Sei sulla pagina 1di 2

PARAMORFISMI E DISMORFISMI

i paramorfismi sono alterazioni della colonna vertebrale o degli arti inferiori correggibili e
reversibili, se presi in tempo (prima del termine dell’adolescenza, entro, quindi, il periodo
dell’ossificazione. Per correggerli con un busto o con degli esercizi idonei).
I dismorfismi sono alterazioni della colonna vertebrale o degli arti inferiori permanenti, irreversibili
e non modificabili se non chirurgicamente.
Sul piano sagittale, i paramorfismi della colonna vertebrale sono gli atteggiamenti lordotico e
cifotico. Quando questi si cronicizzano si trasformano in dismorfismi chiamati lordosi e cifosi.
Il tratto delle vertebre cervicali fisiologicamente ha una convessità anteriore; quando si accentua e
diventa un paramorfismo prende il nome di atteggiamento lordotico cervicale. Se cronicizza fino a
diventare dismorfismo parleremo di lordosi cervicale.
Il tratto delle vertebre dorsali fisiologicamente ha una convessità posteriore; quando si accentua e
diventa un paramorfismo prende il nome di atteggiamento cifotico dorsale. Se cronicizza fino a
diventare dismorfismo parleremo di cifosi dorsale.
Il tratto delle vertebre lombari, fisiologicamente ha una convessità anteriore; quando si accentua e
diventa un paramorfismo prende il nome di atteggiamento lordotico lombare. Se cronicizza fino a
diventare dismorfismo parleremo di lordosi lombare.
Raramente il tratto delle vertebre sacro-coccigee, che ha una convessità posteriore, può trasformarsi
in un paramorfismo, chiamato atteggiamento cifotico sacro-coccigeo, e ancora più raramente in
dismorfismo, detto cifosi sacro-coccigea.
I due tipi più comuni cono la cifosi dorsale e la lordosi lombare.
Sul piano frontale il paramorfismo della colonna vertebrale è l’atteggiamento scoliotico. Quando si
cronicizza fino a diventare dismorfismo prende il nome di scoliosi.
Ci sono vari tipi di scoliosi:
 a curva unica (tutte le vertebre si orientano a destra o a sinistra)
 a doppia curva/ da compensazione ( una parte delle vertebre va a destra/sinistra e l’altra,
per compensare, va dalla parte opposta)
 multipla (divisa in più tratti che vanno a destra o a sinistra)
 idiopatica (non si conosce la sua origine ed è diffusa tra gli adolescenti, soprattutto a causa
degli ormoni che cambiando l’umore portano degli atteggiamenti non adeguati)
Le curve fisiologiche servono a distribuire equamente il peso nel corpo.
CIRCONDUZIONE
Passaggio per 4 posizioni a 2 a 2 diametralmente opposte 360°
 sul piano frontale → alto sinistra basso destra
 sul piano sagittale → alto davanti basso dietro
OSCILLAZIONE
passaggio fra 2 posizioni diametralmente opposte, presuppone un’andata e un ritorno e deve
comprendere il basso (al contrario della semicirconduzione, che può passare anche per l’alto)
180° all’andata e 180° al ritorno
POSIZIONI DI DECUBITO
supino, prono, laterale destro e sinistro
VAGISMO
Le rotule si avvicinano
La tibia e il perone vanno verso l’esterno
Il peso va a poggiarsi sulla parte interna del piede
Può essere causata da un’iperlassia legamentosa, da una scarpa con una suola sbagliata o da un peso
eccessivo.
VARISMO
Le rotule vanno verso l’esterno
Asse della gamba va verso l’interno
Il piede subisce uno spostamento sul bordo esterno
PIEDE EQUINO (si cammina sulle punte)
Piede che poggia il peso sulle falangi e sulle 5 metatarsali, tutto il resto del piede resta sollevato
PIEDE TALO (si cammina con la parte posteriore del piede)
L’astragalo e calcagno sostengono tutto il peso
PIEDE PIATTO
La pianta del piede, che di solito è sollevata (arco plantare) ad eccezione delle 5 metatarsali e del
calcagno, tende ad appoggiarsi →piede piatto
SCAPOLE ALATE
Nelle scapole (osso piatto triangolare) il bordo interno sporge e le due scapole tendono a guardarsi