Sei sulla pagina 1di 15

PONTIFICIA UNIVERSITÀ GREGORIANA

Facoltà di Teologia

LETTERA AI GALATI

PROFESSORE: Angelo Colacrai STUDENTI: Giovanni Franco (155923)


Ivan Mladineo (155920)

Roma 31.1.2008.

1
INTRODUZIONE

Per lavoro finale abbiamo deciso di lavorare sulla lettera ai Galati. . Il nostro lavoro sarà
diviso in tre parti. Nella prima parte affronteremo l’ambiente storico-geografico di destinatari. Nella
seconda parte metteremo in risalto la sua teologia, lavorando sul antitesi fede-legge e sulle cinque
parole fondamentale di San Paolo.
Il nostro metodo sarà quello che abbiamo studiato in classe. Il nostro lavoro sarà col Bible
Works con le operazioni viste utili per la nostra ricerca.

Prima di essere catechizzati da Paolo i Galati seguivano altre divinità (4,8), dalle quali erano
tenuti in dura schiavitù. Egli si fermò presso di loro a causa di una malattia e approfittò per
dedicarsi alla evangelizzazione (4,13).
La lettera è indirizzata ad una comunità di origine pagana, la gente era formata da persone
colonizzate soprattutto dalla legione romana. Questa popolo ebbe una contro evangelizzazione da
parte di alcuni cristiani giudaizzanti a favore della legge: (circoncisione, l’uso degli alimenti),
“…essi fanno della libertà un pretesto per vivere secondo la carne” (5,13). In questa autentica
lettera scritta da Paolo stesso, troviamo tutto il suo carisma dell’apostolo delle “genti”.

2
1. L’ambiente storico-biblico e geografico di Gal

1.1 Destinatari

IEP
Galatians 1:1-3 Galatians 1:1 Paolo, apostolo non da uomini né in virtù di un uomo, ma in
2
virtù di Gesù Cristo e di Dio Padre che lo risuscitò da morte, e i fratelli tutti che sono con me, alle chiese
3
della Galazia: grazia a voi e pace da Dio Padre nostro e dal Signore Gesù Cristo,

BGT
Galatians 1:1-3 Galatians 1:1 Pau/ l oj avpo,stoloj ouvk avpV avnqrw,pwn ouvde. diV
avnqrw,pou avlla. dia. VIhsou/ Cristou/ kai. qeou/ patro.j tou/ evgei,rantoj auvto.n evk nekrw/n( 2 kai. oi`
su.n evmoi. pa,ntej avdelfoi. tai/j evkklhsi,aij th/j Galati,aj( 3 ca,rij u`mi/n kai. eivrh,nh avpo. qeou/
patro.j h`mw/n kai. kuri,ou VIhsou/ Cristou/

Gal ha 26 nomi propri: che sono biblici, personali e geografici: χριστος 38 | ιησους 17 | αβρααµ 9 |
κηφας 4 | βαρναβας 3 | ιακωβος 3 | ιεροσολυµα 3 | αγαρ 2 | αραβια 2 | ελλην 2 | ιερουσαληµ 2 |
ιουδαισµος 2 | παυλος 2 | πετρος 2 | σινα 2 | τιτος 2 | αντιοχεια 1 | γαλατης 1 | γαλατια 1 |
δαµασκος 1 | ιουδαια 1 | ισαακ 1 | ισραηλ 1 | ιωαννης 1 | κιλικια 1 | συρια 1.

Confrontiamo la parola Galazia con Nuovo Testamento:

BGT
Galatians 3:1 +W avno,htoi Gala,tai( ti,j u`ma/j evba,skanen( oi-j katV ovfqalmou.j VIhsou/j
Cristo.j proegra,fh evstaurwme,nojÈ

ICE
Galatians 3:1 O stolti Gàlati, chi mai vi ha ammaliati, proprio voi agli occhi dei quali fu
rappresentato al vivo Gesù Cristo crocifisso?

Facendo una piccola esegesi con l’aiuto dei libri storici e con aiuto dei diversi riferimenti
Biblici scopriamo che agli inizi dell'era cristiana il termine “Galazia” designava la regione
centrosettentrionale dell'Asia Minore, in cui i centri principali erano Ancyra, Pessinunte e Tavio. I
galati ottennero l'indipendenza nel IV sec., ma nel (189 a.C.) furono vinti dal console romano

3
Manlio, benché conservarono una certa autonomia. Nel (25 a.C.) Galazia fu trasformata in
provincia imperiale, con capitale ad Ancyra. Ad essa furono annesse alcune regioni
centromeridionali dell'Asia Minore: Psidia, Frigia e Lacaonia.

Paolo indirizza la lettera alle "chiese della Galazia", è possibile che si tratte delle comunità
fondate dall'apostolo nelle regioni meridionali della provincia galata durante il primo viaggio
missionario, oppure di quelle sorte successivamente nella Galazia propriamente detta.

a) Galazia meridionale: Non si può escludere che Paolo parlando dei "Galati", intenda i
cristiani da lui evangelizzati nel sud della Galazia. L'accenno a Barnaba in (2,1.13) fa supporre che
questi sia conosciuto dai destinatari. Quando Paolo si recherà a Gerusalemme con il denaro della
colletta, avrà con sé Gaio di Derbe e Timoteo di Listra, mentre non vi sarà nessun rappresentante
della Galazia settentrionale (Att 20,5). Se questa prima ipotesi fosse corretta, la lettera sarebbe la
più antica lettera paolina, potrebbe essere stata scritta poco prima o poco dopo l'assemblea di
Gerusalemme, all'inizio del secondo viaggio (49 a.C.) o al più tarde nel (52 a.C.).
b) Galazia settentrionale: Atti attribuisce a Paolo l'evangelizzazione della regione, durante
la sua seconda visita prima del soggiorno efesino. L'accenno a Barnaba non prova niente, in quanto
Paolo ricorda anche Cefa, che non era personalmente conosciuto dalle comunità della Galazia del
sud. I galati a cui si riferisce Paolo, provenivano dal paganesimo, mentre nelle comunità fondate
durante il primo viaggio vi era, secondo gli Atti, un forte elemento giudeo-cristiano. La lettera
dunque sarebbe stata indirizzata alle comunità fondate da Paolo durante il suo secondo viaggio

4
missionario nella Galazia settentrionale. La data varia a secondo la cronologia paolina che si
preferisce, dal (54 a.C.) (più probabile), fino al (57 a.C.).

1.2 Il nome proprio più frequente nella lettera ai Galati

Gal ha 14 nomi propri: che sono biblici e personali: χριστος 38 | ιησους 17 | αβρααµ 9 | κηφας 4 |
βαρναβας 3 | ιακωβος 3 | ιεροσολυµα 3 | αγαρ 2 | παυλος 2 | πετρος 2 | σινα 2 | τιτος 2 | ιωαννης 1 |
κιλικια 1.

In seguito possiamo vedere che il nome più frequente è Cristo Gesù. Noi il nome Gesù
Cristo lo affronteremo nella seconda parte, perché è più importante per il nostro discorso teologico;
quindi ora analizzeremo il secondo nome della lista che è Abramo. In seguito possiamo vedere il
percentuale delle frequenze di Abramo nella lettera ai Galati rispetto alle altre sette lettere
autentiche di San Paolo. Il nome proprio di Abramo, si incontra solo nella lettera ai Romani e nella
seconda lettera ai Corinzi insieme con Galati. La frequenza del nome proprio di Abramo è più alto
rispetto a quello dei Romani nella percentuale relativa.

BGT
Galatians 3:6 Kaqw.j VAbraa.m evpi,steusen tw/| qew/|( kai. evlogi,sqh auvtw/| eivj dikaiosu,nhn\
IEP
Galatians 3:6 Così come Abramo credette a Dio e questo fu per lui un titolo di giustificazione.

BGT
Galatians 3:7 ginw,skete a;ra o[ti oi` evk pi,stewj( ou-toi ui`oi, eivsin VAbraa,mÅ
IEP
Galatians 3:7 Sappiate allora che quelli che sono dalla fede, costoro sono figli di Abramo.

BGT
Galatians 3:8 proi?dou/sa de. h` grafh. o[ti evk pi,stewj dikaioi/ ta. e;qnh o` qeo.j( proeuhggeli,sato tw/|
VAbraa.m o[ti evneuloghqh,sontai evn soi. pa,nta ta. e;qnh\

5
IEP
Galatians 3:8 E la Scrittura, prevedendo che Dio avrebbe giustificato i gentili per mezzo della fede,
annunciò in anticipo ad Abramo: Saranno benedette in te tutte le nazioni.

BGT
Galatians 3:9 w[ste oi` evk pi,stewj euvlogou/ntai su.n tw/| pistw/| VAbraa,mÅ
IEP
Galatians 3:9 Cosicché quelli che si basano sulla fede sono benedetti con Abramo credente.

BGT
Galatians 3:14 i[na eivj ta. e;qnh h` euvlogi,a tou/ VAbraa.m ge,nhtai evn Cristw/| VIhsou/( i[na th.n
evpaggeli,an tou/ pneu,matoj la,bwmen dia. th/j pi,stewjÅ
IEP
Galatians 3:14 e ciò affinché la benedizione di Abramo arrivasse ai gentili in Cristo, in modo che
ricevessimo lo Spirito, oggetto di promessa, per mezzo della fede.

BGT
Galatians 3:16 tw/| de. VAbraa.m evrre,qhsan ai` evpaggeli,ai kai. tw/| spe,rmati auvtou/Å ouv le,gei\ kai. toi/j
spe,rmasin( w`j evpi. pollw/n avllV w`j evfV e`no,j\ kai. tw/| spe,rmati, sou( o[j evstin Cristo,jÅ
IEP
Galatians 3:16 Or ad Abramo e alla sua discendenza furono fatte le promesse. Non dice: e alle sue
discendenze, come se si fosse voluto riferire a molte, ma ad una sola: e alla tua discendenza, che è Cristo.

BGT
Galatians 3:18 eiv ga.r evk no,mou h` klhronomi,a( ouvke,ti evx evpaggeli,aj\ tw/| de. VAbraa.m diV evpaggeli,aj
keca,ristai o` qeo,jÅ
IEP
Galatians 3:18 Ma se l'eredità è legata alla legge, non è più legata ad una promessa; or Dio fece il suo
dono di grazia ad Abramo mediante una promessa.

BGT
Galatians 3:29 eiv de. u`mei/j Cristou/( a;ra tou/ VAbraa.m spe,rma evste,( katV evpaggeli,an klhrono,moiÅ
IEP
Galatians 3:29 Se poi siete di Cristo, allora siete discendenza di Abramo, eredi secondo la promessa.

BGT
Galatians 4:22 ge,graptai ga.r o[ti VAbraa.m du,o ui`ou.j e;scen( e[na evk th/j paidi,skhj kai. e[na evk th/j
evleuqe,raja
IEP
Galatians 4:22 È stato scritto infatti che Abramo ebbe due figli, uno dalla schiava e uno dalla donna
libera.

Il nome proprio di Abramo Paolo lo usa frequente nella sua lettera. Abramo è descritto come
l’uomo giusto e come tale quello che è vicino a Dio. Però nello stesso tempo Paolo usa i nomi nel
collegamento a Gesù Cristo. Abramo può essere un esempio come l’uomo di fede. Paolo dice che
ciò che conta è la fede in Gesù. Interpreta la storia di Abramo dicendo che la giustificazione viene
concessa ad Abramo, prima della legge mosaica  giustificazione concessa a causa della fede. Dio
si è rivelato ad Abramo e poi nella pienezza dei tempi, manda Cristo per salvare gli uomini

I testi di riferimento sono, nella lettera ai Romani:


Rm 4,1; 4,2; 4,3; 4,9; 4,12; 4,13; 4,16; 9,7; 11,1

6
Nella lettera ai Romani come anche nella lettera ai Galati la tematica del nome proprio
Abramo è molto sviluppata. Paolo definisce Abramo «nostro antenato secondo la carne» (4,1) e
chiama i suoi lettori «gente esperta di legge» (7,1). Egli afferma che Dio ci ha chiamati «non solo
tra i giudei, ma anche tra i pagani» (9,24) e invita gli uni e gli altri ad accogliersi vicendevolmente
(15,7). A conferma di ciò si possono portare anche prove ulteriori: le elaborate argomentazioni
bibliche, la preoccupazione di mostrare che i giudei sono anch’essi, come i gentili, bisognosi di
salvezza (2,1-29; 3,9.29-30), la lunga riflessione sul ruolo di Israele nel piano di Dio.

7
2. Teologia Paolina
I lemmi-voci di Galati sono 515 con 2230 ricorrenze. Le parole più frequente sono:

GALATI
χριστος 38
νοµος 32
θεος 31
πιστις 20
πνευµα 18
σαρξ 18
ιησους 17
ανθρωπος 14
υιος 13
αδελφος 11
εθνος 10
επαγγελια 10
αβρααµ 9
εργον 8
ευαγγελιον 7
περιτοµη 7
χαρις 7
κυριος 6

Se ci limitiamo a comparare le occorrenze di 5 parole strettamente teologiche per Paolo:


“Cristo; Dio; Gesù; Signore; Spirito”, formiamo due elenchi tra loro distinti. Nella parte sinistra
paragoneremo Galati con 7 lettere autentiche di San Paolo. Nella parte destra abbiamo confrontato
la frequenza della parola chiave della stessa lettera divisa per capitoli:

ΠΝΕΥΜΑ – nei Galati si trova 18 volte

Nella Bibbia la parola lo Spirito compare 554 volte.

ΘΕΟΣ – nei Galati si trova 31 volte

8
Nella Bibbia la parola Dio compare 4735 volte.

ΚΥΡΙΟΣ – nei Galati si trova 5 volte

Nella Bibbia la parola Signore compare 8202 volte, non sempre con riferimento a Dio.

ΙΗΣΟΥΣ – nei Galati si trova 17 volte

Nella Bibbia la parola Gesù compare 1003 volte.

ΧΡΙΣΤΟΣ - nei Galati si trova 38 volte

Nella Bibbia la parola Cristo compare 527 volte.

Nei Galati Paolo afferma che in Cristo i cristiani trovano la vera libertà, che non viene dalla
legge mosaica (3,13). La schiavitù della Gerusalemme terrena si contrappone alla libertà che Cristo
ha portato ai suoi (4,21). Nella lettera ai Galati, Paolo spiega cosa è la fede. Per lui la pi,stij
esprime l’adesione a Gesù Cristo, è la partecipazione alla sua esperienza di morte e resurrezione

9
(2,19-20). È proprio mediante la fede che gli esseri umani ricevono questa giustificazione da parte
di Dio. Paolo nella sua lettera menziona diverse volte che deve affrontare gli avversari. Il termine
giustificato per Paolo non significa altro che trovarsi in amicizia con Dio e non essergli nemico. La
giustificazione è un processo attraverso il quale i peccatori acquistano la giustizia di Dio. Per Paolo,
Cristo è il nostro unico salvatore sia per gli Ebrei, che per i Gentili. Ciò che Cristo ha compiuto,
esclude ogni altra possibilità di salvezza. Se si continua ad aderire a Mosè, la croce di Cristo è stata
vana (2,16.19.21; 5,2). Nessuno può seguire Cristo nell’osservanza della legge, ma ognuna esclude
l’altro.
Per quanto riguarda la Pneumatologia, Paolo afferma che l’opera redentrice di Cristo si attua
per mezzo dello Spirito Santo. Paolo sottolinea che i Galati hanno ricevuto lo Spirito Santo, non
mediante le opere della legge, ma per mezzo della redenzione (3,2-3). Abbiamo già detto che la
visita di Paolo in mezzo a loro è accompagnata dal dono dello Spirito Santo, che allontana in loro i
desideri della sa,rx (5,16), che è la potenza contraria a Dio. In Cristo cadono tutte le divisioni
sociali. Tutto dipende dalla sola decisione di fede, celebrata nel sacramento del Battesimo, e col
Battesimo, il dono dello Spirito. Quando Paolo parla che lo Spirito abita in voi (3,1-5) esprime le
nuove condizioni dell’ uomo sull’evento Cristo. Lo Spirito è vita, perché è inviato da Dio, per
coloro che credono in Cristo Gesù, Egli è l’agente divino il quale realizza il corpo spirituale, non
solo nella vita presente, ma anche nella vita futura. Per mezzo dello Spirito Santo, l’uomo ha la
potenza di combattere le passioni della carne, il male e la morte che esiste nel mondo. Lo Spirito
trasforma i credenti in Cristo, li trasforma interiormente (5,22-23). Nel cuore dei cristiani lo Spirito
è potenza di Dio che fa nascere nell’uomo il seme di Cristo facendolo fruttificare nella Chiesa in
attesa del giorno escatologico. Dunque Paolo è il primo teologo che parla indirettamente della
Trinità.

10
3. L’antitesi: la fede – la legge

La parola legge si ripete 32 volte nella lettera di Galati, e in tutta la Bibbia 552 volte. La
parola fede si ripete 20 volte, nella Bibbia si trova 297 volte, di questi nel Nuovo Testamento 277
volte. In seguito viene presentato lo schema statistica che ci apre un orizzonte per comprendere
meglio la lettera. Nella parte sinistra abbiamo confrontato Galati con 7 lettere autentiche di San
Paolo. Nella parte destra abbiamo confrontato la frequenza della parola chiave della stessa lettera
divisa per capitoli:

ΠΙΣΤΙΣ (LA FEDE) – nei Galati si trova 20 volte

ΝΟΜΟΣ (LA LEGGE) – nei Galati si trova 32 volte

Il confronto delle due parole con le 7 lettere autentiche di Paolo possiamo vedere la percentuale:

ΝΟΜΟΣ (LA LEGGE):

11
ΠΙΣΤΙΣ (LA FEDE):

Queste due parole ricorrono nei seguenti passi nella lettera di Galati:

FEDE: 1,23; 2,16 (2); 2,20; 3,6; 3,7; 3,8; 3,9; 3,11; 3,12; 3,14; 3,22; 3,23 (2); 3,24; 3,25; 3,26; 5,5;
5,6; 6,10

LEGGE: 2:16 (3); 2:19 (2); 2:21; 3:2; 3:5; 3:10 (2); 3:11; 3:12; 3:13; 3:17; 3:18; 3:19; 3:21 (3);
3:23; 3:24; 4:4; 4:5; 4:21 (2); 5:3; 5:4; 5:14; 5:18; 5:23; 6:2; 6:13

Il capitolo tre della lettera ai Galati è più colmo dei termini legge e fede. Per noi è singolare
che in versetto 2,16 si ripete due volte la parola fede e tre volte viene ripetuta la parola legge. Per
questo abbiamo deciso di approfondire il versetto per comprendere bene il vero significato delle
parole legge e fede per Paolo.

BGT
Galatians 2:16 eivdo,tej Îde.Ð o[ti ouv dikaiou/tai a;nqrwpoj evx e;rgwn no,mou eva.n mh. dia. pi,stewj
VIhsou/ Cristou/( kai. h`mei/j eivj Cristo.n VIhsou/n evpisteu,samen( i[na dikaiwqw/men evk pi,stewj
Cristou/ kai. ouvk evx e;rgwn no,mou( o[ti evx e;rgwn no,mou ouv dikaiwqh,setai pa/sa sa,rxÅ

ICE
Galatians 2:16 sapendo tuttavia che l' uomo non è giustificato dalle opere della legge ma soltanto per
mezzo della fede in Gesù Cristo, abbiamo creduto anche noi in Gesù Cristo per essere giustificati dalla fede
in Cristo e non dalle opere della legge; poiché dalle opere della legge non verrà mai giustificato nessuno".

Friberg Greek Lexicon:

pi, s tij, ewj, h` (1) active, as belief directed toward a person or thing confidence, faith, trust, reliance on (MT 9.2); (2)
absolutely, without an object; (a) as the essential Christian religion (the) faith (CO 1.23); (b) as recognition and acceptance
of Christian teaching faith (JA 2.17); (c) as a decision to be faithful and loyal to the Christian religion promise, pledge,
commitment (1T 5.12); (d) as a conviction that brings certainty faith, assurance (RO 14.22); (e) as a Christian virtue,
especially along with hope and love characterizing believers (1TH 1.3); (3) passive; (a) of what brings trust and confidence
from others faithfulness, fidelity, reliability (TI 2.10); (b) as what inspires confidence pledge, (means of) proof, guarantee
(AC 17.31); (4) objectively, as the content of what is believed doctrine,

Friberg Greek Lexicon:

no, m oj, ou, o` with a basic meaning law, i.e. what is assigned or proper; (1) generally, any law in the judicial sphere (RO
7.1); (2) as rule governing one's conduct principle, law (RO 7.23); (3) more specifically in the NT of the Mosaic system of
legislation as revealing the divine will (the Torah) law (of Moses) (LU 2.22); in an expanded sense, Jewish religious laws
developed from the Mosaic law (Jewish) law (JN 18.31; AC 23.29); (4) as the collection of writings considered sacred by
the Jews; (a) in a narrower sense, the Pentateuch, the first five books of the Bible, as comprising the law (MT 12.5; GA
3.10b); (b) in a wider sense, the Old Testament Scriptures as a whole (MT 5.18; RO 3.19); (5) figuratively, as the Christian
gospel, the new covenant, as furnishing a new principle to govern spiritual life law (RO 8.2a; HE 10.16)

12
Diversi riferimenti delle due parole chiave:

no,moj, ou, o` Rm7,21-23; 8,2; Eb7,16; Rm3,27; 7,1; Mt 22,36; Lc2,22; 16,17; At13,38; 18,13;
21,24; Rm2,25; 3,19; 4,14; 7,2; Gal 3,12.17.19; 5,23; 1Tm1,9; Eb7,19; At23,29; Mt7,12; 12,5;
Lc2,23; 24,44, 1Cor9,9; Gal3,10; 4,21, Mt5,18; Rm3,19; 3,19; 3,27; 8,2;

pi,stij, ewj, h` Mt23,23; Rm3,3; Gal5,22; Tit2,10; 1Tim5,12; At17,31; 2Tit4,7; Mt9,2;
Mc11,22; Lc18,42; At14,9; 26,18; Rm4,5.9; Gal2,16; Ef1,15; Col 2,12; Eb12,2; 1Pt1,21, Lc18,8;
Rm1,5; 1Cor2,5;13,13; 2Cor1,24; 1Pt1,3; 1Pt1,9; Rm 14,22; Eb 11,1; Gal1,23; 1Tit1,19

Dio agisce donando il Vangelo, che è Cristo, chiedendo l’apertura della fede. A colui che
accoglie il suggerimento di Dio viene applicata gratuitamente la giustificazione. Dio che è
infinitamente misericordioso vuole giustificare l’uomo, e allora il primo impegno che deve
assumere è liberarlo dai peccati, dalla sporcizia che l’uomo stesso ha accumulato su di sé per il suo
modo di fare iniquo. Mosso dal suo amore per l’uomo, Dio rimuove questi detriti per mezzo del
mistero pasquale, cioè la morte e risurrezione di Cristo (2,15-17).
Liberati dalla schiavitù del peccato, dai detriti che ci tenevano prigionieri, è possibile
ravvisare nella specie umana i tratti tipici dell’immagine e somiglianza di Dio, veicolati nei
lineamenti di Cristo, dunque l’uomo è giustificato e diviene Figlio di Dio, grazie alla forza
vivificatrice di Cristo Gesù. In virtù di questa giustificazione, l’uomo possiede lo Spirito del Figlio
di Dio (4,5-6). Lo Spirito Santo donato all’uomo non è altro che la trasmissione della vitalità storica
del Cristo risorto. Grazie all’evento Cristo, già da ora siamo la nuova creatura (6,15), l’uomo nuovo
che attualizza in pienezza il disegno salvifico di Dio.

13
CONCLUSIONE

Abbiamo visto in questo elaborato sulla lettera ai Galati come Paolo è il primo teologo del
Nuovo Testamento, egli è il primo a parlare se vogliamo della Trinità: Dio, Gesù Cristo, Spirito
Santo.
La giustificazione mediante la fede è un mezzo che Dio utilizza per radunare la sua Chiesa,
nella quale è presente l'Israele di Dio, cioè il popolo eletto dai tempi escatologici. La Chiesa è
universale non solo perché è aperta a tutti ma anche perché in Cristo si trovano l'unita dei fedeli.
In Galati, Paolo afferma che il piano salvifico di Dio giunge a compimento nella persona di
Cristo. Egli è la discendenza in funzione della quale sono state fatte le promesse ad Abramo (3,16).

14
15