte (2) introduciamo il
materiale in alcune scatole. È a discrezione dell’azienda
inserire tutte le scatole in una più grande o lasciarle divise.
In entrambi i casi questa scelta dipende dalla logistica
dell’azienda. Nell’esempio riportato in figura vengono prese
tutte le scatole e messe su un pallet. Ogni scatola avrà un
tag di rilevazione.
Nella parte (1) i prodotti non hanno un tag. Questo viene
applicato nella parte (2) sulla superficie di ogni scatola.
Passando questi elementi vicino ad uno scanner RFID e
utilizzando un software apposito di Bea riusciamo a sapere
quali prodotti vanno a formare l’ordine e altre
caratteristiche a loro inerenti.

46
Le informazioni che possono essere legate ad un tag sono
molteplici e dipendono dall’azienda. Noi riportiamo solo
quelle che sono servite al nostro caso di studio.
Sicuramente in una azienda le informazioni che possono
essere legate ad un tag sono molteplici e variano in base
all’ambiente di lavoro in cui ci troviamo.
L’ambiente che avevamo a disposizione era una stanza 20
mq. In questa stanza avevamo due tavoli, su uno avevamo
il miniportale per la preparazione degli ordini, sul secondo
tavolo avevamo il miniportale per la spedizione degli ordini
completati.
C’era poi un altro tavolo dove abbiamo messo il server.
Inizialmente abbiamo utilizzato un notebook, poi un server
Hp con caratteristiche hardware migliori. Su entrambi i pc
menzionati per effettuare le rilevazioni abbiamo utilizzato il
software di ConnectTerra.
È stato creato anche un portale (mediante Bea Portal) con
il quale poter gestire e visionare gli ordini. Al momento di
questa relazione in portale non è stato ancora completato,
per questo motivo non ci sono informazioni in merito.

I mini portali realizzato in legno e utilizzati erano i seguenti:

47
32 cm

50 cm
80 cm

MiniVarco RFID
Realizzato in Legno o materiale che consente il montaggio
di 2 Antennne a Polarizzazione Circolare (materiale non
metallico).
Permette lo scorrimento manuale di un tray che contiene
items RFID (piccole scatole).
Contiene piccoli scivoli di entrata e uscita.
Deve essere poggiabile su un tavolo (larghezza: max 80
cm).

Perché utilizzare il legno? È un materiale a basso costo.


I varchi simulano due sezioni fondamentali nella produzione
di elementi in una catena di montaggio:

1. Varco per la preparazione degli ordini;


2. Varco per la spedizione degli ordini.

Sui lati interni dei miniportali abbiamo montato le antenne


di rilevazione.

48
A seguito di numerose prove effettuate nel laboratorio
allestito presso Bea Systems Italia (filiale di Roma) mi è
stato possibile elaborare una serie di casi con i quali testare
una serie di prove per effettuare la rilevazione di differenti
prodotti sui quali avevamo applicato un tag. Lo scopo dello
studio era:
1. capire quali materiali potevano dare fastidio, quali
invece andavano bene in fase di rilevazione;
2. il tipo di collante da utilizzare per attaccare i tag sulle
scatole;
3. su quali superficie attaccare questi tag.

Le prove che abbiamo effettuato vengono catalogate qui di


seguito:

1. Simulazione e creazione di 2 varchi RFID;


2. Studio di differenti collanti per attaccare i TAG;
3. Posizionamento dei tag in vari posti sulle scatole;
4. Utilizzo di scatole di cartone con rivestimenti
differenti;
5. Utilizzo di scatole di materiali diversi dal cartone;
6. Utilizzo di vassoi di plastica utilizzati per simulare
carrelli trasportatori;
7. Utilizzo di vassoi di plastica con rivestimenti laterali.

49
√ Studio di differenti collanti per attaccare i
TAG

I collanti che abbiamo utilizzato sono tre:

Colla (pritt di tipo stick);


Scotch bi-adesivo;
Scotch

Considerazioni Finali

a. Colla Stick

Qui di seguito riportiamo le caratteristiche:


Il barattolino preso in considerazione era da 20
grammi. Non abbiamo riscontrato nessun problema in
quanto è risultata essere molto leggera e soprattutto,
non dava fastidio in alcun modo al tag.
Nel nostro caso è stata anche molto utile soprattutto
per il fatto che quando dovevamo staccare il tag per
attaccarlo su un’altra scatola non abbiamo avuto
nessun tipo di problema.

50
b. Scotch Bi-Adesivo

La larghezza del nastro utilizzato era di 1 cm e il suo


spessore era di 0.4 mm. E’ risultato il miglior collante per
provare i tag su più scatole e di conseguenza per effettuare
più prove. Anche in questo caso il lettore RFID non ha avuto
nessun problema. E anche per noi è stato utile perché è
stato agevole lo staccare un tag da uno scatola ad un’altra.

c. Scotch

Per lo scotch tradizionale valgono le stesse considerazioni


fatte per lo scotch bi-adesivo. Abbiamo notato però che se
mettevamo più di una striscia dietro il tag, la rilevazione
avveniva con fatica e non sempre.

Considerazioni Finali

Ogni tag di prova ha dietro di se già uno striscia adesiva


che permette di attaccarlo dove vogliano. L’intera
superficie del tag è ricoperta da scotch bi-adesivo. Nel
nostro caso abbiamo fatte le prove con il collante, con lo
scotch tradizionale e bi-adesivo per vedere quale era il
migliore. E soprattutto, abbiamo utilizzato queste
alternative perché il numero di tag a nostra disposizione
era limitato. Di conseguenza, per poter provare i tag su
scatole differenti dovevamo per forza proseguire come
spiegato in questo paragrafo.

51
Il tag è risultato attaccato in maniera ottimale nel seguente
modo: una sola striscia di scotch, sia esso bi-adesivo o
normale.

52
Capitolo8

Software utilizzati in Bea


Introduciamo ora i software bea che siamo andati ad
utilizzare. I software Bea sono i seguenti:
1. Bea WebLogic Platform;

2. Bea Portal;

3. Bea Rfid Edge Server

Ora introdurremmo ogni software spiegando le


caratteristiche fondamentali e per quale motivo lo abbiamo
utilizzato.

Introduzione a Bea WebLogic Platform e Bea


Portal

Grazie ad una potente combinazione di piattaforma,


practice e persone, BEA offre la via più sicura per
implementare con successo una SOA (Service-Oriented
Architecture), permettendoti di sfruttare i vantaggi offerti
dalle SOA con maggiore rapidità e sicurezza.

53
Utilizzando la nostra pluri-premiata piattaforma
d’infrastruttura applicativa BEA WebLogic™, il tuo team di
sviluppo potrà creare un codice di sviluppo applicativo su
una specifica piattaforma Java, per definire le informazioni
necessarie nelle fasi iniziali di realizzazione della SOA, che
comprendono la costruzione e messa in opera dei servizi.
BEA WebLogic Platform — che comprende BEA WebLogic
Server®, BEA WebLogic Portal™, BEA WebLogic
Integration™, BEA WebLogic Workshop™, BEA JRockit™ —
è la application platform suite leader di mercato destinata
agli sviluppatori che vogliono abilitare le proprie
applicazioni ai servizi.
Ora, anche la tua azienda può utilizzare soluzioni BEA
AquaLogic™ per organizzare e gestire servizi, processi e
applicazioni composte indipendentemente dalle tecnologie
adottate. BEA AquaLogic è la prima Service Infrastructure
del mercato a permettere alle aziende di effettuare con
successo la transizione alle SOA, al fine di migliorare
l’efficienza IT e la reattività di business.
Questa famiglia di prodotti — che comprende BEA
AquaLogic Service Bus™, BEA AquaLogic Data Services
Platform™, BEA AquaLogic Enterprise Security™ e BEA
AquaLogic Service Registry™ — fornisce l’insieme più
completo di prodotti unificati disponibili oggi per
implementare, configurare, mettere in sicurezza e gestire
servizi eterogenei attraverso l’intero ciclo di vita SOA.

54
Insieme, l’application infrastructure platform BEA WebLogic
e la famiglia di prodotti BEA AquaLogic sono soluzioni
complementari ideali per aziende e organizzazioni che
vogliono implementare soluzioni basate su SOA di classe
enterprise.

BEA fornisce una Service Infrastructure di livello superiore


per gestire con successo le SOA e migliorare l’agilità e
l’efficienza di business.

Il ciclo di vita dei Servizi per Bea WebLogic risulta essere il

seguente:

Sfruttando un’infrastruttura servizi condivisa, la famiglia


BEA AquaLogic permette di gestire i servizi per tutto il ciclo
di vita SOA.

55
BEA offre prodotti e servizi che permettono alle aziende di
ottenere più velocemente un time-to-value per le
applicazioni critiche di business, utilizzando standard
aperti, web service e una Service-Oriented Architecture
(SOA).

La BEA WebLogic Platform — che comprende BEA WebLogic


Server®, BEA WebLogic Portal™, BEA WebLogic
Integration™, BEA WebLogic Workshop™, BEA JRockit™ —
è la application platform suite leader di mercato per
sviluppatori che vogliono abilitare le proprie applicazioni ai
servizi.

56
BEA WebLogic Server

Questa versione più potente e affidabile dell’application


server J2EE leader nel mondo è la base ideale per costruire
le SOA. BEA WebLogic Server 9.0 è conforme alle specifiche
J2EE 1.4 ed estende ulteriormente gli standard più avanzati
per fornire qualità di servizio senza precedenti attraverso
l’intera azienda.
BEA WebLogic Server 9.1 includes a new BEA Smart Update
tool that helps to easily download, apply and manage
maintenance updates, including patches, to your BEA
WebLogic Servers. Other updates can be found in the areas
of securirty (SAML), diagnostics, messaging, web services
and more.

BEA WebLogic Portal

BEA WebLogic Portal 8.1 semplifica la realizzazione e


gestione di portali su misura, permettendoti di sfruttare un
ambiente di servizi condiviso per implementare le
modifiche riducendo al minimo le complessità e gli sforzi.

BEA WebLogic Integration

BEA WebLogic Integration 8.1 permette di far convergere in


una sola soluzione unificata di business integrata due
attività altrimenti disparate, quali l’integrazione e lo
sviluppo applicativo.

57
BEA WebLogic RFID Product Family

BEA's WebLogic RFID edge and enterprise products deliver


the first end-to-end, standards-based RFID infrastructure
platform designed to automate new RFID enabled business
processes. The powerful combination of leading RFID
infrastructure technology and BEA's Service-Oriented
Architecture (SOA) driven platform allow you to turn RFID
data into meaningful information for competitive
advantage and financial improvement through targeted,
cost effective and integrated solutions.

BEA WebLogic Workshop

BEA WebLogic Workshop 8.1 riduce in modo molto


significativo le complessità di migrazione ad una SOA
riducendo, al contempo, i costi di vita complessivi della tua
infrastruttura IT.

BEA JRockit 5.0 JDK

Utilizzando BEA JRockit 5.0 Java Development Kit (JDK), gli


sviluppatori Java possono mettere in esercizio più
velocemente e con maggiore efficienza le applicazioni,
ottenendo prestazioni ottimali con configurazioni minime.

58
Abbiamo parlato di applicazioni SOA, quali sono le
applicazioni SOA e cosa sono? Spieghiamo brevemente qui
di seguito di cosa stiamo parlando.

Gartner [GARTNER] divide i modi in cui si possono integrare le applicazioni in


tre casistiche fondamentali:

• Data consistency
• Multistep Process
• Composite Application

descriviamole brevemente.

Data consistency

L'obiettivo di questa tecnica è quella di tenere allineati i


database di una o più applicazioni sui fatti rilevanti per
l'azienda. La caratteristica principale di questa tecnica è
che le applicazioni sono logicamente e fisicamente
indipendenti perché le sincronizzazioni fra due applicazioni
avvengono in processi separati e in maniera indipendente
da quello che sta facendo l'applicazione.
Questo pattern di integrazione (vedi figura 1) di fatto viene
implementato da processi batch. In genere si parla poco
dei batch, ma nei sistemi informativi enterprise essi sono
tuttora un importante mezzo di integrazione e
rappresentano ancora una parte rilevante delle
elaborazioni.

59
Figura 1 - Data consistency

Multistep Process

Secondo questo pattern (vedi figura 2) una applicazione


scatena un evento che è propagato attraverso le
applicazioni interessate con uno o più step. La
comunicazione è asincrona e monodirezionale. In questo
caso le applicazioni sono fisicamente indipendenti, ma non
lo sono logicamente in quanto l'elaborazione dell'evento
necessita della logica di ogni applicazione che vi partecipa.
Questo pattern si ha ogni volta che si costruiscono
architetture asincrone a messaggi.

Figura 2 - Multistep Process

60
Composite Application

In questo caso una applicazione comunica in maniera


bidirezionale e tipicamente sincrona con una o più
applicazioni. In questo pattern (vedi figura 3) il grado di
accoppiamento delle applicazioni è molto elevato, al punto
che si può sostenere che nell'insieme le applicazioni così
integrate vanno a comporre una nuova applicazione.
Questa è la modalità di integrazione che oggi si incontra
più spesso e che ha permesso a tante aziende di creare
applicazioni di integrazione del loro legacy al fine di esporre
le funzionalità aziendali mediante un nuovo front-end
(tipicamente un'applicazione web).

Figura 3 - Composite Application

61
SOA
Qualunque sia il pattern di integrazione che dobbiamo
usare rimane il fatto che integrare è una attività difficile e
costosa. Questo induce a pensare che la difficoltà non
dipenda da come si affronta il problema, ma che la
difficoltà sia intrinseca all'attività di integrazione. Negli
esempi visti sopra abbiamo sempre delle applicazioni
complete su cui vogliamo innestare una nuova funzionalità
che implica una forma di integrazione. Questo porta ad
affrontare i problemi di integrazione in fase di
manutenzione/evoluzione delle applicazioni. Inoltre
normalmente in questi casi si tende a soluzioni particolari e
poco riutilizzabili nell'eventualità di nuove necessità di
integrazione.

62
Un miglioramento alla difficoltà del problema
dell'integrazione si avrebbe se le applicazioni fossero
concepite per essere integrate. Quindi se le problematiche
della fase di integrazione fossero affrontate nella fase di
inception dell'applicazione. Questo non elimina
completamente la difficoltà di integrazione però consente
di risolvere una serie di problemi nella fase di sviluppo
dell'applicazione (quando cioè toccare il codice costa
meno). Se l'applicazione invece esiste già si può costruire
sopra di essa un layer che la mostri al mondo esterno
"come se" fosse stata concepita per essere integrata.
Questa è una delle idee che stanno alla base dello stile
architetturale SOA (e per me la più importante). Vedremo
che il modo migliore (per quanto ne sappiamo oggi) per
avere applicazioni integrabili è quello di pensarle a servizi e
cercheremo di capire meglio cosa sono i servizi.
Ma SOA non è solo questo, SOA è anche una collezione di
idee e best practices sul tema dell'integrazione maturate in
seguito all'introduzione del modello di computazione
distribuita. Ad esempio una delle best practice più
importante è che disaccoppiare (ove possibile) porta molti
benefici.

63
La figura 4 segue mostra un blueprint di un'architettura
SOA. Come si può vedere esistono vari layer. Partendo dal
basso abbiamo il layer delle applicazioni a servizi e il layer
dell'ESB. Questi layer sono fondamentali per l'architettura
SOA e saranno esaminati più in dettaglio in seguito. Gli altri
layer invece elevano via via il livello di astrazione
permettendo di avvicinare gli aspetti tecnici di in sistema
informativo a chi dirige il business di una azienda. Infatti il
layer del workflow consente di disegnare e configurare
workflow di processi aziendali (piuttosto che cablare queste
informazioni nelle applicazioni come spesso accade). Una
volta che si hanno a disposizione dei processi aziendali è
possibile gestirli (layer BPM: Business Process
Management) cioè attivarli e disattivarli, ma anche gestire
situazioni di errore mediante applicazioni di backoffice.

64
Figura 4 - Blueprint architettura SOA

65
Infine il layer BAM (Business Activity Monitoring) consente
di analizzare le dinamiche dei processi di business al fine di
prendere decisione aziendali. Gli strumenti di questi tre
layer possono teoricamente essere usati da persone non
tecniche (con la dovuta assistenza) e consentono di
avvicinare le persone che prendono di decisioni di business
al settore IT facendoglielo meglio comprendere. In effetti
questi tre layer non sono nuovi e sono presenti anche nei
blueprint di altri modelli architetturali. Poche aziende li
hanno effettivamente realizzati. SOA grazie alla sua
flessibilità dovrebbe consentire finalmente di costruire
questi layer a costi accettabili, ma staremo a vedere, per il
momento ritengo conveniente concentrasi sui due layer più
bassi.
Implementare una architettura SOA a tappeto su un
sistema informativo già in essere può significare una
rivoluzione tale da rendere difficile la cosa e magari trovare
anche opposizioni legittime da parte delle persone più
scettiche. Come sempre nell'informatica più che rivoluzioni
bisogna fare evoluzioni. Questo consente di minimizzare i
rischi del cambiamento, salvaguardare gli investimenti
passati e di convincere a poco a poco gli scettici. SOA non è
differente da questo punto di vista e perché abbia successo
va fatta partire con progetti pilota.

Quindi per la buona riuscita dell'evoluzione verso SOA da


parte del management è necessario supportare e
sostenere un continuo processo di rinnovo del parco
applicativo mediante acquisizioni di applicazioni a servizi o
conversioni delle applicazioni esistenti.

66
I servizi

Un servizio è una funzionalità di business autoconsistente.


Autoconsistente significa che per usufruire della
funzionalità messa a disposizione dal servizio è sufficiente
chiamarlo senza dovere effettuare altre operazioni. Come
già evidenziato in [PIRACCINI] queste proprietà si
ottengono creando servizi stateless e di granularità
piuttosto grossa.
Mentre dovrebbe essere chiaro a tutti cosa significa servizio
stateless, il discorso sulla granularità fine/grossa è molto
più soggettivo perché il tema è a cavallo fra il piano
architetturale e quello funzionale.
Ad esempio una applicazione di CRM potrebbe esporre tre
servizi come mostrato in figura 6.

Figura 5 - CRM a servizi

67
In questo caso i servizi sono pochi e per dare la copertura
funzionale necessaria all'applicazione CRM dovranno
mettere a disposizione più di una funzionalità. Ad esempio
possiamo immaginare che il servizio di gestione anagrafica
cliente consentirà di effettuare inserimenti, modifiche,
cancellazioni e ricerche di clienti. Le applicazioni in SOA
diventano quindi un substrato che riunisce assieme un
insieme di servizi che hanno affinità funzionale.

I servizi e l'analisi

E' abbastanza evidente quindi che i servizi devono essere


disegnati assieme agli esperti funzionali e di dominio.
Anche per queste persone il passaggio ad una architettura
SOA ha degli impatti. Infatti spesso gli analisti funzionali
partono ad eseguire la loro analisi dall'interfaccia grafica
(spesso chiamata mappa) che l'utente si troverà di fronte.
In questa maniera il layer di business (e quindi in questo
caso i servizi) viene modellato in modo da rispondere
perfettamente alle necessità dell'applicazione di front-end,
incernierandosi con le mappe e le navigazioni sulle mappe
previste dagli analisti. Il grado di riusabilità di servizi
ottenuti in questo modo è piuttosto basso, anzi in generale
si può affermare che solo l'applicazione di front-end sarà in
grado di utilizzare i servizi (e per essa andranno
benissimo).

68
Il passo richiesto agli analisti funzionali è dunque quello di
svincolarsi da questo modo procedere e pensare a servizi
riusabili cercando di prevedere le necessità di integrazione
future. Resta sottinteso ovviamente che se queste
necessità non ci sono, non conviene adottare
un'architettura SOA e probabilmente risulta meno costoso
limitarsi ad una architettura distribuita o addirittura ad un
client/server.

L'analista deve partire non più dalle mappe, ma cominciare


a ragionare sull'interfaccia dei servizi, è importante dunque
che esita una interfaccia esplicita e dichiarata in un
documento.
Una società con cui sono in contatto e che vuole sviluppare
applicazioni a servizi ha creato due gruppi uno per il layer
dei servizi ed uno per il front-end e ha adottato la regola
che questi gruppi possono comunicare solo mediante
documenti. Questa situazione che per certi versi può
sembrare estrema e che sicuramente aumenta i costi di
sviluppo dell'applicazioni modella però una situazione
realistica: infatti in futuro sempre più spesso ci sarà la
necessità di integrare applicazioni di due società diverse
che vogliono fare business assieme. In questo caso
abbiamo due sistemi informativi differenti e anche due
gruppi di lavoro remoti per cui è inevitabile che si instauri
un processo di analisi e sviluppo basato sullo scambio di
documenti.

69
Una interfaccia chiara e documentata che rappresenti il
contratto del servizio è quindi il deliverable fondamentale
della fase di analisi di un servizio.

I servizi e il change management

Se stiamo disegnando architetture SOA è perché vogliamo


che i servizi che rendiamo disponibili siano utilizzati da più
utenti possibili, magari anche esterni al nostro sistema
informativo.
Questo pone dei vincoli (anche contrattuali) su come e
quando il comportamento o l'interfaccia del servizio può
essere cambiato, cioè pone dei vincoli sul change
management. Il motivo per cui questo accade è che se si
hanno molti utenti di un servizio e si deve rilasciare una
nuova versione dello stesso non è possibile obbligare tutti
gli utenti a fare gli adeguamenti necessari né è possibile
interrompere la fornitura di servizio a chi non si adegua.
Piuttosto che affrontare il problema di caso in caso è meglio
darsi delle regole generali che valgano per tutti i servizi
realizzando un processo di change management su cui
tutte le parti concordino. In generale il processo di change
management dovrà consentire:
La possibilità del consumer del servizio di scegliere a quale
versione del servizio agganciarsi.
La possibilità al provider del servizio di deprecare e
successivamente dismettere vecchie versioni di un servizio.

70
Per raggiungere questi obiettivi è sufficiente che il sistema
supporti più versioni in linea del medesimo servizio come
mostrato in figura 6.

Figura 6 - Versionamento dei servizi

71
Ci sono doversi modi per avere due versioni del servizio in
linea, ma fondamentalmente si ricade sempre in due
categorie:
Pubblicazione del medesimo servizio con nomi diversi.
Unico servizio con un parametro di ingresso che indica la
versione del servizio che si vuole richiamare.
I servizi possono richiamare altri servizi ad esempio nel
caso si implementino sistemi di workflow. Al fine di avere
un buon sistema di change management è necessario
tracciare le dipendenze fra servizi in modo da essere in
grado di prevedere gli impatti dovuti al cambiamento di un
servizio.

Management e monitoring del servizio

I servizi nelle architetture SOA dovranno fornire un servizio


(scusate il bisticcio di parole) conforme a certi standard di
qualità (SLA Service Level Agreement) su cui le parti hanno
convenuto. Possono aversi casi in cui gli SLA sono differenti
per tipo di servizio, oppure per chiamante oppure
cambiano a seconda dell'orario del giorno. In ogni caso
deve essere possibile monitorare il comportamento dei
servizi ed eventualmente avere strumenti per intervenire e
quindi gestire il servizio.

L'attenzione si sposta dunque sul servizio e non è più


sull'applicazione che fornisce il servizio, ad esempio una
applicazione potrebbe avere servizi con SLA differenti.
Inoltre dovrebbe essere possibile controllare tutti i servizi
(anche di differenti applicazioni) da un'unica console.

72
Questo naturalmente è fattibile più agevolmente se i
servizi sono disegnati in partenza per essere monitorati e
gestiti.

Inoltre il servizio (e non l'applicazione nel suo complesso)


deve avere un log e deve essere "auditabile" (cioè fornire
un insieme di dati sufficienti alle strutture di audit ad
eseguire i propri controlli). Infatti potrei avere bisogno che
due servizi della medesima applicazione uno di tipo inquiry
ed uno di tipo dispositivo scrivano un log di audit su due
supporti separati.
Infine un servizio potrebbe essere a pagamento, in tal caso
deve essere "accountabile" cioè deve essere possibile
tenere traccia del chiamante e del numero delle chiamate
per potere calcolare i costi.

Il disaccoppiamento

Una pratica su cui insiste SOA è il disaccoppiamento.


Il disaccoppiamento fra il fornitore e il consumatore del
servizio è una caratteristica molto importante in una
architettura di integrazione. Infatti più è alto più
l'architettura è agile e gestibile, e di conseguenza a basso
costo. In teoria se non vi fosse nessun accoppiamento fra
consumatore e fornitore il costo di gestione del sistema
sarebbe dato dalla somma del costo di gestione delle due
applicazioni. Nella realtà i costi invece sono sempre
maggiori perché appunto si aggiunge il costo di
integrazione.

73
Di seguito si prendono in esame tre tipi di accoppiamento
che SOA tenta di alleviare. E' probabile che se ne possano
trovare altri tipi che qui non sono analizzati.

Accoppiamento applicativo

74
Questo tipo di accoppiamento si ha ogni volta che due
applicazioni condividono qualche artefatto. Ad esempio se
due applicazioni condividono un IDL dal quale generano gli
stub e gli skeleton necessari all'erogazione del servizio esse
sono accoppiate applicativamente e ogni volta che l'IDL
cambia bisogna effettuare il deploy sia del fornitore che del
consumatore del servizio.
Un altro esempio di accoppiamento applicativo si ha
quando fornitore e consumatore si scambiano qualche
oggetto durante la fase di comunicazione. E' evidente che
gli oggetti scambiati che saranno i parametri e il risultato
dell'elaborazione devono essere noti ad entrambe le
controparti e di conseguenza se gli oggetti cambiano è
necessario effettuare il deploy delle due applicazioni.
Questa tipo di accoppiamento è piuttosto diffuso oggi e
anzi si può dire che è incoraggiato dagli strumenti di
sviluppo odierni quali CORBA e J2EE che spingono ad usare
IDL e pattern quali value object come modello di sviluppo
dei servizi. La mia opinione è che gli strumenti sopra citati
consentano agevolmente di rendere remote funzionalità
presenti in componenti/oggetti software. Queste
componenti sono però tutt'altro che servizi nel senso di
SOA.
Comunque anche nel caso delle componenti il problema di
gestire gli aggiornamenti rimane. Mi è capitato in un paio di
esperienze di vedere il problema aggirato applicando il
pattern command [J2EEPATTERN]. Mediante questo pattern
si può fare sì che l'interfaccia della componente remota sia
unica e fissa e che un value object che rappresenta la

75
richiesta attuale (comando) sia scambiato avanti e indietro
fra le due parti. In questo modo è possibile far svolgere più
compiti allo stesso componente remoto, basta definire
nuovi comandi. Inoltre introducendo nuovi comando o
evolvendo quelli esistenti non si modifica l'interfaccia
remota del componente quindi non è mai necessario
ricompilare stub e skeleton; può dunque sembrare che
questa sia la soluzione del problema dell'accoppiamento
applicativo.
In realtà non è vero, infatti col pattern command da un lato
l'interfaccia remota del servizio è troppo generica per
rappresentare un contratto fra le due parti, dall'altro però il
contratto è implicitamente e subdolamente definito
dall'oggetto comando che quindi deve essere noto ad
entrambe le controparti. Questo approccio scricchiola non
appena i consumatori del servizio sono più d'uno e magari
sono esterni al sistema informativo del fornitore del
servizio. In questo scenario (che è lo scenario in cui nasce
SOA) c'è bisogno di una maggiore formalizzazione del
contratto e inoltre come abbiamo già detto di una oculata
gestione degli aggiornamenti.

Per limitare l'accoppiamento applicativo SOA propone che


le applicazioni mantengano invariata la propria
rappresentazione dei dati senza quindi avere oggetti in
comune. Per fare ciò una possibilità è, come mostrato in
figura 7, che le applicazioni serializzino i dati in un
messaggio in un formato che sia trasformabile facilmente
da un ente intermedio.

76
Figura 7 - Accoppiamento applicativo

77
Nell'esempio mostrato in figura l'applicazione mutui
effettua una richiesta che contiene l'oggetto cliente
all'applicazione CRM. La richiesta però viene serializzata in
un messaggio in un formato che sia facilmente
trasformabile. La trasformazione avrà il compito di rendere
la richiesta interpretabile dall'applicazione CRM. In questo
modo l'applicazione mutui e CRM non condividono nulla di
applicativo.

XML e XSLT sono naturalmente oggi i candidati ideali per


effettuare queste operazioni, ma l'idea del
disaccoppiamento applicativo rimane al di là della scelta di
queste tecnologie. Soluzioni più evolute possono prevedere
la presenza di un dizionario dati che dinamicamente
configuri la trasformazione da effettuare.

Accoppiamento tecnologico

L'accoppiamento tecnologico si ha quando due applicazioni


devono condividere qualche aspetto tecnologico per
funzionare correttamente. Per esempio se due applicazioni
devono essere sviluppate con J2EE o devono avere il
runtime CORBA dello stesso vendor allora sono accoppiate
tecnologicamente.
Nello sviluppo di un sistema informativo SOA non devono
esservi vincoli che generino accoppiamenti tecnologici.
Quindi in teoria SOA ammette la coesistenza di qualunque
tecnologia.

78
In generale è bene limitare all'interno di un sistema
informativo le tecnologie usate (per i vari aspetti ad
esempio: DBMS, S.O., protocolli di comunicazione)
assestandosi su due o tre tipi. Un numero maggiore
provoca costi di amministrazione e formazione troppo
elevati.

Ma anche l'omogeneità tecnologica totale può avere degli


svantaggi: per prima cosa ottenerla su un sistema già
avviato può essere molto costoso; inoltre la possibilità di
ospitare più di una tecnologia in un sistema informativo, in
caso di acquisto di nuove applicazioni consente di
esaminare più candidati e quindi potere scegliere sempre il
prodotto migliore. Infine avere più di una tecnologia
consente di mettere in competizione i fornitori di questa
tecnologia e quindi in generale di abbassare i prezzi delle
licenze (bisogna essere bravi per riuscirci, ma si può fare).

Accoppiamento temporale

79
Due applicazioni sono accoppiate temporalmente se è
necessario che siano entrambe online affinché una delle
due possa funzionare correttamente. Può sembrare
impossibile che se due applicazioni sono integrate una
delle due possa funzionare correttamente se l'altra non è
online. Invece è possibile realizzare quatta situazione
adottando protocolli di comunicazione asincrona e
monodirezionale. Se teniamo a mente i pattern di
integrazione già citati solo nel caso delle composite
application non riusciamo a disaccoppiare temporalmente
le applicazioni, negli altri casi è possibile.
Si noti che se il pattern di comunicazione è sincrono (cioè
di tipo richiesta risposta) non importa quale protocollo di
comunicazione usiamo, il risultato sarà sempre che le
applicazioni sono accoppiate temporalmente. Anche se,
come mostrato in figura 8, usiamo protocolli asincroni per
esempio una coda di messaggi per la richiesta e una coda
di messaggi (con correlazione) per la risposta, le
applicazioni rimangono sempre temporalmente accoppiate.

Figura 8 - Accoppiamento temporale

Layer dell'architettura SOA

80
Come nelle architetture distribuite è possibile distinguere
facilmente alcuni layer (tipicamente dati, business,
presentation) la stessa cosa si può fare per le architetture
SOA.

Figura 9 - Layer architettura SOA

I layer che si possono individuare sono mostrati in figura 9


e sono i seguenti:

1. Layer delle applicazioni SOA


2. Layer tecnologico e di normalizzazione
3. Layer di composizione dei processi
4. User end point layer

81
I nomi dei layer SOA sono liberamente tratti da
[ENTERPRISESOA] e non sono standard (per la verità non è
ancora stato sviluppato un lessico ufficiale per indicare i
layer SOA).

Layer delle applicazioni SOA

In questo layer ci sono le applicazioni che espongono i


servizi con le caratteristiche di cui si è parlato
precedentemente.
Come già detto le applicazioni possono esporre servizi sia
perché sono state concepite a servizi sia perché sono state
wrappate con qualcosa che le mostra "come se" fossero
state concepite a servizi.

Come si può vedere dalla figura le applicazioni a servizi non


hanno legami esterni se non mediante servizi. Questo
dovrebbe semplificare le operazioni di sostituzione
dell'applicazione dovute a nuovo sviluppo o a un nuovo
acquisto. Infatti in questa architettura sostituire
un'applicazione significa trovare una applicazione che
possa esporre gli stessi servizi della precedente (e migrare
i dati).
Da un punto di vista transazionale tutte le unità di lavoro
devono chiudersi a questo livello; questo consente di
evitare o quantomeno limitare al massimo l'uso di
transazioni distribuite.

Layer tecnologico e di normalizzazione dati

82
Come si vede dalla figura le applicazioni espongono servizi
di forme diverse. Questo sta ad indicare sia le diversità
nella modellazione dati sia le diversità tecnologiche e di
protocollo di comunicazione. Si consente di avere queste
diversità perché come spigato nell'architettura SOA non si
vogliono accoppiamenti applicativi e tecnologici.

Il layer tecnologico e di normalizzazione dati si occupa di


esporre ai layer successivi una sola tecnologia e di
effettuare le dovuta normalizzazioni sui dati.

Il protocollo scelto per i layer successivi deve avere il più


alto grado di accettazione e di interoperabilità possibile; il
pensiero va dunque (ad oggi) ai Web Services, infatti
rispetto a CORBA ed altri sistemi di elaborazione distribuita
i Web Services sembrano avere l'appoggio dei maggiori
vendor e quindi come protocollo sembra il migliore
candidato su cui investire.
Questo layer era stato previsto nel mondo java dalla
specifica JBI (Java Business Integration) [JSR-208] già nel
marzo 2003. Al tempo SOA non era ancora di moda per cui
nella specifica non si fa uso esplicito di tutto il lessico SOA.
Purtroppo come spesso accade nel JCP (Java Community
Process) le cose procedono a rilento e ad oggi la specifica è
in public review, ma non è stata pubblicata. I vendor di
conseguenza non la implementano e stanno prendendo
strade proprietarie come gli ESB (Enterprise Service BUS) di
cui parleremo fra poco.

83
Questo layer di solito si implementa con strumenti di
comunicazione asincrona tipicamente code di messaggi
(anche quando il pattern di comunicazione è quello delle
composite application). Il motivo è come già detto che in
SOA predilige la comunicazione asincrona perché aumenta
il disaccoppiamento ed in generale consente di creare
architetture più scalabili.

Layer di composizione di processi

Una volta ottenuta l'omogeneità tecnologica e di


rappresentazione dei dati è possibile comporre i servizi in
processi di business.
Questa composizione si può realizzare con servizi ad hoc
oppure mediante un motore di workflow. Va notato
comunque che questo è un layer opzionale di SOA e va
implementato solo se strettamente necessario.

Come linguaggio standard per la definizione di workflow


sembra si stia imponendo è BPEL [BPEL]. Questo linguaggio
consente di definire processi di business secondo molti dei
pattern con cui un workflow può presentarsi. Per una
trattazione completa dei pattern si veda
[WORKFLOWPATTERN]. Il vantaggio di avere definito un
workflow mediante un linguaggio standard è che in teoria il
cambiamento del motore di workflow non dovrebbe avere
ripercussioni sul workflow già sviluppato.

84
A livello di prodotti non c'è ancora uniformità di
accettazione di uno standard per cui alcuni prodotti
accettano BPEL, altri accettano standard che hanno meno
popolarità di BPEL, altri ancora hanno un linguaggio
proprietario. A mio avviso non essendo ancora chiaro quale
standard per la definizione del workflow si imporrà, oggi,
dovendo scegliere un motore di workflow conviene
scegliere in base alle caratteristiche del prodotto e non in
base al linguaggio supportato. Quando emergerà uno
standard universalmente accettato se il prodotto è un buon
prodotto saranno apportati dei miglioramenti per
supportare lo standard e saranno messi a disposizione tools
di migrazione per i workflow già definiti, altrimenti tanto
varrà affrontare i costi di migrazione di prodotto.

Da un punto di vista transazionale, poiché come abbiamo


visto le unità di lavoro si chiudono sul layer delle
applicazioni a servizi, la composizione dei servizi non sarà
transazionale e quindi si dovranno prevedere servizi di
compensazione. BPEL per la verità consente sia questo tipo
di aggregazione sia aggregazioni transazionali.

85
User end-point layer

In questo layer si situano tutti gli utilizzatori dei servizi.


I particolare quindi le applicazioni di front-end e le
applicazioni esterne al sistema informativo che hanno
bisogno di accedere ai servizi.
Può valere la pena sottolineare che le applicazioni di front-
end non perdono la loro importanza nelle architetture SOA.
Infatti queste sono le applicazioni che vede l'utente ed in
fondo è proprio l'utente a determinare il successo o meno
di un progetto software. Quindi nulla vieta che le
applicazioni di front-end siano complesse magari a più
livelli e con dati appoggiati su database. Ciò che consiglia
l'architettura SOA è che la logica di business sia realizzata
mediante chiamate ai servizi. Tutto il resto della logica,
quindi logica di sessione, di navigazione, di sicurezza, di
caching, di logging ecc…, può e deve essere realizzata
nell'applicazione di front-end, in modo che questa sia la più
efficiente possibile.

Come già detto l'implementazione di una architettura SOA


deve essere un processo evolutivo. Quindi ad esempio sarà
possibile in alcune fasi dell'evoluzione che le applicazioni a
servizi abbiano anche un front-end tradizionale (cioè non a
servizi) per esempio per le funzioni di amministrazione,
configurazione o backoffice.

86
ESB
Il layer 2 dell'architettura SOA che abbiamo chiamato
tecnologico e di normalizzazione dati ha forti caratteristiche
infrastrutturali (che come abbiamo visto la specifica JBI
cercava di catturare). Stando così le cose è naturale
pensare di realizzare questo layer con un framework
sviluppato internamente o con un prodotto acquisito sul
mercato. Dunque piuttosto che tanti gateway come in
figura 8, possiamo pensare questo layer come mostrato
nella figura 10.

Figura 10 -ESB

Il nome che si tende a dare a questo layer software è ESB


(Enterprise Service BUS).
Il ruolo infrastrutturale dell'ESB comprende i seguenti
compiti base:

1. Supporto alla comunicazione asincrona basata su


messaggi. Questa caratteristica consente di
abbassare l'accoppiamento temporale ed è da
applicare ogni volta che sia possibile;

87
2. Supporto alla trasformazione dei dati. Questa
caratteristica consente di abbassare l'accoppiamento
applicativo;
3. Supporto a diversi protocolli di comunicazione e
compatibilità con vari connettori software. Questa
caratteristica consente di abbassare l'accoppiamento
tecnologico;
4. Routing intelligente dei dati. Questa caratteristica
consente di esporre tutti i servizi sul layer
tecnologico, sarà poi l'ESB a ruotare il messaggio
sulla corretto servizio nel layer delle applicazioni a
servizi.

Alcune caratteristiche avanzate che un ESB può ospitare


sono:

1. Gestione della sicurezza dei servizi


2. Monitoring e management dei servizi
3. Supporto alla composizione dei processi (in questo
caso l'ESB sconfinerebbe nel layer 3 di SOA)

88
Come abbiamo visto ci sono diverse pattern di integrazione
fra applicazioni ognuno dei quali richiede caratteristiche e
SLA differenti al canale di comunicazione. Mi aspetto
dunque che un unico tipo ESB non possa rispondere a tutti i
casi di integrazione presenti in una azienda. E' possibile
prevedere che esisteranno tre tipi di ESB:

1. ESB batch (per il pattern data consistency);


2. ESB asincrono (per il pattern multistep process);
3. ESB sincrono (per il pattern composite application) ;

Questi tre ESB saranno diversi, ad esempio l'ESB batch


favorirà messaggi di grandi dimensioni, mentre il bus
sincrono avrà priorità maggiore su quello asincrono, ma
avranno anche caratteristiche che si potranno portare a
fattore comune come ad esempio la gestione della
sicurezza e la trasformazione dei dati.

89
Il mercato degli ESB pur essendo piccolo in termini
finanziari è molto dinamico per la presenza di svariati
player. Da un lato società che proponevano broker di
integrazione tradizionali (come webMethods
[WEBMETHODS] o IBM [IBM]) hanno fatto rebranding dei
loro prodotti convertendoli alle nuove tecnologie (java e
Web Services). Dall'altro spesso società di dimensioni più
limitate (come Sonic [SONIC] o Fiorano [FIORANO] ) che
proponevano sistemi di comunicazioni a messaggi hanno
migliorato il loro prodotto aggiungendo le features
necessarie ad un ESB. In totale ci sono diverse decine di
vendor nessuno dei quali possiede la leadership del
mercato. E' prevedibile che nel giro di un paio d'anni il
mercato si consolidi facendo emergere chiaramente
quattro o cinque vendor. E' importante notare che
nell'arena ci anche vendor che tipicamente vendono
software applicativo e non di integrazione (come SAP). Il
motivo di questo fatto è che il controllo del software di
integrazione è strategico in quanto consente di influenzare
molto le scelte evolutive del sistema informativo.
Il panorama degli ESB open source (almeno per quanto ne
so io) è piuttosto deludente. Infatti sono a conoscenza di
solo due progetti: Joram [JORAM] e Mule [MULE].

90
Il primo è un sistema di messaging piuttosto evoluto, ma
secondo me non può ancora dirsi un ESB. Il secondo è un
ESB forse ancora un po' carente di funzionalità, ad esempio
non ha un sistema di trasformazione dei messaggi.
Comunque mi aspetto che presto nasceranno diversi ESB
open source anche perché a ben vedere le tecnologie di
base di un ESB sono già disponibili (anche open source) e
consolidate; bisogna quindi assemblarle coerentemente in
un prodotto (anche se non è facile come può sembrare).

91
Come abbiamo detto i vendor cercheranno di piazzare il
proprio ESB all'interno del sistema informativo aziendale è
quindi possibile immaginare che presto in un sistema
informativo ci sarà più di una marca di ESB come mostrato
in figura 11.

Figura 11: Arcipelaghi di ESB

92
Gartner [GARTNER] chiama questa situazione Arcipelagi di
ESB intendendo per arcipelago un gruppo di applicazioni a
servizi correlate e coordinate da un ESB.

Gli arcipelagi però non sono isolati e come si vede in figura


dovranno comunicare. In qualche modo dunque gli ESB si
dovranno parlare o in altre parole ESB di vendor e
tecnologie differenti dovranno essere interoperabili.
Qualcuno mi ha fatto notare che la figura degli arcipelagi di
ESB assomiglia a figure già viste sull'interoperabilità degli
ORB di CORBA. In quella situazione l'interoperabilità era
piuttosto bassa, nel caso degli ESB i Web Services
dovrebbero dare qualche garanzia in più. Ad oggi in realtà
gli ESB non sono molto interoperabili, questo è dovuto al
fatto che le specifiche dei Web Services sono in continua
evoluzione. L'evoluzione è così rapida e tumultuosa che gli
ESB talvolta non garantiscono neppure la compatibilità con
la versione precedente del medesimo prodotto.

Quando l'evoluzione degli standard dei Web Services si


stabilizzerà ci si potrà attendere qualche cosa di più sul
piano dell'interoperabilità degli ESB.

Conclusioni
Un'azienda che decida di evolvere il proprio sistema
informativo verso una architettura SOA deve fare diverse
scelte e fronteggiare diverse sfide.
La più importante è certamente quella di evolvere le
applicazioni esistenti verso una logica a servizi.

93
In secondo luogo dovrà dotarsi della infrastruttura
organizzativa e tecnologica per gestire i servizi.

Inoltre dovrà effettuare delle software selection per


scegliere un adeguato software di integrazione sapendo già
in partenza in questo momento questa categoria di prodotti
non è ancora matura e stabile.
A mio avviso le architettura SOA danno benefici nelle
condizioni ove vi sia una reale necessità di condividere
servizi. In tal caso conviene implementare una architettura
SOA magari partendo da qualche piccolo, ma significativo
use case.

In ogni caso non credo che SOA sia il "Silver bullet" [MMM]
(cioè la tecnologia in grado di risolvere completamente) del
problema dell'integrazione delle applicazioni, sono certo
però che l'approccio di SOA possa portare notevoli
semplificazioni. Per capire quanto notevoli bisognerà
attendere ancora un po'.

Introduzione a Bea Rfid Edge Server

94
Gaining the significant benefits that RFID offers requires
more than simply implementing RFID tags and readers. You
need infrastructure software that enables you to develop,
deploy, and manage RFID solutions that meet your needs
today — while providing a solid foundation to support
growth as you expand.
Our standards-based architecture and software support all
phases of RFID implementation, enabling greater
efficiency, significant cost savings, and new business value.
We help your RFID deployment succeed today, then evolve
to support new devices and processes as your business
needs change.
With innovative BEA software at the core of your RFID
infrastructure, your corporate assets (goods, products,
materials) become a new source of valuable operational
data. More than simply identifying and tracking these
assets, our products help you manage and use this data to
fuel business intelligence.

95
Integrate RFID and other devices into your business
processes and deliver real-time operational data to the
enterprise. BEA WebLogic RFID Edge Server infrastructure
software handles the complex interaction of tags, readers,
devices, machinery, and people at the edge of the
enterprise. Designed expressly for deployment outside the
data center environment, RFID Edge Server provides the
foundation for creating enterprise-scale RFID applications
with unmatched scalability and performance.
To maximize the benefits of RFID, you need enterprise-class
infrastructure software that makes it possible to develop,
deploy, and manage RFID solutions that meet your needs
today while providinga solid foundation for growth.
BEA WebLogic RFID Edge Server provides all necessary
software infrastructure at the edge of the enterprise where
RFID tags and readers are deployed. The edge server
handles all computation that must be carried out locally,
controlling RFID readers and other devices, filtering data,
carrying out local business logic in support of operational
processes, and delivering data to the enterprise.
BEA WebLogic RFID Edge Server also provides a
sophisticated administration console that allows for
dynamic configuration, monitoring, and management of all
devices and software infrastructure.

Bea WebLogic RFID Edge Server is the focal point for


operation at the edge, providing a single point of
administration and integration for all RFID devices in a
single remote facility.

96
BEA WebLogic RFID Edge Server provides a compete
solution for single-site projects. For larger enterprise-wide
deployment, BEA WebLogic RFID Edge Server may be used
in conjunction with BEA WebLogic RFID Enterprise Server,
providing a complete, standards-based, end-to-end solution
for the most complex RFID applications.
BEA WebLogic RFID Edge Server delivers a comprehensive
software infrastructure for developing, deploying, and
managing robust RFID solutions at the edge of the
nterprise. BEA WebLogic RFID Edge Server provides broad
device support, robust data filtering and aggregation,
extensive RFID infrastructure administration, monitoring
and management, and seamless integration with existing
platforms. BEA WebLogic RFID Edge Server also guarantees
message delivery, protecting RFID data, and provides the
unique capability to create customized, local workflows
that integrate RFID data into your operational processes.
BEA WebLogic RFID Edge Server provides out-ofbox support
for over thirty makes and models of RFID readers, printers,
and other devices commonly employed in RFID applications
such as bar code readers, stack lights, numeric displays,
and programmable logic controllers (PLCs).
BEA WebLogic RFID Edge Server supports all relevant
industry standards including:
• EPC and ISO tag protocols
• EPC and US DoD tag data standards
• EPCglobal Application Level Events (ALE)
• EPC Information Services (EPCIS).

97
BEA supported tag types include EPCglobal UHF Class 1
Gen 2 (ISO 18000-6C) as well as all earlier EPC tag types
and several ISO HF tags.

98
BEA WebLogic RFID Edge Server provides native decoding
and encoding of EPCglobal Tag Data Standards, including
GS1 codes and US Department of Defense constructs. The
edge server also fully implements the EPCglobal
Application Level Events (ALE) 1.0 standard, along with
several functional enhancements including an easy-to-use
extension for tag writing.
BEA WebLogic RFID Edge Server includes a sophisticated
administration console that lets operations staff monitor,
manage, and configure RFID infrastructure in real time. The
ability to monitor and manage a large number of devices
ensures that the data coming in from RF devices is
accurate and that the devices are operating optimally.
Devices
may be added or reconfigured without restarting the edge
server or disturbing the operation of application software.
RFID readers generate a continuous stream of lowlevel raw
data. The BEA WebLogic RFID Edge Server receives, filters,
and aggregates RFID tag data with a powerful Application
Level Events (ALE) processing engine. Filtered, aggregated
data may then be delivered directly to enterprise
applications, or integrated with local workflows as part of
operations at the edge.

99
The simple but powerful BEA WebLogic RFID Edge Server
ALE API provides a fast and simple way for developers to
define high-level events needed by specific applications
and key operational groups. The ALE API lets developers
focus on the “what”—what data they want, from which
readers, over what intervals of time—and the edge server
takes care of the “how” by finding the most efficient way to
interact with readers to deliver the data. The ALE API is
based on web services standards, which makes it fully
ready
for integration into a Services-Oriented Architecture (SOA)
environment, as well as providing direct access to
developers working in Java, .NET, or any other web services
environment.

BEA led the development of ALE and created the industry’s


first commercial implementation. ALE is now an EPCglobal
standard, protecting your RFID
investment. BEA WebLogic RFID Edge Server also includes
several enhancements beyond the standard, including the
ability to read non-EPC tags, to program tags and print
labels, and to exploit all features of Gen2 tags including
user memory, TID, lock, and kill functionality.

10
0
BEA WebLogic RFID Edge Server enables the creation of
customized, local workflows or “edge flows” which handle
the complex interactions between RFID devices, other
devices, and humans. Edge Flows allow these interactions
to take place without the intervention of enterprise-level
software. This insures the highest performance and
reliability in the face of intermittent connectivity to the
enterprise data center. Edge Flows provide the business
context for RFID data sent to enterprise applications.

10
1
Edge Flows available out-of-box in BEA WebLogic RFID Edge
Server can generate EPCglobal EPCIScompliant data, or in
any other format.
To deliver messages reliably between the edge and the
Enterprise and prevent loss of RFID data, BEA WebLogic
RFID Edge Server provides JMS Store and Forward (SAF)
capability.

If the WAN connection to the data center is not available at


the moment messages are sent, either because of network
problems or system failures, the data is saved on the edge
server and forwarded to the data center once the
connection is restored.

To simplify management of RFID deployments, BEA


WebLogic RFID Edge Server centralizes the administration,
monitoring and management of the entire infrastructure.
The administration console monitors the performance of
readers and other edge devices, supplies real-time read
confirmation, and provides tools to configure Edge Flows,
the ALE API, and devices. To speed deployment and future
expansion, the administration console enables the import
and export the edge server’s configuration.

The console also provides a quick test feature for rapid


diagnosis of reader functioning, and an authoring tool for
creating ALE event cycle specifications.

10
2
A successful RFID deployment touches many points across
a company’s IT infrastructure and business operation, often
requiring a wide range of enterprise technologies. To meet
this challenge, BEA offers expertise throughout each phase
of the RFID program.

With the BEA WebLogic RFID Edge Server:


Developers can use popular enterprise application
development tools, leverage important RFID standards, and
rely on interoperability with existing enterprise applications
and middleware.

Operations staff benefit from greater control of the RFID


system with advanced RFID infrastructure management
and monitoring capabilities. The edge server’s superior
scalability ensures that they will be able to easily add and
extend the system as needed;

10
3
Executive management can rely on the ability of BEA to
meet current compliance mandates and facilitate internal
pilots while establishing a true infrastructure for enterprise-
scale RFID deployment—all at a low cost of ownership. BEA
WebLogic RFID Edge Server together with SOA-driven,
edge-to-enterprise RFID infrastructure will rapidly enable
new business processes leading to a step change in supply
chain visibility and efficiency;

Real production results BEA WebLogic RFID Edge Server


is the right choice for minimizing risk and maximizing
operational efficiencies—from pilot to production. BEA
makes RFID technology a competitive advantage that
optimizes supply chain performance, lowers operational
costs, and maximizes asset utilization. In a pilot or a large-
scale implementation, only the BEA standards-based, SOA-
driven RFID platform offers the first complete edge-to-
enterprise RFID solution that enables organizations reap
the full benefits of RFID.

10
4
Capitolo9

Presentazione e Descrizione
Apparato Hardware insieme ad
Antenne CAEN

10
5
10
6
Capitolo12

Conclusioni

10
7
IN questa relazione abbiamo riportato in che modo
abbiamo operato e proseguito il nostro lavoro sull’RFID. Lo
scopo di questa prima parte di studio era quello di riuscire
a mettere in piedi un laboratorio ed effettuare alcune prove
per avere un primo contatto con l’RFID.

Qualunque persona legga questa relazione e voglia ricreare


le prove effettuate e mettere su un piccolo laboratorio RFID
può farlo seguendo le indicazioni che sono state riportate
precedentemente a questo paragrafo. L’importante è avere
a disposizione almeno le antenne con un software di
rilevazione. Tutto il resto lo si può costruire, proprio come
abbiamo fatto noi.

Sicuramente RFID sarà molto utile nelle aziende sia come


risparmio di costi, sia per avere una migliore visione della
produzione, del materiale spedito e molti altri elementi.
Elementi che cambiano nelle aziende in base alle esigenze
di queste ultime e soprattutto a come l’infrastruttura
aziendale è stata organizzata. Sicuramente RFID
permetterà di avere un accurato controllo delle risorse
all’interno di una azienda, non solo in termini di costi ma
anche in termini di ottimizzazione del flusso del materiale
prodotto.

10
8
Nel nostro esempio e anche nelle nostre conclusioni
abbiamo sempre parlato del controllo della produzione, in
generale di ordini che andavano ad essere preparati su una
linea di produzione. RFID però non ha solo questo compito
e non è applicabile solamente in questo ambito. Se leggete
i giornali, gli articoli, vedrete che RFID ha moltissimi ambiti
di utilizzo. Ci sono moltissime aziende che stanno
adottando soluzioni RFID e molte altre, come Bea Systems,
che puntano a vendere servizi evoluti e a svilupparli in
merito. Un altro ambito in cui RFID può essere applicato è
sul controllo del personale. RFID nei prossimi anni sarà
utilizzato in moltissimi ambiti, molti dei quali tuttora oscuri.

Concludendo possiamo dire che in questo primo ambito


abbiamo avuto un primo approccio con l’RFID,
soffermandoci più sulla parte fisica. Verrebbe da
domandarsi perché sulla parte fisica e non sul software. In
questa prima parte abbiamo dovuto realizzare il
laboratorio, metterlo su e realizzare un numero di prove
che ci permettessero di avere un campione da studiare.
Nelle parti a seguire andremo a sviluppare molti altri
elementi per entrare sempre più nel mondo dell’RFID.

10
9
Possiamo quindi dire che le valutazioni che abbiamo
effettuato hanno portato a considera prima di tutto quali
materiali possono dare fastidio in fase di rilevazione e quali
invece risultano essere ottimali. Per esempio, in una catena
di montaggio non consiglierei mai di utilizzare scatole di
cartone rivestiti di plastica. Questo perché, per esperienza,
la plastica non permette di avere ottimi risultati in fase di
rilevazione. Inoltre non userei piani in plastica con bordi
metallici per far viaggiare la merce sui nastri trasportatori.
Anche in questo caso, come è possibile riportare nei
risultati ottenuti, questo darebbe fastidio, in fase di
rilevazione, allo scanner RFID.

Sicuramente lavorare in una più vasta area, con una linea


di montaggio vera avrebbe garantito risultati più precisi e
soprattutto più vicini alla realtà.

11
0
Concludo il discorso dicendo che il software di Connect
Terra ha garantito ottima stabilità. Il problema più grande si
è riscontrato nella fase di rilevazione soprattutto per il fatto
che molto spesso si andavano ad utilizzare scatole di
plastica o bordi metallici o quanto altro dava problemi e
interferenze agli scanner RFID. Capito comunque il
problema e cosa eliminare il problema non esisteva più e in
fase di rilevazione, il software di Connect Terra insieme alle
antenne ci dava tutte le informazioni in merito ai tag che
identificavano una scatola. Ricordiamo che ogni tag
identifica solo ed esclusivamente un prodotto. E per non
sbagliare, ci eravamo scritti su una scatola le
caratteristiche della scatola e il codice del tag che veniva
rilevato.

11
1
11
2
11
3
11
4
11
5
NOTIZIE VARIE SU RFID

Gli ambiti in cui è possibile applicare Rfid sono moltissimi.


Si spazia dalle carte di credito ai cellulari. Riportiamo qui
di seguito una serie di notizie degli ultimi giorni in merito a
Rfid e ad alcuni campi di applicazioni. Alcune notizie non
sono proprio incoraggianti sull’uso di Rfid e ad esempio,
sulle carte di credito.

Le trovate qui di seguito. Sono tutti appunti ripresi dal


www.punto-informatico.it

…RFID In ogni luogo,in ogni parte…

RFID sta per Radio Frequency IDentification. RFID è stata


definita da molti come la tecnologia del futuro, la
tecnologia capace di sostituire i codici a barre
permettendo di avere un controllo maggiore su tutti quegli
oggetti che avranno un Tag. Il TAG può essere visto come
la carta di identità di un oggetto. Tramite il TAG possiamo
identificare un oggetto, un prodotto e sapere molte
informazioni. Quali informazioni? Le informazioni sono
legate al TAG e siamo noi a decidere quali informazioni
legare all’informazioni che ci viene fornita. In generale
ogni volta che il TAG ci risponde ci fornisce un ID che
opportunamente identificato da sistemi appositi ci
permette di sapere numerose informazioni dell’oggetto in
questione.

11
6
Abbiamo parlato di TAG e abbiamo spiegato brevemente a
cosa servono. Ma quanti tipi di TAG esistono? Due tipi:
1. Tag passivo, ossia capace solo di fornire un ID;
2. Tag attivo, ossia fornito di una batteria (che purtroppo
non dura in eterno) a cui rilegare una o più informazioni.
Ad esempio, in alcuni stabilimenti che producono cibo
congelato i Tag attivi potrebbero fornire informazioni
sull’identificazione del prodotto ma anche sulla
temperatura di quest’ultimo.

In molti stabilimenti nel mondo si stanno eseguendo


progetti pilota su RFID per monitorare e identificare
meglio i prodotti che si realizzano. Hp, IBM, Bea Systems
sono solo alcune delle aziende che stanno puntando su
soluzioni RFID da implementare e offrire ai propri cliente.
Perchè è di soluzioni che si parla per migliorare il lavoro e
la propria organizzazione.

In Italia purtroppo siamo indietro su RFID. Soluzioni


minime e soprattutto già sviluppate e provenienti da altri
stati stranieri, specie gli Stati Uniti.

Carte di Credito RFID NON CONVINCONO

Esce proprio oggi la notizia che le carte di credico con chip


RFID non convincono, anzi sono molto molto pericolose in
quanto forniscono una serie di informazioni sull’identità
della persona che la usa.Sostenitore della tesi sono alcuni
ricercatori dell’Università del Massachusetts, trovate tutte
le informazioni al seguente link:
http://prisms.cs.umass.edu/~kevinfu/papers/RFID-CC-
manuscript.pdf e anche dal sito di punto informatico, al
seguente link:http://punto-
informatico.it/p.aspx?id=1715575&r=PI.

11
7
Insomma RFID di strada ne ha ancora molta da fare. La
notizia negativa è che ormai, specie in America, sono
molti gli istituti bancari che hanno immesso sul mercato
un numero crescente di carte wireless di nuova
generazione. Pare che ce ne siano più di 10 milioni. E
nonostante le numerose campagne pubblicitarie per
convicere i consumatori sulla sicurezza di queste carte e
sui sistemi di crittografia utilizzati, la ricerca in questione
dimostra che con poco si riesce a superare sistemi di
sicurezza, che addirittura, in alcuni casi, non risultavano
esserci.

Ci sono state delle risposte in merito a questo studio e ai


risultati esposti, ma di chi dobbiamo fidarci? Di chi dice
che RFID ancora non è sicuro oppure degli istituti bancari
che affermano che i loro sistemi RFID non temono
intrusioni?
Il discorso sicurezza non riguarda solamente carte wireless
ma anche i nuovi passaporti sui quali sono presenti chip
RFID.

RFID e i chip in questione saranno sempre più presenti


nella nostra vita. Al momento riguardano carte di credito e
passaporti, nel futuro saranno presenti, a mio dire, in ogni
singolo oggetto. RFID rappresenta il futuro, ma chissà
quanto dista da noi per quello che riguarda sicurezza e
privacy.

In Italia ancora non c’è stato tutto questo largo impiego


come negli Stati Uniti. Presto comunque ci imbatteremo
anche noi in queste problematiche. Il problema grande è
che da noi la sperimentazione è molto indietro rispetto
agli altri stati.

Rfid e Cellulari

11
8
La GSM Application (GSMA il cui sito è
http://www.gsmworld.com/index.shtml) che è
l’organizzazione che rappresenta i carrier mobili in questi
giorni ha confermato il proprio impegno per la
realizzazione di una Standard (NFC - Near Field
Communication) compatibile con smartphone, palmari e
cellulari. NFC sarà una soluzione wireless a corto raggio
che permetta ai dispositivi mobile di comunicare tra loro.

L’obiettivo in questo ambito è quella di integrare le


soluzioni RFID con le tecnologie NFC per permettere, ad
esempio, piccoli pagamenti o scambio di messaggi tra
automobili, antifurti, computer, pagamento di posteggi per
automobili e altro ancora.
Per quello che riguarda il pagamento dei posteggi per le
automobili tramite cellulare qualche piccolo passo ha
cercato di farlo Vodafone Italia creando un borsellino che
era associato al proprio numero di cellulare. Peccato che il
numero di comuni italiani che ha aderito all’offerta è stato
davvero piccolo, rischiando che il servizio diventasse un
flop.

Un terminale mobile con tecnologia NFC potrebbe quindi


trasformarsi in un portafoglio elettronico oppure ad un
ticket per accedere a concerti, cinema e altro ancora.
Facciamo un esempio: vogliamo acquistare il biglietto per
andare ad un concerto. Acquistiamo quindi via internet il
biglietto e scarichiamo il ticket del concerto sul nostro
dispositivo. All’ingresso del concerto un reader leggerà poi
il nostro ticket facendoci accedere all’evento. Queste e
molte altre applicazioni potranno essere associate a tutti
questi dispositivi NFC. Certo è che in un futuro il cellulare
sarà sempre meno cellulare e sempre più qualcosa che
ora come ora possiamo immaginare lontanamente,
oppure, non riusciamo ad immaginare.

11
9
A livello aziendale la sinergia tra Rfid e NFC porterà nuovi
posti di lavoro e nuove figure professionali altamente
qualificate. In Italia gli unici carrier mobile che si sono
interessati sono Vodafone e 3. Ancora però non si sa
niente su quali novità ci porterà il progetto. Per il
momento dobbiamo solo aspettare la fine dell’anno,
periodo in cui sarà presentato al NFC Forum una roadmap
su come eseguire questo progetto e su come si evolverà.

Rfid e UHM anche in Italia si parte….

Nei scorsi giorni la Fondazione Ugo Bordoni (risultato della


fusione Federcomin e FITA) hanno presentato il libro
bianco Rfid, ossia il risultato di uno studio effettuato su
Rfid valutando sia gli aspetti tecnici che applicativi.

Rfid in Italia non ha ancora preso piedi più di tanto. Colpa


soprattutto la scarsa conoscenza di questa nuova
tecnologia e il fatto che ancora non ci sono disposizione
precise in merito all’uso delle frequenze UHF a scopo
civile, incluse quelle che occorrono per l’uso in campo
civile.

Alla presentazione ha partecipato anche l’ing. Francesco


Troisi che è il direttore generale per la pianificazione e la
gestione delle spettro radioelettrico del Ministero delle
Comunicazioni. E’ stato inoltre comunicato che l’Unione
Europea e lo stato Italiano hanno finalmente raggiunto un
accordo per fare in modo che l’Italia si adegui alle norme
europee sull’uso delle frequente RFID e UHF. L’Italia ha ora
sei mesi di tempo per recepirla e adeguare il proprio
spettro di radiofrequenza ammettendo la soglia dei 2 watt
di radioemissione UHF per l’RFID.

12
0
Al momento comunque lo stato italiano ha emesso un
emendamento per dare il tempo necessario (circa 2 anni)
alla parte militare italiana a lasciare libera la banda che
ora è in uso dal Ministero della Difesa.

A partire da oggi e per i prossimi 6 mesi sarà possibile


inoltrare al Ministero delle Comunicazioni una richiesta per
la sperimentazione con indicazione del luogo e
dell’applicazione che si intende fare della tecnologia in
questione. Il costo della richiesta di sperimentazione sarà
di poche centinaia di euro.

12
1
12
2
Capitolo 7

CREAZIONE AMBIENTE DI LAVORO

12
3
BIBLIOGRAFIA

Barello, Elio. I pianeti. Doe, Jane. Il Sole. Londra:


Londra: 1996. 1996.

12
4
INDICE ANALITICO

A
Aristotele,3

3
4