Sei sulla pagina 1di 3

Alla Presidente dellAssemblea Legislativa

Regione Emilia-Romagna

Simonetta Saliera

RISOLUZIONE

LAssemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna,

PREMESSO CHE

La societ Feronia S.r.l., partecipata per il 70% delle quote da


Herambiente S.p.a. e per il 30% da Sorgea S.r.l., affidataria della
gestione della discarica esistente del Comune di Finale Emilia(MO), in
via Canaletto Quattrina, ha presentato in data 05/11/2015 alla
Provincia di Modena richiesta di VIA (valutazione di Impatto
Ambientale) al progetto di ottimizzazione dellarea tecnologica della
discarica esistente con ampliamento della volumetria.

La Conferenza dei Servizi, preposta ad autorizzare la richiesta, ha


proceduto sollecitando integrazioni al progetto e rimandando lesame
della domanda di VIA una volta ottenuti alcuni elementi di
approfondimento da parte di ARPAE. In seguito a tale disposizione
della Conferenza dei Servizi, Feronia ha presentato nuova istanza di
VIA del progetto di ottimizzazione dellarea tecnologica della discarica
esistente con ampliamento di volumetria pari 1.860.000 metri cubi di
rifiuti urbani e speciali non pericolosi, ottemperando alla richiesta di
integrazioni, ufficializzata, con pubblicazione sul BURERT n275 del
07/09/2016.

Il Consiglio Comunale di Finale Emilia ha espresso parere contrario,


contenuto nella delibera n 137 del 06/10/2016, alla variante
urbanistica necessaria allampliamento della discarica ed anche nel
complesso al progetto presentato da Feronia S.r.l.

Viale Aldo Moro, 50 - 40127 Bologna - Tel. 051 527.5298 email


laltraemiliaromagna@regione.emilia-romagna.it PEC
laltraemiliaromagna@postacert.regione.emilia-romagna.it
WEB www.assemblea.emr.it/gruppi-assembleari/altra-emilia-romagna
A seguito di questa deliberazione ARPAE ha inviato una
comunicazione ufficiale alla Regione Emilia-Romagna, in data
02/12/2016, in cui proponeva linvio del preavviso di diniego, ai sensi
dellart. 10-bis della L 241/1990.

Il servizio Cura del territorio e dellambiente della Regione Emilia


Romagna ha inviato comunicazione il giorno 03/07/2017 alla Struttura
autorizzazione concessioni di ARPAE Modena in merito alla necessit
di proseguire i lavori istruttori della Conferenza di servizi rinviando
alla conclusione del procedimento di VIA la valutazione del parere
contrario pervenuto dallAmministrazione comunale di Finale Emilia.

I Sindaci dei Comuni che partecipano a Sorgea S.r.l. hanno inviato una
comunicazione al Presidente Bonaccini indicando la loro favorevole
propensione allampliamento del secondo stralcio della discarica di
Finale Emilia, per i meri benefici economici che ne deriverebbero.

La societ Feronia ha presentato una memoria volontaria contenente


la documentazione inerente la gestione del lanfill mining (bonifica
della vecchia discarica), che attende la verifica degli esperti, per tanto
la Conferenza dei Servizi che deve licenziare il parere definitivo,
convocata per il 10/08 p.v., stata rimandata al prossimo dicembre
2017.

VALUTATO CHE

Sono al vaglio delle autorit giudiziarie le inottemperanze


autorizzative sulla gestione della discarica di Finale Emilia da parte di
Feronia S.r.l.

Le ricadute ambientali della discarica e del pericoloso percolato sono


accertate; sono stati rilevati nelle falde ed in superficie, superamenti
dei parametri di sostanze nocive (sodio, cloruri, solfati, arsenico).

Il traffico in direzione della discarica transiter prevalentemente sulla


tangenziale nord allabitato di Finale Emilia, esattamente a ridosso del
nuovo polo scolastico e del comparto che ospita tutti i servizi
scolastici, culturali e sociali del Comune di Finale Emilia.

La vicinanza del progettato ampliamento della discarica con numerosi centri abitati e
terreni dedicati a produzioni agricole di qualit (Finale Emilia, a circa 2,7 km a sud;
Canaletto, a circa 3,5 km a sud-sud-ovest; Massa Finalese, a circa 4,7 km a sud-ovest;
Scortichino, a circa 3,7 km a nord-est) mette a repentaglio la salute e la sicurezza dei
residenti.

La zona di ampliamento si trova ad appena 2,5 km da "Le Meleghine", area protetta da


specifiche misure di conservazione, ad appena 2 km dal Convento sede della Comunit
di San Giovanni, classificata come zona di interesse storico culturale, e a poche
centinaia di metri dal "paleodosso della Quattrina", di accertato interesse
geomorfologico.

Le discariche esistenti e il progettato ampliamento si collocano in una zona inidonea ad


ospitare impianti di smaltimento rifiuti in quanto zona esondabile e alluvionabile ad
elevata criticit idraulica gi oggetto, oltre che ad elevato rischio sismico.

DATO ATTO CHE

Nel Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti approvato dalla Regione


Emilia Romagna si prevede (a pag. 228 della relazione generale) che
La discarica di Finale Emilia potr ricevere circa 25.000 t/a di RU. In
sede di monitoraggio di Piano si prender atto della capacit
dellimpianto di ricevere nuovamente rifiuti e si provveder a definire
il relativo flusso dei rifiuti..

Le motivazioni per cui Feronia S.r.l. chiede l'ampliamento della


discarica non sono coerenti con la programmazione regionale dei
rifiuti

RICHIAMATI

i principi della Legge regionale n16/2015 e del Piano Regionale


Gestione Rifiuti, che prefiggono il superamento del conferimento dei
rifiuti in discarica e la progressiva dismissione degli impianti presenti
nel territorio regionale.

CHIEDE ALLA GIUNTA REGIONALE

Di dare seguito alla volont del consiglio comunale di Finale


Emilia che, con delibera n 137 del 06/10/2016, ha espresso il
proprio parere contrario al progetto di ampliamento della
discarica, tutelando cos la salute dei cittadini e la qualit
ambientale di quel territorio, in coerenza coi principi affermati
nel Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti in vigore.

Bologna, 11 /08/2017
Il Consigliere

Prof. Avv. Piergiovanni Alleva