Sei sulla pagina 1di 52

www.gazzetta.

it luned 5 settembre 2011 1,20


ITALIA

REDAZIONE DI MILANO VIA SOLFERINO 28 TEL. 026339 REDAZIONE DI ROMA PIAZZA VENEZIA 5 TEL. 06688281 POSTE ITALIANE SPED. IN A.P. D.L. 353/2003 CONV. L. 46/2004 ART. 1, C1, DCB MILANO

anno n Anno 115 Numero 208

IL CASO DOMANI A FIRENZE CONTRO LA SLOVENIA PER LEUROPEO

AI LETTORI Domani la Gazzetta non sar in edicola a causa delladesione dei poligrafici allo sciopero generale indetto dalla Cgil. Lappuntamento in edicola (con Extra Time) per mercoled. Seguite tutto lo sport in diretta su:

Si riscalda male, va in in panchina con liPad: il c.t. lo vuole pi concentrato


3 Mario Balotelli, 21 anni GETTYIMAGES
CECCHINI, ELEFANTE, GARLANDO, GRAZIANO, VERNAZZA, GOZZINI ALLE PAGINE 141517

Italia, Balotelli ultima chiamata

Gazzetta.it
SERIE B I GRANATA BATTONO IL VARESE (20)

LINTERVISTA

DEL PIERO
TORNA A CASA

Goleada della Samp: 60 Scatto Toro, in testa con Brescia e Padova

SCUDETTO!
E il quarto stadio della mia vita juventina. Qui i tifosi potranno essere il nostro uomo in pi. Conte un martello con le idee chiare
OLIVERO ALLE PAGINE 23

3 Nicola Pozzi, 25 anni: suoi due gol della Samp LAPRESSE


Ribaltone in vetta, cadono il Sassuolo (a Verona) e il Pescara di Zeman (a Modena). Colpi di Nocerina e AlbinoLeffe a Livorno e Bari. LAscoli frena: bloccato in casa dal Vicenza
DA PAGINA 20 A PAGINA 23

INTER IL PORTIERE LA PENSA COME SNEIJDER

Julio Cesar: Sto con Wes Riprendiamoci il titolo


BOCCI E TAIDELLI ALLE PAGINE 89

GIOVEDI AZIONE INAUGUR L OLO SPETTAC VO DEL NUO STADIO

INTERVENTO IMPARATE DA CHI PERDE

Lezione del prof. Seedorf ai signori di Cernobbio


BERGONZI A PAGINA 6

Rhodolfo, il San Paolo apre In bianconero a gennaio


LAUDISA A PAGINA 5

VENERDI IN EDICOLA A 5,99

Le Ferrari mai viste nella racing collection


LA F430 GTC IN SCALA 1:43

TENNIS NUOVA IMPRESA DELLAZZURRA NEGLI US OPEN: ORA LE TOCCA LA KERBER

La Pennetta vola, nei quarti


Liquidata in due set la Peng. Oggi in campo la Schiavone
ATLETICA CHIUSI I MONDIALI MOTOCROSS IN GERMANIA

10 9 0 5>

A PAGINA 43

ALLE PAGINE 394041

CORTINOVIS, ZANZANI A PAGINA 33

9 771120 506000

IL ROMPI PALLONE
DI GENE GNOCCHI

w
3 Usain Bolt, 25 anni: fenomeno ALLIANCE 3 Antonio Cairoli, 25 anni ZANZANI

Tifosi del Milan infuriati con Berlusconi: i giudici hanno scoperto che ha regalato a Tarantini il cartellino di Ibra

www.chanel.com

3 Flavia Pennetta, 29 anni AP

Immenso Bolt staffetta doro con il record del mondo 3704

Nessuno come Cairoli: il quinto mondiale suo in anticipo

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

PRIMO PIANO LINTERVISTA

Juve,vinci nel m
il Film
Una carriera in bianconero: quattro case tanti trionfi
COMUNALE 1993-1994 Scudetto Primavera
PRESENZE 2 GOL 1 VITTORIE 1

DELLE ALPI 1993-2006 Lo stadio dei trionfi


PRESENZE 241 GOL 119 VITTORIE 170

OLIMPICO 2006-2011 Dalla B alla rinascita


PRESENZE 104 GOL 57 VITTORIE 57

Del Piero al Comunale ha giocato solo due partite con la Primavera: una sconfitta, una vittoria, un gol segnato ma soprattutto il primo trofeo conquistato con la Juve GIGLIO
DAL NOSTRO INVIATO

Qui ha giocato la prima gara il 15/09/93 (Juve-Lokomotiv 3-0) e lultima il 07/05/06 (JuvePalermo 2-1), vincendo 5 scudetti (nella foto quello del 2005, poi revocato AP)

Per i Giochi Invernali del 2006 il Comunale stato parzialmente rifatto ed diventato Olimpico. L la Juve ha vinto la serie B nel 2006-07 e centrato il 2 posto nel 2008-09 IMAGESPORT

G.B. OLIVERO VINOVO (Torino)

Oggi gioca a golf per beneficenza: E non sono in forma dice fingendosi serio prima di scoppiare a ridere : con tutti gli allenamenti doppi che ci ha fatto fare Conte non ho avuto tempo di prepararmi.... Domani riprende a correre a Vinovo. Gioved apre la nuova casa della Juve: Il mio quarto stadio in bianconero: nel vecchio Comunale vinsi il campionato Primavera 1993-94, doppia finale contro il Torino. E cos ho preparato una maglietta con le immagini del Comunale, del Delle Alpi, dellOlimpico e del nuovo stadio e la regaler alle persone che pi mi sono vicine. In fondo questo il record pi strano che ho fatto e di sicuro imbattibile. Domenica, infine, cercher il primo gol e la prima vittoria del suo diciannovesimo campionato con la Juve. Settimana intensa, per Alessandro Del Piero. E bella: piena di aspettative, emozioni, momenti da ricordare, adrenalina.
Alessandro, da quando vive a Torino ha cambiato pi case o pi stadi?

Del Piero: Un record imbattibile E ora daremo pi del massimo


Il capitano guida la squadra: Spero che il nuovo impianto assorba lenergia vincente del Delle Alpi. E i nostri tifosi saranno davvero il 12 uomo
protagonista questo momento?

E stato un cammino lunghissimo e sono felice che sia arrivato questo giorno. Al Delle Alpi ero stato benissimo, ma avevo vissuto con gioia gi la trasformazione del Comunale in Olimpico e il ritorno in quello stadio: mi sembrava una bella scelta per la citt e le societ. Adesso, entrando nella nostra casa, spero si crei quel feeling speciale con i tifosi che potrebbe darci una grande mano. Ecco, se davvero il pubblico diventer il famoso dodicesimo uomo noi potremo andare oltre i nostri limiti.
Il vecchio Delle Alpi stato raso al suolo, ma il campo esattamente dovera prima. Bellissimi ricordi.

va mentalit offensiva determinata in parte dal 4-3-3 voluto dal tecnico. Sotto questo punto di vista, il 4-2-4 di Conte pu svolgere la stessa funzione dandovi una marcia in pi?

non sono stati buoni, ma quellobiettivo era stato raggiunto. Adesso si pu alzare lasticella?

Ci auguriamo che sia cos. Linterpretazione di quello che facciamo determinante e stabilisce quello che siamo veramente. Noi dobbiamo essere pi uniti possibile per cercare di ottenere buoni risultati. Non detto che se fai tutto giusto vinci. Ma di sicuro se fai tutto sbagliato non vinci. Per ottenere risultati ci servono umilt, orgoglio, spirito di sacrificio, responsabilit.
Da due mesi si allena con Conte: com il nuovo tecnico?

La consapevolezza di aver dato il massimo non deve essere pi un obiettivo, ma la regola. E impensabile che questo non accada. E se vogliamo alzare lasticella, il nostro atteggiamento positivo deve essere quotidiano e non legato solo alle partite. Dobbiamo vivere ogni giorno cercando di dare e pretendendo il massimo. E se il massimo non basta bisogna dare pi del massimo.
Lei e il presidente Agnelli avete quantificato in circa dieci punti il vantaggio garantito dal nuovo stadio: davvero crede che sia cos?

Bella lotta... Contando anche il Comunale grazie a quel campionato Primavera direi che siamo pari: quattro case, quattro stadi.
Aveva debuttato da poco quando Giraudo cominci a parlare del nuovo stadio della Juve. Sono passati oltre quindici anni. Pensava di riuscire a vivere da

Anche laria quella. Spero che il nuovo impianto assorba lenergia vincente del Delle Alpi: quello che tutti noi desideriamo che accada.
Alessandro Del Piero, 36 anni, una delle ultime bandiere del calcio. Con 490 presenze ha il record bianconero in campionato LAPRESSE
Nel 1994-95, primo scudetto di Lippi, uno dei segreti fu la nuo-

E un martello, ha le idee chiare, determinato, lucido nelle proprie idee che cerca di trasmetterci.
Lanno scorso lei disse che lobiettivo stagionale era uscire sempre dal campo a testa alta con la consapevolezza di aver dato il massimo. I risultati

Magic Johnson diceva: "Si gioca per vincere, per divertirsi e per far divertire". Il divertimento fondamentale perch consente di creare qualcosa di speciale tra i giocatori e il pubblico. Se nasce questo feeling, lambiente ti aiuta molto. Ci sono altri stadi stupendi in Italia:

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

io quarto stadio
identiKit & CARRIERA

v
JUVENTUS STADIUM gioved 8 settembre Inizia una nuova era
Il nuovo stadio della Juve verr ufficialmente aperto gioved 8 settembre. I tifosi potranno entrare a partire dalle 18, lo spettacolo e la cerimonia di inaugurazione inizieranno alle 19,45 mentre la partita con il Notts County in programma per le 21,30 LAPRESSE

IL NUOVO IMPIANTO AI RAGGI X

San Siro, Marassi, Palermo. Ma questo nostro ed una bella differenza.


Anche per provare lemozione del nuovo stadio ha voluto fortemente il rinnovo?

Conte un martello, ha le idee chiare, determinato e lucido Sono orgoglioso di essere protagonista della storia della Juve Alla Juve servono umilt, orgoglio, spirito di sacrificio, responsabilit Tutto ci che mi accade ogni giorno lo sfrutto per essere migliore il giorno dopo Non ho ancora deciso se questo sar il mio ultimo anno alla Juve o in assoluto

Non era "il" motivo, ma uno dei motivi.


Dalla tribuna il Delle Alpi sembrava dispersivo e mai "caldo". E dal campo?

nomica e poi la distanza da casa a Torino era notevole. Il mio ricordo la radio accesa la domenica pomeriggio, mio padre che fa i lavoretti in casa, io che gioco con il pallone e mi blocco appena interviene il radiocronista che segue la partita della Juve. "Scusa Ameri...", sono cresciuto cos.
Il nuovo stadio della Juve pu essere un segnale positivo per tutto il movimento calcistico italiano?

a vedere la gente, la senti. E un nuovo interruttore che si accende: prima di una partita ce ne sono tanti, come gli stati dallerta.
Questo dovrebbe essere il suo ultimo anno. E un pensiero che ricorre e laiuta a vivere con serenit ogni cosa oppure un pensiero che evita per non aggiungere ulteriore pressione?

Stessa impressione. La nostra media era di 40-45.000 spettatori a partita. Tanta gente, ma in quellimpianto sembravano pochi. Poi quando si riempiva davvero per le grandi partite anche il Delle Alpi si trasformava.
Ci sono allestero stadi dove lei si trovato particolarmente bene?

Me lo auguro: dobbiamo renderci conto che gli altri campionati ci hanno superato. Speriamo che questo sia il primo passo per la rinascita della Juve e di tutto il nostro calcio.
Il Comunale sar per sempre lo stadio di Sivori e Platini. Il Delle Alpi sar per sempre lo stadio di Del Piero. Ci pensa?

Un mix delle due cose. Non un pensiero ricorrente, ma sapere che potrebbe essere lultimo anno mi spinge a dare il 200%. Io vivo il calcio in maniera totale, spontanea, "animale". Tutto quello che mi accade ogni giorno cerco di sfruttarlo per fare in modo di essere migliore il giorno dopo.
Periodo nero per i grandi vecchi: Totti discusso dai suoi dirigenti, Inzaghi escluso dalla lista Champions.

Old Trafford, per quello che rappresenta il Manchester United nella mia storia e in quella del calcio. Il Santiago Bernabeu perch Madrid, il Real: c poco da aggiungere. E in questi due stadi ho vissuto lemozione della standing ovation. Poi il Camp Nou di Barcellona, i due di Glasgow e Anfield a Liverpool.
Qual stato il suo primo stadio?

Mi sento piacevolmente protagonista della storia della Juve e ne vado molto orgoglioso. Sar felicissimo tra ventanni di ricordare questavventura.
Scelga la partita indimenticabile al Delle Alpi e allOlimpico.

Il comunale dellA.C. San Vendemiano. Cera una tribunetta con 50-60 posti. Ma quando sei piccolino ogni posto va bene: il garage, il cortile, la strada.
Da ragazzino ha mai visto una partita della Juve allo stadio?

Al Delle Alpi sono state cos tante che impossibile indicarne una sola: le due col Real, un 4-1 al Milan. AllOlimpico unaltra sfida col Real, ma anche quella del mio 200 gol in bianconero contro il Frosinone e tutta la cavalcata in serie B che ricordo con entusiasmo.
Qual il luogo dello stadio che preferisce?

Con Francesco e Pippo ho vissuto momenti belli e la gioia del Mondiale: auguro a entrambi ogni bene. A ciascuno piace sentirsi unico, ma normale che giocatori come Francesco o come me abbiano situazioni diverse dalle altre. Per quello che ha fatto e rappresenta, Totti gode naturalmente di unattenzione particolare. Comunque Francesco una soluzione, non un problema.
Del Piero, ma lei a giugno smette davvero?

No. Non cera la possibilit eco-

Pi che un luogo un momento: larrivo in pullman. Cominci

Non ho ancora deciso se sar lultimo anno alla Juve o in assoluto. Settimana intensa, anno intenso. Poi si vedr.
RIPRODUZIONE RISERVATA GDS

TISSOT, LEADER NELLA TECNOLOGIA TATTILE OROLOGIERA DAL 1999

TACTILE TECHNOLOGY
Sora l vetro tattile per provare linnovativa esperienza di un orologio sportivo con 15 funzioni tra cui il barometro, laltimetro e la bussola.

IN TOUCH WITH YOUR TIME


Scopri di pi sul sito www.t-touch.com
barometro altimetro bussola

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

SERIE A -4
SI CHIUDE LA VERTENZA

Contratto: oggi firma Aic-Lega Da venerd A in campo


A Palazzo Chigi tavolo sulle riforme

4 Rhodolfo a gennaio
CHI
Luiz Rhodolfo Dini Gaioto nato a Bandeirantes (Brasile) l11 agosto 1986. Difensore, alto 193 centimetri per 83 chili 2006 Inizia la sua avventura fra i professionisti con lAtletico Paranaense, lo stesso club in cui aveva fatto la trafila nel settore giovanile (a partire dal 2002). Resta in rossonero per cinque anni 2011 A febbraio di questanno il grande salto nel San Paolo, dove sino ad ora sceso in campo 12 volte realizzando anche un gol

a quota 6 milioni e su questa base intendono aprire la trattativa.


Laccelerata In ogni caso ieri le

Il San Paolo apre


Via alla trattativa con la Juve che ha gi il s del giocatore: offerti 6 milioni. Amauri resta, ma gelo

parole a Sport dellagente brasiliano del giocatore, Gustavo, hanno dato unulteriore spinta mediatica: Abbiamo raggiunto un accordo con la Juventus. Rhodolfo vuole la Juventus e siamo contenti. Ora stiamo trattando e spero che il trasferimento a gennaio si possa chiudere.
Stop mercato Oggi alle 16, intanto, chiude il mercato anche in Turchia. Nelle ultime ore i sondaggi di Galatasaray. Fenerbahce e Trabzonspor per Amauri e Toni avevano rimesso in moto i dirigenti bianconeri, evidentemente allettati dalla prospettiva di poter snellire la rosa degli attaccanti a disposizione di Conte. Ma sino a ieri sera in sede non erano giunte delle proposte formali. Ragion per cui arduo pensare ad un cambio di maglia in extremis. Futuro Amauri Da oggi, quindi,

Damiano Tommasi, 37 anni FORTE

(m.iar.) Il gran giorno arrivato. Dopo un anno di trattative, di litigi, di scioperi annunciati, revocati e poi attuati, di promesse e retromarce, ecco latteso happy end: allora di pranzo Lega e Assocalciatori firmeranno il nuovo contratto collettivo, valido fino al 30 giugno 2012. Quellaccordo ponte che era stato proposto da Tommasi per scongiurare in extremis il rinvio della prima giornata, inizialmente rigettato dai club e poi riabilitato anche perch, come ha detto Galliani, per chi gioca in Champions importante avere alle spalle un po di minuti di campionato.
Programma Gli avvocati Briamonte e Calcagno si vedranno per limare gli ultimi dettagli tecnici. Quindi il presidente federale Abete, che con la sponda del Coni si speso incondizionatamente per far prevalere il buon senso nelle ultime settimane, far gli onori di casa alla sottoscrizione del nuovo contratto da parte di Beretta e Tommasi che porr fine allagitazione dei calciatori consentendo la partenza del campionato di Serie A. Quindi, tutti quanti si trasferiranno a Palazzo Chigi, dove alle 16.30 in programma lapertura del tavolo con il Governo (rappresentato dai sottosegretari Letta e Crimi) su stadi, tutela dei marchi e riforma della Legge 91.

CARLO LAUDISA claudisa@gazzetta.it MILANO

tante perch sinora il presidente del club brasiliano aveva fatto catenaccio, impedendo di fatto la chiusura dellaffare per il mercato estivo.
Limpegno Luiz Rhodolfo Dini

la societ bianconera e ha fatto di tutto per chiudere il trasferimento entro fine agosto.
Il tira e molla Cos una settimana fa ha chiuso lintesa con il d.g. Beppe Marotta per un contratto quinquennale al giocatore. Un svolta in piena regola. E ci evidentemente ha messo pressione alla dirigenza del San Paolo che continua, comunque, a chiedere 10 milioni di euro per il trasferimento, Invece i bianconeri sono fermi

Rhodolfo bianconero a gennaio: ora si pu. In queste ore il San Paolo ha aperto le porte al dialogo con la Juve, prendendo atto dellintesa che il difensore brasiliano e il club di corso Galileo Ferraris avevano raggiunto la settimana scorsa. Ed un passaggio impor-

Gaioto, meglio noto come Rhodolfo, 25 anni, nato a Bandeirantes, e da febbraio gioca al San Paolo dopo un quinquennio con la maglia dellAtletico Paranaense. Da un mese lagente italiano Roberto Calenda ha avviato i contatti con

Luiz Rhodolfo Dini Gaioto, 25 anni, difensore brasiliano del San Paolo. Ha giocato anche nellAtletico Paranaense
FOTOPRESS

i riflettori si sposteranno sulla difficile convivenza tra Amauri e il club bianconero. C molta freddezza dopo i rifiuti in serie dellattaccante brasiliano. La dirigenza in particolare toccata dal no del 31 agosto allOlympique Marsiglia. Cos ad Amauri resta la prospettiva dallenarsi in solitudine dora in avanti. Oggi previsto un altro giorno di riposo, ma da domani lemarginazione diventer realt. E ci apre un fronte delicato, con il giocatore evidentemente a caccia di una chance per entrare a far parte delle scelte tecniche dellallenatore bianconero. Ma la Juve non di questavviso. Ed difficile immaginare un lieto fine.

ALLENAMENTI

Domani la ripresa Da valutare Krasic e Matri


TORINO Seconda giornata di riposo oggi per la Juventus di Antonio Conte. Il tecnico ha infatti lasciato liberi i giocatori da sabato pomeriggio fino a domani mattina, quando ricominceranno gli allenamenti in vista del debutto ufficiale di domenica alle 12.30 contro il Parma. Per diversi motivi, uno piacevole, non sar una settimana semplice per la Juve. I nazionali torneranno alla base solo mercoled e avranno poco tempo per preparare la prima partita di campionato. Il discorso vale soprattutto per Eljero Elia, che stato a Torino la settimana scorsa solo per fare le visite mediche e firmare il contratto, ma non ha ancora svolto nemmeno un allenamento con la sua nuova squadra. Gioved, poi, ci sar linaugurazione del nuovo stadio con la sfida amichevole con il Notts County. Intanto Conte aspetta di sapere se Milos Krasic e Alessandro Matri riusciranno a recuperare dai rispettivi infortuni in tempo per la partita con il Parma. Il serbo dovrebbe ricominciare a lavorare con il gruppo tra domani e mercoled (in ogni caso sono pronti Pepe e Giaccherini che potrebbero giocare sulle due fasce), mentre sono da valutare le condizioni di Matri che si procurato una distorsione alla caviglia nel Trofeo Berlusconi. Accanto a Vucinic dovrebbe giocare Alessandro Del Piero.

SI PARTE COL 2o TURNO

Campionato al via con lanticipo tra Milan e Lazio


Dopo lo sciopero dei calciatori per il mancato rinnovo del contratto collettivo e il rinvio della prima giornata a data da destinarsi, il campionato di Serie A partir con il secondo turno. Ecco il programma VENERD ore 20.45 Milan Lazio SABATO ore 20.45 Cesena Napoli DOMENICA ore 12.30 Juventus Parma ore 15 Catania Siena Chievo Novara Fiorentina Bologna Genoa Atalanta Lecce Udinese Roma Cagliari ore 20.45 Palermo Inter

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

SERIE A LINTERVISTA

Rido solo se vinco E la Champions...


Dopo la delusione della Coppa America il Brasile deve subito cambiare pagina
DAL NOSTRO INVIATO

ALESSANDRA BOCCI LONDRA

Lallegria, adesso, devono portarla lui e Pato, il che abbastanza inusuale. Perch una volta era la nazionale la fonte di energia dei brasiliani del Milan, adesso sono loro, che qualcosa negli ultimi mesi hanno vinto, a cercare di importare lo spirito giusto in una nazionale a caccia didentit. Ronaldinho stato reintegrato per fare il leader e anche la chioccia a una generazione in attesa di esplodere, mentre Kak resta a casa (bisogna dargli tempo di tornare, filosofeggia il c.t. Mano Menezes) e questa sera a Craven Cottage, contro il Ghana, Pato finisce in panchina (queste le previsioni nel mutevole cielo della Seleao). Lattaccante del Milan tra laltro ieri alla fine dellallenamento si fermato a calciare punizioni con Dinho. Nella girandola di decisioni qualcosa resta fermo: in difesa, Thiago Silva ormai un titolare al fianco di Lucio. Lapprendistato verdeoro finito.
Esperienza Nella partitella molti cambiano ruolo, perch negli allenamenti del Brasile si usa cos, non Thiago, che resta elegantemente a sbarrare il passo a Neymar, mostrando di essere pi che pronto per linizio della stagione anche se le vacanze sono andate avanti a rate, fra una partita e laltra. Ma Thiago pare riposato, tiene a bada senza fatica i compa-

C pressione, ma dobbiamo dimostrare di saper fare qualcosa di buono

milanesi Julio Cesar e Pato hanno festeggiato il loro compleanno nel ritiro della Seleao. Ma il vecchio giovane saggio aspetta di festeggiare altro. Per lui perdere unidea insopportabile.
Ricchezza Lo ha detto chiaramente dopo la vittoria della Supercoppa a Pechino e lo ripete: Io voglio vincere, vincere, vincere. E non mi sento un outsider nemmeno in Champions League. Sar perch vuole il massimo, sar perch non sopporta cedimenti che il Milan qualche volta ha temuto che davvero flirtasse con il Bara. Ma quelle sono operazioni che per il momento Thiago lascia ad altri, per lui il Bara un rivale da battere, ma prima c la Lazio e prima ancora il Ghana a Craven Cottage. Essere diventato un punto fermo nel Brasile gli regala altre certezze e accelera la sua crescita anche con il Milan: Thiago ormai un intoccabile, ma un intoccabile che in nazionale non ha brillato come nel Milan. Stasera, in questo prologo a una stagione che vorrebbe pi lunga possibile, anche lui dovr dimostrare di aver cambiato passo. Per fortuna sua e del Milan, non si trover contro il compagno Boateng, rimasto a casa a curarsi dai postumi di una contusione: un duello fra quei due avrebbe potuto avere conseguenze indesiderate all'inizio del campionato.
RIPRODUZIONE RISERVATA

identiKit & CARRIERA

Thiago Silva

A MALMOE CON LA SVEZIA

Dopo il k.o. grigliata a casa di Ibra

THIAGO SILVA DIFENSORE MILAN

gni attaccanti, e a proposito di Neymar, il ragazzo conteso da Bara e Madrid finisce lallenamento aggrappandosi scherzosamente alle spalle del difensore del Milan e cercando di abbatterlo. Un buon modo per superarlo quando sta bene. Nel Brasile come nel Milan, si gioca con una responsabilit grande, dice Thiago. Ma il Brasile in questi ultimi tempi non ha vinto unamichevole importante, non ha vinto con la Germania, o prima ancora con lOlanda, e non andato bene in Coppa America. Bisogna voltare pagina. C troppa pressione su di noi, ma dobbiamo dimostrare di essere in grado di fare qualcosa di buono. E un bellambiente allegro si ottiene soltanto con i successi. Se non vinci c poco da ridere. Cos parl Thiago Emiliano da Silva, 27 anni da compiere il 22 settembre, mentre gli altri

Che capitano. Zlatan Ibrahimovic non solo luomo chiave in campo della Svezia, ma sa anche come far dimenticare ai compagni una brutta sconfitta. Dopo il k.o. con lUngheria, Ibra ha invitato a cena tutta la nazionale, compresa la dirigenza. La Svezia, in attesa di partire per San Marino, stata in ritiro a Malmoe, la citt di Ibra, che ha invitato tutti nella sua magnifica villa per un bel barbecue. Sulla brace: carne di cinghiale, bottino dello stesso Zlatan, che lanno scorso aveva conseguito la licenza di caccia. Non so se una cosa che possa interessare, ma sono stato io a sparare, ha detto ieri Ibra. I compagni di nazionale non sapevano dove stavano andando a cena. Siamo arrivati col pullman a casa di Zlatan, stata una grande sorpresa, siamo stati benissimo, racconta lattaccante Tobias Hysn. Dice Ibrahimovic: Casa mia la casa di tutti. Domani contro San Marino Zlatan dovrebbe giocare dallinizio. Ha un po di fastidio nella zona destra dellinguine, ma la caviglia a posto. La Svezia dovrebbe vincere facilmente anche senza il suo capitano, ma le voci che girano allinterno della nazionale dicono che Zlatan probabilmente partir titolare e poi dovrebbe essere sostituito nel momento in cui il risultato sar al sicuro.
Jennifer Wegerup

WORKSHOP AMBROSETTI LOLANDESE DEL MILAN RACCOGLIE GLI APPLAUSI AL TRADIZIONALE APPUNTAMENTO CON I VERTICI INTERNAZIONALI

OGGI LA RIPRESA

E Seedorf sal in cattedra a Cernobbio


Voi economisti e voi politici dovreste imparare dallo sport ad accettare le sconfitte
PIER BERGONZI CERNOBBIO (Como)

Niente riposo In 10 sallenano a Milanello


MILANELLO stato un weekend di riposo per modo di dire. Anche ieri, cos come era successo sabato mattina, alcuni rossoneri si sono presentati spontaneamente a Milanello per lavorare. Il gruppo stavolta era ancora pi folto, con dieci giocatori che hanno svolto programmi personalizzati: Abate, Ambrosini, Antonini, Emanuelson, Nesta, Robinho, Seedorf, Taiwo, Yepes e Zambrotta. Qualcuno ha fatto il bis, come Abate (che aveva saltato quattro giorni dallenamento, compresa lamichevole di Como, per un attacco influenzale), Seedorf e Zambrotta. Qualcun altro ne ha approfittato per cercare di recuperare in fretta da un infortunio (come Robinho, che ha dovuto rinunciare alla convocazione con il Brasile per smaltire ledema osseo alla zona inguinale). Oggi il gruppo, in attesa dei nazionali, si ritrover alle 13 per il pranzo e sallener nel pomeriggio. Marted seduta doppia.

Politica ed economia Uno spa-

A tarda sera, prima dei tradizionali fuochi dartificio che hanno chiuso il sipario al Gala del Workshop Ambrosetti, salito sul palco Clarence Seedorf. Anzi salito in cattedra e, senza falsa umilt, ha dato consigli alla platea di economisti e politici di altissimo profilo. Ma che cosa ci faceva il fuoriclasse del Milan al prestigioso appuntamento di Cernobbio? Faceva il testimonial sportivo, insieme con Elisa Di Francisca (campionessa europea di fioretto) Noemi Cantele (tricolore di ciclismo), Maurizio Felugo e Stefano Tempesti (pilastri del Settebello campione del mondo) e alcuni ragazzi doro di Special Olympics.

zio inventato da Candido Cannav e fortemente voluto da Alfredo Ambrosetti. Un cameo che anno dopo anno si conquistato diritto di cittadinanza l dove si discute di economia e politica riflettendo su quello sta che sta accadendo e spesso indicando linee di tendenze. In questi giorni, in particolare si avuta la sensazione che il club di Cernobbio, di cui fanno parte come titolari Shimon Peres, Jean-Claude Trichet, Jos Maria Aznar ma anche ministri italiani come Tremonti, Brunetta, Alfano e Frattini, abbia una posizione centrale nellelaborazione della politica internazionale.
Le sconfitte insegnano E cos, dopo due giorni di discussioni sulla profonda crisi che stiamo attraversando, i selezionatissimi partecipanti al Gala Ambrosetti aspettavano il momento sportivo come una ventata di aria fresca, come un momento di alleggerimento. E cos stato, perch Cantele, Di Francisca e i due giganti della pallanuoto, ben imbeccati da Paola

si. Nessuno dovrebbe nascondere a se stesso la realt e dovrebbe ripartire riconoscendo gli errori fatti. Soltanto cos i progetti hanno futuro.
Lesempio della Champions Paro-

Clarence Seedorf, 35 anni, al Workshop Ambrosetti di Cernobbio. Con lui Noemi Cantele, tricolore di ciclismo, e i due pilasti del Settebello campione del mondo Maurizio Felugo e Stefano Tempesti SOLDANO

Saluzzi, hanno fatto sorridere ed emozionare raccontando le rispettive imprese con ironia. Clarence Seedorf, per andato oltre. Non voglio parlarvi di cosa far il Milan nella prossima stagione, perch troppo presto. Ho per seguito con attenzione il dibattito e credo che tutti voi, politici, industriali ed economisti avreste qualcosa da imparare dallo sport. In

questo momento servirebbe un sano ritorno ai valori di base, allimpegno e al sacrificio. Di tutti. Da osservatore credo che vi manchi la capacit di accettare e di elaborare la sconfitta. Per noi dello sport pane quotidiano. In ventanni di carriera calcistica ai massimi livelli so che ogni risultato pu essere raggiunto soltanto se si impara a gestire i momenti di cri-

la dopo parola, la platea di Cernobbio si ammutolita e ha seguito con interesse la lezione del professor Seedorf e gli ha riservato un lungo applauso. Lolandese si presentato con i trofei del campionato e della Supercoppa, ma anche con la sua Champions. Di coppe con le orecchie, Clarence ne ha vinte 4 con tre squadre diverse (Ajax, Real e due col Milan). Ecco, vi posso dire che ogni squadra con la quale ho vinto la Champions aveva saputo gestire e superare molte sconfitte. Aveva dovuto smussare problemi nello spogliatoio e cambiare strategia in corsa. Non c alcun risultato senza tanta, tanta fatica. E qualche bagno di umilt. In questo lo sport pu essere illuminante per tutti. Anche per chi decide i destini della nostra politica e della nostra economia.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

SERIE A -4

La penso come Wes lInter da scudetto


Il portiere brasiliano: Non ci siamo indeboliti, ma sar importante mettere in pratica le idee di Gasperini
DAL NOSTRO INVIATO

ALESSANDRA BOCCI LONDRA

Metodo Brasile: il terzino fa lattaccante, il portiere va a centrocampo. E un sistema come un altro per lavorare e spezzare la monotonia. Lo facciamo sempre prima delle partite, una specie di abitudine per noi. Quando posso mi piace uscire dai pali, dice Julio Cesar. Ovviamente la gita fuori porta dura poco: linterista pensa allamichevole di oggi contro il Ghana a Craven Cottage, ma soprattutto al campionato che finalmente inizier. Essere in nazionale sempre una bella cosa e questa una partita importante anche se amichevole perch veniamo da un sconfitta con la Germania e vogliamo rifarci. Ma poi non vedo lora di tornare a Milano.
Molti suoi colleghi sostengono di non aver neppure capito perch si scioperasse.

netti e ad altri giocatori esperti e credo di averlo capito, ma onestamente non vedo perch parlarne ancora. Ho soltanto voglia di cominciare il campionato e di riprendermi lo scudetto. Da troppo tempo aspettiamo di tornare a giocare.
In Champions, senza Forlan, sembra tutto pi complicato.

Etoo andato, alla fine Sneijder rimasto.

Eto ci mancher tantissimo, ci ha trasmesso la mentalit vincente


Crede davvero che lInter sia ancora da primo posto?

E meno male, perch senza di lui sarebbe stato tutto pi difficile. Wesley fa la differenza, un giocatore tecnicamente molto forte, ma anche esperto e aiuta tanto la squadra.
Sneijder dice che lo scudetto un traguardo possibile, la Champions non tanto.

Ho sentito che non pu giocare e mi sono sorpreso, come penso si sia sorpresa la societ. Visto che Forlan potr giocare a febbraio, speriamo di passare il turno.
Tutti dicono che lInter si indebolita.

Bisogna puntare in alto per vincere. Io non vedo l'ora di riprendermi lo scudetto.
Che cosa pensa di Zarate?

Punta luomo e lo salta, tecnicamente fortissimo.


Quanto vi mancher Etoo, anche a livello umano?

Io ho chiesto tante volte a Za-

Io non credo. Siamo ancora forti, qualcuno andato ma qualcuno arrivato, e la squadra rimasta in larga parte la stessa. In pi abbiamo un allenatore nuovo con idee diverse. Speriamo di riuscire in fretta a assorbirle e a fare una buona stagione: mettere in pratica le idee di Gasperini prima possibile molto importante.

Tantissimo, perch stato un compagno meraviglioso. Samuel in questi anni ha dato energia a tutto il gruppo. E' uno che non sa perdere, nel senso che non concepisce nemmeno di poter perdere, e ci ha trasmesso questa mentalit. Io gli auguro di vincere anche in Russia.

Sono daccordo con lui sullo scudetto. In Italia non vedo squadre molto diverse o pi forti della nostra, e ripeto che il mio obiettivo primario riportare lo scudetto allInter in questa stagione. Quanto alla Champions, bisogna puntare anche allEuropa, per forza. Se non credi, non vai avanti. Quando abbiamo vinto la Coppa con Mourinho, nessuno avrebbe creduto che saremmo arrivati fino in fondo. Credere la cosa pi importante. Ora presto per tutto, anche per fare pronostici su un campionato che non ancora cominciato. A febbraio ne riparliamo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

identiKit & CARRIERA

Julio Cesar

Julio Cesar, 32 anni compiuti sabato. Il portiere brasiliano allInter dal 2005 LIVERANI

A CINQUE ANNI DALLA MORTE

Quella vita esemplare... Cos lInter ricorda Facchetti


Cinque anni senza di lui. Giacinto Facchetti stato un Campione unico, un Presidente, un amico. Lo abbiamo sempre con noi, lui e quella storia di vita cos esemplare. Con questo messaggio, abbinato ad immagini raccolte da Alberto DOnofrio, autore del documentario Il capitano, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia nel 2005, lInter sul proprio sito ha salutato ieri Giacinto Facchetti, a cinque anni dalla morte.

Messaggio pubblic tario con finalit promozionale Offerta valida dal 01/09/2111 al 30/09/2011 Al fine di gestire le tue spese in modo responsabile e di conoscere eventuali altre offerte disponibili, Findomestic ti ricorda, prima di sottoscrivere il contratto, di prendere visione di tutte le condizioni economiche e contrattuali, facendo riferimento alle Informazioni Europee di Base sul Cred to ai Consumatori presso il punto vendita Sanyang Italia Salvo approvazione di Findomestic Banca S p A Sanyang Italia fornitore di beni e servizi, per la promozione e il collocamento di contratti di finanziamento di Findomestic Banca S p A per lacquisto dei propri beni e servizi ed legato da rapporti contrattuali con uno o pi finanziatori

MaxSym 400 i
Top scooter. Top class.
Il nuovo scooter top di gamma SYM vi aspetta negli oltre 300 concessionari SYM di tutta Italia, con design made in Italy ed eleganti dettagli di stile. Perfetto in ogni occasione, come city scooter o granturismo, MaxSym vi sorprender con tutte le sue caratteristiche al top di categoria.

speciale finanziamento a interessi ZERO!*

www.preference.it

MaxSy io rata Esemp

,00% TAN 0 ,92% 3 TAEG


SYM sceglie ubrificanti Motorex

0, e 1 174 m4si r2
pe

Assistenza stradale inclusa foratura per lintero periodo di garanzia

*Prezzo

del bene 4.990. Esempio con importo totale del credito di 4.090, spese istruttoria pratica 90, TAN fisso 0,00%, TAEG 3.92% in 24 rate da 170,41 ciascuna oltre le seguenti spese gi incluse nel calcolo del taeg : 2,50 di spese di incasso e gestione di ogni singola rata, 10,23 di imposta sostitutiva, spese per comunicazioni periodiche 1,03 (almeno una allanno). Importo totale dovuto dal Consumatore per il finanziamento: 4.162,13.

SANYANG Italia S.r.l. Via delle Industrie, 12 Arese - Milano Telefono 02 9345641

http://www.sym-italia.it

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

Forlan a Madrid con rabbia Ma il Pazzo lo rincuora


Dopo la beffa Champions, Diego in Spagna per fare i bagagli. Poi si sfogher in campionato, dove lazzurro fece 11 gol in 17 gare
LUCA TAIDELLI MILANO

DA COVERCIANO

Ranocchia: Anche noi abbiamo saputo della vicenda di Diego dai giornali
Anche noi compagni abbiamo saputo della vicenda Forlan dai giornali. Siamo rimasti tutti sorpresi. Andrea Ranocchia da Coverciano racconta come ha vissuto lesclusione delluruguaiano dalla prima fase di Champions. Ma lazzurro non perde certo lottimismo: Servir tempo perch arrivato un nuovo allenatore, ma abbiamo preso grandi giocatori e lotteremo sino allultimo per lo scudetto. Poi un messaggio allex interista Balotelli: Lui sereno e si allena bene. migliorato tantissimo dal punto di vista caratteriale.

Chi gli stato vicino garantisce che pi che arrabbiato mortificato. Tanto che nellincontro di sabato alla Pinetina ha promesso al presidente Moratti di ripagare la fiducia a suon di gol in campionato. Eppure Diego Forlan ci teneva da morire a esordire davanti ai suoi nuovi tifosi proprio nella Coppa pi importante. Lesordio a San Siro sar rimandato di appena tre giorni (dal Trabzonspor il 14 settembre alla Roma, il 17), ma resta la beffa di non potersi battere in Champions sino a febbraio per colpa di due gare di Europa League giocate con lAtletico, quando peraltro avrebbe dovuto essere in vacanza dopo le fatiche di Coppa America.
Inserimento lampo La frittata per ormai fatta, quindi lo stesso Forlan ha capito che lunica appunto trasformare la rabbia in energia positiva da sfogare in campionato. Appuntamento a cui vuole arrivare pi che pronto. Linserimento nel mondo nerazzurro del resto stato facilitato da diversi elementi. Intanto lamicizia con Milito e Cambiasso, che lhan-

no accolto a braccia aperte e portato anche a cena nel nuovo locale che il Cuchu ha aperto con Zanetti in zona Brera. Poi la conoscenza della lingua italiana, che Diego aveva studiato da ragazzo a Montevideo. Ma pure il fatto di aver concordato col ct dellUruguay Tabarez di saltare lamichevole di venerd scorso in Ucraina per allenarsi con i nuovi compagni. E iniziare a cercare casa. Forlan, raro single a 32 anni, infatti nei giorni scorsi ha gi visto alcuni appartamenti in citt e intensificher gli sforzi da mercoled.
A Madrid col fratello Solo domani infatti rientrer in Italia dopo il blitz a Madrid per chiudere i bagagli spagnoli. Diego volato in Spagna sabato, dopo la partitella in famiglia in cui ha segnato il suo primo gol interista. Accompagnato dallinseparabile fratello Pablo, Forlan approfitter di questi giorni di riposo concessi alla truppa da Gasperini prima che inizi la stagione per chiudere la casa madrilena, lasciata in fretta e furia luned scorso per correre a Milano, e poi potersi gettare anima e corpo nella nuova vita. I consigli del Pazzo Domenica si inizia da Palermo e prima ci sar da affinare lintesa con i com-

Diego Forlan, 32 anni, in allenamento ad Appiano Gentile LIVERANI

Pazzini la scorsa stagione ha vissuto la stessa situazione Il Cacha promette a Moratti che lo ripagher a suon di gol la domenica

pagni. Alcuni dei quali torneranno dalle nazionali solo da mercoled. Tra questi, Giampaolo Pazzini, che a Forlan potr raccontare un paio di cose perch smaltisca leuro rabbia. La stagione scorsa infatti tocc al Pazzo farsi le vigilie di Champions da solo (aveva giocato il preliminare con la Samp) per poi sfogarsi in campionato. E c da credere che Forlan metterebbe la firma per collezionare 11 gol in 17 partite come fece lazzurro.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorprenditi!
SIMPL LACCATO BIANCO LUCIDO

SPECIALE Cucina, living e camera da letto a meno di

10.000

la qualit Chateau dAx da cogliere al volo.


MICHELLE CANDIDO COME LA NEVE

790
3 POSTI (cm 196) RIVESTITO IN PELLE

PELLE 100% LE A NATUR

1.990
MOBILE LIVING (cm 300)

Vai su www.chateau-dax.it e guarda il filmato con tutte le offerte! 140 negozi in Italia aperti anche domenica pomeriggio numero verde 800-132 132
Offerta valida fino al 2 ottobre 2011 solo nei negozi che aderiscono alliniziativa e limitata ai modelli oggetto della campagna pubblicitaria. I prezzi si riferiscono alla pelle categoria 1 e al tessuto categoria Special, nei colori come foto. Cuscinetti optional.

Goditi la vita! Scegli Chateau dAx.

10

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

SERIE A -4
re il carico delle polemiche, per convincerlo che sul suo coinvolgimento non ci sono pregiudizi, in un senso o nellaltro. Francesco, seguimi linvito del tecnico spagnolo e con me segnerai trenta gol.
Sos una mano tesa, e Luis En-

LE TAPPE DEL CASO

CAGLIARI IL CONCERTO DEL PRESIDENTE

Pace in vista?
La mano tesa di Luis Enrique Totti, seguimi
Lallenatore lo sprona per il bene della Roma La societ gli chiede un segnale. Ma lui tace
Francesco Totti, 35 anni il 27 settembre, capitano della Roma, campione dItalia 2001 LINGRIA/PHOTOVIEWS
ALESSANDRO CATAPANO ROMA

rique si aspetta che Totti la afferri con tutte le forze. Senza remore. Convinto della bont del progetto tecnico, pronto ad allenarsi come probabilmente non ha mai fatto, disposto a giocare meno, in generale ad accettare qualsiasi decisione del tecnico, cosa che Totti fa abitualmente, ma senza restarci troppo male, anzi se possibile mostrando pure quel sorriso dentro e fuori che gli ha chiesto Walter Sabatini. Per la sua serenit, per il bene della squadra, per il successo del progetto. Perch dietro la conferenza stampa del direttore sportivo, dietro i sorrisi, le battute, perfino un abbraccio che Luis Enrique gli ha riservato nellultimo allenamento prima del weekend, davvero c una richiesta daiuto a Totti, se vogliamo pure un segno di debolezza: Francesco, aiutaci tu. Con un cenno, un gesto, una parola, un sorriso che tranquillizzi i compagni, protegga lallenatore, rassereni lambiente.
Eh no, troppo facile Quantomeno troppo tardi. Totti non si fida pi. Per questo non ha risposto allsms di Baldini, gesto ritenuto insufficiente, e oggi non

Oggi non si confronter con Sabatini, almeno non lo far di sua iniziativa
intende confrontarsi con Sabatini, almeno non lo far di sua iniziativa. Non ce lha con lallenatore, anzi. Ce lha con tutta questa assurda situazione che si creata intorno a lui. Si sentito messo in mezzo e preso in giro, si chiuso in un silenzio assordante e adesso che gli chiedono di metterci una buona parola, di aprire lombrello e riparare la Roma, non ci sta. Troppo tardi, anche perch qualsiasi suo intervento, a questo punto, apparirebbe un passo indietro, una sconfitta agli occhi dei suoi soldati. Perch questa triangolazione Baldini-Luis Enrique-Totti, incredibilmente, diventata una specie di guerra fredda. Walter Sabatini lha denunciata venerd, con una chiamata generale alla distensione. Luis Enrique ha fatto il primo passo, per quello di Totti bisogner aspettare il campionato. Per quello di Baldini larrivo dellautunno.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL CAPITANO IN CAMPO AL DEBUTTO

Non un ripensamento, n un passo indietro. Luis resta con le sue convinzioni, le sue visioni sacchiane e i suoi princpi talebani. Per, glielha detto: Francesco, seguimi.... quello che lallenatore spagnolo pensa sinceramente di Francesco Totti. Glielo ha detto subito, quando si sono conosciuti. Glielo ha ricordato dopo lesclusione con lo Slovan Bratislava, per ridurre leffetto di quella decisione. Glielo ripete da giorni, lo far anche oggi, alla ripresa degli allenamenti, per alleggeri-

Verso il tridente con Bojan e Osvaldo


Non sar una settimana qualsiasi a Trigoria. Dopo leliminazione dallEuropa League la squadra ha bisogno di una nuova ripartenza. Lesordio in campionato con il Cagliari servir a testare eventuali correzioni e progressi della banda Luis Enrique. La squadra si ritrover oggi a Trigoria dopo il weekend di riposo. Occhi puntati su Totti, ovviamente. Ma non solo. Con un gruppo privo dei nazionali e degli acciaccati Cicinho, Pizarro e Lamela, con Greco recuperato a centrocampo e Gago gi a suo agio negli schemi ma in attesa del ritorno dallazzurro di De Rossi, Luis Enrique da giorni insiste su questo tridente offensivo: Bojan esterno sinistro, Totti punta arretrata e Osvaldo libero di inserirsi da destra. In allenamento la formula sta dando buoni frutti, i tre si integrano bene e vanno facilmente al tiro. Saranno loro gli uomini della provvidenza?

Quasi due mesi di polemiche intorno a Totti. 18 LUGLIO Tutto cominciato con unintervista di Franco Baldini a La Repubblica. Totti deve liberarsi della sua pigrizia e di chi usa il suo nome, anche a sua insaputa, uno dei passaggi pi critici. 18 AGOSTO Nellandata di Europa League a Bratislava Totti entra solo ad un quarto dora dalla fine. Luis Enrique lo manda inizialmente in panchina perch non lo ha visto allenarsi bene. 25 AGOSTO Al ritorno, allOlimpico, Totti viene sostituito nel finale, il pubblico fischia il cambio e la Roma crolla e viene eliminata dallo Slovan. 2 SETTEMBRE Il d.s. Sabatini parla in conferenza stampa e chiede a Totti di fare un passo indietro, andare incontro a Luis Enrique, accettare anche di giocare 20 partite. Altrimenti, il suo caso rischia di uccidere la squadra.

Cellino rock con tanti big Il calcio? Solo ma non mollo


Solito spettacolo nel quale suona con nomi famosi

Massimo Cellino, 55 anni, presidente del Cagliari dal 1992, si esibisce come al solito da rocker LOCCI
MARIO FRONGIA ASSEMINI (Cagliari)

Rock duro, per intenditori. Per una sera Massimo Cellino mette in freezer la richiesta di dimissioni di Beretta, la burocrazia che frena lapertura del cantiere del nuovo stadio, il conto alla rovescia per il debutto con la Roma. Il presidente del Cagliari, dopo Roger Glover e gli Chic, fa bingo: otto assi della musica internazionale per la prima volta assieme. Levento alla club house del centro di Assemini. Da Ian Paice (batterista Deep Purple) a Chris Slade (batterista AcDc), Michael Shenker (chitarrista Skorpions), Kee Marcello (chitarrista Europe), Massimo Varini (chitarra acustica), Doogie White (cantante di Richtie Blackmore e dei Rainow), Ken Hensley (tastierista Uriah Heep), Neil Muray (bassista Whitesnack) e Brian May fino a Don Airey (tastierista Deep Purple). Pi la band del patron, i Maurilios. Spero che tutti si divertano, i nostri ospiti sono musicisti straordinari. Il calcio? Mi sento un po solo ma non moller la frase strappata al numero uno del Cagliari. Al concerto anche Larrivey, Ibarbo, Ceppelini e Massimo Ficcadenti: Siamo qui per ascoltare buona musica.
Mondanit Si scopre che il tecnico ha studiato a

Fermo strumenti a fiato dai 9 ai 13 anni. Intanto, musica doc per duemila appassionati. Ma anche mondanit. Politici, imprenditori, volti della tv al sontuoso banchetto curato dal Cagliari. In sottofondo una scaletta superba: Rolling Stones, Eagles, AcDc, Joe Cocker. Applausi anche per Sara Altobelli: 19 anni, allieva dellAccademia di musica Fanny, fondata da Cellino, in assolo con Doogie White e Chris Slade.

Jazz is back
Primo LP + fascicolo a soli

Jazz 33 giri: una selezione di capolavori su puro vinile 180g. 180g E il jazz torna a suonare nel posto dov nato: su un 33 giri.
Da Miles Davis a Keith Jarrett, da Billie Holiday a John Coltrane i migliori artisti di sempre su copie anastatiche fedelissime ai 33 giri originali, per rivivere tutti i riti dellascolto e riscoprire il piacere originale del jazz: la qualit dei suoi suoni, lintensit delle sue emozioni, il calore delle sue interpretazioni. In pi, con ogni album, un fascicolo ricco di foto, aneddoti e curiosit sullartista. Jazz 33 giri. Il jazz tornato al suo stato pi puro.
* N. 39 USCITE SUCCESSIVE A 14,99

7,99*

Per saperne di pi visita il sito:

deagostinipassion.it

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

11

SERIE A -4

Cavani non stop: ora manca il gol


Non segna dal 23 aprile, destate non si fermato: Napoli lo aspetta a Cesena
GIANLUCA MONTI NAPOLI

Oggi Edinson Cavani sar di nuovo a Castelvolturno. Insieme a Gargano, e probabilmente a Pandev (espulso venerd in Russia-Macedonia), torner al campo base per preparare l'esordio di Cesena. Il Matador lo scorso anno entr definitivamente nel cuore dei tifosi azzurri con una doppietta al Manuzzi. La sua prima stagione a Napoli stata esaltante (26 gol in campionato, 7 in Europa League), quella che sta per cominciare dovr invece consacrarlo.
Sempre di corsa Ripetersi non

do duro per riuscirci. Deve, per, ritrovare lo smalto dei giorni migliori dopo un'estate vissuta tutta di corsa. I 90' di venerd con l'Uruguay in Ucraina sono gli ultimi in ordine di tempo di due mesi davvero massacranti. Cavan il 4 luglio era in campo nellesordio della Celeste in Coppa America contro il Per, ma appena quattro giorni dopo, contro il Cile, usciva dal terreno vittima di uno stiramento al collaterale del ginocchio destro. Avrebbe potuto riposarsi e guarire con calma, per il suo desiderio era quello di contribuire all'impresa che l'Uruguay stava costruendo.
Vie legali Cos, nonostante dallItalia il presidente De Laurentiis minacciasse di adire le vie

legali qualora fosse stato impiegato da Tabarez in precarie condizioni fisiche, Edy prendeva ugualmente parte alla finale del 24 luglio contro il Paraguay. Nello stesso momento, il Napoli era gi in ritiro a Dimaro da una decina di giorni e Mazzarri fremeva per averlo nuovamente a sua disposizione. Appena due settimane di ferie, per coccolare il figlioletto Bautista e sua moglie Soledad, e l'11 agosto Cavani ha fatto capolino a Castelvolturno, arrivato circa 30' dopo il suo compagno dattacco Lavezzi che invece aveva goduto di qualche giorno di riposo in pi.
A secco I test fisici hanno dato riscontri positivi ma per il momento il Matador non ancora

al top. A Barcellona, nel trofeo Gamper, non ha brillato, nonostante la splendida rete in rovesciata annullata per fuorigioco. Qualche progresso si visto nel test contro il suo ex Palermo. Ha creato spazi per i compagni e cercato la porta. Insomma, quasi pronto per l'ennesimo tour de force che lo attende: 7 partite in 21 giorni tra campionato e Champions (dal 10 settembre al 1o ottobre). E poi Cavani smania per ritrovare il gol, visto che sia in Coppa America sia in amichevole non mai riuscito ad andare a segno. L'ultima rete risale, infatti, al 23 aprile 2011 in casa del Palermo. Un digiuno troppo lungo per uno come lui, arrivato quinto nella classifica della Scarpa dOro 2011. Non lo spaventa neppure lincognita del nuovo sintetico di Cesena (per testarlo, il Napoli venerd svolger la rifinitura al Manuzzi). lo stesso di Boras in Svezia, dove lo scorso anno Cavani esord dal primo minuto in azzurro realizzando due gol.
RIPRODUZIONE RISERVATA

mai facile, ma Edy sta lavoran-

Edinson Cavani, 24 anni, uruguayano, seconda stagione al Napoli AFP

SCONFITTI I CROATI

LUdinese 2 vince Neuton-Abdi gol Padelli pararigori


UDINE (s.m.) Senza nove nazionali lUdinese scalda i motori in vista dellesordio in campionato di domenica a Lecce liquidando per 2 0 i croati dellInter Zapresic. Le risposte sono state contrastanti, con Basta verso il completo recupero e la buona impressione destata dal portiere Padelli, che si presentato parando anche un calcio di rigore. A fare da contraltare, un Doubai troppo compassato e a una difesa ancora da amalgamare. Neuton (9) e Abdi (42) hanno confezionato il 2 0 finale nel primo tempo. Udinese-Inter Zapresic 2-0 MARCATORI Neuton 9, Abdi 42 pt UDINESE (4-4-1-1) Padelli; Ekstrand (41pt Cudicio), Danilo, Neuton (26st Domizzi), Pasquale; Basta, Pinzi (17st Battocchio) Doubai, Sissoko; Abdi; Di Natale (17st Rosa Gastaldo). ALL. Guidolin. INTER ZAPRESIC (4-2-3-1) Santini (1st Juric); Jancetic, Batur (18st Ganchev), Gulic, Mrsic (1st Babic); Todorcev, Vujcic (35st Bosec); Screb (35st Plazanic) Misic (15st Kramaric), Blazevic (1st Abilaliaj); Budimir (35st Ugrina). ALL. Loncarevic. ARBITRO Gava di Conegliano.

A CASA DEL MAESTRO

Premio Liedholm ad Ancelotti venerd a Cuccaro


CUCCARO MONFERRATO (Al)

Carlo Ancelotti ricever venerd alle 18 il primo premio dedicato alla memoria di Nils Liedholm, che lo fece esordire in serie A nel 1979 con la maglia della Roma. La cerimonia avverr a Cuccaro Monferrato, dove Liedholm scelse di vivere, alla presenza del sindaco del paese, del figlio Carlo, dei nipoti, e di alcuni campioni del passato tra i quali Rivera e Baresi, componenti della giuria, che con il tecnico svedese vinsero nel Milan lo scudetto della stella. Ancelotti in questo momento senza panchina: dopo aver vinto in due stagioni Premier e Coppa dInghilterra stato esonerato da Roman Abramovich.

12

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

SERIE A -4

Palermo, non solo Pastore Ora occhio a Hernandez


Zamparini ha denunciato il clan dellargentino per la vendita al Psg, ma pure luruguaiano un caso. E a Bologna Ramirez...
CARLO LAUDISA claudisa@gazzetta.it MILANO

ALTRI CASI

A
V

FIORENTINA IL NUOVO ACQUISTO

La questione posta da Maurizio Zamparini seria. E non riguarda il solo Palermo. In Sudamerica le norme prevedono che le societ condividano con dei fondi dinvestimento o con dei soggetti privati i cartellini dei calciatori. Unopzione che il calcio europeo non prevede, senza che la Fifa abbia mai inteso entrare nel merito.
Incongruenze E qui nasce lanomalia che ha portato al caso-Pastore. Quando il Palermo ingaggi El Flaco dallHuracan spese 7 milioni di euro per rilevare la met del suo cartellino. E come avviene in questi casi (a livello internazionale la compropriet non esiste) venne pattuito che il club siciliano avrebbe diviso a met lincasso per leventuale rivendita. E cos stato ora che Javier passato al Psg per 43 milioni di euro. Lagente argentino Marcelo Simonian, attraverso la Dodici Corporation, controlla sin dai primi passi i diritti di Pastore. E adesso ha fatto valere questo suo ruolo strategico. Passo indietro Non a caso quan-

Abel Hernandez, 21 anni, uruguaiano, attaccante del Palermo e della Nazionale. Il suo soprannome La Joya (il gioiello)

Santiago Martin Silva con la.d. Mencucci PEGASO

Ecco il Tanque tatuaggio maori e allegria


Luruguaiano Silva festeggia i gol nei modi pi impensati. Voglio affermarmi qui

V
Gastn Ramrez Pereyra, 20 anni, uruguaiano, centrocampista del Bologna e della Nazionale uruguaiana, fresca vincitrice della Coppa America
ALESSANDRA GOZZINI FIRENZE

Javier Pastore, 22 anni, passato dal Palermo al maglia del Paris Saint Germain AFP

non poco.

Il ritorno del Tanque ha effetti speciali: ieri pomeriggio, di fronte alla sede viola, cerano pi o meno cento tifosi in festa ad aspettarlo (non una super-folla, ma una cosa mai successa questanno: lentusiasmo sta tornando); lattaccante ha gi un coro fatto su misura, e una maglia (la dieci) che stata sulle spalle di Antognoni, Baggio, Rui Costa e Mutu; El Tanque (Santiago Silva, nuovo centravanti viola, contratto biennale) uno da emozioni forti. Mencucci, a.d. del club: Ho perso cinque anni di vita nellultima ora di mercato; avevo fatto il bonifico, ma non arrivava il transfert per poterlo tesserare (colpa di Raffaini, presidente del Velez: fino allultimo ha provato a bloccarne la cessione).
Come Bati Il Tanque (carro armato) ha un ta-

do nel 2008 lHuracan acquist Pastore dal Talleres ottenne il solo 10% del suo cartellino. Per questa ragione il Palermo anticip Milan e Chelsea nellingaggio del talento di Cordoba proprio grazie allappoggio di Simonian, che controllava loperazione in virt di quel 90% in possesso sulla sponda argentina. Il club rosanero accett di riconoscere quel 50% che ora Zamparini sostiene gli sia stato estorto.
Gli sviluppi Quel che accaduto in privato negli ultimi due anni sar tema delle indagini della Procura di Palermo e verr posto all'attenzione del Tas. Ma la questione pi complessiva rimane. Tanto per fermarsi al Palermo va chiarito che Zamparini anche per Abel Hernandez ha concordato con il Pearol condizioni simili. Due estati fa il proprietario del Palermo per

Il nodo degli investitori privati in Sudamerica pesa sullazione legale a Simonian Il fenomeno delle percentuali per la vendita diffuso in Italia. E nasce dalle norme Fifa
il centravanti uruguaiano spese 3 milioni di euro, ma lasci alla societ di Montevideo il 45% degli utili. In questo caso, per, stato posto un tetto a 15 milioni: cio se arriva unofferta superiore i siciliani possono liquidare il Pearol con circa 6 milioni. Insomma Zamparini in questo caso s cautelato di pi, ma il condizionamento dellagente rilevante. Un esempio? A gennaio sera fatto avanti lArsenal e gli investitori uruguaiani protestarono

Dubbi Ramirez In parallelo que-

stestate Bologna s appassionata sul futuro di Gaston Ramirez, anche lui giunto nellestate 2010 per 3 milioni di euro dal Pearol. In questaffare il club emiliano s impegnato a riconoscere agli uruguaiani il 30% degli utili. Cos lultimo mercato ha offerto pagine di polemiche per il braccio di ferro con i rappresentanti sudamericani del talento per il quale serano invaghiti Fiorentina, Udinese e Napoli. E mettiamo in preventivo che a gennaio la questione si riproporr.
Censimento Ma non finiscono

certo qui i giocatori sudamericani ingaggiati in forma promiscua. In genere sono i nostri club medio-piccoli a lasciare aperte le porte ai soci sudamericani. Una convivenza forzosa e pericolosa che legata allesigenza di contenere i rischi dellinvestimento. Ma se certe regole non cambiano...
RIPRODUZIONE RISERVATA

tuaggio maori sul petto, perch adora la filosofia degli All Blacks. Tempo fa raccontava: La mia fidanzata dice che un giorno lascer la pelle in campo. Ogni tanto in effetti perdo la testa. Ieri ha aggiunto: Fuori dal campo sono totalmente normale, dentro mi trasformo. Il mio idolo Batistuta: spero di fare tanti gol, per festeggiarli come so io. Ecco alcuni esempi di quando giocava in Argentina: ha finto di avere le convulsioni, di essere un lottatore di sumo, ha spento le candeline, ha fatto un giro del campo sulla macchinina che si usa per gli infortunati, si tolto la scarpa per una telefonata virtuale a Tabarez, c.t. dellUruguay che lo ignora (la Nazionale resta un obiettivo). Quello di Silva (classe 80) un ritorno: in Italia ha non-giocato dieci anni fa, nel Chievo: Ora voglio affermarmi qui. Gilardino? un calciatore importate, io arrivo per lottare e provare a ritagliarmi uno spazio. Ritrover il mio connazionale Forlan: con lui lInter pi forte.
Supercoppa Insieme a Santiago, la Fiorentina ha mostrato la Supercoppa Primavera vinta due sere fa allOlimpico, contro la Roma. E il quarto titolo della gestione Della Valle, mentre c chi punta a fare tredici: Pantaleo Corvino, diesse viola e responsabile del settore giovanile, con quello di sabato sera ha messo insieme dodici successi tra i ragazzi. Ora dice: Vittoria dedicata a societ, tifosi e alla citt di Firenze.

Maurizio Zamparini, 70 NEWPRESS

UNDER 21 QUALIFICAZIONI EUROPEO


DOMANI ITALIA-UNGHERIA SAPONARA O BERTOLACCI AL POSTO DEL GIOCATORE DELLUDINESE FINITO K.O.
fogo, sembrano avvantaggiati, per quanto si muovono, ma Paloschi, punta alla Inzaghi, ha nome ed esperienza. Abbiamo queste due possibilit spiega Ferrara . Dobbiamo stare attenti dietro, sono fiducioso, e giocare pi a due tocchi, liberandosi in fretta del pallone. Gli ungheresi sono buoni, nel girone squadre da sottovalutare non ce ne sono. Solo oggi, dopo aver esaminato il video degli avversari nella partita con lIrlanda, il c.t. scioglier i dubbi su centrocampo e attacco. In difesa dovrebbero giocare Santon e Crescenzi esterni, Capuano e Caldirola centrali. Col gruppo c il coordinatore Arrigo Sacchi: ha preso appunti su tutto e ieri ha fatto le sue considerazioni al c.t. Serviranno.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Ferrara sceglie il vice-Fabbrini


DAL NOSTRO INVIATO

LAVVERSARIO

Il pericolo solo bomber Futacs Iszai squalificato


SZEKESFEHERVAR (fr.vell.) LUnder ungherese di Antal Roth gioca con un 4 2 3 1. Una sola punta, il bestione Futacs (in gol con gli irlandesi), gi nellUnder precedente, che sta in Germania con lIngolstadt. Dietro di lui un terzetto che ha in Andras Gosztonyi del Videoton la mezza punta di qualit. Gli altri esterni alti sono Bodi e Balazs. Il tecnico non avr il centrale di centrocampo Iszai, espulso con lIrlanda. Al suo posto Nagy o Hidi.

FRANCESCO VELLUZZI SZEKESFEHERVAR (Ungheria)

In 11 mesi di gestione Ferrara lUnder 21 ha perso solo una volta: al torneo di Tolone con la Francia. Segno che il tecnico ha trasmesso voglia di vincere, cattiveria, consapevolezza. Solo che il tempo delle amichevoli finito e da domani (ore 17) allo stadio Sostoi si fa sul serio. La prima missione degli azzurri, decisi a tornare nellolimpo del calcio giovanile, ovvero la fase finale dellEuropeo, contro lUngheria che ha gi

debuttato nel girone 7 perdendo 2-1 in Irlanda. Ieri lo staff azzurro arrivato. Gruppo unito anche in volo, quasi tutti con lIpad. Solo uno, il portiere Colombi, leggeva un libro: Il tribunale delle anime di Donato Carrisi.
Amici La certezza che que-

ci, aggiunge Andrea Bertolacci, ora a Lecce, uno dei pochi che ha la certezza di giocare titolare in A.
Modulo Ferrara ha recuperato

stUnder un gruppo. Questa la vera differenza rispetto alla squadra precedente: niente stelle e tutti al servizio del collettivo, racconta il centrocampista della Juve Marrone. C tanta romanit, perch in 5 arriviamo dalla Roma, ma siamo tutti ami-

Crescenzi (giocher con un tutore), ma ha perso Diego Fabbrini, il giocatore pi tecnico, rientrato a Udine con una distorsione al ginocchio sinistro. Cos il c.t. ha due opportunit: il 4-4-2 classico con Saponara (o Florenzi) nei panni di Fabbrini, o il 4-3-1-2, provato sabato, con Bertolacci chiamato a dare pi profondit dietro le punte. Borini e Gabbiadini, titolari col Bota-

Ciro Ferrara, 44 anni MANCINI

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

13

14

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

DOMANI ITALIA-SLOVENIA QUALIFICAZIONI EUROPEE

Balotelli a rischio
Svagato, deconcentrato Prandelli d lultimatum
Lultima stravaganza di Mario portarsi liPad in panchina. Ma il c.t. non pi disposto a soprassedere e lo mette alle strette
DAL NOSTRO INVIATO

LUIGI GARLANDO FIRENZE

Linsoddisfazione di Cesare Prandelli per certi atteggiamenti di Mario Balotelli e, pi in generale, per lintensit nel lavoro di questi giorni azzurri, che vi abbiamo raccontato ieri, diventata largomento del giorno a Coverciano, tanto da far balenare lipotesi di una sua clamorosa cacciata dal ritiro. In realt il c.t., pur profondamente deluso, non ha mai pensato a tanto, ma ha deciso di guardare negli occhi il ragazzo (se non lha fatto ieri sera, lo far nelle prossime ore) per un confronto secco e risolutivo. Mario, quanto ci tieni davvero a questa maglia? Quanto sei disposto a dare per restare nel gruppo? Hai voglia di svoltare, di sgobbare? Lo sai che, di questo passo, alle prossime convocazioni rischi grosso? Un faccia a faccia che ha tutto laspetto dellultima chiamata.
Riscaldamento Raccontavamo

dellinfelice riscaldamento di Balotelli allinizio del secondo tempo di Far Oer-Italia. Avrebbe dovuto entrare subito, ma nonostante le sollecitazioni (e una strigliata), il ritmo della corsetta di Mario restava al di sotto del minimo sindacale. Tutto sotto gli occhi dei compagni. A quel punto, Prandelli non ha pi potuto farlo entrare

Il c.t. deluso anche per come il giocatore si sta allenando in questi giorni
e gli ha riservato solo gli ultimi 7 minuti del match. Il c.t., che ha voluto un codice etico e ha punito senza tentennamenti i Cassano e i De Rossi, ha sempre considerato con grande attenzione gli effetti che possono produrre sul gruppo i comportamenti negativi. Per la stessa ragione, Prandelli ha riconsiderato la decisione di

schierarlo titolare domani contro la Slovenia. La tentazione di presentarsi in sala stampa e ripetere le parole di Mourinho (Mario non gioca perch si allenato male) non mai stata cos forte. Invece nella sala stampa di Torshavn, il c.t. ha spiegato: Dovevo far entrare prima Balotelli. Ha ingoiato il rospo, perch se avesse denunciato il riscaldamento balordo, lo avrebbe massacrato, lo avrebbe consegnato a critiche violente.
IPad Lo ha protetto unaltra vol-

DOMANI ORE 20.45

cos a rischio, meglio che il ragazzo curi anche le sfumature. Tipo liPad, che non il demonio e vale le cuffie sulle orecchie di Beppe Rossi e liPod dei compagni che si concentrano con la musica prima del match. Ma chiaro che vedere un ragazzo, gi a rischio di concentrazione, stravaccato in panchina con un tablet tra le mani, nel pre-partita, non conforta un c.t. Non necessario restare sempre in fondo al gruppo con Cassano, quando ora di correre attorno al campo. E vero che fa figo occupare gli ultimi banchi della classe, ma fare il secchione ogni tanto, facendosi vedere in testa al gruppo a tirare come un Chiellini, non guasta agli occhi del c.t.
Rospi Detto questo, noi stiamo tutta la vita con la pazienza di Prandelli (che per non eterna), con la sua lotta ad oltranza, ingoiando rospi e morsicandosi la lingua. Non solo perch Balotelli il miglior talento del nostro calcio, un progetto di fuoriclasse che pu trasfigurare la Nazionale, ma perch Mario non luntore, non un ragazzo perduto, ma un ragazzo fragile (a dispetto della maschera) che si cerca, in lotta con se stesso e con il mondo; un destino non semplice, che merita e ha ancora bisogno di aiuto. Se Prandelli un giorno riuscir a stabilire il contatto giusto, avr centrato qualcosa di molto pi prezioso della qualificazione a Euro 2012.

ta. Prandelli sa che mandare Balotelli domani in tribuna vorrebbe dire schiantarlo. Perci, a meno di nuovi episodi incendiari, se lo porter in panchina. Anche se la rimonta in extremis alla considerazione del c.t., che avevamo auspicato, non iniziata benissimo. Ieri mattina Mario uscito per ultimo dagli spogliatoi (con Rossi). Prandelli, che attendeva al centro del campo con gli altri azzurri, lo ha incenerito con unocchiata. In una situazione

GDS

RIPRODUZIONE RISERVATA

IL CASO LA PUBBLICITA ERA APPARSA DURANTE FAR OER-ITALIA

LA FEDERCALCIO
na (cosca, ndr). Sono barzellette, questo fatto non esiste. Siamo dei lavoratori e basta.
Perch Calabria Scavi ha una succursale a Corleone, il paese di Riina e Provenzano?

Quel cartellone allo stadio mi costato mezzo milione


Parla Bonavota, il proprietario di Calabria Scavi che spediva lettere a Provenzano
DAL NOSTRO INVIATO

Questa cosa non ci piaciuta


(s.v.) Un tiro imparabile. Antonello Valentini, direttore generale della Federazione italiana gioco calcio, sintetizza cos la vicenda del cartellone dellamico di Provenzano. Nelle competizioni Fifa e Uefa spiega Valentini i diritti televisivi e pubblicitari appartengono alla federazione ospitante. La federazione ospitata, in questo caso noi, non ha voce in capitolo. Per capirci: la federcalcio delle Far Oer ha appaltato la cartellonistica a una societ estera, da cui Calabria Scavi ha comprato lo spazio. Ancora Valentini: Penso che sia andata cos e la buona fede della federcalcio faroese non in discussione. Non si pu pretendere che a quelle latitudini conoscano a tal punto le cose e intervengano su una situazione del genere. Per le amichevoli allestero diverso: Vero. Ci cauteliamo, chiediamo conto dei contenuti. In Italia non ne parliamo: Qui siamo noi a possedere i diritti e nei contratti ci sono delle clausole.
Opportunit A noi questa

Perch a Corleone e in Sicilia si fanno affari. Provenzano non c'entra niente con "Calabria Scavi". Non mio socio.
Perch lei scriveva lettere a Provenzano?

SEBASTIANO VERNAZZA FIRENZE

Una pubblicit da mezzo milione di euro. Tanto costato a Michele Bonavota il cartellone Calabria Scavi apparso venerd sera a Torshavn durante Far Oer-Italia. Riassunto della puntata precedente: tempo fa Bonavota, 44enne di Sant'Onofrio, in provincia di Vibo Valentia, scrisse delle lettere in carcere a Bernardo Provenzano, detto Zio Binnu, successore di Tot Riina al comando di Cosa Nostra. Gli invi anche una Divina Commedia. Bonavota, in attesa di sentenza di primo grado per associazione a delinquere finalizzata alla truffa, non un pregiudicato, perch finora non ha avuto condanne definitive. Ieri ha accettato di parlare con la Gazzetta.
Bonavota, con chi ha stipulato il contratto pubblicitario?

E' una vicenda chiusa, gli scrivevo perch mi faceva piacere scrivergli. Ho spedito lettere anche a Berlusconi e al Papa. A suo tempo avevo una corrispondenza con Tanzi (Calisto, condannato per il crac Parmalat ed ex proprietario del Parma, ndr).
Michele Bonavota, 44 anni Il cartellone Calabria Scavi dietro Rossi e Cassano allo stadio di Torshavn
pubblicit? E all'estero?

clic
PROVENZANO CAPO DI COSA NOSTRA DOPO TOTO RIINA

Mezzo milione di euro.


E' la prima volta che compra uno spazio del genere?

No, l'avevo gi fatto ad agosto per Milan-Juve, trofeo Luigi Berlusconi. Stesso prezzo, mezzo milione di euro. Lo faccio per crescere, per migliorare gli affari.
La sua azienda, la Calabria Scavi, in quale settore opera?

Un po' dappertutto. Al momento il lavoro pi grosso l'abbiamo in Francia, a Parigi, dove stiamo costruendo un tunnel lungo la Senna.
Quanto fatturate all'anno?

Avevo comprato uno spazio del genere per Milan-Juve: stesso prezzo La mia azienda fattura un miliardo. Lavoro in Sicilia perch l si fanno affari

Mille milioni (un miliardo di euro, ndr).


E quanti dipendenti avete?

In Italia 150, all'estero un centinaio.


Chi sono i suoi soci?

Con una societ di cui non ricordo il nome. Chiamatemi domani (oggi, ndr): sar in ufficio e vi dar informazioni pi precise.
Quanto le costata questa

Bernardo Provenzano, 78 anni, il boss mafioso cui Bonavota spediva lettere in carcere, stato, dopo larresto nel 1993 di Tot Riina, il capo di Cosa Nostra. Detto Binnu u tratturi, ha guidato lorganizzazione criminale fino allaprile 2006, quando stato arrestato.

Edilizia, piccole e grandi opere. Facciamo di tutto, in Italia e all'estero. Dal movimento terra alla ristrutturazione di appartamenti, passando per tante altre cose.
Con chi lavorate?

Non ho soci. La mia una ditta individuale, che opera da trent'anni. Oggi il proprietario sono io, al cento per cento.
Lei ha rapporti di parentela con i Bonavota che si ritiene formino una cosca della 'ndrangheta a San'Onofrio, il suo paese. E' cos?

Perch ha donato una Divina Commedia a Provenzano?

Con chiunque ce lo chieda. In Italia con tanti enti, per esempio l'Anas. Al Nord abbiamo l'appalto della manutenzione dei guardrail di una autostrada.

Sapevo che la desiderava e gliel'ho mandata. All'epoca vendevo anche libri per la Utet. A me piace leggere. Romanzi, saggi. Un po' di tutto.
Il suo libro preferito?

Per la parentela, s. Sono tutti cugini e lavorano con me. Per l'altra cosa, no. Ma quale 'ndri-

Negli ultimi anni "Gomorra" di Saviano.

notizia del cartellone a Torshavn non ha fatto piacere dice Valentini . Quanto accaduto ci rafforza nella convinzione di andare ad allenarci a Rizziconi, in Calabria, su un campo ricavato da un terreno sottratto alla ndrangheta (e consegnato allassociazione Libera di Don Ciotti, ndr).

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

15

Gilardino e Pazzini Sempre uno di troppo


Prima il dualismo in viola, poi la caccia agli spazi in attacco nellItalia: Firenze li aspetta
DAL NOSTRO INVIATO

lui invece molto meno. Chiss che domani non sia anche il Franchi a sputare un primo responso. Poi saranno solo i gol, come sempre, a medicare o ad allargare la ferita di certe incomprensioni.
Le parole di Moratti Gi, i gol.

Alberto Gilardino, 29 anni, e Giampaolo Pazzini, 27 ANSA

ANDREA ELEFANTE FIRENZE

Balotelli alle Far Oer si avvia in panchina con liPad. Il c.t. non ha gradito
VILLA/GETTY IMAGES

Storie di centravanti che si chiedono perch. Storie di panchine e anche tribune, di momenti vaghi, nulla di sicuro fino in fondo qualunque sia la maglia che hanno addosso, oggi che anche il tornare ai rispettivi club comporta riflessioni un po cos. Storia di Giampaolo Pazzini e Alberto Gilardino, che fu una storia a s quando entrambi erano alla Fiorentina con Prandelli, e domani si ritrovano antagonisti proprio a Firenze, ancora con Prandelli, e sar la Slovenia a dire se almeno per uno dei due sar una notte di certezze.
Uno di troppo? Perch il c.t. ha

anticipato che forse in corsa

cambier, per disegnare un'Italia che torni ad avere (anche) un vero centravanti. Venerd toccato a Pazzini (sostituire Rossi a Torshavn), magari stavolta sceglier Gilardino: in ogni caso uno dei due - a meno di rivoluzioni tattiche e al netto di sbandate di Balotelli - potrebbe essere di troppo. Una concorrenza da maneggiare con cura, come fu ai tempi della Viola, anche se allora il Gila era il titolare e il Pazzo gli scalpitava dietro. In Nazionale il mondo si rovesciato, almeno un po', pur se all'ombra della coppia Cassano-Rossi: con Prandelli, 11 presenze per Pazzini e solo 4 per Gilardino, a cui forse venerd sera, nell' umido della tribuna dello stadiolo di Torshvan, venuto da chiedersi il perch di una convocazione che magari avr ri-

DOMANI SERA

Con la vittoria gli azzurri sono qualificati


Con una vittoria sulla Slovenia la qualificazione degli azzurri sarebbe al sicuro gi domani sera con due partite danticipo sulla fine del girone. In base alla classifica attuale, soltanto la Serbia, con 3 vittorie in 3 partite, potrebbe in teoria superare gli azzurri, ai quali servirebbero ancora 2 punti nelle ultime 3 gare. Ecco perch un successo sulla Slovenia chiuderebbe il discorso rendendo ininfluenti le partite con Serbia e Irlanda del Nord.

sposta domani. E poi via, tutti e due torneranno a chiedere fiducia ad un campionato dove il centravanti italiano ormai rarit e ci si sente un po' unici per forza.
Disagi viola E allora sar Gilar-

Quelli che Pazzini ne segna valanghe, e dunque deve giocare, parole come pietre per via di chi le ha pronunciate pochi giorni fa, ovvero il presidente Moratti. E il Pazzo sarebbe bugiardo - e non lo - se non ammettesse che quella mattina leggere gli aveva fatto molto piacere. Anche con l'Inter, in pochi mesi, ne ha gi segnati tanti, s. Ma non abbastanza per essere certo di una maglia da titolare come lo Gilardino, perch nel progetto tattico di Gasperini per il momento c' posto per un solo centravanti vero e Diego Milito - anche visto con gli occhi del tecnico - non un concorrente qualunque, anzi.
La fiducia di Gasp Pazzini sgo-

dino ad avere pi certezze, perch nella Fiorentina il posto l davanti suo, e difficilmente glielo toglier El Tanque Silva (piuttosto, giocher con lui), oppure l'eco di quelle parole di Corvino: Alberto ci ha deluso. E lui: No, Corvino che ha deluso me. E questa la storia di un trasferimento al Genoa a lungo sullo sfondo e poi mai nato, di un permanenza alla Fiorentina discussa almeno quanto il rinnovo del suo contratto, che scade nel 2013 e per il club viola al momento va benissimo cos, per

mita come sa, facendo gol appena pu, e anche in precampionato non si fatto pregare. Per ora, vuole sentirsi tranquillizzato dalla fiducia trasmessa dall'allenatore: che anche recentemente gli ha parlato, gli ha rinnovato la sua stima, gli ha ricordato che ci sar spazio per tutti. Poi, sar questione di progetti: se quello tattico di Gasperini in qualche modo riuscir a dargli la stessa centralit di quello del club, che appena otto mesi fa ha investito forte su di lui, le parole-macigno di Moratti risuoneranno come semplice gratificazione, non rassicurazione: il campo non mente e il Pazzo in fondo non aspetta altro che farlo parlare. Con un po di continuit.

LA FORMAZIONE THIAGO MOTTA IN DUBBIO

Spazio a Cassani
DAL NOSTRO INVIATO

MIRKO GRAZIANO FIRENZE

LA SITUAZIONE
GRUPPO C Partite giocate Estonia-Far Oer 2-1 Far Oer-Serbia 0-3 Estonia-ITALIA 1-2 Slovenia-Irlanda del Nord 0-1 Serbia-Slovenia 1-1 ITALIA-Far Oer 5-0 Slovenia-Far Oer 5-1 Serbia-Estonia 1-3 Irlanda del Nord-ITALIA 0-0 Far Oer-Irlanda del Nord 1-1 Estonia-Slovenia 0-1 ITALIA-Serbia* 3-0 Serbia-Irlanda del Nord 2-1 Slovenia-ITALIA 0-1 Irlanda del Nord-Slovenia 0-0 Estonia-Serbia 1-1 ITALIA-Estonia 3-0 Far Oer-Slovenia 0-2 Far Oer-Estonia 2-0 Irlanda del Nord-Far Oer 4-0 Irlanda del Nord-Serbia 0-1 Slovenia-Estonia 1-2 Far Oer-ITALIA 0-1 * a tavolino dopo gli incidenti di Genova. Classifica Pt G V N P Gf Gs ITALIA 19 7 6 1 0 15 1 Slovenia 11 8 3 2 3 10 6 Serbia 11 7 3 2 2 9 9 Estonia 10 8 3 1 4 9 12 Irlanda del N. 9 7 2 3 2 7 4 Far Oer 4 9 1 1 7 5 23 Domani ITALIA-Slovenia Serbia-Far Oer Estonia-Irlanda del Nord 7 ottobre Serbia-ITALIA Irlanda del Nord-Estonia 11 ottobre ITALIA-Irlanda del Nord Slovenia-Serbia REGOLAMENTO: le prime di ogni gruppo e la migliore seconda accederanno alla fase finale. Le altre otto spareggeranno nel novembre 2011

Ieri doppia seduta per la banda Prandelli. Lavoro atletico in mattinata, prove tattiche anti Slovenia nel pomeriggio. Divertente siparietto Cassano-Chiellini durante una corsa leggera. Giorgio, i tuoi passaggi sono delle marmellate ha detto il barese allo juventino -, impara da Pirlo. Lui s che mi passa dei bab. Hai visto alle Far Oer?. Risata generale. Clima buono, squadra pronta e determinata a portare a casa i tre punti qualificazione. Rispetto a venerd sera, sicuro lingresso di Cassani per Maggio, mentre a centrocampo c Thiago Motta con un problemino al ginocchio destro: ieri provato Marchisio. In attacco, si va verso la riconferma del tandem Rossi-Cassano, Balotelli va in panchina, Pazzini rischia la tribuna per fare posto in lista a Gilardino. La Slovenia deve assolutamente vincere spiega Ranocchia -, aspettiamoci quindi una gara insidiosa. Linterista la grande speranza azzurra in difesa, reparto che sta vivendo un cambio generazionale continua -. Dateci tempo e io, Bonucci, Astori e Ogbonna cresceremo. Fenomeni come Nesta, Cannavaro e Materazzi non si sostituiscono dalloggi al domani.
Handanovic per Handanovic Nel-

la porta slovena ci sar s un Handanovic: non Samir dellUdinese per, bens suo cugino Jasmin del Maribor, gi portiere di Mantova ed Empoli. In attacco, a rischio la stella Zlatan Ljubijankic.

16

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

17

DOMANI ITALIA-SLOVENIA QUALIFICAZIONI EUROPEE

Lallarme ultr e una Firenze fredda


Circa mille tifosi sloveni in una citt che non sente la partita: assenti anche i Della Valle
MASSIMO CECCHINI ALESSANDRA GOZZINI FIRENZE

In un calcio che non sa essere normale, persino una partita come Italia-Slovenia presenta incognite paradossali. Da un lato lindifferenza - nonostante un successo possa valere la qualificazione a Euro 2012 dallaltro il dato oggettivo dellessere considerata partita a rischio.
Ultr sloveni Cominciamo da qui, cio dalle forze dellordine al lavoro (con ottimismo) per depotenziare un match che porter a Firenze circa un migliaio di sloveni, dei quali una settantina considerati ultr temibili, visti anche gli infelici precedenti revanchisti del 2002 a Trieste. Il coordinamento tra la polizia italiana e quella slovena sar vitaminizzato anche dallarrivo in citt di tre funzionari ospiti, che contribuiranno a fornire tutte le caratteristiche dei tifosi pi pericolosi. Nellandata del marzo scorso a Lubiana, i duri sloveni pensarono bene di picchiarsi fra di loro per via delle diverse fedi calcistiche, mentre ad un gruppetto degli Ultr Italia fu invece impedito laccesso perch senza biglietto, oltre essere bloccati alcuni striscioni a rischio. Gelo viola Stavolta, invece, diffi-

successo se domani si arrivasse a 15.000. Insomma, un anno fa con le Far Oer and assai meglio, visto che sugli spalti del Franchi cerano 25.000 persone per quello che fu conside-

rato un po come il Prandelli-day. Adesso la storia diversa, con la citt condannata a registrare il Grande Gelo fra la famiglia Della Valle e il c.t., che pure nei giorni scorsi ha teso la

mano per mettere una pietra sopra alla vicenda dellincontro a Coverciano di un mese fa tra lo stesso Prandelli e alcuni ultr viola critici con la propriet. Risultato finale? I Della Val-

le non saranno in tribuna, con la dirigenza rappresentata dalla.d. Sandro Mencucci.


Gila & Monto Non solo. Lultimo paradosso che anche limpie-

go dei giocatori della Fiorentina potrebbe scaldare poco o essere addirittura un handicap. Non un mistero che Gilardino e Montolivo (degradato da capitano) volevano cambiare aria e solo un mercato asfittico glielo ha impedito, senza per risparmiare loro gli strali della dirigenza viola. In ogni caso, i gruppi organizzati non verranno e anche laccoglienza, pur buona, non la si vorrebbe troppo calorosa per il c.t. proprio per non metterlo in ulteriore difficolt coi Della Valle. Insomma, con laria che tira, meglio pensare solo al campo. E se arriver il successo qualificazione, allora s che sar davvero festa, sia pure per (troppo) pochi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

cilmente lambiente sar bollente. Anzi. La prevendita arrivata appena a 8.000 biglietti, cos da essere considerato un

la guida Germania allEuro Spagna-Italia quasi Olanda presto


Germania gi a Euro 2012, Italia e Spagna quasi, molto vicine anche Inghilterra e Olanda. A Polonia-Ucraina 2012 parteciperanno 16 squadre: le 2 ospitanti; le 9 vincenti dei 9 gruppi; la miglior seconda; le 4 vincenti dei playoff di novembre tra le restanti 8 seconde. GRUPPO A Germania gi qualificata. GRUPPO B Nessuno pu qualificarsi domani. Se per la Russia vince con lIrlanda (e la Slovacchia finisse k.o. con lArmenia), lEuropeo sarebbe davvero vicino. GRUPPO C Servono tre punti allItalia e sar fatta: il successo con la Slovenia qualificherebbe gli azzurri aritmeticamente. GRUPPO D Nessuno pu qualificarsi domani. Vincendo in Romania la Francia compirebbe un passo importante. GRUPPO E Vincendo in Finlandia, lOlanda si qualificherebbe aritmeticamente soltanto se Svezia e Ungheria non vinceranno (difficile, contro San Marino e Moldova). In ogni caso appuntamento rimandato alla prima partita di ottobre. GRUPPO F Grecia e Croazia in piena corsa, ma nessuno pu qualificarsi domani. GRUPPO G Non pu qualificarsi domani, ma lInghilterra ormai vicinissima allEuro: se domani batte il Galles va a +6 sul Montenegro ed quasi fatta. GRUPPO H Portogallo, Norvegia e Danimarca tutte in corsa per lEuro: nessuna per pu avere la certezza aritmetica. GRUPPO I Per la Spagna ormai fatta: battendo il Liechtenstein (impresa non impossibile) la qualificazione sar sicura.

18

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

www.areazelig.it

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

19

MAGIC CAMPIONATO
VOLETE QUALCHE DRITTA PER LASTA? I CONSIGLI DEI GIORNALISTI GAZZETTA SU MAGICBLOG.GAZZETTA.IT

Gago, lusato garantito


Largentino ex Real ha esperienza e qualit per fare bene nel centrocampo della Roma: costa 8
PORTIERI
Cod. Nome

101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 155 111 112 113 114 115 116 153 117 118 119 120 121 122 123 124 125 158 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 162 138 163 139 140 160 152 156 141 157 142 143 145 146 147 148 161 149 150 151

ABBIATI AGAZZI AGLIARDI AMELIA ANDUJAR ANTONIOLI AVRAMOV BELARDI BENASSI BENUSSI BERARDI BIZZARRI BORUC BRKIC BUFFON CAMPAGNOLO CASTELLAZZI COLETTA COLOMBO CONSIGLI COSER CURCI DE SANCTIS FARELLI FONTANA FREY S. FREZZOLINI GALLINETTA GILLET HANDANOVIC JULIO CESAR JULIO SERGIO KOSICKY LOBONT LUPATELLI MANNINGER MARCHETTI MIRANTE NETO ORLANDONI *PADELLI PAVARINI *PAZZAGLI PEGOLO PETRACHI PUGGIONI RAVAGLIA ROMA ROSATI RUBINHO SCARPI SIMONCINI SORRENTINO SQUIZZI STEKELENBURG STORARI TZORVAS UJKANI VIGORITO VIVIANO

Squadra MIL CAG BOL MIL CAT CES CAG UDI LEC PAL LAZ LAZ FIO SIE JUV CAT INT CHI NAP ATA NOV ROM NAP SIE NOV GEN ATA PAR BOL UDI INT LEC CAT ROM GEN JUV LAZ PAR FIO INT UDI PAR FIO SIE LEC CHI CES MIL NAP PAL GEN CES CHI CHI ROM JUV PAL NOV CAG GEN

Costo

16 10 1 2 10 10 1 1 1 1 1 1 11 9 13 2 1 1 1 9 1 1 14 1 1 11 1 1 9 13 15 9 1 1 1 1 12 10 1 1 1 1 1 1 1 4 1 1 2 1 1 1 12 1 12 5 11 10 1 1

DIFENSORI
Cod. Nome

201 202 203 376 204 206 207 208 209 210 211 212 213 214 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 249 250 251 252 253 371 254 256 257 258 259 260 261 372 263 264 265 266 375 267 268 270 271 272 273 274 275 378 276 277 278 279 280 281 283

ABATE ACERBI AGOSTINI AGUIRREGARAY ALVAREZ P.S. ANDREOLLI ANGELLA ANGELO ANTONELLI ANTONINI ANTONSSON ARIAUDO ARONICA ASTORI BALZARETTI BARZAGLI BASTA BELLINI BELLUSCI BELMONTE BENALOUANE BENATIA BIAVA BONERA BONUCCI BOVO BRANDAO BRITOS BRIVIO BURDISSO CALDIROLA CAMPAGNARO CAMPORESE CANINI CANNAVARO CAPELLI CAPUANO CARROZZIERI CASSANI CASSETTI CAVANDA CECCARELLI L. CENTURIONI CESAR CETTO CHERUBIN CHIELLINI CHIVU CICINHO CODA COMOTTO CONTINI CORDOBA CRESPO J.A.R. DAINELLI DANILO DE CEGLIE DE SILVESTRI DEL GROSSO DELLAFIORE DIAKITE' DIAMOUTENE DIAS DOMIZZI DRAME' EKSTRAND ESPOSITO FELIPE FELTSCHER FERNANDEZ FERRARIO FERRI FERRONETTI *FIDELEFF FREY N. GAMBERINI GARCIA GARICS GARRIDO GEMITI GOBBI

Squadra MIL CHI CAG PAL CAT CHI SIE SIE GEN MIL BOL CAG NAP CAG PAL JUV UDI ATA CAT SIE CES UDI LAZ MIL JUV GEN PAR NAP LEC ROM INT NAP FIO CAG NAP ATA CAT LEC FIO ROM LAZ CES NOV CHI PAL BOL JUV INT ROM UDI CES SIE INT BOL GEN UDI JUV FIO SIE NOV LAZ LEC LAZ UDI CHI UDI LEC FIO PAR NAP LEC ATA UDI NAP CHI FIO NOV BOL LAZ NOV PAR

Costo

8 7 6 4 6 7 3 6 9 5 5 3 2 12 16 8 1 4 2 3 1 9 9 3 8 12 3 7 5 8 2 6 3 8 7 4 6 5 11 7 2 3 1 7 3 3 17 6 1 2 6 6 3 7 8 7 6 8 6 3 2 2 9 7 5 1 5 2 1 4 3 2 2 5 3 8 4 2 2 5 7

373 284 285 286 288 289 290 291 292 293 379 294 295 296 377 297 298 374 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 367 332 333 334 335 336 370 337 338 339 380 340 341 342 343 344 368 346 347 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 369 366

GOZZI GRANQVIST GRAVA GROSSO HEINZE JOKIC JONATHAN JOSE ANGEL JUAN KALADZE *KJAER KONKO KROLDRUP LAURO LEGROTTAGLIE LICHTSTEINER LISUZZO LORIA LUCARELLI A. LUCCHINI LUCIO LUDI LULIC MAICON MANDELLI MANFREDINI MANTOVANI MARCHESE MASIELLO MESTO MEXES MILANOVIC MORERO MORETTI E. MORGANELLA MORLEO MOTTA M. MUNOZ NAGATOMO NASTASIC NATALI NESTA NEUTON ODDO PACI PALETTA PASQUAL PASQUALE PELUSO PERICO PESOLI PISANO E. PISANO F. PORTANOVA POTENZA RADU RAGGI RAIMONDI RANOCCHIA RICKLER *RODRIGUEZ G. ROMULO ROSI ROSSETTINI ROSSI A. ROSSI M. RUBIN SAMUEL SANTACROCE SARDO SCALONI SILVESTRE SORENSEN SPOLLI STANKEVICIUS STENDARDO TAIWO TERZI THIAGO SILVA TOMOVIC VITALE VITIELLO VON BERGEN YEPES ZACCARDO ZAMBROTTA ZAURI ZIEGLER

CAG GEN NAP JUV ROM CHI INT ROM ROM GEN ROM LAZ FIO CES CAT JUV NOV BOL PAR ATA INT NOV LAZ INT CHI ATA PAL CAT ATA GEN MIL SIE CHI GEN NOV BOL JUV PAL INT FIO FIO MIL UDI LEC NOV PAR FIO UDI ATA CAG SIE PAL CAG BOL CAT LAZ BOL ATA INT BOL CES FIO ROM SIE SIE CES PAR INT PAR CHI LAZ PAL JUV CAT LAZ LAZ MIL SIE MIL LEC BOL SIE CES MIL PAR MIL LAZ JUV

2 5 2 1 5 7 5 8 9 8 11 10 4 6 4 9 6 3 7 8 14 2 4 18 2 2 9 2 7 4 7 7 2 1 6 5 2 5 10 3 3 15 2 1 5 6 7 2 4 1 2 5 6 7 2 7 5 4 17 1 5 4 1 4 3 6 7 11 4 7 1 15 2 7 4 2 12 2 18 6 3 1 6 6 11 5 2 8

CENTROCAMPISTI
Cod. Nome Squadra Costo

501 ABDI 502 ACQUAH 704 ALMIRON

UDI PAL CAT

5 2 9

715 503 504 505 695 506 507 508 509 510 511 513 514 515 516 517 518 519 521 522 710 524 525 526 527 528 701 529 531 532 533 534 535 536 537 538 539 541 542 543 691 544 547 548 549 551 696 718 552 553 554 555 556 557 558 711 559 707 705 560 561 562 716 564 565 566 699 567 714 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 586 587 589 713 590 591

*ALVAREZ ALVAREZ R. AMBROSINI AQUILANI ARMERO ASAMOAH BACINOVIC BADU BARRETO E. BARRIENTOS BEHRAMI BERTOLACCI BIABIANY BIAGIANTI BIONDINI BIRSA BLASI BOATENG BOLZONI BONAVENTURA *BRADLEY BRIGHI BROCCHI CAMBIASSO CANA CANDREVA CAPRARI CARMONA CASARINI CASERTA CEPPELINI CERCI CIGARINI CODREA COLUCCI CONSTANT CONTI COSSU COUTINHO CRUZADO CUADRADO D'AGOSTINO DE ROSSI DEL NERO DELLA ROCCA DI MATTEO DIAMANTI *DJOKOVIC DONADEL DONI DOSSENA DOUBAI DZEMAILI EKDAL EL SHAARAWY *ELIA EMANUELSON ERIKSSON ESTIGARRIBIA FABBRINI FERREIRA PINTO FLAMINI *GAGO GALLOPPA GARGANO GATTUSO GAZZI GIACOMAZZI *GIANDONATO GIORGI GOMEZ GONZALEZ GRECO GRIPPO GROSSI GROSSMULLER GUANA HAMSIK HERNANES HETEMAJ IBARBO ILICIC INLER ISLA IZCO JANKOVIC JORQUERA JOVETIC KHARJA *KONE KRASIC KRHIN

PAL INT MIL MIL UDI UDI PAL UDI PAL CAT FIO LEC PAR CAT CAG GEN PAR MIL SIE ATA CHI ATA LAZ INT LAZ CES ROM ATA BOL ATA CAG FIO ATA SIE CES GEN CAG CAG INT CHI LEC SIE ROM LAZ PAL PAL BOL CES NAP ATA NAP UDI NAP CAG MIL JUV MIL CAG JUV UDI ATA MIL ROM PAR NAP MIL SIE LEC LEC NOV CAT LAZ ROM CHI SIE LEC CES NAP LAZ CHI CAG PAL NAP UDI CAT GEN GEN FIO FIO BOL JUV BOL

4 13 9 12 12 12 8 3 6 2 9 6 9 7 9 12 5 12 7 9 6 5 5 16 9 9 2 5 4 3 2 16 4 3 7 10 11 18 3 7 6 14 15 2 6 1 13 2 5 11 10 9 10 3 4 14 5 3 8 5 4 7 8 8 5 8 6 7 3 6 11 3 3 1 3 6 5 24 23 8 6 17 13 12 7 4 5 18 8 7 16 3

IL CONCORSO

Il campione 2012 vince unAudi A1


Labc del concorso: 250 Magic milioni per creare una squadra con 3 portieri, 8 difensori, 8 centrocampisti e 6 attaccanti. Potete iscrivere quanti team volete. Regolamento completo su www.gazzetta.it/magiccampio nato. Si gioca via internet (abbonandosi allArea Rosa di Magic Campionato) o al telefono, chiamando il numero 89.40.20 (tariffa unica a 1 euro IVA incl.). Al vincitore della generale (montepremi da 237.915,35 euro) unAudi A1 1.6 TDI Ambition. In palio anche crociere, tv e videogiochi.

Fernando Gago, 25 anni FOTOPRESS


592 594 694 595 596 597 598 599 600 682 601 603 605 606 607 608 698 610 611 612 613 614 615 617 618 619 620 621 692 623 624 625 626 627 628 629 630 631 632 633 697 634 636 637 639 640 712 641 642 643 645 646 647 648 650 KUCKA LAMELA LANZAFAME LAZZARI LEDESMA C. LEDESMA P. LJAJIC LLAMA LODI LORES VARELA LUCIANO MAGGIO MANNINI MARCHIONNI MARCHISIO MARIANINI MARQUES MARRONE MARTINEZ MARTINHO MATUZALEM MAURI MAZZARANI MERKEL MESBAH MIGLIACCIO MODESTO MONTOLIVO MORALEZ MORRONE MUDINGAYI MUNARI MUNTARI NAINGGOLAN NOCERINO NWANKWO OBI OBODO OLIVERA PADOIN PAGLIALUNGA PALLADINO PAROLO PASQUATO PAZIENZA PEPE *PEREYRA PEREZ PERROTTA PESCE PIATTI PINARDI PINZI PIRLO PIZARRO GEN ROM CAT FIO LAZ CAT FIO CAT CAT PAL CHI NAP SIE FIO JUV NOV PAR JUV CES CES LAZ LAZ NOV GEN LEC PAL PAR FIO ATA PAR BOL FIO INT CAG MIL PAR INT LEC LEC ATA CAT PAR CES LEC JUV JUV UDI BOL ROM NOV LEC NOV UDI JUV ROM 12 16 8 10 10 8 11 8 15 4 6 12 4 4 9 3 6 1 7 6 4 16 10 3 8 7 4 12 9 6 6 8 4 12 11 2 1 3 9 11 6 9 12 1 6 9 4 8 10 4 9 4 7 13 9

717 706 651 652 653 654 655 656 657 658 659 709 702 660 661 662 663 664 665 666 668 669 670 673 674 675 676 693 677 708 678 703 679 680 681 683 684 685 686 700 687 688 689 690

*PJANIC POLI PORCARI PULZETTI RADOVANOVIC RAMIREZ REGINALDO RICCHIUTI RIGONI L. RIGONI M. ROSSI M. *RUI SAMPAIO SAMMARCO SANTANA SCHELOTTO SCIACCA SCULLI SEEDORF SESTU SEYMOUR SIMON SIMPLICIO SISSOKO A. SNEIJDER STANKOVIC STRASSER TADDEI TAIDER THIAGO MOTTA *TORJE TROIANIELLO VACEK VALDES VALIANI VAN BOMMEL VARGAS VELOSO VERGASSOLA VIDAL VIVIANI ZAHAVI ZANETTI ZE EDUARDO ZUNIGA

ROM INT NOV BOL NOV BOL SIE CAT CHI NOV GEN CAG CHI NAP ATA CAT LAZ MIL SIE GEN PAL ROM UDI INT INT LEC ROM BOL INT UDI SIE CHI PAR PAR MIL FIO GEN SIE JUV ROM PAL INT PAR NAP

11 5 6 5 2 15 7 6 7 8 10 2 3 9 7 2 9 11 7 7 3 7 5 20 13 4 7 1 9 1 5 3 12 6 8 19 7 7 14 2 11 11 3 7

ATTACCANTI
Cod. Nome

917 801 803 804 805

*ACOSTA ACQUAFRESCA AMAURI ARDEMAGNI BABACAR

Squadra SIE BOL JUV ATA FIO

Costo

1 19 16 5 4

806 910 808 809 810 811 812 814 918 815 816 817 818 908 820 821 822 824 825 826 827 828 829 830 831 834 835 915 836 911 837 838 839 840 841 912 842 844 845 846 847 849 850 851 852 853 854 855 856 857 858 859 860 861 862 863 864 865 866 914 868 869 870 871 909 872 873 874 877 878 879 880 881 882 883 884 885 886 888 889 890 891 913 897 898 916 899 900 901 902 903 904 906 907

BARRETO D.S. *BERGESSIO BOGDANI BOJAN BORINI BORRIELLO BRIENZA CALAIO' *CARACCIOLO CASSANO CASTAIGNOS CATELLANI CAVANI CHAVEZ CISSE CORVIA CRESPO H. DEL PIERO DENIS DESTRO DI MICHELE DI NATALE DI VAIO EDER EL KABIR FLOCCARI FLORO FLORES *FORLAN GABBIADINI *GHEZZAL GIACCHERINI GILARDINO GIMENEZ GIOVINCO GONZALEZ PABLO *GRANDOLFO GRANOCHE HERNANDEZ IAQUINTA IBRAHIMOVIC INZAGHI JEDA KEKO KLOSE KOZAK LARRIVEY LARRONDO LAVEZZI LUCARELLI C. MALONGA MARILUNGO MASCARA MATRI MAXI LOPEZ MEGGIORINI MICCOLI MILITO MORIMOTO MOSCARDELLI *MURIEL MUTU NENE' OFERE OKAKA *OSVALDO PALACIO PALOSCHI PANDEV PAPONI PATO PAZZINI PELLE' PELLISSIER PINILLA PRATTO QUAGLIARELLA RENNELLA RIBAS ROBINHO ROCCHI RODRIGUEZ RUBINO *SANTIAGO SILVA SUAZO THEREAU *THIAGO RIBEIRO TIRIBOCCHI TONI TOTTI URIBE VANTAGGIATO VUCINIC ZARATE ZE EDUARDO D.A.

UDI CAT CES ROM ROM ROM SIE SIE GEN MIL INT CAT NAP NAP LAZ LEC PAR JUV ATA SIE LEC UDI BOL CES CAG PAR UDI INT ATA CES JUV FIO BOL PAR SIE CHI NOV PAL JUV MIL MIL NOV CAT LAZ LAZ CAG SIE NAP NAP CES ATA NAP JUV CAT NOV PAL INT NOV CHI LEC CES CAG LEC ROM ROM GEN CHI NAP BOL MIL INT PAR CHI PAL GEN JUV CES GEN MIL LAZ BOL NOV FIO CAT CHI CAG ATA JUV ROM CHI BOL JUV INT GEN

19 16 8 24 8 19 15 17 22 16 5 3 34 1 20 15 19 18 14 14 16 35 25 16 15 16 18 30 14 12 16 28 12 20 11 6 13 18 6 36 6 12 2 25 6 1 9 23 3 10 12 11 29 26 16 22 20 19 14 4 27 16 9 3 20 24 4 10 5 31 30 15 21 22 19 20 6 15 23 7 2 3 14 15 13 15 12 10 33 2 7 20 16 17

A SOLI 19,99 EURO

La card in edicola Gestisci un team per tutto lanno

in edicola la Magic card (foto sopra) per accedere per un anno allArea Rosa del Magic campionato e controllare liste aggiornate, quotazioni, punteggi e classifica del tuo Magic Team (che puoi gestire durante tutta la stagione). Costa solo 19,99 euro pi il prezzo del quotidiano. In edicola a 7,99 euro trovate anche il Magic libro con i consigli. Sul web partita la sfida di Magic Broker, un po fantacalcio, un po Borsa di Milano.

20

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

SERIE BWIN 3a GIORNATA


lAnalisi
di NICOLA BINDA

HANNO DETTO

d E un Torino
S

Ora quel trio comincia a fare paura


C chi sciopera e chi diverte. Sulla Serie B piovono un po dacqua (al Nord) e tanti gol (dappertutto). Stavolta ce ne sono stati 34, con un solo 0-0 (siamo a 4 nelle 33 partite disputate), ed il massimo di segnature dopo le 32 del debutto. Con i gol, arrivano anche un po di sorprese e qualche certezza. Nella prima categoria c il Brescia, giovane e smagliante, che propone bel calcio, risultati e tanti calciatori promettenti: il primo posto una piccola soddisfazione, di sicuro a Scienza di pi non si poteva chiedere, ma se alla lunga la rosa ristretta diventer un problema, Corioni potr solo prendersela con se stesso. Altre sorprese? Merita una citazione la Nocerina, che Auteri fa giocare bene anche in B come nel torneo scorso. Nella seconda categoria, il trio Toro-Padova-Samp decide di rompere gli indugi e sfoggia le reali intenzioni. Tre vittorie pi o meno nette, ma accompagnate da prove convincenti e una forte dose di personalit e carattere. Tutte qualit proprie dei grandi. Adesso abbiamo capito che ci sono: il difficile sar coltivarle e portarle in fondo, ma le premesse sono davvero incoraggianti. Insomma, qualcosa si gi capito dopo le prime tre giornate. La partenza a razzo, con tre turni in nove giorni (anticipi del debutto esclusi), ha fatto notare una gran voglia generale di mettersi in mostra. Un bel fermento, tanto vigore e molta buona volont. Sar la voglia di cancellare la cattiva immagine del campionato conseguente al calcioscommesse, sar che le grandi favorite sono solo tre e quindi in tanti c la voglia di stuzzicarle, o sar londata giovane che ha investito quasi tutti. La sensazione che andremo incontro a un campionato divertente. Per favore, almeno qui, non smentiteci.

Ventura (allenatore del Torino) Siamo usciti con la gente che applaudiva. Per unora ho visto un grande Toro, poi nel finale ci siamo un po rilassati

che sa vincere anche i tab


Batte il Varese e sale al comando Decisivi i gol di Stevanovic e Sgrigna
TORINO VARESE
GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 1-0 MARCATORI Stevanovic al 40 p.t.; Sgrigna al 4 s.t. TORINO (4-2-4) Coppola; Darmian, Di Cesare (Pratali dal 30 s.t.), Ogbonna, Parisi; Basha, Iori; Stevanovic (Verdi dal 15 s.t.), Sgrigna (Bianchi dal 7 s.t.), Ebagua, Guberti. PANCHINA Gomis, DAmbrosio, Vives, Antenucci. ALLENATORE Ventura. VARESE (4-4-2) Moreau; Cacciatore, Camisa, Troest, Grillo (Pucino dal 10 p.t.); Cazzola (Cellini dal 1 s.t.), Corti, Kurtic, Nadarevic; Carrozza (De Luca dal 25 s.t.), Neto Pereira. PANCHINA Bressan, Figliomeni, Zecchin, Damonte. ALLENATORE Carbone. ARBITRO Giacomelli di Trieste. AMMONITI Ebagua (T) e Camisa (V) per gioco scorretto. NOTE paganti 6.200, incasso di 73.777 euro; abbonati 7.516, quota non comunicata. Tiri in porta 8-3. Tiri fuori 5-3. In fuorigioco 5-2. Angoli 4-8. Recuperi: p.t. 2, s.t. 4.

Lesultanza di Alen Stevanovic, 20 anni, dopo il gol dell1-0 LAPRESSE

2 0

Ventura rivolta il Toro come un lenzuolo nella speranza di accelerare la manovra con giocatori riposati e trova la risposta che cercava. Carbone risponde con un 4-4-2 che ha Nadarevic e Cazzola sugli esterni, in attacco Carrozza e Neto Pereira.
La partita Gara subito combattu-

I NUMERI

le Pagelle
TORINO 7
COPPOLA 6 Un paio di buoni interventi, qualche smanacciata di troppo, brividi con i piedi: alla fine resta imbattuto per la prima volta in questo campionato. DARMIAN 6,5 Gara tattica di grande spessore e maturit. DI CESARE 6,5 Anticipa sempre lattaccante di turno: una sicurezza. PRATALI s.v. In campo nellultimo quarto dora. OGBONNA 6 Pulito, senza sbavature, non ha bisogno di strafare. PARISI 6,5 Esperienza e sacrificio sventaglia anche palle gol quando sale. BASHA 6,5 Sempre al centro del gioco e della battaglia. IORI 6 Terza gara consecutiva, finisce sulle gambe dopo aver dato tutto.

di F.BRA.

VARESE 5,5
MOREAU 6 Non perfetto sul gol di Stevanovic, si riscatta nella ripresa, opponendosi due volte a Ebagua. CACCIATORE 5 Un mastino ma ha il suo osso duro con Stevanovic. CAMISA 5,5 Ebagua scappa un paio di volte, usa le maniere forti, ammonito. TROEST 6 Una sola incertezza su Sgrigna in avvio rischia di costargli cara. GRILLO s.v. Nemmeno dieci minuti, esce per unentrata killer di Ebagua. PUCINO 5 Perde alla distanza il testa a testa con Guberti, regala un clamoroso contropiede nel finale. CAZZOLA 5 N carne n pesce, non spinge, copre poco la fascia. CELLINI 6 Entra a inizio ripresa per dare peso allattacco, sbaglia (sul filo del fuorigioco) lunica conclusione.

S
Carbone (allenatore del Varese) Giocare bene e perdere 2-0 non mi sta bene. Non ho mai visto in 25 anni un arbitro che cambia idea come sul nostro possibile rigore

S
Guberti (giocatore del Torino) Siamo sulla strada giusta, abbiamo avuto una bella reazione dopo il pari di mercoled. Lavoriamo e andiamo avanti

FRANCESCO BRAMARDO TORINO

Primo posto in classifica, in coabitazione per carit, ma per il Torino degli ultimi anni pi che la regola uneccezione. A volte conta come si vince, e la vittoria contro il Varese per il Toro di Ventura confortante, per lo spessore di un avversario che non ha mai mollato, per la pressione della vigilia dopo la brutta prestazione contro il Cittadella, per lattesa di un pubblico da conquistare con il gioco. Sbloccato il risultato, il Toro ha iniziato a volare sulle ali dellentusiasmo, ragionando, cercando di interpretare i dettami di Ventura.
Rivoluzione Sette cambi rispet-

to al Cittadella: il pi importante riguarda lattacco, perch Rolando Bianchi va in panchina. Venti giocatori al debutto stagionale in sole tre giornate:

ta, qualche scivolata pericolosa, complice il terreno scivoloso per labbondante pioggia. Ne fa le spese dopo otto minuti Grillo, colpito in scivolata da Ebagua: ammonito il granata, sostituito il difensore biancorosso da Pucino. Toro a testa bassa e Varese ordinato, pronto a ripartire sulla corsia di sinistra con Nadarevic. Al 12 palla gol per Sgrigna ma lattaccante manca la deviazione di testa sotto porta su invito di Stevanovic. Al 16 Coppola smanaccia il pallone fuori area, Cazzola aggancia ma il suo destro finisce alto. Stevanovic, al debutto stagionale, la spina nel fianco di Cacciatore e del Varese. Al 27 lesterno serbo conclude debolmente. Al 31 Iori innesca Guberti, cross dalla sinistra, Ebagua in scivolata manda di poco alto. Risponde Nadarevic con un tiro di alleggerimento al 35, diagonale a lato. Al 40 il vantaggio: traversone rasoterra di Guberti, Moreau si allunga ma non trattiene, Stevanovic lesto ad avventarsi sul pallone, prende la mira e mette allincrocio. Carbone nella ripresa si affida a Cellini ma il primo brivido lo regala Ebagua. Coppola risponde di piede al tiro di Cacciatore, ma dopo 4 la partita praticamente chiusa. Stevanovic lancia un contropiede tre contro tre, consegna a Sgrigna che fa tutto da solo: doppio controllo e violento destro alle spalle di Moreau. Il Varese si scuote ma apre il fianco al contropiede granata. E al 35 Moreau salva in pochi secondi per tre volte. Ma ormai tardi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

I giorni dallultima volta del Torino primo in B: a parte la prima giornata di questanno, era successo il 19 settembre del 2009

715

Le gare (nessun gol) di Stevanovic col Torino nel torneo scorso: a marzo stato ceduto al Toronto

I k.o. del Torino contro il Varese nello scorso campionato: 1-2 in casa e 3-0 in trasferta

7 STEVANOVIC

IL MIGLIORE

Il gol la ciliegina su una gara da protagonista, assist compreso VERDI 6 Un paio di punizioni e azione di disturbo sulla corsia. SGRIGNA 7 Si riciclato attaccante, due partite, due gol e tanta corsa. BIANCHI 6 A disposizione della squadra, senza polemiche. Entra dalla panchina per mettere pressione alla difesa. EBAGUA 6 Gara psicologicamente difficile, rischia il rosso per troppa foga. GUBERTI 6,5 gioca un mare di palloni, serve lassist per Stevanovic. ALL. VENTURA 6,5 Cambia gli allievi ma la recita a memoria. La mano comincia a vedersi.

6 CORTI

IL MIGLIORE

Prova a mettere ordine in mezzo al campo, recupera decine di palloni. KURTIC 6 Toglie lelmetto a protezione della testa e affila i tacchetti, gran duello con Basha. NADAREVIC 5,5 Un diagonale fuori di poco, meglio quando passa a destra nella ripresa. CARROZZA 5 Meno brillante e incisivo che con il Crotone, non arriva mai alla conclusione. DE LUCA 5,5 Terzo cecchino di Carbone nel finale, il ragazzino non trova sbocchi. NETO PEREIRA 5 Pochi palloni, sempre anticipato da Di Cesare. ALL. CARBONE 6 Squadra di carattere in fase di costruzione, leggera in attacco.

TERNA ARBITRALE GIACOMELLI 5 Spesso non vede, si fida troppo dei collaboratori. Marrazzo 5-Paganessi 5

SERIE B / 3 GIORNATA
RISULTATI
ASCOLI-VICENZA BARI-ALBINOLEFFE BRESCIA-EMPOLI CITTADELLA-PADOVA CROTONE-JUVE STABIA LIVORNO-NOCERINA MODENA-PESCARA REGGINA-GROSSETO SAMPDORIA-GUBBIO TORINO-VARESE VERONA-SASSUOLO 1-1 2-3 2-1 1-4 0-0 0-2 3-2 1-1 6-0 2-0 1-0 SQUADRE PADOVA BRESCIA TORINO SASSUOLO PESCARA VERONA SAMPDORIA GROSSETO REGGINA ALBINOLEFFE NOCERINA BARI LIVORNO CITTADELLA EMPOLI MODENA VARESE CROTONE (-1) VICENZA JUVE STABIA (-1) GUBBIO ASCOLI (-7) PUNTI 7 7 7 6 6 6 5 5 4 4 4 4 4 4 3 3 2 1 1 0 0 -3
IN CASA V N P

CLASSIFICA
PARTITE
FUORI V N P G TOTALE V N P IN CASA F S

MARCATORI
RETI
FUORI F S TOTALI F S Diff. Reti

top&flop
IL TOP

1 2 1 1 1 1 1 1 1 0 0 0 0 1 1 1 0 0 0 0 0 0

0 0 1 0 0 0 1 0 1 1 1 1 1 0 0 0 1 1 0 0 0 1

0 0 0 0 0 1 0 0 0 0 0 1 1 1 0 1 0 1 1 1 1 1

1 0 1 1 1 1 0 0 0 1 1 1 1 0 0 0 0 0 0 0 0 1

1 1 0 0 0 0 1 2 0 0 0 0 0 1 0 0 1 1 1 1 0 0

0 0 0 1 1 0 0 0 1 1 1 0 0 0 2 1 1 0 1 1 2 0

3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3

2 2 2 2 2 2 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 0 0 0 0 0 1

1 1 1 0 0 0 2 2 1 1 1 1 1 1 0 0 2 2 1 1 0 1

0 0 0 1 1 1 0 0 1 1 1 1 1 1 2 2 1 1 2 2 3 1

1 4 3 3 3 2 8 2 5 2 1 2 0 3 2 3 0 1 0 1 2 2

0 1 1 1 2 2 2 0 2 2 1 3 2 5 1 3 0 2 1 2 3 3

6 1 2 1 4 2 0 3 0 4 3 1 2 1 3 1 0 0 1 1 0 3

3 1 1 1 4 1 0 3 1 4 3 0 1 1 5 4 2 0 3 2 8 2

7 5 5 4 7 4 8 5 5 6 4 3 2 4 5 4 0 1 1 2 2 5

3 2 2 2 6 3 2 3 3 6 4 3 3 6 6 7 2 2 4 4 11 5

4 3 3 2 1 1 6 2 2 0 0 0 -1 -2 -1 -3 -2 -1 -3 -2 -9 0

PROSSIMO TURNO
4 giornata Venerd 9 settembre, ore 20.45 PADOVA-BARI Sabato 10 settembre, ore 15.30 ALBINOLEFFE-MODENA GROSSETO-VERONA GUBBIO-REGGINA JUVE STABIA-BRESCIA NOCERINA-ASCOLI PESCARA-CROTONE SASSUOLO-CITTADELLA VARESE-LIVORNO, ore 18.00 Luned 12 settembre, ore 20.45 EMPOLI-SAMPDORIA VICENZA-TORINO

4 RETI Immobile (1, Pescara). 3 RETI Tavano (Empoli); Bertani (1, Sampdoria). 2 RETI Cocco (1, AlbinoLeffe); Sbaffo (Ascoli); De Paula (Bari); Feczesin e Jonathas (1, Brescia); Gasparetto (Cittadella); Alfageme e Sforzini (Grosseto); Dionisi (2, Livorno); Castaldo (Nocerina); Cuffa e Ruopolo (Padova); Campagnacci (Reggina); Pozzi (1, Sampdoria); Boakye (Sassuolo); Sgrigna (Torino); Ferrari (1, Verona). 1 RETE Cisse, Girasole, Previtali e Regonesi (1, AlbinoLeffe); Andelkovic, Papa Waigo e Romeo (1) (Ascoli); De Falco (Bari); Juan Antonio (Brescia); Di Roberto e Vitofrancesco (Cittadella); Florenzi (Crotone); Busc e Dumitru (Empoli); Caridi (Grosseto); Ciofani e Mendicino (Gubbio); Danilevicius e Mbakogu (Juve Stabia); Dalla Bona, De Vitis, Di Gennaro e Greco (Modena); Di Maio e Farias (Nocerina); Drame, Milanetto e Schiavi (Padova); Cascione e Insigne (Pescara); Ceravolo (1), Missiroli e Rizzato (Reggina); Palombo, Piovaccari e Volta (Sampdoria); Sansone e Terranova (Sassuolo); Bianchi (1), Oduamadi e Stevanovic (Torino); Ceccarelli e Hallfredsson (Verona); Abbruscato (Vicenza).

Dal Canto pi della colica


Da Cittadella (dopo il derby della stagione scorsa salt Calori e arriv lui) a Cittadella: Dal Canto piazza una vittoria doro e ritrova la salute, dopo la colica renale che nei giorni scorsi laveva fatto finire allospedale...

IL FLOP

Troppo giovane il Gubbio


Il Gubbio ha deciso di affrontare la B con una squadra giovanissima e un tecnico debuttante come Fabio Pecchia. Una scelta da rispettare, ma che forse dar buoni risultati quando ormai sar troppo tardi.

Tre promozioni in serie A. Eventuali playoff tra terza, quarta, quinta e sesta se il distacco tra terza e quarta meno di 10 punti. Quattro retrocessioni in Prima divisione. Eventuale spareggio tra quartultima e quintultima se ci sono meno di 5 punti di differenza U PROMOSSE U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSE

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

21

SERIE BWIN 3a GIORNATA

Il derby lancia il Padova in vetta


Le doppiette di Cuffa e Ruopolo stendono il Cittadella: la squadra di Dal Canto vola in alto
CITTADELLA PADOVA 1 4
DAL NOSTRO INVIATO

GIULIO DI FEO CITTADELLA (Pd)

GIUDIZIO 7777 PRIMO TEMPO 1-2 MARCATORI Cuffa (P) al 18, Gasparetto (C) al 22, Ruopolo (P) al 43 p.t.; Cuffa (P) al 22, Ruopolo (P) al 37 s.t. CITTADELLA (4-4-2) Cordaz 5,5; Vitofrancesco 6, Gasparetto 5,5, Pellizzer 5, De Vito 5; Job 6,5 (dal 33 s.t. Magallanes s.v.), Schiavon 5, Branzani 5, Bellazzini 5,5 (dal 21 s.t. Di Roberto 6); Di Carmine 5,5, Maah 5,5 (al 40 s.t. Busellato s.v.). PANCHINA Pierobon, Marchesan, Scardina, Martinelli. ALLENATORE Foscarini 5. PADOVA (4-3-3) Pelizzoli 6; Legati 7,5, Schiavi 6,5, Trevisan 6,5, Renzetti 5,5; Cuffa 7 (dal 26 s.t. Osuji 6), Italiano 7, Marcolini 7 (dal 42 s.t. Jidayi s.v.); Cutolo 6,5 (dal 21 s.t. Cacia 6), Ruopolo 7,5, Drame 7. PANCHINA Perin, Franco, Portin, Milanetto. ALLENATORE Dal Canto 7,5. ARBITRO Tozzi di Ostia Lido 6,5. GUARDALINEE Costanzo 6 - Crispo 6,5. ESPULSI Schiavon (C) al 36 s.t. per gioco scorretto. AMMONITI Renzetti (P), Gasparetto (C) e Schiavi (P) per gioco scorretto. NOTE paganti 2.222, incasso di 19.739 euro; abbonati 1.439, quota di 6.838 euro. Tiri in porta 5-7. Tiri fuori 4-6. In fuorigioco 0-2. Angoli 3-6. Recuperi: p.t. 0, s.t. 4.

Derby, ma nel senso del succo di frutta. Perch il Padova questo se lo beve, salendo in vetta, confermandosi cavallo da corsa per la promozione e mettendo in campo una superiorit che va oltre il confronto tra le due rose. Quattro gol su calci da fermo, di cui almeno due studiati e recitati con sincronismo da basket, qualcosa vorranno dire. E anche quando la palla si muove, il Padova di Dal Canto (operato di calcoli renali in settimana, in panca con gli antidolorifici) quando pu barcelloneggia: ali veloci, terzini di spinta, tocchi di prima e piedi eccelsi. E approfitta del Cittadella pure oltremisura: Foscarini la studia bene, mette in campo cattiveria, ma tradito da un paio di bambole difensive e poi annega.
Blocchi Venti minuti scarsi di fraseggi, e il Padova passa: an-

golo di Italiano, serie di blocchi in area e difesa poco reattiva, Branzani non spazza e Cuffa infila. Pare in discesa, ma il Cittadella livella subito dopo, quando Gasparetto fa valere i suoi quasi 2 metri su punizione di Vitofrancesco. Pelizzoli vola: parata da copertina, ma la palla entrata. L per l c' il giallo, ma il guardalinee Crispo parte per il centrocampo deciso e gli ospiti manco protestano pi di tanto: valido. Il pari dura poco: il nuovo vantaggio un gioiello, punizione a sorpresa di Cutolo e Legati, che a destra si mangia il campo (di solito fa il centrale...), la piazza precisa per il piattone di Ruopolo.
Attacchi E il Cittadella? Ordina-

il migliore

h 7,5

RUOPOLO (Padova) Due gol e un gran lavoro sul quale si appoggia il resto del tridente

to nel 4-4-2, ci prova nell'unico varco, a destra. Dove Job e Vitofrancesco stritolano Renzetti e spesso ci si mette anche Di Carmine, che per la porta la vede poco. Questa una delle punte, l'altra Maah. Che rende giustizia al cognome: non incisivo e si mangia due gol. E se Foscarini deve arrangiarsi, Dal Canto ha invece un sacco di punte in rosa, e giocano quelle giuste. Cutolo passa poco ma salta tutti, Drame a 19 anni ha i retrorazzi e la faccia tosta di chi sfonder, Ruopolo fa a botte coi difensori, libera spazi e a babbo morto si concede pure i giochini, e uno come Cacia fa la panchina. Tradotto: il Cittadella non punge e il Padova passa lo schiacciasassi, coi bis personali di Cuffa e Ruopolo su parabole (angolo e punizione) di Marcolini. Altro da segnalare? Un brutto tackle di Schiavon su Schiavi e acquazzone nel finale. Lavata di testa per il Cittadella, bagno di gloria per il Padova.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La gioia di Matias Cuffa, 30 anni, alla terza stagione a Padova LAPRESSE

IL CASO ZEMAN PROTESTA PER I DUE ESPULSI E UN RIGORE NEGATO: AL 91 IL K.O.

LA GARA DEGLI EX PRIMA SCONFITTA PER LA SQUADRA DI PEA, ESPULSO

Brividi Modena Pescara furioso


MODENA PESCARA 3 2
DAL NOSTRO INVIATO

ANDREA TOSI MODENA

GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 1-1 MARCATORI Immobile (P) al 13, Greco (M) al 36 p.t.; Insigne (P) al 12, De Vitis (M) al 24, Dalla Bona (M) al 46 s.t. MODENA (4-3-1-2) Caglioni 6,5; Milani 5, Perna 5,5, Carini 5, Rullo 5,5 (dal 37 s.t. Carraro 6); Dalla Bona 6, Spezzani 5 (dal 14 s.t. De Vitis 6,5), Giamp 5,5; Di Gennaro 6 (dal 26 p.t. Gilioli 6,5); Bernacci 4,5, Greco 6. PANCHINA Guardalben, Bassoli, Diagouraga, Ciaramitaro. ALLENATORE Bergodi 6. PESCARA (4-3-3) Anania 5; Zanon 6, Brosco 6, Romagnoli 5, Petterini 6; Gessa 6 (dal 14 s.t. Nicco 5,5), Verratti 6,5, Cascione 6; Sansovini 6 (dal 22 p.t. Cappa 5,5), Immobile 7 (dal 14 s.t. Balzano 6), Insigne 7. PANCHINA Togni, Bocchetti, Maniero, Giacomelli. ALLENATORE Zeman 6,5. ARBITRO Viti di Campobasso, 4,5 GUARDALINEE Carretta 5 - Paiusco 4,5. ESPULSI Anania (P) per c.n.r. al 21 p.t.; Verratti (P) per gioco scorretto al 41 s.t. AMMONITI Verratti (P), Romagnoli (P), Carini (M) e Greco (M) per gioco scorretto. NOTE paganti 2.533, incasso di 23.856 euro; abbonati 2.962, quota di 28.581 euro. Tiri in porta 6 (con un palo)-7 (con una traversa). Tiri fuori 10-4. In fuorigioco 4-3. Angoli 7-5. Recuperi: p.t. 4, s.t. 4.

Quando scende in campo una squadra di Zeman non ci si annoia mai ma la superiorit del Pescara deve fare i conti con gli errori di una terna tragica che influiscono pesantemente sul risultato spingendo il Modena ad un successo insperato. Bergodi, allievo del boemo, ringrazia i suoi ragazzini del 92 De Vitis e Carraro, protagonisti nelle azioni che cambiano linerzia della gara. Cos la squadra abruzzese, a lungo dominante, perde anche il primato in classifica. Lespulsione di Anania per un mani fuori area (visto solo dallassistente Paiusco) e un clamoroso rigore non assegnato ad Immobile sono micidiali come i gol modenesi rifilati allincerto Cappa, il terzo portiere, anchegli esordiente.
Figlio darte Immobile in semiro-

noniere per il primo vantaggio esterno, poi arriva la prima espulsione: Anania esce a valanga su Bernacci, per il segnalinee tocca il pallone col braccio fuori area, ma i piedi sono dentro e nemmeno le tv dimostrano se ha toccato con un gomito o col petto. Greco pareggia su assist di Gilioli subentrato a Di Gennaro (infortunio muscolare), poi Insigne si divora il raddoppio colpendo la traversa a due metri da Caglioni. Nella ripresa Immobile va gi in area, rigorissimo non fischiato. Insigne si riscatta col tap-in dell1-2. In dieci il Pescara gioca meglio, ma il figlio darte De Vitis (il pap Tot, bomber di Udinese e Piacenza negli anni 90) di testa beffa Cappa per il nuovo pari. Nel finale Verratti, tra i migliori, prende un rosso diretto. Il Pescara in 9 cerca di tenere il punto ma Dalla Bona, tra i peggiori, spariglia su assist del neoentrato Carraro.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Verona di rigore Stop al Sassuolo


VERONA SASSUOLO
GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 0-0 MARCATORE Ferrari su rigore al 3 s.t. VERONA (4-3-3) Rafael 6; Abbate 5,5, Ceccarelli 6, Maietta 6, Scaglia 7; Russo 6,5, Esposito 6 (dal 31 s.t. Jorginho 6), Hallfredsson 6,5; Gomez 5,5 (dal 40 s.t. Mancini s.v.), Bjelanovic 5 (dal 10 s.t. Tachtsidis 6), Ferrari 6,5. PANCHINA Nicolas, Pugliese, Berrettoni, Natalino. ALLENATORE Mandorlini 6. SASSUOLO (4-3-3) Pomini 6,5; Laverone 5,5 (dal 22 s.t. Masucci 6), Terranova 6, Piccioni 5,5, Longhi 6; Magnanelli 6,5, Cofie 6, Troiano 6 (dal 24 p.t. Marzoratti 5,5); Laribi 6 (dal 36 s.t. Marchi s.v.), Boakye 5,5, Sansone 6,5. PANCHINA Bassi, Rea, Consolini, Bianchi. ALLENATORE Pea 6. ARBITRO Di Bello di Brindisi 5. GUARDALINEE Ciancaleoni 6 - Raparelli 6. ESPULSI il tecnico Pea (S) per proteste al 45 s.t. AMMONITI Ceccarelli (V), Laribi (S), Piccioni (S) e Gomez (V) per gioco scorretto; Masucci (S) e Abbate (V) per c.n.r. NOTE paganti 2.654, incasso di 43.326 euro; abbonati 10.398, quota di 95.505 euro. Tiri in porta 10-6. Tiri fuori 3-7. In fuorigioco 0-0. Angoli 8-5. Recuperi: p.t. 2, s.t. 5.

1 0

DAL NOSTRO INVIATO

VINCENZO DANGELO VERONA

Se Zeman il profeta del 4-3-3, Mandorlini e Pea sono sicuramente due ottimi interpreti. Ma se il primo rinuncia in extremis al tridente puro (fuori Berrettoni e dentro lultimo arrivato Bjelanovic, mai in partita, con Gomez che dopo appena 7 diventa trequartista), il secondo conferma di aver dato gi unimpronta alla propria squadra. Ne esce una partita emozionante, intensa e agonistica, decisa da un rigore molto generoso concesso da Di Bello per una presunta trattenuta di Piccioni su Ferrari, che dal dischetto spiazza Pomini e impone il primo stop al Sassuolo.
La gara Il Sassuolo parte bene: palla bassa, fraseggi in velocit a esaltare le doti tecniche dei tre funamboli Sansone-Boakye-Laribi. La formazione di Pea sembra aver mandato a memoria i movimenti richiesti dal

tecnico, tant che sinceppa alla prima forzata sostituzione: Troiano si procura una distorsione al ginocchio ed costretto a lasciare il campo. Pea lo sostituisce con Marzoratti, che va a fare il terzino, alzando ad ala offensiva Laverone, con Laribi che scala in mediana. Il Verona approfitta della fase di assestamento del Sassuolo e crea due occasioni importanti, ma Bjelanovic a due metri dalla porta esalta il riflesso di Pomini. La ripresa si apre con labbaglio (cos lo definiscono quelli del Sassuolo) di Di Bello e la trasformazione di Ferrari. Il Sassuolo ci prova fino alla fine, ma Boakye si perde spesso nelle proprie finte e Sansone (il migliore dei suoi) accende la luce solo a tratti. E mentre Ferrari sciupa in contropiede il colpo del k.o., Hallfredsson abbassa il ritmo, prende per mano il Verona e lo accompagna verso la vittoria.
RIPRODUZIONE RISERVATA

h7 il migliore
INSIGNE (Pescara) Sbaglia un gol facile, ma poi si riscatta con il sigillo dell1-2. Sempre pericoloso

h7 il migliore
SCAGLIA (Verona) Serve preziosi cross alle punte e uno di questi porta al rigore decisivo

vesciata si conferma capocan-

22

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

SERIE BWIN 3a GIORNATA

Il Brescia si scopre grande


Jonathas segna,Juan Antonio ispira: ciao Empoli, i ragazzi di Scienza in testa
BRESCIA EMPOLI
GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 1-0 MARCATORI Jonathas (B) su rigore al 19 p.t.; Feczesin (B) all8, Tavano (E) al 41 s.t. BRESCIA (4-3-1-2) Leali 7; Zambelli 7, Magli 6 (dal 40 s.t. Zoboli s.v.), De Maio 6, Dallamano 6,5; Vass 7, Budel 7, El Kaddouri 6 (dal 15 s.t. Martina Rini 6); Juan Antonio 8 (dal 24 s.t. Scaglia 6); Feczesin 7, Jonathas 7. PANCHINA Arcari, Paghera, Mandorlini, Varga. ALLENATORE Scienza 7. EMPOLI (4-3-3) Pelagotti 6; Vinci 5,5 (dal 19 s.t. Fatic 6), Tonelli 5, Stovini 5, Regini 5,5; Valdifiori 5,5 (dal 10 s.t. Cesaretti 6), Coppola 5, Moro 5 (dal 25 s.t. Guitto 5); Busc 5, Dumitru 5, Tavano 6,5. PANCHINA Dossena, Chara, Bianchi, Pucciarelli. ALLENATORE Aglietti 5. ARBITRO Baratta di Salerno 5,5. GUARDALINEE Posado 6-Stallone 6. AMMONITI Tavano (E) e Fatic (E) per c.n.r.; Stovini (E) per gioco scorretto. NOTE paganti 500 circa, incasso non comunicato; abbonati 3.500 circa, quota non comunicata. Tiri in porta 8-4. Tiri fuori 5-3. In fuorigioco 1-1. Angoli 6-4. Recuperi: p.t. 0, s.t. 5.

2 1

DAL NOSTRO INVIATO

FILIPPO DI CHIARA BRESCIA

il migliore
JUAN ANTONIO (Brescia) Un folletto incontenibile, imprevedibile. Devastante nellazione del 2-0

h8

A volte bastano solo le idee per costruire una squadra in grado di giocare bene e divertire. Il Brescia in estate non ha scucito un euro e ha venduto i big (Caracciolo, Eder, Diamanti) eppure dopo 3 giornate, con un manipolo di giovani rientrati per fine prestito, ora lass in vetta. Beppe Scienza ha tra le mani ragazzini terribili col morale a mille: non c da meravigliarsi se ieri cera mezza Serie A al Rigamonti per spiare largentino Juan Antonio e il brasiliano Jonathas, stelle di un Brescia giovanissimo (et media sui 23 anni) e low cost che ha centrato i tre punti con lEmpoli in maniera molto pi netta del 2-1 finale. Il Brescia, che ha dedicato la vittoria allo scomparso Mino Martinazzoli, ex segretario Dc e sindaco della citt, ha dato una impressione di superiorit a tratti imbarazzante e lEm-

poli in pratica rientrato in partita solo negli ultimi 4 con Tavano. Prima la gara ha avuto un solo padrone, il Brescia, portato in volo dai tagli di Juan Antonio, dalla forza di Feczesin e dalla classe di Jonathas (diventasse pi concreto sotto porta...).
La chiave E a centrocampo che

Lesultanza di Jonathas, 21 anni, dopo l1-0: in regalo cappellini... RICHIARDI

la sfida ha preso fin dallavvio una strada ben definita. Budel, a suo agio nel ruolo di chioccia, e Vass hanno stravinto il confronto con Moro e Coppola e soprattutto impedito a Valdifiori di ragionare. Poi gli inserimenti di El Kaddouri (seguito dal Napoli) e Juan Antonio hanno fatto il resto. Dopo una punizione a giro di Tava-

no, il Brescia va in gol al 19 grazie a un dubbio rigore concesso da Baratta per una spintarella di Tonelli su Jonathas. Trasforma lo stesso brasiliano che festeggia lanciando cappellini con i compagni. Poi limprevedibile argentino Juan Antonio sfiora il raddoppio in due occasioni, si rif nella ripresa quando all8 con una splendida giocata sulla destra supera mezza difesa e mette in mezzo per il facile 2-0 dellungherese Feczesin: un film gi visto con lAquila in Coppa Italia e col Vicenza, segnale di grande intesa (i due erano ad Ascoli lo scorso anno). Poi qualche brivido nel finale dopo il diagonale di Tavano (41): Regini sfiora il pari di testa allultimo istante ma il 2-2 sarebbe stato un regalo troppo generoso per lEmpoli. Scienza ora ha il compito di gestire al meglio lentusiasmo della piazza e soprattutto il duo Feczesin-Jonathas, in pratica privi di sostituti in organico.
Buio pesto C tanto da lavorare, invece, per Aglietti, ancora alla ricerca del modulo giusto e al secondo k.o. di fila: ieri ha provato inutilmente il 4-3-3 e il 4-4-2. Pu recriminare sul rigore di Jonathas ma le note positive si fermano a Pelagotti e Tavano.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LA SORPRESA / 1 LA BANDA AUTERI PASSA NELLA RIPRESA CON FARIAS E CASTALDO

LA SORPRESA / 2 LEZIONE DI FORTUNATO A TORRENTE: CISSE E FOGLIO DECISIVI

Colpo Nocerina Livorno confuso


LIVORNO NOCERINA
GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 0-0 MARCATORI Farias al 15, Castaldo al 48 s.t. LIVORNO (4-4-2) Mazzoni 6; Perticone 5,5 (dal 30 s.t. Salviato 5), Knezevic 6, Lambrughi 6, Pieri 6,5; Luci 5,5, Barone 5,5 (dal 16 s.t. Siligardi 6), Genevier 6, Bigazzi 6 (dal 1 s.t. Belingheri 5); Dionisi 6, Paulinho 6. PANCHINA De Lucia, Bernardini, Rampi, Remedi. ALLENATORE Novellino 5. NOCERINA (3-4-3) Gori 6; Pomante 6, De Franco 6, Di Maio 5,5; Scalise 5,5 (dal 31 s.t. Nigro 6), De Liguori 7, Bruno 6,5 (dal 14 s.t. Marsili 7), Bolzan 6,5; Negro 6 (dal 12 s.t. Catania 7), Castaldo 6,5, Farias 6,5. PANCHINA Russo, Filosa, Del Prete, Plasmati. ALLENATORE Auteri 7. ARBITRO Ostinelli di Como 5,5. GUARDALINEE Bagnoli 6 - Di Francesco 6. AMMONITI De Liguori (N) per gioco scorretto; Marsili (N) per comportamento non regolamentare. NOTE paganti 2.308, incasso di 21.200 euro; abbonati 2.966, quota di 15.961,30 euro. Tiri in porta 6-6. Tiri fuori 11-3. In fuorigioco 5-2. Angoli 8-7. Recuperi: p.t. 2, s.t. 3.

0 2

DAL NOSTRO INVIATO

ALESSIO DA RONCH LIVORNO

La fortuna sar anche una dea bendata ma stavolta ci ha visto benissimo, ha sorriso alla Nocerina, che per si meritata la cortesia e il risultato. Il Livorno recrimina per un possibile rigore iniziale, che avrebbe pure lasciato gli ospiti in dieci, e per la traversa colpita da Perticone a fine primo tempo. Ma stato surclassato da una squadra audace e sicura di s, tutto ci che i toscani non sono stati.
Il duello Auteri ha mandato in

dra. La difesa della Nocerina partita male, progressivamente per i meriti di chi giocava da squadra contro chi sfruttava solo i singoli sono stati esaltati. In particolare Bolzan, a sinistra, ha sfruttato una libert incredibile. Il brivido pi intenso comunque Mazzoni lo ha provato su un tentativo di autogol di Paulinho, subito dopo che Perticone aveva colpito la traversa su cross di Pieri.
Che mosse Il Livorno andato

Che AlbinoLeffe Bari affondato


BARI ALBINOLEFFE
GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 1-0 MARCATORI De Paula (B) al 31 p.t.; Cocco (A) su rigore al 17, Cisse (A) al 23, Girasole (A) al 44, De Paula (B) al 49 s.t. BARI (4-3-3) Lamanna 5; Kopunek 4,5, Borghese 5, Dos Santos 5,5, Garofalo 6; De Falco 6 (dal 31 s.t. Rivas 5,5), Donati 5,5, Bogliacino 6 (dal 20 s.t. Rivaldo 5,5); De Paula 7,5, Marotta 5, Forestieri 5,5 (dal 21 s.t. Caputo 4,5). PANCHINA Koprivec, Polenta, Ceppitelli, Defendi. ALLENATORE Torrente 5. ALBINOLEFFE (4-2-3-1) Tomasig 6; Daffara 6, Bergamelli 5,5, Piccinni 6,5, Cristiano 5,5; Hetemaj 6,5, Previtali 6,5; Pacilli 6,5 (21 s.t. Cisse 7), Girasole 7, Laner 5,5 (1 s.t. Foglio 7,5); Cocco 6,5 (31 s.t. DAiello 6). PANCHINA Offredi, Salvi, Taugourdeau, Torri. ALLENATORE Fortunato 7. ARBITRO Palazzino di Ciampino 4,5. GUARDALINEE Manzini 4 - Gava 6. ESPULSI Bergamelli (A) al 41 s.t. per doppia ammonizione (c.n.r. e g.s.). AMMONITI Previtali (A), Piccinni (A) e Kopunek (B) per gioco scorretto; Cisse (A) per c.n.r.; Donati (B) per proteste. NOTE paganti 1.717, incasso di 24.006 euro; abbonati 4.386, quota n.c. Tiri in porta 10 (con un palo)-7. Tiri fuori 7-7. In fuorigioco 1-2. Angoli 5-7. Recuperi: p.t. 1, s.t. 6.

binoLeffe ha un andamento lento, eppure sfiora il pari, con unincornata di Cocco (uscita sbagliata di Lamanna).
Cambi decisivi Con linserimen-

2 3

DAL NOSTRO INVIATO

GIUSEPPE CALVI BARI

in confusione e i cambi non hanno aiutato. Letali invece le mosse di Auteri: Marsili ha fatto da calamita a centrocampo, Catania ha deciso lincontro: dribbling e assist perfetto per Farias, che ha superato in velocit Perticone e mandato al tappeto il Livorno. La botta arrivata con i toscani in riserva, cos la Nocerina chiudeva con la rete di Castaldo: tiro al volo su cross di Marsili.
RIPRODUZIONE RISERVATA

crisi di nervi Novellino, si affidato alle sue certezze sempre, mantenendo il suo tridente altissimo, anche sull1-0, anche nei minuti finali. Novellino no, partito e arrivato con il 4-4-2, passando attraverso almeno quattro versioni del 4-2-3-1. Idee confuse, che hanno schiantato la fiducia della squa-

Si sono alzati palla panchina e hanno trasformato lAlbinoLeffe. Foglio e Cisse sono stati capaci di cambiare il corso di una partita che, per unora, era stata gestita senza affanni dal Bari, che nella ripresa ha fatto harakiri. Ben oltre le firme dei protagonisti in campo, sul successo per 3-2 della squadra bergamasca c soprattutto il marchio di Daniele Fortunato, ex giocatore biancorosso, che ha stordito, sul piano tattico, il collega Torrente, muovendo sulla scacchiera il cavallo e la torre, rispettivamente Foglio e Cisse.
Avanti Bari Allesordio, Boglia-

to di Foglio, al posto di Laner, comincia unaltra sfida. Il Bari subisce le incursioni dellesterno sinistro, che sfonda continuamente. Ma gli ospiti svoltano grazie a un errore di Donati, che d palla a Girasole e poi lo stende: rigore, assegnato dopo un valzer delle incertezze tra larbitro Palazzino (sar tardivo, nel finale, il suo intervento per lespulsione di Bergamelli) e il guardalinee Manzini, che aveva segnalato un fuorigioco. Il pareggio di Cocco, dal dischetto, d coraggio allAlbinoLeffe, devastante con un altro panchinaro, Cisse, e con Girasole. Il Bari, che invoca due rigori, va sul 2-3, nel recupero, con una vole di De Paula.
RIPRODUZIONE RISERVATA

h7 il migliore
CATANIA (Nocerina) Velocit, tecnica e fantasia: luomo che rompe lequilibrio

cino si integra bene, portando ulteriore qualit accanto a Donati e De Falco. Il primo tempo quasi un monologo del Bari che passa al 31 con una perla di De Paula: sinistro a giro che lascia impotente Tomasig. LAl-

h 7,5 il migliore
FOGLIO (AlbinoLeffe) Con lui la squadra cambia passo: crea sempre la superiorit numerica

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

23

SERIE BWIN 3a GIORNATA

Samp 6 bellissima: festa di gol


Travolto il Gubbio: doppiette di Bertani e Pozzi, a segno Volta e Piovaccari
SAMPDORIA GUBBIO 6 0
FILIPPO GRIMALDI GENOVA
GIUDIZIO 7777 PRIMO TEMPO 3-0 MARCATORI Pozzi su rigore al 13, Volta al 18, Bertani su rigore al 44 p.t.; Bertani al 15, Pozzi al 19, Piovaccari al 30 s.t. SAMPDORIA (3-4-1-2) Da Costa 6,5; Volta 7, Costa 6,5, Accardi 6,5; Semioli 6,5, Obiang 7, Palombo 6,5, Castellini 7; Bentivoglio 7 (dal 20 s.t. Rispoli 6); Bertani 8 (dal 21 s.t. Piovaccari 6,5), Pozzi 8 (dal 30 s.t. Maccarone 6). PANCHINA Fiorillo, Foggia, Dessena, Rossini. ALLENATORE Atzori 7,5. GUBBIO (4-1-4-1) Donnarumma 4,5; Almici 4,5, Benedetti 5, Maccarrone 4, Farina 5; Boisfer 5 (dal 1 s.t. Lunardini 5); Bazzoffia 5, Sandreani 5, Raggio Garibaldi 6, Mendicino 5 (dal 1 s.t. Montefusco 5); Ciofani 5 (dal 1 s.t. Giannetti 6). PANCHINA Farabbi, Paonessa, Ragatzu, Buchel. ALLENATORE Pecchia 5. ARBITRO Calvarese di Teramo 7. GUARDALINEE Segna 7 - Melloni 7. ESPULSI Farina (G) al 13 p.t. per gioco scorretto, Maccarrone (G) al 40 p.t. per doppia ammonizione (entrambe per g.s.). AMMONITI Almici (G) e Bertani (S) per g.s. NOTE paganti 4.690, incasso di 47.016 euro; abbonati 17.039, quota di 101.542,58 euro. Tiri in porta 10-1. Tiri fuori 13-2. In fuorigioco 6-0. Angoli 10-3. Recuperi: p.t. 2, s.t. 0.

to e il quinto centro nella ripresa, autori entrambi di una doppietta, ma pure la sicurezza della difesa e di Da Costa, decisivo su Giannetti, oltre al carattere di Piovaccari, il cui sei a zero ha chiuso loffensiva blucerchiata.
Il veleno Umbri in silenzio-stam-

Larroganza (sportiva) che alla Samp andavano cercando da un paio di mesi, uscita fuori improvvisamente ieri, tutta dun colpo. Cos, pi del punteggio una vera e propria umiliazione per un Gubbio ridotto in nove per cinquantadue minuti fa rumore la prestazione di Bertani e compagni, cinici e autoritari come mai sino ad ora sera dimostrata la squadra di Atzori. Vista a posteriori, la vittoria Samp sugli umbri (al terzo k.o. consecutivo), che hanno pagato le assenze e linesperienza della difesa, vale doppio: dal confronto casalingo con il Gubbio, i padroni di casa avrebbero infatti avuto tutto da perdere e nulla da guadagnare, tanto grande era (e si dimostrato) il divario fra le due squadre. Non solo hanno (stra)vinto, ma pure convinto, i blucerchiati, a diugiuno di successi al Ferraris dal

pa per (presunti) torti arbitrali: eppure i due rigori sono apparsi netti e il Gubbio ha rischiato la terza espulsione, quando Almici (gi ammonito) ha steso Pozzi.
Una rosa con la spina Anche la Samp, per, ha provato a farsi male da sola, quando alcuni ti-

il migliore
BERTANI (Sampdoria) Due gol, ma non solo: si procura il rigore e provoca il rosso di Maccarrone

h8

Cristian Bertani, 30 anni, segna il rigore del 3-0 PEGASO

Nicola Pozzi, 25 anni, realizza il 5-0 LAPRESSE

13 febbraio.
La chiave Lespulsione iniziale

di Farina (fallo su Bertani) e il conseguente gol di Pozzi su rigore hanno messo in discesa la strada sampdoriana, arrivata poco dopo al raddoppio con uno schema analogo a quello che aveva fruttato il primo rigo-

re: angolo, testa di Pozzi e, stavolta, zuccata vincente di Volta sul palo pi lontano. Partita quasi finita, perch il colpo di grazia arrivato con il secondo giallo di un inesperto Maccarrone: trattenuta su Pozzi, Gubbio in nove, e di l a poco il fallo di Almici sullo stesso attaccante ha fruttato il tre a zero di Berta-

ni dal dischetto.
Che intesa Considerando le as-

senze anche in casa blucerchiata, e la scelta di Atzori che ha tenuto Foggia in panchina, si comprende ancor pi lo strapotere blucerchiato. Hanno stupito lintesa fra Bertani e Pozzi, che hanno firmato pure il quar-

fosi hanno fischiato (coperti dagli applausi della maggioranza) Maccarone al suo ingresso in campo. Diciassettemila abbonati sono una prova di maturit dopo la retrocessione, grande almeno quanto limmaturit di chi gli rimprovera ancora oggi la caduta allinferno del maggio scorso.
RIPRODUZIONE RISERVATA

EQUILIBRIO ROMEO REPLICA AD ABBRUSCATO, PRIMO PUNTO PER BALDINI

Scatto Vicenza LAscoli rimedia


ASCOLI VICENZA
GIUDIZIO 77 PRIMO TEMPO 0-1 MARCATORI Abbruscato (V) al 37 p.t.; Romeo (A) su rigore al 5 s.t. ASCOLI (4-3-3) Guarna 6; Gazzola 5, Andelkovic 6 (dal 26 s.t. Peccarisi 6), Faisca 6, Ciofani 6; Di Donato 5,5, Pederzoli 6 (dal 15 s.t. Vitiello 6), Sbaffo 6; Papa Waigo 6, Soncin 5,5, Beretta 5,5 (dal 1 s.t. Romeo 6,5). PANCHINA Maurantonio, Giovannini, Tamburini, Boniperti. ALLENATORE Castori 6. VICENZA (4-3-1-2) Frison 7; Martinelli 6, Augustyn 6, Bastrini 6 (dal 40 s.t. Zanchi s.v.), Pisano 5,5; Rigoni 6, Paro 5,5, Botta 6; Misuraca 6,5 (dal 31 s.t. Bariti 6); Alemao 6 (dal 12 s.t. Paolucci 5,5), Abbruscato 6. PANCHINA Acerbis, Giani, Soligo, Danti. ALLENATORE Baldini 6. ARBITRO Pinzani di Empoli 6. GUARDALINEE Cucchiaini 6 Citro 6. AMMONITI Ciofani (A), Botta (V) e Augustyn (V) per gioco scorretto. NOTE paganti 2.020, incasso di 25.385,50 euro; abbonati 1.139, quota di 11.004,92 euro. Tiri in porta 2-3. Tiri fuori 9-8. In fuorigioco 2-3. Angoli 6-1. Recuperi: p.t. 1, s.t. 5.

due minuti dopo Frison compie sul colpo di testa a botta sicura di Beretta. Nella ripresa, al 32, Abbruscato ha sul destro il match ball, ma a tu per tu con Guarna mette a lato.
Cantiere Castori sta costruendo

I NUMERI DELLA B

4
2 1

LUNICO 0-0 LA NEOPROMOSSA SI SBLOCCA DOPO DUE K.O.

1 1

PEPPE ERCOLI ASCOLI PICENO

LAscoli perde la grande occasione per dare un colpo alla penalizzazione. L1-1 col Vicenza per rispecchia una partita equilibrata con protagonista indesiderato il caldo umido che, soprattutto nel finale, ha tagliato le gambe alle squadre, con lAscoli che, a cambi esauriti, ha giocato in dieci lultimo quarto dora per gli infortuni di Ciofani e Sbaffo.
Crescita Sorride finalmente Baldini, che dopo due sconfitte incamera il primo punto, ma soprattutto vede una squadra che comincia ad avere una fisionomia. Bene il primo tempo quando i biancorossi chiudono i varchi allAscoli, che Baldini si aspettava pi aggressivo, e vanno in vantaggio al 37. Misuraca supera sulla destra Ciofani, cross teso che Abbruscato, sul filo del fuorigioco, insacca. Vale come un gol la parata che

il gruppo e aspetta che siano pronti anche gli ultimi arrivati Tamburini, Vitiello e Boniperti. Pesante lassenza di Parfait, in nazionale, e squadra stanca. Giocano pi o meno gli stessi fin dalla Coppa Italia, sottolinea Castori. In svantaggio allintervallo, la svolta arriva in avvio di ripresa con linserimento di Romeo; dal 4-3-3 che non dava effetti sulla fascia sinistra, Castori passa al 4-4-2 cercando la giocata aerea. Il pari arriva per su un rigore trasformato da Romeo al 5 (ingenuo fallo di mano di Paro). I bianconeri ci provano, invano, ancora con Romeo che per due volte mette sul fondo i cross di Papa Waigo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

i giocatori sempre a segno nelle prime 3 giornate: Immobile (Pescara) e Tavano (Empoli)

Bindi ferma la Juve Stabia Crotone salvo


CROTONE JUVE STABIA
GIUDIZIO 77 CROTONE (4-3-3) Bindi 7,5; Correia 5,5, Vinetot 7, Tedeschi 5,5, Migliore 6; Eramo 6, Loviso 6, Galardo 6 (dal 12 s.t. Pettinari 6); De Giorgio 6 (dal 20 s.t. Sansone 5,5), Djuric 6, Ciano 5,5 (dal 29 s.t. Caccavallo 6). PANCHINA De Luca, Terigi, Mazzotta, Maiello. ALLENATORE Menichini 6. JUVE STABIA (3-4-3) Seculin 5,5; Maury 6, De Bode 6, Scognamiglio 6; Dicuonzo 6, Cazzola 6,5, Mezavilla 6, Biraghi 6; Raimondi 6 (dal 32 s.t. Zito s.v.), Zaza 6 (dal 19 s.t. Erpen 6), Mbakogu 6 (dal 45 s.t. Sau s.v.). PANCHINA Cerretti, Cesar, Di Tacchio, Scozzarella. ALLENATORE Braglia 6. ARBITRO Gavillucci di Latina 5,5. GUARDALINEE Meli 5 Manna 6. AMMONITI Galardo (C), Dicuonzo (JS), De Bode (JS) e Mezavilla (JS) per gioco scorretto; Cazzola (JS) e De Giorgio (C) per comportamento non regolamentare. NOTE paganti 3.614, incasso di 23.518 euro (compresa quota abbonati); abbonati 2.174. Tiri in porta 5-4. Tiri fuori 5-1. In fuorigioco 1-3. Angoli 5-4. Recuperi: p.t. 1, s.t. 4.

h 7,5 il migliore
BINDI (Crotone) Blinda il pareggio: quattro parate decisive, tutte da distanza ravvicinata

0 0

LUIGI SAPORITO CROTONE

la partita finita senza reti nella terza giornata, il totale sale a 4. Nella scorsa stagione dopo 270 erano 6

Vincono il caldo e il disastroso terreno di gioco. Si materializza cos tra Crotone e Juve Stabia lunico 0-0 del pomeriggio. E dopo due k.o. di fila, la Juve Stabia ottiene il primo punto, azzerando la penalizzazione.
La partita Partono bene gli ospiti, che all11 ci

h7 il migliore
FRISON (Ascoli) Merita il voto per la gran parata nel primo tempo su colpo di testa di Beretta

le reti su rigore su altrettante esecuzioni: record in questa stagione

provano con Cazzola ma il suo colpo di testa non inquadra lo specchio. Braglia schiera la difesa a tre ma in ripiego si aggiungono Dicuonzo e Biraghi. Gli esterni del Crotone sono troppo larghi e Djuric finisce per combattere da solo nel cuore dellattacco. Ci prova Ciano al 22 ma la sua girata controllata da Seculin. Sul finale di tempo reclamo del Crotone quando Scognamiglio atterra in area De Giorgio: Gavillucci ammonisce lattaccante rossoblu ma limpressione che il rigore ci fosse. La ripresa inizia col brivido per il Crotone: Mbagoku sfrutta un errore di Correia e serve Zaza, Bindi chiude lo specchio e poi si oppone anche al tap-in di Raimondi. Menichini passa al 4-4-2 ma alla mezzora Sansone spreca sparando fuori dopo un errore di Seculin (che non trattiene un tiro di Loviso). Poi ancora Bindi protagonista al 35, quando ferma due volte Mbakogu.
RIPRODUZIONE RISERVATA

24

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LINGLESE Y RY VER FACILE! VE

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

25

PRIMA DIVISIONE GIRONE A 1a GIORNATA


lAnalisi
di MATTEO PIERELLI

Il maltempo e i gol: ecco i protagonisti

La violenta pioggia che ieri ha flagellato il Nord Italia ha provocato la sospensione di tre partite, impantanando alcune big (su tutte Cremonese e Taranto). Un fatto insolito a fine estate e al tempo stesso anche un peccato, perch a parte quello di La Spezia, non c stato campo che non abbia regalato almeno un gol. La corazzata di Gustinetti ha capito sulla propria pelle che

i grandi nomi da soli non bastano. La stecca alla prima potrebbe essere casuale, lesordio non mai facile per chi ha pi pressione addosso, per questo campionato probabilmente non sar una scampagnata per nessuno. Infatti, fatica anche laltra grande favorita, il Benevento, che passa a Foggia, nella ex Zemanlandia, soffrendo

molto. Vittoria in rimonta su autorete, ma pesantissima: la penalizzazione gi dimezzata e la corsa alla promozione lanciata. Stessa musica per le retrocesse. Piacenza e Triestina, dopo unestate difficilissima, cominciano nel migliore dei modi, anche se c ancora molto da lavorare. Esattamente come a Portogruaro, dove lambiente in subbuglio

dopo linattesa sconfitta in casa col Pergocrema. Fra le matricole spicca il Carpi che sommerge di gol laltra neopromossa Tritium: occhio. E occhio anche al Sorrento di Sarri che inizia con il turbo come il suo bomber Ciro Ginestra, presentatosi ai suoi nuovi tifosi con una doppietta: luomo copertina di questa prima giornata sicuramente lui.

girone A
CLASSIFICA
SQUADRE CARPI SORRENTO TERNANA PAVIA PISA SPAL AVELLINO COMO FOLIGNO LUMEZZANE PRO VERCELLI FOGGIA MONZA TRITIUM REGGIANA (-2) TARANTO (-1) VIAREGGIO (-1) BENEVENTO (-6) PT 3 3 3 1 1 1 0 0 0 0 0 0 0 0 -1 -1 -1 -3 G 1 1 1 1 1 1 0 0 0 0 0 1 1 1 1 0 1 1 PARTITE V N P 1 0 0 1 0 0 1 0 0 0 1 0 0 1 0 0 1 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 1 0 0 1 0 0 1 0 1 0 0 0 0 0 0 1 1 0 0 RETI F S 4 0 3 0 1 0 1 1 1 1 1 1 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 1 2 0 3 0 4 1 1 0 0 0 1 2 1

Il Benevento un diesel Foggia ingenuo


Simonelli aspetta e affonda nella ripresa Decide un autogol maldestro di Cardin
DAL NOSTRO INVIATO

uomo in pi, anzi due, perch Vacca arretra molto. E se i pugliesi sfiorano il gol principalmente con una bordata di Meduri (25 alto), i campani si rendono pericolosi con una rasoiata di Cipriani (38, respinta di Ginestra). Il Foggia schioda il risultato prima dellintervallo: Lanteri ci crede su un pallone respinto dal palo (botta di Venitucci) e trova il varco giusto per infilare Baican.
La svolta Nella ripresa il Foggia

un Sorrento show Monza spazzato via


MONZA SORRENTO 0 3

to Ginestra, subito autore di una doppietta al ritorno in Prima divisione.


Cantiere A farne le spese il

U PROMOSSA U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSA

FOGGIA BENEVENTO

1 2

NICOLA BERARDINO FOGGIA

Dopo 63 anni il Benevento passa a Foggia e dimezza in un colpo solo la penalizzazione per il calcioscommesse. Tre punti pesantissimi: oltre a dare uno scossone in classifica, svelano subito le capacit di una squadra costruita per la promozione. Vittoria in rimonta che beffa un Foggia spigliato quanto ingenuo: decisiva lautorete di Cardin nel finale, un maldestro tentativo di rinvio che diventa quasi il simbolo della giornata rossonera, condita anche da un pizzico di sfortuna. Su tutto si impone, per, la strategia studiata da Simonelli: copertura degli spazi, attesa e voglia di osare per cercare il colpaccio, che arriva puntuale.
La chiave Il dopo Zeman ripro-

GIUDIZIO +++ MARCATORI Lanteri (F) al 44 p.t.; Rinaldi (B) al 4, autorete di Cardin (F) al 42 s.t. FOGGIA (4-3-3) Ginestra 6; Cardin 5,5, Lanzoni 6, Gigliotti 6 (dal 3 s.t. DOrsi 5,5), Tomi 6; Meduri 6, Venitucci 6,5, Molina 5,5; Cortesi 6, Tiboni 5 (dal 32 s.t. Cruz 4,5), Lanteri 6,5 (dal 25 s.t. Kolawole 6). (Botticella, Frigerio, Wagner, Traor). All. Bonacina 5,5. BENEVENTO (4-4-2) Baican 6,5; Pedrelli 6, Rinaldi 7, Signorini 6,5, Anaclerio 6; Falzarano 5,5 (dal 23 s.t. Cia 6,5), La Camera 6,5, Rajcic 6, Pintori 7 (dal 44 s.t. Frascatore s.v.); Vacca 6 (dal 23 s.t. Di Risio 6,5), Cipriani 6,5. (Mancinelli, Candrina, Wagner, Sy). All. Simonelli 7. ARBITRO Peretti di Verona 6. NOTE spett. 3.000 circa, paganti, abbonati e incasso nc. Amm. Anaclerio, Cipriani, Pintori, Di Risio, Tomi, DOrsi. Angoli 10-3.

pone allo Zaccheria il 4-3-3 del cuore. Bonacina ha dato subito tempi e schemi al Foggia
CARPI TRITIUM 4 0 TERNANA

(stop di Defrel nel riscaldamento, spazio a Cortesi). I movimenti sono quelli gi visti tante volte, fino a tre mesi fa. La manovra gira, ma ha difficolt a innescare il tridente. A met campo il Benevento (squalificati DAnna e Carretta; out Altinier e Grauso) controlla e sopratutto sa di poter contare su
1 0 PAVIA REGGIANA

(k.o. Gigliotti: distorsione alla caviglia) appare sfiatato dopo un gran correre ma ha momenti dimpeto: Lanteri sfiora il bis al 18 (Baican devia) e Kolawole ci prova con una girata al 35. In mezzo, per c soprattutto il Benevento rimodellato da Simonelli per lassalto ai tre punti: entra Cia che va ad affiancare Pintori a ridosso della punta Cipriani; lingresso di Di Risio assicura pi consistenza al centrocampo. Al 41 traversa del Benevento su deviazione del foggiano DOrsi. Un minuto dopo il gol-partita, su tocco di Pintori, Cardin pasticcia e il pallone va nella rete del Foggia. Che potrebbe pareggiare, ma Cruz sciupa incredibilmente, a porta spalancata. Festa grossa per i 400 tifosi campani allo Zaccheria, dove alla fine dominano fischi di preoccupazione per il dopo Zeman. Simonelli va sul concreto: Mi piaciuta la personalit del Benevento. Bonacina cerca lerrore: Il Foggia deve svegliarsi in attacco.
RIPRODUZIONE RISERVATA

GIUDIZIO +++ MARCATORI autorete di Campinoti al 21, Ginestra al 36 su rigore e al 46 p.t. MONZA (5-3-2) Marcandalli 5,5; Ugg 5, Cattaneo 5,5, Boscaro 5, Fiuzzi 5, Campinoti 4; Velardi 5 (dal 1 s.t. Romano 5,5), Palumbo 5, Iacopino 5,5; Da Matta 5 (dal 14 s.t. Kyeremateng 6), Colacone 6 (dal 35 s.t. Nappello s.v.). (Castelli, Anghileri, Cusaro, Valagussa). All. Motta 5,5. SORRENTO (4-4-2) Rossi 6; Vanin 6, Terra 6, Nocentini 6, Bonomi 6; Corsetti 6,5, Camillucci 6,5 (dal 28 s.t. Niang s.v.), Armellino 6,5 (dal 39 s.t. Tognozzi s.v.), Bondi 7; Carlini 6,5, Ginestra 7,5 (dal 32 s.t. Galabinov s.v.). (Chiodini, Vollono, Sabato, Greco). All. Sarri 7. ARBITRO Lanza di Nichelino 6,5. NOTE paganti 219, abbonati n.c., incasso di 3.429 euro. Espulso Campinoti al 36 p.t.; ammoniti Velardi, Armellino, Camillucci e Nocentini. Angoli 7-4.

RISULTATI
AVELLINO-FOLIGNO CARPI-TRITIUM COMO-PRO VERCELLI FOGGIA-BENEVENTO LUMEZZANE-TARANTO MONZA-SORRENTO PAVIA-REGGIANA SPAL-PISA TERNANA-VIAREGGIO stasera 4-0 sospesa 1-2 sospesa 0-3 1-1 1-1 1-0

neo ripescato Monza, sceso in campo con un copertissimo 5-3-2, ma capace di gettare il cuore oltre lostacolo nei primi minuti, sciupando anche un paio di occasioni sotto porta con gli imprecisi Velardi e Da Matta. La truppa biancorossa un cantiere aperto: in difesa Ugg, Boscaro e soprattutto Campinoti sbandano a ogni affondo avversario, a centrocampo il nuovo arrivato Velardi ancora lontano dalla forma migliore, mentre in attacco il solo Colacone a creare grattacapi alla difesa campana.
Fortuna A spianare la strada al

PROSSIMO TURNO
DOMENICA 11/09/2011 BENEVENTO-LUMEZZANE FOLIGNO-COMO PISA-AVELLINO PRO VERCELLI-FOGGIA REGGIANA-MONZA SORRENTO-PAVIA TARANTO-SPAL TRITIUM-TERNANA (lunedi 12, ore 16.30) VIAREGGIO-CARPI

MATTEO DELBUE MONZA

Basta un tempo al Sorrento per sbrigare la pratica Monza e candidarsi tra le favorite del campionato. Non poteva iniziare meglio lavventura campana di Maurizio Sarri, che schiera una formazione quadrata in fase difensiva e micidiale negli ultimi metri. I rossoneri, a tratti, incantano in fase di possesso palla: Armellino e Camillucci gestiscono senza problemi la mediana, mentre Bondi sullout di sinistra sforna assist a ripetizione per lispiraCOMO PRO VERCELLI

Sorrento ci si messa anche la buona sorte: il vantaggio campano arriva al 21 sugli sviluppi di una rocambolesca autorete di Campinoti. la svolta del match. Al 36 Campinoti atterra Ginestra in piena area: espulsione per il difensore e calcio di rigore trasformato da Ginestra. Con il passare dei minuti si fa sempre pi evidente il divario tecnico tra le due squadre e al 46 il Sorrento fa tris con un micidiale diagonale del solito Ginestra. La partita chiusa e la ripresa si gioca su ritmi da amichevole infrasettimanale.
RIPRODUZIONE RISERVATA

MARCATORI
2 RETI Ginestra (Sorrento). 1 RETE Rinaldi (Benevento); Cioffi, Eusepi e Memushaj (Carpi); Lanteri (Foggia); Rodriguez (Pavia); Perna (Pisa); Rossi (1, Reggiana); Arma (Spal); Gotti (Ternana).

girone B
CLASSIFICA
SQUADRE TRAPANI BARLETTA LANCIANO PERGOCREMA TRIESTINA LATINA SIRACUSA ANDRIA SPEZIA CARRARESE ALTO ADIGE PRATO BASSANO FERALPI SALO' FROSINONE PORTOGRUARO PIACENZA (-4) CREMONESE (-6) PT 3 3 3 3 3 1 1 1 1 0 0 0 0 0 0 0 -1 -6 G 1 1 1 1 1 1 1 1 1 0 1 1 1 1 1 1 1 0 PARTITE V N P 1 0 0 1 0 0 1 0 0 1 0 0 1 0 0 0 1 0 0 1 0 0 1 0 0 1 0 0 0 0 0 0 1 0 0 1 0 0 1 0 0 1 0 0 1 0 0 1 1 0 0 0 0 0 RETI F S 2 1 1 0 1 0 1 0 1 0 1 1 1 1 0 0 0 0 0 0 1 2 1 2 0 1 0 1 0 1 0 1 2 1 0 0

1 1

SPAL PISA

1 1

VIAREGGIO

Da Eusepi a Cioffi Il Carpi si fa bello e cala il poker Tritium affondata


MARCATORI Eusepi all11, Memushaj al 37 p.t.; autorete di Dionisi al 35, Cioffi al 45 s.t. CARPI (4-4-2) Bastianoni 6; Laurini 6,5, Cioffi 7, De Paola 6,5, Lorusso 6; Concas 6,5, Memushaj 7, Sogus 7,5 (dal 35 s.t. Perini s.v.), Di Gaudio 7 (dal 25 s.t. Perrulli 6); Eusepi 7 (dal 35 s.t. Pietribiasi s.v.), Cesca 6,5. (Mandrelli, Bova, Potenza, Calamai). All. Maddaloni 7. TRITIUM (4-3-3) Pansera 6; Martinelli 5, Teso 5, Dionisi 4,5, Possenti 5; Vecchio 5 (dal 1 s.t. Corti 5,5), Malgrati 5, Monacizzo 5,5 (dal 12 s.t. Casiraghi 5,5); E. Bortolotto 5,5, Sinato 5 (dal 25 s.t. Spampatti s.v.), R. Bortolotto 5. (Nodari, Cremaschi, Suagher, Riva). All. Boldini 5. ARBITRO Fiore di Barletta 6. NOTE paganti 630, abbonati 150, incasso 6.400 euro. Ammoniti Martinelli, Dionisi ed E. Bortolotto. Angoli 9-1. GIUDIZIO+++ REGGIO EMILIA Il Carpi domina e festeggia il ritorno in Prima divisione dopo 12 anni. Sul campo di Reggio Emilia (a Carpi ci sono i lavori), la squadra di Maddaloni mette al sicuro il risultato contro la Tritium in poco pi di mezzora: apre Eusepi con un diagonale, raddoppia Memushaj con un bolide sotto la traversa. Nella ripresa Sinato fallisce la palla che pu riaprire il match. Il 3-0 un autogol di Dionisi, che appoggia male a Pansera, mentre il poker ha la firma di Cioffi. Davide Setti

La Ternana c: Gotti gol durante un nubifragio K.o. il Viareggio


MARCATORE Gotti al 31 p.t. TERNANA (3-4-3) Virgili 6; Ferraro 6, Stendardo 6, Pisacane 6; Bernardi 6, Arrigoni 6, Miglietta 6, Gotti 6,5; Nol 6,5 (dal 37 s.t. Carcuro s.v.), Docente 6 (dal 26 s.t. Litteri s.v.), Sinigaglia 6 (dal 15 s.t. Lacheheb 6). (Camilli, Fazio, Camillini, Dianda). All. Toscano 6,5. VIAREGGIO (3-4-3) Merlando 5; Monopoli 5, Fiale 5, Brighenti 6; Grieco 5, Pizza 6 (dal 29 s.t. Carnesalini s.v.), Maltese 6, Licata 5; Cristiani 5 (dal 32 s.t. Lepri s.v.), Scardina 6, Palibrik 5 (dal 6 s.t. Elia 5,5). (Ranieri, Lamorte, Guerra, Mancini). All. Maurizi 6. ARBITRO Abbattista di Molfetta 6. NOTE spettatori 1.200 circa, paganti, abbonati e incasso non comunicati. Ammoniti Pizza, Miglietta, Docente, Licata, Scardina e Fiale. Angoli 4-6. GIUDIZIO++

Reggiana avanti con lex Rossi Poi il Pavia fa pari in 11 contro 9


MARCATORI Rossi (R) su rigore al 30 p.t.; Rodriguez (P) al 3 s.t. PAVIA (4-2-3-1) Facchin 6; Gheller 6,5, Fissore 6, Romeo 6, Meregalli 6; Carotti 6 (dal 1 s.t. Sprocati 6), Galassi s.v. (dal 15 p.t. Puccio 5,5); Falco 6,5 (dal 31 s.t. Bufalino s.v.), Meza Colli 5,5, DErrico 5,5; Rodriguez 6,5. (Cacchioli, Capogrosso, Caidi, Verruschi). All. Domenicali 6. REGGIANA (3-4-1-2) Silvestri 6; Siracusa 6, Zini 6,5, Mei 5; Matteini 5,5 (dal 13 s.t. Aya 6), Calzi 6, Viapiana 6, Sperotto 5; Alessi 6,5 (dal 42 s.t. Ardizzone s.v.); Gurma 6,5, Rossi 6,5 (dal 39 p.t. Iraci 6). (Bellucci, Bettati, Esposito, Fedi). All. Mangone 6,5. ARBITRO Intagliata di Siracusa 6,5. NOTE paganti 735, abbonati 310, incasso di 7.832 euro. Espulsi Mei al 34 p.t. e Sperotto al 37 p.t.; ammoniti Carotti, Facchin, Puccio, Alessi e Zini. Angoli 6-2. GIUDIZIO+++

Perna illude il Pisa Poi solo Spal, ma quanti errori: finisce in parit
MARCATORI Perna (P) al 10, Arma (S) al 35 p.t. SPAL (4-4-2) Teodorani 5,5; Ghiringhelli 6,5, Zamboni 6, Pambianchi 6,5, Canzian 6; Melara 6,5 (dal 41 s.t. Cosner s.v.), Agnelli 6,5, Bedin 6 (dal 36 s.t. Migliorini s.v.), Laurenti 6,5; Marconi 5,5 (dal 21 s.t. Mendy 6), Arma 6,5. (Capecchi, A. Vecchi, G. Rossi, P. Rossi). All. S. Vecchi 6,5. PISA (4-4-2) Pugliesi 7; Audel 5,5, Raimondi 6, Esposito 6,5 (dal 25 s.t. Ton 5), Bizzotto 5,5; Tremolada 6,5, Obodo 5,5, Favasuli 6, Nicastro 5,5; Perna 6,5 (dal 6 s.t. Perez 5,5), Carparelli 6

(dal 35 s.t. Berardocco s.v.) (Sepe, Benedetti, Gatto, Strizzolo). All. Pagliari 6. ARBITRO Manganiello di Pinerolo 5,5. NOTE paganti 1.593, abbonati 1.121, incasso di 22.846 euro. Ammoniti Bedin, Arma, Perez, Zamboni e Favasuli. Angoli 7-3. GIUDIZIO++ FERRARA Inizia bene il Pisa e passa in vantaggio al 10 con lultimo rinforzo Perna, che sfrutta un cross Tremolada, depositando il pallone in rete, ma dando la sensazione di aiutarsi con un braccio. Poi la Spal prende il sopravvento e al 35 pareggia: Arma rapido ad infilarsi tra i centrali del Pisa e a battere con un diagonale Pugliesi. Dopo luscita di Esposito, i toscani sbandano in difesa ma Arma, Mendy e Melara sprecano opportunit in serie. Alessandro Sovrani

LUMEZZANE TARANTO

Il Como vinceva Sul 2-1 c lo stop per la pioggia: Pro Vercelli salva
COMO Si dovr rifare tutto da capo. Como-Pro Vercelli si giocata per due terzi, perch al 14 della ripresa di una gara fin dallinizio accompagnata dalla pioggia, larbitro ha deciso di sospendere lincontro. Dieci minuti dopo, ultimo e definitivo tentativo di far rimbalzare il pallone, ma il direttore di gara ha ritenuto che la situazione non fosse regolamentare. Dunque, niente da fare. Vani i due gol del Como di testa da calcio dangolo quello di Urbano e su rapido inserimento in area di Salvi il secondo inutile anche linizio di rimonta della Pro Vercelli con la rete allincrocio di Di Piazza, a ripresa appena cominciata. Lilliana Cavatorta MARCATORI Urbano (C) al 36, Salvi (C) al 43 p.t.; Di Piazza (PV) al 2 s.t. COMO (4-2-3-1) Giambruno 6,5; Bellitta 5,5, Zullo 6, Urbano 6,5, Diniz 6; Salvi 6,5, Lewandowski 6; Bardelloni 5,5, Miello 6, Ciotola 6; Tavares 5,5. (Conti, Ambrosini, Nieddu, Vicente, Lulli, Doumbia, Asiedu). All. Ramella 6,5. PRO VERCELLI (4-3-3) Valentini 5; Cancellotti 6, Ranellucci 6, Modolo 5, Murante 6; Marconi 6, Calvi 5,5, Disabato 6,5; Di Piazza 6, Iemmello 6, Santoni 5,5. (Dan, Armenise, Masi, Nocciola, Tripoli, Germano, Malatesta). All. Braghin 6. ARBITRO Ripa di Nocera Inferiore 5,5. NOTE paganti 1.080, abbonati 250, incasso di 10.157 euro. Ammoniti Bellitta, Di Piazza e Bardelloni. Angoli 5-5.

La pioggia ferma il Lumezzane e il Taranto dopo 45 sullo 0-0


LUMEZZANE (Bs) Il diluvio ferma Lumezzane e Taranto, protagoniste di un bel primo tempo. La gara inizia sotto la pioggia, ma la partita si svolge regolarmente nei primi 45. Il Taranto, favorito da due rinvii difettosi dei padroni di casa, crea due situazioni favorevoli al 13 ed al 15, non sfruttate per a dovere da Chiaretti. Il Lumezzane va invece vicino al vantaggio al 22 con Ferrari ed al 33 con Faroni, che arriva in ritardo su un cross di Antonelli. Poi si scatena una pioggia torrenziale e al rientro dopo lintervallo larbitro Aureliano, constatata limpossibilit a proseguire, non pu che rimandare le squadre negli spogliatoi. Sergio Cassamali LUMEZZANE (4-4-2) Rossi 6; Luciani 6,5, Malag 6, Giosa 5, Pini 6,5; Antonelli 6,5, Finazzi 6, Baraye 6,5, Bradaschia s.v. (dal 7 p.t. Faroni 6,5); Inglese 6,5, Ferrari 6,5. (Brignoli, Mollestam, Dadson, Fondi, Sabatucci, Gasparetto). All. Nicola 6,5. TARANTO (3-4-3) Bremec 6; Cutrupi 6, Coly 5,5, Prosperi 6; Garufo 6, Giorgino 6, Pensalfini 6, Sabatino 5,5; Chiaretti 6,5, Girardi 6,5, De Gasperi 6,5. (Faraon, Colombini, Di Bari, Antonazzo, Sciaudone, Karvonen, Guazzo). All. Dionigi 6,5. ARBITRO Aureliano di Bologna 6,5. NOTE paganti 381, abbonati 230, incasso di 4.280 euro. Nessun ammonito. Angoli 1-1.

U PROMOSSA U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSA

RISULTATI
ALTO ADIGE-PIACENZA 1-2 BARLETTA-FROSINONE 1-0 BASSANO-LANCIANO 0-1 CREMONESE-CARRARESE sospesa LATINA-SIRACUSA 1-1 PORTOGRUARO-PERGOCREMA 0-1 SPEZIA-ANDRIA 0-0 TRAPANI-PRATO 2-1 TRIESTINA-FERALPI SALO' 1-0

IL POSTICIPO

Stasera Avellino-Foligno
Il primo posticipo stagionale va in scena stasera tra Avellino e Foligno. Squalificato Ricci nella squadra di casa e molti dubbi per Bucaro: Correa affaticato, ballottaggio tra De Angelis e Zigoni. Il Foligno conta sui nuovi Guidone e Tabacco e ritrova anche Coresi. Cos in campo (ore 20.45, su Raisport 1): AVELLINO (4-3-3) Fumagalli; Calvarese, Cardinale, Porcaro, De Gol; DAngelo, Correa, Millesi; Falzerano, Zigoni, Lasagna. (Pettinari, Stigliano, Labriola, Citro, Herrera, De Angelis, Ercolano). All. Bucaro. FOLIGNO (4-4-2) Zandrini; Romano, Tuia, Galuppo, Messina; Coresi, Menchinella, Costantini, Cavagna; Brunori Sandri, Cardarelli. (Mazzoni, Merli Sala, Castellazzi, Guidone, Papa, Tattini, Tabacco). All. Pagliari. ARBITRO Marini di Roma (Ernetti Tozzi).

PROSSIMO TURNO
DOMENICA 11/09/2001 ANDRIA-CREMONESE (luned 12, ore 20.45) CARRARESE-LATINA FERALPI SALO'-ALTO ADIGE FROSINONE-SPEZIA LANCIANO-TRIESTINA PERGOCREMA-BASSANO PIACENZA-TRAPANI PRATO-BARLETTA SIRACUSA-PORTOGRUARO

TERNI Vittoria di misura della Ternana sul Viareggio, allesordio al Liberati. Decide lincontro la rete realizzata al 31 da Gotti, uno dei tanti volti nuovi della Ternana. Gol arrivato nel bel mezzo di un acquazzone, durato 20 minuti, che ha messo in seria difficolt le squadre. Il Viareggio, nonostante lo svantaggio, ha retto bene lurto cercando di rendersi pericoloso soprattutto nella ripresa. Al 43 gran tiro di Licata dal limite dellarea, bravo il portiere Virgili a deviare in angolo. Massimo Laureti

PAVIA Il Pavia gioca oltre un tempo in 11 contro 9 ma non riesce a battere la Reggiana. Sono gli ospiti a portarsi in vantaggio al 30, quando Alessi entra in contatto in area col portiere Facchin: lex Rossi non sbaglia dal dischetto. La squadra di Mangone, per, nel giro di tre minuti perde due uomini, Mei e Sperotto, espulsi. Il Pavia a inizio ripresa pareggia con Rodriguez su assist di Falco, attacca per tutto il secondo tempo ma invano. Michele Lanati

MARCATORI
1 RETE Fischnaller (Alto Adige); Simoncelli (Barletta); Improta (Lanciano); Jefferson (Latina); Doudou (Pergocrema); Foglia e Guerra (Piacenza); Pisanu (Prato); Montalto (Siracusa); Ficarrotta e Gambino (Trapani); Godeas (Triestina).

26

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

PRIMA DIVISIONE GIRONE B 1a GIORNATA

Va il Piacenza Il nuovo corso subito felice


Inizia bene il nuovo corso di Monaco Guerra e Foglia stendono lAlto Adige
ALTO ADIGE PIACENZA 1 2
FRANCESCO BERTAGNOLLI BOLZANO

Francesco Monaco, 51 anni LIVERANI

GIUDIZIO ++++ MARCATORI Guerra (P) al 44 p.t.; Fischnaller (AA) al 19, Foglia (P) al 24 s.t. ALTO ADIGE (4-3-3) Iacobucci 6; Grea 4,5, Cascone 5, Kiem 5,5, Martin 6; Furlan 6, Calliari 5 (dal 12 s.t. Chiavarini 5,5), Uliano 5,5 (dal 37 s.t. Bacher s.v.); Schenetti 7, Fischnaller 7, Fink 6,5 (dal 39 s.t. Chinellato s.v.). (Miskievicz, Nazari, Santonocito, Ferrari). All. Stroppa 6. PIACENZA (4-3-1-2) Cassano 7; Avogadri 5,5, Melucci 6, Di Bella 6,5, Calderoni 4,5; Marchi 5,5, Parola 6, Foglia 6,5 (dal 43 s.t. Lisi s.v.); Guzman 6 (dal 39 s.t. Ferrante s.v.); Guerra 6,5, Volpe 6,5 (dal 16 s.t. Esposito 6). (Tinelli, Giorgi, Visconti, Silva). All. Monaco 6,5. ARBITRO Bindoni di Venezia 6. NOTE paganti 1.135, abbonati 432, incasso n.c. Ammoniti Kiem, Martin, Parola, Melucci e Di Bella. Angoli 6-4

Buona la prima per il nuovo Piacenza di Monaco. In attesa dellufficializzazione del passaggio di propriet fra la famiglia Garilli e la nuova cordata di soci, i biancorossi lombardi iniziano con il piede giusto la nuova avventura in Prima Divisione espugnando, oltre i propri meriti, il campo duno sfortunato Alto Adige. Una vittoria cinica, ottenuta grazia allesperienza e alle giocate dei singoli nonostante una condiziona fisica approssimativa in pi d'un elemento. Non pu che dolersi
1 0

invece Giovanni Stroppa ex ancora acclamato dai circa 100 tifosi piacentini giunti a Bolzano che con il suo Alto Adige aveva immaginato ben altro esito per la sua prima panchina da professionista. Lex allenatore della Primavera del Milan paga lingenuit della propria difesa, generosa oltre il lecito in occasione delle due reti ospiti.
Spietato Il Piacenza inizia con il piglio della grande, approfitta del timore reverenziale mostrato dallAlto Adige e conduce le danze un quarto di gara. Una supremazia nel gioco che non si traduce in occasioni da rete, anche perch Guzman
0 1 TRAPANI PRATO

non ancora quello vero ed il tandem Volpe-Guerra fatica a difesa schierata. Paradossalmente, dunque, lAlto Adige ad avere le occasioni migliori. Sulla prima, al 23', Schenetti sfugge ad un disastroso Calderoni sbagliando la misura dell'assist per Fischnaller; sulla seconda, la difesa sbaglia il fuorigioco regalando a Fink lo spazio per involarsi verso Cassano che per sbaglia il controllo e getta al vento lopportunit. Quando meno te lo aspetti, allo scadere del primo tempo, la squadra di Monaco trova il vantaggio: corner di Guzman, Di Bella anticipa di testa Cascone e serve a Guerra, dimenticato dalla difesa di casa, il facile tap-in dello 0-1. Molto pi avvincente la ripresa con un Alto Adige allarrembaggio: Fink e Fischnaller scaldano le mani di Cassano con bordate da fuori, Schenetti imperversa contro Calderoni e al 19 trova il pertugio per lassist al bacio per il pareggio di Fischnaller. Sembra mettersi male per gli ospiti, che invece trovano il colpo del k.o. nell'unica sortita offensiva della ripresa, quando Foglia, al 24', centra langolo alla sinistra di Iacobucci dopo aver raccolto uningenua respinta di testa di Cascone.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Spezia, falsa partenza LAndria strappa il pari


SPEZIA ANDRIA 0 0
GIUDIZIO +++ SPEZIA (4-4-1-1) Russo 6,5; Bianchi 6 (dal 29 s.t. Vannucchi 6), Lucioni 6, Murolo 6, Rivalta 6,5; Madonna 6,5, Bianco 6,5 (dal 18 s.t. Buzzegoli 6), Carobbio 6,5, Testini 6 (dal 12 s.t. Casoli 6); Iunco 6,5; Mastronunzio 5. (Conti, Pedrelli, Ferretti, Lollo). All. Gustinetti 6,5. ANDRIA (4-2-3-1) Spadavecchia 7; Pierotti 6, Zaffagnini 6,5, Cossentino 6,5 (dal 41 s.t. Cipriani s.v.), De Giorgi 5,5; Arini 6, Paolucci 6; Minesso 6,5 (22 s.t. Contessa 6), Del Core 6,5, Manco 6 (11 s.t. Comini 6); Innocenti 5,5. (Ragni, Evangelisti, Berretti, Loiodice). All. Di Meo 6. ARBITRO Penno di Nichelino 5,5. NOTE paganti 2.716, abbonati 2.711, incasso nc. Amm. Testini, Cossentino, Del Core, Arini, Manco, Cipriani. Angoli 8-4.

ha rubato nulla. E stata poco pericolosa, s, ma ha coperto il campo con grinta e intelligenza. La voglia di dimostrarsi subito allaltezza delle attese ha spinto la squadra di Gustinetti allattacco, e i primi minuti sono stati un monologo: Spadavecchia ha salvato su botta di Carobbio, Testini ha sparato alto e Madonna ha impegnato ancora il portiere. Che lAndria puntasse al pareggio lo si capito dal tempo perso per ogni minimo accenno di infortunio.
Cantiere Lo Spezia ha idee, ma deve chiarirsele, sul sintetico del Picco la palla viaggia pi veloce delle intenzioni. Si vede che siamo ai lavori in corso. Mastronunzio, per esempio, non entrato nel vivo del gioco. Nella ripresa Spezia pericoloso con Iunco, Mastronunzio e Buzzegoli, ma se pensiamo che a tempo scaduto Russo ha deviato in angolo un tiro insidioso di Del Core, si capisce perch il punto va tenuto stretto.
RIPRODUZIONE RISERVATA

DAL NOSTRO INVIATO

ROBERTO PELUCCHI LA SPEZIA

Subito un mezzo inciampo per lo Spezia extralusso. Per le occasioni create, e un ampio sospetto di rigore su Madonna, avrebbe meritato la vittoria, ma lAndria davanti al tifoso vip Riccardo Scamarcio non
0 1 LATINA SIRACUSA

BARLETTA FROSINONE

1 0

TRIESTINA FERALPI SAL

PORTOGRUARO PERGOCREMA

2 1

BASSANO LANCIANO

1 1

CREMONESE CARRARESE

Il Barletta super Frosinone inesistente


MARCATORE Simoncelli al 17 p.t. BARLETTA (4-2-3-1) Sicignano 6; Mazzarani 6,5, Mengoni 7, Migliaccio 6,5, Angeletti 6,5; Hanine 6,5 (dal 14 s.t. Di Cecco 6), Guerri 6,5; Simoncelli 7, Mazzeo 7 (dal 43 s.t. Pisani s.v.), Schetter 6,5 (dal 20 s.t. Franchini 6); Di Gennaro 6,5. (Pane, Cerone, Infantino, Pelagias). All. Cari 7. FROSINONE (4-3-1-2) Nordi 6,5; Catacchini 6, Stefani 6, Biasi 6, Vitale 5,5 (dal 27 s.t. Aurelio s.v.); Baccolo 5,5, Beati 5,5, Frara 5,5; Miramontes 5,5; Artistico 5,5 (dall11 s.t. Fautario 5,5), La Mantia 5 (dal 13 s.t. Bonvissuto 5,5). (Rossini, Cordos, Gori, Manzoni). All. Sabatini 5,5. ARBITRO Coccia di San Benedetto del Tronto 6,5. NOTE paganti 3.019, abbonati 1.140, incasso di 23.214 euro. Ammoniti Guerri, Hanine, Mengoni e Miramontes. Angoli 8-0. GIUDIZIO +++ BARLETTA Ottima la prima per il Barletta che non manca lappuntamento con bel gioco e tre punti. A decidere un gol di Simoncelli, abile a raccogliere lassist di Hanine e a depositare la palla alle spalle di Nordi. Il portiere ospite gi impegnato in avvio: respinta su tiro di Hanine e deviazione su tiro di Mazzeo. Dunque la rete di Simoncelli e biancorossi che continuano ad attaccare. Nella ripresa stesso copione e Barletta sprecone. Il Frosinone non ribatte a dovere lasciando Sicignano inoperoso. Rosario Dimastromatteo

Zampata di Godeas E la Triestina esulta


MARCATORE Godeas al 3 p.t. TRIESTINA (4-3-3) Viotti 7,5; Gissi 6, Thomassen 6,5, Izzo 6,5, Tombesi 6; Rossetti 6, Allegretti 7,5, Princivalli 6; De Vena 6 (dal 28 s.t. Miani s.v.), Godeas 6,5 (dal 25 s.t. Curiale 6), Motta 5,5 (dal 41 s.t. DAgostino s.v.). (Gadignani, DAmbrosio, Mannini, Silvestri). All. Discepoli 7. FERALPI SALO (5-3-2) Branduani 6,5; Bonaccorsi 5,5 (dal 13 s.t. Savoia 6), Camilleri 6 (dal 34 s.t. Maccabiani s.v.), Leonarduzzi 6,5, Blanchard 6, Allievi 6,5 (dal 13 s.t. Bianchetti 6); Muwana 6,5, Sella 6,5, Cortellini 6,5; Tarana 6,5, Tarallo 6. (Gargallo, Fusari, Sala, Castagnetti). All. Rastelli 6,5. NOTE paganti 5.440, abbonati non comunicati, incasso di 13.538 euro. Ammoniti Tombesi, Gissi, Allegretti, Muwana e DAgostino. Angoli 6-7. GIUDIZIO +++ TRIESTE Tre minuti di gioco e la Triestina fa suo il risultato: punizione di Allegretti, pallone che sbatte sul palo pi lontano e poi catturato da Godeas per la deviazione decisiva. Poteva apparire il preambolo di una scorpacciata di gol contro una Feralpi Sal un po emozionata, ma la Triestina, messa in piedi in tre giorni dal d.s. Recchi, si sbriciolata in tentativi neanche pericolosi, mentre gli ospiti con hanno impegnato a fondo Viotti. Grande entusiasmo sugli spalti, con applausi ai nuovi proprietari e a Marco Cernaz. Dante di Ragogna

Blitz del Pergocrema Porto: ko e polemiche


MARCATORE Doudou al 28 p.t. PORTOGRUARO (4-4-2) Bavena 6; Adamo 5, Fedi 5,5 (dal 15 s.t. Regno 5,5), Radi 6, Bognanni 6; Lunati 6, Giacobbe 5 (dal 1 s.t. Coppola 5), Herzan 5, Luppi 6; Della Rocca 5, Cunico 5,5 (dal 1 s.t. Corazza 5). (Mion, Pondaco, D'Amico, De Sena). All. Rastelli 5,5. PERGOCREMA (4-4-2) Concetti 6; Cuomo 6, Doudou 7, Sembroni 6,5, Rizza 6; Rizzo 6 (dal 39 s.t. Mattia s.v.), Romondini 6,5, Angiulli 6, Ricci 6,5; Testardi 6 (dal 46 s.t. Capua s.v.), Guidetti 6,5 (dal 27 s.t. Mammetti 6). (Menegon, Profeta, Trov, Pezzotta). All. Brini 6,5. ARBITRO Rocca di Vibo Valentia 5,5. NOTE paganti 600 circa, abbonati 200 circa, incasso di quasi 7.000 euro. Ammoniti Sembroni, Romondini e Mammetti. Angoli 8-3. GIUDIZIO ++++ PORTOGRUARO (Ve) Colpo di scena: Da oggi io e la mia famiglia non facciamo pi parte del Portogruaro. Il presidente (ex?), Francesco Mio, reagisce cos alla contestazione a fine gara. Molte ombre per il ringiovanito Portogruaro. Costruito solo un mese fa per il cambio ai vertici societari, il Pergocrema (ancora un vero cantiere) punta invece in alto e a giorni attende nuovi rinforzi. Il Porto gioca solo un quarto dora, poi si disunisce. Oltre al gol di Doudou, ospiti pericolosi con Guidetti (palo) e Testardi (traversa). Alberto Francescut

Trapani, che Gambino Il Prato si arrende


MARCATORI Gambino (T) al 30 p.t.; Pisanu (P) al 12, Ficarrotta (T) al 26 s.t. TRAPANI (4-4-2) Castelli 6,5; Priola 6,5, Pagliarulo 7, Filippi 7, Da 6,5; Lo Bue 6,5, Caccetta 7, Pirrone 7 (dal 43 s.t. Provenzano s.v.), Ficarrotta 7; Abate 7, Gambino 8 (dal 39 s.t. Mastrolilli s.v.). (Dolenti, Crimaldi, Coco, Madonia, Cianni). All. Boscaglia 7. PRTO (3-4-2-1) Layeni 7; Patacchiola 6, Serafini 5,5, Lamma 6 (dal 6 s.t. Pisanu 6,5); Varutti 5,5, Sacenti 6, Cavagna 6, Geroni 6 (dal 37 s.t. Gori s.v.); Marongiu 6,5 (dal 6 s.t. Guarisa 5,5), Alberti 6; Pesenti 6. (Morandi, Baresi, De Agostini, Basilico). All. Esposito 6,5. ARBTRO Minelli di Varese 6. NOTE paganti 1.815, abbonati 802, incasso di 22.626 euro. Ammonito Pagliarulo. Angoli 8-2. GIUDIZIO +++ TRAPANI Successo di misura del Trapani ma il punteggio non premia del tutto i meriti dei siciliani che hanno avuto nellitalo-tedesco Gambino luomo in pi. Lex stella del Borussia Dortmund ha illuminato la squadra, ha segnato un gol e solo la bravura di Layeni gli ha impedito il bis. Il raddoppio stato di Ficarrotta, con un tiro deviato nella propria porta da Patacchiola. Il Prato, rinforzato solo gli ultimi giorni di mercato, ancora in rodaggio. Ha sofferto in difesa e a centrocampo. Lingresso di Pisanu ha comunque portato a un gran gol su punizione. Franco Cammarasana

Spreca il Bassano Il Lanciano fa il colpo


MARCATORE Improta al 20 s.t. BASSANO (4-2-3-1) Grillo 6; Lorenzini 6, Scaglia 5,5, Porchia 6, Ghosheh 6 (dal 14 s.t. Ferretti 5,5); Caciagli 6 (dal 21' s.t. Drudi 6), Proietti 6; Bonetto 6,5, Mateos 6, Guariniello 6,5 (dal 37' s.t. Gasparello 6); Longobardi 6. (Poli, Lucca, Maniero, Morosini). All. Jaconi 5,5. LANCIANO (4-3-3) Aridit 6,5; Vastola 6, Massoni 7, Amenta 7, Mammarella 5,5; DAversa 6, Capece 6,5 (dal 46 s.t. Novinic s.v.), Volpe 6; Turchi 6,5 (dal 29 s.t. Zeytulaev s.v.), Pavoletti 6, Improta 7 (dal 37 s.t. Chiric s.v.). (Casadei, Di Filippo, Giusti, Marfisi, Tarquini). All. Gautieri 6. ARBITRO Barbeno di Brescia 6 NOTE spettatori 800 circa, paganti, abbonati e incasso n.c. Ammoniti Caciagli, Bonetto, Improta e Mammarella. Angoli 9-2. GIUDIZIO +++ BASSANO (Vi) La combinazione Turchi-Improta a met ripresa fa a fette la difesa del Bassano e consacra il raid del Lanciano, che fa bottino pieno capitalizzando la migliore delle occasioni, anche se nel finale Pavoletti si divora lo 0-2. Il Bassano mastica amaro: produce di pi, ma sottoporta non fattura nulla. Una sassata di Guariniello dal limite ammortizzata da Aridit al 27, unincornata alta di poco di Mateos (35) e una punizione di Bonetto sventata ancora da Aridit in avvio di ripresa illudono i veneti. Poi, in contropiede fugge Improta ed letale. Vincenzo Pittureri

Jefferson e Montalto E un pareggio giusto


MARCATORI Jefferson (L) al 5 p.t.; Montalto (S) al 23 s.t. LATINA (4-3-3) Martinuzzi 6; Toninelli 6, Cafiero 5,5, Farina 6,5, Maggiolini 6,5; Berardi 6,5, Fossati 6,5, Matute 6; Bab 6,5 (dal 43 s.t. Pagliaroli s.v.), Jefferson 6,5 (dal 10 s.t. Bernardo 6), Tortori 5 (dal 35 s.t. Ricciardi s.v.). (Costantino, Carta, Corsi, Toscano). All. Sanderra 6. SIRACUSA (4-3-3) P. Baiocco 6; Lucenti 6,5, Moi 6,5, Ignoffo 5,5, Pippa 6 (dal 31 s.t. Capocchiano s.v.); D. Baiocco 7, Spinelli 7, Giordano 6; Bongiovanni 5 (dal 1 s.t. Mancosu 6,5), Montalto 7, Longoni 6 (dal 1 s.t. Zizzari 6,5). (Fornoni, Petta, Fernandez, Calabrese). All. Sottil 6. ARBITRO Soricaro di Barletta 6. NOTE paganti 2.737, abbonati 213, incasso di 24.880 euro. Espulso il tecnico Sottil al 49 s.t.; ammoniti Fossati, Moi, Giordano, Lucenti, Pippa e Maggiolini. Angoli 8-4. GIUDIZIO ++++ LATINA Un gol e una clamorosa occasione da rete per parte: il pareggio tra Latina e Siracusa lascia poco spazio alle recriminazioni, anche se i siciliani reclamano un rigore. Parte forte il Latina che al 5 sigla il vantaggio con Jefferson servito da Bab. Tre minuti e il brasiliano potrebbe bissare: bravo Baiocco a respingere sulla traversa. Poi il Siracusa cresce, il pareggio arriva con una punizione di Montalto che a 5 dalla fine prende anche un palo da 30 metri. Vincenzo Abbruzzino

Pioggia a Cremona gara sospesa dopo 7


CREMONA E durata solo sette minuti e mezzo la sfida fra Cremonese e Carrarese. Larbitro Ros ha richiamato le squadre negli spogliatoi dopo avere verificato che la palla non rimbalzava sul terreno di gioco, inzuppato dalla pioggia caduta molto abbondante qualche minuto prima dellinizio della partita. Il direttore di gara uscito di nuovo una decina di minuti pi tardi e ha sospeso il match. Pochi minuti pi tardi uscito il sole e il campo da gioco aveva in pratica assorbito l'acqua. In effetti sembrata troppo precipitosa la decisione dell'arbitro, con il pubblico che ha fischiato sonoramente la sua decisione. La Cremonese, che gioca in posticipo luned sera ad Andria, ha chiesto di recuperare mercoled, ma la Carrarese non si detta daccordo, quindi sar la Lega Pro a fissare la data. Giorgio Barbieri CREMONESE (4-3-3) Alfonso; Semenzato, Minelli, Cremonesi, Favalli; Fietta, Pestrin, Dettori; Nizzetto, Musetti, Samb. (Bianchi, Rigione, Tacchinardi, Riva, Rabito, Bocalon, Le Noci). All. Brevi. CARRARESE (4-4-2) Gazzoli; Bregliano, Benassi, Anzalone, Vannucci; Orlandi, Taddei, Corrent, Ballardini; Cori, Merini. (Nocchi, Bagnai, Piccini, Pasini, Trocar, Conti, Vita). All. Sottili. ARBITRO Ros di Pordenone. NOTE spettatori 1.000 circa, paganti, abbonati e incasso non comunicati. Nessun ammonito. Angoli 0-0.

serie D
1a giornata

GIRONE A
RISULTATI
ACQUI-PRO IMPERIA 3-1 ALBESE-LASCARIS 5-2 ASTI-VILLALVERNIA 1-2 BORGOSESIA-VERBANO 3-3 CARATESE-BOGLIASCO 1-1 CHIAVARI-SANTHI 3-3 CHIERI-NOVESE 1-0 DERTHONA-CANTU' SAN PAOLO 2-0 LAVAGNESE-AQUANERA 1-1 VALLE D'AOSTA-NAVIGLIO TREZZANO 1-3

GIRONE B
CLASSIFICA
Acqui, Naviglio Trezzano, Derthona, Villalvernia e Chieri 3; Borgosesia, Chiavari, Verbano, Aquanera, Bogliasco, Caratese e Lavagnese 1; Albese (-3), Asti, Novese, Pro Imperia, Valle d'Aosta, Cant San Paolo e Lascaris 0; Santhi (-3) -2.

GIRONE C
CLASSIFICA
Darfo, Mapello, Olginatese, Rudianese, Seregno, Voghera, Caronnese e Castiglione 3; AlzanoCene, Fidenza, Carpenedolo e Fiorenzuola 1; Gozzano, Colognese, Pizzighettone, Aurora Seriate, Castellana, Gallaratese, Pontisola e Pro Piacenza 0.

GIRONE D
CLASSIFICA
Porto Tolle, Union Quinto, Itala San Marco, Montebelluna, Tamai, Concordia, Venezia e Mezzocorona 3; Legnago e Sanvitese 1; Sacilese, Sarego, Giorgione, Belluno, Montecchio, Pordenone, SandonaJesolo e San Giorgio 0.

RISULTATI
ALZANOCENE-FIDENZA 4-4 CARONNESE-GOZZANO 3-2 COLOGNESE-CASTIGLIONE 1-2 DARFO-PIZZIGHETTONE 3-1 FIORENZUOLA-CARPENEDOLO 1-1 OLGINATESE-CASTELLANA 2-0 PONTISOLA-MAPELLO 0-2 RUDIANESE-PRO PIACENZA 2-0 SEREGNO-GALLARATESE 2-0 VOGHERA-AURORA SERIATE 2-0

RISULTATI
BELLUNO-TAMAI 1-2 CONCORDIA-GIORGIONE 2-1 ITALA SAN MARCO-PORDENONE 2-1 MEZZOCORONA-SAREGO 1-0 MONTECCHIO-MONTEBELLUNA 1-2 PORTO TOLLE-SAN GIORGIO5-0 SACILESE-VENEZIA 0-1 SANVITESE-LEGNAGO 1-1 UNION-SANDONAJESOLO 2-4

RISULTATI
BAGNOLESE-SESTESE 1-0 CAMAIORE-SAN PAOLO 1-4 CASTELFRANCO-ESTE 0-3 FORLI'-CEREA 1-2 MEZZOLARA-FORCOLI 3-1 PAVULLESE-TUTTOCUOIO 0-0 PISTOIESE-RAVENNA 1-1 ROSIGNANO-VIRTUS VECOMP 0-1 SANTACROCE-LANCIOTTO CAMPI 0-1 VILLAFRANCA-SCANDICCI 0-2

CLASSIFICA
San Paolo, Este, Mezzolara, Scandicci, Cerea, Bagnolese, Lanciotto Campi e Virtus Vecomp 3; Pistoiese, Ravenna, Pavullese e Tuttocuoio 1; Forl, Rosignano, Santacroce, Sestese, Forcoli, Villafranca, Camaiore e Castelfranco 0

Rampulla subito ok Salerno: Mounard 2


La prima giornata esalta le velleit di alcune grandi: il Derthona (A) di Rampulla, il Venezia (C), lArezzo (E), il Salerno (G) con la doppietta di Mounard, il Messina (I). Delude invece il nuovo Cosenza che perde in casa con la matricola Nuvla San Felice. E finisce pari tra Pistoiese e Ravenna (D).

PROSSIMO TURNO 11 settembre 2011, ore 15


Aquanera-Derthona; Bogliasco-Borgosesia; Cant San Paolo-Chieri; Lascaris-Asti; Naviglio Trezzano-Lavagnese; Novese-Albese; Pro Imperia-Caratese; Santhi-Valle d'Aosta; Verbano-Chiavari; Villalvernia-Acqui.

PROSSIMO TURNO 11 settembre 2011, ore 15


Aurora Seriate-AlzanoCene; Carpenedolo-Caronnese; Castellana-Seregno; Castiglione-Darfo; Fidenza-Colognese; Gallaratese-Rudianese; Gozzano-Pontisola; Mapello-Olginatese; Pizzighettone-Fiorenzuola; Pro Piacenza-Voghera.

PROSSIMO TURNO 11 settembre 2011, ore 15


Giorgione-Mezzocorona; Legnago-Itala San Marco; Montebelluna-Union Quinto; Pordenone-Belluno; San Giorgio-Montecchio; SandonaJesolo-Sacilese; Sarego-Porto Tolle; Tamai-Concordia; Venezia-Sanvitese.

PROSSIMO TURNO 11 settembre 2011 ore 15


Cerea-Castelfranco; Este-Villafranca; Forcoli-Camaiore; Lanciotto Campi-Pavullese; Ravenna-Santacroce; San Paolo-Rosignano; Scandicci-Pistoiese; Sestese-Mezzolara; Tuttocuoio-Bagnolese; Virtus Vecomp-Forl.

GIRONE E
RISULTATI
DERUTA-VITERBESE 1-1 FLAMINIA-TRESTINA 0-0 G. CITTA' DI CASTELLO-AREZZO0-4 ORVIETANA-ZAGAROLO 2-2 PONTEDERA-PIERANTONIO 1-1 SANSEPOLCRO-S.TERNI 0-3 SANSOVINO-PONTEVECCHIO 2-4 SPOLETO-PIANESE 3-0 TODI-CASTEL RIGONE 1-2

GIRONE F
CLASSIFICA
Arezzo, Spoleto, Pontevecchio, Sporting Terni, e Castel Rigone 3; Orvietana, Zagarolo, Deruta, Pierantonio, Pontedera, Viterbese, Flaminia e Trestina 1; Sansepolcro, Todi, Sansovino, Pianese e Group Citt di Castello 0

GIRONE G
CLASSIFICA
Vis Pesaro, Ancona, San Nicol, Isernia e Recanatese 3; Riccione, Santegidiese, Atletico Trivento, Civitanovese, Jesina, Luco Canistro, Sambenedettese e Teramo 1; Atessa VdS, Miglianico, Renato Curi, Olympia Agnonese e Real Rimini 0

GIRONE H
CLASSIFICA
0-2 1-1 1-1 0-0 1-2 0-2 1-2 3-1 2-0 Porto Torres, Marino, Salerno, Sora, Monterotondo e Selargius p. 3; Astrea, Atletico Boville, Bacoli, Civitavecchia, Arzachena e Budoni 1; Cynthia, Pomigliano, Sant'Elia, Anziolavinio, Fidene e Palestrina 0.

GIRONE I
CLASSIFICA
1-0 1-2 0-3 1-1 2-0 0-0 3-1 4-1 1-2 Sarnese, Brindisi, Nard, Irsinese, Campania, Francavilla S. e Casarano p. 3; Grottaglie, Real Nocera, Ischia e Martina 1; Casertana, Viribus Unitis, Turris, Gaeta, Internapoli, Cristofaro e Fortis Trani 0.

RISULTATI
ANCONA-RENATO CURI 5-2 ATESSA VDS-ISERNIA 0-1 A. TRIVENTO-SAMBENEDETTESE 1-1 LUCO-JESINA 1-1 OLYMPIA AGNONESE-S. NICOLO' 1-4 RECANATESE-MIGLIANICO 1-0 RICCIONE-SANTEGIDIESE 3-3 TERAMO-CIVITANOVESE 1-1 VIS PESARO-REAL RIMINI 4-0

RISULTATI
ANZIOLAVINIO-SORA ASTREA-CIVITAVECCHIA ATLETICO BOVILLE-BACOLI BUDONI-ARZACHENA CYNTHIA-MONTEROTONDO FIDENE-MARINO POMIGLIANO-SELARGIUS PORTO TORRES-SANT'ELIA SALERNO-PALESTRINA

RISULTATI
CASARANO-TURRIS CASERTANA-FRANCAVILLA S. FORTIS TRANI-BRINDISI GROTTAGLIE-REAL NOCERA IRSINESE-INTERNAPOLI ISCHIA-MARTINA NARDO'-GAETA SARNESE-CRISTOFARO VIRIBUS UNITIS-CAMPANIA

RISULTATI
ACIREALE-SERRE ALBURNI BATTIPAGLIESE-ADRANO COSENZA-NUVLA SAN FELICE HINTERREGGIO-SAMBIASE LICATA-CITTANOVA MARSALA-ACRI MESSINA-NISSA PALAZZOLO-NOTO SANT'ANTONIO A.-V. GRECANICA 0-0 0-0 0-1 2-1 1-2 1-0 1-0 1-0 0-1

CLASSIFICA
Cittanova, Hinterreggio, Marsala, Nuvla San Felice, Palazzolo e Valle Grecanica p. 3; Messina (-1) 2; Acireale, Adrano, Battipagliese e Serre Alburni 1; Licata, Sambiase, Acri, Cosenza, Nissa, Noto e Sant'Antonio Abate 0.

PROSSIMO TURNO 11 settembre 2011 ore 15


Arezzo-Flaminia; Castel Rigone-Spoleto; Pianese-Deruta; Pierantonio-Sansepolcro; Pontevecchio-Group Citt di Castello; Sporting Terni-Orvietana; Trestina-Pontedera; Viterbese-Sansovino; Zagarolo-Todi.

PROSSIMO TURNO 11 settembre 2011 ore 15


Civitanovese-Ancona; Isernia-Teramo; Jesina-Recanatese; Miglianico-Olympia Agnonese; Real Rimini-Luco Canistro; Renato Curi-Riccione; Sambenedettese-Vis Pesaro; San Nicol-Atessa VdS; Santegidiese-Atletico Trivento.

PROSSIMO TURNO domenica 11 settembre, ore 15


Arzachena-Atletico Boville; Bacoli-Astrea; Civitavecchia-Cynthia; Marino-Salerno; Monterotondo-Fidene; Palestrina-Anziolavinio; Sant'Elia-Budoni; Selargius-Porto Torres; Sora-Pomigliano.

PROSSIMO TURNO domenica 11 settembre, ore 15


Brindisi-Sarnese; Campania-Ischia; Cristofaro-Casertana; Francavilla S.-Grottaglie; Gaeta-Viribus Unitis; Internapoli-Fortis Trani; Martina-Irsinese; Real Nocera-Casarano; Turris-Nard.

PROSSIMO TURNO domenica 11 settembre, ore 15


Acri-Messina; Adrano-Sant'Antonio Abate; Cittanova-Battipagliese; Nissa-Cosenza; Noto-Marsala; Nuvla San Felice-Licata; Sambiase-Palazzolo; Serre Alburni-Hinterreggio; Valle Grecanica-Acireale.

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

27

SECONDA DIVISIONE 1a GIORNATA


girone A
ALESSANDRIA RENATE 2 1 CASALE SAN MARINO 4 3

girone B

NORMANNA PERUGIA

2 1

PAGANESE CELANO

2 0

LAlessandria vince con rabbia Brividi a Casale: ci pensa Taddei


LAlessandria butta sul campo la rabbia per la bocciatura nei tribunali (contro la retrocessione per il calcioscommesse resta solo lappello al Tar del Lazio) e vince in rimonta contro il Renate. Emozioni ancora pi forti nella vicina Casale: grande protagonista Riccardo Taddei con tre reti (una dalla bandierina, con deviazione di un difensore). Il risultato pi sorprendente la vittoria della matricola Santarcangelo sul campo della Pro Patria. Steccano alcune favorite: lEntella cade col Bellaria, il Mantova da 3-1 si fa prendere sul 3-3 e il Cuneo si fa raggiungere dallaltra neopromossa Borgo a Buggiano. Di lusso anche il 3-0 di presentazione del Rimini. RIMINI SAMBONIFACESE 3 0 PRO PATRIA SANTARCANGELO 0 3

GIUDIZIO +++ MARCATORI Gaeta (R) al 10, Cuneaz (A) al 27 p.t.; Degano (A) al 45 s.t. ALESSANDRIA (4-2-3-1) Servili 6; Ciancio 6, Viviani 6, Cammaroto 6, Barbagli 6; Segarelli 6,5, Roselli 6 (dal 16 s.t. Menassi 6); Cuneaz 6 (dal 31 s.t. Simeoni 6), Fanucchi 6 (dal 25 s.t. Artico 6,5), Degano 6; Martini 6. (De Marco, Miceli, Ghinassi, Pandiani). All. De Petrillo 6. RENATE (4-3-3) Lenzi 7; Adobati 6, Cortinovis 6, Bergamini 5,5, Gavazzi 6; Gualdi 5,5, Cavalli 6,5, Mastrototaro 6 (dall11 s.t. Mantovani 6); Mazzini 6,5, Battaglino 6 (dal 34 s.t. Ferrari 6), Gaeta 6 (dal 27 s.t. Mangiarotti 6). (Borroni, Cerea, Capogna, Ghezzi). All. Magoni 6. ARBITRO Petroni di Roma 5. NOTE spettatori 700 circa, incasso di 11.277 euro. Espulso Bergamini al 33 s.t.; ammoniti Roselli, Cuneaz, Menassi, Adobati, Cortinovis, Cavalli e Bergamini. Angoli 7-6. (n.p.)

GIUDIZIO ++++ MARCATORI Taddei (C) al 3 e all11, Villanova (SM) al 14, Taddei (C) al 21, Amantini (SM) al 26, Iannini (C) al 29 p.t.; Lapadula (SM) al 5 s.t. CASALE (4-2-3-1) Adornato 6,5; Garrone 5,5, Gonnella 5,5, Vignati 5,5, Naglieri 6; Iannini 6,5, Gambadori 7; Siega 7,5, Taddei 8 (dal 45 s.t. Lillo s.v.), Rodriguez 6,5 (dal 13 s.t. Capellupo 6,5); Curcio 6,5 (dal 19 s.t. Crocetti 5,5). (Pomat, Ciccomascolo, Granata, Agnesina). All. Buglio 6,5. SAN MARINO (4-4-2) Russo 5; Sorbera 5,5 (dal 32 s.t. Pelagatti 6), Fogacci 5, Ferrero 5, De Santis 5; Villanova 6 (dal 10 s.t. Casolla 6), Amantini 6, Loiodice 6, Poletti 6,5; Chiaretti 5,5 (dal 12 s.t. D'Antoni 5,5), Lapadula 6,5. (Migani, Del Duca, Scicchitano, Crivello). All. Petrone 6. ARB. Olivieri di Palermo 5,5. NOTE spettatori 600, incasso di 3.000 euro. Espulsi Fogacci 34 s.t. e Del Duca 39 s.t.; ammoniti Rodriguez, Ferrero, Villanova e Sorbera. Angoli 6-3. (g.m.)

Che Normanna: cade il Perugia Fioretti super nel Gavorrano


Stecca la prima il favorito Perugia, che sul campo della Normanna incassa la prima sconfitta. Partono bene invece altre candidate alla promozione come la Paganese e il Cheiti, che non hanno fallito sul loro campo. Spicca anche il Gavorrano, con un Fioretti in grande spolvero: le sue tre reti hanno rovinato il debutto dellEbolitana. Di misura invece i successi conquistati da Giulianova e Vigor Lamezia. Ciccio Cozza debutta in panchina portando il suo Catanzaro a pareggiare a Melfi. La gioia per la vittoria del Neapolis sfuma in extremis, visto il pareggio ottenuto dalla Vibonese al 3 di recupero. CHIETI MILAZZO 1 0 GAVORRANO EBOLITANA 3 1

MARCATORI Varriale (N) al 13, Castaldo (N) al 39, Clemente (P) su rigore al 42 p.t. NORMANNA (4-4-2) Gragnaniello 7; Diana 6, Castaldo 6,5, Campanella 6, Letizia 6,5; Petagine 6 (dal 3 s.t. Marano 6), Zolfo 6,5, Marzocchi 6,5, Varsi 6 (dal 35 p.t. Monda 5,5; dal 13 s.t. Sorrentino 6); Longobardi 6, Varriale 6,5. (Russo, Mattera, Piccirillo, Pisani). All. Romaniello 6,5. PERUGIA (4-4-2) Despucches 6; Anania 6, Russo 5,5, Borghetti 5,5, Pupeschi 5,5 (dal 1 s.t. Moneti 5,5); Ferri Marini 6,5, Carloto 5,5 (dal 10 s.t. Benedetti 6), Borghese 6, Zanchi 6,5; Gucci 6 (dal 20 s.t. Padovani 5,5), Clemente 6,5. (Giordano, Curti, Mocarelli, Luchini). All. Battistini 5,5. ARBITRO Aloisi di Avezzano 6. NOTE spettatori 1.000 circa, incasso nc. Amm. Diana, Campanella, Monda, Pupeschi, Clemente, Castaldo, Clemente, Gragnaniello, Russo, Zolfo e Borghese. Angoli 1-5. (g.ar.)

GIUDIZIO +++ MARCATORI L. Orlando al 3, Fava al 41 s.t. PAGANESE (4-4-2) Petrocco 7; Balzano 6, Fusco 6,5, Rinaldi 5,5, Errico 6; Galizia 6, Russo 6 (dal 6 s.t. Tricarico 6), Acoglanis 6, Neglia 6 (da 16 s.t. Siciliano 6); Fava 6, L. Orlando 6,5 (dal 25 s.t. Scarpa 6,5). (Robertiello, Loiacono, Sicignano, Giglio). All. Grassadonia 6. CELANO (4-3-3) Liverani 5,5; Bruno 6, Bianciardi 6, Bagaglini 6, Granaiola 6; Gentile 6,5, Pacella 6 (dal 34 s.t. Dema s.v.), Barbetti 6 (dal 12 s.t. Mascioli 6); Franchi 5,5 (dal 17 s.t. Luzi 6), Sciamanna 5,5, Croce 5,5. (Agostini, Furno, Amadio, Sabatini). All. Facciolo 6. ARBITRO De Meo di Foggia 6,5. NOTE spettatori 1.500 circa, incasso non comunicato. Ammoniti Errico e Bruno. Angoli 6-1. (a.c.)

MANTOVA GIACOMENSE

3 3

SAVONA MONTICHIARI

1 0

GIULIANOVA APRILIA

1 0

VIGOR LAMEZIA FANO

1 0

GIUDIZIO +++ MARCATORI autorete di Viskovic al 45 p.t.; Valeriani al 25, Baldazzi al 38 s.t. RIMINI (4-4-2) Scotti 6; Palazzi 6,5 (dal 1 s.t. Rosini 6,5), Mastronicola 6, G.L. Zanetti 6,5, Vittori 6; Spighi 7,5 (dal 32 s.t. Cardinale s.v.), Valeriani 8, M. Brighi 6,5 (dal 22 s.t. Onescu 6), Gasperoni 6,5; Buonocunto 6,5, Baldazzi 7. (Gualtieri, A. Brighi, Monac, Zanigni). All. DAngelo 7. SAMBONIFACESE (4-4-2) Bonato 6,5; Moretto 5, Dal Degan 5,5, Orfei 5,5, Viskovic 5 (dal 10 s.t. Ruggeri 5); Caldana 5,5, Tecchio 5 (dal 27 s.t. Faccini 5), Creati 6, Montagnani 5,5; Brighenti 5,5, N. Zanetti 6. (Nardoni, Caraceni, Carlini, Marianeschi, Finotto). All. Carnovelli 5,5. ARBITRO Onorato di Isernia 7. NOTE spettatori 1.500 circa, incasso non comunicato. Ammoniti Viskovic, Mastronicola, Brighenti, Baldazzi, Creati e Moretto. Angoli 7-7. (g.b.)

GIUDIZIO +++ MARCATORI Bezzi al 28, Ferri al 38 p.t.; Graziani al 39 s.t. PRO PATRIA (4-3-1-2) Frasca 6; Gambaretti 5,5 (dal 34 s.t. Artania s.v.), Nossa 5, Polverini 5,5, Pantano 5,5; Siano 5,5 (dal 1 s.t. Dalla Costa 6), Cortesi 5,5, Mora 5,5; Bruccini 5,5; Serafini 5,5, Cozzolino 6. (Andreoletti, Calandra, Botturi, Taino, Ghidoli). All. Cusatis 5. SANTARCANGELO (4-3-1-2) Nardi 6; Fabbri 6, Cola s.v. (dall11 p.t. Bezzi 6,5), Gregorio 5,5, Locatelli 6; Baldinini 6, Obeng 6,5, Del Pivo 6; Bazzi 6; Ferri 6,5 (dal 15 s.t. Tonelli 5,5), Graziani 6,5. (Andreani, Caidi, Bacchiocchi, Lodovisi, Gavoci). All. Angelini 7. ARBITRO Formato di Benevento 5,5. NOTE spettatori 1.200 circa, incasso di quasi 11.000 euro. Espulso Cortesi al 23 s.t.; ammoniti Fabbri, Gambaretti e Cortesi. Angoli 5-5. (a.r.)

GIUDIZIO ++++ MARCATORI Spinale (M) al 4, Sirri (G) al 7, Del Sante (M) al 13 e al 16, Tabanelli (G) al 40 p.t.; Dal Rio (G) al 44 s.t. MANTOVA (4-3-3) Bellodi 6; Bertin 6, Girelli 5,5, Zaninelli 5,5, Albanese 6 (dal 34 s.t. Cinque 6); Spinale 6,5, Pettarin 6, Bersi 6; Colonetti 6 (dal 10 s.t. Vignali 6), Del Sante 7,5, Franchi 6,5 (dal 26 s.t. Caruso 5). (Portesi, Maschio, Nohman, G. Graziani). All. A. Graziani 6. GIACOMENSE (4-5-1) Pavanello 6; Scaioli 6,5, Minardi 5,5 (dal 18 s.t. Dal Rio 6,5), Sirri 6,5, Parenti 6; Paci 6 (dal 40 s.t. Ferrara s.v.), Caciagli 6, Vagnati 5,5, Tanaglia 6, Tabanelli 7 (dal 29 s.t. Lamenza s.v.); Staffolani 6,5. (Poluzzi, De March, Cenerini, Ortolan). All. Gadda 6,5. ARBITRO DAngelo di Ascoli Piceno 6. NOTE spettatori 2.500 circa, incasso di 17.107 euro. Ammoniti Bersi, Del Sante e Parenti. Angoli 1-2. (m.b.)

GIUDIZIO +++ MARCATORE Amirante al 33 p.t. SAVONA (4-4-2) Aresti 6,5; Praino 6,5, Bellotti 6, Marconi 7, Materazzo 6,5 (dal 26 s.t. Giorgione 6); Demartis 7, Buglio 6,5, Mazzotti 6,5, Pellini 6,5 (dal 4 s.t. Garin 6); Amirante 7 (dal 46 p.t. Bottiglieri 6,5), Rossi 6,5. (Giaretti, Antonelli, Cazzamalli, Mezgour). All. Corda 6. MONTICHIARI (4-4-2) Polizzi 7; Verdi 6, Bettenzana 6, Antoniacci 6, Zambelli 6 (dal 16 s.t. Filippini 6); Muchetti 6,5, Filiciotto 6, Del Padrone 6 (dal 16 s.t. Sogliuzzo 5,5), Saleri 5,5 (dal 28 s.t. Mastroianni 6); Murano 6, Dimas 6. (Plebani, Stefani, Ruta, Di Nardo). All. Ottoni 6. ARBITRO Giovani di Grosseto 5,5. NOTE spett. 700 circa, inc. di 2.800 euro. Espulsi il tecnico Corda 42 p.t. e Rossi 44 s.t.; amm. Bettenzana, Zambelli, Buglio, Aresti, Mazzotti, Materazzo, Dimas. Ang. 9-5. (o.s.)

GIUDIZIO +++ MARCATORE Berardino al 31 s.t. CHIETI (4-2-3-1) Feola 6; Bigoni 6, Serpico 6,5, A. Pepe 6, Petroni 6; Del Pinto 6 (dal 17 s.t. Cardinali 6), Sabbatini 6 (dal 12 s.t. Villa 6); N. Fiore 6,5, Berardino 7, Gammone 6; Rosa 6,5. (DEttorre, Gialloreto, Torsellini, Rossi, Anastasi). All. Paolucci 6,5. MILAZZO (4-2-3-1) Pergamena 6; NZe 6, F. Pepe 6, Benci 6, Quintoni 5,5; Cuomo 6, Bucolo 6; Mangiacasale 5,5, M. Fiore 6,5 (dal 26 s.t. Malafronte 6), Proietti 6,5 (dal 39 s.t. Parach s.v.); Spilabotte 5,5 (dal 21 s.t. Scalzone 6). (Croce, Cucinotta, Ingemi, Simonetti). All. Amura 6. ARBITRO Morreale di Roma 6. NOTE spettatori 1.000 circa, incasso non comunicato. Ammoniti M. Fiore, Del Pinto, Benci e Cardinali. Angoli 3-6. (g.l.)

GIUDIZIO +++ MARCATORI Fioretti (G) al 24 e al 28 p.t.; Fioretti (G) su rigore al 4, Palumbo (E) su rigore al 15 s.t. GAVORRANO (4-3-1-2) Addario 6; Sgambato 6, Miano 6,5, Dascoli 6,5, Nencioli 6; Manzo 6,5, Galbiati 6,5, Nicoletti 6; Rosati 7 (dal 27 s.t. Lo Sicco 6,5); Fioretti 8, Pulina 6,5 (dal 22 s.t. Nocciolini 6,5). (Santandrea, Alderotti, Menichetti, Frangioni, Masini). All. Pagliuca 7. EBOLITANA (3-4-1-2) Zotti 6; Servi 5,5, De Pascale 6 (dal 16 s.t. Gerolino 5,5), Astarita 5,5; Esposito 6,5, Toscano 6, Sekkoum 6 (dal 7 s.t. Perrino 5,5), Albano 6; Izzo 6,5; Broso 6 (dal 9 s.t. Palumbo 6), Pignatta 6. (Longo, Venneri, Capasso, Angi). All. Pepe 6. ARBITRO Valente di Roma 5. NOTE spettatori 250 circa, incasso di 1.293 euro. Espulso il tecnico Pagliuca al 16 s.t.; amm. Sgambato, Manzo, Nencioli, Toscano, Servi, Fioretti e Miano. Angoli 3-1. (m.c.)

GIUDIZIO +++ MARCATORE DAniello su rigore al 25 s.t. GIULIANOVA (4-3-1-2) Merletti 6; Cavasinni 6, Terrenzio 7, Zoppetti 6,5, Testoni 6; Bont 5,5 (dal 20 s.t. Di Michele 6), DAniello 6, DAlessandro 5,5; Valori 5,5; Morga 5,5 (dal 32 s.t. Pirelli s.v.), Carbonaro 6,5 (dal 38 s.t. Khoris s.v.). (Di Giovannantonio, Palandrani, Recchiuti, Picone). All. De Patre 6. APRILIA (4-4-2) Bifulco 6,5; V. Esposito 6 (dal 30 s.t. Calderini s.v.), Aquino 6,5, G. Esposito 5, Carta 5,5; Buonaiuto (dal 30 s.t. Di Libero s.v.), Salese 6, Croce 5,5, Siclari 5,5; Ceccarelli 6 (dal 18 s.t. Branicki 5,5), Foderaro 6. (Rizzardi, Gomes, Crialese, Criaco). All. Vivarini 6. ARBITRO Ceccarelli di Terni 5,5. NOTE spettatori 800 circa, incasso di 3.735 euro. Espulsi il tecnico De Patre al 27 p.t. e DAlessandro al 38 s.t.; amm. DAniello, Croce, Valori, Carbonaro e Carta. Angoli 4-2. (g.a.)

GIUDIZIO +++ MARCATORE Mancosu al 36 p.t. VIGOR LAMEZIA (4-2-3-1) Forte 5,5; Cane 6, Sinicropi 6,5, Marchetti 6,5, Bonasia 6; Giuffrida 6,5 (dal 23 s.t. Visone 6), Cerchia 7; Rondinelli 6,5, Mangiapane 6,5 (dal 38 s.t. Erbini s.v.), Mancosu 7,5 (dal 48 s.t. Sbravati s.v.); De Luca 6,5. (Calderoni, Mercurio, Lattanzio, Romero). All. Costantino 6,5. FANO (4-4-2) Orlandi 6,5; Misin 5,5 (dal 39 s.t. Angelelli s.v.), Antonioli 6, Cossu 5,5, Amaranti 6; Ruscio 6, Zebi 5,5, Forabosco 6 (dal 4 s.t. Raparo 7), Colambretti 6; Marolda 6 (dal 35 s.t. Tittarelli s.v.), Morante 6. (Beni, Sassaroli, Bertolucci, Di Stefano). All. Gaudenzi 6. ARBITRO Melidoni di Frattamaggiore 6,5. NOTE spettatori 1.000 circa, incasso di 4.650 euro. Ammoniti Rondinelli, De Luca, Giuffrida e Ruscio. Angoli 3-5. (f.c.)

POGGIBONSI TREVISO

2 2

CUNEO BORGO A BUGGIANO

1 1

BELLARIA ENTELLA

2 1

LECCO VALENZANA

0 0

NEAPOLIS VIBONESE

2 2

MELFI CATANZARO

0 0

FONDI ARZANESE

2 2

LAQUILA CAMPOBASSO

0 0

GIUDIZIO +++ MARCATORI Falomi (P) su rigore al 18 p.t.; Perna (T) su rigore al 4, Ferretti (T) al 24, Dierna (P) al 46 s.t. POGGIBONSI (4-3-3) Sportiello 6; Mugnaini 5,5 (dal 38 s.t. Giunchi s.v.), Dierna 6, Cirina 6, Bronchi 5,5; Boldrini 6,5, El Kamch 6,5, Zane 6 (dal 27 s.t. Bigeschi 6); Settembrini 6,5, Falomi 6, Romanelli 5,5 (dal 20 s.t. Pera 6). (Gori, Cutrupi, Moscarino, Dal Poggetto). All. Fraschetti 6. TREVISO (4-3-3) Sartorello 6; Cernuto 5,5, Biagini 6, Di Girolamo 5,5, Beccia 6; Bandiera 6,5, Giorico 6 (dal 25 s.t. Brunetti 5,5), Malacarne 6; Gallon 5,5 (dal 15 s.t. Madiotto 6), Perna 6, Ferretti 6,5 (dal 42 s.t. Stendardo s.v.). (Zattin, Cherillo, Paoli, Torromino). All. Zanin 6. ARBITRO Taioli di Cesena 5,5. NOTE spett. 500, incasso nc. Amm. El Kamch, Bronchi, Biagini, Di Girolamo, Beccia e Bandiera. Angoli 7-2. (e.p.)

GIUDIZIO +++ MARCATORI Ingari (C) su rigore al 15 p.t.; Paganelli (BaB) su rigore al 41 s.t. CUNEO (4-3-1-2) Pascarella 5,5; Passer 5,5, Carretto 6,5, Cintoi 6, Morabito 6 (dal 25 s.t. Ferri 6); Cristini 6, Longhi 6, Gentile 6; Garavelli 6 (dal 17 s.t. Di Quinzio 5,5); Fantini 5,5 (dal 38 s.t. Varricchio s.v.), Ingari 6. (Negretti, Donida, Borettaz, Galfr). All. Rossi 6. BORGO A BUGGIANO (4-4-2) Grandi 7; Tafi 6, Castaldo 6,5, Settepassi 5,5, Crociani 6; Di Martino 5,5 (dal 17 s.t. Re 6), Corsi 6, Maretti 6, Lorenzini 6 (dal 1 s.t. Ricupa 6); Paganelli 6,5, Di Crescenzo 5,5 (dal 1 s.t. Stella 6). (Strambi, Checchi, Mugelli, Gialdini). All. Colonnello 6. ARBITRO Tardino di Milano 5.5. NOTE spettatori 800 circa, incasso di 2.130 euro. Ammoniti Pascarella, Morabito, Longhi e Ricupa. Angoli 6-3. (m.l.)

GIUDIZIO +++ MARCATORI Sonzogni (B) al 15, De Cenco (B) al 30 p.t.; Falcier (E) al 15 s.t. BELLARIA (4-3-1-2) Venturi 6,5; Luppi 6 (dal 19 s.t. Briglia 6), Fantini 6, Bamonte 6, Sonzogni 6,5; Forte 6,5 (dal 10 s.t. Martinelli 6), Mariani 6, Rolandone 6 (dal 37 s.t. Fioretti s.v.); Scarponi 6,5; De Cenco 6,5, Turchetta 6. (Renna, De Luca, Morena, Alberani). All. Campedelli 6,5. ENTELLA (4-4-2) Otranto 5; Falcier 6, Villagatti 5,5, Bertoli 5,5, Fantoni 6 (dal 29 s.t. Serlini 6); Staiti 6,5, Favret 6 (dal 1 s.t. Volpe 5,5), Hamlili 6, Ciarci 6 (dal 1 s.t. Lazzaro 6); Rosso 6,5, Lenzoni 6. (Mosca, Zampano, Talignani, Russo). All. Prina 6. ARBITRO Paolini di Ascoli Piceno 6. NOTE spettatori 300 circa, incasso non comunicato. Ammoniti Forte, Villagatti, Luppi e Volpe. Angoli 4-6. (a.p.)

GIUDIZIO ++ LECCO (4-3-1-2) Durandi 5; Tabbiani 6,5, Marietti 6, Ischia 6, Maiese 6; Castelnuovo 6,5, Gatti 7 (dal 29 s.t. Mattaboni 6), Galli 6; Viviani 6 (dal 14 s.t. Castagna 6); Temelin 5,5, Fabbro 6. (Perucchini, Caforio, Esposito, Pizzuti, Suriano). All. Magni-Delpiano 6. VALENZANA (4-4-2) Serena 6,5; Borselli 6 (dal 18 s.t. Chiazzolino 6), Lorusso 6, Serao 7, Blondet 5; Pagani 6 (dal 10 s.t. Forino 5,5), Righini 6,5, Montanari 6, Cappellini 5,5 (dal 22 s.t. Franciosi 5); Prandi 6, Miracoli 5,5. (Stillo, Crescente, Uggeri, Alteri). All. Rossi 6. ARBITRO Chiffi di Padova 5. NOTE spettatori 1.000 circa, incasso di 6.816,50 euro. Ammoniti Blondet, Righini e Castagna. Angoli 10-4. (m.v.)

GIUDIZIO +++ MARCATORI Pellecchia (N) al 1, Doukara (V) al 22 p.t.; De Falco (N) al 1, Puntoriere (V) al 48 s.t. NEAPOLIS (4-4-2) Ambrosio 5; A. Oliva 6, Polverino 5, Daleno 5, Esposito 5; Allocca 6, Bonanno 6, Monticelli 6, Varriale 6 (dal 14 s.t. Moxedano 5); Pellecchia 7 (dal 46 s.t. Chiaria s.v.), De Falco 6,5 (dal 42 s.t. Foggia s.v.). (Errichiello, Terracciano, Cancelli, Barone). All. Castellucci 5. VIBONESE (3-4-3) De Filippis 7; Mazzetto 6, DAgostino 6, Salvatori 6; Cosenza 6, Caridi 5, De Francesco 5 (dal 13 s.t. Puntoriere 7), Corapi 5; Doukara 7, Borghetto 5 (dal 40 s.t. Dominici s.v.), Saturno 5 (dal 31 s.t. Petrucci 6). (Sara, M. Oliva, Mercuri, Cosentino). All. Ferrante 6,5. ARBITRO Martinelli di Roma 6. NOTE spettatori 1.000 circa, incasso nc. Ammoniti A. Oliva, Esposito, Moxedano e DAgostino. Angoli 4-1. (a.v.)

GIUDIZIO ++ MELFI (4-4-2) Scuffia 6; Franchino 6, Moretto 6, Gennari 6, Spirito 6; Tirelli 6, Muratore 6, Viola 6, Bertocchi 5,5 (dal 19 s.t. Ambrogetti 5); Lionetti 5,5 (dal 1 s.t. Scarsella 6), Spagna 6 (dal 16 s.t. Cibele 5,5). (Della Luna, Dermaku, Russo, Simeri). All. Rodolfi 6. CATANZARO (3-4-3) Mengoni 6; Mariotti 6, Accursi 6, Ricciardi 6; Romeo 5,5 (dal 1 s.t. Narducci 5,5), Maita 6 (dal 9 s.t. Basile 5,5), Corso 6, Squillace 5,5; Esposito 6 (dal 16 s.t. Ferrara 5,5), Bruzzese 6, Carboni 6. (Scerbo, Ioppolo, Gigliotti, Soudant). All. Cozza 6. ARBITRO Strocchia di Nola 6. NOTE spettatori 500 circa, incasso non comunicato. Ammoniti Muratore, Spagna, Squillace, Maita e Bruzzese. Angoli 4-8. (g.t.)

GIUDIZIO ++++ MARCATORI Sandomenico (A) all8 p.t.; Carotenuto (A) al 5, Bernasconi (F) al 32 e al 40 s.t. FONDI (4-3-1-2) Gasparri 6; Pacini 6, Palumbo 6,5, Gigli 7, Bennardo 5,5 (dal 25 s.t. Iovinella 6); Vaccaro 5, Tamasi 5 (dal 29 s.t. Rossini 6,5), Alleruzzo 6,5; Finocchiaro 6 (dall8 s.t. Konate 7); Ricciardo 6, Bernasconi 7,5. (Mezzacapo, Dionisio, Castiello, Chiarini). All. Parisella 6. ARZANESE (4-4-2) Fiory 6; Castellano 5,5 (dal 25 s.t. Tommasini 5,5), Salvati 5,5, Imparato 6, Esposito 6; Sandomenico 7, Manzo 5,5, Tarascio 6, Gori 5,5 (dal 13 s.t. Improta 5); Incoronato 6 (dal 27 s.t. Flagiello 5,5), Carotenuto 6,5. (Parisi, Caldore, Perna, Mascolo). All. Fabiano 6,5. ARBITRO Ghersini di Genova 6. NOTE spettatori 500 circa, incasso non comunicato. Ammoniti Ricciardo, Improta, Manzo e Salvati. Angoli 12-3. (a.m.)

GIUDIZIO ++ LAQUILA (4-2-3-1) Testa 6; Simoncini 6,5, Garaffoni 6, Ruggiero 6, Blaiotta 6; Carcione 6, Agnello 6; Cunzi 5,5 (dal 39 s.t. Pianese s.v.), Capparella 5,5 (dal 33 s.t. Perfetti 6), Piccioni 6,5; Improta 5,5. (Modesti, Prizio, Campinoti, Pietrella, Battistelli). All. Ianni 6. CAMPOBASSO (4-3-3) Iuliano 6; Modica 6, Scudieri 6, Altobello 6, Esposito 6; Forgione 5,5, Quadri 6, Cenciarelli 6 (dal 13 s.t. Triarico 6); Giannattasio 5,5, Balistreri 5,5 (dal 31 s.t. Todino s.v.), DAnna 6,5 (dal 43 s.t. Masullo s.v.). (Falcone, Capitani, Fatticcioni, Cirillo). All. Provenza 6. ARBITRO Monaco di Tivoli 6. NOTE spettatori 1.400 circa, incasso di quasi 8.200 euro. Ammoniti Esposito, Altobello, Carcione e DAnna. Angoli 7-5. (a.f.)

girone A
CLASSIFICA
SQUADRE RIMINI CASALE ALESSANDRIA BELLARIA SAVONA GIACOMENSE MANTOVA POGGIBONSI TREVISO CUNEO LECCO VALENZANA SAN MARINO ENTELLA RENATE MONTICHIARI PT PARTITE RETI G V N P F S 3 1 1 0 0 3 0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 3 0 0 0 4 3 0 0 2 0 0 2 0 0 1 1 1 0 3 3 3 3 1 1 1 1 1 1 1 0 0 0 0

girone B
RISULTATI
ALESSANDRIA-RENATE BELLARIA-ENTELLA CASALE-SAN MARINO CUNEO-BORGO A BUGGIANO LECCO-VALENZANA MANTOVA-GIACOMENSE POGGIBONSI-TREVISO PRO PATRIA-SANTARCANGELO RIMINI-SAMBONIFACESE SAVONA-MONTICHIARI 2-1 2-1 4-3 1-1 0-0 3-3 2-2 0-3 3-0 1-0

PROMOZIONI

CLASSIFICA
SQUADRE GAVORRANO PAGANESE NORMANNA CHIETI GIULIANOVA VIGOR LAMEZIA ARZANESE FONDI NEAPOLIS VIBONESE CAMPOBASSO CATANZARO L'AQUILA MELFI ISOLA LIRI PERUGIA APRILIA FANO MILAZZO EBOLITANA CELANO PT PARTITE RETI G V N P F S 3 1 1 0 0 3 1 3 3 3 3 3 1 1 1 1 1 1 1 1 0 0 0 0 0 0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 2 0 0 0 2 0 0 0 0 0 0 1 1 1 1 0 0 0

RISULTATI
CHIETI-MILAZZO FONDI-ARZANESE GAVORRANO-EBOLITANA GIULIANOVA-APRILIA LAQUILA-CAMPOBASSO MELFI-CATANZARO NEAPOLIS-VIBONESE NORMANNA-PERUGIA PAGANESE-CELANO VIGOR LAMEZIA-FANO Ha riposato ISOLA LIRI 1-0 2-2 3-1 1-0 0-0 0-0 2-2 2-1 2-0 1-0

RETROCESSIONI

SANTARCANGELO 3

Salgono in Prima tre squadre per ogni girone


Con due soli gironi (fino alla stagione scorsa erano tre), cambia il meccanismo delle promozioni dalla Seconda alla Prima divisione, che devono sempre essere sei per pareggiare le retrocessioni. Salgono direttamente le prime due classificate dei rispettivi gironi, pi le due vincenti dei playoff. Questanno agli spareggi promozione sono ammessi terza, quarta, quinta sesta: lo svolgimento il solito, con semifinali e finali (sempre con andata e ritorno).

In D vanno in 9 Nuova formula per i playout


Dalla Seconda divisione scendono in Serie D 9 squadre: direttamente le ultime tre dei due gironi (sei in totale), le altre tre dopo i nuovi playout. Agli spareggi salvezza partecipano quartultima e quintultima di ogni girone: nella prima sfida (andata e ritorno, solita formula) chi perde retrocede. Le due vincenti si affrontano per evitare lultima retrocessione: si sorteggia chi gioca in casa landata e dopo il ritorno in caso di parit si va ai rigori (regolamento delle coppe europee).

1 0 3 3 1 0 3 3 1 0 2 2 1 0 2 2 1 0 1 0 1 1 1 1

PROSSIMO TURNO
DOMENICA 11/09/2011 BORGO A BUGGIANO-RIMINI ENTELLA-LECCO GIACOMENSE-CUNEO MONTICHIARI-POGGIBONSI RENATE-PRO PATRIA SAMBONIFACESE-CASALE SAN MARINO-MANTOVA SANTARCANGELO-ALESSANDRIA TREVISO-SAVONA VALENZANA-BELLARIA

1 0 2 2 1 0 2 2 1 0 2 2 1 0 2 2 1 0 0 0 1 0 0 0 1 0 0 0 1 0 0 0 1 0 0 0 1 2 1 1 1 3

PROSSIMO TURNO
DOMENICA 11/09/2011 ARZANESE-GAVORRANO CAMPOBASSO-GIULIANOVA CATANZARO-NEAPOLIS CELANO-VIGOR LAMEZIA EBOLITANA-L'AQUILA FANO-MELFI ISOLA LIRI-NORMANNA MILAZZO-PAGANESE PERUGIA-CHIETI VIBONESE-FONDI Riposa APRILIA

BORGO A BUGGIANO 1

1 0 0 0 1 0 0 0 3 4 1 1 0 2 2 1

0 0 0 0 0 0 0 0 0 1 0 0 1 0 0 1 0 0 1 0 0 1 0 0 1

0 0 1 0 0 1 0 0 1 0 0 1 0 0 1 0 0 1

MARCATORI
3 RETI Taddei (Casale). 2 RETI Del Sante (Mantova). 1 RETE 26 giocatori.

MARCATORI
3 RETI Fioretti (1, Gavorrano). 2 RETI Bernasconi (Fondi). 1 RETE 15 giocatori.

SAMBONIFACESE 0

0 3 0 3

PRO PATRIA (-1) -1 1

0 2

U PROMOSSE U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSE

U PROMOSSE U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSE

28

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

MOTOMONDIALE GP SAN MARINO E RIVIERA DI RIMINI


FESTA SPAGNOLA A MISANO ADRIATICO

Che lezione!
Lorenzo, gara perfetta Stoner finisce terzo distrutto dalla fatica
Il campione domina, poi viene fischiato da presunti tifosi Si rivede Rossi (7o): nella fase iniziale lotta a ridosso dei primi
DAL NOSTRO INVIATO

Jorge Lorenzo, 24 anni, esulta per il successo a Misano: si tratta della 38a vittoria in carriera
REUTERS-LAPRESSE

FILIPPO FALSAPERLA MISANO ADRIATICO (Rimini)

Dobbiamo un ringraziamento e delle scuse a Jorge Lorenzo. Lo spagnolo va ringraziato perch, oltre a fornire una straordinaria dimostrazione di forza e grinta, vincendo, ha portato sul podio Wayne Rainey che proprio su questa pista 18 anni fa vide stroncata la carriera e stravolta la vita da un drammatico schianto. Wayne ha superato lo shock di questo viaggio a ritroso nelle proprie emozioni ed stato ripagato da un podio allora negato (era in testa quando cadde). A Jorge, come detto, dobbiamo anche delle scuse per i soliti cori beceri, di fantomatici tifosi di Valentino Rossi (questultimo ha stigmatizzato lepisodio) incapaci di coniugare passione e rispetto per lavversario. Stiano volentieri a casa, la prossima volta, non ne sentiremo la mancanza.
Allungo A Lorenzo serviva

Honda non d ordini di squadra: Pedrosa 2o A Simoncelli 4o il derby con Dovi

Stoner notoriamente non ha un fisico da lottatore e nel caldo afoso (ieri cera il 62% di umidit) accusa la fatica. Cos dopo met gara ha mollato facendosi recuperare oltre 1"5 da Dani Pedrosa, che non ha esitato a passarlo come un treno al Curvone, portandogli via il secondo posto e 4 importantissimi punti: se il gioco di squadra Honda questo, Lorenzo pu cominciare a sperare.
Allerta Anche perch quello di

sto non pi lo Stoner di allora ma occorrer verificarlo ad Aragon, tra due settimane.
Tris Come avevano detto le prove, si corso a terzetti. I primi imprendibili, dietro un gruppetto che stato ancora a tre anche se con quattro protagonisti a rotazione. E la sorpresa, allinizio, stata vedere che in mezzo cera Rossi. I balbettii delle prove e anche di alcune gare precedenti sono improvvisamente scomparsi (sar laria di casa?) e la Ducati per la prima volta ha dato lillusione di poter addirittura lottare per il quarto posto. Il sogno si sciolto dopo 14 giri, ma forse pu essere il punto di partenza per qualcosa di positivo: pi concretezza, meno esperimenti. Quelli con un telaio rivoluzionato si faranno nei test, da domani a gioved al Mugello con la 1000 (che oggi la Yamaha prova qui). Prima lo far il collaudatore Battaini, probabilmente mercoled toccher a Valentino. Battaglia LItalia ha rischiato il tracollo quando allultimo giro Andrea Dovizioso ha provato un attacco disperato a Marco Simoncelli per il quarto posto e Ben Spies, in rimonta dopo una brutta partenza, li stava beffando entrambi. Per fortuna le posizioni sono rimaste invariate e Marco per la prima volta in 13 gare riuscito a battere lavversario diretto, in crisi con i consumi della sua Honda. La gara di Simoncelli stata zoppicante al via, ma poi tutta allattacco. E ne ha fatto le spese anche il suo amico Valentino, che dopo, commentando, non stato tenero con lui. Germogli di tensione...
RIPRODUZIONE RISERVATA

la vittoria per fermare la travolgente avanzata di Casey Stoner, che arrivava da tre successi e due pole di fila. Laustraliano fa paura, ma Jorge non si spaventa mai. La sua gara stata esemplare, dallo scatto, perfetto, al controllo dellavversario diretto per 10 giri, dallallungo perentorio, al finale in carrozza. Il suo lavoro era gi fatto, ma ci hanno pensato i due galletti Honda a migliorarlo.

Stoner potrebbe diventare un piccolo campanello dallarme. Il venerd di Indianapolis laustraliano nemmeno fece la conferenza stampa: Sono stanchissimo e non so perch, disse. Ieri il bis. E vederlo ancora cianotico unora dopo la gara ha fatto pensare al 2009 e allaffanno da Barcellona in poi. Que-

La volata finale tra Marco Simoncelli (a sin.) e Andrea Dovizioso MILAGRO

SCINTILLE TRICOLORI SORPASSI E BATTUTE

Vale a Marco: Ora le prendo ma poi...


Deve ringraziare che vado piano. Sic: Stavolta non potevo farmi fregare da Andrea
GIOVANNI ZAMAGNI MISANO ADRIATICO

Gli ho chiesto scusa: ha capito.


Inaspettata Dopo prove disastrose, non ci si aspettava una gara cos combattiva da parte di Rossi. Una modifica nel warm up spiega mi ha permesso di guidare meglio. Sono partito forte e ho fatto un gran primo giro, riuscendo ad attaccarmi a Dovizioso. Per 18 giri ho tenuto il ritmo, poi ho dovuto mollare: comunque una delle migliori gare della stagione. E il sorpasso subto da Simoncelli? Lui un bastardo, deve ringraziare che adesso vado pi piano, scherza. Lui fatto cos, non pensa mai che ti pu superare con minori rischi alla curva dopo: per passarti sceglie sempre un punto che ti obbliga a rialzarti, altrimenti si cade in due. Adesso le prendo, ma spero di rifarmi presto.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Dovi in un ultimo giro che da solo valeva il GP. Dopo essergli stato davanti per tanti giri, non potevo farmi fregare proprio nel finale, se la ride Marco, subito omaggiato da Andrea. stato bravo, ci ha creduto di pi.
Che gusto Un quarto posto conquistato in questo modo ha davvero un buon sapore. bello battere due piloti tosti come Spies e Dovizioso. Andrea sempre molto lucido negli ultimi giri: essergli arrivato davanti da ancora pi gusto. Se non avesse sbagliato la partenza, forse Simoncelli avrebbe addirittura potuto giocarsela con Stoner. Al via sono stato un

fregnone (uno stupido, n.d.r.): per langoscia dei consumi mi sono dimenticato di inserire la mappatura per la partenza e ho combinato un disastro. Ho perso un sacco di tempo, altrimenti, forse, sarei potuto stare con i primi tre.
Consumi Proprio i consumi han-

Esulta Marco Simoncelli, gioisce Valentino Rossi, si rammarica Andrea Dovizioso. Mentre i primi tre facevano gara solitaria, i piloti italiani hanno infiammato il pubblico, con Sic che, per la prima volta in questa stagione, riuscito a battere

no penalizzato Dovizioso: Abbiamo dovuto togliere potenza, la mia moto andava veramente piano e non riuscivo a stare con Simoncelli. Solo nel finale mi sono avvicinato, ma nellultimo giro non sono stato bravo. Alla curva della Quercia, sia io sia Marco abbiamo mollato i freni e ho dovuto chiudere Spies in una maniera non troppo bella.

Lentrata decisa di Marco Simoncelli (a sin.) su Valentino Rossi PASQUAZI

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

29

i vip
Campioni innamorati, calciatori tifosi e belle attrici

MAGNINI-PELLEGRINI Amore a tutto gas A Misano blitz della coppia del momento: i campioni del nuoto Filippo Magnini, 29 anni, e Federica Pellegrini, 23 MILAGRO

AUTIERI-MATERAZZI-MATRI Cinema e calcio spingono Rossi Tra i vip Serena Autieri (foto a sin.), 35 anni, e Marco Materazzi (in alto a sin.), 38, con Alessandro Matri, 25 IPP-IMAGE SPORT

Jorge: Vinco tutto e ritorno in corsa


Una sensazione speciale vedere Rainey sul podio Casey: da venerd che mi sento stanchissimo
DAL NOSTRO INVIATO

I NUMERI

4
3

MOTO2 BRADL SECONDO

PAOLO IANIERI MISANO ADRIATICO

Casey era sempre l poi lui ha iniziato a perdere terreno e mi sono rilassato.
Crollo Contemporaneamente,

Vittorie di Lorenzo In questa stagione lo spagnolo ha vinto tre gare: Spagna, Italia e San Marino

Marquez 3o successo di seguito


Zarco fa un errore clamoroso in 125
MISANO

Martillo y mantequilla, colpi di martello per incidere il morale di Casey Stoner a ritmo di giri veloci e traiettorie perfette disegnate come se le curve del Santamonica fossero di burro. Per vincere gare cos non puoi rinunciare a uno o allaltro spiega Jorge Lorenzo distribuendo sorrisi a destra e a manca . Ho attaccato subito, non ho fatto una gran partenza, ma volevo essere davanti alla prima curva, non potevo permettere a Casey di passare. Poi, quando ho visto che cedeva, ho sfruttato la pulizia di guida.
Fischi felice il campione del

GAZZETTA.IT

Gli highlights del gran premio e notizie sui test


Sul nostro sito www.gazzetta.it potete rivedere gli highlights con le immagini del GP di San Marino. Notizie dai nostri inviati sui test Yamaha in programma oggi a Misano con Lorenzo e Spies.

mondo della Yamaha, malgrado la festa sul podio sia stata macchiata dai soliti imbecilli che hanno fischiato una prestazione perfetta. triste, questo sport non come il calcio ma loro lo rendono cos. Conosco Valentino, so che se fosse salito sul podio con me li avrebbe fatti stare zitti. A rendere la cerimonia ugualmente magica ci ha pensato la presenza di Wayne Rainey, che la Yamaha ha mandato a ritirare il trofeo per la squadra. Vederlo vicino nel giorno del ritorno sulla pista dove si fece male 18 anni fa stato speciale. Lui una grandissima persona e ogni volta che ci parlo mi regala tanti consigli.

invece, iniziava il dramma di Stoner, scivolato sempre pi indietro fino a venire raggiunto e passato anche da Daniel Pedrosa. Le ultime gare sono state durissime, da quando siamo tornati da Indianapolis dormo pochissimo, da venerd che mi sento stanco, non sono mai riuscito a recuperare. La moto era perfetta, ero veloce, frenavo bene e avevo deciso di stare dietro a Jorge e usarlo come riferimento con la pista umida. Ma a un certo punto ho iniziato a essere stanco, frenavo pi tardi, facevo linee diverse... A quel punto ho cercato di difendermi da Pedrosa, ma quando mi ha ripreso non sono riuscito a ribattere. E quindi alla fine il terzo posto mi va benissimo.
Dani Pedrosa, 25 anni, supera il compagno Casey Stoner, 25. Un favore a Lorenzo
MILAGRO

Vittorie di Stoner In questa stagione laustraliano ha vinto 7 gare: Qatar, Francia, Catalogna, Gran Bretagna, Usa, Rep. Ceca e Indianapolis

Riscatto Una gara perfetta quel-

lo dello spagnolo sulla pista di casa di Rossi (Ed bello vincere qui dopo avere conquistato il Mugello), che gli permette di ritrovare il sorriso dopo le due gare disastrose di Brno e Indianapolis. Ho vissuto un incubo, il ritardo in classifica era aumentato... Invece qui da subito mi sono sentito bene, la moto era perfetta, in curva provavo gran sensazioni. I primi giri sono stati difficili con la paura della pioggia che poteva arrivare.

Mondiale Con cinque gare da di-

sputare il vantaggio di Casey resta rassicurante, 35 punti. Sono tanti, il recupero difficile spiega Lorenzo . Non rimpiango le cose fatte, ma senza gli errori di Silverstone, Assen e le ultime due gare avrei potuto essere molto vicino a Casey. Lui ha vinto sette gare, ha un bel vantaggio, proviamo a vincere le prossime e magari tutto si riapre.
RIPRODUZIONE RISERVATA

I punti di distacco Stoner, 1 in classifica ha un vantaggio di 35 punti su Lorenzo, 2. Mancano ancora 5 gare con 125 punti in palio

35

Marc Marquez continua a vincere in Moto2, ma Stefan Bradl tiene botta e limita i danni chiudendo al secondo posto. I due, adesso, sono separati da appena 23 punti e il finale di stagione sar incandescente. Ma per il tedesco non sar facile resistere a Marquez, al terzo successo consecutivo, quinto nelle ultime sei gare, settimo stagionale. Tra i protagonisti di questa gara elettrizzante anche Andrea Iannone e Alex De Angelis, terzo e quarto al traguardo. A Iannone non bastato realizzare il giro pi veloce: ha comunque disputato un buon GP in una categoria che lo vedr protagonista anche nella prossima stagione, come ha confermato ufficialmente il padre-team manager Regalino.
Clamoroso Altro arrivo in volata in 125: ha vinto Nico Terol sempre pi saldamente al comando e perso ancora una volta Johann Zarco, questa volta per 22 millesimi. Clamoroso lerrore del francese, che uscito in testa dallultima curva, ha fatto lultimo pezzo di rettilineo girato per curare il rivale, allargando anche il braccio sinistro in un goffo tentativo di rallentarlo. Un boccone amaro difficile da ingoiare.
g.z.
RIPRODUZIONE RISERVATA

30

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

31

MOTOMONDIALE GP SAN MARINO E RIVIERA DI RIMINI


Il calendario: tra due settimane c Aragon
QATAR 1. STONER SPAGNA 1. LORENZO PORTOGALLO 1. PEDROSA FRANCIA 1. STONER CATALOGNA 1. STONER G.BRETAGNA 1. STONER OLANDA 1. SPIES ITALIA 1. LORENZO GERMANIA 1. PEDROSA STATI UNITI* 1. STONER R.CECA 1. STONER INDIANAPOLIS 1. STONER SAN MARINO 1. LORENZO 18 SETTEMBRE ARAGON (SPAGNA) 2 OTTOBRE GIAPPONE MOTEGI 16 OTTOBRE AUSTRALIA PHILLIP ISLAND 23 OTTOBRE MALESIA SEPANG 6 NOVEMBRE VALENCIA (SPAGNA) *solo MotoGP

Simoncelli, che grinta con Dovi


A Marco manca solo qualche dettaglio per il salto di qualit. Andrea sportivo con il rivale
MotoGP
GARA
PILOTA 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. LORENZO PEDROSA STONER SIMONCELLI DOVIZIOSO SPIES ROSSI BAUTISTA BARBERA NAZ SPA SPA AUS ITA ITA USA ITA SPA SPA GIA R.CEC USA FRA SPA MOTO Yamaha Honda Honda Honda Honda Yamaha Ducati Suzuki Ducati Yamaha Honda Ducati Yamaha Ducati Honda TEMPO in 4411"877 a 7"299 a 11"967 a 17"353 a 17"390 a 18"092 a 23"703 a 30"678 a 37"502 a 37"720 a 39"548 a 40"506 a 53"349 a 102"366 a 120"156 media 160,633 km/h

MONDIALE
PILOTI POS. PILOTA 1. STONER 2. LORENZO 3. DOVIZIOSO 4. PEDROSA 5. SPIES 6. ROSSI 7. HAYDEN 8. SIMONCELLI 9. EDWARDS 10. AOYAMA 11. BARBERA 12. BAUTISTA 13. ABRAHAM 14. ELIAS 15. CRUTCHLOW 16. DE PUNIET 17. CAPIROSSI 18. HOPKINS 19. AKIYOSHI COSTRUTTORI 1. HONDA 2. YAMAHA 3. DUCATI 4. SUZUKI NAZ AUS SPA ITA SPA USA ITA USA ITA USA GIA SPA SPA R.CEC SPA GB FRA ITA USA GIA PUNTI 259 224 185 150 135 133 105 93 87 82 69 57 50 47 45 29 29 6 3 305 258 144 63 QAT 25 20 13 16 10 9 7 11 8 6 4 3 5 25 20 9 SPA 25 4 20 11 16 13 10 9 7 8 5 6 20 25 16 6 POR 16 20 13 25 11 7 10 9 3 5 8 6 4 25 20 11 3 FRA 25 13 20 10 16 9 11 3 8 7 4 6 5 25 13 16 4 CAT 25 20 13 16 11 8 10 5 4 6 3 9 7 25 20 11 4 GB 25 20 10 13 16 7 5 11 9 8 4 6 25 16 13 11 OLA 20 10 16 25 13 11 7 9 8 4 5 6 2 3 20 25 13 5 ITA 16 25 20 8 13 10 6 11 7 5 9 3 4 1 2 20 25 10 3 GER 16 20 13 25 11 7 8 10 6 1 5 9 4 2 3 25 20 8 9 USA R.CEC INDY 25 25 25 20 13 13 11 20 11 16 20 13 11 16 10 10 6 9 9 2 16 4 8 8 9 6 7 7 7 6 10 5 3 5 3 5 4 8 4 3 25 20 10 25 13 10 25 16 8 10 RSM 16 25 11 20 10 9 13 3 5 7 8 4 1 6 2 20 25 9 8

Il bello il brutto
DI MARIO LEGA

Pedrosa fa un regalo a Lorenzo


Una vergogna i fischi sotto il podio mentre c linno spagnolo
IL BELLO Lorenzo Disputa una gara memorabile, vuole la prima posizione fin dalla partenza per poter imporre il proprio gran passo gara, mostrato fin dalle prove. Per il futuro cercher di vincere pi gare possibili, per gli orrori di Brno e Indianapolis lo tormenteranno per molte notti. Pedrosa parso un gradino sotto all'inizio, ma poi si esibisce in un sorpasso sensazionale ai danni di Stoner. Non ci sono ordini di scuderia alla Hrc cos fa un favore a Lorenzo che guadagna 9 punti su Casey. Simoncelli, Dovizioso e Spies Vivacizzano la gara. Sic fa un dispetto al Dovi strappandogli la quarta piazza alla quale era abbonato. Dovi deve ridimensionare le aspirazioni di vincere il Mondiale, mentre Spies parte sempre a rilento e pur avendo una moto competitiva, sorpassa solo dopo aver fatto domanda in carta bollata. Rossi Punta la sveglia e ci regala una buona gara, settimo. Parte bene e rimane aggrappato al gruppetto inseguitore. Punzecchiato dalla Ducati, risponde da par suo impegnandosi al massimo per tutto il fine settimana, migliora i tempi dellanno scorso di Stoner e lima il distacco rispetto alle precedenti gare, anche se rimane sempre sui 23: segni di risveglio! IL BRUTTO Stoner Finisce stremato. Con il vantaggio che ha in classifica se lo pu permettere per una maggior cura dei particolari non guasterebbe. Capirossi Annuncia l'addio alle corse, ma nellultima presenza italiana non riesce a terminare la gara. Un vero peccato avrebbe meritato di salutare il suo pubblico dopo una carriera generosa e ricca di successi: grazie leone di Romagna. Insulti Fischi e ululati sotto al podio, mentre suona l'inno spagnolo per Lorenzo: ci facciamo sempre riconoscere.
RIPRODUZIONE RISERVATA

10. CRUTCHLOW GB 11. AOYAMA 12. ABRAHAM 13. EDWARDS 14. DE PUNIET 15. ELIAS

RITIRATI: HAYDEN (USA-Ducati) al 3 giro; CAPIROSSI (ITA-Ducati) all8 giro GIRO PI VELOCE: il 12 di LORENZO in 133"906, media 162,008 Km/h DISTANZA GARA: 28 giri per 118,328 km

le Pagelle

di FILIPPO FALSAPERLA

Un gladiatore inarrestabile h 10
JORGE LORENZO
Riportiamo un commento sentito nel paddock: Sta dimostrando di onorare il numero 1 che ha sulla moto. Lorenzo stato assolutamente fenomenale. Sar laria di casa-Italia (prima di Misano, aveva fatto centro anche al Mugello), sar laiuto involontario di Stoner in crisi fisica, ma quando in questa trance agonistica non conosce ostacoli. Ci piace molto di pi questanno che si arrabatta e lotta come un vero gladiatore rispetto alla passeggiata del 2010. Non detto che riesca a riprendere Casey, ma in ogni caso sar un contendente pi che degno per il Mondiale.

Pedrosa
Nei giorni scorsi aveva lasciato capire che preferirebbe come iridato Lorenzo a Stoner. Cala Stoner, ne approfitta...REUTERS

Stoner
Ha tanto vantaggio, ma buttare punti per la fatica fisica non professionale. Per quando va male sul podio ANSA

Simoncelli
Non sale sul podio ma spettacolare nel duello con Dovizioso. Ha grinta, deve rifinire qualche dettaglio per il salto di qualit EPA

GLI ALTRI Alvaro Bautista 6 Il primo dei... normali, malgrado un dritto. Ma la cosa migliore era la sua Suzuki cromata: bellissima. Cal Crutchlow 6 Sufficienza solo perch batte il compagno Edwards. Hector Barbera 5 Sta in piedi (a Indianapolis era caduto a un paio di curve dalla bandiera...) ma fa una gara anonima. Hiroshi Aoyama 5 Non si vede mai, come succede ormai da troppe gare. Karel Abraham 5 Non fa danni (ed gi una notizia) per naviga negli inferi. Nicky Hayden 4 Finisce subito a terra, ma alla Ducati serve un pilota che lavori anche in gara. Colin Edwards 4 Gara da buttare. Il dubbio che stia gi pensando ai motori di serie (dovrebbe averli dal 2012). Randy De Puniet 4 Non pervenuto. Toni Elias 4 Provate ad immaginare la posizione: gi, ultimo... Loris Capirossi n.g. Praticamente non va oltre la partenza per un problema tecnico.

Dovizioso
Per la prima volta soccombe al grande nemico Simoncelli. Bravo a riconoscere il valore del rivale: non da tutti ANSA

Rossi

Spies
Rimonta bene ma perde la volata per il 4 posto e in ogni caso lontano anni luce dal compagno Lorenzo AFP

Positiva la grinta allinizio, ma allora ci si chiede: con questa moto si pu fare meglio dell11o posto in prova? LAPRESSE

Moto2
GARA
POS. PILOTA 1. MARQUEZ 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. BRADL IANNONE DE ANGELIS REDDING SMITH TAKAHASHI LUTHI ESPARGARO CORSI RABAT SIMON AEGERTER PIRRO KALLIO NAZ SPA GER ITA RSM GB GB GIA SVI SPA ITA SPA SPA SVI ITA FIN MOTO Suter TEMPO in 4308"197 media 152,829 km/h Kalex a 0"619 Suter a 0"713 Motobi a 1"634 Suter a 3"275 Tech 3 Moriwaki Suter Ftr Ftr Ftr Suter Suter Moriwaki Suter a 3"436 a 5"255 a 8"739 a 13"224 a 13"551 a 17"533 a 18"163 a 18"254 a 19"180 a 24"454

125
MONDIALE
PILOTA 1. BRADL 2. MARQUEZ 3. IANNONE 4. DE ANGELIS 5. SMITH 6. CORSI 7. LUTHI 8. TAKAHASHI 9. RABAT 10. SIMON 11. ESPARGARO 12. KRUMMENACHER 13. AEGERTER 14. REDDING 16. PIRRO 21. PASINI 24. BALDOLINI 26. CORTI MOTO Kalex Suter Suter Motobi Tech 3 Ftr Suter Moriwaki Ftr Suter Kalex Kalex Suter Suter Moriwaki Ftr Suter Suter PUNTI 213 190 112 109 102 99 96 71 67 62 54 52 48 47 45 26 18 9

GARA
POS. PILOTA 1. TEROL 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. ZARCO VAZQUEZ CORTESE FAUBEL KENT VIALES GADEA FOLGER OLIVEIRA MONCAYO KORNFEIL POPOV MORCIANO SCHROTTER NAZ SPA FRA SPA GER SPA GB SPA SPA GER POR SPA R.CEC R.CEC ITA GER MOTO Aprilia TEMPO in 4002"164 media 145,665 km/h a 0"022 a 4"932 a 9"322 a 9"964 a 12"100 a 12"324 a 12"556 a 21"489 a 30"678 a 31"321 a 31"552 a 32"637 a 52"542 a 53"850

MONDIALE
PILOTA 1. TEROL 2. ZARCO 3. VIALES 4. CORTESE 5. FOLGER 6. FAUBEL 7. VAZQUEZ 8. GADEA 9. SALOM 10. KENT 11. KORNFEIL 12. MONCAYO 13. OLIVEIRA 14. GROTZKYJ 15. MARTIN 16. KHAIRUDDIN 17. SCHROTTER 25. MORCIANO MOTO PUNTI Aprilia 216 Derbi 185 Aprilia 161 Aprilia 160 Aprilia 124 Aprilia 123 Derbi 116 Aprilia 103 Aprilia 76 Aprilia 59 Aprilia 53 Aprilia 49 Aprilia 44 Aprilia 32 Aprilia 30 Derbi 20 Mahindra 18 Aprilia 8

Derbi Derbi Aprilia Aprilia Aprilia Aprilia Aprilia Aprilia Aprilia Aprilia Aprilia Aprilia Aprilia Mahindra

17. PASINI (ITA-Ftr) a 24"992; 18. CORTI (Suter) a 35"358; 22. DE ROSA (Suter) a 47"904; 29. ANDREOZZI (Ftr) a 130"644. GIRO PI VELOCE l8 di IANNONE in 138"609, media 154,282 Km/h

16. CALIA (ITA-Aprilia) a 53"917; 17. TONUCCI (Aprilia) a 58"742; 18. TATASCIORE (Aprilia) a 103"723; 19. GIORGI (Aprilia) a 104"113. GIRO PI VELOCE l8 di ZARCO in 143"379 media 147,163 Km/h

32

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

Viessmann: massimo rendimento in pista e nel vostro impianto di riscaldamento.

La gamma completa Viessmann offre tutte le soluzioni per il riscaldamento e garantisce rendimenti e comfort ai massimi livelli. I prodotti Viessmann sono il risultato dellimpegno dellazienda verso il miglioramento continuo e la ricerca di traguardi sempre pi ambiziosi; valori che lazienda condivide con Stefan Bradl, in vetta alla classica di Moto2 con ottime performance. Viessmann e Bradl: tecnica vincente, prestazione eccellente.

Tests eger GUT 1 7)


V TODENS 300-W
ImTe t 9 Gas B en w r ke sel m t So a spe ch r Tes s eg r Ausg be 7/ 010

Migliorate le prestazioni del Vostro impianto di riscaldamento: contattate il www.viessmann.it

per ottenere delle condizioni esclusive su alcuni prodotti della gamma Viessmann.

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

33

CROSS GP EUROPA

2005

2007

2009

2010

1 titolo - MX2
Tony Cairoli si aggiudica il primo titolo nel Mondiale Cross con la Yamaha nella classe MX2. Il 20enne pilota siciliano sfoggia per loccasione una maglietta celebrativa che ricorda quella di Valentino Rossi ZANZANI

2 titolo - MX2
Cairoli per ripetersi deve aspettare due anni (nel 2006 aveva chiuso 2 per un infortunio al polso) ma nel 2007 domina la stagione vincendo quasi tutte le gare e aggiudicandosi il titolo con ampio anticipo ZANZANI

3 titolo - MX1
Il 2009 lanno della consacrazione per Cairoli che debutta nella classe MX1 e conquista subito il titolo. Nella foto con David Philippaerts (a sinistra), laltro talento del cross italiano ZANZANI

4 titolo - MX1
Passato dalla Yamaha alla Ktm, non cambia la musica per Cairoli che conquista il quarto Mondiale con la nuova 350 dopo aver vinto ben 8 GP (15 manche complessive). Nella foto festeggiato dalla bella fidanzata Jill ZANZANI

Cairoli fenomeno: 5 Mondiale


o
Campione in anticipo: Dedicato a mia mamma malata. E domenica la passerella a Fermo
MASSIMO ZANZANI GAILDORF (Germania)

Antonio Cairoli entra a soli 25 anni nella storia del cross vincendo in Germania il quinto Mondiale, terzo consecutivo nella MX1. Mai nessun italiano aveva fatto tanto e, a testimonianza del valore dellimpresa, tra i crossisti solo due fenomeni come Stefan Everts e Joel Robert hanno vinto di pi. Al messinese della Ktm bastato il terzo posto nella prima manche per segnare questa nuova pagina della sua incredibile carriera. Aveva un margine di sicurezza di 82 punti su Steven Frossard (Yamaha), ma non si risparmiato.
La gara Partito dallottava posi-

nata semplice per Cairoli che ha dovuto lottare contro gli infortuni. In Bulgaria, infatti, nel primo GP, una botta al ginocchio ha rischiato di chiudere il discorso mondiale. Ma il siciliano ha tenuto duro nonostante avversari sempre pi agguerriti. E cos, sulla terribile sabbia olandese della gara successiva, si aggiudicato il GP in barba ai tanti specialisti dei fondi allentati. A suo favore hanno giocato anche una motivazione fuori dal comune, doti tecniche che gli permettono di cavarsela in qualsiasi situazione, un grande affiatamento con la Ktm 350 e una lucidit straordinaria in gara: ha tentato laffondo quando era il momento e si accontentato quando le condizioni non erano favorevoli.
Il tecnico Il palmares di Cairoli, che questanno ha conquistato 6 dei 14 GP disputati con 5 secondi posti, sale cos a 43 vittorie iridate (24 in MX2 e 19 in MX1) con 88 successi di manche su 123 GP. Il debutto stato nel 2002 ma le prime vittorie sono arrivate nel 2004, quando Cairoli stato preso sotto lala protettrice di Claudio De Carli. Il team manager romano, dopo aver centrato il titolo 125 nel 1997 con Chicco Chiodi, ha accompagnato il messinese per il resto della sua carriera. MX2 Gaildorf ha laureato cam-

RISULTATI E CLASSIFICA
GP dEuropa 1. Cairoli 42 p. ITA-Ktm 2. Bobryshev 38 RUS-Honda 3. Boog 37 FRA-Kawasaki 4. Goncalves 33 POR-Honda 5. Strijbos 32 BEL-Suzuki 6. Boissiere 31 FRA-Yamaha 7. Nagl 29 GER-Ktm 8. Pourcel 25 FRA-Kawasaki 13. Monni 15 ITA-Honda 14. Guarneri 14 ITA-Kawasaki

NUMERI RECORD

Raggiunge Biaggi tra i miti


GIOVANNI CORTINOVIS

zione, Cairoli ha rimontato fino al terzo posto gestendo poi la manche, vinta dal russo Evgeny Bobrishev (Honda). Non era necessario fare di pi vista la giornata da dimenticare di Frossard, uscito di scena a met corsa per colpa di una caduta che ha fermato l il suo GP. Nella seconda gara, vinta dal francese Christophe Pourcel (Kawasaki), solita rimonta e secondo posto finale. E cos, per la somma dei risultati, Tony si aggiudicato anche il GP, davanti a Bobryshev e Boog (Kawasaki).
Le dichiarazioni La pista era

S
Mondiale 1. Cairoli 596 p. 2. Frossard 472 FRA-Yamaha 3. Desalle 461 BEL-Suzuki 4. Nagl 439 5. Bobryshev 425 6. Goncalves 404 7. Boog 309 8. Philippaerts 308 ITA-Yamaha 16. Guarneri 176 23. Monni 48

Il siciliano Tony Cairoli, 25 anni, con la maglietta che celebra il quinto Mondiale ZANZANI

difficile, specie nella seconda manche, ma ho fatto delle buone rimonte ha detto Cairoli . Sono contento di aver chiuso il campionato in anticipo, cos il prossimo fine settimana

a Fermo posso concentrarmi sulla vittoria e dare spettacolo per i miei tifosi. Ho in programma una sorpresa per loro. Dedico il titolo a mia madre che non qui perch malata. Infine una dichiarazione che la dice lunga sulle motivazioni di Cairoli che ha appena vinto ma ha gi come obiettivo il sesto Mondiale: Certo ci prover di nuovo nel 2012 anche se ogni anno sempre pi dura perch gli avversari aumentano. Quindi non bisogner abbassare la guardia.
Cairoli in azione a Gaildorf con la sua Ktm ZANZANI
La stagione Non stata unan-

Tony Cairoli ha numeri da fenomeno. Perch con il 5o Mondiale cross (2 in MX2 e 3 in MX1) eguaglia al 3o posto i belgi Roger De Coster, Eric Geboers, Georges Job e Joel Smets. Davanti ha solo Stefan Everts (10 Mondiali) e Joel Robert (6), anchessi belgi. Guardando tutte le discipline del motociclismo, Cairoli eguaglia Max Biaggi (4 Mondiali in 250 e 1 in Superbike) e tra gli italiani 5o per Mondiali vinti dietro a Giovanni Sala (6 Enduro), Carlo Ubbiali e Valentino Rossi (9 pista) e Giacomo Agostini (15 pista).
43 GP Cairoli ha vinto 43 GP su 26 piste (24 in MX2 e 19 in MX1) ed 4o nel cross: lo precedono Everts con 101, Smets con 57 e Robert con 50. Con il 12o podio stagionale (6 trionfi, 5 secondi e un 3o), sono 76 in carriera: 45 in MX1 e 31 in MX2. Questultima la categoria in cui ha il primato stagionale di podi, 13 nel 2007 quando sal sul podio anche nellunica gara corsa in MX1. Domenica nel GP a Fermo pu migliorare il record di punti in MX1, ora a quota 596.
RIPRODUZIONE RISERVATA

pione anche lidolo di casa, il tedesco Ken Roczen (Ktm), Mondiale MX2 a soli 17 anni, grazie al secondo posto nel GP ottenuto dietro Tommy Searle (Kawasaki).
RIPRODUZIONE RISERVATA

34

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

SUPERBIKE GP GERMANIA

DOPING LINCHIESTA DI MODENA

I MIGLIORI

h Ricc, accuse
S

confermate Trasfusione
Indagini chiuse: 8 testimoni e 3 esperti lo inchiodano. Tutte le carte gi al Coni
LUIGI PERNA

I due protagonisti della prima gara: Carlos Checa, 38 anni, con la Ducati seguito da Marco Melandri, 29 anni, con la Yamaha. Sopra il podio che lancia lo spagnolo verso il Mondiale: da sinistra Melandri, Checa e il pilota dellAprilia Noriyuki Haga, 36 anni PORROZZI

Checa 9 Lassenza di Max Biaggi ha dato una mano allo spagnolo, ma il destino del Mondiale Superbike non sarebbe cambiato in ogni caso

La vicenda

Ducati show
Checa imprendibile Max, vince il dolore
Carlos 11a vittoria, ora pu laurearsi iridato gi a Imola Biaggi: Non potevo usare il piede neppure da fermo
PAOLO GOZZI NRBURGRING (Germania)

S
Melandri 7 Il Ring, dove debuttava, gli stato subito amico. Ma qui lastronave rossa di Carlito era al di fuori della sua portata
AFP

La corsa di Riccardo Ricc davvero arrivata al capolinea. Linchiesta della Procura di Modena sul corridore di Formigine, indagato per violazione della legge antidoping a causa di una sospetta autoemotrasfusione, si ormai conclusa. Le testimonianze raccolte dal pubblico ministero Pasquale Mazzei e la consulenza sulle cartelle mediche fornita da tre esperti convergono nel confermare le ipotesi di reato a carico dellex corridore della Vacansoleil.
Due punti Bisognava stabilire due punti. Primo, se Ricc fosse cosciente la mattina del 6 febbraio 2011, quando fu soccorso nella sua casa di Serramazzoni e portato in condizioni critiche allospedale di Pavullo, dove dichiar al medico che intervenne (stando al referto) di avere fatto una autotrasfusione con il sangue che con-

Il 6 febbraio allalba era in fin di vita Sospeso l8 giugno


lalba del 6 febbraio 2011. Riccardo Ricc viene soccorso dal 118 e portato allospedale di Pavullo. Ha un blocco renale e una grave infezione. Ai medici che intervengono, come risulter dal referto, dice in presenza della compagna Vania Rossi di avere fatto una autotrasfusione. Trasferito allospedale di Baggiovara, si salva. Ne uscir dopo 12 giorni. Il mese successivo, superata la pericardite dovuta allinfezione, torna ad allenarsi e prova a rientrare con la Meridiana, ma l8 giugno viene sospeso dalla Commissione tutela della salute della Fci.

Sul Ring tedesco Max Biaggi ha gettato la spugna rinunciando alla residua possibilit di sbarrare la strada a Carlos Checa lanciatissimo verso il primo iride della sua lunga carriera. Il campione ha abdicato senza sbagliare, n cadere. Azzoppato nelle qualifiche di venerd da un oggetto di metallo perso lungo la pista e sparato come un proiettile sul piede sinistro, quello del cambio. Sabato aveva fatto le qualifiche (52 giri) e la pressione sulla leva del cambio azionata 1.664 volte aveva trasformato una forte contusione nella frattura scomposta del primo metatarso.
Dolore Spesso ho lottato con-

guratevi guidare a 300 allora. Per provarci si era fatto immobilizzare il piede con una speciale scarpetta adottando uno stivale di 4 misure pi grande prestato dal francese Berger. Tutto inutile.
Fuga Lassenza dellunico che

IL NUMERO

tro il dolore ma stavolta sapevo che non sarebbe stato possibile si rammaricato Biaggi guardando la gara in tv nel box Aprilia. Mi sono seduto sulla RSV4 ma non potevo fare pressione sulla pedana da fermo. Fi-

poteva batterlo stata unoccasione per Checa imprendibile sullasciutto: 11o trionfo di stagione, uno pi del fantastico Biaggi 2010. Ma vincere senza Max non la stessa cosa ha riconosciuto Carlos. In gara 2, sotto il diluvio, Checa ha girato al largo dai guai accontentandosi dell utile 8o posto per tenere a distanza di sicurezza Marco Melandri ora davanti a Biaggi. A 3 round dalla fine (6 gare, 150 punti) Carlito sale a +74 e potrebbe gi laurearsi campione ad Imola (25 settembre), con 2 gare danticipo, se riuscir a guadagnarne altri 26: difficile, non impossibile. Spera di esserci pure Max ma la frattura brutta e non mi faccio operare per accorciare il recupero.

Il vantaggio su Melandri Carlos Checa ha portato il vantaggio in classifica sul primo degli inseguitori, che ora Melandri, a 74 punti. Se ne guadagna altri 26 a Imola, diventa iridato con due gare danticipo

74

Pioggia La lotteria diluvio, con via ritardato di 15 e stop al 13 dei 20 giri previsti, ha favorito il primo trionfo di Tom Sykes, 26enne al rientro da un infortunio con la Kawasaki. La pista era al limite della praticabilit e lo stop arrivato un attimo dopo la clamorosa autoeliminazione di Noriyuki Haga che, con 9 di margine, stava salvando il bilancio Aprilia. I giudici hanno atteso i due terzi della distanza per il punteggio pieno e allarrivo Melandri (6o) si inviperito: Ci hanno fatto rischiare la vita, sono criminali. Ma Checa stato di avviso diverso: In 500 e MotoGP ho guidato in condizioni peggiori, non si pu fermare una corsa a cuor leggero. Se serve ci vuole il coraggio di andare pi piano. Spiegatelo a Jonathan Rea, ufficiale Honda, gi a 200 km/h e risalito sulla Honda indenne dopo lurto con le barriere: ha finito 4. Infine nella Coppa del Mondo Stock 1000 under 26 anni poker di Davide Giugliano, 21 anni, sempre pi vicino al titolo e alla Ducati per la Superbike 2012.
RIPRODUZIONE RISERVATA

I PEGGIORI

i
S

Sul braccio aveva un ematoma da ago, allinfermiere disse di fargli la flebo sullaltro

monianze. stato svolto un esame batteriologico per stabilire lorigine dellinfezione e la natura del virus nel sangue di Ricc. Le conclusioni dei tre consulenti il medico legale Sabino Pelosi, lematologo Marco Marietta e la gastroenterologa Erica Villa sono state unanimi. Affermando che tutti gli elementi depongono per uninfezione dovuta allinfusione di sangue mal conservato.
E i complici? Il professor Mariet-

Haga 5 Il giapponese stava salvando il bilancio Aprilia e ha gettato al vento la vittoria gi ipotecata che poteva rilanciare unannata sotto le attese PLP

RICCARDO RICCO 28 anni, modenese di Formigine

servava nel frigo da 25 giorni. Circostanza che Ricc ha poi negato. Secondo, se le sue condizioni il corridore aveva un blocco renale e una grave infezione fossero compatibili con una trasfusione mal riuscita per cattiva conservazione del sangue.
Testimoni Sono state quindi acquisite le dichiarazioni di pi persone tre medici e cinque infermieri che videro Ricc la mattina della tragedia sfiorata. Tra loro il dottore Paolo Maffei, che era di guardia al pronto soccorso di Pavullo, e il responsabile del reparto Giuseppe Barozzi, oltre al personale del 118 che and a prelevarlo. In particolare linfermiere che gli pratic la prima flebo ha ricordato un elemento importante: Ricc gli disse di non fargliela su un braccio, perch gli faceva male, ma sullaltro. E linfermiere allora not un ematoma evidente, tipico di una puntura da ago che ha fatto infezione. Dunque un possibile segno della trasfusione e al contempo la conferma che Ricc in quel momento era vigile e cosciente. Non a caso, nelle cartelle cliniche, il paziente viene definito sofferente ma consapevole, secondo una scala di valori convenzionali. La perizia ordinata dalla Procura di Modena ha poi fornito un supporto scientifico alle testi-

S
Corser 4 Iridato 2 volte da tempo in disarmo: fuori dalla superpole, inguardabile sullasciutto e imbarazzante sullacqua. La Bmw merita di meglio PORROZZI

ta ha anche sottolineato come sia praticamente impossibile che Ricc si sia praticato la trasfusione da solo, visto che neppure un primario ematologo come lui sarebbe in grado di farsela senza aiuto. Riflessione che avvalora i sospetti sullepisodio. Chi cera quel giorno con Ricc? Chi lavrebbe aiutato? Come si svolsero davvero i fatti? Domande quasi certamente destinate a restare senza risposta. Lindagine infatti su questo punto non andata a fondo. La Procura ha acquisito i tabulati telefonici di Ricc. Ma il reato non prevedeva la possibilit di effettuare intercettazioni telefoniche.
Scadenza Solo Ricc potrebbe svelare il mistero. Decidendo di parlare e chiarire certi aspetti. Per, a sette mesi dalla vicenda, non lha ancora fatto. Evitando per due volte di rispondere alla chiamata del pubblico ministero, che voleva interrogarlo. Ora, dopo la sospensione estiva, potrebbe finalmente chiedere di essere ascoltato, a partire dal 15 settembre. Intanto tutti gli atti sono stati trasmessi alla Procura del Coni, che deve decidere sul deferimento sportivo di Ricc al Tribunale nazionale antidoping. Mercoled scade la sospensione del corridore e non possono esserci altre proroghe. Per cui il giudizio vicino: Ricc, gi positivo al Cera nel Tour 2008, rischia la radiazione. Lo stesso vale per linchiesta penale: forse gi a fine mese il pm Mazzei chieder il rinvio a giudizio di Ricc.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Taccuino
TURISMO ENDURO

RISULTATI

Chevrolet mondiale
Per il secondo anno di fila la Chevrolet ha monopolizzato il Mon diale Turismo, vincendo il titolo co struttori e mettendo una ipoteca su quello piloti: a tre gare dalla fine restano in corsa solo i suoi piloti Yvan Mller, che ieri ha vinto le due gare di Valencia ed leader con 333 punti, Huff (317) e Menu (253). Tarquini ha chiuso 17o e quarto.

A Meo il titolo E2
(d.a.) Litalo francese Antoi ne Meo (Husqvarna) ha conquista to ieri il titolo iridato della classe E2 al termine del GP di Andorra, setti ma prova del Mondiale Enduro. Meo ha fatto suo il campionato, vin cendo la gara di sabato, mentre ie ri si accontentato di finire terzo. Successi nella E3 per Mika Ahola (Honda) e nella E1 per Juha Salmi nen (Husqvarna).

Sykes, trionfo a sorpresa Melandri sul podio: secondo


Risultati del GP di Germania, 10 prova (su 13) del Mondiale Superbike, disputato ieri al Nrburgring (5.137 m) GARA 1 (20 giri, 102,740 km): 1. Checa (Spa Ducati) in 3859779, media 158,076 km/h; 2. Melandri (Ita Yamaha) a 1855; 3. Haga (Gia Aprilia) a 2322; 4. Laverty (Irl Yamaha) a 7789; 5. Haslam (GB Bmw) a 9727. GARA 2 (13 giri, km 66,781): 1. Sykes (GB Kawasaki) in 2949337, media 134,358 km/h; 2. Guintoli (Fra Ducati) a 4063; 3. Smrz (Rep. Cec Ducati) a 22759; 6. Melandri a 45326; 8. Checa a 50032. Supersport (19 giri): 1. Davies (GB Yamaha) in 38'10466 media 153,406 km/h; 2. Ellison (Gb Honda) a 0091; 3. Lowes (Gb Honda) 3749; 4. Scassa (Yamaha) a 6269. MONDIALE Piloti: 1.Checa punti 376; 2. Melandri 302; 3. Biaggi 281; 4. Laverty 232. Costruttori: 1. Ducati punti 400; 2. Yamaha 351; 3. Aprilia 336. MONDIALE Supersport: 1. Davies punti 171. PROSSIMA GARA: 25 settembre ad Imola (Bo).

AUTOGP

Ceccon re Under 21
Lindonesiano Rio Haryanto (Dams) ha vinto gara 2 di AutoGP ieri a Valencia (Spagna), preceden do Adam Carroll (Campos) e Sa muele Buttarelli (TP). Kevin Cec con, ottavo, ha invece conquistato il titolo riservato agli Under 21 e il diritto a provare la GP2 di Coloni.

COPPA ITALIA VELOCIT

Rinaldi e Nocco ok
Michael Ruben Rinaldi (Apri lia) e Alessandro Nocco (Kawa saki) hanno conquistato rispettiva mente le gare di 2 e 4 tempi della sesta e ultima prova di coppa Italia velocit corse ieri sotto la pioggia a Castrezzato (Brescia).

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

35

CICLISMO VUELTA, 15 TAPPA

Rivoluzione
Cobo il bisonte vola sullAngliru
Tre mesi fa, lo spagnolo era depresso e voleva smettere. Ha staccato Wiggins e Nibali: leader
DAL NOSTRO INVIATO

IL RE DEL 2010 HA PERSO 237"

Il vero Nibali un altro Ho corso poco


Forse ho sbagliato qualcosa nella preparazione alla Vuelta
ALTO DE ANGLIRU

CIRO SCOGNAMIGLIO ALTO DE ANGLIRU (Spagna)

Il re del 2010 che abdica: Vincenzo Nibali, ahinoi. La maglia rossa in carica che si stacca e perde il primato: Bradley Wiggins. Un nuovo primo della classe tra i pi a sorpresa che si potessero immaginare: Juan Jos Cobo. Sono stati loro gli attori principali del palcoscenico chiamato Angliru. La terribile montagna asturiana ha riscritto la storia di questa Vuelta per lennesima volta, dandole il nono leader diverso (record). E a 6 giorni dal gran finale di Madrid, le ha impresso unimpronta inattesa, ma forse definitiva.
Tentativi LAngliru laveva pre-

Cobo faceva lapprendista cuoco e aveva tanta forza: cos nato il soprannome

citore con 48" sui primi inseguitori (Wiggins 5 a 121", Nibali 15 a 237"), ora in classifica Cobo ha 20" su Froome e 46" su Wiggins (Mollema 4 a 136", Nibali 8 a 327"). Oggi riposo, domani giornata per velocisti, il prossimo (e ultimo) arrivo in salita mercoled: se va cos, chi pu togliergli il primato?
Depressione Una giornata fantastica. Per la gara non chiusa, ha detto Cobo. Alla Vuelta aveva gi vinto nel 2009, ma in una grande corsa forse non si dimostrava cos forte da tre anni. Al Tour 2008 era nella Saunier Duval poi devastata dai casi doping di Ricc e Piepoli: arriv 2 ad Hautacam proprio dietro a Piepoli. E un personaggio particolare. Originario della Cantabria, di Cabezon de la Sal: gli amici lo chiamano El Bisonte de la Pesa (il quartiere, ndr), sul traguardo ieri ha festeggiato facendo le corna. Era apprendista cuoco, ha un demonio tatuato sul petto e un tribale che ricorda un drago su una gamba. Appena tre mesi fa voleva lasciare il ciclismo. Stavo male, ero depresso. La gente si aspettava molto da me e non ero allaltezza. Mi hanno detto che andare da un psicologo potrebbe aiutarmi, lo far. Intanto ieri ha spianato lAngliru. Non lo aveva mai scalato.
RIPRODUZIONE RISERVATA

In 48 ore la sua Vuelta saltata per aria. Vincenzo Nibali, che sabato vedeva il primato (a 4" da Wiggins), oggi vivr lultimo giorno di riposo da 8 a 327" da Cobo. Il podio a 241".
Nibali, che cosa non ha funzionato?

JUAN JOSE COBO. 30 ANNI NUOVO LEADER (foto BETTINI)

Cobo, che gioia. E della Cantabria, come Freire BETTINI

so in testa Sagan: il 21enne talento slovacco della Liquigas-Cannondale, con alle spalle Capecchi, era stato davanti per alcuni chilometri e la cosa aveva fatto pensare a un possibile riscatto per Nibali, allindomani della crisi di fame verso Lagos de Somiedo. Illusione di breve durata, cos come poco durata la speranza di Igor Anton (attacco ai meno 6,8) di vincere nello stesso anno sullo Zoncolan (al Giro) e sullAngliru. Era a 6,5 km dal traguardo che Nibali abbandonava la speranza di un bis consecutivo, e pi o meno nello

stesso istante Cobo (al mattino 4 a 55" dal primato) iniziava a sconvolgere la Vuelta.
Apoteosi Dieci, venti, trenta, quaranta secondi. Una cavalcata irresistibile quella del 30enne spagnolo della Geox-Tmc, anche come squadra mai vista a questi livelli nel 2011. Alle sue spalle, Poels, Menchov, Froome e il leader Wiggins: ma questultimo, sulle rampe pi dure (23,5 %), finiva per pagare. Meglio il compagno Froome, tanto da far venire un dubbio: non che il team Sky ha sbagliato a farlo lavorare cos a fondo negli ultimi giorni per il capitano? Vin-

Pensavo di stare abbastanza bene, per questo ho chiesto alla squadra di fare un ritmo forte. Volevo che sotto lAngliru arrivassimo in pochi. Ma sulle rampe pi dure si capito che Cobo non vedeva lora di attaccare. Ho avuto una defaillance. Sembrava una giornata buona, non stato cos. Valuter bene che cosa ho sbagliato, dirlo cos a caldo non facile. Sono il primo a sapere La delusione di Vincenzo che il vero Nibali Nibali, 26: ottavo BETTINI molto meglio di quello che avete visto negli ultimi due giorni.
Pensa che il Giro 2011, da lei chiuso al terzo posto, sia stato troppo duro? Pu avere influito?

oggi riposo
ARRIVO 1. Juan Jos COBO (Spa, Geox-Tmc) 142 km in 4.0156", media 35.266; 2. Poels (Ola, Vacansoleil) a 48"; 3. Menchov (Rus, Geox-Tmc); 4. Froome (Gb); 5. Wiggins (Gb) a 121"; 6. Anton (Spa); 7. J. Rodriguez (Spa) a 135"; 8. Monfort (Bel); 9. Mollema (Ola); 10. Lagutin (Uzb); 11. Martin (Irl) a 141": 15. Nibali a 237"; 16. Fuglsang (Dan) a 243". CLASSIFICA 1. Juan Jos COBO (Spa, Geox-Tmc); 2. Froome (Gb, Sky) a 20"; 3. Wiggins (Gb, Sky) a 46"; 4. Mollema (Ola) a 136"; 5. Monfort (Bel) a 237"; 6. Menchov (Rus) a 301" 7. Fuglsang (Dan) a 306"; 8. Nibali a 327"; 9. Van den Broeck (Bel) a 358"; 10. Poels (Ola) a 4.13"; 11. Moreno (Spa) a 432"; 12. Nieve (Spa) a 450"; 13. J. Rodriguez (Spa) a 517"; 19. Bruseghin a 913"; 21. Sastre (Spa) a 1007". OGGI ultimo giorno di riposo. Domani 16 tappa, Palencia-Haro, km 203. per velocisti. Diretta Eurosport dalle 16. BOONEN SCAFOIDE ROTTO Coinvolto nella caduta prima dellAlto del Cordal, Tom Boonen si rotto lo scafoide sinistro: stagione finita per il belga della Quick Step.

No, il Giro lontano, archiviato. E nel 2010 avevo disputato Giro e Vuelta, facendo terzo e primo. Magari stato sbagliato qualcosa nellavvicinamento, forse aver corso solo il Giro di Polonia stato troppo poco. Resto convinto del fatto che Giro e Vuelta si possano preparare bene. Ora lasciare un segno difficile, perch sono ancora nei primi dieci e di certo non mi lascerebbero entrare nelle fughe. Bisogner inventarsi qualcosa. Ci prover.
E stato sorpreso da Cobo?

S, da quella tappa del Tour 2008 ad Hautacam non andava cos. Ora credo che sia molto difficile togliergli la maglia.
ci. sco.

GIRO DI ROMAGNA A TRE SETTIMANE DA COPENAGHEN, IL C.T. BETTINI HA DECISO


Sapevo che Ponzi era il pi veloce e che era in gran forma. C'era un gran vento contrario, cos ho scelto la sua ruota, e sono uscito solo negli ultimi 100 metri, ha detto Gatto. Nel finale, il tricolore Visconti, che aveva vinto a Bergamo la tappa finale della Lombarda, ha lavorato per lui in testa al gruppo per riprendere i fuggitivi. Siamo amici. Tra noi c' un ottimo rapporto, ha spiegato Gatto. Per la Farnese-Neri, successo numero 20.
Autoconvocato Chi vince si autoconvoca, ha dichiarato il c.t. Bettini, aggiungendo: Gatto mi era sparito dal Matteotti. La sua vittoria mi fa piacere. Questa la quarta vittoria stagionale di Gatto, dopo il Calabria, la tappa di Tropea al Giro (davanti a Contador) e il Matteotti. A tre settimane dal Mondiale, Bettini non ufficializza i nomi degli azzurri, ma ormai tra gli undici che affronteranno l'avventura mondiale ci sono nomi certi: Visconti, Modolo, Bennati, Belletti, Viviani, Oss, Ponzi, a cui Bettini aggiunger Paolini, nel ruolo di regista. Gli esami proseguono ora al Giro di Padania, ma la situazione ormai chiara.
RIPRODUZIONE RISERVATA

funamboli

DA DOMANI 5 TAPPE FINO A SABATO

Giro di Padania tra le polemiche C anche Basso


CLAUDIO GHISALBERTI

Da sin.: Ponzi (2). Brambilla (4), Gatto (1), 26 anni, e Battaglin, 3 BETTINI

Riecco Gatto: in volata che rimonta su Ponzi Tutti e due in Nazionale


CLAUDIO GREGORI LUGO (Ravenna)

Mondiali Mtb downhill Si pedala nel cielo


Si sono chiusi con la downhill (discesa) i Mondiali mountain bike a Champery (Svi). Evoluzioni spettacolari e applauditissime: ecco linglese Danny Hart, oro lite, che vola in cielo. Il miglior azzurro Marco Milivinti, 13 a 21". Donne: oro alla francese Ragot AP

Altre due tessere del mosaico azzurro. Paolo Bettini le ha trovate sulle strade del Giro di Romagna. Oscar Gatto ha bruciato allo sprint Simone Ponzi e ha fatto sorridere il c.t.. I due entrano nella lista degli undici azzurri per il Mondiale di Copenaghen. Lo sprint stato lanciato da Cimolai ai 350 per Ponzi, mentre la testa del gruppo, come la lingua di un formichiere, ingoiava sei valorosi fuggiaschi: Stortoni, Bailetti, Mazzanti, Schu-

macher, e, ultimi, Rubiano Chavez e Taborre (in fuga c'era anche Sella, appiedato da una foratura). Ponzi ai 200 schizzava con una folgorante accelerazione verso il traguardo. Sulla sua ruota incombeva Gatto. C'era un forte vento contrario. E quando l'azione di Ponzi si affievolita, Gatto uscito di prepotenza. Invano il giovane Battaglin, 21 anni, che si era lanciato nella sua scia, ha cercato di rimontare. Gatto ha respinto gli attacchi e vinto in modo chiaro. Battaglin, alla quarta gara pro dopo otto vittorie da dilettante quest'anno, salito sul podio.

LUNIGIANA JUNIORES

Piove, il leader Bettiol cade Va allospedale, torna e vince


(f. bocca) Chiusura sotto il nubifragio per il Giro della Lunigiana juniores. Dopo il via da Castelnuovo Magra, cadono circa 30 corridori, tra cui il leader Alberto Bettiol. La Giuria neutralizza la tappa. Bettiol portato allospedale di Sarzana: nulla di rotto, torna in gruppo. La tappa riparte, arriva un violento nubifragio e la Giuria annulla definitivamente la gara. Successo finale quindi al toscano Bettiol (due vittorie in tre tappe) con 54 su Andreetta e 55 su Conti.

Arrivo 1. Oscar GATTO (Farnese-Neri) 200 km in 4.46, media 41,934; 2. Ponzi (Liquigas); 3. Battaglin (Colnago); 4. Brambilla; 5. Ferrari; 6. Rubiano Chavez (Col); 7. Taborre; 8. Corioni; 9. Serpa (Col); 10. Ginanni; 16. Schumacher (Ger); 42. Visconti; 56. Ulissi a 3'50". Arrivati 61

Ci siamo. Tutto pronto per la prima edizione del Giro di Padania. Oggi a Cherasco (Cuneo) alle 17 la presentazione delle squadre, poi da domani con la Paesana-Laigueglia prende il via la parte agonistica. Con il numero 1 in gara ci sar Ivan Basso, ma la Liquigas schierer anche Daniel Oss ed Elia Viviani. Gente da Mondiale, cos come Gatto e Visconti della Farnese e Modolo e Belletti della Colnago. Ci sar pure Adriano Malori, che dovr dare segnali importanti se vuole una maglia azzurra. Non per niente il c.t. Paolo Bettini ha assicurato la sua presenza. A fare gli esami agli aspiranti azzurri due vecchi leoni come Davide Rebellin e Stefano Garzelli. In palio la maglia verde che porta come sponsor nientemeno che Alitalia. Maglia verde perch, come dice il nome, la gara nata da unidea di Michelino Davico, sottosegretario agli Interni. Un uomo della Lega. Per questo, parallelamente alla corsa, inizieranno anche le proteste, dopo lantipasto offerto dal sindaco di Piacenza di negare il passaggio della corsa sul territorio comunale. Alla partenza della prima tappa sono attese quelle di Rifondazione, a Lonate Pozzolo quelle degli ambientalisti, a Montecchio Maggiore quelle dei No Tav.

Le tappe Domani, 1 tappa, Paesana-Laigueglia, 168


km; 2 tappa, Loano-Vigevano, 187 km; 3 tappa, Lonate Pozzolo-Salsomaggiore, 198 km; 4 tappa, Noceto-San Valentino di Brentonico, 175 km; 5 tappa, Rovereto-Montecchio Maggiore, 170 km.

36

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

BASKET EUROPEO IN LITUANIA


lAnalisi
di CHIABO

un gruppo che crescer Con i 3 Nba


LEuropeo finito troppo presto. Tre sconfitte in 4 partite, pur con Serbia, Germania e Francia, rappresentano ci che sarebbe potuto accadere ma che speravamo, ed eravamo anche convinti, non sarebbe successo. I pronostici sono costruiti di fatti e sensazioni: i primi dicevano che, fuori dalle prime 16 nazionali e qualificati solo per lallargamento dellEuropeo, non avremmo avuto scampo. Le sensazioni, dopo il buon lavoro svolto la scorsa estate pur avendo mancato il pass per la Lituania, raccontavano invece che lItalia era sul punto di svoltare e che il debutto di Danilo Gallinari, per il suo talento ma anche per positivit del carattere, avrebbe potuto rappresentare linnesco perfetto per farci superare un girone difficile, toglierci tutte le scimmie salite sulle spalle degli azzurri dallOlimpiade di Atene in poi, e farci fare il salto di qualit. Non successo, non solo perch lesordio di Danilo non stato splendente soprattutto come leadership. Quindi ha ragione il c.t. quando dice che oggi non possiamo ancora competere a questo livello. Ma la differenza la far la qualit dellanalisi su cosa accaduto nelle prime due partite: il disastro offensivo non pu essere spiegato solo con lineluttabilit di avversari pi forti. Se la Polonia batte la Turchia, anche noi dovevamo fare di pi: la partita con la Francia ha dimostrato che era possibile. Adesso? Inutile piangere sulle cose che si potevano fare o cambiare. Non possiamo che credere nella crescita del gruppo e andare avanti, col c.t. gi confermato fino al 2013, qualche giovane chiave da inserire subito come Alessandro Gentile e la speranza che i ragazzi della Nba tornino la prossima estate per le qualificazioni europee, cosa oggi non pianificabile. La loro assenza, nel 2008, provoc la caduta dellItalia in serie B. Senza non possiamo risalire.

Punti dei 3 azzurri Nba Nelle 4 partite, Bargnani, Belinelli e Gallinari hanno segnato in media oltre il 69% dei punti dellItalia: 199 su 285.

Peccato 69%
I NUMERI

Percentuale da 3 Gli azzurri, in quattro gare, hanno fallito 67 degli 87 tentativi dallarco.

23

LItalia fuori dopo la prima grande partita


La Francia sorpassa solo nel finale grazie a Diaw ed elimina gli azzurri Il c.t. Pianigiani: un giorno triste
ITALIA FRANCIA
(23-20, 48-41; 67-60)

Al prossimo Europeo Sette squadre si qualificano di diritto allEuropeo 2013 al termine di questa edizione. Gli azzurri passeranno dalle qualificazioni.

84 91

HANNO DETTO

A
S

un duro colpo che costringe i francesi a fare a meno di Tony Parker, peraltro tolto subito dalla partita dalla difesa di Daniel Hackett.
Migliore Dobbiamo ringrazia-

ITALIA: Hackett 10 (4/5, 0/1), Belinelli 19 (3/5, 4/8), Carraretto 7 (1/1, 1/2), Gallinari 18 (3/5, 2/8), Bargnani 22 (8/11, 1/4); Maestranzi (0/1 da 3), Mancinelli 4 (2/5, 0/1), Mordente 4 (0/1 da 3), Cusin, Datome. N.e.: A.Cinciarini, Renzi. All.: Pianigiani. FRANCIA: Parker 8 (3/10. 0/1), De Colo 4 (2/2, 0/2), Batum 20 (6/9, 0/2), Diaw 21 (6/7, 1/2), Noah 10 (4/7); Seraphin (0/1), Albicy 2, Traore 11 (4/6), F.Pietrus 4 (2/2), Tchicamboud 3 (0/3, 1/1), Gelabale 8 (1/1, 2/2), Kahudi (0/1). All.: Collet. ARBITRI: Dozan (Cro), Ciulin (Rom), Milojevik (Mac). NOTE - T.l.: Ita 18/21, Fra 23/25. Rimb.: Ita 19 (Bargnani, Gallinari 5), Fra 38 (Noah 7). Ass.: Ita 13 (Hackett 5), Fra 14 (Parker, Diaw 4). Progr.: 5 13-12, 15 31-31, 25 54-52, 35 76-77. Usc. 5f.: Mancinelli 3938" (82-85), Belinelli 3944" (82-87). Spett. 4500.

Tony Parker LItalia ha giocato la miglior partita del suo Europeo, siamo stati fortunati a vincere. La chiave stata la nostra difesa nel quarto periodo

DAL NOSTRO INVIATO

LUCA CHIABOTTI SIAULIAI (Lituania)

S
Carraretto Abbiamo giocato alla pari per gran parte della gara ma ci mancata lucidit nel finale, non siamo riusciti a concretizzare e Diaw ci ha punito

La grande partita, attesa, immaginata, sognata si infrange a 52" secondi dalla fine della sfida con la Francia. Un grande Bargnani riceve una palla costruita da tutta la squadra, ma sbaglia la tripla che avrebbe illuminato di una luce diversa la nostra avventura lituana. Poco dopo, sul -3, Belinelli fa tutto giusto, scelta, tempistica, penetrazione meno il tiro da sotto che carambola tra tabellone e ferro. La corsa dellItalia allEuropeo finisce senza la gioia di una grande vittoria, dopo una partita al comando, un piccolo aiuto degli astri sotto forma di

re la nostra panchina che ci ha dato lenergia di rimettere in piedi la gara dice Boris Diaw, autore dei liberi decisivi, il migliore dei francesi, amico da sempre di Parker e affamato come lui nella ricerca della prima Olimpiade. Simone Pianigiani risponde con un sorriso alla domanda francese se lassenza imprevista di Parker ci avesse creato dei problemi: No dice onestamente li ha creati alla Francia. Noi, per, pronti a collassare in area su di lui, per qualche azione lo abbiamo fatto anche in sua assenza pagando sui tiratori. Nascono cos tre triple, due di Gelabale, che portano in vantaggio la Francia al 34 (74-77) quando in campo non ha le sue tre stelle Parker, Diaw e Noah. Ma gli azzurri sono bravi, con Gallinari e Belinelli sono ancora davanti a 92" dalla sirena (82-81) ma Diaw decide. Per la prima volta, lItalia attacca, riesce a coinvolgere contemporaneamente Bargnani, Belinelli e Gallinari, conferma che possiamo competere ad alto livello con Hackett sapendo che accettare certi suoi errori significa avere in cambio difesa e leadership. Oggi un giorno triste ammette Pianigiani volevamo entrare nelle prime 12 perch avrebbe voluto dire battere almeno una grande squadra e restare ancora in vita, giocare altre partite. Mi spiace per i ragazzi e la gente. Non posso imputare nulla alla squadra, ha fatto scelte giuste fino alla fine.

Isolati La grande domanda perch lItalia abbia aspettato di essere con le spalle al muro per sbloccarsi in attacco anche se, anche ieri, quasi sempre con isolamenti dei tre giocatori pi forti: La risposta cestistica che la Francia ha una difesa tecnica seppure molto atletica spiega il c.t. , mentre con Serbia e Germania sono state delle guerre dove non siamo riusciti a trovare alternative uscendo da quella logica. La sfida parte male: tre schiacciate, due al volo, di Batum colgono nel sonno la nostra difesa. Sembrano i prodromi della resa, ma Hackett blocca Parker (segna solo un canestro contro di lui). E Bargnani, 13 punti, 4/5 nel primo quarto, si impone da leader

contro Noah. Belinelli si sblocca con 12 punti nel 2o quarto: dopo il 3/22 da 3 nei campionati, realizza tre triple di fila. Cos lItalia funziona, con lapporto prezioso di Carraretto e Mordente. Manca solo Gallinari: tempo di pensare che non abbiamo avuto la gioia di vederli giocare bene assieme, e Gallo ci smentisce (15 nella ripresa). LItalia tocca il +8 al 29 (67-59) nonostante l1/10 da tre nel secondo tempo, ormai Parker sventola lasciugamano in panchina, ma la Francia risale coi cambi. Il sogno finito, lEuropeo no: una vittoria con Israele pu servire lanno prossimo. Non possiamo buttar via niente.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

37

Andrea Bargnani, 25 anni, schiaccia in testa a Boris Diaw, 29. Il Mago ha segnato 22 punti di media in 4 partite CIAMILLO

IL BILANCIO DI PIANIGIANI ALLEUROPEO 2013 LOBIETTIVO SAR GIOCARSELA ALLA PARI CON TUTTI NELLA PRIMA E NELLA SECONDA FASE

Ora abbiamo il rispetto di tutti. Basta? No


SIAULIAI

Potete immaginare quanto mi girino a perdere. Ma faccio lallenatore e devo andare oltre: il post eliminazione di Simone Pianigiani gi un bilancio. Se penso a come siamo partiti un anno fa, dico che siamo cresciuti e secondo me molto. Partite come quella contro la Francia non saremmo stati in grado di farle. Abbiamo giocato in un girone tosto e ci siamo guadagnati il rispetto di tutti. Pu bastare? No. Svanito anche il sogno olimpico, ci aspettano altri due anni di limbo prima di ripresentarci

a questo livello, anni di lavoro ma anche di domande senza vere risposte: Vorremmo ripartire nel prossimo Europeo non dico per vincere loro ma per poter giocare legittimamente alla pari con tutti, non solo nella prima ma anche nella seconda fase. La gara di ieri ha confermato limportanza di veterani come Mordente e Carraretto arrivati, per, a fine corsa in azzurro: Ora in questo gruppo dobbiamo inserire dei giovani che ci diano la possibilit di avere anche assetti diversi ma sempre nella direzione che questa squadra ha preso. Cercheremo di migliorare in ala forte, per avere pi stazza ma anche qualit tecniche per-

ch ormai chiaro che lItalia deve avere un playmaking diffuso in tutti i ruoli, qui mancato.
Disponibilit La base del nostro progetto resta la disponibilit dei tre ragazzi della Nba anche nei prossimi due anni: Stanno facendo uno sforzo notevole per adeguarsi perch giocare negli Usa davvero diverso. Posso solo parlare della disponibilit che conosco, quella assoluta e totale che mi hanno dato nelle ultime due estati, ma chiaro che ogni squadra deve misurarsi anche con assenze e indisponibilit: non fossero venuti Parker e Nowitzki, il nostro Europeo sa-

rebbe stato diverso. Per quello che vedo, per la voglia dimostrata, dico che i giocatori lanno prossimo ci saranno. Dove torneremo nei bassifondi continentali per qualificarci per lEuropeo 2013. Dino Meneghin sostiene il c.t.: Il messaggio che lancia questa Nazionale diretto a tutto il movimento: tutti devono lavorare di pi e meglio, a cominciare dai giocatori. Abbiamo bisogno di crescere e migliorare in ogni settore della nostra pallacanestro perch solo cos potremo tornare al vertice. Ci vuole tempo ma non ci sono alternative.
chiabo

Simone Pianigiani, 42 anni CIAMILLO

RIPRODUZIONE RISERVATA

Belinelli: Avanti cos Usciamo a testa alta


La delusione di Hackett: Contro la Francia abbiamo dato tutto. E si visto che la distanza con le grandi non tanta
DAL NOSTRO INVIATO

bella prestazione con la Francia conferma comunque i progressi dellItalia e dimostra che il gap con le pi forti non cos grande. Non ci manca tanto chiude lex fortitudino lo abbiamo dimostrato. Non facile trovarsi due mesi allanno e giocare subito bene.
Hackett Il pi deluso forse Da-

MASSIMO ORIANI SIAULIAI (Lituania)

Gazzetta.it
LE AUDIO INTERVISTE AGLI AZZURRI DOPO LA SCONFITTA
Sul sito della Gazzetta dello Sport, le audio interviste dopo leliminazione al c.t. Simone Pianigiani e a Marco Belinelli. E oggi la cronaca in tempo reale dellultima partita della Nazionale a Siauliai contro Israele, poi i commenti, le audio interviste, le foto pi belle e i forum per discuterne.

La delusione dipinta sul volto. Se c una cosa che non si pu imputare a questi ragazzi, limpegno, lattaccamento alla maglia. Non retorica, bastava guardare Marco Belinelli rientrare zoppicante nello spogliatoio pochi secondi dopo la sirena, con una maschera che era un mix di rabbia e delusione. Abbiamo giocato unottima partita dallinizio alla fine, dando tutto attacca la guardia degli Hornets Usciamo a testa alta. Non dico che la Francia sia migliore, ma sicuramente sa gestire meglio i momenti decisivi. E stata brava a dar palla dentro a Diaw che ci ha attaccato in post. C tanto dispiacere per leliminazione.
Belinelli Contro i francesi si vista la fluidit che era mancata nelle prime gare. Abbiamo avuto un ottimo approccio, sia difensivo che per come siamo riusciti a muovere la palla in attacco. Non so perch non sia successo prima. Abbiamo dato filo da torcere a tutti. Per era

Gli azzurri escono battuti dopo aver segnato 84 punti. La media delle prime tre partite stata 67 CIAMILLO

Carraretto: Ci sono mancate furbizia e malizia per trovare canestri facili

meglio vincere.... Impossibile nascondere la delusione. Siamo un bel gruppo, cresciuto assieme dallanno scorso. Ci vuole pazienza. Guardate Serbia e Turchia, hanno fatto un passo alla volta e ora sono da medaglia. Anche noi potremo dire la prossima in futuro se continueremo su questa strada. Per farlo servir per che lestate prossima i tre americani conferdi M.O.

mino la loro disponibilit. E presto per dirlo prosegue Beli Manca ancora tanto tempo, ora c solo il dispiacere per questa sconfitta. Al di l della volont che Marco, Bargnani e Gallinari hanno pi volte dimostrato, bisogner fare i conti con due giocatori (Beli e Gallo) in scadenza di contratto e quindi free agent a meno di rinnovi a stagione in corso. La

niel Hackett, che pure stato, rispetto alle aspettative primaverili, la pi bella sorpresa azzurra: Partita decisa dagli episodi. Loro hanno fatto canestro nel finale, mentre io ho perso una palla pesante. C rammarico non solo per le ultime due partite ma anche per quella con la Serbia. Oggi abbiamo dato tutto, muovendo la palla, trovando canestri facili, mettendo in ritmo tutti e tre i pro. Mi dispiace moltissimo. Nonostante il fallimento, almeno nelle aspettative di molti, giocatori e presidente del Coni compresi, c qualcosa di positivo da portare a casa. Buone indicazioni per il futuro spiega il pesarese Dobbiamo giocare ogni partita come fosse una finale, con quella mentalit. Il distacco dalle altre non cos grande scendendo in campo con il carattere mostrato contro la Francia. Ci mancata un po desperienza. Spero che questo gruppo possa continuare a crescere assieme. La chiusura di Marco Carraretto: Ci mancano cattiveria, furbizia e malizia per trovare canestri facili come fanno gli altri. Non ci nascondiamo dietro a quello, ma pi il gruppo star insieme, piu i risultati arriveranno.
RIPRODUZIONE RISERVATA

le Pagelle

la guida Oggi alle 14.15 chiusura contro Israele La Spagna domina anche con la Lituania
GIRONE A (a Panezevys) Ieri: Gran Bretagna-Portogallo 85-73 (Deng 31 e 10 rimbalzi; Andrade 24); Polonia-Turchia 84-83 (Berisha 21; Kanter 19); Lituania-Spagna 79-91 (Valanciunas 13; Navarro 22). Classifica: Spagna 8; Lituania 6; Turchia, Polonia 4; Gran Bretagna 2; Portogallo, 0. Oggi: Gran Bretagna-Polonia, Spagna-Turchia, Portogallo-Lituania. GRUPPO B (a Siauliai) Ieri: Israele-Lettonia 91-88 (Eliyahu 26 e 10 rimbalzi; Blums 27); Francia-ITALIA 91-84; Serbia-Germania 75-64 (Savanovic 18; Nowitzki 25). Classifica: Francia, Serbia 8; Germania 4, Italia, Israele 2; Lettonia 0. Oggi: Israele-ITALIA (ore 14.15 diretta RaiSport 1), Lettonia-Germania, Serbia-Francia. GRUPPO C (ad Alytus). Ieri: Macedonia-Finlandia 72-70 (McCalebb 18; Koivisto, Koponen 11); Grecia-Montenegro 71-55 (Koufos 19, Fotsis 14; Pekovic 15, Cook 4); Bosnia-Croazia 92-80 (Teletovic 26; Tomic 23). Classifica: Macedonia, Grecia 6; Croazia, Bosnia 4; Montenegro, Finlandia 2. Oggi: Finlandia-Montenegro, Grecia-Croazia, Macedonia-Bosnia. GRUPPO D (a Klaipeda). Ieri: Georgia-Ucraina 69-53 (Markoishvili14; Pecherov 11), Russia-Bulgaria 89-77 (Kirilenko 25; D. Ivanov 23); Slovenia-Belgio 70-61 (G.Dragic 18; Van den Spiegel 16). Classifica: Russia, Slovenia 8; Georgia 4; Bulgaria, Ucraina 2; Belgio 0. Oggi: Georgia-Bulgaria, Slovenia-Russia, Ucraina-Belgio. FORMULA: Le prime tre di ogni gruppo passano alla seconda fase (dal 7 al 12 settembre). Le prime 4 del nuovo raggruppamento ai quarti (14-15/9). Semifinali il 16/9, finale il 18/9. Le finaliste si qualificano allOlimpiade 2012. Dalla terza alla sesta al preolimpico che mette in palio altri 3 posti per Londra.

BARGNANI SUPER, IL MIGLIOR BELINELLI, MANCINELLI STECCA


ITALIA
MAESTRANZI 5 Primo cambio di Hackett ma Parker gli scappa via da tutte le parti. Tre minuti e poi solo panca. CARRARETTO 6.5 Partenza disastrosa in difesa su Batum che in backdoor va a schiacciare due volte. Si riprende subito segnando i primi 5 punti azzurri. MANCINELLI 5 Maluccio in attacco, male in difesa su Diaw. La nostra quarta punta stavolta stecca. GALLINARI 7.5 Parte lentamente ma esce alla distanza procurandosi liberi importanti. Resta limpressione che non fosse al 100%. MORDENTE 7 Un gran lavoro in difesa su Parker e pi che buono in regia quando prende il posto di Hackett. BELINELLI 7.5 Si sblocca al tiro ma torna anche a penetrare e a far girare la palla in attacco. La sua miglior prova dellEuropeo. CUSIN 6 Solo 6 e 1 rimbalzo. DATOME 5 Tre minuti con un fallo in attacco. HACKETT 7 Perde un pallone sanguinoso nel finale ma mette la museruola a Parker in avvio. Bravo ad attaccare il canestro. KAHUDI 6 Utile, 3 rimbalzi in 6. PARKER 5 Lombra del giocatore visto con la Germania anche se linfortunio alla gamba sinistra lo limita parecchio (24). Seduto nel 4 periodo.

FRANCIA
NOAH 6 Benino in attacco e a rimbalzo, ma in difesa non prende neanche la targa al Mago. BATUM 7 Inizio devastante, sempre pericoloso in penetrazione e ovunque in difesa (4 recuperi). SERAPHIN 5 Cinque minuti invisibili. ALBICY 5 Gioca poco, 7, e male.

TRAORE 7 Lex romano fa danni in area. PIETRUS 6.5 Discreto in difesa, d una mano sotto i tabelloni (5 rimbalzi in 22) DE COLO 5 Tre perse e 0 assist in 17. TCHICAMBOUD 6.5 Prova a fare il vice Parker, fatica ma infila la tripla che inizia la rimonta. IL MIGLIORE h 7,5 DIAW Con quel sederone si fa spazio in area e segna i punti che ci mandano a casa. GELABALE 7 Due triple pesantissime nella rimonta e sorpasso francese. Anche 6 rimbalzi e 2 assist in 20.

8 BARGNANI

IL MIGLIORE

Avvio straordinario, con 13 punti nel 1 quarto che ci regalano il primo break. Costante nel resto della gara.

38

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

Campagna abbonamenti Bennet Cant 2011-2012

r...? ccede Su anche ende Dip


aTE! d

031 70 16 36 www.pallacanestrocantu.com

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

39

MONDIALI DI ATLETICA

Usain Bolt, 25 anni, danza prima da solo e poi con i compagni di staffetta dopo il secondo oro (200 e 4x100). Sotto, il vantaggio in gara
REUTERS/AFP

lanalisi
di PIERANGELO MOLINARO

SUL PODIO

A
S

Gran chiusura Usa e Kenya: il lavoro paga


Daegu chiude i battenti dei suoi Mondiali con il primato di Bolt (nella staffetta 4x100) e rinnova una scala dei valori dove lItalia recita il ruolo di comprimaria. Gli Stati Uniti tornano in vetta nel medagliere conquistando allori in specialit dove erano scesi dal trono, il Kenya torna a dominare la corsa resistente conquistando 7 titoli fra 800 e maratona e 16 medaglie complessive su 36 disponibili; la Russia mantiene sempre lo scettro della marcia con 6 medaglie sulle 9 in palio. Tre esempi di come il lavoro e lorganizzazione paghino. Nuove nazioni entrano nel medagliere come Grenada e Botwana, segno dellecumenismo dellatletica che non pone limiti al talento. Qualche protagonista scende come Isinbayeva e Bekele, mentre una nuova generazione si fa avanti con talenti come James (400), Taylor (triplo) e Wojciechowski (asta). Un solo primato del Mondo, quello finale della Giamaica, non un brutto segno, anzi. Forse pi del vento contrario sul rettilineo darrivo hanno giocato i controlli del sangue effettuati su tutti gli atleti in gara. LItalia si attacca al bronzo di Antonietta Di Martino, con il 33o posto nel medagliere e il 19o nella classifica a punti. Poco. Ma non questo a preoccupare, fa pensare il fatto che, 4x100 esclusa, i quattro atleti che sono andati a punti classificandosi fra i primi 8 hanno tutti superato i trentanni. Abbiamo bucato due generazioni e i giovani emersi nellestate fra juniores e Under 23 non sono ancora pronti per la scena maggiore. Colpa della federazione? Forse, ma non pu essere lasciata sola quando si sogna di organizzare unOlimpiade.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Argento Con 38"20 va alla Francia campione dEuropa di Teddy Tinmar, Christophe Lemaitre (nella foto), Yannick Lesourd e Jimmy Vicaut

S
Bronzo Con 38"49 va al quartetto di Saint Kitts and Nevis composto di Jason Rogers, Kim Collins (nella foto), Antoine Adams e Brijesh Lawrence

Record: 37"04
Unultima frazione da urlo Bolt fa esplodere la 4x100
Usain trascina la Giamaica alloro della staffetta e accende il pubblico con il solito show. Patton cade nella terza frazione, Stati Uniti fuori
DAL NOSTRO INVIATO

ANDREA BUONGIOVANNI DAEGU (Sud Corea)

Cronologia record 4x100


Tempo Nazione 38"19 STATI UNITI 38"03 STATI UNITI 37"86 STATI UNITI 37"83 STATI UNITI 37"79 FRANCIA 37"67 STATI UNITI 37"50 STATI UNITI 37"40 STATI UNITI 37"40 STATI UNITI 37"10 GIAMAICA 37"04 GIAMAICA Sede Monaco Dusseldorf Helsinki Los Angeles Spalato Zurigo Tokyo Barcellona Stoccarda Pechino Daegu Data 10/09/72 3/9/77 10/8/83 11/8/84 1/9/90 7/8/91 1/9/91 8/8/92 21/8/93 22/8/08 4/9/11

LOperazione leggenda continua. Usain Bolt trascina la 4x100 della Giamaica alla conquista delloro con uno stratosferico 37"04, unico record del mondo dellintera rassegna e, nonostante il drammone dei 100 o forse anche grazie a quello si conferma il personaggio dominante delluniverso-atletica. La Iaaf stavolta ci ha proprio visto giusto: spostare la finale della staffetta in coda a tutto il programma regala una sceneggiatura perfetta. Il palcoscenico conclusivo, cos, tutto per lui: in pista e sul podio, con le premiazioni di 200 e 4x100 collocate una dietro laltra prima del via della cerimonia di chiusura. E Bolt a fare i fuochi dartificio.
La gara Ci pensano i compagni

La caduta di Darvis Patton, 33 anni, terzo frazionista degli Stati Uniti REUTERS

Usain Bolt, 25 anni, 2 ori ai Mondiali 2011 come tra gli uomini solo il compagno Blake AP

a promuovere il quartetto in finale: Nesta Carter, Michael Frater, Yohan Blake e il giovane Dexter Lee, nella seconda batteria del primo turno, corrono in 38"07, battuti da Trinidad and Tobago (37"91): quanto basta per centrare lobiettivo. Gli Stati Uniti di Trell Kimmons, Justin Gatlin, Maurice Mitchell e Trevis Padgett piazzano subito il miglior crono mondiale dellanno: 37"79. Tra le otto potenziali elette (lItalia c), mancano il Brasile (squalificato) e la Germania (pasticciona). Lavvicendamento per la finale scontato: fuori Lee, dentro Bolt. Infortunato Asafa Powell (rimpiazzato solo da Blake, iridato dei 100), in sesta corsia ci sono tre quarti della formazione che il 22 agosto 2008, vincendo a Pechino il titolo olimpico, port il primato del mondo a

I NUMERI

4
4

Medaglie per la Felix La statunitense Allison Felix latleta pi medagliata dei Mondiali di Daegu. La 25enne di Los Angeles infatti salita ben quattro volte sul podio: argento dei 400 metri, bronzo dei 200 (non ha partecipato alla cerimonia perch si stava scaldando per la 4x400), oro con la 4x400 e la 4x100

37"10. Due atleti sono del clan di Stephen Francis (i primi), due di quello di Glen Mills (i secondi). Da inizio stagione ricorda Usain ho qualche problema a un tendine e in curva non posso spingere al massimo. Avrei corso per quarto in ogni caso. E sfida agli Usa, va da s: nel quartetto a stelle e strisce, al posto di Padgett, ora c Walter Dix.
Il record Le prime due frazioni

sono equilibrate. La curva di Blake un gioiello. La Giamaica pare scappar via. Al terzo cambio tutto si semplifica: Patton, con la spalla sinistra, urta il quarto uomo britannico, Harry Aikines-Aryee, inciampa e finisce lungo. Bolt deve solo arrivare. Dietro non c nessuno. Ma non si limita al compitino. Il suo lanciato spaventoso. Stavolta non decelera e il cronometro lo premia: 37"04! Senza Powell... Per Usain, ma anche per Johan, doppietta

doro, come per nessun altro in campo maschile. La Francia di Christophe Lemaitre finisce staccatissima, a 1"16, ma dargento. Il bronzo addirittura di Saint Kitts and Nevis, col 35enne Kim Collins di nuovo a segno. Poi ci sono Polonia, Italia e Trinidad and Tobago, questultima penalizzata a sua volta dalla caduta di Padgett . Gran Bretagna e Stati Uniti si sono autoeliminate. I festeggiamenti-show di Usain sono irresistibili, come e pi di sempre. Il pubblico, di fronte ai suoi numeri da clown, va in brodo di giuggiole. Altro che redenzione dopo la falsa partenza... La Bolt-mania si amplifica. A proposito: Lamine Diack, dopo la riunione di ieri del consiglio Iaaf da lui presieduto, ha detto che la regola tanto discussa, prima dellOlimpiade di Londra non verr cambiata. Il mirino di Bolt gi puntato in quella direzione.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lucisu
AVVISTAMENTO DEL GIORNO

o
Visti allopera mostri e marziani. Ma la bandiera italiana lhanno tenuta alta tre nobili normali: Antonietta Di Martino, bronzo nel salto; Elisa Rigaudo, quarta nella marcia, e Ruggero Pertile, ottavo nella maratona e primo europeo. Ragazzi come tanti, a guardarli da fuori. E invece, dentro, atleti con lx factor, quella cosa che poi ti fa fare la differenza.

TRE AZZURRI
DA RICORDARE di Lucilla Andreucci

40

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

MONDIALI DI ATLETICA

MARATONA

Kirui fa il bis: 2h0738" Rimonta Pertile, 8o


Nella maratona dominata da Asbel Kirui (vincitore anche a Berlino) in 2h0738", grande prova di Ruggero Pertile, 37 anni, padovano di Campo

sampiero che 8o (primo europeo) in 2h1157" dopo una grande rimonta. Ha corso una gara giudiziosa e il parziale degli ultimi 7 km stato 2o solo a quello del vincitore. Altri tre azzurri, oltre alla 4x100, in gara ieri: Silvia Salis 9a nella finale del martello (69.88), decimi Fabrizio Donato nel triplo (16.77) e Daniele Meucci nei 5000 (1329"11).

5000

Sprint allultimo giro Farah batte Lagat


La finale maschile dei 5000 stata solo una questione fra sprinter. Ritmo lentissimo sino al suono della campana e poi via. Ha vinto il britannico

di origine somala Mohamed Farah in 1323"36 davanti allo statunitense di origine keniana Bernard Lagat (1323"64). La classifica poi stata corretta dai giudici. Il bronzo stato assegnato alletiope Dejen Gebremeskel (1323"92) dopo la squalifica del connazionale Imane Merga, reo di aver varcato il cordolo della pista.

Staffetta
LItalia quinta con rimpianto
Tre autoeliminate ma con 38"96 non ripetiamo il tempo delle batterie (38"41) che vale il podio
DAL NOSTRO INVIATO

Da sinistra: Emanuele Di Gregorio, Michael Tumi, Simone Collio e Fabio Cerutti


COLOMBO

ANDREA BUONGIOVANNI DAEGU (Sud Corea)

MEDAGLIERE FINALE
NAZIONE Stati Uniti Russia Kenya Giamaica Germania Gran Bretagna Cina Australia Etiopia Ucraina Botswana Brasile Grenada Giappone Nuova Zelanda Polonia Sud Africa Cuba Francia Bielorussia Canada Croazia R. Ceca Estonia Ungheria Kazakistan Norvegia Porto Rico Sudan Tunisia Colombia St. Kitts e Nevis ITALIA Belgio Iran Bahamas Lettonia Slovenia Spagna Trinidad and Tobago Zimbabwe O A 12 8 9 7 4 3 2 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 4 6 4 3 4 2 1 0 0 0 0 0 0 0 0 2 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 B 5 6 4 1 1 1 1 1 4 1 0 0 0 0 0 0 2 3 3 1 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 2 2 1 1 1 1 1 1 1 1 1 TOT 25 19 17 9 7 7 4 3 5 2 1 1 1 1 1 1 4 4 4 2 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 2 2 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Un piazzamento di prestigio o una medaglia buttata al vento? Il dubbio perseguita la 4x100 azzurra, quinta in 38"96 in una staffetta che ha perso per strada Usa e Gran Bretagna e ha tagliato le gambe a Trinidad. Il quartetto italiano, alla sesta finale della storia, meglio ha fatto solo a Helsinki 1983 (argento) e a Gteborg 1995 (bronzo). E alla vigilia avrebbe firmato per un risultato del genere. Ma i rimpianti sono enormi. Anche solo ripetendo il tempo della batteria (38"41), il settimo tra le squadre promosse, sarebbe infatti arrivato un bronzo. E col 38"17 del record italiano centrato lo scorso anno agli Europei di Barcellona, addirittura largento. Come allora.
Automatismi Lesordiente Mi-

chael, pur reagendo bene allo sparo (0"153), probabilmente non brillante come nella prima occasione e il suo ingresso in zona avviene a velocit inferiore. Collio scappa via e, per non uscire, deve rallentare. Sono preziosi decimi sciupati. Il passaggio di testimone con Di Gregorio collaudato. E, mentre nelle corsie davanti scoppia il finimondo, si arriva allultimo. Anche qui c un ingarbugliamento, anche qui si scialacquano frazioni di secondo pesanti. Il cronometro spara un deludente 38"96: Giamaica e Francia son lontane, Saint Kitts and Nevis e Polonia finiscono a 47 e 46/100. Gi gioved a Zurigo gli azzurri potranno dimostrare di valere di meno.
Le reazioni Rispetto alla batte-

chael Tumi (21 anni), Simone Collio, Emanuele Di Gregorio e Fabio Cerutti, nella terza delle tre semifinali, corrono in ottava corsia. Per avanzare serve essere tra le prime due o chiudere con un tempo inferiore a 38"66. LItalia fa tutto per bene: solo il terzo cambio un po lungo, ma anche se Gran Bretagna e Polonia fanno meglio, lingresso tra le migliori otto cosa fatta (quattro europee). Passano due ore: stesso quartetto rispetto a Barcellona mancano Roberto Donati in prima e Maurizio Checcucci in quarta frazione corsia diversa. Ora gli azzurri sono in seconda. E, in staffetta, soprattutto in curva dice Tumi la differenza si avverte. I 71 cambi provati nelle ultime settimane non servono: quello del baby vicentino con Collio problematico. Mi-

ria dice Collio abbiamo assunto qualche rischio in pi, per giocarci loccasione. E adesso non sappiamo se ridere o se piangere. Abbiamo migliorato la sesta piazza di Berlino aggiunge Cerutti rosichiamo, ma dobbiamo essere contenti. Provo a vedere il bicchiere mezzo pieno sottolinea Di Gregorio : difficile. La lente dingrandimento va su Bolt (Merita rispetto, ma alle volte esagera dicono gli ultimi due frazionisti azzurri) e sul possibile ingresso nel Club Olimpico (dovrebbe riguardare chi tra i primi sei al mondo sottolinea Collio). In finale spiega Filippo Di Mulo - responsabile tecnico della velocit tricolore abbiamo aggiunto mezzo piede a ogni cambio, arrivando a 28, 29.5 e 28.5. Era un espediente per motivare i ragazzi. Ha prevalso la foga da finale. Ma abbiamo gettato le basi per lanno olimpico. Il dubbio, per, permane.
RIPRODUZIONE RISERVATA

visti da vicino

Il sogno: una sfida sui 400 fra Bolt e Rudisha


di GIANNI MERLO

Usain Bolt ha messo il suo sigillo anche su questi campionati del mondo trascinando il suo quartetto veloce al mondiale: 3704!. Era riuscito a stupire con quella falsa partenza nei 100, che aveva acceso polemiche. Poi ha spento il fuoco dei dubbi con un 200 perentorio. Chi lo vedeva in difficolt si dovuto ricredere. Usain deve fare attenzione quando corre in curva, perch ha un tendine dolente, ma non va in giro

a elemosinare scuse. Laltro personaggio di spessore stato David Rudisha che, come Usain, una spanna sopra gli altri negli 800. Si potrebbero sfidare un giorno su un terreno adatto a entrambi: i 400 metri. Il keniano lunico al mondo che potrebbe tentare allOlimpiade di sposare loro degli 800 con quello dei 400. Non un sogno proibito. Suo padre era un quattrocentista. LEuropa gioisce per Christophe Lemaitre, sprinter bianco, in grado di fare breccia nella marea di velocisti dalla pelle scura. Forse sar lui luomo della

svolta. Lorganizzazione merita la medaglia doro per essere riuscita a portare allo stadio un pubblico entusiasta, superiore alle aspettative. Ha sofferto invece nellorganizzazione dei trasporti, che sono stati affidati a volontari che non sono neppure in grado di dirigere il traffico degli scolari davanti a una scuola. La pista era veloce, ma sul rettilineo ha soffiato in faccia agli atleti per 7 giorni e ha cambiato direzione solo sabato, spedendo laustraliana Pearson a 12"28 nei 100 ostacoli, forse vero

TRIPLO SUCCESSO DEL 21ENNE USA

la guida
di football e atletica. Prima del triplo il suo regno sono stati i 400, dove ha un personale di 45"34 e anche il lungo, dove vanta 8.19.
In Florida Il salto di qualit av-

Sorpresissima Taylor Volo tra i grandi: 17.96


DAEGU (Sud Corea)

Rivincita Usa nella 4x100 donne: 41"56 Martello: Lysenko


Tatyana Lysenko, ex primatista mondiale russa squalificata per doping dal 2007 al 2009, uccide la gara del martello fin dai primi lanci e con una regolarit straordinaria sopra i 75 metri vince il martello dove la favorita Heidler si salva grazie a un solo lancio. La 4x100 premia invece le americane che con la miglior prestazione dellanno (41"56) non danno scampo alle giamaicane, a cui non basta il record nazionale. Intanto con le rinunce di Barcellona e Budapest, Doha (che propone la rassegna a fine settembre!) resta lunica avversaria di Londra per i Mondiali 2017 che verranno assegnati l11 novembre. Finali. Uomini. 5000: 1. Farah (Gb) 1323"36; 2. Lagat (Usa) 1323"64; 3. Gebremeskel (Eti) 1323"92; 4. Kiplangat Koech (Ken) 1324"95; 5. Kuma (Eti) 1325"50; 6. Longosiwa (Ken) 1326"73; 7. Kipchoge (Ken) 1327"27; 8. Shugi

(Bar) 1327"67; 9. Rupp (Usa) 1328"64; 10. MEUCCI 1329"11; squal. Merga (Eti). Triplo: 1. Taylor (Usa) 17.96 ; 2. Idowu (Gb) 17.77; 3. Claye (Usa) 17.50; 4. Copello (Cuba) 17.47; 5. Evora (Por) 17.35; 6. Olsson (Sve) 17.23; 7. Sands (Bah) 17.21; 8. Compaor (Fra) 17.17; 9. Frayne (Aus) 16.78; 10. DONATO 16.77. 12. El-Sheryf (Ucr) 16.38. Maratona: 1. Kirui (Ken) 2h0738; 2. Kipruto (Ken) 2h1006; 3. Lilesa (Eti) 2h1032; 4. Bouramdane (Mar) 2h1055; 5. Barmasai Tumo (Ken) 2h1139; 6. Kiptanui (Ken) 2h1150; 7. Horibata (Giap) 2h1152; 8. PERTILE 2h1157; 9. Kiprotich (Uga) 2h1257"; 10. Nakamoto (Giap) 2h1310". Coppa del Mondo: 1. Kenya (Kirui, Kipruto, Tumo) 6h2923; 2. Giappone 6h4113"; 3. Marocco 6h4218. 4x100: 1. Giamaica (Carter, Frater, Blake, Bolt) 37"04 (record del mondo, prec. 37"10 Giamaica 22/08/08 a Pechino); 2. Francia (Tinmar, Lemaitre, Lesourd, Vicaut) 38"20; 3. St. Kitts e Nevis (Rogers, Collins, Adams, Lawrence) 38"49; 4. Polonia 38"50; 5. Italia (Tumi, Collio, Di Gregorio, Cerutti) 38"96; 6. Trinidad and Tobago 39"01. Rit. Gran Bretagna, Stati Uniti.

Batterie. I: Usa 37"79; Francia 38"38. II: Trinidad 37"91; Giamaica 38"07; st. Kitts 38"47 RN (q). III: Gran Bretagna 38"29; Polonia 38"37; Italia 38"41 (q). Donne. 800: 1. Savinova (Rus) 155"87; 2. Semenya (S.Af) 156"35; 3. Jepkosgei (Ken) 157"42; 4. Johnson (Usa) 157"48; 5. Kostetskaya (Rus) 157"82; 6. Vessey (Usa) 158"50; 7. Sinclair (Giam) 158"66; 8. Rusanova (Rus) 159"74. Martello: 1. Lysenko (Rus) 77.13; 2. Heidler (Ger) 76.06; 3. Zhang Wenxiu (Cina) 75.03; 4. Moreno (Cuba) 74.48; 5. Wlodarczyk (Pol) 73.56; 6. Perie (Rom) 72.04; 7. Klaas (Ger) 71.89; 8. Marghiev (Mac) 70.27; 9. SALIS 69.88. 4x100: 1. Usa (Knight, Felix, Hooker, Jeter) 41"56; 2. Giamaica 41"70 (Fraser, Stewart, Simpson, Campbell-Brown) RN 41"70; 3. Ucraina (Povh, Pogrebnyak, Ryemyen, Stuy) 42"51; 4. Trinidad and Tobago 42"58; 5. Francia 42"70; 6. Russia 42"93; 7. Nigeria 42"93; 8. Brasile 43"10. Batterie. I: Giamaica 42"23; Francia 42"60: Brasile 42"92 AR (q); II: Trinidad 42"50 (RN); Ucraina 42"63; Russia 42"78 (q); III: Usa 41"94; 2. Nigeria 42"74; 3. Olanda 43"44 RN (El).

Chi pensava che con linfortunio del francese Teddy Tamgho la pedana mondiale del triplo rimanesse priva di talenti, si sbagliava. Ieri sera un ventunenne della Georgia semisconosciuto, Christian Taylor, atterrato a 17.96, misura che lo fa diventare il quinto triplista di sempre dopo Edwards, Harrison, Tamgho e Banks. A dire il vero Taylor proprio sconosciuto non era, almeno dopo il 17.68 con cui a Londra aveva battuto Idowu, il 6 agosto scorso. Sono venuto a Deagu per vincere, ma non pen-

savo di arrivare tanto lontano, confessa. Christian un ragazzo semplice, educato, istruito. Nato a Fayetteville, in Georgia, con un padre originario delle Barbados, alla high school era gi inserito nelle squadre

venuto quando si trasferito a Gainesville, allUniversit della Florida e ha incontrato lattuale tecnico, Rana Reider. Ai Trials di Eugene a fine giugno, dopo aver vinto il triplo ha rischiato di qualificarsi anche nel lungo col quarto posto. Non so dove posso arrivare spiega Taylor ma lass qualcuno mi spinge lontano. In quel volo ho provato sensazioni incredibili, ho un punto di riferimento sul come si vola. Il segreto? La dinamicit dellazione. Ha impiegato anni il mio allenatore per farmelo capire.
pa.m.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

41

800 DONNE

Semenya cede in volata alla Savinova


Caster Semenya stata battuta nella finale degli 800 dalla russa Mariya Savinova al termine di una lunga volata. Dopo un passaggio velocissimo

a met gara della keniana Jepkosgei (55"86) le due hanno lanciato la votata ai 200 metri. La Savinova ha marcato stretto Caster e lha superata a 30 metri dallarrivo. Dice la Semenya: Mi d pi soddisfazione questo argento del titolo di Berlino. Dedico questa medaglia a Mandela, spero di incontrarlo al ritorno a casa.

CANOTTAGGIO MONDIALI A BLED

Caster Semenya, 20 anni

Mai cos male: minimo di punti e solo 5 finali


La Di Martino non salva la spedizione azzurra con 11 stop nei turni: Italia 19a
DAL NOSTRO INVIATO

Il doppio pl azzurro Lorenzo Bertini (a sinistra), 36 anni di Pontedera, ed Elia Luini, 33 anni di Gavirate SEYB

DAEGU (Sud Corea)

Gli azzurri e i Mondiali di Daegu: il resoconto statistico crudo, spietato, ma veritiero. Hanno gareggiato in 30 (con Galvan, Riparelli e la Bonfanti riserve delle staffette). Mai cos pochi in tredici edizioni della rassegna iridata (a Osaka 2007, precedente record negativo, furono 34). In 23 hanno preso parte a gare individuali (pi i frazionisti della 4x100 maschile e le frazioniste della 4x400 femminile, Milani esclusa). Da 25 prestazioni sono giunti non pi di due primati personali (di Nko-

Luini-Bertini che conferma Brividi di bronzo


Antonietta Di Martino, 33 anni AP

Il doppio pesi leggeri negli ultimi 250 metri recupera e beffa i tedeschi: la serie continua
DAL NOSTRO INVIATO

In positivo: Pertile, i personali di Nkoloukidi e Milani e il ritorno di Schwazer


loukidi nella 20 km di marcia e della stessa Milani nei 400), oltre a tre stagionali (di Schwazer nella 20 km di marcia e delle due staffette). Di 18 che hanno affrontato turni, 11 sono stati subito bocciati (pari al 61%). LItalia (41 Paesi sul podio), ha vinto una sola medaglia: peggio solo a Berlino 2009 (zero). Il dato pi sconfortante per il seguente: gli azzurri, nella classifica a punti (cinque finalisti, mai cos pochi: due anni fa furono otto), sono diciannovesimi con 17 (in tale graduatoria, comandata da Stati Uniti su Russia e Kenya come nel caso del medagliere, sono presenti 66 Nazioni). E un altro primato in negativo: a Helsinki 2005 i punti furono 19.5.
Valore reale Vero che molti

record del mondo, perch le donne che lhanno preceduta avevano qualche problema. Da questo centro industriale coreano rimbalza la domanda: lItalia cera? Si sono visti solo alcuni lampi di orgoglio, ma poco altro. Siamo arrivati allanno zero, dove bisogna ripartire. I giovani con cui costruire il futuro ci sono e altri se ne possono scovare, ma bisogna rifondare la scuola tecnica. Il cambiamento purtroppo non potr essere utile se fatto usando i guanti di velluto, la nuova rotta deve essere completamente diversa da quella del passato.

un Alex Schwazer in ripresa) o il passaggio di un turno per un nulla. Ma, a prescindere, urgono rimedi. Anche perch ben pochi sono coloro che, rimasti a casa, avrebbero potuto fare buone cose: Andrew Howe, Anna Incerti, il miglior Giuseppe Gibilisco, la miglior Elisa Cusma, Marco Vistalli e Claudio Licciardello in funzione 4x400, una Clarissa Claretti da recuperare. E ancor meno coloro che a Daegu, tecnicamente, hanno completamente fallito rispetto al reale potenziale: da Giorgio Rubino e Simona La Mantia, viste le premesse, sono in ogni caso giunte le maggiori delusioni, cos come un elogio particolare, per il carattere mostrato, meritano Ruggero Pertile, Marta Milani ed Elisa Rigaudo. Serve ricordare che il minimo A era stato ottenuto solo da nove atleti? In sintesi: le 11 medaglie arrivate in luglio da Europei under 23, juniores e Mondiali allievi, con un totale di 46 finalisti, fanno sperare. Ma questo la tabella sotto parla chiaro il valore dellatletica italiana di oggi.
a.b.
RIPRODUZIONE RISERVATA

RICCARDO CRIVELLI BLED (Slovenia)

Una regata non un letto di rose. Le parole di Sir Steve Redgrave, il pi grande di tutti, pulsano nelle tempie del doppio leggero azzurro quando ai 1750 metri, a 40 colpi al minuto, il capovoga Luini spreme sangue e lacrime dal suo talento per recuperare mezza barca alla sorpresa tedesca, assecondato dal prode Bertini che batte i remi sul lago dorato con tutta la forza del coraggio e della disperazione. Mezzo minuto senza respiro, poi lestasi: sorpasso sul filo e bronzo, unaltra medaglia nella preziosa e gloriosa collezione di una barca che non tradisce mai, la conferma difficile ma straordinaria dopo largento del 2010.
I soliti noti Che brividi. Bertini,

finch ai 1500 gli iridati e olimpionici in carica britannici mettono la punta davanti e l restano. Sul podio, le stesse barche dellanno scorso, valori sigillati che amplificano la grandezza azzurra. In partenza, Luini prover perfino a restare con i battistrada, ma i giovani tedeschi scompagineranno i piani: Vederli al mio fianco subito mi ha fatto pensare che non fossimo cos veloci, ed invece stavano tirando come matti. Ai 1000, quando le prime due sono salite, ho cercato di reagire, ma in questo momento hanno qualcosa in pi.

Serenit Quella volata mozza-

IL MEDAGLIERE
DELLE SPECIALITA OLIMPICHE PAESE O A B Nuova Zelanda 4 1 3 Gran Bretagna 3 3 3 Germania 2 2 1 Australia 2 1 2 Rep. Ceca 1 1 Grecia 1 1 Usa 1 1 Canada 2 1 ITALIA 1 2 Bielorussia 1 Croazia 1 Francia 1 Tot. 8 9 5 5 2 2 2 3 3 1 1 1

hanno mancato lingresso tra i primi otto per un soffio (come

con in braccio la piccola Camilla, una maschera di fatica e felicit: In quegli ultimi metri labbiamo voluta con tutti noi stessi. Ai 1500 avevo detto ad Elia "tranquillo, la Germania scoppiata": alla faccia, non crollavano mai. Davanti, inglesi e neozelandesi fanno gara a s,

fiato, per, suona come linno alla consapevolezza: Inglesi e neozelandesi adesso ci stanno davanti dice il poliziotto Bertini per dopo Lucerna abbiamo lavorato bene e questo risultato ci conforta. Abbiamo un anno per colmare le lacune e presentarci a Londra per provare a vincere. Il capovoga varesino dellAniene, che su questa barca fu argento olimpico nel 2000, da ragazzino, e a Bled ha conquistato la 7 medaglia iridata nella specialit, invece chiede serenit: Il vecchietto ci sa ancora fare sorride e perci credo che per colmare le distanze bisogni solamente allenarsi con la costanza e la convinzione degli ultimi mesi. Certo ammette mi ha disturbato essere messo in discussione allinizio della preparazione, a questo punto immagino che nessuno possa pi avere dubbi sul nostro valore.
Il bilancio Per lItalia la terza medaglia olimpica, un raccolto che mancava da Gifu 2005. Risolte alcune incongruenze tecniche, potenziato il settore medico-scientifico, i risultati ci riportano finalmente ad un livello pi consono alla tradizione. Ma se i pesi leggeri di Polti hanno preso medaglie in tutte le gare e le donne, seppur lentamente, crescono, nei senior il bronzo del 2 senza non pu nascondere il passo indietro del 4 di coppia, da secondo a sesto, con la sciagurata gestione di Raineri, che ha impoverito la barca e probabilmente impedito la qualificazione pure del doppio, e del 4 senza, mai definitivamente maturato. Il c.t. di settore De Capua ne consapevole (Ma il gruppo comunque solido) e fissa lobiettivo: Pi tempo e pi intensit negli allenamenti. A meno di un anno dai Giochi, bisogna includere e non escludere e magari pensare a un raduno preolimpico in giugno in cui senior e pesi leggeri possano confrontarsi per capire il valore reciproco. A Lucerna proveremo a qualificare il doppio e un paio di barche femminili e intanto cova lidea di un otto giovane. Bene cos: bando allItalietta.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL BILANCIO IL PRESIDENTE DELLA FIDAL

LA PEGGIOR EDIZIONE
Edizione Helsinki 83 Roma 87 Tokyo 91 Stoccolma 93 Gteborg 95 Atene 97 Siviglia 99 Edmonton 01 Parigi 03 Helsinki 05 Osaka 07 Berlino 09 Daegu 11 Fin Punti Piaz 12 43 8a 13 62 14 39 11 43 13 63 16 51 13 55 9 6 7 8 5 44 19.5 29.5 22 17 10 39 7a 10a 11a 6a 9a 9a 12a 13a 23a 15a 19a 19a Med 3 5 1 4 6 3 4 4 3 1 3 0 1

LA GUIDA

Arese: Pochi soldi E lora delle scelte


DAEGU

Anche il 4 senza senior va a Londra 4 coppia pl doro: Gilardoni arriva a 11


LItalia qualifica direttamente ai Giochi 6 barche, 5 maschili e una femminile: 4 di coppia, 4 senza senior, 4 senza pl, doppio pl, 2 senza, 2 senza donne. Dal 20 al 23 maggio 2012, a Lucerna, Regata finale di qualificazione (da 3 a 1 posti a seconda delle barche). Nel 2008 lItalia qualific allOlimpiade 5 barche da Monaco 2007 pi 2 nella Regata finale. Ad Atlanta 96 furono 10 (8 maschili e 2 femminili), a Sydney 2000 8 (tutte maschili) e ad Atene 2004 9 (8 maschili e 1 femminile). Nel medagliere totale lItalia 4 con 8 (2-4-2) dietro Gran Bretagna (11), Nuova Zelanda (9) e Australia (7). Nel 4 di coppia pl, Daniele Gilardoni vince l11 oro. Olimpiche. Uomini. Doppio pl: 1. G.Bretagna 618"67; 2. N.Zelan da 619"01; 3. LUINI BERTINI 621"33. 4 senza: 1. G.Bretagna 555"18; 2. Grecia 557"20; 3. Au stralia 558"44. Fin.B: 4. A. PALMI SANO AGAMENNONI FOSSI PA ONESSA 559"43. Donne, singolo: 1. Knapkova (R.Cec) 726"64; Karsten (Bie) 728"68; 3. Twigg (N.Zel.) 730"68. Doppio pl: 1. Gre cia 659"80; 2. Canada 703"46; 3. G.Bretagna 704"33. Fin.B: 4. MA RASCA BELLO 713"38. Non olimpiche. Pl. 4 di coppia: 1. BASALINI SANCASSANI GILAR DONI RIGON 600"95; 2. Germa nia 601"08. 8: 1. Australia 544"57; 2. TUCCINARDI VL CEK AMARANTE LAPADU LA SANTI RICCARDI GABRIE LE SCALA (t. Barattolo) 544"73.

Non contento il presidente della Fidal, Franco Arese, del bilancio azzurro di questi Mondiali in cui lItalia chiude con una medaglia: Sappiamo che a questo livello difficilissimo salire sul podio e nellunica possibilit reale che avevamo ci siamo riusciti con Antonietta Di Martino. Di positivo c il recupero di Elisa Rigaudo e Alex Schwazer, ma ci mancavano possibili protagonisti come Elisa Cusma, Giuseppe Gibilisco e Andrew Howe. Abbiamo pochi mesi per preparare i Giochi di Lon-

dra, in questo lasso di tempo il mondo non si stravolge. Quindi dobbiamo puntare ad assistere il pi possibile le nostre punte. Ora faremo un esame tecnico dettagliato di tutte le situazioni che riguardano gli atleti di vertice. I soldi sono pochi, dobbiamo pure riflettere se puntare su tutte le gare o fare delle scelte mirate, inutile convocare atleti che non hanno una statura internazionale, dobbiamo investire dove possiamo fare qualcosa e collaborare di pi con le societ militari. E poi vestirci di umilt, guardare allestero e imparare.
pa.m.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Legenda: Fin = finalisti; Piaz. = piazzamento Med = medaglie

42

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

GOLF EUROPEAN TOUR

MCILROY E TERZO
Cos nellOmega European Masters a Crans sur Sierre (Svi). 1. Bjorn (Dan), -20 (68 68 66 62, 264; 333.330 e); 2. Kaymer (Ger) -16 (65 70 68 65, 268; 222.220 e); 3. Van Zyl (Saf); McIlroy (Gb), Donaldson (Gb) - 15 (269; 103.330e); 5. Andersson Hed (Sve), Lynn (Gb), Westwood (Gb) -14 (270); 9. Canizares (Spa), Jimenez (Spa), Noren (Sve) -13 (271); 12. Siem (Ger), E. MOLINARI, Horne (Saf) -12 (272). 18. F. MOLINARI, MANASSERO - 9 (275).

Che impresa!
Bjorn concede il bis Vince pure a Crans
Il danese, gi trionfatore a Gleaneagles, porta a casa lo European Masters con un giro in 62. Bene gli azzurri
FEDERICA COCCHI

UNDER 16

Paratore ok Colpo a Biella


Renato Paratore si imposto nel 5 Italian International Individual Championship Under 16 al Golf Club Biella (par 73), dove McIlroy nel 2006 conquist lo European Amateur. Il 14enne del Parco di Roma, ha rimontato dal 13 posto e ha vinto con i 292 colpi del par (78 74 71 69). il secondo successo internazionale dei dilettanti azzurri dopo quello di Torrieri nel Danish Youth.

Il sorriso che si stampa sul suo viso solitamente tendente al truce, fa quasi pi notizia del risultato sul campo. Il danese Thomas Bjorn, 40 anni suonati, ha conquistato lOmega European Masters sui monti di Crans Montana, in Svizzera, a una settimana di distanza dalla vittoria del Johnny Walker Championship a Glenaegles, in Scozia. Proprio domenica scorsa Bjorn, che con questo successo fissa a 3 il numero di trofei stagionali, aveva affrontato un playoff a cinque in cui alla fine aveva avuto la meglio.
Che score Proprio una giorna-

ciato alla grande e avrei voluto chiudere altrettanto bene.


Poche parole Il danese, nonostante la soddisfazione per i circa 599.000 euro guadagnati in sette giorni, resta di poche parole: E stata una settimana notevole il suo commento dopo la gara . In questo periodo mi risulta abbastanza semplice giocare a golf. Ho iniziato la settimana scorsa, mi sembrato che tutto fosse facile, ed una sensazione continuata questa settimana. Ma non sempre cos. Certo che chiudere la domenica con un 62 sempre fantastico. Con questo successo Thomas Bjorn, che prima di questa stagione non vinceva dal 1998, raggiunge la vittoria numero 13 su 369 tornei giocati sullo European Tour, ma soprattutto raggiunge i primi 30 al mondo e nella Race to Dubai vola a quota 1.381.444 euro per il settimo posto. Tre trofei in una sola stagione, solo il

numero 1 al mondo Luke Donald questanno riuscito a fare altrettanto. A cinque colpi di distacco, Rory McIlroy, al ritorno sul green dopo linfortunio al braccio allo Us Pga: Al rientro dallinfortunio non sapevo cosa aspettarmi. Alla fine sono soddisfatto e sono soprattutto contento per Thomas. I nostri Una settimana abbastanza positiva per gli azzurri in gara. E terminato al 12 posto (dal 15) Edoardo Molinari con 272 (69 68 68 67, -12) e hanno chiuso al 18 con 275 (-9) Francesco Molinari (70 69 67 69), che era 20, e Matteo Manassero (70 66 71 68), che ha recuperato sette posizioni rispetto al terzo giro.

ta di grazia per lorso Thomas, che ha segnato sullo score ben nove birdie e un eagle che lo hanno portato a chiudere il giro in 62, che anche il record di ultimo giro pi basso dellintera stagione. Con il -20 totale e 264, il danese ha distaccato di quattro colpi un Martin Kaymer ancora a caccia

della vittoria che manca ormai da diversi mesi e per questo contrariato: Quando ti ritrovi a -6 dopo appena 8 buche ovvio che ti aspetti molto di pi ha detto lex numero uno, alle prese con un brutto raffreddore . Non mi sentivo troppo bene, ma avevo comin-

Edoardo Molinari, 30 anni, migliore degli italiani. Nella foto grande Thomas Bjorn, 40 anni, 369 tornei nel Tour Europeo SCACCINI

Ho iniziato a colpire bene la settimana scorsa e non mi sono pi fermato


THOMAS BJORN VINCITORE DEL TORNEO

DONNE LADIES EUROPEAN TOUR A FOHRENWALD

Sergas terza in Austria Sandolo rimonta: 17


Un terzo posto da applausi per Giulia Sergas che con 209 colpi (67 69 73), sette sotto il par, ha conquistato il terzo posto dello Uniqa Ladies Open, torneo del Ladies European Tour che si svolto sul percorso del Golf club Fohrenwald (par 72), a Wiener Neustadt in Austria. La Sergas, tornata in Europa per consolidare la sua posizione nell'ordine di merito e mantenere la carta del Let, ha tenuto il ritmo nelle prime nove buche (tre birdie e un bogey), poi sulle seconde ha segnato tre bogey per il 73 (+1). Il terzo posto le ha fruttato 10.070 e il 27 posto nella money list.
www.historicbrand.com - T. +39 030 9932872

Rimonta Con una bella rimonta

finale Sophie Sandolo salita dalla 49esima alla 17esima po-

Giulia Sergas, nata a Trieste il 29 dicembre del 1976. Attualmente numero 27 dellordine di merito europeo AFP

sizione con 214 (72 73 69, -2). Sophie ha messo insieme quattro birdie e un bogey per il parziale di 69 colpi (-3). Ha guadagnato 2.607 euro. Si imposta la svedese Caroline Hedwall con 204 colpi (73 67 64), dodici sotto par, davanti alla francese Caroline Afonso (208, -8), mentre la Sergas stata affiancata dall'inglese Melissa Reid, dalla svedese Linda Wessberg e dalla finlandese Kaisa Ruuttila, leader a sorpresa dopo due turni. Al settimo posto con 211 (-5) l'australiana Karen Lunn e all'ottavo con 212 (-4) le australiane Stacey Keating e Nikki Garrett, la tedesca Caroline Masson e la scozzese Kylie Walker in un torneo nel quale quasi tutte le prime della classe sono finite tra le top ten, a parte la gallese Becky Brewerton, 12 con 213 (-3), l'inglese Laura Davies, 27esima con 216 (par), la francese Virginie Lagoutte, 32esima con 217 (+1), e la sudafricana Ashleigh Simon, 40esima con 218.

A TORINO VAN BASTEN, PLATINI E DEL PIERO IN CAMPO CONTRO LA SLA

AT M O S P H E R I C

PA R K A

Oggi Marco Van Basten, Alessandro Del Piero e Michel Platini (nelle foto da sinistra a destra, insieme con Pavel Nedved, sono tra le stelle che scendono sul green oggi a Torino per lottava edizione della Vialli e Mauro Golf Cup, importante pro am benefica che si svolge al Royal Park I Roveri di Fiano Torinese. Tra i golfisti in gara (che partir alle 12.30) anche Lorenzo Gagli, Emanuele Canonica e Domenico Geminiani. La Fondazione Vialli e Mauro nasce con lintento di finanziare la Ricerca sul Cancro e sulla Sclerosi Laterale Amiotrofica e, grazie alla Golf Cup, destiner cinquantamila euro alla Fondazione Piemontese per la ricerca sul cancro (www.fprconlus.it) , il resto invece andr ad AriSla l'Agenzia italiana di ricerca per la Sla.

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

43
#

TENNIS US OPEN
UNALTRA PARTITA DA RICORDARE IN CONFERENZA STAMPA

Flavia, emozioni come nel 2009 quando annull 6 match point


(lu.mar.) Partita intensa, drammatica, come quella del 6 settembre 2009 quando Flavia Pennetta vola ai quarti annullando 6 match point a Vera Zvonareva. Il capolavoro della brindisina inizia con l'avversaria al servizio sul 6 3 6 5. E' un game da cineteca, fatto di 18 punti in cui Flavia annulla 4 match point con tre vincenti prima di approdare al tie break. Qui sale 3 1, ma si blocca e Vera sprinta sul 6 4, pronta a giocarsi altri 2 match point. Con la grinta Flavia annulla le due opportunit con due vincenti prima di chiudere 8 6 travolta dallovazione dei 20 mila spettatori dell'Arthur Ashe. La fine, dopo 2 ore e 27 minuti, quando Flavia chiude il terzo set con un nettissimo 6 0.

Che crampi Nadal Del Potro eliminato


Oggi la Schiavone alle 17: seguitela su gazzetta.it
LUCA MARIANANTONI

DAL NOSTRO INVIATO

VINCENZO MARTUCCI NEW YORK

Siamo toste noi italiane. Sabato, Francesca (Schiavone) salva un match point, e va agli ottavi. Domenica, Flavia (Pennetta), sfibrata dal caldo (30 gradi pi 70% di umidit) e dalla tensione psico-fisica del ping-pong contro la muraglia cinese Shuai Peng, piegata in due dai conati di vomito, ammonita dallarbitro per perdita di tempo, penalizzata per un fallo di piede, manca un match point sul 6-4 6-5, e quindi, quand praticamente vinta, strappa invece il tie-break da 0-5 e da 2-6. Salvando 4 set point, sosia dei 6 match point che annull due anni fa, sempre agli Us Open (a Zvonareva). Ed esultando, dopo 2 ore e 31 minuti, stralunata e felice, come il pubblico del Louis Armstrong, va ai quarti: E la terza volta nello Slam, sempre qui, e negli ultimi 4 anni. Forse c qualcosa nellaria che mi fa sentir bene, ma non so cosa sia. Non le bastava Maria Sharapova (numero 4 del mondo), abbatte anche la cinese (n. 13), e aspetta domani la sfida psicologicamente pi delicata, con Angelique Kerber (n. 92). Forse per questo, sabato sera, a cena, quando ho chiesto contro chi giocava la vincente di Kerber-Nicolescu nessuno rispondeva. Non volevano mettermi tensione.
Tattica Flavia aveva battuto la

Vola ai quarti
La Pennetta eroica Non si arrende mai
Si accascia, sembra vomitare, poi si riprende, rimonta il tiebreak da 0-5 e batte la Shuai Peng
unoretta 6-4, simpiglia nella melina Peng: Ho smesso di fare il mio gioco e se faccio a pallate lei pi forte. La goccia cinese perfora la variet architettata da coach Urpi, annulla la tecnica della brindisina e la spinge alla fuga di 6 minuti sottocoperta. Il 2-1 un vantaggio fittizio, i break si accavallano, le gambe non girano pi, la luce diventa pi accecante, anche la Peng chiede 6 di time-out (fasciatura a un piede). Sul 5-5, Flavia ha un lampo di lucidit e torna ad entrare nella seconda di servizio leggerissima dellavversaria e quindi nella diagonale di dritto: cos strappa il 6-5, ma proprio l comincia una recita drammatica, e indimenticabile.
Esperienza Ho vinto perch

Peng 4 volte su 4: Mi ero preparata molto la partita, non dovevo darle subito angoli, ma cercarmeli dopo un paio di colpi al centro. E cos va 5-2 con cervello, dritto (lho giocato particolarmente bene, variavo molto gli angoli, meglio che col rovescio) e servizio. Ma, pur salvando 8 palle-break su 9 (quattro con ace!), pur salendo dopo

sono stata pi brava in alcuni momenti, e ci ho creduto e ho lottato fino alla fine. Ho avuto anche fortuna, ma me la sono creata perch se non rimani l non sei pronta a prenderla quando ti arriva. Bello poterlo dire, dopo. Ma sul 30-0, si accascia a fondocampo e sem-

bra proprio che vomiti (ricordate Sampras-Corretja?): Caldo, umidit, tensione, mi sono sentita proprio male, una delle peggiori sensazioni di sempre, in campo. Volevo vomitare, ma non avevo niente dentro. La gente mormora, langolo tricolore trema, Flavia stravolta, larbitro la ammonisce per perdita di tempo: Non aveva ragione a darmi warning, ma se prendi decisioni del genere in un momento del genere che gli vuoi dire?. Il 30-0 si sbriciola: fallo di piede sulla seconda di servizio, doppio fallo, drittaccio cinese, pari. Al match point, dopo 142 minuti, ci arriva lo stesso, ma sbaglia il rovescio, e si ritrova 6-6. Anzi, subito 0-5 al tie-break e poi 2-6, con 4 terrificanti set point da fronteggiare.
Miracolo E finita!, pensano tutti, Peng compresa, che non ha esperienza. Ma Flavia non daccordo: Io ero pi stanca, nel secondo set correvo come una matta. E quei 5 punti sono volati. Sembrava proprio

che non ce la facessi, ma ho avuto esperienza che tutto pu cambiare da un momento allaltro: il tennis uno sport purtroppo duro, cambia per una palla. Cos, una risposta, una bella prima, un errore cinese ed 5-6. Poi destino: Sono stata fortunata, con quel passante di dritto mezzo steccato. Il 6-6 il volano del miracolo: dritto pi dritto (41 vincente italiano), doppiato dalla vole di dritto sballata a rete dalla sconvoltissima Peng (33 errore). E 8-6: Comunque al terzo avrei lottato fino alla fine.. E Kerber: Ma davvero ci ho gi giocato e lho battuta? Ah, s, ricordo, mancina, bionda, tira veramente forte di dritto, ma fa anche errori, qui ha battuto Radwanska che forte, e la terra di Baastad diversa dal cemento, sar unaltra partita. Insomma, in realt sa tutto: Siamo toste noi italiane.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Dopo i conati di vomito di Flavia Pennetta in campo, ecco il malore di Rafael Nadal in sala interviste quando comodamente seduto a raccontare nella propria lingua il match vinto in 2h39 su David Nalbandian. Lo spagnolo cerca di nascondersi il viso da smorfie di dolore. Chiama il fisioterapista, presto chiama il fisio, sono le parole di Nadal che si lascia scivolare a terra. Sono momenti di panico, tutti i giornalisti vengono fatti uscire in fretta e furia. Le ipotesi sul malore si susseguono. Svenuto per la fatica? Cotto dal caldo insopportabile, dall' umidit di una giornata difficile perfino per gli spettatori? Accorre il fisioterapista, arrivano i genitori, la fidanzata e la sorella. Quindici minuti di panico, poi le porte si riaprono come nulla fosse successo. Nadal sta bene, in piedi, appoggiato al desk delle interviste, pronto a spiegare laccaduto. Non successo niente di grave, ho sentito dolore improvviso alla gamba destra, sono stati dei crampi, normale dopo una partita pu succedere. Ho sentito dolore davanti e dietro la gamba e non riuscivo a stare a sedere. Tutto qui, ora sono in piedi. In merito a questo incidente non ho altro da dichiarare. E' il solito Nadal, sorride, risponde alle ultime domande in spagnolo, sempre appoggiato al tavolo. Poi se ne va. Non pare claudicante, anche se landatura e a passi molto corti. L'Open degli Stati Uniti perde a sorpresa l'argentino Juan Martin del Potro, superato in 4 set dal francese Gilles Simon per 4-6 7-6 6-2 7-6. Del Potro, che in 8 mesi ha scalato il ranking passando da n 485 a n 18, aveva vinto qui nel 2009 battendo in 5 set Federer. Oggi la Schiavone gioca gli ottavi contro Pavlyuchenkova alle 17: seguitela su gazzetta.it
UOMINI. TERZO TURNO: Ferrer (Spa) b. Mayer (Ger) 6 1 6 2 7 6 (2); Muller (Lus) b. Kunitsyn (Rus) 6 1 6 4 6 4; Nadal (Spa) b. Nalbandian (Arg) 7 6(5) 6 1; Dolgopolov (Ucr) b. Karlovic (Cro) 6 7 (4) 6 2 6 4 6 4; Monaco (Arg) b. Haas (Ger) 6 7 (3) 6 3 6 2 6 3; Fish (Usa) b. Anderson (Saf) 6 4 7 6 (4) 7 6 (3); Tsonga (Fra) b. Verdasco (Spa) 6 3 7 5 6 4; Djokovic (Ser) b. Davydenko (Rus) 6 3 6 4 6 2. Si-

la ribalta
di RINO TOMMASI

Ora Kerber, meno qualit pi insidie psicologiche


Il successo garantisce alla Pennetta il terzo quarto di finale in questo torneo, traguardo gi raggiunto nel 2008 e 2009. C' per una sostanziale ed incoraggiante differenza. Nel 2008 Flavia, dopo aver battuto la Mauresmo, si era trovata di fronte una Safina in piena salute ad ancora competitiva ai massimi livelli. Due anni dopo la Pennetta era appena uscita da unindimenticabile rimonta che le aveva consentito di annullare sei match point consecutivi alla Zvonareva, prima di dominarla nel terzo set. I meccanismi del tennis sono per diabolici. Ecco dunque che dopo aver battuto la Sharapova Flavia si trovata di fronte una giocatrice meno prestigiosa ma psicologicamente pi difficile, situazione che ora si riproduce perch la tedesca Angelique Kerber non vale, in termini di classifica (n. 98) e di qualit le due giocatrici che Flavia ha appena battute. Il tennis per non fatto solo di classifiche. E' un gioco diabolico nel quale contano le differenze e le difficolt mentali con le quali si affrontano le partite. Detto questo e senza sottovalutare la Kerber, questo traguardo Flavia se lo meritato. Gli esami non finiscono mai ed il prossimo solo apparentemente pi facile.
La tedesca Angelique Kerber, 23 anni, n. 98 al mondo

mon (Fra) b. Del Potro 4-6 7-6 (5) 6-2 7-6 (3). DONNE, OTTAVI: PENNETTA b. Peng (Cina) 6 4 7 6(6); Kerber (Ger) b. Niculescu (Rom) 6 4 6 3; TERZO TURNO: Kuznetsova (Rus) b. Amanmuradova (Uzb) 6 4 6 2; S. Williams (Usa) b. Azarenka (Bie) 6 1 7 6 (5); Ivanovic (Ser) b. Stephens (Usa) 6 3 6 4; PROGRAMMA Oggi, dalle 17 Artur

E la terza volta che Flavia Pennetta arriva ai quarti Record agli Us Open per la brindisina (29 anni): le era gi riuscito nel 2008 e 2009. In nessun altro Slam arrivata tanto avanti

Ashe Stadium. Ottavi donne: Pavlyu chenkova (Rus) c. SCHIAVONE, a se guire S. Williams (Usa) c. Ivanovic (Ser); Wozniacki (Dan) c. Kuznetso va (Rus); ottavi uomini: Tsonga (Fra) c. Fish (Usa); Federer (Svi) c. Mona co (Arg). Luis Armstrong Stadium, dalle 17 Tipsarevic (Ser) c. Ferrero (Spa); a seguire ottavi uomini: Djoko vic (Ser) c. Dolgopolov (Ucr); Petko vic (Ger) c. Suarez (Spa). In tv: diretta Eurosport
RIPRODUZIONE RISERVATA

44

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LEVENTO GAZZETTA R.U.N.

ARRIVO

GARA DONNE E REPORTAGE IN TV

La carica dei circa mille partecipanti al momento della partenza, a Lido di Jesolo, da piazza Mazzini, dove la gara si anche conclusa
DAL NOSTRO INVIATO

MANLIO GASPAROTTO LIDO DI JESOLO (Venezia)

Livello tecnico piuttosto alto nella quinta tappa di Gazzetta Run, vinta da un campione del mondo. Sul traguardo di piazza Mazzini vola Alessandro Fabian, carabiniere e triatleta che ha consacrato il 2011 allinseguimento dellOlimpiade di Londra. La corsa rosa nella quale aveva esordito gi a Bassano del Grappa, ma fuori classifica gli servita anche per testare la condizione in vista della Gran Finale WCS di Pechino dove si presenta da 23 assoluto nel ranking mondiale che qualifica i primi 52 per lOlimpiade. Tagliare il traguardo davanti a cos tanta gente stato davvero emozionante, una bella corsa che sono contento di aver saputo gestire come volevo.
Partenza Allo sparo, alle

Fabian si allena e trionfa a Jesolo sognando Londra


Per lazzurro del triathlon la gara un test in vista dei Giochi: Per che emozione
gareggiare sul percorso dellOlimpiade 2008. Jesolo stata importante anche per le condizioni climatiche: cera unumidit davvero terribile, ma in Cina la situazione la stessa. Quindi, meglio soffrire un po anche in allenamento per dare il meglio in gara. Ma qual il punto forte di Alessandro Fabian? Il nuoto, perch sono cresciuto in acqua (ha cominciato a 4 anni, ndr). Dove devo migliorare? Tutto: devo consolidare la bici e diventare pi veloce nel podismo perch i primi, i migliori riescono a stare sui 3/km e io non sono ancora a quel livello.
Il podio maschile, da sinistra Lyazali (2), Fabian (1) e Gobbo (3)
A Jesolo ha vinto correndo alla

Circa un migliaio di runner al via, tra competitivi e non per la quinta tappa di Gazzetta Run. Il podio maschile: 1. Alessandro Fabian (Atl. Vis Abano) 10.800 metri in 3424; 2. Adil Lyazali (Atl. Casone Noceto) in 3449; 3. Simone Gobbo (Atl. San Rocco) in 3454 Il podio femminile: 1. Chiara Renso (Atl. Vicentina) in 4103; 2. Sara Berti (Valsugana Trentino) in 4150; 3. Charlotte Bonin (Atl. Sandro Calvesi) in 4309

Da sinistra, Spritz, Vogue e Gladiatore

Renso in forma per il tricolore


DAL NOSTRO INVIATO

LIDO DI JESOLO (Venezia)

Non soltanto Londra o Pechino sullo sfondo di Gazzetta Run sabato sera. Perch tra i primi cera anche chi provava la gamba in vista del campionato italiano di corsa su strada, individuali e societ, che si terranno domenica prossima a Ferrara (in occasione della quarta edizione della Corrinpiazza, organizzata dalla Atletica Virtus CR Lucca)
La gara femminile Chiara Renso ha sorpreso tutti ed andata a vincere in scioltezza la tappa di Jesolo con una precisione assoluta: primo giro chiuso in 2031" e secondo in 2032". Sara Berti (poi seconda) non ha trovato la forza di resistere al suo attacco nel secondo giro scegliendo di controllare e finendo ampiamente davanti a Charlotte Bonin, terza con 4309". Il grande ex In corsa anche Salvatore Bettiol,

20.30, i migliori hanno forzato subito landatura. E per questo Fabian si messo davanti a controllare la corsa: Sono riuscito a cambiare ritmo un paio di volte, prima al 7 e poi al nono chilometro: la prima volta si staccato Simone Gobbo (poi terzo) la seconda sono riuscito a guadagnare qualcosa anche su Adil (Lyazali, del Casone Noceto arrivato a 25 secondi, ndr). Lo avevo visto in gara a Bassano, sapevo che aveva gi vinto tre tappe e che sarebbe stato un avversario tosto ma avevo buone sensazioni e la gara me le ha confermate. Lo ha battuto e il sogno olimpico continua. Campione italiano, europeo e del mondo duathlon (corsa, bici, corsa) under 23 nel 2009, campione italiano anche lanno scorso, Alessandro atleta del gruppo sportivo carabinieri il

uno che ventanni fa chiudeva sesto la maratona mondiale di Tokyo, che ha vinto due volte quella di Venezia, secondo a New York nel 1988 e a Londra nel 1990. Uno che oggi continua a correre e spingere, uno che come racconta sul suo sito ha corso 150.000 chilometri e non si ancora stancato... Ha dato lanima nonostante qualche recente acciacco, ed ha chiuso decimo assoluto e primo ovvio di categoria, perch la classe non invecchia. Un esempio anche per Gladiatore, Spritz e Vogue, che da mercoled prossimo tornano protagonisti in tv (RaiSport1, dalle 22) con i reportage sulle tappe di Gazzetta Run 2011.
m.gas.

LA SESTA TAPPA

simbolo della squadra azzurra e da capitano parla al plurale se racconta i suoi sforzi: Mi alleno due-tre volte al giorno, sabato ho nuotato al mattino e mi sono riposato il pomeriggio prima della corsa, perch a Londra vogliamo arrivare per stare con i migliori, da protagonisti. Parlo di me ma anche dello staff federale e della

squadra: non smetter di ringraziare il centro sportivo carabinieri.


A Pechino Sulla strada per Lon-

dra Alessandro ha messo Gazzetta Run e Jesolo prima di Pechino, dove sabato dovr pedalare forte: E lultima tappa del circuito mondiale, partiamo marted (domani, ndr) per

media di 310" il primo giro e 311" il secondo, perch nel finale a vittoria in tasca si gustato lultima parte del tracciato, due giri veloci su due rettilinei, quello cittadino e quello sulla spiaggia, con il mare e gli ombrelloni a fare da sfondo a una corsa magica immersa tra la gente che si preparava al sabato notte tra aperitivi e cene sul lungomare.

Domenica prossima la gara nel circuito di Vigevano In palio c anche New York
Domenica prossima a Vigevano si corre la sesta tappa di Gazzetta Run, un circuito di 3.200 metri da ripetere tre volte per inseguire i diversi premi in palio. Con la seconda parte della stagione alla classifica generale si aggiunge quella parziale che (in collaborazione con Born to run) assegna un pettorale per la mezza maratona di New York, in programma il 18 marzo 2012

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

45

TUTTENOTIZIE & RISULTATI

NUOTO: FEDE DIALOGHERA COL PUBBLICO


Remigio Leal, 48 anni, origini cubane, firma la salvezza nettunese SAVIOLI Naas Olivier, 29 anni, mediano di mischia sudafricano degli Aironi

BASEBALL SAN MARINO K.O. 11-7 E SERIE SUL 3-2

RUGBY CELTIC LEAGUE E MONDIALE

Mercoled la Pellegrini in Gazzetta Prenotatevi per poterla incontrare


Mercoled alle ore 11.30 nella Sala Buzzati di via Balzan 3, a Milano, i primi 150 lettori della Gazzetta che si prenoteranno al numero 02.29532248 (oggi e domani dalle 9.30 alle 13 e dalle 14 alle 18) potranno incontrare Federica Pellegrini. La campionessa, scelta dalla Gazzetta come testimonial per i 150 anni dellUnit dItalia, racconter i suoi trionfi ai Mondiali di Shanghai nei 200 e 400 sl, i programmi verso lOlimpiade di Londra e come vive la popolarit. Potrete seguire levento anche in diretta streaming su www.gazzetta.it

Nettuno a una vittoria dallo scudetto ma con pochi lanciatori


ANTONIO MAGGIORA NETTUNO

Aironi, male la prima In Nuova Zelanda gi in 500 per gli azzurri


(ales.s.-r.par.) Gli Aironi steccano lesordio in Galles contro gli Scarlets che fanno proprio il match nei secondi quaranta minuti. La formazione di Rowland Phillips nella prima parte di gara risponde colpo su colpo ai padroni di casa mettendo in mostra una buona attitudine, ma perdendo troppe touche. Il campo reso pesante dalla pioggia ha poi aumentato gli errori, lasciando ai piazzatori il compito di smuovere lo score. Nella seconda frazione la prima meta degli Scarlets segna di fatto il match. I gallesi premono sullacceleratore e gli Aironi si disuniscono commettendo troppi falli nella propria met campo; il cecchino dalla piazzola Newton e la meta Fenby chiudono i conti con gli Aironi rimasti a secco nel 2 tempo.
Azzurri Intanto almeno 500 persone, tra di loro tantissimi di origine italiana e con bandiere tricolori, hanno assistito ieri (nel pomeriggio neozelandese, notte in Italia), al primo allenamento della nazionale al Cricket Oval Saxton Park, a Nelson, quartier generale in Nuova Zelanda fino alla fine del Mondiale. Ancora a parte Tot Perugini (sulla via del re-

La finale scudetto prende la seconda pausa dopo aver esaurito il trittico al Borghese con la Danesi in vantaggio 3-2 sulla T&A San Marino, grazie al successo per 11-7 in gara-5. Nonostante i tirrenici siano al match point, venerd prossimo a Serravalle, pensare che la serie sia in via di definizione potrebbe essere sbagliato e questo perch San Marino potr schierare il suo miglior lanciatore Da Silva, in gara-6 e Nettuno non avr Leal e Richetti e potr contare sul solo Pezzullo dopo il veterano Masin (120 vittoria). Bindi non ha avuto nulla da suo bull pen, per ha gi avuto 130 lanci da Da Silva: se ne attende altrettanti per arrivare alla bella.
Stangata La veemente reazione contro le decisioni arbitrali di Richetti e poi del pubblico dello Steno Borghese nel 3 inning di gara-5, che ha costretto a interrompere la partita per qualche minuto, costata molto cara al Nettuno.

Il giudice sportivo ha sanzionato lo stesso Richetti con 3 giornate di squalifica, che lo rendono cos inutilizzabile non solo in gara-6 ma anche nelleventuale gara-7, il manager Bagialemani con 6, perch, nonostante fosse squalificato stato visto in panchina dagli arbitri, e la societ con 2 giornate a porte chiuse per responsabilit oggettiva.
NETTUNO-SAN MARINO 11-7 T&A SAN MARINO: Granato 6 (2/6), Pantaleoni 5 (1/5), Vasquez 3 (0/3), J. Ramos bd (1/2), Chapelli 9 (3/4), Duran 8 (0/4), Avagnina 7 (2/5), F. Imperiali 4 (1/4), Albanese 2 (3/5). DANESI NETTUNO: Caradonna 4 (2/4), Retrosi 8 (2/5), Camilo 3 (3/4), Mazzanti 5 (2/3), Rosario 6 (1/3), K. Ramos 2 (0/3), Sparagna 9 (0/2) (Sanna 0/1), R. Imperiali bd (2/4) (Sellaroli 0/0), Ambrosino 7 (0/3). Lanc.: Richetti 2.2rl-0so-1bb-9bv, Masin (v) 5-1-1-3, Pezzullo 0-0-1-0, Leal (s) 1.1-1-0-1; Granados 4-6-2-7, Martignoni (p) 0.2-0-2-1, Staheley 0-0-1-0, Avvento 2.1-0-2-2, Palanzo 1-0-1-2. Punti San M. 106.000.000: 7 (12bv-1e); Net 000.350.12X: 11 (12-1). Note: fuoricampo di Granato (3p al 3), Caradonna (1p al 7), doppio di J. Ramos, Albanese, Camilo, R. Imperiali, Pantaleoni. Situazione Serie finale (su 7): Nettuno-San Marino 3-2 (12-11 al 12, 10-3, 2-5, 7-10, 11-7). Gara-6 venerd 9, ev. gara-7 sabato a San Marino.
RIPRODUZIONE RISERVATA

cupero dopo la lesione al bicipite femorale destro), ma anche Tommaso Benvenuti (piccolo problema alla caviglia sinistra) e Quintin Geldenhuys (ormai quasi recuperato dopo l'infortunio al ginocchio destro rimediato contro il Giappone).
SCARLETS-AIRONI 32-9 MARCATORI: p.t: 7 c.p. Olivier, 23 c.p. Newton, 26 c.p. Olivier, 32 c.p. Newton, 35 c.p. Newton; s.t: 6 c.p. Olivier, 11 m. R. Thomas, tr. Newton, 22 c.p. Newton, 29 c.p. Newton, 35 m. Fenby tr. Newton, 41 c.p. R. Jones. SCARLETS: Evans; L. Williams, Gomer-Davies, A. Thomas, Fenby (s.t. 37 Warren); Newton (s.t. 40 R. Jones), R. Williams (s.t. 27 G. Davies); Morgan (s.t. 35 Pugh), Turnbull, McCusker; Day, Shingler (s.t. 26 Reed); R. Thomas (s.t. 34 Gardner), Phillips (s.t. 35 Myhill), I. Thomas (Cap) (s.t. 29 John). All.: N. Davies AIRONI: Trevisan; R. Pavan, Quartaroli, Pizarro (s.t. 29 Benettin), Venditti; Olivier, Tebaldi (s.t. 29 Bronzini); Williams, Cattina (s.t. 18 Viljoen), Sole (s.t. 36 Ferrarini); Biagi, Furno; Redolfini (s.t. 7 Staibano), Santamaria (Cap), Aguero (s.t. 16 Al. De Marchi). All.: Phillips. ARBITRO: Andrew McMenemy (SCO). NOTE P.t.: 9-6 . Cartellino giallo: P.t. 35 Tebaldi, Calci: Newton 7 su 7 (19 punti), R. Jones 1 su 1 (3 punti); Olivier 3 su 5, drop 0 su 1 (9 punti). Spettatori: 6.493. Man of the match: E. Phillips. Punti in classifica: Scarlets 4, Aironi 0.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Baseball
COPPA ITALIA (m.c.) LUnipol Bologna supera in rimonta il Cariparma nella semifinale di Coppa Italia e si qualifica per il quarto anno consecutivo per le eliminatorie di Coppa Campioni, dove rappresenter nel 2012, insieme al Nettuno, gi ammesso a prescindere dallesito della finale scudetto con San Marino. Gli emiliani, che il 21-22 settembre difenderanno il titolo europeo a Brno (R.Cec), sono anche ammessi alla finalissima del trofeo. Coppa Italia, semifinale: Unipol Bologna-Cariparma 2-1 (1-3, 5-2, 11-3).

derale Pavesi (via De Lemene) a Milano cominciata ieri la preparazione del Club Italia femminile, la squadra che riunisce le migliori giocatrici prejuniores. Il gruppo (14 ragazze) allenato da Marco Mencarelli parteciper al campionato di B-1. CUBA VINCE (a.a.) Cuba vince a Mayaguez (Portorico) il continentale Norceca. In finale superati gli Stati Uniti 3-2 (25-23, 29-27, 25-27, 19-25, 15-8), entrambe le formazioni alla Coppa del Mondo. Terzo il Canada, 3-0 (25-20 25-23 25-14) su Portorico. CHE SLOVENIA (a.a.) La Slovenia si aggiudica a Villeneuve dAscq il Tournoi de France chiudendo imbattuta su Francia, Bulgaria e Turchia. AMICI (an.gal.) In amichevole al Pala Grotte, Castellana-Vibo 1. Maric (Castellana) operato a un ernia al disco, fermo 1 mese. LASCIA (f.c.) La 26enne schiacciatrice tedesca Anne Matthes ha deciso di lasciare Matera (A-2) e torna a giocare in Germania con il Dresda.

Boxe
MONDIALI (r.g.) A Biloxi (Usa) lo sloveno Jan Zaveck (31-2) cede la cintura welter Ibf ad Andre Berto (Usa 27-1) origini haitiane, gi iridato Wbc (2008-2011), per ferita al 5 round, con la situazione in equilibrio. A Yerevan (Arm) in occasione del primo mondiale in Armenia, il mancino locale Vic Darchinyan (37-3-1) residente in Australia, batte nei gallo Evans Mbamba (Saf, 18-2) ai punti (120-106). EUROPEO (r.g.) A Doncaster (Ing) il gallo Jamie McDonnell (18-2-1) battendo il connazionale Stuart Hall (11-1-1) ai punti, mantiene l'europeo, il Commonwealth e conquista quello britannico. PICCOLI CHAVEZ (r.g.) A Mexicali (Mes) i due figli d'arte Omar Chavez (27-0-1) e Jorge "Maromerito" Paez Jr. (29-4-1) nei welter, hanno superato Alberto Martnez (15-2) e Rodrigo Juarez (15-14-1) per ko al primo e terzo round. Il pubblico ha chiesto a breve la sfida tra i due. SHOW FILIPPINO (r.g.) A Manila (Fil), 70.000 persone per la presentazione della sfida tra Manny Pacquiao (53-33-2) e Juan Manuel Marquez (Mes, 53-5-1) del 12 novembre a Las Vegas per il mondiale welter Wbo. E' il terzo confronto, in precedenza un vittoria (2008) del filippino e un pari (2004). CALABRESE (m.moro.) Valeria Calabrese (51 kg) lunica azzurra che da oggi parteciper al torneo di Nikolaev in Ucraina. Allangolo Cesare Frontaloni.

Tiro a volo Via al Mondiale C subito la fossa


Scattano oggi a Belgrado i 55mi Mondiali. La prima finale, domani, quella della fossa maschile. Per lItalia il c.t. Albano Pera conferma il terzetto degli Europei di un mese fa, anche allora nella capitale serba (!): Johnny Pellielo, Massimo Fabbrizi e Rodolfo Vigan. Gli azzurri sono campioni in carica a squadre (un anno fa a Monaco di Baviera cera Frasca invece di Vigan). Ovviamente confermato il terzetto juniores che agli Europei fece lo storico podio tutto azzurro: Carlo Mancarella (oro), Giulio Fioravanti (argento) e Valerio Grazini (bronzo).

VELA LE REGATE PRELIMINARI DELLAMERICAS CUP

IPPICA EUROPEO ALLA FRANCESE, TORINO RIMANDA

PALLAVOLO

World Series a Venezia Renommee sbanca Cesena E Napoli fa polemica Pioggia, il Marangoni oggi
ROSSELLA RAGANATI

Nuoto Cielo, sei vittorie


BELO HORIZONTE (Bra) (m.can.) Sei vittorie in 6 gare per Cesar Cielo ai campionati brasiliani: le ultime due nei 50 farfalla (23"48, ai Mondiali vinse in 23"10) e nella mista col Flamengo (De Deus, Barbosa, Cielo, Dos Santos: 57"16, 159"06, 250"75, 339"96). Sono partito e arrivato male, devo migliorare ha detto lolimpionico. Altri. Uomini: 800 sl Pereyra 805"75; 100 do Mangabeira 55"48; donne: 1500 sl Biagioli (Arg) 1646"68; 100 do Molina 101"33; 50 fa Dekker (Ola) 26"56. COUGHLIN E MANAUDOU (al.f.) L'americana Natalie Coughlin, garegger al Nico Sapio, il 1 novembre alla Sciorba di Genova. Quasi certa la presenza della francese Laure Manaudou.

Azzurre: la Gioli torna al centro per lEuropeo?


Simona Gioli torna al centro per lEuropeo? questa lipotesi che sembra stia maturando allinterno della Nazionale femminile dopo il Grand Prix non esaltante e soprattutto dopo linfortunio di Paola Cardullo (anche laltro libero Merlo non ancora in condizioni fisiche perfette). Il c.t. Massimo Barbolini, viste le difficolt e il poco tempo a disposizione, starebbe rivedendo la decisione di utilizzare la giocatrice da opposta come ha fatto nelle ultime due settimane del torneo orientale tornando allasse Lo Bianco Ortolani. Unipotesi per la Nazionale che sabato ha ricominciato ad allenarsi a Vicenza e che proprio in Veneto disputer un torneo nella prossima settimana.

Sar Venezia la sede delle tappe italiane dellAmericas Cup World Series (il circuito riservato ai catamarani AC 45, propedeutico alla Coppa che si terr nel 2013 a San Francisco). Le regate si disputeranno il prossimo anno dal 12 al 20 maggio e poi nellaprile del 2013, fuori dalle bocche di porto della Laguna davanti al Lido mentre le basi dei team saranno allestite allinterno dellArsenale. Le squadre in gara dovrebbero essere nove tra queste probabilmente anche Luna Rossa (si dice che proprio Patrizio Bertelli abbia appoggiato la candidatura di Venezia) e si parla anche del ritorno (anche se improbabile) di Venezia Challenge (esclusa dalla competizione per mancanza di fondi e ora pronta a tornare in pista).
Concorrenza Per assicurarsi

Venezia ha ospitato gli Extreme 40

levento il capoluogo veneto (che ha gi ospitato le regate dei catamarani Extreme 40 nel 2009) ha dovuto battere la concorrenza di Napoli (che si era candidata nel 2003 per ospitare la 32 Americas Cup

corsa poi a Valencia). Il sindaco del capoluogo veneto (nonch presidente della Compagnia della Vela che lanci la sfida del Moro nel 92) Giorgio Orsoni, ha dichiarato: con piacere che Venezia si appresta ad ospitare l'America's Cup World Series, un evento che pone la citt ai massimi livelli dello sport internazionale. Polemica invece nelle parole di Luigi de Magistris, primo cittadino di Napoli: Paolo Graziano, presidente degli industriali napoletani ha detto che si pu fare una tappa anche a Napoli, nel 2012 e 2013. Ci facciano sapere ha aggiunto entro l'inizio della settimana prossima cosa vogliono fare, la citt sar bella e importante anche senza l'Americas Cup.

Dal bagno di folla di sabato notte a Cesena, al nubifragio che ieri ha fatto saltare il Marangoni a Torino. Davanti al solito pubblico delle grandi occasioni, sabato notte il Campionato Europeo stato un successo. Alla fine ha vinto la francese Renommee dObret che nella finale a due ha battuto la nostra Linda di Casei. Che andata al comando, ha rallentato il ritmo, ma ha poi dovuto subire il parziale superiore della rivale, abituata a battagliare con onore alle soglie della prima categoria. Linda aveva vinto la sua batteria in testa precedendo proprio la francese, che invece nel secondo heat aveva preceduto Miele dAlfa e Mack Grace Sm, al comando ma costretto a un percorso durissimo da Reven dAmour. Ieri invece il Marangoni non stato disputato a causa di un nubifragio abbattutosi sullippodromo poco prima della corsa. Sulla pista diventata un acquitrino, lautostart sbandava pericolosamente e dopo una partenza richiamata la corsa stata rinviata definitivamente a stamattina alle 11. Unora prima show di Orlens Om (G. Lombardo jr) nel Filly dominato in 1.11.9 (record della corsa).

Renommee stacca Linda PERRUCCI


DETTORI ANCORA 2 Due posti donore per Frankie Dettori, ieri a Instanbul. Con Campanologist nella Bosphorous Cup (gr. 2 m 2400) vinta da Indian Days (A. Munro). Con Invisible Man nel Topkapi Trophy (gr. 2 m 1600) conquistato da Musir (Soumillon). DANEDREAM OK Secondo gruppo 1 per la campionessa tedesca Danedream, vincitrice delle nostre Oaks e terza del Derby romano. Dopo il Gp Von Berlin del 24 luglio, il GP von Baden (m 2400) ieri a Baden Baden, con in sella Andreas Starke. Battuti Night Magic e Joshua Tree allenato da Marco Botti. OGGI QUINT A NAPOLI Ad Agnano (inizio convegno alle 15) scegliamo George W Gar (4), Myself Kris (15), Manrique (17), Loriss (10), Magic Water Lf (13) e Marley Om (14). SI CORRE ANCHE San Giovanni Teatino (15.05) e Firenze (15.25). QUINT SABATO A Taranto comb. (14-19)-5-11-4. Quint: n.v. Quart: e 11.679,65 (14-19-5-11 e 19-14-5-11). Tris: e 2.237,71 (14-19-5) e e 2.854,87 (19-14-5.

Pallamano
A MERANO (an.gal.) Merancup al Loacker Bolzano che in finale supera 27-19 il Pressano. Nella finalina Bressanone-Furstenfeldbruck (Ger) 31-25.

Pallanuoto
MONDIALINO SERBO La Serbia ha vinto il Mondiale under 20 a Volos, in Grecia, battendo la Spagna 9-6. Per lItalia di Amedeo Pomilio, che supera la Croazia 12-11 ai rigori, un bel 5 posto. Gli azzurrini chiudono con una sola sconfitta, nei quarti contro lAustralia che perde 7-5 la finale per il bronzo con la Grecia.

COMUNE DI PORDENONE
Procedura aperta per LAFFIDAMENTO DI SERVIZI ALBERGHIERI PER CASA SERENA, PULIZIA E SANIFICAZIONE PRESSO IL CENTRO SOCIALE PER ANZIANI DI TORREE ALCUNI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE. CIG 1823399C71. Si comunica che sono stati approvati alcuni atti di gara modificati. Coloro che hanno gi inviato lofferta possono ritirala o modificarla entro i termini sopra indicati. Copia degli atti di gara modificati pu essere richiesta al seguente indirizzo: COMUNE DI PORDENONE - Servizio Contratti e Procedure di Gara - Corso Vittorio Emanuele II n. 64 - Pordenone; alla seguente e mail: ufficio.gare@comune.pordenone.it reperita al seguente indirizzo: http://www.comune.pordenone.it/comune/albo/bandi. Nuovo termine ricevimento offerte: 22/09/2011 ore 12:00. Data spedizione avviso a G.U. Comunit Europee 02/09/2011. Pordenone, 02/09/2011 IL FUNZIONARIO INCARICATO DI P.O. - GEMMA ROMANO

Pallavolo Nazionale a Verona


La nazionale maschile si raduna oggi a Verona, per gli ultimi giorni di lavoro. Gioved la partenza per Innsbruck dove venerd scatta lEuropeo con la sfida (alle 19) contro il Belgio. Domenica azzurri contro la ex squadra del c.t. Berruto, la Finlandia. Luned sfida lla Francia. CLUB ITALIA DONNE (m.l.) Al Centro fe-

46

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

47

ALTRI MONDI

Il fatto del giorno


DI GIORGIO DELL'ARTI gda@gazzetta.it

_i disagi di domani

IL CASO TARANTINI

A notizie
S

Tascabili
Travolta sabato a Scampia (Napoli)

Ma la Cgil ha delle buone ragioni per scioperare contro la manovra?


Il sindacato protesta soprattutto per la prevalenza data al contratto aziendale su quello nazionale. E ieri un emendamento ha anche introdotto il licenziamento senza giusta causa
Domani la Gazzetta non esce e i lavoratori che aderiscono alla Cgil scioperano in tutti i luoghi di lavoro per 8 ore. Sono organizzate manifestazioni a livello territoriale. Treni fermi dalle 9 di mattina alle 5 del pomeriggio. Piloti, assistenti di volo e personale di terra degli aeroporti incroceranno le braccia dalle 9 alle 17. Oggetto dello sciopero: la manovra da 45 miliardi del governo e in particolare larticolo 8, che d una prevalenza al contratto aziendale o territoriale rispetto al contratto nazionale. Questa prevalenza stata ampliata ieri con un emendamento della maggioranza accolto dal governo in cui si dice che anche in tema di licenziamenti il datore di lavoro, se il sindacato che ha la maggioranza in azienda daccordo, pu procedere in deroga a quanto stabilisce larticolo 18 dello Statuto dei lavoratori. periodi di interdizione al lavoro, nonch fino ad un anno di et del bambino, il licenziamento causato dalla domanda o dalla fruizione del congedo parentale e per la malattia del bambino da parte della lavoratrice o del lavoratore ed il licenziamento in caso di adozione o affidamento. Si stabilisce anche che gli accordi aziendali non possono contraddire la Costituzione e i vincoli derivanti dalle normative comunitarie e dalle convenzioni internazionali sul lavoro.

RISCHIO AEREI Piloti e assistenti di volo di tutte le compagnie aeree italiane e personale di terra degli aeroporti hanno annunciato di scioperare dalle 10 alle 18

TRENI NEL CAOS Trasporto ferroviario bloccato in tutta Italia dalle 9 alle 17. Anche il personale dei traghetti delle Ferrovie dello Stato segue gli stessi orari di sciopero

RITARDI PER LE NAVI Lo sciopero del personale marittimo dei traghetti e delle navi attraccate nei porti nazionali pu causare per qualsiasi compagnia un ritardo della partenza di otto ore

MEZZI PUBBLICI Bus, metro, tram fermi per 8 ore secondo modalit stabilite localmente e nel rispetto delle fasce di garanzia (a Roma dalle 9 alle 17, a Milano dalle 18 a fine turno)

Uccide bimba di 4 anni Ieri arrestato il pirata


La moglie agli arresti domiciliari Ieri mattina Angela Devenuto, accusata con il marito Gianpaolo Tarantini accusa di aver ricattato Berlusconi, ha lasciato il carcere di Pozzuoli: il gip del Tribunale di Napoli le ha concesso i domiciliari a Roma per poter stare con le due figlie. Intanto si saputo che i magistrati di Napoli, conclusi gli interrogatori di garanzia, ascolteranno in qualit di persona offesa anche il premier Silvio Berlusconi
stato arrestato il pirata della strada che sabato sera aveva investito e ucciso a Scampia, Napoli, la piccola Fabiana C., di 4 anni. Sentite le urla della madre, un uomo salito su uno scooter ed riuscito ad annotare la targa della Fiat Punto che in retromarcia aveva colpito la bimba. Da qui si risaliti a Francesco Mottola, 25 anni, operaio incensurato, che ha dichiarato di essere fuggito per paura di ritorsioni vista la pericolosit del quartiere. Mottola accusato di omicidio colposo ed omissione di soccorso.

Il rientro dagli Stati Uniti

Strauss Kahn torna a Parigi da uomo libero


rientrato ieri nella sua Parigi Dominique Strauss Kahn e lo ha fatto da uomo libero dopo quasi quattro mesi dallarresto negli Stati Uniti per violenza sessuale. Allaeroporto Charles De Gaulle lex direttore del Fmi ha trovato decine di fotografi e giornalisti, un autentico assalto mediatico che continuato fino alla sua abitazione extralusso in Place des Vosges. Accompagnato dalla moglie Anne Sinclair, Strauss Kahn apparso sempre sorridente.

Aveva 80 anni ed era malato

morto Martinazzoli Ultimo segretario Dc

2 dice la Camusso? Che


Una dichiarazione durissima. Secondo lei il governo vuole, con questo articolo 8 della manovra, annullare il contratto collettivo nazionale di lavoro, cancellare lo Statuto dei lavoratori, contraddire larticolo 39 della Costituzione e tutti i principi di uguaglianza sul lavoro che la Costituzione stessa richiama.

1 pu licenziare anche senCio,


za giusta causa?

S e con un sistema di indennizzi diverso da quello del reintegro nel posto di lavoro. Gli accordi non potranno, per, in nessun caso violare materie e norme generali a tutela di diritti e interessi superiori. Quindi resta in ogni caso limpossibilit di far accordi per facilitare il licenziamento della lavoratrice in concomitanza del matrimonio, il licenziamento della lavoratrice dallinizio del periodo di gravidanza fino al termine dei

3 Viene violata la Costitu vero?


zione?

il contratto si riferisce. Manca per la parola contratti nazionali. In ogni caso larticolo 40, per esempio, prevede che il diritto di sciopero sia regolamentato, norma a cui non si mai dato seguito. In questa confusione generale, dove tutti hanno pi o meno ragione, ci si potrebbe rifare allultimo accordo intervenuto tra Confindustria e sindacati (compresa la Cgil) lo scorso 28 giugno. Questo accordo, successivo di poco allascesa della Camusso (a quel tempo meno accodata alla Fiom di quanto appaia ora) e successivo alle polemiche infuocate su Pomigliano e Mirafiori, stabiliva che i contratti collettivi di lavoro sottoscritti a livello aziendale o territoriale da associazioni dei lavoratori comparativamente pi rappresentative sul piano nazionale ovvero dalle rappresentanze sindacali operanti in azienda possono contenere intese specifiche valide nei confronti di tutto il personale delle unit produttive cui il contratto stesso si riferisce a condizione che sia stato approvato con votazione a maggioranza dei lavoratori. Que-

ste intese specifiche sono naturalmente in deroga agli accordi nazionali e possono riguardare anche le modalit di assunzione e disciplina del rapporto di lavoro.

4 I licenziamenti non ci sono.


Infatti. Averli inseriti in questo emendamento rappresenta, per il sistema delle relazioni sindacali cos come lo abbiamo conosciuto finora, un doppio vulnus. Primo vulnus: viene stabilita una strada per licenziare senza giusta causa, in Italia una bestemmia; secondo vulnus: si procede per legge, e cio non si lascia che questa materia sia regolata da un accordo tra le parti. Guardi che questo secondo vulnus forse pi grave del primo.

Mino Martinazzoli, parlamentare per 22 anni ANSA


morto ieri mattina a Brescia Mino Martinazzoli, ultimo segretario della Dc e pi volte ministro. A novembre avrebbe compiuto 80 anni ed era malato da tempo. Martinazzoli stato alla guida di quello del partito anche dopo la bufera di Tangentopoli (quando si chiamava Ppi). Grande il cordoglio di tutti i politici. Senza la sua scelta coraggiosa di traghettare i cattolici democratici dalla Dc nella nuova stagione politica degli anni 90, non sarebbero nati l'Ulivo e il Pd ha detto Dario Franceschini.

5 Perch?
La Cisl e la Uil ieri non hanno protestato. Ma sul fatto che la materia sindacale sia regolata dal governo e dal parlamento non sono daccordo neppure loro. Sullo specifico dei licenziamenti c ancora molto da dubitare. Quale organizzazione sindacale aziendale dar al padrone il via libera per licenziare? Non riesco a immaginarlo. Forse solo un cosiddetto sindacato giallo: lemendamento stabilisce che basta lintesa col sindacato aziendale anche se locale. Ma non mi pare lepoca. Sono cose da anni Cinquanta.

Dopo i danni ai monumenti

Forse il quarto comma dellarticolo 39: I sindacati registrati hanno personalit giuridica. Possono, rappresentati unitariamente in proporzione dei loro iscritti, stipulare contratti collettivi di lavoro con efficacia obbligatoria per tutti gli appartenenti alle categorie alle quali

Nel fare un provvedimento in quattro giorni, puoi fare degli errori


GIULIO TREMONTI MINISTRO DELLECONOMIA

Task force anti-vandali Roma sotto controllo


Dopo gli atti vandalici sulla Fontana del Moro di piazza Navona, a quella di Trevi (forse ad opera della stessa persona) e al Colosseo, il Comune di Roma aumenta i controlli: 1.200 telecamere puntate sui monumenti della citt, 60 al Colosseo. Prosegue anche la caccia al vandalo seriale: gli agenti hanno il suo identikit, un uomo di circa 45 anni, alto un metro e 75, con pochi capelli. Il restauro della Fontana del Moro di piazza Navona partir gi questa mattina.

LULTIMO OSTACOLO I RIBELLI ANNUNCIANO: DEL COLONNELLO NON C TRACCIA, MA SAPPIAMO DOVE SI TROVA

Libia, salta la resa pacifica di Bani Walid


Falliti i negoziati: la citt fedelissima a Gheddafi resister
Salta la resa pacifica di Bani Walid, una delle ultime roccaforti di Gheddafi. Ieri la radio dei ribelli, Libya Hurra (Libia libera), aveva annunciato che la cittadina libica a 180 km a sud-est di Tripoli si era arresa, dopo giorni di trattative e che gli insorti erano entrati nella citt, senza spargimento di sangue. Poi, per, arrivata la smentita del Consiglio nazionale transitorio (Cnt). Certa, invece, laltra notizia annunciata dai ribelli: Di Gheddafi, a Bani Walid, non c pi traccia. Nei giorni scorsi, infatti, si era detto che proprio a Bani Walid avevano trovato rifugio lex rais e alcuni suoi familiari. Cos ieri sera, a diverse ore dalla scadenza dellultimatum previsto per le 10 di ieri mattina, il capo negoziatore per il Cnt ha spiegato che le trattive con i capi della trib Warfalla erano fallite: a farle saltare, la pretesa dei lealisti di lasciare la citt con le armi e che i ribelli entrassero senza le loro. Su Gheddafi, invece, uno dei capi degli insorti ha detto alla tv Al Jazira: Sappiamo dov, labbiamo individuato

Oggi i test per entrare a Medicina

La carica dei 90 mila per un camice bianco


Sono circa 90 mila gli studenti che oggi affronteranno i test di ammissione a Medicina e Odontoiatria. Per riuscire nella missione serve unimpresa vera, visto che i posti sono 9.501 a Medicina e 860 per i futuri dentisti. La prova consiste nella soluzione di 80 quesiti con 5 opzioni di risposta. LUnione degli universitari distribuir in oltre 30 citt un vademecum per spiegare l'iter corretto dello svolgimento del test ai candidati.

Ribelli vicini a Bani Walid REUTERS

48

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

49

ALTRI MONDI
LA NOVIT ISCRITTO DA 5 GIORNI: 7MILA FOLLOWERS
to Mediaset!!!!. Dagli torto. Fiore racconta qui la sua vita romana, dai giochi con la figlia agli spostamenti in citt (ieri sera: Sono a casa di mio suocero... Si pu dire suocero su twitter????) alla suo eterna passione per lo sport (Mi piace Zarate o un imperdibile Ha ha ha dalla Ducati riferito alle gomme: "siamo morbidi dietro e duri davanti...". Poi tante foto scattate in giro (una con Andy Garcia) e qualche video (con ledicolante Cesare o nel suo bar a via Flaminia Vecchia). Un paio sono girati con il cellulare al rovescio. Non importa, fanno ridere. Il Fiorello cinguettante rende eccome.
e.e.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IN AUSTRALIA UCCISO UN VENTENNE

Fiorello, Twittermania gi a 250 messaggi


Eccola qui, unaltra vittima del cinguettio. Twitter ha travolto anche Fiorello, iscritto il primo settembre e da quel momento in contatto continuo con il popolo della rete. Il conduttore, che sta preparando il suo attesissimo one-man show per Rai1, si confida con i suoi 7400 followers (in crescita costante), parlando a chiedendo di tutto: gi a 250 cinguetti inviati. Uno degli argomenti forti il titolo del prossimo programma. Proprio nel giorno del suo debutto Fiore, che si iscritto con il nome di sarofiorello e una vecchia foto del padre come immagine del profilo, scrive: Non sono ancora convinto di "buon variet" come titolo... Mi aiutate??. Tante le proposte, alla fine la lista si riduce a Fantastico luned, Studio 5 e luned!. E lui: A molti piace Studio 5.... X me fa mol-

Fa surf con gli amici Uno squalo lo sbrana


Un ragazzo di ventanni stato sbranato da uno squalo, davanti agli occhi degli amici, mentre stava praticando il bodyboard, il surf a tavola corta. accaduto a Bunker Bay, in una localit turistica a 250 chilometri a sud di Perth, capitale dellAustralia Occidentale. Lattacco stato cos brutale che lo squalo ha strappato lintera parte bassa del corpo della vittima. Al momento dellincidente, il giovane si trovava assieme a cinque amici e in acqua cerano una trentina di surfisti. La spiaggia stata subito chiusa dopo il decesso e le autorit australiane hanno dato il via ad una caccia allo squalo per cercare di individuare il predatore e di mettere in sicurezza la costa. In Australia, purtroppo, in media ogni anno si verifica almeno un attacco fatale da parte di squali ai danni dei bagnanti.

Fiorello torner in tv luned 14 novembre su Rai1. Eccolo in una delle foto buffe postate su Twitter

A tutta Immigrati e solidariet: Salute Crialese seduce Venezia


VASCO, MESSAGGIO AL LIDO
DI MABEL BOCCHI

Applausi per Terraferma, il film sugli sbarchi dei clandestini. E il regista accusa: La risposta della politica inadeguata
DAL NOSTRO INVIATO

Promosse dagli scienziati Usa S


Su di me unopera poetica "Questa Storia qua", di Bibi Righetti e Alessandro Paris, mi ha riportato a casa. unopera molto poetica. Vasco Rossi non sar oggi a Venezia alla prima del film sulle sue origini perch ricoverato nella clinica bolognese di Villalba, ma ha dato lappoggio al documentario su Facebook: Bibi la figlia di un caro amico di infanzia. Angelo Righetti. Oggi psichiatra. Una vera testa di Zocca. venuta chiedendomi di darle fiducia. Aveva in mente un Progetto. Raccontare la terra dove sono cresciuto

Le patate non ingrassano e abbassano la pressione


il quinto cibo pi consumato al mondo e il quarto pi prodotto: la patata, grazie alle propriet antiossidanti, riduce lipertensione e, se cotta senza condimenti, non fa ingrassare. Lo rivela uno studio dellUniversit di Scranton, in Pennsylvania, su 18 individui obesi o in sovrappeso, con problemi di pressione alta. Dopo aver mangiato per un mese due porzioni al giorno di 6 8 piccole patate viola cotte nel microonde con la buccia, la pressione era diminuita del 4,3% e quella massima del 3,5%. I partecipanti non sono ingrassati di un grammo.

FABIO BIANCHI VENEZIA

C un dramma del presente. C una storia che lo descrive, portandoti dentro i particolari e i sentimenti in lotta delle persone che lo vivono da vicino. E c un non luogo, unisola immaginaria (che poi Linosa) perch qualsiasi isola pu vivere il dramma dei migranti in fuga per la speranza. Emanuele Crialese non ha deluso le attese: con il suo Terraferma, parte benissimo lItalia in lizza per il Leone doro. Applausi prolungati alla prima e ancor pi convinti in conferenza. Crialese conosce bene la materia: la Sicilia, la sua gente e lemigrazione. Il regista romano, ormai siculo dadozione, pare chiudere la trilogia iniziata con Respiro (premio critica a Cannes 2002) e Nuovomondo, vicenda di noi italiani emigrati in America. Con Terraferma, la storia si ribalta. Ci si chiede come mai questa ostilit verso i migranti, dato che lo siamo stati noi per primi. Lui: Non so rispondere. Forse paura di perdere lidentit. Invece il Paese vecchio, abbiamo bisogno di queste contaminazioni positive per crescere.
Solo una storia un film di denuncia? No. Crialese sottolinea che non so fare film con messaggio: il mio spettatore ideale un bambino di 7 anni, pronto ad ascoltare una storia. Questa ci racconta di una famiglia di isolani investita dallarrivo dei clandestini, col nonno pe-

Lo studio su Nature

Leccessiva magrezza scritta in un gene


Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Nature e condotto dai genetisti dellImperial College di Londra e dallUniversit di Losanna, i motivi della magrezza estrema e costante di alcune persone sono da attribuire alla presenza di 28 geni, collocati nel cromosoma 16. Gli scienziati hanno notato come la totale assenza di questi geni sia frequente nelle persone tendenti allobesit e al sovrappeso, mentre le probabilit di essere magri aumentano negli individui in cui questi geni si presentano doppi, 1 caso ogni 2 mila individui.

A sinistra una foto di scena di Terraferma. A destra Emanuele Crialese con lattrice Donatella Finocchiaro ANSA

Io vengo da Lampedusa e vivo gli sbarchi. Giusto aiutare chi viene dal mare
FILIPPO PUCILLO ATTORE DI TERRAFERMA

scatore (il maestro puparo Mimmo Cuticchio) che sceglie lantica legge del mare, dove il soccorso sacro, alle nuove dello Stato, che lo rendono un reato. Salva dei migranti e nasconde una donna coi suoi bambini nella casa della nuora (la bravissima Donatella Finocchiaro). Tutti vivono sentimenti contrastanti, tra autodifesa (persona-

le ed economica), comprensione e pietas. Il figlio (Beppe Fiorello) meno, il nipote (Filippo Pucillo) tanto col suo sguardo ingenuo e limpeto giovanile. Solo una storia, va bene, ma poi il regista dice: Lo risposta dello Stato inadeguata. Ha una responsabilit enorme ma un po anche linformazione ce lha. Rapporto tra film e attualit? Sapevamo che la cronaca era ci che dovevamo evitare. Dovevamo uscire dal linguaggio tv e documentaristico. E la strada stata pi facile.
Leroina Timmit Aiutata anche

dalla commovente Timmit T., la migrante salvata, che la tragedia lha vissuta davvero: La sua barca, nel 2009, era stata

alla deriva per 3 settimane: su 79 persone, ne erano sopravvissute 4, lei unica donna. La sua foto sul giornale stato un impatto fortissimo per me. Lho cercata, lei non mi ha mai voluto parlare della vicenda, come se volesse tagliare in due la sua vita. Allora le ho solo chiesto di correggere i nostri errori. E di stare nel film. Timmit te la fa vivere dai suoi occhi, la tragedia. In fondo c poco da capire, come dice con parole semplici Pucillo: Io sono lampedusano e nel film faccio me stesso. Ho vissuto il dramma dellarrivo dei migranti. Mi sembra giusto aiutare chi viene dal mare. Che facciamo? Sono esseri umani. Qual il problema?.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Nuove speranze contro il cancro

Cellule tumorali k.o. con il virus del vaiolo


Il virus del vaiolo potrebbe sconfiggere il cancro. Lo sostengono i ricercatori statunitensi della compagnia Jennerex Inc e i canadesi della University of Ottawa. Gli scienziati hanno infatti sviluppato un virus geneticamente modificato, il Jx 954, derivato da un vaccino contro il vaiolo, che, inoculato per endovena, riesce a penetrare nei tumori ed ucciderli senza danneggiare i tessuti sani. Dalle biopsie eseguite dopo 10 giorni, emerso che il virus killer si era replicato nei tumori di sette degli otto pazienti che avevano ricevuto le dosi pi alte.

S.p.A.
DIRETTORE RESPONSABILE ANDREA MONTI andrea.monti@gazzetta.it VICEDIRETTORE VICARIO Gianni Valenti gvalenti@gazzetta.it VICEDIRETTORI Franco Arturi farturi@gazzetta.it Stefano Cazzetta scazzetta@gazzetta.it Ruggiero Palombo rpalombo@gazzetta.it Umberto Zapelloni uzapelloni@gazzetta.it SEGRETARIO DI REDAZIONE Daniele Redaelli dredaelli@gazzetta.it
Testata di propriet de "La Gazzetta dello Sport s.r.l." - A. Bonacossa 2011

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PRESIDENTE Piergaetano Marchetti CONSIGLIERI Giovanni Bazoli, Luca Cordero di Montezemolo, Diego Della Valle, Antonello Perricone, Giampiero Pesenti e Marco Tronchetti Provera DIRETTORE GENERALE SETTORE QUOTIDIANI ITALIA Giulio Lattanzi

RCS Quotidiani S.p.A. Sede Legale: Via A. Rizzoli, 8 - Milano Responsabile del trattamento dati (D. Lgs. 196/2003): Andrea Monti privacy.gasport@rcs.it - fax 02.62051000 COPYRIGHT RCS QUOTIDIANI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo quotidiano pu essere riprodotta con mezzi grafici, meccanici, elettronici o digitali. Ogni violazione sar perseguita a norma di legge DIREZIONE, REDAZIONE E TIPOGRAFIA Via Solferino, 28 - 20121 Milano - Tel. 02.6339 DISTRIBUZIONE m-dis Distribuzione Media S.p.A. Via Cazzaniga, 19 - 20132 Milano Tel. 02.25821 - Fax 02.25825306 SERVIZIO CLIENTI Casella Postale 10601 - 20110 Milano CP Isola Tel. 02.63798511 - email: gazzetta.it@rcsdigital.it PUBBLICIT RCS PUBBLICIT S.p.A. Via A. Rizzoli, 8 - 20132 Milano Tel. 02.50951 - Fax 02.50956848

EDIZIONI TELETRASMESSE Tipografia RCS QUOTIDIANI S.p.A. - Via R. Luxemburg - 20060 PESSANO CON BORNAGO (MI) Tel. 02.95743585 S RCS PRODUZIONI S.p.A. Via Ciamarra 351/353 - 00169 ROMA - Tel. 06.68828917 S SEPAD S.p.A. - Corso Stati Uniti, 23 - 35100 PADOVA - Tel. 049.8700073 S Tipografia SEDIT - Servizi Editoriali S.r.l. - Via delle Orchidee, 1 Z.I. - 70026 MODUGNO (BA) - Tel. 080.5857439 S Societ Tipografica Siciliana S.p.A. - Zona Industriale Strada 5 n. 35 95030 CATANIA - Tel. 095.591303 S Centro Stampa Unione Sarda S.p.A. - Via Omodeo 09034 ELMAS (CA) - Tel. 070.60131 S BEA printing bvba - Maanstraat 13 - 2800 - MECHELEN (Belgio) S Sports Publications Production - 70 Seaview Drive, Secaucus, NY 07094 S CTC Coslada - Avenida de Alemania, 12 - 28820 COSLADA (MADRID) S La Nacin - Bouchard 557 1106 BUENOS AIRES S Taiga Grfica e Editora Ltda - Av. Dr. Alberto Jackson Byington n. 1808 - OSASCO - SO PAULO - Brasile. S Miller Distributor Limited - Miller House, Airport Way, Tarxien Road - Luqa LQA 1814 - Malta S Hellenic Distribution Agency (CY) Ltd - 208 Ioanni Kranidioti Avenue, Latsia - 1300 Nicosia - Cyprus

PREZZI DABBONAMENTO C/C Postale n. 4267 intestato a: RCS QUOTIDIANI S.p.A. ITALIA 7 numeri 6 numeri 5 numeri Anno: e 299,40 e 258,90 e 209,10 Per i prezzi degli abbonamenti allestero telefonare allUfficio Abbonamenti 02.63798520

INFO PRODOTTI COLLATERALI E PROMOZIONI Tel. 02.63798511 - email: linea.aperta@rcs.it

COLLATERALI * Con Aeronautica Militare N. 53 e 12,19 - con Storia Disney N. 28 e 9,19 - con Moto Valentino Rossi N. 18 e 12,19 - con Supereroi N. 18 e 11,19 con Soldatini dItalia N. 13 e 11,19 - con I Miti del Calcio ai Raggi X N. 11 e 4,19 - con TT 2011 N. 9 e 12,19 - con Prima Puntata e 7,19 - Magic Campionato card e 21,19 - con Magic Manager e 11,19 con Magic Libro e 9,19 - con Linomania N. 2 e 11,19 - con Speak Easy N. 2 e 14,10 PROMOZIONI

Testata registrata presso il tribunale di Milano n. 419 dell1 settembre 1948 ISSN 1120-5067 CERTIFICATO ADS N. 7116 DEL 21-12-2010

La tiratura di domenica 4 settembre stata di 497.365 copie

ARRETRATI Richiedeteli al vostro edicolante oppure ad A.S.E. Agenzia Servizi Editoriali - Tel. 02.99049970 - c/c p. n. 36248201. Il costo di un arretrato pari al doppio del prezzo di copertina per lItalia; il triplo per lestero.

PREZZI ALLESTERO: Albania e 2,00; Argentina $ 6,30; Austria e 2,00; Belgio e 2,00; Brasile R$ 7,00; Canada CAD 3,50; Cz Czk. 61; Cipro e 2,00; Croazia Hrk 15; Danimarca Kr. 18; Egitto e 2,00; Finlandia e 2,50; Francia e 2,00; Germania e 2,00; Grecia e 2,00; Irlanda e 2,00; Lux e 2,00; Malta e 1,85; Marocco g 2,20; Monaco P. e 2,00; Norvegia Kr. 22; Olanda e 2,00; Polonia Pln. 9,10; Portogallo/Isole e 2,00; Romania e 2,00; SK Slov. e 2,20; Slovenia e 2,00; Spagna/Isole e 2,00; Svezia Sek 25; Svizzera Fr. 3,00; Svizzera Tic. Fr. 3,00; Tunisia TD 3,50; Turchia e 2,00; Ungheria Huf. 550; UK Lg. 1,80; U.S.A. USD 3,50.

50

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

Questi avvisi si ricevono tutti i giorni 24 ore su 24 allindirizzo internet:

www.piccoliannunci.rcs.it

COPPIA srilankese 27enne con buona esperienza offresi come domestici. Full-time. 334.33.02.656. COPPIA 31enne strilankese con bambino, esperienza decennale come custodi, giardinaggio, cucina, offresi Milano. 327.22.04.459

CERMENATE 120 mq. terrazzi. 420.000, box. Pacini 100 mq. 450.000, Solferino 120 mq. 870.000 ristrutturati. 335.68.94.589. MILANO Rembrant adiacente bello 4 piano, nuovo trilocale, doppio bagno, cucina abitabile, box triplo, prezzo ottimo. 035.75.11.11. MM ZARA nuova costruzione splendido attico 3 locali, riservati terrazzi. Box. 02.88.08.31 - www.filcasaservice.it NELLA cornice di corso Sempione, nuova costruzione, elegante appartamento 4 locali, doppi servizi con ampie logge. Alti standard energetici e costruttivi. Disponibilit box. 02.34.93.16.65 http://filiberto.filcasaservice.it PAOLO LOMAZZO 52 direttamente il costruttore propone edificio prestigioso nuova realizzazione varie metrature, terrazzi, box. 02.34.59.29.72 www.52greenway.it

7
IMMOBILI TURISTICI

IMMOBILI COMMERCIALI E INDUSTRIALI

8
8.1

VENDITE ACQUISTI E SCAMBI

18

oppure tutti i giorni feriali a: MILANO (20122): Via SOLFERINO 22, tel.02/6282.7555 - 02/6282.7422, fax 02/6552.436 dal luned al venerd 9.1517.45 orario continuato - e-mail agenzia.solferino@rcs.it. BOLOGNA (40126): via San Donato 85/a, telefono 051/42.01.711, fax 051/42.01.028 dal luned al venerd 913/14-18. FIRENZE (50122): Lungarno Delle Grazie 22, tel. 055/55.23.41, fax 055/55.23.42.34, dal luned al venerd 9.00 13.00 / 14.00 17.30. BARI (70122): Via VILLARI 50, tel. 080/57.60.111, fax 080/57.60.126, dal luned al venerd 9-13 / 14.30-18. NAPOLI (80133): Vico S. NICOLA ALLA DOGANA 9, tel.081/497.7711, fax 081/497.7712, dal luned al venerd 9-13 / 14.45-17.30. Si precisa che tutte le inserzioni relative a ricerche di personale debbono intendersi riferite a personale sia maschile sia femminile, essendo vietata ai sensi dell art. 1 della legge 9/12/77 n.903, qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda laccesso al lavoro, indipendentemente dalle modalit di assunzione e quale che sia il settore o ramo di attivit. Linserzionista impegnato ad osservare tale legge.

2
RICERCHE DI COLLABORATORI

COMPRAVENDITA

7.1

OFFERTA

IMPIEGATI

2.1

A Milano azienda gruppo Wolters Kluwer, banche dati online, assume per diversificate funzioni gestione/sviluppo clientela professionisti, aziende, enti pubblici, due account, laureati, anche ultraquarantacinquenni realmente desiderosi esprimersi, residenti. Dejurenova 02.6671.7727 dejure@deanetmilano.it TECNICO elettromeccanico, azienda concessionaria marchio internazionale macchinari di pulizia cerca. Gradita minima esperienza. Tel. 340.05.86.433.

VENDITA

5.3

AGENTI RAPPRESENTANTI

2.2

AZIENDA imballaggi industriali cerca agenti plurimandatari per mercato nazionale, gradita minima esperienza. Inviare CV a info@duefp.it AZIENDA internazionale ricerca 2 collaboratori vendita zona Lombardia. Offresi appuntamenti prefissati nostro call-center, fisso mensile, provvigioni e premi. Alto guadagno gi primo mese. Seria possibilit di carriera. Per informazioni telefonare 035.45.22.041 oppure inviare curriculum e-mail cv@grizzly.it o fax 035.52.50.12. CONTATTEREMMO agenti commercio con esperienza. Trattasi articoli antinfortunistici assoluta obbligatoriet presso medie grosse aziende. Offresi fisso mensile e provvigioni. Training corso aziendale. Telefonare per appuntamento 02.33.50.26.09. PRIMARIA societ immobiliare cerca giovani agenti da inserire nel proprio organico. Inviare curriculum fax 02.72.01.03.96.

SANT'ANGELO LODIGIANO bellissima villa singola, 331.64.32.390 - http://picasaweb.google.it/rpoggi55 VIBO VALENTIA appartamento cinque locali, primo piano zona centro vendo 150.000 euro. Tel. 349.89.00.970.

IMMOBILI RESIDENZIALI AFFITTI

6
6.1

OFFERTA

CENTRO STORICO affittiamo prestigiosi appartamenti ristrutturati, elegantemente arredati. Monolocali, bilocali, trilocali, quattro locali. 02.88.08.31.

RICHIESTA

6.2

1
OFFERTE DI COLLABORAZIONE

VENDITORI E PROMOTORI

2.3

BANCHE multinazionali necessitano di appartamenti o uffici. Milano e provincia 02.29.52.99.43. FUNZIONARIA banca referenziata cerca bilocale/trilocale in Milano zona servita. 02.67.47.96.25.

IMPIEGATI

1.1

CONTABILE esperta, pluriennale esperienza, autonoma Co.Ge, Iva, bilanci, banche, reporting, buon inglese. Offresi Milano/ hinterland. 338.27.28.840. CONTABILE pluriennale esperienza, contabilit generale, fatturazione attiva/passiva, scadenziario clienti/fornitori, scadenze fiscali, bilancio. 340.79.13.978. ESPERIENZA acquisti prodotti meccanica industria generici. Diplomato 53enne offresi. Passaggio diretto. 333.14.01.513. IMPIEGATA in mobilit offresi contabilit clienti-fornitori, primanota, cassa, recupero crediti. 347.30.69.079. INGEGNERE elettronico esperto HW - SW microprocessori e automazione industriale, cerca lavoro. 348.72.12.639. MAGAZZINIERE 40enne, esperienza ventennale, in mobilit per 2 anni. Offresi per zona Sud Milano. Disponibilit immediata. Tel. 333.40.03.597. PROGETTISTA di impianti elettrici e speciali, fotovoltaici, preventivista con esperienza pluriennale offresi. 339.11.23.188. pluriennale esperienza presso societ commerciali e studi professionali valuta proposte. 349.67.42.330.

AZIENDA di Milano seleziona collaboratori intraprendenti per vendita e distribuzione a domicilio di acqua e bevande con utilizzo di moto furgone. Telefonare per appuntamento al n. 02.66.24.51. S.P.A. ricerca venditori 35/50enni. Portfolio nazionale. Alti guadagni annui. 015.25.58.215. SOCIET settore sicurezza e messa a norma seleziona venditori per sviluppo rete vendita Milano. Fisso pi provvigioni. 02.33.40.53.06.

A abituati vacanze in riva al mare 5Terre regalatevi dimora dei pescatori restaurata 5 letti vista mare 100 metri spiaggione termoautonoma euro 252.000,00 www.immobiliare5terre.com 0187.92.03.31. A Sirmione pi sul lago di cos... impossibile! Con parco confinante spiaggia, luminosissimo, ampio appartamento. Idelae per meditatori. Euro 269.000 (meno di euro 3.000 metroquadro!). 030.91.40.277. ATTENTI investitori. Lago Garda 109.000,00. Appartamenti in villa. Vista spettacolare. Impresa. 035.56.58.50. DIANO MARINA da impresa, appartamenti in costruzione da Euro 230.000,00. Piccolissima palazzina, interessante autonomia degli appartamenti, pannelli solari, coibentazioni eccezionali, terrazzi, giardini. Tel. 348.88.72.838 - 035.32.23.45. MONTECARLO confine esclusiva. In anteprima lussuosi appartamenti, terrazza, piscina, climatizzazione. Da Euro 253.000 Italgestgroup.com 0184.44.90.72. SARDEGNA Baia Caddinas, direttamente sul mare villetta vista panoramica. 0789.66.575 www.euroinvest-immobiliare.com SARDEGNA NORD Euro 59.000 nuovissimo spettacolare villaggio sul (nel) mare di Stintino case ad un piano giardino esclusivo vista spettacolare arredo corredo tutto nuovo compreso e poi? Guardiania sala Tv sala lettura sala colazione parco mediterraneo e poi? Spiaggia spettacolare n 1 dell'isola, costa poco? E' uno scherzo? No, tutto vero, meraviglioso, consegna primavera 2012.. scelta finiture! E poi? No mediazione reddito garantito erano 49 ne restano 25 Chi prenota entro il 30/08/2011 notaio gratis. Basta pi di cos non si pu! Tel per vedere 035.47.20.050. VARAZZE condominio Puntabella, fronte mare, appartamento ristrutturato e arredato, ultimo piano, contesto signorile, 110 mq pi box. Euro 550.000,00 da privato 335.63.42.078 - ovetran@tin.it

CAIROLI adiacenze Bonaparte nuovi uffici informatizzati alta rappresentanza. 373 mq. divisibili, personalizzabili. 02.89.09.36.75. CITT STUDI adiacenze vendiamo 200 mq. ufficio/laboratorio ristrutturato ingresso indipendente 250.000,00 euro. 02.88.08.31. MACIACHINI adiacenze vendiamo ottimi box, singoli e doppi. Da 25.000,00 Euro. 02.88.08.31. MISSAGLIA adiacenze vendiamo nuovi 3.200 mq. uffici palazzina indipendente 600 mq. parcheggi privati ampio spazio di manovra. 02.88.08.31. MM ROVERETO vendiamo laboratorio con permanenza di persone 78 mq. 85.800,00 Euro. 02.88.08.31. PIAZZALE LODI adiacenze (via Tito Livio) vendiamo / affittiamo comodo box doppio. 02.88.08.31. QUADRONNO prestigioso contesto vendiamo nuovo splendido ufficio 100 mq. Possibilit box. 02.88.08.31. SANT'AMBROGIO in prestigioso stabile ristrutturato ufficio alta rappresentanza 230 mq. Pianta regolare, flessibile. Finiture di pregio. 02.88.08.31. SARPI posizione prestigiosa vendiamo negozio angolare, quindici vetrine 665 mq. ristrutturato. Posti auto. 02.34.93.07.53 http://sarpi.filcasaservice.it

ACQUISTIAMO Brillanti, Oro, Monete, SUPERVALUTAZIONE, pagamento contanti. Gioielleria Curtini, via Unione
6. - 02.72.02.27.36 - 335.64.82.765 - info@nexiagold.it

19
AUTOVEICOLI

AUTOVETTURE

19.2

CQUISTANSI automobili e fuoristrada, qualsiasi cilindrata, pagamento contanti. Autogiolli, Milano. 02.89.50.41.33 - 02.89.51.11.14.

PALESTRE SAUNE E MASSAGGI

21

10
VACANZE E TURISMO

ALBERGHI-STAZ. CLIMATICHE

10.1

RIMINI Hotel Sans Souci tre stelle superior, 60 metri mare, tutti confort, 0541.37.53.98, miniclub. Ristorante 4 men. Offertissima pensione completa da Euro 29,00. www.sanssoucirimini.it

PRESTAZIONI TEMPORANEE

2.7

A Brescia ricerchiamo 4 addetti alla clientela. Invia cv a Ufficio personale bs@libero.it

DA OGGI IL TUO ANNUNCIO O N M DIVENTA MULTIMEDIALE...


TABLET
PUBBLICA il tuo annuncio multimediale su Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport. Tablet, Smartphone e Mobile... LANNUNCIO SI RINNOVA!

11
ARTIGIANATO TRASPORTI

TRASPORTI E TRASLOCHI

11.2

3
DIRIGENTI PROFESSIONISTI

PICCOLA azienda trasporti Espressi/dedicati 24H, furgoni 35 QLI, valuta proposte collaborazione con aziende Milano/provincia. 335.61.63.047 - e-mail: girolamo66@virgilio.it

RICERCHE

3.2

STUDIO notarile zona Milano ovest seleziona collaboratori per predisposizione atti con precedente esperienza. Corriere 907-XZ - 20132 Milano

AZIENDE CESSIONI E RILIEVI

12

A Aabaa Naturalmente relax, fantastici massaggi olistici, piacevoli percorsi termali. 02.29.40.17.01 - 366.33.93.110. A fantastici trattamenti olistici, associamo accoglienza, riservatezza, professionalit per totale benessere. 02.29.52.60.35. ABBANDONA ansia e fatica con piacevoli massaggi olistici. Sauna, idromassaggio, relax. 02.58.10.54.01. ABBANDONATI a massaggi ayurvedici, percorsi bellezza scontati. 02.91.43.76.86. www.body-spring.it ABBATTI stress e fatica dell'inverno. Rigenerati attraverso i nostri trattamenti. Milano 02.39.40.00.18. CENTRO benessere, ambiente raffinato, massaggi olistici. 50,00 Euro un'ora. Milano 02.27.08.03.72. CENTRO italiano, ambiente raffinato. Massaggi olistici, rilassanti, tantissime promozioni. Porta Venezia 02.39.66.45.07. CINQUE GIORNATE ambiente climatizzato un mondo di relax trattamenti olistici. Classe. 02.54.01.92.59. ELEGANTE centro olistico esegue trattamenti rilassanti, aromaterapia. Professionalit, cortesia. Fieracity Milano 02.43.91.26.05. HADO SPA l'eleganza per il tuo corpo, massaggi olistici con percorso termale. Tel. 02.29.53.13.50. IDRORELAX centro climatizzato, ambiente elegante, raffinato, massaggi olistici, rilassanti. Zona fiera. 02.33.49.79.25. MONNALISA beauty center, ambiente rilassante, massaggi olistici con sauna e bagno turco. 02.66.98.13.15.

24
CLUB E ASSOCIAZIONI
A MILANO accompagnatrici, distinta agenzia presenta eleganti, affascinanti modelle ed interessanti hostess. 335.17.63.121. A MILANO Agenzia Azzurra presenta graziose accompagnatrici, attraenti fotomodelle deliziose hostess. 339.64.14.694. AGENZIA accompagnatrici alta classe, bella presenza, fotomodelle, in tutta Italia. Milano. 333.49.59.762. CONTATTO diretto 899.89.79.72. Autoritaria 899.00.41.85. Euro 1,80 min./ivato. Solo Adulti. Mediaservizi, Gobetti 54 Arezzo.

IMMOBILI RESIDENZIALI COMPRAVENDITA

5
5.1

45ENNE

VENDITA MILANO CITTA'

I INVIACI TESTO FOTO E VIDEO


Per informazioni chiamaci allo 02.6282.7555 / 7422 agenzia.solferino@rcs.it

SIAE SRL

ABBIAMO GRUPPI acquirenti interessati ad investire tutti i settori ovunque.


Telefono 02.89.28.06.00.

COLLABORATORI FAMILIARI

1.6

COLLABORATRICE italiana pratica cucina, guardaroba, pulizie, autonoma, offresi fissa. Cell. 340.95.41.867.

ACCURSIO adiacenze vendiamo pied--terre di 90 mq. su due livelli. Ristrutturato e condizionato. Possibilit posto auto. 02.88.08.31. ADIACENZE MM Maciachini vendiamo appartamenti, varie metrature. Ottimo investimento.Terrazzi. Box. Pronta consegna. 02.69.90.15.65 - http://murat.filcasa.it

ATTIVIT da cedere/acquistare artigianali, industriali, turistico alberghiere, commerciali, bar, aziende agricole, immobili ricerca soci. Business Services 02.29.51.80.14

LUNED 5 SETTEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

51

ALTRI MONDI
Oroscopo
LE PAGELLE
21/3 - 20/4 21/4 - 20/5 21/5 - 21/6 22/6 - 22/7 23/7 - 23/8 24/8 - 22/9

Ariete 7
La creativit cresce e voi trovate soluzioni geniali, non solo nel lavoro. Viaggi OK, ma lamor vi fa gli zebedei in fricassea: non aria.
23/10 - 22/11

Toro 6Ussignr, come siete sfigocupi: proprio umore da luned. Ripigliatevi, meglio. Le finanze stressano, ma le gioie suine aumentano.
23/11 - 21/12

Gemelli 6La stanchezza monta, il lavoro stagna. Niente drammi: solo una giornata no. Mangiate sano. E, soprattutto, non le persone che vi irritano.
22/12 - 20/1

Cancro 6+
Gli zebedei fumano. Concentratevi, non abbandonate idee valide: siete candidati a successi super! Sudombelico glassato, muy apprezzato.
21/1 - 19/2

Leone 8
IL MIGLIORE La creativit esplode e rende il lavoro un capolavoro. Le energie di (quasi) tutti voi sono poderose e vi consentono exploit, anche suini, mirabili.
DANIELE DE ROSSI

Vergine 5,5
La Luna vi fa iniziare la settimana con lo zebedeo pendulo: tutto sembra difficoltoso. Impegnatevi, non insfighitevi, fornicate.
20/2 - 20/3

DI ANTONIO CAPITANI
23/9 - 22/10

Bilancia 7La settimana inizia briosamente, con risposte positive, contatti utili, soddisfazioni. Sulla fornicazione stendiamo un plaid pietoso.

Scorpione 7
Potete comprare, vendere, trattare con successo. E conseguire gli obiettivi nel lavoro, senza stress. Golosit suine soddisfano ogni palato.

Sagittario 7
Il lavoro fila e in tanti, concorrenza compresa, vi bramano. Ogni seme d il frutto giusto, specie in fatto di p.r., pure suine, muy favorite.

Capricorno 6+
Segnali di ripresa lavorativa ed economica si stagliano. Per vi sentite soli, sfigopenduli e poco convinti di tante cose. Che sciocchezza...

Acquario 7
La fortuna? anche questione di amicizie giuste. E voi ve ne accorgerete oggi, con piacere. Lavoro OK, ma sudombelico incline ai pasticci.

Pesci 6+
Nonostante la stanchezza, potete produrre bene. Non polemizzate e non immaginate sciagure inesistenti. Fornicazione corroborante.

Il centrocampista giallorosso nato a Roma il 24 luglio 1983. Ha esordito in Nazionale nel settembre 2004

TeleVisioni in chiaro
RAIUNO
8.00 10.50 13.30 14.10 15.00 17.00 17.15 18.00 18.50 20.00 20.30 21.20 23.30 0.35 1.05 1.10 TG 1 TELEFILM TELEGIORNALE VERDETTO FINALE UN MEDICO IN FAMIGLIA 6 TG 1 HEARTLAND IL COMMISSARIO REX L'EREDIT TELEGIORNALE COLPO D'OCCHIO FORTAPASC Film SPECIALE TG1 TG 1 - NOTTE CHE TEMPO FA 68 MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA...

alla Radio
RAITRE
8.00 9.00 10.30 12.00 12.25 13.10 14.00 15.05 15.45 19.00 20.15 20.35 21.05 22.50 22.55 23.30 RAI 150 ANNI I TERRIBILI SETTE COMINCIAMO BENE TG3 - RAI SPORT COMINCIAMO BENE LA STRADA PER LA FELICIT TGR - TG3 THE LOST WORLD FIRST KID TG3 - TGR - BLOB SABRINA VITA DA.. UN POSTO AL SOLE SHATTERED GIOCO MORTALE Film TG REGIONE TG3 LINEA NOTTE ESTATE ISPETTORE WALLANDER

RAIDUE
7.30 CARTONI ANIMATI 10.30 TG2PUNTO.IT ESTATE 11.25 IL NOSTRO AMICO CHARLY 12.10 LA NOSTRA AMICA ROBBIE 13.00 TG 2 14.00 TELEFILM 18.15 TG 2 18.50 PILOTI 18.55 COLD CASE 19.35 SENZA TRACCIA 20.30 TG2 21.05 SQUADRA SPECIALE COBRA 11 Telefilm 22.45 SUPERNATURAL 23.35 TG 2 23.50 STRACULT 1.05 TG PARLAMENTO 1.15 PROTESTANTESIMO

CANALE 5
8.00 8.50 9.45 11.00 13.00 13.40 15.10 15.20 16.45 18.30 20.00 20.40 21.20 23.30 0.30 1.00 TG5 MAMMA IN SCIOPERO TG5 FORUM TG5 SOAP DIETRO LE QUINTE DALIDA SEGUI IL TUO CUORE AVANTI UN ALTRO TG5 PAPERISSIMA SPRINT UN'ESTATE AL MARE Film TG5 NUMERI IN CHIARO TG5 - NOTTE PAPERISSIMA SPRINT

ITALIA 1
6.15 8.20 10.25 12.25 13.40 14.10 15.00 15.30 18.05 18.30 19.00 19.25 21.10 23.00 1.05 1.55 2.10 3.45 TELEFILM CARTONI ANIMATI TELEFILM STUDIO APERTO DETECTIVE CONAN I SIMPSON HOW I MET YOUR MOTHER TELFILM LOVE BUGS STUDIO APERTO STUDIO SPORT C.S.I. MIAMI BALLARE PER UN SOGNO Film GODSEND POKER1MANIA STUDIO APERTO RESCUE ME LE DONNE NON...

RETE 4
6.30 10.50 11.30 12.00 13.00 13.50 15.10 16.20 18.55 19.35 20.30 21.10 23.30 1.40 2.05 TELEFILM RICETTE DI FAMIGLIA TG4 DETECTIVE IN CORSIA LA SIGNORA IN GIALLO FORUM HAMBURG DISTRETTO 21 TOOTSIE TG4 TEMPESTA D'AMORE WALKER TEXAS RANGER A RISCHIO DELLA VITA Film TRE TIGRI CONTRO TRE TIGRI TG4 NIGHT NEWS QUEL CALDO MALEDETTO GIORNO...

LA 7
7.00 7.30 10.25 11.25 12.30 13.55 16.05 17.00 19.00 20.00 20.30 21.10 23.45 23.55 0.55 2.00 OMNIBUS TG LA7 - IN ONDA LE VITE DEGLI ALTRI CHIAMATA D'EMERGENZA CUOCHI E FIAMME GIORNI D'AMORE LA7 DOC L'ISPETTORE BARNABY RELIC HUNTER TG LA7 IN ONDA L'INFEDELE Attualit TG LA7 N.Y.P.D BLUE ALBALLOSCURO N.Y.P.D BLUE

Radio 105
13.00 105 alluna

Filo diretto con gli ascolta tori e curiosit: riparte il programma di Alessandro Cattelan (nella foto):

Rmc
10.00 Rmc in tempo reale

Film sul Digitale Terrestre

Lo Sport in chiaro, sul satellite e sul digitale terrestre


IN DIRETTA
CALCIO
20.00 INGHILTERRA ISRAELE
Qualificazioni Europeo 2012 Under 21 Sky Sport 1, Sky SuperCalcio e Sky Calcio 1

PREMIUM
9.20 10.34 I 7 GUERRIERI... STEEL LA LEGGENDA DEL PIANISTA... PREMIUM CINEMA OCEAN'S ELEVEN FATE IL VOSTRO... JOI L'ANIMA GEMELLA PREMIUM CINEMA VIOLA DI MARE PREMIUM CINEMA SATURNO CONTRO PREMIUM CINEMA 20 SIGARETTE PREMIUM CINEMA LA GUERRA DI CHARLIE WILSON JOI FINAL DESTINATION: DEATH TRIP PREMIUM CINEMA

2.00

DETROIT TIGERS CHICAGO WHITE SOX


MLB. Sky Sport 2

18.25 ITALIA - SVIZZERA


Mondiale Rai Sport 2

SKY SPORT 1
10.00 CALCIO: ECUADOR GIAMAICA
Amichevole

17.30 CALCIO: FAN CLUB JUVENTUS

19.00 RUGBY: WAIKATO CANTERBURY


Finale ITM Cup

20.00 SERBIA -FRANCIA


Mondiale Rai Sport 2

BASKET
14.00 ITALIA ISRAELE
Europeo maschile. Da Siauliai, Lituania Rai Sport 1

SKY SPORT 2
7.45 RUGBY: NORTHAMPTON GLOUCESTER
AVIVA premiership

21.00 AUTOMOBILISMO: FERRARI CHALLENGE


Gara 2. Da Spielberg, Austria

FOOTBALL
2.00 MARYLAND TERRAPINS MIAMI HURRICANES
NCAA ESPN America

Si riforma la coppia com posta da Monica Sala e Max Venegoni (nella foto) alle prese con lattualit

13.30

20.30 AVELLINO - FOLIGNO


Lega Pro. Prima Divisone. Girone A Rai Sport 1

11.45 CALCIO: TORINO - VARESE


Serie B

SKY SPORT 3
10.00 GOLF: OMEGA EUROPEAN MASTERS
PGA European Tour. Da Crans Montana, Svizzera

Virgin Radio
19.30 Investigation Bureau

13.35 15.20 17.15 19.12 21.15

16.45 LETTONIA GERMANIA


Europeo maschile. Rai Sport 1

0.08

LOS ANGELES GALAXY SPORTING KANSAS CITY


MLS. Sportitalia

20.00 SERBIA FRANCIA


Europeo maschile. Rai Sport 2

GOLF
21.45 PGA DEUTSCHE BANK
Rai Sport 2

13.45 CALCIO: BARCELLONA PORTO


Supercoppa europea

9.30

FOOTBALL: WISCONSIN BADGERS UNLV REBELS


NCAA

2.00

BOLIVIA - PER
Amichevole Sky Sport 1, Sky SuperCalcio e Sky Calcio 1

BEACH SOCCER
15.30 IRAN - SENEGAL
Mondiale. Da Marina di Ravenna (Ra) Rai Sport 2 e Eurosport 2

TENNIS
17.00 US OPEN
Da New York, Stati Uniti Eurosport e Eurosport 2

BASEBALL
22.30 ST LOUIS CARDINALS MILWAUKEE BREWERS
MLB ESPN America

0.15 1.00

US OPEN
Eurosport 2

21.15

16.55 PORTOGALLO - OMAN


Mondiale Rai Sport 2

US OPEN
Eurosport

15.00 CALCIO: FAN CLUB MILAN 15.30 CALCIO: FAN CLUB ROMA 16.00 CALCIO: FAN CLUB INTER 16.30 CALCIO: FAN CLUB LAZIO 17.00 CALCIO: FAN CLUB NAPOLI

11.30 AUTOMOBILISMO: FERRARI CHALLENGE


Gara 1. Da Spielberg, Austria

12.00 CALCIO: ECUADOR - GIAMAICA


Amichevole

17.00 RUGBY: ITALIA - GIAPPONE


Test Match

14.00 CALCIO: TORINO - VARESE


Serie B

18.00 AUTOMOBILISMO: INDYCAR


Baltimore Grand Prix

16.15 BASEBALL: DETROIT TIGERS CHICAGO WHITE SOX


MLB

Oggi, su Virgin, lAgente Ma lone e Sophia interrogano il fondatore dei Deep Pur ple, Jon Lord (nella foto)

GazzaMeteo
A CURA DI

Ieri
ALGHERO ANCONA AOSTA BARI

min max
21 22 18 21 23 19 20 23 20 23 18 22 23 26 21 18 24 22 19 19 23 22 26 29 20 35 27 26 30 32 21 23 27 23 34 35 28 28 34 32 21 24 27 26

Oggi
Perturbazione in moto verso Est con residua instabilit al Nord, specie sulle aree Nord-orientali. Rovesci e temporali pi diffusi in mattinata, locali anche su Liguria e alta Toscana come lungo l'Adriatico. Pi sole ma meno caldo altrove. Trieste
Venezia
19 23 19 23

Domani
Sulle regioni centro-meridionali della penisola ci sar un'alternanza di annuvolamenti e schiarite con rovesci sparsi e qualche temporale, al Nord e sull'Italia insulare minore probabilit di precipitazioni e tempo in prevalenza soleggiato.

Dopodomani
Giornata in prevalenza soleggiata, salvo qualche foschia o nebbia al mattino e locali addensamenti. In serata aumento della nuvolosit al Nord con delle piogge sulle Alpi. Generalmente temperature minime in calo e massime in aumento.

Trento Aosta
17 24 19 22

Legenda CIELO
Sole Nuvolo Rovesci Coperto Pioggia Temporali Neve Nebbia

BOLOGNA

Milano
19 26

VENTI
Deboli Moderati Forti Molto forti

CAGLIARI CAMPOBASSO CATANIA FIRENZE GENOVA L'AQUILA MILANO NAPOLI PALERMO PERUGIA POTENZA REGGIO CALABRIA ROMA TORINO TRENTO TRIESTE VENEZIA

Torino
18 25

Bologna Genova
20 24 18 28

Ancona

Firenze
18 26

Perugia
17 27

23 29

LAquila
17 25

MARI
Calmi Mossi Agitati

ROMA
22 29

Campobasso
19 28

Bari Potenza
17 27 24 34

Napoli
22 30

Cagliari
19 28

Catanzaro
20 33

Il sole oggi MILANO


Sorge Tramonta

ROMA
Sorge Tramonta

Palermo
24 34

Reggio Calabria
22 34

Il sole domani MILANO


Sorge Tramonta

La luna ROMA
Sorge Tramonta Nuova Primo quarto Piena Ultimo quarto

Catania
24 32

6:48

19:53

6:39

19:37

6:50

19:52

6:40

19:35

29 ago.

5 set.

12 set.

20 set.

52

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 5 SETTEMBRE 2011