Sei sulla pagina 1di 426

Michele Campiti

Analisi Matematica
elementi principali della teoria
x
y
f
g
0
1
a.a. 2006-2007
Per i corsi di Analisi Matematica I & II della Facolt`a di Ingegneria, Universit`a del
Salento
In copertina: Graco delle funzioni f(x) := exp(x) e g(x) := sin x
Prefazione
Il presente manuale contiene gli elementi principali della teoria dei corsi di
Analisi Matematica I e II ed `e indirizzato principalmente agli studenti dei
Corsi di Laurea in Ingegneria di nuova istituzione.
`
E stato pertanto privile-
giato lobiettivo della sintesi, in qualche caso anche a discapito della comple-
tezza, degli argomenti trattati, e diverse parti della teoria sono state intro-
dotte in modo da basare lesposizione su un numero abbastanza contenuto di
denizioni di base. Sono stati spesso anche utilizzati strumenti intuitivi, so-
prattutto per ci`o che riguarda gli argomenti introduttivi quali la teoria degli
insiemi, gli insiemi numerici e la topologia degli spazi euclidei. Si `e rinunciato
a qualsiasi giusticazione teorica sullintroduzione degli insiemi numerici per
cercare di introdurre subito gli strumenti fondamentali per lo studio delle
funzioni reali, come la teoria dei limiti, il calcolo dierenziale e quello inte-
grale. Nonostante quanto sopra il presente manuale non `e concepito come
un mero testo di calcolo; gli elementi della teoria sono stati esposti in modo
da favorire la formazione scientica degli studenti e da incentivare linteresse
verso unanalisi critica dei problemi posti, nei limiti di tempo disponibile per
il corso. La successiva acquisizione di nuove nozioni trova inoltre una base
di partenza che non richiede la revisione di parti e concetti gi`a appresi; vie-
ne favorito cos` in modo naturale il successivo approfondimento dei risultati
esposti.
Sono ovviamente graditi suggerimenti e segnalazioni di errori da far per-
venire preferibilmente per e-mail allindirizzo: michele.campiti@unisalento.it.
Michele Campiti
Indice
I Funzioni di una variabile reale 1
1 Preliminari 5
1.1 Notazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1.1.1 Notazioni insiemistiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1.1.2 Notazioni logiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
1.1.3 Notazioni numeriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
1.2 Alcune propriet`a degli insiemi numerici . . . . . . . . . . . . . 11
1.2.1 Principio di induzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
1.2.2 Formula del binomio di Newton . . . . . . . . . . . . . 11
1.2.3 Cenni di calcolo combinatorio . . . . . . . . . . . . . . 13
1.2.4 Valore assoluto e distanza in R . . . . . . . . . . . . . 15
1.2.5 Rappresentazione geometrica di R
n
, n 3 . . . . . . . 17
1.3 Propriet`a dei sottoinsiemi di R . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
1.4 Funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
1.5 Funzioni reali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
1.5.1 Operazioni con le funzioni reali . . . . . . . . . . . . . 25
1.5.2 Estremi di funzioni reali . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
1.5.3 Propriet`a di monotonia . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
1.5.4 Propriet`a di simmetria e periodicit`a . . . . . . . . . . . 33
1.6 Successioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
1.6.1 Numero di Nepero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
1.7 Funzioni elementari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
1.7.1 Funzioni potenza ad esponente intero positivo . . . . . 37
1.7.2 Funzioni radice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
1.7.3 Funzione potenza ad esponente intero negativo . . . . . 41
1.7.4 Funzioni potenza ad esponente razionale e reale . . . . 41
1.7.5 Funzioni esponenziali e logaritmiche . . . . . . . . . . . 43
1.7.6 Richiami di trigonometria e funzioni trigonometriche . 46
1.7.7 Funzioni trigonometriche inverse . . . . . . . . . . . . . 53
iv Indice
2 Numeri complessi e polinomi 59
2.1 Propriet`a generali dei numeri complessi . . . . . . . . . . . . . 59
2.2 Coordinate polari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
2.3 Forma trigonometrica dei numeri complessi . . . . . . . . . . . 64
2.4 Forma esponenziale dei numeri complessi . . . . . . . . . . . . 68
2.5 Polinomi ed equazioni algebriche . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
2.5.1 Polinomi e relative radici . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
2.5.2 Polinomi a coecienti reali . . . . . . . . . . . . . . . . 74
3 Equazioni e disequazioni 77
3.1 Equazioni e disequazioni razionali intere . . . . . . . . . . . . 77
3.2 Equazioni e disequazioni razionali fratte . . . . . . . . . . . . 80
3.3 Sistemi di equazioni e disequazioni . . . . . . . . . . . . . . . 82
3.4 Equazioni e disequazioni irrazionali . . . . . . . . . . . . . . . 84
3.5 Equazioni e disequazioni con valore assoluto . . . . . . . . . . 87
3.6 Metodo graco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
4 Limiti delle funzioni reali 93
4.1 Denizione generale di limite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
4.2 Prime propriet`a dei limiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
4.3 Limiti destri e sinistri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
4.4 Teoremi di confronto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
4.5 Operazioni sui limiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
4.6 Limiti delle funzioni monotone . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
4.7 Limiti delle funzioni elementari . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
4.7.1 Funzioni potenza ad esponente intero positivo . . . . . 110
4.7.2 Funzioni radice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110
4.7.3 Funzioni potenza ad esponente intero negativo . . . . . 110
4.7.4 Funzioni potenza ad esponente reale . . . . . . . . . . 111
4.7.5 Funzioni esponenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
4.7.6 Funzioni logaritmo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
4.7.7 Funzioni trigonometriche . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
4.7.8 Funzioni trigonometriche inverse . . . . . . . . . . . . . 112
4.8 Limiti di polinomi e funzioni razionali . . . . . . . . . . . . . . 113
4.9 Limiti notevoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
4.10 Innitesimi ed inniti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
4.10.1 Operazioni con innitesimi ed inniti . . . . . . . . . . 123
5 Successioni e serie numeriche 129
5.1 Limiti di successioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
5.1.1 Successioni estratte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
Indice v
5.1.2 Massimo e minimo limite . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
5.1.3 Criterio di convergenza di Cauchy . . . . . . . . . . . . 143
5.1.4 Massimo e minimo limite per le funzioni . . . . . . . . 144
5.2 Serie numeriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
5.2.1 Denizioni e propriet`a preliminari . . . . . . . . . . . . 146
5.2.2 Serie a termini positivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
5.2.3 Serie alternanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
5.2.4 Propriet`a algebriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
6 Funzioni continue 163
6.1 Denizioni e propriet`a preliminari . . . . . . . . . . . . . . . . 163
6.2 Funzioni continue su intervalli chiusi e limitati . . . . . . . . . 167
6.3 Continuit`a delle funzioni monotone . . . . . . . . . . . . . . . 171
6.4 Funzioni uniformemente continue . . . . . . . . . . . . . . . . 173
7 Calcolo dierenziale 177
7.1 Funzioni derivabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
7.1.1 Denizioni ed interpretazione geometrica . . . . . . . . 177
7.1.2 Regole di derivazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183
7.1.3 Derivate delle funzioni elementari . . . . . . . . . . . . 187
7.2 Teoremi di Rolle, Cauchy e Lagrange . . . . . . . . . . . . . . 193
7.3 Applicazioni al calcolo dei limiti . . . . . . . . . . . . . . . . . 196
7.3.1 Teoremi di LHopital . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196
7.3.2 Formula di Taylor . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 203
7.3.3 Simboli di Landau e applicazioni della formula di Tay-
lor al calcolo dei limiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . 211
7.4 Applicazioni allo studio del graco delle funzioni reali . . . . . 213
7.4.1 Monotonia e massimi e minimi relativi ed assoluti . . . 213
7.4.2 Convessit`a, concavit`a e essi . . . . . . . . . . . . . . . 221
7.4.3 Asintoti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 229
7.4.4 Studio del graco di una funzione reale . . . . . . . . . 232
8 Calcolo integrale 239
8.1 Lintegrale secondo Riemann . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
8.1.1 Suddivisioni di un intervallo . . . . . . . . . . . . . . . 239
8.1.2 Integrabilit`a delle funzioni limitate . . . . . . . . . . . 240
8.1.3 Interpretazione geometrica e propriet`a dellintegrale este-
so . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 246
8.1.4 Primitive ed integrale indenito . . . . . . . . . . . . . 249
8.1.5 Integrali indeniti immediati . . . . . . . . . . . . . . . 254
8.1.6 Prime regole di integrazione . . . . . . . . . . . . . . . 256
vi Indice
8.2 Integrazione delle funzioni razionali . . . . . . . . . . . . . . . 259
8.2.1 Caso m = 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 259
8.2.2 Caso m = 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 259
8.2.3 Caso m > 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 260
8.3 Integrali impropri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 262
8.3.1 Integrali impropri di funzioni non limitate . . . . . . . 262
8.3.2 Integrali impropri su intervalli non limitati . . . . . . . 270
II Equazioni dierenziali e funzioni di pi` u variabili
reali 277
9 Successioni e serie di funzioni 281
9.1 Convergenza puntuale ed uniforme . . . . . . . . . . . . . . . 281
9.2 Propriet`a del limite di una successione di funzioni . . . . . . . 283
9.3 Serie di funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 287
9.4 Serie di potenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 292
9.5 Serie ottenute per derivazione ed integrazione . . . . . . . . . 297
9.6 Serie di Taylor . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 298
9.6.1 Funzione esponenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . 300
9.6.2 Funzione logaritmo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 301
9.6.3 Funzioni seno e coseno . . . . . . . . . . . . . . . . . . 301
9.6.4 Funzione arcotangente . . . . . . . . . . . . . . . . . . 302
9.6.5 La serie binomiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 302
9.6.6 La funzione arcoseno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 305
9.7 Serie di Fourier . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 305
10 Calcolo dierenziale in pi` u variabili 311
10.1 Cenni sulla struttura metrica di R
n
. . . . . . . . . . . . . . . 311
10.1.1 Prodotti scalari e norme . . . . . . . . . . . . . . . . . 311
10.1.2 Sfere ed insiemi aperti e chiusi . . . . . . . . . . . . . . 317
10.1.3 Intervalli, rette e direzioni di R
n
. . . . . . . . . . . . . 319
10.2 Funzioni di pi` u variabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 321
10.3 Derivate direzionali e parziali e dierenziabilit`a . . . . . . . . 325
10.3.1 Funzioni lineari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 325
10.3.2 Derivate direzionali e parziali . . . . . . . . . . . . . . 326
10.3.3 Dierenziabilit`a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 328
10.3.4 Derivate successive e formula di Taylor . . . . . . . . . 336
10.3.5 Dierenziabilit`a delle funzioni composte . . . . . . . . 339
10.4 Punti di massimo e minimo relativo . . . . . . . . . . . . . . . 342
10.5 Massimo e minimo assoluto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 346
Indice vii
10.6 Massimi e minimi vincolati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 348
11 Lintegrale di Riemann in R
n
351
11.1 Cenni sulla teoria della misura di Peano-Jordan in R
n
. . . . . 351
11.2 Cenni sullintegrale di Riemann in R
n
. . . . . . . . . . . . . . 356
11.2.1 Integrazione su domini normali . . . . . . . . . . . . . 360
11.2.2 Cambiamento di variabile negli integrali multipli . . . . 363
12 Curve, campi vettoriali e superci 369
12.1 Curve regolari e lunghezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 369
12.2 Integrali curvilinei e campi vettoriali conservativi . . . . . . . 377
12.2.1 Integrali curvilinei . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 377
12.2.2 Integrali curvilinei di un campo vettoriale . . . . . . . 379
12.2.3 Campi vettoriali conservativi . . . . . . . . . . . . . . . 381
12.3 Superci ed integrali superciali . . . . . . . . . . . . . . . . . 384
12.4 Il teorema della divergenza e la formula di Stokes . . . . . . . 386
13 Equazioni dierenziali ordinarie 389
13.1 Introduzione e problema di Cauchy . . . . . . . . . . . . . . . 389
13.2 Unicit`a della soluzione del problema di Cauchy . . . . . . . . . 396
13.3 Esistenza della soluzione del problema di Cauchy . . . . . . . 400
13.4 Equazioni dierenziali lineari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 402
13.4.1 Equazioni dierenziali lineari del primo ordine . . . . . 406
13.4.2 Equazioni dierenziali lineari di ordine n a coecienti
costanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 407
Bibliograa 411
Elenco delle gure
1.1 Rappresentazione del prodotto cartesiano di due insiemi. . . . 7
1.2 Rappresentazione geometrica dei numeri reali. . . . . . . . . . 17
1.3 Riferimento cartesiano non ortogonale. . . . . . . . . . . . . . 18
1.4 Riferimento cartesiano ortonormale. . . . . . . . . . . . . . . 19
1.5 Riferimento cartesiano dello spazio. . . . . . . . . . . . . . . . 20
1.6 Esempio di massimo assoluto e relativo. . . . . . . . . . . . . 29
1.7 Funzione strettamente crescente (decrescente) in un intervallo. 30
1.8 Funzione strettamente crescente (decrescente) in un punto. . . 32
1.9 Funzione potenza ad esponente pari ( 2). . . . . . . . . . . . 38
1.10 Funzione potenza ad esponente dispari ( 3). . . . . . . . . . . 39
1.11 Funzione radice con indice pari. . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
1.12 Funzione radice con indice dispari. . . . . . . . . . . . . . . . 40
1.13 Funzione potenza ad esponente intero negativo pari. . . . . . . 41
1.14 Funzione potenza ad esponente intero negativo dispari. . . . . 42
1.15 Funzione potenza con esponente razionale o reale. . . . . . . . 44
1.16 Funzione esponenziale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
1.17 Funzione logaritmo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
1.18 Circonferenza trigonometrica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
1.19 Funzioni seno e coseno. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
1.20 Interpretazione geometrica della tangente. . . . . . . . . . . . 51
1.21 Funzione tangente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
1.22 Interpretazione geometrica della cotangente. . . . . . . . . . . 53
1.23 Funzione cotangente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
1.24 Funzione arcoseno. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
1.25 Funzione arcocoseno. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
1.26 Funzione arcotangente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
1.27 Funzione arcocotangente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
2.1 Coordinate polari. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
2.2 Radici terze e quinte di un numero complesso. . . . . . . . . . 67
x Elenco delle gure
3.1 Metodo graco per le disequazioni: Esempio 1 . . . . . . . . . 90
3.2 Metodo graco per le disequazioni: Esempio 2 . . . . . . . . . 91
3.3 Metodo graco per le disequazioni: Esempio 3 . . . . . . . . . 92
3.4 Metodo graco per le disequazioni: Esempio 4 . . . . . . . . . 92
4.1 Limiti di una funzione monotona. . . . . . . . . . . . . . . . . 109
4.2 Limite notevole sinx/x in 0. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
5.1 Prodotto secondo Cauchy di due serie . . . . . . . . . . . . . . 160
6.1 Teorema degli zeri. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 169
6.2 Approssimazione delle soluzioni con il teorema degli zeri. . . . 170
7.1 Interpretazione geometrica della derivata. . . . . . . . . . . . . 181
7.2 Teorema di Rolle. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
7.3 Teorema di Lagrange. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196
7.4 Polinomi di Taylor. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 205
7.5 Funzione convessa o concava in un punto e punti di esso. . . 224
7.6 Asintoto orizzontale e verticale. . . . . . . . . . . . . . . . . . 231
7.7 Graco della funzione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 235
7.8 Graco della funzione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 237
8.1 Somma superiore ed inferiore relativa ad una suddivisione. . . 241
8.2 Teorema della media integrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 250
10.1 Esempio di insieme connesso ma non convesso. . . . . . . . . 321
11.1 Esempio di insieme misurabile illimitato. . . . . . . . . . . . . 355
11.2 Dominio di integrazione con trasformazione in coordinate polari.365
Parte I
Funzioni di una variabile reale
Nella prima parte del corso, lo studio delle funzioni reali di una variabile
reale, attraverso lo studio dei limiti e del calcolo dierenziale ed integrale,
costituisce lobiettivo principale degli argomenti trattati, per il cui raggiungi-
mento vengono trattati non solo argomenti di carattere preliminare, quali gli
insiemi con particolare riguardo a quelli numerici, le disequazioni e le funzioni
elementari, ma anche di carattere complementare, quali i numeri complessi,
le successioni e le serie numeriche.
Capitolo 1
Preliminari
1.1 Notazioni
Nelle sezioni seguenti sono raggruppate alcune delle notazioni adoperate nel
seguito del testo.
1.1.1 Notazioni insiemistiche
Gli insiemi vengono solitamente rappresentati con lettere maiuscole: E, F, . . .
ed i loro elementi con lettere minuscole: x, y, . . . . Un insieme contenen-
te gli oggetti a, b, c, . . . si pu`o indicare con {a, b, c, . . . }; inoltre, se E `e un
insieme assegnato e se, per ogni x E `e assegnata anche una propriet`a
P(x), linsieme degli elementi di E per cui la propriet`a `e vera si denota con
{x E | P(x)}.
Se in particolare viene assegnata una propriet`a che non `e soddisfatta da
alcun elemento di E (ad esempio, P(x) =x non `e un elemento di E), si
ottiene un insieme privo di elementi, che viene denominato insieme vuoto e
denotato con . Linsieme vuoto `e caratterizzato dal fatto di non avere
elementi.
Inoltre, si assumono le seguenti notazioni:
Simbolo di appartenenza. La notazione x E aerma che loggetto
x appartiene allinsieme (oppure `e elemento di) E). La negazione di
tale circostanza si esprime scrivendo x / E.
Simbolo di inclusione. La notazione E F aerma che linsieme E `e
contenuto nellinsieme (oppure `e un sottoinsieme di) F, cio`e gli elementi
di E sono anche elementi di F. La negazione di tale circostanza si
esprime scrivendo E F.
6 Capitolo 1: Preliminari
Simbolo di intersezione. La notazione E F denota linsieme co-
stituito dagli elementi che appartengono sia ad E che ad F. Pi` u in
generale, se I `e un insieme e per ogni i I `e assegnato un insieme
E
i
, linsieme intersezione costituito dagli elementi che appartengono a
tutti gli insiemi E
i
viene denotato con

iI
E
i
. Due insiemi E ed F si
dicono disgiunti se E F = .
Simbolo di unione. La notazione E F denota linsieme costituito
dagli elementi che appartengono o ad E oppure ad F (cio`e ad almeno
uno dei due insiemi). Inoltre, se per ogni i I `e assegnato un insie-
me E
i
, linsieme unione costituito dagli elementi che appartengono ad
almeno uno degli insiemi E
i
viene denotato con

iI
E
i
.
Simbolo di complementare. Se E `e un sottoinsieme di F, la notazio-
ne
F
(E) denota linsieme costituito dagli elementi di F che non
appartengono ad E.
Simbolo di dierenza di insiemi. La notazione F E denota linsie-
me costituito dagli elementi di F che non appartengono ad E. Si ha
ovviamente F E =
F
(E F).
Se x ed y sono oggetti distinti, linsieme {x, y} viene denominato coppia
non ordinata (se x = y, si ottiene linsieme {x} ridotto al solo elemento x).
Per quanto riguarda linsieme {x, y}, non ha alcuna rilevanza lordine con il
quale compaiono i due elementi x ed y; invece nella coppia ordinata (x, y)
di prima coordinata x e seconda coordinata y lordine in cui compaiono gli
elementi diventa di importanza sostanziale (precisamente, si potrebbe porre
(x, y) = {{x}, {x, y}} per dierenziare il ruolo dei due elementi, ma nel
seguito si preferir`a basarsi su una denizione intuitiva).
Pertanto, si ha (a, b) = (c, d) se e solo se a = c e b = d.
In modo del tutto analogo, assegnati tre oggetti x, y e z, si pu`o denire la
terna ordinata (x, y, z). Nel caso in cui x
1
, x
2
, . . . , x
n
siano n oggetti (n 2),
si denisce con lo stesso metodo la n-pla ordinata di prima coordinata x
1
, di
seconda coordinata x
2
, . . . , ed n-esima coordinata x
n
.
Se E ed F sono due insiemi, si pu`o considerare linsieme di tutte le coppie
ordinate con prima coordinata in E e seconda coordinata in F. Tale insieme
viene denominato insieme prodotto di E per F e viene denotato con il simbolo
E F; se E = F, si pu`o anche scrivere E
2
anziche E E.
Il prodotto cartesiano E F pu`o essere rappresentato geometricamente
indicando gli elementi dellinsieme E su un segmento disposto orizzontalmen-
te e gli elementi di F su un segmento disposto verticalmente; gli elementi
1.1 Notazioni 7
del prodotto (coppie ordinate) sono allora rappresentati come elementi del
rettangolo in Figura 1.1.
P
x
y
E
F
Figura 1.1: Rappresentazione del prodotto cartesiano di due insiemi.
Si osservi che se linsieme E `e formato da n elementi distinti e linsieme F
`e formato da m elementi distinti, allora il prodotto cartesiano EF possiede
esattamente n m elementi distinti.
In modo analogo si considera il prodotto cartesiano EFGdi tre insiemi
E, F e G; esso `e linsieme delle terne ordinate la cui prima coordinata `e un
elemento di E, la seconda coordinata `e un elemento di F e la terza coordinata
`e un elemento di G.
Pi` u in generale, se E
1
, E
2
, . . . , E
n
sono n insiemi (n 2), si pu`o denire
il prodotto cartesiano E
1
E
2
E
n
come linsieme delle n-ple ordinate
(x
1
, . . . , x
n
) tali che x
1
E
1
, . . . x
n
E
n
. Anche in questo caso, se E
1
=
E
2
= = E
n
= E, si utilizza il simbolo E
n
per denotare il prodotto
E
1
E
2
E
n
.
1.1.2 Notazioni logiche
Gli enunciati considerati in matematica (denominati anche propriet`a, propo-
sizioni o aermazioni) sono asserzioni di senso compiuto che possono essere o
veri o falsi e vengono rappresentati con lettere corsive maiuscole; ad esempio:
A, B, C, . . . , P, Q, . . . .
Se A e B sono enunciati, si scrive A B (A implica B) per denotare
lenunciato vero nei casi in cui A sia falso oppure, supposto vero lenunciato
A, risulta vero anche lenunciato B; conseguentemente, A B risulta falso
solo nel caso in cui A `e vero e B `e falso.
Inoltre, si scrive A B (A equivale a B) per denotare lenunciato vero
se e solo se gli enunciati A e B sono entrambi veri oppure entrambi falsi.
8 Capitolo 1: Preliminari
Quanticatore universale per ogni. Per esprimere la circostanza in
cui una propriet`a P (assegnata per ogni elemento x di un insieme E)
sia sempre vericata, si scrive
x E : P(x)
(si legge per ogni x in E si ha P(x)). Il simbolo : ha la funzione
di abbreviazione linguistica e si legge si ha che oppure risulta che.
Quanticatore esistenziale esiste. Per esprimere la circostanza in cui
una propriet`a P (assegnata per ogni elemento x di un insieme E) sia
vericata per almeno un elemento, si scrive
x E t.c. P(x)
(si legge esiste x in E tale che P(x)). Il simbolo t.c. ha la funzione
di abbreviazione linguistica e si legge tale che. In molti casi viene
utilizzato anche il simbolo

come abbreviazione di tale che. Nel caso


in cui esista esattamente un unico elemento di x E per cui P(x) sia
vera si scrive |x E t.c. P(x) (si legge esiste un unico x in E tale
che P(x)).
1.1.3 Notazioni numeriche
N Insieme dei numeri naturali: 0, 1, 2, 3, . . .
Z Insieme dei numeri interi relativi: . . . , -3, -2, -1, 0, 1, 2, 3, . . .
Q Insieme dei numeri razionali, che possono cio`e essere espressi nella
forma
m
n
, dove m Z ed n N {0}.
Un numero razionale q si pu`o rappresentare in forma decimale:
q = a
0
, a
1
. . . a
r
a
r+1
. . . a
r+s
dove a
0
Z, a
1
. . . a
r+s
{0, 1, . . . , 9} e la parte periodica a
r+1
. . . a
r+s
`e da intendersi ripetuta innite volte.
R Insieme dei numeri reali, che in forma decimale hanno la seguente
rappresentazione
a
0
, a
1
a
2
a
3
. . .
dove a
0
Z, a
1
a
2
a
3
{0, 1, . . . , 9} e non vi `e necessariamente una
parte periodica.
1.1 Notazioni 9
C Insieme dei numeri complessi, che in forma geometrica hanno la rap-
presentazione
z = (a, b)
con a, b R. (In forma algebrica, il numero complesso z = (a, b)
si scrive z = a + ib dove i denota lunit`a immaginaria denita come
soluzione dellequazione x
2
+ 1 = 0.)
Nel seguito sar`a utile utilizzare la convenzione di scrivere un asterisco
in alto a destra ad un insieme per denotare lo stesso insieme privato del
numero 0, ed il segno + (oppure ) per denotare gli elementi positivi (oppure
negativi) dellinsieme. Pertanto, ad esempio
R

= R {0}, R

+
= {x R | x > 0}, Q

= {q Q | q 0}.
Unaltra convenzione riguarda la somma e il prodotto di un numero nito
di elementi di un insieme numerico: assegnati i numeri a
1
, . . . , a
n
si pone
n

k=1
a
k
:= a
1
+ . . . a
n
,
n

k=1
a
k
:= a
1
a
n
.
Per quanto riguarda i sottoinsiemi di R, avranno particolare rilevanza i
seguenti sottoinsiemi denominati intervalli:
Intervalli limitati. Siano a, b R tali che a < b. Si pone:
[a, b] = {x R | a x b} (intervallo limitato chiuso di estremi a
e b);
]a, b[= {x R | a < x < b} (intervallo limitato aperto di estremi a
e b);
[a, b[= {x R | a x < b} (intervallo limitato semichiuso a sinistra
(oppure semiaperto a destra) di estremi a e b);
]a, b] = {x R | a < x b} (intervallo limitato semiaperto a
sinistra (oppure semichiuso a destra) di estremi a e b);
Intervalli illimitati. Sia c R. Si pone:
[c, +[= {x R | c x} (intervallo illimitato a destra chiuso di
estremo c);
]c, +[= {x R | c < x} (intervallo illimitato a destra aperto di
estremo c);
10 Capitolo 1: Preliminari
] , c] = {x R | x c} (intervallo illimitato a sinistra chiuso
di estremo c);
] , c[= {x R | x < c} (intervallo illimitato a destra aperto di
estremo c).
Le notazioni [c, [ e ] , c] sono equivalenti a [c, +[ e ] , c].
Se x
0
R e R

+
, si denomina intervallo centrato aperto (rispettiva-
mente, chiuso) di centro x
0
e raggio , lintervallo aperto ]x
0
, x
0
+[ (ri-
spettivamente, lintervallo chiuso [x
0
, x
0
+]). Nel seguito, sar`a opportuno
ricorrere alle seguenti notazioni:
I

(x
0
) =]x
0
, x
0
+ [ , I
+

(x
0
) = [x
0
, x
0
+ [ , I

(x
0
) =]x
0
, x
0
] .
(1.1.1)
Inoltre, ogni sottoinsieme I di R contenente un intervallo centrato di
centro x
0
viene denominato intorno di x
0
; analogamente, ogni sottoinsieme I
di R per cui esista R

+
tale che I
+

(x
0
) I (rispettivamente, I

(x
0
) I)
viene denominato intorno destro (rispettivamente, intorno sinistro) di x
0
.
Linsieme degli intorni di x
0
viene denotato con il simbolo I(x
0
); inoltre,
linsieme degli intorni destri (rispettivamente, sinistri) di x
0
viene denotato
con I
+
(x
0
) (rispettivamente, I

(x
0
)).
Per convenzione, inoltre, si denominer`a intorno di + (rispettivamente,
di ) ogni sottoinsieme di R contenente un intervallo illimitato a destra
(rispettivamente, a sinistra) ed il loro insieme verr`a denotato con I(+)
(rispettivamente, I()).
Inne, si dice che x
0
R {, +} `e un punto di accumulazione per
un sottoinsieme X di R se, per ogni intorno I di x
0
,
X I {x
0
} = (1.1.2)
(quindi, in ogni intorno di x
0
vi sono elementi di X diversi da x
0
). Se x
0
R
e la condizione precedente `e vericata per ogni intorno destro (rispettiva-
mente, sinistro) di x
0
, si dice che x
0
`e un punto di accumulazione a destra
(rispettivamente, a sinistra) per X.
Per semplicare lesposizione di alcuni argomenti, pu`o essere utile intro-
durre linsieme
R = R {, +} . (1.1.3)
che viene denominato insieme ampliato dei numeri reali oppure pi` u breve-
mente R ampliato; per denotarlo, possono essere usati anche i simboli:

R
oppure

R.
1.2 Alcune propriet`a degli insiemi numerici 11
1.2 Alcune propriet`a degli insiemi numerici
In questa sezione sono raccolte alcune delle propriet`a degli insiemi numerici
che verranno utilizzate frequentemente nel seguito.
1.2.1 Principio di induzione
Per quanto riguarda linsieme dei numeri naturali, si richiama la seguente pro-
priet`a, la cui dimostrazione `e basata sulle propriet`a della relazione dordine
di N di cui si `e evitato lapprofondimento.
Proposizione 1.2.1 (Principio di induzione completa) Se A `e un sot-
toinsieme di N tale che
_
1) 0 A ,
2) n A n + 1 A ,
allora A = N.
Si supponga che, per ogni n N, sia assegnata una propriet`a P(n);
applicando il principio di induzione allinsieme A := {n N | P(n)}, si
riconosce che se P(0) `e vera e se, supposta vera P(n) per un ssato n N,
risulta vera anche P(n + 1), allora la propriet`a P(n) `e vera per ogni n N.
Naturalmente, se anzich`e considerare 0 come punto iniziale si considera
un numero naturale p, si avr`a che la propriet`a P(n) sar`a vera per ogni n p.
1.2.2 Formula del binomio di Newton
Il principio di induzione completa consente di riconoscere agevolmente la
seguente formula del binomio di Newton.
`
E necessario tuttavia introdurre
alcune notazioni preliminari.
Innanzitutto, conviene richiamare la denizione di fattoriale di un numero
naturale:
0! := 1 , n N : (n + 1)! := (n + 1) n! . (1.2.1)
Si possono denire ora i coecienti binomiali. Se n N e k = 0, . . . , n,
si denisce coeciente binomiale n su k, e si denota con
_
n
k
_
, il seguente
numero naturale:
_
n
k
_
:=
n!
k! (n k)!
=
n(n 1) (n k + 1)
k!
. (1.2.2)
12 Capitolo 1: Preliminari
Il motivo per cui tale numero viene denominato coeciente binomiale
risulter`a chiaro dallo studio della formula del binomio di Newton.
Si possono elencare le seguenti propriet`a elementari dei coecienti bino-
miali.
1. Per ogni n N, si ha
_
n
0
_
= 1,
_
n
n
_
= 1.
2. Per ogni n 2 e k = 1, . . . , n 1, si ha
_
n
k
_
=
n (n 1) (n k + 1)
k!
.
3. Per ogni n N e k = 0, . . . , n
_
n
n k
_
=
_
n
k
_
.
4. Per ogni n 1 e k = 1, . . . , n, si ha
_
n + 1
k
_
=
_
n
k
_
+
_
n
k 1
_
.
Infatti, dalla denizione,
_
n
k
_
+
_
n
k 1
_
=
n!
k!(n k)!
+
n!
(k 1)!(n k + 1)!
=
(n k + 1) n! +k n!
k!(n k + 1)!
=
(n + 1) n!
k!(n k + 1)!
=
(n + 1)!
k!(n k + 1)!
=
_
n + 1
k
_
.
Proposizione 1.2.2 (Formula del binomio di Newton) Per ogni a, b
R ed n 1, si ha:
(a + b)
n
=
n

k=0
_
n
k
_
a
k
b
nk
.
Dimostrazione. Se n = 1, la tesi `e ovvia. Si supponga ora che la tesi sia vera per un
numero naturale n 1.
1.2 Alcune propriet`a degli insiemi numerici 13
Allora, dalle propriet`a dei coecienti binomiali,
(a +b)
n+1
= (a +b)
n
(a +b) = a (a +b)
n
+b (a +b)
n
=
n

k=0
_
n
k
_
a
k+1
b
nk
+
n

k=0
_
n
k
_
a
k
b
n+1k
= a
n+1
+
n1

k=0
_
n
k
_
a
k+1
b
nk
+b
n+1
+
n

k=1
_
n
k
_
a
k
b
n+1k
= a
n+1
+b
n+1
+
n

h=1
_
n
h 1
_
a
h
b
nh+1
+
n

k=1
_
n
k
_
a
k
b
n+1k
= a
n+1
+b
n+1
+
n

k=1
__
n
k 1
_
+
_
n
k
__
a
k
b
n+1k
= a
n+1
+b
n+1
+
n

k=1
_
n + 1
k
_
a
k
b
n+1k
=
n+1

k=0
_
n + 1
k
_
a
k
b
n+1k
,
e quindi la tesi `e vera per il numero naturale n+1. Dal principio di induzione (Proposizione
1.2.1), si ottiene la tesi.
1.2.3 Cenni di calcolo combinatorio
Si introducono ora alcune denizioni di carattere combinatorio.
Denizione 1.2.3 Siano a
1
, . . . , a
n
oggetti distinti. Se k `e un intero com-
preso tra 1 ed n, si denisce disposizione semplice degli n oggetti a k a k,
ogni k-pla (a
j
1
, . . . , a
j
k
) formata da k oggetti distinti tra gli n assegnati.
Pertanto due disposizioni di n oggetti a k a k possono dierire o per un
oggetto oppure anche per lordine in cui gli oggetti vengono considerati.
Il numero delle disposizioni di n oggetti a k a k viene indicato con D
n,k
.
Tenendo presente che il primo dei k oggetti pu`o essere scelto tra tutti gli n
oggetti, che il secondo pu`o essere scelto tra i rimanenti n 1 oggetti e cos`
via, il numero delle disposizioni di n oggetti a k a k risulta essere:
D
n,k
= n(n 1) (n k + 1) .
Nel caso particolare in cui k = n, si preferisce parlare di permutazioni di
n oggetti (distinti) anziche di disposizione di n oggetti ad n ad n. Conviene
osservare che due permutazioni possono dierire solamente per lordine degli
14 Capitolo 1: Preliminari
n oggetti in quanto contengono tutti gli n oggetti disponibili. Indicato con
P
n
il numero di permutazioni di n oggetti, si ha quindi
P
n
= n! .
Il numero P
n
quindi indica il numero di modi possibili in cui si possono
ordinare n oggetti distinti.
Si pu`o fornire a questo punto la denizione di combinazione semplice.
Denizione 1.2.4 Siano a
1
, . . . , a
n
oggetti distinti. Se k `e un intero com-
preso tra 1 ed n, si denisce combinazione semplice degli n oggetti a k a k,
ogni insieme {a
j
1
, . . . , a
j
k
} formato da k oggetti distinti tra gli n assegnati.
A dierenza delle disposizioni, due combinazioni distinte di n oggetti a k
a k devono dierire per almeno un oggetto (lordine in cui gli oggetti vengono
considerati in questo caso non ha importanza).
Il numero delle combinazioni semplici di n oggetti a k a k viene indicato
con C
n,k
. Tenendo presente che k oggetti possono dierire per lordine in
P
k
modi distinti e che una combinazione individua quindi P
k
disposizioni
distinte, si ha
C
n,k
=
D
n,k
P
k
=
_
n
k
_
.
Tale numero rappresenta il numero di tutti i sottoinsiemi formati da k ele-
menti in un insieme di n elementi.
Fino ad ora sono stati considerati sempre oggetti distinti. In molte ap-
plicazioni, tuttavia, `e consentito avere la possibilit`a di ripetere pi` u volte uno
stesso oggetto. In tali casi si fa ricorso alle denizioni seguenti.
Denizione 1.2.5 Siano a
1
, . . . , a
n
oggetti distinti. Se k 1, si denisce
disposizione con ripetizione degli n oggetti a k a k, ogni k-pla (a
j
1
, . . . , a
j
k
)
formata da k oggetti non necessariamente distinti tra gli n assegnati.
Due disposizioni con ripetizione di n oggetti a k a k possono dierire per
un oggetto, per il numero di volte in cui un oggetto compare oppure per
lordine in cui gli oggetti vengono considerati.
Il numero delle disposizioni con ripetizione di n oggetti a k a k viene
indicato con D
r
n,k
. Questa volta, sia il primo dei k oggetti che tutti i successivi
possono essere scelti tra tutti gli n oggetti, e quindi
D
r
n,k
= n
k
.
Anche ora, nel caso particolare in cui k = n, si preferisce parlare di per-
mutazioni con ripetizione di n oggetti anziche di disposizione con ripetizione
1.2 Alcune propriet`a degli insiemi numerici 15
di n oggetti ad n ad n. Indicato con P
r
n
il numero di permutazioni con
ripetizione di n oggetti, si ha:
P
r
n
= n
n
.
Unultima denizione riguarda le combinazioni con ripetizione.
Denizione 1.2.6 Siano a
1
, . . . , a
n
oggetti distinti. Se k 1, si denisce
combinazione con ripetizione degli n oggetti a k a k, ogni insieme formato
da k oggetti non necessariamente distinti tra gli n assegnati.
Due combinazioni con ripetizione di n oggetti a k a k possono dierire per
un oggetto oppure per il numero di volte in cui un oggetto viene considerato,
indipendentemente per`o dallordine.
Il numero delle combinazioni con ripetizione di n oggetti a k a k viene
indicato con C
r
n,k
.
In questo caso, il fatto che i k oggetti non devono essere necessariamente
distinti equivale a supporre che linsieme di partenza sia formato da n+k 1
elementi distinti anziche da n elementi distinti e che i k oggetti debbano per`o
essere distinti tra loro. Da ci`o segue:
C
r
n,k
= C
n+k1,k
=
_
n + k 1
k
_
.
1.2.4 Valore assoluto e distanza in R
Per ogni x R, il valore assoluto di x viene denotato con |x| ed `e denito al
modo seguente
|x| :=
_
x , se x 0 ,
x , se x < 0 .
(1.2.3)
In base alla denizione precedente, si dimostrano facilmente le seguenti
propriet`a, valide per ogni x, y R.
1. |x| 0 ;
2. |x| = 0 x = 0 ;
3. | x| = |x| ;
4. x |x| ;
5. |x y| = |x| |y| ;
16 Capitolo 1: Preliminari
6. |x + y| |x| +|y| ;
(infatti, se x + y 0, dalla propriet`a 4., |x + y| = x + y |x| + |y|, mentre, se
x +y < 0, sempre dalle 4. e 3., |x +y| = x y | x| +| y| = |x| +|y|).
7. | |x| |y| | |x y| ;
(infatti, se |x| |y| 0, dalla propriet`a 6. si ha |x| = |(x y) +y| |x y| +|y| e
quindi | |x| |y| | = |x| |y| |x y|; se |x| |y| < 0, si procede allo stesso modo
invertendo i ruoli di x e y.)
Nello studio delle disequazioni che coinvolgono il valore assoluto risultano
inoltre particolarmente utili le propriet`a seguenti, in cui il valore assoluto
viene confrontato con un numero reale a.
8. i) se a < 0, la diseguaglianza |x| a non `e mai soddisfatta;
ii) se a 0, si ha |x| a se e solo se a x a.
9. i) se a 0, la diseguaglianza |x| < a non `e mai soddisfatta;
ii) se a > 0, si ha |x| < a se e solo se a < x < a.
10. i) se a 0, la diseguaglianza |x| a `e sempre soddisfatta;
ii) se a > 0, si ha |x| a se e solo se x a oppure x a;
11. i) se a < 0, la diseguaglianza |x| > a `e sempre soddisfatta;
ii) se a 0, si ha |x| > a se e solo sex < a oppure x > a.
Il valore assoluto di un numero reale consente di denire la distanza tra
due numeri reali. Precisamente, per ogni coppia di numeri reali (x, y) R
2
,
la distanza di x da y viene denotata con d(x, y) ed `e denita ponendo
d(x, y) := |x y| .
Valgono le seguenti propriet`a della distanza, che seguono direttamente
dalle propriet`a 1., 2., 3. e 6. del valore assoluto elencate sopra.
1. (x, y) R
2
: d(x, y) 0 ;
2. (x, y) R
2
: d(x, y) = 0 x = y ;
3. (x, y) R
2
: d(y, x) = d(x, y) (propriet`a simmetrica della distanza);
4. (x, y, z) R
3
: d(x, z) d(x, y) +d(y, z) (propriet`a triangolare della
distanza).
1.2 Alcune propriet`a degli insiemi numerici 17
1.2.5 Rappresentazione geometrica di R
n
, n 3
Nello studio delle funzioni reali, di interesse centrale nel seguito, sar`a di
notevole aiuto la rappresentazione geometrica sia di R che di R
2
e, per le
funzioni di due variabili, anche di R
3
.
Linsieme dei numeri reali viene solitamente rappresentato come linsieme
dei punti di una retta. Infatti, sia r una retta e si ssino due punti distinti
O e U di r corrispondenti ai numeri reali 0 e 1. La semiretta avente O
come estremo e contenente il punto U viene denominata semiasse positivo
ed indicata con r
+
; analogamente, la semiretta di estremo O non contenente
il punto U viene denominata semiasse negativo ed indicata con r

. Si pu`o
allora denire una corrispondenza tra un numero reale x ed uno ed un solo
elemento P della retta r prendendo il segmento OU come unit`a di misura e
considerando il segmento OP avente lunghezza x con P in r
+
se x `e positivo
e P in r

se x `e negativo. Viceversa, la stessa corrispondenza consente di


far corrispondere ad ogni punto P della retta uno ed un solo numero reale
x. In questo modo ogni numero reale viene identicato con un punto della
retta r e viceversa. Per questo motivo la retta r (o linsieme R) viene anche
denominata retta reale cos` come gli elementi di R vengono spesso chiamati
punti. Inne la semiretta positiva r
+
(denominata anche semiretta positiva)
viene spesso evidenziata mediante una freccia come in Figura 1.2.
$
$
$
$
$
$
$
$
$
$
$
$
$
$
$
$
$
$
$
$
$$X

1
r
Figura 1.2: Rappresentazione geometrica dei numeri reali.
Si considera ora una rappresentazione del prodotto cartesiano R
2
. In
questo caso si ssano due rette r
1
ed r
2
non parallele su un piano . Si
denota con O il punto di intersezione di r
1
ed r
2
ed inoltre su ognuna delle
due rette si considera un ulteriore punto distinto da O che verr`a denotato
con U
1
e rispettivamente U
2
. In questo modo si dice che `e stato assegnato un
riferimento cartesiano ed il piano viene anche denominato piano cartesiano.
Ad ogni (x, y) R
2
, si pu`o far corrispondere una ed una sola coppia (P
1
, P
2
)
con P
1
r
1
e P
2
r
2
(in quanto sulle rette r
1
ed r
2
si pu`o considerare
una rappresentazione dei numeri reali) e successivamente si pu`o considerare
il punto P del piano ottenuto come intersezione delle rette parallele ad r
2
ed r
1
e passanti per P
1
e rispettivamente P
2
(vedasi la Figura 1.3).
18 Capitolo 1: Preliminari
E


0
P
x
y
Figura 1.3: Riferimento cartesiano non ortogonale.
Anche ora con il procedimento inverso, ad ogni punto del piano si pu`o
far corrispondere una ed una sola coppia di numeri reali. Quindi il piano
pu`o essere identicato con il prodotto cartesiano R
2
.
Il punto O viene denominato origine del riferimento cartesiano e corri-
sponde ovviamente alla coppia (0,0) (mentre i punti U
1
e U
2
corrispondono
alle coppie (1,0) e rispettivamente (0,1)).
La retta r
1
viene denominata asse delle ascisse e la retta r
2
asse delle
ordinate. Inoltre le coordinate della coppia (x, y) al quale corrisponde il
punto P di vengono anche denominate ascissa e ordinata di P ed il punto
P di coordinate (x, y) viene indicato anche con P(x, y).
Nel caso particolare in cui le due rette r
1
e r
2
siano perpendicolari, il
riferimento cartesiano si dice ortogonale. Se, in pi` u, i punti U
1
ed U
2
su r
1
e
rispettivamente r
2
vengono ssati alla stessa distanza dallorigine O, allora il
riferimento ortogonale viene denominato ortonormale (vedasi la Figura 1.4).
Conviene osservare che la rappresentazione geometrica di R
2
su un piano
cartesiano consente di denire anche in R
2
una distanza con le stesse propriet`a
di quella gi`a precedentemente introdotta in R. Infatti, per ogni coppia x =
(x
1
, x
2
) e y = (y
1
, y
2
) di elementi di R
2
la distanza di x da y viene indicata
con d(x, y) ed `e denita ponendo
d(x, y) :=

(y
1
x
1
)
2
+ (y
2
x
2
)
2
.
La rappresentazione geometrica di R
3
si pu`o ottenere in maniera del tutto
analoga a quella discussa considerando tre rette non complanari r
1
, r
2
ed r
3
nello spazio , che si intersecano in un punto 0. Su ognuna delle rette r
1
, r
2
ed
1.2 Alcune propriet`a degli insiemi numerici 19
E
T
&
&
&
&
&
&
&
&
&
&
&
&
&
&
&

0
P
x
y
Figura 1.4: Riferimento cartesiano ortonormale.
r
3
, che per semplicit`a vengono supposte perpendicolari tra loro, viene ssato
un ulteriore punto distinto da O e che viene denotato rispettivamente con
U
1
, U
2
e U
3
. Il piano contenente le rette r
1
, r
2
viene spesso denominato piano
xy, quello contenente le rette r
1
, r
3
viene denominato piano xz ed inne il
piano contenente le rette r
2
, r
3
viene denominato piano yz.
Anche in questo caso si dice che `e stato assegnato un riferimento cartesia-
no nello spazio , che viene denominato spazio euclideo. Ad ogni (x, y, z)
R
3
, si pu`o far corrispondere una ed una sola terna (P
1
, P
2
, P
3
) con P
1

r
1
, P
2
r
2
e P
3
r
3
e successivamente si pu`o considerare il punto P di
ottenuto come intersezione dei piani paralleli ai piani yz, xz e xy e passanti
rispettivamente per i punti P
1
, P
2
e P
3
(vedasi la Figura 1.5).
Il procedimento inverso fa corrispondere ad ogni punto di una ed una
sola terna di numeri reali. Quindi lo spazio pu`o essere identicato con il
prodotto cartesiano R
3
.
Anche ora il punto O viene denominato origine del riferimento cartesia-
no e corrisponde ovviamente alla terna (0,0,0) (mentre i punti U
1
, U
2
e U
3
corrispondono alle terne (1,0,0), (0,1,0) e rispettivamente (0,0,1)).
La retta r
1
viene denominata asse delle ascisse, la retta r
2
asse delle
ordinate e inne la retta r
3
asse delle altezze.
Inoltre le coordinate della terna (x, y, z) alla quale corrisponde il punto
P di vengono anche denominate ascissa, ordinata e altezza (oppure quota)
di P ed il punto P di coordinate (x, y, x) viene indicato anche con P(x, y, z).
Per n 4 non `e possibile una rappresentazione geometrica di R
n
; tutta-
via, `e ancora possibile considerare una distanza che verica le stesse propriet`a
20 Capitolo 1: Preliminari
E
T

0
P
y
z
x
Figura 1.5: Riferimento cartesiano dello spazio.
di quella introdotta in R.
Si supponga infatti n 3. Per ogni coppia di n-ple x = (x
1
, . . . , x
n
) e
y = (y
1
, . . . , y
n
) di elementi di R
n
, infatti, si pu`o denire la distanza d(x, y)
di x da y ponendo
d(x, y) :=

_
n

i=1
(y
i
x
i
)
2
.
1.3 Propriet`a dei sottoinsiemi di R
Nella presente sezione si richiamano alcune nozioni relative ai sottoinsiemi di
R che verranno utilizzate in seguito per denire altrettante propriet`a delle
funzioni reali.
Sia X un sottoinsieme non vuoto di R. Valgono le seguenti denizioni.
Sottoinsiemi limitati. Si dice che X `e limitato superiormente (ri-
spettivamente, limitato inferiormente) se
M R t.c. x X : x M (rispettivamente, M x ). (1.3.1)
Ogni elemento M R vericante la (1.3.1) viene denominato maggio-
rante (rispettivamente, minorante) di X. Inne, si dice che X `e limitato
se `e limitato sia superiormente che inferiormente, cio`e se
m, M R t.c. x X : m x M . (1.3.2)
1.3 Propriet`a dei sottoinsiemi di R 21
Gli intervalli illimitati a sinistra sono particolari esempi di sottoinsiemi
limitati superiormente di R, gli intervalli illimitati a destra sono esempi
di sottoinsiemi limitati inferiormente di R ed inne gli intervalli limitati
sono sottoinsiemi limitati di R. Viceversa, ogni sottoinsieme limitato
superiormente di R `e un sottoinsieme di un intervallo illimitato a sini-
stra, ogni sottoinsieme limitati inferiormente `e un sottoinsieme di un
intervallo illimitato a destra ed ogni sottoinsieme limitato di R `e un
sottoinsieme di un intervallo limitato di R.
Sottoinsiemi dotati di massimo e minimo. Si dice X `e dotato di
massimo (rispettivamente, dotato di minimo) se
M X t.c. x X : x M (rispettivamente, M x ). (1.3.3)
(A dierenza dei maggioranti e minoranti in cui M R, questa volta si
pretende M X.) Lelemento M vericante la (1.3.3), univocamente
determinato dalla condizione M X, viene denominato massimo di
X (rispettivamente, minimo di X) e denotato con uno dei seguenti
simboli:
max X , max
xX
x , (rispettivamente, min X , min
xX
x ).
Gli intervalli semichiusi a destra sono particolari esempi di sottoinsiemi
dotati di massimo e quelli semichiusi a sinistra di sottoinsiemi dotati
di minimo.
Sottoinsiemi dotati di estremi. Si dice X `e dotato di estremo
superiore (rispettivamente, dotato di estremo inferiore) se esiste un
elemento R tale che
_
_
_
1) x X : x (rispettivamente, x );
2) m R, x X : x m m
(rispettivamente, x X : m x m ).
(1.3.4)
Anche in questo caso lelemento vericante la (1.3.4) `e unico, viene
denominato estremo superiore di X (rispettivamente, estremo inferiore
di X) e viene denotato con
sup X , sup
xX
x , (rispettivamente, inf X , inf
xX
x ).
La seconda propriet`a in (1.3.4) si pu`o esprimere in maniera equivalente
come segue
R

+
x X t.c. < x (rispettivamente, x < + ). (1.3.5)
22 Capitolo 1: Preliminari
Una propriet`a notevole dei sottoinsiemi di R `e la seguente.
Proposizione 1.3.1 (Seconda forma dellassioma di completezza)
1
Ogni sottoinsieme limitato superiormente (rispettivamente, inferiormen-
te) di R `e dotato (in R) di estremo superiore (rispettivamente, estremo
inferiore).
Nel caso in cui un insieme non sia limitato superiormente (rispettivamen-
te, inferiormente), esso non `e dotato di estremo superiore (rispettivamente,
inferiore); in tal caso, si scriver`a per convenzione
sup X = + , (rispettivamente, inf X = ). (1.3.6)
1.4 Funzioni
Rinunciando ad unesposizione precisa del concetto di funzione, bisogna tener
presente che intuitivamente assegnare una funzione vuol dire assegnare tre
oggetti: un insieme di partenza (denominato anche insieme di denizione
oppure dominio di f), un insieme di arrivo ed il graco della funzione, cio`e
una corrispondenza che ad ogni elemento dellinsieme di partenza associa
uno ed un solo elemento dellinsieme di arrivo. Una funzione f che ha E
come insieme di partenza ed F come insieme di arrivo viene indicata con
f : E F (oppure talvolta con E
f
F oppure con x f(x)). Il valore
1
Tale propriet`a costituisce la dierenza sostanziale tra gli insiemi Q ed R; in Q, ad esem-
pio, linsieme limitato {q Q
+
| q
2
< 2} non `e dotato di estremo superiore (appartenente
a Q).
Nella prima forma dellassioma di completezza, equivalente a quella esposta, vengono
considerati sottoinsiemi separati di R; se A, B R, si dice che A e B sono separati se sono
non vuoti e vericano una delle seguenti propriet`a:
a A b B : a b oppure a A b B : b a .
Un elemento R si dice elemento separatore di due sottoinsiemi separati A e B se
a A b B : a b oppure a A b B : b a .
La prima forma dellassioma di completezza asserisce allora che due sottoinsiemi separati
di R ammettono sempre almeno un elemento separatore.
Inne, si osserva che lelemento separatore non `e in generale unico, a meno che non
si supponga che i sottoinsiemi A e B, oltre d essere separati, siano anche contigui, cio`e
verichino lulteriore condizione:
R

+
: a A, b B t.c. 0 b a < oppure 0 a b < .
1.4 Funzioni 23
che una funzione f assume in un elemento x E viene denotato con f(x) e
rappresenta lunico elemento di F associato ad x mediante la funzione f.
Il graco G
f
di una funzione f : E F viene denito come linsieme
delle coppie ordinate (x, y) con x E e y = f(x):
G
f
= {(x, f(x)) | x E} . (1.4.1)
Sia ora f : E F una funzione di E in F. Se A `e un sottoinsieme di
E, si denomina immagine diretta di A mediante f, e la si denota con f(A),
il seguente sottoinsieme di F:
f(A) := {y F | x A t.c. f(x) = y} . (1.4.2)
Limmagine diretta di E mediante f viene denominata semplicemente
immagine di f (oppure insieme dei valori di f) e denotata anche con Im(f).
Si osservi che limmagine di f non coincide necessariamente con tutto
linsieme F. Nel caso in cui ci`o accada, si dice che la funzione f `e suriettiva (o
anche surgettiva; quindi, f `e suriettiva se `e vericata la seguente condizione:
y F x E t.c. f(x) = y . (1.4.3)
Al contrario, se `e assegnato un sottoinsieme B di F, si denisce immagine
reciproca (oppure immagine indiretta o controimmagine) di B mediante f, e
la si denota con
1
f (B), il seguente sottoinsieme di E:
1
f (B) := {x E | f(x) B} . (1.4.4)
Se si considera y F, la controimmagine
1
f ({y}) viene anche denotata
con
1
f (y). Si osservi che
1
f (y) risulta vuota se la funzione f non assume
il valore y in alcun elemento x E (tale circostanza non si verica se la
funzione `e suriettiva). Inoltre, qualora
1
f (y) sia non vuota, non `e detto che
essa sia costituita da un solo elemento x E; se questultima condizione
`e soddisfatta, la funzione f viene denominata iniettiva (o anche ingettiva.
Quindi f `e iniettiva se verica la seguente condizione:
x, y E, f(x) = f(y) x = y . (1.4.5)
Inne, una funzione f : E F viene denominata biiettiva (o anche
bigettiva) se essa `e contemporaneamente iniettiva e suriettiva. Dalle (1.4.3)
e (1.4.5), la propriet`a di biiettivit`a si caratterizza come segue:
y F |x E t.c. f(x) = y . (1.4.6)
24 Capitolo 1: Preliminari
La propriet`a di biiettivit`a consente quindi di considerare una nuova funzione
g : F E denita ponendo, per ogni y F,
g(y) := x , dove x E e f(x) = y (1.4.7)
(si osservi che x `e univocamente determinato dalle condizioni x E e f(x) =
y). La funzione g viene denominata inversa di f e denotata con il simbolo
f
1
.
Si vericano facilmente le seguenti propriet`a delle funzioni inverse:
x E : f
1
(f(x)) = x , y F : f(f
1
(y)) = y . (1.4.8)
Una funzione f : E F per cui esiste la funzione inversa (cio`e la funzione
f
1
vericante le (1.4.8)) viene denominata invertibile. Da quanto sopra,
segue che ogni funzione biiettiva `e invertibile; anche il viceversa come si pu`o
vericare direttamente dalle denizioni e quindi le funzioni biiettive sono
tutte e sole quelle invertibili.
Unulteriore operazione importante tra funzioni `e quella di funzione com-
posta.
Siano assegnati E, F e G insiemi e siano f : E F una funzione di E
in F e g : F G una funzione di F in G. Si denomina funzione composta
di f e g, e la si denota con g f g cerchietto f la funzione avente E come
insieme di partenza, G come insieme di arrivo e tale che, per ogni x E,
(g f)(x) := g(f(x)) . (1.4.9)
In realt`a, la funzione composta pu`o essere denita in circostanze pi` u
generali, in cui non `e necessario che linsieme di arrivo di f coincida con
linsieme di partenza di g; `e suciente, infatti, che linsieme di arrivo di f sia
un sottoinsieme di F anch`e continui ad avere senso la denizione (1.4.9).
In molte circostanze, una funzione verica una determinata propriet`a (per
esempio, quella di essere iniettiva oppure biiettiva) non su tutto linsieme di
partenza, ma su di un particolare sottoinsieme di esso. In tali casi, pu`o
risultare utile ricorrere al seguente concetto di restrizione di una funzione.
Siano assegnati una funzione f : E F ed un sottoinsieme A di E.
Si denomina restrizione di f allinsieme A, e si denota con f
|A
, la funzione
da A in F denita ponendo, per ogni x A,
f
|A
(x) := f(x) . (1.4.10)
Quindi i valori della restrizione sono gli stessi della funzione; la restrizione
f
|A
tuttavia risulta denita nel sottoinsieme A anziche nellintero insieme E.
1.5 Funzioni reali 25
Il concetto di restrizione risulta utile soprattutto nei casi in cui si voglia
ottenere una funzione iniettiva partendo da una funzione arbitraria; in tali
casi infatti si considera un particolare sottoinsieme in cui la propriet`a di
iniettivit`a `e soddisfatta.
Daltra parte, `e sempre possibile ottenere una funzione suriettiva partendo
da una qualsiasi funzione; infatti, se f : E F `e una funzione da E in F, si
pu`o considerare la ridotta di f, che si denota con f
#
, ed `e denita in E, ha
f(E) come insieme di arrivo e inoltre, per ogni x E,
f
#
(x) := f(x) . (1.4.11)
1.5 Funzioni reali
Lo studio delle funzioni reali (aventi cio`e R come insieme di arrivo) `e lobiet-
tivo principale dello studio seguente.
Nella prima parte saranno considerate funzioni reali denite in un inter-
vallo di R (oppure nellunione di intervalli di R) mentre nella seconda parte
si considereranno funzioni reali denite pi` u in generale in un sottoinsieme di
R
n
, n 2.
1.5.1 Operazioni con le funzioni reali
Per le funzioni reali, valgono tutti i concetti introdotti nella sezione prece-
dente. Inoltre, la struttura di R consente di prendere in considerazione le
seguenti operazioni.
1. Somma. Siano X ed Y insiemi e siano f : X R e g : Y R funzioni
reali. Si denisce funzione somma di f e g, la funzione f+g : XY R
denita ponendo, per ogni x X Y ,
(f + g)(x) := f(x) + g(x) . (1.5.1)
Dalle propriet`a della somma dei numeri reali, seguono analoghe pro-
priet`a della somma di funzioni reali, come quella associativa e commu-
tativa. La funzione nulla `e la funzione 0 : X R denita ponendo
0(x) = 0 per ogni x R. Pi` u in generale, se c R, si continua a de-
notare con c la funzione costante di costante valore c (per ogni x R,
c(x) = c); con tale convenzione, si pu`o dare un signicato alla somma
f + c.
2. Funzione opposta. Se f : X R`e una funzione reale, la sua opposta,
che si denota con f, `e la funzione f : X R denita ponendo, per
ogni x X, (f)(x) = f(x).
26 Capitolo 1: Preliminari
3. Prodotto. Siano X ed Y insiemi e siano f : X R e g : Y R
funzioni reali. Si denisce funzione prodotto di f e g, la funzione f g :
X Y R denita ponendo, per ogni x X Y ,
(f g)(x) := f(x) g(x) . (1.5.2)
Anche in questo caso valgono le propriet`a associativa e commutativa.
Inoltre, la funzione unit`a `e la funzione 1 : X R denita ponendo
1(x) = 1 per ogni x R. Con le stesse convenzioni relative alla funzione
somma, si pu`o ora considerare il prodotto c f di un numero reale per
una funzione.
4. Funzione reciproca. Sia f : X R una funzione reale non costan-
temente nulla e si consideri linsieme X
0
= {x X | f(x) = 0}. La
funzione reciproca di f, che si denota con
1
f
(non con f
1
), `e la funzione
1
f
: X
0
R denita ponendo, per ogni x X
0
,
1
f
(x) =
1
f(x)
.
5. Funzione quoziente. Siano X ed Y insiemi e siano f : X R e
g : Y R funzioni reali, con g non costantemente nulla. Si denisce
funzione quoziente di f e g, e si denota con
f
g
, la funzione f
1
g
(prodotto
di f con la reciproca di g). Ovviamente, la funzione quoziente `e denita
in {x X Y | g(x) = 0}.
6. Funzione inversa. Siano X un sottoinsieme di R ed f : X R una
funzione reale. Si `e gi`a visto che se f `e biiettiva, si pu`o considerare
la funzione inversa f
1
: R X. Tuttavia, per le funzioni reali, `e
possibile estendere tale denizione anche al caso in cui f sia solamente
iniettiva. Infatti, in tale circostanza, si pu`o considerare la funzione
ridotta f
#
di f (vedasi la (1.4.11)) la quale risulta biiettiva e quindi
ammette uninversa (f
#
)
1
: f(X) X. Si estende ora linsieme
di arrivo allintero R (per ottenere una funzione reale) considerando
la funzione f
1
: f(X) R denita ponendo, per ogni y f(X),
f
1
(y) = (f
#
)
1
. Tale funzione viene ancora denominata funzione
inversa di f e, per come `e denita, in ogni y f(X) assume come
valore lunico elemento x X tale che y = f(x). Si osservi che, al pari
di f, la funzione f
1
risulta essere iniettiva.
Tale procedimento verr`a applicato in particolare per ottenere le funzioni
inverse delle funzioni elementari (in qualche caso bisogner`a inoltre con-
siderare opportune restrizioni (vedasi la (1.4.10)) in modo da ottenere
una funzione iniettiva.
1.5 Funzioni reali 27
7. Funzione composta. Se X ed Y sono sottoinsiemi di R e f : X R
e g : Y R sono funzioni reali, si `e gi`a visto in generale che la funzione
composta g f pu`o essere considerata supponendo f(X) Y (vedasi
la (1.4.9)).
1.5.2 Estremi di funzioni reali
Tutte le propriet`a esposte nella Sezione 1.3 possono essere riferite alle funzioni
reali applicandole allimmagine della funzione, che `e un sottoinsieme di R.
Pertanto, se X `e un insieme
2
ed f : X R `e una funzione reale, si ottengono
le seguenti denizioni:
Funzioni limitate. Si dice che f `e limitata superiormente (rispetti-
vamente, limitata inferiormente) se f(X) `e un sottoinsieme limitato
superiormente (rispettivamente, inferiormente) di R, cio`e se
M R t.c. x X : f(x) M (rispettivamente, M f(x) )
(1.5.3)
(si `e tenuto conto del fatto che per ogni y f(X) esiste x X tale che
y = f(x)).
Ogni elemento M R vericante la (1.5.3) viene ovviamente denomi-
nato maggiorante (rispettivamente, minorante) di f. Inne, si dice che
f `e limitata se `e limitata sia superiormente che inferiormente.
Funzioni dotate di massimo e minimo. Si dice f `e dotata di
massimo (rispettivamente, dotata di minimo) se se tale `e il sottoinsieme
f(X) di R, e quindi se esiste M R tale che
_
1) x X t.c. f(x
0
) = M ;
2) x X : f(x) M (rispettivamente, M f(x) ).
(1.5.4)
Lelemento M vericante la (1.5.4) `e unico e viene denominato massimo
di f (rispettivamente, minimo di f) e si denota con uno dei seguenti
simboli:
max f , max
xX
f(x) , (rispettivamente, min X , min
xX
f(x) ).
Spesso a tale elemento M si attribuisce anche la denominazione di mas-
simo assoluto (rispettivamente, minimo assoluto di f per distinguerlo
dai massimi e minimi relativi di cui si tratter`a di seguito.
2
In tutto il seguito, linsieme di denizione di una funzione verr`a implicitamente
supposto non vuoto, anche se non precisato esplicitamente.
28 Capitolo 1: Preliminari
Al contrario, lelemento x
0
X previsto in 1) non `e necessariamente
unico. Ogni elemento x
0
X vericante la condizione 1) precedente
viene denominato punto di massimo (rispettivamente, punto di minimo
per f.
Accanto alle denizioni precedenti, conviene a questo punto introdurre la
seguente.
Denizione 1.5.1 Siano f : X R una funzione reale e sia x
0
X. Si
dice che x
0
`e un punto di massimo (rispettivamente, di minimo) relativo per
f se esite un numero reale > 0 tale che:
3
x X I

(x
0
) {x
0
} : f(x) f(x
0
) (rispettivamente, f(x
0
) f(x) ).
(1.5.5)
Se la (1.5.5) vale con una diseguaglianza stretta (< al posto di ),
il punto di massimo (rispettivamente, di minimo) per f viene denominato
proprio.
Il valore f(x
0
) che la funzione assume in un punto di massimo (rispet-
tivamente, di minimo) relativo per f, viene denominato massimo relativo
(rispettivamente, minimo relativo) di f.
In Figura 1.6 viene ragurata geometricamente una funzione che ha il
massimo assoluto M assunto nel punto m ed ulteriori punti di massimo
relativo p e q, con valori P e rispettivamente Q.
Funzioni dotate di estremi. Si dice f `e dotata di estremo superiore
(rispettivamente, dotata di estremo inferiore) se tale `e il sottoinsieme
f(X) di R, e quindi se esiste un elemento R tale che
_
_
_
1) x X : f(x) (rispettivamente, f(x) );
2) m R, x X : f(x) m m
(rispettivamente, x X : m f(x) m ).
(1.5.6)
Lelemento vericante la (1.5.6) `e unico, viene denominato estremo
superiore di f (rispettivamente, estremo inferiore di f) e viene denotato
con uno dei seguenti simboli:
sup f , sup
xX
f(x) , (rispettivamente, inf X , inf
xX
f(x) ).
3
Si ricorda che I

(x
0
) =]x
0
, x
0
+[ (vedasi la (1.1.1) a pag. 10).
1.5 Funzioni reali 29
x
y
0
M
m
P
p
Q
q
Figura 1.6: Esempio di massimo assoluto e relativo.
Anche ora naturalmente la seconda propriet`a in (1.5.6) si pu`o esprimere
in maniera equivalente come segue
R

+
x X t.c. < f(x) (rispettivamente, f(x) < + ).
(1.5.7)
Dalla seconda forma dellassioma di completezza (Proposizione 1.3.1)
segue che ogni funzione limitata superiormente `e dotata di estremo su-
periore ed analogamente ogni funzione limitata inferiormente `e dotata
di estremo inferiore.
Se f non `e limitata superiormente (rispettivamente, inferiormente), si
scriver`a per convenzione
sup f = + , inf f = .
1.5.3 Propriet`a di monotonia
Le propriet`a considerate nella presente sezione sono molto importanti per lo
studio qualitativo del graco di una funzione reale.
Denizione 1.5.2 Siano X un sottoinsieme di R ed f : X R una funzio-
ne reale. Si dice che f `e crescente (rispettivamente, strettamente crescente,
30 Capitolo 1: Preliminari
decrescente, strettamente decrescente) se:
x, y X : x < y f(x) f(y) (1.5.8)
(rispettivamente, x, y X : x < y f(x) < f(y) , (1.5.9)
x, y X : x < y f(x) f(y) , (1.5.10)
x, y X : x < y f(x) > f(y) ). (1.5.11)
Inoltre, f si dice monotona se verica una qualsiasi delle condizioni prece-
denti e viene denominata strettamente monotona se invece verica la (1.5.9)
oppure la (1.5.11).
Inne, se A `e un sottoinsieme di X, si dice che f `e crescente (rispetti-
vamente, strettamente crescente, decrescente, strettamente decrescente) in A
se la restrizione f
|A
di f al sottoinsieme A verica tale propriet`a.
In Figura 1.7 viene mostrato un esempio di una funzione strettamente
crescente in un intervallo I e strettamente decrescente in un intervallo J.
x
y
0
I
J
Figura 1.7: Funzione strettamente crescente (decrescente) in un intervallo.
Proposizione 1.5.3 Una funzione f : X R risulta strettamente monoto-
na se e solo se `e monotona e iniettiva.
Dimostrazione. Se f `e strettamente monotona essa `e ovviamente mono-
tona. Inoltre, se x, y X e x = y, si pu`o supporre x < y a meno di uno
scambio di notazioni. Se f verica la (1.5.9) allora f(x) < f(y), mentre se f
verica la (1.5.11) si ha f(y) < f(x); in ogni caso risulta f(x) = f(y) e ci`o
dimostra che f `e iniettiva.
1.5 Funzioni reali 31
Si supponga ora f monotona; se f non fosse strettamente monotona dalle
(1.5.9) e (1.5.11) esisterebbero x, y X con x < y e f(x) = f(y), il che
contraddirebbe liniettivit`a di f.
Anche ora conviene prendere in considerazione una nozione locale di
monotonia, che nel seguito per le funzioni derivabili potr`a essere messa in
relazione con il segno della derivata prima.
Denizione 1.5.4 Siano X un sottoinsieme di R, f : X R una funzione
reale e x
0
X. Si dice che f `e crescente (rispettivamente, strettamente
crescente, decrescente, strettamente decrescente) in x
0
se esiste un numero
reale > 0 tale che
_
x X]x
0
, x
0
[: f(x) f(x
0
) ,
x X]x
0
, x
0
+ [: f(x
0
) f(x)
(rispettivamente,
_
x X]x
0
, x
0
[: f(x) < f(x
0
) ,
x X]x
0
, x
0
+ [: f(x
0
) < f(x) ;
_
x X]x
0
, x
0
[: f(x) f(x
0
) ,
x X]x
0
, x
0
+ [: f(x
0
) f(x) ;
_
x X]x
0
, x
0
[: f(x) > f(x
0
) ,
x X]x
0
, x
0
+ [: f(x
0
) > f(x) ).
In Figura 1.8, viene mostrato geometricamente un punto a in cui una
funzione `e strettamente crescente ed un punto b in cui `e strettamente decre-
scente.
Nellosservazione seguente si considera per brevit`a una funzione crescente;
con ovvie modiche, analoghe propriet`a possono essere stabilite nel caso in
cui f sia strettamente crescente, decrescente o strettamente decrescente.
Osservazione 1.5.5 Dalle denizioni adottate, segue subito che:
1. Se f : X R `e crescente, allora f `e crescente in x
0
per ogni x
0
X.
2. Se X `e un intervallo, allora f : X R `e crescente se e solo se f `e
crescente in ogni x
0
X.
Infatti, tenendo conto della propriet`a precedente, bisogna solo dimostrare che se f
`e crescente in ogni punto x
0
X, allora f `e crescente. Infatti, in tal caso, siano
x, y X tali che x < y. Poiche X `e un intervallo, si ha [x, y] X e quindi si
pu`o considerare linsieme A := {t [x, y] | f(x) f(t)} . Linsieme A `e non
32 Capitolo 1: Preliminari
x
y
0 a b
Figura 1.8: Funzione strettamente crescente (decrescente) in un punto.
vuoto (infatti x A) e limitato superiormente (in quanto contenuto in [x, y]); dalla
seconda forma dellassioma di completezza, esso `e dotato di estremo superiore x
0

[x, y]. Poiche f `e crescente in x
0
, esiste R

+
vericante le propriet`a previste nella
Denizione 1.5.4. Dalla seconda propriet`a dellestremo superiore, si pu`o trovare
t A tale che x
0
< t x
0
, da cui segue f(x) f(t) f(x
0
); quindi x
0
A.
Inoltre, non pu`o essere x
0
< y altrimenti, considerato t X]x
0
, x
0
+[]x
0
, y], si
avrebbe f(x
0
) f(t) e conseguentemente anche f(x
0
) f(t); ci`o comporterebbe
t A in contraddizione con il fatto che x
0
< t e che x
0
= sup A. Si `e cos` dimostrato
che y = x
0
A e quindi, dalla denizione di A, f(x) f(y). Dallarbitrariet`a di
x, y X tali che x < y segue che f `e crescente.
In generale, la parte 1) dellosservazione precedente non si pu`o invertire
nel caso in cui X non sia un intervallo.
Ad esempio, la funzione f : R

R denita ponendo, per ogni x R

,
f(x) = 1/x `e strettamente crescente in ogni punto, ma non `e strettamente
crescente (le sue restrizioni agli intervalli ], 0[ e ]0, +[ sono chiaramente
strettamente crescenti ma, ad esempio, si ha 1 < 1 e f(1) > f(1)).
La nozione di crescenza o decrescenza in un punto non va confusa con
quella di crescenza o decrescenza in un intervallo aperto contenente tale pun-
to. Infatti, ad esempio, la funzione f : R R denita ponendo, per ogni
x R,
f(x) :=
_
_
_
x + 1 , x < 0 ,
0 , x = 0 ,
x 1 , x > 0 ,
1.5 Funzioni reali 33
`e strettamente decrescente in 0, mentre `e strettamente crescente in ogni x
0

R

.
1.5.4 Propriet`a di simmetria e periodicit`a
Anche le propriet`a seguenti sono utili per lo studio qualitativo del graco di
una funzione reale in quanto consentono di limitare lo studio della funzione
a quello di una sua opportuna restrizione.
Denizione 1.5.6 Siano X un sottoinsieme di R ed f : X R una fun-
zione reale. Si dice che f `e pari (rispettivamente, dispari) se `e vericata la
seguente condizione:
_
1) x X : x X ,
2) x X : f(x) = f(x) (rispettivamente, f(x) = f(x) ).
Le propriet`a 1) precedente si esprime anche dicendo che X `e simmetrico.
Innanzitutto, quindi, `e importante vericare tale condizione, senza la quale
non ha senso chiedersi se la funzione `e pari o dispari.
Diversi esempi di funzioni pari o dispari saranno considerati in seguito
quando saranno studiate le funzioni elementari.
Il graco di una funzione pari `e simmetrico rispetto allasse delle ordina-
te, mentre il graco di una funzione dispari `e simmetrico rispetto allorigine.
Pertanto, si pu`o studiare una funzione pari o dispari dapprima in XR
+
(op-
pure in XR

e poi si pu`o ricavare il comportamento nella parte rimanente


dellinsieme di denizione in base alle propriet`a di simmetria.
A questo punto si passa a studiare la propriet`a di periodicit`a, anchessa
utile per ridurre lo studio di una funzione a quello di una sua opportuna
restrizione.
Denizione 1.5.7 Siano X un sottoinsieme di R, f: X R una funzione
reale e R

+
. Si dice che f `e periodica di periodo (oppure, brevemente,
-periodica) se `e vericata la seguente condizione:
_
1) x X : x X , x + X ,
2) x X : f(x ) = f(x) = f(x + ) .
La propriet`a 1) precedente si esprime anche dicendo che X `e -periodico.
Gli esempi pi` u importanti di funzioni periodiche saranno le funzioni trigo-
nometriche; si vedr`a che le funzioni seno e coseno sono periodiche di periodo
2, mentre le funzioni tangente e cotangente sono periodiche di periodo .
34 Capitolo 1: Preliminari
Come segue dalla condizione 2) della Denizione 1.5.7, il graco di una
funzione -periodica si ripete ad intervalli di periodo . Pertanto, `e su-
ciente studiare tali funzioni in un intervallo di ampiezza .
Se, in pi` u, una funzione `e anche pari o dispari, si pu`o scegliere linsieme
simmetrico [/2, /2] come intervallo di ampiezza e quindi ridurre lo
studio della funzione al sottoinsieme X [0, /2] (oppure X [/2, 0]) a
causa della propriet`a di simmetria.
1.6 Successioni
Una funzione f : N E viene denominata successione di elementi di E.
Nel caso in cui E = R si user`a la denominazione di successione reale.
Linsieme dei valori di una successione viene denominato insieme degli
elementi della successione.
Pertanto, tutte le denizioni e le propriet`a delle funzioni reali possono
essere applicate al caso delle successioni di numeri reali, riguardando queste
come particolari funzioni aventi N come insieme di denizione.
Per le successioni, tuttavia, si adoperano una terminologia e delle nota-
zioni particolari. Cos`, anzich`e utilizzare le notazioni tipiche delle funzioni,
per le successioni si preferisce utilizzare la notazione (a
n
)
nN
evidenziando
in tal modo il valore a
n
che la successione assume in un generico elemento
n N.
A titolo di esempio, si passano ora in rassegna alcune delle denizioni
viste in generale per le funzioni traducendole nel caso delle successioni.
Se (a
n
)
nN
e (b
n
)
nN
sono successioni reali, la somma e il prodotto delle
due successioni sono denite al modo seguente:
(a
n
)
nN
+ (b
n
)
nN
:= (a
n
+ b
n
)
nN
, (a
n
)
nN
(b
n
)
nN
:= (a
n
b
n
)
nN
.
Una successione (a
n
)
nN
si dice limitata superiormente (rispettivamente,
limitata inferiormente) se esiste M R tale che
n N : a
n
M (rispettivamente, n N : M a
n
).
Se una successione (a
n
)
nN
`e limitata superiormente (rispettivamente, in-
feriormente), lestremo superiore (rispettivamente, inferiore) di (a
n
)
nN
`e
caratterizzato dalle seguenti propriet`a:
_
_
_
1) n N : a
n
(rispettivamente, a
n
);
2) m R, n N : a
n
m m
(rispettivamente, n N : m a
n
m )
1.6 Successioni 35
e viene denotato con il simbolo sup
nN
a
n
(rispettivamente, inf
nN
a
n
.
Se (a
n
)
nN
non `e limitata superiormente (rispettivamente, inferiormente),
si scriver`a sup
nN
a
n
= + (rispettivamente, inf
nN
a
n
= ).
Una successione (a
n
)
nN
si dice crescente se:
4
n N : a
n
a
n+1
. (1.6.1)
In modo analogo si considerano le denizioni di successione strettamente
crescente, decrescente, e strettamente decrescente.
Per le successioni `e spesso importante stabilire le propriet`a denitive, che
sono cio`e vere da un certo indice n in poi. Cos`, ad esempio, si dice che una
successione (a
n
)
nN
`e denitivamente crescente se:
N t.c. n N, n : a
n
a
n+1
.
Analogamente, si dice che gli elementi di una successione (a
n
)
nN
sono
denitivamente minori o uguali di quelli di una successione (b
n
)
nN
(o, pi` u
brevemente, che (a
n
)
nN
`e denitivamente minore o uguale di (b
n
)
nN
) se
esiste N tale che, per ogni n N, n , si abbia a
n
b
n
.
In base a quanto sopra, in generale potrebbe non interessare il compor-
tamento di una successione in un numero nito di elementi e addirittura la
successione (si continua a denominare tale) potrebbe essere denita solo da
un certo numero naturale p in poi, nel qual caso si adopera la notazione
(a
n
)
np
.
Si conclude la presente sezione con un esempio molto importante di
successione che consente di denire il numero di Nepero.
1.6.1 Numero di Nepero
Si consideri la successione reale denita ponendo, per ogni n 1,
e
n
:=
_
1 +
1
n
_
n
.
4
`
E facile riconoscere che tale condizione `e equivalente alla seguente
n, m N : n < m a
n
a
m
.
Infatti, `e ovvio che questultima implica la (1.6.1) considerando m = n+1. Per stabilire il
viceversa, si pu`o procedere per induzione completa sul numero naturale p = mn (vedasi
la Proposizione 1.2.1).
36 Capitolo 1: Preliminari
Si osservi che e
1
= 2 e inoltre, dalla formula del binomio di Newton (Proposizione
1.2.2), si ha, per ogni n 2,
_
1 +
1
n
_
n
=
n

k=0
_
n
k
_
1
n
k
= 1 + 1 +
n

k=2
n(n 1) (n k + 1)
k!
1
n
k
(1.6.2)
= 2 +
n

k=2
1
k!
n
n
n 1
n

n k + 1
n
= 2 +
n

k=2
1
k!
_
1
1
n
_

_
1
k 1
n
_
.
Pertanto, 2 `e il minimo della successione (e
n
)
n1
.
Proposizione 1.6.1 La successione (e
n
)
n1
`e limitata superiormente.
Dimostrazione. Per ogni n 2, dalle (1.6.2) segue
e
n
2 +
n

k=2
1
k!
;
inoltre, poich`e 2
k1
k! per ogni k 2 (tale diseguaglianza si stabilisce facilmente per
induzione completa (vedasi la Proposizione 1.2.1), si ottiene
e
n
2 +
n

k=2
1
2
k1
= 2 +
n1

h=1
1
2
h
= 1 +
n1

h=0
1
2
h
.
A questo punto, ricordando che
a, b R : a
n
b
n
= (a b)
n1

k=0
a
k
b
n1k
(anche questa uguaglianza si stabilisce direttamente per induzione completa), si conclude
e
n

1 1/2
n
1 1/2
= 1 + 2
1
2
n1
< 3 .

In base alla proposizione precedente, si pu`o considerare lestremo supe-


riore della successione (e
n
)
n1
, il quale viene denominato numero di Nepero
e denotato con e:
e := sup
n1
_
1 +
1
n
_
n
. (1.6.3)
Dalle osservazioni precedenti si ha 2 < e 3; unanalisi pi` u precisa per-
mette di riconoscere che e 2, 718281828945 . . . . Si pu`o dimostrare inoltre,
ma non si approfondisce tale aspetto, che e `e un numero irrazionale.
Unulteriore propriet`a importante della successione (e
n
)
n1
, che consen-
tir`a di scrivere il numero di Nepero come limite della successione (e
n
)
n1
,
viene invece stabilita di seguito.
1.7 Funzioni elementari 37
Proposizione 1.6.2 La successione (e
n
)
n1
`e strettamente crescente.
Dimostrazione. Infatti, per ogni n 1, dalle (1.6.2), si ha
e
n
< 2 +
n

k=2
1
k!
_
1
1
n + 1
_

_
1
k 1
n + 1
_
< 2 +
n+1

k=2
1
k!
_
1
1
n + 1
_

_
1
k 1
n + 1
_
= e
n+1
.
1.7 Funzioni elementari
Vengono a questo punto considerate alcune tra le pi` u importanti funzioni
reali; esse vengono denominate funzioni elementari in quanto le funzioni reali
di cui ci si occuper`a in seguito si otterranno in generale da esse mediante
operazioni algebriche oppure di composizione tra funzioni. Le propriet`a e il
graco di tali funzioni si riveleranno molto utili nei capitoli successivi.
1.7.1 Funzioni potenza ad esponente intero positivo
Per ogni n N, la funzione potenza ad esponente intero positivo n `e la
funzione f
n
: R R denita ponendo, per ogni x R,
f
n
(x) = x
n
.
Dalle propriet`a elementari delle potenze di numeri reali, si ricavano facilmente
le seguenti propriet`a delle funzioni f
n
.
1. f
n
(0) = 0 , f
n
(1) = 1 .
2. Se x, y R e 0 x < y, allora f
n
(x) < f
n
(y).
Tale propriet`a pu`o essere dimostrata facilmente utilizzando il principio di induzione
completa. Se n = 1, la propriet`a `e ovviamente vera. Si supponga che sia vera per
n e siano x, y R tali che 0 x < y. Dallipotesi di induzione si ha f
n
(x) < f
n
(y),
cio`e x
n
< y
n
e da qui si ricava x
n+1
= x
n
x < y
n
x < y
n
y = y
n+1
, cio`e
f
n+1
(x) < f
n+1
(y). Quindi la propriet`a `e vera per n + 1. Lo schema della presen-
te dimostrazione, fornita a titolo di esempio, si applica anche a diverse propriet`a
successive.
3. Se x R e 0 x 1, allora 0 f
n+1
(x) f
n
(x) 1.
4. Se x R e x 1, allora 1 f
n
(x) f
n+1
(x).
38 Capitolo 1: Preliminari
5. Se n `e pari f
n
`e una funzione pari mentre se n `e dispari f
n
`e una
funzione dispari.
Tenendo presente le propriet`a precedenti, si pu`o ora tracciare approssima-
tivamente il graco delle funzioni potenza con esponente pari e dispari. Tali
graci sono utili anche perche riassumono in modo geometrico le propriet`a
enunciate sopra.
Nelle Figure 1.91.10, il graco continuo rappresenta la funzione potenza
n-esima, mentre quello tratteggiato rappresenta la potenza (n+2)-esima. In
Figura 1.9 viene illustrato il graco tipico delle funzioni potenza nel caso n
pari, mentre in Figura 1.10 quello nel caso n dispari.
-1 1
x
y
1
0
Figura 1.9: Funzione potenza ad esponente pari ( 2).
1.7.2 Funzioni radice
Innanzitutto si osserva che, come conseguenza dellassioma di completezza,
per ogni n 2 e per ogni b R
+
esiste uno ed un solo a R
+
tale che a
n
= b
(lelemento a, infatti, pu`o essere denito come estremo superiore dellinsieme
{x R
+
| x
n
< b}). Tale elemento viene denominato radice n-esima di b e
denotato con uno dei seguenti simboli:
n

b , b
1/n
;
nella notazione
n

b si pu`o omettere lindice n nel caso n = 2.


1.7 Funzioni elementari 39
1
x
1
y
-1
-1
0
Figura 1.10: Funzione potenza ad esponente dispari ( 3).
Tale risultato consente ora di denire la funzione radice. Sia n 2; se n
`e pari, la funzione radice f
1/n
: R
+
R `e denita ponendo, per ogni x R
+
,
f
1/n
(x) :=
n

x . (1.7.1)
Se n `e dispari, la funzione radice pu`o essere denita in tutto R (ci`o dipende
dal fatto che, se b R

, allora lelemento a :=
n

b `e lunico numero
reale (negativo) vericante la condizione a
n
= b). Quindi, la funzione radice
n-esima in questo caso `e la funzione f
1/n
: R R denita ponendo, per ogni
x R
+
,
f
1/n
(x) :=
_
n

x , se x 0 ;

x , se x < 0 .
(1.7.2)
Alternativamente, la funzione radice n-esima pu`o essere denita tenendo
presente quanto osservato nella Sezione 1.5.1, considerando linversa della
restrizione di f
n
ad R
+
nel caso n pari, e linversa di f
n
nel caso n dispari.
Dalla (1.4.7), infatti, tale inversa assume come valore in x proprio lunico
numero reale y tale che y
n
= x e quindi coincide con la funzione sopra
denita.
Seguono, a titolo di esempio, alcune delle propriet`a delle radici n-esime.
1. f
1/n
(0) = 0 , f
1/n
(1) = 1.
2. Se x R
+
, f
1/n
(x) 0 .
40 Capitolo 1: Preliminari
3. Se x, y R
+
e x < y, allora f
1/n
(x) < f
1/n
(y).
Infatti, se fosse
n

y
n

x, elevando alla potenza n-esima, dalle propriet`a delle


potenze seguirebbe y x, in contraddizione con le ipotesi.
4. Se x ]0, 1[, allora f
1/n
(x) < f
1/(n+1)
(x) .
5. Se x ]1, +[, allora f
1/(n+1)
(x) < f
1/n
(x) .
6. Se n `e dispari, la funzione radice n-esima risulta una funzione dispari
(mentre se n `e pari non ha senso chiedersi se la funzione radice n-esima
sia simmetrica in quanto essa `e denita in un insieme non simmetrico).
Nelle Figure 1.111.12, approssimativamente il graco delle funzioni ra-
dice nei casi n pari ed n dispari; viene usato il tratto continuo per la radice
n-esima, e tratteggiato per la radice (n + 2)-esima.
1
x
1
y
0
Figura 1.11: Funzione radice con indice pari.
1
x
1
y
-1
-1 0
Figura 1.12: Funzione radice con indice dispari.
1.7 Funzioni elementari 41
1.7.3 Funzione potenza ad esponente intero negativo
Si ssi ora un numero naturale n 2 e si consideri la funzione reale f
n
:
R

R denita ponendo, per ogni x R

,
f
n
(x) :=
1
x
n
. (1.7.3)
Tale funzione viene denominata funzione potenza ad esponente intero ne-
gativo n. Dalla denizione adottata, tale funzione non `e altro che la funzione
reciproca della funzione potenza ad esponente intero positivo n.
Dalla denizione adottata e dalle propriet`a gi`a viste delle funzioni potenza
ad esponente intero positivo, si possono ricavare altrettante propriet`a della
funzione f
n
, che per brevit`a vengono omesse.
Si conclude pertanto con le Figure 1.131.14, nelle quali viene tracciato
approssimativamente il graco delle funzioni potenza ad esponente intero
negativo nei casi n pari ed n dispari; viene usato il tratto continuo per la
funzione f
n
, e tratteggiato per la funzione f
n2
.
-1 1
x
y
0
1
Figura 1.13: Funzione potenza ad esponente intero negativo pari.
1.7.4 Funzioni potenza ad esponente razionale e reale
Si vuole ora studiare il caso delle funzioni potenza in cui lesponente sia un
numero razionale oppure reale.
Nel caso di un esponente razionale q Q, si possono considerare m Z
ed n N tali che n = 0 e q = m/n. Per ogni numero reale strettamente
42 Capitolo 1: Preliminari
-1 1
x
1
y
-1
Figura 1.14: Funzione potenza ad esponente intero negativo dispari.
positivo x, ha senso considerare la potenza ad esponente razionale x
q
che si
denisce ponendo
x
q
:= (x
m
)
1/n
(=
n

x
m
) ;
se q > 0, tale denizione pu`o essere estesa ad x = 0 ponendo 0
q
= 0.
Conviene subito osservare che se si considera unaltra rappresentazione del
numero razionale q del tipo q = m

/n

, si ha (x
m

)
1/n

= (x
m
)
1/n
in quanto
m

n = m n

e conseguentemente x
m

n
= x
mn

. Pertanto il numero x
q
non
dipende dalla particolare rappresentazione del numero razionale q.
Si ssi un numero reale arbitrario r e sia x un numero reale strettamente
positivo. Per ogni numero razionale q < r ha senso considerare, per quanto
visto sopra, la potenza x
q
; allora la potenza ad esponente reale x
r
viene
denita ponendo
x
r
:=
_
_
_
inf
qQ, qr
x
q
, se 0 < x < 1 ;
sup
qQ, qr
x
q
, se x 1 .
(1.7.4)
1.7 Funzioni elementari 43
Alternativamente, si potrebbero considerare i numeri razionali q > r e
porre
x
r
:=
_
_
_
sup
qQ, qr
x
q
, se 0 < x < 1 ;
inf
qQ, qr
x
q
, se x 1 .
Si pu`o dimostrare che le due denizioni sono equivalenti. Se r > 0, si
pone inoltre 0
r
= 0.
A questo punto, si considera la funzione potenza ad esponente reale. Preci-
samente, se r > 0, si considera la funzione f
r
: [0, +[R denita ponendo,
per ogni x [0, +[,
f
r
(x) := x
r
.
Se r 0, la funzione potenza ad esponente reale f
r
:]0, +[ R viene
denita allo stesso modo, ma non `e denita in 0 e quindi ha come insieme di
denizione linsieme ]0, +[.
Se q Q, le propriet`a della funzione f
q
possono essere ricavate tenendo
presente contemporaneamente le propriet`a delle funzioni ad esponente intero
e delle funzioni radice; conseguentemente, dalla (1.7.4), si possono consi-
derare le propriet`a delle funzioni potenza ad esponente reale. Per brevit`a, ci
si limita ad osservare che landamento graco di tali funzioni `e quello tipico
di una funzione potenza ad esponente intero positivo nel caso r > 1, di una
funzione radice nel caso 0 < r < 1 e di una funzione potenza ad esponente
intero negativo nel caso q < 0.
Nella Figura 1.15, sono riportati i graci generali delle funzioni potenza
ad esponente reale.
1.7.5 Funzioni esponenziali e logaritmiche
Nel paragrafo precedente si `e attribuito un signicato alla potenza avente co-
me base un numero reale strettamente positivo e come esponente un numero
reale arbitrario. Fissato poi un numero reale arbitrario r, si `e studiata la
funzione potenza f
r
, cio`e il comportamento della potenza x
r
al variare della
base.
Si vuole invece ora studiare la funzione ottenuto ssando la base della
potenza ad esponente reale e facendo variare lesponente. Si deve osservare
che la base deve essere un numero strettamente positivo, mentre lesponente
pu`o essere un numero reale qualsiasi. Sia pertanto a R

+
e si supponga,
per evitare casi banali, a = 1. Si consideri la funzione exp
a
: R R denita
ponendo, per ogni x R,
exp
a
(x) := a
x
. (1.7.5)
44 Capitolo 1: Preliminari
1
x
1
y
0
Figura 1.15: Funzione potenza con esponente razionale o reale.
Tale funzione prende il nome di funzione esponenziale di base a. Le propriet`a
di tale funzione sono conseguenza delle propriet`a delle potenze ad esponente
reale. Si osservi che la funzione esponenziale `e denita in tutto R ed assume
valori strettamente positivi. Nel caso particolare in cui a sia il numero e di
Nepero (vedasi la (1.6.3)), la funzione esponenziale viene denominata sem-
plicemente funzione esponenziale e denotata con il simbolo exp (quindi, per
ogni x R, exp(x) := e
x
).
Il comportamento della funzione esponenziale dipende dai casi 0 < a < 1
oppure a > 1.
Alcune propriet`a delle funzioni esponenziali sono elencate di seguito:
1. exp
a
(0) = 1 e exp
a
(1) = a;
2. Per ogni x, y R, risulta exp
a
(x + y) = exp
a
(x) exp
a
(y);
3. La funzione exp
a
`e strettamente crescente se a > 1 e strettamente
decrescente se 0 < a < 1;
4. Per ogni x R, risulta exp
a
(x) = a
x
= (1/a)
x
= exp
1/a
(x); quindi i
graci di exp
a
e exp
1/a
risultano simmetrici tra di essi rispetto allasse
delle ordinate;
5. Per ogni x, y R, risulta (exp
a
(x))
y
= exp
a
(xy).
1.7 Funzioni elementari 45
Riassumendo, landamento del graco delle funzioni esponenziali `e del
tipo tracciato nelle Figura 1.16. Come si pu`o notare, il comportamento della
funzione esponenziale dipende dai casi 0 < a < 1 oppure a > 1; la curva
continua rappresenta il graco di una funzione esponenziale con base a > 1,
mentre quella tratteggiata il graco di una funzione esponenziale con base
0 < a < 1.
1
x
1
y
a
a
0
Figura 1.16: Funzione esponenziale.
Si osservi che la funzione esponenziale exp
a
`e strettamente monotona e
quindi iniettiva. Pertanto, tenendo presente quanto osservato nella Sezione
1.5.1, si pu`o considerare linversa di exp
a
, che viene denominata funzione
logaritmo di base a e denotata con log
a
. Tenendo presente che limmagine
di exp
a
`e R

+
, la funzione logaritmo `e denita in R

+
(ed a valori in R):
log
a
: R

+
R; inoltre, dalla (1.4.7), per ogni x R

+
, log
a
(x) `e lunico
numero y R tale che exp
a
(y) = x.
Anche ora, se a = e, la funzione logaritmo viene denominata semplice-
mente funzione logaritmo e denotata con il simbolo log
a
(quindi, per ogni
x R

+
, log(x) := log
e
(x)).
Le propriet`a di tale funzione sono conseguenza delle propriet`a generali
delle funzioni inverse e dipendono da quelle delle funzioni esponenziali. Ad
esempio, si ha
1. log
a
(1) = 0 , log
a
(a) = 1 .
2. Per ogni x R: log
a
(exp
a
(x)) = x .
46 Capitolo 1: Preliminari
3. Per ogni x R

+
: exp
a
(log
a
(x)) = x .
Altre propriet`a derivano da quelle generali dei logaritmi; per comodit`a,
si richiamano di seguito quelle di pi` u frequente utilizzo (la verica di tali
propriet`a `e diretta usando la denizione di logaritmo e le propriet`a delle
funzioni esponenziali). Nelle propriet`a successive, i numeri a e b che gurano
come base dei logaritmi devono chiaramente intendersi strettamente positivi
e diversi da 1.
4. Per ogni x, y R

+
: log
a
(x y) = log
a
(x) + log
a
(y) .
5. Per ogni x R

+
: log
a
_
1
x
_
= log
a
(x) .
6. Per ogni x, y R

+
: log
a
_
x
y
_
= log
a
(x) log
a
(y) .
7. Per ogni x R

+
ed y R: log
a
(x
y
) = y log
a
(x) .
8. Per ogni x R

+
: log
b
(x) =
log
a
(x)
log
a
(b)
.
Anche il comportamento della funzione logaritmo dipende dai casi 0 <
a < 1 oppure a > 1 (questa volta i graci di log
a
e log
1/a
risultano simmetrici
tra di essi rispetto allasse delle ascisse).
Il graco delle funzioni logaritmo `e del tipo tracciato nella Figura 1.17.
1.7.6 Richiami di trigonometria e funzioni trigonome-
triche
Si premettono alcuni richiami di trigonometria elementare che non costi-
tuiscono una trattazione esauriente, ma sono utili per ssare le notazioni e
per evidenziare le relazioni che saranno pi` u frequentemente adoperate. Si
richiama innanzitutto il concetto di circonferenza trigonometrica, che `e da
intendersi come una circonferenza nel piano cartesiano avente centro nellori-
gine degli assi e raggio uguale ad uno; tale circonferenza inoltre viene dotata
di un verso positivo che per convenzione `e quello antiorario e di un punto
iniziale, che per convenzione `e il punto A di intersezione di tale circonferenza
con il semiasse positivo delle ascisse (vedasi la Figura 1.18).
Inoltre, si assume per convenzione di denotare con il numero la lun-
ghezza della semicirconferenza unitaria (risulta allincirca = 3, 1415 . . . ; si
dimostra, per`o, che `e un numero irrazionale uguale anche allarea del cerchio
1.7 Funzioni elementari 47
1
x
1
y
a a 0
Figura 1.17: Funzione logaritmo.
E

k
T
0 A
x
1
P
cos(x)
sin(x)
.
..........................
..........................
..........................
...........................
..........................
..........................
.........................
........................
........................
.........................
..........................
..........................
...........................
..........................
..........................
.......................... ..........................
..........................
..........................
...........................
..........................
..........................
.........................
........................
........................
.........................
..........................
..........................
...........................
..........................
..........................
..........................
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.
......................
......................
......................
......................
......................
.....................
Figura 1.18: Circonferenza trigonometrica.
unitario). Il fatto di aver ssato un punto iniziale, un verso sulla circonferen-
za trigonometrica ed ununit`a di misura permette di far corrispondere ad ogni
48 Capitolo 1: Preliminari
numero reale un elemento della circonferenza trigonometrica. Precisamente,
assegnato un numero reale x, si pu`o considerare larco di circonferenza che
ha un estremo nel punto iniziale A, lunghezza uguale al valore assoluto di x
e verso antiorario se x `e positivo, altrimenti orario. Si pu`o quindi individua-
re il punto P sulla circonferenza trigonometrica che rappresenta il secondo
estremo dellarco suddetto (se il numero reale assegnato `e maggiore di 2 in
valore assoluto, la circonferenza trigonometrica viene ripercorsa pi` u volte).
Ora, assegnato il numero reale x, si consideri il punto P sulla circonferenza
trigonometrica costruito come descritto sopra.
Si denisce seno di x, e lo si denota con sin(x), lordinata del punto P,
mentre si denisce coseno di x, e lo si denota con cos(x), lascissa del punto P;
se non vi `e possibilit`a di equivoci, le parentesi che racchiudono la x vengono
omesse e si scrive semplicemente sin x e cos x. Poiche i numeri reali sin x e
cos x sono stati deniti per qualsiasi valore di x, si possono ora considerare
la funzione seno e la funzione coseno, che verranno denotate rispettivamente
con sin e cos, e fanno corrispondere ad ogni numero reale x, i numeri sin x
e cos x appena deniti. Dalle denizioni adottate segue subito che, per ogni
x R
1 sin x 1 , 1 cos x 1 .
In particolare, quindi, le funzioni seno e coseno sono limitate. Inoltre, utiliz-
zando il teorema di Pitagora, si ricava la seguente relazione tra il seno ed il
coseno, valida anchessa per ogni x R,
sin
2
x + cos
2
x = 1
(il simbolo sin
2
x `e da intendersi come (sin x)
2
; la stessa convenzione vale per
il coseno e, pi` u in generale, per tutte le funzioni trigonometriche denite di
seguito).
Si descrivono ora alcune propriet`a del seno e del coseno di un qualsia-
si numero reale x la cui dimostrazione `e una immediata conseguenza delle
denizioni adottate.
1. Per ogni x R: sin(x + 2) = sin x , cos(x + 2) = cos x .
Tale propriet`a esprime il fatto che le funzioni seno e coseno sono perio-
diche di periodo 2.
2. Per ogni x R: sin
_
x +

2
_
= cos x , cos
_
x +

2
_
= sin x .
3. Per ogni x R: sin
_

2
x
_
= cos x , cos
_

2
x
_
= sin x .
4. Per ogni x R: sin(x + ) = sin x , cos(x + ) = cos x .
1.7 Funzioni elementari 49
Accanto alla propriet`a di periodicit`a del seno e del coseno conviene tener
presente anche che la funzione seno `e una funzione dispari mentre la funzione
coseno `e una funzione pari (infatti, per ogni x R, sin(x) = sin x,
cos(x) = cos x). Le propriet`a precedenti conseguono tutte dalle seguenti
formule di addizione del seno e del coseno. La dimostrazione di tali formule
per brevit`a verr`a omessa. Per ogni x, y R, si ha
5. sin(x + y) = sin x cos y + cos x sin y .
6. sin(x y) = sin x cos y cos x sin y .
7. cos(x + y) = cos x cos y sin x sin y .
8. cos(x y) = cos x cos y + sin x sin y .
Considerando, in particolare, x = y nelle propriet`a 5. e 7. precedenti
si ottengono le seguenti ulteriori formule, note con il nome di formule di
moltiplicazione.
9. Per ogni x R: sin 2x = 2 sin x cos x .
10. Per ogni x R: cos 2x = cos
2
x sin
2
x = 2 cos
2
x 1 = 1 2 sin
2
x .
Considerando x/2 al posto di x nellultima uguaglianza, si ottiene cos x =
2 cos
2
(x/2) 1, dalla quale si ottengono le seguenti formule di bisezione.
11. Per ogni x R: cos
2
x
2
=
1 + cos x
2
.
12. Per ogni x R: sin
2
x
2
=
1 cos x
2
.
Inne, addizionando e sottraendo a due a due le 5.6. e le 7.8., si ot-
tengono le cosiddette formule di prostaferesi, che consentono di esprimere il
prodotto di due funzioni seno e/o coseno nella somma di due di tali funzioni.
13. Per ogni x, y R: sin(x + y) + sin(x y) = 2 sin xcos y .
14. Per ogni x, y R: sin(x + y) sin(x y) = 2 cos xsin y .
15. Per ogni x, y R: cos(x + y) + cos(x y) = 2 cos xcos y .
16. Per ogni x, y R: cos(x + y) cos(x y) = 2 sin xsin y .
50 Capitolo 1: Preliminari
Le formule precedenti possono essere scritte in forma diversa ponendo
x = ( + )/2 e y = ( )/2; se ne lascia per esercizio la trascrizione con
tali posizioni.
Si passa ora ad elencare alcuni valori delle funzioni seno e coseno in alcuni
archi particolari che si possono dedurre facilmente da propriet`a geometriche
sulla circonferenza trigonometrica. In base a tali valori ed alle propriet`a
precedenti, si potr`a poi tracciare il graco delle funzioni seno e coseno con
suciente precisione.
sin 0 = 0 , cos 0 = 1 .
sin

6
=
1
2
, cos

6
=

3
2
.
sin

4
=

2
2
, cos

4
=

2
2
.
sin

3
=

3
2
, cos

3
=
1
2
.
sin

2
= 1 , cos

2
= 0 .
Utilizzando le propriet`a 1.4, dagli archi noti precedenti possono esserne
ricavati altri come, ad esempio,
3
4
,
5
6
, ,
7
6
,
5
4
,
4
3
,
3
2
,
5
3
,
7
4
,
11
6
.
Usando poi la periodicit`a delle funzioni seno e coseno si ricavano archi noti
non appartenenti a [0, 2[.
Il graco delle funzioni seno e coseno `e tracciato approssimativamente
nella Figura 1.19.
- -

-
2

-
2

x
-1
y
0
1
Figura 1.19: Funzioni seno e coseno.
1.7 Funzioni elementari 51
A questo punto si possono denire ulteriori funzioni trigonometriche.
Si osserva che la funzione coseno si annulla nellinsieme
_

2
+ k | k Z
_
e quindi la funzione quoziente tra le funzioni seno e coseno `e denita in
R
_

2
+ k | k Z
_
. Tale funzione quoziente prende il nome di funzione
tangente e viene denotata con tan; dunque tan : R
_

2
+ k | k Z
_
R
`e denita ponendo, per ogni x R
_

2
+ k | k Z
_
,
tan x :=
sin x
cos x
. (1.7.6)
Utilizzando la similitudine dei triangoli di vertici OBP e OAQ rappresen-
tati in Figura 1.20, si deduce facilmente linterpretazione geometrica della
tangente. Essa `e utile in numerose circostanze per ricavare alcune propriet`a
della funzione tangente.
E
T
O A B
x
1
P
Q
tan(x)
.
..........................
..........................
..........................
...........................
..........................
..........................
.........................
........................
........................
.........................
..........................
..........................
...........................
..........................
..........................
.......................... ..........................
..........................
..........................
...........................
..........................
..........................
.........................
........................
........................
.........................
..........................
..........................
...........................
..........................
..........................
..........................
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.
......................
......................
......................
......................
......................
.....................
Figura 1.20: Interpretazione geometrica della tangente.
Ad esempio, per ogni x R{/2+k | k Z}, si ottiene tan(x+) =
tan(x) = tan(x ), e quindi la funzione tangente `e periodica di periodo
. Inoltre, tan(x) =
sin(x)
cos(x)
=
sin x
cos x
= tan x e quindi la funzione
52 Capitolo 1: Preliminari
tangente `e dispari (si osservi che il suo insieme di denizione `e simmetrico).
Altre propriet`a della funzione tangente possono essere ricavate dalle analoghe
propriet`a delle funzioni seno e coseno. Nello stesso modo `e possibile ricavare
i valori della tangente in alcuni archi particolari.
Il graco della funzione tangente `e approssimativamente quello tracciato
nella Figura 1.21.
- -

-
2

-
2

x
y
0
Figura 1.21: Funzione tangente.
In modo analogo a quanto visto per la funzione tangente, si pu`o procedere
considerando il rapporto tra la funzione coseno e quella seno. Poich`e la
funzione seno si annulla nellinsieme {k | k Z}, tale rapporto `e denito
in R {k | k Z}. Si ottiene pertanto la funzione cotangente cot :
R {k | k Z} R denita ponendo, per ogni x R {k | k Z},
cot x :=
cos x
sin x
. (1.7.7)
Anche ora, utilizzando la similitudine dei triangoli con vertici OBP e
OCQ in Figura 1.22, si deduce facilmente linterpretazione geometrica della
cotangente.
Le propriet`a della cotangente si discutono in maniera analoga a quanto
svolto per la tangente e dipendono ancora una volta da quelle delle funzioni
seno e coseno.
1.7 Funzioni elementari 53
E
T
O A
B
x
1
P
Q C cot(x)
.
..........................
..........................
..........................
...........................
..........................
..........................
.........................
........................
........................
.........................
..........................
..........................
...........................
..........................
..........................
.......................... ..........................
..........................
..........................
...........................
..........................
..........................
.........................
........................
........................
.........................
..........................
..........................
...........................
..........................
..........................
..........................
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.
......................
......................
......................
......................
......................
.....................
Figura 1.22: Interpretazione geometrica della cotangente.
Si richiama solamente lattenzione sul fatto che la funzione cotangente `e
anchessa periodica di periodo , ma non `e simmetrica.
Il graco della funzione cotangente `e approssimativamente quello traccia-
to nella Figura 1.23.
1.7.7 Funzioni trigonometriche inverse
Si `e ora interessati alla possibilit`a di determinare una funzione inversa per le
funzioni trigonometriche studiate nella sottosezione precedente.
Si considera innanzitutto la funzione seno. Al ne di ottenere una fun-
zione iniettiva, si considera la restrizione della funzione seno allintervallo
[/2, /2]; a questo punto, tenendo presente quanto osservato nella Sezio-
ne 1.5.1, si pu`o considerare la funzione inversa di tale restrizione, che viene
denominata funzione arcoseno e denotata con arcsin. Tenendo presente che
limmagine di sin `e [1, 1], la funzione arcoseno `e denita in [1, 1]; inoltre,
dalla (1.4.7), arcsin : [1, 1] R `e denita ponendo, per ogni x [1, 1],
arcsin x = y dove y `e lunico elemento dellintervallo [/2, /2] tale che
sin y = x.
54 Capitolo 1: Preliminari
-
x
y
0
-

-
2

-
2
Figura 1.23: Funzione cotangente.
Dal calcolo del seno di alcuni archi noti, si pu`o dedurre il valore della
funzione arcoseno in altrettanti punti particolari; infatti, ad esempio,
sin 0 = 0 arcsin 0 = 0 ,
sin

6
=
1
2
arcsin
1
2
=

6
,
sin

4
=

2
2
arcsin

2
2
=

4
,
sin

3
=

3
2
arcsin

3
2
=

3
,
sin

2
= 1 arcsin 1 =

2
.
Inoltre, poiche la funzione seno ristretta allintervallo [/2, /2] con-
tinua ad essere una funzione dispari, anche la funzione arcoseno `e dispari
(infatti se arcsin x = y, allora y [/2, /2] e sin y = x, da cui segue
anche y [/2, /2] e sin(y) = sin y = x; quindi arcsin(x) =
y = arcsin x). Nello stesso modo si pu`o anche riconoscere che la funzione
arcoseno `e strettamente crescente.
Il graco della funzione arcoseno `e approssimativamente quello tracciato
nella Figura 1.24.
1.7 Funzioni elementari 55
-1 1
x
y

-
2
-

-
2
Figura 1.24: Funzione arcoseno.
Si procede ora in modo analogo con la funzione coseno. Questa volta
si considera la restrizione della funzione coseno allintervallo [0, ], la quale
`e strettamente decrescente e quindi iniettiva. Con lo stesso procedimen-
to adottato per la funzione arcoseno si pu`o denire la funzione arcocoseno
arccos : [1, 1] R ponendo, per ogni x [1, 1], arccos x = y dove y `e
lunico elemento dellintervallo [0, ] tale che cos y = x.
Si verica facilmente che la funzione arcocoseno `e strettamente decrescen-
te. Inoltre, come per la funzione arcoseno, dal calcolo del coseno di alcuni
archi noti, si pu`o dedurre il valore della funzione arcocoseno in alcuni punti
particolari, che in questo caso per brevit`a non vengono elencati.
Il graco della funzione arcocoseno `e approssimativamente quello traccia-
to nella Figura 1.25.
Anche per la funzione tangente si adopera un procedimento analogo. La
restrizione della funzione tangente allintervallo aperto ] /2, /2[ `e stret-
tamente crescente ed `e quindi iniettiva. Si denisce pertanto la funzione
arcotangente arctan : R R ponendo, per ogni x R, arctan x = y, dove y
`e lunico elemento dellintervallo ]0, [ tale che tan y = x.
Come nei casi precedenti, si possono ottenere i valori della funzione arco-
tangente in alcuni punti particolari: ad esempio, arctan 0 = 0, arctan 1 = /4
56 Capitolo 1: Preliminari
-1 1
x
y
0

-
2

Figura 1.25: Funzione arcocoseno.


e arctan(1) = /4 (la determinazione di altri valori corrispondenti agli
altri archi noti viene lasciata per esercizio). Si pu`o inoltre riconoscere che la
funzione arcotangente `e dispari e strettamente crescente.
Il graco della funzione arcotangente `e approssimativamente quello trac-
ciato nella Figura 1.26.
Inne, con procedimento esattamente analogo a quello svolto, si considera
la restrizione della funzione cotangente allintervallo aperto ]0, [, la quale
risulta strettamente decrescente e quindi iniettiva. Ci`o consente di denire la
funzione arcocotangente arccot : R R ponendo, per ogni x R, arccot x =
y, dove y `e lunico elemento di ]0, [ tale che cot y = x. Tra le propriet`a di
questa funzione si segnala il fatto che essa `e strettamente decrescente, e
arccot 0 = /2, arccot 1 = /4, arccot (1) = 3/4.
Il graco della funzione arcocotangente `e approssimativamente quello
tracciato nella Figura 1.27.
1.7 Funzioni elementari 57
x
y
0
-

-
2

-
2
Figura 1.26: Funzione arcotangente.
x
y
0

-
2

Figura 1.27: Funzione arcocotangente.


Capitolo 2
Numeri complessi e polinomi
2.1 Propriet`a generali dei numeri complessi
Nellinsieme dei numeri reali R non `e possibile risolvere tutte le equazioni
algebriche; ad esempio, lequazione x
2
+1 = 0 non ammette alcuna soluzione
reale. Linsieme dei numeri complessi permetter`a di risolvere in modo deni-
tivo tale problema nel senso che, in tale insieme, tutte le equazioni algebriche
ammetteranno almeno una soluzione. Tuttavia in tale estensione si perdono
alcune propriet`a importanti di R, come quelle relative alla relazione dordi-
ne: nellinsieme dei numeri complessi non `e possibile denire una relazione
dordine totale compatibile con le operazioni algebriche.
Partendo proprio dallequazione x
2
+1 = 0, se si vuole che essa ammetta
almeno una soluzione, bisogna ammettere lesistenza di un elemento il cui
quadrato sia 1. Tale elemento, che non pu`o essere un numero reale in
quanto i quadrati dei numeri reali sono sempre positivi, verr`a denotato con i
e verr`a denominato unit`a immaginaria. Quindi il numero i `e caratterizzato
dalla propriet`a:
i
2
= 1 . (2.1.1)
Assunta lesistenza del numero i, anche lequazione pi` u generale x
2
+ b
2
= 0
(b R) ammetter`a le soluzioni i b e i b; pi` u in generale, le equazioni di
secondo grado della forma (x a)
2
+ b
2
= 0, con a, b R ammetteranno
le soluzioni a i b (si pu`o riconoscere facilmente che tutte le equazioni di
secondo grado con discriminante < 0 si possono scrivere in tale forma).
Tuttavia, bisogna tener presente che le operazioni di addizione e moltiplica-
zione utilizzate nel simbolo a + i b non sono state compiutamente denite
ma presuppongono unestensione delle propriet`a algebriche dei numeri reali.
Per rendere pi` u precisa tale estensione, conviene innanzitutto osservare che
tali numeri sono caratterizzati dalla coppia (a, b) di numeri reali. In questo
60 Capitolo 2: Numeri complessi e polinomi
modo, `e possibile trasferire lo studio di tali operazioni algebriche nellinsieme
gi`a noto R
2
. In R
2
laddizione viene denita ponendo, per ogni (a, b) R
2
,
(c, d) R
2
,
(a, b) + (c, d) = (a + c, b + d) . (2.1.2)
Tale addizione verica le propriet`a associativa e commutativa, e inoltre le-
lemento neutro 0 `e dato dalla coppia (0,0); inne, per ogni (a, b) R
2
,
lopposto di (a, b), che si denota con (a, b), `e la coppia (a, b).
La moltiplicazione di R
2
viene invece denita nel seguente modo, per ogni
(a, b) R
2
, (c, d) R
2
,
(a, b) (c, d) = (a c b d, a d + b c) (2.1.3)
Anche per la moltiplicazione `e facile riconoscere la validit`a delle propriet`a as-
sociativa e commutativa, lesistenza dellelemento neutro 1 dato dalla coppia
(1,0) e, per ogni (a, b) = (0, 0), lesistenza dellelemento inverso (reciproco di
(a, b)) che si denota con (a, b)
1
oppure con
1
(a, b)
, ed `e dato dalla coppia
_
a
a
2
+ b
2
,
b
a
2
+ b
2
_
Linsieme R
2
, munito delladdizione e della moltiplicazione denite rispet-
tivamente dalla (2.1.2) e dalla (2.1.3) viene denominato insieme dei numeri
complessi e denotato con il simbolo C.
Se z = (a, b) C, il numero (reale) a viene denominato parte reale di
z e denotato con Re z, mentre il numero (reale) b viene denominato parte
immaginaria di z e denotato con il simbolo Imz. In questo modo un numero
complesso z pu`o essere rappresentato come z = (Re z, Imz). La coppia
(Re z, Imz) viene anche denominata forma geometrica di z.
Partendo da una discussione riguardante la possibilit`a di ottenere delle
soluzioni di opportune equazioni algebriche, si `e cos` giunti ad introdurre lin-
sieme C, i cui elementi sono stati individuati mediante coppie di numeri reali.
In tale corrispondenza, lunit`a immaginaria i `e rappresentata ovviamente dal-
la coppia (0,1). Inoltre un numero reale a `e rappresentato dalla coppia (a, 0);
in questo senso linsieme R dei numeri reali pu`o essere considerato come un
sottoinsieme di C, in quanto pu`o essere identicato con il sottoinsieme di C
costituito da tutti gli elementi di C aventi parte immaginaria nulla. Tenendo
presente tale identicazione, si ottiene, per ogni (a, b) C,
(a, b) = (a, 0) + (0, b) = (a, 0) + (0, 1) (b, 0) = (a, 0) + i (b, 0) = a + i b ;
si ottiene cos` unespressione diversa del numero complesso z, detta forma
algebrica di z.
2.1 Propriet`a generali dei numeri complessi 61
La forma geometrica dei numeri complessi rende possibile la loro rappre-
sentazione come elementi di un piano, sul quale sia stato ssato un sistema
di assi cartesiani; in tal caso si preferisce parlare di piano complesso anziche
di piano cartesiano e di asse reale e asse immaginario anziche di asse delle
ascisse e rispettivamente delle ordinate; tale denominazione `e giusticata dal
fatto che tutti e soli i numeri reali considerati come numeri complessi aventi
parte immaginaria nulla vengono cos` a trovarsi sullasse reale, mentre tutti
e soli i numeri complessi aventi parte reale nulla vengono a trovarsi sullasse
immaginario (gli elementi dellasse immaginario vengono anche per questo
denominati spesso numeri immaginari puri). Lunit`a di C rappresenta lu-
nit`a sullasse reale mentre lunit`a immaginaria rappresenta lunit`a sullasse
immaginario. Naturalmente, anziche parlare di ascissa ed ordinata di un nu-
mero complesso si preferisce utilizzare le denizioni gi`a introdotte di parte
reale e di parte immaginaria.
La possibilit`a di considerare diverse forme di un numero complesso `e utile
in quanto il grado di dicolt`a nello svolgere le varie operazioni in C dipende
spesso dalla forma che si sta adoperando. Inoltre, `e chiara la possibilit`a
di passare in modo immediato dalla forma algebrica a quella geometrica e
viceversa. Si `e gi`a visto, ad esempio, che lunit`a immaginaria i si scrive (0,1)
in forma geometrica; come ulteriore esempio, si osserva che lelemento nullo
0 corrisponde alla coppia (0,0) e lelemento unit`a 1 alla coppia (1,0). Si
riconsiderano ora le operazioni descritte sopra utilizzando la forma algebrica.
Siano z = a + ib e w = c + id elementi di C. Allora
(a + ib) + (c + id) = (a + c) + i(b + d) ,
(a + ib) (c + id) = (ac bd) + i(ad + bc)
e quindi laddizione e la moltiplicazione in forma algebrica seguono le regole
classiche della somma e del prodotto di due binomi. Inoltre, z = a+i(b)
e, se z = 0,
z
1
=
a
a
2
+ b
2
i
b
a
2
+ b
2
.
Conviene tenere presente, inoltre, che calcolando le potenze dellunit`a
immaginaria i, si ottiene
i
0
= 1 , i
1
= i , i
2
= 1 , i
3
= i
2
i = i , i
4
= i
2
i
2
= 1 , . . . ;
come si vede, le potenze di i si ripetono di quattro in quattro, cio`e vale la
propriet`a i
p+4
= i
p
per ogni p N.
Due numeri complessi in forma algebrica o geometrica coincidono se e
solo se coincidono sia le loro parti reali che le loro parti immaginarie.
62 Capitolo 2: Numeri complessi e polinomi
Si `e visto nelle considerazioni iniziali che le soluzioni delle equazioni di
secondo grado a coecienti reali sono del tipo a ib; assegnato, quindi, un
numero complesso z = a +ib, ha un ruolo sicuramente importante il numero
complesso w = aib, che ha la stessa parte reale di z, ma parte immaginaria
opposta; esso viene denominato numero complesso coniugato di z e denotato
con il simbolo z.
Inne, come si vede dal calcolo del reciproco di un numero complesso
diverso da 0, `e anche utile denire, per ogni numero complesso z = a +ib, il
numero reale

a
2
+ b
2
, il quale prende il nome di modulo di z e viene denotato
con il simbolo |z| (luso dello stesso simbolo che rappresenta il valore assoluto
di un numero reale non d`a luogo ad equivoci in quanto, se si considera un
numero reale a R come numero complesso della forma z = a + i 0, si ha
|z| =

a
2
+ 0
2
=

a
2
= |a|).
Nel piano complesso, il coniugato di un numero complesso z `e il simme-
trico di z rispetto allasse reale mentre il modulo rappresenta la distanza di
z dallorigine.
Seguono ora alcune propriet`a del coniugato e del modulo di un numero
complesso.
Proposizione 2.1.1 Per ogni z = a + ib C e w = c + id C, valgono le
seguenti propriet`a:
1. z + w = z + w , z w = z w .
2. z = z .
3. z + z = 2 Re z , z z = 2 Imz .
4. z z = |z|
2
.
5. | z| = |z| .
6. |z| = |z| .
7. Re z |z| , Imz |z| .
8. |z w| = |z| |w| .
9. Se z = 0, allora |z
1
| = |z|
1
.
10. |z + w| |z| +|w|; .
11. ||z| |w|| |z w| .
2.2 Coordinate polari 63
Le propriet`a precedenti possono tutte essere vericate direttamente usan-
do le denizioni adottate.
`
E opportuno osservare che non si pu`o considerare in C una relazione
dordine totale (in cui cio`e due qualsiasi elemento siano confrontabili) com-
patibile con le operazioni algebriche. Infatti, se una tale relazione dordine
esistesse, si avrebbe z > 0 oppure z < 0 per ogni z C

e quindi, dalla com-


patibilit`a con le operazioni algebriche, z
2
> 0 per ogni z C

; in particolare
1 = i
2
> 0, da cui una contraddizione.
Si considerano ora altre forme in cui possono essere espressi i numeri
complessi; `e necessario, per questo, un sistema diverso di coordinate nel
piano cartesiano.
2.2 Coordinate polari
Si `e visto in precedenza che gli elementi di un piano rappresentano geome-
tricamente gli elementi di R
2
; ora se ne studia una diversa rappresentazione,
utile soprattutto in questa fase per poter esprimere i numeri complessi in una
forma alternativa.
Sia assegnato un piano e si ssi su di esso un riferimento cartesiano or-
tonormale; quindi ogni elemento P pu`o essere univocamente individuato
mediante una coppia (x, y). Si osservi ora che se il punto P non coincide
con lorigine, esso pu`o essere individuato in modo alternativo assegnando la
sua distanza dallorigine e larco di circonferenza unitaria compreso tra il
semiasse positivo dellasse reale e la semiretta uscente dallorigine e passante
per P. Gli elementi e cos` deniti vengono denominati coordinate polari
del punto P. Il numero viene denominato modulo (oppure raggio vettore)
di P, mentre il numero viene denominato argomento (oppure anomalia)
di P. Bisogna osservare che largomento non `e individuato univocamente;
infatti se `e un argomento di P, ogni altro numero del tipo + 2k con
k Z, `e ancora un argomento di P. Tuttavia, esiste sicuramente uno ed un
solo argomento di P che verica le condizioni < ; tale argomento
viene denominato argomento principale di P. Per quanto riguarda lorigine,
essa `e individuata univocamente dalla condizione = 0; per convenzione,
allorigine si pu`o attribuire un argomento arbitrario. Se si conoscono le coor-
dinate cartesiane (x, y) di un punto P diverso dallorigine, il modulo di P
si ottiene dalla formula
=

x
2
+ y
2
, (2.2.1)
mentre un argomento di P pu`o essere individuato dalle condizioni
cos =
x

, sin =
y

; (2.2.2)
64 Capitolo 2: Numeri complessi e polinomi
in particolare, se x = 0, largomento principale `e
=
_
/2 , se y > 0 ,
/2 , se y < 0 ;
se invece x = 0, largomento principale `e
=
_

_
arctan
y
x
, se x > 0 ,
+ arctan
y
x
, se x < 0, y 0 ,
+ arctan
y
x
, se x < 0, y < 0 .
Viceversa, se sono note le coordinate polari (, ) di P, si possono ricavare
facilmente le coordinate cartesiane di P ponendo
_
x = cos ,
y = sin ,
(2.2.3)
E
T
|
|
|
|
|

&
&
&
&
&
&
&
&
&
&
&
&
&
&
&

0
P
x
y

.
........................
........................
.........................
.........................
........................
........................
Figura 2.1: Coordinate polari.
2.3 Forma trigonometrica dei numeri com-
plessi
La forma trigonometrica di un numero complesso z si ottiene semplice-
mente considerando le coordinate polari del punto P del piano complesso
corrispondente a z.
2.3 Forma trigonometrica dei numeri complessi 65
Sia z = a + ib C; essendo (a, b) la forma geometrica di z, le coordi-
nate polari si possono ottenere dalle (2.2.1)(2.2.2) ponendo =

a
2
+ b
2
e
considerando soddisfacente le relazioni cos = x/ e sin = y/; tenendo
presenti le (2.2.3), il numero z si potr`a quindi scrivere nella forma
z = (cos + i sin ) , (2.3.1)
che viene appunto denominata forma trigonometrica di z. Ad esempio,
1 = cos 0 + i sin 0, 1 = cos + i sin , i = cos(/2) + i sin(/2), 1 + i =

2(cos(/4) + i sin(/4)).
Dalle considerazioni svolte riguardanti le coordinate polari, si ricava che
la forma trigonometrica di z non `e univocamente determinata; gli argomenti
di z sono del tipo +2k con k Z; in particolare, il numero 0 ha modulo 0 e
argomento arbitrario. Tuttavia, largomento di un numero complesso diverso
da 0 risulta univocamente determinato se si considera quello principale com-
preso nellintervallo ] , ]. Come conseguenza di ci`o, si ottiene il seguente
principio di uguaglianza di due numeri complessi in forma trigonometrica.
Proposizione 2.3.1 Siano z = (cos +i sin ) e w = (cos +i sin ) due
numeri complessi in forma trigonometrica diversi da 0. Si ha z = w se e
solo se = ed esiste k Z tale che = + 2k.
Inoltre, se `e largomento principale di z e `e largomento principale di
w, si ha z = w se e solo se = e = .
Si studiano a questo punto le varie operazioni algebriche in forma tri-
gonometrica. Le operazioni di somma e dierenza di due numeri complessi
non sono immediate in forma trigonometrica e per tali operazioni conviene
utilizzare soprattutto la forma algebrica o geometrica. Al contrario, si fa
vedere ora che le operazioni di prodotto, reciproco, quoziente, potenza e ra-
dice si possono eseguire in modo molto semplice utilizzando proprio la forma
trigonometrica.
Siano, infatti, z = (cos + i sin ) e w = (cos + i sin ) due numeri
complessi. Poiche la forma algebrica di z e w `e data da z = ( cos ) +
i( sin ), w = ( cos ) + i( sin ) il prodotto z w `e dato da
z w = ((cos cos sin sin ) + i(cos sin + sin cos ))
= (cos( + ) + i sin( + )) .
Quindi si conclude che il prodotto in forma trigonometrica di due numeri
complessi z e w ha come modulo il prodotto dei moduli di z e di w e come
argomento la somma degli argomenti di z e di w:
z w = (cos( + ) + i sin( + )) . (2.3.2)
66 Capitolo 2: Numeri complessi e polinomi
Tuttavia, in generale, conviene tener presente che se e sono gli argo-
menti principali di z e rispettivamente di w, non `e detto che + sia lar-
gomento principale di z w; per ottenerlo, potrebbe infatti essere necessario
aggiungere o sottrarre 2.
Sia ora z = (cos +i sin ) un numero complesso diverso da 0; si verica
facilmente che il reciproco di z `e dato da
z
1
=
1
(cos() + i sin()) (2.3.3)
Pertanto, il reciproco di un numero complesso diverso da 0 ha come modulo
il reciproco del modulo di z e come argomento quello opposto allargomento
di z.
Da tale regola, si ricava anche la regola sul quoziente di due numeri com-
plessi. Infatti, se z = (cos + i sin ) e w = (cos + i sin ) con w = 0,
allora, dalle (2.3.2) e (2.3.3),
z
w
= z w
1
=

(cos( ) + i sin( )) . (2.3.4)


Si conclude che il quoziente di z e w ha come modulo il quoziente dei moduli
di z e di w e come argomento la dierenza degli argomenti di z e di w
Come conseguenza della regola sul prodotto, si ottiene facilmente anche il
calcolo delle potenze di un numero complesso z = (cos +i sin ). Ponendo
w = z nella (2.3.2) si ha infatti z
2
=
2
(cos(2) +i sin(2)) e pi` u in generale,
procedendo per induzione, per ogni n 1,
z
n
=
n
(cos(n) + i sin(n)) . (2.3.5)
La formula (2.3.5) precedente viene denominata formula di De Moivre.
Viene considerato inne, il calcolo delle radici n-esime (n 2) di un
numero complesso z = (cos + i sin ). Una radice di z `e denita come
un numero complesso w C che verica la propriet`a w
n
= z. Si ricono-
sce in modo immediato che lunica radice di 0 `e il numero 0. Si supponga
quindi che z = 0. Se si pone w = (cos + i sin ), dalla (2.3.5) si ricava
w
n
=
n
(cos(n) + i sin(n)), e quindi, imponendo luguaglianza w
n
= z,
dal principio di uguaglianza di due numeri complessi in forma trigonometrica
(Proposizione 2.3.1) segue:
=
n
, n = + 2k con k Z;
quindi =
n

e =
+ 2k
n
, con k Z; si osserva a questo punto che, al
variare di k Z, gli argomenti =
+ 2k
n
non danno tutti luogo a numeri
2.3 Forma trigonometrica dei numeri complessi 67
complessi distinti, in quanto, per ogni k Z,
+ 2(k + n)
n
=
+ 2k
n
+ 2 ;
quindi si possono considerare solo n argomenti distinti corrispondenti ai valori
k = 0, . . . , n 1 e tali argomenti forniscono tutte le possibili radici n-esime
di z, che sono date quindi da:
w
k
=
n

(cos
+ 2k
n
+ i sin
+ 2k
n
) , k = 0, 1, . . . , n 1 . (2.3.6)
Quindi ogni numero complesso z diverso da 0 ammette esattamente n
radici distinte. Dalla formula precedente, si ricava che le radici n-esime di z
si trovano tutte su una stessa circonferenza con centro nellorigine e raggio
uguale alla radice n-esima del modulo di z e formano i vertici di un poligono
regolare con n lati (geometricamente, quindi, `e suciente individuare uno
dei vertici che ha argomento uguale alla n-esima parte dellargomento di z).
Nella Figura 2.2 si rappresenta un esempio di radici terze e quinte di un
numero complesso z.
E
T
0
.
.......................
.......................
........................
.......................
.......................
......................
......................
.......................
.......................
........................
.......................
....................... .......................
.......................
........................
.......................
.......................
......................
......................
.......................
.......................
........................
.......................
.......................
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
&
&
&
&
&
&
&&
r
r
r
r
r

z
E
T
0
.
.......................
.......................
........................
.......................
.......................
......................
......................
.......................
.......................
........................
.......................
....................... .......................
.......................
........................
.......................
.......................
......................
......................
.......................
.......................
........................
.......................
.......................
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
&
&
&
&
&
&
&&
r
r
r

z
Figura 2.2: Radici terze e quinte di un numero complesso.
Dalla 2.3.6 `e facile constatare che le radici quadrate di un numero com-
plesso sono luna lopposta dellaltra (in quanto i loro argomenti dieriscono
di ); in particolare, le due radici complesse di un numero reale positivo sono
una reale positiva (che coincide con la radice quadrata aritmetica) e laltra
reale negativa (lopposta della prima); se, invece, si considera un numero rea-
le strettamente negativo, le due radici complesse saranno immaginarie pure
68 Capitolo 2: Numeri complessi e polinomi
luna lopposta dellaltra). Per quanto riguarda le radici terze complesse di
un numero reale, si pu`o osservare che esse sono una reale (coincidente con la
radice terza aritmetica) e due tra loro complesse coniugate.
2.4 Forma esponenziale dei numeri complessi
Se z = x + iy `e un numero complesso, si pone innanzitutto
e
z
= e
x
(cos y + i sin y) ; (2.4.1)
si osservi che x, y R e quindi le funzioni a secondo membro sono quelle gi`a
note nel caso reale. In particolare, se R, si ha
e
i
= cos + i sin ; (2.4.2)
conseguentemente, se si conosce la forma trigonometrica z = (cos +i sin )
di un numero complesso z si pu`o scrivere
z = e
i
. (2.4.3)
La (2.4.3) viene denominata forma esponenziale di z. Dalla forma espo-
nenziale `e anche immediato passare alla forma trigonometrica e viceversa
utilizzando la (2.4.2). Inoltre, dalle (2.4.1) e (2.4.2) si ottengono facilmente
le seguenti propriet`a di e
z
, che valgono per ogni z, w C e R.
1. e
z+w
= e
z
e
w
;
2. e
z
= 0 ;
3. |e
i
| = 1 ;
4. e
z+2ki
= e
z
;
5. |e
z
| = e
Re z
;
6. e
z
= e
Re z
(cos(Imz) + i sin(Imz)) .
Dalla (2.4.2) si ottiene anche, per ogni R, e
i
= cos i sin e
tale formula, unita alla (2.4.2) permette di ricavare le cosiddette formule di
Eulero:
sin =
e
i
e
i
2i
, cos =
e
i
+ e
i
2
. (2.4.4)
2.5 Polinomi ed equazioni algebriche 69
2.5 Polinomi ed equazioni algebriche
2.5.1 Polinomi e relative radici
Le funzioni elementari che si possono considerare pi` u semplici dal punto di
vista del calcolo esplicito sono sicuramente le funzioni potenza ad esponente
intero positivo. In questa sezione vengono considerate combinazioni lineari
di tali funzioni. Esse verranno denite in tutto linsieme dei numeri comples-
si, per studiarne alcune propriet`a generali; si eviter`a di enunciare o appro-
fondire propriet`a che, sebbene di interesse generale, non verranno utilizzate
esplicitamente nel seguito.
Denizione 2.5.1 Sia n N. Si dice polinomio di grado n ogni funzione
P : C C per cui esistono a
0
, . . . , a
n
C con a
n
== 0 tali che, per ogni
z C,
P(z) = a
0
+ a
1
z + + a
n
z
n
. (2.5.1)
Il grado di un polinomio `e, quindi, il pi` u grande dei numeri naturali k per
cui il coeciente della potenza z
k
`e diverso da 0. Il grado di un polinomio P
viene indicato spesso con il simbolo deg(P).
Il coeciente a
0
del termine di grado 0 di un polinomio viene spesso
denominato termine noto del polinomio.
Si denomina zero (oppure radice, oppure soluzione) del polinomio P ogni
numero complesso z
0
C tale che P(z
0
) = 0. Nel seguito avranno particolare
interesse i polinomi per cui i coecienti a
0
, . . . , a
n
sono numeri reali. Essi
verranno denominati polinomi a coecienti reali.
Conviene osservare che se P `e un polinomio a coecienti reali allora, per
ogni x R, P(x) `e anchesso un numero reale; in tale circostanza, quindi,
il polinomio P pu`o essere anche riguardato come funzione da R in R. Sar`a
chiaro dal contesto, nel seguito, se tali polinomi vengono considerati deniti
in R (come funzioni reali) oppure in C.
Si considera ora qualche esempio. In base alla denizione adottata, un
polinomio di grado 0 `e una funzione costante P : C C di costante valore un
numero a
0
C

. Un polinomio di grado 0 ovviamente non ammette alcuna


radice. Invece, la funzione costante di costante valore 0 viene denominata
polinomio nullo; per denizione di grado di un polinomio, il grado del po-
linomio nullo non pu`o essere zero: si assume, per convenzione, che il grado
del polinomio nullo sia -1. In eetti, il polinomio nullo `e lunico ad avere
innite radici, come aerma il seguente risultato. Quindi se un polinomio P
ammette innite radici, allora P `e il polinomio nullo. Da tale aermazione
segue il principio di identit`a di due polinomi, che `e utile in molte circostanze.
70 Capitolo 2: Numeri complessi e polinomi
Proposizione 2.5.2 (Principio di identit`a dei polinomi) Siano P e Q
due polinomi. Se P e Q coincidono in inniti punti, allora P = Q.
Dimostrazione. Infatti, il polinomio P Q ammette innite radici e quindi P Q = 0.

In eetti, se n e il grado massimo dei due polinomi, e suciente che i due


polinomi coincidano in n + 1 punti per essere uguali (infatti, in tal caso la
dierenza dei due polinomi avrebbe un numero di zeri superiore al proprio
grado e ci`o, come si vedr`a in seguito, pu`o valere solamente per il polinomio
nullo).
Dalla Proposizione 2.5.2 precedente segue anche che i coecienti di un
polinomio sono univocamente determinati nel senso che se, per ogni z C,
P(z) = a
0
+a
1
z + +a
n
z
n
con a
n
= 0 e P(z) = b
0
+b
1
z + +b
m
z
m
con
b
m
= 0, allora n = m e, per ogni k = 0, . . . , n, a
k
= b
k
.
Riprendendo gli esempi, un polinomio di grado 1 `e una funzione P : C
C del tipo P(z) = a
0
+ a
1
z (z C), con a
0
C, a
1
C, a
1
= 0. Un
polinomio di grado 1 ammette sempre ununica radice data da c = a
0
/a
1
.
Nel caso in cui le costanti a
0
e a
1
siano reali, esse vengono indicate solitamente
con n e rispettivamente m; nel piano cartesiano lequazione y = mx + n
(x R) fornisce lequazione della retta di coeciente angolare m ed ordinata
allorigine n. Ad esempio, il polinomio P(z) = iz + 3i 3 `e un polinomio di
grado 1; la sua unica radice `e data da c = 3 3i.
Un polinomio di grado 2 `e del tipo P(z) = a
0
+ a
1
z + a
2
z
2
(z C), con
a
0
C, a
1
C, a
2
C, a
2
= 0. I coecienti a
0
, a
1
e a
2
vengono indicati di
solito con c, b e rispettivamente a. Nel caso in cui tali coecienti siano reali,
lequazione di secondo grado y = ax
2
+ bx + c rappresenta una parabola nel
piano cartesiano. Per determinare gli zeri di un polinomio P(z) = az
2
+bz+c
di grado 2 `e importante il seguente numero = b
2
4ac( C), denominato
discriminante (o brevemente delta) del polinomio P(z) = az
2
+bz+c. Infatti,
lequazione az
2
+ bz + c = 0 si pu`o scrivere
_
z +
b
2a
_
2


4a
2
= 0 .
Dallequazione precedente segue che, denotate con w
1
e w
2
le radici (com-
plesse) del numero complesso , gli zeri del polinomio P sono forniti da
z
1
=
b + w
1
2a
, z
2
=
b + w
2
2a
e il polinomio si pu`o scrivere come P(z) = a(z z
1
)(z z
2
). I numeri
complessi w
1
e w
2
, in quanto radici del numero complesso , devono essere
2.5 Polinomi ed equazioni algebriche 71
luno opposto dellaltro. Quindi, le radici z
1
e z
2
possono essere espresse
scrivendo
z
1
=
b

2a
, z
2
=
b +

2a
,
dove denota una qualsiasi delle due radici complesse di . Da ci`o segue
che i numeri complessi z
1
e z
2
sono caratterizzati dalle condizioni seguenti
z
1
+ z
2
=
b
a
, z
1
z
2
=
c
a
.
Le radici z
1
e z
2
coincidono solo nel caso in = 0; se ci`o accade, lunica
radice `e data da z
0
= b/2a e si pu`o scrivere P(z) = a(z z
0
)
2
(si dice in
questo caso che z
0
`e una radice di molteplicit`a 2.
Se il polinomio di secondo grado `e a coecienti reali, cio`e se a, b, c R,
anche `e un numero reale. Nel caso in cui > 0, si ha w
1
=

e
w
2
=

e quindi il polinomio P ammette le due radici reali distinte


x
1
=
b

2a
, x
2
=
b +

2a
,
e si pu`o scrivere come P(z) = a(z x
1
)(z x
2
).
Se = 0, P ammette ununica radice reale data da x
0
= b/(2a) e si ha
P(z) = a(z x
0
)
2
.
Inne, se < 0, le radici complesse di sono w
1
= i

Delta e
w
2
= i

; quindi il polinomio P ammette due radici complesse coniugate


date da
z
1
=
b i

2a
, z
2
=
b + i

2a
.
Per i polinomi di grado 3 oppure 4 esistono delle formule esplicite per la
determinazione degli zeri. Invece, per i polinomi di grado superiore a 4, si
dimostra che non `e possibile stabilire un procedimento generale che consenta
di ottenerne gli zeri.
Si considera ora la divisione di due polinomi. Si ha innanzitutto il se-
guente risultato di cui si omette per brevit`a la dimostrazione.
Proposizione 2.5.3 Siano P
1
un polinomio di grado n e P
2
un polinomio
non nullo di grado m. Allora esistono, e sono unici, due polinomi Q ed R
tali che
P
1
= Q P
2
+ R , deg(R) < m .
Inoltre, se m n si ha deg(Q) = n m, mentre se m > n si ha Q = 0 e
R = P
1
.
72 Capitolo 2: Numeri complessi e polinomi
I polinomi Q ed R previsti nella proposizione precedente vengono deno-
minati rispettivamente polinomio quoziente e polinomio resto di P
1
e P
2
.
Si osservi che se P
1
e P
2
sono polinomi a coecienti reali, anche il quo-
ziente ed il resto lo sono. Un caso particolarmente rilevante si ottiene quando
il resto della divisione tra due polinomi `e il polinomio nullo.
Denizione 2.5.4 Siano P
1
e P
2
polinomi con P
2
non nullo. Si dice che
P
1
`e divisibile per P
2
(oppure che P
2
divide P
1
) se il polinomio resto della
divisione di P
1
e P
2
`e il polinomio nullo e quindi se esiste un polinomio Q
tale che P
1
= Q P
2
.
Un caso particolarmente interessante `e quello in cui il polinomio P
2
`e del
tipo P
2
(z) = z z
0
, con z
0
C. La divisione di un polinomio P con P
2
deve
avere come resto un polinomio di grado minore di 1, cio`e deve essere R(z) = a,
con a C. Inoltre, dalla relazione P(z) = Q(z) P
2
(z) + R(z) = (z z
0
)
Q(z) + a si ricava P(z
0
) = a e quindi R(z) = P(z
0
). Dunque, il resto della
divisione di un polinomio P per il polinomio z z
0
`e un polinomio costante
di costante valore P(z
0
). Da ci`o segue immediatamente la caratterizzazione
della divisibilit`a per z z
0
, con z
0
C
Proposizione 2.5.5 Sia P un polinomio e sia z
0
C. Allora, le seguenti
proposizioni sono equivalenti:
a) Il polinomio P `e divisibile per z z
0
.
b) z
0
`e una radice di P.
Quindi, se un polinomio P di grado n 1 ammette una radice z
0
C,
esso si decompone nel prodotto
P(z) = (z z
0
)Q(z)|; , (2.5.2)
con Q polinomio di grado n 1 in quanto il coeciente di z
n1
di Q deve
coincidere con il coeciente di z
n
di P.
Uno dei pi` u importanti risultati riguardanti i polinomi e le equazioni alge-
briche `e il fatto che i polinomi aventi grado maggiore o uguale di 1 ammettono
sempre almeno una radice. Per brevit`a, ci si limita ad enunciare solamente
tale risultato, studiandone poi qualche conseguenza.
Teorema 2.5.6 (Teorema fondamentale dellalgebra) Se P `e un poli-
nomio di grado n 1, allora esiste z
0
C tale che P(z
0
) = 0.
Dalla (2.5.2) si ottiene la seguente conseguenza del teorema fondamentale
dellalgebra.
2.5 Polinomi ed equazioni algebriche 73
Corollario 2.5.7 Se P(z) = a
0
+ + a
n
z
n
(a
n
= 0) `e un polinomio di
grado n 1, allora esistono esattamente n elementi z
1
, . . . , z
n
C tali che
P(z) = a
n
(z z
1
) (z z
n
) . (2.5.3)
Dimostrazione. Si procede per induzione completa sul numero naturale n 1. Se
n = 1, si ha P(z) = a
0
+ a
1
z e la tesi si verica direttamente. Si supponga che la tesi sia
vera per n N e che il grado di P sia n + 1, cio`e P(z) = a
n+1
z
n+1
+ a
n
z
n
+ + a
0
,
a
n+1
= 0. Dal Teorema 2.5.6, esiste z
n+1
C tale che P(z
n+1
) = 0 e quindi, dalla
(2.5.2), P(z) = (z z
n+1
)Q(z), con Q polinomio di grado n; inoltre, il coeciente di z
n
del polinomio Q `e a
n+1
= 0. Per lipotesi di induzione, esistono z
1
, . . . , z
n
C tali che
Q(z) = a
n+1
(z z
1
) (z z
n
) e quindi P(z) = a
n+1
(z z
1
) (z z
n
) (z z
n+1
); la
tesi `e quindi vera per il numero naturale n+1. Dal principio di induzione completa segue
la tesi per ogni n 1.
Ognuno dei numeri z
1
, . . . , z
n
C vericanti la (2.5.3) `e una radice di P;
tuttavia, tali radici non sono necessariamente tutte distinte. Per tener conto
di ci`o, conviene dare la seguente denizione.
Denizione 2.5.8 Sia P un polinomio di grado n 1 e sia h N, h 1.
Si dice che una radice z
0
di P ha molteplicit`a h se esiste un polinomio Q di
grado n h tale che Q(z
0
) = 0 (cio`e z
0
non deve essere una radice di Q) e
inoltre, per ogni z C,
P(z) = (z z
0
)
h
Q(z) . (2.5.4)
In qualche caso, per comodit`a la denizione precedente pu`o essere estesa
al caso h = 0 convenendo di denominare di molteplicit`a 0 un numero che non
`e radice di P.
Il Corollario 2.5.7 si pu`o esprimere dicendo che un polinomio di grado
n 1 ha esattamente n radici, se ognuna di esse viene contata con la propria
molteplicit`a; se z
1
, . . . , z
s
sono le radici distinte di P e se h
1
, . . . , h
s
sono le
rispettive molteplicit`a, si ha
P(z) = a
n
(z z
1
)
h
1
(z z
s
)
h
s
(2.5.5)
con h
1
+ . . . h
s
= n.
Dalla formula precedente segue in particolare che un polinomio di grado
n 1 ha al pi` u n radici distinte. Conseguentemente, due polinomi P e Q,
entrambi di grado minore o uguale di n, che coincidono in n+1 punti distinti
sono necessariamente uguali (infatti il polinomio P Q si annulla in n + 1
punti distinti).
Uno dei metodi pi` u comunemente utilizzati per determinare le radici di
un polinomio P consiste nellapplicazione della regola di Runi, che per il
suo carattere elementare non viene qui approfondita.
74 Capitolo 2: Numeri complessi e polinomi
2.5.2 Polinomi a coecienti reali
Ci si soerma ora maggiormente sui polinomi a coecienti reali, in quan-
to per tali polinomi si possono aggiungere alcune propriet`a interessanti che
risulteranno particolarmente utili nel seguito.
Per esporre compiutamente tali propriet`a, conviene introdurre il polino-
mio coniugato di un assegnato polinomio (a coecienti complessi) e studiarne
il comportamento delle radici.
Denizione 2.5.9 Siano a
0
, . . . , a
n
C con a
n
= 0 e si consideri il poli-
nomio P(z) = a
0
+ + a
n
z
n
. Si denomina polinomio coniugato di P, e si
denota con P il polinomio
P(z) = a
0
+ + a
n
z
n
.
Quindi il polinomio coniugato di un polinomio P ha come coecienti i
coniugati dei coecienti di P. Se P ha grado n, anche il polinomio coniugato
ha grado n. Ad esempio il coniugato del polinomio P(z) = iz
4
2z
3
+ (2
i)z + 1 + i `e il polinomio P(z) = iz
4
2z
3
+ (2 + i)z + 1 i.
Ovviamente, un polinomio coincide con il suo polinomio coniugato se e
solo se `e a coecienti reali.
Per quanto riguarda le radici del polinomio coniugato, vale la propriet`a
seguente.
Proposizione 2.5.10 Se P `e un polinomio e z
0
C `e una radice di P,
allora il numero complesso coniugato z
0
di z
0
`e una radice del polinomio
coniugato P.
Dimostrazione. Siano a
0
, . . . , a
n
C con a
n
= 0 tali che P(z) = a
0
+ +a
n
z
n
. Allora,
dalla Denizione 2.5.9, P(z
0
) = a
0
+a
1
z
0
+ +a
n
z
0
n
= a
0
+ +a
n
z
n
0
= P(z
0
) e quindi
si ha P(z
0
) = 0 se e solo se P(z
0
) = 0
Si pu`o osservare in pi` u che sez
1
, . . . , z
s
sono le radici distinte di P aventi
rispettivamente molteplicit`a h
1
, . . . , h
s
, dalla (2.5.5) si ha P(z) = a
n
(z
z
1
)
h
1
(z z
s
)
h
s
con h
1
+ . . . h
s
= n e quindi
P(z) = a
n
(z z
1
)
h
1
(z z
s
)
h
s
(2.5.6)
Dunque z
1
, . . . , z
s
sono le radici distinte del polinomio coniugato P ed hanno
le stesse molteplicit`a h
1
, . . . , h
s
di z
1
, . . . , z
s
.
Dalla propriet`a precedente si `e in grado di ricavare alcune propriet`a delle
radici di un polinomio a coecienti reali.
2.5 Polinomi ed equazioni algebriche 75
Proposizione 2.5.11 Sia P un polinomio a coecienti reali. Se z
0
C `e
una radice di P, allora anche il numero complesso coniugato z
0
`e una radice
di P avente la stessa molteplicit`a di z
0
.
La dimostrazione della proposizione precedente `e ovvia, tenendo presente
che nel caso in esame P = P.
Poiche le radici di un polinomio di grado n sono esattamente n se si tiene
conto della molteplicit`a, si deduce che le radici complesse non reali devono
essere a due a due coniugate e quindi sono in numero pari. Pertanto si ha la
seguente propriet`a.
Proposizione 2.5.12 Sia P un polinomio a coecienti reali di grado n 1,
con n dispari. Allora esiste almeno una radice reale di P.
Come ulteriore conseguenza della Proposizione 2.5.11, si pu`o ricavare
unutile decomposizione di un polinomio a coecienti reali.
Sia P(z) = a
0
+ + a
n
z
n
un polinomio con coecienti a
0
, . . . , a
n
R,
a
n
= 0. Dalla (2.5.5), e tenendo presente che le radici complesse sono tra
loro coniugate (e quindi possono essere moltiplicate tra loro dando luogo a
termini di secondo grado con < 0), si deduce che il polinomio P si pu`o
decomporre nel modo seguente:
P(x) = a
n
(xx
1
)
h
1
(xx
p
)
h
p
(x
2
+b
1
x+c
1
)
k
1
(x
2
+b
q
x+c
q
)
k
q
, (2.5.7)
dove x
1
, . . . , x
p
sono le radici reali di P aventi rispettivamente molteplicit`a
h
1
, . . . , h
p
, e k
1
, . . . , k
q
sono le molteplicit`a delle radici complesse coniugate
dei termini x
2
+ b
1
x + c
1
, . . . , x
2
+ b
q
x + c
q
con
1
= b
2
1
4c
1
< 0, . . . ,
q
=
b
2
q
4c
q
< 0. Poiche la somma di tutte le molteplicit`a deve essere n, si deve
inne avere
h
1
+ + h
p
+ 2(k
1
+ + k
q
) = n .
Capitolo 3
Alcuni metodi di risoluzione di
equazioni e disequazioni
Siano X ed Y sottoinsiemi di R ed f : X R e g : Y R funzioni reali.
Unequazione si presenta nella forma seguente
f(x) = g(x) .
Risolvere la precedente equazione signica determinare linsieme
S := {x X Y | f(x) = g(x)} .
In maniera analoga, una disequazione si presenta in una delle seguenti
forme
f(x) g(x) , f(x) g(x) , f(x) < g(x) , f(x) > g(x)
e risolverla signica determinare linsieme degli elementi di X Y per cui la
diseguaglianza indicata risulta vera.
3.1 Equazioni e disequazioni razionali intere
Un tipo molto semplice di equazioni e disequazioni e costituito da quelle di
tipo algebrico. Esse si presentano nella forma
P(x) = 0
oppure, rispettivamente,
P(x) 0 , P(x) 0 , P(x) < 0 , P(x) > 0 ,
78 Capitolo 3: Equazioni e disequazioni
con P polinomio.
In precedenza ci si `e soermati sulle soluzioni delle equazioni polinomiali
e pertanto ora si prenderanno in considerazione soprattutto le disequazioni;
ovviamente, queste hanno senso solo per polinomi a coecienti reali in quanto
in C non si possono considerare disequazioni. Passando, se necessario, alla
disequazione opposta, nel seguito si potr`a supporre, qualora lo si ritenga
conveniente, che il coeciente della potenza di grado massimo del polinomio
sia strettamente positivo.
Si studiano dapprima i casi pi` u semplici in cui il grado del polinomio P
`e 0, 1 oppure 2 e poi si passa al caso generale.
Si supponga dapprima che P sia un polinomio di grado 0, cio`e P(x) = a
0
per ogni x R con a
0
= 0. In questo caso, se a
0
> 0, le disequazioni
P(x) 0 e P(x) < 0 non sono mai soddisfatte per cui S = , mentre le
disequazioni P(x) 0 e P(x) > 0 sono sempre soddisfatte per cui S = R; il
caso a
0
< 0 si discute in maniera analoga.
Si considera ora il caso in cui P sia un polinomio di grado 1, cio`e P(x) =
mx + n per ogni x R con m, n R ed m > 0; in questo caso, `e facile
vedere che le disequazioni in esame hanno rispettivamente come soluzioni i
seguenti intervalli: S =] , n/m], S = [n/m, +[, S =] , n/m[,
S =] n/m, +[. Ad esempio, la disequazione 2x+30, ha come soluzioni
linsieme S =] 3/2, +[, mentre la disequazione 3 4(5 x) 2x + 5 ha
come soluzioni linsieme S =] , 11].
Sia ora P(x) = ax
2
+bx+c un polinomio di secondo grado con a, b, c R
ed a > 0. In questo caso bisogna tener presente che:
Se > 0, denotate con x
1
e x
2
le due radici distinte di P con x
1
< x
2
,
risulta P(x) 0 in ] , x
1
] [x
2
, +[ e P(x) 0 in [x
1
, x
2
] (se a < 0,
si ha ovviamente P(x) 0 in [x
1
, x
2
] e P(x) 0 in ], x
1
][x
2
, +[).
Se = 0, risulta sempre P(x) 0 e P si annulla solo nellunica radice
x
0
= b/2a (se a < 0, risulta sempre P(x) 0 e P si annulla solo
nellunica radice x
0
).
Se < 0, risulta sempre P(x) > 0 (se a < 0, risulta sempre P(x) < 0).
Da quanto osservato si deduce facilmente linsieme delle soluzioni di ognu-
na delle disequazioni in esame. Ad esempio, la disequazione 2x
2
2x+1 0
non `e mai soddisfatta il quanto il polinomio 2x
2
2x + 1 ha = 4 8 =
4 < 0 ed `e quindi sempre strettamente positivo. Invece, la disequazione
x
2
x 6 > 0 `e soddisfatta in ] , 2[]3, +[ in quanto il polinomio
x
2
x 6 ha due radici reali 2 e 3.
3.1 Equazioni e disequazioni razionali intere 79
Si considera, inne, il caso generale. Siano n N ed a
0
, . . . , a
n
R con
a
n
= 0 e si consideri il polinomio
P(x) = a
0
+ a
1
x + + a
n
x
n
, x R .
Essendo a coecienti reali, il polinomio P si pu`o decomporre come segue
(vedasi la Sezione 2.5.2, formula (2.5.7))
P(x) = a
n
(x x
1
)
h
1
(x x
p
)
h
p
(x
2
+ b
1
x + c
1
)
k
1
(x
2
+ b
q
x + c
q
)
k
q
,
dove x
1
, . . . , x
p
sono le radici reali di P aventi rispettivamente molteplicit`a
h
1
, . . . , h
p
, e k
1
, . . . , k
q
sono le molteplicit`a delle radici complesse coniugate
dei termini x
2
+ b
1
x + c
1
, . . . , x
2
+ b
q
x + c
q
con
1
= b
2
1
4c
1
< 0, . . . ,
q
=
b
2
q
4c
q
< 0. Poiche la somma di tutte le molteplicit`a deve essere n, si deve
inne avere
h
1
+ + h
p
+ 2(k
1
+ + k
q
) = n .
Per ottenere tale decomposizione, si pu`o procedere in modo diretto per i
polinomi di grado minore o uguale di 2 (oppure anche per quelli di grado 3
e 4), oppure utilizzare la regola di Runi per i polinomi di grado superiore.
La decomposizione del polinomio `e il punto di partenza per lo studio del-
le disequazioni algebriche. Una volta ottenuta tale decomposizione, si pu`o
studiare il segno di ogni fattore e dedurre poi il segno del prodotto tenendo
presente che il prodotto di un numero dispari di numeri negativi `e negativo
e il prodotto di un numero pari di numeri negativi `e un numero positivo.
Inoltre, poiche i fattori di secondo grado hanno tutti discriminante negati-
vo, tali fattori hanno tutti segno costante strettamente positivo (in quanto
il coeciente di x
2
`e 1 > 0). Per rendere pi` u chiaro lo studio dei segni dei
singoli fattori, ci si pu`o avvalere di uno schema graco utilizzando per ogni
fattore un tratto continuo per rappresentare gli intervalli in cui `e positivo
e tratteggiato per gli intervalli in cui `e negativo; ad esempio, il segno del
fattore x 1 viene rappresentato come segue
x 1 0
1

e quello del fattore x


2
2x 3 nel modo seguente
x
2
2x 3 0
1

3

In questo modo, il segno del polinomio sar`a positivo negli intervalli in cui
vi `e un numero pari di fattori negativi e negativo negli intervalli in cui vi `e
un numero dispari di fattori negativi. Alla ne, si considerano gli intervalli
corrispondenti al tipo di disequazione richiesta.
80 Capitolo 3: Equazioni e disequazioni
Ad esempio, si consideri la disequazione x
3
+x
2
4x4 > 0; il polinomio
P(x) = x
3
+ x
2
4x 4 si pu`o decomporre utilizzando la regola di Runi
come segue P(x) = (x2)(x+1)(x+2); nello schema seguente si rappresenta
il segno di ogni fattore e quello del prodotto:
x 2 0
x + 1 0
x + 2 0
P(x) 0

2

1

2

Poiche si vuole che il segno di P sia strettamente positivo, alla ne van-
no considerate le soluzioni date dallinsieme S :=] 2, 1[]2, +[; nella
seguente rappresentazione geometrica si e convenuto di rappresentare con
un cerchietto pieno gli estremi inclusi nellinsieme, o in cui e soddisfatta la
diseguaglianza in esame, e con un cerchietto vuoto i rimanenti estremi.
S

2

2
Anziche utilizzare i simboli e spesso si ricorre ai simboli [ e ] con le
stesse convenzioni che riguardano gli intervalli; pertanto, linsieme S si pu`o
anche rappresentare nel modo seguente.
S
]
2
[
1
]
2
3.2 Equazioni e disequazioni razionali fratte
Si considerano ora equazioni e disequazioni in cui sono coinvolte funzioni
razionali fratte. Si ricorda che una funzione R : X R denita in un
sottoinsieme X di R si dice funzione razionale fratta (oppure semplicemente
funzione razionale) se esistono due polinomi P e Q, con Q non nullo, tali che
X := {x R | Q(x) = 0}
e inoltre, per ogni x X,
R(x) :=
P(x)
Q(x)
.
3.2 Equazioni e disequazioni razionali fratte 81
Poiche il polinomio Q ha sempre un numero nito di radici, le funzioni
razionali non sono denite al pi` u in un numero nito di punti.
Per quanto riguarda le equazioni con funzioni razionali, esse si riducono a
quelle polinomiali. Infatti, si ha R(x) = 0 se e solo se P(x) = 0 e Q(x) = 0;
bisogna quindi trovare le radici del polinomio P e vericare che in esse non
si annulli anche il denominatore, nel qual caso la funzione razionale non
risulterebbe denita. Ad esempio lequazione
(x 1)(x 2)
x
2
x
= 0
ha come unica radice lelemento 2, in quanto laltra radice 1 del numeratore
annulla anche il denominatore e quindi non ha senso considerare lequazione
in tale punto. Anche lo studio delle disequazioni razionali fratte viene condot-
to in modo molto simile a quello delle disequazioni razionali intere. Bisogna
innanzitutto decomporre entrambi i polinomi P e Q in fattori di primo e
secondo grado con discriminante minore di 0 e successivamente studiare il
segno di ogni fattore (sia del numeratore che del denominatore); inne si
tiene presente che il segno della funzione razionale sar`a, come nel caso delle
disequazioni razionali intere, positivo negli intervalli in cui vi `e un numero
pari di fattori negativi e negativo negli intervalli in cui vi `e un numero dispari
di segni negativi. Rispetto al caso polinomiale, nel considerare gli interval-
li corrispondenti alla disequazione richiesta, bisogna comunque escludere i
punti in cui si annulla il polinomio Q al denominatore.
Ad esempio, si consideri la disequazione
x 2
x 1
2 ;
essa `e equivalente a
x 2
x 1
2 0 ,
e quindi, considerando il minimo comune multiplo,
x
x 1
0 .
Pertanto, bisogna studiare i segni di x e x 1, da cui si ottiene
x 0
x 1 0
R(x) 0

0

1

82 Capitolo 3: Equazioni e disequazioni
dove R(x) denota la funzione razionale x/(x 1).
Poiche nel caso in esame si vuole che R(x) 0, le soluzioni sono da-
te dallinsieme S :=] , 0]]1, +[, che si pu`o rappresentare nel modo
seguente.
S

1

0
3.3 Sistemi di equazioni e disequazioni
Nelle sezioni successive, si studieranno alcuni casi in cui le equazioni o dise-
quazioni in esame possono essere ricondotte ad una o pi` u equazioni o dise-
quazioni di tipo pi` u semplice. Quando, in generale, si hanno pi` u equazioni
(rispettivamente, disequazioni) che devono essere soddisfatte contemporanea-
mente si preferisce parlare di sistemi di equazioni (rispettivamente, sistemi
di disequazioni ) e raggruppare le disequazioni con una parentesi graa. Un
sistema di equazioni (rispettivamente, disequazioni) si presenta nella forma
_

_
f
1
(x) = g
1
(x) ,
f
2
(x) = g
2
(x) ,
.
.
.
f
n
(x) = g
n
(x)
(rispettivamente,
_

_
f
1
(x) g
1
(x) ,
f
2
(x) g
2
(x) ,
.
.
.
f
n
(x) g
n
(x) ),
con f
1
: X
1
R, . . . , f
n
: X
n
R e g
1
: Y
1
R, . . . , g
n
: Y
n
R funzioni
reali assegnate.
Le soluzioni di un sistema di equazioni (rispettivamente, disequazioni)
sono date dallinsieme
S := {x X
1
X
n
Y
1
Y
n
| f
1
(x) = g
1
(x), . . . , f
n
(x) = g
n
(x)}
(rispettivamente,
S := {x X
1
X
n
Y
1
Y
n
| f
1
(x) g
1
(x), . . . , f
n
(x) g
n
(x)} ).
Quindi, per determinare linsieme S si determinano separatamente gli insie-
mi S
1
, . . . , S
n
di ognuna delle equazioni (rispettivamente, disequazioni) del
3.3 Sistemi di equazioni e disequazioni 83
sistema. Allora linsieme S e dato da S
1
S
n
. Quanto osservato vale
anche per i sistemi misti, che contengono sia equazioni che disequazioni.
Ad esempio, si consideri il sistema
_
_
_
2x > 5 ,
x
2
5x + 6 = 0 ,
x = 0 .
La prima disequazione ha come soluzioni linsieme S
1
=]5/2, +[; la
seconda equazione linsieme S
2
= 2, 3 e la terza linsieme R

. Quindi linsieme
S delle soluzioni del sistema `e dato da S = S
1
S
2
S
3
= {3}.
Lintersezione pu`o essere facilmente determinata gracamente conside-
rando i punti comuni agli insiemi delle soluzioni di ogni disequazione o
equazione.
S
1
S
2
S
3
S

5/2

3

0

Si consideri ora il sistema


_
_
_
x
2
+ 5 2x
2
+ 4 ,
x
4
16 < 0 ,
2x 1 > 0 .
Linsieme S
1
delle soluzioni della prima disequazione e dato da S
1
:=
] , 1] [1, +[, linsieme S
2
delle soluzioni della seconda disequazione
e dato da S
2
:=] 2, 2[ ed inne linsieme S
3
delle soluzioni della terza
disequazione e dato da S
3
:=]1/2, +[. Pertanto, le soluzioni del sistema
sono date dallinsieme S := S
1
S
2
S
3
= [1, 2[, come si riconosce anche dal
graco seguente.
84 Capitolo 3: Equazioni e disequazioni
S
1
S
2
S
3
S

1

1

2

2

1/2

3.4 Equazioni e disequazioni irrazionali
Si considerano innanzitutto equazioni irrazionali del tipo
n

f(x) = g(x) .
Se n `e pari, sia la funzione f che la funzione g devono essere positive,
la prima in quanto argomento della radice n-esima, la seconda in quanto
deve soddisfare luguaglianza prevista; una volta che ci`o sia stato imposto,
si possono elevare primo e secondo membro alla potenza n-esima ed ottenere
unequazione in cui non gura pi` u la radice n-esima. Se n invece `e dispari,
non `e necessario imporre la positivit`a delle funzioni f e g e quindi si possono
elevare direttamente alla potenza n-esima entrambi i membri dellequazione.
Si conclude che lequazione in esame `e equivalente al seguente sistema
_
_
_
f(x) 0 ,
g(x) 0 ,
f(x) = g(x)
n
,
se n e pari, altrimenti e equivalente allequazione
f(x) = g(x)
n
se n e dispari.
Per quanto riguarda le disequazioni irrazionali conviene considerare sepa-
ratamente i seguenti due casi:
n

f(x) g(x) , f(x)


n

g(x)
(le diseguaglianze strette < al posto di vengono trattate in maniera ana-
loga). Se n e dispari entrambi i tipi di disequazioni sono equivalenti a quelle
che si ottengono elevando entrambi i membri alla potenza n-esima. Se n e
3.4 Equazioni e disequazioni irrazionali 85
pari, con ragionamento analogo a quello svolto per le equazioni, si riconosce
che la prima disequazione in esame e equivalente al sistema
_
_
_
f(x) 0 ,
g(x) 0 ,
f(x) g(x)
n
,
mentre la seconda e equivalente ai due sistemi
_
f(x) 0 ,
g(x) 0 ,
_
_
_
f(x) 0 ,
g(x) 0 ,
f(x)
n
g(x) ,
nel senso che le soluzioni della disequazione sono date dallunione delle solu-
zioni dei due sistemi.
Ad esempio, si consideri la disequazione

x
2
x 2 < x + 1 .
In base alla discussione precedente, essa e equivalente al sistema
_
_
_
x
2
x 2 0 ,
x + 1 0 ,
x
2
x 2 < x
2
+ 2x + 1 ;
denotati con S
1
, S
2
e rispettivamente S
3
gli insieme delle soluzioni della
prima, seconda e rispettivamente terza disequazione, si ottiene facilmente
S
1
=] , 1[[2, +[ , S
2
= [1, +[ , S
3
=] 1, +[
e conseguentemente la disequazione assegnata e soddisfatta nellinsieme S =
S
1
S
2
S
3
= [2, +[.
S
1
S
2
S
3
S

1

2



Al contrario, la disequazione opposta

x
2
x 2 > x + 1
86 Capitolo 3: Equazioni e disequazioni
e equivalente ai due sistemi
_
x
2
x 2 0 ,
x + 1 < 0 ,
_
_
_
x
2
x 2 0 ,
x + 1 0 ,
x
2
x 2 > x
2
+ 2x + 1 ;
in base alla discussione precedente, si riconosce facilmente che il primo siste-
ma ha come soluzioni linsieme S

=] , 1[, mentre il secondo sistema


non e mai soddisfatto (S

= ); allora le soluzioni della disequazione sono


date da S = S

=] , 1[ (si osservi che in questo caso alla ne viene


considerata lunione delle soluzioni dei due sistemi).
Come ulteriore esempio, si consideri la disequazione
2 x <

x
2
1 ;
essa e ancora una volta equivalente ai due sistemi
_
2 x < 0 ,
x
2
1 0 ,
_
_
_
2 x 0 ,
x
2
1 0 ,
4 4x + x
2
< x
2
1 .
Per quanto riguarda il primo sistema, la prima disequazione e soddisfatta in
S

1
=]2, +[ e la seconda in S

2
=] , 1] [1, +[, per cui le soluzioni
del primo sistema sono date dallinsieme S

=]2, +[.
S

1
S

2
S


2

1

1

Il secondo sistema ha invece come soluzioni linsieme S

=]5/4, 2], in
quanto la prima disequazione e soddisfatta in S

1
=] , 2], la seconda in
S

2
=] , 1] [1, +[ e la terza in S

3
=]5/4, +[.
S

1
S

2
S

3
S

2

1

1

5/4

3.5 Equazioni e disequazioni con valore assoluto 87
Si conclude che le soluzioni della disequazione assegnata sono date dal-
linsieme S = S
1
S
2
=]5/4, +[.
S

S

2

5/4

3.5 Equazioni e disequazioni con valore asso-
luto
Per ogni x R, il valore assoluto |x| di x `e denito ponendo
|x| :=
_
x , x 0 ;
x , x < 0 .
Unequazione del tipo
|f(x)| = g(x) ,
con f e g funzioni reali assegnate, pu`o essere ricondotta facilmente ad un
sistema di equazioni e disequazioni in cui non compare pi` u il valore assolu-
to. Infatti, tenendo presente che deve essere necessariamente g(x) 0, le
soluzioni sono date dai due sistemi:
_
g(x) 0 ,
f(x) = g(x) ,
_
g(x) 0 ,
f(x) = g(x) .
Ad esempio, lequazione
|x
2
+ x + 1| = x
2
3x + 2
ha come soluzioni quelle dei due sistemi
_
x
2
3x + 2 0 ,
x
2
+ x + 1 = x
2
3x + 2 ,
_
x
2
3x + 2 0 ,
x
2
+ x + 1 = (x
2
3x + 2) .
Il primo di essi `e soddisfatto in S
1
= (], 1][2, +[){1/4} = {1/4};
il secondo invece non ha soluzioni in quanto lequazione x
2
+x +1 = (x
2

3x + 2), equivalente a 2x
2
2x + 3 = 0 non `e mai soddisfatta. Si conclude
che lequazione assegnata ammette come unica soluzione il punto x = {1/4}.
88 Capitolo 3: Equazioni e disequazioni
Si considerano ora le disequazioni che coinvolgono il valore assoluto.
Anche in questo caso conviene considerare separatamente quelle che si
presentano nella forma
|f(x)| g(x) ,
da quelle del tipo
f(x) |g(x)|
(nel caso di diseguaglianze strette i metodi di risoluzione sono del tutto
analoghi e pertanto per brevit`a vengono omessi).
Tenendo presente che la disequazione |x| a non e mai soddisfatta se
a < 0 ed e soddisfatta per a x a se a 0, la prima disequazione e
equivalente al seguente sistema
_
_
_
g(x) 0 ,
g(x) f(x) ,
f(x) g(x) ,
in cui non e pi` u coinvolto il valore assoluto.
Analogamente, tenendo presente che la disequazione a |x| e sempre
soddisfatta se a < 0 ed e soddisfatta sia per x a che per x a se a 0,
allora la seconda disequazione in esame e equivalente ai seguenti tre sistemi
(nel senso che linsieme delle soluzioni e dato dallunione degli insiemi delle
soluzioni dei tre sistemi)
_
f(x) < 0 ,
x X
g
;
_
f(x) 0 ,
g(x) f(x) ;
_
f(x) 0 ,
g(x) f(x) ,
dove nel primo sistema si e denotato con X
g
linsieme di denizione della
funzione g (infatti la condizione f(x) < 0 assicura la validit`a di f(x) |g(x)|
purche anche la funzione g sia denita in x).
Ad esempio, si consideri la disequazione |x
2
9x + 7| 7. Da quanto
osservato, essa si riconduce al sistema
_
_
_
7 0 ,
x
2
9x + 7 7 ,
7 x
2
9x + 7 .
La prima disequazione `e sempre soddisfatta (S
1
= R). La seconda si
pu`o scrivere x
2
9x + 14 0; poiche = 25, si hanno due radici x
1
= 2
e x
2
= 7 e la disequazione `e soddisfatta per x 2 o per x 7, cioe in
S
2
=] , 2] [7, +[. Lultima disequazione si scrive come x
2
9x 0 e
quindi `e soddisfatta in S
3
= [0, 9]. Quindi la disequazione assegnata ha come
soluzioni linsieme S = [0, 2] [7, 9].
3.5 Equazioni e disequazioni con valore assoluto 89
S
1
S
2
S
3
S

7

0

9

Si consideri ora la disequazione
x + 1 < |x
2
3x 8| ,
che in base alla discussione eettuata, si riconduce ai tre sistemi
_
x + 1 < 0 ,
_
x + 1 0 ,
x
2
3x 8 < x 1 ,
_
x + 1 0 ,
x + 1 < x
2
3x 8 .
Il primo sistema ha come soluzioni linsieme S

=] , 1[.
Per quanto riguarda il secondo sistema, la disequazione x + 1 0 `e
soddisfatta per x 1, e la disequazione x
2
3x8 < x1 `e equivalente
a x
2
2x 7 < 0; si hanno due soluzioni x
1
= 1 2

2 e x
2
= 1 + 2

2 e la
disequazione `e soddisfatta per 1 2

2 < x < 1 + 2

2; pertanto il secondo
sistema ha come soluzioni linsieme S

= [1, 1 + 2

2[.
Inne, la prima disequazione x + 1 0 del terzo sistema `e soddisfatta
per x 1; la seconda disequazione x + 1 < x
2
3x 8 `e equivalente a
x
2
4x9 > 0; si hanno due soluzioni x
3
= 2

13 e x
4
= 2+

13, e quindi
la disequazione `e soddisfatta per x < 2

13 e per x > 2 +

13; pertanto il
terzo sistema ha come soluzioni linsieme S

=]2+

13, +[. Concludendo,


le soluzioni della disequazione iniziale sono date da S = S
1
S
2
S
3
=
] , 1 + 2

2[]2 +

13, +[.
S

1

1+2

2

1+

13

90 Capitolo 3: Equazioni e disequazioni
3.6 Metodo graco
Si considerano ora alcuni tipi di equazioni e disequazioni in cui sono coin-
volte funzioni esponenziali, logaritmiche, trigonometriche e trigonometriche
inverse.
Uno dei metodi pi` u semplici per la risoluzione di tali equazioni consiste
nel confrontare i graci delle funzioni che compaiono al primo ed al secondo
membro della disequazione in esame e dedurre da tale graco linsieme delle
soluzioni della disequazione; per tale confronto bisogna comunque sempre
imporre che le funzioni siano denite nei punti considerati.
Il confronto graco pu`o essere eettuato molto facilmente nei casi in cui
una delle funzioni sia una retta o, pi` u in particolare, una retta orizzontale,
nel qual caso uno dei membri della disequazione e costante.
Si considera qualche esempio, al ne di illustrare pi` u chiaramente il me-
todo descritto.
Si consideri la disequazione
log x < 1 .
Confrontando il graco della funzione log con la retta orizzontale passante
per il punto (0, 1), si deduce in maniera immediata che la disequazione e
soddisfatta nellinsieme S =]0, e[ (vedasi la Figura 3.1).
1
x
y
1
e 0
S
Figura 3.1: Metodo graco per le disequazioni: Esempio 1
Si consideri ora la disequazione
sin x >
1
2
.
3.6 Metodo graco 91
Confrontando il graco della funzione sin con la retta orizzontale passante per
il punto (0, 1/2), si deduce subito che nellintervallo [, ], la disequazione
e soddisfatta nellinsieme S
0
=]/6, 5/6[ (vedasi la Figura 3.2).
-
x
y
0
S
0
Figura 3.2: Metodo graco per le disequazioni: Esempio 2
Tenendo poi conto della periodicit`a della funzione seno, si ricava linsieme
S di tutte le soluzioni dato da
S =

kZ
_

6
+ 2k,
5
6
+ 2k
_
.
Si prende ora in esame la disequazione
arcsin x

6
.
Confrontando il graco della funzione arcsin con la retta orizzontale passan-
te per il punto (0, /6), si deduce subito che la disequazione e soddisfatta
nellinsieme S = [1, 1/2[ (vedasi la Figura 3.3).
Pi` u generale, il metodo descritto negli esempi precedenti pu`o essere ap-
plicato anche nei casi in cui il confronto non sia necessariamente con una
retta; in tali casi lutilizzo del calcolo dierenziale pu`o essere utile per la
dimostrazione di qualche diseguaglianza. Inoltre, il teorema degli zeri pu`o
anche essere utilizzato per una determinazione approssimata delle soluzioni,
nei casi in cui non sia possibile descrivere le soluzioni in maniera precisa.
Ad esempio, si consideri la seguente disequazione:
x
4
+ e
x
1 .
Confrontando i graci della funzione 1 e
x
e della funzione x
4
(vedasi la
Figura 3.4), si riconosce subito che tali funzioni assumono lo stesso valore in
un punto x
0
< 0 e in 0 e conseguentemente, le soluzioni della disequazione
assegnata sono date dallinsieme S =]x
0
, 0[. Il punto x
0
non pu`o essere
determinato in modo preciso, tuttavia esso `e sicuramente compreso tra 1 e
1/2 in quanto nel punto 1/2 la disequazione e soddisfatta (come si verica
direttamente), mentre nel punto 1 non lo `e.
-1 1
x
y

-
2
-

-
2

-
6
1
-
2
Figura 3.3: Metodo graco per le disequazioni: Esempio 3
x
y
0
S
Figura 3.4: Metodo graco per le disequazioni: Esempio 4
Capitolo 4
Limiti delle funzioni reali
4.1 Denizione generale di limite
Lo studio dei limiti delle funzioni reali costituisce uno strumento utile per la
conoscenza delle propriet`a locali di una funzione reale assegnata.
Per comodit`a, viene considerato il caso di funzioni denite in sottoinsie-
mi arbitrari di R; tuttavia, quando lesposizione di alcuni argomenti potr`a
risultare semplicata, ci si limiter`a a considerare il caso pi` u signicativo di
funzioni denite in un intervallo.
Si espone dapprima la denizione generale di limite di una funzione reale
in un punto e, dopo averne visto alcune propriet`a, si considereranno i risultati
pi` u importanti riguardanti il calcolo dei limiti.
Denizione 4.1.1 Siano X un sottoinsieme non vuoto di R, x
0
R un
punto di accumulazione per X ed R. Se f : X R `e una funzione reale
denita in X, si dice che `e il limite di f in x
0
, oppure che f tende verso
per x tendente verso x
0
, e si scrive
= lim
xx
0
f(x)
`e uguale al limite di f(x) per x tendente verso x
0
se `e vericata la
seguente condizione:
I I() J I(x
0
) t.c. x X J {x
0
} : f(x) I . (4.1.1)
La lettera x che compare nella notazione del limite `e muta nel senso
che essa pu`o essere sostituita con una qualsiasi altra lettera che non sia gi`a
stata utilizzata nello stesso contesto.
94 Capitolo 4: Limiti delle funzioni reali
Una funzione che ammette un limite R in un punto x
0
R viene spes-
so denominata convergente in x
0
; se, invece, ammette come limite + oppu-
re viene denominata divergente (positivamente oppure negativamente)
in x
0
.
Per poter considerare il limite di una funzione in un punto x
0
`e dunque
necessario che il punto x
0
sia di accumulazione per linsieme di denizione
della funzione. Tale ipotesi, infatti, assicura che lintersezione XJ{x
0
} sia
non vuota per ogni intorno J di x
0
e quindi che gli elementi x XJ {x
0
}
vericanti la (4.1.1) esistano eettivamente.
Naturalmente, se x
0
= + oppure x
0
= , lipotesi che esso sia di ac-
cumulazione per X, signica esattamente che X non `e limitato superiormente
oppure rispettivamente inferiormente.
Nel caso in cui x
0
R, inoltre, conviene precisare subito che non ha
alcuna importanza, ai ni del limite, il fatto che la funzione sia denita o
meno nel punto x
0
; nel caso lo sia, poi, non vi `e alcuna relazione tra il valore
f(x
0
) che f assume nel punto x
0
ed il limite della funzione in tale punto
(in seguito, avranno un ruolo importante le funzioni f : X R che in
punto x
0
X hanno limite uguale proprio ad f(x
0
); tali funzioni verranno
denominate continue in x
0
).
La denizione generale di limite vale sia nel caso in cui x
0
ed siano reali
o inniti. Nelle applicazioni, tuttavia, in cui x
0
ed sono noti, la Denizione
(4.1.1) pu`o essere precisata meglio tenendo conto della denizione adottata
di intorno di un numero reale o degli elementi + e .
Nel caso in cui sia noto che R, gli intorni di possono essere considerati
del tipo I

(x
0
) (vedasi la (1.1.1) a pag. 10) al variare di > 0 (infatti, ogni
I

(x
0
) `e un intorno di e viceversa ogni intorno di contiene un intervallo
I

(x
0
)); pertanto, la condizione (4.1.1) si pu`o scrivere come segue:
R

+
J I(x
0
) t.c. x X J {x
0
} : < f(x) < + .
Nei casi in cui = + (rispettivamente, = ), ragionando come
sopra si possono considerare intorni di del tipo ]M, +[ (e rispettivamente
] , M[) e quindi la condizione (4.1.1) si pu`o scrivere come segue:
M R J I(x
0
) t.c. x X J {x
0
} : M < f(x)
(rispettivamente, x X J {x
0
} : f(x) < M ).
Le stesse osservazioni appena svolte per lelemento valgono anche per il
punto di accumulazione x
0
.
Ritornando al caso generale R, se x
0
R, la condizione (4.1.1)
equivale alla seguente
I I() R

+
t.c. x X I

(x
0
) {x
0
} : f(x) I ,
4.2 Prime propriet`a dei limiti 95
mentre, se x
0
= + (rispettivamente, x
0
= ), diventa
I I() c R t.c. x X]c, +[ : f(x) I ,
(rispettivamente, x X] , c[ : f(x) I ).
Nei casi in cui siano noti sia che x
0
si possono applicare entrambe
le considerazioni precedenti. Cos`, ad esempio, se R, x
0
R, si ha
lim
xx
0
f(x) = se e solo se
R

+
R

+
t.c. x X I

(x
0
) {x
0
} : < f(x) < + ,
mentre, si ha lim
x
f(x) = + se e solo se
M R c R t.c. x X : x < c f(x) > M .
4.2 Prime propriet`a dei limiti
La denizione di limite data nella sezione precedente `e pienamente giusticata
dal seguente teorema di unicit`a.
Teorema 4.2.1 (Teorema di unicit`a del limite)
Siano X un sottoinsieme non vuoto di R, x
0
R un punto di accumulazione
per X ed f : X R una funzione reale. Se
1
R,
2
R e
lim
xx
0
f(x) =
1
, lim
xx
0
f(x) =
2
,
allora necessariamente
1
=
2
.
Dimostrazione. Si supponga, per assurdo, che
1
=
2
. Allora si possono trovare un
intorno I
1
I(
1
) ed un intorno I
2
I(
2
) tali che I
1
I
2
= .
Dalle ipotesi segue da un lato lesistenza di un intorno J
1
I(x
0
) tale che, per ogni
x X J
1
{x
0
}, f(x) I
1
, e dallaltro lesistenza di un ulteriore intorno J
2
I(x
0
)
tale che, per ogni x X J
2
{x
0
}, f(x) I
2
. Si consideri ora J = J
1
J
2
; tale
insieme `e anchesso un intorno di x
0
e poiche x
0
`e un punto di accumulazione per X, deve
essere X J {x
0
} = . Si considera un qualsiasi elemento x X J {x
0
}, si ha sia
x XJ
1
{x
0
}, da cui f(x) I
1
ed anche x XJ
2
{x
0
}, da cui f(x) I
2
; dunque
f(x) I
1
I
2
e ci`o `e escluso dal fatto che gli intorni I
1
ed I
2
sono disgiunti.
Unaltra propriet`a importante del limite di una funzione riguarda il suo
carattere locale. Questa propriet`a assicura che `e equivalente considerare il
limite di una funzione f : X R in un punto x
0
e quello della sua restrizione
f
|XJ
0
ad un intorno J
0
di x
0
. Infatti, basta vericare la denizione di limite
considerando J J
0
(che `e ancora un intorno di x
0
) al posto di J.
Altre propriet`a, di immediata verica, sono elencate di seguito.
96 Capitolo 4: Limiti delle funzioni reali
Proposizione 4.2.2 Siano X un sottoinsieme non vuoto di R, x
0
R un
punto di accumulazione per X, R ed f : X R una funzione reale tale
che lim
xx
0
f(x) = .
Allora valgono le seguenti propriet`a:
1. (Limitatezza locale)
i) Se R, allora f `e limitata in un intorno di x
0
, cio`e esistono
M
0
R ed un intorno J
0
di x
0
tali che, per ogni x X J
0
, |f(x)|
M
0
.
ii) Se = + (rispettivamente, = ), allora f `e limitata
inferiormente (rispettivamente, superiormente) in un intorno di x
0
,
cio`e esistono M
0
R ed un intorno J
0
di x
0
tali che, per ogni x
X J
0
, M
0
f(x) (rispettivamente, f(x) M
0
).
2. (Permanenza del segno)
i) Se > 0 oppure = +, esistono un numero reale r > 0 ed un
intorno J
0
di x
0
tali che, per ogni x X J
0
{x
0
}, f(x) r > 0.
ii) Se < 0 oppure = , esistono un numero reale r > 0 ed un
intorno J
0
di x
0
tali che, per ogni x X J
0
{x
0
}, f(x) r < 0.
iii) Se, per ogni intorno J di x
0
, esistono x
1
X J {x
0
} e
x
2
X J {x
0
} tali che f(x
1
) 0, f(x
2
) 0, allora deve essere
necessariamente = 0.
iv) Se, per ogni intorno J di x
0
, esiste x X J {x
0
} tale che
f(x) = 0, allora deve essere necessariamente = 0.
3. (Monotonia del limite)
Si supponga che g : X R sia unulteriore funzione reale tale che
lim
xx
0
g(x) =

con

R.
Allora, se esiste un intorno J
0
di x
0
tale che, per ogni x XJ
0
{x
0
},
f(x) g(x), deve essere necessariamente

.
Viceversa, se <

, allora esiste un intorno J


0
di x
0
tale che, per ogni
x X J
0
{x
0
}, f(x) < g(x).
Dimostrazione. Si dimostra innanzitutto la propriet`a 1. Per quanto riguarda la i), si
pu`o applicare la denizione di limite con = 1 i ottiene un intorno J
0
di x
0
tale che,
per ogni x X J
0
{x
0
}, 1 < f(x) < + 1. A questo punto `e suciente porre
M
0
= || + 1 (oppure M
0
:= max{|| + 1, |f(x
0
)|} se f `e denita in x
0
).
Per quanto riguarda la ii), si applica la denizione di limite considerando lintorno
]0, +[ di ; si ottiene un intorno J
0
di x
0
tale che, per ogni x X J
0
{x
0
}, 0 < f(x).
4.3 Limiti destri e sinistri 97
Quindi, la propriet`a ii) `e vericata ponendo M
0
= 0 oppure M
0
:= min{0, f(x
0
)} nel caso
in cui f sia denita in x
0
. Il caso rispettivo si dimostra analogamente.
Si dimostra ora la 2. Si considera dapprima la propriet`a i). Se > 0 si pone r = ||/2
e si applica la denizione di limite allintorno I :=] r, +[ di . Se = +, si applica
la denizione di limite considerando lintorno I :=]1, +[ di e la tesi `e soddisfatta con
r = 1. La propriet`a ii) si dimostra analogamente. Inne, le propriet`a iii) e iv) seguono
dalle i) e ii) procedendo per assurdo.
Per quanto riguarda la 3., si supponga dapprima che esista un intorno J
0
di x
0
tale
che, per ogni x X J
0
{x
0
}, f(x) g(x). Se, per assurdo, fosse

< , si potrebbero
considerare due intervalli disgiunti I I() e I

I(

); quindi, per ogni y I e per ogni


y

, si avrebbe y

< y. Applicando la denizione di limite, si ottiene lesistenza di un


intorno Jdix
0
tale che, per ogni x X J {x
0
}, f(x) I ed un intorno J

di x
0
tale
che, per ogni x XJ

{x
0
}, g(x) I

. Si consideri ora linsieme J

= J
0
J J

; esso
`e un intorno di x
0
e, poiche x
0
`e di accumulazione per X, deve essere X J

{x
0
} = .
Considerato un punto x X J

{x
0
}, si ha f(x) > g(x) (in quanto f(x) I e
g(x) I

). Ci`o `e assurdo poiche deve essere f(x) g(x) in quanto x X J


0
{x
0
}.
Per il viceversa si ragiona in modo analogo.
4.3 Limiti destri e sinistri
Il calcolo del limite di una funzione in un punto si riveler`a uno strumento
essenziale per lo studio delle funzioni condotto a partire dal presente capitolo.
In alcuni casi, tuttavia, tale limite non esiste e quindi ha senso investigare
se sono vericate almeno propriet`a pi` u deboli. In questo ambito si inserisce
la ricerca dei limiti da destra e da sinistra, come precisato dalla seguente
denizione.
Denizione 4.3.1 Siano X un sottoinsieme non vuoto di R, x
0
R un
punto di accumulazione a destra (rispettivamente, a sinistra) per X, R
ed f : X R una funzione reale.
Si dice che `e il limite destro (rispettivamente, sinistro) di f in x
0
, oppure
che f tende verso per x tendente verso x
0
da destra (rispettivamente, da
sinistra), e si scrive
= lim
xx
+
0
f(x) , (rispettivamente, = lim
xx

0
f(x) )
(si legge `e uguale al limite di f(x) per x tendente verso x
0
da destra
(rispettivamente, `e uguale al limite di f(x) per x tendente verso x
0
da
sinistra)) se `e vericata la seguente condizione
I I() R

+
t.c. x X]x
0
, x
0
+ [: f(x) I (4.3.1)
(rispettivamente, x X]x
0
, x
0
[: f(x) I ).
98 Capitolo 4: Limiti delle funzioni reali
Si osservi che la denizione precedente ha senso solo quando x
0
R; per
tale motivo, anzich`e considerare intorni destri (o sinistri) generali sono stati
considerati direttamente quelli del tipo [x
0
, x
0
+ [ (oppure ]x
0
, x
0
]).
Ovviamente, nei casi in cui `e possibile precisare R oppure = ,
valgono le stesse considerazioni relative alla denizione generale di limite
(4.1.1).
Sostanzialmente, calcolare il limite destro (rispettivamente, sinistro) in un
punto x
0
signica considerare solamente i valori della funzione a destra (ri-
spettivamente, a sinistra) di x
0
; precisamente, nelle ipotesi della Denizione
4.3.1, si ha la seguente uguaglianza
lim
xx
+
0
f(x) = lim
xx
0
f
|X]x
0
,+[
(x) , (4.3.2)
(rispettivamente, lim
xx

0
f(x) = lim
xx
0
f
|X],x
0
[
(x) )
supposto che uno dei due limiti esista (nel qual caso, quindi, esiste anche
laltro e sono uguali).
Trattandosi di un particolare limite, quindi, valgono tutte le propriet`a
esposte nella sezione precedente; in particolare, anche il limite destro e quello
sinistro, quando esistono, sono unici.
Inoltre, sempre dalle uguaglianze precedenti, segue che il punto x
0
`e di
accumulazione solo a destra (rispettivamente, solo a sinistra) lesistenza del
limite della funzione in x
0
equivale a quella del limite destro (rispettivamente,
sinistro) in x
0
. In questo caso, quindi, il limite destro o sinistro non aggiunge
nulla di nuovo rispetto al limite.
Nel caso, invece, in cui il punto x
0
sia di accumulazione sia a sinistra che
a destra per X, si ha la seguente caratterizzazione.
Proposizione 4.3.2 Siano X un sottoinsieme non vuoto di R, x
0
R un
punto di accumulazione sia a sinistra che a destra per X ed f : X R una
funzione reale.
Allora, le seguenti proposizioni sono equivalenti:
a) Esiste il limite di f in x
0
.
b) Esistono entrambi i limiti sinistro e destro di f in x
0
e sono uguali.
Inoltre, vera luna e quindi laltra delle proposizioni equivalenti precedenti, si
ha:
lim
xx
0
f(x) = lim
xx
+
0
f(x) = lim
xx

0
f(x) .
4.4 Teoremi di confronto 99
Dimostrazione. a) b) Ovvia in quanto ogni intorno di x
0
`e un intorno sia destro che
sinistro di x
0
.
b) a) Si denoti con il valore comune dei due limiti sinistro e destro di f in x
0
e sia
I I(); dalla (4.3.1), considerando come limite destro, esiste
1
R

+
tale che, per ogni
x X]x
0
, x
0
+
1
[, si abbia f(x) I; inoltre, considerando come limite sinistro, sempre
dalla (4.3.1), esiste
2
R

+
tale che, per ogni x X]x
0

2
, x
0
[, si abbia f(x) I.
Si `e cos` trovato lintorno J =]x
0

2
, x
0
+
1
[ di x
0
tale che, per ogni x XJ {x
0
},
risulta f(x) I. Poiche lintorno I di , si deduce che `e vera la a).
La proposizione precedente pu`o essere utilizzata, in qualche caso, anche
per dimostrare che un limite assegnato non esiste (facendo cio`e vedere o che
non esiste uno dei limiti sinistro o destro, oppure che esistono entrambi ma
sono diversi tra loro).
Nelle sezioni successive verranno esposti molti risultati limitandosi al caso
dei limiti; con opportune semplici modiche, se necessarie, tali risultati si
possono adattare anche ai limiti sinistri e destri.
4.4 Teoremi di confronto
I teoremi esposti nella presente sezione sono largamente utilizzati nel cal-
colo dei limiti soprattutto per ricondurre quelli che coinvolgono funzioni
abbastanza complesse a funzioni pi` u semplici.
Si considerano distintamente il caso di limiti reali e di limiti inniti.
Si intendono ssati in tutto il seguito un sottoinsieme non vuoto X di R,
un punto di accumulazione x
0
R per X ed R.
Teorema 4.4.1 (Primo teorema di confronto)
Se R e se f : X R, g : X R ed h : X R sono funzioni reali
vericanti le seguenti condizioni:
1. Esiste un intorno J
0
di x
0
tale che, per ogni x X J
0
{x
0
},
g(x) f(x) h(x) ;
2. Esistono i limiti di g ed h in x
0
e si ha
lim
xx
0
g(x) = , lim
xx
0
h(x) = .
Allora, esiste anche il limite di f in x
0
e si ha
lim
xx
0
f(x) = .
100 Capitolo 4: Limiti delle funzioni reali
Dimostrazione. Sia R

+
; poiche lim
xx
0
g(x) = , esiste un intorno J
1
di x
0
tale che,
per ogni x X J
1
{x
0
},
< g(x) < + ,
e analogamente, poiche lim
xx
0
h(x) = , esiste un intorno J
2
di x
0
tale che, per ogni
x X J
2
{x
0
}
< h(x) < + .
Allora, linsieme J = J
0
J
1
J
2
risulta un intorno di x
0
e per ogni x X J {x
0
}, si
ha
g(x) f(x) h(x) , < g(x) < + , < h(x) < + .
Da ci`o segue
< g(x) f(x) h(x) < + ,
e quindi, dallarbitrariet`a di R

+
, `e vericata la denizione di limite.
Teorema 4.4.2 (Secondo teorema di confronto per i limiti)
Se f : X R e g : X R sono funzioni reali vericanti le seguenti
condizioni:
1. Esiste un intorno J
0
di x
0
tale che, per ogni x X J
0
{x
0
},
g(x) f(x) (rispettivamente, f(x) g(x) );
2. Esiste il limite di g in x
0
e si ha lim
xx
0
g(x) = + (rispettivamente,
lim
xx
0
g(x) = ).
Allora, esiste anche il limite di f in x
0
e si ha lim
xx
0
f(x) = +
(rispettivamente, lim
xx
0
f(x) = ).
Dimostrazione. Sia M R; poiche lim
xx
0
g(x) = +, esiste un intorno J
1
di x
0
tale
che, per ogni x X J
1
{x
0
}, M < g(x). Allora, considerato lintorno J = J
0
J
1
di x
0
, per ogni x X J {x
0
}, si ha g(x) f(x) e M < g(x), da cui M < f(x).
Dallarbitrariet`a di M R segue la tesi. Il caso rispettivo si dimostra in maniera analoga.

4.5 Operazioni sui limiti


Si studia ora il comportamento del limite rispetto alle operazioni algebriche
tra funzioni.
Si intendono ssati un sottoinsieme X non vuoto di R, un punto di ac-
cumulazione x
0
R per X,
1
R,
2
R e due funzioni reali f : X R e
g : X R.
4.5 Operazioni sui limiti 101
Teorema 4.5.1 (Primo teorema sul limite della somma)
Se
1
,
2
R e
lim
xx
0
f(x) =
1
, lim
xx
0
g(x) =
2
,
allora, esiste anche il limite di f + g in x
0
e si ha
lim
xx
0
(f(x) + g(x)) =
1
+
2
.
Dimostrazione. Sia R

+
; dalle ipotesi, segue lesistenza di un intorno J
1
di x
0
tale che,
per ogni x XJ
1
{x
0
},
1
/2 < f(x) <
1
+/2 e analogamente esiste un intorno J
2
di x
0
tale che, per ogni x XJ
2
{x
0
},
2
/2 < g(x) <
2
+/2. Allora, considerato
lintorno J = J
1
J
2
di x
0
, per ogni x X J {x
0
}, si ha contemporaneamente

1
/2 < f(x) <
1
+/2 e
2
/2 < g(x) <
2
+/2 e quindi

1
+
2
< f(x) +g(x) <
1
+
2
+
. Da ci`o, essendo > 0 arbitrario, segue la tesi.
Il teorema precedente riguarda il caso in cui esistono entrambi i limiti
delle funzioni f e g e sono numeri reali; esso si pu`o enunciare dicendo che in
questo caso il limite della somma di due funzioni `e uguale alla somma dei loro
limiti. Bisogna tener presente, tuttavia, che tale regola non vale in generale.
Nel caso in cui uno solo dei due limiti sia innito, si ha quanto segue.
Teorema 4.5.2 (Secondo teorema sul limite della somma)
Sono vericate le seguenti condizioni:
1. lim
xx
0
f(x) = + (rispettivamente, lim
xx
0
f(x) = );
2. g `e limitata inferiormente (rispettivamente, superiormente) in un in-
torno di x
0
, cio`e esistono M
0
R ed un intorno J
0
di x
0
tali che, per
ogni x X J
0
, M
0
g(x) (rispettivamente, g(x) M
0
).
Allora, esiste anche il limite di f + g in x
0
e si ha
lim
xx
0
(f(x) + g(x)) = + (rispettivamente, lim
xx
0
(f(x) + g(x)) = ) .
Dimostrazione. Sia M R; dallipotesi 1. si ottiene lesistenza di un intorno J
1
di
x
0
tale che, per ogni x X J
1
{x
0
}, M M
0
< f(x). Alora, considerato lintorno
= J
0
J
1
di x
0
, per ogni x X J {x
0
}, si ha sia M
0
g(x) che M M
0
< f(x) e
pertanto M = M M
0
+M
0
< f(x) +g(x). Dallarbitrariet`a di M R segue la tesi. La
dimostrazione del caso rispettivo `e analoga.
Conviene osservare che lipotesi 2. del Teorema 4.5.2 non prevede lesi-
stenza del limite di g in x
0
. Ovviamente, se esiste il limite di g in x
0
ed `e un
102 Capitolo 4: Limiti delle funzioni reali
numero reale oppure + (rispettivamente, `e un numero reale oppure ),
dalla Proposizione 4.2.2, 1. segue che la funzione g `e limitata inferiormente
(rispettivamente, superiormente) in un intorno di x
0
. Quindi, in questo caso,
si ha ancora
lim
xx
0
(f(x) + g(x)) = + (rispettivamente, lim
xx
0
(f(x) + g(x)) = +).
Nel caso in cui si abbia
lim
xx
0
f(x) = +, lim
xx
0
g(x) = ,
(o viceversa), non si pu`o concludere nulla sul limite della somma. In tale
circostanza, si dice che il limite lim
xx
0
(f(x) +g(x)) si presenta nella forma
indeterminata + (oppure +).
Nel seguito si introdurranno gli strumenti opportuni che consentiranno di
studiare anche tali tipi di limiti.
Si considera ora il caso del limite del prodotto di due funzioni. Anche ora
conviene distinguere il caso in cui le due funzioni siano dotate di limiti reali
da quello in cui una delle due ammetta un limite innito.
Teorema 4.5.3 (Primo teorema sul limite del prodotto)
Se
1
,
2
R e
lim
xx
0
f(x) =
1
, lim
xx
0
g(x) =
2
,
allora, esiste anche il limite di f g in x
0
e si ha
lim
xx
0
(f(x) g(x)) =
1

2
.
Dimostrazione. Preliminarmente, si osserva che la funzione g, essendo dotata di limite
reale, dalla Proposizione 4.2.2, 1., risulta limitata in un intorno di x
0
, e quindi esistono
M
0
R ed un intorno J
0
di x
0
tali che, per ogni x XJ
0
, |g(x)| M
0
. Sia ora R

+
;
poiche lim
xx
0
f(x) =
1
, esiste un intorno J
1
di x
0
tale che, per ogni x X J
1
{x
0
},
|f(x)
1
| < /(2(M + 1)), e analogamente, poiche lim
xx
0
g(x) =
2
, esiste un intorno
J
2
di x
0
tale che, per ogni x X J
2
{x
0
}, |g(x)
2
| < /(2(|
1
| + 1)).
Allora, considerato lintorno J = J
0
J
1
J
2
di x
0
, per ogni x X J {x
0
},
|f(x) g(x)
1

2
| = |f(x) g(x)
1
g(x) +
1
g(x)
1

2
|
= |(f(x)
1
) g(x) +
1
(g(x)
2
)|
|(f(x)
1
) g(x)| +|
1
(g(x)
2
)|
= |f(x)
1
| |g(x)| +|
1
| |g(x)
2
|
<

2(M + 1)
M +|
1
|

2(|
1
| + 1)
<

2
+

2
= ,
4.5 Operazioni sui limiti 103
e da ci`o, essendo > 0 arbitrario, segue la tesi.
Quindi, anche nel caso del limite del prodotto di due funzioni, si pu`o dire
che esistono entrambi i limiti delle funzioni f e g e sono numeri reali, il limite
del prodotto di due funzioni `e uguale al prodotto dei loro limiti. Tale regola
non si pu`o estendere in generale al caso in cui i limiti delle due funzioni non
siano entrambi reali.
Si ha tuttavia il seguente risultato.
Teorema 4.5.4 (Secondo teorema sul limite del prodotto)
Se lim
xx
0
f(x) = + e g `e strettamente maggiore di un numero positivo
(rispettivamente, strettamente minore di un numero negativo) in un intorno
di x
0
eccetto al pi` u il punto x
0
(cio`e, esistono r R

+
ed un intorno J
0
di x
0
tali che, per ogni x XJ
0
{x
0
}, g(x) r (rispettivamente, g(x) r)),
allora esiste anche il limite di f g in x
0
e si ha
lim
xx
0
f(x) g(x) = + (rispettivamente, lim
xx
0
f(x) g(x) = ) ).
Dimostrazione. Sia M R e si supponga, come `e lecito, M > 0 (rispettivamente,
M < 0). Poiche lim
xx
0
f(x) = +, esiste un intorno J
1
di x
0
tale che, per ogni
x X J
1
{x
0
}, f(x) > M/r (rispettivamente, f(x) < M/r). Allora, considerato
lintorno J = J
0
J
1
di x
0
, per ogni x X J {x
0
}, si ha
f(x) g(x) >
m
r
r (rispettivamente, f(x) g(x) <
M
r
(r) = M ).
Dallarbitrariet`a di M R segue la tesi.
Si osservi che se lim
xx
0
f(x) = e g `e strettamente maggiore di
un numero positivo (rispettivamente, strettamente minore di un numero
negativo) in un intorno di x
0
eccetto al pi` u il punto x
0
, allora si pu`o ap-
plicare il teorema precedente alle funzioni f e g, tenendo presente che
f g = (f) (g). Conseguentemente si ha lim
xx
0
f(x) g(x) =
(rispettivamente, lim
xx
0
f(x) g(x) = +).
Nel caso in cui esista anche il limite della funzione g e sia uguale ad
2
= 0,
essa verica le ipotesi del teorema precedente a causa della Proposizione 4.2.2,
2., e quindi
Se
1
= + ed
2
R

+
{+} (rispettivamente,
2
R

{}),
esiste il limite di f g in x
0
ed `e uguale a + (rispettivamente, ).
Se
1
= ed
2
R

+
{+} (rispettivamente,
2
R

{}),
esiste il limite di f g in x
0
ed `e uguale a (rispettivamente, +).
104 Capitolo 4: Limiti delle funzioni reali
Se invece accade che uno dei limiti sia innito e laltro sia 0, i teoremi sul
prodotto non consentono di concludere nulla. In questo caso, si dice che il
limite si presenta nella forma indeterminata 0 (+) oppure 0 ().
Si studia a questo punto il comportamento del limite della funzione reci-
proca.
Teorema 4.5.5 (Teorema sul limite della funzione reciproca)
Sia R e si supponga che f : X R sia una funzione reale tale che
lim
xx
0
f(x) = . Si supponga, inoltre, che per ogni x X, f(x) = 0 e si
consideri la funzione reciproca
1
f
: X R (per ogni x X,
1
f
(x) =
1
f(x)
).
Allora:
1. Se R

, si ha lim
xx
0
1
f(x)
=
1

.
2. Se = + oppure = , si ha lim
xx
0
1
f(x)
= 0.
3. Se = 0, si ha lim
xx
0

1
f(x)

= + e inoltre
i) Se f `e positiva in un intorno di x
0
eccetto al pi` u il punto x
0
(cio`e, esiste un intorno J
0
di x
0
tale che, per ogni x X J
0
{x
0
},
f(x) > 0), allora lim
xx
0
1
f(x)
= +.
ii) Se f `e negativa in un intorno di x
0
eccetto al pi` u il punto x
0
(cio`e, esiste un intorno J
0
di x
0
tale che, per ogni x X J
0
{x
0
},
f(x) < 0), allora lim
xx
0
1
f(x)
= .
iii) Se f non verica le condizioni i) e ii) precedenti (cio`e, in ogni
intorno J di x
0
esistono due punti x
1
, x
2
X J
0
{x
0
} tali che
f(x
1
) < 0 < f(x
2
)), allora il limite della funzione reciproca in x
0
non
esiste.
Dimostrazione. 1. Essendo = 0, dalla Proposizione 4.2.2, 2., esistono un numero reale
r > 0 ed un intorno J
0
di x
0
tali che, per ogni x XJ
0
{x
0
}, |f(x)| > r. Sia ora R

+
e si consideri un intorno J
1
di x
0
tale che, per ogni x XJ
1
{x
0
}, |f(x) | < r || .
Allora, considerato lintorno J = J
0
J
1
di x
0
, per ogni x X J {x
0
}, si ha

1
f(x)

1

=
|f(x) |
|f(x)| ||

|f(x) |
r ||

r ||
r ||
=
e ci`o, essendo R

+
arbitrario, completa la dimostrazione del primo caso.
4.5 Operazioni sui limiti 105
2. Sia R

+
. Sia nel caso = +oppure = , si ha comunque lim
xx
0
|f(x)| = +
e pertanto, posto M = 1/, esiste un intorno J di x
0
tale che, per ogni x X J {x
0
},
|f(x)| > M. Osservato che M > 0, si ha, per ogni x X J {x
0
},

1
f(x)

1
M
=
e da ci`o, essendo R

+
arbitrario, segue il caso 2.
3. Si dimostra innanzitutto che lim
xx
0
|1/f(x)| = +. Infatti, sia M > 0 e si ponga
= 1/M; poich`e lim
xx
0
f(x) = 0, esiste un intorno J di x
0
tale che, per ogni x
X J {x
0
}, |f(x)| , da cui |1/f(x)| 1/ = M. Dallarbitrariet`a di M > 0, segue
la prima parte della tesi.
noindent i) Si supponga ora che esista un intorno J
0
di x
0
tale che, per ogni x
X J
0
{x
0
}, f(x) > 0. Allora, poich`e f e |f| coincidono in X J
0
{x
0
}, da quan-
to dimostrato preliminarmente e dal carattere locale del limite segue lim
xx
0
1/f(x) =
lim
xx
0
|1/f(x)| = +.
ii) Si dimostra in maniera analoga al caso precedente (tenendo presente che in questo caso
f = |f| in X J
0
{x
0
}.
iii) Si supponga, per assurdo, che il limite della funzione reciproca esista e sia uguale ad
un numero
1
R. Dalla Proposizione 4.2.2, 2., se fosse
1
R

+
+, la funzione f veri-
cherebbe lipotesi i), mentre se fosse
1
R

+
, la funzione f vericherebbe lipotesi
ii). Quindi dovr`a essere necessariamente
1
= 0. Da quanto dimostrato preliminarmente,
segue
lim
xx
0
|f(x)| = lim
xx
0
1
|1/f(x)|
= +
e ci`o contraddice il fatto che lim
xx
0
f(x) = 0.
Quando il limite della funzione `e 0 e si vuole calcolare il limite della
funzione reciproca, `e dunque necessario studiare il segno della funzione f (o
equivalentemente della reciproca di f) in un intorno del punto x
0
per poter
decidere in quale sottocaso ci si trova.
Il Teorema 4.5.5 consente di concludere in ogni caso come si comporta
il limite della funzione reciproca; non vi sono quindi forme indeterminate a
tale proposito.
Si esamina ora il caso del quoziente di due funzioni.
In questo caso, essendo f/g = f (1/g), dallo studio del limite della
funzione reciproca e da quello del limite del prodotto di due funzioni, si
deduce direttamente il comportamento del limite della funzione quoziente.
Tuttavia, tali teoremi non consentono di determinare il comportamento
della funzione quoziente in tutti i possibili casi; infatti, se le funzioni f e g
tendono entrambe a 0 oppure entrambe a , non si pu`o prevedere nulla.
In tali casi si dice che il limite del quoziente si presenta in una delle seguenti
forme indeterminate
0
0
,
+
+
,
+

,

+
,

, .
106 Capitolo 4: Limiti delle funzioni reali
Tutti i risultati esposti valgono anche per i limiti sinistri (rispettivamente,
destri) nel caso in cui x
0
sia un punto di accumulazione a sinistra (rispettiva-
mente, a destra), purche si sostituiscano gli intorni di x
0
con intorni sinistri
(rispettivamente, destri) tanto negli enunciati quanto nelle dimostrazioni.
Si considera inne il caso delle funzioni composte.
Teorema 4.5.6 (Limite delle funzioni composte)
Siano X e Y sottoinsiemi non vuoti di R ed f : X R e g : Y R
funzioni reali tali che f(X) Y . Sia x
0
un punto di accumulazione per X e
si supponga che:
1. lim
xx
0
f(x) = y
0
, con y
0
R punto di accumulazione per Y .
2. Esiste un intorno J
0
di x
0
tale che, per ogni x XJ
0
{x
0
}, f(x) =
y
0
.
3. lim
yy
0
g(y) = , con R.
Allora, la funzione composta g f : X R `e dotata di limite in x
0
e si
ha
lim
xx
0
(g f)(x) = .
Dimostrazione. Sia I un intorno di . Dallipotesi 3. segue lesistenza di un intorno I

di
y
0
tale che, per ogni y Y I

{y
0
}, g(y) I. Poiche I

I(y
0
), dallipotesi 1. esiste un
intorno J
1
di x
0
tale che, per ogni x X J
1
{x
0
}, f(x) I

. Si consideri ora lintorno


J = J
0
J
1
di x
0
, dove J
0
`e lintorno previsto nellipotesi 2. Per ogni x X J {x
0
},
si ha f(x) Y (in quanto f(X) Y ), f(x) I

(in quanto x X J
1
{x
0
}) e,
inne, f(x) = y
0
(in quanto x X J
0
{x
0
}). Quindi, risulta f(x) Y I

{y
0
} e
conseguentemente (g f)(x) = g(f(x)) I. Dallarbitrariet`a dellintorno I di , segue la
tesi.
Lipotesi 2. `e automaticamente soddisfatta se y
0
= , e non `e neces-
saria nel caso in cui y
0
Y e lim
yy
0
g(y) = g(y
0
) (cio`e, come si vedr`a in
seguito, g `e continua in y
0
).
Formalmente, applicare il teorema precedente signica eettuare la sosti-
tuzione y = f(x) e tener conto del fatto che y y
0
quando x x
0
. Tale
modo di esprimersi `e molto frequente nelle applicazioni; tuttavia, bisogna
sempre vericare la condizione y = y
0
in un intorno di x
0
.
4.6 Limiti delle funzioni monotone
Le funzioni monotone hanno propriet`a molto interessanti riguardo lesistenza
dei limiti sinistri e destri, evidenziate dal risultato seguente.
4.6 Limiti delle funzioni monotone 107
Teorema 4.6.1 (Teorema sul limite delle funzioni monotone)
Siano X un sottoinsieme non vuoto di R, x
0
R un punto di accumulazione
a sinistra (rispettivamente, a destra) per X ed f : X R una funzione reale
monotona. Allora, esiste il limite sinistro (rispettivamente, destro) di f in
x
0
si ha:
1. Se f `e crescente:
lim
xx

0
f(x) = sup
xX, x<x
0
f(x) , ( lim
xx
+
0
f(x) = inf
xX, x>x
0
f(x) );
2. Se f `e decrescente:
lim
xx

0
f(x) = inf
xX, x<x
0
f(x) , ( lim
xx
+
0
f(x) = sup
xX, x>x
0
f(x) ).
Dimostrazione. Si considera per brevit`a solamente il caso 1. in cui f `e crescente (il
caso 2. pu`o essere dedotto dal caso 1. applicato alla funzione f). Si ponga, per brevit`a,
= sup
xX, x<x
0
f(x) (rispettivamente, = inf
xX, x>x
0
f(x). Si supponga dapprima
che = + (rispettivamente, = ). Dunque, in questo caso la funzione non `e
limitata superiormente a sinistra di x
0
. Per dimostrare che lim
xx

0
f(x) = +, si ssi
M R; da quanto osservato, M non pu`o essere un maggiorante di f(X] , x
0
[) e
quindi deve esistere x
1
X, x
1
< x
0
tale che M < f(x
1
). Per ogni x X]x
1
, x
0
[, dalla
crescenza di f, si ha M < f(x
1
) f(x). Ci`o, per larbitrariet`a di M R, dimostra che
lim
xx

0
f(x) = +.
Nel caso rispettivo la funzione f non `e limitata inferiormente a destra di x
0
. Pertanto,
ssato M R, esso non pu`o essere un minorante di f(X]x
0
, +[) e quindi deve esistere
x
1
X, x
0
< x
1
tale che f(x
1
) < M. Allora, per ogni x X]x
0
, x
1
[, si ha, dalla crescenza
di f, f(x) f(x
1
) < M. Per larbitrariet`a di M R, deve essere lim
xx
+
0
f(x) = .
Si supponga ora R e si ssi R

+
; dalla seconda propriet`a dellestremo superiore,
esiste x
1
X, x
1
< x
0
tale che < f(x
1
). Per ogni x X]x
1
, x
0
[, si ha da un lato
x
1
< x per cui, dalla crescenza di f, < f(x
1
) f(x) e dallaltro x < x
0
per cui, dalla
prima propriet`a dellestremo superiore, f(x) < +. Quindi, per ogni x X]x
1
, x
0
[,
si ha < f(x) < + e ci`o, per larbitrariet`a di R

+
, comporta lim
xx

0
f(x) = .
Nel caso rispettivo si procede in modo analogo usando le propriet`a dellestremo infe-
riore.
In ogni caso, il teorema precedente garantisce lesistenza del limite sinistro
e destro per una funzione monotona in tutti i punti reali di accumulazione a
sinistra e a destra.
Se, invece, il punto x
0
`e di accumulazione sia a sinistra che a destra, si
ha il seguente risultato.
Corollario 4.6.2 Siano X un sottoinsieme non vuoto di R, x
0
R un punto
di accumulazione sia a sinistra che a destra per X ed f : X R una funzione
reale monotona. Allora, esistono i limiti sinistro e destro di f in x
0
e si ha
lim
xx

0
f(x) R , lim
xx
+
0
f(x) R . (4.6.1)
108 Capitolo 4: Limiti delle funzioni reali
Inoltre, se f `e crescente (rispettivamente, decrescente) si ha:
lim
xx

0
f(x) lim
xx
+
0
f(x) (rispettivamente, lim
xx

0
f(x) lim
xx
+
0
f(x) ), (4.6.2)
e in pi` u, se x
0
X, si ha anche
lim
xx

0
f(x) f(x
0
) lim
xx
+
0
f(x) (4.6.3)
(rispettivamente, lim
xx

0
f(x) f(x
0
) lim
xx
+
0
f(x) ).
Dimostrazione. . Si supponga f crescente. Per ogni x
1
, x
2
X tali che x
1
< x
0
< x
2
(tali elementi esistono in quanto x
0
`e di accumulazione sia a sinistra che a destra), si ha
f(x
1
) f(x
2
); dallarbitrariet`a di x
1
X, x
1
< x
0
, risulta anche sup
xX, x<x
0
f(x)
f(x
2
) (conseguentemente tale estremo superiore `e reale) e da questultima, essendo x
2
X,
x
0
< x
2
arbitrario, segue sup
xX, x<x
0
f(x) inf
xX, x>x
0
f(x). Dal Teorema 4.6.1 segue
la (4.6.2). Inne, se x
0
X, si pu`o osservare che, per ogni x X, x < x
0
, si ha
f(x) f(x
0
) da cui la prima delle (4.6.3) e inoltre, per ogni x X, x
0
< x, si ha
f(x
0
) f(x) da cui la seconda delle (4.6.3).
Ovviamente, anche se `e garantita sia lesistenza del limite sinistro che
destro in un punto x
0
di accumulazione sia a sinistra che a destra, non si pu`o
dire nulla per quanto riguarda lesistenza del limite in x
0
; il limite esiste se e
solo se i limiti da destra e da sinistra coincidono e, in tal caso, dalla (4.6.3)
segue anche
lim
xx
0
f(x) = f(x
0
) . (4.6.4)
Quindi una funzione monotona denita in un punto x
0
di accumulazione
sia a sinistra che a destra, non pu`o avere in x
0
un limite diverso dal valore
f(x
0
). Se il punto x
0
non `e di accumulazione sia a sinistra che a destra,
questo non vale pi` u; ad esempio, basta considerare la funzione crescente
f(x) =
_
x 1 , x [1, 0[ ;
0 , x = 0 ,
nel punto x
0
= 0.
Nel caso in cui x
0
= , si ha il seguente risultato analogo al Teorema
4.6.1; la dimostrazione `e del tutto analoga a quella del Teorema 4.6.1 e viene
omessa per brevit`a.
Teorema 4.6.3 Siano X un sottoinsieme di R non limitato superiormente
(rispettivamente, inferiormente) ed f : X R una funzione reale monotona.
Allora esiste il limite di f in + (rispettivamente, in ) e si ha:
4.7 Limiti delle funzioni elementari 109
1. Se f `e crescente:
lim
x+
f(x) = sup
xX
f(x) (rispettivamente, lim
x
f(x) = inf
xX
f(x) ).
2. Se f `e decrescente:
lim
x+
f(x) = inf
xX
f(x) (rispettivamente, lim
x
f(x) = sup
xX
f(x) ).
In Figura 4.1 `e rappresentata una funzione decrescente denita in tutto
R che ha limite + in ed un limite reale in +.
x
y
l
Figura 4.1: Limiti di una funzione monotona.
4.7 Limiti delle funzioni elementari
Visto il carattere locale del limite, il Teorema 4.6.1 studiato nella sezione
precedente pu`o essere applicato pi` u in generale a funzioni monotone in un
intorno sinistro o destro del punto x
0
nel caso in cui x
0
sia reale oppure in
un intorno di + o nel caso in cui x
0
= + o x
0
= .
In tal modo `e possibile calcolare i limiti delle funzioni elementari nei punti
di accumulazione per linsieme di denizione. Si elencano ora brevemente tali
limiti.
110 Capitolo 4: Limiti delle funzioni reali
4.7.1 Funzioni potenza ad esponente intero positivo
Si consideri la funzione potenza f
n
: R R. Allora
Se x
0
R, si ha lim
xx
0
x
n
= x
n
0
.
Se x
0
= +, si ha lim
x+
x
n
= +.
Se x
0
= , si ha lim
x
= + se n `e pari e lim
x
x
n
= se n `e
dispari.
Basta infatti applicare quanto osservato preliminarmente osservando che
n `e dispari la funzione potenza `e strettamente crescente, mentre n `e pari `e
strettamente crescente in [0, +[ e strettamente decrescente in ] , 0]. In
tutti i punti reali, si possono cos` ricavare i limiti sinistri e destri; poiche
questi coincidono, si ottiene il limite della funzione.
Lo stesso tipo di ragionamento si applica anche nei casi che seguono.
4.7.2 Funzioni radice
Si consideri la funzione radice f
1/n
. Allora:
Se x
0
R
+
, si ha lim
xx
0
x
1/n
= x
1/n
0
. Se n `e dispari, la stessa uguaglianza
vale per ogni x R.
Se x
0
= +, si ha lim
x+
x
1/n
= +. Se n `e dispari, si ha anche
lim
x
x
1/n
= .
4.7.3 Funzioni potenza ad esponente intero negativo
Si consideri la funzione potenza ad esponente intero negativo f
n
: R

R.
Allora
Se x
0
R

, si ha lim
xx
0
1/x
n
= 1/x
n
0
Se x
0
= 0 ed n `e pari, si ha lim
x0
1/x
n
= +. Se n `e dispari, si
ha lim
x0
+
1/x
n
= + e lim
x0

1/x
n
= ; conseguentemente, il limite
lim
x0
1/x
n
non esiste
Se x
0
= + oppure x
0
= , si ha lim
x
1/x
n
= 0.
4.7 Limiti delle funzioni elementari 111
4.7.4 Funzioni potenza ad esponente reale
Si consideri la funzione potenza ad esponente reale f
r
: R

+
R con r R.
Allora
Se x
0
R

+
, si ha lim
xx
0
x
r
= x
r
0
.
Se x
0
= 0 ed r > 0, si ha lim
x0
x
r
= 0 (= x
r
0
). Se r < 0, si ha lim
x0
x
r
=
+.
Se x
0
= + ed r > 0, si ha lim
x+
x
r
= +. Se r < 0, si ha invece
lim
x+
x
r
= 0.
4.7.5 Funzioni esponenziali
Sia a > 0, a = 1 e si consideri la funzione esponenziale exp
a
: R R. Allora
Se x
0
R, si ha lim
xx
0
a
x
= a
x
0
.
Se x
0
= + ed a > 1, si ha lim
x+
a
x
= +. Se 0 < a < 1, si ha invece
lim
x+
a
x
= 0.
Se x
0
= ed a > 1, si ha lim
x
a
x
= 0. Se 0 < a < 1, si ha
lim
x
a
x
= +.
4.7.6 Funzioni logaritmo
Sia a > 0, a = 1 e si consideri la funzione logaritmo log
a
: R

+
R. Allora
Se x
0
R

+
, si ha lim
xx
0
log
a
x = log
a
x
0
.
Se x
0
= 0 ed a > 1, si ha lim
x0
log
a
x = . Se 0 < a < 1, si ha invece
lim
x0
log
a
x = +.
Se x
0
= + ed a > 1, si ha lim
x+
log
a
x = +. Se 0 < a < 1, si ha
lim
x+
log
a
x = .
112 Capitolo 4: Limiti delle funzioni reali
4.7.7 Funzioni trigonometriche
Per quanto riguarda le funzioni seno, coseno, tangente e cotangente, la pro-
priet`a di monotonia non `e vericata in un intorno di alcuni punti ed il cor-
rispondente limite non esiste. Per il momento ci si limita a segnalare tale
eventualit`a, in quanto la relativa dimostrazione sar`a molto pi` u semplice come
applicazione della caratterizzazione sequenziale del limite (Teorema 5.1.3).
Se x
0
R, si ha lim
xx
0
sin x = sin x
0
. Se x
0
= + oppure x
0
= , il
limite lim
x
sin x non esiste.
Se x
0
R, si ha lim
xx
0
cos x = cos x
0
. Se x
0
= + oppure x
0
= , il
limite lim
x
cos x non esiste.
Se x
0
R, x
0
= /2 + k, k Z, si ha lim
xx
0
tan = tan x
0
. Se x
0
=
/2+k con k Z, il limite non esiste e si ha lim
x/2+k

tan x = + e
lim
x/2+k
+
tan x = . Inne, se x
0
= + oppure x
0
= , il limite
della tangente in x
0
non esiste.
Se x
0
R, x
0
= k, k Z, si ha lim
xx
0
cot x = cot x
0
. Se x
0
= k con
k Z, il limite non esiste e si ha lim
xk

cot x = e lim
xk
+
cot x = +.
Inne, se x
0
= + oppure x
0
= , il limite della cotangente in x
0
non esiste.
4.7.8 Funzioni trigonometriche inverse
Inne, si considerano le funzioni arcoseno, arcocoseno, arcotangente e arco-
cotangente. Allora
Se x
0
[1, 1], si ha lim
xx
0
arcsin x = arcsin x
0
.
Se x
0
[1, 1], si ha lim
xx
0
arccos x = arccos x
0
.
Se x
0
R, si ha lim
xx
0
arctan x = arctan x
0
. Se x
0
= +, allora
lim
x+
arctan x = /2 e inne, se x
0
= , si ha lim
x
arctan x =
/2.
Se x
0
R, si ha lim
xx
0
arccot x = arccot x
0
. Se x
0
= +, allora
lim
x+
arccot x = 0 e inne, se x
0
= , si ha lim
x
arccot x = .
4.8 Limiti di polinomi e funzioni razionali 113
4.8 Limiti di polinomi e funzioni razionali
Le operazioni sui limiti applicate alle funzioni elementari consentono il cal-
colo dei limiti nella maggior parte dei casi in cui non si presentano forme
indeterminate.
Conoscendo i limiti delle funzioni potenza ad esponente intero positivo, `e
immediato calcolare il limite di un polinomio. Tale limite ha senso per ogni
x
0
R in quanto i polinomi sono deniti in tutto R.
Sia P(x) = a
0
+ + a
n
x
n
con a
0
, . . . , a
n
R, a
n
= 0, un polinomio di
grado n. Allora
1. Se x
0
R, si ha lim
xx
0
P(x) = P(x
0
).
2. Se x
0
= , si ha
lim
x+
P(x) = lim
x+
a
n
x
n
=
_
+ , se a
n
> 0 ;
, se a
n
< 0 ;
lim
x
P(x) = lim
x
a
n
x
n
=
_
+, se (1)
n
a
n
> 0 ;
, se a
n
< 0 ;
(si osservi che (1)
n
a
n
> 0 se n e pari e a
n
> 0 oppure se n `e dispari
e a
n
< 0). Lultima uguaglianza si ottiene facilmente mettendo in
evidenza il termine a
n
x
n
(si ottiene il limite del prodotto di due funzioni
di cui una `e un innito e laltra tende ad 1).
Un altro caso abbastanza semplice e di notevole interesse `e quello delle
funzioni razionali.
Siano P : R R un polinomio di grado n e Q : R R un polinomio di
grado m aventi la forma
P(x) = a
0
+ + a
n
x
n
, Q(x) = b
0
+ + b
m
x
m
,
con a
n
= 0 e b
m
= 0.
Posto X = {x R | Q(x) = 0}, si considera la funzione razionale R :
X R denita ponendo, per ogni x X,
R(x) =
P(x)
Q(x)
Poiche X dierisce da R al pi` u per un numero nito di punti, tutti gli
elementi di R sono di accumulazione per X.
114 Capitolo 4: Limiti delle funzioni reali
Ha senso quindi considerare il limite
lim
xx
0
P(x)
Q(x)
per ogni x
0
R ed anche per x
0
= .
Di seguito, si considerano i diversi casi che si possono presentare, che
si ottengono tutti applicando i teoremi sul limite della funzione reciproca
(Teorema 4.5.5) e sul prodotto (Teoremi 4.5.34.5.4) di due funzioni.
1. Caso x
0
X. In questo caso si ha x
0
R, Q(x
0
) = 0 e conseguente-
mente
lim
xx
0
P(x)
Q(x)
=
P(x
0
)
Q(x
0
)
.
2. Caso x
0
R, Q(x
0
) = 0. Si suppone, inoltre, che P(x
0
) = 0 in quanto,
se fosse anche P(x
0
) = 0, il rapporto P(x)/Q(x) si potrebbe scrivere
nella forma
P(x)
Q(x)
=
(x x
0
) P
1
(x)
(x x
0
) Q
1
(x)
=
P
1
(x)
Q
1
(x)
,
con P
1
e Q
1
polinomi opportuni di grado n1 e rispettivamente m1
ed il limite si ricondurrebbe a quello del rapporto tra i polinomi P
1
e
Q
1
; tale procedimento si potrebbe reiterare no a trovare almeno uno
dei due polinomi diverso da 0 in x
0
.
Premesso ci`o, nel caso Q(x
0
) = 0 e P(x
0
) = 0, la funzione reciproca
tende a 0 e quindi, per il Teorema 4.5.5, `e necessario studiare il segno del
rapporto P(x)/Q(x) in un intorno del punto x
0
. Poiche una funzione
razionale cambia segno al pi` u un numero nito di volte (in quanto cos`
si comportano i polinomi al numeratore ed al denominatore), si hanno
i seguenti casi possibili:
i) Se in un intorno del punto x
0
, il rapporto P(x)/Q(x) `e positivo,
si ha
lim
x
t
ox
0
P(x)
Q(x)
= + .
ii) Se in un intorno del punto x
0
, il rapporto P(x)/Q(x) `e negativo,
si ha
lim
x
t
ox
0
P(x)
Q(x)
= .
iii) Se il rapporto P(x)/Q(x) cambia segno nel punto x
0
, il limite
lim
x
t
ox
0
P(x)
Q(x)
non esiste.
4.9 Limiti notevoli 115
In questo caso, tuttavia, il rapporto P(x)/Q(x) `e necessariamente po-
sitivo in un intorno sinistro di x
0
e negativo in un intorno destro di x
0
oppure viceversa (in quanto una funzione razionale pu`o cambiare segno
un numero nito di volte) e quindi si ha
lim
x
t
ox

0
P(x)
Q(x)
= + , lim
x
t
ox
+
0
P(x)
Q(x)
=
oppure
lim
x
t
ox

0
P(x)
Q(x)
= , lim
x
t
ox
+
0
P(x)
Q(x)
= +.
3. Caso x
0
= + oppure x
0
= . Mettendo in evidenza al numera-
tore ed al denominatore del rapporto P(x)/Q(x) il termine di grado
massimo (a
n
x
n
e b
m
x
m
, rispettivamente), si ottiene facilmente
lim
x
t
o
P(x)
Q(x)
= lim
x
t
o
a
n
x
n
b
m
x
m
e da questultima uguaglianza `e immediato ottenere il risultato del
limite (si evita per brevit`a di scrivere tutti i possibili sottocasi).
4.9 Limiti notevoli
I teoremi sui limiti esaminati no ad ora non sono applicabili nel caso in cui si
presenti una forma indeterminata; le forme indeterminate che si presentano
solitamente possono essere riassunte come segue:
Forme indeterminate della somma di due funzioni: +, +;
Forme indeterminate del prodotto di due funzioni: 0 (), 0;
Forme indeterminate del quoziente di due funzioni:
0
0
,

;
Forme indeterminate delle potenze di due funzioni:
1
0
0
, +
0
, 1

.
1
Tali forme indeterminate derivano dai limiti del tipo lim
xx
0
f(x)
g(x)
(con f stret-
tamente positiva) che si possono scrivere al modo seguente: lim
xx
0
exp(g(x) log f(x)).
Pertanto, tali limiti vengono ricondotti al limite del prodotto lim
xx
0
g(x) log f(x) per
il quale si possono presentare le forme indeterminate del prodotto viste sopra; tenendo
presente che log f(x) tende a + in +, a in 0 ed a 0 in 1, le forme indeterminate
del prodotto si presentano nei seguenti casi: 1) f tende a 0 e g tende a 0; 2) f tende a
+ e g tende a 0; 3) f tende a 1 e g tende a .
116 Capitolo 4: Limiti delle funzioni reali
I tentativi che si possono eettuare per risolvere un limite che si presenta
in una delle forme indeterminate elencate sopra sono di vario genere; tra i
metodi pi` u semplici vi sono lutilizzo dei limiti notevoli, oppure della teoria
degli innitesimi e degli inniti, della regola di LHopital e della formula di
Taylor.
Nella presente sezione ci si occupa dei limiti notevoli, mentre nella pros-
sima della teoria degli innitesimi e degli inniti.
Lutilizzo della regola di lHopital e della formula di Taylor richiede invece
la conoscenza del calcolo dierenziale.
Si elencano ora i limiti notevoli pi` u comunemente utilizzati.
1. lim
x0
sin x
x
= 1.
Infatti, sia 0 < x < /2. Da semplici considerazioni geometriche, si ha: sinx
x tan x (infatti, il triangolo OAP di area sin x/2 `e contenuto nel settore circolare
OAP di area x/(2) = x/2 il quale a sua volta `e contenuto nel triangolo OAQ di
area tan x/2 e confrontare le rispettive aree; vedasi la Figura 4.2).
E
T
O 1
B
x
A
P
Q
tan x
sinx
.
..........................
..........................
..........................
...........................
..........................
..........................
.........................
........................
........................
.........................
..........................
..........................
...........................
..........................
..........................
.......................... ..........................
..........................
..........................
...........................
..........................
..........................
.........................
........................
........................
.........................
..........................
..........................
...........................
..........................
..........................
..........................
.
......................
......................
......................
......................
......................
.....................
Figura 4.2: Limite notevole sinx/x in 0.
Considerando i reciproci delle diseguaglianze precedenti e moltiplicando tutti i mem-
bri per sin x, si ha cos x
sin x
x
1. Poich`e le funzioni a primo, secondo e terzo
membro sono tutte pari, la stessa diseguaglianza vale se /2 < x < 0. Dal pri-
mo teorema di confronto (Teorema 4.4.1), tenendo presente che lim
x0
cos x = 1
(vedasi la Sezione 4.7.7, si deduce allora la tesi.
2. lim
x0
tan x
x
= 1.
Infatti, tenendo presente il limite 1. precedente,
lim
x0
tan x
x
= lim
x0
sin x
x

1
cos x
= 1
4.9 Limiti notevoli 117
.
3. lim
x0
1 cos x
x
2
=
1
2
.
Infatti, tenendo presente il limite 1. precedente,
lim
x0
1 cos x
x
2
= lim
x0
(1 cos x)(1 + cos x)
x
2
(1 + cos x)
=
1
2
lim
x0
1 cos
2
x
x
2
=
1
2
lim
x0
_
sin x
x
_
2
=
1
2
.
4. lim
x0
arcsin x
x
= 1.
Infatti, posto y = arcsin x (da cui x = sin y) e osservato che y 0 per x 0 e
inoltre che arcsin x = 0 per ogni x [1, 1] {0}, si pu`o applicare il teorema sul
limite delle funzioni composte (Teorema 4.5.6) dal quale si ricava lim
x0
arcsin x
x
=
lim
y0
y
sin y
= 1.
5. lim
x0
arctan x
x
= 1.
Si procede come nel caso precedente ponendo y = arctan x;dal teorema sul limite
delle funzioni composte (Teorema 4.5.6) si ottiene lim
x0
arctan x
x
= lim
y0
y
tan y
= 1.
Come si pu`o facilmente constatare, i limiti notevoli 2.5. si ottengono
tutti dal limite notevole 1. applicando i teoremi sulle varie operazioni sui
limiti. Si studia ora un altro limite notevole dal quale sar`a possibile derivarne
diversi altri.
Innanzitutto, `e necessaria una breve premessa riguardante i limiti di
successioni che saranno approfonditi nel capitolo seguente.
Sia (a
n
)
nN
una successione di numeri reali. Essa pu`o essere riguardata
come una funzione reale denita in N; poiche non vi sono punti di accumu-
lazione reali per N ed N non `e limitato superiormente, lunico punto in cui
ha senso considerare il limite di una successione `e +. In conformit`a con le
notazioni assunte per le successioni, tale limite, se esiste, viene denotato con
il simbolo
lim
n+
a
n
.
Ovviamente, tutti i teoremi visti sui limiti di funzioni valgono anche per
i limiti di successioni. In particolare, dal teorema sul limite delle funzioni
monotone, si ottiene che ogni successione (a
n
)
nN
crescente (rispettivamente,
decrescente) `e dotata di limite e si ha
lim
n+
a
n
= sup
nN
a
n
(rispettivamente, lim
n+
a
n
= inf
nN
a
n
).
118 Capitolo 4: Limiti delle funzioni reali
In particolare, si `e visto che la successione ((1 + 1/n)
n
)
n1
, utilizzata per
denire il numero di Nepero, `e strettamente crescente (Proposizione 1.6.2) e
pertanto, da quanto osservato, si ottiene il seguente limite notevole.
6. lim
n+
_
1 +
1
n
_
n
= e .
Come per il limite notevole 1., anche ora se ne possono ottenere altri
derivati.
7. lim
x+
_
1 +
1
x
_
x
= e .
La dierenza rispetto al limite precedente consiste nel fatto che ora la funzione di
cui si considera il limite x (x +1/x)
x
`e denita in ] , 1[]0, +[ e non solo
sui numeri naturali.
Per ogni x 1, tenendo presente che [x] x < [x] +1 ([x] denota la parte intera di
x), si ha
_
1 +
1
[x] + 1
_
[x]

_
1 +
1
x
_
x

_
1 +
1
[x]
_
[x]+1
e inoltre, dal limite precedente,
lim
x+
_
1 +
1
[x] + 1
_
[x]
= lim
n+
_
1 +
1
n + 1
_
n
= lim
n+
_
1 +
1
n + 1
_
n+1

1
1 +
1
n + 1
= e ,
lim
x+
_
1 +
1
[x]
_
[x]+1
= lim
n+
_
1 +
1
n
_
n+1
= lim
n+
_
1 +
1
n
_
n
_
1 +
1
n
_
= e .
Allora, dal primo teorema di confronto per i limiti (Teorema 4.4.1 si ottiene la tesi.
8. lim
x
_
1 +
1
x
_
x
= e .
Si osserva innanzitutto che ha senso considerare tale limite in quanto per x < 1,
la base 1 + 1/x `e strettamente positiva. Si ha poi, per ogni x < 1,
_
1 +
1
x
_
x
=
_
1
1
|x|
_
|x|
=
_
|x|
|x| 1
_
|x|
=
_
|x| 1 + 1
|x| 1
_
|x|
=
_
1 +
1
|x| 1
_
|x|
=
_
1 +
1
|x| 1
_
|x|1
_
1 +
1
|x| 1
_
.
e quindi, posto y = |x|1 e osservato che y +per x , dal limite notevole
precedente si ottiene
lim
x
_
1 +
1
x
_
x
= lim
y+
_
1 +
1
y
_
y
_
1 +
1
y
_
= e .
4.9 Limiti notevoli 119
9. Per ogni a = 0: lim
x+
_
1 +
a
x
_
x
= e
a
, lim
x
_
1 +
a
x
_
x
= e
a
.
Infatti, se a > 0,
lim
x
_
1 +
a
x
_
x
= lim
x
_
_
1 +
1
x/a
_
x/a
_
a
lim
y
__
1 +
1
y
_
y
_
a
= e
a
,
dove si `e posto y = x/a.
Se a < 0, si procede come sopra tenendo presente che la sostituzione y = x/a
comporta y .
10. Per ogni c = 0: lim
x0
(1 + cx)
1/x
= e
c
.
Infatti, considerando separatamente i limiti da sinistra e da destra e ponendo y =
1/x, si ha
lim
x0
+
(1 +cx)
1/x
= lim
y+
_
1 +
c
y
_
y
= e
c
,
lim
x0

(1 +cx)
1/x
= lim
y
_
1 +
c
y
_
y
= e
c
,
11. Per ogni c = 0 e per ogni a > 0, a = 1: lim
x0
log
a
(1 + cx)
x
=
c
log a
. In
particolare: lim
x0
log(1 +cx)
x
= c.
Infatti, dal limite notevole precedente,
lim
x0
log
a
(1 +cx)
x
= lim
x0
log
a
(1 +cx)
1/x
= log
a
e
c
= c log
a
e =
c
log a
.
12. Per ogni a > 0, a = 1: lim
x0
a
x
1
x
= log a. In particolare: lim
x0
e
x
1
x
=
1.
Ponendo y = a
x
1, si ha x = log
a
(1 + y) e quindi dal limite notevole precedente
e dal teorema sul limite della funzione reciproca (Teorema 4.5.5), si ha
lim
x0
a
x
1
x
= lim
y0
y
log
a
1 +y
= log a .
13. Per ogni a = 0: lim
x0
(1 + x)
a
1
x
= a.
Si ha, infatti,
lim
x0
(1 +x)
a
1
x
= lim
x0
(1 +x)
a
1
log(1 +x)
log(1 +x)
x
= lim
x0
(1 +x)
a
1
log(1 +x)
.
120 Capitolo 4: Limiti delle funzioni reali
A questo punto, posto y = (1+x)
a
1, si ricava 1+y = (1+x)
a
da cui log(1+y) =
a log(1+x); allora, dal teorema sul limite della funzione reciproca (Teorema 4.5.5),
segue
lim
x0
(1 +x)
a
1
log(1 +x)
= lim
y0
a y
log(1 +y)
= a
e da ci`o la tesi.
4.10 Innitesimi ed inniti
La teoria che si vuole esporre nella presente sezione risulta utile per risolvere
gran parte dei limiti in cui compare una forma indeterminata ed in cui non
possono essere utilizzati direttamente i teoremi sui limiti studiati no ad ora.
Si considera ssato in tutto il seguito un sottoinsieme non vuoto X di R
ed un punto x
0
R di accumulazione per X.
Inoltre, tutte le funzioni reali f : X R prese in considerazione vericano
la condizione seguente
J
0
I(x
0
) t.c. x X J
0
{x
0
} : f(x) = 0 . (4.10.1)
Sia allora f : X R una funzione reale, si dice che f `e un innitesimo
(rispettivamente, un innito) in x
0
se
lim
xx
0
f(x) = 0 (rispettivamente, lim
xx
0
|f(x)| = +). (4.10.2)
Pertanto, una funzione f `e un innitesimo (rispettivamente, un innito)
in x
0
se e solo se la funzione reciproca 1/f `e un innito (rispettivamente, un
innitesimo) in x
0
(ha senso considerare la funzione reciproca almeno in un
intorno del punto x
0
a causa dellipotesi (4.10.1)).
La denizione successiva `e alla base delle considerazioni svolte nella pre-
sente sezione. Per comodit`a vengono considerate funzioni denite in uno
stesso insieme X, anche se per il carattere locale del limite, si potrebbe
supporre che le funzioni in esame siano denite in insiemi aventi la stessa
intersezione con un intorno di x
0
(privato al pi` u del punto x
0
).
Denizione 4.10.1 Siano f : X R e g : X R due innitesimi
(rispettivamente, inniti) in x
0
. Si dice che:
1. f `e un innitesimo (rispettivamente, un innito) in x
0
di ordine mag-
giore di g se
lim
xx
0
|f(x)|
|g(x)|
= 0 rispettivamente, = +). (4.10.3)
4.10 Innitesimi ed inniti 121
In tal caso si scrive
ord
xx
0
f(x) > ord
xx
0
g(x) .
2. f `e un innitesimo (rispettivamente, un innito) in x
0
di ordine minore
di g se
lim
xx
0
|f(x)|
|g(x)|
= + rispettivamente, = 0 ). (4.10.4)
In tal caso si scrive
ord
xx
0
f(x) < ord
xx
0
g(x) .
3. f `e un innitesimo (rispettivamente, un innito) in x
0
dello stesso or-
dine di g (oppure che f e g sono innitesimi (rispettivamente, inniti)
dello stesso ordine in x
0
) se
lim
xx
0
|f(x)|
|g(x)|
= R

+
. (4.10.5)
Se, in pi` u, `e vericata la condizione
lim
xx
0
f(x)
g(x)
= 1 , (4.10.6)
allora f e g si dicono equivalenti in x
0
. Per denotare la circostanza
in cui f e g siano innitesimi (rispettivamente, inniti) dello stesso
ordine in x
0
si usa la scrittura
ord
xx
0
f(x) = ord
xx
0
g(x) ,
mentre per indicare il fatto che f e g sono innitesimi (rispettivamente,
inniti) equivalenti in x
0
si scrive
f(x) g(x) , x x
0
oppure f(x) equiv
xx
0
g(x) .
4. f e g non sono confrontabili in x
0
se non vericano nessuna delle
condizioni precedenti.
122 Capitolo 4: Limiti delle funzioni reali
Osservazione 4.10.2 Se si suppone che f e g siano due innitesimi (rispet-
tivamente, inniti) in x
0
aventi lo stesso ordine e se esiste il limite
lim
xx
0
f(x)
g(x)
= R

, (4.10.7)
allora la funzione f(x) `e equivalente in x
0
alla funzione g(x)
Bisogna osservare, tuttavia, che la condizione (4.10.5) non comporta, in
generale, lesistenza del limite (4.10.7). Ad esempio, la funzione (1)
[1/x]
/x
`e un innito in 0 dello stesso ordine di 1/x, ma le due funzioni non sono
equivalenti in 0 (infatti, il limite del rapporto delle due funzioni non esiste
mentre in valore assoluto tende ad 1).
Le denizioni assunte no ad ora consentono di confrontare tra loro gli
innitesimi e gli inniti in un punto; il passo successivo `e ora quello di attri-
buire un valore numerico ad alcuni innitesimi ed inniti che saranno presi
come campione, in modo da poter confrontare ogni altro innitesimo o inni-
to con tali valori numerici. Le funzioni pi` u semplici che conviene considerare
come innitesimi ed inniti campione sono precisate di seguito.
Denizione 4.10.3 Sia R

+
. Si denisce innitesimo (rispettivamente,
innito) campione in x
0
di ordine , la funzione
|x x
0
|

, (rispettivamente,
1
|x x
0
|

), se x
0
R ,
1
|x|

, (rispettivamente, |x|

), se x
0
= .
Inoltre, se f : X R `e un innitesimo (rispettivamente, un innito) in
x
0
, si dice che f ha ordine maggiore di (oppure minore, di oppure uguale
ad ) e si scrive
ord
xx
0
f(x) > (oppure ord
xx
0
f(x) < , ord
xx
0
f(x) = )
se f ha ordine maggiore dellinnitesimo (rispettivamente, dellinnito) cam-
pione in x
0
di ordine .
Inne, si dice che f `e un innitesimo (rispettivamente, un innito) in
x
0
di ordine arbitrariamente piccolo (oppure arbitrariamente grande) se f ha
ordine minore (oppure maggiore) di per ogni R

+
.
Lordine di innitesimo o di innito non deve essere considerato come un
numero reale; in molti casi si pu`o solo dire che esso `e maggiore o minore di
un numero R

+
, ma non esiste alcun numero R

+
per cui lordine
sia uguale ad . Gli esempi pi` u importanti da questo punto di vista sono
la funzione logaritmo nei punti 0 e + e la funzione esponenziale nei punti
. Si pu`o dimostrare, infatti, il seguente importante risultato.
4.10 Innitesimi ed inniti 123
Proposizione 4.10.4 Sia a R

+
, a = 1. Allora:
1. La funzione logaritmo log
a
`e un innito in 0 (da destra) di ordine
arbitrariamente piccolo.
2. La funzione logaritmo log
a
`e un innito in + di ordine arbitraria-
mente piccolo.
3. Se a > 1 (rispettivamente, se 0 < < 1), la funzione esponenziale
exp
a
`e un innito (rispettivamente, un innitesimo) in + di ordine
arbitrariamente grande.
4. Se a > 1 (rispettivamente, se 0 < < 1), la funzione esponenziale
exp
a
`e un innitesimo (rispettivamente, un innito) in di ordine
arbitrariamente grande.
Si `e preferito enunciare la proposizione precedente per la sua importan-
za nelle applicazioni. La sua dimostrazione, tuttavia, non viene trattata
a questo punto in quanto sar`a un immediata conseguenza della regola di
LHopital.
4.10.1 Operazioni con innitesimi ed inniti
Lo studio delle operazioni sugli innitesimi ed inniti `e importante nello
studio di un limite a causa della seguente regola di sostituzione.
Proposizione 4.10.5 (Regola di sostituzione)
Siano f
1
, f
2
, g
1
e g
2
innitesimi (rispettivamente, inniti) in x
0
e si supponga
che
f
1
(x) equiv
xx
0
f
2
(x) , g
1
(x) equiv
xx
0
g
2
(x) .
Allora, il limite lim
xx
0
f
1
(x)
g
1
(x)
esiste se e solo se esiste il limite lim
xx
0
f
2
(x)
g
2
(x)
e, in
tal caso, i due limiti coincidono.
Dimostrazione. Ovvia, in quanto dalle ipotesi assunte, segue
lim
xx
0
f
1
(x)
g
1
(x)
= lim
xx
0
f
1
(x)
f
2
(x)
f
2
(x)
g
2
(x)
g
2
(x)
g
1
(x)
= lim
xx
0
f
2
(x)
g
2
(x)
.

Si passa ora ad esaminare il comportamento della somma di due innite-


simi o inniti.
124 Capitolo 4: Limiti delle funzioni reali
Teorema 4.10.6 (Somma di due innitesimi o inniti)
Siano f e g due innitesimi (rispettivamente, inniti) in x
0
. Allora:
1. Se ord
xx
0
f(x) < ord
xx
0
g(x), allora la somma f + g `e un innitesimo
(rispettivamente, un innito) in x
0
e si ha
f(x) + g(x) equiv
xx
0
f(x) (rispettivamente, f(x) + g(x) equiv
xx
0
g(x) ).
2. Se ord
xx
0
f(x) = ord
xx
0
g(x), e se lim
xx
0
f(x)
g(x)
= con R{0} e = 1,
allora la somma f + g `e un innitesimo (rispettivamente, un innito)
in x
0
e si ha
f(x) + g(x) equiv
xx
0
( + 1)g(x) .
3. Se lim
xx
0
f(x)
g(x)
= 1, allora la somma f + g `e un innitesimo in x
0
di ordine maggiore di quello degli innitesimi f e g (rispettivamente,
non `e detto che f +g sia un innito in x
0
; nel caso ci`o accada, lordine
di f + g `e minore di quello degli inniti f e g).
Dimostrazione. 1. Supposto ord
xx
0
f(x) < ord
xx
0
g(x), si ha
lim
xx
0
f(x) +g(x)
f(x)
= lim
xx
0
_
1 +
g(x)
f(x)
_
= 1
(rispettivamente,
lim
xx
0
f(x) +g(x)
g(x)
= lim
xx
0
_
f(x)
g(x)
+ 1
_
= 1 ),
e da ci`o segue la tesi.
2. Nelle ipotesi previste, si ha
lim
xx
0
f(x) +g(x)
( + 1) g(x)
=

+ 1
+
1
+ 1
= 1 .
3. Infatti, se lim
xx
0
f(x)
g(x)
= 1, si ha
lim
xx
0
f(x) +g(x)
g(x)
= 1 + 1 = 0
e analogamente lim
xx
0
f(x)+g(x)
g(x)
= 1 + 1 = 0.
Quindi la somma di due innitesimi (rispettivamente, inniti) non aventi
lo stesso ordine in x
0
, `e equivalente allinnitesimo di ordine minore (rispet-
tivamente, allinnito di ordine maggiore).
4.10 Innitesimi ed inniti 125
Inoltre, nel caso della dierenza di due innitesimi o inniti equivalenti, si
pu`o prevedere il comportamento della somma nel caso in cui le due funzioni
non siano equivalenti (vedasi la 2. del teorema precedente); se ci`o accade, si
pu`o solo aermare la 3. del teorema precedente.
Teorema 4.10.7 (Prodotto di due innitesimi o di due inniti)
Siano f e g due innitesimi (rispettivamente, due inniti) in x
0
. Allora, il
prodotto f g `e un innitesimo (rispettivamente, un innito) in x
0
avente
ordine maggiore sia di f che di g in x
0
.
In particolare, se , R

+
, si ha
ord
xx
0
f(x)
>
<
=
, ord
xx
0
g(x)
>
<
=
ord
xx
0
f(x) g(x)
>
<
=
+ .
Dimostrazione. La dimostrazione `e unovvia conseguenza delle denizioni di ordine e di
innitesimi ed inniti campione.
A titolo di esempio, si considera il caso in cui f sia un innitesimo di ordine maggiore
di , g sia un innitesimo di ordine maggiore di ed il punto x
0
sia reale. In questo caso
lim
xx
0
|f(x) g(x)|
|x x
0
|
+
= lim
xx
0
|f(x)|
|x x
0
|

|g(x)|
|x x
0
|

= 0 ,
cio`e ord
xx
0
f(x) g(x) > +.
In particolare, dal teorema precedente si deduce anche che f `e un inni-
tesimo (rispettivamente, un innito) in x
0
di ordine arbitrariamente piccolo
e se g `e un `e un innitesimo (rispettivamente, un innito) in x
0
di ordine
minore di per un certo R

+
, allora il prodotto f g `e un innitesimo
(rispettivamente, un innito) in x
0
di ordine arbitrariamente piccolo in x
0
.
Analogamente, se f `e un innitesimo (rispettivamente, un innito) in x
0
di ordine arbitrariamente grande e se g `e un `e un innitesimo (rispettivamen-
te, un innito) in x
0
di ordine maggiore di per un certo R

+
, allora il
prodotto f g `e un innitesimo (rispettivamente, un innito) in x
0
di ordine
arbitrariamente grande in x
0
.
Se, invece, vengono moltiplicati un innitesimo ed un innito, si ha il
seguente risultato che si riconosce in maniera analoga.
Teorema 4.10.8 (Prodotto di un innitesimo e di un innito)
Siano f un innitesimo e g un innito in x
0
. Si ha:
1. Se ord
xx
0
f(x) < ord
xx
0
1
g(x)
, allora f g `e un innito in x
0
e si ha
ord
xx
0
f(x) g(x) < ord
xx
0
g(x) ;
in particolare,
ord
xx
0
f(x) = , ord
xx
0
g(x) = ord
xx
0
f(x) g(x) = .
126 Capitolo 4: Limiti delle funzioni reali
2. Se ord
xx
0
f(x) > ord
xx
0
1
g(x)
, allora f g `e un innitesimo in x
0
e
si ha
ord
xx
0
f(x) g(x) < ord
xx
0
f(x) ;
in particolare,
ord
xx
0
f(x) = , ord
xx
0
g(x) = ord
xx
0
f(x) g(x) = .
3. Se f e g hanno lo stesso ordine in x
0
, allora il prodotto f g non `e ne
innitesimo ne innito in x
0
.
Lo studio del quoziente tra due innitesimi e/o inniti in x
0
deriva di-
rettamente dai teoremi precedenti, tenendo presente che dividere per un in-
nitesimo (rispettivamente, un innito) in x
=
equivale a moltiplicare per
linnito (rispettivamente, innitesimo) reciproco in x
0
(ci`o vale anche per
gli innitesimi ed inniti campione).
Osservazione 4.10.9 Nel caso in cui siano noti gli ordini di innitesimo o
di innito in x
0
delle funzioni che gurano in un rapporto, si pu`o utilizzare un
metodo pratico abbastanza semplice per determinare lordine del rapporto.
Innanzitutto si sceglie valutare lordine in termini di innitesimi o inniti in
x
0
. Nel primo caso si addizionano tutti gli ordini degli innitesimi in x
0
che
compaiono al numeratore e degli inniti in x
0
che compaiono al denomina-
tore e a tale numero si sottrae la somma degli ordini degli inniti in x
0
che
compaiono al numeratore e degli innitesimi in x
0
che compaiono al denomi-
natore. Se il numero cos` ottenuto `e strettamente positivo, il rapporto sar`a
un innitesimo in x
0
avente come ordine tale numero, se invece `e strettamen-
te negativo, il rapporto sar`a un innito in x
0
avente come ordine lopposto di
tale numero (lordine in un punto `e sempre un numero strettamente positivo).
Nel secondo caso, si sceglie di valutare gli inniti in x
0
, si addizionano tutti
gli ordini degli inniti in x
0
che compaiono al numeratore e degli innitesimi
in x
0
che compaiono al denominatore e poi si sottrae la somma degli ordini
degli innitesimi in x
0
che compaiono al numeratore e degli inniti in x
0
che
compaiono al denominatore. Se si ottiene un numero strettamente positivo,
il rapporto sar`a un innito in x
0
avente come ordine tale numero, se invece
si ottiene un numero strettamente negativo, il rapporto sar`a un innitesimo
in x
0
avente come ordine lopposto di tale numero.
In altre parole, ad un innitesimo di un certo ordine, viene attribuito un
ordine di innito opposto e analogamente, un innito pu`o essere riguardato
come un innitesimo di ordine opposto. Ad una funzione che non`e ne in-
nitesima n`e innita, ma tende verso un numero reale (diverso da 0) in x
0
,
viene attribuito un ordine di innitesimo e di innito uguale a 0.
4.10 Innitesimi ed inniti 127
Tale metodo `e basato naturalmente sui teoremi sul prodotto e sul quo-
ziente di innitesimi ed inniti.
Inne, si esamina il caso delle funzioni composte.
Teorema 4.10.10 (Funzioni composte di innitesimi o inniti)
Siano X e Y sottoinsiemi di R e siano f : X R e g : Y R funzioni reali.
Si supponga che f(X) Y e si consideri la funzione composta gf : X R.
Siano, inoltre, x
0
R un punto di accumulazione per X e si supponga che
lim
xx
0
f(x) = y
0
, con y
0
R punto di accumulazione per Y .
Se la funzione g `e un innitesimo (rispettivamente, un innito) in y
0
,
allora la funzione composta `e un innitesimo (rispettivamente, un innito)
in x
0
. Inoltre, se , R

+
, si ha:
1. Se y
0
R:
ord
xx
0
(f(x) y
0
)
>
<
=
, ord
xx
0
g(x)
>
<
=
ord
xx
0
g(f(x))
>
<
=
.
2. Se y
0
= :
ord
xx
0
f(x)
>
<
=
, ord
xx
0
g(x)
>
<
=
ord
xx
0
g(f(x))
>
<
=
.
Dimostrazione. Il fatto che la funzione composta sia un innitesimo (rispettivamente,
un innito) in x
0
segue direttamente dal Teorema 4.5.6 sul limite delle funzioni composte.
Per quanto riguarda la parte rimanente, si considera solo il caso x
0
, y
0
R con
ord
xx
0
(f(x) y
0
) = , ord
xx
0
g(x) = ,
essendo la dimostrazione di tutti gli altri casi del tutto analoga.
Nelle ipotesi di sopra, si ha
limx x
0
|g(f(x))|
|x x
0
|

= limx x
0
|g(f(x))|
|f(x) y
0
|

|f(x) y
0
|

|x x
0
|

= limy y
0
|g(y))|
|y y
0
|

lim
xx
0
_
|f(x) y
0
|
|x x
0
|

= 1 ,
e quindi la tesi `e vera.
Capitolo 5
Successioni e serie numeriche
5.1 Limiti di successioni
Nella Sezione 4.9 del Capitolo 4, si `e visto come la denizione generale di
limite pu`o essere applicata anche al caso delle successioni di numeri reali,
potendo queste essere riguardate come funzioni reali denite in N. Avendo
N come unico punto di accumulazione +, ha senso considerare il limite di
una successione (a
n
)
nN
solamente in +; nel caso in cui tale limite esista,
esso viene denotato con uno dei simboli
lim
n+
a
n
, lim
n
a
n
e viene denominato il limite della successione (a
n
)
nN
(si pu`o sottintendere
nel punto + in quanto ci`o non d`a luogo ad equivoci).
Pi` u esplicitamente, una successione (a
n
)
nN
che ammette un limite R,
viene denominata regolare. Nel caso invece in cui non esista il limite, la
successione si dice invece non regolare oppure oscillante. Una successione
regolare che ha come limite un numero reale, si dice convergente; se, invece, ha
come limite +oppure , essa viene denominata divergente positivamente
oppure divergente negativamente.
La propriet`a di una successione di essere convergente, divergente positiva-
mente o negativamente oppure oscillante viene spesso denita come carattere
della successione.
Esplicitamente, una successione (a
n
)
nN
risulta
convergente verso un numero reale se verica la seguente condizione:
> 0 N t.c. n : |a
n
| < ;
130 Capitolo 5: Successioni e serie numeriche
divergente positivamente se verica la seguente condizione:
M R N t.c. n : a
n
> M ;
divergente negativamente se verica la seguente condizione:
M R N t.c. n : a
n
< M .
Ovviamente, il modo in cui `e stato denito il limite di una successione
consente di applicare tutti i risultati gi`a visti per i limiti di una funzione nel
punto +. Tuttavia, alcuni di questi risultati assumono una forma parti-
colare nel caso delle successioni ed altri possono essere espressi utilizzando
le notazioni tipiche delle successioni. Pertanto, si passano brevemente in
rassegna quei risultati che assumono una forma particolare nel caso delle
successioni.
Uno dei risultati che pu`o essere notevolmente migliorato nel caso delle
successioni `e quello che riguarda la locale limitatezza. Infatti, la convergen-
za di una successione comporta la sua limitatezza globale, come di seguito
dimostrato.
Teorema 5.1.1 Sia (a
n
)
nN
una successione di numeri reali. Allora:
1. (Limitatezza delle successioni convergenti)
Se (a
n
)
nN
`e convergente, allora (a
n
)
nN
`e limitata.
2. Se (a
n
)
nN
`e divergente positivamente (rispettivamente, divergente ne-
gativamente), allora (a
n
)
nN
`e limitata inferiormente (rispettivamente,
superiormente).
Dimostrazione. 1) Si denoti con il limite della successione (a
n
)
nN
. Applicando la
denizione di limite con = 1 si trova N tale che, per ogni n , si abbia 1 <
a
n
< + 1. Osservato che linsieme {a
0
, a
1
, . . . , a

} `e nito, si possono ora considerare i


numeri m = min{a
0
, a
1
, . . . , a

, 1}, M = max{a
0
, a
1
, . . . , a

, + 1}. Allora, per ogni


n N, si ha m a
n
M (ci`o si riconosce facilmente distinguendo i casi in cui n e
n ) e ci`o completa la prima parte della dimostrazione.
2) Si supponga che (a
n
)
nN
sia divergente positivamente. Applicando la denizione di
limite con M = 0, si trova N tale che, per ogni n , a
n
> 0. Posto m =
min{a
0
, a
1
, . . . , a

, 0}, si ha, per ogni n N, m a


n
e quindi la successione `e limitata
inferiormente. La dimostrazione del caso rispettivo `e analoga.
Un ulteriore risultato che conviene considerare `e lanalogo del Teorema
4.6.3 sul limite delle funzioni monotone, che nel caso delle successioni si
esprime come segue.
5.1 Limiti di successioni 131
Teorema 5.1.2 (Teorema sul limite delle successioni monotone)
Ogni successione monotona (a
n
)
nN
di numeri reali `e regolare; precisamente,
se (a
n
)
nN
`e crescente (rispettivamente, decrescente), si ha:
lim
n+
a
n
= sup
nN
a
n
, (rispettivamente, lim
n+
a
n
= inf
nN
a
n
). (5.1.1)
Inoltre, se (a
n
)
nN
`e anche limitata, essa risulta convergente.
Dimostrazione. La prima parte della tesi segue dal Teorema 4.6.3. Lultima parte deriva
dalla (5.1.1) e dal fatto che se una successione `e limitata, allora sup
nN
a
n
R (nel caso
rispettivo, inf
nN
a
n
R).
Ovviamente, per il carattere locale del limite, il teorema precedente conti-
nua a valere anche se si suppone che la successione (a
n
)
nN
sia denitivamente
crescente (rispettivamente, denitivamente decrescente); in questo caso, tut-
tavia, se N `e tale che (a
n
)
n
sia crescente (rispettivamente, decrescente),
la (5.1.1) deve essere sostituita con la seguente:
lim
n+
a
n
= sup
n
a
n
, (rispettivamente, lim
n+
a
n
= inf
n
a
n
).
Poiche per le successioni valgono teoremi analoghi a quelli visti per i limiti
di funzioni, i limiti delle successioni possono spesso essere trattati e risolti
nello stesso modo dei limiti di funzioni nel punto +. Nel seguito, tuttavia,
sar`a possibile analizzare alcuni risultati specici per le successioni. Prima
di esaminarli, si studia la seguente caratterizzazione dellesistenza del limite
di una funzione mediante limite di successioni, che costituisce appunto un
legame tra limiti di funzioni e limiti di successioni.
Teorema 5.1.3 (Caratterizzazione sequenziale del limite)
Siano X un sottoinsieme non vuoto di R, x
0
R un punto di accumulazione
per X, f : X R una funzione reale ed R.
Allora, le seguenti proposizioni sono equivalenti:
a) lim
xx
0
f(x) = .
b) Se (a
n
)
nN
`e una successione di elementi di X {x
0
} (cio`e, per ogni
n N, si ha a
n
X{x
0
}) e se lim
n+
a
n
= x
0
, allora lim
n+
f(a
n
) = .
Dimostrazione. a) b) Sia (a
n
)
nN
una successione di elementi di X {x
0
} tale che
lim
n+
a
n
= x
0
. Per dimostrare la b), si ssi un intorno arbitrario I di ; dalla a), si
pu`o considerare un intorno J di x
0
tale che, per ogni x X J {x
0
}, si abbia f(x) I.
Poiche lim
n+
a
n
= x
0
, in corrispondenza dellintorno J di x
0
, deve esistere N tale
132 Capitolo 5: Successioni e serie numeriche
che, per ogni n , risulti a
n
J. Allora, per ogni n , si ha a
n
X J {x
0
} e
conseguentemente f(a
n
) I. Dallarbitrariet`a dellintorno I di , segue la b).
b) a) Si supponga, per assurdo, che la a) sia falsa. Allora, deve esistere un intorno I
di tale che, comunque si consideri un intorno J di x
0
, deve esistere x X J {x
0
}
vericante la condizione f(x) / I. Si ponga ora, per ogni n N,
J
n
=
_

_
]x
0

1
n + 1
, x
0
+
1
n + 1
[ , se x
0
R ;
]n, +[ , se x
0
= +;
] , n[ , se x
0
= .
Per ogni n N, J
n
`e un intorno di x
0
e quindi deve esistere a
n
X J
n
{x
0
} tale che
f(a
n
) / I. Si consideri ora la successione (a
n
)
nN
di elementi di X {x
0
}. Si riconosce
facilmente che essa tende verso x
0
; infatti, per ogni n N, risulta |a
n
x
0
| < 1/(n + 1)
se x
0
R, mentre a
n
> n oppure a
n
< n se x
0
= + oppure x
0
= . Allora, dalla
b) segue che la successione (f(a
n
))
nN
deve tendere verso e ci`o `e assurdo in quanto, per
ogni n N, f(a
n
) / I.
Osservazione 5.1.4 La caratterizzazione precedente viene spesso utilizzata
per dimostrare che un limite assegnato non esiste. A tal ne si pu`o procedere
in vari modi:
1. Si trovano due successioni (a
n
)
nN
e (b
n
)
nN
di elementi di X {x
0
}
tali che lim
n+
a
n
= x
0
e lim
n+
b
n
= x
0
, mentre lim
n+
f(a
n
) =
1
e
lim
n+
f(b
n
) =
2
con
1
=
2
.
In questo caso il limite di f in x
0
non pu`o esistere perche dal Teorema
5.1.3 dovrebbe essere da un lato uguale ad
1
e dallaltro ad
2
e ci`o
contraddice il teorema sullunicit`a del limite.
2. Si trova una successione (a
n
)
nN
di elementi di X{x
0
} che verica la
condizione lim
n+
a
n
= x
0
, mentre il lim
n+
f(a
n
) non esiste. In questo
caso il limite di f in x
0
non pu`o esistere altrimenti, dal Teorema 5.1.3,
dovrebbe coincidere con il limite della successione (f(a
n
))
nN
.
3. Si trova una successione (a
n
)
nN
di elementi di X{x
0
} che verica la
condizione lim
n+
a
n
= x
0
e per cui la successione (f(a
n
))
nN
sia limita-
ta superiormente (rispettivamente, inferiormente), mentre la funzione
non `e limitata superiormente (rispettivamente, inferiormente) in alcun
intorno di x
0
. In questo caso, per la propriet`a di limitatezza locale, il
limite di f in x
0
potrebbe essere solamente +(rispettivamente, )
e ci`o comporterebbe, per il Teorema 5.1.3, che anche la successione
(f(a
n
))
nN
dovrebbe essere divergente positivamente (rispettivamente,
5.1 Limiti di successioni 133
negativamente) in contraddizione con quanto assunto. Le ipotesi so-
pra previste sono soddisfatte se si trova una successione di elementi di
X{x
0
} tendente verso x
0
e in cui il limite `e reale (oppure la funzione
`e limitata) ed unaltra successione tendente verso x
0
di punti di accu-
mulazione per X in ognuno dei quali la funzione `e un innito; in questo
caso la contraddizione deriva dal fatto che avendo trovato una succes-
sione con un limite reale oppure in cui la funzione `e limitata leventuale
limite deve essere esso stesso reale; daltra parte se vi `e una successione
di punti in ognuno dei quali la funzione non `e limitata, la funzione non
risulta limitata in alcun intorno di x
0
in contrasto con la propriet`a di
limitatezza locale (ad esempio, si consideri il limite lim
x+
1/(xcos x) e
le successioni a
n
= 2n e b
n
= /2 + n).
Si considera ora qualche esempio.
Esempi 5.1.5
1. Utilizzando il teorema precedente, si dimostra che il limite
lim
x+
sin x
non esiste.
Infatti, si considerino le successioni (/2 + 2n)
nN
e (3/2 + 2n)
nN
, entrambe
divergenti positivamente. Si ha
lim
n+
sin
_

2
+ 2n
_
= 1 , lim
n+
sin
_
3
2
+ 2n
_
= 1
e quindi, per lOsservazione 5.1.4, 1., il limite in esame non esiste.
2. Pi` u in generale, lesempio precedente dimostra che una funzione perio-
dica non costante non ammette limite nei punti + e . Infatti,
si consideri una funzione f : X R periodica non costante di pe-
riodo > 0 e siano x
1
X e x
2
X tali che f(x
1
) = f(x
2
). Si
considerino le successioni (x
1
+ n)
nN
e (x
2
+ n)
nN
; esse sono en-
trambe divergenti positivamente e inoltre lim
n+
f(x
1
+n) = f(x
1
),
lim
n+
f(x
2
+ n) = f(x
2
) con f(x
1
) = f(x
2
); allora, per lOsserva-
zione 5.1.4, 1., il limite lim
x+
f(x) non pu`o esistere. Per quanto
riguarda il punto , si procede in modo analogo considerando le
successioni (x
1
n)
nN
e (x
2
n)
nN
.
Dal presente risultato si ricava in particolare che le funzioni trigonome-
triche sin, cos, tan e cot non ammettono limite nei punti .
134 Capitolo 5: Successioni e serie numeriche
3. Si studi il limite
lim
x
tan
2
x + 1
x
2
.
Si consideri la funzione f(x) := (tan
2
x + 1)/x
2
e la successione diver-
gente negativamente (n)
nN
. Tenendo presente che tan
2
(n) = 0
per ogni n N, se esistesse il limite assegnato, dovrebbe essere
lim
x
f(x) = lim
n+
f(n) = 0 .
Tuttavia, considerato un arbitrario intorno J di , esiste sicuramente
k Z tale che /2 + k J. Poiche lim
x/2+k
|f(x)| = +, la
funzione non `e limitata in un intorno di /2 + k e quindi in J. Per
lOsservazione 5.1.4, 3., il limite assegnato non pu`o esistere.
Si espongono ora alcuni risultati riguardanti la successione delle medie aritme-
tiche e quella delle medie geometriche di una successione assegnata. Se (a
n
)
nN
`e
una successione di numeri reali, la successione delle medie aritmetiche di (a
n
)
nN
`e la successione (A[a
n
])
nN
denita ponendo
A[a
n
] :=
a
0
+ +a
n
n + 1
(=
1
n + 1
n

k=0
a
k
).
Inoltre, se a
n
> 0 per ogni n N,
1
si pu`o denire la successione (G[a
n
])
nN
delle medie geometriche di (a
n
)
nN
ponendo
G[a
n
] :
n+1

a
0
a
n
(=
n+1

_
n

k=0
a
k
).
I risultati seguenti sono noti come teoremi di Ces`aro.
Teorema 5.1.6 (Teorema di Ces`aro sulla media aritmetica)
Sia (a
n
)
nN
una successione regolare di numeri reali e sia R il suo limite.
Allora la successione (A[a
n
])
nN
delle medie aritmetiche di (a
n
)
nN
`e anchessa
regolare e tende verso .
Dimostrazione. Si supponga dapprima che (a
n
)
nN
sia convergente, cio`e che R e sia
> 0; allora esiste
1
N tale che
n
1
: |a
n
| <

2
.
1
Ci`o assicura che la successione delle medie geometriche non sia denitivamente nulla.
5.1 Limiti di successioni 135
Poiche la successione
_
1
n+1

1
k=0
|a
k
|
_
nN
tende a 0 in quanto il termine

1
k=0
|a
k
|
`e costante, esiste
2
N tale che
n
2
:
1
n + 1

k=0
|a
k
| <

2
.
Allora, per ogni n > max{
1
,
2
}, si ha

1
n + 1
n

k=0
a
k


1
n + 1
n

k=0
|a
k
|
=
1
n + 1

k=0
|a
k
| +
1
n + 1
n

k=
1
+1
|a
k
|
<

2
+
1
n + 1
(n
1
)

2
<

2
+

2
= .
Dallarbitrariet`a di > 0, segue la tesi.
Si supponga ora che (a
n
)
nN
sia divergente positivamente e sia M > 0. Allora esiste

1
N tale che
n
1
: a
n
> 4M .
Procedendo come prima, si pu`o considerare
2
N tale che
n
2
:
1
n + 1

k=0
a
k

< M .
Allora, per ogni n > max{2
1
+ 1,
2
}, si ha innanzitutto (n 1)/2
1
da cui n
1

n (n 1)/2 = (n + 1)/2 e pertanto
1
n + 1
n

k=0
a
k
=
1
n + 1

k=0
a
k
+
1
n + 1
n

k=
1
+1
a
k

1
n + 1

k=0
a
k

+
1
n + 1
n

k=
1
+1
a
k
> M +
1
n + 1
(n
1
) 4M
M +
1
n + 1
n + 1
2
4M = M + 2M = M .
Dallarbitrariet`a di M > 0, segue la tesi anche in questo caso.
Se la successione `e divergente negativamente, si procede in maniera analoga e quindi
la tesi `e completamente dimostrata.
Il risultato precedente non pu`o essere invertito, nel senso che la successione
delle medie aritmetiche pu`o risultare regolare pur non essendolo la successione di
partenza, come ad esempio per la successione ((1)
n
)
nN
.
In alcuni casi lutilizzo del risultato precedente consente di studiare pi` u age-
volmente la regolarit`a di una successione assegnata.
136 Capitolo 5: Successioni e serie numeriche
Ad esempio, si consideri la successione (log n!/n)
n1
; poiche log n! = log n +
log(n1)+ +log 2+log 1, essa `e la media aritmetica della successione (log n)
n1
,
la quale diverge positivamente; dal teorema precedente, segue pertanto che anche
(log n!/n)
n1
`e divergente positivamente.
Teorema 5.1.7 (Teorema di Ces`aro sulla media geometrica)
Sia (a
n
)
nN
una successione regolare di numeri reali strettamente positivi e sia
R il suo limite. Allora la successione (G[a
n
])
nN
delle medie geometriche di
(a
n
)
nN
`e anchessa regolare e tende verso .
Dimostrazione. Si supponga dapprima che ]0, +[. Sia 0 < < 3; poiche la
successione (a
n
/)
nN
converge verso 1, esiste
1
N tale che
n >
1
: 1

3
<
a
n

< 1 +

3
;
da ci`o segue, per ogni n
1
+ 1,
_
1

3
_
n+1
<
_
1

3
_
n
1
<
a

1
+1


a
n

<
_
1 +

3
_
n
1
<
_
1 +

3
_
n+1
e quindi
1

3
<
n+1

1
+1


a
n

< 1 +

3
.
Anche la successione
_
n+1

a
0
/ a

1
/
_
nN
converge verso 1 e quindi esiste
2
N tale
che
n
2
: 1

3
<
n+1

a
0

< 1 +

3
.
Allora, per ogni n = max{
1
+ 1,
2
}, si ha
_
1

3
_
2
=
_
1

3
_ _
1

3
_
<
n+1

a
0

n+1

1
+1


a
n

=
n+1

a
0


a
n

e analogamente
n+1

a
0


a
n

<
_
1 +

3
_
2
.
Da ci`o segue, essendo < 3,

n+1

a
0


a
n

<
2
3
+
1
9

2
<
2
3
+
1
9
3 = .
Dallarbitrariet`a di > 0, si ottiene
lim
n+
n+1

a
0
a
n

= lim
n+
n+1

a
0


a
n

= 1
e quindi la tesi nel caso in esame.
5.1 Limiti di successioni 137
Si supponga ora = + e sia M > 0. Allora esiste
1
N tale che a
n
> 2M per ogni
n
1
. Poiche la successione
_
n+1

a
0
/(2M) a

1
/(2M)
_
nN
tende ad 1, si pu`o trovare

2
N tale che, per ogni n
2
,
1
2
= 1
1
2
<
n+1

a
0
2M

a

1
2M
1 < 1 +
1
2
=
3
2
.
Allora, posto = max{
1
,
2
}, per ogni n , si ha
M = 2M
1
2
< 2M
n+1

a
0
2M

a

1
2M
=
n+1

a
0
a

1
2M(2M)
(
1
+1)/(n+1)
=
n+1

a
0
a

1
(2M)
(n
1
)/(n+1)
<
n+1

a
0
a

1
(a
n
)
(n
1
)/(n+1)
e dallarbitrariet`a di M > 0, segue la tesi anche in questo caso.
Tenendo presente che gli elementi della successione (a
n
)
nN
sono strettamente positivi,
resta da considerare solamente il caso in cui = 0. Se ci`o accade, si ha lim
n+
1/a
n
=
+ e quindi, per il caso precedente,
lim
n+
n+1

1
a
0

1
a

1
= +,
cio`e lim
n+
1/
n+1

a
0
a

1
= +; considerando il limite della successione reciproca si
ottiene quindi lim
n+
n+1

a
0
a

1
= 0 e la tesi `e completamente dimostrata.
Anche per le medie geometriche, il risultato precedente non pu`o essere invertito,
in quanto esistono successioni di numeri reali strettamente positivi che non sono
regolari, ma per le quali le successioni delle medie geometriche lo sono.
Ad esempio, si consideri il limite lim
n+
n

n!; il termine generale


n

n! `e la
media geometrica della successione (n)
n1
che `e divergente positivamente. Dal
Teorema 5.1.7, anche la successione (
n

n!)
n1
risulta divergente positivamente.
5.1.1 Successioni estratte
Come si `e visto in precedenza molti risultati visti per le funzioni assumono
una forma ed una terminologia particolare per le successioni; in accordo a ci`o,
si preferisce introdurre per le successioni il seguente concetto di successione
estratta anzich`e far ricorso a quello pi` u generale di funzione composta.
Denizione 5.1.8 Sia (a
n
)
nN
una successione di numeri reali e si consideri
una successione strettamente crescente (k(n))
nN
di numeri naturali. Allora
la successione (a
k(n)
)
nN
viene denominata successione estratta di (a
n
)
nN
.
Denotando la successione (a
n
)
nN
come funzione a : N R e la succes-
sione (k(n))
nN
come funzione k : N N, la successione estratta (a
k(n)
)
nN
risulta essere la funzione composta a k : N R; tuttavia, nel caso del-
le successioni si richiede in pi` u la stretta crescenza di (k(n))
nN
in modo
138 Capitolo 5: Successioni e serie numeriche
che le propriet`a del limite della successione di partenza si conservino per le
successioni estratte.
Ad esempio, la successione
_
2n
2
+2n+1
n+2
_
nN
si ottiene come estratta dalla
successione
_
n
2
+1
n+1
_
nN
, considerando la successione di interi strettamente
crescente (2n + 1)
nN
.
Si osserva che se (k(n))
nN
`e una successione strettamente crescente di
numeri naturali, allora, per ogni n N, si ha n k(n).
Infatti, se n = 0 la propriet`a `e vera e supposto che essa valga per n N, dalla stretta
crescenza si ha k(n) < k(n + 1) da cui n + 1 k(n) + 1 k(n + 1).
Da tale semplice propriet`a segue il comportamento del limite delle suc-
cessioni estratte descritto nella proposizione successiva.
Proposizione 5.1.9 Sia (a
n
)
nN
una successione regolare di numeri reali.
Allora, ogni successione estratta (a
k(n)
)
nN
di (a
n
)
nN
`e anchessa regolare e
si ha
lim
n+
a
k(n)
= lim
n+
a
n
.
Dimostrazione. Sia R il limite della successione (a
n
)
nN
e sia I un intorno di ;
allora esiste N tale che a
n
I per ogni n . Da quanto osservato per ogni n
si ha anche k(n) n e quindi a
k(n)
I. Dallarbitrariet`a dellintorno I di , segue la
tesi.
Come conseguenza della Proposizione 5.1.9, tutte le successioni estratte
di una successione regolare convergono verso lo stesso limite. Si deduce che
una successione (a
n
)
nN
che ammette unestratta non regolare oppure con
due estratte regolari aventi limiti diversi, non pu`o essere regolare. Questo
metodo viene spesso utilizzato per dimostrare che il limite di una successione
assegnata non esiste.
Ad esempio, si studi il limite della successione ((1)
n
a
n
)
nN
, dove (a
n
)
nN
`e una successione regolare tendente ad un numero = 0. Allora, consideran-
do lestratta corrispondente alla successione strettamente crescente (2n)
nN
,
si ottiene la successione (a
2n
)
nN
che tende verso ; considerando invece le-
stratta corrispondente alla successione strettamente crescente (2n+1)
nN
, si
ottiene la successione (a
2n+1
)
nN
che tende verso . Si deduce che il limite
della successione assegnata non esiste in quanto = 0.
5.1 Limiti di successioni 139
5.1.2 Massimo e minimo limite
Se una successione non `e regolare, si ricorre ad ulteriori strumenti che consen-
tono di studiarne il comportamento, tra cui ad esempio il massimo e minimo
limite, deniti come segue.
Si consideri una successione (a
n
)
nN
. Se essa non `e limitata superior-
mente, il suo massimo limite viene assunto, per denizione, uguale a +
e analogamente, se essa non `e limitata inferiormente, il suo minimo limite
viene assunto uguale a .
Si supponga ora che (a
n
)
nN
sia limitata superiormente (rispettivamente,
inferiormente); per ogni k N, la successione estratta (a
k
)
nk
(ottenuta
considerando gli indici k(n) = k + n) ha lo stesso comportamento della
successione (a
n
)
nN
. Si considerino le quantit`a
e

k
:= sup
nk
a
n
(rispettivamente, e

k
:= inf
nk
a
n
).
`
E immediato riconoscere che la nuova successione (e

k
)
kN
`e decrescente e
quindi essa risulta regolare; il limite

:= lim
k+
e

k
(= inf
kN
e

k
)
viene denominato massimo limite della successione (a
n
)
nN
e viene denotato
con uno dei seguenti simboli
limsup
n+
a
n
, lim

n+
a
n
, lim
n+
a
n
.
Poich`e (e

k
)
kN
`e decrescente, il massimo limite `e sicuramente diverso da
+.
Nel caso rispettivo, la successione (e

k
)
kN
`e crescente ed il suo limite

:= lim
k+
e

k
(= sup
kN
e

k
)
viene denominato minimo limite della successione (a
n
)
nN
e viene denotato
con uno dei seguenti simboli
liminf
n+
a
n
, lim

n+
a
n
, lim
n+
a
n
.
Poich`e (e

k
)
kN
`e crescente, il minimo limite `e sicuramente diverso da .
Il massimo ed il minimo limite sono unici ed a dierenza del limite di una
successione esistono sempre.
Nella proposizione successiva vengono enunciate le propriet`a caratteristiche
del massimo e minimo limite, alle quali conviene ricorrere nelle applicazioni.
140 Capitolo 5: Successioni e serie numeriche
Proposizione 5.1.10 Sia (a
n
)
nN
una successione di numeri reali e sia R.
Allora, le seguenti proposizioni sono equivalenti:
a) = limsup
n+
a
n
(rispettivamente, = liminf
n+
a
n
);
b) 1) > 0 N t.c. n : a
n
< +
(rispettivamente, > 0 N t.c. n : < a
n
).
2) > 0 N n t.c. < a
n
(rispettivamente, > 0 N n t.c. a
n
< + ).
Dimostrazione. Si considera solamente il primo caso, essendo quello rispettivo del tutto
analogo.
a) b) Poiche R, la successione (a
n
)
nN
`e necessariamente limitata superiormente.
Fissato > 0, dalla seconda propriet`a dellestremo inferiore esiste N tale che e

< +;
conseguentemente, dalla prima propriet`a dellestremo superiore si ha, per ogni n ,
a
n
< + . Ci`o dimostra la propriet`a 1). Siano ora > 0 e N ssati. Dalla prima
propriet`a dellestremo inferiore, si ha < e

; conseguentemente, dalla seconda propriet`a


dellestremo superiore si deduce lesistenza di n tale che < a
n
.
b) a) Basta far vedere che verica le propriet`a caratteristiche dellestremo inferiore
della successione (e

k
)
kN
. Infatti, sia k N; dalla 2) della b), per ogni > 0 esiste n N
tale che n k e < a
n
; da ci`o segue < sup
nk
a
n
= e

k
e quindi e

k
+; poiche
> 0 `e arbitrario, si deve avere e

k
. Ci`o dimostra che verica la prima propriet`a
caratteristica dellestremo inferiore. Sia ora > 0; dalla 1) della b), esiste N tale
che a
n
< + per ogni n ; allora + `e un maggiorante della successione (a
n
)
n
e
quindi deve essere e

+; pertanto verica anche la seconda propriet`a caratteristica


dellestremo inferiore da cui la tesi.
La propriet`a 2) della b) si pu`o esprimere equivalentemente nel modo seguente:
2) Per ogni > 0, linsieme {n N | < a
n
} `e innito
(rispettivamente, per ogni > 0, linsieme {n N | a
n
< +}) `e innito.
Infatti, si supponga vera la propriet`a 2) e si ssi > 0. Se, per assurdo, linsieme
{n N | < a
n
} fosse nito, esso sarebbe dotato di massimo N. Allora, applicando
la propriet`a 2) al numero naturale + 1 si troverebbe un elemento n + 1 tale che
< a
n
e ci`o contraddirebbe il fatto che `e il massimo {n N | < a
n
}. Viceversa,
si supponga vera la propriet`a 2) e siano > 0 e N. Se, per assurdo, non esistesse
alcun elemento n tale che < a
n
, linsieme {n N | < a
n
} sarebbe contenuto
in {0, 1, 2, . . . , } e quindi sarebbe nito; ci`o contraddice evidentemente la propriet`a 2).
Poiche ovviamente e

k
e

k
per ogni k N si ha sempre

.
Luguaglianza del massimo e del minimo limite `e caratterizzata dalla proposizione
successiva.
5.1 Limiti di successioni 141
Proposizione 5.1.11 Se (a
n
)
nN
`e una successione di numeri reali, le seguenti
proposizioni sono equivalenti:
a) La successione (a
n
)
nN
`e regolare;
b) limsup
n+
a
n
= liminf
n+
a
n
.
Inoltre, vera luna e quindi ciascuna delle proposizioni equivalenti precedenti,
risulta
lim
n+
a
n
= limsup
n+
a
n
= liminf
n+
a
n
.
Dimostrazione. Per brevit`a si denotano con

e rispettivamente

il massimo e rispet-
tivamente il minimo limite della successione (a
n
)
nN
.
a) b) Si ponga = lim
n+
a
n
. Se = + si ha e

k
= + per ogni k N e quindi

= + da cui la tesi. Analogamente, se = , si ha e

k
= per ogni k N
e quindi ancora

= . Si supponga pertanto R; in tal caso, `e immediato


vericare che verica le propriet`a caratteristiche sia del massimo che del minimo limite
(Proposizione 5.1.10) e quindi =

; da ci`o segue anche lultima parte della tesi.


b) a) Si ponga =

(=

). Se = +, si ha

= + e quindi, per ogni M R deve


esistere N tale che e

k
> M per ogni n ; considerando n = , dalla denizione di e

segue allora a
n
> M per ogni n e ci`o dimostra che la successione (a
n
)
nN
`e divergente
positivamente. Se = , si procede in maniera analoga considerando

. Si supponga
ora R; dalle propriet`a caratteristiche del massimo e del minimo limite (Proposizione
5.1.10), segue, per ogni > 0, da un lato lesistenza di
1
N tale che a
n
< + per
ogni n
1
, e dallaltro lesistenza di
2
N tale che < a
n
per ogni n
2
; posto
= max{
1
,
2
}, per ogni n , si ha allora < a
n
< +. Dallarbitrariet`a di > 0,
segue = lim
n+
a
n
.
Per dimostrare facilmente la propriet`a successiva, conviene osservare che come
conseguenza delle propriet`a caratteristiche del massimo e del minimo limite enun-
ciate nella Proposizione 5.1.10, si ha anche la seguente, dove denota il massimo
limite (rispettivamente, il minimo limite) della successione (a
n
)
nN
> 0 N n t.c. < a
n
< + . (5.1.2)
Infatti, se `e il massimo limite della successione (a
n
)
nN
, ssati > 0 e N, dalla
propriet`a 1) della b) nella Proposizione 5.1.10, si ha lesistenza di
1
N tale che a
n
< +
per ogni n
1
. Applicando la propriet`a 2) della b) nella stessa Proposizione 5.1.10 con
max{,
1
} al posto di si ottiene lesistenza di n max{,
1
} tale che < a
n
; dunque
n e poiche n
1
, per tale n si ha anche a
n
< + , da cui la tesi. Se `e il minimo
limite della successione (a
n
)
nN
, si procede ovviamente in maniera analoga.
Si `e visto in precedenza che se una successione `e regolare, tutte le sue estratte
lo sono e tendono verso lo stesso limite (Proposizione 5.1.9). Nel caso generale, si
ha il seguente risultato.
142 Capitolo 5: Successioni e serie numeriche
Proposizione 5.1.12 Sia (a
n
)
nN
una successione di numeri reali e siano

ed

il suo massimo limite e rispettivamente il suo minimo limite. Allora esistono


almeno due successioni estratte (a
k
1
(n)
)
nN
e (a
k
2
(n)
)
nN
regolari e tali che
lim
n+
a
k
1
(n)
=

, lim
n+
a
k
2
(n)
=

.
Dimostrazione. Si dimostra solamente lesistenza dellestratta (a
k
1
(n)
)
nN
. La succes-
sione strettamente crescente (k
1
(n))
nN
di numeri naturali viene denita induttivamente
applicando la propriet`a (5.1.2). Considerando = 1 e = 0, dalla (5.1.2), si ottiene
lesistenza di k(0) N tale che

1 < a
k(0)
<

+ 1. Si riapplica ora la stessa pro-


priet`a (5.1.2) con = 1/2 e = k(0) + 1 e si ottiene lesistenza di un elemento k(1) N,
k(1) tale che

1/2 < a
k(1)
<

+ 1/2; si osservi che k(1) > k(0) in quanto si


`e considerato = k(0) + 1. Procedendo in questo modo, si pu`o considerare una succes-
sione strettamente crescente (k(n))
nN
di interi positivi tale che, per ogni n N, risulti

1/(n+1) < a
k(n)
<

+1/(n+1). Dal primo teorema di confronto per i limiti segue


subito che la successione estratta (a
k(n)
)
nN
converge verso

.
Come conseguenza del risultato precedente, si pu`o enunciare il seguente corol-
lario.
Corollario 5.1.13 Sia (a
n
)
nN
una successione di numeri reali. Allora:
1) Se (a
n
)
nN
non `e limitata superiormente, essa ammette unestratta diver-
gente positivamente.
2) Se (a
n
)
nN
non `e limitata inferiormente, essa ammette unestratta divergente
negativamente.
3) Se (a
n
)
nN
`e limitata superiormente oppure inferiormente, essa ammette
unestratta convergente.
Dimostrazione. Nel primo caso il massimo limite della successione `e + e quindi la tesi
segue dalla Proposizione 5.1.12 precedente. Il secondo caso `e analogo in quanto il minimo
limite `e . Inne, se la successione `e limitata superiormente oppure inferiormente
almeno uno tra il massimo limite ed il minimo limite della successione `e un numero reale
e quindi la tesi segue ancora dalla Proposizione 5.1.12.
A questo punto si pu`o dimostrare facilmente un risultato molto importante
per le sue numerose applicazioni.
Si osserva innanzitutto che se (a
n
)
nN
`e una successione di numeri reali con-
vergente verso un numero reale e se linsieme A := {a
n
| n N} degli elementi
della successione `e innito, allora `e un punto di accumulazione per A.
Infatti, considerato > 0, esiste N tale che a
n
] , + [ per ogni n . Gli
elementi della successione (a
n
)
nN
sono inniti e quindi deve esistere almeno un n
tale che a
n
= ; lelemento a
n
appartiene dunque allinsieme A] , + [{} che
risulta pertanto non vuoto. Poiche > 0 `e arbitrario, si conclude che `e un punto di
accumulazione per A.
5.1 Limiti di successioni 143
Teorema 5.1.14 (Teorema di Bolzano-Weierstrass) Sia X un sottoinsieme
limitato ed innito di R. Allora X `e dotato di almeno un punto di accumulazione.
Dimostrazione. Linsieme X `e innito e quindi si pu`o considerare una successione
(a
n
)
nN
di elementi di X a due a due distinti; infatti, considerato a
0
X, poiche X
`e innito si pu`o considerare poi a
1
X {a
0
}; procedendo in questo modo, supposto di
aver denito lelemento a
n
, si sceglie poi a
n+1
nellinsieme (innito) X {a
0
, a
1
, . . . , a
n
}.
Si ottiene cos` una successione (a
n
)
nN
di elementi di X tale che a
n
= a
m
per ogni n = m
e quindi il cui insieme degli elementi `e sicuramente innito. Gli elementi della succes-
sione (a
n
)
nN
appartengono allinsieme limitato X e quindi (a
n
)
nN
`e anchessa limitata;
dal Corollario 5.1.13, 3), si ottiene lesistenza di una successione estratta (a
k(n)
)
nN
della
successione (a
n
)
nN
convergente verso un numero reale . Allora anche (a
k(n)
)
nN
`e una
successione di elementi distinti di X e dalle osservazioni preliminari `e un punto di accu-
mulazione per linsieme dei suoi elementi; ma tale insieme `e contenuto in X e quindi `e
un punto di accumulazione anche per X.
5.1.3 Criterio di convergenza di Cauchy
Il criterio di convergenza di seguito esposto `e utile per stabilire la convergenza
di una successione senza necessariamente individuarne il limite.
Teorema 5.1.15 (Criterio di Cauchy per le successioni)
Sia (a
n
)
nN
una successione di numeri reali. Allora, le seguenti proposizioni
sono equivalenti:
a) La successione (a
n
)
nN
`e convergente.
b) La successione (a
n
)
nN
verica la seguente condizione
> 0 N t.c. n , m : |a
n
a
m
| < .
Dimostrazione. a) b) Sia il limite della successione (a
n
)
nN
e si ssi > 0. Allora
esiste N tale che |a
n
| < /2 per ogni n . Conseguentemente, per ogni n, m ,
si ha |a
n
a
m
| = |(a
n
) + ( a
m
)| |a
n
| + |a
m
| < /2 + /2 = e quindi
(a
n
)
nN
verica la condizione la b).
b) a) Si dimostra innanzitutto che la successione (a
n
)
nN
`e limitata. Applicando la
propriet`a b) con = 1, si ottiene lesistenza di N tale che |a
n
a
m
| < 1 per ogni
n, m ; in particolare, per ogni n , si ha a

1 < a
n
< a

+ 1. Allora, posto
m = min{a
0
, . . . , a
1
, a

1} ed M = max{a
0
, . . . , a
1
, a

+ 1}, si ha m a
n
M per
ogni n N e ci`o dimostra che la successione (a
n
)
nN
`e limitata. Si denotino ora con

ed

il massimo limite e rispettivamente il minimo limite della successione (a


n
)
nN
, che
per quanto osservato devono essere reali e

. Si ssi ora > 0; dalla b), esiste N


tale che |a
n
a
m
| < /3 per ogni n, m . Dalla seconda propriet`a caratteristica del
massimo limite applicata ad /3 e (vedasi la b) della Proposizione 5.1.10, esiste n
144 Capitolo 5: Successioni e serie numeriche
tale che

/3 < a
n
e analogamente, dalla seconda propriet`a caratteristica del minimo
limite, esiste m tale che a
m
<

+/3. Allora, poiche n, m , si ha

< a
n
+

3
a
m
+

3
|a
n
a
m
| +
2
3
<

3
+
2
3
= ,
e conseguentemente

<

+ ; poiche > 0 `e arbitrario, segue

e quindi

.
Dalla Proposizione 5.1.11, si conclude che (a
n
)
nN
`e convergente.
Una successione (a
n
)
nN
che verica la condizione b) del Teorema 5.1.15
precedente viene denominata successione di Cauchy (oppure successione fon-
damentale).
5.1.4 Massimo e minimo limite per le funzioni
Il massimo e minimo limite pu`o essere introdotto anche pi` u in generale per
il limite di una funzione arbitraria. Nella presente sezione viene considerata
brevemente tale possibilit`a.
Siano X un sottoinsieme di R, x
0
R un punto di accumulazione per X
ed f : X R una funzione reale. Se f non `e limitata superiormente in alcun
intorno di x
0
, il massimo limite viene assunto uguale a + e analogamente
se f non `e limitata inferiormente in alcun intorno di x
0
, il minimo limite
viene assunto uguale a . Nel seguito, pertanto, si escluderanno tali casi
e, poiche le nozioni che si vogliono introdurre sono di carattere locale, si
supporr`a che la funzione f sia limitata (altrimenti basta sostituirla con una
restrizione ad un opportuno intorno di x
0
in cui `e limitata).
Se x
0
R, per ogni > 0, si deniscono i numeri
e

() := sup{f(x) | x X]x
0
, x
0
+ [{x
0
}} ,
e

() := inf{f(x) | x X]x
0
, x
0
+ [{x
0
}} .
La funzione e

() da ]0, +[ in R `e crescente e la funzione e

()
da ]0, +[ in R `e decrescente e inoltre, per ogni
1
> 0,
2
> 0, risulta
e

(
1
) e

(
2
). Dal teorema sul limite delle funzioni monotone, si possono
considerare i seguenti limiti
lim
0
+
e

() (= inf
>0
e

()) , lim
0
+
e

() (= sup
>0
e

()) ,
i quali vengono denominati massimo limite e rispettivamente minimo limite
di f in x
0
e denotati con uno dei seguenti simboli
limsup
xx
0
f(x) , lim

xx
0
f(x) , lim
xx
0
f(x) ,
5.1 Limiti di successioni 145
e rispettivamente
liminf
xx
0
f(x) , lim

xx
0
f(x) , lim
xx
0
f(x) .
Se x
0
= + (rispettivamente, x
0
= ), si procede in maniera analoga
denendo i seguenti numeri, per ogni c R,
e

(c) := sup{f(x) | x X]c, +[}


(rispettivamente, e

(c) := sup{f(x) | x X] , c[} )


e
e

(c) := inf{f(x) | x X]c, +[}


(rispettivamente, e

(c) := inf{f(x) | x X] , c[} ).


La funzione c e

(c) da R in R `e ovviamente decrescente (rispettivamente,


crescente), mentre la funzione c e

(c) da R in R `e crescente (rispettiva-


mente, decrescente) e per ogni c
1
, c
2
R, risulta e

(c
1
) e

(c
2
). Il massimo
limite ed il minimo limite possono ora essere deniti tramite i seguenti limiti,
esistenti sempre per il teorema sul limite delle funzioni monotone
lim
c+
e

(c) , (rispettivamente, lim


c
e

(c) ),
e
lim
c+
e

(c) , (rispettivamente, lim


c
e

(c) ).
Le propriet`a caratteristiche del massimo e del minimo limite di una fun-
zione possono essere ottenute in maniera esattamente analoga a quanto gi`a
visto per le successioni. A causa della stretta analogia con il caso delle suc-
cessioni, ci si limita a questo punto ad enunciare alcune propriet`a omettendo
le dimostrazioni.
Proposizione 5.1.16 Si considerino un sottoinsieme X di R, un punto di
accumulazione x
0
R per X ed una funzione reale f : X R. Allora le
seguenti proposizioni sono equivalenti:
a) Esiste il limite lim
xx
0
f(x).
b) limsup
xx
0
f(x) = liminf
xx
0
f(x) .
Inoltre, vera luna e quindi ciascuna delle proposizioni equivalenti precedenti,
risulta
lim
xx
0
f(x) = limsup
xx
0
f(x) = liminf
xx
0
f(x) .
146 Capitolo 5: Successioni e serie numeriche
Se X `e un sottoinsieme di R, x
0
R `e un punto di accumulazione per
X ed f : X R `e una funzione reale, si dice che f verica la condizione di
Cauchy in x
0
se
> 0 I I(x
0
) t.c. x, y X I {x
0
} : |f(x) f(y)| < .
Teorema 5.1.17 (Criterio di Cauchy per le funzioni)
Si considerino un sottoinsieme X di R, un punto di accumulazione x
0
R
per X ed una funzione reale f : X R. Allora, le seguenti proposizioni sono
equivalenti:
a) Esiste ed `e nito il limite lim
xx
0
f(x).
b) f verica la condizione di Cauchy in x
0
.
5.2 Serie numeriche
Lo studio delle serie numeriche trova diverse applicazioni in analisi riguardan-
ti, ad esempio, la possibilit`a di esprimere le funzioni elementari come somma
di funzioni potenza ad esponente intero positivo, con il conseguente vantag-
gio di ricondurre il calcolo di limiti, derivate ed integrali a quello di funzioni
potenza oppure lo stretto legame con la teoria degli integrali impropri su
intervalli illimitati.
5.2.1 Denizioni e propriet`a preliminari
Assegnata una successione (a
n
)
nN
di numeri reali, per ogni m N, si
denisce somma parziale m-esima di (a
n
)
nN
il numero s
m
denito come
segue
s
m
:=
m

n=0
a
n
.
La successione (s
n
)
nN
viene denominata serie di termine generale n-
esimo a
n
; i numeri s
m
, m N, vengono anche denominati somme parziali
della serie. Una serie viene in genere indicata con il simbolo
+

n=0
a
n
e talvolta anche con a
0
+ a
1
+ + a
n
+ . . . Il carattere della successione
(s
n
)
nN
viene indicato come carattere della serie; pertanto, si dice che una
5.2 Serie numeriche 147
serie `e regolare, convergente, divergente positivamente oppure divergente ne-
gativamente se tale `e la successione delle sue somme parziali. Una serie non
regolare viene denominata indeterminata. Nel caso in cui la serie sia regola-
re, il limite della successione delle somme parziali viene denominato somma
della serie e denotato ancora con il simbolo
+

n=0
a
n
; sar`a chiaro dal contesto
luso di tale simbolo.
Esplicitamente, se s R, si ha
s =
+

n=0
a
n
> 0 N t.c. n :

s
n

k=0
a
k

< .
Analogamente, si ha
+

n=0
a
n
= + (rispettivamente
+

n=0
a
n
= ) se e solo
se
M R N t.c. n :
n

k=0
a
k
> M (rispettivamente < M ).
Una prima condizione necessaria per la convergenza di una serie pu`o essere
ricavata facilmente dalle denizioni assunte.
Proposizione 5.2.1 Sia (a
n
)
nN
una successione di numeri reali e si sup-
ponga che la serie

+
n=0
a
n
sia convergente. Allora lim
n+
a
n
= 0.
Dimostrazione. Si consideri la successione (s
n
)
nN
delle somme parziali della serie

+
n=0
a
n
e sia s R la somma della stessa serie. Allora
lim
n+
a
n
= lim
n+
(s
n
s
n1
) = lim
n+
s
n
lim
n+
s
n1
= s s = 0.
La condizione precedente non `e in generale suciente ad assicurare la
convergenza di una serie. Ad esempio, la successione (log(1 + 1/n))
n1
`e
ovviamente innitesima, ma la somma parziale n-esima `e data da
s
n
= log 2 + log
3
2
+ + log
n + 1
n
= log
_
2
3
2

4
3

n + 1
n
_
= log(n + 1) ,
e quindi la serie

+
n=0
log(1 + 1/n) `e divergente positivamente.
Esempio 5.2.2 (Serie geometrica)
148 Capitolo 5: Successioni e serie numeriche
Un esempio importante per il seguito `e dato dalla serie
+

n=0
a
n
,
con a R, la quale viene denominata serie geometrica di ragione a. Per
ogni n N, denotata con s
n
la somma parziale n-esima, risulta a
n+1
1 =
(a 1)(a
n
+ a
n1
+ + a + 1) = (a 1)s
n
, e quindi, supposto a = 1,
s
n
=
a
n+1
1
a 1
.
Da ci`o consegue direttamente che, se |a| < 1, la serie `e convergente e si ha
+

n=0
a
n
= lim
n+
s
n
=
1
1 a
.
Se a 1 oppure a 1, la successione (a
n
)
nN
non `e innitesima e quin-
di dalla Proposizione 5.2.1 la serie geometrica non pu`o essere convergente.
Precisamente, se a 1, essa diverge positivamente (infatti, per ogni n N,
risulta s
n
n), mentre se a 1, la serie `e indeterminata; infatti, si ha
s
n
1 per n pari ed s
n
0 per n dispari.
Una prima condizione necessaria e suciente per la convergenza di una serie pu`o
essere ricavata dal criterio di convergenza di Cauchy per le successioni. Sia (a
n
)
nN
una
successione di numeri reali e sia n N. Il resto n-esimo della serie

+
n=0
a
n
(oppure serie
resto di ordine n) `e per denizione la nuova serie
+

k=n+1
a
k
.
Si riconosce facilmente che una serie e le sue serie resto hanno lo stesso carattere e inoltre,
se una delle due `e convergente risulta
+

n=0
a
n
= s
n
+
+

k=n+1
a
k
.
Dalluguaglianza precedente segue che se la serie

+
n=0
a
n
`e convergente, allora necessa-
riamente la successione (r
n
)
nN
dei resti n-esimi `e innitesima. Infatti, denotata con s la
somma della serie

+
n=0
a
n
, deve essere lim
n+
r
n
= lim
n+
s s
n
= 0.
La somma parziale p-esima del resto n-esimo r
n
viene denominata resto parziale della
serie di indici n e p e viene denotato con r
n,p
; quindi
r
n,p
=
n+p

k=n+1
a
k
= s
n+p
s
n
.
Si pu`o ora enunciare il seguente criterio di convergenza di Cauchy, la cui dimostra-
zione `e immediata conseguenza del Teorema 5.1.15 applicato alla successione delle somme
parziali.
5.2 Serie numeriche 149
Teorema 5.2.3 (Criterio di Cauchy per le serie numeriche)
Se (a
n
)
nN
`e una successione di numeri reali, le seguenti proposizioni sono equivalenti:
a) La serie
+

n=0
a
n
`e convergente.
b) lim
n+
sup
pN
|r
n,p
| = 0 .
Esempio 5.2.4 (Serie armonica) Si consideri la serie
+

n=0
1
n + 1
,
la quale viene denominata serie armonica. Per ogni n, p N si ha
|r
n,p
| =
n+p

k=n+1
1
k + 1
=
1
n + 2
+
1
n + 3
+ +
1
n + p + 1
p
1
n + p + 1
;
considerando in particolare p = n + 1, si ottiene
|r
n,n+1
|
n + 1
2n + 2
=
1
2
e quindi la b) del Teorema 5.2.3 non pu`o essere vericata. Si conclude che
la serie armonica non `e convergente. Osservando inoltre che la successio-
ne delle somme parziali risulta crescente, la serie dovr`a essere divergente
positivamente.
Alcune semplici operazioni algebriche sulle serie possono essere dedotte dai teoremi
sui limiti di successioni. Si considerino due successioni (a
n
)
nN
e (b
n
)
nN
di numeri reali
e le serie

+
n=0
a
n
e

+
n=0
b
n
si ha quanto segue
1) Se le due serie sono entrambe convergenti, anche la loro somma

+
n=0
(a
n
+ b
n
) `e
convergente e si ha
+

n=0
(a
n
+b
n
) =
+

n=0
a
n
+
+

n=0
b
n
;
2) Se una delle due serie `e divergente positivamente (rispettivamente, negativamen-
te), e se le somme parziali dellaltra sono limitate inferiormente (rispettivamen-
te, superiormente) (in particolare, se laltra serie `e convergente), allora la serie

+
n=0
(a
n
+b
n
) risulta divergente positivamente (rispettivamente, negativamente).
3) Se la serie

+
n=0
a
n
`e convergente e se R, allora anche la serie

+
n=0
a
n
`e
convergente e si ha
+

n=0
a
n
=
+

n=0
a
n
.
4) Se la serie

+
n=0
a
n
`e divergente positivamente (rispettivamente, negativamente) e
se > 0, allora anche la serie

+
n=0
a
n
`e divergente positivamente (rispettivamen-
te, negativamente). Se invece < 0, la serie

+
n=0
a
n
`e divergente negativamente
(rispettivamente, positivamente).
150 Capitolo 5: Successioni e serie numeriche
5.2.2 Serie a termini positivi
Una serie

+
n=0
a
n
tale che a
n
0 per ogni n N viene denominata serie
a termini positivi ; se a
n
> 0 per ogni n N si dice anche che la serie
`e a termini strettamente positivi . Per tali serie `e possibile stabilire diversi
criteri di convergenza, la cui validit`a pu`o essere estesa alle serie a termini
denitivamente positivi per le quali la condizione a
n
0 `e vericata per ogni
n , con N opportuno ed anche, con ovvie modiche, alle serie negative
oppure denitivamente negative.
Inoltre conviene tenere presente che una serie a termini positivi pu`o essere
sempre ricondotta ad una serie a termini strettamente positivi trascurando i
termini uguali a 0. Pertanto non sar`a restrittivo alloccorrenza supporre che
la serie sia a termini strettamente positivi anziche semplicemente positivi.
Una propriet`a rilevante delle serie a termini positivi `e il fatto che la suc-
cessione delle somme parziali risulta crescente e pertanto essa potr`a essere
convergente (se le somme parziali sono limitate superiormente) oppure diver-
gente positivamente (se le somme parziali non sono limitate superiormente).
In tema di notazioni, per indicare che una serie

+
n=0
a
n
a termini positivi `e
convergente, si scrive spesso
+

n=0
a
n
< + .
Da quanto osservato segue anche che una serie indeterminata deve ave-
re necessariamente inniti termini strettamente positivi ed inniti termini
strettamente negativi.
Un primo criterio elementare di confronto si pu`o ricavare direttamente
dai teoremi di confronto per i limiti.
Proposizione 5.2.5 (Primo criterio di confronto per le serie a ter-
mini positivi)
Si considerino due serie

+
n=0
a
n
e

+
n=0
b
n
a termini positivi e si supponga
che esista N tale che, per ogni n , risulti a
n
b
n
. Allora
1) Se la serie

+
n=0
b
n
`e convergente, lo `e anche la serie

+
n=0
a
n
e risulta
+

n=0
a
n

+

n=0
b
n
.
2) Se la serie

+
n=0
a
n
`e divergente positivamente, lo `e anche la serie

+
n=0
b
n
.
5.2 Serie numeriche 151
Il criterio precedente pu`o essere applicato nel caso seguente.
Corollario 5.2.6 (Secondo criterio di confronto per le serie a termini positivi)
Si considerino due serie

+
n=0
a
n
e

+
n=0
b
n
a termini strettamente positivi e si supponga
che esista il limite lim
n+
a
n
/b
n
= . Allora
1) Se 0 < < +, le due serie hanno lo stesso carattere.
2) Se = 0 e se la serie

+
n=0
b
n
`e convergente, anche la serie

+
n=0
b
n
`e convergente.
Se invece la serie

+
n=0
a
n
`e divergente positivamente, anche la serie

+
n=0
b
n
`e
divergente positivamente.
3) Se = + e se la serie

+
n=0
a
n
`e convergente, anche la serie

+
n=0
b
n
converge,
mentre se la serie

+
n=0
b
n
`e divergente positivamente anche la serie

+
n=0
a
n
`e
divergente positivamente.
Dimostrazione. 1) Dalla denizione di limite, esiste N tale che /2 < a
n
/b
n
< 3/2
per ogni n , da cui

2
b
n
< a
n
<
3
2
b
n
.
Applicando il primo criterio di confronto (Proposizione 5.2.5) tenendo conto di entrambe
le diseguaglianze, si deduce che le due serie hanno lo stesso carattere.
2) Dalla denizione di limite, esiste N tale che 1 < a
n
/b
n
< 1 per ogni n , da
cui, in particolare, a
n
< b
n
. Allora, dalla Proposizione 5.2.5, segue interamente la tesi.
3) Basta applicare il caso 2) invertendo i ruoli delle due serie e tenendo presente che, nel
caso in esame, lim
n+
b
n
/a
n
= 0.
A questo punto si possono enunciare i criteri di convergenza maggior-
mente utilizzati nelle applicazioni.
Teorema 5.2.7 (Criterio del rapporto di DAlembert per le serie a
termini positivi)
Sia
+

n=0
a
n
una serie a termini strettamente positivi. Allora
1) Se limsup
n+
a
n+1
a
n
< 1, allora la serie
+

n=0
a
n
`e convergente.
2) Se la successione
_
a
n+1
a
n
_
nN
`e denitivamente maggiore o uguale di
1, allora la serie
+

n=0
a
n
`e divergente positivamente.
152 Capitolo 5: Successioni e serie numeriche
Dimostrazione. 1) Si ponga

:= limsup
n+
a
n+1
a
n
; poiche

< 1, si pu`o considerare

<
q < 1 e dalla prima propriet`a caratteristica del massimo limite (applicata con := q

)
esiste N tali che, per ogni n , a
n+1
/a
n
< q, da cui a
n+1
< qa
n
. Si riconosce ora
che, per ogni n , risulta a
n
q
n
a

; infatti, tale propriet`a `e ovviamente vera per


n = e, supposta vera per un certo n , si ha a
n+1
< q q
n
a

= q
n+1
a

. Poiche
0 < q < 1, la serie geometrica

+
n=0
q
n
`e convergente e quindi, per la Proposizione 5.2.5,
lo `e anche la serie

+
n=0
a
n
.
2) Dalle ipotesi fatte, segue che la successione (a
n
)
nN
`e denitivamente crescente e quindi,
essendo a termini positivi, essa non pu`o essere innitesima. Dalla Proposizione 5.2.1, segue
che la serie

+
n=0
a
n
non `e convergente e quindi essa deve essere divergente positivamente.

Si supponga che esista il lim


n+
a
n+1
a
n
e lo si denoti con . Allora, la
serie

+
n=0
a
n
`e convergente se < 1 (in tal caso infatti

= < 1) ed `e
divergente positivamente se > 1 (in tal caso, infatti, si ha a
n+1
/a
n
> 1
denitivamente); se = 1, non si pu`o invece dire nulla.
Ad esempio, si consideri la serie
+

n=0
a
n
n!
, a R .
Per ogni n N, posto a
n
:= a
n
/n!, risulta
a
n+1
a
n
=
a
n+1
(n + 1)!
n!
a
n
=
a
n + 1
e quindi lim
n+
a
n+1
/a
n
= 0. Dal Teorema 5.2.7 segue allora che la serie `e
convergente per ogni a R.
Teorema 5.2.8 (Criterio della radice di Cauchy per le serie a ter-
mini positivi)
Sia (a
n
)
nN
una successione di numeri reali positivi. Allora:
1) Se limsup
n+
n

a
n
< 1, la serie

+
n=0
a
n
`e convergente.
2) Se limsup
n+
n

a
n
> 1, la serie

+
n=0
a
n
`e divergente positivamente.
Dimostrazione. 1) Si ponga

:= limsup
n+
n

a
n
e si consideri q R tale che

< q < 1; dalla prima propriet`a caratteristica del massimo limite, esiste N tale che,
per ogni n , si abbia
n

a
n
< q, e quindi a
n
< q
n
. Poiche q < 1, la serie geometrica

+
n=0
q
n
`e convergente e quindi, per il primo criterio di confronto (Proposizione 5.2.5),
anche la serie

+
n=0
a
n
`e convergente.
5.2 Serie numeriche 153
2) Dalla seconda propriet`a caratteristica del massimo limite applicata con =

1,
segue che linsieme {n N | a
n
> 1} `e innito e quindi la successione (a
n
)
nN
non pu`o
essere innitesima. Dalla Proposizione 5.2.1 segue che la serie

+
n=0
a
n
non pu`o essere
convergente e pertanto essa `e necessariamente divergente positivamente.
Ovviamente, anche in questo caso se esiste il limite lim
n+
n

a
n
= , la
serie `e convergente se < 1 ed `e divergente positivamente se > 1, mentre
non si pu`o dire nulla nel caso = 1.
Ad esempio, si consideri la serie

+
n=0
a
n
, dove
a
n
=
_
2
n
, n pari;
3
n
, n dispari.
Si ha limsup
n+
n

a
n
= max{1/2, 1/3} = 1/2 e quindi dal Teorema 5.2.8,
la serie `e convergente. Si osservi che il criterio del rapporto in questo caso
non `e applicabile.
Si enuncia ora un ulteriore criterio generale di convergenza.
Teorema 5.2.9 (Criterio di Raabe-Duhamel per le serie a termini
positivi)
Sia (a
n
)
nN
una successione di numeri reali positivi. Si ha quanto segue:
1) Se esistono q > 1 e N tali che, per ogni n , si abbia a
n
> 0 e
n
_
a
n
a
n+1
1
_
q ,
allora la serie

+
n=0
a
n
`e convergente.
2) Se esiste N tale che, per ogni n , si abbia a
n
> 0 e
n
_
a
n
a
n+1
1
_
1 ,
allora la serie

+
n=0
a
n
`e divergente positivamente.
Dimostrazione. 1) Per ogni n , si ha q a
n+1
a
n+1
n(a
n
a
n+1
) a
n+1
e quindi
a
n+1

na
n
(n + 1)a
n+1
q 1
.
154 Capitolo 5: Successioni e serie numeriche
Denotata con s
n
la somma parziale n-esima della serie

+
n=0
a
n
, da questultima relazione
segue, per ogni n ,
s
n+1
= s

+a
+1
+ +a
n+1
s

+
a

( + 1)a
+1
q 1
+ +
na
n
(n + 1)a
n+1
q 1
= s

+
a

q 1

(n + 1)a
n+1
q 1
s

+
a

q 1
.
Quindi le somme parziali della serie in esame sono limitate superiormente da cui la
convergenza della serie
2) Dalle ipotesi segue, per ogni n , na
n
(n + 1)a
n+1
e quindi, in particolare,
a

(n + 1)a
n+1
; allora, per ogni n , si ha a
n+1
a

/(n + 1); poiche la serie


armonica

+
n=0
1/(n + 1) `e divergente positivamente, si conclude che anche la serie in
esame `e divergente positivamente.
Anche ora lesistenza del limite
lim
n+
n
_
a
n
a
n+1
1
_
= ,
consente di aermare la convergenza della serie

+
n=0
a
n
nel caso > 1 e la
sua divergenza positiva nel caso < 1, mentre il caso = 1 non consente di
dire nulla.
Esempio 5.2.10 (Serie armonica generalizzata)
Si consideri la serie
+

n=0
1
(n + 1)
p
con p ]0, +[, la quale viene denominata serie armonica generalizzata di
ordine p (o semplicemente serie armonica se p = 1).
Poiche
lim
n+
n
_
1/(n + 1)
p
1/(n + 2)
p
1
_
= lim
n+
n
_
(n + 2)
p
(n + 1)
p
1
_
= lim
n+
n
__
1 +
1
n + 1
_
p
1
_
= lim
n+
n
n + 1
(1 + 1/(n + 1))
p
1
1/(n + 1)
= p ,
applicando il criterio di Raabe-Duhamel, si riconosce che la serie armonica
generalizzata `e convergente se p > 1 ed `e divergente positivamente se p < 1;
5.2 Serie numeriche 155
nel caso p = 1, si `e gi`a riconosciuto direttamente che essa risulta ancora
divergente positivamente. Si osservi che a tale serie non era applicabile ne il
criterio del rapporto ne quello della radice.
Nel caso di successioni decrescenti, vi `e un ulteriore strumento molto utile
nelle applicazioni.
Teorema 5.2.11 (Criterio di condensazione di Cauchy per le serie
a termini positivi)
Sia (a
n
)
nN
una successione decrescente di numeri reali positivi.
Allora le due serie
+

n=0
a
n
,
+

n=0
2
n
a
2
n ,
sono entrambe convergenti oppure entrambe divergenti positivamente.
Dimostrazione. Si indichi con s
n
la somma parziale n-esima della serie

+
n=0
a
n
e con

n
quella della serie

+
n=0
2
n
a
2
n.
Per ogni k N, si ha
2
k+1
1

j=2
k
a
j
2
k
a
2
k ,
in quanto il primo membro `e somma di 2
k
addendi ognuno dei quali `e minore o uguale al
primo addendo a
2
k (a causa della decrescenza della successione (a
n
)
nN
). Sommando per
k = 0, . . . , n si ha
s
2
n+1
1
=
2
n+1
1

k=1
a
k
=
n

k=0
2
k+1
1

j=2
k
a
j

n

k=0
2
k
a
2
k =
n
,
e quindi la convergenza della seconda serie implica quella della prima.
Viceversa, procedendo in maniera analoga, per ogni k 1,
1
2
2
k
a
2
k = 2
k1
a
2
k
2
k

j=2
k1
+1
a
j
(il numero degli addendi a secondo `e infatti 2
k
2
k1
1 + 1 = 2 2
k1
2
k1
= 2
k1
ed ognuno di essi `e maggiore o uguale di quello con lindice maggiore, cio`e a
2
k) e quindi,
sommando per k = 1, . . . , n,
1
2
(
n
a
1
) =
1
2
_
n

k=1
2
k
a
2
k +a
1
a
1
_
=
1
2
n

k=1
2
k
a
2
k
2
n

k=2
a
k
= s
2
n a
0
a
1
;
da ci`o segue che la convergenza della prima serie implica quella della seconda.
156 Capitolo 5: Successioni e serie numeriche
Ad esempio, si consideri la serie
+

n=2
1
n| log n|
p
, p ]0, +[ .
Posto a
n
:= 1/(n| log n|
p
), si ha
2
n
a
2
n = 2
n
1
2
n
| log 2
n
|
p
=
1
n
p
| log 2|
p
e inoltre la successione (a
n
)
n2
`e decrescente. Poiche la serie armonica gene-
ralizzata `e convergente per p > 1 e divergente positivamente per p 1, dal
Teorema 5.2.11, segue che la serie in esame si comporta allo stesso modo.
Nelle applicazioni i criteri precedenti possono essere utilizzati anche per
serie che non hanno segno costante, riferendoli alla serie dei valori assoluti,
che `e in ogni caso a termini positivi.
Infatti, se (a
n
)
nN
`e una successione arbitraria di numeri reali, si pu`o
considerare la serie
+

n=0
|a
n
|
di termine generale n-esimo |a
n
|; tale serie `e a termini positivi e quindi deve
essere o convergente o divergente positivamente.
Si dice che la serie

+
n=0
a
n
`e assolutamente convergente (rispettivamente,
assolutamente divergente) se la serie

+
n=0
|a
n
| `e convergente (rispettivamen-
te, divergente positivamente).
La condizione di assoluta convergenza `e pi` u restrittiva della convergenza
di una serie, come si riconosce nella proposizione successiva.
Proposizione 5.2.12 Sia (a
n
)
nN
una successione di numeri reali. Se la
serie

+
n=0
a
n
`e assolutamente convergente, allora essa `e anche convergente.
Dimostrazione. Sia > 0; dal criterio di convergenza di Cauchy applicato alla serie

+
n=0
|a
n
|, esiste N tale che, per ogni n e per ogni p N, risulti
n+p

k=n+1
|a
k
| < .
Allora si ha anche

n+p

k=n+1
a
k

n+p

k=n+1
|a
k
| < ,
e quindi, sempre dal criterio di convergenza di Cauchy segue che la serie

+
n=0
a
n
`e
convergente.
5.2 Serie numeriche 157
Viceversa, una serie pu`o essere convergente senza essere assolutamente
convergente; in tal caso si dice anche che la serie `e semplicemente convergente
(oppure semiconvergente).
Se la serie dei valori assoluti di una serie assegnata verica qualcuno dei
criteri di convergenza precedenti, la serie risulter`a assolutamente convergente
e quindi, dalla Proposizione 5.2.12, risulter`a a maggior ragione convergente.
Invece, il fatto che una serie sia assolutamente divergente non comporta
che essa non possa essere convergente.
Un ulteriore criterio di convergenza assoluta si ottiene applicando la
Proposizione 5.2.5 alla serie armonica generalizzata.
Teorema 5.2.13 (Criterio dellordine di innitesimo per le serie)
Sia

+
n=0
a
n
una serie arbitraria di numeri reali. Allora
1) Se la successione (a
n
)
nN
`e un innitesimo di ordine maggiore o uguale
di , con > 1, la serie

+
n=0
a
n
`e assolutamente convergente.
2) Se la successione (a
n
)
nN
`e un innitesimo di ordine minore o uguale
di 1, la serie

+
n=0
a
n
`e assolutamente divergente.
Dimostrazione. 1) Poiche la successione (a
n
)
nN
`e un innitesimo di ordine maggiore o
uguale di , con > 1, si ha lim
n+
n

|a
n
| = con R (eventualmente, pu`o anche
accadere = 0). Dalla denizione di limite si ottiene lesistenza di N tale che, per ogni
n , risulti n

|a
n
| + 1, da cui |a
n
| ( + 1)/n

. Poiche la serie ( + 1)

+
n=0
1/n

`e convergente (si veda lEsempio 5.2.10), dalla Proposizione 5.2.5 segue che anche la serie

+
n=0
|a
n
| `e convergente.
2) Poiche la successione (a
n
)
nN
`e un innitesimo di ordine minore o uguale di 1, si ha
lim
n+
n|a
n
| = con > 0 oppure = + (se lordine di innitesimo `e minore di
1). Dalla denizione di limite, considerato > 0 tale che < , esiste N tale che,
per ogni n , si abbia n|a
n
| , da cui |a
n
| /n. La serie

+
n=1
/n `e divergente
positivamente (Esempio 5.2.4) e quindi, dalla Proposizione 5.2.5, anche la serie

+
n=0
|a
n
|
`e divergente positivamente.
5.2.3 Serie alternanti
Si studia ora un ulteriore criterio di convergenza per serie che non sono a
termini positivi.
Sia (a
n
)
nN
una successione di numeri reali. Si dice che la serie

+
n=0
a
n
`e
a segni alterni (oppure alternante) se, per ogni n N, (1)
n
a
n
0 oppure,
per ogni n N, (1)
n
a
n
0. Si ha il seguente criterio di convergenza.
158 Capitolo 5: Successioni e serie numeriche
Teorema 5.2.14 (Criterio di Leibnitz per le serie alternanti)
Sia (a
n
)
nN
una successione decrescente ed innitesima di numeri reali po-
sitivi. Allora, la serie alternante

+
n=0
(1)
n
a
n
`e convergente e inoltre, de-
notata con s la sua somma e, per ogni n N, con s
n
la somma parziale
n-esima, si ha
|s s
n
| a
n+1
. (5.2.1)
Dimostrazione. Tenendo presente che la successione (a
n
)
nN
`e decrescente, valgono le
relazioni
s
2(n+1)
= s
2n
a
2n+1
+a
2n+2
s
2n
, (1)
s
2(n+1)+1
= s
2n+1
a
2n+2
+a
2n+3
s
2n+1
, (2)
s
2n
s
2n+1
= a
2n+1
. (3)
Dalle uguaglianze (1) e (2) segue che la successione estratta (s
2n
)
nN
`e decrescente,
mentre la successione estratta (s
2n+1
)
nN
`e crescente; inoltre, dalla (3), s
2n+1
s
2n
per ogni n N e quindi s
1
s
2n
e s
2n+1
s
0
. Dunque, le successioni (s
2n
)
nN
e
(s
2n+1
)
nN
sono monotone e limitate e quindi, dal Teorema 5.1.2, esse sono convergenti.
Posto s = lim
n+
s
2n
e tenendo presente che la successione (a
n
)
nN
`e innitesima, si
ha anche lim
n+
s
2n+1
= lim
n+
s
2n
a
2n+1
= lim
n+
s
2n
lim
n+
a
2n+1
= s.
Inne, dalla monotonia delle successioni (s
2n
)
nN
e (s
2n+1
)
nN
e dalla (3) segue, per ogni
n N,
|s s
2n
| = s
2n
s s
2n
s
2n+1
= a
2n+1
,
|s s
2n+1
| = s s
2n+1
s
2n+2
s
2n+1
= a
2n+2
;
quindi sia nel caso in cui n sia pari o dispari si ha |s s
n
| a
n+1
; da ci`o segue che la
successione (s
n
)
nN
delle somme parziali converge verso s e vale la (5.2.1).
La (5.2.1) si pu`o enunciare dicendo che lerrore commesso approssimando
la somma di una serie a termini alterni con una somma parziale `e minore o
uguale del valore assoluto del primo termine trascurato.
Esempio 5.2.15 (Serie armonica a segni alterni)
Si consideri la serie
+

n=0
(1)
n
1
(n + 1)
p
,
con p ]0, +[, la quale viene denominata serie armonica a segni alterni di
ordine p; se p = 1, essa viene denominata semplicemente serie armonica a
segni alterni.
Si `e gi`a visto che tale serie `e assolutamente convergente (e quindi conver-
gente per la Proposizione 5.2.12) se p > 1. Se p 1, si pu`o tener presente che
la successione (n
p
)
n1
`e decrescente ed innitesima e quindi per il criterio di
5.2 Serie numeriche 159
Leibnitz la serie risulta ancora convergente (ma non assolutamente). Inne,
denotata con s la somma della serie, per ogni n 1, dalla (5.2.1) segue

s
n

k=0
(1)
k
1
(k + 1)
p

1
(n + 2)
p
.
5.2.4 Propriet`a algebriche
Alcune propriet`a algebriche elementari delle serie numeriche sono state gi`a
considerate in precedenza. Si esamina ora il comportamento delle serie
numeriche rispetto ad ulteriori operazioni algebriche.
La prima operazione che si prende in considerazione `e quella di prodotto
secondo Cauchy di due serie numeriche.
Siano

+
n=0
a
n
e

+
n=0
b
n
due serie numeriche di numeri reali. Si denisce
serie prodotto secondo Cauchy delle due serie, e si denota con
+

n=0
a
n

+

n=0
b
n
,
la serie

+
n=0
c
n
di termine n-esimo
c
n
:=
n

k=0
a
k
b
nk
. (5.2.2)
Il termine n-esimo della serie prodotto secondo Cauchy si ottiene somman-
do i prodotti dei termini delle due serie la cui somma degli indici `e uguale ad
n. Nel diagramma seguente, che conviene tener presente per le diseguaglian-
ze utilizzate nella proposizione successiva, i termini della serie prodotto si
ottengono sommando gli elementi delle diagonali. Quindi la somma parziale
n-esima della serie prodotto secondo Cauchy si ottiene sommando tutti gli
elementi che si trovano al di sotto della diagonale n-esima.
Proposizione 5.2.16 Siano

+
n=0
a
n
e

+
n=0
b
n
due serie assolutamente
convergenti di numeri reali. Allora la serie prodotto secondo Cauchy

+
n=0
c
n
denita dalla (5.2.2) `e assolutamente convergente.
Inoltre, posto s :=

+
n=0
a
n
, t :=

+
n=0
b
n
e u :=

+
n=0
c
n
, risulta u = st.
Dimostrazione. Si supponga dapprima che le serie

+
n=0
a
n
e

+
n=0
b
n
siano a termini
positivi e, per ogni n N, si denoti con s
n
la somma parziale n-esima della serie

+
n=0
a
n
,
160 Capitolo 5: Successioni e serie numeriche
a
0
a
1
a
2
a
3
a
4
a
5
a
6
a
7
b
0
b
1
b
2
b
3
b
4
b
5
b
6
b
7
a
0
b
7
a
1
b
6
a
2
b
5
a
3
b
4
a
4
b
3
a
5
b
2
a
6
b
1
a
7
b
0

d
d
d
d
d
d
d
d
d
d
d
d
d
d
d
d
d
d
d
d
Figura 5.1: Prodotto secondo Cauchy di due serie
con t
n
la somma parziale n-esima della serie

+
n=0
b
n
ed inne con u
n
la somma parziale
n-esima della serie

+
n=0
c
n
. Allora, per ogni n N, si ha
u
n
= a
0
b
0
+ (a
0
b
1
+a
1
b
0
) + + (a
0
b
n
+a
1
b
n1
+ +a
n1
b
1
+a
n
b
0
)
a
0
(b
0
+ +b
n
) + +a
n
(b
0
+ +b
n
)
= (a
0
+ +a
n
)(b
0
+ +b
n
)
= s
n
t
n
a
0
b
0
+ (a
0
b
1
+a
1
b
0
) + + (a
0
b
2n
+a
1
b
2n1
+ +a
2n1
b
1
+a
2n
b
0
)
= u
2n
.
Per lultima diseguaglianza conviene tener presente che gli elementi al di sotto della
diagonale n-esima appartengono a quelli interni al quadrato avente come vertici gli elementi
a
0
b
0
, a
n
b
0
, a
n
b
n
e a
0
b
n
e che questi ultimi si trovano al di sotto della diagonale 2n-esima.
Dalla diseguaglianza u
n
s
n
t
n
, tenendo presente che la successione (u
n
)
nN
`e crescen-
te, segue che la serie

+
n=0
c
n
`e convergente. Inoltre, dalla diseguaglianza u
n
s
n
t
n
u
2n
,
segue u s t u, da cui segue interamente la tesi.
Si considera ora il caso generale. Poiche le serie

+
n=0
a
n
e

+
n=0
b
n
sono asso-
lutamente convergenti, dalla prima parte dimostrata segue che la serie prodotto delle
serie

+
n=0
|a
n
| e

+
n=0
|b
n
| `e convergente. Il termine n-esimo di tale serie `e dato da

n
k=0
|a
k
b
nk
|; poiche, per ogni n N,

k=0
a
k
b
nk

k=0
|a
k
b
nk
| ,
5.2 Serie numeriche 161
la serie prodotto secondo Cauchy di

+
n=0
a
n
e

+
n=0
b
n
`e assolutamente convergente.
Inne, si riconosce facilmente che
|s
n
t
n
u
n
|
2n

k=0
|a
k
b
nk
|
n

k=0
|a
k
b
nk
| ,
e quindi, passando al limite per n +, si ha lim
n+
|s
n
t
n
u
n
| = 0, da cui u = s t.
t
Si potrebbe riconoscere, ma si omette per brevit`a la dimostrazione, che
la serie prodotto secondo Cauchy converge anche se una sola delle due serie
`e assolutamente convergente e laltra `e convergente (Teorema di Mertens).
Inoltre, se due serie sono convergenti, la serie prodotto secondo Cauchy non
pu`o risultare divergente positivamente ne divergente negativamente, ma deve
essere necessariamente convergente oppure indeterminata. Nel caso in cui la
serie prodotto secondo Cauchy sia convergente, vale in ogni caso luguaglianza
con il prodotto delle somme delle due serie.
Si `e gi`a osservato che lalterazione di un numero nito di termini di una
serie non inuisce sul suo carattere. Si esaminano ora alcune propriet`a delle
serie che riguardano invece lalterazione di un numero non necessariamente
nito di termini. Per brevit`a, si omettono le dimostrazioni delle propriet`a
successive.
Se

+
n=0
a
n
`e una serie di numeri reali e se (k(n))
nN
`e una successione
strettamente crescente di interi positivi tale che k(0) = 0, la serie
+

n=0
_
_
k(n+1)1

j=k(n)
a
j
_
_
di termine n-esimo

k(n+1)1
j=k(n)
a
j
si dice ottenuta dalla serie

+
n=0
a
n
raggrup-
pandone i termini.
La propriet`a di completa additivit`a delle serie convergenti asserisce che
se la serie

+
n=0
a
n
`e convergente (rispettivamente, divergente positivamente,
divergente negativamente, assolutamente convergente, assolutamente diver-
gente), allora anche le serie ottenute da essa raggruppandone i termini sono
convergenti (rispettivamente, divergenti positivamente, divergenti negativa-
mente, assolutamente convergenti, assolutamente divergenti) e le loro somme
coincidono.
Conviene osservare che una serie ottenuta raggruppando i termini pu`o
essere convergente senza che lo sia la serie di partenza. In particolare, se una
serie `e indeterminata, non `e detto che una serie ottenuta da essa raggruppan-
done i termini sia anchessa indeterminata. Ad esempio, la serie

+
n=0
(1)
n
162 Capitolo 5: Successioni e serie numeriche
`e indeterminata in quanto il termine n-esimo non `e innitesimo, ma se si
considera la successione (2n)
nN
strettamente crescente di interi si ottiene
una serie con tutti i termini nulli che quindi converge a 0.
Si considera inne una estensione della propriet`a commutativa della som-
ma di numeri reali. Se

+
n=0
a
n
`e una serie di numeri reali e se : N N
`e una permutazione dellinsieme N (cio`e, una funzione bigettiva di N in N),
allora la serie

+
n=0
a
(n)
di termine n-esimo a
(n)
si dice ottenuta dalla serie

+
n=0
a
n
riordinandone i termini. Inoltre, si dice che la serie

+
n=0
a
n
`e in-
condizionatamente convergente se ogni serie da essa ottenuta riordinandone
i termini `e convergente e si ha
+

n=0
a
(n)
=
+

n=0
a
n
.
Si pu`o riconoscere che una serie `e incondizionatamente convergente se e
solo se essa `e assolutamente convergente.
Capitolo 6
Funzioni continue
Una delle propriet`a pi` u importanti delle funzioni elementari riguarda il fat-
to che il limite in un punto x
0
in cui la funzione `e denita si pu`o deter-
minare semplicemente calcolando la funzione in x
0
. Tale propriet`a viene
approfondita nel presente capitolo.
6.1 Denizioni e propriet`a preliminari
Denizione 6.1.1 Siano X un sottoinsieme non vuoto di R, x
0
X ed
f : X R una funzione reale. Si dice che f `e continua in x
0
se verica la
seguente condizione
> 0 > 0 t.c. x X]x
0
, x
0
+ [: |f(x) f(x
0
)| < .
Se x
0
X non `e un punto di accumulazione per X, la condizione pre-
cedente `e sempre soddisfatta (basta considerare > 0 tale che X]x
0

, x
0
+ [{x
0
} = ), mentre se x
0
`e di accumulazione per X, la condizione
precedente equivale allesistenza del limite di f in x
0
ed alla condizione
lim
xx
0
f(x) = f(x
0
) .
Se A `e un sottoinsieme di X, si dice che f `e continua in A se f `e continua
in ogni x
0
A. Inne, si dice che f `e continua, se essa `e continua in X.
In modo analogo si forniscono le denizioni di funzione continua a si-
nistra e continua a destra; precisamente, si dice che f `e continua a destra
(rispettivamente, continua a sinistra) in x
0
se verica la seguente condizione
> 0 > 0 t.c. x X [x
0
, x
0
+ [: |f(x) f(x
0
)| <
164 Capitolo 6: Funzioni continue
(rispettivamente,
> 0 > 0 t.c. x X]x
0
, x
0
] : |f(x) f(x
0
)| < ).
Si riconosce facilmente che se x
0
`e un punto di accumulazione a destra
(rispettivamente, a sinistra) per X, allora f `e continua a destra (rispettiva-
mente, a sinistra) in x
0
se e solo se esiste il limite destro (rispettivamente,
sinistro) di f in x
0
e si ha
lim
xx
+
0
f(x) = f(x
0
) (rispettivamente, lim
xx

0
f(x) = f(x
0
) ).
Ad esempio, la funzione f :] 1, +[ R denita ponendo, per ogni
x ] 1, +[,
f(x) :=
_
log(1 +x)
x
, x = 0
1 , x = 0 ,
`e continua nel punto x
0
= 0.
Invece, la funzione f : R R denita ponendo, per ogni x R,
f(x) :=
_
e
1/x
, x = 0
0 , x = 0 ,
`e continua a sinistra in x
0
= 0, ma non a destra in quanto lim
x0
+ e
1/x
= +.
Un punto in cui una funzione f : X R `e denita ma non `e continua,
viene denominato punto di discontinuit`a per f. Si osservi che un punto di
discontinuit`a x
0
X deve essere necessariamente di accumulazione per X e
quindi in un tale punto si pu`o considerare il limite di f ma, se esiste, non
deve coincidere con f(x
0
). A seconda del comportamento di tale limite, si
possono classicare diversi tipi di punti di discontinuit`a di seguito specicati.
Siano X un sottoinsieme non vuoto di R, f : X R una funzione reale
ed x
0
X un punto di discontinuit`a per f.
1) Si dice che x
0
`e un punto di discontinuit`a eliminabile per f se esiste ed
`e nito il lim
xx
0
f(x) e si ha
lim
xx
0
f(x) = f(x
0
) .
2) Si dice che x
0
`e un punto di discontinuit`a di prima specie per f se
esistono e sono niti il limite sinistro lim
xx

0
f(x) ed il limite destro
lim
xx
+
0
f(x) e si ha
lim
xx

0
f(x) = lim
xx
+
0
f(x) .
6.1 Denizioni e propriet`a preliminari 165
3) In tutti i casi rimanenti, cio`e se uno dei due limiti da sinistra o da destra
non esiste oppure `e innito, si dice che x
0
`e un punto di discontinuit`a
di seconda specie.
Se x
0
`e un punto di discontinuit`a eliminabile per f, si pu`o denire la
funzione

f : X R ponendo, per ogni x X,

f(x) :=
_
f(x) , x = x
0
,
lim
xx
0
f(x) , x = x
0
,
la quale risulta continua in x
0
; ci`o giustica la denominazione data a questo
tipo di discontinuit`a.
np Se x
0
X `e un punto di discontinuit`a di prima specie, esso `e necessa-
riamente di accumulazione sia a sinistra che a destra per X e non `e possibile
ridenire la funzione nel punto x
0
in modo da ottenere una funzione continua.
Si possono tuttavia denire le funzioni

f

: X R e

f
+
: X R ponendo,
per ogni x X,

(x) :=
_
f(x) , x = x
0
,
lim
xx

0
f(x) , x = x
0
,

f
+
(x) :=
_
f(x) , x = x
0
,
lim
xx
+
0
f(x) , x = x
0
,
le quali sono la prima continua solamente a sinistra in x
0
e la seconda continua
solamente a destra in x
0
.
Il numero reale
s(x
0
) := lim
xx
+
0
f(x) lim
xx

0
f(x)
viene denominato salto della funzione f nel punto x
0
.
Ad esempio, la funzione segno sign : R R denita ponendo, per ogni
x R,
sign(x) :=
_
|x|/x , x = 0 ,
0 , x = 0 ,
ha una discontinuit`a di prima specie nel punto 0 ed il salto della funzione nel
punto 0 `e uguale a 2.
Un noto esempio di funzione che presenta discontinuit`a di seconda specie
in ogni punto del suo insieme di denizione `e la funzione di Dirichlet d :
[0, 1] R denita ponendo, per ogni x [0, 1],
d(x) :=
_
1 , x [0, 1] Q ,
0 , x [0, 1] (R Q) .
(6.1.1)
Dai teoremi sui limiti, segue subito il seguente risultato riguardante le
operazioni sulle funzioni continue.
166 Capitolo 6: Funzioni continue
Teorema 6.1.2 Siano X un sottoinsieme non vuoto di R, x
0
X un punto
di accumulazione per X ed f : X R e g : X R funzioni reali. Allora:
1) Se f e g sono continue in x
0
, anche la funzione somma f +g `e continua
in x
0
; conseguentemente, se f e g sono continue, f + g `e continua.
2) Se f e g sono continue in x
0
, anche la funzione prodotto f g `e continua
in x
0
; conseguentemente, se f e g sono continue, f g `e continua.
In particolare, se R ed f `e continua in x
0
, anche la funzione f
`e continua in x
0
; conseguentemente, se f `e continua, f `e anchessa
continua.
3) Se, per ogni x X, f(x) = 0 ed f `e continua in x
0
, anche la funzione
reciproca 1/f `e continua in x
0
; conseguentemente, se f `e continua,
anche 1/f `e continua.
4) Se, per ogni x X, g(x) = 0 ed f e g sono continue in x
0
, anche la
funzione quoziente f/g `e continua in x
0
; conseguentemente, se f e g
sono continue, f/g `e continua.
Teorema 6.1.3 (Continuit`a delle funzioni composte)
Siano X e Y sottoinsiemi non vuoti di R, x
0
X un punto di accumulazione
per X ed f : X R e g : Y R funzioni reali tali che f(X) Y e si ponga
y
0
= f(x
0
). Se f `e continua in x
0
e g `e continua in y
0
, allora la funzione
composta g f : X R risulta continua in x
0
. Conseguentemente, se f e g
sono continue, la funzione composta g f `e continua.
Dimostrazione. La dimostrazione pu`o essere considerata una conseguenza del Teorema
4.5.6 sul limite delle funzioni composte, tuttavia si pu`o fonire facilmente una dimostrazione
diretta. Fissato > 0, dalla continuit`a di g in y
0
segue lesistenza di
1
> 0 tale che, per
ogni y Y ]y
0

1
, y
0
+
1
[, si abbia g(y
0
) < g(y) < g(y
0
) + ; inoltre, poiche
f `e continua in x
0
, si pu`o trovare > 0 tale che, per ogni x X]x
0
, x
0
+ [,
risulti f(x
0
)
1
< f(x) < f(x
0
) +
1
. Allora, per ogni x X]x
0
, x
0
+ [, si ha
anche f(x) Y ]y
0

1
, y
0
+
1
[ e conseguentemente g(y
0
) < g(f(x)) < g(y
0
) + .
Dallarbitrariet`a di > 0 segue la tesi.
I teoremi precedenti consentono di aermare la continuit`a di una funzione
ottenuta mediante le operazioni algebriche di somma, prodotto e composi-
zione di funzioni continue.
Se X `e un sottoinsieme non vuoto di R, linsieme di tutte le funzioni reali
continue denite in X viene denotato con C(X)
C(X) := {f : X R | f `e continua} .
6.2 Funzioni continue su intervalli chiusi e limitati 167
In termini algebrici, le propriet`a precedenti consentono di aermare che lin-
sieme C(X), munito delle operazioni di somma di due funzioni e prodotto di
un numero reale per una funzione, risulta uno spazio vettoriale reale.
Le funzioni maggiormente studiate nel seguito si ottengono applicando
opportune operazioni algebriche di somma, prodotto e composta alle funzio-
ni elementari, per cui la continuit`a delle funzioni elementari sar`a in generale
suciente ad assicurarne la continuit`a delle funzioni in esame. Daltra par-
te, la continuit`a delle funzioni elementari `e unimmediata conseguenza dello
studio dei limiti delle funzioni elementari eettuato in precedenza, in base al
quale si pu`o aermare che tutte le funzioni elementari sono continue. Inoltre,
anche i polinomi e le funzioni razionali sono continue, in quanto somma e
quoziente di funzioni continue.
6.2 Funzioni continue su intervalli chiusi e
limitati
Alcune importanti propriet`a delle funzioni continue si ottengono nel caso in
cui esse sono denite in intervalli chiusi e limitati.
Teorema 6.2.1 (Teorema di Weierstrass)
Sia f : [a, b] R una funzione continua. Allora f `e dotata di minimo e di
massimo, cio`e esistono c [a, b] e d [a, b] tali che, per ogni x [a, b],
f(c) f(x) f(d) .
Dimostrazione. Si dimostra in una prima fase che ogni funzione continua f : [a, b] R `e
limitata. Infatti, se per assurdo f non fosse limitata superiormente, essa non ammetterebbe
maggioranti e quindi, in particolare, per ogni n N esisterebbe x
n
[a, b] tale che f8x
n
) >
n. La successione (x
n
)
nN
`e limitata e quindi, dal Corollario 5.1.13, ammette unestratta
(x
k(n)
)
nN
convergente verso un elemento x
0
[a, b]. Poiche lim
n+
f(x
k(n)
) = + (in
quanto f(k(n)) > k(n) n), dalla caratterizzazione sequenziale del limite (Teorema 5.1.3)
viene contraddetta la continuit`a di f in x
0
. Quindi f deve essere limitata superiormente.
Nello stesso modo si dimostra che f deve essere limitata inferiormente.
Si dimostra ora che f `e dotata di massimo; dalla prima parte gi`a dimostrata, si pu`o
considerare lestremo superiore := sup f di f e quindi `e suciente dimostrare che esso
`e un valore della funzione. Infatti, dalla denizione di estremo superiore, per ogni n N
segue lesistenza di y
n
[a, b] tale che 1/(n + 1) < f(y
n
) ; anche in questo caso
la successione (y
n
)
nN
`e limitata e quindi, dal Corollario 5.1.13, ammette unestratta
(y
k(n)
)
nN
convergente verso un elemento d [a, b]. Poiche lim
n+
f(y
k(n)
) = dalla
continuit`a di f in y
0
e dalla caratterizzazione sequenziale del limite (Teorema 5.1.3) segue
= f(d) e ci`o completa la dimostrazione dellesistenza del massimo. Nello stesso modo si
dimostra inne quella del minimo di f.
168 Capitolo 6: Funzioni continue
Oltre alla continuit`a, si osserva che lipotesi che linsieme di denizione
sia un intervallo chiuso e limitato `e essenziale, come si riconosce, ad esempio,
considerando le restrizioni della funzioni logaritmo allintervallo semiaperto
]0, 1] ed allintervallo non limitato [1, +[.
La propriet`a successiva giustica la terminologia adottata per la propriet`a
di continuit`a.
Teorema 6.2.2 (Teorema degli zeri)
Sia f : [a, b] R una funzione continua tale che f(a) f(b) < 0. Allora esiste
x
0
]a, b[ tale che f(x
0
) = 0.
Dimostrazione. Lipotesi f(a) f(b) < 0 esprime il fatto che negli estremi a e b la funzione
f assume valori di segno opposto. Si supponga, per ssare le notazioni, che f(a) < 0 e
f(b) > 0 (la dimostrazione `e analoga nel caso f(a) > 0 e f(b) < 0).
Si ponga I
1
:= [a, b] e si consideri il punto medio x
1
[a, b]; se f(x
1
) = 0, la tesi `e
vera, altrimenti la funzione f assume valori di segno opposto in almeno uno degli intervalli
[a, x
1
] e [x
1
, b]; denotato con I
2
tale intervallo si denota ora con x
2
il punto medio di I
2
e
si considera il valore f(x
2
). Se f(x
2
) = 0, la tesi `e vera, altrimenti la funzione f assume
valori di segno opposto in almeno uno degli intervalli aventi come estremi x
2
ed uno dei
punti considerati in precedenza; tale intervallo viene denotato I
3
e si ripete il procedimento
esposto. Se dopo n iterazioni di tale procedimento si trova un punto x
n
[a, b] tale che
f(x
n
) = 0, la tesi `e vera, altrimenti si trova una successione di intervalli (I
n
)
n1
tale che,
per ogni n 1, I
n+1
I
n
e I
n
ha ampiezza (ba)/2
n1
. Per ogni n 1 si denotino con a
n
e b
n
gli estremi di I
n
e precisamente con a
n
lestremo in cui f assume un valore negativo e
con b
n
lestremo in cui f assume un valore positivo; si ottengono cos`le successioni (a
n
)
nN
e (b
n
)
nN
di elementi di [a, b]. La successione (a
n
)
nN
`e limitata e quindi, dal Corollario
5.1.13, essa ammette unestratta (a
k(n)
)
nN
convergente verso un elemento x
0
[a, b].
Poiche k(n) n, si ha
ba
2
k(n)1

ba
2
n1
e conseguentemente
a
k(n)

b a
2
n1
a
k(n)

b a
2
k(n)1
b
k(n)
a
k(n)
+
b a
2
k(n)1
a
k(n)

b a
2
n1
(in realt`a, b
k(n)
coincide con a
k(n)
(ba)/k(n) oppure con a
k(n)
+(ba)/k(n)), si ha anche
per confronto lim
n+
b
k(n)
= x
0
; dalla continuit`a di f in x
0
e dalla caratterizzazione
sequenziale del limite (Teorema 5.1.3) segue
lim
n+
f(a
k(n)
) = f(x
0
) , lim
n+
f(b
k(n)
) = f(x
0
) ;
inne, poiche f(a
n
) 0 deve essere anche f(x
0
) 0 e analogamente, poiche f(b
n
) 0
deve essere anche f(x
0
) 0; si conclude che deve essere f(x
0
) = 0 e ci`o completa la
dimostrazione.
Corollario 6.2.3 (Teorema di Bolzano o dei valori intermedi)
Sia f : [a, b] R una funzione continua e siano m R ed M R il minimo
e rispettivamente il massimo di f. Se R e m M, allora esiste
x
0
[a, b] tale che f(x
0
) = .
6.2 Funzioni continue su intervalli chiusi e limitati 169
x
y
x
0
0 a b
Figura 6.1: Teorema degli zeri.
Dimostrazione. Siano c [a, b] e d [a, b] tali che f(c) = m e f(d) = M. La tesi `e
ovvia se = m oppure = M considerando x
0
= c oppure x
0
= d. Si supponga quindi
m < < M e si denoti con I lintervallo chiuso avente come estremi i punti c e d; si
consideri la funzione g : I R denita ponendo, per ogni x I, g(x) = f(x) . Allora g
`e continua e inoltre g(c) g(d) < 0. Dal Teorema degli zeri 6.2.2 segue lesistenza di x
0
I
tale che g(x
0
) = 0; dunque x
0
[a, b] e f(x
0
) = .
Osservazione 6.2.4 (Conseguenza del teorema di Weierstrass e di Bolzano)
Sia f : [a, b] R una funzione continua. Dal Teorema 6.2.1 di Weier-
strass, segue lesistenza di c [a, b] e d [a, b] tali che, per ogni x [a, b],
f(c) f(x) f(d), cio`e f([a, b]) [f(c), f(d)].
Daltra parte, dal teorema di Bolzano (Corollario 6.2.3), segue che ogni
elemento dellintervallo [f(c), f(d)] `e un valore della funzione e quindi si deve
avere [f(c), f(d)] f([a, b]). In conclusione deve essere
f([a, b]) = [f(c), f(d)] ,
cio`e limmagine di un intervallo chiuso e limitato mediante una funzione
continua `e un intervallo chiuso e limitato avente come estremi il minimo e
rispettivamente il massimo della funzione in tale intervallo.
Osservazione 6.2.5 Unimportante applicazione del teorema degli zeri ri-
guarda la possibilit`a di approssimare le soluzioni di unequazione. Sia I un
intervallo e sia f : I R una funzione continua; si consideri lequazione
f(x) = 0 .
170 Capitolo 6: Funzioni continue
Il primo passo consiste nel cercare due elementi a, b I tali che f(a) f(b) <
0. A questo punto, applicando il metodo descritto nella dimostrazione del
Teorema degli zeri 6.2.2, alla restrizione di f allintervallo [a, b], si riesce ad
approssimare una soluzione dellequazione con la precisione desiderata.
Ad esempio, si supponga di voler determinare una soluzione dellequazione
e
x
= x
con una precisione pari a 3 10
1
.
x
y
x
0
0
Figura 6.2: Approssimazione delle soluzioni con il teorema degli zeri.
Confrontando i graci delle funzioni e
x
e x si riconosce facilmente le-
sistenza di ununica soluzione x
0
R, che risulta negativa. Si cerca ora
di applicare il ragionamento sopra esposto alla funzione f(x) = e
x
+ x,
per determinare il punto x
0
con la precisione richiesta. Nel punto 0 risul-
ta f(0) = 1 > 0, mentre nel punto 1 si ha f(1) = e
1
1 < 0, da cui, per
il teorema degli zeri, x
0
] 1, 0[; si considera ora il punto 1/2, nel quale
risulta f(1/2) = e
1/2
1/2 > 0 (in quanto e
1
> 1/4); essendo f(1)
e f(1/2) discordi, deve essere x
0
] 1, 1/2[. Si considera ora il punto
3/4. La condizione e
3/4
> 3/4 `e equivalente a 4e
3/4
/3 > 1 e, elevando
alla potenza quarta entrambi i membri (tenendo presente che sono positivi)
a 256/(81e
3
) > 1, che non `e vera; quindi si ha f(3/4) = e
3/4
3/4 < 0
e da ci`o segue che la soluzione x
0
deve trovarsi nellintervallo ] 3/4, 1/2[,
agli estremi del quale la funzione assume valori di segno discorde. Essendo
6.3 Continuit`a delle funzioni monotone 171
1/2 (3/4) = 1/4 < 3 10
1
si `e ottenuta la precisione desiderata. Si
osserva tuttavia che il metodo precedente richiede in generale molti calcoli
se si richiede una precisione elevata e per questo motivo viene utilizzato so-
lamente nei casi in cui sia necessaria una stima molto approssimativa della
posizione degli zeri di una funzione.
6.3 Continuit`a delle funzioni monotone
Ci si occupa ora di alcune propriet`a particolari che riguardano la continuit`a
delle funzioni monotone.
Innanzitutto conviene studiare la continuit`a delle funzioni inverse; a tal
ne, `e opportuno premettere alcuni risultati di interesse generale.
Conviene innanzitutto osservare che se f : X R `e una funzione reale
monotona e se limmagine f(X) di f `e un intervallo, allora necessariamente
f deve essere continua.
Infatti, si supponga ad esempio che f sia crescente e sia per assurdo x
0
X tale
che f non sia continua in x
0
. Allora, tenendo presente il Teorema 4.6.1, deve risultare
lim
xx

0
f(x) < f(x
0
) oppure f(x
0
) < lim
xx
+
0
f(x). In entrambi i casi la crescenza di
f comporta che la funzione non assuma valori nellintervallo tra uno dei limiti ed f(x
0
) e
ci`o contraddice il fatto che f(X) `e un intervallo.
Una delle popriet`a generali delle funzioni strettamente monotone `e quel-
la di essere iniettiva. Il viceversa non vale necessariamente (ad esempio, si
consideri la funzione f : [1, 1] R denita ponendo, per ogni x [1, 1],
f(x) = |x| sign (x), dove sign `e la funzione segno gi`a introdotta in prece-
denza). tuttavia, se si suppone in pi` u che la funzione sia continua si ottiene
il seguente risultato.
Proposizione 6.3.1 Se I `e un intervallo ed f : I R `e una funzione reale
continua ed iniettiva, allora f `e strettamente monotona.
Dimostrazione. Si supponga, per assurdo, che esistano x
1
, x
2
I tali che x
1
< x
2
e
f(x
1
) f(x
2
) (per cui f non `e strettamente decrescente) e che esistano x
3
, x
4
I tali
che x
3
< x
4
e f(x
3
) f(x
4
) (per cui f non `e strettamente crescente). Dunque, posto a =
min{x
1
, x
3
} e b = max{x
2
, x
4
}, f non risulta ne strettamente crescente ne strettamente
decrescente in [a, b]. Poiche f `e iniettiva, deve essere f(a) < f(b) oppure f(b) < f(a);
si supponga f(a) < f(b). Per ogni x
0
]a, b[ si deve avere f(a) < f(x
0
) < f(b); infatti,
se fosse f(x
0
) < f(a), dal teorema di Bolzano (Corollario 6.2.3) esisterebbe un elemento
y ]x
0
, b[ tale che f(y) = f(a) ed f non sarebbe iniettiva; nello stesso modo, se fosse
f(b) < f(x
0
), sempre dal teorema di Bolzano esisterebbe y ]a, x
0
[ tale che f(y) = f(b)
contro liniettivit`a di f; le uguaglianze f(x
0
) = f(a) e f(x
0
) = f(b) sono da escludere
172 Capitolo 6: Funzioni continue
sempre a causa delliniettivit`a di f. Si `e cos` dimostrato che f `e strettamente crescente in
[a, b] e ci`o era stato escluso. Nello stesso modo si dimostra che la condizione f(b) < f(a)
comporta la stretta decrescenza di f in [a, b], anche questa esclusa. Dunque la tesi deve
essere vera.
Se f : X R `e iniettiva, posto Y = f(X) si `e convenuto di denotare con
f
1
: Y R la funzione inversa di f ottenuta considerando a valori in tutto
R linversa della ridotta di f. Tale funzione inversa pu`o ovviamente essere
considerata se f `e strettamente monotona; per quanto riguarda la continuit`a
della funzione f
1
, si ha quanto segue.
Teorema 6.3.2 (Continuit`a della funzione inversa)
Siano I un intervallo, f : I R una funzione reale iniettiva e, posto
Y = f(I), si consideri la funzione inversa f
1
: Y R. Se f `e stretta-
mente monotona, la funzione inversa f
1
`e continua. In particolare, se f `e
continua, anche la funzione inversa f
1
`e continua.
Dimostrazione. Si riconosce facilmente che la funzione inversa f
1
risulta anchessa
strettamente monotona ed inoltre ha come immagine lintervallo I. Da quanto osservato
preliminarmente, segue che f
1
`e continua. Se si suppone che f sia continua, dalla Pro-
posizione 6.3.1 precedente, essa risulta strettamente monotona e quindi si pu`o applicare
quanto gi`a dimostrato.
Si approfondisce ora lanalisi degli eventuali punti di discontinuit`a di una
funzione monotona. Si osserva innanzitutto che come conseguenza diretta
del Teorema 4.6.1 sul limite delle funzioni monotone, se f : X R `e una
funzione reale monotona e se x
0
X `e un punto di accumulazione sia a
sinistra che a destra per X, allora f `e continua in x
0
se e solo se esiste il
limite lim
xx
0
f(x) di f in x
0
.
Da ci`o segue che una funzione monotona f : X R pu`o avere solamente
discontinuit`a di prima specie nei punti di accumulazione a sinistra e a destra.
Nei punti di accumulazione solamente a sinistra o solamente a destra
vi possono invece essere solamente discontinuit`a eliminabili; infatti, le di-
scontinuit`a di seconda specie sono escluse in quanto anche una funzione
monotona f : X R possa essere non limitata superiormente oppure infe-
riormente `e necessario che X sia non limitato oppure che inf(X) / X oppure
sup(X) / X; in tutti questi casi la funzione f non `e denita nei punti inf(X)
e sup(X) e quindi in tali punti non ha senso chiedersi se la funzione presenta
in tali punti una discontinuit`a.
6.4 Funzioni uniformemente continue 173
Teorema 6.3.3 (Numerabilit`a delle discontinuit`a delle funzioni mo-
notone)
Siano X un sottoinsieme non vuoto di R ed f : X R una funzione reale
monotona. Allora linsieme
D(f) := {x
0
X | f non `e continua in x
0
}
dei punti di discontinuit`a di f `e nito oppure al pi` u numerabile.
Dimostrazione. Si pu`o supporre che f sia crescente, altrimenti basta applicare lo stesso
procedimento alla funzione f. Per ogni x
0
X, si denoti con s(x
0
) il salto della funzione
f in x
0
, denito come segue
s(x
0
) :=
_

_
lim
xx
+
0
f(x) lim
xx

0
f(x) , x
0
di accumulazione a sinistra e a destra per X ,
lim
xx
+
0
f(x) f(x
0
) , x
0
di accumulazione solo a destra per X ,
f(x
0
) lim
xx

0
f(x) , x
0
di accumulazione solo a sinistra per X .
Per ogni m N, si considera inoltre linsieme
D
m
(f) :=
_
x
0
X | s(x
0
)
1
m+ 1
_
dei punti di discontinuit`a di f in cui il salto della funzione `e maggiore o uguale di 1/(m+1).
Ovviamente,
D(f) =

mN
D
m
(f) .
Si considerino ora una successione decrescente (a
n
)
nN
ed una successione crescente
(b
n
)
nN
di elementi di X tali che lim
n+
a
n
= inf(X) e lim
n+
b
n
= sup(X).
In ogni insieme X [a
n
, b
n
] la funzione `e limitata in quanto `e crescente ed `e denita
agli estremi; segue che per ogni m N linsieme D
n,m
(f) := D
m
(f) X [a
n
, b
n
] `e nito
in quanto la somma di un numero nito di salti maggiori o uguali di 1/(m + 1) non pu`o
superare la dierenza f(b
m
) f(a
m
). Allora
D(f) =

mN
D
m
(f) =

mN
_

nN
D
n,m
(f)
_
`e unione numerabile di insiemi niti e pertanto `e nito oppure al pi` u numerabile.
6.4 Funzioni uniformemente continue
Si supponga che una funzione f : X R sia continua; allora, per denizione,
x X > 0 > 0 t.c. y X]x , x + [: |f(x) f(y)| < .
174 Capitolo 6: Funzioni continue
Pertanto, il numero reale strettamente positivo dipende oltre che dal nume-
ro > 0 anche dallelemento x X ssato. Ci si occuper`a ora delle funzioni
continue per le quali sia possibile scegliere in corrispondenza di ogni > 0
un numero che soddis la condizione precedente per ogni x X.
Precisamente, si assume la seguente denizione.
Denizione 6.4.1 Siano X un sottoinsieme non vuoto di R ed f : X R
una funzione reale. Si dice che f `e una funzione uniformemente continua se
soddisfa la condizione seguente
> 0 > 0 t.c. x, y X : |xy| < |f(x) f(y)| < . (6.4.1)
Ovviamente, una funzione uniformemente continua risulta sempre conti-
nua. Il viceversa non vale in generale.
Ad esempio, se si considera la funzione potenza f(x) = x
2
, x R, la
diseguaglianza |f(x) f(y)| < , con > 0 ssato, si scrive |x
2
y
2
| < ed
`e equivalente a |(x y)(x + y)| < ; se si considera y = x + /2 con > 0,
la diseguaglianza precedente diventa |/2 (2x + /2)| < e non pu`o essere
soddisfatta se x 0 e x /delta /4. Quindi in questo caso comunque
si scelga il numero , la (6.4.1) non pu`o essere soddisfatta per ogni x, y R
tali che |x y| < .
Si riconosce facilmente che la somma di due funzioni uniformemente con-
tinue `e anchessa uniformemente continua. Se le funzioni sono limitate e
uniformemente continue, anche la funzione prodotto `e uniformemente con-
tinua. Senza lipotesi di limitatezza in generale non si pu`o aermare che
il prodotto di due funzioni uniformemente continue `e uniformemente conti-
nua, come accade, ad esempio, per la funzione identica f(x) = x, x R,
moltiplicata per se stessa.
Nel caso in cui la funzione sia denita in un intervallo chiuso e limitato,
la propriet`a di uniforme continuit`a equivale a quella di continuit`a.
Teorema 6.4.2 (Teorema sulluniforme continuit`a di Heine-Cantor)
Se f : [a, b] R `e una funzione continua, allora f `e uniformemente continua.
Dimostrazione. Si supponga, per assurdo, che f non sia uniformemente continua. Allora,
negando la condizione (6.4.1), deve esistere
0
> 0 tale che, per ogni > 0, si possono
trovare x [a, b] e y [a, b] vericanti le condizioni |x y| < e |f(x) f(y)|
0
. In
particolare, per ogni n N, applicando tale propriet`a con = 1/(n + 1), si ottengono
a
n
[a, b] e b
n
[a, b] tali che |a
n
b
n
| < 1/(n +1) e |f(a
n
) f(b
n
)|
0
. Si considerino
ora le successioni (a
n
)
nN
e (b
n
)
nN
di elementi di [a, b]. Esse sono limitate e quindi
dal Corollario 5.1.13 esiste una successione (a
k(n)
)
nN
estratta dalla successione (a
n
)
nN
6.4 Funzioni uniformemente continue 175
convergente verso un numero reale x
0
R; poiche a
n
[a, b] per ogni n N, deve essere
anche x
0
[a, b]. Inoltre, per ogni n N,
0 |a
k(n)
b
k(n)
| <
1
k(n) + 1

1
n + 1
(1)
e quindi lim
n+
|a
k(n)
b
k(n)
| = 0, da cui lim
n+
b
k(n)
= lim
n+
a
k(n)
+ (b
k(n)

a
k(n)
) = x
0
. Poiche la funzione f `e continua in x
0
, dalla caratterizzazione sequenziale del
limite (Teorema 5.1.3) si deve avere lim
n+
f(a
k(n)
) = f(x
0
), lim
n+
f(b
k(n)
) = f(x
0
)
e conseguentemente lim
n+
|f(a
k(n)
) f(b
k(n)
)| = 0. A questo punto, poiche
0
> 0,
dalla denizione di limite, deve esistere N tale che, per ogni n , |f(a
k(n)
)
f(b
k(n)
)| <
0
, e ci`o contraddice la (1).
Una funzione reale f : X R si dice lipschitziana se esiste un numero
reale L R
+
tale che, per ogni x, y X,
|f(x) f(y)| L|x y| . (6.4.2)
Il numero L viene denominato inoltre costante di Lipschitz della funzione f.
Spesso si dice anche che f `e L-lipschitziana per indicare che f `e lipschi-
tziana e che L `e una sua costante di Lipschitz.
Vale il seguente legame con le funzioni uniformemente continue.
Proposizione 6.4.3 Siano X un sottoinsieme non vuoto di R ed f : X R
una funzione lipschitziana. Allora f `e uniformemente continua.
Dimostrazione. Sia L R
+
una costante di Lipschitz di f. Fissato > 0 e posto
= /(L + 1), dalla (6.4.2) si ha, per ogni x, y X tali che |x y| < ,
|f(x) f(y)| L|x y| < L =
L
L + 1
<
e ci`o, per larbitrariet`a di > 0, dimostra che f `e uniformemente continua.
La proposizione precedente non pu`o essere invertita nemmeno se f `e uni-
formemente continua in un intervallo chiuso e limitato. Ad esempio, la restri-
zione della funzione radice quadrata allintervallo [0, 1] `e continua e quindi,
per il Teorema 6.4.2, `e anche uniformemente continua, ma non `e lipschitzia-
na; infatti, se L R
+
, la diseguaglianza |

y| L|x y| comporta,
moltiplicando entrambi i membri per

x +

y,
|x y| L|x y|(

x +

y)
e pu`o essere vericata solo se x = y oppure se L = 0 e

x +

y 1/L.
Si osserva inne che se f : X R e g : X R sono funzioni reali
lipschitziane con costanti di Lipschitz L
1
e rispettivamente L
2
, allora
176 Capitolo 6: Funzioni continue
1) f + g `e (L
1
+ L
2
)-lipschitziana.
2) Se f e g sono limitate e se, per ogni x X, |f(x)| M
1
e |g(x)| M
2
,
il prodotto f g `e (L
1
M
2
+ L
2
M
1
)-lipschitziana.
3) Se R, la funzione f `e || L-lipschitziana.
Capitolo 7
Calcolo dierenziale
Il calcolo dierenziale mette a disposizione alcuni degli strumenti pi` u ecaci
per lo studio di una funzione reale. Nella prima sezione ci si occupa delle
denizioni, della loro interpretazione geometrica e delle regole di derivazione;
nella seconda sezione si studiano i risultati pi` u importanti riguardanti le
funzioni derivabili ed inne nellultima sezione i risultati ottenuti vengono
applicati allo studio delle funzioni reali.
7.1 Funzioni derivabili
7.1.1 Denizioni ed interpretazione geometrica
Denizione 7.1.1 Siano X un sottoinsieme di R, x
0
X un punto di
accumulazione per X ed f : X R una funzione reale. Si dice che f `e
dotata di derivata in x
0
se esiste il limite
lim
xx
0
f(x) f(x
0
)
x x
0
.
In tal caso, tale limite viene denominato derivata di f in x
0
(oppure derivata
prima di f in x
0
) e denotato con uno dei simboli:
f

(x
0
) , Df(x
0
) ,
df(x
0
)
dx
(talvolta (Df(x))
x=x
0
,
_
df(x)
dx
_
x=x
0
);
pertanto
f

(x
0
) := lim
xx
0
f(x) f(x
0
)
x x
0
. (7.1.1)
Se, in pi` u, il limite (7.1.1) esiste ed `e nito, si dice che f `e derivabile in
x
0
.
178 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
Inoltre, se A `e un sottoinsieme di X, si dice che f `e dotata di deri-
vata in A (rispettivamente, derivabile in A) se essa `e dotata di derivata
(rispettivamente, derivabile) in ogni elemento x
0
A.
Inne, si dice che f `e dotata di derivata (rispettivamente, derivabile) se
`e dotata di derivata in X (rispettivamente, derivabile in X).
Posto h := x x
0
, il limite (7.1.1) pu`o essere espresso come segue
f

(x
0
) = lim
h0
f(x
0
+ h) f(x
0
)
h
.
La funzione R
x
0
(f) : X {x
0
} R denita ponendo, per ogni x
X {x
0
},
R
x
0
(f)(x) :=
f(x) f(x
0
)
x x
0
(7.1.2)
viene denominata funzione rapporto incrementale di f in x
0
. Quindi f `e
dotata di derivata in x
0
se e solo la funzione rapporto incrementale di f in
x
0
`e dotata di limite in x
0
e che, in tal caso, si ha
f

(x
0
) = lim
xx
0
R
x
0
(f)(x) .
Inoltre, se f `e derivabile in x
0
, la funzione R
x
0
(f) pu`o essere denita anche
in x
0
ponendo R
x
0
(f) := f

(x
0
) e in tal modo risulta continua in x
0
. Nel
seguito, la funzione R
x
0
(f) si intender`a denita in tutto X nel case in cui f
sia derivabile.
Se il punto x
0
`e di accumulazione a destra oppure a sinistra si pu`o denire
in maniera analoga la derivata destra o sinistra di f in x
0
. Precisamente, se
x
0
X `e un punto di accumulazione a destra (rispettivamente, a sinistra)
per X ed f : X R `e una funzione reale, si dice che f `e dotata di derivata
destra (rispettivamente, sinistra) in x
0
se esiste il limite
lim
xx
+
0
f(x) f(x
0
)
x x
0
(rispettivamente, lim
xx

0
f(x) f(x
0
)
x x
0
).
Il limite precedente, se esiste, viene denominato derivata destra (rispetti-
vamente, sinistra) di f in x
0
e denotato con uno dei simboli:
f

+
(x
0
) , D
d
f(x
0
) (rispettivamente, f

(x
0
) , D
s
f(x
0
) );
pertanto
f

+
(x
0
) := lim
xx
+
0
f(x) f(x
0
)
x x
0
, (7.1.3)
(rispettivamente, f

(x
0
) := lim
xx

0
f(x) f(x
0
)
x x
0
).
7.1 Funzioni derivabili 179
Se il limite (7.1.3) esiste ed `e nito, si dice che f `e derivabile a destra
(rispettivamente, a sinistra) in x
0
.
Anche in questo caso, se A `e un sottoinsieme di X, si dice che f `e dotata
di derivata destra (rispettivamente, dotata di derivata sinistra, derivabile a
destra, derivabile a sinistra) in A se essa `e dotata di derivata destra (rispetti-
vamente, dotata di derivata sinistra, derivabile a destra, derivabile a sinistra)
in ogni elemento x
0
A. Quando il sottoinsieme A non viene specicato si
intende lintero X.
Assegnata una funzione reale f : X R, e considerati gli insiemi
X

:= {x
0
X | f `e derivabile in x
0
} ,
X

+
:= {x
0
X | f `e derivabile a destra in x
0
} ,
X

:= {x
0
X | f `e derivabile a sinistra in x
0
} ,
si possono denire le funzioni g : X

R, g
+
: X

+
R e g

: X

R
ponendo g(x) := f

(x) (x X

), g

+
(x) := f

+
(x) (x X

+
), g

(x) := f

(x)
(x X

); la funzione g viene denominata funzione derivata prima di f e


denotata con il simbolo f

, mentre le funzioni g
+
e g

vengono denominate
rispettivamente funzione derivata destra e funzione derivata sinistra di f e
denotate con il simbolo f

+
e rispettivamente f

.
Dalle denizioni assunte e dai teoremi sui limiti segue direttamente che
se x
0
X `e un punto di accumulazione sia a destra che a sinistra per X,
allora una funzione reale f : X R `e dotata di derivata (rispettivamente,
`e derivabile) in x
0
se e solo se f `e dotata di derivata a destra e a sinistra
(rispettivamente, f `e derivabile sia a destra che a sinistra) in x
0
ed inoltre
f

+
(x
0
) = f

(x
0
).
Nel risultato seguente si esaminano le relazioni esistenti tra derivabilit`a
e continuit`a.
Proposizione 7.1.2 (Continuit`a delle funzioni derivabili)
Siano X un sottoinsieme di R, x
0
X un punto di accumulazione per X ed
f : X R una funzione reale. Se f `e derivabile in x
0
, allora essa `e continua
in x
0
.
Conseguentemente, se f `e derivabile, allora f `e anche continua.
Dimostrazione. Per ogni x X {x
0
}, si pu`o scrivere
f(x) = f(x) f(x
0
) +f(x
0
) =
f(x) f(x
0
)
x x
0
(x x
0
) +f(x
0
) ;
poiche f `e derivabile in x
0
, segue
lim
xx
0
f(x) = lim
xx
0
_
f(x) f(x
0
)
x x
0
(x x
0
) +f(x
0
)
_
= f

(x
0
) 0 +f(x
0
) = f(x
0
) ,
180 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
da cui la tesi.
Si osserva che la Proposizione 7.1.2 non pu`o essere invertita.
Ad esempio, la funzione valore assoluto `e continua in 0 ma non `e derivabile
in 0 in quanto
lim
x0
+
|x| |0|
x 0
= lim
x0
x
x
= 1 , lim
x0

|x| |0|
x 0
= lim
x0
x
x
= 1 ,
e quindi la derivata destra non coincide con quella sinistra.
Si considera ora uninterpretazione geometrica della derivata di una fun-
zione in un punto x
0
. Si supponga che f : X R sia dotata di derivata
in x
0
e sia t X {x
0
}; si denoti con P
0
il punto del piano cartesiano di
coordinate (x
0
, f(x
0
)) e con P quello di coordinate (t, f(t)). Allora la retta
passante per i punti P
0
e P ha equazione
y f(x
0
)
x x
0
=
f(t) f(x
0
)
t x
0
.
Tale retta viene denominata secante il graco di f nei punti P
0
e P ed il
suo coeciente angolare `e dato dal rapporto incrementale di f in x
0
calcolato
in t.
Considerando il limite del rapporto incrementale nel punto x
0
, il coe-
ciente angolare della retta secante tende verso il numero f

(x
0
), che rappre-
senta ancora il coeciente angolare di una retta passante per P
0
. Tale retta
viene denominata retta tangente al graco di f nel punto P
0
.
Considerando il limite per t x
0
nellequazione della retta secante, segue
che se f `e derivabile in x
0
, lequazione della retta tangente `e data da
y = f(x
0
) + f

(x
0
)(x x
0
) . (7.1.4)
mentre se f `e dotata di derivata in x
0
uguale a +oppure a , lequazione
della retta tangente `e
x = x
0
. (7.1.5)
La stessa interpretazione geometrica pu`o essere fornita per le funzioni che
non sono dotate di derivata in x
0
, ma per cui esiste la derivata destra in x
0
e
la derivata sinistra in x
0
. Ad esempio, se f `e derivabile a destra e a sinistra
in x
0
e se f

+
(x
0
) = f

(x
0
), allora non si pu`o considerare la retta tangente
al graco di f in x
0
, ma si possono considerare la retta tangente a destra al
graco di f in x
0
, di equazione
y = f(x
0
) + f

+
(x
0
)(x x
0
)
7.1 Funzioni derivabili 181
x
y
0 t x
0
P
P
0
Figura 7.1: Interpretazione geometrica della derivata.
e la retta tangente a sinistra al graco di f in x
0
, di equazione
y = f(x
0
) + f

(x
0
)(x x
0
) ;
in questo caso, il punto x
0
viene detto punto angoloso.
Ad esempio, la funzione valore assoluto nel punto 0 `e dotata di retta
tangente a destra in 0 di equazione y = x e di retta tangente a sinistra in 0
di equazione y = x.
Si pu`o anche presentare il caso in cui la funzione sia dotata di derivata a
sinistra di x
0
uguale a + oppure a e sia invece derivabile a destra di
x
0
(o viceversa); in tal caso, la retta tangente a sinistra in x
0
ha equazione
x = x
0
, mentre lequazione della tangente destra `e data da y = f(x
0
) +
f

+
(x
0
)(xx
0
). Il punto x
0
viene denominato punto angoloso anche in questo
caso.
Ad esempio, si pu`o considerare ne punto 0 la funzione f : R R denita
ponendo f(0) := 0 e f(x) := e
1/x
se x = 0. In questo caso la retta di
equazione x = 0 `e tangente a destra al graco di f in 0, mentre la retta
y = 0 `e tangente a sinistra al graco di f in 0.
Inne, si pu`o presentare il caso in cui la derivata destra in x
0
`e uguale
a + e quella sinistra `e uguale a oppure viceversa. In questo caso il
punto x
0
viene denominato punto cuspidale. Si osservi che il graco di f `e
dotato di retta tangente sia a sinistra che a destra di equazione x = x
0
.
182 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
Ad esempio, si consideri la funzione f : R R denita ponendo, per ogni
x R, f(x) :=

|x|. Nel punto 0 si verica facilmente che f

+
(0) = +
mentre f

(0) = .
Se f : X R `e una funzione reale, si `e gi`a considerato linsieme X

degli
elementi di X in cui f `e derivabile e si `e denita la funzione derivata prima
f

: X

R; naturalmente, se x
0
X

`e un punto di accumulazione per


X

ha senso chiedersi se la funzione f

sia a sua volta derivabile in x


0
. Vale
quindi la seguente denizione.
Denizione 7.1.3 Siano X un sottoinsieme di R, x
0
X un punto di
accumulazione per X ed f : X R una funzione reale. Si dice che f
`e dotata di derivata seconda (rispettivamente, derivabile due volte) in x
0
se
esiste > 0 tale che f sia derivabile in X]x
0
, x
0
+[ e inoltre la funzione
derivata prima f

`e dotata di derivata (rispettivamente, derivabile) in x


0
. In
tal caso, la derivata (f

(x
0
) viene denominata derivata seconda di f in x
0
e denotata con uno dei seguenti simboli
f

(x
0
) , D
2
f(x
0
) ,
d
2
f
dx
2
(x
0
) .
Inoltre, se A `e un sottoinsieme di X, si dice che f `e dotata di derivata se-
conda (rispettivamente, derivabile) in A, se essa `e dotata di derivata seconda
(rispettivamente, derivabile) in ogni x
0
A.
Inne, si dice che f `e dotata di derivata seconda (rispettivamente, deri-
vabile) se essa `e dotata di derivata seconda (rispettivamente, derivabile) in
X.
In base alla denizione precedente, si pu`o considerare linsieme
X

:= {x X | f `e derivabile due volte in x}


e si pu`o denire la funzione g : X

R ponendo, per ogni x X

, g(x) =
f

(x).
Tale funzione viene denominata derivata seconda di f e denotata con il
simbolo f

(oppure D
2
f,
d
2
f
dx
2
).
In maniera analoga si deniscono le derivate successive di f in un punto
oppure in un sottoinsieme.
Fissato un numero naturale n 1, la derivata n-esima di f in un punto
x
0
si denota con uno dei simboli
f
(n)
(x
0
) , D
n
f(x
0
) ,
d
n
f
dx
n
(x
0
) ,
7.1 Funzioni derivabili 183
e la funzione derivata n-esima con il simbolo f
(n)
(oppure D
n
f,
d
n
f
dx
n
).
Per uniformit`a di notazioni conviene anche porre f
(0)
= f.
Se X `e un sottoinsieme di R, si ricorda che il simbolo C(X) denota
linsieme di tutte le funzioni reali continue denite in X.
Pi` u in generale, sar`a utile considerare, per ogni numero naturale n N,
linsieme
C
n
(X) := {f C(X) | f `e derivabile n volte in X e f
(n)
`e continua} .
Linsieme C
0
(X) coincide con C(X) e linsieme C
1
(X) `e costituito dalle fun-
zioni derivabili tali che f

C(X).
Le funzioni f : X R che sono derivabili n volte per ogni n N vengono
denominate innite volte derivabili ; si pone
C

(X) := {f C(X) | f `e innite volte derivabile in X} ;


ovviamente, la derivata n-esima f
(n)
di una funzione f C

(X) `e sicura-
mente continua in quanto `e a sua volta derivabile (anzi, f
(n)
C

(X)).
7.1.2 Regole di derivazione
Assegnata una funzione reale, lo studio della sua derivabilit`a ed il calcolo della
derivata pu`o essere eettuato utilizzando le regole di derivazione presentate
e il calcolo delle derivate delle funzioni elementari di cui ci si occupa nella
presente sezione e nella successiva.
Per semplicit`a, viene considerato solamente il caso di funzioni derivabili;
una discussione del tutto analoga vale per funzioni derivabili a destra oppure
a sinistra.
Teorema 7.1.4 (Derivabilit`a della funzione somma)
Siano X un sottoinsieme non vuoto di R ed f : X R e g : X R funzioni
reali. Se x
0
X `e un punto di accumulazione per X ed f e g sono derivabili
in x
0
, allora f + g `e derivabile in x
0
e si ha
(f + g)

(x
0
) = f

(x
0
) + g

(x
0
) .
Conseguentemente, se f e g sono derivabili, anche la funzione somma f +g
`e derivabile e si ha
(f + g)

= f

+ g

.
184 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
Dimostrazione. Dal primo teorema sul limite della somma si ha
lim
xx
0
(f +g)(x) (f +g)(x
0
)
x x
0
= lim
xx
0
f(x) f(x
0
)
x x
0
+ lim
xx
0
g(x) g(x
0
)
x x
0
= f

(x
0
) +g

(x
0
) ,
da cui segue interamente la tesi.
Teorema 7.1.5 (Regola di Leibnitz sulla derivabilit`a della funzione
prodotto)
Siano X un sottoinsieme non vuoto di R ed f : X R e g : X R funzioni
reali. Se x
0
X `e un punto di accumulazione per X ed f e g sono derivabili
in x
0
, allora la funzione f g `e derivabile in x
0
e si ha
(f g)

(x
0
) = f

(x
0
)g(x
0
) + f(x
0
)g

(x
0
) .
Conseguentemente, se f e g sono derivabili, anche la funzione prodotto f g
`e derivabile e si ha
(f g)

= f

g + f g

.
Dimostrazione. Dal primo teorema sul limite del prodotto e tenendo presente che g `e
continua in x
0
(Proposizione 7.1.2), si ha
lim
xx
0
(f g)(x) (f g)(x
0
)
x x
0
= lim
xx
0
f(x)g(x) f(x
0
)g(x)
x x
0
+ lim
xx
0
f(x
0
)g(x) f(x
0
)g(x
0
)
x x
0
= lim
xx
0
g(x)
f(x) f(x
0
)
x x
0
+ lim
xx
0
f(x
0
)
g(x) g(x
0
)
x x
0
= g(x
0
)f

(x
0
) +f(x
0
)g

(x
0
) ,
e da ci`o segue la tesi.
Teorema 7.1.6 (Derivabilit`a della funzione reciproca)
Siano X un sottoinsieme non vuoto di R ed f : X R una funzione reale
tale che, per ogni x X, f(x) = 0. Se x
0
X `e un punto di accumulazione
per X e se f `e derivabile in x
0
, allora la funzione reciproca 1/f `e derivabile
in x
0
e si ha
_
1
f
_

(x
0
) =
f

(x
0
)
f(x
0
)
2
.
Conseguentemente, se f `e derivabile, anche la funzione reciproca 1/f `e de-
rivabile e si ha
_
1
f
_

=
f

f
2
.
7.1 Funzioni derivabili 185
Dimostrazione. Dalla Proposizione 7.1.2, la funzione f `e continua in x
0
e quindi
lim
xx
0
(1/f)(x) (1/f)(x
0
)
x x
0
= lim
xx
0
(f(x) f(x
0
))
x x
0
1
f(x) f(x
0
)
=
f

(x
0
)
f(x
0
)
2
,
da cui la tesi.
Teorema 7.1.7 (Derivabilit`a della funzione quoziente)
Siano X un sottoinsieme non vuoto di R ed f : X R e g : X R funzioni
reali. Si supponga che, per ogni x X, g(x) = 0. Se x
0
X `e un punto di
accumulazione per X ed f e g sono derivabili in x
0
, allora la funzione f/g `e
derivabile in x
0
e si ha
_
f
g
_

(x
0
) =
f

(x
0
) g(x
0
) f(x
0
) g

(x
0
)
g(x
0
)
2
.
Conseguentemente, se f e g sono derivabili, anche la funzione quoziente f/g
`e derivabile in x
0
e si ha
_
f
g
_

=
f

g f g

g
2
.
Dimostrazione. Poiche
f
g
= f
1
g
,
la derivabilit`a di f/g deriva direttamente dai Teoremi 7.1.6 e 7.1.5 precedenti; inoltre,
dagli stessi teoremi segue
_
f
g
_

(x
0
) = f

(x
0
)
1
g(x
0
)
+f(x
0
)
_
1
g
_

(x
0
) =
f

(x
0
) g(x
0
) f(x
0
) g

(x
0
)
g(x
0
)
2
.
e ci`o completa la dimostrazione.
Si esamina, inne, la derivabilit`a delle funzioni composte e delle funzioni
inverse.
Teorema 7.1.8 (Teorema di derivazione delle funzioni composte)
Siano X e Y sottoinsiemi non vuoti di R ed f : X R e g : Y R funzioni
reali tali che f(X) Y . Sia x
0
X un punto di accumulazione per X e
si supponga che f sia derivabile in x
0
e, posto y
0
:= f(x
0
), che y
0
sia di
accumulazione per Y e g sia derivabile in y
0
. Allora, la funzione composta
g f : X R `e derivabile in x
0
e si ha
(g f)

(x
0
) = g

(y
0
) f

(x
0
) .
186 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
Dimostrazione. Per quanto osservato in precedenza (vedasi la (7.1.2)), la funzione
R
y
0
(g) : Y R `e continua in y
0
e inoltre, dalla Proposizione 7.1.2, la funzione f `e
continua in x
0
. Allora, dal teorema sulla continuit`a delle funzioni composte (Teorema
6.1.3), la funzione R
y
0
(g) f `e continua in x
0
e pertanto
lim
xx
0
g(f(x)) g(y
0
)
f(x) y
0
= g

(y
0
) .
Da ci`o segue
lim
xx
0
g(f(x)) g(f(x
0
))
x x
0
= lim
xx
0
g(f(x)) g(f(x
0
))
f(x) f(x
0
)
f(x) f(x
0
)
x x
0
= lim
xx
0
g(f(x)) g(y
0
)
f(x) y
0
lim
xx
0
f(x) f(x
0
)
x x
0
= g

(y
0
)f

(x
0
)
e quindi la tesi.
Se f : X R `e una funzione reale iniettiva, posto Y = f(X), si pu`o
considerare la funzione inversa f
1
: Y R di f. Se x
0
X `e un punto
di accumulazione per X e se f `e continua in x
0
, allora lelemento y
0
= f(x
0
)
di Y `e un punto di accumulazione per Y .
Infatti, considerato un intorno I di y
0
, dalla continuit`a di f in x
0
, si pu`o trovare un
intorno J di x
0
tale che, per ogni x X J {x
0
}, f(x) I; linsieme X J {x
0
} `e
non vuoto in quanto x
0
`e di accumulazione per X e considerato x X J {x
0
}, dalla
iniettivit`a di f, segue f(x) = y
0
, per cui f(x) Y I {y
0
}; segue pertanto che linsieme
Y I {y
0
} `e non vuoto e ci`o, essendo I un intorno arbitrario di y
0
, dimostra che y
0
`e di
accumulazione per Y .
Per quanto riguarda la derivabilit`a di f
1
in y
0
, si ha quanto segue.
Teorema 7.1.9 (Derivabilit`a della funzione inversa)
Siano X un sottoinsieme non vuoto di R ed f : X R una funzione reale
iniettiva. Sia x
0
X un punto di accumulazione per X e si supponga che f
sia derivabile in x
0
e che f

(x
0
) = 0. Posto Y = f(X) e y
0
= f(x
0
), se la
funzione inversa f
1
: Y R di f `e continua in y
0
, allora f
1
`e derivabile
in y
0
e si ha
(f
1
)

(y
0
) =
1
f

(x
0
.
Conseguentemente, se f `e derivabile e se f
1
`e continua, allora f
1
`e deri-
vabile e si ha
(f
1
)

=
1
f

f
1
.
Dimostrazione. La funzione R
x
0
(f) : X R `e continua in x
0
(vedasi la (7.1.2)) e inoltre
nel punto x
0
assume il valore f

(x
0
) = 0 e, dalla iniettivit`a di f, R
x
0
(f)(x) = 0 per ogni
7.1 Funzioni derivabili 187
x X {x
0
}. Quindi R
x
0
(f) assume valori sempre diversi da 0 e se ne pu`o considerare
la funzione reciproca 1/R
x
0
(f) : X R, la quale risulta continua in y
0
. Inoltre f
1
`e
continua in y
0
e quindi, dal teorema sulla continuit`a delle funzioni composte (Teorema
6.1.3), si ha
lim
yy
0
_
1
R
x
0
(f)
f
1
_
(y) =
_
1
R
x
0
(f)
f
1
_
(y
0
) ;
da tale relazione, essendo per ogni y Y {y
0
},
_
1
R
x
0
(f)
f
1
_
(y) =
1
f(f
1
(y)) f(x
0
)
f
1
(y) x
0
=
f
1
(y) x
0
f(f
1
(y)) f(x
0
)
=
f
1
(y) f
1
(y
0
)
y y
0
e inoltre
_
1
R
x
0
(f)
f
1
_
(y) =
1
R
x
0
(f)
(x
0
) =
1
f

(x
0
)
,
si ha direttamente la tesi.
Se non si suppone che f
1
sia continua in y
0
, la tesi del teorema prece-
dente in generale non vale.
Ad esempio, si consideri la funzione reale f :]1, 1] R denita ponendo,
per ogni x ] 1, 1],
f(x) :=
_
x + 1 , x ] 1, 0] ,
x 1 , x ]0, 1] ;
Nel punto x
0
= 1, f `e derivabile e si verica direttamente che f(1)=1=S 0/0;
inoltre f `e iniettiva e la funzione f
1
risulta denita in ] 1, 1] e si ha, per
ogni y ] 1, 1],
f
1
(y) =
_
y 1 , y ] 1, 0] ,
y + 1 , y ]0, 1] .
Nel punto y
0
= f(1) = 0, f
1
non `e continua e risulta f
1
+
(0) = 1 e f
1

(0) =
1, per cui f
1
non `e derivabile in 0.
7.1.3 Derivate delle funzioni elementari
Nella presente sezione vengono calcolate le derivate delle funzioni elementari.
Funzioni potenza ad esponente intero positivo
Si consideri la funzione potenza n-esima f
n
: R R, n 1, e sia x
0
R.
Per ogni x R, si ha
x
n
x
n
0
= (x x
0
)
n1

k=0
x
k
x
nk
0
188 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
e quindi
lim
xx
0
x
n
x
n
0
x x
0
= lim
xx
0
n1

k=0
x
k
x
nk
0
= nx
n1
0
(se n = 1, si assume per convenzione x
0
0
= 1 per x
0
= 0). Pertanto la funzione
potenza f
n
`e derivabile in x
0
e (f
n
)

(x
0
) = nx
n1
0
.
Dallarbitrariet`a di x
0
R, segue che f
n
`e derivabile e, per ogni x R,
Dx
n
= nx
n1
.
Funzioni radice
Si consideri la funzione radice f
1/n
, n 1. Se x
0
= 0, si ha
lim
h0
n

x
0
+ h
n

x
h
=
n

x
0
lim
h0
1
n

x
0
n

x
0
+ h
n

x
h
=
n

x
0
lim
h0
n

h/x
0
1
h
=
n

x
0
x
0
lim
h0
_
1 +
h
x
0
_
1/n
1
h/x
0
=
1
n

x
n1
0
lim
y0
(1 + y)
1/n
1
y
=
1
n
1
n

x
n1
0
.
Segue che f
1/n
`e derivabile in ogni x ]0, +[ per n pari ed in ogni
x R {0} se n `e dispari e la sua derivata `e data da
1
n
1
n

x
n1
.
Per quanto riguarda il punto x
0
= 0, per ogni n 2 risulta
lim
x0
n

x
x
= +
e quindi la funzione radice n-esima `e dotata di derivata in 0 uguale a +.
Funzioni potenza ad esponente intero negativo
Si consideri la funzione potenza ad esponente intero negativo f
n
: R
{
0}
R, n 1.
Tale funzione `e la reciproca della restrizione della funzione potenza f
n
allinsieme R{0}; essa pertanto `e derivabile e, per ogni x R{0}, si ha
D
_
1
x
n
_
=
nx
n1
x
2n
=
n
x
n+1
.
7.1 Funzioni derivabili 189
Funzioni potenza ad esponente razionale o reale
Si consideri la funzione potenza ad esponente razionale o reale f
r
denita in
]0, +[ per r 0 ed in [0, +[ per r > 0. Per ogni x
0
]0, +[ risulta
lim
h0
(x
0
+ h)
r
x
r
0
h
= x
r
0
lim
h0
x
r
0
x
0
lim
h0
(1 + h/x
0
)
r
1
h/x
0
= x
r1
0
lim
y0
(1 + y)
r
1
y
= rx
r1
0
.
Quindi f
r
`e derivabile in x
0
e la sua derivata `e rx
r1
0
. Si conclude che f
r
`e
derivabile in ]0, +[ e, per ogni x ]0, +[ si ha
D(x
r
) = rx
r1
.
Se r > 0, nel punto x
0
= 0, si ha
lim
x0
+
x
r
x
=
_
_
_
0 , r > 1 ;
1 , r = 1 ;
+ , 0 < r < 1 .
Quindi, se r 1, f
r
`e derivabile in 0 con derivata nulla per r > 1 ed uguale
ad 1 per r = 1 ed `e dotata di derivata in 0 uguale a + se 0 < r < 1.
Funzioni esponenziali
Sia a > 0, a = 1 e si consideri la funzione esponenziale exp
a
: R R. Allora,
per ogni x
0
R, si ha
lim
h0
a
x
0
+h
a
x
0
h
= a
x
0
lim
h0
a
h
1
h
= a
x
0
log a .
Quindi exp
a
`e derivabile e, per ogni x R,
D(a
x
) = a
x
log a .
In particolare, per ogni x R, si ha D(e
x
) = e
x
.
Funzioni logaritmo
Sia a > 0, a = 1 e si consideri la funzione logaritmo log
a
:]0, +[ R.
Dal Teorema 7.1.9 segue che essa `e derivabile e, per ogni x ]0, +[, posto
y = log
a
x, si ha
D(log
a
x) =
1
D(a
y
)
=
1
a
y
log a
=
1
x log a
.
In particolare, per ogni x R, D(log x) = 1/x.
190 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
Funzioni trigonometriche
Si considerano ora le funzioni seno, coseno, tangente e cotangente. Per ogni
x
0
R, risulta
lim
h0
sin(x
0
+ h) sin x
0
h
= lim
h0
sin x
0
cos h + cos x
0
sin h sin x
0
h
= cos x
0
lim
h0
sin h
h
+ sin x
0
lim
h0
cos h 1
h
= cos x
0
e analogamente
lim
h0
cos(x
0
+ h) cos x
0
h
= lim
h0
cos x
0
cos h sin x
0
sin h cos x
0
h
= sin x
0
lim
h0
sin h
h
+ cos x
0
lim
h0
cos h 1
h
= sin x
0
.
Quindi le funzioni seno e coseno sono derivabili e si ha, per ogni x R,
D(sin x) = cos x , D(cos x) = sin x .
Essendo quoziente di funzioni derivabili, dal Teorema 7.1.7 segue che anche
le funzioni tangente e cotangente sono derivabili e si ha, per ogni x R
{/2 + k | k Z},
D(tan x) =
1
cos
2
x
= 1 + tan
2
x .
e analogamente, per ogni x R {k | k Z},
D(cot x) =
1
sin
2
x
= (1 + cot
2
x) .
Funzioni trigonometriche inverse
Inne, si considerano le funzioni arcoseno, arcocoseno, arcotangente e arco-
cotangente.
La restrizione della funzione seno allintervallo [/2, /2] `e derivabile e
la sua derivata si annulla solamente nei punti /2 e /2, che sono i valori
della funzione arcoseno agli estremi dellintervallo [1, 1]. Dal Teorema 7.1.9
segue che la funzione arcoseno `e derivabile in ] 1, 1[ e per ogni x ] 1, 1[,
7.1 Funzioni derivabili 191
posto y = arcsin x ] /2, /2[, si ottiene sin y = x e cos y =

1 x
2
(si `e
tenuto presente che nellintervallo ] /2, /2[ il coseno `e positivo), per cui
D(arcsin x) =
1
D(sin y)
=
1
cos y
=
1

1 x
2
.
Per quanto riguarda i punti 1 ed 1, si verica direttamente che in tali punti
la funzione arcoseno `e dotata di derivata uguale a +.
Per la funzione arcocoseno il procedimento `e analogo a quello precedente;
si osserva che la restrizione della funzione coseno allintervallo [0, ] `e deri-
vabile e la sua derivata si annulla solamente nei punti 0 e ; tali valori sono
assunti dalla funzione arcocoseno nei punti 1 e rispettivamente 1. Appli-
cando il Teorema 7.1.9 si deduce che la funzione arcocoseno `e derivabile in
] 1, 1[ e per ogni x ] 1, 1[, posto y = arccos x ]0, [, si ottiene cos y = x
e sin y =

1 x
2
in quanto il coseno `e positivo nellintervallo ]0, [; pertanto
D(arccos x) =
1
D(cos y)
=
1
sin y
=
1

1 x
2
.
Nei punti 1 ed 1, si verica direttamente che la funzione arcocoseno `e
dotata di derivata uguale a .
Si consideri ora la funzione arcotangente. In questo caso, la restrizione
della funzione tangente allintervallo ]/2, /2[ `e derivabile e la sua derivata
`e sempre diversa da 0. Dal Teorema 7.1.9 segue che la funzione arcotangente
`e derivabile e inoltre, per ogni x R, posto y = arctan x ] /2, /2[, si
ottiene tan y = x, per cui
D(arctan x) =
1
D(tan y)
=
1
1 + tan
2
y
=
1
1 + x
2
.
Inne, per quanto riguarda la derivabilit`a della funzione arcocotangente,
si pu`o procedere come nel caso precedente; la restrizione della funzione co-
tangente allintervallo ]0, [ `e derivabile e la sua derivata `e sempre diversa
da 0. Dal Teorema 7.1.9 segue che la funzione arcocotangente `e derivabile e
inoltre, per ogni x R, posto y = arccot x ]0, [, si ottiene cot y = x, per
cui
D(arccot x) =
1
D(cot y)
=
1
1 + cot
2
y
=
1
1 + x
2
.
La derivabilit`a ed il calcolo della derivata delle funzioni arcocoseno ed
arcocotangente potevano essere ottenute alternativamente dalle uguaglianze
arccos =

2
arcsin , arctan =

2
arccot .
192 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
Funzione valore assoluto
Si `e gi`a osservato che tale funzione non `e derivabile in 0 e che in tale punto
ha derivata destra uguale ad 1 e derivata sinistra uguale a 1.
Sia ora x
0
R {0}; se x
0
> 0, si ha
lim
xx
0
|x| |x
0
|
x x
0
= lim
xx
0
x x
0
x x
0
= 1 ,
mentre, se x
0
< 0, risulta
lim
xx
0
|x| |x
0
|
x x
0
= lim
xx
0

x x
0
x x
0
= 1 ,
Quindi la funzione valore assoluto `e derivabile in R {0} e, per ogni x
R {0}, si ha
D(|x|) =
x
|x|
(=
|x|
x
).
Osservazione 7.1.10 (Studio della derivabilit`a di una funzione reale) Le
regole di derivazione e le derivate delle funzioni elementari consentono in
numerosi casi di discutere la derivabilit`a e, in caso aermativo, di determinare
la derivata di una funzione reale f : X R ottenuta mediante operazioni
algebriche sulle funzioni elementari. In generale si procede come segue:
1. Innanzitutto, si determina il sottoinsieme D di X dei punti in cui non
si pu`o assicurare subito la derivabilit`a della funzione. Se la funzione `e
ottenuta mediante operazioni algebriche o di composizione di funzioni
elementari, i punti dellinsieme D sono i seguenti:
a) punti in cui largomento di una funzione radice o di una funzione
potenza con esponente compreso tra 0 e 1 `e uguale a 0 (in quanto
tali funzioni non sono derivabili in 0);
b) punti in cui largomento di una funzione arcoseno oppure arco-
seno `e uguale a 1 oppure a 1 (in quanto le funzioni arcoseno e
arcocoseno non sono derivabili nei punti 1);
c) punti in cui largomento di un valore assoluto `e uguale a 0 (in
quanto la funzione valore assoluto non `e derivabile nel punto 0).
Esclusi i punti precedenti, si pu`o asserire che la funzione f `e derivabile
in X D.
2. Utilizzando le regole di derivazione, si calcola la derivata di f nellin-
sieme X D.
7.2 Teoremi di Rolle, Cauchy e Lagrange 193
3. Si studia la derivabilit`a di f in ogni punto x
0
D. Poiche in questo
caso non si possono utilizzare le regole di derivazione, bisogna vericare
direttamente la derivabilit`a attraverso la denizione; nel seguito, si
studier`a la propriet`a di continuit`a della derivata prima (Teorema 7.3.3)
in base alla quale la derivata di f in x
0
, se esiste, viene data dal limite
lim
xx
0
f

(x) e quindi per lo studio della derivabilit`a nei punti x


0
D,
ci si pu`o avvalere dellespressione della derivata ottenuta al punto 2)
precedente.
A questo punto si raccolgono le informazioni ottenute e si precisa de-
nitivamente il sottoinsieme X

di X in cui f `e derivabile fornendone il


valore della derivata in ogni punto di X

.
7.2 Teoremi di Rolle, Cauchy e Lagrange
Anche per le funzioni derivabili valgono risultati di notevole interesse nel caso
in cui queste vengano considerate su un intervallo chiuso e limitato.
Teorema 7.2.1 (Teorema di Rolle)
Sia f : [a, b] R una funzione reale continua in [a, b] e derivabile nellinter-
vallo aperto ]a, b[. Se f(a) = f(b), allora esiste almeno un punto x
0
]a, b[
tale che f

(x
0
) = 0.
Dimostrazione. Poiche f `e continua, dal teorema di Weierstrass (Teorema 6.2.1), essa `e
dotata di minimo e di massimo e quindi esistono c, d [a, b] tali che, per ogni x [a, b],
f(c) f(x) f(d). Si supponga dapprima che entrambi i punti c e d siano estremi
dellintervallo [a, b] (c, d a, b). Dallipotesi f(a) = f(b), segue f(c) = f(d) e quindi la
funzione f deve essere costante. Allora la derivata di f `e costantemente nulla e quindi la
tesi `e vericata considerando un qualsiasi elemento x
0
]a, b[.
Si considera ora il caso in cui almeno uno dei punti c oppure d sia interno allintervallo
[a, b]. Si supponga che c ]a, b[ per cui f `e derivabile in c. Se fosse f

(c) > 0, per la


propriet`a di permanenza del segno applicata alla funzione rapporto incrementale di f
relativa a c, si pu`o trovare > 0 tale che, per ogni x [a, b]]c , c +[{c},
f(x) f(c)
x c
> 0 .
Poiche c `e interno allintervallo [a, b], lintersezione [a, b]]c , c[ risulta non vuota; con-
siderato x [a, b]]c , c[, risulta innanzitutto (f(x) f(c))/(x c) > 0; essendo
x c < 0, dovr`a essere anche f(x) f(c) < 0, da cui f(x) < f(c) e ci`o contraddice
il fatto che f(c) `e il minimo di f. Se fosse f

(c) < 0, si troverebbe > 0 tale che, per ogni


x [a, b]]c , c +[{c},
f(x) f(c)
x c
< 0 .
Poiche c `e interno allintervallo [a, b], si pu`o considerare x [a, b]]c, c + [ per il quale
(f(x) f(c))/(x c) < 0; allora, essendo x c > 0, si avrebbe ancora f(x) f(c) < 0 e
quindi f(x) < f(c), contraddicendo anche in questo caso il fatto che f(c) `e il minimo di f.
194 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
Si conclude che deve essere necessariamente f

(c) = 0 e la tesi segue considerando


x
0
= c. Se il punto d `e interno allintervallo [a, b], si dimostra in modo analogo che
f

(d) = 0 e quindi si pu`o considerare x


0
= d.
Tenendo presente linterpretazione geometrica della derivata, e che il coef-
ciente angolare di una retta `e uguale a 0 se e solo se la retta `e parallela
allasse delle ascisse, si pu`o dire che per una funzione continua in un inter-
vallo chiuso e limitato e derivabile tranne al pi` u che agli estremi, esiste una
tangente orizzontale in almeno un punto interno a tale intervallo. Si osservi
inoltre che i punti interni in cui la derivata di f si annulla sono quelli di
massimo e di minimo per f.
x
y
0 x
0
Figura 7.2: Teorema di Rolle.
Dal teorema di Rolle possono essere dedotti facilmente i seguenti ulteriori
risultati.
Teorema 7.2.2 (Teorema di Cauchy)
Siano f : [a, b] R e g : [a, b] R funzioni reali continue in [a, b] e
derivabili in ]a, b[ e si supponga che, per ogni x ]a, b[, g

(x) = 0. Allora
g(a) = g(b) ed inoltre esiste almeno un punto x
0
]a, b[ tale che
f

(x
0
)
g

(x
0
)
=
f(b) f(a)
g(b) g(a)
. (7.2.1)
Dimostrazione. Se fosse g(a) = g(b), si potrebbe applicare il teorema di Rolle precedente
alla funzione g e si otterrebbe lesistenza di un punto interno allintervallo [a, b] in cui
la derivata di g si annullerebbe, il che `e stato escluso per ipotesi. Quindi deve essere
g(a) = g(b).
7.2 Teoremi di Rolle, Cauchy e Lagrange 195
Si denisce ora la funzione h : [a, b] R ponendo, per ogni x [a, b],
h(x) := f(x)
f(b) f(a)
g(b) g(a)
(g(x) g(a)) .
Tale funzione `e continua in quanto somma di funzioni continue ed `e derivabile in ]a, b[ in
quanto somma di funzioni derivabili in ]a, b[; si ha inoltre
h(a) = f(a)
f(b) f(a)
g(b) g(a)
(g(a) g(a)) = f(a) ,
h(b) = f(b)
f(b) f(a)
g(b) g(a)
(g(b) g(a)) = f(b) f(b) +f(a) = f(a) ,
e quindi h(a) = h(b). Si pu`o pertanto applicare il teorema di Rolle alla funzione h, e si
conclude che esiste x
0
]a, b[ tale che h

(x
0
) = 0. Poiche, per ogni x ]a, b[,
h

(x) = f

(x)
f(b) f(a)
g(b) g(a)
g

(x) ,
da h

(x
0
) = 0 segue
f

(x
0
) =
f(b) f(a)
g(b) g(a)
g

(x
0
) ,
e dividendo entrambi i membri per g

(x
0
) = 0, si ottiene la tesi.
Teorema 7.2.3 (Teorema di Lagrange, o del valor medio)
Sia f : [a, b] R una funzione reale continua in [a, b] e derivabile in ]a, b[.
Allora esiste almeno un punto x
0
]a, b[ tale che
f

(x
0
) =
f(b) f(a)
b a
. (7.2.2)
Dimostrazione. Si consideri lulteriore funzione g : [a, b] R denita ponendo, per ogni
x [a, b], g(x) = x. Tale funzione `e derivabile e, per ogni x [a, b], g

(x) = 1 = 0. Sono
quindi soddisfatte le ipotesi del teorema di Cauchy precedente e pertanto esiste un punto
x
0
]a, b[ tale che
f

(x
0
)
g

(x
0
)
=
f(b) f(a)
g(b) g(a)
;
poiche g

(x
0
) = 1 e g(b) g(a) = b a, la tesi `e completamente dimostrata.
Anche il teorema di Lagrange pu`o essere interpretato geometricamente in
modo molto semplice. Si denoti infatti con A il punto del piano cartesiano
avente coordinate (a, f(a)) e con B quello di coordinate (b, f(b)); la retta del
piano passante per i punti A e B (cio`e, la retta secante il graco di f nei
punti a e b) ha equazione
y f(a)
x a
=
f(b) f(a)
b a
;
196 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
da ci`o segue che il secondo membro della (7.2.2) rappresenta il coeciente
angolare della retta passante per i punti A e B. Dal teorema di Lagrange,
esiste un punto interno x
0
]a, b[ tale che la retta tangente al graco di f in
x
0
abbia lo stesso coeciente angolare della retta secante al graco di f nei
punti a e b. Quindi, si conclude che se f : [a, b] R `e continua in [a, b] e
derivabile in ]a, b[, esiste almeno un punto interno x
0
]a, b[ in cui la retta
tangente al graco di f in x
0
e la retta secante il graco di f nei punti estremi
a e b sono parallele.
x
y
0
A
B
x
0
Figura 7.3: Teorema di Lagrange.
Il teorema di Lagrange `e stato dedotto dal teorema di Cauchy il quale a
sua volta `e stato dimostrato come conseguenza del teorema di Rolle. Si pu`o
osservare inoltre che il teorema di Rolle `e un caso particolare del teorema
di Lagrange in quanto, se f(a) = f(b), il secondo membro della (7.2.2) `e
nullo. Si conclude che i Teoremi 7.2.1, 7.2.2 e 7.2.3 sono tra loro equivalenti
e conseguono dal teorema di Weierstrass per le funzioni continue e derivabili
allinterno di un intervallo chiuso e limitato.
7.3 Applicazioni al calcolo dei limiti
7.3.1 Teoremi di LHopital
Unimportante applicazione del calcolo dierenziale riguarda la possibilit`a di
risolvere in maniera elementare alcuni limiti che si presentano in una forma
7.3 Applicazioni al calcolo dei limiti 197
indeterminata. Si riconosce subito, infatti, che se f : X R e g : X R
sono funzioni derivabili in un punto x
0
X con g

(x
0
) = 0 e se f(x
0
) =
g(x
0
) = 0, allora per il limite
lim
xx
0
f(x)
g(x)
,
che si presenta nella forma indeterminata
0
0
, si ha
lim
xx
0
f(x)
g(x)
=
f

(x
0
)
g

(x
0
)
.
Infatti, basta osservare che
lim
xx
0
f(x)
g(x)
= lim
xx
0
f(x) f(x
0
)
g(x) g(x
0
)
= lim
xx
0
f(x) f(x
0
)
x x
0
g(x) g(x
0
)
x x
0
=
f

(x
0
)
g

(x
0
)
.
Una situazione pi` u generale viene esaminata nei risultati successivi.
Teorema 7.3.1 (Prima regola di LHopital)
Sia x
0
R e si denoti con I uno degli intervalli ]a, x
0
[ oppure ]x
0
, b[ (a, b
R). Siano f : I R e g : I R funzioni reali tali che
1. Per ogni x I, g(x) = 0;
2. lim
xx
0
f(x) = 0, lim
xx
0
g(x) = 0;
3. f e g sono derivabili con g

(x) = 0 per ogni x I;


4. Esiste il limite lim
xx
0
f

(x)
g

(x)
.
Allora esiste anche il limite lim
xx
0
f(x)
g(x)
e si ha
lim
xx
0
f(x)
g(x)
= lim
xx
0
f

(x)
g

(x)
. (7.3.1)
Dimostrazione. Per brevit`a si considera solo il caso in cui I =]a, x
0
[. Si ponga :=
lim
xx
0
f

(x)/g

(x). Per ogni x I, risulta g(x) = 0, altrimenti g tenderebbe allo stesso


valore 0 in due punti distinti e la sua derivata, come conseguenza del Teorema 7.2.1, si
dovrebbe annullare in almeno un punto interno allintervallo che ha come estremi tali due
198 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
punti e ci`o `e escluso dalle ipotesi. In una prima fase si considera il caso in cui R.
Allora, ssato > 0, deve esistere x
1
I tale che, per ogni x ]x
1
, x
0
[,


2
<
f

(x)
g

(x)
< +

2
.
Per ogni x, t ]x
1
, x
0
[, x = t, dal Teorema 7.2.2 di Cauchy, esiste c ]x
1
, x
0
[ tale che
f

(c)
g

(c)
=
f(x) f(t)
g(x) g(t)
e quindi

f(x) f(t)
g(x) g(t)

<

2
(1)
Sia ora x ]x
1
, x
0
[; dal fatto che lim
tx
0
f(t) = 0 e lim
tx
0
g(t) = 0, segue anche
lim
tx
0
(f(x) f(t))/(g(x) g(t)) = f(x)/g(x); se fosse

f(x)
g(x)

>

2
,
dal fatto che ] , /2[]+/2, +[ `e un intorno di f(x)/g(x), seguirebbe lesistenza
di > 0 tale che, per ogni t I]x , x +[{x},

f(x) f(t)
g(x) g(t)

>

2
e ci`o contraddice la (1).
Quindi deve essere, per ogni x ]x
1
, x
0
[

f(x)
g(x)


2
< .
Dallarbitrariet`a di > 0 segue quindi la tesi.
Si considera ora il caso in cui = + (se = si procede analogamente). Allora,
ssato M R, esiste x
1
I tale che, per ogni x ]x
1
, x
0
[,
f

(x)
g

(x)
> M + 1 .
Come nel caso precedente, per ogni x, t ]x
1
, x
0
[, x = t, dal Teorema 7.2.2 di Cauchy, si
trova c ]x
1
, x
0
[ tale che
f

(c)
g

(c)
=
f(x) f(t)
g(x) g(t)
e quindi
f(x) f(t)
g(x) g(t)
> M + 1. (2)
Sia ora x ]x
1
, x
0
[; dal fatto che lim
tx
0
f(t) = 0 e lim
tx
0
g(t) = 0, segue anche
lim
tx
0
(f(x) f(t))/(g(x) g(t)) = f(x)/g(x); se fosse
f(x)
g(x)
< M + 1 ,
7.3 Applicazioni al calcolo dei limiti 199
esisterebbe > 0 tale che, per ogni t I]x , x +[{x},
f(x) f(t)
g(x) g(t)
< M + 1
e ci`o contraddice la (2). Allora, per ogni x ]x
1
, x
0
[, deve essere
f(x)
g(x)
M + 1 > M
e dallarbitrariet`a di M R si ha la tesi anche in questo caso.
Teorema 7.3.2 (Seconda regola di LHopital)
Sia x
0
R e si denoti con I uno degli intervalli ]a, x
0
[ oppure ]x
0
, b[ (a, b
R). Siano f : I R e g : I R funzioni reali tali che
1. lim
xx
0
|f(x)| = +, lim
xx
0
|g(x)| = +;
2. f e g sono derivabili con g

(x) = 0 per ogni x I;


3. Esiste il limite lim
xx
0
f

(x)
g

(x)
.
Allora esiste anche il limite lim
xx
0
f(x)
g(x)
e si ha
lim
xx
0
f(x)
g(x)
= lim
xx
0
f

(x)
g

(x)
. (7.3.2)
Dimostrazione. In questo caso lipotesi che g sia diversa da 0 in un intorno di x
0
`e
assicurata dal fatto che il limite del suo valore assoluto `e innito. Anche ora si considera
per brevit`a il caso in cui I =]a, x
0
[ e si pone := lim
xx
0
f

(x)/g

(x).
Si suppone in una prima fase che R e si ssa > 0. Essendo lim
xx
0
f

(x)/g

(x) =
, si pu`o trovare x
1
I tale che, per ogni x ]x
1
, x
0
[,

(x)
g

(x)

<

2
.
Si ssi t ]x
1
, x
0
[; per ogni x ]x
1
, x
0
[, x = t, dal Teorema 7.2.2 di Cauchy, esiste c ]x
1
, x
0
[
tale che
f

(c)
g

(c)
=
f(t) f(x)
g(t) g(x)
e quindi


2
<
f(t) f(x)
g(t) g(x)
< +

2
. (1)
200 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
Poiche lim
xx
0
|f(x)| = +, lim
xx
0
|g(x)| = +, si pu`o trovare x
2
]x
1
, x
0
[ tale che,
per ogni x ]x
2
, x
0
[, |f(t)| < |f(x)| e |g(t)| < |g(x)|. Pertanto, posto
(x) :=
1
f(t)
f(x)
1
g(t)
g(x)
per ogni x ]x
2
, x
0
[, si ha (x) > 0 e
f(t) f(x)
g(t) g(x)
=
f(x)
g(x)
(x) ;
conseguentemente, la (1) pu`o essere scritta al modo seguente, per ogni x ]x
2
, x
0
[,
/2
(x)
<
f(x)
g(x)
<
+/2
(x)
. (2)
Poiche lim
xx
0
(x) = 1, si pu`o considerare x
3
]x
2
, x
0
[ tale che, per ogni x ]x
3
, x
0
[,

/2
(x)
,
+/2
(x)
+
e quindi, dalla (2),
<
f(x)
g(x)
< + .
Dallarbitrariet`a di > 0 segue lim
xx
0
f(x)/g(x) = e quindi la tesi.
Si considera ora il caso in cui = + (se = il procedimento `e analogo).
Fissato M R, da lim
xx
0
f

(x)/g

(x) = , segue lesistenza di x


1
I tale che, per ogni
x ]x
1
, x
0
[,
f

(x)
g

(x)
> M + 1 .
Si ssi ora t ]x
1
, x
0
[; per ogni x ]x
1
, x
0
[, x = t, dal Teorema 7.2.2 di Cauchy, esiste
c ]x
1
, x
0
[ tale che
f

(c)
g

(c)
=
f(t) f(x)
g(t) g(x)
e quindi
f(t) f(x)
g(t) g(x)
> M + 1 . (3)
Come nel caso precedente, poiche lim
xx
0
|f(x)| = +, lim
xx
0
|g(x)| = +, esiste
x
2
]x
1
, x
0
[ tale che, per ogni x ]x
2
, x
0
[, |f(t)| < |f(x)| e |g(t)| < |g(x)| e quindi, posto
(x) :=
1
f(t)
f(x)
1
g(t)
g(x)
;
dunque, la (3) diviene, per ogni x ]x
2
, x
0
[,
f(x)
g(x)
>
M + 1
(x)
. (4)
7.3 Applicazioni al calcolo dei limiti 201
Essendo lim
xx
0
(x) = 1, risulta lim
xx
0
(M + 1)/(x) = M + 1 e pertanto si pu`o
considerare x
3
]x
2
, x
0
[ tale che, per ogni x ]x
3
, x
0
[,
M + 1
(x)
> M .
Dalla (4) segue, per ogni x ]x
3
, x
0
[,
f(x)
g(x)
> M .
Dallarbitrariet`a di M R si ottiene la tesi.
Nei risultati precedenti sono state considerate funzioni reali denite in
intervalli del tipo ]a, x
0
[ oppure ]x
0
, b[ e quindi i limiti considerati coincidono
con i limiti da sinistra oppure da destra in x
0
. Naturalmente, considerando
separatamente i limiti da destra e da sinistra in x
0
, gli stessi risultati valgono
per funzioni denite in ]a, b[{x
0
} (a, b R).
Conviene osservare che i Teoremi 7.3.1 e 7.3.2 forniscono condizioni suf-
cienti per lesistenza del limite del rapporto di due funzioni. Nel caso in cui
il limite del rapporto delle derivate delle due funzioni non esista, non si pu`o
concludere nulla per quanto riguarda il limite del rapporto delle due funzioni
e bisogna ricorrere a metodi dierenti.
Ad esempio, si consideri il limite
lim
x+
x
x + sin x
,
il quale si presenta nella forma indeterminata
+
+
; tenendo presente che,
per ogni x > 1,
x
x + 1

x
x + sin x

x
x 1
,
si riconosce subito che tale limite `e uguale ad 1; invece, il limite lim
x+
1/(1 +
cos x) del rapporto delle derivate non esiste.
Bisogna naturalmente anche accertarsi che il limite si presenti in una delle
forme indeterminate previste nei teoremi precedenti, altrimenti lapplicazione
delle regole di LHopital pu`o portare a risultati errati.
Ad esempio, il limite
lim
x+
log(cos x) + x tan x
x + 1
non esiste, mentre il limite lim
x+
x(1+tan
2
x) del rapporto delle derivate
`e uguale a +.
202 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
In generale, pu`o anche capitare che il limite del rapporto delle derivate si
presenti anchesso in una forma indeterminata. In tal caso, si pu`o cercare di
continuare ad applicare ancora la stessa regola di LHopital e studiare cos`
il limite del rapporto delle derivate seconde o ancora successive delle due
funzioni. Pi` u precisamente, se f : I R e g : I R sono funzioni reali
derivabili n volte (n 1) e si supponga che, per ogni k = 1, . . . , n e per ogni
x I, g
(k)
(x) = 0. Se, per ogni k = 0, . . . , n 1,
lim
xx
0
f
(k)
(x) = 0 , lim
xx
0
g
(k)
(x) = 0
oppure
lim
xx
0
|f
(k)
(x)| = + , lim
xx
0
|g
(k)
(x)| = + ,
e se esiste il limite lim
xx
0
f
(n)
(x)
g
(n)
(x)
, allora esiste anche il limite lim
xx
0
f(x)
g(x)
e si ha
lim
xx
0
f(x)
g(x)
= lim
xx
0
f
(n)
(x)
g
(n)
(x)
.
Le regole di LHopital possono essere applicate in maniera opportuna
anche ad altre forme indeterminate.
la forma indeterminata 0 () pu`o essere ricondotta a quelle previste
nei risultati precedenti tenendo presente che, per ogni x I,
f(x) g(x) =
f(x)
1/g(x)
=
g(x)
1/f(x)
.
Anche la forma indeterminata + pu`o essere ricondotta a quelle
previste dalle regole di LHopital tenendo presente che, per ogni x I,
f(x) + g(x) =
f(x) + g(x)
f(x)g(x)
1
f(x)g(x)
=
1
f(x)
+
1
g(x)
1
f(x)g(x)
.
Alternativamente, si pu`o tenere presente che, per ogni x I,
f(x) + g(x) = f(x)
_
1 +
g(x)
f(x)
_
= g(x)
_
f(x)
g(x)
+ 1
_
.
Anche le forme indeterminate 1
+
, 0
0
, ()
0
possono essere ricondotte
ai casi gi`a considerati tenendo presente che, se f : I R e g : I R
sono funzioni reali e se, per ogni x I, f(x) > 0 allora, per ogni x I,
f(x)
g(x)
= e
g(x) log(f(x))
.
7.3 Applicazioni al calcolo dei limiti 203
Una interessante conseguenza della prima regola di LHopital riguarda
la continuit`a della derivata prima; si pu`o osservare, infatti, che il limite del
rapporto incrementale lim
xx
0
f(x)f(x
0
)
xx
0
di una funzione f continua in un
punto x
0
si presenta nella forma indeterminata 0/0; applicando il Teorema
7.3.1 a tale limite si ottiene il seguente criterio di derivabilit`a.
Teorema 7.3.3 (Continuit`a della derivata)
Siano I un intervallo di R, x
0
I ed f : I R una funzione continua in
I e derivabile in I {x
0
}. Se esiste il lim
xx
0
f

(x), allora f `e dotata di


derivata in x
0
e si ha
f

(x
0
) = lim
xx
0
f

(x) . (7.3.3)
Dimostrazione. Poiche f `e continua in x
0
, il limite del rapporto incrementale di f in x
0
si presenta nella forma indeterminata 0/0. Inoltre, per tale limite sono soddisfatte tutte
le ipotesi del Teorema 7.3.1 e da esso si ottiene la tesi.
Dal risultato precedente segue che se il limite lim
xx
0
f

(x) esiste ed `e
nito, la funzione f `e derivabile in x
0
e vale la (7.3.3) (se il limite esiste ma
non `e nito, la funzione risulta solamente dotata di derivata in x
0
).
Come conseguenza di tale risultato, se la derivabilit`a di una funzione in
un punto non viene assicurata dalle regole di derivazione si pu`o studiare
semplicemente il limite della derivata prima in tale punto piuttosto che il
limite del rapporto incrementale.
7.3.2 Formula di Taylor
Sia f : X R una funzione derivabile in un punto x
0
X di accumulazione
per X; si `e visto nella sezione precedente che il graco di f `e dotato di retta
tangente nel punto x
0
avente equazione
y = f(x
0
) + f

(x
0
)(x x
0
) .
Se x X, la dierenza tra il valore della funzione e quello della retta tangente
in x `e data da f(x) f(x
0
) f

(x
0
)(x x
0
) e si ha
lim
xx
0
f(x) f(x
0
) f

(x
0
)(x x
0
)
x x
0
= lim
xx
0
f(x) f(x
0
)
x x
0
f

(x
0
) = 0 ;
quindi la dierenza tra il valore della funzione e quello della retta tangente
al graco di f in x
0
`e un innitesimo di ordine maggiore di 1. Ci si pu`o ora
chiedere in modo abbastanza naturale se sia possibile ottenere unapprossi-
mazione pi` u soddisfacente dei valori della funzione considerando polinomi di
grado maggiore di 1. I polinomi adatti a tale scopo si ottengono imponendo
204 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
nel punto x
0
il valore del polinomio e quello delle sue derivate no ad un ordi-
ne ssato uguali rispettivamente al valore della funzione e delle sue derivate
nel punto x
0
no allo stesso ordine.
Denizione 7.3.4 Siano X un sottoinsieme di R, x
0
X un punto di
accumulazione per X ed f : X R una funzione reale derivabile n volte in
x
0
(n N). Si dice polinomio di Taylor di f di grado n relativo ad x
0
il
polinomio T
n
: R R denito ponendo, per ogni x R,
T
n
(x) := f(x
0
) + f

(x
0
)(x x
0
) + f

(x
0
)
(x x
0
)
2
2
+ (7.3.4)
+ + f
(n)
(x
0
)
(x x
0
)
n
n!
=
n

k=0
f
(k)
(x
0
)
(x x
0
)
k
k!
(7.3.5)
(per k = 0, valgono le convenzioni f
(0)
(x
0
) = f(x
0
) e (x x
0
)
0
= 1 se
x = x
0
).
1
Il polinomio T
0
si riduce alla funzione costante di costante valore f(x
0
),
mentre T
1
fornisce lequazione della retta tangente al graco di f in x
0
.
Si riconosce facilmente che, per ogni k, p N,
D
p
((x x
0
)
k
) =
_
_
_
k(k 1) (k p + 1)(x x
0
)
kp
, p < k ,
k! , p = k ; ,
0 , p > k ,
(7.3.6)
e conseguentemente, per ogni k = 0, . . . , n,
T
(k)
n
(x
0
) = f
(k)
(x
0
) . (7.3.7)
Si osserva ancora che, per induzione su j = 0, . . . , n, dalla (7.3.6) si
riconosce facilmente la validit`a della formula
T
n
(f)
(j)
= T
nj
(f
(j)
) , (7.3.8)
cio`e la derivata j-esima del polinomio di Taylor di ordine n della funzione f
in x
0
coincide con il polinomio di Taylor di ordine nj della derivata j-esima
di f in x
0
.
1
Se occorre specicare la funzione f alla quale si riferisce il polinomio di Taylor T
n
viene
preferita la notazione T
n
(f) e se occorre specicare anche il punto x
0
si usa la notazione
T
n
(f, x
0
).
7.3 Applicazioni al calcolo dei limiti 205
Ad esempio, si consideri la funzione f(x) := x sin x, x R ed il punto
iniziale x
0
= 0; si ha, per ogni x R,
T
1
(x) = 0 , T
6
(x) = T
7
(x) = x
2

x
4
6
+
x
6
120
,
T
2
(x) = T
3
(x) = x
2
, T
8
(x) = T
9
(x) = x
2

x
4
6
+
x
6
120

x
8
5040
,
T
4
(x) = T
5
(x) = x
2

x
4
6
, T
10
(x) = x
2

x
4
6
+
x
6
120

x
8
5040
+
x
10
362880
;
nella Figura 7.4 viene tracciato approssimativamente il graco di T
2
, T
4
, T
6
,
T
8
e T
10
= x
2
x
4
/6+x
6
/120x
8
/5040+x
10
/362880) e si pu`o notare come i
polinomi di Taylor approssimino in maniera sempre pi` u accurata la funzione
assegnata in un intorno del punto 0.
x
y
f
T
2
0
T
6
T
10
T
4
T
8
Figura 7.4: Polinomi di Taylor.
Tale aspetto dei polinomi di Taylor viene messo in evidenza nel risultato
seguente.
Teorema 7.3.5 (Formula di Taylor con il resto di Peano)
Siano I un intervallo, x
0
I ed f : I R una funzione reale derivabile n
volte in x
0
ed n 1 volte in I {x
0
} con n 1.
Allora esiste una funzione
n
: I R tale che, per ogni x I,
f(x) = T
n
(x) +
n
(x)
(x x
0
)
n
n!
, (7.3.9)
ed inoltre
lim
xx
0

n
(x) = 0 . (7.3.10)
206 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
Dimostrazione. Luguaglianza (3.6) `e vericata considerando la funzione
n
: I R
denita ponendo, per ogni x I,

n
(x) :=
_
_
_
n!
(x x
0
)
n
(f(x) T
n
(x)) , x = x
0
,
0 , x = x
0
.
Bisogna pertanto dimostrare la (7.3.10), cio`e che
n
`e continua in x
0
. Il limite (7.3.10) si
presenta nella forma indeterminata 0/0 e ad esso si pu`o applicare la regola di LHopital.
Dalle (7.3.7) e (7.3.8), segue
lim
xx
0
f
(nj)
(x) T
j
(f
(nj)
)(x) = f
(nj)
(x
0
) T
j
(f
(nj)
)(x
0
) = 0
per ogni j = 1, . . . , n 1 e quindi, ancora dalla (7.3.8) e dal Teorema 7.3.1, si ottiene
lim
xx
0

n
(x) = n! lim
xx
0
f(x) T
n
(f)(x)
(x x
0
)
n
= n! lim
xx
0
f

(x) T
n1
(f

)(x)
n(x x
0
)
n1
= (n 1)! lim
xx
0
f

(x) T
n2
(f

)(x)
(n 1)(x x
0
)
n2
= . . .
= lim
xx
0
f
(n1)
(x) T
1
(f
(n1)
)(x)
x x
0
= lim
xx
0
f
(n1)
(x) f
(n1)
(x
0
) f
(n)
(x
0
)(x x
0
)
x x
0
= lim
xx
0
_
f
(n1)
(x) f
(n1)
(x
0
)
x x
0
f
(n)
(x
0
)
_
= 0
e quindi la tesi `e completamente dimostrata.
La formula (7.3.6) viene denominata formula di Taylor di f di punto
iniziale x
0
e di ordine n con il resto di Peano. Nel caso in cui x
0
= 0, essa
viene denominata formula di Mc Laurin di f di ordine n con il resto di Peano
e diventa, per ogni x I,
f(x) =
n

k=0
f
(k)
(0)
x
k
k!
+
n
(x)
x
n
n!
. (7.3.11)
Un modo alternativo di esprimere il resto `e espresso nel risultato suc-
cessivo che rappresenta una generalizzazione del teorema di Lagrange. Per
comodit`a, se x
0
ed x sono numeri reali distinti, conviene denotare con I(x
0
, x)
lintervallo aperto di estremi x
0
ed x, cioe
I(x
0
, x) :=
_
]x
0
, x[ , x
0
< x ,
]x, x
0
[ , x < x
0
.
Teorema 7.3.6 (Formula di Taylor con il resto di Lagrange)
Siano I un intervallo, x
0
I ed f : I R una funzione reale derivabile n
volte (n 1) in I {x
0
} ed n 1 volte in x
0
con f
(n1)
continua in x
0
.
7.3 Applicazioni al calcolo dei limiti 207
Allora, per ogni x I {x
0
}, esiste I(x
0
, x) tale che
f(x) = T
n1
(x) + f
(n)
()
(x x
0
)
n
n!
. (7.3.12)
Dimostrazione. Si ssi x I {x
0
} e si denoti con I lintervallo chiuso avente x ed x
0
come estremi. Si denisce ora la funzione F : I R ponendo, per ogni t I,
F(t) := T
n1
(f, t)(x) +
(x t)
n
(x x
0
)
n
(f(x) T
n1
(f, x
0
)(x))
=
n1

k=0
f
(k)
(t)
(x t)
k
k!
+
(x t)
n
(x x
0
)
n
_
f(x)
n1

k=0
f
(k)
(x
0
)
(x x
0
)
k
k!
_
.
Dalle ipotesi assunte sulla funzione f, segue che F `e continua in I e derivabile in I(x
0
, x);
inoltre
F(x) = T
n1
(f, x)(x) = f(x) ,
F(x
0
) = T
n1
(f, x
0
)(x) + (f(x) T
n1
(f, x
0
)(x)) = f(x) ,
e quindi, dal Teorema 7.2.1 di Rolle, esiste I(x
0
, x) tale che F

() = 0. Tenendo
presente che, per ogni t I(x
0
, x),
F

(t) = f

(t) +
n1

k=1
_
f
(k+1)
(t)
(x t)
k
k!
f
(k)
(t)
(x t)
k1
(k 1)!
_

n(x t)
n1
(x x
0
)
n
_
f(x)
n1

k=0
f
(k)
(x
0
)
(x x
0
)
k
k!
_
= f

(t) +
n1

k=1
f
(k+1)
(t)
(x t)
k
k!

n2

k=0
f
(k+1)
(t)
(x t)
k
k!

n(x t)
n1
(x x
0
)
n
_
f(x)
n1

k=0
f
(k)
(x
0
)
(x x
0
)
k
k!
_
= f

(t) +f
(n)
(t)
(x t)
n1
(n 1)!
f

(t)

n(x t)
n1
(x x
0
)
n
_
f(x)
n1

k=0
f
(k)
(x
0
)
(x x
0
)
k
k!
_
= f
(n)
(t)
(x t)
n1
(n 1)!

n(x t)
n1
(x x
0
)
n
_
f(x)
n1

k=0
f
(k)
(x
0
)
(x x
0
)
k
k!
_
=
n(x t)
n1
(x x
0
)
n
_
f
(n)
(t)
(x x
0
)
n
n!

_
f(x)
n1

k=0
f
(k)
(x
0
)
(x x
0
)
k
k!
__
,
si conclude che deve essere
f
(n)
()
(x x
0
)
n
n!
= f(x)
n1

k=0
f
(k)
(x
0
)
(x x
0
)
k
k!
208 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
e da questultima si ottiene la tesi.
La formula (7.3.12) viene denominata formula di Taylor di f di punto
iniziale x
0
e di ordine n con il resto di Lagrange.
Anche in questo caso, se x
0
= 0, essa viene denominata formula di Mc
Laurin di f di ordine n con il resto di Lagrange e si scrive nel seguente modo,
per ogni x I {0},
f(x) =
n1

k=0
f
(k)
(0)
x
k
k!
+ f
(n)
()
x
n
n!
, (7.3.13)
|| < |x|.
Nel caso n = 1, la (7.3.12) si riduce ovviamente al Teorema 7.2.3 di
Lagrange.
Osservazione 7.3.7 La formula di Taylor con il resto di Lagrange consente
anche di valutare lerrore che si commette approssimando una funzione con
il polinomio di Taylor di ordine n in un intorno di un punto x
0
.
Infatti, nelle ipotesi del Teorema 7.3.6 e supposto che f
(n)
sia limitata in
I {x
0
}, allora, posto M := sup
xI{x
0
}
|f
(n)
(x)|, per ogni x I, si ha
|f(x) T
n1
(x)| M
|x x
0
|
n
n!
. (7.3.14)
Conviene a questo punto scrivere la formula di Taylor per alcune funzioni
elementari.
Formula di Taylor per i polinomi
Sia P : R R un polinomio di grado n e siano a
0
, . . . , a
n
R, con a
n
= 0,
tali che P(x) = a
0
+ +a
n
x
n
per ogni x R. Ovviamente, P `e una funzione
innite volte derivabile e si ha P
(n)
(x) = a
n
per ogni x R, mentre tutte le
derivate successive P
(k)
con k > n sono nulle. Fissato x
0
R, la formula di
Taylor di P di ordine n relativa ad x
0
con il resto di Lagrange; in questo caso,
per ogni x R, considerato lelemento I(x
0
, x) previsto nella (7.3.12), si
ha P
(n)
() = a
n
= P
(n)
(x
0
) e quindi
P(x) =
n

k=0
P
(k)
(x
0
)
(x x
0
)
k
k!
per ogni x R. Dunque il polinomio P viene completamente determinato
dal valore che assume in x
0
insieme a quelli delle sue derivate in x
0
no
allordine n.
7.3 Applicazioni al calcolo dei limiti 209
Formula di Taylor per le funzioni esponenziali
Sia a > 0, a = 1 e si consideri la funzione esponenziale exp
a
di base a. Tale
funzione `e innite volte derivabile e si riconosce facilmente per induzione su n
che, per ogni n N ed x R, risulta D
n
(a
x
) = a
x
log
n
a. In particolare, per
ogni n N, la derivata n-esima della funzione exp
a
assume il valore log
n
a
nel punto 0; pertanto, la formula di Mc Laurin di exp
a
di ordine n si scrive,
per ogni x R,
a
x
=
n1

k=0
log
k
a
x
k
k!
+ a

log
n
a
x
n
n!
,
con I(0, x).
Inoltre, dalla (7.3.14) si ottiene, per ogni x R,

a
x

n1

k=0
log
k
a
x
k
k!

max{a
x
, 1} | log
n
a|
|x|
n
n!
.
Nel caso della funzione esponenziale avente come base il numero di Nepero,
le formule precedenti diventano, per ogni x R,
e
x
=
n1

k=0
x
k
k!
+ e

x
n
n!
,
con I(0, x) e

e
x

n1

k=0
x
k
k!

max{e
x
, 1}
|x|
n
n!
.
Formula di Taylor per le funzioni logaritmiche
Sia a > 0 con a = 1 e si consideri la funzione logaritmo log
a
di base a.
Tale funzione `e innite volte derivabile e procedendo per induzione su n, si
riconosce che, per ogni n 1 ed x ]0, +[,
D
n
(log
a
x) = (1)
n1
(n 1)!
x
n
log a
.
In particolare, per ogni n N, la derivata n-esima della funzione log
a
as-
sume il valore (1)
n1
(n1)!/ log a nel punto 1. Conseguentemente, tenendo
presente che log
a
1 = 0, la formula di Taylor di log
a
di ordine n relativa al
punto 1 si scrive, per ogni x ]0, +[,
log
a
x =
n1

k=1
(1)
k1
k log a
(x 1)
k
+
(1)
n1
n
n
log a
(x 1)
n
,
210 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
con I(1, x). In varie applicazioni pu`o essere utile scrivere questultima
formula nella forma seguente, per ogni x ] 1, 1],
log
a
(1 + x) =
n1

k=1
(1)
k1
k log a
x
k
+
(1)
n1
n
n
log a
x
n
;
poiche x ] 1, 1], si ha anche || < |x| e quindi il resto di Lagrange verica
la condizione

(1)
n1
n
n
log a
x
n

1
n| log a|
.
Formula di Taylor per le funzioni seno e coseno
Procedendo con gli stessi metodi dei casi precedenti, si possono scrivere le
formule di Mc Laurin di ordine 2n + 1 e rispettivamente 2n delle funzioni
seno e coseno. Tenendo presente che D(sin x) = cos x e D(cos x) = sin x, si
deduce che le derivate di ogni ordine di tali funzioni assumono valori compresi
tra 1 ed 1. Inoltre, nel punto 0 le derivate di ordine pari della funzione seno
e quelle di ordine dispari della funzione coseno sono nulle. Pertanto le relative
formule di Mc Laurin assumono la seguente forma, per ogni x R,
sin x =
n1

k=0
(1)
k
(2k + 1)!
x
2k+1
+ (x)
x
2n+1
(2n + 1)!
,
cos x =
n1

k=0
(1)
k
(2k)!
x
2k
+ (x)
x
2n
(2n)!
,
con (x) [1, 1] ed (x) [1, 1] opportuni.
Si ottiene ovviamente, per ogni x R,

sin x
n1

k=0
(1)
k
(2k + 1)!
x
2k+1


|x|
2n+1
(2n + 1)!
,

cos x
n1

k=0
(1)
k
(2k)!
x
2k


|x|
2n
(2n)!
.
Gli esempi precedenti possono essere estesi con gli stessi metodi per scri-
vere la formula di Taylor di ogni funzione elementare relativa ad un ssato
punto x
0
.
7.3 Applicazioni al calcolo dei limiti 211
7.3.3 Simboli di Landau e applicazioni della formula di
Taylor al calcolo dei limiti
La formula di Taylor pu`o essere utilizzata alternativamente alle regole di
LHopital per la risoluzione delle forme indeterminate.
Si introducono innanzitutto alcune notazioni che evidenziano la parte
principale di un innitesimo; tali notazioni consistono nelluso dei simboli di
Landau che vengono introdotti nel modo seguente.
Siano X un sottoinsieme di R, x
0
un punto di accumulazione per X ed
f : X R, g : X R due funzioni denite in X.
Si dice che f(x) `e o piccolo di g(x) per x tendente verso x
0
e si scrive
f(x) = o(g(x)) , x x
0
,
se lim
xx
0
f(x)
g(x)
= 0 (se f e g sono innitesime in x
0
, ci`o equivale al fatto che f
`e un innitesimo in x
0
di ordine maggiore di g).
Inoltre, si dice che f(x) `e o grande di g(x) per x tendente verso x
0
e si
scrive
f(x) = O(g(x)) , x x
0
,
se il rapporto
f(x)
g(x)
`e limitato in un intorno di x
0
(se f e g sono innitesime
in x
0
, ci`o equivale al fatto che f `e un innitesimo in x
0
di ordine maggiore o
uguale di g).
Tali notazioni consentono di scrivere in modo pi` u semplice diverse for-
mule evitando lintroduzione di funzioni che denotano innitesimi di ordine
superiore.
Ad esempio, la formula di Taylor (7.3.9) si pu`o scrivere
f(x) = T
n
(x) + o((x x
0
)
n
) , x x
0
,
in quanto
n
(x)(x x
0
)
n
/n! = o((x x
0
)
n
) per x x
0
.
In modo analogo, nelle ipotesi dellOsservazione 7.3.7, la (7.3.14) diventa
f(x) T
n1
(x) = O((x x
0
)
n
) , x x
0
,
in quanto M(x x
0
)
n
/n! = O((x x
0
)
n
) per x x
0
.
212 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
Si lascia per esercizio lo sviluppo delle funzioni elementari utilizzando i
simboli di Landau e le formule di Mc Laurin con il resto di Peano; ad esempio,
e
x
=
n

k=0
x
k
k!
+ o(x
n
) , x 0 ,
log
a
(1 + x) =
n

k=1
(1)
k1
k log a
x
k
+ o(x
n
) , x 0 ,
sin x =
n

k=0
(1)
k
(2k + 1)!
x
2k+1
+ o(x
2n+1
) , x 0 ,
cos x =
n

k=0
(1)
k
(2k)!
x
2k
+ o(x
2n
) , x 0 .
Nel calcolo dei limiti `e spesso conveniente utilizzare la formula di Tay-
lor per esprimere un innitesimo in maniera equivalente mediante funzioni
potenza; a tal ne `e suciente considerare la prima derivata non nulla delle
funzioni in esame nel punto x
0
; ad esempio, le prime derivate della funzione
f(x) := arcsin
2
(x) nel punto 0 sono date da
f(0) = 0 , f

(0) = 0 , f

(0) = 2
e quindi f(x) = 2x
2
/2! +o(x
2
) = x
2
+o(x
2
) per x 0; quindi f(x) x
2
per
x 0.
Si considera come esempio lo studio del limite
lim
x0
x arcsin x
sin x arcsin x
.
Si determinano dapprima le derivate della funzione f(x) := x arcsin x nel
punto 0 al ne di trovarne la prima non nulla. Si ha
f(0) = 0 , f

(0) = 0 , f

(0) = 0 , f

(0) = 1
e quindi il numeratore `e un innitesimo di ordine 3 equivalente a x
3
/3!
(infatti f(x) = x
3
/3! + o(x
3
)).
Si procede ora in maniera analoga per la funzione g(x) := sin xarcsin x
e si ha
g(0) = 0 , g

(0) = 0 , g

(0) = 0 , g

(0) = 2
e quindi il denominatore `e un innitesimo di ordine 3 equivalente a 2x
3
/3!
(infatti g(x) = 2x
3
/3! + o(x
3
)).
7.4 Applicazioni allo studio del graco delle funzioni reali 213
Allora, dalla regola di sostituzione Proposizione 4.10.5, si ha
lim
x0
x arcsin x
sin x arcsin x
= lim
x0
x
3
/3!
2x
3
/3!
=
1
2
.
Si vuole approssimare il numero di Nepero con un errore minore di 1/100.
Applicando la stima gi`a ottenuta nel punto x = 1, si ha, per ogni n 1,

e
n1

k=0
1
k!

e
n!
<
3
n!
.
Pertanto, bisogna trovare n 1 tale che 3/n! < 1/100 e quindi basta con-
siderare, ad esempio, n = 6. Il valore approssimato richiesto `e quindi dato
da
e
5

k=0
1
k!
= 1 + 1 + +
1
2
+
1
6
+
1
24
+
1
120
=
163
60
2, 71667 .
7.4 Applicazioni allo studio del graco delle
funzioni reali
Nella presente sezione verranno esaminate innanzitutto le connessioni tra
il segno della derivata prima e la monotonia di una funzione; verranno poi
studiate ulteriori propriet`a delle funzioni reali quali la convessit`a, la concavit`a
ed i punti di esso e la loro connessione con lo studio della derivata seconda.
Inoltre si deniscono gli asintoti verticali, orizzontali ed obliqui al graco
di una funzione reale e se ne studia lesistenza.
Inne, viene descritto il metodo generale per lo studio del graco di una
funzione reale.
7.4.1 Monotonia e massimi e minimi relativi ed asso-
luti
Poiche la nozione di derivata ha carattere locale, trattandosi di un limite,
si possono ottenere in maniera diretta alcune connessioni tra il segno della
derivata prima in un punto e la crescenza e decrescenza della funzione nello
stesso punto.
Proposizione 7.4.1 Siano X un sottoinsieme di R, x
0
X un punto di
accumulazione per X ed f : X R una funzione reale derivabile in x
0
. Si
ha
214 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
1) Se f

(x
0
) > 0 (rispettivamente, f

(x
0
) < 0), allora f `e strettamente
crescente (rispettivamente, strettamente decrescente) in x
0
.
2) Se f `e crescente (rispettivamente, decrescente) in x
0
, allora f

(x
0
) 0
(rispettivamente, f

(x
0
) 0).
Dimostrazione. 1) Dalla propriet`a di permanenza del segno per i limiti, esiste > 0 tale
che, per ogni x X {x
0
},
x
0
< x < x
0
+ =
f(x) f(x
0
)
x x
0
> 0 .
Pertanto il numeratore ed il denominatore del rapporto incrementale devono avere lo stesso
segno, da cui
x
0
< x < x
0
+ = f(x) f(x
0
) > 0 = f(x
0
) < f(x) ,
x
0
< x < x
0
= f(x) f(x
0
) < 0 = f(x) < f(x
0
) ,
e quindi f `e strettamente crescente in x
0
. Il caso rispettivo si dimostra in maniera analoga.
2) Si supponga che f sia crescente in x
0
. Se fosse, per assurdo, f

(x
0
) < 0, dal caso
1) appena dimostrato seguirebbe che f `e strettamente decrescente in x
0
e si avrebbe una
contraddizione. Il caso rispettivo `e analogo.
Una prima conseguenza della Proposizione 7.4.1 riguarda una condizione
necessaria per massimi e minimi relativi di una funzione.
Corollario 7.4.2 (Condizione necessaria per massimi e minimi re-
lativi) Siano X un sottoinsieme di R, x
0
X un punto di accumulazione a
sinistra e a destra per X ed f : X R una funzione reale derivabile in x
0
.
Se x
0
`e un punto di massimo o di minimo relativo per f, allora f

(x
0
) = 0.
Dimostrazione. Si supponga per assurdo che f

(x
0
) > 0. Dalla Proposizione 7.4.1,
segue che f `e strettamente crescente in x
0
e quindi esiste
1
> 0 tale che, per ogni
x X]x
0

1
, x
0
+
1
[{x
0
},
x
0
< x < x
0
+
1
= f(x) > f(x
0
) , x
0

1
< x < x
0
= f(x) < f(x
0
) .
Inoltre, x
0
`e un punto di massimo (rispettivamente, di minimo) relativo per f e quindi
esiste
2
> 0 tale che, per ogni x X]x
0

2
, x
0
+
2
[,
f(x) f(x
0
) (rispettivamente, f(x) f(x
0
) ).
Si ponga ora = min{
1
,
2
}; poiche x
0
`e di accumulazione a destra per X, si pu`o con-
siderare x X]x
0
, x
0
+ [, per il quale si ottiene contemporaneamente f(x) > f(x
0
) e
f(x) f(x
0
) e quindi una contraddizione; nel caso rispettivo, poiche x
0
`e di accumulazione
anche a sinistra, si considera x X]x
0
, x
0
[ e si ricava ancora una contraddizione. Dun-
que non pu`o essere f

(x
0
) > 0. In modo analogo si riconosce che la condizione f

(x
0
) < 0
conduce ad una contraddizione e quindi deve essere f

(x
0
) = 0.
7.4 Applicazioni allo studio del graco delle funzioni reali 215
Si osservi che nella dimostrazione precedente lassurdo `e derivato dal fatto
che il punto x
0
`e stato supposto di accumulazione sia a sinistra che a destra
per X. Infatti, si riconosce facilmente che una funzione che ammette un
massimo o un minimo relativo in un estremo ed e ivi derivabile, non ha
necessariamente derivata nulla in tale estremo. Ad esempio, si consideri la
funzione f : [0, 1] R denita ponendo, per ogni x [0, 1], f(x) := x.
Se una funzione f : I R `e denita in un intervallo I, le connessioni
tra la monotonia globale e locale studiate nellOsservazione 1.5.5 insieme alla
Proposizione 7.4.1 forniscono subito il seguente risultato.
Proposizione 7.4.3 Siano I un intervallo di R ed f : I R una funzione
reale derivabile. Si ha
1. (Caratterizzazione della monotonia) f `e crescente (rispettivamente, de-
crescente) se e solo se verica la condizione seguente
x
0
I : f

(x
0
) 0 (rispettivamente, f

(x
0
) 0 ). (7.4.1)
2. (Caratterizzazione della stretta monotonia) f `e strettamente crescen-
te (rispettivamente, strettamente decrescente) se e solo se verica la
condizione (7.4.1) ed inoltre f

non `e costantemente nulla in alcun


intervallo contenuto in I, cio`e
a, b I , a < b = x
0
]a, b[ t.c. f

(x
0
) = 0 . (7.4.2)
Dimostrazione. 1) Se f `e crescente, essa verica ovviamente la condizione (7.4.1) come
conseguenza della Proposizione 7.4.1. Viceversa, si supponga che, per ogni x
0
I, f

(x
0
)
0. Se f non fosse crescente, esisterebbero due elementi a, b I con a < b tali che f(b) <
f(a). Dal Teorema 7.2.3 di Lagrange applicato alla restrizione di f allintervallo [a, b], si
otterrebbe x
0
]a, b[ tale che f

(x
0
) = (f(b) f(a))/(b a) < 0 e ci`o `e escluso. Quindi f
deve essere crescente. La dimostrazione `e analoga nel caso rispettivo.
2) Se f `e strettamente crescente essa `e anche crescente e quindi dalla prima parte deve
soddisfare la condizione (7.4.1). Se f

fosse costantemente uguale a 0 in un intervallo


[a, b] I, dalla stretta crescenza si avrebbe innanzitutto f(a) < f(b); inoltre, dal Teorema
7.2.3 di Lagrange applicato alla restrizione di f allintervallo [a, b], si otterrebbe x
0
]a, b[
tale che f

(x
0
) = (f(b)f(a))/(ba) > 0 e ci`o `e assurdo in quanto deve essere f

(x
0
) = 0.
Pertanto, anche la condizione (7.4.2) `e dimostrata.
Viceversa, dalla (7.4.1) e dalla prima parte dimostrata segue innanzitutto che f `e cre-
scente e pertanto `e suciente dimostrare che essa `e anche iniettiva (vedasi la Proposizione
1.5.3). Si supponga, per assurdo, che esistano due elementi a, b I, con a < b, tali che
f(a) = f(b). Dalla monotonia di f, per ogni x [a, b], si deve avere f(x) = f(a) = f(b);
essendo f costante in [a, b], la sua derivata si annulla nellintervallo [a, b] e ci`o contraddice
la condizione (7.4.2). Quindi f `e iniettiva e ci`o completa la dimostrazione. Il caso rispettivo
si dimostra in maniera analoga.
216 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
Le caratterizzazioni precedenti non valgono se la funzione non `e denita in
un intervallo; ad esempio, la derivata della funzione f(x) = 1/x, x R{0}
`e strettamente positiva in tutto R {0}, ma la funzione non `e strettamente
crescente (ad esempio, 1 < 1 ma f(1) > f(1)).
Le caratterizzazioni ottenute possono comunque essere sempre applica-
te alle restrizioni della funzione ad ogni intervallo contenuto nellinsieme di
denizione.
Nella dimostrazione della seconda parte della proposizione precedente,
si `e visto anche che se f : I R ha derivata costantemente nulla in un
intervallo I, allora essa `e costante.
Anche in questo caso la tesi risulta falsa se la funzione non `e denita in un
intervallo; ad esempio, si consideri la funzione f(x) = x/|x| con x R{0}.
Si studiano ora alcune condizioni sucienti per i punti di massimo e
minimo relativo.
Il primo criterio segue direttamente dalla Proposizione 7.4.1.
Proposizione 7.4.4 (Primo criterio per massimi e minimi relativi)
Siano X un sottoinsieme di R, x
0
X un punto interno ad X ed f : X R
una funzione reale continua in x
0
e derivabile in un intorno di x
0
tranne al
pi` u nel punto x
0
, cio`e esiste > 0 tale che f sia derivabile in ]x
0
, x
0
+
[{x
0
}.
2
Se
x ]x
0
, x
0
[: f

(x) 0 , x ]x
0
, x
0
+ [: f

(x) 0
(oppure rispettivamente,
x ]x
0
, x
0
[: f

(x) 0 , x ]x
0
, x
0
+ [: f

(x) 0) ),
allora x
0
`e un punto di massimo (rispettivamente, di minimo) relativo per f.
Se, in pi` u, esiste > 0 tale che f

(x) = 0 per ogni x ]x


0
, x
0
+[{x
0
},
allora x
0
`e un punto di massimo (rispettivamente, di minimo) relativo proprio
per f.
Dimostrazione. Dalle ipotesi fatte, tenendo conto della Proposizione 7.4.3, 1), segue che
f `e crescente in ]x
0
, x
0
[ e decrescente in ]x
0
, x
0
+[ (rispettivamente, f `e decrescente in
2
Un punto x
0
si dice interno ad X se esiste > 0 tale che ]x
0
, x
0
+ [ X, in
altri termini se X `e un intorno di x
0
. Un punto interno ad X `e sempre ovviamente di
accumulazione per X. Nelle ipotesi di derivabilit`a di f si `e pertanto supposto lecitamente
che ]x
0
, x
0
+[ X.
7.4 Applicazioni allo studio del graco delle funzioni reali 217
]x
0
, x
0
[ e crescente in ]x
0
, x
0
+[); dal Teorema 4.6.1 sul limite delle funzioni monotone
e tenendo presente che f `e continua in x
0
, si ha
f(x
0
) = sup
x]x
0
,x
0
[
f(x) = sup
x]x
0
,x
0
+[
f(x)
(rispettivamente,
f(x
0
) = inf
x]x
0
,x
0
[
f(x) = inf
x]x
0
,x
0
+[
f(x) ).
Pertanto, per ogni x ]x
0
, x
0
+[{x
0
}, risulta f(x) f(x
0
) (rispettivamente, f(x
0
)
f(x)) e quindi x
0
`e un punto di massimo relativo (rispettivamente, di minimo relativo)
per f.
Per quanto riguarda lultima parte della tesi, se il punto x
0
non fosse un punto di
massimo (rispettivamente, di minimo) relativo proprio per f, esisterebbe x
1
]x
0
, x
0
+
[{x
0
} tale che f(x
1
) = f(x
0
); applicando il Teorema 7.2.1 di Rolle alla restrizione di
f allintervallo chiuso di estremi x
0
ed x
1
, si troverebbe x I(x
0
, x
1
) tale che f

(x) = 0
contraddicendo le ipotesi assunte nellultima parte.
Proposizione 7.4.5 (Secondo criterio per massimi e minimi relativi)
Siano X un sottoinsieme di R, x
0
X un punto interno ad X ed f : I R
una funzione reale derivabile due volte in x
0
.
Se f

(x
0
) = 0 e f

(x
0
) < 0 (rispettivamente, f

(x
0
) > 0), allora x
0
`e un
punto di massimo (rispettivamente, di minimo) relativo proprio per f.
Dimostrazione. Poiche f `e derivabile due volte in x
0
, deve innanzitutto esistere un
intorno J di x
0
tale che f sia derivabile in J (si `e supposto lecitamente J X in quanto
x
0
`e interno ad X); inoltre, la condizione f

(x
0
) < 0 (rispettivamente, f

(x
0
) > 0)
comporta, dalla Proposizione 7.4.1, che f

sia strettamente decrescente (rispettivamente,


strettamente crescente) in x
0
e quindi deve esistere > 0 tale che ]x
0
, x
0
+ [ J e,
per ogni xx
0
},
x < x
0
= f

(x
0
) < f

(x) (rispettivamente, f

(x) < f

(x
0
) ),
x > x
0
= f

(x) < f

(x
0
) (rispettivamente, f

(x
0
) < f

(x) ).
Tenendo presente che f

(x
0
) = 0, le condizioni precedenti consentono di applicare la
Proposizione 7.4.4 e concludere che x
0
`e un punto di massimo (rispettivamente, di minimo)
relativo proprio per f.
Corollario 7.4.6 Siano X un sottoinsieme di R, x
0
X un punto interno
ad X ed f : X R una funzione reale derivabile due volte in x
0
. Se x
0
`e
un punto di massimo (rispettivamente, di minimo) relativo per f, allora deve
essere f

(x
0
) 0 (rispettivamente, f

(x
0
) 0).
Dimostrazione. Infatti, se fosse f

(x
0
) > 0 (rispettivamente, f

(x
0
) < 0), dalla Propo-
sizione 7.4.5 precedente e dal Corollario 7.4.2, x
0
sarebbe un punto di minimo (rispettiva-
mente, di massimo) relativo proprio per f.
218 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
Se un punto interno x
0
X `e di massimo (rispettivamente, di minimo)
relativo per f e se f : X R `e derivabile due volte in x
0
, dai Corollari 7.4.2
e 7.4.6 seguono entrambe le condizioni
f

(x
0
) = 0 , f

(x
0
) 0 (rispettivamente, f

(x
0
) 0 ).
Esse non sono tuttavia sucienti ad assicurare che un punto x
0
sia di massimo
(rispettivamente, di minimo) relativo per f. Ad esempio, la funzione f(x) =
x
3
, x R, nel punto 0 verica la condizione precedente ma `e strettamente
crescente in 0.
Si osserva inoltre che i criteri esposti non valgono in generale se il punto x
0
non `e interno ad X; ad esempio, la funzione f : [0, 1] R denita ponendo,
per ogni x [0, 1], f(x) := x
2
ha derivata seconda strettamente positiva nel
punto di minimo 0, ma anche nel punto di massimo 1.
Inne, nei casi in cui sia la derivata prima che seconda di una funzione
si annullino, pu`o essere utile il seguente ulteriore criterio che si deduce dalla
formula di Taylor.
Proposizione 7.4.7 (Terzo criterio per massimi e minimi relativi)
Siano I un intervallo di R, x
0
I ed f : I R una funzione reale derivabile
n volte in x
0
, con n 2 e si supponga che
k = 1, . . . , n 1 : f
(k)
(x
0
) = 0 , f
(n)
(x
0
) = 0 .
Allora
1. Se n `e dispari e f
(n)
(x
0
) > 0, allora f `e strettamente crescente in x
0
,
mentre se f
(n)
(x
0
) < 0, allora f `e strettamente decrescente in x
0
.
2. Se n `e pari e f
(n)
(x
0
) > 0, allora x
0
`e un punto di minimo relativo
proprio per f, mentre se f
(n)
(x
0
) < 0, allora x
0
`e un punto di massimo
relativo proprio per f.
Dimostrazione. Poiche f `e derivabile n volte in x
0
, si pu`o supporre che la derivata
di ordine n 1 di f sia denita in un intervallo I J, con J intorno opportuno di x
0
.
Applicando la formula di Taylor (Teorema 7.3.5) alla restrizione di f a I J si trova
una funzione
n
: I J R tale che lim
xx
0

n
(x) = 0 e, per ogni x I J, f(x) =
T
n
(x) +
n
(x)(xx
0
)
n
/n!, dove T
n
denota il polinomio di Taylor di ordine n di f relativo
ad x
0
; dalle ipotesi e dalla denizione di T
n
segue, per ogni x I J,
f(x) f(x
0
) =
(x x
0
)
n
n!
(f
(n)
(x) +
n
(x)) . (1)
Poiche lim
xx
0

n
(x) = 0 e |f
(n)
(x)| > 0, si pu`o trovare > 0 tale che I]x
0
, x
0
+[
I J e inoltre, per ogni x I]x
0
, x
0
+[,
|
n
(x)| <
|f
(n)
(x)|
2
. (2)
7.4 Applicazioni allo studio del graco delle funzioni reali 219
Se f
(n)
(x) > 0, dalla (2) si ottiene, per ogni x I]x
0
, x
0
+[,

f
(n)
(x)
2
<
n
(x) <
f
(n)
(x)
2
e conseguentemente
0 <
f
(n)
(x)
2
< f
(n)
(x) +
n
(x) <
3 f
(n)
(x)
2
mentre, se f
(n)
(x) < 0, sempre dalla (2) si ottiene, per ogni x I]x
0
, x
0
+[,
f
(n)
(x)
2
<
n
(x) <
f
(n)
(x)
2
e quindi
3 f
(n)
(x)
2
< f
(n)
(x) +
n
(x) <
f
(n)
(x)
2
< 0 .
Da ci`o, e tenendo presente che il termine (x x
0
)
n
`e sempre positivo per n pari, mentre `e
positivo in [x
0
, +[ e negativo in ] , x
0
] per n dispari, dalla (1) si ottiene interamente
la tesi.
Osservazione 7.4.8 Massimi e minimi relativi di una funzione. I criteri
forniti sopra consentono di individuare i punti di massimo e di minimo rela-
tivo di una funzione nel caso in cui essi siano interni allinsieme di denizione
e la funzione sia derivabile una o pi` u volte in tali punti. Per determinare tut-
ti i punti di massimo e di minimo relativo di una funzione occorre pertanto
tenere conto anche dei punti estremi in cui la funzione `e denita e dei punti
in cui la funzione non `e derivabile.
Pertanto, se f : X R `e una funzione reale denita in un sottoinsieme
X di R, si pu`o procedere nel modo seguente:
1. Si determina linsieme X

= {x
0
X |f `e derivabile in x
0
} dei punti in
cui la funzione `e derivabile. Per il Corollario 7.4.2, i punti di massimo
e di minimo relativo appartenenti ad X

e di accumulazione a sinistra
e a destra per X devono soddisfare lequazione
f

(x) = 0 , x X

.
Pertanto, conviene determinare linsieme X
0
delle soluzioni di tale equa-
zione. In generale accade che X
0
`e un sottoinsieme nito (in qualche
caso numerabile) di R.
2. Non `e detto che un elemento x
0
X
0
sia un punto di massimo o di
minimo relativo per f in quanto la condizione f

(x
0
) = 0 `e solamente
necessaria. Quindi occorre vericare se ognuno degli elementi di X
0
`e
220 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
eettivamente un punto di massimo o di minimo relativo per f utiliz-
zando i criteri esposti nelle Proposizioni 7.4.4, 7.4.5 ed eventualmente
7.4.7. Se lapplicazione di tali criteri non consente di concludere se un
punto `e eettivamente di massimo o di minimo relativo occorre proce-
dere ad una verica diretta mediante la denizione di punto di massimo
e di minimo relativo.
3. Bisogna considerare i punti esclusi nei casi precedenti, che sono gli ele-
menti di X che non appartengono ad X

(cio`e in cui f non `e derivabile)


e gli elementi di X che non sono di accumulazione a sinistra e a destra
per X (in generale gli estremi appartenenti ad X degli intervalli di cui
X `e costituito). Tali punti si presentano solitamente in numero nito
(in qualche caso numerabile) e per ognuno di essi bisogna vericare
in maniera diretta se si tratta di un punto di massimo o di minimo
relativo per f. Per quanto riguarda i punti in cui la funzione non `e
derivabile conviene osservare che se in uno di tali punti la funzione `e
continua ed il punto `e angoloso o cuspidale, il primo criterio potrebbe
comunque assicurare se si tratta o meno di un punto di massimo o mi-
nimo relativo; ad esempio, in un punto angoloso i segni delle derivate
destre e sinistre descrivono precisamente il punto (se la derivata sini-
stra e quella destra sono entrambe positive in un punto x
0
la funzione
`e strettamente crescente in x
0
, se sono entrambe negative la funzione `e
strettamente decrescente in x
0
, se la derivata sinistra `e positiva e quella
destra `e negativa il punto x
0
`e di massimo relativo per f ed inne se
la derivata sinistra `e negativa e quella destra `e positiva il punto x
0
`e di
minimo relativo per f).
Osservazione 7.4.9 Massimi e minimi assoluti di una funzione. La discus-
sione precedente consente in generale di individuare tutti i punti di massimo
e di minimo relativo per una funzione. Ci si pu`o porre a questo punto il
problema della determinazione degli eventuali punti di massimo o di minimo
assoluto per f. A tale proposito, bisogna innanzitutto osservare che in gene-
rale non `e detto che tali punti esistano a meno che la funzione non sia continua
in un sottoinsieme chiuso e limitato di R (in tal caso lesistenza del massimo
e del minimo assoluto di f viene assicurata dal teorema di Weierstrass e per
determinare il massimo o il minimo assoluto di f `e suciente confrontare i
valori della funzione nei punti di massimo o di minimo relativo). In generale,
per determinare tali eventuali punti si confrontano dapprima i valori della
funzione in tutti i punti di massimo e di minimo relativo (eventuali); si stu-
dia poi il comportamento della funzione in tutti i punti di accumulazione in
cui non `e denita oppure in cui `e denita ma non `e continua (in eetti, con
7.4 Applicazioni allo studio del graco delle funzioni reali 221
lestremo superiore o con lestremo inferiore se f `e limitata superiormente o
inferiormente; in caso contrario, evidentemente f non pu`o essere dotata di
massimo o di minimo). Dal confronto, poi, si potr`a dedurre se il massimo ed
il minimo assoluto della funzione esistono e, in caso aermativo, potranno
anche essere determinati.
Ad esempio, si studiano la monotonia e gli eventuali punti di massimo e
di minimo relativo ed assoluto della funzione
f(x) := x
2
+|x 3| .
La funzione `e denita in tutto R ed `e derivabile nellinsieme R{3}; per
ogni x R {3}, si ha
f

(x) = 2x +
|x 3|
x 3
=
_
2x + 1 , x > 3 ,
2x 1 , x < 3 .
dunque la derivata `e strettamente positiva in ]1/2, +[{3} e strettamente
negativa in ] , 1/2[; poiche f `e continua nel punto 3, da ci`o segue di-
rettamente che f `e strettamente crescente negli intervalli [1/2, 3] e [3, +[
(quindi in [1/2, +[) ed `e strettamente decrescente in ] , 1/2]. Nel punto
3 la funzione non `e derivabile in quanto f

+
(3) = lim
x3
+ f

(x) = 7 mentre
f

(3) = lim
x3
f

(x) = 5. Inoltre, il punto 1/2 `e di minimo per la funzione


e si ha f(1/2) = 11/4. Per quanto riguarda gli eventuali punti di massimo
e di minimo assoluto si osserva che agli estremi dellinsieme di denizione
si ha lim
x+
f(x) = + e lim
x
f(x) = ; quindi f non `e limitata
superiormente e conseguentemente non `e dotata di massimo mentre il punto
1/2 `e il punto di minimo assoluto della funzione (il minimo assoluto `e uguale
a 11/4).
7.4.2 Convessit`a, concavit`a e essi
Le propriet`a introdotte nel presente paragrafo costituiscono un ulteriore
strumento per lo studio delle funzioni reali.
Le propriet`a sulle quali ci si soermer`a saranno quelle di convessit`a e
concavit`a di una funzione. Parallelamente a quanto visto per la crescenza
e la decrescenza, anche queste ultime possono essere introdotte globalmen-
te ed in un punto; la nozione legata al calcolo dierenziale `e quella locale
ma in intervalli le due nozioni coincidono; per tale motivo ci si soermer`a
n dallinizio sulla nozione locale. Tuttavia, al solo ne della completezza,
conviene precisare che una funzione f : I R denita in un intervallo I si
dice convessa (rispettivamente, concava) se considerati due qualsiasi punti
222 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
x
1
, x
2
I con x
1
< x
2
, il suo graco nellintervallo ]x
1
, x
2
[ si trova al di sotto
(rispettivamente, al di sopra) di quello della retta secante il graco di f nei
punti (x
1
, f(x
1
)) e (x
2
, f(x
2
)). La retta passante per i punti (x
1
, f(x
1
)) e
(x
2
, f(x
2
)) ha equazione
y f(x
1
)
x x
1
=
f(x
2
) f(x
1
)
x
2
x
1
cio`e
y = f(x
1
) +
f(x
2
) f(x
1
)
x
2
x
1
(x x
1
)
e tenendo presente che gli elementi dellintervallo x ]x
1
, x
2
[ possono essere
scritti nella forma x = x
2
+ (1 )x
1
lequazione della retta considerata
diventa
y = f(x
2
) + (f(x
2
) f(x
1
))
cio`e y = f(x
2
) + (1 )f(x
1
); conseguentemente, la funzione f risulta
convessa (rispettivamente, concava) se e solo se, per ogni x
1
, x
2
I e per
ogni ]0, 1[, risulta
f(x
2
+ (1 )x
1
) f(x
2
) + (1 )f(x
1
)
(rispettivamente,
f(x
2
+ (1 )x
1
) f(x
2
) + (1 )f(x
1
) ).
Inoltre la funzione f si dice strettamente convessa (rispettivamente, stret-
tamente concava) se le condizioni precedenti valgono con una diseguaglianza
stretta, cio`e se
f(x
2
+ (1 )x
1
) < f(x
2
) + (1 )f(x
1
)
(rispettivamente,
f(x
2
+ (1 )x
1
) < f(x
2
) + (1 )f(x
1
)).
La denizione precedente vale per qualsiasi funzione denita in un inter-
vallo senza richiedere propriet`a di derivabilit`a. Tuttavia, per riconoscere la
validit`a di tali propriet`a pu`o essere utilizzato il calcolo dierenziale introdu-
cendo anche una nozione locale di convessit`a e di concavit`a. In questo modo
si possono ottenere propriet`a e legami con il calcolo dierenziale in maniera
abbastanza simile a quanto svolto per i concetti di crescenza, decrescenza e
massimi e minimi relativi.
Si considera pertanto la seguente denizione locale.
7.4 Applicazioni allo studio del graco delle funzioni reali 223
Denizione 7.4.10 Sia X un sottoinsieme di R e siano x
0
X un punto
di accumulazione per X ed f : X R una funzione reale derivabile in x
0
.
Si dice che f `e convessa (rispettivamente, concava) in x
0
se esiste > 0 tale
che, per ogni x X]x
0
, x
0
+ [,
f(x
0
)+f

(x
0
)(xx
0
) f(x) (rispettivamente, f(x) f(x
0
)+f

(x
0
)(xx
0
)).
Inoltre, si dice che f `e strettamente convessa (rispettivamente, strettamente
concava) in x
0
se esiste > 0 tale che, per ogni x X]x
0
, x
0
+[{x
0
},
f(x
0
)+f

(x
0
)(xx
0
) < f(x) (rispettivamente, f(x) < f(x
0
)+f

(x
0
)(xx
0
)).
Inne, si dice che x
0
`e un punto di esso ascendente (rispettivamente, di-
scendente) per f se esiste > 0 tale che
x X]x
0
, x
0
[: f(x) f(x
0
) + f

(x
0
)(x x
0
) ,
x X]x
0
, x
0
+ [: f(x
0
) + f

(x
0
)(x x
0
) f(x) ,
(rispettivamente,
x X]x
0
, x
0
[: f(x
0
) + f

(x
0
)(x x
0
) f(x) ,
x X]x
0
, x
0
+ [: f(x) f(x
0
) + f

(x
0
)(x x
0
) ),
Se la condizione precedente `e vericata con una diseguaglianza stretta si
dice anche che x
0
`e un punto di esso proprio per f.
Se una funzione `e convessa (rispettivamente, concava) in un punto x
0
,
si dice anche che f volge la concavit`a verso lalto (rispettivamente, verso il
basso) in x
0
.
Una funzione convessa (rispettivamente, concava, strettamente convessa,
strettamente concava) in tutti i punti di un sottoinsieme A di X viene de-
nominata convessa (rispettivamente, concava, strettamente convessa, stret-
tamente concava) in A; se linsieme A non viene precisato `e da intendersi
A = X.
Pertanto geometricamente una funzione `e convessa (rispettivamente, con-
cava) in un punto x
0
se in un intorno di x
0
il suo graco si trova al di sopra
(rispettivamente, al di sotto) della retta tangente al graco in x
0
; se x
0
`e
un punto di esso, la retta tangente al graco in x
0
viene anche denominata
tangente essionale in x
0
oppure tangente di esso in x
0
e in un intorno di un
punto di esso, il graco della funzione si trova da un lato al di sotto e dallal-
tro al di sopra (oppure viceversa) della tangente essionale. Per convenzione,
si pu`o continuare a denominare punto di esso ascendente (rispettivamente,
224 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
discendente) anche un elemento x
0
X in cui f `e dotata di derivata uguale a
(rispettivamente, +). In tal caso, la tangente essionale `e una retta
verticale di equazione x = x
0
.
Nella Figura successiva 7.5 viene rappresentata una funzione f convessa
in un punto x
0
, concava in un punto x
1
, ed un punto x
2
di esso per f.
x
y
0 x
0
x
1
x
2
Figura 7.5: Funzione convessa o concava in un punto e punti di esso.
Si osservi che pu`o accadere che una funzione sia derivabile in un punto x
0
e che non verichi alcuna delle condizioni previste nella Denizione 7.4.10;
ad esempio, la funzione
f(x) :=
_
x
3
sin
1
x
, x = 0 ,
0 , x = 0 ,
`e derivabile in 0 e risulta f

(0) = 0; conseguentemente, la retta tangente al


graco di f in 0 ha equazione y = 0, mentre la funzione non `e ne positiva ne
negativa in alcun intorno di 0.
I criteri maggiormente utilizzati per lo studio della convessit`a e della con-
cavit`a di una funzione sono collegati allo studio del segno della sua derivata
seconda.
Tali criteri sono essenzialmente basati sullosservazione seguente.
Osservazione 7.4.11 Sia X un sottoinsieme di R e siano x
0
X un punto
di accumulazione per X ed f : X R una funzione reale; si supponga che
la derivata prima di f sia denita in X I con I intorno di x
0
e si consideri
la funzione : X I R denita ponendo, per ogni x X I,
(x) := f(x) f(x
0
) f

(x
0
)(x x
0
)
7.4 Applicazioni allo studio del graco delle funzioni reali 225
( rappresenta la dierenza tra la funzione f e la retta tangente al graco di
f nel punto x
0
).
Allora valgono le seguenti propriet`a:
1. f `e convessa (rispettivamente, strettamente convessa, concava, stret-
tamente concava) in x
0
se e solo se il punto x
0
`e di minimo relativo
(rispettivamente, di minimo relativo proprio, di massimo relativo, di
massimo relativo proprio) per .
2. Il punto x
0
`e un esso ascendente (rispettivamente, un esso ascendente
proprio, un esso discendente, un esso discendente proprio) per f se
e solo se `e decrescente (rispettivamente, strettamente decrescente,
crescente, strettamente crescente) in x
0
.
(Basta tenere presente le denizioni adottate e che (x
0
) = 0, da cui segue che `e positiva
(rispettivamente, negativa) in un intorno di x
0
se e solo se x
0
`e di minimo (rispettivamente,
di massimo) relativo per . )
Dallosservazione precedente, la propriet`a di convessit`a, di concavit`a in
un punto per la funzione f viene ricondotta alla propriet`a di minimo e di
massimo relativo per la funzione e analogamente i punti di esso per f
vengono ricondotti alla propriet`a di crescenza e decrescenza di . Si tenga
inoltre presente che `e derivabile in X I e che, per ogni x X I, risulta

(x) = f

(x) f

(x
0
) e in particolare

(x
0
) = 0. Quanto osservato si pu`o
chiaramente applicare nel caso in cui la funzione f sia dotata di derivata
seconda in x
0
, in quanto ci`o comporta che essa deve essere necessariamente
derivabile in X I, con I intorno opportuno di x
0
. In tal caso, inoltre,
risulta anchessa derivabile due volte in x
0
e si ha

(x
0
) = f

(x
0
). Applican-
do tali propriet`a ed i risultati ottenuti nel paragrafo precedente alla funzione
, si stabiliscono direttamente i seguenti criteri.
Proposizione 7.4.12 Siano X un sottoinsieme di R, x
0
X un punto di
accumulazione per X ed f : X R una funzione reale derivabile due volte
in x
0
. Allora
1. Se f

(x
0
) > 0 (rispettivamente, f

(x
0
) < 0), allora f `e strettamente
convessa (rispettivamente, strettamente concava) in x
0
.
2. Se f `e convessa (rispettivamente, concava) in x
0
, allora f

(x
0
) 0
(rispettivamente, f

(x
0
) 0).
226 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
Dimostrazione. 1) Si ha

(x
0
) > 0 e quindi

`e strettamente crescente in x
0
; poiche

(x
0
) = 0,

deve essere strettamente negativa in un intorno sinistro di x


0
e strettamente
positiva in un intorno destro di x
0
. Dalla Proposizione 7.4.4, il punto x
0
`e un minimo
relativo proprio per , e quindi f `e strettamente convessa in x
0
. In modo analogo si
stabiliscono i casi rispettivi.
2) Se f `e convessa in x
0
, allora x
0
`e un punto di minimo relativo per ; dal Corollario
7.4.2, segue

(x
0
) 0 e quindi f

(x
0
) 0. Il caso rispettivo si stabilisce in maniera
analoga.
Come conseguenza della Proposizione 7.4.12 si stabilisce una prima con-
dizione necessaria per i punti di esso.
Corollario 7.4.13 (Condizione necessaria per punti di esso) Siano
X un sottoinsieme di R, x
0
X un punto di accumulazione a sinistra e a
destra per X ed f : X R una funzione reale derivabile due volte in x
0
. Se
x
0
`e un punto di esso per f, allora necessariamente f

(x
0
) = 0.
Dimostrazione. Si supponga, ad esempio, che x
0
sia un punto di esso ascenden-
te per f. Se, per assurdo, fosse f

(x
0
) > 0, dalla Proposizione 7.4.12, f risultereb-
be strettamente convessa in x
0
. Allora, si potrebbe trovare > 0 tale che, per ogni
x X]x
0
, x
0
[, f(x) f(x
0
) + f

(x
0
)(x x
0
) (in quanto x
0
`e un esso ascendente)
e f(x) > f(x
0
) + f

(x
0
)(x x
0
) (in quanto f `e strettamente convessa in x
0
). Tenendo
presente che lintersezione X]x
0
, x
0
[ `e non vuota in quanto x
0
`e di accumulazione
a sinistra per X, le condizioni precedenti portano ad un assurdo. In modo analogo, uti-
lizzando il fatto che x
0
`e di accumulazione anche a destra per X, si deduce che non pu`o
essere f

(x
0
) < 0 e quindi deve essere f

(x
0
) = 0.
La condizione f

(x
0
) = 0 pu`o essere soddisfatta anche quando il punto
x
0
non `e di esso per f come accade, ad esempio, per la funzione f(x) := x
4
,
x R, nel punto x
0
= 0.
Si deducono ora le seguenti condizioni per lo studio della convessit`a e
concavit`a in intervalli; la loro dimostrazione viene tralasciata per brevit`a in
quanto segue le stesse linee di quelle gi`a viste.
Proposizione 7.4.14 Siano I un intervallo di R ed f : I R una funzione
reale derivabile due volte in I. Si ha
1. f `e convessa (rispettivamente, concava) se e solo se verica la condi-
zione seguente:
x
0
I : f

(x
0
) 0 (rispettivamente, x
0
I : f

(x
0
) 0 ).
(7.4.3)
7.4 Applicazioni allo studio del graco delle funzioni reali 227
2. f `e strettamente convessa (rispettivamente, strettamente concava) se e
solo se f verica la condizione (7.4.3) ed inoltre f

non `e costantemente
nulla in alcun intervallo contenuto in I, cio`e
a, b I , a < b = x
0
]a, b[ t.c. f

(x
0
) = 0 . (7.4.4)
Si enunciano inne i criteri maggiormente utilizzati per la determinazione
dei punti di esso di una funzione.
Proposizione 7.4.15 (Primo criterio per i punti di esso)
Siano X un sottoinsieme di R, x
0
X un punto interno ad X ed f : X R
una funzione reale. Si supponga che esista > 0 tale che f sia derivabile
due volte in X]x
0
, x
0
+[{x
0
} e inoltre che la derivata prima di f sia
continua in x
0
. Se
x ]x
0
, x
0
[: f

(x) 0 , x ]x
0
, x
0
+ [: f

(x) 0
(oppure rispettivamente,
x ]x
0
, x
0
[: f

(x) 0 , x ]x
0
, x
0
+ [: f

(x) 0) ),
allora x
0
`e un punto di esso ascendente (rispettivamente, discendente) per
f.
Se, in pi` u, la derivata seconda di f non si annulla in X]x
0
, x
0
+
[{x
0
}, allora x
0
`e un punto di esso proprio per f.
Dimostrazione. Dalla Proposizione 7.4.4, applicata alla derivata prima di f, segue che
x
0
`e un punto di minimo (rispettivamente, di massimo) relativo per f

e quindi, per quanto


osservato preliminarmente, anche per

, da cui la prima parte della tesi. Lultima parte


della tesi si ottiene nello stesso modo osservando che in questo caso il punto x
0
risulta
un minimo (rispettivamente, un massimo) relativo proprio per f

per quanto osservato


nellultima parte della Proposizione 7.4.4.
Proposizione 7.4.16 (Secondo criterio per i punti di esso)
Siano X un sottoinsieme di R, x
0
X un punto interno ad X ed f : I R
una funzione reale derivabile tre volte in x
0
. Se f

(x
0
) = 0 e f
(3)
(x
0
) > 0
(rispettivamente, f
(3)
(x
0
) < 0), allora x
0
`e un punto di esso ascendente
(rispettivamente, discendente) proprio per f.
Dimostrazione. Dalla Proposizione 7.4.5 segue che x
0
`e un punto di minimo (rispetti-
vamente, di massimo) relativo proprio per f

e quindi anche per

; allora, la tesi segue


direttamente da quanto osservato preliminarmente.
228 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
Corollario 7.4.17 Siano X un sottoinsieme di R, x
0
X un punto interno
ad X ed f : X R una funzione reale derivabile tre volte in x
0
. Se x
0
`e un
punto di esso ascendente (rispettivamente, discendente) per f, allora deve
essere f
(3)
(x
0
) 0 (rispettivamente, f
(3)
(x
0
) 0).
Dimostrazione. Deve essere innanzitutto f

(x
0
) = 0 per il Corollario 7.4.13. Se, poi,
fosse f
(3)
(x
0
) < 0 (rispettivamente, f
(3)
(x
0
) > 0), dalla Proposizione 7.4.16 x
0
sarebbe un
punto di esso discendente (rispettivamente, ascendente) proprio per f, in contraddizione
con le ipotesi.
Se f : X R `e derivabile tre volte in un punto x
0
interno ad X, dai
Corollari 7.4.13 e 7.4.17 si ottengono le seguenti condizioni necessarie per i
punti di esso ascendenti (rispettivamente, discendenti)
f

(x
0
) = 0 , f
(3)
(x
0
) 0 (rispettivamente, f
(3)
(x
0
) 0 ).
Inne, se le derivate seconda e terza di una funzione sono entrambe nulle,
si pu`o cercare di utilizzare il seguente ulteriore criterio dedotto dalla formula
di Taylor.
Proposizione 7.4.18 (Terzo criterio per i punti di esso)
Siano I un intervallo di R, x
0
I ed f : I R una funzione reale derivabile
n volte in x
0
, con n 3 e si supponga che
k = 2, . . . , n 1 : f
(k)
(x
0
) = 0 , f
(n)
(x
0
) = 0 .
Allora
1. Se n `e dispari e f
(n)
(x
0
) > 0, allora x
0
`e un punto di esso ascendente
proprio per f, mentre se f
(n)
(x
0
) < 0, allora x
0
`e un punto di esso
discendente proprio per f.
2. Se n `e pari e f
(n)
(x
0
) > 0, allora f `e strettamente convessa in x
0
,
mentre se f
(n)
(x
0
) < 0, allora f `e strettamente concava in x
0
.
Dimostrazione. Basta applicare la Proposizione 7.4.7 alla derivata prima di f, con n1
al posto di n, tenendo conto delle osservazioni preliminari e del fatto che i punti di minimo
e di massimo per f

sono gli stessi della funzione

.
In analogia con lOsservazione 7.4.8 a proposito dei punti di massimo e di
minimo relativo di una funzione, anche ora bisogna ricordare di considerare
separatamente gli eventuali punti di esso in cui la funzione non `e derivabile
due volte; quindi, in generale i punti di esso vanno ricercati tra le soluzioni
7.4 Applicazioni allo studio del graco delle funzioni reali 229
dellequazione f

(x) = 0 ed i punti in cui la funzione non `e derivabile due vol-


te (tali punti costituiscono di solito un sottoinsieme nito oppure numerabile
dellinsieme di denizione della funzione).
Ad esempio, si studiano la concavit`a, la convessit`a e gli eventuali punti
di esso della funzione
f(x) := x
2
_
1
20
x
3

5
12
x
2
+
4
3
x 2
_
, x R .
La funzione `e un polinomio e quindi `e innite volte derivabile; la derivata
seconda `e data da f

(x) = x
3
5x
2
+8x4 = (x1)(x2)
2
ed `e strettamen-
te positiva nellintervallo ]1, +[{2} e strettamente negativa in ] , 1[;
pertanto, f `e strettamente convessa in [1, +[ e strettamente concava in
] , 1] e, per il primo criterio per i punti di esso (Proposizione 7.4.15), il
punto 1 `e un punto di esso, mentre il punto 2 non lo `e; allo stesso risultato
si perviene applicando il secondo criterio per i punti di esso nel punto 1 ed
il terzo criterio nel punto 2.
7.4.3 Asintoti
Le nozioni seguenti possono risultare utili per una descrizione pi` u dettagliata
del comportamento di una funzione reale sia in punti di accumulazione reali
nei quali la funzione non `e denita oppure non `e continua (mediante gli asin-
toti verticali), sia nei punti + e nel caso in cui la funzione sia denita
in un insieme non limitato superiormente oppure inferiormente (mediante gli
asintoti orizzontali oppure obliqui).
Denizione 7.4.19 Siano X un sottoinsieme di R, x
0
R un punto di
accumulazione a destra (rispettivamente, a sinistra) per X ed f : X R
una funzione reale.
Si dice che la retta di equazione x = x
0
`e un asintoto verticale a destra
(rispettivamente, a sinistra) per f se lim
xx
+
0
f(x) = , (rispettivamente,
lim
xx

0
= ).
Pi` u precisamente, lasintoto viene denominato in alto se il limite `e uguale
a + ed in basso se `e uguale a .
Evidentemente, i punti x
0
R in cui vi possono essere asintoti verticali
per una funzione devono essere innanzitutto di accumulazione per il suo in-
sieme di denizione ed in essi o la funzione non deve essere denita oppure
non deve essere continua in quanto solo in tali casi infatti il limite della fun-
zione potrebbe risultare innito. La verica poi del fatto che la retta x = x
0
230 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
rappresenti o meno lequazione di un asintoto verticale per f viene eettuata
mediante il calcolo diretto del limite destro oppure sinistro della funzione.
Pu`o accadere che se il punto x
0
`e di accumulazione sia a destra che a
sinistra per X, la retta di equazione x = x
0
rappresenti un asintoto verticale
per f solamente a sinistra oppure solamente a destra; ad esempio, per la
funzione f(x) := e
1/x
, x = 0, la retta di equazione x = 0 `e un asintoto
verticale in alto solamente a destra. Pu`o anche accadere che la retta di
equazione x = x
0
sia un asintoto da un lato in alto e dallaltro in basso,
come ad esempio, per la funzione f(x) := 1/x, x R {0}, nel punto
x
0
= 0.
Denizione 7.4.20 Siano X un sottoinsieme non limitato superiormente
(rispettivamente, inferiormente) di R ed f : X R una funzione reale. Se
b R, si dice che la retta di equazione y = b `e un asintoto orizzontale a destra
(rispettivamente, a sinistra) per f se lim
x+
f(x) = b (rispettivamente,
lim
x
f(x) = b).
Pi` u in generale, se a, b R, si dice che la retta di equazione y =
ax + b `e un asintoto obliquo a destra (rispettivamente, a sinistra) per f se
lim
x+
f(x) ax b = 0, (rispettivamente, lim
x
f(x) ax b = 0).
La verica dellesistenza di un asintoto orizzontale a destra (rispettiva-
mente, a sinistra) per f, nel caso in cui la funzione sia denita in un insieme
non limitato superiormente (rispettivamente, inferiormente), `e immediata
in quanto basta vericare che il limite della funzione nel punto + (ri-
spettivamente, ) esista e sia nito; il valore b di tale limite fornisce poi
direttamente lequazione dellasintoto orizzontale.
Nella Figura 7.6 seguente `e mostrata una funzione con un asintoto oriz-
zontale a destra e a sinistra ed un asintoto verticale nel punto x
0
.
Per discutere lesistenza dellasintoto obliquo e determinarne eventual-
mente lequazione, non si pu`o invece ricorrere direttamente alla denizione
in quanto i numeri a, b R previsti nellequazione dellasintoto obliquo non
sono in generale assegnati.
Tuttavia si riconosce facilmente che f `e dotata di asintoto obliquo a destra
(rispettivamente, a sinistra) se e solo se esistono, e sono niti, i seguenti limiti
lim
x+
f(x)
x
= a R , lim
x+
f(x) ax = b R ,
(rispettivamente,
lim
x
f(x)
x
= a R , lim
x
f(x) ax = b R ).
7.4 Applicazioni allo studio del graco delle funzioni reali 231
x
y
0 x
0
Figura 7.6: Asintoto orizzontale e verticale.
In tal caso, lasintoto obliquo a destra (rispettivamente, a sinistra) per f ha
equazione y = ax + b.
(Infatti se F `e dotata di asintoto obliquo a destra di equazione y = ax + b, con a, b R,
allora
lim
x+
f(x)
x
= lim
x+
f(x) ax b
x
+ lim
x+
ax +b
x
= a ,
ed inoltre
lim
x+
f(x) ax = lim
x+
(f(x) ax b) +b = b .
Viceversa si ottiene direttamente
lim
x+
f(x) ax b = b b = 0
e quindi la propriet`a `e completamente dimostrata insieme allespressione dellequazione
dellasintoto obliquo. Nel caso degli asintoti obliqui a sinistra si procede in maniera del
tutto analoga. )
Limportanza della proposizione precedente risiede nel fatto che essa for-
nisce un metodo per individuare il possibile coeciente angolare ed il termi-
ne noto dellequazione dellasintoto obliquo. Bisogna tuttavia sempre ve-
ricare che entrambi i limiti previsti esistano e siano niti; ad esempio,
la funzione logaritmo non `e dotata di asintoto obliquo a destra in quanto
lim
x+
log x/x = 0, ma lim
x+
(log x 0 x) = +.
232 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
Ad esempio, si determinano gli eventuali asintoti della funzione
f(x) := x +
1
x 1
+ arctan x + arctan
1
x
, x R {0, 1} .
La funzione `e denita e continua in R {0, 1} e quindi pu`o presentare un
asintoto verticale solamente nei punti 0 e 1. Risulta lim
x0
f(x) = 1/2
e lim
x0
+ f(x) = 1 + /2 e quindi la retta di equazione x = 0 non `e
asintoto ne a sinistra ne a destra per f. Inoltre lim
x1
f(x) = e
lim
x1
+ f(x) = + e quindi la retta di equazione x = 1 `e asintoto a sinistra
in basso e a destra in alto per f.
Inne, si ha lim
x
f(x) = e quindi non esistono asintoti orizzon-
tali, mentre
lim
x
f(x)
x
= 1 , lim
x
f(x) x =

2
,
e quindi la retta di equazione y = x +/2 `e un asintoto obliquo a destra per
f mentre la retta di equazione y = x /2 `e un asintoto obliquo a sinistra
per f.
7.4.4 Studio del graco di una funzione reale
Una funzione reale viene spesso assegnata precisando il valore assunto in
un generico elemento dellinsieme di denizione. Lo scopo della discus-
sione seguente `e quello di determinare le informazioni che possono esse-
re utili ad una descrizione pi` u dettagliata della funzione ed a tracciarne
approssimativamente il graco.
Il primo passo `e sicuramente quello di determinare linsieme X di de-
nizione della funzione ricordando che per convenzione esso `e costituito da
tutti i numeri reali in cui ha senso lespressione assegnata (in altre parole,
si sceglie il sottoinsieme pi` u grande di R in cui la funzione pu`o essere de-
nita). Conviene poi subito vedere se linsieme di denizione X `e simmetrico
oppure periodico, e in caso aermativo vericare se la funzione `e pari, di-
spari oppure periodica; tali informazioni possono semplicare lo studio di
tutti i punti successivi e per questo motivo `e opportuno stabilire subito tali
propriet`a. Se una funzione `e pari oppure dispari, essa pu`o essere studiata
solamente in X[0, +[ (oppure in X] , 0]) e se `e periodica di periodo
T > 0, pu`o essere studiata in X [a, a +T], dove a `e un numero reale scelto
arbitrariamente.
Si passa poi allo studio del segno della funzione risolvendo la disequazione
f(x) 0 ed allo studio delle intersezioni con lasse x, fornite dalle soluzioni
7.4 Applicazioni allo studio del graco delle funzioni reali 233
dellequazione f(x) = 0; leventuale intersezione con lasse y esiste se 0 X
ed `e in questo caso il punto di coordinate (0, f(0)).
Segue lo studio della continuit`a della funzione; i punti in cui la funzione
non `e continua vengono utilizzati per vericare in essi leventuale esistenza di
asintoti verticali. Si considerano quindi anche gli eventuali asintoti orizzontali
oppure obliqui se la funzione `e denita in un insieme non limitato.
Inne, lo studio della derivabilit`a prima e seconda e del segno delle deriva-
te prima e seconda consentono di determinare crescenza e decrescenza della
funzione e massimi e minimi relativi ed assoluti, e la convessit`a, concavit`a e
punti di esso.
Tutte le informazioni ottenute vengono poi riassunte con un graco ap-
prossimativo della funzione.
Pertanto, lo schema seguente `e quello che viene solitamente seguito per
lo studio di una funzione di cui `e assegnato il generico valore y = f(x):
1) Determinazione dellinsieme di denizione.
2) Eventuale parit`a, disparit`a e periodicit`a.
3) Studio del segno della funzione ed eventuali intersezioni con
gli assi.
4) Continuit`a.
5) Asintoti verticali, orizzontali ed obliqui.
6) Derivabilit`a della funzione e calcolo delle derivate prima e
seconda.
7) Studio della crescenza e della decrescenza.
8) Punti di massimo e di minimo relativo ed eventualmente
assoluti.
9) Studio della convessit`a, concavit`a e essi (eventuali tangenti
essionali).
10) Graco riassuntivo della funzione.
Ad esempio, si studia la seguente funzione tracciandone approssimativa-
mente il graco
f(x) :=

x
2
5x + 6
x
2
1
.
234 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
Per determinare linsieme di denizione, bisogna imporre le condizioni
_
x
2
5x + 6 0 ,
x
2
1 = 0 ;
si deduce che f `e denita nellinsieme
X
f
:=] , 1[] 1, 1[]1, 2] [3, +[ ;
poiche X
f
non `e simmetrico ne periodico, la funzione non pu`o vericare
condizioni di simmetria o di periodicit`a.
Inoltre, il segno della funzione dipende solamente dal denominatore x
2
1
e quindi la funzione `e positiva negli intervalli ] , 1[, ]1, 2] e [3, +[ e
negativa nellintervallo ]1, 1[; vi sono due intersezioni con lasse delle ascisse
nei punti A(2, 0), B(3, 0) mentre lunica intersezione con lasse delle ordinate
`e data dal punto C(0,

6).
La funzione `e continua in tutto X
f
; pertanto si possono presentare even-
tuali asintoti verticali solamente nei punti 1 e 1 (che sono di accumulazione
ma in cui f non `e denita), nei quali si ha
lim
x1

f(x) = + , lim
x1
+
f(x) = ,
lim
x1

f(x) = , lim
x1
+
f(x) = + ;
quindi la retta di equazione x = 1 `e un asintoto verticale in alto a sinistra
e in basso a destra per f, mentre la retta di equazione x = 1 `e un asintoto
verticale in basso a sinistra e in alto a destra.
Si ha inoltre lim
x
f(x) = 0 e quindi la retta di equazione y = 0 `e un
asintoto orizzontale sia a sinistra che a destra per f.
Largomento della radice nella denizione di f si annulla solamente nei
punti 2 e 3 e quindi la funzione `e innite volte derivabile in X
f
{2, 3} e si
ha, per ogni x X
f
{2, 3},
f

(x) =
2x
3
15x
2
+ 26x 5
2(x
2
1)
2

x
2
5x + 6
,
f

(x) =
8x
6
120x
5
+ 615x
4
1400x
3
+ 1458x
2
720x + 287
4(x
2
1)
3

x
2
5x + 6(x
2
5x + 6)
.
Nei punti 2 e 3 la derivata prima tende a e rispettivamente a +; quindi
f `e dotata di derivata nei punti 2 e 3 e si ha f

(2) = e f

(3) = +.
Utilizzando la regola di Runi si riconosce subito che il punto x
0
:= 5 `e
una radice del polinomio 2x
3
15x
2
+26x5; a questo punto possono essere
7.4 Applicazioni allo studio del graco delle funzioni reali 235
determinate facilmente anche le altre radici, che sono x
1
:= (5

17)/4 (ap-
prossimativamente, x
1
0, 22) e x
2
:= (5 +

17)/4 (approssimativamente,
x
2
2, 28; dunque, x
2
/ X
f
); si pu`o allora dedurre che la derivata prima `e
strettamente positiva in ] , 1[] 1, x
1
[]3, 5[ e strettamente negativa
in ]x
1
, 1[]1, 2[]5, +[. La funzione `e pertanto strettamente crescente in
ognuno degli intervalli ] , 1[, ] 1, x
1
] e [3, 5] e strettamente decrescente
in [x
1
, 1[, ]1, 2] e [5, +[; i punti x
0
e x
1
di massimo relativo proprio per f
ed i punti corrispondenti del graco hanno coordinate
D
_
5

17
4
,

25

17 + 103
_
17 + 5
_
10

17 + 38
_
, E
_
5,

6
24
_
(approssimativamente, f(x
1
) 2, 33, f(x
0
) 0, 1). I punti 2 e 3 sono
inoltre di minimo relativo proprio per f, mentre non esistono punti di mas-
simo o di minimo assoluto in quanto f non `e limitata ne superiormente ne
inferiormente (infatti, `e dotata di asintoti verticali sia in alto che in basso).
Lo studio del segno della derivata seconda si presenta abbastanza com-
plicato e quindi si passa direttamente a tracciare il graco della funzione
delineato approssimativamente nella Figura 7.7 successiva.
x
y
0 -1 1 A B
C
E
D
Figura 7.7: Graco della funzione.
Come ulteriore esempio, si studia la seguente funzione e se ne traccia
236 Capitolo 7: Calcolo dierenziale
approssimativamente il graco
f(x) :=

log
x 2
x + 3
1

.
La funzione `e denita per (x 2)/(x + 3) > 0 e quindi nellinsieme
X
f
:=] , 3[]2, +[ .
Inoltre essa non `e ne pari, ne dispari, ne periodica; `e sempre positiva e si
annulla per log(x2)/(x+3) = 1, cio`e per (x2)/(x+3) = e; tale equazione
ammette ununica soluzione x
0
= (3e + 2)/(e 1). Quindi vi `e ununica
intersezione con lasse delle ascisse nel punto di coordinate A((3e + 2)(e
1), 0). Non vi sono intersezioni con lasse delle ordinate in quanto 0 / X
f
.
Inoltre f `e continua in tutto X
f
e, per quanto riguarda gli estremi, si ha
lim
x3
f(x) = +, lim
x2
f(x) = +,
lim
x
f(x) = 1 , lim
x+
f(x) = 1 ;
quindi le rette di equazione x = 3 e x = 2 sono asintoti verticali in alto per
f, mentre la retta di equazione y = 1 `e un asintoto orizzontale sia a sinistra
che a destra per f.
La funzione `e innite volte derivabile in X
f
{x
0
} e, per ogni x X
f

{x
0
}, si ha
f

(x) =
log
x2
x+3
1

log
x2
x+3
1

D
_
log
x 2
x + 3
1
_
=
log
x2
x+3
1

log
x2
x+3
1

5
(x 2)(x + 3)
;
il prodotto (x 2)(x + 3) `e sempre positivo in X
f
{x
0
} e quindi il segno
della derivata prima di f dipende solamente dal fattore log(x2)/(x+3)1,
che `e positivo per (x 2)/(x + 3) > e; si conclude che f

`e strettamente
positiva in ]x
0
, 3[ e strettamente negativa in ] , x
0
[]2, +[; quindi f `e
strettamente crescente in [x
0
, 3[ e strettamente decrescente in ognuno degli
intervalli ] , x
0
] e ]2, +[; il punto x
0
`e di minimo relativo (anzi assoluto)
per il primo criterio sui massimi e minimi relativi (Proposizione 7.4.4) e si
ha f(x
0
) = 0. Nel punto x
0
la funzione non `e derivabile in quanto
f

(x
0
) = lim
xx

0
f

(x) = lim
xx

5
(x 2)(x + 3)
=
(e 1)
2
5e
,
f

+
(x
0
) = lim
xx
+
0
f

(x) = lim
xx
+
0
5
(x 2)(x + 3)
=
(e 1)
2
5e
.
7.4 Applicazioni allo studio del graco delle funzioni reali 237
Inne, per ogni x X
f
{x
0
}, si ha
f

(x) =
5(2x + 1)
(x 2)
2
(x + 3)
2
log
x2
x+3
1

log
x2
x+3
1

.
Dallo studio del segno della derivata seconda, si deduce che f `e strettamente
convessa in ognuno degli intervalli ]2, +[ e [x
0
, 3[ mentre `e strettamente
concava nellintervallo ] , x
0
]. Il graco della funzione viene tracciato
approssimativamente nella Figura 7.8 seguente.
x
y
0 A
Figura 7.8: Graco della funzione.
Capitolo 8
Calcolo integrale
Nel presente capitolo viene introdotta la teoria generale dellintegrazione
su intervalli limitati e successivamente viene anche considerato lintegrale
improprio di funzioni non limitate oppure su intervalli non limitati.
8.1 Lintegrale secondo Riemann
La teoria dellintegrazione secondo Riemann risponde in maniera soddisfa-
cente a criteri di semplicit`a e naturalezza.
Tale integrale sar`a suciente nelle applicazioni che si ci propone di con-
siderare anche a riguardo delle connessioni con la teoria della misura, con-
cernenti prevalentemente misure di aree, volumi e lunghezza di curve.
8.1.1 Suddivisioni di un intervallo
Sono necessarie alcune considerazioni introduttive riguardanti gli intervalli
chiusi e limitati. Nel seguito del paragrafo si intender`a ssato un intervallo
chiuso e limitato [a, b] con a, b R, a < b.
Se n 1, si dice che una famiglia nita P = (x
i
)
i=0,...,n
di numeri reali `e
una suddivisione di [a, b] se
x
0
= a , x
n
= b , i = 0, . . . , n 1 : x
i
< x
i+1
. (8.1.1)
Linsieme di tutte le suddivisioni dellintervallo [a, b] viene denotato per
comodit`a con il simbolo ([a, b]).
Se P = (x
i
)
i=0,...,n
`e una suddivisione di [a, b], si denomina ampiezza di
P, e la si denota con |P|, il seguente numero reale
|P| := max
i=1,...,n1
(x
i+1
x
i
) .
240 Capitolo 8: Calcolo integrale
Una prima propriet`a utile per il seguito riguarda la possibilit`a di ottenere
suddivisioni di ampiezza arbitrariamente piccola. Infatti, per ogni > 0,
esiste una suddivisione P di [a, b] tale che |P| .
(Infatti, considerato un numero naturale n 1 tale che n (b a)/ e posto, per ogni
i = 0, . . . , n,
x
i
:= a +
i
n
(b a) ;
allora la famiglia nita P = (x
i
)
i=0,...,n
`e una suddivisione di [a, b] e si ha, per ogni
i = 0, . . . , n 1, x
i+1
x
i
= (b a)/n , da cui anche |P| . )
Le suddivisioni considerate nella dimostrazione precedente hanno la par-
ticolare propriet`a che la distanza tra due elementi successivi x
i
e x
i+1
, i =
0, . . . , n 1, `e costante e coincide con lampiezza della suddivisione; tali
suddivisioni vengono denominate equispaziate.
La possibilit`a di confrontare due suddivisioni `e basata sulla seguente de-
nizione. Se P
1
= (x
i
)
i=0,...,n
e P
2
= (x
i
)
i=0,...,n
sono due suddivisioni di [a, b],
si dice che P
1
`e meno ne di P
2
(oppure, equivalentemente, che P
2
`e pi` u ne
di P
1
) se linsieme degli elementi di P
1
`e contenuto nellinsieme degli elementi
di P
2
, cio`e se
i = 0, . . . , n : j = 0, . . . , m t.c. x
i
= y
j
.
Si verica facilmente che se P
1
`e meno ne di P
2
, allora |P
2
| |P
1
|.
Una propriet`a importante riguardante la relazione introdotta riguarda il
fato che, se P
1
= (x
i
)
i=0,...,n
e P
2
= (x
i
)
i=0,...,n
sono due arbitrarie suddivisioni
di [a, b], allora esiste sempre unulteriore suddivisione P di [a, b] pi` u ne sia
di P
1
che di P
2
.
(Infatti, basta riordinare tutti gli elementi delle due suddivisioni per ottenere quelli della
suddivisione P. Precisamente, siano X
1
linsieme degli elementi della suddivisione P
1
,
X
2
linsieme degli elementi della suddivisione P
2
e si ponga X := X
1
X
2
. Linsieme
X `e nito; posto p = card(X), si pu`o denire la famiglia nita P = (z
i
)
i=0,...,p
ponendo
z
0
:= min X e per ogni i = 1, . . . , p, z
i
= min(X {z
0
, . . . , z
i1
}); `e facile vericare a
questo punto che P `e una suddivisione di [a, b] e che verica le condizioni richieste. )
8.1.2 Integrabilit`a delle funzioni limitate
Si ssa ora una funzione limitata f : [a, b] R su un intervallo chiuso e
limitato [a, b] (a, b R, a < b).
Se P = (x
i
)
i=0,...,n
`e una suddivisione dellintervallo [a, b], per ogni i =
0, . . . , n, si possono considerare
M
i
:= sup
x[x
i
,x
i+1
]
f(x) , m
i
:= inf
x[x
i
,x
i+1
]
f(x) .
8.1 Lintegrale secondo Riemann 241
Si denomina somma superiore (rispettivamente, somma inferiore) di f
relativa alla suddivisione P, e la si denota con il simbolo S(f, P) (rispettiva-
mente, s(f, P)), il seguente numero reale
S(f, P) :=
n1

i=0
M
i
(x
i+1
x
i
) (rispettivamente, s(f, P) :=
n1

i=0
m
i
(x
i+1
x
i
) ).
(8.1.2)
Si pu`o fornire facilmente una interpretazione geometrica delle somme su-
periori ed inferiori tenendo presente che laddendo i-esimo delle somme in
(8.1.2) rappresenta larea di un rettangolo avente come base x
i+1
x
i
ed
altezza M
i
(rispettivamente, m
i
). Pertanto, la somma superiore ed infe-
riore relativa ad una suddivisione rappresenta larea di un sottoinsieme di
R
2
costituito da un numero nito di rettangoli, illustrati nella Figura 8.1
successiva.
x
y
0
x
y
0
Figura 8.1: Somma superiore ed inferiore relativa ad una suddivisione.
Si indicano ora alcune propriet`a importanti delle somme superiori ed
inferiori.
Proposizione 8.1.1 Valgono le seguenti propriet`a:
1. Se P `e una suddivisione dellintervallo [a, b], allora s(f, P) S(f, P).
2. Se P
1
e P
2
sono suddivisioni dellintervallo [a, b] e se P
1
`e meno ne
di P
2
, allora
S(f, P
2
) S(f, P
1
) , s(f, P
1
) s(f, P
2
) .
3. Se P
1
e P
2
sono due arbitrarie suddivisioni dellintervallo [a, b], allora
s(f, P
1
) S(f, P
2
) .
242 Capitolo 8: Calcolo integrale
Dimostrazione. 1) Segue direttamente dalle denizioni adottate.
2) Sia P
1
= (x
i
)
i=0,...,n
una suddivisione meno ne di unulteriore suddivisione P
2
=
(y
i
)
i=0,...,m
. Per ogni i = 0, . . . , n si denoti con j(i) il numero naturale tale che y
j(i)
= x
i
.
Allora
M
i
(x
i+1
x
i
) = M
i
(y
j(i+1)
y
j(i)
)
j(i+1)1

j=j(i)
M
j
(y
j+1
y
j
) ,
e analogamente
m
i
(x
i+1
x
i
) = m
i
(y
j(i+1)
y
j(i)
)
j(i+1)1

j=j(i)
m
j
(y
j+1
y
j
) .
Sommando i termini precedenti per i = 0, . . . , n 1 si ottiene la tesi.
3) Si consideri una suddivisione P di [a, b] pi` u ne sia di P
1
che di P
2
. Dalla 2) e dalla 1)
gi`a dimostrate segue allora s(f, P
1
) s(f, P) S(f, P) S(f, P
2
).
Dalla Proposizione 8.1.1, 3) precedente segue, per ogni P ([a, b]),
s(f, P
1
) S(f, P) e quindi il sottoinsieme
S(f) := {S(f, P) | P ([a, b])}
di R costituito da tutte le somme superiori di f `e limitato inferiormente;
lestremo inferiore di tale sottoinsieme viene denominato integrale superiore
di f in [a, b] e denotato con uno dei simboli

b
a
f ,

b
a
f(x) dx .
Pertanto, lintegrale superiore di f `e lestremo inferiore delle somme superiori
di f e soddisfa la seguente condizione, per ogni P
1
([a, b])
s(f, P
1
)

b
a
f ,
cio`e lintegrale superiore `e un maggiorante di tutte le somme inferiori di f.
Pertanto, anche il sottoinsieme
s(f) := {s(f, P) | P ([a, b])}
di R costituito da tutte le somme inferiori di f `e limitato superiormente ed
il suo estremo superiore viene denominato integrale inferiore di f in [a, b] e
denotato con uno dei simboli

b
a
f ,

b
a
f(x) dx .
8.1 Lintegrale secondo Riemann 243
Pertanto, lintegrale inferiore di f `e lestremo superiore delle somme inferiori
di f e ricordando che lintegrale superiore `e un maggiorante delle somme
inferiori, si ottiene la relazione

b
a
f

b
a
f .
Lintegrale superiore ed inferiore pu`o essere denito per una qualsiasi
funzione limitata in [a, b]. In generale, non ci si pu`o aspettare che nella
formula precedente valga unuguaglianza.
Ad esempio, si consideri la funzione di Dirichlet d : [0, 1] R denita
ponendo, per ogni x [0, 1],
d(x) :=
_
1 , x [0, 1] Q ,
0 , x [0, 1] (R Q) .
Tale funzione `e stata gi`a considerata nella (6.1.1) e si `e osservato che essa
non `e continua in alcun punto dellintervallo [0, 1]. Se P = (x
i
)
i=0,...,n
`e una
suddivisione di [a, b], in ogni intervallo [x
i
, x
i+1
], i = 0, . . . , n1, vi sono sia
punti razionali che irrazionali e quindi risulta M
i
= 1 e m
i
= 0; pertanto
S(d, P) =
n1

i=0
(x
i+1
x
i
) = 1 , s(d, P) = 0 ;
dallarbitrariet`a della suddivisione segue S(d) = {1}, s(d) = {0} e quindi
anche

b
a
d = 0 ,

b
a
d = 1 .
Le considerazioni precedenti giusticano la seguente denizione di funzio-
ne integrabile.
Denizione 8.1.2 Se f : [a, b] R `e una funzione limitata, si dice che f
`e integrabile secondo Riemann in [a, b] se lintegrale superiore di f coincide
con lintegrale inferiore di f

b
a
f =

b
a
f .
In tal caso il valore comune dellintegrale superiore ed inferiore di f viene
denominato integrale di f esteso allintervallo [a, b] e si denota con uno dei
seguenti simboli

[a,b]
f ,

[a,b]
f(x) dx (=

b
a
f =

b
a
f ).
244 Capitolo 8: Calcolo integrale
(Talvolta viene anche utilizzata la notazione

b
a
f.)
Linsieme delle funzioni f : [a, b] R integrabili secondo Riemann in
[a, b] viene denotato con il simbolo R([a, b]).
Dalla denizione adottata segue subito che se f : [a, b] R`e una funzione
costante di costante valore c R, essa `e integrabile secondo Riemann in [a, b]
e si ha

[a,b]
c dx = c(b a) .
Infatti in questo caso si ha s(f, P) = S(f, P) = c(ba) per ogni P ([a, b]).
Tuttavia, in generale la denizione precedente non risulta sucientemente
maneggevole nelle applicazioni al ne di stabilire se una funzione `e o meno
integrabile secondo Riemann. Per questo motivo, `e particolarmente utile
avere a disposizione dei criteri di integrabilit`a di pi` u semplice applicazione.
Proposizione 8.1.3 (Primo criterio di integrabilit`a mediante suddi-
visioni)
Sia f : [a, b] R una funzione limitata. Allora, le seguenti proposizioni sono
equivalenti:
a) f `e integrabile secondo Riemann in [a, b].
b) > 0 P
1
, P
2
([a, b]) t.c. S(f, P
2
) s(f, P
1
) < .
c) > 0 P ([a, b]) t.c. S(f, P) s(f, P) < .
Dimostrazione. a) b) Si supponga che f sia integrabile secondo Riemann in [a, b] e
sia > 0; dalla denizione di integrale inferiore e dalla seconda propriet`a dellestremo
superiore, si pu`o trovare una suddivisione P
1
di[a, b] tale che

[a,b]
f

2
< s(f, P
1
) ;
analogamente, dalla denizione di integrale superiore e dalla seconda propriet`a dellestremo
inferiore, si pu`o trovare una suddivisione P
2
di [a, b] tale che
S(f, P
2
) <

[a,b]
f

2
.
Allora, S(f, P
2
) s(f, P
1
) < /2 +/2 = e ci`o dimostra la b).
b) c) Si ssi > 0; dalla b), si possono trovare P
1
, P
2
([a, b]) tali che S(f, P
2
)
s(f, P
1
) < . Allora, considerata una suddivisione P di [a, b] pi` u ne sia di P
1
che di P
2
,
si ha S(f, P) s(f, P) S(f, P
2
) s(f, P
1
) < .
c) a) Bisogna dimostrare che

b
a
f =

b
a
f o equivalentemente che, ssato > 0, risulta

b
a
f

b
a
< ; infatti dalla c), si pu`o considerare una suddivisione P di [a, b] tale che S(f, P)
8.1 Lintegrale secondo Riemann 245
s(f, P) < ; allora, dalla prima propriet`a dellestremo inferiore e superiore, risulta

b
a
f
S(f, P) e analogamente, dalla prima propriet`a dellestremo superiore, segue s(f, P)

b
a
f.
Pertanto

b
a
f

b
a
f S(f, P) s(f, P) < .
Il primo criterio di integrabilit`a stabilito nella proposizione precedente `e
suciente per stabilire lintegrabilit`a di diverse classi di funzioni. Si riconosce
subito, ad esempio, lintegrabilit`a delle funzioni monotone e delle funzioni
continue.
Teorema 8.1.4 (Integrabilit`a delle funzioni monotone)
Se f : [a, b] R `e una funzione monotona, allora f `e integrabile secondo
Riemann in [a, b].
Dimostrazione. Si osserva innanzitutto che f `e limitata; infatti, se f `e crescente risulta,
per ogni x [a, b], f(a) f(x) f(b) mentre, se f `e decrescente si ha, per ogni x [a, b],
f(b) f(x) f(a).
Si supponga che f sia crescente e si ssi > 0. Posto = /(f(b) f(a) + 1), si
pu`o considerare una suddivisione P = (x
i
)
i=0,...,n
di [a, b] tale che |P| . Per ogni
i = 0, . . . , n 1, dalla crescenza di f segue M
i
:= sup
x[x
i
,x
i+1
]
f(x) = f(x
i+1
) e m
i
:=
inf
x[x
i
,x
i+1
]
f(x) = f(x
i
) da cui
S(f, P) s(f, P) =
n1

i=0
(f(x
i+1
) f(x
i
))(x
i+1
x
i
)

n1

i=0
(f(x
i+1
) f(x
i
))
= (f(x
0
) +f(x
n
)) =

f(b) f(a) + 1
(f(b) f(a)) < .
Dalla Proposizione 8.1.3, segue che f `e integrabile.
Teorema 8.1.5 (Integrabilit`a delle funzioni continue)
Se f : [a, b] R `e una funzione continua, allora f `e integrabile secondo
Riemann in [a, b].
Dimostrazione. Anche ora conviene osservare subito che f `e sicuramente limitata come
conseguenza del teorema di Weierstrass (Teorema 6.2.1.
Dal teorema sulluniforme continuit`a di Cantor (Teorema 6.4.2), f `e uniformemente
continua e quindi, ssato > 0, si pu`o trovare > 0 tale che, per ogni x, y [a, b] vericanti
la condizione |xy| , si abbia |f(x)f(y)| /(ba). Si ssi ora una suddivisione P =
(x
i
)
i=0,...,n
di [a, b] tale che |P| . Per ogni i = 0, . . . , n 1, dal teorema di Weierstrass
applicato alla restrizione di f allintervallo [x
i
, x
i+1
], si possono trovare c
i
, d
i
[x
i
, x
i+1
]
246 Capitolo 8: Calcolo integrale
tali che f(c
i
) = max
x[x
i
,x
i+1
]
f(x) =: M
i
e f(d
i
) = min
x[x
i
,x
i+1
]
f(x) =: m
i
. Poiche
|c
i
d
i
| x
i+1
x
i
|P| , deve essere anche f(d
i
) f(c
i
) /(b a); pertanto,
S(f, P) s(f, P) =
n1

i=0
(f(d
i
) f(c
i
))(x
i+1
x
i
)

b a
n1

i=0
(x
i+1
x
i
)
=

b a
(x
0
+x
n
) =

b a
(b a) < .
Dunque `e vericata la condizione c) della Proposizione 8.1.3 e pertanto f `e integrabile
secondo Riemann in [a, b].
8.1.3 Interpretazione geometrica e propriet`a dellinte-
grale esteso
La denizione fornita di integrale denito di una funzione limitata si presta
in modo naturale ad essere interpretata come area di una opportuna gura
piana.
Se X R ed f : X R `e una funzione positiva, si denomina trapezoide
relativo ad f di base X e lo si denota con T(f) il seguente sottoinsieme di
R
2
T(f) := {(x, y) R
2
| x X , 0 y f(x)} .
Sia ora f : [a, b] R una funzione integrabile secondo Riemann in [a, b].
Si supponga dapprima che f sia positiva. Fissata una suddivisione P
di [a,b], si `e visto che la somma superiore di f relativa a P rappresenta
larea di un sottoinsieme di R
2
, pi` u precisamente di un plurintervallo chiuso
1
contenente T(f), mentre la somma inferiore di f relativa a P rappresenta
larea di un plurintervallo chiuso contenuto in T(f).
Poiche f `e integrabile, lestremo inferiore dei plurintervalli contenenti
T(f) `e uguale allestremo superiore dei plurintervalli contenuti in T(f) e
quindi il valore comune di tali estremi, cio`e lintegrale esteso di f, deve
necessariamente coincidere con larea del trapezoide T(f) relativo ad f.
Se f : [a, b] R `e invece negativa, si pu`o applicare quanto sopra alla
funzione f e riconoscere che lintegrale esteso di f ad [a, b] coincide con
lopposto dellarea dellinsieme T(f) := {(x, y) R
2
| x [a, b] , f(x) y
0}.
Inne, se f : [a, b] R non `e ne positiva ne negativa, si pu`o comunque
fornire uninterpretazione geometrica dellintegrale denito di f considerando
separatamente gli intervalli in cui la funzione `e positiva e quelli in cui `e
1
Si denomina intervallo chiuso in R
n
ogni insieme del tipo I := [a
1
, b
1
] [a
n
, b
n
],
cio`e prodotto cartesiano di n intervalli chiusi reali. Un plurintervallo chiuso `e lunione di
un numero nito di intervalli chiusi.
8.1 Lintegrale secondo Riemann 247
negativa; si stabilisce in questo modo che lintegrale esteso di f ad [a, b]
coincide con larea dellinsieme T
+
(f) := {(x, y) R
2
| x [a, b] , 0
y f(x)} alla quale bisogna sottrarre larea dellinsieme T

(f) := {(x, y)
R
2
| x [a, b] , f(x) y 0}.
Si considerano ora alcune propriet`a generali degli integrali estesi.
Proposizione 8.1.6 Valgono le seguenti propriet`a dellintegrale esteso:
1. (Propriet`a dei linearit`a dellintegrale esteso) Siano f : [a, b] R e
g : [a, b] R funzioni integrabili secondo Riemann in [a, b] e siano
, R. Allora la funzione f +g `e integrabile secondo Riemann in
[a, b] e si ha

[a,b]
(f(x) + g(x)) dx =

[a,b]
f(x) dx +

[a,b]
g(x) dx .
2. (Propriet`a di monotonia dellintegrale esteso) Siano f : [a, b] R e
g : [a, b] R funzioni integrabili secondo Riemann in [a, b] e tali che,
per ogni x [a, b], f(x) g(x). Allora

[a,b]
f(x) dx

[a,b]
g(x) dx .
3. (Propriet`a di integrabilit`a del valore assoluto) Sia f : [a, b] R una
funzione integrabile secondo Riemann in [a, b]. Allora, la funzione |f|
`e anchessa integrabile secondo Riemann in [a, b] e si ha

[a,b]
f(x) dx

[a,b]
|f(x)| dx .
4. (Propriet`a di additivit`a dellintegrale esteso) Sia f : [a, b] R una
funzione integrabile secondo Riemann in [a, b] e sia c ]a, b[. Allora,
le funzioni f
|[a,c]
e f
|[c,b]
sono integrabili secondo Riemann in [a, c] e
rispettivamente [c, b] e si ha

[a,b]
f(x) dx =

[a,c]
f(x) dx +

[c,b]
f(x) dx .
5. (Propriet`a di monotonia dellintegrale esteso delle funzioni positive ri-
spetto ad intervalli) Sia f : [a, b] R una funzione positiva e integra-
bile secondo Riemann in [a, b] e siano c, d [a, b] tali che c < d. Allora
f
|[c,d]
`e integrabile secondo Riemann in [c, d] e si ha

[c,d]
f(x) dx

[a,b]
f(x) dx .
248 Capitolo 8: Calcolo integrale
6. (Propriet`a di invarianza dellintegrale esteso rispetto ad insiemi niti)
Sia f : [a, b] R una funzione integrabile secondo Riemann in [a, b]
e sia g : [a, b] R una funzione limitata. Se esiste un sottoinsieme
nito H di [a, b] tale che f
|[a,b]H
= g
|[a,b]H
, allora anche g `e integrabile
secondo Riemann in [a, b] e si ha

[a,b]
f(x) dx =

[a,b]
g(x) dx .
Dimostrazione. Le propriet`a enunciate sono tutte basate sulle denizioni e sul criterio di
integrabilit`a mediante suddivisioni. Per brevit`a, si omettono i dettagli della dimostrazione.

Si considerano a questo punto alcune propriet`a valide per le funzioni


continue.
Un criterio di integrabilit`a (Teorema di Vitali) pu`o essere enunciato con-
siderando il sottoinsieme H di [a, b] costituito dagli elementi di [a, b] in cui
una funzione f : [a, b] R non `e continua. Tale risultato stabilisce che f
`e integrabile secondo Riemann in [a, b] se e solo se linsieme H verica la
seguente condizione:
Per ogni > 0 esiste una successione ([a
n
, b
n
])
nN
di intervalli contenuti
in [a, b] tali che
H

nN
[a
n
, b
n
] ,
+

n=0
(b
n
a
n
) < . .
Tale condizione esprime il fatto che linsieme H ha misura nulla secondo una
teoria della misura denominata di Lebesgue. Per brevit`a, si rinuncia alla
dimostrazione di tale risultato.
Si riconosce facilmente, invece, che lunica funzione continua e positiva
avente integrale uguale a 0 `e la funzione nulla. Precisamente, se f : [a, b] R
`e una funzione continua e positiva e se esiste x
0
[a, b] tale che f(x
0
) > 0,
allora

[a,b]
f > 0.
(Infatti f `e continua in x
0
e quindi, dalla propriet`a di permanenza del segno, esistono
r > 0 e > 0 tali che, per ogni x [a, b] [x
0
, x
0
+ ], f(x) r. Allora, posto
c := max{x
0
, a} e d := min{x
0
+, b}, si ha

[a,b]
f(x) dx

[c,d]
f(x) dx

[a,b]
r dx r(d c) > 0 . )
Si enuncia inne un ulteriore risultato importante per le funzioni continue.
8.1 Lintegrale secondo Riemann 249
Teorema 8.1.7 (Teorema della media integrale)
Sia f : [a, b] R una funzione continua. Allora esiste x
0
]a, b[ tale che

[a,b]
f(x) dx = f(x
0
)(b a) .
Dimostrazione. Poiche f `e continua, dal Teorema 6.2.1 di Weierstrass, essa `e dotata di
massimo e di minimo e quindi esistono c, d [a, b] tali che, per ogni x [a, b], f(c)
f(x) f(d). Dalla propriet`a di monotonia dellintegrale denito segue allora
f(c)(b a) =

[a,b]
f(c) dx

[a,b]
f(x) dx

[a,b]
f(d) dx = f(d)(b a)
e pertanto
f(c)
1
b a

[a,b]
f(x) dx f(d) .
Allora il numero reale

[a,b]
f(x) dx/(b a) `e compreso tra il minimo ed il massimo di f
e quindi dal teorema di Bolzano (Corollario 6.2.3), segue lesistenza di x
0
[a, b] per cui
f(x
0
) =

[a,b]
f(x) dx/(b a).
Inne, il punto x
0
pu`o essere considerato in ]a, b[. Infatti, se il teorema fosse valido
solamente per x
0
= a o per x
0
= b, la funzione essendo continua dovrebbe assumere valori
sempre strettamente maggiori oppure sempre strettamente minori di f(x
0
) in ]a, b[. Nel
primo caso, f(x
0
) sarebbe il minimo di f; si consideri x
1
]a, b[ tale che f(x
1
) > f(x
0
)
e si ssi r R tale che f(x
0
) < r < f(x
1
); dalla continuit`a di f ed essendo [r, +[ un
intorno di f(x
1
), si pu`o trovare un intervallo ]x
1
, x
1
+ []a, b[ tale che f(x) r per
ogni x ]x
1
, x
1
+[; allora

[a,b]
f =

[a,x
1
]
f +

[x
1
,x
1
+]
f +

[x
1
+,b]
f
f(x
0
)(x
1
a) +r(x
1
+ (x
1
)) +f(x
0
)(b x
1
)
f(x
0
)(x
1
a) + 2r +f(x
0
)(b x
1
)
= f(x
0
)(b a) + 2(r f(x
0
)) > f(x
0
)(b a) ,
e quindi non potrebbe valere luguaglianza prevista nella tesi. Allo stesso risultato si
perviene in maniera analoga se f assume sempre valori strettamente minori di f(x
0
) in
]a, b[. Pertanto la tesi `e completamente dimostrata.
Geometricamente, il Teorema 8.1.7 esprime il fatto che larea del trape-
zoide relativo ad una funzione continua e positiva `e equivalente allarea di un
rettangolo avente come base lintervallo [a, b] ed altezza lintervallo [0, f(x
0
)]
per un opportuno elemento x
0
di ]a, b[ (vedasi la Figura 8.2 successiva).
8.1.4 Primitive ed integrale indenito
Uno degli strumenti pi` u ecaci per il calcolo dellintegrale denito di una
funzione viene fornito dalle primitive di una funzione, di cui ci si occupa nel
presente paragrafo.
250 Capitolo 8: Calcolo integrale
x
y
0 x
0
Figura 8.2: Teorema della media integrale.
Denizione 8.1.8 Siano X un sottoinsieme di R ed f : X R una fun-
zione reale. Si dice che una funzione F : X R `e una primitiva (oppure
antiderivata) di f se F `e derivabile e, per ogni x X,
F

(x) = f(x) .
Inoltre, linsieme di tutte le primitive di f viene denominato integrale inde-
nito di f e denotato con uno dei seguenti simboli

f ,

f(x) dx .
Valgono le seguenti propriet`a delle primitive:
1. Siano X `e un sottoinsieme di R, f : X R una funzione reale ed
F : X R una primitiva di f. Allora, per ogni c R, anche la
funzione F + c `e una primitiva di f.
Dimostrazione. Infatti F + c `e derivabile e, per ogni x X, (F + c)

(x) =
F

(x) + 0 = f(x).
2. Viceversa, se la funzione f `e denita in un intervallo, due qualsiasi
primitive di f dieriscono sempre per una costante. Precisamente,
siano I un intervallo di R, f : I R una funzione reale ed F : I R
e F : I R due primitive di f. Allora esiste c R tale che G = F +c.
8.1 Lintegrale secondo Riemann 251
Dimostrazione. La funzione G F `e derivabile in quanto dierenza di funzioni
derivabili e, per ogni x I, si ha (GF)

(x) = G

(x) F

(x) = f(x) f(x) = 0.


Poiche I `e un intervallo, GF `e costante e quindi esiste c R tale che GF = c,
da cui la tesi.
Il risultato precedente non vale se f non `e denita in un intervallo. Ad
esempio, `e facile constatare che la funzione log |x| `e una primitiva della fun-
zione f(x) := 1/x, x R {0}, ma tutte le primitive di f non si ottengono
aggiungendo una costante arbitraria a tale funzione, bens` sono del tipo
F(x) :=
_
log |x| + c
1
, x < 0 ,
log |x| + c
2
, x > 0 ,
con c
1
, c
2
R. In generale, per ottenere tutte le primitive e quindi linte-
grale indenito, bisogna aggiungere una costante arbitraria per ognuno degli
intervalli (massimali) in cui la funzione `e denita.
Ritornando al caso delle funzioni f : I R denite in un intervallo I, da
quanto osservato segue che, se `e nota una primitiva F di f, tutte le primitive
di f si ottengono considerando le funzioni F + c, con c R e pertanto

f = {F + c | c R} ;
pi` u frequentemente si usa scrivere per convenzione

f = F(x) + c , c R ;
in quanto in generale i procedimenti applicati per il calcolo degli integrali
indeniti conducono direttamente allespressione F(x) della primitiva in un
generico elemento x in cui questa `e denita.
In particolare, se f : I R `e derivabile e se f

`e continua, risulta

(x) dx = f(x) + c , c R .
Si approfondisce ora lo studio delle propriet`a degli integrali indeniti
di una funzione continua. Si pu`o dimostrare che tali funzioni sono sempre
dotate di primitive e inoltre vale un importante legame tra lintegrale esteso
ad un intervallo [a, b] e la dierenza dei valori che una primitiva assume negli
estremi b ed a.
Per enunciare tali propriet`a `e necessario assumere alcune convenzioni
riguardanti le funzioni continue su un intervallo arbitrario di R.
252 Capitolo 8: Calcolo integrale
Sia pertanto I un intervallo di R e si consideri una funzione continua
f : I R. Se a, b I e a < b, la restrizione f
[a,b]
di f allintervallo [a, b] `e
sicuramente integrabile in [a, b] (Teorema 8.1.5) e quindi ha senso considerare

[a,b]
f.
Si denisce ora lintegrale denito di f nel modo seguente, per ogni a, b
I,

b
a
f(x) dx :=
_

[a,b]
f , a < b ;
0 , a = b ;

[b,a]
f , a > b .
(8.1.3)
Naturalmente, le propriet`a viste in generale per gli integrali estesi ad un
intervallo [a, b] si estendono facilmente agli integrali deniti utilizzando la
denizione precedente e pertanto, per brevit`a, vengono omesse.
Anche il teorema della media integrale pu`o essere rienunciato come segue
considerando gli integrali deniti.
Teorema 8.1.9 (Teorema della media integrale per gli integrali de-
niti)
Sia f : I R una funzione continua in un intervallo I. Allora, per ogni
a, b I, esiste x
0
I(a, b) tale che

b
a
f(x) dx = f(x
0
)(b a) .
Si studia ora lesistenza delle primitive per le funzioni continue. Se f :
I R `e una funzione continua e se a I, dalla (8.1.3) si pu`o considerare la
funzione F
a
: I R denita ponendo, per ogni x I,
F
a
(x) =

x
a
f(t) dt . (8.1.4)
La funzione F
a
viene denominata funzione integrale di f di punto iniziale a;
nel risultato successivo si riconosce che F
a
`e una primitiva della funzione f.
Teorema 8.1.10 (Teorema fondamentale del calcolo integrale (teo-
rema di Torricelli))
Siano I un intervallo di R ed f : I R una funzione continua. Allora, per
ogni a I, la funzione F
a
: I R denita dalla (8.1.4) `e una primitiva di
f.
8.1 Lintegrale secondo Riemann 253
Dimostrazione. Bisogna dimostrare che, per ogni x
0
I, F
a
`e derivabile in x
0
e F

(x
0
) =
f(x
0
), cio`e che
lim
xx
0
F
a
(x) F
a
(x
0
)
x x
0
= f(x
0
) .
Si ssi pertanto x
0
I e sia > 0. Poiche f `e continua in x
0
, si pu`o considerare > 0
tale che, per ogni x I]x
0
, x
0
+[, si abbia f(x
0
) < f(x) < f(x
0
) +.
Si ssi ora x I]x
0
, x
0
+ [{x
0
}; dal Teorema 8.1.7 della media, esiste un
elemento I(x
0
, x) tale che

x
x
0
f(t) dt = f()(x
0
x) .
Poiche
F
a
(x) F
a
(x
0
) =

x
a
f(t) dt

x
0
a
f(t) dt =

x
x
0
f(t) dt = f()(x
0
x)
si ottiene
F
a
(x) F
a
(x
0
)
x x
0
= f() .
Inoltre I]x
0
, x
0
+[, e quindi f(x
0
) < f() < f(x
0
) +. Si `e cos` dimostrato
che, per ogni x I]x
0
, x
0
+[,
f(x
0
) <
F
a
(x) F
a
(x
0
)
x x
0
< f(x
0
) + ,
e ci`o, essendo > 0 arbitrario, dimostra la tesi.
Dunque linsieme delle primitive di una funzione continua `e sempre non
vuoto.
Il risultato successivo mette in relazione le primitive di una funzione
continua con il calcolo degli integrali deniti.
Teorema 8.1.11 (Formula fondamentale del calcolo integrale)
Siano I un intervallo di R, f : I R una funzione continua e G : I R
una primitiva di f. Allora, per ogni a, b I,

b
a
f(x) dx = G(b) G(a) . (8.1.5)
Dimostrazione. Siano a, b I e si consideri la funzione integrale F
a
: I R di f
di punto iniziale a. Dal Teorema 8.1.10, anche F
a
`e una primitiva di f e quindi, dalle
propriet`a generali delle primitive, deve esistere c R tale che G = F
a
+c. Dunque G(b) =
F
a
(b) +c =

b
a
+c e G(a) = F
a
(a) +c = c e pertanto si conclude che G(b) G(a) =

b
a
f.

Per comodit`a, il secondo membro della (8.1.5) viene spesso denotato con
uno dei seguenti simboli
[G(x)]
b
a
, G(x)

b
a
;
254 Capitolo 8: Calcolo integrale
ci`o `e dovuto essenzialmente al fatto che nel calcolo esplicito delle primitive di
una funzione si perviene solitamente al valore che essa assume in un generico
elemento x in cui `e denita.
8.1.5 Integrali indeniti immediati
Il legame espresso dalla formula fondamentale del calcolo integrale sposta il
problema del calcolo dellintegrale denito di una funzione continua a quello
della ricerca di una primitiva di tale funzione. Per questo motivo nel seguito
ci si occuper`a in modo pi` u dettagliato dei metodi per il calcolo degli integrali
indeniti; si cominciano ad esaminare dapprima alcuni integrali indeniti
immediati che seguono direttamente dalle derivate delle funzioni elementari
e successivamente di alcune regole di integrazione.
Dalle derivate delle funzioni elementari, `e immediato vericare gli integrali
indeniti considerati di seguito.
1. Per ogni a R, a = 1, risulta

x
a
dx =
x
a+1
a + 1
+ c , c R
in ogni intervallo I in cui la funzione x
a
`e denita e precisamente, I = R
se a N, I =]0, +[ oppure I =] , 0[ se a ZN, I = [0, +[ se
a ]0, +[N e inne I =]0, +[ se a ] , 0[Z.
2. Si ha

1
x
dx = log |x| + c , c R ,
in ognuno degli intervalli [0, +[ oppure ] , 0].
3. Per ogni a ]0, +[{1}, risulta

a
x
dx =
a
x
log a
+ c , c R , x R .
4. Si ha

sin xdx = cos x + c ,

cos xdx = sin x + c , c R , x R .


5. Si ha

1
cos
2
x
dx = tan x + c , c R ,
8.1 Lintegrale secondo Riemann 255
in ognuno degli intervalli ] /2 + k, /2 + k[, k Z e

1
sin
2
x
dx = cot x + c , c R ,
in ognuno degli intervalli ]k, + k[, k Z.
6. Si ha

1 x
2
dx = arcsin x+c = arccos x+c , c R , x ] 1, 1[ .
7. Si ha

1
1 + x
2
dx = arctan x + c = arccot x + c , c R , x R .
Se f : I R `e una funzione derivabile in un intervallo I, le formule
precedenti possono essere generalizzate componendo la funzione f con una
delle funzioni elementari sopra considerate.
Per brevit`a non vengono ripetuti tutti i casi precedenti ma si riportano
solamente alcuni esempi, anche in previsione del fatto che lapplicazione della
successiva regola di sostituzione consentir`a di ottenere risultati pi` u generali.
1. Si ha

f

(x)
f(x)
dx = log |f(x)| + c , c R ,
purche f(x) > 0 per ogni x I oppure f(x) < 0 per ogni x I.
2. Per ogni a ]0, +[{1}, risulta

a
f(x)
f

(x) dx =
a
f(x)
log a
+ c , c R , x I .
3. Si ha

sin f(x) f

(x) dx = cos f(x) + c , c R , x I .


4. Si ha

1
cos
2
f(x)
f

(x) dx = tan f(x) + c , c R ,


purche esista k Z tale che /2 + k < f(x) < /2 + k per ogni
x I.
Le precisazioni eettuate di volta in volta sulla validit`a delle formule pre-
cedenti sono indispensabili per il calcolo degli integrali deniti mediante la
formula fondamentale del calcolo integrale. Il calcolo degli integrali inde-
niti pu`o invece essere esteso a funzioni denite nellunione di pi` u intervalli
considerando una costante arbitraria in ognuno di essi.
256 Capitolo 8: Calcolo integrale
8.1.6 Prime regole di integrazione
Per estendere il calcolo degli integrali indeniti, `e necessario ricorrere ad
opportune regole di integrazione di seguito esposte.
Una prima regola di integrazione pu`o essere ricavata direttamente dalla
propriet`a di linearit`a dellintegrale denito (Proposizione 8.1.6, 1.); tale re-
gola pu`o essere enunciata ovviamente anche per gli integrali indeniti e si
enuncia come segue
Se f, g : I R sono funzioni continue ed , R, allora

(f(x) + g(x)) dx =

f(x) dx +

g(x) dx .
2
Si considerano ora due ulteriori regole di integrazione di frequente appli-
cazione.
Proposizione 8.1.12 (Regola di integrazione per sostituzione)
1. (Formula di cambiamento di variabile per gli integrali deniti). Sia
: [a, b] R una funzione derivabile con derivata continua e sia f :
I R una funzione continua in un intervallo I tale che ([a, b]) I.
Allora

b
a
f((x))

(x) dx =

(b)
(a)
f(t) dt .
2. Siano I e J intervalli di R, : J R una funzione derivabile con
derivata continua ed f : I R una funzione continua tale che (J)
I. Se F : I R `e una primitiva di f, allora

f((x))

(x) dx = F((x)) + c , c R .
Dimostrazione. Si osserva innanzitutto che la funzione (f )

`e continua e quindi `e
integrabile per il Teorema 8.1.5. Si considerino ora le funzioni F : [a, b] R e G : [a, b] R
denite ponendo, per ogni y [a, b],
F(y) :=

y
(a)
f(t) dt , G(y) :=

y
a
f((x))

(x) dx .
2
Ricordando che lintegrale indenito `e un insieme di funzioni, si precisa che il prodotto
A di uno scalare per un sottoinsieme `e da intendersi come A := {a | a A}; inoltre
la somma di due insiemi che `e da intendersi al modo seguente: A + B := {a + b | a
A , b B}. Quindi, nel caso in esame, il secondo membro signica

f(x) dx +

g(x) dx =
_
F +G | F

f(x) dx , G

g(x) dx .
_
8.1 Lintegrale secondo Riemann 257
Dal teorema fondamentale del calcolo integrale (Teorema 8.1.10), la funzione F `e una
primitiva di f e la funzione G `e una primitiva di (f )

. Poiche, per ogni t [a, b],


risulta anche (F )

(t) = F

((t))

(t) = f((t))

(t), le funzioni G ed F devono


dierire per una costante; essendo, poi, G(a) = 0 e F((a)) = 0, tale costante deve essere
nulla e si ottiene G = F ; in particolare G(b) = F((b)) da cui la tesi.
2) Basta osservare che F `e una primitiva di (f )

.
Nelle applicazioni concrete `e come se si eettuasse materialmente la so-
stituzione t = (x) e si sostituisse il dierenziale

(x) dx con dt (spesso si


scrive d(x) anziche

(x)dx). Luguaglianza

(x) dx = dt si ottiene formal-


mente derivando entrambi i membri delluguaglianza t = (x) rispetto alla
variabile t a primo membro ed alla variabile x a secondo membro. Tali os-
servazioni giusticano la denominazione attribuita alla Proposizione 8.1.12.
Nelle applicazioni riguardanti il calcolo degli integrali deniti, si pu`o scegliere
se determinare dapprima una primitiva della funzione da integrare e quindi
applicare la formula fondamentale del calcolo integrale oppure se applica-
re direttamente la parte 1) della Proposizione 8.1.12 cambiando anche gli
estremi di integrazione nellintegrale assegnato.
Proposizione 8.1.13 (Regola di integrazione per parti)
Siano I un intervallo di R, f : I R una funzione continua e g : I R
una funzione derivabile con derivata continua. Se F : I R `e una primitiva
di f, si ha

f(x) g(x) dx = F(x) g(x)

F(x) g

(x) dx .
e conseguentemente, per ogni a, b I,

b
a
f(x) g(x) dx =
_
F(x) g(x)

b
a

b
a
F(x) g

(x) dx .
Dimostrazione. Dalla regola di derivazione del prodotto di due funzioni risulta (F g)

=
F

g + F g

= f g + F g

e quindi f g = (F g)

F g

; poiche le funzioni f g e
(F g)

F g

sono denite nellintervallo I, le primitive di f g coincidono con le primitive


di (F g)

F g

; ma F g `e una primitiva di (F g)

e pertanto le primitive di (F g)

F g

sono date dalla dierenza di F g e le primitive di F g

e da ci`o deriva la tesi. Lultima


parte segue direttamente da quanto dimostrato.
Ad esempio, si vuole calcolare il seguente integrale denito

e
1
log xdx .
258 Capitolo 8: Calcolo integrale
Si determina dapprima lintegrale indenito. Dalla regola di integrazione per
parti, si ha

log x dx =

1 log xdx = x log x

x D(log x) dx = x log x x + c ,
con c R. Allora, scegliendo la primitiva con c = 0, dalla formula fonda-
mentale del calcolo integrale (Teorema 8.1.11) lintegrale denito assegnato
`e dato da

e
1
log xdx =
_
x log x x

e
1
= e e (1) = 1 .
Lintegrale seguente viene calcolato in maniera analoga

arctan xdx =

1 arctan xdx
= x arctan x

x
1 + x
2
dx
= x arctan x
1
2
log(1 +x
2
) + c ,
con c R. Nellultima uguaglianza si `e utilizzato lintegrale indenito
immediato

(x)
f(x)
dx = log |f(x)| + c.
Si consideri ora lintegrale indenito

sin x cos x
sin
4
x + cos
4
x
dx .
In ogni intervallo ] /2 + k, /2 + k[ con k Z, si pu`o scrivere

sin x cos x dx
sin
4
x + cos
4
x
=

sin x cos xdx


cos
4
x(1 + tan
4
x)
=

tan xdx
cos
2
x(1 + (tan
2
x)
2
)
e quindi, posto t = tan
2
x, da cui dt = 2 tan xdx/ cos
2
x, si ottiene

sin x cos x
sin
4
x + cos
4
x
dx =
1
2

1
1 + t
2
dt =
1
2
arctan t + c =
1
2
arctan tan
2
x + c
con c R. Anche se la funzione assegnata `e denita in tutto R, in questo
caso `e stato possibile determinare un primitiva solamente in ogni intervallo
] /2 + k, /2 + k[ con k Z.
8.2 Integrazione delle funzioni razionali 259
8.2 Integrazione delle funzioni razionali
Una classe abbastanza ampia di funzioni per le quali `e possibile stabilire
un metodo generale per il calcolo dellintegrale indenito `e costituita dalle
funzioni razionali, cio`e delle funzioni rapporto di due polinomi. Nella pre-
sente sezione si espone sinteticamente il metodo generale per il calcolo di un
integrale della forma

P(x)
Q(x)
dx ,
dove, per ogni x R,
P(x) = a
0
+ a
1
x + + a
n
x
n
, a
0
, . . . , a
n
R , a
n
= 0 ,
Q(x) = b
0
+ b
1
x + + b
m
x
m
, b
0
, . . . , b
m
R , b
m
= 0 ,
e si suppone n < m in quanto ci si pu`o sempre ricondurre a questo caso
eettuando la divisione dei polinomi P e Q.
8.2.1 Caso m = 1
In questo caso Q(x) = ax + b con a = 0 e si ottiene lintegrale

1
ax + b
dx = log |ax + b| + C , C R ,
in ognuno degli intervalli ] , b/a[ e ] b/a, +[.
8.2.2 Caso m = 2
In questo caso Q(x) = ax
2
+ bx + c con a = 0 e P pu`o essere di grado 0
oppure 1.
Si considera innanzitutto il seguente tipo di integrale

1
ax
2
+ bx + c
dx .
Posto = b
2
4ac, si procede come segue:
Caso > 0. Denotate con x
1
e x
2
le due soluzioni reali distinte e tali
che x
1
< x
2
dellequazione ax
2
+bx +c = 0 e imponendo luguaglianza
1
ax
2
+ bx + c
dx =
A
x x
1
+
B
x x
2
260 Capitolo 8: Calcolo integrale
si determinano le costanti A e B e quindi lintegrale diventa

1
ax
2
+ bx + c
dx = A log |x x
1
| + B log |x x
2
| + C ,
dove la costante arbitraria C dipende da ognuno degli intervalli ]
, x
1
[, ]x
1
, x
2
[ e ]x
2
, +[.
Caso = 0. Denotata con x
0
lunica soluzione reale dellequazione
ax
2
+ bx + c = 0, si ha ax
2
+ bx + c = a(x x
0
)
2
e quindi

1
ax
2
+ bx + c
dx =

1
a(x x
0
)
2
dx =
1
a(x x
0
)
+ C ,
dove la costante arbitraria C dipende da ognuno degli intervalli ]
, x
0
[ e ]x
0
, +[.
Caso < 0. Con semplici manipolazioni algebriche si scrive
1
ax
2
+ bx + c
=
2

2a
_
2ax + b

_
2
+ 1
e quindi

1
ax
2
+ bx + c
dx =
2

arctan
2ax + b

+ C ,
con C costante arbitraria in tutto R.
Si considera ora il caso in cui P(x) = mx +n, con m = 0, ha grado 1. In
questo caso si ottiene

mx + n
ax
2
+ bx + c
dx =
m
2a

2ax + b
ax
2
+ bx + c
dx +
_
n
mb
2a
_
1
ax
2
+ bx + c
dx
=
m
2a
log |ax
2
+ bx + c| +
_
n
mb
2a
_
1
ax
2
+ bx + c
dx
e lultimo integrale viene risolto come nel caso precedente.
8.2.3 Caso m > 2
Il polinomio Q pu`o essere decomposto nella seguente forma (vedasi la (2.5.7))
Q(x) = b
m
(x x
1
)
h
1
(x x
p
)
h
p
(x
2
+ b
1
x + c
1
)
k
1
(x
2
+ b
q
x + c
q
)
k
q
,
8.2 Integrazione delle funzioni razionali 261
dove x
1
, . . . , x
p
sono le radici reali di Q aventi rispettivamente molteplicit`a
h
1
, . . . , h
p
, e k
1
, . . . , k
q
sono le molteplicit`a delle radici complesse coniugate
dei termini x
2
+ b
1
x + c
1
, . . . , x
2
+ b
q
x + c
q
con
1
= b
2
1
4c
1
< 0, . . . ,
q
=
b
2
q
4c
q
< 0. Poiche la somma di tutte le molteplicit`a deve essere m, si deve
avere
h
1
+ + h
p
+ 2(k
1
+ + k
q
) = m .
Il rapporto P(x)/Q(x) viene decomposto facendo corrispondere ad ogni fat-
tore x x
r
un addendo della forma
A
r
x x
r
con A
r
costante da determinare e ad ogni fattore x
2
+b
s
x+c
s
= 0 un addendo
della forma
B
s
x + C
s
x
2
+ b
s
x + c
s
con B
s
e C
s
costanti da determinare; inne si tiene conto della molteplicit`a
considerando un addendo ulteriore della forma
M(x) =
d
dx
(x)
R(x)
,
dove al denominatore gurano tutti i fattori con molteplicit`a diminuita di
una unit`a (quindi non gurano i fattori con molteplicit`a 1):
R(x) = (x x
1
)
h
1
1
(x x
p
)
h
p
1
(x
2
+b
1
x +c
1
)
k
1
1
(x
2
+b
q
x +c
q
)
k
q
1
e al numeratore il polinomio ha grado uguale a quello del denominatore
diminuito di una unit`a
(x) =
0
+
1
x + +
t
x
t
con t = (h
1
1) + +(h
p
1) +2(k
1
1) + +2(k
q
1) 1 e le costanti

1
, . . . ,
t
sono da determinare.
Tutte le costanti vengono determinate imponendo nella uguaglianza
P(x)
Q(x)
=
A
1
x x
1
+ +
A
p
x x
p
+
B
1
x + C
1
x
2
+ b
1
x + c
1
+ +
B
q
x + C
q
x
2
+ b
q
x + c
q
+M(x)
che i coecienti dello stesso grado coincidano e in questo modo si ottiene un
sistema lineare di p + 2q + t + 1 equazioni in p + 2q + t + 1 incognite il cui
determinante dei coecienti `e diverso da 0.
262 Capitolo 8: Calcolo integrale
Pertanto lintegrale diventa

P(x)
Q(x)
dx =A
1
log |x x
1
| + + A
p
log |x x
p
|
+

B
1
x + C
1
x
2
+ b
1
x + c
1
dx + +

B
q
x + C
q
x
2
+ b
q
x + c
q
dx +
(x)
R(x)
dove tutti gli integrali da calcolare rientrano nei casi gi`a discussi.
8.3 Integrali impropri
La denizione di funzione integrabile secondo Riemann `e stata data inizial-
mente per funzioni limitate e denite in un intervallo chiuso e limitato. Si
vuole ora estendere tale denizione anche al caso di funzioni non limitate
oppure denite in un insieme non limitato; in tal caso si parler`a di integrali
in senso improprio (oppure anche in senso generalizzato).
8.3.1 Integrali impropri di funzioni non limitate
Si considera innanzitutto il caso di funzioni non necessariamente limitate
denite per`o su un intervallo chiuso e limitato.
Nel seguito, si intende ssato un intervallo [a, b] con a, b R, a < b e si
prendono in esame le funzioni che soddisfano la condizione seguente.
Denizione 8.3.1 Una funzione reale f : [a, b] R si dice generalmente
continua se ammette al pi` u un numero nito di punti di discontinuit`a.
Poiche lintegrale denito di una funzione `e invariante rispetto ad insiemi
niti, non `e importante per i nostri ni il valore che una funzione generalmen-
te continua assume nei punti di discontinuit`a; in tali punti, anzi, la funzione
potrebbe anche non essere denita. Precisamente, se H `e un sottoinsieme
nito di [a, b] e se f : [a, b] H R `e continua, essa pu`o essere conside-
rata come funzione generalmente continua in [a, b] identicandola con una
qualsiasi funzione denita anche in H e che coincide con f in [a, b] H.
Ad esempio, la funzione f(x) = 1/ log x `e una funzione generalmente
continua nellintervallo [0, 1], in quanto attribuendole un valore arbitrario
nei punti 0 e 1, tali punti risultano gli unici suoi punti di discontinuit`a in
[0, 1].
Per estendere la denizione di integrale denito a tali funzioni, si considera
innanzitutto il caso in cui f : [a, b] R abbia un unico punto di discontinuit`a
in uno degli estremi.
8.3 Integrali impropri 263
Denizione 8.3.2 Sia f : [a, b] R una funzione generalmente continua e
si supponga che a (rispettivamente, b) sia lunico punto di discontinuit`a di
f.
Se esiste il seguente limite
lim
0
+

b
a+
f(x) dx , (rispettivamente, lim
0
+

b
a
f(x) dx ), (8.3.1)
esso viene denominato integrale improprio di f e denotato con il simbolo

b
a
f(x) dx .
Si osservi che f `e integrabile in [a + , b] (rispettivamente, in [a, b ]) in
quanto continua in tale intervallo.
Inoltre, se il limite (8.3.1) `e un numero reale si dice anche che lintegrale
improprio di f in [a, b] `e convergente oppure che f `e integrabile in senso im-
proprio in [a, b]; se il limite (8.3.1) `e innito, si dice che lintegrale improprio
di f in [a, b] `e divergente.
Se f : [a, b] R `e continua in [a, b] {x
0
}, con x
0
]a, b[, lintegrale
improprio pu`o essere denito applicando la Denizione 8.3.2 separatamente
alle restrizioni f
|[a,x
0
]
e f
|[x
0
,b]
. Si richiede quindi che esistano entrambi i limiti
lim
0
+

x
0

a
f(x) dx , lim
0
+

b
x
0
+
f(x) dx . (8.3.2)
Se tali limiti sono niti, si dice che la funzione `e integrabile in senso
improprio in [a, b] oppure che lintegrale improprio di f `e convergente; se
uno dei due limiti `e nito e laltro `e uguale a + (rispettivamente, a )
oppure se i due limiti sono entrambi uguali a + (rispettivamente, uguali
a ), si dice che lintegrale improprio di f `e divergente positivamente
(rispettivamente, negativamente).
Se f `e integrabile in senso improprio in [a, b], dal primo teorema sul
limite della somma di due funzioni (Teorema 4.5.1), il valore dellintegrale
pu`o essere calcolato considerando il limite

b
a
f(x) dx = lim
0
+
_
x
0

a
f(x) dx +

b
x
0
+
f(x) dx
_
. (8.3.3)
Tuttavia, lintegrabilit`a in senso improprio di f non pu`o essere dedotta dal
fatto che lultimo limite sia nito; infatti, tale limite pu`o essere nito anche se
i due limiti (8.3.1) sono uno divergente positivamente e laltro negativamente;
264 Capitolo 8: Calcolo integrale
in tal caso, il limite (8.3.3) viene comunque denominato valore principale
dellintegrale improprio di f e denotato con uno dei simboli
(v.p.)

b
a
f(x) dx ,

b
a
f(x) dx .
Ad esempio, si consideri la funzione generalmente continua 1/x nellin-
tervallo [1, 1]; si ha
lim
0
+

1
x
dx = lim
0
+
[log x]
1

= lim
0
+
log = + ,
e quindi tale funzione non pu`o essere integrabile in senso improprio in [1, 1];
risulta inoltre
lim
0
+
_

1
1
x
dx +

1
x
dx
_
= lim
0
+
_
[log x]

1
+ [log x]
1

_
= 0
e quindi (v.p.)

1
1
1
x
dx = 0.
Se f : [a, b] R `e una funzione generalmente continua discontinua in n
punti x
1
, . . . x
n
[a, b], lintegrabilit`a in senso improprio di f viene denita
applicando quanto sopra separatamente a ciascuno dei punti x
1
, . . . x
n
; pre-
cisamente, si consideri una suddivisione y
0
, . . . , y
n
di [a, b] in n intervalli tali
che ogni x
i
appartenga solamente allintervallo [y
i1
, y
i
], i = 1, . . . , n, allora
si dice che f `e integrabile in senso improprio in [a, b] oppure che lintegrale
improprio di f `e convergente se, per ogni i = 1, . . . , n, la restrizione di f al-
lintervallo [y
i1
, y
i
] (che presenta un solo punto di discontinuit`a) `e integrabile
in senso improprio in [y
i1
, y
i
], cio`e esistono e sono niti i limiti
lim
0
+

x
i

y
i1
f(x) dx , lim
0
+

y
i
x
i
+
f(x) dx
(ovviamente, il primo limite non va considerato se x
i
= a e il secondo
se x
i
= b). Se qualcuno dei limiti precedenti `e divergente positivamente
(rispettivamente, negativamente) ed i rimanenti sono convergenti, si dice
che lintegrale improprio di f `e divergente positivamente (rispettivamente,
negativamente).
In base alle denizioni assunte, si pu`o studiare lintegrabilit`a in senso
improprio nel caso di un unico punto di discontinuit`a; i criteri ottenuti vanno
poi applicati separatamente a ciascun punto di discontinuit`a di f (anche
f sia integrabile in senso improprio `e necessario che lo sia rispetto a ciascun
punto di discontinuit`a).
8.3 Integrali impropri 265
Osservazione 8.3.3 Si riconoscono facilmente alcune propriet`a relative al-
le operazioni sulle funzioni integrabili in senso improprio; ad esempio, si
enunciano le seguenti omettendone per brevit`a la dimostrazione, basata es-
senzialmente sulle denizioni assunte:
1. Se f : [a, b] R `e una funzione generalmente continua dotata di
punti di discontinuit`a solamente eliminabili o di prima specie, essa `e
integrabile in senso improprio in [a, b]. Quindi, i punti di discontinuit`a
in un intorno dei quali pu`o fallire lintegrabilit`a della funzione sono
quelli di seconda specie, che per tale motivo vengono denominati anche
punti singolari della funzione.
2. Se f : [a, b] R e g : [a, b] R sono funzioni generalmente continue
integrabili in senso improprio in [a, b], allora la somma f +g `e anchessa
integrabile in senso improprio in [a, b] e si ha

b
a
(f(x) + g(x)) dx =

b
a
f(x) dx +

b
a
g(x) dx .
3. Se f : [a, b] R e g : [a, b] R sono funzioni generalmente continue
integrabili in senso improprio in [a, b] e se esiste un sottoinsieme nito
H di [a, b] tale che, per ogni x [a, b] H, f(x) g(x), allora si ha
anche

b
a
f(x) dx

b
a
g(x) dx .
4. Sia f : [a, b] R una funzione generalmente continua e positiva, in-
tegrabile in senso improprio in [a, b]; considerato linsieme nito H dei
punti di discontinuit`a di f, si denisce il trapezoide T(f) := {(x, y)
R
2
| x [a, b] H , 0 y f(x)}. Allora

b
a
f(x) dx = Area (T(f)).
Per i criteri successivi risulta utile la denizione seguente.
Denizione 8.3.4 Sia f : [a, b] R una funzione generalmente continua.
Si dice che f `e assolutamente integrabile in senso improprio in [a, b] se la
funzione |f| `e integrabile in senso improprio in [a, b]. Inoltre, si dice che
lintegrale improprio di f `e assolutamente divergente se lintegrale improprio
di |f| `e divergente positivamente.
Si supponga che f : [a, b] R sia continua in ]a, b]. Poiche |f| `e
positiva, la funzione g :]a, b] R denita ponendo, per ogni x ]a, b],
g(x) :=

b
x
|f(t)| dt `e decrescente e quindi, per il teorema sul limite delle
266 Capitolo 8: Calcolo integrale
funzioni monotone (Teorema 4.6.1), `e dotata di limite nel punto a dato da
sup
x]a,b]

b
x
|f(t)| dt.
Pertanto, lintegrale improprio di |f| `e necessariamente convergente op-
pure divergente positivamente.
Lo stesso discorso pu`o essere applicato nel caso in cui f non sia continua
in b oppure in uno o pi` u punti interni allintervallo [a, b].
Quindi, si pu`o concludere che una funzione generalmente continua risulta
o assolutamente integrabile in senso improprio oppure lintegrale in senso
improprio `e assolutamente divergente.
Per questo motivo per indicare che una funzione `e assolutamente integra-
bile in senso improprio `e suciente scrivere

b
a
|f(x)| dx < + .
Se f `e positiva, lassoluta integrabilit`a equivale ovviamente allintegrabi-
lit`a in senso improprio.
In generale, si pu`o solamente aermare che se f : [a, b] R`e una funzione
generalmente continua e assolutamente integrabile in senso improprio in [a, b],
allora f `e integrabile in senso improprio in [a, b] e si ha

b
a
f(x) dx

b
a
|f(x)| dx .
Vale inoltre il seguente criterio di confronto.
Proposizione 8.3.5 (Criterio di confronto per gli integrali impropri)
Siano f : [a, b] R e g : [a, b] R funzioni generalmente continue e si
supponga che, per ogni x [a, b], |f(x)| g(x). Si ha
1. Se g `e integrabile in senso improprio, allora f `e assolutamente integra-
bile in senso improprio.
2. Se lintegrale improprio di f `e assolutamente divergente, allora anche
lintegrale improprio di g `e divergente positivamente.
footnotesizeDimostrazione. 1) La prima parte segue dalle denizioni
applicando la propriet`a di monotonia dellintegrale denito e del limite. La
seconda parte segue invece direttamente dalla prima
8.3 Integrali impropri 267
Esempio 8.3.6 (Integrali impropri campione) Siano x
0
[a, b] e > 0.
Si consideri la funzione f : [a, b] {x
0
} R denita ponendo, per ogni
x [a, b] {x
0
},
f(x) :=
1
|x x
0
|
a
.
Si tratta di una funzione generalmente continua in [a, b] avente x
0
come unico
punto di discontinuit`a. Si supponga x
0
< b; per ogni > 0, se = 1

b
x
0
+
1
|x x
0
|

dx = [log |x x
0
|]
b
x
0
+
= log(b x
0
) log ,
mentre, se = 1,

b
x
0
+
1
|x x
0
|

dx =
1
+ 1
_
|x x
0
|
+1

b
x
0
+
=
1
+ 1
_
(b x
0
)
+1

+1
_
.
Si deduce allora che
lim
0
+

b
x
0
+
1
|x x
0
|

dx =
_
_
_
(b x
0
)
1
1
, 0 < < 1 ,
+, 1 .
Le stesse conclusioni valgono se si suppone a < x
0
e si considera

x
0

a
1/|x
x
0
|

dx. Quindi f `e integrabile in senso improprio in [a, b] se 0 < < 1,


mentre non lo `e se 1.
Utilizzando lesempio e il criterio di confronto precedenti si ottiene il
seguente risultato di frequente applicazione.
Teorema 8.3.7 (Criterio dellordine di innito)
Sia f : [a, b] R una funzione continua in [a, b] {x
0
}, con x
0
[a, b]. Si
ha
1. Se f `e un innito in x
0
di ordine minore o uguale di , con
]0, 1[ (oppure se f non `e un innito in x
0
), allora f `e assolutamente
integrabile in senso improprio in [a, b].
2. Se f `e un innito in x
0
di ordine maggiore o uguale di 1, allora
lintegrale improprio di f `e assolutamente divergente.
268 Capitolo 8: Calcolo integrale
Dimostrazione. 1) Dalle ipotesi fatte, esistono > 0 ed M R tali che, per ogni
x [a, b]]x
0
, x
0
+[, |f(x)| M/|xx
0
|

(ci`o vale anche se f non `e un innito in x


0
considerando ]0, 1[ arbitrario). Poiche < 1, dallEsempio 8.3.6 e dalla Proposizione
8.3.5, 1), segue che f `e assolutamente integrabile in senso improprio in [a, b].
2) Dal fatto che f `e un innito in x
0
di ordine maggiore o uguale di 1, si deduce lesistenza
di > 0 ed M R tali che, per ogni x [a, b]]x
0
, x
0
+ [, |f(x)| M/|x x
0
|.
Ancora dallEsempio 8.3.6 e dalla Proposizione 8.3.5, 2), segue che lintegrale improprio
di f `e assolutamente divergente.
In generale, per stabilire lintegrabilit`a in senso improprio di una funzione
generalmente continua, si cerca prima di applicare il Teorema 8.3.7 in ognuno
dei punti di discontinuit`a per f. Se si trova un punto di discontinuit`a in cui
vale la parte 2), si conclude subito che la funzione non `e integrabile in senso
improprio. Se invece in tutti i punti di discontinuit`a `e soddisfatta la parte
1), la funzione `e integrabile in senso improprio in [a, b].
Pu`o capitare che in qualche punto il criterio dellordine di innito non si
possa applicare, cio`e che la funzione sia un innito in un punto x
0
di ordine
minore di 1, ma maggiore di per ogni ]0, 1[.
In questi casi bisogna ricorrere ad altri metodi per lo studio dellintegrabi-
lit`a, ad esempio, rifacendosi direttamente alle denizioni assunte. Si osserva
inne che i criteri di integrabilit`a in senso improprio, nel caso in cui possano
essere applicati, consentono di stabilire solamente lintegrabilit`a della funzio-
ne ma non forniscono il valore dellintegrale improprio, per il quale bisogna in
generale utilizzare la denizione ed i metodi di integrazione per gli integrali
deniti.
Ad esempio, si consideri lintegrale improprio

1/2
0
1
x log
n
x
dx , n 1 .
Nel punto 0 la funzione `e un innito di ordine minore di 1, ma di ordine
maggiore di per ogni 0 < < 1 e pertanto il criterio sullordine di innito
non pu`o essere applicato (lordine minore di 1 esclude la seconda parte e
lordine maggiore di per ogni 0 < < 1 esclude la prima parte del teorema).
Pertanto, si ricorre direttamente alla denizione. Se n = 1 si ha, per ogni
> 0,

1/2

1
x log x
dx = [log | log x|]
1/2

= log log 2 log | log | ,


mentre, se n 2,

1/2

1
x log
n
x
dx =
_
log
n+1
x
n + 1
_
1/2

=
1
n 1
_
log
n+1
1
2
log
n+1

_
.
8.3 Integrali impropri 269
Si deduce che

1/2
0
1
x log
n
x
dx =
_
_
_
1
(n 1) log
n1
2
, n 2 ,
, n = 1 .
Quindi lintegrale improprio `e convergente se e solo se n 2.
Si consideri lintegrale improprio

1
0

(1 e
x
) log x
sin(x)
dx .
La funzione in esame `e generalmente continua e non `e denita nei punti
0 e 1. Per quanto riguarda il punto 0, la funzione

(1 e
x
) log x `e un in-
nitesimo di ordine minore di 1/2, ma maggiore di ogni numero strettamente
positivo minore di 1/2, mentre la funzione sin x `e un innitesimo di ordine
1. Si deduce che il rapporto `e un innito di ordine maggiore di 1/2 ma minore
di ogni numero maggiore di 1/2, ad esempio di 3/4; dal criterio dellordine
di innito (Teorema 8.3.7), segue lassoluta integrabilit`a della funzione in un
intorno del punto 0.
Nel punto 1 la funzione al numeratore `e un innitesimo di ordine 1/2 e
quella al denominatore `e un innitesimo di ordine 1; il rapporto `e quindi un
innito di ordine 1/2 e la funzione `e integrabile nel punto 1 sempre per il
criterio dellordine di innito.
Poiche si `e stabilita lintegrabilit`a della funzione in ogni punto di discon-
tinuit`a, si conclude che essa `e integrabile. Tuttavia le regole di integrazio-
ne note non consentono in questo caso di calcolare il valore dellintegrale
improprio.
Si consideri lintegrale improprio


0
(2x ) tan xdx .
Lunico punto di discontinuit`a da discutere in questo caso `e il punto /2,
nel quale la funzione `e un il prodotto di un innitesimo di ordine 1 e di un
innito di ordine 1; pertanto in tale punto la funzione non `e un innito ed `e
di conseguenza integrabile in senso improprio in [0, ].
Si consideri lintegrale improprio

1
0
log
2
(1 x)
1 x
dx .
270 Capitolo 8: Calcolo integrale
Vi `e solamente il punto 1 da discutere; in tale punto la funzione `e il
rapporto di un innito di ordine arbitrariamente piccolo e di un innitesimo
di ordine 1; quindi `e un innito di ordine maggiore di 1 (e minore di 1 +
per ogni > 0); dal criterio dellordine di innito, tenendo presente che la
funzione `e positiva, lintegrale improprio `e divergente positivamente.
8.3.2 Integrali impropri su intervalli non limitati
Si considera ora il caso di funzioni denite in un intervallo illimitato. La
discussione `e analoga al caso precedente e per questo motivo si tralasceranno
alcuni dettagli in caso di completa analogia.
Denizione 8.3.8 Sia f : [a, +[ R (rispettivamente, f :] , b] R)
una funzione continua. Se esiste il limite
lim
b+

b
a
f(x) dx , (rispettivamente, lim
a

b
a
f(x) dx ), (8.3.4)
esso viene denominato integrale improprio di f in [a, +[ (rispettivamente,
in ] , b]) e denotato con uno dei simboli

+
a
f(x) dx ,

+
a
f , (rispettivamente,

f(x) dx ,

f ).
Inoltre, se il limite (8.3.4) `e un numero reale si dice anche che lintegrale
improprio di f `e convergente oppure che f `e integrabile in senso improprio; se
il limite (8.3.4) `e innito, si dice che lintegrale improprio di f `e divergente.
Se f : R R `e una funzione continua, si dir`a poi che essa `e integrabile
in senso improprio in R se esistono e sono niti entrambi i limiti
lim
b+

b
c
f(x) dx , lim
a

c
a
f(x) dx , (8.3.5)
dove c R `e ssato arbitrariamente. In tal caso lintegrale improprio di f
pu`o essere calcolato anche considerando il limite

f(x) dx = lim
a+

a
a
f(x) dx ; (8.3.6)
Anche ora conviene osservare che lesistenza del limite (8.3.6) non com-
porta in generale che f sia integrabile in senso improprio in tutto R.
8.3 Integrali impropri 271
Se uno dei limiti (8.3.5) tende a e laltro ad un numero reale, oppure
se tendono entrambi a + o a , si dice che lintegrale improprio di f `e
divergente (positivamente o negativamente).
Una situazione pi` u generale `e quella in cui la funzione `e generalmente
continua in un intervallo illimitato. In questo caso lintegrabilit`a in senso
improprio viene considerata separatamente in un intorno di ogni punto di
discontinuit`a ed eventualmente nei punti + e ; `e suciente che lin-
tegrabilit`a fallisca in un intorno di tali punti per concludere che la funzione
non `e integrabile in senso improprio.
Per quanto osservato, si pu`o ora trattare separatamente solamente il caso
di funzioni continue su intervalli illimitati.
Nel seguito si considera lintervallo [a, +[; considerazioni analoghe val-
gono in ] , b] ed R.
Si possono stabilire propriet`a analoghe a quelle enunciate per gli integrali
impropri di funzioni limitate.
1. Se f : [a, +[ R e g : [a, +[ R sono funzioni continue integra-
bili in senso improprio in [a, +[, allora la somma f + g `e anchessa
integrabile in senso improprio in [a, +[ e si ha

+
a
(f(x) + g(x)) dx =

+
a
f(x) dx +

+
a
g(x) dx .
2. Se f : [a, +[R e g : [a, +[R sono funzioni continue integrabili
in senso improprio in [a, +[ e se, per ogni x [a, b], f(x) g(x),
allora si ha anche

+
a
f(x) dx

+
a
g(x) dx .
3. Se f : [a, +[ R `e una funzione continua e positiva, integrabile in
senso improprio in [a, +[, considerato il trapezoide T(f) := {(x, y)
R
2
| x a , 0 y f(x)}, si ha

+
a
f(x) dx = Area (T(f)).
Lassoluta integrabilit`a viene denita come in precedenza.
Se f : [a, +[R `e una funzione continua, si dice che f `e assolutamente
integrabile in senso improprio in [a, +[ se la funzione |f| `e integrabile in
senso improprio in [a, +[.
Inoltre, si dice che lintegrale improprio di f `e assolutamente divergente
se lintegrale improprio di |f| `e divergente positivamente.
Anche ora, dal teorema sul limite delle funzioni monotone, si deduce che
una funzione continua f : [a, +[R o `e assolutamente integrabile in senso
272 Capitolo 8: Calcolo integrale
improprio oppure il suo integrale improprio `e assolutamente divergente; per
evidenziare il fatto che una funzione `e assolutamente integrabile in senso
improprio si scrive solitamente

+
a
|f(x)|dx < +.
Ovviamente, le nozioni di assoluta integrabilit`a in senso improprio e di
integrabilit`a in senso improprio sono equivalenti se la funzione `e positiva.
In generale, si pu`o solamente dire che se f : [a, +[ R `e una funzione
continua e assolutamente integrabile in senso improprio in [a, +[, allora f
`e integrabile in senso improprio in [a, +[ e si ha

+
a
f(x) dx

+
a
|f(x)| dx .
Inoltre se f : [a, +[ R e g : [a, +[ R sono funzioni continue tali
che, per ogni x [a, +[, |f(x)| g(x), si ha
1. Se g `e integrabile in senso improprio, allora f `e assolutamente integra-
bile in senso improprio.
2. Se lintegrale improprio di f `e assolutamente divergente, allora anche
lintegrale improprio di g `e divergente positivamente.
Utilizzando la denizione si riconosce facilmente che lintegrale improprio

+
1
1
x

dx
`e convergente per > 1 ed `e divergente positivamente se 0 < < 1.
Si pu`o inne enunciare il seguente criterio dellordine di innitesimo.
Teorema 8.3.9 (Criterio dellordine di innitesimo)
Sia f : [a, +[R una funzione continua. Allora:
1. Se f `e un innitesimo in +di ordine maggiore o uguale di , con >
1, allora f `e assolutamente integrabile in senso improprio in [a, +[.
2. Se f `e un innitesimo in + di ordine minore o uguale di 1 (oppure
se tende ad un limite diverso da 0 in +), allora lintegrale improprio
di f `e assolutamente divergente.
Dimostrazione. Se f `e un innitesimo in +di ordine maggiore o uguale di , con > 1,
si possono trovare c [a, +[ ed M R tali che, per ogni x [c, +[, |f(x)| M/|x|

.
Poiche > 1, la funzione 1/|x|

`e integrabile in senso improprio in [a, +[ e quindi anche


f lo `e.
2) Se f `e un innitesimo in + di ordine minore o uguale di 1 oppure se f tende ad un
limite diverso da 0 in +, esistono c [a, +[ ed M R tali che, per ogni x [c, +[,
8.3 Integrali impropri 273
|f(x)| M/|x|. Allora la tesi segue dal fatto che la funzione M/|x| non `e integrabile in
senso improprio in [c, +[.
Il criterio dellordine di innitesimo non si pu`o applicare se f : [a, +[
R `e un innitesimo in + di ordine maggiore di 1, ma minore di 1 +
per ogni > 0. In questi casi si cerca di ricorrere ad altri metodi oppure
direttamente alla denizione.
Ad esempio, si consideri lintegrale improprio

+
0
sin x
x
2
+ 1
dx .
La funzione `e continua in [0, +[ e quindi bisogna discutere lintegrabilit`a
solamente in un intorno del punto +. Per ogni x [0, +[, risulta

sin x
x
2
+ 1

1
x
2
+ 1
e poiche 1/(x
2
+1) `e un innitesimo di ordine 2 in +, dal criterio dellordine
di innitesimo (Teorema 8.3.9 segue che lintegrale improprio considerato `e
assolutamente convergente e quindi convergente.
Si consideri lintegrale improprio

+
2
1
x log
n
x
dx , n 1 .
La funzione in esame `e continua e quindi bisogna discutere lintegrabilit`a
solamente in un intorno del punto +. Nel punto + la funzione `e un
innitesimo di ordine maggiore di 1, ma di ordine minore di per ogni
> 1 e pertanto il criterio sullordine di innitesimo non pu`o essere applicato
(lordine maggiore di 1 esclude la seconda parte e lordine minore di per
ogni > 1 esclude la prima parte del teorema).
Pertanto, si ricorre direttamente alla denizione. Se n = 1 si ha, per ogni
b > 2,

b
2
1
x log x
dx = [log | log x|]
b
2
= log log b log log 2 ,
mentre, se n 2,

b
2
1
x log
n
x
dx =
_
log
n+1
x
n + 1
_
b
2
=
1
n 1
_
log
n+1
b log
n+1
2
_
.
274 Capitolo 8: Calcolo integrale
Si deduce che

1/2
0
1
x log
n
x
dx =
_
_
_
1
(n 1) log
n1
2
, n 2 ,
+, n = 1
e quindi lintegrale improprio `e convergente se e solo se n 2.
Si consideri lintegrale improprio
() :=

+
0
x
1
e
x
dx , R . (8.3.7)
Bisogna discutere lintegrabilit`a in un intorno del punto 0 ed in un intorno
del punto +.
Nel punto 0, vi `e un innito di ordine 1 se < 1 altrimenti la funzione
`e limitata e quindi, per il criterio dellordine di innito e tenendo conto della
positivit`a della funzione, lintegrale () `e convergente per 1 < 1, cio`e
per > 0 ed `e divergente positivamente per 0 in un intorno del punto
0.
Nel punto +, la funzione `e un innitesimo di ordine arbitrariamente
grande e quindi `e sicuramente integrabile in un intorno del punto + per il
criterio dellordine di innitesimo.
Si conclude che lintegrale assegnato `e convergente per > 0 e divergente
positivamente per 0. La funzione :]0, +[R denita dalla (8.3.7) `e
nota come funzione gamma.
Il criterio dellordine di innitesimo (Teorema 8.3.9) richiama un risultato
analogo stabilito per le serie numeriche (Teorema 5.2.13).
In eetti, `e possibile stabilire il seguente legame tra integrali impropri e
serie numeriche. Sia

+
n=0
a
n
una serie numerica e si consideri la funzione
f : [0, +[ R cos` denita; per ogni x [0, +[, considerato lunico
numero naturale n N tale che x [n, n + 1[, si pone
f(x) := a
n
.
Allora, le seguenti proposizioni sono equivalenti:
a) La serie

+
n=0
a
n
`e convergente (rispettivamente, assolutamente con-
vergente, divergente);
b) La funzione f `e integrabile in senso improprio in [0, +[ (rispettiva-
mente, f `e assolutamente integrabile in senso improprio in [0, +[,
lintegrale improprio di f `e divergente).
8.3 Integrali impropri 275
Inoltre, vera luna e quindi ciascuna delle proposizioni equivalenti prece-
denti, si ha
+

n=0
a
n
=

+
0
f(x) dx .
Dimostrazione. Per ogni n N, si ha

n+1
n
f(x) dx = a
n
e quindi, denotata con s
n
la
somma parziale n-esima della serie, si ha
s
n
=
n

k=0
a
k
=
n

k=0

k+1
k
f(x) dx =

n+1
0
f(x) dx .
Da ci`o segue subito b) a); per il viceversa, basta osservare che, per ogni n N e
b [n, n + 1[, lintegrale

b
0
f(x) dx `e compreso tra min{s
n
, s
n+1
} e max{s
n
, s
n+1
}. Se
denota la somma della serie, ssato > 0, si pu`o trovare N tale che, per ogni n ,
risulti |s
n
| < e conseguentemente anche

b
0
f(x) dx

< . Da ci`o segue la b) ed


anche luguaglianza prevista nellultima parte della tesi.
I casi rispettivi si dimostrano in maniera analoga.
Viceversa, considerata una funzione f : [0, +[ R integrabile in senso
improprio, si pu`o denire la serie

+
n=0
a
n
di termine generale n-esimo a
n
ponendo a
n
:= f(n), n N.
Se f : [0, +[R `e positiva e decrescente, allora le seguenti proposizioni
sono equivalenti:
a) La funzione f `e integrabile in senso improprio in [0, +[ (rispettiva-
mente, lintegrale improprio di f `e divergente positivamente).
b) La serie

+
n=0
a
n
`e convergente (rispettivamente, divergente positiva-
mente).
Inoltre, vera luna e quindi ciascuna delle proposizioni equivalenti prece-
denti, si ha

+
0
f(x) dx
+

n=0
a
n
f(0) +

+
0
f(x) dx .
Dimostrazione. Poiche f `e decrescente si ha, per ogni n N,
a
n+1

n+1
n
f(x) dx a
n
e quindi

n
k=0
a
k+1

n+1
0
f(x) dx

n
k=0
a
k
.
n

k=0
a
k
= a
0
+
n1

k=0
a
k+1
a
0
+

+
0
f(x) dx = f(0) +

+
0
f(x) dx
276 Capitolo 8: Calcolo integrale
e quindi la serie `e convergente in quanto `e a termini positivi e le sue somme parziali sono
limitate superiormente. Si ha inoltre
+

n=0
a
n
f(0) +

+
0
f(x) dx .
Viceversa, per ogni b [0, +[, considerato n N tale che b [n, n + 1[, dalla
positivit`a di f segue

b
0
f(x) dx

b
0
f(x) dx +

n+1
b
f(x) dx =

n+1
0
f(x) dx
n

k=0
a
k
;
poiche f `e positiva e il suo integrale improprio `e limitato superiormente dalla somma della
serie, si ottiene la a) e inoltre

+
0
f(x) dx
+

n=0
a
n
,
e ci`o completa la dimostrazione.
Parte II
Equazioni dierenziali e
funzioni di pi` u variabili reali
Nella seconda parte del corso, viene completato lo studio delle funzioni di
una variabile reale con ulteriori capitoli riguardanti lo studio delle successioni
e delle serie di funzioni e quello delle equazioni dierenziali ordinarie; inoltre,
vengono illustrati alcuni aspetti riguardanti le funzioni di pi` u variabili reali,
quali il calcolo dierenziale, lo studio dei massimi e minimi relativi e vincolati
e lo studio degli integrali multipli corredato da alcuni strumenti elementari
di teoria della misura.
Capitolo 9
Successioni e serie di funzioni
9.1 Convergenza puntuale ed uniforme
Sia X un sottoinsieme non vuoto di R e sia (f
n
)
nN
una successione di funzioni
reali denite in X.
Fissato un elemento x
0
X, si dice che la successione (f
n
)
nN
`e conver-
gente in x
0
se la successione numerica (f
n
(x
0
))
nN
`e convergente.
Inoltre, se A X, si dice che la successione (f
n
)
nN
`e puntualmente con-
vergente in A (oppure semplicemente convergente in A oppure anche conver-
gente in A) se essa `e convergente in ogni elemento di A. Se A = X si dice
che (f
n
)
nN
`e puntualmente convergente oppure semplicemente convergente.
Si supponga che la successione di funzioni (f
n
)
nN
sia puntualmente con-
vergente; allora si pu`o considerare la funzione reale f : X R denita
ponendo, per ogni x X,
f(x) := lim
n+
f
n
(x) . (9.1.1)
Essa viene denominata limite puntuale (oppure limite semplice) della succes-
sione (f
n
)
nN
e viene denotata con
f = lim
n+
f
n
puntualmente.
Esplicitamente, la condizione precedente pertanto signica
x X > 0 N t.c. n : |f
n
(x) f(x)| . (9.1.2)
Tale tipo di convergenza tuttavia consente lapplicazione dei risultati ottenuti
sulle successioni numeriche in ogni punto pressato ma non ci si pu`o aspet-
tare che vengano conservate per la funzione f alcune propriet`a qualitative
282 Capitolo 9: Successioni e serie di funzioni
delle funzioni f
n
, quali la continuit`a, la derivabilit`a in un punto o globale e
lintegrabilit`a.
Per lo studio di tali propriet`a della funzione limite `e pi` u ecace il concetto
di convergenza uniforme in cui si pretende che nella condizione (9.1.2) il
numero naturale non dipenda dallelemento x X ma solamente da > 0.
Precisamente, se (f
n
)
nN
`e una successione di funzioni reali denite in X
ed f : X R `e una ulteriore funzione, si dice che (f
n
)
nN
`e uniformemente
convergente verso f (oppure che f `e il limite uniforme della successione
(f
n
)
nN
) se `e vericata la seguente condizione:
> 0 N t.c. x X n : |f
n
(x) f(x)| , (9.1.3)
oppure, equivalentemente,
> 0 N t.c. n : sup
xX
|f
n
(x) f(x)| .
In tal caso, si scrive
f = lim
n+
f
n
uniformemente.
Inoltre, si dice che la successione (f
n
)
nN
`e uniformemente convergen-
te in un sottoinsieme A di X se la successione ((f
n
)
|A
)
nN
delle restrizioni
allinsieme A `e uniformemente convergente.
Evidentemente, la condizione (9.1.3) implica la (9.1.2) e pertanto, se
la successione (f
n
)
nN
`e uniformemente convergente verso f, essa `e anche
puntualmente convergente verso f.
Viceversa, se (f
n
)
nN
converge puntualmente verso f, non `e detto che la
convergenza sia uniforme.
Ad esempio, si consideri, per ogni n 1, la funzione reale f
n
: R R de-
nita ponendo, per ogni x R, f
n
(x) := sin(x)+x/n. Si riconosce facilmente
che sin = lim
n+
f
n
. Infatti, per ogni x
0
R, si ha lim
n+
x
0
/n = 0 e
conseguentemente lim
n+
f
n
(x
0
) = sin x
0
. Tuttavia, ssato > 0 e impo-
nendo la condizione | sin x f
n
(x)| < , si trova |x|/n < , che `e soddisfat-
ta solamente nellintervallo ] n, n[ e non in tutto R; si conclude che la
convergenza non pu`o essere uniforme.
Si pu`o completare la discussione della convergenza della successione di
funzioni (f
n
)
n1
osservando che la convergenza risulta uniforme in ogni in-
tervallo I limitato di R. Infatti, posto r := sup
xI
|x| si ha I [r, r] e
conseguentemente, per ogni n 1, sup
xI
|f
n
(x) f(x)| = sup
xI
|x|/n
r/n; pertanto, ssato > 0 e considerato 1 tale che r, si ha
sup
xI
|f
n
(x) f(x)| for ogni n , da cui luniforme convergenza in I.
9.2 Propriet`a del limite di una successione di funzioni 283
Come ulteriore esempio si consideri, per ogni n N, la funzione reale
f
n
: [0, 1] R denita ponendo, per ogni x [0, 1], f
n
(x) := x
n
e sia
f : [0, 1] R cos` denita
f(x) :=
_
0 , 0 x < 1 ,
1 , x = 1 .
Allora, la successione di funzioni (f
n
)
nN
converge puntualmente verso f.
Tuttavia la convergenza non pu`o essere uniforme. Si supponga infatti per
assurdo che ssato = 1/3, esista N tale che, per ogni n e per ogni
x [0, 1], si abbia |f
n
(x) f(x)| 1/3; allora, in particolare, considerando
n = ed x :=

2/3, si dovrebbe avere 2/3 = |f

(x) f(x)| 1/3 da cui un


assurdo. Quindi (f
n
)
nN
non converge uniformemente verso f; in questo caso,
si pu`o riconoscere che, per ogni 0 < a < 1, la successione (f
n
)
nN
converge
uniformemente verso f in [0, a].
Si osserva che se (f
n
)
nN
e (g
n
)
nN
sono successioni di funzioni di X in
R convergenti puntualmente verso una funzione f : X R e rispettiva-
mente g : X R, allora la successione di funzioni (f
n
+ g
n
)
nN
converge
puntualmente verso f + g e la successione di funzioni (f
n
g
n
)
nN
converge
puntualmente verso f g. Se (f
n
)
nN
e (g
n
)
nN
convergono uniformemente
verso f e rispettivamente g, allora la somma (f
n
+g
n
)
nN
converge uniforme-
mente verso f +g, mentre senza ulteriori ipotesi (ad esempio, di limitatezza
di f e g) non si pu`o aermare che il prodotto (f
n
g
n
)
nN
converga unifor-
memente verso f g, come si riconosce facilmente considerando ad esempio
f
n
(x) = g
n
(x) = x + 1/n per ogni x R.
9.2 Propriet`a del limite di una successione di
funzioni
Si studia ora il comportamento della funzione limite f di una successione
(f
n
)
nN
di funzioni uniformemente convergente, nelle ipotesi in cui ogni f
n
verichi opportune condizioni.
Il primo risultato `e un teorema di carattere generale che stabilisce una
formula di inversione dei limiti per le successioni di funzioni uniformemente
convergenti.
Teorema 9.2.1 (Teorema di inversione dei limiti)
Siano X un sottoinsieme non vuoto di R, x
0
un punto di accumulazione per
X ed (f
n
)
nN
una successione di funzioni reali denite in X. Si supponga
che
284 Capitolo 9: Successioni e serie di funzioni
i) La successione (f
n
)
nN
converge uniformemente verso una funzione f :
X R;
ii) Per ogni n N, risulta lim
xx
0
f
n
(x) =
n
R.
Allora, la successione (
n
)
nN
`e convergente e inoltre, posto := lim
n+

n
,
risulta lim
xx
0
f(x) = .
Dimostrazione. Si dimostra innanzitutto che la successione (
n
)
nN
`e convergente, fa-
cendo vedere che essa verica la seguente condizione di Cauchy:
> 0 N t.c. n, m : |
n

m
| .
Si ssi a tal ne > 0 e, per la uniforme convergenza di (f
n
)
nN
verso f, si consideri N
tale che, per ogni n e per ogni x X, si abbia |f
n
(x) f(x)| /4. Si dimostra
ora che, per ogni n, m , risulta |
n

m
| e ci`o completer`a la dimostrazione. Si
ssino pertanto n, m ; dallipotesi i), si possono trovare un intorno J
1
di x
0
tale che,
per ogni x X J
1
{x
0
}, |f
n
(x)
n
| /4 ed un intorno J
2
di x
0
tale che, per ogni
x X J
2
{x
0
}, |f
m
(x)
m
| /4. Allora, ssato x X J
1
J
2
{x
0
}, risulta
|
n

m
| = |
n
f
n
(x) (
m
f
m
(x)) +f
n
(x) f(x) (f
m
(x) f(x))|
|
n
f
n
(x)| +|
m
f
m
(x)| +|f
n
(x) f(x)| +|f
m
(x) f(x)|


4
+

4
+

4
+

4
= .
Si `e cos` dimostrato che la successione (
n
)
nN
`e convergente. Si ponga := lim
n+

n
.
Sia ora > 0; poich`e (f
n
)
nN
`e uniformemente convergente verso f, esiste
1
N tale che,
per ogni n
1
e per ogni x X, si abbia |f
n
(x) f(x)| /3. Inoltre, la successione
(
n
)
nN
converge verso e quindi esiste
2
N tale che |
n
| /3 per ogni n
2
. Si
ssi ora n max{
1
,
2
}; poich`e f
n
converge verso
n
per x x
0
, si pu`o trovare un intorno
J di x
0
tale che, per ogni x XJ {x
0
}, risulti |f
n
(x)
n
| /3. Conseguentemente,
per ogni x XJ {x
0
}, risulta anche |f(x)| |f(x)f
n
(x)| +|f
n
(x)
n
| +|
n
|
/3 +/3 +/3 = ; dallarbitrariet`a di > 0, segue quindi la tesi.
La tesi del Teorema 9.2.1 precedente esprime la possibilit`a di invertire i
limiti rispetto alle variabili n + ed x x
0
; infatti, si ha
lim
xx
0
lim
n+
f
n
(x) = lim
xx
0
f(x) = = lim
n+

n
= lim
n+
lim
xx
0
f
n
(x) .
Tale inversione dei limiti non vale, in generale, se la successione di fun-
zioni non `e uniformemente convergente; ad esempio, risulta evidentemente
lim
n+
lim
x1
x
n
= 1 mentre lim
x1
lim
n+
x
n
= 0.
Come ulteriore conseguenza del risultato precedente, si pu`o ottenere la
propriet`a di continuit`a del limite uniforme.
9.2 Propriet`a del limite di una successione di funzioni 285
Teorema 9.2.2 Siano X un sottoinsieme di R, x
0
X un punto di accu-
mulazione per X ed (f
n
)
nN
una successione di funzioni reali denite in X
e continue nel punto x
0
. Se la successione (f
n
)
nN
converge uniformemente
verso una funzione f : X R, allora anche f risulta continua nel punto x
0
.
Dimostrazione. Basta applicare il Teorema 9.2.1 precedente tenendo presente che, per
ogni n N, si ha lim
xx
0
f
n
(x) = f
n
(x
0
).
Ovviamente, se ogni funzione f
n
`e `e continua in un sottoinsieme A di X,
allora anche il limite uniforme f risulta continuo in A; in particolare, se ogni
f
n
`e continua, il limite uniforme f `e anchesso continuo.
Questultimo risultato pu`o in alcuni casi essere utile per dimostrare che
una successione di funzioni non pu`o essere uniformemente convergente verso
una funzione f. Ad esempio, si consideri, per ogni n N, la funzione f
n
:
R R denita ponendo, per ogni x R, f
n
(x) : | sin(x)|
n
. Allora, la
successione di funzioni (f
n
)
nN
converge puntualmente verso la funzione f :
R R che assume il valore 1 in Z e 0 in R Z; allora, la convergenza
non pu`o essere uniforme in quanto, per ogni n N, f
n
`e continua mentre f
evidentemente non lo `e.
Si considera ora il comportamento del limite di una successione di funzioni
rispetto alle propriet`a di integrabilit`a e derivabilit`a. Si hanno i seguenti
risultati di carattere generale.
Teorema 9.2.3 (Passaggio al limite sotto il segno di integrale)
Siano a, b R con a < b ed (f
n
)
nN
una successione di funzioni reali continue
in [a, b] uniformemente convergente verso una funzione f : [a, b] R. Allora
f `e integrabile in [a, b] ed inoltre

b
a
f(x) dx = lim
n+

b
a
f
n
(x) dx .
Dimostrazione. Poich`e, per ogni n N, f
n
`e una funzione continua, dal Teorema 9.2.2
precedente segue che anche f `e continua e quindi integrabile in [a, b]. Inoltre, ssato > 0,
dalla uniforme convergenza di (f
n
)
nN
verso f, segue lesistenza di N tale che, per
ogni n e per ogni x [a, b], si abbia |f
n
(x) f(x)| /(b a); pertanto, per ogni
n , si ha

b
a
f
n
(x) dx

b
a
f(x) dx

b
a
|f
n
(x) f(x)| dx

b a

b
a
dx = ,
e ci`o, per larbitrariet`a di > 0, dimostra la tesi.
La denominazione attribuita al teorema precedente deriva dal fatto che es-
so pu`o essere espresso dicendo che il limite uniforme (se esistente) di una suc-
cessione (f
n
)
nN
di funzioni continue in un intervallo [a, b], risulta integrabile
286 Capitolo 9: Successioni e serie di funzioni
in [a, b] e si ha
lim
n+

b
a
f
n
(x) dx =

b
a
_
lim
n+
f
n
(x)
_
dx .
Teorema 9.2.4 (Passaggio al limite sotto il segno di derivata)
Siano a, b R con a < b ed (f
n
)
nN
una successione di funzioni reali
derivabili e con derivata continua in [a, b]. Si supponga che
i) La successione delle derivate (f

n
)
nN
`e uniformemente convergente ver-
so una funzione g : [a, b] R.
ii) Esiste x
0
[a, b] tale che la successione (f
n
(x
0
))
nN
sia convergente.
Allora, la successione (f
n
)
nN
`e uniformemente convergente e, denotato
con f := lim
n+
f
n
il suo limite uniforme, si ha che f `e derivabile in [a, b]
e f

= g.
Dimostrazione. Si ponga innanzitutto
0
:= lim
n+
f
n
(x
0
). Si osserva che, dal Teo-
rema 9.2.2, la funzione g deve essere continua e quindi la funzione integrale f : [a, b] R
denita ponendo, per ogni x R,
f(x) :=
0
+

x
x
0
g(t) dt
risulta derivabile e la sua derivata coincide con g.
Resta da dimostrare pertanto che la successione (f
n
)
nN
converge uniformemente verso
f.
Sia > 0; poiche (f

n
)
nN
converge uniformemente verso g, si pu`o trovare
1
N tale
che, per ogni n
1
e per ogni x [a, b], risulti |f

n
(x)g(x)| /(2(ba)); inoltre, poiche
la successione (f
n
(x
0
))
nN
converge verso
0
, esiste
2
N tale che |f
n
(x
0
)
0
| /2 per
ogni n
2
.
Allora, considerato = max{
1
,
2
}, per ogni n e per ogni x [a, b], risulta
|f
n
(x) f(x)| =

f
n
(x)
0

x
x
0
g(t) dt

x
x
0
f

n
(t) dt +f
n
(x
0
)
0

x
x
0
g(t) dt

x
x
0
|f

n
(t) g(t)| dt

+|f
n
(x
0
)
0
|


2(b a)
|x x
0
| +

2


2
+

2
= ,
e ci`o per larbitrariet`a di > 0, dimostra la tesi.
Anche in questo caso la denominazione del teorema `e giusticata dal fatto
che nelle ipotesi previste si ottiene
D
_
lim
n+
f
n
_
= lim
n+
D(f
n
) .
9.3 Serie di funzioni 287
9.3 Serie di funzioni
Si consideri un sottoinsieme non vuoto X di R e sia (f
n
)
nN
una successione
di funzioni reali denite in X; per ogni n N, si consideri la funzione
s
n
:=
n

k=0
f
k
.
Essa viene denominata somma parziale n-esima della successione di funzioni
(f
n
)
nN
e la successione (s
n
)
nN
viene denominata serieindexseriedi fun-
zioni di termine generale f
n
(oppure successione delle somme parziali della
successione di funzioni (f
n
)
nN
) e viene denotata con il simbolo
+

n=0
f
n
.
Si assume la seguente denizione.
Sia (f
n
)
nN
una successione di funzioni reali denite in un sottoinsieme
X di R. Si dice che la serie
+

n=0
f
n
(9.3.1)
`e convergente in un punto x
0
X se la successione (s
n
(x
0
))
nN
delle somme
parziali calcolate in x
0
`e una serie numerica convergente. Analogamente,
si dice che la serie (9.3.1) `e convergente puntualmente (oppure convergente
semplicemente oppure convergente) in un sottoinsieme non vuoto A di X se
la successione (s
n
)
nN
delle somme parziali `e convergente in A. Inne, si dice
che la serie (9.3.1) `e convergente (puntualmente oppure semplicemente) (in
X) se la successione (s
n
)
nN
delle somme parziali `e convergente.
Se la serie (9.3.1) `e convergente, si pu`o considerare la funzione f : X R
denita ponendo, per ogni x X,
f(x) := lim
n+
s
n
(x) (= lim
n+
n

k=0
f
k
(x)) ;
tale funzione viene denominata somma della serie di termine generale f
n
e,
per indicare ci`o, si scrive f =

+
n=0
f
n
.
Come si pu`o notare, si `e utilizzato lo stesso simbolo per indicare sia la
serie di termine generale f
n
, che la sua somma nel caso in cui essa risulti
convergente; sar`a comunque chiaro dal contesto in cui si opera se il simbolo

+
n=0
f
n
si deve intendere come la successione delle somme parziali (s
n
)
nN
oppure come il limite di tale successione di funzioni.
288 Capitolo 9: Successioni e serie di funzioni
Siano (f
n
)
nN
`e una successione di funzioni reali denite in un insieme X
e sia f : X R una ulteriore funzione. Allora, la serie

+
n=0
f
n
converge
puntualmente verso f se e solo se `e soddisfatta la seguente condizione
x X > 0 N t.c. n :

f(x)
n

k=0
f
k
(x)

.
Anche per le serie di funzioni si ha una nozione di convergenza uniforme,
di seguito precisata.
Sia (f
n
)
nN
una successione di funzioni reali denite in un insieme X e
sia f : X R una ulteriore funzione. Si dice che la serie di funzioni

+
n=0
f
n
converge uniformemente verso f e, in tal caso, si scrive
f =
+

n=0
f
n
uniformemente,
se la successione (s
n
)
nN
delle somme parziali `e uniformemente convergente
verso f.
Pertanto,

+
n=0
f
n
converge uniformemente verso f se e solo se `e soddi-
sfatta la condizione seguente
> 0 N t.c. n x X :

f(x)
n

k=0
f
k
(x)

,
che pu`o essere scritta anche al seguente modo
> 0 N t.c. n : sup
xX

f(x)
n

k=0
f
k
(x)

,
la quale a sua volta `e equivalente a
lim
n+
sup
xX

f(x)
n

k=0
f
k
(x)

= 0 ;
Da quanto visto sulla convergenza di successioni di funzioni, consegue
evidentemente che una serie di funzioni uniformemente convergente risulta
anche convergente. Le nozioni di convergenza e di convergenza uniforme non
sono tuttavia equivalenti, come si riconosce con qualche semplice esempio.
Si consideri, per ogni n N, la funzione reale f
n
: [0, 1] R denita
ponendo, per ogni x [0, 1[, f
n
(x) := x
n
e sia f : [0, 1[R denita ponendo,
per ogni x [0, 1[, f(x) := 1/(1 x).
9.3 Serie di funzioni 289
Fissato x [0, 1[, risulta lim
n+
|f(x)

n
k=0
f
k
(x)| = 0 e pertanto
la serie di termine generale f
n
converge verso f puntualmente nellintervallo
[0, 1[.
Poich`e, per ogni n N,
sup
x[0,1[

f(x)
n

k=0
f
k
(x)

= sup
x[0,1[

1
1 x

1 x
n+1
1 x

= sup
x[0,1[
x
n+1
1 x
= +,
la serie di termine generale f
n
non pu`o convergere uniformemente verso f in
[0, 1[. Tuttavia, ssato un elemento a [0, 1[, si riconosce che la convergenza
della serie `e uniforme nellintervallo [0, a].
Infatti, in questo caso risulta
sup
x[0,a]

f(x)
n

k=0
f
k
(x)

= sup
x[0,a]
x
n+1
1 x
=
a
n+1
1 a
,
in quanto la funzione x
n+1
/(1 x) `e strettamente crescente in [0, a] e quindi
assume il massimo in a. Poiche lim
n+
a
n+1
/(1 a) = 0, `e soddisfatta la
condizione di convergenza uniforme in [0, a].
Dal teorema di inversione dei limiti e dai teoremi di passaggio al limite per
le successioni di funzioni uniformemente convergenti, si ottengono i seguenti
risultati, la cui dimostrazione si ottiene in ogni caso da quella gi`a vista per le
successioni di funzioni considerando la successione delle somme parziali della
serie assegnata.
Teorema 9.3.1 (Teorema di inversione dei limiti per le serie)
Siano X un sottoinsieme non vuoto di R, x
0
un punto di accumulazione per
X ed (f
n
)
nN
una successione di funzioni reali denite in X. Si supponga
che
i) La serie

+
n=0
f
n
converge uniformemente verso una funzione f : X
R;
ii) Per ogni n N, risulta lim
xx
0
f(x) =
n
R;
Allora la serie numerica
+

n=0

n
`e convergente e posto :=
+

n=0

n
, risulta
lim
xx
0
f(x) = .
Nelle ipotesi del risultato precedente, si ha
lim
xx
0
+

n=0
f
n
(x) = lim
xx
0
f(x) = =
+

n=0

n
=
+

n=0
lim
xx
0
f
n
(x) .
290 Capitolo 9: Successioni e serie di funzioni
Teorema 9.3.2 Siano X un sottoinsieme di R, x
0
X un punto di accu-
mulazione per X ed (f
n
)
nN
una successione di funzioni reali denite in X
e continue nel punto x
0
. Se la serie

+
n=0
f
n
converge uniformemente verso
una funzione f : X R, allora anche f risulta continua nel punto x
0
.
Teorema 9.3.3 (Teorema di integrazione termine a termine)
Siano a, b R con a < b ed (f
n
)
nN
una successione di funzioni reali continue
in [a, b] tali che la serie

+
n=0
f
n
sia uniformemente convergente verso una
funzione f : [a, b] R. Allora f `e integrabile in [a, b] ed inoltre

b
a
f(x) dx =
+

n=0

b
a
f
n
(x) dx .
Nelle ipotesi del teorema precedente, si ha
+

n=0

b
a
f
n
(x) dx =

b
a
+

n=0
f
n
(x) dx .
Teorema 9.3.4 (Teorema di derivazione termine a termine)
Siano a, b R con a < b ed (f
n
)
nN
una successione di funzioni reali
derivabili e con derivata continua in [a, b]. Si supponga che
i) La serie

+
n=0
f

n
`e uniformemente convergente verso una funzione g :
[a, b] R.
ii) Esiste x
0
[a, b] tale che la serie numerica

+
n=0
f
n
(x
0
) sia convergen-
te.
Allora, la serie

+
n=0
f
n
`e uniformemente convergente e, denotato con
f :=

+
n=0
f
n
il suo limite uniforme, si ha che f `e derivabile in [a, b] e
f

= g.
Anche ora nelle ipotesi del teorema precedente si ha
D
_
+

n=0
f
n
_
=
+

n=0
D(f
n
) .
Si conclude la presente sezione introducendo alcune nozioni frequente-
mente utilizzate nello studio della convergenza delle serie di funzioni.
Sia (f
n
)
nN
una successione di funzioni reali denite in un insieme X. Si
dice che la serie di funzioni

+
n=0
f
n
di termine generale f
n
`e assolutamen-
te convergente (puntualmente oppure rispettivamente uniformemente) se la
9.3 Serie di funzioni 291
serie

+
n=0
|f
n
| di termine generale |f
n
| `e convergente (puntualmente oppure
rispettivamente uniformemente) (in X).
Ovviamente ogni serie di funzioni assolutamente convergente (puntual-
mente oppure rispettivamente uniformemente) risulta convergente (puntual-
mente oppure rispettivamente uniformemente), mentre il viceversa non vale.
Sia (f
n
)
nN
una successione di funzioni reali limitate denite in un insieme
X e si ponga che, per ogni n N, f
n
:= sup
xX
|f
n
(x)|. Si dice che la serie
di funzioni

+
n=0
f
n
di termine generale f
n
`e totalmente convergente se la
serie numerica

+
n=0
f
n
`e convergente.
(Criterio di Weierstrass per la totale convergenza) Si riconosce facilmente
che una serie di funzioni

+
n=0
f
n
`e totalmente convergente se e solo se esiste
una successione (a
n
)
nN
di numeri reali (positivi) tale che la serie numerica

+
n=0
a
n
sia convergente ed inoltre, per ogni n N e per ogni x X, risulti
|f
n
(x)| a
n
.
Ogni serie di funzioni totalmente convergente risulta anche uniformemen-
te convergente.
Si ricorda innanzitutto che una serie

+
n=0
a
n
`e convergente se e solo se la successione
(s
n
)
nN
delle sue somme parziali `e convergente e quindi se e solo se (s
n
)
nN
verica la
condizione di Cauchy, che pu`o essere scritta al modo seguente
> 0 N t.c. n , p N : |s
n+p
s
n
| ,
e da ci`o, tenendo presente che

n+p
k=n+1
a
k
=

n+p
k=0
a
k

n
k=0
a
k
= s
n+p
s
n
, si ottiene
la condizione
> 0 N t.c. n , p N :

n+p

k=n+1
a
k

.
Conseguentemente, una serie di funzioni

+
n=0
f
n
, con f
n
: X R converge pun-
tualmente (in X) se e solo se per ogni x X la serie numerica

+
n=0
f
n
(x) verica la
condizione di Cauchy precedente, e cio`e se e solo se
x X > 0 N t.c. n , p N :

n+p

k=n+1
f
k
(x)

.
Lindice previsto sopra dipende da x X oltre che da > 0. La convergenza uni-
forme della serie

+
n=0
f
n
sar`a conseguentemente caratterizzata dalla seguente condizione
di Cauchy
> 0 N t.c. n , p N x X :

n+p

k=n+1
f
k
(x)

.
A questo punto, la condizione di Cauchy per la serie

+
n=0
f
n
si esprime al modo
seguente
> 0 N t.c. n , p N :
n+p

k=n+1
f
k
,
292 Capitolo 9: Successioni e serie di funzioni
e da ci`o si ottiene la condizione
> 0 N t.c. n , p N , x X :

n+p

k=n+1
f
k
(x)

n+p

k=n+1
|f
k
(x)| ,
che `e la condizione di Cauchy per luniforme convergenza.
9.4 Serie di potenze
Si considerano ora brevemente alcune serie di tipo particolare, ma di uso
molto frequente.
Siano x
0
R ed (a
n
)
nN
una successione di numeri reali. Si denomina
serie di potenze di centro x
0
e di termine generale a
n
, n N, la seguente
serie di funzioni
+

n=0
a
n
(x x
0
)
n
(quindi, si considera la serie di funzioni

+
n=0
f
n
, dove, per ogni n N,
f
n
: R R `e denita ponendo f
n
(x) = a
n
(xx
0
)
n
per ogni x R); se n = 0
si assume per convenzione (x x
0
)
n
= 1 anche quando x = x
0
.
Lo studio della convergenza di una serie di potenze `e sostanzialmente
basato sul seguente risultato di importanza fondamentale.
Teorema 9.4.1 Siano x
0
R e (a
n
)
nN
una successione di numeri reali e
si consideri la serie di potenze

+
n=0
a
n
(x x
0
)
n
. Se la serie converge in un
punto x
1
R e se x
2
R verica la seguente condizione |x
2
x
0
| < |x
1
x
0
|
(cio`e la distanza di x
2
da x
0
`e minore di quella di x
1
da x
0
), allora la serie
`e assolutamente convergente anche nel punto x
2
. Pertanto, la serie converge
assolutamente nellintervallo ]x
0
r
1
, x
0
+ r
1
[, con r
1
:= |x
1
x
0
|.
Inoltre, la convergenza `e totale (e quindi uniforme) in ogni intervallo
[x
0
r, x
0
+ r], con 0 < r < |x
1
x
0
|.
Dimostrazione. Poich`e la serie numerica

+
n=0
a
n
(x
1
x
0
)
n
`e convergente, la successione
(a
n
(x
1
x
0
)
n
)
nN
deve essere innitesima, e conseguentemente limitata.
1
Quindi, deve
esistere M R tale che, per ogni n N, si abbia |a
n
(x
1
x
0
)
n
| M. Inoltre, per ogni
n N, risulta
|a
n
(x
2
x
0
)
n
| = |a
n
(x
1
x
0
)
n
|
|x
2
x
0
|
n
|x
1
x
0
|
n
M

x
2
x
0
x
1
x
0

n
.
1
In realt`a, si potrebbe considerare lipotesi leggermente pi` u lieve che la successione
(a
n
(x
1
x
0
)
n
)
nN
sia limitata anziche supporre che la serie

+
n=0
a
n
(x
1
x
0
)
n
sia con-
vergente ed osservare, come appena dimostrato, che la convergenza della serie implica la
limitatezza della successione (a
n
(x
1
x
0
)
n
)
nN
.
9.4 Serie di potenze 293
A questo punto, si osserva che la serie

+
n=0
|x
2
x
0
|
n
/|x
1
x
0
|
n
`e convergente in quanto
`e una serie geometrica di ragione positiva e strettamente minore di 1, e quindi si pu`o
concludere che, per il criterio di confronto delle serie numeriche a termini positivi, anche
la serie

+
n=0
|a
n
(x
2
x
0
)
n
| `e convergente e quindi

+
n=0
a
n
(x
2
x
0
)
n
`e assolutamente
convergente.
Per quanto riguarda lultima parte della tesi, sia 0 < r < |x
1
x
0
|; allora, per quanto
dimostrato la serie

+
n=0
|a
n
| r
n
`e convergente e, per ogni x [x
0
r, x
0
+ r], si ha
|a
n
(x x
0
)
n
| |a
n
| r
n
; pertanto, la serie `e totalmente convergente in [x
0
r, x
0
+r].
Dalla propriet`a precedente segue che linsieme dei numeri reali per i quali
una serie di potenze risulta convergente costituisce un intervallo di R con
centro x
0
; tale intervallo potrebbe in generale anche ridursi al solo punto x
0
oppure coincidere con tutto R e, negli altri casi, potrebbe contenere o meno
uno o entrambi gli estremi.
Per studiare in modo pi` u approfondito lintervallo di convergenza di una
serie di potenze

+
n=0
a
n
(xx
0
)
n
, conviene introdurre il raggio di convergenza
R di una serie di potenze, denito nel modo seguente
R := sup
_
[0, +[ |
+

n=0
a
n

n
`e convergente
_
. (9.4.1)
Si consideri una serie di potenze

+
n=0
a
n
(x x
0
)
n
e si denoti con R il
suo raggio di convergenza.
Si ha ovviamente R 0 e pu`o risultare eventualmente R = +. Inoltre,
dalla denizione di R e dal Teorema 9.4.1, si ottengono subito le seguenti
propriet`a di R:
1. Se R = 0, la serie converge nel punto x
0
e non converge in alcun altro
numero reale.
2. Se R = +, la serie converge puntualmente in ogni punto di R ed
inoltre la convergenza `e uniforme in ogni intervallo limitato di R.
3. Se 0 < R < +, la serie converge in ogni punto dellintervallo aperto
]x
0
R, x
0
+ R[, e non converge nei punti esterni allintervallo chiuso
[x
0
R, x
0
+ R]; nei punti x
0
R e x
0
+ R, non si pu`o dire nulla in
generale e quindi le serie
+

n=0
a
n
(x
0
R x
0
)
n
=
+

n=0
(1)
n
a
n
R
n
,
+

n=0
a
n
(x
0
+ R x
0
)
n
=
+

n=0
a
n
R
n
294 Capitolo 9: Successioni e serie di funzioni
devono essere esaminate caso per caso. Inoltre, la convergenza della
serie `e uniforme in ogni intervallo chiuso [x
0
r, x
0
+ r], con r < R.
Il Teorema di Abel, di cui per brevit`a non si riporta la dimostrazione,
asserisce che, se 0 < R < + e se la serie di potenze converge anche
nellestremo x
0
R (rispettivamente, x
0
+ R), allora la convergenza
`e uniforme in ogni intervallo [x
0
R, x
0
+ r] (rispettivamente, [x
0

r, x
0
+R]), con 0 < r < R. Se la serie di potenze converge in entrambi
gli estremi, la convergenza risulta uniforme in tutto lintervallo [x
0

R, x
0
+ R].
Viste le propriet`a precedenti, lo studio di una serie di potenze risulta quasi
completamente determinato dalla conoscenza del suo raggio di convergenza.
Per determinare il raggio di convergenza di una serie di potenze, si possono
usare i seguenti due criteri, che traggono spunto dagli analoghi criteri per le
serie numeriche.
1. (Criterio del rapporto) Assegnata la serie di potenze

+
n=0
a
n
(x
x
0
)
n
, si supponga che esista il seguente limite
lim
n+
|a
n+1
|
|a
n
|
= ;
Allora, si ha
R =
_

_
+ , = 0 ;
0 , = +;
1

, ]0, +[ .
(9.4.2)
2. (Criterio della radice), Assegnata la serie di potenze

+
n=0
a
n
(x
x
0
)
n
si supponga che esista il seguente limite
lim
n+
n

|a
n
| = ;
Allora, anche in questo caso, R viene dato dalla (9.4.2).
Dimostrazione. Infatti, per quanto riguarda la prima propriet`a, risulta
lim
n+
|a
n+1
(x x
0
)
n+1
|
|a
n
(x x
0
)
n
|
= lim
n+
|a
n+1
|
|a
n
|
|x x
0
| = |x x
0
| ,
e quindi, dal criterio del rapporto per le serie numeriche, segue che la serie `e (assolutamen-
te) convergente per |x x
0
| < 1 (cio`e |x x
0
| < 1/ se ]0, +[) ed `e assolutamente
divergente positivamente per |x x
0
| > 1. Dalle propriet`a del raggio di convergenza
segue allora la tesi in ognuno dei casi previsti.
9.4 Serie di potenze 295
La dimostrazione della seconda parte `e simile tenendo presente che
lim
n+
n

|a
n
(x x
0
)
n
| = lim
n+
n

|a
n
| |x x
0
| = |x x
0
| ,
e applicando il criterio della radice per le serie numeriche anzich`e quello del rapporto.
Nel caso in cui nessuno dei due limiti previsti nel criterio del rapporto e
della radice esista, si pu`o riconoscere che R viene comunque dato dalla (9.4.2)
con
:= limsup
n+
n

|a
n
| .
Seguono ora alcuni esempi.
1. Si consideri la serie geometrica di potenze
+

n=0
x
n
.
In questo caso a
n
= 1 per ogni n N; si pu`o allora applicare facilmente
sia il criterio della radice che del rapporto e si deduce che R = 1; quindi
la serie converge per |x| < 1 e non converge per |x| > 1; nei punti 1 e
1 si ottengono le serie
+

n=0
1 ,
+

n=0
(1)
n
che non sono convergenti (la prima `e divergente positivamente in quanto
a termini positivi). Pertanto si conclude che la serie converge puntual-
mente nellintervallo ] 1, 1[ e uniformemente in ogni intervallo [a, a]
con 0 < a < 1. In questo caso `e possibile calcolare anche la somma
della serie che, per le propriet`a della serie geometrica `e data da
+

n=0
x
n
=
1
1 x
, 1 < x < 1 .
2. Si consideri la serie di potenze
+

n=1
3
n
n
3
(x 1)
n
.
In questo caso a
n
= 3
n
/n
3
per ogni n 1 e x
0
= 1; applicando il
criterio del rapporto, si ottiene
lim
n+
3
n+1
(n + 1)
3
n
3
3
n
= 3
296 Capitolo 9: Successioni e serie di funzioni
e pertanto R = 1/3; quindi la serie converge per |x 1| < 1/3 (cio`e
nellintervallo ]11/3, 1+1/3[=]2/3, 4/3[) e non converge per |x1| >
1/3. Nel punto 2/3 si ottiene la serie
+

n=1
3
n
n
3
_
2
3
1
_
n
=
+

n=1
(1)
n
1
n
3
che converge in quanto `e una serie armonica generalizzata a segni
alterni. Inoltre, nel punto 4/3 si ottiene la serie
+

n=1
3
n
n
3
_
4
3
1
_
n
=
+

n=1
1
n
3
che `e anchessa convergente in quanto `e una serie armonica generaliz-
zata con esponente maggiore di 1. In conclusione la serie converge in
[2/3, 4/3].
3. Si consideri la serie
+

n=1
n
n
(x + 2)
n
.
Dal criterio della radice, si ha
lim
n+
n

n
n
= lim
n+
n = +
e quindi R = 0. Pertanto, la serie converge solo nel punto iniziale 2.
4. Si consideri la serie
+

n=1
(x 1)
2n
.
In questo caso i coecienti a
n
della serie di potenze sono dati da
a
n
:=
_
0 , n dispari ;
1 , n pari ;
pertanto il criterio del rapporto e quella radice non possono essere ap-
plicati; poiche i coecienti valgono alternativamente 0 e 1 si riconosce
tuttavia facilmente che limsup
n+
n

a
n
= 1 e quindi il raggio di
convergenza della serie assegnata `e 1.
9.5 Serie ottenute per derivazione ed integrazione 297
9.5 Serie ottenute per derivazione ed integra-
zione
Sia assegnata una serie di potenze
+

n=0
a
n
(x x
0
)
n
.
Allora la serie
+

n=1
na
n
(x x
0
)
n1
=
+

n=0
(n + 1) a
n+1
(x x
0
)
n
viene denominata serie ottenuta da

+
n=0
a
n
(xx
0
)
n
per derivazione, mentre
la serie
+

n=0
a
n
n + 1
(x x
0
)
n+1
viene denominata serie ottenuta da

+
n=0
a
n
(x x
0
)
n
per integrazione.
Si riconosce facilmente che
limsup
n+
n

|a
n
| = limsup
n+
n

|(n + 1) a
n+1
| = limsup
n+
n

a
n
n + 1

.
Pertanto, la serie ottenuta per derivazione e quella ottenuta per integra-
zione hanno lo stesso raggio di convergenza della serie assegnata. Tuttavia
linsieme di convergenza delle serie potrebbe dierire in quanto quella otte-
nuta per integrazione potrebbe convergere anche in un estremo in cui la serie
assegnata non converge e analogamente questultima potrebbe convergere
anche in un estremo in cui la serie ottenuta per derivazione non converge.
Invece, se una serie converge in un estremo dellintervallo di convergenza
quella da essa ottenuta per integrazione `e anchessa convergente nello stesso
estremo (in quanto ha gli stessi termini divisi per n + 1).
Ad esempio, la serie ottenuta per derivazione dalla serie geometrica `e
data da
+

n=0
(n + 1) x
n
che converge in ] 1, 1[, mentre quella ottenuta per integrazione dalla serie
geometrica `e data da
+

n=0
1
n + 1
x
n+1
298 Capitolo 9: Successioni e serie di funzioni
che converge questa volta in [1, 1[.
Si consideri una serie di potenze

+
n=0
a
n
(xx
0
)
n
e sia R il suo raggio di
convergenza; supposto R > 0, si pu`o considerare la funzione somma f : I
R denita nellintervallo di convergenza della serie. Applicando il Teorema
9.3.2, si ottiene subito che f `e sempre una funzione continua nellintervallo
]x
0
R, x
0
+ R[.
Come conseguenza del teorema di Abel (vedasi la discussione delle pro-
priet`a del raggio di convergenza) e del Teorema 9.3.2, se uno degli estremi
dellintervallo I di convergenza della serie appartiene ad I, allora la funzione
somma `e continua in tale estremo.
Inoltre, dal Teorema 9.3.4 di derivazione termine a termine, si ricava che
la funzione somma f `e innite volte derivabile in ]x
0
R, x
0
+ R[ e le sue
derivate si possono ottenere dalle serie ottenute per derivazione da quella
assegnata.
Inne, dal Teorema 9.3.3 di integrazione termine a termine, segue che,
per ogni x ]x
0
R, x
0
+ R[, si ha

x
x
0
+

n=0
a
n
(t x
0
)
n
dt =
+

n=0
a
n

x
x
0
(t x
0
)
n
dt =
+

n=0
a
n
n + 1
(x x
0
)
n+1
,
e tale uguaglianza vale anche per x = x
0
R oppure per x = x
0
+ R se la
serie di potenze converge in tali punti.
9.6 Serie di Taylor
La formula di Taylor consente di approssimare una funzione sucientemente
regolare (cio`e derivabile un certo numero di volte) in un intorno di un ssato
punto x
0
mediante opportuni polinomi che dipendono dal valore della fun-
zione e da quello delle sue derivate nel punto x
0
. Si vuole ora approfondire
tale propriet`a utilizzando le serie di potenze.
Sia I un intervallo di R e si consideri una funzione f : I R derivabile
innite volte in un punto x
0
interno ad I. La serie di potenze
+

n=0
f
(n)
(x
0
)
n!
(x x
0
)
n
, (9.6.1)
viene denominata serie di Taylor di f di punto iniziale x
0
.
Inoltre, si dice che f `e sviluppabile in serie di Taylor in I se la serie di po-
tenze (9.6.1) converge puntualmente verso f in I.
2
Una funzione sviluppabile
2
Dalle propriet`a delle serie di potenze, la convergenza sar`a automaticamente uniforme
in ogni intervallo chiuso e limitato contenuto in I.
9.6 Serie di Taylor 299
in serie di Taylor in un intorno di ogni punto interno ad I viene denominata
funzione analitica reale.
In generale non `e detto che una funzione innite volte derivabile in un
punto x
0
sia sviluppabile in serie di Taylor in un intorno di tale punto. Ad
esempio, si consideri la funzione f : R R cos` denita
f(x) :=
_
e
1/x
2
, x = 0 ,
0 , x = 0 .
Allora, `e facile vericare che f `e innite volte derivabile in R e tutte le sue
derivate sono nulle nel punto 0; pertanto, la serie di Taylor di f di punto
iniziale 0 `e la funzione nulla e coincide con f solamente nel punto 0. Quindi
f non `e sviluppabile in serie di Taylor in un intorno del punto 0.
Si vuole ora fornire un semplice criterio di sviluppabilit`a in serie di Taylor.
Esso `e basato sul fatto che se una funzione f : I R`e innite volte derivabile
in I, si pu`o applicare la formula di Taylor di ogni ordine in un punto x
0
interno
ad I e si ha, per ogni x I,
f(x) =
n

k=0
f
(k)
(x
0
)
k!
(x x
0
)
k
+
f
(n+1)
()
(n + 1)!
(x x
0
)
n+1
,
dove I `e interno allintervallo di estremi x
0
ed x e dipende da x oltre che
da n. Poich`e la somma nella formula precedente coincide con quella parziale
della serie di Taylor di f, `e chiaro che, se il resto della formula di Taylor
tende uniformemente a 0, allora f risulta sviluppabile in serie di Taylor in I.
Si ha pertanto il seguente criterio.
Teorema 9.6.1 (Criterio di sviluppabilit`a in serie di Taylor)
Sia f : I R una funzione innite volte derivabile in I e si supponga che le
sue derivate verichino la seguente condizione
c > 0 , M > 0 t.c. n N x I : |f
(n)
(x)| c M
n
. (9.6.2)
Allora f `e sviluppabile in serie di Taylor in I.
Dimostrazione. Da quanto osservato preliminarmente, considerato x
0
interno ad I, per
ogni x I e per ogni n N, risulta
f(x) =
n

k=0
f
(k)
(x
0
)
k!
(x x
0
)
k
+
f
(n+1)
()
(n + 1)!
(x x
0
)
n+1
,
con I interno allintervallo di estremi x
0
ed x. Denotata con s
n
la somma parziale
n-esima della serie di Taylor di f di punto iniziale x
0
, dalla formula precedente e dalla
condizione (9.6.2), segue
|f(x) s
n
(x)| =
|f
(n+1)
()|
(n + 1)!
|x x
0
|
n+1
c
M
n+1
(n + 1)!
|x x
0
|
n+1
.
300 Capitolo 9: Successioni e serie di funzioni
Si consideri ora la serie
+

n=0
M
n+1
(n + 1)!
|x x
0
|
n+1
;
si ha
lim
n+
M
n+2
(n + 2)! |x x
0
|
n+2
(n + 1)!
M
n+1
|x x
0
|
n+1
= lim
n+
M
n + 2
|x x
0
| = 0
e quindi, dal criterio del rapporto, essa `e convergente; da ci`o segue che il termine generale
n-esimo deve essere innitesimo, cio`e
lim
n+
M
(n+1)
(n + 1)!
|x x
0
|
n+1
= 0 ,
e quindi anche
lim
n+
|f(x) s
n
(x)| = 0 ,
da cui la tesi.
La condizione (9.6.2) `e sicuramente soddisfatta nel caso in cui le derivate
della funzione f siano equilimitate, cio`e
M > 0 t.c. n N x I : |f
(n)
(x)| M .
In base al risultato precedente, si pu`o ora considerare lo sviluppo in serie
di Taylor di alcune funzioni elementari.
9.6.1 Funzione esponenziale
Sia a > 0 tale che a = 1 e si consideri la funzione esponenziale exp
a
di base
a. Essa `e innite volte derivabile e, per ogni n N ed x R, si ha
|D
(n)
exp
a
x| = | log
n
a| exp
a
x .
Pertanto, ssato un intervallo [r, r] R, risulta, per ogni x [r, r],
|D
(n)
exp
a
x| c M
n
,
con M := | log a| e c := max{exp
a
(r), exp
a
r}.
Dal Teorema 9.6.1 e dallarbitrariet`a di r > 0, segue allora che la fun-
zione esponenziale `e sviluppabile in serie di Taylor di punto iniziale x
0
R
(x
0
arbitrario) in tutto R e uniformemente in ogni intervallo limitato. In
particolare, considerando x
0
= 0, si ottiene, per ogni x R,
exp
a
x = 1 + log a x + log
2
a
x
2
2
+ log
3
a
x
3
6
+ =
+

n=0
log
n
a
x
n
n!
.
Considerando la base di Nepero, la formula precedente diventa, per ogni
x R,
exp x = 1 + x +
x
2
2
+
x
3
6
+ =
+

n=0
x
n
n!
.
9.6 Serie di Taylor 301
9.6.2 Funzione logaritmo
Dalla serie geometrica si ricava subito il seguente sviluppo in serie, per ogni
x ] 1, 1[,
1
1 + x
= 1 x + x
2
x
3
+ =
+

n=0
(1)
n
x
n
. (9.6.3)
Allora, integrando termine a termine tra 0 ed x, dal Teorema 9.3.3 si
ottiene, per ogni x ] 1, 1[,
log(1 +x) = x
x
2
2
+
x
3
3

x
4
4
+ =
+

n=0
(1)
n
x
n+1
n + 1
.
Mentre nel punto 1 la serie precedente risulta divergente, nel punto 1
risulta invece convergente e pertanto, dal Teorema 9.3.2, si ottiene la somma
della serie armonica a segni alterni
log 2 =
+

n=0
(1)
n
1
n + 1
.
9.6.3 Funzioni seno e coseno
Poiche le funzioni seno e coseno sono innite volte derivabili e poiche, per
ogni n N ed x R,
|D
(n)
sin x| 1 , |D
(n)
cos x| 1 ,
(infatti, procedendo per induzione completa su n, si riconosce facilmente che
D
(n)
sin x = sin(x + n/2) e analogamente D
(n)
cos x = cos(x + n/2)), dal
Teorema 9.6.1, si ricava che esse sono sviluppabili in serie di Taylor di punto
iniziale x
0
R (x
0
arbitrario) in tutto R. In particolare, considerando x
0
= 0,
si ottiene il seguente sviluppo in serie delle funzioni seno e coseno, valido per
ogni x R e uniformemente in ogni intervallo limitato
sin x = x
x
3
3!
+
x
5
5!
=
+

n=0
(1)
n
x
2n+1
(2n + 1)!
,
cos x = 1
x
2
2!
+
x
4
4!
=
+

n=0
(1)
n
x
2n
(2n)!
.
302 Capitolo 9: Successioni e serie di funzioni
9.6.4 Funzione arcotangente
Considerato x
2
al posto di x nella (9.6.3), si ottiene, per ogni x ] 1, 1[,
1
1 + x
2
= 1 x
2
+ x
4
x
6
+ =
+

n=0
(1)
n
x
2n
.
Integrando termine a termine tra 0 ed x, dal Teorema 9.3.3 si ricava, per
ogni x ] 1, 1[,
arctan x = x
x
3
3
+
x
5
5

x
7
7
+ =
+

n=0
(1)
n
x
2n+1
2n + 1
.
La serie converge anche negli estremi 1 ed 1 e pertanto la convergenza `e
uniforme in [1, 1]. Dal Teorema 9.3.2, si ottiene allora il seguente sviluppo
in serie del numero

4
= arctan 1 =
+

n=0
(1)
n
1
2n + 1
= 1
1
3
+
1
5

1
7
+ . . . .
9.6.5 La serie binomiale
Si ssi R e la funzione f

(x) := (1 + x)

, denita per x ] 1, [ (se


> 0, la funzione `e denita anche in 1 e f

(1) = 0).
Essa `e derivabile innite volte in ] 1, +[ e si ha
D
n
(1 + x)

= ( 1) ( n + 1) (1 + x)
n
, x > 1 .
La formula precedente suggerisce lintroduzione del coeciente binomiale
generalizzato
_

n
_
:=
_
_
_
1 , n = 0 ,
( 1) ( n + 1)
n!
, n = 0 ,
(9.6.4)
il quale ha molte propriet`a analoghe a quelle dei coecienti binomiali e che
si omettono per brevit`a.
La serie di Taylor di f

di punto iniziale 0 `e data da


+

n=0
_

n
_
x
n
. (9.6.5)
9.6 Serie di Taylor 303
Tale serie ha raggio di convergenza 1 in quanto, dal criterio del rapporto,
lim
n+

_

n+1
_
_

n
_

= lim
n+

( n + 1)( n) n!
( n + 1) (n + 1)!

= lim
n+
n
n + 1
= 1 .
Pertanto, la serie converge puntualmente in ] 1, 1[ ed uniformemente in ogni
intervallo [r, r] con 0 < r < 1.
Per quanto riguarda la convergenza della serie binomiale (9.6.5) nei punti
estremi, si ha quanto segue
1. Se 1, la serie binomiale non converge in alcuno dei due estremi.
2. Se 1 < < 0, la serie converge (non assolutamente) in 1 ma non in
1.
3. Se > 0, la serie converge (anche assolutamente) in entrambi gli
estremi.
Per brevit`a ci si limita ad osservare che in entrambi gli estremi dal criterio di Raabe
segue la convergenza assoluta nel caso > 0 e lassoluta divergenza nel caso < 0. Se
1, la successione dei coecienti binomiali generalizzati
_

n
_
non `e innitesima e
pertanto la serie in esame non pu`o convergere. Inne, se 1 < < 0, la convergenza in 1
segue dal criterio di Leibnitz.
Si studia ora la somma della serie (9.6.5). Si denoti per brevit`a con g
la funzione somma della serie (9.6.5); dalle propriet`a delle serie di potenze
ed applicando il Teorema 9.3.4 di derivazione termine a termine, per ogni
x ] 1, 1[
g

(x) =
+

n=1
n( 1) ( n + 1)
n!
x
n1
=
+

n=1
( 1) ( n + 1)
(n 1)!
x
n1
=
+

n=0
( 1) ( 1 n + 1)
n!
x
n
=
+

n=0
_
1
n
_
x
n
;
304 Capitolo 9: Successioni e serie di funzioni
da ci`o si ottiene, utilizzando le propriet`a dei coecienti binomiali generaliz-
zati
3
(1 + x) g

(x) =
+

n=0
_
1
n
_
x
n
+
+

n=0
_
1
n
_
x
n+1
=
+

n=0
_
1
n
_
x
n
+
+

n=1
_
1
n 1
_
x
n
=
_
1 +
+

n=1
__
1
n
_
+
_
1
n 1
__
x
n
_
=
_
1 +
+

n=1
_

n
_
x
n
_
= g(x) .
Quindi la funzione g `e soluzione dellequazione dierenziale lineare omogenea
y

=

1 + x
y ,
la quale ammette come soluzione generale y = c(1 +x)

; poiche g verica la
condizione iniziale g(0) = 1 deve essere c = 1 e quindi g(x) = (1 + x)

.
Pertanto, la serie binomiale (9.6.5) converge verso la funzione f

nellin-
tervallo ] 1, 1[.
3
Nellultima uguaglianza si `e utilizzata la propriet`a
_
1
n
_
+
_
1
n 1
_
=
_

n
_
,
che `e ovvia se n = 1 mentre per ogni n 2 segue da
_
1
n
_
+
_
1
n 1
_
=
( 1)( 2) ( 1 n + 1)
n!
+
( 1)( 2) ( 1 n + 2)
(n 1)!
=
( 1)( 2) ( n)
n!
+
( 1)( 2) ( n + 1)
(n 1)!
=
( 1)( 2) ( n + 1)( n +n)
n!
=
_

n
_
.
9.7 Serie di Fourier 305
9.6.6 La funzione arcoseno
Considerando = 1/2 nella serie binomiale (9.6.5), si ottiene in particolare,
per ogni x ] 1, 1],
1

1 + x
=
+

n=0
_
1/2
n
_
x
n
= 1 +
+

n=1
(1)
n
1 3 (2n 1)
2
n
n!
x
n
= 1 +
+

n=1
(1)
n
(2n 1)!!
(2n)!!
x
n
;
scrivendo x
2
al posto di x
1

1 x
2
= 1 +
+

n=1
(2n 1)!!
(2n)!!
x
2n
.
Integrando termine a termine tra 0 ed x questultima relazione, si ottiene,
per ogni x ] 1, 1[,
arcsin x = x +
+

n=1
(2n 1)!!
(2n)!! (2n + 1)
x
2n+1
.
Si pu`o dimostrare che la serie a secondo membro converge anche negli
estremi 1 ed 1 e pertanto, considerando ad esempio x = 1, si ottiene il
seguente ulteriore sviluppo in serie del numero
= 2
_
1 +
+

n=1
(2n 1)!!
(2n)!! (2n + 1)
_
.
9.7 Serie di Fourier
Un ulteriore tipo di serie di funzioni frequentemente utilizzata per lappros-
simazione di funzioni periodiche `e costituito dalle serie di Fourier delle quali
ci si vuole occupare brevemente.
Si denomina polinomio trigonometrico di ordine n ogni funzione T : R
R denita ponendo
T(x) :=
a
0
2
+
n

k=1
(a
k
cos kx + b
k
sin kx) , x R ,
306 Capitolo 9: Successioni e serie di funzioni
con a
0
, . . . , a
n
R e b
1
, . . . , b
n
costanti reali assegnate e |a
n
| + |b
n
| > 0 (per
n = 0, si assume per convenzione b
0
= 0).
Una serie trigonometrica `e una serie di funzioni del tipo
a
0
2
+
+

n=1
(a
n
cos nx + b
n
sin nx) , x R . (9.7.1)
Quindi le somme parziali di una serie trigonometrica sono polinomi trigono-
metrici di ordine minore o uguale ad n.
Una serie trigonometrica (9.7.1) si dice serie di coseni (rispettivamente,
serie di seni ) se, per ogni n 1, si ha b
n
= 0 (rispettivamente se, per ogni
n N, si ha a
n
= 0).
Lo studio di una serie trigonometrica pu`o essere eettuato in un intervallo
di ampiezza 2 in quanto il termine generale n-esimo della serie `e sempre una
funzione periodica di periodo 2.
Se la serie (9.7.1) converge puntualmente in un intervallo di ampiezza 2,
si pu`o pertanto considerare la funzione somma f : R R denita ponendo,
per ogni x R,
f(x) :=
a
0
2
+
+

n=1
(a
n
cos nx + b
n
sin nx) ; (9.7.2)
tale funzione somma risulta essere sempre 2-periodica e, se la convergenza
`e uniforme, essa `e anche continua.
Un semplice criterio che fornisce la convergenza totale (e quindi uniforme)
della serie `e dato dalla condizione
+

n=1
(|a
n
| +|b
n
|) .
Per ottenere ulteriori criteri, si premettono alcune considerazioni.
Si supponga che la serie trigonometrica (9.7.1) converga uniformemen-
te verso una funzione f : R R. Allora, integrando termine a termine
luguaglianza (9.7.2) tra e , si ottiene
a
0
=
1

f(t) dt ,
9.7 Serie di Fourier 307
e inoltre, per ogni m N, moltiplicando entrambi i membri della (9.7.2) per
cos mx, integrando tra e e tenendo presenti le formule

cos mx cos nxdx =


_
0 , m = n ,
, m = n ,

sin mx sin nxdx =


_
0 , m = n ,
, m = n ,

sin mx cos nxdx = 0 ,


si ricava anche
a
m
=
1

f(t) cos mt dt , b
m
=
1

f(t) sin mt dt , m 1 .
(9.7.3)
Si supponga ora che sia assegnata una funzione 2-periodica f : R R.
Se f `e assolutamente integrabile in [, ], tutte le funzioni f(x) cos mx
e f(x) sin mx sono integrabili in [, ] (infatti |f(x) cos mx| |f(x)| e
|f(x) sin mx| |f(x)|) e quindi si possono considerare i coecienti a
m
e b
m
precedenti. Tali coecienti vengono denominati coecienti di Fourier di f
e la serie
1
2

f(t) dt +
1

n=1
__

f(t) cos nt dt
_
cos nx (9.7.4)
+
_

f(t) sin nt dt
_
sin nx
_
, x R ,
viene denominata serie di Fourier di f.
Inoltre, si dice che f `e sviluppabile in serie di Fourier se la serie (9.7.4) `e
convergente ed ha per somma f(x) in ogni punto x R in cui f `e continua.
Se f `e pari (rispettivamente, dispari), le funzioni f(x) cos mx sono an-
chesse pari (rispettivamente, dispari) mentre le funzioni f(x) sin mx sono
dispari (rispettivamente, pari) e pertanto si ha b
m
= 0 per ogni m 1 (rispet-
tivamente, a
m
= 0 per ogni m 0). Quindi la serie di Fourier di una funzio-
ne pari (rispettivamente, dispari) `e una serie di soli coseni (rispettivamente,
seni).
Se I `e un intervallo di R, una funzione f : I R si dice continua a
tratti se ammette al pi` u un numero nito di punti di discontinuit`a, tutte
eliminabili o di prima specie; pertanto, se f `e continua a tratti, esiste un
sottoinsieme nito H I tale che f `e continua in I H e, per ogni x
0
H,
308 Capitolo 9: Successioni e serie di funzioni
esiste ed `e nito lim
xx

0
f(x) se x
0
> inf I ed esiste ed `e nito lim
xx
+
0
f(x)
se x
0
< sup I.
Per brevit`a, nel seguito, si pone
f(x
0
) := lim
xx

0
f(x) , f(x
0
+) := lim
xx
+
0
f(x) .
Inoltre, si dice che f : I R `e una funzione regolare a tratti se `e continua
a tratti ed inoltre `e derivabile tranne al pi` u in un un numero nito di punti,
ognuno dei quali risulta di discontinuit`a di prima specie per f

.
Una funzione 2-periodica f : R R viene denominata continua a tratti
(rispettivamente, regolare a tratti ) se la sua restrizione allintervallo [, ]
risulta continua a tratti (rispettivamente, regolare a tratti).
Si osserva che una funzione 2-periodica e continua a tratti `e sicuramente
assolutamente integrabile e quindi se ne pu`o considerare la serie di Fourier.
Inoltre, se in pi` u f `e anche regolare a tratti, allora f

`e una funzione
continua a tratti e quindi si pu`o considerare anche la serie di Fourier di f

.
A questo punto si possono enunciare le seguenti propriet`a delle serie di
Fourier, di cui per brevit`a viene omessa la dimostrazione.
Teorema 9.7.1 Sia f : R R una funzione 2-periodica. Allora, valgono
le seguenti propriet`a:
1. Se f `e continua e se i suoi coecienti di Fourier sono tutti nulli, allora
f = 0.
2. Se f `e continua e se la serie di Fourier di f `e uniformemente conver-
gente, allora f `e sviluppabile in serie di Fourier.
3. Se f `e regolare a tratti, allora la serie di Fourier di f converge pun-
tualmente verso la funzione

f : R R denita ponendo, per ogni
x R,

f(x) :=
f(x+) + f(x)
2
.
Inoltre, la convergenza `e uniforme in ogni intervallo chiuso in cui f `e
continua.
In particolare, se f `e continua e regolare a tratti, allora f `e sviluppabile
in serie di Fourier.
4. Se f `e regolare a tratti e se a
m
e b
m
sono i suoi coecienti di Fourier,
allora la serie di Fourier di f

si ottiene derivando termine a termine


9.7 Serie di Fourier 309
la serie di Fourier di f e inoltre, denotati con a

m
e b

m
i coecienti di
Fourier di f

, si ha
a

0
= 0 , a

m
= mb
m
, b

m
= ma
m
, m 1 .
Analogamente, la funzione integrale F : R R denita ponendo, per
ogni x R,
F(x) :=

x
0
_
f(t)
a
0
2
_
dt ; (9.7.5)
`e continua e regolare a tratti e pertanto la serie di Fourier di F converge
uniformemente verso F. I coecienti di Fourier di F si ottengono
integrando termine a termine la serie di Fourier di f e quindi, denotati
con A
m
e B
m
i coecienti di Fourier di F, si ha
A
0
= 2
+

k=1
b
k
k
, A
m
=
b
m
m
, B
m
=
a
m
m
, m 1 . (9.7.6)
La denizione di F data nella (9.7.5) `e necessaria per ottenere la continuit`a di F (consi-
derando la condizione F() F() = 0). Inoltre il valore di A
0
nella (9.7.6) segue dal
fatto che dalla (9.7.5) deve essere F(0) = 0 e che
F(0) =
A
0
2
+
+

k=1
(A
k
cos 0 +B
k
sin 0) =
A
0
2

+

k=1
b
k
k
.
I risultati precedenti sono stati esposti per semplicit`a per funzioni 2-
periodiche. Se f : R R`e una funzione T-periodica, con T > 0, si ottengono
risultati analoghi, tenendo presente che i coecienti di Fourier di f sono in
questo caso deniti da
a
m
=
2
T

T/2
T/2
f(t) cos
2mt
T
dt , m 0 ,
b
m
=
2
T

T/2
T/2
f(t) sin
2mt
T
dt , m 1 ,
e la serie di Fourier di f `e data da
a
0
2
+
+

n=1
_
a
n
cos
2nt
T
+ b
n
sin
2nt
T
_
, x R .
Capitolo 10
Calcolo dierenziale in pi` u
variabili
10.1 Cenni sulla struttura metrica di R
n
10.1.1 Prodotti scalari e norme
Linsieme R
n
(n 1) delle n-ple di numeri reali `e dotato di una struttura
di spazio vettoriale reale mediante le seguenti operazioni, denite per ogni
x = (x
1
, . . . , x
n
) R
n
, y = (y
1
, . . . , y
n
) R
n
e R
x + y := (x
1
+ y
1
, . . . , x
n
+ y
n
) ,
x := (x
1
, . . . , x
n
) .
La base canonica di R
n
`e costituita dai vettori
e
1
, e
2
, . . . , e
n
,
dove, per ogni i, j = 1, . . . , n, la j-esima coordinata di e
i
`e 0 se i = j ed `e 1
se i = j; quindi, e
i
= (
ij
)
j=1,...,n
dove
ij
`e il simbolo di Kronecker denito
ponendo, per ogni i, j = 1, . . . , n,

ij
:=
_
1 , i = j ,
0 , i = j .
Poiche (e
i
)
i=1,...,n
`e una base di R
n
, ogni elemento x = (x
1
, . . . , x
n
) R
n
si esprime in un unico modo come combinazione lineare di e
1
, . . . , e
n
ed i
coecienti di tale combinazione lineare sono proprio le componenti di x, cio`e
x =
n

i=1
x
i
e
i
.
312 Capitolo 10: Calcolo dierenziale in pi` u variabili
Tuttavia, nel seguito si sar`a maggiormente interessati ad approfondire le
propriet`a metriche di R
n
che derivano dalla possibilit`a di introdurre in modo
naturale in R
n
un prodotto scalare.
Per maggiore chiarezza si premette la denizione generale di prodotto
scalare e qualcuna delle sue principali propriet`a; di seguito si considerer`a il
caso particolare del prodotto scalare di R
n
.
Per semplicit`a si denoter`a con K il campo R dei numeri reali oppure il
campo C dei numeri complessi.
Se E `e uno spazio vettoriale su K, si dice che una funzione (|) : EE
K `e un prodotto scalare su E se sono soddisfatte le seguenti propriet`a:
1. x, y, z E : (x + y|z) = (x|z) + (y|z) ;
2. x, y E , K : (x|y) = (x|y) ;
3. x, y E : (y|x) = (x|y) ;
4. x E : (x|x) R e (x|x) 0; inoltre (x|x) = 0 x = 0.
Lelemento (x|y) di K viene denominato prodotto scalare di x ed y.
Se (|) : EE K`e un prodotto scalare su E, allora valgono le seguenti
ulteriori propriet`a, di verica immediata:
1. x, y, z E : (z|x + y) = (z|x) + (z|y) ;
2. x, y E , K : (x|y) = (x|y) ;
3. x E : (x|0) = (0|x) = 0 .
Se (|) : E E K `e un prodotto scalare su E, allora vale la seguente
diseguaglianza di Cauchy-Schwarz, per ogni x, y E,
|(x|y)|
2
(x|x) (y|y) . (10.1.1)
Infatti, se y = 0, risulta (x|y) = 0 e quindi la propriet`a `e ovvia. Se y = 0 si ha, per
ogni R,
0 (x +y|x +y) = (x|x +y) + (y|x +y)
= (x|x) + (x|y) + (y|x) + (y|y) = (x|x) +(x|y) +(y|x) +
2
(y|y)
= (x|x) +(x|y) +(x|y) +
2
(y|y) = (x|x) + 2Re (x|y) +
2
(y|y)
(x|x) + 2|(x|y)| +
2
(y|y) .
Dunque, per ogni R, risulta 0 (x|x) + 2|(x|y)| +
2
(y|y) e ci`o comporta che il
discriminante := 4|(x|y)|
2
4(x|x)(y|y) del polinomio (x|x) + 2|(x|y)| +
2
(y|y) di
secondo grado in deve essere negativo. Quindi |(x|y)|
2
(x|x)(y|y) 0 da cui la tesi.
10.1 Cenni sulla struttura metrica di R
n
313
Se (|) : E E K `e un prodotto scalare su E, allora vale la seguente
diseguaglianza di Minkowski, per ogni x, y E,

(x + y|x + y)

(x|x) +

(y|y) .
Siano x, y E. Allora
(x +y|x +y) = (x|x) + (y|x) + (x|y) + (y|y) = (x|x) + (x|y) + (x|y) + (y|y)
= (x|x) + 2Re (x|y) + (y|y) (x|x) + 2|(x|y)| + (y|y)
(x|x) + 2

(x|x)

(y|y) + (y|y) = (

(x|x) +

(y|y))
2
,
dove nellultima diseguaglianza si `e usata la diseguaglianza di Cauchy-Schwarz. Conside-
rando inne le radici quadrate del primo ed ultimo termine delle diseguaglianze precedenti
si ottiene la tesi.
Si studia ora unulteriore nozione generale che potr`a essere messa in
relazione con lesistenza del prodotto scalare.
Se E `e uno spazio vettoriale su K, si dice che una funzione : E R
`e una norma su E se sono soddisfatte le seguenti propriet`a:
1. x E : x 0 ;
2. x E : x = 0 x = 0 ;
3. x E , K : x = || x ;
4. x, y E : x + y x +y .
Lelemento x viene denominato norma di x e la coppia (E, ) viene
denominata spazio normato su K.
Se (|) : E E K `e un prodotto scalare su E, si pu`o denire in modo
naturale una norma su E, considerando la funzione : E R denita
ponendo, per ogni x E,
x :=

(x|x) . (10.1.2)
Si verica facilmente che la funzione denita dalla (10.1.2) verica le
propriet`a previste nella denizione di norma; la verica delle propriet`a 1)-
3) delle norme `e immediata, mentre la quarta segue dalla diseguaglianza di
Minkowski. Tale norma viene denominata norma dedotta dal prodotto scalare
di E.
La norma su uno spazio vettoriale consente a sua volta di denire in
modo naturale una distanza su E. Per precisare meglio questa propriet`a, si
premette la nozione di distanza.
Se E `e un insieme arbitrario, si dice distanza su E una funzione d :
E E R vericante le seguenti propriet`a, per ogni x, y, z E,
314 Capitolo 10: Calcolo dierenziale in pi` u variabili
1. d(x, y) 0 ;
2. d(x, y) = 0 x = y ;
3. (Propriet`a simmetrica) d(x, y) = d(y, x) ;
4. (Propriet`a triangolare) d(x, z) d(x, y) + d(y, z) .
Il numero reale d(x, y) viene denominato distanza di x da y e la coppia
(E, d) viene anche denominata spazio metrico.
Se : E R `e una norma su E, si pu`o denire automaticamente una
distanza su E considerando la funzione d : EE R denita ponendo, per
ogni x, y E,
d(x, y) := x y . (10.1.3)
Si verica facilmente che le propriet`a previste nella denizione di distanza
discendono direttamente da quelle della norma. La distanza d denita dalla
(10.1.3) viene denominata distanza dedotta dalla norma di E.
Come ulteriore approfondimento, si osserva che la nozione di distanza consente di
denire quella di convergenza. Precisamente, se (E, d) `e uno spazio metrico e se (a
n
)
nN
`e una successione di elementi di E, si dice che essa converge verso un elemento E se `e
soddisfatta la seguente condizione
> 0 N t.c. n : d(a
n
, ) < .
Inoltre, si dice che (a
n
)
nN
`e una successione di Cauchy se `e soddisfatta la seguente
condizione
> 0 N t.c. n, m : d(a
n
, a
m
) < .
Si verica facilmente che ogni successione convergente verica la condizione di Cauchy.
Il viceversa non vale in generale; se accade che ogni successione di Cauchy `e anche
convergente, si dice che (E, d) `e uno spazio metrico completo.
Se la struttura dello spazio metrico (E, d) viene dedotta da una norma e se (E, d)
`e completo, allora lo spazio normato (E, ) su K viene denominato spazio di Banach
su K. Se la norma di uno spazio di Banach (E, ) su K viene dedotta da un prodotto
scalare (|), allora la coppia (E, (|)) viene denominata spazio di Hilbert su K.
Si pu`o dimostrare che la norma di uno spazio normato (E, )
deriva da un prodotto scalare se e solo se essa verica la seguente regola del
parallelogramma, per ogni x, y E,
x + y
2
+x y
2
= 2(x
2
+y
2
) .
10.1 Cenni sulla struttura metrica di R
n
315
Esempio 10.1.1 1. Sia n 1 e si consideri lo spazio vettoriale reale
R
n
. Allora la funzione (|) : R
n
R
n
R denita ponendo, per ogni
x = (x
1
, . . . , x
n
) R
n
e per ogni y = (y
1
, . . . , y
n
) R
n
,
(x|y) :=
n

i=1
x
i
y
i
(10.1.4)
`e un prodotto scalare su R
n
.
In questo caso la verica delle propriet`a del prodotto scalare `e imme-
diata.
Nel seguito, R
n
verr`a considerato sempre munito del prodotto scalare
denito dalla (10.1.4).
La norma dedotta dal prodotto scalare in R
n
`e conseguentemente de-
nita ponendo, per ogni x = (x
1
, . . . , x
n
) R
n
,
x =

_
n

i=1
x
2
i
, (10.1.5)
ed inne la distanza dedotta dalla norma `e denita ponendo, per ogni
x = (x
1
, . . . , x
n
) R
n
e y = (y
1
, . . . , y
n
) R
n
,
d(x, y) =

_
n

i=1
(x
i
y
i
)
2
. (10.1.6)
Si consideri una successione (a
m
)
mN
, a
m
= ((a
m
)
1
, . . . , (a
m
)
n
), di ele-
menti di R
n
. Si verica facilmente che essa `e convergente (rispettiva-
mente, di Cauchy) se e solo se, per ogni i = 1, . . . , n, la successione
((a
i
)
m
)
mN
`e convergente (rispettivamente, di Cauchy). Allora, dal cri-
terio di convergenza di Cauchy per le successioni di numeri reali, segue
che ogni successione di Cauchy in R
n
`e convergente e quindi (R
n
, d)
`e uno spazio metrico completo. Conseguentemente, (R
n
, ) `e uno
spazio di Banach e (R
n
, (|)) `e uno spazio di Hilbert.
2. Sia n 1 e si consideri lo spazio vettoriale complesso C
n
. Allora la fun-
zione (|) : C
n
C
n
C denita ponendo, per ogni x = (x
1
, . . . , x
n
)
C
n
e per ogni y = (y
1
, . . . , y
n
) C
n
,
(x|y) :=
n

i=1
x
i
y
i
(10.1.7)
316 Capitolo 10: Calcolo dierenziale in pi` u variabili
`e un prodotto scalare su C
n
.
Anche in questo caso la verica delle propriet`a del prodotto scalare `e
immediata.
La norma e la distanza possono essere dedotta come nel caso precedente
e si ha, per ogni x = (x
1
, . . . , x
n
) C
n
e y = (y
1
, . . . , y
n
) C
n
x =

_
n

i=1
|x
i
|
2
, (10.1.8)
e
d(x, y) =

_
n

i=1
|x
i
y
i
|
2
. (10.1.9)
Anche ora, separando le parti reali ed immaginarie, si riconosce fa-
cilmente che le successioni di Cauchy in C
n
sono convergenti e quin-
di anche C
n
`e completo come spazio metrico, di Banach come spazio
normato e di Hilbert munito del suo prodotto scalare.
3. Siano a, b R tali che a < b e si consideri lo spazio vettoriale reale
C([a, b]) delle funzioni continue sullintervallo [a, b] ed a valori in R.
Allora la funzione (|) : C([a, b]) C([a, b]) R denita ponendo, per
ogni f C([a, b]) e g C([a, b]),
(f|g) :=

b
a
f(x)g(x) dx .
risulta un prodotto scalare su C([a, b]).
La norma dedotta dal prodotto scalare viene denita ponendo, per ogni
f C([a, b]),
f =

b
a
f(x)
2
dx ,
e la distanza `e data, per ogni f, g C([a, b]), da
d(f, g) =

b
a
|f(x) g(x)|
2
dx .
Si pu`o dimostrare tuttavia che con tale distanza C([a, b]) non `e uno
spazio metrico completo.
10.1 Cenni sulla struttura metrica di R
n
317
Su C([a, b]) si pu`o anche denire la norma uniforme ponendo
f

:= sup
x[a,b]
|f(x)| , f C([a, b]) , (10.1.10)
e la distanza uniforme da essa dedotta
d

(f, g) = sup
x[a,b]
|f(x) g(x)| , f, g C([a, b]) .
Con tale distanza, lo spazio metrico (C([a, b], d

) risulta completo e
quindi (C([a, b],

) `e uno spazio di Banach. Tuttavia, in questo caso


la norma non deriva da un prodotto scalare in quanto non soddisfa la
regola del parallelogramma.
10.1.2 Sfere ed insiemi aperti e chiusi
La distanza denita dalla (10.1.6) in R
n
consente di introdurre tutte le nozioni
metriche basate su tale nozione.
Siano x
0
R
n
e sia r > 0. Si denomina sfera aperta (rispettivamente,
sfera chiusa) di centro x
0
e raggio r, il seguente sottoinsieme di R
n
B
r
(x
0
) := {x R
n
| d(x, x
0
) < r} (10.1.11)
(rispettivamente,
B

r
(x
0
) := {x R
n
| d(x, x
0
) r} . (10.1.12)
La denizione delle sfere aperte e chiuse consente di denire subito gli
insiemi limitati. Precisamente, un sottoinsieme A di R
n
si dice limitato se
esiste r > 0 tale che A B
r
(0). Si `e considerato per comodit`a il punto 0 di
R
n
, ma esso potrebbe essere sostituito con un qualsiasi altro elemento di R
n
.
Quindi gli insiemi limitati in R
n
sono i sottoinsiemi delle sfere aperte.
Sempre partendo dalla denizione delle sfere aperte e chiuse, si possono
ora introdurre le seguenti ulteriori denizioni.
1. Se A R
n
ed x
0
R
n
, si dice che A `e un intorno di x
0
se `e soddisfatta
la condizione seguente
r > 0 t.c. B
r
(x
0
) A . (10.1.13)
2. Se A R
n
ed x
0
R
n
, si dice che x
0
`e interno ad A se A `e un intorno
di x
0
e quindi se vale la condizione precedente (10.1.13).
Linsieme di tutti gli intorni di x
0
viene denotato con il simbolo I(x
0
).
318 Capitolo 10: Calcolo dierenziale in pi` u variabili
3. Un sottoinsieme A R
n
si dice aperto se ogni suo punto `e interno (o,
equivalentemente, se A `e un intorno di ogni suo punto) e quindi se vale
la condizione (10.1.13) per ogni x
0
A.
4. Se A `e un sottoinsieme arbitrario di R
n
, si denomina interno di A e lo si
denota con

A il pi` u grande sottoinsieme aperto contenuto in A. Pertan-


to

A `e costituito da tutti i soli i punti interni ad A o equivalentemente


`e lunione di tutti gli insiemi aperti contenuti in A.
Valgono le seguenti propriet`a dellinterno di un sottoinsieme A:
i)

A `e sempre un insieme aperto;


ii)

A A;
iii) A =

A se e solo se A `e un insieme aperto.


5. Un sottoinsieme C R
n
si dice chiuso se il suo complementare R
n
C
`e aperto e quindi se e solo se, per ogni punto x
0
del suo complementare
esiste una sfera aperta di centro x
0
tutta contenuta nel complementare.
6. Se C `e un sottoinsieme arbitrario di R
n
, si denomina chiusura di C
e lo si denota con C il pi` u piccolo sottoinsieme chiuso contenente C.
Pertanto C `e lintersezione di tutti gli insiemi chiusi contenenti C. La
chiusura di un sottoinsieme C pu`o anche essere espressa utilizzando la
nozione di interno di un sottoinsieme nel modo seguente
C = R
n

..
R
n
C
Valgono le seguenti propriet`a della chiusura di un sottoinsieme C:
i) C `e sempre un insieme chiuso;
ii) C C;
iii) C = C se e solo se C `e un insieme chiuso.
7. Se A `e un sottoinsieme arbitrario di R
n
, si denomina frontiera di A e
la si denota con A (oppure con Fr(A) il seguente sottoinsieme di R
n
A := A (R
n
A) .
10.1 Cenni sulla struttura metrica di R
n
319
8. Inne, si osserva che anche in R
n
pu`o essere data la denizione di punto
di accumulazione nel modo seguente. Se A `e un sottoinsieme di R
n
e
se x
0
R
n
, si dice che x
0
`e un punto di accumulazione per A se vale la
seguente condizione:
> 0 : A B

(x
0
) {x
0
} = ,
cio`e, in ogni intorno di x
0
devono esservi elementi di A diversi da x
0
.
10.1.3 Intervalli, rette e direzioni di R
n
Se a = (a
1
, . . . , a
n
) R
n
e b = (b
1
, . . . , b
n
) R
n
vericano le condizioni
a
i
b
i
, i = 1, . . . , n ,
si possono considerare gli intervalli
[a, b] := {x = (x
1
, . . . , x
n
) R
n
| i = 1, . . . , n : a
i
x
i
b
i
} ,
]a, b[ := {x = (x
1
, . . . , x
n
) R
n
| i = 1, . . . , n : a
i
< x
i
< b
i
} ,
[a, b[ := {x = (x
1
, . . . , x
n
) R
n
| i = 1, . . . , n : a
i
x
i
< b
i
} ,
]a, b] := {x = (x
1
, . . . , x
n
) R
n
| i = 1, . . . , n : a
i
< x
i
b
i
} ,
i quali vengono denominati rispettivamente intervallo chiuso (rispettivamen-
te, aperto, semiaperto a destra, semiaperto a sinistra) di estremi a e b.
Per molte questioni metriche sar`a tuttavia pi` u utile il concetto di sfera
aperta e chiusa denito nella sezione successiva.
Si denomina direzione di R
n
ogni elemento v R
n
tale che v = 1.
Si osserva che se v R
n
{0}, allora v/v `e una direzione di R
n
.
In particolare, i vettori e
i
, i = 1, . . . , n, della base canonica sono partico-
lari direzioni di R
n
.
Se v = (v
1
, . . . , v
n
) R
n
`e una direzione di R
n
e se x
0
R
n
, lequazione
della retta passante per x
0
e direzione v `e data da
x = x
0
+ tv , t R ,
ed in coordinate parametriche
_

_
x
1
= (x
0
)
1
+ tv
1
,
x
2
= (x
0
)
2
+ tv
2
,
.
.
.
x
n
= (x
0
)
n
+ tv
n
,
t R .
320 Capitolo 10: Calcolo dierenziale in pi` u variabili
Se a = (a
1
, . . . , a
n
) R
n
e b = (b
1
, . . . , b
n
) R
n
, la retta passante per a
e b ha equazione
x = a + t(b a) , t R ,
ed in coordinate parametriche
_

_
x
1
= a
1
+ t(b
1
a
1
) ,
x
2
= a
2
+ t(b
2
a
2
) ,
.
.
.
x
n
= a
n
+ t(b
n
a
n
) ,
t R .
Il segmento di estremi a e b `e invece denito come segue
S[a, b] := {x R
n
| t [0, 1] t.c. x = a + t(b a)} .
Una poligonale P di R
n
`e lunione di un numero nito di segmenti aventi a
due a due un estremo in comune; pertanto, devono esistere a
0
, . . . , a
m
R
n
(denominati vertici della poligonale) tali che P = S[a
0
, a
1
] S[a
1
, a
2
]
S[a
m1
, a
m
]. Una poligonale congiungente i punti a e b `e una poligonale
del tipo precedente con a = a
0
e b = a
m
; essa viene anche denotata con il
simbolo P[a, b] oppure con P[a
0
, . . . , a
m
] se si vogliono specicare i vertici
della poligonale.
Un sottoinsieme A di R
n
si dice connesso per poligonali se, per ogni
x, y A, esiste una poligonale P[x, y] congiungente i punti x ed y interamente
contenuta in A.
Pi` u in generale, un sottoinsieme A di R
n
si dice connesso se non `e unione
di insiemi aperti disgiunti e non vuoti; quindi A `e connesso se ogni volta che
A = A
1
A
2
con A
1
e A
2
insiemi aperti disgiunti, risulta A
1
= oppure
A
2
= .
Si pu`o dimostrare che in R
n
un sottoinsieme connesso per poligonali `e
anche connesso mentre il viceversa non vale (ad esempio, se si connettono
due insiemi connessi disgiunti mediante un arco di circonferenza si ottiene
un insieme connesso ma non connesso per poligonali). Tuttavia, Se A `e
un sottoinsieme aperto di R
n
, esso `e connesso se e solo se `e connesso per
poligonali.
1
1
Si supponga che A sia un insieme aperto non connesso per poligonali e siano a A
e b A non congiungibili con una poligonale. Si considerino gli insiemi A
1
:= {x
A | P[a, x] A} e A
2
:= {x A | P[a, x] A}; essi vericano ovviamente le
condizioni A
1
A
2
= A, A
1
A
2
= e inoltre A
1
= (infatti a A
1
) e A
2
= (infatti
b A
2
). Si riconosce ora che A
1
ed A
2
sono entrambi aperti e ci`o dimostrer`a che A non
`e connesso. Sia x
0
A
1
; poiche A `e aperto esiste > 0 tale che B

(x
0
) A; considerata
una poligonale P[a, x
0
] congiungente a ed x
0
e contenuta in A, per ogni x B

(x
0
)
10.2 Funzioni di pi` u variabili 321
Nel caso in cui si considerino poligonali costituite da un solo segmento,
si ottengono particolari insiemi connessi di seguito deniti.
Sia A un sottoinsieme di R
n
. Si dice che A `e convesso se, per ogni a, b A
il segmento S[a, b] congiungente a e b `e interamente contenuto in A.
Si osservi che un insieme convesso `e anche connesso (in quanto `e ovvia-
mente connesso per poligonali), ma il viceversa non vale. Ad esempio, il
sottoinsieme A := ([1, 0] [0, 1/2]) [0, 1]
2
`e connesso ma non convesso.
x
y
Figura 10.1: Esempio di insieme connesso ma non convesso.
10.2 Funzioni di pi` u variabili
Una funzione di n variabili reali `e una funzione denita in un sottoinsieme
di R
n
con n 1. Se tale funzione `e a valori in R essa viene denominata
funzione reale di n variabili reali.
Per molti aspetti, lo studio di una funzione di pi` u variabili pu`o essere
condotto con metodi simili a quelli utilizzati per le funzioni di una variabile
reale; ad esempio, lo studio dellinsieme di denizione e le stesse denizioni
di limite e di continuit`a per funzioni di pi` u variabili non presentano novit`a
sostanziali. Invece, il calcolo dierenziale e lo studio dei massimi e minimi
relativi ed assoluti (e vincolati) necessita di un approccio sostanzialmente pi` u
articolato rispetto a quello utilizzato per le funzioni di una sola variabile.
la poligonale costituita da P[a, x
0
] e dal segmento congiungente x
0
ed x risulta essere
interamente contenuta in A e congiunge a ed x, da cui x A
1
; quindi B

(x
0
) A
1
da
cui si deduce che A
1
`e aperto. Sia ora x
0
A
2
e come prima si consideri > 0 tale
che B

(x
0
) A; se esistesse una poligonale P[a, x] A congiungente a ed x allora la
poligonale costituita da P[a, x] e dal segmento congiungente x ed x
0
sarebbe contenuta in
A e congiungerebbe a ed x
0
, e ci`o `e escluso dal fatto che x
0
/ A
1
; pertanto x A
2
da cui
B

(x
0
) A
2
e quindi A
2
`e aperto.
322 Capitolo 10: Calcolo dierenziale in pi` u variabili
Ad esempio, si consideri la funzione di due variabili
f(x, y) := y log(xy) + x
2
e
sin(x+y)
.
Le condizioni da imporre per determinare linsieme di denizione riguardano
solamente la funzione logaritmo in quanto le altre funzioni sono denite per
qualsiasi valore reale del loro argomento. Pertanto si deve imporre xy > 0 e
quindi la funzione `e denita nel primo e nel terzo quadrante (esclusi gli assi):
X
f
:= {(x, y) R
2
| x > 0 , y > 0} {(x, y) R
2
| x < 0 , y < 0}
= ]0, +[
2
] , 0[
2
.
Si osservi che la funzione `e denita in un sottoinsieme aperto non limitato di
R
2
.
Come ulteriore esempio si consideri la funzione di tre variabili
f(x, y, z) :=

1 x
2
y
2
+ arcsin z .
Per determinare linsieme di denizione, bisogna imporre le condizioni
_
1 x
2
y
2
0 ,
1 z 1 ,
e quindi la funzione `e denita nel cilindro di R
3
che ha come base il cerchio di
centro lorigine e raggio 1 nel piano xy ed altezza lintervallo [1, 1] sullasse
z:
X
f
:= {(x, y, z) R
3
| x
2
+ y
2
1 , 1 z 1}
= {(x, y) R
2
| x
2
+ y
2
1} [1, 1] .
La funzione `e denita in un sottoinsieme chiuso e limitato di R
3
.
Viene fornita ora la denizione di limite per le funzioni di pi` u variabili.
Come si pu`o notare, essa `e del tutto analoga a quella gi`a nota per le funzioni
di una variabile reale.
Denizione 10.2.1 Siano A R
n
ed f : A R una funzione reale di pi` u
variabili reali. Se x
0
R
n
`e un punto di accumulazione per A e se R, si
dice che `e il limite di f per x tendente verso x
0
e si scrive
lim
xx
0
f(x) = , oppure lim
(x
1
,...,x
n
)((x
0
)
1
,...,(x
0
)
n
)
f(x
1
, . . . , x
n
) = ,
se `e soddisfatta le condizione seguente
I I() > 0 t.c. x A B

(x
0
) {x
0
} : f(x) I . (10.2.1)
10.2 Funzioni di pi` u variabili 323
Se R la condizione (10.2.1) `e equivalente alla seguente
> 0 > 0 t.c. x A B

(x
0
) {x
0
} : |f(x) | < , (10.2.2)
mentre se = + (rispettivamente, = ), `e equivalente alla seguente
M R > 0 t.c. x A B

(x
0
) {x
0
} : f(x) > M (10.2.3)
(rispettivamente f(x) < M ).
Vista la naturale generalizzazione della denizione di limite al caso di pi` u
variabili, molti risultati ottenuti per le funzioni di una variabile rimangono
validi anche nel caso in esame, come le propriet`a di unicit`a del limite, della
permanenza del segno, della limitatezza locale, della monotonia del limite
ed i teoremi di confronto e sulle operazioni sui limiti; non hanno invece pi` u
signicato, vista la struttura di R
n
, i limiti da sinistra e da destra ed i teoremi
riguardanti funzioni monotone (in quanto tale nozione non ha senso in pi` u
variabili). Per brevit`a, si omette in questa fase di enunciare tali risultati,
riservandosi di richiamarli in maniera pi` u dettagliata ogni qualvolta vengano
utilizzati nel seguito.
Si consideri il seguente limite
lim
(x,y)(0,1)
log(1 +x
3
y
2
)

x
2
+ (y 1)
2
.
Esso si presenta nella forma indeterminata 0/0. Sebbene sia possibile utiliz-
zare i limiti notevoli ed ottenere il limite
lim
(x,y)(0,1)
log(1 +x
3
y
2
)

x
2
+ (y 1)
2
= lim
(x,y)(0,1)
log(1 +x
3
y
2
)
x
3
y
2
x
3
y
2

x
2
+ (y 1)
2
= lim
(x,y)(0,1)
x
3
y
2

x
2
+ (y 1)
2
,
risulta comunque problematico eettuare un confronto tra i due innitesimi
al numeratore ed al denominatore.
Si pu`o allora ricorrere ad un metodo di frequente utilizzo che consiste
nelleettuare dapprima una traslazione in modo che il limite venga calcolato
nel punto (0, 0) e poi nel passaggio alle coordinate polari. Infatti, posto u := x
e v := y 1, lultimo limite diventa
lim
(x,y)(0,1)
x
3
y
2

x
2
+ (y 1)
2
= lim
(u,v)(0,0)
u
3
(1 + v)
2

u
2
+ v
2
,
324 Capitolo 10: Calcolo dierenziale in pi` u variabili
e a questo punto, posto u := cos , v := sin , si ottiene il limite
lim
0
+

3
cos
3
(1 + sin )
2

= lim
0
+

2
cos
3
(1 + sin )
2
= 0 .
Si osservi che lultima uguaglianza `e giusticata dal fatto che il limite tende
a 0 indipendente da ; infatti il fattore cos
3
(1 + sin )
2
`e limitato in un
intorno del punto = 0 e quindi
M
2

2
cos
3
(1 + sin )
2
M
2
,
con M > 0 costante opportuna; poiche lim
0
+ M
2
= 0, per confronto si
ottiene che anche il limite assegnato `e 0.
Si passa ora a considerare la nozione di continuit`a.
Denizione 10.2.2 Siano A R
n
ed f : A R una funzione reale di pi` u
variabili reali. Se x
0
A, si dice che f `e continua in x
0
se `e soddisfatta le
condizione seguente
> 0 > 0 t.c. x A B

(x
0
) : |f(x) f(x
0
)| < . (10.2.4)
Se x
0
`e un punto di accumulazione per A, la condizione precedente equiva-
le a lim
xx
0
f(x) = f(x
0
), mentre se x
0
A non `e un punto di accumulazione
per A, allora f `e automaticamente continua in x
0
.
Si dir`a poi che f `e continua in un sottoinsieme B A se `e continua in
ogni x
0
B.
Inne, si dice che f `e continua se `e continua in ogni x
0
A.
Le nozioni di continuit`a a destra ed a sinistra non hanno signicato per
le funzioni di pi` u variabili, mentre `e possibile estendere il seguente risultato,
di cui per brevit`a viene omessa la dimostrazione.
Teorema 10.2.3 (Teorema di Weierstrass in pi` u variabili)
Siano A un sottoinsieme chiuso e limitato di R
n
ed f : A R una funzione
reale continua. Allora f `e dotata di minimo e di massimo, cio`e esistono
c, d A tali che, per ogni x A, f(c) f(x) f(d).
Anche il teorema degli zeri pu`o essere generalizzato nel caso di funzioni
di pi` u variabili nel modo seguente.
Teorema 10.2.4 (Teorema degli zeri in pi` u variabili)
Siano A un sottoinsieme di R
n
ed f : A R una funzione reale continua.
Se a, b A sono tali che f(a) f(b) < 0 e se esiste una poligonale P[a, b] di
estremi a e b interamente contenuta in A, allora esiste c A (in particolare
c P[a, b]) tale che f(c) = 0.
Dimostrazione. Basta applicare il teorema degli zeri per funzioni di una variabile reale
alla restrizione di f alla poligonale P[a, b].
10.3 Derivate direzionali e parziali e dierenziabilit`a 325
10.3 Derivate direzionali e parziali e dieren-
ziabilit`a
Alcune nozioni introdotte nel seguito sono basate su propriet`a elementari
delle funzioni lineari, che per comodit`a si preferisce richiamare preliminar-
mente.
10.3.1 Funzioni lineari
Se E ed F sono spazi vettoriali su K (si ricorda che K denota linsieme dei
numeri reali R oppure quello dei numeri complessi C), una funzione lineare
da E in F `e una funzione L : E F che verica le seguenti condizioni, per
ogni x, y R
n
e K,
L(x + y) = L(x) + L(y) , L(x) = L(x) .
Una funzione lineare L : E K viene denominata anche funzionale lineare
su E.
In particolare, i funzionali lineari su R
n
sono funzioni lineari L : R
n
R.
Una propriet`a importante di tali funzionali lineari riguarda il fatto che i valori
dipendono solamente da quelli assunti sui vettori della base canonica; infatti,
per ogni x = (x
1
, . . . , x
n
) R
n
, risulta x =

n
i=1
x
i
e
i
e conseguentemente,
dalle condizioni di linearit`a,
L(x) = L
_
n

i=1
x
i
e
i
_
=
n

i=1
L(x
i
e
i
) =
n

i=1
L(e
i
) x
i
. (10.3.1)
Si deduce in particolare che due funzionali lineari che assumono lo stesso
valore sui vettori della base canonica devono necessariamente coincidere.
Considerato il vettore e
L
:= (L(e
1
), . . . , L(e
n
)), e ricordando la denizione
del prodotto scalare in R
n
, la formula precedente pu`o essere scritta come
segue
L(x) = (e
L
|x) . (10.3.2)
In generale, quindi, un funzionale lineare su R
n
`e del tipo
L(x
1
, . . . , x
n
) = a
1
x
1
+ + a
n
x
n
, (x
1
, . . . , x
n
) R
n
,
con a
1
, . . . , a
n
R costanti ssate (inoltre a
i
= L(e
i
) per ogni i = 1, . . . , n).
In particolare i funzionali lineari su R, R
2
ed R
3
assumono rispettivamente
la forma
L(x) = ax , L(x, y) = ax + by , L(x, y, z) = ax + by + cz ,
326 Capitolo 10: Calcolo dierenziale in pi` u variabili
con a, b, c R ssati ed x, y, z R.
Dallespressione ottenuta dei funzionali lineari segue subito che essi sono
funzioni continue in quanto somma di n funzioni potenza di grado 1.
Sia L : R
n
R un funzionale lineare su R
n
. Allora, linsieme dei punti

L
:= {(x
1
, . . . , x
n
, y) R
n+1
| y = L(x
1
, . . . , x
n
)} (10.3.3)
= {(x, y) R
n
R | y = (e
L
|x)}
`e un sottospazio vettoriale di R
n+1
, denominato iperpiano generato da L.
Se x
0
R
n
e se y
0
R, si pu`o considerare liperpiano
L,(x
0
,y
0
)
generato
da L e passante per (x
0
, y
0
)

L,(x
0
,y
0
)
:= {(x, y) R
n
R | y = y
0
+ L(x x
0
)} ,
:= {(x, y) R
n
R | y = y
0
+ (e
L
|x x
0
)} ,
la cui equazione `e data da
y = y
0
+ L(x x
0
) , x R
n
, y R ,
oppure, utilizzando il prodotto scalare,
y = y
0
+ (e
L
|x x
0
) , x R
n
, y R .
10.3.2 Derivate direzionali e parziali
Siano A un sottoinsieme di R
n
ed f : A R una funzione reale di n variabili
reali. Se x
0
A `e un punto interno ad A e se v R
n
`e una direzione di R
n
,
linsieme
I
x
0
,v
:= {t R | x
0
+ tv A}
contiene un intorno del punto 0.
2
Si pu`o quindi considerare la funzione
f
x
0
,v
: I
x
0
,v
R denita ponendo, per ogni t I
x
0
,v
,
f
x
0
,v
(t) = f(x
0
+ tv) ,
la quale `e denita in un intorno dello 0; tale funzione rappresenta la restri-
zione della funzione f alla retta passante per x
0
di direzione v (si osservi che
il punto x
0
si ottiene per t = 0 dallequazione della retta).
Si pu`o a questo punto assumere la seguente denizione.
2
Infatti, x
0
`e interno ad A e quindi esiste > 0 tale che B

(x
0
) A; allora, per ogni
t ] , [, risulta d(x
0
+tv, x
0
) = x
0
+tvx
0
= |t| v = |t| < e quindi ] , [ I
x
0
,v
.
10.3 Derivate direzionali e parziali e dierenziabilit`a 327
Denizione 10.3.1 Si dice che f `e derivabile in x
0
rispetto alla direzione
v se f
x
0
,v
`e derivabile in 0; in tal caso, f

x
0
,v
(0) viene denominata derivata
direzionale di f in x
0
rispetto alla direzione v e denotata con
f
v
(x
0
).
Si ha pertanto
f
v
(x
0
) := lim
t0
f
x
0
,v
(t) f
x
0
,v
(0)
t
= lim
t0
f(x
0
+ tv) f(x
0
)
t
e, denotate con (v
1
, . . . , v
n
) le componenti di v, si pu`o scrivere
f
v
(x
0
) = lim
t0
f((x
0
)
1
+ tv
1
, . . . , (x
0
)
n
+ tv
n
) f((x
0
)
1
, . . . , (x
0
)
n
)
t
.
In particolare, ssato i = 1, . . . , n, si pu`o considerare la direzione e
i
della
base canonica. In questo caso, la derivata direzionale di f in x
0
rispetto alla
direzione e
i
viene denominata derivata parziale i-esima (oppure rispetto alla
i-esima variabile) e denotata con il simbolo
f
x
i
(x
0
) .
Pertanto, da quanto osservato sopra e tenendo presente che x
0
+ te
i
=
(x
0
)
1
, . . . , (x
0
)
n
) + t(0, . . . , 1, . . . , 0) = ((x
0
)
1
, . . . , (x
0
)
i
+ t, . . . , (x
0
)
n
),
f
x
i
(x
0
) = lim
t0
f(x
0
+ te
i
) f(x
0
)
t
= lim
t0
f((x
0
)
1
, . . . , (x
0
)
i
+ t, . . . , (x
0
)
n
) f((x
0
)
1
, . . . , (x
0
)
n
)
t
.
Quindi, la derivata parziale rispetto alla variabile i-esima viene eettuata
considerando costanti le variabili diverse da quella i-esima e derivando la
funzione come se dipendesse dallunica variabile x
i
. Ci`o suggerisce un sem-
plice criterio sia per riconoscere che una funzione `e derivabile parzialmente
rispetto ad unassegnata variabile che per calcolarne la derivata parziale, uti-
lizzando gli stessi metodi e le stesse regole di derivazione gi`a viste per le
funzioni di una sola variabile reale.
Ad esempio, si consideri la funzione
f(x, y) := e
x+y
+ cos(xy) .
Fissato y R, la funzione parziale f
y
(x) := f(x, y), dipendente dalla sola
variabile x, `e derivabile in tutto R e si ha f
y
(x) = e
x+y
y sin(xy); pertanto,
328 Capitolo 10: Calcolo dierenziale in pi` u variabili
dallarbitrariet`a di y R, si conclude che f `e derivabile parzialmente rispetto
ad x in ogni (x, y) R
2
e si ha
f
x
(x, y) = e
x+y
y sin(xy) .
In modo analogo, ssato x R, la funzione parziale f
x
(y) := f(x, y), di-
pendente dalla sola variabile y, `e derivabile in tutto R e si ha f
x
(y) =
e
x+y
x sin(xy); pertanto, dallarbitrariet`a di x R, si conclude che f `e
derivabile parzialmente anche rispetto ad y in ogni (x, y) R
2
e si ha
f
y
(x, y) = e
x+y
x sin(xy) .
Se f : A R `e derivabile parzialmente rispetto ad ogni variabile in un
punto x
0
A, si pu`o considerare il gradiente di f in x
0
, denotato con f(x
0
)
(oppure con grad f(x
0
)), e denito come segue
f(x
0
) :=
_
f
x
1
(x
0
), . . . ,
f
x
n
(x
0
)
_
(10.3.4)
In generale non vi `e un legame tra le derivate parziali e le derivate di-
rezionali, per cui la conoscenza delle derivate parziali non `e suciente per
determinare tutte le derivate direzionali della funzione in un ssato punto.
In alcuni casi, tuttavia, la funzione verica una condizione pi` u forte della
sola esistenza delle derivate parziali che consente di ricavare da esse anche
le derivate rispetto ad una qualsiasi direzione. Di tale propriet`a ci si occupa
nella sezione successiva.
10.3.3 Dierenziabilit`a
Si studia ora il concetto di funzione dierenziabile di seguito introdotto.
Denizione 10.3.2 Siano A un sottoinsieme di R
n
, x
0
A un punto in-
terno ad A ed f : A R una funzione reale di n variabili reali. Si dice che
f `e dierenziabile in x
0
se esiste un funzionale lineare L : R
n
R tale che
lim
xx
0
f(x) f(x
0
) L(x x
0
)
x x
0

= 0 . (10.3.5)
10.3 Derivate direzionali e parziali e dierenziabilit`a 329
Il funzionale lineare L previsto nella denizione precedente `e unico
3
e
viene denominato dierenziale di f in x
0
e denotato con df(x
0
).
Si studiano subito alcune propriet`a delle funzioni dierenziabili.
Teorema 10.3.3 Siano A un sottoinsieme di R
n
, x
0
A un punto interno
ad A ed f : A R una funzione dierenziabile in x
0
. Allora f `e continua
in x
0
.
Dimostrazione. Dalla denizione di dierenziabilit`a e dalla continuit`a di df(x
0
) segue
subito
lim
xx
0
f(x) = lim
xx
0
_
f(x) f(x
0
) df(x
0
)(x x
0
)
x x
0

x x
0
+f(x
0
)
+df(x
0
)(x x
0
)
_
= f(x
0
) + lim
xx
0
f(x) f(x
0
) df(x
0
)(x x
0
)
x x
0

x x
0

= f(x
0
)
e quindi la tesi.
Si osservi che se f `e derivabile rispetto ad ogni direzione in x
0
non `e detto
che essa sia continua in x
0
(risulta essere continua solamente la restrizione di
f ad ogni retta passante per x
0
).
Esempio 10.3.4 Si consideri la funzione f : R
2
R denita ponendo, per
ogni (x, y) R
2
,
f(x, y) :=
_
x
2
/y , y = 0 ,
0 , y = 0 .
Si consideri il punto (0, 0) e sia v = (, ) una direzione di R
2
; allora, se
= 0, si ha
lim
t0
f(t, t) f(0, 0)
t
= lim
t0
(t)
2
/(t)
t
=

2

,
3
Infatti, si supponga che L
1
ed L
2
siano funzionali lineari vericanti la (10.3.5). Si
consideri > 0 tale che B

(x
0
) A e sia 0 < t < ; allora, per ogni i = 1, . . . , n, risulta
x
0
+t e
i
A e inoltre
L
1
(e
i
) L
2
(e
i
) =
L
1
(t e
i
) L
2
(t e
i
)
t
=
L
1
(x
0
+t e
i
x
0
) L
2
(x
0
+t e
i
x
0
)
t
=
f(x
0
+t e
i
) f(x
0
) L
2
(x
0
+t e
i
x
0
)
x
0
+te
i
x
0

f(x
0
+t e
i
) f(x
0
) L
1
(x
0
+t e
i
x
0
)
x
0
+te
i
x
0

;
quindi, considerando il limite per t 0, dalla (10.3.5) si ottiene L
1
(e
i
) = L
2
(e
i
). Poiche
i = 1, . . . , n `e arbitrario, i funzionali lineari L
1
ed L
2
coincidono sui vettori della base
canonica e quindi devono essere uguali.
330 Capitolo 10: Calcolo dierenziale in pi` u variabili
mentre, se = 0, risulta
lim
t0
f(t, t) f(0, 0)
t
= 0 ;
dunque, f `e derivabile rispetto ad ogni direzione nel punto (0, 0) e si ha
f
v
(0, 0) =
_

2
/ , = 0 ,
0 , = 0 ,
v = (, ) .
Tuttavia f non `e continua in (0, 0) in quanto, ad esempio, sulla curva di
equazione y = x
2
, passante per (0, 0), assume il valore 1 in ogni punto diverso
da (0, 0) mentre in (0, 0) assume il valore 0.
In realt`a, sempre con riferimento allesempio considerato, lesistenza delle derivate
direzionali comporta la continuit`a in 0 della restrizione di f ad ogni retta passante per
lorigine; questo, in termini analitici, vuol dire che, ssato > 0 e ssata una direzione
v = (, ) di R
2
, esiste > 0 tale che, per ogni t ] , [, si abbia |f(t, t) f(0, 0)| < ;
tuttavia, in questo caso il numero > 0 dipende dalla direzione oltre che da (si pu`o
riconoscere facilmente che, imponendo la condizione |(t)
2
/(t)| = |f(t, t) f(0, 0)| <
deve essere = / per ogni = 0) e quindi non `e possibile considerare una sfera di centro
lorigine in cui vale la diseguaglianza |f(x, y) f(0, 0)| < .
La dierenziabilit`a di una funzione in un punto comporta lesistenza in tal
punto di tutte le derivate direzionali; inoltre, le derivate direzionali possono
essere espresse mediante il dierenziale, come dimostra il seguente risultato.
Teorema 10.3.5 Siano A un sottoinsieme di R
n
, x
0
A un punto interno
ad A ed f : A R una funzione dierenziabile in x
0
. Allora, per ogni
direzione v R
n
di R
n
, f `e derivabile in x
0
rispetto alla direzione v e si ha
f
v
(x
0
) = df(x
0
)(v) . (10.3.6)
Dimostrazione. Per dimostrare la tesi `e suciente riconoscere che
lim
t0
f(x
0
+tv) f(x
0
)
t
= df(x
0
)(v) ;
dalla denizione di dierenziabilit`a segue, ponendo x = x
0
+tv,
lim
t0
f(x
0
+tv) f(x
0
) df(x
0
)(tv)
tv
= 0 ,
e quindi, dalla linearit`a di df(x
0
), dalla limitatezza del rapporto t/|t| per ogni t = 0 e
tenendo presente che tv = |t| v = |t|, si ha anche
lim
t0
_
f(x
0
+tv) f(x
0
)
t
df(x
0
)(v)
_
= lim
t0
f(x
0
+tv) f(x
0
) t df(x
0
)(v)
t
= lim
t0
f(x
0
+tv) f(x
0
) df(x
0
)(tv)
tv
|t|
t
= 0 ,
10.3 Derivate direzionali e parziali e dierenziabilit`a 331
da cui segue direttamente la tesi.
Il viceversa del risultato precedente non vale in generale e quindi una
funzione potrebbe essere derivabile rispetto ad ogni direzione in un punto pur
non essendo dierenziabile in tale punto; ad esempio, la funzione considerata
nellEsempio 10.3.4 `e derivabile rispetto ad ogni direzione in (0, 0), ma non
pu`o essere dierenziabile in tale punto altrimenti, per il Teorema 10.3.3,
dovrebbe essere continua in (0, 0).
In particolare il risultato precedente asserisce che una funzione dieren-
ziale in x
0
`e dotata in tal punto anche di tutte le derivate parziali e dalla
(10.3.6) si ha, per ogni i = 1, . . . , n,
f
x
i
(x
0
) = df(x
0
)(e
i
) . (10.3.7)
Quindi i valori che il dierenziale assume nei vettori della base canonica sono
proprio le derivate parziali di f in x
0
; ricordando che tali valori determinano
univocamente il dierenziale, dalle espressioni (10.3.1) e (10.3.2) si ottiene la
seguente espressione del dierenziale, per ogni x = (x
1
, . . . , x
n
) R
n
,
df(x
0
)(x) =
n

i=1
f
x
i
(x
0
) x
i
= (f(x
0
)|x) . (10.3.8)
Utilizzando la denizione del gradiente di f in x
0
data dalla (10.3.4), il dierenziale
assume anche la seguente espressione
df(x
0
)(x) = (f(x
0
)|x) , x R
n
,
e la condizione di dierenziabilit`a si pu`o anche scrivere nel modo seguente
lim
xx
0
f(x) f(x
0
) (f(x
0
)|x x
0
)
x x
0

= 0 .
In particolare, dalla (10.3.8) si ricava, per ogni direzione v = (v
1
, . . . , v
n
)
di R
n
,
f
v
(x
0
) =
n

i=1
f
x
i
(x
0
) v
i
, (10.3.9)
e quindi, se f `e dierenziabile in x
0
, tutte le derivate direzionali in x
0
si
esprimono come combinazione lineare delle derivate parziali in x
0
. Pi` u pre-
cisamente, la propriet`a (10.3.9) esprime il fatto che le derivate direziona-
li sono coecienti angolari di rette in R
n+1
passanti per (x
0
, f(x
0
)) che si
332 Capitolo 10: Calcolo dierenziale in pi` u variabili
trovano tutte sullo stesso piano, denominato piano tangente al graco del-
la funzione f nel punto x
0
; tale piano, per le propriet`a generali dei fun-
zionali lineari, ha equazione y = f(x
0
) + df(x
0
)(x x
0
) (oppure anche
y = f(x
0
) + (f(x
0
)|x x
0
)) oppure, ancora pi` u esplicitamente,
y = f(x
0
) +
n

i=1
f
x
i
(x
0
) (x
i
(x
0
)
i
) , x = (x
1
, . . . , x
n
) R
n
, y R ,
ed `e univocamente individuato dal valore della funzione in x
0
e da quello
delle sue derivate parziali in x
0
.
Si osservi che per n = 1 si ottiene lequazione gi`a nota della retta tangente
al graco di f nel punto (x
0
, f(x
0
)).
Da quanto osservato, segue che la dierenziabilit`a di una funzione fornisce
tutte le informazioni sulle derivate direzionali in x
0
utilizzando solamente
quelle sulle derivate parziali che, come si `e visto, possono essere studiate e
calcolate utilizzando gli strumenti gi`a a disposizione per le funzioni di una
sola variabile reale.
Pertanto, a questo punto `e particolarmente utile avere a disposizione dei
criteri di dierenziabilit`a che utilizzino le stesse derivate parziali.
Teorema 10.3.6 (Teorema del dierenziale totale)
Siano A un sottoinsieme di R
n
, x
0
A un punto interno ad A ed f : A R
una funzione di n variabili reali tale che
i) esiste > 0 tale che, per ogni x B

(x
0
), f sia derivabile parzialmente
rispetto ad ogni variabile in x;
ii) le derivate parziali
f
x
1
, . . .
f
x
n
,
sono continue in x
0
.
Allora f `e dierenziabile in x
0
.
Dimostrazione. Per brevit`a, si dimostra la tesi nel caso in cui f sia una funzione di due
variabili reali derivabile parzialmente rispetto ad x e rispetto ad y in ogni elemento della
sfera B

(x
0
, y
0
) con derivate parziali continue in (x
0
, y
0
). Bisogna allora dimostrare che
lim
(x,y)(x
0
,y
0
)
f(x, y) f(x
0
, y
0
)
f
x
(x
0
, y
0
) (x x
0
)
f
y
(x
0
, y
0
) (y y
0
)

(x x
0
)
2
+ (y y
0
)
2
= 0 .
10.3 Derivate direzionali e parziali e dierenziabilit`a 333
A tal ne, si ssi > 0 e, dalla continuit`a delle derivate parziali in (x
0
, y
0
), si considerino

1
> 0 e
2
> 0 tali che
(x, y) B

1
(x
0
, y
0
) :

f
x
(x, y)
f
x
(x
0
, y
0
)

<

2
,
(x, y) B

2
(x
0
, y
0
) :

f
y
(x, y)
f
y
(x
0
, y
0
)

<

2
.
Si ponga ora
0
= min{,
1
,
2
}; si passa a riconoscere che, per ogni (x, y) B

0
(x
0
, y
0
),
si ha

f(x, y) f(x
0
, y
0
)
f
x
(x
0
, y
0
) (x x
0
)
f
y
(x
0
, y
0
) (y y
0
)

(x x
0
)
2
+ (y y
0
)
2
<
e ci`o completer`a la dimostrazione.
Sia (x, y) B

0
(x
0
, y
0
) e si supponga x = x
0
e y = y
0
. Denotati con I(x
0
, x) e
rispettivamente I(y
0
, y) gli intervalli aperti di estremi x
0
ed x e rispettivamente y
0
ed y,
si considerino le funzioni
1
:

I(x
0
, x) R e
2
:

I(y
0
, y) R denite ponendo
t

I(x
0
, x) :
1
(t) = f(t, y) , s

I(y
0
, y) :
2
(s) = f(x
0
, s) .
Si osservi che, per ogni t

I(x
0
, x) si ha (t, y) B

0
(x
0
, y
0
) e analogamente, per ogni
s

I(y
0
, y), si ha (x
0
, s) B

0
(x
0
, y
0
) e quindi
1
e
2
sono derivabili e si ha
t

I(x
0
, x) :

1
(t) =
f
x
(t, y) , s

I(y
0
, y) :

2
(s) =
f
y
(x
0
, s) .
Dal teorema di Lagrange (Teorema 7.2.3 per le funzioni di una variabile), esistono
I(x
0
, x) ed I(y
0
, y) tali che

1
(x)
1
(x
0
) = (x x
0
)

1
() ,
2
(y)
1
(y
0
) = (y y
0
)

2
() ,
da cui
f(x, y) f(x
0
, y) = (x x
0
)
f
x
(, y) , f(x
0
, y) f(x
0
, y
0
) = (y y
0
)
f
y
(x
0
, ) .
Tenendo inne presente che
|x x
0
|

(x x
0
)
2
+ (y y
0
)
2
=

(x x
0
)
2
(x x
0
)
2
+ (y y
0
)
2
1 ,
|y y
0
|

(x x
0
)
2
+ (y y
0
)
2
=

(y y
0
)
2
(x x
0
)
2
+ (y y
0
)
2
1 ,
334 Capitolo 10: Calcolo dierenziale in pi` u variabili
si ottiene

f(x, y) f(x
0
, y
0
)
f
x
(x
0
, y
0
) (x x
0
)
f
y
(x
0
, y
0
) (y y
0
)

(x x
0
)
2
+ (y y
0
)
2

f(x, y) f(x
0
, y)
f
x
(x
0
, y
0
) (x x
0
)

(x x
0
)
2
+ (y y
0
)
2
+

f(x
0
, y) f(x
0
, y
0
)
f
y
(x
0
, y
0
) (y y
0
)

(x x
0
)
2
+ (y y
0
)
2

f
x
(, y)
f
x
(x
0
, y
0
)

|x x
0
|

(x x
0
)
2
+ (y y
0
)
2
+

f
y
(x
0
, )
f
y
(x
0
, y
0
)

|y y
0
|

(x x
0
)
2
+ (y y
0
)
2
<

2
|x x
0
|

(x x
0
)
2
+ (y y
0
)
2
+

2
|y y
0
|

(x x
0
)
2
+ (y y
0
)
2


2
+

2
= .
Inne si osserva che se (x, y) = (x
0
, y
0
) la diseguaglianza precedente `e ovvia, mentre se
x = x
0
e y = y
0
oppure x = x
0
e y = y
0
, si pu`o procedere in maniera del tutto analoga
considerando solamente la funzione
2
oppure
1
.
Gli esempi seguenti mettono in evidenza il fatto che le condizioni fornite
dal teorema precedente sono solamente sucienti e non necessarie per as-
sicurare la dierenziabilit`a; pertanto, nei casi in cui le ipotesi del teorema
precedente non siano soddisfatte bisogna procedere ad una verica diretta
della dierenziabilit`a.
Esempi 10.3.7 1. Si consideri la funzione f : R
2
R denita ponendo,
per ogni (x, y) R
2
,
f(x, y) := |xy| .
Per ogni (x
0
, y
0
) R
2
, si ha
lim
t0
f(x
0
+ t, y
0
) f(x
0
, y
0
)
t
= |y
0
| lim
t0
|x
0
+ t| |x
0
|
t
e quindi f `e derivabile parzialmente rispetto ad x in A
x
:= {(x
0
, y
0
)
R
2
| x
0
= 0} {(0, 0)} ed in ognuno di tali punti si ha
f
x
(x
0
, y
0
) = |y
0
| ;
analogamente, essendo
lim
t0
f(x
0