Sei sulla pagina 1di 2

Se la madre scivola, la figlia cade.

Quando non hai sete, tutti ti vogliono offrire da bere.


San Giovanni mietitore, San Paolo legatore.
Quando piove per San Vito, il raccolto dell’uva va fallito.
Dice giugno: se non arriva l’otto non mi levo il cappotto.
A luglio gran calura, a gennaio gran freddura.
Per Sant’Anna entra l’anima nella castagna! Foglio informativo parrocchiale ad uscita settimanale.
San Giacomo (25 luglio) con i tetti bagnati, del vin siamo privati. Ciclostilato in proprio ad uso interno.
Per Santa Maddalena, la noce è piena. www.parrocchie.it/brenta/
Parrocchia SS.Vito e Modesto BRENTA
Per San Rocco (16 agosto) la rondine fa fagotto.
San Lorenzo dalla gran calura, ben poco dura. VANGELO (Matteo 5,13-16) alla vita e a stuzzicare l'appetito per le
Per agosto, prepara le tine per il nuovo mosto. CITTÀ SUL MONTE cose di Dio”.
Con l’ultima acqua di agosto, il caldo s’è riposto. In quel tempo, Gesù disse ai suoi disce- “Se il sale perdesse il sapore ... ”. La
Chi lavora di settembre, fa un bel solco e poco rende. poli: “Voi siete il sale della terra; ma se vocazione può quindi perdere il suo primo
Settembre, il clemente poco vino o niente. il sale perde il sapore, con che cosa lo si vigore, la forza di una vita orientata a Dio
renderà salato? A null'altro serve che ad può venir meno. Allora non è soltanto la
Aria settembrina fresco la sera e fresco la mattina. essere gettato via e calpestato dalla vita del discepolo in se stessa che si afflo-
Brache, tela e meloni, di settembre non son più buoni. gente. Voi siete la luce del mondo; non scia e intristisce: con essa viene a mancare
Per San Francesco, la nespola nel cesto. può restare nascosta una città che sta anche l'irradiazione vitale sugli altri. I di-
Per San Luca, cava la rapa e metti la zucca. sopra un monte, né si accende una lam- scepoli sono l'unico sale, a cui la terra
Quando il vino non è più mosto, il cappone è buono arrosto. pada per metterla sotto il moggio, ma possa ricorrere, il sale insostituibile.
sul candelabro, e così fa luce a tutti Seconda regola di vita: “Voi siete lo luce
Per i morti, la neve è negli orti. quelli che sono nella casa. Così risplenda del mondo”. Il cristiano è discepolo di
L’estate di San Martino dura tre giorni e un pochino. la vostra luce davanti agli uomini, per- Colui che fu presentato al mondo coe luce
Per San Clemente, l’inverno mette un dente. ché vedano le vostre opere buone e ren- delle nazioni (Is 42,6; Le 2,32) e che si è
Per San Martino, castagne e buon vino. dano gloria al Padre vostro che è nei autodefinito: “lo sono lo luce del mondo”
Per San Valeriano, finisce la semina sul monte e sul piano. cieli”. (Gv 8,12). I discepoli portano la stessa luce
A Natale, freddo cordiale. Gesù ha raccolto attorno a sé i discepoli della verità che viene da Gesù: essi infatti
sulla collina che domina Cafarnao, il suo gli appartengono così intimamente e sono
Per San Silvestro ogni oliva nel canestro. lago; egli traccia adesso una regola per talmente pieni di lui - Luce - da diventare a
La neve di dicembre per tre mesi sta accanto. vivere nel mondo in cui li invia. Prima loro volta luce. Essi sono luce e sono
Natale col sole, Pasqua col tizzone, se vuoi che venga una buona sta- regola: “Voi siete il sale della terra”. Prati- lucerna (v.] 5); ma non lo sono per loro
gione. cando le beatitudini, i discepoli diventano personale soddisfazione (sotto il moggio);
Da Santo Stefano all’Epifania si vede l’anno come sia. il sale della terra; cioè la loro vita acquista lo sono per il bene degli uomini, per illu-
un senso, un sapore, un significato conta- minarli, per fare luce a tutti quelli che sono
gioso e missionario. Il sale dà gusto ai cibi nella casa, che in Oriente comporta di
e li conserva (Gb 6,6; Bar 6,27); ma il sale solito una sola e unica stanza. La motiva-
serve anche ad ardere e ad attizzare il zione è missionaria: con le loro opere
fuoco che si spegne. Il sale è la fede dei buone (opere di luce) i discepoli devono
cristiani. A che serve la fede? Gesù ri- trascinare e influire sugli altri. Devono
sponde: “Serve a dar sapore, a dare senso cioè con la loro condotta di vita dare testi-

Pag. - 4 - Pag. - 1 -
monianza a Cristo, diventa- re una traspa- di pietre morte, ma di pietre vive per PARROCCHIA DEI SANTI VITO E MODESTO - BRENTA
renza di Gesù. costituire una santa comunità sacerdotale
Terza regola di vita: Voi siete una città (I Pt 2,5). La città sul monte probabil-
collocata sopra un monte e non potete mente è Safed, le cui casette bianche a
cubo brillano al sole su una delle più alte
VISITA AGLI AMMALATI
rimanere nascosti”. La città collocata sul
monte è la Chiesa, corpo e tempio di cime della Galilea (metri 1.050).
Cristo; epifania, cioè rivelazione, delle
Tre divine Persone; città nuova fatta non
MARTEDÌ 8 FEBBRAIO
PARROCCHIA DEI SANTI VITO E MODESTO - BRENTA dalle ore 15.00 alle ore 17.00
calendario liturgico dal 7 al 13 febbraio 2011
VIA SAN QUIRICO

LUN 7 Parrocchia ore 18.00 S. Messa def.ti Fam. TURUANI e MOLON

MAR 8 memoria SAN GIROLAMO EMILIANI (Diocesi di Como)


PROVERBI
Parrocchia ore 18.00 S. Messa def.ti CONFALONIERI VIRGINIA,
MOLINARI ZAVERIO e CATERINA
Per la santa Candelora, fuoco, brace e fuoco ancora.
Se per la Candelora è tempo bello, più vino che vinello.
MER 9 Parrocchia ore 18.00 S. Messa def.to QUAGLIA Per San Valentino, fiorisce lo spino.
don PIETRO GIORGIO Il miglior vino è quello bevuto in casa di altri.
Il vino buono e gli uomini cattivi durano poco.
GIO 10 la Santa Messa è sospesa Se marzo non marzeggia, april campeggia e giugno non festeggia.
Marzo pazzerello, guarda il sole e apre l’ombrello.
Marzo nuvoloso, aprile piovoso.
VEN 11 la Santa Messa è sospesa La cattiva lavandaia non trova pietra che le possa andare bene.
Né a torto né a ragione, non farti mettere in prigione.
Nessuno ha tanta sete come gli ubriachi.
SAB 12 Parrocchia ore 18.00 S. Messa def,ta BENEDINI EGLE Se per San Marco goccia lo spino, abbondanza di vino.
Aprile, apriletto ogni giorno un rametto.
Se piove i primi di maggio, noci e fichi faranno buon viaggio.
DOMENICA 13 FEBBRAIO: VI TEMPO ORDINARIO (anno A) Maggio fresco e ventoso rende l’anno ubertoso.
Parrocchia ore 9.00 S. Messa def.ti ZOPPIS ANDREINA Se di maggio rasserena si avrà la spiga piena.
e CERINI LUIGI Fango di maggio spighe d’agosto.
Parrocchia ore 10.30 S. Messa per la Comunità Maggio tutto vento, più foglie e frumento.

Pag. - 2 - Pag. - 3 -