P. 1
Carteggio Relativo Alla Denuncia Dei Fatti Patiti Con Silvia Canali

Carteggio Relativo Alla Denuncia Dei Fatti Patiti Con Silvia Canali

|Views: 1,149|Likes:
Published by Luca Breda
Documento di Paolo Ferraro
Documento di Paolo Ferraro

More info:

Published by: Luca Breda on Mar 09, 2013
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

04/26/2015

pdf

text

original

ALLEGATO E bis

l) Dichiarazione resa in qualità di persona informata sui fatti da Patrizia Foiani alla Stazione dei
Carabinieri di Prima Porta in data 26.09.2011 con allegate dichiarazioni allegate già elencate sub E
LEGIONE CARABINIERI LAZIO
Stazione di Roma Prima Porta
VERBALE di spontanee dichiarazioni rese da:----------------------------------------------------
FOIANI Patrizia Stefania Eugenia; nata a Milano (MI) il 13.06.1966,
residente a Roma in via Edoardo Jenner nr. 30, funzionario amministrativo,
identificata mediante Carta di Identità nr. AN9747669 rilasciata dal Comune
di Roma il 07.05.2007, tel. 347/9400008- 06/5344863.-------------------------
L'anno 2011 addi 26 del mese di settembre, alle ore 16.54 negli uffici della Stazione Carabinieri di Roma Prima Porta, avanti ai sottoscritti Ufficiali di P.G. Mar. Ord. SPOGNARDI Sandra e Mar. GRASSO Angelo, effettivi al Reparto in intestazione, è presente la persona nominata in oggetto, la quale dichiara quanto segue sotto la propria responsabilità:-----------------------------------------------------------------------------------------------------
"!n relazione alle dichiarazioni rese dalla Signora Silvia CANALI in data odierna all'Ufficiale di Polizia Giudiziaria della Stazione Carabinieri di Roma Prima Porta, la sottoscritta, compagna del Or. Paolo FERRARO, chiede che vengano acquisiti agli atti integralmente in quanto rilevanti anche per il contesto più generale in cui si inserisce la vicenda/vicende tra Silvia CANALI e Paolo FERRARO le sotto indicate documentazioni, tutte in fotocopia per un totale di 13 (tredici) fogli, solo fronte scritto:----------------------------
1. Dichiarazione resa in data 28.05.2011 presso la Stazione CC di Roma Prima
Porta;-----------------------------------------------------------------------------------------------------
2. Riservata personale all'Avvocato Mario CALIGIURI datata 08.06.2011.--------------
3. Dichiarazione resa in data 25.04.2011 al Comandante della Stazione Carabinieri
d i Roma Osti a An ti ca;------------------------------------------------------------------------·---·---
4. Lettera all'Avvocato Antonia DI MAGGIO datata 19.05.2011 ;-----------------------------
5. Lettera aperta al Prof. Tonino CANTELMI, Prof. Francesco BRUNO ed alla V'
Commissione C.S.M datata 15.07.2011.------------------------------------------------------
La sottoscritta dichiara che il proprio compagno ha interrotto qualsiasi rapporto con la Sig.ra Silvia CANALI, se non quelli esclusivamente connessi alla gestione delle bambine, a scopo cautelativo.---------------------------------------------------------------------------------------------
Infine la sottoscritta ribadisce ancora una volta che il proprio compagno è un padre amorevole che ha sempre adempiuto ai suoi doveri di padre verso le bambine, confermati anche da tutti gli allegri periodi trascorsi più volte anche in presenza dei due figli minori della sottoscritta . ---------------- ----- ---------- --------- ----- ------------- ---------------- --- ---- -----------------
La sottoscritta, infine, in relazione agli ultimi mesi, sottolinea la condotta telefonica
aggressiva ed ostruzionistica della Sig.ra Silvia CANALI che di fatto è finalizzata scientemente a cercare di impedire un armonioso rapporto tra il padre e le bambine, tentativo ovviamente vano in quanto il padre ama le bambine e le bambine amano il
padre. La sottoscritta fa riserva di procedere ad eventuali azioni legali in difesa di qualsiasi pregiudizio che possa ledere l'immagine e/o la reputazione della sottoscritta.----------------- Non ho altro da aggiungere o da modificare a quanto sopra detto e previa lettura mi
sottoscrivo. Fatto, riletto, confermato e sottoscritto in data e luogo di cui sopra, dando atto di consegnare copia alla dichiarante a titolo di ricevuta per gli usi consentiti dalla legge.---·
LA DICHIARANTE

L'UFFICIAL DI P.G.
/
/ ._·,
.-------..._1· {."\
/ __ -•• ':'z.
• l ,,,_,.. ' ,, l
.
,· .. ,_' . ."/· '_ -':.::.-;· ·,:1 \ 'f.
\ < .! ..
0
·.·' '. · ... ·, ..•. ' [lP
/
'·.-
'

DICHIARAZIONE
11 giorno 19 maggio verso metà mattina, mentre ero in utlicio ho ricevuto senza alcun preavviso una
telefonata della signora Canali Silvia nella quale riferiva le seguenti aftèrmazioni, che riporto di
seguito:
I) affennava che il Doti. Ferraro Paolo sarebbe stato ricoverato all'età di vent'anni presso li!L CJM
alludendo a un suo presunlO stato grave mentale, agg,lungend.o che io non mi rendeva conto di chi
fossE e di quanto stesse male . A riguardo sono stata informata dal mio compagno cht; si tratta di
una falsità completamente inventata, mentre io stessa ho visionato ben sei tra relazioni c ccrtì!icati
privati e di struttura pubblica che non solo attestano la perfetta qualità e stato di salute del do!lor
Ferraro , ma altresì evidenziano per un verso il suo equilibrio e la sua capacità di resistenza alle
pressioni, intimidazioni implicii.e o esplicite da lui subite ed addirittura da mc c in parti.: dai miei
figli testimoniate come da precedente atto da me depositato presso la stazione carabinieri di osti<J
che chiedo di allegare in copia alla presente dichiarazione;
2) che il padre non darebbe da mangiare alle bambine con riferimento particolare ull'ultima
settimana nella quale invece a me risulta per sua dichiarazione e delle bambine, che non solo
hanno mangiato regolarmente ma si sono recate felici con il padre anche al ristorante;
3)che il padre non avrebbe portato in vacanza le figlie da 5 anni mentre a mc risulta tmmite
foto, dichiarazioni di Jui che Je avrebbe invece portale in vrtcanza ltt prima sellim;.um del 2006 in
camper a Montalto di Castro, cosi come mi risultano gli impegni della signora Canali Silvia i
11
quell'eslate come da relazioni, foto, video, pagine internet da me potute visionaric c cnnccrncmi
medesima signora Canali Silvia, che nd 2007 sempre i.\ padre \e avrebbe portate in lh:al
giugnO al 15 luglio, da solo,in campcr,nel campeggio Baia Verde in Punta Ala come ritCritomi Llallo
stesso e dalle bambine, che nel 2008 non solo hanno falle svariate gilt:: in camper , in vari pos1i ( c
città) ma altresì vacanze in campeggio con camper in Montalto di Castro dal 29 di giugno al 1.5
Luglio,e in gite al mare (Santa Severa,Circeo,nel Cilento P"'r wm settimana lca gli ultimi tli Ago:>to
e il 5 Settembre), che ancora nel 2009 le ha portate in vacanza per una seHimana in in
Montalto di Castro. Mi riferì il padre che nel luglio 2010, assoggettato ad un procedimt.:nto di
dispensa i cui esiti attendeva per eventuale ricorso,concordò con la madre di mandare le bambine a
un centro estivo versando la somma a mani della stessa , e su suo accordo.Tullo questo ript.:tu da
dichiarazione de! mio compagno Dolt. Ferraro, dichiarazione delle bambine, foto tlclle numemsc
piccole c medie vacanze effettuale in assenza della madre.
4)Che il giorno 13 Aprile 2011 la signora Silvia Canali sarebbe stata aggredita, mcHirt: mi riferisce
lo stesso che è stato lui ad essere stato aggredito da Ici . Il mio compagno riferisce che la signora
dinanzi al testimone che lei stessa si era portata l'ha perquisito infihwdogli In mando destra addosso
e nella tasca interna sinistra in basso, prelevandogli contro la sua volontà il cellulare cd
all'obiezione "ma questa è unu violenza privata" restituemlogli il tdcfono e poi via k
bambine.
Elena, 12 anni, ha assistill).
5)che lu signoru Silvin Canali surebbe insieme con ur1 alto ufficiak: dci Carabinieri t: cl1c.: qw.:sli rc1
quanto tale potrebbe rovinare la vita al mio compagno.
ln data odierna il padre si è recato a prendere le bamhim: alle i4.15 come com;ord<llu con la
madre, per telefono dinanzi a me.
La Sig,ra Canali mi ha poi telefonando alle ore 15.00 dicendomi:
l) che ii mio compagno si era presentato dentro casa con i pantaloni "sbottonali".
2) che il mio compagno avrebbe aggredito lei mentre lui mi riff:risce che rimasto davanti la
porta e chiamato da lei per citofono in quanto voleva dirgli delle cose, la donna stessa
uscendo all'esterno, hH tentato per ]'ennesima volta di strappargJi dalle mani jJ feJc10ni
11
n
facendogli un vistoso segno alla base del medio della mano sinistra con la quale lenevu in
mano il cellulare e che ha preferito allontanarsi mentre lei gridava "sei un simulalore''; che
le bambine in pa.rtico\a.re Gaia intendevano " usc.ire c.on lui" :::;e a \ui
anche la sottoscrilla.
] ) analoga telefonata daf contenuto ditlàmatorio vi era stata prima del 19 Maggio, m;scrcmlo
che le bambine non erano contente di uscire col padre, che lui sarebbe un tirchio cd altru.
Tutto cio' dichiaro tacendo seguito alla precedente già depositala, al Dott.
Paolo Ferraro che soltoscrive solo per i fatti da lui riferilimi c accaduti solto la sua ùirclla
percezione, consapevole che l'apparente conflitto in realtà si inquadra in un piu' vasto contcsw,
come emerge anche dalla mia precedente relazione. Faccio presente che la Sig.ra Canali non solo
nella telefona del 19 Maggio si è vantata con la sottoscritta di " andare a parlare direttamt:nle ..:un
il procuratore Capo delta procura di Roma " ma anche in Utl colloquio avvenulu il lbiuruo tli
Pasquelta dinanzi al Comandante della Stazione CC di Oslia, da mc ascoltato, la stessa riti::riva di
una consegna di Denuncia, e daJJa indicazione ricevuta dalia Procura, di asp!.!Uarc per Ju consegna
i giorni .successivi all'audizione presso il CSM del Doli. Ferraro. ( non la conclusio11e ddltt
procedura).
Patrizia Foiani
Paolo Ferraro
Legione Cambinieri Luzio
Sla:.:iunc Jj RtJnm Prima
Viu lt·''';· li'/, :10 llf>llllJJII. Ci!p. IJOI8H
'
Riservata personale
AVVOCATO MAURO CECCHETTI
Cassazionisra
Egr. Sig. Avv. Mario CALI GIURI
V.le America 93
00144 ROMA
Tclefax 05 5925900
srud io leg. ca! i giuri @tiscal i. i l
Roma, 8/6/20 l l
OGGETTO ; Replica e precisazioni telefax a firma Avv. Silvia Canali del 31/5/20 Il.
Caro Collega,
inQ!tr<J <o. Te queste p!e<::ls<J.:doni. ':'Os! imerpre!.=r!d0, ..:-rdc, !.e. • • de.!!e. t'.!:!
nell'ultimo corposo suo FAX trasmesso.
Quale codifensore del Dr. Paolo FERR..J\RO- unicamente ai Colleghi G.A. MINGHELLI e
D. DELLOMOI"ACO nonchè G. CARTA- con riferimento al mio telefax del 31/5/2011
indirizzato aila Tua assistita, puntualizzo in modo definitivo ed ultimafiyo quanto segue.
I) il lamentato ruolo di vittima o soggetto passivo di comportamemi non commendevoli da
parte del coniuge che la Tua assistita intende arrogarsi nella complessa vicenda interpersonale, in
rea/!à ben inquadrata nel contesto più ampio noto di cui costituisce un tassello primario,
semplicemente stridono col dato fattuale della gravità di quanto subito dal Dott. FERRARO dal
maggio 2009 ad oggi ad opera della Tua assistita coadiuvata da alcuni familiari dello stesso e degli
ispiratori a mome , consistiti nell'illegale/coattivo tentativo di TSO e relativa violenza privata
attraverso la distorsione dell'uso della forza pubblica, posto in essere nei confronti di ques(ultimo e
nelle successive iniziative all'evidenza emulative in sede di CSM poste contro di lui in essere e
passate per ben due procedimemi di dispensa dal servizio, di cui una definita nel luglio 2010 con
provvedimento di archiviazione e l'ahra ancora in essere con aspeni di "sbrigatività" che,
suscitando perplessitil. note\'Oii, lasciano tuttavia sereno il Don. FERRARO circa l'inevitabile
epilogo di un nuovo "nulla di fano", ovvero sulla consumazione di una arbitraria esibizione di forza
e potere puro che ,·erra giudicata nelle sedi deputate e tipiche di uno Stato dmocratico, in cui i
controlli, le \·erifiche ed i bilanciamenti tra poteri pubblici e sociali ne costituiscono l'ossatura e la
carne v1va.
2) il mio assistito respinge come ar1atamente falsificata , ingigantita e " astutamente" ( se
astuta possa def1nirsi la propria indiretta distruzione) defonnata l'affermazione secondo cui non
assolverebbe al proprio diritto /dovere di frequentazione delle figlie e si disinteresserebbe delle
medesime ..
Le ha infatti penate con sé in vacanza nel 2007 per l 7 giom1 a Puma Ala, nel 2008 a
Montalto di Castro, al Circeo. a Santa Severa , a Caser1a, a Marina di Camerota ed in varie località
intermedie della Campania, per un periodo addirinura pari a 33 giorni per quel che riguarda Elena
ed inferiore di sette giorni per quel che riguarda Gaia : i! tutto se ce ne fosse bisogno non solo
testimoniato e testimoniabile anche tramite le bambine , ma oggetto di dettagliati riscontri
fotografici digitali (a data certa).
00136 ROMA- VIA ANGELO EMO N. IJO- TE L. (06) 39746434 -FAX (06) 39746436
Celi. 333 7335527- COD.
AVVOCATO MAURO CECCHETTI
Cassazionista
Le ha sempre . tenute con sé a Natale ( tutti i pranzi ) e a Pasquetta di quasi tutti gli anni
con l'eccezione della Pasquetta 2010 passata insieme alle bambine a Ostia e della Pasquetta 2011
perchè illegittimamente sottrattegli.
Secondo gli accordi, le ha visitate regolarmente nei fine settimana alterni e nella giornata di
mercoledi, talvolta per impegni di ufficio comunicati facendosi sostituire dalla baby sitter
tempesti varnente avverlita ; vi è poi stato , ma CONCORDATO, qualche mercoledì in cui il padre
ha lasciato alla madre le bambine, di solito perchè Lei preferiva portarle dal dentista personalmente,
salvo da ultimo,come potrà testimoniare il dentista , allorché il padre è subentrato nella mansione
addirittura dopo il FAX diffamatorio dell AVV Di Maggio Antonia.
Nonostante la violenta aggressione patita mediante proposta eseguita in forma coattiva di
TSO e il ricovero illecitamente perpetuato nrl corso del quale è stato, assoggettato ad una "terapia"
illegittima, distruttiva e dannosa, ha usato tutte le sue forze per mantenere costanti comatti con le
bambine e le ha portare per un anno a pranzo dai suoi genitori, testimoni, al parco, quattro volte al
cinema ne! 20! O o !tre che a manifestazioni ptr bambini, ( Viii a T orlonia etc ) e le bambine hanno
ormai età per testimoniare ( Elena, quasi dodicenne ) .
Tali contatti lievemente ridottisi con le figlie solo nell'epoca immediatamente successiva ai
gravi fatti in suo danno (tentativo di TSO) del maggio 2009 e nell'estate del 2010 allorquando era
giustamente impegnato a seguire l'epilogo della procedura di dispensa dal servizio contro di lui
artatameme intentata; è' fallito quell'obiettivo, il don. FERRARO è rimasto sè stesso e non è stato
schiacciato secondo il progetto unidirezionale ordito in suo danno.
Vero è invece che in più occasioni è stata la Tua assistita ad impedire la regolare e serena
frequentazione delle figlie da parte del padre ovvero si è sottratta al dovere di riprenderle all'ora
prevista a casa come in più anche recenti occasioni : le bambine ben ricordano quante notti sino alle due ha passato il padre solo accoccolato su un ridicolo minuscolo divano, dopo averle
amorevolmente addonnen!ate , in attesa del ritorno della madre ingrata e bugiarda, impegnata per
"lavoro" .. . T uni gli ultimi altri, moheplici episodi sono al mio vaglio professionale.
3) altresì il Dott. FERRA.RO respinge come pretestuosa, falsa e anatamente distorta la
circostanza che le figlie siano "spaventate" dallo stare sole con il padre se non in presenza della sua
auuale compagna dr.ssa Patrizia FOIANI, a causa della aggressiva emoti\·ilà dello stesso che
considererebbero '·onnai'' come figura sconosciu1a :proprio le dichiarazioni soHoscritte dalla citata
dr.ssa FOJANI e\•idenziano il rapporto amorevole e armonioso delle figlie col padre- nonostante !e
pesanti vicissitudini da questi subite negii ultimi anni- e per contro l'astiosità e l'avversione più
Yolte manifestata dalla Tua assistita nei confronti del coniuge che sistematicamente cerca di porre in
cattiva luce agli occhi dei!e figlie che per contro hanno lamentato più volte lo stato di costante
agitazione nervosa della madre nei confronti del padre, pregandolo di non parlare per non creare
reazioni violente ingiustificate ed incattivite della madre il cui stato umorale si riverbera su di loro,
come dichiarato a terza persona testimonia!Ìte per iscritto .
4) il Don. FERRARO non è minimamente impressionato dalle esplicite minacce della Tua ·
\
assistita arrogantemente sostenuta dalla madre , che notoriamente lo ha in odio da sempre, di fare
circostanziata segnalazione di fatti e denuncia da depositare al Procuratore Capo di Roma Dott.
FERRARA, nè dagli" accordi intercorsi" incautamente ed ineguivocabilmente esplicitati, circa il
ritardo della deua denuncia a dopo la audizione del doli, FERRARO ( ?!? audizione e no
11
00136 ROMA- VIA ANGELO EMO N. 130- TE L. (06) 39746434- FAX (06) 39746436
Celi. 333 7335527 • e·mail infofaladica.nel- PEC maurocecchetti@ordineavvocatiromii.Ore
COD. FISC. CCC MRA 55R15 HSOIP P. IVA 06129340581
AVVOCATO MAURO CECCHETTI
Cassazion.ista
clliusura definitiva ed ultimaliva del procedimento ) , non avendo al riguardo nulla da temere da j !
quella che considera una evidente manovra emulativa partecipata e concordata sinanche nella ~
tempistica.
5) Da ultimo in tale ottica considera sfrontatamente strumentale l'accenno al diniego
espresso dalla Tua assistita alla frequentazione per le vacanze estive da sempre effettuata nel mese
di luglio e in quel periodo confermate nel mio telefax del3I/5/20Jl.
A tale ultimo proposito sono a pregarTi di rappresentare alla Tua assistita di non voler
ostacolare il dirino del padre a quella frequentazione e nel periodo indicato, stante che il Dott.
FERRARO ha già chiesto le ferie in quel periodo (28 giugno- 15 luglio) come tutri gli anni e
costituendo l'annunciato soggiorno delle figlie a!l'rsola d'Elba proprio nel mese di luglio un
gratuito ed immotivato tentativo di frustrare ed impedire l'esercizio di quel diritto /dovere del padre
che la Tua assistita ha da sempre (da ultimo nel suo telefax di risposta del3l/5/2011) evidenziato
capziosamente come pretesa ed asserita omissione da parte del Don. FERRARO. ,
6) Eclatanti poi le dichiarazioni esplicite più volte ripetute al telefono con terza persona
relative a relazione "intima con alto ufficiale dei ROS "da parte della Tua assistita, accompagnate
da minaccia neanche ventilata " che potrebbe rovinargli la vita e fargli passare dei guai " : esse
alternativamente oggeno di illecito o quale millan!ato credito personale ovvero infondata e
patologica vameria a fine intimidatorio.
Conclusivamente Ti invito pertamo con definitivilà e concreta disapprovazione per la tua
assistita dal far cessare la di lei campagna denigratoria insensatamente e vistosamente fondata su
illazioni, invenzioni edistorsioni, interrompendo immediatamente ogni accordo
programmatico al riguardo.
Nel segnalarti che comunicazioni epistolari fondati su illazioni pretestuose, denigrazioni
anate e deformazioni della reallà, nonché sistematiche caricature della identità e personalità del
don. FERRARO non aYratmo alcuna risposta e verranno dal mio assistito semplicemente acquisite
in copia ed allegati ad ani ormai copiosi che dimostrano la trama poliedrica ordita nei suoi
confronti, Ti invito a riportare quanto possibile nell'ambito del tollerabile la condotta dolosa e
malevola della Tua assistita .
Cordiali saluti.
Avv. Mauro CECCHETTI
00136 ROMA- VIA ANGELO EMO N. IJO- TE L. (06) 39746434- FAX (06) 39746436
Celi. 333 7335527- e-mail inrorliadica.nct- PEC maurocecchefli®ordineavvoca!iroma.ore:
COD. F!SC. CCC MRA 55R25 HSOIP- P. IVA 06129340581

Al Comandante della Stazione CC.
OSTIA-LIDO
La sottoscritta Patrizia Foiaoi, nata a Milano ill3 Marzo 1966, Celi. 3479"400008, Funzionario
amministrativo direttivo del Comune di Roma, legalmente separata, compagna dai novembre 2010
e convivente del magistrato Dott. Paolo Ferraro nato a Roma il dichiara sotto la sua
personale responsabilità e ad ogni effetto di Legge quanto segue:
U proprio compagno convivente è persona serena squisita educata equilibrata il cui livello di
professionalità e serenità negli ambienti di vita e di lavoro è nota, come alla sottoscritta è nota in
ogni particolare, la di lui vicenda personale. In particolare la sottoscritta che Io frequenta
owiamente quotidianamente co.ç1 come i di lei figli, Ba raschi uato a 1\-filana ii 08 08 1994
e Diego Luca Boraschi nato a Milano il17.02.1998, ne hanno apprezzato giorno dopo giorno le
doti wnane, morali e personali.
Nella fattispecie ho potuto apprendere visivamente la qualità amorevole e la serenità dei rapporto
che egli ha con le proprie figlie, e la gioiosità delle stesse insieme al padre, avendo esse
frequentato, la mia casa, avendo condiviso con i miei figli e con il padre uscite al teatro, cena.
Per quanto concerne i comportamenti della di loro madre, in particolare la piccola Elena Ferraro
piena di amore per il padre, ha sottolineato lo stato di vita attuale suo e della sorellina Gaia,
indicando espressamente anche in presenza del padre che si sente insieme alla sorella lasciata sola
spesso dalla madre, mentre il Dott. Ferraro mi ha spiegato che la predetta Elena spesso lo prega di
non reagire ai comportamenti aggressivi e provocatori che ha dovuto subire, indicando
esplicilamente il tutto con la frase" sai bene come è fatta manuna".II padre dinanzi a me ha
manifestato dolcezza, autorevolezza, calma e un atteggiamento educativo fermo e sereno, tradottosi
in capacità di dialogo con la f1glia dodicenne anche in una occasione in cui si confrontarono sulr
uso eccessivo di internet da parte della bambina.
Sono a conoscenza di comportamenti di vita e atteggiamenti tenuti dalla moglie separata dal Dott.
Ferraro cui in parte hanno anche assistito le bambine, e che necessitarono esposti al Commissariato
di P.S. di Ponte Milvio territorialmente competente.
Negli ultimi due anni il Dott. Ferraro mi risulta essere stato assoggettato a vicende del tutto
peculjari conseguenti ad una sua Demmda per fat1i da Jui casualmente accer1alj e conoscjuti
A mia volta ho verificato la fondatezza e accertabilità degli stessi fatti a partire da dati audio e
documentali.
Più volte ho assistito ad incredibili telefonate tra il Dott. Ferraro e il coniuge separato, nel corso
delle quali quest'ultima di fatto non consenliva l'incontro dei padre con Ie bambine, vantando un
suo potere autonomo organizzativo, predisponendo incontri cene e pranzi con amichetti e amichette
delle bambine, studiatamente collocati nei giorni destinati a!I'incontro e alla frequentazione con il
padre.
lì Dott. Ferraro ha sempre scelto la via di non entrare in conflitto con i comportamenti della madre
delle bimbe venendo spesso costretto ad accettare di vedere le figlie ad orari arbitrariamente ridotti
dalla di loro madre.
Da ultimo, a seguito di una Denuncia generale da me letta, su fatti di ben altra portata patiti dal
Dott. Ferraro, nell'ambito dei quali compare anche la occasionale compartecipazione della di lui
moglie si è creato un crescendo di tensione da parte della madre.
Il Dott. Ferraro a sua tutela si è trovato costretto a ricorrere a supporti relazioni e certificazioni tali
da sottrarlo da una aggressione sistematica connessa secondo quanto visibile , alla denuncia
effettuata nel Novembre del 2008, e nuova denuncia su fatti subiti depositata il 07 Marzo 2011.
Ho visto il mio compagno mantenere calma e serenità nonostante molteplici segnali, fatti e
avvenimenti di cui io stessa sono stata in parte testimone diretta.
Tra essi, a mero titolo di esempio, un palese pedinamento a mezzo autovettura bianca che a
permanente distanza di circa 50 metri rallentava si fermava accostava ripartiva per tre volte
consecutive mimando la condotta di guida appositamente tenuta dalla nostra autovettura; presenza
in ora notturna tarda di due uomini di corporatura massiccia capelli rasati a zero, sotto la mia
abitazione che al momento del nostro arrivo perdendo tempo fingevano di ripartire con maxi scooter
di colore scuro, perquisizione e apertura senza forzamento della serratura dell'auto
parcheggiata, appositamente apponendo biglietto di viaggio ferroviario Bologna-Roma prelevato
da cassetto laterale e posizionato in bella vista su foglio bianco sul centro del cruscotto anteriore
dell'auto, nonché sottrazione dj c.hiavj riposte nei cassettino deJJ'auto e ritrovate casualmente a
distanza di una decina di giorni in un vaso a lato dell'auto; apposizione di scritta a pennarello nero
accanto al citofono della sottoscritta contenente la frase" Merda" scritta. cancellata da mio figlio
maggiore( fatti mai avvenuti prima in 13 anni di abitazione della sottoscritta n cH' immobile di sua
proprietà). La sottoscritta era altresì presente nella abitazione del Dott. Ferraro durante una notte
segnata da telefonate anonime a distanza di un'ora. Fatti separatamente denunciati.
La peculiarità delia vicenda a monte inquadra anche nwnerose altre evenienze tutte anomale non
univocamente attribuibili se non effettuando indagini che ad oggi non risultano effettuate dalle
Autorità competenti.
Anche il recente invio e ricezione di tre E-MAIL apparentemente attribuibili a folle, la cui struttura ,
cadenza reiterazione allusiva e con riferimenti indiretti del tutto strani, sembra riconducibile al
complesso della vicenda.
Nonostante questo il DolL. F ~ ; r r a r o ha manienuio pieno e completo equilibrio e serenità e tralascio
qul altri eventi già segnalati accaduti nel Dicembre 2010.
Tutto questo dichiaro solo per la verità c per attestare che ad oggi il Dott. Ferraro che frequento
ogni giorno in Presenza quotidiana anche dei miei figli, mostra piena serenità .
Tutlo questo, per la menzionata necessità di autotutela risulta certificato da tecnici che affiancano il
mio compagno.
Per quanto concerne infine i rapporti del mio compagno con la ex coniuge segnalo che a mia volta
ho interloquito con lei tentando di apportare equilibrio e serenità in lei, manifestando ella
addirittura in una recentissima telefonata di pochissimi giorni fa un atteggiamento positivo e Wla
apparente tranquillità.
Né io né il mio compagno riteniamo che i vari accadimenti patiti siano fuorieri di concreti e attuali
pericoli, ma siano piuttosto oggetto di studiate provocazioni, il cui uso strumentale emerge proprio
da quanto patito dal Dott. Ferraro in questi ultimi due anni.
In data odierna ho assistito personalmente a telefonate in cui l'ex coniuge dichiarava
arbitrariamente a suo piacimento di potere decidere come quando e dove fare vedere le bambine al
padre e motivava letteralmente tali comunicazioni esplicitamente aUudendo alla sicurezza delle
bambine e a pericoli che potrebbero correre, dichiarandosi pronta a dichiararne la
concretezza.
Il mio compagno mi ha manifestato i suoi dubbi su tali dichiarazioni, tenuto conto della storia
pregressa, e delle condotte antecedenti deUa ex moglie.
È ovvio che vi è prova inoppugnabile del tenore delle dichiarazioni suddette mentre eventuali
dichiarazioni contradditorie apposte a presllllta giustificazione di rifiuti opposti ai regolari incontri
del padre con le bambine potrà essere direttamente apprezzata sentendo nelle fanne debite la di
loro madre.
La presente non costituisce né denuncia né querela né esposto, ma dichiruazione a fini di verità
richiedendosene la mera conservazione a futura memoria presso Codesta Stazione CC.
In fede Roma, 2(Aprile 2011.
\ ~ presellt: ~ i ~ 1 u ~ settostr;itta peF eonfer ma iutegt aie di tuffi 1 fa Hl, a diretta coou:Cnza_/
\_:m:hefllDott PaoleFerraro.
_
Dott. ssa Patrizia Foiani
(r s-{.2, ("fr? L r,<rJUif!U{D
(2p/f J.. 2 f l ;Jz oA'j
IL COMANDANTE
(l\'lnr.A. "s". UPS Filippo VE

A w. DsuoMONAco
Psrroci'nsntc in

A w. GJUSEPPE RoMooLA

Avv. MoNrc.t BELLIIMORf

Gentile Collega,
Roma, 19/05/2011
Gent.ma Avv.
Antonia DI MAGGIO
Via Machiavel/i 47
00185 ROMA
Te/efax 06 39737531
in nome e per conto del dott. Paolo Ferraro, e congitmtamenie aiia d.ssa Patrizia Foiani
replichiamo conclusivamente alla ennesima Sua, fornendo le esatte indicazioni e le puntuali
deduzioni del nostro assistito.
l. Sette sono le relazioni o cenificazioni in nostro possesso, di psichiatri/, psicologi,
struttura pubblica aggiornate alla data dell6/5/20ll.
Una fra tutte le altre :
"Dichiaro che il sig. FERRARO Paolo visitato presso questo CSM" ( struttura pubblica ) "
non presenta patologie in atto. Il p. già supportato da vari psichiatri che hanno messo in
evidenza l'assenza di alterazioni patologiche sia del pensiero che del comportamento
nonostante le vicende attraversate, presenta integra la capacità di critica e capacità di reazione
adeguata agli stimoli stressanti. Paz. con tono dell'umore nei limiti nom1ali, presenta capacità
valutati ve e cognitive adeguate alla specificità della sua posizione e della funzione esercitata
grazie anche ad un q.i. superiore alla nonna come rilevato da test eseguiti presso altra
struttura. Non si ritiene necessario alcun supporto Farmacologico " ( suppono , non
terapia .. ) .
2. Il dott. Ferraro è stato assoggettato nel Maggio 2009 ad una proposta di TSO eseguita in
forma_ e con organizzazione coarti va, a tempi di blitz; unica novità il fano de !l'incendio doloso
di una sdraio ed altro nelle pertinenze della di lui abitazione, fatto sul quale è in corso
inrl,..,; .... j.,,.....,;,...,., ... rr ... ...r .......
•• , ....... 5 ...... '"''-'"'-"" CLLI<l. UC11Cl UUl'-'11 Cl.
La esecuzione in fanna coattiva di proposta di TSO risulla eseguita in assenza dei
quattro presupposti procedurali e di legittimità formale disciplinati, e dei tre presupposti
sostanziali del pari richiesti dalla normativa, che ha preciso riscontro nella Costituzione
Italiana oltre che nella Convenzione Europea, e che anzi si ritiene un Parlamento opportuno
modificare un melius proprio per l'uso .strumentale , in casi pubblici e/o di ·accanimento
familiare dovuto a meccanismi molteplici. (vedi proposte di legge depositate).
Era stato già avvisato in modo esplicito, con documenti scritti depositati nelle debite
sedi, sin dal Geru1aio 2009, poi nel Marzo 2009 infine a voce nel Maggio 2009., di ciò che
gli sarebbe potuto accadere se avesse perseguito .la verità, da persona che a sua volla la
conosceva .
Cùc.nc n. 19- 00!95 Te!. 06.39743377-06.45424507 · fntcmcr Fai'< 06.62209945
E-Mail studiodel/omonacorombo/a@gmailcom
C. F. DLL DNC 55MJ7 E171 R P. WA 07086590580
l
3, Quando ciò accadde il nostro assistito, pur subodorando la pericolosità degli elementi di quadro (luogo, persone note coinvolte, loro collocazione e qualifica, gravità del fenomeno
e sua ulteriore ipotizzabile connotazione), non era a conoscenza di ciò che era accaduto alle sue spalle, ma non poteva proprio immaginare un coinvolgimento occulto di " alcuni suoi
parenti ".
Ad oggi anche la mera possibilità di un errore valutativo e di una sona di psicosi
collettiva è da lui scartata con argomenti indiziari e logici convalidati da nuove informazioni
circa: movimenti e faHi dei Maggio 2009.
4. E' convinzione argomentata e logica del dott. Ferraro, di aver pagato un prezzo, insostenibile per altri, al suo amore per la giustizia , per la democrazia e per l'accertamento
della verità nelle fanne previste dal nostro sistema.
5. E' opinione del nostro assistito e nostra che nessun rapporto affettivo sano sia riconoscibile in chi , agendo di nascosto , dopo aver assolto al compito di b!occare il fratello e
padre (senza iener conto di vari tentativi di variegato tenore) si è sottratto a qualsiasi rapporto
di dialogo costruttivo o comunque tipico dell'ambito familiare.
Ed è su questo altrui dato, palese ,che si è innestato ben altro, di ben altra ispirazione e
finalizzazione.
Nessuna diuturnità, nessuna frequentazione assidua, nessuna vicinanza, nessuna
richiesta di partecipazione a" processi cognitivi," né prima né dopo il 2 I Maggio 2009, e
negli ullimi sei mesi su un piano più generale intimidazioni, minacce , insulti lutti oggetto di
prova testimoniai e e audio , poi i di Lei precedenti tre fax, che si commentano da soli ed
anzi svelano fin troppo.
6. Non è pericoloso chi subisce tutto ciò, ma chi lo pone in essere, accompagnandolo con operazioni di trasfigurazione della identità del don. Ferraro, tentativi peraltro inani stante il
coraggio e la forza che lo hanno sempre contraddistinto e obienivi irrealizzabili per la
credibilità. autorevolezza e pressoché unanime riconoscimento di cui gode, con eccezione di
un manipolo di persone, alla cui "potenza" scambiata per onnipotenza si sono allineati gli "
alcuni parenti ". Accurate relazioni su fatti numerosi e nel loro complesso, quantomeno
inquietanti, sono depositate a cura di terzi in uffici di pg
7. Il dott. Ferraro si è infine arreso alla evidenza della assoluta mancaru::.a di disponibi!i;à al dialogu dci frateiii anagrafici Marco Ferraro e Simonetta Ferraro e del figlio anagrafico
Fabrizio Ferraro.

Per nostro tramite il dott. Ferraro comunica a Marco Ferraro, Simonetta Ferraro e
Fabrizio Ferraro che ogni suo rapporto umano, ogni sua disponibilità, insistentemente ribadite
ed offene, sono definitivamente interrotti per fatti univoci gravi attribuibili esclusivamente ai predetti.
8. Il don. Ferraro, che ha rotto l'isolamento programmato in suo danno grazie alla Sue capacità, è attomiato da affetto stima, an1ore del padre e della madre, amore delle figlie
minori, della sua compagna e dei di lei figli, dalla stima degli amici, dalla stima indiscussa
ancor oggi del foro di Roma c della quasi totalità dei colleghi, anzi della totalità i vi compresi
Circ.IJe C/orb:. n. 19- 00195 Rom., Tel/FIVC 06.39743377- 06.45<1.24507- Internet Fu 06.622099<15
E-Mail studiodel/omouacoromhola(ij;gmail.com
CF. Dll DNC 55MJ7 E-171 R "·/l'A 07086590580
2
•.
i non amici, , stima meritata sul campo, anche per la vicenda incredibile nella quale ha saputo porre in essere ciò che nessun altro avrebbe potuto, stima che non è stato possibile distruggere in alcun modo e nonostante tutto.
9. Il dott. Ferraro, informato di eterogenee ulteriori iniziative emulative , le attende
sereno a piè fermo, consapevole che le forze in gioco cercheranno di interrompere la sua carriera di magistrato integerrimo, lasciando però fermo il suo impegno di uomo, citladino e intellettuale.
Sarebbe il momento che chi dice di volergli bene lo affiancasse, proteggesse e fornisse aiuti concreti per una vicenda che ormai non potrà non emergere.
Non conta la parentela, conta il bene , come lo si vuole, in che forme lo si manifesta, con quali capacità di comprensione e dialogo, con quale intelligenza, c aldilà della parentele conta anche il non voler o non saper volere bene o aver coltivato adii radicali in problematiche personali.
Nel patrimonio dei rapporti interfamiliari c'è anche tutto c!ò, ma nel caso dd doti. Ferraro sembra emergere solo il lato negativo di quel patrimonio, culminato in suo danno nelle macchinazioni che hanno dato luogo ad una prima procedura di dispensa avviata con tecniche, scehe dei tempi e modalità preordinate, La prima che ha sortito provvisoriamente l'effetto principale perseguito di renderlo per ora non credibile su fatti e conoscenze dirette, precise, rinviato l'effetto finale, la seconda recentemente incardinata per tini che ormai trapelano dalla mera analisi dei dati, e che, ancora in fieri, è stata avviata e prosegue a fronte di sette certificazioni private e pubbliche.
l O. Conclusivamente, con la presente invitiamo Lei personalmente e Suo tramite i Suoi assistiti, a far cessare immediatamente la violenta campagna di aggressione denigratoria e direna al tentativo di recludere tramite lo strumento psichiatrico il nostro assistilO astenendovi da ogni uheriore azione ed iniziativa diretta, indiretta od occulta atta a recare danno e nocumento alla serenità, reputazione ed immagine sociale del dott. Ferraro e la invitiamo altresì ad interrompere ogni ulteriore iniziativa" letteraria " in tal senso .
Le anticipiamo che qualsiasi Sua ulteriore nO!a, eventualmente coerente con quanto sinora da Lei e dai 3 c.d. parenti posto in essere, non avrà più alcun riscontro.
Distinti saluli.
r\n·. Gian Antonio l\Jinghclli
an·. Domenico DclJomonaco
.an·. !\{auro Ccccheni
dou. Paolo Ferraro
d.ssa Patrizia Foiani
Circ.m: Cl n. 19- (}()J95 Tcf./Fsvr 0639743377-06.15424507- [tl{cmct F.a.x 06.62209945
E -M ai/ SI udiodel/onzonacorombola(dJgmai/. com
CF. DLLDNC 55M/7 E-171 R P. WA 07086590580
3
.... _.,
hp LaserJet 3015
AVV#fii/CECCHETTI
0639746434
20-Ma9·2011 09:31
Report eh. fax
Proc. Data Ora
830 20/ 5/2011 09:28 :Liti
Tipo Identificazione
Invia 0639737531

... .....,., ...
, ...............
·-"""' .... _,
.... ..... -.... ..,.,
.... _ ..
, __ ... ,
GcnUI< Coli<&>.
Durata
2:48
c ••• , ..... _
A • i• DI MAGGIO
I'Z<Mo<M•wl/1#1
D(}IIJ ROMA
1<1</"-' D6 J91J7SJ/
i.n nome < r<T co"'o dd don_ Pwlo fCIT&TO. < """i'"'WTirnl< allo d lu Polr<ZJ> Fo11no
n:pl"l\i""o <Or>fluJi•KWI•• •Il• '"'"'"'»s...._ lomcndo l<,,.., i.ndi<'"'-'oni , k punluali
dcdu>iooi d<l 00<110..,.; otiiO.
1- S«<< '"no l< "'""""' o "'"'fi<=oru •• '""''"" dj podi.oJrV_ pmolori.
""'"""' qgiomll< o IO. dou dd 16:!-"::1011
Uni(,."''" le Ili l<<
·o"'"'"''""'' ,;, P0<1lo _""""' pr«>o 1 '""""'' puObhe..r
1-
,.., poe!<n<o 1"<0101« lto oltO. Il p ..... "'PI"""'' cio ..,; eh< ''''"'" '"
.c;"'"'' J•..,s<n;;:, d• -,.]liimoft; rG•oiOJ!i<h< J.i.o del P"''""' '"' d<l <omponomcn"
no..ou.rnl< lo •=nole .,..., ......... pn:>enU inl<ir-,lo niO<I
..l,,,.._..,''" lhmoh ,. .. ,....,, hz_ <oo"""' d<li"wno« ,..; ""''" roormoli. P"""" •
'"'"""'' • ..r., .. ,."''' '""''fi"'-' d<ll• ,,.. P>•'''""', r..,
7100
, '"'""'"
17'"Zit onthc 1<1 "-' O' w;<riorc Ili lo norm.o "'"'' dr "" <!t fui o ,..,·.., oli r-.
,; ""'"' '''"" ·
1
"""
L<"P'' )
::! . Il .son rcnl<n < '"'' w.ou«Ulo ntl M>U10 l009 ..::1""' pn:rpo11o d1 TSO ...,..., 11, '"
lomoo.t con """'"" < "'"P' do bliu. ""'" oO'lU il (ono d<ll" 1nc....,j 10
d' un..r ld"''" <-d oloo ncll< f'"'""""" dcllo W lu1 ob.o"'"""· fotoo 1ul ; ,. , 0., 0
'""';'"" "'""' "''' d• ... ,..,......._
L• '" r • .,, ..,.,,,, di J""I'OIU w no ''"''" =r;l!"' '" "'a"'' "''
ournro_J"•<uppolll roo<:<du_'>l• <di (..,.,Ili< "'.'"''Pii"'"·, d<i"' P'""W"'"
IOIWIII>I• dol fW"l nchJrn. dllllo nornuu•-o. <Ile h& pr..:ooo niC4nuo odio ConituiOont
!"""'"' olo< <h.: tllc on.ri u riLo1n<'"' Pul..,cnll> opi'QOW!o
rnodlficor<"" ""'""' ....- l"u"' ·""""""'"'• . '" '"" pobllliO <lo di..,....,"""'"
r.,.ili>r< do•uoco •roee=o1.,, moi"J'Io<i ( F"'l"'" di i<"< li< 1
E"'"''" tr• '"""'"in r<>Odo "'''li< ilO, eon d"'""""" ><rini d'l'O""" nelle d<b!l<
<coli, >in d.J G.,..,.... :oos. poi r><l Mano10C'J io.!in<, ""' ocl Mo&iÌO l1.lO'i. d, <iO doc
Il• UJ<bbc po1ul0 o<b>l""' 1< >'<l>< ptn<[IIJIO lo V<Till. do "''"""' <h< 1 IUO ""''-' lo
"'"'"'"
.• ,._.,,.,,_ ''' ....

U 01 L .,.., JIOIIf <•TI < • "' I'O ..
'
n v e n t
Pagine Risultato
3 OK
l
1
l
!
l
i
!
.... - •.. - ~ '- .
LETTERA APERTA
Al prof. Toniuo Cantelmi
Al pro f. Francesco Bruno
AL CSM
IV commissione
La sonoscritra Patrizia Foiani, nata a Milano il 13 Maszo 1966, residente in Via Eoardo Jenner n.,
JU, iaureata in giurisprudenza alla Università statale degli Studi di Milano, ex assistente di diritto
romano e funzionaria pubblica, ìegaimente separata, con due figli minori, di 13 e I 7 anni, e
compagna con\'ivente del Dott. Paolo Ferraro, ritiene doveroso, esporre le souoindicate
ossen:azioni in merito al proprio compagno, frutto della sua direna, concreta, quotidiana,
approfondita esperienza.
Preciso che qua m o segue costituisce diclriaraziofle a flue di verità da mèforma/mellle effettuata.
'.
l. Paolo non è mai apparso irritabile od aggressi\·o nella sfera familiare, come
testimoniabile anche dai miei due figli; ma mi risulta per riferito da più persone che è noto
nel foro di Roma. tra l'altro, per il suo arteggiamento sereno ed equilibralO;
2. Paolo non ha mai a,·uto insonnia. ed anzi donne saporitamente e sereno;
3. Paolo non ba mai tenuto nella sfera sessuale componamenti men che nonnali, segni di
"'seduttivita' eccessiva, ov-vero proposto o praticato ani,·ita inusuali, e/o provocazioni
inappropriate. Anzi è persona serena e più che nonna! e nella sfera intima
4. Paolo non mai avuto manifestazioni di eccessiva emoriùta o bisogno eccessiYo di
approvazione .. rivelandosi quoridianameme persona equilibrata nelle reazioni, e godendo
di una sana autostima; ha dato e dà serenira ad equilibrio a chi viYe accanto a lui;
5. Paolo ha una personalità "indipendente" . pur mostrandosi altruista e ricco interionnente
, ed emozionalmente profondo, con esternazione di sentimenti Yeri e duraturi:
6. Paolo ha sempre intrattenuto normali c vcriticabili rapporti di socialità con i suoi amJcl
e con i miei amici non manifestando mai pensieri fissi di persecuzione e lo sospelti non
reali di Yenire danneggiati e/o sfruttati dagli altri e/o paure ingiustificate. Semmai stupore
per accadimenti precisi e concreti avvenuti e da mc percepiti direttamente nonché oggetto
di apposite dichiarazioni deposilate;
7. Paolo non ha mai mostrato segni di vivere separato in un "mondo proprio", con
tendenze all'isolamento, ma al contrario vh·e in modo sereno ed equilibrato la socialità,
anche senza eccessiva dipendenza dagli altri;
l
'
'
-''· -·,'C'-- ,
' ,_ '
8. Paolo, pur essendo consapevole delle sue doti intellettuali e umane, ha sempre mantenuto un atteggiamento di umiltà e di modestia nei rapporti interpersonali, anzi per cultura ed
ideologia accettando di relazionarsi su vari piani comunicativi, con rispetto e comprensione (fatti vari accaduti sotto la mia diretta percezione);
9. Paolo non è e non è mai stato pervaso da qualsivoglia sentimento grandioso di sè stesso
né da un senso esagerato della propria importanza o della propria identità, ed i
riconoscimenti pressoché unanimi nei suoi confronti sottolineano proprio tali tratti di
personalità, che fanno di lui, mi si scusi,. proprio per il suo relazionarsi e per la sua identità,
una persona veramente unica e bella.
I O. Paolo non pro\'a in\'idia n è rh-alità, ma la suscira, per le sue doti riconosciute.
Paolo stà solo, unitameme a mè, ai miei figli, alle figlie Elena e Gaia , alla sua mamma, ai suoi nuovi e vecchi tanti amici, arginando il tentativo di terzi di accreditarne una identità inesistente; e defonnando le sue numerose doti.
Un fatto questo, di "pertinenza" psichiatrica .
Al/a luce di quanto sopra esposto, sono OV\"Ìamente '·stupita" in merito ai "risvolti psichiatrici ·' di quesra ''delicata" e "complessa" vicenda ..
Tra l'altro mi risulta come il prof. Francesco Bruno, abbia riconosciuto dori e personalità sana del dott. Ferraro, come da telefonate in viva voce ascoltare ed in equivoche ..
Roma I 517120 I I

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->