Sei sulla pagina 1di 2

Ecco perch la Cina sar la nuova

superpotenza mondiale
19 - 07 - 2013Andrea Pira
Tra non molti anni Pechino potrebbe spodestare gli Usa dal trono di nazione pi potente al
mondo
Cambia nel mondo la percezione dellequilibrio tra le potenze. La bilancia si sta spostando a
favore della Cina. Aumenta il numero di quanti ritengono che Pechino superer, se non ha gi
spodestato, gli Stati Uniti come superpotenza globale.
Nelle opinioni globali la Repubblica popolare si messa in corsia di sorpasso, la cui data
sembra avvicinarsi sempre pi velocemente, sebbene le previsioni varino: 2030, 2025 alcuni
addirittura 2017. Se nel 2008 gli Usa erano percepiti come la principale potenza economica al
mondo dal 47% degli intervistati, oggi lo sono dal 41%, mentre la Repubblica popolare
salita dal 20% di cinque anni fa allattuale 34%.
I dati sono emersi dallultimo sondaggio del Pew Research Institute condotto in 39 Paesi, i cui
risultati sono stati pubblicati dopo una settimana dal dialogo economico strategico tra i due
governi che cercano di sviluppare quella che definiscono una nuova relazione tra potenze.
Washington continua per a riscuotere maggior consenso: il 63% ha un atteggiamento
favorevole verso gli Usa, considerati nella maggioranza dei casi una nazione amica, mentre
Pechino ferma al 50%. Allimmagine di Washington giova la percezione sul rispetto delle
libert individuali. Il sondaggio non dice quanto per il caso Snowden e le rivelazioni sui
programmi di sorveglianza e spionaggio della National Security Agency possano aver
influito sulle risposte. Almeno in Europa, la percezione degli statunitensi ha goduto della
figura di Barack Obama alla presidenza, scrive il centro di ricerca, rispetto
allantiamericanismo diffuso nel Vecchio Continente durante la presidenza di George W.
Bush.
Diversa invece lopinione nel mondo musulmano con percentuali favorevoli agli Usa che
soltanto in pochi Paesi superano il 20%, le pi alte delle quali in Indonesia e in Malaysia,
dove peraltro la Cina riscuote comunque maggiore successo.
Filippine, Corea del Sud e Giappone considerano invece primario il rapporto con
Washington. La Corea del Sud per ragioni storiche. Nel Paese sono di stanza 28mila soldati
Usa e il sostegno Usa indispensabile nel conflittuale rapporto con il regime nordcoreano.
Filippine e Giappone sono alle prese con dispute territoriali con Pechino nelle quali non sono
mancate prove di forza come lo stallo filippino-cinese con le due marine che si fronteggiarono
per alcuni giorni ad aprile di un anno fa. Mentre in Giappone, tra rancori storici e controversie
per la sovranit sulle isole Senkaku o Diaoyu, a seconda che ci si usi il nome nipponico o
cinese, la percentuale di quanti vedono con favore Pechino appena del 5%.
Dove Pechino riscuote favore lAfrica sub-sahariana e lAmerica Latina, anche per via
degli investimenti cinesi. Gli Usa possono tuttavia contare sulla forza del loro soft-power, un

campo in cui la Cina ancora arranca nonostante gli sforzi con gli istituti Confucio, le
campagne promozionali dellagenzia di stampa Xinhua e linternazionalizzazione dei propri
organi di informazione.
http://www.formiche.net/2013/07/19/cina-usa-superpotenze/