Sei sulla pagina 1di 2

SUBORDINATE SOGGETTIVE

Un'attività sportiva regolare è utile.  

Fare regolarmente dello sport è utile.  

È utile  che facciamo regolarmente dello sport.  

Le frasi che fungono da soggetto rispetto alla reggente.

Si dice che sia un gran bevitore.  

È bene riflettere prima di ogni discorso.  

Riconosciamo il tipo della frase soggettiva. La soggettiva è una subordinata complementare diretta che fa
da soggetto alla frase reggente. I verbi che reggono questo tipo di frase sono:

 Verbi usti in forma impersonale come accadde, avviene, bisogna, conviene, sembra  e così via:

Bisogna rientrare sempre entro la mezzanotte.  

Verbi dichiarativi usati nella costruzione del  si impersonale (  si dice, si narra, si racconta) o al passivo ( è
stato detto, sono stati raccontati):

Anticamente si diceva che la terra fosse piatta.  

Espressioni impersonali come  è bello, va bene, fa bene, cioè formati dalla terza persona singolare dei verbi
essere, andare, fare, stare, qualificata da un aggettivo o un sostantivo:

È bene che oggi restiate a casa.  

È necessario aiutare gli amici.  

Non fa bene fare il bagno dopo aver  mangiato abbondantemente.  

Verbi indicanti sentimento come dolersi, rallegrarsi, spaventarsi:

Mi rallegro che tu sia guarito.  

FORMA ESPLICITA, FORMA IMPLICITA

Nella forma esplicita la soggettiva è introdotta dalla congiunzione subordinativa “che” ed è costruita con i
verbi al modo  indicativo, congiuntivo, condizionale:

Sembra  che il nostro amico verrà domani.  

È necessario che venga domani.  


Si diceva che sarebbe venuto domani.  

Nella forma implicita può essere introdotta dalla preposizione “di ” e ha il verbo all'infinito, oppure può
legarsi direttamente alla principale:

La mia decisione è di restare qui.  

È bello essere amici.  

 La subordinata soggettiva