Sei sulla pagina 1di 6

IDEE E STRUMENTI

Raccolta fondi

Lintegrazione tra ciclo


del fund raising
e ciclo del grant making
di Valerio Melandri* e Francesco Santini**

Fund raising e grant making sono


due facce della stessa medaglia. Se
da una parte lazienda non profit
studia le modalit con cui raccogliere fondi, dallaltra deve porre
sempre maggiore attenzione su come questi fondi vengono erogati.
Troppo spesso per queste due attivit sono tenute separate: da una
parte gli uffici raccolta fondi e dallaltra gli uffici progetti, o comunque i soggetti che pi direttamente
sono coinvolti nellerogazione e gestione dei fondi.
Negli Stati Uniti in atto gi da tempo una tendenza a far convergere le due figure, di fundraiser e grantmaker(1), in ununica che ha in
s pi che entrambe le cariche, entrambe le
competenze e conoscenze relative.
Se da una parte chi raccoglie fondi deve anche
sapere come essi vadano gestiti, non solo per
quanto riguarda i progetti, ma dobbligo limpatto vero che le donazioni hanno sui beneficiari ultimi. Chi gestisce i fondi deve essere informato costantemente sul flusso monetario attuale e futuro e sulle modalit di raccolta
(partnership, sponsorizzazioni ecc.). In questo
modo possibile programmare lattivit anche
a seconda dei fondi disponibili o meglio, a richiedere un maggiore sforzo allufficio raccol-

N 4 - aprile 2006

ta fondi nel raggiungere obiettivi economicamente pi importanti per creare o portare


avanti programmi di intervento che richiedono
un maggiore investimento.
Grande importanza riveste dunque la figura
del fundraiser che diviene sempre di pi una
persona con cui il donatore ha un rapporto
diretto e che il primo destinatario di fiducia
da parte del donatore: non a caso lintegrazione delle competenze e conoscenze del
grantmaker allinterno della figura del fundraiser sicuramente un passo avanti che va
a completare un processo di trasparenza verso i donatori che in Italia iniziato con la
creazione dellIstituto per la donazione ma
che non da ritenersi n concluso n unidirezionale in questo senso.

La ricerca
di una via dintegrazione
Diventa dunque prioritario, per i professionisti
del non profit, cercare una via di integrazione
tra il ciclo del fund raising e il ciclo del grant
making: se per il primo gi stato trattato
nella bibliografia italiana, il ciclo del grant making necessita di un approfondimento ben pi
ampio essendo stato trattato in maniera quasi
esclusiva nella bibliografia accademica e scientifica statunitense.
In questo articolo si tratter prioritariamente
del ciclo del fund raising riprendendone gli
aspetti di maggiore importanza e si analizzer
il ciclo del grant making, trovando infine il
punto di raccordo che pu essere di utilit pratica per i fundraiser e i manager del non profit
39

IDEE E STRUMENTI

nello svolgere il lavoro quotidiano allinterno


delle aziende non profit.

Il ciclo del fund raising


Lefficacia del fund raising dipende da quella
della pianificazione e dal rigore dellesecuzione: in realt molto pi dalla pianificazione
che non dallesecuzione. Migliore la pianificazione, migliori saranno i risultati del fund
raising. Il ciclo del fund raising illustra il principio in base secondo cui possibile incorrere nellerrore di chiedere una donazione troppo presto: quindi un processo continuo di
pianificazione e di richiesta di donazioni. Prima di intraprendere la prima fase del ciclo del
fund raising, lazienda non profit deve comprendere i principi di marketing e la loro applicazione al processo di raccolta fondi. Tale
consapevolezza richiede allazienda non profit di mettere in atto dei meccanismi di feedback per misurare e monitorare le esigenze,
le percezioni, i desideri e i valori dei potenziali donatori. Che cosa vogliono i potenziali
donatori per le loro vite e cosa possono ottenere impegnandosi con lazienda non profit?
Pi lorganizzazione comprende questa relazione di scambio, meglio riuscir a gestire il
ciclo del fund raising. Il ciclo del fund raising
si compone di 14 fasi che qui descriviamo accompagnandole con una breve spiegazione
che vuole sottolineare i passaggi pi importanti di ogni fase.

Le fasi del ciclo del fund raising


Pianificazione:
esaminare la buona causa
La prima fase del ciclo del fund raising(2), la
pianificazione, consiste nellesame della buona causa per le donazioni. La buona causa
rappresenta la summa di tutte le ragioni per
cui si pu elargire una donazione allazienda
non profit e illustra le modalit attraverso cui
lorganizzazione si mette al servizio della comunit, offrendo benefici e conferendole un
valore aggiunto.
40

Raccolta fondi

Pianificazione: analizzare richieste mercati


Il passo successivo consiste nellanalizzare le richieste del mercato. Lazienda non profit deve
testare la mission, formulata attraverso la buona causa a fronte dei desideri e delle esigenze
del mercato o delle fonti di donazioni da cui
spera di ottenere sostegno. Il mercato rappresenta lunico vero test di validit a cui sottoporre la soluzione proposta dallazienda non
profit ai problemi umani o sociali di cui si occupa. La legittimazione del mercato essenziale per un fund raising di successo.

Pianificazione: sviluppare ed elaborare


il caso da proporre per raccogliere fondi
Nel fare fronte a esigenze comunitarie chiaramente individuate, nonch notoriamente apprezzate dai potenziali donatori, lorganizzazione pu formulare argomentazioni convincenti
per spiegare che il suo lavoro merita donazioni.

Azione: coinvolgere i volontari


Dopo alcuni primi passaggi di necessaria pianificazione, segue la prima vera fase di azione allinterno del ciclo del fund raising: il coinvolgimento dei volontari. Mentre le fasi precedenti coinvolgevano nella pianificazione i
membri dellorgano direttivo e altri volontari
selezionati, questa fase consiste in unazione
di elaborazione e realizzazione di strategie di
fund raising efficaci. Poich un fundraiser efficace una persona che crede nella buona
causa ed fedele a essa, le precedenti fasi di
coinvolgimento miravano a preparare i volontari a sollecitare nel modo opportuno altri volontari. Storicamente, e ancora oggi, la sollecitazione che d frutti migliori si rivolge a un altro volontario in un incontro faccia a faccia.
Uno dei metodi pi efficaci per coinvolgere i
volontari la legittimazione del documento
buona causa (Dbc). Per ottenere donazioni
necessario avere costante legittimazione da
parte dellorgano direttivo e degli altri volontari. Perch i volontari donino e ottengano donazioni, devono riaffermare il Dbc mantenen-

N 4 - aprile 2006

IDEE E STRUMENTI

Raccolta fondi

dosi impegnati nellanalisi dei piani dellazienda non profit. Questo impegno fondamentale prima di lanciare un programma o una campagna di raccolta.

Pianificazione/azione: convalidare il
documento buona causa
Il passo successivo la preparazione di un documento buona causa (Dbc), il piano di lavoro
finalizzato al raggiungimento della mission.
Vengono elaborati piani programmatici nellottica del fabbisogno annuale e di quello a lungo
termine. La pianificazione finanziaria segue la
pianificazione programmatica e definisce le risorse necessarie per dare attuazione ai programmi ed erogare i servizi. Vi figurano anche
le fonti di finanziamento necessarie a portare a
buon fine il piano programmatico. Il Dbc rappresenta la giustificazione del fund raising.
Alla redazione del Dbc partecipano i volontari,
specialmente i membri dellorgano direttivo, un
gruppo selezionato di grandi donatori e altri
volontari in grado di influenzare lazienda non
profit e la raccolta di fondi. Il Dbc definisce gli
obiettivi strategici e operativi futuri del fund
raising e deve comprendere non solo il fabbisogno operativo annuale, ma anche i piani di
fund raising a pi lungo termine, come il fabbisogno in termini di capitali.

Pianificazione:
definire obiettivi operativi
Il punto successivo la definizione degli obiettivi operativi. Il programma per il raggiungimento della mission deve infatti essere tradotto
in specifici piani dazione misurabili che offrano
soluzioni ai problemi di cui si occupa lazienda
non profit. Se la mission spiega il perch, la definizione degli obiettivi strategici deve chiarire
che cosa e la definizione degli obiettivi operativi deve dire come. Per essere credibili agli occhi
del mercato, gli obiettivi operativi devono essere realistici e raggiungibili entro i limiti delle risorse di cui dispone lazienda non profit.

N 4 - aprile 2006

Pianificazione:
valutare i mercati della donazione
Valutare i mercati della donazione serve per
stabilirne le capacit e leventuale volont di finanziare i programmi dellazienda non profit
per mezzo di donazioni. Le fonti di donazione
pi probabili sono le persone fisiche, le imprese profit, le fondazioni, le associazioni e gli enti pubblici. Il punto focale della valutazione dei
mercati deve consistere nel costruire e mantenere una base di finanziamento il pi diversificata possibile.

Pianificazione: selezionare
strumenti di fund raising
Gli strumenti o metodi di fund raising comprendono il mailing, il telemarketing sociale,
eventi speciali, incentivi, richiesta di grant, sollecitazioni personalizzate, iniziative di ringraziamento, e-mail e siti Internet.
Vanno selezionati in base anche alle risorse
umane ed economiche che lazienda non profit ha a disposizione.

Pianificazione: individuare
eventuali fonti di donazioni
Questa fase raffina la valutazione dei mercati
condensandola in una serie di liste di potenziali donatori. Vi saranno potenziali donatori su
ciascuno dei mercati: persone fisiche, imprese
profit e fondazioni.

Pianificazione: preparare piano


generale di sviluppo del fund raising
Il personale addetto al fund raising redige il
piano e coinvolge i volontari nel migliorarlo e
convalidarlo. Esso deve garantire unesecuzione appropriata allocando le risorse necessarie
per implementare il piano dazione, segnalando
anche le fasi del management consistenti nel
monitoraggio e nella valutazione volti ad apportare modifiche, se necessario.
41

IDEE E STRUMENTI

Pianificazione: proporre
il piano di comunicazione
Per un fund raising efficace, le comunicazioni
devono andare oltre la semplice diffusione di
informazioni, suscitando sentimenti e ragionamenti da parte delle persone a cui si chiede di
donare.
Una comunicazione efficace sul fund raising
arriva non solo al cuore, ma anche al cervello
di chi ascolta.

Azione: attivare i volontari


Ancora oggi, nessuna sollecitazione pi efficace di quella effettuata da un volontario impegnato che richiede in prima persona donazioni per unazienda non profit, nella quale egli
stesso gi fortemente coinvolto.

Azione: sollecitare le donazioni


Occorre in questa fase che i fundraiser gi donatori effettivi si rechino personalmente in visita ad altre persone a cui si chiede di donare. Il
fundraiser, che in questo caso anche un donatore effettivo, chiarisce la buona causa dellazienda non profit, spiega perch e in che
modo anche lui dona, e successivamente invita
il potenziale donatore a prendere parte alla realizzazione della mission elargendo a sua volta
una donazione.

Punto strategico: dimostrare


unamministrazione etica di quanto
ricevuto e rinnovo delle donazioni
Lazienda non profit ha il dovere di esprimere
gratitudine e ringraziamento, nonch di spiegare come sar utilizzata la donazione e dimostrare il massimo livello di accountability e di
amministrazione etica, appropriata e avveduta
della donazione.
Dal processo di rinnovo, ossia dallultima fase,
riparte il ciclo. La buona causa va rinnovata testandone nuovamente la validit sui costituenti. Il rinnovo richiede unanalisi continua del
grado di efficienza con cui lazienda non profit
42

Raccolta fondi

soddisfa le richieste e le esigenze dei suoi mercati della donazione. Il Dbc deve essere controllato e ricontrollato per dimostrare che lazienda non profit ancora efficace e degna di
essere sostenuta.
chiaro dunque che il fund raising un processo multidisciplinare che richiede un impegno intenso da parte del personale volontario
e retribuito per la realizzazione della serie di
fasi interconnesse descritte dal ciclo del fund
raising: senza un lavoro di team e una chiara
scelta del management dellazienda non profit
nello svolgere un ciclo di fund raising in modo corretto, completo e professionale ogni
sforzo di raccogliere fondi non otterrebbe i risultati sperati.

Il ciclo del grant making


Ogni azienda non profit potenzialmente svolge
attivit di erogazione, dunque ogni azienda
non profit fa grant making(3). Il grant making, arte e scienza gemella del fund raising,
stato sviluppato, anche allinterno della bibliografia specializzata, come una funzione
specifica delle fondazioni.
Una riflessione maggiormente contestualizzata
nella realt presente fa rientrare per il grant
making allinterno dellattivit ordinaria delle
aziende non profit: anche lassociazione di volontariato che raccoglie fondi per destinarli a
progetti nel Sud del mondo svolge una attivit
di grant making in cui vi necessit sia di selezionare e valutare i progetti individuati o proposti da terzi (per esempio: da missionari, da
persone attive nella cooperazione internazionale) sia di valutare limpatto che i fondi destinati hanno avuto sulle persone.
Il grant making non dunque da categorizzare come una serie di processi e strumenti utili
solamente ai grandi enti erogatori (in Italia le
fondazioni bancarie) ma a tutte le aziende non
profit che attuano un processo di valutazione
dei progetti e dei programmi attuati e da attuare. Il ciclo del grant making si compone di tre
fasi e di otto passaggi che vengono qui identificati anche con una breve serie di domande

N 4 - aprile 2006

Raccolta fondi

che possono aiutare il fundraiser/grantmaker in


un primo approccio operativo e non soltanto
teorico al ciclo del grant making.

Fase 1. Programmazione strategica


a)Identificazione del problema, del bisogno
che lanp potr soddisfare: questo passaggio
richiede anche una esplicitazione delle priorit dellanp e della mission. Quali sono i
problemi presenti e urgenti espressi dalla
comunit dove si vuole operare o dove si
opera? Tali problemi/bisogni riflettono effettivamente la missione e le priorit che lanp
si posta?
b) Analisi di tutto il materiale riguardante il problema, il bisogno individuato e su cui si vuole intervenire, per esempio: report di interventi svolti da altre onp, ricerche svolte su
medesime tematiche. Che cosa gi si conosce
del problema? Cosa stato fatto da altri su tematiche simili? Quali altri programmi hanno
avuto successo o insuccesso e perch?
c) Sviluppo di un programma strategico che
comprenda chiaramente le modalit di investimento dei fondi raccolti e dettagliatamente
ne preveda la spesa. Qual la teoria del
cambiamento che si vuole proporre? Quale il
piano di azione? Quali gli obiettivi? Si certi
che il programma delineato sia efficace?
Quali out-come sono previsti?

Fase 2. Implementazione
del programma
a)Condivisione del programma allinterno dellanp: chi deve essere coinvolto nella revisione? Quale metodologia di condivisione verr
utilizzata: meeting informali, assemblee, incontri face to face con ogni membro del consiglio di amministrazione?
b) Messa in opera del programma: quali fondi
sono disponibili o dovranno essere trovati per
dare vita al programma? Quali misure adottare in caso di necessit di ulteriori fondi?
c) Gestione del programma: quali indicatori
possono informare il management dellazien-

N 4 - aprile 2006

IDEE E STRUMENTI

da non profit dellandamento del progetto sia


in termini qualitativi che economici?
d)Attivit di monitoraggio: come raccogliere le
informazioni utili per valutare il programma?
Come ottenere un feedback dai beneficiari?

Fase 3. Misura dellimpatto


a)Valutazione del programma, degli out-come
e della eventuale lezione imparata(4): questa fase comporta inoltre una serie di decisioni sul futuro del programma (la sua continuazione, la modifica o la chiusura).

Lintegrazione fra i due cicli


Lintegrazione dei due cicli avviene specialmente allinterno della seconda fase del ciclo
del grant making per le aziende non profit
dove, per implementare il programma, necessario avere a disposizione i fondi necessari
e solamente un corretto ciclo del fund raising
portato a termine dal personale della azienda
non profit pu garantire a sua volta che anche
il ciclo del grant making possa progredire
correttamente.
Anche nella fase 3 del ciclo del grant making
dove si esplicita il tema, molto caro ai donatori, dellaccountability vi una necessaria integrazione fra i cicli: solo una seria valutazione dei programmi svolta allinterno del ciclo
del grant making rende possibile, da parte dei
fundraiser, una corretta e trasparente comunicazione dei risultati ottenuti dallazienda non
profit grazie alle donazioni elargite dai propri
sostenitori. Questa integrazione andrebbe
svolta non solamente a livello teorico ma anche nel lavoro quotidiano delle anp: troppo
spesso una scarsa comunicazione e vera e
propria integrazione tra il lavoro, i progetti, i
budget degli uffici raccolta fondi e degli uffici
di gestione e creazione dei programmi dellanp crea notevole confusione sia interna, con
possibili ripercussioni anche nei rapporti fra il
personale, sia esterna con una comunicazione
verso i donatori che non raggiunge appieno i
livelli di trasparenza e chiarezza richiesti dagli
stakeholder.
43

IDEE E STRUMENTI

Considerazioni conclusive
Scopo di questo articolo di stimolare maggiormente uno studio della corretta organizzazione dei programmi e dei progetti delle aziende non profit: troppe volte una scarsa attivit di
pianificazione causa nelle aziende non profit
dellelaborazione e messa in opera di progetti
con scarsi out-come o, per essere maggiormente
chiari, dove si fa spesso il passo pi lungo della gamba. Daltra parte si vuole anche contribuire a definire meglio la figura di fundraiser che
dovr integrare allinterno delle sue competenze
anche quelle relative al grant making, seguendo
un percorso gi tracciato negli Stati Uniti che sta
portando la professione di fundraiser verso quella di development officer, ovvero il responsabile
dello sviluppo delle attivit e dei progetti delle
aziende non profit, persona che incardina nelle
sue responsabilit sia i settori del fund raising
che del grant making. In Italia comunque rimane molto da fare per lo sviluppo della professione del fundraiser, questo vuole essere un primo

44

Raccolta fondi

passo per la piena legittimazione dei veri professionisti della raccolta fondi.
* direttore Master in Fund Raising
e Responsabilit Sociale, Universit di Bologna
** ricercatore Philanthropy Centro Studi

[Note:]
1) Il grant making traducibile in italiano come erogare fondi, anche se tale traduzione la fa rientrare esclusivamente
nellambito delle erogazioni delle fondazioni, mentre crediamo
che debba essere allargato anche alla pi ampia categoria delle aziende non profit.
2) Su questo argomento, cfr. cap. 6, H. Rosso, V. Melandri, E.
Tempel, Il libro del fund raising, Etas 2004.
3) Il paragrafo trae spunto da una ricerca svolta nellambito
del grant making per le fondazioni e pubblicata nellinteressante volume: M.T. Braverman, N.A. Constantine, J.K. Slater, Foundation and evaluation, Jossey-Bass 2004.
4) In questo senso ci riferiamo a quei progetti che non vanno
a buon fine ma dalla cui esperienza lazienda non profit pu
trarre, se sa gestire correttamente il ciclo del grant making,
utili informazioni per migliorare la propria attivit e limpatto
di questa sui beneficiari delle sue azioni.

N 4 - aprile 2006