Sei sulla pagina 1di 199

UNIVERSIT DEGLI STUDI DI NAPOLI

FEDERICO II

FACOLTA DI INGEGNERIA
DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE TESI DI LAUREA

Modellazione Numerica dElementi Strutturali Sottoposti a Carichi da Esplosione

Relatori Ch. mo Prof. Ing. Gaetano Manfredi Ch. mo Prof. Ing. Andrea Prota Correlatore Ing. Domenico Asprone

Candidato Giuseppe Della Porta Matr. 437/99

ANNO ACCADEMICO 2005 2006

A quanti hanno saputo sostenermi con amore, spirito di sacrificio e sopportazione, a voi tutti va la mia gratitudine e il mio affetto

la somma che fa il totale Principe Antonio de Curtis In arte Tot

INDICE

Indice Introduzione ______________________________________ 7 Capitolo 1 _______________________________________ 10 Caratterizzazione dellesplosione ____________________ 10


1.1 Propagazione dellonda durto (Shock Waves)__________________________ 12
1.1.1 Esplosione al suolo_____________________________________________________14 1.1.2 Esplosione in Aria _____________________________________________________16 1.1.3 Lesplosione in centri abitati ______________________________________________23

1.2 Inneschi__________________________________________________________ 26 1.3 Dispositivi Esplosivi ________________________________________________ 28 1.4 Materiali Esplosivi _________________________________________________ 30
Esplosivi Semplici ___________________________________________________________31 Esplosivi Composti __________________________________________________________33

Capitolo 2 _______________________________________ 36 Descrizione di un test desplosione su una piastra in c.a. _ 36


2.1 Descrizione della Prova Sperimentale _________________________________ 37 2.2 Evidenze Sperimentali______________________________________________ 41 2.3 Finalit della Prova Sperimentale ____________________________________ 43

Capitolo 3 _______________________________________ 44 Modellazione delle azioni prodotte dallesplosione. _____ 44


3.1 Curva di pressione adottata _________________________________________ 46
Coefficiente dequivalenza_____________________________________________________47 Distanza Ridotta Z ___________________________________________________________48 Picco di Pressione p(Z) ______________________________________________________50 Coefficiente Sperimentale . ___________________________________________________50 Durata della Fase Positiva t+ ___________________________________________________51 Curva di Pressione P(Z, t) _____________________________________________________52

Capitolo 4 _______________________________________ 60 Metodi di Discretizzazione__________________________ 60


4.1 Finite Element Method (FEM) _______________________________________ 60 4.2 Classificazione dei Metodi Particellari ________________________________ 65 4.3 Applicazione dei Metodi Particellari __________________________________ 68 4.4 Smoothed Particle Hydrodynamics (SPH) _____________________________ 69
4.4.1 Metodi dinterpolazione SPH _____________________________________________72 4.4.2 Teoria dApprossimazione SPH ___________________________________________78 4.4.3 Approssimazione di Derivate SPH_________________________________________80 Formula gradiente I ________________________________________________________80 Formula gradiente II _______________________________________________________81

INDICE

Formula gradiente III_______________________________________________________82 Equazione di continuit in SPH_______________________________________________85 Equazione del Moto in SPH _________________________________________________86 Equazione dellenergia in SPH _______________________________________________89 4.4.4 I limiti del Metodo SPH _________________________________________________91 Instabilit di tensione_______________________________________________________91 Condizioni di vincolo ______________________________________________________95

Capitolo 5 _______________________________________ 97 Modellazione Numerica con LS-Dyna Version 970. _____ 97


5.1 - Software LS-Dyna Version 970 _______________________________________ 97 5.2 Modellazione della Prova Sperimentale_______________________________ 101
5.2.1 Modello FEM ________________________________________________________102 5.2.2 Modello SPH ________________________________________________________111

Capitolo 6 ______________________________________ 117 Legami Costitutivi del Calcestruzzo _________________ 117


6.1 Pseudo Tensor(Mat_016) _________________________________________ 117 6.2 Concrete Damage (Mat_072) _______________________________________ 125
6.2.1 Parametri che definiscono le superfici di rottura _____________________________128

6.4 Dynamic Increase Factor (DIF) _____________________________________ 137

Cowper and Symonds. __________________________________________________139 Legame Tensione-Deformazione Parametrico. _______________________________139 Curva di Strain-Rate. ___________________________________________________140 6.4.1 Definizione della Curva di Strain-Rate ____________________________________140 6.4.2 Origini della formulazione CEB-FIP ______________________________________141

6.3 Equation of State Form 8 (Tabulated Compaction) _____________________ 149

Capitolo 7 ______________________________________ 161 Risultati delle Simulazioni Numeriche _______________ 161


7.1 Prova Sperimentale I e II __________________________________________ 162
Modello FEM, suddivisione della piastra in 11520 Element_Solid, Prova 1: ________163 Modello FEM, suddivisione della piastra in 11520 Element_Solid, Prova 2: ________164 Modello SPH, suddivisione della piastra in 11520 Element_SPH, Prova 1: _________166 Modello SPH, suddivisione della piastra in 11520 Element_SPH, Prova 2: _________168 Modello FEM, suddivisione della piastra in 11520 Element_Solid, Prova 3: ________171 Modello SPH, suddivisione della piastra in 11520 Element_SPH, Prova 3: _________176

7.2 Prova Sperimentale III ____________________________________________ 169

7.3 Prova Sperimentale IV ____________________________________________ 181

CONCLUSIONI _________________________________ 186 Indice delle Figure _______________________________ 191 Indice dei Grafici ________________________________ 192 Indice delle Tabelle_______________________________ 193

INDICE

Bibliografia _____________________________________ 195 Ringraziamenti __________________________________ 198

INTRODUZIONE

Introduzione
Nel campo dellIngegneria Civile si assiste ad un sempre crescente interesse nei confronti delle azioni dinamiche prodotte da esplosioni applicate alle strutture. Infatti, i recenti attacchi terroristici portati al cuore del mondo occidentale negli ultimi anni, hanno fatto s che si alzassero i livelli di guardia dei paesi maggiormente colpiti ed interessati. La crescente preoccupazione dei paesi occidentali, ha quindi focalizzato lattenzione sullargomento della protezione di quelle strutture che, per le proprie sensibilit strategiche e sociali, rientrano tra i probabili obiettivi terroristici. Tra queste si annoverano le ambasciate, le sedi di governo, le basi militari e logistiche, ma anche scuole, ospedali, stadi, centri commerciali, luoghi di grande affollamento tra cui anche metropolitane, aeroporti e mezzi di trasporto collettivi. Lo stesso ambito scientifico si adoperato per caratterizzare il comportamento di tali strutture sottoposte a carichi dinamici delevata intensit e breve durata, quali sono quelli prodotti dalle esplosioni. Il problema si presenta al quanto complesso, e si pu articolare in tre diversi aspetti fondamentali, che sono cos elencati: Valutazione dei carichi dinamici prodotti da unesplosione ed applicati su un elemento strutturale; Caratterizzazione del comportamento meccanico dei materiali per uso strutturale, sottoposti a carichi dinamici delevata intensit; Individuazione ed implementazione, mediante luso del calcolatore, di un metodo danalisi numerico per la descrizione e soluzione del problema fisico-meccanico cos definito.

INTRODUZIONE

Per quanto concerne la valutazione delle azioni prodotte da unesplosione, queste possono essere definite da curve di pressione delevate intensit ma di durata ridottissima. Di questonda di pressione possibile considerare una fase positiva di sovrapressione e una negativa di depressione. Sperimentalmente si potuto osservare come il calcestruzzo e lacciaio, sottoposti a carichi dinamici delevata intensit, presentino dei valori di resistenza meccanica maggiori rispetto a quelle calcolate in condizioni di carico quasi statiche. Ad oggi ancora non appare chiaro il motivo fisico in virt del quale si manifesta questincremento di resistenza. Ciononostante, per la modellazione di un elemento strutturale realizzato in c.a. non si pu prescindere dal considerare tal effetto, che va sotto il nome di Strain-Rate-Sensitivity. Le metodologie danalisi maggiormente impiegate, per la descrizione del fenomeno fisico, prevedono una complessa discretizzazione del continuo. A tal fine, possibile distinguere diversi gruppi di metodi, tra cui: Lagrangiani, utilizzati soprattutto per la discretizzazione delementi solidi, e per la risoluzione di problemi meccanici, in cui si osservano deformazioni non eccessivamente elevate; Euleriani, utilizzati soprattutto in fluidodinamica, e a differenza dei precedenti offrono la possibilit di trattare problemi che prevedono grandi deformazioni; ALE (Arbitrarian Lagrangian Eulerian), consentono di trattare deformazioni di qualsiasi entit, la loro precisione funzione di quanto sia corretta la previsione delle deformazioni attese;

INTRODUZIONE

SPH (Smoothed Particle Hydrodynamics), appartengono ai metodi di tipo Meshfree, discretizza il continuo mediante un numero finito delementi particellari. Loggetto del lavoro di tesi risiede nellaffrontare ognuna delle problematiche in precedenza descritte. Ragion per cui, si scelto di modellare numericamente una prova sperimentale condotta su una piastra in c.a. sottoposta a carichi da esplosione. Nei capitoli successivi si descriveranno le metodologie adottate per il calcolo delle azioni esercitate sullelemento strutturale prodotte dallesplosione, e quelle utilizzate per la discretizzazione e lanalisi numerica della prova simulata. Inoltre, si far un esplicito riferimento al codice di calcolo impiegato per la suddetta modellazione, e sulle scelte riguardanti il legame costitutivo implementato al fine di modellare il calcestruzzo armato, in modo tale da poter considerare il gi menzionato effetto di Strain-Rate-Sensitivity. A conclusione della tesi si riporteranno i risultati ottenuti mediante lutilizzo di due diversi metodi danalisi, tra cui il tradizionale metodo degli elementi finiti (FEM), che rientra tra i metodi Lagrangiani prima citati, e il pi innovativo Smoothed Particle Hydrodynamics (SPH). Dal confronto operato tra i risultati conseguiti mediante i due metodi danalisi, e tra gli stessi e quelli ottenuti in seguito alle prove sperimentali se ne trarranno le successive conclusioni.

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

Capitolo 1 Caratterizzazione dellesplosione


Lesplosione definita come un improvviso e violento rilascio denergia meccanica, chimica o nucleare, normalmente con produzione di gas ad altissima temperatura e pressione[1]. Questo rilascio denergia si attribuisce ad una trasformazione dello stato di una massa gassosa, solida o liquida, impiegata per la costruzione della carica esplosiva. Per Energia Meccanica sintende la somma dellenergia Cinetica e di quella Potenziale, mentre lEnergia Chimica causata della formazione o rottura di legami chimici di qualsiasi tipo. Con Energia Nucleare sintendono tutti quei fenomeni in cui si ha la produzione di energia in seguito a trasformazioni nei nuclei atomici, quali possono essere fissioni o fusioni nucleari. I volumi di gas prodotti dallesplosione sono circa 10000-30000 volte quelli iniziali, la temperatura che ne consegue raggiunge i 3000 gradi centigradi, mentre la pressione si aggira intorno alle 20000 atm con picchi di 150000 atm[2]. Il gas desplosione, ad elevata temperatura e pressione, si propaga nellambiente circostante sotto forma di un onda durto, che in assenza dostacoli si espande come una superficie sferica centrata nel centro dell'esplosione. Incontrando degli ostacoli esercita su di loro una forza tanto maggiore quanto la superficie investita, e quanto pi vicina al centro dell'esplosione [1]. Leffetto distruttivo di unesplosione dipende da vari fattori tra cui la velocit dellesplosione, il calore e i gas da lei prodotti, e chiaramente dalle pressioni realizzabili. Di conseguenza gli effetti prodotti da esplosivi duso militare e civile sono chiaramente differenti, avendo caratteristiche diverse in particolar modo gli esplosivi militari tra cui quelli plastici, come il C-4, hanno un

10

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

enorme potere distruttivo legato soprattutto alla loro elevata velocit di detonazione, alleffetto prodotto dallonda di pressione sviluppata dallesplosione, e in misura minore agli effetti prodotti dalle schegge. Gli esplosivi commerciali duso civile, impiegati per la demolizione di strutture esistente o per lapertura di scavi in roccia, sono solitamente utilizzati con cariche intasate, in altre parole introdotte in fori realizzati nella roccia o nel terreno. Le esplosioni chimiche sono suddivise in deflagrazioni, nelle quali la propagazione della reazione chimica desplosione una forma di combustione che procede nel materiale a velocit subsonica, e detonazioni, nelle quali la reazione chimica desplosione non una combustione ma una decomposizione diretta della molecola desplosivo, innescata direttamente dall'onda d'urto, la reazione desplosione procede quindi alla velocit del suono in quella particolare sostanza attraverso tutto il materiale, e la pressione e temperatura finale dei prodotti di reazione sono quindi molto pi elevati [1]. Per caratterizzare la potenza di un esplosivo possibile condurre una prova sperimentale, che prevede lesplosione di una carica allinterno di un blocco di piombo le cui dimensioni sono standardizzate. Eseguendo in seguito una misurazione del volume della cavit creatasi al suo interno, possibile stabilire una correlazione tra la potenza della gelatina esplosiva, ritenuto uno degli esplosivi pi potenti, con altre tipologie di cariche esplosive, associando convenzionalmente alla gelatina una potenza pari a 100 [1]. In ambito militare ma anche in campo civile si preferisce definire un carico esplosivo equivalente, calcolando dei coefficienti dequivalenza rispetto al Trinitrotulene (TNT), per la quale si assume un coefficiente unitario [1].

11

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

1.1 Propagazione dellonda durto (Shock Waves)


I gas ad alta temperatura e pressione, prodotti dallesplosione, sono confinati dal mezzo circostante, e si propagano al suo interno sotto forma di unonda di pressione. Londa durto produce effetti devastanti sia a breve sia a lunga distanza. Gli effetti a lunga distanza sono funzione del mezzo attraverso il quale avviene la propagazione. Infatti, la massima pressione del gas desplosione, dipende dalle caratteristiche fisico-meccaniche del mezzo che circonda la carica esplosiva, che sia aria, acqua o suolo. In aria si avr uno spostamento daria, in acqua uno scoppio subacqueo, se invece lesplosione avviene nel terreno londa durto si propaga allo stesso modo delle onde sismiche, arrecando quindi danni alle strutture adiacenti cosi come alle persone a contatto con la superficie investita dallonda. Leventuale presenza di una superficie di separazione, tra il gas prodotto dallesplosione, e il mezzo attraverso il quale si propaga, produce al tempo stesso una riflessione e una trasmissione dellonda di pressione al mezzo circostante (area o acqua). Londa di riflessione, si muove in verso opposto allonda di detonazione. Questa riflessione pu essere di compressione o di rarefazione, a seconda che la densit del mezzo di propagazione maggiore o minore di quella del gas desplosione [2]. Ad esempio, se la carica applicata su una piastra infinitamente rigida di calcestruzzo armato, siccome la densit della piastra molto maggiore rispetto a quella del gas prodotto dallesplosione, londa di riflessione sar di pressione, ed interamente rivolta verso lalto.

12

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

Allo stesso modo, lintensit della pressione dellonda trasmessa al mezzo circostante, funzione della densit del mezzo. In ogni caso, allaumentare della distanza dal centro desplosione, lintensit di pressione tende a diminuire. Londa esplosiva genera inizialmente una sovrapressione e in seguito in tempi pi lunghi una depressione nota come risucchio, dovuta allaria che torna violentemente verso il centro dellesplosione. Gli effetti prodotti dallazione combinata di queste due onde sono molto distruttivi, in quanto in alcuni casi la sola onda di pressione che impatta su un oggetto, quale pu essere ad esempio un pannello in muratura, provoca su di lui inizialmente delle semplici lesioni, senza alterare la propria staticit, sar poi londa di risucchio a provocarne il successivo crollo. Tutto ci avviene in un periodo di tempo dellordine di grandezza di pochi millisecondi, tale da non far apprezzare leffetto prodotto dalle due onde singolarmente. Gli effetti prodotti a breve distanza sono invece da attribuire ad onde durto pulsanti, le quali attraversano e si riflettono sulle superfici libere degli oggetti incontrati, provocando su di loro un incremento delle tensioni che ne determina la rottura. A questi si sommano gli effetti prodotti dalle fiammate, dai corpi incandescenti scagliati ad alte velocit, e dalla propagazione del calore che pu essere causa dincendi e dustioni gravi. In alcuni casi i danni prodotti a breve distanza possono essere aggravati dalla presenza allinterno dellordigno di chiodi o altri corpi contundenti (Bomba Sporca), quali schegge di vetro o acciaio di varie dimensioni, che lesplosione scaglia ad alte velocit, tra i 1000 e 1500 m/s, possono provocare lesioni a persone e cose dentit rilevanti [1].

13

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

1.1.1 Esplosione al suolo


Ad esplosione avvenuta, dalle dimensioni radiali del cratere formatosi al suolo, e note le caratteristiche geotecniche dello stesso, sar possibile risalire allentit del carico esplosivo W. Noti, infatti, la tipologia del terreno, e con lui le sue caratteristiche fisiche e meccaniche, attraverso delle relazioni empiriche, possibile calcolare il raggio del cratere R, attraverso la seguente espressione:

R = kW n
Dove con R sindica il raggio del cratere, k un coefficiente numerico adimensionale, che assume valori diversi in funzione del tipo di terreno, W il peso della carica esplosiva, e infine n lindice di potenza dellesplosivo stesso [3]. Questa formulazione empirica, ricavata quindi dalle evidenze sperimentali, in accordo con la seguente teoria. Si prenda in considerazione una carica esplosiva, applicata per semplice contatto sulla superficie del suolo. Indichiamo rispettivamente con W ed E il suo peso e la sua Energia Specifica di esplosione, ovvero lenergia rilasciata dallesplosione stessa. Lenergia specifica necessaria alla rottura di un volume V di terreno sar:

Er = Vrr
Dove,

r e r sono rispettivamente la tensione e la deformazione di

rottura del materiale attraversato dallesplosione. Lenergia specifica di rottura del materiale sar:

Es = rr

14

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

Dalluguaglianza di queste due espressioni, ricaviamo il volume di terreno asportato dallesplosione, definito come segue:

V =

Er WE = Es Es

Sapendo che lenergia necessaria per provocare la rottura di un volume V di terreno, uguale allenergia trasferita dalla carica al suolo (K=WE). Nellipotesi in cui la densit di massa del suolo inferiore rispetto a quella del gas prodotto dallesplosione, approssimativamente si pu considerare un cratere di forma semisferica. Per cui, sapendo che il volume della sfera si calcola come:

2 R V = 3

Sostituendo nella relazione precedente, ricaviamo lespressione del raggio:

R =
Avendo posto:

3E 2 E

= k

k =

3E 2 E s

espresso quindi in funzione delle caratteristiche meccaniche del suolo e dellenergia desplosione della carica[3].

15

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

1.1.2 Esplosione in Aria


Si vogliono descrivere gli effetti prodotti da unesplosione che avviene in aria libera, considerata puntuale ed istantanea, alla quale corrisponde il rilascio di una certa quantit denergia E. Ci che interessa definire, lincremento di pressione del mezzo circostante la carica esplosiva, in un dato istante di tempo t, ad una certa distanza radiale R(t) dal centro desplosione, supponendo che sia di tipo sferico. Rispetto alle condizioni imperturbate del mezzo, alle quali corrisponde una certa pressione p1, in seguito al passaggio del fronte donda, si avr una nuova pressione p2, maggiore di quella iniziale. Lipotesi di base che le trasformazioni di natura termodinamiche associate allesplosione, siano adiabatiche, in altre parole comporteranno uno scambio di calore tra lambiente interno, in cui si ha lesplosione, e quello esterno, in cui si ha la propagazione della stessa. Inoltre, laria attraverso la quale si propaga londa durto, considerata come un gas politropico, per il qual vera la seguente espressione: pvn = cost. Dove p la pressione, v il volume specifico per unit di massa, e n un coefficiente numerico adimensionale, che assume valori diversi a seconda che la trasformazione del gas sia isoterma o adiabatica, in questo caso essendo adiabatica vale 4,21 [3]. Per definire la velocit, la pressione, e la densit di massa del mezzo attraversato dal fronte donda ad un generico istante di tempo t, sar quindi necessario descrivere il moto del gas.

16

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

Tale moto univocamente determinato, una volta noti la densit di massa indisturbata dellaria 1, lenergia sprigionata dallesplosione E, ed una volta fissati listante di tempo t e la distanza radiale r dal centro desplosione. Dalla successiva relazione si ricava la posizione radiale del fronte donda ad un generico istante di tempo t:

= r ( 1 Et

1 2+k

Dove k un parametro adimensionale, che assume valore pari a 1, 2, o 3, a seconda che lespansione del gas monodimensionale, bidimensionale o tridimensionale [3]. Da cui, la posizione radiale dellonda durto allistante t sar:

Et 2 R (t ) = 1

1 2+k

Dove una costante adimensionale, definita in funzione del rapporto politropico tra il calore specifico del gas a pressione costante, e a volume costante dellaria[3]. Attraverso la precedente relazione, si quindi in grado di individuare ad ogni istante, in seguito allesplosione, la posizione del fronte donda. Noto R(t), si pu calcolare la velocit con la quale si propaga londa durto nel mezzo circostante, come:
U (t ) = dR dt

17

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

Nel caso in questione si avr:


2 U (t ) = 2+ k
4+k 2

E Rk 1

0 ,5

Bisogna quindi risolvere un sistema di tre equazioni nelle incognite v2,

2, p2, che indica rispettivamente la velocit, la densit di massa, e la


pressione dellaria in seguito al passaggio del fronte donda, ad una distanza radiale R(t), e allistante di tempo t [3]. Le equazioni da scrivere per la risoluzione del problema, derivano dal principio di conservazione della massa, della quantit di moto, e dellenergia. Le soluzioni del sistema dequazioni saranno:

2 = 1

+1 1

2U v2 = +1

2U 2 = + 1

La sola densit di massa si esprime indipendentemente dalla velocit di propagazione dellonda durto U [3]. Nota lespressione della velocit di propagazione del fronte donda U, sostituendola in quella della pressione p2, si ottiene la pressione sul fronte donda:

4+ k

(2

8E + k
2

) (

+ 1)

1 R k

Questa sar quindi espressa in funzione dellenergia specifica desplosione E, del tipo di propagazione espressa mediante k, del rapporto tra il calore specifico a pressione e a volume costante , e della posizione radiale R [3].

18

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

La pressione del fronte donda quindi una funzione inversamente proporzionale della distanza R dal centro desplosione. In particolar modo al variare della costante k, che come gi detto assume valori diversi a seconda che la propagazione del fronte durto sia monodimensionale, bidimensionale, o tridimensionale, questa proporzionalit inversa sar lineare, quadratica o cubica. Nel caso di propagazione tridimensionale, lattenuazione della pressione sul fronte donda, sar ancora pi rapida allaumentare della distanza radiale dal centro desplosione. Il picco di pressione, in altre parole la massima pressione conseguita in un punto generico dello spazio, a distanza R dal centro desplosione, si definisce come somma di 4 contributi:

p =

A1 A2 A3 + + + A4 2 R R R 3

Dove le 4 costanti, A1, A2, A3, e A4, sono determinate attraverso uninterpolazione lineare dei risultati numerici di prove sperimentali, che dipendono dal peso della carica esplosiva W, mediante la cosiddetta Distanza Ridotta, a sua volta definita come:

Z =

R W

Il concetto di distanza ridotta, sintroduce per individuare la distanza dal centro desplosione, alla quale due cariche esplosive, con la stessa energia specifica desplosione, ma con peso differente, W1 e W2, generano lo stesso effetto in termini di pressione. Analogamente, per due cariche esplosive con lo stesso peso W, ma con energie specifiche

19

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

desplosione diverse, E1 ed E2, sindividua la distanza alla quale le due cariche generano la stessa pressione [3]. Nelle applicazioni pratiche, per la valutazione della pressione in un generico punto dello spazio, individuato dalla distanza ridotta Z dal centro desplosione, e in un generico istante di tempo t, sono impiegate formulazioni semiempiriche come la seguente:

p (Z ,t) = p

+ y

p0

t = p ( Z )1 + e t

t t
+

Dove p+y la massima pressione della fase positiva, p0 la pressione in condizioni indisturbate del mezzo di propagazione, pressione atmosferica nel caso dellaria, t+ la durata della fase positiva di sovrapressione, un coefficiente di natura sperimentale definito in funzione della distanza ridotta Z, e p(Z) il picco di pressione alla distanza ridotta Z [3]. La durata della fase positiva di sovrapressione, la si pu valutare come segue (M. A. Sadowsky):

= B 10

3 6

Dove, il tempo espresso in secondi, B una costante che si assume nella pratica pari a 1,3 [3].

20

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

p(Kg/cm2)

py+

Fase positiva

Fase negativa p0 px ta t+ t(s)

Figura 1. 1 Andamento qualitativo di una Curva di Pressione prodotta da unesplosione.

Per il picco di pressione p(Z), possibile utilizzare diverse formulazioni dorigini sperimentali, proposte da vari autori, e riferite al solo TNT. In ogni caso, tali formulazioni sono estendibili a qualsiasi tipologia desplosivo, mediante lintroduzione di un coefficiente dequivalenza al TNT. Questo coefficiente, calcolato come il rapporto tra il calore specifico dellesplosivo in questione, Q, e quello del TNT, QTNT [3]:

q =

Q Q TNT

Per ognuna di queste espressioni, possibile definire un campo di validit in funzione della distanza ridotta Z. Nei rispettivi campi

21

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

dapplicazione, tra le varie formulazioni sussistono delle differenze. Nella pratica, si preferisce riferirsi ad un valore medio di quello calcolato con le singole formulazioni. Di seguito si riportano le espressioni per il calcolo del picco di pressione, e i rispettivi campi di validit [3]: Brode H.L.

6, 7 +1 p 10 Kg / cm 2 3 Z 0,975 1,455 5,85 p ( Z ) = + + 3 0,019 Z Z2 Z p ( Z ) =


Petrowsky G.I.
p ( Z ) = 10 ,7 1 Z3 Z 1

0,1 p 10 Kg / cm 2

Sadowsky M.A.

p( Z ) =

0,76 2,55 6,5 + 2 + 3 Z Z Z

1 Z 15

Henrich J.

14 ,072 5,5397 0,3572 0,00625 + + 0,05 Z 0,3 Z Z2 Z3 Z4 6,1938 0,3262 2,1324 p ( Z ) = + 0,3 Z 1 Z Z2 Z3 0,662 4,05 3, 288 p ( Z ) = + 2 + Z 1 Z Z Z3 p ( Z ) =

22

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

1.1.3 Lesplosione in centri abitati


Nel momento in cui lesplosione avviene in un centro abitato, la sua propagazione in aria pu essere descritta come se avvenisse attraverso un insieme di canali [3]. In questo caso londa di sovrapressione incontrer strade, piazze ed edifici, che ne determineranno delle riflessioni. Le strade sono quindi considerate come dei canali lateralmente confinati dalla presenza degli edifici. Si supponga di prendere in considerazione unesplosione di tipo puntuale, che avviene ad una distanza R0 dalla sezione dimbocco del nostro canale. Londa durto prodotta dallesplosione, inizialmente sferica, raggiunta la sezione iniziale del canale, si trasforma da sferica in piana. Questa trasformazione si deve alle riflessioni multiple dellonda contro le pareti laterali del canale, e alle sovrapposizioni di queste ultime. In questo modo gli effetti dellesplosione si risentono anche a distanze maggiori rispetto al caso dassenza dostacoli. E interessante determinare la pressione prodotta nellatmosfera ad una certa distanza r dal centro desplosione. In generale, si pu affermare che questa sia pari a:

p (r ) =

A r

Dove r la distanza dal centro desplosione, ed A una costante [3]. Se sindica con r = R1 la distanza dal centro desplosione della sezione iniziale del canale, dove la pressione vale p0, la costante A si calcola come: A = R1p0

23

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

La pressione in una generica sezione x del canale sar calcolata come:

p(x) =

p 0 R1 R1 + x

Dove, p0 la pressione calcolata sul fronte donda sferico alla distanza R0 dalla carica esplosiva [3]. Dalla precedente espressione si evince come allaumentare della distanza dal centro desplosione si abbia una riduzione della pressione prodotta, essendo questa ultima inversamente proporzionale alla distanza x. In questa formulazione non si tiene conto del graduale passaggio della superficie donda da sferica a piana, dellinfluenza delle onde di riflessione sulle pareti che limitano lateralmente il canale, e degli effetti dissipatevi dovuti alla rugosit delle pareti del condotto. E quindi necessario introdurre dei coefficienti correttivi che terranno conto di questi fenomeni. Sintroduce quindi un coefficiente , compreso tra 0 e 1, che moltiplicato per R0 riduce la distanza del centro desplosione dalla sezione dimbocco [3]. Il coefficiente amplificativo

, che tiene conto della sovrapposizione delle onde di riflessione, tale


coefficiente si assume sempre inferiore allunit. Infine un termine esponenziale, in funzione del quale allaumentare della distanza x lungo il canale, si ha una riduzione della pressione in virt degli effetti dissipativi. Sperimentalmente, possibile dimostrare che tali effetti dissipativi, siano funzione della rugosit delle pareti laterali del condotto, espresse mediante un coefficiente di attrito , a sua volta funzione della dimensione trasversale del canale D, e dellaltezza relativa delle asperit h [3].

24

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

Lespressione corretta della pressione prodotta ad una generica ascissa x del canale sar [3]:

p 0 R1 p(x) = e ( R 1 + x )

0 ,4

x D

Da questa formulazione, si evince che per ridurre la pressione sufficiente aumentare la dimensione trasversale D del canale stesso. Questo si pu fare realizzando delle camere despansione, che sono degli allargamenti della sezione trasversale corrente. A valle di questa camera despansione, nel momento in cui si ha un successivo restringimento del condotto, la pressione calcolata come [3]:

S2 p1 = S p2 1

0 ,8

Dove S1 e S2, sono rispettivamente la dimensione trasversale del condotto prima e dopo lallargamento, cosi come p1 e p2, sono le relative pressioni, allingresso del canale despansione, e nel canale duscita, questultima p2 sar incognita. Quando lungo il canale principale, londa di sovrapressione incontra delle curve o delle diramazioni, la pressione che si avr a valle del cambio di geometria del condotto, sar valutata come unaliquota della pressione iniziale p1: p2 = kp1 Dove k un coefficiente di proporzionalit, che varia tra 0 e 1, e assume valori diversi in funzione del tipo di diramazione o cambio di geometria del canale [3].

25

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

1.2 Inneschi
Gli Inneschi possono essere realizzati con spolette, corde di detonazione, micce daccensione o detonatori, in grado di provocare lesplosione nei tempi e nei modi desiderati; molti di questi elementi sono sufficientemente piccoli da poter essere facilmente nascosti in un veicolo e quindi passare inosservati ad un controllo [2]. In alcuni casi linnesco di un esplosivo pu indurre ad una reazione a catena, dovuto allinnesco successivo daltri esplosivi nelle vicinanze. Ci non sempre avviene, in quanto questo fenomeno e vincolato da una serie di fattori tra cui la distanza e la sensibilit degli esplosivi, la violenza dellesplosione e il mezzo attraverso il quasi si propaga. La scelta del sistema dinnesco dipende non solo dal tipo desplosione e di danno che si vuole provocare ma anche dal tipo desplosivo. Fatta eccezione per la polvere nera che pu facilmente essere innescata mediante laccensione di una miccia, tutti gli altri esplosivi hanno bisogno di un detonatore[2]. La detonazione un fenomeno chimico-fisico costituito da una esplosione che si propaga ad una velocit supersonica costante, che genera un'onda d'urto il cui campo di velocit a valle pu essere ancora supersonico (detonazione forte) oppure subsonico (detonazione debole) [2]. La velocit di detonazione una funzione della densit del solido impiegato per la costruzione della carica esplosiva. Superato un certo limite di densit, la velocit di detonazione tende a diminuire a causa delle difficolt con le quali si sviluppano le reazioni chimiche, che sono artefici della detonazione stessa. I Detonatori utilizzati per innescare gli esplosivi normali sono solitamente dei tubi sottili dalluminio o di rame, contenenti vari tipi desplosivi primari e secondari presenti in piccole

26

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

quantit, che li rendono molto sensibili alle azioni esterne tra cui percussioni, shock e calore, per tale motivo vanno maneggiati con cautela e mai trasportati insieme allesplosivo. Gli esplosivi primari sono molto sensibili agli urti, agli sfregamenti e al calore, sono usati nei detonatori per innescare l'esplosivo secondario. Gli esplosivi secondari, tranne qualche eccezione, non sono sensibili alle sollecitazioni meccaniche e termiche, e pertanto si possono definire stabili. I detonatori possono essere innescati a loro volta tramite uno shock non elettrico, i detonatori non elettrici si ottengono mediante laccensione di una miccia vincolata alla sua estremit o da un pezzo di corda di detonazione, altres da un detonatore elettrico costituito da un filamento imbevuto in una miscela incendiaria, che resa incandescente al passaggio della corrente elettrica prodotta da una particolare batteria definita esploditore[2]. Mentre i detonatori non elettrici sono istantanei, quelli elettrici possono essere dotati di un dispositivo a tempo basato su un segnale elettronico che agisce a distanza, prodotto ad esempio da un semplice telefono cellulare, o basato su un periodo di innesco prefissato. Le spolette a tempo sono per lo pi utilizzate per la detonazione dordigni militari (Bombe a Mano) [2]. Una gran variet di detonatori facilmente reperibile in commercio e con varie dimensioni, tra cui le corde di detonazione dette anche micce ordinarie a lenta combustione, utilizzate per linnesco non elettrico dei detonatori stessi o daltri esplosivi a debita distanza e con sufficiente ritardo di tempo. Queste sono realizzate con una polvere nera finissima che non emette odori identificabili, avvolta con un filo in una pellicola o in uno strato di plastica. Le stesse possono anche essere realizzate sostituendo alla polvere nera un esplosivo secondario ad alta velocit di

27

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

detonazione, in questo caso si parla di miccia detonante, usata soprattutto per la detonazione contemporanea di pi cariche disposte a distanza luna dalle altre.

1.3 Dispositivi Esplosivi


E possibile individuare diverse tipologie di dispositivi esplosivi che si contraddistinguono per innesco, cariche esplosive e contenitore. Secondo i loro impieghi, tali ordigni si distinguono in tre diverse categorie, Militari, Commerciali o Civili ed Improvvisati. Gli Esplosivi Militari, come il trinitrotulene (TNT) e i vari esplosivi plastici tra cui il C-4, possono essere usati singolarmente o mescolati tra loro o con altre sostanze, tra cui la polvere dalluminio, per migliorarne le prestazioni. Lo stesso esplosivo plastico molto diffuso negli Stati Uniti si ottiene proprio mescolando esplosivi secondari con sostanze plastiche quali ad esempio i polimeri sintetici. Questi esplosivi sono caratterizzati da una densit simile a quella dellacqua, sono tolleranti alle condizioni dumidit e resistenti alle temperature estreme, si presentano sotto forme e colori diversi fortemente dipendenti dai plastificanti e i coloranti utilizzati durante il processo di produzione. Data la loro tolleranza agli ambienti umidi possono essere facilmente nascosti in liquidi acquosi, facendo attenzione ad evitare i solventi organici nei quali potrebbero dissolversi. Linnesco avviene singolarmente o tra pi carichi esplosivi attraverso luso di uno o pi blasting cap (cappuccio esplosivo) [2]. E stato provato che molti attacchi terroristici siano stati realizzati proprio avvalendosi dordigni militari, con la possibilit di nasconderli in solventi organici, quale il gasolio, a patto di isolare completamente

28

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

lesplosivo dal solvente stesso; il beneficio che se ne trae quello di confondere lodore dellesplosivo rendendolo quindi meno intercettabile dai controlli di sicurezza tenuti dalle unit cinofile. Gli Esplosivi Commerciali duso civile si distinguono per dimensione, colore e consistenza, tra solidi e gelatinosi, tra questi maggiormente impiegati sono gli esplosivi da mina a base di Nitrato di Potassio o dAmmonio, e la gelatina esplosiva formata per oltre il 90% da Nitroglicerina e la restante parte da Cotone Collodio. Questi ultimi si annoverano tra i pi pericolosi, in quanto i rischi sono connessi soprattutto al trasporto e alla lavorazione, essendo, infatti, la Nitroglicerina, un materiale esplosivo molto suscettibile agli urti [2]. Tali esplosivi hanno una densit molta variabile, usualmente simile a quella dellacqua, ci li rende tolleranti al contatto con lacqua stessa, sebbene alcuni esplosivi commerciali non possono essere detonati in completa immersione in acqua o in altri solventi. La detonazione avviene con un singolo blasting cap dato che linnesco di un solo contenitore di materiale esplosivo pu provocare la detonazione di altri a lui adiacente (Reazione a Catena) [2]. Gli esplosivi commerciali non hanno una lunga vita utile, soprattutto se esposti per lunghi periodi ad elevate temperature, le quali possono provocare la fuoriuscita doli esplosivi o daltri elementi. Molti di questi esplosivi, ed in particolar modo la Dinamite, emanano un forte odore, lesposizione a tali vapori pu causare rapidamente unintensa emicrania della durata di alcuni minuti.

29

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

Gli Esplosivi Improvvisati, sono realizzati clandestinamente e artigianalmente, il loro potere distruttivo funzione dei materiali impiegati e delle abilit tecniche degli stessi produttori. Tali ordigni presentano notevoli difficolt, pu, infatti, verificarsi una detonazione prematura o incompleta, oltre che la fuoriuscita di un forte vapore acido che pu corrodere il contenitore metallico dellesplosivo o decomporsi quando esposto al calore. I contenitori degli esplosivi maggiormente utilizzati sono tubi dacciaio o di plastica con entrambe le estremit tappate, solitamente di grandi dimensioni e per tanto facili obiettivi delle tecniche dispezione, e per tale motivo sono usualmente nascosti negli scompartimenti di un veicolo [2].

1.4 Materiali Esplosivi


I materiali esplosivi, utilizzati per la fabbricazione delle bombe sono di vario tipo. Questi possono essere distinti tra cariche concentrate e allungate a seconda che siano ammassate in modo globulare o disposte in tubi esplosivi. Possono essere interne o esterne a seconda che siano disposte in cavit realizzate nel corpo da far esplodere o semplicemente appoggiate su di essi. Si contraddistinguono in funzione delle loro caratteristiche chimiche, fisiche, del colore e dellodore. Variano soprattutto da un luogo allaltro in funzione della loro reperibilit. Alcune pubblicazioni scientifiche attestano che i migliori materiali esplosivi rintracciabili negli Stati Uniti sono la Polvere Nera, utilizzata per la produzione di bombe a tubo, la Dinamite, una miscela di Nitrato di Ammonio e Oli Combustibili (ANFO), lesplosivo al plastico (C-4) e il TNT, questi ultimi due utilizzati soprattutto per operazioni militari. I pi usati esplosivi artificiali sono esplosivi chimici, che normalmente comprendono una rapida e violenta reazione dossidazione che produce

30

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

una notevole quantit di gas ad alta temperatura. Sono esplosivi molto versatili, compatti, disponibili in quantit e in ogni tipo. Le caratteristiche chimiche e fisiche dei materiali esplosivi incidono chiaramente sui loro vari impieghi, tra cui quelli militari e purtroppo anche quelli terroristici. Tali caratteristiche influenzano la scelta operata dai terroristi tra i vari materiali per la costruzione del proprio ordigno, al fine di sottrarsi ai normali controlli di sicurezza allinterno degli aeroporti o altri luoghi controllati dai metal detector, ed altri dispositivi di sorveglianza. Molti materiali esplosivi appaiono sotto forma di polvere bianca o nera, solitamente con una struttura di tipo cristallina, ma quando caricate nel contenitore queste sono generalmente bagnate, al fine di evitare esplosioni premature, il che pu chiaramente appesantirle e conferirgli una configurazione pastosa. E possibile distinguere diversi esplosivi utilizzati per la fabbricazione di bombe, tra cui Esplosivi Semplici, come il TNT (trinitrotulene), la NITROCELLULOSA e la NITROGLICERINA, ed Esplosivi Composti quali la DINAMNITE, la POLVERE NERA, gli esplosivi plastici (C-4; SEMTEX) e lANFO [2]. Esplosivi Semplici Il TNT il pi comune tra gli esplosivi utilizzati per la produzione darmi militari, si presenta sotto forma di polvere cristallina o a fiocchi, di colore variabile tra il giallo e il marrone acceso, se esposto allossigeno e ai raggi ultravioletti pu subire uno scolorimento e una riduzione di stabilit allimpatto, data la sua composizione pu essere sciolto per fargli assumere altre

31

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

forme, assolutamente inodore e pu essere utilizzato come componente per molti altri esplosivi. NITROCELLULOSA un materiale altamente infiammabile costituito da cellulosa e acido nitrico. pi stabile e brucia pi velocemente della polvere nera emettendo gas molto caldi. Esplode quando innescata, ed solitamente impiegata per la produzione di propellente o pi semplicemente per il lancio di proiettili in armi leggere; se asciutta molto sensibile agli impatti, allattrito e alle scintille. NITROGLICERINA un esplosivo molto potente tra i maggiori elementi utilizzati per la produzione dordigni. Allo stato puro si presenta come un liquido pesante di colore chiaro con la stessa consistenza di un olio; pu essere assorbita dal corpo mediante inalazione o a contatto con la pelle inducendo stordimento e forte emicrania, oltre ad emettere fumi molto tossici durante la sua combustione. RDX, conosciuto anche come ciclonite, esogeno o T4. una nitroammina, ed un materiale esplosivo ampiamente usato dai militari. Si presenta come un solido cristallino di colore bianco. E usato solitamente in miscele con altri esplosivi e plastificanti, oppure desensibilizzanti. un esplosivo stabile e si pu conservare per molto tempo se immagazzinato bene. E considerato il pi potente tra tutti gli esplosivi militari. E prodotto facendo reagire l'acido nitrico concentrato sull'esammina, nitrato dammonio, acido acetico, ed anidride

32

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

acetica. Comincia a decomporsi a circa 170C, brucia piuttosto che esplodere, per farlo esplodere necessita di un detonatore, ed molto sensibile quando cristallizzato a temperature inferiore ai 4C [4]. Esplosivi Composti DINAMITE un esplosivo commerciale a differenza dei primi tre, che sono invece duso militare, realizzata con materiale poroso imbevuto con Nitroglicerina ed avvolto in un foglio di cera, in un cartone o in una pellicola di plastica di colore variabile secondo il produttore, solitamente confezionata come un tubo di diverso diametro. La Nitroglicerina impiegata per la sua realizzazione varia in percentuali comprese tra il 5% e il 90%, conferendogli un forte odore che pu provocare immediati stordimenti; solitamente innescata con una corda di detonazione o con un blasting cap. POLVERE NERA un esplosivo chimico tra i pi vecchi conosciuti. Si realizza mediante una miscela di polveri tra cui Nitrato di Potassio o Nitrato di Sodio, Carbone di Legna e Zolfo. Il suo colore varia tra il nero e il marrone ed appare sottoforma di polvere sottile o granulare. E solitamente arricchita con della grafite che ha il compito di ridurre lattrito tra i singoli granuli che potrebbe anche provocarne linnesco accidentale, dato che questo materiale risulta molto sensibile allattrito oltre che al calore, allimpatto e alle scintille, ci fa di questo materiale esplosivo uno dei pi pericolosi da maneggiare. Inoltre, risulta

33

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

essere sensibile allelettricit, pertanto deve essere lavorato con attrezzi di legno o di plastica a bassa conducibilit elettrica. Deve essere conservata asciutta data la sua sensibilit allacqua e allumidit che ne possono compromettere il corretto innesco. C-4, noto anche come esplosivo al plastico per la sua composizione e modalit dapplicazione, anchesso un esplosivo usato per scopi militari, in particolar modo come carico per le demolizioni. E costituito da un materiale esplosivo (RDX) arricchito con degli additivi che lo rendono simile ad uno stucco facile da modellare. La peculiarit di questesplosivo chiaramente la sua flessibilit che lo rende facile da modellare e da applicare su superfici irregolari, oltre che a unelevata velocit di detonazione. SEMTEX un esplosivo plastico al pari del C-4 prodotto originariamente nellEuropa dellEst, costituito da due esplosivi il RDX e il PETN, arricchiti anchessi con additivi che lo rendono flessibile e malleabile, assolutamente inodore e caratterizzato da un colore che varia tra il giallo e il nero, preso singolarmente un materiale relativamente innocuo che pu facilmente essere manipolato. Per la sua detonazione si usa solitamente un blasting cap o una corda di detonazione. La sua vita utile si aggira intorno ai 10 anni oltre i quali iniziano a perdere la sua flessibilit diventando friabile o rigido. ANFO composto di una miscela di Nitrato dAmmonio e Oli Combustibili. Il Nitrato solitamente di colore bianco, ha una

34

CAPITOLO 1 CARATTERIZZAZIONE DELLESPLOSIONE

forma simile a quella di un fertilizzante ed spesso imballato in contenitori impermeabili che servono ad evitare che possa perdere il suo potere e sensitivit allaumentare dellumidit. Alcune variazioni si possono ottenere mescolando il Nitrato dAmmonio con Enitrometano o con lo Zolfo. Ha una densit pari a circa l85% di quella dellacqua, non sensibile alle temperature estreme e ci nonostante deve essere tenuto asciutto e non pu quindi essere nascosto in acqua [4]. Si riporta di seguito, una tabella illustrativa dei parametri dalcuni esplosivi classici sopra elencati [3]:

Esplosivo
Nitroglicerina Esogeno TNT Fulminato di Mercurio Dinamite (62%)

Volume specifico dEsplosione V [l/Kg]


717 908 728 304 634

Calore specifico dEsplosione Q [Kcal/Kg]


1470 1500 1000 368 1200

Temperatura dEsplosione T [C]


4110 3850 2950 4810 4040

Velocit di Detonazione D [m/s]


8000 8300 6800 5400 6600

Tabella 1. 1 Parametri che caratterizzano fisicamente alcuni materiali esplosivi

35

CAPITOLO 2 - DESCRIZIONE DI UN TEST DESPLOSIONE SU UNA PIASTRA IN C.A.

Capitolo 2 Descrizione di un test desplosione su una piastra in c.a.


Oggetto della tesi stata la modellazione numerica di una piastra in c.a. sottoposta allazione di un carico dinamico prodotto da unesplosione. A tale fine, stato necessario avvalersi dei risultati di una prova sperimentale, condotta presso il Dipartimento dIngegneria Civile, Architettonica ed Ambientale, dellUniversit del Missouri-Rolla (USA). Realizzata per opera degli Ingegneri Pedro F. Silva, Binggeng. Lu & Antonio Nanni [5]. Nel caso specifico si tratta di una condizione desplosione (blast), di cui si vogliono descrivere gli effetti prodotti in termini di pressione, attraverso luso di una trattazione numerica di seguito riportata. Operando il confronto tra i risultati noti a priori del test sperimentale, e quelli della modellazione numerica, si ha la possibilit di verificare laccuratezza della simulazione, che sar tanto pi attendibile, quanto maggiore sar la fedelt nella riproduzione della prova, e nel conseguimento di risultati simili a quelli ottenuti empiricamente. La simulazione numerica, stata realizzata utilizzando il software di calcolo LS-DYNA Version 970 [11]. Il programma, stato impiegato con il fine di implementare un metodo di calcolo numerico, per la discretizzazione prima e la risoluzione analitica poi, dellelemento strutturale. Tra i possibili metodi a disposizione, si scelto di implementare un Metodo Particellare di tipo Meshfree, in particolare lo Smoothed Particle Hydrodynamics (SPH) [7]. Utilizzando lo stesso software, si potuto ripetere la stessa simulazione, implementando un altro metodo di calcolo, il pi tradizionale Metodo degli Elementi Finiti (FEM) [6].

36

CAPITOLO 2 - DESCRIZIONE DI UN TEST DESPLOSIONE SU UNA PIASTRA IN C.A.

In seguito, si operato un confronto tra i risultati ottenuti, con i due diversi metodi impiegati, al fine di capire quale tra questi meglio si presta per la modellazione di un elemento strutturale sottoposto a carico da esplosione.

2.1 Descrizione della Prova Sperimentale


Il test si svolto sottoponendo allazione di un carico dinamico, una piastra in calcestruzzo armato. La sollecitazione dinamica stata prodotta dalla detonazione di una carica esplosiva di peso W, sospesa in aria alla distanza R dal centro dellelemento. Il materiale esplosivo utilizzato lRDX (Esogeno), considerato tra i pi potenti esplosivi duso militare. Di seguito si descrivono: Caratteristiche Geometriche della piastra in c.a. Le dimensioni in pianta sono 48x48 in (1,2x1,2 m), mentre lo spessore di 3,5 in (0,0875 m). Le armature metalliche bidirezionali, sono disposte sul fondo della piastra, con copriferro di 0.5 in (0,0125 m). Le barre hanno sezioni trasversali di 0.11 in2 (9), e interasse di 6 in (0,15 m). Si ha quindi una percentuale darmatura in entrambi le direzioni di 0,528%. Condizioni di vincolo; I campioni di prova sono stati appoggiati su due travi parallele dacciaio, con sezione a doppia T, le cui flangie avevano una larghezza di 6 in (0,15 m). Si possono osservare su entrambe le travi dacciaio due file di spinotti metallici, a cui la piastra stata

37

CAPITOLO 2 - DESCRIZIONE DI UN TEST DESPLOSIONE SU UNA PIASTRA IN C.A.

vincolata, e che formano in questo modo un incastro su entrambi i bordi esterni.


y
1,2

9/15 cm

A
1,2

0,15

Sezione A-A ; B -B

99

Figura 2. 1 Caratteristiche Geometriche della piastra, e dellarmatura metallica.

Figura 2. 2 Setup di Prova.

38

0,09

B A x
0,15

CAPITOLO 2 - DESCRIZIONE DI UN TEST DESPLOSIONE SU UNA PIASTRA IN C.A.

Come si pu notare, la piastra oltre ad essere geometricamente simmetrica, rispetto ad una coppia di assi cartesiani con origine nel centro, lo anche nei confronti delle condizioni di vincolo e di carico, essendo la carica esplosiva applicata nel centro della piastra, ed essendo questa ultima semplicemente appoggiata su due lati. Di seguito si riportano, le propriet dei materiali usati per la prova sperimentale [5]:

Materiali Acciaio Calcestruzzo

Strain-rate [sec-1] 100 100

Modulo di Elasticit di Young E [Kg/cm2] 2,90E+07 3,78E+06

Rapporto di Poisson 0,3 0,2

Tabella 2. 1 Propriet elastiche dei materiali impiegati per la costruzione della piastra, allo Strain-Rate di 100 sec-1. Tensione di Rottura a Compressione [Kg/cm2] 717,13

Calcestruzzo

Tensione di Rottura a Trazione [Kg/cm2] 195,8

Deformazione Ultima u [] 4,76

Tabella 2. 2 Propriet dinamiche del calcestruzzo allo Strain-Rate di 100 sec-1. Tensione di Snervamento [Kg/cm2] 3958,28 5582,37

Strain-rate [sec-1] Acciaio 1,00E-04 174

Tabella 2. 3 Tensione di Snervamento dellacciaio, per due diversi valori di StrainRate.

39

CAPITOLO 2 - DESCRIZIONE DI UN TEST DESPLOSIONE SU UNA PIASTRA IN C.A.

Mentre per il calcestruzzo sono fornite le sole propriet dinamiche (Strain-Rate di 100 sec-1), per lacciaio, si fa distinzione tra la tensione di snervamento calcolata per condizioni di carico quasi statiche (StrainRate 1,00E-04 sec-1), e per le condizioni di carico dinamiche (StrainRate 174 sec-1). Da questi dati si nota un incremento della tensione di snervamento del materiale, allaumentare della velocit di deformazione
[sec-1], mentre il modulo di elasticit si mantiene costante.

Note le caratteristiche meccaniche del calcestruzzo per condizioni di carico dinamiche, sono state da queste derivate le stesse caratteristiche in condizioni quasi statiche. Utilizzando la formulazione proposta dal bollettino CEB-FIP Model Code 1990 [20]. Ottenendo i seguenti risultati:

Materiali

Modulo dElasticit di Young E [Kg/cm2] 179843,71

Modulo dElasticit Tangenziale G [Kg/cm2] 74934,88

Calcestruzzo

Tensione di Rottura a Calcestruzzo Compressione [Kg/cm2]

Tensione di Rottura a Trazione [Kg/cm2]

212,65

28,67

Tabella 2. 4 Propriet del calcestruzzo, per velocit di deformazione quasi statica.

40

CAPITOLO 2 - DESCRIZIONE DI UN TEST DESPLOSIONE SU UNA PIASTRA IN C.A.

2.2 Evidenze Sperimentali


Si riportano ora i risultati delle prove eseguite, in termini di danno prodotto [5]:

Test

Peso della carica esplosiva RDX. W [Kg] 0,10 0,50 0,90 1,71

Distanza della carica dal centro della piastra. R [m] 0,91 0,91 0,30 0,20

Livello di Danno prodotto I (No Cracking) II (Minor Cracking) III (Major Cracking) IV (Severe Damage)

1 2 3 4

Tabella 2. 5 Condizioni di carico ed Evidenze Sperimentali ad esse associate.

Dalle evidenze sperimentali si evince, che allaumentare dellentit del carico, e contemporaneamente al ridursi della distanza tra la piastra e il centro desplosione, si osservano danni crescenti in termini di fessurazione, fino a giungere alla condizione di rottura dellelemento. Nelle immagini successive, sono raffigurati i risultati delle prove 3 e 4:

Figura 2. 3 Immagine della piastra in seguito alla terza Prova.

41

CAPITOLO 2 - DESCRIZIONE DI UN TEST DESPLOSIONE SU UNA PIASTRA IN C.A.

Figura 2. 4 Immagini della piastra in seguito alla quarta Prova.

Si osserva che: Al seguito della prima prova non si riscontrano danni percepibili; Nel secondo caso si osservano piccole lesioni dentit in ogni modo non apprezzabili; Nel terzo caso la piastra presenta fessure rilevanti. Il quadro fessurativo che si presenta in questo caso caratterizzato da lesioni radiali, che dal centro della piastra, ovviamente maggiormente sollecitata perch nelle immediate vicinanze della carica esplosiva, si estendono verso i bordi della stessa, con ampiezze decrescenti linearmente. La lesione maggiore nel centro della piastra misura unampiezza di circa 3 mm. La deformazione dellelemento strutturale data dalla somma di due aliquote, una deformazione elastica e una plastica. La deformazione plastica si manifesta mediante uno spostamento residuo, che si pu misurare al termine della prova. La piastra presenta nel centro un abbassamento residuo di 21 mm, e di 11 mm in prossimit della mezzeria del bordo esterno. Nella quarta ed ultima prova, aumentando il carico esplosivo e riducendo ulteriormente la distanza della carica esplosiva dal

42

CAPITOLO 2 - DESCRIZIONE DI UN TEST DESPLOSIONE SU UNA PIASTRA IN C.A.

centro della piastra, si provoca la rottura della stessa, cos come mostrato nella precedente immagine.

2.3 Finalit della Prova Sperimentale


Il test di prova stato condotto con lintenzione di verificare la validit del metodo DBD (Displacement Based Design method), usato nel valutare la dimensione del carico esplosivo W, e la distanza di tolleranza R, tali da produrre un livello di danno stabilito a priori [5]. Oggetto della ricerca era lindividuazione di uno strumento utile nel determinare, entro un grado di precisione ragionevole, il livello di vulnerabilit delle strutture esistenti. Inoltre, nel modellare unesplosione di fondamentale importanza definire un livello di danno tollerabile. Gli effetti prodotti da unesplosione possono variare dal danno minore fino al completo collasso della struttura, con le conseguenti e considerevoli perdite di vite umane. Questo programma di ricerca ha mostrato risultati promettenti nellimpiego del metodo per predire il blast load (carico esplosivo), in termini di distanza e peso della carica esplosiva di sicurezza. Le evidenze sperimentali hanno mostrato che i livelli di danno realizzati erano simili ai valori predetti. Dato che le finalit della prova sperimentale e della tesi differiscono tra loro, si preferisce omettere la descrizione del metodo DBD, non essendo questo di nostro interesse. Sar quindi sufficiente avvalersi dei dati dei test eseguiti e dei risultati da loro conseguiti, da utilizzare per la modellazione degli stessi.

43

CAPITOLO 3 MODELLAZIONE DELLE AZIONI PRODOTTE DALLESPLOSIONE

Capitolo 3 Modellazione delle azioni prodotte dallesplosione.


Al fine di valutare le azioni prodotte sulla superficie della piastra dallesplosione, sar necessario definire per ogni prova, la curva di pressione a cui la piastra sar sottoposta. La curva di pressione definisce al variare del tempo, in un dato punto dello spazio alla distanza ridotta Z dal centro della carica, landamento della pressione generata dallesplosione. Di questa curva di carico, possibile distinguere una fase positiva ed una negativa. La fase positiva dovuta allincremento di pressione rispetto alla normale pressione atmosferica, mentre quella negativa si deve ad una depressione, in virt del ritorno verso il centro di esplosione dellaria che stata spostata [3]. Nella modellazione effettuata dagli autori della prova sperimentale, londa di pressione stata semplificata con una curva di carico triangolare. I parametri principali richiesti per definire la blast load sono il Picco di Pressione Ps, e la durata dell'impulso di blast td, o durata della fase positiva. Assumendo nullo il tempo darrivo ta del fronte donda sulla superficie piana, landamento qualitativo della curva di pressione sar come mostrato nella successiva immagine [5]:
P

Ps

td

Figura 3. 1 Curva di Pressione semplificata, usata dagli autori per la modellazione della prova.

44

CAPITOLO 3 MODELLAZIONE DELLE AZIONI PRODOTTE DALLESPLOSIONE

Semplici espressioni possono essere usate per riferire Ps e td al peso della carica esplosiva e alla distanza, indicate rispettivamente con W e R. Il picco di pressione Ps, valutato come una funzione inversamente proporzionale della distanza ridotta Z, secondo la formulazione proposta da H.L. Brode [5]. Al variare del campo di validit, Ps sar definito come:

6, 7 +1 p 10 Kg / cm 2 3 Z 0,975 1,455 5,85 p ( Z ) = + + 3 0,019 Z Z2 Z p ( Z ) =

0,1 p 10 Kg / cm 2

Dove, la distanza ridotta Z si esprime in funzione di R e W cos come segue:

Z =

R W

La durata della fase positiva, o impulso dellesplosione td, si definisce sempre in funzione di R ed W, a partire dalle seguenti funzioni logaritmiche [5]:

log log

10

td 3 2 , 75 + 1, 95 log W

10

R W R W

Z 1, 0 Z 1, 0

td 2 , 75 + 0 , 27 log 10 3 W

10

La curva di pressione cos calcolata nel solo centro della piastra, poi estesa allintera superficie di carico.

45

CAPITOLO 3 MODELLAZIONE DELLE AZIONI PRODOTTE DALLESPLOSIONE

Nella nostra modellazione, sia il picco di pressione sia la durata della fase positiva sono stati valutati in maniera diversa. Per la definizione di una curva di pressione, che si avvicini quanto pi verosimilmente alla descrizione del reale fenomeno fisico provocato dallesplosione, si preferito seguire un diverso metodo analitico, la cui trattazione teorica stata esplicitata nel Capitolo 1.

3.1 Curva di pressione adottata


Essendo la piastra simmetrica, sia geometricamente, che per quanto concerne le condizioni di vincolo e di carico, sar sufficiente definire la curva di pressione per un solo quarto della piastra. Per conseguire una maggiore accuratezza nella modellazione della prova, la piastra viene discretizzata in un numero finito delementi, duguali caratteristiche fisiche, geometriche e meccaniche. Si suddivider quindi, la superficie di carico della piastra in elementi di dimensione 10x10 cm, sia lungo lasse x sia y, del sistema di riferimento cartesiano introdotto.
y
F 1 2 3 4 5 6 6 5 4 3 2 1 F E D C B A A B C D E F E D C B A A B C D E F 1 2 3 4 5 6 6 5 4 3 2 1

Figura 3. 2 Discretizzazione della superficie di carico.

46

CAPITOLO 3 MODELLAZIONE DELLE AZIONI PRODOTTE DALLESPLOSIONE

Limitando il calcolo al solo quadrante positivo del sistema di riferimento scelto, di origine coincidente con il baricentro della piastra, si definisce una curva di pressione per ogni superficie elementare. Data la discretizzazione adottata, e le dimensioni dei singoli elementi, saranno 36 le curve di pressione da definire, per un totale di 144 curve di carico per ognuna delle 4 prove sperimentali. Questa semplificazione, resa possibile dalla simmetria dapplicazione del carico esplosivo, essendo questo centrato rispetto al baricentro della piastra stessa. Inoltre, la propagazione dellonda di sovrapressione avviene in maniera sferica dal centro desplosione, essendo questo sollevato rispetto alla piastra e non ostacolato se non dalla piastra stessa, che n investita. La pressione sui singoli elementi, e in un dato istante di tempo, sar quindi una funzione della sola distanza effettiva dal centro desplosione. La curva di pressione quindi si ripete identicamente sulle superfici di 4 elementi simmetrici rispetto al centro della piastra. Si descrive in seguito le operazioni successive, che si scelto di adottare per definire la curva di pressione prodotta dallesplosione, facendo riferimento alli-esimo elemento di dimensioni finite, in cui stata suddivisa larea di carico. Coefficiente dequivalenza Nel considerare il peso della carica esplosiva necessario introdurre un coefficiente dequivalenza che consente di esprimere il peso della carica esplosiva, usata nella prova sperimentale, in funzione del TNT (Trinitrotulene). Lesigenza di equiparare il peso di una qualunque carica esplosiva al TNT, nasce dalla necessit di impiegare formule empiriche nel calcolo della curva di pressione, ricavate attraverso prove

47

CAPITOLO 3 MODELLAZIONE DELLE AZIONI PRODOTTE DALLESPLOSIONE

sperimentali in cui il TNT stato usato come materiale esplosivo di riferimento. Il coefficiente dequivalenza q dato dal rapporto tra i Calori Specifici dEsplosione Qw, dei due materiali [3].

q=

QRDX QTNT

Dal coefficiente dequivalenza si definisce il peso equivalente in TNT della carica esplosiva usata nel test sperimentale:

WTNT = q WRDX
Nel caso specifico si avr:

Caratteristiche dell'esplosivo Qw Esplosivo [Kcal/Kg]


RDX TNT

1500 1000 1,5

Coefficiente dequivalenza
q

Tabella 3. 1 Calore specifico degli esplosivi e Coefficiente dEquivalenza.

Ci significa che, gli effetti prodotti da 1 Kg di RDX sono equivalenti a quelli prodotti da 1,5 Kg di TNT. Distanza Ridotta Z Noti i pesi equivalenti della carica esplosiva WTNT e le distanze effettive tra il centro desplosione e quello della superficie delli-esimo elemento Ri, possibile calcolare la Distanza Ridotta Zi dogni elemento come [3].

48

CAPITOLO 3 MODELLAZIONE DELLE AZIONI PRODOTTE DALLESPLOSIONE

Ri W TNT

Dove la distanza effettiva dal centro desplosione Ri cos definita:

+ b i2

Cos come si pu semplicemente dedurre dalla seguente immagine, in cui si rappresenta la pianta e la sezione di un quarto di piastra, e liesimo elemento a lei appartenente:

y
A

Pianta della piastra


B C D E F 1 2 3 i
bi

4 5 6

W
a

Sezione Trasversale
Ri

Figura 3. 3 Distanza effettiva delli-esimo elemento dal centro desplosione.

49

CAPITOLO 3 MODELLAZIONE DELLE AZIONI PRODOTTE DALLESPLOSIONE

Picco di Pressione p(Z) In funzione delle Distanze Ridotte, si definisce il picco di pressione

p(Z), per ogni prova sperimentale e per singolo elemento in cui la


piastra stata in precedenza discretizzata. Si scelto di definire p(Z) come la media dei valori forniti dalle varie formulazioni in precedenza esposte (Brode H.L. Henrich J.; Petrowsky G.I.; Sadowsky M.A.) [3], al variare della distanza ridotta, e quindi del relativo campo di validit, a differenza di quanto fatto nella definizione della curva di pressione semplificata, in cui si scelto di adottare una sola delle precedenti formulazioni. Coefficiente Sperimentale . Per definire la Curva di Pressione, necessario esprimere in funzione della distanza ridotta Z, un coefficiente di natura sperimentale . Tale coefficiente si pu trovare tabellato [3], in funzione per di soli alcuni valori di Z. Mediante unoperazione destrapolazione, dai valori noti del coefficiente, stato possibile ricavare una funzione di Z, che ci consentiva di trovare i diversi valori di al variare della distanza ridotta.

50

CAPITOLO 3 MODELLAZIONE DELLE AZIONI PRODOTTE DALLESPLOSIONE

Estrapolazione
3,5

y = 2,651x
2

-0,7694

R = 0,9539

2,5

Potenza (a)

1,5

0,5

0 0 20 Z 40 60

Grafico 3. 1 - Estrapolazione numerica del coefficiente sperimentale .

Durata della Fase Positiva t+ lintervallo di tempo entro cui si annulla la sovrapressione prodotta dallesplosione nellaria circostante. Lespressione usata per la sua definizione la seguente [3]:

= B 10

3 6

TNT

Ri

Allo stesso modo di quanto visto nella definizione della curva di pressione semplificata, anche in questo caso la durata della fase positiva si esprime in funzione di W e di R, ma attraverso una pi semplice espressione semiempirica.

51

CAPITOLO 3 MODELLAZIONE DELLE AZIONI PRODOTTE DALLESPLOSIONE

Curva di Pressione P(Z, t) La curva di pressione non altro che landamento della pressione prodotta dallesplosione in un dato istante di tempo t, e ad una certa distanza ridotta Z. Analiticamente landamento della pressione pu essere calcolato come segue [3]:
t t
+

t p ( Z , t ) = p ( Z )1 + e t

Fissata la distanza ridotta Z, da cui dipendono il picco di pressione

p(Z), e il coefficiente sperimentale , attraverso questespressione si


ottiene la curva di pressione al variare del tempo. Essendo Z a sua volta funzione della distanza effettiva dal centro desplosione R, al variare di questa otteniamo diversi valori di Z, e quindi diverse curve di pressione. Ragion per cui sar necessaria definire per ogni elemento della piastra una curva di pressione diversa. Quindi, per semplicit desposizione si riportano di seguito i risultati conseguiti nella definizione di una singola curva di pressione, in particolare quella calcolata nel centro della piastra. Essendo, infatti, il centro della superficie superiore della piastra, il punto pi vicino al centro desplosione, sar anche quello maggiormente sollecitato.
PROVA DATI
1 2 0,91 0,000 3 0,30 0,000 4 0,20 0,000

a (m) bi (m)

0,91 0,000

Ri (m)
WRDX (Kg)

0,91
0,10

0,91
0,50

0,30
0,90

0,20
1,71

WTNT (Kg) Zi

0,15 1,71

0,75 1,00

1,35 0,27

2,57 0,15

Tabella 3. 2 - Distanza Effettiva Ri, Carico Equivalente WTNT, Distanza Ridotta Zi.

52

CAPITOLO 3 MODELLAZIONE DELLE AZIONI PRODOTTE DALLESPLOSIONE

p(Z)[Kg/cm2] Autore
1 Brode H.L. 2,33 2,21 10,03 Henrich J. Petrowsky G.I. Sadowsky M.A. 3,93 2,42 1,13 2,61 2 7,67 8,23 19,22 7,98 7,97 9,65 9,77

PROVA
3 336,00 315,82 110,31 125,01 221,81 534,00 362,41 4 2149,19 1950,47 255,00 710,81 1248,47 3429,69 2208,72

Campo di validit
p>10 Kg/cm2 0,1<p<10 Kg/cm2 0,05<Z<0,3 0,3<Z<1 Z>1 Z<1 1<Z<15

Tabella 3. 3 - Picco di Pressione p(Z), calcolato secondo le varie formulazioni, e per le singole prove sperimentali.

I valori segnati in grassetto sono quelli compatibili con il campo di validit, per tanto impiegati nel calcolo del valore medio del Picco di pressione, per ogni singola prova.

Prova

1 1,75 2,41

2 2,65 8,66

3 7,26 326,77

4 11,41 1944,62

p(Z)[Kg/cm2]

Tabella 3. 4 - Picco di Pressione medio, Coefficiente .

Durata fase positiva

PROVA

1 0,00090 0,904

2 0,00118 1,182 1,3

3 0,00075 0,749

4 0,00068 0,680

t (s) t (ms)
B
+

Tabella 3. 5 - Durata della fase positiva t+, e costante numerica B.

53

CAPITOLO 3 MODELLAZIONE DELLE AZIONI PRODOTTE DALLESPLOSIONE

Curva di pressione calcolata nel centro della piastra.


t (ms)
0,00 0,05 0,10 0,15 0,20 0,25 0,30 0,35 0,40 0,45 0,50 0,55 0,60 0,65 0,70 0,75 0,80 0,85 0,90 0,95 1,00 1,05 1,10 1,15 1,20 1,25 1,30 1,35 1,40 1,45 1,50 1,60 1,70 1,80 1,90 2,05 2,20 2,35 2,50 2,65 2,80 3,00 3,20 3,40 3,60 3,80

Prova 1
2,41 2,07 1,77 1,51 1,28 1,08 0,90 0,75 0,62 0,51 0,41 0,33 0,25 0,19 0,14 0,10 0,06 0,03 0,00 -0,02 -0,04 -0,05 -0,06 -0,07 -0,08 -0,08 -0,09 -0,09 -0,09 -0,09 -0,09 -0,08 -0,08 -0,07 -0,07 -0,06 -0,05 -0,04 -0,03 -0,03 -0,02 -0,02 -0,01 -0,01 -0,01 0,00

Prova 2
8,66 7,41 6,33 5,40 4,59 3,90 3,30 2,78 2,34 1,95 1,63 1,35 1,11 0,91 0,73 0,59 0,47 0,36 0,27 0,20 0,14 0,09 0,05 0,02 -0,01 -0,03 -0,05 -0,06 -0,07 -0,08 -0,08 -0,08 -0,08 -0,08 -0,07 -0,06 -0,05 -0,04 -0,04 -0,03 -0,02 -0,02 -0,01 -0,01 -0,01 0,00

Prova 3
326,77 187,77 107,34 61,00 34,42 19,26 10,67 5,84 3,14 1,66 0,85 0,42 0,19 0,08 0,02 0,00 -0,01 -0,01 -0,01 -0,01 -0,01 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

Prova 4
1944,62 778,80 309,94 122,43 47,93 18,56 7,09 2,66 0,98 0,35 0,12 0,04 0,01 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

P(Z,t)[Kg/cm2] P(Z,t)[Kg/cm2] P(Z,t)[Kg/cm2] P(Z,t)[Kg/cm2]

Tabella 3. 6 - Curve di Pressione P(Z, t), calcolate per le quattro prove sperimentali.

54

CAPITOLO 3 MODELLAZIONE DELLE AZIONI PRODOTTE DALLESPLOSIONE

Nel definire landamento della pressione al variare del tempo, si trascura per semplicit di calcolo, la determinazione del tempo darrivo ta, essendo irrilevante rispetto allintera durata della curva di pressione. Il tempo darrivo si definisce come il tempo impiegato dal fronte donda ad impattare contro la superficie superiore della piastra. In realt le curve di pressione dovrebbero essere traslate di una quantit pari a ta lungo lasse delle ascisse. Il metodo sopra esposto sar impiegato nella definizione delle curve di pressione, per ogni singolo elemento della piastra, al variare della distanza effettiva tra il centro desplosione e il baricentro dellelemento, e per ognuna delle quattro prove sperimentali di cui si conoscono i dati iniziali. Di seguito si riportano le curve di pressione calcolate nel centro della piastra, e per ogni prova sperimentale.

55

Curva delle Pressioni Prova_1


3

t + P ( Z , t ) = p ( Z ) 1 + e t t
2

P [Kg/cm2] 1

Prov a_1

56

0
0,00 0,15 0,30 0,45 0,60 0,75 0,90 1,05 1,20 1,35 1,50 1,65 1,80 1,95 2,10 2,25 2,40 2,55 2,70 2,85 3,00 3,15 3,30 3,45 3,60 3,75 3,90

-1 t [ms ]

Curva delle Pressioni Prova_2


10 9 8 7 6 5 P [Kg/cm ] 4 3 2 1 0
0,00 0,15 0,30 0,45 0,60 0,75 0,90 1,05 1,20 1,35 1,50 1,65 1,80 1,95 2,10 2,25 2,40 2,55 2,70 2,85 3,00 3,15 3,30 3,45 3,60 3,75 3,90
2

t + P ( Z , t ) = p ( Z ) 1 + e t t

57

-1 t [ms ]

Curva delle Pressioni Prova_3


330 310 290 270 250 230 210 190 P [Kg/cm2] 170 150 130 110 90 70 50 30 10 -10 0,00 0,15 0,30 0,45 0,60 0,75 0,90 1,05 1,20 1,35 1,50 1,65 1,80 1,95 2,10 2,25 2,40 2,55 2,70 2,85 3,00 3,15 3,30 3,45 3,60 3,75 3,90 t [ms ]

t + P ( Z , t ) = p ( Z ) 1 + e t t

58

Curva delle Pressioni Prova_4

1850 1700 1550 1400 1250 1100 P [Kg/cm2] 950 800 650 500 350 200 50 -100
0,00 0,15 0,30 0,45 0,60 0,75 0,90 1,05 1,20 1,35 1,50 1,65 1,80 1,95 2,10 2,25 2,40 2,55 2,70 2,85 3,00 3,15 3,30 3,45 3,60 3,75 3,90

t + P ( Z , t ) = p ( Z ) 1 + e t t

59

t [ms ]

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

Capitolo 4 Metodi di Discretizzazione


I metodi di discretizzazione che si sono scelti di impiegare per la simulazione numerica, sono il Finite Element Method (FEM) e lo Smoothed Particle Hydrodynamics (SPH). Al termine della modellazione, avendo utilizzato entrambi i metodi per le stesse prove sperimentali, si avr la possibilit di operare uno studio parametrico tra i due. Si potr capire quale tra questi meglio si presta per la modellazione numerica di un elemento strutturale sottoposto a carichi da esplosione. Questo capitolo dedicato ad una breve descrizione del pi noto ed utilizzato FEM, a prescindere dal quale non sarebbe possibile introdurre i Meshfree Particle Methods. Infatti, questi ultimi sono stati sviluppati con lintento di estendere i primi, ampliandone il raggio dapplicazione, e rendendoli pi versatili. In seguito si dedicheranno maggiori attenzioni ai Meshfree Particle Methods, facendo riferimento in particolare allo Smoothed Particle Hydrodynamics (SPH), impiegato nella modellazione.

4.1 Finite Element Method (FEM)


Sin dalla sua invenzione, risalente alla met del secolo scorso, il metodo degli elementi finiti (FEM), stato largamente impiegato per le computazioni numeriche nellambito ingegneristico [6]. Il FEM rientra tra i metodi approssimati per la risoluzione delle equazioni fondamentali della statica e della dinamica. La sua principale caratteristica risiede nella possibilit di suddividere un continuo in un numero discreto delementi, che non si sovrappongono

60

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

nel dominio di nostro interesse. Tale operazione cos detta di Discretizzazione del continuo in Elementi Finiti. I singoli elementi sono vincolati tra loro da una mappa topologica, definita Mesh (Maglia), sopra la quale sono costruite le funzioni di interpolazione [6]. Ad ogni elemento in cui il continuo stato suddiviso, vanno associate delle funzioni spostamento mediante il vettore spostamento cos definito:

s = s{x, y, z, t}
Questi vettori sono definiti attraverso la funzione di spostamento dei singoli nodi [6]:

u ( x , y , z , t ) s ( x , y , z , t ) = v ( x , y , z , t ) w(x, y , z , t )

= [N ]{}

Dove [N] la matrice delle funzioni di forma, questa lega gli spostamenti generici allinterno delli-esimo elemento agli spostamenti dei nodi {}, che lo individuano nello spazio. Le funzioni di forma sono in numero pari al numero di nodi della Mesh, e per definizione valgono 1 se calcolate nel nodo a cui si riferiscono, e 0 negli altri nodi dellelemento i-esimo. Le funzioni di forma hanno un ruolo fondamentale nel metodo danalisi, in quanto rappresentano il polinomio che approssima il valore esatto degli spostamenti, e determinano quindi la convergenza del metodo [6]. La Mesh assicura la compatibilit delle interpolazioni, sebbene non sempre le condizioni di compatibilit numerica coincidono con quelle fisiche del continuo stesso.

61

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

In oltre, quando uno stesso corpo presenta caratteristiche locali diverse, o geometrie complesse, necessario suddividerlo in un numero molto elevato di elementi finiti, realizzando quindi una maglia sempre pi fitta, ed aumentando lonere di computazione. Il FEM quindi un metodo limitato, che necessit di modifiche e adeguamenti tra i suoi limiti si annoverano [6]: La compatibilit numerica sola unapprossimazione della reale compatibilit fisica del continuo. Questa approssimazione non sempre risulta essere precisa ed accurata. Basti pensare ad uneccessiva distorsione della Mesh, che pu provare il termine della computazione o in ogni modo un errore rilevante nella stessa; Campi dinterpolazione delevati ordini di grandezza sono difficili da riprodurre per domini con geometrie arbitrarie e pluridimensionali. Ci comporta una restrizione nellapplicare i metodi di computazione basati sugli elementi finiti, per la risoluzione di problemi pratici, come ad esempio per la simulazione di Plates e Shell (Piatti e Gusci), con alti gradienti delasticit e plasticit; Quando simpiegano contemporaneamente Mesh differenti per la simulazione numerica di uno stesso fenomeno fisico, possibile ottenere modelli differenti di disintegrazione per uno stesso materiale. Tale fenomeno noto come suscettibilit del FEM nei confronti della rottura graduale del materiale;

62

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

In alcune applicazioni, la Mesh stessa pu essere fonte di disturbo nella computazione numerica. Un esempio ben noto la simulazione del problema di localizzazione degli sforzi; Questi Metodi tradizionali, presentano notevoli difficolt dapplicazione per problemi che presentano deformabilit dei vincoli, superfici indipendenti, o interfacce in movimento; Le funzioni di spostamento non sempre assicurano la continuit degli spostamenti richiesta tra gli elementi adiacenti, pu essere quindi violata la condizione di congruenza. Per questi ed altri motivi loperazione di discretizzazione con il metodo degli elementi finiti, non sempre risulta essere vantaggiosa nelle computazioni numeriche. Si rende quindi necessario un adeguamento del FEM, o almeno una ricerca di metodi alternativi da utilizzare in particolari applicazioni. Una prima soluzione stata individuata nello sviluppo del cos detto Arbitrary Lagrangian Eulerian (ALE). Lobiettivo di tale formulazione risiede nel rendere indipendente le caratteristiche del materiale dalla Mesh, cos che la sua distorsione pu essere minimizzata. Purtroppo, in alcune formulazioni con lALE, quali ad esempio modellazioni di fluidi o di grandi deformazioni del continuo, la distorsione della maglia ancora presente, e ci provoca errori nella computazione numerica. Inoltre, gli effetti di trasporto convettivi in ALE, spesso conducono ad oscillazioni spurie che hanno bisogno di essere stabilizzate da una diffusione artificiale o una stabilizzazione di Petrov-Galerkin.

63

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

Per superare le difficolt e i limiti sopra elencati, sar quindi necessario trovare un nuovo metodo di discretizzazione del continuo. E in questa ottica che nascono i Meshfree Particle Methods (Metodi di Discretizzazione Particellari), con lobiettivo di superare i limiti dei metodi FEM. I Meshfree Particle Methods, in quanto metodi numerici, presentano alcune caratteristiche in comune con altri metodi numerici, quali il gi citato Metodo degli Elementi Finiti, o il Metodo delle Differenze Finite. Tuttavia si differenziano gli uni dagli altri in virt dei processi dimplementazione. Attraverso questi metodi, computazionalmente efficace e fisicamente accurato, discretizzare un continuo attraverso un set di punti nodali, o particelle distribuite nello spazio in maniera del tutto arbitraria, senza in pratica costrizioni di maglia, che provveda alla loro connessione. I vantaggi di tali metodi possono essere cos elencati [7]. E possibile trattare facilmente grandi deformazioni, essendo le connessioni tra i nodi generate come una parte della computazione stessa, che pu subire variazioni nel tempo; Il metodo interpreta facilmente il danno degli elementi del modello, tale capacit si dimostra molto utile per la modellazione della rottura graduale; I nodi possono essere aggiunti piuttosto facilmente, cosi com possibile realizzare modifiche delle caratteristiche geometriche del continuo modellato; E possibile usare modelli pluri-dimensionali del continuo, al fine di modellare grandi deformazioni di strutture a guscio sottili, come i nanotubi;

64

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

Mediante la discretizzazione Meshfree si possono rappresentare oggetti geometrici tridimensionali.

4.2 Classificazione dei Metodi Particellari


I metodi particellari possono essere classificati in conformit a due differenti criteri, principi fisici o formulazioni computazionali. Sulla base dei principi fisici, questi possono essere suddivisi in due differenti classi: quelli basati su modelli probabilistici, e su modelli deterministici [7]. In base alle formulazioni computazionali si possono suddividere in due diverse tipologie, a seconda che servono come approssimazione della Strong Form o della Weak Form, delle equazioni differenziali parziali (PDE) [7]. Per approssimare la Strong Form dellequazione differenziale parziale, questa viene solitamente discretizzata da una tecnica di collocazione specifica, quale ad esempio lo Smoothed Particle Hydrodynamics (SPH), il Vortex Method, il metodo generalizzato delle differenze finite, ed altri ancora. Sia lSPH sia il Vortex Method, furono sviluppati inizialmente come metodi probabilistici, mentre attualmente per alcune applicazioni vengono impiegati come metodi deterministici. Ciononostante, la maggior parte dei metodi particellari appartenenti a questa categoria, sono basati su principi probabilistici, o usati come strumenti di simulazioni probabilistiche. Gli Strong Form Methods sono semplici da implementare, efficienti dal punto di vista computazionale, e non necessitano di alcuna integrazione nella definizione del sistema discreto di equazioni da risolvere. Tuttavia,

65

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

spesso sono instabili e poco precisi, specialmente quando si discretizza lelemento in un insieme di nodi distribuiti in maniera irregolare. In questa categoria possibile distinguere tre metodi principali: le Dinamiche Molecolari, la simulazione diretta di Monte Carlo (DSMC), e il Lattice Gas Automaton (LGA), da cui deriva il Lattice Boltzmann Equation Method (LBE) [7]. Questo ultimo, un esempio di come non tutti i metodi particellari possono essere considerati metodi Meshfree. In quanto il LBE richiede per la sua applicazione la definizione di una griglia, la cui funzione assimilabile a quella di una maglia. Alla seconda classe di metodi particellari appartengono i Galerkin Methods. Questi sono usati per lapprossimazione della Weak Form della PDE; tra cui il Metodo degli Elementi Diffusi (DEM), Element Free Galerkin Methods (EFGM), Reproducing Kernel Particle Methods (RKPM), Metodo di partizione dellunit (Partition of Unity Method), Meshless local Petrov-Galerkin Method (MLPG), ed altri ancora [7]. I Weak Form Methods, sono stabili e molto precisi, tuttavia richiedono una conoscenza sia complessiva sia locale, della Mesh realizzata, per la risoluzione del modello, per tanto non sono considerati dei veri e propri Meshfree Methods [7]. A questa classificazione esistono delle eccezioni, in quanto alcuni metodi particellari possono essere usati in ambo le posizioni, quella di forma forte, cos come per la discretizzazione della forma debole. Un esempio il Particle-in-Cell (PIC). Per tale metodo, infatti, possibile distinguere due versioni, una per la Strong Form, e laltra per la Weak Form. Per semplicit desposizione si riporta la seguente tabella grafica:

66

Meshfree Particle Methods


Criteri di classificazione

Principi Fisici PDE Strong Form PDE Weak Form Galerkin Methods

Formulazioni Computazionali

67

Metodi Deterministici

Metodi Probabilistici

Smoothed Particle Hydrodynamics (SPH) Vortex Method

Metodo degli Elementi Diffusi (DEM) Element Free Galerkin Method (EFGM) Reproducing Kernel Particle Methods (RKPM) Partition of Unity Method Meshless local Petrov-Galerkin Method (MLPG)

Il Metodo Generalizzato delle Differenze Finite

Le Dinamiche Molecolari

La Simulazione Diretta di Monte Carlo (DSMC)

Lattice Gas Automaton (LGA) Tabella 4. 1 - Classificazione dei Metodi Particellari

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

4.3 Applicazione dei Metodi Particellari


In ambiti quali lastrofisica, la biofisica, la biochimica e la biomedica, facile imbattersi in corpi che possono essere modellati non come continui, bens come insiemi di particelle. In questi casi, i metodi particellari rappresentano una scelta naturale per la simulazione numerica. Esempi rilevanti sono le simulazioni di fenomeni quali la formazione di sistemi stellari, movimenti di milioni datomi in uno stato di non equilibrio, ed interazioni dinamiche di varie molecole. In questo momento, i metodi particellari non sono quindi impiegati solo come metodi di discretizzazione, per la soluzione di problemi del continuo tridimensionale, come lSPH, il Vortex Method, e i Galerkin Meshfree Methods, ma anche come modelli per la descrizione dei comportamenti fisici del continuo [7]. Gli ultimi esempi sono limpiego del Lattice Boltzmann Equation Method (LBE), per la risoluzione di problemi di fluido-meccanica, e il Molecular Dynamics, per risolvere problemi inerenti alla meccanica della frattura [7]. I metodi Meshfree Galerkin, sono largamente impiegati per la risoluzione di problemi nellambito della meccanica dei corpi solidi. Tra questi la simulazione della rottura graduale, da molti ritenuta una delle pi ostiche computazioni nellambito della meccanica della frattura. In tal senso, i metodi Meshfree offrono notevoli vantaggi rispetto ai tradizionali metodi degli elementi finiti. Per tale applicazione, infatti, si rende necessaria unoperazione detta di Remeshing, in altre parole di ricostruzione della maglia in seguito alla rottura. Questa operazione pu essere invece evitata utilizzando un metodo Meshfree, quale il Galerkin o anche il Metodo di partizione dellunit [7].

68

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

Tra gli altri, il Meshless Local Petrov-Galerkin (MLPG), sviluppato nel 1998 dagli studiosi Atluri e Zhu [7], risulta essere quello maggiormente impiegato per lanalisi di travi e strutture placcate, non essendo, infatti, necessaria una conoscenza complessiva della Mesh creata per il modello, ma sufficiente una conoscenza locale del modello stesso. Un'altra applicazione in cui si preferisce usare un metodo di discretizzazione di tipo Meshfree, rispetto ai tradizionali metodi degli elementi finiti, la modellazione della localizzazione degli sforzi. possibile dimostrare, infatti, che i metodi Meshfree hanno la capacit di sostenere grandi distorsioni della maglia. Questo perch non c un coinvolgimento diretto della maglia nella simulazione. Invece, utilizzando il metodo FEM, avremmo un incremento della banda di taglio lungo li-esimo elemento vincolato, che compromette la simulazione del reale comportamento fisico dellelemento stesso. La maglia in pratica non pi in grado di seguire, per grandi deformazioni, landamento reale del continuo, sotto lazione dei carichi esterni.

4.4 Smoothed Particle Hydrodynamics (SPH)


Tra i diversi metodi particellari di tipo Meshfree, ai fini della modellazione numerica, si scelto di focalizzare lattenzione sul metodo SPH. Lo Smoothed Particle Hydrodynamics, uno dei principali metodi particellari impiegati nella meccanica computazionale. Tale metodo fu formulato nell1977 simultaneamente da Lucy, Gingold & Monaghan, al fine di descrivere alcuni fenomeni Astrofisici, tra cui la formazione, levoluzione, e il collasso delle stelle, delle galassie, fino alla Modellazione dellintero Universo [7].

69

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

Il movimento collettivo di questo insieme di particelle, , infatti, assimilabile a quello di un liquido o di un flusso di gas, pu quindi essere modellato utilizzando le equazioni che governano lIdrodinamica Classica di Newton. LSPH, fu ampiamente adottato come un efficiente tecnica computazionale, per la risoluzione di problemi di meccanica applicata, tra cui la fluido-dinamica, e l idrodinamica classica. Al contrario di un convenzionale metodo di discretizzazione, che suddivide un sistema continuo in un numero discreto di elementi finiti, lSPH unifica un numero discreto di particelle, accomunate dalle stesse caratteristiche, quali massa e volume, generando cos un campo continuo locale, con il fine di rappresentare il comportamento collettivo di un sistema discreto [7]. Basti pensare alle prime applicazioni in Astrofisica e nella Meccanica Quantistica, dove il sistema fisico reale a gi per se discreto. In tal senso, lSPH pu essere considerato come un Metodo Particellare, basato su una tecnica di omogeneizzazione. La principale assunzione su cui si fonda il metodo SPH che il valore di una funzione f ad un certo punto i pu essere approssimato moltiplicando la stessa funzione per una funzione domogeneizzazione W (Kernel function), di ampiezza h, ed integrando sul dominio computazionale nel modo seguente [9]:

fi =

f ( x )W i ( x )dx

dove fi = f(xi), mentre Wi (x) = W (xxi, h) la funzione domogeneizzazione. Questa integrazione avviene su un dominio costituito da un insieme di particelle, il cui volume elementare definito

70

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

dal rapporto tra la massa e la propria densit. E quindi necessario definire una Kernel Function W(x, h), individuando le coordinate del nucleo W, rispetto ad un generico sistema di riferimento cartesiano, e il periodo domogeneizzazione h (Smoothing Lenght). Di solito, nel tradizionale metodo SPH, si presume che la funzione domogeneizzazione soddisfi la condizione di normalizzazione nel proprio dominio di pertinenza:

W (x x

, h ) dx = 1

In ogni modo, facile dimostrare che questa condizione di normalizzazione per la funzione domogeneizzazione valida solo per i punti interni al dominio, ma non soddisfatta per i punti di confine. Lequazione precedente viene discretizzata come segue:

fi =

mj f j W ij j =1 j
N

Dove Wij = W(xj - xi, h), mj e j sono rispettivamente la massa e la densit di massa della j-esima particella, il rapporto tra questi due il volume elementare associato alla particella stessa, N il numero totale di particelle in cui si discretizzato il continuo. Tale funzione sar poi impiegata per approssimare la strong form di un equazione differenziale parziale (PDE), attraverso una complessa integrazione. Con il metodo tradizionale SPH tale approssimazione sar:

71

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

f xi =

f ( x )W iix dx

considerando la propriet della funzione nucleo:

W
f xi =
essere scritte come:

iix

dx = 0

Lequazione pu essere riscritta come:

[f (x)

f ( xi )] W ix dx

Le approssimazioni particellari delle derivate parziali possono quindi

fi =

m j =1
N

j j

f ( x j ) f ( x i ) i W ij

Il valore numerico di una funzione f e le sue derivate parziali, possono essere quindi ottenuti con una funzione kernel su un insieme di particelle piuttosto che su una maglia. Questa l'essenza del metodo tradizionale SPH.

4.4.1 Metodi dinterpolazione SPH


Essendo lSPH un metodo Meshfree, linterpolazione costruita su un insieme di punti nodali, indipendenti tra loro e non vincolati da nessuna maglia o griglia. Questa operazione dinterpolazione basata sul seguente concetto [7]:

A(x ) =

(x x ' )A (x ' )d x

'

72

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

dove (x) la funzione Dirac Delta, definita a sua volte come il limite della seguente funzione (x) [7].

(x) =
con:

lim

(x)

(x) =

lim

0; 1 / ; 0;

x < / 2 / 2 < x < / 2 x > / 2

La funzione Dirac Delta, non pu per essere impiegata n per un processo dinterpolazione, n tanto meno per un processo di collocazione, questo perch una funzione di tipo generalizzata, in altre parole affetta da alcune patologie. Inoltre, manca dalcune propriet fondamentali, non essendo n continua n derivabile nel proprio dominio di definizione. Per superare tali inconvenienti, sintroduce uno Smooth Kernel W(x, h) (Nucleo omogeneo), al fine di utilizzare la funzione Dirac Delta per processi dinterpolazione e collocazione. LSPH quindi un operatore di media (Average Operator), definito nel seguente modo [7]:
< A ( x ) >=

W x x ', h A x ' d

) ( )

x'

Ed approssimato come:

(x

i =1

x I , h )A ( x I ) V I

73

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

Dove la notazione < > indica loperatore di media, mentre h, come abbiamo gi detto, la Smoothing Lenght, in altre parole lampiezza o periodo domogeneizzazione, infine VI il volume elementare delliesima particella. Assumendo che il continuo ha una densit di massa distribuita uniformemente, possiamo dividerlo in un numero discreto delementi volumetrici, cui associa una massa mI. Ogni elemento volumetrico con massa pu essere attribuito ad una particolare particella. Per cui avremo [7]:

VI =

I I

Dove con I indichiamo la densit di massa delli-esima particella. E possibile notare, che loperatore di media <A(x)>, una funzione della variabile spaziale x, infatti, <A(x)> pu essere visto come una rappresentazione non locale di A(x). La funzione Kernel deve soddisfare le seguenti propriet [7]:

W (x,h) 0

W ( x , h )d
k 0

= 1 ;h 0 ;k 1
d

W (x,h) W (x,h) C

(x )

(R )

La seconda propriet la cosiddetta condizione di normalizzazione, insieme alla terza sono propriet comuni alla funzione Dirac Delta. La terza propriet assicura la convergenza del metodo, l'ultima deriva dal requisito che la funzione deve essere derivabile pi di una volta.

74

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

Il vantaggio di usare un nucleo analitico, risiede nella possibilit di valutare una Kernel Function in un qualsiasi punto dello spazio, senza conoscere la distribuzione locale delle particelle. La rappresentazione a nucleo non solo consente di compiere una discretizzazione uniforme di un equazione differenziale parziale, ma fornisce anche uno schema interpolante per un insieme di particelle in movimento. Con lSPH quindi possibile trattare un corpo solido al pari di un fluido viscoso, cio come un insieme di particelle, di assegnata massa e volume, indipendenti le une dalle altre. Sfruttando tali caratteristiche, questo metodo pu essere impiegato per la risoluzione di problemi di natura meccanica. Ad esempio, Libersky applicando questo metodo ai solidi meccanici, riuscito a simulare in 3D alcuni fenomeni, tra cui lesplosione di una bomba, problemi di frammentazione, impatto e penetrazione di solidi. La simulazione dimpatti e penetrazioni con lausilio dellSPH, sono state eseguite anche da Johnson, il quale impiega tale metodo per la modellazione di problemi inelastici, di danno e di grandi deformazioni. E possibile distinguere diverse funzioni Kernel, che sono comunemente impiegate nelle computazioni. Ad esempio, la Kernel Function pu essere una funzione positiva di tipo Gaussiana, cos definita [7]:

W ( x, h) = 1 n 3

( h )
2

n/2

x2 exp 2 , h

75

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

Dove n la dimensione dello spazio in cui la funzione definita, x la coordinata rispetto ad un generico sistema di riferimento cartesiano delli-esima particella, ed h la Smoothing Lenght. Altri esempi di Kernel Function sono la funzione di Spline cubica e quartica, di seguito definite [7]: Cubic Spline Function

1 3 / 2 q 2 + 3 / 4 q 3 ; 0 q 1 C 1 (2 q )3 W (x, h) = n ;1 q 2 h 4 in altri casi 0 ;


Dove q = x/h; mentre C il fattore di normalizzazione, che assume valori diversi in funzione della dimensione dello spazio in cui definita la funzione:

2 /3 C = 10 / 7 1 /

; d = 1 ;d = 2 ; d = 3

Quartic Spline Function

C 1 6 q 2 + 8 q 3 3 q 4 W ( x, h) = n h 0

;0 < q < 1 ;q 1

Dove la costante C determinata dalla condizione di normalizzazione, che la funzione deve soddisfare.

76

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

Vediamo come si sceglie lampiezza domogeneizzazione h (Smoothing Length). Fissata lampiezza domogeneizzazione h, questa definisce una regione che limita la maggior parte della funzione Kernel. La precisione dellinterpolazione dipende dal numero discreto di particelle contenute entro questa regione. La scelta della Smoothing Length di fondamentale importanza nellimplementazione al computer del metodo SPH. Tale scelta, solitamente operata in funzione della precisione dinterpolazione che si vuole conseguire. Per una data precisione del calcolo, infatti, fissato il numero di particelle contenute nella regione definita da h. In realt, non possibile determinare univocamente lampiezza domogeneizzazione h, in quanto in una simulazione dinamica, la densit di particelle contenute in detta regione varia al variare del tempo. Per tanto, affinch si mantenga costante la precisione numerica e lefficienza della computazione, la Smoothing Lenght dovrebbe variare anchesso nel tempo. Per fare questo, necessario scegliere una funzione Kernel di tipo Gaussiana, e assumere che ogni particella abbia approssimativamente la stessa massa m [7]. Si deve quindi assumere che:

exp

(x

h
2

cos

Una volta scelta la massa da attribuire ad ogni singola particella m, in virt dellinterpolazione SPH, potremo scrivere quanto segue:
< >=

(
I J

1
d /2

hd

2 (x j x i ) exp h2

( m )2 2 ( m ) = d /2h d

77

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

Dove, con i pedici i e j sindicano le generiche particelle appartenenti al domino , d la dimensione del dominio, e xi e xj le posizioni delle generiche particelle rispetto allorigine del sistema cartesiano. Da questultima relazione possiamo quindi trarre la seguente conclusione [7]:

h 1/ < >1 / d
Se tutte le particelle contenute nel dominio hanno quindi la stessa quantit di massa m, e la stessa ampiezza domogeneizzazione h, questa ultima dovr quindi essere proporzionale al reciproco dellinverso della densit media delle particelle. Questo perch, la Smoothing Lenght proporzionale al volume elementare Vi delli-esima particella, e quindi alla distanza di separazione tra le particelle stesse.

4.4.2 Teoria dApprossimazione SPH


Essendo lSPH un metodo di computazione numerico, in quanto tale fondato su un insieme di principi e regole di approssimazione. Queste, sono le cosiddette regole di Monaghan, e rappresentano le linee guida per discretizzare un equazione differenziale [7]. Si possono distinguere quattro diverse regole dapprossimazione, proposte dallo stesso Monaghan. La prima di queste, quella secondo cui sempre meglio scegliere come funzione Kernel una funzione di tipo Gaussiana. Tra le varie funzioni Kernel, quella Gaussiana la migliore nellanalizzare la coerenza fisica di un modello realizzato in SPH.

78

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

La seconda regola dapprossimazione, che linsieme del prodotto di due funzioni, pu essere approssimato dal prodotto degli insiemi individuali:

( 2)

< A B >=< A > < B >

Dove, A e B sono due funzioni, mentre <> loperatore di media (Average Operator). La terza regola dapprossimazione la seguente:

(3)

< A >= < A >

ed valida per ogni campo scalare A. La quarta regola di approssimazione, non altri che una propriet della terza regola sopra citata, ovvero:

( 4)

< A >= < A > A < W >

Quando la funzione Kernel limitata, il secondo termine del secondo membro della precedente equazione si annulla. Infatti, sfruttando la terza regola dapprossimazione (3), possiamo scrivere:

< W > < W >


essendo:

W ( x, h ) = W ( x x j , h ) V j
j

In virt della seconda propriet della funzione Kernel, sostituendo si avr:

< W > (1) = 0

79

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

4.4.3 Approssimazione di Derivate SPH


LSPH viene impiegato per approssimare la Strong Form di un equazione differenzia parziale. Al contrario del metodo delle differenze finite, che per discretizzare un equazione differenziale parziale, impiega una griglia, lSPH, essendo un metodo particellare di tipo Meshfree, discretizza Si la PDE sulla base tre delle sopra formule citate regole di per approssimazione. possono distinguere diverse gradienti, lapprossimazione di un equazione differenziale parziale [7]. Formula gradiente I Una formula dapprossimazione diretta, impiegando un metodo dinterpolazione SPH, pu essere la seguente:

A(x) =

(x

x I , h )A I V I

(I )

Unapprossimazione cos diretta solitamente poco accurata, e spesso distrugge la propriet di conservazione del sistema continuo associato. Quando lapprossimazione combinata con un termine addizionale, che contiene unespressione nulla del tipo <W(x,h)> = 0, questo pu produrre un migliore risultato. Dalla regola dapprossimazione (3) di Monaghan, si ricava la formula approssimata del gradiente per un campo scalare A(xi) come:

A(xI ) =

(A
j

AI ) W

I ,J

80

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

La stessa approssimazione valida anche per un campo vettoriale A:

A(xI ) =
Formula gradiente II

(A
j

A I ) W

I ,J

Nella formulazione in SPH, la densit una grandezza di fondamentale importanza. La densit di massa, infatti, stabilisce una correlazione che sussiste tra la massa e il volume di una singola particella.

mI VI

Per conseguire una precisione maggiore nella formulazione del gradiente dapprossimazione della PDE, preferibile scrivere il gradiente del campo scalare e del campo vettoriale come segue:

A = [ ( A ) A ] / A = [ ( A ) A ] /
Nella prima espressione A un operatore scalare, nella seconda un operatore vettoriale. Quindi, il gradiente dellinterpolazione in SPH, pu essere approssimato nel seguente modo:

< A >I =

( A J A I ) IW

IJ

( II )

81

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

Rispetto alla prima formulazione non si fa nientaltro che esprimere il volume delli-esima particella in funzione della sua densit di massa, e della massa stessa. Una simile formulazione pu essere impiegata per approssimare il gradiente del campo vettoriale A, facendo distinzione tra i prodotti scalari, tensoriali, e vettoriali tra loperatore gradiente e il campo vettoriale:

scalare tensoriale vettoriale

< A >I=

A IJ I W

IJ

< A >I= < A >I=

IW

IJ

A IJ m m

A IJ I W

IJ

Formula gradiente III Nonostante le precedenti formule dapprossimazione del gradiente siano sufficientemente accettabili, queste sono in ogni modo affette da una deficienza comune. Queste formulazioni, infatti, non sono simmetriche rispetto agli indici I e J delloperatore A. Per ottenere unapprossimazione simmetrica del gradiente, necessario introdurre una nuova regola dapprossimazione. Introduciamo quindi la successiva identit:

1 1

A 1 + 2 1

82

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

Dove un numero intero. In base a questa identit possibile scrivere la seguente regola di approssimazione SPH:

= I

AJ 2 j I

AI

2 J

I W

IJ

A seconda che il parametro assumer valore pari a 1 o 2, avremo le seguenti formule dapprossimazione del gradiente, sia per il campo scalare sia per quello vettoriale. Quando = 1, per il campo scalare A(x) avremo:

< A >I =

( A I + A J ) IW

IJ

VJ

( IIIa )

Mentre, per il prodotto scalare tra loperatore gradiente e il campo vettoriale A, si avr:

< A >I=

( A I + A J ) IW

IJ

VJ

Quando invece = 2, per il campo scalare A(x) avremo:

<

>I=

j 2 j

AI
2 I

) IW

IJ

( IIIb )

Mentre, per il prodotto scalare tra loperatore gradiente e il campo vettoriale A, si avr:

<

>I=

j 2 j

AI
2 I

) IW

IJ

83

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

LSPH non solo uno schema di interpolazione, ma fornisce anche un insieme di regole di approssimazione, che consentono di costruire un sistema dinamico discreto del continuo. Prima di capire come usare queste regole dapprossimazione, necessario descrivere le leggi di conservazione nella meccanica del continuo. Queste sono [7]: Equazione di Continuit
d + v = 0 dt

Dove la densit di massa, e v il campo vettoriale delle velocit. Equazione del Moto

dv 1 = dt
Dove la tensione di Cauchy. Equazione dellEnergia

dE 1 = :v dt
Dove E lenergia specifica interna, somma dellenergia Potenziale e di quella Cinetica. Esistono diversi modi per scrivere unequazione differenziale in SPH, utilizzando le regole dapprossimazione, da impiegare in seguito nella pratica computazionale, tra cui lequazione di Continuit, del Moto e

84

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

dellEnergia, che serviranno per descrivere levoluzione nel tempo del contino discretizzato in SPH [7]. Equazione di continuit in SPH Lequazione di continuit SPH impiegata nella computazione, ricavata da differenti regole dapprossimazione. Dallequazione di continuit sopra indicata, introducendo loperatore medio (<.>) si ottiene quanto segue:

<

d >= < v > dt

Utilizzando nellordine le regole dapprossimazione 2, 3 e 4, in precedenza elencate, il secondo membro dellequazione di continuit pu essere scritto come:

< >< v > < > < v > < > < v > + v < W >
Sapendo che:

regola regola regola

2 3 4

< v >= < W >=

j j j j

j =1

v j IW IW

IJ

J =1

IJ

Sostituendole nellequazione di continuit, scritta con le regole di approssimazione, si avr:

85

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

d dt

j j

j =1

(v I

v J ) I W

IJ

Quella appena scritta altri non che lequazione differenziale di continuit discretizzata come un equazione algebrica. Si visto come, utilizzando le regole dapprossimazione dellSPH, sia possibile discretizzare un equazione differenziale, in una pi semplice equazione algebrica. Equazione del Moto in SPH Per descrivere levoluzione di un sistema utilizzando lSPH, necessario riscrivere le equazioni del moto in una forma discretizzata. In funzione del tipo di regola dapprossimazione del gradiente, impiegata per la discretizzazione dellequazione differenziale del moto, si possono distinguere tre diverse equazioni del moto in SPH, usate nella pratica. Infatti, dalla seguente equazione del moto:
< dv dt >= < > (0 )

Dove, la densit di massa delli-esima particella, v il campo vettoriale delle velocit, e la tensione di Cauchy, impiegando la IIIa regola dapprossimazione del gradiente ( = 1), il secondo membro di questequazione pu essere cosi discretizzato:
< >

(
J =1

IJ

86

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

Sapendo che la densit di massa si esprime come:

mI VI

Sostituendo si ottiene lespressione discretizzata SPH dellequazione del moto:


m
I

dv dt

J =1

VIV

IJ

(1 )

Se invece di usare la regola dapprossimazione del gradiente IIIa, simpiega la IIIb, per la quale = 2, dividendo per la densit di massa, lequazione del moto pu anche essere scritta come:
< dv dt >= < >

Impiegando la IIIb riferita al campo vettoriale , il secondo membro di questequazione pu essere approssimato come:
< >

J =1

I 2 I

J 2 J

IW

IJ

Moltiplicando ambo i membri dellequazione per la massa mi, osi ottiene la seguente espressione dellequazione del moto:
m dv dt
I

J =1

m Im

I 2 I

J 2 J

IW

IJ

(2)

Una terza espressione dellequazione del moto, si pu ottenere utilizzando la regola I dapprossimazione del gradiente. Infatti, sapendo

87

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

che il secondo membro dellequazione (0), in virt della regola dapprossimazione 4, si pu scrivere come:

< >= ( < > < >< W > )


Essendo la funzione Kernel limitata, per quanto gi dimostrato, il secondo termine al secondo membro della precedente equazione, sar nullo. Di conseguenza:

< >= < >


Il cui secondo membro pu essere discretizzato secondo la regola I dapprossimazione del gradiente, valida per il campo vettoriale :

< >

J =1

V J (

I ) IW

IJ

Sostituendo lapprossimazione, e ricordando lespressione della densit di massa , lequazione del moto diventa:
m dv dt
I

J =1

VIV

IJ

(3 )

In queste tre diverse espressioni dellequazione del moto, il primo membro, che chiaramente sempre lo stesso, fisicamente esprime la variazione nel tempo della quantit di moto. Infatti, la quantit di moto delli-esima particella, data dal prodotto della massa mI, che costante e quindi indipendente dal tempo, e della velocit vI, variabile in funzione del tempo.

88

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

Equazione dellenergia in SPH Il secondo membro dellequazione dellenergia, utilizzando la seconda regola dapprossimazione di Monaghan, pu essere riscritto come:

<

: v > <

: ( v ) >

1 < 2 >

< >:< v >

Questo termine, pu essere ulteriormente discretizzato, impiegando la II regola dapprossimazione del gradiente per il campo vettoriale , lequazione dellenergia pu quindi essere espressa come:

dE I I N = 2 : m J v IJ I WIJ dt I J =1

(1)

Le equazioni discretizzate con il metodo SPH, non sempre preservano le caratteristiche fisiche del corrispondente sistema continuo, come lenergia e la quantit di moto. Questo problema incide notevolmente sulla precisione e la qualit delle soluzioni numeriche. Dal punto di vista computazionale, un buono schema dinterpolazione, dovrebbe essere almeno capace di rappresentare correttamente il moto di un corpo rigido. Purtroppo, il metodo dinterpolazione SPH non in grado di rappresentare propriamente il moto di un corpo rigido. Ci induce ad una serie dostacoli nella computazione numerica. Sebbene, un campo dinterpolazione non riesca a rappresentare il movimento completo del corpo rigido, essendo questo composto di una traslazione e una rotazione rigida, la sola traslazione pu essere preservata in una computazione discreta. E possibile dimostrare che le equazioni di continuit e dellenergia, prima approssimate con il metodo SPH, sono degli invarianti Galileiani.

89

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

Infatti, se si scrivono le equazioni di continuit e dellenergia rispetto ad un sistema di riferimento cartesiano assoluto, le stesse equazioni permangono inalterate in un sistema di riferimento cartesiano in moto relativo rispetto a quello assoluto. La posizione e la velocit della generica particella, in cui si discretizzato il continuo, rispetto al riferimento relativo, possono essere cos espresse:

x ' = x + at v' = v + a
Dove x e v, sono rispettivamente la posizione e la velocit della particella rispetto al sistema di riferimento relativo, mentre x e v sono definite rispetto a quello assoluto, a e t sono invece laccelerazione e listante di tempo. Ovviamente, la velocit si ottiene in funzione della posizione dividendo questa ultima per il tempo. Lequazione di continuit e dellenergia in SPH, scritte nel nuovo riferimento diventano quindi:

d dt

j j

j =1

'
I

(v

'
I

v 'J I W

IJ

dE I I = 2 I dt

m (v
N J =1 J

V J' I W IJ

Dato che, la differenza tra le velocit in seguito al cambio di riferimento resta in ogni modo invariato:

(v v ) = (v v )
' I ' J I J

le equazioni stesse saranno invarianti rispetto al riferimento cartesiano.

90

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

4.4.4 I limiti del Metodo SPH


I metodi SPH presentano notevoli vantaggi nelle computazioni numeriche, tra cui la facilit di trattare grandi deformazioni della Mesh, o la semplicit dimplementazione al calcolatore. Ciononostante, lo stesso metodo presenta una serie di limiti ed inconvenienti di seguito elencati [8]. Instabilit di tensione; Insufficienza di consistenza dinterpolazione; Difficolt nel far rispettare le condizioni di vincolo. Attraverso gli anni, sono state sviluppate varie tecniche per il miglioramento del metodo, e leliminazione delle varie patologie che si manifestano nelle computazioni numeriche, di seguito definite. Instabilit di tensione Si definisce in questo modo la situazione in cui, in una regione del dominio dove sussiste uno stato tensionale, il moto delle particelle diventa instabile. Ci significa che, una piccola perturbazione della posizione delle particelle, pu causare un esponenziale aumento della velocit delle stesse, che pu indurle ad un moto oscillatorio. Diversi autori hanno condotto studi con il fine di individuare le cause di questo fenomeno, e in seguito per porvi rimedio. Per quanto attiene alle origini di tale fenomeno si fa riferimento ai risultati conseguiti dagli studi condotti da Sweegle [8].

91

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

Ipotizzando che le masse delle particelle adiacenti siano le stesse, e che sia soddisfatta la condizione secondo la quale:

dW II =0 dx I
i criteri di stabilit di Sweegle vengono di seguito elaborati. Considerando una distribuzione di particelle in cui la distanza tra due particelle successive pari alla Smoothing Lenght h, assumendo lorigine del sistema di riferimento cartesiano coincidente con la generica particella XI, e facendo riferimento ad un semplice caso monodimensionale, la particella I+1 posizionata alla distanza XI + h, mentre, il punto x in cui la derivata della funzione Kernel W(x) si annulla, sar compreso tra la particella XI e I+1, come di seguito mostrato.

Trazione
stabile instabile

-W'
h

XI

I+1 W'

instabile

stabile

Compressione
Figura 4. 1 Instabilit d trazione delle particelle.

92

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

Assumendo per convenzione che la tensione negativa sar di compressione, e quella positiva di trazione, sar possibile distinguere nel piano x- le seguenti situazioni [8]. Trazione (>0) Nel tratto in cui la derivata della Funzione Kernel -W(x) crescente [-W(x)>0], allaumentare della variabile indipendente x le particelle si allontanano, e la tensione di trazione allo stesso tempo aumenta. Viceversa, al diminuire della variabile x le particelle si avvicinano, e la tensione si riduce. Il sistema in questo caso si definisce stabile. Nel tratto in cui la derivata della Funzione Kernel -W(x) decrescente [-W(x)<0], allaumentare della variabile indipendente x le particelle si allontanano, e la tensione di trazione in questo caso diminuisce. Viceversa, al diminuire della variabile x le particelle si avvicinano, e la tensione aumenta. Il sistema in questo caso si definisce instabile. Compressione (<0) Nel tratto in cui la derivata della Funzione Kernel W(x) crescente [W(x)>0], allaumentare della variabile indipendente x le particelle si allontanano, e la tensione di compressione diminuisce. Viceversa, al diminuire della variabile x le particelle si avvicinano, e la tensione aumenta. Il sistema in questo caso si definisce instabile. Nel tratto in cui la derivata della Funzione Kernel W(x) decrescente [W(x)<0], allaumentare della variabile indipendente

93

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

x le particelle si allontanano, e la tensione di compressione allo stesso tempo aumenta. Viceversa, al diminuire della variabile x le particelle si avvicinano, e la tensione si riduce. Il sistema in questo caso si definisce stabile. Tra le possibili soluzioni a questo problema Morris propose di introdurre una speciale Kernel Function, ma tale soluzione produce risultati soddisfacenti soltanto in alcuni casi particolari [8]. Dyka propose il cosiddetto Stress Point Method, lidea principale su cui si fonda, risiede nellintrodurre dei punti addizionali, oltre a quelli introdotti per la rappresentazione delle singole particelle, nel momento in cui si vuole valutare lo stato tensionale o altri stati variabili. Mentre le variabili cinematiche, quali lo spostamento, la velocit, e laccelerazione sono ancora riferite alle particelle SPH, a questi punti addizionali sono invece associati gli stati tensionali, o altri stati variabili nel tempo. Tali punti sono definiti Stress Point, e non sono niente altro che delle particelle fittizie. Di seguito si riporta una rappresentazione grafica:

Figura 4. 2 - Stress Point Method in uno spazio bi-dimensionale.

94

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

Condizioni di vincolo I metodi particellari in generale hanno delle difficolt nel rafforzare le condizioni di vincolo essenziali. Per lSPH, sono stati sviluppati dei metodi correttivi per risolvere questa patologia. Notevolmente impiegato nelle computazioni pratiche, il cos detto Ghost Particle, proposto da Randles e Libersky [8]. In virt di questo metodo, si supponga che liesima particella i sia vincolata, mentre le altre particelle allinterno dello stesso dominio N(i), possano essere suddivise in tre sottoinsiemi: I(i): punti interni al dominio, adiacenti la particella i; B(i): punti di confine, adiacenti la particella i; G(i): punti esterni al dominio, adiacenti la particella i. Linsieme N(i), pu quindi essere espresso come lunione dei tre sottoinsiemi descritti:

N(i) =I(i)B(i)G (i)


Dove G(i) sono appunto le particelle fantasma introdotte (Ghost Particle) [8]. In questapproccio, si pu ricavare lequazione di vincolo per un generico campo scalare fi, infatti, assumendo:

f j = fi f j = f bc V j = Vi

j B (i ) j G (i )

95

CAPITOLO 4 METODI DI DISCRETIZZAZIONE

la formula di correzione per il generico campo scalare f, definita come segue:

f i = f bc +

j I ( i )

(f
1

f bc ) V jW ij

j B ( i )

V W
j

ij

Dove: fbc Vj Wij il prescritto valore per x = xi; il volume elementare della j-esima particella; la funzione Kernel.

Il principale vantaggio nellutilizzare questa formula correttiva, risiede nel fatto che questa dipende esclusivamente dalle particelle interne, e non da quelle esterne (Ghost Particle).

96

CAPITOLO 5 MODELLAZIONE NUMERICA CON LS-DYNA VERSION 970

Capitolo 5 Modellazione Numerica con LS-Dyna Version 970.


Modellare numericamente una prova sperimentale significa riprodurre, grazie allausilio di un codice di calcolo, lo stesso elemento oggetto della sperimentazione. Le evidenze sperimentali serviranno per poter verificare lattendibilit del modello creato al calcolatore, oppure i risultati dei test potranno essere impiegati per calibrare il modello stesso. Tutto ci finalizzato alla costruzione di un modello che consente di eseguire sperimentazioni numeriche, senza ricorrere necessariamente alle prove sperimentali da realizzare in laboratorio, con i costi e le problematiche che esse comportano. Individuate quali sono le principali finalit della modellazione numerica, bisogna poi in seguito scegliere tra i codici di calcolo strutturali a disposizione, quello da impiegare per la simulazione stessa. Ai fini della modellazione, si scelto di impiegare il programma ad elementi finiti duso generale LS-Dyna Version 970 [11], che consente la simulazione di problemi complessi, ed largamente accettato, come software danalisi, per le pi avanzate applicazioni dell'ingegneria.

5.1 - Software LS-Dyna Version 970


LS-Dyna un programma di calcolo ad elementi finiti, che permette di analizzare dei comportamenti fisici altamente non lineari con dei metodi numerici detti espliciti o impliciti. Frequenti applicazioni si hanno nel caso di fenomeni in cui grandi deformazioni avvengono in un breve intervallo di tempo, come ad esempio in un Crash test, o in unesplosione.

97

CAPITOLO 5 MODELLAZIONE NUMERICA CON LS-DYNA VERSION 970

LS-Dyna conta numerosi utilizzatori nellindustria automobilistica, aeronautica, aerospaziale e nella formatura di metalli. Il calcolo accoppiato fluido-struttura permette di simulare linterazione tra una struttura e un fluido come nellaquaplanning o nella caduta di un recipiente contenente un fluido. Le origini del LS-Dyna risalgono alla met degli anni settanta, quando fu sviluppata la sua prima versione, nota come DYNA3D, per opera del Lawrence Livermore National Laboratory. Il DYNA3D nasce come software danalisi, sulla base della teoria degli elementi finiti, per la risoluzione di problemi strutturali e di meccanica del continuo. Grazie alla sua rapidit nellintegrazione delle equazioni del moto, specialmente impiegato per la risoluzione di problemi dinamici.

Figura 5. 1 - Modellazione di una Turbina con LS-Dyna.

Essa possiede una libreria di materiali (Material Model), da poter impiegare nelle modellazioni, tra i quali sono inclusi materiali isotropicielastici, ortotropici-elastici ed elasto-plastici. Consente la simulazione delementi solidi, shell, beam, spring, e damper. Inoltre si possono

98

CAPITOLO 5 MODELLAZIONE NUMERICA CON LS-DYNA VERSION 970

generare contatti tra superfici, in modo tale da considerare le interazioni tra corpi diversi. Col passare degli anni dal 1976 fino al 1988, il DYNA3D stato di volta in volta arricchito con nuove caratteristiche e possibilit, riguardanti materiali ed elementi da modellare. Nelle versioni che si sono succedute sono stati apportati miglioramenti ai tempi dintegrazione, per la risoluzione delle equazioni del moto, riducendo notevolmente i tempi danalisi, e consentendo discretizzazione sempre pi fitte degli elementi. Verso la fine del 1988, dal DYNA3D nasce il pi recente codice di calcolo LS-Dyna. Questa evoluzione del DYNA3D dettata dalla crescente richiesta dapplicazioni automobilistiche. Gli sforzi per lo sviluppo del codice di calcolo furono intensificati, proprio per far fronte alla maggiore richiesta di risoluzione di problemi automobilistici. Agli inizi del 1989 la scrittura del codice pass dalla Lawrence Livermore National Laboratory (LLNL), alla Livermore Software Technology Corporation, California. Per opera della LSTC sono state migliorate diverse capacit del software. Da questo momento, per i successivi 18 anni, passando attraverso le diverse versioni del programma, dalla Version 940 fino alla recentissima Version 971, innumerevoli sono state le migliorie adottate. Tra queste si riportano di seguito solo alcune delle pi innovative ed interessanti, che caratterizzano la versione pi recente, impiegata per la modellazione numerica. Le sue capacit attuali consentono la soluzione di Nonlinear dynamics, Rigid body dynamics, Quasi-static simulations, Normal modes, Linear static, Thermal analysis, Fluid analysis, Eulerian capabilities, ALE (Arbitrary LagrangianEulerian), Fluid-structure interactions, FEM-rigid multi-body dynamics coupling (MADYMO, CAL3D), Underwater shock, Failure analysis, Crack propagation, Real-time acoustics, Design optimization, Implicit

99

CAPITOLO 5 MODELLAZIONE NUMERICA CON LS-DYNA VERSION 970

springback,

Multi-physics

coupling,

Structural-thermal

coupling,

Adaptive Remeshing, Smooth particle hydrodynamics, Element-free meshless method [11]. LS-Dyna utilizza per la soluzione delle equazioni del moto sia il metodo esplicito sia quello implicito. La disponibilit in un unico prodotto software di metodi sia espliciti sia impliciti importante, perch un singolo metodo di soluzione non convenientemente applicabile in qualsiasi situazione. Con un solo prodotto, LS-Dyna, si in grado di portare a soluzione le problematiche pi diverse, tra cui: Solid Mechanics. Nonlinear elements for large deformations, Reduced and fully integrated, linear elements for eigenvalues, superelements, and linear structural analyses. Dynamics: Explicit methods for short duration transient problems, implicit methods for static and long duration problems, instantaneously switch between methods, Fluid Mechanic. Flow regim: Incompressible flow, Compressible flow, Acoustics. Il metodo esplicito in pratica l'unico applicabile in diversi casi, come ad esempio le simulazioni dimpatto (crash e drop test), il metal forming (stampaggi a caldo e a freddo, laminazioni, imbottiture), le simulazioni deventi prodotti da esplosioni, sia in aria sia in acqua, oppure gli effetti prodotti dai terremoti sulle strutture. Pu essere impiegato per le simulazioni su materiali non metallici quali compositi o schiume polimeriche. Le schiume sono i principali componenti, ad esempio, dei sedili dauto e pertanto costituiscono un elemento di primaria importanza

100

CAPITOLO 5 MODELLAZIONE NUMERICA CON LS-DYNA VERSION 970

per la sicurezza degli occupanti. In ultimo, ma non meno importante, con il metodo esplicito si in grado di simulare tutte le fasi desercizio di un airbag, dall'esplosione della carica, al dispiegamento durante il gonfiaggio, all'impatto del corpo umano sul cuscino gonfiato, allo sgonfiaggio controllato. Tra le potenzialit del software in precedenza elencate, quelle che maggiormente ci hanno indotto a sceglierlo per la simulazione numerica, sono senza dubbio la possibilit di implementare due metodi di discretizzazione, dettagliatamente descritti nel capitolo precedente, il Finite Element Method (FEM), e lo Smoothed Particle Hydrodynamics (SPH), e in secondo luogo la capacit del codice di calcolo di considerare grandi deformazioni che si verificano in un intervallo di tempo di pochi millisecondi, cos come accade nella simulazione di unesplosione.

5.2 Modellazione della Prova Sperimentale


Con lausilio del codice di calcolo LS-Dyna Version 970, si sono modellate le quattro prove sperimentali in precedenza descritte. Si scelto di impiegare le seguenti unit di misura [12]. Lunghezze Tempo Pressione Massa Temperatura Densit
[m] [s] [Pa] [Kg] [K] Kg/m3]

Tabella 5. 1 Unit di Misure adottate dal LS-Dyna Version 970.

Tale modellazione stata condotta utilizzando due metodi di discretizzazione differenti, il FEM e lSPH. Si descrivono in seguito quali sono le caratteristiche dello stesso modello realizzato con i due metodi differenti.

101

CAPITOLO 5 MODELLAZIONE NUMERICA CON LS-DYNA VERSION 970

5.2.1 Modello FEM


Lelemento strutturale piastra viene in questo caso realizzato mediante un Box_Solid [12]. Ovviamente la scelta del numero delementi che costituiscono il Box, e quindi la piastra, effettuata in funzione del grado daccuratezza che si vuole conseguire nel calcolo, associato al numero dinformazioni che da lui si vogliono ottenere, e tenendo presente che un numero eccessivo delementi solidi e di nodi che costituiscono la Mesh, incrementano i tempi danalisi del processore. Questo perch il numero dequazioni che il processore dovr risolvere aumenta allaumentare del numero di nodi. La piastra quindi suddivisa in 11520 elementi solidi (Solid Element) [12]. Ovviamente, trattandosi di una discretizzazione in elementi finiti, ad ognuno di questi saranno associate le stesse dimensioni geometriche e caratteristiche dei materiali. Le dimensioni del singolo elemento sono (2,5x2,5x1,8)cm3, in questo modo si avr una maglia di 48x48 elementi distribuiti su 5 strati sovrapposti. Ogni elemento contraddistinto da 8 nodi, ognuno dei quali a sua volta individuato, rispetto allorigine degli assi del sistema di riferimento coincidente con il baricentro geometrico della piastra, dalle sue coordinate cartesiane (x, y, z). Ad esempio per lelemento individuato dal numero identificativo eid (element identification) = 1 si avr:
*ELEMENT_SOLID $# eid pid 1 1 n1 1 n2 2 n3 51 n4 50 n5 2402 n6 2403 n7 2452 n8 2451

Tabella 5. 2 Element Solid.

Dove con ni sindica il numero identificativo del nodo che appartiene allelemento, coincidente con uno dei suoi vertici, mentre pid il numero identificativo della Part associata allelemento.

102

CAPITOLO 5 MODELLAZIONE NUMERICA CON LS-DYNA VERSION 970

La Part un comando del codice di calcolo che consente di assegnare a pi elementi le stesse propriet, quali ad esempio lo stesso Material, la stessa Equation of State (EOS) e la stessa Section, richiamando semplicemente i rispettivi numeri identificativi (mid, eosid, secid) [12].
*PART $# title Part $# pid 1

secid 1

mid 1

eosid 1

hgid

grav

adpopt

tmid

Tabella 5. 3 Part.

Nella Section sono definite alcune propriet, quali la formulazione dellelemento, le regole dintegrazione o gli spessori nodali, secondo la tipologia dElement a cui la Section associata. Nel caso della Section_Solid si attribuisce allelemento lElement Formulation Optinon (elform) [12], in questo caso specifico si sceglie di considerare costante la tensione nel singolo elemento.
*SECTION_SOLID_TITLE Section_Solid $# secid elform 1 1

aet

Tabella 5. 4 Section Solid.

Costruito il modello geometrico della piastra, e la mappa topologica degli elementi finiti in cui questa stata discretizzata, in seguito si definiscono le condizioni di vincolo e di carico. Per quanto riguarda le condizioni di vincolo, si crea un Set di Nodi [12], in altre parole un insieme di Nodi, a cui andr poi in seguito associato la condizione di vincolo. In questo caso si scelto di vincolare lungo lasse y del sistema di riferimento cartesiano, i due bordi esterni della piastra. Il Set di nodi a loro corrispondente il seguente:

103

CAPITOLO 5 MODELLAZIONE NUMERICA CON LS-DYNA VERSION 970

*SET_NODE_LIST_TITLE Vincoli $# sid da1 37 $# nid1 nid2 1 50 393 442 785 834 1177 1226 1569 1618 1961 2010 2353 2402 2745 2794 3137 3186 3529 3578 3921 3970 4313 4362 4705 4754 5097 5146 5489 5538 5881 5930 6273 6322 6665 6714 7057 7106 7449 7498 7841 7890 8233 8282 8625 8674 9017 9066 9409 9458 9801 9850 10193 10242 10585 10634 10977 11026 11369 11418 11761 11810 12153 12202 12545 12594 12937 12986 13329 13378 13721 13770 14113 14162 147 196 539 588 931 980 1323 1372 1715 1764 2107 2156 2499 2548 2891 2940 3283 3332 3675 3724 4067 4116 4459 4508 4851 4900 5243 5292 5635 5684 6027 6076 6419 6468 6811 6860 7203 7252 7595 7644 7987 8036 8379 8428 8771 8820 9163 9212 9555 9604 9947 9996 10339 10388

da2 nid3 99 491 883 1275 1667 2059 2451 2843 3235 3627 4019 4411 4803 5195 5587 5979 6371 6763 7155 7547 7939 8331 8723 9115 9507 9899 10291 10683 11075 11467 11859 12251 12643 13035 13427 13819 14211 245 637 1029 1421 1813 2205 2597 2989 3381 3773 4165 4557 4949 5341 5733 6125 6517 6909 7301 7693 8085 8477 8869 9261 9653 10045 10437

da3 nid4 148 540 932 1324 1716 2108 2500 2892 3284 3676 4068 4460 4852 5244 5636 6028 6420 6812 7204 7596 7988 8380 8772 9164 9556 9948 10340 10732 11124 11516 11908 12300 12692 13084 13476 13868 14260 294 686 1078 1470 1862 2254 2646 3038 3430 3822 4214 4606 4998 5390 5782 6174 6566 6958 7350 7742 8134 8526 8918 9310 9702 10094 10486

da4 nid5 197 589 981 1373 1765 2157 2549 2941 3333 3725 4117 4509 4901 5293 5685 6077 6469 6861 7253 7645 8037 8429 8821 9213 9605 9997 10389 10781 11173 11565 11957 12349 12741 13133 13525 13917 14309 343 735 1127 1519 1911 2303 2695 3087 3479 3871 4263 4655 5047 5439 5831 6223 6615 7007 7399 7791 8183 8575 8967 9359 9751 10143 10535 nid6 246 638 1030 1422 1814 2206 2598 2990 3382 3774 4166 4558 4950 5342 5734 6126 6518 6910 7302 7694 8086 8478 8870 9262 9654 10046 10438 10830 11222 11614 12006 12398 12790 13182 13574 13966 14358 392 784 1176 1568 1960 2352 2744 3136 3528 3920 4312 4704 5096 5488 5880 6272 6664 7056 7448 7840 8232 8624 9016 9408 9800 10192 10584 nid7 295 687 1079 1471 1863 2255 2647 3039 3431 3823 4215 4607 4999 5391 5783 6175 6567 6959 7351 7743 8135 8527 8919 9311 9703 10095 10487 10879 11271 11663 12055 12447 12839 13231 13623 14015 49 441 833 1225 1617 2009 2401 2793 3185 3577 3969 4361 4753 5145 5537 5929 6321 6713 7105 7497 7889 8281 8673 9065 9457 9849 10241 10633 nid8 344 736 1128 1520 1912 2304 2696 3088 3480 3872 4264 4656 5048 5440 5832 6224 6616 7008 7400 7792 8184 8576 8968 9360 9752 10144 10536 10928 11320 11712 12104 12496 12888 13280 13672 14064 98 490 882 1274 1666 2058 2450 2842 3234 3626 4018 4410 4802 5194 5586 5978 6370 6762 7154 7546 7938 8330 8722 9114 9506 9898 10290 10682

104

CAPITOLO 5 MODELLAZIONE NUMERICA CON LS-DYNA VERSION 970

10731 11123 11515 11907 12299 12691 13083 13475 13867 14259

10780 11172 11564 11956 12348 12740 13132 13524 13916 14308

10829 11221 11613 12005 12397 12789 13181 13573 13965 14357

10878 11270 11662 12054 12446 12838 13230 13622 14014 14406

10927 11319 11711 12103 12495 12887 13279 13671 14063

10976 11368 11760 12152 12544 12936 13328 13720 14112

11025 11417 11809 12201 12593 12985 13377 13769 14161

11074 11466 11858 12250 12642 13034 13426 13818 14210

Tabella 5. 5 Set_Node_List Vincoli.

Al Set di nodi cos definito sono poi associate le condizioni di vincolo, bloccando gli spostamenti di tali nodi nelle direzioni x y e z, realizzando cos un vincolo di tipo incastro.
*BOUNDARY_SPC_SET_ID $# cid 1Incasro $# nsid cid 37 0

heading dofx 1 dofy 1 dofz 1 dofrx dofry dofrz

Tabella 5. 6 Boundary Condiction.

Come si pu notare, nella Card che definisce le condizioni di vincolo (Boundary Condiction) [12] una volta richiamato il nsid (Node Set Identification), corrispondente al Set di nodi creato in precedenza, si definiscono quali sono gli spostamenti e gli assi lungo i quali avvengono, oppure le rotazioni e gli assi rispetto ai quali si realizzano, che devono essere impediti. Una volta calcolate le curve di pressione che agiscono allestradosso della piastra, cos come descritto al Capitolo 3, queste dovranno essere definite nel modello e in seguito assegnate agli elementi solidi. Per definire una qualsivoglia curva, che indichi landamento della pressione in funzione del tempo, o che sia in ogni modo landamento di una variabile dipendente in funzione di un'altra indipendente (ese. Temperatura e Tempo), si utilizza il comando Define_Curve[12]. Questo comando consente di assegnare in maniera tabulata, nel piano (x,

105

CAPITOLO 5 MODELLAZIONE NUMERICA CON LS-DYNA VERSION 970

y), i valori da associare alle due variabili, indipendente lungo lasse delle ascisse e dipendente lungo lasse delle ordinate. Inoltre, si possono anche definire dei fattori di scala e dOffset sia per i valori lungo lasse delle ascisse (sfa, offa), che per quelli definiti lungo lasse delle ordinate (sfo, offo). Ad ogni curva si associa un nome (Title), e un numero identificativo lcid (Load Curve Identification) [12]. A titolo desempio si riporta una delle 36 curve di carico, definite per modellare leffetto prodotto sulla superficie della piastra, investita dallonda durto prodotta dallesplosione:
*DEFINE_CURVE_TITLE A-1 $# lcid sidr 1 0 $# a1 0.000 4.9999999e-005 9.9999997e-005 1.5000001e-004 1.9999999e-004 2.5000001e-004 3.0000001e-004 3.4999999e-004 3.9999999e-004 4.4999999e-004 5.0000002e-004 5.5000000e-004 6.0000003e-004 6.5000000e-004 6.9999998e-004 7.5000001e-004 7.9999998e-004 8.5000001e-004 8.9999998e-004 9.5000002e-004 0.00100000 0.00105000 0.00110000 0.00115000 0.00120000 0.00125000 0.00130000 0.00135000 0.00140000 0.00145000 0.00150000 0.00160000 0.00170000 0.00180000 0.00190000 0.00205000 0.00220000 0.00235000 0.00250000 0.00265000 0.00280000

sfa 1.000000

sfo 1.000000 o1 1.6806463e+005 1.4723016e+005 1.2860335e+005 1.1196810e+005 97128.437500 83906.765625 72142.164063 61688.882813 52414.949219 44200.937500 36938.789063 30530.804688 24888.658203 19932.556641 15590.442383 11797.274414 8494.3789063 5628.8549805 3153.0300293 1023.9760132 -796.94500732 -2344.4819336 -3649.8649902 -4741.1430664 -5643.4848633 -6379.4589844 -6969.2807617 -7431.0468750 -7780.9331055 -8033.3881836 -8201.3037109 -8328.1982422 -8239.0712891 -7994.9111328 -7643.4130859 -6993.4340820 -6273.6499023 -5543.2690430 -4839.4492188 -4184.0019531 -3588.2438965

offa

offo

dattyp

106

CAPITOLO 5 MODELLAZIONE NUMERICA CON LS-DYNA VERSION 970

0.00300000 0.00320000 0.00340000 0.00360000 0.00380000 0.00400000 0.00420000

-2893.4970703 -2310.4570313 -1829.9639893 -1439.5209961 -1125.7989502

Tabella 5. 7 Curva di Pressione Tabulata.

Grafico 5. 1 Andamento della Curva di Pressione, calcolata per larea di carico A-1 e relativa alla prima prova modellata.

Lo stesso procedimento ripetuto per le 36 diverse curve di pressione calcolate in precedenza, e per le quattro diverse condizioni di carico realizzate nelle altrettante prove sperimentali eseguite. Definite le curve di carico, bisogner poi in seguito assegnare queste condizioni di carico agli elementi che costituiscono la piastra stessa. Per i modelli realizzati in FEM, si scelto di applicare il carico in maniera distribuita. In questo caso sono stati definiti dei Set_Segment [12], vale a dire delle aree di carico, coincidenti con le stesse che abbiamo in precedenza definito per il calcolo delle curve di pressioni derivanti dallesplosione. Per definire un Segment sufficiente individuare 4 nodi che lo delimitano, il singolo Segment sar quindi una

107

CAPITOLO 5 MODELLAZIONE NUMERICA CON LS-DYNA VERSION 970

semplice area quadrata. Ogni Set_Segment sar invece costituito da 4 Segment diversi, tra loro simmetrici rispetto al centro della piastra. Si ricorda, infatti, che la condizione di carico a cui la piastra sottoposta perfettamente simmetrica rispetto al centro della stessa, essendo la carica esplosiva posizionata ad una certa distanza dal suo centro. In definitiva avremo 36 Set_Segment, per un totale di 144 Segment [12].
*SET_SEGMENT_TITLE A-1 $# sid da1 1 $# n1 n2 14382 14186 12030 12034 14382 14378 12030 12226

da2 n3 14190 12230 14182 12222

da3 n4 14386 12226 14186 12026

da4 a1 a2 a3 a4

Tabella 5. 8 - Set_Segment.

Ad ogni Set_Segment poi associata la corrispondente curva di pressione, sapendo che questa si ripete identicamente per i 4 Segment a lei appartenenti. A tale fine si utilizza il comando Load Set_Segment [12], che consente di associare ad ogni ssid (Set_Segment Identification) la corrispondente lcid (Load Curve Identification), moltiplicata per un fattore di scala sf, il quale si assume unitario. Questo comando ci consente di applicare una pressione distribuita su unarea quadrilatera definita da 4 nodi.
*LOAD_SEGMENT_SET $# ssid lcid 1 1 2 2 3 3 4 4 5 5 6 6 7 7 8 8 9 9 10 10 11 11 12 12 13 13

sf 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000

at

108

CAPITOLO 5 MODELLAZIONE NUMERICA CON LS-DYNA VERSION 970

14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36

14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36

1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000 1.000000

Tabella 5. 9 Load Set_Segment.

Figura 5. 2 - Sezione della Piastra sottoposta a Carico distribuito.

Per realizzare un modello quanto pi attendibile possibile, sar necessario attribuire a singoli elementi anche il proprio peso. Per fare questo necessario creare una Set_Part_List, in altre parole una lista di Part alle quali associare un unico carico, il peso proprio. Si associa quindi alla Set_Part_List lunica Part di cui disponiamo [12].

109

CAPITOLO 5 MODELLAZIONE NUMERICA CON LS-DYNA VERSION 970

*SET_PART_LIST_TITLE part list solid $# sid da1 1 $# pid1 pid2 1

da2 pid3

da3 pid4

da4 pid5 pid6 pid7 pid8

Tabella 5. 10 Set_Part_List.

Si definisce quindi un ulteriore curva, in questo caso semplicemente costate, essendo la forza peso sempre la stessa indipendentemente dal tempo, si definisce un Load_Body_Z [12], in cui si moltiplica la curva di carico in precedenza costruita per un fattore di scala sf, pari a 9,81 m/s2, laccelerazione di gravit, e si associa la nuova condizione di carico allintera Part.
*DEFINE_CURVE_TITLE Peso $# lcid sidr 37 0 $# a1 0.000 0.00600000 *LOAD_BODY_PARTS $# psid 1 *LOAD_BODY_Z $# lcid sf 37 9.810000

sfa 1.000000

sfo 1.000000 o1 1.00000000 1.00000000

offa

offo

dattyp

lciddr

xc

yc

zc

Tabella 5. 11 Carico da Peso Proprio.

Per completare il modello, non rimane altro che definire le caratteristiche meccaniche dei materiali, calcestruzzo e acciaio, utilizzati per la costruzione della piastra. A tal scopo si rimanda al Capitolo 6, in cui si descriveranno in maniera dettagliata i Material Model impiegati, il modo in cui si definisce lEquation of State ad essi associati, ed infine le curve di Strain-Rate, che descrivono il miglioramento del comportamento dei materiali, per effetto dei carichi dinamici a cui sono soggetti. Queste ultime Card che definiscono il modello sono le stesse sia per il Metodo FEM sia per quello SPH.

110

CAPITOLO 5 MODELLAZIONE NUMERICA CON LS-DYNA VERSION 970

Completato il modello in FEM per la prima condizione di carico, per costruire gli altri tre modelli rimanenti, sar sufficiente copiare lo stesso modello modificando le sole curve di pressione riguardanti le altre tre condizioni di carico.

5.2.2 Modello SPH


In questo caso per creare lelemento piastra, a differenza di quanto fatto per il modello FEM, non si costruisce una Mesh, bens una mappa topologica di soli nodi. In questo caso, infatti, la piastra non suddivisa in un numero discreto delementi finiti di forma prismatica, ma in un numero discreto delementi nodali, definiti particelle. Ad ogni particella associata una massa ed una posizione nello spazio, individuata dalle tre coordinate (x, y, z), sempre rispetto allorigine degli assi del riferimento cartesiano considerato dal programma. Ad ogni nodo della mappa topologica costruita in precedenza, si associa un elemento particellare dotato di massa. La piastra stata discretizzata in un numero totale di particelle pari a 11520. Essendo il numero di particelle coincidenti con quello degli Element Solid, in cui stata discretizzata la piastra con il metodo FEM, si potr operare il confronto tra i due metodi. Questi elementi particellari si distribuiscono su cinque superfici sovrapposte, ognuna delle quali costituita da 48x48 elementi particellari. Nel piano (x, y) le particelle distano tra loro 2,5 cm in entrambe le direzioni, mentre lungo lasse z i cinque strati sono posti ad una distanza di 2,25 cm. La massa dogni singola particella stata semplicemente calcolata dividendo il peso totale della piastra per il numero di particelle che la costituiscono.

111

CAPITOLO 5 MODELLAZIONE NUMERICA CON LS-DYNA VERSION 970

Ptot = s Vtot = 2500 Kg/m3 (0,09 x1,2 x1,2)m3 = 324 Kg


Mele = Ptot / Numele = 324 Kg / 6912 = 0,046875 Kg
*ELEMENT_SPH $# nid pid

mass

0.04687500

Tabella 5. 12 Element SPH.

Ad ogni nid (Node Identification) attribuita una particella di massa (mass) pari a 0,046875 Kg, ed una pid (Part Identification), a cui compete la stessa definizione data per la modellazione in FEM [12]. La differenza principale che sussiste tra la modellazione in FEM e quella in SPH, risiede nella definizione della Section da associare allelemento modellato. Mentre per il metodo FEM si attribuito allelemento modellato una Section_Solid, in questo caso sar ovviamente necessario definire una Section_SPH [12]. Questo comando consente di associare alcune propriet alle singole particelle.
*SECTION_SPH_TITLE SPH_section $# secid cslh 1 1.200000

hmin 0.200000

hmax 2.000000

sphini death 0.0001.0000E+20

start

Tabella 5. 13 Section SPH.

Il parametro numerico di maggiore interesse che deve essere in questo caso definito, la Smoothing Lenght (h), di cui gi si detto nel capitolo precedente. Il processore LS-Dyna utilizza una Smoothing Lenght variabile durante il tempo danalisi. Il Processore calcola un valore iniziale di Smoothing Lenght (h0), come la massima tra le minime distanze tra ogni particella.

112

CAPITOLO 5 MODELLAZIONE NUMERICA CON LS-DYNA VERSION 970

Ad ogni particella associato la propria Smoothing Lenght, che varia nel tempo in accordo con la seguente equazione:

d dt

( h ( t )) = h ( t ) div ( v )

Dove h(t) la Smoothing Lenght in funzione del tempo, mentre div(v) la divergenza del flusso. La Smoothing Lenght aumenta, quando le particelle si allontanano le une dalle altre e si riduce, quando aumenta la densit delle particelle. Esso varia in modo tale da mantenere costante il numero di particelle tra loro vicine. La Smoothing Lenght varia tra un valore minimo e uno massimo:

min

h0 h (t ) H

max

h0

Non possibile associare un valore unitario n a quello massimo n a quello minimo, Hmin e Hmax, in quanto cos facendo si definirebbe una Smoothing Lenght costante al variare del tempo e dello spazio, e coincidente con quella iniziale h0 calcolata dal processore [11]. Nella Card della Section_SPH, necessario definire oltre al valore minimo e massimo della Smoothing Lenght (hmin, hmax), anche una costante cslh, che moltiplica la Smoothing Lenght delle particelle. Tale valore deve essere compreso tra 1,05 e 1,3. Il valore di Default uguale 1,2 ed ritenuto accettabile per diverse problematiche. Valori inferiori allunit sono ritenuti inammissibili, mentre quelli maggiori di 1,3 aumenterebbero i tempi di computazione del software. I parametri sphini, death e start, che definiscono la Card, individuano rispettivamente un valore iniziale della Smoothing Lenght, ed il tempo darresto e dinizio dellapprossimazione. Nel primo caso se si definisce

113

CAPITOLO 5 MODELLAZIONE NUMERICA CON LS-DYNA VERSION 970

un valore di sphini diverso dallo 0,0 si sovrascrive il valore iniziale h0 calcolato dal processore allinizio del calcolo [11]. Una successiva differenza rispetto al modello costruito in FEM, riguarda la modalit dapplicazione dei carichi. Questi ultimi ovviamente non variano per le stesse prove che sono state modellate, al variare dei due metodi impiegati FEM e SPH. In questo caso essendo la piastra discretizzata in un numero finito delementi nodali (Element_SPH), preferibile applicare il carico nodalmente. Si passa quindi da una condizione di carico distribuita ad una di carico concentrato. Ogni singolo elemento particellare che costituisce lestradosso della piastra, sar quindi soggetto ad una forza concentrata, dintensit variabile da una particella allaltra, e diretta lungo lasse z verso il basso. Per definire questa condizione di carico quindi necessario costruire dei Set di nodi, allo stesso modo di quanto visto per la definizione delle condizioni di vincolo. Si definiranno quindi 36 Set_Node_List [12], ad ognuno dei quali apparteranno 64 nodi differenti, riconducibili alle 4 aeree di carico, simmetriche rispetto al centro della piastra, cos come descritte in precedenza.
*SET_NODE_LIST_TITLE A-1 $# sid da1 1 $# nid1 nid2 6885 6886 4773 4774 4681 4682 4777 4778 4677 4678 6789 6790 6889 6890 6793 6794

da2 nid3 6887 4775 4683 4779 4679 6791 6891 6795

da3 nid4 6888 4776 4684 4780 4680 6792 6892 6796

da4 nid5 6837 4725 4633 4729 4629 6741 6841 6745 nid6 6838 4726 4634 4730 4630 6742 6842 6746 nid7 6839 4727 4635 4731 4631 6743 6843 6747 nid8 6840 4728 4636 4732 4632 6744 6844 6748

Tabella 5. 14 Set_Node_List Carico.

114

CAPITOLO 5 MODELLAZIONE NUMERICA CON LS-DYNA VERSION 970

Per applicare il carico in modo concentrato su ogni particella, si usa il comando Load_Noad_Set [12]. In questo modo si attribuisce ad ogni Set di nodi la corrispondente Curva di Carico (Load Curve). Per tener conto che si sta passando da una pressione, e quindi una forza per unit di superficie, ad una forza concentrata, la curva di carico dovr essere moltiplicata per un fattore di scala, pari allarea di carico che compete ad ogni singola particella, che sar pari a (2,5x2,5) cm2.
*LOAD_NODE_SET $# nsid 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36

dof 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3

lcid 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36

sf -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4 -6.250E-4

cid

m1

m2

m3

Tabella 5. 15 Load_Node_Set.

Dove il dof indica la direzione in cui il carico agisce, il fattore di scala invece si pone negativo perch il carico applicato verso il basso.

115

CAPITOLO 5 MODELLAZIONE NUMERICA CON LS-DYNA VERSION 970

Le altre Card che completano il modello in SPH equivalgono a quelle definite per il modello FEM. Per rendere pi realistica la nostra modellazione, stato considerato anche leffetto di Damping, impostando lo stesso al valore tipico per un calcestruzzo del 5%. Questo comando consente, infatti, di considerare lo smorzamento della velocit con la quale si muovono gli elementi. Tra le varie possibilit si scelto il Damping_Frequency_Range [12], che consente di applicare leffetto di smorzamento alla Part dellelemento.
*DAMPING_FREQUENCY_RANGE $# cdamp flow fhigh 0.050000 0.100000 100.00000 psid 1

Tabella 5. 16 Damping.

Una volta assegnata la costante di Damping cdamp, si definisce un range di frequenze, flow e fhigh, entro cui si considera leffetto di smorzamento.

116

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Capitolo 6 Legami Costitutivi del Calcestruzzo


Un aspetto cruciale di questa modellazione risiede nella definizione delle caratteristiche meccaniche del calcestruzzo. Il Software di calcolo LSDyna Version 970 implementa pi di duecento Legami Costitutivi, ognuno dei quali impiegati per la modellazione di materiali differenti. Si ha quindi la possibilit di scegliere tra unampia gamma di Material Model, secondo gli obiettivi che si vogliono perseguire e dei modelli che si vogliono creare. In maniera molto sintetica possibile classificare i Material Model in funzione del tipo di materiale da modellare, delle caratteristiche peculiari ad essi associate, e dei metodi di discretizzazione con essi compatibili. In particolar modo possibile distinguere modelli finalizzati alla modellazione di materiali plastici, compositi, ceramici, fluidi, vetrosi, idrodinamici, metallici, gommosi, schiumosi ed infine terreni e calcestruzzi. Inoltre, nel caso specifico della modellazione realizzata era necessario scegliere un Material Model che consentisse di considerare il cos detto effetto di Strain-Rate, e il raggiungimento della condizione di rottura (Failure) [12]. Tra tutti i Material Model quelli che meglio rispondono a dette necessit sono lo Pseudo Tensor (Mat_016) e il Concrete Damage (Mat_072).

6.1 Pseudo Tensor(Mat_016)


Nellanalisi di strutture sottoposte a carichi da esplosione e per grandi valori di deformazioni, i codici di calcolo Lagrangiani basati sulla teoria

117

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

degli elementi finiti, necessitano di uno strumento efficace per la modellazione del comportamento del materiale. In particolar modo per la modellazione delementi in calcestruzzo armato, limplementazione di unefficiente Material Model si dimostrata complessa e variabile. Diversi modelli sono propriamente adatti per descrivere il comportamento costitutivo del calcestruzzo, che va dalla risposta elastica del materiale fino alla sua rottura. Tra questi si annovera lo Pseudo Tensor, che risulta essere uno dei migliori. Questo modello pu essere impiegato definendo due superfici in funzione della pressione media p, una di rottura massima max, e laltra di tensione residua r [13].

max = a0 +

p a1 + a2 p

r = a0 f +

p a1 f + a2 p

P
Figura 6. 1 Superficie di rottura massima e residua.

necessario associare al modello del materiale un equazione di stato, essa fornisce il valore corrente della pressione p come una funzione della deformazione volumetrica. In funzione della pressione si definisce una

118

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

superficie di snervamento o di rottura (Yeld o Failure), che limita il secondo invariante della parte deviatorica del tensore tensionale. La superficie superiore indica la tensione massima di snervamento del materiale max, al variare della pressione p, mentre quellinferiore la tensione di rottura failed. Come si pu osservare le due superfici sono definite in funzione di cinque parametri a0, a1, a2, a0f e a1f, ai quali quindi necessario associare un valore numerico nella Card del materiale. Il codice di calcolo impiegato ai fini della modellazione, suggerisce un metodo semplice per la definizione di detti parametri, lInternal Generation [14]. Quando si utilizza questo tipo di materiale per la modellazione del calcestruzzo, si ha la possibilit di definire i parametri della Card del materiale, in funzione della sola resistenza a compressione del calcestruzzo non confinato fc. Questa viene, infatti, assunta come la tensione di rottura a compressione f. Tutto questo reso possibile assumendo semplicemente un valore negativo per il parametro a0, ad esempio a0 = - 1 [14]. In questo modo il parametro a0 considerato come un fattore di conversione tra lunit di misura usata dal LS-Dyna per la pressione, e la stessa espressa in psi [14]. Inoltre, questo Material Model consente di considerare anche la presenza di una percentuale di armatura di rinforzo, di cui se ne definiscono le caratteristiche meccaniche. Per i suddetti motivi, il Mat_016 raccomandato per lanalisi delementi strutturali in cemento armato soggetti a carichi impulsivi. A titolo desempio, si riporta di seguito la Card del programma LS-Dyna attraverso il quale si definisce le caratteristiche del materiale, impiegato

119

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

nella modellazione della piastra, qualora si volesse usare lopzione Internal Generation:
*MAT_PSEUDO_TENSOR_TITLE C.A. $# mid ro g 1 2500.0000 7.3486E+9 $# sigf a0 a1 9.7896E+6 -1.000000 0.000 $# er prr sigy 1.9990E+11 0.300000 3.8820E+8 $# x1 x2 x3 0.000 0.000 0.000 $# x9 x10 x11 0.000 0.000 0.000 $# ys1 ys2 ys3 0.000 0.000 0.000 $# ys9 ys10 ys11 0.000 0.000 0.000 pr 0.200000 a2 0.000 etan x4 0.000 x12 0.000 ys4 0.000 ys12 0.000

a0f 0.000 lcp x5 0.000 x13 0.000 ys5 0.000 ys13 0.000

a1f 0.000 lcr x6 0.000 x14 0.000 ys6 0.000 ys14 0.000

b1 0.000

per 0.527980

x7 0.000 x15 0.000 ys7 0.000 ys15 0.000

x8 0.000 x16 0.000 ys8 0.000 ys16 0.000

Figura 6. 2 Card Material Model_016.

Dove:
ro g pr sigf a0 Calcestruzzo Densit di massa Modulo di elasticit a taglio Rapporto di Poisson Tensione di rottura a compressione Coesione per er prr sigy etan Acciaio % di Armatura Modulo di Young Rapporto di Poisson Tensione di snervamento Tensione tangenziale

Tabella 6. 1 parametri che definiscono la Card del Material Model.

Nel momento in cui al parametro a0 si associa un valore negativo, il numero identificativo da associare allequazione di stato (EOSid) nella Part del modello, si pone uguale a zero. In questo modo sar automaticamente generata un equazione di stato Tabulated Compaction (EOS 8) in funzione dei soli valori fc, e del Rapporto di Poisson . Questo tipo dapproccio troppo semplificativo, e non consente di controllare quanto fatto in automatico dal software. Per questo motivo preferibile assegnare tutti i parametri richiesti dalla Card del materiale, ad ognuno dei quali si associa un significato fisico. Lo Pseudo Tensor considera in maniera dissociata la risposta deviatorica e quella sferica del calcestruzzo durante la fase di carico e ricarico.

120

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Durante la fase di carico iniziale o di ricarico, la parte deviatorica si mantiene elastica fino a raggiungere la superficie iniziale di snervamento (Yeld Surface), raggiunta la quale pu ancora aumentare fino a raggiungere la superficie di rottura massima (Max Surface). Quando il provino di calcestruzzo poi scaricato, la parte deviatorica del tensore delle tensioni raggiunge la superficie di rottura residua (Residual Surface). Cos come mostrato nella seguente figura [13].

Figura 6. 3 Andamento della superficie di rottura corrente , in funzione della tensione sferica p.

La superficie di rottura corrente che limita la parte deviatorica dello stato tensionale, definita come una combinazione lineare di due superfici, m e r, a loro volta definiti in funzione della tensione sferica p [13].

+ (1 )

121

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Dove:

= a

p a1 + a
2

= a

0 f

a1

p + a

Con m sindica la superficie di rottura massima, mentre con r quella residua [13]. Nelle precedenti espressioni compare la tensione sferica p, che a sua volta definita in funzione delle tensioni normali:

p =

+ 3

Il parametro indica la funzione di migrazione tra la superficie di rottura residua e quella massima, ed definito in funzione di , questultimo una misura della deformazione plastica effettiva, ed indica il danno accumulato dal materiale. La funzione = () di tipo lineare, e va da 0 a 1, e da 1 a 0 [13]. La superficie di snervamento iniziale y (Yeld Surface), compresa tra quella di rottura massima e residua, m e r, e si esprime come segue:

+ (1

Dove y = (0), in altre parole il valore iniziale di prima ancora che abbia inizio la plasticizzazione del materiale, i risultati provenienti da prove di compressione tri-assiale sul calcestruzzo, hanno mostrato che la superficie di snervamento iniziale y, dovrebbe essere circa il 45% di quella massima. Dato che le due superfici diventano parallele per grandi

122

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

valori di p, esse non possono propriamente rappresentare il punto di transizione tra il comportamento duttile e quello fragile. Di seguito si descrive il significato delle superfici di rottura[13]:

Figura 6. 4 Superfici di Rottura.

Compressive Meridian La Compressive Meridian indica landamento della m, i dati per la sua costruzione si ottengono solitamente attraverso prove sperimentali condotte su provini di calcestruzzo sottoposti a compressioni assiali non confinati, e prove di compressione tri-assiali con vari livelli di confinamento. I test usuali non forniscono in ogni modo risultati per valori di pressione inferiori a fc/3. Per il modello originale Pseudo Tensor, sono necessari almeno due livelli di confinamento diversi da zero affinch la Compressive Meridian sia definita da tre parametri a0, a1 e a2. Questi tre parametri che definisco la superficie di rottura massima

123

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

m, solitamente sovrastimano gli sforzi, quando sono estrapolati per


valori inferiori a fc/3. Tensile Meridian noto che la Tensile Meridian della superficie di rottura per il calcestruzzo solitamente inferiore rispetto alla Compressive Meridian. Dati sperimentali suggeriscono che il rapporto tra la Tensile e Compressive Meridian, denotato da , compreso tra 0,5, quando le pressioni sono negative, e 1, per livelli di confinamento elevati. Tensile Cutoff La Tensile Cutoff inserita proprio per cercare di limitare i difetti del modello per valori bassi di pressione, citati nella definizione della Compressive Meridian. La Tensile Cutoff limita la tensione principale massima allo sforzo di trazione ft. Ci in ogni modo non risolve il problema per valori di tensione sferica compresa tra 0 e fc/3. Pressure Cutoff Il modello originale incorpora una Pressure Cutoff, che impedisce alla pressione di andare sotto il valore di ft/3. La Pressure Cutoff, non incide per le prove di trazione monoassiale, mentre limita la differenza di tensione principale al valore di ft/2 per una prova di trazione biassiale, e a ft/3 per una tri-assiale. Entrambi questi limiti contrastano con le evidenze sperimentali, le quali mostrano che in entrambi i casi, la differenza di tensione principale

dovrebbe

raggiungere

approssimativamente ft. Quantunque la Pressure Cutoff sia raggiunta, lo stato delle tensioni corrente rimane in ogni modo inalterato.

124

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Il comportamento elastico del materiale descritto con lo Pseudo Tensor mediante la definizione dellequazione di stato Tabulated Compaction (EOS8). Infatti, assegnando nellEOS8 lUnloading Bulk Modulus che una costante di elasticit definita in funzione del Modulo di Young E, e del Rapporto di Poisson :

E 3( 1 2

automaticamente in funzione di K il programma definisce un'altra costante delasticit, che il Modulo di elasticit a Taglio G. Ciononostante, lo Pseudo Tensor contiene una serie di difetti, tra cui lincapacit di considerare la dilatazione a taglio, normalmente osservata sui provini di calcestruzzo sottoposti a sollecitazioni di compressione. Tali difetti sono stati corretti mediante lintroduzione del nuovo modello Concrete Damage (Mat_072) [13].

6.2 Concrete Damage (Mat_072)


Una prima differenza rispetto al modello originale Pseudo Tensor risiede nella definizione di una nuova Pressure Cutoff pc. Per valori negativi di pressione, la funzione di migrazione , serve non solo per scalare la superficie di rottura corrente da quella massima a quella residua, ma anche per aumentare la pc da ft a 0. Ci avviene controllando la pressione calcolata dallequazione di stato, e facendola coincidere con pc se non sar soddisfatta la condizione secondo la quale deve essere p pc [13].

125

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Dove pc uguale a ft, se non raggiunta la superficie di rottura massima, ed uguale a ft, se invece raggiunta. Questa modifica pu quindi sovrascrivere la pressione calcolata dallequazione di stato[13].

ft = ft

Laltra innovazione riguarda le superfici di rottura. Nel Concrete Damage, infatti, inserita una terza superficie, indipendente dalle precedenti due. Tale superficie rappresenta quelliniziale di snervamento, ed definita in funzione di tre nuovi parametri a0y, a1y e a2y, cos come segue [13]:

= a

0 y

p a1y + a
2 y

Per quanto concerne le restanti due superfici, gi viste nel modello precedente, anche in questo caso sono apportate delle modifiche. Dato che il calcestruzzo ha uno sforzo residuo in trazione nullo, si assume tale anche il parametro indipendente dalla pressione p che definisce la superficie di rottura residua, aof = 0. Sempre a proposito della superficie di rottura residua, per considerare lintersezione tra questa e quella di rottura massima in un punto di transizione tra il comportamento duttile e quello fragile, sinserisce un nuovo parametro a2f, mentre nel modello originale questo parametro era uguale per entrambe le superfici. In conclusione la superficie residua adesso assume la seguente espressione [13]:

p a1
f

+ a

2 f

126

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Nel nuovo modello, la superficie di rottura corrente dopo aver raggiunto quella di snervamento iniziale, e prima ancora di raggiungere quella di rottura massima, definita come una combinazione lineare delle due:

)+

Dove il parametro sempre compreso tra 0 e 1, ed ancora definito come una funzione della misura di deformazione plastica effettiva . Una volta raggiunta la superficie massima, quella corrente di rottura ottenuta come interpolazione tra quella massima e quella residua:

)+

Nel nuovo modello, la funzione di danno = (), assegnata in maniera tabulata dallutente come una serie di valori (, ). Al variare di

si ottengono valori di compresi comunque tra 0 e 1. Quando = 0


anche = 0, quando = m allora = 1, e torna ad annullarsi, quando assume valori maggiori di m [13]. Finche non decresce, tende ad assumere i valori di y, m e r. Quando m, allora si ottiene come uninterpolazione lineare tra

y e m, viceversa quando > m, allora sar data dallinterpolazione


tra m e r [13]. La superficie di rottura massima non subisce nessuna modifica rispetto a quella vista nel modello originale. Riassumendo, per il nuovo modello le tre superfici di rottura, quella massima, residua e di snervamento, sono rispettivamente definite come segue [13]:

127

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

= a =

p a1 + a p p p a1y + a
2 y 2

a1

+ a +

2 f

= a

0 y

In prossimit del punto in cui si osserva la transizione tra il comportamento fragile e quello duttile del materiale, avremo che sia la

y sia la r, saranno limitate dalla m [13].

6.2.1 Parametri che definiscono le superfici di rottura


Vediamo come si determinano i parametri a0, a1 ed a2 che definiscono la superficie di rottura massima m. Questi tre parametri dovrebbero essere determinati mediante prove di laboratorio su provini di calcestruzzo sottoposti a sollecitazioni di compressione assiale, e prove di compressione tri-assiale per diversi livelli di confinamento. Purtuttavia possibile ottenere una stima di questi tre valori anche numericamente. Il primo dei tre, a0, rappresenta, infatti, il punto dintersezione della superficie di rottura massima con lasse delle ordinate, (p=0) = a0 [13]. Il secondo parametro, a1, si definisce come linverso del minimo della funzione :

d dp

=
p = 0

1 a1

128

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Infine, per grandi valori di tensione sferica p, il denominatore del secondo termine dellequazione che definisce m, governato dal termine a2p, in quanto a1 diventa insignificante:

a0

1 a2

quando

Per definire la superficie di snervamento iniziale y, invece necessario determinare i valori dei parametri a0y, a1y e a2y. Da dati sperimentali possibile affermare che tale superficie sia il luogo dei punti per = 0,45m, per un percorso di compressione di tipo triassiale. Ci vuol affermare che preso un generico punto di coordinate (p,

m), appartenente alla superficie di rottura massima, il corrispondente


punto sulla superficie iniziale di snervamento (p, y) sar definito come:

y = 0, 45 m

p' = p

0,55 m 3

Da cui p pu essere espresso in funzione di p, mentre nota lespressione di m, y sar calcolato come [13]:

p y = 0, 45 a + 0 a1 + a 2 p
Quindi, assumendo p = 0, avremo che y = a0y, per ricavare gli altri due parametri sar sufficiente risolvere un sistema di due equazioni nelle due incognite a1y e a2y. Quando non si conoscono le superfici di rottura per un nuovo calcestruzzo da modellare, per il qual nota la sola resistenza a compressione del cls non confinato fc,new, i parametri a0n, a1n ed a2n, che

129

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

definiscono la nuova superficie di rottura n, possono essere calcolati a partire dai parametri noti di un altro calcestruzzo fc,old. In questo caso viene suggerito di definire un fattore di scala r come il rapporto tra le resistenze a compressione del calcestruzzo non confinato, del nuovo e del vecchio calcestruzzo [13]:

r=

f c', new f c', old

I nuovi parametri sono quindi calcolati come:

a0 n = a0 r a1n = a1 a2 n = a2 / r
Allo stesso modo si pu pensare di calcolare i parametri che definiscono landamento della Yeld Surface (a0y, a1y ed a2y), mentre i coefficienti che determinano la Failure Surface (a1f ed a2f), si pongono uguali ad a1n ed a2n [13]. A tal fine si fa riferimento alle caratteristiche meccaniche del calcestruzzo impiegato per lo svolgimento di una prova sperimentale condotta presso un centro di ricerca Svedese, per la quale si prevedeva un blocco di calcestruzzo ad elevata resistenza, sottoposto ad un carico da impatto [19]. Le prove condotte sono state in seguito modellate con il codice di calcolo LS-Dyna Version 960. Note le caratteristiche meccaniche del calcestruzzo modellato, e in particolar modo la sua resistenza a compressione fc,old, ed altres note i parametri assegnati nella Card del Material Model Concrete Damage, alla luce di quanto detto in precedenza si sono calcolati i parametri relativi al calcestruzzo da modellare fc,new:

130

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Caratteristiche dei Materiali


Old Material
Ec[Gpa] Ec [Mpa] f'c,old[Mpa] f'c,old[Pa] 58 58000 153 153000000

New Material
Ec[Gpa] Ec [Mpa] f'c,new [Mpa] f'c,new [Pa] 17636643,45 17636,64 13,79 13786202,43

Fattore di Scala

r a0,old a1,old a2,old a0y,old a1y,old a2y,old


5,06E+07 0,465 6,57E-10 2,28E+07 1,033 1,46E-09

0,090105898

Parametri LS-Dyna Version 970

a0,new a1,new = a1f,new a2,new = a2f,new a0y,new a1y,new a2y,new

4,56E+06 0,465 7,29E-09 2,05E+06 1,033 1,62E-08

Tabella 6. 2 Parametri numerici che definiscono le superfici di rottura dinput per LS-Dyna.

Durante la fase di carico, la superficie di rottura corrente , migra tra la superficie di rottura massima e una tra quella di snervamento iniziale e di rottura residua [13].

max

min

)+

min

Quando m, allora min coincide con y, viceversa, quando > m in tal caso min coincide con r. Allo stesso modo che per il Modello Originale Pseudo Tensor, anche in questo caso si esprime come una funzione di , che indica la deformazione plastica effettiva. Lunica differenza risiede nellespressione di , che in questo caso varia a seconda che la parte sferica del tensore delle tensioni p, sia maggiore o minore di 0 [13].

131

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Nelloriginale Material Model (Mat_016), la misura della deformazione plastica effettiva , definita come segue [13]:

d 1 +

p ft

b1

Dove lincremento di deformazione plastica effettiva dato da:

( 2 / 3 )

p ij

p ij

Nel Concrete Damage sono apportate due modifiche nel definire il parametro . Innanzitutto, si introduce un fattore sperimentale rf, che tiene conto del miglioramento di velocit (rate enhancement), inoltre il parametro b1 sostituito da b2 per valori di pressione minori di 0 [13]:

d r
f

p 1 + r f d p 1 + p r
f

0 ;

<

0 ;

Quando la pressione varia tra 0 e ft, dove con ft sindica la resistenza a trazione del calcestruzzo, il parametro rimane nullo, cos come . Lequazione di stato riduce la pressione a ft e la mantiene costante. Per implementare la caduta di pressione, in seguito alla rottura per trazione, pu essere aggiunto al danno deviatorico preesistente un incremento di danno volumetrico, ogni qual volta il percorso di tensione chiuso al percorso che si osserva in un test di trazione tri-assiale. Per limitare gli

132

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

effetti di questo cambiamento, lincremento del danno moltiplicato da un fattore fd, definito come segue [13]:
fd 1 = 0 3J2 / p 0 ,1 se 0 3J se
2

/ p < 0 ,1
2

3J

0 ,1

Dove

3J

/ p

il rapporto che misura la ristrettezza di tale

percorso, in cui p la tensione sferica, mentre

3J

= , ed

la superficie di rottura per le tensioni deviatoriche. Il termine J2, che ivi compare nellespressione di , il secondo invariante del tensore delle tensioni, cos definito:

2
1

2 2

2 3

La misura della deformazione plastica effettiva modificata per il Concrete Damage, incrementata da un , definito come segue [13]:

= b 3 f d k d (

v , yeld

Dove b3 un parametro definito dallutente, di cui si dir in seguito, kd un fattore scalare interno, v la deformazione volumetrica, e infine

v,yeld la deformazione volumetrica quando si raggiunge lo snervamento


del materiale [13]:

k ; 3 ft
v

1 3

133

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Per determinare landamento della funzione di danno = (), che consente di definire la superficie di rottura corrente , quindi necessario calcolare i tre parametri b1, b2 e b3 [13]. I parametri b2 e b3 governano landamento del ramo di softening della curva tensio-deformativa del materiale, per un calcestruzzo sottoposto ad una prova di trazione rispettivamente monoassiale e tri-assiale, quando la tensione si muove dalla superficie di rottura massima a quella residua. Lapertura delle fessure sul modello, sono in ogni modo dipendenti dalle dimensioni e dalle caratteristiche della Mesh. Un modo per eliminare questa dipendenza imporre che larea sottesa alla curva sia uguale a Gf/h. Dove Gf lenergia di frattura, ed h la dimensione del singolo elemento che costituisce la Mesh. Quando la localizzazione della fessura capita in un elemento, allora h coincide con wc, dove wc lampiezza della fessura, ed tipicamente contenuta tra 1 e 6 volte la dimensione massima degli inerti del calcestruzzo[13]. Invece, in accordo con i codici Europei (CEB, FIP) lenergia di frattura varia tra 40 e 175 N/m [22]. Questo modello assicura unindipendenza dalle dimensioni della Mesh, che consente di apprezzare anche lapertura delle fessure sul modello. Ciononostante, la mappa topologica della Mesh potrebbe incidere sullorientamento delle fessure, sia in condizioni statiche sia dinamiche. Il parametro b2 definito facendo variare landamento della curva , definita per una prova di trazione monoassiale, fino a che larea sottesa dalla curva non coincide con Gf/h. Lo stesso procedimento iterativo eseguito anche nella determinazione di b3, con lunica differenza che in questo caso si fa affidamento ai dati sperimentali provenienti da una prova di trazione tri-assiale idrostatica e non monoassiale. Questi due

134

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

parametri sono di fondamentale importanza, quando lelemento analizzato a debole armatura. Il parametro b1 determinato allo stesso modo che per i precedenti, in questo caso il coefficiente numerico tarato su dati sperimentali provenienti da test a compressione monoassiale al variare del livello di confinamento. Alla luce di quanto detto, la superficie di rottura corrente

dipende indirettamente dai tre parametri b1, b2 e b3 [13].


possibile, infatti, schematizzare le seguenti dipendenze:

= f() = () = f(b1 o b2), mentre lincremento del


parametro di danno = f(b3). A loro volta b1, b2 e b3 si esprimono come una funzione di Gf e h. Queste dipendenze sono implementate dallo stesso codice di calcolo LSDyna Version 970, al quale necessario assegnare tra gli input che definiscono le caratteristiche del materiale, oltre ai parametri b1, b2 e b3, anche in maniera tabulata la curva di danno = (). Non avendo la possibilit di eseguire prove sperimentali finalizzate alla caratterizzazione dei materiali, si costretti ad assumere per questi tre parametri b1, b2 e b3, tipici valori definiti per un calcestruzzo di scarsa qualit, al quale compete un basso valore dEnergia di Frattura Gf, cos come per il calcestruzzo impiegato nello svolgimento delle prove sperimentali modellate. A detti valori sar associata la corrispondente funzione di danno, definita cos come descritto in precedenza:

135

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Funzione di Danno = ()
1,2 1 0,8 0,6 0,4 0,2 0 0 0,01 0,02 0,03 0,04 0,05

Grafico 6. 1 Funzione di Danno, calcolata per b1 = b2 = b3 = 0,1.

Tra i due Material Model in precedenza descritti, Pseudo Tensor e il Concrete Damage, per la modellazione del calcestruzzo si deciso di impiegare questo ultimo. Essendo, infatti, il Concrete Damage un evoluzione dello Pseudo Tensor. Di seguito per semplicit desposizione si riporta la Card del Material Model cos come stata definita per la modellazione della piastra:
*MAT_CONCRETE_DAMAGE_TITLE C.A. $# mid ro pr 1 2500.0000 0.200000 $# sigf a0 a1 a2 1.3790E+6 4.68E+06 0.465 7.11E-09 $# a0y a1y a2y a1f a2f 2.11E+06 1.033 1.58E-08 0.465 7.29E-09 $# per er prr sigy etan 0.00528 1.999E+11 0.300000 3.8820E+8 $#lambda-1 lambda-2 lambda-3 lambda-4 lambda-5 0.000 0.02E-3 2.80E-03 41.0E-03 $#lambda-9 lambda-10 lambda-11 lambda-12 lambda-13 0.000 0.000 0.000 0.000 0.000 $# nu-1 nu-2 nu-3 nu-4 nu-5 0.000 1.000000 0.150000 0.000

b1 0.100000 lcp 38 lambda-6

b2 0.100000 lcr 39 lambda-7

b3 0.100000

lambda-8

nu-6

nu-7

nu-8

Tabella 6. 3 Input per LS-Dyna del material Concrete Damage, definiti per la modellazione della piastra.

136

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Dove, oltre ai parametri in precedenza descritti e calcolati, ao, a1, a2, aoy, a1y, a2y, a1f, a2f, b1, b2 e b3, sono presenti altri parametri che definiscono le caratteristiche del calcestruzzo: mid il numero identificativo del Material Model; ro pr il peso specifico del calcestruzzo; il Rapporto di Poisson;

sigf la tensione di rottura a trazione del calcestruzzo, calcolata come un decimo di quella a compressione fc. Le caratteristiche dellarmatura meccanica sono invece: per er prr indica la percentuale di armatura nella sezione; il Modulo di Elasticit longitudinale di Young; il Rapporto di Poisson;

sigy la tensione di snervamento dellacciaio in condizione di carico quasi statiche. Con lcp (load curve principal) e lcr (load curve rinforcement), si richiamano rispettivamente le curve di Strain-Rate relative al materiale principale, il calcestruzzo, e al materiale di rinforzo, lacciaio. Queste curve sono definite cos come di seguito descritto [12].

6.4 Dynamic Increase Factor (DIF)


Il Dynamic Increase Factor (DIF), un coefficiente numerico adimensionale, che moltiplicato per la resistenza meccanica del calcestruzzo, calcolata in condizioni di carico quasi statico, fornisce una

137

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

misura delle caratteristiche dinamiche, al variare della velocit di

(Strain Rate). La velocit di deformazione non altro deformazione


che la variazione della deformazione al variare del tempo [18]. Per la simulazione numerica, di fondamentale importanza definire landamento del DIF in funzione della velocit di deformazione. Trattandosi di un elemento strutturale in cemento armato, sottoposto allazione dinamica prodotta da unesplosione, si avr una velocit di deformazione molto elevate, comprese tra 10 sec-1 e 1000 sec-1 [17]. Per valori cos elevati di Strain-Rate, le evidenze sperimentali hanno mostrato un incremento di resistenza del calcestruzzo sia a compressione ma soprattutto a trazione. Il DIF a compressione in alcuni casi maggiore di 2, mentre per la resistenza a trazione pu raggiungere valori maggiori di 6 [17]. Per larmatura metallica di rinforzo, si pu arrivare ad un incremento di resistenza maggiore del 50% [17]. Questo incremento di resistenza determina quindi un miglioramento del comportamento meccanico dentrambi i materiali. Inoltre, essendo la risposta dellelemento strutturale in c.a. molto dipendente dal comportamento a trazione del calcestruzzo, laumento di resistenza a trazione, enfatizza limportanza che assume la descrizione del comportamento dinamico del materiale. Volendo quindi considerare il cosiddetto effetto di Strain-Rate, nel comportamento a compressione e a trazione del calcestruzzo, sottoposto ad un carico dinamico impulsivo, si scelto di simulare numericamente la prova sperimentale impiegando il software LS-Dyna [11]. Infatti, tra i diversi legami costitutivi che si possono implementare con questo codice di calcolo strutturale, alcuni di questi forniscono la possibilit di

138

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

descrivere il comportamento costitutivo di un materiale in funzione della velocit di deformazione. Al variare del Material Model, scelto per la modellazione del materiale, il programma fornisce tre diverse opzioni nellassegnare leffetto di Strain-Rate [12]: Cowper and Symonds. Questa prima scelta si fonda sulla teoria di Cowper and Symonds. In questo caso si assegnano nella Card che definisce le caratteristiche del materiale, due costanti C e p. In funzione delle quali il programma calcola un fattore amplificativo (DIF) del tipo:
1 + C
1 p

, il fattore amplificativo Al variare della velocit di deformazione


che ne consegue, moltiplicato per la resistenza meccanica del materiale, migliorandone il comportamento sotto lazione di carichi dinamici. Legame Tensione-Deformazione Parametrico. In questo caso, durante la fase dinput, sinseriscono i tratti plastici

, del legame costitutivo del materiale, ricavati per diversi valori di


formando cos una famiglia di legami costitutivi. In questo modo, al variare della velocit di deformazione, il programma attinge da legami costitutivi diversi, il valore della corrispondente tensione.

139

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Curva di Strain-Rate. Il modo pi semplice per assegnare leffetto di Strain-Rate, consiste nel definire una curva che lega alla velocit di deformazione il corrispondente DIF. Definita e in seguito assegnata la Curva di Strain-Rate alla Card del Material Model, al variare della velocit di deformazione, il programma estrapola da questa curva il corrispondente valore del DIF. Questo ultimo moltiplica la tensione di rottura a trazione f, calcolata in condizioni di carico QuasiStatico, ed assegnata nella Card che definisce le caratteristiche meccaniche del materiale. Cos facendo al variare della velocit di deformazione, e quindi del corrispondente DIF, si avranno valori variabili di resistenza a trazione. Sia lo Pseudo-Tensor sia il Concrete-Damage, che si scelto di impiegare nella modellazione del calcestruzzo, utilizzano questultima possibilit nellassegnare leffetto di Strain-Rate. Inoltre, mediante

DIF, definite rispettivamente per il lassegnazione di due curve


calcestruzzo e per lacciaio, si avr la possibilit di considerare il fenomeno in maniera disaccoppiata per i due materiali, tra i quali si considera il calcestruzzo principale e larmatura di rinforzo secondaria. Ovviamente, ci presuppone la conoscenza delle curve di Strain-Rate per entrambi i materiali.

6.4.1 Definizione della Curva di Strain-Rate


Nel definire landamento del DIF in funzione della velocit di deformazione, si scelto di utilizzare il modello analitico proposto dal CEB-FIP Model Code 1990 [20]. Questo modello consente di calcolare,

140

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

in funzione della velocit di deformazione, il valore numerico del DIF per il calcestruzzo, sia a trazione sia a compressione.

6.4.2 Origini della formulazione CEB-FIP


La formulazione proposta per il calcolo del DIF in funzione della velocit di deformazione, nasce ovviamente da osservazioni sperimentali e modelli numerici. Queste prove, condotte per caratterizzare il comportamento a compressione e a trazione del calcestruzzo, sotto lazione di carichi dinamici, hanno evidenziato come leffetto di StrainRate sul calcestruzzo, sia a trazione sia a compressione, si possa esprimere attraverso un fattore adimensionale (DIF), inteso come il rapporto tra lo sforzo dinamico e quello statico. Le prove sono state condotte sottoponendo un provino di calcestruzzo cilindrico, di cui sono note a priori le caratteristiche meccaniche, per una velocit di deformazione Quasi-Statica, ad un carico dinamico-impulsivo. A diversi intervalli di velocit di deformazione si misurano valori differenti di sforzi di trazione o compressione dinamici. Il DIF semplicemente calcolato come rapporto tra le due caratteristiche meccaniche, quella dinamica e quella statica. Operando un confronto tra i dati sperimentali disponibili, e i risultati conseguiti nel definire la curva di Strain-Rate con il modello teorico raccomandato dal CEB-FIP, si giunti alla calibrazione del Model Code 1990, secondo il quale il DIF per sforzi di compressione per il calcestruzzo sar dato da [20].
fc = s f cs
1.026

per 30 s-1
3
1

fc = s s f cs

per > 30 s-1

141

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Dove: fc lo sforzo di compressione dinamico alla velocit di

; deformazione
fcs lo sforzo di compressione statico alla velocit di deformazione

s ;

fc f cs

il Dynamic Increase Factor (DIF); la velocit di deformazione compresa tra 30 x 10-6 sec-1 e

300 sec-1;

s = 30 x 10-6 sec-1, la velocit di deformazione quasi statica a


compressione;

log s = 6 . 156 2
1 f cs 5 + 9 f co

= 10

6 . 156 0 . 492

fco = 10 Mpa

Questa formulazione analitica, valida per il solo calcestruzzo in compressione, stata ricavata su basi sperimentali. Invece, il DIF per gli sforzi di trazione dato da [20]:
ft = s f ts
1.016

per 30 s-1
3
1

ft = f ts s

per > 30 s-1

142

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Dove: ft lo sforzo di trazione dinamico alla velocit di

; deformazione
fts lo sforzo di trazione statico alla velocit di deformazione

s ;

ft fts

il Dynamic Increase Factor (DIF); la velocit di deformazione compresa tra 3 x 10-6 sec-1 e

300 sec-1;

s = 3 x 10-6 sec-1, la velocit di deformazione quasi statica a


trazione;

log = 7 . 11 2 . 33 = 10
1
f ts 10 + 6 f co

7 . 11 2 . 33

fco = 10 Mpa

Da queste espressioni si evince che, la relazione che sussiste tra il DIF e

, riportate in un grafico e in scala la velocit di deformazione


logaritmica, di tipo bilineare, con un cambio dinclinazione che si ha per

= 30 sec-1. Inoltre, pi scadente la qualit del calcestruzzo

adottato, e maggiore sar il valore del DIF, essendo sempre pi piccolo il valore dello sforzo di trazione o di compressione, misurato per una condizione di carico Quasi-Statica [20].

143

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Questo modello stato impiegato per la simulazione numerica, nelle pagine a seguire si riportano in maniera schematica i risultati cos ottenuti:
Compres. s' [sec-1] Trazione s' [sec-1] 30x10-6 3x10-6

Tabella 6. 4 Velocit di deformazione quasi statica.


fcs [Mpa] fcs [Mpa] fco [Mpa]
13,79 1,38 10,00 0,057 0,023 0,092 0,021

Tabella 6. 5 Caratteristiche statiche del calcestruzzo e parametri numerici utilizzati per il calcolo delle curve di Strain-Rate.

Si riportano di seguito le Curve di Strain-Rate impiegate nella modellazione: DIF Calcestruzzo


' [sec-1]
0,000003 3,00E-05 3,00E-04 3,00E-03 3,00E-02 0,3 3 6 9 12 15 18 21 24 27 30 32

DIF compressione
-----1,000 1,145 1,312 1,503 1,721 1,971 2,053 2,103 2,139 2,167 2,191 2,211 2,228 2,244 2,258 2,307

DIF trazione
1,000 1,241 1,541 1,912 2,373 2,946 3,656 3,902 4,053 4,164 4,252 4,326 4,389 4,444 4,493 4,538 4,670

144

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

34 36 38 40 42 44 46 48 50 52 54 56 58 60 62 64 66 68 70 72 74 76 78 80 82 84 86 88 90 92 94 96 98 100

2,354 2,399 2,443 2,485 2,526 2,565 2,603 2,640 2,677 2,712 2,746 2,780 2,812 2,844 2,876 2,906 2,936 2,966 2,994 3,023 3,050 3,078 3,104 3,131 3,156 3,182 3,207 3,232 3,256 3,280 3,304 3,327 3,350 3,372

4,766 4,857 4,946 5,031 5,114 5,193 5,271 5,346 5,420 5,491 5,560 5,628 5,694 5,759 5,822 5,884 5,945 6,005 6,063 6,120 6,176 6,231 6,285 6,339 6,391 6,443 6,493 6,543 6,593 6,641 6,689 6,736 6,782 6,828

Tabella 6. 6 Curve di Strain-Rate per il calcestruzzo a Trazione e Compressione adottate nella modellazione.

145

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

DIF (Calcestruzzo)
10,0

DIF

Com pressione Trazione

1,0 1E-05 0,0001 0,001 0,01 0,1


'

10

100

1000

Grafico 6. 2 Funzione Bilineare in scala logaritmica del DIF per il calcestruzzo.

Dal grafico precedente si pu facilmente osservare come laumento di resistenza a trazione sia pi del doppio di quello a compressione, ed inoltre s evidenzia landamento della curva bilineare, con il cambio

= 30 sec-1. dinclinazione intorno al valore di


Per convenzione il codice di calcolo LS-DYNA considera positive le deformazioni di trazione e negative quelle di compressione [11], e cos anche le rispettive velocit di deformazione. In conclusione, si definita un'unica curva di Strain-Rate, assegnando per valori negativi di velocit di deformazione landamento del DIF a compressione, e per valori positivi landamento del DIF a trazione:

146

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Grafico 6. 3 Input in LS-Dyna della Curva di Strain-Rate a Compressione e Trazione per il calcestruzzo.

Avendo gi premesso che il Material Model scelto per la simulazione numerica permette di considerare in maniera disaccoppiata gli effetti benefici di Strain-Rate per lacciaio e per il calcestruzzo, si dovr

-DIF anche per lacciaio. Per gli acciai da armatura definire la curva
lenta, il bollettino n 187 del CEB-FIP suggerisce una formulazione analitica per il calcolo del DIF, basato sul modello di Johnson and Cook. Questo ultimo, infatti, tra tutti i modelli teorici, quello che pi si avvicina ai risultati dei test sperimentali condotti su questo tipo di materiale. Si ottengono cos, per un tipico acciaio da carpenteria laminato a caldo la seguente formulazione, valida per la sola tensione di snervamento:

f yd

6.0 = 1+ ln f ys f ys 0

147

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Dove:

fyd fys

la tensione di snervamento dinamica; la tensione di snervamento statica; la velocit di deformazione; la velocit di deformazione Quasi-Statica, e si

0

assume pari a 510-10 s-1; Il DIF adoperato per lacciaio sar quindi dato da:

DIF (Acciaio) fys [Mpa]


388,17 5E-10 Ln(/0) 0,000 11,002 13,305 15,607 17,910 20,212 22,110 23,208 23,719 24,055 24,307 24,507 24,675 24,818 24,972 25,105 25,223 25,328 25,424 25,511 25,591 25,665 25,734 25,798 25,859 25,916 25,970 26,022 26,061 1,000 1,170 1,206 1,241 1,277 1,312 1,342 1,359 1,367 1,372 1,376 1,379 1,381 1,384 1,386 1,388 1,390 1,392 1,393 1,394 1,396 1,397 1,398 1,399 1,400 1,401 1,401 1,402 1,403

0' [sec ] ' [sec-1]


-1

0,0000000005 3,00E-05 3,00E-04 3,00E-03 3,00E-02 0,3 2 6 10 14 18 22 26 30 35 40 45 50 55 60 65 70 75 80 85 90 95 100 104

148

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

108 112 116 120 124 128 132 136 140 144 148 152 156 160 164 168 172 174

26,099 26,135 26,170 26,204 26,237 26,268 26,299 26,329 26,358 26,386 26,414 26,440 26,466 26,492 26,516 26,540 26,564 26,575

1,403 1,404 1,405 1,405 1,406 1,406 1,407 1,407 1,407 1,408 1,408 1,409 1,409 1,409 1,410 1,410 1,411 1,411

Tabella 6. 7 DIF a trazione adoperato per Lacciaio.

DIF (Acciaio)
1,6 1,5 1,4 DIF 1,3 1,2 1,1 1,0 0 20 40 60 80
'

Trazione

100

120

140

160

Grafico 6. 4 Curva di Strain-Rate a trazione adoperato per lacciaio.

6.3 Equation of State Form 8 (Tabulated Compaction)


Nel momento in cui si sceglie di adottare i Material Model Pseudo Tensor o Concrete Damage per la modellazione del calcestruzzo, in entrambi i casi sar necessario per la definizione del modello, associare a questi materiali un equazione di stato [11].

149

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Nella trattazione teorica dei due Material Model, si fa espressa richiesta dellimpiego dellEquazione di Stato Tabulated Compaction. Questa equazione esprime la Pressione Media p in funzione della Deformazione Volumetrica v [11].

p = C (

) + T ( v )E

(6 . 1 )

La pressione cos calcolata sar impiegata dal software per la definizione delle varie superfici di rottura, in precedenza introdotte nella descrizione dei Legami costitutivi del calcestruzzo. Quella che indicata con p non altro che la parte sferica del tensore delle tensioni, o tensione sferica, definita come il valore medio delle tensioni normali principali 1, 2 e 3. Compito dellutente quello di assegnare in maniera tabulata i parametri C, , T ed E, da cui dipende la pressione. Dove: C: Pressione espressa in Pa; : Coefficiente numerico adimensionale; T: temperatura espressa in gradi Kelvin; E: lenergia interna. Invece, la deformazione volumetrica v definita come il logaritmo naturale del volume relativo V (LnV = v). La deformazione volumetrica v di un elemento solido, quale ad esempio un semplice prisma di dimensioni iniziali x0, y0 e z0, definite in un sistema di riferimento (x, y, z), si pu calcolare come:

V V V0 = = 1 + V0 V0
150

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Dove: V0 V V il volume iniziale, V0 = (x0 y0 z0); la variazione di volume, V = x y z x = x xo ; y = y yo ; z = z zo; il volume finale o relativo, V = V0 + V;

Pertanto, il volume relativo V, da cui dipende la deformazione volumetrica v, si esprime come:

V = (x0 y0 z0) + [(x xo)(y yo)(z zo)]


Attraverso semplici passaggi matematici, e semplificando i termini dordine superiore, si giunge alla seguente conclusione:

V = V0 [1 + x + y + z] V = V0 [1 + v]
Sapendo che la deformazione volumetrica si esprime come somma delle tre deformazioni normali. In condizioni di simmetria assiale le due deformazioni radiali x e y sono tra loro uguali, quindi:

v = z + 2 x
sapendo che il coefficiente di Poisson , esprime il rapporto che sussiste tra deformazione assiale e quella radiale, questultima si esprime in funzione di quellassiale come:

x = z v = z (1- 2)

151

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

avendo assunto per convenzioni, positive le deformazioni assiali se di contrazione, e negative le rispettive deformazioni radiali di dilatazione. In definitiva il volume relativo V si esprime come:

V = V0 [1 + z (1- 2)]
Per semplicit si assumer un volume iniziale unitario (V0 = 1). Nella Card dellEOS8 si possono tabulare fino ad un massimo di 10 valori di LnV. Ciononostante, anche soli due valori sono sufficienti per ottenere unestrapolazione della pressione [11]. Landamento della pressione in funzione della deformazione volumetrica, illustrato nel successivo grafico [11]:

Grafico 6. 5 Legame costitutivo Pressione-Deformazione Volumetrica.

Durante la fase di carico, la pressione segue landamento dettato dallequazione 6.1, quando il materiale invece scaricato, la pressione segue un percorso deformativo, la cui inclinazione data dal Bulk

152

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Modulus di Unloading, che a sua volta funzione della deformazione volumetrica. Il Bulk Modulus una costante di elasticit del materiale, definita in funzione del Modulo di Young e del Rapporto di Poisson:

K =

E 3 (1 2

Il Bulk Modulus viene calcolato in funzione del Modulo di Young dinamico Ed, allo Strain-Rate di 400 sec-1, essendo questo il massimo valore di velocit di deformazione che si consegue nella modellazione numerica, secondo CEB-FIP Model Code 1990 [20].

' [sec-1]
Es [Mpa] Ed [Mpa] Ku [Pa]

0,2 400,00 17636,64 27018,69 1,501E+10

Tabella 6. 8 Bulk Modulus.

Ad ogni valore di v in maniera tabulata associato nella Card dellEquazione di Stato il valore costante di K, cos come sopra definito. Scaricando il materiale la pressione si riduce fino ad annullarsi, e si osserva un valore residuo di deformazione volumetrica. Durante la fase di ricarico, la pressione aumenta seguendo lo stesso percorso deformativo, fino a ricongiungersi con la curva descritta dallequazione 6.1, nello stesso punto in cui inizia la fase di scarico, per poi continuare ad aumentare.

153

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Assumendo = 0, lEquazione di Stato si riduce in una forma pi semplice:

p = C (

In questo modo per definire lEquazione di Stato sar sufficiente assegnare, in maniera tabulata, ad ogni valore di v il corrispondente valore di pressione p. Non avendo a disposizione dati provenienti da prove sperimentali, finalizzate alla caratterizzazione dei materiali impiegati per lo svolgimento della prova, si costretti a ricavare numericamente questo legame costitutivo del calcestruzzo (v p). A tal fine si utilizzato il modello numerico Microplane Model for Brittle-Plastic Material, proposto da Baant Z P, Professore presso il Dipartimento dIngegneria Civile, della Northwestern University, Evanston [21]. Il modello formulato da Baant e Prat nell1988, stato calibrato e verificato su base sperimentale, comparando i risultati numerici con i risultati di diverse prove di compressione tri-assiali. Le superfici di rottura sono definite dalle stesse funzioni utilizzate nel Microplane Model di Baant and Prat 1988, per la relazione tensiodeformativa volumetrica e deviatorica. A noi interessa definire la relazione di tipo volumetrica, che sussiste tra la tensione e la deformazione (v, v). Nella teoria classica della plasticit, una volta definita la superficie di snervamento (Yeld Surface), la deformazione plastica inizia a crescere nel momento in cui la tensione raggiunge detta superficie. Invece, nel modello proposto le regioni elastiche e plastiche non sono separate, si

154

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

assume quindi che la transizione continua della superficie di rottura (Failure Surface) tra le due regioni, avvenga mediante una deformazione plastica equivalente [21]. La relazione tra tensione e deformazione volumetrica si pu definire mediante la seguente relazione:

f
Dove: v

v ' c

t s pl pl Ec + = 1 + b 1 2 a

pl

la tensione volumetrica, che in condizione di carico

idrostatiche sar equivalente alla sola 3. Essendo v = p = (1 + 2 + 3)/3, in condizioni idrostatiche le tre tensioni principali sono uguali tra loro, quindi p = v = 3. pl la deformazione plastica. Sapendo che la deformazione volumetrica somma delle due aliquote, plastica ed elastica, sar pl = v el. La deformazione elastica el, viene calcolata come rapporto tra la pressione p, incognita del problema, e il Bulk Modulus, in precedenza calcolato. f c la resistenza a compressione del calcestruzzo non confinato. Il vantaggio nellutilizzare questo metodo risiede proprio nella possibilit dadimensionalizzare la tensione v rispetto alle caratteristiche meccaniche del calcestruzzo, espresse mediante il parametro fc. a, b, s e t sono coefficienti numerici adimensionali, definiti mediante prove sperimentali. Nel momento in cui si definisce la superficie di rottura relativa ad uno stato tensionale idrostatico, tali coefficienti sono determinati mediante i risultati di prove

155

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

idrostatiche tri-assiali. Si scelto di utilizzare i coefficienti definiti da Green and Swanson:

a b s t

0,000025 2,5 0,8 1,15

Tabella 6. 9 Coefficienti numerici di Green and Swanson.

Allequazione cos descritta compete la seguente curva tensiodeformativa volumetrica [21]:

Figura 6. 5 Legame costitutivo Tensione-Deformazione Volumetrica.

Fissato un valore di deformazione volumetrica v, si calcola quella plastica pl come:

pl

el

dove

el

p K

Dato che la pressione p, relativa alla deformazione volumetrica fissata, lincognita, sar necessario ipotizzare un valore iniziale di pressione diverso da zero. Il valore di pressione p, per il quale si annulla la seguente differenza, sar la soluzione del problema:

156

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

t s pl pl p Ec + 1 + b 1 2 f c' a

pl

= 0

Alla deformazione volumetrica v corrisponde il valore di pressione p, per il quale la precedente differenza si annulla. Iterando questo procedimento per sette valori differenti di v, si ottengono i seguenti risultati numerici:

Legame p - v

v
0,000000 0,007009 0,028545 0,049701 0,060903 0,070039 0,134452

p [Mpa] 0,000E+00 4,430E+01 1,131E+02 2,241E+02 2,959E+02 3,595E+02 896,27

Tabella 6. 10 Risultati Numerici del legame costitutivo calcolato.

157

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Legam e P - v
1000,0 900,0 800,0 700,0 -P [M pa 600,0 500,0 400,0 300,0 200,0 100,0 0,0 0,000

0,020

0,040

0,060

0,080

0,100

0,120

0,140

0,160

Grafico 6. 6 Legame Tensio-Deformativo Volumetrico.

In funzione della deformazione volumetrica, si calcola il volume relativo V, cosi come descritto in precedenza, se ne calcola il logaritmo naturale LnV, e si associa a lui il corrispondente valore di pressione p, espressa in Pa, cos come richiesto nella Card dellEquation of State [11].

V 1,0000000 0,9929907 0,9714553 0,9502986 0,9390965 0,9299607 0,8655484

lnV 0,000000 -0,007034 -0,028960 -0,050979 -0,062837 -0,072613 -0,144392

P [Pa] 0,000000000 44300397,98 113129376,66 224085069,19 295858999,46 359539685,41 896273020,00

Tabella 6. 11 Valori Tabulati dellequazione di stato.

158

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Equazione di Stato 8
1,E +09 9,E +08 8,E +08 7,E +08 P[Pa] 6,E +08 5,E +08 4,E +08 3,E +08 2,E +08 1,E +08 0,E +00 0,000 E O S8

-0,200

-0,150

-0,100

-0,050

lnV

Grafico 6. 7 Equazione di Stato assegnata come input in LS-Dyna, per la modellazione della piastra in c.a.

Per una Card dellEquation of State che si va cos a comporre:


*EOS_TABULATED_COMPACTION $# eosid gama e0 vo 1 0.000 0.000 1.000000 $# ev1 ev2 ev3 0.000 -0.00703000 -0.02896000 $# ev6 ev7 ev8 -0.07261000 -0.14439000 $# c1 c2 c3 0.000 4.4300396e+007 1.1312938e+008 $# c6 c7 c8 3.5953968e+008 8.9627302e+008 $# t1 t2 t3 0.000 0.000 0.000 $# t6 t7 t8 0.000 0.000 0.000 $# k1 k2 k3 1.5010385e+010 1.5010385e+010 1.5010385e+010 $# k6 k7 k8 1.5010385e+010 1.5010385e+010

ev4 -0.05098000 ev9 c4 2.2408507e+008 c9 t4 0.000 t9 0.000 k4 1.5010385e+010 k9

ev5 -0.06284000 ev10 c5 2.9585901e+008 c10 t5 0.000 t10 0.000 k5 1.5010385e+010 k10

Tabella 6. 12 Input per LS-Dyna dellequazione di stato Tabulated Compaction.

159

CAPITOLO 6 LEGAMI COSTITUTIVI DEL CALCESTRUZZO

Le Card cos definite per il Concrete Damage, il DIF dei materiali impiegati, e lEquation of State, si ripeteranno identicamente nei diversi modelli realizzati, sia in FEM sia in SPH.

160

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

Capitolo 7 Risultati delle Simulazioni Numeriche


In conclusione si svolto uno studio parametrico tra i modelli realizzati con i due metodi descritti, FEM e SPH. Tale studio reso possibile dalle evidenze sperimentali a disposizione. Operando, infatti, un confronto tra i risultati numerici forniti dalla modellazione, e quelli risultanti dalle prove sperimentali realmente condotte, sar possibile valutare quale dei due metodi fornisce risultati numerici quanto pi prossimi a quelli sperimentali. Per ogni prova sperimentale si avranno due modelli, uno realizzato in FEM e laltro in SPH, entrambi costruiti secondo le modalit descritte nel corso della tesi. Per ogni elemento in cui stata suddivisa la piastra, che sia questo un Element Solid o un Element SPH, si potranno leggere una serie dinformazioni al variare del tempo. Queste ad esempio possono essere le Tensioni, gli Spostamenti e le Velocit del singolo elemento, misurate lungo gli assi del sistema di riferimento cartesiano, o le rispettive risultanti di spostamento e velocit. Il codice di calcolo consente anche di osservare dei risultati inerenti al comportamento complessivo dellintero elemento strutturale. A riguardo si possono misurare lEnergia Cinetica, Interna e Totale, lo Spostamento, la Velocit e lAccelerazione del corpo rigido, nelle direzioni del sistema di riferimento cartesiano, e le rispettive risultanti. Per i singoli nodi si possono avere delle misure riguardanti le Coordinate, gli Spostamenti, le Velocit, le Accelerazioni, e gli Spostamenti Relativi.

161

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

7.1 Prova Sperimentale I e II


Per queste prime due condizioni di carico, le prove sperimentali non hanno mostrato risultati apprezzabili o quantificabili numericamente. In questi due casi sar quindi sufficiente, per verificare la veridicit della modellazione, osservare che non si verifichino spostamenti, deformazioni o fessure di ampiezze apprezzabili sui modelli realizzati. In entrambi i casi si stabilito un tempo di analisi di 0,1 sec, suddiviso in un numero complessivo di 52 Step. Ci significa che il software restituir un output del calcolo effettuato ogni 0,002 sec. Per i modelli realizzati in SPH, tenendo presente che questo metodo impiega un tempo maggiore per convergere numericamente, ad differenza del FEM, in questo caso si sceglier un tempo di analisi di 0,2 sec, per un totale 102 Step, uno ogni 0,002 sec. Ai fini della modellazione, e alla luce delle evidenze mostrate dalle prove sperimentali, si scelto di evidenziare la Deformazione Plastica Effettiva (Effective Plastic Strain), come risultato conseguito dalla modellazione delle prime due condizioni di carico. Non avendo la possibilit di effettuare nessun confronto numerico con i risultati della prova realizzata in laboratorio, in questo caso si preferisce mettere in evidenza le differenze che sussistono tra gli stessi modelli realizzati in FEM e in SPH. Abbiamo quindi confrontato allo stesso istante di tempo t = 0,1 sec, landamento della deformazione plastica effettiva, allintradosso e allestradosso della piastra. In maniera sintetica si riportano di seguito i risultati conseguiti per i due modelli:

162

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

Modello FEM, suddivisione della piastra in 11520 Element_Solid, Prova 1:

Figura 7. 1 Effective Plastic Strain misurato allestradosso della piastra, Prova 1.

Figura 7. 2 Effective Plastic Strain misurato allintradosso della piastra, Prova 1.

163

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

Grafico 7. 1 - Spostamento Residuo, misurato nel centro della piastra allestradosso.

Modello FEM, suddivisione della piastra in 11520 Element_Solid, Prova 2:

Figura 7. 3 - Effective Plastic Strain misurato allestradosso della piastra, Prova 2.

164

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

Figura 7. 4 - Effective Plastic Strain misurato allintradosso della piastra, Prova 2.

Grafico 7. 2 - Spostamento Residuo, misurato nel centro della piastra allestradosso.

165

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

Modello SPH, suddivisione della piastra in 11520 Element_SPH, Prova 1:

Figura 7. 5 - Effective Plastic Strain misurato allestradosso della piastra, Prova 1.

166

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

Figura 7. 6 - Effective Plastic Strain misurato allintradosso della piastra, Prova 1.

Grafico 7. 3 - Spostamento Residuo, misurato nel centro della piastra allintradosso.

167

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

Modello SPH, suddivisione della piastra in 11520 Element_SPH, Prova 2:

Figura 7. 7 - Effective Plastic Strain misurato allestradosso della piastra, Prova 2.

Figura 7. 8 - Effective Plastic Strain misurato allintradosso della piastra, Prova 2.

168

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

Grafico 7. 4 - Spostamento Residuo, misurato nel centro della piastra allintradosso.

7.2 Prova Sperimentale III


La terza condizione di carico, quella che consente di osservare sperimentalmente i risultati pi interessanti. Infatti, in questo caso si hanno misure effettuate al termine della prova, relative allo spostamento residuo valutato nel centro della piastra, e sulla mezzeria del bordo esterno non vincolato. Inoltre, si ha anche la misura della massima ampiezza della fessura, che si manifesta allintradosso della piastra, per effetto dei carichi dinamici a cui stata sottoposta. Si ha quindi la possibilit di operare un confronto tra i risultati conseguiti numericamente, mediante la modellazione, e quelli derivanti dalla prova sperimentale, eseguita in laboratorio.

169

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

In questo modo si pu verificare quale tra i due modelli, realizzati con i metodi FEM e SPH, meglio approssima i dati sperimentali a disposizione. A tal fine, si misurer lungo lasse Z lo spostamento che la piastra subisce nel centro e sul bordo, ed infine lampiezza della fessura che si presenta centralmente allintradosso dellelemento strutturale. La prova sperimentale ha evidenziato i seguenti risultati:

Figura 7. 9 Immagine della piastra in seguito alla terza prova.

Wc [mm] Zr,c [cm] Zr,b [cm] 3 2,1 1,1

Tabella 7. 1 - Risultati numerici della terza Prova Sperimentale realizzata.

Dove con Wc sindica lampiezza della fessura misurata, con Zr,c, Zr,b, si indicano rispettivamente gli spostamenti misurati lungo lasse Z in prossimit del centro e della mezzeria del bordo esterno non vincolato della piastra.

170

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

Modello FEM, suddivisione della piastra in 11520 Element_Solid, Prova 3: Cos come per le prime due prove, anche in questo caso si scelto un tempo danalisi di appena 0,1 sec. Si pu, infatti, osservare che il metodo numerico utilizzato, converge asintoticamente ad un valore finito dello spostamento in tempi brevissimi. Si riporta di seguito il risultato conseguito mediante la modellazione allistante di tempo t = 0,1 sec. I nodi rispetto ai quali si sono misurati lo spostamento lungo lasse Z, sono rappresentati nelle seguenti immagini, nelle quali possibile osservare anche la deformazione che la piastra subisce, per effetto del carico a cui sottoposta allistante di tempo t = 0,1 sec. Per apprezzare anche la riduzione di spessore della piastra, si misureranno gli spostamenti residui sia per elementi superiori sia inferiori.

Figura 7. 10 - Nodi centrali della Mesh.

171

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

Figura 7. 11 - Nodi sul Bordo della Mesh.

Si mostrano in seguito le deformazioni plastiche effettive allestradosso e allintradosso della piastra:

172

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

Figura 7. 12 - Effective Plastic Strain misurato allestradosso della piastra, Prova 3.

Figura 7. 13 - Effective Plastic Strain misurato allintradosso della piastra, Prova 3.

173

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

Graficamente si rappresenta di seguito landamento degli spostamenti nodali al variare del tempo e in precedenza individuati sulla piastra.

Grafico 7. 5 Spostamenti misurati nel centro della piastra allintradosso e allestradosso.

Grafico 7. 6 Spostamenti misurati sul bordo della piastra allintradosso allestradosso.

174

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

Grafico 7. 7 Ampiezza della fessura misurata allintradosso della piastra in posizione centrale.

Per misurare lampiezza della fessura, si calcola la distanza che sussiste tra gli spostamenti di due elementi allintradosso della piastra, adiacenti tra loro. Tale differenza si misura lungo lasse X, essendo questa la direzione lungo la quale si ha lapertura della lesione. A tale scopo sono stati individuati gli elementi 1176 e 1177 allintradosso della piastra e in posizione centrale. In maniera sintetica si riportano di seguito i risultati numerici conseguiti:

Cond. Vincolo
Incastrata

b1
0.1

b2
0.1

b3
0.1

Damping t [sec]
5% 0,1

Tabella 7. 2 - Parametri che caratterizzano il modello in LS-Dyna Version 970.

Wc [mm]

0,82

Tabella 7. 3 Ampiezza numerica della Fessura misurata nel centro della piastra all'intradosso.

175

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

Nodi centrali Estradosso Intradosso Nodi di bordo Estradosso Intradosso

Zr,c [cm] 2,15 1,52 Zr,b [cm] 0,86 0,75

Tabella 7. 4 - Spostamenti residui, centrali e di bordo, misurati allestradosso e allintradosso della piastra.

Dove i nodi 13206 e 1201, sono quelli centrali, mentre i nodi 12030 e 2377, sono quelli di bordo, rispettivamente superiori ed inferiori. Calcolando la differenza tra i due si pu verificare di quanto la piastra si riduce di spessore. Modello SPH, suddivisione della piastra in 11520 Element_SPH, Prova 3: Il metodo SPH, a differenza del FEM, presenta una maggiore instabilit. Daltra parte questo suo limite gi stato messo in evidenza nel Capitolo 5. Ne consegue che il tempo necessario danalisi affinch si possono osservare dei risultati numerici asintotici ad un valore costante, deve essere maggiore di quello imposto nel caso precedente. A tal fine si scelto di fare terminare lanalisi ad un istante di tempo t = 1,2 sec. Si riportano di seguito i risultati conseguiti mediante la modellazione allistante di tempo t = 1,2 sec. I nodi rispetto ai quali si misurato lo spostamento lungo lasse Z, sono rappresentati nelle seguenti immagini, nelle quali possibile osservare anche la deformazione che la piastra subisce, per effetto del carico cui sottoposta allistante di tempo t = 1,2 sec.

176

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

A differenza del modello realizzato in FEM, non si ha la possibilit di individuare sia centralmente sia sul bordo un unico nodo, che sia questo sullestradosso o lintradosso della piastra. In questo caso abbiamo quindi scelto come elementi nodali di riferimento, quelli riportati nella seguente tabella:
Particelle Centrali 10344 10345 5736 5737 1128 1129 10392 10393 5784 5785 1176 1177 Bordo 9240 9241 4632 4633 24 25

Tabella 7. 5 - Elementi nodali centrali e di bordo sulla piastra discretizzata in SPH.

Di seguito si riportano le immagini della piastra allistante di tempo t = 1,2 sec, sulla quale sono evidenziate alcune delle particelle di centro e di bordo, oltre alla deformazione della piastra stessa.

Figura 7. 14 Elementi Nodali Centrali e di Bordo.

177

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

Figura 7. 15 Elementi Nodali di Bordo.

Si mostrano in seguito le deformazioni plastiche effettive allestradosso e allintradosso della piastra:

Figura 7. 16 - Effective Plastic Strain misurato allestradosso della piastra, Prova 3.

178

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

Figura 7. 17 - Effective Plastic Strain misurato allintradosso della piastra, Prova 3.

Per quanto concerne gli spostamenti misurati al centro e sul bordo della piastra, e la conseguente misura dellampiezza massima della fessura, si rimanda ai successivi grafici:

Grafico 7. 8 Spostamenti misurati nel centro della piastra allintradosso e allestradosso.

179

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

Grafico 7. 9 Spostamenti misurati sul bordo non vincolato della piastra, allintradosso e allestradosso.

Grafico 7. 10 Ampiezza della fessura misurata nel centro della piastra allintradosso.

In maniera sintetica si riportano di seguito i risultati numerici conseguiti:

Cond. Vincolo
Incastrata

b1
0,1

b2
0,1

b3
0,1

Damping t [sec]
5% 1,2

Tabella 7. 6 - Parametri che caratterizzano il modello in LS-Dyna Version 970.

180

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

Wc [mm]

13

Tabella 7. 7 Ampiezza numerica della Fessura misurata nel centro della piastra.

Particelle centrali Estradosso Intradosso Nodi di bordo Estradosso Intradosso

Zr,c [cm] 15,0 11,8 Zr,b [cm] 10,61 10,42

Tabella 7. 8 - Spostamenti residui, centrali e di bordo, misurati allestradosso e allintradosso della piastra.

Dove le particelle 10344 e 1128, sono quelle centrali, mentre 9240 e 24, sono quelli di bordo, rispettivamente superiori ed inferiori. Calcolando la differenza tra i due si pu verificare la riduzione di spessore che la piastra subisce per effetto dei carichi cui sottoposta.

7.3 Prova Sperimentale IV


Per la quarta prova sperimentale si sono realizzate delle condizioni di carico tali da produrre la rottura dellelemento strutturale. In questo caso non si hanno quindi termini di confronto, tra levidenza sperimentale e la modellazione numerica, se non la rottura effettiva dellelemento. Tuttavia, questultima prova consente di apprezzare i vantaggi nellutilizzare un metodo di discretizzazione particellare, quale lSPH impiegato nella modellazione, a fronte degli insuccessi mostrati dalla modellazione effettuata in FEM. In questo caso infatti, emerge uno dei principali limiti del Finite Element Method, dato che le condizioni di carico sono tali da indurre una deformazione eccessiva della Mesh, realizzata per la discretizzazione dellelemento continuo, che non

181

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

consente al metodo numerico di convergere. Per tale motivo non si ha la possibilit di mostrare alcun risultato apprezzabile della modellazione effettuata, in quanto il codice di calcolo impiegato, data lincapacit di gestire una distorsione eccessiva della maglia, non fornisce nessun risultato doutput del calcolo realizzato, in quanto la computazione numerica termina allistante. Lo Smoothed Particle Hydrodynamics, consente di superare questo limite, come gi annunciato nel capitolo dedicato alla descrizione dei due metodi di discretizzazione. Uno dei principali vantaggi di tale metodo risiede proprio nella capacit di trattare facilmente grandi deformazioni, essendo le connessioni tra i nodi generate come una parte della computazione stessa, che pu subire variazioni nel tempo. Di conseguenza si riporteranno in questo caso i soli risultati relativi alla modellazione effettuata in SPH. Nelle immagini successive si evidenzia landamento della deformazione plastica effettiva, per due diversi istanti di tempo, per la piastra vista dallalto e lateralmente. Listante di tempo a cui si riferiscono le immagini successive t = 0,02 sec. prima ancora che si consegua la condizione di rottura.

182

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

Figura 7. 18 Effective Plastic Strain allestradosso, allistante t=0,02 sec.

Figura 7. 19 Effective Plastic Strain nel piano (y, z), allistante t = 0,02 sec.

Le immagini successive invece si riferiscono allistante successivo t = 0,04 sec. quando la piastra inizia a presentare segni di rottura.

183

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

Figura 7. 20 Effective Plastic Strain allestradosso allistante t = 0,04 sec.

Figura 7. 21 Effective Plastic Strain nel piano (y, z), allistante t = 0,04 sec.

Si vuole mostrare in seguito, il risultato della modellazione che si consegue allistante di tempo t = 0,6 sec. in questimmagine si possono osservare le particelle che sono rimaste vincolate, e che quindi non hanno subito spostamenti, e delle frange di calcestruzzo che restano a loro ancorate.

184

CAPITOLO 7 RISULTATI DELLE SIMULAZIONI NUMERICHE

Figura 7. 22 Rottura della piastra allistante t = 0,6 sec.

185

CONCLUSIONI

CONCLUSIONI
Alla luce dei risultati conseguiti mediante la modellazione numerica delle quattro prove sperimentali, si possono trarre le successive conclusioni. Per quanto concerne lo studio parametrico condotto tra i due metodi danalisi adottati, FEM e SPH, per la modellazione delementi strutturali sottoposti a carichi da esplosione, si pu affermare che fin quando le condizioni di carico inducono velocit di deformazioni sufficientemente basse, in particolar modo inferiori a 300 sec-1, a fronte di quelle che si possono ottenere per carichi da esplosione, come si evince dai risultati numerici in precedenza esposti, entrambi i metodi ben si prestano ai fini della modellazione. Tale dato emerge in particolar modo dai risultati che si ottengono per la modellazione delle prime due prove sperimentali, nelle quali si possono osservare risultati simili tra i due metodi, non essendoci, infatti, spostamenti apprezzabili della piastra in entrambi i casi. Allaumentare delle condizioni di carico, e facendo un esplicito riferimento alla terza prova simulata numericamente, si pu apprezzare il vantaggio nellutilizzare il Finite Element Method, piuttosto che il pi innovativo Smoothed Particle Hydrodynamics. In virt dei confronti operati tra i risultati numerici e quelli messi in evidenza dalla prova sperimentale, si osserva, infatti, che per la stessa condizione di carico, di vincolo, a parit di Strain-Rate, di legami costitutivi, e facendo variare il solo metodo danalisi, il FEM restituisce risultati numerici pi prossimi a quelli sperimentali.

186

CONCLUSIONI

In questo caso si osserva la variabilit di risultati che si possono ottenere al variare dellinfittimento della Mesh realizzata, e dei valori numerici associati ai tre parametri b1, b2 e b3, gi descritti nel Capitolo 6. Per ognuno dei due metodi, FEM e SPH, fissata la dimensione della Mesh realizzata, e facendo variare i soli valori numerici associati ai tre parametri sopra indicati, si ottengono risultati in termini di spostamenti residui differenti. Lo stesso risultato si pu osservare mantenendo inalterati i valori numerici dei tre parametri sopra indicati, e facendo variare linfittimento della Mesh in cui stata suddivisa la piastra. Per i metodi FEM e SPH, dagli spostamenti residui misurati allintradosso della piastra, rispettivamente sui nodi centrali e di bordo 1201 e 2377, e sulle particelle centrali e di bordo 1128 e 24, si riportano i seguenti risultati:

FEM
Mesh 6912 Element Solid 11520 Element Solid b1 0,1 1 0,1 1 b2 0,1 1 0,1 1 b3 t [sec] 0,1 0,1 1 0,1 0,1 0,1 1 0,1 Zr,c [cm] 1,2 1,06 1,47 0,99 Zr,b [cm] 0,6 0,47 0,74 0,45 Wc [mm] 0,45 0,004 0,82 0,36

Tabella 8. 1 Variabilit dei risultati per il metodo FEM, al variare delle dimensioni della Mesh e dei parametri b1, b2 e b3.

SPH
Mesh 6912 Element SPH 11520 Element SPH b1 0,1 1 0,1 1 b2 0,1 1 0,1 1 b3 0,1 1 0,1 1 t [sec] 1,81 2,7 1,2 1,94 Zr,c [cm] 5,8 10 11,8 9 Zr,b [cm] 2,8 4 10,42 3,4 Wc [mm] 1,16 4,2 13 9,9

Tabella 8. 2 - Variabilit dei risultati per il metodo FEM, al variare delle dimensioni della Mesh e dei parametri b1, b2 e b3.

187

CONCLUSIONI

Per il metodo SPH, data la sua maggiore instabilit numerica e la necessit quindi di tempi danalisi maggiore affinch si possano osservare dei risultati finiti, avremo dei tempi danalisi diversi rispetto a quelli adottati per il metodo FEM. Inoltre, nelle precedenti tabelle si evidenziano in grassetto i risultati ottenuti dalla modellazione. Da queste tabelle si evince che il metodo FEM rispetto allSPH, meno sensibile alla variazione sia dellinfittimento della Mesh, sia al variare dei parametri numerici b1, b2 e b3. Da quanto emerso si pu quindi affermare che il metodo SPH, per questo caso specifico, necessit di una calibrazione su base sperimentale di tali parametri, i quali a loro volta come gi evidenziato nel Capitolo 6, assumono valori diversi al variare della dimensione della stessa Mesh. Ai fini della modellazione, e per questo caso particolare, quindi preferibile impiegare il metodo FEM, data la sua minor sensibilit nei confronti di tali fenomeni. Dai risultati di questa stessa prova, si pu altres mettere in luce lattinenza del legame costitutivo Concrete Damage, proposto da Malvar, ai fini della modellazione del calcestruzzo. Tenendo presente che migliori risultati numerici si potrebbero conseguire, definendo i parametri richiesti dallautore, attraverso lo svolgimento di prove sperimentali preposte alla caratterizzazione del calcestruzzo, cos comesposto nel Capitolo 6. Dai risultati della quarta prova modellata, emerge invece limpossibilit di impiegare il metodo danalisi FEM, data leccessiva deformazione indotta nella Mesh realizzata, e le conseguenti incapacit numeriche del metodo di gestire tale distorsione. In questo caso quindi preferibile impiegare il metodo SPH, in quanto le singole particelle non essendo legate tra loro da costrizioni di maglia,

188

CONCLUSIONI

non avranno problemi ad allontanarsi le une dalle altre simulando la rottura dellelemento, sotto lazione dei carichi a cui sono sottoposte. Un successivo risultato che questa prova mostra, lincremento di resistenza del calcestruzzo per gli effetti di Strain-Rate. Si pu, infatti, osservare come il valore di tensione di trazione alla quale si ha la rottura dellelemento, sia maggiore di quellassegnata in condizione di carico quasi statica. Sulla base dei risultati conseguiti, e delle conclusioni che da loro si traggono, si potr in seguito indirizzare la ricerca sui seguenti aspetti: Le stesse prove sperimentali andrebbero modellate utilizzando altri metodi danalisi, quali ad esempio quelli Euleriani, lArbitrarian Lagrangian Eulerian (ALE), o altri metodi di tipo Meshfree. Si potrebbero realizzare simulazioni numeriche di prove sperimentali condotte su piastre interamente dacciaio, o su elementi strutturali iperstatici, con il fine di valutare gli effetti di Strain-Rate, che potrebbero in questi casi essere pi evidenti. Altri studi potranno essere condotti sulla base dei risultati numerici conseguiti dalla simulazione della quarta prova, provando a modellare in questo caso interventi di rinforzo con materiali compostiti, messi tra loro a confronto, in modo tale da evitare che si possa conseguire la condizione di rottura dellelemento, come gi mostrato dalla modellazione e dallevidenza della prova sperimentale stessa.

189

CONCLUSIONI

Si potranno calibrare mediante lo svolgimento di prove sperimentali specifiche, i parameri numerici richiesti dal modello Concrete Damage, per la caratterizzazione del calcestruzzo, a differenza di quanto fatto nellelaborato di tesi, in cui si pervenuti numericamente alla definizione di tali parametri.

190

INDICI DELLE FIGURE, DEI GRAFICI E DELLE TABELLE

Indice delle Figure


Figura 1. 1 Andamento qualitativo di una Curva di Pressione prodotta da unesplosione. ............................................................................................................ 21 Figura 2. 1 Caratteristiche Geometriche della piastra, e dellarmatura metallica. 38 Figura 2. 2 Setup di Prova. .................................................................................... 38 Figura 2. 3 Immagine della piastra in seguito alla terza Prova.............................. 41 Figura 2. 4 Immagini della piastra in seguito alla quarta Prova. ........................... 42 Figura 3. 1 Curva di Pressione semplificata, usata dagli autori per la modellazione della prova. 44 Figura 3. 2 Discretizzazione della superficie di carico.......................................... 46 Figura 3. 3 Distanza effettiva delli-esimo elemento dal centro desplosione. ..... 49 Figura 4. 1 Instabilit d trazione delle particelle. 92 Figura 4. 2 - Stress Point Method in uno spazio bi-dimensionale. ........................... 94 Figura 5. 1 - Modellazione di una Turbina con LS-Dyna. 98 Figura 5. 2 - Sezione della Piastra sottoposta a Carico distribuito. ........................ 109 Figura 6. 1 Superficie di rottura massima e residua. 118 Figura 6. 2 Card Material Model_016. ................................................................ 120 Figura 6. 3 Andamento della superficie di rottura corrente , in funzione della tensione sferica p. .................................................................................................... 121 Figura 6. 4 Superfici di Rottura. .......................................................................... 123 Figura 6. 5 Legame costitutivo Tensione-Deformazione Volumetrica. .............. 156 Figura 7. 1 Effective Plastic Strain misurato allestradosso della piastra, Prova 1. 163 Figura 7. 2 Effective Plastic Strain misurato allintradosso della piastra, Prova 1. ................................................................................................................................. 163 Figura 7. 3 - Effective Plastic Strain misurato allestradosso della piastra, Prova 2. ................................................................................................................................. 164 Figura 7. 4 - Effective Plastic Strain misurato allintradosso della piastra, Prova 2. ................................................................................................................................. 165 Figura 7. 5 - Effective Plastic Strain misurato allestradosso della piastra, Prova 1. ................................................................................................................................. 166 Figura 7. 6 - Effective Plastic Strain misurato allintradosso della piastra, Prova 1. ................................................................................................................................. 167 Figura 7. 7 - Effective Plastic Strain misurato allestradosso della piastra, Prova 2. ................................................................................................................................. 168 Figura 7. 8 - Effective Plastic Strain misurato allintradosso della piastra, Prova 2. ................................................................................................................................. 168 Figura 7. 9 Immagine della piastra in seguito alla terza prova............................ 170 Figura 7. 10 - Nodi centrali della Mesh.................................................................. 171 Figura 7. 11 - Nodi sul Bordo della Mesh. ............................................................. 172 Figura 7. 12 - Effective Plastic Strain misurato allestradosso della piastra, Prova 3. ................................................................................................................................. 173

191

INDICI DELLE FIGURE, DEI GRAFICI E DELLE TABELLE

Figura 7. 13 - Effective Plastic Strain misurato allintradosso della piastra, Prova 3. ................................................................................................................................. 173 Figura 7. 14 Elementi Nodali Centrali e di Bordo............................................... 177 Figura 7. 15 Elementi Nodali di Bordo. .............................................................. 178 Figura 7. 16 - Effective Plastic Strain misurato allestradosso della piastra, Prova 3. ................................................................................................................................. 178 Figura 7. 17 - Effective Plastic Strain misurato allintradosso della piastra, Prova 3. ................................................................................................................................. 179 Figura 7. 18 Effective Plastic Strain allestradosso, allistante t=0,02 sec.......... 183 Figura 7. 19 Effective Plastic Strain nel piano (y, z), allistante t = 0,02 sec...... 183 Figura 7. 20 Effective Plastic Strain allestradosso allistante t = 0,04 sec......... 184 Figura 7. 21 Effective Plastic Strain nel piano (y, z), allistante t = 0,04 sec...... 184 Figura 7. 22 Rottura della piastra allistante t = 0,6 sec. ..................................... 185

Indice dei Grafici


Grafico 3. 1 - Estrapolazione numerica del coefficiente sperimentale .................. 51 Grafico 5. 1 Andamento della Curva di Pressione, calcolata per larea di carico A-1 e relativa alla prima prova modellata. 107 Grafico 6. 1 Funzione di Danno, calcolata per b1 = b2 = b3 = 0,1. 136 Grafico 6. 2 Funzione Bilineare in scala logaritmica del DIF per il calcestruzzo. ................................................................................................................................. 146 Grafico 6. 3 Input in LS-Dyna della Curva di Strain-Rate a Compressione e Trazione per il calcestruzzo. .................................................................................... 147 Grafico 6. 4 Curva di Strain-Rate a trazione adoperato per lacciaio.................. 149 Grafico 6. 5 Legame costitutivo Pressione-Deformazione Volumetrica. ............ 152 Grafico 6. 6 Legame Tensio-Deformativo Volumetrico...................................... 158 Grafico 6. 7 Equazione di Stato assegnata come input in LS-Dyna, per la modellazione della piastra in c.a.............................................................................. 159 Grafico 7. 1 - Spostamento Residuo, misurato nel centro della piastra allestradosso. 164 Grafico 7. 2 - Spostamento Residuo, misurato nel centro della piastra allestradosso. ................................................................................................................................. 165 Grafico 7. 3 - Spostamento Residuo, misurato nel centro della piastra allintradosso. ................................................................................................................................. 167 Grafico 7. 4 - Spostamento Residuo, misurato nel centro della piastra allintradosso. ................................................................................................................................. 169 Grafico 7. 5 Spostamenti misurati nel centro della piastra allintradosso e allestradosso. .......................................................................................................... 174 Grafico 7. 6 Spostamenti misurati sul bordo della piastra allintradosso allestradosso. .......................................................................................................... 174 Grafico 7. 7 Ampiezza della fessura misurata allintradosso della piastra in posizione centrale. ................................................................................................... 175 Grafico 7. 8 Spostamenti misurati nel centro della piastra allintradosso e allestradosso. .......................................................................................................... 179 Grafico 7. 9 Spostamenti misurati sul bordo non vincolato della piastra, allintradosso e allestradosso.................................................................................. 180

192

INDICI DELLE FIGURE, DEI GRAFICI E DELLE TABELLE

Grafico 7. 10 Ampiezza della fessura misurata nel centro della piastra allintradosso............................................................................................................ 180

Indice delle Tabelle


Tabella 1. 1 Parametri che caratterizzano fisicamente alcuni materiali esplosivi . 35 Tabella 2. 1 Propriet elastiche dei materiali impiegati per la costruzione della piastra, allo Strain-Rate di 100 sec-1. 39 Tabella 2. 2 Propriet dinamiche del calcestruzzo allo Strain-Rate di 100 sec-1... 39 Tabella 2. 3 Tensione di Snervamento dellacciaio, per due diversi valori di StrainRate. ........................................................................................................................... 39 Tabella 2. 4 Propriet del calcestruzzo, per velocit di deformazione quasi statica. ................................................................................................................................... 40 Tabella 2. 5 Condizioni di carico ed Evidenze Sperimentali ad esse associate..... 41 Tabella 3. 1 Calore specifico degli esplosivi e Coefficiente dEquivalenza. 48 Tabella 3. 2 - Distanza Effettiva Ri, Carico Equivalente WTNT, Distanza Ridotta Zi. ................................................................................................................................... 52 Tabella 3. 3 - Picco di Pressione p(Z), calcolato secondo le varie formulazioni, e per le singole prove sperimentali. .............................................................................. 53 Tabella 3. 4 - Picco di Pressione medio, Coefficiente ........................................... 53 Tabella 3. 5 - Durata della fase positiva t+, e costante numerica B. ......................... 53 Tabella 3. 6 - Curve di Pressione P(Z, t), calcolate per le quattro prove sperimentali. ................................................................................................................................... 54 Tabella 5. 1 Unit di Misure adottate dal LS-Dyna Version 970. 101 Tabella 5. 2 Element Solid................................................................................... 102 Tabella 5. 3 Part. .................................................................................................. 103 Tabella 5. 4 Section Solid. ................................................................................... 103 Tabella 5. 5 Set_Node_List Vincoli..................................................................... 105 Tabella 5. 6 Boundary Condiction. ...................................................................... 105 Tabella 5. 7 Curva di Pressione Tabulata. ........................................................... 107 Tabella 5. 8 - Set_Segment. .................................................................................... 108 Tabella 5. 9 Load Set_Segment. .......................................................................... 109 Tabella 5. 10 Set_Part_List.................................................................................. 110 Tabella 5. 11 Carico da Peso Proprio................................................................... 110 Tabella 5. 12 Element SPH.................................................................................. 112 Tabella 5. 13 Section SPH. .................................................................................. 112 Tabella 5. 14 Set_Node_List Carico.................................................................... 114 Tabella 5. 15 Load_Node_Set.............................................................................. 115 Tabella 5. 16 Damping......................................................................................... 116 Tabella 6. 1 parametri che definiscono la Card del Material Model. 120 Tabella 6. 2 Parametri numerici che definiscono le superfici di rottura dinput per LS-Dyna................................................................................................................... 131 Tabella 6. 3 Input per LS-Dyna del material Concrete Damage, definiti per la modellazione della piastra. ...................................................................................... 136 Tabella 6. 4 Velocit di deformazione quasi statica. ........................................... 144

193

INDICI DELLE FIGURE, DEI GRAFICI E DELLE TABELLE

Tabella 6. 5 Caratteristiche statiche del calcestruzzo e parametri numerici utilizzati per il calcolo delle curve di Strain-Rate................................................................... 144 Tabella 6. 6 Curve di Strain-Rate per il calcestruzzo a Trazione e Compressione adottate nella modellazione. .................................................................................... 145 Tabella 6. 7 DIF a trazione adoperato per Lacciaio. .......................................... 149 Tabella 6. 8 Bulk Modulus................................................................................... 153 Tabella 6. 9 Coefficienti numerici di Green and Swanson. ................................. 156 Tabella 6. 10 Risultati Numerici del legame costitutivo calcolato. ..................... 157 Tabella 6. 11 Valori Tabulati dellequazione di stato.......................................... 158 Tabella 6. 12 Input per LS-Dyna dellequazione di stato Tabulated Compaction. ................................................................................................................................. 159 Tabella 7. 1 - Risultati numerici della terza Prova Sperimentale realizzata. 170 Tabella 7. 2 - Parametri che caratterizzano il modello in LS-Dyna Version 970. .. 175 Tabella 7. 3 Ampiezza numerica della Fessura misurata nel centro della piastra all'intradosso. ........................................................................................................... 175 Tabella 7. 4 - Spostamenti residui, centrali e di bordo, misurati allestradosso e allintradosso della piastra. ...................................................................................... 176 Tabella 7. 5 - Elementi nodali centrali e di bordo sulla piastra discretizzata in SPH. ................................................................................................................................. 177 Tabella 7. 6 - Parametri che caratterizzano il modello in LS-Dyna Version 970. .. 180 Tabella 7. 7 Ampiezza numerica della Fessura misurata nel centro della piastra. ................................................................................................................................. 181 Tabella 7. 8 - Spostamenti residui, centrali e di bordo, misurati allestradosso e allintradosso della piastra. ...................................................................................... 181 Tabella 8. 1 Variabilit dei risultati per il metodo FEM, al variare delle dimensioni della Mesh e dei parametri b1, b2 e b3. 187 Tabella 8. 2 - Variabilit dei risultati per il metodo FEM, al variare delle dimensioni della Mesh e dei parametri b1, b2 e b3. ..................................................................... 187

194

INDICI DELLE FIGURE, DEI GRAFICI E DELLE TABELLE

Bibliografia
1. Camillo Belgrano. Gli esplosivi. Ed. Hoepli, Milano, 1973. 2. C. Giorgio. Tecnica degli esplosivi-Impiego degli esplosivi (2 vol.). Ed. Bianco, Udine, 1964. 3. A.Bacci, LEsplosivistica in Campo Civile, pubblicato sugli Atti del I seminario Nazionale sugli Ordigni Esplosivi, svolto presso il Comando Generale dellArma dei Carabinieri - III Reparto Armamenti ed Equipaggiamenti Speciali. 4. H. von Dach, Der Totale Widerstand, Ed.SUOV, Biel, 1972 5. Pedro F.Silva, Binggeg. Lu & Antonio Nanni. Prediction of blast loads on the expected damage level by using displacement based method. Department of Civil, Architectural and Environmental Engineering, University of Missouri-Rolla, USA. 6. Francesco Cesari. Introduzione al Metodo degli Elementi Finiti. Ed. Pitagora, Bologna, ISBN 88-371-0013-2, 1989. 7. Shaofan Li, Wing Kam Liu, Meshfree Particle Methods. Springer, 2005. 8. Shaofan Li, Wing Kam Liu, Meshfree and Particle Methods and their applications. American Society of Mechanical Engineers, Appl Mech Rev vol 55, no 1, January, 2002. 9. M.B. Liu, G.R. Liu, K.T. Lam, A one-dimensional Meshfree particle formulation for simulating shock waves. Shock Waves, vol 13, pag 200-211, 2003. 10. Lu Young, Xu Kai, Numerical Simulation of Concrete Break-up under Blast Loading. Civil Engineering Research, January, 2004. 11. LS-DYNA, Theory Manual 2006 Version 970, Livemore Software Technology Corporation, LSTC Report.

195

INDICI DELLE FIGURE, DEI GRAFICI E DELLE TABELLE

12. LSTC (1999). LS-DYNA keyword users manual, non-linear dynamic analysis of structures, version 970. Livermore Software Technology Corporation, LSTC report. 13. Malvar L J, Crawford J E, Wesevich J W, Simons D: A Plasticity Concrete Material Model for Hydrocodes. International Journal of Impact Engineering, Vol. 19, No. 9-10, pp 847-873. Elsevier Science Ltd. 1997. 14. Leonard E Schwer, L. Javier Malvar, Simplified Concrete Modeling with Mat_Concrete_Damage_Rel3. JRI LS-Dyna User Week, August, 2005. 15. Baant Z P, Fracture Mechanics of Concrete Structures, State-ofthe-Art and Proc. 1st Int. Conf. Breckenridge, CO, 1992, Elsevier Applied Science, Amsterdam. 16. Honggun Park, Jae-Yo Kim. Plasticity model using multiple failure criteria for concrete in compression. International Journal of Solids and Structures , Volume 42, Issue 8 , April 2005, Pages 2303-2322. 17. Ezio Cadoni, Kamil Labibes, Mario Berra, Marco Ginagrasso, Carlo Albertini. Influence of Aggregate size on Strain-Rate Tensile, Behavior of concrete. ACI Material Journal, no 98-M24, May-June, 2001. 18. Malvar L J, Crawford E J, Dinamic Increase Factor for Concrete. Twenty-Eighth DDESB Seminar. Orlando, FL, August 1998. 19. Mattias Unosson, Numerical simulations of penetration and perforation of high performance concrete with 75mm steel projectile. Defence Research Establishment Weapons and

196

INDICI DELLE FIGURE, DEI GRAFICI E DELLE TABELLE

Protection Division SE-147 25 TUMBA, SWEDEN. November 2000. ISSN 1104-9154. 20. Comit Euro-International du Bton, CEB-FIP Model Code 1990, Redwood Books, Trowbridge, Wiltshire, UK, 1993. 21. Baant Z P, Prat C, Microplane Model for Brittle-Plastic Material: Theory and Verification. Journal of Engineering Mechanics, Vol. 114, No. 10, October, 1988. ASCE, ISSN 07339399/88/0010. Paper No. 22823. 22. Comit Europen du Bton, CEB-FIP Model Code 90, Thomas Telford Service, London, 1993.

197

RINGRAZIAMENTI

Ringraziamenti
Il conseguimento di un obiettivo importante difficile da raggiungere, quale una Laurea in Ingegneria, una gioia che va condivisa con le persone pi care. Appaiono scontati i ringraziamenti ai propri genitori per gli sforzi profusi nel corso di questi anni, per consentirmi di tagliare questimportante traguardo, pi appropriati sono invece i ringraziamenti nei loro confronti per la pazienza e la capacit di sopportare i tanti momenti di nevrosi, di stress ed esaurimento, che hanno pervaso il mio corso di studi. A tal proposito mi sembra pi che opportuno ringraziare le mie care ed adorate sorelline, Rossana e Ylenia, costrette a subire la medesima sorte. Come non poter ringraziare la mia fidanzata Fabiana, per tutte le volte che mi stata vicina ascoltando le mie telefonate e leggendo i miei messaggi pregni di ansie e paure prima di ogni esame. Un amico sempre fedele, capace di farmi ritrovare il sorriso nei momenti difficili, e che per tanto mi sento di ringraziare il mio Beagle, nonostante le tavole dei progetti, gli appunti, le matite e le penne da lui distrutte. Lunga sarebbe la lista di amici e parenti da ringraziare, compagni di studi con i quali in questi anni ho condiviso le gioie per gli esami superati,e qualche immancabile amarezza. Ma in particolar modo ringrazio gli amici di sempre, i cari vecchi compagni del liceo, Mauro, Ferruccio, Gennaro, Luca, Marcello, Rocco, Mino, Fonzie e tutti gli altri che non me ne vogliano se non nominati, per tutte le serate passate insieme, le partite di pallone, le feste, le notti brave, le zingarate, e quanto altro fatto insieme che servito a distogliermi dalle fatiche universitarie. Amici con i quali spero di

198

RINGRAZIAMENTI

tornare a vivere momenti di spensieratezza, che tanto mi sono mancati in questi ultimi mesi di sacrifici. Un ringraziamento di vero cuore lo devo alle mie care nonne, a loro che hanno sempre pregato nella speranza di potermi presto vedere laureato, sono consapevole di dare loro e alla mia famiglia un enorme gioia. Il mio pi grande rammarico che i miei due meravigliosi nonni, entrambi di nome Giuseppe come me, non siano partecipi di questa stessa gioia. A loro va la mia gratitudine, per tutte le volte che mi hanno protetto ed aiutato, per tutte le preghiere che hanno sempre ascoltato. Infine, ma non per questo meno importante, non posso esimermi dal ringraziare il mio amico non che correlatore Ing. Domenico Asprone, per la pazienza, il tempo e la disponibilit che mi ha concesso. stata per me una vera fortuna incontrarlo e conoscerlo nel momento pi importante del mio percorso universitario. Insieme a lui ringrazio il Prof. Ing. Gaetano Manfredi e il Prof. Ing. Andrea Prota, per lopportunit concessami di prendere parte a questo interessantissimo studio di ricerca. Ringrazio lintero Dipartimento di Ingegneria Strutturale, dottorandi, ricercatori e tecnici di laboratorio, per la simpatia dimostratami.

199