Sei sulla pagina 1di 1

Il Massacro degli Orchi

Sono passati 10 mesi dall’apertura delle Faglie e i Cavalieri hanno consolidato il loro potere, disponendo la
loro struttura militare in tutta la penisola.

X , uomo di punta dei Cavalieri al tempo, coglie l’occasione per una vendetta personale: la sua giovane
moglie è morta diversi anni fa per essersi trovata in una bottega rapinata. Un bandito mezz’orco dalla
balestra facile ha preferito non lasciare testimoni.

Facendo leva con le sue amicizie del tempo, convinse chi di dovere che gli Orchi stavano comandando e
addestrando i Famelici, e il clima di paura fece il resto. Dopo un anno dall’apertura delle faglie, 500 dei
primi Cavalieri di Heironeous marciarono da Suncross verso le montagne a Ovest, e la guerra ebbe inizio.

Al termine di un sanguinoso conflitto, gli orchi erano stati spazzati via. Pochissimi erano riusciti a fuggire sui
monti, e ancora meno sopravvissero all’inverno che ne seguì. I trenta Cavalieri tornati in patria ancora vivi
raccontarono le atrocità subite ma non quelle inflitte, e la leggenda dei mostruosi orchi sanguinari si radicò
velocemente nei cuori dei sudditi dell’impero.

Compreso l’errore commesso, i Cavalieri cercarono di far sparire le sue tracce. Cambiò nome e ricevette un
“nuovo passato ufficiale”, e venne spedito al fronte. Quello che Traugh ha scoperto negli anni è che X venne
trasferito al fronte della Faglia Abisso. Sembra che al fronte della Faglia Abisso si sia guadagnato una ferita
di guerra più unica che rara nello scontro con un Famelico, una scheggia d’osso infilata nella spalla e
impossibile da rimuovere. Lì mantenne un basso profilo per diversi anni, ma una volta scoperta l’esistenza
della compagnia di orchi mercenari, lo spettro della giustizia incompleta prese il sopravvento e organizzò la
terribile imboscata e il secondo massacro degli orchi.

Scoperto questo atto di deliberata malvagità, i Cavalieri lo trasferirono là dove la sentenza di morte è
praticamente certo, il fronte delle Terre Impure. Da qui in poi le voci sono sempre più vaghe e i Cavalieri
sono sempre stati restii a parlare di questa strana figura che ha firmato una pagina buia della loro storia.
Non è solo vergogna, è anche paura. Che sia paura di una punizione dei superiori o della vendetta di
quest’uomo, non è mai stato chiaro.

Le ultime informazioni lo volevano da qualche parte presso quel fronte, ma ormai sono sette mesi che non
c’è la minima traccia di lui sulla bocca di nessuno, come se fosse scomparso nel nulla.

Una cosa però l’hai notata: le persone con cui avevi parlato al tempo non rispondono più alle tue lettere, e
nei posti in cui le incontravi di solito non ci sono più…