Sei sulla pagina 1di 7
Emittente TV 6 VIDEO 6 Canale 286 il Primo gruPPo editoriale a SiraCuSa il Primo
Emittente TV
6
VIDEO
6
Canale 286
il Primo gruPPo editoriale a SiraCuSa
il Primo gruPPo editoriale a SiraCuSa
Quotidiano della Provincia di Siracusa
Sicilia
www.libertasicilia.it
Fondatore Giuseppe Bianca nel 1987
mail: libertasicilia@gmail.com
mercoledì 19 aprile 2017 • anno XXX • n. 92 Direzione, Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 • Tel. 0931 46.21.11 FAX 0931 60.006 • Pubblicità locale: via Mosco 51 • Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 60.006 • € 1,00
Canale678

«Ridicola la proposta di cucire, modello Arlecchino, l’area per il nuovo ospedale rattoppata»

«nuovoospedale, il Pdlocaleeregionale ha causato la perdita del finanziamento»

Per costruire il nuovo ospedale ci vogliono almeno 115 mila mq e non 40 mila

Città

Prende il vial’iter delprogetto riqualificazione viaCrispi

E’ stata resa pubblica all’albo pretorio una de- termina con la quale si procede alla nomina del responsabile unico del procedimento riguardante il progetto di ripavimen- tazione della via Crispi, la strada che congiunge piazzale Marconi alla sta- zione centrale L’incarico è stato conferi- to all’architetto Aldo Ce- lani, che ha il compito di verificare la progettazione esecutiva dell’intervento relativo alla rifunzionaliz- zazione e riqualificazione urbana della connessione tra la stazione ferroviaria e il piazza Marconi, meglio noto come via Crispi.

A pagina due

piazza Marconi, meglio noto come via Crispi. A pagina due l’antico progetto del nuovo ospedale. SindaCato

l’antico progetto del nuovo ospedale.

SindaCato

«Settoreedile,

piùcontrolli

applicazionecontratto»

«Le ragioni della crisi sen- za fine del settore edile sono molteplici e più volte analiz- zate e commentate.

A pagina quattro

CronaCa

Pasqua,controlli

Carabinieri:arrestate

trepersone

In occasione delle festività pasquali, così come concor- dato tra le varie forze dell’or- dine in sede di Comitato.

A pagina cinque

«Il PD regionale e quello locale, a causa della propria insipienza, ha causato la per- dita del finanziamento per la costruzione del Nuovo Ospe- dale di Siracusa». Lo dichiara l’on. Vincenzo Vinciullo, pre- sidente della Commissione ‘Bilancio e Programmazione’ all’Ars. «Per porre fine alle continue dichiarazioni ottimi- stiche e che tendono a mini- mizzare la gravità di quanto accaduto, allego il Decreto Assessoriale n.1147 del 22 giugno 2016, a firma di un Assessore del PD, con il qua- le si certifica la perdita.

A pagina tre

PolitiCa

«acqua: nuovo bando, acqua salata»

«Di recente la gestione del Servizio Idrico Integrato di Siracusa è tornata prepotente- mente in scena, sia per la pub- blicazione del Bando a rilevan- za Comunitaria promosso dal Comune che per la notizia del presunto danno erariale, il quale ammonterebbe.

A pagina quattro

danno erariale, il quale ammonterebbe. A pagina quattro Sopra, la Stazione dei carabinieri in piazza duomo.

Sopra, la Stazione dei carabinieri in piazza duomo.

Confrontoconl’assessoratoallaSanità

nuovoospedale di Siracusa: «nessuna perditadeifondi»

nuovoospedale di Siracusa: «nessuna perditadeifondi» Sopra, la presunta area dove costruire il nuovo ospedale.

Sopra, la presunta area dove costruire il nuovo ospedale.

«Nessuna perdita dei finanziamenti per il nuovo ospedale di Siracusa». La notizia è stata confermata dall’assessore regionale all’Istruzione e alla Formazione professionale, Bruno Marziano, a seguito di un confronto sulla vicenda con l’assessorato regionale alla Sanità. «Smentiamo – ha dichiarato l’assessore regionale Marziano -.

A pagina tre

Polizia, positivo il bilancio delle festività pasquali in città

A seguito delle determi-

nazioni raggiunte in seno

al Comitato Provinciale

presieduto dal prefetto

Castaldo, il dispositivo

di controllo del territorio

panificato dal Questore Ioppolo, rafforzato in oc- casione delle festività.

A pagina cinque

di controllo del territorio panificato dal Questore Ioppolo, rafforzato in oc- casione delle festività. A pagina

SiracusaCity 2

SiracusaCity • 2 Sicilia • 19 APRILE 2017, MERCOLEDì Prende l’iter il progetto riqualificazioneviaCrispi E’

Sicilia 19 APRILE 2017, MERCOLEDì

SiracusaCity • 2 Sicilia • 19 APRILE 2017, MERCOLEDì Prende l’iter il progetto riqualificazioneviaCrispi E’

Prende l’iter il progetto riqualificazioneviaCrispi

E’ stata resa pubbli-

ca all’albo pretorio una

determina con la quale si procede alla nomina del responsabile uni- co del procedimento riguardante il proget- to di ripavimentazio- ne della via Crispi, la strada che congiunge piazzale Marconi alla stazione centrale

L’incarico è stato con- ferito all’architetto Aldo Celani, che ha il compito di verificare

la progettazione ese-

cutiva dell’intervento

relativo alla rifunzio- nalizzazione e riqua- lificazione urbana della connessione tra

la

stazione ferroviaria

e

il piazza Marconi,

meglio noto come via Francesco Crispi. La storia della riquali-

ficazione della via Cri- spi risale al 13 aprile 2010 quando l’allora giunta comunale ha approvato la delibera relativa al piano inte- grato di sviluppo urba-

no che prevede, tra le

azioni per la richiesta dei finanziamenti a valere sull’asse VI del Po Fesr 2007-2013, il progetto in questione. Il progetto definitivo è stato approvato il 16

lastradachecollegapiazzamarconi allastazionecentrale il progetto definitivo è stato approvato il 16 luglio 2010

il progetto definitivo è stato approvato il 16 luglio 2010 la via crispi. luglio 2010 con

la via crispi.

luglio 2010 con un

importo complessivo

luogo all’affidamento dei lavori, la dirigenza

Pac. Proprio poco più

di

tre mesi fa si è chiu-

so

un iter amministra-

tivo iniziato 17 mesi

prima fa il cui esito. La somma stanziata dalla Regione è di 1milione 790mila euro, soldi che serviranno a ripa- vimentare la strada – mantenendo le basole

con criteri moderni

e

di sicurezza; inol-

tre, anche in funzione

della sosta delle auto, saranno modificati i marciapiedi sui quali saranno realizzate le corsie per ipovedenti; sarà del tutto ammo- dernata l’illuminazione pubblica, sia per quel che riguarda l’impian-

di

2 milioni e 200 mila

del Comune deve pro-

to

che i corpi illumi-

euro.

cedere con la verifica

nanti, e sarà collocata

Con determina diri-

preventiva della con-

la

segnaletica turisti-

genziale del 8 luglio dello scorso anno, sono stati incaricati della progettazione

formità degli elaborati progettuali, cosa che eseguirà il Rup appe- na nominato.

ca. Per il sindaco Ga- rozzo, l’intervento di recupero di via Crispi diventa anche un’o-

esecutiva e direzione

E

proprio in relazione

perazione di rilevante

lavori due tecnici di- pendenti del Comune

agli interventi, alla fine del mese di gennaio si

valore urbanistico in una zona del centro

capoluogo. Il proget-

è

registrato il via libe-

storico che sta cono-

to esecutivo è stato

ra

dall’assessorato re-

scendo in questi anni

approvato con deter- mina dirigenziale del 12 luglio dello scorso

gionale alle Infrastrut- ture al finanziamento per la riqualificazione

una rinascita commer- ciale per i tanti locali di ritrovo che si stanno

anno. Prima di dar

di

via Crispi con fondi

aprendo.

ilComunestabilisce iprezziperutilizzare il teatro Comunale elatomiedeiCappuccini

L’amministrazione attiva di Palazzo Vermexio ha fissato le tariffe per l’utilizzo privato del Teatro Co- munale, dell’Artemision, del giardino di Villa Rei- mann e della Latomia dei Cappuccini. Matrimoni,

ma non solo. Spot pubblicitari, servizi fotografici, congressi o qualsiasi altro evento. Tutto a dispo- sizione dei privati, purché, come si legge nella delibera di Giunta “non venga pregiudicata la con- servazione e la fruizione pubblica e che la destina- zione d’uso sia compatibile col carattere storico e artistico del bene”. E purché, si paghi. Non tantissi- mo, ma si paghi. Infatti per un congresso al Teatro Comunale il costo dell’affitto va da un massimo di 5 mila euro per tutta la giornata ai 3 mila per affittarlo

per 5 ore. Ovviamente esistono anche i pacchetti ri-

dotti: qualora l’interessato volesse “prenotare” solo

il foyer, il prezzo scenderebbe dai 2 mila euro per le 24 ore ai 1.300 euro per 5 ore. Prezzo ancora più basso per le sale laterali, il cui costo è di 500 euro sia per un affitto di 24 ore, sia per un orario ridotto. Discorso molto meno oneroso in caso si volesse avere la struttura per un servizio fotografico o una campagna pubblicitaria: in questo caso la cifra sia per il Teatro, sia per gli altri gioielli comunali (villa Reimann, Artemision e Latomie dei Cappuccini) sa- rebbe di 800 euro. Per chi volesse invece scegliere uno dei beni comunali per pronunciare il fatidico

“sì”, il consiglio è quello di farlo negli orari di ufficio, evitando i week end. Così facendo, infatti, il costo

sarebbe di appena 700 euro per il Teatro (500 per le Latomie e 250 per villa Reimann e Artemision) a fronte dei 1.190 se la scelta dovesse cadere fuori dagli orari di ufficio o nel fine settimana (850 alle Latomie e 500 per villa Reimann e Artemision). Tut- te somme, che specifica il Comune, non prevedono in caso fosse necessario, gli oneri per la vigilanza antincendio e i diritti Siae. Tariffe inoltre indicate senza Iva e che non comprendono la fornitura di servizi audio, video, luci e allestimenti. Tutti e 4 i siti sono già gestiti dalla Erga e proprio con quest’ul- tima palazzo Vermexio dovrà dividere le somme incassate dall’affitto ai privati, secondo alcune per- centuali già stabilite dalla convenzione in essere.

In Italia si cerca da al- cuni anni di introdurre

il reato d'opinione. Ci

hanno provato col ddl Scalfarotto «sull’omo- fobia» già approvato alla Camera, ma il cui iter è stato poi bloccato anche grazie alle ve- glie delle Sentinelle in

Piedi. Poi si è tentato di farlo passare col ddl su bullismo e cyberbulli- smo e ora, in una veste ancor più subdola e pe- ricolosa, ricompare nel ddl s2688 (XVII legisla- tura) sulle cosiddette fake news che, con la scusa di voler punire chi diffonde notizie fal- se, in realtà minaccia la libertà d'espressione a 360 gradi. Questo ddl, infatti, prevede una multa fino a 5 mila euro per «chiunque pubbli- chi o diffonda» online «notizie false, esage- rate o tendenziose che riguardino dati o fatti infondati o falsi». Se poi lafake news è tale da «destare pubblico allarme», «fuorviare settori dell’opinione pubblica» o promuove-

re «campagne d’odio»,

L’incontro è previsto alle ore 18 in piazza San Giovanni

la veglia delle sentinelle in piedi si terrà a Siracusa sabato 22

delle sentinelle in piedi si terrà a Siracusa sabato 22 l’articolo 2 aggiunge ai 5 mila

l’articolo 2 aggiunge ai

5 mila euro di multa an- che un anno di reclusio- ne. Quando poi si arrivi

a «minare il processo

democratico, anche a

fini politici», gli anni di reclusione diventano due e l’ammenda sale

a 10 mila euro. Ma chi

stabilisce che una noti- zia sia falsa, esagera-

ta o tendenziosa? Chi

stabilisce dove e quan-

do si tratta di una cam-

pagna d’odio? E poi

cosa significa «minare

il processo democrati-

co»? Non sappiamo se

questo testo passerà davvero, di certo negli

ultimi mesi l’attenzione sulle cosiddette fake news si sta facendo

strada a livello inter- nazionale nell’intento

di silenziare ogni voce

dissonante con ogni mezzo possibile. È in- fatti evidente che, se

questi o analoghi testi dovessero diventare legge, potrebbe esse-

re

a rischio la libertà

di

esprimere legittimo

dissenso pubblica- mente senza venire

accusati e perseguiti.

po-

trebbe non essere più possibile esprimere opinioni ad esempio contrarie all’aborto,

alle unioni civili o alle «creative» decisioni di Tribunali quali quello di

Milano, di Trento e più

di recente quello di Fi-

renze, che contro ogni senso della giustizia e del rispetto delle leggi italiane hanno emesso sentenze ideologiche che arrivano a trattare un bambino come se fosse unicamente il mezzo per soddisfare un inesistente «diritto al figlio».

È

evidente

che

Sicilianjazz&international

jazzdaySiracusa2017

anticomercato dal 28 al 30 aprile

Sarà presentata questa mattina alle 10,30, nel corso di una conferenza stampa, che si terrà nella Sala “Archimede” di piazza Mi-

nerva 5, la rassegna musicale “Sicilian in

jazz & international jazz day Siracusa 2017”, che si svolgerà dal 28 al 30 aprile presso l’Antico Mercato. All’incontro con i giornalisti saranno presenti, il sindaco, Giancarlo Ga-

rozzo, l’assessore alla Cultura, Turismo e spettacoli, Francesco Italia, Giuseppe Pic- cione, presidente del Comitato SIRACUSA 2750, Giuseppe Mandalari, direttore artisti- co e Stefania Altavilla, presidente di ARCA. L’associazione Rinascimento Culturale Ar- chimedeo (A.R.C.A.) da sempre impegnata sul territorio, nel promuovere e diffondere la conoscenza della cultura mediterranea mu-

sicale ed artistica, presenterà il programma della rassegna jazz collegata al network dell’International Jazz Day, promosso da Herbie Hancock, ambasciatore dell’Une- sco. L’attenzione al territorio, per il quarto anno consecutivo, vedrà il coinvolgimento del Li- ceo Classico Gargallo, del Liceo Artistico Gagini e dell'istituto Federico II di Svevia di Siracusa, che interverranno in sinergia con ARCA, in una occasione di stage formativo per gli allievi dei rispettivi Istituti.

Pasqua,quasi2.000ingressi

incinquesiticomunali

Soddisfattol’assessoreitalia:

“Prestofruibilialtritesori”

19 APRILE 2017, MERCOLEDì

19 APRILE 2017, MERCOLEDì • Sicilia 3 • SiracusaCity C irca duemila turisti hanno
19 APRILE 2017, MERCOLEDì • Sicilia 3 • SiracusaCity C irca duemila turisti hanno

Sicilia 3 SiracusaCity

Circa duemila turisti hanno visitato, nel week end di Pasqua, i siti culturali comunali . Ne dà notizia l'assessore ai Beni e politiche culturali e al Turi- smo, Francesco Italia, che si dichiara soddisfatto del risultato conseguito. In tutto 1.955 ingressi in 5 siti: Lato- mia dei cappuccini, Teatro comuna- le, Artemision, Galleria Montevergini (dove è in corso la mostra sui sarco- fagi egiziani dei Musei reali di Bru- xelles) e l'ex Convento dei ritiro con l'esposizione su Leonardo Da Vinci. “Oltre ai numeri davvero soddisfa-

centi – afferma l'assessore Italia – si tratta di un dato importante perché premia la nostra scelta di rendere fruibile e valorizzare il patrimonio comunale in quanto tale o attraverso mostre di grande richiamo. Siti che prima erano chiusi o scarsamente vi- sitabili, oggi, invece, producono eco- nomia e rafforzano l'offerta culturale della città”. Proseguendo su questa strada, l'Am- ministrazione ha deciso di valorizzare altri cinque siti comunali (l'ex Chiesa dei Cavalieri di Malta, Palazzo Mon-

talto, l'asilo di via dei Santi coronati, l'ex Convento del ritiro e Casa Min- niti) attraverso un bando pubblicato nei giorni scorsi. “Se ai siti comunali destinati a nuove iniziative culturali e turistiche – conclude l'assessore Ita- lia – aggiungiamo la valorizzazione della piazza d'armi del Castello Ma- niace attraverso il bando pubblicato dal demanio dello Stato, possiamo constatare come il volto della nostra città stia cambiando rispondendo sempre più concretamente alla pro- pria vocazione culturale e turistica”.

«nuovoospedale, il Pdlocaleeregionale ha causato la perdita del finanziamento»

«Ridicola la proposta di cucire, modello Arlecchino, l’area per il nuovo ospedale. L’Amministrazione Comunale ha ricambiato, dopo 4 anni, idea. Ora va bene l’area di contrada Pizzuta»

«Il PD regionale e quello locale, a causa

della propria insipienza,

ha causato la perdita

del finanziamento per la costruzione del Nuovo Ospedale di Siracusa».

Lo dichiara l’on. Vincen-

zo Vinciullo, presidente

della Commissione ‘Bi- lancio e Programmazio-

ne’ all’Ars.

«Per porre fine alle continue dichiarazioni ottimistiche e che ten- dono a minimizzare la gravità di quanto acca- duto, allego il Decreto

Assessoriale n.1147 del 22 giugno 2016, a firma

di un Assessore del PD,

con il quale si certifica la perdita del finanziamen-

essendo stato firmato l’Accordo di Programma Quadro il 15 novembre

2007. Quindi, ha prose-

guito l’On. Vinciullo, il cambio dell’area deciso da questa amministra- zione, guidata dal PD,

ha costretto l’Assesso-

re

regionale della Salu-

te,

sempre a guida PD,

a cancellare il finan- ziamento per il nuovo ospedale di Siracusa, che era stato deciso il 30 dicembre 2010 dalla Commissione Sanità, di cui ero segretario. «Risibile, poi, appa-

re il tentativo di unire

la sorte dell’ospedale

di Siracusa a quella di

di unire la sorte dell’ospedale di Siracusa a quella di il presunto progetto del nuovo ospedale.

il presunto progetto del nuovo ospedale.

Alcamo, un mostro giu- ridico che non può non creare imbarazzo in chi

legge questa notizia.

E mi fermo all’espres- sione imbarazzo, trala- sciando altre considera- zioni.

«Quanto alla nuova pro- posta di ritornare all’an- tico e cioè di ubicare l’ospedale in contrada

to

per la costruzione

del

nuovo ospedale. Lo

stesso PD, sia chiaro, che ha causato lo scip-

po dell’Autorità Portuale

di Augusta a favore di

quella di Catania.

«Per evitare ulteriori

e spiacevoli repliche

sull’argomento, ricor-

do che nel precedente

Decreto Assessoriale,

quello a firma Borsellino, l’Addendum conteneva

al primo posto il nuovo

ospedale di Siracusa.

In questo, allegato al

Decreto Assessoriale

1147/2016, non c’è trac-

cia

del nuovo ospedale

di

Siracusa. Ora infatti,

non è nemmeno ultimo, facendo parte, eviden- temente, dell’elenco dei

progetti bocciati e, com’è noto, chi è bocciato non può essere promosso, tant’è vero che al prov- vedimento del 22 giugno 2016 non è seguito mai altro di rettifica, ovve-

ro di integrazione, né è

pervenuto da parte del Ministero competente,

cosa che sfugge ai mol-

ti, la proposta di aumen-

tare le risorse destinate

all’ex art. 20 della legge 67/88, che ha valenza decennale e che scade

il 15 novembre 2017,

«A seguito di un confronto sulla vicenda con l’assessorato regionale alla Sanità»

nuovoospedale di Siracusa: «nessuna perdita dei fondi»

«Nessuna perdita dei finanziamenti per

il nuovo ospedale di

Siracusa». La notizia è stata confermata dall’assessore regio- nale all’Istruzione e

alla Formazione pro- fessionale, Bruno

Marziano, a seguito

di un confronto sulla

vicenda con l’asses-

sorato regionale alla

Sanità. «Smentiamo – ha di- chiarato l’assessore regionale Marziano

-, dunque, la notizia

falsa della perdita dei fondi. La voce riguar- dante la nuova struttu- ra sanitaria siracusana

non è stata inserita nel

primo stanziamento

di 60 milioni di euro

destinati alla Regione Sicilia perché sono

stati finanziati inter- venti con carattere di urgenza e di minore entità. Il finanziamen- to del nuovo ospe-

dale, invece, avverrà

Il finanziamen - to del nuovo ospe- dale, invece, avverrà regionale della Salute al competente mini-

regionale della Salute

al competente mini-

stero a Roma – dice Vinciullo, che sull’area

spinge perché si utiliz-

zi quella della Pizzuta,

inserita già dal 1986 nel piano regolatore generale della città -

non c'è più traccia del nuovo ospedale.

Nel vecchio elenco, in-

vece, l’opera era stata

inserita al primo posto. Si realizza, purtroppo, quello che avevamo più volte paventato”.

 

finanziamento nell’e-

Di

diverso avviso il

successivamente, una volta scelta la sede in

cui costruirlo, decisio- ne definitiva avvenuta in questi giorni. Bisogna immediata- mente – ha sottolinea-

lenco delle opere de- stinate alla Regione Siciliana». Secondo quanto so- stiene il presidente della commissione

sindaco Garozzo, il quale ha sempre so- stenuto che “resta da comunicare a Roma un secondo elenco di opere, per il restante

to

l’assessore regiona-

regionale al Bilancio,

50 per cento, che di-

le

all’Istruzione e alla

Vincenzo Vinciullo, il

venteranno cantierabi-

Formazione profes-

finanziamento da 110

li

dopo che, come nel

sionale - che Azienda sanitaria e Comune

milioni per l’ospeda- le siracusano è stato

caso degli ospedali di Siracusa e di Alcamo,

di

Siracusa si attivino

cancellato. “Nel nuovo

saranno individuate le

con le comunicazioni istituzionali necessarie per l’inserimento del

Addendum, documen- to programmatico in- viato dall’assessorato

aree. Questo è quan- to mi è stato riferito da Palermo”.

Pizzuta, ha continuato l’on. Vinciullo, dopo che

per oltre 4 anni si è detto che quell’area fosse ina- deguata, si apprendono

e anche offendono le di-

chiarazioni portate a so- stegno delle proprie tesi, come se chi ascoltasse non avesse contezza della storia di questa

Città. In particolare, si fa presente che:

1) L’area di proprietà del Comune che sa- rebbe stata individuata

dall’Amministrazione

Comunale è un’area che

è stata consegnata al

Comune durante la se-

conda Giunta Bufardeci.

In più, mi pare di ricorda-

re, misuri più di 40.000 mq. 2) L’area non è assolu- tamente adiacente all’ex ONP, ma dista parecchie centinaia di metri, sia in

linea d’area, sia per rag- giungerla con i mezzi e, soprattutto, con le am- bulanze. 3) Per costruire il nuovo ospedale ci vogliono al- meno 115 mila mq e non 40 mila. 4) L’area all’interno dell’ex ONP non può essere usata né per parcheggi né per altro, essendovi imposto un vincolo insuperabile pre- visto dal R.D. 1089/39 e dal Decreto Legislativo 42/2004 oltre che dal-

la decisione dell’ARTA

che, con D.Dir. n. 669 del 3 agosto 2007, ha

recepito le istanze del

Consiglio Comunale di Siracusa sulla assoluta

inedificabilità dell’area. «Sull’ipotesi di mette-

re insieme più aree, ha

concluso l’on. Vinciullo,

mi sembra di ricordare il

vestito di una maschera carnascialesca, quella del famoso Arlecchino, con una differenza: i genitori di Arlecchino, per povertà economica,

furono costretti a mette-

re insieme tanti pezzi di

stoffa.

«L’amministrazione

comunale di Siracusa, invece, per povertà di idee, pensa di mettere insieme tanti pezzi di ter- reno, dando vita a uno scacchiere in cui un luo- go si costruisce l’ospe-

dale, in un altro l’elisoc- corso, in un altro ancora

i parcheggi, nell’enne-

sima area i garage per l’ambulanza, facendo ridere a crepapelle, così come continua a fare la famosa maschera, tutta l’Italia».

SiracusaCity 4

SiracusaCity • 4 Sicilia • 19 APRILE 2017, MERCOLEDì «Settore edile occorre unmaggior controllo

Sicilia 19 APRILE 2017, MERCOLEDì

SiracusaCity • 4 Sicilia • 19 APRILE 2017, MERCOLEDì «Settore edile occorre unmaggior controllo

«Settore edile occorre unmaggior controllo anchesull’applicazionedelcontratto»

«Le ragioni della crisi senza fine del settore edile sono molteplici e più volte analizzate e

commentate, anche in maniera ripetitiva e per qualcuno stucchevole»,

lo

vale, segretario genera-

le

Siracusa.

«I numeri della disoccu-

pazione sono dilaganti con gli operai passati

da

5000: -60% secco

negli 8 anni. Le impre-

se operanti pressochè

dimezzate nello stesso

lasso di tempo. Le ope-

re

al

di

coda italiano. La ma- nutenzione straordina-

ria ed il miglioramento

energetico del patrimo-

edilizio scarsamente

incentivato; gli adegua- menti sismici e la rige-

nerazione urbana, solo titoli rimasti sulla carta senza alcun contenuto. E' desolante, inoltre, l'assenza totale di gran-

di

questo territorio. «Aggiungiamo al terri-

bile quadro brevemen-

te riassunto, il fatto che

quelle poche opere già esecutive continuano a non partire ed ecco ser- vita, sul tavolo, la rap- presentazione completa del fallimento totale di una intera classe diri- gente. I politici pensano solo ai riposizionamenti elettorali e si girano co-

opere pubbliche in

nio

pubbliche sono ferme

palo con la provincia

Siracusa, fanalino di

di

11000 a poco meno

provinciale Fillea-Cgil

afferma Salvo Carne-

Ci associamo al grido d'allarme dei giorni scorsi di ance che più volte è stato, in precedenza il nostro grido

ance che più volte è stato, in precedenza il nostro grido stantemente dall'altra parte quando occorre

stantemente dall'altra

parte quando occorre

essere pratici ed effi- caci. Un quadro spa- ventoso. La Fillea-Cgil ritiene indispensabile dare un forte segnale alle stanze della poli- tica con iniziative im-

portanti. E a questo ci associamo al grido d'al- larme dei giorni scorsi

di Ance che più volte è

stato, in precedenza il

nostro grido. E' ora che

le segreterie politiche pensino al lavoro e non alle competizioni inter- ne ed elettorali.

«Ma al netto di questa descrizione desolante, riteniamo inaccettabile assistere alla ineffica- cia di leggi e contratti

e ci chiediamo come

possa essere possibile assistere –silenziosi- a opere pubbliche edili che non vengono de- nunciate come tali!?

«Prendiamo, per esem- pio, i lavori al Porticcio- lo turistico Xifonio ad Augusta. Ci appelliamo al Comune di Augusta, alla Capitaneria di Por- to di Augusta, all'Ance

e alle autorità preposte

per intervenire e verifi- care se a quelle opere debba essere, o meno,

applicato il contratto

edile.

«Come più volte ha di- chiarato il Ministero del Lavoro che il contrat- to da applicare debba sempre essere quello prevalente. E ad occhio

e

te

lenza di lavorazioni edili

che vi sia una preva-

croce appare eviden-

in quel cantiere. Tutto questo è lecito? Vor-

remmo ancora capire se leggi e contratti ad Augusta, come nel re-

sto della provincia, val- gano o sono un optional

a discrezione delle im-

prese che sul risparmio dei costi contrattuali fanno i loro profitti. Non è quella la nostra priori- tà. Rispettare i contratti significa innanzitutto rispettare l'incolumità degli operai. Mai que- sto aspetto deve essere considerato secondario, rispetto a tutto il resto. Ma non riteniamo diret- tamente responsabili le imprese. La responsa- bilità è praticamente tut- ta nelle mani della cosa pubblica che continua ad accorciare il raggio di azione e di verifica. «E come dimostra que- sto triste tempo dove tutti pensano che de-

regolamentare serva a crescere ed invece ser- ve soltanto a penalizza- re i deboli, è necessario un grande patto pro- vinciale con sindacati, associazioni imprendi- toriali e rappresentanti dei Comuni per un vero monitoraggio delle at- tività edili e della loro regolarità. In ballo vi è,

innanzitutto la sicurezza

(applicare interamente il contratto edile comporta il rispetto di protocolli di elevata precisione ), e poi la formazione e tutte le prestazioni previste dal contratto nazionale, quindi difesa del potere d'acquisto dei lavoratori

del settore».

avviato l’iter per istituire l’area marina protetta di Brucoli

Il progetto di istituzione dell’area marina protetta di Bru- coli il cui iter amministrativo è stato appena avviato nei giorni scorsi, il sindaco Cettina Di Pietro ha sottoscritto

la lettera di trasmissione del progetto la cui idea nasce

formalmente il 30 gennaio 2015, quando la commis- sione che gestiva il Comune all’epoca creò una asso-

ciazione temporanea di impresa insieme all’università

di Messina e l’associazione culturale che si occupa di

tutela del patrimonio culturale e artistico Italia nostra, per realizzare uno studio propedeutico per l’istituzione dell’area marina protetta nei borghi marinari di Brucoli ed Agnone. Ecco punti fondamentali della riqualifica- zione e apertura al pubblico, anche come museo di ar- cheologia marina, del castello di Brucoli, chiuso da anni alla pubblica fruizione pur essendo in parte restaurato alla realizzazione di un acquario del Mediterraneo. Non dimenticando la realizzazione di un centro di educazio- ne ambientale all’interno di un edificio confiscato alla mafia, la crea- zione di percorsi naturalistici, didattici, archeologici nell’area ricca di reperti come tre villaggi

preistorici, un villaggio bizantino, un santuario ru- pestre paleo-cristiano dedicato alla madonna dell’Adonai e la valorizza- zione della baia e di tutta la costa. Dopo la sottoscrizione da parte del dipartimento di scien-

ze

biologiche ed ambientali di Messina ed Italia nostra

la

lettera verrà inoltrata insieme al progetto al Ministero

dell’Ambiente del territorio e della Tutela del Mare. L’i- ter prevede, dunque, che una volta inoltrata la relazione

scientifica al ministero si darà il via all’istruttoria da parte degli esperti della segreteria tecnica del ministero per

le aree marine protette. “Conseguentemente, sarà poi

cura degli enti firmatari del progetto ottemperare, in tut-

te le fasi successive, alle legittime integrazioni che - ha

spiegato Jessica Di Venuta, presidente di Italia nostra Augusta - verranno richieste per completare opportuna- mente lo studio dell’area marina in questione. Si tratta di un importante progetto di riqualifica- zione che non rappresenterà assolutamente il punto di arrivo, bensì il punto di partenza per la predisposizione e la realizza- zione di un piano di consolidamento e di sviluppo dell’in- tero nostro territorio da cui ripartire con un programma globale di rilancio e di sviluppo sostenibile attraverso la creazione di posti di lavoro per tanti tra i nostri concitta- dini che operano nel settore terziario”.

«Di recente la gestione

del Servizio Idrico Integrato

di Siracusa è tornata prepo-

tentemente in scena, sia per

la pubblicazione del Bando

a rilevanza Comunitaria pro- mosso dal Comune che per

la notizia del presunto danno

erariale, il quale ammonte- rebbe a circa 2,8 milioni di

euro, che la Guardia di Finan-

za ha segnalato alla Procura

Regionale della Corte dei Conti di Palermo, esordisce così la nota del MoVimento 5 Stelle Meetup Siracusa. Non si vuol entrare nel me- rito di quest’ultima vicenda, dal momento che si dovrà attendere il giudizio della

Procura chiamata a verificare

se tale danno sia stato effet-

tivamente arrecato alle casse del Comune di Siracusa (e di conseguenza alla cittadinan-

za tutta mentre).

«Si ritiene tuttavia indispen- sabile un focus sul bando di gara pubblicato di recente che, nella sostanza, avrebbe dovuto recepire le osserva- zioni procedurali che erano state suggerite dall’Anac di Raffaele Cantone all’Ammini- strazione Siracusana per l'at- tribuzione del Servizio Idrico alla Siam (società che attual- mente gestisce il servizio). Come più volte denunciato anche attraverso valutazioni circostanziate di natura tec- nica sullo stato degli assets (scaturiti dai vari sopralluoghi effettuati dal deputato regio- nale del M5S Stefano Zito

Intervento del MoVimento 5 Stelle Meetup Siracusa

«acqua:nuovobando,acquasalata»

presso gli impianti gestiti dal-

la Siam), la qualità dell’acqua

a Siracusa è stata oggetto di

indagine giornalistica di rile- vanza nazionale.

L’ottimizzazione della gestio- ne del Servizio Idrico Integra-

to (SII) rappresenta una delle

promesse mancate dell’am- ministrazione Garozzo. Il no- stro attuale Sindaco, fin dalla campagna elettorale, ad un ritorno alla gestione pubblica del Servizio Idrico; ciò è di fat- to avvenuto in tutti i Comuni

della Provincia di Siracusa i quali, a seguito di tale scelta, hanno beneficiato di tariffe più leggere rispetto alla ge-

stione privatistica siracusana (e oltretutto assolutamente fallimentare) ad opera della Siam. «Se da una parte si pren- de atto che al momento non esistono i presupposti per un ritorno ad una gestione pub- blica del SII, dall’altra si ritie- ne fuorviante ed inutile il ten- tativo di bandire una gara di rilevanza Comunitaria per un periodo che dovrebbe preve- dere l’attribuzione del servizio idrico per soli 12 mesi (con eventuale proroga di altri 12). Bisogna tenere in considera- zione il fatto che gli impian- ti vetusti necessitano, con estrema urgenza, di ingenti

capitali; occorrono investi-

menti mirati non solo ad un

ammodernamento generale del parco apparecchiature (il cosiddetto processo di efficientamento energetico), ma anche all’individuazione

di nuovi pozzi che insistano

su falde acquifere integre,

al fine garantire alla cittadi- nanza una migliore qualità dell’acqua e una maggiore idoneità al consumo. Per queste ragioni al momento è molto difficile pensare che vi sia un interesse concreto, da parte di qualche operatore nazionale o internazionale (diverso dall’attuale Siam),

a prendersi carico della ge-

stione del Servizio Idrico In- tegrato di Siracusa. «L’attribuzione del servizio idrico per un periodo di tem- po così breve (soltanto 12 mesi) non apporterebbe al-

cun beneficio ai cittadini, né dal punto di vista economico (dato con non si consegui- rebbe un congruo ribasso rispetto alla base d’asta, che è stata fissata in poco più

di 14 milioni di euro) né dal

punto di vista del migliora- mento del SII (poiché nes-

sun operatore, come già det-

to in precedenza, può avere

interesse a pianificare un così oneroso piano di inve-

stimenti mirato allo sviluppo

e all’ottimizzazione del Servi-

zio, in previsione di un tempo

di gestione così limitato).

«Il tutto si tradurrebbe, come ormai accade da anni, in una qualità dell’acqua scadente il

cui consumo - così come è stato ben provato - ha con- troindicazioni per bambini ed anziani. «È plausibile che i canoni per la distribuzione vengano ulteriormente incrementati, dovendo la Siam sostenere gli elevatissimi costi dovuti alla gestione di tecnologie vetuste e di apparecchiatu- re arrivate ormai a fine ci-

clo di vita. Si attende quindi quest’ulteriore attribuzione (se mai avverrà) ad un nuovo operatore, che continuerà a gestire l’ordinario senza ap- portare alcun miglioramento, né tecnico né economico. «Attendiamo e pretendiamo una legislazione seria, che consenta un’agevole gestio- ne pubblica del bene prima- rio per eccellenza, in assen- za della quale dovremmo

rassegnarci alle promesse (ancora una volta disatte- se) di un scadente Servizio Idrico Integrato, che di fatto

eroga acqua salata…proprio come le bollette che i cittadi- ni sono costretti pagare».

manifestazione“Concerto

assembleasullemortiBianche”

Domani alle ore 10,30 presso la sala stampa del Co-

mune di Siracusa, in via Minerva, si terrà la conferenza

stampa di presentazione della manifestazione “Concer-

to Assemblea sulle Morti Bianche”. L’evento, giunto alla

sua seconda edizione, è organizzato dal Movimento

Aretuseo per il Lavoro, la Sicurezza e le Bonifiche insie- me all’associazione Art and Music e il patrocinio del Co- mune di Siracusa, e si svolgerà sabato 22 aprile a parti-

re dalle ore 18 a Largo Aretusa. Alla conferenza stampa

interverranno, il vice sindaco, Francesco Italia, i promo- tori della manifestazione, l’associazionismo e alcuni pa- renti degli operai morti tragicamente sul posto di lavoro. L'Osservatorio Nazionale Amianto, in questa importante iniziativa, sarà a fianco del movimento Aretuseo per dire "#Bastamortisullavoro" e per chiedere ancora una volta #lavoro #sicurezza #salute #bonifiche. Tra i numerosi

artisti musicali che si esibiranno sul palco ci sarà anche, con la sua chitarra, il Coord. Regionale dell’Osserva- torio nazionale amianto, Calogero Vicario. Giovedì 20 aprile alle ore 10,30 presso la sala stampa del Comune

di Siracusa , in via Minerva, si terrà la conferenza stam-

pa di presentazione della manifestazione “Concerto As- semblea sulle Morti Bianche”. L’evento, giunto alla sua seconda edizione, è organizzato dal Movimento Aretu- seo per il Lavoro, la Sicurezza e le Bonifiche insieme all’associazione Art and Music e il patrocinio del Comu- ne di Siracusa, e si svolgerà sabato 22 aprile a partire dalle ore 18 a Largo Aretusa. Alla conferenza stampa interverranno, il vice sindaco, Francesco Italia, i promo- tori della manifestazione, l’associazionismo e alcuni pa- renti degli operai morti tragicamente sul posto di lavoro. L'Osservatorio Nazionale Amianto, in questa importante iniziativa, sarà a fianco del Movimento Aretuseo per dire "#Bastamortisullavoro".

In occasione delle festi- vità pasquali, così come

concordato tra le varie forze dell’ordine in sede

di Comitato Provinciale

per l’ordine e la Sicurez-

za pubblica presieduto dal prefetto Giuseppe Castaldo, la Compagnia

Carabinieri di Siracusa

ha intensificato i servizi

finalizzati alla preven- zione dei reati posti, con particolare riguardo ai

reati contro il patrimonio,

al rispetto delle norme in

materia di codice della strada nonché al feno-

meno dell’uso di sostan-

ze stupefacenti ed alco-

liche tra i più giovani. La tipologia dei servizi effet- tuati, che rientra in una strategia di ancor più im- ponente azione preventi-

va messa in atto dal Co-

mando Provinciale e che

verrà riproposta con an- cora maggiore frequenza

su tutto il territorio della

Provincia secondo le li- nee guida impartite dal Comandante Provinciale Colonnello Luigi Gras-

so, esprime la volontà dell’Arma di offrire ancor maggiore sicurezza alla cittadinanza non solo nel delicato periodo del-

le festività, ma anche nei

giorni successivi in cui ri- prenderanno le scuole e

le attività lavorative.

I Carabinieri della Com-

pagnia di Siracusa sono stati impegnati I nume-

rosi servizi, distribuiti in tutto l’arco della giorna-

ta,

hanno avuto lo scopo

di

garantire la sicurezza

dei cittadini e dei nume-

rosi turisti che hanno scelto la città di Siracusa

e le località di mare per

trascorre alcuni giorni di

ferie approfittando delle festività pasquali appena trascorse. Sono stati presidiati i luoghi di culto e le zone

maggiore affluenza

di

19 APRILE 2017, MERCOLEDì

zone maggiore affluenza di 19 APRILE 2017, MERCOLEDì • Sicilia 5 • SiracusaCity 19 segnalazioni per
zone maggiore affluenza di 19 APRILE 2017, MERCOLEDì • Sicilia 5 • SiracusaCity 19 segnalazioni per

Sicilia 5 SiracusaCity

19 segnalazioni per uso personale di stupefacenti e numerose sanzioni elevate

Pasqua,controlliCarabinieri

arrestatetrepersone

Con la presenza della stazione mobile in piazza Duomo

Con la presenza della stazione mobile in piazza Duomo Sopra, la Stazione dei Carabinieri in piazza
Con la presenza della stazione mobile in piazza Duomo Sopra, la Stazione dei Carabinieri in piazza

Sopra, la Stazione dei Carabinieri in piazza Duomo; a fianco, sequestro di numerosi capi di vestiario.

turistica, anche con la presenza della Stazione Mobile in piazza Duo- mo. Sono inoltre, stati

eseguiti decine di con-

trolli a persone, italiane

e straniere, dai quali

sono scaturite una raf- fica di segnalazioni alla

Prefettura di Siracusa con ben 19 persone trovate in possesso di dosi di cocaina, hashish e marjuana. Sono stati sorpresi 4 automobilisti alla guida senza paten-

te, 3 senza la copertu-

ra assicurativa, 4 alla guida mentre parlavano al telefono cellulare e 3 soggetti alla guida dello scooter senza indossare il casco. Altre 5 persone

sono state sorprese alla guida senza cintura e, a seguito di controllo con etilometro due soggetti sono stati trovati positivi con sospensione della patente. Sono stati svolti dei controlli antiabusivismo commerciale dai Cara-

binieri di Ortigia, unita-

mente a personale della Polizia Municipale nella zona di piazza Duomo, Fonte Aretusa ed il Tem- pio di Apollo. Nel mede- simo contesto sono stati sanzionati numerosi ven- ditori di origini senegalesi e del Bangladesh poiché titolari di sola licenza per vendita di prodotti alimentari, ma gli stessi avevano allestito delle bancarelle con occhia- li, bigiotteria, accessori per cellulari, cinture ed altro. Gli operanti hanno

proceduto al sequestro

di numerosa merce con-

traffatta, molta abban- donata dagli ambulanti

che alla vista dei militari

si sono dati alla fuga ab-

bandonando tutto e fa- cendo perdere le proprie tracce.

I Carabinieri di Priolo

Gargallo sono intervenu-

ti al centro commerciale

Auchan dove i dipen- denti di un negozio di abbigliamento sportivo avevano segnalato due minori di 16 anni, che

muniti di tronchese ave- vano tolto il dispositivo antitaccheggio a nume- rosi capi di vestiario che aveva tentato di rubare, per un ammontare di 450 euro. I due minorenni, uno italiano e l’altro ma-

grebino, sono stati quindi tratti in arresto e, dopo le incombenze di rito, sono stati condotti presso centro prima accoglien- za Catania, così come disposto dall’ A.G. per i minori. Sabato sera, i Carabinie-

ri dell’Aliquota Radiomo-

bile sono intervenuti nei pressi di Fonte Aretusa dove pochi minuti prima si era consumata una rissa che aveva visto coinvolti diversi ragazzi

di età compresa tra i 20 e

i 25 anni. I militari hanno subito prestato soccorso

a due ragazzi coinvolti

che presentavano delle ferite al volto ed hanno

allertato subito i soccorsi.

I due sono stati traspor-

tati all’ospedale Umberto

I ove veniva riscontrato

per entrambi un trauma cranico con una prognosi

di 10 giorni.

Nel corso dei servizi, i Carabinieri della Radio-

mobile a seguito di un normale controllo alla cir- colazione stradale hanno tratto in arresto, Massi- mo Malato, classe 1970,

noto alle Forze dell’Or- dine, poiché l’uomo non volendosi fermare all’alt tentando di scappare a

bordo del proprio scoo- ter, ha quasi investendo uno degli operanti, per poi spintonare ed insul-

tare i due Carabinieri per tentare nuovamente

la fuga. Il Malato è stato

accompagnato in caser- ma per le incombenze di rito e dichiarato in arresto per resistenza ed oltrag- gio a Pubblico Ufficiale.

In alcuni esercizi commerciali di Noto

nas, controlli in materia igienico-sanitaria

Nell’ambito dei controlli intensificati

in occasione delle festività pasquali,

così come concordato tra le varie forze

dell’ordine in sede di Comitato Provin- ciale per l’ordine e la Sicurezza pub- blica, i Carabinieri della Compagnia di Noto hanno posto in essere anche mi-

rate verifiche nel settore igienico sanita-

rio. In particolare, i militari delle Stazio-

ni territoriali, supportati dai Carabinieri

del

di

dell’ASP di Siracusa, hanno proceduto

a mirati controlli nei confronti di alcuni

esercizi commerciali dediti alla vendita

di carne e pesce al fine di verificare il rispetto delle norme igienico-sanitarie

di settore e la regolarità delle previste

autorizzazioni amministrative. Delle varie attività commerciali sot- toposte a controllo, in 2 sono state ri- scontrate irregolarità nella normativa di settore: i titolari sono, pertanto, stati se-

gnalati all’autorità giudiziaria per il reato

di macellazione clandestina.

Nello specifico, a seguito di ispezione

presso l’azienda ovi-caprina di C.A., avolese 42 anni, i Carabinieri del Nas hanno rinvenuto 15 carcasse di agnello già macellate e pronte per essere im- messe in commercio. Le stesse, prive del bollino CE, erano detenute in ma-

niera non conforme alle norme di setto-

re

le

all’interno di una cella frigo priva del-

necessarie autorizzazioni. La carne,

dal peso complessivo di circa 160 kg, è

Ragusa e dal personale veterinario

Nucleo Antisofisticazione e Sanità

personale veterinario Nucleo Antisofisticazione e Sanità attività del nas di ragusa a noto. stata distrutta.

attività del nas di ragusa a noto.

stata distrutta. Analogamente, a seguito di ispezione presso la macelleria con annesso labo- ratorio di proprietà di B.C., avolese 45 anni, il personale veterinario dell’ASP di Siracusa unitamente ai Carabinieri del- la Stazione di Avola hanno rinvenuto 4

carcasse di agnello prive di bollino CE nonché ulteriori 40 kg circa della me- desima carne già suddivisa in porzioni. Tutta la carne era priva di documenta- zione che ne attestasse la provenienza:

la stessa, pertanto, è stata distrutta. Continueranno con assiduità le attività svolte dall’Arma dei Carabinieri unita- mente al personale dei reparti speciali

al fine di garantire il rispetto delle nor-

me vigenti nello specifico settore a tute-

la della salute dei consumatori.

A Lentini segnalato un giovane e denunciato un altro a Pachino

Polizia, positivo il bilancio delle festività pasquali in città

A seguito delle determinazioni raggiunte in seno al Comitato

Provinciale presieduto dal prefet-

to Castaldo, il dispositivo di con-

trollo del territorio panificato dal Questore Ioppolo, rafforzato in occasione delle festività pasqua-

li, ha consentito alle migliaia di

turisti e di siracusani, che in que-

sti giorni festivi hanno affollato il

centro storico aretuseo, di fruire con serenità ed in sicurezza i loro giorni di riposo. Agenti in divisa

ed in abiti civili hanno pattuglia-

to a piedi le vie di Ortigia, men-

tre pattuglie delle Volanti hanno operato vigilanze agli obbiettivi ritenuti più sensibili ed hanno ef- fettuato costanti posti di control- lo, identificando, nei due giorni festivi, 290 persone e controllato 145 veicoli.

Inoltre, ieri Agenti della Polizia di Stato, in servizio alle Volanti della Questura di Siracusa, hanno de- nunciato un uomo A.P. 46 anni,

di origine polacca, per i reati di

tentato furto, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Infine, durante i quotidiani con- trolli ai soggetti sottoposti a limi- tazioni della libertà personale,

sottoposti a limi- tazioni della libertà personale, posto di controllo delle Volanti. gli uomini delle Volanti

posto di controllo delle Volanti. gli uomini delle Volanti hanno denunciato due persone per vio- lazioni delle prescrizioni cui sono sottoposte.

• A Lentini nella mattinata di ieri, agenti del commissariato hanno segnalato, all’autorità ammini- strativa competente, un giovane

di 27 anni di Lentini, per posses-

so di modica quantità di sostanza

stupefacente.

• A Pachino gli agenti in servizio

al Commissariato hanno denun-

ciato un giovane Z.M. 24 anni, residente a Pachino, per evasio- ne dagli arresti domiciliari.

Nel Siracusano 6

Nel Siracusano • 6 Sicilia • 19 APRILE 2017, MERCOLEDì

Sicilia 19 APRILE 2017, MERCOLEDì

Siracusano • 6 Sicilia • 19 APRILE 2017, MERCOLEDì l'associazioneculturaleitalo-tedescaegirolamoSavonarola

l'associazioneculturaleitalo-tedescaegirolamoSavonarola nellaconversazionesvoltadarafael Zammitti

Le sue continue predicazioni, sempre piùaspre, con- tro la corte pontificia indusse il papato a minacce, a offerta di cardinalato, finché giunse la scomunica

Incisiva è stata

a

un rinnovo della

la

conversazione

Chiesa così tanto

culturale su Giro- lamo Savonarola

al tempo della Ri-

lontana dai prin- cipi evangelici. Si recò a predicare

forma Luterana e della Controrifor- ma della Chiesa

diverse città per

ritornare a Firen- ze. Qui ispirandosi

in

litiche creò malu-

di

Roma, svolta

all'Apocalisse de-

da Rafael Zammit- ti e organizzata dall'Associazione italo-tedesca pres- so il Destination Lounge Bar. Giro- lamo Savonarola (Ferrara 1452-Fi- renze 1498) fu una figura contro- versa nel dibattito politico-religioso

nunciò con le sue prediche i vizi e gli abusi di un gover- no ritenuto tiranni- co mentre andava espandendosi il suo ordine mona- stico, che pur det- tato da esigenze religiose e non po-

more nell'ordine e

del

suo tempo. La

tra i potenti italiani

sua

vocazione reli-

a

causa delle sue

giosa lo indusse a entrare nell'ordine dei domenicani. Tra il 1485-1486 formulò la sua pre- dicazione nutrita dalle profezie bi- bliche, finalizzata

invettive finalizza- te a riformare i co- stumi accusando la Roma papale dei Borgia, come pure a distrugge- re quanto fosse espressione di

come pure a distrugge- re quanto fosse espressione di In foto, Girolamo Savonarola mondanità. Le sue

In foto, Girolamo Savonarola

mondanità. Le sue continue

predicazioni, sem- pre più aspre, contro la corte pontificia indus- se il papato a mi- nacce, a offerta di cardinalato, finché giunse la scomu- nica (1497). Giro-

lamo Savonarola reagì progettando un concilio che gli facesse giustizia, che deponesse l'indegno pontefi- ce. Mentre Firen- ze era in tumulto Savonarola decise di consegnarsi alla Signoria. Segui-

rono tre processi abilmente mano- vrati e conclusi con la condanna a

morte del predica- tore. Fu impiccato

e il suo cadavere

fu arso in Piaz- za della Signoria (1498). In una ri- visitazione dei fatti

la sua fine fu cau- sata da una com- plessa vicenda politica di fazioni cittadine ma trova

la sua ragione nel-

la profonda fiducia

di

potere imporre

in

un'epoca volta

al

materialismo un

costume peniten-

ziale. La riforma auspicata da Gi- rolamo Savonaro-

la fu intesa come

una anticipazione della Riforma lu-

terana. La detta- gliata conversa- zione di Rafael Zammitti è stata seguita da un ben curato commento attraverso slides dal presidente

dell'Associazione

avvocato Giusep-

pe Moscatt per la

conoscenza del-

le lotte fra le due

chiese sull'uso

delle immagini o meno negli edifici ecclesiastici. Lotte feroci che deter- minarono torture

e morte orribile di

tante persone di ogni età e che alla fine ogni chiesa

rimase nelle sue convinzioni come vediamo fino a oggi.

Giovanna Marino

Appuntamento annuale all'Ippodromo del Mediterraneo dal 29 al 1 maggio

FestadellafragolaaCassibile,manifestazione folkloristica ed enogastronomica

Un appuntamen-

to che coniuga

il prelibato frutto

rosso di Cassibile,

la fragola, a sport,

spettacolo, folk-

lore, artigianato e enogastronomia, capace di ospitare

più di 80.000 visi-

tatori ogni anno. Circa 80 gli stand espositivi con ar- tigiani, commer- cianti e produttori

provenienti da tut- ta la Sicilia, pronti

a valorizzare pro-

provenienti da tut- ta la Sicilia, pronti a valorizzare pro- In foto; la locandina dell'evento dotti

In foto; la locandina dell'evento

dotti

e

creazioni

tipiche

del

terri-

torio.

La

qualità

e la varietà degli spettacoli e del- l’'intrattenimento

saranno proposti nella cornice ver- de dell’Ippodromo del Mediterraneo, con i suoi viali, il parco-giochi per bambini, gli ampi spazi e i molteplici servizi: bar, risto- ranti, pizzerie, ho- tel con centro be- nessere, palestra, piscina coperta e un comodo par- cheggio interno per circa 2.000 posti auto. Il tutto coniuga- to al fascino delle

corse al galoppo sulle piste di un

petizioni di giorno

co. Gli spettacoli se-

Ippodromo che ri- serva, tra le com-

1 maggio, anche

rali di sabato 29 e domenica 30 apri- le sono affidati ad artisti dal calibro

il

Premio Città di

di

Toti &Totino e

Siracusa, Handi-

Sasà Salvaggio,

gio si conclude-

cap Principale dal generoso monte- premi di 24 mila

mentre il 1 Mag-

con un Meeting di

e

200 euro. La

Hip Hop.

regina della Fe-

Gli stand gastro-

sta resta, però, la fragola, quella ge- nuina e di qualità, garantita dal ter- ritorio siracusano

nomici, gli spet- tacoli offerti, i po- meriggi dedicati ai bambini con animazione, baby

proposta in sva-

riati modi. Culmine di delizia

e

dance, favole, racconti e sfilate in abiti fiabeschi

la trionfale torta

si

coniugano con

alla fragola di ben

il

cavallo, attra-

600 Kg preparata

verso il Pony club

e offerta al pubbli-

e l’ippoterapia.

19 APRILE 2017, MERCOLEDì

pubbli- e l’ippoterapia. 19 APRILE 2017, MERCOLEDì • Sicilia 7 • Nel Siracusano Incontro culturale per
pubbli- e l’ippoterapia. 19 APRILE 2017, MERCOLEDì • Sicilia 7 • Nel Siracusano Incontro culturale per

Sicilia 7 Nel Siracusano

2017, MERCOLEDì • Sicilia 7 • Nel Siracusano Incontro culturale per la presentazione del saggio "Il

Incontro culturale per la presentazione del saggio "Il Caso Macbeth"

Il Cerchio e il Collegio siciliano di Filosofia, gio- vedì 20 Aprile or-

ganizzano nella

saletta de Il Cer-

chio in via Are- senale 40 alle ore 18 un incon- tro culturale per la presentazio- ne del saggio “Il Caso Macbeth” del giornalista- saggista Giusep- pe Testa. Coordi- nerà l’iniziativa:

Corrado Di Pie- tro, Associazio- ne “Il Cerchio”, introdurranno:

Elio Cappuccio e Roberto Fai, del Collegio siciliano di filosofia ed El- vira Siringo, do-

cente, scrittrice. L’autore rispon- derà alle doman- de dei parteci- panti. Il 5 novembre 1605 Giacomo I

Stuart, re di Sco- zia e d’Inghilter- ra, sfugge ad un attentato ordi- to dai Gesuiti e teso a eliminare

associazioneilCerchioeilColleggiosiciliano di filosofiapresentano“il Casomacbeth”

Introducono l'evento Elio Cappuccio e Roberto Fai, del Collegio siciliano di filosofia ed Elvira Siringo, docente, scrittrice

di filosofia ed Elvira Siringo, docente, scrittrice In foto , la locandina dell'evento l’intera famiglia

In foto, la locandina dell'evento

l’intera famiglia reale. Il Regno è sotto choc. Fino al processo ai congiurati, cele- brato nel 1606, il popolo britanni- co vive un psico- dramma colletti- vo. Shakespeare sta lavorando ad Antonio e Cle- opatra quando un influente cor- tigiano (o il Re

in persona) gli

c o m m i s s i o n a un dramma a

tema scozzese per rafforzare la posizione del sovrano a Lon- dra come capo dell’Europa pro- testante. Sha- kespeare – pur amico di cattoli-

ci – accetta l’in-

combenza e sco- va una vecchia storia dell’anno

Mille, fa un viag- gio in Scozia, ri- crea sulla scena l’habitat di una società barba- ra in cui i Re si dividono in due categorie: quelli che uccidono e quelli che vengo- no uccisi. Così, Shakespeare ri-

scrive la tragica vicenda di una congiura che ri- corda troppo da vicino proprio il complotto dal quale Giacomo I

è appena uscito

illeso. E’ l’inizio del “caso Macbeth”.

triangolare di calcioall’insegna dell’integrazione organizzato aFloridia

Continua a gon- fie vele il proget- to di integrazione “Abbattiamo le barriere) intrapre- so dalla Mediter- ranea Floridia. Nel pomeriggio di Martedi scorso, al “Comunale San- tuzzo” ,non sono mancati emozioni sorrisi e diverti- mento nel triango- lare di calcio 11 tra gli Allievi della so- cietà Floridia e le comunità Sprar di Solarino ed il cen- tro di accoglienza “Alba Chiara” di Floridia. Circa 50 gli atleti coinvolti in un mo- mento di crescita e di scambio che fortemente voluto dalla società che ha più volte preso parte ad iniziative

contro il razzismo, confermando il proprio attivo im- pegno sul sociale.

La protesta delle sentinelle è contro il ddl sulle fake news

no a eutanasia e gender, sabato a Siracusa tornano le sentinelle

Sabato alle 18 in piazza San Giovanni tornano le sentinelle in piedi con una veglia contro l’a- desione del Comune di Siracusa alla rete “Educare alle differen- ze”. Un progetto che – spiegano i responsabili della protesta – “prende le mosse dalla Strategia nazionale Lgbt avviata nel 2013 dall’Unar e si è impegnato a stanziare risorse per sostenere progetti che insegnano ai bam- bini che si può essere maschi o femmine indipendentemente dal dato biologico e che non c’è differenza tra madre e padre. È questa un’altra discriminazione che non accetta le differenze tra

uomo e donna e che svilisce la

persona, impedendo la forma- zione della sua identità“.

La protesta delle sentinelle è

della sua identità“. La protesta delle sentinelle è contro il ddl sulle fake news “chi stabilisce

contro il ddl sulle fake news “chi stabilisce che una notizia sia falsa, esagerata o tenden- ziosa? Chi stabilisce dove e quando si tratta di una cam- pagna d’odio?” e altri temi bol- lenti tra cui unioni civili, abor- to e biotestamento ai quali si contrappongono le sentinelle che, restando in piedi in silen- zio, vogliono esprimere la loro libertà di espressione.

La conferenza stampa di presentazione si terrà giovedì alle 10,30

Concerto assemblea sulle morti bianche, al largo aretusa

Giovedì 20 aprle alle ore 10,30 presso la sala stampa

del Comune di Siracusa , in via Minerva, si terrà la conferenza stampa di presentazione della manifestazione “Concerto As- semblea sulle Morti Bianche”. L’evento, giunto alla sua se- conda edizione, è organizzato dal Movimento Aretuseo per il Lavoro, la Sicurezza e le Bo- nifiche insieme all’associazio- ne Art and Music e il patroci- nio del Comune di Siracusa,

e si svolgerà sabato 22 aprile

a partire dalle ore 18 a Lar- go Aretusa. Alla conferenza stampa interverranno, il vice sindaco, Francesco Italia, i promotori della manifestazio-

ne, l’associazionismo e alcuni parenti degli operai morti tragi- camente sul posto di lavoro.

della manifestazio- ne, l’associazionismo e alcuni parenti degli operai morti tragi- camente sul posto di lavoro.

Nel Siracusano 8

Nel Siracusano • 8 Sicilia • 19 APRILE 2017, MERCOLEDì C hi succederà nell’albo d’oro al

Sicilia 19 APRILE 2017, MERCOLEDì

Siracusano • 8 Sicilia • 19 APRILE 2017, MERCOLEDì C hi succederà nell’albo d’oro al gruppo

Chi succederà nell’albo d’oro al gruppo “Katab- ba” di Monforte San Giorgio? Lo scorso anno fu l’Associazione messinese ad essersi aggiudi- cata il Palio dei

Tre Valli di Sici- lia; il prossimo 23 aprile saranno circa 20 i gruppi che si contende- ranno la quarta edizione per la quale è già par- tito il conto alla rovescia. L’Asso- ciazione Corteo Barocco di Noto, che parteciperà fuori concorso così come alcu- ne associazioni partecipanti, ha curato tutto nei minimi dettagli e come nelle pre- cedenti edizioni, accoglierà tutti

i cortei storici di

Sicilia che sfile-

ranno per le vie

di Noto con pas-

serella finale in piazza Municipio. “La quarta edi- zione – ha detto

il presidente Cor-

rado Di Lorenzo

– si snoderà in

due giornate: il giorno prima ci

sarà il festival de- gli Sbandierato-

ri, il giorno dopo

il Palio. Siamo nuovamente in prima linea per

questa manife- stazione che ri- unirà 18-20 città della Sicilia con un periodo sto- rico abbastanza ampio: si va dal 1100 nel periodo federiciano fino

al 1800. Ogni pa-

ese rappresenta

una fetta di storia isolana, motivo per cui non si è voluti rinunciare

all’organizzazio-

ne dell’evento affinché si con- solidi nel tempo; nelle precedenti edizioni, il Palio dei Tre Valli ha

C’è un cliché consolidato e

siamo già impe- gnati da settima- ne tra preparati- vi e dettagli che sono importanti

nell’organizza-

zione di un even- to così ampio e che toccherà diversi punti della città

to così ampio e che toccherà diversi punti della città Sopra, il Presidente Corrado Di Lorenzo

Sopra, il Presidente Corrado Di Lorenzo con il vicepresidente e regista Sebastiano Puzzo

Contoallarovesciaper il Paliodei tre Valli di Sicilia “tanti cortei storici a noto, ed nuova crescita culturaleestorica”

La manifestazione si snoderà in due giornate:

il giorno prima con il festival degli sbandiera- tori, il giorno dopo con il palio

riscosso un suc- cesso notevole. Sarà – ha con-

cluso Di Lorenzo

- uno scambio di esperienze note- voli, un arricchi-

mento per tutti anche da un pun- to di vista cultu- rale e sociale. Il Palio è un mo- mento importan- te perché rispol-

verando le nostre radici guardiamo al futuro, attiran- do turisti che così possono appren- dere meglio la storia della no-

stra terra”. “Questa quar- ta edizione sarà come sempre ricca di contenu- ti e particolare nel suo genere

sempre ricca di contenu- ti e particolare nel suo genere vista la parteci- pazione di alcu-

vista la parteci- pazione di alcu- ne associazioni che per la prima volta si presen- tano a Noto – ha aggiunto il vice- presidente e re- gista Sebastiano Puzzo –. C’è un cliché consoli- dato e siamo già impegnati da set- timane tra prepa- rativi e dettagli che sono impor- tanti nell’orga- nizzazione di un evento così am- pio e che tocche- rà diversi punti della città. Sarà una grande ma- nifestazione che come ogni anno segnerà l’inizio dei festeggia- menti in onore della primavera barocca. Una ve- trina importante perché convo- glieranno a Noto tanti gruppi stori-

ci che sfileranno con i loro costu- mi, i colori aral- dici: la peculiarità è sempre stata quella di radu- nare tutti i gruppi che parlano, or- ganizzano cortei storici per uno scambio di espe- rienze. Il corteo – ha aggiunto Puz- zo – partendo dalla parte estre- ma del Corso, da piazza Bixio attraversa la cit-

tà con i suoi vari

gruppi. Ci saran- no poi sbandie- ratori, danzatrici, ecc. per creare una bella armo- nia e una bella giornata di festa. Una giuria quali- ficata decreterà il gruppo vincente che avrà diritto ad un palio che consiste in un drappo dipinto dal famoso pit- tore Bruno D’Ar- cevia, autore, tra

l’altro, dell’affre- sco dell’abside della Cattedrale

di Noto”.

19 APRILE 2017, MERCOLEDì

della Cattedrale di Noto”. 19 APRILE 2017, MERCOLEDì • Sicilia 9 • Nel Siracusano Si parladellacadutadi
della Cattedrale di Noto”. 19 APRILE 2017, MERCOLEDì • Sicilia 9 • Nel Siracusano Si parladellacadutadi

Sicilia 9 Nel Siracusano

2017, MERCOLEDì • Sicilia 9 • Nel Siracusano Si parladellacadutadi Costantinopoli al seminariosul

Si parladellacadutadi Costantinopoli al seminariosul rinascimentoorganizzatodaSicilianticaaCefalù

L’incontro si è svolto presso la Sala delle Capriate del Palazzo Municipale di Cefalù

Nuovo incontro del Seminario su “Rinascimento:

Arte, Pensiero Politico e Filoso- fico” organizzato dall’Associazione

SiciliAntica, con il patrocinio del Co- mune di Cefalù. Dopo la presen- tazione di Melina Greco, Presiden- te della sede Sici- liAntica di Cefalù

e di Alfonso Lo

Cascio, della Pre- sidenza Regiona-

le di SiciliAntica,

si è tenuta la con- ferenza dal titolo:

“Martedì 29 mag- gio 1453: la Città è stata conquista- ta. Costantinopoli, caduta o conqui- sta? La luce del Rinascimento e

le lune del Sulta-

no”. La relazione tenuta da Antonio Marino, Dottore

di Ricerca presso

il Pontificio Isti- tuto Orientale di Roma e Mauro Mormino, Dotto- rando in Scien- ze Storiche, Ar- cheologiche e Filologiche pres- so l’Università

di Messina. L’in-

contro si è svol-

to presso la Sala

delle Capriate del Palazzo Mu- nicipale di Ce- falù. Il prossimo incontro previsto sarà quello con Giuseppe Anti- sta, Docente di Storia dell’Arte

presso l’Accade- mia di Belle Arti

di Palermo, che

giovedì 27 af- fronterà il tema

Belle Arti di Palermo, che giovedì 27 af- fronterà il tema In foto, dipinto assedio di

In foto, dipinto assedio di Costantinopoli

“L’architettura di Età rinascimenta- le nelle Madonie”. Mentre le ultime due lezioni si ter- ranno a maggio. Giovedì 4, Nella Viglianti, Dirigen- te Scolastico par- lerà su “La donna nel Rinascimen- to: icona, castel- lana, politico” e infine, giovedì 11, Mauro Mormi-

no, Dottorando in Scienze Storiche, Archeologiche e

Filologiche pres- so l’Università di Messina parlerà

su

“Mosca, la ter-

za

Roma che non

cadrà: L’Europa

Orientale sotto il segno degli Zar.

Il lungo semina-

rio si concluderà sabato 13 con un Recital di musica

e poesia a cura

dell’Associazione

“Musica

per l’Uomo”. Diri-

ge il Maestro Ilde- brando D’Angelo.

Ai corsisti sarà ri-

lasciato

attestato

Siciliana

di partecipazione,

utile ai fini del cre-

dito formativo per

gli studenti degli

istituti di istruzio-

ne secondaria su-

periore.

ilCensis:ragusa, il capoluogo piùstellato d'italia

Il capoluogo più stellato di'Italia? Ragusa, parola del

Censis. "Per l'altis- sima concentrazio-

ne di prodotti agroa-

limentari di qualità e

di ristoranti d'eccel-

lenza", il capoluogo rappresenta un uni- cum. Merito dei pro- dotti tipici, merito di quattro chef: Ciccio Sultano, Vincenzo Candiano, Claudio Ruta e Accursio Craparo. Sono loro, con i rispettivi risto-

ranti, gli attrattori tu- ristici di ultima gene- razione, che fanno

sì che un pubblico

dal palato raffina- to, e dal portafoglio capiente, scelga gli Iblei per trascorre- re le loro vacanze. Spiega Pinuccio La Rosa, della Locan- da Don Serafino, dove è ai fornelli Vincenzo Candiano, due stelle Michelin:

"In Italia non è facile trovare due ristoran- ti con due stelle Mi- chelin a 300 metri di distanza.

ria Quadrifoglio di

nire ormai lontano

Siracusa.

e

distaccato dalla

La mostra racco-

stessa vita che le

glie

quaranta anni

ha generate, viag-

di

presenze di

giano come le stel-

donne coordinate

le

e sono soggette

dal

gusto e dalla

ad indagini cicli-

sensibilità di Ma- rio Cucè, direttore

che, come oggetti da esplorazione,

dello spazio e pro-

in un tempo vario

motore di un’arte

e

distante; ritorna-

libera da tutti i vin-

no con la potenza

coli

degli schemi

delle immagini per

classici, per me-

fissare una nuova idea in colui che

mentalmente le ricompone. Muo- versi in queste ter-

re sconosciute ge-

nera un linguaggio emozionale, oniri- co e tecnologico, con un alfabeto

in cui lo spazio, la

luce e la materia

sono elementi e temi per forme e

strutture, vibrazio-

ni e sinestesie».

galleria Quadrifoglio: Women collettiva d’arte tutta al femminile

Fino al lunedì 8 maggio, alla Gal-

leria Quadrifoglio - Via dei Santi Co- ronati, 13 - Ortigia aperto al pubbli- co dal martedì al sabato dalle ore 10.00 alle 13.00

e dalle ore 17.00

alle 20.00. Lunedì

e domenica dalle

17.00 alle 20.00

In

mostra le opere

di

ventidue artiste:

Sonia Alvarez, Ilde Barone, Ietta But- tini, Mavie Cartia, Roberta Coniglia- ro, Mary Conover,

Maëlle-Morgane

Cartia, Roberta Coniglia- ro, Mary Conover, Maëlle-Morgane Dehesdin, Gio- vanna Genna- ro, Laleña Kurtz, Arianna Lion,

Dehesdin, Gio- vanna Genna- ro, Laleña Kurtz, Arianna Lion, Rita

Mele, Izumi Mizu-

ta, Irina Ojovan, Angela Pellicanò, Lela Pupillo, Lucia Ragusa, Sandra Rizza, Mili Roma-

no, Mela Salemi, Cetty Scuto, Ilia Tufano, Veronica Zimbelli. La mostra, aperta

è a cura di Mario Cucè. Testo critico

di

Giuseppe Car-

scolare equilibri

rubba. «Women

precari di figura-

scrive Carrub-

zione ed astra-

- è un progetto

espositivo con- cepito come una quadreria privata, una prospettiva congiunta per ri- pensare incontri e collaborazioni con

ba

zione: geografie personali, storie visive, percorsi di antropologia cul- turale, alchimia e società». «Le opere sono memorie – spiega

artiste che hanno

il

critico - docu-

lasciato una trac- cia del loro pas- saggio alla Galle-

mentazione di un processo, espe- rienze di un dive-

Speciale 10

Speciale • 10 Sicilia • 19 APRILE 2017, MERCOLEDì Betontest, cinquanta geologi in visita ai laboratori
Speciale • 10 Sicilia • 19 APRILE 2017, MERCOLEDì Betontest, cinquanta geologi in visita ai laboratori

Sicilia 19 APRILE 2017, MERCOLEDì

Speciale • 10 Sicilia • 19 APRILE 2017, MERCOLEDì Betontest, cinquanta geologi in visita ai laboratori

Betontest, cinquanta geologi in visita ai laboratori per fareil puntosui lavori autostradali

Si è concluso, con

la

visita ai laborato-

ri

Betontest (Km. 2

Strada Statale 115

-

Ispica Rosolini),

il

seminario tecni-

co “Aggiornamenti

normativi e tecnici

in

materia di terre

e

rocce da scavo”,

organizzato dalla Consulta provincia-

le dell’Ordine regio-

nale dei Geologi di Siracusa e dall’A- geosir, l’Associa- zione dei Geologi della provincia di Siracusa, nell’ambi-

to della formazione professionale obbli- gatoria. Il geologo Angelo Criscione (Area sperimenta- zione Betontest) ha illustrato a una cinquantina di col- leghi provenienti dalle province di Siracusa, Ragusa

ed Enna le caratte-

ristiche e le funzio- nalità dei laboratori tecnologici e di ri- cerca dove vengo-

no

effettuate le pro-

ve

sui materiali da

costruzione e le in- dagini geotecniche. Tali indagini forni- scono dati e infor- mazioni necessarie sulla caratterizza- zione geotecnica dei terreni e delle

rocce nell’area inte- ressata dal cantiere autostradale della Siracusa-Gela. La visita ai laborato-

ri dell’azienda si è

inserita in un più ampio programma formativo, come ha spiegato Mariella Giompapa presi- dente dell’Ageo- sir. “Insieme alla Consulta, che rap- presenta il braccio

dell’Ordine – ha di- chiarato la geologa - abbiamo pensato

di organizzare un

seminario sul tema delle terre e rocce

Aggiornamenti normativi e tecnici in materia di terre e rocce da scavo, organizzato dalla Consulta provin-

ciale dell’Ordine regionale dei Geologi di Siracusa e dall’Ageosir, l’Associazione dei Geologi della provincia

da scavo, alla luce

di aggiornamenti

normativi quali il Te - sto unico dell’Am- biente e il Decreto

ministeriale 161 del

2012”. Il corso pre-

visita al cantiere autostradale – ha aggiunto la presi- dente dell’Ageosir - si è svolta grazie anche alla disponi- bilità del direttore

blematiche di mo- vimentazione della terra nei cantieri di lavoro”. L’incontro è stato anche l’oc- casione per fare il punto sui lavori nei

del carro ponte dei

conci sui vari piloni del viadotto Salvia e la messa in ope-

ra delle strutture in

cantiere”. “Possia- mo ben dire che si

Il geologo Angelo Criscione ha illu- strato a una cin- quantina di col- leghi provenienti

Il geologo Angelo

Criscione ha illu- strato a una cin- quantina di col- leghi provenienti dalle province di Siracusa, Ragu- sa ed Enna le caratteristiche

e le funzionalità

dei laboratori tecnologici e di ricerca

dalle province di Siracusa, Ragu- sa ed Enna le caratteristiche e le funzionalità dei laboratori tecnologici

do di togliere ma-

teriale da cava e di non produrre rifiuti. Tutto ciò che viene scavato non va por-

tato in discarica, ma

è riutilizzato in loco seguendo le norme vigenti. In questo senso, il cantiere autostradale del lotto 6 può esse-

re preso a modello perché tutto ciò che

è scavato viene ri-

utilizzato con dei procedimenti tecnici

particolari. E lo stes-

so può dirsi per i cal-

cari del lotto 8. Da questo cantiere non entra e non esce un millimetro cubo di roccia o di terra”. A conclusione della

visita nei laboratori

di ricerca Beton-

test, il responsabile della sperimenta- zione prof. Corrado Monaca, ha ringra-

ziato gli intervenuti, illustrando gli am-

biti di ricerca con

sperimentazione

innovative in corso

e programmate da

Betontest inerenti il

recupero del patri- monio edilizio esi- stente in collabora-

zione col fisico prof. Giovanni Berti (Uni- versità di Pisa) e

col prof. Francesco

Micielli dell'Univer-

sità del Salento. Ha

terminato col l'invi-

to agli intervenuti a

non limitarsi all'ap-

plicazione delle norme consolidate ma spingersi oltre

vedeva una parte

dei lavori ingegner

lotti 6 e 8 del can-

tratta di un “cantiere

per

una innovazio-

teorica in aula (5

Angelo Puccia e

tiere autostradale

verde” - ha spiega-

ne costante, dando

e

il 10 aprile, sede

del Consorzio per

Siracusa – Gela

to

Marcello Farina,

la massima dispo-

Arpa di Siracusa)

le Autostrade Sici-

(tratto Rosolini-

geologo dell’ARPA

nibilità ad una pro-

e

una pratica, con

liane con l’architet-

Modica). “Abbiamo

di

Siracusa e rela-

ficua collaborazione

le

visite al cantiere

to Federico Bella.

mostrato sul posto

tore al seminario

nell'interesse non

autostradale Sira-

A

seguire abbiamo

ai partecipanti - ha

- La normativa sul-

solo della specifica

cusa-Gela nel lotto Rosolini-Modica e nei laboratori delle aziende Betontest e Sialab, sponsor

visitato il laborato- rio Betontest, per vedere dove ven- gono effettuate le prove geotecniche

spiegato Marco Andolina presiden- te della Consulta provinciale ORGS – come avviene il

terre e rocce da

scavo ha finalità ambientali. Tra le altre, quella di pre- servare le risorse

le

categoria professio- nale ma anche delle professioni tecniche collegate e dell'eco- nomia del sud-est

dell’iniziativa. “La

di

supporto alle pro-

posizionamento

ambientali evitan-

della Sicilia.

19 APRILE 2017, MERCOLEDì

evitan- della Sicilia. 19 APRILE 2017, MERCOLEDì • Sicilia 11 • Speciale La preparazione all’incontro
evitan- della Sicilia. 19 APRILE 2017, MERCOLEDì • Sicilia 11 • Speciale La preparazione all’incontro

Sicilia 11 Speciale

19 APRILE 2017, MERCOLEDì • Sicilia 11 • Speciale La preparazione all’incontro con la Paganese inizia

La preparazione all’incontro con la Paganese inizia con una salutare lezione

la professionalità nel calcio in cattedra il professor Sottil

di Armando Galea

Se il mestiere di alle-

natore di calcio richie-

de oggi l’allargamen-

to dei temi calcistici

riguardanti moduli e schemi di gioco ad ar- gomenti etici e com-

portamentali, vuol dire davvero che qualcosa nel mondo del pallo- ne sta cambiando o

è già cambiato senza

che gli stessi cronisti, abituati a navigare fra formule e strategie ce

ne accorgessimo. Così

ieri all’apertura della preparazione in vista dell’incontro di dome- nica con la Pagane- se, si è visto un Sottil inedito, nella veste di insegnante di etica e di professionalità. L’occasione gliel’ha offerta l’esibizione sot- totono di tutta la squa- dra, sabato scorso sul

terreno di gioco del “Nicola Ceravolo” di Catanzaro, con la sola eccezione del portiere Santurro e del centrale difensivo Turati, esen- ti da colpe specifiche nella nuova sconfitta dopo quella di Agrigen-

to. E Sottil non si è fat-

allenatore e società avvertono che non saranno tollerati, dopo quelli di agrigento e di Catanzaro ,altri cali di tensione per non compromettere quanto di buono è stato fatto

per non compromettere quanto di buono è stato fatto Andrea Sottil non le manda a dire

Andrea Sottil non le manda a dire

to

pregare, prendendo

e di comportamenti che

E

siccome la profes-

di

petto un argomento

depongono per una

sionalità è per un buon

requisito richiesto, Sot-

che questa volta ha causato il tangibile

dimensione quanto più vicina alle tradizio-

professionista il primo

rammarico di una diri- genza che sta facendo

ni sportive della città, proprio perché fuori dai

til

questo termine, usato

è partito proprio da

di

tutto per offrire della

luoghi comuni di cui

talvolta a proposito e il

società un’immagine nuova, fatta di regole

purtroppo soffre oggi il calcio.

più delle volte anche a sproposito, per dire che

la società non è pro-

pensa a tollerare nelle tre partite che man- cano alla conclusione

del campionato, cali

di tensione incompati-

bili con la condizione ottimale raggiunta da tutta la squadra.

E tutto questo per

evitare di ingenerare

sospetti di favoritismi verso determinate squadre, distanti anni luce dall’etica socie- taria e quindi anche dalla rosa di prima squadra che non ha alcun interesse a mo- strare due pesi e due misure. Anche perché fino a quando questi sospetti lambiscono e

si fermano in ambito

locale, lasciano, com’è naturale, il tempo che

trovano, ma quando cominciano a suscitare commenti e giudizi di

carattere più generale, finiscono ingiustamen-

te per approdare in

vere e proprie inchie-

ste federali che si sa

come cominciano ma

che non si sa come fi- niscono. Questi grossi equivoci vanno evitati anche perché non si può indossare la pel-

le del leone quando si

affronta il Melfi o la Vi- bonese, per sostituirla con quella di pecora quando le avversarie

si

chiamano Akragas

o

Catanzaro. Il calcio

è

fatto anche di mas-

sime latine. Una delle quali si chiama “par

condicio” e l’altra che

ci viene in mente “dura

lex sed lex”. Che vo-

gliono dire entrambe

la stessa cosa e cioè

che bisogna impegnar-

si allo stesso modo a

prescindere dall’av-

versario che si incon-

tra. Anche per evitare

di

compromettere o

di

sminuire quanto di

Che una giornata

storta possa capitare

ad uno o a più compo-

nenti di una squadra,

rientra nell’ordine del-

le cose. Ma quando la

giornata storta capita

a tutta la squadra c’è

davvero di che preoc- cuparsi. E il Siracusa a Catanzaro è come se non fosse addirittura sceso in campo. Fatta

infatti eccezione per il

solo Turati, non c’è sta-

to contrasto che non si

sia risolto a favore dei padroni di casa che arrivavano puntual- mente primi su ogni pallone. Poi, subìto il gol per una dormita della difesa, quando era trascorso poco più

di un quarto d’ora di

gioco, ha girato a vuo-

to per gli oltre settanta

minuti che mancavano

alla fine dell’incontro ,riuscendo nell’impos- sibile di mangiarsi il gol del pareggio nella maniera più incredi- bile in occasione di una delle poche azio-

ni create. Si era giunti

all’85’ quando Brumat dalla corsia di destra,

Siracusa se ci sei batti un colpo…!

laperdutaumiltàallabase

della sconfitta di Catanzaro

Sia la dirigenza che i tifosi nonhanno digerito l’impegno venuto meno nelle ultime due trasferte e chiedono alla squadra un’immediata e salutare inversione di tendenza

squadra un’immediata e salutare inversione di tendenza il gol clamorosamente mancato da longoni a tu per

il gol clamorosamente mancato da longoni a tu per tu col portiere avversario.

scodellava il pallone

al centro dell’area con

tre azzurri che aven-

do colto di sorpresa la

retroguardia gialloros- sa si erano presentati

soli davanti al portie- re Leone. Il pallone planava morbido sul

destro di Longoni che aveva tutto il tempo

con la partita, sarà bene far capire ai ra-

di stoppare, di tirare

gazzi che il campiona-

a rete o di servire un

to non è ancora finito e

compagno. L’argen- tino sceglieva però la

soluzione più difficile

che bisogna combat- tere fino in fondo se non si vuole sciupare

e

tentava di calciare

quanto di buono fino-

al

volo, mancando cla-

ra

è stato fatto. Ma il

morosamente la pal-

rischio è anche quello

la

e fallendo la facile

di

suscitare i sospetti

occasione. Fu a quel punto che i quaranta

tifosi che si erano sob- barcati una trasferta non proprio dietro l’an- golo, si spazientirono e cominciarono a fi- schiare a più non pos- so i propri beniamini

rei di essersi presi un

giorno di ingiustificata vacanza, sufficiente a perdere il quarto po- sto e fare avvicinare minacciosamente il Cosenza, uscito vin-

citore dalla trasferta di Catania. Unica nota positiva, l’accoglienza dei tifosi giallorossi che fu tra

le migliori di questo

campionato. E mentre ancora tutti si doman- dano come abbia fatto il Siracusa a sbagliare totalmente l’impatto

delle altre pericolanti

e di finire nella lente di ingrandimento dell’uf- ficio indagini che non

si accontenta di spie-

gazioni di comodo, anche se veritiere, essendo casualmente arrivate le due ultime

sconfitte da due squa-

dre in lotta per la sal- vezza. La nostra con- vinzione è però quella che il Siracusa abbia perduto, strada facen- do, un po’ di quell’u- miltà, non disgiunta

da un sano agonismo

che gli ha permesso di raggiungere i quartieri alti della classifica, Da

questo, poi, a rimedia- re le figuracce di Agri- gento e di Catanzaro, il passo è stato di irri-

soria facilità. A.G.

Arte 12

Arte • 12 Sicilia • 19 APRILE 2017, MERCOLEDì Notevole afflusso di visitatori tra cui molti
Arte • 12 Sicilia • 19 APRILE 2017, MERCOLEDì Notevole afflusso di visitatori tra cui molti

Sicilia 19 APRILE 2017, MERCOLEDì

Arte • 12 Sicilia • 19 APRILE 2017, MERCOLEDì Notevole afflusso di visitatori tra cui molti

Notevole afflusso di visitatori tra cui molti turisti

una policroma “Collettiva” di validi pittori siracusani

Inaugurata la Mostra alla Galleria “Spazio 30” di via Roma

di Aldo Formosa

Con una variegata

collettiva ha riaper-

to i battenti ad una

Mostra la Galleria “Spazio 30” di via Roma. “Sulla forma e sul colore” è stata tito-

lata l’iniziativa alla quale hanno deciso

di partecipare alcu-

ne tra le firme qua- lificate del novero siracusano.

Hanno infatti aderi- to Francesco Ber- trand, Salvatore Canigliula, Ange- lo Cassia, Euge- nio Coppo, Angelo Cortese, Giuseppe Forzisi, Sesto Mam- mana, Mario Oddo, Giuseppe Pravato, Filippo Sgarlata, Mariola Tortorici, Mariagrazia Tortori-

La Galleria sarà vi- sitabile tutti i giorni dalle 18 alle 20.30. La motivazione arti- stica della Mostra è illustrata in depliant da Mariola Torto- rici, Art Director:

“12 artisti uniti in quel meccanismo espressivo che co- stituisce la spaziali-

tà, nella forma e nel colore. Sono queste le motivazioni che rendono interes- sante l’azione inci- siva di questo mo- mento artistico. Gli artisti presenta- no la loro univoca visione emotiva che avvolge il proprio mondo già raccon- tato in altri percorsi artistici in questa Galleria Spazio 30. Essi mostrano un intenso racconto

ci,

in doveroso ordi-

della loro realtà in-

ne

alfabetico.

dagando sempre

loro realtà in- ne alfabetico. dagando sempre Sopra, “leggenda medievale” del decano angelo cassia.

Sopra, “leggenda medievale” del decano angelo cassia.

più nel loro “Io” attra- verso la ricerca spa- zio-temporale che può definirsi pura materia universa- le”. Dal giorno della sua inaugurazione la Mostra sta cono- scendo un assiduo interesse dimostrato dai costanti flussi di visite da parte dei turisti che, percor- rendo Ortigia, sono attratti dalle policro- mie esposte. A questi flussi van- no aggiunti quelli indigeni, il che ren- de partecipativa in modo lusinghiero la Mostra.Una espo- sizione da vedere, certamente, e meri- toriamente inserita nel contesto cultura-

le ad iniziativa priva-

ta, che vivacizza in

positivo un panora- ma artistico degno

di attenzione.

Spettacoli

Sicilia • 19 APrILE 2017, MErCoLEDì • 19 APrILE 2017, MErCoLEDì

Su Rai 3 il film “Chi l'ha visto?”; “Io sto con gli ippopotami” su Rete 4

“amiche da morire” filmsurai 1, “made inSud” showsurai 2

“greasefilmsu italia1, “Barcellona Vs Juventus” su Canale 5

• Film "Amiche da

morire" su Rai Uno alle 21,20. Gilda (Claudia Gerini) si e' da tempo trasfe - rita in una piccola isoletta del sud e si

guadagna da vivere facendo la prostitu -

ta in un contesto so -

speso tra tradizioni retrograde e moder-

nita'. Durante un'e - state, il suo destino

vo ma il loro com -

portamento attira

i sospetti di Nino

Malachia (Vinicio Marchioni), brusco commissario di po - lizia convinto che stiano nascondendo

qualcosa. • Show su Rai 2 alle 21.20 con "Made in Sud" Con l’arrivo

di una stella della

canzone come Gigi

l'ha visto?" La sto - rica trasmissione di

servizio pubblico dedicata alla ricerca

di persone scom -

parse e ai misteri ancora insoluti, con

ricostruzioni filma - te e la possibilita' di telefonare in diretta. Conduce: Federica Sciarelli. • Film su Rete 4 alle 21.15 con “Io sto

si

incrocia con quel -

D’Alessio - af -

con

gli ippopotami“

lo di Olivia (Cri - stiana Capotondi)

fiancato da Fatima Trotta ed Elisabetta

Cugini ambientali - sti lottano per salva -

e

Crocetta (Sabrina

Gregoraci - la tra -

re gli animali da un

Impacciatore), due donne originarie del

volgente comicità di 'Made in Sud' al -

bracconieri senza scrupoli.

luogo, moglietti -

larga i propri confi -

• In diretta su Ca -

na felice la prima e

ni

per dodici punta -

nale 5 alle 20.40 la

bruttina porta sfor-

te,

prodotte da Rai2

partita di Calcio -

tuna la seconda. Le tre sono costrette da circostanze fortuite

, in diretta dall’Au - ditorium Rai di Na - poli.

Champions League "Barcellona Vs Ju - ventus"

a

far fronte comune

Su Rai 3 alle

• Su Italia 1 alle

per mettersi in sal -

21.00 con "Chi

21.15 il film "Gre -

CinemaaSiracusa

(0931-711127) ore18:3020:30 “INDIVISIBILI”

PLANETVASQUEZ(0931/414694)

ore16:00• 18:00

PLANETARIUM”

ore18:00• 20:00• 21:00

MOGLIEEMARITO”

ODEON-Avola

(0957833939) ore19:3021:30 “MOONLIGHT”

indirizzi utili aSiracusa

TaXi : Stazione centrale T. 0931/69722; Via Ticino T. 0931/64323; Piazza Pancali T. 0931/60980 pronTo inTerVenTo:

Soccorso pubblico di emergenza 113; Carabinieri (pronto intervento) 112; Polizia di Stato (pronto intervento) 495111; Vigili del fuoco 481901; Polizia stradale 409311; Guardia di Finanza 66772; Croce Rossa 67214; Municipio 451111; Prefettura 729111; Provincia 66780; Tribunale 494266; Enel 803500; Acquedotto 481311; Soccorso Aci 803116; Ferrovie dello Stato (informazioni) 892021; Ospedali 724111; Centro antidroga 757076; Pronto Soccorso (ospedale provinciale) 68555; Aids (telefono verde) 167861061; Ente Comunale assistenza 60258

ase - Brillantina" Durante le vacanze scolastiche Dan - ny fa amicizia con Sandy, una ragaz - za australiana. Con grande sorpresa poi se la ritrova nel suo stesso college, ma finge indifferen - za perche' lui e' un vero duro. Dopo una gara di ballo che Danny vince in coppia con un'al - tra ragazza, i due si

mettono finalmente insieme • Attualità su La7 alle 21.00 con "La gabbia open" La Gabbia e' quella che lo Stato ha messo attorno ai cittadini. Le sbarre sono la burocrazia, le dise - guaglianze sociali, il carico fiscale da record, l'evasione. Imprenditori e la - voratori, giovani e cinquantenni, uo -

mini e donne, sono uniti seppur nelle reciproche diversita' nella crisi, tutti co - stretti alla cattivita' dichiara il giornali - sta. Con il linguaggio rock che Gianluigi Paragone ha portato nei talk di approfon - dimento politico, La Gabbia mettera' in evidenza il contra - sto t politico-finan - ziario.