Sei sulla pagina 1di 5

DIALETTO GIOJA

Parole alla rinfusa


U (u) guaio. Udd (u) gallo. Ugnnstr (u) giovinastro, ragazzaccio. Ugnner (l) gruppo di ragazzi. Ugnngjdd (u) ragazzino. Ugndd (l) giovane donna. Ugnon (u) giovane uomo. *dal latino ganeo, bettoliere, uomo dissoluto. Ulan (u) bifolco. Ultt voltati. Und () guanti. Undjr (l) guantiera, vassoio. Upp/uppuus (u) guappo, quasi sempre fa il Urdj (u) guardia municipale. Urdj nttuurn (u) metronotte. Urlmndar (u) sellaio. Ursh (l) orzo. Urtlan (l) ortolano. Ushzz (l) baldoria. Ustmstjr spaccatutto, arruffone, incapace, disordinato. Ustrs 1 guastarsi 2 ubriacarsi. Utton (u) gattone. U () buoi. Uckj (l) 1 occhio 2 ammaccatura rotondeggiante e marcescente di un frutto. Uckjpnd () fagioli dellocchio. Uffl (u) 1 sorso 2 fare: cos si definisce, ad esempio, la piega anomala di una giacca. Ugghj (l) olio. Ugghj d rggn (l) olio di ricino. Purgante standard, che veniva somministrato periodicamente e senza motivo (per rinfrescare lintestino). Il sapore e lodore era cos rivoltanteche nel pensier rinnova la paura! Ugghjral (l) venditore dolio. Umk (u) sporco, porcheria. Umkr (l) porcheria. Ummn (gl) uomini. Urr (l) guerra. Uss (l) osso. Ustnd (k tnd) con tanta insistenza e preghiere. Ushshjr ufficiale giudiziario. Uuss comando col quale si aizza il cane contro qualcuno. Uuv (l) uva. wv (l) uovo. Vcchr (l) macelleria. Vccjr (u) macellaio. Vcin vicino. Vckon (u) boccone. Vddkurs divincolarsi, contorcersi. Vddat () contrada agricola. Vddik (u) ombelico. Vd vedere.
1

Vlpin (u) nerbo di bue, sferza, frusta, staffile. Vln (l) bilancia. Vlnin (u) bilancino (mettere un cavallo a). Vlen (u) veleno. Vltt (u) gheppio. Vltrs voltarsi. Vnm vendemmiare. Vndl spandere al vento. Dopo la battitura sullaia, separare, mediante lazione del vento, la granella dei cereali e di altri prodotti agricoli dagli involucri e dalle paglie. Vndgghj (u) ventaglio. Vndtt (l) vendetta. Vn venire. Vqqual (u) boccale. Vrmkck (l) albicocca. Vrmnos verminosa. Vrrmjnd (tn ) avere i nervi, essere molto arrabbiato. Vrrckl (u) torsolo (di verdura). Vrruukl (u) locusta. Vrsjdd (u) 1 borsellino 2 taschino. Vrttllin (u) bastonatura. Vrllin (u) verzellino. Vsndrj (u) desiderio, capriccio. Vszz (l) bisaccia. Vssat (l) sporco in genere, porcheria in senso figurato. Vstmnd (u) vestito. Vtjdd (u) vitello. Vtbbuuss (u) autobus. Vtmobbl (l) automobile. Vton (u) ingordo. Vtrnrj () fondo agricolo di nonno Tommasino. Vtrnrj (u) veterinario. Vtran (l) morbillo. Vttugghj (l) 1 pipistrello 2 cappello (iron.). Vcil (u) bacile, catino. Vck (l) vacca. Vgghjn/vgghjnjr (u) guardia campestre. Vknd vuoto. Vknd celibe/nubile. Vlstr (u) coltello a serramanico. Vmbshol (u) bulbo mangereccio. Vmmash (l) cotone, bambagia. Vngh (u) banco (di legno). Vnghtjdd (u) banchetto, sgabello di legno. Vnn (l) parte, lato, banda, zona. Vrvgg (u) generico per cibo. Mangiata. Propriamente, il banchetto che il capomastro costruttore offriva ai suoi lavoranti quando ledificazione del palazzo arrivava al tetto. Vrvjr (u) barbiere. Vrd (l) barda. Vrril (u) barile. Vrron (u) grossa barra di ferro a rinforzare una porta contro uneventuale effrazione. Vrv (l) barba. Vslsk (u) basilisco.
2

Vsh basso. Vsh--vsh scusabile, passi... (es.: v.-v. u m'nnn=passi una cosa fatta dal bambino, ma non da te adulto) Vstas (u) bastagio/vastaso (facchino). Vtt (u) ovatta. Vttsh battezzare. Vvuus (u) bavoso. Vckj (u) vecchio. Vev bere. Vnd (l) ventre. Vng vincere. Vnn vendere. Vppt (l) sorsata abbondante. Vrm sntrj (u) tenia, verme solitario. Vst (l) vestito da donna. Vsts vestirsi. Vstj (l) bestia. V (u) 1 verza 2 pancia. V (l) via, strada. V nov (l) strada asfaltata. Vgn (l) vigna. Vgn (u) vinco. Generico per arbusto dai rami sottili e flessibili. Vi d l kiuus (ll) fondo agricolo di nonno Tommasino. Vi d pldmgn (l) via Giosu Carducci. Vjnd (u) vento. Vjrn (u) inverno, stagione fredda (primavera ed autunno non venivano mai citate. proprio vero che le mezze stagioni non esistono pi; ma da sempre). Vshl () viscere. Vlt (l) 1 volta, copertura di una stanza 2 il (maleodorante) momento di passaggio in cui i salami o marcivano o iniziavano la giusta stagionatura. Vockl (l) gallina che cova le uova. Vommr (u) vomere. Vosk (u) bosco. Vov (u) bue. Vtt (l) botte (contenitore). Vrvgnrs vergognarsi. Vrvlshars sbrodolarsi. Vrvlon (u) sbrodolone. Vrvgn (l) vergogna. Vram () le grida, gli strepiti. Vrm gridare, strepitare. Vrzz (u) braccio. Vrcch (u) breccia, sassi spezzati. V voi. Vuckl (u) vicolo. Vuuc vuuc pieno fino allorlo. Vuuls (cavallo) bolso. Wcch (u) tacchino. Zckntt (u) zecchinetta. Zfjltr (l) sifilide. Zfon (u) tubo di gomma (per annaffiare, per travasare liquidi, ecc.).

Zkldd (l) cordicella. Zkldd (u) cordicella sottile. Zklddar (ll) fondo agricolo di nonno Tommasino. Zmb saltare. Zppjr (l) scodella. Zzuwrr () malfatto. Zzuwrr (u) caff corretto. Zll () debiti. Zll (l) scabbia. Zmbin () salsiccette di carne mista. Zmbgn (l) zampogna. Zngl () zacchere. Zpp (l) zappa. Zpp zappare. Zpptor (u) zappatore. Zppdd (l) zappetta. Zck (l) 1 zecca (animale) 2 persona oltremodo insistente. Zpp (l) omento del maiale. Zit (l) sposalizio (cerimonia e festeggiamenti) Zit (u/l) fidanzato/a, sposo/a. Zjrdd (l) nastrino di carta arrotolato. In uso, con i coriandoli, durante le feste, particolarmente a carnevale. Zpp (u) ramoscello, stecco. Zpp dlch (u) radice di liquirizia. Zckl (l) 1 ratto di chiavica 2 meretrice. *dal latino sorcula. Zok (l) grossa corda di canapa. Zpp (l) zoppa. Zurr (klzuun ll) zuava (pantaloni alla). Zuckr (i) zuccherini. Zuckr (u) zucchero. Zupp (u) zoppo. uff (u) tignoso. Zumb (u) salto. Zuurr (u) montone. Zz verso per scacciare il cane. zrff (u) palo. Complice in un raggiro, ad esempio nel gioco delle tre carte. zppl () zeppole. zr (u) zitellone. zan (u/l) zio/a. zngh (u) fusto metallico destinato a contenere lolio doliva. zckltt () sandali. Zzol (l) brocca di capienza superiore ai 2 litri. Zzuul (u) brocca di capienza inferiore ai 2 litri.

Verbi (qualche esempio).

J vkj io vado Tu v tu vai Jdd/jdd v lui/lei va Nu sham noi andiamo Vu shat voi andate
4

Lor vnn essi vanno J shjbb io andai Tu shjst tu andasti Jdd/jdd sh lui/lei and Nu shmm noi andammo Vu shjstv voi andaste Lor shrn essi andarono Shuut andato V v J gghj io devo (fare, andare, ecc.) J gghj ho (fatto, avuto, ecc). Tu d tu - Tu /s Jdd/jdd v lui/lei - Jdd/jdd Nu m noi - Nu m Vu t voi - Vu t Lor nd essi - Lor nd

J shjbb io andai Tu shjst tu andasti Jdd/jdd sh lui/lei and Nu shmm noi andammo Vu shjstv voi andaste Lor shrn essi andarono J m klkj io mi corico Tu t kuwlk tu ti corichi Jdd/jdd s klk lui/lei si corica Nu n klquam noi ci corichiamo Vu v klquat voi vi coricate Lor s klkn essi si coricano J m klqujbb io mi coricai Tu t klqujst tu ti coricasti Jdd/jdd s klqu lui/lei si coric Nu n klqumm noi ci coricammo Vu v klqujstv voi vi coricaste Lor s klqurn essi si coricarono Klquat coricato Kuwlkt (meglio: vtt kuwlk!) va a coricarti