Sei sulla pagina 1di 12

BIOMECCANICA IN

MTB
trovare la giusta misura

Associazione Sportiva "TEAM FUORI GIRI"


VIA MARCONI, 196 - 16011 - ARENZANO - GE
Tel./Fax: 010 9110318 - info@teamfuorigiri.com

Indice
La misura del telaio..
o Quale unit di misura.
o Come misurare il telaio..
o Misurare il piantone
Sella e pedali..
o La posizione delle tacchette.
o Altezza della sella..
o Arretramento della sella
o Distanza sella-manubrio
Le misure del telaio..
o Angolo del piantone...
o Altezza del tubo piantone..
o Lunghezza del tubo orizzontale...

pag
pag
pag
pag
pag
pag
pag
pag
pag
pag
pag
pag
pag

3
3
4
4
5
5
6
7
8
10
10
10
11

LA GIUSTA MISURA DEL TELAIO


La corretta posizione sulla bici un fattore determinante per poter sviluppare il
massimo dellefficienza e trasmettere ai pedali tutta la potenza disponibile, senza
dispersioni di energia. La ricerca della posizione ottimale utile sia per i ciclisti pi
esperti che per i principianti.
E pertanto chiaro che sia coloro che gi pedalano da anni e hanno affinato la loro
posizione attraverso il classico processo di tentativi ed errori, sia i principianti senza
esperienza, possono evitare grossolani errori di posizione sulla bici semplicemente
seguendo le istruzioni che riportiamo in questo articolo. Tenteremo dunque di capire
quale deve essere la posizione degli appoggi sulla bici, ovvero calzature, sella e
manubrio, definiti i quali la scelta della taglia del telaio diventer praticamente
automatica. Pur se apparentemente questo tipo di approccio sembra contrario alla
logica e alla pratica comune, occorre soffermarsi sullimportanza determinante della
posizione relativa dei tre punti di contatto del ciclista con la bici: questi tre punti
descrivono un triangolo la cui lunghezza dei lati caratteristica per ognuno di noi. Nel
momento in cui si sar definita la triangolazione di appoggio ideale, al suo interno
sar possibile posizionare il telaio che meglio le si adatta.
Quale unit di misura?
A proposito di biciclette sentirete parlare in diverse lingue per quanto riguarda le
misurazioni.
L'unit di misurazione classica rappresentata dal sistema metrico decimale.
Le misure dei telai vengono considerate in centimetri e nella definizione di "taglia" di
un telaio si fa riferimento solitamente al tubo piantone.
Le mountain bike portano con s l'impronta americana e si far riferimento ai loro
telai con la misurazione in pollici ( un pollice equivale a 2,54 cm) che fa sempre
riferimento al tubo piantone.
Si tenga conto della geometria sloping (inclinato) del telaio per evitare di incorrere
in incomprensioni (Per un telaio sloping occorre sottrarre almeno due centimetri
dalla misura del piantone di una bicicletta tradizionale a piantone orizzontale).
Infine ci sono le taglie definite in Small, Medium e Large (S, M, L) con tutte le loro
varianti (XS, XXS, XL e cos via a seconda dell'assortimento dell'offerta) cos come
avviene per i capi di abbigliamento.
Queste non fanno riferimento ad un misura precisa tradotta in centimetri o
pollici ma comprendono un serie di misure cui quel telaio si pu adattare.
Viene da s che questo tipo di misurazione utilizzato per biciclette non su misura e
comunque di livello non al top della produzione.

Come misurare il telaio

A - Lunghezza tubo piantone ( la misura che si considera solitamente quando si dice


la taglia di un telaio).
B - Lunghezza effettiva del tubo superiore.
B1 - Lunghezza del tubo superiore virtuale per i telai sloping, nei telai di geometria
tradizionale questa misura coincide con la lunghezza effettiva.
Po - Posteriori orizzontali.
P - Passo (interasse)
H - Altezza da terra
Av - Avantreno.
Ac - Avancorsa , la misura che intercorre tra la proiezione a terra del mozzo
anteriore con il prolungamento a terra del tubo di sterzo
R - Rake , la distanza che intercorre tra il centro del forcellino anteriore e la retta
passante per il centro del tubo di sterzo
S - Tubo di sterzo.
Sc - Scostamento.
a - Inclinazione del tubo superiore.
b - Inclinazione del piantone
c - Inclinazione del tubo di sterzo.
Misurare il piantone
Centro - fine del tubo superiore
Quella che si sta affermando sempre di pi la
misurazione che considera la fine del tubo
superiore: il riferimento opposto alla scatola del
movimento centrale non pi il centro del tubo
superiore ma la sua estremit pi alta in modo da
escluderne le differenze dovute alle dimensioni.

SELLA E PEDALI
La prima parte del posizionamento riguarda i due punti fondamentali che coinvolgono
lefficienza della pedalata: sella e pedali. Poich i pedali sono in una posizione fissa
rispetto alla bicicletta (eccetto che nelle full suspended di tipo URT), occorre rilevare
la posizione della sella rispetto a questi, ovvero la sua distanza e il suo arretramento,
nonch la posizione della scarpa rispetto al pedale. E necessario procedere con un
ordine prestabilito per poter ottenere un risultato corretto, per cui bisogna seguire
alla lettera le istruzioni che seguono.

1. LA POSIZIONE DELLE TACCHETTE

Dato per certo che state utilizzando un modello di pedale a sgancio rapido di tipo
SPD, saprete che la tacchetta metallica fissata con due viti a brugola sul fondo della
calzatura, e che due asole sulla suola permettono di spostare la tacchetta per un paio
di centimetri avanti o indietro. Quando si posizionano le tacchette sulla suola
necessario tenere in considerazione due importanti condizioni: lottimale trasmissione
sul pedale e la posizione del piede in relazione al cerchio descritto dal pedale, ovvero
alla direzione del movimento. Ricerche biomeccaniche hanno dimostrato che la
trasmissione della potenza ottimale quando larticolazione tra metatarso e alluce
esattamente sullasse del pedale. Losso pi sporgente allinterno del piede in
corrispondenza dellarticolazione del metatarso (fig. 1), che pu essere trovata
osservando una piega della pelle che si forma quando si solleva lalluce verso lalto,
oppure premendo con le dita sulla parte superiore dellalluce mentre lo si muove.
Il metodo pi semplice per posizionare questarticolazione sullasse del pedale
quello di indossare una delle due scarpe con le tacchette fissate in una posizione
casuale, salire in bici e agganciare il pedale. Facendosi poi aiutare da un amico,
posizionare sia la leva della guarnitura che il pedale in posizione perfettamente
orizzontale (in genere, quando il pedale orizzontale il tacco della scarpa pi alto
del pedale). A questo punto lamico preme contro la parte laterale interna della
scarpa per trovare losso sporgente del metatarso, controllando la sua posizione
rispetto allassale. Una posizione errata comporta la necessit di dover allentare le
tacchette e riposizionarle fino a che non si trovi la posizione esatta.
Un metodo ancora piu preciso Il seguente un metodo ancora pi preciso:
segnare sulla pelle del piede con una penna la posizione esatta dellarticolazione,
appoggiare una sfera da cuscinetto di qualche millimetro di diametro sul segno e
fissarla con del nastro adesivo. Infilata la scarpa sar possibile
sentire chiaramente il punto in cui la sfera schiaccia la pelle e
contemporaneamente deforma esternamente la scarpa. Con la
penna marcare questo punto sulla tomaia, in modo che la sua
posizione corrisponda esattamente allarticolazione. Togliere la
fastidiosa sferetta, montare in bici e ripetere la procedura del
metodo precedente, col vantaggio di trovare sulla scarpa un segno
di riferimento molto preciso. Da ripetete, ovviamente, la stessa
procedura per il piede sinistro

Importante!

Misurate ora la distanza delle due tacchette dalla punta della


scarpa: a causa di una diversa lunghezza dei due piedi, le
tacchette potrebbero essere state fissate a distanze diverse. Nel
caso in cui la distanza sia diversa, molto importante spostare
ambedue le tacchette per mediare la differenza: tacchette
posizionate a distanze diverse possono produrre distorsioni delle
5

anche e portare a serie conseguenze.


Poich le tacchette offrono la possibilit di uno spostamento laterale, buona norma
posizionarle in modo che la scarpa sia il pi vicino possibile al centro della bici, in
modo da ridurre il Fattore Q, che nelle mtb sappiamo essere maggiore di quello
delle bici da strada.

2. ALTEZZA DELLA SELLA

Laltezza della sella determinata da molti fattori: altezza del cavallo, lunghezza del
piede, lunghezza della leva della guarnitura, spessore della suola della scarpa,
spessore del pedale. Il classico sistema di misurare laltezza del cavallo e di
moltiplicarla per un numero fisso (il sistema pi comune usa come moltiplicatore
0.885) ha un valore relativo, in quanto non tiene conto delle variabili appena
elencate. Questi moltiplicatori furono determinati molti anni fa per la bici da corsa
strada, ove la lunghezza della guarnitura era la classica da 170 mm e il pedale di tipo
Look, mentre le nostre mtb montano pedali di tipo SPD e, nella maggior parte dei
casi, lunghezze di guarnitura di 175 mm. Poich lo spessore dei pedali di tipo SPD
pu variare dai 12 ai 16 mm (da centro assale ad appoggio suola), mentre un pedale
stradale di tipo Look alto ben 24 mm, il classico moltiplicatore utilizzato per la bici
da strada porterebbe a una distanza sella-pedali troppo elevata: ovvio a questo
punto che il classico calcolo valido per le bici da strada non pu essere utilizzato per
le mtb.

Un sistema empirico, ma piuttosto preciso, il seguente: salire in sella,

agganciare i pedali e, aiutati da un amico che ci mantiene in equilibrio, pedalare


in senso antiorario fino a trovare la posizione ideale sulla sella; estendere
completamente una delle
due gambe, senza spostare
il bacino sulla sella, in
modo che la leva della
guarnitura sia il diretto
prolungamento del tubo
piantone (fig. 2); con
laltezza di sella corretta, in
questa
posizione
il

pedale deve essere


orizzontale (parallelo)
rispetto al terreno

(attenzione: il pedale, non


il piede, visto che lo scarpino sagomato per tenere il piede in posizione naturale
di spinta e non piatto); ripetere con la gamba opposta.
Nel caso in cui le due misurazioni dovessero portare a due diverse altezze di sella,
si pu tentare di ovviare al problema, fin dove possibile, aggiungendo o
togliendo le solette allinterno delle scarpe. Nel caso in cui la differenza di
lunghezza degli arti sia superiore a questa correzione, posizionare la sella
allaltezza della gamba pi corta.
Un vantaggio di questo sistema il comprendere anche la naturale cedevolezza
della sella altrimenti impossibile da valutare a tavolino. Ogni sella, infatti, quando
subisce il peso del ciclista ne assorbe leggermente la forma facendo, di fatto,
abbassare la seduta. Ovviamente ogni modello di sella si comporta in maniera
differente e anche col tempo questa cedevolezza pu andare ad aumentare.

Volete invece calcolare laltezza della sella tenendo conto dellaltezza del cavallo?
6

Consideriamo che la lunghezza della guarnitura sia di 175 millimetri, che laltezza
del pedale sia di 13 mm e che lo spessore della suola della scarpa (da appoggio
interno del piede a piano di appoggio della tacchetta ) sia di 13 mm.
Misuriamo ora laltezza del cavallo - A piedi nudi, appoggiati di schiena al
muro, inserite il dorso di un libro di circa 3 cm di spessore nellinguine, e spingete
verso lalto comprimendo la zona perineale; scostatevi dal muro lasciando il libro
in posizione, e misurate laltezza da terra (esempio: 835 mm); la misura trovata
non quella scheletrica, in quanto tra il libro e le ossa del bacino rimane uno
strato di tessuto muscolare e di pelle, per cui possiamo sommare a questa misura
altri 15 mm (stesso esempio: 835+15 = 850 mm); moltiplicare il risultato della
somma
per
0.885
(esempio: 8500.885 =
725 mm).
Il risultato ottenuto la
misura che unisce il
centro del bullone di
fissaggio
della
guarnitura al centro
anatomico della sella.
Il centro anatomico della
sella, per convenzione,
un punto che sta a 120
mm dal retro della
sella: marcare con una
penna il centro anatomico della sella e misurare la linea che collega la sua
proiezione al centro del movimento (fig. 3); nel caso in cui la lunghezza della
guarnitura, laltezza del pedale o della suola siano diverse da quelle convenzionali
utilizzate in questo articolo, occorre aumentare o diminuire laltezza della
sella conseguentemente.
Volendo calcolare laltezza del vostro pedale, potete misurare col calibro lo
spessore totale tra gli appoggi cromati degli agganci, e dividere questa misura per
due. La formula non tiene conto della lunghezza del piede: chiaro infatti che un
piede lungo determina una maggiore altezza di sella, mentre vale il contrario per
un piede corto. Questa formula stata calcolata per un piede medio, che calza
scarpe di misura 41-42.

3. ARRETRAMENTO DELLA SELLA

Determinata laltezza della sella con uno o ambedue i sistemi, occorre assicurarle una
posizione antero-posteriore che permetta di sfruttare al meglio la potenza dei nostri
arti. Test effettuati su macchine che misurano la potenza applicata ai pedali hanno
ormai scientificamente dimostrato che lottimale trasmissione della potenza avviene
quando una serie di punti delle articolazioni della gamba trovano un loro preciso
allineamento. I punti che interessano la nostra analisi sono:
1. lappoggio del bacino sulla sella,
2. la posizione dellarticolazione del ginocchio rispetto alla sua verticale
sullasse del pedale,
3. la posizione del metatarso rispetto allasse del pedale.
Per trovare la corretta posizione in sella occorre innanzitutto disporre di un pavimento
perfettamente orizzontale (controllatelo con una livella) e di un amico che ci aiuti a
tenere la bici in equilibrio.
7

Salire in bici

1. Salire in bici, aiutati dallamico a mantenerla in equilibrio; pedalare allindietro


abbastanza velocemente
per trovare la posizione
pi naturale sulla sella: in
tal modo si posiziona il
primo dei punti elencati
precedentemente, il bacino
sulla sella.
2. Mantenendo sempre la bici
in equilibrio, lamico deve
ora posizionare sia la leva
della guarnitura che il
pedale perfettamente
orizzontali (il tacco
della scarpa sar pi alto
del punto di aggancio al
pedale).
Il vostro aiutante dovr ora far scendere un filo a piombo dalla prominenza ossea
che si trova appena dietro la rotula (articolazione femoro-peroneale), e controllare
dove passa il filo rispetto al pedale: lallineamento deve essere esattamente
sullasse del pedale.
Spostare la sella avanti o indietro sulla sua slitta, e riprovare la posizione e
lallineamento con il filo a piombo, sino a che il filo non passi esattamente
sullassale del pedale. In questo modo abbiamo analizzato il secondo punto della
procedura indicata precedentemente;
3. il punto successivo della procedura elencata allinizio di questo capitolo gi stato
soddisfatto nel capitolo precedente, per cui ora siamo sicuri che la trasmissione
della potenza dalle gambe al pedale avverr con il minimo di dispersione possibile.
Avvertenza: a causa delle sospensioni anteriori (ed eventualmente posteriori) e della
variazione di assetto indotte dal peso del ciclista, necessario che lallineamento con
il filo a piombo venga eseguito con il peso del ciclista correttamente distribuito sulle
due ruote.

DISTANZA SELLA-MANUBRIO
Sistemata la sezione della bici che si occupa della trasmissione del moto, passiamo
ora alla parte di guida. La misura che separa la sella dal manubrio difficilmente
definibile con un sistema di calcolo, essendo determinata da diversi fattori, tra i quali
la posizione del bacino sulla sella, la lunghezza e la flessibilit del tronco, la lunghezza
delle braccia. Risulta quindi molto pi naturale trovarla in modo empirico. Questa la
procedura.
Salire in sella tenuti in equilibrio dal pazientissimo amico e, pedalando in
senso antiorario, trovare la posizione ideale sulla sella. Flettere
leggermente le braccia e tenere la testa eretta guardando in avanti.
Abbassare ora lo sguardo mantenendo la testa eretta, e traguardare il
centro del mozzo della ruota anteriore rispetto al manubrio: una posizione
corretta porta a vedere lasse del mozzo un paio di centimetri dietro il
manubrio.
Nel caso in cui la differenza positiva o negativa sia modesta, la si pu correggere
sostituendo lattacco manubrio con uno di diversa lunghezza. Se, al contrario, la
8

differenza risulta molto evidente, la soluzione, purtroppo dispendiosa, il cambio di


telaio.

DIFFERENZA DI ALTEZZA SELLA-MANUBRIO


Questo dato estremamente variabile e dipendente dalla flessibilit della schiena o
dallimpostazione crossistica o discesistica. Come ben intuibile, il manubrio in
posizione rialzata, oppure uno scarso dislivello sella/manubrio, porta a un maggior
controllo della bici in discesa, mentre una posizione molto ribassata permette al
muscolo del gluteo di estendersi maggiormente e di sfruttare meglio lazione della
pedalata. Un dislivello tra la parte superiore centrale della sella e lasse del manubrio
tra i 9 e i 10 centimetri abbastanza comune tra i biker crossisti, e non dovrebbe
compromettere pi di tanto il controllo in discesa. Anche in questo caso la differenza
di altezza dovrebbe essere calcolata con le sospensioni compresse dal peso del
ciclista.

Come calcolarla?

Comprimere e bloccare per mezzo di


cinghiette le sospensioni al livello di sag
meter
(fig.
4-5)
che
si
utilizza
normalmente; misurare con un metro la
distanza da terra al centro anatomico della
sella (120 mm dal retro della sella);
sottrarre da questa misura 90 o 100 mm a
seconda delle preferenze, e controllare che
il risultato della sottrazione corrisponda alla
misura da terra allasse del manubrio.
Nel caso in cui sia necessario aumentare
laltezza dellattacco manubrio, necessario
disporre di anelli distanziali da 5 o 2.5 mm
da interporre tra attacco manubrio e sterzo,
oppure di un attacco manubrio con una
diversa
inclinazione.
Molti
attacchi
manubrio sono reversibili, ovvero possono
essere montati con linclinazione positiva
oppure negativa, facilitando in questo modo, in abbinamento agli spessori distanziali,
il posizionamento in altezza della curva.

LE MISURE DEL TELAIO


Definiti i tre punti di appoggio del ciclista sulla bici, possiamo tentare di capire se il
telaio di dimensioni appropriate alle nostre caratteristiche anatomiche. Le
dimensioni che ci interessano maggiormente sono: langolo di piantone, laltezza del
tubo piantone e la lunghezza del tubo superiore.
1. ANGOLO DEL PIANTONE
Se langolo del piantone fosse stato decisamente diverso da quello che le vostre
caratteristiche antropometriche richiedono, con ogni probabilit non sareste riusciti a
posizionare la sella nella posizione antero-posteriore voluta. Fortunatamente esistono
per la mtb cannotti reggisella sia di tipo verticale (con lattacco per la sella sulla
prosecuzione del tubo) che di tipo arretrato (il cui attacco spostato di un paio di
centimetri rispetto al tubo reggisella), per mezzo dei quali viene offerta una notevole
flessibilit di posizione indipendentemente dallangolo di piantone.
Tenendo in considerazione unicamente laspetto estetico della bici, una regola doro
del ciclismo richiama il fatto che langolo di piantone corretto quello che permette
alla prosecuzione dellasse del tubo reggisella di passare per il centro anatomico della
sella, che abbiamo visto essere a 120 mm dal retro. Se questo dovesse accadere
anche sulla vostra bici, siete fortunati di poter soddisfare anche unesigenza estetica,
ma non dovreste preoccuparvi se la sella fosse spostata rispetto al punto
accademicamente corretto: noi mountain biker dobbiamo occuparci dellefficienza del
nostro atto atletico, pi che del lato estetico, e lasciamo dunque questa
preoccupazione ai nostri amici stradisti.

2. ALTEZZA DEL TUBO PIANTONE

Le mtb sono ormai tutte di tipo sloping (inclinato), ovvero il tubo cosiddetto
orizzontale non affatto orizzontale, ma si abbassa posteriormente per lasciare pi
spazio sotto al cavallo. Questa particolarit deriva dalla necessit di appoggiare il
piede a terra in situazioni difficili e su terreni sconnessi, e di inclinare lateralmente la
bici molto pi di quanto non accada sullasfalto per superare ostacoli difficili o curve
particolarmente strette.
Una regola che ci sentiamo di applicare in questo caso che, quanto pi il
reggisella rimane scoperto, tanto pi la possibilit di manovrare viene
facilitata.
Se la distanza (A) tra la parte superiore del tubo superiore e la slitta della sella
fosse inferiore a 20 centimetri ci si dovrebbe preoccupare, al prossimo acquisto, di
scegliere una bici col piantone pi corto.

10

Non possiamo invece porre un limite massimo a quanto il reggisella pu sporgere


fuori dal tubo piantone, perch alcune bici vengono progettate per essere fornite di
tubi reggisella di lunghezza maggiorata a 40 centimetri (lo standard di 33). E
naturalmente molto importante accertarsi che il segno di massima estensione,
impresso su tutti i reggisella, non sia visibile nella loro parte scoperta.

3. LUNGHEZZA DEL TUBO ORIZZONTALE

E importante che definiamo cosa si intende per lunghezza del tubo superiore. Se
misurassimo la lunghezza reale del tubo sloping da centro a centro, troveremmo una
misura inferiore a quella misurata lungo la linea orizzontale immaginaria che va dal
centro della giunzione del tubo superiore con lo sterzo al cannotto reggisella. La
misura del tubo sloping definita reale, mentre quella dellimmaginario tubo
orizzontale definita effettiva: effettiva perch quella delle due che effettivamente
definisce la lunghezza della bici.
La regola che definisce se la lunghezza effettiva del telaio proporzionata alla
distanza sella/manubrio che siamo andati a calcolare precedentemente, la
seguente: la distanza sella/centro manubrio deve essere uguale, o appena maggiore,
della lunghezza effettiva del telaio.
Misuriamo allora la distanza che intercorre tra il centro della giunzione del tubo
sloping con il tubo di sterzo e lasse del reggisella, facendo attenzione che il metro sia
orizzontale, traguardandolo con un tavolo o un mobile, oppure aiutandosi con una
livella. Confrontiamo questa misura con quella che intercorre tra la punta della sella e
il centro del manubrio: un telaio di lunghezza corretta dovrebbe permettere a queste
due misure di coincidere, o al massimo di essere di 10-15 mm pi corto.
Evidentemente un telaio la cui lunghezza orizzontale effettiva fosse maggiore della
distanza sella/manubrio sarebbe troppo lungo rispetto alle vostre dimensioni,
comportando cos uno scorretto bilanciamento dei pesi sulle due ruote. Se invece la
sua lunghezza fosse di oltre 15 mm inferiore alla distanza sella/manubrio, sarebbe di
una taglia inferiore a quella ideale.
Misure generiche medie e misura telaio in rapporto al tubo piantone

altezza

cavallo

>185
175 - 185
167 - 175
160 - 167
155 - 163

>90
84 - 91
80 - 84
76 - 80
72 - 77

tubo
piantone in
pollici
20,5 - 21
19 - 19,5
18 - 18,5
17 - 17,5
16 - 16,5

tubo
piantone in
cm
52 - 54
48 - 49
46 - 47
43-45
40-41

taglia
XL
L
M
S/M
S

11

RIFERIMENTI

Path http://www.cyclinside.com/Bicicletta-da-corsa/La
Geometria/Soluzioni/Calcolatore-misura-del-telaio.html

12