Sei sulla pagina 1di 8

000-000 Lim 1-09 avineri 23-01-2009 12:01 Pagina 1

IL BUIO OLTRE GAZA

I LIMITI DELLA POTENZA


AMERICANA
IN MEDIO ORIENTE di Shlomo AVINERI

Obama impari dai successi e dai fallimenti del passato


nell’approccio alla risoluzione delle crisi regionali. Prima fra tutte
quella israelo-palestinese. Spronare le parti in causa a dirimere
da sole le più spinose fasi negoziali potrebbe risultare decisivo.

1. C ON L’ENTRATA IN CARICA DEL NUOVO


presidente alla Casa Bianca, il prossimo 20 gennaio, è del tutto naturale che si sen-
tano sempre più forti gli appelli affinché gli Stati Uniti si adoperino per il consegui-
mento di un definitivo accordo di pace fra israeliani e palestinesi. Un’intenzione
senza dubbio degna di lode. Ma se si vuole veramente evitare che si ripetano i tan-
ti fallimenti a cui abbiamo assistito in passato, sarebbe bene trarre alcune lezioni
dalla lunga storia del coinvolgimento americano nei processi di pace in Medio
Oriente e cercare di comprendere quali siano i reali limiti di quanto Washington è
in grado di ottenere nella regione.
L’idea che gli Usa siano onnipotenti e che sia sufficiente una chiamata a radu-
no perché la loro volontà di pace venga immediatamente accolta è un errore sem-
plicistico che può portare a risultati pericolosi. A un attento esame del ruolo avuto
dagli Stati Uniti nel corso degli ultimi decenni nei tentativi di risolvere il conflitto
arabo-israeliano risulta ben chiaro che non c’è alcuna garanzia di successo.
Si possono definire due tipi di scenari in cui gli Usa hanno enorme influenza
quando decidono di far sentire tutto il loro peso, anche se in assenza di questi gli
sforzi americani risultano vani e talvolta perfino controproducenti. L’analisi di que-
sti casi, sia dei successi che dei fallimenti, può servire d’aiuto al futuro presidente
per evitare di incorrere negli errori commessi in passato.

2. Il primo tipo di scenario in cui la potenza americana ha ottenuto ottimi risul-


tati è quando è in corso una guerra che minaccia di espandersi e di coinvolgere al-
tre potenze regionali o internazionali. In casi del genere, un fermo impegno ameri-
cano a far uso della propria influenza è rapido ed efficace, poiché implica un obiet-
tivo chiaro, a breve termine e verificabile (l’interruzione dei combattimenti o la pre-
venzione di una loro escalation), richiede risposte veloci ed è difficile resistergli. 1
000-000 Lim 1-09 avineri 23-01-2009 12:01 Pagina 2

I LIMITI DELLA POTENZA AMERICANA IN MEDIO ORIENTE

Diamo alcuni esempi che illustrano il fenomeno. Negli ultimi giorni della
guerra del Kippur, Israele era riuscito a rovesciare i suoi iniziali arretramenti. L’e-
sercito aveva attraversato il Canale di Suez e circondato la terza armata egiziana,
aveva raggiunto il chilometro 101 sull’autostrada Suez-Cairo ed era sul punto di in-
fliggere una schiacciante sconfitta all’Egitto di Sadat. Un rovesciamento simile era
avvenuto anche sul fronte siriano nelle Alture del Golan. La politica americana,
portata avanti astutamente dal segretario di Stato Henry Kissinger, non vedeva po-
sitivamente un risultato così nettamente sbilanciato. Alcuni duri scambi di opinioni
fra Washington e Gerusalemme, intorno al 22-23 ottobre 1973, fermarono l’esercito
israeliano evitando che questo portasse a termine una vittoria di maggiori propor-
zioni e venne così imposto un cessate-il-fuoco proprio nel momento in cui Israele
voleva continuare la sua vittoriosa campagna ancora per alcuni giorni. Il susse-
guente blocco delle ostilità ha poi aperto la strada a una serie di accordi ad inte-
rim, ha prevenuto un possibile intervento sovietico, ha portato alla definitiva rottu-
ra del rapporto di dipendenza dell’Egitto da Mosca e ha poi creato quel contesto
che portò, cinque anni più tardi, al trattato di pace israelo-egiziano.
Durante l’invasione israeliana del Libano nel 1982, avvenuta dopo che il presi-
dente eletto Bašør Ãmayyil, il quale aveva il supporto degli israeliani, venne assas-
sinato da agenti siriani, Israele era sul punto di irrompere nella parte est di Beirut
abitata dalla popolazione musulmana. Così facendo, avrebbe rischiato di portare la
Siria all’interno di quella che, fino a quel momento, era stata un’operazione israe-
liana limitata e circoscritta, condotta contro l’Olp nel Sud del Libano. Washington
guardava a tutto ciò con grande apprensione e alcune dure telefonate fatte dall’al-
lora presidente Ronald Reagan al primo ministro Menachem Begin bloccarono l’e-
sercito israeliano già pronto nei suoi camion, impedendo di fatto ad Ariel Sharon,
allora ministro della Difesa, di mettere in atto il suo «grande piano» di ristrutturazio-
ne della politica libanese.
Durante la prima guerra del Golfo nel 1991, quando dozzine di missili irache-
ni colpivano obiettivi civili israeliani e le forze aeree americane non riuscivano a
neutralizzare le capacità di lancio irachene, Israele aveva iniziato a pianificare la
propria offensiva contro i siti missilistici di Baghdad. Gli Usa, nel timore che un
coinvolgimento israeliano nella guerra contro Saddam potesse ledere o perfino
rompere la coalizione arabo-americana, misero in chiaro a Israele che non avreb-
bero tollerato una tale operazione. Poiché gli israeliani non avrebbero tecnicamen-
te potuto portare a termine un attacco del genere senza il tacito assenso america-
no, il governo del primo ministro Yitzhak Shamir cancellò gli attacchi pianificati.
Ciò che tutti questi casi hanno in comune è che sono avvenuti in una dram-
matica situazione di guerra e il coinvolgimento americano è risultato nel richia-
mo a un chiaro, inequivocabile e verificabile insieme di misure da prendere: in
meno di 48 ore sarebbe stato possibile sapere se Israele aveva o non aveva ob-
bedito a Washington. È in questi momenti che la potenza statunitense si è
espressa al massimo. Le penalizzazioni per chi non avesse dato retta al richiamo
2 della Casa Bianca erano altrettanto chiare. Inoltre, l’emergenza permetteva al
000-000 Lim 1-09 avineri 23-01-2009 12:01 Pagina 3

IL BUIO OLTRE GAZA

presidente di essere coinvolto direttamente. È quando si esprime in pressioni di-


rette, pittosto che in lunghi processi diplomatici, che la politica americana rag-
giunge il massimo dell’efficacia.

3. L’altro scenario è l’esatto opposto del primo. Vi si può assistere, ad esem-


pio, quando un processo di pace è già bene avviato e le due parti hanno dimostra-
to la propria volontà di portarlo a termine. A quel punto, entrambe hanno già pa-
gato il prezzo politico interno relativo all’accordo e hanno già trovato un’intesa
sulla maggior parte delle questioni in gioco, ma restano in sospeso alcuni proble-
mi di difficile soluzione, punti di disaccordo irrisolti, che minacciano di far crollare
l’intero negoziato. È in una situazione del genere che gli Stati Uniti, portando a so-
stegno il potere presidenziale e operando anche in questo caso nell’ambito di un
tempo limitato, possono esercitare efficaci pressioni sulle due parti.
Anche in questo caso, porteremo alcuni esempi. La visita a Gerusalemme del
presidente Anwar Sadat, che ebbe luogo nel 1977, non fu un’iniziativa di Washing-
ton. Al contrario, l’amministrazione del presidente Jimmy Carter guardò inizial-
mente con sospetto e ostilità alla visita, che giungeva proprio nel momento in cui
si stava tentando di convocare una conferenza internazionale sul Medio Oriente su
linee proposte dai sovietici. Infatti, Zbigniew Brzezinski, il consigliere per la Sicu-
rezza nazionale del presidente Carter, mise persino in guardia sul fatto che la mos-
sa di Sadat avrebbe sconvolto il delicato status quo nell’area. Dopo la visita di Sa-
dat, Israele ed Egitto condussero negoziati bilaterali per quasi un anno e riuscirono
a risolvere la maggior parte delle questioni in discussione (la fine dello stato di bel-
ligeranza, il ritiro di Israele dal Sinai, l’instaurazione di relazioni diplomatiche, la
creazione di una struttura per un’autonomia palestinese eccetera). Ma in ultima
analisi, le due parti non erano riuscite a trovare un accordo su alcune questioni di
rilievo e ciò rischiava di far naufragare l’intero processo. È stato a questo stadio
che l’amministrazione Carter, che aveva abbracciato il processo malgrado i dubbi
iniziali, decise di intervenire. L’invito del presidente americano, rivolto tanto a Sa-
dat quanto a Begin, a riunirsi a Camp David preparò il terreno per una riuscita
conclusione dei negoziati. L’abile uso fatto da Carter del bastone e della carota in-
dusse ambedue le parti a fare al presidente degli Stati Uniti quelle concessioni che
avevano trovato difficile fare l’una all’altra. Ma la maggiore iniziativa e spinta dei
negoziati fu rappresentata dalla volontà politica delle due parti, che costò loro un
pesante prezzo politico: Sadat subì l’ostracismo pressoché totale del mondo arabo
(rottura delle relazioni diplomatiche, trasferimento della sede della Lega Araba dal
Cairo a Tunisi) e l’alienazione di una parte significativa dell’opinione pubblica egi-
ziana, fatto questo che portò poi al suo assassinio. Begin, da parte sua, soffrì per
una dolorosa divisione all’interno del proprio partito, il Likud.
Uno scenario simile si verificò nei negoziati del 1993 fra Israele e Olp, che
portarono ai cosiddetti accordi di Oslo. Le due parti condussero trattative segrete
con un limitatissimo coinvolgimento norvegese, e all’insaputa degli Usa, i quali
perfino punirono il primo ministro Yitzhak Rabin per averli tenuti all’oscuro. Solo 3
000-000 Lim 1-09 avineri 23-01-2009 12:01 Pagina 4

I LIMITI DELLA POTENZA AMERICANA IN MEDIO ORIENTE

quando l’accordo venne raggiunto su una base bilaterale, anche in questo caso
con alcune questioni rimaste in sospeso, il presidente Bill Clinton intervenne. Invi-
tando alla Casa Bianca Rabin e Peres da una parte e Arafat dall’altra, fu capace di
chiarire i notevoli disaccordi e di portare a termine l’intesa finale. Anche in questo
caso i negoziati furono il risultato della volontà politica delle due parti che ne pa-
garono il prezzo politico per aver parlato con antichi nemici e fatto le necessarie
concessioni (cosa questa che nel caso di Rabin portò al suo assassinio).
Anche l’accordo di pace fra Israele e Giordania, firmato l’anno successivo, è
stato frutto dei negoziati bilaterali fra i due paesi, senza alcun coinvolgimento
americano (e anche in questo caso con una certa iniziale insoddisfazione da parte
degli Usa). Solo alla fine Clinton prese parte alla cerimonia della firma dell’accor-
do di pace, al passaggio di frontiera Aravà, che divide il Sud di Israele dal Sud
della Giordania.

4. Al di fuori di questi due scenari, i tentativi americani di pacificare le parti so-


no stati dei fallimenti. Il vertice di Camp David del 2000, quando Clinton fece in-
contrare il primo ministro Ehud Barak con il presidente dell’Olp Arafat, fallì perché
venne a mancare ad almeno una delle due parti (Arafat) la volontà politica di rag-
giungere un accordo. Clinton, malgrado l’enorme influenza che aveva acquisito
come presidente degli Stati Uniti, non riuscì a convincere o a esercitare la giusta
pressione sul leader palestinese perché fosse più accomodante. Molti osservatori
potranno discordare sulla suddivisione delle colpe fra i partecipanti, ma una cosa
risulta chiara a tutti: in mancanza di una volontà politica delle parti, i tentativi degli
Stati Uniti non riescono a produrre risultati. Lo stesso si può dire della road map
del presidente Bush e del più recente incontro di Annapolis, avvenuto nel novem-
bre del 2007. Mentre sembrava che gli americani avessero ottenuto il supporto ver-
bale di tutte le parti coinvolte, dovevano ancora mostrare risultati concreti. E le
due parti in causa hanno messo a confronto la propria mancanza di volontà, o ca-
pacità, politica. Se gli attori non intendono partecipare alla rappresentazione, nes-
suna pressione americana potrà portarli in teatro.
In questo contesto va ricordata la conferenza di Madrid tenutasi nell’ottobre
1991, che viene talvolta acclamata come tentativo di pacificazione americano ben
riuscito. A dispetto di alcuni pareri convenzionali che la ritengono un successo,
giudizio questo diffuso principalmente da alcuni dei promotori americani dell’ini-
ziativa e dei partecipanti, si è trattato, in definitiva, di un fallimento. Non ha conse-
guito alcun accordo fra Israele e i paesi confinanti, né tanto meno la pace globale
che si era prefissa come scopo. A dire il vero, non è stata molto più di una glorifi-
cata opportunità fotografica, con alcuni discorsi memorabili e altri meno. Vennero
istituite numerose commissioni, bilaterali e multilaterali, e centinaia di diplomatici
hanno accumulato innumerevoli ore di volo per un certo numero di anni. Ma in
ultima analisi, e ciò va sottolineato, tutto questo non ha portato a nessun accordo,
nessun trattato di pace e neppure a una intesa informale. La funzione di Madrid è
4 stata di mantenere la promessa fatta dagli americani ai propri partner arabi nella
000-000 Lim 1-09 avineri 23-01-2009 12:01 Pagina 5

IL BUIO OLTRE GAZA

coalizione antirachena della prima guerra del Golfo. Questa è stata la sua impor-
tanza politica. Ma come veicolo di pacificazione, vale a dire per il suo obiettivo di-
chiarato, è stata un fallimento. E anche in questo caso, le ragioni di tale fallimento
sono indicative e istruttive: mancava la volontà di Israele, sotto la guida di Shamir,
il quale non voleva andare a Madrid e vi è stato trascinato di forza. Similmente, la
Siria non era pronta a fare le necessarie concessioni e l’Olp era di certo riluttante a
contribuire al successo di un processo in cui non era coinvolta direttamente. Perfi-
no all’apice della sua potenza, dopo la vittoria nella prima guerra del Golfo, l’Ame-
rica di Bush padre non è stata in grado di portare all’acqua i cavalli recalcitranti.

5. L’analisi qui proposta intende suggerire che gli Stati Uniti hanno un’enorme
forza e influenza come vigili del fuoco e nella funzione di levatrice, ma non come
promotori di iniziative. Con tutte le fondamentali differenze esistenti fra i due posi-
tivi scenari sopra descritti, c’è un aspetto che questi hanno in comune: sono stret-
tamente circoscritti nella loro cornice temporale. Ciò significa che il diretto coin-
volgimento del presidente americano, che sembra essere cruciale per il successo
degli sforzi Usa, è efficace perché egli può concentrarsi intensamente sulle trattati-
ve per alcuni giorni e determinarne il corso, esercitando talvolta pressioni per in-
terrompere o evitare un’azione militare. Per contro, piani di pace dettagliati dei
quali Washington si è fatta promotrice (la road map, il processo di Annapolis e nu-
merose simili iniziative americane negli anni Settanta e Ottanta) prevedono un
processo stratificato, dai molti stadi, che talvolta si estende su un periodo di due o
tre anni. Nessun presidente americano può dedicare la sua esclusiva attenzione a
un’opera di pacificazione nel Medio Oriente per un lasso di tempo così lungo, così
come nessun presidente può essere così direttamente coinvolto nell’esplorare e
negoziare le centinaia di minuzie presenti in un trattato di pace. E se tutto ciò vie-
ne lasciato ad altre figure ufficiali, anche se si tratta di segretari di Stato (a meno
che non abbiano de facto la funzione di presidente, come era nel caso di Kissinger
nei mesi finali della presidenza Nixon), questi non possono esercitare quel peso
che spetta solo al più alto rango del potere americano. E ugualmente non possono
fare da baby-sitter a un processo di pace che funziona a periodi alterni. Visite di
due-tre giorni nella regione possono risolvere questioni di minore centralità ma
non possono coprire le distanze derivate da problemi di dimensioni storiche.
In questo il Medio Oriente non è speciale: con tutta la loro potenza e la loro
influenza, gli Stati Uniti non sono riusciti a risolvere neppure altri conflitti simili,
come Cipro, Bosnia e Kosovo. Ciò che tutte queste crisi hanno in comune è la loro
multidimensionalità: pur avendo tutti una dimensione territoriale, questi conflitti
non riguardano solo territori. Sono guerre che coinvolgono movimenti nazionali
che combattono per sovranità e indipendenza, autodeterminazione e identità stori-
che, che vengono a scontrarsi fra loro. Coinvolgono aspetti di occupazione, resi-
stenza, terrorismo, guerriglia e coloni. E se pure non sono di per sé conflitti religio-
si, posseggono dimensioni religiose che li esacerbano e li infiammano ulterior-
mente. Anche se il conflitto arabo-israeliano è forse il più intenso (anche perché di 5
000-000 Lim 1-09 avineri 23-01-2009 12:01 Pagina 6

I LIMITI DELLA POTENZA AMERICANA IN MEDIO ORIENTE

certo, Nicosia o Mitrovica non sono Gerusalemme), la multidimensionalità rende


difficile la risoluzione di tutti questi casi. Per questo gli sforzi internazionali, avve-
nuti sempre con il sostegno o per iniziativa degli Stati Uniti, non sono riusciti a ri-
solverli: il piano Annan per Cipro, non riuscendo a ottenere il sostegno dei greco-
ciprioti, è un gigantesco fallimento; il rapporto Ahtisaari, pur stabilendo una meri-
tatissima indipendenza per il Kosovo, non è riuscito a risolvere il conflitto, data
l’opposizione serba; e gli accordi di Dayton, pur ponendo fine alle brutali uccisio-
ni, agli stupri e alla pulizia etnica, non sono finora riusciti a costruire la desiderata
Bosnia-Erzegovina confederata e multietnica.
Mentre tutti questi progetti internazionali, mossi dalle migliori intenzioni, sono
falliti sul nascere, scontrandosi con la mancanza di volontà politica locale, è signifi-
cativo notare che nei casi in cui in queste regioni si sono verificati dei progressi,
questi sono addebitabili a sviluppi politici locali. Per esempio, i cambiamenti elet-
torali avvenuti tanto nella Repubblica di Cipro quanto in Serbia hanno portato al
potere attori diversi. Si possono già vedere i primi segni di questi cambiamenti, co-
me la riapertura della via Ledra che divideva la città di Nicosia, un approccio serbo
leggermente più sfumato verso l’indipendenza del Kosovo, la cattura di Radovan
Karadjić. Tutto questo dà prova di cambiamenti politici interni e non ha legame
con alcun intervento politico degli Stati Uniti (o dell’Onu).
Questi esempi dovrebbero essere tenuti a mente da qualsiasi presidente ame-
ricano che si appresti a forgiare la propria politica mediorientale. Nei casi di Cipro,
Bosnia e Kosovo, il buon senso ha deviato gli sforzi da piani superambiziosi per la
risoluzione del conflitto a tentativi misurati e pragmatici per la sua gestione o con-
tenimento. Si dovrebbe tentare qualcosa di simile anche per i negoziati fra israelia-
ni e palestinesi. Il nuovo presidente americano dovrebbe far tesoro sia dei falli-
menti che dei successi dei suoi predecessori. Il problema dell’approccio attraverso
il quale si dovranno confrontare i futuri negoziati israelo-palestinesi non è rappre-
sentato solo dall’attuale relativa debolezza delle due leadership (problema questo
che non scomparirà tanto velocemente) e neppure dalla frattura del movimento
palestinese, oggi diviso in due milizie armate, una che controlla Gaza e l’altra che
mantiene il suo debole potere nella Cisgiordania. La difficoltà più profonda è di
fatto rappresentata dal significativo divario fra le posizioni dell’israeliano più mo-
derato e quelle dei palestinesi su questioni come i confini, gli insediamenti, i pro-
fughi e Gerusalemme. Tali questioni sono tutte intrecciate con una moltitudine di
rivendicazioni storiche, normative e nazionali, che non scompariranno. È questa
una dimensione che spesso risulta di difficile comprensione per gli americani.
A tali condizioni, la prima regola dovrebbe essere l’equivalente politico del
giuramento di Ippocrate: non fare mai del male. Il vertice di Camp David del 2000
ha invece provocato un danno enorme, per il preciso motivo che ha aumentato le
aspettative in un momento in cui mancava la volontà politica: dopo un tale falli-
mento, non si torna al punto di partenza come avviene nei giochi al computer. In
politica e in storia, fallimenti del genere gettano le parti in fondo all’abisso, o co-
6 munque molto vicino ad esso. Dopo il fallimento di Camp David, c’è stata da am-
000-000 Lim 1-09 avineri 23-01-2009 12:01 Pagina 7

IL BUIO OLTRE GAZA

bo le parti ancora maggior rabbia, timore e odio. Ripetere un esercizio di questo ti-
po non è solo sconsigliabile, è pericoloso.

6. Ma allora, cosa andrebbe fatto? L’alternativa non è mai guerra o pace, lo sta-
tus quo o un regolamento di conti. Come hanno dimostrato Cipro, Bosnia e Koso-
vo c’è sempre la possibilità di una terza alternativa. Israeliani e palestinesi dovreb-
bero essere incoraggiati a continuare a negoziare e ad ambo le parti si dovrebbero
prospettare una serie di stadi intermedi che possano aiutare a mitigare e minimiz-
zare il conflitto e l’attrito. Da parte israeliana, ciò deve comprendere uno stop as-
soluto di ogni ulteriore inizio di costruzione negli insediamenti della Cisgiordania
e un misurato ma reale smantellamento dei posti di blocco e altri impedimenti al li-
bero movimento dei palestinesi. L’Autorità palestinese dovrebbe essere aiutata in
una lunga serie di azioni tra cui quelle indicate qui di seguito sono solo una parte:
costruire le istituzioni di un futuro Stato, cosa in cui ha tristemente fallito sin da
Oslo per non parlare del periodo precedente; assicurare la nascita di un singolo
apparato di sicurezza che goda del monopolio nell’uso legittimo della forza, in so-
stituzione dell’eccessivo numero di servizi di sicurezza che si sovrappongono l’un
l’altro, di milizie e perfino di bande; istituire un sistema fiscale (che è attualmente
inesistente); istituire il principio della legalità; abbassare lentamente il livello della
retorica relativa al ritorno dei profughi del 1948.
Nulla di quanto è stato elencato potrà essere conseguito con facilità. Queste
misure, peraltro realistiche, richiederanno uno sprone dall’esterno. Se si riusciran-
no a realizzare, potranno servire da base per futuri negoziati indirizzati alla risolu-
zione di questioni più fondamentali. D’altra parte, gesti drammatici il cui intento è
di trovare una risoluzione totale al problema, pur attirando plausi e supporti verba-
li saranno inevitabilmente destinati al fallimento, come è avvenuto nel passato,
tanto in Medio Oriente, quanto altrove. Nulla può sopperire alla volontà politica
delle parti in causa in una guerra. E questa, come un fiore delicato, deve essere
nutrita senza far rumore e con grande pazienza. Non esistono scorciatoie: nessun
conflitto nazionale è stato mai risolto dall’esterno.

7
000-000 Lim 1-09 avineri 23-01-2009 12:01 Pagina 8

I LIMITI DELLA POTENZA AMERICANA IN MEDIO ORIENTE

8 * Questo articolo è già comparso in lingua inglese su Israel Journal of Foreign Affairs, vol. 2, n. 3/2008.