Sei sulla pagina 1di 11

Bestie, bestiacce e bestioline (1° parte), di Roberto Tartaglione, MATDID,... http://www.scudit.net/mdanimali.

htm

Matdid, materiali didattici di italiano per stranieri a cura di Roberto Tartaglione e Giulia Grassi, Scuola d'Italiano Roma

Roberto Tartaglione

BESTIE, BESTIACCE
E BESTIOLINE
(1° parte)

(vai alla 2° parte)


Lo zoo dell'immaginario: animali reali e animali fantastici nei
Bestiari medievali
In MatDid vedi anche: Capre, cavoli e angioletti giocherelloni;
Lupus et agnus; Gli uccelli del Brasile; Un pericoloso biblioanimale; Il
Novellino
Esercizio con soluzione

Livello elementare 2

Cervello di gallina! Ti sei comportato come un allocco! E


adesso non fare il camaleonte: non sono mica la tua gallina
dalle uova d'oro! Ti sembrerò un vecchio barbagianni, ma
adesso è inutile guardarmi con quegli occhi da cerbiatto. Hai
fatto la cicala e ora non mi commuovo per le tue lacrime da
coccodrillo!

I nomi degli animali che si usano nel parlato quotidiano sono


molti di più di quanti potrebbe sembrare a prima vista. Ne
elnchiamo qui una serie in ordine alfabetico (da acciuga a
istrice).

Nel prossimo Matdid completiamo la serie di animali (da


leone a zecca) sicuri di non averli segnalati tutti... ma
quasi!

ACCIUGA CAPRA ERMELLINO


AGNELLO CAPRIOLO FALCO
ALLOCCO CAVALLETTA FAINA
ALLODOLA CAVALLO FARFALLA
ANATROCCOLO CAVIA FORMICA
ANGUILLA CERBIATTO FRINGUELLO
AQUILA CERVO FURETTO
ASINO CICALA GABBIANO
AVVOLTOIO CICOGNA GALLINA
BABBUINO CIGNO GALLO
BACCALÀ CIMICE GAMBERO
BALENA CIUCCIO GATTO
BARBAGIANNI CIVETTA GAZZELLA
BISCIA COCCODRILLO GHIRO

1 of 11 01/03/12 14:12
Bestie, bestiacce e bestioline (1° parte), di Roberto Tartaglione, MATDID,... http://www.scudit.net/mdanimali.htm

BISONTE COLOMBA GIRAFFA


BUE CONIGLIO GORILLA
CAIMANO CORNACCHIA GRILLO
CAMALEONTE CORVO GRU
CAMMELLO COZZA GUFO
CANARINO DELFINO IENA
CANE DINOSAURO INSETTO
CANGURO ELEFANTE IPPOPOTAMO
CAPPONE ISTRICE

Acciuga-Alice

L'acciuga (o alice) è un pesce piccolino (quello che si trova sulla pizza


napoletana). Quando una persona fa una dieta o è molto magra si dice "Ehi,
mangia qualcosa, sei un'acciuga!"

Agnello L'agnello è mite e buono. Possiamo chiamare affettuosamente agnello o


agnellino un bambino. Per un adulto essere un agnello invece non è
necessariamente un complimento. L'agnello sacrificale è quello che si uccide a
Pasqua. E diffidiamo del lupo che si fa agnello.
A Roma, specialmente a Pasqua, si mangia l'abbacchio (agnello): e essere
abbacchiato significa essere un po' depresso, come l'abbacchio che sa bene
quale fine lo aspetta.

Allocco
Essere un allocco significa essere così ingenuo da arrivare quasi alla stupidità: molti
maghi, chiaroveggenti, venditori di amuleti e talismani diventano ricchi perché molti
allocchi credono alle loro stupidaggini.

Allodola
L'allodola è un uccello che somiglia al passero. I cacciatori usano uno speciale
specchietto capace di attirare le allodole. Per questo si dice specchietto per le
allodole un trucco per attirare e ingannare una persona ingenua o poco accorta, che
può cadere in un tranello (una informazione data su un giornale per distrarre i lettori da
una notizia più importante per esempio può essere uno specchietto per le allodole)

Anatra
Non diciamo di nessuno che è un'anatra: ma conosciamo tutti la storia del brutto
anatroccolo e ognuno di noi non vorrebbe esserlo. Anatra zoppa è invece chi
riveste un ruolo di potere ma non può esercitarlo per qualche impedimento
tecnico: il Presidente americano, senza l'appoggio del congresso, è un'anatra
zoppa.

Anguilla
L'anguilla è un pesce d'acqua dolce, lungo e viscido. La sua
caratteristica è quella di essere sfuggente. Così di una persona che
sfugge, che non riusciamo a controllare o a portare sul nostro piano di
discorso, diciamo "Inutile parlare con lui di questo argomento: è
un'anguilla".

Aquila Certamente è l'uccello più nobile e "importante". E vede lontano. Quando diciamo di
una persona che non è un'aquila, intendiamo dire che non è particolarmente
intelligente o intuitiva, un po' dura di comprendonio.

2 of 11 01/03/12 14:12
Bestie, bestiacce e bestioline (1° parte), di Roberto Tartaglione, MATDID,... http://www.scudit.net/mdanimali.htm

Asino L'asino non è un animale particolarmente nobile. Porta i pesi, lavora, è ubbidiente e non
è particolarmente intelligente.
Somaro
Difficilmente diciamo di una persona che è un asino perché la parola fa parte della
Ciuccio tradizione scolastica per indicare un ragazzino che non studia a scuola (ricordate la
storia Pinocchio)? E quindi anche asinello, somarello e ciuccio.
Fra i modi di dire, avere la bellezza dell'asino, cioè la gioventù (anche un asino, da
giovane è bello). E l'esclamazione Qui casca l'asino! che significa "adesso viene fuori
la contraddizione, questo è il punto debole di un argomento". Comunque sempre
meglio un asino vivo che un dottore morto, certamente, e eventualmente siamo
anche disposti a credere a un asino che vola.

Avvoltoio
Gli avvoltoi aspettano che gli altri animali siano morti per mangiarne i corpi.
Essere un avvoltoio significa approfittare vigliaccamente di una situazione di disgrazia
dell'altro: Quando quella industria stava per fallire molti avvoltoi si sono fatti avanti per
comprarla a prezzi bassissimi.

Babbuino

Poco usato, ma è possibile sentir dire a qualcuno babbuino! nel senso di stupido,
scemo, cretino

Baccalà
Essere un baccalà, rimanere come un baccalà, fare la figura del baccalà, vuol
dire essere come imbalsamato, incapace di agire o reagire. Quando quella
persona mi ha parlato così sono rimasto come un baccalà, immobile, impotente.
Nello stesso senso usiamo qualche volta l'espressione salame.

Balena
La balena è il simbolo dell'animale di grosse dimensioni (diventare una
balena = ingrassare). La Balena Bianca però non è solo Moby Dick: in
politica è un modo per chiamare il vecchio partito della Democrazia
Cristiana, partito politico di grosse dimensioni e con qualche problema di
agilità dovuto proprio al suo peso.

Barbagianni

Si tratta di un uccello con un aspetto un po' buffo.


Essere un vecchio barbagianni significa perciò essere o avere un comportamento
stupido, ridicolo, fuori posto e comunque fuori tempo.

Biscia
Come tutti i serpenti è un animale di cui non ci si può
fidare: come l'anguilla (vedi) è sfuggente, ma come
serpente è anche pericoloso.

3 of 11 01/03/12 14:12
Bestie, bestiacce e bestioline (1° parte), di Roberto Tartaglione, MATDID,... http://www.scudit.net/mdanimali.htm

Bisonte

Ha un po' le stesse caratteristiche della balena: ma è un nome maschile e ha


anche qualche caratteristica di rumorosità.

Bue
Il popolo bue è la massa che non capisce niente e crede a tutto. Il bue
che dice cornuto all'asino è chi vede i difetti degli altri senza rendersi
conto dei propri.
Comunque è sempre bene non mettere il carro davanti ai buoi ed è
inutile chiudere la stalla quando i buoi sono scappati. E a dispetto
delle società multietniche: donne e buoi dei paesi tuoi!

Caimano
Il caimano mangia tutto senza pietà e senza compassione. Essere un
caimano significa perseguire i propri scopi senza guardare in faccia a
nessuno, divorando ogni cosa per il proprio interesse. Famoso il film di Nanni
Moretti "Il Caimano" dove il protagonista era Silvio Berlusconi. Nello stesso
significato si usa anche squalo.

Camaleonte
Il camaleonte può cambiare il colore della pelle a seconda dell'ambiente
circostante. Se qualcuno è un camaleonte significa che si adatta alla
situazione intorno, ma spesso in senso negativo: è cioè un opportunista e
cambia bandiera a seconda dei propri interessi.

Cammello

Si può dire che qualcuno ha bevuto come un cammello quando, naturalmente,


ha bevuto molto: ma quasi mai si dice se qualcuno ha bevuto molto alcool. Si sa,
i cammelli possono immagazzinare solo l'acqua.

Canarino
Il canarino è giallo e posso dire canarino a chi è vestito indossando qualcosa di giallo
sgargiante. Il canarino canta, ma avere una voce da canarino non è un gran
complimento. Mangiare come un canarino (o come un passerotto) significa invece
mangiar poco.

Cane Il "migliore amico dell'uomo" è famoso per la sua fedeltà, ma fedele come un
cane è indice di poca autonomia. Morire come un cane significa anche da
solo come un cane. Essere come cane e gatto è uguale a non potersi
sopportare. Se chiacchiero senza arrivare al punto si dirà che sto menando il
can per l'aia, e se mi comporto male potrei anche essere figlio di un cane.
Ma meglio non svegliare il can che dorme. Si dice cane anche a un cattivo
attore o a un cattivo cantante.
Un cane sciolto è chi non appartiene a nessun gruppo o lobby: L'aria da cane
bastonato è invece indice di sofferenza. In generale, da cani è qualcosa di
negativo: vita da cani, lavorare da cane, trattare da cane, è simile a non
augurare qualcosa nemmeno a un cane. E oggi fa un freddo cane!

Canguro
Il canguro salta. Pare che non sappia fare altro e forse per questo è così poco usato
nel linguaggio figurato.

4 of 11 01/03/12 14:12
Bestie, bestiacce e bestioline (1° parte), di Roberto Tartaglione, MATDID,... http://www.scudit.net/mdanimali.htm

Cappone

Il cappone, si sa, è un pollo castrato.


Immaginate da soli in che senso si può usare questa parola.

Questo animale non gode di una grande reputazione in giro. Essere una
Capra
capra significa essere ignorante, non capire niente. Si può anche puzzare
come una capra, ma questo è un altro discorso. Per fortuna si può anche
salvare capra e cavoli, trovare perciò un sistema che permette di ottenere
un risultato positivo senza danni collaterali.
Il capro espiatorio, poverino, è invece quello che si sacrifica per il bene di
altri, prendendo su di sé tutte le colpe.
(Ma forse ora stiamo perdendoci in questioni di lana caprina).

Capriolo

Il capriolo è il parente nobile della capra. Salta sulle montagne ed è agile.


Possiamo dire perciò capriolo a chi salta con eleganza (anche il canguro salta,
certamente, ma con tutt'altro stile).

Cavalletta
Nella Bibbia si parla di un terribile flagello: "l'invasione delle cavallette". Le
cavallette sono tantissime, occupano uno spazio e lo distruggono. Ieri sera
ho fatto una festa a casa mia e, mamma mia! Sono arrivate le cavallette! Nel
frigorifero non mi è rimasto neanche un uovo!

Si può dire cavallo a una persona (normalmente un adolescente) che si muove e


Cavallo che cammina in modo poco aggraziato e un po' rumoroso.
Ma tanti sono i modi di dire sul cavallo: essere a cavallo, lanciato bene in una
impresa, avere una febbre da cavallo, altissima, dormire in piedi come i cavalli,
non accorgersi di niente. Il cavallo di Troia è naturalmente pericoloso. Il mio
cavallo di battaglia è invece il mio punto di forza. Correre o saltare la cavallina è
gustarsi senza freno i piaceri della vita; e a caval donato non si guarda in bocca.
Campa cavallo...! significa invece che stiamo aspettando inutilmente qualcosa che
non succederà.

Cavia

Animaletto da laboratorio che si usa negli esperimenti. Se venite a cena da me


cucinerò per la prima volta il pollo alle mele. Sarete le mie cavie (e non so se
sopravviverete, naturalmente)

Cerbiatto

Famoso anche come Bambi, il notissimo cartone animato di Walt Disney. La sua
caratteristica principale sono gli occhi, con le ciglia che sbattono in modo seducente e
irresistibile: non mi guardare con quegli occhi da cerbiatto!

5 of 11 01/03/12 14:12
Bestie, bestiacce e bestioline (1° parte), di Roberto Tartaglione, MATDID,... http://www.scudit.net/mdanimali.htm

Cervo
Animale nobile e bello ma con grandi corna ramificate. E, si sa, in italiano
"cornuto" si dice di una persona tradita dalla moglie o dal marito. Se
sottovoce sentite parlare di qualcuno definito cervo, be', non è certo carino
nei suoi confronti.

Cicala
Una celebre favola di La Fontaine racconta di una estate in cui la formica lavorava
per accumulare provviste per l'inverno e la cicala si godeva il sole e cantava.
Arrivato l'inverno la cicala stava morendo di fame e di freddo e ha chiesto aiuto
alla formica che, acidamente, le ha risposto: "Hai cantato? Bene, adesso balla!".
Non vi chiederemo di non comportarvi da cicale. Ma almeno non chiedete aiuto
alle formichine! (vedi formica).

Cicogna

È arrivata la cicogna? Auguri!


Significa che è nato un bambino. I bambini, infatti li porta la cicogna.

Cigno

Il cigno è certo un animale bellissimo. Ma quando canta significa che sta per morire.
Il canto del cigno si dice quindi di un'azione anche importante e vistosa, fatta però in un
momento di crisi irreversibile, ultimo gesto prima del crollo definitivo.

Cimice
Piccolo insetto fastidioso che può attaccarsi all'uomo. Essere una cimice è come
essere un piccolo fastidioso parassita. Per le sue dimensioni si chiama anche cimice il
piccolo marchingegno elettronico che serve per spiare un ambiente o un telefono
(quando James Bond entra in una camera di albergo controlla subito se nel telefono
non ci siano delle cimici)

Civetta
Fare la civetta o civettare: significa che una donna fa qualcosa per mettersi in mostra e
essere corteggiata. Attenzione, è ben diverso dall'essere un'oca. La civetta non è
stupida: semplicemente desidera farsi amare. L'auto-civetta della polizia è invece una
normale automobile usata dai poliziotti per non farsi riconoscere.

Coccodrillo Il coccodrillo piange dopo aver mangiato una persona. Versare lacrime di
coccodrillo è quindi un po' ipocrita.
Il coccodrillo, nel linguaggio giornalistico, è anche l'articolo (lacrimoso)
scritto in memoria di una persona importante che è morta. Si chiama così
perché l'articolo è spesso stato scritto quando la persona era ancora viva,
ed è rimasto nel cassetto del giornalista fino... al momento buono per
usarlo.

Colomba Dopo il diluvio universale una colomba segnala a Noè la fine di questa catastrofe
e la riconciliazione con Dio. La colomba perciò è simbolo di pace.
Nel linguaggio politico sentiamo parlare di falchi e colombe: i falchi sono quelli
che sostengono azioni più decise (anche guerre), le colombe sostengono la
necessità della trattativa.
Meglio comunque non tirare sassi in colombaia, lasciare le cose tranquille come

6 of 11 01/03/12 14:12
Bestie, bestiacce e bestioline (1° parte), di Roberto Tartaglione, MATDID,... http://www.scudit.net/mdanimali.htm

sono senza creare confusione.

Coniglio
Posso tremare come un coniglio, per la paura. Posso essere un coniglio nel
senso di vigliacco. Ma se mi danno del coniglio in riferimento alle mie attività di
latin lover significherà solo che le mie prestazioni sessuali, se non
qualitativamente almeno quantitativamente, sono piuttosto esagerate. Ma si sa:
ognuno di noi ha sempre un coniglio nel cilindro!

Cornacchia

Vecchia cornacchia! Si dice a chi ha una voce sgradevole, ma soprattutto a chi


dice cose sgradevoli, acide o che augurano disgrazie.

Corvo

Il corvo è come la cornacchia... ma più autorevole: famoso è il Corvo di Palermo, un


magistrato che scrivendo lettere anonime alle Istituzioni, aveva acceso sospetti, odi e
invidie fra le autorità che dovevano occuparsi della lotta alla mafia negli anni Ottanta.

Cozza

Donna brutta, senza appello.

Delfino
Storicamente era l'erede al trono di Francia. Oggi per delfino si intende in generale
la persona destinata a succederne a un'altra, chi per motivi di discendenza o più
frequentemente di ruolo, prenderà il posto di un personaggio importante quando
questo lascerà la sua carica.

Dinosauro

Largo ai giovani: noi vecchi dinosauri, anche se abbiamo fatto grandi cose e
abbiamo ancora qualche energia siamo una razza in via di estinzione.

Elefante
L'elefante è grosso, non c'è dubbio. Eppure la sua caratteristica non è tanto quella di
essere di grosse dimensioni, quanto soprattutto quella di essere "maldestro": un
elefante in un negozio di cristalli per esempio difficilmente riuscirà ad evitare
qualche catastrofe. Ma di più: maldestro anche in senso figurato. Avere un tatto da
elefante significa mancare di diplomazia, di delicatezza nel parlare, una memoria da
elefante è invece una buona memoria.

7 of 11 01/03/12 14:12
Bestie, bestiacce e bestioline (1° parte), di Roberto Tartaglione, MATDID,... http://www.scudit.net/mdanimali.htm

Ermellino
L'ermellino è un animale noto per la caratteristica della sua pelliccia pregiatissima
che in estate è rossastra e bianca, mentre in inverno è completamente bianca. La
pelliccia di ermellino è molto ricercata e fa parte della toga dei Magistrati di
Cassazione, chiamati per questo ermellini nel linguaggio giornalistico.

Faina

Furba, furbissima la faina, forse perfino più di una volpe. Spesso


però diciamo "faina" ironicamente, a qualcuno che si è comportato
in modo troppo ingenuo e decisamente poco astuto.

Falco
Occhio di falco lo diciamo a chi vede particolarmente bene (anche in senso figurato a
chi intuisce il futuro).
In riferimento alla sua aggressività poi, ne linguaggio politico i falchi sono quelli che
sostengono azioni più decise (anche guerre), mentre le colombe sostengono la
necessità della trattativa.

Farfalla
La farfalla è leggera e vola di fiore in fiore: essere un farfallone può perciò
anche significare essere una persona poco costante dal punto di vista
sentimentale. A farfalla è anche uno stile del nuoto. In meccanica, la farfalla è
una specie di valvola, per esempio un elemento del motore.
Andare a caccia di farfalle (o correre dietro alle farfalle) significa perdere
tempo in cose inutili.

Formica
Una caratteristica della formica è certamente quella di essere piccola; e un'altra è
quella di far parte spesso di gruppi numerosi. Ma la caratteristica principale è quella
di essere una grande lavoratrice e di pensare al futuro della comunità organizzandosi
per i periodi di freddo e di carestia. Una celebre favola di La Fontaine la mette in
contrasto con la cicala che invece d'estate canta e suona e d'inverno muore di freddo
(vedi cicala)

Fringuello

Il fringuello canta e ha un modo di volare che sembra rappresentare il senso


della libertà e della felicità. Si può essere perciò libero e allegro come un
fringuello.

Furetto
E’ un simpatico animale da compagnia, divertente e vivace che ama
moltissimo giocare. Si dice furetto perciò a un bambino molto allegro e
dinamico, con la caratteristica di essere in continua attività.

Gabbiano

Bello, libero ed elegante nel suo stile di volo: sentirsi come un gabbiano
significa avere un grande desiderio di libertà e di esplorare il mondo.

8 of 11 01/03/12 14:12
Bestie, bestiacce e bestioline (1° parte), di Roberto Tartaglione, MATDID,... http://www.scudit.net/mdanimali.htm

Avere un cervello da gallina non è certo un complimento, viste le dimensioni


Gallina
ridotte. Ma per fortuna gallina vecchia fa buon brodo. E non serve porsi il
problema se sia nato prima l'uovo o la gallina, mentre forse è meglio un uovo
oggi che una gallina domani. Scrivere con zampe di gallina significa avere
una brutta calligrafia. Ci piace la gallina dalle uova d'oro, una persona o una
situazione che ci porta continuamente vantaggi economici. Andare a letto con le
galline (la sera presto) e alzarsi con le galline (la mattina presto) invece non ci
piace troppo.

Gallo

Essere il gallo nel pollaio, fare il galletto o anche essere un tipico esponente del
gallismo latino... tutte cose che si riferiscono al ruolo di "maschia superiorità" tipica di
questo animale. Tutto bene: basta non doversi alzare al canto del gallo.

Gambero

L'importante è non fare come i gamberi che fanno un passo avanti e due
indietro. Altrimenti per la vergogna diventeremo rossi come un gambero.

Se siamo in pochi diciamo che siamo in quattro gatti; se abbiamo qualcuno ormai
Gatto
nelle nostre mani diciamo che giochiamo come il gatto con il topo; se una
persona è una gattamorta significa che sembra tranquilla e abulica ma in realtà può
essere pericolosissima. E se abbiamo una gatta da pelare significa che abbiamo un
bel problema da risolvere. Avere sette vite come i gatti vuol dire avere infinite
risorse. Lavarsi come i gatti è invece lavarsi in modo un po' sommario, veloce,
senza perdere troppo tempo. Quando gatta ci cova significa che c'è qualcosa di
poco chiaro. E la gatta frettolosa fa i gattini ciechi!

Gazzella

Agile, veloce e scattante come una gazzella. Da non dimenticare però che se
durante una rapina in banca arriva una gazzella non stiamo parlando dell'elegante
animale ma dell'Alfa Romeo della polizia.

Ghiro

Il ghiro è una animale che sta sveglio di notte e dorme di giorno. Inoltre sta in
letargo per sei mesi all'anno. Facile conclusione: dormire come un ghiro
significa dormire beatamente.

Giraffa
Non c'è dubbio che la caratteristica di questo animale sia il collo lungo. Possiamo dire
giraffa quindi a chi abbia il collo lungo o allunghi il collo per la necessità di guardare da
qualche parte. Ma giraffa è anche un attrezzo che si usa in televisione per sostenere
e per spostare le telecamere in modo da ottenere inquadrature dall'alto.

9 of 11 01/03/12 14:12
Bestie, bestiacce e bestioline (1° parte), di Roberto Tartaglione, MATDID,... http://www.scudit.net/mdanimali.htm

Gorilla
Il gorilla è una scimmia dal fisico possente. Per questo sono chiamati gorilla gli uomini
che di mestiere fanno le guardie del corpo (Bodyguard) di personaggi importanti.
Sono gorilla anche gli addetti alla sicurezza all'interno di strutture in cui bisogna evitare
atti di violenza (per esempio i gorilla che in una discoteca devono allontanare eventuali
ubriachi o malintenzionati)

Il grillo parlante è diventato famoso per la favola di Pinocchio, anche nella


Grillo
versione cinematografica di Walt Disney. La sua caratteristica è di dire cose
sagge ma di essere inascoltato.
Ma diciamo anche grillo a un bambino che si muove in modo allegro, saltella
e zompetta incessantemente; o anche a un anziano che, nonostante l'età, fa
una vita dinamica e piena di impegni a destra e a sinistra.
Chi poi ha grilli per la testa è uno che si è fatto strane idee, ambizioni forse
eccessive.

Gru
La gru è caratteristica per le sue zampe lunghe e per una certa
sproporzione nelle forme: per questo si può dire "gru" ad un adolescente
in fase di crescita, quando è già alto ma non ancora ben proporzionato.
Da non dimenticare che la gru è anche la macchina che si usa nei cantieri
edili o nella costruzione di grandi impianti per sollevare e di spostare grandi
pesi.

Gufo
Questo uccello notturno non ha certo un aspetto rassicurante: quindi diciamo non fare
il gufo! a chi ci dice qualcosa di pessimistico sul futuro, come dire non portare iella!
Anche il verbo gufare (che in origine rappresentava il verso del gufo) oggi viene usato
riferendosi a chi, con le sue nere previsioni, sembra quasi augurarci qualche
sfortuna.

Iena
La iena è un animale decisamente aggressivo: si ciba di carogne e se ha fame
anche di prede vive. Diciamo perciò iena a una persona crudele, violenta e senza
cuore.
Possiamo però usare questa parola anche parlando "simpaticamente" di una
persona aggressiva, che sa far valere le sue ragioni e che se si lancia in una
discussione non molla finché non ha raggiunto il suo scopo.

Insetto
Definiamo insetto una persona meschina, per sottolineare il fatto che è
insignificante ma anche molesta e qualche volta parassitaria.
Naturalmente quella persona può essere schiacciata come un
insetto.

Ippopotamo

È grosso. e solo in questo senso lo usiamo nel linguaggio parlato: se


continuo a mangiare così diventerò un ippopotamo!

10 of 11 01/03/12 14:12
Bestie, bestiacce e bestioline (1° parte), di Roberto Tartaglione, MATDID,... http://www.scudit.net/mdanimali.htm

Istrice

Si dice di qualcuno che non si lascia avvicinare facilmente, sempre in


posizione difensiva e forse troppo chiuso in se stesso. Carattere appuntito
che non si lascia accarezzare.

ALTRI ANIMALI : CLICCA QUI

11 of 11 01/03/12 14:12