Sei sulla pagina 1di 13

Indice

Presentazione di Joe Polaischer............................................................................................ 5


Prefazione di Sepp Holzer........................................................................................................... 7
Introduzione......................................................................................................................................... 10

Architettura del paesaggio ______________________________________________________________________________________________


Prime esperienze nellinfanzia............................................................................... 17
Errori del passato..................................................................................................... 19
Il paesaggio in permacultura.................................................................................. 22
Nozioni generali.................................................................................................. 22
Impiego di escavatori per la riorganizzazione del terreno............................... 25
Come rapportarsi correttamente con le autorit competenti........................... 27
Realizzazione di un progetto in permacultura..................................................... 29
Interrogativi di fondo......................................................................................... 29
Valutazione del terreno...................................................................................... 29
Ubicazione e clima.............................................................................................. 30
Caratteristiche del suolo...................................................................................... 32
Valutazione del suolo...................................................................................... 33
Particolarit dei terreni leggeri e pesanti................................................. 33
Piante indicatrici............................................................................................. 34
Esperienze con diversi tipi di terreno............................................................ 38
Possibilit di progettazione..................................................................................... 39
Superfici di sperimentazione.............................................................................. 39
Zone microclimatiche........................................................................................ 42
Terrazze e sentieri.................................................................................................... 45
Realizzazione della coltura a terrazze............................................................... 46
Ampiezza........................................................................................................ 46
Pendenza......................................................................................................... 47
Piede della scarpata e separazione del materiale.......................................... 47
Gestione dellacqua........................................................................................ 49
Consolidamento del sistema.......................................................................... 50
Coltivazione dei terrazzamenti........................................................................... 52
Bacini di ritenzione dellhumus............................................................................. 53
Aiuole a cumulo e aiuole rialzate........................................................................... 55
Possibilit di progettazione................................................................................. 56
Progettazione di un sistema di aiuole a cumulo.............................................. 60
Coltivazione delle aiuole a cumulo..................................................................... 65
Utilizzo come fattoria a raccolta diretta............................................................ 66

Indice
Paesaggi dacqua..................................................................................................... 68
Realizzazione di giardini dacqua e stagni......................................................... 72
Possibilit di progettazione................................................................................ 76
Possibilit di sfruttamento...................................................................................77

Coltivazione agricola alternativa ________________________________________________________________________________


Riflessioni di fondo................................................................................................. 79
Fertilit del suolo..................................................................................................... 81
Sovescio.................................................................................................................... 83
Piante da sovescio............................................................................................... 84
Il mio metodo...................................................................................................... 85
Errori................................................................................................................... 89
Elenco delle piante............................................................................................. 90
Possibilit di controllo delle piante infestanti........................................................ 95
Variet antiche e biodiversit................................................................................. 99
Cereali................................................................................................................ 101
Coltivazione e lavorazione della segale Brandroggen..................................... 104
Consigli per policolture........................................................................................ 106
Piante alpine............................................................................................................ 111
Alternative nellallevamento.................................................................................. 114
I maiali in permacultura................................................................................... 116
Caratteristiche di alcune antiche razze di maiali domestici........................... 116
Mangalica....................................................................................................... 116
Schwbisch Hall............................................................................................. 117
Duroc............................................................................................................. 118
Turopolje........................................................................................................ 118
I maiali come collaboratori............................................................................... 119
Allevamento nellalternanza di pascolo e coltivazione..................................... 121
Bovini selvatici e antiche razze di bovini domestici............................................ 123
Allevamento........................................................................................................ 125
Alimentazione................................................................................................... 126
Uccelli da cortile.................................................................................................... 127
Protezione attiva degli uccelli........................................................................... 127
Allevamento naturale degli uccelli da cortile................................................... 129
Cantine a cumulo di terra e stalle aperte............................................................... 133
Tane a cumulo di terra come riparo per i maiali.............................................. 133
Stalle e cantine a cumulo di terra...................................................................... 135
Utilizzo come cantina-magazzino.................................................................... 139
La cantina di pietra............................................................................................ 140


285


286

Guida Pratica alla Permacultura

Frutteti _______________________________________________________________________________________________________________________________________
Possibilit di utilizzo............................................................................................. 143
Metodi sbagliati nella coltivazione degli alberi da frutto.................................... 148
Il mio metodo.......................................................................................................... 151
Protezione dalle incursioni degli animali............................................................ 154
Variet di frutti........................................................................................................ 157
Variet di mele antiche consigliate................................................................... 159
Variet di pere antiche consigliate.................................................................... 164
Variet di prugne e susine antiche consigliate................................................ 167
Ciliegie dolci e visciole...................................................................................... 168
Variet di albicocche e pesche.......................................................................... 170
Riproduzione e innesto......................................................................................... 170
Portainnesti......................................................................................................... 171
Marze.................................................................................................................. 172
Innesto................................................................................................................ 173
Innesto per copulazione................................................................................ 173
Innesto a marza............................................................................................. 176
Innesto a occhio............................................................................................ 176
Innesto a ponte.............................................................................................. 177
Seminare un bosco di alberi da frutto.................................................................. 179
La cura durto...................................................................................................... 181
Utilizzo, lavorazione e possibilit di commercializzazione................................ 183

Funghicoltura _________________________________________________________________________________________________________________________
Princpi generali.................................................................................................... 187
Vantaggi per la salute............................................................................................ 188
Fondamenti della funghicoltura.......................................................................... 190
Funghicoltura su legno.......................................................................................... 191
Variet di funghi per le colture su legno.......................................................... 192
Il substrato......................................................................................................... 193
Il micelio............................................................................................................ 195
Come riprodurre da s il micelio................................................................. 195
Realizzazione e manutenzione della coltura.................................................. 196
Consigli............................................................................................................. 200
Funghicoltura su paglia......................................................................................... 201
Variet di funghi per le colture su paglia......................................................... 201
Il substrato......................................................................................................... 203
Il micelio............................................................................................................ 203
Avvio e cura della funghicoltura...................................................................... 204
Consigli ............................................................................................................ 207
Coltivazione dei funghi di bosco......................................................................... 207

Indice

Orti e giardini _________________________________________________________________________________________________________________________


Lorto di campagna................................................................................................. 213
Ricordando il nostro Gachtl.............................................................................. 215
La farmacia sulla porta di casa.......................................................................... 218
Unguento alla calendula.............................................................................. 224
Olio di serpillo e di timo............................................................................... 225
Miscela dinfuso alla cicoria per diabetici.................................................... 225
Cinquefoglia tormetilla................................................................................. 225
Il Krautland........................................................................................................... 226
I lavori pi importanti nel nostro Gachtl............................................................ 226
Concimi naturali.................................................................................................... 231
Metodi alternativi di compostaggio.................................................................. 231
Pacciamatura...................................................................................................... 233
Macerati di erbe................................................................................................. 235
Il mio metodo.................................................................................................... 236
Aiutanti nellorto e controllo dei suoi abitanti..................................................... 238
Arvicole............................................................................................................. 240
Lumache............................................................................................................ 242
I lombrichi: aratri naturali................................................................................ 243
Allevamento dei lombrichi............................................................................... 245
Particolarit degli orti urbani............................................................................... 246
I bambini fanno esperienza della natura........................................................ 246
Particolarit nella progettazione...................................................................... 248
Giardini su terrazze e balconi........................................................................... 252
Il metodo bypass................................................................................................ 258
Elenco delle piante.................................................................................................260
Ortaggi.............................................................................................................. 260
Erbe officinali e aromatiche.............................................................................. 263

Progetti ______________________________________________________________________________________________________________________________________
Scozia ...................................................................................................................269
Thailandia............................................................................................................... 274
Berta - Un progetto della Lebenshilfe Ausseerland............................................ 279

Considerazioni finali. ................................................................................................................ 282


I Coautori.............................................................................................................................................. 283


287

Architettura del paesaggio

Realizzazione di un progetto in permacultura


Interrogativi di fondo
Molti vogliono coltivare la propria terra in modo naturale, oppure desiderano
abbandonare i metodi agricoli tradizionali per la permacultura, e mi chiedono
come utilizzare al meglio i terreni di loro propriet. Per poter rispondere a questa
domanda, devo a mia volta chiedere ai proprietari di porsene altre: qual il mio
obiettivo, che cosa mi aspetto dalla coltivazione? Voglio poter vivere dei prodotti
della mia fattoria come agricoltore autosufficiente o come azienda produttrice oppure ci che voglio unoasi per il mio tempo libero e per la coltivazione
di alcune erbe e frutti per la cucina? Il mio interesse rivolto alla coltivazione
di piante, allallevamento di animali o allutilizzo agroforestale del terreno? La
fattoria verr resa accessibile al pubblico come giardino aperto ai visitatori, come
fattoria a raccolta diretta o come orto terapeutico? Chiarire questi interrogativi
la base del successo: limportante fare esattamente ci che d davvero gioia
e suscita la maggior curiosit e sete di sapere, poi il lavoro non verr percepito
come fatica e il successo non tarder ad arrivare.
Spesso si tratta di sogni negati dellinfanzia di cui ora si desidera la realizzazione: unesperienza che colma di felicit vedere quale gioia procuri lavverarsi
di un sogno. Nella riorganizzazione del terreno devo per tener conto anche degli interessi del contesto sociale. Se lintera famiglia entusiasta del progetto, le
possibilit che si affacciano sono ancora maggiori. Perci marito o moglie, figli
e genitori dovrebbero poter partecipare attivamente alla progettazione e allorganizzazione del sistema in permacultura. Se per esempio delimiterete per i vostri
figli un piccolo appezzamento che potranno coltivare in totale autonomia, otterrete la loro pi entusiastica partecipazione. Lunica cosa che dovrete fare avere
il coraggio dintraprendere ci che avete in mente, e poi troverete la strada giusta.
Dovrete essere voi a sapere cosa volete: solo cos potrete diventare autosufficienti.

Valutazione del terreno


Una volta chiarito ci che desidero fare, devo osservare con pi attenzione le aree
che ho a disposizione. Le caratteristiche del suolo, laltitudine, il clima, lesposizione, i rilievi, i bacini idrografici, lutilizzo precedente e la vegetazione sono
fondamentali per la progettazione della permacultura.


29


30

Guida Pratica alla Permacultura

Ubicazione e clima
Lesposizione (ubicazione dei terreni rispetto ai punti cardinali) e laltitudine degli appezzamenti a disposizione sono determinanti per la progettazione del sistema. Ovviamente pi facile realizzare una permacultura pi produttiva a basse
altitudini, in territori pianeggianti e in regioni pi calde piuttosto che in terreni
in alta quota e su pendii scoscesi: il dispendio di energia (lavori di escavazione e
di piantatura) notevolmente inferiore. Tuttavia, con un po di talento possibile
creare una permacultura funzionante anche nelle cosiddette posizioni infelici.
In posizione elevata a partire da 1000 m sul livello del mare cerco sempre di
compensare ai periodi vegetativi pi brevi e alle temperature inferiori con unadeguata progettazione del sistema. importante ottenere unesposizione ottimale al
sole e la miglior protezione possibile dal vento. Barriere frangivento con una gran
variet di cespugli da bacche, alberi da frutto e arbusti fioriti piantati ad altezze
diverse possono rivelarsi molto utili. Anche le aiuole a cumulo e le aiuole rialzate
servono a frangere il vento. Andr impedita la formazione di tunnel di vento, perch potrebbero causare il raffreddamento del suolo e la perdita di preziosa umidit.
particolarmente importante adottare misure contro lerosione del suolo sui versanti collinari. A questo scopo ricavo terrazzamenti e bacini di raccolta dellhumus
e faccio s che ci sia una copertura permanente del suolo per le colture.
Con un po dinventiva la permacultura praticabile ovunque. Sui pendii scoscesi e addirittura sulle pareti rocciose si pu seminare nei buchi e nei crepacci,
nelle piccole e grandi nicchie. Mi gi capitato ad esempio di seminare semi di
castagno nelle crepe delle rocce. Poi ho riempito di fogliame il sito della semina
e vi ho sparso sopra semi di ginestra. Con mia grande sorpresa ora in quel punto
crescono splendidi castagni, e la ginestra offre una magnifica fioritura. Che cosa
successo? Grazie alla copertura di fogliame, i semi di castagno hanno avuto
sufficiente umidit per germinare. Le radici si sono aperte la strada nella crepa
per raggiungere la terra, arrivando addirittura a spaccare la roccia. Grazie al microclima, ora entrambe le piante crescono rigogliose.
I pendii esposti a sud offrono anche in quota svariate possibilit di coltivare ortaggi, frutti e bacche: questa esposizione permette di raggiungere il numero delle
ore di sole necessarie alla completa maturazione dei frutti. Tuttavia, a causa della
forte escursione termica fra giorno e notte, vi si possono verificare con facilit
danni dovuti al gelo. Soprattutto in primavera, le temperature tiepide del disgelo
diurno, seguite dal freddo glaciale delle notti sono pericolose per le colture.
perci importante selezionare specie robuste. Nelle estati a precipitazioni ridotte, le colture sui pendii esposti a sud sono soggette a un forte stress da siccit.


Architettura del paesaggio

Anche in questo caso la tecnica del sovescio e la copertura del suolo svolgono una
funzione protettiva. I terreni nudi inaridiscono rapidamente e sono esposti senza difese al vento e alle intemperie: le conseguenze sono erosione e dilavamento
delle sostanze nutritive.
Sui pendii esposti a nord e nei terreni con poche ore di sole importante selezionare specie particolarmente precoci che possano maturare completamente
anche in caso di scarsa esposizione alla luce solare. Per sfruttare al meglio il calore e la luce del sole, ci che faccio creare trappole termiche realizzate in svariati
modi. Una possibilit per esempio consiste nellintervenire sulla conformazione
del terreno creando una nicchia lungo il pendio: ideale se in quel punto del versante ci sono anche pietre di una certa grandezza che immagazzinano il calore
come una stufa di maiolica e lo cedono poi lentamente allambiente. Di solito davanti alle pietre pianto le specie pi bisognose di calore, e se possibile di fronte
alla nicchia ricavo uno stagno o un laghetto. I raggi del sole vengono riflessi dallo
specchio dacqua e leffetto nicchia ne risulta ulteriormente rafforzato. Nella nicchia protetta dal vento si crea una stasi termica, ed ecco che la trappola solare ha
gi assolto al suo compito. In questo modo riesco a coltivare piante che hanno
bisogno del caldo anche in quota e sui pendii esposti a nord.

Una trappola termica a ridosso di una nicchia nella roccia: ricino, tabacco, cetrioli, zucche,
zucchini, girasoli e altro ancora crescono rigogliosi in coltura consociata a 1300 m sul livello
del mare.

31


32

Guida Pratica alla Permacultura

Caratteristiche del suolo


particolarmente importante farsi un quadro della conformazione del terreno
con una perlustrazione sul posto. Pi conosco le particolarit del territorio, e
meglio riesco a lavorarci. Proprio negli interventi di architettura del paesaggio,
una corretta valutazione del suolo riveste una grande importanza: devo saper
riconoscere e valutare il rischio di possibili smottamenti. Inoltre devo scoprire le
caratteristiche del bilancio idrico del suolo. Sono presenti zone di falde acquifere
o di acqua stagnante? Qual la tipologia del suolo? Si tratta del cosiddetto suolo
leggero, medio o pesante?
Quanto profondo o superficiale, e quanto sviluppato lo strato di humus?
necessario considerare tutti questi fattori affinch gli interventi di architettura del paesaggio possano andare a buon fine. Meglio conosco il terreno, pi
posso agire in modo mirato per migliorarne la salute con unadeguata selezione delle specie da piantarvi. Pi il suolo fertile, e pi la permacultura si potr
sviluppare con successo.
Le caratteristiche di un buon terreno sono determinate soprattutto dalla sua
struttura. Il terreno ideale caratterizzato dalla cosiddetta struttura friabile:
un soprassuolo friabile pu essere penetrato senza difficolt dalle radici delle
piante, presenta ampia porosit, e pu di conseguenza immagazzinare come
una spugna acqua e sostanze nutritive. Questa struttura friabile determinata
soprattutto dallattivit di svariati esseri che vivono nel suolo. Un esempio molto
noto di questo fenomeno il lavoro dei lombrichi: la struttura friabile dei loro
escrementi visibile a occhio nudo.
Anche il valore pH del terreno ricopre un ruolo importante: deriva dal materiale di base, ma come tutte le caratteristiche del suolo modificabile dalla
vegetazione e dagli organismi che popolano il sottosuolo. Ci sono piante acidofile
e altre che prediligono i terreni alcalini. La maggior parte delle piante coltivate
cresce meglio in terreni neutri o debolmente acidi (valore pH compreso fra 6 e
7). Un pH equilibrato che si avvicini ai valori neutri particolarmente propizio
alla vita del suolo, poich la maggior parte dei microrganismi che lo popolano
pu trovarvi condizioni ottimali. Meglio potranno lavorare, e pi rapidamente
si avr la decomposizione della biomassa e la formazione dellhumus. Unacidificazione graduale del suolo come quella spesso provocata dalla monocoltura
e dallimpiego dei fertilizzanti porta al dilavamento delle sostanze nutritive e al
dissolvimento della struttura friabile.
Questo a sua volta determina un drastico deterioramento del ciclo dellacqua
e dellaria.


Architettura del paesaggio

Valutazione del suolo


Chi desidera avere unanalisi precisa del suolo pu prelevare dei campioni e farne analizzare il contenuto di sostanze nutritive, la percentuale di humus e il valore pH. Gli istituti dingegneria ambientale (per esempio a Graz e a Innsbruck) e
altre strutture private offrono servizi di questo tipo. Personalmente per ritengo
molto importante sviluppare la propria sensibilit per la qualit del suolo. C
una tecnica antica, collaudata e facile da imparare che permette didentificare il
tipo di terreno: si tratta della cosiddetta prova del dito.
La tecnica consiste nel prendere un po di terriccio fresco (quindi non allo stato secco!) e strofinarlo fra le palme delle mani o fra due dita formando un piccolo
rotolo. A seconda del tipo di suolo, i rotoli di terra si differenziano per coesione,
plasticit e plasmabilit. Anche la grana del materiale ben valutabile con questo
metodo. Cos vengo a scoprire subito se si tratta di un terreno leggero di sabbia
o sabbia limacciosa, oppure di un suolo medio di limo sabbioso, o ancora di un
terreno pesante di limo, argilla limacciosa o argilla. La pesantezza del suolo
dipende quindi dalla maggior presenza di sostanze coesive.
Come prima cosa cerco sempre di dare al campione di terriccio una forma
cilindrica dello spessore di una matita. Se questo risulta impossibile si tratta di
un suolo sabbioso, altrimenti sono alla presenza di un terreno che sar almeno
medio, costituito da limo sabbioso. Se poi riesco ancora a formare cilindretti
di diametro corrispondente alla met dei precedenti, si tratter di un terreno pesante limoso o argilloso. Per distinguerli si pu ancora premere il campione fra
due dita: le argille si evidenziano per la brillantezza della superficie dello strato;
il limo invece ha una superficie opaca.

Particolarit dei terreni leggeri e pesanti


I terreni leggeri sono ben aerati e si riscaldano rapidamente, ma a causa della
struttura a grana fine, la loro capacit dimmagazzinamento di acqua e sostanze
nutritive molto ridotta. Perci importante provvedere a una buona formazione di humus mediante una copertura permanente, e impedire che la superficie
del terreno sinaridisca. I terreni pesanti invece dispongono di unelevata capacit di ritenzione idrica. Il contenuto di sostanze nutritive pi elevato rispetto a
quello dei terreni leggeri, perch queste sostanze possono essere immagazzinate con maggior facilit. Tuttavia, i terreni pesanti sono meno aerati, e questo
pu facilmente causarne il compattamento. La temperatura media del suolo
pi bassa, e la formazione delle radici risulta pi difficoltosa per le piante, cos

33


34

Guida Pratica alla Permacultura

come pi difficile per gli esseri umani coltivare questo genere di terreno. La
realizzazione di aiuole a cumulo in questo tipo di suolo presenta molti vantaggi:
con la costruzione dellaiuola il terreno viene smosso e aerato grazie allimmissione di biomassa. Un terreno ben aerato si riscalda pi velocemente e mantiene
bene il calore, poich la capacit di conduzione termica dellaria molto ridotta.
Con lapporto di grosse pietre che fungono da accumulatori termici si pu
sfruttare ancora meglio lenergia solare e aumentare la temperatura media del
suolo. La dispersione termica dovuta a velocit del vento alta e costante pu
essere evitata mediante frangivento a superficie frammentata, barriere, siepi e
cinture di alberi. In questo modo ottengo un microclima favorevole con temperature del suolo pi elevate sugli appezzamenti coltivati. La temperatura media del suolo un fattore importante per la germogliazione e la crescita delle
piante. Anche lattivit degli organismi del sottosuolo pi intensa in presenza
di temperature pi elevate: i processi di disgregazione da agenti atmosferici
si compiono pi rapidamente, e ottengo in minor tempo un humus di qualit
sulla superficie coltivabile.

Piante indicatrici
La vegetazione di una particolare area rivela molto sulle presenza delle sostanze
nutritive, sul pH e sulle condizioni generali del terreno. Con un po di esercizio
possibile valutare le caratteristiche del suolo in base alle specie vegetali che vi
crescono. In presenza di acanto, ortica e atreplice, ad esempio, si pu partire
dal presupposto che si tratti di un terreno ricco di azoto. Su questo tipo di suolo
posso coltivare piante che consumano molto, soprattutto radici commestibili
o tuberi. Dove cresce un gran numero di piante di romice sono molto adatti il
topinambur (Helianthus tuberosus) e il girasole (Helianthus annus), poich assorbono leccesso di azoto e forniscono preziosa massa verde, tuberi e semi:
cos sottraggo alle ortiche e allatreplice la base nutritiva. Grazie allaltezza che
raggiungono, le piante coltivate mettono in ombra le erbe spontanee, che cominciano a deperire.
importante non arrivare a conclusioni affrettate sulle caratteristiche del
suolo in base alla presenza di una sola specie botanica. Per una corretta valutazione dovranno essere presenti pi piante indicatrici. Spesso a partire da
determinate combinazioni di piante, o da una presenza superiore alla media
di determinate specie, possibile stabilire con sicurezza gi a prima vista le
caratteristiche del terreno. Come piccolo spunto per il lettore ho steso un breve
elenco di piante indicatrici:


Architettura del paesaggio
Terreni ricchi di azoto:

Terreni asciutti:

centocchio comune (Stellaria media)


ortica (Urtica dioica)
ortica minore (Urtica urens)
cerfoglio selvatico (Anthriscus sylvestris)
spondilio (Heracleum sphondylium)
sambuco nero (Sambucus nigra)
atreplice maggiore (Atriplex patula)
attaccamano (Galium aparine)
borsa del pastore comune (Capsella bursapastoris)
farinello comune (Chenopodium album)
artemisia comune (Artemisia vulgaris)

buglossa minore (Lycopsis arvensis)


draba (Erophila verna)
timo serpillo (Thymus pulegioides)
camomilla dei tintori (Anthemis tinctoria)

Terreni poveri di azoto:


paleo odoroso (Anthoxanthum odoratum)
festuca capillare (Festuca ovina)
pilosella (Hieracium pilosella)
camomilla bastarda (Anthemis arvensis)
timo serpillo (Thymus pulegioides)
Terreni basici:
salvia selvatica (Salvia pratensis)
adonide estiva (Adonis aestivalis)
speronella consolida (Consolida regalis)
pimpinella comune (Sanguisorba minor)
betonica comune (Stachys officinalis)
erba fragolina (Sanicula europaea)
sesleria comune (Sesleria varia)
Terreni acidi:
acetosa (Rumex acetosella)
felce aquilina (Pteridium aquilinum)
erica (Calluna vulgaris)
mirtillo nero (Vaccinium myrtillus)
camomilla bastarda (Anthemis arvensis)
olco molle (Holcus mollis)
migliarino capellino (Avenella flexuosa)
erba cervina (Nardus stricta)

Terreni umidi:
isca dei prati (Scirpus sylvaticus)
gramigna liscia (Molinia coerulea)
menta di campo (Mentha arvensis)
ranuncolo strisciante (Ranunculus repens)
tossilaggine comune (Tussilago farfara)
giunco comune (Juncus effusus)
giunco contratto (Juncus conglomeratus)
Terreni compatti:
equiseto dei campi (Equisetum arvense)
tarassaco (Taraxacum officinale)
piantaggine maggiore (Plantago major)
cinquefoglia pi doca (Potentilla anserina)

35