Sei sulla pagina 1di 6

La lectio divina, docile obbedienza a Dio che parla (II) Intervista a padre Bruno Secondin di Mirko Testa La Parola

di Dio deve essere s scavata e filtrata attraverso una corretta preparazione, ma non ha bisogno delle nostre riflessioni o attualizzazioni per avere nuova efficacia perch ha gi in s una forza dinamica di rivelazione e liberazione. A sostenerlo padre Bruno Secondin, O. Carm., che in questa intervista concessa a ZENIT ripercorre la storia di questa antica prassi che risale alla spiritualit premonastica e di cui era andato perduto persino il nome dal 1500 in poi, dopo aver costituito il nucleo tipico della vita spirituale e il metodo che ha originato innumerevoli sermones e commentari biblici. Ordinario di Teologia spirituale e Spiritualit moderna alla Pontificia Universit Gregoriana, il sacerdote carmelitano ha studiato a Roma, in Germania e a Gerusalemme. Riguardo all'atteggiamento diffidente di alcuni esegeti di fronte al dilagare di esperienze popolari di lectio divina, padre Secondin spiega che vero che ci vuole una risonanza vitale, ma ugualmente vero che non si pu lasciare l'emozione a briglia sciolta. Ci vuole anche una base di seriet. Nella cornice della Chiesa di Santa Maria in Traspontina, in via della Conciliazione (nei pressi del Vaticano), padre Bruno Secondin guida dal 1996 degli incontri di lectio divina che si tengono due volte al mese (2 e 4 venerd: ore 19-20,15). Alla lectio divina ha inoltre dedicato gi una decina di pubblicazioni fra cui Ascoltate e voi vivrete, Lettura orante della Parola e La Parola di Dio non incatenata (http://www.lectiodivina.it/Vetrina%20Libri.htm). Il tracciato storico della lectio divina assomiglia a qualcosa come ad un percorso carsico che dalle origini, e dopo aver attraversato molti devozionalismi ed essere stata rimpiazzata in alcuni periodi dalla meditazione o dall'orazione mentale, riemerge con il Concilio Vaticano II, quando venne gettata una fondazione teologica per la centralit della Parola nella vita della Chiesa. Padre Secondin: Il devozionalismo qualcosa che viene prima e anzi la Bibbia era ridotta a cava di pietra di fantasie personali anche dal punto di vista della riflessione teologica, perch era andato perduto il senso dominante della Parola di Dio. Se ne faceva soltanto una specie di supporto alla spiegazione filosofica e teorico1

cognitiva. La riscoperta della lectio avviene in coda a tutta una serie di movimenti che ne hanno tirato la volata. Sono stati i protestanti a riprendere in mano la Sacra Scrittura e a farne una passione con le Societ Bibliche. In seguito, questo tipo di sensibilit ha contagiato anche il mondo cattolico, sia magari per difendersi da alcune ricostruzioni bibliche, sia per esigenza di riprendere seriamente in mano questa fonte d'identit. Gli inizi del '900 conoscono quindi questo incoraggiamento, sostenuto anche da parte dei Papi che spinse a rimettere al centro la Scrittura; ma anche la fatica, la resistenza, la paura di protestantizzare affermazioni che a volte, seppure fondate, erano sconcertanti rispetto a una coscienza collettiva, pacificamente data, secondo cui, per fare un esempio, il libro di Isaia un'opera unica e non tre. Prima di questo movimento e poi in concomitanza vi il movimento liturgico che, nel prendere coscienza delle banalizzazioni della Scrittura e dell'uso delle fonti bibliche, ha voluto spingere verso un utilizzo pi ricco, pi ampio, pi significativo, pi di valore della Parola di Dio, portando come conseguenza al fatto materiale della presenza di una Scrittura maggiormente filtrata, ma anche all'apporto esperienziale tipico della liturgia. Nel movimento ecclesiologico e nel recupero della Chiesa come Popolo, come coscienza collettiva che risponde a un rapporto vitale con il Signore e non semplicemente a una struttura organizzativa che controlla i doveri, c' tutta una teologia che porta avanti i concetti di communio, fraternitas, mysterium. C' poi il movimento cristocentrico che recupera in Cristo una variet di aspetti, di ricchezze, di ripensamenti, meno tipici della teologica neoscolastica e meno sbavati in forme popolari, per dare allora attraverso la ricerca storica su Ges una collocazione testuale pi autentica. Il movimento patristico, imperniato sul recupero della sapienza dei Padri, ha portato anche al recupero della metodologia, della struttura del ragionamento teologico, che era il commento biblico, in fondo anche una lectio sapientiae. Tutto questo ha fatto da humus molto ricco per tutta la Chiesa da cui il Concilio ha tratto delle grandi direttrici. E la lectio ne emersa come una grande tradizione antica poi andata perduta oppure stata trasformata in una lectio spiritualis, che voleva dire: letture bibliche di sentimenti, pie elucubrazioni, introspezione psicologica e meno l'esposizione alla verit della Parola, che fatta dalla presenza di Dio, che parla ed elabora con te una vita e non si limita a proporti delle storielle. La lectio emerge da questo contesto, dopo che si era perduta e aveva cominciato a diventare un fiume carsico nel 1200, nel suo punto pi glorioso. Cio quando il certosino Guigo II (+1188) ha composto quel gioiello che la lettera all'amico monaco Gervasio, dal titolo Scala claustralium, che rappresenta un po' la Magna Charta,
2

perch i quattro gradi o tappe di questa esperienza (lectio, meditatio, oratio, contemplatio) in essa illustrati continuano ad essere ben accolti ancora oggi. Tuttavia, gi allora la lectio divina aveva cominciato a cedere il posto alla lectio spiritualis, cio a qualsiasi cosa buona. Perci la vita dei santi, privilegiando l'individualismo e l'approccio meditativo, di conseguenza dava un forte apporto; importante per la formazione individualistica della piet dava un impulso ancora maggiore a tutta quella filosofia aristotelica che ha scalzato i ragionamenti dei monaci, dei Padri, in favore dei principi logicocognitivi. Quindi ha inferto un colpo mortale ed ha spinto il povero popolo a nutrirsi come poteva tanto che la stessa liturgia si trasformata in grandi funzioni, in grandi fenomeni celebrativi oppure in spazi usufruiti dal popolo semplicemente per categorie emotive, per salvarsi l'anima o per precetti. Quella che si fa avanti la spiritualit individualistica delle devozioni, delle emozioni, in cui la Parola anche continuata ad esserci, in cui di tanto in tanto emergono degli autori che attestano l'importanza del riflettere, del meditare la Parola. Ma dietro tutto questo c' la meditatio psicologica. Invece, la ripresa si avuta soltanto attorno al 1950. Prima c' stato qualche pioniere come San Girolamo o Benedetto ma anche dei Papi. Infatti, nel centenario di San Girolamo Papa Pio XI ha ricordato la lectio e l'importanza di dedicarsi ad essa, ma poi anche Pio XII nella Divinu afflante Spiritu (1943) ha invitato ugualmente a riprendere questa ricchezza sapienzale. Non c' stato per un colpo di fiamma che ha incendiato tutto. Certamente il recupero dei Padri e la teologia monastica hanno scoperchiato una ricchezza sepolta. Successivamente, la Bibbia divenuta familiare a tutti e ad un certo punto il Concilio Vaticano II si trovato a confermare il grande bisogno di nutrirsi della Parola, come afferma il cap. VI della Dei Verbum, dove al numero 25 chiede a tutti i credenti, specie ai preti e ai catechisti, la pia lectio, la assidua sacra lectio, accompagnandola con la oratio e lapraedicatio. Dopo il Concilio comincia a comparire frequentemente grazie ad alcuni pionieri come monsignor Andrea M. Magrassi, Vescovo di Bari, ed Enzo Bianchi, Priore della Comunit di Bose, e poi ad alcuni maestri come monsignor Carlo M. Martini, ancora prima di diventare Cardinale. In pratica negli anni '80 che la Parola si impone a livello democratico, a livello pandemico. Gli ordini religiosi e le congregazioni alla fine del Concilio avevano gi cominciato a introdurre queste parole quasi in sostituzione della meditazione mentale, per amore della Scrittura ma non con la coscienza che abbiamo noi oggi. Mancava il
3

principio teologico della lectio divina che una pratica in cui tu non metti del tuo ma Dio che ti offre la possibilit di ricevere la luce, di farti trasformare. L'attore principale non sei tu come nella meditatio e nell'orazione mentale, dove metti la testa, il cuore, la volont, i propositi. Nell'Instrumentum Laboris per il prossimo Sinodo dei Vescovi, la lectio divina viene indicata come un elemento pastoralmente significativo e da valorizzare per leducazione e la formazione spirituale dei presbiteri, delle persone di vita consacrata e dei laici, che richiede per una opportuna pedagogia di iniziazione. Cosa ne pensa? Padre Secondin: L'appello alla teologia della lectio, a una catechesi, a una passione ecclesiale per la Parola di Dio. Ma c' anche una problematica: la sfida quella di formare animatori per la lectio. La novit rispetto alla grande tradizione che ora si fa in gruppo, si fa in massa, e quindi necessario reinventare l'elemento comunitario come tecnica, ritmo e animazione. Molti monaci si oppongono a questo, sostenendo che la lectio individuale e tale deve rimanere altrimenti diventa celebrazione della Parola, festoso ascolto collettivo. Ma non si avrebbe cos una frattura nell'aspetto comunitario che dovrebbe essere ben presente nella lectio divina, cos come nel suo culmine rappresentato dalla celebrazione eucaristica? Infatti nellAntico Testamento vediamo che il popolo si raduna spesso davanti a Dio che lo chiama, e gli dona la sua Parola prima di celebrare lalleanza; o anche nel Nuovo Testamento dove Ges convoca una comunit intorno a s, i discepoli, fa loro dono della sua Parola e celebra la nuova alleanza. Padre Secondin: Certo questo un aspetto importante e una osservazione molto giusta che stiamo cercando di affrontare perch la lectio del monaco, specie nella sua celebrazione quotidiana dell'opus Dei, come una risonanza a posteriori e allo stesso tempo un anticipo. Ma per il popolo comune che non ha questo, come si fa a fare una lectio sotto vetro? Cosa ne viene fuori? Maggiore conoscenza e passione. Sicuramente. Una maggiore coscienza di identit, di appartenenza a un popolo che ascolta la Parola. Certamente. Ma la Parola deve condurre al culmine che la Parola celebrata, dove si verifica ci che dice, proclama, promette al vertice liturgico, pasquale, durante la Messa. Per questa ragione c' qualche dissenso tra me e i monaci i quali sostengono che c' bisogno di pregare la Parola, perch la nostra vita successivamente a dargli la forma orante; e che non c' bisogno di indicare l'actio, perch il nostro vivere messa in praxis della Parola. Ma ai laici con la loro vita scorticata, che non vivono in un chiostro monastico e non hanno la loro stessa liturgia, cosa diamo? Semplicemente delle annotazioni tecniche o delle belle omelie sulla Parola?
4

I laici si domandano come devono pregare un certo testo, una parabola, come possono fare di questa parabola un percorso di vita, un giudizio sulla propria vita, un proposito di vita. Perci abbiamo riflettuto su questa esperienza e abbiamo cercato intanto di ambientare la lectio in una Chiesa, in un contesto dove la Parola poi risuoner celebrata, ed in genere scegliamo una delle letture che poi si ascolteranno durante la Messa, laddove ha il suo primato, di modo che ci sia un legame visuale con la liturgia, con il contesto dove la sentirai proclamare. Poi si introducono delle forme di applicazione alla vita, in grado di tracciare una prassi. Inoltre, abbiamo anche introdotto delle formule di risposta orante che i monaci hanno nel breviario. I laici, in genere, hanno bisogno di sentire che questa parabola, questo testo hanno delle risonanze colloquiali con il Signore, dove io gli parlo a partire da ci che mi ha detto. La difficolt reale: come si pu fare di una tradizione che individuale e che completata nella vita monastica da tutti quegli elementi che fanno la risposta orante, una prassi per la gente che si accosta alla Parola di Dio a pizzichi e bocconi? Abbiamo introdotto anche un altro aspetto: in ogni lectio, prendiamo una frase a partire dai testi, componiamo una sintesi breve e ne traiamo un ritornello a cui affianchiamo una musica da noi composta in modo che ripetuta pi volte possa risuonare in modo avvolgente. Portando la lectio su un livello pi intimo, profondo, autentico. E' un modo per arrivare per cos dire alla contemplatio. E nell'osservare le persone che vengono ho spesso l'impressione che molti di loro si trovino come in uno stato di sospensione, come se si stessero affacciando alla soglia o sull'abisso del Mistero. Insieme al testo commentato che mettiamo a disposizione su internet, ci sono anche le icone per elaborare dentro di s un incontro personale. In qualche modo tentiamo di susciare una lectio personale, individuale, il cui frutto una vita fedele a ci che la luce della Parola ha mostrato. Il nostro intento legato alla spiritualit carmelitana di formare una Chiesa che ascolta, una Chiesa che risponde, una Chiesa fedele che si conforma con Colui che ama, il Signore di cui ho sentito la Parola. L'altra difficolt oggi legata al lettore che non pi quello medievale. Adesso il lettore distratto e incapace di concentrarsi e di maturare una riflessione. Come abituare allora la gente a prendere sul serio questa Parola? Come scavare all'interno del testo per vedere le trasformazioni di coscienza della persona che si libera, che si sente guarire, che si sente chiamata lentamente alla verit? Quando si leggono l'Antico e il Nuovo Testamento si colpiti dall'insistenza sull'importanza dell'ascolto, come nello Shem Israel, Ascolta, Israele (Dt 6,4) o nel consiglio degli stessi profeti a circoncidersi l'orecchio, perch la fede nasce dall'ascolto ci ricorda Paolo. Ora, come possibile conciliare questa esigenza
5

fondamentale nella lectio divina che l'esercizio all'ascolto in una societ che privilegia locchio, la visione, limmagine? Padre Secondin: Quelle che abbiamo di fronte sono delle difficolt oggettive: a quale lettore o a quale fruitore stiamo offrendo la lectio e quali percorsi di linguistica stiamo seguendo? Nella lectio guidata, guardando ad esempio ai vari maestri di riferimento, si vede uno sfondo, una matrice su cui ci si muove; una ricerca di senso e di orizzonti; il desiderio di condividere l'ascolto della Parola, della passione per quella misteriosa luce che dietro i testi biblici si nasconde e insieme si svela; l'intenzione di portare verso una bellezza simbolica, mistagogica della Parola. Si deve offrire a chi va a casa, dopo aver seguito un'ora di lectio divina, la possibilit di trovare una sapienza di vita, un aggancio, una scintilla per un percorso da correggere. Ad ogni modo, per ascoltare davvero non basta prestare l'orecchio, ma si esige un'adesione pi intima, per riuscire a interpretare il codice dell'anima di chi parla, e lasciare che la luce penetri fin dentro i paesaggi nascosti nella faccia oscura della propria anima. Ci vuole un cuore in fiamme e non solo un orecchio attento. Sul sito www.lectiodivina.it possibile trovare il nuovo programma 2008-2009 degli incontri di lettura orante della Parola che si tengono presso la Chiesa di Santa Maria in Traspontina a Roma con date, ospiti e iniziative ad extra, oltre a una rubrica sul prossimo Sinodo dei Vescovi. La prima lectio, il 17 ottobre, sar guidata da fr. Enzo Bianchi, Priore della Comunit di Bose.