Sei sulla pagina 1di 5

Pagina 1 di 5

1 TORNEO DI CALCIO A 5
COPPA C.R.A.L. REGIONE BASILICATA
Anno 2012


REGOLAMENTO

Art. 1

Il presente Regolamento disciplina le modalit con le quali il C.R.A.L.
della Regione Basilicata organizza il torneo di calcio a 5 denominato COPPA
C.R.A.L. REGIONE BASILICATA

Art. 2

Al torneo, di cui allart. 1, potranno iscriversi le squadre composte da:
dipendenti a tempo indeterminato della Regione Basilicata;
dipendenti a tempo indeterminato degli Enti Strumentali;
personale convenzionato/comandato o comunque in servizio
presso la Regione Basilicata o gli Enti Strumentali.
Sono ammesse, inoltre, squadre composte da iscritti al C.R.A.L., anche se
pensionati o non dipendenti della Regione o degli Enti Strumentali.
Il Dipartimento che non dovesse raggiungere il numero minimo (5) di giocatori
per liscrizione al torneo, potr gemellarsi con altro Dipartimento o Ente.
Tutti i partecipanti al torneo devono obbligatoriamente essere iscritti al CRAL
Regione Basilicata alla data del 30 settembre 2012.

Art. 3

Ogni Dipartimento potr iscrivere anche pi di una squadra con un massimo di
12 calciatori ciascuna (compresi gli eventuali convenzionati/comandati
appartenenti al Dipartimento); lelenco dei partecipanti dovr contenere, oltre
al nome e al cognome, il numero di matricola, la data e il luogo di nascita.

Art. 4

Ogni squadra potr iscriversi con il nome del Dipartimento e dovr nominare
un responsabile ed un vice, i quali, allatto delliscrizione, comunicheranno le
proprie generalit compresi i recapiti telefonici (ufficio e cellulare), poich
saranno le persone che avranno i contatti con gli organizzatori del torneo.



Pagina 2 di 5




Art. 5
Le partite avranno la durata di 50 minuti complessivi, suddivise in due tempi
da 25 minuti ciascuno e saranno dirette da arbitri messi a disposizione
dallorganizzazione.


Art. 6
Le regole di gioco applicate saranno quelle in uso nei campionati di calcio a 5
approvate dalla Federazione di settore.
Allinizio di ogni incontro, gli arbitri daranno ulteriori chiarimenti su alcune
regole pi importanti.

Art. 7

Le partite dovranno essere disputate nei giorni e negli orari stabiliti nel
calendario ufficiale. Il ritardo massimo ammissibile fissato in 10 minuti, oltre
il quale lincontro non verr disputato e la squadra inadempiente subir la
perdita della gara a tavolino con il punteggio di 3 a 0.

Art. 8

Qualsiasi controversia dovr essere comunicata, per iscritto, agli organizzatori
entro 48 ore dal termine dellincontro disputato, previa anticipazione scritta
oppure verbale allarbitro a fine partita. E prevista una Commissione
Disciplinare, composta dal Presidente pro-tempore del C.R.A.L. e dai
responsabili delle squadre partecipanti (uno per squadra), che decider in
merito, inappellabilmente, entro 4 giorni successivi al ricevimento del ricorso.
Sar data tempestiva comunicazione della decisione alle squadre interessate.

Art. 9

Prima di ogni partita dovr essere compilata e fornita allarbitro regolare
distinta in duplice copia, utilizzando il modello a tal uopo predisposto dagli
organizzatori, che riporter i nomi dei calciatori a disposizione. La distinta,
sottoscritta dal responsabile della squadra, dovr essere accompagnata da un
documento di riconoscimento di ogni atleta ivi inserito, in mancanza del quale
latleta in questione non disputer la gara. Larbitro consegner a ciascuna
squadra una copia della distinta della squadra avversaria ed agli organizzatori
le distinte originali unitamente al referto della gara.




Pagina 3 di 5

Art. 10

Le squadre che per due volte, anche non consecutive, non si saranno
presentate per disputare la partita come previsto dal tabellone, saranno
escluse dal torneo perch considerate rinunciatarie.

Art. 11

In caso di impossibilit da parte di una squadra di disputare una partita
dobbligo avvisare gli organizzatori almeno 48 ore prima per poter provvedere
alla possibile variazione degli incontri; se la comunicazione dovesse avvenire in
un tempo inferiore alle 48 ore, la squadra che non si presenta perder la
partita a tavolino per 3 a 0.


Art. 12

La prima fase del torneo si svolger con la formula del girone unico allitaliana
con partite di andata e ritorno.
La classifica finale in caso di squadre a parit di punti, terr conto dei seguenti
parametri valutati in ordine successivo:
Risultato scontro diretto;
Differenza reti generale;
Maggior numero di reti fatte;
Minor numero di reti subite;

Al termine della serie di incontri, le prime quattro squadre classificate
disputeranno le semifinali per i primi quattro posti della classifica finale nel
modo seguente:
prima vs quarta
seconda vs terza

le seconde quattro squadre classificate disputeranno le semifinali per il quinto,
sesto, settimo e ottavo posto della classifica finale nel modo seguente:
quinta vs ottava
sesta vs settima

Le vincenti delle semifinali disputeranno la finale rispettivamente per il primo e
il secondo posto e per il quinto e sesto posto, le perdenti disputeranno le finali,
rispettivamente per il terzo e quarto posto e per il settimo e lottavo posto.
Per la classifica del girone iniziale sar adottata la seguente regola:
Vittoria punti = 3
Pareggio punti = 1
Sconfitta punti = 0
Pagina 4 di 5

a) Se al termine delle qualificazioni risultassero pi squadre a parit di punti,
per stabilire la classifica definitiva si terr conto dei seguenti parametri
valutati in ordine successivo:
Risultato scontro diretto;
Differenza reti generale;
Maggior numero di reti fatte;
Minor numero di reti subite;
b) Fasi finali: durante le fasi finali del torneo, trattandosi di scontri diretti, se
al termine dei tempi regolamentari sussistesse il risultato di parit, non vi
saranno tempi supplementari, ma saranno tirati subito n 5 calci di rigore
per stabilire la vincente. Se al termine il risultato sar di parit si andr ad
oltranza come da regolamento del giuoco del calcio a 5;
c) Le sostituzioni durante la partita potranno avvenire senza avvisare larbitro,
tenendo presente per, che lingresso in campo dovr avvenire
obbligatoriamente dalla linea del centro del campo e solamente quando il
calciatore sostituito sar fuori dal rettangolo di giuoco. Il mancato rispetto
di questa regola sar punito con un calcio di punizione a sfavore.


Art. 13

Alla squadra vincitrice del torneo sar consegnata la COPPA C.R.A.L.
REGIONE BASILICATA che sar detenuta per 12 mesi e rimessa in palio
lanno successivo, anche in caso di non partecipazione della squadra vincitrice.
Alla squadra che vincer il torneo, per tre edizioni anche non consecutive, sar
assegnata definitivamente la Coppa.


Art. 14

Le ammonizioni avranno validit solamente durante la partita e, quindi, la
seconda ammonizione comporter lespulsione per la partita in corso, senza
conseguenze per le partite successive. La squadra che subisce lespulsione
giocher con un uomo in meno per i successivi 2 minuti, ovvero fino alla
segnatura di una rete della squadra avversaria se ci avviene prima dei 2
minuti.


Art. 15
(INFORTUNI E DANNI)

Lorganizzazione provvede direttamente, per ogni calciatore iscritto, a stilare
una polizza infortuni per eventuali danni o incidenti che dovessero verificarsi
sui campi di calcetto durante lespletamento del torneo.


Pagina 5 di 5

Liscrizione o la partecipazione implica la totale adesione alle
condizioni del regolamento di cui sopra descritto e firmato dai
responsabili delle squadre.

Ogni squadra, contestualmente alla presentazione dellelenco degli
atleti, dovr versare, in conto C.R.A.L., 100,00 (cento) per
contributo spese organizzative , al Sig. Albano Ugo.