Sei sulla pagina 1di 12

53

il barometro

il barometro dell’energia fotovoltaica


DELL’ENERGIA
FOTOVOLTAICA
Uno studio realizzato da EurObserv’ER

68 647,2 MWp
nella UE alla fine del 2012
D
opo un anno eccezionale nel
2011, il mercato fotovoltaico
dell’Unione Europea ha netta-
mente rallentato nel 2012. Secondo
EurObserv’ER, la nuova potenza con-
nessa nel 2012 è stata di 16,5 GWp
rispetto ai 22 GWp nel 2011, corrispon-

68,1 TWh 16 519,9 MWp dente a un calo del 25%. A livello mon-
diale il mercato è rimasto stabile, con
poco più di 30 GWp installati, soste-
produzione di elettricità fotovoltaica capacità fotovoltaica installata
nuto dalla crescita del mercato ameri-
nella UE nel 2012 nella UE nel 2012
cano e di quello asiatico.
54
il barometro dell’energia fotovoltaica

L
a potenza installata a livello mon- rivisto al rialzo i propri obiettivi. L’ul- patori di progetti per le energie rinno-
diale ha superato, in maniera sim- timo obiettivo fissato dal dodicesimo vabili. Tuttavia, le restrizioni al budget
bolica, la soglia dei 100 GWp con piano annuale è di 40 GWp di potenza dovrebbero avere un impatto limitato
101 GWp a fine 2012 secondo l’EPIA da istallare entro il 2015, prevalen- visto che il principale sostegno allo svi-
(European Photovoltaic Industry Asso- temente finanziati dal “Golden Sun luppo del settore avviene attraverso
ciation). La nuova potenza connessa Program”. L’agenzia di stampa del il Solar Investment Tax Credit (ITC).
nel mondo ha finalmente superato Governo Xinhua News, citando una Esso consiste in un credito d’imposta
i 30 GWp, che corrisponde a circa lo fonte del Ministero delle Finanze, ha del 30% che si applica ai sistemi solari
stesso livello d’installazioni dell’anno annunciato che il Governo ha deciso residenziali e commerciali. Tale mec-
precedente. Tuttavia è probabile che il di raddoppiare gli incentivi al settore canismo è stato prorogato almeno
dato venga consolidato nelle prossime solare domestico a fine dicembre 2012 fino al 31 dicembre 2016, garantendo
settimane, aumentando di uno o due a 13 miliardi di yuan (1,6 miliardi €). una discreta certezza del mercato agli
GWp. Le similitudini tra il mercato del Sempre secondo la stessa fonte, que- operatori del settore americano. In
2012 e quello del 2011 terminano qui. sti fondi permetteranno di finanziare aggiunta a questo incentivo federale,
Per prima cosa risulta chiaro che il oltre 5,2 GWp di progetti. L’incentivo circa trenta Stati hanno implemen-
mercato si sta spostando verso Asia sarà pari a 5,5 yuan per Wp (0,68 €) per tato le proprie politiche di sviluppo
e America. Seconda cosa, nonostante progetti presentati da sviluppatori e del solare applicando tariffe feed-in,
l’Unione Europea rimanga la principale destinati all’autoconsumo, a 18 yuan sistemi a quota e programmi d’incen-
area d’installazione, il mercato interno per Wp (2,23 €) per sistemi residenziali tivazione.
sta rallentando per la prima volta dal e a 25 yuan per Wp (3,09 €) per sistemi
2006. Nel 2012 essa ha rappresentato stand-alone. L’UNIONE EUROPEA PASSA
poco più della metà del mercato mon- IL TESTIMONE
diale mentre l’anno precedente la PROSPETTIVE POSITIVE Il riequilibrio del mercato mondiale
sua quota era pari a quasi tre quarti. SUL MERCATO AMERICANO era previsto tra Asia, America del
In futuro la crescita del mercato sarà Il mercato degli Stati Uniti è in pieno nord ed Europa. Questo è avvenuto
garantita dall’aumento programmato sviluppo. La società di consulenza GTM con un po’ di ritardo in alcuni mercati
del mercato cinese (circa 4,5 GWp Research e l’Associazione americana europei, nei quali sono stati concessi
installati nel 2012), di quelli statuni- delle industrie solari (SEIA) hanno premi per incentivare la competitività
tense (3,3 GWp) e giapponese (2,5 GWp stimato un mercato nel 2012 di 3.313 del settore manifatturiero. Col senno
nel 2012), per poi essere superati da MWp (1.033 MWp dei quali nello Stato di poi è possibile dire che le condizioni
quelli indiano, sud americano e anche della California), che rappresenta un di crescita del mercato europeo non
africano. Nel 2012, 7 mercati al mondo nuovo record d’installazioni per il sono state ideali. Negli ultimi tre anni
hanno superato la soglia di 1 GWp di Paese. La potenza fotovoltaica cumu- la crescita è stata principalmente trai-
installazioni (Germania, Cina, Italia, lata è a oggi pari a 7.221 MWp (che è nata da investimenti speculativi che
Stati Uniti, Giappone, Francia e India). di molto superiore ai 546 MW degli traevano vantaggio dalla costante
La maggior parte degli analisti ritiene impianti a concentrazione). Secondo differenza tra i livelli di remunera-
che nel 2013 il mercato globale conti- GTM Research, il mercato è stato parti- zione garantita e il calo molto rapido
nuerà a espandersi. L’agenzia SeeNews colarmente dinamico nel 2012, con un dei costi di produzione. Alcuni Governi
prevede 34,5 GWp nel 2013 rispetto a valore di mercato delle installazioni hanno difficoltà a superare questa
un livello d’installazioni tra 30 e 32 solari nell’ordine degli 11,5 miliardi situazione e stanno cercando di alleg-
GWp nel 2012, NPD Solarbuzz prevede $ nel 2012 (9 miliardi €). Riguardo al gerire i costi introducendo tasse sulla
31 GWp nel 2013 rispetto alla sua stima 2013, il rapporto pubblicato in maniera produzione elettrica o modificando in
di 29 GWp nel 2012. congiunta dai due organismi prevede maniera retroattiva le proprie leggi.
un mercato di almeno 4.300 MWp nel Il primo Paese ad adoperarsi in questo
2013 (+29% rispetto al 2012) eviden- senso è stata la Repubblica Ceca, che
NUOVI EQUILIBRI SUL ziando la diminuzione dei costi e l’av- alla fine del 2010 ha adottato retroat-
MERCATO MONDIALE vio di nuovi circuiti di finanziamento. tivamente una tassa sugli investimenti
L’unico aspetto negativo è il fatto che fatti tra il 2009 e il 2010. Più recente-
IL MERCATO CINESE DOVREBBE non essendo possibile raggiungere un mente (settembre 2012) la Bulgaria ha
SALIRE A 10 GWp QUEST’ANNO accordo in merito al deficit pubblico introdotto una tassa sull’accesso alla
Quest’anno la Cina diventerà sicura- nell’ambito del Congresso americano, rete per il sistemi entrati in servizio
mente il principale mercato al mondo. i forti tagli al budget degli Stati Uniti da aprile 2010. La Grecia ha seguito
Il suo Governo ha annunciato che influenzeranno il sostegno alle ener- l’esempio a novembre 2012 adottando
punta a raddoppiare il proprio volume gie rinnovabili. Questi tagli impat- una tassa fino al 30% sugli introiti dei
d’installazioni del 2012, raggiungendo teranno sul “Programma 1603” del sistemi già installati o futuri. Lo scorso
circa 10 GWp nel 2013. Negli ultimi Dipartimento del Tesoro americano, dicembre anche la regione delle Fian-
due anni il Paese ha costantemente che eroga incentivi diretti agli svilup- dre in Belgio ha adottato una tassa
55

il barometro dell’energia fotovoltaica


retroattiva sull’accesso alla rete per Europea nel 2012 dovrebbe attestarsi pari a un calo di oltre il 20% in dodici
i sistemi fotovoltaici che beneficiano sui 16.520 MWp, che corrisponde a un mesi. Da metà 2006, il prezzo medio
di un “net metering” inferiore a 10 calo del 25% rispetto alla potenza con- di questi sistemi è stato diviso per tre
kVA. La Spagna ha finalmente deciso nessa nel 2011 (tabella 1). La potenza (5.100 euro per kWp nel 2° trimestre
di applicare una tassa del 7% sui gua- cumulata nell’Unione Europea a fine del 2006). Riguardo alla produzione
dagni di tutti i produttori di energia 2012 è stata di 68.647 MWp (tabella 2), elettrica, il contributo del solare alla
elettrica. La situazione è talmente cri- che porta la potenza fotovoltaica per produzione lorda di energia elettrica
tica che l’EPIA (European Photovoltaic abitante a 136,3 Wp (grafico 1). Questa del Paese è tutt’altro che marginale.
Industry Association) si è appellata potenza addizionale si traduce logica- Secondo la BDEW (Bundesverband der
all’Unione Europea affinché prenda mente in un aumento della produzione Energie und Wasserwirtschaft) essa
provvedimenti verso i Paesi che ven- elettrica da fonte solare, che è salita a è salita a 27,6 TWh nel 2012 rispetto
gono meno ai propri impegni in tema 68,1 TWh nel 2012 (50,1% in più rispetto a 19,3 TWh nel 2011. L’energia solare
di supporto alle energie rinnovabili. al 2011) (tabella 3). La produzione è attualmente rappresenta il 4,6% della
A oggi è possibile constatare il para- attualmente tre volte più alta di quella produzione lorda di energia elettrica
dosso del mercato europeo dove un del 2010 e l’energia solare copre attual- della Germania, dopo l’eolico (7,3%) e
certo numero di Governi ha deciso di mente oltre il 2% del consumo di elet- tutti i settori delle biomasse (5,8%), ma
ridurre il volume d’installazioni pro- tricità dell’Unione Europea. davanti all’idroelettrico (3,3%). La “PV
prio quando sta per essere raggiunta Roadmap 2020” della BSW prevede un
la parità di rete sul proprio mercato Nuovo record di installazioni in contributo del 10% nel 2020.
elettrico. Secondo i risultati dello stu- Germania
dio del progetto “PV Parity” presentati Secondo AGEE-Stat, il gruppo di lavoro Il mercato italiano ha esaurito
a fine novembre 2012, la parità di rete del Ministero dell’ambiente sulle stati- il suo programma
nel settore residenziale ha incomin- stiche relative alle energie rinnovabili, Nel 2012 il mercato fotovoltaico in Ita-
ciato a essere una realtà in Germania, il Paese ha stabilito un nuovo record lia ha superato le aspettative e questa
in Italia meridionale, nei Paesi Bassi d’installazioni avendo connesso alla potrebbe essere l’ultima buona notizia
e in Spagna. Nei prossimi due anni rete 7.604 MWp nel 2012 rispetto a per un lungo periodo. Secondo il GSE,
dovrebbe essere raggiunta anche 7.485 MWp nel 2011. La potenza foto- che gestisce e controlla il programma
in Italia settentrionale, Portogallo e voltaica connessa del parco tedesco “Conto Energia”, le prime stime rela-
Austria. Lo studio precisa che diversi è attualmente di 32.643 MWp (esclu- tive alla potenza connessa alla rete
parametri influiscono sulla parità di dendo le applicazioni off-grid). Il cor- all’inizio di marzo sono di una capacità
rete, come l’andamento del prezzo al ridoio d’installazioni di 2,5-3,5 GWp cumulata solare di 16.350 MWp a fine
dettaglio dell’energia elettrica, i prezzi previsto dalla legge EEG è stato ancora 2012, cioè 3.577 MWp in più rispetto
dei sistemi, i costi di finanziamento una volta sottostimato. Lo scorso al 2011 (12.773 MWp a fine 2011). La
e il livello di autoconsumo da parte novembre questo aumento del livello potenza installata nel 2012 rimane
degli utenti. La Danimarca, un Paese d’installazioni ha portato automati- tuttavia molto distante da quella
non preso in esame nello studio, è tra camente a un calo mensile del 2,2% del 2011 quando sono stati connessi
quelli dove la parità di rete si è verifi- nelle tariffe feed-in di febbraio, marzo 9.303 MWp di nuova potenza. L’ENEA,
cata. Nel 2012, non vi sono state solo e aprile. Ad aprile la tariffa feed-in era Agenzia nazionale per le nuove tec-
brutte notizie per il mercato europeo, compresa tra 0,1102 €/kWh per i grandi nologie, l’energia e lo sviluppo eco-
dal momento che il calo del mercato impianti e 0,1592 €/kWh per i sistemi nomico sostenibile, stima la potenza
non è stato così forte come previsto. di piccola taglia su tetto. Va detto inol- relativa a sistemi off-grid a 11 MWp
Alcuni mercati hanno resistito bene tre che in Germania le installazioni su a fine 2012, che corrisponde a 1 MWp
nonostante delle tariffe meno van- tetto o integrate negli edifici comprese in più rispetto al 2011. Il mercato ita-
taggiose, come Francia e Grecia che tra 10 kWp e 1 MWp beneficiano della liano dovrebbe ridursi notevolmente
sono vicine o hanno passato la soglia tariffa feed-in solo per il 90% della nel 2013, per il semplice motivo che i
di 1 GWp. Il mercato danese e quello propria produzione. Il mercato tede- tetti ai finanziamenti fissati dal nuovo
olandese sono decollati nel 2012 gra- sco è rimasto comunque attraente a programma Conto Energia sono stati
zie al successo del net metering e il causa del continuo calo nel prezzo dei praticamente raggiunti. Questo limite
mercato austriaco si è ripreso grazie sistemi che ha superato il calo delle di 6,7 miliardi € è stato fissato con
a un nuovo programma di finanzia- tariffe feed-in. Secondo BSW, l’associa- il quinto Conto Energia ad agosto
menti. Un’altra soddisfazione è rap- zione tedesca delle industrie dell’ener- 2012 come ammontare massimo che
presentata dalla Germania che ha gia solare, il prezzo medio al consuma- può essere erogato annualmente da
ancora una volta superato il proprio tore finale per l’acquisto di un sistema quando il programma è iniziato nel
record d’installazioni e ha mante- fotovoltaico su tetto fino a 10 kWp è 2005. Una volta che questo ammon-
nuto per un altro anno la leadership stato di 1.751 euro per kWp nel quarto tare sarà stato utilizzato, gli investi-
mondiale. Secondo EurObserv’ER, la trimestre del 2012 rispetto a 2.197 euro tori che cercheranno di connettere un
nuova potenza connessa nell’Unione per kWp nel quarto trimestre del 2011, impianto fotovoltaico non saranno più
56
il barometro dell’energia fotovoltaica

eleggibili per la tariffa feed-in e questo produzione lorda stimata dal GSE pari uno dei dieci impianti fotovoltaici a
varrà fino a un ipotetico voto per un a 18,8 TWh a fine 2012, ossia 8 TWh in terra di maggiore potenza al mondo.
nuovo programma di finanziamento. più rispetto al 2011. Secondo il Servizio di monitoraggio
La soglia di 6,5 miliardi € è stata supe- e statistiche (SOeS), il Paese ha con-
rata a dicembre 2012 e a marzo 2013 il Un GWp in più installato in Francia nesso alla rete 1.079 MWp durante il
contatore del GSE segna una potenza La Francia ha mantenuto il proprio 2012, di cui 47 MWp nei Territori d’Ol-
cumulata di 17.177 MWp, che rappre- livello di mercato oltre la soglia di 1 tremare. Il parco fotovoltaico comples-
senta un costo indicativo di 6,6 miliardi GWp, essenzialmente attraverso l’en- sivo connesso alla rete è quindi salito
€. L’Italia a oggi ha tempo per guardare trata in servizio di centrali di potenza a 4.003 MWp di potenza (inclusi 311
indietro. Il Paese dispone del secondo molto elevata come quelle di Crucey- MWp nei Territori d’Oltremare), nono-
più alto livello di potenza fotovoltaica Villages nel Eure-et-Loir (60 MWp) e di stante un forte calo nel ritmo delle
pro capite dopo la Germania (269 Wp Toul-Rosières nel Meurthe-et-Moselle installazioni a fine anno. Infatti, solo
pro capite nel 2012). Il Paese è anche il (115 MWp), due progetti sviluppati 75 MWp sono stati connessi alla rete
secondo maggior produttore al mondo da EDF Energies Nouvelles. Quest’ul- nel quarto trimestre, che corrisponde
di elettricità da fotovoltaico, con una timo, connesso a Novembre 2012, è al più basso livello di connessioni nel
quarto trimestre dal 2008. Il SOeS
dichiara anche che il 59% di que-
Tabella n° 1 sta potenza addizionale proviene
Potenza fotovoltaica connessa nell’Unione Europea nel 2011 e 2012* (MWp) da grandi installazioni (oltre 250
kWp). Allo scopo di stimolare il
2011 2012 mercato, il Governo ha messo a
Connessa Non Connessa Non punto nuove disposizioni attra-
Totale Totale
alla rete connessa alla rete connessa verso due provvedimenti datati
Germania 7 485,0 5,0 7 490,0 7 604,0 0,0 7 604,0 7 gennaio 2013. Il primo riguarda
Italia 9 303,0 0,0 9 303,0 3 577,0 1,0 3 578,0 una modifica del sistema a tariffa
feed-in e il secondo un bonus
Francia 1 755,4 0,5 1 755,9 1 079,0 0,0 1 079,0
sulle tariffe dal 5 al 10% per i
Grecia 425,8 0,1 425,9 912,0 0,0 912,0 moduli di manifattura europea.
Bulgaria 179,5 0,4 179,9 721,0 0,0 721,0 Le principali misure di questo
Regno Unito 899,0 0,3 899,3 679,0 0,0 679,0 prov vedimento di modifica
Belgio 995,6 0,0 995,6 599,3 0,0 599,3 riguardano l ’annullamento
Danimarca 8,6 1,0 9,6 375,0 0,0 375,0 della distinzione in base all’u-
tilizzo (abitazioni, istituti sco-
Austria 91,0 0,7 91,7 234,5 0,0 234,5
lastici o sanitari, impianti a
Spagna 377,9 1,0 378,9 193,1 1,3 194,4 terra), lasciando solo tre tariffe:
Paesi Bassi 58,0 0,0 58,0 175,0 0,0 175,0 la tariffa T1 che corrisponde a
Slovenia 54,9 0,0 54,9 116,9 0,0 116,9 un’integrazione completa, la
Rep. Ceca 0,0 0,0 0,0 109,0 0,0 109,0 tariffa T4 (suddivisa in due inter-
Portogallo 34,8 0,1 34,9 67,8 0,1 67,9 valli di potenza, ≤ 36 kWp e tra
36 e 100 kWp) che corrisponde a
Slovacchia 313,1 0,1 313,1 30,0 0,0 30,0
un’integrazione semplificata e la
Malta 2,8 0,0 2,8 12,1 0,0 12,1
tariffa T5 per le installazioni fino
Svezia 3,6 0,8 4,3 7,3 0,8 8,1 a 12 MWp. Il provvedimento intro-
Cipro 3,8 0,1 3,8 7,0 0,0 7,1 duce anche un incremento del 5%
Lussemburgo 11,2 0,0 11,2 6,5 0,0 6,5 per le tariffe sulle installazioni
Lituania 0,0 0,0 0,0 6,0 0,0 6,0 con integrazione semplificata
Romania 1,6 0,0 1,6 2,9 0,0 2,9 su tetto, una diminuzione della
tariffa per le installazioni non
Polonia 0,8 0,0 0,8 0,1 1,1 1,2
integrate e un tetto di riduzione
Ungheria 0,8 0,2 1,0 0,9 0,0 0,9 annuale della tariffa feed-in del
Finlandia 0,0 1,5 1,5 0,0 0,0 0,0 20%. Le tariffe saranno comun-
Lettonia 1,5 0,0 1,5 0,0 0,0 0,0 que riviste ogni trimestre, ma le
Estonia 0,0 0,1 0,1 0,0 0,0 0,0 tranche di volumi che definiscono
Irlanda 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 le riduzioni trimestrali saranno
raddoppiate da 65 a 130 MWp.
UE 22 007,8 11,6 22 019,4 16 515,5 4,4 16 519,9
L’altro provvedimento prevede
*Stima. Fonte: EurObserv’ER 2013
un incremento del 5% delle tariffe
57

il barometro dell’energia fotovoltaica


se «tutte le fasi del processo di trasfor- Il mercato britannico in difficoltà a
Nel caso ciò non si verifichi, una delle
mazione dai wafer di silicio alle celle due condizioni deve essere verificata fine anno
dei moduli fotovoltaici per l’installa- A febbraio 2012 il Governo britannico
e «tutte le fasi del processo di trasfor-
zione sono state realizzate in un sito ha attirato l’attenzione annunciando
mazione dei lingotti di silicio in wafer
di produzione all’interno dello Spazio l’implementazione del nuovo sistema
di silicio dei moduli fotovoltaici per le
Economico europeo» o se «tutte le installazioni devono essere realizzatia tariffa feed-in che potrebbe far salire
operazioni di saldatura, assemblaggio in un sito di produzione dello Spazio la potenza fotovoltaica a 22 GWp entro
e laminazione delle celle e i test elet- Economico europeo». Pertanto a feb- il 2020 nel Regno Unito, corrispon-
trici dei moduli fotovoltaici per l’instal- braio 2013 la tariffa T1 è variata da dente a 3,3 milioni di installazioni.
lazione sono stati realizzati in un sito Questa previsione, basata su un rap-
0,3159 a 0,3475 €/kWh, la tariffa T4 da
di produzione dello Spazio Economico 0,1727 a 1,999 €/kWh e la T5 da 0,0818porto pubblicato dalla società di con-
europeo». Un incremento del 10% delle sulenza Parsons Brinckerhoff, è stato
a 0,09 €/kWh in linea con il valore del
tariffe viene erogato se si verificano bonus. influenzato dai notevoli e continui cali
entrambe le condizioni di cui sopra. dei costi d’installazione. A oggi questa
previsione è considerata troppo
Tabella n° 2 ottimistica. I dati provvisori del
DECC (Department of Energy
Potenza fotovoltaica cumulata nei Paesi dell’Unione Europea alla fine di 2011
and Climate Change) pubblicati a
e 2012* (MWp)
fine marzo 2013, dimostrano che
con una potenza addizionale di
2011 2012
679 MWp il mercato non è stato
Connessa Non Connessa Non così dinamico come previsto. Il
Totale Totale
alla rete connessa alla rete connessa
mercato britannico ha rallen-
Germania 25 039,0 55,0 25 094,0 32 643,0 55,0 32 698,0 tato significativamente alla fine
Italia 12 773,0 10,0 12 783,0 16 350,0 11,0 16 361,0 dell’anno con solamente 81 MWp
Spagna 4 298,9 23,3 4 322,2 4 492,0 24,6 4 516,6 installati durante l’ultimo trime-
Francia 2 924,0 24,6 2 948,6 4 003,0 24,6 4 027,6 stre. Per questo motivo Ofgem, il
Belgio 2 050,5 0,1 2 050,6 2 649,9 0,1 2 649,9
regolatore inglese per i mercati
di gas ed elettricità che gestisce
Rep. Ceca 1 913,0 0,4 1 913,4 2 022,0 0,4 2 022,4
le tariffe feed-in, ha deciso lo
Regno Unito 976,0 2,3 978,3 1 655,0 2,3 1 657,3 scorso dicembre di non ridurre
Grecia 624,3 7,0 631,3 1 536,3 7,0 1 543,3 le tariffe tra il 1° febbraio e il 30
Bulgaria 211,5 0,7 212,2 932,5 0,7 933,2 aprile ma di lasciarle identiche a
Slovacchia 487,2 0,1 487,3 517,2 0,1 517,3 quelle del precedente trimestre
Austria 182,7 4,5 187,2 417,2 4,5 421,7 (dal momento che le tariffe ven-
gono aggiustate ogni tre mesi in
Danimarca 15,0 1,7 16,7 390,0 1,7 391,7
linea con la potenza installata
Paesi Bassi 141,0 5,0 146,0 316,0 5,0 321,0 durante il trimestre precedente).
Portogallo 157,7 3,2 160,9 225,5 3,3 228,8 Il sistema è piuttosto complicato
Slovenia 100,3 0,1 100,4 217,3 0,1 217,4 dal momento che dipende sia
Lussemburgo 40,7 0,0 40,7 47,2 0,0 47,2 dalla potenza dell’impianto (sette
Svezia 9,3 6,5 15,7 16,5 7,3 23,8 segmenti di potenza per i sistemi
fino a 250 kWp montati su tetto,
Malta 6,6 0,0 6,6 18,7 0,0 18,7
un altro per quelli superiori a 250
Cipro 9,3 0,8 10,1 16,4 0,8 17,2 kWp) che da una modulazione
Finlandia 0,2 11,0 11,2 0,2 11,0 11,2 supplementare del livello.
Romania 2,9 0,6 3,5 5,8 0,6 6,4 Per questo vi sono tre livelli –
Lituania 0,0 0,1 0,1 6,0 0,1 6,1 “higher”, “middle” e “lower rate”
Ungheria 2,3 0,4 2,7 3,2 0,5 3,7 – a seconda dell’efficienza ener-
getica dell’edificio o se il sistema
Polonia 1,3 1,0 2,2 1,4 2,0 3,4
è istallato su un edificio residen-
Lettonia 1,5 0,0 1,5 1,5 0,0 1,5
ziale. La più alta tariffa (“higher
Irlanda 0,1 0,6 0,7 0,1 0,6 0,7 rate”) è riservata agli edifici che
Estonia 0,0 0,1 0,2 0,0 0,1 0,2 hanno almeno il livello D di effi-
UE 51 968,3 159,0 52 127,3 68 483,8 163,4 68 647,2 cienza energetica. La tariffa più
*Stima. Fonte: EurObserv’ER 2013
bassa (“lower rate”) è riservata
agli edifici che non arrivano al
58
il barometro dell’energia fotovoltaica

livello D di efficienza energetica o a


Tabella n° 3 l’anno. Il sistema è stato ritenuto
impianti oltre i 250 kW. Una tariffa Produzione elettrica da solare fotovoltaico troppo generoso tenuto conto del
intermedia (“middle rate”), che è del nei Paesi dell’Unione Europea nel 2011 e calo nel prezzo dei moduli ed è
10% più bassa di quella più alta, viene 2012* (GWh) stato modificato a novembre 2012.
concessa agli immobili con più abita- L’attuale sistema d’incentivazione
zioni. Fino al 30 aprile la tariffe più 2011 2012 compensa il consumo con la produ-
elevata è stata di 15,44 pence/kWh Germania 19 340,0 28 000,0 zione su base oraria piuttosto che
(18,08 c€/kWh) per le centrali fino a 4 Italia 10 795,7 18 800,0 nel corso dell’intero anno. Questo
kWp ed è scesa a 7,1 pence/kWh (8,31 Spagna 7 360,0 8 169,0 ridurrà il numero di ore in cui il
c€/kWh) per impianti installati su consumo può essere compensato,
Francia 2 400,0 4 000,0
edifici a elevato consumo di energia considerato che la produzione
o per potenze superiori a 250 kWp. Rep. Ceca 2 182,0 2 173,0 generalmente è maggiore durante
La durata è di 25 anni. Il 28 febbraio Belgio 1 169,6 2 115,0 il giorno nei mesi estivi. Questo è
Ofgem ha pubblicato le nuove tariffe Regno Unito 252,0 1 327,0 anche il periodo in cui il consumo
applicabili da maggio fino alla fine di Grecia 610,0 1 239,4 è generalmente più basso per le
giugno. Questa nuova struttura dei Bulgaria 120,0 534,0 famiglie danesi.
prezzi include riduzioni delle tariffe Nelle ore in cui la produzione è
Slovacchia 397,0 500,0
del 3,5%, solo per i sistemi da oltre 50 maggiore dei consumi il produt-
kWp. Le tariffe per i sistemi a bassa Portogallo 277,0 360,0 tore riceve 0,08 €/kWh per i primi
potenza non sono state modificate. Austria 174,1 300,0 10 anni e 0,05 €/kWh nei successivi
L’Associazione britannica per il solare Paesi Bassi 100,0 200,0 10 anni. Visto che la variazione
(Solar Trade Association) ha chiesto al Slovenia 65,7 121,4 della tariffa è abbastanza forte,
Governo di rimandare l’introduzione Danimarca 15,0 114,0 è stato deciso che la nuova tariffa
di questi decrementi in quanto ritiene verrà introdotta in maniera gra-
Lussemburgo 26,0 30,0
che gli impianti che saranno mag- duale. La tariffa per il 2013 è 0,174
Svezia 14,2 21,4 €/kWh per i primi 10 anni e per il
giormente colpiti sono quelli ad alta
potenza (250 kWp – 5 MWp) che hanno Cipro 10,2 19,8 2014 0,155 €/kWh per i primi 10
già difficoltà a svilupparsi. A partire Malta 8,4 13,6 anni. La tariffa sarà ridotta gra-
dal 2013-2014, le centrali di grande Finlandia 8,0 8,0 dualmente fino a raggiungere 0,08
potenza potranno ugualmente bene- Ungheria 3,3 4,7 €/kWh nel 2018. Un’altra decisione
ficiare del sistema dei ROCs (Renewa- Polonia 2,6 4,1 per promuovere il settore è stata
ble Obligation Certificates Program). quella di innalzare il limite di 6
Romania 2,0 2,0
Un MWh fotovoltaico riceverà in kWp di potenza, permettendo alle
questo modo 1,7 certificati nel caso Lituania 0,1 2,0 installazioni più grandi di svilup-
di un’installazione su edificio e 1,6 Irlanda 0,5 0,5 parsi nel settore imprese. Questo
certificati nel caso di impianti a terra. Estonia 0,1 0,1 incentivo è particolarmente van-
Questo numero diminuirà in maniera UE 45 333,4 68 058,9 taggioso per le imprese che uti-
graduale a 1,4 e 1,2 rispettivamente *Stima. Fonte: EurObserv’ER 2013
lizzano gran parte dell’elettricità
entro il 2016-2017. Gli operatori hanno durante il giorno.
un po’ più di speranza nell’implemen-
tazione dei Contratti per Differenza 2013. Il motivo di questo successo Effettiva parità di rete nei Paesi
(sistema CfD1) nel 2014 ma saranno è stato il sistema di “net metering” Bassi
certi solo quando i termini del paga- applicato nel Paese che permette ai Il 2012 è stato un anno importante per
mento verranno definiti a giugno 2013. privati con impianti fotovoltaici (fino a il fotovoltaico nei Paesi Bassi. Dopo
6 kWp) di compensare i propri consumi anni di crescita limitata la potenza
Nuovo record d’installazioni elettrici con le loro produzioni su base installata è fortemente aumentata
in Danimarca annuale. Tutti i consumi in compensa- con, secondo l’esperto Peter Segaar
La Danimarca è uno dei pochi Paesi zione nel corso dell’anno sono esen- (www.polderpv.nv), 175 MWp aggiun-
europei ad avere avuto una crescita tati dal pagamento della tariffa elet- tivi nel 2012, cioè quasi tre volte
spettacolare del proprio parco avendo trica e delle tariffe di rete ma anche quelli del 2011. Questo successo è
superato, secondo Energinet.dk, la dalle molto elevate tasse sui consumi dovuto essenzialmente al raggiungi-
soglia dei 400 MWp a inizio gennaio elettrici in Danimarca. Le tariffe dome- mento della parità di rete nel settore
stiche incluse le tasse sono di solito di residenziale (basato su un sistema
1 Per ulteriori informazioni, vedere il circa 0,295 €/kWh in Danimarca. La di “net metering”). Inoltre, nella
barometro sull’energia eolica di EurOb- bolletta elettrica inclusiva di tasse ha seconda metà del 2012 il fotovoltaico
serv’ER, pubblicato a febbraio 2013 nel
riguardato solo la differenza tra la pro- è divenuto eleggibile per il programma
Le Journal de l’Éolien n°12 e pubblicato
duzione e il consumo nel corso di tutto nazionale “Energy et Innovation” che
tradotto su QualEnergia 2-2013.
59

il barometro dell’energia fotovoltaica


prevede un incentivo fino Grafico n° 1 di moduli è stata del 47%
al 15% del costo d’investi- a gennaio 2013, rispetto al
mento (massimo 650 € per Potenza fotovoltaica per abitante (Wp/ab.) per ogni Paese 16% a gennaio 2011. La que-
impianto, solo per taglie dell’Unione Europea nel 2012* stione principale è sapere
oltre 0,6 kWp). Per il 2012 Germania 399,5 se i prezzi scenderanno
il budget disponibile è 22 Italia ancora e di quanto. Molti
269,0
milioni €, nel 2013 il budget analisti ritengono di sì ma
ammonterà a 30 milioni €. Belgio 240,0 scenderanno in maniera
Per il 2013 si prevede che Rep. Ceca 192,5 più lieve. Secondo il “Global
la parità venga raggiunta Grecia 136,7 PV Competitive Intelligence
anche per altre categorie Tracker” di GTM Research,
Bulgaria 127,4
di utenti come le piccole i costi di produzione dei
imprese. Inoltre, cambia- Slovenia 105,7 moduli “best in class” (pre-
menti nella legislazione Spagna 97,8 mium) di noti marchi cinesi
dovrebbero estendere il Slovacchia 95,7 (come JinkoSolar, Yingli
net metering anche a più Solar, Trina Solar e Rene-
Lussemburgo 89,9
ampi gruppi di utenti. sola) sono scesi di oltre il
Danimarca 70,2 50% tra il 2009 e il 2012,
Francia 61,6 passando da 1,29 $/W (1
IL CONSOLIDAMENTO Austria 49,9 €/W) a 0,59 $/W (0,46 €/W).
INDUSTRIALE Malta
La società di consulenza
LASCERÀ 45,0 stima che vi è ancora la
DEI SEGNI Regno Unito 26,3 possibilità di abbassare
Portogallo 21,7 questi costi, anche se il
IL PREZZO DEI MODULI Cipro 19,9 calo sarà più lento nei
CONTINUA A SCENDERE prossimi anni. Essi potreb-
Paesi Bassi 19,2
Come mostra l’indice dei bero raggiungere 0,42 $/W
pre z zi pubblic ato nel Svezia 2,5 (0,33 €/W) nel 2015 grazie a
numero di febbraio della Finlandia 2,1 innovazioni nelle tecniche
rivista Photon Internatio- Lituania di taglio, alla produzione
2,0
nal, il prezzo di mercato dei di wafer più sottili e attra-
Lettonia 0,7
moduli è ancora in caduta verso l’utilizzo di colle con-
libera. Il prezzo medio dei Ungheria 0,4 duttrici.
moduli policristallini sul Romania 0,3
mercato spot tedesco è Irlanda 0,2
COMPLICATA LOTTA DI
stato di 0,54 € per watt a POTERE TRA EUROPA,
gennaio 2013, che rappre- Estonia 0,1 CINA E STATI UNITI
senta un calo del 33,3% Polonia 0,1 S e co n d o i p r o dut t or i
rispetto ai precedenti 12 UE 136,3 occidentali, la questione
mesi, quello dei moduli del crollo dei prezzi dei
*Stima. Fonte: EurObserv’ER 2013
monocristallini di 0,60 per moduli fotovoltaici non è
watt (25,9% in meno in un riconducibile solamente
anno). Nello stesso periodo i moduli duttori europei e spiega la situazione alle innovazioni tecnologiche, al calo
CdTe (Tellururo di cadmio) sono scesi critica nella quale si trova l’industria del prezzo del silicio e alle economie
del 25,4% a 0,5 € per watt e i moduli europea. La reputazione degli opera- di scala. Esso deriva anche da strate-
in silicio amorfo sono stati scambiati tori europei, americani e giapponesi gie di dumping degli operatori cinesi
a 0,36 € per watt, pari a un calo del permette loro di vendere ancora i pro- supportati dal Governo per control-
48,7%. I prezzi sul mercato tedesco pri moduli a un prezzo maggiore, ma lare l’intero mercato mondiale. Il pro-
mostrano anche che i moduli prodotti i loro livelli di produzione sono molto blema è che questo calo dei prezzi è
in Europa, negli Stati Uniti e in Giap- più bassi e stanno perdendo costan- divenuto incontrollabile a causa della
pone vengono venduti a prezzi molto temente quote di mercato. Secondo sovrapproduzione e della ridotta cre-
più alti – 0,65 € per watt per moduli GTM Research, la differenza di prezzo scita del mercato. I prezzi indicati
“made in Europe” e “made in USA” e è ancora più grande tra i moduli pre- sono al momento completamente
0,80 € per watt per moduli “made in mium cinesi e occidentali. Basando le disconnessi dai reali costi di produ-
Japan”. Questa differenza evidenzia proprie analisi sui dati mensili di Solar- zione, a tal punto che la situazione è
chiaramente la guerra di prezzi tra Server relativi ai prezzi dei moduli, la divenuta kafkiana, nel senso che tutti
i produttori di moduli cinesi e i pro- differenza di prezzo su questo tipo i produttori stanno perdendo denaro.
60
il barometro dell’energia fotovoltaica

Quelli che sopravviveranno a questa mercato degli Stati Uniti saranno tas- L’indagine durerà 15 mesi e la Commis-
crisi saranno coloro che riescono a sati al 250%, che corrisponde a vietare sione ha la possibilità di istituire dazi
ridurre velocemente i propri costi di le importazioni negli Stati Uniti. Le antidumping provvisori dopo nove
produzione e a conquistare la fiducia tasse sono state applicate da novem- mesi nel caso in cui vi siano prove a
di investitori, banche o… il supporto bre 2012, retroattivamente fino ai 90 sufficienza. A marzo 2013 si è aperta
del proprio Governo. Un’opzione giorni precedenti la prima decisione una nuova fase con la decisione della
attuata dai grandi produttori per del dipartimento americano a marzo Commissione Europea di registrare
superare questa “valle della morte” 2012 (cioè 3 dicembre 2011). Non è tutte le importazioni di pannelli solari
è stata quella di diventare allo stesso stato facile prendere questa decisione fotovoltaici e dei loro componenti alle
tempo installatori e operatori. Per in quanto molti investitori americani dogane europee. La registrazione alla
esempio, First Solar dichiara di aver hanno avuto vantaggi dai bassi prezzi dogana è una fase della procedura
progettato e costruito oltre 1,5 GW della Cina. Alla fine è stata la logica che consente alle tasse antidumping
di impianti fotovoltaici, incluso il più industriale a decidere considerando le di essere applicate retroattivamente
grande e avanzato impianto fotovol- prospettive di crescita molto forti sia nel caso in cui i risultati dell’indagine
taico al mondo presso Agua Caliente dentro che fuori gli Stati Uniti (India, evidenzino la necessità di applicare
in Arizona. Lo scopo è di salvare il sal- Sud America, Medio Oriente e Africa). dazi sulle importazioni. Nulla è ancora
vabile. Gli Stati Uniti sono stati i più L’Unione Europea è stata meno reat- certo, in quanto la Commissione dovrà
rapidi, confermando a ottobre 2012 tiva. Lo scorso settembre ha avviato decidere se l’implementazione di
l’applicazione di dazi doganali sulle un’inchiesta antidumping sui pannelli tasse antidumping costeranno all’U-
importazioni di celle e di moduli cinesi, solari e componenti provenienti dalla nione Europea più dei benefici che ciò
con tasse antidumping che variano tra Cina, a seguito di una denuncia di EU porterebbe alla coalizione Prosun. Una
18,3% e 250%. Trina Solar è risultata Prosun, un’associazione di settore decisione definitiva su queste misure
quella meno tassata (18,32%), men- composta da 25 produttori europei di dovrà essere pubblicata sulla Gaz-
tre Suntech Power è stata tassata al moduli solari, inclusa l’azienda tede- zetta ufficiale dell’Unione Europea il 5
31,73%. Altre 59 aziende saranno tas- sca SolarWorld che è all’origine dell’in- dicembre 2013. Va detto che l’industria
sate al 25,96% e i nuovi entranti nel chiesta antidumping negli Stati Uniti. fotovoltaica europea non ha una unica

Tabella n° 4
Principali produttori di moduli nel 2012 (MWp)

Capacità Produzione/
Linee di produttiva vendite/ Fatturato Addetti
Azienda Tecnologie Paese spedizione di
produzione in moduli nel moduli nel 2012 2012 (M€) nel 2012
2012 (MWp) (in MWp)
Wafer, celle mono e multi
Yingli Green Energy cristalline, moduli
Cina Cina 2 450 2 297 1 405 16 000

First Solar Moduli a film sottile (CdTe) Usa Malesia, USA 1 900 1 875 2 610 6 500
Celle cristalline
Cina, Germania,
Suntech Power (mono, multi)/film sottile Cina
Giappone, Usa
2 000 1 750** 975* > 20 000
(a-Si, mc-Si), moduli
Moduli di silicio mono
JA Solar e multicristallino
Cina Cina 1 800 1 700 839 4 000

Wafer, celle cristalline


Trina Solar (mono), moduli
Cina Cina 2 400 1 590 1 000 12 820

Lingotti, wafer, celle, moduli,


Canadian Solar sistemi fotovoltaici
Canada Canada, Cina 2 300 1 543 1 000 9 000

Celle cristalline
SunPower (mono, multi), moduli
USA USA, Filippine 1 000 936 2 016 < 5 000

Lingotti cristallini, wafer,


Jinko Solar celle e pannelli mono Cina Cina 1 200 912,4 591,5 10 000
e multi cristallini
Celle mono Corea, Cina, Germania
HanWha Q Cells*** e multi cristalline, moduli Germania (Q Cells)
2 300 830 450 > 11 000

Cristallino (mono, multi), Giappone, Regno


Sharp film sottile (a-Si, mc-Si)
Giappone
Unito, USA
2 800 n.d. 1 200 n.d.

* 9 mesi/solo 2012. ** Previsione anno intero. *** Questa tabella non rappresenta una classifica ma è rappresentativa dei produttori sul mercato dei moduli.
Fonte: EurObserv’ER 2013
61

il barometro dell’energia fotovoltaica


posizione in merito in quanto alcune venire attraverso un breakthrough gettare la spugna. La lista si allunga
aziende contestano le misure antidu- nella tecnologia a film sottile, che ha se si considerano i fallimenti dei nuovi
mping. La situazione è tutt’altro che un potenziale di riduzione del costo entranti o le chiusure degli impianti
semplice, in quanto la Cina importa dell’energia solare maggiore di quello tra i maggiori gruppi che sono ancora
anche grandi quantità di silicio da delle tecnologie in silicio cristallino. operativi ma sono stati costretti a una
Europa e Stati Uniti. La Cina pertanto L’Europa detiene ancora la leadership ristrutturazione.
ha fatto a sua volta delle pressioni nella tecnologia CIGS, nonostante
annunciando lo scorso ottobre l’av- un certo numero di produttori cinesi L’INDUSTRIA AMERICANA SEMPRE
vio di un’inchiesta antidumping e anti come Hanergy si stiano posizionando PRESENTE
sussidi sulle importazioni di silicio su questo mercato attraverso l’acqui-
policristallino dall’Unione Europea. sto di German Solibro lo scorso feb- First Solar limita le proprie perdite
L’indagine è stata lanciata a settem- braio e di American Miasole a giugno Sull’altra sponda dell’Atlantico, First
bre, su richiesta dei produttori cinesi 2012. First Solar, il principale specia- Solar e SunPower (detenute dalla
di silicio policristallino tra cui LDK lista di moduli a film sottile CdTe, ha compagnia petrolifera francese Total)
Solar e China Silicon Corporation. Essa già dimostrato che i film sottile rappre- sono ancora in gioco. First Solar, lo spe-
dovrebbe essere completata entro il sentano una certa quota del mercato cialista dei moduli a film sottile CdTe,
1° novembre 2013 ma potrebbe essere globale ma allo stesso tempo sono dovrebbe salire al secondo posto nella
prolungata di sei mesi nel caso di cir- state chiuse linee di produzione in classifica dei produttori di moduli nel
costanze speciali, come per esempio la Germania. 2012 con 1.875 MWp di produzione.
decisione della Commissione Europea. L’azienda americana, che è comple-
La stessa procedura è stata avviata a CARNEFICINA DI INDUSTRIE tamente integrata verticalmente (dai
luglio scorso sulle importazioni dagli IN EUROPA moduli alla progettazione), nel 2012 ha
Stati Uniti e il Ministero del commercio Mai prima d’ora un consolidamento generato un fatturato di 3,4 miliardi $
cinese in quel momento aveva annun- così duro e profondo aveva colpito dalle vendite, inclusi 1,1 miliardi $ nel
ciato, attraverso un comunicato, che il mondo delle energie rinnovabili. Il terzo trimestre. Nel 2012 l’impresa ha
sarebbe stata fatta una valutazione settore è in una situazione tale che subìto perdite nette (96,3 milioni di
congiunta di queste due inchieste. Il nella maggior parte dei casi qualsiasi dollari nel 2012 rispetto a una perdita
Governo tedesco, il principale inte- incremento nelle vendite dei moduli di 39,5 milioni nel 2011) ma comunque
ressato, pressa per una soluzione corrisponde a un calo del fatturato inferiori a quelle di molti dei propri
amichevole in merito. Gli interessi e a un incremento delle perdite, un concorrenti. Tra i principali eventi che
dei due Paesi sono incrociati. La Ger- chiaro risultato del crollo dei prezzi hanno segnato il 2012 vi è la chiusura
mania è uno dei principali investitori di mercato. Di conseguenza dal 2011 del suo stabilimento a Francoforte, in
ed esportatori verso la Cina e non ha le cattive notizie per il settore foto- Germania, durante il primo trimestre
nessun interesse a indebolire i propri voltaico sembrano non finire, con e il taglio di circa il 30% della propria
legami economici e commerciali. Il pro- una serie di bancarotte, programmi di forza lavoro (circa 2.000 posti di lavoro
blema per gli operatori europei è che il ristrutturazione, chiusure di impianti in meno). First Solar sostiene di aver
tempo non è dalla loro parte e se non e acquisizioni. Tra le più importanti preso questa decisione a seguito del
si interviene presto un certo numero imprese europee del settore vi è il fal- modesto andamento del mercato
di essi sarà costretto a uscire nel mer- limento di Q Cells e la sua acquisizione europeo e di non avere avuto altra
cato. Dal momento in cui la Commis- da parte della coreana Hanwha che scelta che tagliare i costi. Al contrario,
sione emetterà il proprio verdetto ora si chiama Hanwha Q Cells GmbH, l’azienda statunitense ha rafforzato la
potrebbero esserne rimasti pochi da l’acquisizione di Solon SE, un’altra propria presenza in Sud America acqui-
salvare. Secondo alcuni analisti, dazi azienda di spicco tedesca, da parte sendo Solar Chile e creando nuove filiali
o non dazi, il dado è già tratto per gli di Microsol, un produttore di celle di vendita in India, Medio Oriente, Sud
operatori europei. Dal loro punto di solari con sede negli Emirati Arabi Africa e Thailandia. Nel 2012 è stata
vista il confronto con la Cina e l’appli- Uniti (la nuova azienda si chiamerà costruita anche la più grande centrale
cazione di dazi doganali antidumping Solon Energy GmbH), l’acquisizione solare al mondo (250 MWp) presso Agua
non ha più alcun senso a eccezione di di Scheuten Solar da parte del pro- Caliente in Arizona. A livello tecnolo-
limitare le capacità d’espansione del duttore di celle cinese Aiko Solar, la gico, l’azienda ha stabilito un nuovo
settore frenando il calo dei prezzi. chiusura di Schüco Thin-Film e dell’i- record di laboratorio per un modulo
Questa guerra commerciale potrebbe taliana SolarDay. A questi si aggiun- CdTe con il 18,7% di rendimento e ha
addirittura mettere a rischio il futuro gono la ristrutturazione in corso di portato l’efficienza media dei moduli
del settore su scala mondiale proprio Solarwatt, l’insolvenza di Sovello, che commerciali a 12,9% nel 4° trimestre
quando è così vicino a raggiungere il sta ancora aspettando un acquirente, del 2012 (+0,7 punti percentuali in un
proprio obiettivo. l’interruzione delle attività nel solare anno). Nel 4° trimestre i costi di produ-
Tuttavia parte dell’industria europea del gruppo Schott. Più di recente, a zione sono scesi a 0,64 $/W rispetto a
ci crede ancora. La risposta potrebbe marzo 2013, Bosch Solar ha deciso di 0,69 $/W l’anno prima.
62
il barometro dell’energia fotovoltaica

Grafico n° 2
Confronto tra la tendenza attuale della potenza fotovoltaica installata e i NREAP (Piani d’azione nazionali per le energie
rinnovabili) (MWp)
150 000
Tendenza attuale

100 000
84 376

68 647
54 408
52 127
Tabella
25 509 di marcia
30 108 dei NREAP

2010 2011 2012 2015 2020

SunPower aumenta la propria e segnala che sta lavorando alla terza è il triplo di quella prodotta a car-
visibilità generazione delle celle Maxeon il cui bone, necessitando quindi di impor-
SunPower, specializzata in moduli a rendimento è già del 23,5%. tanti incentivi. Il rapido sviluppo di
efficienza molto elevata, sta facendo nuovi mercati in Sud America, Medio
scelte importanti. L’azienda ameri- L’INDUSTRIA CINESE INDEBOLITA oriente e nel Sud-Est dell’Asia è dive-
cana è riuscita a mantenere il suo Il consolidamento industriale non nuto vitale per gli operatori cinesi.
livello di produzione nel 2012 (936 riguarda solo le aziende europee. La
MWp rispetto a 922 MWp nel 2011), crisi industriale è arrivata anche nel Suntech Power inadempiente
incrementando leggermente il pro- continente asiatico dove la concor- nei pagamenti
prio fatturato (a 2.417,5 milioni $ nel renza sui prezzi è ancora più feroce. Improvvisamente la terra ha inco-
2012 da 2.374 milioni di dollari nel L’espansione del mercato cinese minciato a tremare in Cina con il
2011) e riducendo significativamente può garantire sbocchi agli operatori gigante Suntech Power (1° produttore
le proprie perdite nette (352 milioni nel cinesi fino a quando il mercato glo- al mondo nel 2011) che, dopo avere
2012 rispetto a 613,7 milioni nel 2011). bale non si riassesterà, ma ancora ammesso di essere inadempiente nei
L’azienda è abbastanza fiduciosa sul una volta non vi sarà spazio per tutti. pagamenti e non in grado di pagare
risanamento finanziario della propria Lo scorso dicembre il Governo cinese una rata obbligatoria di 541 milioni
attività nel 2013 e ritiene che avrà una ha annunciato di volere supportare di dollari, è virtualmente in banca-
buona visibilità nei prossimi anni. il consolidamento del settore essen- rotta. Il 21 marzo 2013 il tribunale
L’azienda dichiara che le sue condi- zialmente riducendo gli aiuti pubblici popolare della municipio di Wuxi ha
zioni finanziarie si sono irrobustite a all’industria. La China Development dichiarato insolvente la controllante
seguito della firma di tre importanti Bank, che rappresenta il braccio SuTech Power Holding Co. Ltd., ma ha
contratti, inclusi 529 MWp di progetti armato della politica industriale dato il via libera a una ristrutturazione
con MidAmerica Solar, e dell’aumento cinese, ha fatto sapere a marzo 2013 della filiale cinese del gruppo, Wuxi
delle vendite in Giappone. SunPower che avrebbe mantenuto sotto stretto Suntech, che rappresenta la maggior
sta lavorando anche alla costruzione controllo i nuovi prestiti. La Cina, parte delle attività di produzione in
del “California Valley Solar Ranch dopo avere trascurato il proprio mer- Cina. Il Comune di Wuxi ha così deciso
project” che avrà una potenza totale cato domestico, è in grado di mettere di salvare parte delle attività cinesi del
di 250 MWp. Alla fine del 2012 sono in pratica un portafoglio di progetti gruppo. L’obiettivo è quello di mante-
già stati installati 180 MWp e di que- maggiore di quello degli Stati Uniti al nere in funzione l’impianto locale di
sti 130 MWp sono connessi alla rete. fine di salvare il proprio settore indu- Suntech, con i suoi 10.000 addetti, per-
Dal punto di vista della tecnologia, striale. Tuttavia questa strategia ha mettendo a Wuxi Suntech di ristruttu-
SunPower dichiara di avere ridotto un suo prezzo dal momento che il rare il suo debito. Un comitato com-
del 25% i costi di produzione nel 2012 costo dell’elettricità solare in Cina posto da rappresentanti del Governo
63

il barometro dell’energia fotovoltaica


locale ed esperti legali sarà incaricato in atto da alcuni suoi concorrenti e prio mercato nazionale ha riguardato
di gestire la ristrutturazione di Wuxi all’offerta troppo elevata rispetto alla anche la firma a marzo di un accordo di
Suntech. domanda. L’azienda vuole basarsi sulle cooperazione strategica con il produt-
cifre del 4° trimestre del 2012, che sono tore cinese di silicio GCL-Poly Energy
LDK Solar può andare avanti? in leggero miglioramento, per ritrovare Holdings Ltd. Questo accordo significa
I problemi finanziari di Suntech Power progressivamente la profittabilità. che da oggi in poi Yingli avrà accesso
non rappresentano un caso isolato. Essa ritiene che, nonostante i bassi a silicio a basso costo e che GCL-Poly
LDK Solar è un altro operatore cinese incentivi in Europa, la domanda mon- avrà accesso a moduli a basso costo
al limite dell’implosione. L’azienda - diale si riprenderà nel 2013 a seguito per sviluppare i suoi progetti. Un altro
che rappresenta il secondo maggiore del calo futuro del prezzo dei moduli. aspetto importante è che se il Governo
produttore di wafer al mondo dopo Essa vede prospettive di crescita nei cinese decide di implementare tasse
GCL-Poly Energy, un altro produttore nuovi mercati come Africa, America e sul silicio importato, Yingli non sarà
cinese, ed è anche integrata vertical- Medio Oriente. Essa è anche incorag- colpita da questa misura.
mente lungo la catena del valore dei giata dalle recenti dichiarazioni in Asia
moduli fotovoltaici - ha già contratto da parte di Cina e Giappone che hanno
oltre 3,1 miliardi $ di debiti alla fine di incrementato i propri obiettivi di con- CAMBIO DI PARADIGMA IN
dicembre. L’azienda deve negoziare tributo dell’energia solare all’interno EUROPA PRIMA DEL 2020
con i propri creditori per ritrovare un della loro rete elettrica.
margine di manovra, ma la sua situa- Per analizzare il futuro del settore
zione rimane estremamente precaria. Partenariato strategico tra Yingli fotovoltaico in Europa conviene met-
Una possibilità per salvare l’azienda Green Energy e GCL-Poly tere da parte l’attuale consolidamento
sarebbe la sua acquisizione come inve- Yingli Green Energy è attualmente dell’industria mondiale. Come testimo-
stimento strategico da parte di un’a- il maggiore produttore di moduli e niano le forti perdite dei grandi gruppi
zienda pubblica. Anche una decisione celle (tabella 4). L’azienda cinese ha del settore, attualmente il livello dei
del Governo di applicare una tassa sul consegnato 2.297,2 MWp di moduli prezzi del mercato non è coerente
silicio importato potrebbe dare ossi- nel 2012 che corrisponde a un incre- con i costi reali di produzione del set-
geno a LDK. Nel frattempo e malgrado mento del 43,2% da un anno all’altro. tore, ma è dovuto prevalentemente
le sue perdite, la China Development Tuttavia, come diretta conseguenza alla situazione di sovrapproduzione.
Bank continua a supportare i progetti della caduta del prezzo dei moduli sul Tuttavia, vi sono buone prospettive
d’investimento dell’azienda. Lo scorso mercato, questo aumento ha preso la di riduzione di questi costi sia per
gennaio ha ottenuto un nuovo prestito forma di un calo nei guadagni netti quanto riguarda le tecnologie a silicio
da 400 milioni di RMB (69,8 milioni $) che sono passati da 14.678 milioni cristallino che le tecnologie a film sot-
per finanziare innovazioni tecnologi- RMB nel 2011 a 11.391,9 milioni RMB tile. Visti gli attuali trend del prezzo
che (nell’ambito dell’idroclorurazione) nel 2012 (1.828.5 milioni $). Le conse- di mercato dell’elettricità in Europa,
presso il suo impianto di produzione guenze sulla profittabilità del Paese è inevitabile la competizione tra l’e-
di lingotti policristallini di Ma Hong. sono forti. Le perdite nette di Yingli lettricità da solare e gli altri settori di
LDK da parte sua ritiene che l’elevato Green Energy nel corso di tutto l’anno produzione “convenzionali”. Detto ciò,
livello dei debiti sia dovuto agli inve- sono arrivate a 3.064,4 milioni RNB va rilevato che il settore europeo sta
stimenti realizzati in questo impianto (491,9 milioni dollari), aggravate da un arrivando al termine di un ciclo e non
(circa 1,9 miliardi di dollari). quarto trimestre catastrofico che da sarà in grado di svilupparsi ulterior-
solo ha rappresentato una perdita di mente allo stesso ritmo né sulle stesse
Trina Solar in rosso 1.249 milioni RNB (200,5 milioni $). Que- basi di prima. Con il perdurare della
Anche un altro protagonista del set- ste perdite non dovrebbero frenare crisi economica e il peso della bol-
tore come Trina Solar è in difficoltà. l’espansione industriale. Per il 2013 letta energetica che comincia a farsi
Nel suo rapporto annuale del 2012, l’a- Yingli Green Energy intende raffor- sentire, l’opinione pubblica e i Governi
zienda cinese ha annunciato una ridu- zare la propria presenza sul mercato non sono più pronti ad affrontare una
zione netta dei suoi ricavi del 36,7% cinese con un incremento del 40% sfrenata e incontrollata crescita del
rispetto al 2011, cioè 1,3 miliardi di dol- delle consegne. Intende rafforzarsi in loro settore fotovoltaico, malgrado
lari nonostante nello stesso periodo le Giappone e in altre grandi regioni ad la riduzione dei costi di produzione.
consegne di moduli siano incremen- alto potenziale come il Sud America, Questo è evidenziato dal fatto che
tate del 4,5%, circa 1,59 GWp. Le sue il Sud-Est dell’Asia e l’Africa. L’azienda l’industria europea del fotovoltaico
perdite nette nel corso di tutto il 2012 ritiene anche di potere incrementare non è mai stata così in pessima forma
ammontano a 266,6 milioni $, mentre le consegne di moduli tra 3,2 e 3,3 GWp e questo a oggi è sinonimo di chiusura
erano solo 37,8 milioni di dollari nel nel 2013, questo dovrebbe consentire di impianti e perdita di posti di lavoro
2011. Secondo Trina Solar gli scarsi a Yingli Green Energy di mantenere la piuttosto che di acquisizione di quote
risultati sono dovuti a una strategia sua leadership mondiale. Il rafforza- di mercato. Questa situazione non
dei prezzi molto aggressiva messa mento di Yingli Green Energy nel pro- contribuisce più a favorire un soste-
64
il barometro dell’energia fotovoltaica

gno politico forte al settore, a seguito il sistema elettrico sia più intercon- University (Svezia), Cyprus Institute of Energy
della mancanza di ritorno economico nesso, più flessibile e più decentraliz- (Cipro), University of Miskolc (Ungheria),
in termini di crescita e occupazione. zato. L’EPIA, nella sua pubblicazione di STAEC (Lussemburgo), Romanian Photovoltaic
Nel breve termine, questo porterà settembre 2012 “Connecting the sun”, Industry Association (Romania), Ministry of
senza dubbio a un minore ritmo delle ha presentato i risultati del suo stu- Industry and Trade (Rep. Ceca), SEAI (Irlanda),
installazioni, almeno in quei Paesi che dio sul futuro del settore fotovoltaico Institute for Renewable Energy (Polonia), EPIA.
hanno un livello d’installazione relati- in Europa (EU 27, Turchia, Norvegia e
vamente alto. La tariffa feed-in garan- Svizzera). L’associazione ha preparato L’argomento del prossimo barometro
tita per le centrali di grande potenza si tre scenari di penetrazione in Europa: sarà il solare termico.
avvicinerà progressivamente ai prezzi lo “scenario di base” (“Business as
di mercato, in modo che le decisioni usual case”), che è il meno favorevole,
d’investimento non saranno più gui- prevede da parte del fotovoltaico un
date dalla speculazione ma da strate- contributo del 4% alla domanda euro-
gie energetiche coerenti e di lungo ter- pea nel 2020 e del 10% nel 2030. Uno
mine. Questo è quello che attualmente scenario intermedio “Accelerated
sta accadendo in Spagna con la costru- scenario” che prevede un contributo
zione dei primi impianti senza tariffa dell’8% nel 2020 e del 15% nel 2030. Lo
feed-in. Nel segmento delle installa- scenario più favorevole, il “Paradigm
zioni su tetto, la fatturazione tramite Shift Scenario”, che presume il supera-
“net metering” sarà sempre più diffusa mento di tutte le barriere allo sviluppo
in quanto non ha senso incentivare la del settore, prevede un contributo del
produzione quando la parità di rete è 12% del fotovoltaico nel 2020 e del 25%
effettiva. Dato che i prezzi dell’elet- nel 2030. In confronto, lo scenario dei
tricità differiscono da Paese a Paese, Piani d’azione nazionali del rapporto
questo cambio di paradigma dovrà di ECN prevede un contributo del 2,4%
avvenire gradualmente in linea con nel 2020, equivalente a 83,4 TWh di Questo Barometro è stato realizzato
le caratteristiche di ogni Stato. La tre- produzione e a una capacità installata da Observ’ER nell’ambito del progetto
“EurObserv’ER” al quale partecipano
gua potrebbe essere solo temporanea. di 84.376 MWp. Secondo EurObserv’ER, Observ’ER (Francia), ECN (Paesi
Essa dipende da investimenti strate- questo scenario è chiaramente supe- Bassi), Institute for Renewable
gici per favorire la crescita del settore rato considerati i risultati raggiunti da Energy (EC BREC I.E.O., Polonia), Jozef
in futuro. Inoltre va definito al più pre- alcuni Paesi rispetto ai propri impegni, Stefan Institute (Slovenia), RENAC
(Germania) ed EA Energy Analyses
sto un quadro di riferimento per il 2030 come Germania e Italia. Esso potrebbe
(Danimarca). La responsabilità per il
nell’ambito dei cambiamenti climatici essere raggiunto nella prima metà del contenuto di questa pubblicazione
e dell’energia. Questo è l’obiettivo del 2014 ed entro il 2015 dovrebbe essere è degli autori e non rappresenta
Libro Verde “A 2030 framework for superata la soglia dei 100 GWp (grafico l’opinione della Comunità Europea
climate and energy policies” adot- 2). L’aspetto positivo è che gli sforzi né quella di Ademe o della Caisse des
dépôts . La Commissione Europea,
tato dalla Commissione Europea il dei Paesi leader, che hanno assunto le Ademe e la Caisse des dépôts non
27 marzo 2013 e che apre la strada a loro responsabilità in materia di pro- sono responsabili dell’uso che potrà
una consultazione pubblica su que- tezione dell’ambiente, permettono essere fatto delle informazioni qui
sto tema. A medio e a lungo termine, agli altri Paesi dell’Unione Europea di contenute. Questa attività beneficia
del supporto finanziario di Ademe,
le infrastrutture di rete sono l’unico sviluppare i propri settori nell’ambito
del programma Intelligent Energy -
freno allo sviluppo del settore solare delle migliori condizioni finanziarie. Europe e della Caisse des dépôts.
e degli altri settori delle rinnovabili.
In Europa è necessario che in futuro Il Giornale del Fotovoltaico n° 9 La traduzione in italiano del
Aprile 2013 barometro pubblicato nella rivista
Download QualEnergia è a cura dell’Unità
Centrale Studi e Strategie dell’ENEA
Fonti tabella 1 e tabella 2: GSE e ENEA (Italia), ed è realizzata grazie all’accordo tra
EurObserver mette a disposizione ZSW (Germania), SOeS (Francia), DECC (Regno EurObserv’ER, ENEA e la rivista stessa.
un database interattivo degli Unito), APERE (Belgio), Helapco (Grecia), IDEA Tale accordo proseguirà anche nel
indicatori del Barometro su www. futuro. I Barometri sono scaricabili in
e CNE (Spagna), Regulatory Office for Network
energies-renouvelables.org (lingua formato elettronico agli indirizzi:
Industries and Energy Center Bratislava
francese) e www.eurobserv-er. (Slovacchia), Sustainable Energy Development http://www.enea.it/it/produzione-
org (lingua inglese). Cliccare sul Agency (Bulgaria), Photovoltaic Austria, Jozef scientifica/barometri-sulle-fonti-
banner “Interactive EurObserv’ER Stefan Institute-Energy Efficiency Centre rinnovabili
Database” per scaricare i dati del (Slovenia), Polderpv.nl (Paesi Bassi), DGGE e
http://www.eurobserv-er.org/
Barometro in formato Excel. EDP (Portogallo), Energinet.dk (Danimarca), downloads_ital.asp
National Statistics Office (Malta), Uppsala