Sei sulla pagina 1di 2

Dallapartedel parlante

IL TURNO DI PAROLA un aprire, attaccare discorso


allora, dunque col Al l o ra ,comi nci amo di re che..... ecco, ola anch'iouna volta sono stata Possodire una cosa personalelEcco, gi nnasi o.. c i a tai n quarta ma, e, si, pronto {al teiefono)

cambiareargomento

senti, a proposito

riprendereilfiio del discorso, dicevo, come dicevo, stavo dicendo de qui per,comedi cevo, ho trovatol a sol i dari et lC e rto ,hai ragi one... ricollegarsia quanto detLo l a g e n te. prima
per ricollegarmi a..., come ho detto Poco fa..., a cui facevo cenno all'inizio, avevo fatto cenno all'inizio a cedere il turno di parola premessa ad una risposta (interiocutore) no?, cosa ne pensa? beh, mah, be' B C o me mai non ha fatto controfl are fum del l asua automobi l e? eh. . . d poi ho avutomol to da faree me ne sonc ia v e v oi n mentedi farl o,ma me n ti c ato. senti/a, senti un po', ascoltafi, guardali, vedi/a dimmi, di', dica, di'un po' Ma guarda,ho avutoveramentepaura. poco conferm ache I' As c o l ti , Lenti ni , i mpressi one gl i i tal i anil eggano ta d a i dati l stat.

RICHIESTADI ATTENZIONE

DI RTCHIESTA ACCORDO E1OCONFERMA

nol verol giustol non vero? trlLe parel non cosil dico malel ehl nehl di L e s ta ti sti che conoche l 6o% dei l ettorimedi ofort fatto dal l edo nne. Giustol

CONTROLLO DELLA RICEZIONE

eh? capisci/el capitol chiarol ci sietel

FATISMI (ANCHEDELLINTERLOCUTORE) sensodi sociale, per espressioni crearecoesione


appartenenza a un grlrppo

MECCANISMIDI MODUIAZIONE
I aumentare la forza di ci che si dice

lE beh, dawero,proprio,sai,ma sai,torno a


i rineter+i ripeto ancora ripeterti, rinetn tlrrrrra

i i I I i i dirninuire ia forza di ci che si dice

r L^l^ ^: per ri schi area vil ci vuol un bel f beh,.. ,,.,^l^ e,.^ L coraggi o . r. r t. - r !:- - :-J: come fanno gl i atti!:vi st idi tn i n azi onidi mostrati ve

Greenpeacel

un I praticamente, po', va beh, insomma, in un


;certo senso, in qualche modo, diciamo, per cosi dire, come dire, cosi, se vuoi, almeno dal mio punto di vista, se non sbaglio, secondo me, Per conto mio, a mio awiso ehm, cosi ,l e probl ematiche Ma per chi conosce, si soci al idel l a nostra generazi one, sa che i tre ntenni del duemi l asono mol to apol i ti ci . Ora se permettetepassereiai casi , di ci amo,pi compl ess.Questo C ardi ni veramenteun disa' stro,..

Dal partedell'interlocutore la
iTNTERRUZTONE i RICHIESTADI SPIEGAZIONE i CONFERMADI ATTENZIONE iCONFERMADI RICEZIONEE DI Dr i ACQUTSTZTONE CONOSCENZA
i

ma, allora, scusa/i, scusami/mi scusi, un attimo, un momento, insomma I ciol ehl ad esempiol comel cosal

I si, certo, vero, ho capito, chiaro, lo so bene, lo j credo iah, aah, oh, ma pensa,noo! j non mi dire, non me lo dire dei dicono che il 6o%o lettorimedio i - Le statistiche i forti fatto dal l edonne.Gi usto? i . Si vero,nelleloro mani sta la felicitdi un autore. i tn fondo i l romanzo nato avendocome desti na l tari oel ettvoa donna.N i entedi nuovodunque.La stori aconti nua.

ACCORDO

isi, gi, esatto, naturale, certo, proprio cosi, come ino, perfetto, naturalmente, vero, verissimo, ecco j Leidi cel (camuffa dsaccordo)

Funzioni metatestuali
DEMARCATIVI
aperfura chiusura continuativi generico ef o riernpivi
, .

-.-v_

I
I

I cio, va be', sai, allora, guarda, ma sai, sai no, sai cosa
i .i^l cio,

rr

va be', poi, .ll.tru cosi, r. l.,o' .tni allora -^oi

l,',.,^n, lJ,n')vtiut-

FOCATIZZATORI sottolineareun punto focale, centraledel discorsofatto prima

proprro di questasua capaci t dar voce ai bambi ni che mi ha i propri o c o l pi to. appunto arti l l compi todi qual si as sta di avereuno sguardoparti col are. " l o non ho paura"appuntoi l racconto un bambi noe del suo di l m odo di guardaree cosee l e persone. ecco E cco, ecco propri oquel l ochevol evodi re... ti dico, dico, voglio dire

RIFORMULAR segnaiare una parafrasi

cio, diciamo, anzi, insomma diciamo cosi, ti dir, voglio/volevo dire, come dire, in altre parole, mi spiego i usatocon l a funzi one i l n al cunesi tuazi onil di al ettopu essere d incode, voglio dire,come parlatache accomunaun gruppo ristret' to di persone.

correggere

diciamo, anzi, o meglio, insomma, cio no, voglio dire I di al ettisono parl ati dagl istratipi bassi , ci amo, di meno al ti dell a popol azi one.

esemplificare

un mettiamo, diciamo, facciamo/prendiamo esempio,ecco, per/ad esempio concreto come... Perfare esempio un di