Sei sulla pagina 1di 160

SECONDA UNIVERSIT DEGLI STUDI

DI NAPOLI

SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE DESIGN


EDILIZIA E AMBIENTE

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILEAMBIENTALE

TECNICHE DI COLTIVAZIONE
IDROPONICHE
- ASPETTI PROGETTUALI E CONSUMI IDRICI -

RELATORE:
Prof. Michele Di Natale

CANDIDATO:
Michele Antonio Luigi Corvino
Matr. A12/806

ANNO ACCADEMICO 2014-2015

SOMMARIO
Introduzione .................................................................................................................................... 2
Capitolo I ......................................................................................................................................... 4
La coltivazione fuori suolo ............................................................................................................. 4
I.1 Storia ed origine delle colture fuori suolo ............................................................................. 4
I.2 Le tecniche idroponiche ....................................................................................................... 10
I.2.1 Coltura su substrato ..................................................................................................... 10
Coltura in sacco o vaso ................................................................................................... 10
Flusso-riflusso ................................................................................................................ 11
I.2.2 Coltura in mezzo liquido senza substrato .................................................................... 12
Floating system .............................................................................................................. 12
Nutrient film technique (NFT) ....................................................................................... 14
I.2.3 Le tecniche alternative ................................................................................................. 15
Aeroponica ..................................................................................................................... 15
Acquaponica ................................................................................................................... 17
I.2.4 Sistema a ciclo aperto ed a ciclo chiuso ...................................................................... 19
I.3 Vantaggi e svantaggi delle tecniche idroponiche ................................................................. 22
I.3.1 I principali vantaggi ..................................................................................................... 23
rendimenti sensibilmente maggiori ................................................................................ 23
risparmio di acqua .......................................................................................................... 28
migliore qualit dellacqua ............................................................................................. 31
minore bisogno di terra coltivabile ............................................................................. 32
Erbicidi e pesticidi .......................................................................................................... 35
flessibilit intrinseca ....................................................................................................... 36
tendenze biologiche e non OGM .................................................................................... 38
I.3.2 I principali svantaggi ................................................................................................... 38
i costi .............................................................................................................................. 38
il lavoro specializzato ..................................................................................................... 39
il fabbisogno energetico ................................................................................................. 40
malattie del suolo ........................................................................................................... 42
I.4 Impiego delle tecniche idroponiche su scala mondiale ........................................................ 43
I.4.1 Previsioni di mercato ................................................................................................... 44
Capitolo II ...................................................................................................................................... 49
Aspetti tecnici di un sistema di coltivazione fuori suolo ............................................................ 49
II.1 Componenti principali di un impianto fuori suolo .............................................................. 52
II.1.1 La serra obiettivi e considerazioni .............................................................................. 52
II.1.2 Il controllo ambientale................................................................................................ 54
Raffreddamento .............................................................................................................. 56
Riscaldamento ................................................................................................................ 58
Arricchimento con la CO2 .............................................................................................. 59
Umidit ........................................................................................................................... 59
I materiali per la copertura della serra ............................................................................ 60
Il sito............................................................................................................................... 61
II.1.3 Approvvigionamento idrico ....................................................................................... 62
II.1.4 Condotte principali di adduzione................................................................................ 63

II

II.1.5 Dispositivi di filtraggio .............................................................................................. 64


II.1.6 Dispositivi di dosaggio del fertilizzante ..................................................................... 67
II.1.7 Dispositivi di erogazione della soluzione nutritiva .................................................... 71
II.1.8 Dispositivi di controllo dei turni irrigui...................................................................... 71
II.2 Gestione del sistema ........................................................................................................... 74
II.2.1 Substrati...................................................................................................................... 74
Sabbia ............................................................................................................................. 77
Pomice ............................................................................................................................ 78
Tufi vulcanici ................................................................................................................. 78
Vermiculite ..................................................................................................................... 79
Perlite ............................................................................................................................. 80
Argilla espansa ............................................................................................................... 81
Lana di roccia ................................................................................................................. 81
II.2.2 I nutrienti .................................................................................................................... 83
Macroelementi ................................................................................................................ 84
Azoto ........................................................................................................................ 84
Potassio ..................................................................................................................... 84
Fosforo ...................................................................................................................... 85
Calcio ........................................................................................................................ 85
Magnesio................................................................................................................... 87
Zolfo ......................................................................................................................... 87
Microelementi ................................................................................................................ 87
Ferro.......................................................................................................................... 87
Cloro ......................................................................................................................... 88
Sodio ......................................................................................................................... 88
Manganese ................................................................................................................ 88
Boro .......................................................................................................................... 88
Zinco ......................................................................................................................... 89
Rame ......................................................................................................................... 89
Molibdeno ................................................................................................................. 89
II.2.3 Disinfezione della soluzione ...................................................................................... 93
II.2.4 Salinit........................................................................................................................ 95
II.2.5 pH ............................................................................................................................... 96
II.2.6 La disinfezione delle componenti del sistema ............................................................ 99
Capitolo III .................................................................................................................................. 101
Alcuni esempi di impianti ........................................................................................................... 101
III.1 Impianti per la coltivazione fuori suolo a ciclo aperto" ................................................ 101
III.1.1 Versione base di un sistema di produzione fuori suolo a ciclo aperto ................. 102
III.1.2 Versione base con ricircolo ..................................................................................... 104
III.1.3 Versione con soluzioni madre e centralina a controllo volumetrico .................... 106
III.1.4 Versione con soluzioni madre e ricircolo ............................................................ 109
III.1.5 Versione con soluzioni madre e sistema venturi per iniezione in linea soluzione
nutritiva (s.n.) ..................................................................................................................... 112
III.2 Impianti per la coltivazione fuori suolo a ciclo chiuso" ................................................ 114
III.2.1 Versione impianto a ciclo chiuso con soluzioni madre e centralina a controllo
volumetrico ........................................................................................................................ 115
III.2.2 Versione impianto a ciclo chiuso con soluzioni madre e ricircolo ...................... 118
III.2.3 Versione impianto a ciclo chiuso ed aperto gestito da banco operativo .................. 121

III

Capitolo IV .................................................................................................................................. 125


Adattamento di una serra tradizionale in coltivazione idroponica: esempio progettuale. ... 125
IV.1 Schema dellimpianto e sue componenti .......................................................................... 126
IV.2 Progettazione dellimpianto ............................................................................................ 127
IV.2.1 La serra ed il manufatto per servizi......................................................................... 127
IV.2 Richiesta idrica del sistema ............................................................................................. 131
IV.2.1 Irrigazione netta e lorda .......................................................................................... 131
IV.2.2 Il modello di evapotraspirazione............................................................................. 136
IV.2.3 Frequenza dellirrigazione ...................................................................................... 142
Capitolo V .................................................................................................................................... 145
Confronto a livello nazionale tra coltivazioni idroponiche e tradizionali .............................. 145
V.1 Quantit di acqua per lirrigazione .................................................................................. 145
V.2 Quantit di fertilizzanti ..................................................................................................... 146
V.3 Quantit di diserbanti ....................................................................................................... 148
V.4 I rendimenti ....................................................................................................................... 150
Conclusioni .................................................................................................................................. 153
Bibliografia .................................................................................................................................. 155

IV

"lo sviluppo per essere sostenibile, deve


venire incontro ai bisogni delle
generazioni presenti senza
compromettere la capacit delle
generazioni future di soddisfare
i propri bisogni."
(Rapporto Brundtland, Nazioni Unite, 1987).

INTRODUZIONE
Una delle principali forme di approvvigionamento, da sempre utilizzate dall'uomo,
per soddisfare il proprio fabbisogno alimentare l'agricoltura. Questa, con lo
sviluppo della tecnologia, si evoluta per far fronte a sempre nuove necessit,
consentendo di aumentare la quantit e la qualit del raccolto, anche sfruttando
ambienti poco propensi a tale tipo di produzione.
La popolazione mondiale ha recentemente toccato i 7 miliardi di abitanti, inoltre le
previsioni raggiungono i 9,6 miliardi entro il 2050; di questa enorme massa di
persone, la maggior parte vive in citt e non produce il cibo che consuma. Allo
stesso tempo. le crisi ambientali, sul nostro pianeta, rendono difficoltosa la
produzione di cibo a causa di:

cambiamento climatico;
aumento di frequenza e gravit dei periodi di siccit;
impoverimento e lammalarsi del suolo;
uso eccessivo di fertilizzanti;
carenza di fosforo;
inquinamento delle falde;
perdita di biodiversit;

Tutto ci, minaccia il nostro rapporto con lagricoltura ed il cibo.


Di contro, vi un crescente senso di responsabilit, che spinge le persone a ricercare
cibo di qualit, prodotto secondo logiche, tese al rispetto ambientale ed alla salute
pubblica.
Vi , quindi, la necessit di trovare una soluzione, che metta a confronto tutte queste
realt, che possono essere riassunte in questa frase: ottenere pi cibo
salvaguardando lambiente.
Negli ultimi decenni sono aumentate le ricerche in questo campo, il risultato una
serie di tecnologie, che permettono di incrementare il raccolto agricolo, ma in un
modo del tutto sostenibile.
Una tecnica che va lentamente affermandosi quella che va sotto il nome di
idroponica. Essa consiste nel rimuovere le piante dal suolo, permettendone la
crescita attraverso soluzioni nutritive, che bagnano direttamente le radici. Molti
vantaggi ambientali possono ottenersi attraverso questa tecnica e tra essi anche un
sostanziale risparmio delle risorse idriche necessarie allirrigazione.
2

Nel presente elaborato di tesi, dopo una descrizione dettagliata delle tecniche
idroponiche si presenta un esempio progettuale di impianto idroponico,
evidenziandone i vantaggi in termini di produttivit e risparmio idrico rispetto alle
coltivazioni tradizionali.

CAPITOLO I

LA COLTIVAZIONE FUORI SUOLO


I.1 Storia ed origine delle colture fuori suolo
Il termine colture fuori suolo o soilless indica quelle tecniche di coltivazione
che non utilizzano il terreno, come supporto per le radici e dove il rifornimento
idrico e nutritivo della coltura, avviene attraverso lerogazione di una soluzione
nutritiva. Spesso per indicare queste colture, si utilizza anche il termine
idroponica.
Per la verit, la coltivazione fuori suolo non una tecnica assolutamente nuova. Era
gi utilizzata, infatti, dagli antichi Egizi e dai Babilonesi: esempi di colture
idroponiche furono rappresentati dai giardini pensili di Babilonia, oltre che dai
giardini galleggianti degli Atzechi (figura I.1) e degli antichi Cinesi. Naturalmente,
questi primi sforzi di coltura fuori suolo, sono molto lontani dalla moderna
idroponica che si affianca a moderni sistemi di calibrazione dei minerali nella
soluzione nutritiva.
Si riporta di seguito un excursus storico sullevoluzione delle coltivazioni fuori
suolo:
2000 a. C. circa: La prima pianta in vaso, in Egitto, di cui si abbia traccia. Non ha
nulla a che vedere con lidroponica ma questo fu linizio della storia di ci che ci
interessa: per la prima volta luomo estrasse una pianta dal suolo, la mise in un vaso
riempito di terra e la port nella propria casa.
600 a. C.: I famosi giardini pensili di Babilonia, spesso citati come primo uso
dellidroponica nella storia. Purtroppo, per, questa antica e leggendaria
vegetazione non si basava esattamente sulla coltivazione idroponica, cos come
oggi definita perch, sebbene le radici fossero irrorate da un flusso dacqua
continuo, le piante crescevano dentro canalette riempite di terra. Tra laltro, questi
giardini non erano neanche pensili: questa convinzione nacque dalla traduzione
errata, di una parola greca che significava sporgente. Ci nonostante rimangono
il pi antico e vasto sistema di irrigazione integrato in un palazzo.
4

1100: Le trib indigene, dellAmerica del Sud e del Messico (come gli Aztechi),
ampliavano le aree coltivabili, costruendo sullacqua del lago delle specie di zattere,
isole galleggianti, chiamate chinampas, fatte di canne e giunchi intrecciati.
Questa struttura veniva ricoperta di fango vulcanico, molto fertile, e veniva usata
per coltivare. Le piante ricavavano nutrimento dal fango e dal lago sottostante, che
accoglieva le radici, in unacqua ricca di sali minerali, fresca e bene ossigenata.
Questa tecnica veniva usata anche in altre parti del mondo, come per esempio in
Cina, dove nel 1275 Marco Polo vide dei giardini galleggianti. Non sappiamo con
certezza dove e quando i giardini galleggianti siano stati costruiti per la prima volta,
ma rappresentano, sicuramente, la prima vera applicazione della tecnologia
idroponica.

Fig. I.1, Giardini galleggianti Atzechi. Wikipedia.it.

1699: Il naturalista inglese John Woodward, che si occupava anche di botanica ed


era membro della Royal Society, dimostr, per la prima volta, che le piante traggono
nutrimento dal suolo per mezzo dellacqua. Non sappiamo bene quali fossero allora
le conoscenze sullargomento nel resto del mondo, ma certo che in Occidente,
prima del 1699, le nozioni sulla crescita delle piante fossero molto limitate. Con
quello che divenne il primo esperimento di coltivazione idroponica, Woodward
dimostr, che le piante crescevano meglio se immerse nellacqua del fiume, invece
che in acqua distillata. Ci significava che le piante estraevano dallacqua il
nutrimento necessario. Inoltre, aggiungendo allacqua diverse quantit di terra, egli
dimostr che le piante crescevano meglio, quando si aggiungeva una quantit
5

maggiore di terra, con la conseguenza che, questultima doveva contenere qualcosa


di essenziale.
Dopo questo esperimento, le conoscenze nel campo della fisiologia vegetale
aumentarono, lentamente. Pass un altro centinaio di anni, prima che un altro
scienziato britannico, Joseph Priestley, dimostrasse che le piante modificavano la
composizione dellaria circostante. Successivamente, egli scopr anche
lossigeno e mise in evidenza che le piante lo assorbivano, emettendo biossido di
carbonio. Nel 1779, Ian Ingenhousz, scopr che la luce era fondamentale per lo
svolgimento della fotosintesi. Dunque, allinizio del XIX secolo, si sapeva, ormai,
molto sui meccanismi coinvolti nella crescita delle piante, anche se ancora, non si
conoscevano esattamente tutti gli elementi necessari a questa crescita.
1860: Lo scienziato tedesco Julius Von Sachs pubblic la formula di una soluzione
nutritiva, che poteva essere disciolta in acqua e usata per coltivare le piante. Von
Sachs ed il chimico agrario Knop gettarono, cos, le basi della coltivazione in acqua.
La formula di Von Sachs era piuttosto primitiva, considerando che a quel tempo la
disponibilit di sali minerali era limitata, e non avrebbe permesso di coltivare le
piante per periodi molto lunghi. A partire da queste prime coltivazioni in acqua
per, sperimentando e modificando la formula originaria, gli scienziati riuscirono a
stabilire, quali elementi erano necessari alla crescita delle piante e quali no.
1920-1930: Il dr. William F. Gericke (figura I.2) viene considerato il fondatore
dellidroponica moderna, soprattutto nel mondo anglosassone. A lui si devono due
innovazioni importanti: con lui la coltivazione in acqua cess di essere solo un
esperimento da laboratorio e divenne, per la prima volta, unoperazione
commerciale; inoltre, fu proprio Gericke a coniare la parola idroponica. La sua
attivit ebbe grande risonanza in una societ che, grazie allintenso progresso
scientifico, era in rapida evoluzione. Alcuni autori arrivarono al punto di dichiarare
che, quello delle terre coltivabili era ormai un problema del passato. Tutto questo
clamore, per, si rivel prematuro e dannoso, poich questa tecnica era solo agli
inizi e ancora serviva lintervento di uno scienziato come Gericke per riuscire ad
ottenere delle colture di qualit. Si susseguirono quindi numerosi insuccessi e molte
iniziative commerciali, intraprese con grande ottimismo, ebbero esiti disastrosi. Ci
fu, tuttavia anche un risvolto positivo: tutta questa pubblicit port a un incremento
della ricerca scientifica, sia pubblica che privata. Il libro di Gericke Complete
Guide to Soilless Gardening (Guida completa alla coltivazione fuori suolo)
stato ristampato nel 2008 ed disponibile, ancora oggi.

Fig. I.2, W.F. Gericke. Wikipedia.it.

Mentre Gericke perfezionava, quello che potremmo definire lhardware


dellidroponica, ovvero i sistemi fisici, Dennis R. Hoagland si occupava invece del
software, cio dei nutrienti. Nel 1933 fu pubblicata la formula della celebre
soluzione di Hoagland, che negli anni seguenti sub delle lievi modifiche
(soprattutto con lintroduzione del chelato di ferro), ma che sostanzialmente, viene
usata ancora oggi per gli esperimenti di routine in molti laboratori di ricerca sulle
piante.
1940-1944: La prima applicazione dellidroponica su larga scala, purtroppo durante
una guerra. Sulle isole del Pacifico, lesercito statunitense si trov alle prese con il
grave problema dellalimentazione dei soldati, poich i cibi freschi non potevano
essere spediti e non era facile coltivare un terreno cos roccioso e salino, dove non
cerano neanche riserve dacqua sufficienti. Fu cos che, gli americani fecero
ricorso allidroponica ed ebbero modo di apprezzarla. La tecnica fu portata avanti
anche dopo la guerra e negli anni 50 si utilizz un sistema idroponico con substrato
di ghiaia, elaborato da Robert e Alice Withrow della Purdue University, chiamato
Nutriculture System. Questo impianto fu la base di quello che poi, sarebbe
diventato, il sistema noto come Flood and Drain o Ebb and Flow (niente a che
vedere con il marchio Nutriculture che conosciamo oggi). Era un grande sistema di
vasi, riempiti di ghiaia che, a cicli ripetuti pi volte al giorno, venivano inondati con
la soluzione nutritiva e poi, sottoposti a un lento drenaggio.
Per un po, non ci furono grossi sviluppi, un po perch intraprendere una nuova
operazione era costoso e un po perch, la tecnologia andava ancora perfezionata.
Uno dei problemi era che, i substrati a base di ghiaia e di sabbia, usati allepoca,
risultavano troppo pesanti e compatti. Inoltre, non si riusciva ancora a stabilizzare
il ferro, in soluzione. In quegli anni, furono avviati diversi progetti in aree desertiche
del pianeta, ma nella maggior parte dei casi fallirono o comunque, evidenziarono la
crisi di questa tecnologia, crisi che si protrasse per alcuni anni.
7

1960-1970: Alcuni progressi contribuirono in questi anni alla rinascita


dellidroponica. Si cominci, infatti, a fare uso della lana di roccia, un materiale
usato, principalmente, come isolante nelledilizia. Apportando qualche modifica, la
lana di roccia fu impiegata come substrato per la coltivazione. Vennero, inoltre,
prodotti i chelati sintetici, per migliorare la resa dei micronutrienti in soluzione.
Comparvero, sul mercato, alcuni sali complessi, come il fosfato monoammonico
(MAP), che ampliarono la scelta delle fonti di fosforo solubile. Allo stesso tempo,
con lespansione dellindustria della plastica, furono realizzati nuovi prodotti per
lagricoltura in serra. Le coperture di vetro delle serre furono sostituite,
gradualmente, da quelle di plastica, cos come i vasi in cemento furono sostituiti da
canalette, vassoi e teli in plastica. Ci si avvicinava, sempre di pi, alla tecnica
moderna.
1970: Il dr. Allen Cooper introdusse un sistema noto come NFT o Nutrient Film
Technique, tecnica del film nutritivo. Nel 1979 fu pubblicato il suo libro ABC of
NFT, un testo che si legge spesso, ancora oggi. LNFT fu adottato presto, in varie
parti del mondo per colture a ciclo breve, destinate alla distribuzione commerciale,
come per esempio le verdure da insalata.
1970-1990: In questo periodo furono adottate, in varie parti del mondo, diverse
forme di tecnologia idroponica: sebbene le colture di questo tipo andassero
aumentando, ci non garantiva, sempre, un risultato positivo.
Contemporaneamente, prendeva piede il fenomeno delle coltivazioni in ambiente
domestico.
Nel 1978 Lawrence Brooke fond la General Hydroponics. Il suo obiettivo era
modificare e, migliorare gli impianti idroponici industriali, in modo che le loro
dimensioni non superassero quelli di una camera di coltivazione (grow room)
urbana. Il sistema funzionava con una delle migliori soluzioni nutritive del tempo,
una formula elaborata insieme al dr. Cal Herrmann, del NASA Ames Research
Center. Per la prima volta, la tecnologia idroponica veniva messa a disposizione dei
piccoli coltivatori urbani. Allinizio, il mercato stent a svilupparsi, ma poi, esplose
allimprovviso, intorno alla met degli anni 80, quando in molti cominciarono a
dedicarsi alle coltivazioni domestiche.
Nel 1986 il dr. Hillel Soffer dellUniversit della California di Davis mise a punto
il Vortex, che ancora oggi, rimane il pi efficiente sistema idroponico presente
sul mercato. La ricerca, da lui condotta, evidenzi una correlazione tra la crescita
della pianta e il livello di ossigeno disciolto nella soluzione nutritiva: regolando il
livello di ossigeno riusc a modificare la velocit di crescita del Ficus benjamina.
Loperato di Soffer gett le basi dellaero-idroponica, un ramo importante
dellidroponica moderna.
Pi o meno nello stesso periodo, fecero la loro comparsa sul mercato molte delle
aziende statunitensi e canadesi tuttora attive, in questo settore. A partire dalla met
degli anni 80, lidroponica si divisa in due rami ben distinti: il ramo commerciale
8

delle coltivazioni su larga scala e quello dei piccoli coltivatori domestici. Molti di
questi ultimi sono appassionati di piante tropicali e medicinali, oppure collezionisti
di specifiche variet di piante.
Nel frattempo, in Europa, lunico paese in cui si facevano passi avanti era lOlanda,
dove si praticava un tipo speciale di coltivazione indoor che, riguardava, soprattutto,
fiori coltivati in serre molto estese. Agli olandesi possiamo riconoscere il merito di
avere introdotto il metodo Sea of Green (Mare verde), che consiste nel coltivare
molte piante piccole, invece di poche piante grandi.
1995-oggi: Per quanto riguarda il ramo commerciale, lindustria idroponica in
rapido sviluppo e sta cambiando, per adattarsi ai nuovi tempi. Alcuni sistemi, pi
sofisticati ed ecologici, si sono rivelati particolarmente, convenienti per le colture a
ciclo breve, come lattuga ed erbe aromatiche. Quanto al ramo delle piccole
coltivazioni indoor, nel 1995 la General Hydroponics ha aperto una consociata
europea. Nello stesso periodo, la britannica Nutriculture ha iniziato a distribuire i
propri prodotti in Europa. Presto si sono aggiunte molte altre aziende che hanno
sede in Europa o che esportano i materiali dal Nord America. La tecnologia
idroponica ha, gradualmente, preso piede ed i nuovi grow shop, sono stati aperti in
tutti i paesi. I primi ad adottare lidroponica indoor sono stati i paesi del Nord
Europa, seguiti da Francia, Spagna, Italia e Portogallo, tutti spinti dalla
gratificazione e dal compiacimento che, procura consumare ci che si prodotto da
soli.

I.2 Le tecniche idroponiche


Le tecniche idroponiche si possono suddividere in due gruppi principali (figura I.3):
quelle che utilizzano substrato;
quelle che invece utilizzano al posto del substrato un mezzo liquido.

Fig. I.3, Suddivisione sistemi fuori suolo. [10]

I.2.1 Coltura su substrato


Coltura in sacco o vaso
Le piante sono allevate in sacchi o vasi, in grado di contenere da 10 a 30 litri di
substrato, secondo, la specie coltivata e la lunghezza del ciclo colturale. Questa
tecnica molto utilizzata nelle colture a ciclo lungo come pomodoro, (figura I.4),
cetriolo, peperone, fragola, gerbera e rosa. I substrati utilizzati possono essere,
artificiali (lana di roccia, perlite, pomice, ecc.) o di origine naturale (torba, vinacce,
fibre di cocco, ecc.) e normalmente si utilizzano sistemi di microirrigazione (a
goccia) per lerogazione della soluzione nutritiva.

10

Fig. I.4, Coltivazione di pomodoro in sacco. www.commercial-hydroponicfarming.com.

Flusso-riflusso
Nella coltivazione di piante ornamentali in vaso, la subirrigazione (detta anche
tecnica del flusso-riflusso ed in inglese ebb-and-flow) , ampiamente, usata al posto
dellirrigazione a goccia. I vasi sono alloggiati in canali o bancali, con un flusso
intermittente di soluzione nutritiva (figura I.5).
I bancali o le vasche di coltivazione sono riempiti periodicamente (da due-tre volte
per settimana, fino ad una-due volte al giorno) per una durata di 15-20 minuti, con
unaltezza dellacqua di 2-4 cm, a seconda della dimensione del vaso, della
ritenzione idrica del substrato e della traspirazione delle piante (dipendente
ovviamente dalle condizioni climatiche).

Fig. I.5, Schema di coltivazione ebb and flow. www.randongrow.com.

11

I.2.2 Coltura in mezzo liquido senza substrato


Floating system
Tra le varie tecniche in mezzo liquido, quella che oggi trova crescente interesse, nel
nostro paese il floating system: questa caratterizzata da vasche, fisse o
smontabili, profonde 20-30 cm e posizionate sul terreno oppure direttamente
scavate allinterno della serra, impermeabilizzate con film di polietilene (figura I.6).
Nelle vasche si collocano, poi, i pannelli di polistirolo ad alta densit che,
galleggiano sulla soluzione nutritiva e servono da supporto per le piante in coltura.
Il sistema risulta, particolarmente, interessante per i costi contenuti di realizzo e
gestione, legati alla limitata presenza di dispositivi automatici, di controllo e
correzione della soluzione. La brevit dei cicli produttivi e il volume elevato di
soluzione consentono, infatti, di rimandare alla fine di ciascun ciclo, le operazioni
di reintegrazione della soluzione nutritiva.
Lunico controllo importante da fare, durante la coltivazione, il contenuto di
ossigeno disciolto nella soluzione che, deve essere mantenuto su valori prossimi a
5-6 mg /l.

Fig. I.6, Esempio di coltivazione in floating system. http://pandeglang.work/.

12

Fig. I.7, Schema di coltivazione in floating system. [6]

Fig. I.8, Dettaglio schema di coltivazione in floating system.


hydroponicsgrower.org

13

Nutrient film technique (NFT)


Questa tecnica prevede un film di soluzione nutritiva, ricircolante attraverso un
sistema di pompe e canalette, rifornisce direttamente lapparato radicale, con i sali
minerali e lacqua. Le canalette sono dotate di una lieve pendenza. La soluzione
nutritiva scorre per gravit, fornendo alle radici acqua, nutrienti ed ossigeno. Con
questo sistema sono coltivate specie ortive, il cui ciclo non supera 4-5 mesi
(pomodoro, melone) oppure specie da foglia (come la lattuga), impiantate ad alta
densit (figura I.9). Nel caso di colture con ciclo pi lungo, infatti, si determina
uneccessiva crescita dellapparato radicale che, provocando problemi nello
scorrimento della soluzione nutritiva, gli comporta un non adeguato rifornimento
di ossigeno, con conseguente sviluppo di marciumi radicali. Gli elevati costi di
installazione e la bassa capacit tampone hanno limitato, notevolmente, il ricorso a
questa tecnica di coltivazione.

Fig. I.9, Schema di coltivazione in NFT. [6]

14

Fig. I.10, Abbondante accrescimento dellapparato radicale in piante di


pomodoro allevate in NFT. [6]

I.2.3 Le tecniche alternative


Vi sono alcune tecniche di coltivazione, fuori suolo, che pur seguendo la strada
maestra della coltura idroponica se ne distaccano, creando delle interessanti
alternative.

Aeroponica
LAeroponica un sottoinsieme dei diversi approcci, senza substrato. Le radici
delle piante sono sospese in una camera chiusa, dove sono irrorate con una nebbia
di soluzione nutritiva, a brevi intervalli (solitamente ogni pochi minuti). Il primo
vantaggio dellaeroponica il massimizzare l'esposizione di ossigeno delle radici,
inoltre elimina il grosso problema dello smaltimento dei substrati (figura I.11).
Comunque, in questo caso vi un maggiore rischio di essiccamento delle radici a
causa di un calo di potenza, oppure di una interruzione, anche breve, della
nebulizzazione di nutrienti. Alcune applicazioni includono alte produzioni in sito
per ristoranti o possiamo avere delle vere e proprie fabbriche di piante totalmente
chiuse, in un contesto di fattoria urbana.

15

Fig. I.11, Schema di coltivazione in Aeroponica. [6]

Fig. I.12, Impianto aeroponico a sezione rettangolare: schema e funzionamento.


hydroponicsgrower.org

La portata degli sprayer oscilla dai 35 ai 70 l/h con una portata di esercizio di 3-4
bar, mentre la loro spaziatura, sulle linee di distribuzione, varia in funzione della
conformazione e dimensione dei moduli di coltivazione. A livello indicativo, si
possono considerare distanze di 50 cm tra loro, avendo cura di verificare che la
erogazione della soluzione risulti omogenea in tutti i punti del modulo di
coltivazione. La durata degli interventi nebulizzanti oscilla dai 30 ai 60 secondi,
mentre la loro frequenza varia, in funzione delle epoche di coltivazione, dello stadio
di crescita delle piante, della specie e del momento della giornata (per una
16

coltivazione estiva, in piena vegetazione, si possono superare gli 80 interventi al


giorno, dallalba al tramonto). Ad ogni nebulizzazione, il percolato si raccoglie sul
fondo dei moduli e, data la pendenza degli stessi, viene convogliato al serbatoio di
stoccaggio. Interessante fare un primo confronto reso disponibile dalla
pubblicazione Fertigation and Substrate management in Closed Soilless Culture
(tabella I.1).

Tabella I.1, Caratteristiche dei diversi sistemi di coltivazione senza suolo. [10]

Acquaponica
La parola acquaponica data dallunione di acquacoltura e di idroponica, tale nome
molto appropriato nel descrivere questa tecnica di coltivazione (figura I.13). Le
piante vengono alimentate attraverso i rifiuti della crescita del pesce (letame),
lacquaponica fa un uso efficiente dell'acqua e dei rifiuti, in una simbiotica
operazione di agricoltura.
Come qualsiasi metodo di coltivazione, non senza limitazioni. Primo fra tutti, il
fatto che solo poche piante, pesci ed una combinazione di questi due possono essere
coltivati con successo, in un ambiente acquaponico. La combinazione pi comune
lattuga e tilapia, che ha mostrato essere vantaggiosa, rispetto alle altre
17

combinazioni pianta-pesce. La composizione dei rifiuti del tilapia incontra, nel


modo migliore, i requisiti nutrizionali e delle altre piante a foglie verdi, anche se,
spesso molti minerali devono essere aggiunti, per coprire completamente i requisiti
di salute e crescita rapida.
Lincludere l'acquacoltura, in aggiunta all'agricoltura, in un sistema aggiunge
naturalmente complessit e sensibilit intrinseca al sistema, che non richiede solo
esperienza nel campo idroponico. La Tilapia e le altre specie di pesci coltivate in
acquaponica, tra cui la trota arcobaleno, sono altamente sensibili alluso di comuni
diserbanti, pesticidi od anche minerali nutrienti salini. Di conseguenza, i prodotti
dellacquaponica sono in genere biologici per natura, poich le pratiche non
biologiche non forniscono la crescita e la salute ottimale dei pesci.

Fig. I.13, Schema di coltivazione in Acquaponica. http://kanat.jsc.vsc.edu/

18

Fig. I.14, Coltivazione acquaponica domestica. http://www.ecofilms.com.au/

I.2.4 Sistema a ciclo aperto ed a ciclo chiuso


Un altro possibile criterio di classificazione delle tecniche idroponiche consiste nel
modo di gestire la soluzione nutritiva: si distinguono, cos i sistemi a ciclo aperto
da quelli a ciclo chiuso.
Nel primo caso, lalimentazione delle colture effettuata sempre con soluzione
fresca, cio appena preparata, erogata in quantit eccedente rispetto al fabbisogno
effettivo delle piante. Leccesso di soluzione drena dai substrati di coltura ed
scaricato nellambiente o utilizzato su un'altra coltura in suolo. La gestione
nutrizionale pi semplice rispetto ai sistemi chiusi, ma lefficacia del sistema non
si associa ad una buona efficienza: si fa un grande uso di fertilizzanti e di acqua e
si determina, proprio per questo, ed in considerazione dei notevoli volumi di
soluzione di drenaggio, un rilevante inquinamento dei corpi idrici.
Nei sistemi chiusi, invece, la soluzione drenata recuperata: dopo aver effettuato i
periodici controlli e le opportune reintegrazioni, al fine di ripristinare i consumi
idrici e le concentrazioni dei nutrienti, viene nuovamente somministrata alla coltura.
Nella tabella I.2 sono riportati i vantaggi e gli svantaggi dei sistemi aperti e dei
sistemi chiusi.
19

Nel caso dei cicli chiusi, lo scarico di reflui nutritivi nellambiente circostante e
limpiego di concimi e di acqua sono sicuramente contenuti. Per contro, il riutilizzo
della soluzione comporta due principali problemi: il primo rappresentato dal
notevole rischio di trasmissione di patogeni radicali, mentre il secondo costituito
dalla difficolt nel controllo della nutrizione minerale e, quindi della reintegrazione
della soluzione ricircolante.

Ciclo aperto
Vantaggi
Svantaggi
Gestione pi
Spreco di acqua
semplice
Spreco di
Minori costi
nutrienti
Minori rischi
Notevole impatto
fitopatologici
ambientale
Maggiore
Vincoli legislativi
affidabilit

Ciclo chiuso
Vantaggi
Svantaggi
Risparmio di
Gestione pi
acqua
difficile
Risparmio di
Maggiori costi
nutrienti
Minor impatto
Maggiori rischi
ambientale
fitopatologici
Minore
affidabilit

Tabella I.2, Confronto tra sistemi aperti e sistemi chiusi. [7]

Per quanto detto sopra, la gestione di un sistema idroponico a ciclo chiuso non pu
prescindere da adeguati interventi di disinfezione, che devono essere praticati alla
soluzione drenata dai moduli di coltivazione prima della successiva immissione in
circolo.

Fig. I.15, Open-loop soilless culture system. [20]

20

Fig. I.16, Closed-loop soilless culture system. [20]

Fig. I.17, Schema di un sistema di coltivazione a ciclo aperto e ciclo chiuso. [10]

21

I.3 Vantaggi e svantaggi delle tecniche idroponiche


Per quanto pu sembrare improduttivo togliere le piante dal suolo, le recenti
ricerche dimostrano che il suolo non necessario al corretto sviluppo della pianta,
sebbene questa tipologia di coltivazione sia la pi utilizzata in assoluto. Il suolo
solo il principale trasmettitore di sostanze nutritive alla pianta, qualora fosse ricco
di materia organica. Tuttavia, questo non sempre vero, poich leccessivo utilizzo
di un suolo lo rende infertile. Negli ultimi anni, sta emergendo un nuovo modo di
fare agricoltura, attraverso le pi avanzate te tecnologie, con un elevato grado di
automazione.
La principale differenza tra lagricoltura
tradizionale e lidroponica relativa al
raccolto. Paragonate alle tradizionali
coltivazioni, le serre protette ed
automatizzate possono raggiungere
raccolti per unit di area fino a 10 volte
(e pi in alcuni casi) superiori. Con
strutture a basso livello tecnologico
possiamo ancora, tuttavia, raggiungere
risultati
interessanti,
con
una
produzione per unit di area, superiore
dalle 2 alle 5 volte. Il tipo di impianto
viene scelto a seconda delle esigenze
dello specifico contesto.
Inoltre, lidroponica richiede spazi
minori ed ha una minore impronta
ambientale, basti pensare che l'ottanta per cento dell'inquinamento per nitrati
dovuto all'agricoltura, senza poi andare a considerare i pesticidi e le gravi
ripercussioni sulla biodiversit e gli effetti sulla salute umana.
Secondo alcune stime, a livello mondiale, siamo passati da circa 30 mila ettari
coltivati con sistemi idroponici nel 2006 ai 405 mila ettari censiti dalla FAO nel
2013: tuttavia la diffusione di queste tecniche di coltivazione ancora ridotta, se si
considera che, lattuale superficie mondiale di colture protette, di oltre un 1.5
milioni di ettari.
A favore dellaumento dellutilizzo della tecnica di coltivazione idroponica giocano
un importante ruolo i seguenti aspetti:
una legislazione di stampo ambientalista sempre pi restrittiva per i
coltivatori (basti ricordare la Direttiva Comunitaria 91/676, meglio
conosciuta come Direttiva Nitrati);
la proibizione del bromuro di metile (ampiamente utilizzato in passato per
la sterilizzazione del terreno);
la crescente richiesta di produzioni di qualit;
la minore disponibilit di manodopera;
22

la progressiva salinizzazione dei terreni di serra, dovuta sia alle abbondanti


concimazioni minerali che, al peggioramento della qualit delle acque
impiegate per lirrigazione.
Tra i fattori sfavorevoli alla diffusione della cultura senza suolo possiamo citare:
gli elevati costi di impianto;
la produzione di substrati e/o soluzioni nutritive esauste da dover smaltire;
la scarsa preparazione professionale degli operatori;
la carenza di infrastrutture (ad esempio di laboratori in grado di garantire le
analisi delle soluzioni nutritive e dei substrati in tempi rapidi ed a basso
costo);
la necessit di utilizzare acque irrigue di buona qualit, nel caso
dellidroponica a ciclo chiuso.
bene analizzare, alcuni aspetti chiave, che permettono di introdurci allinterno di
un pi ampio discorso sulle coltivazioni fuori suolo.

I.3.1 I principali vantaggi


L'idroponica in generale, quindi, si presenta come soluzione ad una molteplicit di
problemi con i seguenti vantaggi:

rendimenti sensibilmente maggiori


Quando i sistemi fuori suolo sono combinati con le serre che proteggono le piante
da situazioni ambientali estreme, questi sistemi combinati minimizzano molti
fattori limitanti, per la crescita delle piante e producono un pi alto rendimento, per
unit di area. Gli ingegneri agronomici ed i botanici hanno accettato la sfida di
miglioramento dei rendimenti, e le ultime serre idroponiche ad alta tecnologia
possono produrre anche pi di 10 volte, rispetto ad una produzione a terra.
Come sono possibili questi rendimenti? Rimuovere le piante dal suolo permette
lapplicazione di nutrienti ed acqua direttamente sulle radici, ovvero, dove sono pi
utili. Il sistema CEA, (controlled enviromental agricolture) inoltre, protegge le
piante da una variet di malattie e dalle infestazioni del suolo. Quindi, in breve,
rendimenti cos alti sono possibili grazie alla sensibile diminuzione dei fattori di
rischio quali: la variabilit della temperatura, dellumidit, dei predatori delle
piante, degli infestanti e di altri fattori, che sfavoriscono la salute e la produttivit
delle piante.
Come illustrato nella figura I.18 vi sono delle differenze sostanziali tra il
rendimento della tradizionale agricoltura ed una industriale CEA.
23

Nel caso dei pomodori, le diffuse serre idroponiche negli USA, possono produrre
una media di 550 tonnellate di pomodori per ettaro, che 10 volte in pi rispetto
alla media della tradizionale coltivazione e circa 5 volte in pi, rispetto unottima
coltivazione a campo aperto.
Anche tra i sistemi CEA, c una grossa differenza nella capacit di produzione, in
relazione da diversi fattori come: le applicazioni mirate e fatte nei giusti tempi, di
nutrienti ed acqua, il tipo di protezione della serra, la ventilazione, ed i controlli
climatici per i sistemi chiusi.
Il pi alto rendimento, registrato per i pomodori di 760 tonnellate per ettaro,
(figura I.18) questo risultato stato ottenuto dalle serre idroponiche europee che
hanno risultati decisamente migliori, rispetto ai sistemi americani, con un
incremento di circa 200 tonnellate (ovvero del 36%). Questi paesi utilizzano serre
altamente automatizzate, con un controllo di clima accompagnato da avanzati
sistemi idroponici, per massimizzare il rendimento e produrre, tutto lanno, nelle
latitudini nord del globo.
importante ricordare che, lintensificazione e lefficienza dellagricoltura possono
prendere diversi percorsi, e che nei paesi in via di sviluppo, delle semplici serre
basate sulla coltura a terra e con una giusta formazione tecnica nellirrigazione e
nelle pratiche nutrizionali, sono spesso metodi pi appropriati per snellire gli input
del sistema e favorire gli output. Infatti, possibile incrementare il rendimento delle
tradizionali serre, dalle 2 alle 5 volte senza metodi fuori suolo. Anche delle semplici
reti da ombra possono essere efficaci, per ottenere uno spazio caldo ed economico,
adatto ad una miglior crescita delle piante.
Un esempio di applicazione di queste reti labbiamo in India, dove si ottenuto un
incremento del 533% per la produzione del peperone, dalle 15 tonnellate fino alle
95 tonnellate per ettaro. Per cui, in questo caso preferibile lutilizzo di una
semplice rete, piuttosto, che implementare un complesso impianto di produzione
fuori suolo.
Di seguito sono riportati una serie di dati riguardo i rendimenti della coltivazione
idroponica nel mondo, in grado di fornire unampia visione sui possibili ritorni in
produzione di questa tecnica.

24

Fig. I.18, Messa a confronto tra cea ed ofa (open field agricolture), tonnellata
per ettaro. [4]

Fig. I.19, Variazione del rendimento del peperone in serre basate su suolo o
fuori suolo, tonnellata per ettaro. [4]

25

ComparativeYelds
Avena
Riso
Grano
Soya
0

1000

2000

3000

Idroponica[libbra/acro]

4000

5000

6000

Suolo[libbra/acro]

Fig. I.20, Rendimenti a confronto. [4]

ComparativeYelds
Patate
Pomodori
0

100000

200000

300000

Idroponica[libbra/acro]

400000

500000

600000

Suolo[libbra/acro]

Fig. I.21, Rendimenti a confronto. [4]

26

ComparativeYelds
Fagioli
Cavolo
Barbabietole
Lattuga
Zucchine
Piselli
0

10000

20000

Idroponica[libbra/acro]

30000

40000

50000

60000

Suolo[libbra/acro]

Fig. I.22, Rendimenti a confronto. [4]

Incremento%
3000%
2500%
2000%
1500%
1000%
500%
0%

Incremento%

Fig. I.23, Rendimenti in %. [4]

27

risparmio di acqua
Nel consumo idrico totale degli esseri umani spicca una voce: il consumo d'acqua
legato all'agricoltura, limportanza di tale voce, allinterno del bilancio del vivere
sostenibile, assume sempre pi unimportanza cruciale. Molti scienziati sostengono
che il problema dellapprovvigionamento dellacqua sar alla base dei prossimi
conflitti mondiali.
L'agricoltura utilizza circa il 70% dell'acqua, spesso in modo inefficiente. La OECD
(Organisation for Economic Co-operation and Development) prevede che circa la
met della popolazione mondiale entro il 2030 avr difficolt con l'acqua, inoltre,
un incremento di un miliardo di persone avr un ristretto accesso all'acqua.
Combinando queste pressioni crescenti, con il cambiamento climatico, l'incremento
delle temperature, i periodi di siccit pi persistenti e lunghi, la ridotta disponibilit
di acqua, in un sempre crescente numero di paesi, le previsioni per la coltivazione
di alimenti sufficienti per sostenere le nostre societ che si espandono, donano un
quadro terribile.
Quando si tratta di utilizzo d'acqua, idroponica e acquaponica sono metodi di
coltivazione altamente efficienti. Come discusso in precedenza, con queste
metodologie, le piante sono rimosse dal suolo e crescono in contenitori di plastica,
letti di cemento, secchi, scavi, o canali, dove le loro radici possono direttamente
avere accesso ad acqua ricca di nutrienti, in questo modo abbiamo solo un piccolo
scarto di acqua, al di l della zona radicale. A differenza dellirrigazione nelle
coltivazioni tradizionali, dove la maggior parte dell'acqua viene perduta, al di l
delle dellapparato radicale o attraverso l'evapotraspirazione nell'aria, possiamo dire
che la coltivazione fuori suolo utilizza piccole quantit di acqua, nei punti dove esse
sono pi utili alle piante.

Tabella I.3, Confronto prestazioni migliorate dell'acqua tra cea e coltivazione di


campo [4].

28

Ad esempio, la tabella I.3 compara i raccolti e lutilizzo di acqua, per una


coltivazione tradizionale di pomodoro e per una serra idroponica, entrambe situate
in Australia, ovvero un continente fortemente arido. La prima cosa da notare, che
il rendimento della coltivazione idroponica di pomodoro ovvero circa 8 volte pi
grande, rispetto alla coltivazione a campo aperto. Inoltre, le differenze per l'uso di
acqua sono davvero importanti:
inizialmente pu sembrare che la coltivazione fuori suolo utilizzi pi acqua, ma
dobbiamo ricordare che la coltivazione in serra produce per 11 mesi e mezzo su 12
mesi, contro i 7 mesi di produzione rispetto della coltivazione a campo aperto;
dobbiamo considerare che l'acqua utilizzata, nel sistema idroponico, include l'acqua
usata dal personale, dalla struttura e dal sistema di controllo. Inoltre, se studiamo il
frutto prodotto per unit di acqua, possiamo osservare che lidroponica supera di
gran lunga la produzione di campo con una percentuale superiore di circa il 400%,
con 38,2 grammi di pomodoro prodotti per ogni litro di acqua contro i 7,4 grammi
prodotti per le coltivazioni a campo aperto.
A puro titolo informativo, ho riportato qualche dato riguardo l'impronta idrica dei
prodotti agricoli
Sono necessari:

1.600 litri dacqua per 1 kg di grano


1.800 litri di acqua per ottenere 1 kg di zucchero di canna
2.500 litri di acqua per produrre 1 kg di riso
10.000 litri dacqua per 1 kg di cotone

Fig. I.24, Usi idrici nei principali gruppi di reddito dei paesi. [11]

29

Consumoidriconazionale
4%

7%

89%

Agricolo

Industriale

Domestico

Fig. I.25, Consumo idrico nazionale per settore. [11]

Fig. I.26, Utilizzo di acqua in Italia. [11]

30

migliore qualit dellacqua


L'agricoltura convenzionale molto prodiga nelle applicazioni di fertilizzanti
chimici, pesticidi, ed erbicidi, necessari per ottenere picchi di produzione.
L'inquinamento dell'acqua ed il relativo danno all'ecosistema, pu considerarsi
dovuto a queste pratiche. Le applicazioni chimiche tossiche dei comuni pesticidi ed
erbicidi, si spostano per lisciviazione nelle falde acquifere e di conseguenza
nell'ecosistema acquatico; esse possono eliminare pesci, anfibi o le piante dalle
quali questi ultimi dipendono. I fertilizzanti, che non sono utilizzati dalle piante,
raggiungono cos fiumi, laghi ed anche oceani, destabilizzando gli equilibri di
nutrienti e quindi interrompendo o distruggendo lacqua fresca e la vita oceanica.
Lacqua diventata troppo ricca di elementi come il fosforo e l'azoto crea delle vere
e proprie zone morte. Questi elementi derivano dai fertilizzanti, dalle acque reflue
e dai detergenti portati nei sistemi di acqua fresca e negli oceani.
Nel caso dei fertilizzanti, questo dovuto all'applicazione inefficiente oppure
eccessiva di nutrienti, che filtrano oltre la zona delle radici, inquinando le falde. Il
risultato un processo chiamato eutrofizzazione, che consiste nella formazione di
alghe nell'acqua fresca e nell'oceano, a causa di questi enormi depositi di cibo per
piante. Quando le diverse generazioni di alghe muoiono, iniziano a decomporsi e
generano delle zone morte per lipossia, assorbendo lossigeno necessario alla vita
acquatica. Tali aree morte provocano milioni di euro, in danni per i pescatori e
turisti, considerando anche, che queste zone stanno crescendo in modo
esponenziale.
Nella figura I.27, le zone rosse mostrano la posizione e la dimensione delle aree
morte della terra, tracciate dalla NASA, mentre i punti neri, mostrano dove le zone
morte sono state osservate ma hanno dimensioni ancora sconosciute.
Con il fine di affrontare le preoccupazioni globali per la qualit dell'acqua,
importante considerare anche lo spostamento e la manifestazione della
contaminazione dell'acqua da una zona ad un'altra. Ad esempio, mentre il passaggio
allagricoltura fuori suolo pu aiutare a ridurre alla contaminazione dell'acqua e la
dissipazione dei fertilizzanti in una parte del mondo, la produzione di accessori
elettronici e di altro tipo, necessarie per utilizzare questo tipo di produzione,
potrebbe portare la contaminazione dell'acqua in un'altra parte del mondo.
Naturalmente non abbiamo una semplice soluzione a questo dilemma, ma sembra
ovvio che il pensiero olistico ed un'azione regolatoria sono necessarie, con il fine di
affrontare in modo adeguato molte delle sfide globali con la quale ci scontriamo
oggi.

31

Fig. I.27, Zone morte nel mondo, di dimensioni sconosciute e non. [4]

La presenza di nitrati nellacqua pu essere anche un problema diretto, per la salute


delluomo. La metaemoglobinemia leffetto pi grave e diretto dei nitriti, e
consiste nellaccumulo, nel globulo rosso, di metaemoglobina, cio della forma non
funzionale di emoglobina contenente ferro ferrico.

Negli ultimi anni, la frequenza dei casi di intossicazione cronica da nitrati e nitriti
negli allevamenti da latte ha assunto un andamento crescente a seguito delle pratiche
di coltivazione delle piante foraggiere e di inquinamento per percolazione delle falde
acquifere.
[A. Ubaldi Universit di Parma]

Un sistema idroponico, a ciclo chiuso, permette di risparmiare fino all80% dei


nutrienti. Questa possibilit viene data dal fatto, che mentre nella tradizionale
agricoltura i nutrienti in eccesso arrivano per percolazione nelle falde acquifere, nei
sistemi idroponici possono essere veicolati in una cisterna, reintegrati delle sostanze
mancanti e riutilizzati nuovamente allinterno del ciclo.

minore bisogno di terra coltivabile


La necessit di incrementare il raccolto di primaria importanza, e farlo in
condizioni avverse la condizione preferita della moderna agricoltura dei sistemi
CEA. Quando il terreno coltivabile limitato, di bassa qualit o addirittura non
32

esiste, come nel caso delle isole del pacifico, i deserti, le zone polari o lo spazio
celeste i sistemi CEA danno la possibilit, al genere umano, di coltivare. I
ricercatori della stazione di ricerca del polo sud AmundsenScott South Pole
Station mangiano lattuga ed altri vegetali grazie alla coltivazione fuori suolo,
inoltre diversi progetti idroponici hanno avuto successo in alcune regioni desertiche
del Medio Oriente, come nelle nazioni caraibiche con terre limitate e scarsit di
acqua fresca.
Attraverso lidroponica i paesaggi urbani, caratterizzati da piccoli spazi e poco
suolo, diventano il luogo di nascita di nuove fattorie di citt. I tetti sono utilizzati
come siti per serre idroponiche nel Nord America, producendo lattughe per
ristoranti ed anche utilizzate per la produzione di pi piante per la classe media
locale, disposta a pagare prezzi pi consistenti per cibo a km zero.
Le fabbriche inutilizzate e le strutture abbandonate in Giappone, Germania e in
America sono state convertite, in parte o del tutto, in fattorie idroponiche. Questi
tipi di investimenti, naturalmente, non sono suggeriti come soluzione per la
produzione di cibo, ma dimostrano la flessibilit della produzione idroponica.
La quantit di terreno che pu essere coltivata limitata. Anche considerando
montagne e deserti, molti terreni che potrebbero essere coltivati sono attualmente
coperti da foreste od anche da ecosistemi, che forniscono diversi servizi all'umanit:
le foreste sono dei serbatoi naturali di carbonio e favoriscono le precipitazioni
piovose; paludi ed acquitrini filtrano l'acqua e fungono da cuscinetto nelle aree
circostanti, contro le inondazioni.
I terreni indisturbati sono la casa della rimanente biodiversit della terra, la quale si
trova in una sfida sempre maggiore per la sopravvivenza, cos come gli habitat
diventano pi frammentati, il cambiamento climatico e linquinamento impattano
sulla salute del globo. Lindice Living Planet mostra una perdita di biodiversit del
30% dal 1970. Entro il 2030 le previsioni dellorganizzazione per la cooperazione
economica e lo sviluppo (OECD) sono che l'area coltivata crescer di un 10% a
spese delle attuali foreste indisturbate e degli altri ecosistemi; in questo modo la
continua perdita, di biodiversit e dei diversi servizi forniti dagli ecosistemi, verr
accelerata.
Preservare i naturali sistemi biologici anche un'importante difesa contro il rischio
climatico. Le foreste, seguite dalle praterie, sono uno dei pi importanti serbatoi di
carbonio della terra, ed anche un terreno agricolo coltivato ritorna alla natura sotto
forma di riserva di carbonio. Guardando come esempio lex Unione Sovietica,
quando la comunit agricola nel 1991 si trasfer alle citt, i terreni agricoli
abbandonati furono rapidamente colonizzati da piante, creando, probabilmente, la
pi grande riserva di carbonio del mondo. Questo indica che investire in pratiche
agricole sostenibili, come le serre e l'idroponica, dovrebbe essere di priorit
maggiore rispetto alla conversione di terreno per l'agricoltura.
33

Le tecniche di coltivazione idroponica permettono di coltivare su pi livelli


contemporaneamente; se ad esempio possedessi 2 500 mq di terreno avrei la
possibilit di produrre su 4 livelli differenti, arrivando ad ottenere una produzione
di 10 000 mq su 2 500 mq.

Fig. I.28, Coltivazione su pi livelli di lattuga, http://epics.ecn.purdue.edu/.

Fig. I.29 Photo from space of plastic greenhouses covering 20,000 hectares
Almera, southern Spain. [4]

34

Le serre in foto I.21, sono basate con unagricoltura tradizionale. Sebbene un


sistema idroponico richieda un consistente investimento iniziale, esso ha anche una
minore impronta rispetto una serra tradizionale, per la maggiore produzione per
metro quadro e per la vantaggiosissima possibilit di coltivare su pi livelli che,
permetterebbe di utilizzare un terzo od ancor meno spazio, per ottenere lo stesso
rendimento.

Erbicidi e pesticidi
La maggior parte dell'agricoltura ancora tradizionale, per cui dipende
fortemente dai pesticidi, per affrontare malattie ed infestazioni. L'impatto di funghi,
batteri ed insetti del suolo un grosso problema per i coltivatori che vedono ridotte,
a causa dei pesticidi, qualit ed omogeneit del prodotto.
Queste applicazioni chimiche possono avere ripercussioni devastanti sulle altre
forme di vita. L'esempio storico pi conosciuto limpatto della nebulizzazione del
pesticida DDT sugli uccelli e gli altri animali, come documentato in Silent Spring
di Rachel Carson. Vi sono molti pi pesticidi in uso oggi, ed anche la loro efficacia
discutibile. Rispetto ad un incremento di 7 volte, dei pesticidi utilizzati negli
ultimi quarant'anni, le perdite di raccolto a causa delle infestazioni, non sono
diminuite, significativamente, durante lo stesso periodo. L'impatto dei pesticidi
sulle specie che impollinano, (che per definizione vengono in stretto contatto con
le piante che sono trattate), attualmente uno dei peggiori problemi che affronta
l'agricoltura in tutto il globo. Gli insetti, gli uccelli, i pipistrelli e altri animali che
impollinano, forniscono un servizio agricolo che, vale miliardi di euro, 80% di
queste piante impollinate dalle api. L'Europa ha recentemente proibito una classe di
pesticidi che, stata collegata al collasso di colonie d'api, anche se l'agenzia
americana per la protezione dell'ambiente (EPA) non l'ha ancora fatto.
Le agenzie non profit, stanno cercando di risvegliare la coscienza pubblica, riguardo
i pesticidi convenzionali e le applicazioni di erbicidi. Ad esempio Greenpeace
Germania ha pubblicato una relazione annuale sui residui di pesticidi su frutta e
vegetali. Questa campagna provocatoria, ed educativa, ha avuto un impatto
importante sui produttori in Europa che, sono interessati a vendere in Germania in
quanto mercato europeo pi grande.
L'agricoltura fuori suolo riduce, in modo drastico e pu anche eliminare, la necessit
di applicare i pesticidi. Questo possibile grazie ai diversi vantaggi dovuti a:
l'ambiente controllato, il rimuovere le piante da suolo e lincrementata efficacia
della lotta biologica per i parassiti (IPM- integrated pest management) in ambiente
chiuso.
La lotta biologica una tecnica che, sfrutta i rapporti di antagonismo fra gli
organismi viventi per contenere, le popolazioni di quelli dannosi. Un esempio di
questa applicazione l'uso di coccinelle, per il controllo degli afidi e degli altri
infestanti a corpo morbido.
35

Il rischio dellesposizione umana ai pesticidi temibilissimo. Sono stati dimostrati


numerosi effetti dannosi, in particolare nel caso di esposizione in gravidanza, sono
in grado di danneggiare non solo la madre, ma anche il feto e persino le cellule
geminali del nascituro (figura I.30).

Fig. I.30, Prenatal exposures, epigenetics, and disease Reprod Toxicol 2011. [14]

flessibilit intrinseca
Tali sistemi hanno la possibilit adattarsi alle condizioni pi disparate, dove, per
ogni problema nasce una soluzione simbiotica con la pi alta tecnologia, le
soluzioni possibili sono infinite, dalle pi semplici a quelle altamente complesse.
Inoltre, la scelta delle soluzioni sempre su misura al contesto locale, nella quale
va ad inserirsi, basti pensare che il Giappone (figura I.31) ha creato il pi grande
edificio adibito alla coltivazione indoor, in simbiosi con le pi alte tecnologie in
uso, mentre in alcune zone del Brasile (figura I.32) si pensato di creare soluzioni
a basso impatto tecnologico ed ambientale, rispondendo alle esigenze delle
popolazioni locali.

36

Fig. I.31, A worker tends vegetables at the world's largest "plant factory" on
July 2, 2014. The Japanese factory produces 10,000 heads of lettuce a day. [4]

Fig. I.32, Impianto idroponico low-tech nelle aree rurali dei municipi di Cair e
Stato di Bahia (Brasile). [22]

37

tendenze biologiche e non OGM


I sistemi di coltivazione fuori suolo, lacquaponica in particolare, sono
completamente compatibili con la produzione di cibo biologico. La possibilit di
certificazione di cibo biologico in stretta correlazione al tipo di substrato che si
vuole utilizzare, mentre alcuni, di origine sintetica, non permettono tale
certificazione, altri di origine biologica come la fibra di cocco, forniscono questa
potenzialit.
Coltivare il cibo in una serra rende pi semplice anche il lavoro del produttore
biologico, facilitando la lotta integrata, piuttosto, che l'utilizzo dei pesticidi. Inoltre,
il biologico , estremamente, preferibile ed in crescita in certi mercati. Potenziali
investitori nellagricoltura pi sostenibile dovrebbero per cui considerare, l'opzione
del biologico fuori suolo.
Da non dimenticare, le numerose restrizioni poste dai governi per quanto riguarda
i cibi geneticamente modificati. In pi di 60 paesi nel mondo includendo: Australia,
Giappone e tutti i paesi dell'Europa vi sono importanti restrizioni o totali divieti,
sulla produzione e la vendita di cibi geneticamente modificati. In controtendenza
l'America, ma alcuni segmenti di consumatori stanno votando, attraverso i loro
acquisti, nel selezionare cibi non OGM.
Con l'agricoltura in campo aperto vi la possibilit (in alcuni paesi) che polline e
semi delle piante OGM possano spargersi al di l dei loro limiti di coltivazione, ed
infiltrarsi in campi, non geneticamente modificati. Di conseguenza, possiamo
affermare che, nel caso di agricoltura protetta CEA, le nostre coltivazioni sarebbero
al sicuro, anche da infiltrazioni di piante geneticamente modificate.

I.3.2 I principali svantaggi


Naturalmente se il mondo dell'idroponica fosse costituito solo da pregi, la sua
diffusione sarebbe gi avvenuta, infatti vi sono diverse difficolt in tale tipologia di
sviluppo agricolo, che verranno, in parte, evidenziate in questa trattazione.
Il sistema OFA (open field agricolture) ha diversi vantaggi, che gli permettono di
mantenere un approccio competitivo nei confronti dei sistemi ultra moderni. Ad
esempio, le politiche agricole di molti paesi non conoscono e non menzionano le
realt idroponiche, alle quali vanno aggiunte le preferenze culturali di alcune
regioni. Sicuramente gli ostacoli sono molteplici tra cui i costi, la complessit dei
sistemi, il lavoro qualificato e lenergia da utilizzare:

i costi
Lostacolo pi ovvio il costo: naturalmente pi costoso avviare e mantenere un
impianto fuori suolo, piuttosto che piantare semi in un campo. Lacquaponica pu
38

avere costi ancora maggiori dellidroponica, dati dall'addizionale bisogno di


ospitare e valutare la crescita dei pesci e la loro salute.
Appena ci muoviamo nello spettro dei controlli e delle automazioni crescenti,
aumenteranno sia i costi iniziali che quelli di esercizio.
Tale costo pu essere dalle 2 alle 20 volte maggiore rispetto ad una coltivazione
basata sul suolo. Il limite pi basso di questo intervallo, considera delle semplici
serre con delle pompe e con sistemi di controllo limitati o inesistenti; il limite pi
alto considera i principali sistemi di controllo e protezione dell'ambiente, come
quelli gi utilizzati in impianti avanzati, presenti in paesi come Canada e Australia.
Di conseguenza, prezzo pu variare dai 50 ai 500 euro per metro quadro, quindi dai
500.000 fino ai 2.5 milioni per ettaro, dell'area di crescita, in relazione al livello di
sofisticazione della serra considerata.

600
500
400
300
200
100
0
Costoproduzionepermetroquadro
Idroponica

Tradizionale

Fig. I.33, Confronto in istogrammi dei costi OFA tradizionale e CEA avanzata.
[4]

il lavoro specializzato
Un ostacolo meno ovvio, ma comunque cruciale, il trovare persone qualificate in
grado di saper gestire correttamente gli impianti. La decrescente popolazione
agraria del mondo pu essere un fattore positivo per la coltivazione fuori suolo, che
ha bisogno di meno lavoro, tuttavia, il lavoro necessario richiede una formazione
adeguata. La carenza orticoltori qualificati e di persone esperte nel business
dell'agricoltura, un dilemma critico per tutti i tipi di sistemi migliorati, non solo
per il fuori suolo di tipo CEA.
39

Produttori, rivenditori e consulenti lamentano la mancanza di futuri coltivatori


qualificati, per queste imprese spesso ad alta tecnologia. Vi sono enormi possibilit,
date dalla coltivazione fuori suolo, supportate dai continui traguardi tecnici nellalto
rendimento e nellalta qualit del cibo; comunque, gestire correttamente la
tecnologia dellimpianto, non garantisce automaticamente la buona
amministrazione delle piante; infatti i sistemi di coltivazione fuori suolo sono
formati da pi parti che devono essere amministrate con cura.
Le attrezzature e le consulenze dei fornitori selezionati sono molto importanti, in
quanto questi partner saranno parte della nostra squadra e aiuteranno questi
complessi investimenti a portare frutto. Attraverso operazioni ad alta tecnologia, vi
la possibilit di esternalizzare alcuni aspetti, delle strutture e di gestione,
attraverso il controllo remoto. In questo modo, i fornitori possono anche assisterci
testando e verificando i sistemi, cos come possono aggiustare i parametri per
raggiungere i risultati di produzione che ogni sistema capace di raggiungere, in
quel clima, in quel luogo e per quella pianta.

il fabbisogno energetico
Lagricoltura tradizionale si fa carico, spesso, di costi energetici sconosciuti.
semplice pensare ad una cultura tradizionale come un semplice piantare semi, ma
vi energia immagazzinata nei fertilizzanti e nelle applicazioni chimiche, cos come
vi energia richiesta per pompare l'acqua e per l'irrigazione, per non parlare poi,
delle lunghe catene di trasporto e dei magazzini necessari; questi sono tutti elementi
richiesti per produrre piante in modo tradizionale. Possiamo dunque, osservare
che anche il cibo economico ha significativi requisiti di energia.
I requisiti energetici sono una sfida importante, anche per i sistemi di tipo CEA, da
combattere sia sul fronte dei costi, che su quello delle emissioni. Tali sistemi
avanzati sono a differenza della coltura da campo, strettamente dipendenti da una
fornitura elettrica affidabile.
Tale situazione anche una sfida, per le coltivazioni fuori suolo CEA sia in termini
di costi, che in termini di emissioni. Riscaldare ed illuminare sono elementi chiave,
soprattutto, quando ci allontaniamo dall'equatore. Naturalmente, questi sono costi
che si sommano alla richiesta energetica delle colture a terra; basti pensare che in
generale nel settore delle serre in Europa, (sia per i sistemi basati sul suolo sia per i
sistemi idroponici), le spese energetiche sono vicine al 40% del costo totale.
Sicuramente, la richiesta energetica dipende dallo specifico contesto. Nel Nord
Europa ed in Scandinavia, dove per gran parte dell'anno necessario riscaldare ed
illuminare per tenere in vita le piante, l'energia la pi ampia aliquota dei costi di
una serra (che sia basata sul suolo o sul fuori suolo). Infatti, il consumo generale di
energia per il settore delle serre in Europa valutato grande, quanto tutto il consumo
energetico svizzero. In particolar modo, in Olanda le cui serre sono per la maggior
40

parte fuori suolo ed il loro fabbisogno energetico corrisponde a circa un 10%


dell'uso del gas naturale del paese.
Di conseguenza, si pu facilmente comprendere la necessit di trovare alternative
per migliorare la sostenibilit ambientale ed economica degli impianti di tipo CEA.
Lenergia geotermica e la cogenerazione sono i principali campi studiati per
mitigare i rischi dovuti allenergia.
In modo particolare, la cogenerazione, che consiste nella produzione di elettricit,
grazie al calore eccessivo ottenuto da altri processi industriali. I risultati ottenuti
dalla cogenerazione, attraverso la combustione di gas naturale, sono promettenti,
essa consente un risparmio energetico che pu arrivare fino al 30%. Inoltre,
lanidride carbonica prodotta, come sottoprodotto della combustione, viene
reinserita nelle serre per incrementare il benessere e quindi la produzione delle
piante. Un'altra caratteristica importante degli impianti di cogenerazione la
possibilit di vendita dellelettricit in eccesso, situazione che elimina il problema
di un eventuale sovradimensionamento del sistema cogenerativo.
Unaltra strategia, per la gestione energetica la co-locazione con le industrie che
producono calore ed anidride carbonica come sottoprodotti.
In altre regioni come il Canada, dove vi sono abbondanti scarti della lavorazione
del legno, bruciare biomassa unottima soluzione. Ancor pi sostenibile pu
essere l'uso dell'immondizia urbana, per fornire energia termica ed elettrica; la
compagnia canadese di Remasco nata dal produttore di serre Mucci Farms in
Ontario, per perseguire queste alternative energetiche per lorticultura.
Lenergia solare un'opzione emergente: i prezzi dei pannelli solari sono crollati
negli ultimi anni. Laumentata accessibilit al solare sar una manna, per
operazioni maggiori e per nuove complessit agricole. Houweling, uno dei 5
produttori di pomodoro pi grandi in America, ha installato 5 acri di pannelli
fotovoltaici alla sua fattoria in California.
Comunque, queste energie rinnovabili comportano ancora un certo costo di
capitale (anche se con bassi costi operativi) inoltre, richiedono condizioni che
spesso i piccoli coltivatori, possono essere incapaci di assecondare.
Vi sono molti studi interessanti, per quanto riguarda il solare, in particolare si
ricerca avidamente la possibilit di incorporare i pannelli fotovoltaici in delle
semplici lastre di vetro. Il progetto Elkas, sponsorizzato dall'Universit di
Wageningen, sta studiando la cattura delle radiazioni infrarosse, che le piante non
utilizzano per crescere (NIR), ma che possono essere utilizzate per creare energia.
Quindi, riusciremmo ad avere delle serre riempite con delle speciali lamine, che
catturano le radiazioni NIR, non necessarie, mentre le radiazioni necessarie alla
fotosintesi (PAR) passano attraverso le piante. Dopo il primo progetto pilota nel
2008, i ricercatori e funzionari del governo hanno trovato i risultati positivi
41

abbastanza validi da investire in progetti avanzati, possiamo quindi prevedere


delle serre che producono da sole, lenergia di cui hanno bisogno.
Infine, bene ricordare che la tecnologia LED sta dando ottimi risultati, in termini
di risparmio energetico, inoltre il suo prezzo sta calando rapidamente, tanto da
rendere presto possibile un utilizzo agricolo di questa tecnologia.
Il loro prezzo sta scendendo del 20% annuo, mentre qualit, vita ed intensit della
luce stanno crescendo. Alcuni adottatori precoci hanno tagliato i costi della luce
fino al 40%. Per cui, facile prevedere un utilizzo sempre maggiore di questa
tecnologia.

malattie del suolo


Come in qualsiasi cosa, Dio ha ultima risata cos anche nella produzione
idroponica. Anche il sistema di produzione pi avanzato, con i controlli pi precisi
ancora vulnerabile alle forze della natura, includendo le malattie.
Anche se le malattie del suolo possono essere praticamente eliminate esportando le
piante dal suolo, esse possono comunque riuscire a propagarsi. La pi alta densit
di piante e la soluzione nutritiva condivisa, nei sistemi CEA, crea il grande rischio
che gli enti patogeni si spargano attraverso il sistema di irrigazione.
Diventa per cui essenziale sterilizzare la soluzione nutritiva, prima che essa torni a
circolare nel sistema di irrigazione.
Inoltre, gli enti patogeni possono accumularsi in ogni tipo di substrato, che esso sia
organico o sintetico, di conseguenza la necessit di sterilizzare i substrati con flussi
di vapore oppure con applicazioni chimiche, dopo ogni ciclo di cultura.

42

I.4 Impiego delle tecniche idroponiche su scala mondiale


Lagricoltura un settore molto conservativo, per sua natura e i sistemi OFA hanno
un certo vantaggio inerziale, su qualsiasi tipo di innovazione agricola. Tuttavia, la
crescita e l'utilizzo dei sistemi CEA diventata straordinaria in questi ultimi anni e
si prevedono utilizzi ancor pi importanti negli anni a seguire.

Fig. I.34 - Value of Soilless Products by Region, World Markets, 20152023. [4]

possibile notare una crescita generale del valore di mercato, che va dai 21.4
miliardi di euro del 2015 ai circa 36.9 miliardi del 2023, ovvero, in 10 anni una
crescita del mercato pari a circa 15 miliardi di euro!
Dallo sviluppo del grafico in figura I.34 possibile comprendere chi sono i
principali protagonisti di questa rivoluzione agricola. Troviamo in primo luogo
lAsia, quasi costretta dai grandi numeri della sua popolazione, con un incremento
dai 7.9 ai 13.9 miliardi di euro, con un incremento del 7.41%.
Per quanto riguarda lEuropa abbiamo un incremento percentuale minore solo 5.8%
che consiste in un valore che sale dai 10.3 fino ai 16.2 miliardi di euro. Il mercato
europeo quello pi maturo e quello con pi esperienza nel campo dellidroponica,
con i principali leader in Olanda e Belgio, che esportano le loro pietanze
idroponiche in Europa ed al di l di essa. Tuttavia, i principali produttori del sud
Europa rimangono affezionati alle tradizionali colture in suolo, nonostante le nuove
politiche Europee volte ad unagricoltura pi sostenibile.
43

Anche il mercato americano molto interessante, possibile notare quanto questo


mercato sia immaturo per cui ad un basso valore assoluto del valore delle
produzioni fuori suolo, si affianca la pi alta crescita percentuale, infatti una
produzione che cresce dai 2.6 fino ai 5.5 miliardi vuol dire un incremento del 100%.
Infine, possiamo comprendere come le proiezioni sul mercato africano e medioorientale non abbiano significanti crescite, questo accade perch in questi mercati
pi conveniente investire nelle agricolture tradizionali, piuttosto che affrontare i
costi di impianti particolarmente avanzati; inoltre linstabilit politica di questi
territori rende difficoltoso ogni tipo di investimento.

I.4.1 Previsioni di mercato


Queste previsioni sono state fatte dalla Manifest Mind, considerando tutti i fattori
precedentemente esposti, questo lavoro d un ordine di dimensione, per quanto
riguarda la crescita, che in particolare sta gi avvenendo. Per quanto riguarda questo
elaborato di tesi conterr solamente alcuni andamenti del mercato, rimandando
poi alla bibliografia, nel caso si cercassero approfondimenti. possibile affermare
che tra i fattori chiave che guidano questa crescita, abbiamo che le coltivazioni fuori
suolo in genere producono alimenti di altissima qualit in modo sostenibile, che
fanno sentire i consumatori sicuri, soddisfatti ed amici dellambiente.

Fig. I.35, Area con coltivazione fuori suolo previsioni dal 2015 al 2023. [4]

44

Fig. I.36, Quote di mercato della produzione fuori suolo. [4]

Fig. I.37, Produzione fuori suolo in funzione delle tipologie di piante. [4]

45

Fig. I.38, Valore della coltivazione idroponica del pomodoro. [4]

Fig. I.39, Valore della coltivazione idroponica di lattuga. [4]

46

Fig. I.40, Valore della coltivazione idroponica del peperone. [4]

Fig. I.41, Valore della coltivazione idroponica del cetriolo. [4]

47

Fig. I.42, Valore della coltivazione idroponica di altre piante. [4]

48

CAPITOLO II

ASPETTI TECNICI DI UN SISTEMA DI COLTIVAZIONE


FUORI SUOLO
Vi sono diverse tecnologie e metodologie per ottenere un rendimento agricolo pi
alto, affiancato ad unimpronta ambientale e sociale minore. Bisogna tener conto
che ci che appropriato in un contesto potrebbe non esserlo in un altro; cos
possiamo definire un continuo di opzioni, e ricordare ai coltivatori che non tutte le
strade finiscono in una serra multimilionaria ed ultra avanzata.
Il principio guida generale che il controllo, dell'ambiente di crescita, fornisce pi
stabilit. In particolar modo, una pi mirata applicazione degli input genera un pi
alto raccolto. Tuttavia, questo avviene con un dispendio di capitale e costi di
esercizio pi alti. Il compromesso deve essere pesato, in relazione agli obiettivi ed
alle risorse disponibili per avviare l'opera.
Questa sezione dellopera prova a dare al lettore una panoramica, su cosa vuol dire
progettare e gestire un sistema di coltivazione fuori suolo.
Il primo crocevia che si presenta, per coloro i quali vogliono intraprendere questo
affascinante percorso, il livello di tecnologia sulla quale si vuole basare la propria
coltivazione. La migliore scelta del sistema cerca un equilibrio ragionevole tra le
condizioni di mercato e ritorni attesi. utile guardare una panoramica delle
tecnologie basse, medio ed alte disponibili per le serre:
Low tech.
Le serre a bassa tecnologia possono portare risultati eccellenti, in mancanza
di forza lavoro o infrastrutture di base. Spesso, queste hanno la forma di
tunnel, ma possono essere trovate anche in altre forme. Le pareti laterali
possono essere arrotolate; non vi sono ventilatori, motori o controlli.
Le serre a tetto alto, ventilate passivamente, con una coltura fuori suolo,
rappresentano una soluzione funzionale ed a basso costo, per i climi caldi
ed umidi delle regioni tropicali e subtropicali, e possono essere adattate per
altri ambienti ed economie. Le aperture ampiamente schermate e
ombreggiate, nelle serre alte, facilitano la ventilazione abbassando la
temperatura dell'aria, durante il clima caldo. Per evitare le malattie del suolo
49

ed i nematodi, le piante possono essere coltivate in contenitori con substrati


ed irrigate, attraverso la semplice irrigazione a goccia, che controlla la
quantit di nutrienti dell'acqua ricevuta. Le serre, ventilate passivamente,
senza sistemi di controllo od automazione, possono costare dai 25 ai 30 euro
per metro quadro.
Mid tech.
Queste soluzioni combinano alcuni elementi delle serre ad alta tecnologia
come i controlli di irrigazione e di fertirrigazione, con elementi a bassa
tecnologia, come semplici ventilatori oppure riscaldatori per condizionare
l'ambiente della serra. Vengono utilizzate anche strutture pi avanzate; la
plastica sensibilmente migliorata, quindi avremo un miglior isolamento ed
una migliore qualit di trasmissione della luce. Vi sono anche progetti a
doppio strato di polietilene, che incorporano uno strato isolante che pu
aiutare ad incrementare, ulteriormente, le prestazioni ambientali di queste
soluzioni. Anche le serre in vetro, con automazioni semplici possono essere
unopzione ragionevole. Un approccio di questo tipo, con un uso limitato di
automazione, ha un prezzo che varia dai 30 a 100 euro per metro quadrato.
In relazione al clima ed alla latitudine, queste soluzioni dovranno,
probabilmente, incorporare sistemi di riscaldamento. Vi sono due maggiori
categorie per il riscaldamento delle serre: il riscaldamento centralizzato con
acqua calda o vapore e il riscaldamento ad aria. Il riscaldamento
centralizzato un grande investimento che necessita dessere fatto per la
massima efficienza, ed uninterruzione dellimpianto pu essere davvero
dannosa. Il riscaldamento ad aria ha dei minori costi iniziali ed pi
versatile, poich pu essere espanso o contratto, ma la diffusione omogenea
del calore complessa da ottenere. Naturalmente il consiglio dei venditori
essenziale in queste situazioni.
High tech.
Questi sistemi includono altissimi livelli di automazione. Molte serre
avanzate sono costruite in uno stile molto popolare e facilmente riconosciuto
come "Velno (figura II.1) una serra di vetro con un distintivo picco
triangolare, che pu essere connesso con strutture identiche attraverso dei
sottili canali, permettendo cos la massima copertura di luce. Queste serre
abbracciano un controllo totale per il clima e per lapplicazione di acqua e
nutrienti, cos come vengono inclusi sistemi di controllo della CO2 per
favorire la crescita.

50

Fig. II.1, Serra ad alta tecnologia in costruzione a Roccarainola (NA) impianto


dei Fratelli Perrotta progettazione Aeroponica International.

Allinterno di questa opzione vi sono le pi alte tecnologie, che permettono


rendimenti sorprendenti, una tale progettazione con le avanzate soluzioni
adottate, permettono la realizzazione di quelle che sembrano pi delle
fabbriche di piante, piuttosto che delle semplici coltivazioni.
Naturalmente tutto ha un prezzo e le caratteristiche di questi sistemi lo
spingono ad una base di 250 euro per metro quadro.

51

II.1 Componenti principali di un impianto fuori suolo


Molto sinteticamente i componenti principali di un impianto, sono rappresentati da:

la serra,
dispositivi di pompaggio,
condotte principali di adduzione,
dispositivi di filtraggio,
dispositivi di dosaggio del fertilizzante,
dispositivi di controllo dei turni irrigui.

II.1.1 La serra obiettivi e considerazioni


La serra un ambiente costruito, appositamente, per coltivare fiori e piante con le
stesse caratteristiche del loro habitat naturale o per l'essiccazione di prodotti
dell'agricoltura e della selvicoltura. In una serra riscaldata del Nord Europa si
potranno quindi coltivare piante, che solitamente si sviluppano in paesi dal clima
tropicale; ugualmente, in serre refrigerate si potr ottenere lo scopo opposto. Le
serre quindi hanno la prerogativa di poter creare l'ambiente ideale, per il tipo di
piante che si intende coltivare.

Fig. II.2, Esposizione solare di una serra. [1]

La struttura delle serre pu essere in ferro, in legno strutturale, in muratura o in


alluminio; di solito poggiano su una base in muratura o su supporti mobili avvitati
52

nel terreno ed hanno pareti e tetto in materiale trasparente; al loro interno si pu far
entrare luce, regolare il calore e variare il livello di umidit. Le pareti sono di vetro
trasparente e il tetto spiovente, da uno o da entrambi i versanti e dotato di finestre
ad apertura verso l'esterno, per permettere l'aerazione.
L'orientamento pi favorevole a est-ovest, con i raggi del sole che attraversano il
rivestimento, formando all'interno il ben noto "effetto serra"; i raggi vengono
assorbiti dalle piante e dalla copertura della serra che, imprigionandoli al suo
interno, provoca un innalzamento della temperatura.
La migliore esposizione (figura II.2) per una serra in ordine di preferenza:
1.
2.
3.
4.
5.

Sud o Sud-Est
Est
Sud-Ovest
Ovest
Nord

Le forme che pu avere una serra sono molte, la principale distinzione della quale,
si tiene considerando la forma delle serre, se queste sono libere nello spazio (figura
II.3) oppure sono, per loro progettazione, collegate ad altre strutture (figura II.4).

Fig. II.3, Serre libere. [1]

53

Fig. II.4, Serre collegate. [1]

II.1.2 Il controllo ambientale


Il principale obiettivo della serra per cui quello di ottenere condizioni che,
permettono lestensione delle coltivazioni al di fuori del periodo stagionale, ed
incrementare quindi i rendimenti possibili. La maggior parte delle specie che
crescono nei periodi caldi necessitano di una temperatura che varia tra i 17 ed i 28
gradi celsius, con delle punte (minime) di 12 e (massime) di 32, dove le
temperature al di fuori di questi range, danneggiano la coltivazione; nel grafico in
figura II.5 possibile osservare la relazione tra temperatura, radiazione incidente e
le condizioni ottimali per la crescita della pianta indicando in particolare, anche
quando vi necessit di riscaldare la serra. Un altro elemento, molto importante,
la quantit di luce necessaria che si afferma con circa 6 ore al giorno, con un minimo
di 500-550 ore di luce, nellarco di 3 mesi (tabella II.1). Naturalmente, questi
elementi dipendono dalle latitudini del sito.
54

Tabella II.1, Ore di radiazione media solare in funzione della latitudine. [2]

Fig. II.5, Temperature e radiazioni medie in diversi paesi sottolineando la


necessit di un riscaldamento in serra. [2]

55

Raffreddamento
Rimuovere il calore in eccesso un elemento fondamentale nelle coltivazioni
protette, esso pu essere raggiunto attraverso diverse accortezze:
ridurre le radiazioni solari incidenti;
rimuovere leccesso di calore attraverso il cambio daria;
aumentando il calore latente.
Ventilazione passiva
Le alte temperature estive implicano che, il calore in eccesso sia continuamente
rimosso dallambiente, un semplice accorgimento per diminuire la differenza di
temperatura tra esterno ed interno perfezionare la ventilazione della serra. La
ventilazione passiva si basa sulla differenza di pressione tra esterno ed interno,
dovuta alla temperatura. Quindi, delle semplici aperture permettono un circolo
daria per differenza di pressione che abbassa e regola la temperatura (figura II.6).

Fig. II.6, Esempi di sistemi a ventilazione passiva. [1]

La ventilazione necessaria per raffreddare una serra, pu essere ottenuta anche con
lutilizzo di ventilatori, (figura II.7), larea di influenza della ventilazione, come
raccomandato da White and Aldrich (1975) deve trovarsi in un intervallo tra il 15
56

ed il 30%, unarea superiore porterebbe ad una variazione della temperatura solo


marginale.

Fig. II.7, Fans for greenhouse forced ventilation. [1]

Lombra
La ventilazione, naturale o forzata, pu non essere sufficiente, quindi nasce la
necessit di combinare diverse tecniche per il raffreddamento dellambiente. In
maniera piuttosto ovvia, la principale fonte di calore per una serra la radiazione
solare, possiamo per cui controllare questa fonte di calore attraverso strumenti che,
permettono di fare ombra o di riflettere la radiazione incidente. Possiamo
controllare questo fattore attraverso: vernici, teli, pannelli schermanti anche fil
liquidi sulle pareti e sul tetto della serra. Una tecnica, ampiamente, praticata
colorare di bianco le serre, ci permette di ottenere buoni risultati, con bassi costi.
Un ulteriore vantaggio che, lutilizzo della vernice non ha effetti sulla
ventilazione, al contrario dei teli per lombra che, possono danneggiare
significativamente la qualit della ventilazione.
Vapore
Una delle soluzioni pi efficienti per controllare il raffreddamento, utilizzare
sistemi ad evaporazione, basati sulla conversione di calore sensibile in calore
latente, attraverso levaporazione di acqua fornita direttamente nellatmosfera della
serra, attraverso nebulizzatori, sistemi a nebbia oppure ventilatori con nebulizzatori
(figura II.8). Tali sistemi permettono labbassamento della temperatura e laumento
dellumidit relativa, per cui sono molto efficienti soprattutto in ambienti secchi.
Inoltre, tali sistemi consentono di eliminare la necessit di sistemi ermetici e la
ventilazione forzata.

57

Fig. II.8, Fog system (left) Fan (right) greenhouse cooling system. [1]

Riscaldamento
Il riscaldamento di una serra essenziale, anche in paesi con climi miti, come nelle
regioni del mediterraneo cos da incrementare qualit, quantit ed efficienza del
sistema. Vi sono sistemi che integrano, il calore perso dalla serra, quello pi
utilizzato e meno costoso il unit heater system.
Unit heater system
In questo sistema, laria calda resa disponibile da unit indipendenti che, sono
posizionate in tutta la serra, esse riescono a riscaldare unarea dai 180 fino ai 500
mq. Il costo, normalmente, varia tra i 4 e gli 8 per metro quadro.
Central heating
Sono sistemi che utilizzano il vapore oppure lacqua calda, per riscaldare
lambiente, attraverso meccanismi di dissipazione, (figura II.9). Il costo per
unapparecchiatura di questo tipo, progettata per un ettaro, includendo i sistemi di
diffusione e linstallazione, va dai 30 fino agli 80 per metro quadro.

58

Fig. II.9, Central boiler (left) and heating pipes for dissipating the produced
heat (right). [1]

A differenza dei sistemi unitari, il calore viene distribuito attorno alla pianta per
implementare i risultati. Il sistema di distribuzione ha unimportanza cruciale,
soprattutto, per quanto riguarda la perdita di calore.

Arricchimento con la CO2


Latmosfera, arricchita di anidride carbonica, incrementa sensibilmente la qualit
dei prodotti coltivati. La quantit di anidride carbonica in una serra inferiore a
quella esterna, soprattutto quando le piante sono in fotosintesi, le possibili soluzioni
possono essere:
incrementare la ventilazione forzata;
aumentare lattenzione per la progettazione e la gestione dei sistemi di
ventilazione;
provvedere a fornire CO2 nellambiente di serra.

Umidit
Il livello ideale di umidit, nella nostra serra, dipende dalla pianta che stiamo
coltivando. Naturalmente, le piante native delle zone tropicali avranno bisogno di
una maggiore umidit rispetto a quelle abituate a vivere in zone aride. In generale,
la perfetta umidit in una serra tra il 60 e l80% (tabella II.2).
Le piante richiedono una maggiore umidit, quando abbiamo temperature pi alte,
viceversa per le temperature basse. Quando fa caldo le piante tendono a traspirare
molto, in modo da aumentare lumidit relativa, una volta aumentata la RH (relative
humidity) diminuiscono la traspirazione, per non appassire. Mentre, quando la
59

temperatura pi bassa la RH devessere ridotta, infatti in questo caso, le piante


tendono a diminuire la traspirazione (e quindi tendono a ridurre la crescita) pertanto
diminuire la RH tende a far traspirare maggiormente le piante e ad incrementare la
crescita.

Tabella II.2, Ideal level of RH for a typical greenhouse crop. [1]

I materiali per la copertura della serra


La copertura di una serra ha unelevata importanza poich, al variare dei materiali
cambia anche la quantit e la qualit delle radiazioni che incidono sulle piante. In
generale, possiamo definire tre principali categorie: vetro, pellicole in plastica e
pannelli plastici rigidi.
Unaltra importante scelta riguarda gli strati che si vogliono utilizzare, infatti vi
sono serre a singolo, doppio strato ed a triplo strato. interessante osservare i
coefficienti di trasmissione del calore (tabellaII.3) per i pi comuni materiali. Dove
minore sar questo coefficiente, migliore sar lefficienza energetica della serra.

Tabella II.3, Trasmissione del calore per i diversi materiali. [1]

60

Vetro
Questo materiale permette la massima trasmissione della luce. Vi sono diversi
svantaggi da considerare, infatti il vetro un materiale costoso e fragile e pu essere
sostituito senza problemi da diversi materiali disponibili oggi.
Pellicola in polietilene (PE)
Essa unottima scelta nel caso di serre pi semplici fai da te un materiale
leggero, che non ha bisogno di particolari supporti, inoltre costa molto meno di altri
materiali. Il principale svantaggio che tale pellicola va sostituita circa ogni 2 anni
circa.
Pannelli in vetroresina
Sono pannelli rigidi, piani od ondulati, costruiti partendo da altri materiali come il
policarbonato e lacrilico. Si tratta di un materiale che, rapidamente diventato pi
popolare del vetro, pi resistente e disponibile in diversi livelli di trasmissione della
luce. Il problema principale di questo materiale che le radiazioni UV causano il
suo deterioramento in alcuni anni.
Policarbonato
uno dei materiali pi nuovi, in questo settore e sta acquisendo sempre maggiore
popolarit. Resistente e flessibile, allo stesso tempo, ha tuttavia degli alti costi
iniziali, che possono essere mitigati dalla sua lunga vita di 10-15 anni.
Acrilico
un materiale piuttosto costoso, ma ha una vita minima di 10 anni. Anche se ha
ulteriori pregi, come lalta trasmissione della luce e le alte qualit di forza e
resistenza, il suo costo lo rende proibitivo nella maggior parte delle situazioni.

Il sito
La scelta della locazione di una serra dipende da diversi fattori:
la topografia, la serra deve avere lasse pi lungo, con una pendenza non superiore
al 0.5%, altrimenti vi la necessit di un terrazzamento; il microclima, un
elemento molto importante che, pu condizionare lambiente di serra, venti forti
possono impedire la corretta climatizzazione dellambiente, le nebbie possono
influire sulla igrometria ed preferibile un luogo non ombreggiato; lirrigazione
devessere sempre disponibile in qualit e quantit; linquinamento non devessere
presente in suolo, acqua ed aria, mentre linquinamento di acqua e suolo sono pi
ovvi, quello dellaria pu diminuire la quantit di radiazioni incidenti sulla pianta o
comunque, in alcuni casi danneggiare il processo foto sintetico; linfrastruttura
devessere sufficientemente sviluppata al tipo di coltivazione che si vuole avviare;
61

la forza lavoro
considerazione.

devessere disponibile o comunque tenuta nella giusta

II.1.3 Approvvigionamento idrico


In relazione allapprovvigionamento idrico che, pu provenire da pozzi scavati nel
sottosuolo o da invasi superficiali naturali o artificiali, vengono impiegate,
rispettivamente, elettropompe sommerse ad asse verticale o elettropompe
centrifughe ad asse orizzontale o verticale.

Fig. II.10, Schema di installazione di elettropompa sommersa (da Rovatti


Pompe). Legenda: 1) Elettropompa sommersa; 2) Quadro elettrico di comando;
3) Saracinesca di regolazione portata; 4) Manometro; 5) Valvola di non ritorno;
6) Sonde di livello contro la marcia a secco; 7) Filtro del pozzo; 8) Fondo del
pozzo; 9) Cavo di alimentazione; 10) Fascette di fissaggio cavo; 11) Coperchio
del pozzo. [6]

62

Fig. II.11, Elettropompa centrifuga a sinistra, Elettrovalvole di controllo dei


diversi settori a destra. [6]

Gli elementi tecnici da considerare nella scelta di una pompa sono:


la portata (l-1 min-1 o m3 h-1);
la prevalenza (dislivello fra punto di presa e punto di erogazione
dellacqua);
la potenza assorbita.
Limpianto di fertirrigazione pu essere suddiviso in settori indipendenti,
controllati da elettrovalvole. Ci consente di limitare le dimensioni dei dispositivi
di pompaggio e delle condotte principali di adduzione.

II.1.4 Condotte principali di adduzione


Sono rappresentate prevalentemente da tubazioni in materiale plastico (PVC o
polietilene) che, oltre ad una totale resistenza alla corrosione derivata dai
fertilizzanti addizionati allacqua irrigua, presentano una elevata semplicit di
installazione ed un costo contenuto. Ovviamente, il dimensionamento delle
condotte andr effettuato tenendo conto di alcuni fattori quali la portata, la
lunghezza e la conformazione delle tubazioni e conseguenti perdite di carico.
A tal riguardo, non va dimenticato che la progettazione delle diverse componenti
rappresenta la fase fondamentale per la costruzione anche dellimpianto pi
semplice. Ci al fine di non incorrere in inutili e costosi sovradimensionamenti o
ancor peggio sottodimensionamenti, che compromettono un adeguato
approvvigionamento idrico e nutrizionale delle piante.

63

II.1.5 Dispositivi di filtraggio


Posizionati subito dopo il sistema di pompaggio, garantiscono la eliminazione delle
impurit presenti nellacqua, che possono compromettere la funzionalit degli
erogatori.
Risulta, infatti fondamentale un corretto trattamento dellacqua impiegata per la
preparazione della soluzione nutritiva che pu essere attuato con metodi fisici o
chimici. I primi, sono generalmente impiegati per leliminazione delle sostanze
sospese, i secondi per leliminazione delle sostanze disciolte.
In merito alla filtrazione risulta, inoltre, necessario distinguere fra acque profonde,
spesso contenenti sabbia o particelle terrose in sospensione, e acque superficiali,
caratterizzate principalmente da contenuti di materiali organici (alghe e
microalghe).
Nel caso delle acque profonde, vengono impiegati filtri separatori in grado di
rimuovere le particelle in sospensione, per quelle superficiali, invece, sono da
preferire filtri a graniglia (figura II.13) in cui viene utilizzata la scabrosit di
minerali quarziferi per trattenere le impurit presenti.

Fig. II.12, Batteria di filtri separatori in plastica a sinistra, schema di


funzionamento a destra. [6]

64

Fig. II.13, Filtro a graniglia -schema di funzionamento-. (bonattiirrigazioni.it)

Al fine di ottimizzare i risultati di filtraggio, al dispositivo principale descritto, si


consiglia di abbinare un filtro secondario a schermo (rete o dischi lamellari, figura
II.14,15) in modo da garantire il trattenimento di particelle fino a 130 micron.

Fig. II.14, Filtro a dischi schema di funzionamento. [6]

65

Fig. II.15, Filtro a dischi. [6]

Il corretto dimensionamento del sistema di filtraggio deve essere basato sulla


portata dellintero impianto oppure, se suddiviso a settori, di quello pi ampio. Il
livello di filtrazione, che si intende raggiungere, dovr essere definito in relazione
al tipo di erogatore impiegato. Da tener presente che il diametro minimo di
passaggio dellacqua non corrisponde al foro di uscita del gocciolatore, ma al suo
labirinto interno che varia mediamente da 0.7- 0.8 mm per gli erogatori da 2 l/h fino
a 1.5-1.7 mm per quelli da 8 l/h. Tecnicamente la capacit filtrante viene espressa
in mesh che indica il numero di fili per pollice (25.4 mm) come riportato nella
tabella II.4.

Mesh
18
40
80
120
140
200
600

m
800
400
200
130
115
75
25

mm
0.80
0.40
0.20
0.13
0.12
0.08
0.02

Tabella II.4, capacit filtrante espressa in mesh. [6]

66

II.1.6 Dispositivi di dosaggio del fertilizzante


Possono essere suddivisi in dispositivi a funzionamento idraulico e dispositivi a
funzionamento elettrico o elettronico.
Al primo gruppo appartengono sistemi, relativamente, semplici e di costo
contenuto, che non necessitano di fonti di alimentazione, in quanto basano il
dosaggio del fertilizzante sui differenziali di pressione o sui volumi di acqua che li
attraversano. Tra i principali si ricordano: il miscelatore ad iniezione e il dosatore
proporzionale.
Il miscelatore ad iniezione (tubo Venturi figura II.16) considerato il pi semplice,
e consiste in un tubo con una strozzatura centrale a forma di clessidra orizzontale,
in grado di provocare una depressione, in linea tra il tratto precedente e quello
successivo, al punto di installazione del dispositivo.
Ci consente di aspirare la soluzione concentrata, da un recipiente aperto
realizzandone la diluizione, in relazione al differenziale di pressione. La
concentrazione della soluzione, che si andr a realizzare, sar pertanto soggetta ad
oscillazioni che saranno tanto pi elevate quanto maggiore sar la variabilit di
pressione dellimpianto.

Fig. II.16, Iniettore di venturi con schema di funzionamento, [6]

Il dosatore proporzionale (figura II.17) una pompa idraulica a stantuffo, che viene
azionata dallacqua che lo attraversa, realizzando pertanto un dosaggio del
fertilizzante proporzionale, sia al flusso di acqua che alla pressione di esercizio.
67

Fig. II.17, Dosatore proporzionale: particolare ed esempi di installazione. [6]

Al secondo gruppo appartengono dispositivi di costo pi elevato, ma in grado di


garantire un migliore controllo dei parametri EC e pH, della soluzione nutritiva.
Questi possono essere suddivisi in sistemi a Vaso chiuso (figura II.18) e Vaso
aperto (figura II.19) a seconda che la soluzione concentrata venga diluita
nellacqua di irrigazione in linea o in apposito serbatoio.

68

Fig. II.18, Controllo proporzionale volumetrico con iniezione diretta in linea


Vaso chiuso. [6]

Fig. II.19, Controllo proporzionale volumetrico con sistema di iniezione a


premiscelazione in vasca Vaso aperto. [6]

I sistemi a Vaso chiuso prevedono limpiego di pompe dosatrici in grado di


effettuare la diluizione del fertilizzante direttamente in linea. Il controllo del
dosaggio pu essere comandato o dal flusso di acqua, misurato da un conta litri
69

inserito sulla condotta principale (sistema a controllo volumetrico figura II.20) o


dai valori di EC e pH, rilevati a mezzo di sonde inserite sulla condotta, a valle del
punto di iniezione del fertilizzante (sistema a controllo conduttimetrico figura
II.20).

Fig. II.20, Schema di funzionamento di un dispositivo a controllo volumetrico a


sinistra, Dispositivo di dosaggio costituito da 3 pompe (A + B + pH) azionate in
funzione dei valori di EC e pH (controllo conduttimetrico) a destra. [6]

In entrambi i casi, liniezione in linea, comporta un andamento non costante dei


valori di pH ed EC della soluzione nutritiva, che presentano differenze spesso
consistenti, fra il punto di verifica e quello di erogazione a livello pianta.
I sistemi a Vaso aperto prevedono, invece, la premiscelazione dei componenti
fertilizzanti, in un apposito serbatoio aperto, per cui si ottiene una maggiore
uniformit della soluzione erogata, che non presenta scostamenti di pH ed EC tra il
punto di rilevamento e lerogazione a livello pianta. Sono rappresentati,
prevalentemente, da sistemi computerizzati, (figura II.21), in grado di gestire
diverse soluzioni concentrate e un numero, pi o meno elevato, di settori.
Per tutti i sistemi di dosaggio citati, a valle degli stessi, opportuno prevedere
linstallazione di un filtro a schermo, allo scopo di trattenere eventuali precipitati
che si possono formare in fase di diluizione del fertilizzante.

70

Fig. II.21, Computer di fertirrigazione. [6]

II.1.7 Dispositivi di erogazione della soluzione nutritiva


Per la distribuzione di soluzioni fertilizzanti in colture su terreno, sono,
generalmente, impiegate manichette forate, tubi essudanti e ali gocciolanti. Le ali
gocciolanti, costituite da tubazioni semirigide in PE, di diametro variabile da 16 a
20 mm, possono presentare erogatori non autocompensanti o autocompensanti. Nel
primo caso, si riscontrano problemi di intasamento, nel secondo, invece, possibile
garantire per oltre 300 m di lunghezza, una elevata uniformit di distribuzione,
anche in terreni non perfettamente livellati.

II.1.8 Dispositivi di controllo dei turni irrigui


I turni di erogazione possono essere controllati da semplici temporizzatori o, nei
sistemi pi attuali, da programmatori in grado di gestire lirrigazione in funzione di
parametri ambientali, quali la luminosit, o colturali quali il livello di umidit del
substrato e la percentuale di drenaggio. In linea del tutto generale, per le coltivazioni
fuori suolo attuate con sistemi senza substrato, quali lNFT e laeroponia, sono
sufficienti semplici programmatori a tempo, in grado di garantire alternanza fra
periodi di erogazione della soluzione e periodi di asciutta. La durata e frequenza
degli interventi fertirrigui viene definita sulla base delle condizioni climatiche e
della fase fenologica delle piante.
Operando in coltivazioni su substrato o su suolo, invece, la gestione degli interventi
fertirrigui, data la loro minor durata, richiede maggior attenzione al fine di garantire
alle piante, i giusti approvvigionamenti idrici e nutrizionali, evitando sia fenomeni
di lisciviazione che di concentrazione di elementi nutritivi nel substrato e/o terreno.
Come sar, successivamente, descritto a proposito dei differenti sistemi di
coltivazione e della gestione della nutrizione, la frequenza e durata dei turni irrigui,
deve tener conto non solo delle esigenze specifiche della pianta, ma anche delle
71

caratteristiche del substrato o terreno in cui si opera e della qualit dellacqua di


irrigazione. Spesso, infatti, per opera dellassimilizazione delle piante, delle
caratteristiche del substrato (granulometria, CSC, ecc.) e della qualit delle acque
(EC, contenuto di Na, ecc.) si vengono a creare, a livello radicale, valori di EC e
pH sensibilmente diversi dalla soluzione erogata. Brusche variazioni dei valori di
EC, pH e umidit a livello radicale, potrebbero tradursi in danno, anche grave, per
la coltura. Gli interventi fertirrigui dovranno avere durata e frequenza tali, da
consentire un corretto approvvigionamento idrico e nutrizionale alle piante,
attraverso un adeguato rinnovo della soluzione nutritiva nel substrato. Andranno
evitati, pertanto, sia carenze che si tradurrebbero in accumulo di sali a livello
radicale (aumento della EC) e riduzione dei valori di umidit del substrato, sia
eccessi che porterebbero, oltre che a perdita di elementi nutritivi per lisciviazione,
anche ad una brusca riduzione dei valori di EC nel mezzo e ad eccessi di umidit a
livello radicale.
Una corretta programmazione degli interventi fertirrigui pu essere ottenuta anche
con semplici timer, tuttavia il continuo variare delle esigenze idriche delle piante e
delle condizioni climatiche, impone un costante aggiornamento della
programmazione dei turni irrigui. Per tale ragione si tende, sempre pi, a far ricorso
a sistemi di controllo dellirrigazione, in grado di variare durata e frequenza degli
interventi fertirrigui, in funzione di diversi parametri sia climatici che colturali.
Fra questi si ricordano:
programmatori a somma di luce (figura II.22), in grado di variare il numero
degli interventi irrigui, in funzione dellintensit della radiazione rilevata a
mezzo di apposite sonde;

Fig. II.22, Programmatore a somma di luce a sinistra, sonda di rilevazione a


destra. [6]

72

misuratori di drenaggio, in grado di rilevare la quota di soluzione che


fuoriesce dai moduli di coltivazione ad ogni intervento di fertirrigazione,
provvedendo a correggere durata e frequenza dei successivi, a seconda del
valore rilevato;
il peso del modulo di coltivazione pu essere impiegato per valutare il grado
di umidit del substrato e agire sui turni irrigui, al fine di mantenere tale
valore entro livelli ottimali.
Normalmente, parte o tutti, i sensori descritti sono applicati a sistemi
computerizzati, che consentono una gestione completa della fertirrigazione.

73

II.2 Gestione del sistema


II.2.1 Substrati
I requisiti pi importanti che un substrato deve possedere, al fine di consentire alla
pianta di accrescersi nelle migliori condizioni, sono i seguenti:

costituzione,
struttura,
capacit di ritenzione idrica,
potere assorbente,
pH,
contenuto in elementi nutritivi ed EC,
potere isolante,
sanit,
facilit di reperimento e costo.

Costituzione atta a garantire lancoraggio dellapparato radicale e a sostenere le


piante. Alcuni substrati, a causa del loro basso peso specifico apparente (PA, peso
specifico apparente o densit apparente, espresso dal peso secco del substrato per
unit di volume apparente) e della loro incoerenza, come il caso dei terricci
grossolani, della perlite (ca. 100 kg/m3), del polistirolo in granuli (ca. 35 kg/m3) e
della stessa torba di sfagno non compressa (ca. 60 kg/m3), non si prestano ad essere
impiegati da soli nelle colture in vaso. Il PA ottimale per le colture in contenitore
oscilla fra 150 e 500 kg/m3.
Struttura caratterizzata da una pi accentuata porosit, rispetto al normale terreno
agricolo. Il substrato ideale per colture in vaso, dovrebbe avere un volume lacunare
di almeno il 75%, con percentuali variabili di macro e micropori, in relazione alla
specie coltivata e alle condizioni ambientali e colturali: orientativamente, il 40-60%
dovrebbe essere interessato dalla fase liquida e il restante 15-35% da quella gassosa,
per garantire il giusto apporto di ossigeno alle radici. Altro requisito molto
importante, che la struttura si mantenga stabile nel tempo e resista, quindi, al
compattamento ed alla riduzione di volume, in fase di disidratazione
(restringimento); un eccessivo restringimento del substrato (figura II.23), infatti,
pu causare la rottura delle radici. Un buon materiale dovrebbe presentare un grado
di restringimento non superiore al 30% del volume.

74

Fig. II.23, Riduzione di volume da restringimento. [6]

Capacit di ritenzione idrica tale da assicurare livelli di umidit del substrato,


costanti e ottimali per le colture, senza dover ricorrere a irrigazioni troppo frequenti.
La capacit di ritenzione idrica non deve essere, comunque, eccessiva per non
determinare problemi di asfissia radicale e di raffreddamento del mezzo di coltura.
Nel caso delle colture in vaso, bisogna tener presente che questo parametro varia
con laltezza del contenitore (figura II.24) e tende ad aumentare man mano che si
riduce lo spessore del substrato (in quanto si riduce lacqua di percolazione). Per
tale motivo, nei contenitori poco profondi, necessario aumentare i componenti
drenanti del substrato. La capacit di ritenzione idrica in contenitore, infatti,
corrisponde alla quantit dacqua che, in un substrato in precedenza saturato,
permane dopo lo sgocciolamento.

Fig. II.24, Effetto della gravit (altezza del vaso) sulla capacit di ritenzione
idrica di un substrato a parit di volume (da Styer e Koranski, 1997 modificato).
[6]

75

Infine, bisogna considerare che, con il procedere dellaccrescimento dellapparato


radicale viene via via ridotta la porosit libera e vengono modificate le
caratteristiche idrologiche del substrato. Per questo motivo, nelle colture a ciclo
lungo, necessario, dopo un certo periodo variabile, in relazione alla velocit di
crescita delle piante (2-6 mesi), effettuare il rinvaso.
Potere adsorbente elevato, evidenziato da una elevata Capacit di Scambio
Cationico (CSC). Questa caratteristica importante, soprattutto, quando si usano
concimi solidi, meno quando si applicano fertirrigazioni molto frequenti. In
generale, i materiali di origine organica, al contrario di quelli minerali, presentano
una elevata CSC e un alto potere tampone.
pH adatto alle esigenze della specie coltivata. I substrati con pH basso risultano pi
adatti alle colture in contenitore, in quanto pi facilmente modificabili verso i livelli
desiderati (correzione mediante carbonato di calcio) ed anche perch rispondono
alle esigenze di un pi largo numero di specie. Inoltre, durante la coltivazione, il
pH tende ad innalzarsi a causa delle irrigazioni con acque dure. Il pH pu variare,
anche in relazione al tipo di fertilizzante impiegato. Pi difficile risulta la correzione
di un substrato alcalino, che pu essere realizzata con laggiunta di zolfo o concimi
fisiologicamente acidi (solfato di ammonio, solfato di potassio) o
costituzionalmente acidi (perfosfato minerale).
Contenuto in elementi nutritivi equilibrato in dotazione nota e con valori di EC
modesti. In molti casi, viene preferito limpiego di un substrato povero o
chimicamente inerte, al fine di poter aggiungere allo stesso o alla soluzione
nutritiva, gli elementi fertilizzanti, in relazione alle esigenze specifiche e alla fase
fenologica della pianta. Oltre al contenuto di nutrienti, particolare attenzione andr
rivolta alla verifica della EC. Tale intervento permette di rilevare la presenza di ioni
che, pur non importanti sotto il profilo nutrizionale (es. Na), possono rivestire un
ruolo determinante nel valutare lidoneit di impiego del substrato.
Potere isolante elevato al fine di ridurre le escursioni termiche del substrato. Questa
propriet correlata con la capacit di ritenzione idrica, ma pu essere influenzata
anche dal colore e dalla conducibilit termica del materiale. noto, infatti, che
laumento di temperatura e le escursioni termiche di un substrato sono tanto minori
quanto maggiore il suo contenuto dacqua. I substrati organici, inoltre, si scaldano
meno di quelli sabbiosi, poich possiedono un pi elevato calore specifico; altri
prodotti di origine industriale (polistirolo e vermiculite) presentano una modesta
dispersione termica, per la bassa conducibilit.
Sanit assicurata da assenza di agenti patogeni (nematodi, funghi, insetti) e di
sostanze potenzialmente fitotossiche (fitofarmaci) e semi di erbe infestanti. Alcuni
materiali, derivati da processi industriali (argilla espansa, perlite, lana di roccia,
vermiculite e polistirolo), presentano garanzie di sanit, in virt dei trattamenti
termici subiti durante il ciclo di lavorazione. Per molti substrati di origine naturale
(es. cortecce, terricci di foglie), invece, la possibile presenza di patogeni e/o
76

sostanze fitotossiche rappresenta un problema reale. A questo proposito, gli


interventi pi opportuni sono rappresentati dalla sterilizzazione e dal compostaggio.
Attualmente, prima del loro impiego, si ricorre con maggiore frequenza alla
sterilizzazione fisica a mezzo calore piuttosto, che ad interventi chimici
(fumigazioni, disinfestazioni ecc.), in quanto minori sono i pericoli di fitotossicit
residua e i rischi per loperatore.
Il substrato, inoltre, deve essere di costo contenuto, di facile reperibilit e
standardizzabile, dal punto di vista chimico-fisico, nel tempo e nello spazio.
Come si pu vedere, alcuni di questi requisiti rappresentano dei veri e propri vincoli,
nella scelta dei substrati, altri possono diventare vincolanti, a seconda delle
situazioni contingenti (specie, fase di accrescimento e sua durata, stagione, volume
e geometria del contenitore, tecniche colturali). Si cerca, per questo, un
compromesso ben ponderato, fra queste esigenze contrapposte, tecniche da una
parte ed economiche dallaltra.
Data lampiezza del campo, verranno trattati solo i substrati pi utilizzati nelle
colture fuori suolo, per loro natura principalmente inorganici.

Sabbia
Materiale inorganico di origine naturale, con particelle di diametro compreso tra
0.05 e 2.0 mm, originatosi dal disfacimento di diversi minerali. La composizione
chimica della sabbia pu variare, a seconda della sua origine, ma in generale risulta
costituita per il 98.0-99.5% da silice (SiO2). Il pH pu subire oscillazioni in
rapporto ai singoli componenti, ma soprattutto in relazione al contenuto in calcare.
Le sabbie con pH 6.4-7.0 risultano migliori, poich quelle ricche di carbonato di
calcio determinano linsolubilizzazione del fosforo e di alcuni microelementi (es.
ferro, manganese). Sono da preferite le sabbie di fiume, rispetto a quelle di duna.

Fig. II.25, Esempio di substrato in sabbia. [6]

77

Come tutti i substrati di origine minerale, presenta ridotta CSC e basso potere
tampone. La porosit totale varia dal 40% al 50% del volume, ma la capacit di
ritenzione idrica va dal 20% al 40% rispettivamente per le sabbie grossolane (> 0.5
mm) e quelle pi fini (0.05-0.5 mm). Queste ultime sono quelle pi adatte ad essere
utilizzate in ortofloricoltura: possono essere impiegate da sole nelle semine e per la
radicazione di talee, oppure in miscuglio (10-30% in volume) con materiali organici
durante la fase di coltivazione. Le sabbie grossolane possono venire impiegate
qualora sia necessario aumentare la capacit drenante del substrato. Lelevato peso
della sabbia fornisce una maggiore stabilit ai vasi, soprattutto per quelle piante che
si sviluppano molto in altezza, quando vengono impiegati componenti con basso
PA (torba e terricci di foglia) e contenitori molto leggeri (plastica rigida). Pu essere
impiegata da sola per colture in fuori suolo.

Pomice
Silicato di alluminio di origine vulcanica, molto leggero e poroso, che contiene
piccole quantit di sodio e potassio, e tracce di calcio, magnesio e ferro. in grado
di trattenere calcio, magnesio, potassio e fosforo dalle soluzioni nutritive e di cederli
gradualmente alla pianta. Presenta reazione intorno alla neutralit, ma alcuni
materiali possono avere pH eccessivamente elevato, buona porosit libera, ma bassa
capacit di ritenzione idrica. La struttura, tuttavia, tende a degradarsi abbastanza
rapidamente, a causa della facile rottura delle particelle. La pomice, aggiunta alla
torba, aumenta il drenaggio e laerazione del substrato. Commercialmente si
ritrovano prodotti di diversa granulometria e, per limpiego in orto-floricoltura,
vanno preferiti quelli con particelle da 2 a 10 mm di diametro.

Fig. II.26, Esempio di substrato in pomice. [6]

Tufi vulcanici
I tufi vulcanici sono caratterizzati da CSC molto bassa e da pH compreso tra 7 e 8.
Presentano, inoltre, elevati PA e porosit libera, ma capacit di ritenzione idrica
molto ridotta. Le loro propriet fisiche, tuttavia, dipendono dalle dimensioni delle
78

particelle. In commercio esistono prodotti a differente granulometria e la frazione


predominante rappresentata da particelle con diametro compreso tra 2 e 6 mm. I
tufi vulcanici vengono aggiunti alla torba o ad altri materiali organici, per
aumentare la capacit per laria e il drenaggio del substrato.

Vermiculite
Silicato idrato di magnesio alluminio e ferro, che allo stato naturale presenta
struttura a lamelle sottili, che trattengono minutissime gocce dacqua. Questo
materiale viene estratto, soprattutto, in Sudafrica e negli USA. La preparazione
della vermiculite avviene tramite riscaldamento (750-1000C), durante il quale
lacqua trattenuta tra le lamelle viene rapidamente trasformata in vapore. Il
conseguente aumento di pressione provoca la dilatazione delle particelle (fino a 1520 volte il loro volume) che assumono una struttura porosa a nido dape. Il prodotto
finale risulta sterile e viene suddiviso in quattro classi granulometriche (da 0.75-1.0
a 5-8 mm). La vermiculite caratterizzata da elevato potere tampone e da valori di
CSC simili a quelli delle migliori torbe ma, rispetto a queste ultime, presenta una
pi elevata disponibilit di nutrienti (5-8% di potassio e 9-12% di magnesio). Tali
caratteristiche devono essere attentamente valutate, quando si prepara un
programma di fertilizzazione di un substrato contenente questo materiale. La
reazione debolmente acida o neutra, ma alcuni tipi possono presentare un pH
debolmente alcalino, probabilmente per la presenza di ossidi di Mg; in questo caso,
il materiale risulta poco adatto per la coltivazione. Per quanto riguarda le
caratteristiche fisiche, possiede basso PA, elevata porosit totale ed elevata capacit
idroassorbente (trattiene quantit di acqua fino a 5 volte il suo peso). La struttura,
tuttavia, poco stabile, in quanto presenta una scarsa resistenza alla compressione
e tende a degradarsi con il tempo, favorendo il ristagno dellacqua. Per tale ragione,
preferibile miscelarla con la perlite o con la torba. Tal quale, pu essere usata nelle
semine e per la radicazione di talee oppure per coltivazioni in fuori suolo.

Fig. II.27, Esempio di substrato in vermiculite. [6]

79

Perlite
Silicato di alluminio di origine vulcanica, che contiene il 75% di SiO2 ed il 13% di
Al2O3. Il materiale grezzo viene frantumato, setacciato, compresso e riscaldato a
700-1000C. A queste temperature, la poca acqua contenuta nel minerale si
trasforma in vapore, espandendo le particelle in piccoli aggregati grigio-biancastri
che, a differenza della vermiculite, presentano una struttura a celle chiuse. Non
contiene alcun nutriente per le piante, ha CSC trascurabile ed praticamente neutra.
Il pH, tuttavia, pu variare facilmente, in rapporto alla qualit dellacqua irrigua,
poich il potere tampone del materiale nullo. Quando viene utilizzata in alta
percentuale nel substrato, buona norma tenere sotto controllo il pH, che non deve
scendere a valori inferiori a 5, per evitare effetti fitotossici dovuti a eccesso di
alluminio.

Fig. II.28, Esempio di substrato in perlite. [6]

un materiale sterile, molto leggero e che possiede elevata porosit libera, anche
dopo limbibizione. La struttura, a celle chiuse, permette di trattenere lacqua, solo
sulla superficie e negli spazi tra gli agglomerati, per cui la capacit di ritenzione
idrica variabile, in relazione alle dimensioni di questi ultimi. Viene
commercializzata in diverse granulometrie, ma quella pi idonea allattivit ortofloro vivaistica quella con granuli da 2-5 mm di diametro. Tal quale, pu essere
usata come substrato nei letti di radicazione, perch assicura una buona aerazione
allapparato radicale. A causa dellinerzia chimica, scarsa consistenza e coesione,
risulta inadatta come sub-strato di coltivazione. Nei miscugli con materiali organici,
conferisce al substrato maggiore sofficit, permeabilit ed aerazione,
migliorandone le caratteristiche fisiche. La perlite pu essere riutilizzata anche per
parecchi anni, purch sterilizzata. Quando la struttura comincia ad alterarsi, si
osserva un viraggio di colore, dal grigio-biancastro al giallo.

80

Argilla espansa
Si ottiene trattando la polvere di argilla a circa 700C. In relazione al materiale
argilloso utilizzato, si formano cos degli aggregati stabili, che presentano valori
variabili per quanto riguarda: CSC, pH e PA. Pu essere usata in miscugli con
materiali organici, nella quantit di circa 10-35 % del volume, ai quali conferisce
maggiore aerazione e drenaggio. Quella che presenta pH>7 non adatta allimpiego
in orto-floricoltura.

Fig. II.29, Esempio di substrato in argilla espansa. [6]

Lana di roccia
Rappresenta il substrato maggiormente impiegato nelle coltivazioni fuori suolo.
Deriva dalla fusione a 1500-2000C di silicati di alluminio, calcio e magnesio e del
carbon coke (tabella II.5). La miscela liquefatta viene estrusa in fili di 0.05 mm di
diametro e, successivamente alla compressione e allaggiunta di particolari resine,
il materiale assume una struttura fibriforme molto leggera (80 kg/m3) con una
elevata porosit.
La lana di roccia sterile e chimicamente inerte e, quando aggiunta ad un substrato,
ne migliora le caratteristiche di aerazione e drenaggio e permette anche un ottimo
ancoraggio per le radici. Viene impiegata da sola, come substrato di semina e per
coltivazioni fuori suolo. confezionata con formati diversi in relazione alle
esigenze di impiego: per il vivaismo si utilizzano tappi seme (plug), tappi talea e
cubi di vario formato; per la coltivazione prodotta in lastre, che presentano
lunghezza variabile da 1 a 2 metri, spessore da 7.5 a 10 cm e larghezza da 10 a 20
cm.

81

Fig. II.30, Esempio di substrato in lana di roccia. [6]

Le fibre possono essere disposte con orientamento orizzontale o verticale, per


garantire una maggiore durata nel tempo e una diversa capacit di ritenzione idrica.
In generale vengono utilizzate lastre di minor spessore, con fibre verticali, negli
ambienti con clima freddo e lastre di maggior spessore, con fibre disposte
orizzontalmente, per garantire maggiore ritenzione idrica, in condizioni di clima
caldo. Le lastre usate per la coltivazione possono essere impiegate per pi cicli
produttivi, avendo lavvertenza di verificare che lo spessore del substrato sia
rimasto sufficiente, per garantire un corretto accrescimento dellapparato radicale
oltre ad unadeguata reidratazione con livelli omogenei di umidit, EC e pH.

Elementi
Silicio
Calcio
Alluminio

%
47
16
14

Elementi
Magnesio
Ferro
Sodio

%
10
8
2

Elementi
Titanio
Potassio
Manganese

%
1
1
1

Tabella II.5, Maggiori costituenti della lana di roccia Grodan (ossidi % sul peso
totale - da Cultureslegumires sur substrats - C.T.I.F.L. 1996)

82

Per meglio osservare le caratteristiche dei substrati nelle loro diversit


interessante osservare la tabella riassuntiva II.6.

Substrato

PA
[Kg/m3]

Sabbia
Pomice

14001600
450-670

Tufi vulc.

Por.
totale
[%vol]
40-50

Por.
libera
[%vol]
1-20

Riten.
idrica
[vol]
20-40

CSC
[meq%]

55-80

30-50

24-32

570-630

80-90

75-85

2-5

3-5

0.080.012
-

Vermiculite

80-120

70-80

25-50

30-55

80-150

0.05

Perlite

90-130

50-75

30-60

15-35

1.5-3.5

Argilla esp.

300-700

40-50

30-40

5-10

3-12

0.020.04
0.02

Polistirolo

6-25
85-90

55
95-97

52
10-15

3
75-80

0.01
0.01

Lana
roccia

20-25

EC
[mS/
cm]
0.10

pH
6.47.9
6.79.3
7.08.0
6.07.2
6.57.5
4.59.0
6.1
7.07.5

Tabella II.6, Caratteristiche chimico-fisiche di alcuni substrati inorganici e


sintetici impiegati in colture in contenitore e in fuori-suolo. [6]

II.2.2 I nutrienti
La corretta gestione, della nutrizione delle piante, non pu escludere la conoscenza
di alcuni principi di base, relativi ai processi che regolano lassorbimento e
lutilizzazione dei principali macro e microelementi. Sebbene per lo sviluppo
equilibrato delle piante tutti i nutrienti che verranno di seguito illustrati sono
indispensabili, questi sono stati suddivisi in macro e micro elementi, sulla base del
fatto, che i primi vengono assorbiti in quantitativi relativamente pi elevati dei
secondi. Di seguito verranno, sinteticamente, considerate le caratteristiche dei pi
importanti macro e micronutrienti e di alcuni meccanismi coinvolti nella nutrizione
delle piante.

83

Macroelementi
Azoto
Lazoto (N) viene assorbito per sintetizzare amminoacidi proteine, enzimi e
clorofilla; le forme pi impiegate per fertirrigazione sono: nitrica, ammoniacale e
talvolta ureica.
La forma nitrica prontamente assorbita dalle radici, molto mobile all'interno della
pianta e pu essere immagazzinata dalla stessa, ad elevate concentrazioni senza
indurre tossicit. Quella ammoniacale pu essere assorbita dalla pianta solo in
piccole quantit, mentre le dosi pi consistenti vengono utilizzate, previa
ossidazione a nitrato, da parte dei batteri del suolo. Le piante, senza incorrere in
problemi di tossicit, possono accumulare solo bassi livelli di NH4. Quantitativi pi
elevati provocano fenomeni di tossicit, che si rivelano sulle foglie pi vecchie con
clorosi lungo i margini, i quali tendono ad incurvarsi verso lalto.
Eccesso di azoto provoca: abbondante rigoglio vegetativo, allungamento del ciclo
colturale, colorazione verde intenso delle foglie, scarsa allegagione dei fiori, tessuti
molto ricchi di acqua, scarsa lignificazione e consistente accumulo di nitrati. Come
appare dalla figura II.31, la carenza di azoto si manifesta con: colorazione verde
pallido delle foglie pi vecchie (ingiallimento), stentato accrescimento e anticipo
della senescenza.

Fig. II.31, Esempio di carenza di Azoto su sedano (A) e stella di Natale (B),
(materiale fornito dalla diateca CIFO S.p.A.). [6]

Potassio
Il potassio (K) riveste fondamentale importanza per la distensione cellulare, la
sintesi proteica, lattivazione degli enzimi, la fotosintesi e agisce anche da
trasportatore di altri elementi e carboidrati, attraverso la membrana cellulare.
Assume, poi, un ruolo importante nel mantenere in equilibrio il potenziale osmotico
della cellula e di regolare lapertura stomatica. Parimenti al nitrato, molto mobile
84

allinterno della pianta, infatti, i primi segni di carenza si manifestano sotto forma
di macchie giallastre che, molto rapidamente, necrotizzano sui margini delle foglie
pi vecchie. Piante K-carenti risultano essere maggiormente suscettibili a repentini
abbassamenti di temperatura, stress idrici e attacchi fungini. Un eccesso, impedisce
lassorbimento di calcio e magnesio.

Fig. II.32, Esempio di carenza di K su cetriolo (materiale fornito dalla diateca


CIFO S.p.A.). [6]

Fosforo
La disponibilit di fosforo (P) nel mezzo di coltura favorisce lo sviluppo delle
radici, il rapido accrescimento del germoglio e la quantit dei fiori. Questo
elemento, quando disponibile, viene assorbito con molta facilit e pu essere
accumulato senza danni per la pianta. Il suo ruolo fondamentale legato alla
formazione di composti ad elevata energia (ATP), necessari per il metabolismo dei
vegetali. Le quantit, mediamente, richieste sono piuttosto modeste (10-15% dei
fabbisogni di N e K). Da tenere, per, in considerazione che, contrariamente a
quanto si verifica in terreno, il P facilmente lisciviabile nelle colture fuori suolo.
Lassorbimento del P, risulta essere molto depresso dalle basse temperature del
substrato (< 13 C) o da elevati valori di pH (>6.5) che possono portare a sintomi
di carenza. In queste condizioni pi efficace linnalzamento del livello termico
e/o la riduzione del pH che la somministrazione di concimi fosfatici. Gli eccessi di
P possono ridurre o bloccare lassorbimento di alcuni micronutrienti (Cu, Ca, Zn).
La carenza di fosforo si manifesta con colorazione verde-viola delle foglie pi
vecchie, cui pu seguire clorosi e necrosi, oltre a stentato accrescimento dellapice
vegetativo. Tuttavia, tali sintomi sono aspecifici e fanno s che le carenze da P siano
difficilmente identificabili.
Calcio
Il calcio (Ca) coinvolto nella formazione della parete cellulare, nella permeabilit
della membrana e nella divisione e distensione delle cellule. Una buona
disponibilit conferisce alla pianta maggiore resistenza agli attacchi fungini e alle
85

infezioni batteriche. Lassorbimento, legato, molto strettamente, al flusso idrico


tra radici e parte aerea. Il suo movimento avviene attraverso lo xilema e, quindi,
risulta particolarmente influenzato dalla bassa temperatura a livello radicale, dal
ridotto rifornimento idrico (siccit o salinit della soluzione) o alleccessiva umidit
relativa dellaria. Lassorbimento del Ca molto condizionato dalla presenza di altri
cationi (K, Na, Mg e NH4) come appare dalla tabella e dal pH. Il Ca non mobile
allinterno della pianta e quindi le carenze si manifestano a partire dalle parti di pi
recente formazione. I principali sintomi sono: blocco dellaccrescimento della
pianta, deformazione dei margini delle foglie pi giovani, colorazione verde chiaro
o talvolta clorotica dei tessuti nuovi, apparato radicale stentato, poco accresciuto e
privo di peli. Le carenze si manifestano con modalit diverse, es. marciumi apicali
nel pomodoro, imbrunimento marginale delle foglie in lattuga. La carenza di Ca
spesso legata ad una indisponibilit dellelemento, pertanto si pu provvedere con
la somministrazione di composti a base di Ca o con il ripristino delle condizioni
ottimali di assorbimento (temperatura, pH, umidit relativa), o dellequilibrio tra i
principali nutrienti (N:K:Ca:Mg = 1:1:1:1/2).

Fig. II.33, Sintomi da carenza di calcio. [6]

Elementi in eccesso
N
NH4
K
P
Ca
Mg
Na
Mn
Fe
Zn
Cu

Elementi inibiti
K
Ca, Cu
N, Ca, Mg
Cu, Fe, B
Mg, B
Ca
Ca, K, Mg
Fe, Mo
Mn
Mn, Fe
Mn, Fe, Mo

Tabella II.7, Contrasti tra elementi in eccesso ed in deficienza. [6]

86

Magnesio
Il magnesio (Mg) riveste particolare importanza, poich entra nella costituzione
delle molecole di clorofilla. Viene immobilizzato, a valori di pH del mezzo di
coltura, inferiori a 5.5 ed entra in competizione con lassorbimento di K, Ca, Mn,
Na e NH4. I sintomi di carenza sono evidenziati da ingiallimento e clorosi
internervale delle foglie basali, come appare dalla figura II.34.

Fig. II.34, Carenza da magnesio, [6]

Zolfo
Lo zolfo (S) richiesto dalla pianta in quantitativi paragonabili a quelli del P e, al
fine di un suo ottimale assorbimento, necessario che sia presente in rapporto 1:10
con lazoto. Viene assorbito sotto forma di solfato. Le carenze non sono facilmente
diagnosticabili, in quanto i sintomi possono essere confusi con quelli di N-carenza,
ad eccezione del fatto che la deficienza di azoto inizia a manifestarsi dalle foglie
pi vecchie, mentre quella dello zolfo dalle pi giovani.

Microelementi
Ferro
Il ferro (Fe) indubbiamente, il pi importante poich entra in molti processi
biologici, come ad esempio la fotosintesi. Per il suo migliore assorbimento,
necessario che il pH del mezzo di coltura sia compreso tra 5.5-6.0 e che non si operi
in presenza di eccessivi livelli di Mn, con il quale entra in competizione. A bassa
temperatura si riduce lefficienza di assimilazione. La carenza si manifesta con
clorosi internervale che, dalle foglie giovani, si sposta verso quelle basali pi
vecchie, e da un ridotto accrescimento dellapparato radicale. I sintomi di carenza
non sono sempre dovuti alla presenza di quantitativi ridotti nel mezzo di coltura,
ma spesso a condizioni che lo rendono non disponibile per la pianta es. pH anomalo
o eccessi di Mn. Limpiego di chelanti idonei, per una data soluzione nutritiva,
garantisce costante disponibilit di Fe per la pianta. Il rapporto ottimale Fe:Mn si
aggira intorno a 2:1 per la maggior parte delle colture.
87

Cloro
Il cloro (Cl), solo di recente ha iniziato ad essere considerato un micronutriente,
anche se il suo contenuto nelle piante (0.2-2.0%) piuttosto elevato. Viene
facilmente assorbito dalla pianta ed molto mobile allinterno della stessa.
Interviene nel processo fotosintetico e nella regolazione dellapertura degli stomi.
Le carenze, poco frequenti, si manifestano con tipici sintomi di appassimento delle
foglie, specialmente ai margini. Molto pi diffusi i danni da eccesso che portano a
vistose contrazioni dellaccrescimento, in relazione alla diversa sensibilit delle
specie (orzo, spinacio, lattuga, barbabietola poco sensibili; fagiolo, cotone e alberi
da frutto molto sensibili). Per evitare danni alle colture opportuno controllare
sempre la dotazione delle acque irrigue e scegliere i concimi opportuni (es. K2SO4
piuttosto che KCl).
Sodio
Il sodio (Na), se in eccesso, risulta dannoso per le piante, poich tossico, interferisce
con lassorbimento di altri ioni e deteriora la struttura del terreno. Lantagonismo
con il K, ad esempio, non sempre dannoso in quanto, nel pomodoro, stimola la
sapidit delle bacche, mentre nel fagiolo deprime laccrescimento della pianta.
Come per il Cl, importante la conoscenza della dotazione delle acque irrigue.
Manganese
Il manganese (Mn) entra a far parte di molti coenzimi ed coinvolto
nellallungamento delle cellule radicali e nella loro resistenza ai patogeni. La sua
disponibilit controllata dal pH del mezzo di coltura e dalla competizione con altri
elementi. I sintomi di carenza sono assimilabili a quelli del Fe, ad eccezione della
comparsa di aree leggermente incavate nelle zone internervali. La correzione pu
essere praticata con laggiunta di MnSO4 o con labbassamento del pH della
soluzione nutritiva.
Boro
Il boro (B) essenziale per la fecondazione, lallegagione dei frutti e lo sviluppo
dei semi. Le modalit di assorbimento sono analoghe a quelle gi descritte per il Ca
con il quale pu entrare in competizione. Il pH del mezzo di coltura deve essere
inferiore a 6.0 e il livello ottimale sembra doversi individuare tra 4.5 e 5.5. I sintomi
di carenza, iniziano ad evidenziarsi nelle nuove strutture che appaiono di colore
verde scuro, le giovani foglie accrescono molto il loro spessore e hanno consistenza
cuoiosa. Successivamente, possono presentarsi clorotiche e poi necrotiche, con
colorazione rugginosa.

88

Fig. II.35, Carenza da Boro. [6]

Zinco
Lo zinco (Zn) svolge unazione importante, in certe reazioni enzimatiche. Il suo
assorbimento fortemente influenzato dal pH del terreno e dalla dotazione di P. Nei
confronti del pH i valori che ne favoriscono lassorbimento sono compresi tra 5.5 e
6.5; al di sotto di questi si possono verificare danni da tossicit alle piante. Bassa
temperatura, elevata umidit del terreno ed elevati livelli di P riducono la quantit
di zinco che viene assorbita dalla pianta. Raramente si manifestano carenze, i cui
sintomi sono rappresentati da macchie clorotiche nelle zone internervali delle
foglie, internodi molto corti, epinastia fogliare e scarso accrescimento.
Rame
Il rame (Cu) coinvolto nei processi respiratori e in quelli fotosintetici. Il suo
assorbimento viene ridotto a livelli di pH superiori a 6.5, mentre a valori inferiori
di 5.5 si possono verificare effetti di tossicit. Elevati livelli di NH4+ e P
interagiscono con il Cu, riducendone la disponibilit. Leccessiva presenza di Cu,
interferisce con lassorbimento di Fe, Mn, Mo. Le carenze si manifestano con
clorosi internervale, che portano al collasso dei tessuti della lamina fogliare che
sembrano essiccati.
Molibdeno
Il molibdeno (Mo) essenziale nella sintesi delle proteine e nel metabolismo dellN.
Contrariamente agli altri microelementi, pi disponibile a pH intorno alla
neutralit. I sintomi di carenza iniziano a manifestarsi con clorosi e necrosi lungo
la nervatura principale delle foglie vecchie, mentre quelle giovani appaiono
deformate. Tale sintomatologia particolarmente diffusa nelle leguminose,
cavolfiore e mais, quando coltivate in monosuccessione.

89

Fig. II.36, Carenza da molibdeno. [6]

Per una visione pi ampia si riporta la disponibilit degli elementi nutritivi in


relazione al pH, situazione che sar approfondita nel paragrafo II.2.6.

Fig. II.37, Influenza del pH sulla disponibilit dei nutrienti da


www.igrowhydro.com

90

Preparazione della soluzione nutritiva

La soluzione nutritiva rappresenta la componente principale, nella conduzione della


irrigazione fertilizzante. Il complesso dei nutrienti, da distribuire in soluzione
acquosa, costituito dai macro e micro-elementi, indispensabili alla vita della
pianta e i suoi principali parametri guida sono rappresentati dalla
elettroconducibilit (EC) e dalla reazione (pH). Per il calcolo della composizione
delle soluzioni nutritive dovr essere considerata la dotazione chimica dellacqua e
le specifiche esigenze della specie coltivata, in relazione alla fase fenologica, oltre
ai fattori climatici e alle caratteristiche chimiche e fisiche del terreno o substrato.
Questo elaborato di tesi, non ha le competenze necessarie se non per accennare delle
ricette gi testate per le diverse coltivazioni, si rimanda per cui alla bibliografia,
ricordando che esistono soluzioni gi preparate in commercio.

Tabella II.8, Elenco dei principali concimi impiegati per la formulazione delle
soluzioni nutritive e loro titoli. [6]

91

Tabella II.9, Composizione della soluzione nutritiva per lallevamento di diverse


colture orticole, su substrato. [6]

Tabella II.10, Composizione della soluzione nutritiva per lallevamento di diverse


colture orticole, senza substrato. [6]

92

II.2.3 Disinfezione della soluzione


Il recupero di una soluzione che venuta a contatto con gli apparati radicali delle
piante, oltre ai problemi legati al controllo del livello di nutrienti, rappresenta un
potenziale veicolo di infezione, qualora una qualsiasi patologia entri nel sistema di
coltivazione. In tempi estremamente rapidi, infatti, si potrebbe avere la diffusione
del patogeno, allintero impianto. In linea generale, si pu affermare che il rischio
di diffusione di patologie cresce allaumentare della dimensione dellunit colturale
e risulta pi elevato in sistemi senza substrato, in cui vi un maggior contatto, fra
gli apparati radicali rispetto a coltivazioni su substrato, nelle quali il mezzo di
coltura separato da contenitori di varia natura. La maggior parte dei patogeni, che
destano preoccupazione nei sistemi di coltivazione fuori suolo, non differiscono da
quelli riscontrati nelle colture praticate su terreno. Frequentemente, acquistano
maggiore virulenza gli agenti di marciumi, principalmente, quelli pi adattati alle
condizioni di vita in mezzo liquido, spesso caratterizzato da ridotta ossigenazione.
Per quanto sopra detto, appare ovvio che la gestione a ciclo chiuso non pu
prescindere da adeguati interventi di disinfezione, che devono essere praticati alla
soluzione percolata, dai moduli di coltivazione, prima della successiva immissione
in circolo. I vari sistemi preventivi di difesa, contro le fitopatie finora sperimentati,
prevedono il trattamento della soluzione con metodi diversi:
trattamento termico: considera limpiego di scambiatori di calore a piastre, con le
quali si pratica la pastorizzazione della soluzione nutritiva. Lapplicazione di tale
tecnica risulta, comunque, limitata principalmente per il suo elevato costo;
ultrafiltrazione, trova ridotta applicazione, a causa della necessit di una continua
pulizia dei filtri. Solo prevedendo batterie filtranti di diversa potenza, disposte a
cascata, possibile ottenere risultati soddisfacenti, che per innalzano i costi del
sistema;
trattamento con UV: prevede il passaggio della soluzione, spesso in precedenza
filtrata, seppur grossolanamente, attraverso un reattore con lampade ad emissione,
di lunghezza donda di 254 nm. Risulta il sistema maggiormente impiegato, efficace
sia nei confronti di funghi che di batteri e virus, anche se il dosaggio di radiazione,
per i diversi patogeni, risulta differente. Da ricordare che, la esposizione della
soluzione alla radiazione luminosa, provoca la precipitazione del ferro, poich
vengono alterati i composti organici normalmente impiegati come chelanti. Ci
comporta, la necessit di prevedere la reintroduzione dello stesso, nella soluzione a
valle, del dispositivo di trattamento e prima del reimpiego dello stesso.
Altri sistemi, infine, sono quelli che prevedono il trattamento della soluzione
nutritiva con ozono o acqua ossigenata.

93

Fig. II.38, Sistema di disinfezione UV. [6]

Limpiego di disinfettanti generici, invece, non trova applicazioni, se non per la


pulizia degli impianti, alla fine del ciclo colturale, per limpossibilit di definire
dosaggi che siano, al tempo stesso, efficaci nei confronti dei patogeni ed innocui
per le piante coltivate.
Anche limpiego di fungicidi, da addizionare alla soluzione, trova ridotta
applicazione, oltre che per la limitata registrazione di principi attivi, anche per la
scarsit di informazioni relativamente alle definizioni dei dosaggi, efficaci e non
fitotossici, e per la possibilit di accumulo nelle parti eduli della pianta.
Molti dei sistemi di trattamento della soluzione, fra quelli citati, tuttavia, oltre
allelevato costo presentano il rischio di creare il vuoto biologico, che potrebbe
favorire, anzich ostacolare, la proliferazione di patogeni nella soluzione nutritiva.
Per tale motivo, stanno assumendo un sempre maggiore interesse, i sistemi di
filtrazione lenta, a sabbia, che presentano un costo contenuto ed evitano il vuoto
biologico, poich basano il proprio funzionamento sullinstaurarsi di un equilibrio
micro-biologico, nel sistema di filtraggio. Consistono in una colonna in materiale
plastico, dellaltezza di 2.5 - 3.0 metri, riempita per almeno 1 metro di materiale
filtrante, rappresentato da sabbia silicea con granulometria variabile dai 0.2 ai 2.0
mm. La capacit filtrante varia da 100 a 200 litri per mq e per ora di funzionamento
(un filtro della superficie di 1 mq riesce a trattare circa 5 m3 di soluzione al giorno).
Una variante, al sistema descritto rappresentata dalla possibilit di impiegare,
quale materiale filtrante, lana di roccia, che permette di realizzare dispositivi
caratterizzati da minor peso e con maggiore capacit di filtrazione, che consente di
elevare fino a 300 litri per mq e per ora, la quantit di soluzione trattata.
Nella tabella II.11 presente uno schema riassuntivo riguardante applicazioni,
vantaggi e svantaggi delle principali forme di disinfezione della soluzione nutritiva.

94

Tabella II.11, The advantage and disadvantage of most popular nutrient


solution disinfection methods (from van Os et al, 2003; Runia, 1996, van Os2
011; Stewart- Wade, 2011). [10]

II.2.4 Salinit
La caratterizzazione della salinit del terreno si basata, per lungo tempo, sulla
determinazione del contenuto salino, espresso come percentuale del peso totale.
Tale sistema, non sembrava per del tutto esaustivo, in quanto, tra i diversi sali
disciolti, permetteva di distinguere, al massimo, il carbonato di sodio dagli altri.
Indipendentemente da questo inconveniente, sotto il profilo operativo, ci che
interessa conoscere, non rappresentato dal contenuto di sali solubili presenti nel
terreno, ma dalla pressione osmotica determinata dagli stessi. Al fine di ovviare a
tale imprecisione, pertanto, si fa riferimento alla determinazione della
elettroconducibilit o conducibilit elettrica (EC) dellestratto saturo del terreno,
indice strettamente correlato con la pressione osmotica.
95

L apparato radicale del vegetale, infatti, assorbe lacqua e i nutrienti che gli sono
necessari per osmosi dalla soluzione circolante. Tale fenomeno fisico, si verifica tra
due soluzioni a diversa concentrazione salina, separate da una membrana
semipermeabile assimilabile a quella che avvolge i peli radicali. In tale situazione,
dalla soluzione meno concentrata, il liquido attraverser questa membrana fino a
portare le due soluzioni alla stessa concentrazione. Le due soluzioni avranno,
pertanto, raggiunto la stessa pressione osmotica, il che equivale a dire la stessa
salinit. Pertanto, tanto pi elevata sar la salinit della soluzione circolante del
terreno, tanto pi difficoltoso risulter il passaggio di questa, allinterno della pianta
(assorbimento). Nel caso di valori di pressione osmotica eccessivamente alti, in
presenza di temperatura ambiente elevata, si pu giungere alla devitalizzazione
della pianta, per disidratazione della stessa. Indubbiamente la misura della EC
fornisce un dato pi attendibile per la valutazione della salinit del terreno, rispetto
alla percentuale in peso dei sali presenti nello stesso. Tale determinazione non
per da considerare del tutto soddisfacente, poich non consente di trarre
indicazioni sulla qualit dei sali, infatti, non possibile stabilire se la salinit data
da un sale utile, come ad esempio il nitrato di calcio, o dannoso come il cloruro
di sodio.

II.2.5 pH
La reazione della soluzione circolante o pH, influenza sensibilmente le condizioni
di abitabilit e nutrizione e pu assumere, teoricamente, valori che oscillano da 0 a
14. Nel terreno o nei substrati, per, i valori estremi non sono praticamente
riscontrabili e la classificazione sulla base dei valori di pH riportata in tabella
II.12.

Classificazione
Fortemente acidi
Acidi
Sub-acidi
Neutri
Sub-basici
Basici
Alcalini

Valori
<5.5
5.5-6.0
6.0-6.8
6.8-7.3
7.3-8.0
8.0-8.5
>8.5

Tabella II.12, Classificazione del terreno agrario sulla base dei valori di pH. [10]

I valori di pH sono, direttamente, influenzati da una serie complessa di fattori, legati


alla natura stessa del terreno. In tale contesto, si osserva che, quando si opera per
modificare in qualche modo la reazione, questi fattori restano sempre attivi e
tendono a riportare la reazione al valore originario. Questa attivit denominata
potere tampone. In molti terreni, talmente forte da impedire qualunque
96

variazione del pH a medio-lungo, termine. Nel Veneto orientale, ad esempio, il


trasporto da parte dei fiumi, e la successiva sedimentazione di materiali derivanti
dalla disgregazione delle rocce dolomitiche e calcaree, hanno dato origine alle
attuali pianure con terreni di tipo alluvionale. Questi, sono cos ricchi di carbonati,
che nemmeno il totale delle precipitazioni piovose acide di un secolo sarebbe in
grado di mutare la reazione attuale.
Nei confronti del pH, le piante possiedono diversa attitudine intrinseca, a vivere in
condizioni diversificate. Ci consente, allagronomo, di poter scegliere le colture
pi adatte allambiente in cui si trova ad operare e, nel caso si abbia la possibilit
di conoscere la vegetazione spontanea, si pu dedurre, con buona approssimazione,
il pH del terreno. Ogni specie vegetale, pertanto, predilige un determinato valore di
pH (tabella II.13) ma, la maggior parte di esse, in grado comunque di adattarsi a
valori compresi tra 5.5 e 8.2. Per quel che concerne le colture orticole, si pu
affermare, che livelli di pH compresi tra 6.0 e 7.5 sono i pi idonei a garantire
crescita e sviluppo equilibrati, mentre nel caso delle ornamentali, vi un ampio
numero di specie, che predilige condizioni di pH acido o fortemente acido.

pH

Specie
Orticole

5.5-6.5
5.5-7.0
6.0-7.0
6.5-7.5
6.5-7.5
4.5-5.5
4.5-6.5
5.0-5.5
5.0-6.0
5.0-6.5
5.5-6.0
5.5-6.5
6.0-6.5
6.0-7.0
6.0-7.5
6.5-7.5

Anguria, Fragola
Cavolo rapa, Cetriolo, Melanzana, Peperone, Prezzemolo,
Zucchino
Carota, Cicorie, Cipolla, Fagiolo, Lattuga, Pomodoro, Ravanello,
Spinacio
Cavolfiore, Cavolo cappuccio, Melone, Sedano, Zucca
Asparago, Basilico, Bietola da orto
Ornamentali
Erica, Gardenia
Ortensia
Azalea, Rododendro
Bromeliacee, Ficus elastica, Fucsia
Anthurium, Caladium, Dieffenbachia, Orchidee, Philodendron,
Pothos
Felci
Cactacee, Ciclamino, Gerbera, Poinsettia, Asparagus plumosus
Geranio (Pelargonium spp.), Saintpaulia
Bouganvillea, Calla, Freesia
Cineraria, Crisantemo, Strelitzia
Asparagus sprengeri, Garofano, Giacinto, Rosa

Tabella II.13, Valori preferenziali del pH (in acqua) per le principali specie
orticole ed ornamentali (da AA.VV.). [10]

97

Interessante appare, inoltre, ricordare che il pH influenza in modo accentuato la


fertilit chimica del terreno. Nella soluzione circolante, infatti, dalla quale la pianta
assorbe gli elementi nutritivi, si svolgono i principali fenomeni chimici, che
possono portare a gradi diversi di disponibilit dei nutrienti in essa presenti, in
relazione ai valori della sua reazione. A questo proposito, si rimanda alla figura
II.39 dove riportata la relazione tra i valori di pH ai quali si riscontra un migliore
assorbimento dei principali elementi nutritivi in terreni minerali, substrati organici
e nella soluzione nutritiva (colture fuori suolo).

Fig. II.39, Influenza del pH sulla disponibilit dei nutrienti da


www.igrowhydro.com

La correzione del pH, nei terreni acidi, pu essere realizzata con limpiego di:
concimi, che non apportino ulteriore acidit al terreno (es. nitrato di calcio, nitrato
di sodio, calciocianamide, urea, nitrato ammonico, scorie di defosforazione, fosfati
basici, salino potassico, ceneri, kainite); calcitazioni, con calce viva (ossido di
calcio), calce spenta (idrato di calcio), calcare finemente macinato (carbonato di
calcio pi o meno puro), marne calcaree, dolomite (carbonato di calcio e magnesio);
98

irrigazioni per sommersione, meglio se con acque dure, ricche di carbonati di calcio
e di magnesio.
La correzione del pH nei terreni basici, per eccesso di calcare, piuttosto difficile
da realizzare; il ricorso a correttivi acidi, come zolfo e acido solforico, risultano
efficaci, ma troppo costosi. Nei terreni orticoli, di superfici modeste, potrebbe
essere interessante lapporto di torba.

II.2.6 La disinfezione delle componenti del sistema


Sembra, infine, opportuno ricordare che la buona funzionalit dellimpianto di
fertirrigazione, dipende, oltre che da una corretta progettazione anche, da
unadeguata manutenzione. Infatti, per mantenere limpianto di distribuzione
perfettamente efficiente e prevenire, nello stesso tempo, la comparsa di patogeni
risulta, indispensabile, una regolare pulizia di tutti i componenti al termine di
ciascun ciclo produttivo. Pertanto, raccomandabile un intervento con ipoclorito di
sodio, alle concentrazioni indicate nella tabella II.14.

Obiettivi

Modalit operative

Prevenzione attacchi
microorganismi
Prevenzione attacchi
microorganismi e
parziale pulizia
(intervalli di 1 ora)
Superclorazione in
presenza di gravi
occlusioni di alghe

In continuo durante il
ciclo
Ad intermittenza anche
durante il ciclo colturale
Ad intermittenza senza
colture in atto

Concentrazione di Cl
nella soluzione
disinfettante (mg/L)
1-5
10-20

400-500

Tabella II.14, Schema riassuntivo per la disinfezione delle componenti del


sistema. [8]

Limmissione della soluzione clorata, nellacqua di lavaggio degli impianti di


fertirrigazione, deve essere effettuata sempre a monte, del sistema di filtrazione, al
fine di prevenire, eventuali, incubazioni di microrganismi allinterno dei filtri.

99

Il calcolo dei quantitativi, da immettere in circolo, deve considerare la


concentrazione di Cl, del prodotto commerciale impiegato e la portata dellimpianto
fertirriguo, e si esegue come di seguito riportato:

10

dove:
Q = quantit di ipoclorito da iniettare nella soluzione fertirrigante,
Cl = concentrazione di cloro desiderata;
P = Portata dellimpianto di fertirrigazione;
Clc = Concentrazione di cloro nel prodotto commerciale impiegato.

100

CAPITOLO III

ALCUNI ESEMPI DI IMPIANTI


Questa sezione dellelaborato un riadattamento del manuale tecnico per operatori
orticoli, redatto da ARSSA Abruzzo, prima che tale ente fosse assorbito dalla
gestione regionale. interessante analizzare, le difficolt crescenti negli impianti
di fertirrigazione, partendo dal pi semplice ciclo aperto, per poi concludere con un
sistema misto aperto-chiuso.

III.1 Impianti per la coltivazione fuori suolo a ciclo aperto"


Nellambito dei sistemi a Ciclo Aperto la scelta pu vertere su tipologie
dimpianto che vanno da versioni base, estremamente semplificate e poco costose,
a versioni evolute, sofisticate e dispendiose, passando attraverso una discreta
casistica intermedia.

101

III.1.1 Versione base di un sistema di produzione fuori suolo a ciclo


aperto

Fig. III.1 Versione base di un sistema di produzione. [8]

DOTAZIONI

INDISPENSABILI

UTILI

INDISPENSABILI
DI CONSUMO

Strumentali
Attrezzature

Impianto
idraulico

Materiali vari

Timer
Filtro a rete
Elettropompa
Saracinesca
Serbatoio
Tubazione di
adduzione idrica
Gocciolatori
Capillari completi
di aste
Vasi polietilene e/o
sacchi
Telo pacciamatura
Bilancia

Conta litri

Canalette

Concimi semplici
Acido
Substrato

Tabella III.1, Elementi del sistema versione base di un sistema di produzione.


[8]

102

Nella figura III.1 schematizzata la versione base di un sistema di produzione


Fuori Suolo a Ciclo Aperto, che dispone di una soluzione nutritiva
preventivamente preparata e stoccata, allinterno di un serbatoio, il cui
dimensionamento viene calcolato rispetto alle necessit della coltura che si intende
praticare.
Vantaggi:
costo estremamente contenuto;
facilit di gestione operativa.
Svantaggi:
una volta prestabilita, sulla base della superficie da gestire, la capienza del
serbatoio, successivamente difficile modificare le superfici da servire, se
non attraverso adeguamenti pi o meno costosi, a seconda dei casi e delle
necessit, unica la specie coltivabile con tale sistema.
Limpegno delloperatore, dopo la fase di posa in opera dellimpianto e del
trapianto della coltura, limitato a:
controlli sulla cultura;
aggiornamento della ricetta nutritiva, in relazione alla fase fenologica della
coltura;
reintegrazione della S.N. ad esaurimento della stessa.

103

III.1.2 Versione base con ricircolo

Fig. III.2, Versione base con ricircolo. [8]

DOTAZIONI

INDISPENSABILI

Strumentali

Attrezzature

Impianto
idraulico

Programmatore
Filtro a rete
Elettropompa
Saracinesca
n 2 Elettrovalv.
Serbatoio
Tubazione di
adduzione idrica
Gocciolatori
Capillari completi
di aste di fermo

UTILI

INDISPENSABILI
DI CONSUMO

Misuratore
portatile
controllo EC e
pH
Conta litri

104

Materiali vari

Vasi polietilene e/o


sacchi
Telo pacciamatura
Bilancia

Canalette

Concimi semplici
Acido
Substrato

Tabella III.2, Elementi del sistema versione base con ricircolo. [8]

Vantaggi:
Costo contenuto;
Facilit di gestione operativa.
Svantaggi:
una volta prestabilita, sulla base della superficie da gestire, la capienza del
serbatoio, successivamente difficile modificare le superfici da servire, se
non attraverso adeguamenti pi o meno costosi a seconda dei casi e delle
necessit, unica la specie coltivabile con tale sistema.
Limpegno delloperatore, dopo la fase di posa in opera dellimpianto e del
trapianto della coltura, limitato a:
controlli sulla cultura;
aggiornamento della ricetta nutritiva in relazione alla fase fenologica della
coltura;
reintegrazione della S.N. ad esaurimento della stessa.
In linea generale, si opta per una delle due soluzioni sopra illustrate quando:
si intende familiarizzare con la nuova tecnica produttiva;
si vuole adottare la tecnica, ma si esclude la possibilit nel breve-medio
periodo, di un ampliamento delle superfici da servire.
Qualora, invece, limprenditore sia in possesso delle conoscenze necessarie e sia
convinto della scelta relativa al Fuori Suolo, nella variante del Ciclo Aperto ed
abbia, come obiettivo di breve periodo, quello di estendere tale tecnica produttiva a
tutti o a gran parte degli apprestamenti di protezione presenti in azienda, sar pi
ragionevole optare per un impianto pi complesso e, pertanto, pi costoso, anche se
nella fase di rodaggio (la durata di tale fase approssimativamente equivalente al
periodo necessario allespletamento di uno , massimo due cicli produttivi, riferiti
alla coltura che intende praticare) limpianto potr essere sotto utilizzato rispetto
alle potenzialit. In questo caso, tra le varie possibilit di scelta, vi limpianto della
Fig. n III.3

105

III.1.3 Versione con soluzioni madre e centralina a controllo


volumetrico

Fig. III.3, Versione con soluzioni madre e centralina a controllo volumetrico.


[8]

Fig. III.4, Impianto della tipologia riportata in Fig. III.3 - Az. Agr. Piattelli
Emilio - Miglianico (CH). [8]

106

DOTAZIONI

Strumentali

Attrezzature

Impianto
idraulico

Materiali vari

INDISPENSABILI
Sistema di
rilevazione ed
adeguamento pH e
EC
N 3 Pompe
dosatrici
Sonda pH
Sonda di EC
Programmatore
Valvola di ritegno
Filtro a rete
Elettropompa
Saracinesca
Elettrovalvola
Contatore lancia
impulsi
Gocciolatori
Tubazione di
adduzione idrica
Capillari completi
di aste di fermo
Vasi polietilene e/o
sacchi
Telo pacciamatura
Bilancia

UTILI

Canalette

INDISPENSABILI
DI CONSUMO

Concimi semplici
Acido
Substrato

Tabella III.3, Elementi del sistema Versione con soluzioni madre e centralina a
controllo volumetrico. [8]

Limpianto illustrato si differenzia dai due precedenti per una serie di variabili
quali:
presenza di soluzioni madre concentrate (A e B) ed acido (C), stoccati in
serbatoi di giusta capacit;
sistema di rilevazione ed adeguamento del pH e Conducibilit, rispetto ai
valori di set point impostati sullo stesso strumento;
pompe dosatrici, con funzione di prelievo ed iniezione, in linea di concimi
e acido;
sonde di rilevazione pH e EC, posizionate a valle dei punti di iniezione dei
concimi e dellacido.
Vantaggi:
107

minor tempo richiesto alloperatore, nella fase di preparazione della


soluzione nutritiva, da erogare alla coltura;
disponibilit di un programmatore, in grado di automatizzare le
fertirrigazioni allinterno di pi apprestamenti, in questo caso sono
necessarie implementazioni, riguardanti alcune attrezzature
(elettrovalvole) che, comunque, non modificano sostanzialmente
limpegno economico delloperatore;
costante disponibilit di soluzione nutritiva fresca.
Svantaggi:
possibilit di utilizzo del sistema, per ununica coltura che, nei vari settori,
deve trovarsi nella medesima fase fenologica.
Limpegno delloperatore, dopo la fase di posa in opera dellimpianto e del
trapianto della coltura, limitato a:
controlli sulla cultura;
preparazione delle soluzioni madre e reintegrazione periodica della
soluzione acida;
aggiornamento della ricetta nutritiva, in relazione alla fase fenologica della
coltura;
controlli di funzionamento, a carico delle strumentazioni presenti.
Una variante allimpianto in fig. n III.4 schematizzata nella fig. n III.5

108

III.1.4 Versione con soluzioni madre e ricircolo

Fig. III.5, Versione con soluzioni madre e ricircolo. [8]

DOTAZIONI

Strumentali

Attrezzature

INDISPENSABILI

UTILI

INDISPENSABILI
DI CONSUMO

Centralina controllo
riempimento vasca, EC e
pH
N 3 Pompe
dosatrici
Sonda pH
Sonda di EC
Programmatore
Galleggiante
elettrico
Filtro a rete
Elettropompa
Saracinesca
N 3 Elettrovalv.
Serbatoio per S.N.
109

Impianto
idraulico

Materiali vari

N 2 serbatoi da lt.
200
N 1 serbatoi da lt.
100
Gocciolatori
Tubazione di
adduzione idrica
Capillari completi
di aste di fermo
Vasi polietilene e/o
sacchi
Telo pacciamatura
Bilancia

Canalette

Concimi semplici
Acido
Substrato

Tabella III.4, Elementi del sistema Versione con soluzioni madre e ricircolo.
[8]

Limpianto si caratterizza rispetto al precedente per un aspetto fondamentale:


modalit operative della centralina.
Questultima, in effetti, a differenza della precedente, funzionalmente integrata
con il sistema di rilevazione del livello (sonda di livello) della Soluzione Nutritiva,
allinterno del serbatoio che viene letto dalla stessa, al momento dellavvio in
funzione dellimpianto, attivato in automatico dal programmatore.
Nellipotesi in cui il livello della Soluzione Nutritiva (S.N.) non quello ottimale
prestabilito, la centralina invia un impulso allelettrovalvola (posta sulla condotta
di adduzione) che richiama acqua pulita allinterno del serbatoio, fino al
raggiungimento del livello impostato.
A questo punto, il galleggiante posto allinterno del serbatoio, invia un impulso
elettrico allelettrovalvola, che viene chiusa, quando linformazione viene
trasmessa alla centralina, questultima attiva lelettropompa che presiede
alloperazione di ricircolo della Soluzione Nutritiva con funzione di:
adeguamento della Soluzione Nutritiva ai valori di pH e EC, impostati sulla
base delle esigenze della coltura praticata;
omogeneizzazione ed ossigenazione della Soluzione Nutritiva (S.N.).
Queste operazioni sono rese possibili grazie alla presenza dellelettropompa e delle
sonde di pH e EC, entrambe posizionate sulla condotta di ricircolo della S.N.
Vantaggi:
minor tempo richiesto alloperatore, nella fase di preparazione della
soluzione nutritiva da erogare alla coltura;
110

disponibilit di un programmatore in grado di automatizzare le


fertirrigazioni allinterno di pi apprestamenti. In questo caso, sono
necessarie implementazioni riguardanti alcune attrezzature (elettrovalvole)
che, comunque, non modificano sostanzialmente limpegno economico
delloperatore;
costante disponibilit di soluzione nutritiva fresca.
Svantaggi:
possibilit di utilizzo del sistema per ununica coltura, che nei vari settori
deve trovarsi nella medesima fase fenologica.
Limpegno delloperatore, dopo la fase di posa in opera dellimpianto e del
trapianto della coltura, limitato a:
controlli sulla cultura;
preparazione delle Soluzioni madre e reintegrazione periodica della
soluzione acida;
aggiornamento della ricetta nutritiva in relazione alla fase fenologica della
coltura;
controlli di funzionamento a carico delle strumentazioni presenti.
Una variante allimpianto in fig. III.5 schematizzato in fig. III.6.

111

III.1.5 Versione con soluzioni madre e sistema venturi per iniezione


in linea soluzione nutritiva (s.n.)

Fig. III.6, Versione con soluzioni madre e sistema venturi per iniezione
in linea soluzione nutritiva. [8]

DOTAZIONI

Strumentali

Attrezzature

INDISPENSABILI

UTILI

INDISPENSABILI
DI CONSUMO

Centralina controllo
riempimento vasca, EC e
pH
Sonda pH
Sonda di EC
Programmatore
Galleggiante
elettrico
Filtro a rete
Elettropompa
Saracinesca
N 3 Elettrovalv.
112

Impianto
idraulico

Materiali vari

N 3 Elettrovalv. di
precisione
N 3 venturi
Gocciolatori
Tubazione di
adduzione idrica
Serbatoio
N 2 serbatoi da lt.
200
N 1 serbatoi da lt.
100
Capillari completi
di aste di fermo
Vasi polietilene e/o
sacchi
Telo pacciamatura
Bilancia

Canalette

Concimi semplici
Acido
Substrato

Tabella III.5, Elementi del sistema Versione con soluzioni madre e sistema
venturi per iniezione in linea soluzione nutritiva. [8]

Limpianto sopra illustrato, prevede la sostituzione delle pompe dosatrici con 3


sistema venturi e lintroduzione di elettrovalvole di precisione che, sulla base delle
indicazioni fornite dalla centralina (che a sua volta ha ricevuto gli input dai sensori
di pH e EC, posti sulla condotta di ricircolo), si aprono e si chiudono lasciandosi
attraversare o interrompendo il flusso della soluzione madre, utilizzata per
ottimizzare i valori di EC e pH richiesti dalla coltura.
Gli impegni, richiesti alloperatore, sono esattamente equivalenti a quelli illustrati
nella tipologia precedente.

113

III.2 Impianti per la coltivazione fuori suolo a ciclo chiuso"


Il Fuori Suolo, oltre che con il sistema a Ciclo Aperto pu essere gestito a Ciclo
Chiuso che, come il nome stesso fa intendere, si differenzia, dal primo per il
riutilizzo delle soluzioni drenate dalle colture praticate.

Fig. III.7, Coltivazione pomodoro Fuori suolo a Ciclo Chiuso e banco


operativo di controllo e gestione del sistema - Az. Agr. Menna Annamaria - Atessa
(CH). [8]

Come si pu intuire, impianti di questo tipo, si caratterizzano per una maggiore


complessit, derivante dalla necessit di disporre di tutta una serie di attrezzature e
strumentazioni, non necessarie nel sistema a ciclo aperto.
Lesigenza di una implementazione impiantistica legata fondamentalmente a:
Necessit di ricircolare le soluzioni drenate (si impone la disponibilit di un sistema
di raccolta dello sgrondo, di un serbatoio di stoccaggio dello stesso e di una pompa
di potenza adeguata a ricondurre a monte la S.N. da stoccare, a sua volta allinterno
di un serbatoio);
Necessit di disporre di una Soluzione Nutritiva, non inquinata da patogeni, sono
indispensabili sistemi di filtraggio e disinfezione della stessa quali filtri a dischi,
filtri a sabbia e lampade UVC, idonei allo scopo.
Lesigenza di disporre di una S.N., da ricircolare, esente da patogeni temibili per le
colture praticate, ha alimentato sperimentazioni indirizzate alla ricerca di sistemi di
distribuzione della S.N. che garantissero, da una parte, il minor contatto della
soluzione stessa con il sistema radicale delle colture e, dallaltra, la disponibilit di
una S.N. costante in composizione.
La subirrigazione sembra rappresentare la risposta, pi recente, alle problematiche
sopra esposte, da parte dei ricercatori.
114

III.2.1 Versione impianto a ciclo chiuso con soluzioni madre e


centralina a controllo volumetrico

Fig. III.8, Versione impianto a ciclo chiuso con soluzioni madre e centralina a
controllo volumetrico. [8]

DOTAZIONI

Strumentali

Attrezzature

INDISPENSABILI

UTILI

INDISPENSABILI
DI CONSUMO

Regolatore pH e EC
per controllo
proporzionale
Sonda pH
Sonda di EC
compensata in
temperatura
Programmatore
N 3 Pompe
dosatrici
Filtro a dischi
Elettropompa
Saracinesca
Elettrovalvola
Valvola di ritegno
115

Impianto
idraulico

Materiali vari

Contatore lancia
impulsi
Serbatoio per S.N.
Serbatoio Soluz.
sgrondo
Elettropompa
sommersa con
galleggiante
Filtro a sabbia
Lampada UV
Gocciolatori
Tubazione di
adduzione idrica
Tubazione recupero
soluzione drenata
Capillari completi
di aste di fermo
Vasi polietilene e/o
sacchi
Telo pacciamatura
Canalette

Concimi semplici
Acido
Substrato

Tabella III.6, Elementi del sistema Versione impianto a ciclo chiuso con
soluzioni madre e centralina a controllo volumetrico. [8]

Questultima ipotesi implica lutilizzo di canalette (80x220x80 mm) realizzate in


materiale di diversa natura quali: acciaio, inox, lamiera zincata, alluminio, PVC
rigido, ma comunque di costo elevato. Non esclusa, la possibilit di optare per
manufatti realizzati in materiali differenti a costi pi contenuti, limportante,
comunque, e che siano funzionali allutilizzo per il quale vengono impiegati.
fondamentale, la rigidit del fondo della canalina, sulla quale poggiano i vasi, anche
perch questa condizione, consente la predisposizione di una pendenza ottimale,
utile allallontanamento della soluzione drenata sia che questa sgrondi dai vasi
(drip), sia che questa non venga assorbita dai sistemi radicali della coltura praticata
(subirrigazione). Il funzionamento dellimpianto pu procedere sia in continuo che
in discontinuo.
Nel secondo caso, indicato la S.N. ricircolata viene, periodicamente (10-15 gg.)
eliminata dal sistema (utilizzata eventualmente per fertirrigare altre colture in pieno
campo) e completamente rinnovata.
Vantaggi:
consumi idrici ridotti;
consumi di nutrienti contenuti;
116

ridotto impatto ambientale.


Svantaggi:
costi acquisizione impianti pi elevati, rispetto alle tipologie impiantistiche
precedentemente descritte;
utilizzo limitato alla gestione di ununica coltivazione;
minore omogeneizzazione ed ossigenazione della Soluzione Nutritiva;
maggiore possibilit di trasmissione di patologie dannose alla coltura.
Limpegno delloperatore, dopo la fase di posa in opera dellimpianto e del
trapianto della coltura, limitato a:
controlli sulla cultura;
preparazione delle soluzioni madre e reintegrazione periodica della
soluzione acida;
aggiornamento della ricetta nutritiva, in relazione alla fase fenologica della
coltura;
controlli di funzionamento a carico delle strumentazioni presenti;
pulizia periodica dei filtri;
pulizia periodica della lampada;
pulizia periodica e taratura sonde pH ed EC;
pulizia sistematica del manufatto protettivo;
allontanamento di tutti i residui vegetali, prodotti a seguito di interventi sulla
cultura;
sterilizzazione degli strumenti di lavoro.

117

III.2.2 Versione impianto a ciclo chiuso con soluzioni madre e


ricircolo

Fig. III.9, Versione impianto a ciclo chiuso con soluzioni madre e ricircolo. [8]

DOTAZIONI

Strumentali

Attrezzature

INDISPENSABILI

UTILI

INDISPENSABILI
DI CONSUMO

Centralina controllo
riempimento vasca,
EC e pH
Sonda pH
Sonda di EC
Programmatore
N 3 Pompe
dosatrici
Filtro a dischi
Elettropompa
Saracinesca
N3 Elettrovalvole
Valvola di ritegno
Contatore lancia
impulsi
118

Impianto
idraulico

Materiali vari

Serbatoio per S.N.


Serbatoio Soluz.
sgrondo
Pompa Sommersa
completa di
galleggiante
elettrico
Filtro a sabbia
N 2 serbatoi da lt.
200
N 1 serbatoi da lt.
100
Galleggiante
elettrico
Lampada UV
Gocciolatori
Tubazione di
adduzione idrica
Tubazione recupero
soluzione drenata
Capillari completi
di aste di fermo
Vasi polietilene e/o
sacchi
Telo pacciamatura
Canalette

Concimi semplici
Acido
Substrato

Tabella III.7, Elementi del sistema Versione impianto a ciclo chiuso con
soluzioni madre e ricircolo. [8]

Vantaggi:

consumi idrici ridotti;


consumi di nutrienti contenuti;
ridotto impatto ambientale;
maggiore omogeneizzazione e ossigenazione della Soluzione Nutritiva.

Svantaggi:
costi acquisizione impianti pi elevati, rispetto alle tipologie impiantistiche
precedentemente descritte;
utilizzo limitato alla gestione di ununica coltivazione;
maggiore possibilit di trasmissione di patologie dannose alla coltura.
Limpegno delloperatore, dopo la fase di posa in opera dellimpianto e del
trapianto della coltura, limitato a:
119

controlli sulla cultura;


preparazione delle soluzioni madre e reintegrazione periodica della
soluzione acida;
aggiornamento della ricetta nutritiva, in relazione alla fase fenologica della
coltura;
controlli di funzionamento, a carico delle strumentazioni presenti;
pulizia periodica dei filtri;
pulizia periodica della lampada;
pulizia periodica e taratura sonde pH ed EC;
pulizia sistematica del manufatto protettivo;
allontanamento di tutti i residui vegetali, prodotti a seguito di interventi sulla
cultura;
sterilizzazione degli strumenti di lavoro.

120

III.2.3 Versione impianto a ciclo chiuso ed aperto gestito da banco


operativo

Fig. III.10, Versione impianto a ciclo chiuso ed aperto gestito da banco


operativo. [8]

DOTAZIONI

INDISPENSABILI
Banco operativo

Strumentali

Attrezzature

UTILI

INDISPENSABILI
DI CONSUMO

Fotoradiometro
Sonda
temperatura
Sonda umidit
Sonda sgrondo
Misuratore
portatile
di pH e EC

Filtro a dischi
N2 Elettropompa
Saracinesca
Serbatoio per S.
disinfettata
121

Impianto
idraulico

Materiali vari

Serbatoio S.
sgrondo
Filtro a sabbia
N 2 serbatoi da lt.
200
N 1 serbatoi da lt.
100
N2 Galleggiante
elettrico
Lampada UV
Gocciolatori
Tubazione di
adduzione idrica
Tubazione recupero
soluzione drenata
Capillari completi
di aste di fermo
Vasi polietilene e/o
sacchi
Telo pacciamatura
Canalette

Concimi semplici
Acido
Substrato
Soluzioni per
tarature
sonde pH e EC

Tabella III.8, Elementi del sistema Versione impianto a ciclo chiuso ed aperto
gestito da banco operativo. [8]

Limpianto in figura III.10 rappresenta, tra tutti quelli gi illustrati, il pi evoluto.


presente un banco operativo, dotato di potenzialit elevate, in termini di capacit
di gestione di un numero elevato di settori e di un numero elevato di colture.
Il software di gestione del sistema, attraverso informazioni provenienti da sonde di:
radiazione solare accumulata;
drenato;
temperatura e umidit (interne alla copertura);
in grado di gestire in automatico gli interventi di fertirrigazione alla coltura.
Il sistema si presta anche ad un utilizzo di tipo manuale, in cui il numero e la durata
dei singoli interventi vengono stabiliti dalloperatore, sulla base dellesperienza
dello stesso.

122

Il banco, inoltre, in grado di utilizzare ricette nutritive diverse, a seconda delle


colture praticate e delle diverse fasi fenologiche, sempre che lo stesso sia supportato
da un idoneo numero di elettrovalvole e serbatoi differenziati di soluzioni madre.
Componenti Banco Operativo in dotazione allimpianto:
1. Programmatore
2. N5 elettrovalvole
3. N 1 sensore EC
4. N. 1 sensore pH
5. N 1 pompa rilancio soluzione nutritiva alla coltura
6. Filtri a rete
7. N.1 serbatoio di premiscelazione soluzioni madre con acqua e soluzione di
sgrondo trattata con UV.
Il funzionamento dellimpianto pu procedere, come gi detto, sia in continuo che
in discontinuo. Nel secondo caso indicato, la Soluzione Nutritiva (S.N.) ricircolata
viene periodicamente (10-15 gg.) allontanata dal sistema (utilizzata eventualmente
per fertirrigare altre colture in pieno campo) e completamente rinnovata.
Vantaggi:

consumi idrici ridotti;


consumi di nutrienti contenuti;
ridotto impatto ambientale (nel caso di ciclo chiuso);
completa automatizzazione nella gestione delle fertirrigazioni;
possibilit di utilizzare diverse ricette nutritive per gestire colture diverse o
la stessa coltura in diverse fasi di sviluppo;
capacit del banco di svolgere, oltre alle normali funzioni di fertirrigazione,
anche il controllo dei processi di raffrescamento degli apprestamenti di
protezione;
archiviazione dati relativi alle irrigazioni effettuate;
possibilit di controllo e gestione a distanza delle fertirrigazioni e ricette
nutritive utilizzate, nelle diverse fasi di sviluppo delle colture.

Svantaggi:
costi acquisizione impianti elevati.
Limpegno delloperatore, dopo la fase di posa in opera dellimpianto e del
trapianto della coltura, limitato a:
controlli sulla cultura;
123

preparazione delle soluzioni madre e reintegrazione periodica della


soluzione acida;
aggiornamento della ricetta nutritiva in relazione alla fase fenologica della
coltura;
controlli di funzionamento a carico delle strumentazioni presenti;
pulizia periodica dei filtri;
pulizia periodica della lampada (nel caso si tratti di un ciclo chiuso);
pulizia periodica e taratura sonde pH e EC;
pulizia sistematica del manufatto protettivo;
allontanamento di tutti i residui vegetali prodotti, a seguito di interventi sulla
cultura;
sterilizzazione degli strumenti di lavoro;
sostituzione della Soluzione Nutritiva negli impianti funzionanti in
discontinuo.

124

CAPITOLO IV

ADATTAMENTO DI UNA SERRA TRADIZIONALE IN


COLTIVAZIONE IDROPONICA: ESEMPIO PROGETTUALE.
In questo capitolo si riporta un esempio applicativo di trasformazione di una serra
tradizionale in coltura idroponica a media tecnologia.
Si fa riferimento alla coltivazione del pomodoro.
La serra tradizionale presa a riferimento, una tipica struttura a tunnel con copertura
in polietilene.
La pianta di forma rettangolare ha le dimensioni di 6.5x20

125

IV.1 Schema dellimpianto e sue componenti


Si fa riferimento ad un impianto a ciclo chiuso con soluzioni madre e ricircolo.
Nella figura IV.1 riportato lo schema dimpianto previsto.

Fig. IV.1, Schema dimpianto. [8]

Le componenti dellimpianto che stiamo andando a considerare sono le seguenti:

filtraggio a sabbia,
filtraggio a dischi,
sistema di controllo (PH, EC, pompe dosatrici),
serra,
vaso,
disinfezione UV,
sistema di ricircolo,
serbatoio soluzione nutritiva,
serbatoi elementi chimici,
serbatoio di scarico.
126

IV.2 Progettazione dellimpianto


IV.2.1 La serra ed il manufatto per servizi
Si prende in esame una serra dimensioni 6,50 x 20,00
, con struttura portante ad
arco in tubo di acciaio zincato, con diametro 60 x2 mm; aperture laterali avvolgibili
per arieggiare. La struttura provvista anche di Nr 2 porte larghezza 1,50 m,
copertura in polietilene thermolux, rete antigrandine, e pannelli rigidi in
polimetacrilato come visibile in figura IV.4.
La serra ospiter un sistema mono-livello per la coltivazione del pomodoro (figura
IV.2).

Fig. IV.2, Sezione trasversale con modulo di coltivazione.

La superficie coperta della serra di 130


alla quale vanno aggiunti altri 30-35
per il manufatto di servizi, che conterr tutta la strumentazione necessaria a
rendere la struttura operativa.
Nella figura IV.4 riportato uno schema planimetrico con lindicazione della serra
e del manufatto di servizi. Per quanto riguarda questultimo nella figura IV.3
riportata poi la pianta della struttura, con lindicazione delle attrezzature previste.

127

Fig. IV.3, Manufatto per servizi.

Legendaelementidelsistema
1

Soluzionediscarto

Elettropompa

Serbatoiosoluz.scarto

10

Serbatoiosoluz.nutritiva

Filtroagraniglia

11

Sondedicontrollo

Filtroadischi

12

Pompedosatrici

FiltroUV

13

Bancodicontrollo

Soluzionedisinfettata

14

Soluzionemadre1

Approvvigionamentoidrico

15

Soluzionemadre2

Soluzionenutritiva

16

SoluzioneAcida

128

Fig. IV.4, Schema planimetrico dellimpianto.

129

Il modulo di coltivazione
Il sistema sar costituito da una cultura a vaso gi discussa nel paragrafo I.2.1, con
substrato di perlite (par. II.2.1). Il vaso appartiene alla tipologia dutch bucket
(figura IV.5) ovvero formato da un doppio livello per facilitare il drenaggio e lo
scarico della soluzione nutritiva. Un sistema del genere permette un adeguato
isolamento per evitare il diffondersi delle malattie, inoltre, i singoli moduli in caso
di marciume radicale possono essere facilmente isolati per non compromettere
lintera coltivazione. Allinterno della serra sono previsti 60 moduli come si vede
in figura IV.4.

Fig. IV.5, Sistema di vasi utilizzati.

130

IV.2 Richiesta idrica del sistema


IV.2.1 Irrigazione netta e lorda
La determinazione della quantit di acqua irrigazione richiede il calcolo di due
quantit:

lirrigazione netta
lirrigazione lorda

entrambe espresse in

Calcolo di Inet
La prima quantit (
) corrisponde alla massima oscillazione tollerata dalla pianta
nel valore della quantit di acqua, contenuta nel substrato e disponile
allassorbimento radicale. Essa espressa dalla relazione [10]:

100

(IV.1)

dove:

% lacqua disponibile alla pianta nel contenitore pieno di


substrato;
il volume di substrato nel contenitore considerato;

una costante adimensionale della pianta che varia tra 0.05 fino ad 1

nel nostro caso:

% dato dalla tabella IV.1 [10] considerando un vaso cilindrico di 24cm


ed alto 21, un substrato di perlite ed un volume di substrato pari a 9.50l;
Risulta:

0.27

27%

131

avendo un contenitore con una capienza di circa 35l, scegliamo di utilizzarne


solo 9.50l per dare spazio allampio apparato radicale della pianta di pomodoro;
Pertanto:

9.50

viene fissato in base alle propriet idrauliche del substrato, allo schema di
distribuzione ed alle caratteristiche della pianta.
Nel nostro caso si posto
0.05 in modo da ottenere una minima variabilit
dellumidit del substrato e per cui unirrigazione pi breve che risulta essere ideale
alle coltivazioni fuori suolo [10];

Otteniamo:

27
9.50 0.05
100

0.128

132

Tabella. IV.1, Caratteristiche dei substrati in volumi definiti. [10]

133

Calcolo di Igross
Lirrigazione lorda (
) la quantit di acqua data alla pianta, essa maggiore
rispetto a quella netta poich viene considerata unaliquota di acqua persa dovuta:
alla traspirazione delle piante
alla quantit emessa dagli ugelli
alla necessit di evitare accumuli salini nella zona radicale
La relazione che esprime lirrigazione lorda la [10]:

(IV.2)

Dove:
un coefficiente di sicurezza adimensionale

dipende dalla pianta, dal rischio di salinizzazione del substrato e dalluniformit


dellirrigazione. Tale coefficiente varia dal 1.15 (per distribuzione dellacqua e
piante uniformi, luso di acqua con salinit relativamente bassa, alta tolleranza della
salinit delle piante) fino a 2.0 (con piante con unET non uniforme, uso di acqua
salina e piante sensibili alla salinit).
La determinazione del
ha unimportanza minore nei sistemi chiusi, sebbene un
valore troppo alto di questo coefficiente aumenterebbe i costi di esercizio per la
pompa e la disinfezione del sistema.
di 1.30 adatto a molte situazioni.

Un

1.30

In definitiva si ottiene:
1.30 0.128

0.167

Calcolo della frazione di drenaggio


Per ogni evento irriguo possiamo calcolare la frazione di drenaggio (DF) che la
quantit di acqua percentuale tra lacqua fornita e quella drenata.
134

Il calcolo della DF possibile attraverso la relazione IV.3 [10]:

100

(IV.3)

Nel nostro caso:

100

0.167 0.128
0.167

23.07%

Calcolo della durata dellintervento irriguo


La durata, , di ogni irrigazione il tempo in secondi necessario a rendere il
substrato saturo, nel caso di irrigazione a goccia, come il nostro, generalmente
molto breve (dai secondi fino ad alcuni minuti) e dipende dal numero di ugelli [d]
con la loro portata [r]

. La frazione di drenaggio data dallespressione [10]:

3600

(IV.4)

Nel nostro caso:


1
10
Pertanto:
0.167

3600
1 10

60.02

Volumi dacqua necessari


La superficie totale

di substrato che presente nella serra pari a:

60

0.24 3.14 60

10.85


135

Moltiplicando per i mm di irrigazione necessari si perviene ai volumi di acqua netti


e lordi:

10.85

0.000128

0.001392

1.392

10.85

0.000167

0.001809

1.809

IV.2.2 Il modello di evapotraspirazione


Per le superfici vegetali ormai consuetudine distinguere levaporazione (E) dal
suolo (ossia la perdita dacqua verso latmosfera per evaporazione dellacqua
meteorica intercettata) dalla quantit di vapore acqueo che si trasferisce
allatmosfera attraverso i tessuti vegetali (traspirazione, T), ossia la perdita dacqua
verso latmosfera per via dei processi biotici (prelievo dacqua dalle radici e
fotosintesi nelle foglie). Il risultato complessivo detto, appunto,
evapotraspirazione (ET). In letteratura sono state adoperate numerose definizioni
per identificare i processi evaporativi ed evapotraspirativi, a seconda che essi
avvengano in condizioni di disponibilit idrica ottimale o di stress idrico, oppure in
uno specchio dacqua o in un terreno, oppure ancora in riferimento ad un particolare
tipo di pianta o coltura piuttosto che ad unaltra.
Si definiscono:
Evapotraspirazione potenziale
riferimento

o Evapotraspirazione di

il valore massimo di evapotraspirazione per un

dato tipo di vegetazione, considerato come modello, noti lo stato di crescita


e le condizioni atmosferiche.
Evapotraspirazione della coltura

la quantit di acqua persa per

evapotraspirazione nell'unit di tempo da parte di una coltura ordinaria in


buono stato fitosanitario e in condizioni non limitanti di fertilit e di
rifornimento idrico.
), ma anche
Dipende non solo dalle condizioni meteorologiche (come
dalla coltura esaminata e dalle tecniche colturali adottate. La
derivata
direttamente dalla
tramite i coefficienti colturali Kc:

136

Nella pratica i coefficienti colturali permettono, una volta nota


levapotraspirazione di riferimento
, di risalire allevapotraspirazione
potenziale di qualsiasi tipo di coltura. Nel grafico in figura IV.6 possiamo
osservare landamento del coefficiente culturale, che nella pratica viene
distinto in tre costanti per uno stadio iniziale, intermedio e finale.

Fig. IV.6, Andamento coefficiente culturale. [3]

Nel caso del pomodoro, i valori del coefficiente culturale sono riportati
nella tabella IV.2.
Kc

Iniziale
0.6

Medio
1.15

Finale
0.7-0.9

Tabella. IV.2 coefficiente culturale del pomodoro. [3]

Evapotraspirazione reale/effettiva della coltura

il flusso

evapotraspirativo di una determinata coltura nelle condizioni


meteorologiche, fisiologiche e colturali reali.
Nelle condizioni reali di campo la disponibilit di acqua per le piante, in un
qualsiasi momento del loro ciclo, non illimitata, ma soggetta, per diverse
ragioni, a restrizioni che la rendono inferiore a quella su cui si basano i
137

concetti di
e di
. Di conseguenza lintensit del flusso
evapotraspirativo reale di una coltura di solito inferiore a quella massima
e quindi:

Il valore di
pu essere inferiore al corrispondente valore di
quando
la coltura sottoposta a limitazioni idriche, nutrizionali o a condizioni di
stress di diversa origine.
I modelli di stima dellevapotraspirazione
Esistono modelli di diversa difficolt, per calcolare levapotraspirazione potenziale
. Nel seguito vengono descritti quelli pi noti.
Modello di Penman-Monteith [17]: tiene conto di tutti i fattori di cui sopra
su base fisica, tra le pi precise. Richiede: la radiazione netta (ricavabile
da quella globale), la temperatura massima e minima (Tmax e Tmin),
lumidit relativa massima e minima (URmax e URmin), la velocit del
vento, ed il flusso di calore nel suolo (stimabile da altre grandezze o
trascurabile su scala di 3-5 giorni). Occorrono quindi stazioni meteo
complete, che sono tuttavia poco diffuse. Lespressione di
fornita da
questi autori [17]:

(IV.5)

in cui:

la radiazione netta in

un coefficiente di intercettazione della luce specifico per la pianta


il coefficiente adimensionale di regressione per la radiazione globale;
il calore latente dellacqua di evaporizzazione;
il coefficiente di regressione del prodotto

in

lindice dellarea della foglia


il deficit di saturazione ovvero la differenza tra lumidit relativa
presente e quella di saturazione alle condizioni in cui ci si trova.

138

Modello di Hargreaves:
Lespressione di

fornita da questi autori [17]:

0.0023

17.8

(IV.6)

in cui:

la radiazione extraterrestre in mm/giorno;


la temperatura massima del giorno di riferimento;
la temperatura minima del giorno di riferimento;
la temperatura media del giorno di riferimento.
Modello di Priestley-Taylor:
Lespressione di

fornita da questi autori [17]:

1.26

(IV.7)

in cui:
la radiazione netta
il flusso di calore nel suolo
la costante psicrometrica

il calore latente di evaporizzazione


la pendenza della curva pressione in

essendo data dalla relazione:


4098

237.3

dove:

la pressione di vapore assoluta


la temperatura dellaria
139

Modello di Blaney-Criddle:
Lespressione di

fornita da questi autori [17]:

0.46

(IV.8)

in cui:
la temperatura media mensile in C;
la media mensile della durata astronomica del giorno (N), espressa come
% sul totale delle ore diurne dellanno;
fattore di correzione basato sull'umidit relativa minima, sul rapporto tra
la durata effettiva e la durata teorica(astronomica) dellinsolazione, e sulla
velocit del vento nelle ore diurne.
Modello di Thornthwaite
Essa molto apprezzata dai climatologi, ma quasi inutile per gli agronomi.
Lespressione di
fornita da questi autori [17]:
16.2

(IV.9)

in cui:
un parametro tabellato, che dipende dal numero medio di ore di
insolazione giornaliera e dal numero di giorni nel mese i.
0.5 0.016
la temperatura media mensile
lindice termico annuale
Ci sono almeno un centinaio di formule, tutte con validit pi o meno locale

140

Il nostro caso
Nel nostro caso si preso a riferimento il modello di Hargreaves, che richiede un
numero di parametri di pi semplice valutazione.

0.0023

17.8

Le temperature
,
,
sono state ricavate dagli Annali Idrologici della
Regione Campania per il comune di Grazzanise.
Le radiazioni incidenti
, sono state stimate dal documento FAO crop water
requirements del 1998 in relazione al periodo dellanno ed alla latitudine della
coltivazione (tabella IV.3) [3].

Tabella IV.3 Valori delle radiazioni extraterrestri in mm/giorno. [3]

Da questi dati si riusciti ad estrapolare un modello annuale per la richiesta idrica


del sistema in mm/giorno (grafico in figura IV.7), possiamo osservare landamento
sinusoidale di questa curva che esprime la necessit di acqua in relazione alla
temperatura, secondo il modello adottato, con un
massimo pari a circa 4 nel
141

caso di piante che si trovano nella fase iniziale di crescita, e circa 7 nel caso di
piante che si trovano nello stadio intermedio.
Da sottolineare che lo scopo delle coltivazioni protette e fuori suolo quello di
correggere i parametri ambientali e nutrizionali in modo tale da stabilizzare sul
valore pi alto levapotraspirazione cos ottenendo quellincremento di produttivit
tanto cercato.

ETc
9
8
7
6
5
4
3
2
1
0
7/11

Kc=0.7
5/2

5/5

Kc=1.15
3/8

1/11

30/1

Fig. IV.7 Modello di ET con Kc=0.7,1.15.

IV.2.3 Frequenza dellirrigazione


La frequenza dellevento irriguo, , dipende dallevapotraspirazione della pianta
(ET), che in particolare viene calcolata attraverso la relazione [10]:

(IV.10)

Dove:
il numero delle irrigazioni necessarie.

142

Possiamo osservare una proporzionalit diretta tra il numero di irrigazioni


necessarie e levapotraspirazione della pianta, da ci consegue che le due curve
hanno lo stesso andamento. In particolare, nella nostra situazione progettuale,
abbiamo un massimo di 30 irrigazioni al giorno nel caso di piante al primo stadio
di crescita, contro una necessit di 50 irrigazioni al giorno nel caso di piante in uno
stadio intermedio di crescita (grafico figura IV.8).

Numeroirrigazioni
70
60
50
40
30
20
10
Kc=0.7
0
7/11

5/2

5/5

Kc=1.15
3/8

1/11

30/1

Fig. IV.8 Numero di irrigazioni al giorno con Kc=0.7,1.15.

Come ultima analisi vogliamo osservare i litri di acqua necessari alla pianta (grafico
figura IV.9) per il suo corretto sviluppo, tali quantit sono direttamente legate al
numero di irrigazioni (relazione IV.10) ed allirrigazione lorda (relazione IV.2). In
questo grafico possiamo osservare come vi sia un sostanziale differenza di richiesta
idrica al variare dello stadio di crescita e dei parametri ambientali. In particolare
abbiamo un massimo di circa 100 litri nel caso di stadio intermedio ed un massimo
di circa 60 litri nel caso di stadio iniziale.

143

Litridiacquaalgiorno
120
100
80
60
40
20
Kc=0.7
0
7/11

5/2

5/5

Kc=1.15
3/8

1/11

30/1

Fig. IV.9 Numero di litri necessari al giorno con Kc=0.7,1.15.

144

CAPITOLO V

CONFRONTO A LIVELLO NAZIONALE TRA


COLTIVAZIONI IDROPONICHE E TRADIZIONALI
In questo capitolo con riferimento sempre alla coltivazione del pomodoro,
considerata nella metodologia in suolo o fuori suolo, si vogliono mettere in
evidenza le differenze che caratterizzano il metodo di coltivazione tradizionale (in
suolo) da quello idroponico (fuori suolo). In particolare, vengono messi a confronto
i consumi idrici, i consumi di fertilizzanti e quelli di diserbanti, in relazione ai
rendimenti riferiti, alla produzione unitaria della specie coltivata.
Questo confronto sar effettuato tra le massime potenzialit dellidroponica
(riscontrate) e lattuale stato dellagricoltura campana (italiana nel caso di
mancanza di dati regionali).

V.1 Quantit di acqua per lirrigazione


La produzione idroponica ha necessit di meno acqua per ogni kg di pomodoro
prodotto. Nella figura V.1 vengono messi a confronto i consumi idrici necessari per
la coltivazione di 1 kg di pomodoro, ovvero i grammi di prodotto per litro di acqua
ottenuti per via tradizionale o con impianto idroponico.

145

Consumoidricocoltivazionepomodoro
Italia
180
160

156

140
120
100
80
60

38,2

40
20

24,8
6,41

Tradizionale(WWFeMutti)
l/kgdipomodoro

Idroponica(GraemeSmith)

Grammidifruttoperlitrod'acqua

Fig. V.1 Consumo idrico coltivazione pomodoro Italia.

I valori relativi alla coltivazione tradizionale sono stati desunti da uno studio del
WWF (WWF e Mutti 2011), e quelli relativi alla coltivazione idroponica sono
riportati nel lavoro di Graeme Smith (Graeme Smith 2007).
Dai grafici presentati si evidenzia che il consumo idrico tra le due tecniche
rilevante. In particolare per coltivare un kg di pomodoro in modo tradizionale
occorrono ben 156l di acqua, questi si riducono a 24.8 nel caso di impianto
idroponico, la riduzione di consumi idrici pari a circa all84-85%. Inoltre la
produzione del frutto in grammi per ogni litro di acqua passa da 6.41g a 38.2g con
un incremento di circa l82%.

V.2 Quantit di fertilizzanti


Con riferimento alluso di fertilizzanti, sempre nel caso della coltivazione del
pomodoro in Italia, si osserva (da smart-fertilizer.com per lidroponica e da
datiopen.it per il tradizionale) che la coltivazione idroponica richiede un maggiore
consumo di fertilizzanti per ettaro rispetto a quella tradizionale, in particolare come
si evidenzia nella figura V.2 il numero di quintali per ettaro di superficie coltivata
pari a 29 nel caso della coltivazione idroponica mentre si riduce ad 1.7 per la
coltivazione tradizionale.

146

Usodeifertilizzantiannuo
inagricoltura
35
30

Usodeifertilizzantiin
agricoltura
23,6

25
29
20

25
20

15

15
10

10
5

4,9

1,7

0
Quintalidifertilizzanteperettaro

0
GrammidifertilizzanteperKgprodotto

Idroponica(smartfertilizer.com)

Idroponica

TradizionaleCampania(datiopen.it)

Tradizionale

Fig. V.2 Utilizzo di fertilizzanti in agricoltura in quintali e grammi di fertilizzante


su kg prodotto.

Risparmiogrammifert.
Kgdipomodoro
20

18,7

Riparmio%
90%
80%

79%

70%
15

60%
50%

10

40%
30%

20%
10%

Risparmiogrammifert.Kgdi
pomodoro

0%

Riparmio%

Fig. V.3 Risparmio dei fertilizzanti in agricoltura.

147

Questa discrepanza per solo apparante perch va commisurata con la maggiore


redditivit della coltura idroponica. A tal proposito come pu evidenziarsi dalla
figura V.3, se si confrontano i grammi di fertilizzante necessari per kg di prodotto
si osserva che a fronte dei 4.9g necessari alla coltura idroponica, ne occorrono ben
23.6 per quella tradizionale. Pertanto pu concludersi che globalmente con la
coltivazione idroponica abbiamo un risparmio di fertilizzanti di circa il 79%.

V.3 Quantit di diserbanti


Lutilizzo di diserbanti chimici dipende fortemente dalla gestione dellimpianto
stesso. Nelle migliori applicazioni di questa tecnologia le serre risultano essere
totalmente ermetiche ed isolate da enti patogeni e pertanto necessitano di un
consumo minimo, quasi trascurabile di diserbanti.
Un elemento innovativo di grande rilevanza nel campo della difesa delle specie
vegetali da agenti infestanti e patogeni, rappresentato dalle nuove tecniche
biologiche con le quali si eliminano gli organismi patogeni, mettendoli in
antagonismo con altri organismi non infestanti (lotta integrata o IMP, Integrate Pest
Management).
Quando vengono usate queste tecniche, si riesce persino a portare lutilizzo dei
diserbanti ad una quantit virtualmente nulla. I benefici di queste metodologie sono
ovviamente maggiori quando si lavora in un ambiente protetto (serra) e poi
particolarmente nel caso di impianto idroponico. In definitiva si pu affermare che
rispetto alle coltivazioni tradizionali quelle idroponiche consentono un drastico
abbattimento dei disinfestanti chimici. Nella figura V.4 si riporta un confronto tra
il consumo di diserbanti per coltura tradizionale e fuori suolo.

148

Consumodiserbantikg/ha
7

Risparmiodiserbanti
kg/ha

6,4
7

5,8

4
3

2
0,6

1
0

90%

1
0

Diserbantikg/ha

Idroponica

TradizionaleinCampania

Risparmio

Risparmiokg/ha

Risparmio%

Fig. V.4 Consumo di diserbanti coltivazione pomodoro Italia.

149

V.4 I rendimenti
Ai fini del rendimento per comprendere la differenza tra una coltivazione
tradizionale ed una fuori suolo, nel caso di pomodoro con riferimento allo stato
attuale in Italia, occorre tener presente innanzitutto la produzione. La coltivazione
idroponica, con gli adeguati sistemi di gestione e controllo, pu essere estesa a tutto
lanno. Il modo migliore per sottolineare questo aspetto analizzare (figura V.5) le
medie di radiazioni incidenti e temperatura in Italia.

RadiazionesolareetemperaturamediainItalia2015
1200

Giug

1000
Mag

Lug
Apr

800

Ag
Mar

Sett

600
Ott
Feb
400

Nov

Gen
Dic

200

0
0

10

15

20

25

30

Fig. V.5 Radiazione solare [W/m2] e temperatura [C] media in Italia 2015. [18]

Come gi accennato nel paragrafo sul controllo climatico II.1.2 la temperatura


ideale per la crescita delle piante va dai 17 fino ai 32 gradi celsius, ne consegue che
in Italia troviamo le condizioni migliori solo da fine aprile fino a settembre mentre
attraverso una serra con controlli climatici potremmo coltivare tutto lanno e con
migliori risultati.
Anche da ci consegue il grande incremento di produzione, visibile nella figura
V.6, dove abbiamo utilizzato i dati ISMEA della coltivazione del pomodoro in serra
150

con una produzione di 72 tonnellate per ettaro che cresce fino alle 585 tonnellate
nel caso di coltivazione idroponica ad alta tecnologia. Tutto questo si traduce in un
incremento di produzione pari circa al 712%.

Produzioniannueaconfronto

Incrementoannuo%
800%

700

712%
585

600

700%

500

600%

400

500%

300

400%

200

300%

100

72

200%

100%

0
Produzionet/ha
Campanainserra(ISMEA)
IdroponicaHightech(GraemeSmith)

0%
Incremento%

Fig. V.6 Confronto pomodoro in serra campana ed idroponica ad alta


tecnologia.

Naturalmente questi dati devono essere osservati pi da vicino, poich una


coltivazione idroponica operativa 11 mesi su 12 mentre nel caso delle coltivazioni
tradizionale i mesi di produzione sono circa 4, per cui stata confrontata la
produzione mensile, dividendo la produzione tradizionale per 4 mesi e quella
idroponica su 12.

151

Produzionemensilemediat/h
60
48,75

50
40
30
20
10

0
Tradizionale(ISMEA)

IdroponicaHightech(GraemeSmith)

Produzionemensilemediat/h

Fig. V.7 Confronto pomodoro in serra campana ed idroponica ad alta tecnologia.

In conclusione, nella figura V.8 si riportano tutti gli incrementi percentuali


valutati con riferimento ai parametri analizzati.

Incrementiaconfronto

200%

100%

0%

100%

200%

300%

400%

500%

600%

700%

800%

Incrementiaconfronto

Fig. V.8 Variazioni % tra fuori suolo e tradizionale.

152

CONCLUSIONI
La coltivazione fuori suolo realizzata mediante la tecnica idroponica, rappresenta
una prospettiva di grande interesse, per coniugare una sempre crescente esigenza di
prodotti agricoli, con il rispetto dellambiente.
I principali vantaggi della coltivazione idroponica sono:

rendimenti sensibilmente maggiori;


risparmio di acqua;
migliore qualit dellacqua;
minore bisogno di terra coltivabile;
Erbicidi e pesticidi;
flessibilit intrinseca;
tendenze biologiche e non OGM.

I principali svantaggi, che possono incontrarsi, sono:

i costi;
il lavoro specializzato;
il fabbisogno energetico;
malattie del suolo.

La principale distinzione tra le tipologie impiantistiche pi comuni, dei sistemi di


coltivazione idroponica, : impianti a ciclo aperto, impianti a ciclo chiuso.
Nel primo caso, lalimentazione delle colture effettuata sempre con soluzione
fresca, cio appena preparata, erogata in quantit eccedente rispetto al fabbisogno
effettivo delle piante. Leccesso di soluzione drena dai substrati di coltura ed
scaricato nellambiente oppure utilizzato su un'altra coltura in suolo. La gestione
nutrizionale pi semplice rispetto ai sistemi chiusi, ma lefficacia del sistema non
si associa ad una buona efficienza: si fa un grande uso di fertilizzanti e di acqua e
si determina, proprio per questo, ed in considerazione dei notevoli volumi di
soluzione di drenaggio, un rilevante inquinamento dei corpi idrici.
Nei sistemi chiusi, invece, la soluzione drenata recuperata: dopo aver effettuato i
periodici controlli e le opportune reintegrazioni, al fine di ripristinare i consumi
idrici e le concentrazioni dei nutrienti, viene nuovamente somministrata alla coltura.
153

Una serra tradizionale pu essere trasformata in un impianto idroponico, con


numerosi vantaggi. Nellesempio sviluppato stata esaminata la trasformazione di
una serra di dimensioni 6.50 x 20.00
, ubicata in Campania finalizzata alla
coltivazione del pomodoro. I principali vantaggi ottenuti possono essere cos
riassunti:
risparmio idrico 82%;
risparmio di fertilizzanti 79%;
incremento di produzione 712%.

154

BIBLIOGRAFIA
1. Ramin Shamshiri 2006. Principles of Greenhouse Control Engineering.
2. FAO 2013. Good Agricultural Practices for greenhouse vegetable crops.
3. FAO 1998. Crop evapotranspiration - Guidelines for computing crop water
requirements
4. Manifest Mind 2015. The Soilless Controlled Environment Agriculture
(CEA) Industry Hydroponics, Aquaponics, Issues, Crop Values, and Market
Forecast Through 2023.
5. Keith Roberto 2003. How to Hydroponics 4th edition.
6. Veneto Agricoltura 2001. Principi Tecnico-Agronomici Della
Fertirrigazione E Del Fuori Suolo.
7. Tesi di laurea Gian Marco Gerboni 2005. Modellizzazione Della Crescita
E Dello Sviluppo Del Pomodoro Coltivato In Idroponica In Ambiente
Protetto.
8. ARSSA Abruzzo 2003. Manuale Tecnico Per Operatori Orticoli, Gestione
Della Tecnica Di Coltivazione Fuori Suolo.
9. William Texier 2015. Idroponica Per Tutti. Mama Edition.
10. Pardossi A., Carmassi G., Diara C., Incrocci L., Maggini R., Massa D.
2011. Fertigation and Substrate management in Closed Soilless Culture.
11. Marta Antonelli, Francesca Greco, 2014. Limpronta idrica dellItalia.
12. Convegno Provinciale Avellino, 2009 Direttiva Nitrati: unopportunit
per lagricoltura campana.
13. Coldiretti, 2009. Responsabilit della zootecnia nellinquinamento da
nitrati e ipotesi di revisione delle zone vulnerabili.
14. Patrizia Gentilini, 2012. Esposizione A Pesticidi E Rischi Per La Salute
Umana.
15. CEAC 2013. Introduction to Hydroponics and CEA.
16. Mutti e wwf 2011. Quanta acqua serve ai pomodori?
17. Marcello Zimbone, 2009. Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale lez.
17.
18. www.datiopen.it/it/opendata/Elementi_fertilizzanti_usati_in_agricoltu
ra
19. www.smart-fertilizer.com/nutrient-requirements
20. Agriculture and Agricultural Science Procedia, 2015. Soilless Culture
System to Support Water Use Efficiency and Product Quality.
21. Marvin E. Jensen 2000. Historical evolution of et estimating methods.
22. Tesi di laurea Marco Dal Lago, 2010. Introduzione dellorticoltura
idroponica comunitaria.

155