Sei sulla pagina 1di 37

LE TECNICHE DI JOE ROSS

1-2-3 high o low, Ross Hook, Ledge, Trading Range, Trader’s Trick Entry e Gimmee Bar

LE TECNICHE DI JOE ROSS

Introduzione

Joe Ross ci ha consegnato due pattern molto importanti e di grande efficacia. Il primo d’inversione del trend, la formazione 1-2-3 high o low; il secondo di continuazione del trend, il Ross Hook (uncino di Ross). Entrambi sono molto semplici ma richiedono condizioni ben precise. Comincerò con illustrare la formazione 1-2-3 high o low per poi passare al Ross Hook. Infine vedremo quali sono i pattern migliori e per concludere la Trader’s Trick Entry (TTE), un’importante e ottima tecnica d’ingresso nel mercato.

Capirete come riconoscere quando il mercato si prende una pausa per poi ripartire e come operare

in queste situazioni studiando la Ledge e la Trading Range. Vi renderete conto del grosso

potenziale che ha la Gimmee bar e un particolare abbinamento tra formazione 1-2-3 high o low e

Bande di Bollinger.

La semplice spiegazione dei patterns sopra citati non è cosa rara, sarebbe bastata una ricerca su

Google per trovare numerosi siti che li descrivono. Ciò rende davvero importante questa dispensa è il capitolo in cui v’illustro quali sono i pattern con le maggiori possibilità di successo e quali, invece, quelli da evitare. E quello in cui vi spiego come faccio trading con queste tecniche: dove inserisco lo stop loss, quando e dove lo sposto, quando prendo parte dei profitti e quando chiudo il

trade.

Vi renderete conto che basta conoscere e applicare bene le tecniche di Ross per poter fare del

trading il vostro lavoro. Ma questo richiede tempo e un po’ d’esperienza per questo consiglio sempre di iniziare facendo pratica con il semplice trading sulla carta (cioè semplicemente scrivendo le operazioni da fare su un quaderno, con denaro virtuale) e passare solo dopo che vi

sarete impadroniti perfettamente di queste tecniche ad usare denaro vero.

LE TECNICHE DI JOE ROSS

Formazione 1-2-3 high o low

La formazione 1-2-3 high o low è una figura d’inversione del trend che si forma al termine di un movimento ben definito al rialzo (1-2-3 high) o al ribasso (1-2-3 low). Condizioni necessarie, quindi, perché si possa formare questo pattern sono un mercato in chiaro trend rialzista o ribassista e che la formazione inizi dal massimo (se il trend è rialzista) o dal minimo del trend (se invece è ribassista) del mercato. Prima spiegherò la formazione 1-2-3 high e dopo quella 1-2-3 low che, di fatto, sono graficamente, una l’opposta dell’altra. Poi vi riporterò alcuni esempi e vi dimostrerò quali sono i pattern con maggiori possibilità di riuscita, i soli da prendere in considerazione.

La formazione 1-2-3 high ha inizio al termine di un trend rialzista, quando i prezzi, dopo aver fatto registrare un massimo finale, cominciano a scendere. Il punto 1 è identificato come l’ultima barra che ha fatto registrare un nuovo massimo (figura 1).

barra che ha fatto registrare un nuovo massimo (figura 1). Figura 1 Il prezzo, dopo essere

Figura 1

Il prezzo, dopo essere sceso dal punto 1, toccherà un minimo (punto 2) dal quale si formerà una correzione completa (figura 2).

2) dal quale si formerà una correzione completa (figura 2). Figura 2 BSimmy Trading © All

Figura 2

Per correzione completa s’intende una barra che forma sia un massimo più alto che un minimo più alto della barra che forma il punto 2. O al massimo una combinazione di tre barre, che formano sia un massimo più alto sia un minimo più alto rispetto alla barra che forma il punto 2. In questo caso il massimo più alto e il minimo più alto si possono verificare in qualsiasi ordine (figura 3).

alto si possono verificare in qualsiasi ordine (figura 3). Figura 3 – a. minimo più alto,

Figura 3 a. minimo più alto, b. massimo più alto

Se dopo tre barre ciò non avviene, abbiamo una congestione e la formazione è annullata. E’ possibile, altresì, che il punto 1 e il punto 2 avvengano nella stessa barra.

Il punto 3 si formerà quando si verificherà una correzione completa, cioè quando si avrà un minimo più basso e un massimo più basso. O al massimo una combinazione di tre barre, che formano sia un massimo più basso sia un minimo più basso rispetto alla barra che forma il punto 3. In questo caso il massimo più basso e il minimo più basso si possono verificare in qualsiasi ordine (figura 4).

basso si possono verificare in qualsiasi ordine (figura 4). Figura 4 – a. minimo più basso,

Figura 4 a. minimo più basso, b. massimo più basso

Se dopo tre barre non avviene una correzione completa, abbiamo una congestione e la formazione è annullata. E’ possibile, altresì, che il punto 2 e il punto 3 avvengano nella stessa barra.

Questa appena presentata è la formazione 1-2-3 high che, ripeto, deve verificarsi al termine di un trend rialzista ben definitivo. Come sfruttarla per entrare nel mercato? E’ molto semplice, alla rottura del punto 2 (cioè quando il prezzo scende sotto il punto 2) si possono aprire posizioni ribassiste.

Adesso passo a spiegare la formazione 1-2-3 low che, di fatto, non è altro che l’opposto del precedente pattern appena visto.

La formazione 1-2-3 low ha inizio al termine di un trend ribassista, quando i prezzi, dopo aver fatto registrare un minimo finale, cominciano a salire. Il punto 1 è identificato come l’ultima barra che ha fatto registrare un nuovo minimo (fig. 5).

barra che ha fatto registrare un nuovo minimo (fig. 5). Figura 5 Il prezzo, dopo essere

Figura 5

Il prezzo, dopo essere salito dal punto 1, toccherà un massimo (punto 2) dal quale si formerà una correzione completa (figura 6).

2) dal quale si formerà una correzione completa (figura 6). Figura 6 Per correzione completa s’intende

Figura 6

Per correzione completa s’intende una barra che forma sia un minimo più basso che un massimo più basso della barra che forma il punto 2. O al massimo una combinazione di tre barre, che formano sia un minimo più basso sia un massimo più basso rispetto alla barra che forma il punto 2. In questo caso il minimo più basso e il massimo più basso si possono verificare in qualsiasi ordine (figura 7).

basso si possono verificare in qualsiasi ordine (figura 7). Figura 7 – a. massimo più basso,

Figura 7 a. massimo più basso, b. minimo più basso

Se dopo tre barre ciò non avviene, abbiamo una congestione e la formazione è annullata. E’ possibile, altresì, che il punto 1 e il punto 2 avvengano nella stessa barra.

Il punto 3 si formerà quando si verificherà una correzione completa, cioè quando si avrà un massimo più alto e un minimo più alto. O al massimo una combinazione di tre barre, che formano sia un massimo più alto sia un minimo più alto rispetto alla barra che forma il punto 3. In questo caso il massimo più alto e il minimo più alto si possono verificare in qualsiasi ordine (figura 8).

alto si possono verificare in qualsiasi ordine (figura 8). Figura 8 – a. massimo più alto,

Figura 8 a. massimo più alto, b. minimo più alto

Se dopo tre barre non avviene una correzione completa, abbiamo una congestione e la formazione è annullata. E’ possibile, altresì, che il punto 2 e il punto 3 avvengano nella stessa barra.

Questa appena presentata è la formazione 1-2-3 low che, ripeto ancora una volta ma è molto importante, deve verificarsi al termine di un trend ribassista ben definitivo. Come per la precedente formazione, possiamo sfruttare questo pattern per entrare nel mercato alla rottura del punto 2 (cioè quando il prezzo sale sopra il punto 2) si possono aprire posizioni rialziste.

Riepilogando un mercato deve essere in trend rialzista (o ribassista). Il massimo (o il minimo) del trend forma il punto 1. Da qui il mercato ritraccia per un po’ andando a formare il punto 2. Dopo il mercato riprende il suo trend originario ma senza, tuttavia, riuscire a superare il massimo (o il minimo) precedente. Quello è il punto 3 e da qui il mercato inverte il suo trend. La rottura del punto 2 è il nostro punto d’ingresso. Questo pattern è molto semplice da riconoscere ma, come spesso accade, ciò che è semplice è anche il più efficace. Vedremo in seguito un’entrata nel trade che ci permetterà di anticipare il movimento e quali sono le formazioni 1-2-3 high o low che hanno la maggiore percentuale di successo (l’80% circa).

Abbiamo visto la definizione della formazione 1-2-3 high o low. Abbiamo visto quali sono le condizioni necessarie perché si possano formare questi due pattern grafici. Adesso vediamo un paio di esempi pratici, un 1-2-3 high e un 1-2-3 low. Vediamo come avremmo potuto fare trading in modo molto semplice ed efficace.

Esempio 1. In figura 9 è riprodotto il grafico di Prysmian. Il giorno 24 luglio il titolo ha toccato un massimo a € 21,40 (punto 1) dopodiché ha cominciato a ritracciare fino ad arrivare il giorno 27 luglio a toccare un minimo a € 18,80 (punto 2). Il giorno successivo si ha una correzione completa, cioè una massimo e un minimo maggiori.

Figura 9 – Grafico Prysmian Il titolo torna a salire ma non tocca un nuovo

Figura 9 Grafico Prysmian

Il titolo torna a salire ma non tocca un nuovo massimo, infatti, il giorno 31 luglio tocca un massimo di € 20,37 (punto 3) e il giorno successivo si ha una correzione completa (massimo e minimo minore). La formazione 1-2-3 high è completa, adesso basta attendere la rottura del punto 2. Rottura che avviene il giorno 2 agosto e noi possiamo così entrare short (cioè al ribasso) su Prysmian. Potete capire da soli osservando il grafico del guadagno che avremmo portato a casa.

Esempio 2. In figura 10 è, invece, riprodotto il grafico di A2A (all’epoca sempre AEM). Il giorno 10 agosto il titolo ha toccato un minimo a € 2,2575 (punto 1) dopodiché ha cominciato a ritracciare fino ad arrivare il giorno 14 agosto a toccare un massimo a € 2,4400 (punto 2). Il giorno successivo si ha una correzione completa, cioè una massimo e un minimo minori. Il titolo torna a scendere ma non tocca un nuovo minimo, infatti, il giorno 17 agosto tocca un minimo di € 2,3400 (punto 3) e il giorno successivo si ha una correzione completa (massimo e minimo minore). La formazione 1-2-3 low è completa, adesso basta attendere la rottura del punto 2. Rottura che avviene il giorno 21 agosto e noi possiamo così entrare long (cioè al rialzo) su A2A. Anche in questo caso avremmo chiuso un ottimo trade.

In realtà non saremmo mai entrati nel trade poiché l’apertura è avvenuta in gap up. Cioè l’apertura del titolo è stata superiore al massimo del giorno precedente.

Figura 10 – Grafico A2A Ho voluto portare questo esempio proprio per focalizzare l’attenzione su

Figura 10 Grafico A2A

Ho voluto portare questo esempio proprio per focalizzare l’attenzione su questo particolare: se l’apertura avviene in gap, la formazione è annullata. Non importa se poi il titolo corre nella nostra direzione, pazienza. Le aperture in gap possono avere diversi significati e se è vero che in qualche circostanza avremmo guadagnato, ci sono molte volte in cui il titolo, dopo l’apertura, ritraccia e riprende il trend originario. Il titolo, quindi, deve passare per il nostro prezzo d’ingresso e non saltarlo con un’apertura in gap.

Altra importante considerazione è che se il punto 3 sale sopra il punto 1 nell’1-2-3 high o scende sotto il punto 1 nell’1-2-3 low, tale formazione è annullata.

LE TECNICHE DI JOE ROSS

Ledge e Trading Range

La Ledge (tradotto cornice) è una configurazione rettangolare di minimi e massimi allineati che si verifica all’interno di un trend al rialzo o al ribasso. La Ledge rappresenta un punto di sosta per i prezzi ed è costituita da un numero di barre variabile da 4 a 10; se supera le 10 barre si parla di trading range. I massimi e i minimi devono essere separati da almeno una barra. Preciso che per allineati s’intende che i due massimi tra loro (e i due minimi tra loro) non devono essere distanti più di tre ticks (figura 11).

non devono essere distanti più di tre ticks (figura 11). Figura 11 - Ledge E’ possibile

Figura 11 - Ledge

E’ possibile che in una serie di barre si presentino, come nel secondo caso in figura, più Ledges sovrapposte. E’ a discrezione del trader scegliere la rottura di quale Ledge è da prendere in considerazione.

Ci si aspetta che il trend continui dopo la rottura (breakout) di una Ledge. I massimi e i minimi

allineati definiranno dei livelli di supporto e di resistenza. Normalmente si entra nel trade alla rottura nella direzione del trend pre-esistente, dopo che i due massimi allineati o due minimi allineati si sono verificati. Apriremo una posizione solo dopo che s’è verificato il breakout di uno

dei livelli (supporto o resistenza). Il breakout di questi livelli è solitamente accompagnato da un buon momentum. Sul mercato dovrebbe esserci una forza sufficientemente esplosiva per generare

un buon profitto nel breve termine.

La Trading Range è molto simile alla Ledge, si differenzia solo per il numero di barre che la compongono. La Trading Range, infatti, è composta da minimo undici barre e massimo trenta. Le barre comprese tra la decima e la ventesima generalmente hanno poco impatto. Di solito le barre dalla ventunesima alla ventinovesima sono candidate a essere barre di breakout del massimo o breakdown del minimo della Trading Range definita dalle barre precedenti la rottura (figura 12).

Figura 12 - Trading Range Il massimo diventerà la resistenza mentre il minimo il supporto

Figura 12 - Trading Range

Il massimo diventerà la resistenza mentre il minimo il supporto e come per la Ledge, anche nella Trading Range entreremo nella direzione del trend alla rottura della resistenza (se il trend è rialzista) oppure alla rottura del supporto (se il trend è ribassista). La spinta in uscita da una Trading Range ci fornirà, spesso, un trade significativo. Vediamo adesso un paio di esempi pratici per capire meglio queste due figure.

Esempio 1. In figura 13 è riprodotto il grafico di Tenaris. Si può facilmente intuire che il titolo si trova in trend rialzista e il giorno 6 giugno raggiunge un nuovo massimo. Subito dopo si forma una breve fase laterale, dove possiamo notare la Ledge contrassegnata dalle due righe rosse.

notare la Ledge contrassegnata dalle due righe rosse. Figura 13 - Grafico Tenaris BSimmy Trading ©

Figura 13 - Grafico Tenaris

Se prima della decima barra si verificherà il breakout dei due massimi allineati, entreremo al rialzo. Cosa che avviene il giorno 19 giugno (freccia verde) ed è facilmente intuibile quale sarebbe stato il potenziale guadagno. Da notare come il giorno del breakout e quello successivo i volumi sono stati altissimi, più del doppio della media. Questo vi fa capire il perché questa tecnica sia importante. La Ledge si forma su resistenze e supporti naturali e la sua rottura è, generalmente, accompagnata da un buon momentum e un forte aumento degli scambi. Questo garantisce un buon guadagno.

Esempio 2. Quello riprodotto in figura 14 è il grafico di STMicroelectronics. Dal grafico si evince come il titolo sia in trend ribassista fino a toccare un nuovo minimo il 22 gennaio. Il giorno successivo (contrassegnato con la freccia blu) ha inizio una Trading Range delimitata dalle due linee rosse; quella superiore la resistenza e quella inferiore il supporto. Il segnale d’ingresso è la rottura della linea di supporto questo perché entreremo sempre in direzione del trend che precedeva la Trading Range. Il giorno 4 marzo (freccia verde) è ciò che realmente avviene con la ripresa del trend ribassista del titolo.

avviene con la ripresa del trend ribassista del titolo. Figura 14 - Grafico STMicroelectronics Un paio

Figura 14 - Grafico STMicroelectronics

Un paio di considerazioni. Vedrete, osservando le Trading Range, che nella maggior parte dei casi esse saranno precedute sul grafico da un gap o da una barra relativamente lunga che va quasi da massimo a minimo. Questi due casi potrebbero essere combinati insieme.

Inoltre, se noi guardiamo a com’è cominciata la Trading Range, scegliamo come inizio la barra che più rappresenta il centro verticale di tutto il movimento dei prezzi fin dall’inizio del consolidamento (cioè della Trading Range).

Riprendendo il grafico di STMicroelectronics vediamo che la barra contrassegnata con la freccia blu è molto estesa e il suo massimo e il suo minimo sono molto vicini alle due linee rosse che delimitano la Trading Range. Inoltre vediamo, anche, che si trova proprio nel centro della Trading Range stessa.

Questi sono due ottimi segnali per capire quando e dove incomincia una Trading Range.

Ultima considerazione: se la rottura di una Ledge o di una Trading Range avviene in gap il segnale viene annullato. Come per la formazione 1-2-3 high o low anche in questi due casi voglio che il prezzo passi per il mio punto d’ingresso. E’, tuttavia probabile, che entrando nel mercato alla rottura del supporto o della resistenza s’incappi in qualche falso breakout o breakdown. Se si desidera evitare questo rischio si può entrare nel mercato al formarsi del primo Ross Hook. Ross Hook che vedrete nel prossimo capitolo.

LE TECNICHE DI JOE ROSS

Ross Hook (l’uncino di Ross)

La formazione 1-2-3 high o low, che abbiamo in precedenza visto, è una figura d’inversione del trend. Il Ross Hook, invece, è una figura di continuazione del trend e si verifica quando in un trend (rialzista o ribassista) il titolo si prende una pausa per poi ripartire. Per definizione il Ross Hook è ogni fallimento dei prezzi nel conseguire nuovi massimi o nuovi minimi.

Il Ross Hook si forma:

1. Alla prima correzione che segue la rottura di una formazione 1-2-3 high o low.

che segue la rottura di una formazione 1-2-3 high o low. Figura 15 - Ross Hook

Figura 15 - Ross Hook dopo una formazione 1-2-3 high

2. Alla prima correzione che segue la rottura di una Ledge.

2. Alla prima correzione che segue la rottura di una Ledge. Figura 16 - Ross Hook

Figura 16 - Ross Hook dopo una Ledge

3. Alla prima correzione che segue la rottura di una Trading Range.

Figura 17 - Ross Hook dopo una Trading Range I Ross Hook si verificano a

Figura 17 - Ross Hook dopo una Trading Range

I Ross Hook si verificano a qualsiasi livello a differenza delle formazioni 1-2-3 high che si verificano ai massimi di mercato e delle formazioni 1-2-3 low che si verificano ai minimi di mercato. Un uncino di Ross non richiede altro che l’incapacità dei prezzi di formare un nuovo massimo o minimo in un trend. In un mercato al ribasso, appena si verifica un minimo uguale o superiore, si ha un Ross Hook. In un mercato al rialzo, appena si verifica un massimo uguale o inferiore, si ha un Ross Hook. Il nostro punto d’ingresso nel mercato è dato dalla rottura del Ross Hook purché non avvenga in gap (come abbiamo già visto per le precedenti figure) poiché ciò annullerebbe il segnale.

Esempio 1. Riprendiamo il grafico di Prysmian visto in precedenza e riprodotto in figura 18.

di Prysmian visto in precedenza e riprodotto in figura 18. Figura 18 - Grafico Prysmian BSimmy

Figura 18 - Grafico Prysmian

Osserviamo che dopo la rottura del punto 2, e il nostro conseguente ingresso short nel mercato, il titolo comincia a scendere. Inoltre, non tutte le barre nel grafico formano un nuovo minimo. Ogni tanto abbiamo alcuni brevi ritracciamenti che formano degli uncini. Sul grafico sono stati contrassegnati con le lettere RH in rosso. Ogni qualvolta, quindi, il prezzo fallisce un nuovo minimo si viene a formare un Ross Hook. Vediamo un altro esempio.

Esempio 2. Quello riprodotto in figura 19 è il grafico di Finmeccanica.

riprodotto in figura 19 è il grafico di Finmeccanica. Figura 19 - Grafico Finmeccanica Possiamo osservare

Figura 19 - Grafico Finmeccanica

Possiamo osservare sul grafico che, delineata dalle due linee rosse, c’è una Trading Range formatasi dopo un trend rialzista del titolo. La freccia blu indica il suo inizio (notate anche qui la centralità della barra rispetto alle due linee rosse) mentre quella verde il giorno in cui il prezzo ha rotto al rialzo (cioè riprendendo il trend precedente) la Trading Range. Dopo nel trend rialzista del titolo si formano diversi Ross Hook (nel grafico contraddistinti dalle lettere RH) ogni volta che il prezzo non è riuscito a formare un nuovo massimo (nel grafico ho segnalato solo i primi 5 Ross Hook, divertitevi a trovare quelli successivi).

Il concetto è molto più semplice di quanto si possa credere. A ogni fallimento del prezzo a conseguire nuovi massimi (in un trend rialzista) o nuovi minimi (in un trend ribassista) si forma un Ross Hook. Utilizzeremo questa tecnica entrando in direzione del trend ogni volta che il prezzo

rompe il Ross Hook. Un’eventuale apertura in gap annullerebbe il segnale d’ingresso. Vedremo nel prossimo capitolo una particolare tecnica che anticipa il punto d’ingresso nel mercato.

LE TECNICHE DI JOE ROSS

Trader’s Trick Entry (Trucco del trader)

Abbiamo visto che nella formazione 1-2-3 high o low la nostra entrata nel mercato avviene alla rottura del punto 2 e nel Ross Hook alla rottura dello stesso uncino. Adesso vediamo come possiamo anticipare l’entrata nel mercato con la Trader’s Trick Entry (TTE). Obiettivo della TTE è

di evitare i danni derivanti dal falso breakout o breakdown di un Ross Hook o di una formazione

1-2-3 high o low e di metterci in una posizione di vantaggio rispetto agli altri trader.

1-2-3 HIGH O LOW

Consiste nell’entrare sul breakdown del minimo della barra di correzione (o del minimo più basso delle barre di correzione) che definisce il punto 3 in una formazione 1-2-3 high. Oppure sul breakout del massimo della barra di correzione (o del massimo più alto delle barre di correzione) che definisce il punto 3 in una formazione 1-2-3 low. E’ necessario che ci sia abbastanza spazio tra il livello d’ingresso e il punto 2 in modo tale che se i prezzi, una volta tentato di forzare il punto 2 della formazione, dovessero tornare indietro abbiamo la possibilità di uscire con un guadagno. Prendendo come esempio figura 20, entreremo long alla rottura del punto a (il massimo delle due barre di correzione che hanno definito il punto 3).

due barre di correzione che hanno definito il punto 3). Figura 20 - Formazione 1-2-3 low

Figura 20 - Formazione 1-2-3 low

ROSS HOOK

Consiste nell’entrare sul breakout del massimo della barra che definisce il Ross Hook ed è la prima della correzione. E’ necessario che ci sia abbastanza spazio tra il livello d’ingresso e il Ross Hook in modo tale che se i prezzi, una volta tentato di forzare l’uncino, dovessero tornare indietro abbiamo

la possibilità di uscire con un piccolo guadagno e, cosa ancora più importante, di evitare delle

perdite. E’ inoltre possibile, e in realtà più consueto, che la correzione non si realizzi in una sola

barra ma in più barre. In tal caso il punto di entrata sarà la rottura del massimo dell’ultima barra

della correzione. Se la correzione supera le tre barre, il pattern è annullato. Prendiamo l’esempio in figura 21. Vediamo formarsi tre barre di correzione, se ve ne sarà una quarta, il pattern è annullato altrimenti entreremo al rialzo al superamento del massimo della terza barra di correzione. Se l’apertura avverrà in gap, il segnale d’ingresso sarà annullato.

avverrà in gap, il segnale d’ingresso sarà annullato. Figura 21 - Ross Hook Vediamo adesso due

Figura 21 - Ross Hook

Vediamo adesso due esempi. In figura 22 è riprodotto il grafico di Gaz de France (Cac 40). Osserviamo formarsi, al termine di un trend rialzista, un 1-2-3 high. La linea orizzontale rossa indica il livello di entrata con la TTE che ci avrebbe permesso di portare a casa un guadagno ben maggiore rispetto a quello che avremmo ottenuto se avessimo atteso la rottura del punto 2.

avremmo ottenuto se avessimo atteso la rottura del punto 2. Figura 22 - Grafico Gaz de

Figura 22 - Grafico Gaz de France

La linea rossa parte dal minimo della barra che completa la formazione 1-2-3 high. Alla rottura di tale minimo noi entriamo nel mercato.

Sul grafico di Pirelli (figura 23) vediamo formarsi diversi Ross Hook e, dopo al massimo tre barre di correzione, osserviamo la linea rossa che ci indica il punto di entrata al ribasso con la tecnica della Trader’s Trick Entry.

al ribasso con la tecnica della Trader’s Trick Entry. Figura 23 - Grafico Pirelli La linea

Figura 23 - Grafico Pirelli

La linea rossa parte dal minimo dell’ultima barra di correzione e la rottura di tale minimo rappresenta il nostro punto d’ingresso nel mercato.

Con la tecnica della Trader’s Trick Entry abbiamo la possibilità di entrare prima nel mercato rispetto ai canonici segnali (rottura del punto 2, rottura del Ross Hook), dandoci così l’opportunità anticipare le mosse della maggior parte dei trader. Nel caso in cui la formazione 1-2-3 al raggiungimento del punto 2 o il Ross Hook al raggiungimento dell’uncino, dovessero invertire rotta, riusciamo, nel peggiore dei casi, a chiudere in pareggio il trade (e non è cosa da sottovalutare!).

LE TECNICHE DI JOE ROSS

Anticipare la TTE: l’Inside Entry

Abbiamo visto come entrare in anticipo in una formazione 1-2-3 high o low con la Trader’s Trick Entry. Adesso vediamo com’è possibile addirittura anticipare questa tecnica. Negli anni, utilizzando la formazione 1-2-3 high o low ed entrando sempre nel mercato, dove possibile e consigliabile, con la TTE mi sono accorto che c’erano delle volte in cui il punto 3 non veniva definito con la barra successiva in quanto questa aveva solo uno dei due parametri necessari per la correzione completa: o il massimo inferiore nell’1-2-3 high, o il minimo superiore nell’1-2-3 low. La caratteristica di questa barra consisteva nel fatto che era una barra inside rispetto alla precedente e che, teoricamente, costituiva il punto3 (figura 24). La barra inside è una barra che ha massimo inferiore e minimo superiore rispetto alla barra che la precede.

e minimo superiore rispetto alla barra che la precede. Figura 24 - Formazione 1-2-3 low, correzione

Figura 24 - Formazione 1-2-3 low, correzione incompleta

Come potete notare il punto 3 non è stato ancora definito in quanto, perché ciò accada, occorre che la barra successiva o al massimo la combinazione delle tre barre successive formino un massimo più alto e un minimo più alto (figura 25).

un massimo più alto e un minimo più alto (figura 25). Figura 25 - Formazione 1-2-3

Figura 25 - Formazione 1-2-3 low, correzione completa

Studiando tutti i casi simili che si sono formati nei grafici dei titoli dell’S&P MIB40, del CAC40 e del DAX30 dal novembre 2006 all’ottobre 2008 (cioè nell’arco temporale di due anni) e filtrati in base al ritracciamento del punto 3 (caratteristica che vedremo nel capitolo che tratta la scelta del

pattern), ho potuto appurare che nell’84% delle volte in cui il prezzo rompe il minimo della barra inside nella formazione 1-2-3 high oppure il massimo della barra inside nella formazione 1-2-3 low, il prezzo raggiunge almeno il punto 2. Da questo si evince che al formarsi di una barra inside subito successiva a quella che potrebbe essere la barra del punto 3, si può entrare nel mercato alla rottura del minimo nella formazione 1-2-3 high o del massimo nella formazione 1-2-3 low anticipando anche l’entrata della TTE, con probabilità di successo molto elevate. Se tale rottura avviene in gap, la formazione è annullata.

Vediamo un paio di esempi chiarificatori. Nella figura 26 è riprodotto il grafico di ENI. Vediamo formarsi un 1-2-3 high al termine di un trend rialzista. Notiamo la barra inside successiva a quello che è, ancora potenzialmente, il punto 3 (freccia rossa). Saremmo potuti entrare short alla rottura del minimo della barra inside anticipando la TTE che, fra l’altro, non avrei personalmente utilizzato poiché consisteva nell’entrare short alla rottura del minimo della barra successiva a quella inside. Minimo che è di pochissimo più alto del punto 2 e, quindi, non ci sarebbe stato spazio sufficiente per portare a casa parte del guadagno al raggiungimento del punto 2 (vedrete quest’ultimo concetto nei capitoli “la scelta del pattern” e “stop loss, trailing stop e take profit”).

pattern” e “stop loss, trailing stop e take profit”). Figura 26 - Grafico ENI Vediamo un

Figura 26 - Grafico ENI

Vediamo un altro grafico (figura 27). Su Mediaset al termine di un trend ribassista si è formato un 1-2-3 low. Anche in questo caso subito dopo la barra del potenziale punto 3 si è formata una barra

inside. Avremmo potuto fare trading entrando al rialzo alla rottura del massimo della barra inside anticipando la TTE. TTE che anche in questo caso era impossibile da usare in quando coincideva esattamente con l’entrata alla rottura del punto 2.

esattamente con l’entrata alla rottura del punto 2. Figura 27 - Grafico Mediaset In conclusione, quando

Figura 27 - Grafico Mediaset

In conclusione, quando si forma una barra inside subito dopo un potenziale punto 3, la si può utilizzare per entrare prima degli altri nel mercato. Non è una figura comunissima ma molto affidabile e a basso rischio. Come abbiamo visto nei due casi sopra descritti, è anche più efficace della TTE poiché la distanza tra barra inside e punto 2 è sufficiente per fare trading (cosa che con la TTE non è sempre possibile). Chiamerò d’ora in avanti questa tecnica Inside Entry.

LE TECNICHE DI JOE ROSS

Gimmee bar

La barra Gimmee deriva da una delle più antiche formazioni note ai trader, la barra “reversal” alla fine di una salita o discesa dei prezzi in un mercato che complessivamente si sta muovendo lateralmente. Sebbene il riconoscimento delle reversal bar sia antico, il loro utilizzo insieme alle Bande di Bollinger non lo è. Per quanto riguarda le Bande di Bollinger è sufficiente dire che le bande sono costruite in modo che, quando definite con una media mobile a 20 barre delle chiusure e due deviazioni standard, approssimativamente il 96,5% di tutte le chiusure saranno contenute nelle bande (figura 28).

tutte le chiusure saranno contenute nelle bande (figura 28). Figura 28 - Bande di Bollinger La

Figura 28 - Bande di Bollinger

La barra reversal è una barra particolare che si trova alla fine di una correzione o di un rally ed è un chiaro segnale d’inversione della tendenza. Al termine di una discesa perché ha la chiusura più alta rispetto all’apertura e al termine di una salita per l’esatto contrario, cioè ha la chiusura più bassa dell’apertura. In pratica dopo un certo numero di sedute ribassiste o rialziste è come se il mercato, esaurita la spinta, cambi tendenza in un’unica seduta. Le Gimmees non sono altro che delle barre reversal che invertono la direzione dei prezzi quando questi hanno toccato la banda superiore o inferiore (figura 29). Si noti che ciò deve accadere solamente in un mercato in cui i prezzi si muovono orizzontalmente (Trading Range).

Figura 29 - Gimmees Vediamo un po’ più nello specifico come utilizzare questa importate figura.

Figura 29 - Gimmees

Vediamo un po’ più nello specifico come utilizzare questa importate figura. In un trend al rialzo la gimmee è quella barra che tocca la banda superiore e chiude a un prezzo inferiore dell’apertura (nella figura 29 quella barra indicata con la prima freccia in alto a sinistra) oppure è la barra subito successiva a una barra che ha toccato la banda superiore (e che ha la chiusura superiore all’apertura altrimenti ritorneremo al primo caso) con, come da definizione, la chiusura inferiore all’apertura (figura 29 seconda freccia in alto). Al verificarsi di una di queste due considerazioni noi possiamo entrare al ribasso due o tre ticks sotto il minimo della Gimmee. Ricapitoliamo. Caso 1:

- I prezzi stanno salendo

- La barra tocca la banda superiore e la chiusura è inferiore all’apertura (barra Gimmee)

- Entreremo short due/tre ticks sotto il minimo della barra Gimmee

Caso2:

- I prezzi stanno salendo

- La barra tocca la banda superiore ma lapertura è inferiore alla chiusura

- La barra successiva chiude sotto l’apertura (barra Gimmee)

- Entreremo short due/tre ticks sotto il minimo della barra Gimmee

In un trend al ribasso la Gimmee è quella barra che tocca la banda inferiore e chiude a un prezzo superiore dell’apertura (nella figura 29 quella barra indicata con la prima freccia in basso a sinistra) oppure è la barra subito successiva a una barra che ha toccato la banda inferiore (e che ha la chiusura inferiore all’apertura altrimenti ritorneremo al primo caso) con, come da definizione, la chiusura superiore all’apertura (figura 29 seconda freccia in basso). Al verificarsi di una di queste due considerazioni noi possiamo entrare al rialzo due o tre ticks sopra il massimo della Gimmee. Ricapitoliamo.

Caso 1:

- I prezzi stanno scendendo

- La barra tocca la banda inferiore e la chiusura è superiore all’apertura (barra Gimmee)

- Entreremo long due/tre ticks sopra il massimo della barra Gimmee

Caso2:

- I prezzi stanno scendendo

- La barra tocca la banda inferiore ma lapertura è superiore alla chiusura

- La barra successiva chiude sopra l’apertura (barra Gimmee)

- Entreremo long due/tre ticks sopra il massimo della barra Gimmee

Andiamo a vedere un esempio pratico. In figura 30 è riportato il grafico di Buzzi Unicem.

In figura 30 è riportato il grafico di Buzzi Unicem. Figura 30 - Grafico Buzzi Unicem

Figura 30 - Grafico Buzzi Unicem

Per prima cosa si noti il movimento orizzontale del titolo, condizione necessaria per operare con le Gimmees. Possiamo vedere il formarsi di quattro Gimmees: due “rialziste” di colore verde e segnalate da frecce poste al di sotto e due “ribassiste” di colore rosso con relative frecce site al di sopra.

Entreremo nel mercato long alla rottura del massimo della barra verde, short alla rottura del minimo della barra rossa. Non sono ammesse, come per tutti gli altri patterns di Ross, aperture in gap. Nel grafico riportato non sarebbe stato possibile fare trading con tutte e quattro le barre ma questo non ha importanza per il momento. Ciò che importa è che abbiate visto che la Gimmee è una figura molto importante e redditizia da utilizzare quando i mercati si muovono lateralmente. Non è invece valida quando ci troviamo in trend rialzista o ribassista.

LE TECNICHE DI JOE ROSS

1-2-3 high o low + Bande di Bollinger

Abbiamo visto la formazione 1-2-3 high o low, come si forma e quando entrare nel mercato. Adesso guardiamo a una variante di tale formazione, impariamo a utilizzare questo pattern quando il mercato si trova in Trading Range con l’aiuto delle Bande di Bollinger (che abbiamo già utilizzato con la barra Gimmee). Abbiamo detto in precedenza che le Bande di Bollinger consentono di visualizzare la collocazione di due deviazioni standard rispetto al movimento dei prezzi. Dal punto di vista statistico, due deviazioni standard comprendono il 96,5% di tutto il movimento dei prezzi sulla base di una media mobile semplice o esponenziale. Se consideriamo le chiusure, ad esempio, possiamo aspettarci che il 96,5% di tutte le chiusure cadrà all’interno dei limiti delle Bande di Bollinger. Queste bande hanno dimostrato di essere un valido aiuto per l’individuazione dei punti di svolta del mercato, poiché sono statisticamente affidabili. Negli esempi che seguono, utilizzerò le convenzionali Bande di Bollinger con 2 deviazioni standard basate su una media mobile semplice a 20 barre delle chiusure.

Gli indicatori raramente sono sufficienti, da soli, per fare un trading davvero efficace. E’ necessario utilizzare anche altri elementi per convincere un trader che si è verificata una svolta nel mercato e che i prezzi sono pronti a muoversi in un’altra direzione, o almeno a interrompere il movimento nella direzione precedente. Un altro elemento può essere la formazione 1-2-3 high o low. I massimi 1-2-3 che si formano alla Banda di Bollinger superiore o alla media mobile, e i minimi 1-2-3 che si formano alla Banda di Bollinger inferiore o alla media mobile, forniscono al trader attento alcuni eccellenti segnali di cambiamento di direzione (figura 31).

eccellenti segnali di cambiamento di direzione (figura 31). Figura 31 - Formazioni 1-2-3 high o low

Figura 31 - Formazioni 1-2-3 high o low e Banda di Bollinger

In un mercato in trend al ribasso, i prezzi devono toccare o superare la Banda di Bollinger superiore, o i prezzi devono toccare o superare la linea della media mobile prima che la formazione 1-2-3 diventi un legittimo punto di entrata. In un mercato in trend al rialzo, i prezzi devono toccare o superare la Banda di Bollinger inferiore, o i prezzi devono toccare o superare la linea della media mobile prima che la formazione 1-2-3 diventi un legittimo punto di entrata.

A differenza della Gimmee, l’utilizzo della Banda di Bollinger con la formazione 1-2-3 high o low necessita che il mercato si trovi in trend rialzista o ribassista. Vediamo un paio di esempi per capire meglio questa combinazione pattern/indicatore.

In figura 32 abbiamo il grafico di Unicredit. Vediamo subito il trend ribassista del titolo. Ho riportato tre formazioni 1-2-3 high che si sono sviluppate sulla banda superiore. Vedremo meglio nel prossimo capitolo quali pattern utilizzare e quali, invece, da scartare, adesso prendete per buone tutte e tre le formazioni. Noterete immediatamente come avremmo potuto realizzare un guadagno utilizzando questo pattern.

potuto realizzare un guadagno utilizzando questo pattern. Figura 32 - Grafico Unicredit Altro grafico. In figura

Figura 32 - Grafico Unicredit

Altro grafico. In figura 33 è riprodotto quello di Saipem. In questo caso il trend del titolo è rialzista e ho riportato due formazioni 1-2-3 low che si sono sviluppate sulla banda inferiore. Anche in

questo caso è visibilmente lampante come una volta scattato il nostro ingresso nel mercato, avremmo ottenuto un grosso guadagno.

ingresso nel mercato, avremmo ottenuto un grosso guadagno. Figura 33 - Grafico Saipem La tecnica d’ingresso

Figura 33 - Grafico Saipem

La tecnica d’ingresso è sempre la stessa: alla rottura del punto 2 oppure con la TTE (vedrete meglio nel prossimo capitolo quale usare secondo la circostanza). Questa combinazione tra formazione 1- 2-3 e Bande di Bollinger è ottima per riuscire a sfruttare i ritracciamenti in un trend per entrare nel mercato nella direzione del trend stesso.

LE TECNICHE DI JOE ROSS

La scelta del pattern giusto

Abbiamo visto le figure che Joe Ross utilizza nel suo trading, ma non tutte le volte che si presenta una determinata figura, che possa essere una formazione 1-2-3 high o una Gimmee, dobbiamo fare trading. Ci sono, infatti, dei pattern che hanno maggiori probabilità di altri di successo e adesso vedremo in dettaglio quali.

1-2-3 HIGH O LOW

La formazione 1-2-3 high o low in definitiva non è altro che onda 1 e onda 2 di Elliott. Per chi ha

dimestichezza con Elliott, può verificarlo, gli altri prendano per buono quanto detto. Statisticamente, quindi, attraverso i ritracciamenti di Fibonacci possiamo concludere che i pattern migliori, quelli con circa l’80% di possibilità di riuscita, sono quelli in cui il punto 3 ha un

ritracciamento dal punto 2 compreso tra il 38,2% e il 61,8%. Questi sono le sole formazioni 1-2-3 high o low con le quali fare trading. Se avete dei software che hanno la funzione di ritracciamento

di Fibonacci, potete usare facilmente tale funzione per verificare il grado di ritracciamento del

punto 3, altrimenti basta usare queste formule:

formazione 1-2-3 high

((punto 3 punto 2) x 100 )/ (punto 1 punto 2)

formazione 1-2-3 low

((punto 2 punto 3) x 100) / (punto 2 punto 1)

ROSS HOOK

Vi sono casi in cui occorre prestare molta attenzione e possibilmente evitare di operare con la

tecnica dell’uncino. Non si tratta di casi assoluti, ma è molto importante ricordare come le probabilità di successo si riducano notevolmente, mentre noi vogliamo operare solo con molte

probabilità a nostro favore.

- Quando i prezzi diventano improvvisamente volatili e gli uncini sono, in termini di prezzi, molto distanti dalle correzioni, che a loro volta si manifestano con gaps.

- Quando gli uncini si susseguono a distanza di poche barre, anche una o due dopo una correzione, segno che il mercato è vicino al top o si sta muovendo troppo velocemente.

- Quando vi è un breakout di un uncino con volumi inconsistenti.

- Quando i prezzi, dopo tre barre di correzione non hanno ripreso con decisione la direzione verso l’uncino.

- Quando un uncino è troppo lontano.

GIMMEE

Evitare di entrare in un trade se l’estremo della barra Gimmee ha toccato o è molto vicino alla media mobile (linea intermedia tra le bande). Spesso i prezzi si fermano o formano congestioni quando raggiungono il livello della media mobile (figura 34).

raggiungono il livello della media mobile (figura 34). Figura 34 - Evitare di entrare in un

Figura 34 -

Evitare di entrare in un trade se la barra Gimmee è eccessivamente lunga rispetto alla dimensione delle barre precedenti. Spesso, quando c’è stata una barra molto grande, le barre successive mostrano una reazione (figura 35).

le barre successive mostrano una reazione (figura 35). Figura 35 - BSimmy Trading © All Rights

Figura 35 -

Evitare di entrare in un trade se l’apertura della barra successiva alla Gimmee è in gap oltre l’estremo della Gemmee. Aperture in gap oltre l’estremo vedranno spesso i prezzi tornare indietro verso la chiusura della barra precedente (figura 36).

verso la chiusura della barra precedente (figura 36). Figura 36 - 1-2-3 HIGH O LOW +

Figura 36 -

1-2-3 HIGH O LOW + BANDA DI BOLLINGER

Quando una formazione 1-2-3 high o low si forma sulle bande, è opportuno che il punto 2 sia superato prima di entrare nel trade (quindi non è consigliabile utilizzare la Trader’s Trick Entry). Trader’s Trick che mostra i risultati migliori quando è utilizzata con formazioni 1-2-3 high o low che si formano alla media mobile.

TRADER’S TRICK ENTRY

Evitare di usare la Trader’s Trick per entrare anticipatamente in una formazione 1-2-3 high o low o in un Ross Hook, quando non vi è sufficiente spazio tra punto di entrata e punto 2 (in una formazione 1-2-3 high o low) o tra punto di entrata e Ross Hook. In questi casi attendere la rottura della punto 2 o dell’uncino prima di entrare nel mercato.

In tutti i casi non entrerò mai nel mercato se il mio punto d’ingresso verrà rotto in gap. Prenderò solo in esame quei mercati in cui il prezzo passa per il mio punto d’ingresso e non quelli in cui il mio punto d’ingresso è saltato da un’apertura in gap.

LE TECNICHE DI JOE ROSS

Stop loss, trailing stop e take profit

Abbiamo visto nel capitolo precedente che non tutti i pattern sono uguali. Ci sono alcune condizioni che rendono statisticamente più profittevoli alcune figure piuttosto che altre. Non bisogna, quindi, prendere per buone tutte le formazioni 1-2-3 high o tutti i Ross Hook ma bisogna fare una cernita dei segnali in base a determinate caratteristiche.

Adesso passiamo all’argomento più difficile da “digerire”, poiché va a colpire quello che è l’ego umano. Guardiamo quando uscire, come proteggere il nostro guadagno man mano che il trend si sviluppa, dove individuare il take profit. Già, l’inserimento degli stop. In pochi li utilizzano e non a caso più del 90% delle persone che fanno trading, finiscono nel breve periodo di poche settimane con il dilapidare tutto il capitale.

Nessuno è disposto a veder scattare uno stop perché equivarrebbe a dichiarare io ho perso, io ho sbagliato a… Non accorgendosi che questo loro pensiero è l’inizio della loro fine. Io vedo lo stop loss come una sorta di assicurazione. Si, un’assicurazione dalle grosse perdite. In fondo nessuno paga volentieri l’assicurazione della propria automobile però la benedice quando si ritrova l’auto sfasciata perché incidentato. Qui è la medesima cosa. Nessuno vede volentieri scattare lo stop loss ma lo benedice quando costata quanto avrebbe perso se non lo avesse inserito.

Di seguito riporto le mie tecniche di entrata, uscita e utilizzo degli stop.

1-2-3 HIGH O LOW (con la TTE)

Entrata: Trader’s Trick Entry o Inside Entry (quando possibile).

Stop loss: tre ticks sotto il punto 3 nella formazione 1-2-3 high; tre ticks sopra il punto 3 nella formazione 1-2-3 low. Se sono entrato con l’Inside Entry, lo stop loss è posizionato tre ticks sotto il minimo della barra inside nella formazione 1-2-3 low o tre ticks sopra il massimo della barra inside nella formazione 1-2-3 high.

Take profit: al raggiungimento del punto 2 chiudo metà posizione e porto lo stop a pareggio (qualche ticks in più per coprire anche le commissioni). Il Take profit lo individuo sempre nel primo supporto nella formazione 1-2-3 high o nella prima resistenza nella formazione 1-2-3 low.

Trailing stop: alla prima chiusura sotto il punto 2 in una formazione 1-2-3 high o alla prima chiusura sopra il punto 2 in una formazione 1-2-3 low, sposto lo stop a protezione del 50% del guadagno massimo visto sulla carta. All’avvicinarsi del take profit stringo lo stop.

ROSS HOOK

Entrata: utilizzo sempre la Trader’s Trick Entry.

Stop loss: tre ticks sotto il minimo, se il trend è rialzista, o tre ticks sopra il massimo, se il trend è ribassista, dell’ultima barra di correzione.

Take profit: al raggiungimento del Ross Hook chiudo metà posizione e porto lo stop a pareggio (qualche ticks in più per coprire anche le commissioni). Il Take profit lo individuo sempre nella prima resistenza, se il trend è rialzista, o nel primo supporto, se il trend è ribassista.

Trailing stop: alla prima chiusura sopra l’uncino in un trend rialzista o alla prima chiusura sotto l’uncino in un trend ribassista, sposto lo stop a protezione del 50% del guadagno massimo visto sulla carta. All’avvicinarsi del take profit stringo lo stop.

LEDGE E TRADING RANGE

Entrata: non entro nel mercato al breakout o al breakdown della Ledge o della Trading Range ma al superamento del massimo, se il trend è rialzista, o del minimo, se il trend è ribassista, della barra che ha prodotto il breakout o il breakdown.

Stop loss: tre ticks sotto il punto di breakout se il mercato è rialzista o tre ticks sopra il punto di breakdown se il mercato è ribassista.

Take profit: al raggiungimento del 3% di guadagno chiudo metà posizione e porto lo stop a pareggio (qualche ticks in più per coprire anche le commissioni). Il Take profit lo individuo sempre nella prima resistenza, se il trend è rialzista, o nel primo supporto, se il trend è ribassista.

Trailing stop: alla prima chiusura sopra il punto in cui ho chiuso metà posizione in un trend rialzista o alla prima chiusura sotto il punto in cui ho chiuso metà posizione in un trend ribassista, sposto lo stop a protezione del 50% del guadagno massimo visto sulla carta. All’avvicinarsi del take profit stringo lo stop.

GIMMEE

Entrata: alla rottura del massimo, se la Gimmee si è formata nella banda inferiore, o del minimo, se la Gimmee si è formata nella banda superiore, della Gimmee stessa.

Stop loss: tre ticks sotto il minimo della Gimmee se questa si è formata nella banda superiore o tre ticks sopra il massimo della Gimmee se questa si è formata nella banda inferiore.

Take profit: una volta entrato nel mercato cerco di prendere parte dei profitti quando i prezzi raggiungono la media mobile. Il Take profit lo individuo sempre nella prima resistenza se la Gimmee si è formata nella banda superiore o nel primo supporto se la Gimmee si è formata nella banda inferiore. Tengo, comunque, d’occhio la banda opposta a quella dove si è formata la Gimmee.

Trailing stop: superata la media mobile, sposto lo stop a protezione del 50% del guadagno massimo visto sulla carta. Stringo lo stop al raggiungimento della banda opposta a quella dove si è formata la Gimmee.

1-2-3 HIGH O LOW + BANDA DI BOLLINGER

Entrata: alla rottura del punto 2 quando la formazione 1-2-3 si forma su una delle due bande. Con la Trader’s Trick Entry solo quando il pattern si forma sulla media mobile.

Stop loss: tre ticks oltre il punto 1 se la formazione 1-2-3 si è formata su una delle due bande. Tre ticks sotto il punto 3 nella formazione 1-2-3 high o tre ticks sopra il punto 3 nella formazione 1-2-3 low, se il pattern si è formato sulla media mobile.

Take profit: se la formazione si è formata sulla banda, al raggiungimento della media mobile prendo parte dei profitti. Se la formazione si è formata sulla media mobile, al raggiungimento della banda prendo parte dei profitti. Il Take profit lo individuo sempre nel primo supporto nella formazione 1-2-3 high o nella prima resistenza nella formazione 1-2-3 low. Tengo, comunque, d’occhio la banda opposta a quella dove si è formato il pattern.

Trailing stop: superata la media mobile in una formazione 1-2-3 formatasi su una delle due bande oppure superato il punto 2 in una formazione 1-2-3 formatasi sulla media mobile sposto lo stop a protezione del 50% del guadagno massimo visto sulla carta. Quando i prezzi raggiungono una delle bande, stringo gli stop o sposto il punto di uscita più vicino al movimento dei prezzi, sulla base della probabilità statistica che il movimento sia vicino alla conclusione.

PRECISAZIONI

Quando dico, stringo lo stop intendo che avvicino sempre più lo stop al prezzo del mercato in quel determinato momento. Basandomi, anche, sulle barre che si sono formate. In particolar modo se vi sono due barre (non importa che siano consecutive) con chiusura inferiore all’apertura in un trend rialzista (o viceversa, due barre con chiusura superiore all’apertura in un trend ribassista).

Inoltre se il mercato raggiunge un nuovo massimo o un nuovo minimo storico, non essendo così possibile individuare graficamente il prossimo supporto (o resistenza a seconda dei casi) inserisco il take profit a ridosso della banda di Bollinger superiore (se il trend è rialzista) o inferiore (se il trend è ribassista).

Infine, se il mercato apre oltre il mio stop (generalmente in gap), chiudo l’intera posizione in apertura.

LO STOP LOSS

Dove inserire lo stop è molto soggettivo (e qui si potrebbe aprire un capitolo). Si possono utilizzare vari modi (percentuale massima di perdita, supporti/resistenze, a tempo ecc.). Reputo che non ce

ne sia uno ideale per tutti i casi ma che occorre, a seconda delle circostanze, utilizzare quello che si addice meglio alla situazione. Ad esempio nelle formazioni 1-2-3 high o low, Joe Ross dice che lo stop andrebbe inserito poco oltre il punto 1 (la cui violazione annullerebbe la formazione) ma mi sono reso conto, con l’esperienza fatta nel tempo, che già la violazione del punto 3 suona come un forte campanello d’allarme e spesso prelude alla violazione anche del punto 1. Ciò che conta veramente è che vi sentiate a vostro agio con lo stop, che questo non rappresenti un’eventuale perdita che vi metta in crisi. Dovete operare sempre con lucidità e razionalità senza farvi prendere dalla paura di subire una perdita che non potete sopportare.

IL TAKE PROFIT

Appena mi si presenta l’occasione cerco di portare a casa parte del guadagno e sposto lo stop a pareggio per l’altra metà. Questo perché non si sa mai quando un trend può girare e, da un possibile buon guadagno, trasformare il mio trade in una violazione dello stop loss (e quindi in una perdita). Il trading è un lavoro e “voglio” essere ricompensato per il mio sforzo e quando il mercato si muove nella mia direzione, decido di prendermi questa ricompensa.

LE TECNICHE DI JOE ROSS

Conclusioni

Avete visto e letto tutto ciò che c’è da sapere delle tecniche di Joe Ross, quelle principali. Conoscete perfettamente in cosa consistono, come entrare nel mercato, quando uscire e quali sono i trade più profittevoli. Buona parte di quanto scritto lo potevate trovare su uno qualsiasi dei libri scritti da Ross oppure con una semplice ricerca su Google. Quello che veramente rende speciali queste pagine sono le tecniche di entrata e di uscita dal trade, la gestione degli stop e, soprattutto, la scelta del trade. Tutto questo è frutto della mia esperienza decennale nell’utilizzare queste tecniche.