Sei sulla pagina 1di 67

UNIONE EUROPEA

REGIONE CALABRIA

REPUBBLICA ITALIANA

POR CALABRIA FESR 2007-2013


CCI N 20007 IT 161 PO OO8

PIANO DI COMUNICAZIONE

Comitato di Sorveglianza, 9 aprile 2008

Indice
PREMESSA .................................................................................................................................... 4 1. QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO ............................................................... 7
1.1. 1.2. POLITICA DI COMUNICAZIONE DELLUNIONE EUROPEA................................................... 7 QUADRO NORMATIVO COMUNITARIO PER IL PERIODO 2007 - 2013 .......................... 8

1.2.1. 1.2.2.

Regolamento (CE) n. 1083/2006 (Art. 69 Informazione e Pubblicit) ....................................................................................................................... 8 Regolamento (CE) n. 1828/2006 (Sezione 1 Informazione e Pubblicit) ....................................................................................................................... 8

1.3.

INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE NEL QSN E NEL POR CALABRIA FESR 2007 -2013 ......................................................................................................................................... 13

1.3.1. 1.3.2.

Quadro Strategico Nazionale 2007 2013 (Paragrafo VI.2.5 Informazione e comunicazione) ........................................................................... 13 POR Calabria FESR 2007 2013 (Paragrafo 5.3.7 - Informazione e comunicazione) ....................................................................................................... 15

2.

ANALISI DI CONTESTO ................................................................................................ 16


2.1. 2.2. 2.3. ANALISI SOCIO - ECONOMICA ................................................................................................... 16 ASSI PRIORITARI DEL POR CALABRIA FESR 2007-2013................................................. 20 INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE IN CALABRIA ........................................................... 23

2.3.1. 2.3.2.
2.4.

Indici di lettura e di fruizione dei media di informazione in Calabria ......................................................................................................................... 23 Sistema dei Media in Calabria ............................................................................... 23

PIANO DI COMUNICAZIONE 2000-2006 ................................................................................. 25

3.

PIANO DI COMUNICAZIONE...................................................................................... 28
3.1. 3.2. CONTENUTI ......................................................................................................................................... 28 OBIETTIVO GENERALE E OBIETTIVI SPECIFICI E OPERATIVI ...................................... 28

3.2.1. 3.2.2.
3.3.

Obiettivo Generale..................................................................................................... 28 Obiettivi Specifici e Operativi ................................................................................ 30

GRUPPI DI DESTINATARI ............................................................................................................. 32

3.3.1. 3.3.2. 3.3.3. 3.3.4.


3.4.

Beneficiari Potenziali ................................................................................................. 32 Beneficiari Effettivi .................................................................................................... 33 Grande Pubblico ......................................................................................................... 34 Gruppi di Destinatari Specifici ............................................................................... 34

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE............................................................................................... 37

3.4.1. 3.4.2.

Messaggi Chiave ....................................................................................................... 37 Approccio Strategico ................................................................................................. 37


2

3.5.

CONTENUTI E STRUMENTI DI ATTUAZIONE .......................................................................... 41

3.5.1. 3.5.2. 3.5.3. 3.5.4. 3.5.5. 3.5.6. 3.5.7. 3.5.8. 3.5.9. 3.5.10.
3.6.

Collana Editoriale ....................................................................................................... 41 Portale Calabria Europa ....................................................................................... 41 News Letter .................................................................................................................. 44 Campagne di Comunicazione ................................................................................ 44 Eventi ............................................................................................................................. 45 Prodotti Multimediali ................................................................................................. 47 Trasmissioni Televisive e Radiofoniche .............................................................. 47 Spazio Europa ............................................................................................................. 48 Cartelloni e Targhe Esplicative.............................................................................. 49 Oggettistica Promozionale ...................................................................................... 49

PROGETTI STRATEGICI ORIZZONTALI .................................................................................... 51

3.6.1. 3.6.2. 3.6.3.


3.7.

Progetto Trasparenza, Democrazia e Partecipazione................................ 51 Progetto Comunicare con le Nuove Generazioni ........................................ 53 Progetto Comunicare i Diritti e la Solidariet .............................................. 55

PARTNERSHIP PER LA COMUNICAZIONE ............................................................................... 58

3.7.1. 3.7.2. 3.7.3.


3.8.

Cooperazione con i Giornalisti e i Media di Comunicazione ....................... 58 Cooperazione con il Partenariato Istituzionale e Socio Economico .................................................................................................................... 60 Cooperazione con le Scuole ................................................................................... 60

ORGANIZZAZIONE E MODALIT DI ATTUAZIONE ............................................................... 61

3.8.1. 3.8.2.
3.9.

Organizzazione............................................................................................................ 61 Cronoprogramma ....................................................................................................... 62

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE ............................................................................................. 64

3.9.1. 3.9.2.
3.10.

Monitoraggio ................................................................................................................ 64 Valutazione ................................................................................................................... 66

PIANO FINANZIARIO...................................................................................................................... 67

PREMESSA
La Programmazione Regionale Unitaria 2007 2013, attraverso i Programmi Operativi Regionali FESR e FSE, definisce la strategia e gli interventi da porre in essere per sostenere la crescita economica della Calabria e raggiungere i livelli medi delle altre Regioni dellUnione Europea. In particolare: il POR Calabria FESR 2007 2013 definisce gli obiettivi, le strategie e le priorit per sostenere lo sviluppo e la crescita del sistema economico al fine della convergenza con i livelli medi di sviluppo dell'UE, mobilitando le potenzialit endogene regionali tramite il miglioramento della competitivit ed attrattivit del sistema territoriale e la diversificazione e innovazione delle strutture produttive; il POR Calabria FSE 2007 2013 definisce gli obiettivi, le strategie e le priorit per aumentare l'adattabilit e la produttivit dei lavoratori e delle imprese, potenziare il capitale umano e migliorare l'accesso all'occupazione e la partecipazione al mercato del lavoro, rafforzare l'inclusione sociale delle persone svantaggiate e combattere la discriminazione, incentivare le persone inattive ad inserirsi nel mercato del lavoro, migliorare la capacit e lefficienza amministrativa della Pubblica Amministrazione regionale e locale.

Nella fase di elaborazione e concertazione dei due Programmi Operativi lattenzione e la partecipazione delle istituzioni locali, delle imprese, dei cittadini e dei media di comunicazione stata adeguata ma non particolarmente entusiasta. Le cause sono da ricercare sia nella sfiducia diffusa verso lazione della Pubblica Amministrazione (includendo anche lattuazione del POR Calabria 2000 2006), sia nel clima che negli ultimi anni si venuto a creare in Calabria a seguito dei molteplici fatti di cronaca che hanno prodotto un crescente distacco tra istituzioni e cittadini. In questo clima diffuso di sfiducia anche le iniziative positive realizzate finiscono per essere non adeguatamente valorizzate. La Regione Calabria intende invertire questa tendenza, segnando un momento di forte discontinuit, in occasione dellavvio dei Programmi Operativi della Programmazione Regionale Unitaria 2007 2013. E necessario ricostruire, attraverso lattuazione dei Programmi Operativi, le reti di fiducia e di partecipazione diretta della societ calabrese, in tutte le sue forme e modalit di rappresentanza. La definizione e la selezione dei progetti dovr essere il risultato di processi trasparenti, efficaci ed efficienti. La comunicazione dei risultati che saranno prodotti dovr essere costante, innovativa e partecipata. Per raggiungere questi obiettivi necessario informare lopinione pubblica e i potenziali beneficiari/attuatori dei progetti in merito agli obiettivi che si vogliono conseguire a livello territoriale e settoriale, alle opportunit e alle modalit di partecipazione ai bandi di gara e pi in generale ad assumere un ruolo attivo nella costruzione di una nuova Calabria che vuole proiettarsi definitivamente in Europa. E in questo contesto che si inserisce il Piano di Comunicazione presentato in questo documento per il quale la Regione Calabria ha destinato risorse finanziarie importanti (7.195.776 euro) e superiori a quelle destinate dai POR delle altre Regioni italiane.

Il Piano, che stato definito adottando tutti gli indirizzi previsti dai Regolamenti e dalle Linee Guida dellUnione Europea in materia di informazione e comunicazione, assume, proprio per la specificit della situazione della Calabria, i seguenti obiettivi: ricostruire la fiducia dei cittadini calabresi nelle Istituzioni e nelle politiche pubbliche per la crescita e loccupazione attuate attraverso i Programmi Operativi della Programmazione Regionale Unitaria 2007 - 2013; fornire una informazione puntuale, costante e di facile e immediata comprensione su tutte le azioni e le opportunit attivate e sui risultati conseguiti attraverso lattuazione dei Programmi Operativi della Programmazione Regionale Unitaria 2007 - 2013; garantire la massima trasparenza, efficacia ed efficienza nellattuazione dei processi di selezione, attuazione, monitoraggio e valutazione dei progetti; sostenere la partecipazione attiva, anche attraverso modalit innovative, della societ calabrese e in particolare delle nuove generazioni, alla definizione e allattuazione delle politiche pubbliche per la crescita e loccupazione.

La Regione Calabria ha gi intrapreso questo percorso nella fase finale della programmazione 2000 2006 attraverso limplementazione di molteplici strumenti finalizzati ad incrementare la trasparenza dellazione amministrativa. Si fa riferimento in particolare al nuovo Portale Calabria Europa che al proprio interno contiene innovativi strumenti di informazione e comunicazione quali lo Sportello Informativo, la Banca Dati dei Progetti, la sezione dei Progetti in Evidenza con la presentazione delle buone pratiche, la Schede di Attuazione delle Misure che permettono di conoscere costantemente lo stato di attuazione del Programma Operativo e le relative criticit. Altri strumenti di informazione e partecipazione sono in corso di implementazione e saranno disponibili entro la fine del mese di giugno 2008. Una attenzione particolare nel Piano di Comunicazione dedicata al coinvolgimento diretto nelle attivit di informazione e comunicazione del Partenariato Istituzionale e Socio-Economico e dei Media di Comunicazione. Lobiettivo realizzare una cooperazione continua e strutturata, basata sui principi della responsabilit e della partecipazione, tra questi Soggetti e lAmministrazione Regionale con lobiettivo comune di ricostruire la fiducia dei cittadini, delle istituzioni locali, delle imprese e dei lavoratori, attorno ai processi e ai progetti che saranno attivati con la Programmazione Regionale Unitaria 2007 2013. Preliminare e propedeutica allavvio di tale cooperazione la conoscenza e laggiornamento continuo dei Soggetti coinvolti sui contenuti della Programmazione Regionale Unitaria 2007 2013 e sulle relative modalit di attuazione. Linnovazione pi rilevante del Piano di Comunicazione comunque rappresentata dal coinvolgimento diretto delle nuove generazioni nella sua attuazione. E questo un obiettivo ambizioso ma strategico che riflette una delle principali priorit dei Programmi Operativi della Programmazione Regionale Unitaria 2007 2013. Le nuove generazioni, oltre che ad essere uno dei principali target delle azioni dei Programmi Operativi, rappresentano quella parte di societ calabrese dalla quale indispensabile ripartire per ricostruire la nuova Calabria. E con loro e attraverso di loro che potr essere possibile costruire capitale sociale e fiducia nel futuro. Sono i giovani di oggi i protagonisti del domani della nostra Calabria ed bene che conoscano, condividano e partecipino attivamente alla realizzazione delle politiche di sviluppo della loro regione per i prossimi dieci anni. Il Piano di Comunicazione richieder proprio ai giovani, attraverso modalit concrete e innovative da loro stessi individuate, di rendersi protagonisti attivi e partecipi delle politiche di sviluppo regionali, sia per i temi di loro maggiore interesse sia per le tematiche pi generali.
5

Risulta chiaro che per raggiungere tutti gli obiettivi fin qui individuati necessario adottare un approccio unitario e fortemente integrato in materia di informazione e comunicazione per la Programmazione Regionale Unitaria 2007 2013, nel rispetto comunque di quanto previsto dai Regolamenti Comunitari e dal Quadro Strategico Nazionale 2007 2013. E questa la scelta adottata dalla Regione Calabria che predisporr tre distinti Piani di Comunicazione rispettivamente per il POR Calabria FESR 2007 2013, per il POR Calabria FSE 2007 2013 e per il POR FAS Calabria 2007 2013 allinterno di un'unica strategia di comunicazione e utilizzando ove possibile approcci e strumenti comuni.

1. 1.1.

QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO Politica di Comunicazione dellUnione Europea

LUnione Europea considera la comunicazione un elemento strategico per il successo delle politiche di riequilibrio socio-economico fra i territori, ponendo fortemente laccento sullimportanza vitale che linformazione riveste per la politica regionale1. La comunicazione considerata uno strumento cruciale per il successo, lattuazione ed il futuro della politica di coesione, ed in questo contesto, la disciplina relativa allinformazione e pubblicit per il periodo 2007-2013 costituisce un impegno rinnovato dellUnione Europea per accrescere i livelli di democrazia, trasparenza ed efficacia allinterno dellEuropa. Nel corso degli ultimi anni la Commissione ha infatti lanciato una serie di iniziative finalizzate a ridurre la distanza tra lEuropa ed i suoi cittadini2. Con il Piano D per la democrazia, il dialogo e il dibattito3 la Commissione ha lanciato, a partire dal 2005, un ampio confronto fra le Istituzioni comunitarie ed i cittadini al fine di promuovere una migliore comprensione e consapevolezza delle attivit svolte dalla UE. Il Piano D si affianca e si integra con: il Piano dazione della Commissione relativo al miglioramento della comunicazione sullEuropa4, destinato a perfezionare la presentazione delle attivit della Commissione allesterno; il Libro Bianco su una Politica Europea di Comunicazione5 in cui si evidenzia fortemente la necessit di un approccio relazionale alla comunicazione; il documento della Commissione Insieme per comunicare lEuropa6, dellottobre 2007, che riassume lintero processo e si propone di fornire le basi per una politica di comunicazione europea potenziata e in sinergia con le attivit portate avanti dagli Stati Membri.

Inoltre, con ladozione del Libro Verde dellIniziativa Europea sulla Trasparenza7 la Commissione ha posto laccento sullimportanza di un alto livello di trasparenza sia relativamente allaccesso ai documenti che alluso del budget allo scopo di rafforzare la responsabilit delle istituzioni comunitarie nei confronti dei cittadini e di garantire una maggiore visibilit dei risultati: ci che lEuropa fa e perch importante8. Il Piano di Comunicazione del POR Calabria FESR 2007 2013 stato elaborato sulla base degli indirizzi contenuti in questi documenti comunitari in materia di informazione e comunicazione.

1 2

Cfr. Report del secondo meeting annuale del gruppo di lavoro SFIT, Bruxelles 5 dicembre 2006, p. 1. Cfr. Libro Bianco su una politica europea di comunicazione, COM (2006) 35 definitivo, pp. 2-3. 3 COM (2005) 494 definitivo. 4 SEC (2005) 985 20.07.2005 5 COM (2006) 35 definitivo 6 COM (2007) 568 definitivo 7 COM (2006) 194 definitivo 8 Ivi, p. 12
7

1.2.

Quadro Normativo Comunitario per il Periodo 2007 - 2013

Il Piano di Comunicazione del POR Calabria FESR 2007-2013 stato elaborato in conformit alla seguente normativa comunitaria che disciplina le attivit di informazione e comunicazione dei Programmi finanziati con i Fondi strutturali: Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio dell11 luglio 2006, recante disposizioni generali sul FESR, sul FSE e sul Fondo di coesione e abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999 - (Articolo 69 - Informazione e Pubblicit). Regolamento (CE) n. 1828/2006 della Commissione dell8 dicembre 2006, che stabilisce le modalit di applicazione dei Regolamenti (CE) n. 1080/2006 e n. 1083/2006 (Sezione 1 Informazione e Pubblicit, Artt. 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10). Regolamento (CE) n. 1083/2006 (Art. 69 Informazione e Pubblicit)

1.2.1.

LArticolo 69 del Regolamento (CE) n. 1083/2006 richiede che lo Stato membro e l'Autorit di Gestione del Programma Operativo forniscano informazioni circa il Programma cofinanziato e le operazioni e li pubblicizzano. Le informazioni sono destinate ai cittadini dell'Unione europea e ai Beneficiari allo scopo di valorizzare il ruolo della Comunit e garantire la trasparenza dell'intervento dei Fondi. L'Autorit di Gestione del Programma Operativo responsabile della pubblicit conformemente alle modalit di applicazione previste dal Regolamento (CE) n. 1828/2006 (Sezione 1 Informazione e Pubblicit, Artt. 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10). 1.2.2. Regolamento (CE) n. 1828/2006 (Sezione 1 Informazione e Pubblicit)

Il Regolamento (CE) n. 1828/2006, approvato l'8 dicembre 2006, attua i Regolamenti (CE) n. 1083/2006 e n. 1080/2006 e disciplina nella Sezione 1 - Informazione e Pubblicit (Artt. 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10), le modalit di programmazione, attuazione, monitoraggio e valutazione delle azioni in materia di informazione e pubblicit allinterno dei Programmi Operativi. Articolo 2- Preparazione del Piano di Comunicazione 1. Un piano di comunicazione, e tutte le principali modifiche pertinenti, viene redatto dall'autorit di gestione relativamente al programma operativo di cui responsabile oppure dallo Stato membro relativamente ad alcuni o a tutti i programmi operativi cofinanziati dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), dal Fondo sociale europeo (FSE) o dal Fondo di coesione. 2. Nel piano di comunicazione figurano almeno: a) gli obiettivi e i gruppi di destinatari; b) la strategia e il contenuto degli interventi informativi e pubblicitari destinati ai potenziali beneficiari, ai beneficiari e al pubblico che lo Stato membro o lautorit di gestione tenuto a intraprendere tenendo conto del valore aggiunto del sostegno comunitario a livello nazionale, regionale e locale; c) il bilancio indicativo necessario per lattuazione del piano; d) i dipartimenti o gli organismi amministrativi responsabili dellattuazione degli interventi informativi e pubblicitari;

e) unindicazione del modo in cui gli interventi informativi e pubblicitari vanno valutati in termini di visibilit dei programmi operativi e di consapevolezza del ruolo svolto dalla Comunit. Articolo 3- Esame della Compatibilit del Piano di Comunicazione. Lo Stato membro o l'Autorit di Gestione presenta il Piano di Comunicazione alla Commissione entro quattro mesi dalla data di adozione del programma operativo oppure, se il Piano di Comunicazione riguarda due o pi Programmi Operativi, dalla data di adozione dellultimo di tali programmi. In assenza di osservazioni inviate dalla Commissione entro due mesi dal ricevimento del Piano di Comunicazione, questultimo considerato conforme allarticolo 2, paragrafo 2. Qualora la Commissione invii osservazioni entro due mesi dal ricevimento del Piano di Comunicazione, lo Stato membro o lAutorit di Gestione trasmette alla Commissione, entro due mesi, un Piano di Comunicazione modificato. In assenza di ulteriori osservazioni da parte della Commissione entro due mesi dalla presentazione del Piano di Comunicazione modificato, questultimo viene considerato attuabile. Lo Stato membro o lAutorit di Gestione inizia le attivit informative e pubblicitarie di cui agli articoli 5, 6, e 7, se pertinente, anche in assenza della versione definitiva del Piano di Comunicazione. Articolo 4 - Attuazione e Sorveglianza del Piano di Comunicazione 1. LAutorit di Gestione informa il Comitato di Sorveglianza di ogni Programma Operativo riguardo a quanto segue: a) il Piano di Comunicazione e i progressi nella sua attuazione; b) gli interventi informativi e pubblicitari realizzati; c) i mezzi di comunicazione utilizzati. LAutorit di Gestione fornisce al Comitato di Sorveglianza esempi di tali interventi. 2. I Rapporti Annuali e il Rapporto Finale sullesecuzione dei Programmi Operativi di cui allarticolo 67 del Regolamento (CE) n. 1083/2006 comprendono: a) esempi degli interventi informativi e pubblicitari relativi al Programma Operativo effettuati nellambito dellattuazione del Piano di Comunicazione; b) le disposizioni relative agli interventi informativi e pubblicitari di cui allarticolo 7, paragrafo 2, lettera d), compreso, se del caso, lindirizzo elettronico al quale possono essere trovati tali dati; c) il contenuto delle principali modifiche apportate al Piano di Comunicazione. Nel Rapporto Annuale relativo al 2010 e nel Rapporto Finale di Esecuzione figura un capitolo nel quale gli interventi informativi e pubblicitari vengono valutati in termini di visibilit dei Programmi Operativi e di consapevolezza del ruolo svolto dalla Comunit, come prescritto allarticolo 2, paragrafo 2, lettera e). 3. I mezzi utilizzati per lattuazione, la sorveglianza e la valutazione del Piano di Comunicazione sono proporzionali agli interventi informativi e pubblicitari indicati nel Piano di Comunicazione. Articolo 5 - Interventi Informativi relativi ai Potenziali Beneficiari.
9

1. LAutorit di Gestione, conformemente al Piano di Comunicazione, assicura che il Programma Operativo venga ampiamente diffuso assieme ai dati sui contributi finanziari dei Fondi pertinenti e sia accessibile a tutti gli interessati. Essa garantisce inoltre che le informazioni sulle possibilit di finanziamento offerte congiuntamente dalla Comunit e dagli Stati membri attraverso il Programma Operativo siano diffuse il pi ampiamente possibile. 2. LAutorit di Gestione fornisce ai potenziali Beneficiari informazioni chiare e dettagliate riguardanti almeno: a) le condizioni di ammissibilit da rispettare per poter beneficiare del finanziamento nel quadro del Programma Operativo; b) una descrizione delle procedure desame delle domande di finanziamento e delle rispettive scadenze; c) i criteri di selezione delle operazioni da finanziare; d) le persone di riferimento a livello nazionale, regionale o locale che possono fornire informazioni sui Programmi Operativi. LAutorit di Gestione informa altres i potenziali Beneficiari della pubblicazione di cui allarticolo 7, paragrafo 2, lettera d). 3. LAutorit di Gestione, conformemente alle leggi e alle prassi nazionali, associa agli interventi informativi e pubblicitari almeno uno dei seguenti organismi che possono diffondere ampiamente le informazioni di cui al paragrafo 2: a) autorit nazionali, regionali e locali e agenzie per lo sviluppo; b) associazioni professionali; c) parti economiche e sociali; d) organizzazioni non governative; e) organizzazioni che rappresentano il mondo economico; f) centri dinformazione sullEuropa e rappresentanze della Commissione negli Stati membri; g) istituti educativi. Articolo 6 - Interventi Informativi relativi ai Beneficiari. LAutorit di Gestione informa i Beneficiari che accettando il finanziamento essi accettano nel contempo di venire inclusi nell'elenco dei beneficiari pubblicato a norma dell'articolo 7, paragrafo 2, lettera d). Articolo 7 - Responsabilit dellAutorit di Gestione relative agli Interventi Informativi e Pubblicitari destinati al Pubblico. 1. LAutorit di Gestione assicura che gli interventi informativi e pubblicitari siano realizzati conformemente al Piano di Comunicazione che mira alla massima copertura mediatica utilizzando diverse forme e metodi di comunicazione al pertinente livello territoriale. 2. LAutorit di Gestione responsabile dellorganizzazione di almeno uno dei seguenti interventi informativi e pubblicitari:

10

a) unattivit informativa principale che pubblicizzi lavvio di un Programma Operativo, anche in assenza della versione definitiva del Piano di Comunicazione; b) almeno unattivit informativa principale allanno, come stabilito nel Piano di Comunicazione, che presenti i risultati dei Programmi Operativi nonch, se del caso, dei grandi progetti; c) lesposizione della bandiera dell'Unione europea per una settimana a partire dal 9 maggio davanti alle sedi delle Autorit di Gestione; d) la pubblicazione, elettronica o in altra forma, dellelenco dei Beneficiari, delle denominazioni delle operazioni e dellimporto del finanziamento pubblico destinato alle operazioni. I nomi dei partecipanti a unoperazione del FSE non vengono indicati. Articolo 8 - Responsabilit dei Beneficiari relative agli Interventi Informativi e Pubblicitari destinati al Pubblico. 1. Ai Beneficiari spetta informare il pubblico, mediante le misure di cui ai paragrafi 2, 3 e 4, circa la sovvenzione ottenuta dai Fondi. 2. Il Beneficiario espone una targa esplicativa permanente, visibile e di dimensioni significative entro sei mesi dal completamento di unoperazione che rispetta le seguenti condizioni: a) il contributo pubblico totale alloperazione supera 500 000 euro; b) loperazione consiste nellacquisto di un oggetto fisico, nel finanziamento di uninfrastruttura o di interventi costruttivi. La targa indica il tipo e la denominazione delloperazione, oltre alle informazioni di cui allarticolo 9. Tali informazioni costituiscono almeno il 25% della targa. 3. Durante lattuazione delloperazione il Beneficiario installa un cartello nel luogo delle operazioni conformi alle seguenti condizioni: a) il contributo pubblico totale alloperazione supera 500 000 euro; b) loperazione consiste nel finanziamento di uninfrastruttura o di interventi costruttivi. Le informazioni di cui allarticolo 9 occupano almeno il 25% del cartello. Quando loperazione completata il cartello sostituito dalla targa esplicativa permanente di cui al paragrafo 2. 4. Se unoperazione riceve finanziamenti nel quadro di un programma operativo cofinanziato dallFSE o, se del caso, se unoperazione finanziata dal FESR o dal Fondo di coesione, il Beneficiario garantisce che i partecipanti all'operazione siano stati informati di tale finanziamento. Il beneficiario informa in modo chiaro che loperazione in corso di realizzazione stata selezionata nel quadro di un Programma Operativo cofinanziato dallFSE, dal FESR o dal Fondo di coesione. In qualsiasi documento riguardante tali operazioni, compresi i certificati di frequenza o altri certificati, figura una dichiarazione da cui risulti che il Programma Operativo stato cofinanziato dallFSE o, se del caso, dal FESR o dal Fondo di coesione. Articolo 9 - Caratteristiche Tecniche degli Interventi Informativi e Pubblicitari relativi allOperazione.
11

Tutti gli interventi informativi e pubblicitari destinati ai Beneficiari, ai Beneficiari potenziali e al Pubblico comprendono quanto segue: a) lemblema dell'Unione europea, conformemente alle norme grafiche di cui allAllegato I, e un riferimento allUnione europea; b) lindicazione del Fondo pertinente; i) per il FESR: Fondo europeo di sviluppo regionale;

ii) per il Fondo di coesione: Fondo di coesione; iii) per lFSE: Fondo sociale europeo; c) una frase, scelta dallAutorit di Gestione, che evidenzi il valore aggiunto dellintervento comunitario, preferibilmente: Investiamo nel vostro futuro. Per oggetti promozionali di dimensioni ridotte le lettere b) e c) non si applicano. Articolo 10 - Rete e Scambio di Esperienze 1. Ogni Autorit di Gestione designa persone di riferimento responsabili delle informazioni e della pubblicit e ne informa la Commissione. Gli Stati membri possono inoltre designare un'unica persona di riferimento per tutti i Programmi Operativi. 2. possibile istituire reti comunitarie che comprendano tutte le persone designate a norma del paragrafo 1 al fine di assicurare lo scambio di pratiche esemplari, inclusi i risultati dellattuazione del Piano di Comunicazione, nonch lo scambio di esperienze durante lattuazione degli interventi informativi e pubblicitari nellambito della presente sezione. 3. Gli scambi di esperienze nel settore dellinformazione e della pubblicit possono essere sostenuti mediante lassistenza tecnica di cui allarticolo 45 del regolamento (CE) n. 1083/2006.

12

1.3.

Informazione e Comunicazione nel QSN e nel POR Calabria FESR 2007 -2013
Quadro Strategico Nazionale 2007 Informazione e comunicazione)9 2013 (Paragrafo VI.2.5 -

1.3.1.

Lattuazione del Quadro dovr essere accompagnata in ogni sua fase da una forte azione di comunicazione rivolta allopinione pubblica, al partenariato socio-economico, ai potenziali beneficiari, agli attuatori degli interventi cofinanziati. Lesperienza della programmazione 2000-2006, in cui un grosso sforzo stato compiuto da parte di tutte le Autorit di Gestione per la realizzazione di azioni informative e pubblicitarie, ha fatto registrare segnali positivi in merito allaccrescimento della consapevolezza dellutilit della comunicazione quale strumento strategico per un buon funzionamento della politica regionale. Resta tuttavia limpressione che non di rado le Amministrazioni abbiano attuato il Regolamento n. 1159/2000, di disciplina delle azioni informative e pubblicitarie, quale obbligo meramente burocratico e che ancora molto accorra fare affinch si radichi un profondo convincimento dellutilit della comunicazione ai fini della mobilitazione delle diverse responsabilit coinvolte dalla politica regionale. Nel periodo 2007-2013 le azioni si concentreranno in particolare: sulla trasparenza, tramite le informazioni concernenti le possibilit di finanziamento offerte congiuntamente dalla Unione e dalla Stato italiano, e la pubblicazione dei beneficiari, la denominazione delle operazioni e del relativo finanziamento pubblico, sulla diffusione dei risultati e la valorizzazione dei progetti particolarmente significativi, sul ruolo svolto dall'Unione europea nel finanziamento del programma destinato a potenziare la competitivit economica, a creare nuovi posti di lavoro, a rafforzare la coesione economica.

Nella programmazione 2007-2013 deve crescere lintensit dello sforzo in comunicazione. Gli stessi articoli del Regolamento n. 1828/2006 della Commissione, Capo II, Sezione 1, di attuazione del Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio sono dedicati alle azioni informative e pubblicitarie, delineandone in dettaglio le misure da intraprendere, a sottolineare lattenzione che la Commissione per prima ha inteso dedicare a tali azioni nellattuazione della politica regionale. Rispetto alla programmazione 2000-2006 le disposizioni si sono fatte nel complesso pi stringenti. Maggior enfasi stata posta sui piani di comunicazione, sul monitoraggio periodico e sulla valutazione dellimpatto delle azioni di comunicazione; sulla visibilit pubblica da dare alle condizioni di eleggibilit, alle procedure di esame e ai criteri di selezione dei progetti; sulla divulgazione delle liste dei beneficiari e dei progetti cofinanziati; sulla costruzione di partenariati e network per la diffusione delle informazioni; su strumenti importanti di pubblicit dei cofinanziamenti quali la cartellonistica di cantiere e le targhe commemorative permanenti;

Il Paragrafo interamente ripreso dal testo del QSN approvato dalla Commissione Europea. 13

su eventi annuali di informazione dei risultati conseguiti nellambito dei diversi programmi. Gli obblighi di comunicazione sono stati posti in capo non solo alle Autorit di Gestione ma anche ai beneficiari, quali primi testimoni del ruolo svolto dallUnione europea nel finanziamento di opere e servizi di pubblica utilit. Appare, pertanto, necessario un impegno maggiore da parte delle Amministrazioni nel potenziamento degli uffici preposti alle azioni di comunicazione, nel rafforzamento della pianificazione strategica delle attivit, nellaggiornamento professionale delle risorse umane preposte allo svolgimento delle funzioni di comunicazione, nellacquisizione di strumenti e tecnologie avanzate e nello stanziamento di adeguate risorse finanziarie. Di grande utilit appare anche una pi stretta collaborazione fra le Autorit di Gestione per la condivisione degli obiettivi di comunicazione e la pianificazione di iniziative informative e pubblicitarie comuni, che assicurino lomogeneit dei messaggi diffusi sul territorio nazionale ed evitino la duplicazione degli sforzi. Il successo della comunicazione sulla politica regionale unitaria dipender in gran parte dal coinvolgimento di tutte le principali parti in causa, dalle Amministrazioni pubbliche di tutti i livelli territoriali alle forze socio-economiche espresse dalla societ civile, dai media alla politica. Grande cura dovr essere riposta da parte dei responsabili delle politiche nel rapporto con i mezzi di comunicazione di massa, rapporto che nella programmazione 2000-2006 ha fatto registrare discontinuit e difficolt, originando non di rado una distorta comunicazione nei confronti dellopinione pubblica in particolare sui risultati raggiunti dai Programmi. Obiettivo prioritario delle azioni di comunicazione dovr quindi essere la crescita della consapevolezza e del consenso sulle finalit, i metodi e i risultati della politica regionale unitaria. Obiettivi specifici saranno: rendere noti lapprovazione e i contenuti del Quadro, le sue finalit, le modalit con cui esse vengono perseguite; assicurare la trasparenza dei meccanismi di gestione, di definizione delle scelte, di selezione dei progetti, di erogazione dei fondi; incoraggiare unattiva partecipazione del partenariato in ogni fase del processo di implementazione; garantire laccesso da parte dei cittadini a informazioni esaustive e facilmente comprensibili in ogni fase del processo di attuazione del Quadro e della programmazione operativa; dare la pi ampia diffusione possibile ai risultati conseguiti dalla politica regionale unitaria.

E necessario assicurare a livello di Programma Operativo che i dati di base-line sul grado di conoscenza e sullopinione che il pubblico ha dei Fondi strutturali siano disponibili fin dallinizio del periodo 2007-2013. I piani di comunicazione dovrebbero definire gli obiettivi, le misure, gli strumenti e il relativo calendario di esecuzione. Tali piani e gli uffici preposti ad attuarli devono essere pronti sin dalle fasi iniziali di avvio dei Programmi Operativi. Recepire appieno tali indirizzi nei piani di comunicazione dei Programmi sar fondamentale sia per stabilire un solido collegamento fra comunicazione e partecipazione democratica delle forze sociali ed economiche espresse dalla societ civile alla fase di implementazione delle politiche e al raggiungimento degli obiettivi sia per promuovere quel consenso culturale e politico intorno alla politica regionale ad oggi ancora carente.

14

1.3.2.

POR Calabria FESR 2007 2013 (Paragrafo 5.3.7 - Informazione e comunicazione)10

Nel quadro di un impegno politico, da parte della Regione Calabria, sulla comunicazione dei risultati della politica europea di coesione, ivi compreso il ruolo dell'UE e dello Stato membro, lungo tutto il periodo di programmazione, l'Autorit di gestione si impegna ad assicurare il rispetto degli obblighi in materia di informazione e pubblicit delle operazioni finanziate a titolo del programma e delle modalit di attuazione cos come specificati nel Capo II, Sezione 1 del Regolamento di attuazione n 1828/2006. Tali obblighi riguardano in particolare: la preparazione del piano di comunicazione, l'attuazione e sorveglianza del piano di comunicazione, gli interventi informativi relativi ai potenziali beneficiari e ai beneficiari, la responsabilit dell'autorit relative agli interventi informativi e pubblicitari destinati al pubblico, le responsabilit dei beneficiari relative agli interventi informativi e pubblicitari destinati al pubblico, nonch scambio di esperienze. Nel periodo 2007-2013 le azioni si concentreranno in particolare: sulla trasparenza, tramite le informazioni concernenti le possibilit di finanziamento offerte congiuntamente dalla Unione e dallo Stato italiano, e la pubblicazione dei beneficiari, la denominazione delle operazioni e del relativo finanziamento pubblico, sulla diffusione dei risultati e la valorizzazione dei progetti particolarmente significativi, sul ruolo svolto dall'Unione europea nel finanziamento del programma destinato a potenziare la competitivit economica, a creare nuovi posti di lavoro, a rafforzare la coesione economica.

Lufficio responsabile per linformazione il Settore Coordinamento dei Programmi e dei Progetti del Dipartimento Programmazione Nazionale e Comunitaria. Esso tenuto a rispondere tempestivamente ai cittadini europei che richiedono informazioni specifiche inerenti lattuazione delle operazioni. Lesecuzione del Piano di comunicazione curata dallAutorit di Gestione e leventuale ricorso a soggetti attuatori specialistici per la fornitura delle singole attivit/beni/servizi sar attuato nel rispetto della normativa comunitaria degli appalti pubblici. Gli atti di concessione dovranno prevedere clausole di condizionalit dei contributi al rispetto delle disposizioni relative allinformazione e alla pubblicit. In termini operativi, nei casi previsti dai regolamenti comunitari e negli altri casi previsti dalla normativa e dalle procedure interne, gli organismi intermedi devono: a) fornire le opportune prove documentali dellosservanza delle norme, in particolare di quelle relative alla cartellonistica, entro un mese dalleffettivo avvio dei lavori; b) dare prova documentale della targa apposta al progetto in occasione della richiesta di pagamento del saldo. Il Comitato di Sorveglianza sar informato sullattuazione del piano di comunicazione attraverso specifici rapporti opportunamente documentati.

10

Il Paragrafo interamente ripreso dal testo del POR Calabria FESR 2007 2013 approvato dalla Commissione Europea. 15

2. 2.1.

ANALISI DI CONTESTO Analisi Socio - Economica

Lanalisi del contesto socio-economico regionale, riportata in maniera estesa nel POR Calabria FESR 2007 2013, propedeutica per poter individuare e segmentare i Soggetti target delle diverse azioni del Piano di Comunicazione. L'analisi del contesto calabrese ha evidenziato un consistente divario dei principali indicatori socioeconomici regionali nei confronti delle regioni italiane ed europee pi avanzate. Per quanto riguarda il PIL pro capite, nonostante che nellultimo decennio abbia fatto registrare un discreto tasso di crescita, la Calabria rimane inchiodata su valori medi sensibilmente distanti da quelli nazionali e comunitari. La regione si caratterizza per una tendenza di medio-lungo periodo alla riduzione della base demografica, alimentata da saldi migratori negativi solo parzialmente compensati da saldi naturali positivi. Il declino del numero dei residenti non generalizzato allinterno del territorio regionale. Interessa in maniera pi marcata i piccoli centri abitati localizzati nelle aree interne montane e collinari, economicamente poco sviluppate e alle prese con uno spiccato deficit di dotazione di servizi alle persone, mentre i centri urbani pi grandi, dove pi alte sono le opportunit lavorative e dove mediamente pi estesa lofferta di servizi, registrano una tendenza sostenuta allattrazione di residenti. La dinamica demografica regionale evidenzia, quindi, da una parte, un progressivo spopolamento delle aree interne, con rischi di abbandono del presidio del territorio e, di conseguenza, di accentuazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico a monte ma anche a valle, e, dallaltra, una crescita residenziale caotica dei centri urbani pi grandi, con possibili effetti negativi sia di tipo ambientale (pressione antropica, inquinamento, ecc.) che sociale (aumento di episodi di discriminazione, emarginazione, criminalit, ecc.). Il territorio calabrese stato investito da quelle dinamiche di crescita insediativa a bassa densit che hanno caratterizzato il tumultuoso sviluppo dellurbanizzazione moderna in alcuni contesti nazionali. In molti contesti locali, citt, centri medi, centri piccoli risultano fusi in un continuum edificato senza qualit, gerarchie, specificit funzionali ed adeguato standard insediativo, infrastrutturale e dei servizi. Le caratteristiche di queste forme dellurbanizzazione sono empiricamente evidenti e tutte di segno negativo: la qualit edilizia ed insediativa generalmente di basso livello, il livello dei servizi di norma non adeguato, la corsa allespansione edilizia ed i processi di crescita infrastrutturale ad essa correlati alimentano una spirale negativa di spesa pubblica di difficile governo (per manutenzioni, messa in sicurezza, infrastrutturazione a rete, servizi, ecc.). Le politiche urbanistiche comunali hanno assecondato, nella gran parte dei casi, queste dinamiche di espansione diffusa degli insediamenti, offrendo un quadro di formale legittimazione ai correlati processi di sfruttamento delle risorse non riproducibili del territorio. Deficitaria in Calabria lofferta di servizi collettivi socio-assistenziali in ambiti essenziali per la qualit della vita dei cittadini (assistenza sanitaria, assistenza domiciliare agli anziani, asili nido, ecc.). Carenza di servizi che ha conseguenze particolarmente negative sulla componente femminile, che si deve far carico del lavoro di cura verso i minori, gli anziani e le persone con diverse abilit, aggravando cos le difficolt di inserimento delle donne nel mercato del lavoro. Il mercato del lavoro regionale presenta livelli di partecipazione e di occupazione ancora lontani dagli obiettivi fissati dai Consigli Europei di Lisbona e Goteborg. Il tasso di occupazione della
16

popolazione in et lavorativa si colloca ben 25 punti percentuali al di sotto del target europeo mentre il tasso di disoccupazione sistematicamente pi del doppio di quello nazionale. Consistenti sono le disparit di genere: il tasso di occupazione femminile inferiore di circa 30 punti percentuali rispetto a quello maschile nonch allobiettivo fissato dallUE per il 2010. La componente femminile, inoltre, evidenzia rispetto agli uomini una maggiore incidenza di forme di occupazione di tipo precario. Anche i giovani presentano elevate difficolt ad entrare nel mondo del lavoro, sebbene connotati da alti livelli di istruzione, il che finisce per alimentare fenomeni rilevanti di emigrazione di capitale umano scolarizzato. I buoni livelli di scolarizzazione di base della popolazione regionale peraltro sostenuta da unofferta formativa scolastica e universitaria articolata rappresentano un tratto positivo del contesto sociodemografico calabrese, tuttavia riflettono una persistente scarsit di posti di lavoro. Infatti, le giovani generazioni, in mancanza di opportunit lavorative, tendono a continuare gli studi, posticipando il momento dellingresso nel mercato del lavoro. Larretratezza economica della Calabria senza dubbio connessa alla gracilit del sistema produttivo. Il valore aggiunto prodotto in regione pari al 9,3% di quello del Mezzogiorno e appena al 2,2% di quello nazionale. La composizione del valore aggiunto regionale mostra unelevata terziarizzazione (determinata soprattutto dallipertrofia del settore pubblico), un sovradimensionamento del primario (che in Calabria rappresenta notoriamente il settore rifugio dellofferta di lavoro in eccesso, che non trova sbocchi occupazionali in altri comparti) e un peso contenuto del settore industriale e, segnatamente, delle attivit manifatturiere. La base produttiva regionale particolarmente contenuta ed evidenzia significativi limiti strutturali. Prevalgono diffusamente le microimprese con assetti gestionali ed organizzativi elementari, incapaci di sostenere processi di crescita aziendale e, tanto meno, di sopperire alle diseconomie dimensionali attraverso lattivazione di forme di cooperazione interaziendale. La ripartizione settoriale delle imprese e delloccupazione, come gi accennato per il valore aggiunto, conferma un consistente sovradimensionamento della Pubblica amministrazione, del commercio, dei servizi alle attivit economiche, delledilizia. Al contrario, si registra un peso alquanto contenuto dellindustria manifatturiera, peraltro, fortemente incentrata su attivit tradizionali (agroalimentare, lavorazione del legno e dei metalli, comparti questi che aggregano oltre la met delle imprese manifatturiere regionali), principalmente orientate al soddisfacimento della domanda locale e alla fabbricazione di prodotti-input del settore delle costruzioni; estremamente esigua , invece, lincidenza di imprese operative in settori a maggiore contenuto tecnologico e di innovazione. Accanto alle numerose criticit, la struttura produttiva regionale palesa importanti punti di eccellenza, sebbene ancora isolati e non in grado di generare processi di sviluppo diffusi e duraturi. Tra questi si possono citare le specializzazioni agroalimentari di Sibari, del crotonese e del lamentino; le concentrazioni imprenditoriali nel settore metalmeccanico del crotonese e nel vibonese; il porto di Gioia Tauro. La debolezza del sistema produttivo calabrese ne condiziona il livello di apertura e la capacit di competere sui mercati esteri. Gli scambi commerciali si attestano su volumi alquanto modesti: esportazioni e importazioni pesano appena per il 2,9% sul PIL regionale, contro un valore nazionale di oltre il 40%. Il saldo commerciale abbondantemente negativo (nel 2005, uguale 228.9 Meuro), denotando un elevato grado di dipendenza della regione. Irrilevante anche la bilancia dei pagamenti tecnologica: gli incassi regionali per beni e servizi tecnologici incidono appena per lo 0,03% di quelli nazionali, mentre i pagamenti rappresentano lo 0,06%. Bassissimo il livello degli investimenti in R&S, soprattutto di quelli privati, evidenziando unincidenza sul PIL oltre 20 volte pi bassa di quella nazionale e abissalmente lontana dal
17

target fissato da Lisbona. Il ridotto grado di innovativit rilevante anche per quanto riguarda il numero dei brevetti registrati da parte di imprese ed enti regionali (0,3% di quelli nazionali) e con riferimento agli addetti alle attivit di ricerca e sviluppo: in Calabria ci sono 0,8 ricercatori per mille abitanti, meno di un terzo che in Italia. Il divario tecnologico della Calabria sensibilmente accentuato per quanto riguarda la diffusione e lutilizzo degli strumenti informatici, la copertura della banda larga e laccesso ad internet da parte delle famiglie, delle piccole imprese e della Pubblica amministrazione centrale e locale. Le modeste performance del tessuto economico calabrese dipendono anche da un contesto ambientale scarsamente competitivo. Rilevante la sottodotazione quali-quantitativa dello stock infrastrutturale: posto uguale a 100 il dato medio italiano, la Calabria raggiunge un indice di infrastrutturazione pari a 76. Il deficit di infrastrutture economiche regionali addebitabile in larga misura alla carenza di impianti energetico-ambientali (48,3), di reti telematiche (58,4) e di reti e strutture bancarie (47). Per quanto riguarda le infrastrutture di trasporto, invece, in termini meramente quantitativi, la regione non si discosta dai valori medi nazionali. Tuttavia, permangono gravi criticit per quanto riguarda la dotazione di servizi di mobilit e logistica nonch i livelli prestazionali delle infrastrutture e dei servizi di trasporto. Notevolmente penalizzante per il sistema imprenditoriale la relativa inefficienza del sistema del credito regionale: il costo del denaro in Calabria molto pi alto che nel resto del Mezzogiorno e dellItalia. A ci si correla un elevato rapporto sofferenze/impieghi, pi del doppio di quello nazionale. Altro fenomeno che limita drasticamente le performance competitive del sistema produttivo regionale riguarda il problema della sicurezza e della legalit. La Calabria , infatti, una delle regioni italiane a pi alta densit di eventi delittuosi e di attivit illecite messe in atto dalla criminalit organizzata. Nellinsieme, la mancanza di standard minimi di qualit del contesto determina una scarsa capacit di attrazione del sistema-Calabria. Con riferimento agli investimenti diretti esteri, la Calabria, con un valore dei flussi IDE sul PIL pari allo 0,02% (2002-2004), si colloca tra le ultime regioni italiane. Anche per quanto riguarda il turismo estero, la Calabria evidenzia un basso livello di attrattivit: la spesa dei viaggiatori stranieri copre solo il 13,3% di quella complessiva (rispetto al 33% medio nazionale). Oltre che per un ridotto indice di attrazione internazionale, il settore turistico calabrese, nonostante negli ultimi anni abbia registrato apprezzabili tassi di crescita degli arrivi e delle presenze, presenta molte criticit strutturali: prevalentemente di tipo balneare (8 turisti su 10 frequentano la Calabria per il mare); caratterizzato da una forte stagionalit, con conseguente eccessiva pressione antropica in alcune aree nel periodo estivo; evidenzia un sistema di accoglienza poco qualificato e diversificato, con un peso consistente, in alcuni territori, delle seconde case. Soprattutto, presenta una scarsa connessione con la promozione delle produzione tipiche regionali (es. artigianato artistico, enogastronomia, ecc.). e con la fruizione del patrimonio ambientale e culturale. Eppure la Calabria pu fare riferimento ad un esteso e pregevole patrimonio ambientale (coste, aree protette, paesaggio rurale, ecc.) e culturale (siti archeologici, musei, monumenti, centri storici, minoranze linguistiche, ecc.), che, se adeguatamente valorizzato, pu fornire un apporto rilevante alla crescita e alla qualificazione delle attivit turistiche e, pi in generale, allo sviluppo economico della regione. In questottica, diventa estremamente rilevante il tema della salvaguardia del sistema ambientale regionale. La Calabria non esente da fenomeni di deterioramento del patrimonio delle risorse naturali. Tra i problemi pi acuti vi sono quelli relativi al rischio di dissesto idrogeologico,

18

allinquinamento delle coste, alla gestione razionale delle risorse idriche, alla gestione efficiente dei rifiuti. In conclusione, lanalisi del contesto regionale evidenzia numerosi vincoli di carattere sociale ed economico ma, allo stesso tempo, mette in luce importati potenzialit connesse alla presenza di una ragguardevole dotazione di risorse immobili e mobili (beni ambientali e culturali, eccellenze produttive, capitale umano secolarizzato), che tuttavia risultano sistematicamente sottoutilizzate. Il problema del ritardo di sviluppo della Calabria, dunque, non dovuto tanto alla mancanza assoluta di precondizioni e di dotazioni per lo sviluppo quanto allincapacit delle istituzioni pubbliche e private calabresi di tradurre le risorse materiali e immateriali regionali in occasioni di sviluppo duraturo e sostenibile. Da questo punto di vista, il sistemaCalabria risente massicciamente dellinefficienza, dellinstabilit e della gracilit degli assetti politico-decisionali e amministrativi. In particolare, la Pubblica amministrazione regionale, ai diversi livelli, esprime forti deficit organizzativi e di competenze e una marcata incapacit di promuovere, sostenere e realizzare in maniera efficiente ed efficace programmi e iniziative di sviluppo socioeconomico di qualit.

19

2.2.

Assi Prioritari del POR Calabria FESR 2007-2013

La Commissione Europea, con Decisione C(2007) 6322 del 7 dicembre 2007, ha adottato il POR Calabria FESR 2007 - 2013. LObiettivo Generale del POR Calabria FESR 2007-2013 il seguente: Sostenere lo sviluppo economico e sviluppare la crescita del sistema economico al fine della convergenza con i livelli medi di sviluppo della Unione Europea, mobilitando le potenzialit endogene regionali tramite il miglioramento della competitivit ed attrattivit del sistema territoriale e la diversificazione e innovazione delle strutture produttive. Il POR Calabria FSR 2007 - 2013 si articola in nove assi che declinano lObiettivo Generale nei seguenti Obiettivi Specifici: Asse Prioritario I dellInformazione Ricerca Scientifica, Innovazione Tecnologica e Societ

Rafforzare e valorizzare il sistema regionale della ricerca e le reti di cooperazione con le imprese per sostenere la competitivit e la crescita economica della Regione; Creare un ambiente favorevole allo sviluppo della societ dellInformazione, migliorare laccesso dei cittadini e il contesto in cui operano le imprese incorporando il paradigma digitale nellazione amministrativa.

Asse Prioritario II Energia Promuovere e sostenere lattivazione di filiere produttive connesse alla diversificazione delle fonti energetiche, allaumento della quota di energia prodotta dotazione, lefficienza e l'efficacia dei segmenti del servizio idrico in unottica di tutela della risorsa idrica e di integrazione con fonti rinnovabili e al risparmio energetico.

Asse Prioritario III Ambiente Aumentare la del sistema di gestione per tutti gli usi; Prevenire e mitigare i rischi da frana, esondazione, erosione costiera e rischio sismico per garantire la sicurezza e lincolumit della popolazione, degli insediamenti e delle infrastrutture e per determinare le necessarie precondizioni per lo sviluppo sostenibile del territorio e per la tutela e valorizzazione delle risorse acqua e suolo; Accrescere la capacit di offerta, efficacia e efficienza del servizio di gestione dei rifiuti, rafforzando un'ottica di integrazione le filiere a esso collegate; Restituire alluso collettivo le aree compromesse da inquinamento, valorizzando le opportunit di sviluppo imprenditoriale e garantendo la tutela della salute pubblica e delle risorse ambientali; Garantire la sostenibilit ambientale delle politiche di sviluppo attraverso lutilizzazione di adeguati strumenti normativi, di programmazione e pianificazione, di monitoraggio e controllo, di informazione e partecipazione.

Asse Prioritario IV Qualit della Vita e Inclusione Sociale

20

Migliorare la qualit e laccessibilit delle strutture e dei servizi scolastici nelle aree interne e periferiche della regione che presentano maggiori condizioni di disagio sociale e elevati tassi di dispersione scolastica; Migliorare la qualit e lequit della partecipazione sociale e lavorativa, attraverso maggiore integrazione e accessibilit dei servizi di protezione sociale, di cura e conciliazione e del lavoro, con particolare attenzione alle pari opportunit e alle azioni di antidiscriminazione; Garantire migliori condizioni di sicurezza a cittadini e imprese contribuendo alla riqualificazione dei contesti caratterizzati da maggiore pervasivit e rilevanza dei fenomeni criminali.

Asse Prioritario V Risorse Naturali, Culturali e Turismo Sostenibile Valorizzare la Rete Ecologica Regionale e tutelare la biodiversit per migliorare la qualit dellambiente e promuovere opportunit di sviluppo economico sostenibile; Valorizzare i beni e le attivit culturali quale vantaggio comparato della Calabria per aumentare lattrattivit territoriale, per rafforzare la coesione sociale e migliorare la qualit della vita dei residenti; Aumentare in maniera sostenibile la competitivit internazionale delle destinazioni turistiche regionali, migliorando la qualit dellofferta e lorientamento al mercato dei pacchetti turistici territoriali e valorizzando gli specifici vantaggi competitivi locali, in primo luogo le risorse naturali e culturali.

Asse Prioritario VI Reti e Collegamenti per la Mobilit Sviluppare l'accessibilit esterna e interna della Calabria, potenziare il Sistema Regionale dell'intermodalit e della logistica, promuovere la mobilit regionale e urbana sostenibile e migliorare l'accessibilit alle Aree interne e periferiche.

Asse Prioritario VII Sistemi Produttivi Migliorare le condizioni di contesto e sostenere la competitivit dei sistemi produttivi e delle imprese.

Asse Prioritario VIII Citt, Aree Urbane e Sistemi Territoriali Promuovere la competitivit, l'innovazione e l'attrattivit delle citt e delle reti urbane attraverso la diffusione di servizi avanzati di qualit, il miglioramento della qualit della vita e il collegamento con le reti materiali e immateriali. Migliorare la qualit della vita, la competitivit e l'attrattivit dei Sistemi Territoriali non urbani valorizzando le risorse e le specificit locali e contrastando il declino dei territori delle aree interne e marginali.

Asse Prioritario IX Assistenza Tecnica e Cooperazione Interregionale Sostenere lAmministrazione Regionale nelle attivit di gestione e sorveglianza del Programma Operativo al fine di accrescere i livelli di efficienza nellimplementazione degli interventi del POR e migliorare la capacit amministrativa della struttura regionale incaricata della loro attuazione. Rafforzare le competenze tecniche e di governo delle amministrazioni e degli enti attuatori e il coinvolgimento del Partenariato economico e sociale;

21

Promuovere la cooperazione territoriale interregionale per favorire l'apertura internazionale del sistema produttivo, istituzionale, sociale e valorizzare il patrimonio culturale della Regione.

In questo contesto si inserisce il Piano di Comunicazione del POR Calabria FESR 2007 2013. Il Piano, che si inserisce nel quadro del Piano Generale della Comunicazione della Regione Calabria la cui responsabilit politica attribuita alla Presidenza della Giunta Regionale, adotter unimmagine grafica coordinata per identificare eventi, iniziative, campagne e produzioni editoriali cartacee e on line, ivi compresi i siti web, allo scopo di garantirne la massima riconoscibilit e di rafforzarne la percezione da parte del grande pubblico. In questo contesto sono in fase di definizione le modalit operative per il coordinamento dei Piani di Comunicazione dei Programmi Operativi della Programmazione Regionale Unitaria (POR Calabria FESR 2007 -2013, POR Calabria FSE 2007 2013, POR Calabria FAS 2007 2013, PSR Calabria FEASR 2007 2013) per garantire unitariet di rappresentazione del ruolo dellUnione Europea nelle politiche di coesione e di sviluppo territoriale della Regione nel suo insieme.

22

2.3.
2.3.1.

Informazione e Comunicazione in Calabria


Indici di lettura e di fruizione dei media di informazione in Calabria

I dati relativi agli indici di lettura e di fruizione dei media radio-televisivi collocano la Calabria su valori inferiori alla media nazionale. Il Rapporto ISTAT 2006 evidenzia che in Calabria guarda la TV il 93,6% della popolazione (media italiana: 94,2%) e ascolta la radio il 60,7% (media italiana: 63%). La distanza con il dato nazionale si accentua per quanto concerne la lettura dei quotidiani. Solo il 47% dei calabresi (media italiana: 58,3%) legge un quotidiano almeno una volta a settimana, e appena il 29,1% (media italiana: 40,2%) legge un quotidiano 5 volte a settimana. Non va meglio per linformazione on-line. Solo il 26,1 dei calabresi usa internet contro il dato medio nazionale del 34,1%.
Tabella 1 Fruizione dei Media di Informazione e Comunicazione (Dati Istat 2006) Utilizzo dei Media Guarda la TV Ascolta la radio Legge un quotidiano (1 volta a settimana) Legge un quotidiano (5 volte e pi a settimana) Usa il PC Usa Internet Italia 94,2% 63% 58,3% 40,2% 41,4% 34,1% Calabria 93,6% 60,7% 47% 29,1% 33,7% 26,1%

2.3.2.

Sistema dei Media in Calabria

Il mercato dei media in Calabria, sia pur nella debolezza strutturale che lo caratterizza (bassi indici di lettura e scarsi investimenti pubblicitari), negli ultimi dieci anni ha conosciuto una buona vivacit con la nascita di nuove iniziative editoriali che lentamente stanno attecchendo sul territorio. Per decenni lo storico quotidiano la Gazzetta del Sud (fondato nel 1952), edito nella vicina Sicilia, ma diventato per antonomasia il quotidiano della Calabria, ha rappresentato di fatto lunica voce di informazione, non avendo avuto successo nel lungo periodo i vari tentativi di far attecchire sul territorio altri organi di formazione. Ad oggi la Gazzetta del Sud rimane il quotidiano pi diffuso (52 mila copie tra Calabria e Sicilia, di cui il 60% in Calabria, dati ADS), ma divide il mercato dei lettori con altre testate nate pi recentemente. Nel 1995, infatti, stato fondato a Cosenza il Il Quotidiano della Calabria, che oggi diffonde circa 14 mila copie in tutta la Regione (ADS 2006). Nel 1998 arriva poi nelle edicole il Domani della Calabria, primo quotidiano italiano nato con i fondi della ex Legge 44 sullimprenditorialit giovanile, mentre del 2005 la nascita del quotidiano Calabria Ora. Completano il quadro lantica testata il Giornale di Calabria, nata nel 1962 e le pubblicazioni diffuse a livello provinciale.

23

Per quanto concerne le televisioni, le emittenti pi seguite sono Videocalabria (Crotone202.271 telespettatori - dato medio giornaliero Auditel anno 2006), seguito dal Network 7 Gold Telespazio -Tv Studio- Tre (181.463 telespettatori) e Telespazio (180.412). Per il resto il mercato costituito da emittenti medio-piccole che operano a livello locale. Tra le radio pi seguite prevalgono le emittenti a carattere nazionale, in testa Radio DJ (175.000 ascoltatori nel giorno medio- dati Audiradio, secondo semestre 2007), seguita da Radio Kiss Kiss (156.000) e Radio Maria (117.000 mila). Al quarto posto vi lemittente locale Radio Juke Box di Lamezia Terme con 103.000 ascoltatori nel giorno medio. Quanto allanalisi soggettiva, pur non potendo fare riferimento ad analisi qualitative della rassegna stampa, indubbio che limmagine complessiva della Regione non sia in questo momento positiva. Recentemente alcuni eventi drammatici, tra cui i fatti di Duisburg, hanno portato la Calabria sulle prime pagine della stampa nazionale ed estera. Limmagine della Regione spesso viene associata, nellimmaginario collettivo, a quella della criminalit organizzata. Questa rappresentazione non corrisponde alla realt calabrese e alla sua complessit e non da quasi mai visibilit, soprattutto nei media nazionali, alle molteplici positivit ed eccellenze presenti in Calabria. In questo contesto risulta centrale il ruolo del Piano di Comunicazione, che dovr contribuire a realizzare una pi corretta informazione e nel contempo valorizzare le azioni e i risultati della Programmazione Regionale Unitaria e dei Programmi Operativi cofinanziati dai Fondi Strutturali.

24

2.4.

Piano di Comunicazione 2000-2006

Le azioni di informative e pubblicitarie sugli interventi dei Fondi Strutturali, previste nellambito del Piano di Comunicazione del POR Calabria 2000/2006 ( predisposto ai sensi del Regolamento (CE) 1260/99 e del Regolamento (CE) 1159/2000) sono state realizzate dallAutorit di Gestione per: garantire il principio di trasparenza nellazione dellUnione Europea informando i potenziali beneficiari sulle opportunit derivanti dagli interventi cofinanziati dai Fondi Strutturali nel POR Calabria e nei Programmi Operativi Nazionali; sensibilizzare lopinione pubblica regionale sulle politiche e sugli interventi dellUnione Europea, informare i cittadini e dare ampia visibilit agli interventi realizzati con i Fondi Strutturali nel POR Calabria e nei Programmi Operativi Nazionali; informare lopinione pubblica sui lavori e sulle decisioni del Comitato di Sorveglianza del POR Calabria, del QCS Obiettivo1 e dei Programmi Operativi Nazionali.

Per ognuna di queste attivit si fatto uso di specifici strumenti di comunicazione/informazione, alcuni dei quali a carattere stabile che hanno accompagnato costantemente il Programma Operativo per tutto larco della sua durata: creazione del Sito Web del POR Calabria 2000 - 2006; realizzazione di campagne di sensibilizzazione con affissioni di manifesti pubblicitari e attraverso spot televisivi; produzione di diversi prodotti informativi (pieghevoli , opuscoli e CD-ROM); Newsletter CalabriaReport; trasmissioni televisive regionali.

Sono stati progettati, realizzati e distribuiti al grande pubblico: n. 10.000 copie del POR Calabria 2000-2006; n. 10.000 copie del Complemento di Programmazione; n. 10.000 copie del QCS Obiettivo I; n. 10.000 copie di Regolamenti Comunitari dei Fondi Strutturali 2000-2006; n. 3.000 Pubblicazioni a stampa cartacea del POR (ultima versione divulgativa); n. 5.000 Pubblicazioni a stampa cartacea del Complemento di Programmazione (ultima versione divulgativa); n. 3.000 cd-rom multimediali interattivi ipertestuali del POR Calabria 2000-2006, completo di allegati e studi; n. 5.000 cd-rom multimediali interattivi ipertestuali del Complemento di Programmazione completo di allegati e studi;

E stato anche progettato e distribuito un cd-rom autodidattico ed informativo per le scuole secondarie superiori, sul tema delle Politiche dellUnione Europea per lo sviluppo regionale e sugli obiettivi e le strategie di intervento del POR Calabria 2000-2006, che contiene anche un
25

glossario delle definizioni e dei termini per orientarsi nellambito della Programmazione 2002006 e della normativa comunitaria ed un indice dei Regolamenti comunitari con un motore di ricerca interno per termine. La Pubblicit degli Interventi Strutturali sui media stata attuata per mezzo di n. 21 specifiche trasmissioni televisive a diffusione regionale quali talk show (durata 30 minuti) e special (durata 20 minuti), dal titolo Insieme in Europa i cui contenuti hanno riguardato in particolare la pubblicit di notizie sullattuazione dei Fondi Strutturali dellUnione Europea, dei bandi di gare dappalto, delle attivit finanziate e delle buone prassi seguite. Per accompagnare la pubblicit degli interventi, sono state realizzata due Campagne pubblicitarie sui media attuata per mezzo di due spot tv della durata massima di 30 secondi realizzate sulla base di script a soggetto che ha posto in luce il ruolo svolto dallUnione Europea in Calabria grazie ai Fondi Strutturali, dal titolo: La spinta per migliorarsi Macchinina.

In particolare le attivit di informazione e comunicazione hanno avuto un loro incremento negli anni 2006/2007 sia mediante la pubblicit dei bandi e degli avvisi di gara (n. 75 campagne integrate di informazione per la promozione dei bandi di gara, avvisi, linee guida, graduatorie sul BUR Calabria, sul sito internet dei Fondi Strutturali della Regione Calabria, comunicati stampa, pubblicazioni di articoli ed inserti sugli organi di stampa a tiratura regionale e nazionale) sia mediante la pubblicit delle notizie sugli interventi del POR Calabria 2000-2006. Questa ultima ha trovato una sua collocazione allinterno del sito internet dei Fondi Strutturali (www.regione.calabria.it/por) e nei portali della Progettazione Integrata Territoriale (portale dei PIT www.regione.calabria.it/pit - www.regione.calabrika.it/psu ), e degli Accordi di Programma Quadro (portale degli APQ www.regione.calabria.it/apq). E stato altres realizzato un servizio informativo sulle attivit del POR Calabria 2000-2006 reso operativo da web e via telefono (servizio di contact center POR: comunicazione.por@regcal.it telefono n. 0961 858235 e 0961 858204). Il servizio informativo ha garantito per tutto lanno 2006, assistenza tecnica al pubblico (n. 135 contatti on line via internet e n. 78 gestiti via telefonica). stato attivo anche uno speciale servizio informazioni sui bandi PIT denominato: Sportello Informativo Bandi PIT (servizio informativo PIT: sportelloinformativobandipit@regcal.it, telefono n. 0961 368035 e 368112). Al raggiungimento delle priorit del Piano di Comunicazione POR Calabria 2000-2006, hanno contribuito nellanno 2007, la realizzazione e distribuzione di due nuovi prodotti editoriali: Regolamenti Comunitari sui Fondi Strutturali 2007-2013 POR Calabria 2000-2006 I Progetti Integrati Territoriali

Sono stati stampati e distribuiti rispettivamente n. 5.000 copie (Regolamenti Comunitari) e di n. 3.000 copie (Progetti Integrati Territoriali PIT). Nello specifico, la Raccolta dei Regolamenti Comunitari sui Fondi Strutturali 2007-2013, ha avuto la finalit di diffondere le priorit di intervento dei Fondi Strutturali, nonch, le modalit e le procedure di attuazione dei Programmi cofinanziati dallUnione Europea al fine di consentire agli operatori un corretto orientamento sulle opportunit offerte dalle risorse comunitarie. Con questo prodotto la Regione Calabria, per rafforzare i principi di trasparenza ed efficacia che caratterizzano lazione amministrativa, intende fornire un supporto conoscitivo sul quadro
26

normativo di riferimento a quanti, cittadini, professionisti, amministratori e imprese si interessano alla nuova Programmazione 2007-2013. Il Dossier sui PIT evidenzia le modalit di attuazione della strategia regionale basata sul principio della programmazione dal basso a sostegno della razionalizzazione, crescita e implementazione dei sistemi locali di sviluppo in Calabria. Con tale rapporto si cercato di offrire un quadro conoscitivo dei PIT della Regione Calabria e, in particolare, delle idee forza, degli obiettivi e delle strategie di intervento, fornendo una ricognizione sul loro stato di attuazione e producendo elementi oggettivi per una prima valutazione di tale esperienza, anche in vista della nuova Programmazione dei Fondi Strutturali 2007-2013. Nel complesso le attivit di comunicazione del Piano di Comunicazione hanno evidenziato la grande difficolt di ricondurre a unitariet la comunicazione del POR Calabria 2000 2006. La comunicazione non ha avuto sul territorio limpatto atteso. Si registra una non sufficiente conoscenza delle tematiche connesse ai Fondi Strutturali e al ruolo dellUnione Europea per lo sviluppo e la crescita del territorio. Risulta, pertanto, quanto mai necessaria una pi efficace comunicazione che avvicini i cittadini calabresi allEuropa ed alla politica europea e che garantisca informazione di qualit e trasparenza sui Fondi Strutturali. Di ci si tenuto conto nella predisposizione del Piano di Comunicazione per il POR Calabria FESR 2007 2013.

27

3. 3.1.

PIANO DI COMUNICAZIONE Contenuti

Il Piano di Comunicazione del POR Calabria FESR 2007 2013 individua gli obiettivi e gli strumenti di informazione e comunicazione programmati dalla Regione Calabria per informare i cittadini, le istituzioni e le imprese sulle opportunit offerte dal Programma Operativo. Nel dettaglio il Piano di Comunicazione definisce: a) gli obiettivi generali, specifici e operativi da perseguire;

b) i destinatari delle attivit di comunicazione ed informazione; c) la strategia di comunicazione;

d) le attivit programmate per comunicare le opportunit offerte dal Programma Operativo, nonch per assicurare la diffusione dei risultati e degli impatti che saranno conseguiti (contenuti del Piano); e) f) i mezzi di comunicazione che si intende impiegare nella realizzazione del Piano di Comunicazione (gli strumenti); le procedure, le modalit ed i soggetti responsabili dellattuazione del Piano di Comunicazione;

g) il sistema di sorveglianza e monitoraggio delle attivit sviluppate nellambito del periodo di implementazione del Programma Operativo; h) le modalit di valutazione dellefficienza e dellefficacia nel conseguimento degli obiettivi assunti a base del Piano di Comunicazione. La programmazione e la definizione delle attivit operative puntuali sono demandate ai Piani di Comunicazione Annuali. I contenuti delle azioni di comunicazione dovranno sempre evidenziare il ruolo dellUnione Europea e il valore aggiunto delle politiche di coesione promosse a livello comunitario e messe in atto a livello regionale e locale in particolare i risultati ottenuti attraverso limplementazione della strategia di Lisbona rinnovata e della strategia di Goteborg.

3.2.
3.2.1.

Obiettivo Generale e Obiettivi Specifici e Operativi


Obiettivo Generale

La Calabria attraversa in questi anni un periodo in cui prevale un diffuso sentimento di sfiducia verso lazione della Pubblica Amministrazione anche a seguito dei molteplici fatti di cronaca che hanno prodotto un crescente distacco tra istituzioni e cittadini. In questo clima diffuso di sfiducia anche le iniziative positive realizzate finiscono per essere non adeguatamente valorizzate. La Regione Calabria intende invertire questa tendenza, segnando un momento di forte discontinuit, in occasione dellavvio dei Programmi Operativi della Programmazione Regionale Unitaria 2007 2013.
28

E necessario ricostruire, attraverso lattuazione dei Programmi Operativi, le reti di fiducia e di partecipazione diretta della societ calabrese, in tutte le sue forme e modalit di rappresentanza. La definizione e la selezione dei progetti dovr essere il risultato di processi trasparenti, efficaci ed efficienti. La comunicazione dei risultati che saranno prodotti dovr essere costante, innovativa e partecipata. Per raggiungere questi obiettivi necessario informare lopinione pubblica e i potenziali beneficiari/attuatori dei progetti in merito agli obiettivi che si vogliono conseguire a livello territoriale e settoriale, alle opportunit e alle modalit di partecipazione ai bandi di gara e pi in generale ad assumere un ruolo attivo nella costruzione di una nuova Calabria che vuole proiettarsi definitivamente in Europa. E in questo contesto che si inserisce il Piano di Comunicazione presentato in questo documento per il quale la Regione Calabria ha destinato risorse finanziarie importanti (7.195.776 euro) e superiori a quelle destinate dai POR delle altre Regioni italiane. Una attenzione particolare nel Piano di Comunicazione dedicata al coinvolgimento diretto nelle attivit di informazione e comunicazione del Partenariato Istituzionale e Socio-Economico e dei Media di Comunicazione. Lobiettivo realizzare una cooperazione continua e strutturata, basata sui principi della responsabilit e della partecipazione, tra questi Soggetti e lAmministrazione Regionale con lobiettivo comune di ricostruire la fiducia dei cittadini, delle istituzioni locali, delle imprese e dei lavoratori, attorno ai processi e ai progetti che saranno attivati con la Programmazione Regionale Unitaria 2007 2013. Linnovazione pi rilevante del Piano di Comunicazione comunque rappresentata dal coinvolgimento diretto delle nuove generazioni nella sua attuazione. E questo un obiettivo ambizioso ma strategico che riflette una delle principali priorit dei Programmi Operativi della Programmazione Regionale Unitaria 2007 2013. Le nuove generazioni, oltre che ad essere uno dei principali target delle azioni dei Programmi Operativi, rappresentano quella parte di societ calabrese dalla quale indispensabile ripartire per ricostruire la nuova Calabria. E con loro e attraverso di loro che potr essere possibile costruire capitale sociale e fiducia nel futuro. Sono i giovani di oggi i protagonisti del domani della nostra Calabria ed bene che conoscano, condividano e partecipino attivamente alla realizzazione delle politiche di sviluppo della loro regione per i prossimi dieci anni. Il Piano di Comunicazione richieder proprio ai giovani, attraverso modalit concrete e innovative da loro stessi individuate, di rendersi protagonisti attivi e partecipi delle politiche di sviluppo regionali, sia per i temi di loro maggiore interesse sia per le tematiche pi generali. Gli Obiettivi del Piano di Comunicazione del POR Calabria FESR 2007 - 2013 sono definiti: a partire dallanalisi di contesto; tenendo conto dei risultati e delle criticit emerse nellattuazione del Piano di Comunicazione del POR Calabria 2000/2006; sulla base degli obiettivi e della strategia del POR Calabria FESR 2007 - 2013; in coerenza con i Regolamenti comunitari in materia di Informazione e Comunicazione; in coerenza con gli indirizzi del Quadro Strategico Nazionale in materia di Informazione e Comunicazione.

Inoltre gli Obiettivi del Piano sono definiti tenendo conto della decisione dellAmministrazione Regionale di realizzare una comunicazione il pi possibile unitaria e integrata per tutti i Programmi Operativi che costituiscono la Programmazione Regionale Unitaria 2007-2013.

29

LObiettivo Globale del Piano di Comunicazione del POR Calabria FESR 2007 2013 il seguente. Restituire fiducia ai calabresi sulle possibilit di crescita e sviluppo della regione attraverso le opportunit offerte dallEuropa. Da questo Obiettivo Globale si declinano gli Obiettivi Generali e Specifici del Piano di Comunicazione del POR Calabria FESR 2007-2013.

3.2.2.

Obiettivi Specifici e Operativi

Gli Obiettivi Specifici e Operativi del Piano di Comunicazione del POR Calabria FESR 2007 2013 sono i Quattro sono riportati di seguito. Obiettivo Specifico 1 Far conoscere a tutti i potenziali beneficiari le finalit e le opportunit offerte dal POR Calabria FESR 2007-2013 e le modalit per accedervi al fine di garantire la maggiore partecipazione possibile in termini di numero di progetti presentati. LObiettivo Specifico si articola nei seguenti Obiettivi Operativi: Obiettivo Operativo 1.1 - Promuovere la conoscenza degli obiettivi, delle strategie e delle le linee di intervento e di sviluppo regionale del POR Calabria FESR 2007-2013; Obiettivo Operativo 1.2 - Dare adeguata visibilit ai Bandi di gara.

Obiettivo Specifico 2 Assicurare la trasparenza nellutilizzo dei Fondi Strutturali. LObiettivo Specifico si articola nei seguenti Obiettivi Operativi: Obiettivo Operativo 2.1 - Fornire ai potenziali beneficiari indicazioni chiare ed esaurienti su: le condizioni di ammissibilit da rispettare per poter beneficiare del finanziamento nel quadro del POR; la descrizione delle procedure di presentazione delle domande di finanziamento e delle rispettive scadenze; i criteri di selezione delle operazioni da finanziare; lindicazione delle strutture e delle persone di riferimento a livello nazionale, regionale e locale che possono fornire informazioni sul POR Calabria FESR 2007-2013.

Obiettivo Operativo 2.2 - Rendere trasparenti le informazioni relative ai progetti finanziati e al loro stato di avanzamento. Obiettivo Operativo 2.3 - Dare visibilit allazione svolta dalla Regione Calabria e dalla Commissione Europea nel contrasto alle frodi e alle irregolarit nellutilizzo dei Fondi Strutturali; Obiettivo Operativo 2.4 - Dare ampia diffusione alle decisioni del Comitato di Sorveglianza.

Obiettivo Specifico 3.
30

Promuovere e sensibilizzare lopinione pubblica sul ruolo svolto dallUnione Europea nelle politiche di sviluppo della Regione, delle aree depresse e delle categorie svantaggiate e sullimpatto dellEuropa nella vita quotidiana dei calabresi. LObiettivo Specifico si articola nei seguenti Obiettivi Operativi: Obiettivo Operativo 3.1 - Evidenziare limpatto economico-sociale atteso dai progetti, valorizzare il valore aggiunto comunitario, evidenziare il ruolo svolto dai fondi comunitari, in particolare dal FESR, attraverso il cofinanziamento dei progetti di sviluppo territoriali e settoriali; Obiettivo Operativo 3.2 - Stimolare i beneficiari dei progetti a diventare testimoni del successo della politica di coesione per il territorio calabrese;

Obiettivo Specifico 4. Far comprendere allopinione pubblica qual sia il modello di sviluppo della Calabria individuato nel POR Calabria FESR 2007-2013 e ricondurre la comunicazione sui singoli Assi e Settori di intervento nellambito del pi ampio disegno strategico delineato dalla Programmazione Regionale Unitaria 2007-2013. LObiettivo Specifico si articola nei seguenti Obiettivi Operativi: Obiettivo Operativo 4.1 - Facilitare la comprensione del POR Calabria FESR 2007- 2013 attivando iniziative di comunicazione ad hoc sulle politiche e sugli interventi previste dai singoli Assi Prioritari; Obiettivo Operativo 4.2 - Dare adeguata visibilit ai Grandi Progetti e ai Progetti Strategici Regionali.

31

3.3.

Gruppi di Destinatari

Il modello partecipativo, promosso dalla regolamentazione comunitaria, fondato su un ampio coinvolgimento degli stakeholders (istituzioni investite del processo di programmazione e degli attori socioeconomici impegnati nel settore di intervento del Programma) richiede una forte promozione e diffusione dei risultati ottenuti per innescare meccanismi virtuosi e di scambio di best practice tra i diversi attori coinvolti. Il Piano di Comunicazione ha il compito, di comunicare le leve azionate con il valore aggiunto comunitario e in particolare migliorare la trasparenza, la cooperazione e il coordinamento tra i diversi Soggetti attuatori e beneficiari del Programma Operativo. Il Piano di Comunicazione del POR Calabria FESR 2007 2013 individua i seguenti Gruppi di Destinatari: Beneficiari Potenziali; Beneficiari Effettivi; Grande Pubblico; Gruppi di Destinatari Specifici: Giornalisti e Media di Comunicazione. Organismi Intermedi. Partenariato Istituzionale e Socio Economico. Istituzioni Comunitarie e Nazionali. Pubblico Interno.

Nei paragrafi successivi riportata una descrizione analitica dei singoli Gruppi di Destinatari.

3.3.1.

Beneficiari Potenziali

I Beneficiari potenziali sono sicuramente il target privilegiato del Piano di Comunicazione del POR Calabria FESR 2007 2013. Il POR Calabria FESR 2007 2013 ha individuato esplicitamente tali Beneficiari potenziali, ossia tutti gli interessati ad usufruire dei finanziamenti per la realizzazione delle operazioni previste da ogni singolo Asse Prioritario per gli specifici Settori di intervento. Essi sono i seguenti: Regione Calabria, anche attraverso proprie Agenzie in House ai sensi della normativa comunitaria e nazionale vigente. Amministrazioni Provinciali, anche attraverso proprie Agenzie in House ai sensi della normativa comunitaria e nazionale vigente. Comunit Montane e Comuni della Calabria. Enti Strumentali Regionali. Enti Territoriali.
32

Enti e Amministrazioni Centrali gestori di servizi con sedi nel territorio regionale. Sorical SpA, Autorit di Ambito (ATO) e relativi Soggetti Gestori, Consorzi di Bonifica Autorit di Bacino. Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale (ArpaCal). Enti Parco, Enti Gestori di Aree Protette, Associazioni Ambientaliste. Istituti Scolastici. Enti di Formazione. Universit, Enti Pubblici di Ricerca, Centri di Ricerca Pubblici e Privati, Parchi Scientifici e Tecnologici. Fondazioni Culturali, Enti Teatrali Societ miste partecipate da Enti Pubblici. Associazioni ed Organismi senza fini di lucro No profit (ONLUS; ONG), Imprese e loro consorzi Aziende sanitarie e Aziende ospedaliere Associazioni legalmente costituite per la valorizzazione del territorio Organizzazioni operanti nel privato sociale Agenzie di sviluppo Enti e Istituzioni Ecclesiastiche. Enti e Soggetti per la Promozione Turistica. Autorit Portuali, Societ di Gestione di Stazioni Aeroportuali e Marittime, RFI, ANAS, ENAC, ENAV, Societ Municipalizzate di Trasporto Pubblico. Enti o Soggetti Concessionari o Affidatari o Gestori di: Servizi Pubblici o di Pubblica Utilit. Infrastrutture Pubbliche o di Pubblica Utilit. Istituti Centrali e Periferici del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali.

Nei loro riguardi lAutorit di Gestione ha il compito di assicurare che siano diffusi in modo accessibile i contenuti del POR Calabria FESR 2007-2013 e di garantire che le informazioni sulle possibilit di finanziamento offerte dalla Unione Europea e dagli Stati membri siano diffuse in maniera ampia. Inoltre la Regione informer i potenziali beneficiari che una volta accettato il finanziamento, essi verranno inclusi in un elenco di beneficiari dei contributi, che sar poi reso pubblico. 3.3.2. Beneficiari Effettivi

I Beneficiari effettivi sono i reali utilizzatori del finanziamento, coloro che usufruiranno dei benefici del POR Calabria FESR 2007-2013 in seguito alla selezione dei progetti. Anche i Beneficiari effettivi hanno precisi obblighi di informazione e comunicazione: devono, infatti, rispettare le prescrizioni previste per lallestimento pubblicitario del materiale informativo del POR Calabria FESR 2007-2013 e devono informare il pubblico della sovvenzione comunitaria ottenuta.
33

LAutorit di Gestione ha il compito di far rispettare tali obblighi nonch di: creare un elenco di beneficiari dei progetti e dei relativi importi di cui usufruiranno, che sar reso pubblico; garantire che i beneficiari siano informati di tale azione assumendo le opportune responsabilit.

I beneficiari effettivi del POR Calabria FESR 2007-2013, oltre ad essere un target di riferimento, sono al tempo stesso testimoni di successo della politica di coesione, perch la realizzazione concreta dei loro progetti il mezzo tangibile per far comprendere allopinione pubblica come lEuropa interviene sul territorio. LAutorit di Gestione intende prescrivere lobbligo per i beneficiari finali di documentare lo stato iniziale dei luoghi e le varie fasi di realizzazione del progetto con materiale video e fotografico da inserire sul sito internet della Regione Calabria ed utilizzare per ogni altra esigenza di comunicazione. 3.3.3. Grande Pubblico

Il Grande Pubblico il terzo destinatario privilegiato del Piano di Comunicazione con lobiettivo di fare comprendere ai cittadini che lintervento dellEuropa li riguarda direttamente ed ha riflessi importanti nella loro vita quotidiana. Lopinione pubblica deve acquisire la consapevolezza che lUnione Europea, lo Stato italiano e la Regione Calabria lavorano insieme per obiettivi comuni e concreti, indirizzando le risorse dei cittadini verso progetti di sviluppo, finalizzati alla crescita, alloccupazione e alla coesione economica, sociale e territoriale. In questo contesto importante far sentire lEuropa pi vicina ai cittadini calabresi, ma anche far percepire a questi ultimi la dimensione sempre pi europea della loro cittadinanza e le prerogative che discendono dal loro essere europei. Il Piano di Comunicazione deve prevedere specifiche azioni per informare, con continuit, i cittadini su come vengono utilizzate le risorse finanziarie comunitarie, nazionali e regionali, e su quali sono i progetti finanziati e realizzati con tali risorse. Si tratta, in generale, di garantire la trasparenza nellutilizzazione dei fondi pubblici, un imperativo fondamentale in termini di democrazia, da perseguire anche attraverso la messa in rete dellelenco dei Progetti finanziati. Le azioni di informazione e comunicazione per il Grande Pubblico devono essere concrete e devono costituire una sorta di documentario che si costruisce e si arricchisce durante tutto il periodo di attuazione del POR Calabria FESR 2007 2013, attraverso la presentazione di soggetti, luoghi e progetti reali avviati e realizzati, la cui trama unitaria data dal ruolo che la politica regionale europea svolge per lo sviluppo del territorio. Gli stessi Beneficiari, adempiendo ai loro obblighi di pubblicit, per i quali saranno sottoposti a controllo, dovranno contribuire, attraverso le loro storie, a costruire tale documentario. Il Piano di Comunicazione preveder azioni specifiche per i maggiori target che costituiscono il Grande Pubblico: cittadini occupati/disoccupati, anziani, giovani diplomati e laureati, donne, il mondo della scuola, etc. 3.3.4. Gruppi di Destinatari Specifici

Il Piano di Comunicazione del POR Calabria FESR 2007 2013, oltre alle categorie presentate nei paragrafi precedenti, prevede azioni specifiche di comunicazione per i seguenti target:
34

Giornalisti e Media di Comunicazione; Organismi Intermedi; Partenariato Istituzionale e Socio Economico; Istituzioni Comunitarie e Nazionali; Pubblico Interno.

La peculiarit di questi target di destinatari legata alla loro funzione di moltiplicatori dellinformazione e al ruolo che possono assumere per tutte le attivit di sensibilizzazione e animazione. Giornalisti e Media di Comunicazione Il coinvolgimento dei giornalisti e dei mezzi di informazione (quotidiani, periodici, radio e TV, agenzie di stampa, house-organ delle associazioni e delle istituzioni, etc.) un elemento importante per diffondere e dare visibilit al POR Calabria FESR 2007 -2013 e pi in generale al ruolo dellUnione Europea. In questo contesto necessario stabilire flussi informativi continuativi con i giornalisti affinch siano costantemente aggiornati sullandamento del POR Calabria FESR 2007 - 2013. Tali flussi informativi dovranno prevedere la produzione da parte dellAmministrazione regionale di materiali che non siano mere traduzioni di documenti burocratici, ma che presentino in forma sintetica e agile notizie interessanti per tutti i target di beneficiari e per il Grande Pubblico. Organismi Intermedi. Gli Organismi Intermedi hanno un rapporto diretto con i beneficiari dei Fondi e in questo senso dovranno svolgere una funzione importante per rendere consapevoli questi ultimi degli obblighi di pubblicit e del ruolo di testimoni delle politiche di coesione. Essi inoltre dovranno sorvegliare e verificare sullapplicazione delle norme sulla pubblicit da parte dei beneficiari. Partenariato Istituzionale e Socio- Economico. Nel Partenariato sono attivi soggetti pubblici e privati (Comuni, Province, Universit, Associazioni di categorie, Associazioni di rappresentanza dei lavoratori, Terzo Settore etc.), con cui la Regione ha avviato durante la fase di redazione del POR Calabria FESR 2007-2013 un lavoro di integrazione e di confronto, che si protrarr per tutta la durata del settennio. Il Partenariato partecipa a tutte le fasi di preparazione, attuazione, sorveglianza e valutazione del POR Calabria FESR 2007-2013. Come si vedr pi avanti, lAutorit di Gestione intende valorizzare il ruolo del Partenariato coinvolgendolo appieno nelle attivit di comunicazione, informazione e animazione sul territorio. Il coinvolgimento del Partenariato avverr sulla base di specifici progetti che dovranno rispondere agli indirizzi e alle condizionalit del Piano di Comunicazione, anche al fine di organizzare in maniera capillare, efficiente ed efficace una rete informativa sul territorio. Istituzioni Comunitarie e Nazionali. Le Istituzioni Comunitarie e Nazionali sono destinatari del Piano di Comunicazione delle informazioni sullo stato di attuazione del Programma Operativo, in quanto Soggetti cofinanziatori del POR Calabria FESR 2007 2013.

35

Accanto a questa funzione passiva, il Piano di Comunicazione preveder la partecipazione diretta delle Istituzioni Comunitarie e Nazionali nella realizzazione di specifiche azioni di comunicazione finalizzate a rafforzare il loro ruolo di Soggetti della politica regionale unitaria. Tali azioni dovranno consentire di accorciare le distanze tra tali Istituzioni e la Calabria. Pubblico Interno. Una attenzione specifica nel Piano di Comunicazione sar dedicata allo specifico target costituito dal Pubblico Interno, cio linsieme degli Addetti ai Lavori della Programmazione Regionale Unitaria. Tale target costituito dai Responsabili delle attivit del POR e, in generale, da tutti i dipendenti e collaboratori direttamente coinvolti a vario titolo nellattuazione, sorveglianza, controllo e valutazione del Programma Operativo. Tali Soggetti sono al tempo stesso destinatari e produttori dei flussi informativi e in questa seconda accezione anchessi parte del processo di comunicazione verso il Pubblico Esterno. Le informazioni circostanziate e tempestive provenienti dal Pubblico Interno relativamente a procedure di selezione aperte e allidentificazione delle buone pratiche sono infatti la base fondamentale di partenza su cui costruire la comunicazione verso lesterno.

36

3.4.
3.4.1.

Strategia di Comunicazione
Messaggi Chiave

La Regione Calabria, per presentare in modo omogeneo la strategia e gli strumenti di comunicazione del Piano di Comunicazione del POR Calabria FESR 2007-2013, utilizzer il seguente messaggio che esplicita la missione del Programma Operativo: Il POR Calabria FESR 2007-2013 rappresenta linsieme delle politiche volte a recuperare il ritardo della Calabria nel contesto europeo, traducendo le risorse materiali e immateriali in occasioni di sviluppo duraturo e sostenibile. Questo messaggio sar poi declinato in tutti gli Obiettivi Specifici e gli Assi Prioritari del Programma in modo da mettere in luce la missione del Fondo nelle politiche di sviluppo settoriali (esempio: Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) sostiene linsieme delle politiche individuate dalla Regione per far decollare le energie rinnovabili, nel quadro della politica europea di settore. Il messaggio dovr essere tradotto in uno slogan semplice e di forte impatto, che metta in luce il ruolo dellEuropa. Un possibile slogan il seguente: In Calabria, con lEuropa, investiamo nel futuro. Per la individuazione dei messaggi chiave e degli strumenti di comunicazione da utilizzare per specifici piani e progetti che vedono le nuove generazioni come target si prevede anche la possibilit di realizzare concorsi a idee riservati a giovani calabresi.

3.4.2.

Approccio Strategico

Il Piano di Comunicazione ha come mission principale quella di sostenere gli interventi del Programma Operativo e migliorarne la governance rimuovendo le distanze tra cittadini e decisori e tenendo conto delle reali esigenze delle cittadine e dei cittadini calabresi. Questo nuovo modo di affrontare i temi della Comunicazione un importante effetto delle policy comunitarie (valore aggiunto comunitario) che, attraverso la regolamentazione comunitaria, favoriscono una maggiora visibilit ai cittadini, alla comunit, alle imprese e alle altre amministrazioni locali coinvolte nellimplementazione degli interventi/operazioni promossi dallAmministrazione Regionale e cofinanziati dallUnione Europea Il Piano di Comunicazione stato elaborato e sar attuato adottando alcuni principi guida, di seguito riportati, orizzontali agli Obiettivi Specifici e Operativi del Piano stesso. Garantire una Informazione Completa e Tempestiva Linformazione dovr essere completa e tempestiva, cio adeguata per quanto concerne i contenuti e tempi di risposta alle richieste provenienti dai cittadini, dai potenziali beneficiari, dalla stampa. In questo contesto le attivit di comunicazione dovranno essere avviate subito dopo lapprovazione del presente Piano di Comunicazione per valorizzare al massimo la naturale
37

attenzione e aspettativa dei beneficiari e dei destinatari del Programma Operativo. Un grande e innovativo evento di lancio sar realizzato nel mese di maggio 2008 per segnare subito i tempi e i contenuti della Programmazione Regionale Unitaria 2007 2013. Adottare un Approccio Unitario e Integrato per la Comunicazione della Programmazione Regionale Unitaria 2007 - 2013. La comunicazione del POR Calabria FESR 2007-2013 dovr essere perfettamente integrata e contestualizzata allinterno della Politica Regionale Unitaria 2007-2013. La strategia di comunicazione dovr pertanto non settorializzare linformazione per i singoli Programmi Operativi, ma avere un approccio unitario e integrato per problemi, target di destinatari, sistemi territoriali allinterno della cornice strategica definita dalla Programmazione Regionale Unitaria. In questo contesto sar indispensabile utilizzare messaggi e strumenti comuni e omogenei (anche dal punto di vista grafico) di comunicazione per tutti i Programmi Operativi (es. Portale della Programmazione Regionale Unitaria, News-letter della Programmazione Regionale Unitaria, etc.). Adottare Appropriati Stili, Linguaggi e Identit per la Comunicazione. Il Piano di Comunicazione adotter uno stile informativo oggettivo e neutro nella elaborazione dei contenuti rispetto ai vari target d destinatari. Il linguaggio che sar utilizzato per la comunicazione dovr essere semplice, accessibile a tutti e privo di inutili tecnicismi. E importante rifuggire il gergo amministrativo e veicolare le informazioni, i contenuti del Programma Operativo e i risultati raggiunti attraverso il linguaggio di uso corrente al fine di garantire la massima accessibilit alle informazioni da parte di tutti. Per raggiungere tale scopo indispensabile la collaborazione di un giornalista professionista. Per lattuazione del Piano di Comunicazione del POR Calabria FESR 2007 2013 si creer unidentit riconoscitiva del Programma Operativo che nel testo e nella grafica rifletta gli elementi essenziali della strategia di comunicazione. Tale identit dovr essere realizzata attraverso lideazione del logo identificativo accompagnato da un messaggio chiave che evidenzi il valore aggiunto dellintervento comunitario. Il messaggio dovr essere visibile, chiaro e facilmente identificabile, adattabile ai differenti strumenti e canali di comunicazione e in grado di trasmettere contenuti complessi in maniera semplice. Comunicare i Progetti Strategici e di Eccellenza. Il Piano di Comunicazione preveder la realizzazione di specifiche Campagne di Informazione e Comunicazione che accompagneranno la realizzazione di Progetti Strategici e di Eccellenza di particolare valenza per lattuazione della Programmazione Regionale Unitaria 2007 2013. Per questi Progetti, nellambito del Piano di Comunicazione, sar possibile realizzare azioni di animazione, informazione e comunicazione finalizzate a coinvolgere attivamente i potenziali beneficiari e destinatari durante tutte le fasi di predisposizione e attuazione dei progetti stessi. Adottare Modelli e Strumenti di Comunicazione Mirati per Target di Beneficiari e Destinatari. Non tutti gli strumenti sono adatti a comunicare con tutti i pubblici e per tale motivo si dovr tenere conto del target a cui ci si rivolge.

38

In linea generale, anche sulla base dei dati emersi dallanalisi di contesto, la comunicazione verso il grande pubblico privileger in misura maggiore la radio e la televisione (i mezzi pi diffusi in Calabria) seguita dalla carta stampata. Questa comunicazione sar integrata da eventi sul territorio. In questo contesto notevole importanza rivestir tutto il processo di programmazione territoriale e progettazione integrata previsto dal POR Calabria FESR 2007 2013. Linformazione su internet verr utilizzata soprattutto per linformazione ai potenziali beneficiari, che tradizionalmente utilizzano di pi il web. Realizzare una Rete di Partnership con i Media e le Rappresentanze Istituzionali e SocioEconomiche. Il conseguimento di obiettivi ambiziosi e rilevanti dal punto di vista sociale, quali sono quelli assunti dal Piano di Comunicazione, richiede la sottoscrizione un Patto di Collaborazione tra lIstituzione Regionale, i Media di Comunicazione nazionali e regionali, il Partenariato Istituzionale e Socio-Economico regionale. Il Patto dovr impegnare la Regione Calabria, i Media e il Partenariato a garantire uninformazione costante, oggettiva e qualificata ai Beneficiari e ai Destinatari delle Politiche Regionali Unitarie. In definitiva una comunicazione positiva in grado di creare un rapporto virtuoso di fiducia e partecipazione dei cittadini, delle istituzioni e delle imprese alla crescita della Calabria. Il presupposto di base perch ci avvenga la conoscenza completa e continua da parte dei Soggetti coinvolti dei contenuti, delle procedure, dei progetti e dei risultati dei Programmi Operativi della Programmazione Regionale Unitaria 2007 2013. Il Piano di Comunicazione destiner una specifica linea di azione a questo obiettivo. Coinvolgere le Nuove Generazioni nella Realizzazione del Piano di Comunicazione. Le nuove generazioni, oltre che ad essere uno dei principali target delle azioni dei Programmi Operativi, rappresentano quella parte di societ calabrese dalla quale indispensabile ripartire per ricostruire la nuova Calabria. E con loro e attraverso di loro che potr essere possibile costruire capitale sociale e fiducia nel futuro. Sono i giovani di oggi i protagonisti del domani della nostra Calabria ed bene che conoscano, condividano e partecipino attivamente alla realizzazione delle politiche di sviluppo della loro regione per i prossimi dieci anni. Il Piano di Comunicazione richieder proprio ai giovani, attraverso modalit concrete e innovative da loro stessi individuate, di rendersi protagonisti attivi e partecipi delle politiche di sviluppo regionali, sia per i temi di loro maggiore interesse sia per le tematiche pi generali. Aumentare la Capacit della Pubblica Amministrazione Regionale e Locale in Materia di Comunicazione e Trasparenza. Un inadeguato livello di comunicazione e trasparenza dellazione della Pubblica Amministrazione deprime le prospettive di sviluppo di un territorio, riducendo losservanza delle norme e delle regole, accrescendo lincertezza degli attori economici e, dunque, i loro investimenti, producendo iniquit sociale, frenando la stessa capacit di produrre servizi collettivi. Il Piano di Comunicazione dovr, anche attraverso lutilizzazione delle risorse dellAsse VII Capacit Istituzionale del POR Calabria FSE 2007 2013 (Obbiettivo Operativo Q5), prevedere:
39

la creazione di una Rete dei Responsabili della Comunicazione nei Dipartimenti regionali, nelle Amministrazioni Provinciali, nei Comuni titolari dei Progetti Integrati di Sviluppo Urbano. Alla Rete potranno aderire i Soggetti Responsabili dei Progetti Integrati di Sviluppo Locale; lo sviluppo delle competenze e la condivisione di modelli e strumenti comuni di informazione e comunicazione da parte dei Soggetti della Rete.

40

3.5.

Contenuti e Strumenti di Attuazione

Tutte le attivit del Piano di Comunicazione dovranno prevedere e marcare con forza il ruolo dellUnione Europea e del valore aggiunto delle politiche comunitarie per lo sviluppo innovativo e sostenibile del territorio e della societ regionale, per potenziare la competitivit territoriale e per rafforzare la coesione. 3.5.1. Collana Editoriale

La definizione dei Prodotti Editoriali del Piano di Comunicazione del POR Calabria FESR 2007-2013 dovr essere effettuata in progress. Lobiettivo quello di realizzare una Collana Editoriale che comprende a titolo indicativo, i seguenti Prodotti: Documenti di Programmazione Strategici (DUP 2007-2013); Programmi Operativi Regionali; Normativa Comunitaria, Nazionale e Regionale di riferimento; Manuali e Linee Guida; Rapporti di Valutazione delle Politiche Regionali Unitarie; Studi e Ricerche; Cataloghi dei Progetti Realizzati; Information Package per i Bandi di Gara; Piani di Informazione e Comunicazione per i Progetti Strategici; News Letter della Politica Regionale Unitaria; Brochure Generali e Tematiche; Atti di seminari, Workshop e Convegni; Rapporti Tematici per i Quotidiani; Rapporti Annuali sullo Stato di Attuazione della Programmazione Regionale Unitaria.

Tutti questi prodotti avranno una impostazione grafica unitaria, strutturata e coordinata con il Sito Istituzionale (Sezione dedicata al Piano di Comunicazione). 3.5.2. Portale Calabria Europa

Il Portale tematico della Programmazione Regionale Unitaria realizzato dal Dipartimento Programmazione Nazionale e Comunitaria della Regione Calabria si chiama Calabria Europa e nasce con lobiettivo di consentire un accesso facile, diretto e immediato alle informazioni. Il Portale Calabria Europa considerato lo strumento pi utile del Piano di Comunicazione e costituir la struttura stabile e di riferimento per tutte le informazioni concernenti il POR Calabria FESR 2007 -2013 e pi in generale lintera Programmazione Regionale Unitaria 2007 2013. Attraverso il Portale saranno, tra laltro: lanciati, promossi e gestiti i bandi e gli avvisi di gara:

41

fornite informazioni puntuali e aggiornate sullo stato di attuazione del Programma Operativo (monitoraggio e valutazione); fornite informazioni sui lavori e sulle decisioni del Comitato di Sorveglianza e del Comitato di Coordinamento del Programma Operativo; fornite e pubblicizzate le informazioni relative agli eventi in programma; fornite le informazioni relative ai progetti finanziati mediante la pubblicazione della lista dei beneficiari, nonch le notizie sui progetti particolarmente significativi realizzati; pubblicati i documenti rilevanti del POR Calabria FESR 2007 2013 e pi in generale della Programmazione Regionale Unitaria 2007 2013.

Le informazioni allinterno del Portale Calabria Europa saranno organizzate tenendo presenti i differenti segmenti di utenza che lo utilizzano, le regole sullusabilit e laccessibilit e saranno oggetto di tempestivi aggiornamenti. Nel Portale sar pubblicata anche la Newsletter della Politica Regionale Unitaria di cui al successivo paragrafo.

42

43

3.5.3.

News Letter

Il Piano di Comunicazione prevede la realizzazione di due News-Letter rispondenti a finalit diverse, ma tra loro integrate e complementari, che per ragioni di uniformit comunicativa avranno la medesima testata registrata. Calabria Europa News Calabria Europa news sar una new-sletter telematica disponibile sul Portale Calabria Europa e distribuita per e-mail a tutti coloro che ne faranno richiesta. La testata sfrutter limmediatezza e la tempestivit del sito internet, fornendo news aggiornate settimanalmente, rivolte principalmente a tutti i possibili beneficiari. Sar una sorta di agenzia di notizie sullEuropa, che provengono al 70% dalla Regione Calabria e al 30% da altre istituzioni (DPS, Commissione Europea etc.) i cui siti saranno costantemente monitorati. Calabria Europa Magazine Calabria Europa Magazine si propone come uno strumento di approfondimento giornalistico sulla Politica Regionale Unitaria, particolarmente curato nella grafica. La testata sar rivolta, in primo luogo, a tutti i potenziali beneficiari, ma anche allopinione pubblica generale, oltre che naturalmente allAmministrazione Regionale e ai suoi Organi politici. Lobiettivo quello di tenere un faro costantemente accesso sullEuropa che punti a far comprendere ai calabresi limpatto dellUnione Europea nella vita quotidiana, a dare visibilit allo sforzo messo in campo dallAmministrazione regionale per cogliere le opportunit offerte dalla Unione Europea, ad offrire, soprattutto ai potenziali beneficiari, uninformazione accurata su iniziative di loro interesse. Per rispondere a tali finalit la news-letter dovr coniugare lapprofondimento giornalistico con linformazione di servizio e pertanto sar articolata in due sezioni: la prima, di taglio giornalistico, conterr inchieste, dossier, articoli e approfondimenti su temi connessi alla politica europea e regionale che saranno di volta in volta definiti, la seconda sezione sar di servizio e conterr notizie su bandi (nuovi e in scadenza), eventi, opportunit e sar armonizzata costantemente con Calabria Europa News.

A queste due sezioni potr aggiungersene una terza costituita da rubriche su argomenti di utilit per i lettori. La cadenza della news sar bimestrale e sar distribuita in supporto web e cartaceo. 3.5.4. Campagne di Comunicazione

Le Campagne di Comunicazione radio televisive e su carta stampata saranno previste nelle fasi salienti dellattuazione del POR Calabria FESR 2007-2013, ed in particolare in occasione: del lancio del Programma Operativo Regionale; della conclusione delle valutazioni previste dal Piano delle Valutazioni per darne adeguata diffusione; della presentazione del Rapporto Annuale della Politica Regionale Unitaria; dellavvio e della conclusione di Progetti di rilevanza strategica o che si caratterizzano per il loro contenuto innovativo;

44

della chiusura del Programma Operativo, per la presentazione dei risultati raggiunti.

Le campagne saranno indirizzata al grande pubblico e ai potenziali beneficiari e avranno lo scopo di pubblicizzare le opportunit offerte dal POR Calabria FESR 2007-2013 o dare visibilit ai risultati raggiunti. Le campagne di comunicazione utilizzeranno in maniera integrata i seguenti strumenti sulla base di specifici Piani dei Media: spot e trasmissioni radio e televisivi; manifesti, locandine, pannelli espositivi e brochure da utilizzare per la pubblicit allinterno di spazi pubblici; video promozionali e divulgativi; specifiche sezioni del Portale Calabria Europa e di altri Siti internet di interesse; servizio di Numero Verde.

Tutti gli strumenti e i prodotti che verranno utilizzati nelle Campagne di Comunicazione saranno realizzati in conformit e nel rispetto degli obblighi previsti dalla normativa comunitaria in materia di informazione e comunicazione. 3.5.5. Eventi

Il Piano di Comunicazione prevede la realizzazione di un Programma di Eventi (Convegni, Seminari, Formativi e Divulgativi, Altri Eventi Innovativi) che sar definito annualmente. Nel seguito sono riportati a titolo esemplificativo alcuni degli eventi che saranno realizzati, Comitati di Sorveglianza Le riunioni del Comitato di Sorveglianza saranno adeguatamente pubblicizzate attraverso la specifica Sezione del Portale Calabria Europa e con comunicazioni sui media locali. A conclusione dei lavori del Comitato di Sorveglianza sar organizzata una conferenza stampa, invitando la stampa e le televisioni regionali, per presentare i risultati e le decisioni assunte dal Comitato. A tal fine sar predisposta una specifica documentazione che verr distribuita ai giornalisti (comunicato stampa). Evento di Lancio del Programma Operativo. Levento di lancio del Programma Operativo, che verr realizzato nel mese di maggio 2008, coincide di fatto con lavvio operativo della Programmazione Regionale Unitaria 2007 2013. Levento, che seguir un ciclo di incontri territoriali a livello provinciale realizzati dal Presidente della Regione nel mese di marzo e aprile 2008 e i Comitati di Sorveglianza del POR Calabria FESR 2007 2013 e del POR Calabria FSE 2007 -2013, finalizzato a: fare conoscere i principali risultati del POR Calabria 2000 2006 a livello settoriale e territoriale; presentare i Progetti strategici della Programmazione Regionale Unitaria 2007 2013 a livello settoriale e territoriale; coinvolgere in maniera attiva i Soggetti attuatori dei Progetti del POR Calabria 2000 2006 anche attraverso la predisposizione di stand tematici e territoriali e la realizzazione di concorsi per la premiazione dei migliori Progetti realizzati;

45

coinvolgere da subito i potenziali beneficiari della Programmazione Regionale Unitaria attraverso incontri e dibattiti sulle specifiche tematiche del POR Calabria FESR 2007 2013. Si prevede di realizzare un programma di incontri e focus group da realizzare nel corso dellevento; comunicare le opportunit del POR Calabria FESR 2007-2013 e a sensibilizzare i cittadini sul ruolo svolto dallUnione Europa.

Levento, che sar realizzato con la collaborazione e il coinvolgimento del Partenariato Istituzionale e Socio-Economico e dei Media di Comunicazione, sar articolato in tre giornate. Incontro di Presentazione del Rapporto Annuale sullo Stato di Attuazione della Programmazione Regionale Unitaria. Il Piano di Comunicazione preveder la realizzazione nel mese di giugno di ciascun anno, a partire dal 2008, di un incontro per la presentazione e la discussione del Rapporto Annuale sullo Stato di Attuazione della Programmazione Regionale Unitaria. Il Rapporto di fatto comprender i contenuti del Rapporto Annuale di Esecuzione del POR Calabria FESR 2007 2013 e levento costituir loccasione per la sua presentazione e discussione pubblica. Salone Annuale delle Politiche Regionali di Sviluppo. In occasione della presentazione del Rapporto Annuale sullo Stato di Attuazione della Programmazione Regionale Unitaria sar organizzato, a partire dal 2009, il Salone Annuale delle Politiche Regionali di Sviluppo. Levento finalizzato a: presentare lo stato di attuazione dei Progetti strategici della Programmazione Regionale Unitaria 2007 2013 a livello settoriale e territoriale; coinvolgere in maniera attiva i Soggetti attuatori dei Progetti del POR Calabria FESR 2007 2013 anche attraverso la predisposizione di stand tematici e territoriali e la realizzazione di concorsi per la premiazione dei migliori Progetti realizzati; coinvolgere i potenziali beneficiari della Programmazione Regionale Unitaria attraverso incontri e dibattiti sulle specifiche tematiche del POR Calabria FESR 2007 2013. Si prevede di realizzare un programma di incontri e focus group da realizzare nel corso dellevento; comunicare le opportunit del POR Calabria FESR 2007-2013 e a sensibilizzare i cittadini sul ruolo svolto dallUnione Europa.

Levento, che sar realizzato con la collaborazione e il coinvolgimento del Partenariato Istituzionale e Socio-Economico e dei Media di Comunicazione, sar articolato in due giornate. Seminari Tematici e Territoriali. Il Piano di Comunicazione preveder la realizzazione di specifici seminari, workshop, focus group, finalizzati a: sostenere e accompagnare il processo della Programmazione Territoriale e della Progettazione Integrata previsto dal POR Calabria FESR 2007 2013; sostenere e accompagnare il processo di pianificazione strategica e elaborazione dei Progetti Integrati di Sviluppo Urbano previsti dal POR Calabria FESR 2007 2013;

46

attivare un confronto continuo con lopinione pubblica e i soggetti interessati alle problematiche connesse al raggiungimento degli Obiettivi di Servizio fissati dal QSN e dal POR Calabria FESR 2007 2013; creare momenti periodici di confronto sulle Priorit tematiche, settoriali e territoriali del POR Calabria FESR 2007 2013 con la partecipazione di esperti, amministratori pubblici, beneficiari e destinatari delle specifiche politiche pubbliche.

Evento di Chiusura del Programma Operativo. Levento di chiusura del Programma Operativo, che verr realizzato nel mese di dicembre 2015, avr lobiettivo di illustrare risultati ottenuti attraverso lattuazione del POR Calabria FESR 2007 2013. Altri Eventi Specifici. Il Piano di Comunicazione potr prevedere la realizzazione di specifici eventi per il lancio di Progetti strategici regionali o in occasione di incontri con le Istituzioni europee e nazionali. 3.5.6. Prodotti Multimediali

Il Piano di Comunicazione prevede la realizzazione di prodotti multimediali (Video, CD-ROM, DVD) di facile fruizione la diffusione delle informazioni verso il grande pubblico ed i media. I prodotti multimediali (audio-visivi) che saranno realizzati nel Piano di Comunicazione saranno relativi prioritariamente a: presentazione degli obiettivi, delle strategie, dei progetti e dei risultati del POR Calabria FESR 2007 2013 (in generale e per Assi / Settori Prioritari); presentazione di Progetti Strategici Regionali e di Progetti Esemplari; presentazione di eventi realizzati di particolare interesse.

I prodotti multimediali saranno utilizzati nel corso degli eventi organizzati dallAutorit di Gestione, per la messa in onda televisiva e possono anche essere distribuiti ai Media e ai Soggetti del Partenariato Istituzionale e Socio-Economico. 3.5.7. Trasmissioni Televisive e Radiofoniche

Dai dati Istat relativi agli indici di fruizione dei media in Calabria citati nellanalisi di contesto si rileva che i cittadini calabresi leggono poco i quotidiani, per guardano abbastanza la televisione e ascoltano con frequenza la radio. Per comunicare al grande pubblico bisogna, quindi, puntare su questi due media. Verranno messe a punto trasmissioni ad hoc da veicolare attraverso le tv e le radio locali finalizzate a far comprendere ai cittadini il ruolo dellEuropa nello sviluppo del territorio e a dare visibilit ai progetti realizzati. Le trasmissioni dovranno essere di forte impatto e dovranno stimolare la curiosit, mettendo in luce le concrete realizzazioni attuate tramite la politica strutturale dellUnione. Come verr specificato nel successivo paragrafo relativo alla cooperazione con le scuole sono state previste modalit specifiche per coinvolgere gli studenti nella ideazione dei format televisivi e radiofonici e nella loro realizzazione, rendendo i giovani i veri protagonisti della comunicazione sullEuropa.

47

3.5.8.

Spazio Europa

Il Piano di Comunicazione prevede lallestimento di uno stand informativo permanente, denominato Spazio Europa presso la sede dellAutorit di Gestione. Lo stand sar realizzato per poter essere utilizzato, anche allesterno nellambito degli eventi previsti dal Piano di Comunicazione. Nello stand informativo Spazio Europa verranno sempre esposte la bandiera europea, la bandiera italiana, la bandiera della Regione Calabria e le bandiere delle cinque Province della Calabria. In occasione della Festa dellEuropa, il 9 maggio, si allestir una specifica sezione dello stand per dare evidenza allavvenimento e verr esposta per una settimana, davanti alla sede dellAutorit di Gestione, la bandiera dellUnione Europea. Lo stand informativo Spazio Europa sar articolato in Aree Generali (che avranno carattere permanenti) e Aree Settoriali / Tematiche (che ruoteranno temporalmente allinterno dello stand max 2 - 3 Aree contemporaneamente). Le Aree Generali sono, a titolo esemplificativo, le seguenti: Area Documentazione, Area Informazione e Comunicazione. NellArea Documentazione sar possibile visionare o prelevare la Documentazione della Collana Editoriale e i Prodotti Multimediali. LArea Informazione e Comunicazione sar costituita da due Totem Informativi collegati al Portale Calabria Europa e da due stampanti attraverso le quali sar possibile stampare i materiali di interesse dei visitatori. Nelle due Aree saranno disponibili due Schermi Informativi che attraverso, due specifici Video prodotti ad hoc illustreranno i contenuti della Collana Editoriale e dei Prodotti Multimediali e i contenuti del Portale Calabria Europa. Le due Aree Generali saranno costituite da due ambienti separati da pannelli mobili che verranno utilizzati anche per la presentazione dei contenuti di interesse. Le Aree Settoriali / Tematiche sono in linea di massima corrispondenti agli Assi / Settori Prioritari del POR Calabria FESR 2007 2013. Ciascuna Area sar strutturata secondo un percorso che fornir al visitatore con semplicit e immediatezza le seguenti informazioni: lo stato della Calabria in confronto al Mezzogiorno, allItalia e allEuropa (attraverso la presentazione di un insieme limitato e significativo di indicatori); gli obiettivi che si vogliono raggiungere attraverso il POR Calabria FESR 2007 2013 e, pi in generale, la Programmazione Regionale Unitaria 2007 2013 (attraverso la presentazione dei valori di previsione degli indicatori di cui al punto precedente); le strategie e le azioni previste dal POR Calabria FESR 2007 2013 e, pi in generale, dalla Programmazione Regionale Unitaria 2007 2013 per il raggiungimento degli obiettivi di cui al punto precedente (attraverso la presentazione di semplici schede graficamente attraenti che semplificano i contenuti dei Programmi operativi). quali azioni sono i principali progetti realizzati, in corso di realizzazione e programmati (attraverso la presentazione di semplici ed efficaci schede informative e foto).

Ciascuna Area Settoriale / Tematica sar costituita da un Totem Informativo collegati al Portale Calabria Europa e da una stampante attraverso la quali sar possibile stampare i materiali di interesse dei visitatori. NellArea sar disponibile uno Schermo Informativo che attraverso, uno specifico Video prodotto ad hoc illustrer i contenuti del percorso prima descritto.

48

Ciascuna Area Settoriale sar costituita da un insieme di pannelli mobili che verranno utilizzati anche per la presentazione dei contenuti di interesse. 3.5.9. Cartelloni e Targhe Esplicative

I Beneficiari effettivi, a seguito della notifica da parte dellAmministrazione Regionale o degli Organismi Intermedi dellavvenuto finanziamento dei Progetti proposti nellambito del POR Calabria FESR 2007 2013, assumono il ruolo di produttori dinformazione e sono soggetti allobbligo di esporre cartelloni e targhe esplicative nei luoghi delle operazioni finanziate nei casi previsti allart. 8 del Regolamento (CE) n. 1828/2006. LAutorit di Gestione provveder a predefinire dei format grafici per le differenti tipologie di cartelloni e targhe permanenti contenenti gli elementi identificativi obbligatori. Per garantire il completo rispetto della normativa comunitaria lAutorit di Gestione selezioner, attraverso un Bando Pubblico, una Societ che avr il compito di realizzare e installare i cartelloni e le targhe permanenti per tutte le operazioni cofinanziate nei casi previsti dallart. 8 del Regolamento (CE) n. 1828/2006. A seguito dellinstallazione dei cartelloni e delle targhe permanenti la Societ incaricata dallAutorit di Gestione dovr provvedere alla realizzazione di un servizio fotografico che riporta lo stato dei lavori per le specifiche operazioni e il posizionamento dei cartelloni e delle targhe permanenti installate. Linsieme di queste informazioni dovr essere inserito, dalla Societ incaricata, nella Banca Dati dei Progetti presente sul Portale Calabria Europa in corrispondenza della specifiche operazioni cofinanziate. La Banca Dati dei Progetti permetter la loro georeferenziazione. La Societ incaricata dellinstallazione dei cartelloni informativi e delle targhe permanenti sar attivata direttamente dallAmministrazione Regionale o dagli Organismi Intermedi al momento della notifica del finanziamento ai Beneficiari per quanto riguarda i cartelloni e a seguito del collaudo per quanto riguarda le targhe permanenti. 3.5.10. Oggettistica Promozionale Il Piano di Comunicazione prevede la realizzazione di oggettistica promozionale (gadgets) per stimolare la curiosit e lattenzione dei destinatari e aumentare lefficacia delle azioni di comunicazione. I gadgets saranno distribuiti in occasione degli eventi pi importanti previsti dal Piano di Comunicazione. Si prevede di realizzare le seguenti tipologie di oggettistica promozionale da distribuire gratuitamente: penne, matite, block notes, righelli, borse, calendari, diari, pen-drives, tappetini per mouse, etc. La realizzazione degli oggetti, compatibilmente con le loro dimensioni, prevede una grafica coordinata che dovr comprendere, oltre allemblema comunitario, anche lemblema della Repubblica Italiana e della Regione Calabria, il logo e il messaggio della campagna o dellevento a cui sono collegati, nonch lindirizzo del Portale Calabria Europa.

49

Campagne di Comunicazione

Info Point Spazio Europa

Produzioni Multimediali

News Letter

Cartelloni e Targhe

Collana Editoriale

Portale Calabria Europa

Eventi

Obiettivo Operativo

Obiettivo Operativo 1.1

Promuovere la conoscenza degli obiettivi, delle strategie e delle le linee di intervento e di sviluppo regionale del POR Calabria FESR 2007-2013.

xxxx xxxx

xxxx xxxx

xxxx xx

xxxx xx

xxxx xxxx

xxxx xxx

xxxx

Obiettivo Operativo 1.2 Dare adeguata visibilit ai Bandi di gara. Fornire ai potenziali beneficiari indicazioni chiare ed esaurienti su: - le condizioni di ammissibilit da rispettare per poter beneficiare del finanziamento nel quadro del POR; - la descrizione delle procedure di presentazione delle domande di Obiettivo Operativo 2.1 finanziamento e delle rispettive scadenze; - i criteri di selezione delle operazioni da finanziare; - lindicazione delle strutture e delle persone di riferimento a livello nazionale, regionale e locale che possono fornire informazioni sul POR Calabria FESR 2007-2013. Rendere trasparenti le informazioni relative ai progetti finanziati e al loro stato di Obiettivo Operativo 2.2 avanzamento. Dare visibilit allazione svolta dalla Regione Calabria e dalla Commissione Obiettivo Operativo 2.3 Europea nel contrasto alle frodi e alle irregolarit nellutilizzo dei Fondi Strutturali. Obiettivo Operativo 2.4 Dare ampia diffusione alle decisioni del Comitato di Sorveglianza. Evidenziare limpatto economico-sociale atteso dai progetti valorizzando il contributo della politica di coesione e del cofinanziamento comunitario. Stimolare i beneficiari dei progetti a diventare testimoni del successo della politica di coesione per il territorio calabrese.

xxxx

xxxx

xx

xxx

xxx

xxx

xx xx

xxxx xxxx xxxx

xxxx xxxx

xxxx

Obiettivo Operativo 3.1 Obiettivo Operativo 3.2

xxxx xxxx

xxxx xxxx

xxxx xxxx

xxxx xxxx

xxxx xxxx

xxxx

xxxx xxxx

xxxx xxxx

Facilitare la comprensione del POR Calabria FESR 2007- 2013 attivando Obiettivo Operativo 4.1 iniziative di comunicazione ad hoc sulle politiche e sugli interventi previste dai singoli Assi Prioritari. Obiettivo Operativo 4.2 Dare adeguata visibilit ai Grandi Progetti e ai Progetti Strategici Regionali..

xxxx xxxx

xxxx xxxx

xxxx xxxx

xxxx xxxx

xxxx xxxx

xxxx xxxx

xxxx xxxx xxxx

3.6.

Progetti Strategici Orizzontali

Il Piano di Comunicazione prevede la realizzazione di alcuni Progetti Strategici Orizzontali finalizzati a dare implementazione concreta agli obiettivi e ai principi presentati nel Paragrafo 3.4.2. I Progetti previsti, che potranno essere integrati nel corso dellattuazione del Piano di Comunicazione, sono i seguenti: Progetto Trasparenza, Democrazia e Partecipazione. Progetto Comunicare con le Nuove Generazioni. Progetto Comunicare i Diritti e lInclusione Sociale. Progetto Trasparenza, Democrazia e Partecipazione

3.6.1.

Il Progetto Trasparenza, Democrazia e Partecipazione finalizzato ad avvicinare la popolazione alla vita amministrativa della Regione Calabria, attraverso una maggiore e pi efficace comunicazione sulle attivit svolte e il supporto alla interazione continua e semplificata tra tutti i soggetti interessati. Il Progetto si articola nella predisposizione e attivazione di un insieme di servizi disponibili sul Portale Calabria Europa di seguito descritti sinteticamente. Sportello Informativo Lo Sportello Informativo permetter ad ogni Soggetto Destinatario (Istituzioni, Imprese, Cittadini, etc.) di un Progetto nellambito dei Programmi Operativi della Programmazione Regionale Unitaria di richiedere al Responsabile del Procedimento specifiche informazioni (o richieste di sollecito) sullo stato delle procedure tecnico-amministrative connesse allattuazione del suo Progetto. Le richieste automaticamente dovranno essere inviate anche allAutorit di Gestione del Programma Operativo di riferimento e allUfficio del Partenariato Istituzionale e Socio Economico. Le procedure e i tempi di risposta saranno codificati ed obbligatori e gestiti automaticamente. Il sistema conterr una sezione statistica sulla qualit dei servizi resi ai cittadini e sulle migliori e peggiori pratiche che determiner meccanismi di premi e sanzioni per le Amministrazioni Pubbliche, i Dirigenti e i Funzionari coinvolti. Forum delle Politiche Regionali Unitarie Il forum on line dovr permettere ai Soggetti interessati di inviare osservazioni, proposte, critiche, valutazioni sulla Politica Regionale Unitaria e sulle strategie di realizzazione, su tutte le attivit in corso e sui risultati raggiunti. Il Forum, che dovr permettere linterazione e il confronto tra i diversi Soggetti (Istituzioni, Imprese, Cittadini), sar gestito da uno o pi Moderatori. Repertorio dei Progetti della Politica Regionale Unitaria Il repertorio sar accessibile ad ogni cittadino e in esso saranno riportate tutte le schede dei progetti finanziati dalla Politica Regionale Unitaria (dal 2000 in poi), classificate per settore e territori. Pertanto, appena completato liter di finanziamento sar possibile seguire le fasi di realizzazione degli interventi. Il repertorio permetter levidenziazione e la pubblicizzazione delle buone e delle cattive pratiche. Gli utenti del repertorio potranno richiedere on-line ulteriori informazioni al Responsabile del Procedimento o inserire loro commenti o osservazioni stimolando, cos, discussioni e confronti. Pubblicazione e Gestione dei Bandi e degli Avvisi di Gara

Tutti i Bandi e Avvisi di Gara relativi ai Programmi Operativi delle Politiche Regionali Unitarie 2007-2013 (effettuati sia dai Beneficiari che dalle Stazioni Appaltanti) saranno pubblicati nella specifica Sezione del Portale Calabria Europa secondo una procedura standard. Dovr essere gestita una fase di pre-pubblicazione per consentire la presentazione di richieste e/o suggerimenti di integrazione e/o modifica attraverso la formulazione di istanze specifiche. La durata della pre-pubblicazione dovr essere di 20 giorni. Nella sezione saranno resi disponibili modelli standard di Bandi e Avvisi da utilizzare e la manualistica per la Elaborazione e la Gestione dei Bandi e degli Avvisi di Gara. Nella stessa sezione saranno pubblicati gli Information Package a corredo della documentazione dei bandi/avvisi. Nella sezione dovr inoltre essere riportato lo stato di attuazione del bando fino alla pubblicazione delle graduatorie e leventuale presenza di ricorsi. Infine nella sezione sar attivata una sezione statistica sulla qualit dei Bandi e degli Avvisi (come valutati dai Beneficiari), sui tempi di realizzazione e sulle migliori/peggiori pratiche. Le informazioni presentate potranno essere utilizzate per prevedere meccanismi di premi/sanzioni per le Amministrazioni Pubbliche, i Dirigenti e i Funzionari coinvolti. Selezione delle Figure Professionali per lAssistenza Tecnica allAttuazione dei Programmi Operativi. Il servizio, disponibile nella specifica Sezione del Portale Calabria Europa, permetter ai Soggetti interessati di inserire on-line il curriculum vitae (in formato standard europeo), di ogni ulteriore informazione utile e di documenti elettronici. E prevista unarticolazione delle figure professionali per area/settore di competenze e per livello professionale. Per ciascun coppia area/settore di competenze livello professionale saranno definite delle griglie automatiche di valutazione dei curricula e i valori minimi di ammissibilit. I Soggetti interessati, a conclusione dellinserimento del curriculum potranno conoscere la valutazione dello stesso e la posizione nella specifica graduatoria per quanto attiene i criteri oggettivi di valutazione. Sulla base delle specifiche definite per le procedure di selezione, lapplicazione gestir le fasi di selezione dei candidati. A conclusione delle procedure di selezione saranno pubblicati i risultati delle selezioni con i punteggi attribuiti ai singoli soggetti e, conseguentemente, i vincitori della selezione. Le selezioni avranno una durata temporale (presumibilmente sei mesi) e, scaduti i termini, dovranno essere rigenerate le varie graduatorie. Nel sistema sar inserita la documentazione adottata per la gestione del rapporto di collaborazione ed ogni altra informazione utile (le tipologie, la normativa di riferimento, i costi unitari delle collaborazioni, le modalit di gestione del rapporto di collaborazione) sulla base della normativa vigente.

LAutorit di Gestione intende dare grande visibilit al Progetto Trasparenza, Democrazia e Partecipazione, ed in particolare al Repertorio dei progetti e allo Sportello informativo che costituiscono un elemento portante del Piano di Comunicazione. A tale scopo, non appena sar attivata la piena funzionalit del portale Calabria Europa, sar prevista una conferenza stampa per la presentazione pubblica ai giornalisti e ai potenziali beneficiari, aperta a tutti i cittadini. La conferenza stampa servir a spiegare la missione del portale, a mostrare le sue funzionalit e a dare visibilit al Repertorio on-line dei progetti come testimonianza tangibile della trasparenza adottata dalla Regione Calabria nella gestione dei fondi comunitari. Inoltre lindirizzo internet del portale Calabria Europa dovr sempre essere presente in tutti gli strumenti di comunicazione che saranno attivati (news-letter, trasmissioni televisive, comunicati stampa, locandine, campagne pubblicitarie, etc. ).
52

3.6.2.

Progetto Comunicare con le Nuove Generazioni

Le nuove generazioni, oltre che ad essere uno dei principali target delle azioni dei Programmi Operativi, rappresentano quella parte di societ calabrese dalla quale indispensabile ripartire per ricostruire la nuova Calabria. E con loro e attraverso di loro che potr essere possibile costruire capitale sociale e fiducia nel futuro. Sono i giovani di oggi i protagonisti del domani della nostra Calabria ed bene che conoscano, condividano e partecipino attivamente alla realizzazione delle politiche di sviluppo della loro regione per i prossimi dieci anni. Il Piano di Comunicazione richieder proprio ai giovani, attraverso modalit concrete e innovative da loro stessi individuate, di rendersi protagonisti attivi e partecipi delle politiche di sviluppo regionali, sia per i temi di loro maggiore interesse sia per le tematiche pi generali. I Programmi Operativi Regionali FERS e FSE danno centralit alle giovani generazioni prevedendo numerose misure, trasversali a tutti gli Assi Prioritari, finalizzate a sostenere la socializzazione, la partecipazione ai processi di sviluppo, la formazione, linserimento nel mondo del lavoro e la creativit artistica dei giovani. Il Piano di Comunicazione prevede specifiche azioni di comunicazione finalizzate, da un lato, a far conoscere ai giovani i progetti e gli interventi loro destinati dai Programmi Operativi Regionali, e dallaltro lato a coinvolgere i giovani nelle attivit di comunicazione, anche attraverso iniziative che premino la creativit e accrescano il senso di appartenenza allEuropa. Di seguito si riportano a titolo esemplificativo, alcune delle possibili azioni da realizzare nellambito del Piano di Comunicazione. Festival della Creativit. Nellambito del Piano di Comunicazione sar organizzato annualmente il Festival della Creativit per le Nuove Generazioni. La Regione Calabria, attraverso la realizzazione del Festival, vuole costruire uno spazio di comunicazione innovativo, progettato e autogestito dai giovani, che permetta: di individuare le politiche e le azioni pubbliche pi adeguate a sostenere la creativit e le aspirazioni delle nuove generazioni in Calabria; di favorire il confronto e lo scambio di esperienze tra giovani calabresi e giovani provenienti da altre regioni italiane e europee per la costruzione di percorsi, individuali e di gruppo, finalizzati a migliorare, attraverso linnovazione e la creativit, le loro prospettive professionali e di vita; di presentare le migliori e pi innovative esperienze realizzate dalle nuove generazioni in Calabria per consentirne la migliore diffusione (si prevedono concorsi con premi per i diversi ambiti);

Il Festival della Creativit potr avere una durata variabile tra due e tre giornate e potr prevedere al proprio interno eventi culturali e musicali, seminari, gruppi di lavoro, stand espositivi e dimostrativi ed ogni altro evento coerente con le finalit prima riportate. La progettazione del Festival sar realizzata attraverso un concorso a idee riservato ai giovani calabresi di et compresa tra i 16 e i 29 anni. Ciclo di Seminari LEuropa incontra i giovani e lancio della consultazione pubblica sulla comunicazione.

53

I Seminari saranno da realizzare preferibilmente in collaborazione con le tre universit calabresi per presentare la Programmazione Regionale Unitaria 2007-2013 in una chiave di lettura trasversale, tarata cio sulle opportunit offerte ai giovani in tutti gli ambiti di intervento previsti dai Programmi Operativi. In occasione dei Seminari verr distribuito l opuscolo LEuropa per i giovani calabresi, appositamente realizzato, che spiegher nel dettaglio cosa prevede per i giovani la Programmazione Regionale Unitaria 2007-2013. La prima parte dei Seminari avr una funzione informativa, la seconda parte promuover invece un dibattito su come i giovani calabresi percepiscono lEuropa e su cosa propongono per migliorare la comunicazione sullEuropa e sulla Programmazione Regionale Unitaria, al fine di raccoglierne le istanze. I Seminari dovranno lanciare il dibattito su questo tema che poi proseguir su internet nella forma di una consultazione pubblica della durata di due-tre mesi, aperta a tutti, ma rivolta principalmente alle giovani generazioni. Al termine della consultazione, la Regione Calabria raccoglier le eventuali proposte in un documento finale che potr essere propedeutico alla realizzazione di un Piano Operativo di Comunicazione rivolto ai giovani nel periodo 2008-2013. Lazione proposta in linea con la politica di comunicazione della Commissione europea che si fonda su tre principi: ascoltare, comunicare e prendere contatto con i cittadini a livello locale. LEuropa va in Camper. Un camper itinerante, opportunamente allestito, attraverser la Calabria da nord a sud, sostando nei principali paesi e citt della regione per portare ai giovani, nelle case, nelle piazze e nelle scuole, linformazione diretta sullEuropa e sulle opportunit offerte dalla Programmazione Regionale Unitaria 2007-2013. Il Camper soster per un paio di giorni in ogni tappa, sar attrezzato con materiali informativi opportunamente predisposti e potr prevedere la presenza di esperti in grado di offrire informazioni personalizzate. Per animare il Camper potr essere prevista una mascotte che si recher nelle scuole e nei luoghi di aggregazione per pubblicizzare larrivo del Camper e richiamare i giovani. In collaborazione con i Comuni potr essere prevista lanimazione nelle piazze. Liniziativa sar supportata da unintesa attivit di ufficio stampa. Si dovr prevedere un evento di lancio per la partenza del Camper con il taglio del nastro da parte del Presidente della Regione Calabria, un costante invio di comunicati ai media locali per seguire le varie tappe ed un evento finale (ad esempio un concerto). Concorso Fotografico. La Regione Calabria fornir a tutte le scuole una macchina fotografica professionale per consentire agli studenti di realizzare foto deffetto sugli angoli sconosciuti e inediti della regione e sui progetti pi interessanti realizzati con i Fondi europei, offrendo una rappresentazione della Calabria diversa da quella radicata nellimmaginario collettivo. Le migliori foto saranno premiate con una cerimonia ad hoc e potranno essere raccolte in un calendario che sar distribuito nelle scuole e ai cittadini. Le foto potranno anche essere oggetto di una mostra permanente sul tema la Calabria vista dai giovani, eventualmente da allestire presso la Cittadella Regionale, la futura sede della Regione Calabria.
54

3.6.3.

Progetto Comunicare i Diritti e la Solidariet

Il Progetto finalizzato a sostenere, attraverso adeguate azioni di informazione, comunicazione e animazione, le politiche orizzontali per le pari opportunit per donne e uomini, l'integrazione sociale delle persone svantaggiate e il contrasto alla discriminazione, accrescendo la consapevolezza dei cittadini e dei soggetti svantaggiati dei diritti personali, di cittadinanza e in materia di parit e non discriminazione, nel quadro dei valori di base dell'Unione Europea. I Soggetti destinatari del Progetto saranno quindi sia i destinatari delle politiche di inclusione sia i soggetti chiamati, a diverso titolo, ad attuare le stesse politiche (Amministrazioni, Imprese, Partenariato Istituzionale e Socio-Economico, Scuole ed Universit). Il Progetto, che sar coordinato dalla Task Force regionale del Dipartimento Diritti e Pari Opportunit della Presidenza del Consiglio dei Ministri, finalizzato a: Favorire laccesso ai Soggetti a rischio di esclusione ai finanziamenti previsti dai Programmi Operativi, informandoli circa le azioni predisposte, gli interventi e le politiche messe in atto per la promozione della parit e per laccesso alle opportunit. Elaborare informazioni specifiche per consolidare il sistema relazionale della rete di animatori predisponendo adeguati strumenti ed azioni di comunicazione. Diffondere esempi di cooperazione sociale non discriminatori per contrastare gli stereotipi. Contribuire alla produzione sociale di competenze in materia di pari opportunit e non discriminazione. Favorire laccumulo di capitale sociale nei territori calabresi, assicurando il contributo di segmenti di popolazione normalmente esclusi da questi processi. Predisporre sistemi di comunicazione ed informazione che attivino la partecipazione pubblica Migliorare le funzioni di ascolto dellAmministrazione regionale rendendola in grado di intercettare ed interpretare le domande di policy che provengono da settori svantaggiati o marginali (raccolta ed analisi di informazioni su efficacia delle azioni di comunicazione, percezione diffusa del tema, priorit, canali da preferire).

Le azioni del Progetto sono riportate di seguito. Rete di Animatori e Sportelli Il Progetto prevede la strutturazione a livello regionale di una rete di animatori/informatori (interpreti e mediatori culturali, volontari del servizio civile e stakeholders informali), che attivi e presidi localmente, attraverso sportelli dedicati, processi di promozione sociale, inclusione, partecipazione. Gli animatori funzioneranno come moltiplicatori sul territorio di informazioni e conoscenze e costituiranno, al tempo stesso, dei terminali per monitorare costantemente i fabbisogni e i risultati delle politiche di inclusione. Produzione di Materiali Il Progetto prevede la produzione di strumenti di comunicazione adattati ai contenuti ed alle linee di attivit specifici ed ai target delle politiche di genere e non discriminazione, a supporto degli animatori e degli sportelli. I prodotti e la comunicazione potranno essere organizzata per ambiti tematici: cultura ed interculturalit, lavoro, sviluppo compatibile con il miglioramento della qualit della vita, anche in termini di maggiore vivibilit e conciliabilit dei tempi, salute, trasporti etc.

55

I materiali pi importanti potranno essere realizzati anche in pi lingue per permetterne la fruizione ai cittadini immigrati. Campagne Itineranti di Comunicazione Il Progetto prevede la realizzazione di campagne itineranti di comunicazione attraverso mezzi di trasporto attrezzati. Le campagne di comunicazione permetteranno la promozione e la divulgazione degli interventi previsti dai Programmi Operativi e la realizzazione di reportage e documentari. Gli eventi previsti allinterno delle campagne di comunicazione sono workshops, panel di discussione, incontri per testimonianze informali (percorsi di carriera inconsueti o di uscita da condizioni di svantaggio; realizzazione lavorativa, etc), proiezioni, performance, mostre, anche relativi ad attivit e prodotti realizzati dalle organizzazioni sociali locali. Le campagne di comunicazione saranno promosse in cooperazione con gli Enti e le Associazioni locali. Si prevede inoltre la promozione e la realizzazione, sul territorio calabrese, di campagne di comunicazione promosse da Amministrazioni ed Enti nazionali, europee ed internazionali relative ai temi di pari opportunit e non discriminazione.. Attivit Promoeducative. Il Progetto prevede la realizzazione di un insieme di interventi di sensibilizzazione e informazione nelle scuole primarie e secondarie per ambiti tematici - quali leducazione alla cittadinanza attiva, laffettivit, la cultura dellaccoglienza, gli stereotipi sui ruoli di genere anche attraverso: lanalisi e la presentazione di casi reali positivi in ambito scolastico ed extrascolastico (accoglienza di nuovi alunni immigrati o diversamente abili, uso di spazi comuni in ambito urbano, etc.); la realizzazione di concorsi e premi per le migliori esperienze di inclusione in ambito scolastico e locale;.

Le attivit permetteranno la realizzazione da parte dei ragazzi delle scuole di testi, ipertesti, piccoli libri, videocassette, DVD o CD-rom che saranno selezionati e successivamente diffusi nelle scuole e nelle manifestazioni culturali in Calabria. Per quanto riguarda le Universit il Progetto prevede la realizzazione di premi per le tesi pi interessanti sui temi dellinclusione. Prodotti Culturali. Il Progetto prevede la realizzazione, attraverso il diretto coinvolgimento di soggetti svantaggiati, di attivit e produzioni culturali sui temi dellinclusione e finalizzati ad innalzare il livello di conoscenza e responsabilit dei cittadini e delle Amministrazioni.. Inoltre sar valutata la possibilit di sostenere lattivazione di un programma radiofonico (anche fruibile su web) con taglio giornalistico/culturale che tratter i diversi temi dellesclusione. Bilancio di genere Il Progetto sosterr la realizzazione e la diffusione nelle Amministrazioni regionali della Calabria del Bilancio di Genere.

56

Citt Virtuale dellUguaglianza Il Progetto prevede la realizzazione, attraverso le tecnologie dei mondi virtuali, di un ambiente interattivo di modello ideale di Citt dellUguaglianza da utilizzare come strumento innovativo di comunicazione e partecipazione con la cittadinanza, nelle scuole, nelle istituzioni e nelle Associazioni. La Citt dellUguaglianza sar accessibile sulla rete internet a tutti i cittadini.

57

3.7.
3.7.1.

Partnership per la Comunicazione


Cooperazione con i Giornalisti e i Media di Comunicazione

Il ruolo dei Giornalisti e dei Media di Comunicazione strategico per assicurare una informazione sul POR Calabria FESR 2007 2013 corretta, incisiva e capillare sul territorio calabrese. In particolare i Giornalisti giocano un ruolo cruciale nella realizzazione di tutti gli obiettivi di comunicazione previsti dal presente Piano di Comunicazione. Lobiettivo del Piano di Comunicazione far crescere sulle testate nazionali e locali gli spazi dedicati alla Politica Regionale Unitaria e, nello specifico al POR Calabria FESR 2007 - 2013, ma soprattutto favorire una informazione di qualit sui contenuti del Programma Operativo, sui risultati raggiunti, sul ruolo dellEuropa nello sviluppo della Regione Calabria. Per raggiungere tali obiettivi indispensabile attivare un rapporto strutturato e organico con i Giornalisti e i Media di Comunicazione, che preveda il coinvolgimento dei competenti Uffici Regionali per lInformazione e dellAddetto Stampa alla Presidenza della Giunta. I principali strumenti che saranno attivati sono i seguenti: Press Kit Il Responsabile del Piano di Comunicazione predisporr e aggiorner con continuit la Cartella per la Stampa per il POR Calabria FESR 2007-2013. La Cartella per la Stampa dovr contenere: comunicati stampa, relazioni istituzionali per i media, schede di sintesi, materiale fotografico, interviste, etc. I materiali della Cartella per la Stampa, che potranno essere assemblati a seconda delle specifiche esigenze di comunicazione, saranno disponibili in una specifica sezione del Portale Calabria Europa. Organizzazione di Conferenze Stampa Le Conferenze Stampa saranno organizzate dal Responsabile del Piano di Comunicazione in occasione di specifici eventi (Comitati di Sorveglianza, Lancio di Programmi e Progetti, etc.). Press Tour Il Responsabile del Piano di Comunicazione organizzer periodicamente delle visite in loco con gruppi di Giornalisti, per prendere visione dei progetti realizzati anche attraverso interviste dirette ai Beneficiari e ai Destinatari. La Regione Calabria intende per andare oltre i tradizionali strumenti di relazioni con i media sopra descritti, prevedendo ulteriori azioni per coinvolgere attivamente i Giornalisti e i Media nel processo di comunicazione del POR Calabria FESR 2007 2013. Di seguito sono riportate alcune delle azioni previste. Condivisione del Piano di Comunicazione. LAutorit di Gestione intende condividere con i Giornalisti e con i Media il Piano di Comunicazione in tutte le fasi di attuazione, monitoraggio e valutazione. A tale scopo sar richiesto ai Media Regionali e Nazionali lindicazione dei loro Referenti per lInformazione e la Comunicazione per la Politica Regionale Unitaria in Calabria. Sulla base di tali indicazioni sar costituito un Comitato di Consultazione costituito da:
58

2 Giornalisti Agenzie di Stampa Nazionali. 4 Giornalisti dei Quotidiani Nazionali a maggiore tiratura in Calabria pi il Sole 24 Ore. 4 Giornalisti dei Quotidiani Regionali a maggiore tiratura (Calabria Ora, Gazzetta del Sud, Il Domani, Il Quotidiano). 3 Giornalisti delle Televisioni Regionali con maggiori indici di ascolto (RAI 3, Telespazio Calabria, Video Calabria).

Le modalit di cooperazione saranno definiti in uno specifico Protocollo dIntesa da sottoscrivere tra la Regione Calabria e i Rappresentanti dei Media Regionali e Nazionali. Giornate Informative per i Giornalisti. Le Giornate Informative saranno realizzate per migliorare la qualit delle conoscenze degli Addetti allInformazione Regionale sulle tematiche della Politica Regionale Unitaria e per realizzare congiuntamente specifici approfondimenti su materie, programmi e progetti di interesse dellopinione pubblica. Attraverso la realizzazione delle Giornate Informative si vogliono conseguire i seguenti obiettivi: Accrescere linteresse dei Media di Comunicazione verso le Politiche di Coesione dellUnione Europea e la Politica Regionale Unitaria attuata attraverso i Programmi Operativi; Sostenere la corretta e completa informazione verso i destinatari del POR Calabria FESR 2007 2013 e pi in generale dei Programmi Operativi della Programmazione Regionale Unitaria.

Nello specifico si prevede di organizzare, in collaborazione con lOrdine dei Giornalisti e preferibilmente con la Federazione Nazionale della Stampa, alcune giornate informative rivolte agli operatori dellinformazione e finalizzate a fornire loro un quadro conoscitivo di massima, sintetico ma al tempo stesso esaustivo, dei pi importanti aspetti della programmazione comunitaria e nazionale. Le Giornate Informative potrebbero riguardare prioritariamente i principali punti della nuova Politica di Coesione dellUnione Europea, del Quadro Strategico Nazionale per poi approfondire gli aspetti che riguardano pi da vicino la Programmazione Regionale ed in particolare il POR Calabria FESR 2007-2013. Liniziativa dovrebbe coinvolgere i media locali (agenzie, quotidiani, radio, televisioni, testate telematiche) ed i corrispondenti locali dei media nazionali. I contenuti e le modalit di realizzazione delle Giornate Informative saranno definiti dallAmministrazione Regionale con lOrdine dei Giornalisti. Bando di Concorso per i Giornalisti. Nellambito del Piano di Comunicazione si prevede la realizzazione di un bando di concorso annuale per premiare i migliori articoli scritti sulla Programmazione Regionale Unitaria 2007 2013 in Calabria. Nellambito del Bando si preveder una sezione destinata agli aspiranti giornalisti. I vincitori saranno chiamati a collaborare con lAmministrazione Regionale nellattuazione del Piano di Comunicazione.

59

3.7.2.

Cooperazione con il Partenariato Istituzionale e Socio - Economico

La realizzazione del Piano di Comunicazione avverr attraverso forme di cooperazione e collaborazione con le Associazioni degli Enti locali (per quanto concerne i soggetti pubblici) e le Associazioni di categoria (per quanto riguarda il sistema delle imprese) in quanto Soggetti in grado di garantire il massimo grado di diffusione delle informazioni ma anche dei contenuti strategici e operativi del POR Calabria FESR 2007 - 2013. La eventuale utilizzazione della rete delle Antenne Europe Direct e degli Eurosportelli potr avvenire esclusivamente nel quadro della cooperazione interistituzionale con il sistema delle autonomie locali. Tali forme di cooperazione e collaborazione avverranno sulla base di specifici progetti che dovranno rispondere agli indirizzi e alle condizionalit del Piano delle Comunicazioni, e dovranno essere realizzati nel rispetto delle norme contabili e gestionali dei Fondi, oltre che delle disposizioni in materia di appalti, laddove ne ricorrano le condizioni. LAutorit di Gestione assicurer, inoltre, la partecipazione alla Rete che sar costituita dalla Commissione (INFORM), al fine di condividere la propria esperienza e partecipare allo scambio di buone pratiche, oltre alleventuale partecipazione a reti promosse a livello nazionale e/o da parte di altre regioni italiane o europee. 3.7.3. Cooperazione con le Scuole

La Regione Calabria vuole aprire un dialogo con le scuole per dare agli studenti la possibilit di conoscere direttamente e pi da vicino le opportunit offerte dai Fondi strtturali, per sensibilizzarli sui temi europei, per far crescere il senso di appartenenza allEuropa e alla propria regione. La strategia che appare pi efficace quella di coinvolgere le scuole nella comunicazione dei POR e soprattutto nelle attivit di informazione relative ai progetti realizzati nelle scuole attraverso i Programmi Operativi. Lo strumento che potrebbe essere utilizzato, anche sulla scorta delle migliori pratiche attivate da altre regioni italiane ed europee, lindizione di un bando di concorso aperto alle scuole elementari e medie, superiori e inferiori, per invitare i ragazzi a cimentarsi nella realizzazione di materiali utili alla diffusione della politica strutturale europea e in particolare del Fondo Sociale Europeo. In sostanza agli studenti verr chiesto di ideare e realizzare strumenti informativi per comunicare lEuropa: giornalini, opuscoli, manifesti, video, cd rom. Particolare rilevanza sar riservata allideazione di format radiofonici e televisivi finalizzati a mettere in luce i progetti realizzati nelle scuole con i Fondi strutturali. Per le scuole vincitrici del concorso potrebbero essere previste due tipologie di premi: un viaggio-studio presso le sedi della Unione Europea a Bruxelles, che consentir loro di approfondire le conoscenza sullEuropa; il coinvolgimento diretto dei vincitori nella realizzazione delle trasmissioni televisive da loro ideate. Gli studenti potranno cos cimentarsi nel ruolo di conduttori e giornalisti televisivi spiegando agli adulti come interviene lEuropa.

Con tale iniziativa la Calabria si vuole anche porre lobiettivo di far emergere una rete di scuole pilota nella regione in grado di promuovere e diffondere la cultura europea. Infatti le scuole vincitrici del concorso presenteranno i lavori nei loro contesti territoriali di riferimento, attivando un effetto moltiplicatore delle informazioni sullEuropa.

60

3.8.
3.8.1.

Organizzazione e Modalit di Attuazione


Organizzazione

La responsabilit dellattuazione del Piano di Comunicazione dellAutorit di Gestione. Infatti larticolo 7 del Regolamento (CE) 1828/06, primo comma, prescrive che la Autorit di Gestione ha la responsabilit di assicurare che gli interventi informativi e pubblicitari siano realizzati conformemente al Piano di Comunicazione che mira alla massima copertura mediatica utilizzando diverse forme e metodi di comunicazione al pertinente livello territoriale. La funzione di Autorit di Gestione del POR Calabria FESR 2007 - 2013 attribuita al dirigente pro tempore della struttura sottoindicata: Struttura competente: Indirizzo: Posta elettronica : Dipartimento Programmazione Nazionale e Comunitaria Viale Mol - 88100 Catanzaro autorita.gestione.FESR@regcal.it

La Giunta Regionale costituisce il Comitato per il Coordinamento e lAttuazione dei Piani di Comunicazione dei Programmi Operativi della Programmazione Regionale Unitaria. Fanno parte del Comitato: le Autorit di Gestione dei Programmi Operativi della Programmazione Regionale Unitaria 2007 2013; i Responsabili dei Piani di Comunicazione dei Programmi Operativi della Programmazione Regionale Unitaria 2007 2013; i Responsabili della Comunicazione Istituzionale della Regione Calabria; i Direttori Generali dei Dipartimenti Regionali; lAddetto Stampa del Presidente della Giunta Regionale.

LAutorit di Gestione costituisce con proprio Decreto, allinterno del Dipartimento Programmazione Nazionale e Comunitaria, il Gruppo di Lavoro per lAttuazione del Piano di Comunicazione del POR Calabria FESR 2007 2013. Il Gruppo di Lavoro coordinato dal Responsabile del Piano di Comunicazione che opera sulla base delle esplicite direttive dellAutorit di Gestione. Il Gruppo di Lavoro, che opera in stretta collaborazione con i Referenti per la Comunicazione dei Dipartimenti Regionali, costituito, oltre che dal Responsabile da 4 Funzionari regionali ai quali sono assegnate le responsabilit di implementazione delle specifiche linee attivit previste dal Piano di Comunicazione (es. Collana Editoriale, Portale Calabria Europa, etc.). Al Gruppo di Lavoro compete la redazione dei Piani di Comunicazione Annuali e degli eventuali documenti di approfondimento tematico e progettuale del Piano. Il Gruppo di Lavoro sar affiancato nelle proprie attivit da una Agenzia di comunicazione specializzata e/o da singoli Professionisti da selezionare con bando pubblico. LAgenzia di comunicazione e/o i singoli Professionisti dovranno fornire esclusivamente servizi di assistenza: alla ideazione di piani e soluzioni comunicative per le azioni e gli strumenti di comunicazione previsti dal Piano di Comunicazione;

61

alla realizzazione dei messaggi e dei contenuti da veicolare attraverso gli strumenti di comunicazione..

La realizzazione delle azioni di comunicazione e la produzione degli strumenti (produzione e stampa di documenti, produzione dei prodotti multimediali, sviluppo del Portale, produzione di materiali per le campagne di comunicazione, servizi per lallestimento di spazi, etc.) sar realizzata da Soggetti selezionati con bandi pubblici nel rispetto della normativa comunitaria degli appalti pubblici. Il Comitato di Sorveglianza sar informato sullattuazione del Piano di Comunicazione attraverso specifici Rapporti predisposti dal Responsabile del Piano e approvati dallAutorit di Gestione. 3.8.2. Cronoprogramma

La realizzazione del Piano di Comunicazione del POR Calabria FESR 2007-2013 si articola in tre fasi distinte: Fase Iniziale (2007-2009). In questa fase gli interventi saranno finalizzati a garantire la pi ampia diffusione delle informazioni e delle conoscenze sul POR Calabria FESR 2007 - 2013, sui relativi obiettivi e sulle opportunit per i beneficiari potenziali e i destinatari del Programma Operativo, sui risultati attesi dalla sua realizzazione. Fase Intermedia (2010-2012). In questa fase si continueranno a diffondere le informazioni relative alla fase iniziale, con lobiettivo di consolidare le conoscenze ed ampliare la platea dei beneficiari potenziali. In questa fase si inizieranno anche a comunicare i risultati raggiunti. Fase Finale (2013-2015). In questa fase gli interventi saranno prevalentemente concentrati sulla comunicazione dei risultati raggiunti e delle prospettive per lo sviluppo della Calabria. Il cronogramma seguente riporta una provvisoria ripartizione nel tempo delle principali azioni e attivit di comunicazione previste dal Piano di Comunicazione, evidenziandone la complementariet. Nel cronoprogramma riportato un indice di intensit delle azioni di comunicazione per ciascun anno di attivit (A-lto, M-edio, B-asso).

62

N 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

Azione / Strumento del Piano di Comunicazione Collana Editoriale Portale "Calabria Europa" News Letter Campagne di Comunicazione Eventi Prodotti Multimediali Spazio Europa Cartelloni e Targhe Esplicative Oggettistica Promozionale Progetto "Trasparenza, Democrazia e Partecipazione" Progetto "Comunicare con le Nuove Generazioni" Progetto "Comunicare i Diritti e la Solidariet" Cooperazione con i Giornalisti e i Media di Comunicazione Cooperazione con il Partenariato Istituzionale e Socio Economico

2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 B B M A M M A B M B B M A A M M A A A M A M A M M A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A M M A A A M M A M A M M M M B M A A A B M M B M M M M M

63

3.9.

Monitoraggio e Valutazione

Lattuazione del Piano di Valutazione sar accompagnata da unattivit continua di monitoraggio e valutazione. Le attivit di monitoraggio e valutazione saranno finalizzate a: monitorare e valutare i risultati e gli effetti delle specifiche azioni di comunicazione e lefficacia degli strumenti utilizzati; individuare le criticit nellattuazione del Piano di Comunicazione ed apportare le necessarie azioni correttive. Monitoraggio

3.9.1.

Il monitoraggio dei risultati e degli impatti delle azioni del Piano di Comunicazione sar realizzato attraverso la realizzazioni di indagini e sondaggi annuali finalizzati a rilevare i valori degli indicatori di realizzazione e di risultato associati agli obiettivi specifici e operativi del Piano di Comunicazione. Nella Tabella successiva sono riportati gli Indicatori di Realizzazione che saranno utilizzati per il monitoraggio dellattuazione delle azioni di comunicazione.
N Azioni / Strumenti del Piano di Comunicazione Indicatore di Realizzazione Unit Valore di Atteso (Anno Misura 2015) N N N N N N N N N N N N N N N N N 20 20.000 200 30 24 40 20 12 8.000 12 4 16 8 16 16 16 16

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15

Collana Editoriale Portale "Calabria Europa" News Letter Campagne di Comunicazione Eventi Prodotti Multimediali Spazio Europa Cartelloni e Targhe Esplicative Oggettistica Promozionale Progetto "Trasparenza, Democrazia e Partecipazione" Progetto "Comunicare con le Nuove Generazioni" Progetto "Comunicare i Diritti e la Solidariet" Cooperazione con i Giornalisti e i Media di Comunicazione Cooperazione con il Partenariato Istituzionale e Socio Economico Coordinamento, Monitoraggio e Valutazione.

Prodotti Realizzati Copie Distribuite Pagine Realizzate Numeri Realizzati Campagne di Comunicazioni Realizzate Eventi Realizzati Prodotti Multimediali Realizzati Sezioni Realizzate Cartelloni e Targhe Espositive Installate Tipologie di Oggetti Promozionali Realizzati Servizi Realizzati Iniziative Realizzate Iniziative Realizzate Iniziative Realizzate Iniziative Realizzate Azioni di Monitoraggio e Valutazione Realizzate Studi e rapporti prodotti

64

Nella Tabella successiva sono riportati gli Indicatori di Risultato che saranno utilizzati per il monitoraggio dei risultati delle azioni di comunicazione.

Azioni / Strumenti del Piano di Comunicazione

Indicatore di Risultato

Unit di Misura

Valore Atteso (Anno 2015) Beneficiari Potenziali: 100% Beneficiari Effettivi: 100% Grande Pubblico: 10% Destinatari Specifici: 80% 4.000 Beneficiari Potenziali: 100% Beneficiari Effettivi: 100% Grande Pubblico: 5% Destinatari Specifici: 80% Beneficiari Potenziali: 100% Grande Pubblico: 20% 8000 8000 6.000

Collana Editoriale

Percentuale di destinatari raggiunti per gruppo di destinatari potenziale.

% N (Media Giornalie ra) %

Portale "Calabria Europa"

Accessi giornalieri

News Letter

Percentuale di destinatari raggiunti per gruppo di destinatari potenziale. Percentuale di destinatari raggiunti per gruppo di destinatari potenziale. N Partecipanti N Prodotti Multimediali distribuiti Visitatori

4 5 6 7 8 9

Campagne di Comunicazione Eventi Prodotti Multimediali Spazio Europa Cartelloni e targhe esplicative Oggettistica Promozionale

% Numero Numero N

Oggetti Promozionali Distribuiti Utenti dei Servizi Giovani Partecipanti Soggetti Partecipanti Giornalisti Partecipanti

N N N N N

12.000 4.000 8.000 2.400 480

Progetto "Trasparenza, 10 Democrazia e Partecipazione" Progetto "Comunicare con 11 le Nuove Generazioni" Progetto "Comunicare i 12 Diritti e la Solidariet" Cooperazione con i 13 Giornalisti e i Media di Comunicazione Cooperazione con il 14 Partenariato Istituzionale e Socio Economico

Soggetti Partecipanti

1280

Le campagne e gi strumenti di rilevazione degli indicatori saranno definiti dal Nucleo Regionale di Valutazione degli Investimenti Pubblici. Rapporti Annuale e il Rapporti Finali di Attuazione del Piano di Comunicazione. I Rapporti Annuali ed il Rapporto Finale sullesecuzione dei Programmi Operativi da trasmettere alla Commissione Europea sono disposti dallarticolo 67 del Regolamento (CE) n. 1083/2006, mentre larticolo 4 del Regolamento (CE) n. 1828/2006 specifica come essi comprendano: gli esempi degli interventi informativi e pubblicitari effettuati, le disposizioni

65

relative agli interventi informativi e pubblicitari e il contenuto delle principali modifiche apportate al Piano di Comunicazione. Per dare seguito alle previsioni dei Regolamenti prima citati la Regione Calabria elaborer annualmente, in corrispondenza dei Rapporti Annuali di Esecuzione i Rapporti Annuali di Attuazione del Piano di Comunicazione. I Rapporti focalizzeranno lattenzione sui progressi rispetto ai risultati attesi, spiegando gli eventuali scostamenti dal Piano di Comunicazione approvato ed evidenziando le correzioni adottate. Nei Rapporti verranno, inoltre, forniti esempi pratici e testimonianze di ci che stato realizzato, allegando le pubblicazioni cartacee/elettroniche prodotte. Il Rapporto Annuale di Attuazione del Piano di Comunicazione rappresenter lo stato dellarte del Piano al 31 dicembre di ciascun anno, i progressi conseguiti ed il budget impiegato. In concomitanza con la elaborazione del Rapporto Finale di Esecuzione del Programma Operativo verr redatto il Rapporto Finale di Attuazione del Piano di Comunicazione. Il Rapporto comprender le osservazioni complessive, rispetto al Piano di Comunicazione originale e i risultati conseguiti, gli obiettivi raggiunti, le attivit realizzate, le risorse utilizzate, gli esempi di prodotto/attivit realizzate. Alla conclusione del Programma Operativo verranno quindi verificati lefficacia, lefficienza e limpatto del Piano di Comunicazione. 3.9.2. Valutazione

L'Articolo 2 del Regolamento(CE) n. 1828/2006 prevede che il Piano di Comunicazione debba indicare il modo, in cui gli interventi informativi e pubblicitari, andranno valutati in termini di visibilit dei Programmi Operativi e di consapevolezza del ruolo svolto dalla Unione Europea. Per una corretta valutazione necessario monitorare l'attuazione del Piano di Comunicazione: descrivendo la situazione di partenza, verificando il livello di conoscenza dei Strutturali e le azioni della Politica di Coesione; prevedendo un sistema di raccolta e di analisi dei dati, prevedendo adeguati indicatori di valutazione; realizzando valutazioni formali periodiche (annuali e finali). Fondi

Sono previsti due momenti di valutazione del Piano di Comunicazione del POR Calabria FESR 2007 2013: la valutazione di met periodo che verr realizzata alla fine del 2010 e la valutazione finale che verr realizzata nel 2015. A seguito della valutazione di met periodo (intermedia) saranno eventualmente apportate le necessarie modifiche al Piano di Comunicazione. La valutazione intermedia e la valutazione finale dovranno stabilire se e in che misura stato raggiunto lobiettivo di aumentare la conoscenza e la visibilit del POR Calabria FESR 2007 2013 tra i gruppi destinatari e di sensibilizzare il grande pubblico sul ruolo dellUnione europea nello sviluppo sociale ed economico regionale. Le attivit di valutazione saranno realizzate dal Nucleo di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici e/o ad un Valutatore indipendente esterno sulla base di un adeguato Disegno di Valutazione..

66

3.10.

Piano Finanziario

Il POR Calabria FESR 2007 2013 prevede per la realizzazione del Piano di Comunicazione (Linea di Intervento 9.1.1.7) un budget indicativo pari a circa 7.195.776 euro. Nelle Tabelle successive riportata una ipotesi di ripartizione percentuale del budget fra le azioni / strumenti identificate nel Piano di Comunicazione e per anno.

N 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15

Azioni / Strumenti del Piano di Comunicazione Collana Editoriale Portale "Calabria Europa" News Letter Campagne di Comunicazione Eventi Prodotti Multimediali Spazio Europa Cartelloni e Targhe Esplicative Oggettistica Promozionale Progetto "Trasparenza, Democrazia e Partecipazione" Progetto "Comunicare con le Nuove Generazioni" Progetto "Comunicare i Diritti e la Solidariet" Cooperazione con i Giornalisti e i Media di Comunicazione Cooperazione con il Partenariato Istituzionale e Socio Economico Coordinamento, Monitoraggio e Valutazione. Totale

% 10,00% 4,00% 10,00% 8,00% 15,00% 8,00% 6,00% 6,00% 4,00% 4,00% 10,00% 4,00% 3,00% 4,00% 4,00% 100,00%

Importo 719.578 287.831 719.578 575.662 1.079.366 575.662 431.747 431.747 287.831 287.831 719.578 287.831 215.873 287.831 287.831 7.195.776

Anno

Importo

Quota FESR

2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 Totale

0 1.007.409 1.007.409 863.493 863.493 863.493 863.493 863.493 863.493 7.195.776

0 503.704 503.704 431.747 431.747 431.747 431.747 431.747 431.747 3.597.888

14,00% 14,00% 12,00% 12,00% 12,00% 12,00% 12,00% 12,00% 100,00%

67