Sei sulla pagina 1di 2

TESTO 1

Dieci modi di bere il caff in Italia


il caff
La passione degli italiani per il caff cosa nota in tutto il mondo. Quasi ogni paese ha il suo modo
di berlo (caff turco, greco, black coffee o semplicemente in bustine solubili), ma nel nostro paese ne
esistono molti. Vi presentiamo dieci modi di bere il caff al bar: provate a capire, aiutandovi con le
definizioni, come viene preparata questa bevanda.
1. Caff
2. Corretto
3. Lungo
4. Ristretto o basso
5.Cappuccino
6. Shakerato
7. Macchiato
8. Mocaccino
9. Hag
10. Marocchino

( ) il normale caff, detto anche espresso, che viene servito quando al bar chiediamo: Un caff, per
favore.
( ) Sembra un piccolo cappuccino, ma in realt preparato con caff, panna liquida e cacao ed possibile
berlo quasi esclusivamente a Torino.
( ) un cappuccino con la cioccolata, talvolta servito con laggiunta di cacao in polvere. Viene preparato
in un bicchiere di vetro, in modo da rendere visibili gli strati di caff, cioccolata e schiuma di latte (il latte
montato come quello del cappuccino).
( ) Si prepara in tazza grande con caff e latte montato a schiuma. Si beve quasi esclusivamente a
colazione. Se il latte non viene montato e viene servito in un bicchiere di vetro, avremo il caffellatte.
( ) Si ottiene dallaggiunta direttamente nella tazzina di una dose, pi o meno grande, di grappa o altro
alcolico o superalcolico.
( ) Deriva da unantica usanza milanese, che consisteva nel diluire il caff nel latte per farlo bere anche ai
bambini. Viene servito nella tazzina.
( ) Si prepara aggiungendoci pi acqua del solito ottenendo cos un caff con pi caffeina di quello
normale. Se preparato in tazza grande si ottiene il caff americano.
( ) Non contiene caffeina.
( ) un caff molto piccolo, a volte solo poche gocce.
( ) Si prepara rendendo molto freddo il caff con del ghiaccio. Pu essere bevuto zuccherato o amaro.

Guarda il video di Lino Banfi e rispondi alle domande:
a)Che cosa vuole il primo cliente?
_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
b)Il cameriere dice: lho lavata stamattina. Che cosa ha lavato?
_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
c) Il primo cliente dice: ne voglio unaltra. Di che cosa?
_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
d) Ma che cosa capisce il cameriere?
_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
e) Di cosa stanno parlando gli altri due clienti?
_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
f) Alla fine la signorina esclama: non lo voglio pi!. Che cosa non vuole pi?
_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
g) Ma il cameriere che cosa capisce?
_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
TESTO 2

Le caffetterie: un patrimonio culturale da proteggere secondo lUnesco

La sfera pubblica si sta sviluppando in modi imprevedibili: le autorit per cercano di
salvaguardare la tradizione chiedendo aiuto all'agenzia dell'Onu.

Oggi la maggior parte delle discussioni, delle chiacchierate, degli incontri, avvengono attraverso
internet. Ma fino a qualche tempo fa erano le caffetterie e i bar il punto di incontro di pensatori, letterati, e
singoli. Tanto che i sociologi hanno definito i caff lultimo simbolo della sfera pubblica europea, dove
uomini politici, scrittori e artisti si incontravano per parlare davanti a un drink anche di rivoluzione in senso
lato.
Ma la cultura dei caff potrebbe essere in pericolo. Per questo lUnesco nel 2011 ha cominciato a
inserire nella propria lista di luoghi patrimonio culturale immateriale dellumanit (nata nel 2003 per
preservare parti significative della cultura non identificabili con monumenti storici o naturalistici) posti
come le kafeehaussterben viennesi, considerate in tutto il mondo delle vere e proprie istituzioni, cattedrali
della cultura tradizionale del Paese.
Ora anche la Turchia e lArgentina chiedono che avvenga qualcosa di simile per le loro caffetterie,
che nei secoli si sono conquistate il ruolo di veri e propri centri culturali, dove il culto del caff da sempre ha
favorito la conversazione, la trasmissione della cultura tradizionale e la socializzazione.
Ma la cosa pi interessante, come sottolinea The Atlantic, che da qualche tempo le autorit governative
locali, nazionali e internazionali, stanno cercando di regolare in qualche modo la sfera pubblica, di per s
anarchica.
Il tentativo di riconoscere le caffetterie come luogo di conservazione della tradizione, mentre invece
sono sempre di pi coloro che le frequentano soprattutto per approfittare del wi-fi, potrebbe risultare
piuttosto paradossale, ma sar interessante osservare se e come il riconoscimento da parte dellUnesco di
questi luoghi patrimonio culturale immateriale dellumanit riuscir a sortire gli effetti desiderati.
(Estratto da Il Journal.it, 8 settembre 2013.)

a)Perch si vuole inserire i caff nella lista di patrimonio culturale imateriale dell umanit?
_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
b)Quale la differenza tra il caff del tempo antico e quello dei nostri giorni?
_______________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________


Buon lavoro!