Sei sulla pagina 1di 25

IL CAVALIERE NERO

Jean Bruschini

UN SATELLITE ALIENO ORBITA INTORNO ALLA TERRA DA 13.000 ANNI.

EDIZIONI ESTRO-VERSO

FREE E-book

Archeologia di frontiera

IL CAVALIERE NERO
Jean Bruschini

Edizioni Estro-Verso

Collana Archeologia di frontiera A cura di Jean Bruschini

E vietata la riproduzione, anche parziale, non autorizzata ed effettuata con qualsiasi mezzo, compresa la fotocopia, anche ad uso interno o didattico. Lillecito sar penalmente perseguibile a norma dellart. 171 della legge n. 633 del 22/04/1941 2013 Propriet letteraria riservata Estro-Verso www.estro-verso.net Associazione per la promozione dellArte e della Cultura

Mi chiamarono pazzo nel 1896 quando annunciai la scoperta dei raggi cosmici. Ripetutamente si presero gioco di me e poi, anni dopo, hanno visto che avevo ragione. Ora presumo che la storia si ripeter quando affermo che ho scoperto una fonte di energia finora sconosciuta, un energia senza limiti, che pu essere incanalata... Nikola Tesla

LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO LIBRO SONO REALI E NON FRUTTO DELLIMMAGINAZIONE. LAUTORE FA USO DI IMMAGINI REALIZZATE DA AGENZIE UFFICIALI E DI PUBBLICO DOMINIO. QUESTO E-BOOK E GRATUITO POICHE LAUTORE INTENDE DIFFONDERE LA VERITA SU ARGOMENTI DI INTERESSE COLLETTIVO CHE VENGONO VOLUTAMENTE NASCOSTE.

INTRODUZIONE Nel 1899, mentre stava conducendo esperimenti nel suo laboratorio di Colorado Springs, Nikola Tesla ricevette un segnale radio che si ripet continuamente. Afferm pubblicamente di avere captato un messaggio radio proveniente dallo spazio ma venne ridicolizzato dal mondo accademico. Il 12 dicembre del 1901 il mondo fu sconvolto da una notizia sensazionale: Guglielmo Marconi aveva trasmesso la lettera S oltreoceano da una localit in Cornovaglia fino a Newfoundland, in America. Pochi per sanno che linventore italiano aveva utilizzato ben 17 brevetti di Tesla per ottenere quel risultato. Oggi sappiamo che esistono effettivamente dei rumori di fondo che vagano allinterno della nostra galassia e che alcuni di essi possono essere realmente scambiati per messaggi intelligenti. Nonostante lo scetticismo dellepoca sempre a Tesla che dobbiamo la prima scoperta delle onde radio provenienti dal cosmo. E possibile, comunque, che Tesla captasse alcuni segnali radio prodotti da uno strano oggetto che orbita (tuttora) in prossimit della Terra da almeno 13.000 anni? Analizzando le foto e i documenti riportati in questo libro, cercheremo di far luce su un fenomeno singolare ed inquietante, volutamente celato. Personalmente, affronto un argomento soltanto quando sono sicuro delle fonti, limitandomi a riportare le informazioni cos come sono, senza alterarle. Vi invito a verificare le fonti qui riportate per constatare quanto esposto in questa ricerca. Jean Bruschini
5

LA SCOPERTA Nel 1960, quando gli americani alzarono gli occhi al cielo per dimostrare la propria supremazia in campo tecnologico, scoprirono un oggetto sconosciuto in orbita intorno alla Terra, che in seguito fu denominato Cavaliere Nero o Black Knight. Poich le dimensioni della cosa superavano ampiamente quanto Stati Uniti e Unione Sovietica sarebbero stati in grado di mandare in orbita, lattenzione crebbe, ma anche il silenzio. Le ricerche vennero amplificate quando gli operatori cominciarono a ricevere strani segnali radio che in seguito decodificarono come una mappa stellare. La mappa faceva riferimento alla configurazione astronomica del cielo visto dalla Terra 13 mila anni fa e che aveva come punto di arrivo il sistema stellare di Izar, una stella doppia che si trova nella costellazione di Boote.

Il Cavaliere Nero Foto Nasa STS088-724-66

Dopo tale data, in diverse occasioni si torn a parlare del Cavaliere Nero, ma solo nel 1998, durante la missione STS-88, vennero finalmente scattate delle foto nitide. Tali immagini furono prima posizionate sul sito Nasa, poi cancellate e successivamente ricollocate, dopo che molti chiesero spiegazioni sulla cosa, ma con la dicitura detriti spaziali. Le foto mostravano in modo evidente un oggetto enorme, la cui orbita si muoveva in direzione est-ovest ad una velocit tre volte superiore a quella dei satelliti terrestri. Il congresso degli Stati Uniti appront anche una commissione di inchiesta, ma nulla di tutto ci mai stato reso pubblico. Quando nel 1963, lastronauta Gordon Cooper, torn a Terra dopo aver orbitato intorno al nostro pianeta per bene 22 volte a bordo della capsula Faith 7, dichiar alla NBC che nel corso della sua ultima orbita, vide una gigantesca forma verde incandescente passare a grande velocit davanti alla sua caspula. La versione ufficiale resa dalla Nasa fu: un guasto elettrico ha generato un aumento dei livelli di ossido di carbonio allinterno della capsula, provocando allucinazioni al pilota. In questo modo Cooper fu umiliato e messo a tacere. Le foto per ci sono e sono tuttora visibili sul sito Nasa:
FOTO STS088-724-66 http://eol.jsc.nasa.gov/scripts/sseop/photo.pl?mission=STS088&roll=724&frame=66 FOTO STS088-724-67 http://eol.jsc.nasa.gov/scripts/sseop/photo.pl?mission=STS088&roll=724&frame=67 FOTO STS088-724-68 http://eol.jsc.nasa.gov/scripts/sseop/photo.pl?mission=STS088&roll=724&frame=68 FOTO STS088-724-65 http://eol.jsc.nasa.gov/scripts/sseop/photo.pl?mission=STS088&roll=724&frame=65 FOTO STS088-724-69 http://eol.jsc.nasa.gov/scripts/sseop/photo.pl?mission=STS088&roll=724&frame=69 FOTO STS088-724-70 http://eol.jsc.nasa.gov/scripts/sseop/photo.pl?mission=STS088&roll=724&frame=70

Dettagli sulla fotocamera impiegata dalla Nasa Camera Tilt: High Oblique Camera Focal Length: 250mm Camera: HB: Hasselblad Film: 5069 : Kodak Elite 100S, E6 Reversal, Replaces Lumiere, Warmer in tone vs. Lumiere. Quality Film Exposure: Normal Percentage of Cloud Cover: 90 (76-100) Nadir GMT Date: 19981211 (YYYYMMDD) GMT Time: 201844 (HHMMSS) Nadir Point Latitude: -23.5, Longitude: 14.0 8

LA BUFALA DEI DETRITI SPAZIALI Ho gi fornito la descrizione Nasa di tali foto, definite facenti parte di detriti spaziali (o Space Debris) di precedenti missioni o spazzatura cosmica. E qui sorge la domanda: se loggetto stato scoperto nel 1960, di quali detriti potrebbe trattarsi? Dal lancio dello Sputnik2, con a bordo la povera cagnetta Laika, lanciato dai Sovietici nel 1957 ad oggi, migliaia di missioni e lanci di satelliti hanno effettivamente prodotto detriti spaziali, ma qui stiamo parlando di un oggetto di notevolissime dimensioni e dal peso di molte tonnellate, il quale poi, non ha assolutamente laspetto di spazzatura vagante. Nel libro Disneyland of the God di John A. Keeel, pubblicato nel 1988 vengono messe in relazione i segnali captati da Tesla e Marconi con questo misterioso oggetto (navicella o satellite) e viene proposta la teoria del complotto per tenere nascosta levidenza della provenienza aliena. Nella pagina che segue, troverete larticolo dellepoca, pubblicato sul New York Times del 1920 in cui Marconi sosteneva di aver captato segnali di origine non terrestre. Certo, potrebbe trattarsi del segnale radio emesso dal Cavaliere nero, ma oggi sappiamo che nel nostro universo esistono tantissimi oggetti in grado di emettere onde radio captabili, e di questo se ne occupa una scienza chiamata appunto, radio-astronomia. Anche il nostro Sole una sorgente radio, ed in particolare la pi potente per lunghezze donda inferiori al metro. Storicamente, la prima radio sorgente venne individuata e studiata nel 1932, dunque successivamente agli anni di cui stiamo parlando, dallastronomo Karl Jansky. A di l delle illazioni, nelle sei foto menzionate a pagina 7, possibile scorgere la sagoma di un oggetto che non sembra di origine terrestre. Se tutto questo il prodotto della fantasia, come mai il 2 Maggio 2013 durante lAudizione sul Disclosure, il senatore Mike Gravel ha detto letteralmente: Abbiamo una forza militare dello spazio, ed attiva. Esistono indizi concreti dellesistenza di un programma spaziale occulto parallelo a quello della NASA che impiegherebbe velivoli e tecnologie segretissime sviluppati attraverso programmi ombra e scaturiti da processi di retroingegneria aliena. Ma torniamo al Cavaliere... 9

Articolo apparso sul New York Times nel 1920, in cui Marconi affermava di aver captato segnali extraterrestri.

10

Loggetto denominato Cavaliere nero, situato in unorbita particolarmente difficile da scovare sia dagli Americani che dai Russi, essendo infatti i satelliti sovietici inclini a 65 gradi con lequatore. Il peso stimato del Cavaliere nero sarebbe di circa 15 tonnellate, quindi troppo pesante per essere un razzo di quel periodo. Inoltre viaggiava due volte pi veloce di qualsiasi altro satellite noto al momento. Loggetto stato avvistato e studiato da molti degli astronomi in tutto il paese. Robert L. Johnson, direttore del Planetario Adler ha dichiarato: LOGGETTO non mantiene un moto regolare, COME QUALSIASI ALTRO CORPO CELESTE! Successivamente stato fotografato anche dalla Grumman Aircraft Corporation. Una commissione militare se ne occupata, ma le conclusioni sono state tenute segrete fino ad oggi. Il segnale fu studiato e decodificato da unastronomo scozzese di nome Duncan Lunan. A suo avviso, il messaggio indicherebbe una mappa centrata sulla stella Epsilon Botis come si poteva vedere dalla Terra 13.000 anni fa.

11

Conosciamo da vicino lastronomo Duncan Lunan:


http://www.duncanlunan.com/epsilonBotiss.asp

Sul sito personale dellastronomo, possiamo leggere quanto segue: Larticolo pubblicato nel 1974 da Duncan, dal titolo una sonda spaziale proveniente da Epsilon Botis?, si basava sulle affermazioni fatte da Marconi relativamente al segnale radio da lui captato (come Tesla precedentemente) nel 1920. A chi afferma trattarsi di semplici interferenze terrestre, Duncan risponde: in realt, le eco erano troppo potenti per essere semplici riflessi di segnali terrestri. Gli impulsi subivano un ritardo di tre secondi, come se provenissero da una distanza pi grande, ma non dalla Luna. Ulteriori analisi evidenziarono che le sequenze, purch complesse, non variavano di intensit, indicando una sola e precisa fonte di amplificazione. Il prof. Ron Bracewell di Stanford afferm nel 1960 che le eco potevano essere trasmesse da una sonda senza equipaggio (di unaltra civilt): Nel 1972 elaborai una traduzione dei modelli eco 1920 e lo stesso prof. Bracewell ipotizz che si trattasse di una mappa stellare. Provai a tracciare i tempi di ritardo basandomi sullordine in cui venivano ricevuti gli echi e al secondo tentativo scoprii che il messaggio della sonda indicava la doppia stella Epsilon Botis, nelle costellazione Boote. Poich Arturo, la stella pi brillante della costellazione, sembrava essere fuori posto nella mappa, scoprimmo la posizione risalente a 13.000 anni fa. Fu James Strong a identificare la sorgente del segnale, affermando che la sonda doveva trovarsi in una zona del cielo definita Lagrange 4 o punto L5, a breve distanza tra la Terra e la Luna.

12

Il messaggio in questione, sembrava inoltre indicare dati precisi sul sistema planetario orbitante Epsilon Botis A. Duncan Lunan, non si limit a studiare sorgenti radio, ovviamente; poich aveva studiato astronomia megalitica sotto uno dei maggiori esperti, il Prof. Archie Roy, e si trov a studiare la posizione astronomica del sito archeologico Stonehenge. Fino al 1975 si pensava che i megaliti di Stonehenge fossero stati eretti intorno al 1800 aC, ma in seguito la datazione fu corretta al 2840 aC. (studio al radiocarbonio effettuato dal prof. Archie Roy). Con grande stupore, Duncan Lunan corresse i suoi calcoli e osserv che il sito archeolgico indicava come Polo Nord Galattico del 2840 aC, Epsilon Botis stesso. Tornando al Cavaliere nero, questo visitatore periodico fu avvistato nel dicembre del 1991 dallosservatorio Kitt Peak in Arizona, definito inizialmente asteroide insolito 1991 VG. Loggetto anomalo pass a soli 485 mila miglia dalla Terra. Il suo diametro stato stimato intorno ai 19 metri, tuttavia, le osservazioni mostravano forti e rapide variazioni di luminosit che possono essere interpretate come riflessi speculari transitori delle superfici di un veicolo spaziale rotante. Le immagini a colori del Cavaliere nero mostrate in questo libro sono state riprese dalla navetta spaziale Endeavour durante la missione STS088, effettuate nel 1998. Le foto sono state rese pubbliche dalla Nasa soltanto 11 anni dopo e archiviate in una sezione del loro sito in cui si parla di detriti spaziali e sono visibili da tutti. Col tempo, il Cavaliere nero sempre l, anche se non se ne parla e la sua orbita lunga lo riporta in prossimit della Terra ogni 15-20 anni circa. Ulteriore prova della sua esistenza stata confermata dalla missione ISS (marzo 2013) , da cui tratto il video che potete osservare su Youtube, al seguente link: http://www.youtube.com/watch?v=SWPkzVzXH7M#t=17

13

Il 3 settembre del 1960, esattamente 6 mesi dopo che il Black Knight o Cavaliere nero era stato rilevato dai radar, una telecamera di monitoraggio dello stabilimento di Long Island Grumman Aircraft Corporation cattur una sua fotografia, e di sicuro in quegli anni non avevamo nulla di nostro (di quelle dimensioni) che orbitasse intorno al pianeta.

Nel 1987 lo Shuttle Endeavour della Missione STS-088 fotograf un oggetto misterioso in orbita intorno alla Terra. Si dice, che anche la stazione di monitoraggio di Muchea, in Australia, avesse ripreso loggetto nei suoi radar, e stranamente combaciava perfettamente con lo stesso oggetto che vide Cooper (missione Faith7).

14

analizziamo il mesaggio decifrato da Duncan ed altri ricercatori: Inizia qui. La nostra casa Epsilon Bootis, che una stella doppia. Viviamo sul sesto pianeta da sette anni, partendo dal nostro sole, che il pi grande dei due. Il nostro sesto pianeta ha una luna. Il nostro quarto pianeta ne ha tre. Il primo e il terzo hanno ciascuno una luna. La nostra sonda punta la posizione di Arcturus, noto nelle nostre mappe . Nel 1953, quattro anni prima che lUnione Sovietica lanci lo Sputnik I, il segnale di origine sconosciuta fu captato dal dottor Lincoln La Paz della University of New Mexico. Poich le segnalazioni arrivavano da pi fonti (anche da radioamatori), il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti decise di interpellare lillustre astronomo Clyde W. Tombaugh per eseguire una ricerca per loggetto misterioso. Tombaugh era noto per aver scoperto Plutone nel 1930. Da quel momento lanomalia divenne nota come Cavaliere nero. Inutile dire che il Pentagono non ha mai reso noto il risultato dello studio del dottor Tombaugh. E non si seppe pi nulla sulloggetto fino al mese di dicembre del 1957, quando il dottor Luis Corralos del Ministero delle Comunicazioni del Venezuela fotograf loggetto. Il primo satellite moderno, lo Sputnik I, era stato lanciato due mesi prima, quindi nessun detrito spaziale di quelle dimensioni poteva trovarsi nellorbita terrestre. Il 7 marzo del 1960 il Time Magazine pubblic il seguente articolo: Tre settimane fa, i giornali annunciarono che gli Stati Uniti avevano rilevato un misterioso satellite dark in unorbita regolare attorno alla Terra. Si pens subito ad un satellite spia lanciato dai russi, causando la spiacevole sensazione che negli USA non si sapesse cosa stesse volando sulle proprie teste. Ma la scorsa settimana il Dipartimento della Difesa ha annunciato con orgoglio che il satellite era stato identificato. Si tratterebbe semplicemente di un relitto spaziale, cio i resti di un satellite.

15

Loggetto anomalo o Black Knight, scoperto a febbraio del 1960 dal North American Air Defense System (predecessore del NORAD) rilev quindi una massa di almeno 15 tonnellate in orbita polare, molto pi grande di qualsiasi cosa gli Stati Uniti o i sovietici fossero in grado di lanciare in orbita. Il Black Knight, venne monitorato per tre settimane e scomparve improvvisamente. I Radioamatori, per tutto il tempo, ricevettero via radio il segnale inviato dalla misteriosa sonda. Il 3 settembre 1960 molti testimoni a terra lo videro perfino ad occhio nudo per circa due settimane. Loggetto, luminoso e rosso procedeva in unorbita da est a ovest. Voglio ricordare a chi non lo sapesse, che i satelliti di quel tempo, si spostavano da ovest a est. Dal Newsday blurb del 01/09/1960: (Newsday) by Bob Caro Non un satellite e non una meteora. Nessun astronomo sa cosa sia. Possiamo solo parlare del suo colore e, in qualche misura, della sua velocit. [Ci che non possiamo affermare di cosa si tratti]. Questa allo stato attuale la situazione dopo una settimana (a livello nazionale) di tentativi atti ad identificare il misterioso oggetto ROSSASTRO che gira intorno alla Terra da Giovedi. Gli astronomi di tutto il paese ammettono che sono perplessi . Uno di essi, Frank Judson del famoso Adler Planetarium di Chicago afferma: Sono stato ad osservarlo per giorni e io non ho la pi pallida idea di cosa sia. Scattare foto delloggetto non ci ha aiutato. [Il Grumman Aircraft Engineering Corp. ha annunciato ieri che una telecamera di monitoraggio situata presso limpianto di Betfage aveva fotografato loggetto alle 08:51 di giovedi scorso. Ma, un portavoce del Grumman ha aggiunto:tutte le immagini mostrano una linea bianca, e questo non ci consente di identificarlo ] La linea bianca, difficile da rilevare, era appena visibile anche dopo aver effettuato degli ingrandimenti. Altri osservatori esperti e cittadini hanno fotografato loggetto misterioso a Long Island, Chicago, Washington, Boston, New Haven, Chicago e localit dellovest. (continua a pag.18) 16

Decifrazione del codice radio e mappa stellare secondo linterpretazione di Duncan Lunan

17

Le poche conclusioni fornite sul suo comportamento hanno contribuito solamente ad accentuare il mistero. Judson, che ha studiato loggetto in collaborazione con Robert L. Johnson, direttore del Planetario Adler riassume le conclusioni circa la cosa in questo modo: Non una meteora, perch troppo lento. E non un satellite artificiale....

I razzi inviati nello spazio negli anni 60 non avevano nulla a che vedere con le dimensioni e la forma di questoggetto altamente evoluto.

18

Il Maggiore della Marina Statunitense, Donald E. Keyhoe, afferm che in realt i satelliti artificiali non terrestri sarebbero due e non uno. Alcuni scienziati del governo degli Stati Uniti a White Sands, NM, affermarono che erano in atto ricerche per individuare la loro lorigine. (Sunto dagli articoli di giornale dellepoca, riportati a pagina 21).

19

Loggetto definito Black Knight fotografato ad alta risoluzione dalla Nasa

20

A dimostrazione della genuicit della storia, allego due articoli di giornali dellepoca. (il St. Louis Dispatch e il San Francisco Examiner).

21

Il 23 agosto 1954, il magazine Aviation Week riport la notizia che ben due satelliti erano stati identificati nello spazio, a 400 e 600 miglia di distanza dalla Terra. Essi furono definiti satelliti naturali, New York Times Misterioso satellite polare, creduto russo, in orbita intorno alla Terra. John W. FINNEY -11 febbraio 1960, - WASHINGTON, 10 FEB - Un satellite non identificato stato scoperto nello spazio terrestre, in unorbita quasi polare, da stazioni di monitoraggio degli Stati Uniti, ha dichiarato oggi il Dipartimento della Difesa. Lidentit e lorigine del misterioso satellitare - che stato soprannominato il satellite nero non sono noti, nonostante due settimane di monitoraggio continuo. Tanto per insabbiare e calmare le acque, questa fu la dichiarazione resa dal Dipartimento della Difesa: Loggetto misterioso recentemente scoperto in orbita polare attorno alla Terra probabilmente la capsula del Discoverer V, veicolo spaziale lanciato dagli Stati Uniti lo scorso 13 agosto (1960). Sulla base delle analisi ad oggi, si ritiene che questo veicolo molto probabilmente la capsula de Discoverer V lanciato in orbita polare ad agosto. Lanalisi restituita dai ritorni radar del Dipartimento della Difesa indica che loggetto misterioso di circa 3 metri di diametro e 2 metri di lunghezza, appunto le dimensioni della capsula del Discoverer V. La capsula in questione, separata dal suo lanciatore il 14 agosto secondo la telemetria... E chiaro, esaminando le foto recenti del Cavaliere nero, che questultimo non ha nulla a che vedere con il Discoverer o altri razzi terrestri. A titolo informativo, nella pagina seguente troverete le immagini del primo satellite per comunicazioni inviato nello spazio dagli USA, di ridotte dimensioni, e la foto di un razzo dellepoca. Link al video del lancio del Discoverer V: http://www.youtube.com/watch?v=_WAbbDGNPYg 22

Il 13 aprile 1960, fu posto in orbita dagli USA il primo satellite per comunicazioni. (vedi foto). Il lancio avvenne a Cape Canaveral, in Florida, utilizzando un razzo vettore a due stadi Thor-Able-Star. Questi satelliti ad energia solare venivano posti in unorbita polare molto ravvicinata per fornire le correzioni di navigazione alla US Navy Fleet (forze sottomarine balistiche). N il satellite in questione, n il razzo vettore mostrano somiglianze con loggetto denominato Cavaliere nero.

Razzo vettore utilizzato per il lancio di satelliti nel 1960

23

CONCLUSIONI Ho esposto i fatti presentandoli cos come sono apparsi su alcune testate dellepoca, mantendenomi il pi neutrale possibile. Questa faccenda presenta, ovviamente, molti lati oscuri, ma ormai innegabile che lass ci sia qualcosa, ma il perch mi sfugge: Chi ha realizzato il Black knight e perch? Ammetto di aver esaminato tutta la documentazione disponibile pensando si trattasse dellennesima bufala, ma il dettaglio pi significativo che ho trovato quello relativo al comportamento delloggetto rispetto ai classici satelliti e al fatto che abbia in seguito modificato la rotta. Ci sono inoltre molte affermazioni circa il bip o segnale radio inviato dalloggetto in questione al suo passaggio, identificato come una sorta di codice morse semplificato; in pratica, chi lha posto in orbita voleva che si notasse e che si codificasse il messaggio, voleva che si capisse da dove fosse arrivato. Poich la costellazione di Epsilon Botis si trova ad una distanza impossibile (circa 210 anni luce da noi - http://it.wikipedia.org/wiki/Izar), ma che presumibilmente loggetto ha percorso per giungere fin qui, c da chiedersi COME. Viaggi di questa portata sono letteralmente impossibili, se non si dispone di conoscenze e tecnologie avanzatissime, cose che noi non possediamo nemmeno 13000 anni dopo il presunto arrivo del Cavaliere nero nella nostra orbita. Forse loggetto al suo interno custodisce la chiave per effettuare tali viaggi, ma perch invitare i terrestri a raggiungerli? Magari la soluzione l dentro, a portata di mano, e un giorno scopriremo che possibile curvare lo spazio-tempo accorciando le distanze. Ma siamo davvero convinti che tutto quel sapere verrebbe messo a disposizione dellumanit intera per scopi benefici? Allo stato attuale delle cose, voi invitereste i terrestri, bellicosi e avidi, a raggiungervi nel vostro pianeta in cui ormai regna larmonia? 24

Dopo aver esaminato tante fonti attendibili, sembra evidente che un satellite (pi grande di qualsiasi cosa avremmo mai potuto mettere in orbita) stato avvistato in tutto il mondo e che il Dipartimento della Difesa ha coperto tutto. Nel 2016 il Cavaliere nero si avviciner di nuovo, quindi qualcuno si star preparando in segreto per carpirne i segreti e sfruttarli a proprio vantaggio. Se ci accadr realmente, non credo che chi far questo lo dichiarer apertamente, ma utilizzer (ovviamente) quelle tecnologie per dominare ancora di pi su questo pianeta. A questo gli alieni non avevano pensato. Forse. Jean Bruschini jeanbruschini@live.it http://jeanbruschini.estro-verso.net

Bibliografia dellautore: La pietra filosofale - (poesie) Ed. Gabrieli Prossimo allimbrunire - (poesie) Ed. Estro-Verso Lanello mancante - (archeologia di frontiera) Ed. Estro-Verso Aloe: trattato professionale - (saggio) - Ed. Estro-Verso Mamma, ti presento Maria - (saggio) - Ed. Estro-Verso DImene in meglio - (narrativa eros) - Ed. Estro-Verso Florido De Silvestris - (riediz. di una commedia del 1600) Ed. Estro-Verso www.estro-verso.net 25