Sei sulla pagina 1di 13

Copyright by: Bigol News - Testata Registr. Trib.

Napoli 20/2008 del 28/02/2008

Napoli:addio scudetto?
Il Napoli,dopo la sosta per le nazionali,perde drasticamente contro l' Udinese per 3-1.Reina,dopo l' infortunio al
polpaccio,da il forfait ed al suo posto fa il suo esordio in campionato Gabriel.Gli uomini di Sarri ,a causa del pressing
friulano,trovano molta difficolt a girare il pallone.I padroni di casa vanno in vantaggio con Bruno Fernandes su
rigore concesso da Irrati per il fallo di Koulibaly su Badu.Ammonizione per il difensore partenopeo.Il Napoli non
demorde e trova il gol con il solito Higuain,il quale sigla il suo trentesimo gol in trenta parte.Dopo nemmeno un
minuto,Irrati concede il secondo rigore per I friulani a causa di un presunto fallo di Ghoulam su Widmer ma,Gabriel
salva il Napoli parando il rigore calciato ancora una volta da Bruno Fernandes.Irrati quasi alla fine del primo
tempo,espelle Sarri per proteste.Il Napoli in bambola e l'Udinese ne approfitta e sigla il gol del vantaggio con la
doppietta dell'ispiratissimo Bruno Fernandes dopo un clamoroso errore di Gabriel.Nel secondo tempo,i tifosi azzurri
speravano in una rimonta,ma la squadra di De Canio sigla il terzo gol con Thereu.Il Napoli non c' ed molto nervoso ed
Higuain,dopo aver ottenuto un' ammonizione per proteste,riceve il doppio cartellino giallo per un contrasto su Danilo a
palla
lontana.
Con questa sconfitta,il Napoli perde il passo della Juventus vincitrice sabato sera contro l' Empoli e i punti di differenza
tra
la
squadra
di
Allegri
e
quella
di
Sarri
diventano
sei.
Abbiamo assistito un Napoli molto nervoso e privo di forze psicologiche e fisiche dato che 7/11 della squadra avevano
giocato con le rispettive nazionali.

Lorenzo Castaldo

NEL SUO ULTIMO (?) DERBY RELEGATO IN PANCHINA, IL FUTURO ALTROVE?


Nemmeno la sonora lezione calcistica impartita nel derby alla Lazio riesce, in casa Roma, a distogliere lattenzione dal
caso Totti. A nulla sono serviti gli appelli alla vigilia di tifosi e giornalisti per vedere in campo il capitano giallorosso in
quello che, salvo clamorosi colpi di scena, potrebbe essere stato il suo ultimo derby. Derby amaro, amarissimo, relegato
in panchina, da spettatore. Eppure Spalletti in conferenza laveva fatto intuire rispondendo cos a chi in maniera
romantica invocava il numero 10 titolare: Quando Totti ha la palla sul piede la mette dove vuole, ma poi la palla ce
lhanno gli altri. E come si fa?. Il ruolo di Spalletti quello di allenatore, e da allenatore egli deve rispettare le direttive
societarie e conseguire attraverso i risultati gli obiettivi prefissati. Il toscano ha compiuto quindi le sue scelte tecniche e
il 4-1 maturato sul campo con agonismo e sacrificio non pu dargli che ragione. E al di l dei rumors che vogliono il
giallorosso in Canada, Cina, Australia o Usa, dove sarebbe, da calciatore, accolto a braccia (e portafogli) aperte, a far
chiarezza sul caso Totti non pu che essere soltanto la societ. A detta di Baldissoni non esiste alcun problema, il Dg
ribadisce che tra Pallotta e Totti sarebbe tutto chiaro e che se il pubblico non conosce tutti i dettagli non significa che
non ci sia chiarezza. Ci che sembra che Pallotta lo voglia come dirigente, mentre Totti si sente ancora calciatore, che
Pallotta resti sulle sue idee e Totti pure. Una cosa certa, Spalletti senza alcun dubbio sar lallenatore della Roma
anche il prossimo anno e spazio per Francesco nei suoi schemi pare proprio non ce ne sia.
E allora se siete un po romantici ed un pizzico di tristezza vi pervade, starete sicuramente pensando che la bandiera
giallorossa di Totti rischia di ammainarsi. In fondo il calcio anche un po romanzo, i suoi mille intrecci, con le sue mille
storie, quella di Totti merita un lieto fine, ma a noi ,come forse a lui, non resta altro che incrociare le dita ed aspettare.

Gianluca Castellano

IL PUNTO SULLA LEGA PRO


LEGA PRO GIRONE A 29^ GIORNATA: 03/04 Cremonese - Renate 2-0; Sudtirol - Lumezzane 1-1; Pro Patria - Giana 0-2; Pordenone Reggiana 1-0; Cuneo - Padova 1-1;FeralpiSal - Mantova 1-0.
CLASSIFICA: Cittadella 65 punti; Pordenone 53; Bassano 52; Alessandria 49; Feralpisalo' 49; Pavia 45; Reggiana, Padova
45; Cremonese 43; Sudtirol 40; Giana Erminio 35; Renate, Lumezzane 32; Cuneo 30; Pro Piacenza 28; Mantova 23; Albinoleffe 19; Pro
Patria 7. Pro Patria -3 punti di penalizzazione.
LEGA PRO GIRONE B 29^ GIORNATA: 03/04 Savona-Lucchese 0-0; Santarcangelo-Tuttocuoio 4-1; Teramo-Rimini 1-1; PontederaPrato 2-0; Ancona-Pistoiese 2-1; Arezzo-Siena 0-1; LAquila-Maceratese 1-1; Pisa-Spal 2-1; Carrarese-Lupa Roma 3-0.
CLASSIFICA: Spal 61 punti; Pisa 56; Maceratese 53; Ancona 49; Carrarese 43; Pontedera 42; Siena 41; Teramo 38; Arezzo 37;
Tuttocuoio 33; Lucchese e Santarcangelo 32; Rimini 30; Pistoiese e LAquila 29; Prato 26; Lupa Roma 21; Savona 13. Savona e LAquila 14, Santarcangelo e Teramo -6, Pisa -1 punti di penalizzazione.
LEGA PRO GIRONE C 29^ GIORNATA: 03/04 Akragas- Martina Franca 1-1; Messina-Catanzaro 1-1; Lupa Castelli-Casertana 1-2;
Monopoli-Cosenza 2-3; Paganese-Melfi 0-0; Benevento-Ischia 3-2; Lecce-Matera 1-2; Fidelis Andria-Juve Stabia 0-0; Monopoli
Foggia 1-3.
CLASSIFICA: Benevento 59 punti; Lecce 55; Casertana 53; Cosenza 51; Foggia 50; Matera 48; Messina 41; Fidelis Andria 39; Paganese
38; Akragas 36; Juve Stabia 33; Catanzaro 31; Monopoli, Catania 29; Melfi 25; Martina Franca 22; Ischia 21; Lupa Ca.Romani 8.
Catania -11, Ischia -4, Akragas -3, Matera -2, Lupa Castelli, Benevento, Martina Franca e Paganese -1 punti di penalizzazione.
Alessandro Fusco

32 turno: il tottenham frena, ranieri in fuga: il leicester scappa a +7. city, arsenal e chelsea a forza 4
Stavolta fuga, ma per davvero. Il Leicester compie un passo in avanti decisivo verso la realizzazione del proprio sogno,
la vittoria del titolo. Le Foxes infatti hanno conquistato lennesima vittoria di misura, stavolta con il Southampton,
aumentando a 7 punti il proprio vantaggio sul Tottenham, che nella giornata di sabato ad Anfield era stato fermato
sull1-1 dal Liverpool. Vittoria importante per lo United, che supera lEverton e approfittando del pari del West Ham con
il Crystal Palace si porta al 5 posto in classifica scavalcando proprio gli Hammers. A forza quattro Chelsea, City e Arsenal
che spazzano via rispettivamente Aston Villa, Bournemouth e Watford, adesso i Gunners sono -4 dal secondo posto e
con una gara da recuperare. Altri 3 punti importanti arrivano in zona retrocessione dove il Norwich in un rocambolesco
3-2 ai danni del Newcastle si porta in zona salvezza e allo stesso tempo condanna gli uomini di Benitez.
Soltanto un pari per il Sunderland contro il West Brom, segno X anche in Stoke City- Swansea.

Gianluca Castellano

IL PUNTO SULLA LIGA..


Leadership blaugrana rimessa in discussione dopo la
giornata 31, nonostante un campionato a dir poco
stratosferico ed una qualit di gioco sublime. Tutto merito
del colpaccio del Real Madrid nellanticipo di lusso al
Camp Nou contro la capolista; gli uomini di Zidane dopo
lo svantaggio iniziale firmato Piqu, riescono a rimontare
nel giro di venti minuti grazie alle reti di Benzema e ad un
rigore del solito Cristiano Ronaldo, portandosi a meno 7
dalla vetta e riaprendo cos in un attimo la corsa al titolo.
Ne approfitta senza esitazioni l Atletico Madrid, che
schianta in casa il modesto Betis Siviglia con un 5 a 1
firmato Griezman ( 2 ), Fernando Torres, Juanfran e Teye e
sale al secondo posto a quota 70. Quarto posto
saldamente nelle mani del Villareal, che consolida i propri
sogni europei nel 2 a 1 esterno ottenuto sul difficile
campo dellEibar.

Francesco Rosa.

BUNDESLIGA
BAYERN, ORMAI CI SIAMO
Nella 28 giornata della Bundesliga, vincono sia Bayern
che Dortmund ed a 5 giornate dalla fine con gli uomini
di Guardiola a +5 dai gialloverdi, sembra ormai tutto
scritto.
Il Bayer, infatti, vince in casa contro il Francoforte di
misura con il gol dellormai ritrovato Franck Ribery.
Il Dortmund, invece, soffre e non poco con il Werder
Brema ed a un quarto dora dalla fine perdeva 2-1. Ma
i gol di Kagawa e Ramos mettono le cose apposto per i
gialloneri, che ormai non sperano pi per il titolo, ma
sono quasi certi di un posto in Champions senza
passare per i preliminari.
Per lultimo posto in Champions, nello scontro diretto
tra Borussia Monchengladbach e Herta Berlino, lo
stavince la squadra di casa con un secco 5-0. LHerta
matiene il 3 posto ma ora ha il fiato sul collo del
Borissia M. a soli 3 punti di distanza.

MARCO SORRENTINO

Real Ottaviano, sei in B! Comunicato e sintesi


del match di Avellino
Cus Avellino-Real Ottaviano 5-7
Cus Avellino: 1 Rizzo, 7 Di Marzo, 8 Gigante, 11 Erba, 16 Morgillo, 17 Lombardi, 20 Aquino, 21 Argenziano, 22 Saporito, 24 Nakov, 25
Rosapane, 26 Viggiano
All. Venezia
Real Ottaviano: 22 Liccardo ,24 Sorrentino, 12 Aprile, 2 Amirante, 5 Attanasio, 10 Suarato , 27 De Luca C, 28 De Luca R., 17 Cuomo, 8
Mazzocchi, 26 Guardato, 99 Altomare
All. Iamunno
Reti: 5 Argenziano, 9 Cuomo, 10 Altomare, 30 Altomare, 1 St Altomare, 3 St Lombardi, 10 St Altomare, 14 St Di Marzo, 16 St
Mazzocchi, 18 St Aprile,21 St Saporito, 29 St Lombardi
La Cronaca:
Serie B!!! Finalmente! La Real Ottaviano batte 7-5 il Cus Avellino e conquista matematicamente la serie B. Ottaviano entra nella storia
dopo una cavalcata incredibile fatta di vittorie e imprese ottenute sui vari campi della Campania, sempre accompagnata dalla tifoseria
rossobl che dopo aver cantato per 60 minuti, al fischio finale si scatena e pu liberare tutta la sua gioia per il traguardo conquistato!
A tre giornate dal termine del campionato inizia la festa con una B rossobl che porta in trionfo i campioni della Real Ottaviano.
La gara avvincente e combattuta sin dai primi minuti di gioco. Il Cus Avellino cerca punti salvezza e passa in vantaggio con Argenziano al
5, poi la Real ribalta il risultato, e dopo il pareggio firmato da Cuomo al 9 arriva il Poker del capocannoniere Carlo Altomare, a
completare lopera il gol del solito Mazzocchi e, ciliegina sulla torta, la rete del portiere Ottavianese Giuseppe Aprile che bel finale
regala lennesima gioia ai tifosi rossoblu. Nel mezzo le reti di Saporito, Di Marzo, e la doppietta di Lombardi. Finisce 5-7. Al fischio finale
esplode la festa rossobl.
Catello Carbone

Foto di Catello Carbone

ANCORA TU
Ancora tu.cantava Lucio Battisti negli anni 70. E anche i
responsabili dellATP ormai lo fanno da tempo. Nole Djokovic
ha infatti vinto anche il torneo di Miami secondo Atp World
Tour Masters 1000 stagionale dotato di un montepremi di
6.134.605 di dollari sui campi in cemento di Key Biscayne. Il
serbo in finale ha battuto Kei Nishikori con il punteggio di 6/3
6/3.Tutto facile per Nole. Nishikori ci ha provato ma si
dovuto arrendere presto anche nel secondo set, cedendo
addirittura il servizio nel game finale.In semifinale Djokovic si
era imposto in soli due set sul belga David Goffin, 15esima
testa di serie, con il punteggio di 7-6 (5) 6-4. Due ore di gioco
impegnativo a Crandon Park per il campione in carica che l'ha
poi spuntata portando Goffin a sbagliare. Con un 6-4 nel
secondo set Djokovic si prende la terza finale consecutiva nel
Masters della Florida. Invece Nishikori aveva sconfitto per 6-3,
7-5, in un'ora e 24 minuti, l'australiano Nick Kyrgios apparso
non particolarmente ispirato. Per Nole il terzo successo
consecutivo in Florida.
Eguagliato il record di Andre Agassi, vincitore per sei volte del
torneo. Al momento Novak Djokovic semplicemente
inavvicinabile. Senza rivali. E quando qualcuno ci prova il
destino tutto a favore del serbo. Infatti Nadal stato
costretto a ritirarsi al secondo turno durante la sfida con il
bosniaco Damir Dzumhur. Sul punteggio di 6-2, 4-6, 0-3, Nadal
ha gettato la spugna, distrutto dal caldo. Roger Federer ha
scelto di non scendere in campo per il suo primo turno del
Masters 1000 di Miami: la motivazione addotta sarebbe
uninfluenza, che scongiura ulteriori problemi al ginocchio. E
Nole non si lasciato sfuggire loccasione, collezionando un
nuovo successo, e confermando ancora una volta di essere
attualmente non solo il pi forte, ma anche linarrivabile. Il
suo tennis infatti qualcosa ai limiti dellumano per intensit,
atletismo, fisicit, stabilit emotiva, grinta e talento nei
momenti cruciali dei match.
Marco Sebastiano Zotti

Non si ferma pi Viktoria Azarenka. Dopo il trionfo ad


Indian Wells, la bielorussa vince anche a Miami e
completa la prestigiosa doppietta.
Per farlo, stavolta non ha dovuto battere Serena
Williams, bens la sua carnefice, Svetlana Kuznetsova,
anche lei ex numero 1 e vincitrice di 2 Slam, dal talento
forse pi cristallino ma anche molto pi discontinua,
tanto da essere scesa al numero 19 in classifica (dopo la
finale tornata n. 13).
Ma stata una finale senza storia, perch Sveta non
riuscita ad esprimersi sui livelli che le hanno consentito
di battere Serena e di giungere fino allatto conclusivo, e
perch la sua avversaria era semplicemente troppo
forte.
Nonostante questo, il primo set ha vissuto unincredibile
girandola di break, 8 su 9 giochi, tanto vero che il
servizio, lunico, tenuto dalla Azarenka nel secondo game
si rivelato poi decisivo. Molto pi lineare il secondo
parziale, durato 37 minuti e che ha sancito il punteggio Ma i numeri parlano di un dominio che va ben oltre lo
finale sul 6-3, 6-2.
score.
E il titolo numero 20 in carriera per Viktoria, che nel
2016 gi a quota 3, cio quanti ne aveva vinti nel 2013,
iniziando poi unastinenza interrotta solo a gennaio di
questanno col successo di Brisbane.
Non solo, perch il double Indian Wells-Miami, in
campo femminile, era riuscito solo a Steffi Graf (1994-96)
ed a Kim Clijsters nel 2005, unimpresa molto rara
dunque.
Si tratta anche della dodicesima vittoria consecutiva nel
circuito, a fronte di una sola sconfitta sul campo (laltra
arrivata per forfait ad Acapulco), subita da Angelique
Kerber in Australia.
Ma anche questo cerchio si chiuso, perch la bielorussa
si presa la rivincita in semifinale con una vittoria per 62, 7-5.
Anche la classifica le ha restituito ci che gli infortuni le
avevano tolto. Da questo lunedi infatti tornata al
numero 5 del Mondo (oltre a guardare tutte dallalto
nella Race, la graduatoria stagionale), ma c da
scommettere che non si fermer qui. Anche perch, in
questo momento, la vera numero 1 lei.
Alessandro Testa

Marquez: rivincita argentina


Marc la spunta su Vale. Crash Dovi-Iannone!
Marc Marquez si impone con la sua Honda in terra Argentina, laddove
lo scorso anno si era dovuto arrendere ad un maradoniano Valentino
Rossi. Stavolta il pilota di Tavullia si dovuto arrendere allo spagnolo,
complice anche il cambio moto a met gara che ha rallentato il ritmo
gara del dottore fino alla fine. Rossi infatti a pochi giri dal termine si fa
addirittura superare dal duo Ducati Dovizoso-Iannone, ma questultimo
prende in pieno il compagno di squadra nellultima curva, permettendo
al 46 di finire sul podio davanti a Dani Pedrosa. Lo stesso Dovizioso
riesce a portare a mano la moto fino al traguardo del circuito di Termas
de Rio Hondo, guadagnando almeno la tredicesima posizione e tre
punti che potrebbero comunque far comodo a fine stagione. Domenica
prossima si torna gi in pista per il Gran Premio degli USA.

Fabio De Martino

Rosberg bis in Bahrain!


Hamilton terzo dietro Raikkonen. Fuori Vettel.
Due su due per Nico Rosberg in questo inizio di stagione 2016! Il pilota
tedesco mette di nuovo alle sue spalle il compagno di squadra
Mercedes nonch campione del mondo in carica Lewis Hamilton. Sul
circuito di Sakhir stata determinante la partenza del pilota inglese
che, toccato da Bottas al via, chiamato ad una grande rimonta che
vale il podio. Dolceamaro in casa Ferrari: Raikkonen riesce ad infilarsi
nel panino Mercedes giungendo al secondo posto al traguardo, mentre
un guasto al motore costringe Vettel al ritiro gi dal giro di ricognizione.
Per questa serie di eventi, sfortunati e non, sia in casa Maranello che in
casa frecce dargento, le gerarchie sembrano essersi invertite, almeno
per il momento. Ne sapremo sicuramente di pi la prossima gara
prevista per Domenica 17 Aprile in Cina nel Gran Premio di Shanghai.

Fabio De Martino

I NOSTRI SETTIMANALI ON LINE DEI CORSI DI GIORNALISMO


INVESTIGATIBO E SPORTIVO DELLATENEO PARTHENOPE DI NAPOLI

Direttore: Cristiana Barone


Editore: Antonella Castaldo
Capo Redattore: Luigi Liguori
Coordinatore di Redazione: Ferruccio Montesarchio
Editing Grafica e Copertina: Catello Carbone
Redazione: Corso di Giornalismo Sportivo - Universit
Parthenope di Napoli
FDC e FDS by Bigol News - Testata Registr. Trib. Napoli 20/2008
del 28/02/2008
Info line: fattodisport@gmail.com
Seguici anche su Facebook : FATTO DI SPORT
FATTO CRONACA
SPYNEWS24