Sei sulla pagina 1di 274
Gr) PROFESSIONAL BOOKS y erie elite} CONTENTS 4-3-1943 4 A.un minuto dall’amore 8 Aida . u Amore bello _ M4 Anima mia .. 18 Bella nima .. 20 Buonasera dotiore 2 Cantautore sane 24 Canzone per un’amica 26 Cha barba amore mio 28 32 34 36 Dammi solo un minuto 38 Domani un altro ~ 41 -+-E mi manchi tanto .. 4 Et sin 46 E tu come stai 50 Eppure sofia .. 34 Figli delle stelle . 37 Generale .. -- 60 Gioco di bimba .. a 63 Gli ocehi verdi dell’amore enn 66 Grande grande grande 68 Ho difeso il mio amore .. 4 Ti cielo sas a Tl gatto € la VoIPE smn 76 Impressioni di settembre .. 0 Infiniti noi Innamorata To camminera Jo mi fermo qui TO PeC Hed ersernenne To vagabondo Isa... Isabella Jenny 89 La bambola 100 La canzone di 102 guerra di Piero La locomotiva La mia estate COM te secs La prima cosa bell Lady Barbara ennnns Langelo arzurro ... Lugano addio Margheri Minuetto .. Montagne verdi Musica ribelle Nasceré con te Noi due nel mondo e nell’anima .. Non si puo morire dentro Opera prima .. Parole parole Parra idea sow Pensiero Pensiero stupendo Per un’ora d’amore Perché ti amo .. Piazza Grande .. Piccola citta .. Piccolo uomo Pierre Poster Primavera Quando finisce un amore Quanto 2 bella lei... Questo piccolo grande amore .... Radici Roma capocci rose i Jasel non vale .. ‘Tanta voglia dilei .... ‘Ti amo ‘Tre settimane da raccontare ‘Tutta mia la citta Un angelo blu Un giorno insieme Un pugno di sabi Una 1 per cantare .. Una ragione di pitt Un'altra donna Viso d’angelo . Lucio Dalla 3-1943 ‘Testo di P. PALLOTTINO Musica di L. DALLA Moderato Do La Di-ce chee-raun bel-Tuo-moe ve - ni-va, ve-ni-va dal ma-re. i ss —3— De quel -la-vau-wal-tra lin = gua, pe-rd sa-pe-vat - ma-re De Lun bel pra-to, fior-no lui pre-sea mia ma-dre—_s0-p —j— 3 So Yo- rapt dol - ee. pri ma dies -se-ream-maz - za - to. 7a De Lam, De dD iF (©1971 by BMG Rod Music PulehingS..A. Via Becht $2011 Min esr cancion dt BING Psietoe Seo Urn San Gala lan “asc sne oan frp deze ae ps cel mons. Al ns eee. ntensios Cony nce Iei_re-sto so-la nel-lastan-za, la stan-za_ sul por-to, __ con een ae t Yu-ni-co ve-sti_- to a7 o-gni gior-mo pit —_cor- to, ____ e ben -ehé non sa-pes-se il no-mee nep-pu-reil pa - e@- se va-spet = 73 3 Vi SolT -t>) co-meun do - no da - mo-re fi- no dal pri - mo Com - -pi-ya se-di-can-ni______— quel gior-no la mia mam-ma,__ le F De Solz stro-fe di ta-ver - na______ le can-to a nin-na—nan-na_____ © strin- Do -gen- do-mial pet-to che sa - pe-va, sa-pe-va di ma-re__ gio ta 4 6 sea-vaa far la don na, con il bim-bo da fa - scia-re a» | F for-se fa per gio-co, 9 for-se per a - mo-re, cho mi come no-stro Si gno-re,—__ Della ci Heb a DB de r f f a tut-toin que-sto no - me che io mi por-toad - dos-so. Ban-co-raa - Reb =des-so che gio-co a car 4 7-43 Reb gen-te del por = to _—— mj chia-mo__ Ge-a bam - bi-no. Ean-co-raa - des-s0o cho gio-co a ear-ta@ be-vo vi no. 4 as Reb _ per la gen-te del por - to mi chia-mo Ge - sin bam - fg -bi - no. Reb Sim ‘ed libitum sfumando Dice che era um bell iomo Compiva sedie’anni €-voniva, veniva dal mare... quel giomo la mia mamma, parlava un‘altra lingus, le strofe di taverna pero sapeva amare; Je canto a ninna nanna € quel giorno iui prese a mia madre, e stringendomi al petio che saneva, sopra iin bel prato, sapeva di mare Tora pit dolee siocava a far le donne prima di essere aramazzato on il bimbo da faseiare Cos ii restd sola nella stanza E forse fu per gioco In stanea sul porte, o forse per amore con Tunioo vestivo che mi volle chiamare ‘ui giorno pia corto, come nostro Signore e benché non sapesse il nome Dalla sua breve vita il vicordo, ‘eneppure il pacse ‘ricordo piv grosso milaspett2 come un dono d'amore 2 tutte in quasi nemo fino dal primo mese che io mi porto addosso. B ancora adesso che gioco a carte ehevo vino por la gente del porto i chiame Gesh: bambino... A UN MINUTO DALL’AMORE Lento De. ae aR! Hoy ut Jt HH ik Sol -ma-to nel bu-io pro-fu - ma-to lei non mi sen-te pi, Miay-vi-el-no per guar - Re Sol -dar-la, la. ma-no vuol sfo - rar-la ma non ce la fa pid. z Re Mim Fatm Sol bel - la que - sta don - na cheo- gni not-te mia vi- ci- na é Fa 5 Soin dol-ceil suo re~ ire la sua pel-lean-co-raa-mo-re chie-de gia. Per- Mi Lab Mb sib7 =ché non pos - soa - mar - non $0 pit_de-si-de-rar-la, per = Mi Fam -ché mi son fer-ma-toad un mi - nu-to dal-la-mo-re non_lo so, = f ; Reb Solb Mim? Lab7 Rey Lab7, (© 17 by Carson: Modem Cao - Maing ton Sot atom SpA. fino 2001by Summmene S.A. Golem del Cone 2022 Mi Tut dit one ser temic eget a pt node Al ah sowed, toner Co scare Aun mi - nu. to dal-Ta - mo- re mi sig ge - la- wil Bk sols Reb cuo-re ma Tei non lo sa = pra, per me_non ce pitt Fan sub ty sob nien-te per lei so-noim-por - tan-te enon mi per-de - 1a, Non Teh Mibm Fam Selb Lab7 emai sta-t fa-ci-le per me sen- tir - mi gran- de Mi La ~ve-ee lei mi di-ce “non Cal mon-doun al-tro uo-mou-gua-lea te” ts Re Sol Mim Lat Re se non pos-soa-mar-lae noa so pit de-si-de-rar-la, con Re Sol Mime -mo-rean-drd con Iei Do Fa bel - la que - sta don - na cheo- gi mot- te mie vi- ci-na, con Do ‘ p Yul-ti-ma spe-ran-za sul cam - mi-no del-la-mo-rean-drd con lei. e sib Mis Dom Tul -ti-ma spe-ran-za sul cam - mi-no del - Dorme dopo avermi amato nel buio profumato lei non mi sente pid ‘Mi avvicino per guardarla, la mano vuol sfiorarla ‘ma non ee la fa pit E betta questa donna che ogni notte mie viira 2 dole il suo respiro fla sua pelle ancora amore chiede git Perch€ non posso amarla non so piu desierarla, perehé mi son formato ‘86 uin minute dall’amore non lo #0, A.un minuto dal'amore mi si é gelato il euore ma leinon lo sapra. So por me non @ pitt niente per Iei sono importante © non mi perdera. bel - Ja que - sta don - na cheo- gni * T show mot-te mie vi-ci-na, con mo-rean-drd con Iei.. id Non & mai stata fa per me sontirmi grande invece lei mi dice ‘non €@ al monde un altro uoro uguale a te”. Ese non posse amarla © non so pid desiderarle, con ultima speranza sul cammino dell'amore andr eon lei E bella questa donna che ogni notte mi ¢-visina, con V'ltima speranza fil extanies delle ‘andsd con lei bella questa donna cche ogni notte mi @ vieina ‘con ultima speranza sul cammino delfamore andro con lei Rino Gaetano AIDA Testo e Musica di RINO GAETANO 1 2. Lei_sfo - Do Sol Lam Fa De Sol Lam sol7 Sol7 - glia va i suoi ci = cor - di le suei-stan - ta - nee isuoi ta~ Fa Do Sol =bu i suoi ro - sa- ri e mil - le Lam Sol7 Do Sol Lam Ko ma - ti ea-la- la i suoi_ve - sti. ti di li- noe Do Sol » Sol7 Do Sol seta le cal-20a re - te Mar-lonee Char - lot do - po ia Lam Fa be Sol Sol7 giu- gno il gean con - flit - to e per TE - git- to eu-mal- trae - Do Sol Lam Ba Do Sol! ota mar-cee e fe-de - ra- ii sot-to] fa - La Selt De sot Lam Fa (GI9TT by BMG fend Music Plshing S.A - Vin Bore, 9 S012 Nien Deeg cenceion dr BNIG Peto Seo Gulag io, Tha ison ise tei eae er eid mond. A is ewe neato Copa sed -na li To-seu- i - 8 e poiil ri - tor - no in un pae-se di Ss Do a Lam Sol7 De sol + mo-re A- pitt ne-ro nel vi = 80 pitt ros-so di Lam F Do se & co-mp sci bel'= Ja. Oreo z = te al fe Do Sol Lam ' Do Sol ol Lam De. Sol = da Je sue bat - ta- glie i com - pro - mes - si la po-ver - Do Sel Lam Fa De Sol ota la fa-me i ter-ro - re m4 3 rec = Fa Sol7 De Sel rus - 0 Cri-stoe Sta - Tin Orchestra Improw. Sol Lam Fe A da la co-sti-tu - en- te Ta de-mo-cra ~ 3 35 3 De Sol Lam Sol7 Do Sol am Fa sais © chi co ha © poi tren - Yan - ni di sa- De So Lam saz Do Sot -fa = ri fra -— ti-lo-pie gia - gua-ti seia-cal-lie la - Lt Fa De Sol Les Sol? Si dn wizda co-mp sei hel =I: Do da Lam Fa Do Sol Lam Sol Do Sol L Do Las Sol7 ced libitum Lei sfogliava i suoi ricordi Aida le sue battaglie le sue istantance i compromessi iisuoi tabi la poverta Je sue madonne i suoi resari i salari bass! la fame bussa e mille marie lela il terrors russe i suoi vestiti di lino e seta Cristo ¢ Stalin, Iecalze a rote Aida la costituente Marlene e Charlot la democrazia ¢ chi ce Tha dopo Giro il gran eonfitto © poi trentanni di safari © poi IB gitto fra anlilogi e giaguari unfaltra eta sclacalli e lapin marve e svastiche e federali Aida come sei bell, sotto i fanali Posearita poi il ritorno in un paese diviso nero nel viso pitt rosso damore ‘Aida eome sei bella Clautio Baglioni AMORE BELLO Testo di CLAUDIO BAGLIONI Musica di CLAUDIO BAGLIONI, ANTONIO COGt Do FwDe SovDo. Fado Fao non scher-za-re no. —— per fa-vo-re no... de-vo con-vin - cer - mi pe-ra. che non @ nul - la he Sol Min w ict male miema - mi we - ma - no Fa Sol iz Lam L = in qual-che mo - do ig do-vr0____re-sta-rea gal - la co-sa mid pro - soa-des rove Baa Lan ©1993 by BMG orl Mus Beaute conncaone de BMC Til de era emi dee pe pt delves A sh ere. Inthe Cap eae 15 For-se mi seri - ve-rai... ma si...@lostes + so... [I 2. A-mo-re Fa bel-lo co - meil cie lo bel- lo eo - meil gior-no bel - lo co-meil ma- De Pallas Fam/Lay 2 peaibo- re a-me - re...ma____non lo Sol7 DolSol ReOfFal Sol7 -st no_non 2 giu-sto...8e8 co - si se te ne vai. = = Fa Re9Fa DoS Co Rem7 [iis se & wer wala Roe (Flee MR SelT/4 Sol? De = mai. ‘Oreh. ee Do Fado SolDe Fade Mibo/De Lab/Do ‘lp Lab Solb [ Reb ~ adiiaiae Sab tabsetp Re E fare fia - cho ne eo! Sob tabsatb Som Io dies-se-re mat di-re no a2 se tu co Sib Sol Reb ma non mi sen - tea-des - 0... bal-lia-moan-co = ra dai_ Mibu - ma si@ lo stes = so. A - mo - re Reb Lab bello co-meil ce - lo bel - lo co = mejl gior-no bel - lo co-meil ma- db a) Reb ob sabise solbaussh ES +, res-mo-re..ma__ non to so.ai =e rE aimoive 2 yas sin co - — ol RebiFa, Mibo/Sotk : os No non 8 giu-sto ma co - a sei bel-la. ai Rebilad ~~ Mibm7/tab 7 Reb Sob/Reh Cosi vei vis... non echerzare no domani via... per favore no, devo conincermi pero che non @ nulla ‘ma Ie mie mani tremano in qualche modo in dovra restare a galla cosa mi & preso adessit Forse mi seriverai Ma si... ¢ Io stesso. Ces vai via... Tho eapite sai cche vuoi che sia! Se tu devi... vai ‘Mi sembra gia che non potrd pit fame a meno ‘mente i minati passane forse domani correro dietro il tuo treno tu non scordarmi mai com’ banale... adesso balliame ancora dai mad... @ lo stesso. Amore bello come il cielo hello come il giorno bello come il mare amore. ma non lo so dire. Amore bello come ua bacio belle come il buio belle come Dio amore mio, hon te ne andare, ees LabiReeb Sobb/Reb Wz Vai via co: un lento Pul-ti-moo-ra - Labt bz Porché @ cosi...mo, non d giusto se cos}, Porehe ¢ cps... perehé finisce tutto qui fra poco andrai un lento Pultimo oramal E fare finta che ne so’ di essere matte piangere, urlare, dire no... non serve @ niente gia Io eo. E finito tutto... © se tu casomal ma non m) sence adesse... balliamo ancora dai ma si lo stesso. Amore bello come il cielo bello come il giorno bello come il mare amore... ‘ma non lo so dire. Amore hello come un becio Dello come il bute bello come Dio amore mio... non te ne andare. Vai via cos... no non é giusto ma & cost sel bella sai. sei bella sai Vai via cost sce allora tutto qui fra poco andrai ua lento Pultimo oramai Cugini Di Campagna ANIMA MIA ‘Testo di A. DE SANTIS Musica di F. PAULIN, I. MICHETTI Lentamente An da-vaa pie- di nu- di por la mi sa serze ie ie vi- doe c-meu-n’om-bra mi se - gui col vi-soin al-to di chi r ‘FEF Lam Do Ie | Re? Do Lam sfi-da_ @ tie-neai pie-diun vo- mo cn un 4h Nel Re Rez Dob Rez Sol Re7 not-te_Iei_dor-mi-va sul mio pet-to_ gen - ti-voil suo ro-spi-ro su di Sot SolT Mi Sot Lae De mo © poi mi da 1i cal - ci den-troal —_let-to_ Re Rez Do Lam Re Rez c®an-eo- rail suo sa-po- re qui con me. A-nicma Dee Kez mi-a tor-naaca-satu-a pet-te - rd do-ves-sio-dia-re que-ste ib Fa Rem ib (©1974 by Fon Mest PL Va Bocas, 54 £0000 Tena SN OAD Te dit one na tert eage asta pas el wanda, A ered, Intersors| Copy ceed nel-la stan -za sir mis Fs Rem Salm let - to co-me Vhai Ia-scia-to ———— A Dat & al O, poi segue wb Pa mle ealidinsdlaseca tu, Solm Mi -rd__do = ves - sio - dia - re Andava a piedi nudi per Ia strada mi vide e come un‘ombra mi segui cal viso in alto di ehi il mondo sfida tiene ai piedi un uemo con un si Nel cuore ayeva un volo di gabbiani ‘ma un eorpo di chi ha dotto troppi si nogli oechi la paura del domani come un ragazzo me ne innamorai, La nolte lei dormiva sul mio petto sentivo il suo respira su di me pei mi dava i caleé dentro il lotto 8 ancora il suo sapore qui con me Anima mia, torna a casa tua ti aspetierd dovess! odiare queste mura Anima mia, nolla stanza tua €® ancora il leo come Thai laseiato tu, eB an-co-ra il Rez i Rem Selim mu -ra.__ A-ni- Avrei soltanto voglia di sapere ‘he fine ba faite ¢ chi eta con loi hon pensormi se sente ancora freddo nella notte se ha seiolto i suoi capelli oppure no. Anima mia, torna casa tua i espetterd dovessi odiare queste mura, Anima ma, nella stanza tua cB ancora il leito come I'hai lasciato tu. Anima mia, torna a casa tua ti aspetterd dovessi odiare queste mura. Anima mia, nella stanza tua €B aneara il letto come Thai laseiato tu let-to co-me Thai la tia-spet-te 20 Riccardo Cocciante BELLA SENZ’ANIMA ‘Testo e Musica di A. CASSELLA, R. COCCIANTE, M. LUBERTI Lento Fats De” De” Faz? Do? sta-vol-taa - scol-tarmi_ sle-di-ti su quel-la seg-gio-la_ LOL Leech De Faz De Fa6 Do -rom-pe- re @ tanto tem-po che wo-le-vo dir tg-lo._— Vi-ve-rein - si r f Solt Sol7 & Solt Sol7 ® sta-toi - mu-ti-le_ tut-to sen-zaal-le-gri-a— sen-za.u-na De De Fats Do Fale la- eri-ma_ nien-te daag-giun-ge-re— né da di ~ vi-de-re— nel-la tua i 3 i sib Sol trap-po-la— ei son ca - du-toan-ehti - 0 a-van-tiil li la-seio i Fa Do Solm7 (GTS by BMG Rene Nase Rabing.eA.- Vi Berke 2 202 Mino DELTATTALIANA srl Visca 8: topo Rerserileconesane ds BMG luster Seo Urine f San Gun Milne "ate! re soe tarot» en dies pki gas el nod, Alghsreaved, Henson Coo secu a po-stomie.— — Po-ve-ro_dia-vo-lo— che pe-na mi fa__ © quan-doa Fa Las Solt Sol? let-to lui ti chie-de - ra di pit slie-lo con - ce-de-rai_ per-ehé tu 2 5 i Do Fale Do ral Do BaTe fai co-si_ co-me sai fin-ge-re— sei fa @-mo-do.... 3 3 seid sb wh ionma sifiopt_ ee sever- maid hte pai : : Do Do mo - stre-rd__ fe que-sta —vol-te tu Solt Sol7 sib Sol spo-glia-ti__ co-me sai fa-re tama non il - Iu-der-ti__ io nop i 5 gid Pea sie Re Salts e Sol7+ ca-seo pid tu mi rim - pian-ge-rai__bel-la sen - za-ni-ma.— La lala... i 3 Lat i Do ripetere ad libitum Eadessa siediti niente da aggiungere lielo eoneederat E adesso spogliati su quella segaiola né da dividere perché tu fai eos) come sai fare tu stavolia aseoltami nella tua trappola come sai fingere ma non illuderti ‘sense interrampere ci son eaduto anch‘io 50 ti fa comode, jin non ei easco pit © tanto tempo che avanti il prossimo B adesso s0 chi sei ‘au mi rimpiangerai volevo dirtelo, git lascio i posto mio. io non et sofiro pitt bella senz‘anima, Vivere insieme a te Povero diavolo ese -verrai di la stato inutile che pena mi fa te ln dimostrerd tutta sonza allegra ce quando a lotto lui ‘equesta volta tu ti chiederd di pid te lo ricorderai Claudia Mori BUONASERA DOTTORE Testo di P. LIMITE Musica di D. $. SHAPIRO Lento Orel. Solmo Lal Rem Do? Ciao so- no a atempo Parlato: Buonasera dottore... é L [segue Fa mi - 0 non re Sl, mil dia. ste- vo pit, Det Le Quan-do ver - :mportante. ‘adesso non. so, dipende. Non par-la-re se - c@ lei la- sela_ par - la-re me: di si o 7 Rem sb Ma vie-ni ap-pe-na 7 aT tha Rem soln of (©1915 by WARNER CHAPOELL MUSC ITALIANA sl. Pas dle eben 16. £0194 Mie CLAN Elsns Mica Sr Glen de Conn 420159 Mine Tui one sea afeminclege seta ros dd mand, All shed, btensorl Coors cee, 23 Ancche tar-di se tu vuoi io tan-to non quan-to mi man-chi non sas ik Dal $ 2o sfumondo Giao, sono io buonavera, Dottore.. sh, mi diva. non resistevo pitt ah... bere. pensavo a te direi che & importante.. ‘quando verrai? ‘Ma... udesso non s6, dipende. Non parlare se Tie lei lnacia parlare me, él 989 no... certo ‘Ma vieni appena puoi? Anche tardi, se tu vuoi io tanto non dormivei quante mi manchi non sai eh... ‘Mi ami o no? Ci pus giurare, dotiore. io di pitt ‘0, nor credo, ma lei adesso dove vieino ate Si, si, seazaliro... ho sciolto tutti i eapelli git cho il profume che mi hai dato tu ait, si? Non le ho dato ta busta giusto?... Ma vieni almeno per un po"? ‘Non ho sonno, non mi sveatierai a) quello che vuoi, perd stasert non dirmi no eb, va bene, va bene Dottore, ‘se @ proprio necessario vengo.. ‘Adesso chindo non vorraé fare insospettire lei amore, io sono qui e potrei anche morir... no, no, stic tranquitlo, edesso la raggiungo Buonasera, Dottore, Edoardo Bennato CANTAUTORE ‘Testo e Musica di EDOARDO BENNATO Tu soi for-te ta sei bel-lo tu sei im-bat-ti-bi-le tu sel incor-rut-ti-bi-le tu sei un ah can + tau Dom Fam ~to re ‘Ta sei sag-gio tu por- Dow Labs tu non sei un e¢ -mu-ne mor-ta-le a te non @ con-ces-so ha-ra-re_ tu sei —s5 e Fam Dom un ah ah an - tau - to-re_ 2 Fi Dont Non li sen-ti trat-te-ne-reil re-spi-r0 quan-do sei in al-to tab Pal Reh mio # Lab Fat © cam-mi-ni oul fi-lo qui nel gran-de cir - co x Ke} Mio (© 116 6y Moc Unans. Gale BMG Reo ac bichng SoA Via EL Mux ONQUANTACNOUE 1. Tues Coney 4.2089 Mino rhea 2-208 Miro ‘Cece & Poera 2-6 Nero toner emi! ep ac Get nendo. Ai eer renstond Coit eae tuo - ra-mai — selil ‘Tu sei forte tu sei bello ‘tu sei imbattibile tu sei ineorruttibile tu sei un ah ah eantautore, "Ta cei saggio ta porti la vorita tu non sei un comune mortsle a te non é concesso barare tu sei un ah ah cantautore, ‘Ta coi un’anima oletta ‘tu non eceetti compromessi tu non puoi sbagliare tu non devi lasciarti andare tw sei un ch ah eantautore, No, tu non puol lamentarti che ti senti male che ti scoppia la testa enon ce ls fai pi a guidare. ‘Ma nen farei ridere a dire che anche un camionista siferma ogni tanto a riposare perché a un camionista ron ti puoi paragonare ts sei un ah ab eantautore, Non ii sent trattenere il respiro quando sei I in alto, # cammini sul filo qui nel grande cireo tu ormai sei il re. Da Capo "To sei buono tu sei vero tu sei onesto tu sei modesto ‘tu sei un ah ah cantautore, ‘Tu soi somplico tu coi sieuro tu sel generoso tu sel valoraso ‘tu sei un ah ah cantautore, Tu sei senza macchia in sci senza paceato tu sci intoceabile tu sei inattacabile iu sei un ah ah cantautore. Non li senti, trattenere il respiro quande cei lin alto, © eammini eul filo qui nel grande cisco, ta ormai sei il re Ma non @ gusto che tu hai tutto ‘tu sei porfetto tu non hai un difeito che rabbla che ei fa! Sie vero, sono io il pit bravo 818 vero, sono io il pit bravo Bie vero, sono io il pit sagzia sono io i pit invelligente € poi sentile come canto bene. Francesco Guccinti CANZONE PER UN’AMICA Testo e Musica di FRANCESCO GUCCINI Allegro % Re La Mi La Ke la Mi Ta Te La Mi La Lun-gae di-rit - ta cor - re-va la stra-da Tau-to_ye-lo-ce cor - i I la Mi Fam Re Ia sre - va la dol - cee-sta- tee - ra gid co- min-cia - ta p35 — ga Mi La Fatm Re vi-ei-noga lui sor-ri - de - va,— vi-¢i-moa lui sor-ri = de - va. — . 3 La Mi la Mi La For-te la ma-no te - Re La Mi La -ne-vail vo-lan-te — for-tejl mo-to-re can - ta -va— mon lo_sa-pe-vi che ite 3 mPa Mi Fafon Re La Mi La Mi ce-ra_la mor-te quel_gior- no cho tia-epet - ta - va oa c i Fofm Re Mi tae aucigorrochetinwet ~ teva mane, A La Mi La 2 (© 196 by EM MIC FLBUSHING TALIA seu CRs 21459040 Mine Tel ch ano ena emis lene pr cs Adour Alva sewed, Iertond Cope sce B won to sa-pe - vi ma co-sahai pen-sa-to quan-do le atra-da8im-paz i 3 La Mi Fatm Re 1 wal tan quan-do la mac-chi-na@u - sti-ta di la-to e so-prau-al-traé fi 3 a oP Mi la Mi Rea Ci. 2: sni-ta e so-prau-nialtrae f- ni-ta_ -geta, Dat & al B, peed Dada. pot COD Re La Moda Ree copa sri + di ls Mi Fatm Re om la DaBac, potde CODA al ine Ke La Mi la Lunga e diitta corrova la steada Non Io sapevi me eos hai sentito Tuto velo correva auando lo sehianto ti ha dion Ja deco eotato era gid comincite quando anche il eile di sopra ®erollata veino a lu sorsideva, ‘quancl la vita & Ragga, lino a Iu sorideva quanco la vita € fugit Forte la mano tenewa il volante Dopo il alonsiosoltante 8 repaato forte i motore cantava tra le lamiere contorte son lo sapevi che cera la morte sullautostrada cereav la vita auel giomao che i axpettava, rma ti ha inconirato ls morte duel giomo che ti aspettava tna ti ha incontrato la morte Non lo sapevi che cera la morte Vorrei sapere s che cosa @ servito quande ste giovani ¢ strano vivere amare e sare poter pensare che la nostra soxte spendere tutti tcl giorn! passati ‘ean ci prenda per mano, se presto hal downto marize vooga ci prenda per mano te preate hai dovuto merize Non lo sopevi ma cosa hat pensato Vostio per vicordart coment quando la strada ¢ impazzita pensare che ancora vivi atuande Ta macchina d useita dl Isto wuglo pensare che ancora mi asolti copra a un’sltra é finita e che come allora sorridi sopra un’altra @ fnita, che come allora sorrii. Omella Vanoui CHE BARBA AMORE MIO Testo di V. PALLAVICINI Musica di G. CONTE Moderatamente lento Sa-rem-mo sta - ti = ne spo-sa-ti io IM gior-no do-po al - tro vi-ci- ni'io + Mita Miz te Di-vi-de-re la no = in___ che pren-de sem-pre hi stain sie-me not-tece — gior - no, per-ché ha det-to “S."_______ Sa-reb-be sta-ta cor - ton - napaz - i - a — vo-ler-ti sem - pre qui con me, Mie Door? = che bar-ba,a-mo-re mi - 0, ver- sem-pre cu TreT TF c Pat Lat La Ie iret iz ©1972 by Usman Visine 15-2083 Milo Tut dit eno seal aon hee per bi preside mance. A sewed, ltenatonal Cop secu qui, A- vrei pee-ea-to,a = mo - re mio,— ai r rye Fa m pro-sun-zio - ne tia - vrei perdu - to, che tri - ste, a-mo-re Mille Dot? Fan ‘mio,—___ non ri-ve-der-ti piil______Io o-ra son fe TT Ff Tr = srt Re Mazi. Mi ATP se egg ______ an-che se tu mon vuoi____ + eh b, PFT Fat Rem? es fa-re di meu-na don - na___ nor-ma-lee nien-te roa its t i Sal? ean Pat i, U-nadodna cis at. oi de 4 x 4 il, vi-tain-sie-mea ehi____ un gior-noha pro-nun - 26s ee Fam Rem? Solna sca = to__. quel be-ne-det-to — “Si,________ 30 _ Tu pen-si che sia giu - sto. far glia - man - tL vi-ta- SBT ! Mb KalMio na > tu-ral - du - ran- te, che bar-ba,a-mo-re mi - 9, Rem7 Re7 Solm SibT/Fa sib Mi — wigior-noo Val-tro ie... ________ Tu pen-si siaec-ci - tan-te_ far glia- mf ferpis mi = 0, —__ un gior-noo-Yal-tre ad - diol Strum, (8° sopra) Faj7 st Solfm7 + Dotm7 ‘Ta pon-si siaee-ci - tan - te far glia - ToT rs mi Fafz Sa cman = ti victa - na - tu-ral-du - ran-te, che bar - baja-mo-re edo nei7 Sot SiTiFag si mi-o an gior-noo Val-troad - dio! ee 7 Lad) ad libitum sfumando Saremmo stati hene normale ¢ niente pit, spesati io ete, ‘una donna che divida un giorno dopo Taltro la vita insieme a chi vicini io ete. un giorno ha promunciato Dividoro la noia quel benedetto “S?. che preade sempre ea sta insieme notte e giorno ‘Tu pensi che sia giusto perché ha detio *S”. far gli amanti vita.natural-durante Sarohbe stata certo una passa che barba, amore mio, volerti sempre qui con me, tun giomo o altro ic. che barba, emore mio, ‘Tu pensi sia eccitante averti sempre qui. far gli amanti Avrei paceato, amore mio, -natural-durante, di presuncione, i sbagli, amore mio, Ui avrel perduto si; tun giomo 0 Yaltro, adie, che triste, amore mio, ron rivederti pi Tu pensi sia eccitante far gli amanti vite-netural-durante, anche se tu non vuoi che barba, amore mio, fare di me una donna tun giomno 0 Valtro addio. To ora son felis Richi ¢ Poveri CHE SARA esto di F MIGLIACCL Musica diJ. FONTANA, C. PES Lentamente (in 4) Pa - e-se mio che stai sul-la col - i- na ai - . Do Do = ste-so co-meun vee-chioad-dor-men - ta - to; la no-ia, Fab-ban-do-ni il nien-te Sol7 Do Fs Sol son la tu-a ma-lat-tia, pa - @- se mio ti la-seic,_ io va-do via Che sa- Mi I Fats S Do sri, che sa-ri, che sa - ra, che sa - ra_del-la_mia vi-ta, chil De Fa Sol sal So far tut-too for-se nien-te, da do - ma-ni si ve-dra e¢ sa- De Fa Soll T ff sit 1, 2 sara quel che sa - rh Gia "ro. A Fao Sol? Do De Labi -=mo-re mio ti ba-cio sul-la_—_boc-ca che fa_la fon-te del mio pri-moa - i G eb Solb Lab 1 WTiby BMG Rok Nz ubihng SpA. Vis Beret 2-20 Roo Sr gevlcconcesene i BNI Patieton “Seo Uta | Sn Guo - Mane Tea i eno ero erin ch epee ets se dv manda. Als sewed heard Coorg cue 33 mo - re, ti dd Pap-pun-ta-men-to, do-ve, quan-do non lo so, ma Selb Lab? sim s0 sol-tan-to che ri-tor-ne - x. Che sa ra, che sa rd, che ga 60 Con me por-to la chi-tar-rae ee la ‘oly Lab? Reb Solb Lab7 not-te pian-ge-rd una ne-nia di pa-e-sesuo-ne - 3, Che sa- Fam tT Ff r Shes setbo -ra, che sa-ri, che sa - ra, che sa So far tubtoo forese nien-te, dado - ma-ni si - 8, sa-r& quelche sa - ra Che sa- Sol Lat Re Laz. ‘ad libinum Paes mio che stai sulla eollina Con me porto la chitarra, Aisteso come un veeshio addarmentato: ese la notte piangerd lanola, l'abbandono, il niente una nenia di paese suoner®. son la tua malattia, paase mio ti laseio, io vade via. Amore mio ti bacia sulla beeen che fu la fonte del mio primo amore, Che sara, che sara, che sara, ti do appuntamento, che sara delle mia vita, chi Jo sa! doxe, quando non lo 50, So far tutto o forse niente, ma so soltanto che ritorner®. da domani si vedra, sara, sara quel che sara. Che sara, che sara, che saris, che sara della mia vite, ehi lo sat Gli amici miei con quasi tutti via, Con me porto la chitarra, e glialtri partiranno dopo me, se la notte piangerd poveate, perché stave bene tuna nenia di pasee sucneré, ins loro compaggnia ‘ma tutto passa, tutto se ne va, ‘Che sara, che sara, ehe sara, che sara della mia vita, chi lo sa, Che sara, che sari, che sari, cho sara della mia vita, chi lo eal a4 Alunni Del Sole CONCERTO Testo di CARLO ROSSI Musica di P. MORELLT Shake lento Re De. De Da do-ve sia ve-nu-ta — i¢ nono la vo-co del tuo cuo-re__ sa-ri ma-gi-ca-men-te di - sce sa da las-s Lam Sib dal mon-do del-'a Ri-cor-do din-na — not-te—_ fe Solm La De Ree cho non fi-ni-va mai Con = cer-to, dium ma-re sen-za Rom © ti ripor-tas Kem De Do. 11969 by Etvnns LEONARD: Con Te dei exe navah ato ease es pe 5-S0109 Mins sill one he sawed reas Cori ees Lat Rem Da dove sia venta fo non so Ja voce del tuo euore ‘magicamente diseesa da lassi Gal mondo dell'amore. Ricordo di una notte che non finiva mai. Concerto di un mare wenza te, che suona o ti riporta a me. Giprai sul lungomare insieme a to, druciavi pia del sole e gli oeehit tuoi nel vento come i miei in cerea dell'amore, Ombre di uns pinot lun prato per sognate. Concerto diun mare senza te che suons © ti riporta a me. estate senza fine poi fini si geld il mio cuore la torra che givava insiome a noi siallontand dal sole. Ricordo ¢i una notte che non finiva mai, Concerto diun mare senza te che suona e ti riportaa me. Concerto, 36 Pooh COSA SI PUO DIRE DI TE Testo di V. NEGRINI Musica di R. PACCHINETTI Lento e — = Sol Ke Mim Lal sa si pud di-re di te: vo - le- vi, nonvo = le- vi, chi lo sa? Sol Re Mima Re ReT Co-sa si pud di-te dime: yo - le = vo maa-spet - ta - vo e Quan - do Te-ta si sve - glii_______ © ba-sta - va chin - de-re Re glioe - chi, fer-mai la. mia mas =~, Per es = ser uo -_mo, i vo-le-voa-ver- ti nella sta-gio - ne dei fio-ria-per - tis Mi Fam Sol7+ La la pri-ma not - te deiso - gai, co-meun wo - moan-ti = co, 50 - © 200 SUGARMISC Sp ‘i ht are fama over ch ene Gace med. Aliahs teaned erat] Compa secre Mint Mi di-re di lui: sa - pe = cla-va— lui ti guar - da- va: Re u- na don ib, Suln7 Fa glia - to fra noi cid chee sta Cosa si pud dire di te: volevi, non volevi, chilo sa? Cosa si puo dire di me: volevo ma aspettavo e. Quando Vota si evegtid wa chiudere gli oechi, fermai la mia maro. Per esser uomo, io volevo averti nella stagione doi Fieri aperti Ja prima notte dei sogni, ‘come un uome antico, sognavo per noi ma il sorrisp sul tuo viso non tornd! Cosa si pud dire di lui sapeva, non sapeva, non sa - pe - va, e -gna- vo per nei mail sor-ri - so——sul tuo vi - 50 non_ tor - nd! Co-sa si pud = 7 faun mo -mon - to o. Mines Let na, fu dav-ve - ro tut - to? E-ro pro - prioi-mu ~ forse si Lui non parlava, Quando Teta si calm, nelVerba, 0 eul lotto disfatto, o dove fu Cos'hai pensato e, pit di tutto, questo ti ehiedo: fora che sei una donna, fix davvero tutto sbagliato fra nat cid che & state? Bro proprio inutile? Ora che sei una donna fu davvero tutto sbagliato fra not si cho & state? Bro proprio inutile? Ora. Lui non par - poi Coda ripetere ad libitum 38 DAMMI SOLO UN MINUTO = sia ei __—— "E f f ELSE Rem sib De Fa Lo so tut-to non par-la = re pid = “ Ib so che for-seé me - glio ma cre-der - ci non F Rem Sim Fs vo-glio mon ce-r0 pre-pa - ra - to ci vuo-le fia-toz dir- ti, Ad= = ie ig z Rem Remz Sous Do Deb By 8 furmoeo-do-re cal - do qui. di dol cle di__cat-se_ ‘a tempe ——— ss emu-no pen-saa s@_____ ail gior = no pid nor - Ff T Lat Rei fr r Fa © 1977 by Ee SUVA ZEREONIS 0A. - Mion © 200 by SUGARWUSIC S.A. - Gali dol Cone 4-202 Mino Ta dit son thea ter lege per tues dl mondo, Ala: esoved tenuton| Copa secved 30 -ma-le ma io stomale, male. Dam-mi so -loun mi-ou = to.un sof - fo di fia~ o Do Doo Kem Sols sb to un at-ti-moan-co - ra sta-rein-sie - med fi-ni - taab-bia - mo eo i T 5 to ma dir-se-lo@ du - ra @ —_sta-toun bel tom-poil mio tem-po con te Fa sib Do Fa sib Ls Rem Do 4 Dam-mi so - oun mi-m S = Fa Rem noi tran-quil - lie Ion-ta - nio-gnu - no per s@. pian-ge-re-mo do-ma - ni Rem sib Do Fa ma che co-rag- gio che hai co - me nat at B. pal segue fai? Mae ve-ro___ che sta tremando il luo re-spi_ - ro? Ma si. che é pro-prio ve-ro. De Fa lal Sib Co-me mai______i tuoi oc - —chio-ra stan - no pian-gen-do?__ 40 Dim-mi che______e-raun so Rem Co-me mai___i_tnoi_o¢ Sol Mim Mim Lo so, so tutte non paslare pitt lo so che forse & meglio ‘ma erederei non vogio non cero preparato ei yuple fiato a dirti Addio €8 fumo ¢ odare ealéo qui i dolei e di caf? ogmuno pensa a @ 1 giomo pit normale ma io sto male, male. Dammi solo un minute un soffio di flato un atkimo ancora stare insieme é finita abbiamo capivo ma dirselo ¢ dura @ stato un bel tempo ill mio tempo con te. Dai sole un minuto un soffio di flato un athimo ancora noi tranquillie lontani oggnuno per sé piangoremo demani ma che coraggio che hai come fai? Do Re gnoe ci stia~ mo sve-glian-do._ Do Re + chio-ra stan - no pian-gen-do?. De Re gnoe ci stia- mo sve-glian-do,__ F Sol ripetere «dl libitum E poi guardo in fondo cosa sei tun fuoeo presto spento se tira un po’ di vento un gioco senza impegno ‘ma lase il segno tu, Dammi selo un minuto un soffio di Gato un attimo ancora stare insieme ¢ finite abbiamo capity ma dirselo ¢ dura svegliati, svogtiami dai cosa fai? Mae vero che sta tremando 1) tuo respiro? Ma si che @ proprio vero, Come mai i tuai oechi fora stanno piangondo? Dimmi che era un sogno ‘e ci stiamo svegliandb. Come mai i tuoi ocehi ora stanno piangendo? Dimmi cho era un eogno ci stiamo svegliande, Come mai i tuot oeehi?... 41 Ornella Vanoni DOMANTIE UN ALTRO GIORNO (THE WONDERS YOU PEREORM) Adattamento del testo italiano di GIORGIO CALABRESE Musica di JERRY CHESNUT Moderato EB w-no di quel gior-ni che ti pren-de la ma-lin co- nia che fi-noa se-ra non ti la-seia pit La mia fe-ded trop-po seas-aa.or-mai, ma Re. La Mit wiz pre-goe pen-so tra di me: “Pro - via-moan-che con Dio, non si sa Re La Miz B non ce _nien-te di piu tri-ste, in gior - na-te eo-me que-ste, che z Mit Miz Re ri-cor-da-ro la fo-li-ci - ta sa = pen-do gid che@i-nu-ti-le ri - La Miz La Mit =pe-te-re: “Chis-8? Do = ma-niaim al-tro gior-no. Si ve - dra”. Ns Re Rem La Miz Ta Fal7 us no di quei gior-miin cui ri - ve-do tut-ta la mia vita, bi- Si Selim -lan-cio che non ha qua-dra-to mai, Pos-so di-re d’o-gni co-sa che ho e si Fata Fala © 1970 by JERPY CHESNUT MUSE he Stefi pal lala WARNER CHAPPELL Tatas eal tema esse. hts erential Cor ec fat-toa mo-do mi-o, ma con che ri-sul-ta-ti, non sa - prei... e non mi Mi Pal? son ser - vi- lia nien- te e-spe = rien-zee de - Iu - slo - ni e ea Patt Mi Mion seho pro-mes-so: “Non lo fac-cio aba Pabtis -co-ra, ma__ do - ma-nidun al-tro gior-no, si ve - dra’ Mi Mn si Faiz Solim $i7 no di quei_gior - ni che tu non i @-no-sciu-to mai, Be- SSS == S566 3 < 2s se a Mi Dotm -a-to tel Si, be-a-to te. Todi tut-tau-n’e-si-sten-za —_spo-eaa Ia Mi s sit si da-re.. da-re..da-re.. non ho sal-va-to nien-te, nean-che te. Ma La Leta q Mit Mi Mit Mi no no-stan=te tat = to jo non ri nun-cioa ere-de-re che sr 1 st La Lam tn po- tre ri-tor-na-re qui © co-me tan-to tem-po fa ri - Mi siz Mi S st Sit -pe-to: “Chilo sa? Do - ma-nieun al-tro gior-no. Si ve - dra”. Vocalizso La Lam Mi size Mi Lab? Reb Sol og- gi non mim-por-ta del = la sta-gio-ne mor-ta per Reb Lab Reb Solbm cui rim-pian-tia-des-so non ho pit. E co-me tan-to tem-po fa_io ri- Reb Labia Re} Lab Labs Lab pesto: “Chi lo sa? Do - ma-nigun al - tro gior- no Si ve Selb Solbm Reb Lab7 dra stro gior-ne, Si ve = dra Solbm Reb babs Sob eb abtit Reb B uno di quei giorni cho bilancie che non ha quadrato mai, ‘Ma nonostante tutto Ui prende la ralineonia Posso dire ogni cos che Jo non rinuncio a eredere che fin a sora non tise pi ho fatte a modo mio, che tu potest itomare qui La mie fede @ troppo seossa ormai, mean che risultati, non saprei..._eeome tanto tompo fa sna prego e penso tr de non mi ton serv a nienie pet: “Chi To 20? “Proviemo anche con Di, tspetieazae delusions Doman @un alto giomo non si saa.” € $e ho promesso: “Non lo faci pit’, Si veda Enon c@ niente di pi triste ho semore deo n ultimo in gonate come quese, “Ho perso ancora, ma F ogg ron mimporte che ricordare la iit domani un altro giorno, si vecra?. della sayione moria sapendo gia che itil per cui rimpiant adesso non ho pit peter: “Chis? E uno i quet giomi che E come tanto temp» fa Damani un alo giorno, tu non hat conosiato mai io ripeto: “Chilo sa? Si veda Beato tl 5), oato te Domani& un elt giorno. Si veda Ip di tute unferistence Domani® un altro sono, Si vecra B uno dt quel giomni in cui spesa a dare... dare... dare. rivedo tutta la mia vita, non ho salvato niente, neanche te. 44 Alunni Del Sole ...E MI MANCHI TANTO ‘Testo e Musica di P. MORELLI Moderato Al suo fian - co ver-soil flu-me mi por-ta-va al po-sto da- ve Je pia-ce-vaan - da-re.— mi Si ei Mi di-ce-va:e po-co tem-po, sein a-mo-re trop-po bre-ve co-me fae-cioa ri-cor-dar-ti Poi mi dis-se:__pren-di-mi, Ma______sen-ti-vo Sol cho tre - ma - va. EB tut-t dd. che io di__ve-ro ho. E io non le cre-de-vo ma nd-la men-tea-ve-vo s0-lo lei do-pomn po ri-ma-se chiu-sain me equal- Lan Re s Do Mase Pbhins SpA. Vi Becht 2.2021 Mle BMG Bblwtne” See Uns Son Glo Mano “is sons een fem dss pe Wt paix panda, Al reed, heer Copy seed seo - sa o-rahoan-co-ra den-troga - mo-re, io non 50. Lam Re De a d. E tut-to -sve-glie-ro. Sol D Sol Do Dal & al, poi Coda Sol copa ve- 10 ho. Su Poop a sotz+ Al suo fiznco camminavo 's verso il fiame mi porta al posto dove le piaceva andare. ‘Mi diceva: & poco tempo, sei un amore troppo breve come faceio a rivordarti io, Poi mi disso: prondimi, Ma sentivo che tremava, B tutte eo che io ai vero ho. Lei mi disso: & facile, B jo non le eredeve ma nella mente avevo solo let dopo un po’ Fimase chiusa in me e qualcosa ora ho ancora dentro ' more, io non se 0 la risveglion. B tutto eid che io di vero ho. La tua immagine nel pianto che si mostra senza angoglio ccivela leggora nei miei oechi... emi manchi tanto i vorra del tempo ma ip so gia che ti ritrover® anche solo per un pe’ E lonen ti credevo ma nella mente avevo solo te dopo un po' ti chiusi tutta in me «= qualeosa ora ho ancora dentro ® amore, io non 30 se Ui risveglier®, Sei tutta cid che io di vero he. 46 Claudio Baglioni ETU Testo di C, BAGLIONI Musica di C. BAGLIONI, A. COGGIO pa a ‘ . i. tat bm Sol4/Dob, Reb7/s Lento (in 4) = coc-eo-la-tiad a - seol-ta- il ma-re quan-to tem - po sia-mo Solb SibmiFa Mim Miba7/tte) sta - ti sen-za fla = ta- re. Se - gui-reil tuo pro- filo con un Dob Debit Dublal Reba Nebz Selb sibm7iFa di - to men-treil ven - toac-ca-rez - za-va.. pia-no__ il tuo ve - C Ft fr via Mibm Mibm7/Reby Deb Dobisib Dobitab = sti- to. Ew fat-ta di sguar - di tue di sor - bt Reb Deb RebrDob sri-siin-ge - mitu_ edi. a pie-dimn - di io sfio-ra-voi a Sotb, wi e fer-mar-cia gio - ca - (2 974 by BUG Reo Muse bos SpA. Vie Bacher 2: S35 Mla Feryertleconetine & BVIG Pbictor Seto Utetao Ses Gt Mild Tue reson wee mn lege pr et pans del mond. Al gh ened Inert Capes secre 47 . ts z 3 $e = 5 > = = voila e poi chiu- de - re glioc - a Dobisib DobiLab sen - ti fred-do.an= che tu__ {e sen - ti. fred-doan-che tu e na-so er oo oo ein-tan-toil so - le 81 tra la oneb-bia fl - tra gla il Re la Mime Ah ah ah ab Rulle Tanpan Minn Mim ah ah © ah! Sol Re Quante goece di rugiada intorne a me cereo il sole ma non €e. Dorme ancora la campagna, forse no, ® sveglia, mi guarda, non se. Gi Yodors della terra, odor di gran, sale adagio verso m ¢ la vita nel mio petto batte piano, respiro la nebbia, penso a te Quanto verde tutto intorno ¢ ancor pitt in la sembra quasi un mare d'erba ¢ leggero il mio pensiero vola e va hho quasi paura che si perda.. Ke 55 Un eavallo tende il ello verse il prato esta fermo eome me. Faceio un passo, lui mi vede,& gia fugsito, respiro la nebbia, penso a te No, casa sono adessa non la 80 sono wn oro, un uomd in corea di ae steste. No, cosa sono adesso non Jo 30 sono solo, solo il suono del mio passo, « intanto il sole tra la nebbia filtra git 41 giorno come sempre sara. Pool INFINITI NOI Testo di V. NEGRINI ‘Musica di R. FACCHINETTI Lento. Che ti ser-veor - roF Sol7M4 Sol7 —SolT/4— Sol -mai tor-men-tar- ti per ca pi-rell — mon-do_ = far - ti soffia-re den-tro dao-gni — ven-to__ nien-te ¢® cho val-gaill tuo sgo Laz Rae -men-to._ Guar - dain - ve = ce for-to__________Per-ché noi Sim SolT qui, in-fi-ni-ti noi sia-moil tempo im-no.- con - te. che La Re Miz Dobm na see dal si - Ien-zio______ del mon - do. in-tor-noa noi Fat Sim Miz La Chi tia-seol-ta mai dol-cee di-spe-ra-ta tra la — gen-te_ fe Mi 33 ® do-ve le tue ma-ni son re - spin-te— id che non 8 tuo non va-le Orchustra Ss SOIT Sel7 te wiz Per-ché noi Dal S ot Q, poi segue % & sim 7 = seancto— Guar aam = co ra pian-gi por Va-mo-re se si : aa = solve Sol Be Miz per-de__ o- dia- mise sei_mes-sa__da par-te__ = Lam Lat Rew gri-da se Ta-mo-re gri-da — for-te— Guar -daan - co - ra ie : Fal7 a= Soltit Solr ripete ad libitum ‘Che ti serve ormai Chi ti aseolta mai Guarda ancora noi ‘tormentarti per capire il mondo dolce e disperata tra la gente piangi per 'amore se si perde: farti soffiare dentro da ogni vento _ dove le tue mani son respinte ‘odiami se sei messa da parte niente c@ che valga il tuo sgomento, cid. che non & tun non vale niente. rida se 'amore grida forte. Guarda ancora noi Guarda invece noi Pecché noi qui, infiniti noi piangi per Vamore se si perde siamo il tempo innocente ‘odiami se sei messa da parte che nasce grida se Tamore grida forte. dal silenzio del mondo intorno a noi. Perché noi qui, infiniti noi siamo il tempo innocente Jo ti ascoltero che nasce voce di stupito sentimento dal silenzio del mondo io sard il tuo tempo in un momento, intorno a noi con Tomealio di dormirti ave 84 Cugini Di Campagna INNAMORATA Testo e Musica di F, PAULIN, I. MICHETTI Lentamente Doz Ro Rez Fa Ri - cor - di quel-la_bam-bi-na con la ve - ste cor-ta rT Oo Do Doz Fa Fae er e con le gi-noc-chia ma-gre la gra-zia diu-na donna in-namo-ra-ta — chea-ve-va oF r quel com-ples-so tan - to stra-no di non sa-per ba - cia-re a-mo-rea - Det ka Fadi. -mo- re Quan-do tivergo-ma-vi diquel no = strojin-con-tro co - r Doz Solmz Do ~pri-vi con le ma-niil cor-po sot-ti-le co-meun giun-coin-na-mo - ra-ta__ se tre- -mazvi_tiscal-da- yo pia-no 7 Doz i piexdicon la ma-no _—e ti co - pri-ve. Un Se Do? tem-po ti te-no-vo tra le — brac-cia_ un fiuzme mi scor-re-va tra le De Doz Re Rez (© 1974 by Meat PULL - Via $54: $0090 Treamo SN. (MD Tad sons ena emi egestas te 38 nord, Al ak resredneorl Cop ma-ni_ «Hho fart don-na co-me tuo - levi che = Son mh Do Dor fe bel-la ri-com-pen-sa che mi dai + un tem-po ti te-ne-vo tra _le — + zd — Se te eh at - Se Lat 7 RemZ Soll De Dor br Dal % at @. poi xegme y Pa Padi Sol Soken? Dez brae-cia_ un fiu-me_mi seor-re-va tra le ma-ni_ tiho ¥ F Re Ret Sole Mi) fat_- to don - na co - met yo - le-vii_ che bel - lari - com- pen = sa chemi dai Orchestra Lam Re aay aT ad libitum Ricordi innamorata di quando del tuo corpo ero quella bambina eon la voste corta, ‘eso tremavi ti ssaldavo piano Punico ignore coon le ginocehia magre i piedi con la mano ma dai tuoi gesti Js grazia di una donna € ti coprivo. up altro uomo eapira che un giorno jinnamorata tu di me sei stata che aveva quel eomplesso tanto strano Un tempo ti tenovo tra Ie braccia innamorata, i non saper baciare un fiume mi ecorreva tra le mani amore amore. iho fatto donna come tu volevi Un tempo ti tenevo tra le braccia che Pella rieomponsa che mi dai tun flume mi seorreva tra Te mani Quando un tempo ti tenevo tra le braecia, iho fatto donna come tu volevi ti vergognavi di quel nostro ineontro cche hells ricampensa che mi dai coprivi con Io mani il ecrpo Ora Un tompo ti tonovo tra lo bracsie soltile come un giuneo intorno a me non sento pitt iealore che bella ricompensa che mi dai. 86 Fausto Leali | Umberto Tozzi 10 CAMMINERO Testo e Musica di G. BIGAZZI, U. TOZZI Lentamente (col canto) La mia don-na la snaal-le- gri-a chemi_ri-scal-de-ra (De) ro) tim (Re) con il fuo-co diu-nii-de - a uo- mo s9-lo uo = moa meta os cr sit Re 1 (lim) do-ma-ni nei suoi oe - chi tut-to il re-sto-af-fo-gho ri. Re E ca = sea-te da - mo-re noi le neb-hie del pas-sa - to Re Sol Fa Mib non clin-qui-ne-ran-no mai ti sen-to mi-a Re Som sb Fe Re? Ya-veai di gid la-scia - to con di-sprez-zoe poe - si - a. i ral. Sain me her shim Bion- chi zin-ga-rii pas-si tuoi nel-l'a-ni-mail si-len-2io ra Sh ew cempo ne Lb ©1976 by EMI SONGS Ean Ta di ane sed Mus rl. Min. Rave 43/45 - 2045 Miles Tee: Al ahr. enol Copy vce a7 de quan-to tem-po hai io da-mo-re ti Rey Fat Sibm ma non do-vrai tre-ma-re do-ve io ti porte - rv, tab var WU Wu Sim Clempo Reb To. cam-mi-ne-ré. tu. mi se- gui-rai, Fam Fam an - ge-li brac-ca - tinoi ci sar, un cie-loed Soll Mirm Ja-vo-re-ro__ tu mi a-spet-te-rai_ eu-nase = raim-paz-zi-ro. rae SS SE tb quan-do mi_____ di-raicheun fi-glioa-vrai. a= wna, Re Lab Lad Sob Scio-glii dub-biei ca - pel- li tuoi_ per-ché sei co-si bel - la sab r Lab 88 se non sai quel-lo che vuoi io ma non mi do-man-da-re Reb do-ve io da-mo-re ti ti porte rb. ral. Lab Fa Jo__ cam-mi-ne-ra. la - vo - re-ro. ‘a tempo Lamia donna la sua allegria ‘che mi risealdars ‘on il fuoeo di un’idea tomo solo uomo a meta ‘domani nei suoi ocehi tutto il resto affogheri E eascate d'amore nol Te nebbie del passato 2 qnestora ti sente mia Tavrai di gia lasciato con disprezzo e poesia. mi_a-spot - te-rai, Solin . Bianchi zingari i pass! tuoi nollfanima il ailonsio da quanto tempo hai io damore ti vestird ma non dovrai tremare dove ia ti porterd, To camminero tu mi seguirai angeli braceati not ei sara un cielo ed io lavorerd tu mi aspetterai ‘quando m che un figlio avrai avd... impazei ra quan-do mi di-ra sit ad libitum sfumando Seiogli i €ubbi ei cap perché sei cos! bella se non sai quello che vuot io d'amore ti vestird ma non mi domendare dove io ti portor tuoi Jo camminerd tu mi seguirai angeli braccati noi ei sara un cielo ed i lavorers tis mi aspettorai una sera impazzir® ‘quando mi dira Jo camminero... Alumni del Sole JENNY Testo e Musica di P, MORELLI Molto moderato Jon-ny som-bra - va fe-li - ce di Pianof sm cor-re-re lun - goilma ~ re dian - da-re, tor-na - re, gio-ca - re di Coy De’ + do-na - re. To le ba-cia - vo le ci - gl che Re Ret me = ra vicglia fe - li-cie-ra-va - mo f-li = ci ma Ye - ra tan - to sivcu- ra che -sta-te fi-ni - va e do-ve-vo la-sciar-Ia, Jen-ny: noi ci sa-rem - mo tro-va - ti di nuo - vo, di cer-to.an-che lei_non sa-pe - va do - ve pe~ Date dio Pho_ere-du = ta, quan-te pro-mes - se Re © pry BMG Der gale cores 1 Musca SpA. Ma Heche, 2 3012 Mane rs BMG Rane Seta Ue Sn Ger i ste dle pr itp de nods A “bra - va sin-ce - rae poi dav - ve ra bel - Ja, per me la pid. bel-la.— Lam? Lam7/Re Re7 na, na, na, na, ha, na, na, na, ra la men-te mi - a e-ra — den-tro le fo - glie, nel ven - to, den-tro Tae-qua, nel so - le, sui mon - ti ean-ch'i - 0, io le dor-mi - vo den - tro. Quan-te fo-to con a-mo - re che mia = vra la - seia-to, e Ke Ret SimT Mim quan-te le not - ti di ma - re che son _sta-to con glioc - chial-le stel - lea pen-sar-la. Lam? Lam7/Re Ret _-———_Na, na, na, na__ na, na, na, na, na, na, na, na, na, na, na O-re di al - le-gri - a e an-che Sol Lam7 o-re di ma-lin-co-ni - a, “Non ci pon-sa in Dot =pe-vo che_fieni - va, poi le ba-cia - yo le lab - bra do-poun po! Je ci-glia, Fe - Sim? Mima Ke Ret va - mo fe-li - cima ’e - sta-te fi-ni - vae do-ve - vo la-sciar - la Na______ na, na, na, na,________ na, na, na, na,________na, na, na, Sol sim Doi+ na, na, na, na, na, na, na, na, na, na. Lam? Sol Sima Dez Lam7iRe Re? ripetere sfumando Jenny sembrava felice Jenny era la mente mia, di correre lunge il mare ra dentro le foglie, nel vento, Aiandare, tornare, giceare dentro Pacqus, nel sole, sui monti di farsi pertonore. © anch’io, io le dormivo dentro, Tole baciavo le ciglia, Quante foto con amore che meraviglia che mi avra lasciato, felici eravamo felici ma e quante le notti di mare che estate finiva e dovevo lasciarla. son stato con gli occhi alle stelle s penssrla Jenny ora tanto sicura na, na, ne ma na, aa, che noi ¢i saremmo trovati di nuove, a, na, na, na, na, na, na, i certo anche lei non sapeva dove ha, na, na, na, na, na, ne, na, na, na, na. perd io Vho creduta, quante promesse seambiate, Ore di allegria e anche dimentieate ore di malineonia, sincora, sembrava sincera ¢ poi “Non ci pensare, sei mia" davvers era bella, per me Ta pit bell ma sapevo che finiva, poi le baciave le labbra Na, na, pa, na, ne, na, na, dopo un po" le cighia. dna, na, na, na, na, na, na, 0, na, Felici,eravamo felici ma ha, na, nay ma, na, nama Testate finiva ¢ doveve lasciarla, Na, na, na, na, na, nana, na, na, na, na, na, na, na, na, na, na, 92 Dik Dik IO MI FERMO QUI Testo di L. ALBERTELLI Musica di E. RICCARDI Moderato mosso (Beat) Sol Solm | Co-me un sas- £0 che Tac-qua ti-ra git Dom Solm! mb Sb io_mi per-do nel blu de Dom Solm! Fa ‘ean di-da,___ Orch. 2 Fa % evi io mi f a Fa Ke fer-mo qui 2, ST ——————— Tu sei lae-qua —do- pol fuo - co. non ti la-seio pit uh uh uh cal ‘coi Ritorn. — ae poi segue —— ss my Sola Ban. Dat $ ‘ad libitum Come un sasto che Paequa tira git io mi perdo nel blu degli ceehi tuo La mia liberta ron la vegtio pit, amo il bianco e tu sel candide, Qui, io mi forma au qui, dove vivi tu, no, pil non cereherd un altro nido ormai ‘Tu sei Vacqua dopo il fuoce non ti laseia pitt Quel gabbiano che sinasconde in me pit non yolera, in Africa, Quando sto eon te sento dentro me che tu abiti ormai nellanima. Qui, io mi fermo qui qui, dove vivi tu, no, pit non cerchere un altro nido ormai Dy sei Pacqua dopo il fuvce non ti lascio piu. 94 Caimaleonti IO PER LEI (TO GIVE THE REASON I LIVE) ‘Testo italiano di D. PACE, E. CARRERA ‘Testo originale ¢ Musica di B. CREWE, B. GAUDIO. Moderatamente che mi sve- glia al mat - @- no__________e Ia not = te mi . o 7 i Law? Lindl Lam Lam7s Lam7 Lamed io per Iei________ fae-cio tut - to___sai per - ché... To per siz 7 Min Miz lei______io_ per Iei_mo-ri - rei ________ per que-glioe-chi vi = To psn es Lam Fa Net sim Mim -vrei__________u-na vi-ta di pit_______ Io per kei. —— io per lei_vin-ce - rei an-cheil so - lo por - ché Se ss eT Sim Mim Law Ba Ma - Sten Fae Mase Co a Msc Pili ITALIA ar: Vi : Rov cred Con 43145-2049 Mone Re? ot ony Lam Dot Bie che ini sveglia al mattino ela notte mi copre io perlei Faecio tutta sai perehé. To per let io per lei morirei per quegli oechi vivre vung vite di pit, Ao per lei io per lei vincerei anche il sole perché questa vita che ho Oper lei Lei mi dice “Tu sei un uomo che vale non arrenderti mai lotta sempre” io le credo sai perché... To per lei io per lei morixei per quegli oechi vivrei tuna vita di pit To per lei io por lei vineerei aaneite il sole perché questa vita che ho @ per lei Nomadi I0 VAGABONDO (CHE NON SONO ALTRO) Testo ¢ Musica di A. SALERNO, D. DATTOLL Moderato Plasto Re La Sim La Re La Sina To, un gier-no ere-see - ro____ fe nel cie-lo del-la vi- ta vo-le-ro— ma_____ un bim-bo che ne sa______ Te «(De Sol Re La LS sem-preaz-ur-ra non pub €s Ve ta Poi, Sol a 3 Sol tuna not-te di set-tem-bre mi sve-gliai____ il ven-to sul-la pel - _le— sul mio cor-po il chia-ro-re del-le ste] - le chis-si do-We-ra ea-ga mi - La Re Sim a. © quol bam-bi-no che sea-vain un cor-ti - le Min La rR © 72 by EMG Bers Mune HuhaaSp.A, Va Bact 2-205 Mo EMI MBC PUBIOING ALIA sso C Rove 48/05 2049 Mle Pogue soncssaned: EMG Aeicom See Ueno Sa Cla Mi ‘i dnt soe tena em: & ppt ot dal nox, Al rin evel o7 i - 0 va-ga-bon-do che non so = no al - Re La La tro sol-diin ta sca non ne ho. ma las-sii mi? ri-ma - sto Da ¥ at ‘ad libitum 0, un giorno ereseero e nel cielo della vita voler’ ‘ma, umn bimbo che ne sa. sempre azzurra non pad essere Peta. Poi, una notte di settembre mi svegliai il vento sulla pelle sul mio corpo il chiarore dolls stelle chissh dov'era casa mia fe quel bambino eke givcava in un eortile. Io, vagabondo che son io vagabondo ehe non cone altro soldi in tasea nom ne ho ‘ma Jass mi rimasta Dio. Si la strada & aneora I tun desorto mi sembrava la itt’, ma un bimbo che ne s Sempre ezzurra non pud essere Veta, Poi, una notte di settembre me ne anda iI fuoco di un camino non é ealdo come il sole del mattine chissa dev’era casa mia ‘e quel bambino che giveava in un eortile. To, vagabondo che son io vagabondo che non sono altro soldi in tasca non ne ho ma lassit mi b rimasto Dio. 98, Alunni Del Sole ISA... ISABELLA Testo di R. ROSSI ‘Musica di P. MORELLI Lento sae Tesa- Dom bella quan-t2 not - ti, quan-toa-mo-rein - sie-mea te, iT Fam se Dom Oh mia I-sa - bel-la_ te ne va-it_sen-za di me, sen-za Pat F Dom me oT > sa. I-sa + bel-la sta mo - Yen-dou-na far-fal-la sen-za ul | Dom te sto mo - ren-do di do-lo-re__in-sio-mea lei, io con Fim) =I shor Diss sb art lei. Spa-deaz - zur-re — glioc-chi tuoi nel - le Lbs | Kam lu-ci del - le mot - ti che non tor-ne - ran- no mai io mi Fam Dom : Dom QT by Fdnios LEONARD sr Cana Faepa $9018 Mono EMG cad Mine Pablstng: Vio Becho. 9 S08) Mina Ta dit sono tenet tem lege er tt psi del mend. Al ah weed Ineaonl Copa enue te Law Mib I-sa - bel Lam S077 Solr Isa... Isabella quante notti, quanto amore insieme a te ‘oh mia Isabella te ne vai senza dime, Isa... Isabella sta morendo una farfalla senza ve ig sto morendo di dolore insieme a lei, io con lei Spade azzurre gi weehi tuoi nelle {uci delle notti che non terneranno mai © ia mi chiedo che fard se ti porderd io ti corehor ce pensanda a te io mi distrugger® sa... Isabella. Isa... Isabella! Isa... Isabellal... Isa... Isabella! Sol Tam 99 setiper-de - io ti cer-che - Dom io_mi_di-strag-ge - 10, Sol7it——Sol7 I-sa - bel - lat SolT/ BolT ripete sfumando Isa... Isabella un pocta forse ‘un giorno cantera il nostro amore che nel reso dei ricordi se ne va Isa... Isabella se il mio sogno non sara piu realta al mio giardino anche il sole se ne andra se neandea, Spade azzurre gil vechi tuo! nelle luci delle notii che non torneranno mai ‘eio mi chieda che fard 10 ti perdoré io ti corchor® € pensando a te io mi disirugger® Isa... Isabellal... Isa... Isabella... 100 Patty Pravo LA BAMBOLA Testo di F, MIGLIACCL Musica di B. ZAMBRINI, R. CIN Moderato i a 2 Dom Sol? — Tumi fai gi rar, tu mi fai gi - rar co-me fos-siu ~ na Tr bam - bo-la___ poi mi but - ti git, poi mi but - ti = ST rh fT ihn git co-me fos-siu - na bam - bo-la,___ Non tiac-cor - gi Dot Fam Solz quan-do plan-go, quan-do so-no —tri- slee stan - ca tu, Dom Sol7 Dom Famé 1 2. —pen-siso-lo per te. pik_—_. LY sl Dom Mir S0l7 Dom No, ra-gaz-20 no tu non mi_met-te = rai. Lab Sbm7 Mib7 tab © I968by BMG Ror Nuxe iblthts SpA. Vis Bact 2: 2011 Mla IMIG er.-Vu Bee, 2-208 Mine Perse onenione i BIG Ableton: Set Ulsion 1 San Guna Miloro Ts et son oer tery ese Be Wa pes del onde. A hs eened. ewan Conyp eae lol ti pine - cie-no s wiz aa pats, a. pu % 1, CT & Lab Sol? pon Dom Solz Ta mi fai gi - rar poi mibut-ti git Lt oe ‘Tu mi fal girar, tu mifai girar ‘come fossi una babel poi mi butti git, poi aii butti gilt come fossi una bambela. Non ti aceorgi quando piango, quando sono triste o stanea 1 pensi solo per te, No ragazzo, no, del mio amore non ridere non ef gioco pit quando givehi tu sai far male da piangore. Da slasera la mia vita nelle mani di un ragazzo no, non la metterd pio. No, ragazzo ne 1 non mi metterai tra le diee! bambole che non ti piacciono pid ‘oh no, oh no. ‘Tu mi fai girar poi mi butti gid 102 Fabrizio De André LA CANZONE DI MARINELLA Testo e Musica di F. DE ANDRE Lentamente Que-sta di Ma-ri-nel-la@ la sio-ria ve - ra wi Le. cho sei-vo-Ib nel fiu-mea Pri-ma - ve - ra mail ven-to che la vi-de co-a e Sa Do Lam iat bel - la dal fin-me Ja por -'th “So-prau-na —stel_ ~~ Ia f t 7 ? . z m6 aa Miz Lam So-la sen-zajl ri-cor-do diun do - lo - re vie ve-vi sen-zail so-gno diun a - Lam bus - 30 tre vol-teun gior-noal-la tua por - ta, 7 iF ; Reins Lam nt sa Sol7 Bian-eo eo-me la Iu-najl suo cap = pel-lo, co me Pa-mo-re ros-soil suo man - : Dom sir Fam tl = Io, tu lo se-gui- sti sen-zau-na ra - gio - ne 3 Mi Dor © 1068 Eds LEONARDI - Cane Eacp 5 2082 Mla LACASRINA fan Maes - Cavin ita 90080 Ze 5 Gino 0 Tai reson selene lee er nas del onde A he wee lua Cop ecie. co-meunra-gaz-70 se-gueun a-qui - lo ne. A 2. +2 Famo Dom Que-staé la tua can-zo-ne, Ma-ri - che sci vo-la-tain Ge-lo suu-na Lam neu stel - la © co-me tut-te le pid bel - le co = se io Do Lam La? Kom vi-ve-sti so-loun gir - mo -me le wm - - - 6 i a Rem Law E 7 Lam E co-me tut-te le pit hel-le co - s¢ yi-ve-sti so-loun gior-no co-me Ie ~ a piacere sm Rom6) ir ? muir Lam a tempo 4 Questa di Marinella la storia vera Furono bac! ¢ furone sorrist che scivold nel fiume a primavera po} furono soltanto i “fiordalisi” ma il vento che la vide cos) bella che videro con gli occhi nelle stelle dal fiume le porta sopra wna stella fromore al vento o ai baci la tua pelle Sola senza il ricordo di un dolore Dieono pot che mentre ritornavi vivevi senza il sogno di un amore nel flume, chissa come, scivolavi ma un Re senza corona e senza seorta e lui che non ti volle ereder morta bbussd tre volte un giorno alla tua porta, bused cent anni ancora alls tua porta, Bianeo come Ia luna il suo cappello Questa @ la tua canzone Marinella come amore rosso il suo mantello, che sei volata in cielo su una stella fu lo seguisti senza una ragione e come tutte le pitt helle cose come un ragazze cogue un aquilone, vivesti solo un giorno come Ie rose. E come tatie le pid belle cose E cerail sole e avevi gli ocehi bellt vivesti solo ua giorno come le rose, Iui ti bacid le labbra ed i capelli, era Ja luna e avevi gli occhi stanchi Jui pose Jo cue mani sui tuoi fanchi, 104 Fabrizio De André LA GUERRA DI PIERO ‘Testo ¢ Musica di &, DE ANDRE Andante ee TT TRS, Re Dor-mi se - r f Rew) -pol-toin un cam-po di gra - no non @ Ta ro- sa, non ail tu li - pa - no che ti fan va~ glia dal-Yom-bra dei fos - si ma 0-no Fa Lat Rem mil Io pa - pa - ve - ri a ~ Bi, “Lun-go le i i o+f F ? Soto La? fn spon - de del mio tor - ren - te vo-glio che seen-da- noi lue-ciar-gen - Lat Kem Solm sta - ti, non piti ca - da-ve-ri dei sol - da-ti por: i ter fr Rem Fa actin - brae~ cin dal-la cor - (©1040 Uy Etsars LEONARD. Cas Eup 5 - $182 Mine UA.CASCNA Eien Met. Crone Lat 20080 Zid Scone (OA) Toth snore atomin cen per poe de mondo. Al git crowed. enatond Cognit ed 105 Co-si di - ce-vi ed e-ra din - ver - no e co-me Rem Lat Rem glial - tri, ver-so Tin - fer - no te ne vai tri = ste co-me chi Soln Orch. de-ve, il ven-to ti spu-ta in fae-cia la he = ve. ® : coy ® Fa tat Rem | Sobm Rem s Laz 12 Fer-ma-t TS Ca. do-stia ~~ — ; tor “a La Re - men - t0 ¢ tiac-cor - ge-stiin un so-lo mo - Rent Solus -men-to che il tem-po non ti sa-reb-be ba - sta-toachie-der per - do-no per o-gni pec- Fr yy Rem a7 Kem soln il =ca-to. Ca-de-stia |!2yeb-be sta‘to ri - tor-no______‘Ni-net-ta Dat % at Q, Rem Laz A Dor-mi se - se em pol-toin un cam=po di a, non Qil tu-li - pa- no che ti fan ve-glia dal-I'om-bra dei Rem Soh Doz Ps mil - le pa - pa- ve - ri 108 - si Rem Solm Laz Rem Dormi sepolte in un campo di grane non é la rosa, non @ il culipano che ti fan voglia dalfombra dei fossi ‘ma sono mille papaveri rossi “Lango le sponde del mio torrente voglio che scendano i lucci angentati, non pid i cadaveri dei soldati portati in braccio dalla corrente”. Cosi dicevi ed era Pinverno come gli altri, verso inferno te ne vai triste come chi deve, il vento ti sputa in faceia la neve. Fermati Piero, fermati adesso lascia che il vento ti passi un po’ addosso, dei morti in batiaglia ti porti la voce, chi diede la vita ebbe in cambio una eroee, Ma tu non lo udistie il tempo passava ‘on le stagioni s passo di “java” ed arrivasti a varcar la frontiora in un bel giorno di primavera E mentre marciavi con Panima in spalle vedesti un uomo in fondo alla valle che aveva il tuo stesso identico umore ma la divisa di un altro eolore Sparagli Piero, sparagli ora dopo un colpo sparagli ancora fino a che tu non lo vedrai esangue, cadere in terra, a coprire il sue sangue. “E se gl sparo in fronte o nel cucre soltanto il tempo avra per morire, ma il tempo a me restora per vedere, vedere gli eechi di un wero che murs”. E mentre gli usi questa premura quello si volta, ti vede, ha paura ed imbracciata "artiglieria ron ti ricambia le eortesia. Cadestia terra senza un lamento ti accorgesti in un sclo momento che il tempo non ti sarebbe hastato a chieder pordono por ogni peccato. Cadesti a terra senza un lamento e ti accorgesti in un sclo momento che la tua vita finiva quel giorno © non ci sarobbe stato ritorno. “Ninetia mia, crepare di maggio _dro____— cheap - pe-na li-be-ra - toil Sol Lat Re for) 1 fre - no mor - des-se la ro-ta-ia con —mu-sco- li d'ac~cia-io con Re s Laz Katz Sim for-2a cie-ca di ba - le = no. con forza cie-ca di ba - Laz Sol Lat slo = no con for-2a cie-ea di ha - le no. Eun = 7 Re -re-va Pal-tro tre-noj-gna-roe qua-sisen-2za _fret-ta nes ~ 110 ~su-noim-ma-gi-na-va dian - da-re ver-so le ven - det-ta maal - Ke Lat Re La? ar - ti-vd la no-ti- ziain sla sta-zio-ne di Bo = lo - gna, Sol 1 Re sar La un__ba-le-no: jo - ti-zia de-mer-gen-za a - gi- te con ur-gen-za— un Re Set Laz Fadl Sim paz-zo si lan-cia-to con-troal tre-no un par-zo sid lan-cia-to con-troal Sol Laz Re i Lat tre-no_ un paz-zo sié lan-cia-to con-troal tre - no” Ma in- is FRU LLL Re ue -tan - to cor - re cor-re cor - re la lo-co-mo - ti-va ° Cs WLLL set Mb sbr i sib7 si-bilail va-po- ree sem-bra qua-si co - sa vi-va e Mi mis sem-bra di-reai con-ta-di-ni cur - vit il fi-schio che si span - dein tah mb Lab sb a + tia fra Jo non te-mo-re che eor-roal mio do. ye-re tri = Mi Lab, Si, Sol? Dom ur -on-fi la giu-sti-zia pro-le - ta-ria_ tri - on-fi la giu-sti-zia pro-le - tab sib mh -ta-ria_ tri - on-fila giu-sti-zia pro-le - ta - ria = ub ab nib -tan = to cor - re cor-re corre som-pro pitt for-te e CHL CLL sae Re bat ie La? cor = recor = re cor-re cor- re ver-so la mor-te © Re Lat Ia7 nien-teor-mai pud trat - te - ne - Yim - men-sa for-za di - strut - t 7 Pr Sol La7 Re zi ea stri + cea - spet-ta sol lo schian-to e poi che giun-gail man-to del-la Re Sol Laz vat7 Si gran-de__con-so-la = tri-ce_del-ln gran-de___con-so-la - tri-ce_ del-la Sot Lal Sel De sto-ria_ i rac-con ta comme i-mi la @r-sa la LoL LE ee , De Sol? mac-chi-na de-via - ta lun-gou-na li-nea mor -ta con Do Solz De Sol7 Yul-ti-mo suo gri - do Wa + niema-le la mac-chi-nae-rut-t) a ~ Fa Sol? Do Fa Sol -pil = lie la-va @ - splo-se con-troil cie - lo, poifl — fu-mo spar-seil ve- lo Io rac - Do Fa Miz +col-se-1o chean-co-xa re-spi - ra-va lo rac - eol-se-ro choan-eo- ra ro-spi T Fa Sol? nes -ra-va__ lo rac - col-se-ro che n= eo -ra re-spi - ra - va Maa r tie x noi pia-e> pen - sar -loan-eo-ra dio-troal mo - to-re men - i U Li Re Laz stre fa cor-rer vi-a la, - po re e Re Lat Re La? an - co-ra lao = che ci giun-ga un gior | - no. Sot Lat Re Sol Laz ti - gia dim - na lo-co-mo-ti-va, co - meu-na co-sa vi-va lan ~ Sol l -sti - zig ‘Non 59 che viso avesse, neppure come si ehiamava, con che yore parlasee, ‘con quale voee pot cantava, quanti anni avesse visto allora, di che colore i suci capelli. ma nella fantasia he Timmagine sna, agi eri son tutti giovani o helli agi erei con tutti giovani e belli {gi erei son tutti giovani c belli ‘Conosco invece Yepeca det fat, guatera i suo mestiere {primi anni del secolo, ‘macchinista, ferroviore, i tempi in cui si cominciava Is guerra santa dei perzenti sembrava il treno anch'esso, tun mito di prograsso Ionciato sopra ai continenti Ienciato sopra ai eontineati lnctato sopra ai continent E la lecomotiva sembrava {fesse un mosiro strano ‘che Puomo dominava con il pensioro e con Ia mano; rraggend si lassisua indiatro distance che sembravane inf fsembrava avecse dentro tun potere tremendo Is siessa forza della dinamite 1 stessa forza della dinamite la siessa forza della dinamite, Ma un‘altra grande forza spiegava allora le sue ali parole che dicevano 28 womini son tutti gual contro ai re o ai tiranns seoppiawa, nella vita la bombe proletaria eiuminava Paria 1 flaca del'enarehia 1s faceola dell'anarehia Jn Giaccola dell'anarchia, ‘Un trene tutti i giomi passava per la sua stazione -cia-ta.a bom-ba con-tro Tin-giu lan - cia taa hom -ba sti -zia_. Sol Lat un tzeno di lusso, ontana destinazione, vedeva gente riverita, pensava a quel velluti¢ agi ori pensava al magro giorno della sua gente attomo pensava un treno pieno di signori pensava un treno pieno di signori pensava un treno pieno di signori Non so che cosa avcadde, perche prese la decisione forse uns rabbia anties, generazion! senza nome che urtarono vendotia gli sceecareno il cuore, ddimentied piet& scordd la sua bont In bormbs saa Ia maechina a vapore Js bombs saa la macchina a vapors Jn bombs sua la macchina a vapors B sul binario stava la loeomotiva Ta macchina pulsante sembrava foste cosa viva sembrava un giovane puledro che appena liberato il Sreno mondessela rotaia con muscali Zavenio con forza cieea di baleno ‘con forza einen di balono ‘eon forza einen di baleno. Bun giomo come gli altsi 1a forse con pitt rabbia in compe ppenso che aveva il modo di riparare a qualche torto sali sul mostro che dormive cere) di mandar via la sua paura e prima di peasare a quel che stava a fare il mostro divorava le pianura, {i mostro divorava le piamara § mostro divorava la piamar Correva Valtro treno ignaro e quasi senza fretta nessuno immaginaya di andare verso la vendetta ma alla stazione di Bologna arrivd la netiria in un balono: lan - cia-taa bom-ba con-tro Tin-giu - Lat con-tro Vin- gin - sti zia__ “Notizia dl emergenza agite con ungenza, ‘un pazzo si¢ laneiato contro al trene ‘un pazzo si laneiato contro al treno ‘un pazzo si lanciato contro al treo” Ma intanta corns eorre corre Ia Ioeemotiv | o sibila il vapore, fe sembra quits cora vir ce sembra dire ai contadini eurvi {i ischio cho si spande in aria fratello non temere che corre al mio devere ‘ronfi la giustizia proletaria ‘ronfi la giustizia proletaria trionfi Ia ginstizia proletaria, E intanto corre corre corre sempre pit forte econeenrte cane corre versola morte € niente ormai pud trattenere Vimmensa forza distrutinice aspetta sol lo schiznto € poiche giunga il manto dellz grande consclairice della grande conselatrice della grande conselatvie. [Le storia oi racconta come fini la corsa Ja macchina deviaia Tungo una Linea morta con Tultimo suo grido e’animale Ja macchina eruttd Ispillie lava esplose coniro il cielo, poo il farmo sparse il velo Ioraceolsero che ancora respirava To raceolsers che ancora raspirava Toraceslaere che ancora roepirava. Ma a noi piace penserlo ancora dietro al motore imentre fa eorrer via Ia macehine a vapore ce che ci giunga un giomo ancora la notiria ddiuna locomotiva, come una cosa viva Jneiata a bomba contro Vingiastiia Janeiata a bomba contro Fingiustizia laneiata a bomba contro Vingiastiia 4 Fred Bongusto LA MIA ESTATE CON TE “Testo di L. ALBERTELLI Musica di G. COLONNELLO Moderato == L sb Bete To vor - Mib -rei_ man-dar-tisl dia-vo-lo con i miei_pro-ble - mii-nu-ti-li che son FvLa nel-Tan - tivca-me-ra__del-la_ men - tae fan - noo-sta-eo-lo al mio - Solm mit quie = to so- pray-vi-ve-re. Dam-miil tem - poper — de-ci-de-re secon - si Falla L_cvie = mea-ver le brac-cia tue la tua fac - cia con - trol pet-to mio ¢ da SSS ———— ——— & oe sa w= so = lo cam - mi-na-re io fa-re co -_me non si tu eget - sib Fula “tar - miin qual -daea-me-ree via fa-re fin ta di fre-gar-me-ne. Co-me Solm wi 4 (© 1976 by WARNER CHAPEL MLCITALIANA 2. . Pn dla Fepbbes 630124 Mino PECHS (OREO Con Mall: Ui eve S00 Rona Tih ton eens on lige porto pd al mondo Alii ore bento Coorg eared. sib no, non fos-se mai LLU LL} Sol non fos-se mai Mb Fa non eon-tas-se pitt la mia e-sta-te con tas-se pi non tor-nas. Mb Fa Sib Solm mij, Fa e-si-sti-ta mai. Solm Mb Fa Fa lamia vi- ta con te Mir Fa Fatdim Solm e- si-sti-ta mai ¢ vis-su-ta mai. Quel-le dat & at , polsegue seque ib Sih Salm Mi Io vorrei mandarti al diavolo ‘con i miei problemi inutili che son qui nelYanticamera della mente e famno ostacoli al mio quieto sopravvivere Dasani il tempo per desidere se eonviene aver le braecia tue Ja tua faecia contra il petio mio eda solo camminare io fare eome non ci fossi ta fe gettarmi in qualehe amore © via fare finta di fregarmen Come se questa estate con te Ia mia estate con te ‘non contasse pit: non bastasse pitt non tornasse pit Ia mia estate con te la mia vita con te no non fosse mai Sh Sokm Mtb Fa ced Tibitwene sfiarnecndlo sistite mai ¢ vissuta mai, Quelle corse in automobile per sentier’ impratieabili Je risate incontenibili e isilenzi interminabili mi rendevano pit libero come quando sotto gli alberi seendevamo 9 far "smore not c isensi #aceendevane i pensieri si spegnevano tutte cose che ho provato io ‘non. posso rinnegarle io non cereare di convinesrmy Come se questa estate con te Jamia vita con te anon eontasse pit, no non fosse mai esistita mai e vissuta mai. 116 Ricehi e Poveri LA PRIMA COSA BELLA Testo e Musica di MOGOL, N. DI BARI, G.f. REVERBERT Lento Ho pre-so la chi - tar-ra_ Re tT rie suo-no per te il tem-po diim-pa - ra- re non hoe non so suo- (ator! - Fates -na-re ma guo-no per te. La sen-ti que-sta T Foto v0 chi can-taail mio euo-re____a- mo-re,a-mo-re,a- —— fe Fajen -mo-re @ quel-lo che so di-re ma tu mi ca-pi - rai non he i Tr Mim fd tuo sor-ti-s0 gio-va-ne, sei tu. ‘Tra glial-be-riu-na stel-la la (©1970 by BVG Rem cing SpA. - Vi Bech, 2-201 Ml Be soe coremione BG Asters Soto Uta Sen Gato Mn Ton di ona stein lege po pa dlmnda:Abgln meee. blemeand Coppi ced not-te sié schia-ri-ta il cuo-rein-na-mo-ra-to sem-pre pit La Re — La sen-ti que-sta—_vo-ce_ chi can-tabil mio cuo-re. = a-mo-rea-mo-re,a = mo-re & quel-lo che so. di-rema tu mi ca-pi - SIT Re 6 oo rai T practi so-noin 9 La Dat ot B, poi Coda copa La Re Ho preso la chitarra fe suono per te ‘l tempo di imparare non ho ¢ non 80 supnare ja suono per te La senti questa voce chi eanta é il mio cuore ® quello che so dite ‘ma tu mi capirai T prati sone ia fiore profumi anche ta ho voglia di morire ‘non posso pit! cantare non chiedo di pit, La prime cosa bella che ho avuto dalla vita ° il tuo sorriso giovane ‘Tra gli alberi una stella la notte si 8 sehiarita I cuore innamorato sempre pit, sempre pit La senti questa voce chi canta @ il mio cuore ®& quello che 20 dire sma tu mi eapirai I prati sono in fore profurni anche tu ho vogtia di morire hon posso pit cantare non chiedo di pit La prima cosa bella che ho avuto dalla vita il tuo sorriso giovane, sei tu. ‘Tra gh alberi una stella lanotte si schiarita { cuore innamorate sempre pit, sempre pit La senti questa voce chi canta @ il mio euore & quello che £0 dire ma {u mi capiral 118 Renato dei Profeti LADY BARBARA Testo © Musica di T. SAVIO, G, BIGAZZI Moderato Oboe Ve - sib6 sibe Labs -den-do La-dy Bar-ba-ra nel bo - seo pas-seg-gia-re___ ho pen-sa-to su-bi-toal-'a - Labi Mb il suo ea - stel-lo tut-to d'o-ro, Do Fa sibo. Lab7+ nel pet-to dium ra-gaz-z0 c’ pid ewo - re, Lei Mib Sol7 PE LL Lm Dot H -ma - sta ne-glice miei © la not-te mi fa mo - mF > re ap-par - tie - neadun al - troor - ib, Mibm7 Lab7 = mai g_la not-te mi fa mo. i= =~ re, os Mutt Mino eA ne © 20 by SUGARMUSIC SpA Gals del Cone, 4 2009 Mew “Ta dit oro tena tam dese er pre monde. Ale rened Inmatonl Cops seca i) Voce «Cora: La = dy Rar-ba-ra tu sei Vao-qua ag chia-re che da se - te pit che mai. Defi Pad? For = sea - mar-ti non do - vrei mail min. cuo- re sai_non Mi | sz Dofm vive sen-za te. Lei @ ri - ma-sta ne-ghioc-chi miei_—e Ja —3— Fal? si Dotm? ‘atin not-te mi fa mo - ri - re, lei ap-par ~ tie-nead un al-troor - o, —s~< — si Mi Mim? La? ‘male 1a not-te mi famo- ri - re. —I— = Voce e Coro: La - dy Bar-ba-ra tu ei Vac-qua chio-ra che das Mi siz Doin se - te pit che mai. vive sen-za fe Fatt ad libitum sfumando Vedendo Lady Barbara nel bosco passeggiare ho pensato subito alPamore, Per me lei lascerchbe il-suo eastello tutto dere. Nal petto di un ragazzo ee pit. cuore. Lei @ rimasta negli occhi miei ela notte mi fa morive, Joi appartiene ad un altro ormai «la noite mi fa morire, Lady Barbara tu sei Taequa chiara che da sete pitt che mai Forse amarti non dovret ma il mio cuore sai non vive senza te, ‘Lei é rimasia neglt occhi mle! ela notte mi fa morite, lei appartiene ad un altro ormai ela notte mi fa morire, Lady Barbara tu sei Yacqua chiara che da sete pili che mai, Forse amarti non dovrei ma il mio cuore aai non vive senza te, Riccardo Cocciante MARGHERITA Testo @ Musica di M. LUBERTI, R, COCCIANTE Lento lo_non ‘Sia Mim t pos-so sta-re fer-mo conle ma ninel-le ma-ni tan-te cose devo fa-re prima a F lia Mix a Re Paf7 che ven-ga do-ma-niv ese lei_gid'sta dor-men-do fo non pos-so ri-po-sa-re fain ‘sim La Sim Mi Fat7 Laz Re mo - do cheal ri-sve-glio non mi pos - sa pid scorda- re, Per-ché «nS que-sta lun-ga not-te non sia ne-ra pitt del ne-ro fat-ti gran-de dol-ce Iu-na_e ri- sol La a Mim waz Re Faf7 Sol em - pill cie- loin-te- ro © per - ché quel suo sor-ri- so pos-sa La Sim Laz ri-tor-na-rean-e- ra splen-di so-le do-mat-ti-n: co-me non hai fat-toan - Patz = 60-7 E per poi far-lecon-ta-re le can-z0-ni chehaim-pa-ra-to. io le fa tempo Re 1976 by 3G Rend Mas Piling SoA. DELTATIALIANA srl Bergen canzone a BIG Pent Sito Urano Sin Giro “Miso “Tau idm ona mena tem lege Deri ges de mondo. Alps esewe,htenatonl Coy seed co - strui-réun si-len-zio che nes - su- noha mai sen ti- to sve-glie - Sim -rd__tt-ti_glia-man-ti, par-le - 0 por o - reed 0 - re “ab-brac- La? Re Faf7 genie e io cretino io solo, qui, alle quattro del mattino, Yangoseia # un po’ di vino voglia di bestemmiare ‘Secondo voi, ma chi me lo fa fare, di stare ad ascoltare chiunque ha un tiramonte ovvio il medico dice “sei depresso”, rnemmeno dentro al eesso possiedo un mio momento; ced ip che ho sempre detto ‘che ora un gioco sapere usare one d'un certo metro ‘compagni il gioeo si fa teso ¢ tetro, ‘comprate il mio didietro io lo vendo per poco, Colleghi cantautori, cletta schiera, che si vende alla sera per un po" di milioni: voi che siete capaci, fate bene ad aver le tasehe piene, e nan solo i coglioni, che eosa posso dirvi? Andate e fate, tanto ci sara sempre, lo sapete ‘un musico fallito, un pio, un Teorete, ‘un Bertoncellio an preie a sparare cazzate Ma se io avessi previsto tutto questo, dati causa ¢ pretesio, forse farei lo stesso; ail place far canzoni e bere yino; ‘mi piace far casino, poi sono natp fesso ce quindi tiro avanti e non mi svesto dei pani che son sito portare. Ho tante cose ancor da raccontare per chi vuole ascoltare 2 culo tutto il resto. 130 Antonello Venditti LILLY ‘Testo e Musica di A. VENDITTI Mode ato, De Fa Mim Sot Mise Fa Nn Lilly Lil = ly Lil-ly Lilly Lil-ly Lil - ly Li_ Do Fa Mim = Lil-ly Lil - ly Lilly Lil - ly Lilly Lilly Lilly— Li. Lil-ly Lil - ly quat-tro bu-chi nel-la — pel-le Do Fe ues Bol Lil-ly Lil - ly Li car-ta di gior - na-le - ly Li nu-daesen-za —sear-pe Do Fa gs Sol Lil-ly Lil - ly Lil-ly bian-ca non in 0-spe-da-le Mim Sol © 75 BMG Red Mis Plsng SpA. Vince 2 £08 Mino TPOSCHETAUIA col - Vain, 2 Bae Der geile concern BMG Passe Sots trina | Sen Gia - Min oe one rave emi ap per apse mond, Alls reed. estond 131 Lil-ly Lil - ly Lil - ly sen-2a ca - pel-li De Fa shea Sol Lil-ly Lil - ly Lil-ly sen-za den-ti per man-gia-re Mim Fa Sol Lil-ly Lil - ly u-namon-ta-gna di ri - fiu- ti De Fa Mime [Soto 2* rolta Li-ly Lil - ly do-po duse an =~ = ni De Fa Mim Sol Lil-ly Lil - ly Lilly “Nes-sun lat - te ti po-tra_ sal-va-re” Mim Ta Sot Lil-ly Lil - ly Li “Viag-gia-va-mo in-sie - — me Mim Li-ly Lil - ly Lil - ly “Stu-dia-va-moin - sie-me" Mis Fa Sol Li-ly La - ly Li-ly— Lil-ly Lil = ly Lil = ly Li Do Fa Sol 132 Lil-ly Lil - ly Lil-ly— Lil-ly Lil-ly Lil-ly Lil ly Lil - ly. mim Fa Sot Je i- bro o-ra, Quale tre - no o-ra, au: Mim Fa i Fa qua-lea-mo- re @- ra___ mi ti po-tra i-da Lil-ly Lil - ly Lil-ly— Lil-ly a - mo-re De Fa te, Sot Lil-ly Lil - ly Lilely Lil-ly a - mo-re mi Min Fe Sot Miz Lil-ly Wl - ly Lily Lilly Lil = ly Lil - ly LK___ Lam Fa Li-ly Li - ly Lilly Lil - ly Lil-y Lil - Lilly Li - ly Lilly Lilly Lil - ly Lil ~ ly Li___ Lam Fa Mim Lil-ly Lil - ly Li Mime Fu Lilly Lilly Lilly Lilly Lilly Lilly Li Lilly Lilly Lily Lilly Lilly Lilly Li Lilly Lilly i quattro bachi nella pelle Lilly Lilly Li carta di giomale Lilly Lilly Li nuda e senza scarpe Lilly Lilly 14 bianea non in ospedale Lilly Lilly Ti sonza eapelli Lilly Lilly Li conza denti per mangiare Lilly Lilly una moatagna di rifiuts Lilly Lilly Lilly “Nessun latte ti potra salvare” Lilly Lilly Li “Viaggiavamo insiome” Lilly Lilly Li “Studiavamo insieme” Lilly Lally, Lily Lilly, Lilly Lilly 14, Lilly Lilly, Lilly Lilly, Lilly Lilly, Lilly Lilly Quale treno ora, quale libro ora, quale amore ora mi ti potra ridare 2 2 Sol Fa Sol Fa Mics Fa Min Fa Min Lilly Lilly “Le mia stanza é gelata” Lilly Lilly Li “Dove sel andata” Lilly Lilly “I tuoi poeti maledetti Lilly Lilly Li *Le tue eotlane” Lilly Lilly “Li dovevano arrestare” Lilly Lilly Li “Ti dovevano guarire” Lilly Lilly quattro arance Ja domenica mattina Lilly Lilly dopo dve anni Lilly Lilly Lilly “Non mi rieonoscevi" Lilly Lilly “Eravamo due bambini” Lilly Lilly Li *Te non ero il tuo dottore” Lilly Lilly Li non riuseivi a fare Yamsore Lilly Lally siringa... polizia... Quale treno ora, quale libro ora, quale amore ora mi ti potra ridare Lilly Lilly Lilly Lilly amore. Lilly Lilly Lilly Lilly amore mio Lilly Tilly... Lilly Lilly Lilly Lilly Ti Fa Sol Fa Dik Dik LISOLA DI WIGHT (WIGHT Is WIGHT) Testo Italiano di C. FONTANA, A, SALERNO Testo ¢ Musica di R. VINCENT, M. DELPECH Moderato Fa Sib Fa Lam/Mi Yi- so-la di Wight & por noi Vi - so-la di chi ha ne~ Sole Do Fe Law/Mi Solnw/Re De 0 vslive-chiil blu del-la_ gio - ven-tu = dicchi. can-ta_—hip-py_hip-py hip-py_ Lam Rem Lam Kem Lam sib — hip-py hip - py hip-py hip - py. Dot Do Rem Al mer-ca-toun di an-dai_ co - si per cu-rio-sa- re qui e AL 3 4 RemiDe Sb La? = € non sa-pe-vo co-sa_ fla re_ fra di-vi-se blue giae-che Pr ve bom > De Rem lun-ghe di la-mé ho vi-sio te _mi-rag-gio bian-coin-tor-noa me. Dat & at B- poi segue 7 Lam Miz lam Sol? Dot Do (Eby LNVERSAL Mic Pbising SA. Soke pe Me UNIVERSAL a Tait on era tem dese. as-is Dint 1520103 Mine I reread nonstop seed a hip-py hippy. - py. Sai co - sé Ti-so-la di Wight Det Do Rel Re fol Sim/Fak Lam Re ® per noi Yi-so-la di chi hha ne + glioc - chiil blu del-la gio - ven- th dichi can -ta hip-py —_hip-py hip - py, Sim ‘Mim Sim Do Ret Re La Jala lala Sim Mim im Mim Sim Do Ret Re Hpetore sfumando Sai eos Viola di Wight Senza una valigia io e te per noi Visola di chi siamo partiti un govedt hha negli occhi il blu della gioventax nei nostri oechi “era un di chi canta hippy hippy hippy, pioggia di farfalle intorno a noi hippy hippy... hippy hippy. mi davi le tua gioventir nossuno mi ha formato pid. Almercalo un di andai cos per curiosare qui e la Sai cos Misola di Wight ‘enon sapevo cosa fare @ per noi isola i chi fra divise blu ha negli cechi il ba della gioventih « laccho lunghe di lama 4 chs canta hippy hippy hippy, ho vista te miraggio bianco hippy hippy sntomo ame. Sa) cose isola ai Wight @ per noi lisola di chi Sai cow’ Visola di Wight hha negitcechi il blu della giovonti 8 per noi Vieola di chi di chi canta hippy hippy hippy, hha negli occ il blu della gioventir Ia, lao lala. di chi canta hippy hippy hippy hippy hippy... hippy hippy. LUGANO ADDIO Moderato Coro: Popo po po po____ po popo po. PO PO po pO po po po po Do Sol am Mim = a Po po po po po po po. Do ? Te sear-pe_daten - nis. bian-chee blu v Do Fa Sol — serni pe-san = tie lab-bra ros. = see la giac - - caa ven-to._ La Min Fa Fao Oh, Mar-ta io ti De Do Sor Sol = ‘tuo sor - ri-soei tuoi ca-pel - i fermi co-meilla - gp. Fa Fae In-ga-noad - dive can-ta. - vi__ Sot Do men-tre la ma-no__—s mi te - ne-vi__ Fo Sol Mim (G191T by BMG Bice Mase Pabie SA, - VieBockt, 9-201 Minn Fer goal enesione &: BMG Patera Ue! Se Guan ono "i snc er tem eg pe ses del mondo, Als msec lematod Cop ecved tu mi di = co- vied io ‘a Sel De po ~ ato che. non_a + ve-vo vi - sto mal. 15 a J Sot r z, ro Oh, Mar-ta_io_ti rizcor -_do co-si__ soll Sol Do Sol 2s il tuo sor - ri-soeituoi_ ca-pel - Ii fer-mi eo-meil la - go. Mim Fa Fab Coro: Po po po po po po po po. po po po po po. po. po po po Do Sol Tam = PO Po po po po po po. Da & senza Ritorn. ee A Be po po pepo. ‘Tu, tu mi paravi al fronviere Po po po po po di finanzieri eeonteabbardo Le scarps da tennis bianche e blu ni scaldavo ai tuoi raceant Lugano addio eantavi seni petant olabbra rorse ©, “mio padre a” tu mi dice mentre le mao mi tenev € lagineza a vento “quassit in moatayaa ha combattuto” adie eantavi 2, Mara lot rieordo cost phi del mio mi demandav, € pon per fla ingenuita H.tun sormso tuoi cape tui eredei fers come il axe Bd io pensavo a eata « adesso anchio che sono qu. iio padre fermo sulla spinggia Ob, Marta lot visor eas Lugano adaio cantavi Te retial sole, 1 tu sorssa e 1 tot eapell ‘entre la mano mi tenevt i peseerese in alts mare fermi enne il lago “canta con mo" canchiglce stelle {um dice edo eamtava Te bostommis i suo dolore. Po po po po po. iua posto che non avevo visto mal. ‘Oh, Marta fo ti rieordo cost il tuo sorriso e i tuoi eapelli fermi come il lago, Mia Martini MINUETTO Testo di F. CALIFANO ‘Musica di D. BALDAN BEMBO Moderato Bu-nin (ab) ~co-gni-tao-gni se-ra mia. u-wat - te-sa pa-riau-n'a-go- nia. Trop-pe segue arpeagio Reb Mi Fat Lay (Ped) vol-te vor-rei dir-ti: No! e poi ti ve-doe tan-ta for-za non ce Tho! Il mio Sibm Fa7 Sibm — Sibm7 iz Lab (Ped.) cuo-re si ri-bel- las te_________ mail mio cor- po no!__ Le = 4 Mib si ma-ni tue, stru-men-tisu di me che di - ri-gi da ma-c-stroe-sper - to qua-le Bvie-ni ac -sa mia, quan-do vuoi, nel-le not-ti pit chemai, = | } Lab Lab Mib7 Reb Mib dor-mi qui te ne vai somo sem-pre fat-ti tuoi, 'Tan-to sai, che quas-sit ma-le che ti va-da,a-vrai Do?” Fan’ Pat Shu VENTO sag “Va Tron 9: $014 tine sbbhae Se/A.-Va Beit 9- 90191 Mana G: MG Pilsen Seo Ulta / Sn Gitar Min, Ta die ran atemin ese peri pies 8 rondo, tut-ta me, se tlam-érA per uena not = tea. Naya na va na na oroe Le 7 OF Reb Mib ] ul Lab Mip7 Lab na na na__ manana na_na na, Mi) (Ped. —) ws (Ped. RepMib Lab Mib7 Lab sem-pre pi la so-li - tu-di-ne__ nei gran-di === = wow BF Oe Ceo Pas DoT Fam Sim Faz Sibm arpa | | | u Lab (Ped) Mib (Pod. Rd pos-so dir- ti sem-pre — e sen - tir-mi pie-co-la eo - si tut-te le Mib vol-te che mi tro-vo qui difron-tea te. —‘Trop-po._ cara la fe-li-ei-ta, Lal (Ped) + ticmuoad a-spet-tar - ti nel le Mp Sty sor 140 e-le-mo-si-na-rea-mo-re...S0-no_sem-pre tua, quan-do vuoi nel-le not-ti pitt che mai, Mib (Pod) ebm | | La Mb7 Lab dor: qui, te nevai, so-nosem-pre fat-ti tuoi. Tan-to sai che quas-sii ma-le che ti va-daavrai segue Fant DoT Fa sibm Fat tut-ta me, se tian-dra, per u-na not - te... So-no tua. Lom Romy | \ Ped.) ca-Sa mia, so-no tua, so-no mil-le vol-te tua,__ Ela Sur re Fam Do Fam si FalSim Pid mosso (deciso in 4) vi- ta sta pas-san-do su noi, dio-riz - zon-ti non ne ve- do mai LL Lb ie Lab (Ped) es Neap-pro - fit- tail tem-poe ru- ba co-mehai fat-to tu___ il LabT Reb7+ re-sto diusna gio-ven-ti, cheor - mai non ho pitt... Eon. -ve-ce ti ho cer-ca -to. BRU Ley way = i ou bt abr —— TT -et t9 suo-na per nol, Lab (Ped.) Labt la mia so Tasmo-re ve-ro che sor - ri-so ha Reb7 vi-tad co- mente non si fer-ma mai Sol> To non T LIES pen - sie-ri_van-noe ven-go- no, Dom Fam7 Sim MipT/4 men-te non si fer-ma mai, Sob -ri-so ha pen - Dom? sibmz 4 unincognita ogni sera mia un‘attesa pari a un'agonia, ‘Troppe volte vorrei dirti: No! « poi ti vedo ¢ tanta forza non oe Iho! Ul mio cuore si ribella a te ma il mio corpo no! ‘Le mani tue, strumenti su di me che dirigi da moestro esperto quale sei E vienj acasa mia, quando vuoi, nelle notti piu ehe mai, dormi qui te ne vai sono sempre fatti tun ‘Tanta sai, che quassit male che ti vada, avrai tutta mo, ee ti andr per una notie, Na na na na nana «© cresce sempre pitt Ia solitudine + grandi vuoli che mi lasci tu! Rinnegare una passione net ‘Ma non posso dirti sempre si ‘¢ sentirmi piecola cost tutte le volte che mi ritrovo qui di fronte a te. ‘Troppo cara la felicita, per la mia ingenuit Continuo ad espettarti nelle sere per elemasinare amore. segue Lab (Ped.) sie-ri_van-noe ven-go-no, la Jo non so Tu-mo-re ve-ro_che sor - RebT vi-tab co-si Mi-nu- Lb Lie i ME7i ripetere sfumando ‘Sono sempre tua, quando vuoi nlle notti pitt ehe mai dormi qui, te ne vai, sono sempre fatti tuoi ‘Tanto sai che quasst male che ti vada avrai ‘tutta me, se ti andra, per una notte. ‘Sono tua... la notte, a casa mia, sano tua, ‘sono mille volts tua, E la vite sta pasando su nol, i orizzonti non ne vedo mai ‘Ne approfitta il tempo e nuba ‘Tvesto di una gioventi, che ormai non ho pit, E continuo sulla stessa via sempre ubriaea di malinconia ‘ora ammetto che Ia colpa forse & solo mis, avrei dovuto perderti, inveeo ti ho eareata ome hai fatto tu Minuetto suona per not Jo raia mente non si forma mai. To non s9 Tamare vero che sorriso h ponsieri vanno ¢ vengono, la vita ? ee ‘Minuetto suona per noi, Ja mia mente non si ferma mai. le mia 142 Marcella Belia MONTAGNE VERDI Testo di G. BIGAZZI ‘Musica di G. BIGAZZI, G. BELLA Moderat: Mi ri - Sol Re Min Sol Re ae La -eor-do mon-ta-gne ver-di ¢ le cor = se diu-na bam-bi-na_ on Ta - Re Mim -mi-co mi-o pid sin- ee - ro un _co ni - glio dal mu- > nc - 70, Poi un Re Sol La7 gior-no mipro-seil tre-no Ter-ba,il —_pra- toe quel-lo choe-ra_mi-o__ scom-pa - Re Sol Re Mim -ri- va-nopia no pia- noe pian - gen-doparlai con Dio. Quan-te Mim? Re Sol Laz vol - te ho cer -gia-t0 sa-le_ la cit -toil so-le quan-te vol - teho ma Re Sol Ke Manz 7 -taa-ve-va mil - le sguar-di io so = gna-vo mon-ta-gne ver - di, Mint Lat ke Re7 Il mio de-s te con te vi-ci-no pid pa - Sol Re Min Sim Sot Re © 972 ty MELO Tea di soe tom Gaia db Cana 4 20102 ‘Ab ighe rsred la Ca ein go a pa del en i Cop nel eun po! bam-bi- ne tor-ne - ra Mi ri - = cor-do mon-ta-gne ver-di quel-la = ra ne-glioc-chi tuo - i quan-dohai ae - com det - to “wa fat - to tar - di, pa-gnose tu lo vuoi”, Nel - la Re Sol La7 neb-bialetue pa-ro-le la tua sto-ria @ la mia sto - ria poi nel bu_-_io sen-za_par-la-re ho dor - mi-toconte sul cuo-re Io ti Mim? Ly Re Sol La7 mo mio gran-dea-mo-re io ti a - momiopri- moa mo = re quan-te vol- teho cer-ca= toil so-le quan-te — vol-teho cer-ca-toil so-le, La la Mim Lat Re Sol La7 Jala la lala la lade da_la la lalala la la la_la Re Sol Re Mim7 sc 144 kh bball bb bh bk lak lf le F SS > — 6 ; SS SS Ke Re7 IL mio de - sti - no di stavreac-can = loa te Sol Re Mim Sim con te vi-ci-no pit pa ura non a-vre__ in po’ pid don-na io sa - Re Mim Sim Sol Re Lento +10. ‘Mon-ta-gne ver-di nei tuoi oc-chi tiv ve = dro. Sol Re Mim | LaT/t Re LLL) Lat LLL) & ‘Mi ricordo montagne verdi Nella nebbia le tue parole ele corse ai una bambina In tun storia @ la mia storia con 'amico mio pitt sincoro poi nel buio senza parlare un coniglio dal muso nero. ho dormito oa te sul cuore Poi un_giorno mi prese il treno To ti amo mio grande amore Vorba, il prato e quallo che ere mio in ti amo mio primo amere scomparivano piano piano quante velte ho cereato il sole «e plangendo perlai con Dio. ‘quante volte ho cercato il sole, Quante volte ho cereato il sole Lala la la lalate la la quante volte ho mangiato sale Ja Talla lala lalala Ta eta aveva mille sguardi Jala lala lala lala la io sognavo montagne verti. Ja Ia Ja Ja Ja Ia la Ta. Tl mio dastino 8 di stare aceanto a te Tl mio destino & di stare accanto a te con te vieino pit paura nen avrd con to vieino pid paura non avr ‘eun po'bambina torner®. ‘un po’ pits donna jo sarb, Montagne verdi ‘Mi ricordo montagne verdi nei tuoi ocehi rivedro. ‘quella sora nogli oochi tsi ‘quando hai detto *s' fatto tardi, accompagno se tu lo vuoi” 14s, Pool OPERA PRIMA ‘Musica di R, FACCHINETTI ‘Testo di V. NEGRINI Lento Parlato: Ho camminato da aclo nel grande boseo a ae ft = # dei girascli di pietra e, in una bolla di luce di luna smarrita, stanoite ho risvegliato te. a a Do $e Cadono in autunn siardino e una primavera stanea genera Se Rem ho nella pelle, amore mio, il brivide meraviglioso della mia prima idea. Do -————— no bo La mia men - ted qua spez - 2a-tain due mo-ta quel-lo che vor-rei De. Sol que = sta re - al-ta, Que = sta vi - tache mi spe-gne sem-pre pitt Ket Sola (8,272 by Edson Musa DI LAZZARO sr. Gallia del Cao, 4 SOUP Miao - Por pe tt pie Tt dit son eval eiemn dG fe tire cd mando, Aight save enon Can sve 146 iO ¢ la fan-ta-sia che cer-ca di por-tar-mi via. A i Rem De Fa er Dio sen-zaim-ma - gine chein-va-di Ya-ni-ma Ja-scia-miun at-ti-mo qui Fa Solm Rem Fal tra pie-tre lu - ci-de di Tu-na gio-va-ne non ho pa-u-ra, lo sai. sib Fa s Re Que - sta ter - ra io, io Tho. so-gna - ta gia dai vul-ca - ni spen - ti LLtj LLil Re Law Sot del - la mia cit-ta. nelle fo-re-staa pie- di nu-di cor-ro-rd eal Mim Mir Lam gran-de_gi-ra~ so che non miin-chi-ne - Prin - ci-pes - sa che dor - mi- vi sen-za0- dal -Ia pic-tra io tho Li Li LU ‘egite = Re Lam li - be-ra - ta gia. Li - be-ra con te la men-te se ne va Mim Lan vor soils - leche per iei So - no sve des -s0 50 co-s' Ya-mo-re che la gioe 2 avi Mi Ho carmminato da solo nel grande bose» dei giresoli di pietra e, in una bolla di luce di luna smarvita, stanotte ho risvegliato te. Codon in azturno i girasoli del mio giardina 2 una primavera stanca genera nuove pietre soleanto, Ma oxgi, amore mio, hy imparato da te 4 suono vibrante deila mia voce, ‘uo nella pelle, amore mic, \T brivide meraviglieso della mia prima idea, La mia mente & qua spezzata in due meta quella che vorrei ¢ questa realta Questa vite che mi spegne sempre pit ela fantasia che cerca di portarmi via, Mondi senza etit fantasmi di eitta yori d'aequa chiara di un milione di anni fa, Poi mi guarde e so che ormai non voler®, sto eadendo git ceil vento non mi vuole pid mai pid ta den - tro me e O-rala mia pa-gi-aa pit sto-ria scri-ve-r con si spe - gne - ra, Mi Sim ripeter Dio senza immagine cho invadi 'anima lasciami un attimo qui Ura pletre Tucide di luna giovane ‘non ho paura, lo sai Quosta terra io, io Pho sognata git dai vuleani spenti della mia eit E nella foresta a piedi nudi eorrerd eal grande girasole io s0.che nan mi inehinerd Principessa che dormivi senza eta dalla pietra io tho liberata gia. Libera eon te la mente se no va verso il sole che Per lei mai pid si spegner Sono sveglio ¢ &@ Ja vita dentro me cela verita adesso s0 cos’, Ora Ja mia pagina pi bianea non sara Tamora che: Ja otoria eeriver’ Ja ve = ri-ta, bian-ca non sa-ra 148 Eugenio Finardi MUSICA RIBELLE ‘Testo e Musica di E, FINARDI Chtare oO st M la Mi A Resales St " La Mi Si Mi la Mi ~la_____ ha la fae-cia An-naha di-ciot-to an-ni_ esi sen-te tan - to st Mi 1 Mi Si wicste enon di-ce u-na_pa - ro-le______tan-to @ si wi La Mi Mi = reb - be @ an-che se ca - pis-se, di cer-to Ja tra-di - wi Si iw La — B la se-rain ea-me-ra pri-ma di dor - mi - re Mi si Mi La leg- ge di a - mo-ri edi tut -te Ie ay-ven - i - re Mi — den-tro nei i = bri che qual-cunal - tro seri ~ ve. # Mi La Mi =o — che so - gna la not-te, ma di gior-no poi_ non vi-ve.__ DaAak, ol segue Mi La Mi 21976 y RESO. Vises 4 0090 Tezane SNM) SLONG fen Wied VarS Silane, 1-904 Vee Tai dit orev otis ese pet ti pes de mondo, Alri crowed, heaton Cop cued 149 SEGUE Fa-seol-ta la sua ea-ra ra-dio per sen - ti-re_______un po’ di buon si Mi La Mi Si senso da yorci pie-ne di_clo - re ele stro-fe lan - guide di Mi ml a si Mi tut-tiquei_ean - tan-ti_ com le fae-ee da bam - bi-ni e coi lo-r0 cuo-riin- te Mi s mi la fal-che tem po dif - fi-ci-le_seap - pa-re cd qual - Mi la Mi -eo-sa nel-la - via che non pudi- gno - ra-re__ dol - ce ma mi ba mi s for - te e@ non timol - la oma - - - i__@ _u-n’n- da che ere-see et Coro: gue o-vun-que va = = = la w Ia Mi si mu-si-ea_ la che ti bra nel - le Mi st Mr tra nel - la pel-le che ti dice diu - sci-re, che ti La Mi si Mi La ur-la di_eam - biasredimolla - re le me-na 150 c re Mandolino Da Capo at , poi sexue E = Mi a Mm Mar-eo di di schi lui fa la eolele-zin - nee co - no - seea-momo- st Mi Li Mi si + ria o-gninuo-va for - ma - zio-ne__. cin-tan-to se gna dian- Si Mi da-rein Ca -li-for = nia © al-le por-te d smo che La Mi Mi stan- no swin Ger-ma = - nia, Chitarea La Mi 3 i la Parleto: Qua da noi in fon - do la ‘anon é — ma-le, Mi Mi ba Mr Voce: Quel-lo che non reg = go so-no le pa-ro - le. ma poi le ri-tro - Mi La Mi st + va o-gni vol-ta che va fuo- den-troai ma-ni - fe-sti 0 Mi La Mi serit-te so - pra mu - ri__ Ede la Dal $ aC, poi da Da poi segue Pianforte Bla si Chitara Mi Mi La Anne ha diciotte anni si sente tanto sola ha la faccia triste e non dice una paroia tanto @ sicura che nessuno capirebbe fe anche so eapisse, di certo la teadircbbe. E la sera in camera prima di dormire legge di amor: e di tutte le avventure dentro nei libri che qualeun’altro serive che sogna la notte, me che di giomo poi non vive. B ascolta la sua cara radio per sentire un po’ di buon senso da veci piene di calore fle strofe languide i tutti quoi cantanti con Ie facce da bambini ¢ coi loro cvori infranti. ‘Mz da qualche tempo 2 difficile seappare 8 qualcesa nel!aria che non si pud ignorare dolee, ma forte e non ti molla mai & un’onda che eresce ti sogue ovungue vai SEGUE de-vi met - ter-tia_. dot = Mi ripete ad libitum B la musica, la musiea ribelle che ti vibra nelle ossa, che ti entra nella pelle che ti dice di uscire, che $i arla di cambiar di mollare le menate di metierti a lottare. Marco di dischi lui fa la collezione ‘ogni nuova formazione, ¢ intanto sogna di andare in California 0 alle porte del cosmo che stanno su in Germania. Diee: “Qua da noi in fondo la musics non # male, quello che non reggo sono le parele”. Ma pol Ie ritrova ogni volta che va fuori dentro ai manifesti 9 seritte sopra i muri Bla musica, la musica ribelle che ti vibra nelle ossa, cche ti entra nella pelle che ti dice di useire, che ti urla di eambiare SS Fa sip De tri-ste._ Pierre tiho ri - vi-sto questa se - rae tu tu ab-bas- si glioc-chi tina = scon - die poi & f te ne vai, Seu-sa-mi se tiho ri-co-no - Fa == sot-toil truc- co glige - chiso - noi tp = t z r ri ssciu - to pe-re. a ee Re sb De © 1776 EN SONGS Edson Maas - VC. Renn 2145-9149 Mine Ti detison ewe mn digg pa pe dl mondo. ght ene inal Coe see 185 non tiar-ren-diaun eor-po che non yuo - i sen-ti.. Pierre so-no gran-de eho ea = pi - to sai io ti ne fr mz De sé Solm 7 cspet-to re-sta_ quel che sei tu che puoi, ia Fa La Rem sh Do Fa e Fa Fipete ad libitum Penso a te Seusamni se ti ho riconosciuto perd nei tempi della scvola con noi sotto il truceo gli oechi sono i tuoi sottile, pallido e un po" perso non ti arrondi « un eorpo ehe non voi ‘tu gid da noi eosi divorso triste senti Penso a te Pierre sone grande e ho capito sai record, si rideva tra noi io ti rispetto di quel tuo sguardo éi hambina resta quel cho soi di quella tua doleezza strana triste tu ehe pul Pierre ti ho rivisto questa sera e tu Pierre sone grande ¢ ho eapito sai ‘tu abbassi gii occhi io tirispetto ti naseondi e poi resta quel che sei te ne vai tu che puoi. 186 Claudio Baglioni POSTER Testo di C. BAGLIONT Musica di C. BAGLIONI, A. COGGIO Lento. Pianof. 4 2 Rem Lalo ReZ/De Solm Solm7/Pa Do7Mi Deo! Ps du-to con Ie ma-niin ma-no s9-prau-na pan na fred-da del me - Rem Tat trd sei Li chea-spot - ti quel - lo del - le set- toe tron - ta chiu- so den-troil tao pa ~- letot un ti- iv log-geat-ten - to Re ReT lei-stru-zio- ni sul__di - stri_bu-to- re del caf - f ed sel un bam-bi-no che si tuf-fa den-troad un bi - gné. BF Rem La? Rem LaDof Rez/Do Sola Soln7/Fa E pes r : a 7 3 Dot Fa sib Sola sso 7 (©1975 by BMG Ried MusicPublisingS pA - Vi Bechet 2-801 Mina serine BMG PstoreSeto Uliano Sin Gino: Mino nc es termi eye ar ips de onc, Allis mved. tmatend Copal secured 187 To=ro-lo- gio con-troil mu-ro so-gna Tu-nae die ei da due an-niin qua 1 no - me di questa sta - zio-nee mez- zo can-cal - -la- to dal-Pa-mi-di - ta un po - ster che gual - eu - noha rom POE a gia sca-ra-boc-chia-to di-ee “Vie-niin Tu-ni - ceun marre di vel-lu-toed Soln Miz u-na pal-mae tu che so-gni di fug-gi-re via. dian- La? -da : ti . Jon ta =no,—__ lon tas = = ee - - - wo. Lats Lat 138 Re Ti chea-spet-ti quel-lo del -le os Rom Sol 7a pq Seduto oon Ie mani in mano Sopra una panchina fredda del metro sei che aspetti quello delle 7,30 chiuiso dentro il tuo palletot tan tizio legge attanto le istruzioni sul distributore del calf ed un hambino che si tuffa dentro ad un higné, E Foralogio contro il muro segna l'un o dieei da due anni in qua me di questa stazione (© mezzo cancellate dal umidita un poster che qualcuno ha gia searabocchiato dice “Vieni in Tunisia” 2 un mare di velluto ed una palma fe che sogai di fuggire via. di andare lontano, lontano andars lontano, lentano, Fda una radiolina accesa arrivano le note di unorehestra jazz set-tee tren-ta sib chiu- so den-troil tuo pa - SS i ri-te, Poi Minnis Lat Sol (©1976 by BG Reo Muse Pcie SA - Va Bechet 2: 20181 Vib DELTATIALIANA S.-i Chote, 8 Rome Be gene corenore ce IMIG ableton Sia Unsins (San Guiro- Mino ‘Tav' dnisora rene ten lege Dar pr del mond. Al ahs ened Itematonl Cops secaed 190 co-struirvu-na ser-raim_- tor-noal tuo sor - ri-so fa - ra del-la tua SolTs/af Mim Re Do vi-ta un al-tto pa-ra - di-s0___ Mim = Mi MimoiDog Do Mim6/Dot De Mi Sa - wil tuo con-ta - di-no e tu la ter-ra mi-a_ com LazHSolt Lali Re -bat-te-rd col ven-to che non ti por-ti vi-a. Poi spar-ge-rdil mio Re7H Doh siz La LazHiSol8 se-me nel - la tua ver-de val-le ea - spet-te - re-moin - LolFut LaMi Re csie-me che ven-gapri-ma - ve - ra che Fads Faved Re Fabs ven-ga pri-ma - ve-ra. BobeMts Fabel Re oo 191 Reb7/Do Sib oth (2 volte) es bmoSal5 Solb E solcherb il tuo corpo come se fosse terra Sar® il tue contadino ¢ tu la terra mia cancellero quei segni dellultima tua guerra. ‘combatterd col vento che non ti porti via, E bruceri enl fune> questerba tua eattiva Poi spangerd il mio aemo nella tua verde valle 6 ti fard con Tacqua piu fertile ¢ pit vive ce aspetteremo insieme che venga primavera E pregher® che il sole asciughi questo pianto che venga primavera pregherd che il tempo guarisea le ferite. Poi costruird una serra intorno al tuo sorriso fard della tua vita un altro paradiso. 192 Riccardo Cocciante QUANDO FINISCE UN AMORE Testo e Musica di A. CASSELLA, M. LUBERTI, R. COCCLANTE Lento (in 4) tr r Quan-do fi-ni-sceun a-mo - re co-si co-m' fi-ni-toil mi-o r sen-zau-na ra-gio- ne néun mo - ti - vo, sen-za nien-te ti sen-tiun no-do nel-la go-la— ti sen-tiun bu-co nel-lo sto-ma-co Do Lam ti sen-ti vuo-to nel-la te-sta_ @ non ca-pi-sei nien - te Sol SolT @ non ti ba-sta pitiun a-mi-co— mon ti ba-sta pid di-strar-ti_ Da © non ti ba-sta be-re da u-bria-ear-ti e non ti ba-sta or-mai pit nien-te ein fon-do pen-si ci sa-raun mo-ti-vo © cer-chi a tut-tii eo-stii > Selb Mibm (©1974 by OMG Reo Mic Pusha Sp - Vi Becket 22018 ane SETATAUANA SA. Mi Choad Rone le eenestane te ICD ino Mino atin arc et leds were on -Seae Ubiane Ian Gi sel Copa ecu 193 pu-re non cé mai u-na ra-gio-ne per-ché un a-mo-re deb-ba fi-ni - re Dod Reo7 © vor-re-sti cam-bia - re fac - cia € vor-re-sti cam-bia - re no - me ¢ vor~ Ln Fa -te-sticam-bia-re a - ria 6 vor - re~ sti cam-bia-re vi - ta vor - Re is -re = sti cam-bia-re il mon - do ma sai_per-fet-ta-men - te che Fat si9 non_tiser-vi-reb-be a nien - te per-ché c® lei, per-ché c@ lei, per-ché ee lei, Soltm Mi — —per-che c@ lei, per-ché c@ lei___nel-le tue os - sa por-ché o'8 lei $ | i—__——_ == )—EEES FO [SS See ¥ # Patz, st = nel-la tua men - te per-ché c% lei nel-la tua vi - ta © non po- Self Mi ~tre-sti piu man-dar-la vi-a— nem-me-no se cam-bias-si fac - cia Fat Re nem-me-no se cam-bias-si no - me nem - me-no se cam-bias-si a - xia nem - Sim 194 -me-no se cam-bias-si vi ta nem - me-no se cam-bias-siil mon - do! Lazio Orch. Tr itp etre Mi La Pe-r) se po-tes-si ra-gio~ ar-ci 80 - pra sa-prei_ per-fet-ta-men-te Mi Dotm i sara di-ver-so lei non sa-ra pit le - i 3 by - = pty = ———— © = SS SS SSS im 8i7 io nom sa-r0 lo stes-s0 uo-mo ma - ga - ri Ta-vrd gia di-men-ti-ea-ta ma - Dol ~ga-ri__ se po-tes-si ra-gie-nar-ci 0 pra se po-tes-si ra-gio-nar-ci so - pra ma non pos-s0 per-ché te ie quan-do fi-ni-seoun a-mo - re co - 9 @-m’a fi-ni-toil mi-o Mio gio-ne, néun mo-ti-vo, sen-zanien - te__ ti Do’ Reo7 sen-tiun no-do nel-la go-la ti sen - tiun bu-co nel-lo sto-ma-co sob ibm B sopra pi-sci nien - to Dob 2. per-chéun a= mo deb-ba fi- ni - re d Re! Sol}, di 1 fad Por Reb ad libitum ma sai perfetiamente se potessi ragionarei sopra ‘eosi com’ finito il mio che non ti servicebbe a niente ma non posso perché senza una ragione, perché c’ lei, perehé ¢@ lei né un motive senza niente perché c’ lei, perché c@ lei quando finisee um amare ti senti un nodo nella gola perché c’ lei nelle tue ossa cost com’ finito il mio ti eenti un buco nello stomaco perehé clei nella tua mente senza una ragione, Ui senti vuoto nella testa perche c’ lei nella tua vita né un motivo, senza niente enon capisci niente enon potresti pit mandarla via ti senti un nodo nella gola enon ti basta pit un amico nemmeno se cambiassi faccia ti senti un hueo nello stomaco enon ti basta pit distrarti nemmeno se cambiassi nome ti eonti vuoto nella testa enon ti basta here da ubriacarti nemmeno se cambiessi aria © non capisci niente non ti basta ormai piu niente emmeno se cambiassi vita non ti basta pitt un amico ¢ in fondo pensi ci sara un motivo nemmeno se cambiassi il mondo, enon ti basta pit distrarti cerchi a tutti i eosti una ragione enon ti basta bere da ubriacarti eppare non c@ mai tma regione Pord se potessi ragionarei sopra non ti basta ormai pitt niente perché un amore debba finixe saprei perfettamente in fondo pensi ci sara un motivo € vorresti cambiare feccia che domans sara diverso e cerchi a tutti i costi una ragione € vorresti eambiare nome lei non sara pit lei eppure non ¢’? mai tna ragione ce vorresti eambiare aria jo nem sari lo stesso nome, porché un amore debba finire. © vorreati eambia vita magari lavrd gid dimentieata magari © vorresti cambiare il mondo se potessi ragionarei sopra 196 Giannj Nezzara QUANTO E BELLA LEI ‘Testo di D. PACE Musica di M. PANZERI, L. PILAT Lo ma non troppo Ti pre-go non mi di-re che lei. non & per me non Dom Dom7 dar-miun di-spia-eo-re a - des-so che io Ta-mo_ —Tu_non Ja co-no-sei_ma, Lata SolT mib quan-do le ve-drai sa - YX w-wial-tra eal - lo-ra ca-pi-rai Lab Sal Quan - to bel-la dei tu mam-ma non lo sai quan - do guar-do— lei jo ve-doglioe - chi tuot Res S019 Rem Soll SIT De. per-do-ne - rai seun gior-no me nean - dr. : oa ss —_————=- = =o eee Sol7 De Pra- ti sen- 2a fi- ne, fio - ri bian - chi que - stag le} i Rem ha ne-glioc-chil ma-ree non lo sa chi mi fa mo-ri-ree mi per ~ © 79 by Edson SLMINI ZERIONIS 2 A. Gules del Cans 4 S189 Wine 1 20d by SUGARMISIC SpA. Galea el Cono 4 2028 Ale Tut cit sno ret oom se pr tp del mend. Al sss ved neal Copy sez 197 =do-nag sem-pre le - i tu la ve-drai eo carpl = ral Kem Pa Do Sol? Lab7 Quan to8 bel-la Tei tu mam-ma non lo sai Red quan - do guar - do lei jo ve-do glioc - chi tuoi Lab Lab mi per-do-ne = rai seun gio Mi Lab Rey Pra-tison-za fino, fiori bian-chi que-stae Ici ha ne-glioe-chiil ma-ree non lo Reb sa chi mi fa mo-ri-ree mi per - do-naé sem-pre le - i Reb Mibm tu la ve-drai e capi = rai Sol Reb Reb Quan Woe bel-le ‘Ti prego non mi dire ri perdonerai io vedo wl o2ehi tuoi che lei non é per me se un giome me ne andr rai perdonerai pon Garmi un dispiacere se an giome me ne andr’ adesso che io amo, prati senza fine ‘Tanon la conosci fori bianchi questo @ lei rrati senza fine ma quando la vedrai Tha negli occhi il mare enon loca Fiori bianehi questa @ lei sara unaltra cosa, chi mi fa morire e mi perdona tra negli cechi il mare ¢ non lo sa ce allora capirai e sempre lei ‘chi mi fa morire e mi perdona tu Ja vetraie... eapirai @ sempre lei Quanto bella lei tu la vedrai e... capirai tu mamma non lo sai Quanto & bella lot Quanto e bella lei... quando guardo lei t mamma non lo sai i vedo gli archi tuoi ‘quando guardo lei 198 Claustio Baglioni QUESTO PICCOLO GRANDE AMORE Testo di C. BAGLIONI Musica di C. BAGLIONI, A, COGGIO Moderato (in 4) Orch. er Reb Lab Re Lab Reb Lab sob Lento (in 4) Quel - la sanma - gliet - ta fi-n Dot Dot Fam ib Reb Li tan-to stret-taal pun-to che m'im-ma-gi-na-vo tut - to e quel- Ta - ria da bam - bi- na Fam Mir che non glie-Tho det-to mai__ ma io cian-da-vo mat - to, chia-re Lab se re de-sta-te,il _ma-rei gio-chi, le fa - tee la pa - ib Re nna L (© 1972 by BMG Rend Mace bia SpA Vi echt 9 90% Mtns te eonersone & BMG beso Sec Ure I San Cn las lege peo del mondo. Al sete lena Cont ced 199 a - rac la vo glia i se-re so - liun ba-cioa Jab = bra sa- la te,un fio - ¢0, quat - tro too far Ta == === SS = # — 2 stot tab +mo-regitalfa- ro... i a-moday-ve-ro, amo lo giu- 10, ti a-mo, ti amoday - camer -ve-ro.. @ lei lei mi guar-da - va con so-spet = to poi mi sor- + Dot 7 Fam -de-vae mi te-ne-va stret-to stret-lo—ed-_—io io non ho mai___ca-pi-to mip La Dot nien-te____vi-sto cheo-ra - mai non me Jo le-vo dal-la— men-te che lei lei e-raun bb is pie ~co-lo gran-dea- mo - re so-loun pie col-lo gran-dea - mo - re nien-te Reb LabiDo Sim Fan/Lab pit di que-sto... nien-te pit. Mi man-ca da mo - ri - re quel suo Sob Reb Labz Reb LabiDo Lab 200 pie -co-lo gran-dea - mo - rea-des-so che sa-prei co-sa rea-des-s0 che Fan sob Rel — sa-preico-sa fh = rea-des-s0 che. vo-glioun pie - ¢o-lo gran-dea Selb Reb Sob Fam Solb, Orch. Quella sua maglictta fina adosee che tanto atretta la punto che vyoglio un piccolo grande amore. m’immaginavo tutto e quel’aria da bambina Quella camminata strana che non gliel'ho dett» mai pure in mezzo a ehissteehé ma io ci andavo matto, Tavrei riconoaciuta. ‘Mi diceva “Sei una fran” B chiare sere destate, rma io questa cosa gui il mare, i ginehi, le fate ‘mica Tho mai ereduta, ela paura e la voglia di essere soli un baeio a labbra salate, Bllunghe come alfannate ‘un foe, quattro risate incontro a stelle cadute far Pamore git al aro, mani sempre pit. ansiose 1 amo davvern, tiamo lo giuro, ce scarpe bagnate ti amo, ti amo davvero, @ le canzoni stanate uslate al cielo lassi lei lei mi guardava con sospetto “Chi arriva prima a quel mure! pol mi sorrideva ‘Non sono sicuro se ti amo davvero ‘emi teneva stretto stretio. non sone, non sono sieuro ed io io non ho mai capito niente visto che oramai «lei tutto ad un tratto non parlava non me le levo dalla mente 1a le si leggeva chiaro in faccia che softriva che lel Jel era un cd io 1p non lo so quant’é che ha pianto piccolo grande amore solamente adesso me ne sto rendendo conto che lei lei ara un solo un piccolo grande amore piceole grande amore niente pit di questo... niente pit ‘Mi manea da morire solo un piccolo grande amore quel suo piczolo grande amore niente pit di questo... niente pit adesso che saprei cosa dire Mi manea da morirs adesso che saprei cosa fare 201 Francesca Gueeini RADICI Testo e Musica di B. GUCCINI Fa De a pot ca-sa sul con-fi-ne del-la sera. ©» scurrae si-len-zio-sa se ne sta, re- Fa De SY -spi-riu-nla-ria lim-pi-dae log - ge-ra_____e_—sen-ti_vo-ei forse dial-trac- Fa Do sen- ti vo - ci si Fe De sib Fa Do Fa De sb Fa t sa sul con-fi=ne det ri - cor-di,— Ja sts-sa sem-pre co-me tu la © Dol EE CPL ee REP sh Fa Sib Fa Do sae © tu riecer-chi la le tue ra = di-c se (© 1972 by EM MUSIC PUBUSHING ITALIA wl, Rava 245 S010 Mine Th iho ea ea ese Ll vende. ws ened rr 202 vuoi ca-pi-re Ya-ni-ma che ba se vuoi ca-pi-re ['g-ni-ma che ha - i. sb Fs De sb Fe De Quan-ti_tem-pie quan-te vi- te so-no sei-vo-la-te — via da te, eae fam =] =e eo —SS SS sb Fa sib Fa Do Sb Fa De ed_io Tul-ti-mo ti chie-do se co = no- sci = ies sol qual - che se gne, qual cho trac cia di o-gni. vi- ta o-la-men-te io ri - cor-coin to ri - spo-staad o-gni eo-sa non ca sb Re sb a -pi-taL ri - spo-stand 0 - gi co-sa non ea - pi-ta Fa - goz- 2a, e Do = pro- viun gran - de 0-moun pun-to di me - mo-ria. sib do SRF pro-prio que-sta’é for- se la Do De sib, Fa Do La casa sul confine della sera oscura o silenziosa #0 ne sta, respiri unaria limpida e leggera ‘e senti voei forse di altra eta «e senti voci forse di altra eta. La cose sul eonfine dei ricordl, Ja stessa sempre come tu la si ta ricerchi la le tue radiei se vuni eapire Panima ehe hai se vuni capire Panima che hai Quanti tempi e quante vite sono scivolate via da te, come il flume che ti passa attomo; tu cho hai visto naveore ¢ morire all antenati miei lentamente, giomo dopo giorno; De ed io Tulkimo tie qualche segno, qualche traceia di ogni vita, ose solamente io ricereo in te risposta ad ogni eosa non capita rispnsta ad ogni eosa non eapita. jedo se canosei in me stile cercare le parole, Ja pietra antica non emette suono, o parla come il mondo e come il sale, parole troppo grandi per un womo parole troppo grandi per un uomo. E te li senti dentro quei legami i riti antichi ei miti del passato tell senti dentzo come mani ‘ma non comprendi pit il signifieato ma non comprendi pia il significato. Ma che senso existe in cia che é nato dentro ai muri tuei tutto @ morto e nessune ha mai saputo 0 solamente non ba senso chiedersi io pit mi chiedo e meno ha eonoseinto; ed io Paltimo ti chiedo se eos! sara per un altro dopo che vorra eapire e se Valtm dopo ti trovera ‘Iolite silenzio senza fine 41 eolito silenzio senza fine, La casa @ eome un punto di memoria Je tue radici danno la saggez © proprio questa é forse la rigpesta e provi un grande senso di duleszza provi un grande senso di deleozza, 204 Antonelio Venditti ROMA CAPOCCIA Testo e Musica di A. VENDITIL Lento (in 4) Lab Lab Quen-to sei bel - la Ro - ma _quan- de se - ra quan- Lab Donat rin -do la lu = ma ae spec - chiaden - oar fon-ta - Lal DoulSol Reb, Faz/Do i oe € Je cop-piet-te senevan-no vi-a | Guan-to sei bel la Ro= ma quan-do Laly RebiLay pio-ve.— V2 che te sem-bra-no di quan-to sei Lab Lab Rebilb gh quan-to sei bel-lal__ Reb Lab, Mib/Sot Reb Og-gi_ me sem - bra che er tem-po____se sia fer-ma-to qui co Siv7Mab Lab Ve -do la ma-e - sta der Co-los -lo- ne, eso) pit Red Fai/Do sibm no nun te las-so ma-i Ro-maca - poe-cia__dermon-doin - fa- me, Rema Ca- Rebflab ty Lab =poe-cia der mon-doin - fa - me Keb Lab Quanto sei bella Roma quand’é sera ‘quando la luna se epeschia dentro ar fontanone ele coppictte se ne vanno via, quanto sei bella Roma quando piove. Quanto sei bella Roma quand’é or tremonto quando Tarancia rossezgia ancora sui sette colli e le finestre so’ tanti cechi che te sembrano di’: quanto sei bellal Ah shah ah quanto sei bella! Oggi me sembra che cer tempo se sia fermato qui. oc-cia____ der mon-doin - fa - me ve-do la san-ti - t& der Cup-po - Lab DomiSol eso’ pid) bbo-no Dom tes gy == Mib/So Dat % at B, poi cegue Reb Orch. ‘Vedo le maesta der Colosseo \do la santith der Cuppolons, «© s0' pitt vive e so pit: bono, no nun te lasso mai Roma capoccia der mondo infame Roma eapoccia der mondo infame. ‘Na carrozzella va co du stranieri un robivecehi te chiede un po’ de stracci |i passerecci so’ usigncli io ce se’ nato Roma, io Cho seoperta stamatting, io Cho seaperta, gai me sembra che. cad libitum