Sei sulla pagina 1di 495
progetto didattica in rete
progetto
didattica in rete
Luciano Pandolfi Politecnico di Torino, settembre 2004 Dipartimento di Matematica
Luciano Pandolfi
Politecnico di Torino, settembre 2004
Dipartimento di Matematica

Elementi di Analisi funzionale e complessa

Politecnico di Torino, settembre 2004 Dipartimento di Matematica Elementi di Analisi funzionale e complessa otto editore

otto editore

Politecnico di Torino, settembre 2004 Dipartimento di Matematica Elementi di Analisi funzionale e complessa otto editore

ELEMENTI DI ANALISI FUNZIONALE E COMPLESSA

L UCIANO PANDOLFI

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA POLITECNICO DI TORINO

Luciano Pandolfi

Elementi di Analisi funzionale e complessa

Prima edizione settembre 2004

C

2004, OTTO editore – Torino

mail@otto.to.it

http://www.otto.to.it

È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuato, compresa la fotocopia, anche ad uso interno o didattico, non autorizzata.

INDICE

1.

Le funzioni olomorfe

 

9

 

1.1.

Richiami sui numeri complessi

 

9

 

1.1.1 Radici n –me di numeri complessi

 

13

1.1.2 Esponenziale, logaritmo, formule di Eulero

 

14

 

1.2.

Limiti e continuità

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

17

 

1.2.1

Derivata e integrale di funzioni da R in C

 

18

 

1.3. Curve nel piano complesso

 

20

1.4. Funzioni da R 2 in R 2 e funzioni da C in C

 

22

1.5. La derivata .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

26

 

1.5.1

Esempi di funzioni olomorfe e formule di derivazione

29

1.5.2 Osservazione sui “teoremi fondamentali

 

del calcolo differenziale"

 

33

1.5.3 La matrice jacobiana e le funzioni olomorfe .

.

.

.

.

34

1.5.4 Serie di potenze e serie di Laurent

 

37

 

1.6.

Funzioni olomorfe e trasformazioni conformi

 

42

 

1.6.1

La rappresentazione delle funzioni olomorfe

 

44

 

1.7. Integrale di curva di funzioni olomorfe

 

47

1.8. Il teorema di Cauchy

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

50

1.9. Primitive

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

52

 

1.9.1 Curve equipotenziali

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

55

1.9.2 Il caso della funzione z z¯

 

56

1.9.3 La funzione logaritmo e le potenze

 

57

 

1.10. Indice e omotopia

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

60

1.11. Convergenza uniforme sui compatti

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

67

1.12. La formula integrale di Cauchy

 

69

1.12.1 La proprietà della media

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

71

1.12.2 Funzioni olomorfe rappresentate mediante integrali .

72

1.13.

Analiticità delle funzioni olomorfe

 

74

1.13.1 Funzioni armoniche

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

75

1.13.2 Zeri e estensioni di funzioni olomorfe

 

77

1.14. Teorema di Morera e principio di riessione

 

81

1.15. Teoremi di Weierstrass e di Montel

 

84

1.16. Massimo modulo e teorema di Liouville

 

87

1.17. Le singolarità isolate

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

92

1.18. Formula di Laurent

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

98

1.19. Singolarità e zeri ad innito

 

103

1.20. Il metodo dei residui

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

106

1.20.1 Calcolo di integrali impropri

 

107

1.20.2 Il Principio dell’argomento

 

112

1.20.3 I teoremi di Hurwitz e Rouché e della mappa aperta .

 

113

1.21.

Trasformazioni conformi

119

1.21.1

Il teorema di Riemann

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

125

1.22.

Monodromia e polidromia

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

128

1.22.1

Punti di diramazione di funzioni olomorfe

 

128

1.22.2Funzioni analitiche

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

130

2.

Funzioni armoniche

 

135

 

2.1. Funzioni armoniche e funzioni olomorfe

.

.

.

.

.

.

.

.

.

135

2.2. Proprietà della media e teorema di Gauss

2.3.

Il problema di Dirichlet

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

137

139

. 2.3.1 La formula di Poisson

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

141

3.

La trasformata di Laplace

145

 

3.1. De nizioni

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

145

3.2. Proprietà della trasformata di Laplace

 

147

3.3. Trasformata di Laplace, derivata ed integrale

 

150

3.4. Alcune trasformate fondamentali

 

154

3.5. Il problema dell’antitrasformata

 

155

3.5.1

Antitrasformata di funzioni razionali

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

155

4.

Misura e integrazione secondo Lebesgue

 

157

 

4.1. Introduzione

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

157

4.2. Anelli ed algebre di insiemi

 

159

4.3. Misure di insiemi

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

162

4.4. Insiemi misurabili secondo Lebesgue

 

167

4.4.1 Insiemi limitati e misurabili secondo Lebesgue

 

168

4.4.2 Insiemi illimitati

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

173

4.5. Insiemi nulli e proprietà che valgono quasi ovunque

 

174

4.6. Funzioni misurabili

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

176

4.7. Integrale di Lebesgue

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

181

4.7.1 L’integrale delle funzioni semplici

 

181

4.7.2 L’integrale delle funzioni positive

183

4.7.3 Funzioni integrabili

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

186

4.7.4 Integrale ed insiemi nulli

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

187

4.8. Integrale di Lebesgue ed integrale di Riemann

.

.

.

.

.

.

188

4.9. Limiti di successioni di funzioni e integrale

 

191

4.10. Disuguaglianze

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

196

4.10.1Le relazioni tra spazi L p (Ω)

 

205

4.11.

I teoremi di Fubini e Tonelli

 

207

4.11.1

Convoluzioni

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

208

4.12. Estensioni

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

210

4.13. La funzione integrale su R

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

211

4.13.1Estensioni

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

213

5.

Spazi di Banach

215

5.1.

Introduzione all’analisi funzionale

 

215

5.1.1 L’equazione Ax = φ .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

216

5.1.2 L’equazione λx Ax = y .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

220

5.1.3 L’equazione di Fredholm a nucleo degenere

 

221

5.1.4 L’equazione di prima specie

 

223

5.1.5 Ricapitolazione

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

224

5.2.

Spazi lineari normati

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

225

5.2.1

Dimostrazioni posposte

 

231

5.3. Spazi prodotto

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

235

5.4. Gli esempi principali di spazi di Banach

 

237

 

5.4.1 Gli esempi di spazi lineari normati

 

237

5.4.2 Le dimostrazioni della completezza

 

242

5.4.3 Teorema del doppio limite

 

249

5.5.

Sottospazi di spazi lineari normati

 

252

5.5.1 Identità approssimate e dimostrazione del teorema di Weierstrass

 

254

5.6.

La compattezza

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

258

5.6.1

Dimostrazioni posposte

 

260

5.7.

Operatori lineari .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

265

5.7.1 Proprietà geometriche degli operatori lineari

 

266

5.7.2 La continuità degli operatori lineari

 

270

5.7.3 Funzionali lineari continui ed iperpiani

 

275

5.7.4 Lo spazio L(X, Y )

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

278

5.7.5 Inversi di un operatore

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

284

5.8.

Il teorema di Baire e le sue conseguenze

 

289

5.8.1 Proiezioni

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

295

5.8.2 Appendice: Applicazioni

 

298

5.8.3 Dimostrazioni posposte

 

303

5.9.

Lo spazio duale

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

307

5.9.1 Applicazioni: Insiemi convessi

 

312

5.9.2 Applicazioni: Funzioni convesse

 

316

5.9.3 Dimostrazioni posposte

 

319

5.10.

Convergenza debole e debole stella

328

 

5.10.1Dimostrazioni posposte

 

339

5.11.

Esempi di spazi duali

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

341

5.11.1

Relazione tra le convergenze debole e debole stella .

352

5.12.

Lo spettro di un operatore

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

353

5.12.1

Proiezioni spettrali

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

362

5.13.

Trasformazioni non lineari

 

368

5.13.1 Teorema delle contrazioni e applicazioni

 

368

5.13.2 I differenziali

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

373

6.

Spazi di Hilbert

 

377

 

6.1.

Prodotto interno e norma

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

377

6.1.1

Esempi di prodotti interni e di spazi di Hilbert .

.

.

.

382

6.2. Teorema delle proiezioni

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

384

6.3. Complementi ortogonali e proiezioni ortogonali

 

389

6.3.1 Sistemi ortonormali e calcolo di proiezioni

 

393

6.3.2 Serie di Fourier astratte

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

397

6.4. Il duale di uno spazio di Hilbert

 

399

6.5. L’operatore aggiunto di un operatore tra spazi di Hilbert .

 

401

6.5.1 L’aggiunto di un operatore limitato

 

403

6.5.2 Operatori aggiunti ed operatori chiusi

 

404

6.5.3 Operatori da H in sé; operatori autoaggiunti .

.

.

.

.

407

6.5.4 Dimostrazioni posposte

 

409

6.6.

Operatori compatti

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

412

6.6.1 Lo spettro degli operatori compatti

 

417

6.6.2 Operatori compatti tra spazi diversi. Valori singolari .

 

419

6.6.3 Proprietà geometriche degli autovalori e valori singolari 422

6.6.4 Operatori compatti ed equazioni integrali di Fredholm

425

6.6.5 Dimostrazioni posposte

427

7.

Distribuzioni e trasformata di Fourier

441

7.1. La trasformata di Fourier di funzioni

 

441

7.2. Le proprietà della trasformata di Fourier

 

443

7.2.1

Il teorema di Riemann-Lebesgue

 

444

7.3. L’antitrasformata di Fourier

447

7.4. La trasformata di Fourier su L 2 (R )

 

451

7.5. Lo spazio S e il suo duale

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

455

7.6. La trasformata di Fourier su S

 

459

7.6.1 Le operazioni sulle distribuzioni

 

464

7.6.2 Operazioni e trasformata di Fourier

 

467

7.6.3 Convoluzione di distribuzioni

 

468

7.7.

Il caso delle funzioni di più variabili

 

474

L’ENS est l’un des meilleurs estabilissements de France pour les estudes littéraires. On y entre pour apprendre à penser et non pas pour apprendre à “communiquer”.

Arthur Muller, primo classicato al concorso 2003 per l’ammissione all’ENS, Le Figaro, 23.07.03

1. LE FUNZIONI OLOMORFE

1.1. R ICHIAMI SUI NUMERI COMPLESSI

E’ nota la denizione seguente del campo dei numeri complessi:

– gli elementi del campo sono le coppie di numeri reali,

z = (x, y) = x 2 + y 2

x 2 + y 2

x y
x
y

x 2 + y 2 ,

 

=

x 2

+

y 2 (cos

θ, sin θ) .

 

Si

sa che il numero

 
 

ρ

= x 2 + y 2

 

si

chiama modulo del numero complesso z mentre θ si chiama argomento di z .

Il

modulo del numero complesso z si indica col simbolo |z|.

L’argomento di z è identicato a meno di multipli di 2π se z

si considera argomento di (0, 0).

= (0, 0). Ogni θ

Se z =

di z .

(0, 0) e θ [π, π), allora θ è unico e si chiama argomento principale

Per indicare l’argomento principale di z si usa il simbolo “Arg ” (con l’iniziale

maiuscola),

Arg z .

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

4 3.5 3 y (a+c)+i(b+d) 2.5 c+id 2 1.5 1 0.5 a+ib 0 x −0.5
4
3.5
3
y
(a+c)+i(b+d)
2.5
c+id
2
1.5
1
0.5
a+ib
0
x
−0.5
−0.5
0
0.5
1
1.5
2
2.5
3
3.5
4
2.5 2 y ρ φ+ψ 1.5 rρ 1 0.5 φ r ψ 0 x −0.5
2.5
2
y
ρ
φ+ψ
1.5
1
0.5
φ
r
ψ
0
x
−0.5
−1
−1
−0.5
0
0.5
1
1.5
2

Fig. 1.1. Le operazioni.

– L’operazione di addizione tra numeri complessi si denisce “per componenti”:

se z = (x, y) e w = (a, b) allora si denisce

z + w = (x + a, y + b) .

– L’operazione di moltiplicazione è denita come segue: se z = ρ(cos θ, sin θ), w = r(cos φ, sin φ) allora

zw = ρr (cos(θ + φ), sin(θ + φ)) .

E’ immediato vericare che il risultato non varia sommando multipli di 2π a θ oppure a φ.

E’ noto, e facile da vericare, che in questo modo si denisce un campo, che si chiama campo dei numeri complessi. Si sa inoltre che se z = (x, y) e w = (a, b) allora si ha

zw = (xa yb, xb + ya) .

Invece, non esiste una rappresentazione semplice per la somma in coordinate polari.

Le operazione sono rappresentate nella gura 1.1 .

Il campo dei numeri complessi si indica col simbolo C .

Ricordiamo che se z = (x, y), il numero (x, y) si indica col simbolo z¯ e si chiama il coniugato di z . Si vede facilmente che

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

|z| 2 = zz¯

.

L’elemento neutro rispetto all’addizione è (0, 0) mentre quello rispetto alla molti-

plicazione è (1, 0). Invece il numero complesso i = (0, 1), che si chiama unità

immaginaria, ha la seguente proprietà:

i 2 = ii = (1, 0) .

Osservazione 1.1. In molti testi, specialmente di ingegneria, si “denisce” i

mediante l’uguaglianza i 2 = 1 . Ciò è ambiguo, perché quest’equazione ha le due

soluzioni i e i .

Notiamo ora che

z = (x, y)=(x, 0)(1, 0) + (y, 0)(0, 1)

e che la trasformazione da R in C che ad x fa corrispondere il numero (x, 0) è un

omomorsmo (i numeri complessi (x, 0) si chiamano anche numeri complessi reali ).

Ciò suggerisce di rappresentare ogni numero complesso z = (x, y) come segue: se

y = 0 invece di scrivere (x, 0) si scrive semplicemente x e invece di scrivere (0, 1) si

scrive i . In questo modo,

z = (x, y)=(x, 0)(1, 0) + (y, 0)(0, 1) = 1x + iy

e, sottintendendo 1 , si trova la rappresentazione

z = x + iy

che si chiama la rappresentazione algebrica dei numeri complessi. Si chiama invece

rappresentazione trigonometrica la rappresentazione

z = x 2 + y 2 (cos θ + i sin θ)

cos θ

sin θ

=

=

x

x 2 +y 2

y

x 2 +y 2 .

Si calcola facilmente che l’opposto di z = x + iy rispetto alla moltiplicazione, ossia

il numero che si indica col simbolo

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

è il numero

1 1

z = x + iy ,

x iy 2 = x 2 + y

z¯ |z| 2 .

Con la notazione trigonometrica, l’opposto di

è

z = r(cos θ + i sin θ)

1

z

= 1

r (cos(θ) + i sin(θ)) = 1

r (cos θ i sin θ)

(si noti che l’ultima espressione scritta è una rappresentazione algebrica ma non una

rappresentazione trigonometrica del numero 1/z ).

Il numero reale x si chiama la parte reale di z = x + iy mente il numero reale y si

chiama la parte immaginaria di z = x + iy . Essi si indicano con i simboli

ez,

Imz.

Notiamo inne: un argomento di un prodotto è la somma degli argomenti; un

argomento di un quoziente è la differenza tra l’argomento del numeratore e

quello del denominatore.

Osservazione 1.2. Va notato esplicitamente che le affermazioni precedenti valgono

pur di scegliere un opportuno argomento. Non valgono per l’argomento principale.

Infatti, se z = w = i , Arg zw = π mentre invece Arg z + Arg w = +π .

Interpretazione sica delle operazioni

E’ utile vedere le relazioni tra le operazioni introdotte tra i numeri complessi e le leggi

della sica. Per l’addizione ciò è facile: essa corrisponde all’addizione di vettori,

fatta componente per componente. La moltiplicazione si incontra invece estendendo

la legge di Ohm alle correnti alternate.

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Va inoltre notato che quando ( x, y ) ed ( x , y ) sono due vettori del piano, ad essi si

associano:

– il prodotto scalare xx + yy ;

– il prodotto vettoriale, che è un vettore di R 3 , uguale a (xy x y)k.

I

due numeri (xx + yy ) e xy x y si ritrovano calcolando il prodotto zw¯ con

z

= x + iy , w

= x + iy :

zw¯

= (xx + yy ) + i(xy x y).

1.1.1 Radici n –me di numeri complessi

Sia z un numero complesso. Si chiamano radici n –me di z i numeri w tali che w n = z .

Se z = 0 si vede subito che c’è una sola radice n –ma, w = 0 . Invece, ogni z = 0 ha

n radici n –me. Se

ciascuno dei numeri

z = r(cos θ + i sin θ)

r cos θ + 2

n

n

+ i sin θ + 2kπ

n

verica w n = z , qualunque sia il numero intero (positivo o meno) k . E’ facile vedere

però che soltanto i valori di k

k = 0 , 1 ,

,n 1

danno valori distinti. Dunque z = 0 ha esattamente n radici n –me le quali sono vertici

di un poligono regolare di n lati e appartengono alla circonferenza di centro 0 e raggio

|z|.

n

Ciascuna delle funzioni

f(z) = |z| 1/n e i(Argz+2kπ/n)

si chiama una determinazione della radice n –ma.

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

1.1.2 Esponenziale, logaritmo, formule di Eulero

Si denisce

e z = e x+iy

= e x e iy

dove e x è il valore noto dai corsi relativi alle funzioni di variabile reale mentre e iy è ancora da denire. Si denisce

In questo modo,

e iy = cos y + i sin y .

e z = e x+iy = e x (cos y

+ i sin y) .

Dunque, la rappresentazione trigonometrica

si può anche scrivere come

r(cos θ + i sin θ)

e log r+.

1.1

Si vede immediatamente che, se y = 0 , allora e z = e x+i0 = e x + i0 , numero complesso reale e, usando le formule di trigonometria, si vede subito che vale

Vale inoltre:

e z+w = e z e w .

e x+iy

= e x .

In particolare, l’equazione e z = 0 non ha soluzioni.

La funzione esponenziale ha sul piano complesso una proprietà inattesa: la funzione e z è periodica di periodo 2πi .

Dalla 1.1 seguono immediatamente le formule d’Eulero

cos y =

e iy + e iy

2

,

sin y =

e iy e iy

2i

.

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Queste suggeriscono di estendere le funzioni trigonometriche al piano complesso, denendo

cos z =

e iz + e iz

2

,

sin z =

e iz e iz

2i

.

Si suggerisce di risolvere le equazioni

cos z = w ,

sin z = w

rispetto a z notando che ambedue le funzioni cos z e sin z sono suriettive (e quindi in particolare illimitate).

Conviene ora introdurre il logaritmo di numeri complessi. Sia z = 0 . I logaritmi (in base e ) di z sono quei numeri w tali che e w = z . Si rappresenti z in forma trigonometrica,

z = r(cos θ + i sin θ)

e w in forma algebrica,

w = x + iy .

Allora, w è un logaritmo di z quando

e x (cos y + i sin y) = r(cos θ + i sin θ) .

Questo avviene se

x = log r,

y = θ + 2

con k numero intero qualsiasi. Dunque, ogni numero complesso non nullo ha inniti logaritmi (e quindi, la funzione e w prende ogni valore non nullo):

log z = log |z| + i arg z

ove arg z è uno qualsiasi degli argomenti di z e log |z| è il logaritmo del numero reale |z| denito nei corsi precedenti.

La non unicità del logaritmo dipende dal fatto che esso è denito come inverso di una funzione periodica.

1.

LE FUNZIONI OLOMORFE

Si chiama logaritmo principale di z il numero

Log z = log |z| + iArg z

(si noti l’uso dell’iniziale maiuscola).

Dunque, ciascuna delle funzioni

log z = log |z| + i(2+ Argz)

verica

z = e log z=log |z|+i(2+Argz) .