Sei sulla pagina 1di 1

15 novembre 2008 / Anno XIII / Numero 1202

Lavorare Cartoniadi:
alla gli atleti
Casa Bianca della raccolta
a pagina 2 alle pagine 4 e 5

I giudici hanno convalidato la decisione di sospendere


l’alimentazione forzata della giovane donna

il colonnino
Le suore:

Eluana, lasciatecela
L asciate che Eluana
«rimanga con noi,
che la sentiamo viva»;

ultimo atto questo chiedono le


suore della clinica
«Beato Luigi
Talamoni» di Lecco,
E luana non può saperlo, lei giace
incosciente nel letto di una clinica di
Lecco da quando, nel lontano 1992, si
acqua e sostanze nutritive. In altre parole,
certo un po’ crude, Eluana morirà di fame
e di sete anche se, assicurano molti
dove la giovane
donna è ricoverata da
16 anni. Le suore
schiantò con la sua auto contro un muro. dottori, non si accorgerà di nulla. Ed è sperano che la
Entrò in coma, poi in stato vegetativo molto triste pensare che i medici invece di sentenza del
persistente, una situazione da cui molto salvare la vita umana questa volta ne Tribunale non venga
raramente si esce. Eluana non può saperlo interromperanno una. Il padre spiega che mai eseguita e che a
ma questi potrebbero essere i suoi ultimi Eluana amava la libertà e che mai avrebbe Eluana sia data la
giorni di vita. Un Tribunale giovedì ha accettato di vivere così, sdraiata in un possibilità di vivere
convalidato decisioni prese in passato da letto, senza muoversi né parlare. Ma anche ancora, accanto a
altri giudici, autorizzando Beppino Englaro se così fosse, chi deve decidere quando loro che la curano e
a privare la figlia del sondino che le finisce un’esistenza? Chi è padrone della la accudiscono con
garantisce la sopravvivenza fornendo vita propria e di quella degli altri? I giudici, dedizione. «Non
l’acqua e il nutrimento di cui il suo corpo forse, oppure i genitori? Oppure, ancora, i chiediamo nulla in
ha bisogno. Eluana non è attaccata ad alcun medici? Chi ha fede risponde che la vita è cambio – aggiungono
macchinario, non ci sono spine da staccare un dono e un regalo non si rifiuta mai. – se non il silenzio e
ma alimentazione e idratazione da Ecco perché monsignor Fisichella, la libertà di amare e
sospendere. Se il padre non cambierà idea, presidente della Pontificia Accademia per donarci a chi è
nei prossimi giorni la donna, che oggi ha 37 la vita, ha definito la sentenza che apre a debole, piccolo e
anni, sarà trasferita in un ospedale Eluana le porte della morte «una sconfitta povero».
disponibile a interrompere il flusso di per tutti».