Sei sulla pagina 1di 2

Demenza frontotemporale (Demenza di Pick, Afasia progressiva, FTDP-17) Definizione: gruppo di malattie neurodegenerative che colpiscono selettivamente i lobi

frontali e/o temporali Prevalenza. la quarta causa pi frequente di demenza ed la seconda dopo la m. di Alzheimer nei pazienti con et < ! a. Clinica: progressivi disturbi del comportamento "alterazioni della personalit con apatia# mancanza di progettualit# rigidit mentale# impoverimento affettivo$ disinibizione# iperattivit# disturbo disesecutivo% &rogressivo disturbo del linguaggio con afasia nominum RM: atrofia corticale fronto'temporale (amiliarit in met dei casi# talora chiara trasmissione A) *utazioni gene tau e gene progranulina +toria familiare positiva per demenza nel ,-./ dei pazienti# generalmente con trasmissione autosomica dominante 0in1age al cromosoma 23q42 in molte famiglie "(5) 6ith par1insonism lin1ed to chromosome 23# (5)&'23% 7el 2889# in una parte delle famiglie (5)&'23 sono state identificate mutazioni nel gene *A&5 "microtubule'associated protein tau%. Attualmente , :! mutazioni in oltre 2.. famiglie ; pazienti con mutazioni *A&5 presentano all<autopsia inclusioni tau'positive "7(5% Patogenesi: Alcune mutazioni alterano il pattern di splicing del gene della tau e la funzione della proteina provocando accumulo della variante a - repeat 0<alterazione del rapporto -/: repeat correlato alla neurotossicit e all<evento neurodegenerazione Altre mutazioni "missense% causano cambi aminoacidici# diminuendo la capacit di binding ai microtubuli e/o aumentando la tendenza all<aggregazione +ono state identificate famiglie in lin1age con 23q42# ma senza mutazioni del gene *A&5 e senza 7(5. ;n queste famiglie vi erano inclusioni ubiquitina'positive " (50)'=% ;n queste famiglie sono state riportate mutazioni del gene >?7 che codifica per la progranulina# per lo pi con prematuro troncamento della proteina e conseguente degradazione del ?7A mutato "nonsense'mediated deca@# 7*)% )a ciA consegue perdita di funzione della progranulina# che suggerisce un meccanismo di aploinsufficienza Demenza con corpi di Le ! Definizione: demenza caratterizzata da particolari inclusioni citoplasmatiche "corpi di 0e6@% Prevalenza: rappresenta il 2!'4./ di tutte le demenze "seconda dopo la m. di Alzheimer% Clinica: disturbi di memoria# linguaggio# ragionamento e disturbi motori "par1insonismo%. *arcate fluttuazioni con stati confusionali. Allucinazioni. &articolare sensibilit ai neurolettici "alattia di #re$tzfeldt-%ako& )efinizione: malattia neurodegenerativa fatale caratterizzata dall<accumulo di un<isoforma anomala della proteina prionica. &uA essere sporadica# familiare# iatrogena ed alimentare ;ncidenza: 2'4 casi per milione per anno Blinica: demenza rapidamente progressiva# associata a mioclono# segni eCtrapiramidali# atassia# segni piramidali# cecit corticale )iagnosi: aumento nel 0B+ della proteina 2-':':# +'2.. ed enolasi specifica neuronale$ tipici elementi pseudo'periodici all<DD>$ alterazioni dei nuclei della base alla ?*

Demenza vascolare ;n passato denominata demenza multi'infartuale "*;)% Definizione: demenza associata ad ischemie# emorragie o ipoperfusione cerebrale &revalenza: la terza causa di demenza dopo la m. di Alzheimer e la demenza a corpi di 0e6@$ spesso l<esame autoptico mostra patologia mista "Alzheimer'li1e E patologia vascolare% Clinica: perdita delle funzioni esecutive# defict mnesici meno marcati che nella m. di Alzheimer progressione a gradini. Terapia: controllo dei fattori di rischio vascolare# inbitori delle colinesterasi