Sei sulla pagina 1di 4

Giacomo: Cip!

Giovanni: Cip!
Aldo: Cip!
Gio: Ma tu prima hai lasciato.
A: Ho cambiato due carte!
Gio: Ma se hai detto vado.
A: Vado a cambiare due carte.
Gia: Credo di averlo accompagnato.
Gio: Vabb...
Gia: Che caldo...
Gio: Hai caldo? Vuoi un po' di champagne? (tira fuori un tetrapak)
Gia: Perch no? (porge il bicchiere a Gio che versa)
Gia: Che cazzo di champagne ?
Gio: Tu? (ad Aldo)
Aldo: No, grazie.
Gio: Champagne Tertrapak, del '82. E' l'annata migliore! Non lo vuoi?
Aldo: Nonono...
Gia: Magari lo bevo dopo, eh?
Gio: Va bene...
Gia: Per fa un caldo pazzesco qua...
Gio: Eh s perch l c' il calorifero che rimane fisso e rotto giorno e notte, estate e inverno 60 gradi,
sempre!
Gia: Beh, aggiustiamolo!
Gio: Eh no, non si pu aggiustare! Infatti l venuta la zona tropicale! Vedi le mangrovie? Non
che sono a caso.
A: Per qui fa un freddo barbino da questa parte...
Gio: Infatti rimane sempre aperta la porta del freezer!

A: E chiudiamola!!
Gio: Non si pu aggiustare! Infatti l c' la zona artica, non vedi? Che ci sono i cani da slitta? Eh?
Warmorny! Argo! Armad! Buoni l!
A: Come mai c' la carcassa dello gnu di qua?
Gio: Perch morto nella zona calda ma per conservarlo l'ho messo nella zona fredda.
A: Ah, per non farlo andare in putrefazione!
Gia: S per fa un caldo pazzesco qua, dai...
A: E di qua fa un freddo che non se ne pu pi...
Gio: E invece qui c' la zona temperata, si sta da dio!
Gia: Eh, ho capito, per noi si sta male!
Gio: Son dieci anni che giochiamo a casa mia il gioved e vi lamentate sempre! Cambiatevi!
Gia: Eh, cambiamoci, andiamo avanti cos con questa dittatura!
A: Di l c' uno sbalzo di 60 gradi!
Giacomo e Aldo nel frattempo si scambiano di posto
Gio: 62 per l'esattezza... Scusa andiamo a casa tua (a Giacomo)? No troppo piccola. Andiamo a
casa tua (ad Aldo)? No, non ce l'hai! E allora e giochiamo a casa mia si fa quello che dico, va bene?
Gia: S ho capito ma che modi per...
Gio: Su, fai le carte ora.
Gia: Io devo fare le carte? Le ho appena fatte, ero di l!
Gio: E cosa vuol dire, in senso antiorario quindi tocca a te.
Gia: Quale senso antiorario? Le carte si danno in senso orario!
Gio: No, antiorario! Spiegaglielo tu.
A: Allora, se metti l'orologio sul polso di qua orario, se lo metti sotto antiorario, se lo metti
nell'altro braccio fuso.
Gio: ...orario!
Gia: Ditelo, si gioca sotto dittatura, io non so... (mischia le carte ad libitum)
A: Ma che cosa sono tutti questi mozziconi?
Gio: Eh, giochiamo a poker, ci sono i mozziconi.

A: S, ma qui nessuno fuma!


Gio: Lo so, ma fa ambiente, atmosfera, no?
A: Senti io li butto via che mi danno fastidio... (butta via il posacenere)
Gio: Ma nooo, un posacenere allegorico! E' cos...
A: Come i carri?
Gio: S, solo che non ha le ruote... (a Giacomo) allora ti sbrighi a...(Aldo nel frattempo ruba le
fiches) cosa fai tu? Cosa fai? Lascia stare l! Rubi?
A: E' un furto allegorico!
Gio: S, allegorico, ' un furto e basta! (a Giacomo) Cosa continui a mischiare le carte?
Gia: Mischio ad libitum! Sono mazziere, mischio ad libitum!
A: E' il mazziere!
Gia: Oooo... taglia il mazzo, dai...
Gio: Taglio il mazzo...
Gia: Taglia il mazzo in quattro mazzi.
Gio: Come?
A e Gia: Taglia il mazzo in quattro mazzi!
Gia: Metti il terzo sopra il primo, il primo sopra il due, il terzo...
A: ...sopra il quattro, quattro e otto, chi fuori fuori, chi sotto sotto! E' una regola!
Gio: Non l'ho mai sentita, poi perch non lo fai tu?
Gia: Perch non mi fido neanche di me stesso! Dai, su... Uno, due, tre, quattro, cinque... ( le da ad
Aldo) uno, due, tre, quattro, cinque... (le da a Giovanni) uno, due, tre, quattro, cinque e sei...
Gio: Come sei? Come fai a darti sei carte?
Gia: Sono il mazziere, scarto la pi brutta, la regola, dai!
A: E' il mazziere!