Sei sulla pagina 1di 4

Lucio Dalla - Se io fossi un angelo

Se io fossi un angelo
chissà cosa farei
alto, biondo, invisibile
che bello che sarei
e che coraggio avrei
sfruttandomi al massimo
è chiaro che volerei
zingaro libero
tutto il mondo girerei
andrei in Afganistan
e più giù in Sudafrica
a parlare con l'America
e se non mi abbattono
anche coi russi parlerei
angelo se io fossi un angelo
con lo sguardo biblico li fisserei
vi do due ore, due ore al massimo
poi sulla testa vi piscerei
sui vostri traffici, sui vostri dollari, sulle vostre belle fabbriche
di missili, di missili
se io fossi un angelo, non starei mai nelle processioni
nelle scatole dei presepi
starei seduto fumando una marlboro
al dolce fresco delle siepi
sarei un buon angelo, parlerei con Dio
gli ubbidirei amandolo a modo mio
gli parlerei a modo mio e gli direi
"Cosa vuoi da me tu"
"I potenti che mascalzoni e tu cosa fai li perdoni"
ma allora sbagli anche tu
ma poi non parlerei più
un angelo non sarei più un angelo
se con un calcio mi buttano giù
al massimo sarei un diavolo
e francamente questo non mi va
ma poi l'inferno cos'è
a parte il caldo che fa
non è poi diverso da qui
perché io sento che, son sicuro che
io so che gli angeli sono milioni di milioni
e non li vedi nei cieli ma tra gli uomini
sono i più poveri e i più soli
quelli presi tra le reti
e se tra gli uomini nascesse ancora Dio
gli ubbidirei amandolo a modo mio
a modo mio...
Eros Ramazzotti - Se bastasse una canzone

Se bastasse una bella canzone


a far piovere amore,
si potrebbe cantarla un milione,
un milione di volte.
Bastasse già, bastasse già,
non ci vorrebbe poi tanto a imparare ad amare di più.
Se bastasse una vera canzone
per convincere gli altri,
si potrebbe cantarla più forte,
visto che sono in tanti.
Fosse così, fosse così,
non si dovrebbe lottare per farsi sentire di più.
Se bastasse una buona canzone
a far dare una mano,
si potrebbe trovarla nel cuore,
senza andare lontano.
Bastasse già, bastasse già,
non ci sarebbe bisogno di chiedere la carità.
Dedicato a tutti quelli che sono allo sbando,
dedicato a tutti quelli che non hanno avuto ancora niente
e sono ai margini da sempre.
Dedicato a tutti quelli che stanno aspettando,
dedicato a tutti quelli che rimangono dei sognatori—
per questo sempre più da soli.
Se bastasse una grande canzone
per parlare di pace,
si potrebbe chiamarla per nome,
aggiungendo una voce,
e un'altra poi, e un'altra poi,
Finché diventa di un solo colore, più vivo che mai
Dedicato a tutti quelli che sono allo sbando,
dedicato a tutti quelli che hanno provato ad inventare
una canzone per cambiare.
Dedicato a tutti quelli che stanno aspettando,
dedicato a tutti quelli che—
venuti sù con troppo vento,
quel tempo gli è rimasto dentro—
in ogni senso hanno creduto,
cercato e voluto che fosse così.
Massimo Ranieri - Se bruciasse la città

Il cuore mio non dorme mai 


Sa che di un altro adesso sei 
Tua madre va dicendo che 
A maggio un uomo sposerai 
Ma se in fondo al cuore tuo 
C'è un ragazzo sono io 
Ma chi l'ha detto ma perché 
Non devo più pensare a te 
Nessuno sa chi sono io 
Ma il primo bacio è stato mio 
Impazzisco senza te 
E ogno notte ti rivedo accanto a me 
Se bruciasse la città 
Da te da te da te io correrei 
Anche il fuoco vincerei per rivedere te 
Se bruciasse la città 
Lo so lo so tu cercheresti me 
Anche dopo il nostro addio l'amore sono io per te 
Il cuore mio non dorme mai per inventarti accanto a me 
Non brucia mai questa città 
C'è ancora un uomo insieme a te 
Ma se in fondo al cuore tuo 
C'è un ragazzo sono io 
Quel prato di periferia ti ha visto tante volte mia 
E' troppo tempo che non sa dov'è la mia felicità 
Impazzisco senza te 
E ogni notte ti rivedo accanto a me 
Se bruciasse la città 
Da teda te da te io correrei 
Anche il fuoco vincerei per rivedere te 
Se bruciasse la città 
lo so lo so tu chercheresti me 
Anche dopo il nostro addio l'amore sono io per te per te
Dente - Rette parallele

Se noi fossimo dei semafori 


io sarei vicino a te: 
quando mi spengo io 
ti accendi tu 
quando mi accendo io 
ti spegni tu. 
Se noi fossimo vetri elettrici 
io viaggerei di fianco a te: 
quando mi alzo io 
ti abbassi tu 
quando mi abbasso io 
ti alzi tu. 
Se noi fossimo dei satelliti 
io orbiterei con te: 
quando mi eclisso io 
risplendi tu 
quando risplendo io 
ti eclissi tu. 
Se noi fossimo occhi strabici 
io sarei di fianco a te: 
quello che guardo io 
non vedi tu 
quello che non vedo io 
lo guardi tu. 
Se noi fossimo campi magnetici 
io sarei dietro di te: 
ciò che respingo io 
lo attiri tu 
quello che attiro 
lo respingi tu. 
Se noi fossimo dei petali 
io sarei dopo di te: 
quando sono "m'ama" io 
sei "non m'ama" tu 
quando sono "non m'ama" io 
sei "m'ama" tu. 
Io sono il lungo inverno 
e tu la bella estate 
siamo rette parallele. (x10)