Sei sulla pagina 1di 8

NOTIZIARIO DEL GRUPPO OPERAZIONE MUSEKE O.N.L.U.S.

– Via Brescia, 10 – 25014 CASTENEDOLO (Brescia) ITALY


Tel. 030/2130053 – Fax 030/2130044 NUMERO QUATTORDICI - NATALE 2000
impianti: nadir - ciliverghe (bs) / stampa: euroteam - nuvolera (bs)

Per un Natale d’Amore


a 2000 anni dall’Incarnazione
n Natale straordinario que- la violenza e delle guerre che mi- berare l’uomo dalle schiavitù.

U st’anno? In un certo senso sì


se vogliamo concludere de-
gnamente quest’anno Santo che ci
nacciano ancora tanti popoli nel
mondo, dell’egoismo e dello sfrut-
tamento.
Ecco perché con il Natale giubilare
del 2000 vogliamo partire con l’o-
perazione “Adotta una famiglia che
ricorda i 2000 anni dell’Incarnazio- La legge cristiana dell’amore è sta- adotta” per liberare tanti orfani bu-
ne di Gesù, il Figlio di Dio. Ma la ta, e rimane, la vera rivoluzione che rundesi dalle schiavitù della solitu-
straordinarietà viene soprattutto può fermare la legge di morte che dine, della fame e dell’analfabeti-
dall’intensità e dall’accoglienza del trasforma la vita in un inferno. Co- smo.Faremo così rinascere l’amore.
messaggio che il Natale ci ripropo- me è possibile spezzare le catene Sarà un Natale di solidarietà e di spe-
ne:l’annuncio dell’amore di Dio per dell’odio e dell’egoismo che schia- ranza che durerà tutto l’anno;e ogni
l’uomo che ci invita a dimostrare vizzano e corrompono i rapporti tra giorno sarà Natale, perché daremo
con sempre rinnovata generosità il gli uomini e i popoli? Accettando la vita alla Vita.
nostro amore a Dio attraverso l’a- legge dell’amore proclamata da Ge- Auguri.
more ai fratelli. Giustamente il Na- sù nel Vangelo. Solo l’amore può li- don Roberto
tale è considerato la fe-
sta dell’amore, della
gioia che si esprime an-
che nei doni; ma se si
esagera si rischia di tra-
sformare la festa in una
kermesse commerciale
e nella celebrazione
delle vanità, negazione
dello spirito del Natale.
Riscoprire la serietà e
l’impegno concreto del
Natale vuol dire mette-
re a fondamento della
nostra vita l’amore. L’a-
more di Dio nei nostri
confronti che si è fatto
carne in un bambino e
che ha dato la sua vita
per noi; l’amore nostro
nei confronti dei fratel-
li come verifica dell’A-
more Incarnato.
Anche in questi giorni
siamo testimoni, pur-
troppo, della legge del-
Messaggio del Papa
per la Giornata Missionaria Mondiale
(Domenica 22 ottobre 2000)

MUSEKE - 2
Adotta una famiglia burundese che adotta
Nuova operazione di solidarietà di Museke

C
hi opera nel volontariato, soprattutto nelle
Missioni, e viene a contatto diretto con le
condizioni di vita impossibili delle popola-
zioni provate dalla guerra e quindi dalla fame, dalla
violenza,dall’abbandono,si rende conto che ciò
che si fa è di gran lunga troppo poco rispetto
alle necessità.
Perciò cerca di trovare nuove alternative di
aiuto e di organizzare interventi sempre più
mirati a garantire nuova vita almeno accet-
tabile.I più colpiti dalla tragedia della guer-
ra sono i bambini ed è a loro che tante or-
ganizzazioni cercano di tendere una mano.
In Burundi, dove il Gruppo Operazione Mu-
seke è tornato a operare per ricostruire
quanto è stato distrutto, molti sono i bam-
bini soli, che spesso vagano affamati e
senza meta, in cerca di aiuto. Vengono
raccolti in orfanotrofi che non dispon-
gono di mezzi e sostengono al me-
glio questi fanciulli ai quali però non
possono garantire un futuro.
Ecco allora il desiderio del Gruppo
Museke di non interrompere quel
filo diretto che lo lega al Burundi e
di venire in aiuto non solo nella rico-

struzione delle strutture, ma tendendo una mano


ai bimbi soli e abbandonati. Con quali interventi?
Con la proposta di “adozioni a distanza” o meglio
ancora di“adozioni della famiglia adottiva”,nel sen-
so che il contributo offerto va alla famiglia del luo-
go che si prende carico di un orfano provvedendo
ai suoi bisogni primari quali la salute, l’alimenta-
zione e la scolarizzazione.
Questo il destino, che si potrà concretizzare con
l’aiuto di chi, sensibile al problema, vorrà aderire
al progetto.
Il gruppo Museke sarà felice di aiutare tutti voi ad
“adottare una famiglia.”
Amalia Gennari

MUSEKE - 3
Perché ritornare in Burundi?
G
li avocado, le papaie, i man-
ghi non maturano sugli albe-
ri.
La natura non è rigogliosa; non ci so-
no più piante ed anche per questo
non piove da nove mesi.
A fine settembre tutto è secco, arido
e desertificato.
La gente è come la natura,non vive più
come prima. Il conflitto che ha avuto
il suo tragico apice nel 1993 non pare
ancora terminato: le case sono state
bruciate, i villaggi e i campi abbando-
nati, non c’è più scuola né lavoro.
Mancavo dal Burundi dal 1985, allor-
ché tutti i missionari stranieri furono
espulsi, ma fortunatamente il centro
di Museke ha continuato nel suo ser-
vizio sanitario e nelle sue attività di morti che vivi, sfiniti dalla fame, pie- nostra attenzione alle persone più in-
foyer, di ospitalità e di alfabetizzazio- ni di vermi intestinali e traballanti per difese come i bambini, continuando
ne. le febbri malariche. del resto una sensibilità sempre pre-
Sono testimone di una situazione pe- Causa il coprifuoco,non ho potuto al- sente a Museke.
sante, forse peggiore di quella di lontanarmi troppo dal nostro centro, Ecco allora l’idea del Progetto
trent’anni fa quando Museke comin- ma già per il fatto di essere là, la gen- NDERANSEKE (educami, così sarò
ciò la sua avventura. te prende coraggio. felice) che unisce, nella lingua locale
Ne conosco le cause ma so anche che Non posso deluderli! Le centinaia di kyrundy, l’educazione alla gioia, alla
non può durare; come cristiano e uo- bambini abbandonati o letteralmente felicità, al “sorriso” di Museke.
mo di Dio so che la guerra finirà, che “accatastati” in orfanotrofi, privi del Si tratta di una operazione di adozio-
la giustizia e la pace torneranno a necessario, ti interrogano. ne a distanza che desidera interveni-
splendere in Burundi. Non puoi non far qualcosa, ecco al- re sulla famiglia che ospita un bambi-
Nel frattempo resta la spada confic- lora la decisione. no abbandonato perché possa essere
cata nel cuore vedendo mamme che La stagione delle strutture può esse- educato e culturalmente integrato.
portano alla missione bambini più re finita... dirigiamo direttamente la r.l.

La morte del vescovo di Bukavu


Il 3 ottobre, nelle vicinanze di all’esilio a Butembo per 7 mesi Home page)
Roma, mentre partecipava ai la- dai ribelli RCD per le sue conti- A seguito della notizia, a
vori del Simposio delle Conferen- nue prese di posizione in difesa Bukavu sono scoppiati incidenti
ze Episcopali d’Africa e Madaga- della popolazione soggetta ad oc- in cui sono stati uccisi due ra-
scar, Mons. Emmanuel Kataliko è cupazione. Mons. Paul Mambe, gazzi, non si sono registrati altri
stato stroncato da un infarto. vescovo di Kundu ha ricordato: incidenti a seguito dei reiterati
Mons. Kataliko era potuto ”C’era un fuoco che bruciava in appelli alla calma dei leader reli-
rientrare solo lo scorso 14 set- lui, causato dal fatto che non po- giosi e civili.
tembre nella sua arcidiocesi di teva tornare nella sua diocesi e Mons. Kataliko sarà sepolto a
Bukavu (Rep. democratica del soffriva perché ha lottato per la fianco di Mons. Christophe Mun-
Congo), sotto occupazione ugan- giustizia, ma è stato accusato di zihirwa, il suo predecessore as-
do-rwandese. Era stato costretto incitare all’odio”. (tratto da Fides sassinato il 29 ottobre 1996.

MUSEKE - 4
Progetto “NDERANSEKE”
l progetto NDERANSEKE stimoni dell’efficacia delle

I che intende aiutare finan-


ziariamente le famiglie bu-
rundesi che accolgono i bam-
donazioni.

• La quota necessaria per adot-


bini orfani togliendoli dalla tare una famiglia che ospita i
strada o dagli orfanotrofi, do- bambini orfani per l’anno
ve sopravvivono da quando 2001 è pari a £. 400.000, e
sono stati separati dalle loro potrà essere versata, specifi-
famiglie originarie, si basa sui cando la causale “Progetto
seguenti presupposti. Nderanseke” mediante ac-
credito o sul c/c bancario
• L’iniziativa di Museke si in- 27499 del Banco di Brescia o
serisce all’interno di un sul c/c postale 15681257 in-
progetto a sostegno delle testati al Gruppo Operazione
famiglie, portato avanti da Museke Onlus.
un’organizzazione locale Giovanni Piotti
che fa da garante della cor-
retta destinazione dei fondi e ficiari del suo dono, è opportu-
consente di impostare attività di no attivare della corrisponden- AMA
educazione e di promozione sia za che trasmetta notizie parti-
L’uomo è irragionevole, illogico,
per le famiglie che per i bambi- colareggiate sulla famiglia che egocentrico:
ni; l’organizzazione locale si av- ciascun sostenitore sta aiutan- NON IMPORTA, AMALO.
vale sia di personale stipendiato do; l’organizzazione locale, non
Se fai il bene, ti attribuiranno
(assistente sociale, medico) che le famiglie direttamente, prov- secondi fini egoistici:
di personale volontario per se- vederà a trasmettere in Italia a NON IMPORTA, FÀ IL BENE.
guire la crescita dei bambini sot- Museke le notizie riguardanti
Se realizzi i tuoi obiettivi,
to gli aspetti nutrizionale,sanita- ciascuna famiglia; Museke tra- troverai falsi amici e veri amici:
rio e scolastico; promuove inol- mite alcuni volontari provve- NON IMPORTA, REALIZZALI.
tre attività educative e di pro- derà a far pervenire ai sosteni-
Il bene che farai verrà domani
mozione anche per le famiglie. tori le notizie sulla famiglia a lo- dimenticato:
ro assegnata. NON IMPORTA, FÀ IL BENE.
• La divulgazione dell’iniziativa
Quello che per anni hai costruito,
per la raccolta dei fondi avviene • Con lo scopo di proporre un’e- può essere distrutto in un attimo:
tramite l’Assemblea dei soci e la sperienza forte di aggregazione e NON IMPORTA, COSTRUISCI.
predisposizione di un opuscolo coinvolgimento, Museke si pro-
Se aiuti la gente, se ne risentirà:
informativo,coinvolgendo tutti i pone di organizzare una volta al- NON IMPORTA, AIUTALA.
soci nel passa parola per la rac- l’anno,per un gruppo di volonta-
colta di sostenitori. ri,un breve soggiorno presso l’or- Dà al mondo il meglio di te,
e ti prenderanno a calci:
Mediante circolari o news letter ganizzazione in loco; in quell’oc- NON IMPORTA,
i sostenitori sono informati al- casione i volontari parteciperan- DÀ IL MEGLIO DI TE.
meno due volte l’anno sull’an- no ad alcune attività del progetto Madre Teresa di Calcutta
damento del progetto; poiché in Burundi, in modo tale che al
per un maggior coinvolgimento rientro si facciano promotori del- Buon Natale
è necessario identificare i bene- la divulgazione dell’iniziativa e te-

MUSEKE - 5
Rendiconto della gestione 2000
ENTRATE Il periodo trascorso a Gitega per la realizzazione del
• Per offerte L. 40.203.110 progetto ora commentato ha dato modo di constatare
• Proventi finanziari direttamente quanto gia’ ci aveva ampiamente illu-
netto di oneri L. 5.964.751 strato mons. Simon Ntamwana l’arcivescovo che nel
• Totale L. 46.167.861 settembre del 1998 fu ospite della nostra associazio-
ne, in particolare lo stato di precarieta’ e di abbando-
USCITE no in cui versano un enorme ed imprecisato numeri
• Per progetto Gitega (Burundi) L. 245.058.574 di bambini orfani.
• Per spese promozionali L. 6.000.000 Questo ha sollecitato il consiglio a considerare qua-
• Per solidarietà Kosovo L. 6.000.000 le azione programmare per fare qualcosa che possa
• Per telefono e fax L. 1.137.200 aiutare questi “ultimi dopo gli ultimi” ed e’ stato deli-
• Per Bolli cancelleria ecc. L. 3.408.400 berato di procedere per attuare ed incentivare l’a-
• Per oneri finanziari L. 3.511.012 dozione a distanza delle famiglie locali che si faranno
• Parziale L. 218.947.325 carico di accogliere questi orfani di strada.
• Disavanzo di gestione L. -172.779.464 Per dare avvio al progetto come associazione si e’
• Totale L. 46.167.861 deliberato di interessare 25 famiglie burundesi e que-
sto per consentirci di mettere a regime un minimo di
Il disavanzo di gestione e’ stato coperto con le ec-
struttura organizzativa con riferimenti locali che sa-
cedenze degli esercizi precedenti.
ranno i nostri corrispondenti e permettere quindi di
Quanto al progetto Gitega si rammenta che fu por-
espandere a macchia d’olio (questo almeno ci si au-
tato all’attenzione dell’associazione allorche’ si stava
gura) questa forma di intervento adottivo familiare
concludendo quello in Guatemala.
Il Consiglio del 22/9/1998 delibero’ infatti di pren- che riteniamo, meglio di qualsiasi orfanatrofio possa
dere in esame la situazione del centro “storico” di Gi- ricostituire l’appartenenza del bambino nel nucleo na-
tega realizzato circa 30 anni orsono da quello spirito turalmente piu’ qualificato: la famiglia.
missionario e di volontariato che diede poi il nome E’ un impegno nuovo per il nostro Gruppo e con-
“Museke” alla nostra associazione. fidiamo nella sempre maggiore sensibilita’ di ognuno
I fabbricati sono rimasti praticamente privi di ma- affinche’ sia posibile ridare “Museke” a quei bambini.
nutenzione ed il dispensario e’ diventato di fatto fati- Il Consiglio Direttivo
scente proprio nel momento in cui se ne sente mag-
giormente la necessita’ a motivo del fatto che l’ospe-
dale esistente in loco da struttura governativa e’ di-
ventato privato con costi, per accedervi, fuori dalla
portata dei piu’.
Un sondaggio sul posto da parte dei nostri volontari
ha fatto emergere il piano di intervento con costi e prio-
rita’che il consiglio ha approvato in successive delibere
e che ad oggi risulta essere stato portato a compimento
con il seguente consuntivo che comprende anche gli ul-
timi costi sostenuti nel 2000 oltre a quelli evidenziati nel
rendiconto del 1999 sopra specificato:

a – Spese per materiali


acquistati in Italia L. 72.000.000
b – Spese per materiali
acquisiti in loco L. 199.000.000
c – logistiche per trasferimenti
e gestione ns. personale L. 31.000.000
Totale L. 302.000.000 Monsignor Simon ed Enrica all’inaugurazione della maternità

MUSEKE - 6
Cultura africana ed educazione
Nella recente storia culturale dell’Africa si sono succeduti il modello educativo tradizionale, coloniale, fun-
zionale. Oggi il continente è alla ricerca di un nuovo modello che unisca rispetto del passato, benessere per
il presente e consapevolezza della mondializzazione dei problemi.

L
a cultura africana, centrata sul gli anni Sessanta, anche i modelli edu-
concetto di “tradizione”, è cativi cambiano.Vi è la riscoperta del-
profondamente disponibile al- la tradizione culturale africana, si
l’educazione: bisogna sapere ciò che diffondono gli studi scientifici e tecni-
hanno fatto e pensato prima di noi! ci, nascono le università locali.A livel-
Nel più sperduto villaggio della sava- lo di base, adattano all’Africa le idee
na o della foresta, i bambini vi mostra- del pedagogista brasiliano Paulo Frei-
no con orgoglio il loro quaderno re (1921-1997),viene introdotta la co-
(quando l’hanno) o la lavagnetta (can- siddetta educazione funzionale. I nu-
cellabile e riutilizzabile) con le loro merosi volontari delle Organizzazioni
composizioni. Le poche università Non Governative (ONG) ne divengo-
africane (neanche 100 per 700 milio- no i principali sostenitori: partire dal-
ni di abitanti) traboccano di studenti. la situazione concreta delle persone
Il problema “culturale” dell’educazio- (soprattutto dalla famiglia e dal lavoro
ne in Africa,oggi (lasciando da parte le agricolo), per renderle, attraverso l’al-
altre questioni: economiche, politi- fabetizzazione, maggiormente co-
che, sociali), è quello dei contenuti e scienti delle proprie possibilità di svi-
delle finalità: cosa insegnare? In vista luppo e di benessere. Negli anni No-
di quale idea di persona e di società? vanta, lo sprofondamento politico so-
L’educazione tradizionale, prima del popolo colonizzatore (storia, geogra- ciale del Continente nero, provocato
colonialismo, nell’Africa a sud del fia, letteratura, religione della metro- dai conflitti interni e dalla globalizza-
Sahara, non si impartiva nelle scuole, poli e non del paese africano), dove zione selvaggia dell’economia, mette
con l’eccezione dei villaggi islamiz- l’educazione è finalizzata a favorire in crisi anche questo metodo.Esso vie-
zati del Sahel o cristianizzati dell’E- gli interessi della nazione colonizza- ne accusato, insieme col volontariato
tiopia, dove si insegnava il Corano e trice.Nelle colonie francesi e belghe, che lo sostiene, di favorire una “visio-
il Catechismo. I ragazzi imparavano in genere, viene curata l’educazione ne micro-economica dello sviluppo.
tutto in famiglia: il lavoro casalingo di base per tutti, gli inglesi si preoc- Small is beautiful” (rivista “Dialogue”,
per le femmine e agricolo per i ma- cupano soprattutto di formare una marzo-aprile 2000, p.37).
schi, i riti religiosi, la cultura degli an- classe intermedia efficiente. Non basta, dicono i critici, educare a
tenati. Pochi giovani (maschi) segui- Con l’avvento dell’indipendenza, ne- partire dai problemi quotidiani della
vano particolari corsi di apprendi- gente, ma occorre partire anche dal-
mento: gli artigiani (soprattutto del la consapevolezza dell’ingiusta distri-
ferro), i guerrieri, i guaritori e gli in- Far conoscere ai tuoi amici buzione planetaria delle risorse e del-
dovini, i depositari degli antichi poe- il nuovo progetto NDERANSEKE le storture del commercio interna-
mi e dei rituali regali che erano ob- del gruppo Museke. zionale.
bligati a ricordare perfettamente a E’ una operazione Africa in crisi,ma anche Africa madre
memoria. L’obiettivo era il perpetua- di adozione familiare a distanza. di speranza. Le istanze presenti nei
re la vita del gruppo, ricevuta dagli Tante persone generose modelli educativi che si sono succe-
Antenati e trasmessa alle nuove ge- desiderano donare... duti nel tempo,dovranno trovare una
nerazioni. forse non conoscono sintesi.
A partire dalla seconda metà dell’Ot- o non si fidano. Faticosamente sta nascendo l’uomo
tocento, l’educazione coloniale scar- Distribuisci il nostro depliant africano,radicato nel passato e preoc-
dina questo sistema. Vengono orga- e sostieni l’iniziativa. cupato del presente del suo popolo,
nizzate scuole di tipo europeo, dove ma insieme capace di leggere i pro-
E’ un modo di prolungare
si insegna a leggere e a scrivere in lin- blemi sul più ampio scenario delle vi-
la gioia del Natale
gua locale e in lingua coloniale, dove per tutto l’anno. cende internazionali.
i contenuti riflettono la cultura del Gabriele Scalmana

MUSEKE - 7
Catechesi natalizia per i più piccoli
Gioco 2
Seguendo le «funi» trasporta le lette-
re riportate dentro le stelle nei corri-
spondenti quadrati. Leggendo in suc-
cessione le lettere che compariranno
nei quadrati, potrai conoscere la pa-
rola che dovrai scrivere nello spazio
puntinato della pagina successiva.

Gioco 1 drettato. A lavoro ultimato, leggen- potrai conoscere il vocabolo che do-
Scrivi (in senso orizzontale) le rispo- do (dall’alto verso il basso) le lettere vrai scrivere nello spazio puntinato
ste ai quiz dentro lo schema qua- che compaiono nelle caselle grigie, della pagina successiva.

GRUPPO OPERAZIONE MUSEKE O.N.L.U.S. - Via Brescia, 10 - 25014 CASTENEDOLO (BS) - ITALY
Tel. 030/2130053 - Fax 030/2130044 - c/c postale 15681257 - c/c bancario: 27499 - Banco di Brescia

MUSEKE - 8