Sei sulla pagina 1di 15

Volley Ball Project di Nicola Piccinini http://volleyballproject.blogspot.

com Ottobre 2009

Tecnica e didattica dell’Attacco nella pallavolo giovanile

Relatore: Prof. Nicola Piccinini


Attacco

Componente FISICA Capacità di salto Max Altezza di colpo


Braccio Potenza del colpo
Ritmo dell' attacco Da lento a veloce

Tempi dell' attacco 1°, 2°, 3° tempo

Posizione di partenza
Componente TECNICA Rincorsa Dopo ricezione, dopo difesa, dopo muro

A Stacco, salto
t Colpo sulla palla Colpi di direzione Parallela
t Ricaduta Diagonale
a Mani Out Int., Esterno
c Colpi speciali Pallonetti
c Colpi Rallentati
o Etc.

Componente TATTICA Individuale Contro Muro


Contro Difesa
Di squadra Schemi Orizzontali
Verticali

Comp. ALLENAMENTO Es. Analitici


Es. di Sintesi
Es. Globali

Comp. STATISTICA Controllo prestazione in Gara


Controllo allenamento
Verifica livello medio del campionato
Personalizzazione obiettivi dell'allenamento

L’attacco - Prof. Nicola piccinini 2 Volley Ball Project Ottobre 09


Parte 1°

TECNICA DELL’ATTACCO

• Fondamentale importante in quanto presente in entrambe le fasi del gioco, spesso


conclude l’azione.
• A livello statistico la squadra con le migliori percentuali spesso risulta vincente.
• Molto gratificante per i ragazzi, rappresenta il nostro gol o il canestro del basket.
• E’ possibile scomporlo in tante fasi analitiche da poter allenare separatamente.
• Di difficile esecuzione in quanto va eseguito in salto.
• Richiede tempi d’apprendimento molto lunghi, legati allo sviluppo delle capacità fisico-
coordinative e alla esperienza maturata sul campo.

OBIETTIVI DELL’ATTACCO

Fondamentale ricercare la MAX ALTEZZA e la MAX POTENZA di colpo.


Nei primi anni dell’apprendimento gli elementi tecnici che andrò a descrivere devono essere
finalizzati al raggiungimento di questi due concetti.
• La massima altezza di colpo la si raggiunge sfruttando al meglio la fase di rincorsa e
stacco sommandola alla massima distensione del braccio. (grande componente tecnica).
• La massima potenza di colpo è data dalla forza della massa che colpisce la palla e dalla
velocità con la quale la stessa viene colpita.
Non potendo agire più di tanto sulla massa colpente, dovremmo concentrarci sullo sviluppo
della massima velocità del braccio. (grande componente fisica).

RITMO DELL’ATTACCO

A prescindere dal tipo di attacco che effettueremo la rincorsa deve rispettare un ritmo che va
dal lento al veloce.
Il partire con i primi passi alla massima velocità comporta gravi problemi sulla valutazione del
tempo e del punto di stacco della rincorsa.

L’attacco - Prof. Nicola piccinini 3 Volley Ball Project Ottobre 09


TEMPI DELL’ATTACCO

Storicamente indicati come 1°, 2°, 3° tempo, vengon o determinati dal tempo che intercorre tra
l’uscita di palla dalle mani del palleggiatore e il momento dell’attacco.

• 1° tempo : (più o meno ritardato) sul tocco del palleggiatore lo schiacciatore è già in volo e
colpisce la palla nella sua parabola ascendente.

• 2° tempo: si inizia la rincorsa sul tocco del palleggiatore, anche leggermente prima se
anticipata.
La palla dovrebbe essere colpita all’apice della parabola o nella prima parte della fase
discendente.

• 3° tempo: varia molto a seconda dell’altezza della parabola e dalla distanza dalla quale
viene alzato il pallone, comunque l’inizio della rincorsa è successivo all’uscita di palla dalle
mani del palleggiatore.
La palla viene colpita in piena parabola discendente.

Nota: se per il 1° e 2° tempo vi è un riferimento precis o su quando iniziare la rincorsa e


quindi maggior facilità a prendere il tempo giusto, per il 3° tempo questo riferimento è molto
più vago e di conseguenza risulta più difficile per il ragazzo capire il momento giusto
dell’inizio rincorsa.

L’attacco - Prof. Nicola piccinini 4 Volley Ball Project Ottobre 09


POSIZIONE DI PARTENZA

Considerando un giocatore Dx che attacca da zona 4 la posizione di


partenza ottimale si trova sui 4\4,5 mt. dalla rete e 1\1,5 mt dalla linea
laterale.
Il corpo è eretto con braccia e spalle rilassate, personalmente ritengo che
le braccia dovrebbero essere intraruotate, posizione che nella fase
dinamica di rincorsa mi permette un’ottimale oscillazione delle stesse.
Per l’attacco da zona 2 si parte sempre dai 4\4,5 mt. da rete ma con i
piedi all’altezza della riga laterale.

RINCORSA

E’ da sempre e universalmente riconosciuta come corretta la sequenza di appoggi che


prevede SX, DX SX.
Ritengo corretto questo approccio nella prime fasi dell’apprendimento, successivamente sarà
importante collegare la rincorsa vera e propria con le uscite dalla posizione di ricezione, difesa
o muro.
La rincorsa deve avere un inclinazione rispetto alla rete di
circa 30\45°, in modo da orientare le spalle verso l’angolo
lungo di Z5.
Come accennato sopra è importante mantenere il ritmo della
rincorsa, da lento alla massima velocità \ esplosività. 45°
L’ultimo passo rimane fondamentale per un corretto stacco e
prevede un vero e proprio 30°
balzo lungo e radente con il
piede destro che contatta il terreno con il tallone per favorire un
azione di puntello, il piede sinistro chiude l’appoggio in rapida
successione portandosi avanti al destro leggermente
intraruotato.
L’azione di puntello del piede Dx serve a trasformare la velocità
orizzontale in velocità verticale, la
chiusura del Sx avanti al destro
permette di favorire l’apertura nella
fase di volo dell’angolo tra le spalle e la rete.
Minore è il tempo di contatto dei piedi con il terreno maggiore
sarà l’elevazione che potremmo raggiungere.
Il tempo stimato è intorno ai 15 \20 millesimi di secondo.
Anticipare la rincorsa (errore abbastanza comune) si traduce in un
ritardo dello stacco
con conseguente dispersione dell’energia accumulata.

STACCO

E’ rappresentato dal salto vero e proprio.


L’angolo al ginocchio è intorno ai 150
\170° e dipende dalle qualità muscolari
dell’atleta.
Le braccia salgono il più in alto e veloce
possibile, il busto si inarca e ruota
allontanando la spalla Dx da rete per
favorire l’entrata del pallone e aumentare
la potenza del colpo.

L’attacco - Prof. Nicola piccinini 5 Volley Ball Project Ottobre 09


OSCILLAZIONE DELLE BRACCIA

Dalla posizione di partenza con braccia rilassate lungo il corpo sul 1° appoggio (Sx) si portano
le braccia in avanti ben distese, con palmo delle mani rivolto verso il basso. Sul 2° appoggio
(Dx) le braccia si portano il più possibile all’indietro per essere poi slanciate velocemente in
avanti alto al momento dello stacco.

DX \ SX
SX stacco SALTO

CARICAMENTO DEL BRACCIO

Lo slancio delle braccia termina con tutti e due gli arti in alto sopra la testa ed è da questa
posizione che inizia il caricamento del braccio che attacca.
Si possono riconoscere tre modi di caricamento del braccio:
• gomito che carica al di sotto della spalla (scuola sud americana). Si esprime potenza ma
può risultare difficile la distensione e la coordinazione del braccio.
• Gomito che carica all’altezza dell’orecchio
• Gomito alto sopra l’orecchio

Ritengo producente insegnare il caricamento con gomito alto in quanto risulterà più semplice il
raggiungere l’obiettivo della massima distensione del braccio

Successivamente aumentando la fisicità e la coordinazione specifica ogni atleta adotterà un


proprio stile di caricamento.

L’attacco - Prof. Nicola piccinini 6 Volley Ball Project Ottobre 09


COLPO SULLA PALLA

Abbiano già detto che il braccio deve essere massimamente disteso, la palla va colpita davanti
all’asse del corpo e di fronte alla spalla che attacca.
La mano naturalmente aperta al termine del mulinello di caricamento assume la forma a conca
del pallone e contatta la palla con tutta la sua superficie e con buona tensione muscolare, al
tocco di palla il polso frusta velocemente chiudendosi.
Il contatto con il pallone avviene nella porzione postero superiore della palla.

Direzionalità del colpo d’attacco: abbiamo accennato al fatto che il primo obiettivo da
perseguire è quello di dare potenza al colpo d’attacco orientandolo verso l’angolo lungo di
zona 5 ,nel proseguire dell’attività diventerà altrettanto importante riuscire a direzionare con
precisione i nostri colpi.
Fermo restando che la massima distensione del braccio rimane un parametro fisso, per “tirare”
la diagonale (colpo esterno) devo anticipare leggermente il colpo sulla palla un attimo prima
che la stessa arrivi all’altezza della spalla che attacca e impattare il pallone sempre postero –
superiormente ma anche nella parte laterale esterna dello stesso.

Per “tirare” la parallela da zona 4 (colpo interno) devo


impattare la palla nella sua porzione laterale interna.

La chiusura del braccio Sx avviene con l’arto flesso


al gomito che si porta sull’addome un attimo prima
che il Dx colpisca la palla.
Il braccio Dx a seconda del colpo effettuato scenderà
all’interno del busto o verso l’esterno.

L’attacco - Prof. Nicola piccinini 7 Volley Ball Project Ottobre 09


RICADUTA

Se gli elementi tecnici sopra descritti sono stati correttamente eseguiti la ricaduta dovrebbe
avvenire sul punto dello stacco o poco più avanti e in perfetto equilibrio su entrambi gli arti
inferiori.

L’attacco - Prof. Nicola piccinini 8 Volley Ball Project Ottobre 09


DIDATTICA DELL’ ATTACCO DI 1°, 2°, 3° TEMPO

Attacco di 1° tempo o veloce: come accennato precedentemente l’attaccante deve colpire la


palla nella sua parabola ascendente, anticipando il salto rispetto al tocco del palleggiatore.

Per ottenere un buon risultato l’attaccante dovrà utilizzare una rincorsa relativamente breve, gli
ultimi due passi, e in modo particolare il caricamento del braccio dovrà essere il più veloce
possibile.

E importante che lo schiacciatore nella ricerca dell’anticipo non superi mai l’appoggio o la
ricezione, questo per permettere di valutare il punto esatto in cui staccare, nel momento in cui
la palla sta entrando nelle mani del palleggiatore effettuerà lo stacco che lo porterà a colpire la
palla nella sua parabola ascendente.

Il braccio che attacca sullo slancio dello stacco caricherà velocemente con un angolo ampio
al gomito in modo che le fasi di caricamento, distensione e colpo sulla palla risultino
estremamente ravvicinate tra di loro.

L’attacco - Prof. Nicola piccinini 9 Volley Ball Project Ottobre 09


Attacco di 2° tempo o super:

se indicativamente l’inizio della rincorsa viene fissato nel momento in cui il palleggiatore tocca
la palla, chiaramente ci saranno differenze dovute alla traiettoria dell’alzata che si vuole
giocare.
Effettuare una super molto veloce richiede una grande precisione da parte del palleggiatore e
buona sensibilità sul tempo da parte dell’attaccante.
Particolare attenzione va rivolta al allenamento della
rincorsa in quanto l’attaccante spesso è chiamato a ricevere
prima di
attaccare, ed
essendo la palla
abbastanza
veloce non vi è
più la possibilità
di allargarsi per Ric
poi effettuare la
rincorsa
d’attacco tradizionale, ma bisogna “rubare” il
tempo effettuando una rincorsa circolare che
porterà lo schiacciatore dalla posizione di
ricezione all’interno del campo al corretto punto di
stacco.
Fondamentale risulta orientare comunque i piedi
sullo stacco in modo che sul salto il corpo sia orientato con le spalle che guardano zona 6/5
avversaria in modo da poter effettuare qualsiasi tipo di attacco.

L’attacco - Prof. Nicola piccinini 10 Volley Ball Project Ottobre 09


Attacco di 3° tempo o palla alta:

in questa situazione la palla andrà colpita nella sua parabola discendente; risulta però
estremamente difficile capire quando iniziare la rincorsa.
Generalmente l’errore che si commette a
tutti i livelli e quello di partire in anticipo
correndo il rischio di arrivare sotto la palla e
non vedere il muro avversario e di non
staccare nel punto corretto.
Per ovviare a questo problema ritengo
interessante abituare i nostri atleti in questa
particolare situazione di inserire un ulteriore
passo di rincorsa, cioè anziché effettuare il
classico sx – dx-sx, arretrare di un
ultereriore metro ed iniziare la sequenza dei
passi con il piede destro (per giocatori
destrimani) dx – sx – dx-sx.
Questo mi permette di non arrivare in
anticipo sotto la palla e di avere un buon
dinamismo anche se l’alzata rimane
staccata da terra.

L’attacco - Prof. Nicola piccinini 11 Volley Ball Project Ottobre 09


Parte 2°

PROGRESSIONE METODOLOGICA ED ESERCITAZIONI PRATICHE


PER L’APPRENDIMENTO DELL’ATTACCO

Uno dei concetti fondamentali che la scienza dell’allenamento da sempre ci propone riguarda
la progressione delle difficoltà, dal facile al difficile e dal semplice al complesso.

Di seguito elenchiamo una serie di esercizi per l’esecuzione nella sua globalità del gesto della
schiacciata.

Per favorire la ricerca della massima altezza del colpo è interessante effettuare test per
misurare l’altezza raggiunta e dividere la squadra in gruppi omogenei di salto che attaccano
con altezze diverse della rete.

• Serie di ripetute di rincorsa e stacco verso rete senza palla


• Serie di ripetute di rincorsa e stacco verso rete senza palla con salto del materassino
per la sensibilizzazione ultimo passo.
• Serie di ripetute di rincorsa e stacco verso rete senza palla con balzo del materassino e
salto a toccare al vertek.
• Serie di ripetute di rincorsa e stacco verso rete con attacco di una pallina da tennis o
similare
• Serie di attacchi con palla sospesa tenuta dall’allenatore
• Serie di attacchi con auto alzata
• Serie di attacchi con palla alzata verticalmente dall’allenatore
• Serie di attacchi con palla alzata dal palleggiatore
• Serie di attacchi con palla alzata dal palleggiatore con traiettorie diverse e da diverse
zone del campo.
• Collegamento con altri fondamentali:
ricezione attacco
muro e \o difesa e attacco.

I tipi di esercitazione sopra descritti


possono essere effettuati contro bersagli
e con la presenza del muro, tutto ciò
chiaramente aumenterà la difficoltà
dell’esercizio; risulta pertanto
fondamentale seguire una progressione
metodologica che preveda una serie di
passaggi con obiettivi mirati.

L’attacco - Prof. Nicola piccinini 12 Volley Ball Project Ottobre 09


ESERCIZI PER L’ALLENAMENTO ANALITICO DELL’ATTACCO

Es. per la rincorsa

• Corsa in forma libera al segnale dell’allenatore i giocatori devo cadenzare gli ultimi appoggi
della rincorsa
• Eseguire la rincorsa superando un materassino nell’esecuzione dell’ultimo passo
• Eseguire la rincorsa superando una serie di materassini disposti in zona 4, 3, 2 in
sequenza
• Eseguire la ricorsa e lo stacco superando un materassino e saltando di fronte al vertek

Es. per lo slancio delle braccia

• Molleggiare sulle gambe ed eseguire in contemporanea degli slanci delle braccia


• Effettuare ricorsa e stacco e battere le mani in alto al termine dello slancio
• Effettuare rincorsa e stacco e afferrare la palla alzata dal tecnico all’apice del salto
• Effettuare rincorsa e stacco, afferrare la palla alzata dal tecnico all’apice del salto e
schiacciarla a due mani.

Es. per il braccio e la manualità

Da eseguire a coppie o contro al muro


• Colpire fasciando bene il pallone tenuto con altra mano
• Colpire fasciando bene il pallone tenuto in alto a due mani dal compagno
• Colpire di seguito la palla facendola rimbalzare a terra
• A e B a 9mt di distanza. Colpire un segnale posto a 4,5 mt
• A e B a 9mt di distanza. Schiacciare sul compagno
• Schiacciare al compagno facendo passare la palla sopra un elastico tirato a metà campo
• Schiacciare al compagno effettuando il colpo in intra o extrarotazione.
• Schiacciare al compagno facendo passare la palla sopra l’elastico posto all’altezza del
polso e a 1 mt dall’attaccante.
• Ricercare e colpire la palla lanciata dal compagno

L’attacco - Prof. Nicola piccinini 13 Volley Ball Project Ottobre 09


ESERCITAZIONI DI SINTESI PER L’ALLENAMENTO DELL’ATTACCO

Due file di attaccanti, zona 4 e zona 2 (da preferire alle due file in campi opposti in modo che
l’attaccante abbia a disposizione tutto il campo per provare i colpi).

Es. di riscaldamento al salto da eseguire a coppie

A lancia la palla a due mani da sotto a B che attacca in salto su A


A schiaccia in salto su B che difende sulla testa e rinvia in palleggio ad A
A schiaccia in salto su B che difende direttamente su A, A palleggia a palleggia a B che
schiaccia in salto su A.

Attacco contro obiettivi: disporre vari bersagli come obiettivi per l’attacco

Attacco su chiamata: l’allenatore alza la palla a due mani, al momento del salto dello
schiacciatore chiama la zona dove indirizzare l’attacco.

Attacco contro muro:

• Attacco contro muro ad 1 che tiene una zona fissa


• Attacco contro muro a 1, il muratore dopo il palleggio si sposta da una posizione neutra ad
una definita ( chiude la parallela o la diagonale), l’attaccante osserva la posizione del muro
e schiaccia nell’altra direzione.
• Attacco contro muro a 1, il muratore cerca di opporsi all’attacco del compagno

Attacco contro difesa:

• Attacco su uno o più difensori che difendono una zona prestabilita


• Un difensore in zona 1 e uno in zona 5 fissi, i difensori di zona 6 entrano e dopo il palleggio
di alzata si spostano e raddoppiano la diagonale o la parallela. L’attaccante deve
osservare lo spostamento e attaccare sul raddoppio difensivo.
• 3 contro 3 metà campo: 2 giocatori a muro e 1 in difesa. Mini tie-breack

Es. globali 6 vs 6 ad obiettivi:

Il panorama della moderna metodologia prevede l’utilizzo di esercitazioni molto simili alla fase
di gioco nelle quali e possibile stabilire modi e punteggi particolari.

• Un giocatore contro un altro: a sestetti schierati due giocatori avversari vengono chiamati a
giocare un certo n° di palloni.
• Obbligo per ogni squadra di utilizzare solo determinati tipi di attacco: solo palla alta, solo 1°
tempo, etc., contro situazioni tattiche prestabilite ( es. muro a 1 , 2 , 3)

• Utilizzo di punteggi speciali sia individuali che di squadra per raggiungere l’obiettivo:
tot di attacchi vincenti su un n° predeterminato di attacchi tot; penalizzazione dell’errore in
attacco (-1 o azzerato il punteggio), ect..

L’attacco - Prof. Nicola piccinini 14 Volley Ball Project Ottobre 09


Questi pochi esempi hanno lo scopo di stimolare l’allenatore nel
organizzare sempre esercitazioni in cui siano presenti obiettivi
chiari e diversificati tra di loro in modo da rendere questi momenti
esercitazioni con componenti tecnico-tattiche altamente stimolanti
per l’atleta.

Prof. Nicola Piccinini

L’attacco - Prof. Nicola piccinini 15 Volley Ball Project Ottobre 09