Sei sulla pagina 1di 322

LA THUILE 2003

CANTI
INDICE

2
3
Canti in latino
Attende Domine 15

Ave, generosa 15
Christe cunctorum 16
Crux fidelis 17
Dulcis Christe 18

Exaudi Domine 18
Jesu dulcis memoria 18
Jesu Tibi vivo 19
Lauda, Sion, Salvatorem 19
Nitida stella 20
Non nobis 21
O magne Pater 21
O quam amabilis 21
O spes mea cara 22
Omni die 22
Regina coeli 23
Rorate coeli desuper 23
Salve Mater Misericordiae 23
Salve Regina 24
Te Deum 24
Ubi caritas et amor 26

Laudi e canti trobadorici


Amor
dolze senza pare 27

Amor dolze senza pare 29


Ave donna santissima 29

Da ciel venne messo novello 29


Da mi conforto, Dio 29
De la crudel morte del Cristo 30
Gloria ’n cielo 30
4
Laude novella 30
Ma vïele 31 Madonna santa Maria 31
Ognun m’entenda 31
Omne homo ad alta voce 32
Salutiam divotamente 32
Troppo perde il tempo 32
Tutor dicendo 33
(Jesù, dolce ad amare)
Venite a laudare 34
Voi ch’amate lo Criatore 34

5
Canti tradizionali Salmo 41:L’anima mia ha sete del
Dio vivente 46
Cristo risusciti 37

Crocifisso mio Signore 37


Dal fondo del dolore 37
D’amor pane dolcissimo 37
Discendi, Santo Spirito 38
Mi prendi per la mano 38
O côr soave 38

O Maria, dolce tesoro 38


Per te, Signore 39
Quant’è dolce, o Salvatore 39
Qui presso a te 39
Se tu m’accogli 39
Ti adoro Redentore 40
Tu mi guardi dalla croce 40 Salmo 50: Miserere (Mascagni)47
Tu sei un Dio fedele 40
Vero amor è Gesù 40 Salmo 50: Purificami,
o Signore 47
Salmi Salmo 56: A noi, Signore 48
Salmo 97: Cantate al Signore
Salmo 1: Beato l’uomo 43 un inno nuovo 48
Salmo 99: Andiam verso
il Signor 49
Salmo 117: La pietra 49
Salmo 121: Rallegrati,
Salmo 2: I re della terra 43 Gerusalemme 49
Salmo 8: O Signore, mio Dio 43 Salmo 123: Rivolti i nostri occhi
Salmo 18a: Narrano i cieli 44 son lassù 50
Salmo 18b: La parola del Salmo 132: Com’è bello,
Signore è verità 44 com’è dolce 50
Salmo 21: Mio Dio, perchè mi hai
abbandonato ? 45
Salmo 22: Il Signore è mio Inni e cantici
pastor 45
Salmo 26: Vedrò la bontà del L'aurora risplende di luce 53
Signor 45 Innalzate nei cieli lo sguardo 53
Salmo 33: Gustate e vedete 46 Liberati dal giogo del male 53
Magnificat 54

6
Nel primo chiarore del giorno 54 Canti liturgici tradizionali
O Trinità infinita 55
Per Te solo è chiara la notte 55 Al mattino 59
Prima che sorga l'alba 55
Raggiante fra tenebre dense 56 Allora saprete che esisto 59
Apparirà 59
Ave Maria, splendore
del mattino 60
Ave maria, stella del mattino 60
Camminerò 60
Cantico dei redenti 61
Canzone di Maria Chiara 61
Che siano una cosa sola 62
I cieli 62
Come è grande 62
Dal profondo 63
Il disegno 63
Il giovane ricco 63
Grazie, Signore 64
Ho abbandonato 64
In chi 64
In comunione 65
Io non sono degno 65
Io ti offro 65
Lasciati fare 66
Ma non avere paura 66
Madre di Dio santissima 66
Marta, Marta 66
Il mio volto 67
Il Mistero 67
Il monologo di Giuda 68
Nella Tua pace 68
Noi non sappiamo chi era 68
Non son sincera 69
Il nostro cuore 69
Ora so 69
Il pane 69
Perdonami, mio Signore 70
Povera voce 70
Preghiera a Maria 70
Quando uno ha il cuore buono 70
Se il Signore non costruisce
7
la città 71 Monte Pasubio 88
Il seme 71
Monti Scarpazi 88
Canti di montagna Ninna nanna alpina 88
Ohi, cara mama 89
Aj preat 75 Serenata a Castel Toblin 89
Signore delle cime 90
Stelutis alpinis 90
Al cjante il gjal 75 Sul cappello 90
Al comando dei nostri Sul pajon 91
ufficiali 75 Sul ponte di Perati 91
Alla mattina 75 91
Belle rose du printemps Sul ponte di Bassano 92
La bêrgera 76 Ta-pum ! 92
76 Toitela ti 92
Bersagliere ha cento penne 76 Valsugana 93
Bombardano Cortina 77
Di qua , di là del Piave 78 Canti regionali
Dove sei stato mio bell’alpino 78
E col cifolo del vapore 78 ABRUZZO
Il canto della sposa 79
Era nato poveretto 79 Alla fiera di mastro Andrè 97
Era una notte che pioveva 79 Luntane cchiù luntane 97
Gran Dio del cielo 79 Mare nostre 98
Il dispiasi de noiautri alpin 80 Vola vola vola 98
Il testamento del capitano 81
In licenza 81 BASILICATA
Joska la rossa 81
La bomba imbriaga 82 Canto dei sanfedisti 99
La ceseta de Transaqua 83 I briganti 99
La Dosolina 83 Vulesse addeventare
La leggenda della Grigna 83 nu brigante 100
La montanara 84
La pastora 84 CAMPANIA
La rivista dell’armamento 84
La tradotta 85 Canzona appassiunata 100
La vien giù da le montagne 86
La Visaille 86 Dicitencello vuie 101
L’è ben ver che mi slontani 86 Era de maggio 102
L’è tre or che son chi soto 87 Funiculì Funiculà 102
Monte Canino 87 Lacreme napulitane 103
Monte Nero 87 Madonna dell’arco 103
8
Madonna de la grazia 104 E verrà quel dì di lune 119
Malafemmena 104 El Luisin 120
Mandulinata a Napule 105 El Magnan 121
Me so’ ‘mbriacato ‘e sole 105 Ho visto un re 121
Munasterio ‘e Santa Chiara 105 La bella Gigogin 122
‘Na bruna 106 La bella la va al fosso 123
‘O sole mio 106 La vegiazza 123
O surdato ‘nnamurato 107 Pellegrin che vien da Roma 124
Passione 107 Piroli pirolà 124
Pigliate ‘na pastiglia 108 Quand sona i campan 125
Reginella 108 Un’idea 125
Silenzio cantatore 109
Tammuriata nera 109 ROMAGNA
Torero 110
Torna a Surriento 110 L'uva fogarina 126
Tu ca nun chiagne 111 Romagna mia 126
La Santa Allegrezza 111
Tu vuo' fa' l'americano 112 SICILIA

EMILIA Avò! L’amuri miu 127


Casteddu a mari 127
Tango delle capinere 113 Ciuri ciuri 127
106
FRIULI Comu si li cugghieru li
beddi pira 128
Ave o Vergine 113 Mi votu e mi rivotu 128
U sciccareddu 129
LAZIO Iu mi curcu 129
La me zita 129
Arrivederci Roma 114 Oh pedi di lumia 130
La società dei magnaccioni 114 Salve Regina (Castellamare) 130
Roma, nun fa' la stupida stasera 115 Sicilia bedda mia 131
Tanto pè cantà 115 Signuruzzu, chiuviti chiuviti 132
Stidda mattutina 132
LOMBARDIA Lu suli sinni va 133
Varcuzza mia 133
A la moda 116 Vinni la primavera 133
Cara’l me Toni 117 Vitti na crozza 134
Col piè di porco 117
Dove te vet, o Mariettina ? 118 TOSCANA
E la vita, la vita 118
E mì la donna bionda 118
9
L’amore è come l’ellera 134 La carovana 154
Il cielo è pieno di stelle 154
TRENTINO Un ciodo 154
Coccodrilli 155
La Domenica andando Come porti i capelli 155
alla Messa 135 Il freno a mano 155
La Gilera 156
VENETO Giona nella balena 156
Il grillo e la formica 156
La mula de Parenzo 135 La lontananza 157
La storia dei gobboni 136 Ma perché 157
Me compare Giacometo 137 Non so dir ti voglio bene 158
El gondolier 137 Oilà Maruska 158
‘O marenariello 158
Canti tra le due guerre La paganella 159
Il pesce rosso 159
Addio, mia bella addio 141 Placido 160
Campane 141 La Santa Caterina 161
Canto della nostalgia 141 Sinfonia sull’Hararat 161
Ferriera 142 Vinassa, vinassa 162
Inno dei sommergibilisti 142 Zio Caiman 162
Io ti saluto… vado in Abissinia 143 Zim bum bum 163
La sagra di Giarabub 143
La serenata del soldato 144 Canzoni di Celentano
Mamma mia dammi cento lire 144
Mille lire al mese 145 Un albero di trenta piani 167
Spazzacamino 145
Tango vagabondo 146 Una carezza in un pugno 167
Violino Tzigano 146 Il ragazzo della via Gluck 168
Voglio vivere così 147 Sotto le lenzuola 169
Storia d’amore 169
Canti popolari La storia di Serafino 170
La tana del re 171
Alla mattina c'è il caffè 151 Il tempo se ne va 172
Amor di pastorello 151
La ballata di Lazy Boy 151 Canti di Mina
Bambino nella culla 152
La banda 153 Amor mio 175
La battaglia di Magenta 153 E se domani 175
Il canto del cuculo 153 E’ l’uomo per me 175
Caramba 153 Lui lui lui 176

10
Mi sei scoppiato dentro… 177 Canti stranieri
Le mille bolle blu 177
Parole parole 178 Spagnoli e Sudamericani
Pasqualino Marajà 179
Sana 180 A banda 201
Se c’è una cosa che… 180 Adios 201
Se telefonando 180 Aire castellano leones 202
Sei grande grande grande 181 A la pesca del atun 202
Un’ora 181 El alcalde de arrigorriaga 203
Alecrim 203
Antonio Vargas heredia 203
Aquarela 204
Canti della nostra storia Balada de caridade 204
Canto del honor 205
Andate in mezzo a loro 185 Las cintas de mi capa 205
Avrei voluto essere una banda 185 Cambiar al hombre 206
Avanti, forza 186 A canoa 206
Ballata dell’amore vero 186 Carbonero 206
Ballata dell’uomo vecchio 187 Chega de saudade 207
Ballata del potere 187 Cielito lindo 207
Ballata di G.L. 188 Clavelitos 208
La canzone della Bassa 188 Como Busca 208
Errore di prospettiva 189 Como un milagro 208
Favola 189 Corcovado 209
Il fiume e il cavaliere 190 Cuando de mi Patrona 209
Gs cha, cha, cha 190 Cuando la noche tiende su...209
La guerra 190 Desafinado 209
Ho un amico 191 Desde santurce a Bilbao 210
Inno delle scolte di Assisi 191 El Ebro guarda el silencio 210
Martino e l’imperatore 192 El mar 211
Mattone su mattone 192 El noi de la mare 211
Non c’è nessuno 193 En lo alto el Perineo 212
La nuova Auschwitz 193 Entre a me pago sin … 212
L’opera 193 Eres alta y delgada 212
Parsifal 194 En que nos parecemos 213
Pim pam 194 En el monte Gorbea 213
Il popolo canta 195 Estudiantina madrilena 213
Rossa sera 195 Este es el dia del Señor 213
La strada 195 Estudiantina Portuguesa 214
La traccia 196 Fica mal con Deus 215
Il viaggio 196 Francisco Alegre 215
Viva la companì 197 Carota de Ipanema 216
11
Granata 216 La Virgen de Guadalupe 234
Guantanamera 217 Virgen Morenita 234
Jotas del que sique 217 Vuestra soy 235
Jotas castellanas 217 Vuestra 235
Y dale alegria a mi corazon 236
179 Y tù qué has hecho? 236
Jotas segovianas 218
La historia de una amapola 218 Canti americani e spirituals
Hoy arriesgaré 219
Hombres nuevos 220 Amen 237
Làgrima 220 A new creation 237
Lela 221 Ain' a that good news 238
Madrid 221 All God’s children got … 238
Meu Sao Bendito 221 All my trials 238
Nino lindo 222 All night all day 239
Nossa Senhora 222 Balm in Gilead 239
Ojos de cielo 222 Banana 240
Los ojos de la espanola 223 Climbing up the mountain’s 240
Pasacalles 223 Come and go with Me 240
Los peones 224 Daniel 240
Piel canela 224 Don’t think twice, it’s all right 241
Pon tus manos 224
Por la calle de alcalà 225
Porompompero 225 Down by the riverside 242
Los reyes magos 226 Early in the morning 242
Romaria 226 Forever Young 243
Salve 227 Freedom 243
Salve Reina 227 Give me Jesus 243
Salve Rociera 228 Go down Moses 244
(Soa as ) aguas de Marco 228 Go tell it on the mountain 244
Serrana mia 229 Glory Halleluja 244
Sevillanas del adios 229 Good news 245
Si me enamoro algun dia 230 Happy day 245
Solo le pido a Dios 230 High, low, wide 245
Sou feliz Senhor 231 Hold on 246
Todo cambia 231 If I had my way 247
Toda la vida 232 Jamaica Farewell 247
Todos en echo 232 Joshua fits the battle of Jerico 248
Tristezza 233 I wonder 248
Vamos pastores vamos 233 It's me 249
Vento 233 It’s obvious 249
Kumbaya 249
12
Lonesome road 250 Non biasimatemi 270
Lord of the dance 250
Love the one you’re with 251
Mary did you know 251
Mary don't weep 252
My Bonnie 252
My Father sings to me 253
My Lord, what a morning! 253
Michael, row the boat ashore 254
Nazareth morning 254
Nobody knows 255
Old time religion 255
Over in the glory land 255
Rock around the clock 256
Roll, Jordan roll 256
Route 66 256
Rum and Coca-Cola 257
Settle down 257
Slip slidin’ away 258
Sometimes I feel 258
Street of the Bronx 259
Swing low 259
Take me home country roads 260
Teach your children 260
Thank God I’m a country boy 261
The things that I see 262
Very last day 262
Walk together, children 263
Were you there 263
We shall overcome 263
When the Saints 264
Who will watch the home place264
Witness 265
You 266
You take my breath away 267
The wood thrush’s song 268

Canti russi

Biozza v tiesnoi 269


Il campanello 269
Le gru 270
13
Canti francesi The flower of Finae 293
Foggy dew 294
Le Bon Dieu s’enervait 272 From Clare to here 295
Les Champs-Elisées 272 Geordie 296
Chant de penitance 273 The green fields of France 296
Chevaliers de la table ronde 274 Heart of Highland 297
Ecoute la voix du Seigneur 274 I'll tell me ma 298
L'enfant prodigue 275 Lilly the pink 298
Fanchon 276 Loch Lommond 298
Fleur d’épine 276 Lovely on the water 299
J’ irai 277 My song is love unknown 300
Je l’aime a mourir 277 On Raglan road 300
Je veux voir Dieu 278 Only our rivers run free 301
Oh! Doux pays de Canaan 279 Only you 302
La première en chemin, Marie 279 Our Hero 302
Que chante pour toi 281 The Rose of Tralee 302
Les retrouvailles 281 Sacrifice 303
La samaritaine 282 The Sloop John ‘B’ 303
Seigneur, ou es tu 283 Somewhere along the road 304
Siffler sur la colline 284 Speed Bonnie boat 304
Souffle imprévisible 284 Star of the County Down 304
Tout ça 285 There’s whisky in the jar 305
Vent fin 286 Tomorrow shall be… 306
Vieux peléren 286 Westering home 306
Zachée 286 Will you go Lassie go 306
The wild rover 307
The wind in the willows 307

Canti irlandesi-scozzesi-inglesi

All around my hat 288

Bette Davi’s eyes 288


Blackbirds and thrushes 289
Both sides the Tweed 290
Carolina Rua 290
The cliffs of Dooneen 291
Child of men 291
Cockles and mussles 292
Come my way 292
The fields of Athenry 293
14
15
16
CANTI
LATINI

17
Attende Domine

Attende Domine, et miserere


quia peccavimus tibi.

Ad te Rex summe, omnium


Redemptor
oculos nostros sublevamus flentes:
exaudi, Christe, supplicantum preces.

Dextera, Patris, lapis angularis,


via salutis, janua coelestis,
ablue nostri maculas delicti.

Rogamus, Deus, tuam majestatem:


auribus sacris gemitus exaudi:
crimina nostra placidus indulge.

Tibi fatemur crimina admissa:


contrito corde pandimus occulta:
tua, Redemptor, pietas ignoscat

Innocens captus, nec repugnans


ductus,
testibus falsis pro impiis damnatus:
quos redemisti tu conserva, Christe.

Volgiti a noi, Signore, e abbi pietà, perchè


abbiamo peccato verso di te. A te,
supremo Signore, salvatore di tutti,
leviamo in pianto il nostro sguardo,
ascolta, o Cristo, la preghiera di chi
t'invoca. Espressione dell'infinito,
fondamento di ogni costruzione, strada
della salvezza, soglia della felicità
cancella il buio del nostro male.
Preghiamo, o Dio, la tua grandezza,
accogli il gemito nostro nella tua
sublimità; perdona longanime i nostri
delitti. Riconosciamo davanti a te i nostri
errori; ciò che è nascosto in noi, con
dolore lo confessiamo; o Redentore, la tua
pietà ci perdoni. Tu, arrestato sebbene
18
innocente, condannato senza ribellarti, santità che piaque a Dio. In te infatti
ucciso per noi peccatori, salva coloro che avvenne quella celeste infusione, per
hai redenti. cui il Verbo eterno si rivestì di carne in te.
Tu candido giglo, cui Dio rivolse lo
sguardo prima di ogni creatura. O
bellissima e dolcissima; quanto
Ave, generosa grandemente Dio si è compiaciuto in te!
Nel calore del suo abbraccio ha fatto
germogliare in te suo Figlio così che
Ave generosa, gloriosa et intacta potesse ricevere da te il latte. Così il tuo
puella grembo esultò di gioia, quando tutta la
tu pupilla castitatis, tu materia sinfonia celeste sgorgò da te, perchè tu, o
sanctitatis, vergine, portasti il Figlio di Dio, per cui la
quae Deo placuit. tua castità rifulse in Dio. La tua carne
Nam haec superna infusio in te fuit, provò gioia, come l'erba su cui cade la
quod supernum verbum in te carnem rugiada infondendovi freschezza; così è
induit. accaduto anche in te, o madre di tutte le
gioie. Ora tutta la Chiesa risplenda di
Tu candidum lilium,
gioia e risuoni nell'armonia per la
quod Deus ante omnem creaturam dolcissima vergine Maria, degna di lode
inspexit. madre di Dio. Amen
O pulcherrima et dulcissima,
quam valde Deus in te delectabatur!
Cum amplexione caloris sui Christe cunctorum
in te posuit ita quod filius eius
de te lactatus est. Christe, cunctorum dominator alme
Venter enim tuus gaudium habuit, mente Supremi generate Patris,
cum omnis coelestis symphonia de te supplicum voces pariterque carmen
sonuit, cerne benignus.
quia, virgo, filium Dei portasti
ubi castitas tua in Deo claruit. Cerne, quod templi, Deus ad decorem
Viscera tua gaudium habuerunt, plebs tua supplex resonet per Aedem,
sicut gramen super quod ros cadit annuo cuius redeunt colenda
cum ei viriditatem infudit; tempore festa.
ut et in te factum est,
o mater omnis gaudii. Haec Domus surgit tibi dedicata
Nunc omnis Ecclesia in gaudio rutilet rite, ubi sumit populus sacratum
ac in symphonia sonet Corpus ex aris, bibit et beati
propter dulcissimam virginem Sanguinis haustum.
et laudabilem Mariam Dei
genitricem. Amen. Hic sacrosanti latices nocentum
diluunt culpas, perimuntque noxas:
chrismate invictum genus et creatur
Ave, nobile, generosa e intatta fanciulla,
cristicolarum.
tu pupilla della castità, tu materia della
19
Hic salus aegris, medicina fessis, O Cristo, Signore di tutti e datore di vita,
lumen et caecis datur: generato dalla mente dell'altissimo Padre,
hic reatu, Christe, nos solvis; timor guarda benevolo le voci e la preghiera di
coloro che ti supplicano umilmente.
atque moeror
Guarda, o Dio, come il tuo popolo
pellitur omnis. supplichevole faccia risuonare nel tempio
il suo canto per onorare la Chiesa, nella
Daemonis saevi perit hic rapina: ricorrenza annuale in cui ne celebriamo la
pervicax monstrum pavet, et retentos festa. Questa casa sorge a te deditamente
deserens artus, fugit in remotas dedicata, in essa il popolo prende
ocyus auras. dall'altare il Corpo consacrato e si
abbevera del beato Sangue. Qui le sante
Hic locus Regis vocitatur aula acque sciolgono le colpe di coloro che
hanno errato e ne annullano le pene; con
nempe coelestis, rutilansque coeli
l'unzione viene generata la stirpe
porta quae vitae patriam petentes invincibile dei cristiani. Qui viene data la
accipit omnes. salute agli infermi, l'aiuto ai deboli e la
vista ai ciechi: qui, o Cristo, ci liberi dalla
Turbo quem nullus quatit, aut colpa; ogni paura e tristezza è cacciata
vagantes via. Qui è annullata la presa feroce del
diruunt venti; penetrantque nimbi demonio: il mostro caparbio ha paura, e
hanc domum tetris piceus tenebris abbandonando le membra che teneva
Tartarus horret. imprigionate, veloce fugge nelle
profondità dell'abisso. Questo è il luogo
realmente chiamato corte del Re celeste,
Ergo te votis petimus sereno porta splendente del cielo, che accoglie
annuas vultu; famulos gubernes, tutti coloro che cercano la patria nella
qui tui summo celebrant amore vita. Nessun turbine lo scuote, ne l'abbatte
gaudia templi. il vortice dei venti, né vi penetrano le
tempeste; ha orrore di questa casa il
Nulla nos vitae cruciet procella: Tartaro oscuro di profonde tenebre. Perciò
sint dies laeti placidaeque noctes ti chiediamo che tu dica sì alle nostre
suppliche con volto sereno; custodisci i
nullus ex nobis, pereunte mundo,
tuoi servi che con grande amore
sentiat ignem. celebrano le gioie del tempio. Nessuna
tempesta turbi la nostra vita, siano i giorni
Hic dies, in quo tibi consecratum, lieti e calme le notti, nessuno di noi provi
conspicis Templum, tribuat perenne il fuoco , quando il mondo perisce.
gaudium nobis vigeatque longo Questo giorno in cui guardi il Tempio a te
temporis usu. consacrato ci
elargisca gioia perenne e rimanga solido
Laus poli summum resonet Parentem per il nostro uso in un lungo spazio di
tempo. Risuoni la lode al Padre supremo
laus, Patris Natum pariterque
del Cielo e si moduli con dolce canto la
Sanctum lode al Nato dal Padre e ugualmente allo
Spiritum dulci moduletur hymmo Spirito Santo per tutti i secoli. Amen .
omne per aevum. Amen.
20
Crux fidelis Croce fedele fra tutti unico albero nobile
Crux fidelis, inter omnes :nessuna selva ne produce uno simile per
arbor una nobilis: fronda, fiore e frutto. Dolce legno, dolci
chiodi che sostenete il dolce peso.
nulla silva talem profert,
Celebra, o lingua, la vittoria del glorioso
fronde ,flore ,germine: combattimento, e racconta del nobile
Dulce lignum ,dulces clavos, trionfo davanti al trofeo della croce:in che
dulce pondus sustinet. modo il redentore del mondo,pur essendo
vittima, abbia vinto. Ecco, Egli langue,
Pange lingua gloriosi abbeverato di fiele:poichè le spine, i
lauream certaminis, chiodi e la lancia hanno trafitto il mite
et super Crucis trophaeo suo corpo, da cui sgorgano sangue ed
dic triumphum nobilem: acqua:in quel fiume sono lavati la terra, il
mare, il cielo, il mondo. Piega i rami, o
qualiter Redemptor orbis
albero singolare, rilascia le fibre tese, si
immolatus vicerit. addolcisca quel rigore che Natura ti diede
ed offri un mite sostegno alle membra del
Felle potus ecce languet: Re Celeste. Tu solo fosti degno di
spina, clavi, lancea, sostenere la vittima del mondo; tu solo
mite corpus perforarunt, fosti l'arca degna di procurare un porto al
unda manat, et cruor: naufrago mondo; tu, bagnato del sacro
terra, pontus, astra, mundus, sangue scaturito dal corpo dell'Agnello.
quo lavantur flumine. Sia gloria eterna alla beata Trinità; uguale
onore al Padre e al Figlio e allo Spirito
Santo. Tutto il mondo dia lode al nome di
Flecte ramos, arbor alta, Dio, uno e trino.
tensa laxa viscera,
et rigor lentescat ille,
quem dedit nativitas:
et superni membra Regis Dulcis Christe
tende miti stipite.
Dulcis Christe, o bone Deus
Sola digna tu fuisti o amor meus, o vita mea,
ferre mundi victimam: o salus mea, o gloria mea.
atque portum praeparare Tu es Creator, tu es Salvator mundi.
arca mundo naufrago: te volo, te quaero,
quam sacer cruor perunxit te adoro, o dulcis amor,
fusus Agni corpore. te adoro, o care Jesu.
Sempiterna sit beatae
Trinitati gloria: Dolce Cristo, o Dio buono, mio amore,
aequa Patri Filioque; mia vita, mia salvezza, mia gloria. Tu sei
par decus Paraclito: il Creatore, tu sei il Salvatore del
Unius Trinique nomen mondo.Te io desidero, te cerco, te adoro,
laudet universitas. o dolce amore, te io adoro, o caro Gesù.

21
Exaudi Domine qui es futurum praemium:
sit nostra in te gloria
Exaudi Domine vocem meam per cuncta semper saecula. Amen.
qua clamavi ad te,
miserere mei et exaudi me.
Tibi dixit cor meum, exquisivit te O Gesù ricordo di dolcezza, sorgente di
facies mea. gioia vera al cuore: ma sopra ogni
Faciem tuam, Domine, requiram. dolcezza è la Sua presenza. Nulla si canta
di più soave, nulla si ode di più
Ne avertas faciem tuam a me.
giocondo, nulla di più dolce si pensa
Ne declines in ira a servo tuo. che Gesù, Figlio di Dio. Gesù, speranza
di chi ritorna al bene, quanto sei pietoso
verso chi ti desidera, quanto sei buono
Esaudisci, Signore la mia voce con la verso chi ti cerca, ma che sarai per chi ti
quale ti ho invocato. Abbi pietà di me ed trova? La bocca non sa dire, la parola non
esaudiscimi. A te si rivolse il mio cuore, sa esprimere; solo chi lo prova può
te cercò il mio volto. Ricercherò il tuo credere cosa sia amare Gesù. Sii, o Gesù,
volto, Signore: non distoglierlo da me. la nostra gioia, tu che sarai l’eterno
Non allontanarti nell'ira dal tuo servo. premio; in te sia la nostra gloria per ogni
tempo. Amen.

Jesu dulcis memoria


Jesu tibi vivo
Jesu, dulcis memoria,
dans vera cordis gaudia: Jesu tibi vivo;
sed super mel et omnia, Jesu tibi morior.
ejus dulcis praesentia. Jesu sive vivo, sive morior
tuus sum.
Nil canitur suavius,
nil auditur jucundius,
nil cogitatur dulcius, O Gesù, per te vivo; Gesù, per te muoio.
quam Jesus Dei Filius. Gesù, sia che viva, sia che muoia, sono
tuo.
Jesu, spes paenitentibus,
quam pius es petentibus!
Quam bonus te quaerentibus!
Sed quid invenientibus? Lauda, Sion, Salvatorem
Nec lingua valet dicere,
nec littera exprimere: Lauda, Sion, Salvatorem,
expertus potest credere, lauda ducem et pastorem
quid sit Jesum diligere. in hymnis et canticis.

Sis, Jesu, nostrum gaudium, Sit laus plena, sit sonora,


22
sit iucunda, sit decora fac sanctorum civium.
mentis iubilatio.

Dies enim solemnis agitur, Sion, loda il Salvatore, la tua guida, il tuo
in qua mensae prima recolitur pastore, con inni e cantici. Lode piena e
huius institutio. risonante, gioia nobile e serena sgorghi
oggi dallo spirito. Questa è la festa
solenne, nella quale celebriamo la prima
In hac mensa novi regis, sacra cena. E' il banchetto del nuovo re,
novum Pascha novae legis nuova Pasqua, nuova legge, e l' antico è
phase vetus terminat. giunto al termine. E' la certezza a noi
cristiani: si trasforma il pane in carne, si
Dogma datur christianis, fa sangue il vino. Tu non vedi, non
quod in carnem transit panis, comprendi, ma la fede ti conferma oltre la
et vinum in sanguinem. natura. Mangi carne, bevi sangue, ma
rimane Cristo intero in ciascuna specie.
Siano uno, siano mille, ugualmente lo
Quod non capis, quod non vides,
ricevono: mai è consumato. Ecco il pane
animosa firmat fides, degli angeli, pane dei pellegrini, vero
praeter rerum ordinem. pane dei figli: non deve essere gettato.
Buon pastore vero pane, o Gesù, pietà di
Caro cibus, sanguis potus: noi: nutrici e difendici, facci intravvedere
manet tamen Christus totus, i beni eterni nella terra dei viventi. Tu che
sub utraque specie. tutto sai e puoi, che ci nutri sulla terra,
conduci i tuoi fratelli nella tavola del
Sumit unus, sumunt mille: cielo, nella gioia dei tuoi santi.
quantum isti, tantum ille:
nec sumptus consumitur.
Nitida stella
Ecce panis angelorum,
factus cibus viatorum:
Nitida stella,
vere panis filiorum,
alma puella,
non mittendus canibus.
tu es florum flos:
o Mater pia,
Bone pastor, panis vere,
virgo Maria,
Jesu, nostri miserere:
ora pro nobis!
tu nos pasce, nos tuere:
tu nos bona fac videre
Jesu Salvator,
in terra viventium.
mundi amator,
tu es florum flos:
Tu, qui uncta scis et vales:
o Jesu pie,
qu nos pascis hic mortales:
fili Mariae,
tuos ibi commensales,
eia, audi nos!
coheredes et sodales
23
onore, tu sei il fiore dei fiori... Benefico
Mater begnigna, Re dei re, autore della Legge, tu sei il
honore digna, fiore dei fiori... O rosa del cielo, a noi
gradita, tu sei il fiore dei fiori… Sia per
tu es florum flos:
te, o Cristo, questo canto canto, tu sei il
o Mater pia, fiore dei fiori....... Vergine divina, del
virgo Maria, cielo Regina, tu sei il fiore dei fiori......
ora pro nobis!

Alme Rex regum,


conditor Legum, Non nobis
tu es florum flos:
o Jesu pie, Non nobis, Domine, Domine,
fili Mariae, non nobis Domine,
eia, audi nos! sed nomini, sed nomini tuo da
gloriam.
O gratiosa,
o coeli rosa,
tu es florum flos: Non a noi, non a noi, Signore, ma al tuo
o Mater pia, nome dà gloria.
virgo Maria,
ora pro nobis!

Sit tibi, Christe, O magne Pater


modulus iste,
tu es florum flos: O magne Pater,
o Jesu pie, in magnam necessiatem sumus,
fili Mariae, nunc igitur obsecramus,
eia, audi nos! obsecramus te per Verbum tuum,
per quod nos constituisti
Coeli Regina, plenus quibus indigemus.
virgo divina, Nunc placeat tibi, Pater, quia te decet,
tu es florum flos: te aspicias in nos per auditorium
o Mater pia, tuum,
virgo Maria, ut non deficiamus
ora pro nobis. et ne nomen tuum in nobis
obscuretur,
et per te ipsum nomen tuum
Nitida stella, benefica fanciulla, tu sei il dignare nos adiuvare.
fire dei fiori; o madre pia, vergine Maria, O grande Padre, grande è il nostro
prega per noi. Gesù' Salvatore, che hai bisogno. Ora perciò ti supplichiamo in
amato il mondo; tu sei il fore dei fiori; o nome di tuo Figlio, per mezzo del quale
Gesù' pio, figlio di Maria, ti preghiamo, hai reso noi ricchi di ciò che non
ascoltaci! Madre benigna, degna di ogni abbiamo. Ora ti piaccia, o Padre, come a
24
te conviene, volgerti a noi per darci il tuo
aiuto affinchè non veniamo meno, O spes mea cara
affinchè la tua gloria in noi non si oscuri e
per la tua stessa gloria tu ci degni di O spes mea cara, Maria praecalra,
aiutarci.
e valle amara imploro te.
Exaudi praecantem, solare
clamantem,
confirma labantem,
O quam amabilis
et serva me.
O quam amabilis es, bone Jesu.
Per blanda per dura, ad non peritura
quam delectabilis es, pie Jesu;
o fortis, o pura duc debilem.
o cordis jubilium, mentis solatium
Dum turget procella et suscitat bella
O bone Jesu, o bone Jesu!
ad portum, o stella, duc exulem.
Quam admirabilis es, bone Jesu,
Patrona decora, in exitus hora
quam honorabilis es, pie Jesus;
pro me, Mater, ora tu Filium
o cordis jubilum mentis solatium.
ut inserar gratis remissisis peccatis,
O bone Jesu, o bone Jesu!
catervis beatis coelestium.
Gregi fidelium da, bone Jesu,
saluits exitum da, pie Jesu;
O Maria, mia cara speranza da questa
post vitae terminum perenne valle di dolore ti imploro. Esaudisci la
gaudium. mia preghiera, consolami se grido a te,
O bone Jesu, o bone Jesu! rinsalda il mio passo incerto e salvami.
Attraverso i cammini agevoli e quelli
aspri, tu, forte e pura, conduci la mia
Quanto desiderabile sei, buon Gesù, debolezza ai beni che non periscono. Tra
quanto sei di conforto, o pio Gesù; sei la le tempeste e le lotte guidami, o stella,
letizia del cuore, il ristoro della mente, o dall'esilio al porto sicuro. O madre e
buon Gesù! Quanto sei mirabile, buon avvocatessa, nell'ora della mia morte
Gesù quanto sei degno d'amore, o pio prega tu stessa tuo Figlio per me perchè,
Gesù; sei la letizia del cuore, il ristoro perdonate le mie colpe, per sua bontà mi
della mente, o buon Gesù! Quanto sei porti tra le schiere beate del cielo.
venerabile, buon Gesù, e sempre da
lodare, o pio Gesù; sei la letizia del
cuore, il ristoro della mente ,o buon Gesù!
Al popolo dei tuoi fedeli, o buon Gesù, Omni die
dà infine la salvezza, o pio Gesù; e, dopo
la morte, la gioia perenne, o buon Gesù!
Omni die, dic Mariae mea laudes
anima;
eius festa, eius gesta cole
splendidissima.

25
Pulchra tota, sine nota cuiuscumque Regina coeli
maculae,
fac me mundum et iucundum te Regina coeli, laetare, alleluia.
laudare sedule. Quia quem meruisti portare, alleluia.
Resurrexit, sicut dixit, alleluia.
Ut sim castus et modestus, dulcis, Ora pro nobis Deum, alleluia.
blandus, sobrius,
pius, rectus, circumspectus,
simultatim nescius. Esulta, regina del cielo, alleluia! Colui
che hai portato nel seno, alleluia! E’
Eruditus et munitus divinis eloquiis, risorto come aveva predetto, alleluia!
Prega per noi il Signore, alleluia!
timoratus et ornatus sacris exercitiis.
Virgo sancta, cerne quanta
perferamus jugiter
tentamenta, et sustenta nos ut stemus
fortiter. Rorate coeli desuper

Esto tutrix et adiutrix christiani Rorate coeli desuper


populi; et nubes pluant Iustum.
pacem praesta, ne molesta nos
perturbent saecula. Amen. Ne irascaris Domine,
ne ultra memineris iniquitatis,
ecce civitas Sancti facta est deserta,
Ogni giorno, anima mia, canta le Sion deserta facta est;
lodi di Maria; venera le sue feste e i Jerusalem desolata est,
suoi misteri splendenti. Tutta pura, Domus sanctificationis tuae et gloriae
senza il segno di una sola macchia, tuae,
fa’ che io ti lodi con cuore mondo e Ubi laudaverunt te Patres nostri.
sereno. Fa’ che io rimanga casto,
modesto, dolce, longamine, sobrio, Peccavimus, et facti sumus tamquam
devoto, leale, scaltro e nello stesso immundus nos,
tempo semplice. Fa’ che io sia colto e
rafforzato dalla parola di Dio, pieno di
et cecidimus quasi folium universi,
attenzione e fedeltà nel seguire il Signore. et iniquitates nostrae quasi ventus
Vergine santa, guarda quanti pericoli abstulerunt nos,
dobbiamo sempre incontrare; sostienici abscondisti faciem tua a nobis,
affinché abbiamo a rimanere saldi e et allisisti nos in manu iniquitatis
sicuri. Proteggi ed aiuta il popolo nostrae.
cristiano, ottienici pace, affinché i tempi
cattivi non ci turbino. Amen. Vide Domine afflictionem populi tui
et mitte quem missurus es;
emitte Agnum dominatorem terrae;

26
de petra deserti ad montem filiae o Maria!
Sion;
ut auferat ipse jugum captivitatis Te beata laudare cupiunt
nostrae. omnes justi, sed non sufficiunt
Consolamini, consolamini, popule multas laudes de te concipiunt,
meus sed in illis prorsus deficiunt,
cito veniet salus tua; o Maria!
quare moerore consumeris,
quia innovavit te dolor? Esto, Mater, nostrum solatium
Salvabo te, noli timere; nostrum esto, tu Virgo, gaudium
ego enim sum Dominus Deus tuus, et nos tandem, post hoc exilium,
Sanctus Israel Redemptor tuus. laetis junge choris coelestium,
o Maria!

Salve, Mater misericordiae Salve, madre di misericordia, madre di


Dio e madre del perdono, madre della
Salve, Mater misericordiae, speranza e della grazia, madre ricolma
di santa allegrezza, Maria! Salve, onore
Mater Dei et Mater veniae,
del genere umano, salve, vergine fra
Mater spei et Mater gratiae, tutte più degna, tu sovrasti tutte le
Mater plena sanctae letitiae, vergini ed in cielo siedi più in alto,
o Maria! Maria! Salve, vergine e madre felice,
chi siede alla destra del Padre e
Salve, decus humani generis, sostiene cielo, terra ed astri si è
salve, Virgo dignior caeteris, rinchiuso nel tuo seno, Maria! Ti creò il
quae virgines omnes trangrederis Padre increato, ti coprì l’ombra
et altius sedes in superis, o Maria! dell’Unigenito, ti rese feconda lo Spirito
Santo, tu, o Maria, sei completamente
opera divina. Dio ti fece creatura
Salve, felix Virgo puerpera, meravigliosa, ti vide umile ancella, ti
nam qui sedet in Patris dextera desiderò amabile sposa, non fece mai
caelum regens, terram et aetera, nulla simile a te, o Maria! A te,
intra tua se clausit viscera, o Maria! beata, vogliono dar lode tutti i giusti
ma non ne sono capaci, danno inizio a
Te creavit Pater ingenitus, molte tue lodi, o Maria, ma poi
obumbravit te Unigenitus, vengono subito meno. O madre, sii il
foecundavit te Sanctus Spiritus, nostro conforto, sii tu, o vergine, la
nostra gioia, e infine, dopo l’esilio,
tu es facta tota divinitus, o Maria! unisci anche noi, o Maria, ai cori felici
del cielo.
Te creavit Deus mirabilem,
te respexit ancilla humilem,
te quaesivit sponsam amabilem,
tibi numquam fecit consimilem,
27
Salve Regina incessabili voce proclamant:

Salve, Regina, mater misericordiae; Sanctus, sanctus


vita, dulcedo et spes nostra, salve. sanctus Dominus Deus Sabaoth.
Ad te clamamus, exules filii Evae.
ad te suspiramus, gementes et Pleni sunt coeli et terra
flentes maiestatis gloriae tuae.
in hac lacrimarum valle.
Eia ergo, advocata nostra, Te gloriosus
illos tuos misericordes oculos ad Apostolorum chorus,
nos converte.
Et Jesum, benedictum fructum te prophetarum
ventris tui, laudabilis numerus;
nobis post hoc exilium ostende.
O clemens, o pia, o dulcis virgo te martyrum candidatus
Maria. laudat exercitus.

Te per orbe terrarum


Salve, o Regina, madre di misericordia, sancta confitetur Ecclesia,
vita, dolcezza e speranza nostra, salve.
A te ricorriamo, esuli figli di Eva; a te Patrem
sospiriamo gementi e piangenti in immensae maiestatis;
questa valle di lacrime. Orsù dunque,
avvocata nostra, rivolgi a noi i tuoi occhi
misericordiosi, e mostraci, dopo questo venerandum tuum verum
esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo et unicum Filium:
seno. O clemente, o pia, o dolce vergine
Maria. Sanctum quoque
Paraclitum Spiritum.

Tu Rex gloriae, Christe.


Te Deum
Tu patris sempiternus es Filius.
Te Deum laudamus,
te Dominum confitemur. Tu ad liberandum suscepturus
hominem,
Te aeternum Patrem non horruisti Virginis uterum.
omnis terra veneratur.
Tu, devicto mortis aculeo,
Tibi omnes angeli, aperuisti credentibus regna caelorum.
tibi coeli et universae potestates.
Tu ad dexteram Dei sedes,
Tibi Cherubim et Seraphim in gloria Patris.
28
Judex crederis terra sono pieni della tua gloria. Ti
esse venturus. acclama il coro degli apostoli e la
candida schiera dei martiri, le voci dei
profeti si uniscono nella tua lode, la
Te ergo, quaesumus, tuis famulis
santa Chiesa proclama la tua gloria,
subveni, adora il tuo unico Figlio, e lo Spirito
quos pretioso sanguine redemisti. Santo Paraclito. O Cristo, re della
gloria, eterno Figlio del Padre, Tu
Aeterna fac cum sanctis tuis nascesti dalla Vergine madre per la
in gloria numerari. salvezza dell’uomo. Vincitore della
morte hai aperto ai credenti il regno
Salvum fac populum tuum Domine, dei cieli. Tu siedi alla destra di Dio,
et benedic haereditati tuae. nella gloria del Padre. Verrai a
giudicare il mondo alla fine dei
tempi. Soccorri i tuoi figli, Signore,
Et rege eos, che hai redento con il tuo sangue
et extolle illos usque in aeternum. prezioso. Accoglici nella tua gloria
nell’assemblea dei santi. Salva il tuo
Per singulus dies popolo Signore guida e proteggi i tuoi
benedicimus te. figli. Ogni giorno Ti benediciamo,
lodiamo il tuo amore per sempre.
Et laudamus nomen tuum in Degnati oggi Signore di custodirci senza
saeculum, peccato. Sia sempre con noi la tua
misericordia in Te abbiamo sperato.
et in saeculum saeculi. Pietà di noi Signore, pietà di noi. Tu sei
la nostra speranza, non saremo confusi in
Dignare, Domine, die isto, eterno.
Sine peccato nos custodire.

Miserere nostri, Domine,


miserere nostri. Ubi caritas et amor

Fiat misericordia tua, Domine, super Ubi caritas et amor, Deus ibi est.
nos,
quemadmodum speravimus in te. Congregavit nos in unum Christi
amor:
In te, Domine, speravi: Exultemus et in ipso jucundemur.
non confundar in aeternum. Timeamus et amemus Deum vivum
et ex corde diligamus nos sincero.

Noi ti lodiamo, Dio, ti Simul ergo cum in unum


proclamiamo Signore. O eterno congregamur,
padre, tutta la terra ti adora. A ne nos mente dividamur caveamus.
te cantano gli angeli e tutte le potenze Cessent jurgia maligna, cessent lites
dei cieli: Santo, Santo, Santo il et in medio nostri sit Christus Deus.
Signore Dio dell’universo i cieli e la
29
Simul quoque cum beatis videamus
glorianter vultum tuum, Christe
Deus:
gaudium, quod est immensum, atque
probum,
saecula per infinita saeculorum.
Amen.

Dove regna carità e amore, qui è Dio.


Ci ha raccolti in una cosa sola l’amore
di Cristo: esultiamone e nel suo amore
rallegriamoci! Nel timore di lui,
amiamo il Dio vivente, ed amiamoci di
cuore, sinceramente! Quando tutti
insieme ci raduniamo, che la dubbiezza
non ci divida, questo temiamo; smetta la
malvagità del cuore, sia fine all’odio,
ed in mezzo a noi solo rimanga il
Cristo, Dio. Che tutti insieme, fra i beati,
possiamo contemplare nella gloria il tuo
volto, o Cristo Dio! Ciò significa la
gioia smisurata e la dolcezza, per i secoli
dei secoli, senza fine! Amen.

30
LAUDI
E CANTI
TROBADORICI

31
32
Amor dolze senza pare
(Codice magliabechiano, sec. XIV) Da ciel venne messo novello
(Laudario di Cortona, sec. Xlll)
Amor dolze senza pare
se' tu Cristo per amare. Da ciel venne messo novello
ciò fo l'angel Gabriello.
Amor senza comincianza,
se' tu Padre in substanza. Nella cità di Galilea
In Trinità per amanza. ch'è chiamata Nazarèth,
Filio e Spiritu regnare. là u la Vergin nacque e stette
sposa era di Joseffe.
Tu, amore che congiungi,
cui più ami spesso pungi; L'angelo fo messo da Dio,
omni piaga poi che l'ungi ben comenzò e ben finio:
senza unguento fai saldare. saviamente, senza rio,
annuntiò lo suo libello:

«Ave Maria, gratia plena,


Ave donna santissima Dio ti salvi, stella serena!
(Laudario di Cortona, sec. Xlll attr. Ser Dio è con teco che ti mena
Garzo) enn el paradiso bello».

Ave donna santissima


Regina potentissima.
Da mi conforto, Dio
La virtù celestïale (Laudario di Cortona, sec. Xlll)
con la grazia supernale
en te virgo virginale Da mi conforto, Dio et allegranza
discese benignissima. et carità perfecta et amoranza.

La nostra redenzïone Da mi conforto, Dio et ardore


prese incarnazïone a caritade lega lo mio core;
in santa concezïone
da te Madre purïssima. che non mi sia vetato lo tuo amore,
in me non possa nulla ria indignanza.
Altresì per tuo candore
sovra il mondo del dolore Da mi letizia, gaudio e diporto
venne il sole dell'amore e nel mio cor da' pianto di conforto;
nei cieli beatissima.
che io suspiri e canti e stia sì dotto,
che io non perda la tua fin amanza.

33
De la crudel morte del Cristo Gloria 'n cielo
(Laudario di Cortona, sec. Xlll) (Laudario di Cortona, sec. Xlll)

De la crudel morte del Cristo Gloria 'n cielo e pace 'n terra:
ogn'om pianga amaramente. nat'è 'l nostro Salvatore!
Nat'è Cristo glorïoso,
Quando Juderi Cristo pilïaro, l'alto Dio maravellioso,
d’ogne parte lo circumdaro, fatto è hom desideroso
le sue mane strecto legaro, lo benigno Creatore.
como ladro villanamente.
Pace 'n terra sia cantata,
Trenta denar fo lo mercato gloria in ciel desiderata,
che fece Juda e fo pagato: la donzella consacrata
mellio li fora non esser nato parturit' à 'l Salvatore.
ch'aver peccato sì duramente

A la colonna fu spolïato,
per tutto 'l corpo flagellato, Laude novella
d'ogne parte fo'nsanguinato (Laudario di Cortona, sec. Xlll)
commo falso amaramente.
Laude novella sia cantata
Tutti gridaro ad alta voce: a l'alta donna encoronata.
«Moia 'l falso, moia veloce;
sbrigatamente sia posto en croce, Fresca vergene donzella,
che non turbi tutta la gente». primo fior, rosa novella,
tutto 'l mondo a te s'appella;
Li soi compagni l'abbandonaro, nella bonor fosti nata.
tutti fugiero e lui lassaro;
stando tormento forte ed amaro Fonte se' d'acqua surgente,
de lo suo corpo per la gente. madre de Dio vivente;
tu se' luce de la gente,
Molt'era trista santa Maria sovra li angeli esaltata.
quando 'l suo figlio en croce vedea;
cum gran dolore forte piangea Tu se'verga, tu se' fiore,
dicendo: «Trista, lassa, dolente». tu se' luna de splendore;
voluntà avemo e core
de venir a te, ornata.

Archa se' d'umilitade,


vaso d'ogne sanctitade:
en te venne deitade;
34
d'angel foste salutata. d'ambrosia, di dolcezza sorgente e
Pregot', avocata mia, fontana, dall'inferno tanto profondo tu ci
che ne metti en bona via: difendi, chi ne dubita ha poco senno
perché l'inferno non ha né riva né fondo!
questa nostra compania
Dolce Signora, con sincera intenzione, il
siate sempre commendata. cuore e l'anima pongo sotto la tua
protezione: prega senza indugio che il tuo
dolce Figlio, Maria, ci faccia vivere tutti
nella terra dei vivi.
Ma vïele

(Canto trobadorico, sec. Xlll attr


Gauthier de Coincy) Madonna santa Maria
(Laudario di Cortona, sec. Xlll)
Ma vïele, vïeler vieut un biau son
de la bele qui seur toutes a biau nom. Madonna santa Maria,
En qui Dieux devenir hom voult mercé de noi peccatori!
jadis, Fai te prego al dolze Cristo
dont chantent en Paradis che ne degia perdonare!
anges et archanges a haut ton.
Madonna santa Maria,
Porte dou ciel, du Paradis planche et che n'ài mostrata la via,
ponz, or escacia ogne resía
sourse de miel, de doucer pecine et receve chi vol tornare.
fonz;
d'enfer qui tant est parfonz, nous Misericordia, Patre Deo,
desfen, de tutto 'l peccato meo:
qui en doute a pauvre sens e' so' quel malvascio reo
car enfer n'a rive ni fond! che sempre volsi mal fare.

Douce Dame, par mout vraie


entencïon
cors et ame, met je en ta protecïon Ognun m'entenda
prie sanz delatïon ten fil douz (Codice Ven. Marciana, sec. XV)
qu'il nos face vivre touz
in terra viventium. (Amen). Ognun m'entenda divotamente
lo pianto che fece Maria dolente
del suo figliol tanto dilicato.
La mia viella vuole intonare un canto
stupendo per la Bella, eccelsa fra tutte le O Jesu Christo, bello mio figlio,
donne, nella quale Dio volle farsi uomo, o Jesu bello, bianco e vermeglio,
di cui cantano in paradiso angeli ed
o de la trista Madre el conseglio
arcangeli a gran voce. Porta del cielo,
ponte verso il paradiso, sorgente su ne la croce già conficato.
35
d'ogni cuor Madre pietosa,
Omne homo ad alta voce la tua bontà nell'indigenza
(Laudario di Cortona, sec. Xlll) deh ci conforti premurosa
ed a vera penitenza
Omne homo ad alta voce volgi l'alma a te sacrata.
laudi la verace Croce.

Quant'è digna de laudare:


core non lo po' pensare, Troppo perde il tempo
lengua ne lo po' contare, (Laudario di Cortona, sec. Xlll)
la verace santa Croce.
Troppo perde il tempo chi ben non
Questo legno prezioso t'ama,
è ne segno vertüoso, dolc'amor Jesù sovr'ogni amore.
lo nimico ha confuso
per la forza de la Croce. Amor, chi t'ama non sta ozioso,
tanto li par dolze de Te gustare;
ma tutto sor vive desideroso
come te possa stretto più amare;
Salutiam divotamente chè tanto sta per te lo cor gioioso:
(Laudario di Cortona, sec. Xlll) chi non sentisse nol saprie parlare
quant'è dolz'a gustare lo tuo savore
Salutiam divotamente
l'alta Vergine beata Dulcior che tolli forza ad ogni amaro
e diciam Ave Maria et ogne cosa muti in tua dulcezza;
sempre si da noi lodata. questo sanno li sancti che'l provaro
che feciar dolze morte in amarezza
Proclamiam fervidamente ma confortolli el dolze latovare
e con gran sollenitate: di te Jesù che vensar ogni asprezza,
noi crediam veracemente tanto fosti suave in li lor cori.
che, per la tua umilitate
la divina maestate Savor cui non si trova simillianza,
t'ha sugli angeli innalzata. o lasso! Lo mio cor poco t'asaggia;
null'altra cosa non m'è consolanza,
L'angel disse; «Ave Maria se tutto'l mondo avesse e te non agio.
sete piena de vertute O dulz'amor Jesù in cui ho speranza
Dominus con Teco sia Tu regi mio cor che da te non caggia,
da cui vengon le salute ma sempre più restringa'l tuo dolzore.
tutte gratie adempiute
in Te, Vergene salutata». Cor che te non sente ben pò star
tristo,
O Regina di clemenza, Jesù, letitia e gaudio de la gente;
36
solazo non pot'essar senza Cristo;
tanpino ch'eo non t'amo ben fervente! Tutor dicendo
Chi far potesse totto ogni altro (Laudario di Cortona, sec. Xlll)
acquisto
e te non aggia di tutt'è perdente; Tutor dicendo, di lui non tacendo,
e senza te sirebbe in amarore. Laudandol cum cantare

Amaro in nullo coro pote stare Jesù, Jesù,


cui tua dolcezza dona condimento: Jesù dolce ad amare
ma Tuo savor, Jesù, non pò gustare
chi lassa Te per altro intendimento. Sempre l'atendo, col mio cor
Non sa né può lo cor terreno amare gaudendo,
sì gran celestial delectamento: Fa mi rallegrare.
non vede lume, Cristo, in tuo
splendore. Non mi ritegno, da mi' gran sostegno,
E vogliol pur chiamare.
Splendor che doni a tutto 'l mondo
luce Vo' che mi dica la mia dolce vita,
amor, Jesù, de li angeli bellezza, Che mi farà salvare.
cielo e terra per te se conduce
e splende in tutte cose tua forteza: L'anima mia, cattiva e mendica,
ognumque creatura a te s' aduce, Degna è d'amor dare.
ma solo 'l peccator el tuo amor
sprezza, Ch'i' son dolente, con molta fatica
e pàrtise da te, suo Creatore. Fa mi consolare!

Scripti sul sancto libro de la vita Amor diletto, del mio cor se' vita,
per tua pietà, Jesù, ne rappresenta: Or damit'a trovare!
la tua scriptura già non sia fallita,
el nome che portam de Te non menta. Tra'mi a te di questo gran tormento,
La mente nostra fa' di Te condita Chè vivo in dolorare!
dulcissimo Jesù, si che te senta
et strittamente t'ami con ardore. Ch'io non ti perda per mio fallimento,
cum falso tentare.
Servire a Te, Jesù, mi' amoroso,
più soav'è che nul altro delecto; Vivo in paura di te mia dolzura,
non può saper chi di Te sta otïoso Come ne posso fare?
quant'è dolze ad amar Te con affecto:
gemai el cor non trova altro riposo Tu se' il mio áire, io son tua creatura,
si non se en Te, Jesù, amor perfecto Non m'abandonare!
che de li tuoi servi se' consolatore.
Tu sì m'ài detto [amor mio diletto],
37
Ch'i' chegia faràimi dare.
Et io adimando Iesu benedetto, Voi ch'amate lo Criatore
Di lui mi vo'pagare! (Laudario di Cortona, sec. XIII)

Non averò povertà, né difetto, Voi ch'amate lo Criatore,


E vo' con teco stare! ponete mente a lo meo dolore.

Ch'io son Maria co' lo cor tristo


la quale avea per figliuol Cristo:
Venite a laudare la speme mia e dolce acquisto
(Laudario di Cortona, sec. Xlll) fue crocifisso per li peccatori.

Venite a laudare, Capo bello e delicato,


per amore cantare come ti veggio stare enchinato;
l'amorosa vergene Maria! li tuoi capelli di sangue intrecciati,
fin a la barba ne va i·rrigore.
Maria gloriosa, beata Bocca bella e delicata,
sempre sia molto laudata: come ti veggio stare asserrata;
preghiam che ne si' avocata di fiele e aceto fosti abbeverata,
al tuo filiol, virgo pia! trista e dolente dentr’al mio core.

Da tutte le genti invocata


per te è questa laude cantata:
tu sei Madre nostra adorata
la più fedel che mai sia.

38
CANTI
TRADIZIONALI

39
40
Cristo risusciti Dal fondo del dolore

Cristo risusciti in tutti i cuori. Dal fondo del dolore


Cristo si celebri, Cristo s'adori. ti invoco, o mio Signor;
Gloria al Signor! ascolta, o Salvatore,
il grido del mio cuor!
Chiamate, o popoli del regno umano, Se guardi le mie colpe
Cristo sovrano. ed ogni iniquità,
Cristo si celebri, Cristo s'adori. Signore nostro Dio
Gloria al Signor! chi mai si salverà?

Dense le tenebre son del pensiero, Signore tu sei buono


Cristo è la fulgida luce del vero. tu, nostro Salvator;
Gloria al Signor! pronto è il tuo perdono
anche nel mio timor.
Del ciel la patria che il cuor desìa In te la mia speranza
Cristo è la via. in te, mio Salvator
Cristo si celebri, Cristo s'adori. attendo la parola
Gloria al Signor! da te, mio Redentor.

Come in oscura notte


s'attende l'alba ognor,
Crocifisso mio Signor l'anima nel dolore
anela a te, Signor.
Crocifisso mio Signor, Perché presso il mio Dio
o speranza del mio cuor; immensa è la bontà
frutto sia del tuo patir e tutti i miei peccati
il perdono al mio fallir. egli perdonerà.

Vedi, vedi
qual provo tormento e dolor
al pensar che ti offesi, o Signor. D'amor pane dolcissimo
(2 volte)
D'amor pane dolcissimo
Dal tuo fianco aperto in croce del cielo eterno gaudio,
la tua Chiesa nascerà. vero sollievo agli umili
Dalla fonte sempre viva che in te soltanto sperano.
la tua grazia sgorgherà.
Immenso cuor amabile,
tu sai guarire i nostri cuor;
tutte le nostre lacrime
tu le trasforma in vero amor.
41
Quel cuore che per noi s'aprì Mi prendi per la mano
ci accolga nel pericolo
finché un bel giorno, insieme a te, Mi prendi per la mano, o mio Gesù,
vivrem la tua felicità. col tuo poter sovrano guidami tu.
Dirigi i passi miei nel tuo sentier,
la luce mia tu sei, l'eterno ver.

Discendi, Santo Spirito La gioia e il dolore vengon da te,


nel tuo divino amore trovo mercé.
Discendi, Santo Spirito, A te mi affido solo, o Salvator,
le nostre menti illumina; e trovo nel mio duolo conforto ognor.
del ciel la grazia accordaci
tu, Creator degli uomini S'addensi la bufera sul mio cammin,
sia pur la notte nera, tu sei vicin.
Chiamato sei Paraclito Con te non ho timore, mi guida tu,
e dono dell'Altissimo, avvinci questo core a te, Gesù.
sorgente limpidissima,
d'amore fiamma vivida.

I sette doni mandaci O côr soave


onnipotente Spirito;
le nostre labbra trepide O cor soave, cor del mio Signore,
in te sapienza attingano. ferito gravemente, non da coltel
pungente,
I nostri sensi illumina ma da lo stral che fabbricò l'amore,
fervor nei cuori infondici; che fabbricò l'amore.
rinvigorisci l'anima
nei nostri corpi deboli. O côr soave, quand'io ti rimiro
post'in tant'agonia, manca l'anima
Dal male tu ci libera, mia,
serena pace affrettaci; né voce s'ode più, né mai sospiro,
con te vogliamo vincere né più né mai sospiro.
ogni mortal pericolo.

Il Padre tu rivelaci
e il Figlio, l'Unigenito; O Maria, dolce tesoro
per sempre tutti credano
in te, divino Spirito. Amen. O Maria, dolce tesoro io t'adoro.

Gloriosa Verginella, puro giglio,


madre, figlia e sposa del tuo Figlio.

42
Gloriosa, alma, serena e benedetta Ed offrire con amore questo cuore a
e di gloria e grazia Diva eletta. te.

Gloriosa, risplendente e chiara luce, Prendi pure la mia vita,io la dono a


amoroso sol lucente, fida duce. te.
La tua grazia m'hai largita, vivo
Gloriosa, umil ancella, Vergin degna della fe'.
o sagrata Verginella che in ciel
regna. La tua vita per salvarmi desti con
amor!
Gloriosa Verginella, almo conforto, Fa' ch'io possa consacrarmi tutto a te,
di mia fida navicella divin porto. Signor.

Fa' ch'io fissi il guardo mio sempre e


solo in te!
Per te, Signore Ch'io ti serva ognora, o Dio, con
costante fe'.
Per te, Signore, padrone potente e
glorioso
tutta la terra sia come un unico coro
di lode a te: è il nostro canto per te Qui presso a Te
voce del popolo tuo.
Qui presso a Te, Signor, restar
Solo amor che vivendo ci doni la vita vogl'io!
e nella vita da morte ci hai sempre È il grido del mio cuor, l'ascolta, o
salvato. Dio!
Alleluia: è il nostro grido a te, La sera scende oscura sul cuor che
voce del popolo tuo. s'impaura;
mi tenga ognor la fe', qui presso a Te.
Lode al Signore, il male è ormai
perdonato, Qui presso a te, Signor, restar vogl'io!
egli ha promesso un luogo eterno di Niun vede il mio dolor; tu 'l vedi, o
pace. Dio!
La sua pietà non ci lasci nel cammin, O vivo Pan verace, sol tu puoi darmi
nel nostro ultimo giorno. pace;
e pace v'ha per me, qui presso a Te.

Quant'è dolce, o Salvatore Se tu m'accogli

Quant'è dolce o Salvatore, di servire a Se tu m'accogli, Padre buono,


te! prima che venga sera;
43
se tu mi doni il tuo perdono, lo risvegli, alfin, l’amor.
avrò la pace vera. Madre afflitta, tristi giorni
Ti chiamerò, mio Salvator, ho trascorso nell’error.
e tornerò, Gesù, con te. Madre buona, fa’ ch’io torni
lacrimando al Salvator.
Pur nell'angoscia più profonda
quando il nemico assale,
se la tua grazia mi circonda,
non temerò alcun male. Tu sei un Dio fedele
Ti invocherò, mio Redentor,
e resterò sempre con te. Signore, a te cantiamo un cantico di
lode,
o Dio, noi ringraziamo l’immensa tua
bontà.
Ti adoro Redentore
Tu sei un Dio fedele, per l’eternità!
Ti adoro, Redentore,
di spine incoronato, Signore, la tua luce diriga i nostri
per ogni peccatore passi;
a morte condannato. risplenda al nostro volto l’eterna
verità.
Ti adoro, Gesù buono,
schernito, schiaffeggiato, Il dono del tuo amore rinnovi, o Dio,
tu doni il tuo perdono la vita,
a chi ti ha flagellato. rinfranchi il nostro cuore la vera
libertà.
Ti adoro, Gesù pio,
in croce immolato; Che sia la nostra vita un segno del tuo
ripenso nel cuor mio amore;
che tu mi hai tanto amato. Amen. fiorisca in tutto il mondo l’eterna
carità.

Tu mi guardi dalla croce


Vero amor è Gesù
Tu mi guardi dalla croce
questa sera, mio Signor, Vero amor è Gesù,
ed intanto la tua voce che salute ne dà
mi sussurra: “Dammi il cuor!” a chi segue virtù.
Egli moriva in croce per me.
Questo cuore sempre ingrato Mio buon Gesù,
oh, comprenda il tuo dolor mio buon Gesù,
e dal sonno del peccato non ti partir da me.
44
SALMI

45
46
Beato l’uomo (salmo 1) Sorride chi siede nei cieli,
Iahvè si prende gioco di loro;
Beato l’uomo che retto procede colmo di collera parla,
e non entra a consiglio con gli empi la sua minaccia li riempie di terrore:
e non va per la via dei peccatori “Son io che l’ho fatto Re,
nel convegno dei tristi non siede su Sion, la mia santa montagna”.

Nella legge del Signore Mi ha detto: “Tu sei mio figlio,


ha riposto la sua gioia; oggi ti ho generato.
se l’è scritta sulle porte Se vuoi ti do come regno
e la medita di giorno e di notte. gli estremi confini del mondo.
Li spezzerai con scettro di ferro,
E sarà come l’albero in frantumi come vasi d’argilla”.
che è piantato sulle rive del fiume,
che dà frutto alla sua stagione, “Ed ora ascoltatemi, o re,
né una foglia a terra cade. udite, o potenti del mondo:
servite Iahvè con timore
Non sarà così per chi ama il male, e tremando baciate il suo piede.
la sua via andrà in rovina: La sua ira improvvisa s’accende,
il giudizio del Signore la sua collera vi finirebbe”.
è gia fatto su di lui.

Ma i tuoi occhi, o Signore,


stanno sopra il mio cammino; O Signore, mio Dio (salmo 8)
me l’hai detto, son sicuro,
non potrai scordarti di me. O Signore, mio Dio, come è grande
il tuo nome su tutta la terra!

Sopra i cieli si leva il tuo splendore


I re della terra (salmo 2) celebrato da voci di bambini
che piccoli hai scelto a tua difesa
I re della terra assaltano Iddio e il per confondere e umiliare i tuoi
suo Cristo. nemici

Perché insorgono i popoli? Guardo i cieli che hai costruito,


Questo vano gridare di genti? la luna e le stelle che vi hai posto.
Insorgono i re della terra, Chi è mai l’uomo, che di lui ti
cospirano contro Iahvè e contro il suo rammenti,
Unto. e i suoi figli, perché li soccorra?
Coraggio, spezziamo le catene,
coraggio, sbalziamo il loro giogo.

47
Lo hai fatto simile a un Dio, La parola del Signore è verità
lo hai riempito di gloria e di (salmo 18b)
splendore,
perché fosse signore del creato La parola del Signore è verità,
ogni cosa gli hai sottomesso. e libertà la sua legge.

È padrone di mandrie e di greggi La parola del Signore è perfetta,


e di tutte le bestie selvagge; sollievo allo spirito;
è padrone degli uccelli dell’aria la parola del Signore è senza inganno,
e dei pesci guizzanti per le acque. saggezza per il semplice.

Gloria al Padre onnipotente, I comandi del Signore sono giusti,


al suo Figlio, nostro Signore, gioia al mio cuore;
allo Spirito che viene in ogni cuore, limpido è il precetto di Dio,
per i secoli dei secoli. Amen. luce degli occhi.

Senza ombra è il timore di Dio,


dura per sempre;
Narrano i cieli (salmo 18a) i criteri di Dio verità,
equi per tutti.
Narrano i cieli la gloria di Dio,
l’opere sue proclama il firmamento. Più preziose di ogni ricchezza
e dell’oro più fine,
Ciascun giorno con l’altro ne parla, le tue parole, più dolci del miele
l’una notte con l’altra ne ragiona. e del frutto squisito.
Non v’è lingua, non vi sono parole
che comprendano la sua grandezza. Il tuo servo se ne fa penetrare,
seguirle è ricchezza.
La sua legge è in tutto perfetta Chi si accorge d’ avere sbagliato?
e rallegra l’anima mia: Salvami tu dall’errore.
sono veraci i giudizi di Dio,
sono preziosi più che l’oro ai miei Preserva il tuo servo dall’orgoglio,
occhi. che non abbia potere su me;
allora diverrò irreprensibile,
Per ogni terra ne corre la voce, libero dal più grave dei mali.
ne giunge l’eco ai confini del mondo;
è per questo che ti seguo con gioia: Gradisci, o Dio, le mie parole
la tua parola è più dolce del miele! e il silenzio del cuore.
Sempre io ti sono dinnanzi,
Narrano… o mia roccia, o mio Redentore.
Alleluia, alleluia, alleluia.
Sia gloria al Padre onnipotente
48
ed al Figlio, Signore,
allo Spirito Santo, Amore,
nei secoli dei secoli, Amen.

Mio Dio, perché mi hai


abbandonato? (salmo 21)

Mio Dio, mio Dio,


perché mi hai abbandonato?

Lontano sono dal tuo volto


le parole del mio grido
Signore, io ti invoco nel giorno,
nella notte chiamo il tuo nome.

In te hanno confidato i nostri padri:


confidarono e li hai liberati;
a te hanno gridato e furon salvi:
non tradisti la loro attesa.

Il mio cuore si è fatto come cera,


e dentro di me strugge;
la mia anima s’è inaridita
perché mi ha circondato il male.

Il Signore è il mio pastore


(salmo 22)

Ant.1 Il Signore è il mio pastor:


nulla mancarmi potrà.
Ant. 2 Il Signore è il mio pastore:
non manco di nulla.

Il Signore è il mio pastore,


io non manco di nulla:
in pascoli d’erbe verdi ei mi fa
riposare;
ad acque di ristoro mi conduce,
49
ricrea l’anima mia. Mi nasconde nella sua tenda
nel giorno di dolore;
Mi guida per giusti sentieri, se mi abbandonano mio padre e mia
per amor del suo nome; madre,
andando per oscure convalli, il Signore mi accoglie.
pur non temo alcun male.
Tu sei meco: la tua verga e il tuo
bastone
sono saldezza fedele. Gustate e vedete (salmo 33)

Mi prepari dinnanzi una mensa, Gustate e vedete come è buono il


di fronte al nemico; Signor!
mi cospargi il capo d’unguento,
il mio calice è pieno. Benedico il Signor ogni momento,
il suo nome mi è sempre sul labbro.
Mi seguono grazia e bontà In Iahvè si rallegra il mio cuore:
ogni giorno della mia vita: ascolti l’umile e ne esulti.
starò nella casa del Signore
per lunghissimi anni. Ringraziate con me il Signore,
insieme celebriamo il suo nome.
Gloria al Padre, al Figlio Signore, Io lo invoco e lui mi risponde,
ora e per sempre; fa svanire ogni mio spavento.
allo Spirito Santo d’amore,
nei secoli eterni. È raggiante chi a lui si converte,
la vergogna non è più sul suo volto.
Il povero che grida Dio lo sente,
e da tutte le sue angosce lo salva.
Vedrò la bontà del Signore
(salmo 26) È accampato l’angelo di Iahvè
vicino ai suoi fedeli e li soccorre.
Vedrò la bontà del Signor nella terra Gustate come è buono il Signore:
dei vivi. felice chi in lui si rifugia.

Il Signore è mia luce e mia salvezza: Voi che siete i suoi santi, temetelo:
di chi avrò timore? chi lo teme non manca di nulla.
Il Signore è la forza della mia vita: Il ribelle è spoglio, affamato,
di chi avrò paura? chi lo teme non manca di nulla.

Una cosa al Signore domando, Per il giusto vi è pena su pena,


questa sola io cerco: da tutte lo libera il Signore;
abitare nella casa del Signore Iahvè ne custodisce le ossa,
ogni giorno di vita. non uno gli verrà spezzato.
50
Sia gloria ora e per sempre mi insultano i miei nemici,
al Padre onnipotente, ripetendomi sempre:
al Figlio risorto da morte, dove è dunque il tuo Dio?
allo Spirito Santo d’amore. Perché ti rattristi anima mia?
Perché sei turbata?
Spera in Dio, puoi sempre lodarlo:
tua salvezza e tuo Signore.
L’anima mia ha sete del Dio vivente
(salmo 41)

Ant. 1 L’anima mia ha sete del Dio Miserere (salmo 50)


vivente; quando vedrò il suo
volto? Miserere, miserere, miserere
Ant. 2 Solo di te ho sete, o Dio:
quando potrò vederti in volto? Davvero ho peccato solo contro te,
mio Dio,
Come anela il cervo ed ho compiuto quello che ai tuoi
all’acqua viva, occhi è male.
così ha sete il mio cuore
di te, o mio Dio. Giusta è, Signore, la sentenza di
condanna;
Sono assetato di Dio, retto e imparziale è il giudizio tuo
del Dio vivente, divino.
quando potrò contemplare
il volto di Dio? Però non ti scordare ch’io nacqui nel
peccato,
Non ho altro pane che il pianto: che nelle colpe sono stato concepito.
ogni notte e ogni giorno,
sempre mi sento ridire Signore, per me crea un cuor nuovo
dov’è dunque il tuo Dio? ed innocente,
rifà indomato e più fermo il mio
Andavo al luogo santo, volere.
alla dimora di Dio,
tra grida di gioia e di lode,
tra popoli esultanti.
Purificami, o Signore (salmo 50)
Vortice dopo vortice,
impeto fragoroso, Ant. 1 Purificami, o Signore:
il peso dei tuoi flutti, sarò più bianco della neve.
è passato su di me. Ant. 2 Peccai, Signor,
abbi di me pietà.
Fino a spezzarmi le ossa
51
Pietà di me, Signore di bontà, O Signore, dischiudi le mie labbra
nel tuo amore distruggi il mio e la mia lingua dirà le tue lodi.
peccato.
Strappa da me ogni sorta di Tu non accogli quant’ho sacrificato,
menzogna; la mia offerta tu la rifiuti;
da ogni colpa vieni a liberarmi. il mio sacrificio è il cuore pentito,
un cuore contrito non sai rifiutare.
Il mio peccato come lo conosco:
senza tregua mi sorge dinnanzi. Rendiamo gloria al Padre onnipotente
Contro di te, te solo ho mancato, e al suo Figlio, il Cristo Signore,
molto male ho commesso, o Signore. e allo Spirito Santo d’amore
per tutti i secoli dei secoli. Amen.
Se condanni, o Signore, sei giusto,
se giudichi il mio peccato.
Tu lo sai, nel peccato sono nato;
dall’inizio è cattivo il mio cuore. A noi, Signore (salmo 56)

Profondamente tu ami la vita, A noi, Signore, dà il tuo amor, la tua


della saggezza dammi dunque il verità
segreto.
Nel tuo incenso puro sarò; Pronto è il mio cuore, o Dio,
lavami e bianco sarò più che neve. pronto è il mio cuore
e trabocca di canti per te.
Fammi sentire la tua parola di gioia: Sorgi, armonia;
esulterà il cuore pentito. svegliati, arpa, sorgi, mia cetra:
Dal mio errore distogli il tuo volto, che io desti l’aurora.
la mia colpa distruggi, Signore.

O Dio, fammi puro di cuore, Andrò fra tutte le genti,


la fedeltà restaura nel mio petto. canterò loro le tue lodi;
Non mi gettare lontano da te, giunge alle stelle il tuo amore
non lasciarmi senza il tuo respiro. e la tua verità.
Sopra i cieli levati, o Dio;
Rendimi, o Dio, la gioia del tuo sulla terra sia gloria a te.
incontro;
mi protegga la santa tua forza.
Ai peccatori mostrerò la tua via,
verso te torneranno i pentiti. Cantate al Signore un inno nuovo.
(salmo 97)
Liberami, o Dio, dalla pena che
merito Cantate al Signore un inno nuovo,
e la mia lingua dirà la tua giustizia. alleluia,
52
poiché egli ha fatto meraviglie, Andiam verso il Signor (salmo 99)
alleluia.
Andiam verso il Signor
Cantate al Signore un inno nuovo cantando con allegrezza.
poiché ha operato meraviglie.
La sua destra ci ha offerto la Loda il Signore, o terra tutta,
salvezza, servi Iahvè nell’allegrezza,
la sua destra d’amore. va da lui con canti di gioia.

Iahvè ci ha indicato la salvezza, Sappi che Iahvè è il Signore,


ai senza Dio ha insegnato la giustizia; lui ci creò e noi siamo suoi,
non ha dimenticato la promessa suo popolo, gregge del suo ovile.
fatta a Israele.
Va nel suo tempio a render grazie,
Anche i più lontani l’hanno vista leva inni al Signor nella sua casa,
la salvezza portata da Iahvè. ringraziando benedici il suo nome.
terra intera acclama il Signore
ed esulta di gioia. Sì, il Signore è buono,
sì, eterno è il suo amore
Cantate al Signore sulla cetra, e la sua fedeltà dura per sempre.
percuotete tutti gli strumenti.
Trasalite di gioia nel cuore Rendiamo gloria al Padre
per Iddio, Iahvè. onnipotente,
al suo Figlio Gesù, nostro Signore,
Acclami il mare e la sua profondità, allo Spirito che viene in ogni cuore.
la terra e la sua ricchezza.
Monti e fiumi battano le mani,
gridino di gioia.
La pietra (salmo 117)
Poiché Dio sta per venire,
per venire a giudicare la terra. La pietra che i costruttori hanno
Giudicherà il mondo con sapienza, scartato
con somma equità. ora è pietra angolare. (2 volte)

Gloria al Padre, al Figlio ed allo È meglio rifugiarsi nel Signore


Spirito che sperare negli uomini.
ora e sempre, È meglio rifugiarsi nel Signore
al Dio che è, che era e che sarà che sperare nei prìncipi.
nei secoli eterni.
Ti ringrazio, perché mi hai esaudito:
fosti per me la salvezza.
La pietra scartata dai costruttori
53
ora è pietra angolare. Perché amo i miei fratelli, i miei
amici,
Benedetto chi viene nel nome del lascia ch’io ripeta: pace!
Signore! Perché amo la casa di Dio
Vi benediciamo dalla casa del prego per te.
Signore.
Tu sei il mio Dio, io ti ringrazierò,
mio Dio, ti esalterò.
Rivolti i nostri occhi son lassù
(salmo 123)

Rallegrati, Gerusalemme Rivolti i nostri occhi son lassù


(salmo 121) finchè di noi abbia pietà.

Ant. 1 Rallegrati, Gerusalemme, I miei occhi sono rivolti a te


accogli i tuoi figli che sei alto nei cieli;
nelle tue mura. ecco: sono come gli occhi dei servi
Ant.2 Gerusalemme, oh la mia gioia, volti alla mano del Signore.
noi sostammo alle tue porte;
tutti insieme ci radunò. Come ancella che attende
il cenno di un comando,
Oh che gioia quando mi dissero: così il nostro sguardo verso Dio
andiamo alla casa del Signore. finchè di noi abbia pietà.
Siamo giunti, abbiamo fatto sosta
davanti alle tue porte. Pietà di noi, o Dio, pietà per noi,
siamo troppo colmati di disprezzo;
Gerusalemme, città edificata l’anima nostra è troppo ricolma
come un’unica solida cosa: dei sarcasmi dei soddisfatti.
è là che salgono le tribù,
le tribù di Iahvè. Gloria al Padre, al Figlio e allo
Spirito,
Per celebrare secondo il suo rito ora e per sempre,
il nome santo di Dio. al Dio che è, che era e che sarà
È là che siede la giustizia per i secoli dei secoli.
sul trono di David.

Invocate la pace per Sion:


pace nelle sue tende,
pace entro le mura,
pace nei suoi castelli.

54
Com’è bello, com’è dolce
(salmo 132)

Com’è bello, com’è dolce


che i fratelli stiano insieme.

È come unguento che dal capo


discende
sulla barba di Aronne.
È come unguento…

È come unguento che dal capo


discende
sugli orli del manto.
È come unguento…

Come rugiada che dall’Ermon


discende
sui monti di Sion.
Come rugiada…

Ci benedice il Signore dall’alto,


la vita dona in eterno.
Ci benedice…

55
INNI E
CANTICI

56
L’aurora risplende di luce Innalzate nei cieli lo sguardo

L’aurora risplende di luce, Innalzate nei cieli lo sguardo:


il cielo si veste di canti, la salvezza di Dio è vicina,
la terra inneggia gioiosa risvegliate nel cuore l’attesa
a Cristo risorto dai morti. per accogliere il Re della gloria.

La vita ha distrutto la morte, Sorgerà dalla casa di David


l’amore ha lavato il peccato il Messia da tutti invocato;
e Cristo, splendore di gloria, prenderà da una Vergine il corpo
illumina il nostro mattino per potenza di Spirito Santo.

La notte è ormai tutta trascorsa Vieni, o Re messaggero di pace,


nel nuovo fulgore del giorno reca al mondo il sorriso di Dio!
con l’anima piena di gioia Nessun uomo ha mai visto il suo
in lui ci scopriamo fratelli. volto,
solo tu puoi svelarci il mistero.
A noi, come già a Maddalena,
il Cristo risorto si sveli, Ora visita noi nella fede,
c’incontri e ci chiami per nome per donarci la vita di Dio:
colui ch’era morto ed è vivo. tu ci offri il tuo corpo e il tuo sangue
a salvezza del nostro peccato.
Ritorni sul nostro cammino
e la sua parola c’infiammi: Noi crediamo che all’ultimo giorno
di nuovo, nel pane spezzato, tornerai con potenza e splendore
vedremo il suo volto risorto. per premiare in eterno gli eletti
e punire col fuoco i cattivi.
Al nostro raduno concorde
un ospite nuovo s’aggiunga: Fa’ che allora guardiamo sereni
confermi la debole fede il tuo volto raggiante di gloria,
mostrando le piaghe gloriose. per seguirti lassù dove regni
con il Padre e lo Spirito Santo. Amen.
In questa letizia pasquale,
rifatti di nuovo innocenti,
a Cristo cantiamo la lode,
al Padre e allo Spirito Santo. Amen. Liberati dal giogo del male

Liberati dal giogo del male,


battezzati nell’acqua profonda,
noi giungiamo alla terra di prova
dove i cuori saran resi puri.

57
Dal paese d’Egitto ci hai tratti Egli opera potenza col suo braccio,
e cammini con noi nel deserto disperde i superbi nell’intento del
per condurci alla santa montagna loro cuore;
sulla quale s’innalza la Croce.
abbatte i potenti dai troni
Tu sei l’acqua che sgorga dal sasso, e innalza i miseri;
sei la manna che sazia la fame,
sei la nube che guida il cammino gli affamati li riempie di beni,
e sei legge che illumina i cuori. e i ricchi li svuota;

Su te, roccia che t’alzi fra noi, solleva Israele, suo servo,
troveremo difesa ed appoggio ricordando il suo amore.
e berremo alla fonte di vita
che ci lava dai nostri peccati. Così ha parlato ai nostri padri,
per Abramo e la sua discendenza, nei
Tu ci guidi nell’Esodo nuovo secoli.
alla gioia profonda di Pasqua:
dalla morte passando alla vita Sia gloria al Padre onnipotente,
giungeremo alla terra promessa. al Figlio, allo Spirito Santo. Amen.
Amen.

Nel primo chiarore del giorno


Magnificat
Nel primo chiarore del giorno,
Tu sei la luce che mai non si spegne, vestite di luce e silenzio,
dimora di colui che non ha tetto, le cose si destan dal buio
Madre e Vergine. com’era al principio del mondo.

L’anima mia magnifica il Signore, E noi che di notte vegliammo


e si allieta il mio spirito in Dio, mio attenti alla fede del mondo,
Salvatore, protesi al ritorno di Cristo
or verso la luce guardiamo.
poiché ha guardato alla miseria della
sua serva: O Cristo, splendore del Padre,
e ora tutti i secoli mi diranno beata; vivissima luce divina,
in te ci vestiam di speranza,
poiché il Potente mi ha fatto grandi viviamo di gioia e d’amore.
cose,
e santo è il suo nome; Al Padre cantiamo la lode,
al Figlio che è luce da luce,
e il suo amore per secoli e secoli e gloria allo Spirito Santo
a coloro che lo temono. che regna nei secoli. Amen.
58
O Trinità infinita rivestito di carne mortale.

O Trinità infinita, Come un povero vieni tra noi


cantiamo la tua gloria in questo ed il regno dei cieli ci annunci;
vespro, dono al mondo la vita di Dio,
perché nel Cristo tu ci hai resi figli ci redimi col prezzo del sangue.
e i nostri cuori sono tua dimora.
Benedetta per sempre la terra!
Eterno senza tempo, Qual rugiada disceso è il perdono,
sorgente della vita che non muore, nuovo amore si effonde su noi:
a te la creazione fa ritorno adoriamo in silenzio il mistero.
nell’incessante flusso dell’Amore.
Per il Figlio che tu ci hai donato
Noi ti cantiamo, o Immenso, nello Spirito, fonte di vita,
in questo breve sabato del tempo a te, Padre, sia gloria nei cieli,
che annuncia il grande giorno senza e sia pace agli uomini in terra. Amen.
sera
in cui vedremo te, vivente luce.

A te la nostra lode, Prima che sorga l’alba


o Trinità dolcissima e beata
che sempre sgorghi e sempre rifluisci Prima che sorga l’alba,
nel quieto mare del tuo stesso Amore. vegliamo nell’attesa;
Amen. tace il creato e canta
nel silenzio il mistero.

Il nostro sguardo cerca


Per te solo è chiara la notte un volto, nella notte;
in cuore a Dio s’innalza
Per te solo è chiara la notte più puro il desiderio.
e le tenebre son come luce,
generato dal seno del Padre E mentre, lieve, l’ombra
nell’eterno splendore dei cieli. cede al chiaror nascente,
fiorisce la speranza
O parola possente di Dio, del giorno che non muore.
tuo è il tempo, riempi ogni spazio,
per te il mondo è stato creato, Presto l’aurora in cielo
tu sei l’alfa e l’omèga di tutto. ci inonderà di luce;
la tua misericordia,
Ineffabile grande mistero! o Padre, ci dia vita.
Canti il cielo ed esulti la terra:
oggi nasci da vergine intatta, E questo nuovo giorno,
59
che l’alba per noi schiude,
dilati in tutto il mondo
il regno del tuo Figlio.

A te, o Padre santo,


all’unico tuo Verbo,
all’infinito Amore,
sia lode in ogni tempo. Amen.

Raggiante fra tenebre dense

Raggiante fra tenebre dense


viene tra noi Gesù, la luce vera;
cammineran le genti al suo fulgore,
a lui si volgeranno con amore.

La via prepariamo per lui,


esulteremo innanzi al nostro Dio,
che viene a noi qual fonte di salvezza,
che viene a noi con equità ed amore.

Venuto a redimere l’uomo,


l’attira a sé con umiltà e mitezza.
La fedeltà e la grazia manifesta,
presente in mezzo a noi sarà per
sempre.

Ai poveri porta l’annunzio:


saranno i primi nel regno dei cieli;
saran chiamati popolo di Dio,
farà con loro un’alleanza eterna.

Un giorno avrà fine l’attesa:


saranno cieli nuovi e terra nuova!
Dice il Signore: “Ecco, vengo
presto!”,
Dice la sposa: “Sì, vieni, Signore!”.
Amen.

60
CANTI
LITURGICI

61
62
Al mattino

Al mattino, Signore, al mattino


la mia anfora è vuota alla fonte
e nall’aria che vibra e traspare
so che puoi farmi grande, Signore.

La, la, la...

E le ore del giorno, al mattino


di tua gloria sono tenera argilla.
Uno è l’alveo del mio desiderio:
ch’io ti veda, ed è questo il mattino.

La,la, la…

Allora saprete che esisto

Voialtri sulla terra


la croce drizzerete,
del legno del Calvario
il frutto voi vedrete.

Allora saprete che esisto - dice il


Signor -
che in me l’amore fedele dimora,
come in quest’ora.

Si stenderà il lenzuolo
nella caverna tetra,
si chiuderà il sepolcro
col peso della pietra.

Quando verrete all’alba


il corpo a imbalsamare,
quando vedrete l’alba
degli angeli esultare...

Se ascendo sopra i cieli


di gloria risplendente,
63
sarò sul tuo cammino Ave Maria, splendore del mattino
la nube incandescente.
Ave Maria, splendore del mattino,
puro è il tuo sguardo ed umile il tuo
cuore,
Apparirà protegga il nostro popolo in cammino
la tenerezza del tuo vero amore.
Apparirà nel suo splendore
il Signore dell’umanità: Madre non sono degno di guardarti,
ed ecco l’alba che aspettate però fammi sentire la tua voce,
là in mezzo all’oscurità. fa’ che io porti a tutti la tua pace
È come un bimbo e possano conoscerti ed amarti.
nel deserto della città
è il Dio d’ogni bontà. Madre, tu che soccorri i figli tuoi,
fa’ in modo che nessuno se ne vada,
A Israele, fuggito dal male, sostieni la sua croce e la sua strada,
nel deserto la legge donò, fa’ che cammini sempre in mezzo a
ma Israele era ancora bambino noi.
per restare fedele al suo amor.
A Mosè solitario e fedele, Ave Maria, splendore del mattino,
che la pietra in sorgente mutò, puro è il tuo sguardo ed umile il tuo
egli pose Aronne vicino cuore,
come una fonte d’eterno perdono. protegga il nostro popolo in cammino
la tenerezza del tuo vero amore.
Ma Israele, avuta la legge, Protegga il nostro popolo in cammino
chiese un re al Signore Iahvè la tenerezza del tuo vero amore.
perchè il popolo ancora bambino
non sapeva ordinarsi da sé.
Ebbe Davide il valoroso,
lo splendore di Salomone, Ave Maria, stella del mattino
poi tutti i re che tradiron
l’antica alleanza di Iahvè. Ave Maria,
stella del mattino,
Lungo i fiumi di Babilonia tu che hai vegliato questa notte per
un popolo versa il suo pianto, noi,
da primavera all’autunno prega per noi
sugli anni del suo dolor. che cominciamo questo giorno,
Per lui non più canti né feste, prega per noi
poichè non si sente un profeta, per tutti i giorni della vita.
che porti una nuova speranza Ave Maria.
di ritornare a vedere Sion.

64
Madre di tutti, che dissi al Signore così:
mostraci tuo Figlio A volte sono triste, ma mi guardo
che tu hai portato nel tuo seno per intorno,
noi, scopro il mondo e l’amor;
nato per noi son questi i doni che lui fa a me,
per liberarci dalla morte, felice ritorno a cantar:
morto per noi
per ricondurci nella vita.
Ave Maria.
Cantico dei redenti
Piena di grazia
segnaci la via, Il Signore è la mia salvezza
dov’è la vita preparata per noi e con lui non temo più,
chiedi per noi perchè ho nel cuore la certezza;
misericordia dal Signore, la salvezza è qui con me.
chiedi per noi
che ci sia data la sua pace. Ti lodo Signore perchè
Amen. un giorno eri lontano da me,
ora invece sei tornato
e mi hai preso con te.

Camminerò Berrete con gioia alle fonti,


alle fonti della salvezza
Camminerò, camminerò, e quel giorno voi direte:
nella tua strada, Signor. lodate il Signore,
Dammi la mano, voglio restar invocate il suo nome.
per sempre insieme a te.
Fate conoscere ai popoli
Quando ero solo, solo e stanco nel tutto quello che lui ha compiuto
mondo, e ricordino per sempre,
quando non c’era l’Amor, ricordino sempre
tante persone vidi intorno a me, che il suo nome è grande.
sentivo cantare così:
Cantate a chi ha fatto grandezze
Io non capivo, ma rimasi a sentire e sia fatto sapere nel mondo;
quando il Signor mi parlò: grida forte la tua gioia,
lui mi chiamava, chiamava anche me abitante di Sion,
e la mia risposta si alzò: perchè grande con te
è il Signore.
Or non m’importa se uno ride di me,
lui certamente non sa
del gran regalo che ebbi quel dì,
65
Canzone di Maria Chiara Che siano una sola cosa

La mia porta sarà chiusa Che siano una sola cosa perchè il
per il ricco e per il forte, mondo veda,
per tutti quelli che non hanno amato, che siano un solo amore perchè il
per chi ha giocato con la morte, mondo creda.
per gli uomini per bene,
per chi cerca la sua gloria, La macchina del mondo, l’egoismo
per tutti quelli che non hanno amato della gente
e per i grandi della storia. schiacciano e condannano chi non
vale niente;
Se non ritornerete come bambini davanti a queste cose c’è chi
non entrerete mai. (2 volte) maledice,
ma il Figlio del Potente, Cristo, cosa
Non c’è posto per quell’uomo chiede?
che non vende la sua casa
per acquistare il campo Tutto il nostro male non ci porti
dove ho nascosto il mio tesoro. delusione,
Ma per tutti gli affamati, abbiamo la promessa che tutto
gli assetati di giustizia salverà,
ho spalancato le mie porte, ed anche se il tuo sforzo non sembra
ho preparato la mia gioia. cambiar niente,
no, non ti fermare, ma come Cristo
Per chi fu perseguitato, prega:
per chi ha pianto nella notte,
per tutti quelli che hanno amato,
per chi ha perduto la sua vita:
la mia casa sarà aperta, I cieli
la mia tavola imbandita,
per tutti quelli che hanno amato, Non so proprio come far
per chi ha perduto la sua vita. per ringraziare il mio Signor:
m’ha dato i cieli da guardar
e tanta gioia dentro al cuor.

Lui m’ha dato i cieli da guardar,


lui m’ha dato la bocca per cantar,
lui m’ha dato il mondo per amar
e tanta gioia dentro al cuor.

S’è curvato su di me
ed è disceso giù dal ciel
per abitare in mezzo a noi
66
e per salvare tutti noi. Dal profondo

Quando un dì con lui sarò Tu ci hai amato Signore


nella sua casa abiterò, dal profondo del tempo,
nella sua casa tutta d’or, tu ci hai amato Signore
con tanta gioia dentro al cuor. per ogni momento.

Quando un dì con lui sarem Prima che il Padre dicesse:


nella sua casa abiterem, “Siano i cieli e la terra”,
nella sua casa tutta d’or, prima che il Padre volesse,
con tanta gioia dentro al cuor. dal profondo del tempo.

Lui m’ha dato... “Adamo non peccare,


non tradirmi mai,
sono io che ti ho chiamato
dal profondo del tempo”.
Come è grande
La pace è rinata
Come è grande la tua bontà dal sangue tuo per noi,
che conservi per chi ti teme! la strada era segnata
E fai grandi cose per chi ha rifugio in dal profondo del tempo.
te,
e fai grandi cose per chi ama solo te! Il mondo finirà
e tu ritornerai
Come un vento silenzioso e mi porterai
ci hai raccolto dai monti e dal mare; nel profondo del tempo.
come un’alba nuova sei venuto a me,
la forza del tuo braccio mi ha voluto
qui con sè.
Il disegno
Come è chiara l’acqua alla tua fonte
per chi ha sete ed è stanco di cercare: Nel mare del silenzio una voce si alzò
sicuro ha ritrovato i segni del tuo da una notte senza confini una luce
amore brillò
che si erano perduti nell’ora del dove non c’era niente quel giorno
dolore.
Avevi scritto già il mio nome lassù
Come un fiore nato tra le pietre nel cielo
va a cercare il cielo su di lui, avevi scritto già la mia vita insieme a
così la tua Grazia, il tuo Spirito per Te,
noi, nasce per vedere il mondo che tu avevi scritto già di me.
vuoi.
67
E quando la Tua mente fece splendere Mi feci avanti pian piano finchè non
le stelle, giunsi tra i primi,
e quando le Tue mani modellarono la tenevo la testa bassa e gli occhi fissi
terra, ai gradini.
dove non c’era niente, quel giorno. Lui continuava a parlare: sembrava
dicesse a me.
E quando hai calcolato la profondità Guardavo fisso la terra e mi chiedevo
del cielo, perchè.
e quando hai colorato ogni fiore della
terra, Sentivo quelle parole, ma non volevo
dove non c’era niente, quel giorno. capire;
poi mi riprese la folla e non lo volli
E quando hai disegnato le nubi e le seguire.
montagne, Lui stava parlando, seduto sopra ai
e quando hai disegnato il cammino di gradini
ogni uomo, di quella casa bianca in mezzo a tanti
l’avevi fatto anche per me. bambini.

Se ieri non sapevo, oggi ho


incontrato Te,
e la mia libertà è il tuo disegno su di Grazie, Signore
me,
non cercherò più niente perchè tu mi Grazie, Signore,
salverai. che m’hai dato in tuo nome
tanti fratelli, per venire fino a te.
Grazie, Signore,
perchè hai dato il sorriso
Il giovane ricco al nostro volto, per parlarci del tuo
amor.
Lui stava parlando,
seduto sopra i gradini La, la…
di quella casa bianca, in mezzo a tanti
bambini. Grazie, Signore,
Erano tutti sudati, Pietro cercava da perchè hai fatto del mondo
bere; la tua casa, il tuo Regno divino,
c’erano anche i soldati, io non perchè potessimo
riuscivo a vedere. amarti ed amarci,
ovunque andremo, ovunque saremo.
Va’ vendi tutto quello che hai e vieni
con me. (2 volte)

68
Ho abbandonato La mia fede sta in chi
ha sofferto per me.
Ho abbandonato dietro di me La mia fede sta in chi
ogni paura, ogni dubbio perché ha pagato per me.
una grande gioia mi sento in cuor,
se penso a quanto è buono il mio La mia pace sta in chi
Signor. ha un amore profondo.
La mia pace sta in chi
Ha fatto i cieli sopra di me, è il Signore del mondo.
ha fatto il sole, il mare, i fior;
ma il più bel dono che La mia gloria sta in chi
mi ha fatto il Signor è alla destra del Padre.
è stata la vita ed il suo amor. La mia gloria sta in chi
presto ritornerà.
Ho abbandonato dietro di me
ogni tristezza, ogni dolor;
e credo ancora in un mondo che
sarà diverso a causa del suo amor. In comunione

Se poi un giorno mi chiamerà Signore, ti ringrazio


un lungo viaggio io farò, perchè tu hai voluto
per monti e valli allor che io sedessi a mensa con te
a tutti io dirò: e per il tuo corpo che in cibo mi hai
“Sappiate che è buono il mio Signor”. dato
e per il tuo sangue che nel calice hai
Ho abbandonato dietro di me versato.
ogni paura, ogni dubbio perchè
una grande gioia mi sento in cuor, “Allora vieni con me,
se penso a quanto è buono il mio in comunione con me
Signor. sino all’eternità”.
La, la, la, la...

Signore, per tutti i dolori che hai


In chi sopportato,
per tutte le lacrime che hai versato,
La mia forza sta in chi per tutte le gioie che non mi hai
mi saprà liberare. negato,
La mia forza sta in chi per tutto l’amore che mi hai donato.
mi ha salvato dal male.

La la...

69
Io non sono degno Lasciati fare

Io non sono degno Lasciati fare da chi ti conosce,


di ciò che fai per me, lasciati fare da chi ama te.
tu che ami tanto uno come me.
Vedi non ho nulla Il Signore sa perfino
da donare a te, quanti capelli hai sulla testa;
ma se tu lo vuoi il Signore sa perfino
prendi me. i nomi delle stelle.

Sono come la polvere Non ti affannare per sapere


alzata dal vento, cosa mangiare e cosa bere;
sono come la pioggia il Signore veste
caduta dal cielo. anche i gigli del campo.
Sono come una canna
spezzata dall’uragano
se tu, Signore, non sei con me.
Ma non avere paura
Contro i miei nemici
tu mi fai forte, Ma non avere paura,
io non temo nulla non ti fermare mai
e aspetto la morte. perchè il mio amore è fedele
Sento che sei vicino, e non finisce mai.
che mi aiuterai,
ma non sono degno Guardo sempre dentro me
di quello che mi dai. e non vedo te,
c’è rumore nel mio cuor
e non so perchè.

Io ti offro Non saper cosa dir,


non saper che far
Io ti offro la mia vita, o mio Signore. “Fai silenzio dentro te
Io ti offro tutto di me, tutto di me, ed ascolta me”.
tutto di me.
Ogni volta che tu vuoi
Chiunque in te spera non resta tu mi troverai
deluso. (2 volte) e l’amore mio, lo sai
non finisce mai.
Ci hai dato la vita tra i veri viventi.
(2 volte)

70
Madre di Dio santissima buia era la notte, perchè?
Buia era la notte e senza stelle:
Madre di Dio santissima, vedevo solo me.
serva di tutti gli uomini,
nostra sorella, chiamaci Ma non vedi come sono,
a riposare in te. perchè non mi vuoi aiutare?
Vedi come sono stanco,
L’umano nuovo genera, nessuno mi sa ascoltare.
salva la terra e i popoli;
Eva innocente, insegnaci Marta, Marta tu t’inquieti
a confidare in te. e ti affanni per mille cose,
mentre una sola è quella,
Donna, creatura limpida, è quella che vale.
seno che nutre gli animi,
di questa carne svelaci Buia era la notte e senza stelle,
il volto divino in te. buia era la notte, perchè?
Buia era la notte e senza stelle:
Sul mondo triste, il crimine vedevi solo te.
troppo pesante domina;
vita più vera aiutaci
a desiderare in te.
Il mio volto
Sposa profumatissima,
sorriso sei degli angeli, Mio Dio, mi guardo ed ecco scopro
sovrana degli apostoli, che non ho volto;
Chiesa del Santo Re. guardo il mio fondo e vedo il buio
senza fine.
Madre d’eterna gloria,
grembo del Redentore, Solo quando mi accorgo che tu sei,
il desiderio donaci come un eco risento la mia voce
di accoglier Cristo in te. Amen. e rinasco come il tempo dal ricordo.

Perchè tremi mio cuore? Tu non sei


solo,
Marta, Marta tu non sei solo;
amar non sai e sei amato,
Non so proprio come fare e sei amato;
perchè non capisco niente; farti non sai e pur sei fatto,
io non sento più le voci, e pur sei fatto.
non vedo la mia gente.
Come le stelle su nei cieli,
Buia era la notte e senza stelle, nell’Essere tu fammi camminare,
71
fammi crescere e mutare, come la Il monologo di Giuda
luce
che cresci e muti nei giorni e nelle Non fu per i trenta denari,
notti. ma per la speranza che
lui, quel giorno,
L’anima mia fai come neve che si aveva suscitato in me.
colora
come le tenere tue cime, al sole del Io ero un uomo tranquillo,
tuo amor. vivevo bene del mio,
rendevo anche gli onori
alla casa di Dio.
Ma un giorno venne quest’uomo,
Il Mistero parlò di pace e di amore,
diceva ch’era il Messia,
Chi accoglie nel suo cuore il mio Salvatore.
il volere del Padre mio
sarà per me fratello, Per terre arate dal sole,
fratello, sorella e madre. per strade d’ogni paese,
ci soffocava la folla
Con occhi semplici voglio guardare con le mani tese.
della mia vita svelarsi il Mistero Ma poi passavano i giorni
là dove nasce profonda l’aurora e il regno suo non veniva,
di un’esistenza chiamata al Tuo gli avevo dato ormai tutto
amore. e lui mi tradiva.

M’hai conosciuto da secoli eterni, Divenne il cuore di pietra


m’hai costruito in un ventre di donna e gli occhi scaltri a fuggire;
ed hai parlato da sempre al mio cuore mi aveva dato l’angoscia
perchè sapessi ascoltar la Tua voce. e doveva morire.
Appeso all’albero un corpo,
Guardo la terra e guardo le stelle che non è certo più il mio,
e guardo il seme caduto nel campo, ora lo vedo negli occhi:
sento che tutto si agita e freme é il Figlio di Dio.
mentre il Tuo regno Signore già
viene.

Se vedo l’uomo ancora soffrire, Nella Tua pace


se il mondo intero nell’odio si spezza
io so che è solo il travaglio del parto Signore, nella tua pace non ho paura
di un uomo nuovo che nasce alla vita. anche se la notte è buia (2 volte)
Signore, tua pace non c’è timore
anche se una vita muore. (2 volte)
72
Cosa mai potrà farmi l’uomo? ora sappiamo chi fu:
La mia destra ormai non teme più. era colui che cercavi,
Compirò, secondo la parola si faceva chiamare Gesù.
che hai detto, la mia fatica.

Me ne andrò come un pellegrino


per il mondo ad annunciare te. Non son sincera
Asciugherò con la tua parola
le lacrime di chi piange ancora. Il male che faccio non è il mio male,
sono più misera di quanto credevo;
Quel giorno poi, che vedrò il tuo il male che ho dentro queste mie
volto, ossa,
conoscerò come conosci me Padre, mi tiene lontano da te.
e balzerà l’anima nel petto
poichè mi prenderai con te. Passa il mio tempo, non son sincera.
Amo la gente, non son sincera.
Vivo il presente, non son sincera.
Prego la sera, non son sincera.
Noi non sappiamo chi era
Fammi incontrare chi sa soffrire,
Noi non sappiamo chi era, Chi sa donare fino alla fine,
noi non sappiamo chi fu, chi è sincero, chi è reale
ma si faceva chiamare Gesù. colui ch’io possa almeno seguire.

Pietro lo incontrò sulla riva del mare,


Paolo lo incontrò sulla via di
Damasco. Il nostro cuore
Vieni, fratello: ci sarà un posto,
posto anche per te. Il nostro cuore non si è perduto,
i nostri passi non hanno smarrito la
Maria lo incontrò sulla pubblica sua strada.
strada,
Disma lo incontrò in cima alla croce, Né l’angoscia, né il dolore,
Vieni, fratello: ci sarà un posto, la paura e la spada...
posto anche per te. Mai il tuo sguardo fuggirò,
la tua casa lascerò.
Noi lo incontrammo all’ultima ora,
io l’ho incontrato all’ultima ora. Della morte, della vita,
Vieni, fratello: ci sarà un posto, del presente, del futuro
posto anche per te. la tua gente non ha paura,
la tua rocca sta sicura.
Ora sappiamo chi era ora
73
Col mio canto, la mia gioia, “io sono intelligente”,
con l’amore e le parole “io sono molto furbo”,
la tua gloria loderò, “io non sono niente.”
la tua forza griderò.
Dio ci ha dato tutto il pane
per sfamare tanta gente:
Dio ci ha dato tutto il pane
Ora so anche se non abbiamo niente.

Ora so che il suo amore è grande,


che lui m’amerà e m’ amerà per
sempre, Perdonami mio Signore
e so che lui resterà fedele e che
poi mi seguirà in ogni strada che io, Perdonami, mio Signore, di tutto il
che io prenderò e luce ai miei passi male mio;
sarà il mio Signor. perdonami, mio Signore, perdonami
mio Dio;
Oh, oh, oh... lui mi assicura che
fatica e dolore non sono senza una, Senza di te si spacca il cuore mio;
senza una speranza, per questo io lo bianco come la morte, ti chiamo, o
seguo Dio.
e lui è il mio Signor.
Come è pesante il male, il male che ti
faccio
e come è duro il cuore: è freddo più
Il pane del ghiaccio.

Dove troveremo tutto il pane No, non mi abbandonare e dammi la


per sfamare tanta gente tua pace;
Dove troveremo tutto il pane, sia tutta la mia vita solo ciò che ti
se non abbiamo niente. piace.

“Io possiedo solo cinque pani”,


“io possiedo solo due pesci”,
“io possiedo un soldo soltanto”, Povera voce
“io non possiedo niente.”
“Io so suonare la chitarra” Povera voce di un uomo che non c’è
“io so dipingere e fare poesie”, la nostra voce, se non ha più un
“io so scrivere e penso molto”, perchè:
“io non so fare niente.” deve gridare, deve implorare
che il respiro della vita non abbia
“Io sono un tipo molto bello”, fine.
74
Poi deve cantare perchè la vita c’è, Quante volte t’ho chiamato per nome,
tutta la vita chiede l’eternità; quante volte ho cercato di te,
non può morire, non può finire ma tu fuggi e ti nascondi,
la nostra voce che la vita chiede vorrei proprio sapere perché.
all’Amor.
Poco dopo è calata la notte,
Non è povera voce di un uomo che la tua voce ho sentito gridar;
non c’è; io ti dico: ritorna alla casa
la nostra voce canta con un perchè. il mio amore è più grande del mar.

Tu hai sentito chiamare il tuo nome:


non puoi certo scordarlo mai più.
Preghiera a Maria Su non fingere di essere sordo,
puoi rispondermi solo tu.
Maria, tu che hai atteso nel silenzio
la sua Parola per noi,

aiutaci ad accogliere Se il Signore non costruisce la città


il figlio tuo che ora vive in noi.
Se il Signore non costruisce la città,
Maria, tu che sei stata così docile invano noi mettiamo pietra su pietra.
davanti al tuo Signor, Se la nostra strada non fosse la sua
strada,
Maria, tu che hai portato dolcemente invano camminiamo, camminiamo
l’immenso dono d’amor, insieme.

Maria, Madre, umilmente tu hai Cosa serve a noi lavorare tutto il


sofferto giorno,
del suo ingiusto dolor: per costruire cose che non han
valore?
Maria, tu che ora vivi nella gloria, Non sono altro che gioie di un
insieme al tuo Signor. momento,
ma che poi svaniscono, svaniscono
come il vento.

Quando uno ha il cuore buono Cosa serve a noi piangere di dolore,


ridere di gioia, giocare con un fiore,
Quando uno ha il cuore buono dare il nostro pane a chi muore sulla
non ha più paura di niente, strada,
è felice d’ogni cosa, se non speriamo solo nel suo amore?
vuole amare solamente.

75
Il seme

Il Signore ha messo un seme


nella terra del mio giardino.
Il Signore ha messo un seme
nel profondo del mio mattino.

Io appena me ne sono accorto


sono sceso dal mio balcone
e volevo guardarci dentro,
e volevo vedere il seme.

Ma il Signore ha messo il seme


nella terra del mio giardino.
Il Signore ha messo il seme
all’inizio del mio cammino.

Io vorrei che fiorisse il seme,


io vorrei che nascesse il fiore,
ma il tempo del germoglio
lo conosce il mio Signore.

Il Signore ha messo un seme


nella terra del mio giardino.
Il Signore ha messo un seme
nel profondo del mio mattino.

76
77
CANTI DI
MONTAGNA

78
Ai preat la biele stele

Ai preat le biele stele,


duch i sants del paradis,
che’ l Signor fermi la uère,
che il mio ben torni al pais.

Ma tu stele, biele stele,


fà palese’l mio destin;
va daur di che’ montagne
là ch’a l’è’l mio curisin.

Ho pregato la bella stella, tutti i santi del


paradiso, che il Signore fermi la guerra,
che il mio amor torni al paese. Ma tu
stella, bella stella, fà palese il mio
destino; va dietro quella montagna dove
c’è il mio amore.

Al cjante il gjal

Al cjante il gjal,
al criche il dì;
mandi, ninine,
mi tocje partì.

Ti prei, ben miò,


non stà vaì,
mandi, ninine,
mi tocje partì.

Canta il gallo, spunta il giorno; ciao,


bambina, devo partire. Ti prego, amore
mio, non piangere, ciao, bambina, devo
partire.

79
Al comando dei nostri ufficiali e vedo una casetta
sperduta in mezzo ai fior.
Al comando dei nostri ufficiali
caricheremo cartucce a mitraglia E alla sera nel rifugio
ma se per caso il colpo si sbaglia prima de andarmene a letto -
a baionetta l'assalto farem. lerì lerà -
vedo nel cielo una stella
E tu Austria, che sei la più forte, che la vol farme l’ocetto -
fatti avanti se hai del coraggio lerì lerà -
e se qualcuno ti lascia il passaggio e due o tre nugole gelose
noi altri alpin fermarti saprem. le te nasconde a mi.

Oh care mamme che tanto tremate


non disperate pei vostri figlioli
che qui sull'alpe non siamo mai soli Belle rose du printemps
c'è tutta Italia che a fianco ci sta.
Que fais-tu là-bas, ma jolie bergère?
Belle rose du printemps.
Combien prends-tu pour ton salaire?
Alla mattina Belle rose du printemps.

Alla mattina quando il sole


s’alza e scominzia a levarse -
lerì lerà - La bergera
vardo le zime del Brenta
che le scominzia a’ndorarse - A l’ombra d’un busson
lerì lerà. - bela bergera a lè ‘nduermia;
Allora mi me ne vado j’è da li passé
sui crozi a rampegar. trè joli franssé
a l’an dit: “Bela bergera
Allor penso a ti, voi l’evi la frev!
tesoro del me cor,
che ti se’n bel fiorellin E se voi l’evi la frev
fiorellin d’amor. faroma fè ‘na covertura...
Allor penso a ti... Con ‘l mé mantel
ch’a l’è così bel...
A mezzogiorno sulla zima faroma fè ‘na covertura:
disno de buon appetito, - passerà la frev!
lerì lerà -
vedo la valle che se stende Ma la bella l’ à rispundù
laggiù nell’infinito - “Gentil galant, fè vostr viagi
lerì lerà - e lasse me ste
80
con ‘l me bergè anche l’inferno
che al son de la soa viola sol l’alpin ci sta lassù.
mi farà dansè”
Se dall’alto dirupo cade,
E ‘l berger sentend’ lo lì confortate i vostri cuori
l’è saotà fora de la baraca; perchè se cade
con la viola ‘n man in mezzo ai fiori
s’è butà a soné: non gl’importa di morir.
a l’an piait bela bergera,
l’an falà dansé!

Bombardano Cortina
La pastorella all’ombra di un alberello è
addormentata una bella pastorella; un bel
Bombardano Cortina -ohilì -
francese è passato di li e gli ha detto:”Bella
pastorella, voi avete la febbre! E se avete la dicon che gettan fiori - ohilà -
febbre faremo fare una coperta: passerà la tedeschi traditori,
febbre!”Ma la bella ha risposto:”Cortese è giunta l’ora:
giovanotto, fate il vostro viaggio, e lasciatemi
stare col mio pastore che al suono dellla sua
subito fora (2 volte)
viola mi farà ballare!” E il pastore che stava dovete andar!
ascoltando è saltato fuori dalla capanna con la E’ giunta...
viola in mano: si è messo a suonare ha preso la
bella pastorella e l’ha fatta danzare!
E proseguendo poi - ohilì -
per Valle Costeana - ohilà -
giunti sulla Tofana
su quella vetta
Bersagliere ha cento penne
la baionetta (2 volte)
scintillerà!
Bersagliere ha cento penne,
Su quella...
ma l’alpin ne ha una sola,
un po' più lunga,
Non mancherà poi tanto - ohilì -
un po' più mora,
che anche i Lagazuoi - ohilà -
sol l’alpin la può portar.
conquisteremo noi;
l’artiglieria
Quando scende la notte buia,
Sasso de Stria (2 volte)
tutti dormon giù nella pieve,
battuto avrà.
ma con la faccia
L’artiglieria...
dentro la neve
sol l’alpin non può dormir.
Son prese le Tre Dita - ohilì -
il Masarè è già nostro - ohilà -
Su pei monti vien giù la neve,
l’aquila ha perso il rostro
la tormenta dell’inverno,
e già s’invola,
ma se venisse
spennata e sola (2 volte)
81
là sul Caval. Di qua, di là del Piave
E già...
Di qua, di là del Piave
Fatta è la galleria - ohilì - ci sta un’osteria,
messa la gelatina - ohilà - un’osteria:
e una bella mattina di qua...
anche Gigetto, là c’è da bere e da mangiare
col Castelletto (2 volte) e un buon letto da riposar.
per aria andò! La c’è...
Anche...
E dopo aver mangiato,
Giunti sul canalone - ohilì - mangiato e ben bevuto,
schierati i suoi soldati - ohilà - e ben bevuto:
tiri ben aggiustati, e dopo...
gli fecer tutta “Ohi, bella mora, se vuoi venire
la pastasciutta (2 volte) questa è l’ora di far l’amor.
lasciare lì. Ohi...”
Gli fecer...
“Mi sì ghe vegnaria
Per valle Travenanzes - ohilì - per una volta sola,
e strada Dolomiti - ohilà - ‘na volta sola.
v’inseguiremo arditi, Mi sì...
e voi scappate Però ti prego, lasciami stare
finchè arrivate (2 volte) che son figlia da maritar.
dal vostro re. Però...”
E voi...
“Se sei da maritare
Giunti da Cecco Peppo - ohilì - dovevi dirlo prima,
stringetegli le mani - ohilà - sì, dirlo prima.
ditegli che gli alpini Se sei...
vi fan la guerra, Or che sei stata coi veci alpini
su questa terra (2 volte) non sei figlia da maritar.
vi voglion più! Or che sei stata...”
Vi fan...
E dopo nove mesi,
è nato un bel bambino,
un bel bambino.
E dopo...
Non beve il latte, ma succhia il vino,
perchè è filgio di un vecio alpin.
Non beve il latte...

82
Dove sei stato mio, bell’alpino? l canto della sposa

“Dove sei stato, mio bell’alpino? La casa del mio ben l’è tuta sassi:
che ti gh’ha cambià colore?” a mi che devo andar,
me par palazzi.
“L’è stata l’aria del Trentino
che mi ha cambià colore.” Ciumbalalilalera, l’amor l’ei bela,
ciumbalalilalera, morir la mi fa:
“I tuoi colori ritorneranno ciumba di qua, ciumba di là,
questa sera, a far l’amore.” os’ce, che bela figlia, morir la mi fa!
Ciumba di qua...

La casa del mio ben


E col cifolo del vapore l’è tuta spini:
a mi che devo andar,
E col cifolo del vapore me par cossini.
la partenza de lo mio amore,
de lo mio amore. La casa del mio ben
E col cifolo... l’è tut tearine:
L’è la partenza de lo mio amore, a mi che devo andar,
chi sa quando ritornerà. me par coltrine.
L’è la partenza...

“Tornerò’ sta primavera


con la sciabola insanguinata, Era nato poveretto
insanguinata.
Tornerò... Era nato poveretto
Ma se ti trovo già maritata senza casa e senza tetto,
ohi che pena, ohi che dolor! ha venduto i suoi calzoni
Ma se ti trovo...” per un piatto di maccheroni.

Ohi che pena, ohi che dolore Tra la la la..


la partenza de lo mio amore,
de lo mio amore. Era nato in quel di Napoli,
Ohi che pena... lo tenente era di Sassari,
Starò piuttosto senza mangiare, e si davan dei lapponi
ma l’amore lo voglio far. per un piatto di maccheroni.
Starò piuttosto...
Un gran piatto di insalata,
quattro uova e una frittata
e sessantasei vagoni
tutti pieni di maccheroni.
83
Se vuoi vincere la guerra, Prendi la secchia
sia per mare sia per terra, E vattene alla fontana;
fa’ in maniera che i cannoni là c’è il tuo amore
siano pieni di maccheroni. che alla fontana aspetta.
Prendi il fucile
E vattene alla frontiera;
là c’è il nemico
Era una notte che pioveva che alla frontiera aspetta.

Era una notte che pioveva


e che tirava un forte vento:
immaginatevi che grande tormento Il dispiasi de noiautri alpin
per un alpino che sta a vegliar.
Immaginatevi... A la matin bonora
an fan levé,
A mezzanotte arriva il cambio an manda ‘n piassa d’armi
accompagnato dal capoposto: a fè istrussion:
ohi sentinella, ritorna al tuo posto, an fan marcé an avanti
sotto la tenda a riposar. e peui ‘n dre.
Ohi sentinella.. A noj autri, pòvri alpini,
fan mal ij pé.
Quando fui stato sotto la tenda
sentii un rumore giù nella valle, Parapa, prapa, parapa, parapapà.
sentivo l’acqua giù per le spalle, Sai nen perché ‘m fam mal ij pé?
sentivo i sassi a rotolar. Si marcia mal, si marcia mal sui
Sentivo l’acqua... marciapé.
Sai nen perché...
Mentre dormivo sotto la tenda
sognavo d’esser con la mia bella, Al dì della cinquina
e invece ero di sentinella, a ‘n da i danè
fare la guardia allo stranier. a ‘n dan coi pover sòld
E invece ero... par piè d’ fumè
ades peui che ij toscan
a son chèrsù
noj autri pòvri alpin
Gran Dio del cielo non fumèm pù.

Gran Dio del cielo A la festa del reggimento


Se fossi una rondinella, rancio special: a ‘n da i salamini
vorrei volare ch’ an fè stè mal,
in braccio alla mia bella. a ‘n dà la pasta sutta
senza ‘l formaj;
84
noiautri pòvri alpini
fan mal i cai! Il testamento del capitano

Patasc-cin patasc-cin , che vita de El capitan de la compagnia


can! e l’è ferito e sta per morir,
Senza pan, sul paion . e’l manda a dire ai suoi alpini
San furmento, che ruina, perchè lo vengano a ritrovar;
semper semper disciplina: e’l manda a dire...
la gavetta e il gavettin,
la giberna e il gibernin, I suoi alpini ghe manda a dire
la rivista del bottin (2 volte) che non han scarpe per camminar.
e con sessanta lire al mese “O con le scarpe o senza scarpe
facciam le spese (2 volte)) i miei alpini li voglio qua.
e con sessanta lire al mese O con le...”
facciam le spese per tutti i dì.
Attenti!. “Cosa comanda sior capitano,
che noi adesso semo arrivà?”
“E io comando che il mio corpo
Alla mattina ci fanno alzare presto, ci in cinque pezzi sia taglià.
mandano in piazza d’armi a fare E io comando...
addestramento: ci fanno marciare avanti e
indietro. A noi,poveri alpini, fanno male i Il primo pezzo alla mia patria,
piedi! .Parapa,parapa,parapa,parapapà.Sai
perchè mi fanno male i piedi? Si marcia
secondo pezzo al battaglion,
male sui marciapiedi! Sai perchè... Ogni il terzo pezzo alla mia mamma
cinque giorni ci danno la paga, ci danno che si ricordi del suo figliol;
un po’ di soldi per prenderci da fumare, il terzo pezzo...
ma adesso che i sigari sono diventati cari
noi poveri alpini non fumiamo più. Alla Il quarto pezzo alla mia bella
festa del reggimento rancio speciale: che si ricordi del suo primo amor,
hanno dato i salamini che fanno star male, l’ultimo pezzo alle montagne
hanno dato la pastasciutta senza
che lo fioriscono di rose e fior;
formaggio; a noi poveri alpini fanno male
i calli! Patasc-cin pa-tasc-cin, che vita da l’ultimo pezzo alle...
cani! Senza pane, su pagliericci. Per la
miseria che disastro, sempre sempre
disciplina:la gavetta e il gavettino, la
giberna e il gibernino, la rivista del In licenza
bottino e con sessanta lire al mese
dobbiamo fare la spesa e con sessanta lire ‘Pena giunto al mio reggimento
al mese dobbiamo fare la spesa per tutti i una lettera vidi arrivar.
giorni. Attenti!
Sarà forse la mia morosa
che si trova sul letto ammalà.
85
salta la mura!
A rapporto,signor capitano, Fin che la dura,oh.
se in licenza mi vuole mandà. Joska,joska,Joska,
salta la mura!
La licenza l’hai bell’è firmata Balla con mi!Oh. (2 v.)
se ritorni da bravo soldà.
Ti te portavi el sole ogni matina,
Glielo giuro,signor capitano, e de j’Alpin te geri la morosa,
che ritorno da bravo soldà. sorela, mama, boca canterina,
oci del sol,meraviglia rosa.
Quando fui vicino al paese
le campane sentivo sonar. Xe tanto e tanto nù, ca te zerchèmo,
Joska la rossa, amor, rosa spanja.
Sarà forse la mia morosa Ma dove sito andà? Ma dove
che ho lasciato sul letto ammalà. andemo?
Semo ramenghi.O morti.. E così
Portantina che porti quel morto, sia.Oh.
per piacere fermati qua.
Joska,Joska...
Se da viva non l’ho mai baciata
or ch’è morta la voglio baciar. Busa con crose.Sarà sta i putèi?
La par ‘na bara e invece xe’na cuna.
L’ho baciata che l’era ancor calda, E dentro dorme tuti i to fradei,
la spuzzava de grappa e de vin. fermi, impalà, co j’oci ne la luna.Oh.

Brutta porca, l’è morta ‘mbriaga, Joska,Joska,Joska,


embriaga de grappa e de vin. salta la mura!
Fin che la dura,oh.
Joska,Joska,Joska,
Joska la rossa salta la mura!
Fermete là.Oh. (3 v.)
El muro bianco, drio de la to casa
ti te saltavi come un oseleto. Fermete là.
Joska la rossa, pèle de bombasa,
tute le sere prima de ‘na in leto.
La bomba imbriaga
Te stavi lì, co le to scarpe rote
te ne vardavi drio da j’oci mori Quarantatrè giorni,
e te balavi alegra tuta note ca semo in trincea
e i baldi alpini te cantava i cori.Oh. magnar pane smarso,
dormire par tera.
Joska,Joska,Joska, Nissùn se ricorda,
86
nissùni che scrive, Bombà.
nissùn che tien nota La ceseta de Transaqua
chi more e chi vive.
As tu vist la ceseta de Transacqua, de
Ossst-regheta Transacqua
chissà che ne riva col Cimon de la Pala sora i copi? Oh!
doman pì domani
‘na bòta de vin! La gh’ha i oci ciari come l’acqua,
Ossst-regheta come l’acqua
ciapèmo ‘na bala e i cavei tuti driti e senza gropi,oh!
coi morti e coi vivi
struca li vizin. Sì, gh’ho vist la ceseta de
Transacqua, de Transacqua
Silenzio sul fronte. ma ‘l Cimon de la Pala no ghe xera,
Qualcun ne prepara oh!
un bel funerale,
con banda e con bara. Sora i copi lustri de tant’aqua, de
Silenzio,ecco il fis-cio; tant’aqua,
l’ariva,la viene. se vedeva ‘na nuvolona nera, oh!
Doman sarà festa:
vestive par bène. Nella cesa cjanta Messa il prete,
Messa il prete
Ossst/regheta... sul Cimon de la Pala fis’cia il vento,
ecc.ecc. oh!

Se snànara un merlo Cosa importa se gh’ho le scarpe rote,


nel ziel de cobalto. scarpe rote?
Un boto,una sberla, Mi te vardo e me sento il cor
s-giantizi su in alto. contento, oh!
Se mai sarà ver
che ghe xe el padreterno, Cosa importa...
‘sta raza de bechi
va drita a l’inferno.
Hai visto la chiesetta di Transaqua, con il
Ossst/regheta Cimon della Pala sopra le tegole dei tetti?
se fusse ‘na bòta Lei ha gli occhi chiari come l’acqua e i
capelli lisci e senza nodi.Sì ho visto la
se fusse ‘na bòta
chiesetta di Transaqua, ma il Cimon della
ripiena de vin. Pala non c’era. Sopra le tegole luccicanti
Ossst/regheta per la pioggia si vedeva una nuvolona
ma l’era una bomba nera. In chiesa il prete canta la Messa,sul
ma l’era una bomba Cimon della Pala fischia il vento. Cosa
s-ciopà li vizin.
87
importa se ho le scarpe rotte? Io ti guardo e la Grignetta fu,
e ti sento il cuor contento! fu trasformata...
La Dosolina Noi pur t’amiamo d’un amor fedele,
montagna che sei bella e sei crudele
La Dosolina la va di sopra, E salendo ascoltiamo la campana
la si mette al tavolino, d’una chiesetta che a pregar ci
solo per scrivere ‘na letterina chiama
e per mandarla al napolitan.
Noi ti vogliamo bella
Napolitano l’é ‘nda a Bologna che diventasti un monte;
a zercarse la morosa; facciam la croce in fronte:
la Dosolina povera tosa, non ci farai morir;
Napolitano l’abandonò! facciam la croce in fronte...

Ma se ti trovo sola soletta


un bel baso te daria;
ma se ti trovo in compagnia, La montanara
te l’ho giurato, t’ammazzerò.
Lassù per le montagne,
tra boschi e valli d’or
tra l’aspre rupi eccheggia
La leggenda della Grigna un cantico d’amore.

Alla guerriera bella e senza amore “ La montanara, ohè! ”


un cavaliere andò ad offrire il cuore; si sente cantare,
cantava:”Avere te voglio, o morire!” cantiam la montanara
Lei dalla torre lo vedea salire. e chi non la sa?
“ La montanara ...
Disse alla sentinella
che stava sopra il ponte: Là su sui monti, tra i rivi d’argento
“Tira una freccia in fronte una capanna cosparsa di fior:
a quello che vien su. era la piccola,dolce dimora
Tira una freccia...” di Soreghina,
la figlia del sol (2 volte)
Il cavaliere cadde fulminato:
ma Iddio punì l’orribile peccato
e la guerriera diventò la Grigna,
una montagna ripida e ferrigna. La pastora

Anche la sentinella E là su, su le montagne


che stava sopra il ponte Gh’era su ‘na pastorella,
fu trasformata in monte pascolava i suoi caprin
88
su l’erba fresca e bela. che noi portiamo
son portacicche, (2 volte)
E di li passò un signore e le giberne...
E’ l ghe diss: “oi pastorella, son portacicche
varda ben che i tuoi caprin di noi alpin.
lupo non se li piglia”.
E tu biondina...
Salta for lupo dal bosco
Con la faccia nera nera; E lo zaino
l’à magnà ‘l pù bel caprin che noi portiamo
che la pastora aveva quello è l’armadio; (2 volte)
e lo zaino...
Ed allor si mise a piangere quello è l’armadio
E piangeva tanto forte di noi alpin.
Al veder il bel caprin
Che la pastora aveva. E tu biondina...

Ed allora si mise a piangere; E la gavetta


e piangere tanto forte che noi portiamo
al veder il bel caprin è la cucina; (2 volte)
vederlo andare a morte e la gavetta...
é la cucina
di noi alpin.
E tu biondina...
La rivista dell’armamento
E la borraccia
E il cappello che noi portiamo
che noi portiamo è la cantina; (2 volte)
sì, l’è l’ombrello; (2 volte) e la borraccia...
E il cappello... è la cantina
sì, l’è l’ombrello di noi alpin.
di noi alpin.
E tu biondina...
E tu biondina,
capricciosa garibaldina E le scarpette
trullallà; che noi portiamo
tu sei la stella; (2 volte) son le barchette, (2 volte)
e tu biondina... E le scarpette...
tu sei la stella son le barchette
di noi alpin. di noi alpin.

E le giberne E tu biondina...
89
a Milano non si ferma più
E il fucile ma la va diretta al Piave
che noi portiamo cimitero della gioventù.
è la difesa, (2 volte)
e il fucile... Siam partiti,siam partiti in ventinove
è la difesa solo in sette siam rimasti qua
di noi alpin. e gli altri ventidue
son rimasti tutti a San Donà.
E tu biondina...
Cara suora, cara suora son ferito
E le stellette a domani non ci arrivo più
che noi portiamo se non c’è qui la mia mamma
son disciplina, (2 volte) un bel fiore glielo porti tu.
e le stellette...
son disciplina A Nervesa,a Nervesa c’è una croce
per noi alpin. mio fratello è sepolto là
io ci ho scritto su “Nineto”
E tu biondina... e la mamma lo ritroverà.

La penna nera
che noi portiamo
è la bandiera, (2 volte) La vien giù dalle montagne
la penna nera...
è la bandiera La vien giù dalle montagne
di noi alpin. l’è vestita a la francese
da un bel giovane cortese
E tu biondina... gli fu chiesto far l’amor.

E il pistocco “Lo ringrazio, giovanotto,


che noi portiamo lo ringrazio del buon cuore,
è il paga debit, (2 volte) appartengo a un altro amore
e il pistocco... che mi ama e mi vuol ben”.
è il paga debit
di noi alpin. “Vatten via, o sciagurata,
vatten via sulle montagne,
E tu biondina... a raccoglier le castagne
con gli agnelli a pascolar”.

“Sono nata in mezzo ai fiori


La tradotta in mezzo ai fiori di Vermiglio,
son pura come un giglio,
La tradotta che parte da Torino come un giglio vòi morir”
90
un fregul di splendor
ch’jò ti viodi (2 V)
La Visaille ancjie une volte,
bambinute (2 V)
Lassù sulle montagne alla Visaille dal Signor,sì dal Signor.
la terra è profumata dai fior,
c’è un sol che non si può scordare E’ proprio vero che mi allontano dal
mai paese e non dal cuore sta certa mia
che illumina la valle d’or. bambina che non torno se non muoio.
Montagne abbassate fate un po’ di
splendore che io ti veda ancora una volta
Ma nel mister del bosco ner
bambina del Signore.
canta un ruscel un ritornel!
Ma nel mister...

Guardando il cielo blu della Visaille,


L’è tre ore che son chi soto
dei ghiacci e delle nevi il candor
il paradiso allor tu sognerai
L’è tre ore che son chi soto
lassù ritornerai col cuor.
con chitarra e mandolin
Ma nel candor di nevi al sol
e no sò capir negòta
si leva un cantico d’amor!
che no te vedo comparir.
Ma nel candor...
Bùtate fòra daghe n’ociada (2 volte)
ohohoh...
che gh’è soto l’caro Bepin (2 volte)
Ma nel candor...
Gèri tho vista a messa cantada:
corpo de Baco se te eri mai bèla!
Cò la drezza petenàda
te me parevi n’anzolin.
L’è ben ver che mi slontani
Ogni volta che te rivedo
L’è ben ver (2 V)
a mi me ven el sbrisegolìn
che mi slontani
e no sò capir negòta
dal paìs (2 V)
e pù no dormo nè not, nè dì.
ma no dal cùr;
sta costante (2 V)
me ninine
che jò torni (2 V)
Monte Canino
se no mùr,sì se no mùr.
Non ti ricordi quel mese d’aprile
Montagnutis (2 V)
quel lungo treno che andava al
ribassaisi,
confine
fait’ a mi (2 V)
91
che trasportavano migliaia degli a veder tanto macello:
alpini fatti coraggio, alpino bello,
su, su correte: è l’ora di partir; che l’onore sarà per te.
che trasportavano... Monte Pasubio

Dopo tre giorni di strada ferrata Sulla strada del monte Pasubio
ed altri due di lungo cammino, Bomborombom bom bomborombom
siamo arrivati sul monte canino, lenta sale una lunga colonna
e a ciel sereno ci tocca riposar; Bomborombom bom bomborimbom
siamo arrivati... L’è la marcia de chi non torna
de chi se ferma a morir lassù.
Se avete fame guardate lontano
se avete sete la tazza alla mano, Ma gli alpini non hanno paura
(2 volte) Bomborombom bom bomborombon
che ci rinfresca la neve ci sarà;
se avete sete... Sulla cima del monte Pasubio
Bomborombom bom bomborombom
Non più coperte, lenzuola, cuscini, soto i denti ghe zè ‘na miniera
non più l’ebbrezza dei dolci tuoi baci, Bomborombom bom bomborombom
solo si sentono gli uccelli rapaci ze i Alpini che scava e spera
e da lontano il rombo del cannon; de ritornare a trovar l’amor.
solo si sentono...
Sulla strada del monte Pasubio
Bomborombom bom bomborombom
Monte nero ze rimasta soltanto ‘na crose
Bomborombom bom bomborombom
Spunta l’alba del 16 giugno: Non se sente ma’ più ‘na vose,
comincia il fuoco l’artiglieria; ma solo il vento che basa i fior.
Il terzo alpini è sulla via
Monte Nero a conquistar.

monte Nero, Monte Rosso, Monti Scarpazi


traditor della vita mia:
ho lasciato la mamma mia Quando fui sui monti Scarpazi
per venirti a conquistar. "miserere" sentivo cantar.
T'ho cercato fra 'l vento e i crepazi
Per venirti a conquistare ma una croce soltanto ho trovà: (2 v.)
ho perduto tanti compagni,
tutti giovani sui vent’anni: O mio sposo eri andato soldato
la sua vita non torna più. per difendere l'imperator,
ma la morte quassù hai trovato
Il colonnello che piangeva e mai più non potrai ritornar. (2 v.)
92
Maledeta la sia questa guera
che m'ha dato sì tanto dolor.
Il tuo sangue hai donato a la tera, Ohi, cara mama
hai distrutto la tua gioventù. (2 v.)
Ohi, cara mama, i baldi alpin van via,
Io vorei scavarmi una fossa, (2 volte)
sepelirmi vorei da me i baldi alpin van via e non ritornan
per poter colocar le mie ossa più.
solo un palmo distante da te. (2 v.) Ohi sì sì cara mama no,
senza alpini come farò?
Quando fui sui monti Scarpazi I baldi alpin...
"miserere" sentivo cantar.
Guarda la luna come la cammina,
(2 volte)
e la scavalca i monti come noi altri
Ninna nanna alpina alpin.
Ohi sì sì ...
Dormi mia bella ,dormi, E la scavalca...
dormi e fai la nanna,
che quando sarai mamma Guarda le stelle come sono belle,
non dormirai così. (2 v.)
son come le sorelle di noi altri alpin.
Dimmi chi mai t’ha fatto Ohi sì sì ...
un viso così bello; son come...
l’ha fatto col pennello
le mani di un pittor? Guarda la neve come scende lieve,
(2 v.)
Tutti gli amanti passano la lunga penna nera la si imbiancherà.
ma tu non passi mai; Ohi sì sì...
ti voglio bene assai, La lunga...
voglio morir con te.
Guarda il sole come splende in cielo,
Dormi,mia bella, dormi (2 v.)
sopra un letto di gigli la lunga penna nera la si riscalderà.
che quando avrai dei figli ohi sì sì...
non dormirai così. La lunga...

Guarda il mare come l’è lucente,


(2 v.)
ma lui non c’entra niente con noi altri
alpin.
93
Ohi sì sì ...
Ma lui...

Serenata al Castel Toblin Signore delle cime

Ride la luna ciara Dio del cielo,


sora Castel Toblin; Signore delle cime,
mi’ncordo la chitara un nostro amico
ti ‘ncorda ‘l mandolin hai chiesto alla montagna.
e nente ‘n barca. Ma ti preghiamo,
dal vento senza remo ma ti preghiamo,
ne lasserem portar su nel Paradiso
e alegri canteremo su nel Paradiso
fazendo risonar lascialo andare
la val del Sarca. per le tue montagne.

E quando in mezzo al lach la melodia Santa Maria,


passerà ‘n sol minor Signora della neve,
mi te dirò le pene del me cor (2 v.) copri col bianco,
e ti te me dirai che te sei mia. soffice mantello
il nostro amico
Tornati sulla riva, il nostro fratello.
felize te ofrirò Su nel Paradiso
en ramoscel d’oliva su nel Paradiso
e po’ te baserò lascialo andare
la boca bela. per le tue montagne.

E taserem; ma alora
en cor de ciciòi
saluderà quell’ora Stelutis Alpinis
e posserà su noi
l’ultima stela. Se tu vens cà sù ta’ cretis,
là che lôr mi àn soterât.
E quando al primo sol la melodia A l’è un splaz plen di stelutis
tornerà ‘n mi magior, dal mio sanc l’è stât bagnât.
ti, co la testa bionda posata su ‘l me
cor, (2 v.) Par signal une crosute
te me farai sentir che te sei mia. jè scolpide lì tal cret.
Fra chès stelis nas l’arbute,
sot di lôr jo duar cuiet.

Cjol sù cjol une stelute:


94
je’a ricuarde il nestri ben. brinderemo (2 volte)
Tu i darâs ’ne bussadute, al reggimento:
e po plàtile tal sen. viva il corpo (2 volte)
Quant che a cjase tu sês sole degli alpini, ohilalà!
e di cûr tu preis par mè, Su pei monti (2 volte)
il mio spirt atòr ti svole: che noi saremo
jo e la stele sin cun tè. coglieremo (2 volte)
stelle alpine
per donarle (2 volte)
Stelle Alpine- se vieni quassù tra le rocce, alle bambine,
dove loro mi hanno sotterrato, c’è uno farle piangere (2 volte)
spiazzo pieno di stelle alpine, dal mio e sospirar, ohilalà!
sangue è stato bagnato. Come segno c’è
una croce scolpita sulla roccia. Fra quelle
stelle nasce l’erba, sotto di loro dormo
Farle piangere (2 volte)
tranquillo. Prendi, prendi una stella: essa e sospirare
ricorda il nostro amore. Le darai un bacio, nel pensare (2 volte)
e poi nascondila nel seno. Quando a casa ai bell’alpini
sei sola e di cuore preghi per me, il mio che tra i ghiacci (2 volte)
spirito è presente: io e la stella siamo con e le slavine
te. van sui monti (2 volte)
a guerreggiar, ohilalà!

Sul cappello
Sul Pajon
Sul cappello (2 volte)
che noi portiamo
Il battaglione Aosta-
c’è una lunga (2 volte)
sul pajon-
penna nera,
è sempre sulle cime-
che a noi serve (2 volte)
sul pajon-
da bandiera
ma quando scende a valle -
su pei monti (2 volte)
sul pajon-
a guerreggiar, ohilalà!
attente ragazzine!
Evviva evviva il reggimento,
Sul pajon della caserma
evviva evviva il corpo degli alpin!
requiem aeternam e così sia,
Evviva...
va a ramengo ti,
to pare, ta mare e ta zia
Su pei monti (2 volte)
e la naja e compagnia,
che noi andremo
sul pajon, sul pajon!
pianteremo (2 volte)
l’accampamento,
Il parrocco di Aosta -
95
sul pajon-
l’ha detto predicando- Col fazzoletto in mano
sul pajon- mi salutava
“Attente ragazzine- e con la bocca i baci
sul pajon- la mi mandava.
che il Quarto sta arrivando!” E con la bocca...

Ma una delle più belle - Sui monti della Grecia


sul pajon- c’è la Vojussa,
ha detto piano piano- col sangue degli alpini
sul pajon- s’è fatta rossa.
“Se il Quarto sta arrivando- Col sangue...
sul pajon-
è quello che vogliamo!” Alpini della Julia,
in alto i cuori,
sui monti della Grecia
c’è il tricolore! Sui monti...
Sul ponte di Perati

Sul ponte di Perati


bandiera nera: Sul ponte di Bassano
è il lutto degli alpini
che fan la guera. Sul ponte di Bassano
E’ il lutto... noi ci darem la mano (2 volte)
ed un bacin d’amor (3 volte)
L’è il lutto degli alpini
che fan la guera, Per un bacin d’amore
la mejo zoventù successer tanti guai,
che va sotto tera. non lo credevo mai
La mejo... doverti abbandonar. (3 volte)

Quelli che son partiti Doverti abbandonare,


non son tornati, volerti tanto bene
sui monti della Grecia è un giro di catene
son restati. che mi incatena il cuor. (3 volte)
Sui monti...
Che m’incatena il cuore,
Nell’ultimo vagone che m’incatena i fianchi,
c’è l’amor mio, io lascio tutti quanti,
col fazzoletto in mano non mi marito più. (3 volte)
mi dà l’addio.
Col fazzoletto...
96
Zwanzig Personnen in Automobil:
das ist zu viel, das ist zu viel;
Ta-pum zwanzig Personnen...

Ho lasciato la mamma mia, l’ho Anca i todesch del Sudtirol


lasciata per fare il soldà! ‘na volta al mes, ‘na volta al mes,
Ta-pum, ta-pum... anca i todesch del Sudtirol
‘na volta al mes se laven el col.
E domani si va all’assalto, soldatino
non farti ammazzà.
Ta-pum, ta-pum...
Valsugana
Quando portano la pagnotta, il
cecchino comincia a sparar. Quando saremo fora,
Ta-pum, ta-pum... fora della Valsugana;
quando saremo...
Quando poi si discende al piano, noi andrem trovar la mama,
battaglione non ha più soldà. e a veder come la sta;
Ta-pum, ta-pum... noi andrem...

Nella valle c’è un cimitero, cimitero La mama la sta bene,


di noi soldà. il papà l’è amalato;
Ta-pum, ta-pum... la mama...
il mio ben partì soldato,
Cimitero di noi soldà, forse un giorno chi sa quando tornerà;
ti vengo a trovar. il mio ben...
Ta-pum, ta-pum...
Tuti me dis che l’u ‘l se
zà zecà n’altra morosa;
tuti me dis...
Toitela ti l’è na storia dolorosa,
che mi credere non so;
Toitela ti, che mi non la voi, l’è na storia...
la gh’ha la goba, la gh’ha la goba;
toitela ti, che mi non la voi, Mi no la credo,
la gh’ha la goba e la sbrega i linzoi. ma se ‘l fussi propi, propi vera;
mi no la credo...
Sprechen sie deutsch fin a Bolzan biondo o moro questa sera
ma da lì in zoi, ma da li in zoi, ‘n altro merlo troverò;
sprechen sie deutsch fin a Bolzan, biondo o moro...
ma da lì in zoi se parla italian.
97
98
99
CANTI
REGIONALI

100
101
Luntane, cchiù luntane
Abruzzo Pe cantà sta chiarità
‘ncore me sente tremà!
Alla fiera di mastro Andrè Tutte stu ciele stellate, tutte stu mare
che me fa sugnà.
Alla fiera di mastro Andrè Ma pe 'tte, sole pe 'tte esce dall'anima
aggio cumbrat' 'nu piffariello: me,
piri, pi-pi, lu piffariello, mezz'a stu ciele, stu mare nu
alla mirè, alla mirè, alla fiera di cantemente che nze po tené.
mastro Andrè! ( 2 volte)
Luntane, cchiù luntane de li luntane
Alla fiera di mastro Andrè stelle,
aggio cumbrat' 'nu tamburiello: luce la luce cchiù belle
tiri, ti-ti, lu tamburiello che me fa ncore cantà.
piri, pi-pi, lu piffariello Luntane cchiù…
alla mirè…
Marinà, s'ha da vugà tra tutta sta
Alla fiera di mastro Andrè chiarità,
aggio cumbrat' 'nu viulin: cante la vele a lu vente, nu cante
ziu-ziu, lu viulin, granne che luntane và:
tiri, ti-ti… tu la si ddove vo' ì st'aneme pe' ne'
murì
Alla fiera di mastro Andrè bella paranze. Luntane 'nghe sti
aggio cumbrat' 'na viola: suspire tu i' da menì.
za-za la viola,…

Alla fiera di mastro Andrè Per cantare questo chiarore, in cuore mi


aggio cumbrat' 'na trumbetta: sento tremare! Tutto questo cielo stellato,
pere, pe-pè fa la trumbetta,… tutto questo mare che mi fa sognare. Ma
per te solo, per te esce dall'anima mia, in
Alla fiera di mastro Andrè mezzo a questo cielo, a questo mare un
aggio cumbrat' 'na pistola: canto che non si può trattenere. Lontano,
più lontano delle lontane stelle, riluce la
ta-ta fa la pistola,…
luce più bella che mi fa ancora cantare.
Marinaio, si deve remare tra tutto questo
Alla fiera di mastro Andrè chiarore, canta la vela al vento un canto
aggio cumbrat' 'nu fucile: grande che lontano va. Tu lo sai, bella
pum-pum fa lu fucile,… barca, dove vuole andare quest'anima per
non morire… lontano con questi sospiri
Alla fiera di mastro Andrè tu devi venire.
aggio cumbrat' 'nu cannone:
bum-bum fa lu cannone,…

102
Mare nostre Vola, vola, vola…

Mare nostre, Vulèsse fa 'rvenì pe' n'ora sola


mare che crij stu core lu tembe bbelle de la cuntentèzze,
na passione d’amore quande pazzijavam'a "vvola vola"
e mme fi’ ‘ncantà. e tti cupre' di vasce e di carezze.

Mare bbelle, E vvola vola vola


sopr’a sta bbella paranze e vvola lu pavone:
l’aneme di lontananze se mett’a si ttiè lu core bbone
ssugnà. mo fàmmice apruvà!

Voga, voghe marinare, Na vote, pe' spegnà lu fazzulette,


voga voghe pe stu mare, so state cundannate di vasciarte.
che nen dorme e suspire nghe mmè. Tu ti sci fatte rosce e mi sci dette
d'inginucchiarme prime e
Mare chiare, d' abbracciarte.
mare de latte e d’argente,
ogne ddulore e tturmente
me vuije scurdà. E vvola vola vola
vola lu gallinacce;
Mare granne, mo se mi guardi n'facce
come nu ciele stellate me pare di sugnà.
tramà ‘ssa luce ‘ncantate
lu core me fa. Come il fiume nasce a pprimavere
l'amore nasce da la citelanze.
Marì, se mi vuò bben accòme iere,
Mare nostro, mare che crei a questo cuore ne mmi luvà stu sonne e sta speranze.
una passione d’amore e mi fai incantare.
Mare bello, sopra questa bella barca E vvola vola vola,
l’anima da lontano si mette a sognare. e vvola lu cardille;
Rema, rema marinaio.
Rema, rema per questo mare che non
nu vasce a ppizzichille,
dorme e sospira con me. né mme le può negà!
Mare chiaro, mare di latte e d’argento, mi
voglio scordare ogni dolore e tormento.
Mare grande come un cielo stellato, Vorrei fare ritornare, per un'ora sola,
quella luce incantata mi fa trremare il il tempo bello della contentezza
cuore. Rema, rema… quando giocavamo a vola-vola e ti
coprivo di baci e di carezze. E vola,
vola, vola e cola il pavone, se hai il
cuore buono ora fammi riprovare! E
103
vola…Una volta per disimpegnare un Maistà chi t’ha tramuto, chistu
fazzoletto sono stato condannato a sommacco chi ha avuto
baciarti, tu sei diventata rossa e mi E signorine, ‘e cavaliere, te vulevano
hai detto di inginocchiarmi prima di priggiuniere.
abbracciarti. E vola, vola, vola e vola
il gallinaccio, ora se mi guardi in Sona, sona , sona Carmagnola…
faccia mi sembra di sognare. E
vola… Come i fiori nascono a Li Frrancise so arrivate ‘nce hanno
primavera, l'amore nasce dalla buono causate
fanciullezza. Maria, se mi vuoi bene Evvualà , evvualà cavuoe ‘nculo ‘a
come ieri non mi togliere questo libertà
sogno e questa speranza. E vola, Addo è gghiutà ‘ onna Eleonora, c’
vola, vola e vola il cardellino, un abballava ‘ncoppa ‘o teatro,
bacio "a pizzichino" non me lo puoi mò abballa miez’ ‘o mercato, ‘nzieme
negare. E vola… cu mastu Donato.

Sona sona , sona Carmagnola…

Allu triedece de giugno


Basilicata sant’Antonio gluriuso
e Signore sti birbanti
e facettero o’ mazzo tante
Canto dei sanfedisti so venute li francise
aute tasse ‘n ci hanno mise.
Allu suono de grancascia, viva lu Libertè… egalitè…
popolo bascio tu arruobb’ a mmè
Allu suono de tammurielli so risorte io arruobb’ a te!
li puverielli
Allu suono de campane
viva viva li pupulane
Allu suono de viulini, morte alli Briganti
giacubbine.
Aimme posato chitarre e tamburi
Sona sona sona Carmagnola Pecchè sta musica s’ha da cagna
Sona li cunzigli, viva ‘o rrè cu la Simme briganti e facimm paura
Famiglia (2 v.) E ca scuppetta vulimme cantà.
A sant’ Eremo tanto forte l’hanno E mo cantammo sta nuova canzone
fatto comme ‘a ricotta Tutta la gente se l’ha da imparà
A stu curnutu sbrevognato, l’hanno Non ce ne fotte du re borbone
miso ‘ a mitria A terra è nostra e nun s’ha da tuccà
‘ncapa.

104
Tutte e paese da Basilicata Vulesse addeventare ‘na tamorra
Se so scetate e vonno luttà Oi nenna né (2 volte)
Pure a Calabria mo’ s’è revutata Pe’ scetare tutta chesta ggente ca nun
E stu nemico facimmo tremmà Ha capito niente e ce sta a guardà (2
volte)
Chi ha visto lupo se mise paura
Nun sape buono qual è a verità Vulesse addeventare ‘na bannera
O vero lupo ca magnà ‘e creature Oi nenna né (2 volte)
E o Piemuntese c’avimm a caccià ‘pe dare nu culure a questa guerra
c’ha da libbera sta terra o ce fa murì
Femmene belle che date lu core (2 volte)
Si lu brigante vulite salvà
Più non cercate ‘ scordatevi o nome Vulesse addeventare nu brigante
Chi ce fa guerra non tiene pietà. Oi nenna né (2 volte)
Pe’ sta’ su a la muntagna scura pe’ te
Ommo se nasce ‘ brigante se more Fa’ sempre paura fino a quanno more
Ma fino all’ultimo avimm’a sparà (2 volte)
E se murimm menate ‘nu sciore
E ‘na bestemmia pe sta libertà.

Vulesse addeventare nu brigante


Campania
Vulesse addeventare suricillo, Canzone appassiunata
oi nenna né (2 volte)
pe’ le rusecare ‘sti catene N’ albero piccerillo aggiò piantato
ca me strigneno lu pede e che me Cricènnelo cu’ pena cu’ sudore
fanno schiavo (2 volte) ‘Na ventecata già mme ll’ha
spezzato,
Vulesse adeventare pesce spada mo tutt’e ffronne cagneno culore…
Oi nenna né (2 volte) Cadute so’ già e frutte e tutte quante
Pe’ putere subito squartare tra la Erano doce e se so fatte amare…
funno de lu mare sti nemici nuoste (2 Ma’ ‘o core dice: oj giuvinotto
volte) amante,
‘e ccose amare tiènele cchiù ccare…
Vulesse addeventare ‘na palomma E, amara comme sì,
Oi nenna né (2 volte)
Pe’ putere libera vulare e te voglio bene,
‘nguacchiare te voglio bene
Sti divise a tutti i piemuntise (2 volte) e tu me faje murì!

105
Era comm‘o canario ‘nnamurato ch’è tutt’a vita mia…
Stu core che cantaje matina e sera: I’ nce ‘o vulesse dicere
Scetate! Io dico. E nun vo’ sta’ ma nun ‘nce saccio di!
scetato…
E mo nun canta manco a A voglio bbene ‘
primmavera… A voglio bene assaje,
Chi voglio bene nun mme fa felice: dicitencello vuje,
forse sta ‘n cielo destinato e scritto. ca nun m’à scordo maje!
Ma j’ penzo ca ‘nu ditto antico dice: È ‘na passiona
“Nun se cummannna ‘o core” E j’ me Cchiù forte ‘e ‘na catena
sto zitto… Ca me tormenta ll’anema
E mme sto zitto, si… E nun me fa campà!

Te voglio bene, Dicitencello ch’è ‘na rosa ‘e maggio,


te voglio bene ch’è assaje cchiù bella ‘e ‘na jurnata
e tu me faje murì! ‘e sole!
D’ ‘a vocca soia,
Chiagno p’ammore, e cade ‘o chianto cchiù fresca d’ è viole
mio ì , ggià vulesse sentere
Dinto a ‘sta testa: ‘o chianto ‘a sta ch’ è ‘nnammurata ‘e me!
arracquanno.
Schioppa ‘na bella rosa e j’ pe gulio A voglio bbene
A chi mm’ha fatto chiagnere ce ‘a A voglio bene assaje,
manno. dicitencello vuje,
Lle dico: rosa mia tu me perduone ca nun me scordo maje!
Si te scarpesarrà senza cuscienza: È ‘ na passiona
ce sta ‘nu ditto ca mme da ragione: Cchiù forte ‘e ‘na catena
“Fa bene scorda, e si faje male Ca me tormenta l’anema
penza!” E nun me fa campà.
Pienzace buono, sì:
‘Na lacrima lucente vi è caduta
Te voglio bene dicitene nu poco a cche penzate?
te voglio bene Cu’ st’ uocchie doce
e tu me faje murì. Vuie solo me guardate.
Levammece ‘ sta maschera
Dicimmo ‘a verità:
Dicintencello vuje

Dicitencello a ‘ sta cumpagna vostra


Ch’aggio perduto ‘o suonno e ‘a
fantasia
C’à penzo sempe,
106
Nun se sana, ca sanata
Te voglio bbene, si se fosse, gioia mia,
te voglio bbene assaie mmiezo a st'aria 'mbarzamata
si ttu chesta catena a guardarte io nun starria!
ca nun se spezza maie! E te dico «Core, core!...
Suonno gentile, suspiro mio carnale core mio tornato io so."
te cerco comm’a ll’aria Torna maggio e torna ammore,
te voglio pe’ campà! fà de me quello che vuò!».
Era de Maggio
ccerase: ciliegie allicuordo: ricordo
turnarraggio: tornerò vota vico: gira l'angolo
Era de Maggio e te cadeano ‘nzino
a schiocche a schiocche li ccerase
rosse
fresca era ll'aria e tutto lu ciardino Funiculì Funiculà
addurava de rose a ciente passe.
Aieressera, Nanninè me ne sagliette
Era de maggio io no, nun me scordo Tu saje addò? ( 2 volte )
'na canzone cantavemo a ddoje voce, Addò stu core ‘ngrato cchiù dispietto
cchiù tempo passa e cchiù me Farme nun po’! ( 2 volte )
n'allicuordo. Addò lo foco coce, ma si fuje, te lassa
Fresca era ll'aria e la canzone doce... sta,
E nun te corre appriesso, nun te struje
E diceva «Core! Core!. . . Sulo a guardà, (2 volte )
Core mio luntane vaje
Tu me lasse e io conto ll’ore Jammo, jammo, ‘ncoppa jammo ja
Chi sa quanno turnarraje!” Jammo, jammo, ‘ncoppa jammo ja
Funiculì funiculà, funiculì funiculà
Rispunnev'io: «Turnarraggio ‘noppe jammo jà funiculì, funiculà.
quanno tornano li rrose
Si stu sciore torna a maggio Né jammo: da la terra alla montagna
Pur’ a maggio io stonco ccà”. No passo c’è, ( 2 volte )
se vede Francia, Proceta e la Spagna
E so' turnato e mò comm'a 'na vota e io veco a tte! ( 2 volte )
cantammo 'nzieme lu mutivo antico; Tirato co’ li fune nnitto, nfatto ‘ncielo
passa lu tiempo e lu munno s'avota Se va, (2 volte )
ma l'ammore vero no, nun vota vico. Se va comm’a lu viento, a l’intrasatta,
guè, saglie, sa.
De te, bellezza mia, m'annammuraje
si t'allicuorde finanze a la funtana Se né sagliuta, , oi né, se n’è sagliuta
l'acqua llà dinto nun se secca maje, La capa già, ( 2 volte )
e ferita d'ammore nun se sana! E’ gghiuta, po’è turnata, e po’ è
Venuta, sta sempre ccà! ( 2 volte )

107
La capa vota vota attuorno attuorno, M'avite scritto che Assuntulella
attuorno a te, chiamma
sto core canta sempe no taluorno chi l'ha lassata e sta luntana ancora.
“sposammo, oi né” ( 2 volte ) Che v'aggia di? Si'e figlie vonno a
mamma
facitela turnà chella «signora».
lo no nun torno. Me ne resto fore.
E resto a faticà' pe' tutte quante;
Lacreme napulitane j' c'aggio perzo patria, casa, onore,
j' so' carne 'e maciello: so' emigrante!
Mia cara madre sta pe’ trasì Natale,
e a stà luntano cchiù me sape amaro. E nce costa lacreme st' America. . .
Comme vurria allumà duje tre
biancale Trasì: entrare allumà: accendere
biancale: fuoco pirotecnico
Comme vurria sentì nu zampognaro.
A’ e ninne mieje facitele ‘o presepio
E a tavola mettite ‘o piatto mio;
facite, quanno è a sera d' 'a vigilia Madonna dell’ arco
comme si mmiezzo a vuje stesse
pur'io. Chill è devoto a Madonna e ll’ arco
Sorè tenitece a fede
E nce costa lacreme st'America Chill è nu bello nomme
a nuje napulitane... Sorell’ a Madonna.
Pe' nuje ca nce chiagnimmo 'o cielo
'e Napule Madonna e ll’ arco mia
comme è amaro stu ppane! Je so’ venuta a Te anema
E core
Mia cara madre che sso', che sso"e E se nun so’ sincero fa che me moro
denare?
Pe' chi se chiagne 'a patria nun so' Madonna e ll’ arco
niente.
Mo tengo quacche dollaro, e me pare Ce stà na folla fino a sott’ a porta
ca nun sò stato maje tanto pezzente! ‘ncopp’ altare s’è ‘ncastata a gente
Me sonno tutte 'e notte 'a casa mia ‘nnante a stu quadro bello e
e de' ccriature meje ne sento a voce commuovente
ma a vuje ve sonno comme a 'na
«Maria» Ce stà na folla fino a sott’ a porta
cu 'e spade 'mpietto 'nant’o figlio
'ncroce. Chi pe’ l’ammore e chi pe’ malatia
Te veneno a prià ogni momento
E nce costa lacreme st' America. . . E a uno a uno li ffaje contente
Chi pe’ l’ amore e chi pè malatia

108
E vuo’ sape’ pecchè
Oggi ch’è a festa Toja famme sta Pecchè ‘ncopp’a sta terra
grazie Femmene comm’a te
Miettece a mana Toja ‘ncopp ‘ a stu Nun c’anna sta pe’ n’ommo
male Onesto comm’a me.
E tant’è ammore dint’ o mio carnale
Femmena tu si’ na mala femmena
Oggi ch’ è a festa Toja famme sta Chist’uocchie è fatto chiagnere
grazia lacreme ‘e ‘nfamità.
Madonna de la grazia Femmena si tu pegg’e na vipera
M’è ‘ntussecato l’anema
Regina de lu cielo Nun pozzo cchiù campà
Divina maestà Femmena si docce comm’e o
Chesta grazia che te cerco zucchero
Fammella pe’ pietà Però sta faccia d’angelo
Te serve pe’ ingannà
Madonna de la Grazia Femmena tu si a cchiù bella
Ca ‘ mbraccio porte grazia femmena
‘i a Vuje vengo pe’ grazia Te voglio bene e t’odio
Maria fance gra’ Nun te pozzo scurdà.
Fance grazia o Maria
Comme te fece lu Pataterno Te voglio ancora bene
Ca te fece Mamma de Dio E tu non sai pecchè
Fance grazia o Marì Pecchè l’unico ammore
Si stata tu pe’ me
Fammella o Maria E tu pe’ nu capriccio
Fammmella pe’ carità Tutt’e’ distrutto oi né
Pe’ lli doni ca ricevesti Ma Dio nun t’o perdona
Dalla Santissima Trinità Chelle che e’ fatt’ a me.

Scese l’angelo da lu cielo Femmena tu si’ na mala femmena…


E te venne annunzià
Annunzià venne a Maria
Nuje cantammo l’Ave Maria. Se avessi fatto a un altro quello che hai
fatto a me quest’uomo t’avrebbe uccisa e
vuoi sapere perché. Su questa terra donne
come te non dovrebbero esistere per un
uomo come me.
Malafemmena Donna tu sei una “malafemmena”, con
questi occhi hai pianto lacrima di
Si avisse fatto a n’ato infamia. Donna sei peggio di una vipera,
Chelle c’hai fatto a me mi hai avvelenato l’anima, non posso più
St’ommo t’avesse acciso vivere. Donna sei dolce come lo zucchero
109
però questa faccia d’angelo ti serve per bella, stanotte, te so’ frato e sposo,
ingannare. Donna tu sei la più bella stanotte Ammore e Dio songh’una
donna, ti voglio bene e ti odio, non posso cosa..
più dimenticarti. Ti voglio ancora bene e
tu non sai perché, perché l’unico amore
sei stata tu per me e tu per un capriccio
Canta e d’ ‘o sonno Napule se sceta,
hai distrutto tutto, ma Dio non ti ridono ‘e vvocche ca se so’ vvasate...
perdonerà quello che mi hai fatto. tutt’ ‘e suspire ‘e tutt’ ‘e nnamorate
suspirano, stanotte, attuorno a tte.

Mandulinata a Napoli Me so’ mbriacato ‘e sole

Sera d’està! Pusilleco lucente Sciure ca me parlate ‘e primavera,


canta canzone, e addora d’erbe e cuanno nasciste vuje, me ride ‘o core.
mare... Bello è ‘o paese mio, addò
Voglio ‘e pparole cchiù d’ammore ll’ammore,
ardente: sape ca tutto ll’anno haddà cantà:
voglio ‘e pparole cchiù gentile e care
pe’ ddì: “Te voglio bene...” a chi me Me so’ mbriacato ‘e sole!
sente. Me so’ mbriacato ‘e mare!
E ll’uocchie ‘e ‘sti figliole,
Ma d’ ‘e pparole cchiù carnale e d’e varche ‘e d’e llampare.
ddoce Me tremmano ‘e parole,
ne sceglio sulo tre: “Te voglio e vuò sapè pecchè?
bene...” Me so’ mbriacato ‘e sole!
Bella, ‘int’ ‘o core tuio sacc’ io chi Me so’ ‘mbriacato e te!
tiene
chi sta ‘int ‘o core mio saie pure tu... Ogni campana dall’ave Maria,
pace e silenzio che non scordi mai…
P’ ‘o mare ‘e Napule Sento che t’abbandoni anima mia,
quant’armonia! e sorridente canti insieme a me…
Saglie ‘ncielo e ‘ncielo sentono
tutt’ ‘e stelle ‘a voce mia: Me so’ mbriacato ‘e sole!…
voce, ca tènnera
‘st’ ammore fa.

Notte d’està! Se so’ addurmute ‘e Munasterio e santa Chiara


ccase
e ‘o cielo, a mmare, nu scenario ha Dimane?… ma vurria partì stasera!
stiso... Luntano no… nun ce resisto cchiù !
Stai ‘mbracci’ a mme, nnucente so’ Dice che c’è rimasto sulo ‘o mare,
‘sti vase
110
ch’è ‘o stesso ‘e primma … Chillu E moro pe’ ‘sta smania ‘e turnà a
mare blù! Napule
Ma ch’aggià fa… mme fa paura ‘e ce
Monasterio ‘e Santa Chiara… tornà!
Tengo’ o core scuro scuro…
Ma pecchè, pecchè ogni sera
Penso a Napule comm’era
Penso a Napule comm’è?! ‘Na bruna

Funtanella ‘e Capemonte… Venette da tanto luntano


Chistu core mme se schianta Nu furastiero! Nu furastiero.
Quanno sento ‘e dì d’ ‘a ggente Restaje ‘ncantato d’o mare, d’o sole e
Ca s’ è fatto malamente, ‘a luna. Nu furastiero.
stù paese ma pecchè? Se ‘ncantaje ‘e duje uocchie curvini
‘e na bruna e vint’anne d’età.
No … nun è overo ! no ..nun c’è
crero Chella vo’ bene a ‘n ato e pe’ chillo
E –moro pe’ ‘sta smania ‘e turna a More, pe’ chillo more.
Napule… Nu bello guaglione ‘ e piscatore, e
Ma – ch’aggia- fa .. mme fa paura ‘e Piscatore.
ce tornà! Furastiero ‘e denare che so’,
quanno ‘o core fa chello che vo’
Paura?… si… se fosse tutto overo? Chella s’ha fatta ‘a croce cu l’acqua
Se ‘a ggente avesse ditto ‘a verità? ‘e mare, cu l’acqua ‘e mare
Tutt’ ‘a ricchezza ‘e Napule… era ‘o e po’ ha giurato: nun te lasso maje.
core!
Dice… c’ha perzo pure chillu llà ‘O mare è na festa ‘e lampare nu
piscatore, nu piscatore.
Munasterio ‘e Santa Chiara… S’astregne dint’e braccia a na’ bruna
Nchiuse dint’a quattro mura, c’o velo e sposa, c’o velo e sposa
quanta femmene sincere Dice a gente che bona fortuna pe’
si perdevano n’ammore, Cient’anne e pe’ sempe accussì.
se spusavano a Gesù.
Chella vo’ bene a ‘n ato e pe’ chillo...
Funtanella ‘e Capemonte…
Mò si perdono n’amante
Già teneno ‘ati cciento…
Ca ‘na femmena ‘nnucente ‘O sole mio
Dice ‘a ggente nun c’è cchiù
Che bella cosa è ‘na jurnata ‘e sole
No… nun è overo! No… nun ce crero N’ aria serena doppo a na tempesta!
Pe’ ll’ aria fresca pare già na festa
111
Che bella cosa è ‘na jurnata ‘e sole nun te vaso chesta faccia
nun t’astregno forte ‘mbraccia a me?
Ma n’atu sole Ma scetannome ‘a sti suonne
Cchiù bello, oj né, me fai chiagnere pe’ te.
‘o sole mio
sta ‘nfronte a te! Oi vita oi vita mia…
O’ sole, o’ sole moi
sta ‘nfronte a te, Scrive sempe e sta’ cuntenta
sta ‘nfronte a me. Io nun penzo che a te sola
Nu pensieru mme cunsola
Luceno ‘e llastre d’’ afenesta toja; C’a ti pienze sulamente a me
‘na lavannara canta e se ne vanta ‘a cchiù bella le tutt’e belle
e pe’ tramente torce, spanne e canta’, nun è mai chiù bella ‘e te.
Lucento ‘ llastre d’’ a fenesta toja.
Oi vita oi vita mia…
Ma ‘n atu sole…

Quanno fa notte e’o sole se ne scenne


Me vene quasi na malincunia; Passione
sotta ‘a fenesta toja restarria
quanno fa notte e’o sole se ne scenne. Cchiù luntana me staie,
cchiù vicina te sento…
Ma n’atu sole… chissà a chistu mumento
tu a che pienze… che faie!
Tu m’è miso int’ ‘e vvene
‘nu veleno ch’ è dolce…
O surdato ‘nnamurato Nun me pesa ‘ sta croce
Ca trascino pe’ te …
Stai luntana da stu core
E a te volo cu’ ‘o penziero: Te voglio … te penzo… te chiammo .
niente voglio e niente spero Te veco … te sento…te sonno…
ca tenerte sempre ‘nbraccio a me. È n’ anno – ‘nce pienze ca è n’ anno-
Si sicura è chist’ammore Ca st’ uocchie nun ponno
comm’i so’ sicuro ‘e te. Cchiù pace truvà!…

Oi vita oi vita mia E cammino …e cammino…


Oi core ‘e chistu core Ma nun sacciò addò vaco …
Si’ stata ‘o primm ‘amore: J’ sto sempe ‘mbriaco
‘o primmo ell’ultimo sarai per me. E nun bevo mai vino
Aggio fatto ‘nu vuto
Quanta notte nun te veco A’ Madonna d’ ‘a Neve;
nun te sento int’a sti braccia si me passa ‘ sta freve
112
oro e perle Lle do. la vecchia camomilla ha dato il posto
alle palline 'e glicerofosfato -
Te voglio … te penzo… te chiammo . bromotelevisionato -
Te veco … te sento…te sonno… grammi: zero, zero, tre...
È n’ anno – ‘nce pienze ca è n’ anno- Pigliate na pastiglia, siente a me...
Ca st’ uocchie nun ponno
Cchiù pace truvà Dint' 'o scuro na gatta,
mastecanno na sarda,
doce doce mme guarda,
mme guarda, se struscia,
miagola e fa:
siente a me: vatte a cucca! (2v)
Pigliate ‘na pastiglia Sò' nu ciuccio 'e carretta,
carrecato d'ammore
Io cammino ogne notte, ca se tira stu core...
io cammino sbarianno, stu core, ca cerca la felicità!
io nun tengo maje suonno, 'A tre mise nun dormo cchiù:
nun chiudo maje na vucchella vurria scurdà!. . .
ll'uocchie Gente, diciteme comm'aggi' 'a fa?
e nun bevo cafè!
Va te cocca, siente a mme! (2v) Pigliate na pastiglia!. . .
Na perziana ca sbatte, Dint' 'e vvetrine 'e tutt' 'e farmaciste,
nu lampione ca luce... la vecchia camomilla ha dato il posto
e nu 'mbriaco ca dice, alle palline’ e glicerofosfato –
bussanno a na porta: bromotelevisionato -
«Mm'arape, Cuncè'?». didditti, bicarbonato,
'A tre mise nun dormo cchiù: borotalco e seme 'e lino,
na vucchella vurrìa scurdà... cataplasma e semolino,
na custata ti fiorentina,
gente, diciteme comm'aggi' 'a fa? mortadella e duje panine
cu nu miezu litro 'e vino,
Pigliate na pastiglia! nu caffé con caffeina,
Pigliate na pastiglia, siente a mme... grammi: zero, zero, tre!
Pe' mme fa addurmi, Pigliate na pastiglia, siente a me!
pe' mme fa scurdà,
il mio dolce amor! sbarianno: svagando
Pigliate na pastiglia!
Pigliate na pastiglia, siente a me...
Pe' mme fa senti,
come un gran pascià Regginella
e mm'inebria il cuorI
Dint' 'e wetrine 'e tutt' 'e farmaciste, Te si fatta la vesta scullata,

113
‘nu cappiello cu ‘e nastre e cu’e Silenzio cantatore
rrose…
stive ‘mmiezzo a tre o quattro Zitta, stanotte nun dicere niente,
sciantose, cademe’mbraccia, ma senza parlà...
e parlave francese … è accussì? dòrmeno’e ccose nu suonno lucente...
Fuje l’autriera ca t’aggio ‘ncuntrata? nu suonno’e’na notte d’està:
Fuje l’autriere , a Tuleto, gnorsì…
Marì, dint’’o silenzio
T’aggio volouto bene a te… -silenzio cantatore-
Tu m’è voluto bene a me ! nun te dico parole d’ammore,
Mo nun ‘nce amammo cchiù, ma t’’e ddice’ stu mare pè me!
ma, ‘e vvote tu
distrattamente pienze a me! Dimme: stanotte si’ tutta d’’a mia?
Ll’uocchie tuoie belle me diceno’ e
Reginè, quanno stive cu mmico sì...
Nun magnave ca pane e cerase, No, cu’sta luna, nisciuna buscia
nuje campavamo ‘e vase! E che vase, ‘sta vocca busciarda po' dì!
Tu cantave e chiagneve pe’me…
E ‘o cardillo cantava cu ‘ttico:
“reginella ‘o vuò bene a ‘stu rre?”
Tammuriata nera
t’aggio voluto bene a te…
tu m’è vuluto bene a me I’ nun capisco ‘e vvote che succede
Mo nun ‘nce amammo cchiù E chello ca se vede
ma ‘e vvote tu Nun se crede nun se crede.
Distrattamente parle ‘e me! E’ nato nu criaturo niro niro
E a mamma ‘o chiamma Giro
Oj cardillo, a chi aspiette stasera? Sissignore ‘o chiamma Giro.
Nun ‘o vide ? Aggio aperta a cajola,
Reginella è vulata e tuj vola! Seh! Gira e vota seh!
Vola e canta, nun chiagnere ccà! Seh! Vota e gira seh!
T’hè a truvà ‘na patrona sinceraa Ca tu ‘o chiamme Ciccio o ‘Ntuono,
Ca è cchiù degna ‘e sentirte ‘e cantà. ca tu ‘o chiamme Peppe o Giro,
chill’ ‘o fatto è niro niro
T’aggio voluto bene a te… niro niro comm’acchè!
Tu m’è voluto bene a me!
Mo nun ‘nce amammo chiù, ‘O spiegano ‘e cummare chist’affare,
ma, ‘e vvote tu sti case nun so rare
distrattamente chiamme a me!… se ne vedono a migliare!
Se vede ch’è bastata ‘na guardata,
e ‘a femmena è rimasta
sott’ ‘a botta ‘mpressiona.
114
cu 'e nnacchere 'int' 'a sacca vaje a
Seh ‘na guardata seh! bballa...
Seh! ‘na ‘mpresione seh! mescolando bolero e «ccia-ccid» chi
Va truvanno mo chi è stato vuo' mbruglià!
C’à cuiutto buono ‘o tiro! Torero!
Chill’ ‘o fatto è niro niro, Cu sti basette 'a sud-americano,
niro niro comm’a cchè! .cu nu sicario avana e 'a cammesella
'e picchè,
E dice o parulano: embè parlammo, Torero! Torero! Olè!...
pecchè si ragiunammo
chisto fatto ‘nce ‘o spiegammo. Te fatto 'a giacchettella corta corta,
Addo pastina o ggrano, ‘o ggrano '0 cazunciello astritto,
cresce e'o ricciulillo 'nfronte...
Riesce o nun riesce Te ride 'a gente arreto e nun te
Semp’è ggrano chillo ch’esce! 'mporta,
ti senti un Marlon Brando,
Meh! Dillo a mamma meh! che a spasso se ne va...
Meh! Dillo pure a me! Per le vie di Santa fè,
Conta ‘o fatto comm’ è gghiutto, per le strade di «Ollivud»
Ciccio…’Ntuono…Peppe o Giro e 'a 'nnammurata toja
Chill’ o’ ninno è niro niro nun te vò' cchiù!
Niro niro comm’a cchè
Oh, torero!...
Oh, torero!
E levatillo 'a capa stu sombrero!
Torero Nun si' spagnuolo e nun si'
caballero...
Tu pierde’o suonno ‘ncopp’’ e Sti nnacchere tu nun 'e ssaje suna!
giurnalette, 'E sti nnacchere, tu che ne 'a fa,
e màmmeta minaccia, bello 'e mamma?!
e pàteto s'arraggia... Torero!
Te fanno girà'a capa sti fumette, Cu sti bbasette 'a sud-americano,
guardannote 'int"o specchio, cu' nu sicario avana e 'a cammesella
vuoi fare il toreador! 'e picchè...
Come fanno a Santa fé, Torero! Torero! Olé!
come fanno ad «Ollivud»...
e cu 'sta scusa, oje ni',
nun studie cchiù...
Torna a Surriento
Oh, torero!
Te si' piazzato 'ncapa stu sombrero, Vide ‘o mare quant’è bello
dice ca si' spagnuolo e nun è overo, spira tantu sentimento
115
comme tu a chi tiene mente Comm’è calma a muntagna sta
ca scetato ‘o faie sunnà notte…
Guarda guà chisto ciardino; Cchiù calma ‘e mo nun l’aggio vista
siente, siè, sti sciure arancie: maje!
na prufumo accussì fino E tutto dorme, e tutto dorme o more
dint’o core se ne va... E ‘i sulo veglio, pecchè veglia
ammore!
E tu dice :”i’ parto addio!”
T’alluntane da stu core... Tu ca nun chiagne e chiagnere me…
da sta terra de l’ammore...
tiene ‘o core ‘e nun turnà?
Ma nun me lassà,
nun darme stu turmiento!
Torna a Surriento, famme campà!
La santa allegrezza
Vide ‘o mare de Surriento
che tesoro tene enfunno; Nuje cantammo la santa Allegrezza
chi ha girato tutto ‘o munno Maria bellezza maggiore ce fa
nun l’ ha visto comm’a cca. s'è incarnato lu Verbo di Dio
Guarda attuorno sti sserene, lascianno a Maria la verginità.
ca te guardano ncantate Cosa 'mpurtante cosa 'mpurtante
e te vonno tantu bene..... lu Patre lu Figlio e lu Spirito Santo.
te vulessero vasà... (2 v.)

Quanno Tu gravida fuste Riggina


lu cielo e le stelle facisti stupire
Tu ca nun chiagne quanno lu 'ntise Giuseppe devoto
cercava nu luogo pe' parturire.
Comm’ è bella ‘a muntagna Cosa 'nce prega, cosa 'nce prega
stanotte… Giuseppe e Maria ce cercano la fede.
Bella accussì nun l’aggio vista maje! (2 v.)
‘N’ anema pare rassignata e stanca
sott’ a cuperta ‘e chesta luna janca… E San Giuseppe patriarca supremo
pe' dare lo fieno ne apre la mano
Tu ca nun chiagne e chiagnere me ma si nun era la mano de Dio
faje, lu cielo sereno pe lietto n'avria.
tu, sta notte addò staje? Dove reposa, dove reposa
Voglio a te! Voglio a te! è la belleza di tutte li cose. (2 v.)
Chist’uocchie te vonno
N’ata vota vede! Quanno 'nviaggio la coppia si mise
n'angelo scese dal gran Paradiso
p'accumpagnaccela passo pe' passo
116
e pe' difendela da Satanasso. Per redenzione, per redenzione
Verbo di Dio, Verbo di Dio dell'umana generazione. (2 v.)
quanno 'nviaggio si mise Maria.
(2 v.)

Ma gran pericolo deve passare Tu vuo' fa' l'americano


la Vergine bella del cielo e del mare
e se un serpente il piede l'arresta
la Verginella ce schiaccia la testa. Puorte 'e cazune cu nu stemma
Luce la strata, luce la strata arreto...
dudece stelle Maria è 'ncurunata. na cuppulella cu 'a visiera aizata...
(2 v.) passa scampanianno pe' Tuleto
comm'a nu guappo, pe' se fa'
Po' nel cammino pe' farla passare guarda'...
s'aprono pure le onde del mare Tu vuo' fa' ll'americano
cantano tutte le acque del mondo mericano, mericano...
pe' questa Vergina bella e gioconda. sient'a mme chi t' 'o ffa fa'?
Luce divina, luce divina tu vuoi vivere alla moda,
quanno Maria sopr' a l'acqua ma se bevi "whisky and soda"
cammina. (2 v.) po' te siente 'e disturba'...
Tu abball' o' rocchenroll
E San Giuseppe dal giglio d'argento tu giochi a baisiboll...
va con la sposa nel freddo e nel vento ma e solde p' e' Ccamel
e quando si sente il vento più forte chi te li dà?
bussa Giuseppe a tutte le porte. la borsetta di mammà!?
Fa l'addimanda, fa l'addimanda Tu vuo' fa' ll'americano
ma nun c'è posto 'nda chesta locanda. mericano, mericano...
(2 v.) ma si' nato in Italy!
sient' a mme: nun ce sta niente 'a fa'
Soffre Maria e la mano ce trama ok, napulitan!
quanno n'arrivano a Betlemme tu vuo' fa' ll'american
pe' chesta coppia ca il freddo tu vuo' fa' ll'american!
l'agghiaccia
tutti ce chiudono la porta 'nfaccia, Come te po' capi' chi te vo' bbene
Miezz' a la via, miezz' a la via si tu lle parle miezo americano?
nasce il Mistero del Verbo di Dio. quanno se fa ll'ammore sott' 'a luna
(2 v.) comme te vene 'ncapa 'e di' "I love
you"?
E in mezzo al cielo Maria tutta pura
e sotto i piedi ci spunta la luna Tu vuo' fa' ll'americano
Vergine bella che andasti e venisti mericano, mericano...(ecc.)
pe' ghire truvanno la croce de Cristo.
117
Emilia Friuli
Tango delle capinere

Laggiù nell’Arizona, terra di sogni e Ave o Vergine


di chimere
se una chitarra suona, cantano mille Ave o Vergine, us saludi
capinere. come l'agnul anchie jò.
Hanno la chioma bruna, hanno la Ave o plene d'ogni grazie
febbre in cor, il Signor al è cun vò.
chi va a cercar fortuna, vi troverà Daimi daimi une chialade
l’amor! cun chel vòli plen d'amor,
o gran Mari immacolade
A mezzanotte va, la ronda del piacere o colombe dal Signor.
e nell’oscurità ognuno vuol godere.
Son baci di passion, l’amor non sa Biele l'albe matutine,
tacere biel el agnul dal Signor,
e questa è la canzon di mille ma vò Vergine divine
capinere. o ses biele plui di loro.
Faisi donghie o chiare Mari
Il bandolero stanco scende la sierra cun chel vuestri biel Bambin,
misteriosa ch'jò lu chiali,
sul suo cavallo bianco spicca la ch'jò lu tochi,
vampa di una rosa. ch'jò lu bussi chel Ninin.
Quel fior di primavera vuol dire Ch'jò lu chiali...
fedeltà
e alla sua capinera egli lo porterà.
Ave o Vergine, vi saluto / come l'angelo
anch'io, / Ave o piena di grazie / il
118
Signore è con voi. / Datemi, datemi uno Stasera la vecchia fontana
sguardo / con quel volto pieno d'amore, / racconta alla solita luna
o gran Madre Immacolata, / o colomba la storia vicina e lontana
del Signore. / Bella è l'alba mattutina, / di quella inglesina col naso all'insù.
bello è l'Angelo
del Signore, / ma Voi, Vergine divina, /
Io qui, proprio qui l'ho incontrata...
siete bella più di loro. / Avvicinatevi, o E qui, proprio qui l'ho baciata...
cara Madre, / con quel Vostro bel Lei qui con la voce smarrita
bambino, che io lo guardi, / che io lo m'ha detto: «E’ finita, ritorno lassù!»
tocchi, / che io lo baci quel piccolino. Ma prima di partire l'inglesina
buttò la monetina e sussurrò:

Arrivederci, Roma...

Lazio Good bye... au revoir...


Voglio ritornare a Via Margutta,
voglio rivedere la soffitta
Arrivederci Roma dove m'hai tenuta stretta stretta
accanto a te!
T'invidio, turista che arrivi, Arrivederci, Roma...
t'imbevi de fori e de scavi, Non so scordarti più...
poi tutto d'un colpo te trovi Porto in Inghilterra i tuoi tramonti,
Fontana de Trevi ch'è tutta pe' te! porto a Londra Trinità dei Monti,
porto nel mio cuore i giuramenti e gli
Ce sta 'na leggenda romana “I love you”
legata a 'sta vecchia fontana
per cui se ce butti un soldino Arrivederci, Roma...
costringi er destino a fatte tornà'. Good bye... au revoir...
E mentre er soldo bacia er fontanone Mentre l'inglesina s'allontana
la tua canzone in fondo è questa qua! un ragazzinetto s'avvicina
va nella fontana pesca il soldo e se
Arrivederci, Roma. .. ne va!
Good bye... au revoir... Arrivederci, Roma!
Si ritrova a pranzo a Squarciarelli
fettuccine e vino dei Castelli
come ai tempi belli che Pinelli
immortalò! La società dei magnaccioni
Arrivederci, Roma. . .
Goodbye... aurevoir... Fatece largo che passamo noi,
Si rivede a spasso in carrozzella li giovanotti de 'sta Roma bella,
e ripensa a quella «ciumachella» Semo regazzi fatti cor pennello
ch'era tanto bella e che gli ha detto E le regazze famo innamora'
sempre «no!» e le regazze famo innamora',

119
Ma che ce frega, ma che ce importa Roma, nun fa' la stupida stasera
si l'oste ar vino cià messo l'acqua
e noi je dimo, e noi je famo: Roma nun fà la stupida stasera
ciai messo l'acqua e nun te pagamo, damme 'na mano a faje dì de sì.
Ma però noi semo quelli Sceji tutte le stelle
che je risponnemo in coro: più brillarelle che ciai
è mejo er vino de li Castelli e un friccico de luna tutta pe' noi.
che questa zozza società. Faje sentì ch'è quasi primavera...
Manna li mejo grilli pe fà cri cri...
E si pe' caso la socera more Prestame er ponentino
se ramo du' spaghetti a' matriciana più malandrino che ciai.
bevemo un par de litri a mille gradi Roma reggeme er moccolo stasera.
s'ambriacamo e un ce pensamo più. Roma nun fa' la stupida stasera
(2 v.) damme 'na mano a famme di de no,
spegni tutte le stelle
Che ciarifrega, che ciarimporta... più brillarelle che ciai
nasconneme la luna, se no so' guai.
Ce piaceno li polli, Famme scordà ch' è quasi primavera
l'abbacchio e le galline tiemme 'na mano in testa pe' di de no.
perché sò' senza spine Smorza quel venticello stuzzicarello
nun sò' come er baccalà. che ciai.
La società dei magnaccioni, Roma, nun fa' la stupida stasera.
la società della gioventù,
a noi ce piace de magnà' e beve
e nun ce piace de lavorà'.
Tanto pè cantà
Portece 'n artro litro
che noi se lo bevemo Pe' fa' la vita meno amara
e poi jarisponnemo me so' comprato 'sta chitara
embé embé che c'è. e quanno er sole scenne e more
E quando er vino embé me sento'n core cantatore...
t'ariva ar gozzo embé La voce è poca ma 'ntonata
ar gargarozzo embé nun serve a fa' 'na serenata
te fa un ficozzo embé. ma solamente a fa' 'n maniera
Pe' falla corta de famme 'n sogno a prima sera...
pe' falla breve,
mio caro oste Tanto pe' cantà
portace da beve perché me sento un friccico ner care,
da beve, da beve. tanto pe' sognà
perché ner petto me ce nasca un
fiore:
fiore de lillà
120
che m'ariporti verso er primo amore
che sospirava le canzoni mie E i scarpett che lu el gh'ha daa
e m'arintontoniva de bugie! sì ch eren bej scarpett:
due barche senza vela
Canzone belle e appassionate cont la soeula de buscion,
che Roma mia m'aricordate, a la moda…montagnon.
cantate solo pe' dispetto Due barche…
ma co' 'na smania dentro ar petto... Vintun, vintun…
Io nun ve canto a voce piena
ma tutta l'anima è serena El prevost che i ha sposaa
e quanno er cielo se scolora sì che l'eva on bel prevost:
de me nessuna se 'nnamora... a l'eva né grass né magher
el gh'aveva on bel pascion,
Lombardia a la moda…montagnon
A l'eva…
Vintun, vintun…
A la moda El pacett che lor hann faa
sì che l'eva on bel pacett:
El ven giò da le montagne insalata de scolzonnera
ch'el voreva toeu miee. cont l'oli de ravizzon,
Trovaa 'na montagnotta a la moda…montagnon.
cont la faccia de spazzetton, Insalata…
a la moda, a la moda, a la moda di Vintun, vintun…
montagnon.
Trovaa… El viaggett che lor hann faa
Vintun, vintun… sì che l'eva on bel viaggett:
l'è andaa de dree a la gesa,
E l'anell che lu el gh'ha daa vegnuu foeura del porton,
sì che l'eva on bel anell: a la moda…montagnon.
né d'oro né d'argento L'è andaa…
ma l'eva de l'otton, Vintun, vintun…
a la moda…montagnon.
Né d'oro… El primm fioeu che ch'hann avuu
Vintun, vintun… sì che l'era on bel fioeu:
a l'era né rosa né negher,
El vestii che lu el gh'ha daa ma gh'aveva on bel crapon,
sì che l'eva on bel vestii: a la moda…montagnon.
de pell de ratt de fogna A l'era…
cont trentases botton, Vintun, vintun…
a la moda…montagnon.
De pell… El second fioeu che gh'hann avuu
Vintun, vintun… sì che l'eva on bel fioeu:
121
el sciusciava minga el latt
ma 'l beveva 'l bottiglion, “Se mi sont negher cosa m’importa?
a la moda… montagnon. Su la mia porta
El sciusciava… comandi mi.
Vintun, vintun… Se mi sont negher cosa m’importa?
Su la mia porta (2 volte)
se mi sont negher... comandi mi.
Viene giù dalle montagne che voleva
sposarsi. Ha trovato una montanara con la
Su la mia porta, sul mio cancello
faccia da spazzolone, alla moda, alla
moda, alla moda dei montanari. Ventuno,
ohi com’è bello
ventuno… E l'anello che le ha dato quello fare all’amor!
sì che era un bell'anello: né d'oro né Su la mia porta, sul mio cancello
d'argento, ma era d'ottone, alla moda…Il ohi com’è bello; (2 volte)
vestito che lui le ha dato sì che era un bel su la mia porta... fare all’amor!”
vestito: di pelle di topo di fogna con
trentasei bottoni, alla moda… E le “Domanderemo al sior curato
scarpette che lui le ha dato sì che erano se l’è peccato
belle scarpette: due barche senza vela con
fare all’amor.
la suola di sughero, alla moda… Il
parroco che li ha sposati sì che era un bel Domanderemo al sior curato
parroco: non era né grasso né magro, se l’è peccato; (2 volte)
aveva un bel pancione, alla moda… Il domanderemo... fare all’amor.”
pranzetto che hanno fatto sì che era un bel
pranzetto: insalata di scorzonera con l'olio “Con quelle belle non è peccato,
di ravizzone, alla moda… Il viaggetto che con quelle brutte
hanno fatto sì che era un bel viaggetto: è pecca’ mortal.
andato dietro alla chiesa ed è uscito dal Con quelle belle non è peccato,
portone, alla moda… Il primo figlio che
hanno avuto sì che era un bel bambino:
con quelle brutte; (2 volte)
non era né rosa né nero, aveva un bel con quelle belle... pecca’ mortal!”.
testone, alla moda… Il secondo figlio che
hanno avuto sì che era un bel bambino:
non succhiava il latte, ma beveva dal Col piè di porco
bottiglione, alla moda…
Hanno ammazzato un angelo
Di nome la Rosetta
Cara’ l mè Toni Hanno ammazzato un angelo
Dietro la camionetta
“Cara’l mè Toni, sta su allegher,
te see on bel negher Col piè di porco la sega elettrica
in veritàà! La cassaforte non resiste più,
Cara’l mè Toni... sta su allegher, mai più mai più (2 v.)
te see un bel negher; (2 volte)
cara’l mè Toni... in verità!” Bastardi traditori
122
Ve la farem pagare C'è, c'è chi soffre soltanto d'amore
Ve la farem pagare chi continua a sbagliare il rigore
Noi della mala vita c'è chi un giorno invece ha sofferto
e allora ha detto io parto,
Tutta la malavita ma dove parto se parto
Venne vestita in nero sempre ammesso che parto, ciao.
Per accompagnare Rosetta,
Rosetta al cimitero A chi sbaglia a fare le strisce
a chi invece avvelena le biscie
Tutta la malvita uno tira soltanto di destro,
Venne vestita in bianco l'altro invece c'ha avuto un sinistro
Per accompagnare Rosetta, Rosetta al e c'è sempre qualcuno che parte,
camposanto. ma dove arriva se parte...
Dove te vett, o Mariettina E la vita, la vita
e la vita l'è bela, l'è bela,
"Dove te vett, o Mariettina, (3 volte) basta avere l'ombrela, l'ombrela
inscì bonn'ora in mezz' ai praa?" ti ripara la testa
e sembra un giorno di festa.
"Mi voo a fa la campagnola, (3 volte) E la vita, la vita
in campagna a lavorà." la vita l'è strana, l'è strana
basta una persona, persona
"Se ti te fuesst propri sola (3 volte) che si è rotta la testa è finita la festa.
te vegnarissi a compagnà.
C'è chi un giorno ha fatto colore
Ma la rosada la se alza: (3 volte) e non ha ancora cambiato furore
la te bagnaraa el scossaa." c'è chi mangia troppa minestra,
chi è costretto a saltar la finestra
"El scossarin l'hoo già bagnato (3 v.) e c'è sempre lì quello che parte
stamattina in mezz al praa!" ma dove arriva se parte, ciao.

A chi sente soltanto la radio


"Dove vai, o Mariettina, così presto in e poi sbaglia ad andare allo stadio
mezzo ai prati?""Vado in campagna, in c'è chi in fondo al suo cuore ha una
campagna a lavorare." "Se tu fossi pena
proprio sola, verrei ad accompagnarti. Ma
c'è chi invece c'ha un altro problema
la rugiada si alza: ti bagnerà il
grembiule." "Il grembiulino l'ho già
mentre è sempre li quello che parte
bagnato stamattina in mezzo al prato!" ma dove arriva se parte...

E la vita, la vita...

E la vita, la vita

123
E mi la donna bionda la voeuri no:
donna grassa te la sconquassa,
E mi la donna bionda (3 volte) e mi la donna grassa (2 volte)
la voeuri no: donna grassa te la sconquassa,
tucc i omenn che fann la ronda, e mi la donna grassa
e mi la donna bionda, (2 volte) la voeuri no.
tucc i omenn che fan la ronda
e mi la donna bionda la voeuri no. E mi la donna rossa (3 volte)
la voeuri no:
E mi la donna nera (3 volte) quand l'è vecia ghe ven la tossa,
la voeuri no: e mi la donna rossa (2 volte)
donna nera non è sincera, quand l'è vecia ghe ven la tossa
e mi la donna nera, (2 volte) e mi la donna rossa
donna nera non è sincera, la voeuri no.
e mi la donna nera
la voeuri no. E mi la donna bella (3 volte)
la voeuri sì:
E mi la donna piccola (3 volte) la gh'ha i oci come una stella,
la voeuri no: e mi la donna bella, (2 volte)
se la cammina la par 'na chicchera, la gh'ha i oci come una stella,
e mi la donna picoola (2 volte) e mi la donna bella
se la cammina la par 'na chicchera la voeuri sì.
e mi ladonna piccola
la voeuri no.

E mi la donna granda (3 volte) E verrà quel dì di lune


la voeuri no:
se la cammina la par 'na stanga E verrà quel di di lune
e mi la donna granda, (2 volte) mi vò al mercà a comprà la fune.
se la cammina la par 'na stanga
e mi la donna granda Lune la fune e fine non avrà
la voeuri no. l'è la Rosina bella in sul mercà.
l'è la Rosina bella in sul mercà.
E mi la donna riccia (3 volte)
la voeuri no: E verrà quel dì di marte
sotto i ricci la gh'ha i capricci, mi v6 al mercà comprà le scarpe.
e mi la donna riccia, (2 volte) Marte le scarpe.
sotto i ricci la gh'ha i capricci,
e mi la donna riccia Lune la fune e fine non avrà...
la voeuri no.
E verrà quel dì di Mercole
E mi la donna grassa (3 volte) mi vò al mercà a comprà le nespole.
124
Mercole le nespole
Marte le scarpe.

Lune la fune e fine non avrà. . . El Luisin

E verrà quel dì di Giove On dì per 'sta contrada


mi vò al mercà a comprà le ove. passava on bel fioeu,
Giove le ove e on mazzolin de ros
Mercole le nespole l'ha traa in sul mè poggioeu. (3 volte)
Marte le scarpe.
E per trii mes de fila
Lune la fune e fine non avrà... e squasi tutt i dì
el passeggiava semper
E verrà quel dì di Venere domaa per vedemm mi. (3 volte)
mi vò al mercà a comprà la cenere.
Venere la cenere Vegnuu el '59,
Giove le ove che guerra desperada!
Mercole le nespole E mi per 'sta contrada
Marte le scarpe. l'hoo pu veduu a passà. (3 volte)

Lune la fune e fine non avrà. . . On dì pioveva. Vers sira


s'cioppavi del magon,
E verrà quel dì di sabato quand m'è rivaa ona lettera
mi vò al mercà a comprare l'abito. col bord de condizion. (3 volte)
Sabato l'abito
Venere la cenere Scriveva la sorella
Giove le ove del pover Luisin
Mercole le nespole che l'era mort in guerra
Marte le scarpe. de fianch al Castellin. (3 volte)

Lune la fune e fine non avrà... Inn già passaa trii ann,
l'è mort, el vedi pu,
E verrà quel dì di festa eppur sto pover coeur
mi vò al mercà a compà la vesta. l'è chi ancamò per lu! (3 volte)
Festa la vesta
sabato l'abito
Venere la cenere Un giorno per questa strada passava un
Giove le ove bel ragazzo, e ha gettato sul mio balcone
Mercole le nespole un mazzolino di rose. E per tre mesi quasi
tutti i giorni tornava a passeggiare solo
Marte le scarpe.
per potermi vedere. Venuto il '59, che
guerra disperata! E io per questa strada
Lune la fune e fine non avrà... non l'ho più visto passare. Un giorno
125
pioveva. Verso sera morivo di malinconia, "Donne, donne, c'è qui lo stagnino che ha
quando mi è arrivata una lettera bordata a voglia di lavorare: e se avete qualcosa da
lutto. Scriveva la sorella del povero far riparare, ragazze, c'è qui lo stagnino
Luigino che era morto in guerra vicino al che ha voglia di lavorare." Salta fuori una
Castellino. Sono già passati tre anni, è sposina con in mano una pentola rotta:
morto, non lo vedo più, eppure questo "Se me la aggiustasse come si deve, io ve
povero cuore è qui ancora per lui. la darei volentieri senza che mio marito lo
sappia." Il marito, dietro la porta, che
aveva sentito tutto, salta fuori con un
randello in mano e giù colpì sulla testa
dello stagnino. Lo stagnino non dice nulla
e se ne va con la testa rotta; senza
chiamare dottori né avvocati si è
aggiustato la testa al posto delle sue
El Magnan pentole.
Ho visto un re
"Donne, donne, gh'è chi el magnano
che 'l gh'ha voeuja de lavorà:
e se gh'avii on quajcoss de fa giustà, (Dai dai conta su) Ho visto un re (sa
tosann, gh'è chi el magnan vist cos’è)
che 'l gh'ha voeuja de lavorà." Ho visto un re (ah beh, sì beh…).
Un re che piangeva seduto sulla sella
Salta foeura ona sposotta piangeva tante lacrime
cont in man 'na pignatta rotta: (ma tante che)
"E se me la giustii propi de bagnava anche il cavallo.
galantomm, (Povero re)
mi sì ve la daria e povero anche il cavallo (ah beh, si
de nascost del mè omm." beh...).
E’ l’imperatore che gli ha portato via
El marito, dietro l'uscio, un bel castello
che 'l gh'aveva sentito tutto, (ohi che baloss)
el salta foeura cont on tarell in man di trentadue che lui ce n'ha
e pim e pum e pam (povero re)
in su la crappa del magnan. e povero anche il cavallo (si beh. . . ).

El magnano el dis nagotta Ho visto un vesc (sa vist cos'è?)


e el va via cont la crappa rotta; ho visto un vescovo (ah beh...).
senza ciamà dottor né avocatt Anche lui, lui piangeva faceva un
el s'è stagnaa la crappa gran baccano
al post di so pignatt; mordeva anche una mano (la mano di
senza ciamà… chi?)
la mano del sacrestano (povero
vescovo)

126
e povero anche il sacrista (sì beh...). Ma lui no, lui non piangeva,
E’ il cardinale che gli ha portato via anzi ridacchiava ah, ah, ah. . .
un'abbazia (ma 'sa l'è: matt?)
(oh por crist) No: il fatto è, che noi villan, noi
di trentadue che lui ce n'ha villan
(povero vescovo) e sempre allegri bisogna stare
e povero anche il sacrista (ah beh...). che il nostro piangere fa male al re
fa male al ricco e al cardinale
Ho visto un ric (sa vist cos'è?) diventan tristi se noi piangiam; e
ho visto un ricco, un sciur (ah beh...); sempre allegri...(2 v.)
il tapino lacrimava su un calice di
vino
ed ogni go, ed ogni goccia andava
(deren't al vin)
si! che tutto l'annacquava La bella Gigogin
(pover tapin)
e povero anche il vin{ah beh...). «Rataplàn tarnbur io sento
Il vescovo, il re, l'imperatore, l'han che mi chiama alla bandiera
mezzo rovinato o che gioia o che contento
gli han portato via tre case io vado a guerreggiar».
e un caseggiato di trentadue che lui
ce n'ha. «Rataplàn non ho paura
Pover tapin, e povero anche il vin (ah delle bombe e dei cannoni
bh…). io vado alla ventura
sarà poi quel che sarà».
Ho visto un villan (sa vist cos'è?)
un contadino (ah beh...). E la bella Gigogin
Il vescovo, il re, il ricco, l'imperatore, col tremille-lerillelera
perfino il cardinale l'han mezzo la va a spass col sò spingin
rovinato, col tremille-lerillerà.
gli han portato via la casa, il
cascinale, «A quindici anni facevo all'amore»
la mucca, il violino, la scatola di dàghela avanti un passo
scacchi, delizia del mio cuore.
la radio a transistor,
i dischi di Little Tony, la moglie (e «A sedici anni ho preso marito»
poo cos'è?) dàghela avanti un passo
un figlio a militare delizia del mio cuore.
gli hanno ammazzato anche il maiale
(pover purscell) «A diciassette mi sono spartita»
nel senso del maiale (si beh...). dàghela avanti un passo
delizia del mio cuore.
127
La ven, la ven, la ven alla finestra "Ohi pescator che peschi,
l'è tutta, l'è tutta, l'è tutta insipriada - ravanej…-
la dis, la dis, la dis che l'è malada ohi pescator che peschi,
per non, per non, per non mangiar ripescami l'anel;
polenta, - ohè - ripescami l'anel."
bisogna, bisogna, bisogna aver
pazienza "Ma sì che te lo pesco,
lassala, lassala, lassala maridà. ravanej…-
ma sì che te lo pesco,
E la bella Gigogin... ma voeuri vess pagaa;
- ohè - ma voeuri vess pagaa."

"Ti do trecento scudi,


La bella la va al fosso - ravanej…-
ti do trecento scudi,
La bella la va al fosso e 'na borsa ricamaa;
- ravanej, remolazz - ohè - 'na borsa ricamaa."
barbabietol e spinazz
trii palanch al mazz - "Né oro né argento,
la bella la va al fosso, - ravanej…-
al fosso a resentà; né oro né argento,
- ohè- al fosso a resentà. ma voeuri on bel basin;
- ohè - ma voeuri on bel basin."
E intant che la resenta
- ravanej…- Nel mezzo della festa
e intant che la resenta - ravanej…-
ghe borla giò l'anel; nel mezzo della festa
- ohè - ghe borla giò l'anel. ghe salta for so pà;
- ohè - ghe salta for so pà.
La svalza gli occhi al cielo,
- ravanej…- "Papà, papa, perdonami,
la svalza gli occhi al cielo, - ravanej… -
la vede il ciel seren; papà, papà, perdonami,
- ohè - la vede il ciel seren. non lo farò mai più;
- ohè - non lo farò mai più!"
La sbassa gli occhi al mare
- ravanej…- ravanej: rapanelli; remolazz: ramolacci;
la sbassa gli occhi al mare, palanch: soldi; resentà:sciacquare; ghe
la vede un pescator borla giò: le cade;svalza: alza; voeuri
- ohè - la vede un pescator. vess pagaa: voglio essere pagato.

128
“Camera ce n'è una sola
dove che dorme mia miee.
La Vegiazza
Per maggiore sicurezza
El ghe s'eva ona vegiazza-uee! metteremo un campanell.”
( 2 volte)
che se voreva maridà (2 volte) Mezzanotte era suonata
campanell sentì a sonàa.
Lee la va dal sior curato -uee!
(2 volte) “Sporcaccion d'un pellegrino
la va per farsi maridà. (2 volte) se te gh'è fu a la mia miee.”

El curato ghe varda in bocca-uee! “L’ ho cosata e ricosata


(2 volte) come s’usa al me paes.”
el ghe troeuva trii dentin. (2 volte)
“Se campassi anche cent'anni,
Tocca il primo: el dondolava- uee! pellegrin ne tegni pù.”
tocca il secondo: el zinzinnava- uee!
tocca il terzo: el ghe resta in man. miee: moglie
(2 volte) mettaremm: metteremo
faa: fatto
toeuvi: prendo
Vatten via, brutta vegiazza -uee!
Birocc: barroccio, carretto usato per
(2 volte) trasportare cose
che non ti voglio maridà. (2 volte)

Pirolin, pirolà
Pellegrin che vien da Roma
Pirolin, pirolà, da bravi soldaa,
Pellegrin che vien da Roma - e va 'l (3 volte)
birocc la strada l'è longa, ci tocca marciar.
con le scarpe rotte ai piè - e va 'l
birocc, birocc el và. Semm in vun, semm in duu,
Pellegrin che vien da Roma semm amis tutt e duu;
con le scarpe rotte ai piè. semm in duu, semm in trii,
tutt e trii stess partii.
Non appena fu arrivato
all'osteria se ne andò. Semm in trii, semm in quatter,
tutt e quatter stess carater;
“Buonasera signor oste semm in quatter, semm in cinqu,
c'è una camera per me?”. vemm in gir a vend i stringh.
129
nove, siamo in dieci, tutti e dieci dello
Semm in cinqu, semm in ses, stesso paese; la strada è lunga, dobbiamo
ne piasen i scires; marciare. (…) Siamo in due, siamo in
uno, è meglio che nessuno.
semm in ses, semm in sett,
vemm in gir a vend corsett.

Semm in sett, semm in vott,


ne pias el risott; Quand sona i campan
semm in vott, semm in noeuv,
vemm in gir a vend i oeuv. Quand sona i campann din don din
dan
Semm in noeuv, semm in des, a la periferia
tutt e de stess paes; Quand sona i campann din don din
la strada l'è longa, ci tocca marciar. dan
mì te spetti o Maria
Pirolin, pirolà… per dit che tra un ann din don din
dant
Semm in des, semm in noev, te sarèe tutta mia.
vemm in gir a vend i oeuv… Vedi già do stanzet con tri o quater
(si torna indietro, da destra a masciet
sinistra, fino a:) che me ciamen papà,
son content cume un ratt
Semm in duu, semm in vun, mì do foeura de matt
l'è mej che nissun; per la felicità.
la strada l'è longa, ci tocca marciar.
Quand mi t'ho vista passàa
Pirolin, pirolà… on di per la mia via
me son senti innamorà
mia piccola Maria.
Pirolin, pirolà, da bravi soldati, la strada Quand poe te me domandàa
è lunga, dobbiamo marciare. Siam in uno, se mi te sposaria
siamo in due, siamo amici tutti e due; me son senti tutt el sangh a muri
siamo in due, siamo in tre, tutti e tre dello e t'ho rispost de sì.
stesso partito. Siamo in tre, siamo in
quattro, tutti e quattro con lo stesso Quand sona i campann din don din
carattere. Siamo in quattro, siamo in dan...
cinque, andiamo a vendere le stringhe.
Siamo in cinque, siamo in sei, ci
piacciono le ciliegie. Siamo in sei, siamo
Parli con tutti de ti
in sette, andiamo a vendere corsetti. la sera e la mattina
Siamo in sette, siamo in otto, ci piace il e spetti semper quel dì
risotto. Siamo in otto, siamo in nove, de fat la mia sposina;
andiamo a vendere le uova. Siamo in nessun l'è alegher me mi

130
in tutta l'officina lui non riusciva più a dormire.
canti, lavori e me senti seren
perché te voeuri ben. Un'idea, un concetto, un'idea...

Quand sona i campann din don din Aveva tante idee, era un uomo
dan... d'avanguardia
si vestiva di nuova cultura,
cambiava ogni momento
Un’idea ma quand'era nudo era un uomo
dell'Ottocento.
Un'idea, un concetto, un'idea Ho voluto andare ad una
finché resta un'idea manifestazione:
è soltanto un'astrazione, i compagni, la lotta di classe
se potessi mangiare un'idea e tante cose belle che ho nella testa
avrei fatto la mia rivoluzione. ma non ancora nella pelle.

In Virginia il signor Brown Un'idea, un concetto, un'idea...


era l'uomo più antirazzista
un giorno sua figlia sposò
un uomo di colore
lui disse: «Bene» ma non era
Romagna
di buon umore.
Ad una conferenza di donne L'uva fogarina
femministe
si parlava di prendere coscienza e di Oh, quant'è bella l'uva fogarina
liberazione e quant'è bello saperla vendemmiar,
tutte cose giuste per un'altra a far l'amor con la mia bella,
generazione a far l'amor in mezzo al prà.

Un'idea, un concetto, un'idea... Dirindin din, dirindin din,


dirindin din, din din din din.
Su un libro di psicologia ho imparato Dirindin din…
ad educare mio figlio
se cresce libero il bimbo Teresina 'mbariagouna, poca voia
è molto più contento 'd'lavurer,
l'ho lasciato fare, m'è venuto la s'è tolta 'na vestaglia, la l'ha i
l'esaurimento. 'ancora da pagher.
Un mio amico voleva impostare la Filar non po’o filar, cusir lo sa far
famiglia in un modo nuovo e sol 'd la campagna, la dis cui fa mal.
e disse alla moglie: «Se vuoi mi puoi
Traduzione della seconda strofa:
anche tradire». Teresina ubriacona, poca voglia di
Lei lo tradì, lavorare, si è comprata una vestaglia, l'ha
131
ancora da pagare. Filare non vuole, cucire Ju ti canciu:
non sa, il sole della campagna dice che le Avò!
fa male.
Ora s’addummisciu
La figlia mia
Vardatimilla Vui
Romagna mia Matri maria.
Avò!
Sento la nostalgia del passato,
dove la mamma mia ho lasciato.
Non ti potrò scordar casetta mia
in questa notte stellata Avò! L’amore mio
la mia serenata io canto per te. Amore mio! Ti voglio bene. / Gli occhi di
mia figlia sono due sirene. / Cos’ha la
Romagna mia, Romagna in fiore, figlia mia, che sempre piange? / vuole
fatta la ninna nanna tra le arance. / Fiato
tu sei la stella, tu sei l'amore.
dell’anima mia, faccia d’arancia. Neanche
Quando ti penso vorrei tornare per un tesoro io ti cambierei. / Ora si è
dalla mia bella al casolare. addormentata la figlia mia. /
Romagna, Romagna mia, Guardatemela voi madre Maria.
lontan da te non si può star!. . .

Casteddu a mari

Sicilia ‘Mmenzu a lu mari c’è


un casteddu sparti
Avò! L’amuri miu firriateddu di finestri e porti.

Avò! L’amuri miu C’è un picciottu di vint’anni fatti


Ti vogliu beni carricateddu di vintura e sorti.
L’ucchiuzzi di me figlia
Su’ sireni! So matri l’addrivau, ci desi latti
e darimillu a mia ci parsi morti
Ch’avi la figlia mia
ca sempri chianci Ma ju tantu priai ‘nsinu a cchi l’appi
voli fatta la nanna ed ora avillu miu ‘nsinu a la morti.
mmenzu l’aranci.
Avò!
Castellammare (Località siciliana in
provincia di Trapani)
Chiatu di l’arma mia In mezzo al mare c’è un castello pieno di
Facci d’aranciu finestre e porte / C’è un ragazzo di
Ca mancu c’un tisoru vent’anni già fatti, caricato di ventura e
132
sorte / Sua madre lo ha cresciuto, gli ha Ca doti e casa m’a pur tari iddu.
dato il latte ed ora darlo a me gli è
sembrato morte / Ma io tanto ho pregato Ammatuli t’arrizi e fai cannola
finche l’ho avuto ed ora non lo lascerò Ca bedda ti ccià fari la natura
fino alla morte!
Lu santu e di marmuro e non sura
E bonu pi pur tari a sipurtura.

Ciuri di rosi russi a lu sbucciari


Ciuri ciuri
Amaru l’omu ca fimmini criri
Amaru cu si fa supraniari
Ciuri ciuri di tuttu l’annu,
Lustru di paradisu non ni viri.
l’ammuri ca mi rasti ti lu tornu.
Ciuri di menta sicca e paparini
Ciuri di gelsuminu rampicanti
L’omini comu a vui cussi cafoni (bis)
‘nun cantu ne ‘pe ammuri né
Ni li stricamu sutta li tappini.
p’amonti (bis)
ma cantu pi sturnarimi la menti.

Me soggira mi dissi: “Va’ travagghia


Comu si li cugghieru li beddi pira
E nun mi fari patiri a me figghia
Quannu t’a resi iu era na quagghia
Comu si li cugghieru li beddi pira
E tu m’a ridducisti, na grattigghia”
Tirollalà tirollallallà
Comu si li cughieru senza scala
Mi vogghiu sciarriari ccu me matri
Tiro tirollalà
Pirchì mi fici accussi curtulidda
A lu cchianari cc’appiru fortuna
Mmenzù a li longhi nun ci pozzu stari
Tirollalà tirollallallà
Ca tutti m’inciurianu nanulidda.
A lu scinniri si stuccau na rama
Tiro tirollalà
Li longhi su sciarrini e micidiali
E anu na vucca quantu na majdda
E nun ti maritu no (ter)
I curtuliddi su i pastariali
Schetta a ristari tirollalà
Mpastati su ccu zuccuru e cu meli.
E ccu doti e senza doti (ter)
Schetta a ristari tirollala.
Comu ai fari cu sta donna Rosa
Ca mi vò dari a figghia senza casa,
Quannu iu viri a tia diventu siccu
iù c’iaia dittu “datici la casa
Mi sentu cu la testa d’intra ‘n saccu
sinnò va resta schetta la carusa”.
Ppi ghiri appressu a ttia persi lu
sceccu
Comu s’abbrucculia stu bardasceddu
E ora cu diavulu accravaccu?
Si va vantannu ca moru pi iddu
M’agghiu a pigghiari a nautru cchiu
E nun ti maritu no …(ter)
beddo

133
cu granni carità.

Purtannulu a bivivari
Mi votu e mi rivotu Virennu l’erva vagnata
U mussu ‘nzuccaratu
Mi votu e mi rivotu suspirannu Di ‘nterra ‘ncelu spincia.
passu li notti interi senza sonnu
pi li biddizzi tò ju cuntimplari
mi passu di la notti ‘nsin’o jornu
pi tia nun pozzu ora cchiù durmiri Iu mi curcu
paci nunn’avi cchiù st’afflittu cori.
U sai quannu ca ju t’aj’a lassari Iu mi curcu n’ta stu lettu
quannu la vita mia finisci e mori! C’è Maria supra u me tettu
Iu dormu e idda vigghia
Si c’è cosa m’arrusbigghia
Mi volto e mi rivolto sospirando / passo Mi cummogghia cu so mantu
le notti intere senza dormire / per
Nomu u Patri u Figghiu e u Spiritu
contemplare le tue bellezze / passo la
notte fino al giorno / per te non posso ora
Santu.
più dormire / questo cuore afflitto non ha La me zita
più pace. / Lo sai quand’è che io ti lascerò
/ quando la mia vita finisce e muore. Quanto è laria la zita,
malanova da so vita,

U sciccareddu ahi! Laria è!


Chiù laria d’ idda nun ci né!
Avia nu sciccareddu
Ma veru sapuritu Avi i capiddi tisi tisi.
A mia mi l’l’ ammazzaru Pi spirugghiarli ci voli ‘n misi.
Poviru sceccu miu .
Avi l’ occhi difittusi
Chi bedda vuci avia Uno aperto l’ altro chiusu.
Pariva ‘n gran tinuri
Sciccareddu di in me cori Avi l’aricchie ranni ranni
Comu iù t’haju a scurdari. Parunu chiddi do liafanti.
E quannu cantava facia
Iha iha iha … Avi lu nasu ca pari ‘n pagghiaru
Sciccaredu di lu me cori Quannu piovi mi c’arriparo.
Comu iu t’haju a scurdari. (2 v.)
Avi la faccia lintiniusa
Quannu n’cuntrava n’cumpagnu Pari na papira ca nirvusa.
Subito lu ciarava
E dopu l’arraspava Avi li denti a rattalora
134
Uno d’ intra e l’autru fora. Salve Regina (Castellamare)

Avi li spaddi ca pari na cascia Diu vi sarvi o Regina


Una cchiù auta e una cchiù vascia. Maria di l’ Assicursu
Matri di bon concursu
Avi la panza ca pari na vutti Nostra Patrona(2 volte)
Quanno camina, fa ririri a tutti.
La grazia a nui ni runa
Avi li jammi a chicchiriò Di aviri na bona morti
Quannu camina, fa si e no. E la filici sorti
Lu Pariddisu (2 volte)
Ma sordi n’ avi assai
Ca cummogghini li vai. Guarda stu bellu visu
Ch’ è cchiù beddu assai di un gigghiu
Ahi bedda è!.. Priati a vostru Figghiu
Chi nni pirduna (2 volte)
Ma iù preiu la Madonna
D’accuzzarici li jorna. La sorti a nui ni runa
Oh pedi di lumia Ma di Vui, nostra Avvocata
Fustivu annunziata
Oh pedi di lumia ca ti rivesti Matri di Diu (2 volte)
Di pampini udurusi e di tinnenti
Si lu tò fruttu abbunna ci su festi Vui siti rifugio miu,
E li travagli su divertimenti. rifigiu di un piccaturi.
Matri di lu Signori
Quanta ricchezza c’è ni ‘sti cuntradi Fustivu eletta (2 volte)
Quantu ci fu’ binigna la natura
La zagara odura di mmernu e d’istati Vi fici cchiù perfetta
Lu fruttu tuttu l’ annu si matura Stu Figghiu c’ aviti ‘m razza
Cu la putenti mazza
Ricoti di lumi di primu sciuri Nà tà difenniri(2 volte)
Cugliemu li jancuzzi e li virdeddi.
e travagliannu cantanu l’amuri Di nui tuttu dipenni
su ccà ‘n Sicilia li picciotti beddi Di essiri aiutati
Lassari lu peccatu
La sicilianeddra ch’ è massara E amari a Diu (2 volte)
Nun cura li strapazzi di campagna
Brucia lu suli e stà sutta la fara E lu serpenti riu
E di l’ acqua e lu ventu nun si lagna. Chi si metti a trimari
Sintennu ammintuari
A Vui Maria (2 volte)

135
Matri di monarchia Lu populu fa la festa pi tutta la città
Riscattitu di lu munnu (2 volte)
Pi quantu seculi sunnu
A prutittura (2 volte) Ch’è beddu stu stillariu
Ch’ aviti atturnu atturnu
E quannu è gghinta l’ ura Quann’è lu vostru jurnu
Vicinu di là mè morti Gran festa si farà (2 volte)
Datimi aiutu forti
E l’ assistenza (2 volte) RIT. Ch’è beddu stu mantu
E largu quantu un mari
Maria ch’è nà putenza N’aviti a riparari
Rumpi qualunque tregua Matri di carità (2 volte)
Li peccatu di Eva
Sia discacciatu (2 volte) Ch’è bedda sta vesta
Celesti e turchina
Lu verbu chi s’è incarnatu A Vui Matri Divina
Ma di vui ,Verginie pura Cchiù bedda vi sta (2 volte)
Vi fici la Signora
E di lu munnu (2 volte) RIT.Che bedda sta scarpina
Chi Vui tiniti ‘nperi
Ma eu nun mi cunfunnu C’è l’ ancilu Raffaeli
Ora ch’aiu sta matri amata Chi vi la guarderà (2 volte)
Di l’ Assicursu chiamata.
Viva Maria!!(2 volte) E a li Vostri peri
Ci aviti lu sirpenti
Evvia la Gran Matri Lu malubburienti
,Maria di l’ Assicursu Chi nna lu ‘nfernu sta. (2 volte)
ci emu a cuncuissu,li Grazi a nui ni fa
Evviva Maria chi na celi sta!! RIT. Che beddu stu Bamminu
Chi Vui tiniti’mrazza
E vaiu a li celi Cu la putenti mazza
Chi bell’ armonia A nui difenderà (2 volte)
Evviva Gesuzzu,Giuseppi e Maria (2
volte) Gesù amentri campu,
Gesù amentri moru
RIT. Evvia Maria, Maria è simpri Gesù è lu mè tesoru
viva Eu vogghiu a Gesù (2 volte)
Evviva Maria e chi la criò
E senza Maria salvari nun si po’ Gesù amentri campu,
Gesù amentri moru
Ch’è bedda sta curuna chi vui tiniti’n Gesù è lu mè tesoru
testa Eu vogghiu a Gesù (2 volte)
136
Signuruzzu , chiuviti, chiuviti,
ca l’ arburicchi su morti di siti
mannatini una bona senza lampi e
Sicilia bedda senza trona,
Signuruzzu, nnu nni castiati
Di Mungibeddu tutti figghi semu Ca lu panuzzu ni livati!
terra di focu di canti e d'amuri L’ acqua di ‘ncelu sazia la terra,
st'aranci suli nui li possidemu funti china di pietà;
e la Sicilia nostra si fa onuri. li nostri lacrimi posanu n’terra
e Diu ni fa la carità.
E di luntanu venunu li furasteri a
massa Signore fa che piove , perché gli
dicennu: la Sicilia chi ciauru ca fa! alberelli sono morti di sete manda un
(2 volte) acquazzone senza lampi e senza
tuoni, Signore non castigare
E tonchi tirichi tonchiti, tonchi tonchi togliendoci il pane! L’acqua del cielo
tonchiti sazia la terra fonte piena di pietà; le
tonchi tirichi tonchiti la la la… nostre lacrime cadono a terra e Dio ci
L'oduri di la zagara si senti fa la carità.
e riturnau la bedda primavera
rosi sbucciati a lu suli cucenti
Sicilia bedda tu si na ciurera.
Stidda Mattutina
Chi ciauru, chi ciauru di balicu e di
rosi Lu suli è già spuntatu
evviva la Sicilia e l'abitanti so. E voi ancora durmiti
( 2volte) Oh stiddra di lu celu
Vui la cchiù beddra siti
Siamo tutti figli del Mongibello, terra di
fuoco e di canti e d'amore, questi aranci sona chitarra sona e dammi bona vuci
solo noi li abbiamo e sono il vanto della faciti arrusbigghiari
Sicilia. Da lontano vengono i forestieri a lu mè curuzzu duci
frotte e dicono: che profumo accattivante
fa la Sicilia. L'odore della zagara dice che
è ritornata la primavera, rose sbocciate al Stidda, sirena di li cori amanti
sole cocente! Bella sicilia sei tutta un Ju ca ti fazzu li soni e li canti
giardino fiorito. Che profumo di balico e ‘facciati a la finestra ascuta e senti !
di rose, viva la Sicilia ed i suoi abitanti.
Oh bedda tra li beddi
Oh fimmina adurata
Puru la luna ‘n celu
Signuruzzu, chiuviti chiuviti Di tia s’è nnammurata

137
Lu suli cuntrariatu Il sole se ne va, domani ritorna, se me ne
Tuttu si gilusia vado io non farò più ritorno.
E nun po’ stari un jornu Sicilia mia, Sicilia, se me ne vado non
farò più ritorno.
Luntanu senza tia

Stidda, sirena di li cori amanti


Ju ca ti fazzu li soni e li canti
‘facciati a la finestra ascuta e senti ! Varcuzza mia

Ah! Ah! Ah! Ah!


Quannu a notti la genti riposa
Il sole è già spuntato e voi ancora dormite Da me varca mi sentu chiamari
/ delle stelle del cielo voi la più bella Oili! Oili! Oilà!
siete. / Suona chitarra mia e rendimi bella
la voce / fate risvegliare il mio dolce
Veni, veni nto mari a vugari
tesoro. Unni l’unna lu versu ni fa. ah
Oh bella tra le belle, Oh donna adorata, /
Perfino la luna nel cielo si è innamorata di voi. Sutta a luna ch’è tutta d’argentu
/ Il sole contrariato, si ingelosisce tutto, / e non Sutta u celu ch’è chinu di stiddi
può stare un giorno lontano senza te.
Stella, sirena dei cuori amanti / affacciati
Oili! Oili! Oilà!
alla finestra e ascolta il canto che oggi Ninni emu ca luci di iddi
ho preparato per te. Sutta vela ca l’ummira fa

Voga,voga o marinaru
Supra l’unni limpidi e chiari
Lu Suli si nni va Voga, voga ammensu ‘o mari
Unni paci scrittu c’è
"Lu suli si nni va, Voga, voga o marinaru
dumani turna, Ca pi faru a luna cc’è.
si mi nni vaiu jù (2 volte) Ah!ah!ah
Lu suli si nni va,
dumani turna,
si mi nni vaiu jù
nun tornu cchiù! Vinni la primavera

Sicilianedda mia Vinni la primavera


Sicilianedda, Li mennuli su ‘n ciuri
si mi nni vaiu jù (2 volte) A mia ‘n focu d’ amuri
Sicilianedda mia, U cori m’addumò.
Sicilianedda, L’aceddi s’assicutunu
si mi nni vaiu jù Facennu discurseddi
nun tornu cchiù!" Ah! Quanti così beddi
Ca mi fannu ‘nsunna!

138
Si maritau Rosa , Saridda e C’è nu jardinu ammenzu di lu mari
Pippinedda Tuttu ‘ntissutu di aranci e scuri
E iu , ca sugnu bedda , mi vogghiu Puru l’aceddri ci vannu a cantari
marità! Puru i sireni ci fann’all’amuri

Oh quanti e quanti giovani Suli ca spacchi i petri da chianura


Passanu pi ‘sta strada; Suli ca abbruci l’ossa pà calura
nuddu di ‘na vardata Sulu lu chiantu di la donna amata
digna la casa me. Po’ cunsulari st’arma scunsulata
Oh, Dio tra peni e lagrimi
Si sfadda la mi vita
Mi vogghiu fare zita
Mi vogghiu marità.

Quannu n’ atturna portunu


‘ntra lu quartieri miu
m’affaccia ‘nu disiu
Toscana
nun pozzu cchiù dormì.
Alleggiù alleggiu apru L’amore è come l’ellera
A porta a vaniduzza
Vidu ch’è p’ anniduzza Volgendo gli occhi al cielo vidi un
E tornu a lacrimà ! giardino
di mille qualità c'erano i fiori,
e passeggiando c'era un bel morino
di nome si chiamava il rubacuori.
Vitti ‘na crozza
L'amore è come l'ellera:
Vitti na crozza supra nu cannuni dove s'attacca muore,
Fui curiusu e ci vosi spiari così, così il mio cuore ora s'è
Iddra m’arrispunniu cu gran duluri attaccato a te.
Murivi senza n’toccu di campani Vien, vien, vien ricciolino d'amor,
bada ben che la mamma non veda,
Sinni eru sinni eru li me anni bada ben che la mamma non senta;
Sinni eru sinni eru un sacciu dunni vien, vien, vien ricciolino d'amor,
Ora ca sugnu vecchiu a l’utttant’anni bada ben che la mamma non veda,
Chiamu la vita e morti m’arrispunni o bell'angiol del mio cuor.

Cunzatimi cunzatimi lu lettu Vieni, morini, vieni, si gioca a carte,


Ca di li vermi fui mangiatu tuttu si deve fare a' giochi.
Si nun l’escuttu ccà lu me piccatu I fiori e picche mettili da parte
Lu scuttu a l’autra vita a chiantu ruttu e se ti manca un core ti do il mio.
139
L'amore...

Se tu sapessi il bene che ti voglio


faresti un focolino in mezzo al mare,
Trentino
faresti le girandole di foglio,
l'acqua de' fiumi faresti fermare. La Domenica andando a la Messa

L'amore... La Domenica andando a la Messa


compagnata dal mio amatore,
(Strofe della Lucchesia) mi sorpresero i miei genitori;
monachella mi fecero andar,
Quando nasceste voi, nacque un
giardino oi sì sì, oi no no,
l'odore si sentiva da lontano (2 v.) monachella mi fecero andar.
e specialmente quello del gelsomino.
Dimmi ch m'ami. Sono innocente
L'amore... come il sol che risplende sul mare;
voglio dare l'addio all'amor,
E quanto ti vo' bene, anima mia oi sì sì, oi no no,
nessuno me lo leva dall'idea (2 v.) voglio dare l'addio all'amor.
quello che scritto in ciel convien che
sia. Giovanotti piangete, piangete:
m'han tagliato i miei biondi capelli.
L'amore.. . Tu lo sai: eran ricci, eran belli;
giovanotti piangete con me,
E vo' pigliar marito a Pasqua rosa . oi sì sì, oi no no,
non m'importa d'aver niente in casa, giovanotti piangete con me.
(2 v.) .
e quando ci ho il mio amore ci ho
ogni cosa.

L'amore... Veneto
Ti voglio tanto ben, te ne vo' tanto! La mula de Parenzo
Quando ti vedo, il core mio è
contento (2 v.) La mula di Parenzo
quando mi dici addio mi scoppia in ha messo su bottega,
pianto. e tutto la vendeva; (2 volte)
la mula...
L'amore... e tutto la vendeva
fora che il baccala’.

140
E perché non m’ ami più?
Alpin va pian sta’ fermo cui man La storia dei gobboni
Alpin va pian sta’ fermo cui man
E cui pe’. Gobbo so pare,
La mia morosa l’è vecia, gobba sa mare,
la tengo de riserva, gobba la figlia e la sorella,
ma quando spunta l’erba; (2 volte) era gobba pure quella; ( 2 volte)
la mia morosa l’è vecia... gobbo so pare…
ma quando spunta l’erba era gobba pure quella,
la mando a pascolar. la famiglia dei gobbon.
E perchè...
Ghe s'era in un paese
La mando a pascolare 'na famiglia molto in voga,
nel mese di settembre, i gavevan tuti la goba; (2 volte)
ma quando vien novembre; (2 volte) ghe s'era in un paese…
la mando a ritirar. i gavean tuti la goba,
E perchè... la famiglia dei gobbon.
La mando a pascolare Il gobbo Gedeone
insieme alle caprette, La Geppina prende in sposa,
l’amor con le servette; (2 volte) dalla gobba bianca e rosa; (2 volte)
la mando... il gobbo Gedeone…
l’amor con le servette dalla gobba bianca e rosa,
non lo farò mai più! la famiglia dei gobbon.
E perchè...
Geppino la gobetta
Se il mare fosse de tocio ha sposato Gedeone
e le montagne polenta: dalla gobba a pungiglione; (2 volte)
ohi mamma che tociade; (2 volte) Geppina la gobetta…
se il mare fosse... dalla gobba a pungiglione,
ohi mamma che tociade! la famiglia dei gobbon.
Polenta e baccalà!
E perchè... Celebrava il matrimonio
il canonico don Piero,
Tutti mi dicono bionda, con la gobba fatta a pero; (2 volte)
ma bionda io non sono, celebrava il matrimonio…
porto i capelli neri. (2 volte) con la gobba fatta a pero,
Tutti mi dicono ... la famiglia dei gobbon.
porto i capelli neri,
neri come il carbon. Nel mezzo della festa
E perchè… son arrivati i suonatori,
eran gobbi anche lori; (2 volte)
nel mezzo della festa…
141
eran gobbi anche lori, Me compare Giacometo
la famiglia dei gobbon. el gh'aveva un bel galeto,
quando el canta sverze el beco,
E dopo aver mangiato ch'el fa proprio inamorar.
e ballato la tarantella:
era gobba anche quella; (2 volte) Un bel giorno la parona,
e dopo aver mangiato… per far festa agli invitati,
era gobba anche quella, la ghe tira el colo al galo
la famiglia dei gobbon. e lo mete a cusinar.

E dopo nove mesi Le galine tute mate,


è nato un bel bambino, per la perdita del galo,
anche lui col suo gobino; (2 volte) le ga roto el caponaro
e dopo nove mesi… da la rabia che le gh'ha.
anche lui col suo gobino,
la famiglia dei gobbon. sverze:apre
caponaro:stia
E dopo che fu morto El gondolier
gli fu fatta una gran cassa,
con il buco per la gobassa; (2 volte) Pope… Oeh!, pope… oeh!,
e dopo che fu morto… gondola gondola va!
con il buco per la gobassa,
la famiglia dei gobbon. Notte de luna, notte piena de stele,
vado in laguna e vogo e vogio cantar.
E dopo alcuni mesi
son nati i vermicelli Mi so el gondolier
eran gobbi anche quelli; (2 volte) che in gondola te ninòa,
e dopo alcuni mesi… se el remo in forcòla sigòa,
eran gobbi anche quelli, coverze el scìoco dei basi.
la famiglia dei gobbon. Mi so el gondolier
che ancora in mar ve dondola,
La dolorosa storia no ste a curarve de mì,
l'è bella e terminata mi fasso andar la gondola.
co 'na gobba sterminata; (2 volte)
che nascon tutti quanti, Pope… Oeh!, pope… oeh!,
per trentun generazioni, gondola gondola va!
maschi e femmine gobboni,
la famiglia dei gobbon. El tempo passa e 'l sol
già spunta a levante,
torno in cavana e vogo
Me compare Giacometo e vogio cantar.

142
Mi so el gondolier
che in gondola te ninòa,
se el remo in forcòla sigòa,
coverze el scìoco dei basi.
Mi so el gondolier
che ancora in mar ve dondola,
no ste a curarve de mì,
mi fasso andar la gondola.

Pope… Oeh!, pope… oeh!,


gondola gondola va!

Pope… oeh! ,
Pope… oeh!
Gondola gondola… oeh!

143
CANTI FRA
LE DUE
GUERRE

144
145
Campane

Muore lontano il sole sui campi in


fiore
e lo saluta il canto del mietitore
che ritorna al casolare dove brilla un
focolare,
dove una testina bianca la sua fronte
bacerà,
mentre nell’aria il vespro risuonerà.

Campane che suonate ogni sera,


campane come dolce preghiera:
quel suono par che dica alle genti:
“Non invidiate le alcove dorate della
Addio, mia bella addio città”
Campane, ripetete a costoro
Addio, mia bella addio, che la terra nei campi vale più di un
e l'armata se ne va- tesoro.
parapapapa-
e se non partissi anch'io Cantano i bimbi e suona la cattedrale,
sarebbe una viltà; in ogni casa è un albero di Natale
e se non partissi… ma vi è un nido triste ancora
dove un bimbo piange e implora,
Il sacco è preparato, ha la mamma sua morente, in
il fucile l'ho con me- America il papà:
parapapapa- sente quel suono e invoca con
e se non partissi anch'io ansietà:
sarebbe una viltà;
e se non partissi… “Campane, non suonate stasera,
campane, c’è la mamma che spera: e
Ma non ti lascio sola, dorme
ma ti lascio un figlio ancor- sogna il babbo lontano
parapapapa- no, non suonate, se no la destate, lo
sarà quel che ti consola, cercherà.
sarà il figlio dell'amor; Campane, è felice ogni cuore, voglio
sarà quel… solo la mamma
che è più bella di un fiore!”

146
Scende silente l’oscurità ed ogni
artiere con ansietà
Canto della nostalgia col sole che declina esce
dall’officina...
Laggiù, laggiù, con tanta nostalgia Suon di campane s’odono allor, come
Vorrei la vita mia incatenar; è felice il cuor!
fra cielo e mar l’amor non ha parole
c’è tanto azzurro e sole per far Suona campana, suona vien giù la
sognar sera,
torna cantando l’uomo dalla ferriera.
L’isola divina ti rapisce l’anima, Pensa ai suoi bimbi e canta la sua
come una regina casetta
che ogni cuore affascina ov’è una zuppa e un angelo che
l’aspetta,
Laggiù, laggiù, con tanta nostalgia bacia una testa bionda e una chioma
vorrei la vita mia incatenar; nera,
come è felice l’uomo della ferriera!
Quando il tramonto muor
Sogno le notti d’or, Negli alti forni della città, l’acciaio
in quell’incanto fuso sfavilla già
dove ho vissuto tanto ma il fuoco traditore, investe il
sento tornar così forgiatore:
la nostalgia di un dì, presso il compagno che muore laggiù,
in un tormento nessuno canta più.
che grido solo al vento
Suona campana suona, vien giù la
Fra cielo e mar l’amor non ha parole sera
C’è tanto azzurro e sole per far ma non ritorna l’uomo dalla ferriera!
sognar Come è più triste il suono delle
campane
L’isola divina mentre i bambini aspettano il babbo
Ti rapisce l’anima, e il pane;
come una regina torna al balcone invano colei che
che ogni cuore affascina spera
ma non ritorna l’uomo dalla ferriera!
Laggiù, laggiù, con tanta nostalgia Suona campana suona, vien giù la
Vorrei la vita mia incatenar; sera
ma non ritorna l’uomo dalla ferriera!

Ferriera
147
Inno dei sommergibilisti Io ti saluto…. Vado in Abissinia

Sfiorano l'onde nere nella fitta Si formano le schiere e i battaglion


oscurità E van marciando verso la stazion
dalle torrette nere ogni sguardo Hanno lasciato il loro paesello
attento sta! Cantando al vento un gaio ritornello
Taciti ed invisibili partono i Il treno parte e ad ogni finestrin
sommergibili Ripete allegramente il soldatin
cuori e motori d'assaltatori
contro l'immensità. Io ti saluto vado in Abissiina
Cara Virginia, ma tornerò
Andar per vasto mar ridendo in Appena giunto nell’ accampamento
faccia Dal reggimento ti scriverò
a monna morte ed al destino!
Colpir e seppellir ogni nemico Ti manderò dall’africa un bel fior
che si incontra sul cammino! Che nasce sotto il cielo dell’Equator
E' così che vive il marinar Io ti saluto….ma tornerò
nel profondo cuor del sonante mar
del nemico e dell’avversità Quel giovane soldato tutto ardor
se ne infischia perchè sa C’è chi sul petto ha i segni del dolor
che vincerà! Ma van sicuri pieni di gaiezza
Cantando gli inni della giovinezza
Giù sotto l'ombra grigia di foschia E il vecchio fante che non può partir
nell'albeggiar una torretta bigia Rimpiange in cuore di non poter dir
spia la preda al suo passar!
Scatta dal sommergibile rapida e Io ti saluto… ti scriverò
infallibile
dritto e sicuro batte il siluro Dall’Alpi al mare fino all’Equatore
schianta, sconvolge il mar. Innalzeremo insieme il tricolor…

Ora sull'onda azzurra nella luce Io ti saluto ….. ti scriverò.


mattinal Io ti saluto …..ma tornerò.
ogni motor sussurra come un canto
trionfal
ai porti inaccessibili tornano i
sommergibili La sagra di Giarabub
ogni bandiera che batte fiera una
vittoria val! Inchiodata sul palmeto veglia
immobile la luna
a cavallo della duna sta l’antico
minareto.

148
Squilli, macchine e bandiere, scoppi, ma la fine dell’Inghilterra
sangue dimmi tu incomincia da Giarabub!
che succede cammelliere? E’ la sagra
di Giarabub.

Colonnello non voglio pane, dammi La serenata del soldato


il piombo del mio moschetto,
c’è la terra nel mio sacchetto che per E’ festa d’armi nel quartier,
oggi mi basterà. siam tutti allegri in camerata
Colonnello non voglio l’acqua, con il permesso del corriere
dammi il fuoco distruggitore, io vado a salutar la fidanzata
con il sangue di questo cuore la mia e mezzanotte è già
sete si spegnerà. e forse dormirà
Colonnello non voglio il cambio, qui
nessuno ritorna indietro, Svegliati ancor, affacciati e sorridi al
non si cede neppure un metro se la primo amor
morte non passerà. No, non dormir! Io voglio un bacio
Spunta già l’erba novella dove il prima di partir.
sangue scese a rivi Ma so che tu non temerai per me,
quei fantasmi, sentinella, sono morti serenamente aspetterai perchè
o sono vivi? tu fiera del mio amor, sarai sublime
E chi parla a noi vicino, cammelliere nella gioia e nel dolor:
non sei tu? tu sei la fiamma che mi guiderà,
In ginocchio, pellegrino, son le voci sarai la sposa che al mio fianco
di Giarabub. marcerà.

Colonnello non voglio il pane, La tromba suona l’adunata, il cuore


dammi il piombo del mio moschetto, balza in ogni petto,
c’è la terra del mio sacchetto che per c’è un fior per ogni innamorata che
oggi mi basterà. spicca come fiamma sul moschetto
Colonnello non voglio l’acqua, è l’ora di partir, mia bella non dormir.
dammi il fuoco distruggitore,
con il sangue di questo cuore la mia Svegliati ancor...
sete si spegnerà. Addio mia bella, parte il reggimento
“Colonnello non voglio ed anch’io contento ti saluto ancor
il cambio, qui nessuno ritorna e son sicuro vincerà l’amore regnerà
indietro il il tuo cuor non perderò:
non si cede neppure un metro oh oh oh oh oh oh.
se la morte non passerà.”
Colonnello non voglio encomi ma lo
faccio per la mia terra
Mamma mia dammi cento lire
149
voglio lavorare per poter alfin
Mamma mia dammi cento lire trovare
che in America voglio andar tutta la tranquillità!
- e voglio andar- Una casettina in periferia,
mamma mia dammi cento lire una mogliettina
che in America vo- giovane e carina, tale e quale come
che in America voglio andar te.
- e voglio andar -». Se potessi avere mille lire al mese,
farei tante spese, comprerei fra tante
«Cento lire sì, te li do, cose
ma in America no e poi no». le più belle che vuoi tu!
I fratelli alla finestra:
«Mamma mia, lascèla andar». Ho sognato ancora,
stanotte amore, l'eredità
'Pena giunta in alto mare d'uno zio lontano americano!
bastimento si rialzò. Ma se questo sogno
«Le parole della mamma non si avverasse, come farò...
son venute a verità». Il ritornello ricanterò.

Se potessi avere...

Mille lire al mese Spazzacamino

Che disperazione, Quando in ogni paesello l’inverno


che delusione dover campar, viene
sempre in disdetta, e la neve il suo mantello vi distende
sempre in bolletta! pian piano,
Ma se un posticino abbracciando il mio fardello di cenci
domani cara io troverò, e pene
di gemme d'oro ti coprirò! sospirando un ritornello me ne vado
lontano.
Se potessi avere
mille lire al mese Come rondine vò, senza un nido nè
senza esagerare, un raggio di sol
sarei certo di trovare per ignoto destino, il mio nome è lo
tutta la felicità! spazzacamino,
Un modesto impiego, della mamma non ho la sua carezza
io non ho pretese, più tenera e lieve,
150
i suoi baci non so, la mia mamma è noi ci sentiamo padroni del mondo,
soltanto la neve. ma il tuo sguardo è un mistero
profondo,
E’ Natale, non badare, spazzacamino, che mi rende più schiavo di te!
ogni bimbo ha un focolare, e un
balocco vicino: Sul tuo labbro non c’è più calore e
io mi accosto per guardare, quando neppure un sorriso perchè
un bambino tu sogni forse il lontano splendore, o
mi dà un urto: “Non toccare, va’ a ti senti già stanca di me?
spazzare il camino!”. La ricchezza non ho di un signore,
ma due braccia ed un cuore per te!
Tu mi scacci lo so, perchè un volto
più bianco non ho Tu sei bella così senza odor di cotì,
ma lo spazzacamino tiene un cuor senza bistro negli occhi rapaci
come ogni altro bambino, se fuggir mi vuoi tu io ti stringo di
se possiedi il tesor di un lettuccio ben più
soffice e lieve perchè voglio soltanto i tuoi baci. Ma
io mi sento un signor quando sogno se il tuo cuore per viver giocondo
in un letto di neve. ama le stolte illusioni del mondo,
senza amor me ne andrò vagabndo
per non essere più schiavo di te!
Tu sei bella così senza odr di cotì,
senza bistro negli occhi rapaci
tu singhiozzi perchè sei gelosa di me,
tu non credi sinceri i miei baci:
Tango Vagabondo ma non lo vedi ch’io ti palpito e
piango, ti voglio ancora in
Io non cerco la notte profonda, ne il quest’ultimo tango:
clamor dei lussuosi caffè tu sei un fiore sbocciato nel fango,
dove si annida la folla gioconda, ma ma sei tutta la vita per me.
il mio cuore va in cerca di te,
cosa importa se sei vagabonda, sei la
donna che piace più a me!
Violino tzigano
Tu sei bella così senza odor di cotì,
senza bistro negli occhi rapaci Oh Tzigano dall’aria triste e
se fuggir mi vuoi tu io ti stringo di appassionata,
più che fai piangere il tuo
perchè voglio soltanto i tuoi baci; in violino fra le dita,
questo tango così vagabondo suona ancora
come una dolce serenata,
mentre
151
pallido nel silenzio ascolterò. Voglio vivere così
Questo tango che in una notte
profumata Va, cuore mio da fiore a fior
il mio cuore ad un altro Con dolcezza e con amor
cuore incatenò. Vai tu per me.
Va, che la mia felicità
Suona solo pe me, o violino Vive sol di realtà,
tzigano. Forse pensi anche tu a un vicino a te.
amore laggiù sotto un cielo lontan.
Se un segreto dolor, fa tremar la Voglio vivere così
tua mano, questo tango d’amor fa col sole in fronte,
tremare il mio cuor o violino e felice canto beatamente.
tzigano. Voglio vivere e goder
l'aria del monte
Tu che sogni la dolce terra perché questo incanto
d’Ungheria, non costa niente.
suona ancora con tutta Ahh... Oggi amo ardentemente
l’anima tzigana. quel ruscello impertinente
Voglio piangere, menestrello dell'amor.
come te di nostalgia, Ahh... La fiorita delle piante
nel ricordo di tiene in festa sempre il cuor, sai
chi il mio cuor abbandonò. perché?
come il
canto che diffondi per la via, Voglio vivere così
con il Col sole in fronte,
vento la mia passione dileguò. e felice canto,
canto per me.
Suona solo pe me, o violino
tzigano. Forse pensi anche tu a un Tu, non m’inganni sole d’or,
amore laggiù sotto un cielo lontan. m’accarezzi, dai color,
Se un segreto dolor, fa tremar la sei buono tu.
tua mano, questo tango d’amor fa Tu, che respiri il mio respir,
tremare il mio cuor o violino ogni pena sai lenir
tzigano. compagna tu.

Questo tango è d’amor, ma il mio Voglio vivere così…


amore è lontano, suona suona per
me pur se piango con te o violino
tzigano.

152
153
154
CANTI
POPOLARI

155
156
Alla mattina c'è il caffè Madonnina se volessi tu
La mia bella non dormirebbe più
Se magna pocch, pocch, pocch,
se beve men, men, men La campana fa don din don ed il sole
se diventa fiacch, fiacch, fiacch, tramonta già
se diventa stracch, stracch, stracch. Ma la finestra non si schiude più
Se magna pocch… Vieni amore non dir di no che il mio
se diventa fiacch, cuore ti canterà
se po' pu andà! Lacrime e sogni della gioventù

Alla mattina c'è il caffè, Dormi amore che il sole tramonta già
ma senza zucchero. (2 volte) Din don din don din don, sole
Alla mattina c'è il caffè, tramonta già
ma senza zucchero, Madonnina, ah se volessi tu
amaro ohimè! La mia bella non dormirebbe più
(2 v.)
A mezzogiorno la pasta c'è,
ma la par colla. (2 volte)
A mezzogiorno la pasta c'è,
ma la par colla La ballata di Lazy Boy
de legnamée!
C'è una stella bianca
E alla sera il brodo c'è, che brilla su nel ciel,
ma la par acqua. (2 volte) guardando solitaria
E alla sera il brodo c'è, i pascoli del Far West.
ma la par acqua
de lavà i pee! E' la gran stella
del vecchio Texas:
la stella dei cow-boys!

Amore di pastorello Nell'ottantasette,


brillando su Fort Joy,
La campana fa don din don ed il gallo guardò venire al mondo
chiricchicchì, il piccolo Lazy Boy.
mezzo assonnato sono in piedi già
mamma mamma la messa vò per chi Così comincia
prega a questo dì la lunga storia
la Madonnina qualche grazia fa di un pallido cow-boy.

Dorme, amore il sole spunta già Un dì la mamma gli disse: "Va'!…


Din don din don din don chi mai lo ma resta un bravo cow-boy!
desterà La tromba un giorno ti chiamerà:
157
Gabriele la suonerà!" del nostro Lazy Boy.
Cow-boy! Cow-boy! Cow-boy!
Un dì la mamma…
"Lazy" vuol dire "pigro",
ma il nostro Lazy Boy
non era certo pigro
lontano da Fort Joy… Bambino nella culla

Ma un brutto giorno Uno, uno,


conobbe Jessie,
conobbe la sua Colt! Bambino nella culla,
la luna e il sol.
Cominciò a sparare Chi ha creato il mondo
ai sassi sulla via, è stato il Signor. ( 2 volte)
poi preferì i cavalli
e infin la ferrovia… Due, due,
l'asino e il bue…
Ai passeggeri
bucò i sombreri, Tre, tre,
rubò pepite d'or! i santi tre Re Magi,
l'asino e il bue…
Un dì la mamma…
Quattro, quattro,
Tutti gli sceriffi i quattro Evangelisti,
cercavan Lazy Boy, i santi tre Re Magi,
la taglia era grossa, l'asino e il bue…
piaceva al sergente Roy…
Cinque, cinque,
Là ad una spanna i cinque precetti,
trovò la canna i quattro Evangelisti…
del pallido cow-boy!
Sei, sei,
Stava per sparare i sei gatti della Madonna…
il nostro Lazy Boy,
ma udì dalla missione Sette, sette,
un coro di "Little Boys": i sette Sacramenti…
"Oh Lord! Oh Glory!
Oh Alleluia!" Otto, otto,
…E il colpo non partì! Gianni e Pinotto…

Così finisce Nove, nove,


la lunga storia i nove cori angelici…
158
con la testa…
Dieci, dieci,
i dieci Comandamenti…

Il Canto del Cuculo

La banda Sentiam nella foresta


il cuculo cantar;
Soldai (2 volte) ai piedi di una quercia
soldai porta cavai; lo stiamo ad ascoltar.
cavai (2 volte)
cavai porta soldai: Cucu…

la banda la ven: (7 volte) La notte è tenebrosa,


l'ei chi. non c'è chiaror lunar;
sentiam nel fitto bosco
Soldai… i lupi ad ulular.

La banda la va (7 volte) Ahu…


l'ei là.

Caramba

La battaglia di Magenta E lassù sul monte nero


c'è una piccola caverna
L'era un bel dì la battaglia di ci son dodici briganti
Magenta, al chiaror d'una lanterna.
che bel veder cavalcare i cavalieri!
Cavalieri! Al passo! Al trotto! Al Caramba, beviamo del whisky!
galoppo! Caramba, beviamo del gin!
Con una mano… E tu non dar retta al cuore,
che tutto passerà!
L'era un bel dì…
Con una mano… Ma dei dodici briganti
con due mani… uno solo resta muto,
ha il bicchiere ancora pieno
L'era un bel dì… perchè mai non ha bevuto?
con un piede…
L'era un bel dì… Ma non può dimenticare
con due piedi… il brigante la sua bella,
gli occhi suoi color del mare,
L'era un bel dì… la sua bocca tanto bella.
159
La carovana Il cielo è pieno di stelle

Passa la carovana Il cielo è pieno di stelle


e gli indiani in fila indiana che fan sognare le cose più belle,
inseguendo stan la traccia più belle, più belle.
coi colori sulla faccia;
con le penne nelle trecce, Tu sogni e guardi lontano,
con la scure e con le frecce vedi un gran fiume che scorre pian
e con l'arco nella mano, piano,
in silenzio, piano piano. pian piano, pian piano.

Naviga il galeone Sul fiume c'è una piroga,


dei pirati e sul pennone e dentro questa c'è un negro che voga,
muove il vento un'ombra nera: che voga, che voga.
la terribile bandiera.
E sul ponte l'equipaggio, Intanto dietro la duna
dopo l'ultimo arrembaggio, vedi spuntare pian piano la luna,
sta contando tutto l'oro la luna, la luna.
nella cassa del tesoro.
Il negro lascia il vogare,
Esce dalla foresta, guarda la luna e si mette a cantare,
a cavallo, lancia in resta, cantare, cantare.
un guerriero in armatura,
con la spada alla cintura. Ti prego, o madre luna,
Elmo, scudo son d'argento; fammi trovare anche oggi fortuna,
corre forte come il vento fortuna, fortuna.
al castello in mezzo al lago
per combattere col drago. Intanto dietro la duna
vedi calare pian piano la luna,
Ecco, viene la mamma: la luna, la luna.
è già l'ora della nanna;
è finito un altro giorno,
il guerriero fa ritorno.
Fa ritorno da lontano, Un ciodo
col pirata e coll'indiano,
a dormire nel lettino Un ciodo de fero vecio
colla testa sul cuscino. della meccanica. (2 volte)
Un ciodo de fero vecio
della meccanica
de precision.

Ohi bela mechimecomeca


160
mechimecomeca. (2 volte) tu li porti come l'onda,
Ohi bela mechimecomeca come l'onda in mezzo al mar!
mechimecomeca mechimecomecò.
Là in mezzo al mar ci stan camin che
fumano. (3 volte)
Saranno la mia bella che si
I coccodrilli sconsumano!

Ci son due coccodrilli ed un E i suoi di lei no i vôle,


orangotango, e i miei no è contenti,
due piccoli serpenti, un'aquila reale, ma noi ci sposeremo
il gatto, il topo, l'elefante, imparimenti.
non manca più nessuno:
solo non si vedono i due liocorni.

Un dì, Noè nella foresta andò Il freno a mano


e tutti gli animali volle intorno a sé:
"Il Signore arrabbiato il diluvio Mi ricordo, mi disse l'istruttore:
manderà: "Il freno a mano è il freno del
voi non ne avete colpa, io vi salverò." motore;
se con la macchina non ti fermi in
E mentre salivano gli animali piano,
Noè vide nel cielo un grosso non ti scordare, tira il freno a mano."
nuvolone E io il freno a mano lo tiravo,
e goccia dopo goccia a piover però partivo e mi dimenticavo.
cominciò:
"Non posso più aspettare: l'arca Il freno a mano non lo metto più,
chiuderò." (2v.)
non m'importa se la strada va in giù,
E mentre continuava a salire il mare l'ho giurato: non lo metto più.
e l'Arca era lontana con tutti gli
animali Una volta che son partito
Noè non pensò più a chi dimenticò: col freno a mano tirato,
da allora più nessuno vide i due fatto guaio ho combinato
liocorni. e che puzza di bruciato!
Allora ho deciso: non lo metto più!

Quattro mesi che avevo la patente


Come porti i capelli e andavo con la donna mia in
montagna.
Come porti i capelli bella bionda? Ci si fermava sulla sponda di un
Tu li porti alla bella marinara, torrente e
161
guardavamo il fiume e la campagna; Erano nove mesi e dieci giorni
ma il freno a mano, no, non lo tiravo, che mi avevo comperato la Gilera;
se no partivo e mi dimenticavo. giravo su e giù per il paese,
ma c'era molta nebbia quella sera.
Un giorno mi diceva: "Amore, amore,
se sto con te mi pare di volare Mi salta fuori un vecchio col bastone:
e poi oggi è tutto così strano…" o Dio, lo metto sotto il poveretto,
"O Dio, il freno a manoooo!" allora do uno strappo alla Gilera
Siam finiti nel fondo di un burrone; e mi infilo laggiù nel canaletto.
allora ho preso questa decisione:
A Natale uscirò dall' ospedale
Il freno a mano non ci serve più;(2v.) tutto bianco, con una bella
poi dove siamo adesso è tutto pieno ingessatura che si sta così, guarda: si
le nuvole… non ce l'hanno il freno a sta così, ma il più che mi dispiace è
mano. la Gilera.

La Gilera Giona nella balena

Mi mangio sempre il latte con il pane Giona nella balena


per risparmiare i soldi della Gilera, felice fu (2 volte)
e lavoro, lavoro come un cane, benchè in prigion ( 2 volte)
e vado a letto subito la sera. perché, sebbene in pena,
potea mangiar (2 volte)
Sono il meglio apprendista dello storion, (2 volte)
tappezziere, ma il terzo dì -
sono il meglio apprendista del paese; piripipipì -
anche perché ci sono solo io… lo vomitò -
e poi risparmio molto nelle spese. poropopopò -
senza pietà!
A Natale io mi compro la Gilera,
tutta bianca, col manubrio
americano, che si sta così, guarda: si
sta così, e la sua bella marmitta che Il grillo e la formica
pare d'argento.
Povero grillo faceva l'ortolano,
Risparmio quasi settemila al mese, dalla miseria l'impegnò i'gabbano.
li metto nella giacca, quella nera, Laricciunferallillallera
però non ce l'ho detto nel paese lariciunferallillallà.
che mi voglio comperare la Gilera. Povero grillo l'aveva un campo di
lino,
162
la formicuzza gli chiese un filolino. e invece sono qui a ricordare,
Disse lo grillo: "Che cosa ne vuoi a ricordare te.
fare?"
"Calze e camicie, mi voglio Adesso che è passato tanto tempo
maritare." darei la vita per riaverti accanto,
Disse lo grillo:"Lo sposo sarò io" per rivederti almeno un solo istante
La formicuzza: "Sono contenta per dirti, perdonami.
anch'io."
Ecco arrivato i' giorno delle nozze, Non ho capito niente del tuo bene
un fiasco di vino e tre castagne cotte. e ho gettato via inutilmente
L'erano in chiesa, gli sta pe' da' l’unica cosa vera della mia vita
l'anello, l’amore tuo per me
i'grillo casca, gli si spaccò i' cervello.
L'eran le nove e da' di là di' mare
si sentì dire che i' grillo stava male.
L'eran le dieci e da' di là di' porto Ma perché
si sentì dire che i' grillo l'era morto.
Le formicuzze e si vestian di nero Ma perché, perché, perché
pe'accompagnare i'grillo a i'cimitero. tu non ti lasci fare da me?
Tutti i grillini e si vestian di bianco Ma perché, perché, perché
pe'accompagnare i'grillo a tu non ti lasci amare da me?
i'camposanto.
La formicuzza da i' gran dolore Tutte le volte che sono fuggito
impazza, col tuo cavallo mi hai inseguito,
sposa di fresco la ritornò ragazza. ma il tuo cavallo correva più forte
La formicuzza da i' gran dolore e mi ha strappato dalla morte.
prese le zampe e se le ficcò ni' core.
Tutte le volte che ho preso un fiore
gabbano: soprabito dal tuo giardino l'ho strappato,
da' di là di' mare: al di là del mare. il fiore ha perso il suo colore
nelle mie mani si è seccato.

Tutte le volte che ho detto "Io sono"


La lontananza tu mi hai spezzato le reni di schianto,
poi mi hai donato il tuo perdono
La lontananza, sai, è come il vento e mi hai coperto col tuo manto.
che fa dimenticare chi non s’ama,
è già passato un anno ed è un
incendio che brucia l’anima.

Io che credevo d’essere il più forte,


mi sono illuso di dimenticare
163
Non so dir ti voglio bene Naki, beki, naki, beki,
cin, ciun, cin-ciun-cian.
Io non so dirti ti voglio bene ( 2 vv) Oilà Maruska...
Naki, beki...
Ma proprio quando sto vicino a te Oilà! Cin, ciun, cin-ciun-cian!
Sento un gran silenzio dentro me ( 2 volte)
Non so nemmeno dir ti voglio bene

Ma proprio quando sto per dire a te


Quale dolce sogno sei per me ‘O Marenariello
Non so nemmeno dir ti voglio bene
Oje né’, fa’ prieste viene!
Come un poeta dell’ ‘800 Num mme fà spanteca,
Io lo racconto alla luna perché ca pure ‘a rezza vène
Lei lo ripeta soltanto al vento ch’a mare stò’ a menà.
E il vento possa trasportarlo fino a te
Meh, stienne sti braccelle,
Ma tutto questo inutile perché aiutam’ a tirà…
Proprio quando sto vicino a te ca stu marenariello
Non so nemmeno dir ti voglio bene te vò’ sempe abbraccià.

Io non so dir ti voglio bene (3 vv) Vicin’o mare,


facimmo ‘ammore,
Come un poeta…. a core a core,
pe’nce spassà.
Ma tutto questo inutile perché
Proprio quando sto vicino a te So’ marenare
Non so nemmeno dir ti voglio bene E tiro ‘a rezza;
ma, p’’allerezza,
Io non so dir ti voglio bene (3 vv ) stongò a murì.

Io non so dir ti voglio bene , amor. Vide ca sbatte ll’onna


Comm’a stu core ccà;
de lacreme te’ nionne
ca o faje annammurà…
Oilà Maruska
Viene,’nterr’a sta rena
Brahmaputra! Oilì, oilà! Nce avimm’’a recrija;
Himalaya! Oilì, oilà! che scenne la serena…
Cin,ciun,cin-ciun-cian. (2 volte) io po stòngo a cantà.
Oilà, Maruska, muska moia!
Cin ciun cin-ciun-cian. Vicin’o mare…
164
Oie né, i’ tir’’ a rezza "Vorrei vedere il Trentino da un bel punto
E tu statt’’ a guardà di vista." "Non stare a perdere troppo
Li pisce p’a prezza tempo e vai in cima alla Paganella."
"Cos'è questa Paganella?" "Ma non sai
Comme stann’ a zumpà.
cos'è? E' la cima più bella, di più belle
non ce n'è." Prenditi insieme una ragazza
E vide, pur’’ e stelle e un bicchiere di buon vino, per goder la
Tu faje annammurà, Paganella e la vista del Trentino. Da
ca stu marenarielle lassù si vede il cielo, i torrenti e le
tu fayre suspirà. vedrette, l'occhio e il pensiero arrivano
fino ai confini. Da una parte trenta laghi e
Vicin’o mare… l'altopiano di Asiago, dall'altra San
Martino e giù, giù fino a Milano.

La Paganella
Il pesce rosso
"Vorìa véder el Trentin
C'era una volta un pesce rosso
da 'na vista propi bela."
che abitava in fondo al mar.
"No sta' a perder massa temp
C'era una volta…
e va' su la Paganela."
Fa', Signore, che il mare sia
profondo,
"Cossa él 'sta Paganela?"
fa', Signore, che l'acqua scorra ancor;
"Ma no sat cossa che l'è?
fa', Signore, che il mare sia profondo,
L'è la zima la pù bela,
e proteggi il suo piccolo cuor.
de pù bele ne ghe n'è."
C'era una volta una formica
Tôte 'nsema 'na putela
che trasportava un gran chicco di
e 'na bozza de bon vin,
gran.
per goder la Paganela
C'era una volta…
e la vista del Trentin.
Fa', Signore, che il chicco sia leggero,
fa', Signore, che la spiga cresca
Da là su se vede 'l ziel,
ancor;
i torenti e le vedrete,
fa', Signore, che il chicco sia leggero,
va l'ociada, va 'l pensier
e proteggi il suo piccolo cuor.
del confin fin a le strete.
C'era una volta una montagna
Da 'na banda trenta laghi
che splendeva sotto il sol.
e d'Asiago l'altipian,
C'era una volta…
e da l'altra san Martino
Fa', Signore, che la neve scenda lieve,
e zò zò fin a Milan.
fa', Signore, che il vento soffi ancor;
fa', Signore, che la neve scenda lieve,
Tôte 'nsema…
165
e proteggi il suo grande cuor. batte con coraggio
C'era una volta tutto il mondo agli usci qui e lì.
che cercava un po' d'amor.
C'era una volta… Scende già la sera,
Fa', Signore, che l'uomo guardi in e il sole se ne va;
cielo, lui sta cantando,
fa', Signore, che l'uomo speri ancor; di soldi non ne ha.
fa', Signore, che l'uomo guardi in
cielo, Dentro nel convento
e rinnova il suo piccolo cuor. quel dì si udì gridar;
infine fu mandato
in cella a digiunar.

Placido Ma Iddio, che vede tutto


e sa ricompensar,
Dentro nel convento di notte il fraticello
non sapea che far; venne a visitar.
era un buono a nulla,
volea solo cantar. All'alba nella cella
non lo trovaron più:
Placido si chiamava, in cielo era salito
altro io non so, dal suo buon Gesù.
era un buono a nulla
che Santo diventò. (2 volte) Oh, oh, oh, oh
era un buono a nulla,
Il priore francescano ma Santo diventò.
faceva disperar,
allora fu inviato
nel mondo a mendicar.

Spunta all'alba il sole


coi suoi bei raggi d'or:
non ci son parole
per chi si desta allor.

In grave ritardo
di corsa deve andar,
vede una gardenia
e si ferma a giocar.

Giunge nel villaggio,


il sole è a mezzodì,
166
La Santa Caterina Sinfonia sull’Hararat

La Santa Caterina - Cantano i pesciolini su nel ciel-plin


pirulin pirulin pirulin zum zum - plin
la Santa Caterina - corrono i coccodrilli nel cortil-
pirulin… - plon,plon
era figlia di un re… (3 volte) giocano i dromedari nel salotto
e per le talpe è la stagione dell'amor-
Suo padre era pagano - uno, due.
pirulin…- (2 volte)
sua madre invece no… (3 volte) Corrono i dromedari su nel ciel-
Un dì mentre pregava - plin,plin
pirulin…- (2 volte) Cantano i coccodrilli nel cortil-
suo padre la scoprì… (3 volte) plon,plon
Giocano i pesciolini nel salotto
"Che fai, o Caterina - E per le talpe è la stagione dell'amor.
pirulin… - ( 2 volte)
in quella posa lì?…" ( 3 volte) Ma un giorno ritorneranno
I pinguini dell' Africa
"Io prego Iddio mio padre, - E allora ritroveremo
pirulin… - (2 volte) La pienezza della comunità.
che non conosci tu…" (3 volte)
Giocano i coccodrilli su nel ciel-plin
"Alzati, o Caterina - plin
pirulin… - (2 volte) Corrono i pesciolini nel cortil-plon
se no ti ucciderò…" (3 volte) plon
Cantano i dromedari nel salotto
"Uccidimi, mio padre, - E per le talpe è la stagione dell' amor.
pirulin…- (2 volte) Uno, due.
ma io non mi alzerò…" (3 volte)
Giocano i dromedari su nel ciel-
Al colmo del furore- pli,plin
pirulin…- (2 volte) Cantano i pesciolini nel cortil-
suo padre la colpì… (3 volte) plon,plon
Corrono i coccodrilli nel salotto
E gli angeli del cielo- E per le talpe è la stagione dell'amor.
pirulin…- (2 volte)
cantaron: "Gloria!"… (3 volte) Ma un giorno ritorneranno
Le formiche d'America,
e allora ritroveremo
la pienezza della comunità.
167
e se son pallida come 'na strassa,
Cantano i coccodrilli su nel ciel-plin vinassa, vinassa e fiaschi de vin!
plin
Giocano i dromedari nel cortil- Là su Cervino c'è una colonna:
plon,plon l'è la Madonna; (2 volte)
Corrono i pesciolini nel salotto là sul Cervino c'è una colonna:
E per le talpe è la stagione dell'amor- l'è la Madonna di noi alpin!
Uno, due.
Là nella valle c'è un filo d'erba:
Giocano i birilli nel cortil-plin,plin l'è la riserva; (2 volte)
Leggono Ezechiele nel fienil- là nella valle c'è un filo d'erba:
plon,plon l'è la riserva di noi alpin!
Cascano le vespe nel risotto,
c'è sempre un poco di speranza in Là nella valle c'è un buco nero:
fondo al cuor. l'è il cimitero; (2 volte)
là nella valle c'è un buco nero:
Ma un giorno ritorneranno l'è il cimitero di noi alpin!
Gli elefanti del Baltico,
e allora ritroveremo Là nella valle c'è la Rosina:
la pienezza della comunità. l'è la rovina; (2 volte)
là nella valle c'è la Rosina:
Ma un giorno ritorneranno l'è la rovina di noi alpin!
I pinguini dell' Africa,
e allora ritroveremo
la pienezza della comunità.
Zio Caiman
Ma un giorno ritorneranno
Le formiche d'America, Zio Caiman, come muovi la codina!
e allora ritroveremo Zio Caiman, come una signorina.
la pienezza della comunità. Zio Caiman, come muovi la codona!
Zio Caiman, come una signorona.
Zio Caiman!

Vinassa, vinassa Stavo nella mia casetta


stretta stretta fra due mari,
Là nella valle c'è un'osteria: ma poi venne la tempesta
l'è l'allegria; (2 volte) e con lei lo zio Caimano.
là nella valle c'è un'osteria:
l'è l'allegria di noi alpin! D'improvviso il territorio
col canale m'ha spazzato
E se son pallida senza colori ed il campo che restava
non voglio dottori: (2 volte) zio Caiman se l'è mangiato.
168
zim…
Ha piantato la bandiera
e la mia me la stracciò. Se volevo mangiar c'eran le banane-
Io gli dissi: zio Caiman, zim…
questa non la ingoierò! se volevo dormir c'erano le canne-
zim…
Zio Caiman parlava inglese
e girava tutto il mondo: Sogno ancor il mio ciel e le stelle
ogni cosa che toccava chiare-
col suo dente avvelenava. zim…
che risplendono lassù sopra il nostro
Oggi finge d'essere buono, mare-
generoso verso tutti, zim…
col petrolio e generali
e le multinazionali. Sento ancora nel cuor la sua
Nonostante l'apparenza primavera-
morde ancora zio Caimano! zim…
e il profumo dei fior nella verde sera-
zim…

Zim Bum Bum C'era un bel sole d'or, tanti verdi


prati-
Ho lasciato laggiù sopra una zim…
scialuppa - le farfalle, i bambù, i fiori colorati -
zim bum bum, zim bum bum - zim…
il paese del sol della Guadalupa -
zim bum bum, zim bum bum. - Si diffonde il tam tam giù nella
pianura-
Oh, voglio ancor la mia capanna e la zim…
savana - e quassù cala il sol dietro la radura-
zim bum bum, zim bum bum - zim…
ed il paese dove sogno di tornar -
zim bum bum, zim bum bum. -

Sul mio bel lago blu spunterà la luna-


zim…
sulle palme ed i fior e la terra bruna-
zim…

Se volevo ballar c'erano le scimmie -


zim…
Se volevo dormir c'erano le canne-
169
170
CANZONI DI
CELENTANO

171
172
Un albero di trenta piani

Per la tua mania


di vivere
in una città
guarda bene come "cià" (ci ha)
conciati
la metropoli.
Belli come noi
ben pochi sai
ce n'erano
e dicevano
quelli vengono dalla campagna.
Ma ridevano
si spanciavano
già sapevano
che saremmo ben presto anche noi
diventati
come loro.
Tutti grigi
come grattacieli con la faccia di cera
con la faccia di cera
è la legge di questa atmosfera
che sfuggire non puoi
fino a quando tu vivi in città.
Nuda sulla pianta
prendevi
il sole con me
e cantavano per noi
sui rami le allodole.
Ora invece qui
nella città
i motori
delle macchine
già ci cantano la marcia funebre.
E le fabbriche
ci profumano anche l'aria
colorandoci il cielo di nero che odora
di morte.
Ma il Comune
dice che però la città è moderna
non ci devi far caso
173
se il cemento ti chiude anche il naso, una carezza nascerà.
la nevrosi è di moda: na, na, na,…
chi non l'ha ripudiato sarà.
Ahia. non respiro più, E stringerò il cuscino fra le braccia
mi sento mentre cercherò il tuo viso
che soffoco un pò, che splendido nell'ombra apparirà.
sento il fiato, che va giù, Ma non vorrei che tu
va giù e non viene sù, a mezzanotte e tre,
vedo solo che stai già pensando a un altro uomo.
qualcosa sta Mi sento già sperduto
nascendo... e la mia mano
forse è un albero dove prima tu brillavi,
sì è un albero è diventata un pugno chiuso, sai.
di trenta piani. Cattivo come adesso
non lo sono stato mai,
e quando mezzanotte viene,
se davvero mi vuoi bene,
Una carezza in un pugno pensami mezz'ora almeno,
e dal pugno chiuso
A mezzanotte sai una carezza nascerà.
che io ti penserò
ovunque tu sarai, sei mia
e stringerò il cuscino fra le braccia
mentre cercherò il tuo viso Il ragazzo della via Gluck
che splendido nell'ombra apparirà
mi sembrerà di cogliere Questa è la storia
una stella in mezzo al ciel, di uno di noi,
così tu non sarai lontano anche lui nato per caso in via Gluck,
quando brillerai nella mia mano. in una casa, fuori città,
Ma non vorrei che tu gente tranquilla, che lavorava.
a mezzanotte e tre,
stai già pensando a un altro uomo. Là dove c'era l'erba ora c'è
Mi sento già sperduto una città,
e la mia mano e quella casa
dove prima tu brillavi, in mezzo al verde ormai,
è diventata un pugno chiuso, sai. dove sarà?
Cattivo come adesso
non lo sono stato mai, Questo ragazzo della via Gluck,
e quando mezzanotte viene, si divertiva a giocare con me,
se davvero mi vuoi bene, ma un giorno disse,
pensami mezz'ora almeno, vado in città,
e dal pugno chiuso e lo diceva mentre piangeva,
174
io gli domando amico, Eh no,
non sei contento? non so, non so perchè,
Vai finalmente a stare in città. perchè continuano
Là troverai le cose che non hai avuto a costruire, le case
qui, e non lasciano l'erba
potrai lavarti in casa senza andar non lasciano l'erba
giù nel cortile! non lasciano l'erba
non lasciano l'erba
Mio caro amico, disse,
se qui sono nato, Eh no,
in questa strada se andiamo avanti così, chissà
ora lascio il mio cuore. come si farà,
Ma come fai a non capire, chissà...
è una fortuna, per voi che restate
a piedi nudi a giocare nei prati,
mentre là in centro io respiro il
cemento. Sotto le lenzuola
Ma verrà un giorno che ritornerò
ancora qui Io l'altra notte l'ho tradita
e sentirò l'amico treno e son tornato alle cinque.
che fischia così, Pian piano sotto le lenzuola
"wa wa"! non la volevo svegliar,
ma l'abat-jour che è vicino a lei
Passano gli anni, s'illuminò come gli occhi suoi,
ma otto son lunghi, lei mi guardò, io non parlai,
però quel ragazzo ne ha fatta di io non parlai e come Giuda la baciai,
strada, ehi, ehi, ehi,
ma non si scorda la sua prima casa, io non giocai quella notte a poker
ora coi soldi lui può comperarla ma sono stato insieme alla sua amica.
torna e non trova gli amici che aveva, Guardando me sembrava che
solo case su case, lei mi leggesse la verità
catrame e cemento. e con la mano accarezzandomi le
labbra
Là dove c'era l'erba ora c'è mi perdonava quel che lei non saprà
una città, mai.
e quella casa in mezzo al verde ormai Io amo lei, soltanto lei,
dove sarà. ma perchè mai l'avrò tradita.

Ehi, Ehi, La sera dopo sono uscito


per fare il solito poker
La la la... la la la la la... avrei voluto che venisse
ma lei mi ha detto di no.
175
"vai pure, vai, io rimango qui Ora tu vieni a chiedere a me tua
gli amici tuoi son tutti là moglie dov'è
sveglia sarò quando verrai, dovevi immaginarti che un giorno o
quando tu verrai" e poi mi disse l'altro sarebbe andata via da te
sorridendo l'hai sposata sapendo che lei, sapendo
"ehi, ehi, ehi, che lei moriva per me
al poker sai, non si gioca in tre coi tuoi soldi hai comprato il suo
e non giocare più con la mia amica". corpo non certo il suo cuor
Dagli occhi suoi cadeva giù
un lacrimone tinto di blu Lei mi amava mi odiava, mi amava
e con la mano accarezzandole le mi odiava, era contro di me,
labbra io non ero ancora il suo ragazzo e già
le dissi "grazie amore mio" e la soffriva per me
baciai. e per farmi ingelosire quella notte
lungo il mare è venuta con te
Io amo lei, soltanto lei,
ma perchè mai l'avrò tradita. Un giorno io vidi lei entrar nella mia
oh oh oh... stanza
Io amo lei, soltanto lei, mi guardava, silenziosa, aspettava un
ma perchè mai l'avrò tradita. si da me
Io amo lei, soltanto lei,
ma perchè mai l'avrò tradita Dal letto io mi alzai
e tutta la guardai
sembrava un angelo
Mi stringeva sul suo corpo
Storia d'amore mi donava la sua bocca
mi diceva sono tua
Tu non sai cosa ho fatto quel giorno ma di pietra io restai
quando io la incontrai
in spiaggia ho fatto il pagliaccio per Io la amavo la odiavo, la amavo la
mettermi in mostra agli occhi di lei odiavo, ero contro di lei,
che scherzava con tutti i ragazzi se non ero stato il suo ragazzo era
all'infuori di me colpa di lei
perché perché perché perché, io le e uno schiaffo all'improvviso le
piacevo mollai sul suo bel viso
rimandandola da te
Lei mi amava mi odiava, mi amava
mi odiava, era contro di me, A letto ritornai
io non ero ancora il suo ragazzo e già piangendo la sognai
soffriva per me sembrava un angelo
e per farmi ingelosire quella notte Mi stringeva sul suo corpo
lungo il mare è venuta con te mi donava la sua bocca
176
mi diceva sono tua coro:
e nel sogno la baciai si fece una grande festa
da fare girar la testa!
scoppiarono i mortaretti,
si fecero dei banchetti!
La storia di Serafino Per tutti ci fu un sorriso,
che giorni di paradiso
Perchè continuano a costruire le case per il pastore ricco Serafino!
e non lasciano l'erba,
non lasciano l'erba, voce:
non lasciano l'erba, regalò qualche cosa agli amici,
non lasciano l'erba. che gioia nel paese
Eh no! per quelle pazza spese.
se andiamo avanti così, Uno scialle, una radio, un coltello
chissà come si farà! chissà! e una macchina rossa per se!

E così la seconda storia coro:


che vi voglio raccontare, oh Serafino...
è quella del pastore Serafino! le donne, le donne ti dicono di sì.
al mondo antico, chiuso nel suo Beato te!
cuore, "tiero, tiero, tiero, tiero,
la gente del duemila ormai non crede tierà, tierà, tierà".
più! Lui spinge la macchina
Con le pecore e un cane fedele, che in un burrone va
tre amici sempre pronti, nei pascoli e scoppierà!
sui monti,
a una spanna dal "regno dei cieli" voce:
viveva felice così! dopo i giorni dell'allegria
amaro resta il vino...
coro: si trova in tribunale Serafino!
oh Serafino... I suoi nemici per prendere i suoi soldi
difendi, difendi la tua libertà! lo fan passar per matto
la libertà! e lui che cosa fa!
Si riprende le pecore e il cane,
voce: gli amici sempre pronti
quel giovane pastore e torna là sui monti,
piaceva alle ragazze nella casa più grande del mondo
perchè negli occhi aveva l’avventura! che soffitto e pareti non ha!
E quando prese in pugno la fortuna
e un gruzzolo di soldi per caso coro:
ereditò. oh Serafino...
difendi, difendi la tua libertà!
177
la libertà! Un'ora di più
Coro: senza me...
voce: Come il re della foresta
ti voglio bene pastore Serafino! Ti commuoverò
Un uomo con il cuore da bambino! Nella tana dell'amore
Io ti porterò.
coro: Dimmi, dimmi, dimmi, dimmi
e libero come aria Che sono il tuo re
purissima del mattino
per vivere là sui monti, Io sono solo,
ritorna Serafino! Ma non credo che tu
Sei contenta
Certo stai piangendo
Ma piangi forte, forte che ti senta
La tana del re Se tu non vuoi che un'altra
Stia con me
Io sono solo E mi porti a letto il tuo caffe. (3 v.)
Ma non credo che tu
Sei contenta (ahu)
Certo stai piangendo. (ahu)
Mai piangi forte forte (ahu)
Che si senta Il tempo se ne va
Se tu non vuoi
Che un' altra stia con me Quel vestito da dove è sbucato che
E mi porti a letto il tuo caffè impressione vederlo indossato se ti
vede tua madre lo sai questa sera
finiamo nei guai è strano ma sei
Devi sapere che proprio tu quattordici anni o un pò di
Da quando e nato il mondo più la tua barbie è da un pò che non
La donna l’hai e il tuo passo è da donna ormai.
Non è mai pari all'uomo
Anche se vuole Al telefono è sempre un segreto
Portare i pantaloni quante cose in un filo di fiato e vorrei
Il re della foresta domandarti chi è ma lo so che hai
Sai chi è vergogna di me.
E' un leone maschio come me
La porta chiusa male e tu lo specchio
Dimmi, dimmi, dimmi il trucco il seno in su e tra poco la
Dimmi, dimmi, dimmi sera uscirai, quelle sere non dormirò
Che tu, mai.
Coro: dimmi (6 v.) che tu
Senza me non puoi E intanto il tempo se ne va e non ti
Restare solo senti più bambina si cresce in fretta
178
alla tua età non me ne sono accorto
prima.

E intanto il tempo se ne va coi sogni


le preoccupazioni le calze a rete han
preso già il posto dei calzettoni

Farsi donna è più che normale ma


una figlia è una cosa speciale, il
ragazzo magari ce l’ hai qualche volta
hai già pianto per lui.

La gonna un pò più corta e poi,


malizia in certi gesti tuoi e tra poco la
sera uscirai, quelle sere non dormirò
mai.

E intanto il tempo se ne va e non ti


senti più bambina si cresce in fretta
alla tua età non me ne sono accorto
prima.

E intanto il tempo se ne va, coi sogni


e le preoccupazioni le calze a rete
han preso già il posto dei calzettoni,
na na na na na.

179
CANZONI
DI MINA

180
Amor mio al riparo del mio amore

Tu amor mio
chi ti ha amato in questo mondo sono
io. E se domani
Io invece io
sono stata E se domani
troppo amata. io non potessi
Ma noi due, rivedere te?
amor mio, Mettiamo il caso
che siamo poco insieme, siamo un po' che ti sentissi
di più; stanco di me...
tu, Quello che basta
tu sei tu, all'altra gente,
più qualcosa non mi darà
che ti arriva da lassù. nemmeno l’ombra
Amor mio della perduta
felicità.
coro: Amor mio (2 v.) E se domani
E sottolineo “se”
Per amico c'è rimasto solo Dio All’improvviso
ma lui lo sa Perdessi te,
e sorride, avrei perduto
lui ci guarda il mondo intero
e sorride. non solo te.
Amor mio

coro: Amor mio


E’ l’uomo per me
Basto io
E’ l’uomo per me,
coro: Basto io fatto apposta per me.
E’ forte con me
Grandi braccia grandi mani avrò per e da uomo sa dir
te. parole d’amor…
Stretto al mio seno freddo non avrai, ma ciò che amo in lui
no tu non tremerai, non tremerai. è il ragazzo che
Amor mio nasconde in sé.
basto io,
na- na- na- na- na- na- na- na- na- na- E’ l’uomo per me,
na è sicuro di sé
no tu non tremerai e da uomo son già
181
i progetti che ha, che ogni giorno assomiglio un po' più
i sogni che fa… a lui
ma ciò che amo in lui ogni volta che lo stringo sento che
è il ragazzo che divento un po' più lui...
nasconde in sé. Signore tu che cosa vuoi
e come mai questo amore poi l'hai
Non so se capirà dato a noi...
Ma se si accorgerà Sono piccole le mani per quello che
Che quando è qui con me mi dai...
Proteggerlo vorrei, Cosa ho fatto per avere lui?
ancor di più lui mi amerà. Avere lui, avere lui...
restare lì con la guancia nei capelli
E’ l’uomo per me, suoi...
sicuro di sé. sono piccole le mani per quello che
E’ forte con me mi dai...
E da uomo sa dir Cosa ho fatto per avere lui?
Parole d’amor… Lui lui lui...
Ma ciò che amo in lui quanto ho sognato di lui...
È il ragazzo che la sua risata, i suoi giochi, i suoi "no"
Nasconde in sé. tutta una vita che so...
E se ci penso direi
E’ l’uomo per te che ogni giorno assomiglio un po' più
Ma è un ragazzo ancora per me. a lui
E’ l’uomo per te ogni volta che lo stringo sento che
Per questo trovo in lui l’amor. divento un po' più lui...
E’ l’uomo per te Signore tu che cosa vuoi
Ma è un ragazzo ancor. e come mai questo amore poi l'hai
dato a noi...
Sono piccole le mani per quello che
mi dai...
Lui lui lui Cosa ho fatto per avere lui?
Avere lui, avere lui...
Lui lui lui... restare lì con la guancia nei capelli
sto così bene con lui suoi...
che certe volte ho paura e non so, Sono piccole le mani per quello che
che un giorno poi pagherò mi dai...
per questo amore... Cosa ho fatto, cosa ho fatto, cosa ho
Lui lui lui... fatto...
c'è questo filo di lui
come una piccola luce che ho
come una nota che so...
E se ci penso direi Mi sei scoppiato dentro al cuore
182
Era Se tu chiudi gli occhi e mi baci,
solamente ieri sera tu non mi crederai
io parlavo con gli amici ma vedo le mille bolle blu...
scherzavamo tra di noi E vanno... leggere... e vanno...
e tu e tu e tu Si rincorrono, salgono,
tu sei arrivato scendono, per il ciel...
m'hai guardato e allora
tutto è cambiato per me Blll... le mille bolle blu...
Blll... le vedo intorno a me.
Mi sei scoppiato Blll... le mille bolle blu...
dentro al cuore all'improvviso che volano e volano e volano...
all'improvviso non so perché Blll... le mille bolle blu...
non lo so perché all'improvviso Blll... mi sento dondolar...
all'improvviso Blll... tra mille bolle blu che danzano
sarà perché mi hai guardato su grappoli di nuvole.
come nessuno mi ha guardato mai
mi sento viva Dentro a me le arpe suonano.
all'improvviso per te Bacio te e folli immagini giungono...
Blll... le mille bolle blu...
Ora Blll... le vedo intorno a me...
io non ho capito ancora Blll... le mille bolle blu...
non so come può finire e volano, mi chiamano, mi cercano...
quello che succederà Blll... le mille bolle blu...
ma tu, ma tu, ma tu Blll... le vedo intorno a me.
tu l'hai capito Blll... le mille bolle blu...
l'hai capito ho visto che volano e volano e volano...
eri cambiato anche tu Blll... le mille bolle blu...
Blll... mi sento dondolar...
Mi sei scoppiato Blll... tra mille bolle blu che danzano
dentro al cuore all'improvviso su grappoli di nuvole.
all'improvviso non so perché
non lo so perché all'improvviso Dentro a me le arpe suonano.
all'improvviso Bacio te e folli immagini giungono...
sarà perché mi hai guardato Blll... le mille bolle blu...
come nessuno mi ha guardato mai Blll... le vedo intorno a me...
mi sento viva Blll... le mille bolle blu...
all'improvviso per te (2 v.) e volano, mi chiamano, mi cercano...
e salgono... e scendono...
e volano... e volano... e volano...
nel ciel.
Le mille bolle blu Parole parole
183
Parlato: Cara, cosa mi succede Canto: Parole, parole, parole
stasera,
ti guardo ed è come la prima volta Parlato: Ascoltami

Canto: Che cosa sei, che cosa sei, che Canto: Parole, parole, parole
cosa sei,
Parlato: Ti prego
Parlato: Non vorrei parlare
Canto: Parole, parole, parole
Canto: Cosa sei
Parlato: lo ti giuro
Parlato: Ma tu sei la frase d'amore
cominciata e mai finita Canto: Parole, parole, parole,
parole parole soltanto parole,
Canto: Non cambi mai, non cambi parole tra noi
mai, non cambi mai
Parlato: Ecco il mio destino, parlarti,
Parlato: Tu sei il mio ieri, il mio oggi come la prima volta

Canto: Proprio mai. Canto: Che cosa sei, che cosa sei, che
cosa sei
Parlato: Il mio sempre, inquietudine
Parlato: No, non dire nulla c'è la notte
Canto: Adesso ormai ci puoi provare che parla
chiamami tormento dai, già che ci sei
Canto: Cosa sei
Parlato: Tu sei come il vento che
porta i violini e le rose Parlato: La romantica notte

Canto: Caramelle non ne voglio più Canto: Non cambi mai, non cambi
mai, non cambi mai
Parlato: Certe volte non ti capisco
Parlato: Tu sei il mio sogno proibito
Canto: Le rose e i violini
questa sera raccontali ad un'altra Canto: Proprio mai
violini e rose li posso sentire
quando la cosa mi va se mi va, Parlato: E' vero, speranza
quando è il momento
e dopo si vedrà Canto: Nessuno più ti può fermare
chiamami passione dai, hai visto mai
Parlato: Una parola ancora
184
Parlato: Si spegne nei tuoi occhi la Parlato: Che cosa sei
luna e si accendono i grilli
Canto: Parole, parole, parole
Canto: Caramelle non ne voglio più
Parlato: Che cosa sei
Parlato: Se tu non ci fossi
bisognerebbe inventarti Canto: Parole, parole, parole,
parole parole soltanto parole,
Canto: La luna ed i grilli parole tra noi. "
normalmente mi tengono sveglia
mentre io voglio dormire e sognare
l'uomo che a volte c'è in te quando
c'è, Pasqualino Marajà
che parla meno
ma può piacere a me Un certo Pasqualino pescatore,
viveva in assoluta povertà:
Parlato: Una parola ancora però sentiva sempre in fondo al cuore
qualcosa che diceva :"Un dì verrà!".
Canto: Parole, parole, parole E un bel dì giunse a Sorrento
una principessa indiana
Parlato: Ascoltami sopra un grosso bastimento:
la bellissima Kalì.
Canto: Parole, parole, parole Pasqualino la guardò
E Kalì s'innamorò
Parlato: Ti prego ed in India lo portò...
Pasqualino Marajà,
Canto: Parole, parole, parole a cavallo all'elefante,
con in testa un gran turbante,
Parlato: lo ti giuro per la jungla se ne va.
Pasqualino Marajà
Canto: Parole, parole, parole, non lavora e non fa niente:
parole parole soltanto parole, fra i misteri dell'Oriente,
parole tra noi fa il nababbo tra gli indù,
ndu du dun dun dun dun da!
Parlato: Che cosa sei Ulla! Ulla! La..
Pasqualino Marajà
Canto: Parole, parole, parole non lavora e non fa niente:
fra i misteri dell'Oriente
Parlato: Che cosa sei fa il nababbo tra gli indù,
ndu du dun dun dun dun da!
Canto: Parole, parole, parole Ulla! Ulla! La.
Ulla! Ulla! La.
185
Cento casse Sempre, sempre un angolo sicuro e
di diamanti grossi grossi... sarà un gran bel futuro
mentre principi potenti Finchè non morirò
gli s'inchinano davanti,
lui si fuma il narghilé
Eh! Eh! Eh!
Eh! Eh! Eh! Se c’è una cosa che mi fa impazzire
Pasqualino Marajà
ha insegnato a far la pizza, Se c’è una cosa che mi fa impazzire
tutta l'India ne va pazza, È il tuo modo di fare
solo pizza vuol mangiar! È il tuo modo di parlare
Pasqualino Marajà Ti guardo per ore e non mi stanco di
ha imparato a far l'indiano imparare
ma, da buon napoletano, Quella tua faccia così particolare
chiama tutti : “Ué, paisà!”
Ulla! Ulla! La. Se c’è una cosa che mi fa impazzire
Ulla! Ulla! La. È che guardi come i gatti
È il profumo che ti metti
Mi parli per ore e non mi stanco di
ascoltare
Sana quella tua voce così particolare

Sana come un pesce sano Amore amore lasciamelo dire


Buona come un buon caffè Se c’è una cosa che mi fa impazzire
Bella come il bel sorriso È il sorriso che fai
che mi accende il viso quando vedo È la bocca che hai
te Sono i baci che dai
C’è poco da fare è impossibile negare
E mi sento ricca di ogni stella in cielo Che tu mi piaci, mi piaci da morire
Ogni giorno un’altra chance
Viva come un gatto nero
Libera davvero di amare quel che c’è
Se telefonando
E dimmi che non dormo
E questo non è un sogno Lo stupore della notte
Dimmi che nel tuo cuore troverò spalancata sul mar
Sempre un angolo sicuro e sarà bello ci sorprese che eravamo sconosciuti
il futuro finchè invecchierò io e te
Poi nel buio le tue mani
E guarda che non dormi d'improvviso sulle mie...
E questo non è un sogno É cresciuto troppo in fretta
Giuro che nel mio cuore troverai questo nostro amor...
186
Se telefonando io potessi dirti addio Invece no, invece no la vita è quella
ti chiamerei... che tu dai a me,
Se io rivedendoti fossi certa che non in guerra tutti giorni sono viva sono
soffii come piace a te.
ti rivedrei...
Se guardandoti negli occhi sapessi Ti odio poi ti amo poi ti amo poi ti
dirti basta odio poi ti amo,
ti guarderei... non lasciarmi mai più
Ma non so spiegarti sei grande, grande, grande come te
che il nostro amore appena nato sei grande solamente tu.
è già finito... (2 v.)
Ti odio poi ti amo poi ti amo poi ti
odio poi ti amo,
non lasciarmi mai più
Sei grande grande grande sei grande, grande, grande come te
sei grande solamente tu.
Con te dovrò combattere non ti si può
pigliare come sei Non lasciarmi mai più
i tuoi difetti son talmente tanti che sei grande, grande, grande come te
nemmeno tu li sai sei grande solamente tu.
sei peggio di un bambino capriccioso
la vuoi sempre vinta tu,
sei l’uomo più egoista e prepotente
che abbia conosciuto mai. Un’ora

Ma c’è di buono che al momento Era tanto, tanto tempo che aspettavo
giusto tu sai diventare un altro, quest’ora
in un attimo tu Da passare con te.
sei grande, grande, grande le mie Ero tanto, tanto sola, ma è bastata
pene non me le ricordo più. quest’ora
Per capire che tu,
Io vedo tutte quante le mie amiche che tu in un’ora mi hai dato le cose
son tranquille più di me, che avevo aspettato per tutta la vita e
non devono discutere ogni cosa come adesso le ho.
tu fai fare a me. Una lunga, lunga ora,
Ricevono regali e rose rosse per il ma è durata un minuto, troppo poco
loro compleanno, per me.
dicon sempre di sì non hanno mai E allora torna,
problemi e son convinte che la vita è torna perchè tutto il mondo per me
tutta lì è come svanito, finito, annullato
. da un’ora con te

187
Ero tanto, tanto sola
ma è bastata quest’ora per capire che
tu,
che tu in un’ora mi hai dato le cose
che avevo aspettato per tutta la vita e
adesso le ho.
Una lunga, lunga ora,
ma è durata un minuto, troppo poco
per me.
E allora torna, torna perché
tutto il mondo per me è come svanito,
finito, annullato
da un’ora con te,
un’ora con te.

188
CANTI
DELLA
NOSTRA
STORIA

189
190
Andate in mezzo a loro

Signore, com’è bello, non andiamo


via,
faremo delle tende e dormiremo qua;
non scendiamo a valle dove l’altra
gente
non vuole capire quello che tu sei.

Ma il vostro posto è là,


là in mezzo a loro;
l’amore che vi ho dato
portatelo nel mondo;
io sono venuto
a salvarvi dalla morte;
mio padre mi ha mandato
ed io mando voi.

Quando vi ho chiamati eravate come


loro,
col cuore di pietra, tardi a capire,
ciò che io dicevo non lo sentivate;
“E’ pazzo -si pensava-, non sa quello
che dice”.

Adesso che capite cos’è la mia


parola,
volete stare soli e non pensare a loro.
A cosa servirà l’amore che vi ho dato,
se la vostra vita da soli vivrete?

Il tempo si è fermato, è bello stare


insieme,
perchè pensare agli altri che non ti
han conosciuto?
Possiamo mascherare la sete
d’amore,
facendo del bene solo se ne abbiamo
voglia.

Scendete nella valle, vivete nel mio


amore,
191
da questo capiranno che siete miei l’ascoltavo abbracciato alla ramazza.
fratelli.
Parlategli di me, arriveranno al Padre, Avrei...
se li saprete amare, la strada
troveranno. “Amami Alfredo...”

Ma il nostro posto è là, Quella sera c’era molta gente


là in mezzo a loro; ed io là in fondo non sentivo niente;
l’amore che ci hai dato allora sotto il palco sono andato.
portiamolo nel mondo; Chi lo sapeva che sarebbe crollato!
tu sei venuto
a salvarci dalla morte; Adesso suono sempre nella banda
tuo Padre ti ha mandato col direttore che la comanda,
e tu mandi noi. ma una banda di grandi proporzioni:
solo di trombe siamo due milioni.
Po po po po po po ...
E poi tra noi c’è un grande
Avrei voluto essere una banda affiatamento,
ma è il direttore ch’è un gran
Sì, è vero: ho fatto lo spazzino, portento;
ma avevo un desiderio dentro al è un tipo eccezionale, c’ha dell’estro
cuore; e tutti qui lo chiamano Maestro.
e mi ricordo, quando ero bambino,
che lo chiedevo sempre anche al Pa pa pa pa...
Signore.

Avrei voluto essere una banda Avanti, forza


col direttore che la comanda,
ma una piccola banda di paese, Avanti, forza, dammi la mano e corri,
pochi elementi, senza pretese. corri con noi verso l’eternità!
Po po po po po po... È un girotondo che abbraccia tutto il
Però volevo essere io tutto, mondo:
dalla grancassa al clarinetto, ora tu non puoi mancar.
la tromba, il trombone, il sax-tenore
e nello stesso tempo il direttore. Lasciati andare, allarga il tuo cuore,
volgilo verso il cielo,
Ma era un sogno perchè ero stonato fatti piccino come un bambino
ed il tempo non sapevo tener. che vuole far l’eroe;
dovrai lottare, dovrai soffrire,
Per seguire della musica l’ebbrezza potrai anche cadere: tutti noi ti
mi misi a lavorar nella Nettezza aiuterem.
ed ogni banda che suonava in piazza Tutto risplende, tutto è più bello,
192
dimentica ogni affanno; Ballata dell’uomo vecchio
questa è la vita questa è l’amor.
Ora lo sai anche tu. La tristezza che c’è in me,
Con un sorriso ti scopri nell’eterno, l’amore che non c’è
trovi la felicità. hanno mille secoli.
Il dolore che ti do,
Avanti, forza, dammi la mano e corri, la fede che non ho
corri con noi verso l’eternità! hanno mille secoli.
E’ un girotondo che abbraccia tutto il Sono vecchio ormai, sono vecchio, sì;
mondo: questo tu lo sai ma resti qui.
ora devi farlo tu.
Io vorrei vedere Dio,
vorrei vedere Dio
Ballata dell’amore vero ma non è possibile.
Ha la faccia che tu hai,
Io vorrei volerti bene il volto che tu hai
come ti ama Dio, e per me è terribile.
con la stessa passione, Sono vecchio ormai...
con la stessa forza,
con la stessa fedeltà che non ho io. Ascoltami, rimani ancora qui,
ripeti ancora a me la tua parola.
Mentre l’amore mio Ripetimi quella parola che
è piccolo come un bambino, un giorno hai detto a me,
solo senza la madre, e che mi liberò.
sperduto in un giardino.
Io vorrei vedere Dio...
Io vorrei volerti bene
come ti ama Dio, La paura che c’è in me,
con la stessa passione, l’amore che non c’è
con la stessa fede, hanno mille secoli.
con la stessa libertà che non ho io. Tutto il male che io so,
la fede che non ho
Mentre l’amore mio hanno mille secoli.
è fragile come un fiore, Sono vecchio ormai, sono vecchio, sì;
ha sete della pioggia, ma se tu vorrai tu mi salverai.
muore se non c’è il sole.
Ascoltami...
Io ti voglio bene
e ne ringrazio Dio,
che mi dà la tenerezza,
che mi dà la forza,
che mi dà la libertà che non ho io.
193
Ballata del potere C’è bisogno di qualcuno
che ci liberi dal male,
Lo dicevo tutto il giorno: perché il mondo tutto intero
questo mondo non è giusto! è rimasto tale e quale.
E pensavo anche di notte.
questa vita non dà gusto.
Ballata di G.L.
E dicevo: è colpa vostra,
o borghesi maledetti, Io vi voglio raccontare
tutta colpa dei padroni la storia di un ragazzo
e noi altri, poveretti! che voleva affrontare
la vita da sé.
E noi altri a lavorare Ma un giorno un amico
sempre lì nell’officina, lo prese per la mano
senza tempo per pensare, e gli fece capire
dalla sera alla mattina. cosa fossero gli altri.

Forza compagni, Lui comincia a ballare


rovesciamo tutto la ballata di G.L.;
e costruiamo lui comincia a provare
un mondo meno brutto! la goduria della comunità.

Per un mondo meno brutto Lui aveva una Gilera


quanti giorni e quanti mesi, che andava a cento all’ora:
per cacciare alla malora se la “pula” lo prendeva
le carogne dei borghesi! a “san Vito” un posto c’era.
Ma una sera un giellino
Ma i compagni furon forti gli domanda, per favore,
e si presero il potere! un passaggio per la Bassa
I miei amici furon morti sul sedile posteriore.
e li vidi io cadere.
Lui continua a ballare...
Ora tu dimmi
come può sperare un uomo Dieci “sacchi” ogni sera
che ha in mano tutto a “burlotti” lui perdeva;
ma non ha il perdono? ma se invece li vinceva
per la donna li spendeva.
Come può sperare un uomo ma un giorno degli amici
quando il sangue è già versato, oltre il mare sono andati
quando l’odio in tutto il mondo e la grana ch’el ciapava
nuovamente ha trionfato? in Brasile la mandava.

194
La chitarra lui suonava e allora verso gli altri leggero spicco
per le strade del quartiere; il volo;
qualche volta gli toccava la mia giornata è tutta una gran festa:
“smanettar” nelle balere. spalanco sempre più la mia finestra.
Ma una sera che suonava,
una nota non veniva: Allora in Bassa ritorno allegramente,
era quella che invitava l’umanità rinasce in me più
a ballare la ballata. dolcemente
e posso iniziare a giocar la mia
Era un tipo un poco duro, partita:
che faceva il viso scuro, è inutile sfogliar la margherita.
se la mamma gli diceva:
“devi dire la preghiera”.
Ma una sera che dormiva Errore di prospettiva
sotto il ponte di Trezzano,
s’avvicina il Signore Quando noi vedremo tutto,
e lo prende per la mano. quando tutto sarà chiaro,
pensa un po' che risate,
che paure sfatate.
La canzone della bassa
Con la musica dentro,
In Bassa io vado, io vado con il cuore più pieno
allegramente della gioia di un tempo
e sono più felice di un grande di un mattino sereno.
presidente,
e quando mi trovo insieme a quei Ma di una cosa lo sai
bambini non potrò ridere mai:
mi sento più grande di Puccini. è di tutto il male che
ho voluto fare a te.
La la la la...
se c’è una cosa che voglio,
In Bassa io cerco, io cerco qualche se c’è una cosa che vale
cosa; è abitare la tua casa,
non bastano i soldi, non basta la tutto il resto è banale.
morosa.
Io cerco qualcosa, qualcosa per la E parlare con te (2 volte)
vita di quand’ero piccino (2 volte)
che non diventi mai arrugginita. e vedevo le cose (2 volte)
con gli occhi di un bambino. (2 volte)
In Bassa io trovo, io trovo un cuore
nuovo, Ti ricordi quella volta
della rabbia che avevo
195
e credevo fosse amore, una mano più grande ti solleverà
esser giusto volevo. abbandonati a quella, non temere
perchè.
Ma di una cosa...
C’è qualcuno con te , non ti lascerà
mai , non avere paura , non fermarti
Favola e vai…

Non avere paura piccolo figlio mio


ma è la strada più dura che ti porterà Il fiume e il cavaliere

lascia dunque il sentiero, prendi i Discese il cavaliere da cavallo
campi e va’ e si tolse l’armatura
attraversa quel bosco non temere e balenò il metallo nella pianura.
perchè
c’è qualcuno con te. E accarezzò la bestia
e si diresse al fiume,
C’è qualcuno con te, non ti lascerà scivolò l’elmo a terra
mai non avere paura, prendi i campi sulle piume.
e vai...
E bevve avidamente
Quando incontrerai il lupo e la volpe dell’acqua del torrente,
e il leone e vide la ferita
non restare impaurito e non far ed il suo sangue.
confusione.
son di un altro racconto che finisce E il fiume gli parlava lentamente
male raccontandogli la storia
non potranno toccarti, non voltarti Di un’ansia disperata di vittoria:
perchè: “Ricordi la battaglia su quel colle?
e il tuo furore antico?
C’è qualcuno con te non ti lascerà Neppure allora hai vinto il tuo
mai non avere paura non voltarti e nemico!
vai….
La pace che tu cerchi,
Non arrenderti al buio che le cose il male che l’assale
divora combattono da sempre
ora è notte ma il giorno verrà ancora. nel tuo cuore”.

Così quando sarai a quell’ultimo E bevve...


ponte
con il tempo alle spalle e la vita di E mentre il sangue suo
fronte si univa all’acqua
196
e si scioglieva il cuore ho imparato soltanto la viltà.
capì ch’era finito il suo vagare.
La mia terra non l’ho difesa mai,
Allora vide in fondo sono fuggito ancora, io fuggo sempre
all’acqua che passava sai.
il volto della pace Ho imparato soltanto ad ingannar me
che cercava. stesso,
ho imparato soltanto la viltà.
E bevve avidamente
dell’acqua del torrente, A questo mondo
e rivide la casa non ci sarà dunque giustizia?
e la sua gente. (2 volte)

Ho trascinato tutti i pensieri miei


Gs cha cha cha nell’illusione di quello che vorrei.
I nemici di un tempo tornano
Eso es gs cha cha cha vincitori:
l’hanno inventato tra la Bassa e il è una guerra perduta per me.
mar. (2 volte)
Nelle mie mani non è rimasto che
Se te vuede realizar, terra bruciata, nomi senza un perchè.
se te vuè impegnar, I nemici di un tempo tornano
se vuoi gli uomini capir vincitori:
e la vita amar; è una guerra perduta per me.
se vuoi sempre con gli uomini restar
vieni a bailar...amando! Con le mie mani
gs cha cha cha non potrò mai fare giustizia! (2 volte)

se t’impuerta degli uomini e del Ora son solo a ricordare che


mondo, mi son perduto quando ho creduto in
se ami il tiempo e l’eternità, me,
se vuoi la vita godere nel profondo, resta solo il rimpianto di un giorno
vieni a bailar...amando! sprecato
gs cha cha cha e forse l’attesa di te.
Resta solo il rimpianto di un giorno
sprecato e certo l’attesa di te.
La guerra

Nella mia guerra contro la falsità, Ho un amico


contro l’ingiustizia, contro la povertà
ho imparato soltanto ad ingannar me Ho un amico grande, grande;
stesso, di più giusti non ce n’è:
197
mi ha donato tutto il mondo, sia pace e bene,
è più forte anche di un re. sia tregua ad ogni dolor.
Pace!
Se io tremo lui è sicuro
e non ha paura mai;
è l’amico più sincero, sai, Martino e l’imperatore
e ti segue ovunque vai.
La la la la la...
Però talvolta lo sfuggo
e voglio fare da me, Ti diranno che tuo padre
ma crolla presto il mio mondo era un personaggio strano
perchè lui è più forte di me. un poeta fallito,
un illuso di un cristiano.
Una volta io credevo
di poter amare da me; Ti diranno che tua madre
non pensavo e non sapevo era una sentimentale
che non può nemmeno un re. che pregava ancora Dio
mentre si dovrebbe urlare.
Però talvolta lo sfuggo
e voglio fare da me, Tu non credere mai all’imperatore
ma crolla presto il mio mondo anche se il suo nome è società
perchè lui è più forte di me. anche se si chiama onore
anche se il suo nome è popolo
anche se si chiama amore.
Inno alle scolte di Assisi
Credi solo in nostro Padre
Squilla la tromba che già il giorno che è venuto e che verrà
finì, a portare la giustizia contro la
già del coprifuoco la canzone salì. malvagità.
Su, scolte, alle torri,
guardie armate, olà! No non credere mai all’imperatore
Attente, in silenzio vigilate! anche se il suo nome è società
Attente o scolte, su vigilate! anche se si chiama onore
anche se il suo nome è popolo
O nostri Santi che in cielo esultate, anche se si chiama amore.
Vergini sante gloriose e beate,
noi v’invochiam: No non credere alla scimmia
questa città e alla sua causalità,
col vostro amore salvate. tieniti stretto alla mia mano
Contro il nemico che l’anima tiene, anche se non ci sarà!
contro la morte che subita viene,
in ogni cuor La la la la la...
198
per fare la tua casa,
per far contento te:
Mattone su mattone e intanto la mia casa
vien su tutta da sè.
Mattone su mattone viene su una
grande casa: Mattone ….
che fatica, che fatica che si fa!
Perchè?
Mattone su mattone viene su la
grande casa: Non c’è nessuno
è il Signore che ci vuole abitar con
te. Non c’è nessuno che ama la luna
come le stelle del ciel!
Ho tante, tante cose, non c’è nessuno che ama la riva
tantissimo da fare; come le onde del mar!
ho tutto il giorno pieno
ho anche da studiare. Anch’io ti amo, lo sai:
Ma in fondo, in fondo al cuore, vorrei sempre restare con te...
non ti scordare che: E invece devo partir.
ma l’amore non deve finir.
Mattone ….
Quanto ti amo, lo sai:
Ma fermati un momento vorrei sempre restare con te...
e provati a pensare: anche se tu partirai,
che cosa c’è che importa resteremo insieme perchè
di tutto questo fare?
E ti dirò un segreto Quando tramonta lontano la luna,
ch’è quel che fa per te. resta l’attesa nel ciel;
Quando scompare lontano la riva,
Mattone …. resta l’attesa sul mar!

Spalanca la tua porta


e prova a guardar fuori, La nuova Auschwitz
e guarda tutti gli altri
che stanno ad aspettare Io suonavo il violino ad Auschwitz
un poco del tuo tempo mentre morivano gli altri ebrei,
da fare a metà. io suonavo il violino ad Auschwitz
mentre uccidevano i fratelli miei.
Mattone …. (3 volte)

Metà dei miei mattoni Ci dicevano di suonare,


io li regalo a te, suonare forte e non fermarci mai,
199
per coprire l’urlo della morte,
suonare forte e non fermarci mai. Quel giorno si farà una grande festa
(3 volte) e allora canteremo insieme;
sarà il bel giorno di una grande festa
Non è possibile essere come loro. e allora balleremo insieme.
(2 volte)

Nel mondo nuovo Parsifal (Canzone dell’ideale)


che ora abbiamo creato
c’è la miseria, Parsifal, Parsifal non ti fermare
c’è l’odio ed il peccato. (3 volte) e lascia sempre che sia
la voce unica dell’ideale
Ora siamo tornati ad Auschwitz ad indicarti la via.
dove ci è stato fatto tanto male, Sarò con te,
ma non è morto il male del mondo io ti ho messo una mano sul cuore.
e noi tutti lo possiamo fare. Sempre con te,
(3 volte) come un fuoco che dentro non muore.

Non è difficile essere come loro. Non fermarti alla corte delle anime
(2 volte) nane
che ripetono i gesti e non sanno
Ora suono il violino al mondo capire.
mentre muoiono i nuovi ebrei; Non salire al castello dei giovani
ora suono il violino al mondo giusti che
mentre uccidono i fratelli miei. adorano il sole:
(3 volte) è quel sole lo specchio
di chi non si vuole vedere.

L’opera Parsifal Parsifal devi lottare


devi cercare dov’è
Beati i furbi, beati i ricchi, il punto fermo tra le onde del mare
beati quelli che han denaro in tasca, e quest’isola c’è.
beati i forti ed i violenti, Sarò con te,
beati quelli che sono potenti. io ti ho messo una mano sul cuore.
Sempre in te,
Beati quelli che a questo mondo come un fuoco che dentro non muore.
giocano sempre al girotondo,
beati quelli che sulla terra Io sapevo da sempre che avresti
vincono sempre la loro guerra. tradito
mille volte in un giorno
Ma l’amaro, l’amaro che c’è in me, e poi mille altre ancora
sarà mutato in allegria. (2 volte) ma i tuoi occhi che cercan
200
son gli occhi di chi si sorprende ferito nel camino grande grande grande
e il mio braccio è più forte del male, più più fuoco fuoco fuoco va.
più grande dell’ora.

Parsifal, Parsifal non ti fermare Il popolo canta


e lascia sempre che sia
la voce unica dell’ideale Il cantastorie ha cominciato a
ad indicarci la via. raccontare,
il tessitore ha cominciato a dipanare;
Sarò con te porta la calce, porta i mattoni il
io ti ho messo una mano sul cuore muratore;
sempre con te cammina l’uomo quando sa bene
come un fuoco che dentro non muore. dove andare.
Parsifal, Parsifal non ti fermare.
Il popolo canta la sua liberazione.
(2 volte)
Pim pam
Il cantastorie ha cominciato a
Nella casa là sulla montagna raccontare;
un camino grande grande sta, il tessitore ha cominciate a dipanare;
nel camino grande grande grande sento la vita che mi scoppia dentro il
un gran fuoco fuoco fuoco va. cuore;
cammina l’uomo quando sa bene
Perciò “pim pam” le scarpe dove andare.
“pim pam” di notte,
fan sul sentiero di pietre grosse,
“pim pam” le scarpe Rossa sera
“pim pam” di notte
fan sul sentiero così. Rossa sera, Belo Horizonte,
i miei occhi mai t’han guardato,
Nella casa là sulla montagna ma il mio cuore t’ho regalato
Un Signore grande grande sta, per gli amici che ci han lasciato.
nella stanza verde viola bianca
tante sedie rosse gialle ha. Rosse labbra della tua amata
o fratello perchè hai lasciato?
Nella casa là sulla montagna Lunghe ciglia della tua amata,
una sedia a tutti dà, bianche lacrime che han bagnato.
a ciascuno toglierà le scarpe,
tutti insieme poi si danzerà. “Rosse labbra della mia amata
in Brasile con me ho portato,
Nella casa là sulla montagna di quel rosso ne ho colorato
un camino grande grande grande sta, bianche labbra di non amato”.
201
La traccia
Rossi abeti di Lombardia,
rossi frutti delle vallate, C’è una lunga, lunga traccia
terra nostra dimenticata: verso la terra del sogno
anche questa hai abbandonata. dove canta l’usignolo
nel chiaror lunar.
“Rossi abeti di Lombardia,
rossi frutti delle vallate, C’è una lunga, lunga attesa
in Brasile con me ho portato, finché ogni sogno si avveri
terra rossa ne ho seminato”. ed io possa alfin tornare
sulla lunga traccia con te.
Rossa valle di quel mattino:
Gesù Cristo ci ha giudicato,
O fratello, ti ho ritrovato, Il viaggio
terra rossa t’ha impolverato.
Fammi camminare ancora
Rossa sera, Belo Horizonte, ho perso tanto tempo
i miei occhi mai t’han guardato, e non credevo che fosse così questo
ma il mio cuore t’ho regalato viaggio.
per gli amici che ci han lasciato. Ho incontrato per strada uomini con
due facce
che volevan rubarmi la forza e il
La strada coraggio.
Non ho più né padre né madre
E’ bella la strada per chi cammina. e non son meglio di loro
E’ bella la strada per chi va. e i bambini già grandi ci guardano
E’ bella la strada che porta a casa e chiedono un segno.
e dove ti aspettano già.
Quando prendemmo il mare ero
E’ gialla tutta la campagna felice davvero
ed ho già nostalgia di te ti svelai tutto quello che tu già sapevi:
ma dove vado c’è chi aspetta la mia vita di prima, la voglia di
così ti porto dentro me... cambiare
e anche il nome di lei che tenevo
Porto con me le mie canzoni segreto.
ed una storia cominciata
è veramente grande Dio Tu ascoltavi tutti parlare
è grande questa nostra vita. poi ci parlasti di te
di quel mondo lontano, lontano,
lontano ma vero.

202
Poi caddi nel tranello dell’odio e del Viva la companì
potere
e credevo di essere fuori dal gioco. Andavo sperduto senz’ombra d’amor
(2 volte) viva la companì -
andavo da solo non c’era color
Ed ecco la città con le sue mura viva la companì -
d’oro,
le sentinelle sulle torri, Viva la viva la viva l’amor (2 volte)
fiorita d’alberi e giardini. viva l’amor, viva la vì;
Io non l’avevo vista mai, eppure viva la companì!
c’ero nato, Viva la viva la...
ed era quella la città dove sarei
tornato. Quand’ecco che un giorno io vidi il
Signor -
Così dentro la notte lasciai la viva la companì -
compagnia in un viso d’amico io vidi il suo cuor-
non potevo più essere uno di loro. viva la companì. -
(2 volte)
Cambiarono i giorni allora per me -
Il sole del mattino mi trovò sulla viva la companì -
strada non sono più solo c’è un altro con me
a rincorrere il tempo che avevo viva la companì. -
perduto.
Ho attraversato i monti, ho Domani il mio cuore con mille sarà -
attraversato il mare viva la companì -
e ora voglio con te continuare il mio e Cristo nel mezzo: è la comunità -
viaggio. viva la companì.-
Io ti cerco in tutte le case
a tutti parlo di te
e quel mondo lontano lontano
ora è sempre più vero
La la la la la...

203
204
CANTI
STRANIERI

205
206
Canti spagnoli e
pensando que a banda tocava pra ela
A marcha
sudamericani alegre
se espalhou na avenida
e isistiu
A banda A lua cheia
que vivia escondida
Estava à tôa na vida surgiu
Omeu amor me chamou Minha cidade
Pra ver a banda passar tôda se enfeitou
Cantando coisas de amor : Pra ver a banda passar
A minha gente sofrida caintando caisas de amor.
Despedius-se da dor
Pr ver abanda passar Mas para meu desencanto
Cantando coisas de amor o que rea doce acabou
Tudo tomou seu lugar
O homen serio Depois que a banda passaou
que contava dinheerio E cada qual no seu canto
parou E em cada canto uma dor
O faroleiro Depois da banda passar cantando
que contava vantagens coisas de amor.
parou
para ver, ouvier e darpassagen
A môça triste Adios
que vivia calada
soriu Adios con el corazòn
A rosa triste Que con el alma no puedo.
que vivia fechanda A despedirme de tí
se abriu de sentimento me muero.
E a meninada
tôda se assanhou Tú seràs el bien de mi vida,
pra cer a banda Tú seràs el bien de mi alma,
passar cantando coisas de amor tú seràs el pajaro pinto
que alegre canta por la mañana.
O velho fraco
se esqueceu do casnaço Addio con il cuore poichè con l’anima
e pensou non posso. Ad allontanarmi da te mi
que ainda era moço sento morire di malinconia. tu sarai il
pra sair do terraço bene della mia anima, tu sarai il bene
e dançou della mia vita, tu sarai l’uccellino colorato
che canta allegramente al mattino.
A môça feia
debruçou na janela
207
Aire castellano leones Aire que me lleva...

Aire que me lleva el aire, A la pesca del Atun


aire que el aire me lleva;
aire que me lleva el aire, A la pesca del atún
aire que el aire me lleva. se van los mozos;
Aire que me lleva el aire, que no se enfade la mar
el aire de mi morena y vuelvan todos.
aire que me lleva el aire, ¡ay madre, que se me va,
el aire de mi morena que se me marcha mi novio!

El aire de mi morena, De la pesca del atún


el aire de esa mujer; vendrán los mozos,
el aire de mi morena, y traerán las barcas llenas
el aire de esa mujer. de peces de oro.
Y yo como soy del aire, ¡ay madre me casaré
del aire me enamoré; si quiere el mar, en otoño!
y yo como soy del aire
del aire me enamoré. Tengo las redes llenas
manos vacías,
Aire que me lleva... las redes son del amo
las manos mías;
Aunque no haga falta el agua estaba el mar vacío,
pon el cántaro a la fuente; bajo la noche;
aunque no haga falta el agua con sudor lo llenamos
pon el cántaro a la fuente, los pescadores.
por ver aquellas mocitas
que son guapas y valientes, Está el campo sombrío
por ver aquellas mocitas de madrugada;
que son guapas y valientes. con las manos hacemos
la luz del alba.
Aire que me lleva... ¿Cuándo será la tierra
tuya en tus manos,
En medio la plaza estoy tuya la barca y redes
nadie me puede echar fuera; y el mar tu esclavo?
en medio la plaza estoy
nadie me puede echar fuera; De la pesca del atún
y aquí cantamos nosotros, vendrán los mozos,
salga el sol por donde quiera; y traerán las barcas llenas
y aquí cantamos nosotros, de peces de oro.
salga el sol por donde quiera. ¡ay madre me casaré
208
si quiere el mar, en otoño! Entre los naranjos la luna lunera,/
ponía en su frente su luz de azahar ,/
y cuando apuntaban las claras del
El alcalde de Arrigorriaga día,/
llevaba reflejos del verde olivar.
El alcalde de Arrigorriaga
tiene mucha ilustración.(Bis) Antonio Vargas Heredia
Flor de la raza calè,
Porque sabe tocar el txistu, cayò el mimbre de tu mano
también toca el acordeón; y de tu boca el clavel (dos veces)
también toca la pandereta de Puente Genil, Lucena
y se llama Pantaleón. de Loja a Benameji (bis)
Las mocitas de Sierra Morena
Pantaleón, Pantaleón... Se mueren de pena llorando por ti.
Antonio Vergas Heredia
Se mueren de pena llorando por ti.
Alecrim Era Antonio Vargas Heredia el
gitano,/
Alecrim, alecrim dourado que nasceu el màs arrogante y el mejor plantao,/
no campo sem ser semeado. y por los contornos de Sierra Morena/
no lo hubo màs bueno, màs guapo y
Ai, meu amor, ai meu amor, honrao./
que me disse assim Pero por culpita de una hembra
que a flor de campo è o alecrim. gitana/
su faca en el pecho de un hombre se
Fiorellino, fiorellino color dell’oro che sei
nato nel campo senza essere seminato.
hundiò,
Ahi, il mio amore, il mio amore, che mi los celos malditos cegaron sus ojos
disse così che il fior di campo è questo y preso en la trena de rabia llorò.
fiorellino.
Antonio Vargas Heredia
Flor de la raza calè,
Antonio Vargas Heredia cayò el mimbre de tu mano
y de tu boca el clavel (dos veces)
Con un clavel grana sangrando en la de Puente Genil, Lucena
boca,/ de Loja a Benameji (bis)
con una varita de mimbre en la Las mocitas de Sierra Morena
mano,/ Se mueren de pena llorando por ti.
por una vereda que llega hasta el Antonio Vergas Heredia
río,/ Se mueren de pena llorando por ti.
iba Antonio Vargas Heredia el
gitano./
209
Aquarela E o futuro è uma astronave que
tentamos pilotar
Numa folha qualquer eu desenho Não tem tempo nem piedade
Um sol amarelo Nem tem hora de chegar
E com cinco ou seis retas Sem pedir licença muda nossa vida
E' fàcil fazer um castelo E depois convida a rir ou chorar
Corro o làpis em torno da mão Nessa estrada não nos cabe conhecer
E me dou uma luva ou ver
E se faço chover com dois riscos O que virà
Tenho um guarda-chuva O fim dela ninguèm sabe ao certo
Se um pinguinho de tinta Onde vai dar
Cai num pedacinho azul do papel Vamos todos numa linda passarela
Num instante imagino uma linda De uma aquarela
gaivota Que um dia enfim descolorirà.
A voar no céu
Vai voando contornando a imensa
curva Balada de caridade
Norte-Sul vou com ela
Viajando Havaì, Pequim ou Istambul Para min a chuva no telhado
Pinto um barco a vela navegando é cantiga de ninar,
E' tanto cèu e mar num beijo azul mas o pobre meu irmão...
Entre nuvens vem surgindo um lindo Para êle a chuva fria
avião vai entrando em seu barraco
Rosa e grenà tudo em volta e faz lama pelo chão.
Colorindo com suas luzes a piscar
Basta imaginar que ele està partindo Como posso ser feliz
Sereno e indo e se a gente quiser se ao pobre meu irmão,
Ele vai pousar eu fechei o coraçao,
Numa folha qualquer eu desenho meu amor eu recusei?
Um navio de partida Como posso...
Com alguns bons amigos
Bebendo de ben com a vida Para min o vento que assobia
De uma Amèrica a outra é noturna melodia,
Eu consigo passar num segundo mas o pobre meu irmão...
Giro um simples compasso ouve o vento, angusiado,
E num cìrculo eu faço o mundo pois o vento, êste malvado,
Um menino caminha e caminhando lhe desmancha o barracão.
Chega num muro
E ali logo em frente a esperar pela Como posso ter sono sossegado
gente se no dia que passou
O futuro està os meus bracos eu cruzei?

210
Per me la pioggia sul tetto, è una
cantilena da ninna nanna, ma il mio Con un si que dio la novia
fratello povero... per lui la pioggia fredda a la puerta de la iglesia;
penetra nella baracca e forma fango sul con un si que dio la novia
pavimento. Come posso essere felice se al
povero mio fratello ho chiuso il mio cuore
entró libre y salió presa.
e ho rifiutato il mio amore? Per me il
vento che fischia è una melodia, ma il Crezca el honor...
mio fratello povero...Ascolta il vento,
angustiato, perchè il vento, questo Qué bonita está la sierra
malvagio gli distrugge la baracca. Come con el tomillo florido;
posso dormire tranquillo se nel giorno che más bonita está la novia
passò me ne sono stato a braccia en brazos de su marido.
incrociate?
Crezca el honor...

Canto del honor


Las cintas de mi capa
Licencia pido a la novia
Cual las olas van amantes a besar,
y también a la madrina
las arenas de la playa con fervor,
y a los padres de la novia
así van los besos míos a buscar
para rondar a esa niña.
de la playa de tus labios el calor.
En el suelo de tu alcoba
Si del fondo de la mina es el metal,
hay un charco y no ha llovido;
y del fondo de los mares el coral,
son lágrimas de mis ojos
de lo mas hondo del alma me broto
que por ti tengo vertidas.
el cariño que te tengo, tengo yo.
Crezca el honor de la espiga y el
Enredándose en el viento
trigo,
van las cintas de mi capa,
crezca el honor de novios y padrinos,
y cantando a coro dicen:... ¿qué
crezca el honor de los mozos y
dicen?
mozas,
“Quiéreme, niña del alma.”
crezca el honor de la espiga y la
rosa.
Son las cintas de mi capa,
de mi capa estudiantil,
Paloma del palomar,
y un repique de campanas (Bis)
¿quién te ha quitado los vuelos
cuando yo te rondo a ti.
que no has podido bajar
desde el palomar al suelo?
No preguntes cuando yo te conocí,
ni averigües las razones del querer;
Crezca el honor...
sòlo sè que mis amores puse en ti,
211
el por què no lo sabría responder. y al miedo lo vence el riesgo.
Dios se propone a nosotros
Para mi no cuenta el tiempo ni razón, y nos cambia por adentro.
de porque te quiero tanto, corazón;
con tu amor a todas horas viviré, sin Cambiamo l’uomo, diamo un significato
tu amor, cariño mío, moriré. alla vita, riconosciamo in noi stessi una
storia e un destino, corriamo il rischio di
essere uomini nuovi. E’ un incontro
Enredándose en el viento...
inevitabile a cui nessuno può sfuggire, è
la risposta alle domande per coloro che
cercano il significato più profondo della
Cambiar al hombre realtà. Ascoltate voi che lo desiderate:
tutto grida la verità. Dio si mostra nel
Cambiar, cambiar al hombre, mondo attraverso le cose quotidiane. Ci si
darle a la vida un sentido. inoltra nel mistero attraverso la ricerca
Reconocer en nosostros appasionata e il nostro rapporto con la
una historia y un destino. realtà creata. Date tempo a questo
cammino, perchè aspettare non è stare
Ay, ay, ay, correr el riesgo
fermi. Nel mondo i semplici sono i segni
Ay, ay, ay, ser hombres nuevos. più veri di questa nuova realtà che ti porta
(2 volte) a una nuova nascita. Il vuoto è superato e
Es encuentro inevitable, la paura è vinta nel rischio. Dio si dà a noi
nadie se puede escapar. e ci cambia dal di dentro.
Es respuesta a las preguntas
para quien quiera encontrar
el sentido màs profundo A canoa
de toda esta realidad.
El que quiera oir que oiga, Si a canoa virou, deixa a virar:
todo grita la verdad. foi por causa de Maria, que não soube
remar.
Dios se muestra por el mundo Si a canoa...
en las cosas cotidianas.
Se va entrando en el misterio A canoa vai nadar, oilì oilì oilà,
por la busqueda anhelada, oilì oilà.
a travès del compromiso A canoa...
con la realitad creada.
Tiempo al tiempo en el camino Rema ,rema, rema remador;
pues la espera no es parada. oh rema e leva longe o meu amor.
Rema, rema...
Ser signos verdareros,
en el mundo los mas simples,
de esta realidad màs grande Carbonero
que te hace nacer de nuevo.
El vacío se supera Madre, mi carbonero no vino anoche
212
y le estuve esperando hasta las doce. sem ter fim
Carbón, carbón, carbón. Que é pra acabar com esse negòcio
Carbón de encina y picòn, De viver longe de mim
carbón de encina, picòn de olivo; Não quero mais esse negòcio
niña bonita vente conmigo. De voce viver assim
Vamos deixar desse negòcio
Madre, mi carbonero viene de Vèlez De voce viver sem mim
y en el sombrero trae cuatro claveles.

Tiene mi carbonero en el sombrero, Cielito lindo


un letrero que dice: "cuanto te
quiero!" Ay, ese lunar que tienes,
cielito lindo, junto a la boca,
no se lo des a nadie, cielito lindo,
Chega de saudade que a mi me toca.

Vai minha tristeza Ay, ay, ay, ay, canta y no llores,


E diz a ela que porque cantando se alegran,
sem ela não pode ser cielito lindo, los corazones.
Diz-lhe numa prece
Que ela regrese El pàjaro que abandona,
Porque eu não posso mais sofrer cielito lindo, su primer nido,
Chega de saudade si lo encuentra ocupado,
A realidade é que sem ela cielito lindo, bien merecido.
Não ha paz não hà beleza
É sò tristeza e a melancolia De la Sierra Morena,
Que nao sai de mim cielito lindo, vienes bajando
Nao sãi de mim unos ojitos negros,
Nao sãi cielito lindo, de contrabando.
Mas se ela volta
Se ela volta Ay, quel neo che hai, mio bel cielo, vicino
Que coisa linda alla bocca, non darlo a nessuno, mio bel
Que coisa louca cielo, perchè è mio. Ay, ay, ay, ay, canta e
non piangere, perchè cantando si
Pois ha menos peixinhos
rallegrano, mio bel cielo, i cuori.
a nadar no mar L’uccellino che abbandona, mio bel cielo,
Do que os beijinhos il suo primo nido, se lo ritrova occupato,
Que eu darei na sua boca mio bel cielo, se l’è voluto. Dalla Sierra
Dentro dos meus braços os abraços Morena, mio bel cielo, stanno scendendo
Hão de ser milhoes de abraços due occhietti neri mio bel cielo di
Apertado assim, colado assim, calado contrabbando.
assim,
Abraços e beijinhos e carinhos
213
Clavelitos
Come il bambino piccolo, affaticato e
Mocita dame el clavel, triste cerca riposo e conforto tra le braccia
di sua madre, così io, fin da quando brilla
dame el clavel de tu boca;
la bianca luce dell’aurora, vengo a
que pa´eso no hay que tener cercare, o Signora, la tua celeste
mucha vergüenza ni poca. protezione.
yo te daré el cascabel,
te lo prometo, mocita,
si tu me das esa miel
que llevas en la boquita. Como un milagro
Clavelitos, clavelitos, En silencio me llegò tu amor
clavelitos de mi corazón. Tan sutil como el abrir de una flor
yo te traigo clavelitos Casi fue como un milagro
colorados igual que un fresón.
Si algún día clavelitos Si tù supieras cuànto te he besado con
no lograra poderte traer, el pensamiento,
no te creas que ya no te quiero Si tù supieras cuànto has penetrado
es que no te los pude coger. ya en mi sentimiento.
Te siento como aroma que alegra mi
La tarde que a media luz vida
vi tu boquita de guinda Te siento como àngel que en mi alma
yo no he visto en Santacruz se anida
una boquita más linda; Maravilla de quererte y de estar junto
y luego al ver el clavel a tì.
que llevabas en el pelo,
mirándolo creí ver Cuando tù quieras de lo que he
un pedacito de cielo. pensado realidad haremos
Cuando tù quieras todo lo sonado lo
Clavelitos... viviremos
Serà un milagro màs. Milagro.

Como busca In silenzio mi arrivò il tuo amore, così


delicato
Como busca el tierno infante come l’aprirsi di un fiore. E’ stato quasi
afligido y pesaroso un
el descanso y el reposo miracolo
en el seno maternal, Se tu sapessi quanto ti ho baciato col
pensiero.
asi yo desde que brilla
Se tu sapessi come sei già penetrato nel
la luz blanca de la aurora mio sentimento.
vengo a buscar, o Señora Ti sento come un aroma che rallegra la
tu protección celestial. mia vita
214
Corcovado E quando scendo, questa discesa diventa
una salita. Non so cos’ha la mia Vergine,
Um cantinho um violao non so cos’ha quando mi guarda. I suoi
occhi sono come stelle: che io possa
este amor, Uma cançao
sempre specchiarmi in essi.
pra fazer feliz a quem se ama

Muita calma pra pensar


e ter tempo pra sonhar Cuando la noche tiende su manto
da janela vêse o Corcovado
e o Redentor que lindo! Cuando la noche tiende su manto
Quero a vida sempre assim y el firmamento viste de azul,
com vocè perto de mim no hay un lucero que brille tanto
atè o apagar da velha chama como esos ojos que tienes tú.
Bella Aurora, si es que duermes en
E eu que era triste brazos de la ilusión,
descrente deste mundo despierta si estás dormida, morena sí,
Ao incontrar voce eu conheci para escuchar mi canción. (2 v.)
o que è felicidade, meu amor
Bella niña sal al balcón,
que te estoy esperando a tí, a tì, a tì,
para darte la serenata, sólo, sólo para tí.
Cuando de mi Patrona (2 v.)

Cuando de mi Patrona voy a la ermita


se me hace cuesta abajo la cuesta Desafinado
arriba;
y cuando bajo, (2 volte) Se você disser que
se me hace cuesta arriba la cuesta eu desafino, amor
abajo. Saiba que isso em mim
y cuando... provoca imensa dor

No sé no sé que tiene mi Virgencita, Sò privilegiados tèm ouvido


no sé no sé que tiene cuando me igual ao seu
mira. Eu possuo apenas
Que son sus ojos como luceros: o que Deus me deu
Ay, quien pudiera siempre mirarse en
ellos! Se você insisted em classificar
Que son sus ojos… meu comportamento de antimusical
Eu mesmo mentindo
Quando vado all’eremo della mia Signora Devo argumentar
la salita è come una discesa. E quando
Que isto é bossa nova
scendo, questa discesa diventa una salita.
Que isto é muito natural
215
son de Santurce
O que voce não sabe las traigo yo
nem sequer pressente
é que os desafinados La del primero me llama,
também tèm um coração la del segundo también,
la del tercero me dice:
Fotografei voce ¿A cuánto las vende usted?.
na minha Rolleyflex
Revelou-se a sua Si yo le digo que a cuatro,
enorme ingratidão ella me dice que a tres.
Sò nao poderà falar cojo la cesta y me marcho:
assim do meu amor
Este é o maior ¿Quién...
que você pode encontrar

Vocè com a sua mùsica


esqueceu o principal
é que no peito El Ebro guarda silencio
dos desafinados
No fundo do peito El Ebro guarda silencio
bate calado Al pasar por el Pilar.
Que no peito La virgen está dormida (bis)
dos desafinados No la quiete despertar.
também bate um coração
Un carretero que viene
Cantando por el rabal
Lleva en el toldo pintada (bis)
Desde santurce a Bilbao Una Virgen del Pilar

Desde Santurce a Bilbao Con trigo de cinco villas


vengo por toda la orilla, Viene de Sierra de Luna
con la falda remangada Y en los collarones llevan
luciendo la pantorrilla. Campanas, campanas,
Campanas las cinco mulas.
Vengo deprisa y corriendo
porque me oprime el corsé; Besos de nieve y de cumbre
voy gritando por las calles: Lleva el aire del Moncayo
Y las mulas van haciendo
¿Quién compra Heridas, heridas,
sardinas frescues? Heridas al empedrado.
Mis sardinitas,
¡qué ricas son!
216
Cruzando el Puente de piedra Despierta un deseo
Se oye una brava cancion Casi dormido:
Y en las torres las campanas (bis) El mar, el mar.
Estan tocando a oraciòn.
Cual gaviota blanca
Dos besos traigo en los labios Volando sin freno
Pa mi Virgen del Pilar La estela de tus alas
Uno me lo dio mi madre (bis) Sostenga mi vuelo.
El otro mi soledad. Al fin de la vida
Cumplido el camino
El perro del caretero De tu mano, amigo,
Juega con la mula torda Arribe a la mar.
Y es que saben que han llegado
Llegado, llegado,
Que han llegado a Zaragoza. El noi de la Mare

El Ebro guarda silencio Que li darem a n’el Noi de la Mare ?


Al pasar por el Pilar Que li darem li sapiga bon ?
La Virgen esta dormida Li darem panses en unes balances,
Dormida, dormida, Li darem figues en un panero.
non la quiete despertar. Li darem panses en unes balances,
Li darem figues en un panero.

El mar Que li darem al fillet de Maria,


Que li darem a l’hermos Infanto ?
Cuando nace el rìo Panses i figures i nuez i olives,
Entre el valle y la montana Panses i figures i mel i mato.
El tenue sonido Panses i figures i nuez olives,
Del agua que brota Panses i figures i mel i mato.
Dice ya:
el mar, el mar. Tam patantam, que les figures son
verdes,
Al bajar con fuerza Tam patantam, que ja maduraran.
Rìo joven por las rocas Si no maduren el dia de Pasqua,
En tu blanca espuma Maduraran en el dia del Ram.
Un grito incansable : Si no maduren el dia de Pasqua,
Dònde està! Maduraran en el dia del Ram.
El mar, el mar.

Perdido en la llanura
Busco donde descansar
Tu rostro amigo
217
En lo alto el Pirineo que alumbra con luz prestada.
Sòlo al cantor
Que la nieve ardía. que canta coplas del alma,
Y en el alto Pirineo, soñé que la nieve le estrella en el corazòn
ardía, el sol que trepa por su voz.
y por soñar lo imposible soñé, que tú
me querías. Cantor, para cantar,
Soñé que tú me querías y en el si nada dicen tus versos,
alto el Pirineo ay, para què
vas a callar al silencio ?
si es el silencio un cantor
Entre a mi pago sin golpear lleno de duendes en la voz.

Fue mucho mi penar Mi pueblo es un cantor


andando lejos del pago que canta la chacarera.
tanto correr No ha de cantar
pa’llegar a ningùn lado. lo que muy dentro no sienta.
Y estaba donde nacì Cuando lo quiera escuchar,
lo que buscaba por ahì. entre a mi pago sin golpear.

Es oro la amistad La vida me han prestao’…’


que no se compra ni vende.
sólo se da cuando Eres alta y delgada
en el pecho se siente.
No es algo que se ha de usar Eres alta y delgada como tu madre,
cuando te sirva y nada màs. morena salada, como tu madre.
Bendita sea la rama que al tronco
Asì es como se dan sale,
en la amistad mis paisanos. morena salada, que al tronco sale.
Sus manos son
pan cacho y mate cebado. Toda la noche estoy,
Y la flor de la humildad niña, pensando en ti;
suele su rancho perfumar. yo de amores me muero
desde que te vi; morena salada,
La vida me han prestao’ desde que te vi
y tengo que devolverla
cuando el Creador Eres como la rosa de Alejandría,
me llame para la entrega. morena salada, de Alejandría;
Que mis huesos, piel y sal colorada de noche, blanca de día,
abonen mi suelo natal. morena salada, blanca de día.

La luna es un terròn Toda la noche...


218
Cuando vuelves del campo, vuelves Estudiantina madrilena
airosa
morena salada, vuelves airosa; Por las calles de Madrid,
vienes coloradita como una rosa bajo la luz de la luna,
morena salada, como una rosa. de Cascorro a Chamberí
pasa rondando la tuna;
Toda la noche... su alegría y buen humor
son en la noche abrileña,
como un requiebro de amor
En que nos parecemos a la mujer madrileña.

En qué nos parecemos, Asómate, asómate al balcón


tu y yo a la nieve. carita de azucena
yo (tu) en lo blanca y hermosa. y así veras que pongo en mi canción
yo (tu) en deshacerme (te). suspiros de verbena.
Asómate, ciñéndote un mantón
A los álamos altos de la China, la China.
los mueve el viento, Asómate, asómate al balcón
y a los enamorados a ver la estudiantina.
el pensamiento.
Clavelito rebonito del jardín de mi
Madrid,
En el monte Gorbea madrileña no nos plantes, porque
somos estudiantes y cantamos para ti.
En el monte Gorbea, en lo mas alto
hay una cruz de amor. Asómate, asómate al balcón
haciendo guardia en ell, carita de azucena
la hermosa aldea donde eres tú. y así veras que pongo en mi canción
suspiros de verbena.
Marichu ven, Asómate, ciñéndote un mantón
escúchame: de la China, la China.
óyeme esta canción de amor, Asómate, asómate al balcón
que suele ser, a ver la estudiantina.
amanecer al toque de oración.
Marichu, sube al alto y veras
a la cruz de Gorbea brillar. Este es el día del Señor
y cuando estés arriba dirás:
¡Aurrera mutillak! Este es el día del Señor.
La, la , lara... Este es el tiempo de la misericordia
(2 volte)

219
Delante de tus ojos perchè abbiamo a cantare le tue opere e
ya no enrojeceremos vivere le primizie del tuo regno. Saremo
a causa del antiguo una razza nuova per i cieli, nuovi stirpe di
sacerdoti secondo il tuo Primogenito.
pecado de tu pueblo.
Saranno abbattuti gli oppressori ed
Arrancarás de cuajo esulteranno i servi; i figli della colpa
el corazón soberbio saranno i tuoi eredi. Allora indicherai il
y harás un pueblo humilde giorno del ritorno per coloro che
de corazón sincero. mangiarono il pane nell’esilio. Esultino le
mie viscere! Si rallegri il mio popolo!
En medio de las gentes, Perchè il Signore è giusto, revoca i suoi
nos guardas como un resto decreti: la salvezza si annuncia dove
para cantar tus obras l’inferno assaltava, perchè il Signore abita
in mezzo al suo popolo.
y adelantar tu reino.
seremos raza nueva
para los cielos nuevos;
Estudiantina Portuguesa
sacerdotal estirpe,
según tu Primogénito.
Somos cantores de la tierra Lusitana,
traemos canciones de los aires y del
Caerán los opresores
mar,
y exultarán los siervos;
vamos llenando los balcones y
los hijos del oprobio
ventanas
serán tus herederos.
de melodías de la antigua Portugal.
Señalarás entonces
Oporto riega en vino rojo sus
el día del regreso
praderas;
para los que comían
de flores rojas va cubriendo el litoral,
su pan en el destierro.
verde es el Tajo, verdes son sus dos
riberas
Exulten mis entrañas!
los dos colores de la enseña nacional.
Alégrese mi pueblo!
porque el Señor es justo,
¿Por qué tu tierra toda es un encanto?
revoca sus decretos:
¿Por qué, por qué se maravilla quien
la salvación se anuncia
te ve?
donde acechó el infierno,
¡ay! Portugal ¿por qué te quiero
porque el Señor habita
tanto?
en medio de su pueblo.
¿Por qué, por qué te envidian todos?
¡ay! ¿porqué?
Questo è il giorno del Signore, il tempo
della misericordia. Davanti ai tuoi occhi
già non soffriremo vergogna a causa del ¿Será que tus mujeres son hermosas?
peccato antico del tuo popolo. Strapperai ¿Será , será que el vino alegra el
dalla radice il cuore superbo e genererai corazón?,
un popolo umile dal cuore sincero. Tra
tutte le genti ci custodisci come un resto,
220
¿Será que huelen bien tus lindas Desde la arena me dice: " niña
rosas? morena,
¿Será, será que estas bañada por el porqué me lloras, carita de
sol? emperaora,
dame tus risas mujer,
que soy torere andaluz,
Fica mal con Deus y llevo al cuello la cruz de Jesus
que me diste tu'".
Fica mal con Deus
quem não sabe dar, Francisco Alegre corazon mío
fica mal comigo j en de su capa sobre la arena del
quem não sabe amar. (2 volte) preguntè .
Francisco Alegre tiene un vestido
Vou pelo caminho vou, con un " te quiero " que entre
vou como quem quer chegar. suspiros yo le bordè.
Quem quiser comigo ir Torito bravo no me lo mires de esa
tem que vir do amor, manera
tem que ter pra dar. deja que adorne tus rizos negros con
Fica mal con Deus su montera.
quem não sabe dar, Torito noble, ten compasiòn,
fica mal comigo que entre bordaos, lleva encerrao
quem não sabe amar. (2 volte) Francisco Alegre y olè, mi corazòn.

Sta male con Dio chi non sa dare, sta En mi ventana tengo un letrero
male con me chi non sa amare. Sta male pa que lo venga a mirar,
con Dio chi non sa dare, sta male con me Francisco Alegre y olè, Francisco
chi non sa amare. Vado per una strada,
Alegre y olà.
vado come uno che vuole arrivare. Chi
vuole venire con me deve venire
En el que dice " cuànto te quiero "
dall’amore, deve avere per dare. pero què pena me da,
por culpa de otro querer, no nos
podemos casar.
Francisco Alegre Desde la arena me dice: "niña
morena, quièn te enamora, carita de
En los carteles han puesto un nombre emperaora
que yo no lo quiero mirar, ya no te acuerdas mujer,
Francisco Alegre y olé, Francisco de este torero andaluz,
Alegre y ola'. que lleva al cuello la cruz de Jesùs
La gente dice: " vivan los hombres" que le diste tù".
cuando los ven torear;
yo estoy rezando por él con la Francisco Alegre corazon mío
boquita cerra'. j en de su capa sobre la arena del
preguntè .
221
Francisco Alegre tiene un vestido Granada, tierra soñada por mi,
con un " te quiero " que entre mi cantar se vuelve gitano cuando es
suspiros yo le bordè. para ti.
Torito bravo no me lo mires de esa Mi cantar hecho de fantasìa,
manera mi cantar, flor de melancolía
deja que adorne tus rizos negros con que yo te vengo a dar.
su montera.
Torito noble, ten compasiòn, Granada, tierra ensangrentada
que entre bordaos, lleva encerrao En tarde de toros.
Francisco Alegre y olè, mi corazòn. Mujer que conserva el embrujo
De los ojos moros.
Te sueño, rebelde, gitana,
Garota de Ipanema Cubierta de flores,
Y beso tu boca de grana, jugosa
Olha que coisa mais linda, manzana
mais cheia de graça Que me habla de amores.
É ela menina
que vero que passa Granada, manola cantada
Num doce balanço En coplas hermosas.
caminho do mar No tengo otra cosa que darte
Que un ramo de rosas,
Moça do corpo dourado De rosas de suave fragancia
do sol de Ipanema Que le dieran marco a la Virgen
O seu balançado morena.
é mais que um poema Granada tu tierra està llena
É a coisa mais linda De lindas mujeres, de sangre y de sol
que eu jà vi passar
Granada, terra sognata da me, il moi
Ah, porque estou tão sozinho canto torna gitano quando è per te. Il
Ah, porque tudo e tão triste mio canto fatto di fantasia, il mio
Ah, a beleza que existe canto, fiore di malinconia, che io ti
A beleza que não é sò minha voglio dare. Granada, terra
que também passa sozinha insanguinata nei pomeriggi di tori,
donna che conserva il sortilegio degli
Ah, se ela soubesse occhi neri. Di sogno, ribelle, gitana,
que quando ela passa coperta di fiori, e bacia la tua bocca
O mundo sorrindo di rosa, sugosa mela che mi parla di
se enche de graça amori. Granada, popolana cantata in
E fica mais lindo ritornelli preziosi, non ho altra cosa
por causa do amor da darti che un ramo di rose, di rose
Granada di soave fragranza che hanno fatto da
cornice alla Vergine morena.
222
Granada, la tua terra piena di belle Que sí que, que no que,
donne di sangue e di sole. que a mi novia le gustan los
albaricoques;
que no que, que si que,
Guantanamera que a mi novia le gusta el palique.

Yo soy un hombre sincero de donde No canto porque bien canto,


crece la palma; (bis) no canto porque bien sé;
y antes de morir me quiero echar mi los que cantan son los curas,
versos del alma. que cantando ganan cuartos.

Guantanamera, guajira, Arriba, abajo,


guantanamera.(2 volte) que a mi novia la he visto el refajo.
abajo, arriba,
Mi verso es de un verde claro y de un que a mi novia la he visto la liga.
carmín encendido, (bis)
mi verso es un ciervo herido que Al curita de mi pueblo
busca en el monte amparo. se le ha roto la sotana,
corriendo tras una moza
Cultivo la rosa blanca en julio como un lunes por la mañana
en enero, (bis)
para el amigo sincero que me da su Que si que, que no que...
mano franca.
El cura que te casó
Y para el cruel, que me arranca el debía de estar borracho
corazón con que vivo, (bis) porque no te preguntó
cardos ni orugas cultivo, cultivo la si eras hembra o eras macho.
rosa blanca.
Arriba, abajo...
Yo sé de un pesar profundo entre las
penas sin nombre: (bis)
la esclavitud de los hombres es la Jotas castellanas
más pena del mundo.
Y a coger caracoles iban
dos tuertos,
Jotas del que sí que con un ojo cerrado
y el otro abierto;
Los curas y taberneros y el otro abierto, niña,
son de la misma opinión; y el otro abierto,
cuantos más bautizos haya y a coger caracoles
mas pesetas al cajón. iban dos tuertos.

223
Si tienes un dedo malo, viva la sal de mi novia,(Bis)
úntatelo con aceite; salero, viva el salero.
si no se te pone bueno
se te pondrá reluciente;(Bis) Ay chatún, chatún,
si tienes un dedo malo. Gomesaracín,
el campo, el arroyo
Y a la puerta de un ciego y a chañe a vivir (3 v.)
cantaba un cojo, ay chatún, chatún,
si me das una pata Gomesaracín.
te doy un ojo;
te doy un ojo, niña, Todas las efes tenía,
te doy un ojo la primera novia que tuve;
y a la puerta de un ciego todas las efes tenía;
cantaba un cojo. Francisca, fresca, fregona,
fea, flaca, floja y fría.
Yo tengo una novia persa Francisca, fresca, fregona,
y no la puedo besar, fea, flaca, floja y fría.
porque si le quito el velo
se cabrea el ayatolá(Bis) Ay chatún chatún ...
yo no tengo una novia persa.
Es un cantar verdadero
Y en la oreja de un sordo el cantar del la, la, la
cantaba un mudo es un cantar verdadero,
y un ciego les miraba empieza por la, la, la
con disimulo; termina por la, la , lero.
con disimulo, niña, Empieza por la, la, la
con disimulo termina por la, la , lero.
y en la oreja de un sordo cantaba un
mudo. Ay chatún chatún...

Hay arriba en no sé donde


hay un yo no se que santo La historia de una amapola
que rezando no se que,
te concede no se que cuanto (Bis) La historia de una amapola
hay arriba en no se donde. Que escapò de entre los trigos
Que escapò de entre los trigos
La historia de una amapola
Jotas segovianas Que escapò de entre los trigos
La historia de una amapola
Salero, viva el salero, Que escapò de entre los trigos.
salero, viva Segovia, Que escapò de entre los trigos
salero, viva el salero,(Bis) Dicen que la viò el almendro,
224
Dicen que la viò el olivo, Arriba de la carreta
dicen que la viò la luna De la hermandad de Triana.
por en medio del camino.
Y el lunes por la manana La historia de un almonteno
Ese lunes de gentío Que saliò de cacería ,
Dicen que bajò del cielo Que saliò de cacería ,
Con la Virgen del Rocío La historia de un almonteno
Acariciando su pelo. Que saliò de cacería .

La historia de una pastora Que saliò de cacería


Que saliò de su cortijo Dicen que viò a la pastora
Que saliò de su cortijo Más hermosa todavía
La historia de una pastora Que la flor de la azucena
Que saliò de su cortijo Y la luz del mismo día .
La historia de pastora Queriendo saber quien era
Que saliò de su cortijo. Preguntó y sintió una voz,
Que saliò de su cortijo que le dejo mudo y frío,
Dicen que viò a la amapola "Yo soy la Madre de Dios
Que escapò de entre los trigos Y la Virgen del Rocío ".
Con la que estaba jugando
El divino Pastorcillo.
Y al destaparle la cara, Hoy arriesgaré
con las luces de la aurora,
dicen que gritò el gentio: El drama de la existencia
“tenemos una pastora busca encontrar su verdad,
que es la Virgen del Rocìo”. quiere ocultar su Presencia
su Encarnación olvidar.
La historia de una paloma
que bajò desde los cielos Mi voluntad lucharà
que bajò desde los cielos por mantener su justicia,
la historia de una paloma mi vida es su pertenencia,
que bajò desde los cielos nada me lo impedirà.
la historia de una paloma
que bajò desde los cielos. Hoy cantaré, cantaré mi vida o mi
Que bajò desde los cielos muerte
Dicen que la viò una estrella, Hoy arriesgaré, arriesgaré toda mi
dicen que la viò un lucero, suerte
dicen que la viò la luna Hoy cantaré, cantaré mi vida o mi
bebiendo en un arroyuelo . muerte
Y en lunes de romería Hoy anunciaré, anunciaré que ‘El
Cuando ya el calor aprieta sigue presente.
La vieron por la manana
225
He conocido la fuente l’esistenza come un rischio di un lungo
Que salva al hombre del mal, cammino. Uomini nuovi che lottano con
en mi carne es grito fuerte speranza, che camminano assetati di
verità. Uomini nuovi, senza freni nè
y en mi sangre tempestad.
catene, uomini liberi che esigono libertà.
Uomini nuovi che amano senza confini, al
Mi nueva ley es la historia, di là di ogni razza e luogo. Uomini nuovi
que me ha tocado seguir, a fianco dei poveri, con cui condividono
grande es su misericordia la casa e il pane.
aunque no la merecí.

Lagrima
Hombres Nuevos
Cheia de penas
Danos un corazón grande para amar Cheia de penas me deito
Danos un corazón fuerte para Ecom mais penas
luchar. Com mais penas me levanto
No meu peito
Hombres nuevos, creadores de la Jà me ficou no meu peito
historia, O jeito de te querer tanto
constructores de nueva humanidad.
Hombres nuevos que viven la Desespero
existencia Tenho por meu desepero
como riesgo de un largo caminar. Dentro de min
Dentro de min o castigo
Hombres nuevos, luchando de Eu nao te quero
esperanza, Eu dgo que nao te quero
caminantes, sedientos de verdad. E de noite
Hombres nuevos, sin frenos ni De noite sonho contigo.
cadenas,
hombres libres que exigen libertad. Se considero que um dia hei-de
morrer
Hombres nuevos, amando sin No desespero
fronteras, Que tenho de te nao ver
por encima de razas y lugar. Esistendo o meu saile
Hombres nuevos, al lado de los Esistendo o meu saile no chao
pobres, Esistendo o meu saile
compartiendo con ellos techo y pan. E deixo me adormecer

Dacci un cuore grande per amare. Dacci Se eu soubesse


un cuore forte per lottare. Uomini nuovi, Se eu soubesse que morrendo
creatori della storia, costruttori di nuova Tu mehavias de chorar
umanità. Uomini nuovi che vivono
Por uma lagrima
226
Por uma lagrima tua y alfombrarte con claveles la Gran
Que alegria Vía,
Me deixaria metar. y a bañarte con vinillo de Jerez.
En Chicote una agasajo postinero,
con la crema de la intelectualidad,
y la gracia de un piropo retrechero,
Lela màs castizo que la calle de Alcalà.

Estàn las nubes llorando Madrid, Madrid, Madrid


Por un amor que morreu Pedazo de la España en que nacì
Estan las ruas mojadas Por algo te hizo Dios
De tanto como choveu. La cuna del requiebro
Y del chotís.
Lela, Lela, Lelina por quein yo
Muero Madrid,
Quero mirarme en las ninas de tus Madrid, Madrid
Ojos En Mejico se piensa mucho en ti
No me dejes, ten compasiòn de mi Por el sabor que tienen tus verbenas
Sin tì, sin tì no puedo vivir. Por tantas cosas buenas que
sonamos desde aquì
Dame aliento con tus palabras Y vas a ver lo que es canela fina
Dame calor con tu corazòn Y armar la tremolina cuando llegues
Dame luz con tus miradas a Madrid.
Dame vida con tu dulce amor

Stanno piangendo le nuvole per un amore Meu são Bendito


che finisce, le strade si bagnano per tutto
il mio pianto. Lela, Lela, Lelina che amo Meu são Bendito…oh…
tanto, voglio vedermi riflesso nella luce
dei tuoi occhi. Non lasciarmi ed abbi
Ajuda os filinhos da prêta a nascer:
compassione di me, senza di te non posso, uma belezura de olhos bonitos, de
non posso vivere. Dammi il respiro con le alma bonita.
tue parole, dammi calore con il tuo cuore, Senhor, me faz êeste favor!
dammi luce con il tuo sguardo, dammi
vita con il tuo dolce amore. Meu são Bendito… oh…
Ajuda os filinhos da prêta acrescer:
vever com coragem, saber que e
Madrid vantagem
ser menos dos outros aqui
Cuando llegues a Madrid, chulona quando a gente subir.
mia;
voy a hacerte Emperatriz de Meu são Bendito…oh…
Lavapiès ; Ajuda os filinhos da prêta a entender
227
que o preto da pele so prega na alma
do filho que saber La vida, bien mio,
que è preciso sofrer. y el alma también
te ofrezco gustoso
Meu são Bendito…oh… rendido a tus pies.
Ajuda os filinhos da prêta a rezar,
prà nosso Senhor Jesus Christo levar De mi no te ausentes
os filinhos da prêta prà là. pues, sin ti yo qué haré?
Quando o dia chegar. Cuando tu te vayas
haz por llevarme.
Mio san Benedetto…oh… aiuta i figli
della negra a nascere: una bellezza con gli
occhi belli, d’animo buono. Signore Nossa Senhora, Mae de Jesus
fammi questo favore! Mio san Benedetto
aiuta i figli della negra a conoscere: a
vivere con coraggio, a sapere che è un Nossa Senhora, Mae de Jesus,
vantaggio essere gli ultimi di quaggiù Danos a graça da tua luz.
quando tutti saliranno in cielo. Mio san Virgem Maria, Divina Flor,
Benedetto aiuta i figli della negra a capire Danos a esmola do teu amor.
che il nero della pelle si attacca solo
nell’anima del figlio che non vuole sapere Miraculosa Rainha dos céus!
che è necessario soffrire. Mio san Sob o teu manto tecido de luz.
Benedetto aiuta i figli della negra a
Faze com que a guerra acabe na
pregare che nostro Signore Gesù Cristo
porti con sé i figli della negra quaggiù, terra.
quando il giorno arriverà. E haja entre os homens a paz de
Jesus.

Nino lindo Se em teu regaço Bendita Mae,


Toda a amargura rimédio tem:
Nino lindo as nossas almas pedem que vas,
ante ti me rindo, Junto da guerra fazer a paz!
nino lindo
eres tu mi Dios. Pelas crianças, flores em botao
Pelos velhinhos sem lar nem pao
Esa tu hermosura, Pelos soldados que à guerra vao
ese tu candor Senhora escuta nossa oraçao!
el alma me roba,
me roba el amor.
Ojos de cielo
Con tus ojos lindos
Jesús mirame, Si yo miro el fondo de tus ojos
y sólo con eso tiernos
me consolaré
228
se me borra el mundo con todo su Occhi di cielo, occhi di cielo...
infierno. Se il sole che mi illumina un giorno si
Se me borra el mundo y descubro el spegnesse
e una notte buia vincesse sulla mia vita,
cielo
i tuoi occhi di cielo mi illuminerebbero,
cuando me zambullo en tus ojos i tuoi occhi sinceri, che sono per me
tiernos. cammino e guida.
Occhi di cielo, occhi di cielo...
Ojos de cielo, ojos de cielo,
no me abandones en pleno vuelo. Los ojos de la espaňol.
Ojos de cielo, ojos de cielo
toda mi vida por este sueno. Son como el mar,
Ojos de cielo, ojos de cielo. como el azul del cielo
Ojos de cielo, ojos de cielo. y como el sol.
Son del color,
Si yo me olvidara de lo verdadero, de un clavel que empieza a despertar.
si yo me alejara de lo mas sincero. Son algo mas que las estrellas al
Tus ojos de cielo me lo recordaran anochecer.
si yo me olvidara de lo verdadero.
Olé y olé
Ojos de cielo, ojos de cielo... los ojos de la española
que yo amé
Si el sol que me al umbra se apagara
un dìa Yo fui feliz,
y una noche oscura ganara mi vida, mirando aquellos ojos
tus ojos de cielo me iluminarìan, de mi amor,
tus ojos sinceros, mi camino y guìa. Yo nunca vi ni en el arcoiris
su color,
Ojos de cielo, ojos de cielo... son algo mas,
que las estrellas al anochecer.
Se guardo il fondo dei tuoi occhi teneri
mi si cancella il mondo con tutto il suo Olé y olé
inferno.
los ojos de la española
Mi si cancella il mondo e scopro il cielo
quando mi tuffo nei tuoi occhi teneri. que yo amé,
Occhi di cielo, occhi di cielo, ojos de amor que nunca olvidaré.
non abbandonarmi in pieno volo,
occhi di cielo, occhi di cielo,
tutta la mia vita per questo sogno. Pasacalles
Occhi di cielo, occhi di cielo...
Se io mi dimenticassi di ciò che è vero Pasa la tuna en Santiago
se io mi allontanassi da ciò che è sincero
cantando muy queda
i tuoi occhi di cielo me lo ricorderebbero,
se io mi allontanassi dal vero.
romances de amor.
Luego la noche en sus ecos,
229
los cuelga de ronda
por todo el balcón. Canta compañero,canta,
Pero allá en el templo del Apostol canta bien y canta fuerte
Santo que la calle de esta dama
una niña llora ante su patrón; está en hondo y no lo siente.
porque la capa del tuno que adora, Esos peines...
no lleva la cinta que ella le bordó; El día que tu naciste nacieron todas
(2 v.) las flores
or eso a ti te pusieron
Cuando la tuna te dé serenata, la reina de los amores
no te enamores, compostelana, Esos peines...
que en cada cinta que adorna mi
capa
Hay un trocito de corazón. Piel canela
Y deja a la tuna pasar,
con su tra la, la, la, la. Que se quede el infinito sin estrellas,
o que pierda el ancho mar su
Hoy va la tuna de gala, inmensidad ;
cantando y tocando la marcha nupcial pero el negro de tus ojos que no
suenan campanas de gloria muera,
que dejan desierta la universidad. y el canela de tu piel se quede igual.
Pero allà en el tempo del Apostol
Santo Me importas tú, y tú y tú, y solamente
con el estudiante hoy se va a casar tú (bis)
la galleguiña, melosa, melosa,
que oyendo esta colpa ya no llorarà; Ojos negros,piel canela,
(2 v.) que me llegan a desesperar.

Me importas tú, y tú y tú,y nadie mas


Los peines que tú.

Esos peines que peinan tu pelo


no son de oro que son de cristal´ Pon tus manos
cada vez que los miro y los veo
se me van, se me van, se ma van, Pon tus manos en la mano del Senor
se me van, se me van, se me van, se de Galilea
me van. Pon tus manos en la mano del Senor
Se me van las cabras al sembrado que calma el mar.
viene le guardia y me denuncia a mí.
Estas cosas que a mi me suceden Es Jesús el que te va a guiar
es por ti, es por ti, es por ti noche y día sin cesar
es por ti,es por ti,es por tí.
230
Pon tus manos en la mano del Senor Y son los primeros
que calma el mar. Para convencer…
Llèvelos, y si se decide
Pon tus pies en la huella del Senor de No me moverè de aquì.
Galilea Luego…si alguien se los pide
Pon tus pies en la huella del Senor Nunca se le olvide
que calma el mar. Que yo se los dì.

Es Jesús... Una vara de nardos


Pon tus pies en la huella del Senor Al que quiera saber
que calma el mar. Si serà por fin dueno
De un querer de mujer.
En tus labios las palabras del Senor
de Galilea Llèvelos ustè
En tus labios las palabras del Senor No lo piense màs ;
que calma el mar. mire que en amor
suerte le han de dar.
Es Jesús... Ah… !!!
En tus labios las palabras del Senor
que calma el mar. Lleve ustè nardos, caballero,
si es que quiere a una mujer…
Nardos…No cuestan dinero
Por la calle de Alcalá Y son los primeros
Para convencer.
Por la calle de Alcalà
Con la falda almidonà Por la calle de Alcalà
Y los nardos apoyaos en la cadera, Con la falda almidonà etc.
La florista viene y va
Y sonrìe descarà Nardos…
A to’ el mundo por de la calle de Si alguien se los pide
Alcalà. Nunca se le olvide
Que yo se los dì, que sì !
Y el buen mozo que la ve
Va y le dice : Venga ustè
A ponerme en la solapa lo que quiera, Porompompero
que la flor que ustè me dà
con envidia la verà EI trigo entre "toas" las flores
todo el mundo por la calle de Alcalà. ha elegido a la amapola
y yo elijo a mi Dolores,
Lleve ustè nardos, caballero, Dolores, Lolita, Lola,
si es que quiere a una mujer… y yo,
Nardos…no cuestan dinero Y yo elijo a mi Dolores que es la,
231
que es la flor mas perfumada, Dolo, Comio la miel y el poncho lo abrigo.
Dolores, Lolita, Lo1a. Y fue despues que sonriò,
Y a medianoche el sol relumbrò.
Porompompòm,
poro, porompompero, poròm, Llegaron ya, los Reyes eran tres
Poro, porompompero, poròm. Melchor, Gaspar y el Negro Baltazar
Poro, poròm, pompòm. : Arrope y miel
Le llevaran.
El cateto de tu hermano Y un poncho blanco de alpaca real.
que no me venga con leyes,
que es paro y yo soy gitano Changos y chinitas duermanse
y llevo sangre de reyes. Que ya Melchor, Gaspar y Baltazar
Que es pa, Todos los regalos dejaran
que es paro y yo soy gitano, y lle, Para jugar manana al despertar
y’llevo sangre de reyes, en la,
en la palma de la mano ... El nino Dios muy bien lo agradecio
Comio la miel y el poncho lo abrigo.
Porompompòm ... Y fue despues que sonriò,
Y a medianoche el sol relumbrò.
Verde era la hoja
verde era la rama
Debajo del puente, debajo del puente, Romaria
retumba, retumba, retumba
E' de sonho e de po'
Porompompòm ... o destino de um so'
feito eu, perdido em pensamento
sobre o meu cavalo.
E' de laco e de no'
Los reyes magos de gibeira o jilo'
dessa vida sofrida a sol.
Llegaron ya, los Reyes eran tres
Melchor, Gaspar y el Negro Baltazar Sou caipira pirapora.
Arrope y miel Nossa Senhora de Aparecida
Le llevaran. ilumina a mina escura
Y un poncho blanco de alpaca real. e funda o trem da minha vida. (2 v.)

Changos y chinitas duermanse O meu pai foi peao,


Que ya Melchor, Gaspar y Baltazar minha mae solidao,
Todos los regalos dejaran meus irmaos perderam-se na vida
Para jugar manana al despertar. em busca de aventuras.
Descasei, joguei,
El nino Dios muy bien lo agradecio investi, desisti,
232
se ha' sorte, eu nao sei, nunca vi. la Virgen se sonreía .

Me disseram, porém A Dios tiene entre pañalas


que eu viesse aqui Luminosos como el día,
p'ra pedir, de romaria em prece, la más hermosa del mundo,
paz nos desalentos. la Virgen Santa María.
Como eu nao sei rezar,
so' queria mostrar Los Pastores adoraban
meu olhar, meu olhar, meu olhar. a Jesus, Josè y María;
Y el 'Gloria in excelsis Deo'
E' di sogno e polvere il destino di un Por todo el mundo se oía
uomo solo come me, perso nei miei
pensieri, sul mio cavallo. E' un destino di San Giuseppe cercò un albergo per la sua
lazzo e nodo, di poveri calzoni da festa e sposa Maria, non glielo vollero dare
gilet, di questa vita sofferta in solitudine. perchè non c'era posto per loro. A
Sono un abitante dell'interno (della mezzanotte San Giuseppe si
campagna) Signora di Aparecida (località addormentava e nel sacro presepe la
vicino a S. Paolo) illumina l'oscura Vergine sorrideva. La Vergine Santa
miniera e fonda le basi della ma vita. Mio Maria, la più bella del mondo, ha un
padre era un contadino, mia madre era la Bambino che è Dio in fasce, luminoso
solitudine, miei fratelli si sono dispersi come il giorno. I pastori adoravano Gesù,
cercando l'avventura. Sono divorziato, ho Giuseppe e Maria, si manifesta a tutto il
giocato, ho investito, poi ho abbandonato. mondo, il 'Gloria in excelsis Deo'.
Se esiste la fortuna, non lo so, non l'ho
mai vista. Mi hanno detto però di venire
qui, in pellegrinaggio, in preghiera per
chiedere la pace nelle mie disavventure.
Salve Reina
Ma dal momento che non so pregare,
sono venuto semplicemente a mostrare il Salve Reina del cielo, madre de amor,
mio sguardo. dulce prenda adorada del corazón .
Salve Reina, madre
madre de amor, madre de amor,
Salve madre de amor.

San Josè pidiò posada Mi afecto sencillo recibe, Señora:


para su esposa Maria; mi frente en el polvo se enalza y te
no se la quisieron dar adora.
porque no le convenía .
Pídele a tu hijo nos dé la victoria,
Salve! Salve, Regina salve! triunfando del mal en la última hora.

A las doce de la noche


San Josè se adormecia; Salve Regina, madre d'amore, dolce parte
y en el pesebre sagrado adorata del cuore. Salve Regina, madre

233
d'amore. Il mio affetto semplice ricevi, o É madeira de vento, tombo da
Signora: la mia fronte s'innalza ate dalla ribanceira, É o mistério profundo, é o
polvere e ti adora. Chiedi a tuo Figlio di queira ou nao queira
darc la vittora, vincendo sul male É o vento ventando, é o fim da
nell'ultma ora.
ladeira, É a viga, é o vao, festa da
cumeeira
Salve Rociera É a chuva chovendo, é conversa
ribeira, Das aguas de março, é o fim
Dios te salve María, del Rocío da canseira
Señora, É o pé, é o chao, é a marcha
luna, sol, norte y guía y pastora estradeira, Passarinho na mao, pedra
celestial. de atiradeira
Dios te salve María, todo el pueblo te E uma ave no céu, é uma ave no
adora chao, E um regata, é uma fonte, é um
y repite a porfía, como tú no hay otra pedaço de pao
igual. É o fundo do poço, é o fim do
Olé, olé... caminho, No rosto o desgosto, é um
Al Rocío yo quiero volver, pouco sozinho
a cantarle a la Virgen con fe, É um estrepe, é um prego, é uma
con un olé,... ponta, é um ponto, é um pingo
Dios te salve María, manantial de pingando, É uma conta, é um conto
dulzura É um peixe, é um gesto, é uma prata
a tus pies noche y día te venimos a brilhando, É a luz da manha, é o
rezar. tijolo chegando
Dios te salve María, tú, rosal de É a lenha, é o dia, é o fim da picada,
hermosura, É a garrafa de cana, o estilhaço na
eres tú Madre mía de pureza virginal. estrada
Olé... É o projeto da casa, é o corpo na
cama, É o carro enguiçado, é a lama,
é a lama
Aguas do março É um passo, é uma ponte, é um sapo,
é uma ra, É um resto de mato, na luz
É pau, é pedra, é o fim do caminho, É da manha
um resto de toco, é um pouco sozinho Sao as aguas de março fechando o
É um caco de vidro, é avida, é o sol. verao, É a promessa de vida no teu
É a noite, é a morte, é um laço, é o coraçao
anzol É uma cobra, é um pau, é Joao, é
É peroba do campo, é o no da José, É um espinho na mao, é um
madeira, Cainga, candeia, é o Matita corte no pé
Pereira Sao as aguas de março fechando o
verao, É a promessa de vida no teu
coraçao
234
É um passo, é uma ponte, é um sapo,
é uma fa, É um belo horizonte, é uma
febre terça Sevillanas del adios
Sao as aguas de março fechando o
verao, É a promessa de vida no teu Algo se muere en el alma
coraçao, É pau, é pedra,... cuando un amigo se va…
Cuando un amigo se va,
algo se muere en el alma
Serrana mìa cuando un amigo se va;
algo se muere en el alma,
Dicen que no me quieres, cuando un amigo se va.
serrana mìa, porque soy pobre Cuando un amigo se va
y puede que algùn dìa, serrana mía, y va dejando una huella,
tu amor me sobre. que no se puede borrar;
Yo no tengo riquezas, y va dejando una huella
serrana mìa, pero te quiero que no se puede borrar.
y vale mi cariño,
serrana mìa, màs que el dinero. No te vayas todavía,
no te vayas, por favor,
Una casita blanca no te vayas todavía
tengo yo en la ribera que hasta la guitarra mía
y un corazòn muy grande, llora cuando dice adios.
serrana mìa, que a ti te quiera.
Un pañuelo de silencio
A la orilla del Tormes, a la hora de partir.
serrana mìa, canta un jilguero A la hora de partir…
y en sus canciones dice, A la hora de partir
serrana mìa, cuànto te quiero. porque hay palabras que hieren,
Que yo también te quiera, y no se pueden decir…
serrana mìa, como él te quiere
porque si lo abandonas, El barco se hace pequeño
serrana mìa, de pena muere. cuando se aleja en el mar.
Cuando se aleja en el mar…
Por el Cristo del caño, Cuando se aleja en el mar
serrana mìa, yo te lo pido, y cuando se va perdiendo,
que mi corazon sale, que' grande es la soledad…
serrana mìa, porque esta herido.
Vente comigo al huerto, Ese vacío que deja
serrana mìa, yo te lo pido, el amigo que se va.
que no he visto rosales, El amigo que se va…
serrana mìa, de olor tan fino. El amigo que se va,
es como un pozo sin fondo
235
que no se puede llenar…

Si me enamoro algun dia Sólo le pido a Dios

El amor es un viento que Sólo le pido a Dios


igual viene va. Que el dolor no me sea indiferente
Que igual viene va, Que la reseca muerte non me
el amor es un viento encuentre
que igual viene que va; Vacia y sola sin haber
Se muere y al momento Hecho lo suficiente.
vuelve a resucitar.
Solo le pido a Dios
Si me enamoro algun dia Que lo injusto no me sea indiferente
me desenamorarè, Que no me abofeteen la otra mejilla
me desenamorarè, Despues de que una garra
para tener la alegria Me araño la suerte
de enamorarme otra vez.
Solo le pido a Dios
Cuando mas te queria, que la guerra no me sea indiferente
me dijiste que no. es un mostruo grande y pisa fuerte
Me deijiste que no, toda la pobre inocencia de la gente.
cuando mas te queria,
me dijiste que no; Solo le pido a Dios
y el amor que sentias Que el engano no me sea indiferente
se volviò desamor. Si un traidor
Puede mas que unos cuantos
Ya no quiero tus besos Que esos cuantos no lo olviden
mas me quieres tu a mì. facilmente.
Mas me quieres tu a mì,
ya no quiero tus besos, Solo le pido a Dios
mas me quieres tu a mì; Que el futuro no me sea indiferente
Tu no llores por eso Desahuciado està el que tiene que
que el carino es asì. marchar
A vivir una cultura diferente
El amor es un juego
con su cara y su cruz. Solo le pido a Dios
Con su cara y su cruz, Que la guerra no me sea indiferente
el amor es un juego, Es un monstruo grande y pisa fuerte
con su cara y su cruz; Toda la pobre inocenzia de la gente.
puede ser fuego y hielo
puede ser sombra y luz.
Solo chiedo a Dio,
236
che il dolore non mi sia indifferente occhi la luce del tuo sguardo, voglio nella
che l’arida morte non mi trovi mia mano la tua mano per guidarmi.
vuota e sola senza aver fatto Come in cielo brilla il sole di ogni giorno,
ciò che è sufficiente. Solo chiedo a Dio, voglo che brillino le mie labbra con
che l’ingiustizia non mi sia indifferente sorrisi di gioia. Come vento veloce passa
che non mi percuotano dopo che un il vento della vita, voglio avere sempre in
artiglio mi graffiò la sorte. Solo chiedo a me il favore della tua grazia.
Dio, che la guerra non mi sia indifferente,
è un mostro grande e schiaccia forte tutta
la povera innocenza della gente. Solo Todo cambia
chiedo a Dio che l’inganno non mi sia
indifferente, se un traditore può di più che
pochi, che questi pochi non li
Cambia lo superficial
dimentichino facilmente. Solo chiedo a Cambia tambien lo profundo
Dio che il futuro non mi sia indifferente Cambia el modo de pensar
senza speranza è colui che deve marciare Cambia todo en este mundo
per vivere una cultura diversa. Cambia el clima con los años
Cambia el pastor su rebaño
Y asi como todo cambia
Sou feliz Senhor Que yo cambie no es extraño

Sou feliz, Senhor, Cambia el más fino brillante


porque tu vais comigo: De mano en mano su brillo.
vamos lado a lado, Cambia el nido el pajarillo.
es meu melhor amigo. (2 v.) Cambia el sentir un amante
Cambia el rumbo el caminante
Quero ter nos meus olhos Aunque esto le cause daño.
a luz do teu olhar, Y asì como todo cambia
quero na minha mão Que yo cambie no es extraño.
tua mão a me guiar.
Cambia todo cambia.
Como brilha no ceu Cambia todo cambia.
o sol de cada dìa,
quero brilhem meus labios Cambia el sol en su carrera
com sorrisos de alegrìa. Cuando la noche subsiste.
Cambia la planta y se viste
Como vento veloz De verde en la primavera.
o tempo da vida passa, Cambia el pelaje la fiera.
quero ter sempre em mim Cambia el cabello el anciano.
o favor de tua graça. Y asì como todo cambia
Que yo cambie no es extraño.
Sono felice, Signore, perchè tu cammini
con me: andiamo lato a lato, tu sei il mio Pero no cambia mi amor
migliore amico. Voglio avere nei miei
Por más lejos que me encuentre.
237
Ni el recuerdo ni el dolor
De mi pueblo, de mi gente. Hoy la voz no se puede callar
Y lo que cambio ayer se hace libre el canto en la verdad
Tendrà que cambiar mañana es tan grande lo que nos pasò
Asì como cambio yo que hizo nuevo nuestro corazón
En esta tierra lejana.
Es fuego que enciende la sangre
Cambia todo cambia. Es luz que buscan nuestros ojos
Cambia todo cambia. En la verdad nace la libertad
la vida nueva que trasforma
Cambia quello che è superficiale
Cambia anche ciò che è profondo, Toda la vida grita la verdad
cambia il modo di pensare que su Presencia en nosotros está
cambia tutto in questo mondo. en el milagro de la Comunión
Cambia il clima con gli anni,
cambia il pastore il suo gregge
unica forma de liberación.
e così, come tutto cambia, che io cambi
non è strano. El corazòn no se conforma
Cambia il più fine brillante con gritos muertos de infinito
Di mano in mano la sua luce. El corazòn quiere la eternidad
Cambia il nido il passero, para gritarla en sus latidos.
cambia il suo sentire un amante.
Cambia rotta il viandante Tutta la vita - Oggi la voce non si può
Anche se ciò gli causa danno. tacere, si fa libero il canto nella verità, è
E così come tutto cambia, tanto grande quello che a noi è accaduto,
che io cambi non è strano. che ha fatto nuovo il nostro cuore. E’
Cambia il sole nella sua strada fuoco che accende il sangue, è luce che
Quando la notte sussiste. cercano i nostri occhi , nella verità nasce
Cambia la pianta e si veste la libertà , la vita nuova che trasforma.
Di verde in primavera cambia il pelo Tutta la vita grida la verità : che la sua
l’animale Presenza è in noi , nel miracolo della
Cambia il pelo l’anziano comunione l’ unica forma di liberazione.
E così come tutto cambia, Il cuore non si conforma con gridi morti
che io cambi non è strano. di infinito , il cuore vuole l’ eternità per
Però non cambia il mio amore gridarla nei suoi battiti.
Anche se mi trovo lontano,
e neanche il ricordo e il dolore
del mio popolo, della mia gente.
E ciò che è cambiato ieri,, Todos en echo
deve cambiare domani
così come io cambio in questa terra Estamos todos en echo
lontana. todos untos en echo
Estamos todos en echo mezo

Toda la Vida y no me chiese cantar

238
la tonte simple cancìon Oh Virgen santa y pura,
Y no me chiese cantar Madre del Salvador,
porque no pué mi intencìon. tú eres la esperanza
Tristeza del triste pecador.
Piadosa Madre amada,
Tristeza por favor vai embora cariñosa eres tù
minha alma aqui chora entre todas las Santas,
està vendo o meu fim. oh, fuente de salud.
Fez do meu coraçao a sua moradìa
jà è demais o meu penar. Que vino ya la aurora
Quero voltar aquela vida de alegria de la eterna verdad:
quero de novo cantar. el Redentor del mundo
y de la humanidad!
Henchidos de alegría
Vamos Pastores Vamos cantemos bien al son
laudable y armonioso
Vamos pastores vámonos, vamos de la nuestra emociòn!
a Belèn
a ver en aquel Niño las glorias Andiamo, pastori, andiamo a Betlemme
del Edèn, a vedere in quel Bimbo la gloria del
a ver en a quel Niño las glorias Paradiso. Io muoio per Lui. I suoi piccoli
occhi mi incantano, e così la sua bocca,
del Edèn,
sua madre lo accarezza, vicino a suo
las glorias del Edèn, la gloria del padre Giuseppe, mentre tutti e due lo
Edèn. contemplano estasiati. Io, povera creatura,
Oh que precioso Niño ! non chiederò al Bambino che mi regali la
Yo me muero por El: fortuna; Gli chiederò,invece, che perdoni
sus ojitos me encantan, tutti i miei peccati affinchè mi conceda la
su boquita tambièn; vita eterna. Oh Vergine santa e pura,
su madre la acaricia y el Madredel Salvatore, tu sei la speranza del
Patriarca Jose, triste pccatore. Pietosa Madre amata, tu
sei benedetta tra tutte le sante, o fonte di
y los dos extasiados contemplan
salute. Ho già visto il sorgere del'eterna
aquel Ser, verità: il Redentore del mondo e
contemplan aquel Ser. dell'umanità. Felici cantiamo al suono
armonioso che accompagna il nostro
Yo, pobre críatura , stupore!
al Niño pedirè
no la buena ventura
(eso no puede ser); Vento
le dirè que perdone
lo mucho que pequé, Vento que balança
y en la mansiòn eterna as palhas do coqueiro,
un ladito me dé. vento que increspa as aguas do mar,
239
vento que assanha os cabelos da Dios le ha dado una madre de su
morena,me traz noticias de là. mismo color.
Vento que assobia no telhado
chamando para a lua espiar, oh, Ya no son enemigos indio con
vento que na beira là da praia espanol:
escutava meu amor a cantar, a través de su gracia la Virgen nos
ah ah ah ah ah. unió,
hoje estou sozinho e tu tambèm, y a través de los siglos aun perduta
trist relembrado do meu bem, esta fe
vento diga por favor de América que grita que quiere
aonde se escondeu o meu amor. renacer.
Vento, diga...

Vento che scuote la choma delle palme, Virgen Morenita


vento che increspa le acque del mar,
vento che arruffa i capelli della mia bella, Virgen Morenita, Virgen Milagrosa
portami notizie di laggiù. Vento che
Virgen Morenita te elevo mi cantar
fischia sul tetto, chiamando perchè la luna
spunti, oh, vento che laggiù sulle spiagge
son todos en el valle devotos de tus
ascoltava il mio amore cantare. ah ah ah ruegos
ah...Io oggi sono solo e anche tu, sono son todos peregrinos Senora del
triste ricordandomi del mio bene, vento, Lugar. (2v.)
dimmi per favore, dove si è nascosto il
mio amore. Vento, dimmi... Virgen Morenita, India fue tu cuna
porque India naciste por la grazia de
Dios.
La Virgen de Guadalupe Asì somos esclavos de tu bontad
divina
La Virgen de Guadalupe asì somos esclavos de tu infinito
estrella de la mañana amor.
Ojos negros piel morena
mi Virgencita americana, Asì serà. Virgen mía, mereces el
protectora de lo pobres, respeto
crisol de toda las razas, y la veneración.
transformaste a nuestra tierra Por eso yo te canto y te elevo mi
en continente de esperanza. plegaria
y pido que escuches mi ruego por
Juan Diego no se explica como pudo favor.
pasar
La Reina de los cielos lo vino a Virgen Morenita, Santa
visitar ImaculadaVirgen Morenita Senora
Està llorando el indio el rosal del Lugar
floreció, tú gozas del respeto y carino de tus
240
hijos vuestra pues me redemisteis,
Asì los peregrinos te rezan en tu altar. vuestra pues que me sufristeis,
vuestra pues que me llamasteis,
Vergine mora, Vergine miracolosa, vuestra porque me esperasteis,
Vergine mora ti elevo la mia canzone. vuestra porque no me perdì,
Nella valle siamo tutti devoti alla tua que mandais hacer de mì?
preghiera, siamo tutti pellegrini, Signora
del luogo. Vergine mora questa terra fu la
tua culla, perchè tu sei nata India, per la
Qué mandais pues buen Senor,
grazia di Dio. Siamo schiavi della tua que haga tal vil criado?
bontà, siamo schiavi del tuo infinito Cual oficio le habeis dado
amore. Sarà così mia Vergine, meriti il a este esclavo pecador?
rispetto e la venerazione. Per questo io ti Dulce esposo y Redontor
canto e ti elevo la mia preghiera, e chiedo pues por vuestra me ofrecì
che tu ascolti la mia domanda. Vergine que mandais hacer de mi?
mora Signora del luogo, godi del rispetto
e dell’affetto dei tuoi figli, così i tuoi
pellegrini cantano al Tuo altare.
Veis aquì mi corazon,
yo lo pongo in vuestra palma,
mi cuerpo, mi vida y alma,
Vuestra soy
mis entranas y aflición.
Veisme aquì mi dulce Amor,
Vuestra soy para vos nacì
Amor dulce veisme aquì
Que mandais hacer de mì?
que mandais hacer de mì?
Vuestra soy para vos nacì
Que mandais hacer de mi?
Haga fruto o non lo haga,
Dad riqueza o pobreza
estè callando o hablando,
dad consuelo o desconsuelo
muestreme la ley mi llaga
alegrìa o tristeza
goce de evangelio hablando.
vida dulce, sol sin velo
Estè penando o gozando
pues del todo me rendì
Solo vos en mi vivis
Que mandais hacer de mi?
Que mandais hacer de mi?
Sono tua, nacqui per te, che comandi far
di me? Povertà dammi, o ricchezza, lo Sono tua, perchè mi hai creato, tua
sconforto o la consolazione, allegria o perchè mi hai redento, perchè mi hai
tristezza, dolce vta, chiaro sole, poichè voluto, perchè mi hai chiamato, mi hai
tutta mi diede a te, che comandi far di atteso, perchè non mi sono perduto, cosa
me? comandi far di me? Cosa vuoi far di me
buon Signore, di questa vile domestica?
Quale compito hai dato a questa misera
serva? Eccomi mio dolce amore, cosa
Vuestra voui fare di me? Eccoti qui il mio cuore,
io lo pongo nella tua mano, il mio corpo,
Vuestra soy pues me criasteis, la vita e la mia anima, le mie speranze e

241
la mia angoscia, dolce sposo, Redentore,
poichè a Te mi sono offerta, cosa voui
fare di me? Che dia frutto oppure no, che
stia zitto o stia parlando, mostrami quali Y tù qué has hecho?
sono le leggi del Vangelo. Sia nella gioia
che nel dolore, solo tu vivi in me, che
cosa vuoi fare di me? En el tronco de un àrbol una nina
Grabò su nombre enchida de placer
Y el àrbol conmovido halla en su
Y dale alegría a mi corazón seno,
a la nina una flor dejò caer. (x 2)
Y dale alegría, alegría a mi corazón
Es lo único que te pido, al menos hoy. yo soy el àrbol conmovido y triste
Y dale alegría, alegría a mi corazòn. tù éres la nina que mi tronco heriò .
Y que se enciendan las luces de este yo guardo, siempre tu querido
amor. nombre,
y tù ù qué has hecho de mi pobre
Y ya verás flor? (x 2)
Cómo se trasforma el aire de lugar.
Y ya verás que no necesitaremos Nel tronco di un albero una bambina
nada más. incise il suo nome piena di piacere.
E l’albero commosso, lasciò cadere un
fiore alla bambina.
Y dale alegría, alegría mi corazón Io sono l’albero commosso e triste
Que ayer no tuve un buen día, por Tu sei la bambina che ha ferito il mio
favor. tronco.
Y dale alegría, alegría a mi corazón Io custodisco sempre il tuo caro nome
Que si me das alegría estoy mejor. E tu cos’hai fatto del mio povero fiore?

Y ya verás
Las sombras que aquì estuvieron no
estarán
Y ya verás que no necesitaremos
nada más.

Y dale alegría, alegría a mi corazóon


Es lo único que te pido, al menos hoy.
Y dale alegría, alegría mi corazón
A fuera se irán la pena y el dolor.

Y ya verás
Las sombras que aquì estuvieron
no…

242
Canti Americani
For a new world fantasy
He could never find
& Spirituals Beyond his dreaming mind?
In our land of liberty,
Oh say did you ever see the ideal
Amen plan,
The self made man?
Amen
And so George Washington
This little light of mine, I found the liberty
I’m gonna let it shine (3 v.) That Abraham Lincoln
To show my love. Could not have given me
Please tell your orphan son
And everywhere I go, I finally found freedom,
I’m gonna let it shine (3 v.) More than he could have seen
To show my love In his American Dream
The amber waves of grain
Will never be the same
Ovunque io vada ti darò gloria: ‘Cause God has shed his grace
così sia. through a human face
it happened long ago,
our friendship shows us how
an event so unforeseen
A new creation still happens here and now
What can I call home In our broken history
Who is my family? There’s a new reality,
Where do I come from? If you ‘re more aware
What is my history? Than dreamers ever dare
Someone long ago Come and share our liberty,
Sailed across the sea, Follow us and you will see
Left his native home A new nation
In search of liberty. A new creation
As he stepped aboard , A new creation.
Was he really sure
What he was aiming toward
What he was looking for?
Did he long for home
In a land so strange ?
Did he lose his memory
When his name was changed ?
Did he sell his history

243
Ain' a that good news When I get to heaven , I’m gonna put
on my wings
I got a crown up in-a the Kingdom, I’m gonna fly all over that heaven,
ain'-a that good news! heaven heaven ,
I got a harp up in-a the Kingdom, Everybody talking ‘ bout heaven ain’t
ain'-a that good news! gone there, heaven, heaven.
I got a robe up in-a the Kingdom, I’m gonna fly all over that land.
ain'-a that good news!
I got a Saviour in-a the Kingdom, I got a harp- You got a harp – all
ain'-a that good news! God’s children got a harp
I'm a-goin' to lay down this worl', When I get to heaven ,I’m gonna
goin'-a shoulder up uh my cross, take up my harp
goin'-a take it home-a to my Jesus, I’m gonna play all over that heaven ,
ain'-a that good news, my Lawd! heaven,heaven,
Everybody talking ‘bout heaven ain’t
Ho una corona nel Regno dei Cieli, gone there , heaven, heaven.
non è una bella notizia! Ho un' arpa I’m gonna play all over that land
nel Regno dei Cieli, non è una bella
notizia! Ho un abito nel Regno dei I got shoes – You got shoes – all
Cieli, non è una bella notizia! God’s children got shoes
Ho un Salvatore nel Regno dei Cieli, When I get to heaven, I’m gonna put
non è una bella notizia! Lascerò on my shoes
questo mondo e mi metterò in spalla I’ m gonna walk all over that
la mia croce, la porterò a casa dal heaven,heaven,heaven
mio Signore, non è una bella notizia! I’m gonna walk all over that land
Everybody talking ‘bout heaven ain’t
gone there , heaven, heaven
I’ m gonna walk all over that
All God’s children got wings play all over that
fly all over that heaven
I got a robe- You got a robe – all I’m gonna shout all over that land
God’s children got a robe
When I get to heaven ,I’m gonna put
on my robe
I’m gonna shout all over that heaven, All my trials
heaven, heaven
Everybody talking ‘bout heaven ain’t All my trials, Lord, soon be over.
gone there, heaven, heaven
I’m gonna shout all over that land. I had a little book was given to me,
And every page spelled Liberty
I got wings- You got a wings - all
God ’s children got wings All my trials, Lord, soon be over.
244
If religion were a thing that money angels watching over me!
could buy,
The rich would live and the poor If I die before I wake,
would die. Oh Lord the angels watching over me
my Lord,
All my trials, Lord, soon be over. I pray the Lord my soul to take,
angels watching over me!
There is a tree in Paradise
The Pilgrims call it “The tree of life” If I should live another day,
Oh Lord the angels watching over me
All my trials, Lord, soon be over. my Lord,
I pray the Lord to guide my way,
Too late my brothers… angels watching over me!

All my trials, Lord, soon be over.

Balm in Gilead
Tutte le mie tribolazioni, Signore,
saranno presto finite.
There is a balm in Gilead
Avevo un libretto che mi avevano dato e
ogni pagina diceva libertà.
To make the wounded whole
Se la religione fosse qualcosa che si può There is a balm in Gilead
acquistare col denaro, i ricchi vivrebbero to heal the sin-sick soul.
ed i poveri morirebbero.
Troppo tardi, fratelli miei, Sometimes I fee1 discouraged
troppo tardi, ma non importa. and think my work's in vain,
C’è un albero in Paradiso, i pellegrini lo But then the Ho1y Spirit
chiamano “l’albero della vita”. revives my sou1 again.
Troppo tardi fratelli miei…
There is a balm in Gilead…

If you cannot preach 1ike Peter,


All night all day
if you cannot pray 1ike Paul.
You can tell the 1ove of Jesus
All night all day, oh Lord the angels
E and say "He died for all". Lord,
watching over me, my Lord!
All night all day, angels watching
There is a balm in Gilead …
over me! (2 v.)

When I lay me down to sleep,


Oh Lord the angels watching over me
my Lord,
I pray the Lord my soul to keep,

245
Banana And the angels of the Lord locked the
lion’s Jaw,
Day oh, me say day oh That sure was a mighty day,
daylight come and we wanna go good Lord, sure was a mighty day.
home (2 v.)
Children in the firy furnace,
Come mister tallyman, tally me They did begin to pray,
bananas. And the angels of the Lord put the
daylight come and we wanna go fire out,
home (2 v.) That sure was a mighty day,
good Lord, sure was a mighty day.
Lift six foot, seven foot, eight foot
bunch
daylight come and we wanna go
home (2 v.) Come and go with me

A beautiful bunch of ripe banana Come and go with me to that land


daylight come and we wanna go Come and go with me to that land
home Come and go with me to that land
Hide the deadly back tarantula Where l'm bound
daylight come and we wanna go Come and go with me to that land
home. Come and go with me to that land
With me to that land where l'm bound

There ain't no kneelin' in that land …


Climbin’ up the mountains
There'll be singin' in that land ...
Climbin’ up the mountains, children,
Didn’t come here for to stay,
If I never more see you again,
Gonna meet you at the judgement Daniel
day!
Didn't my Lord deliver Daniel?
Moses went down into Egypt land, Than why not every man!
He told ole Phar-a-oh,
That the good Lord sittin’ on His He deliver Daniel from the lion's den
heav’nly Throne jonha from the belly of the whale
Said “Let my people go!”, and the hebrew children from the firy
good Lord, “Let my people go!”. furnace
Than why not every man!
Daniel in the den of lions,
He did begin to pray,
246
The moon ran down on a purple It ain't no use in turnin' on your light,
stream babe
the sun from a bear to shine That light I never knowed
and every star disappear, An' it ain't no use in turnin' on your
king Jesus shall- be mine? light, babe
I' m on the dark side of the road
The wind blow east and the wind Still l wish there was somethin' you
blow west would do or say
it blows like the judgment day To try and make me change my mind
and never poor that did never pray and stay
I’ll be glad to pray that day. We never did too much talkin'
anyway
So don 't think twice, it's alI right
Il mio Signore non ha forse salvato
Daniele? E allora perché non ogni uomo! I'm walkin' down that long, lonesome
Ha salvato Daniele dalla fossa dei leoni, road, babe
Giona dal ventre della balena i bambini
Where I'm bound, I can't tell
ebrei dalla fornace ardente, e allora
perché non ogni uomo? La luna è scesa su
But goodbye’s too good a word, gal
un fiume purpureo, il sole è ad un passo So I'11 just say fare thee well
dal suo sorgere e tutte le stelle sono I ain't sayin' you treated me unkind
scomparse, Signore Gesù, io sarò mio? Il You could have done better but I
vento soffia a est e a ovest, soffia come don't mind
nel giorno del giudizio e tutte le anime You just kinda wasted my precious
che non hanno mai pregato saranno felici time
di pregare quel giorno. But don't think twice, it's all right

It ain't no use in callin' out my name,


gal
Don’t think twice, it’s all right Like you never did before
It ain't no use in callin' out my name,
It ain't no use to sìt and wonder why, gal
babe I can' t hear you any more
It don' t matter, anyhow I'm a-thinkin' and a-wond'rin' a11 the
An' it ain' t no use to sit and wonder way down the road
why, babe I once loved a woman, a child I'm
If you don't know by now told
When your rooster crows at the break I give her my heart but she wanted
of dawn my soul
Look out your window and l'II be But don't think twice, it's all right
gone
You're the reason I'm trav'lin' on
Don't think twice, it's all right Non ripensarci ancora, è meglio così:

247
"ho amato uno donna che mi riteneva un Early in the morning
bambino,
e le ho dato tutto me stesso ma per lei non Well early in the morning
era abbastanza". about the break of day
Te ne sei andato, non ci pensare, è meglio
così.
I asked the Lord help me find a way
help me find a way
to the promised land
this lonely body
Down By the Riverside needs a helping hand
I asked Lord to help me please, find a
I'm goin' to lay down my burdens, way.
down by the riverside, (3 volte)
When the new day's at dawing
I'm goin' to lay down my burdens, I bow my head in prayer
down by the riverside I pray the Lord won't You lead me
Ain't goin' to study war no mo'. there
won't You guide me safely
Ain't goin' to study war no mo', to the Golden stairs
study war no mo'. (2 volte) won't You let this body
Ain't goin'… your burden share?
I pray the Lord
I'm goin' to lay down my swo'd an' won't You lead me please, lead me
shield, there?
down by…
I'm goin' to put on my long white When the Judgement comes
robe, to find the world in shame
down by… when the trumpet blows
won't You call my name?
I'm goin' to lay down my heavy load, when the thunder rolls
down by… and in the heaven rains
when the sun turns black
I'm goin' to lay down my cares and and never shine again!
woes, when the trumpet blows
down by… won't You call me please?
Call my name!

Poserò il mio fardello, laggiù lungo la


riva del fiume… Non farò più la guerra.
Non farò… Poserò la spada e lo
scudo.(…) Mi rivestirò della lunga tunica
bianca. (…) Poserò il mio pesante
fardello. (…) Poserò le preoccupazioni e i
dolori. (…)
248
Forever young mani essere sempre laboriose possano i
tuoi piedi essere sempre veloci. Possa tu
May God bless you and keep you avere fondamenta solide quando venti
mutevoli cambiano direzione. Possa il tuo
always,
cuore essere sempre pieno di gioia. Possa
may your wishes all come true, il tuo canto essere sempre cantato. Possa
may you always do for others tu rimanere per sempre giovane.
and let others do for you.
May you build a ladder to the stars
and climb on every rung;
may you stay forever young. Freedom
Forever young, forever young, Oh freedom, oh feedom,
may you stay forever young oh freedom, over me!
May you grow up to be rightous, And before I’ll be a slave
may you grow up to be true, I’ll be buried in my grave
may you always know the truth, and go home to my lord and be free.
and see the ligth surrounding you.
May you always be corageous, No more mourning over me!
stand up right and be strong;
may you stay forever young. No more shouting over me!

May your hand always be busy No more crying over me!


May your feet always be swift
May you have a strong foundation,
when the wind of changes shift
May your heart always be joyful, Give me Jesus
may your song always be sung,
may you stay forever young In the morning when I rise (3 v.)
Give me Jesus.
Give me Jesus (2 v.)
Che Dio ti benedica e ti mantenga you'll can have all the world
sempre. Possano i tuoi desideri diventare
but give me Jesus.
realtà. Possa tu aiutare sempre gli altri e
lasciare che gli altri ti aiutino. Possa tu
costruire una scala fino alle stelle e salirvi ‘Twix the cradle and the grave (3v.)
ogni gradino. Possa tu rimanere per give me Jesus.
sempre giovane. Possa tu crescere ed Give me Jesus.(2v.)
essere giusto. Possa tu crescere ed essere You’ll can have all the world
vero. Possa tu sempre conoscere la verità But give me Jesus.
e vedere la luce circondarti. Possa tu
essere sempre coraggioso, rimanere dritto In that morning when I’ ll die (3 v.)
in piedi ed essere forte. Possano le tue
Give me Jesus.
249
Give me Jesus (2 v.) And Let us all in Christ be free, -
you'll can have all the world Let my people go.
but give me Jesus.

Go tell it on the mountain


Go down Moses
Go tell it on the mountain
When Israel was in Egypt's Jand over the hills and everywhere
let my people go. Go tell it on the mountain
Oppressed so hard they could not that Jesus Christ is born
stand
Let my people go. When I was a learner
I sought truth night and day.
Go down, Moses, I asked my Lord to help me
way down in Egypt's land, and He showed me the way.
tell old Pharaoh:
let my people go. He made me a watchman
upon the city walls,
"Thus spoke the Lord", bold Moses and I am a christian,
said, I am the least of all.
"Let my people go!
If not I’ll srnite your first-born dead.
Let my people go." Quando ero disperato cercavo la verità
notte e giorno. Chiesi a Dio di aiutarmi,
"Your foes shall not before you stand, ed egli mi mostrò la strada. Và predicalo
sulla montagna, sulle colline, dappertutto.
Let my people go.
Và predicalo sulla montagna che Gesù
And you'n possess fair Canaan's land, Cristo è nato. Egli ha fatto di me una
Let my people go." sentinella, presso le mura della città, e se
io sono un cristiano, sono l’ultimo di tutti.
"You 'll not get lost in the wiIderness,
Let my people go.
With a lighted candle in your breast,
Let my people go." Glory Halleluja to the Newborn
King
"No more shall they in bondage toil,
Let my people go. Tell me who do you call the
Let them come out with Egypt's spoil, Wonderful
Let my people go." Counselor?

Oh, Let us all from bondage flee, - Oh, glory hallelujah! Oh, glory
Let my people go. hallelujah!
250
Glory Hallelujah to the newborn Buone notizie, il carro sta arrivando e io
King! so cosa mi lascio alle spalle. C'è una
lunga strada bianca nel cielo che conosco
e io so cosa mi lascio alle spalle.
Well I call Jesus the Wonderful
Incontrerò mio fratello nel cielo che
Counselor! conosco, e io so cosa mi lascio alle spalle.
Oh, glory ...

Just follow the star and you'll find the


baby, Happy day
Oh, glory ..
Oh, happy day
You'll find Him in Bethlehem when Jesus washed
wrapped in a manger, my sins away
Oh, glory He taught me how
to walk , fight and pray
Cryin' "Peace on earth, goodwill to and live rejoicing every day.
your neighbor".
Oh, glory...
Che giorno felice, quando Gesù lavò le
Didn't Jesus say every man is your mie colpe; mi insegnò come camminare,
neighbor, combattere e pregare, e vivere nella gioia
Oh, glory ... ogni giorno.

Good news High, low, wide

Good news the chariot is coming Don't you know it's so high, you can't
(3 v.) get over it,
And I know what I'd to leave me so low, you can't get under it,
behind. so wide you can't get round it
you must come there at the door.
There's a long white road
in the heaven I know (3 v.) Well you can't get there by water,
and I know what I'd leave me behind. you can't get there by land,
now, if you want to get to heaven at
I'll met my brother all
in the heaven I know (3 v.) you must go hand in hand.
and I know what I'd leave me behind.
Well you can't get there by walking,
you can't get there by air,

251
now, if you want to get to heaven at Allora chiedi, prega e arriverai dove da
all solo non puoi.
you must go there by pray.

Now let me tell you a story


How they get on the gospel pray Hold on
'cos you can't get there no other way
you got to go there by prayer. Mary wore three lenghts of chain
every link was Jesus' name.
And now Rebecca said she saw it
It come riding up in the air Keep your hand on that plough. Hold
Oh well it was so high that you on! Hold on!
couldn't get over me Hold on! Hold on!
Bible do declare. Keep your hands on this plough.
Hold on!
Oh brother John get the bottom of the
deep blue sea Paul and Silas bound in jail
And in the belly of the whale he had nobody to go the bail…
stopped
Yes it was so low that he couldn't get Keep your hands…
under
He had to come to the top Peter was so nice and neat,
wouldn't let Jesus wash his feet.
Old pharaoh through those children
'cos the wildered See any found Keep your hands…
but it was so wide that he couldn't get
round it Got my hands on the Gospel plough
So he went primed through and wouldn't take nothin' for my journey
trowned. now.

Now told you hoped how hard it was Keep your hands…
A beeded flame to see
So if you wont to get to heaven at all
C'mon and follow me. Maria portò tre gradi di catene, ogni
anello era il nome di Gesù. Tieni le mani
su quell'aratro! Prosegui! Tieni le mani…
Paolo e Sila legati in prigione non
Il paradiso è il luogo dove ognuno alla avevano nessuno che garantisse per loro.
fine vorrebbe arrivare; (…) Pietro era così gentile e pulito: non
ma è così alto che non lo si può avrebbe mai lasciato che Gesù gli lavasse
scavalcare, i piedi. (…) Tieni le mani sull'aratro della
così profondo che non è possibile buona novella e non fare il cambio con
passargli da sotto, nessuna cosa. (…)
così vasto che non lo si può aggirare.
252
If I had my way Sampson said "Delilah, cut off my
hair,
You read about Sampson, you read shave my head just as clean as your
about his birth hand
He was the strongest man that ever and my strength will be like a natural
lived on Earth. man."
One day old Sampson was walking
alone
He looked down on the ground and Ascolta la storia di Sansone,
di tutta la Sua vita fin dalla sua nascita!
he saw an old jaw-bone.
Era l'uomo più forte della terra.
He lifted up that jaw-bone and he Ha ucciso il leone a mani nude
swung it over his head, e Dalila gli rubò con l'inganno il segreto
and when he got to moving ten della sua forza.
thousand was dead.

If I had my way,
If I had my way in this wicked world; Jamaica Farewell
If I had my way I would tear this
building down. Down the way where the nights are
gay
Sampson and the lion got in attack And the sun shines daily on the
Sampson he crawled up on the lion’s mountaintop,
back I took a trip on a sailing ship
You read about this lion - he killed a And when I reached Jamaica I made
man with his paw a stop.
Sampson he got his hands around the
But I' m sad to say l'm on my way,
lion' s jaw
Won' t be back for many a day.
and he ripped that beast till the lion
My heart is down, my head is turning
was dead
around
and the bees made honey in the lion's
I had to leave a little girl in Kingston
head.
town.

Delilah was a woman, she was so fine Sounds of laughter everywhere


and fair And the dancing ladies swing to and
She had lovely looks, God knows, from.
and long black hair I must declare my heart is there,
Delilah she climbed up on Sampson's Though I've been from Maine to
knees Mexico.
and said "Tell me where your strength
lies, if you please" Down at the market you can hear
She talked so fine, she talked so fair,

253
Ladies cry while on there heads they squillare Giosuè ordinò ai bambini di
bear, .. gridare e le mura di Gerico caddero.
“Akey” rice, salt fish are nice, I wonder
.. And the rum is fine any time of the
year. I wonder as I wander out under the
sky,
that Jesus the Saviour should come
for to die,
Joshua fits the battle of Jerico for poor hungry people like you and
like I,
Joshua fits the battle of Jerico, (2 v.) I wonder as I wander out under the
and the walls came tumbling down sky.

You may talk about the king of When Mary bore Jesus ‘twas in a
Gedeon cow-stall,
you may talk about the man of Saul with wisemen and farmers and
There’s none like good old Joshua shepherds and all
at the battle of Jerico. and high from God’s heaven a star’s
light did fall
Up to the walls of Jerico and the promise of ages, it did them
he marched with spear in hand recall.
"Go blow dem ram horns" Joshua
cried If Jesus had wanted for any wee
"kase the battle am in my hand". thing,
a star in the sky or a bird on the wing,
Then the lam’ ram sheep begin to or all of God’s angels in heaven for to
blow, sing
trumpets begin to soun’ he surely could’ve had it, ‘cause he is
Joshua commanded the children to the King .
shout
An’ the walls came tumbling down.
Mentre cammino sotto il cielo mi stupisco
che Gesù sia venuto a morire per la
Giosuè vinse la battaglia di Gerico e le povera gente affamata come me e come
mura caddero. Puoi parlare del re te. Quando Maria diede alla luce Gesù, fu
Gedeone o di Saul, ma non c'è nessuno in una stalla, c’erano intorno i Re Magi e
come il buon vecchio Giosuè, il giorno i contadini e tutta la gente; dall’alto del
della battaglia di Gerico. Verso le mura di cielo scese la luce di una stella e ricordò
Gerico marciò con lancia in resta. loro la promessa fatta da secoli. Se Gesù
"Suonate le vostre trombe" gridò Giosuè avesse voluto qualsiasi piccola cosa, una
"perché ho la battaglia in pugno". Allora i stella nel cielo o un uccello che volasse, o
corni e le trombe cominciarono a che tutti gli angeli di Dio cantassero,
avrebbe potuto averla perché lui è il Re.

254
As loud I may roar
My eyes will implore
It's me How ful1y I'm yours,

It's me, it's me, it's me o my Lord, Have you ever been told you're
standing in the need of prayer. too utterly bold,
It's me… to be true?
Witb a flush of your smile
It's not my brother, but it's me, o I’m baffled, beguiled, I'm bewildered
Lord, by you.
standing in the need of prayer. Do you know the love you inspire
It's not my brother… would make me fly higher than
I've ever flown before?
It's not my sister, but it's me, o Lord, Now inspire me to more
standing in the need of prayer. Inspire me to more.
It's not my sister…

It's not my mother, but it's me, o


Lord, Kumbaya
standing in the need of prayer.
It's not my mother… Kumbaya, my Lord, kumbaya,
(3 volte)
It's not my elder, but it's me, o Lord, oh, Lord, kumbaya.
standing in the need of prayer.
It's not my elder… Someone's singing Lord, kumbaya,
( 3 volte)
oh, Lord, kumbaya
.
It’s obvious Someone's praying Lord, kumbaya,
(3 volte)
It's obvious you're special oh, Lord, kumbaya.
I've known it all along
I suspected vou from the moment Someone's sleeping Lord, kumbaya,
you flew through my window ( 3 volte)
And fell to the floor oh, Lord, kumbaya.
saying "I'm yours,
Take me, I'm yours." Someone's dying Lord, kumbaya,
( 3 volte)
And it's obvious I’m crazy oh, Lord, kumbaya.
With every hazy dawn
I inspect myself, and in light of
my plight I am certain
255
Vieni Signore, vieni. Signore, vieni da
noi. Qualcuno canta, Signore, vieni da Dance, then, wherever you may be,
noi, Signore, vieni da noi. (…) Qualcuno I am the Lord of the dance, said he.
ride, Signore… (…) Qualcuno prega, And l'Il lead you all wherever you
Signore… (…) Qualcuno dorme,
Signore… (…) Qualcuno muore,
may be,
Signore… and l'Il lead you' all in the dance said
he.

I danced far the scribe


Lonesome road and the pharisee
but they would not dance
Walk down that lonesome road and they wouldn't follow me.
all by yourself I danced for the fishermen, for James
don't turn your head back over your and John,
shoulders they came with me
and only stop to rest yourself and the dance went on.
when the silver moon
is shining high above the trees. I danced on the Sabbath
and I cured the lame,
If I had stopped to listen once or the holy people said
twice it was a shame,
if I had closed my mouth and opened they whipped and they stripped
my eyes and they hung me high
if I had cooled my head and warmed and they left me there
my heart on a Cross to die.
I'd not be on this road tonight.
Carry on I danced on a Friday
never mind feeling sorry for yourself when the sky turned black,
it doesn't save you from your it's hard to dance
troubled mind. with the world on your back
they buried my body
and they thought I'd gone
but I am the dance and I still go on.
Lord of the dance
They cut me down
I danced in the moming and I leapt up high:
when the world was begun, I am the life
and I danced in the moon that'll never, never me,
and the stars and the sun, I'll live in you
and I came down from heaven if you live in me,
and I danced on the earth: I am the Lord
at Bethlehem I had my birth. of the dance, said he.
256
And there's a rose in a fisted glove,
and the eagle flies with the dove.
Love the one you’re with And if you can't be with the one you
love, honey,
If you' re down, and confused love the one you're with, love the one
and you don't remember, who you're you're with,
talking to love the one you're with, love the one
Concentration slips away you're with.
cause your baby is so far away.
Non essere triste, stando seduto
And there 's a rose in a fisted glove, lì a pensare a ciò che è stato;
and the eagle flies with the dove. alza lo sguardo perché c’è già
And if you can 't be with the one you vicino a te chi chiede di essere amato.
love, honey,
love the one you 're with, love the
one you 're with,
love the one you 're with, love the Mary did you know?
one you 're with.
Mary did you know that your baby
Don't be angry, don 't be sad, boy
don' t sit crying over good times you Would one day walk on water?
had. Mary did you know that your baby
There's a girl, right next to you boy
and she' s just waiting for something Would save our sons and daughters?
to do. Did you know that your baby boy
Has come to make you new
And there's a rose in a fisted glove, And the child that you deliver
and the eagle flies with the dove. Would soon deliver you?
And if you can't be with the one you
love, honey, Mary did you know that your baby
love the one you're with, love the one boy
you're with, Wuold give sight to the blind men?
love the one you're with, love the one Mary did you know that your baby
you're with. boy
Would calm a storm with his hand
Turn your heartache right into joy. Did you know that your baby boy
She’s a girl and you’re a boy. Has walked where angels trod
So get it together, make it nice And when you kiss your little baby
And you won’t need any more You have kissed the face of God,
advice. Oh, Mary did you know?

The blind will see, the deaf will hear,


257
The dead will live again,
The lame will leap, the dumb will Mary don't weep
speak,
the praises of the Lamb. Oh Mary don't weep don't you mourn
(2 v.)
Mary did you know that your baby Pharaon's army get drowned,
boy oh Mary don't weep.
Is God of all creation?
Mary did you know that your baby Rise up sister, don't you cry
boy there's be good time by and by
Would one day rule the nations? Pharaon's army…
Did you know that your baby boy
Was Heaven’s perfect Love One on morning but four o'clock
And the sleeping child you’re holding this old town is gonna really rock
Is the great “I am”. Pharaon's army…

Oh, Mary did you know? Satan's mad but I'm glad
Oh, Mary did you know? missed my soul he thought he had
Pharaon's army…

Maria, sapevi che il Tuo bambino


avrebbe un giorno camminato sulle Maria non piangere, non lamentarti
acque, salvato I nostri figli e le nostre l'esercito del Faraone è stato sommerso,
figlie? Sapevi che il tuo bambino è venuto Maria non piangere. Riprenditi sorella
per farTi nuova e che il bambino che Tu non piangere si stanno avvicinando tempi
hai partorito Ti avrebbe salvaTa? Maria, migliori. Una mattina alle quattro, questo
sapevi che il Tuo bambino avrebbe dato la vecchio paese sarà distrutto Satana è
vista ai ciechi e avrebbe sedato una furioso, ma io sono contento, ha perso la
tempesta con la Sua mano? Sapevi che il mia anima che lui pensava già di
Tuo bambino ha camminato dove possedere.
camminarono gli angeli e che quando
baci il Tou bambino hai baciato il volto di
Dio? Chi è cieco vedrà, chi è sordo
sentirà, chi è morto rivivrà, chi è strpio
salterà, chi è muto dirà le lodi
My Bonnie
dell’Agnello. Maria, sapevi che il Tuo
bambino è Dio di tutta la creazione e che My Bonnie is over the ocean,
avrebbe un giorno governato le nazioni? my Bonnie is over the sea,
Sapevi che il Tuo bambino era il perfetto my Bonnie is over the ocean,
Amore del Paradiso e che il bambino che oh, bring back my Bonnie to me!
tieni in braccio mentre dorme è il grande:
“Io Sono”. Bring back, bring back,
bring back my Bonnie to me, to me,
bring back, bring back,
258
bring back my Bonnie to me! Whose sound is unity
Oh, blow ye winds over the ocean, The Spirit sings a movement
oh, blow ye winds over the sea, that keeps on moving me.
oh, blow ye winds over the ocean,
and bring back my Bonnie to me!
Nel mondo c'è una voce e canta con una
missione.
Nella mia vita c'è una scelta e io ho scelto
My father sings to me di ascoltare
il suono della vita e della libertà, un grido
forte e insistente.
In the world there is a voice
Nel mondo c'è Qualcuno che mi chiede di
and it sings with a mission chiedergli "Perché?".
In my life there is a choice Mio padre mi canta con giubilo infinito.
and I’ve chosen to listen Lui canta la mia esistenza,
to the sound of life and freedom, Lui canta la mia salvezza. Una canzone
to a strong, insistent cry. che è stata scritta in armonia con il
In the world there is someone desiderio.
asking me to ask Him why Un motivo al di là della mia speranza con
parole al di là del mio sapere.
Sono assordato della mia meschinità,
My Father sings to me
tuttavia la Sua canzone risuona,
in endless elation scoraggiato dalla mia debolezza, tuttavia
He sings my existence la Sua grazia abbonda.
He sings my salvation L'ho distinto nel rumore, l'ho sentito nel
A song that has been written silenzio,
in harmony with yearning il mio cuore ha trovato la sua chiave nella
A tune beyond my hope musica della Sua presenza.
with words beyond my learning Così ho potuto sentire più chiaramente. Il
Figlio di mio Padre è stato ucciso,
si è elevato al di sopra della discordia, il
I'm deafened by my meanness suo sangue scorre nelle mie vene,
Yet stilI His song resounds il Figlio canta del Suo Spirito, il cui
Discouraged by my weakness suono è unità.
Yet stilI His grace abounds Lo Spirito canta un movimento che
I've discemed Him in the noise continua a farmi camminare.
I have heard Him in the silence
My heart has found its key
In the music of His presence.
My Lord, what a morning!
So I could hear more clearly
My Father's Son was slain My Lord, what a morning, (3 volte)
He rose above the discord when the stars begin to fall!
His blood runs through my veins
The Son sings of His Spirit You'll hear the trumpets' sound

259
to make the nations under ground
looking to my God's right hand Nazareth morning
when the stars begin to fall.
She breaks the darkness with a hope
You'll hear the sinner cry no one has seen
to wake the nations… Beneath her heart there grows a grace
that has not been
You'll hear che christian shout Nazareth Morning
to wake the nations… Has come to be
The dawn that eyes have longed to
see
O Signore, che bel mattino, quando le
stelle cominceranno a cadere. Si Carpenter's lady with a baby at her
sentiranno suonare le trombe e si breast
risveglieranno le genti sotto terra e
A humble court where kings and
guarderanno la mano del Signore quando
le stelle cominceranno a cadere. Si sentirà
shepherds afe her guests
il pianto dei peccatori, e si risveglieranno Nazareth Moming
i popoli sotto terra… Si sentiranno i Bethlehem Star
cristiani gioire, e si risveglieranno le genti A light far people near and far
sotto terra…
Dawn grows to Day
Day comes to star
The dark of sin won't dim the way
Michael, row the boat ashore The darkness lied and tried to rude
the dar in death
Michael, row the boat ashore, Yet in her cries there lies a hope in
alleluja. (2 volte) every breath
Nazareth Moming
Sister, helped to trim the sail, Calvary Night,
alleluja. (2 volte) Can never stop the truth and light
River Jordan is chilly and cold, Another moming brings an
alleluja. unexpected light
Chills the body but not the soul, Another Mary sees an unexpected
alleluja. sight
Nazareth Moning
River's deep and the river is wide, Rolls stones away
alleluja. No night can end this endless day
Milk and honey on the other side,
alleluja. Nazareth Morning
Will always be
The dawn that longs to set us free
260
The dawn that longs to set us free (3 volte)
The dawn that longs to set us free it's good enough for me.

It was good for the Hebrew children,


(3 volte)
Nobody Knows it's good enough for me.

Nobody Knows the trouble I’ve seen, It will do when the world's on fire,
nobody Knows but Jesus! (3 volte)
Nobody Knows the trouble I’ve seen, it's good enough for me.
glory, halleluiah!

Sometimes I’m up, sometimes I’m Ridatemi la fede dei vecchi tempi: va
down; bene anche per me. Andava bene per
oh yes, Lord! Paolo e Sila, va bene anche per me.
Andava bene per i figli di Israele, va bene
Sometimes I’m almost to the ground;
anche per me. E andrà bene quando il
oh yes, Lord! mondo brucerà, va bene anche per me.

If you get there before I do,


oh yes, Lord!
Tell all my friends I’m coming too, Over in the glory land
oh yes, Lord!
I’ve a home prepared where the saints
are pied
Nessuno sa i dolori che ho sofferto, Over in the glory land
nessuno, solo Gesù! Nessuno sa i dolori
And I want to be by my saviour’s
che ho sofferto, gloria, alleluia! Talvolta
sono allegro, talvolta sono abbattuto; oh side
Signore! Talvolta sono proprio a terra; oh Over in the glory land
Signore! Se tu arrivassi lassù prima di
me, oh Signore! Dì a tutti i miei amici che Just over in the glory land
anch’io sto per arrivare, oh Signore! I’ll join the happy angel band
Over in the glory land.
Just over in the glory land
There with the body all so stand
Old time religion Over in the glory land.

Oh, give me that old time religion, All the joy full side where my Lord
give me that old time religion, I’ll see
(2 volte) Over in the glory land
it's good enough for me. And we can bridge safe and forever
I’ll be
It was good for Paul and Silas, Over in the glory land.
261
I'll be going strong with you
I’m on my way to those mantoin’s When the clock strikes twelve, we'll
fair cool off then
Over in the glory land Start rockin' round the clock again
There to sings God’s praise and his
glory share
Over in the glory land.
Roll Jordan roll

Roll Jordan roll (2 v.)


Rock around the clock I want to go to heaven when I die to
hear where Jordan roll.
One, two, three o’clock, four o’clock,
rock Mother I want to be there
Five, six, seven o’clock, eight o’clock yes my Lord
rock and sittin' in the Kingdom
Nine, ten, eleven o'clock, twelve o'clock to hear where Jordan roll.
rock,
We're gonna rock around the clock Father I want to be there
tonight yes my Lord
and sittin' in the Kingdom
Well put you glad rags on, join me hun, to hear where Jordan roll.
we'll have some fun when the clock
strikes one

We're gonna rock around the clock Route 66


tonight
we're gonna rock, rock, rock till the If you ever plan to motor west,
broad daylight Travel my way,
we're gonna rock, gonna rock around the Take the highway that is best.
clock tonight. Get your kicks on Rout sixty-six.

When the clock strikes two, three and It winds from Chicago to LA ,
four More than two thousand miles all the
If the band slows down we'll yell for way.
more Get your kicks on Rout sixty-six.

When the chimes ring five, six and Now you go through Saint Louis,
seven Joplin, Missouri,
we'll be rockin' up in seventh heaven And Oklahoma City looks mighty
pretty.
When it's eight, nine, ten, eleven too
262
You see Amarillo, Gallup, New Help soldier celebrate his leave
Mexico, Make every day like New Year's Eve
Flagstaff, Arizona.
Don’t forget Winona, Kingman, Drinkin' rum and Coca-Cola…
Barstow, San Bernardino.
It's a fact, man, it's a fact
Won’t you get hip to this timely tip,
When you make that California trip In old Trinidad, I also fear
Get your kicks on Rout sixty-six. The situation is mighty queer
Won’t you get hip to this timely tip: Like the Yankee girI, the native
When you make that California trip swoon
Get your kicks on Route sixty-six When she hear der Bingo croon

Drinkin' rum and Coca-Cola…

Rum and Coca-Cola Out on Manzanella Beach


G.I. romance with native peach
If you ever go down Trinidad AlI night long, make tropic lave
They make you feel so very glad Next day, sit in hot sun and cool off
Calypso sing and make up rhyme
Guarantee you one real good fine Drinkin' rum and Coca-Cola…
time
It's a fact, man, it's a fact
Drinkin' rum and Coca-Cola
Go down Point Koomahnah Rum and Coca-Cola
Both mother and daughter Rum and Coca-Cola
Workin' for the Yankee dollar Workin' for the Yankee dollar

Oh, beat it man, beat it

Since the Yankee come to Trinidad Settle down


They got the young girls alI goin'
mad I'm going down the highway,
Young girls say they treat 'em nice goin' to another town
Make Trinidad like paradise maybe when I find what I'm looking
for
Drinkin' rum and Coca-Cola… then maybe I'll settle down.

Oh, 'you vex me, you vex me Why don't you help me brother
I'm stranger in your town
From Chicachicaree to Mona's Isle why don't you help me sister
Native girls all dance and smile then maybe I'll settle down.
263
I've worked my way from Boston I know a man he come from my
to that San Francisco bay hometown
baby what I was lookin' for He wore his passion for his woman
I couldn't find along the way. Like a thorny crown he said Delores
I live in fear
Never been contented My love for you ‘s so overpowering
no matter when I roamed I’m afraid that will disappear.
oh, it ain't no fun see a settin' sun
when you far away from home. I know a woman became a wife
These are the very words
I've worked in the mills in Pittsburgh She uses to describe her
and the hills of Tennessee Life she said a good day ain’t got rain
baby all I want is to find a job She said a bad day is when I lie in
that will set my mind at case. bed
And think of things that might have
been
Cammino lungo l'autostrada, andando
verso un'altra città; forse quando avrò And I know a father who had a son
trovato quello che sto cercando, He longed to tell him all the reasons
allora mi fermerò. Aiutami fratello, sono For the things he’d done
uno straniero nella tua città; aiutami He come a long way just
sorella e allora mi fermerò. Ho percorso To explain he kissed his boys
la mia strada da Boston fino alla baia di
As he lay sleeping
San Francisco; ma ciò che sto cercando
non lo ho trovato lungo il cammino.
Then he turned around
Molte volte ho girovagato, ma non ho And he headed home again.
mai trovato qualcosa che mi appagasse
non c'è gusto a guardare un tramonto God only knows God makes his plan
quando si è lontani da casa. Ho lavorato The information’s unavailable
nelle fabbriche di Pittsburgh e sulle To the mortal man
colline del Tennessee, ma ciò che voglio We work our jobs collect our pay
è trovare qualcosa da fare per mettermi Believe we’re gliding down the
l'animo in pace.
highway
When in fact we’re slip slidin’ away

Slip slidin’ away


Sometimes I feel
Slip slidin’ away slip slidin’ away
You know the nearer your destination
Sometimes I feel like a motherless
The more you’re slip slidin’ away
child (3 v.)
A long way from home (2 v.)

264
True believer (2 v.) Where I wanna Be
A long way from home (2 v.) E' là, là nelle strade del Bronx dove
Sometimes I feel like I'm almost gone voglio restare;
(3 v.) ascoltando la buona musica mentre
aspetto il grande amore e di scoprire me
A long way from home (2 v.)
stesso.

A volte mi sento come un bimbo senza


madre, lontano da casa. Un vero credente
lontano da casa. A volte mi sento come se Swing low
fossi andato via, lontano da casa. Un vero
credente lontano da casa. Swing low, sweet chariot
comin' for to carry me home (2v.)

I look over Jordan, and what did I see


Street of the Bronx
Comin' for to carry me home
I saw a band of angel, coming after
On the streets of the Bronx
me
Is where I wanna be
Comin’ for to carry me home
Standin' on the corner
Singin' good ole' harmony
If you go to heaven before I do
l'Il be waitin' for a mitical love
Comin' for to carry me home
and discover me.
tell all my friends I'm comin' there
soon
…I' ll drive up and down the Bronx
Comin' for to carry me home
in my brand new shiny car!
I'm sometimes up, I'm sometimes
On the streets is where I wanna be Uh
down
huh
Comin' for to carry me home
On the streets is where I wanna be
but my soul is glory bound
On the streets of the Bronx
Comin' for to carry me home
Is where I wanna be
Rallenta, dolce carro, venuto per
On the corner of Belmont portarmi a casa. Ho guardato oltre il
And hundred eight-seventh street Uh Giordano, e cosa ho visto: ho visto un
huh gruppo di angeli che mi venivano
I'Il be waitin' for a mitical love incontro. Se vai in Paradiso prima di me,
and discover me. dì a tutti i miei amici che arriverò lì
presto. A volte sono allegro, a volte sono
Standin' on the corner singin' good triste, ma la mia anima è piena di gioia.
ole' harmony
On the streets of the Bronx
Is where I wanna be
265
Take me home country roads Teach your children

Almost heaven, You who are on the road


West Virginia must have a code that you can live by
Blue Ridge Mountains and so become yourself
Shenandoah River. because the past is just a good-bye
Life is old there
older than the trees, Teach your children well
younger than mountains, their father's hell will slowly go by
growin' like a breeze. and feed them on your dreams
the one they picks the one you'll
Country roads, take me home know by.
to the place I belong.
West Virginia mountain momma, Don't you ever ask them why
take me home country roads. if they told you, you would cry
so just look at them and sigh
All my mem'ries and know they love you.
gather 'round her, miner's lady
stranger to blue water, And you of tender years
dark and dusty can you hear and do you care?
painted on the sky, Can't know the fears that your elders
misty taste of moonshine, grew by
teardrop in my eyes. and can't you see we must be free
And so please help them with your
Country roads... youth to teach your children what you
believe in
I hear her voice They seek the truth before they can
in the morning hour she calls me, die
the radio reminds me of my home far Make a world that can believe in
away.
And drivin' down the road I get a Teach your parents well
feelin' their children's hell will slowly go by
that I should have been home and feed them on your dreams
yesterday, the one they picks the one you'll
yesterday. know by.

Country roads...

266
Well I wouldn't trade my life for
Thank God I’m a country boy diamonds or jewels
I never was one of them money
Well life on the farm is kinda laid hungry fools
back I'd rather have my fiddle and my
Ain't much an old country boy like farmin' tools
me can’t hack Thank God I’m a country boy
It’s early to rise and early in the sack
Thank God I’m a country boy Yeah, city folks drivin' in a black
limousine
Well a simple kind of life never did A lotta sad people think that's mighty
me no harm keen
Raisin' me a family and workin' on Well folks, let me tell you exactly
the farm what I mean
My days are all filled with an easy Thank God I’m a country boy
country charm
Thank God l' m a country boy Well my fiddle was my daddy's 'til
the day he died
Well, I got me a fine wife, I got my And he took me by the hand and held
old fiddle me close to his side
When the sun 's comin ' up I got He said, "Live a good life, play my
cakes on the griddle fiddle with pride
Life ain't nothin' but a funny, funny And thank God you’re a country boy"
riddle
Thank God l'm a country boy My daddy taught me young how to
hunt and how to whittle
When the work's all done and the sun He taught me how to work and play a
is settin' low tune on the fiddle
I pull out my fiddle and I rosin up the He taught me how to love and how to
bow give just a little
But the kids are asleep so I keep it Thank God I’ m a country boy
kinda low
Thank God I' m a country boy
Amo le cose semplici. Suonerei “Sally
I'd play "Sally Goodin" all day if I Goodin” tutto il giorno se potessi
could ma il Signore e mia moglie non la
prenderebbero bene :
But the Lord and my wife wouldn't
quindi lavoro quando devo e suono
take it very good quando posso.
So I fiddle when I can and I work Grazie a Dio sono un ragazzo di
when I should campagna!
Thank God I' m a country boy

267
The things that I see sentito una voce nel buoi, mi ha mandato
via con del fango sul viso. Ho sentito la
The things that I see gente dire “è pazzo, senza speranza”, fino
a che uno spruzzo ha lavato via l’oscurità.
Got me laughin’ like a baby!
Facendomi spiegare a tanti volti pieni di
The things that I see rabbia, cercando di parlare loro chiaro,
Got me cryin’ like a man! ma non sentono quello che dico, mi
The things that I see ripetono piuttosto “è un peccatore, uno
I can look at what He gave me! sbandato”, ma c’è solo una cosa cghe
And He’s gonna show me posso dire…tornò da me, e questa volta
Even more than I see. potevo vederlo. Mi disse che mi aveva
cercato, e mi dissse di credere. Chiesi: “In
Just the other day che cosa devo credere?” e lui rispose
“continua a creder in me”.
I heard a new voice in the darkness
Sandin’ me away
With mud on my face;
I heard the people say
Very last day
“He’s crazy and he’s hopeless!”
Till a splash washed the darkness
Everybody gonna pray on the very
away!
last day
oh when they hear that bell a-ring the
Makin’ me explain
world away
To a lot of angry faces,
everybody gonna pray to the Heavens
Talkin’ to ‘emplain
on the Judgement day.
They don’t hear what I say,
Tellin’ me again
Well you can sing about the great
“He’s a sinner and he’s reckless”
king David
but there’s only one thing I can say…
and you can preach about the wisdom
of Saul
He came to me again
but the Judgement falls on all
And this time I could see Him
mankind
Told me how he’d been
when the trumpet sounds the call.
Out lookin’ for me.
All equal and the same
He told me to believe,
when the Lord he calls your name
I said “What should I believe in?”.
get ready brother for that day.
He said “keep on believin’ in me!”
Well one day soon all men will stand
Le cose che vedo mi fanno ridere come his word will be heeded in all the
un bambino. Le cose che vedo mi fanno land
piangere come un uomo. Le cose che men shall know and men shall seek
vedo mi fanno guardare a quel che Lui mi we all are brothers we all are free
ha donato e mi mostrerà ancora di più di mankind was made of clay.
quel che vedo. Proprio l’altro giorno ho
268
each of us in the very same way Were you there when they nailed Him
get ready brothers for that day. to the Cross? (2 volte)

Well the law is given and the law is Were you there when they nailed Him
known to the Cross?
a tale is told and the seed is sown Were you there when they laid Him
from dust we came into dust we'll go, in the tomb? ( 2 volte)
you know the Lord once told us so.
Each brother takes his hand, Were you there when they laid Him
heed the meaning of the Lord's in the tomb?
command Were you there when they crucified
get ready brother for that day. my Lord? ( 2 volte)

Were you there when they crucified


my Lord?
Walk together, children

Walk together, children, don’t you get Eri là, tu, quando crocifissero il mio
weary, Signore? Oh, certe volte ciò mi fa
Walk together, children, don’t you get tremare. Eri là, tu, quando Lo
inchiodarono alla Croce? (…) Eri là, tu,
weary,
quando lo deposero nella tomba? (…) Eri
Walk together, children, don’t you get là, tu, quando crocifissero il mio Signore?
weary,
There’s a great camp meetin’in the
Promised land.
We shall overcome
Goin’ to walk and never tire…
Goin’ to walk and never tire… We shall overcome, (2 volte)
Goin’ to walk and never tire… we shall overcome some day.
Oh, deep in my heart I do believe
that we shall overcome some day.
Were you there? We'll walk hand in hand, (2 volte)
we'll walk hand in hand, some day.
Were you there, when they crucified Oh, deep…
my Lord? (2 volte)
We are not afraid, (2 volte)
Oh, sometimes it caused me to we are not afraid today.
tremble (4 volte) Oh, deep…
Were you there when they crucified We shall overcome, (2 volte)
my Lord? we shall live in peace some day.
269
The that will make us free some day, Oh, when they crown him King of
we shall brothers be some day. kings.
(2 volte)
oh, Lord, I want to be in that number,
Noi trionferemo, noi trionferemo un when they crown him King of kings.
giorno. Oh, nel profondo del cuore io
credo che noi trionferemo un giorno. Oh, when the Saints go marching in:
Cammineremo mano nella mano, (2 volte)
cammineremo mano nella mano, un
giorno. Non abbiamo paura, non abbiamo
oh, Lord, I want to be in that number,
paura, oggi. Noi trionferemo, noi vivremo when the Saints go marching in.
nella pace, un giorno. La libertà ci sarà un
giorno, saremo tutti fratelli un giorno.
Quando i Santi arriveranno marciando:
oh, Signore, voglio essere con loro
quando i Santi arriveranno marciando.
Quando il sole comincerà a scintillare(…)
When the Saints Quando la luna comincerà a
splendere(…). Quando le trombe
Oh, when the Saints go marching in: cominceranno a suonare(…). Quando le
(2 volte) arpe cominceranno a suonare(…) Quando
oh, Lord, I want to be in that number, sarà incoronato il Re dei re (…)
oh when the Saints go marching in.

Oh, when the sun begins to shine:


(2 volte) Who will watch the home place
oh, Lord, I want to be in that number,
when the sun begins to shine. Leaves are falling and turning in
showers of gold,
Oh, when the moon has turn in blood: As the postman climbs up our long
(2 volte) hill.
oh, Lord, I want to be in that number, And there's sympathy with him all
when the moon has turn in blood. aver his face
As he hands me a couple more bills.
Oh, when that horn begins to sound:
(2 volte) Who will watch the home pIace
oh, Lord, I want to be in that number, Who will tend my heart's dear space.
when that horn begins to sound. Who will fill my empty pIace, when I
am gone from here.
Oh, when those harps begin to play:
(2 volte) There' s a lovely green lake by a clear
oh, Lord, I want to be in that number, running stream,
when those harps begin to play. It was my place when I was quiet
small.

270
And it' s creatures and sounds could Now ain't that a witness for my Lord?
sooth my worst pains Ain't that a witness for my Lord?
But today they don 't ease me at all. (2 v.)
My soul is a witness for my Lord.
In my grandfather's shack there are
hundreds of tools, Now there was a man of Pharisees
I know them by feel and by name. his name was Nicodemus and he
And like parts of my body they've didn't believe.
patched this old place, The same came to Christ by night,
When I move them, they won’t be the wanted to be taught out of human
same. sight.

Now I wander around, touching each Nicodemus was a man who desired to
pleasant thing, know
The chimney, the table, the trees. how a man can be born when he is
And my men' ries swirl around me old.
like birds on the wing, Christ told Nicodemus, as a friend,
When I leave here, oh, who will I be. "Man you must be born again!"
Said "Marvel not, man, if you wanna
Who will watch the home pIace, be wise,
Who will tend my heart's dear space repent, believe and be baptized".
Who will fill my empty pIace, when I
am gone from here. Then, you'll be a witness for my Lord
you'll be a witness for my Lord (2 v.)
My soul is a witness for my Lord.
Chi si curerà della mia casa, del luogo Now you read about Samson, from
così caro al mio cuore?
his birth
Chi riempirà il vuoto che avrò lasciato
quando sarò andata via di qua? strongest man that ever lived on
E lontano da qui, che cosa sarò? earth.
'way back yonder in ancient times
he killed ten thousand of the
Philistines
Witness then old Samson went wanderin'
about;
Oh Lord, what manner of man is this? Samson strength was never found out
All nations in him are blest; till his wife sat upon his knee.
all things are done by is will; She said: "Tell me where your
he spoke to the sea and the sea stood strength lies, if you please."
still. Now Samson's wife, she talk so fair,
Samson said, "Cut off a my hair.

271
Shave my head just as clean as your "Tagliami i capelli. Radi la mia testa
hand finché essa diventi come la tua mano. La
and my strength will become like a mia forza si ritirerà e io sarò un uomo
qualunque." Il vecchio Sansone era
natural man."
testimone del mio Signore. La mia anima
è testimone del mio Signore. Ora c'è un
Old Samson was a witness for my altro testimone. La mia anima è testimone
Lord del mio Signore.
Old Samson was a witness for my
Lord. (2 v.)

My soul is a witness for my Lord. You

There's another witness (3 v.) In the bush there's a fire, a fire that I
My soul is a witness for my Lord call you
(2 v.) in the Red sea there's water, water
that I walk through
Oh Signore che uomo è costui? Tutte le
nazioni in lui sono benedette; tutte le cose Where are you bringing me, where do
sono fatte per la sua volontà; ha parlato al you lead?
mare e il mare si è fermato. Non è forse What is the promise that embraces
questa una testimonianza per il mio my need?
Signore? La mia anima è testimone per il How high the mountain, how fearful
mio Signore. Ora, c'era tra i Filistei un the view.
uomo chiamato Nicodemo e non credeva. How can I follow unless I call you?
Andò da Cristo una notte, voleva sapere
qualcosa dell'umana visione. Nicodemo
era un uomo desideroso di sapere come
In the tent there is an ark, an ark that
un uomo può nascere quando è vecchio. I call you
Cristo disse a Nicodemo, come ad un my heart as hoped a temple, but build
amico: "Uomo, tu devi nascere di nuovo. my son must do
Non ti meravigliare, uomo, se vuoi essere
saggio. Pentiti, credi e fatti battezzare." In the manger there's a baby, baby
Allora tu sarai un testimone del mio that I call you
Signore, la mia anima è testimone del mio God's grace has filled my soul, and a
Signore. Ora, avete letto di Sansone, fin
sword will pierce it through
dalla nascita l'uomo più forte che sia mai
vissuto sulla terra. In passato uccise On the cross there was a man, a man
diecimila Filistei. Poi il vecchio iniziò a that I called him
girovagare; la fonte della forza di on the shore he cooked my breakfast,
Sansone non era mai stata scoperta, fino a and I call him you again.
quando sua moglie si sedette sulle sue
ginocchia.Disse: "Dimmi per favore, da
dove nasce la tua forza." Ora, la moglie Nel cespuglio arde un fuoco, fuoco che
parlò così dolcemente, che Sansone disse: chiamo tu nel mar Rosso c'è acqua
272
attraverso cui cammino. Dove mi stai Too good to be there, just to use..
portando, dove mi conduci? Quale è la I’m gonna stand on a mountain top
promessa che abbraccia ogni mio and tell the true
desiderio? Quanto è alta la montagna, That you take my breath away!
quanto è spaventosa la vista. Come posso
seguirti se non ti dico tu? Nella tenda c'è
un'arca, arca che chiamo tu il mio cuore Sometimes it amazes me,
ha sperato in un tempio ma dovrà How strong the power of love can be,
costruirlo mio figlio. Nella mangiatoia Uh, don’t you know you just take my
c'è un bimbo, bimbo che chiamo tu la breath away!
grazia di Dio mi ha riempito il cuore e See, my life is yours,
una spada lo trafiggerà. Sulla croce c'è My heart will be singing for you
un uomo, che io ho chiamato Lui sulla eternally!
spiaggia mi ha preparato la colazione e di
Uh, don’t you know you just take my
nuovo lo chiamo tu.
breath away!
And it’s too good to leave by, too
good to
You take my breath away lose,
Too good to be there, just to use…
Sometimes it amazes me, I’m gonna stand on a mountain top
How strong the power of love can be, and the tell the triue
Sometimes you just take my breath That you take my breath away!
away.
You watched my love grow like a
child, A volte mi stupisce come può essere
Sometimes gentle and sometimes grande il potere dell’amore, a volte mi
wild, togli il respiro. Hai guardato il mio amore
crescere come un bambino, a volte dolce,
Sometimes you just take my breath
altre tumultuoso; a volte mi togli il
away. respiro. È troppo bello per lasciarlo,
And it’s too good to leave by, too troppo bello per perderlo o solo per
good to lose, usarlo… andrò sulla cima di una
too good to be there, just to use… montagna per dire la verità, per dire che
I’m gonna stand on a mountain top mi togli il respiro. La tua bellezza è là, la
and tell the true vedo in tutte le cose, e quando sento i tuoi
That you take my breath away! occhi su di me…non lo sai che mi togli il
respiro? La mia vita è tua, il mio cuore
canterà per te in eterno.
See, my life is yours,
My heart will be singin’ for you
eternally!
Uh, don’t you know you just take my
breath away!
And it ‘s too good to leave by , too
good to lose,
273
The wood thrush’s song L'uomo è il costruttore, l'inventore, il
saggio, ma tutta la sua intelligenza non
può spiegare il mistero di quella canzone.
I walked down the hall where the
woods used to stand
Concrete at my feet, brick walls at
every hand
And over my head steel girders so
strong
Where I first felt the spell of the
Wood Thrush’s song

Now the Wood Thrush has vanished,


seeking the pIace
That's not felt the crush of Man's
embrace
The steep woods are gone now, and
oh, how I long
To again feel the spell of the Wood
Thrush 's song

Over my head just a few years ago


The poplar leaves shivered when the
breezes did blow
Now the deep hum of engines drowns
the soft sigh
Of the wind in the leaves of the few
trees nearby

Man is the inventor, the builder, the


sage
The writer and seeker of truth by the
page
But a11 of his knowledge can never
explain
The deep mystery of the Wood
Thrush’s refrain

Il canto degli uccelli è svanito, e io non


desidero altro che risentire il mistero di
quella melodia.

274
Canti Russi Il campanello

Biozza v tiesnoi Adnasvucna. griemit kalakolcik


i daroga pilitza sliekka
Biozza v tiesnoi pieciurkie agogn
i unila pa rovnamu poliu
na palieniach smala kak slieza
i paiot mnie v ziemliankie garmogn raslivaietza piesgn iamscika.
pra ulibku tvaiu i glaza
Skolka grusti v toi piesnie uniloi
Pra tibia mnie sceptali kustbi skolka ciuvstva doviene radnoi
v bielasniejnich palliach seto grudi maiei hladnoi astilai
pad Maskvoi rasgarielasa sierzie agniom.
ia haciu schtobui slischala tbi
kak taskuiet moi golas jivoi I pripomnil ia otcie oci
I radnie polia i liesa
Tbi sicias daliko daliko i na oci davo uk suhie
miejdu nami sniga i sniga nabiezala tak brista sliesa.
do tibia mnie daiti nie liehko
a dasmierti cetirie scaaga Adnasvucna griemit kalakolcik
i sa nim otstavaia slikka
Poi garmonika viughie naslo i samol moi iamscik a daroga
zaputavsceie schastie prie da mnoi dalieka, dalieka.
zavi
mnie vhalodnoi ziemliankie tieplo
a tvaiei niegassimoi liubvi. Monotono suona il campanello,
sulla strada si alza un po' di polvere,
e triste sopra i campi piani
suona il canto del cocchiere.
Brucia il fuoco nella stufa sulla legna
Tanto sentimento c'è in questa canzone
cenere come lacrime e nel rifugio
melancolica
l'armonica mi parla del tuo sorriso e dei
tanta tristezza nella melodia familiare,
tuoi occhi di te mi sussurrano i cespugli
che nel mio petto freddo, estinto
nei campi innevati io vorrei che tu
il cuore riprese fuoco.
ascoltassi come la mia voce viva la
E mi ricordai occhi paterni, campi e
nostalgia di te. Tu adesso sei lontano, tra
boschi nativi,
noi c'è neve e neve, raggiungerti mi è
e agli occhi da tanto tempo asciutti
difficile mentre sono a due passi dalla
come una scintilla venne una lacrima.
morte. Suona armonica a dispetto della
Monotono suona il campanello,
tempesta richiama la felicità lontana. Nel
sulla strada si alza un po' di polvere
freddo rifugio sento il calore del tuo
e tacque il mio cocchiere, e la strada
amore inestinguibile.
davanti a me è lunga, lunga ...

275
io ti vorrei vicino,
Le gru amore mio, anche al freddo e al gelo,
voglio che siamo
felici insieme
Sierim utrom
mio caro.
krik pieciaglni
slisciu vniebje juravgliei.
Paprasciaias
uglietaiut Non biasimatemi
stai ih sradnih palièi:
Pomnisc ih vstrieciat viesnaiu Nie karitie mienia, nie branitie
vmiestie scli sricki staboiu,
nie liubit ia ievo nie magla
kak je slucilos, nie snaiu
vput juravlièi pravajaiu paliubif ze vsio sto imiela
ia adna. vsio iemu ia tagda addala
(tutti)Ia tagda addala
Skora bìelai
pieglienoiu Pasmatritie sto stala sa mnoiu
skroiet sniek prastor paliei. gdie dievais maia krasata
No viernuza knam viesnaiu gdie rumianez sto' sporil sarieiu
snova stai juravlièi. gdie vainistih valos gustata
Ia haciu, scto ti sa mnoiu (tutti) Gdie valos gustata
Bil i lietam i simoiu
sctobi vliuboie nienastie. Gdie dievici moi smieh sieriebristi
mi bierieghli nascie smastie, gdie biespiecnaia riesvast maia
mili moi. vsio iemu adnamu biesrasdieina
addala bies assudnaia ia
(tutti) Bies assudnaia ia.
Nel grigio mattino
in cielo si sente
delle gru il triste richiamo.
Ia gatova sabit svaie gorie
Ci dicono addio., i prastit iemu vsié ievo slo
lasciano ì campi natii nie katitie mienia nie branitie
Ricordi? mnie i tak tiazeio.
A1l’arrivo della primavera (tutti) Mnie i tak tiazeio.
andammo insieme incontro a loro
lungo il fiume
ed ora non riesco a capire Non biasimatemi, non sgridatemi,
perché sono rimasta sola ad
non ho potuto non amarlo.
accompagnarle.
E amatolo gli ho dato tutto ciò che
In città i fiocchi di neve
copriranno tutto il cielo, possedevo.
Ma con la primavera Guardate cosa mi è accaduto.
le gru ritorneranno. Dov'è finita la mia bellezza?
D'estate e d'inverno

276
Dov' è il mio rossore, che competeva con
quello dell' aurora,
dove sono i miei folti capelli ondulati?
Dov' è la mia risata argentina di fanciulla,
dov'è la mia spensierata vivacità?
Ho dato tutto a lui solo, me imprudente.
Sono pronta a dimenticare tutto il mio
dolore
e a perdonargli tutto il suo male.
Non biasimatemi, non sgridatemi,
il mio cuore è già così oppresso.

277
Canti francesi
Il buon Dio si arrabbiava. Il buon Dio
s’arrabbiava nella sua bottega: “ho
piantato quest’albero da tre anni e l’ho
Le Bon Dieu s'énervait ben annaffiato per tutto il giorno, cresce
meno rapidamente della mia barba”. Per
fare un albero, mio Dio com’è lunga. Il
Le Bon Dieu s'énervait dans son buon Dio si è arrabbiato nella sua bottega:
atelier “ho lavorato dieci anni su questo
"ça fait trois ans déjà que j'ai planté maledetto somaro e non riesco a farlo
cet arbre avanzare e ancora meno a farlo arretrare”.
Et j’i beau l'arroser à longueur de Per fare un asino, mio Dio com’è lunga. Il
journée buon Dio s’arrabbiava nella sua bottega
Il Pousse encore moins vite que ma guardando Adamo che camminava a
barbe". quattro zampe: “eppure, per la mia pipa,
avevo tutto calcolato, sì perché
camminasse sui suoi due piedi”. Per fare
Pour faire un arbre, mon Dieu que un uomo, mio Dio com’è lunga. Il buon
c'est long (4 fois) Dio s’arrabbiava nella sua bottega,
guardando il mondo che aveva creato:
Le Bon Dieu s'énervait dans son “Queste genti si battono come degli
atelier straccivendoli ed io non posso dormire in
"Sur ce maudit baudet, dix ans j'ai pace”. Per fare un mondo, mio Dio com’è
travaillé lunga.
Je n'arrive pas à le faire avancer
Et encore moins à le faire reculer".

Le Bon Dieu s'énervait dans son Les Champs-Elisées


atelier
En regardant Adam marcher à quatre Je me baladais sur l'avenue
pattes Le cœur ouvert à l'inconnu
"Et pourtant, nom d'une pipe, j'avais J'avais envie de dire bonjour
tout calculé A n'importe qui
Pour qu'il marche sur ses deux pieds". N'importe qui, et ce fut toi
J' t’ai dit n'importe quoi
Le Bon Dieu s'énervait dans son Il suffisait de te parler
atelier Pour t’apprivoiser.
En regardant le monde qu'il avait
fabriqué Aux Champs-Elisées, aux Champs-
"Les gens se battent comme des Elisées
chiffonniers Au soleil, sous la pluie, .à midi ou à
Et je ne peux plus dormir en paix". minuit
Il y a tout ce que vous voulez aux
Champs-Elisées

278
Tu m'as dit: "J'ai rendez-vous Tu retournerais jérusalem!
Dans un sous-sol avec des fous Et le poids de tes péchés eux-mêmes,
Oui vivent la guitare à la main Te ramenerait, Jérusalem.
Du soir au matin" Par la longue nuit
Alors je t'ai accompagnée Nous ne sommes pas meilleurs que
On a chanté, on a dansé nos Pères,
Et l'on a même pas pensé Les Enfants d’Israël.
A s'embrasser Nous ne sommes pas meilleurs que
nos Pères,
Hier soir, deux inconnus Nous sommes bien pareils!
Et ce matin sur l'avenue Oui, nous avons péché,
Deux amoureux tout étourdis Et nous avons triché!
Et de l'Etoile à la Concorde Nous avons tout gâché
Un orchestre à mille cordes Et nous t’avons lâché.
Tous les oiseaux du point du jour Nous ne sommes pas meilleurs que
Chantent l'amour. nos Pères,
Les Enfants d’Israel.
Passeggiavo per il viale, il cuore aperto Nous ne sommes pas meilleurs que
all’ignoto, avevo voglia si salutare saint Pierre
chiunque, chiunque ed eccoti; ti ho detto
stupidate; basta parlarti per addolcirti.
Lorsque le coq chantait.
Agli Champs-Elisées, agli Champs- Nous ne sommes pas meilleurs que
Elisées, sotto il sole, sotto la pioggia, a saint Pierre
mezzogiorno o a mezzanotte. C’era tutto Mais lui, il en pleurait!
quello che potete desiderare agli Champs- Oui, nous t’avons banni
Elisées. Mi hai detto: “ho un Et nous t’avons trahi
appuntamento nel sottosuolo con dei Et nous avons rougi
pazzi che vivono con la chitarra alla D’être de tes amis.
mano, dalla sera alla mattina”. Allora ti
Nous ne sommes pas meilleurs que
ho accompagnato, abbiamo cantato,
abbiamo ballato, e non abbiamo neanche saint Pierre
pensato di baciarci. Ieri sera, eravamo due Lorsque le coq chantait.
sconosciuti e questa mattina sul viale
siamo due innamorati completamente Nous ne sommes pas meilleurs que
storditi dalla lunga notte e dall’Etoile alla les autres
Concorde tutti gli uccelli come Malgré nos prétentions.
un’orchestra a mille corde, all’alba, Nous ne sommes pas meilleurs que
cantano l’amore. les autres
Bien que nous le croyions.
Mais pourtant quand tu veux
Il passe dans nos yeux
Chant de pénitance Un lueur de feu,
Oh si tu savais combien je t’aime Et c’est un jour radieux.
279
Et nous sommes alors plus proches buono e se è gradevole, ne berrò a sazietà.
des autres Se muoio voglio che mi seppelliscano in
Malgré nos divisions una cantina dove c’è del buon vino. I due
piedi contro il muro e la testa sotto il
Et nous sommes alors plus proches
rubinetto. E i quattro più grandi ubriaconi
des autres porteranno i quattro lembi della bandiera.
Et nous te retrouvons. Per dare le indicazioni di buon uso,
prenderemo l’osteria d’angolo. E se la
botte si stappa, ne berrò a piacimento.
Sulla mia tomba voglio che si scriva:
Chevaliers de la table ronde “Qui giace il re dei bevitori”.

Chevaliers de la table ronde


goûtons voir si le vin est bon. (Bis)
Goûtons voir, oui oui oui Ecoute la voix du Seigneur
goûtons, non non non
goûtons voir si le vin est bon (Bis) Toi qui aimes la vie,
O toi qui veux le bonheur,
S’il est bon s’il est agréable Réponds en fidèle ouvrier
j’en boirai jusqu’à mon plaisir ... De sa très douce volonté,
Réponds en fidèle ouvrier
Si je meurs, je veux qu’on m’enterre De l'Évangile et de sa paix.
dans une cave où y’a du bon vin ...
Ecoute la voix du Seigneur,
Le deux pieds contre la muraille Prête l'oreille de ton cœur.
et la tête sous le robinet ... Qui que tu sois, ton Dieu t'appelle,
Qui que tu sois Il est ton Père.
Et le quatre plus grands ivrognes
porteront les quat’coins du drap ... Ecoute la voix du Seigneur,
Prête l'oreille de ton cœur.
Pour donner le discours d’usage Tu entendras que Dieu fait grâce,
on prendra le bistrot du coin ... Tu entendras l'Esprit d'audace.

Et si le tonneau se débouche Ecoute la voix du Seigneur,


j’en boirai jusqu’à mon loisir ... Prête l'oreille de ton cœur.
Tu entendras crier les pauvres,
Sur ma tombe je veux qu’on Tu entendras gémir ce monde.
inscrive :
« Ici gît le roi des buveurs » ... Ecoute la voix du Seigneur,
Prête l'oreille de ton cœur.
Tu entendras grandir l'Église,
Cavalieri della tavola rotonda, Tu entendras sa paix promise.
assaggiamo se il vino è buono. Se è

280
Ecoute la voix du Seigneur, tous les plaisir sans y penser.
Prête l'oreille de ton cœur. J'ai trouvé una fille
Qui que tu sois fais-toi violence, que je croyais gentille,
Qui que tu sois rejoins ton frère. malgré ce qu' elle m'a dit
elle est partie... elle est partie!

Ascolta la voce del Signore. Tu che ami la Au bout d'un an, c'était couru,
vita, tu che desideri la felicità, testimonia je n'avais plus un seul écu.
come il fedele operaio la sua dolce Et la faim alors est venue
volontà, testimonia come il fedele operaio et l'on m'a jeté à la rue.
il Vangelo e la sua pace. Ascolta la voce
del Signore, presta ascolto al tuo cuore,
Alors finie la fête
chiunque tu sia, il tuo Dio ti chiama, et sans tourner la tête
chiunque tu sia Egli è tuo Padre. Ascolta sans bonsoir ni merci
la voce del Signore, presta ascolto al tuo je suis parti... je suis parti!
cuore, ascolterai che Dio dona grazie,
ascolterai lo Spirito d’audacia. Ascolterai Et hier encore je gardais
gridare i poveri, ascolterai gemere, questo les porcs qu'il me fallait soigner .
mondo. Ascolterai crescere la Chiesa, Je n'avais pas por déjeuner
ascolterai la sua pace promessa. Chiunque
les glands dont ils se nourissaient.
tu sia sacrificati, chiunque tu sia unisciti
al tuo fratello. J'ai pleuré ma misère,
j'ai pensé à mon père,
je ne sais ce qui m'a pris
je suis parti... je suis parti!
L'enfant prodigue
Si ritornerò verso quella casa laggiù. Si
Oui je retournerai vers la maison
ritroverò colui che mi sorriderà. Di
tout là-bas. buon'ora sono partito su un cavallo della
Oui je retrouverai celui qui me scuderia e nella mia borsa avevo preso ciò
sourira. che mio padre vi aveva messo. Ho
lasciato la mia campagna ho superato la
De bon matin je suis parti montagna malgrado quelo che mi hanno
sur un cheval de l'écurie, detto sono partito, sono partito. Sono alla
et dans ma bourse j'avais pris fine arrivato nella strada principale della
ce que le Père y avait mis. città in tre mesi ho assaporato tuuti i
piaceri senza pensarci. Ho trovato una
J'ai quittè ma campagne, ragazza che credevo gentile, nonostante
j'ai passé la montagne tutto quello che mi ha detto se n'è andata
malgrè ce qu' on m'a dit se n'è andata. In capo a un anno non
je suis parti... je suis parti! avevo più un soldo e la fame si è fatta
sentire e sono satato gettato in mezzo alla
A la fin je suis arrivé strada. Allora, finita la festa e senza
dans la grande rue de la cité voltarmi senza dire buona sera né grazie
pendant trois mois j'ai savouré me ne sono andato, me ne sono andato! E
281
ancora ieri custodivo i maiali. Non avevo Ama cantare come noi! Sì come noi!
da mangiare nemmeno le ghiande di cui si Fancon, sebbene era una buona cristiana,
nutrivano. Ho pianto sulla mia miseria ho fu battezzata con del vino. Un
pensato a mio padre, non so cosa mi ha Borgognone fu il suo padrino, una
preso son partito, son partito! Bretone la sua madrina. Fanchon
preferisce la grigliata ad altri piatti più
delicati. La sua carnagione prende un
nuovo colorito quando le si versa un
bicchiere colmo. Fanchon si mostra
Fanchon
crudele soltanto quando si parla d’amore.
Ma io le faccio la corte soltanto per
Amis, il faut faire une pause ubriacarmi con lei.
j’aperçois l’ombre d’un bouchon.
buvons à l’aimable Fanchon
chantons pour elle quelque chose.
Fleur d’épine
Et ah ! C’que son entretien est doux !
Qu’elle a des mérite et de gloire ! La mère qui m’a nourri
Elle aime à rire elle aime à boire ! n’a jamais connu mon nom, ho hé.
Elle aime à chanter comme nous ! (3 (Bis)
fois) On m’appelle, on m’appelle
Oui comme nous ! (3 fois) on m’appelle fleur d’épine
fleur de rose c’est mon nom, tra la la
Fanchon, quoique bonne chrétienne
fut baptisée avec du vin. Fleur d’épine, fleur de rose
Un Bourguignon fut son parrain c’est un nom qui coûte cher, ho hé.
une Bretonne sa marraine. (Bis)
Car il coûte double ou triple
Fanchon préfère la grillade la valeur de cent écus, tra la la ...
à d’autres mets plus délicats.
Son teint prend un nouvel éclat Qu’est-ce que c’est cent écus
quand on lui verse une rasade. quand on a l’honneur perdu, ho hé.
(Bis)
Fanchon ne se montre cruelle Car l’honneur, car l’honneur
que lorsqu’on lui parle d’amour.
car l’honneur est privilège
Mais moi je ne lui fais la cour
des fillettes de quinze ans, tra la la ...
que pour n’enivrer avec elle.
Ne fais donc pas tant la fière
on t’a vue hier au soir, ho hé. (Bis)
Amici, bisogna fare una pausa, sento
l’ombra di un tappo. Beviamo all’amabile On t’a vue, on t’a vue, on t’a vue hier
Fanchon, cantiamo per lei qualche cosa. E au soir
ah! com’è dolce stare con lei! Ha dei un beau bourgeois auprès de toi, tra la
meriti e delle glorie! Ama rire e bere! la ...
282
pour mener vers la fete
Ce n’était pas un bourgeois les gens de bonne foi.
qui était auprès de moi, ho hé. (Bis)
C’était l’ombre, c’était l’ombre
c’était l’ombre de la lune Andrò sulla strada dove tanti altri sono
qui jouait autour de moi, tra la la ... passati; attraverso la fede e il dubbio la
tua parola m’a guidato. E’ una strada che
va attraverso il deserto, che Dio solo può,
senza dubbio, far diventare verde. E’ una
Fiore di spina. La madre che mi ha nutrito
strada che se ne va nella notte della nostra
non ha mai saputo il mio nome. Mi
sconfitta, ma Dio risplende. Che i profeti
chiamano fiore di spina, il mio nome è
rendano diritto il cammino per condurre
fiore di rosa. Fiore di spina, fiore di rosa è
verso la gioia la gente di buona fede.
un nome che costa caro. Perché costa due
o tre volte cento scudi. Cosa sono cento
scudi quando si a perduto l’onore. Perché
l’onore è privilegio per le figliole di
quindici anni. Non fare dunque tanto la Je l’aime a mourir
fiera, t’abbiamo visto ieri sera, con un bel
borghese a casa tua. Non era un borghese Moi je n'étais rien et voilà
che era da me. Era l’ombra della luna che qu'aujourd'hui,
giocava attorno a me. Je suis le gardien du sommeil de ses
nuits. Je l'aime à mourir
Vous pouvez détruire tout ce qui vous
plaira
J’ irai Elle n'a qu’à ouvrir l'espace de ses
bras
J’irai sur la route Pour tout reconstruire. Pour tout
où tant dautres sont passès; reconstruire. Je l’aime à mourir
par la foi et la doute Elle a gommé les chiffres des
ta parole m’ a guidé horloges du quartier
Elle a fait de ma vie des cocottes en
C’est une route papier, des éclats de rire
qui va par le dèsert Elle a bâti des ponts entre nous et le
que Dieu seul peut ,sans doute, ciel
faire de venir vert. Et nous les traversons à chaque fois
qu'elle
C’est une route Ne veut pas dormir. Ne veut pas
qui s’en va dans la nuit dormir. Je l’aime à mourir
de nos deroutes,
mais Dieu luit. Elle a dû faire toutes les guerres pour
être aussi forte aujourd’hui,
Que les prophètes Elle a dû faire toutes les guerres de
rendent les chemins droits la vie et l'amour aussi.
283
legno. L’amo da morire. Devo solo
Elle vit de son mieux ses rêves sedermi, non devo più parlare, non devo
d'opaline volere niente, devo solo cercare di
appartenerle, di appartenerle.
Elle danse au milieu des forêts qu'elle
dessine. Je l'aime à mourir
Elle porte des rubans qu'elle laisse
s'envoler Je veux voir Dieu
Elle me chante souvent que j'ai tort
d'essayer Le voir de mes yeux
De les retenir. De les retenir. Je l'aime Joie sans fin des bienheureux
à mourir Je veux voir Dieu.
Pour monter dans sa grotte cachée
sous les toits Illuminé par l'Esprit,
Je dois clouer des notes à mes sabots Baptisé dans le feu
de bois. Je l'aime à mourir Tu es devenu
Je dois juste m'asseoir, je ne dois plus Lumière de Dieu.
parler,
Je ne dois rien vouloir, je dois juste Le monde attend le passage des
essayer Saints
De lui appartenir. De lui appartenir. Là où les Saints passent, Dieu passe
avec eux.
Soyez Saints comme Dieu
L’amo da morire. Io non ero nulla ed ecco Soyez Saints comme Dieu.
che oggi sono il guardiano del sonno delle
sue notti. L’amo da morire. Voi potete
distruggere tutto quello che vi piacerà, lei
non avrà altro che aprire le sue braccia Voglio vedere Dio. Voglio vedere Dio,
per ricostruire tutto. L’amo da morire. Ha vederlo con i miei occhi, gioia senza fine
cancellato le cifre degli orologi del dei beati, voglio vedere Dio. Illuminato
quartiere, ha fatto della mia vita delle dallo Spirito, battezzato nel fuoco, tu sei
barchette di carta, degli scoppi di risa; ha divenuto luce di Dio. Il mondo attende il
costruito ponti tra noi ed il cielo e noi li passaggio dei Santi, là dove i santi
traversiamo tutte le volte che non vuole passeranno, Dio passa con loro. Siate
dormire. L’amo da morire. Ha dovuto fare come Dio.
tutte le guerre per essere così forte oggi.
Ho dovuto fare tutte le guerre della vita
ed anche l’amore. Lei vive nel meglio dei
suoi sogni d’opalina, danza nel mezzo
delle foreste che disegna. L’amo da
morire. Porta dei nastri che lascia volare,
mi canta spesso che ho torto di cercare di
trattenerli. L’amo da morire. Per salire
nella sua grotta nascosta sotto i tetti devo
inchiodare le note ai miei zoccoli di Oh! doux pays

284
La première en chemin, Marie
Oh! doux pays de Chanaan,
qu’il est long le chemin vers toi! La première en chemin, Marie, tu
Oh! Doux pays de Chanaan, nous entraînes
doux pays de notre espoir. A risquer notre" oui" aux imprévus de
Dieu
Le temps me semble long et gris Et voici qu'est semé en l'argile
au souvenir de ce doux pays, incertaine
mais cette nuitnous partirons De notre humanité Jésus Christ, Fils
vers le pays de la moisson. de Dieu.
Marche avec nous, Marie, sur nos
J’entends le son des des tambourins chemins de foi,
manant la danse jusqu’au matin, Ils sont chemins vers Dieu, ils sont
en souvenir du doux agneau chemins vers Dieu.
dont la sang pur coula à flots.
La première en chemin, joyeuse, tu
Nous passerons des nuits d’effroi t'élances,
dans un désert glacé de vents froids; Prophète de Celui qui a pris corps en
mais la Nuée est l’èntour toi
pour nous brûler d’un feu d’amour. La Parole a surgi, tu es sa résonance
Et tu franchis des monts pour en
Dans le matin d’un jour radieux porter la voix.
salut enfin ô porte des cieux; Marche avec nous Marie, aux
là pour toujours nous chanterons chemins de l'annonce,
le grand Hallel de la moisson. Ils sont chemins vers Dieu (bis)

O dolce paese di Canaan, com’è lunga la La première en chemin, tu provoques


via che porta a te! O dolce paese di le signe
Canaan, dolce paese della nostra Et l'heure pour Jésus de se manifester
speranza. IL tempo mi sembra lungo e " Tout ce qu'il vous dira, faites-le " Et
grigio al ricordo di quel dolce paese, ma
questa notte partiremo per il paese del
nos vignes
raccolto. Sento il suono dei tamburelli che Sans saveur et sans fruit, en sont
guidano la danza fio al mattino, in renouvelées.
memoria del dolce agnell, il cui sangue Marche avec nous, Marie, aux
puro e corso a fiotti. Passeremo notti chemins de l'Ecoute,
d’angoscia in un deserto ghiacciato de Ils sont chemins vers Dieu (bis)
venti freddi, ma la Nuvola è presente per
farci ardere di un fuoco d’amore. Al La première en chemin pour suivre au
mattino di un giorno radioso, salve,
Golgotha
finalmente, o porta del cielo! Là per
sempre canteremo il grande Alleluia del Le Fils de ton amour que tous ont
del raccolto. condamné.

285
Tu te tiens là, debout, au plus près de Tu Maria, sei la prima in cammino, ci
la Croix coinvolgi a rischiare il nostro sì agli
Pour recueillir la Vie de son Cœur imprevisti di Dio, ed ecco che è seminato
nella fragile argilla della nostra umanità
transpercé.
Gesù Cristo, figlio di Dio. Cammina con
Marche avec nous, Marie, sur nos noi, Maria, lungo le nostre vie di fede,
chemins de croix, sono cammini verso Dio. La prima in
Ils sont chemins vers Dieu (bis) cammino, gioiosa, tu ti proclami profeta
di Colui che ha preso corpo in te. La
La première en chemin, brille ton Parola è nata, tu sei il suo risuono e tu
espérance valichi montagne per portare la parola.
Dans ton cœur déchiré et la nuit du Cammina con noi, Maria, lungo i sentieri
tombeau dell’annuncio, sono cammini verso Dio.
La prima in cammino, tu provochi il
Heureuse toi qui crois d'une absolue
segno e l’ora per Gesù di manifestarsi.
confiance “Fate tutto quello che vi dirà”, e i vostri
Sans voir et sans toucher, tu sais le vigneti senza sapore, senza frutto, sono
jour nouveau. rigenerati. Cammina con noi, Maria,
Marche avec nous, Marie, aux lungo i sentieri dell’ascolto, sono
chemins d'espérance, cammini verso Dio. La prima in
ils sont chemins vers Dieu (bis) cammino, per seguire sul Golgota il
Figlio del tuo amore, che tutti hanno
La première en chemin avec l'Eglise condannato. Tu resti là, in piedi, presso la
Croce per raccogliere la vita del suo cuore
en marche trafitto. Cammina con noi, Maria, lungo i
Dès les commencements... Tu sentieri della croce, sono cammini verso
appelles l'Esprit. Dio. La prima in cammino, brilla la tua
En ce monde aujourd'hui assure notre speranza nel tuo cuore spezzato; e la notte
marche, del sepolcro, lieta sei tu che hai
Que grandisse le corps de ton fils un’assoluta certezza senza vedere e
Jésus Christ. toccare, tu conosci il nuovo giorno.
Marche avec nous, Marie, aux Cammina con noi, Maria, lungo i sentieri
della speranza, sono cammini verso Dio.
chemins de ce monde,
La prima in cammino con la Chiesa, fin
Ils Sont chemins vers Die~ (bis) dall’inizio. Tu invochi lo Spirito. In
questo mondo oggi assicuri i nostri passi,
La première en chemin, aUx rives che cresca il corpo del tuo figlio Gesù
bienheureuses; Cristo. Cammina con noi, Maria, lungo le
Tu précèdes, Marie, toute l'humanité. vie di questo mondo, sono cammini verso
Du Royaume accompli tu es pierre Dio. La prima in cammino, alle rive
précieuse beate; tu precedi, Maria, tutta l’umanità.
Revêtue du soleil, en Dieu Del regno promesso tu sei pietra preziosa.
Vestita di sole, in Dio trasfigurato.
transfigurée !
Marche avec nous, Maire, aux
chemins de nos vies,
Ils Sont chemins vers Dieu (bis)
286
Que chante pour toi Canti per te la bocca dei bambini ! Esalti
in te il popolo dei viventi! Esulterò senza
Que chante pour toi la bouche des fine, canterò per te, perché o Dio, tu sei
buono! Danzerò per te, tu sei tutta la mia
enfants !
gioia, perché o Dio tu sei buono!
Qu'exulte en toi le peuple des vivant! Riceviamo da te la forza dei nostri passi;
(2 v.) non abbiamo più paura, tu cammini al
nostro fianco. Ciascuno è ai tuoi occhi
Sans fin j'exulterai, unico e meraviglioso; tu doni ogni giorno
Pour toi je chanterai, il pane del tuo amore. Che tutte le nazioni
Ô Dieu car tu es bon ! si radunino nel tuo nome; da te viene tutta
je danserai pour toi, la pace, tu sei la nostra unità. Che si
Tu es toute ma joie, elevino sempre verso di te i nostri canti
d’amore; in te riprende vita, al fuoco del
Ô Dieu car tu es bon !
tuo Spirito.
Nous recevons de toi
La force de nos pas,
Ô Dieu car tu es bon !
Les retrouvailles
Que craindre désormais,
(Il faut que je m’en aille)
Tu marches à nos côtés,
Ô Dieu car tu es bon r
Le temps est loin.
De nos vingt ans
Chacun est à tes yeux
Des coups de poings
Unique et merveilleux,
Des coups de sang
Ô Dieu car tu es bon !
Mais qu'à c’la n' tienne
Tu donnes chaque jour
C'est pas fini
Le pain de ton amour,
On peut chanter
Ô Dieu car tu es bon !
Quand le verre est bien rempli
Que toutes les nations
Buvons encore, une dernière fois,
S'assemblent pour ton nom,
A l'amitié, l'amour, la joie
O Dieu car tu es bon !
On a fêté, nos retrouvailles,
De toi vient toute paix,
Ça m' fait d' la peine
C'est toi notre unité,
Mais il faut que je m'en aille
Ô Dieu car tu es bon !
Et souviens-toi
Que s'élèvent toujours
De cet été
Vers toi nos chants d'amour,
La premièr' fois
Ô DIeu car tu es bon !
Qu'on s'est saoûlé
En toi tout reprend vie
Tu m'as ram'né
Au feu de ton Esprit,
A la maison
Ô Dieu car tu es bon !
En chantant

287
On marchait à reculons largo, per non essere altro che uno
Je suis parti straniero che non sapeva più molto bene
Changer d'étoile dove se ne stava andando. Ti ho
raccontato il mio matrimonio, in comune,
Sur un navire
in un piccolo villagio. Ridevo sotto i baffi
J'ai mis la voile quando il sindaco provava a pronunciare
Pour n'être plus il mio nome. Non ti ho scritto durante
Qu'un étranger questi anni; e anche tu ti sei sposato. Hai
Ne sachant plus tre bambini da nutrire. Io ne ho cinque se
Très bien où il allait ti puo’ consolare.

J' t'ai raconté


Mon mariage
A la mairie La samaritaine
D'un p'tit village
Je rigolais Ce n’est pas le puits qui est trop
Dans mon plastron, profond
Quand le maire c’est la corde, c’est la corde,
Essayait d' prononcer mon nom c’est la cordequi ne va pas au fond.

J' t'ai pas écrit En rentrant en Gailée


Toutes ces années -que la route est longue!-
Et toi aussi Jesus vint à Samarie,
T'es marié(e) mon ami.
T'as trois enfants Comme il était fatigué
A faire manger par la route longue,
Moi j'en ai cinq il s’assit là sur un puits,
Si ça peut te consoler. mon ami.

Ses amis l’ayant quitté


Ci siamo ritrovati, amico! E’ ormai -que la route est longue!-
lontano il tempo dei nostri vent’anni, una femme vint à lui,
quando ci prendavamo a pugni e ci mon ami.
gridavamo dietro. Ma fa niente, non é De l’eau elle voulait puiser;
finito, possiamo cantare quando il
-qué la route est longue!-
bicchiere é bien pieno. Beviamo ancora,
un’ultima volta, all’amicizia, all’amore, Jesus lui en demande aussi,
alla gioia; abbiamo festeggiato il nostro mon ami.
incontro. Sono dispiaciuto, ma devo
andarmene. E ricordati di quell’estate, la Comme elle était étonnee
prima volta che ci siamo ubriacati. Mi hai -que la route c’est longue!-
riportato a casa cantando. Camminavamo Jesus doucement lui dit:
all’indietro. Me ne sono andato a “ Mon amie,
cambiare aria, su una nave ho preso il
si tu voulais t’abreuver
288
pour la route longue,
une eau vive est san prix,
mon amie!” Seigneur, où es tu

Mais elle dit: “Comment puiser, Où donc es-tu


car la route est longue, Seigneur de gloire,
du bord jusqu’au fond du puits, car dans mon coeur
mon ami? c’est la nuit noire?
Une corde il nous foudrait, Ou donc es-tu
une corde longue, Dieu de nos pères,
pour l’eau qui nous fait envie, car dans nos coeurs
mon ami.” lus de lumière?

Jesus dit: “En vérité, Je te cherche sur les routes


si la route est longue, ou l’on voit les affamès,
il est une source ici, je te cherche dans les villes
mon ami, ou l’on voit les rassasiés,
jaillie pour l’èternité Je te querche dans le doute,
pour la route longue, dans les Yeux noies de pleurs,
jaillie au coeur du Messie, et je ne tiens à le écoute
mon amie.” pour sentir battre ton coeur...

Je te trouve sur la pace


Non è il pozzo che è troppo profondo, è la d’un enfante en sa candeur.
corda che non scende in fondo
Je te trouve sur la place
Ritornando in Galilea,com’è lunga la
strada Gesù venne a Samaria, amico mio.
ou tu loues tes vendangeurs.
Poichè era stanco si sedette per la lunga Je sais bien qu’on peut te lire
strada, là sul pozzo. Lasciato dagli amici, dans les yeux d’un baptisé.
una donna venne a Lui, voleva “ attingere Je te vois dans le sourire
dell’acqua. Gesù gliene chiede un po'. de l’ami qui a pardonné.
Siccome era stupita, Gesù le disse
dolcemente: “Amica mia se vuoi Reviens vers nous,
dissetarti, un’acqua viva non ha prezzo, Seigneur de gloire,
amica mia.” Ma essa disse: “Come
car dans nos coeurs
attingere dal bordo fino in fondo al pozzo.
Di una corda avremmo bisogno, per c’est la nuite noire.
l’acqua che desideriamo, amico mio.” Reviens vers nous,
Gesù le disse: “In verità, se la strada è Dieu de nos peres,
lunga c’è una fonte qui,scaturita per et mets nos coeurs
l’eternità, per la lunga via, scaturita nel dans ta luniere.
cuore del Messia, amica mia.”

289
Dove sei dunque, Signore di gloria, Un jour je lui ai soupiré
poichè nel mio cuore c’è la notte nera? Que je voudrais être une pomme
Dove sei dunque, Dio dei nostri padri Suspendue à un pommier
poichè nei nostri cuori non c’è più luce? Et qu'à chaque fois qu'elle passe
Ti cerco per le strade dove si vedono gli
affamati, ti cerco nella città dove si
Elle vienne me mordre dedans
vedono i sazi. Ti cerco nel dubbio, negli Mais elle est passée, et tout en
ochhi pieni di lacrime e sto in ascolto per Me montrant ses jolies dents, elle m'a
sentire battere il tuo cuore....Ti trovo nel dit
volto di un bambino, nelsuo candore.
Ti trovo sulla piazza dove assumi i tuoi
vandemmiatori. So bene che ti si può Fischiare sulla collina. Lei mi ha detto di
scorgere negli occhi di un battezzato,ti andare a fischiare lassù sulla collina. Di
vedo nel sorriso dell’amico che ha aspetterla con un mazzetto di rose
perdonato. Ritorna a noi Signore di selvatiche. Ho colto dei fiori ed ho
gloria, perchè nei nostri cuori c’è la notte fischiato tantissimo. Ho aspettato,
nera. Ritorna a noi, Dio dei nostri padri e aspettato, e non è mai venuta.
metti i nostri cuori nella tua luce. L’ho vista vicino a un alloro. Teneva le
sue pecorelle bianche. Quando le ho
chiesto da dove veniva la sua pelle fresca,
mi ha risposto: “E’ rotolarsi nella rugiada
Siffler sur la colline che rende le pastorelle carine”. Ma
quando le ho detto che con lei vorrei
Elle m'a dit d'aller siffler là-haut sur rotolarmi anche io, mi ha detto… Alla
fiera del villaggio un giorno le ho
la colline mormorato che vorrei essere una mela
De l'attendre avec un petit bouquet sospesa ad un melo e ogni volta che lei
d'églantines passa che venga a mordermi. Ma lei é
J'ai cueilli les fleurs et j'ai sifflé tant passata facendomi vedere i suoi bei denti,
que j'ai pu e mi ha detto…
J'ai attendu. attendu, elle n’est
jamais venue
Lai lai lai lai. lai lai lai lai, (bis) oh
oh oh oh (bis) Souffle imprévisible

Je l'ai vue près d'un laurier Souffle imprévisible, Esprit de Dieu,


Elle gardait ses blanches brebis Vent qui fait revivre, Esprit de Dieu,
Quand j'ai demandé d'où venait Souffle de tempête, Esprit de Dieu,
Sa peau fraîche, elle m'a dit : Ouvre nos fenêtres, Esprit de Dieu !
"C'est d' rouler dans la rosée
Qui rend les bergères jolies" Esprit de vérité,
Mais quand tai dit qu'avec elle Brise du Seigneu1;
Je voudrais y rouler aussi, elle m'a dit Esprit de liberté,
Passe dans nos cœurs !
A la foire du village
290
Flamme sur le monde, ...
Feu qui chasse l'ombre, ... Tout ça:
Flamme de lumière, ... en plein jour
Viens dans nos ténèbres, il vint
Fleuve des eaux vives, ... parler aux pauvres.
Chant de l'autre rive, ... Tout ça:
Fleuve au long voyage, ... en plein jour
Porte-nous au large, ... il leur
dit son amour.
Voix qui nous rassemble, ...
Cri d'une espérance, ... Tout ça:
Voix qui nous réveille, ... dans la nuit,
Clame la nouvelle, ... un soir
de grande angoisse.
Tout ça:
Soffio imprevisibile, spirito di Dio, vento dans la nuit,
che fa rivivere, soffio di tempesta, apri le trahi
nostre finestre. Spirito di Verità, brezza par ses amis.
del Signore, Spirito di libertà, passa nei
nostri cuori! Fiamma nel mondo, fuoco
che caccia l’ombra, fiamma di luce, vieni
Tout ça:
nelle nostre tenebre. Fiume d’acqua viva, sur la croix,
canto dell’altra riva, fiume di un lungo un jour
viaggio, portaci al largo. Voce che ci avant la Pâque.
raduna, grido di speranza, voce che ci Tout ça:
risveglia, annuncia la novità. sur la croix,
quand il
ouvrit ses bras.

Tout ça Tout ça:


un matin,
Si Dieu ne nous aimait pas quand on
il n'aurait pas fait la terre. vint sur sa tombe.
Si Dieu ne nous aimait pas Tout ça:
il n'aurait pas fait tout ça. un matin,
quand il
Tout ça: ressuscita.
à Noel,
un soir dans une étable.
Tout ça: Se Dio non ci amasse non avrebbe fatto la
à Noel, terra. Se Dio non ci amasse non avrebbe
quand il fatto tutto questo. Tutto questo: a Natale,
nous vint du ciel. una notte in una stalla. Tutto questo: a

291
Natale,quando venne a noi dal cielo.
Tutto questo: in pieno giorno venne a Voici la fin de mes souffrances,
parlare ai poveri. Tutto questo: in pieno et le repos pour mon vieux corps,
giorno a loro mostrò il suo amore. Tutto voici venir la récompense
questo: nella notte, una sera di gran paura.
Tutto questo: nella notte, tradito dai suoi
par Dieu promise à mes efforts.
amici. Tutto questo: sulla croce, il giorno Je vais là-bas parmi les anges,
prima di Pasqua. Tutto questo: sulla en oubliant mes vieux soucis,
croce, quando spalancò le braccia. Tutto passer mon temps, passer en louange,
questo: quel mattino, quando si giunse dire à Jésus sans fin merci.
alla sua tomba. Tutto questo: quel
mattino, quando risuscitò.
Esule vado e vagabondo, ovunque sono
uno stranier, ma la promessa del tuo
amore rifugio certo mi dirà. Laggiù vedrò
Vent fin alfin mio padre, il mio cammino fine
avrà; sull’altra sponda del gran fiume
Vent fin, vent du matin la mia dimora troverò. Terminerò la lunga
strada, il fiume sento mormorar. Sperando
Vent qui souffle au bout de ça pin in te la morte attendo, ogni timor svanirà.
Vent qui chante, vent qui dance Laggiù vedrò allor mia madre, accanto a
Vent, vent fin. lei sorriderò. Sull’altra sponda del gran
fiume la pace alfin ritroverò. D’ogni
fatica ecco la fine, lo stanco corpo quiete
avrà: ecco venir la ricompensa da Dio
Vieux pélerin promessa al mio dolor.

Vieux pélerin qui vagabonde,


je suis partout un étranger,
mais je suis sûr qu’en l’autre monde Zachèe
Dieu va m’offrir où me loger.
Je vais là-bas revoir mon père, Zachée, descend donc, le Seigneur
fini pour moi de cheminer. t’attend,
A l’autre bord de la rivière, Zachée, descend donc: il est là,
maison à moi je vais trouver. Zachée, descend donc, le Seigneur
t’attend:
J’achèverai bientôt ma route, Zachée,ouvre-lui ta maison?
j’entends tout proche le Jourdain:
la mort n’a rien que je redoute C’etait un petit bonhomme,
j’y laisserai tous mes chagrins. il avait nom Zachèe;
Je vais là-bas revoir ma mère, était haut comme trois pommes
près d’elle enfin me consoler, et il était douanier.
sur l’autre bord de la rivière Un douanier de trois pommes
à la maison me reposer. n’a pas d’autoirité,

292
mais pour voler son monde festa Gesù lo guardo e lui, abbassando la
on dit qu’il s’y entendait. testa subito si alzò in piedi. Perché
abbassar la testa? Gesù ha capito tutto: tu
rimborsi i tuoi debiti e anche tutti i furti.
Mais un jour il entend dire
E tutti i farisei lividi scoppiavano di
que Jésus va passer rabbia. Gridavano tutti alla bestemmia:
et il s’en va sans rien dire assolvere un tal peccatore! La casa di un
un arbe escalader. peccatore è un palazzo ben strano: si, ma
Un arbe au noir feullage è nel cuore che Zaccheo l’ha ospitato.
ne peut pas te cacher,
car Jésus qui s’avance
s’invite à dejeuner.

Et quand fut finite la fete


Jésus le regarda,
et lui, en baissant la tete,
bientot il se leva .
Pourquoi basseir la tete ?
Jésus a tout compris:
tu rembourses tes dettes
et tous tes vols aussi.

Et tous les pharisiens blemes


épanchaient leur aigreur.
Ils criaient tous au blasphème
d’absoudre un tel pécheur,
quelle drole de palais:
oui, mais c’est danse son coeur
que Zachée l’a logé.

Zaccheo, scendi, il Signore ti aspetta;


Zaccheo, scendi, è arrivato; Zaccheo,
sendi, il Signore ti aspetta: Zaccheo,
aprigli la tua casa! Era un uomo
qualunque, si chiamava Zaccheo, era un
soldo di cacio ed era doganiere. Un soldo
di cacio di doganiere non ha forse
autorità ma quanto a derubare la gente si
dice che ci sapesse fare. Ma un giorno
sente dire che Gesù sta per passare, e
senza di nulla se ne va su un albero. Un
albero del fogliame scuro non ti può
nascondere perché Gesù, che viene avanti
si invita a pranzo a casa tua. E, finita la
293
Bette Davis eyes

Her hair is Harlow gold


Her lips a sweet surprise
Her hands are never cold
She's got Bette Davis eyes
Canti irlandesi- She'll turn her music on you
You won’t have to think twice
scozzesi-inglesi She's pure as New York snow
She's got Bette Davis eyes
All around my hat
And she'lI tease you
All around my hat, I will wear the She'lI unease you
green willow and All the better just to please you
all around my hat for a twelvemonth She's precocious
and a day and she knows just what it takes
and if anyone should ask me the to make a pro blush
reason why I'm wearing it, She's got Greta Garbo's
it's all for my true love, who's far far stand-off sighs
away. She's got Bette Davis eyes
Fare thee well cold winter and fare She’ll let you take her home
thee well cold frost It whets her appetite
nothing have I gained, but my own She'll lay you on her throne
true love I've lost. She's got Bette Davis eyes
I'll sing and I'll be merry, when She'll take a tumble on you
occasion I do see: Roll you like you were dice
he's false deluding young man, let Until you come up blue
him go! fare well he. She's got Bette Davis eyes
The other night he brought me a fine She'll expose you
diamond ring, when she snows you
thought to have bribed me, with a Off your feet with the
fine fetter thing, crumbs she throws you
but I'm being careful as lovers ought She's ferocious
to be, and she knows just what it takes
he's false deluding young man, let to make a pro blush
him go! fare well he. Ali the boys think she's a spy
She's got Bette Davis eyes

294
She thinks she comes of noble birth,
me of a mean degree,
But I am come of Adam’s race, my
dear, as well
as thee.

Blackbirds and thrushes-Alexander Don’t place your mind on riches love,


(medley) nor no
Such wordly store
If all the young ladies were Just think on Alexander and you will
blackbirds and thrushes, then all the love me the more
young men would go beating the When he had conquered the whole
bushes, word, he sta down and wept full sore,
Fol de dol diddle dol day Because there was but one word and
he could gain no more...
If all the young ladies were ducks on
the water, then all the young men I will travel to Mount Hareb, where
would go swimming in after... Noah’s ark did stand,
From there until Mount Albereen
If the ladies were all trout and salmon whwhere Mosess
so lovely, the divil the men would go Viewed the land.
fishing on Friday And I never will quit roving, while I
can wear a shoe,
If all the young ladies were hares on But like a wounded lover, my dear I
the mountain, then men with their will mourn for you.
hounds would be out without
counting... Till this sorrwful lamentation to her
true love
Oh, don’t you know the reason love She gave ear,
this night that I am here, She took him in her arms and
It is in order to obtain the love of you, embraced him as her dear.
my dear So now they have got married, the
Your sweet celestial charm as truth I will unfold,
wounded quite my brain Her father hath bestowed on them
Your skin’s far writer than the swan five hundred pounds in gold.
swims over yon purley stream.

The reason my love slights is because “Non sai perchè son qui, sta sera, mia
that I’m poor, amata? È per guadagnare il tuo amore.
But I’ve what’s allowed for me and I Sei bella, gentile, modesta, libera, e mi
hai rubato il cuore…”
can ask no more.
La mia amata mi rifiuta perché sono
povero, ma ho quello che mi è dato e non
295
chiedo di più. Lei pensa di essere una think them poorest who can be a
stirpe nobile mentre io sono del popolo, slave
ma sono della razza di Adamo, mia cara, them richest who dare to be free.
quanto te.
Non pensare a ricchezze ne a cose
mondane. Mi amerai ancora di più se
Cos'è la primavera con il suo profumo di
penserai ad Alessandro Magno, che gelsomino e rose cos'è l'estate con il suo
avendo conquistato il mondo intero si
allegro corteo, cos'è lo splendore
sedette e pianse perché non poteva
dell'autunno per coloro che hanno
conquistare altro.
barattato la libertà per il guadagno?
Non smetterò di seguirti finchè avrò le
Lascia che l'amore per i diritti consacrati
scarpe, e come un amante
della nostra terra succeda all'amore per la
Ferito piangerò per te”
nostra gente, lascia che l'amicizia e
Infine a questo lamento accorato lei
l'onore uniti fioriscano su entrambe le
cedette, e abbracciò il suo vero
sponde del Tweed. Nessuna dolcezza può
Amore.
confortare i sensi induriti dalla corruzione
e dall'immoralità, né alcuno splendore di
sole può compensare chi ha perduto
l'essenza dell'onore e dell'intelletto.
Both sides the Tweed Lascia che la virtù distingua gli audaci,
poni i ricchi su un gradino più basso,
What's the spring breathing jasmin pensa che è più povero chi può essere
and rose schiavo ed è più ricco chi osa essere
libero.
what's the summer with all its gay
train
what 's the splendour of autumn to
those
who've bartered their freedom for Carolina Rua
gain?
Stories never end ‘til you come to
Let the love of our land's sacred conclusions
rights Carolina Rua has a hand in my
to the love of our people succeed confusion
let friendship and honour unite Waits for me to choose which quarter
and flourish on both sides the Tweed. to bend in
To Susie-make-me-blue or the
No sweetness the senses can cheer redhead I’m attending.
which corruption and bribery bind
nor brightness the sun can e'er cheer Now Carolina rua has my heart and
for honour's the sum of the mind. all I want to do’s
Go down the windy road where my
Let virtue distinguish the brave Carolina goes.
place riches in lowest degree Down the crooked road where
Carolina goes to school, o Carolina
296
ruadh do you love me? Tell me true,
tell me...
Standing on three queens, thought the
game was over,
Then from the blue, Carolina’s at my Child of men
shoulder.
Oh laughter in her eyes, and a smile If I were a desert flower
that touches all winter long I'd pain and cover
All the guys, spring would make me sing
On down down the windy road where my voice would ring
my Carolina goes... as tiny buds begin to bloom
in spring I'd blossom and forget
the winter's gloom

Cliffs of Dooneen If I were a brook of water


kissed by the frost along my borders
You may travel far, far from your spring would make me sing
own native home my voice would ring
far away o'er the mountains, far away as I'd release my icy chains
o'er the foam, in spring I'd bubble and forget
but of all the fine places that I've ever the winter rains
been,
oh there's none can compare with the But I'm only a child of man
Cliffs of Dooneen. I am only child of man
just an innocent child of man
Take a view o'er the mountains, fine Don't look so surprised
sights you'll see there; as my eyes shine and glow
you'll see the high rocky mountains It's the sunlight in the sky
on the west coast of Clare, that is making me so
oh the towns of Kilkee and Kilrush
can be seen, If I were a joyful songbird
from the high rocky slopes round the all winter long so cold and somber
Cliffs of Dooneen. spring would make me sing
my voice would ring like tiny bells
So far thee well to Dooneen, fare thee on scarves of silk
well for a while, a song as beautiful and pure as
and although we are parted by the mother's milk
raging sea wild,
once again I will wander with my Don't be surprised
Irish colleen, by this look in my eyes
round the high rocky slopes of the like a flower of tree
Cliffs of Dooneen. I will bloom in the spring
297
I will shed all woes suo carretto per strade larghe e strette
as the green grass grows gridando:”Frutti di mare vivi, vivi, oh!”
like a flower or tree Era una pescivendola, ma certo non c’era
da meravigliarsene perché lo erano stati
I'll throw my head back and sing
anche suo padre e sua madre;
Cockles and mussels e tutte due spingevano i loro carretti per
strade larghe e strette gridando:” Frutti di
In Dublin’s fair city mare vivi…”
where the girls are so pretty Morì per una febbre e nessuno potè
I first set my eyes on sweet Molly salvarla e questa fu la fine della dolce
Malone, Molly Malone, ma il suo spirito spinge
as the wheels her wheel barrow ancora il suo carretto, per strade larghe e
Thro’ the streets broad and narrow, strette, gridando:” Frutti di mare vivi…”.
crying cockles and mussels, alive,
alive, oh!

Alive, alive oh! (2 volte) Come my way


crying cockles and mussels, alive,
alive oh! Come my Way, my Truth, my Life
Such a life as gives us breath;
She was a fishmonger, such a truth as ends all strife;
but sure ‘twas no wonder such a life as killeth death
for so were her father and mother
before; Come my Light, my Feast, my
and they both wheeled their barrow Strength
through streets broad and narrow; Such a light as shows a feast
crying cockles and mussels, alive, Such a feast as mends in length
alive, oh! Such a strength as makes his guest

She died of a fever and no one could Come my Joy, my Love, my Heart
save her, Such a joy as none can move
and that was the end of sweet Molly Such a love as none can part
Malone; Such a heart as joys love
but her ghost wheel her barrow
through street broad and narrow;
Vieni mia Via Verita’ e Vita, tu sei la via
crying cockles and mussels, alive,
che ci fa respirare, la verita’ che pone fine
alive, oh! alle discordie e la vita che sconfigge la
morte. Vieni mia Luce mia Festa mia
Forza,luce che annuncia il banchetto che
Nella bella Dublino, dove le ragazze sono cresce in bellezza e da forza a chi vi
così carine, vidi per la prima volta la partecipa.Vieni miaGioia mio Amore mio
dolce Molly Malone, mentre spingeva il Cuore tu sei la gioia che nessuno puo’
togliere dal tuo amore nessuno mi puo’

298
separare tu sei il cuore che gioisce The fields of Athenry
nell’amore.
By the lonely prison wall
I heard a young girl calling
“Michael, they are taking you away,
For you stole Trevelyan’s corn,
So the young might see the morn,
Now a prison ship lies waiting in the
bay”.

Low lie the fields of Athenry,


Where once we watched the small
free birds fly.
Our love was on the wing, we had
dreams and songs to sing,
It’s so lonely round the fields of
Athenry.

By a lonely prison wall


I heard a young man calling
Nothing matters Mary when you’re
free,
‘gainst the Famine and the Crown,
I rebelled, they ran me down,
Now you must raise our child with
dignity.

By a lonely harbour wall,


She watched the last star falling,
And that prison ship sailed out
against the sky.
Sure she’ll wait and hope and pray,
For her love in Botany Bay
It’s so lonely round the fields of
Athenray.

Vicino al muro della prigione sentì la


voce di una ragazza che chiamava,
“Michael, ti portano via! Hai rubato il
grano a Trevelyan per dare da mangiare ai
nostri figlioli,

299
e ora una nave aspetta nella baia per But who down the hilside like wild
portarti via”. deer runs
I campi di Athenry si estendono nella Fleeter?
pianura dove una volta guardavamo And who on the lakeside is hastening
volare liberi gli uccelli, il nostro amore
aveva preso il volo, cantavamo,
to greet her?
sognavamo, ora come mi sento solo nei Who but Fergus O’Farrell, that fiery
campi di Athenry. young gay
Vicino al muro della prigione, sentì la The darling and pride of the flower of
voce di un uomo che chiamava, Finae.
“Mary, non importa quello che ti fanno
quando sei libero, One kiss and one claps and one wild
mi sono ribellato alla carestia e al re, look of gladness
mi hanno preso e ora devi crescer tu i
But why does it change all a sudden
nostri figli con dignità.
Vicino al muro del molo to sadness?
Guardò l’ultima stella cadere He has told his sad fortune he can no
E quella salpò verso l’orrizonte. longer stay
Certo, aspetterà, spererà e pregherà He must leave is poor Ely alone in
Per il suo amore, ora in Australia come si Finae.
sente sola nei campi di Anthery.
For Fergus O’Farrell was true to his
sire-land
But the strong and of tyranny the
The flower of Finae drove in from
Ireland
Bright red is the sun o’ er the waves He joins the brigade in the wars far
of Lough Sheelin away
A cool gentle breeze from the But he vows he’ll return to the flower
mountain is stealing, of Finae.
While fair round the islets the small
ripples play He fought at Cremona - she hears of
But fairer than all is the flower of his story
Finae. He fought at Cassano – she’s proud
of his glory
Her hair is like night and her eyes Yet sadly she sings Siubhail a Ruin
like grey morning, all the day
She trips ‘o er the heather as if it’s O come home my darling, come
touch scorning home to Finae.
But her heart and her lips are as mild
as May day Eight long years have passed till she’s
Young Eily McMahon, the flower of nigh
Finae. Broken-hearted

300
Her heel and her rock and her flax did sound its dread tattoo
she has parted but the Angelus Bell o'er the Liffey
She sail with the wild geese to swell
Flanders away rang out in the foggy dew.
And leaves her sad parents alone in
Finae Right proudly high in Dublin town
on they out the flag of war
Lord Clare on the field of Rammillies 'twas better to die 'neath an irish sky
is charging than a Suvla or Sud el Bar,
Before him the Cavats’ their sections and from the plains of Royal Meath
display strong men came hurrying through
Beside him rides Fergus and shouts while Britannia's Huns
for Finae with their long range guns
sailed in through the foggy dew.
On the slopes of la judoigne the
Frencheman are flying But the bravest fell and the Requiem
Lord Clare and his squadrons the foe bell
still defying rang mourfully and clear
Out numbered and wounded retreat in for those who died that Easter tide
array in the springing of the year
And bleeding’ rides Fergus and thinks while the world did gaze in deep
of Finae amaze
at those fearless men but few
In the cloister of Ypres a banner is who bore the fight that freedom's
swaying light
And by it’ a pale weepingmaiden is might shine through the foggy dew.
praying
That flag’s the sole tropy of And back through the glen I rode
Rammillies’ fray again
This nun is poor Eily, the flower of and my heart with grief is sore
finae. fore I parted then with valiant men
who I never shall see more.
But to and fro in my dreams I go
and I kneel and pray for you
Foggy dew for slavery fled oh glorious dead
when you fell in the foggy dew.
As down the glen, one Easter morn
to a city fair rode I
There armed lines of a marching Una mattina di Pasqua attraversai a
men cavallo una valle verso una bella città; mi
in squadrons passed me by. passarono davanti marciando file di
uomini armati. La zampogna non suonò,
No pipe did hum, no battle drum
301
il tamburello non rullò. Si sentì solo la When Friday night comes round
campana dell'Angelus suonare e di again
lontano lo scorrere del fiume nella nebbia and Edd's into fighting,
di quel mattino.Innalzarono fieramente la me ma would like a letter home
bandiera della battaglia sopra Dublino,
sarebbe stato meglio morire sotto il cielo
but I'm too tired for writing
irlandese piuttosto che combattere con gli
inglesi a Suvla o a Sud el Bar. Dalle Well it almost breaks my heart when
pianure del Meath arrivarono correndo I think of Josephine,
altri uomini forti mentre con i cannoni I promised I'd be coming back
arrivarono gli inglesi invasori sulle loro with pockets full of green
navi nella nebbia di quel mattino. I più
coraggiosi caddero e nel silenzio le I dream I hear a piper play
campane suonarono tristemente il
maybe it's just emotion,
Requiem per coloro che morirono in
quella Pasqua di primavera. Il mondo I dream I see white horses dancing
guardò con stupore quei pochi uomini on that other ocean
coraggiosi che sostennero la lotta perché
la luce della libertà risplendesse nella
nebbia di quel mattino. Tornai in quella
valle cavalcando e il mio cuore pianse di Geordie
dolore, perché avevo lasciato uomini
valorosi che non avrei mai più visto. Ma As I rode out over London Bridge, on
quando il mio pensiero torna a voi mi
inginocchio e prego, perché la schiavitù è
a misty morning early,
fuggita quando voi oh morti gloriosi siete I overheard a fair pretty maid, a cryin'
caduti nella nebbia di quel mattino. for the life of Geordie

Go bridle to me a milk white steed,


bridle to me a pony,
From Clare to here I'll ride down to London Town and I'll
plead for the life of Geordie
Well there's four of us who share the
room For he never stole ox, he never stole
we work hard for the living ass, he never murdered any,
and getting up late of Sunday He stole sixteen of the King's white
well I never get to praying deer and he sold them in Bo'henny

It's long long way from Clare to here But when she rode down and in the
It's long long way from Clare to here King's Hall
Oh it's long long way, it gets further There were lords and ladies a plenty,
day by day Down on her bended knees she did fall
It's long long way from Clare to here. And she begged for the life of
Geordie.

302
But the judge looked over his left Did they sound the dead march as
shoulder they lowered you down?
He cries I'm sorry for thee, And did the band play the Last Post
My pretty fair maid you've come too and chorus?
late Did the pipes play the 'Flow'rs of the
For he's been condemned already. forest'

Oh my Geordie shall hang in a chain And did you leave a wife or a


of gold sweetheart behind
Such chains as never was any, In some faithful heart is your memory
Because he came of the royal blood enshrined
and he courted a fine young lady Although you died back in nineteen
sixteen
Oh I wish I had you in yonder grove In that faithful heart are you forever
where times I have been many nineteen
With my broad sword and pistol too Or are you a stranger without even a
I'd fight for the life of Geordie name
Enclosed and forever behind the glass
frame
In an old photograph, torn and
The Green Fields of France battered and stained
And faded to yellow in a brown
Well how do you do, young Willie leather frame.
McBride,
Do you mind if I sit here down by The sun now it shines on the green
your graveside, fields of France
And rest for a while 'neath the warm There's a warm summer breeze, it
summer sun makes the red poppies dance
I've been working all day and I'm And look how the sun shines from
nearly done. under the clouds
I see by your gravestone you were There's no gas, no barbed wire, there's
only nineteen no guns firing now.
When you joined the great fallen in But here in this graveyard it's still no-
nineteen sixteen. man's land
I hope you died well and I hope you The countless white crosses stand
died clean, mute in the sand
Or young Willie McBride, was it slow To man's blind indifference to his
and obscene. fellow man
To a whole generation that were
Did they beat the drum slowly, did butchered and damned.
they play the fife lowly?

303
Now young Willie McBride I can't could we be easy without the armed
help but wonder why guard.
Do all those who lie here know why But the heart beats a river
they died. flowing all around the world
And did they believe when they the call is unspoken never unheard.
answered the cause
Did they really believe that this war
would end wars?
Well the sorrows, the suffering, the I'll tell me ma
glory, the pain,
The killing and dying was all done in I'll tell me ma when I go home
vain. the boys won't leave the girls alone
For young Willie McBride it all they pull my hair they stole my comb
happened again and that's all right till I go home.
And again, and again, and again, and She is handsome she is pretty
again. she's the best of Belfast city
She's the courtin one, two three
please won't you tell me who is she!

Heart of Highland Albert Mooney says he loves her


all the boys are fighting for her.
Let the dance begin lock away the They rap at the door and they ring at
fine china the bell
and kick up the old stone floor oh my true love are you well
where the train divides upon out she comes as white as snow
Lomondside rings on her fingers and bells on her
hear the echo from forest to shore toes.
Sailing over deep water and dancing Old Jenny Murphy says she will die
on air if she doesn't get the boy with the
if you close your eyes you will be roving eye.
there
Let the wind and the rain and the hail
Do you dream of a journey blow high
taking you back to your home and the snow come shovelling from
where the cry from the sky
the heart of the Highland lives on. she's as nice as apple pie
she'll get her own lad by and by
When the morning breaks when she gets a lad of her own
overground undercover won't tell her ma when she gets home
they're waiting to sound the alarm let them all come as they will
where the jets fly look up and wonder but it's Albert Mooney she loves still.
now
304
O ye'll take the high road and I'll tak'
the low road
Lilly the Pink And I'll be in Scotland afore ye
But me and my true love will never
We'll drink, a drink, a drink meet again
to Lilly the pink, the pink, the pink On the bonnie, bonnie banks of loch
the saviour of the human race Lommond
for she invented
medicinal compound Twas there that we parted in yon
most efficacious in every case. shady glen
On the steep, steep side o' Ben
Mister Fleers had sticking out ears Lommond
and it made him awful shy. Where in purple hue the Hieland hills
and so they gave him we view
medicinal compound An' the moon comin' out in the
now he's learning how to fly. gloamin'

Brother Tony was known to be bony The wee birdies sing and the wild
he would never eat his meals flowers spring
and so they gave him And in sunshine the waters are
medicinal compound sleeping
now they move him around in wheels. the broken heart it kens nae second
spring
Johnny Hammer had a terrible stammer Tho' the waefu' may cease frae their
he could hardly say a word greetin'
and so they gave him
medicinal compound brae = hillside gloamin' = twilight
now he's seen but never heard. kens = knows

Loch Lommond Lovely on the water

By yon bonnie banks and by yon As I walked out one morning


bonnie braes In the springtime of the year
Where the sun shines bright on Loch I overheard a sailor boy
Lommond Like wise a lady fair
Where me and my true love were They sang a song together
ever want to gae Made the valleys for to ring
On the bonnie, bonnie banks o' Loch While the birds on the spray in the
Lommond meadows gay
Proclaimed the lovely spring
305
Willy disse a Nsncy: “Dobbiamo presto
Said Willy unto Nancy ripartire perché è delizioso sull’acqua
Oh we soon must sail away udire il suo della musica”. Poiché la
Regina ha bisogno di marinai allora non
For it’s lovely on the water
resterò qui sulla riva ma affronterò la
To hear the music play guerra per la mia terra dove si ode il
rombo dei cannoni. La povera Nancy
For our Queen she do want seamen cadde e svenne ma subito egli la sollevò
So I will not stay on shore fu lì che si baciarono e si abbracciarono e
I will brave the wars for my country si scambiarono un tenero addio.
Where the blund’ring cannons roar Scambiamoci gli anelli, amore mio, forse
ci incontreremo una volta ancora, ma c’è
Poor Nancy fell and fainted qualcuno lassù che ti proteggerà, amore
mio, sopra il rombo dei cannoni. Quattro
But soon he brought her to
stelline è tutto quello che abbiamo, dovrà
For it’s there they kissed and there bastare per te e per i genitori anziani
embrassed mentre io sarò sul mare. Tower Hill è
And took a fond adieu affollata di madri addolorate che
piangono perché i loro figli sono andati a
Come change your ring with me my combattere dove si ode il rombo dei
love cannoni
For we may meet once more
But there’s one above that will guard
you love
Where the blond’ring cannons roar My song is love unknown

For pounds it is our bounty My song is love unknown,


And that must do for thee my Saviour’s love to me.
But to help the aged parents Love to the loveless shown
While I am on the sea that they might lovely be.
But who am I, that for my sake,
For Tower Hill is crowded my Lord should take fair flash and
With mothers weeping sore die.
For their sons are gone to face the
war He came from his blest throne
Where the blundering cannons roar salvation to bestow,
but men made strange and none
the longed for Christ should Know.
Mentre passeggiavo una mattina in But o my friend, my friend indeed,
primavera udii un marinaio con una who at my need his life should spend.
graziosa ragazza. Cantavano insieme una
canzone facendo risuonare le vallate Here might I stay and sing
mentre nei prati gioiosi gli uccellini no story so divine
proclamavano l’arrivo della deliziosa
never was love, dear King,
primavera.
306
never was grief like thine. oh I love too much by such by such
This is my friend, is happiness thrown away.
in whose sweet praise On a quite street where old ghost
I all my days should gladly spend. meet
I see her walking now.
Away from me so hurriedly my
Io canto un amore unico, che è l’amore reason must allow
del Salvatore per me. Egli ha donato il that I had wood not as I should, a
Suo amore a chi non l’aveva, perché creature made of clay
sapesse amare. Ma chi sono io per cui il when the angel woos the clay he'll
Signore si è fatto carne e vittima? Egli
scese dal suo trono benedetto per portare
lose
la salvezza, ma gli uomini lo ignorarono e his wings at the dawn of day.
nessuno volle conoscere il Cristo che tutti
aspettavano. Ma lui è mio amico, mio
vero amico, e per il mio bisogno ha speso
la sua vita. Io canterò sempre di lui: Only our rivers run free
nessuna storia è tanto divina, nessun
amore e nessun dolore sono come il tuo, When apples still grow in November
mio caro Re. Lui è mio amico ed io vorrei
when blossoms still bloom from each
spendere tutti i giorni per cantare le sue
dolci lodi. tree
when leaves are still green in
December
it's then that our land will be free.
On raglan road I've wandered her hills and her
valleys
On raglan road on an autumn day, I and still through my sorrow I see
saw her first and knew a land that has never known freedom
that her dark hair would weave a and still only her rivers run free.
snare
that I might one day rue I drink to the death of her manhood
I saw the danger yet I walked along those man who'd rather have died
the enchanted way than to live in the cold chain of
and I sat let grief be a fallen leaf bandage
at the dawning of the day. to bring back their rights where
denied.
On grafton street in November we Oh where are you now when we need
tripped you?
lightly along the ledge What burns where the flame used to
of a deep ravine where can be seen be?
the worth of passion's pledge Are you gone like the snow of last
the queen of hearts still making tarts winter
and I not making hay and will only our rivers run free?
307
How sweet is life, but we're crying
how mellow the wine, but it's dry Only You
how fragrant the rose, but it's dying
how gentle the wind, but it's sighs. Looking from a window above, it's
What good is in youth when it's like a story of love
aging? What joy is in eyes that can't Can you hear me?
see? When their sorrow in sunshine Came back only yesterday, moving
and flowers, further away,
and when only our rivers run free. Want you near me.

All I needed was the love you gave


Quando le mele cresceranno in all I needed for another day
Novembre, quando i fiori sbocceranno su And all I ever knew - only you.
ogni albero, quando le foglie saranno
ancora verdi in Dicembre, allora la nostra Sometimes when I think of your name
terra sarà libera. Ho vagabondato per le
sue colline e le sue valli ma ancora vedo,
and it's only a game
attraverso il mio dolore, una terra che And I need you.
non ha mai conosciuto la libertà. dove Listening to the words that you say,
soltanto i suoi fiumi scorrono liberi. Bevo getting harder to stay
alla morte dei suoi eroi, a quegli uomini When I see you.
che avrebbero preferito morire piuttosto
che vivere in fredde prigioni. I loro diritti This is gonna take a long time and I
sono stati negati. Dove siete ora che wonder what's mine
abbiamo bisogno di voi? Cosa brucia,
Can't take no more.
dove prima ardeva la fiamma? Ve ne siete
andati come la neve dello scorso inverno? Wonder if you'll understand, it's just a
E saranno soltanto i nostri fiumi a touch of your hand,
scorrere liberi? Come è dolce la vita, ma Behind a closed door.
noi stiamo piangendo. Come è buono il
vino, ma è finito. Come è fragrante la
rosa, ma sta morendo. Come è leggero il
vento, ma sospira. Cosa c'è di buono nella Our hero
giovinezza quando invecchia? Quale
gioia c'è in occhi che non vedono?
Quando c'è tristezza nella luce del sole e
She malech mo ghile mear
nei fiori, e saranno sempre soltanto i she ma cesar ghile mear
nostri fiumi a scorrere liberi. sun na shen ni forers fain
o cueeg igain mo ghile mear.

Grief and pain are all I know


my heart is sore my tears aflow
we saw him go our buchal beau
no word we know of him och on.
308
when I won the heart of the rose of
A proud and gallant chevalier Tralee.
a high man's scian of gentle mien
a fiery blade engaged to reap La pallida luna stava sorgendo sulle verdi
he'd break the bravest in the field. montagne e il sole si immergeva nel mare
blu, mentre io vagavo con il mio amore
vicino alla fontana cristallina che si trova
Come sing his praise as sweet harps
nella meravigliosa valle di Tralee. Benché
play fosse dolce e incantevole come la rosa
and proudly toast his noble fame d'estate, non fu solo la sua bellezza a
with spirit and with mind aflame conquistarmi. Oh no fu la verità che
so wish him strength and length of sempre splendeva nei suoi occhi a farmi
days. innamorare di Mary, la rosa di Tralee. Le
gelide ombre della sera spargevano
lacrimando il loro manto, e Mary
sorrideva seduta, ascoltando le mie
parole. La luna diffondeva per la vallata i
The Rose of Tralee
suoi pallidi raggi quando io conquistai il
cuore della rosa di Tralee.
The pale moon was rising
above the green mountains
the sun was declining
beneath the blue sea, Sacrifice
when I strayed with my love
to the pure crystal fountain Who’s the one that makes you happy?
that stands in the beautiful vale of And who is the one that always
Tralee. makes you laugh?
Who’s the reason you were smiling
She was lovely and fair And drag you through thus time so
as the rose of the summer, rough
but 'twas not her beauty alone that
won me. I was the one that made you happy?
Oh no 'twas the truth in her eyes ever And I was the one that eased the pain
dawning But I’m the reason that your crying
that made me love Mary the rose of now,
Tralee. My own fears scattered by the rain
The cool shades of evening [You can sacrifice me, you can
their mantles were shedding, sacrifice me]
and Mary all smiles [You can set me free, you can be who
sat listening to me, you wanna be]
the moon through the valley
her pale rays was spreading Deeper than deep you took me on a
trip, babe
309
You shared your mildest dreams and o Mr. Johnstone, please let me alone
more I feel so brokeup I want to go home.
You dare me to express my feelings Poor cook he got the fits, throw away
to you all the grits,
I’ve never felt that need before then he took up and eat all of my corn,
let me go home, I want to go home,
But suddenly you needed freedom, I feel so brokeup, I want to go home.
You felt the need to break free
You started drowning in your sorrow,
You didn’t wanna know I had the key,
so Somewhere Along the Road

[you can sacrifice me, you can Somewhere along the road someone
sacrifice me] waits for me,
[you can set me free, you can be who Beyond these present storms that low,
you wanna be] Waiting patiently.
No secrets held in an open heart,
you can sacrifice me, you can A spirit that soars over mountains;
sacrifice me Somewhere along the road someone
you can be who you wanna be waits for me.

Somehow a guiding light always


shows the way,
The Sloop John 'B' To those who lose their way by night,
Searching for the day.
We sailed on the sloop John B, my A day away from happiness,
gra'pappy and me, Tomorrow will bring a new sunrise;
round Nassau town we did roam, Somewhere along the road someone
drinking all night we got in a fight waits for me.
I feel so brokeup, I want to go home.
Sometime when winds are still
So hoist up the John B's sails, see unexpectedly,
how the main sails set, Perhaps beyond this silent hill,
send for the captain ashore, let me go A voice will call to me:
home, o let me go home. Raise your eyes to see my world,
Please let me go home, I feel so Raise your voice and sing out;
brokeup, I want to go home. Somewhere along the road someone
waits for me.
The first mate he got drunk, break up
the people's trunk,
constable come aboard and took him
away,
310
that I met in the County Down.

Speed, bonnie boat As she onward sped as I skash my


head
Speed, bonnie boat like a bird on the and I looked with a feeling rare
wing, and I said "says I" to a passer-by
"Onward!" the sailors cry. "who's the maid with the nut-brown
Carry the lad that's born to be king hair?"
over the sea to Skye. He smiled at me and with pride says
he:
Loud the winds howl, loud the waves "That's the gem of Ireland's crown,
roar, she's young Rosie McCann,
thunderclaps rent the air, from the Bank's of the Bann
baffled, our foes stand by the shore, she's the Star of the County Down!"
follow they will not dare.
At the crossroads fair she will be
Many's the lad fought on that day surely there
well the claymore could wield and I'll dress in my Sunday clothes,
when the night came, silently lay, and I'll try sheep's eyes and
dead on Culloden's field. deludhering lies
on the heart of the nut-brown Rose.
No pipe I'll smoke, no horse I'll yoke
though my plough with the rust turn
Star of the County Down brown
till a smiling bride by my own
Near to Banbridge town in the fireside
County Down sits the Star of the County Down.
one morning last July
down a boreen green came a sweet
colleen
and she smiled as she passed me by. There's Whiskey in the Jar
She looked so sweet from her two
white feet As I was going over the far famed
to the sheen of her nut-brown hair Kerry Mountains,
such a coaxing elf , I'd to shake I met with Captain Farrell and his
myself money he was counting.
to make sure I was really there. I first produced my pistol and then
produced my rapier,
From Bantry Bay up to Derry Quay saying stand and deliver for you are
and from Galway to Dublin town, my bold deceiver.
no maid I've seen like the sweet
colleen With a ring fiddle dum fiddle day.
311
Whack for the daddy-o, whack for the
daddy-o,
there's whiskey in the jar.

He counted out his money and it made Tomorrow shall be my dancing day
a pretty penny,
I put it in my pocket and I took it Tomorrow shall be my dancing day
home to Jenny. I would my true love did so chance
She sighed and she swore that she To see the legend of my play
never would deceive me
but the devil take the women for they To call my true love to my dance
never can be easy. Sing O my love
O my love, my love, my love
I went up to me chamber, for to take a This havel done for my true love
slumber,
I dreamt of golden jewels and for sure Then was I born of a virgin pure
it was no wonder, Of her I took fleshly substance
but Jenny drew me charges and filled Thus was I kuit to man’s nature
them up with water,
then she sent for Captain Farrel to be In a wanger laid and wrapped I was
ready for the slaughter. So very poor this was my chance
Be twixt an ox and a silly poor ass
'Twas early in the morning before I
rose to travel, Then afterwards baptired I was
up jumps a band of footmen and The Holy Ghost on me did glance
likewise Captain Farrel. My father’s voice heard from above
I first produced my pistol for she'd
stole away me rapier,
but I couldn't shoot the water so a
prisoner I was taken. Westering Home

And if there's anyone can save, 'tis me Westering home, and a song in the air,
brother in the army light in the eye and it's goodbye to
if I could learn his station, in Cork or care;
in Killarney, laughter o'love, and a welcoming
and if he'd come and join me, we'd go there;
roving round Kilkenny isle of my heart, my own one.
no doubt he'd treat me fairer than my
darling sporting Jenny. Tell me o'lands o' the orient gay!
Speak o' the riches and joys o'Cathey!
Eh, but it's grand to be walking all day
to find yourself nearer to Isla.
312
And it's ...

Where are the folk like the folk o'the


West? The wild rover
Canty and couthy and kindly the best;
There I would hie me, and there I I’ve been a wild rover
would rest for many a year,
at home wi' my own folk in Isla. and I’ve spent all my money
And it's ... in whiskey and beer;
but now I’m returning
canty = neat couthy = homely with gold in great store
hie = hurry to ilk = each and I never will play
the wild rover, no more.
And it’s no, nay, never!
No, nay, never, no more
Will you go Lassie go Will I play the wild rover!
No, never, no more!
Oh the summertime is coming
and the trees are sweetly blooming I went into an ale-house
and the wild mountain thyme I used to frequent,
grows around the blooming heather and I told the landlady
will you go Lassie go? my money was spent.
I asked her for credit,
And we'll all go together she answered me “Nay,
to pluck wild mountain thyme such a custom like yours
all around the blooming heather I can have any day”.
will you go Lassie go?
I drew from my pocket
I will build my love a tower ten sovereigns bright,
near 'yon pure crystal fountain and the landlady’s eyes
and on it I will pile opened wide with delight;
all the flowers of the mountain she said “You’ll have whiskeys
will you go Lassie go? and wines of the best
and the words that I told you
If my true love she was gone were only in Jest”.
I will surely find another
where wild mountain thyme I’ll go home to my parents
grows around the blooming heather and confess what I’ve done,
will you go Lassie go? and I’ll ask them to pardon
their prodigal son,
and when they forgive me,
as oftimes before,
313
sure, I never will play with all of mankind.
the wild rover, no more.
I sat down beside them,
Per molti anni ho fatto il vagabondo ed the flow’rs all around,
ho speso tutto il mio denaro in wiskey e and we ate on a mantle
birra; ma ora sono tornato con un bel spread out on the ground.
mucchio di soldi e non farò mai più il
They told of prophets
vagabondo. No, no, mai! Non farò mai
più il vagabondo! Entrai in una birreria
and prices and kings,
che ero solito frequentare e dissi alla and they spoke of the one God
proprietaria che il mio denaro era stato who knows everything.
speso; le chiesi di farmi credito, lei mi
rispose: “No, di clienti come te ne trovo Like the wind in the willows…
quanti ne voglio”. Cavai dalla mia tasca
dieci sovrane d’oro zecchino e gli occhi I asked them to tell me
della proprietaria si spalancarono their name and their race,
deliziati; disse: “Avrai whisky e vini dei
so I might remember
migliori e le parole che ti dissi erano solo
per scherzo”. Andrò a casa dai miei their kindness and grace.
genitori e confesserò ciò che ho fatto, e My name in Joseph,
quando mi avranno perdonato, come già this is Mary my wife,
molte volte, di sicuro, non farò mai più il and this is our young son,
vagabondo. our pride and delight.

Like the wind in the willows…


We travelled the whole world
The wind in the willows by land and by sea,
to tell all the people
As I went awalking how they can be free.
one morning in Spring,
I met with some trav’lers
in an old coutry lane. Mentre camminavo in una mattina di
One was an old man, primavera, ho incontrato dei viandanti su
the second a maid. una vecchia strada di campagna. Uno era
And the third was a young boy un uomo vecchio, l’altra una giovane
donna e il terzo era un giovinetto che mi
who smiled as he said:
disse sorridendo: “con il vento tra i salici
e gli uccelli nel cielo, un sole splendente
With the wind in the willows ci riscalda ovunque noi andiamo.
And the bird in the sky, Abbiamo del pane e dei pesci e una
we have bright sun brocca di vino rosso da condividere sul
to warm us wherever we lie. nostro cammino con tutti gli uomini”
We have bread and fishes Chiesi loro di dirmi da dove venissero e
and a jug of red wine quali erano così che potessi ricordarmi
to share on your journey della loro graziosa gentilezza. “Io mi

314
chiamo Giuseppe, questa è mia moglie
Maria e questo è nostro figlio, il nostro
orgoglio e la nostra gioia.” Mi sono
seduto con loro, in mezzo ai fiori e A banda 201
abbiamo mangiato su un mantello steso
per terra. Mi hanno raccontato di profeti,
di principi e di re, e mi hanno parlato
dell’unico Dio che sa tutto. Poi li lasciai
tristemente su quella vecchia strada di
campagna, perché sapevo che non li avrei
più incontrati. Uno era Giuseppe, l’altra
era Maria e il terzo era Gesù, che 1
sorridendo mi disse: “Con il vento tra i A canoa 206
salici e gli uccelli nel cielo, un sole
splendente ci riscalda ovunque noi A la moda 116
andiamo. Viaggiamo in tutto il mondo,
A la pesca del atun 202
per mari e per monti, per dire alla gente
che può essere libera”. A new creation 237
Addio, mia bella addio 141
Adios 201
Ain' a that good news 238
Aire castellano leones 202
Aj preat 75

Al cjante il gjal 75
Al comando dei nostri 75
Al mattino 59

Alecrim 203
All around my hat 288

All God’s children got … 238

All my trials 238


All night all day 239

Alla fiera di mastro Andrè 97


Alla mattina c'è il caffè 151
Alla mattina 75

Allora saprete che esisto 59


315
Amen 237 Cantico dei redenti 61
Amor di pastorello 151

Amor dolze senza pare 29 6


Amor mio 175 Canto dei sanfedisti 99
Andate in mezzo a loro 185 Canto del honor 205
Antonio Vargas heredia 203 Canto della nostalgia 141
Apparirà 59 Canzona appassiunata 100
Aquarela 204 Canzone di Maria Chiara 61
Arrivederci Roma 114 Cara’l me Toni 117
Attende Domine 15 Caramba 153
Carbonero 206
Avanti, forza 186 Carolina Rua 290
Ave donna santissima 29 Casteddu a mari 127
Chant de penitance 273
Ave Maria, splendore 60 Che siano una cosa sola 62
Ave maria, stella del mattino 60 Chevaliers de la table ronde 274
Ave o Vergine 113 Child of men 291
Ave, generosa 15 Christe cunctorum 16
Avò! L’amuri miu 127 Cielito lindo 207
Avrei voluto essere una… 185 Ciuri ciuri 127
Balada de caridade 204 Clavelitos 208
Ballata del potere 187 Climbing up the mountain’s 240
Ballata dell’amore vero 186 Coccodrilli 155
Cockles and mussles 292
Ballata dell’uomo vecchio 187 Col piè di porco 117
Ballata di G.L. 188
Balm in Gilead 239 Come and go with me 240
Bambino nella culla 152 Come è grande 62
Banana 240 Come my way 292
Come porti i capelli 155
Belle rose du printemps 76
Bersagliere ha cento penne 76 Como Busca 208
Bette Davis eyes 288 Como un milagro 208
Biozza v tiesnoi 269 Comu si li cugghieru… 128
Blackbirds and thrushes 289 Corcovado 209
Bombardano Cortina 77 Cristo risusciti 37
Both sides the Tweed 290
Cambiar al hombre 206
Camminerò 60 Crocifisso mio Signore 37
Campane 141 Crux fidelis 17
Cuando de mi Patrona 209
316
Cuando la noche tiende su...209 Eres alta y delgada 212
D’amor pane dolcissimo 37 Errore di prospettiva 189
Da ciel venne messo novello 29 Este es el dia del Señor 213
Da mi conforto, Dio 29 Estudiantina madrilena 213
Dal fondo del dolore 37 Estudiantina Portuguesa 214
Dal profondo 63 Exaudi Domine 18
Daniel 240 Fanchon 276
De la crudel morte del Cristo 30 Favola 189
Ferriera 142
Desafinado 209 Fica mal con Deus 215
Desde santurce a Bilbao 210 Fleur d’épine 276
Di qua, di là del Piave 78 Foggy dew 294
Dicitencello vuie 101 Forever Young 243
Discendi, Santo Spirito 38 Francisco Alegre 215
Don’t think twice… 241 Freedom 243
Dove sei stato… 78 From Clare to here 295
Dove te vet, o Mariettina ? 118 Funiculì Funiculà 102
Down by the riverside 242 Geordie 297
Dulcis Christe 18
Giona nella balena 156
E col cifolo del vapore 78
E la vita, la vita 118 Give me Jesus 243
E mì la donna bionda 118 Gloria ’n cielo 30
E se domani 175 Glory Halleluja to the… 244
E verrà quel dì di lune 119 Go down Moses 244
E’ l’uomo per me 175 Go tell it on the mountain 244
Early in the morning 242 Good news 245
Ecoute la voix du Seigneur 274 Gran Dio del cielo 79
El alcalde de arrigorriaga 203 Granada 216
El Ebro guarda el silencio 210 Grazie, Signore 64
El gondolier 137 Gs cha, cha, cha 190
El Luisin 120 Guantanamera 216
El Magnan 120 Happy day 245
El mar 211 Heart of Highland 297
El noi de la mare 211 High, low, wide 245
En el monte Gorbea 213 Ho abbandonato 64
En lo alto el Perineo 212 Ho un amico 191
En que nos parecemos 213 Ho visto un re 121
Entre a me pago sin … 212 Hold on 246
Era de maggio 102
Era nato poveretto 79 Hombres nuevos 220
Era una notte che pioveva 79 Hoy arriesgaré 219
317
I briganti 99 Je l’aime a mourir 277
I cieli 62 Je veux voir Dieu 278
I wonder 248 Jesu dulcis memoria 18
If I had my way 247 Jesu Tibi vivo 19
Ij dispiasi de noiautri alpin 80 Joshua fits the battle… 248
Il Mistero 67 Joska la rossa 81
Il campanello 269 Jotas castellanas 217
Il canto del cuculo 153 Jotas del que sique 217
Il canto della sposa 79 Jotas segovianas 218
Il cielo è pieno di stelle 154 Kumbaya 249
Il disegno 63 L’amore è come l’ellera 134
Il fiume e il cavaliere 190 L’è ben ver… 86
Il freno a mano 155 L’è tre or che son chi soto 87
Il giovane ricco 63 L’opera 193
Il grillo e la formica 156 La ballata di Lazy Boy 151
Il mio volto 67 La banda 153
Il monologo di Giuda 68 La battaglia di Magenta 153
Il nostro cuore 69 La bella Gigogin 122
Il pane 69 La bella la va al fosso 123
Il pesce rosso 159 La bêrgera 76
Il popolo canta 195 La bomba imbriaga 82
Il ragazzo della via Gluck 168 La canzone della Bassa 188
Il seme 71 La carovana 154
Il testamento del capitano 81 La ceseta de Transaqua 83
Il viaggio 196
I'll tell me ma 218
In chi 64 La Domenica andando… 135
In comunione 65 La Dosolina 83
In licenza 81 La Gilera 156
Innalzate nei cieli lo sguardo 53 La guerra 190
Inno dei sommergibilisti 142 La historia de una amapola 218
Inno delle scolte di Assisi 191 La leggenda della Grigna 83
Io non sono degno 65 La lontananza 157
Io ti offro 65 La me zita 129
Io ti saluto…vado 143 La montanara 84
It’s obvious 249 La mula de Parenzo 135
It's me 249 La nuova Auschwitz 193
Iu mi curcu 129 La Paganella 159
J’ irai 277 La pastora 84
Jamaica Farewell 247 La première en che… 279
La rivista dell’armamento 84
La sagra di Giarabub 143
318
La samaritaine 282 Lui lui lui 176
La Santa Allegrezza 111 Luntane cchiù luntane 97
L'uva fogarina 126
La Santa Caterina 161 Ma non avere paura 66
La serenata del soldato 144 Ma perché 157
La società dei magnaccion 114 Ma vïele 31
La storia dei gobboni 136
La storia di Serafino 170 Madonna de la grazia 104
La strada 195 Madonna dell’arco 103
La tana del re 171 Madonna santa Maria 31
Il tempo se ne va 172 Madre di Dio santissima 66
La traccia 196 Madrid 221
La tradotta 85 Magnificat 54
La vegiazza 123 Malafemmena 104
La vien giù da le montagne 86 Mamma mia dammi cento lire 144
La Virgen de Guadalupe 234 Mandulinata a Napule 105
La Visaille 86 Mare nostre 98
Lacreme napulitane 103 Marta, Marta 66
Làgrima 220 Martino e l’imperatore 192
Las cintas de mi capa 205 Mary did you know 251
Lasciati fare 66 Mary don't weep 252
Lauda, Sion, Salvatorem 19 Mattone su mattone