Sei sulla pagina 1di 2

Atmosfera

Design e Cultura Gastronomica I www.ristorarte.net


4,50
EDIZIONE
MILANO E
LOMBARDIA
MANGIARE E BEREA MILANO E IN LOMBARDIA
CI HANNO RIDATO ILSAVINI
La cucina di Matteo Torretta restituisce
a Milano il suo ristorante simbolo
0-
D
D
N
i!!
.o
E
al
U
i:5
>
o
c
c
o
o-
o
C
I DOLCI DI NATALE E RE PANETTONE
SPECIALE MACEF E HOST
13 pagine
EDIZIONIVITAMINE. MILANO
ACQUA PREZIOSA
Inchiesta a puntate
NATO IL CRUAS
Inserto a cura del Consorzio
Tutela Vini Oltrep Pavese
MANGIARE BENISSIMO
ulmet: non solo risotto giallo
L'Assassino colpisce ancora
A CURA DI MARIAROSARIA BRUNO
Piccoli assaggi/notizie e incursioni
tra novit/avvenimenti e proposte nel mondo
della gastronomia
Grandi novit per lo Lombar-
dia dalla Guida Michelin. "Da
Vinorio" a Brusaporto, in pro-
vincia di Bergamo, il nuovo
ristorante italiano con tre stelle.
Su sei ristoranti che in Italia si
fregiano di questo livello assolu-
to di volutazione, ben due sono
Iombardi.
Oltre alla new entry bergama-
sco Enrico e Roberto Cerea
(foto a destra), si conferma a
pieni voti una veterana delle
tre stelle: Nadia Santini del
Pescatore a Canneto sull'Oglio
IMN). Finalmente arrivata lo
prima stella per Enrico Bartolini
delle Robinie, a Montescano
(PV), da tempo annunciata; in
compagnia delle Robinie, ecco
i ristoranti lombardi che per lo di Bedizzole IBS), Roof Garden
prima volta onengono l'ambito dell'Hotel San Marco di Berga-
riconoscimento: Osteria del Po- mo, AI Vigneto di Grumello del
miroeu di Seregno (Mll, Ortica Monte IBGI.
A Golosaria il cibo etnico "Mode in Italy"
Il ristorante Columbus di Via Milano l/bis a Peschiera Borro-
meo propone il brunch ogni domenica, secondo lo tradizione
USA. Dalle 11.30 alle 15.30, in una splendida e luminosa
veranda, il rito si apre con il caff nero americano in tazza
grande, le spremute fresche e le uova, servite in tutti i modi.
Ricco il buffet: torte solate, affettati, pasta, riso, carpaccio di
pesce spada affumicato e salmone, piatti a base di carne, ver-
dure, formaggi e, tante torte e dolci che meritano di essere
gustati. lmperdibili i pan cakes serviti con l'originale sciroppo
d'acero canadese e lo torta cioccolato e cannella.
Per prenotazioni: 02.55305211.
Tra il 7 e il 9 novembre presso l'Hotel Meli di Milano si
svolta lo quarta edizione di Golosaria, lo rassegna dedicata
al gusto e alla cultura, organizzata da Paolo Massobrio e dal
Club dei Papillon. L'interessante kermesse, volta alla scoperta
e alla valorizzazione dei piccoli produttori artigianali, spesso
artefici di vere e proprie chicche alimentari, quest'anno ha
ospitato il giornalista gastronomade Vittorio Castellani, alias
Chef Kumal, che si confrontato con tematiche d'attualit
quali lo proposta di una cucina etnica realizzata con i migliori
prodotti agro-alimentari delle aziende Mode in Italy e l'integra-
zione fra culture del territorio.
Brunch americano a Peschiera Borromeo
Michelin: SU 6 italiani al top, 2 sono lombardi
Tuniconoscono il Piemonteper
i suoi celebri vini, ma in pochi
sonno che nella ricca regione
del Nord-Ovest viene prodono
anche un onimoolio extra vergine
d'oliva. Nel Pinerolese,infani,
Coldireni Torinoha awiato nel
2005 un progeno di recupero
del territorioincolto, per sopperire
all'abbandono dei vigneti.
Grazie all'iniziativa, in quest'area
pedemontana oggi si contano
7000 piante d'olivo in 17
enari, con il coinvolgimento di 90
aziende agricole e privati. Per
celebrare l'olio e lo sua produ-
zione, il Comune di Cumiana, in
collaborazione con il Museo del
Gusto ed enti istituzionalitra cui
Regione Piemontee Associazione
Olivicoltori Alpi Piemontesi,ha
organizzato la seconda edizione
di OUOeOUVE, una manifesta-
zione che si tenuta il 24 e il
25 onobre scorsi: frangitura in
piazza, stand di produnori da tuna
Italia, degustazioni e unconvegno
nazionale sull'olio che hanno
avuto come testimoniai il critico
gastronomico Edoardo Raspelli.
Si conclusa 1'8 dicembre lo
XII edizione di "Frantoi aperti",
rassegna gastronomica umbra
dedicata all'olio extra vergine
d'oliva DOP di produzione
locale. La manifestazione, inizia-
ta a Trevi il 7-8 novembre con
"Festivol", si conclusa a Spello
il primo weekend di dicembre
con "L'oro di Spello". Eventi
consultabili sul sito:
www.frantoiaperti.net.
Scopriamo l'olio umbro ... e quello piemontese
Dopa l'enorme tempesta
mediatica che ha indicato alcol,
vino e droghe come principali
cause degli incidenti stradali pi
gravi, una inchiesta commissio-
nata all'istituto Piepoli dalla FIPE
(Federazione pubblici esercizil
arrivata a conclusioni clamo-
rose. Solo il 3,08% di questi
incidenti imputabile alle cause
di cui sopra! Nel 96% dei
cosi gli incidenti sono dovuti a
'Inconvenienti di circolazione",
cos almeno - in modo piunosto
criptico e generico - vengono
definiti nella ricerca, aningendo
a fonti Istat. Nonostante ci,
secondo l'indagine a campio-
ne, il 63% della popalazione
ritiene che sia sopranuno l'alcol
lo causa dei sinistri. Chiara lo
conclusione, sostenuta anche
dal ministro Zaia, presente alla
conferenza stampa: ora di
finida di colpevolizzare il vino!
Perquanto poi nessunochiede
di eliminare i controlli, anzi.
Chi guida perci awertito:
continui a usare il buon senso.
Incidenti: non date
lo colpa al vino!
Delizie del Ticino: qualit e sostenibilit con 39 aziende del Parco
Tra il5 e il 22 novembre si tenuta "Delizie del Ticino", lo prima rossegno gastronomico o km zero.
Promossadal Parco del Ticino, con il patrocinio di Regione Lombardio e Slow Food, l'iniziotiva stata
presentoto 01Pirellone alla presenza di Roberto Formigoni e del presidente del Parco Milena Bertani.
Nata con l'intento di promuovere l'uso dei prodoni a marchio "Parco Ticino-produzione controllata",
lo rassegno si svolta presso 60 ristoranti e agriturismi delle province di Milano, Pavia e Varese, che
honno creato particolari menu, propanendo una rivisitazione delle ricene trodizionali del territorio con
l'uso dei prodoni a marchio Parco, provenienti da aziende agricole a circa 40 km di distanza. Ci ha
permesso di limitore le emissioni di C02 nell'aria e di favorire l'uso dei 128 prodoni che si fregia-
no del marchio. Riso, cereali, farina di mais macinata a pietra, 45 tipalogie di salumi, carni suine,
bovine, lane, yogurt, 17 variet di formaggi, 6 tipi di miele, ortoggi. fruni di bosco, prodoni inici, mar-
mellate e conserve: tuni provenienti da una filiero strenamente controllata oIl'interno delle 39 aziende
ogricole che si trovano su 2.640 enari del Parco. Organizzati anche percorsi e itinerari specifici alla
scoperta del paesaggio e dei produnori, per un turismo dawero in grado di abbracciare e capire il
territorio in tune le sue articolazioni.
7