Sei sulla pagina 1di 34

Habla Italiano

¿Por qué y para qué? en italiano son


más fáciles

¿Cómo podemos preguntar o explicar el motivo de algo, en italiano?

La primera respuesta, la más sencilla, es que utilicemos “perché“.

Pero hay más opciones… ¿las conoces?

Perché sei arrivato tardi al lavoro? -> Perché non mi è suonata la sveglia.
Perché sono arrabbiati con noi? -> Perché credono che abbiamo rubato loro la macchina.

Perché siete venuti? (por qué / para qué)


Siamo venuti perché volevamo. (porque)
Siamo venuti perché ci diate la vostra lettera (para que)

Ho mangiato perché avevo fame. (mayor causa que esta, imposible…)

-> Ho mangiato poiché avevo fame  – formal, no se suele usar en conversaciones


cotidianas
-> Ho mangiato dal momento che avevo fame
-> Ho mangiato dato che avevo fame
-> Ho mangiato visto che avevo fame

El subjuntivo presente:
más conjugaciones

Non credo che loro parlino con il presidente.


Spero che tu legga davvero questo libro.
La mamma ha paura che il bambino non dorma bene.

È importante che troviate presto un lavoro.


Mi fa piacere che Maria creda in te.
Hai paura che io ti menta?

1
Ho paura che dobbiate partire domani.
Gli dispiace che tu te ne vada.
Qualsiasi cosa dica Mario, a Luisa va bene.
Ma cosa vuoi che facciano i tuoi amici?

Completa le seguenti frasi col verbo corretto al congiuntivo presente:

*per visualizzare le soluzioni, seleziona lo spazio in bianco dove va inserito il verbo:

1. Non mi piace che tu (avere) abbia sempre paura.


2. Bisogna che voi (essere) siate pronti per le nove in punto.
3. Non so se (essere) sia lei la nuova professoressa di storia.
4. Ho paura che loro (avere) abbiano l’influenza.
5. Non serve che noi (avere) abbiamo il passaporto, per andare in Francia basta la
carta d’identità.
6. Vuoi che io (essere) sia perfetto, ma non lo sono.
7. Vogliamo adottare un cane che non (essere) sia troppo grande.
8. Giovanni pensa che io (avere) abbia quindici anni.
9. Nei momenti difficili, bisogna che loro (essere) siano uniti.
10. Mi dispiace che noi (essere) siamo così lontani.
11. Voglio che voi (avere) abbiate più rispetto per le altre persone!
12. Speriamo che il gelato (avere) abbia anche la panna montata.
13. Non mi sembra che tu (essere) sia tanto furbo.
14. La nonna è felice che Maria (avere) abbia un po’ di tempo per farle compagnia.

Vamos a conocer al señor Bianchi:

Buongiorno!
Sono il signor Bianchi e lavoro alla Rossi SpA, una ditta di Milano specializzata nella
fornitura di apparecchiature industriali. Lavoro nel reparto commerciale, dove mi
occupo di organizzare la nostra rete di agenti nell’area dell’Italia centrale. Gestisco
(gestiono) tutte le attività che permettono ai nostri rappresentanti (comerciales) di
trattare con i nostri clienti nei migliori dei modi. Non sono da solo a fare questo
lavoro, ma ne sono il responsabile e dirigo un gruppo di sei persone.

Fíjate en las preposiciones:

Cuando hablamos de la empresa en la que trabajamos, utilizamos la preposición “a“:


lavoro alla Rossi SpA.
2
Cuando hablamos del sector, el departamento en los que trabajamos, o de la actividad
específica que llevamos a cabo, utilizamos la preposición “in“: lavoro nel reparto
commerciale.

Ahora vamos a ver cómo se presenta Laura en una entrevista de trabajo, en la que nos
habla de su última experiencia y de sus expectativas laborales:

Fino alla settimana scorsa ho lavorato come impiegata (administrativa) in


un’importante banca di Torino, nel reparto risorse umane. Ero alle dipendenze dirette
del direttore del personale. Mi occupavo in particolare della selezione dei candidati e
della loro assunzione (contratación). Purtroppo però si trattava di un lavoro a tempo
determinato e la settimana scorsa il mio contratto è scaduto (vencido). In passato ho
lavorato spesso con contratti a progetto, part-time (a tiempo parcial) e anche come
libera professionista (autónoma) nel mondo del design. Uno degli aspetti che più mi
interessano della vostra offerta di lavoro, oltre alle mansioni (funciones, tareas) che
ritengo interessanti, è proprio la possibilità di avere un lavoro a tempo determinato
con un orario fisso, per avere una maggiore stabilità.

Más preposiciones (sólo un poquito): cuando hablamos de la función que ejercemos


utilizamos “come“: ho lavorato come impiegata. Ojo con este falso amigo:
“impiegato” puede significar tanto “empleado” como, en este caso, “administrativo“.

Lavoro come libera professionista, in particolare faccio la traduttrice e l’insegnante di


italiano per stranieri. Questo significa che non ho un orario fisso né un contratto di
lavoro, ma lavoro a progetto per delle agenzie o a volte direttamente per i clienti. Gli
svantaggi (desventajas) di questo lavoro sono l’instabilità e l’irregolarità: ci sono dei
periodi, anche lunghi, in cui non ho niente da fare, non fatturo e non guadagno (gano
dinero) ed altre in cui posso lavorare anche dieci o dodici ore al giorno, anche di sabato
e di domenica.

D’altra parte ho anche molti vantaggi (ventajas): posso lavorare da casa o dove
voglio, posso scegliere quali lavori accettare e quali rifiutare, non ho nessun capo (jefe)
oltre a me stessa e posso organizzare la mia giornata in modo flessibile, perché non
ho orari troppo definiti. A volte preferisco andare in spiaggia di giorno e poi lavorare di
notte.

E tu che lavoro fai o vorresti fare? Puoi parlarci di te lasciando un commento. Le DOTI
richieste dipendono dal settore professionale per il quale si fa il colloquio: la creatività

3
è apprezzata per un posto nel marketing o nella comunicazione, ma non troppo nella
finanza.

Ma anche se volete lavorare nella direzione, l’amministrazione del personale, la


produzione o la ricerca e lo sviluppo (investigación y desarrollo), è sempre
necessario lavorare sodo (trabajar duro) ed essere puntuali. Inoltre si apprezzano la
partecipazione attiva, la flessibilità, l’entusiasmo, la voglia di proporre
miglioramenti (proponer mejoras) e di imparare. Come avrete già indicato nel
curriculum, durante il colloquio vi sarà chiesto che lingue parlate, se avete consoscenze
informatiche o competenze specifiche (competencias o habilidades específicas) in
altri settori.

Per mettere alla prova le vostre prospettive (perspectivas) e la vostra ambizione, vi


può essere chiesto dove vi immaginate tra cinque o dieci anni.
È meglio orientare la vostra risposta verso lo sviluppo delle vostre competenze
professionali invece di parlare di promozione (ascenso) e di scalata nella gerarchia
aziendale (subir en la jerarquía de la empresa).

Le grandi aziende, come le società multinazionali, apprezzano o esigono la


disponibilità a viaggiare anche per lunghi periodi; in cambio offrono spesso dei piani
formativi (planes de formación) per migliorare le qualifiche professionali dei propri
impiegati.

Durante il colloquio è importante precisare quale sarà l’orario, se si tratta di un lavoro a


tempo pieno o part time (a jornada completa o parcial), se si lavorerà a turno, se c’è
la possibilità o la necessità di fare ore extra e come vengono ricompensate.

È anche il momento di parlare di stipendio (sueldo) o salario: qual è lo stipendio lordo


annuo (bruto anual), se sono previste la tredicesima e la quattordicesima (pagas
extras), se ci sono bonus e incentivi.

Non è il caso, invece, di parlare di ferie (vacaciones): se il colloquio andrà bene avrete


presto occasione di prendervi le vacanze (vacaciones) o qualche giorno libero (días
libres).

Vi sarà chiesto sicuramente quando potete cominciare, se avete disponibilità


immediata e potete iniziare al più presto (cuanto antes) o a partire da una data
concreta.

Il colloquio spesso conclude con la tipica frase “appena prenderemo una decisione, ti
faremo sapere“.

Non resta che aspettare…. BUONA FORTUNA!!!

4
----------------------------------------------------------------------------------------------------------
---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Per prima cosa, scopriamo cosa significa la parola “Ferragosto”: proviene dal latino
“Feriae Augusti“, il riposo di Augusto, poiché la festa venne istituita proprio
dall’imperatore Augusto nel 18 a. C.

In origine questa festa iniziava il 1 agosto, ma durava anche tutto il mese, fino a
collegarsi con la festività dei Consualia, che celebrava la fine dei lavori agricoli ed era
dedicata a Conso, il dio romano della fertilità e della terra.

Come si festeggiava il Ferragosto? I cavalli a i buoi, ormai a riposo nei campi, venivano
adornati con dei fiori. Si organizzavano anche corse di cavalli, cosa che sembra poter
essere all’origine del Palio dell’Assunta, che si corre a Siena ogni anno il 16 agosto

Nel VII secolo d. C. la Chiesa, come sempre, volle assimilare questa festa pagana ad
una festa cattolica e scelse il 15 agosto per celebrare l’Assunzione di Maria.

Nella cultura popolare italiana il Ferragosto è una data ricca di tradizioni: dalla semplice
gita (excursión) al mare o in montagna, fino ad eventi speciali. Ad esempio a Sarteano,
in provincia di Siena, si celebra la famosa Giostra del Saracino, una ricostruzione dei
tipici tornei medievali.

A Porto Santo Stefano si organizza invece il Palio dell’Argentario, una regata remiera
dall’origine antichissima.

A seconda della località, anche la cucina celebra il Ferragosto con dei piatti tipici, come
ad esempio il piccione arrosto (pichón asado) in Toscana, magari col riso (a Piacenza),
o il pollo (con ricette tradizionali a Roma e in Puglia) e infine il gelo di melone
siciliano, una specie di sorbetto all’anguria (sandía).

E voi sapete già come festeggerete il Ferragosto?

5
----------------------------------------------------------------------------------------------------------
---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Italiano Español
   
Proporre un appuntamento Proponer una cita
Forse sarete interessati a… Quizá os interese…
Le propongo una riunione per Le propongo reunirnos para
discutere… discutir…
Sarei lieto di incontrarla per Agradecería encontrarle para
offrirle… ofrecerle…
Siamo lieti di informarla che… Nos complace informarle que…
   
Chiedere conferma di un appuntamento Pedir confirmación de una cita
Sarebbe così gentile da Sería Vd. tan amable de
confermarmi… confirmarme…
Le sarei molto grato se potesse Agradecería que me pudiera
confermare la sua disponibilità confirmar su disponibilidad para…
per…
La prego di farmi sapere se le va Le ruego hacerme saber si le va
bene… bien…
A che ora le andrebbe meglio? ¿A qué hora le iría mejor?
   
Confermare un appuntamento Confirmar una cita
La presente per confermare il Con la presente le confirmo nuestra
nostro appuntamento del… cita del día…
Giovedì alle 12 mi va bene. El jueves a las 12 me va bien.
Le confermo la mia assistenza. Confirmo mi asistencia.
Le confermo la mia partecipazione. Confirmo mi participación.
   
Spostare un appuntamento Aplazar una cita
Sono spiacente di dovervi Lamento tener que comunicaros que
comunicare che mi risulta me resulta imposible asistir…
impossibile assistere…
Quel giorno non sono disponibile; vi Ese día no estoy disponible; ¿os iría
andrebbe bene venerdì? bien el viernes?
Suggerisco di spostare la riunione al Sugiero aplazar la reunión a la
pomeriggio. tarde.

6
Mi spiace ma sono costretto a Lo siento, pero me veo obligado a
cambiare la data. cambiar la fecha.
   
Annullare un appuntamento Cancelar una cita
Mi spiace ma non potrò assistere Lo siento pero no podré asistir a la
all’appuntamento perché… cita porque…
Mi scuso per il disagio / per il Disculpen las molestias.
disturbo.
Mi spiace ma ho un altro impegno, Lo siento pero tengo otro
non posso venire. compromiso, no puedo venir.
Mi spiace ma devo annullare Lo siento, pero tengo que cancelar
l’appuntamento a causa di… la cita a causa de…

Nada más comenzar la reunión, el moderador suele utilizar unas frases de apertura
como por ejemplo:

Benvenuti alla riunione


Grazie di essere venuti / della vostra presenza
L’ordine del giorno prevede…

Si el que está hablando no se explica bien, puedes pedirle amablemente que lo haga
mejor con fórmulas como estas:

Puoi ripetere per favore?


Scusa, credo di non averti capito bene.
Potresti chiarire questo punto?Potresti spiegarlo di nuovo?
Potresti spiegare meglio i dettagli?

Y más importante aún, siéntete libre de intervenir con tus ideas arrancando por
ejemplo con:

Scusa se ti interrompo, ma vorrei aggiungere qualcosa (algo)


Non vorrei interrompere, ma mi piacerebbe chiarire una cosa
Posso interromperti un secondo? Vorrei proporre un’idea
Vi spiace se aggiungo una cosa?

7
Sono d’accordo con te
Mi sembra davvero un’ottima idea
A questo proposito penso che…
Non sono d’accordo! Penso piuttosto (más bien) che…
Aspetta! E se invece…
Se siete d’accordo, credo che potremmo…

Por otro lado, demasiadas interrupciones no son buenas; devuelve un poco de orden
diciendo:

Per favore, non interrompermi


Se mi permetti di finire…

Quizá no quieras ser tú quien lo proponga, pero… los descansos también son muy
importantes en las reuniones largas:

Facciamo dieci minuti di pausa caffè

La reunión se acerca a su fin: es hora de ir sacando conclusiones y aclarar los últimos


detalles:

Puoi riassumere per favore?


Purtroppo (desgraciadamente) non abbiamo tempo per parlare di…
Qualcuno (alguien) vuole aggiungere qualcosa?
C’è qualcos’altro (algo más) da discutere?
Ci sono domande?
Grazie a tutti della partecipazione, ci vediamo alla prossima riunione

Ahora toca asignar tareas:

Siete d’accordo se per questa settimana…


Ti puoi incaricare di…
Per favore prepara…
Sig. Rossi, può organizzare la prossima riunione?

8
Y si eres el señor Rossi, al que le ha tocado organizar la siguiente reunión, tendrás
que cuadrar fechas y horas entre los participantes.

Vi va bene se ci rivediamo giovedì prossimo alle nove?


Che giorno siete liberi per rivederci?
Vi confermerò data e ora della prossima riunione via e-mail

----------------------------------------------------------------------------------------------------------
---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Mario: -Adesso vediamo dove si prende il treno per arrivare a Roma.


Francesca: -Guarda, qui c’è un cartello: dice di andare dritti.
M: -Sì, è vero. Guarda: si vede la stazione lì in fondo.

M: -Buongiorno! Due biglietti per Roma, per favore.


B: –Andata e ritorno o solo andata?
M: -Non so… il ritorno sarebbe tra una settimana: il biglietto sarà ancora valido?
B: -Certo! Il biglietto ha una validità di quindici giorni.
M: -Allora facciamo andata e ritorno, sicuro che così costa meno.
B: –Prima o seconda classe?
M: -Va bene anche la seconda. Quant’è?
B: -Sono quindici euro e quaranta centesimi.
M: -Ecco qua. A che ora parte il prossimo treno?
B: -Il prossimo parte tra due minuti, binario 1. Se lo perdete, potete vedere quand’è il
successivo sul tabellone degli orari qui a destra.
M: -Ok, grazie. Mi scusi, ma questo treno è diretto, vero? Non dobbiamo fare nessun
cambio?
B: -Sì, è diretto, vi porta direttamente in centro a Roma. Si ricordi di obliterare il
biglietto prima di salire!

Avete prenotato i biglietti?

> Sì! Siamo pronti per partire, dobbiamo solo stamparli e preparare la valigia!

> Sono arrivato in aeroporto in anticipo: mancano ancora tre ore per il volo!
> Sono arrivato in aeroporto in ritardo e ho perso l’aereo!

> Il volo per Dubai è diretto?


> No, fa scala a Parigi.

9
> Siamo arrivati in tempo, andiamo a fare il check-in!
> A che bancone dobbiamo andare?

> Diamo i documenti alla hostess: tu hai il passaporto o la carta d’identità?

> Quanti bagagli volete imbarcare?


> Due bagagli: una valigia per me e una per lui.

> Aiuto! Non trovo la mia carta d’imbarco!!

> Signore e signori buongiorno e benvenuti sul volo XY123 con destinazione Roma.
Tra pochi minuti inizieremo il decollo.
Siete pregati di allacciarvi le cinture di sicurezza e di mantenere lo schienale del
sedile in posizione verticale fino a quando l’apposito segnale luminoso si sarà spento.

> Signore e signori, tra pochi minuti atterreremo nell’aeroporto di Roma Fiumicino.


Siete pregati di sedere al vostro posto e di allacciarvi le cinture di sicurezza.

> Preferisci il posto sul corridoio o vicino al finestrino?

> Finalmente possiamo scendere dall’aereo! Andiamo a ritirare i bagagli!

> Dov’è la consegna bagagli?


> Per il nostro volo, al nastro numero 3.

> Il nastro si è fermato, ma la mia valigia non è arrivata


> Se la tua valigia non arriva, puoi rivolgerti allo sportello dei bagagli smarriti.

> Come funziona quando ti perdono la valigia?


> Di solito la valigia arriva con uno dei voli successivi, al massimo il giorno dopo.

Grazie al recapito scritto sull’etichetta della valigia e lasciando il tuo numero di telefono
allo sportello dell’aeroporto, quando arriva la valigia ti contattano e te la portano
all’indirizzo che vuoi.

Qual è l’età di Marco?


Qual è il nome di questa piazza?
Qual è la data del tuo compleanno?
Qual è il senso di questa canzone?

Quale fu il primo re di Roma?


Quali sono i vostri attori preferiti?
Quale sarà il nome di vostro figlio?
Quali sono stati i primi esploratori ad arrivare in Australia?

10
Scriverti è facile, è veloce Escribirte es fácil, es rápido
Per uno come me Para uno como yo
Non temo mai le conseguenze, amo le Nunca temo las consecuencias, amo las
partenze salidas
Ridere è difficile, è lento Reír es difícil, es lento
E fosti un imprevisto Y fuiste un imprevisto
Un angelo in un angolo mi strappò un Un ángel en una esquina me arrancó una
sorriso vero sonrisa verdadera
Starò ancora bene veramente, veloce o Seguiré estando bien, realmente, rápido
lento o lento
Appena smetterò di domandarmelo En cuanto deje de preguntármelo,
suppongo supongo
Perderti fu facile, fu veloce Perderte fue fácil, fue rápido
Arreso al terrore Rendido ante el terror
Che dopo poche ore Que después de pocas horas
Mi chiamavi amore Me llamaras amor
L’estate è tornata e chiede di te El verano volvió y pregunta por ti
Ritorna senza avvisare, non dirmelo Vuelve sin avisar, no me lo digas
Imparo lento e sbaglio veloce Aprendo lento y me equivoco rápido
Quindi devo ripeterlo Entonces te lo tengo que repetir
Ti amo, amore mio Te amo, amor mío
E non pensare a niente Y no pienses en nada
A te ci penso io De ti me encargo yo
Perdermi è facile, davvero veloce Perderme es fácil, realmente rápido
Per chiunque mi stia accanto Para cualquiera que esté a mi lado
Apprezzo il tentativo e mentre parli Aprecio el esfuerzo y mientras hablas
Sto già andando Ya voy yendo
Stare insieme è assurdo, è lento Estar juntos es absurdo, es lento
È un dazio che l’amore Es una carga que el amor
Concede al terrore di restare soli Le concede al terror de quedarnos solos
Cancellare ogni viaggio Borrar cada viaje
Pur di non vederti andare via per sempre Con tal de no verte marchar para
siempre
È cosa facile, è cosa velocissima Es algo fácil, es algo rapidísimo
È cosa stupidissima Es algo estupidísimo
È lento reprimere un progetto Es lento reprimir un proyecto
In prospettiva dell’aspettativa En la prospectiva de una expectativa
Di parlare solamente al plurale, è inutile De hablar solo en plural, es inútil
Non lo vorrò mai Nunca lo querré
L’estate è tornata e chiede di te El verano volvió y pregunta por ti
Ritorna senza avvisare, non dirmelo Vuelve sin avisar, no me lo digas
Imparo lento e sbaglio veloce Aprendo lento y me equivoco rápido
Quindi devo ripeterlo Entonces te lo tengo que repetir

11
Ti amo amore, mio Te amo, amor mío
E non pensare a niente Y no pienses en nada
Amore, io ti amo Amor, yo te amo
Da quando mi fu concesso il tempo Desde que se me concedió el tiempo
Ma ritorna e Pero vuelve y
Decidi tu se veloce o lento Decide tú si rápido o lento
Questa estate non vuole aspettare Este verano no quiere esperar
Ritorna da me, ritorna quando vuoi tu Vuelve a mí, vuelve cuando quieras tú
Amo lento e corro veloce Amo lento y corro rápido
Quindi ora mi fermo qui Así que me detengo aquí
Ti amo, amore mio Te amo, amor mío
E non pensare a niente Y no pienses en nada
A te ci penso io De ti me encargo yo
Ci penso io Me encargo yo

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Cari amici, Hablaitaliano se ne va in vacanza! Torneremo la prossima settimana con nuovi


articoli e grandi novità!!! BUONE VACANZE A TUTTI!

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

La punteggiatura e altri simboli in italiano – Signos de puntuación y otros símbolos


Buongiorno a tutti!!! 
Cominciamo la giornata con tante esclamazioni!

E con tanti altri segni della punteggiatura italiana, come ad esempio questi… come si
chiamano? Ah, sì… i puntini!

Oggi impareremo i nomi dei “simboli“ principali che possiamo usare per scrivere in
italiano.

Vi serviranno ad esempio negli esercizi di dettato (dictado) o se lavorate nel mondo


dell’editoria.

Questi sono i principali segni ortografici e della punteggiatura italiana, seguiti da alcuni
tra i simboli più frequenti che potete trovare su tutte le tastiere (teclados) italiane:
12
. , ; :
PUNTO VIRGOLA PUNTO E DUE PUNTI
VIRGOLA

… ! ? `´
PUNTINI PUNTO PUNTO ACCENTO
DI ESCLAMATIVO DI DOMANDA GRAVE E ACUTO
SOSPENSIONE

’ ¨ ‘’ “”
APOSTROFO DIERESI VIRGOLETTE VIRGOLETTE
SEMPLICI O DOPPIE O DOPPI
APICI APICI
SEMPLICI

«» / \ ()
VIRGOLETTE BARRA BARRA PARENTESI
BASSE O INVERSA TONDE
CAPORALI

[] {} * #
PARENTESI PARENTESI ASTERISCO CANCELLETTO
QUADRE GRAFFE

@ ^ º/ª &
CHIOCCIOLA ACCENTO ORDINALE “E” COMMERCIALE
CIRCONFLESSO

13
% © _ ∞
PER COPYRIGHT TRATTINO INFINITO
CENTO BASSO

+ – × =
PIÙ MENO PER UGUALE

Paolo Villaggio è stato un attore, scrittore e comico italiano, famoso soprattutto per aver
creato e interpretato il personaggio del ragionier (contable) Ugo Fantozzi.

Fantozzi è il protagonista di diversi film apparentemente comici, che rappresentano in


modo satirico e la realtà dei lavoratori italiani, come in una caricatura.

Fantozzi è il rappresentante dell’impiegato perdente, sottomesso, maltrattato, sfortunato.


Come lo definí lo stesso Paolo Villaggio, è “la quintessenza della nullità“.

Fantozzi, come tutti i suoi colleghi, è malato di sudditanza (sumisión) nei confronti del
potere: cerca continuamente di adulare e compiacere i capi spietati (jefes despiadados),
come il Megadirettore Galattico, che in ufficio ha la “poltrona di pelle umana”, e in
cambio ottiene solo disprezzo e maltrattamenti.

Più dei suoi colleghi è vittima della sfortuna, tanto che lo segue sempre una nuvola: la
famosa “nuvola di Fantozzi”. Uno dei nuvoloni da impiegato (nubarrones del
empleado), che “stanno in agguato (al acecho) anche 14 mesi, ma che quando scoprono
che il loro uomo è in ferie o in vacanza gli piombano (se abalanzan) sulla testa
scaricandogli addosso (arrojándole encima) tonnellate di pioggia fitta e gelata”. Tutti i
personaggi dei libri e dei film di Fantozzi rappresentano i paradossi dell’Italia negli
anni dell’espansione economica: i padroni (dueños) ricchi e corrotti (corruptos), i
lavoratori senza nessuna dignità, sempre alla ricerca di compiacere i padroni; gli
impiegati col posto fisso (empleo fijo) dediti a (dedicados a) lavorare quanto meno
possibile.

A questo proposito è molto rappresentativa la denominazione dei reparti


(departamentos) che constiuiscono la Ital Petrol Ceme Termo Tesill Farmo Metal
Chimica, l’azienda in cui lavora Fantozzi:

14
 Ufficio Impiegati Smarriti (empleados perdidos)
 Ufficio Bustarelle (sobres) e Raccomandazioni (enchufes)
 Ufficio Furti (hurtos) e Ricatti (chantajes), poi diventato Ufficio Lettere
Anonime e Ricatti
 Ufficio Amministrazione
 Ufficio Sinistri (siniestros), poi diventato Ufficio Attentati e Sinistri
 Ufficio Ricerche (búsquedas) Impiegati Murati Vivi (emparedados vivos)
 Ufficio Adulazioni

La avventure di Fantozzi sono ormai parte dell’immaginario collettivo italiano, tanto


che l’aggettivo “fantozziano” è compreso da anni in tutti i dizionari (col significato di
persona servile, goffa (torpe), ridicola, o di situazione estremamente penosa).

Inoltre (además) alcune delle sue espressioni sono entrate nel nostro linguaggio
quotidiano e forse ne avrete sentita dire qualcuna dai vostri amici italiani. Per
concludere, se vi va di imparare l’italiano ridendo (anche se la satira dà sempre molto da
pensare…) vi lascio anche quest’altro video con alcune delle scene più rappresentative
dei film di Fantozzi. Di nuovo, buon divertimento!

----------------------------------------------------------------------------------------------------------
---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Contabilidad en italiano: il bilancio

15/06/2017 cinzia curso de italiano, italiano comercialbalance en italiano, contabilidad,


contabilità, conto economico, italiano comercial, stato patrimoniale

1 Vote

15
Tras “tanto” tiempo sumergida en el mundo de las letras y los idiomas y antes de que se me
olvide lo poco que sé de contabilidad, ya toca volver a hablar de italiano comercial,
profundizando sobre un tema muy específico como es el de la terminología contable.

Descubriremos así cómo se llaman TODAS las partes que componen los estados financieros en
una empresa italiana.

Empezamos aclarando ya un posible malentendido debido a un falso amigo: en italiano la


palabra bilancio (literalmente balance) no hace referencia propiamente al balance de situación
de la contabilidad española, sino al conjunto de los estados financieros de la empresa.

Por lo tanto el bilancio d’esercizio incluirá tanto el balance de situación como la cuenta de
pérdidas y ganancias, la memoria y el estado de flujo de efectivo.

En este post trataremos en detalle la estructura y los componentes del balance de situación
(stato patrimoniale) y de la cuenta de resultado – o pérdidas y ganancias (conto economico).

Todos los conceptos vienen con su traducción al español, exacta en los casos que sí aplican a la
contabilidad española o simplemente como traducción literal cuando dichos conceptos no
constan de por sí en los estados financieros en español.

 
LO STATO PATRIMONIALE = EL BALANCE DE SITUACIÓN

 ATTIVO (activo)

 CREDITI VERSO SOCI – VERSAMENTI DOVUTI (créditos hacia socios por pagos
pendientes)
 IMMOBILIZZAZIONI O CESPITI (inmovilizados)
 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI (inm. inmateriales o intangibles)
 COSTI DI IMPIANTO (costes de inicio de la actividad)
 COSTI DI RICERCA, SVILUPPO E PUBBLICITÀ (investigación,
desarrollo y publicidad)
 DIRITTI DI BREVETTO INDUSTRIALE (patente industrial)
 LICENZE, MARCHI, ECC. (licencias y marcas)
 IMMOBILIZZAZIONI IN CORSO (inmovilizados en curso)

16
 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI (inm. materiales o tangibles)
 TERRENI E FABBRICATI (terrenos y edificios)
 IMPIANTI E MACCHINARI (maquinaria)
 ATTREZZATURE INDUSTRIALI E COMMERCIALI (equipamiento /
instalaciones)
 IMMOBILIZZAZIONI IN CORSO
 IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE (inmovilizados financieros)
 PARTECIPAZIONI IN: (participaciones)
 IMPRESE CONTROLLATE (empresas subsidiarias,
filiales)
 IMPRESE COLLEGATE (empresas asociadas)
 IMPRESE CONTROLLANTI (empresas matrices)
 CREDITI VERSO: (créditos)
 IMPRESE CONTROLLATE
 IMPRESE COLLEGATE
 IMPRESE CONTROLLANTI
 ALTRI TITOLI (otros títulos)
 STRUMENTI FINANZIARI E DERIVATI (instrumentos financieros
y derivados)
 ATTIVO CIRCOLANTE (activos corrientes)
 SCORTE O RIMANENZE (existencias)
 MATERIE PRIME (materias primas)
 PRODOTTI IN CORSO DI LAVORAZIONE E SEMILAVORATI
(productos en curso o semiterminados)
 PRODOTTI FINITI E MERCI (productos terminados y
mercaderías)
 ACCONTI (anticipos)
 CREDITI VERSO: (créditos)
 CLIENTI (clientes comerciales)
 IMPRESE CONTROLLATE
 IMPRESE COLLEGATE
 IMPRESE CONTROLLANTI
 ATTIVITÀ FINANZIARIE (actividades financieras)
 PARTECIPAZIONI IN IMPRESE CONTROLLATE
 PARTECIPAZIONI IN IMPRESE COLLEGATE
 PARTECIPAZIONI IN IMPRESE CONTROLLANTI
 ALTRE PARTECIPAZIONI
 AZIONI PROPRIE (acciones propias)
 ALTRI TITOLI
 DISPONIBILITÀ LIQUIDE (activo disponible)
 DEPOSITI BANCARI (depósitos y cuentas bancarias)
 ASSEGNI (cheques)
 DENARO E VALORI IN CASSA (efectivo y caja)
 RATEI E RISCONTI (créditos devengados y no cobrados o pagados pero no
devengados)

 PASSIVO (pasivo)

 PATRIMONIO NETTO (patrimonio neto o fondos propios)


 CAPITALE SOCIALE (capital)
 RISERVA DA SOVRAPPREZZO DELLE AZIONI (reserva por sobreprecio de
las acciones)

17
 RISERVA LEGALE (reserva legal)
 RISERVE STATUTARIE (reservas estatutarias)
 RISERVA PER OPERAZIONI DI COPERTURA DEI FLUSSI FINANZIARI
ATTESI (reservas por operaciones de cobertura de los flujos financieros
esperados)
 UTILI/PERDITE A NUOVO (ganancias/pérdidas de ejercicios anteriores)
 UTILI/PERDITE DELL’ESERCIZIO (ganancias/pérdidas del ejercicio en
curso)
 RISERVA NEGATIVA AZIONI PROPRIE IN PORTAFOGLIO (reservas
negativas por autocartera)
 FONDI PER RISCHI ED ONERI (provisiones)
 TRATTAMENTO DI QUIESCENZE (jubilaciones)
 IMPOSTE (impuestos)
 STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI PASSIVI (instrumentos financieros
derivados pasivos)
 TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO (indemnizaciones por despido)
 DEBITI (obligaciones o deudas)
 OBBLIGAZIONI (obligaciones)
 DEBITI VERSO SOCI PER FINANZIAMENTI (deudas con socios por
financiación)
 DEBITI VERSO BANCHE (deudas con bancos)
 DEBITI VERSO ALTRI FINANZIATORI (deudas con otros financiadores)
 ACCONTI (anticipos)
 DEBITI VERSO FORNITORI (proveedores)
 TITOLI DI CREDITO (títulos de crédito)
 DEBITI VERSO IMPRESE CONTROLLATE
 DEBITI VERSO IMPRESE COLLEGATE
 DEBITI VERSO IMPRESE CONTROLLANTI
 DEBITI TRIBUTARI (impuestos a pagar)
 DEBITI VERSO ISTITUTI DI PREVIDENZA E SICUREZZA SOCIALE (deudas
con la seguridad social)
 ALTRI DEBITI
 RATEI E RISCONTI (deudas devengadas pendientes de pagar o cobradas pero
no devengadas)

Como bien sabéis, mis queridos contables, la suma de todo esto tiene que ser un rotundo 0,
con el activo y el pasivo perfectamente cuadrados.

Ahora seguimos con la cuenta de resultados.


 
IL CONTO ECONOMICO = LA CUENTA DE RESULTADOS O PÉRDIDAS Y GANANCIAS, o
GASTOS E INGRESOS

 VALORE DELLA PRODUZIONE (valor de la producción)

 RICAVI DELLE VENDITE E DELLE PRESTAZIONI (ingresos por ventas y prestación


de servicios)

18
 VARIAZIONI DELLE RIMANENZE DI PRODOTTI IN CORSO DI LAVORAZIONE,
SEMILAVORATI E FINITI (variación de las existencias de productos en curso de
producción, semiterminados y terminados)
 VARIAZIONI DEI LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE (variación de producción
en curso tras un pedido)
 INCREMENTI IMMOBILIZZAZIONI PER LAVORI INTERNI (incremento en los
inmovilizados por trabajos internos)
 ALTRI RICAVI (otros ingresos)

 COSTI DELLA PRODUZIONE (costes de producción)

 PER MATERIE PRIME, DI CONSUMO E MERCI (materias primas, de consumo y


mercaderías)
 PER SERVIZI (servicios)
 PER GODIMENTO BENI DI TERZI (usufructo de bienes de terceros)
 PER IL PERSONALE (gastos de personal)
 SALARI E STIPENDI (sueldos y salarios)
 ONERI SOCIALI (seguridad social)
 TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO (indemnizaciones por despido)
 TRATTAMENTO DI QUIESCENZA E SIMILI (gastos por jubilación y
similares)
 ALTRI COSTI (otros gastos)
 AMMORTAMENTI E SVALUTAZIONI (amortizaciones y devaluaciones)
 AMMORTAMENTO IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI (amortizaciones
de los inmovilizados inmateriales)
 AMMORTAMENTO IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI (amortizaciones de
los inmovilizados materiales)
 ALTRE SVALUTAZIONI IMMOBILIZZAZIONI (otras devaluaciones de los
inmovilizados)
 SVALUTAZIONI CREDITI DELL’ATTIVO CIRCOLANTE E DELLE
DISPONIBILITÀ LIQUIDE (devaluación de créditos pertenecientes al activo
circulante y disponible)
 VARIAZIONI DELLE RIMANENZE DI MATERIE PRIME, DI CONSUMO E MERCI
(variación en las existencias de materias primas, de consumo y mercaderías)
 ACCANTONAMENTI PER RISCHI (gastos provisionados por riesgos)
 ALTRI ACCANTONAMENTI (otros gastos provisionados)
 ONERI DI GESTIONE (gastos por deudas de gestión)

 PROVENTI ED ONERI FINANZIARI (ingresos y gastos financieros)

 PROVENTI DA PARTECIPAZIONI (ingresos por participaciones)


 ALTRI PROVENTI FINANZIARI
 DA CREDITI ISCRITTI NELLE IMMOBILIZZAZIONI PARTECIPATE (por
créditos procedentes de inmovilizados en participación)
 DA CREDITI ISCRITTI NELLE IMMOBILIZZAZIONI CHE NON
COSTITUISCONO PARTECIPAZIONI (por créditos procedentes de
inmovilizados sin participación)
 DA TITOLI ISCRITTI NELL’ATTIVO CIRCOLANTE (por títulos del activo
circulantes)
 ALTRI PROVENTI
 INTERESSI ED ALTRI ONERI FINANZIARI (intereses y otros gastos financieros)
 UTILI E PERDITE SU CAMBI (ingresos y gastos por cambio de divisa)

19
 RETTIFICHE DI VALORE DI ATTIVITÀ FINANZIARIE (modificaciones en el valor de las
actividades financieras)

 RIVALUTAZIONI (revaluaciones)
 DI PARTECIPAZIONI
 DI IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CHE NON COSTITUISCONO
PARTECIPAZIONI
 DI TITOLI ISCRITTI ALL’ATTIVO CIRCOLANTE CHE NON COSTITUISCONO
PARTECIPAZIONI
 SVALUTAZIONI (devaluaciones)
 DI PARTECIPAZIONI
 DI IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CHE NON COSTITUISCONO
PARTECIPAZIONI
 DI TITOLI ISCRITTI ALL’ATTIVO CIRCOLANTE CHE NON COSTITUISCONO
PARTECIPAZIONI

… El resultado de todo esto es el RISULTATO PRIMA DELLE IMPOSTE (resultado antes de


impuestos).

Al que luego aplicamos le IMPOSTE SUL REDDITO DI ESERCIZIO, CORRENTI, DIFFERITE E


ANTICIPATE (impuestos sobre el resultado del ejercicio, corrientes, diferidos y anticipados).

Para obtener finalmente el UTILE/PERDITE DELL’ESERCIZIO (ganancia/pérdidas del ejercicio).

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Un día en la oficina – Un giorno in ufficio


 
 
Ciao amici!
Oggi parliamo di una giornata passata in ufficio, per imparare nuove parole utili per lavorare in
italiano.
Sono in ufficio pronto per cominciare la giornata. Jornada

Accendo subito il computer e controllo la posta. Enciendo el ordenador;


reviso el correo

Alle nove di solito arrivano anche la segretaria e il Secretaria; director


direttore.

Anche il mio capo arriva alla stessa ora. Jefe

Dopo aver controllato la posta mi prendo un caffè.  

Alle dieci ho una riunione con il responsabile Tengo una reunión


del marketing.

La riunione dura due ore e ci spiegano le nuove Explican las nuevas


strategie di mercato per l’anno  prossimo. estrategias de mercado

20
Poi i colleghi del reparto vendite ci mostrano i dati del Colegas, compañeros;
fatturato dell’ultimo trimestre. departamento de ventas;
facturación

A mezzogiorno vado a pranzo in mensa. En el comedor

All’una mi prendo un altro caffè e sono pronto  


per iniziare il pomeriggio.
 
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Che fame! – ¡Qué hambre! Sei al ristorante e non hai idea di cosa c’è scritto sul menù?
Ecco una lista dei cibi, piatti ed ingredienti più comuni nei menù dei ristoranti italiani.
Buon appetito!

Oggi andiamo… a Firenze! L’Italia è la culla del Rinascimento e, tra tutte le città
italiane, Firenze è quella che meglio rappresenta questo meraviglioso movimento
artistico e culturale.
Scopriamola insieme con questo bellissimo video sottotitolato che potete trovare nel
canale Youtube di Loescher Editore.
----------------------------------------------------------------------------------------------------------
---------------------------------------------------------------------------------------------------------
Ejercicio: futuro anteriore Ogni promessa è debito, e come d’abitudine, ecco qui un
esercizio che ti permetterà di mettere in pratica la coniugazione dei verbi al futuro
anteriore, che abbiamo imparato qualche giorno fa.
Se sei pronto… cominciamo!

Completa le frasi seguenti inserendo il verbo indicato tra parentesi coniungandolo al


futuro anteriore: El futuro compuesto en italiano, o futuro anteriore.

Buongiorno e ben tornato per questa nuova “lezione” di italiano!


Oggi impareremo a formare i verbi composti nel futuro, usando il tempo chiamato
“futuro anteriore”.
Quando e come si usa il futuro anteriore? Come si forma il futuro anteriore?

Il futuro anteriore è un tempo composto e si forma unendo il verbo ausiliare essere o


avere al futuro + il participio passato del verbo che esprime l’azione.

21
Quando si usa il futuro anteriore? Il futuro anteriore si usa per esprimere un’azione che
avverrà nel futuro, ma prima di un’altra azione, anch’essa nel futuro. Per questo si
chiama futuro anteriore, perché precede la seconda azione.
Dopo che avrò preparato il pranzo, potremo mangiare.
Quando avrai finito di urlare, potremo parlare con calma.
Quando avranno aperto la nuova gelateria, ci andremo spesso a fare merenda.
Possiamo usare il futuro anteriore anche per esprimere incertezza sul fatto che un’azione
sia stata svolta o meno.
Non funzionano le luci di casa né la televisione: avranno tolto la corrente?
È mezzogiorno e Luca dorme ancora, starà bene? Ma sì, sarà tornato tardi dalla
discoteca.
Fabio mi guardava un po’ perplesso, avrà capito cosa gli ho detto?
----------------------------------------------------------------------------------------------------------
---------------------------------------------------------------------------------------------------------
Per oggi ho preparato un esercizio pratico e, spero, molto utile, per esercitarti con uno
degli aspetti più tipici, e complicati, dell’italiano: le consonanti doppie.
Per ciascuna delle frasi seguenti, scegli la parola giusta da inserire, con o senza
consonanti doppie. Per scegliere la parola giusta, fai attenzione al senso generale della
frase, o aiutati con la registrazione audio che ti permetterà di ascoltare la pronuncia.
Sei pronto? Cominciamo!Prima di iniziare l’esercizio, se vuoi puoi consultare alcuni
post che ti possono essere d’aiuto, come questo che spiega alcune regole sull’uso delle
consonanti doppie, o quest’altro che propone vari esempi di parole che cambiano di
significato quando raddoppiano la consonante.
15. Sono le due di (note/notte) notte e il (cane/canne) cane dei vicini non smette di
abbaiare!
16. Scusa, mi puoi prestare la tua (pena/penna) penna?
17. I signori clienti sono pregati di passare alla (casa/cassa) cassa.
18. Quante sono le (rene/renne) renne di (Babo/Babbo) Babbo Natale?
19. Non sono mai stato a Pamplona, ma vorrei andarci per vedere la corsa dei
(tori/torri) tori.
20. La (casa/cassa) casa (de la/della) della mia fidanzata è in fondo a questa
(stradina/stradinna) stradina.
21. Hanno aperto un nuovo centro commerciale proprio dietro alla (piaza/piazza)
piazza principale.
22. Ad ogni (azione/azzione) azione corrisponde una (reazione/reazzione) reazione.
23. Cos’hai (mangiato/mangiatto) mangiato per pranzo? Pasta o (piza/pizza) pizza?
24. (Caro/carro) Caro lettore, spero che il mio libro ti sia (piaciuto/piaciutto)
piaciuto.
25. Scusi, cameriere, ci può portare un altro (bichiere/bicchiere) bicchiere? Questo è
un po’ sporco.

22
26. (Vorei/vorrei) Vorrei provare questa (camicia/camiccia) camiciabianca e questa
(gona/gonna) nera, per favore. E anche questi pantaloni (rosi/rossi) r
Puoi scoprire le soluzioni selezionando gli spazi in bianco, oppure ascoltandole
qui:o

vvvcdddd

----------------------------------------------------------------------------------------------------------
---------------------------------------------------------------------------------------------------------
Buongiorno a tutti! Come vi sentite oggi? Vediamo insieme quali sono le emozioni e i
sentimenti principali e come si formano gli aggettivi corrispondenti per applicarli a
ciascuno di noi!
FELICITÀ o anche GIOIA -> essere FELICE

23
ALLEGRIA -> essere ALLEGRO e CONTENTEZZA (poco usado) -> essere
CONTENTO
AMICIZIA -> essere AMICHEVOLE (amigable, amistoso)
AFFETTO -> essere AFFETTUOSO (cariñoso)
AMORE -> essere INNAMORATO
OTTIMISMO-> essere OTTIMISTA e FIDUCIA -> essere FIDUCIOSO
INTERESSE-> essere INTERESSANTE o INTERESSATO
CURIOSITÀ-> essere CURIOSO
SODDISFAZIONE-> essere SODDISFATTO

RABBIA-> essere ARRABBIATO


IRA-> essere IROSO/ADIRATO
IRRITAZIONE -> essere IRRITATO
FASTIDIO (molestia) -> essere FASTIDIOSO (ser molesto) o INFASTIDITO
(estar molesto)
PAURA-> essere PAUROSO (ser miedoso) o IMPAURITO (estar asustado)
TIMORE-> essere TIMOROSO (ser temeroso) o INTIMORITO (estar
atemorizado)
SPAVENTO-> essere SPAVENTATO (estar asustado)
NOIA-> essere ANNOIATO (estar aburrido) o NOIOSO (ser aburrido)
ODIO-> essere ODIOSO
DELUSIONE-> essere DELUSO
TRISTEZZA-> essere TRISTE
MALINCONIA-> essere MALINCONICO
PESSIMISMO-> essere PESSIMISTA
DISPERAZIONE-> essere DISPERATO
Prendi un’emozione, cantata dalla piccola Greta Cacciolo! Braaavaaa!!
…approfittiamo per imparare come si chiamano le emozioni in italiano!
Ciao amici!
Oggi inizia la 58ª edizione dello Zecchino d’Oro, un festival internazionale di canzoni
per bambini molto famoso in Italia. Lo conoscete?
Se non vi va di leggere, potete ascoltare il post cliccando qui:

24
Al festival dello Zecchino d’Oro partecipano ogni anno 12 canzoni ispirate a valori
etici, civili e sociali come la solidarietà, l’amicizia e la tolleranza.
Dal 1991 il messaggio delle canzoni dei bambini è accompagnato dall’iniziativa “Il
fiore della solidarietà”, che si propone di aiutare i bambini in difficoltà nel mondo.
Grazie a questa iniziativa, ma anche per i valori trasmessi nelle canzoni e per il suo
carattere internazionale, nel 2008 il festival è stato riconosciuto dall’UNESCO come
“Patrimonio per una cultura di pace”.

Lo Zecchino d’Oro è un evento amatissimo in Italia, lo vedono ogni anno bambini e


adulti di tutte le età.
Molte delle canzoni proposte in questa rassegna sono diventate dei veri e propri classici
della musica infantile italiana, come ad esempio “Quarantaquattro gatti”, “Il caffè della
Peppina” e più recentemente “Il coccodrillo come fa”.
Una delle più piccole interpreti che hanno partecipato al festival, Cristina D’Avena, è
diventata poi la famosissima interprete delle sigle di tantissimi cartoni animati degli
anni ’80. In Italia non c’è nessuno che non la conosca!! Se volete saperne di più o… o
se state pensando di iscrivere vostro figlio alla prossima edizione questo è il sito che fa
per voi: http://www.zecchinodoro.org/
E se vi va dei seguire lo Zecchino d’Oro online, potete farlo tutte le sere a partire dalle
17, su rai.tv

Chi vincerà quest’anno? Lo scopriremo sabato nella gran finale!


Italiano Español
Certe volte il viso cambia colore A veces la cara cambia de color
Ed il cuore prende velocità Y el corazón coge velocidad
Nella pancia c’è qualcosa di strano En el estómago hay algo raro
Non è fame, ma chissà che sarà No es hambre, quién sabe qué será
Cose che ti fanno rabbrividire Cosas che te hacen temblar
O ti mettono una fifa blu O te meten mucho miedo
Un saluto che ti fa balbettare Un saludo que te hace balbucear
Risatine che non smettono più Risitas que no paran
Se succede non riesci a stare fermo Si pasa, no puedes parar
Aspettando qualche novità Esperando alguna novedad
Se la bocca più non smette di parlare Si tu boca no para de hablar
Quando scoppi per la felicità Cuando rebosas felicidad

Prendi un’emozione Toma una emoción


Chiamala per nome Llámala por su nombre
Trova il suo colore e che suono fa Encuentra su color y qué sonido hace
Prendila per mano Tómala de la mano

25
Seguila pian piano Síguela despacito
Senti come nasce, guarda dove va Siente cómo nace, mira adónde va
Prendi un’emozione e non mandarla via Toma una emoción y no la eches
Se ci vuoi giocare, fai cambio con la mia Si quieres jugar con ella, te la cambio yo
Puoi spiegarla a chi non la sa Puedes explicársela a quien no lo sabe
E tutta la tua vita vedrai Y toda tu vida, verás
Un’emozione sarà Una emoción será

Le emozioni sono l’arcobaleno Las emociones son el arcoiris


Che colora il cielo dentro di noi Que colorea el cielo en nuestro interior
Sono nuvole, sono il sereno Son nubes, son el cielo despejado
Sono il sale, il pepe di ciò che fai Son la sal y la pimienta de lo que haces
C’è la rabbia che non riesci a capire Está la rabia, que no logras comprender
E non sai se poi ti passerà Y no sabe si se te va a pasar
Ma davvero basta solo parlare Pero en realidad basta con hablar
E la soluzione si troverà Y la solución se encontrará
Se le cose nuove fanno un po’ paura Si las cosas nuevas te asustan un poco
Tira fuori la curiosità Saca tu curiosidad
Ogni giorno è davvero un’avventura Cada día es realmente una aventura
Il domani ti sorprenderà El mañana te sorprenderá

Prendi un’emozione… Toma una emoción…


Qualche volta non capisci A veces no entiendes
Che l’emozione che c’è dentro di te Que la emoción que llevas dentro
Forse è solo perché cresci Quizá sea sólo porque creces
E con occhi sempre nuovi Y con ojos cada día nuevos
Il mondo scoprirai El mundo descubrirás

Prendi un’emozione… Toma una emoción…

Texto en italiano Traducción al español


Il caffè della Peppina El café de Pepita
Non si beve alla mattina No se bebe por la mañana
Né col latte né col the Ni con leche ni con té
Ma perché, perché, perché? Pero ¿por qué por qué por qué?
La Peppina fa il caffè Pepita hace café
Fa il caffè con la cioccolata Hace café con chocolate
Ma ci mette la marmellata Pero le echa mermelada
Mezzo chilo di cipolle Medio quilo de cebollas
Quattro o cinque caramelle Cuatro o cinco caramelos
Sette ali di farfalle Siete alas de mariposas
E poi dice: “Che caffè!!!” Y luego dice “¡Qué café!”
Il caffè della Peppina El café de Pepita
Non si beve alla mattina No se bebe por la mañana

26
Né col latte né col the Ni con leche ni con té
Ma perché, perché, perché? Pero ¿por qué por qué por qué?
La Peppina fa il caffè Pepita hace café
Fa il caffè col rosmarino Hace café con romero
Mette qualche formaggino Le echa unos quesitos
Una zampa di tacchino Una pata de pavo
Una penna di pulcino Una pluma de pollito
Cinque sacchi di farina Cinco sacos de harina
E poi dice: “Che caffè!!!” Y luego dice “¡Qué café!”
Il caffè della Peppina El café de Pepita
Non si beve alla mattina No se bebe por la mañana
Né col latte né col the Ni con leche ni con té
Ma perché, perché, perché? Pero ¿por qué por qué por qué?
La Peppina fa il caffè Pepita hace café
Fa il caffè con pepe e sale Hace café con pimienta y sal
L’aglio no, perché fa male Ajo no, porque no es bueno
Acqua sì ma col petrolio Agua sí pero con petróleo
Insalata senza olio Ensalada sin aceite
Quando prova col tritolo Cuando prueba con TNT
Salta in aria col caffè! Salta por los aires con el café
Il caffè della Peppina El café de Pepita
Non si beve alla mattina No se bebe por la mañana
Né col latte né col the Ni con leche ni con té
Ma perché, perché, perché? Pero ¿por qué por qué por qué?

En el sótano de un gran bloque

Nella cantina di un palazzone

Todos los gatitos sin dueño

Tutti i gattini senza padrone

Organizaron una reunión

Organizzarono una riunione

Para definir la situación.

Per precisare la situazione

Cuarenta y cuatro gatos

27
Quarantaquattro gatti

En filas de seis y dos de resto,

In fila per sei col resto di due

Se unieron compactos

Si unirono compatti

En filas de seis y dos de resto

In fila per sei col resto di due

Con los bigotes alineados

Coi baffi allineati

En filas de seis y dos de resto

In fila per sei col resto di due

Las colas enredadas

Le code attorcigliate

En filas de seis y dos de resto.

In fila per sei col resto di due

Seis por siete, cuarenta y dos,

Sei per sette, quarantadue

Más dos cuarenta y cuatro.

Più due quarantaquattro

Ellos pedían a todos los niños

Loro chiedevano a tutti i bambini

Que son amigos de todos los gatitos

Che sono amici di tutti i gattini

28
Una comida al día y de vez en cuando

Un pasto al giorno e all’occasione

Poder dormir en los sillones.

Poter dormire sulle poltrone

Cuarenta y cuatro gatos…

Quarantaquattro gatti…

Naturalmente todos los niños

Naturalmente tutti i bambini

De sus colas podían tirar

Le loro code potevan tirare

En cada momento y a su gusto

Ad ogni momento e a loro piacere

Con todos ellos juguetear.

Con tutti quanti giocherellare

Cuarenta y cuatro gatos…

Quarantaquattro gatti…

Cuando al final de la reunión

Quando alla fine della riunione

Fue definida la situación

Fu definita la situazione

29
Salió al jardín todo el pelotón

Andò in giardino tutto il plotone

De esos gatitos sin dueño.

Di quei gattini senza padrone

Cuarenta y cuatro gatos

Quarantaquattro gatti

En filas de seis y dos de resto,

In fila per sei col resto di due

Marcharon compactos

Marciarono compatti

En filas de seis y dos de resto

In fila per sei col resto di due

Con los bigotes alineados

Coi baffi allineati

En filas de seis y dos de resto

In fila per sei col resto di due

Las colas bien rectas

Le code dritte dritte

En filas de seis y dos de resto.

In fila per sei col resto di due

Y dos de resto… y dos de resto.

Col resto di due… col resto di due!!

Ciao a tutti!
Dopo aver ascoltato insieme il pezzo d’esordio di Laura Pausini, “La solitudine”,
ricordiamo un altro cantante della sua stessa generazione e che ha avuto successo anche
nei paesi di lingua spagnola.

30
Avrete già capito che stiamo parlando di Filippo Neviani, meglio conosciuto come Nek,
e del suo primo grande successo: “Laura non c’è”.
Ecco il video ufficiale, sotto il quale potete trovare il testo intero in italiano con la sua
traduzione letterale in spagnolo. Buon divertimento!

Laura non c’è, è andata via Laura no está, se fue


Laura non è più cosa mia Laura ya no es cosa mía
E te che sei qua e mi chiedi Y tú que estás aquí y me
perché preguntas por qué
L’amo se niente più mi dà La amo si nada ya me da
Mi manca da spezzare il fiato La extraño tanto que se me
quiebra el
aliento
Fa male e non lo sa Hace daño y no lo sabe
Che non mi è mai passata Que nunca lo superé

Laura non c’è, capisco che Laura no está, entiendo que


È stupido cercarla in te Es estúpido buscarla en ti
Io sto da schifo credi e non lo Estoy fatal, créeme, y no querría
vorrei
Stare con te e pensare a lei Estar contigo y pensar en ella
Stasera voglio stare acceso Esta noche quiero quedarme
encendido
Andiamocene di là Vámonos al otro cuarto
A forza di pensare ho fuso De tanto pensar me fundí

Se vuoi ci amiamo adesso, se Si quieres nos amamos ahora, si


vuoi quieres
Però non è lo stesso tra di noi Pero no es lo mismo entre
nosotros
Da solo non mi basto, stai con Yo solo no me basto, quédate
me conmigo
Solo è strano che al suo posto ci Solo es raro que en su lugar
sei te estés tú

Laura dov’è, mi manca sai ¿Dónde está Laura? Sabes, la


extraño
Magari c’è un altro accanto a lei Quizá hay otro a su lado
31
Giuro non ci ho pensato mai Juro nunca lo pensé
Che succedesse proprio a noi Que nos pasara justo a nosotros
Lei si muove dentro un altro Ella se mueve dentro de otro
abbraccio abrazo
Su di un corpo che non è più il Encima de un cuerpo que ya no
mio es el mío
E io così non ce la faccio Y yo así no puedo

Se vuoi ci amiamo adesso, se Si quieres nos amamos ahora, si


vuoi quieres
Però non è lo stesso tra di noi Pero no es lo mismo entre
nosotros
Da solo non mi basto, stai con Yo solo no me basto, quédate
me conmigo
Solo è strano che al suo posto ci Solo es raro que en su lugar
sei te estés tú
Ci sei te Estés tú

Forse è difficile così Quizá es difícil así


Ma non so che cosa fare Pero no sé qué hacer
Credo che sia logico Creo que es lógico
Per quanto io provi a scappare, Por cuanto intente escapar, ella
lei c’è está

Non vorrei che tu fossi No quisiera que fueras una


un’emergenza emergencia
Ma tra bene ed amore c’è Pero entre querer y amar hay
Solo Laura e la mia coscienza Solo Laura y mi conciencia

Se vuoi ci amiamo adesso, oh no Si quieres nos amamos ahora, oh


no
Però non è lo stesso, ora so Pero no es lo mismo, ahora sé
C’è ancora il suo riflesso tra me e Aun hay su reflejo entre tú y yo
te
Mi dispiace ma non posso, Laura Lo siento pero no puedo, Laura
c’è, eh está, eh

Se vuoi ci amiamo adesso, oh no Si quieres nos amamos ahora, oh

32
no
Mi casca il mondo addosso e ora Se me cae encima el mundo y
so ahora sé
C’è ancora il suo riflesso tra me e Aun hay su reflejo entre tú y yo
te
Mi dispiace ma non posso, Laura Lo siento pero no puedo, Laura
c’è está
Laura c’è Laura está

33
 
 
 

34